Lu scaldaletto

Stampa questo copione

Paolo Torrisi

Paolo Torrisi

“LU SCALDALETTO”

farsa in tre atti

                                               di  EDUARDO  SCARPETTA

   elaborazione e adattamento

                                   in  vernacolo loretano

             Felice ed Amalia, pur se da non molto sposati, mostrano incompatibilità di carattere su ogni cosa e “lu scaldaletto”, che non è altro che una bottiglia di acqua calda, è la goccia che fa traboccare il vaso! Decidono di divorziare affidandosi a degli avvocati, non proprio principi del foro…aggiungendo situazioni grottesche a quelle già esistenti.         

                                                                                                      

                                                                                                                                            

Personaggi: Uomini:12- Donne: 6

n.b. -La commedia è registrata presso la S.i.a.e n°811292/A; codice n°85664;

       -Prof.Torrisi Paolo via Abruzzo,3.

         60025-Loreto (AN)   torrisipaolo@virgilio.it

         tel. 071/978063;   cell.  349-7824237

 ** Per facilitare la lettura, in calce è riportato un piccolo <glossario>  

Paolo Torrisi

EL SCALDALETTO

farsa in tre atti

Personaggi:

FELICE                                    

AMALIA                               sua moglie

GAETANO                            avventuriero

DOROTEA                            sua moglie

ANTONIO                            avvocato

ANSELMO                            avvocato

EMMA CARCIOFF                 ballerina

MICHE’                                 cameriere

RUSINA                               serva

GINETTO                             portinaio

DIRETTORE                         del Teatro

PASQUA’                              custode

RAFFAELE                            giudice

PUBBLICO MINISTERO

USCIERE

PRIMO ATTO

             L’azione si svolge a casa di Felice, nella sala da pranzo. La scena è così composta: in fondo, a sinistra, l’entrata comune- A destra una piccola credenza.- Lateralmente, a sinistra, vi è un corridoio che porta in cucina e in basso la porta dello studio. Lateralmente, a destra, di fronte alla cucina, una finestra e in basso la porta della camera. Al centro: tavola con sedie <apparecchiata per due persone>. Avanti e lateralmente a destra: un salottino…

              SCENA 1^: Ginetto, poi Miché,-

GINE- (entra dalla Comune e osserva) Nun c’è nisciù!... Penso che dopo la cagnara de stanotte staranne ancora a durmì. Mamma mia, che gente!?  Manco la notte trovane pace.

MICH- (entra dalla cucina) Ginetto, cu’ fai qua?

GINE-Stago quà pe’ do’ cose. Primo, ‘na persona vole sape’ se ‘fittane l’appartamento del primo piano. Segondo: so’ curioso de sape’, cum’è 'ndata a fenì la cagnara de stanotte.

MICH- E’ 'ndata a fenì, che dopo tanti strilli e insulti, la signora s’è mesa a durmì 'nte ‘na stanza e el padrò 'nte ‘n’antra!

GINE- Quanto so’ straini!?... Ma perché fanne sempre questiò?!...

MICH- Perché?…Perché, el signor Felice nun se duveva spusà ‘na donna più giovane de lu' e cu' la puzza sotta al naso!... Ahò, j dà fastidio ‘gnicò! Se ncaula pe’ delle sciapate.

GINE- Ce avrà i nervi fori posto.

MICH- (andando alla credenza: finisce di apparecchiare) Je li metteria io a posto i nervi!...

GINE- E’ da tanto che sai a servizio 'nte sta casa?

MICH- Da più de dieci anni!...Da quanno, al padrò, j è morta la matre. Fino a l’anno passato nun se pudeva dì che ero el servo…Facevo quello che me pareva. 'Ndò 'ndaceva lu': 'ndacevo io!...Mangiami 'nte la stessa tavula, durmimi 'nte lu stesso letto…'Nvece, da un anno a sta parte, dacché s’è spusato, nun c'ho più pace! Prima faceva quello che vulevo io, mentre adé nun posso oprì più bocca! Se me riesce però quello che sto a pensa’…!?

GINE- Perché, a cusa stai a pensa’?

MICH- Gnente-gnente! Adé nun posso dì gnente! Va via, che se ‘riva cul’arpia de la moje: cumencia a luccà!

GINE- Scì, è più mejo che rvieno tra ‘n po’…Tanto j devo da dà ‘na risposta a cul’omo, pe’ la casa!Adé vago a fenì de puli’ le scale. (andando)  Ce vedemo dopo!

MICH- 'Ntel fogo ce vojo mette tanta de cula legna, finché Felice nun se divide da la moje!...

                Dalla strada arrivano dei suoni assordanti di “trombone ,grancassa, e piatti”…

                  Ecchili! Questi so’ lora!... (va e si affaccia alla finestra) Dateje giò!... Più forte!... Ancora de più!... (chiudendo) Scì, che nun me costa gné! Ogni giorno me tocca daje ‘na lira pe’ fa’ tuttu sto casì!

                Scena 2^: Michè-Felice-Amalia.-

FELI- (entra, dallo studio, in veste da camera e cappello da notte) J pudesse pijà ‘n colpo de miseria!... Pure stamattina hanne cumenciato a ffa’ casì!

MICH- (all’entrata di Felì, è andato a sinistra in fondo)

FELI- (alla finestra) Uhé!... Ve la vulete fenì?... 'Ndate a sonà sotta la fenestra de mameta! (colpo di grancassa) 'Ndate a rompe da ‘n’antra parte! (grancassa) Ma lu sapete chi so’ io?(grancassa) E’ mejo che chiudo, sennò pe’ dispetto rimanene fino a stasera e pudria da’ da matto!

AMAL- (entra dalla camera; anche lei è in veste da camera, con bigodini di stoffa a mo’ di nodi, in testa) La solita grancassa cu' i piatti, è ve’?

FELI- Pudessi sape’ cume mai ogni mattina se mettene qua sotta?... Miché, fa el favore, buttaj ‘na lira, cuscì vanne via!

MICH- (mostrando) Ecchila! (apre la finestra: butta, chiude e va in cucina)

FELI- So’ puntuali più de ‘n orologio! ‘Rivane sempre alla stessa ora e se piazzane a sonà de sotta.

AMAL- Ce vienene, cuscì…spontaneamente!

FELI- Senza che nisciù ce l’ha chiamati.

AMAL- Senza esse’ pagati da nisciù!

FELI- Ce deve esse’ qualchidù che ce li manna!

AMAL- Qualchidù che j porge calcò!

FELI- Io nun j dago gnente!

AMAL- Manco io.

FELI- E’ impossibile! Quessi nun avriane fatto tutto sto casì senza esse’ pagati!... Ho capito! So’ stati pagati da te.

AMAL- Da me? (ride amaro) Adé voi gambia’ le carte in tavula!? Li hai pagati tu a custora.

FELI- Scì, cume nò! Li avria pagati pe’ faje ffa’: “Nfringhete-nfrunghete-‘nfrà!

AMAL- Scì! Da te, che stai a ffa’ de tutto pe’ famme murì! Da un anno, ch’emo spusato, nun trovo pace! ‘N po’ pe’ ‘na cosa, ‘n po’ pe’ ‘n’antra!... Fatto sta che nun posso sta’ mai tranquilla! Stanotte l’ho passata in bianco! Nun ho chiuso occhio.

FELI- Voi dì che nun hai chiuso occhio pe’ colpa mia?

AMAL- Scì, perché m’hai fatto scuttà cu' la buttija de acqua calda!

FELI- 'Ntel letto ce l’hai mesa tu, miga io!

AMAL- Ah, ce l’ho mesa io? Io ce l’ho truvata drento al letto! Vamme via, bugiardò che nun sai altro!... Nun ce la fago più a ffa’ sta vita! Me vojo divide da te, hai capito?! Vojo 'ndà via!... Nun te vojo più vede!... (ritorna in camera)

FELI- (seguendola e sulla soglia, a porta già chiusa) Ioproprio quessu vago cercanno!... Mannaggia a la balia che t’ha tenuto 'nte le braccia! (andando allo studio) Guarda quanti dispiaceri che sto a passa’!... Ma adé te sistemo io!... (esce)

                   Scena 3^: Michè-Rusì-Felì-Amalia;

MICH- (ch’era entrato dopo l’uscita di Amalia rimanendo in fondo) Adé j vojo preparà ‘n antro ‘mbrojo! (va alla tavola) Levamo sta salvietta e al posto de questa…(va alla credenza e prende una “mutanda” da uomo, piegata a mo’ di salvietta…il pubblico non deve sapere…) ce mettemo chist’altra!... Sai le risate quanno se ne ‘corge!... (rimane lateral. a sx)

RUSI- (entra con due piatti, uno con carne e uno con uova, poggia al tavolo) Miché, cu’ stanne a ffa’ i padrò? (va verso dx)

MICH- Che fanne! Che polena fa’? Adé-adé hanne smeso de dasse ‘na spennata!

RUSI- Oh, ma è “tutt-un-arte”, da la matine a la sera! Ma  perché nun se dividene, 'nvece de sta’ a beccasse cuscì?...

MICH- Quello che digo pure io!

RUSI- Pudriane sta tranquilli! Vive 'nte la pace dej Angeli! Nun je manca gne’! Fij nun ce n’hanne...Ma dimme te!? (vede aprire la porta dello studio) Ecchilo!...

FELI- (entra- ha una lettera nella mano) Michè, va dal portiere e daj sta lettera… (porge) Dij de purtarla a sto indirizzo. E’ urgente!

MICH- Se vulete, ce la posso purta’ io.

FELI- Nun m’emporta chi ce va. Basta che fate presto!

MICH- (andando) Va be’!... Curo!... (ma deve ritornare sui suoi passi…)

AMAL- (entra e porgendogli la lettera che ha in mano…) Michè, vie’ qua!... Porta sta lettera a sto indirizzo.

MICH- Me scuserete, signora, ma prima c'ho da purta’ quella de vostro marito!

AMAL- Ce la porti dopo. La mia è urgente!

FELI- La mia è urgentissima!

AMAL- La mia de più!

FELI- La mia a st’ora doveva esse’ già lì!

RUSI- E va be’…Michè, fa ‘na cosa: fa’ un salto e ce li porti tutt’e do’!

MICH- Fago un salto? Oramai nun zompo manco se 'te le scarpe me ce mettene le molle! (esce)

RUSI- Metteteve a sede…Fate culazziò! Qua ce sta la carne ‘mpanata e qua ce stanne j ovi sodi!... (guardando ora l’uno ora l’altro, accomodante) E cus’è? Sete spusini freschi freschi de ‘n anno, ve duvristi vule’ tanto bene…e 'nvece fate sempre questiò!...

FELI- ‘Mpicciate dej affari tua! (siede)

AMAL- (sedendo) Queste so’ cose che nun te riguardane!

FELI- Tu sai ‘na serva e devi sta’ al posto tua!

AMAL- Rtorna in cucina!

RUSI- (toccata) Vago…vago, scì! Se ho parlato cuscì: era pel be’ vostro! Se po’, vo’, ve ‘taccate, ve staccate, ve pijate pe’ i capelli, ve sgummate a sangue, se murite de ‘n colpo, a me po’ cu’ me frega? La serva ha da sta’ in cucina? E io in cucina vago. (andando) Vago…vago…vago…

                   Felice ed Amalia, seduti uno di fronte all’altro: si guardano in cagnesco - Senza alzarsi, girano le sedie verso il pubblico, lanciandosi alternativamente, sguardi di fuoco, finché…

AMAL- Me cunvie’ a magnà, sennò me dimagriscio, moro e quessu se ne pija a ‘n’antra! Nun sia mai! Nun je la dago venta! (ritorna con la sedia nella posizione di prima…)

FELI-Me cunviè a magnà, sennò se fenisce tutto! (riprende anche lui la posizione precedente e si prepara a mangiare: mette la salvietta al collo mugugnando) Cume se 'ntel letto ce l’evo mesa io la buttija d’acqua calda?!...

AMAL- Cus’è ce l’ho mesa io?

FELI- Va be’,va be’, questo lu vedemo dopo!

                Tutt’e due infilzano contemporaneamente la forchetta nello stesso pezzo di carne…pausa…Si guardano…

                        Nun lu vedi che sto a ‘nfilza’? Lassame 'nfilza’!...

AMEL- Pure io stacevo a ‘nfilza’!

FELI- Prima tocca ‘nfilza’ al marito!

AMAL- E nò, caro, sbaji! Tocca a ‘nfilza’, prima, a la moje!

FELI- Nun ce devi manco pensa’! Tocca al marito.

AMAL- Prima a la moje!... Ce lu so che me contraddici in tutto! Hai visto che stacevo a magnà e ti sai ditto: “A quessa nun la devo ffa’ magnà! La devo torturà! J devo ffa’ suffrì le pene de l’inferno!” E’ cume digo io!... Vole dì che nun magnano! (riporta la sedia lateralmente, dandogli, quasi, le spalle)

FELI- (dopo breve pausa) Manco io vojo magnà! (si mette nella stessa posizione di Amalia) 'Rmanemo digiuni cume do’ ca’!...

AMAL- Essà! Questa è l’educazziò che t’ha dato mameta? ‘Na pora pesciarola!

FELI- Tanto pe’ capisse, mi madre nun era “’na pesciarola”, ma ‘na negoziante de “baccalà”!

AMAL- Perché nun è l’istessa cosa?

FELI- Te rcordo che tu madre era ‘na “tappabuchi”! Se pijava cinque soldi pe' ogni bugo che tappava. Cinque soldi a bugo!

AMAL- Mamma!?... (si alza arrabbiata) Nun mentova’ a mamma, sennò famo cagnara davé! Era “rammendatrice” e non “tappabuchi”! Quanno rammendava: ricamava.

FELI- (si alza e, girandosi verso la moglie, lascia vedere le “mutande” al collo) Allora, cerca pure tu de nun mentova’ a la mia!

AMAL- (vede le mutande e si mette a ridere) Uuuuhhh!!!.... Cusa te sai meso 'ntel collo ‘na mutanda? Ah-ah-ah-ah….!

FELI- (togliendola) Cum’è che c'ho sta mutanda?... Ho capito! Questo è ‘n antro scherzo che m’hai fatto. Al posto de la salvietta me c'hai meso la mutanda. E’ vé?

AMAL- Io?... Cusa so’ matta? 

FELI- Vulevi che qualchidù m’avria visto, cu' sta mutanda, pe’ fasse do’ risate a le spalle mia!

AMA- S’è pe’ quessu, tu fai ride sempre!

FELIC- Ma ce lu sai 'ndo’ va a fenì sta mutanda? (si avvia alla credenza: posa la mutanda e prende un libro) 'Ndò la porto sta mutanda, cara la mia signora? In Tribunale!…La fago vede al Presidente.

AMAL- J fai vede ‘na bella cosa!

FELI- (siede) Magna! Magna pure, che a me è passata la fame. (apre il libro e lo mette appoggiato alla bottiglia dell’acqua)

AMAL- Oh, meno male! Almanco magno in santa pace! (si mette a mangiare. Dopo aver messo un boccone in bocca: prende la bottiglia dell’acqua, facendo cadere il libro)

FELI- (frena la rabbia con uno sguardo. Prende il libro e lo poggia alla bottiglia del vino e riprende a leggere)

AMAL- (ha provato a bere l’acqua…) Jàaaahhh!... St’acqua da sola è cume la liscivia!... Ce metto ‘n goccio de vi’!... (prende la bottiglia e il libro cade..)

FELI- (spazientito) Ma insomma! 'Ndò c'ho da mettello sto coso?

AMAL- Mettelo... 'ndò te pare!

FELI- Scusa sa’! Prima m’hai levato la buttija de l’acqua, po’ quella del vi’. Nun venì a dì, adé, che so’ stato io a cumencia’!

AMAL- Miga ho pensato che pudevo datte fastidio!?... Propio a te stago a pensa’!...

FELI- Nun devo manco legge’? (chiude il libro e si gira verso la platea) E va be’, nun leggemo!

                Scena 4^:- Detti- Miché e poi Ginetto.-

MICH- (entra- ha il fiatone) I bijietti l’ho purtati!

FELI- Bravo!

MICH- De fora ce sta Ginettu: ve vole parla’.

FELI- Adé nun è el mumento!

AMAL- Perché “nun è el mumento”?

FELI- Perché….perchè io sto a ffa’ culazziò! O mejo: sto a guarda’…

AMAL- Io vojo sape’ cu’ c'ha da dì.

FELI- E io: no!

AMAL- E io: scì!

FELI- Te rcordo che io so’ el marito e la moje deve sta’ sottoposta al marito.

AMAL- Te sbaji! Sai tu che c'hai da sta’ sotta a me.

FELI- Quanno lu vojo io!... Adé, pe’ qualche gentilezza che t’ho…

AMAL- Quala gentilezza?... Miché, fallo buccà, cuscì sapemo cu' vole!

MICH- (va e sulla soglia) Ginettu, bocca! (va verso la credenza e segue il tutto con mimica facciale)

GINE- (entra) Bona!...

FELI- Vie’ avante!... Cu’ c'hai da dì?

GINE- (avanza fin vicino alla tavola e rimane al centro: tra Felì e Amalia) C’è ‘na persona che vuria ‘fittato l’appartamento de sotta.

AMAL- E’ un omo o ‘na donna?

GINE- ‘Na donna.

AMAL- Ah, è ‘n donna!? (verso Felì) E’ ‘na donna.

FELI- Cu’ ce posso ffa’ io se “è ‘na donna”?!

GINE- M’ha dato stu bijetto… (porgendolo a Felì) Leggete!

FELI- “Emma Carcioff”. Ballerina.

AMAL- Ah! E’ ‘na ballerina?... (andando estrema dx: a Ginetto) Ginettu,  cu’ j hai ditto?

GINE- J ho ditto: “El padrò nun ‘fitta a donne senza omini”!

AMAL- E cussia cu’ t’ha risposto?

GINE- Che oggi stesso saria venuto ‘n omo, a parla’ cul padrò.

AMAL- E’ mejo che nun viene!

FELI- (si alza e va verso Amalia) Perché  “è mejo che nun viene”?

AMAL- Perché nun vojo che 'nte la casa, ch’era de la bon’anema de mamma e che ho purtato pe’ dote, ce venga a sta’ ‘na donna cume a quessa!

FELI- Ma cuscì la casa nun l’affittamo mai!...

AMAL- Rmane sfitta. Cu m’emporta!? Magari, drento ce metto i “picciò”!

FELI- Ce metti i picciò? Guarda che fin’adé el padrò: so’ io!

AMAL- Tu? La casa è la mia e la padrona: so’ io.

FELI- Sbaji! Prima era tua, adé è mia.

AMAL- Fra pogo lu vedemo!... Ginettu, va pure!

GINE- Vago, vago…Bona! (esce)

AMAL- Cuscì la casa è deventata roba tua?

FELI- Essà! Pe’ cosa te credi che t’ho spusata?

AMAL- Lu deciderà el Tribunale se è “roba tua” o è “roba mia” e non  tu che sai: bestia, cretino e imbecille!

FELI- Cusa so’?

AMAL- Bestia, cretino, imbecille: scejetene uno! Tanto sempre ciambottu sai!... Lu' è el padrò! El proprietario!... Propietario de co’? Del baccalà! Ecco. Sai “el padrò del baccalà”!... (andando in camera) Puzzi, oh! Tu “puzzi”! Puzzi che ‘mpesti! (esce)

FELI- (si annusa) Io puzzo?... Ha ditto che “puzzo”! Puzzo de baccalà! Cusa c'ho ‘na pacca de baccalà 'nte la saccoccia, che puzzo!? Essà! Lia cumanna, ordina, fa, disfà e io duvria sta’ zitto? E no, cara mia! Te sai sbajata de grosso!..

MICH- (avviandosi a sparecchiare) Jhé!... Cus’ete fatto mai a maritavve, padrò mia! Stacevate tanto be’!...

FELI- C'hai ragiò! Te rcordi la vita che facevo?... Cene, teatri, feste, balli…! Adé miga la posso ffa’ più!

MICH- Oramai cu’ vulete ffa’? Indietro nun se rtorna!...

FELI- 'Nvece, scì! Finirà sta vita d’inferno. Ho mannato a chiama’ l’avvocato, perché me vojo separa’. Basta! Basta! (entra nello studio,  sx) Mi separo! Scì, mi separo!...

                 Scena 5^:- Miché- Rusì- Anselmo- Felice.-

RUSI- (entra e si pone lateralmente, per lasciar passare Anselmo) Prego, buccate!...

ANSE- (si ferma sulla soglia)

MICH- (tra sé) Chi è stu sprevengulo?

ANSE- (parla scambiando parole per altre quasi simili) Dite alla signora che io sono l’avvocato Anselmo Raganelli, e che sta-stamattina m’ha mandato sto “bigliardo”…sto “biglietto”! (mostra)

RUSI- (prende) Je lu vago a purta’!... Vo’ spettate chì! (entra in camera, sx)

MICH- (avvicinandosi) Cuscì, vo’ sete avoccato?....

ANSE- <Ci vedi male>…Civile e criminale!

MICH- Vo’ , cu cula faccia che c’ete, fate l’avvocato?

ANSE- “Sta…sta… (le “a” deve marcarle tanto, per ottenere l’effetto di un “botto di fuoco d’artificio)

MICH- Buhmmm!...

ANSE- “Sto…sta…sti…

MICH- (andando a sx) Bihimmm…Buhummm…Bahammm!!!...

ANSE- Sta a vede che pe’ ffa’ l’avvocato ce vole la fa-faccia!?...La lengua ha da esse’ bona!

MICH- Me ne so’ necorto!

RUSI- (entra e andando in cucina) La signora ha ditto che pudete buccà!

ANSE- (avviandosi a dx) Prrr…

MICH- Zùmm!

ANSE- Prrr…

MICH- Zùmm!

ANSE- Prrr...

MICH- Zùmm!

ANSE- Prrrontissimo!... (si ferma e si gira risentito) Uhé! Io vojo “sale e pepe…”

MICH- ...pe’ le cotiche!

ANSE- Vojo sape’ a tè…a tè…a tè… (ogni “a tè” che dice l’accompagna col dito indice dall’alto verso l’avanti, come quando si fa una “conta”)

MICH- (buttando, con lo stesso gesto di Anselmo la mano aperta…) Sette a me!

ANSE- A te, chi te conosce? Chi ti dà tutta sta co-confidenza? Io vojo esse’ “spiegato”…

MICH- Cusa sai un linzolo?!...

ANSE- Vojo esse’ spiegato dove e quando m’hai co-conosciuto!? Tu sai e “ventidue”…

MICH- E tu: otto e novanta!

ANSE- Tu sai el servitore e devi esse’ “duca…duca…”

MICH- Duma’ me fanne “Barone”!

ANSE- Devi esse’ ducato cu' le persone che vienene in ca-casa, sennò io “pallerò…pallerò…”

MICH- Io nun “ballerò”, perché so’ straccu!

ANSE- Parlerò col padrò tua e te faccio mette a po-posto! Perciò fatti i “fitti…i fritti…fatti i fri…el fritto è fatto…e fatti i fatti tua! (entra)

MICH- Lu vuria vede in Tribunale quanno difende ‘na persona. Sai le risate!?...

ANTO- (dalla Comune, sulla soglia…) E’ permesso?

MICH- Chi sete vo’?

ANTO- E’ in casa il signor Felice Sciosciammocca?

MICH- Pole dasse! Chi sete?

ANTO- L’avvocato Antonio Saponetta.

MICH- Ve lu vago a chiamà subito!... (sente aprire la porta) Ecchilo!...

FELI- (vedendo l’avvocato) Pregiatissimo avvocato, vi stavo aspettando! Accomodatevi!... Vi posso offrire qualcosa?

ANTO- (prendendo posto sul divano o poltrona a estrema dx) No, grazie!

MICH- Signor Felice, se c’ete bisogno de me: stago in cucina.

FELI- Prima va al bar e ffa’ purtà do’ caffè! Va pure.

MICH- Ce vago subito! (esce)

FELI- Scusate se vi ricevo qui e non in salotto…Sapete, pe’ nda’ in salotto bisogna passare vicino la camera de mi mojie e non vuria…

ANTO- Capisco!... Qui va bene lo stesso. Ditemi!

FELI- Avvucato, jutateme! Salvateme! Io stago 'nte le ma’ vostre!

ANTO- Se non mi dite di che si tratta?...

FELI- Me vojo separà …e senza perde tempo! So’ disposto a spende’ qualunque somma: quaranta…cinquanta lire!

ANTO- Ma quaranta, cinquanta lire non bastano!

FELIC- Anche cinquantacinque! Nun m’emporta. Avvocato, dacchè me so’ spusato: ho perzo la pace! Nun passo più ‘na giornata tranquilla. Chiedo la separazziò e ho mille ragioni pe’ ottenerla!

ANTO- Bene! Ditemi queste “ragioni”.

FELI- Donca! Ve li digo a la svelta… La mattina, mentre sto 'ntel mejo del sonno, verso le sette, vieno svejato da tre imbecilli che vienene a sona’ sotta la finestra.

ANTO- Cosa c’entra in questo vostra moglie?

FELI- C’entra. C’entra e come! E’ lia che li paga.

ANTO- Possibile?

FELI- Po’, se io alle undici vojo ffa’ culazziò: lia nun c'ha fame. Cuscì devo aspettà fino a quanno nun j viene fame a lia! Se la pasta la vojo al sugo: lia la vole al burro… Se io la vojo al burro: lia la vole al sugo! Fa ognicò pe’ olocastarmi…olocastrammi…olo…

ANTO- Ostacolarmi!

FELI- Bravo! Pe’  ostraco…

ANTO- Ostacolarmi!

FELI- Avvucà, so’ nervoso e le parole nun me scappane be’! Per esempio, io vago matto pei fagioli… Nun me l’ha mai cucinati. Dice che fanne male…Dice che i fagioli so’ <superbi>!

ANTO- Superbi? Non capisco?

FELI- Avvocato, <superbi>: che si danne <arie>…Te rimpene d’aria! Me capite adé?...

ANTO- Ho capito. Creano dell’aerofagia!

FELI- In poghe parole: famo sempre cagnara. Avvocato, me dovete juta’!

ANTO- Non so cosa dire!... Quello che mi avete detto: è niente.

FELI- (pausa di incredulità) Quello che v’ho ditto: è gnente?

ANTO- Caro signor Felice, non sono ragioni per avere una separazione. Credete che al Giudice possano interessare “la pasta al sugo e i fagioli”?

FELI- Lu dite vo’!... Se trovo un Giudice che je piacene i fagioli: me dà ragiò!

ANTO- Ma che state a dire? (ridendo) Tuttalpiù potremo invocare la incompatibilità di carattere.

FELI- Bravo! Proprio quessa: la incolabilità!

ANTO- Incompatibilità.

FELI- Eh! Incopatatitilità…

ANTO- Incompatibilità. Signor Felice, in-com-pa-ti-bi-li-tà!

FELI- Pure vo’, avvocato, 'ndate a truva’ parole che c'hanne sette “B”. Pare che lu fate apposta!

ANTO- Comunque, penso che per la legge queste sono delle futilità.

FELI- E già! El Giudice pudria dì: “Queste sono delle fotti…” E’ mejo che sta parola nun la digo, sennò chissà che me scappa da la bocca!

ANTO- Non avete qualche altra ragione più positiva, più consistente?

FELI- Che so?... Ve posso raccunta’ el fatto de stanotte.

ANTO- Dite.

FELI- Avvuca’, ci ho tanto de cul sonno indietrato!... Donca, appena spusati m’ha fatto capì che durmiva cul lume ‘cceso, al contrario de me, che se la cambura nun è proprio a lo scuro nun pijo sonno.

ANTO- Due abitudini diverse.

FELI- Avvuca’, pe’ cuntentalla, j tenevo el lume ‘cceso. Dopo due, tre notti la trovo: sveja, seduta 'ntel letto. “ Oh Amalia, cu’ fai? Perché nun dormi?” (con voce da donna) “Nun riescio a pijà sonno. El lume fa poga luce! Vojo ‘n antro lume!” Io, cu' la santa pazienza, ho ‘cceso ‘n antro lume. Pe’ 'n paio de mesi è 'ndato tutto be’! ‘Na notte me svejo e 'ntel letto, lia, nun c’era! Jé Madonna! 'Ndò starà? Staceva 'ntel terrazzo! “Cu’ fai lì fora? Vie’ drento che te pij ‘na freddata!” “No!  Rmano qua, perché drento casa nun c'ho tutte le cumodità. Nun riescio a pijà sonno. Vojo ‘n antro lume!”

ANTO- Un terzo lume?

FELI- Eh!... Avvucà, quella nun era più una semplice camera da letto, ma un salone pe’ le feste!... Comunque pe’ leva’ la questiò, sapete cume facevo? ‘Spettavo che se 'ndurmisse… po', pianì-pianì, calavo giò dal letto: stutavo tutto e rturnavo a letto!

ANTO- Meno male che avete trovato il rimedio.

FELI- 'Gnà che facevo cuscì, se vulevo durmì ‘n mpughetto pure io! Stanotte però, dopo ‘n pogo ch’evo spento i lumi: s’è mesa a sgaggià cume ‘n’indiavulata! “Chi ha stutato i lumi?” “Cusa so moje mia? Se saranne stutati daperlora!” “Nò! Sai stato tu! Hai deciso de famme murì!” ‘Na tragedia! Ha svejato a tutti: la servitù, el portiere, el vicinato… Nun ve digo la folla che c’era sotta al palazzo! Ho ‘cceso i lumi: lia s’è mesa a durmì da ‘na parte e io da ‘n’antra! A un certo punto vago pe’ slonga’ la gamba e me sento pijà fogo el polpaccio! (facendo vedere) Ancora è roscio….

ANTO- Cosa le ha provocato la bruciatura?

FELI- Cosa? ‘Na buttija d’acqua calda bollente!

ANTO- Non vedo nulla di strano!? D’inverno la usano tutti. Qualche volta anch’io. Si chiama pure “prete”.

FELI- Ce lu so. Allora so’ ndato pe’ giramme e ho visto che vicino a mi moje ce staceva…

ANTO- …Il prete!

FELI- Avvucà, è mejo che dimo “buttija”. Me sona brutto sto “prete” vicino a mi moje.

ANTO- Allora, potete dire: “scaldaletto”.

FELI- Sarà mejo: scaldaletto.

ANTO- Chi lo aveva posto nel letto?

FELI- Lia! Miga ce l’ho meso io? Donca, sentendomi scutta’, cul piede l’ho sgansato da la parte sua, ma lia l’ha rimandato da la parte mia! In poghe parole, ‘n calcio io, ‘n calcio lia: s’è rotta la buttija! Ma nun ce ne semo necorti nisciù de do’. Dopo ‘n po’ ch’evo ripreso sonno: me sento ‘na cosa calda, le gambe umide! Tasto cu' le ma’ e sento tutto el letto bagnato de acqua tiepida! (sorridendo) Avvucà, pensavo che fosse stata una mia mancanza involontaria. Nun so se da fijolo ve sete nzugnato mai de sta  cu' altri munelli e de falla 'ntel muro pe’ vede chi ‘rivava più in alto? Beh, pensavo d’esse' stato io!

ANTO- (ride) Ah,ah,ah!...Ma non mi dica!...

FELI- Scì! Allora…

ANTO- Ah,ah,ah… Questa sì ch’è bella!...

FELI- Allora…

ANTO- Questa non la volevo sentire!... Ah,ah,ah…

FELI- Miga me fa parla’!...  (forte) Avvucà? Io, 'ntel letto sta roba nun ce la vojo più.

ANTO- (ricomponendosi) Va bene…va bene!...Mi dica: vostra moglie, vi ha portato dote?

FELIC- Sissignore! Sto palazzo.

ANTO- Non ve lo siete mica mangiato?...

FELI- (interdetto) Per dote mi ha portato questo palazzo.

ANTO- Ho capito. Non l’avete mica mangiato!?...

FELI- Il palazzo!?

ANTO- Il palazzo.

FELI- Cus’è ‘na pastarella?

ANTO- Ma no! Voglio dire: è intatto? Ci sono ipoteche? Iscrizioni per debiti?

FELI- Gnente debiti!

ANTO- Bene! Ditemi… In questi contrasti, che avete avuto, ci sono stati persone presenti?

FELI- Scì: el cameriere e la serva!

ANTO- No, non vanno bene! Queste sono persone salariate. Ci vogliono degli estranei. Prima d’ogni cosa, con vostra moglie dovete mostrarvi: dolcissimo. Non dovete contraddirla e quando è presente un estraneo, un amico, uno qualunque: fate in modo che il contrasto cominci da lei. Lasciate che vi dica parole insolenti, vi faccia delle minacce. Sarebbe bene che vi desse uno schiaffo. (alzandosi) Se noi abbiamo uno schiaffo: siamo a cavallo!

FELI- (si alza) Lo schiaffo, lu dovete pijà pure vo’?

ANTO- No-no! Voi solamente!

FELI- Solo io…Ho capito! Va be’! Per adesso vi ringrazio!...

ANTO- (andando alla Comune) Ma vi pare? Siate docile, buono. Acconsentite a  tutto.

FELI- Farò tutto quello che m’ete cunsijato! Arrivederla!

ANTO- Di nuovo! (via)

FELI- (scendendo) C'ho d’ave’ uno schiaffo! Pe’ la cagnara nun ce vole tanto, ma pe i testimoni? E’ ‘na parola!... Adé, m’affaccio al terrazzo e se passa ‘n amico: lu chiamo, lu fago salì… el tempo che pijo lo schiaffo e se ne va! Famme 'nda’ a vede!... (esce)

              

                   Scena 6^:-Amalia-Anselmo-Rusì-Felice.-

ANSE- (entra seguito da Amalia e avviandosi alla comune…) Signora “arrivo-a-lecce”… Arrive-derci!

AMAL- Arrivederci, avvocato e mi raccomando!

ANSE- Dovete ascoltà el <coniglio mio>… el consiglio mio: dovete cercare con tu-tutti i mezzi di essere <dodici…dodici..dodici…>

AMAL- Trentasei!...

ANSE- Docile, docile, docile! Fate in modo che il co-contrasto venga da lui e sempre co-con i <testilimoni>… con i testimoni presenti!

AMAL- Sarà fatto! Ci penso io.

ANSE- Vedrete come pa-parlerò in Tribunale! Vi saluto! (stretta di mano) Voi m’avete co-comandato e io sono venuto per <seppellirvi>…

AMAL- (stacca la mano e fa le “corna”) E tié!...

ANSE- Per servirvi! Arri…Arrivederci!…(esce)

AMAL- Arrivederci! (scendendo) Pruvamo a vede' se riescio a esse’ calma e mansueta? (prende un libro, siede al tavolo e legge)

FELI- (entra di spalle) Quanno te serve ‘n amico: nun lu riesci a truva’ mai! (si accorge e tra sé) Ah, sai qua? Adé te sistemo io! (siede- prende una sigaretta- sta per accenderla, ma la ripone) E' mejo che non fumo, magari in Tribunale polene dì che el fume fa male!...

AMAL- (che ha seguito i movimenti di Felì: gentile e col sorriso sulle labbra) Cume mai metti via la sigaretta?

FELI- Me so’ rcurdato che el fume fa male.

AMAL- Ma, no…fuma! Fuma, maritino mia. Mi fa piacere! Fuma…fuma!

FELI- Quanno mai?

RUSI- (entra) Signor Felice, de fora ce sta un signore che vole parla’ cu' vo’!

FELI- Chi è?

RUSI- Nun me l’ha volsuto dì el nome. Ve vole parla’ dell’appartamento del primo piano.

FELI- Fallo entrare!

RUSI- (esce)

AMAL-Felì, io vago de là! (si avvia ala camera)

FELI-No, perché? Puoi rmane.

AMAL-No! Non è giusto che la moje èpresente, quanno qualcuno viene a parla’ cul marito. E’ mejo che ce parli tu e se po’ me voj ffa’ sape’ calcò: te ringrazio! Tu sai padrò de ffa’ quello che te pare e piace. Tu sai la perla dei mariti e miga posso dubita’ de te!? Parla tu cu' sto signore, vedi quello che vole e po’, se voj, me fai sape’ calcò! Vago de là, maritino mia bello! Maritino mio caro! Maritino mia dolce!...(esce)

                  Scena 7:- Felice-Gaetano.-

GAET- (fuori scena) E’ permesso?

FELI- (risvegliandosi) Entrate!

GAET- (entra e si ferma sulla soglia. Ha paglietta” “bastone” e “ghette”) Quessu chi è? L’hanne capato cu' i numeri del lotto?

GAET- Il signor Felice Sciosciammocca?

FELI- Sono io… Accomodatevi!... Prego!?...

GAET- (siede e assume una posa rimanendo immobile) Grazie!

FELI- (lo guarda e tra sé) El portiere l’avrà indirizzato male! (forte) Scusi?... Avete sbagliato! Non è questo l’ultimo piano.

GAET- (senza scomporsi) Che cosa?

FELI- El rassumejo!

GAET- Cosa?

FELI- La fotografia!

GAET- Cu’ ce devo ffa’ cu' la fotografia?

FELI- Non vi volete fare la foto tessera?

GAET- No. Io voglio parlare con voi.

FELI- No, perché… sete buccato e ve sete messo in posizziò! (imita)

GAET- Ah, ho capito! Questa è una graziosità che ho. Io so’ tutto grazioso! (tira su le spalle, come mettesse dentro il collo e portando le labbra “a punta”, in avanti: espressione che assumerà, ogni volta che si vezzeggerà: dopo aver detto: “io so’ tutto grazioso” )

FELI- (sarcastico) Lu vedo!...

GAET- Voi, vorreste sapere el nome mia, ma quando sapete quello che so’ venuto a fare: “Che ve ne ‘mporta, che ve ne ‘mporta, che ve ne ‘mporta”!?

FELI- Se me lu vulete dì, va bene, sennò, “che me ne ‘mporta, che me ne ‘mporta”?!...

GAET- Se non sbaglio, stamattina è venuta ‘na signora che voleva affittato l’appartamento del primo piano?

FELI- Sì. Una certa “Emma Carcioff”, ballerina.

GAET- Le hanne detto che il proprietario non vole fittarlo a donne.

FELI- Mi moje vole cuscì, capite?...

GAET- (annuisce muovendo la testa, come i cagnolini di peluche sulle auto)

FELI- Cu’ c'ha 'nte la testa ‘na molla?...

GAET- Me l’immaginavo! Ha sentito “ballerina” e chissà cusa crede!...Duvete sape’ che ci sono quelle bone e quelle cattive. Emma è una di quelle bone. Un angelo, un fiore di virtù!

FELI- Vo’ sete el padre?

GAET- Padre io? (vezzeggio)

FELI- Imbé, perché fate cula faccia brutta?

GAET- E’ una mia graziosità! Io so’ tutto grazioso!...

FELI- Se lu dite vo’!?...

GAET- L’ho conosciuta mentre stavo a passeggiare. A un certo punto si è messo a piovere. Ho visto questa signorina, che camminava svelta per non bagnarsi… Mi sono avvicinato e le ho detto: (con voce cupa e forte) “Signorina, riparatevi qua sotta!”

FELI- E lia s’è spaventata.

GAET- Nò! Perché?

FELI- (imita la sua voce) “Signorina, riparatevi…”

GAET- Volevo esse’ galante! Ve l’ho detto: “Io so’ tutto grazioso”!

FELI- Tu sai “brutto”, fijo mia!

GAET- Accettò il mio invito e l’accompagnai a casa.

FELI- A casa vostra?

GAET- A casa mia? Cu’ dite? Io so’ spusato. Cuscì, se la truvava mi moje: la buttava dal terrazzo!....

FELI- Ah, sete spusato!

GAET- Già!... Comunque, ormai so’ otto mesi che dura sta storia e non trovo el coraggio de lassalla!

FELI- Ma, lia, lu sa che vo’ sete spusato?

GAET- (restando a bocca aperta, come facesse “gargarismi”) Oh-oh-oh…!

FELI- Se sta a ffa’ i gargarismi!... Lia lu sa o nun lo sa?

GAET- No. Tant’è che l’altro ieri m’ha detto: “Caro, quando mi sposi?”

FELI- E vo’ cus’ete risposto?

GAET-  Ho trovato ‘na scusa. J ho ditto che babbo non vole!

FELI- Me sa che scherzate!

GAET- No,no!...

FELI- Tornando a discorso, sta “Carcioffa”, perché se  vole fitta' st’appartamento?

GAET- Perché è vicino al teatro. M’hanno detto che volete settanta lire al mese.Io, se me l’affittate, ve ne dago ottanta! Anzi vi pago tutto l’anno anticipato.

FELI- (tra sé) Quessu pudria esse’ un testimonio!... Se Amalia sa la storia di questo e la Carcioffa: famo cagnara de sciguro! (a Gaetà) ‘Scoltate, bisogna che io prima ne parlo cu' mi moje; nun fago gnente senza el consenso sua!

GAET- Giusto! Si vede che siete un marito affezionato!

FELI- Affezionato? Rcurdateve 'ssa parola: “Affezzionato”! (va verso la cucina)

GAET- Perché?

FELI- (chiama) Rusì? (a Gaetà) Perché pole dasse che la duvete ripete da qualche parte!.. (chiama) Rusì?...

               Scena 8^:- Detti - Rusì- Amalia- Michè- Gennarino.-

  

RUSI- (entra) Ditemi?...

FELI- Va in camera di mia moglie e j dighi, se è comida, se j fa piacere, de venì de qua, che j vojo parla’!

RUSI- (andando) Va be’! (esce)

GAET- Speramo che vostra moje acconsente!

FELI- Pe’ me: va be’!

GAET- Magari, ‘na parola io…’na parola vo’…

AMAL- Eccomi qua, maritino mia!

FELI- Cara mogliettina!?...

GAET- (con inchino) Signora….

FELI- Il signore è qui, perché j 'nteressa l’appartamento del primo piano.

AMAL- So’ contenta! Ve sete messi d’accordo?

FELIC- No! Non ancora. Ce lu sai che nun fago gne’ senza el consenso tua.

AMAL- El consenso mia? E a che serve? Sai tu el padrò, maritino mia.

FELIC- No, moje cara! La casa è roba tua e ne disponi cume mejo credi.

AMAL- Ma cu’ dighi? Sai tu el padrò e me sta be’ quello che fai!

FELI- No, la padrona sai tu.

AMAL- No, sai tu!

FELI- No, sai tu!

GAET- Pure lora so’ tanto graziosi!

FELI- Allora, je la vulemo dà la casa?

AMAL- Se tu je la voj dà: dajela!

FELI- Je la dago solo se lu voj tu!

AMAL- Solo se lu voj tu. Io pe’ me: nun je la dago!

FELI- Manco io!

GAET- Signora, non è che me la deve dà per niente. Io sono disposto a dare un anno d’affitto anticipato.

FELI- Nun se tratta de questo! Mi moje nun sa ancora pe’ chi serve l’appartamento. Capite?

AMAL- Ah, perché nun è pe’ lu'?

FELI- E no! Perciò t’ho chiamata! Sto signore è spusato e abita cu' la moje.

GAET- State zitto! Non fate sapere i fatti mia!

FELI- La casa serve pe’ cula ballerina: Emma Carcioffa!

AMAL- Imbé? Cu’ c’è de male?

FELI- Cume? La voj ‘fitta' a ‘na ballerina?

AMAL- Vojo?... Io nun vojo gnente! Io fago quello che voj tu.

GAET- Brava! Siete una moglie veramente “ubbidiente”!

AMAL- Moglie ubbidiente? (si avvicina a Gaetà e a mezza voce) ‘Rcurdateve 'ssa parola! Segnatevela!

GAET- Da adesso in poi segnerà su di un foglietto le “parole” che gli dicono di “segnare”.

                Signor Felice, adesso dipende tutto da voi!

FELI- Spettate! (interdetto) Che cambiamento!? (alla moglie) Tu, stamattina eri contraria a affitta’ la casa a ‘na ballerina, me sbajo?

GAET- Adesso c'ha ripensato e me la vuole affittare!

AMAL- Nonsignore! E’ lu' che nun l’ha voluta mai ‘fittare!

FELI- Io? (vuole inveire,ma si ricorda e sorride a denti stretti) Mogliettina cara non dire bugie! Ti ricordi che quanno Rusì te l’ha ditto hai cumenciato a sgaggià?

AMAL- A sgaggià io? Ma tu sai pazzo!

FELI- Pazzo?! (a Gaetà) Segnateve che m’ha ditto “pazzo”! (a Amalia) Già! C'hai ragiò, perché se nun ero pazzo: nun me spusavo a una cume a te: stravagante!

AMAL- Stravagante! (a Gaetà) Segnateve pure quessa!

GAET- Se sapevo me purtavo un quinterno de carta!

AMAL- Tu nun eri degno da spusa' a me!

FELI- Io ero un signore! Te ‘rcordo che tu matre era ‘na “tappabughi”! (a Gaetà) Su’ matre, pijava cinque lire a bugo!

GAET- Sai cu’ me frega a me!?...

FELI- Questa nun è ‘na donna: è ‘na tigre!

AMAL- (a Gaetà) Segnatevela! (al marito) T’evo ditto de nun parla’ de mamma! La famija mia t’ha nobilizzato!

FELI- A me? Ma vamme via! (dando quasi una spinta a Gaetà) Lu vulete sape’? Quanno l’ho spusata nun c’eva manco el cappello.

AMAL- Cu’ vai dicenno, bruttu “pesciarolo”?

FELI- Ah, scì? (spinge Gaetà)

GAET-E dàje!...

FELI- Va via: gentaglia!

                (Michè  e Gennarino entrano. Michè fa capire a Gennarino di aspettare lì e poi esce)

AMAL- Gentaglia? (spinge Gaetà) Cus’altro vulete sentì da sto porco?

FELI- Porco? (porta da una parte Gaetà) Ditemi: cume ve chiamate?

GAET- (tra sé) E’ mejo che je dago un nome falzo! (a Felice)  Nicola Coperchio!

FELI- …Abitate?

GAET- Vicolo, Appeso , 17!

FELI- Benissimo! (va a scrivere su di un foglio)

AMAL- (a Gaetà) Cume ve chiamate?

GAET- Francesco Stoppa.

AMAL- (scrive)…Stoppa! Abitate?

GAET- Strada Santa Teresa, 80.

AMAL- Adé, pudete nda’. Duma’ ne parlamo mejo!

GAET- Sèh! State freschi! Questi so’ do’ pazzi! (via di corsa)

AMAL- (avvicinandosi a Felì) M’hai chiamata: gentaglia!

FELI- Scì: gentaglia!

AMAL- (dà uno schiaffo e va via)

FELI- ( La segue tenendosi la guancia) 'Ndo' vai?Vie' qua, mename! (tornando verso il centro scena: vede Gennarino) El testimone!  (a gennarino) Hai visto tutto?

GENN- Scì…Ho visto!

FELI- Cus'hai visto?...

GENN- Ch'ete preso 'na sardella!

FELI- Adé, vieni cu' me e nun te scurda' quello che hai visto! (via per la comune)

S I P A R I O

 

Secondo Atto

               L’azione si svolge nel retroscena di un teatro. La scena può essere, strutturalmente, quella del primo atto. Alle pareti dei cartelloni teatrali, locandine e foto di Ballerine e Attori, sostituiranno i quadri del salotto… Il fondale può essere coperto da una tela scura, (che servirà per il terzo atto). L’entrata comune sarà il corridoio di sinistra (1° atto:-cucina-)- La finestra, di fronte,  sarà nascosta da un grande manifesto.- Sulla porta laterale sinistra, vi è scritto <Orchestra> e su quella di fronte <Palcoscenico>.- In fondo a destra: il tavolo del Custode, due  vecchie sedie e in alto la scritta <Vietato fumare>.-

               Scena 1^:- Pasquà- Direttore.-

DIRET- (da <palco> entra a ritroso e verso l’interno) Signorine, fate presto che fra pogo cumenciamo! (verso Pasquà) Nun vego l’ora che sto ballo va in scena! Nun je la fago più!

PASQ- Direttò, scusate, ma la prova generale, iersera, è 'ndata proprio male?

DIRET- Male? Un macello! Nun me ne parla’! A la prima ballerina j so’ pijati i dolori de panza e pe’ cumpletà la cosa: hanne fatto venì giò la neve!

PASQ- Imbéh?

DIRET- Cume: imbéh? Pole cade la neve drento a ‘na caverna?

PASQ- E su! Pure vo’, cume sete difficile!...

DIRET- Come difficile? La neve che vie’ giò da… Cu’ te lu digo a ffa’? Tu de ste cose nun te ne intendi! Alla fine se la pijane tutti cu' me! El teatro era pieno de gente…e erane solo le prove generali!

PASQ- Ce mancavane solo che lora pe’ ntrica’ le facenne!...

DIRET- Te la sai capita? Manca pogo pe' cumencià e la prima ballerina ‘ncora nun se vede!

PASQ- Ci avrà ancora el mal de panza!

DIRET- E io el mal de testa! Me la vuria taja! (andando) Tutte a me capitane!… (esce)

                Scena 2^:- Pasquà-Gaetà-poi Direttore.-

GAET- (entra, di corsa, dalla comune) Pasquà, Emma è ‘rivata?

PASQ- Nonzi! (accompagna la parola con la testa)

GAET- Mejo cuscì, perché j devo da’ ‘na brutta notizia!

PASQ- De che se tratta?

GAET- Gne’! Vuleva ‘fittato ‘n’appartamento, qua vicino al teatro, ma nun so’ riuscito a cunvince el padrò de casa! Quanno lu sa: j pija el diavolo! Sarà mejo che j scrivo un bijetto, cuscì 'pena ‘riva je lu dai!  Ce l’hai un fojo de carta e ‘na busta?

PASQ- Tutto quello che ve serve sta sopre el taulì!

GAET- (siede e scrive) “Mia bella Emma, ho fatto il possibile per affittare la casa, ma non ci sono riuscito. Spero di essere compatito e che mi vorrai sempre bene. Il tuo “Gaetanuccio”, che ti ama tanto!

PASQ- E bravo a Gaetanuccio!....

GAET- (rilegge e si accorge di in errore) Gné! Nun ce stago più cu' la testa! Invece de scrive “compatito”: ho scritto “compatato”!

PASQ- Proprio le “patate” c’ete 'nte la testa!

GAET- (appallottolando il foglio…) E’ mejo che je lu digo a voce! (lascia cadere, a terra, il foglio) Pasquà, pensi che tarderà?

PASQ- Penso de no, perché tra pogo deve cumencià el Concerto.

GAET- Allora rtorno tra pogo. Intanto j fai sape’ de la casa; j dighi che ce so’ 'ndato, cu' i soldi 'nte le ma’, e che nun so’ riuscito a cunvince el padrò a fittarla.

PASQ- 'Ndate tranquillo. Ce penso io!

GAET- (cercando nelle tasche) Grazie! Fammete dà calcò…

PASQ- (stende la mano aspettando) Lassate perde’…

GAET- Cu dighi, sai ‘n amico…

PASQ- Nun c’è bisogno…

GAET- Tie’, Pasquà! (gli mette un soldo nella mano e via)

PASQ-Grazie, tante! (appena Gaetà è fuori scena: apre la mano e deluso) Eh! M’ha fatto l’elemosina!...

DIRET- (entra- in mano ha un “orecchino”) Pasquà!?

PASQ- (mettendo in tasca il “soldo”) Cumannate!

DIRET- E’ stato truvato, a terra, 'ntel corridoio de la prima fila: st’orecchino. De sciguro l'ha perzo, qualche signora, iersera! Se se presenta qualchidù, prima de dajelo, te fai descrive cum’è fatto, dopo je lu dài!

PASQ- Lassate ffa’ a me! (prende l’orecchino) Ce penso io!

DIRET- Pensace tu, che io c'ho tanto da ffa’!... (esce)

PASQ- (guarda) Quant’è bello!... Va ‘n po’ a sape’ chi se l’è perzo? (cerca un posto dove metterlo, poi vede a terra il foglio appallottolato) Famo fenta che è la scatola!…(avvolge l’orecchino e lo mette nel cassetto del tavolo)

                 Scena 3^:- Pasquà-Antonio-Dorotea.-

ANTO- (dal fondo a Pasquà ch’è di spalle) Psss…psss…psss…!? Custode?

PASQ- (si gira) Dite.

ANTO-  Sapete se la prima ballerina è arrivata?

PASQ- Ecchene ‘n antro!... ‘Ncora: no!

ANTO- Potrei aspettarla in palcoscenico?

PASQ- None! Lì nun se pole buccà!

ANTO- Giusto!... Qui, la posso aspettare?

PASQ- Qua: scì! Se vulete, ve pudete mette pure a sede. (porge una sedia)

ANTO- (siede e fa per accendere una sigaretta)

PASQ-None! Qua nun se pole fuma’! (indica il cartello) Leggete lì!

ANTO- Avete ragione! (ripone la sigaretta)

DORO- (entra e si ferma sul fondo e ansando) Signori mia, fateme mette a sede'!

PASQ- Signora, cu’ vulete?

DORO- (vuole parlare, ma non riesce per mancanza di fiato, e per Pasquà che non le lascia il tempo di farlo)

PASQ-Chi cercate?

DORO- (c. s.)

PASQ-Insomma, vulete parla’?

DORO- E uno mumento!... Cus’ènne?... Fatemerpijà fiato!... Già che nun stago tanto bene!... (mette una mano al cuore e l’altra alla testa)

PASQ- (preoccupato, ad Antonio) Aòh, l’ete 'ntesa? Nun sta tanto be’!

ANTO- (alzandosi) Diamole una sedia! (dà la sua)

DORO- (sedendo, cerca di parlare in italiano, ma le scappano fuori solo degli sfrondò) Me scuserete, ma non revoscivo a parlare!

PASQ- Adé ete preso abbastanza aria?

DORO- Cosa volete addire?  Miga sono rinfreddata!

ANTO- Il signore, voleva sapere se adesso si è ossigenata!

DORO- No-no! (aggiustando i capelli) Sono al naturale, non me ossigeno mai!

ANTO- Ossigeno, nel senso: “ha ripreso fiato”.

DORO- Adé capiscio! Scine! Grazie.

PASQ- Signò, se pole sape’ cu’ vulete?

DORO- Io volessi sape’ questo: quando si fa la perdenza di un oggetto, a chi se fa el domando?

ANTO- (tra sé) Senti cume parla? Dev'esse'  laureata in lettere!

PASQ- Perché…per caso ete perzo calcò?...

DORO- Sissignore! Jersera, Gaetanino, mio maritino, mi portò inte questo Tiatro e m’ha prenduto un posto in prima fila, per famme vede el Sconcerto col ballo. Quando è fenito e ce ne semo andati, co’ la mente tutta ’nfuscata della bellezza dello Sconcerto, me sono necorta che da una recchia mi mancava un’orecchino. Pe’ favve capire più meglio: una pendola!

ANTO- Deve esse' parente a Dante Alighieri!

DORO- Adé, io ve pono questo domando: “l’ete trovato”?

PASQ- E’ stato truvato un orecchì, ma me duete dì cum’è fatto.

DORO- Giusto! 'Nte la forma è un ferro de cavallo, con intel mezzo una bella pietra di <diotelamanda>!

ANTO- ‘Na mazzata 'nte la testa!

PASQ- Vuristi dì: diamante?!... (va al tavolo a prenderlo)

DORO- Come ho ditto io è più melio!

ANTO- Scusatelo! Cosa volete che ne sappia lui?

DORO- Lo vedo che non è tanto <restrovito>!

ANTO- Ne ‘chiappasse una!

PASQ- Vedete ‘n po’ se è questo?...

DORO- (scartandolo) Oh, sì! Ènne proprio esso.

PASQ- So’ contento pe’ vo’ e pure pe’ me, che me so’ levato un pensiero!

DORO- (durante la battuta di Pasquà, riavvolge e cerca nella borsetta) Adé, ve ‘spetta una <mangia>! (porge) Queste sono due lire.

PASQ- (intascando) Grazie tante!

DORO- (alzandosi, guarda verso il Palco) Per di quàne si va intel Parcoscenico?

PASQ- (bloccandola) Sissignora!

DORO- Io ce voria imboccare.

PASQ- None! Lì ce bocca solo la gente del Concerto, sennò me danne la multa.

DORO- (rassegnata)  Allora, me ne vago! (si avvia ma…si ferma all’entrata di Emma)

ANTO-Era ora!

                Scena 4^-: Pasquà-Antonio-Emma, poi Gaetano.-

EMMA - (dal fondo) Oh!?...Signor Antonio!... (porge la mano)

ANTO- (baciamano) Signorina Emma!?...

EMMA- Che fate qua?

ANTO- Vi aspettavo.

EMMA- (ridendo) Ah-ah-ah!... Pasquale?

PASQ- Comandate?...

EMMA- Sono arrivate lettere per me?

PASQ - Sissignora! (va a prendere la lettera) Ecchila! (porge e ritorna verso Dorotea)

DORO- (a mezza voce a Pasquà) Questa chi ènne?

PASQ- Questa è la prima ballerina!

DORO- Aaaahhh!!!... Questa ènne quella che iersera zompava col suono de la <mosica>!? Quella che ballava stretta-stretta si sfregneva scon cul bel fijolo!? (guardandola) Però, iersera, me sembrava più bella! Pe’ la verità, al mattino manco io me <piacquo> tanto! (saluta e ringrazia) Bona e grazie per la <pendola>! (via)

PASQ-Meno male ch’è 'ndata via!...

EMMA- (ha finito di leggere. Contrariata) Mi si propone una scrittura per la Grecia senza manco un anticipo! (ad Antò) Signor Antonio, permettete!?… (fa per andare)

ANTO- Come, andate via senza dirmi una parola, che possa mettere un raggio di sole nel mio cuore?

EMM- Signor avvocato, di parole ve ne voglio dire “due”, non “una”: o vivere con la mia arte o trovare un uomo che mi sposi. Sono stanca delle belle parole e delle adulazioni!

ANTO- Ma io soffro. Tremo tutto dalla passione! Che debbo fare?

EMMA- Prendete una camomilla doppia! Vi saluto, avvocato! (avviandosi al Palco) Vi saluto!...

ANTO- Va bene, andate pure! (va verso il Palco e... ) Stasera, signorina Emma, faremo i conti! (esce con rabbia e quasi si scontra con Gaetano) E lasciatemi passare! (lo spinge da una parte e esce)

GAET- (quasi cade) Ennà! A mumenti me faceva cade'!... Pasquà, è ‘rivata Emma?

PASQ- Scì: è drento.

GAET- J hai ditto gnente?

PASQ- No! Nun c'ho avuto tempo, perché s’è mesa a discorre cu' 'n giovinotto.

GAE- Un giovinotto?... El fratello?...

PASQU- Scì, el fratello! (allusivo) Era uno che cercava de cunvincella cu' tante belle parole, ma lia j ha risposto che nun vole <poesie e ondulazioni>, e lu' è rmaso cume ‘n ciambottu!

GAET- Meno male! Famme el favore, chiamala, un mumento!

PASQ- Adé? Adé, nun pole! Capirai  è ’rivata pure in ritardo!?...

GAET- Per piacere!... Dopo, pe’ te ce penso io!

PASQ- Scì, dopo me mettete ‘n antro soldo 'nte le ma’!

GAET- Nun era ‘na lira?

PASQ- (andando) Quello era el nipote de la lira! (esce)

GAET- Digo io: ce stanne tante case sfitte… No! Ha da esse’ proprio quella! Se lu vie’ a sape’ mi moje, de sciguro fenisce a ‘mazzate! Iersera stami qui, in platea, a vede' le prove del Concerto, me so’ azzardato a dì: “Guarda che belle gambe ha cula ballerina?” Nun l’avessi mai ditto! M’ha dato un pistotto 'ntel callo, che m’ha fatto piagne pe’ mezzora!...

             Scena 6^.- Gaetà- -Emma-Direttore-Felice-Pasquà.-

EMMA - (entra) Bene!...

GAET- Emmuccia cara!...

EMMA - Finalmente ce l’hai fatta a ‘riva’, lumaco’?!...

GAET- Quanto me vole be’!...

EMMA - La casa?

GAET- Emmuccia mia, la casa nun ce l’ho fatta a fittarla! El proprietario ha da esse’ matto e la moje più matta de lu'! Quanno ce so’ 'ndato pe’ parla’, se so’ mesi a ffa’ cagnara e se nun ero lesto a fugge: le pijavo pure io!

EMMA- (dispiaciuta) Me piaceva tanto cula casa!....

GAET- Vedrai che ne truvamo ‘n’antra.

EMMA- (imbronciata) Va be’, nun ne parlamo più! Vado a ffa’ le prove. Ciao!

GAET- Cu’ posso ffa’ pe’ te? Te serve qualcosa?

EMMA- Scì! Ce avria voja de pastarelle.

GAET- Voi le pastarelle? Te le compro. Ce vago subito! (arriva sin su la soglia e poi…) Te piacene quelle a la panna?

EMMA- Tanto-tanto!

GAET- Allora, Gaetanuccio te porta le pastarelle cu' la pannuccia! (via)

DIRET- (entra e dalla soglia) Signorina Emma, tocca a voi. (esce)

EMMA- Eccomi! (esce)

FELI- (appare sulla soglia, in una mano ha il bastoncino e nell’altra un fazzoletto; è quasi ansante e stanco; asciugandosi il sudore fa qualche passo verso il centro scena) Ennà! Nun ce la fago più a camina’! Ho girato tutt’Ancona pe’ pude’ truvà cul morammazzato de Nicola Coperchio! So’ 'ndato in Vicolo Appeso 17, busso e te scappa fora un vecchio: “Scusate, abita qui Nicola Coperchio?” “Scì! ‘Spettate…” S’è sturnato e da lì a pogo è scappato c'un bastò de sta purtata! Se nun scappavo me lu ruppeva 'nte la schina! Avrà pensato che lu vulevo sfotte’!?  Stago qua perché me so’ rcurdato che la casa, che vuleva ‘fittà, era pe’ la ballerina Carcioffa. (guardandosi intorno) Nun c’è nisciù!…A chi posso dumanna’?...(va alla porta “Orchestra”, poi a quella “Palcoscenico”, entra, ma esce appena arriva in scena Gaetà)

GAET- (entra e si ferma dando le spalle al “palcoscenico”)

FELI- (rientra e vedendo Gaetà: batte il bastone a terra) Eccovi!

GAET- ( si spaventa e quasi gli sfugge dalle mani il pacchetto delle paste, che terrà, sempre, sul palmo della mano aperta) Jéh, Madonna!... Cu’ ce fate qua?

FELI- M’ete mannato al Vicolo Appeso 17 e a mumenti me pijane a legnate! Perché l’ete fatto?

GAET- Perché l’ho fatto? Perchè… perché nun sapevo a cusa servìva el nome e l’indirizzo! Me l’ete dumannato 'nte un modo che m’ha meso paura. Pe’ questo v’ho ditto ‘na cosa pe’ ‘n’antra.

FELI- E ve ringrazio!... (vedendo il pacchetto) Cusa c’ete lì drento?

GAET- Gnente!... Un po’ de biancheria.

FELI- Scoltate! Io so’ disposto a davve la casa, sempre se 'ncora la vulete, non pe’ 70 lire, ma pe’ 50.

GAET- Cume mai?

FELI- Dopo ve lu digo! Io ve dago la casa e vo’ in compenso duvete venì, adé-adé, cu' me!

GAET- Dove?

FELI- Dall’avvucato mia. Roba de un minuto. Basta che j dite ch’eri presente a la cagnara tra me e mi moje, che m’ha ditto: “Porco e pesciarolo” e po’ ve ne pudete ‘nda’!

GAET- Me sa che vo’ nun ce state tanto cu' la testa! Nun se ne fa gnente!

FELI- Ma, perché?

GAET- Ma ve pare che me metto a ffa’ el testimone? Se la cosa ‘riva a le recchie de mi moje, me fate passa’ un brutto quarto d’ora!

FELI- (breve pausa) La casa ve la dago pe’ 40 lire.

GAET- Senza che fago el testimone?

FELI- No, facendo el testimone.

GAET- Manco a pensacce! Sapete cu’ ve digo? La casa nun la vojo manco se me la date a gratisse! Adé ve saluto! C'ho de 'ndà via! (si avvia…)

FELI-Sta a sentì, brutto scimpanzé vestito a festa!

GAET- Scimpanzé, a me? Cume ve permettete?!

FELI- Tu nun me voj ffa’ el testimone e allora te sistemo io! Adé strabalto tutta Ancona, finché nun trovo 'ndo’ stai de casa. (avviandosi) Racconto a tu moje tutte le porcherie che vai facenno. Te vojio…

PASQ- (entra e rimane sulla soglia…)

GAET- (fermandolo) 'Ndo’ ndate?... Venite qua!... Ce mancheria solo quessu!...

FELI- Allora vie’ qua!... Vie’ via cu' me!...

GAET- Scì-scì!... (escono)

PASQ- L’ha preso pe’ un ca’?

FELI-  (da dentro) Mi moje!... Mi moje!... (sospinge in scena Gaetà)

GAET- (entra sospinto da Felice e fa dei giri su se stesso, proteggendo  le pastarelle) Nun spignete!... (va in basso a sinistra)

FELI- 'Ndo’ me salvo?...(a Pasquà) Ndo’ me salvo? (corre alla porta dell’Orchestra)

PASQ- (correndogli dietro) No! Lì nun se pole!...

FELI- (corre al Palcoscenico e entra)

PASQ-Manco lì se pole!... (entra pure lui…)

GAET-L’ho ditto ch’è matto!... Famme 'ndà!... (si avvia)

   

                      Scena 7^:- Gaetà-Amalia-Felice-Direttore-Pasquà, poi Dorotea.-

AMAL- (entra e vedendo) Finalmente v’ho truvato!

GAET- (ritorna indietro) Ce mancava solo che lia!...

AMAL- (avvicinandosi) So’ 'ndata all’indirizzo che m’ete dato e 'nvece d’esse’ un palazzo: era ‘na cantina! Perché m’ete mannato 'nte ‘na cantina?

GAET- Perché?...Perchè…perché ete capito male: io ho ditto 180 e vo’, de sfiguro, s’ete ndata all’ 80.

AMAL- Sete un bugiò! Vo’ nun state de casa 'ndo’ m’ete ditto! (guarda il pacchetto) Cu’ c’ete li drento?...

GAET- Gnente!... Mutande e calzini bianchi!

AMAL- Comunque, adé duvete venì dall’avvucato mia! Me duvete ffa’ da testimone.

GAET- Ecchene ‘n’antra!... Signora, non posso.

AMAL- Se vulete, la casa ve la dago pe’ 20 lire.

GAET- Va a fenì che se ce vago a sta’: me paghene lora!

               Dal Palcoscenico arriva un rumore di quinte cadere e Felice gridare.

FELI- (da dentro) Ahia!... M’ete ‘ciaccato tutto!... M’ete rotto la testa!... Ahiaiiii!....

DIRET- (da dentro) Nun lu sapete ch’è proibito entra' 'ntel palcoscenico?

PASQ- Ete visto ch’ete cumbinato?...

FELI- (entra tenendo, con una mano sulla testa, un fazzoletto macchiato di sangue..) Che dolore!... Ahhiiaaii!... (vede la moglie) Pure mi moje qua?... (va verso Gaetà)

AMAL- Bravo a Felì!... Sai venuto a truva’ qualche ballerina, è ve’?

FELI- (dando una manata sul pacchetto) Ecco, ce lu sapevo!

GAET- (esce la panna dal pacchetto) Te possa pijà!... Ha fatto scappa la panna de fora!...

FELI- (leccandosi le dita) Me l’immaginavo che m’avristi ditto cuscì!...

GAET- Se lecca pure i deti!..

FELI- Ma te sai sbajata, cara la mia signora! Nun stago qua pe’ truva’ ‘na ballerina. Lu'! Lu' sa perché stago qua! Piuttosto, tu, cume mai te trovi qua?

AMAL- Lu'!  Lu' lu sa perché stago qua!

GAET- Oh, io nun so gnente de gnente!

AMAL- (avvicinandosi a Gaetà e prendendolo per un braccio) Adé, vo’ venite cu' me!

FELIC- (tirandolo a sé) No! Viene cu' me!

AMAL- (c.s.) No,cu' me!...

FELI- (c.s.) No, cu' me!...

PASQ- (forte) Uhé! Cu’ ve pare de sta ‘n mezzo a ‘nu stradò?...

GAET- C'ha ragiò!... Qua nun se pole luccà! 'Ndamo de fora.

FELI- 'Ndamo de fora e po’ vedemo cu' chi va! (esce)

AMAL- Scì, 'ndamo! (segue Felì)

GAET- (uscendo) Appena de fora:sai le corse! (via, ma da lì a poco entra, seguito dai due) Mi moje!... Mi moje!... 'Ndò me salvo?  Pasquà, ndo’ me salvo?

PASQ- Sotta al tavulì!...

GAET- (senza sentire va alla porta Orchestra)

PASQ-Nun se pole…Nun se pole!

GAET- (va ed entra in Palcoscenico, seguito da Pasquà)

PASQ- (seguendolo) Nun se pole!... Nun se pole!... (via)

DORO- (entra con in mano il foglio che avvolgeva l’orecchino) Gente! Gente mia, so’ stata tradita! So’ tradita! Mio marito ha scritto questa letteratura a una certa “Scarcioffola”, che voleva fittà una casa! (piange in un modo comico, quasi ululando)

FELI-Piagne a “lupino”!

DORO- Gente-gente-gente!....

AMAL- Sete, pe’ caso, la moje de Francesco Stoppa?

DORO- Quala stoppa?

FELI- De Nicola Coperchio?

DORO- Sarete vo’ un cuperchio! El maritino mia se chiama: Gaetano Papocchia!

FELI- (prende nota) Gaetano Papocchia!

AMAL- (scrive) …Papocchia!

DORO- Divisione! Divisione!... Me vojo separiare!... Vo’, gente mia, me fate da testimoni!

FELI- Io lu fago a vo’ e vo’ lu fate a me!

AMAL- Pure a me!

GAET- (entra col vestito sporco di bianco, per la finta neve) M’ete spurcato el vestito novo!... (si accorge della moglie) Mi moje!... Dorotea?...

DORO- Ah, sai quane, bruttu puzzò!? (lanciandosi verso Gaetà con l’ombrellino pronto a colpire) Vie’ qua, che te sdogo tutto!... (lo comincia a colpire, mentre cala il sipario…)

S I P A R I O

            

TERZO ATTO

           La scena rappresenta un’aula di Tribunale. In fondo vi è il tavolo della Corte, con il giudice al centro- il Pubblico Ministero a destra- il Cancelliere a sinistra. Lateralmente a destra vi è l’entrata della Corte e di fronte, a sinistra, l’entrata comune.- Più in basso, lateralmente a destra, vi sono due panche; su quella a ridosso delle quinte siederanno: Michele e Rusina- su quella davanti: Amalia- Emma e Dorotea.- Di fronte a queste vi saranno altre due panche verrà utilizzata solo la panca che sta avanti, dove siederanno: Felice- Gaetano e Gennarino.- Davanti a destra, tra  il Pubblico Ministero e le panche, vi sarà la <Ruota> dei testimoni.- Il tavolo dell’Avvocato Anselmo sarà davanti al Pubbl. Ministero.- Quello dell’avvocato Antonio davanti al Cancelliere.-

            Scena 1^: Usciere- Raffaele.-

USCI- (è in scena- mette a posto sedie e panche…) Cumenciamo ‘n’antra giurnatella!... Me so’ stuffato de fda’ sta vita: bocco la matina e scappo la sera!

RAFF- (entra, con in mano un involto con una camicia) Giacumì, degià stai qua?

USCI- Cume sempre! Ete fatto un po’ tardi stamattina.

RAFF- Lassame perde', Giacumì! C'ho la testa che me va pe’ conto sua! Stanotte, pe’ via de mi moje, nun ho chiuso occhio!

USCI- S’è sgravata o no?

RAFF- Macché! E’ da tre giorni che c'ha i dulori… C’emo la casa sottosopra! Stago in pensiero!... C'ho sette fije femmene, senza pude’ ave’ un maschio! Se me fa ‘n’antra femmena, me ‘ncaulo del brutto!

USCI- Nun disperate! Pole dasse che ‘riva ‘na bona notizia.

RAFF- Ho ditto a la cameriera, de venimme a dì s’è un maschio o ‘na femmina. Se è femmina, parola mia che te la regalo!

USCI-  Ma cu’ dite? L’ete presa pe’ ‘na bambola?...

RAFF- Nisciù me considera!... Me pare da sta sui spi’, me ne vuria ‘rturna’ a casa!

USCI- Séh! Ve sete scurdato che oggi c’è la causa de Felice Sciosciammocca, che se vole separa’ da la moje?

RAFF- Già! Chi ce pensava?... Vago a gambiamme sta camigia, che pe’ cure ce l’ho zuppa de sudore! (si avvia e poi ritorna) Cu’ dighi, Giacumì: farà un maschio?

USCI- Cusa so’? M’ete sgambiato pe’ la mammana?... Speramo che sia maschio.

RAFF- Se fa ‘n’antra femmena: te la regalo! (via)

USCI- Arridàje! Regala! Cusa regala? Dopo in quala poccia la fago tacca’?

                Scena 2^: Usciere- Michè- Rusì- Felice- Antonio.-

MICH- (entra da dx, seguito da Rusì, si avvicina all’ Usciere) Scusate?...Se fa qui la causa del padrò mia?...

USCI- Perché io c'ho da sape’ chi è el padrò tua?

MICH- Felice Sciosciammocca.

USCI- Scì, se fa qui! Diteme cume ve chiamate, cuscì vedo se state 'nte la lista dei testimoni.

RUSI- Io me chiamo Rosella Paparella.

MICH- E io: Michele Pascone.

USCI- (cerca sul libro, posto sul tavolo del Cancelliere…) Rosella Paparella e Michele Pascone…Eccheve! Scì! Sete testimoni. (senza staccare gli occhi dal libro, indica verso la sedia del giudice) Metteteve a sede là!

MICH- (va a sedere sulla sedia del giudice, seguito da Rusì)

USCI- (si accorge) Uéh!?Alzate da lì! Quello ènne el posto del Presidente!

MICH- Vo’ ete ditto: metteteve a sede là!

USCI- (indicando bene) Lì ho ditto!... Metteteve a sede là!

FELI- (da fuori) Avvocato lassateme!

ANTO- (da fuori) Ma, ascoltatemi!... Venite qua!

MICH- (sedendo) La voce del padrò! Ennà se è ‘ncaulato!...

RUSI- Voi vede' che fenisce a cagnara pure chì drento?

FELI- (entra seguito da Antonio) L’ete visto o nò a cul scorfano?

ANTO- De chi state a parla’?

FELI- Dell’avvocato de mi moje.

ANTO- Ah, l’avvocato Anselmo!?...

FELI- La prima vo’ che semo venuti qui, s’è permesso da dimme che so’ un marito “impossibile”! Ditemi: so’ un marito impossibile io?

ANTO- Io che ne so?

FELI- (forte) Se oggi se ‘zarda solo a guardamme: sa un <papagno> (pugno) j fago cade tutti i denti!

USCI- Signori!... Vi prego un pogo de silenzio!... Drento ce sta el Presidente che se sta a gambia’ la camicia.

FELI- (gli si avvicina) Scusate signor Cancelliere…

ANTO- Zitto! Non è il Cancelliere.

USCI- Io  miga so’ el Cancelliere! Io so’ l’usciere.

FELI- Ah, sete l’usciere? Signor Usciere, me raccumanno tanto a vo’! Sapete, io a cula donna nun la riescio a supporta’ più! Se vencio sta causa me pudete dumanna’ quello che ve pare!

ANTO- Signor Felice, che dite? L’usciere non vi può aiutare. Sapete cosa fa l’usciere? Quando entra il Presidente è quello che dice: “Fate largo, fate largo che entra il Presidente!”

USCI- Io v’avria aiutato volentieri, ma nun posso ffa’ gnente!

FELI- Nun pole ffa' gnente e  j stacevo a raccunta’ i fatti mia!

USCI- Chi v’aveva ditto de raccuntamme i fatti vostri?

FELI- Ma va a ffa’ el lavoro tua! (mentre l’usciere si avvia alla comune) Ardatelo, me pare ‘na buttija de ‘nchiostro.

USCI- (che ha sentito si ferma) Avvocato, questo me sta a ‘nsulta’!?...

ANTO- Non fateci caso, è un po’ nervosetto! (a Felì) Mettetevi a sede là (indica la panca) e statevi zitto! Se c’è da dì ‘na parola: ce penso io!

MICH- Famme 'nda’ ch’è mejo! (esce)

FELI- Va be’, bediscio! Sete voi l’avvocato.

ANTO- Zitto, che sta entrando vostra moglie! (va a sedere al suo tavolo)

               Scena 3^:- Detti- Anselmo- Amalia- Gaetano.-

ANSE- (entra seguito da Amalia) Signora, vi raccomando la ca-calma! Là ci sta vostro marito: se-se-sedetevi lì! (indica la panca a destra e poi va a sedere al suo tavolo)

MICH e RUSI- (fanno un inchino alla padrona, alzandosi a metà)

AMAL- Cul farabutto è già ‘rivato!

ANTO- (a mezza voce) Vi conviene salutarla.

FELI- A chì?... Me trovo qua pe’ colpa sua e la vago a saluta’? No!

ANTO- Salutatela, così potete dimostrare che l’attacabrighe è lei!

FELI- Mica ete ditto male!... Scì, è mejo che la saluto.

ANTO- Fidatevi!

FELI-  (si alza e si avvia lentamente verso la ruota…) Questo è il mondo!...

ANTO- Ma dove andate?

FELI- Nun ce vojo 'nda’ tutto d’en botto!... (a mo’ di saluto) Signora!?...

AMAL- (si alza e si risiede con le spalle girate)

FELI- (all’avvocato, andando a sedere) M’ete fatto ffa’ ‘na bella figura!

ANTO- Bravo! Bella mossa! M’ha gustato!...

FELI- C'ha pure el coraggio de ffa’ la sostenuta!

AMAL- (girandosi)  Che ipocrita!...C'ha avuto el coraggio de salutamme!

FELI- (forte e senza guardare Amalia) Quanno uno saluta: bisogna risponne’!

ANTO- (mezza voce) Statevi zitto! Non le dovete parlare.

FELI- Io nun stacevo a parla’ cu' lia… (forte) Mi referiscio a ‘na persona, che stamattina l’ho salutata e nun m’ha risposto. A sapello nun l’avria salutata!

AMAL- Io c'ho ‘na faccia sola e non cento, cume a te!

ANSE- Si-signora non pa-parlate con lui!

AMAL- Miga sto a parla’ cu' lu…Sto a parla’ de ‘na persona che più tempo passa e più diventa ridicola!

ANTO- (fregando le mani in segno di soddisfazione) Bene-bene-bene!

FELI- (accorgendosi) Guarda cume ce gode cussù?

ANTO- Signor Felice, vi ha detto “ridicolo”, ma io avrei voluto che vi avesse detto di più, che avesse fatto altre cose!

FELI- Essà! Che so…:  ‘na sediata 'nte la testa!...

ANTO- Magari! Dopo sentivate cosa accusavo!?...

FELI- “Tre tre e la Napoli a coppe”!

USCI- (entra e lascia passare) Entrate… Metteteve a sede lì! (verso Felì)

FELI- (vedendolo, gli va incontro) Signor Gaetano? Che galantuomo! Il galantuomo è sempre galantuomo! Ricordatevi: “Porco e pesciarolo”!

GAET- Scì! Proprio a vo’ sto a pensa’! C'ho altri pensieri pe’ la testa!

FELI- Dite-dite!...

GAET- Mi moje m’ha fatto causa e se vuole separare!

FELI- A me cu’ me frega?!

GAET- A vo’: no, ma a me: scì! (siede alla sinistra di Felì)

FELI- Vulevo dì che duma’ me pole interessa’. (siede)

GAET-Lassateme perde'!

FELI- Basta che dite che mi moje m’ha ditto: “Porco e pesciarolo”!

GAET- Nun ve la vulete capì che c'ho da pensa’ ai fatti mia?... (ad Antonio) Avvocato ce vorrà molto tempo?

ANTO- No! Penso che non ci vorrà molto.

GAET- (alzandosi) Avvocato, scusi, vi dovrei chiede’ una cosa!...

FELI- 'Ndò ndate?

GAET- Dico una parola all’avvocato.

ANTO- (andandogli incontro) Eccomi!

FELI- Perché non 'ndate de fora?

GAET- Qui è meglio!

FELI- Bene! (si alza e si frappone ai due e seguirà)

GAET-Avvocato…(allontanandosi da Felice) cerchi di accomodare la situazione tra me e mia moglie.

ANTO- Di che si tratta? Mi dica.

GAET- Dunque avvocato… (si sposta a sx) Stavo dicendo… (si sposta di nuovo a dx, ma è sempre seguito da Felì) Ma, insomma!? Che educazziò è questa? Vulete sentì a forza i fatti mia?

FELI- Io?...Io me stacevo a ffa’ ‘na passeggiata…

GAET-  ‘Na passeggiata lunga un po' lunga!

ANTO- Signor Felice, mi sta a parlare di un affare serio.

FELI- Parlate! Chi vole sape’ i fatti sua? (va a sedere) Parlate!

GAET- Avvocato, rimanga tra di no’ quello che j racconto. Dunque, mia moglie è 'ndata via de casa e m’ha lassato dapermé. Me vole ffa’ causa. Se vole separare!

ANTO- La causa di questo?

GAET- Perché, per caso, senza volerlo, si è trovata tra le mani ‘na lettera ch’evo scritto a ‘na ragazza.

ANTO- Scrivete ancora lettere alle ragazze?

GAET- Un errore de gioventù!

FELI- Avvuca’, è ncora de primo pelo!

GAET- Come ve permettete ste confidenze?

ANTO- Non state a sentirlo!... Ditemi.

GAET- Ditejelo voi a Dorotea, mi moje, che so’ pentito e che non lo farò mai più. Del resto la sodisfazziò l’altra sera, se l’è presa: m’ha sfasciato de bastonate!

ANTO- V’ha bastonato?

GAET- M’ha sdogato tutto! M’ha rotto l’umbrellì 'nte la schina! Sta spalla ancora nun la movo bene.

ANTO- (ride) Questa sì ch’è bella!...

FELI-Perché ridete?

ANTO- La moglie l’ha bastonato!

FELI- J ha menato?... (ride) Appena scappamo lu vojo raccunta’ a tutto el paese!

GAET- Avvocato vi avevo pregato di non dire nulla!... Adé lu saprà tutto el paese!...

ANTO- (ricomponendosi) Tranquillo!... Andate pure a sedere….Sistemo tutto io. (va a sedere)

GAET-Grazie, avvocato!  (va a sedere)

              Scena 4^:- Detti- Emma- Gennarino.-

USCI- (entra e verso la comune) Buccate!... Metteteve a sede là! (indica la panca, lascia il passo e rientra)

EMMA - (entra) Grazie!... (fa un cenno di saluto, a tutti, con il capo)

GAET- (vedendola, quasi si alza, restando a metà strada: gambe piegate e busto avanti…) Uh… Emmuccia!?...

FELI- Adé j pija ‘n colpo!

ANTO- (che non si aspettava la presenza di Emma) Guarda…guarda…guarda!?...

GAET- (rizzandosi e facendo un passo verso il centro scena, ad Antonio) Avvocato, scusate! Avrei da farvi un’altra preghiera!...

ANTO- (si alza e va incontro a Gaeta e tutt’e due raggiungono il centro scena) Dite pure!

GAET- (a mezza voce) Avvocato, la ragazza... è questa! A lia ho scritto la lettera!

ANTO- (quasi incredulo) Queeeeesta?....

GAET- Sissignore!

ANTO- (tra sé) Adé te sistemo io!

GAET- Cu’ ve ne pare?

ANTO-  (a denti stretti) Carina!... Andate pure a sedere!

GAET- (ritorna a posto a ritroso e siede sulle gambe di Felice) Scusate!

ANTO- (ritornando al posto) Signorina Emma, chi l’avrebbe mai detto che avremmo dovuto vederci qui, in tribunale?

EMMA- Cosa volete? Ecco cosa si ottiene a fidarsi degli uomini.

ANTO- Non vi siete fidata di un uomo, ma di un mandrillo!

FELI- Me sa che ce l’ha cu' vo’, perché quanno uno sente la parola mandrillo: sa che sete vo’!

GAET- E quanno uno sente la parola Babbuino: sa che sete vo’! Avvocato ve sete permesso de dimme mandrillo?!

ANTO- Come fa una donna a innamorarsi di uno come voi?

GAET- S’è innamorata perché io so’ tutto…

FELI- …Grazioso!

EMMA- Disse che voleva sposarmi e io a questa lusinga non guardai né l’uomo, né l’amante, né il mandrillo, ma il marito!

ANTO- (alterato) Ma guardaste il marito di una signora!

EMMA- (indispettita, si alza e fa un passo avanti) Siete un imbecille!

USCI- (entra e rimane in fondo)

GAET- (da questo momento assumerà una posa: busto avanti, sguardo verso Emma, braccio proteso con cappello supino)

ANTO- (come Emma si alza e fa un passo davanti al tavolo) Imbecille a me?

EMMA- Sì, a voi!

FELI- ( si alza e si frappone ai due) Uhé!...Nun sgaggiate!...

USCI- Psssss….pssssss…pssss…!  Signori, vi prego de nun lucca’!... De là ce sta el presidente che se sta a gambià la camigia! (esce)

FELI- E’ da ‘n’ora che se la sta a gambià!

ANTO- Questa parola me la pagherete! (torna a sedere)

EMMA- (che era tornata al posto) Ve la pagherò come si pagano tutte le vostre parole!

ANTO- (si alza) Siete una donna e non mi conviene mettermi con voi. Mandatemi una vostra persona e ce la vedremo! (siede)

EMMA- (che si era alzata a metà frase di Antonio) D’accordo! Vi manderò a mio fratello! (siede)

FELI-A me mandateme a soreta! (ad Antonio) Avvocato, pure vo’, invece de pensa’ a la causa mia… (vede Gaetano immobile, con il cappello supino, come aspettasse un soldo di elemosina…) Fate la carità a ‘n poro mandrillo!.... (siede)

GAET- (ridestandosi e sedendo) Sete ‘na cosa insopportabile!

USCI- (entra) Bocca e levate el cappello!

FELI- El garzò del bar!... (si alza e va incontro)

USCI- Mettete a sede là! (indica dalla parte di Miché)

FELI- Un momento! Scusate, Gennarino, mettete a sede vicino a me!

USCI- Questo nun se pole mette’ a sede qua!

FELI- Questo è testimone a carico!

USCI- No, è a discarico.

FELI- Allora, lassatelo discaricare qua! (lo accompagna a sedere vicino a Gaetano)

USCI- (prende per mano Gennarino) Qui nun  pole discaricare! Miga semo a la dogana?...

FELI- (riportandolo a posto) Usciere, lassatelo sta qui…E’ amico mia!

USCI- Ma nun lu vedete cume sta vestito?

FELI- Perché i testimoni se devene presenta’ cul frak e el farfallì bianco? Gennarì mettete a sede e nun lo scolta’!

ANTO- Usciere, per favore lasciatelo stare!

USCI- Cume dite vo’, avvocato! (va via borbottando e rimane in fondo)

GAET-Cuscì ete vinto vo’! Ete voluto a forza che sto straccione se mettesse a sede vicino a me!?...

FELI- Straccione? Cu’ dite? Magari sapeste vo’ quello che sa lu!

GAET- (dopo aver dato uno sguardo a Gennarì) Perché, è istruito?

FELI- Istruito? Quessu sa el fatto de lu schiaffo!

GAET- Chissà cu' me pareva che sapesse!?...

FELI- Ve pare pogo?... (poggiandosi, con le braccia, sulle gambe di Gaetano, chiama l’attenzione di Gennarì) Psss?...

GENN- (si gira e si poggia, allo stesso modo di Felì, sulle gambe di Gaetano) Dite!

FELI- ‘Rcordate da dì al Giudice, che lu schiaffo me l’ha dato talmente forte, che so’ ‘rmaso ntontulito pe’ ‘na settimana!

GENN- Va be’! ? ‘Pena ‘riva: je lu digo.

GAET- Vulete un cuscì pe’ sta’ più comidi?... (a Gennarì) E sgansate, che puzzi de cipolla!... M’appesti tutto! (a Felice) Vo’ nun j dite gnente?...

USCI- Signori, silenzio!... V’ho ditto che el presidente….

FELI- …se sta a gambia’ la camigia!

GAET- (si alza e all’usciere, indicando Gennarì) Usciere, puzza de cipolla. (siede)

USCI- (va da Gennarì E annusa l’aria) Ennà! Alzate e levate da lì!

FELI- Usciere, me pare che me state a manca’ di rispetto!

USCI- Ma nun ete nteso la puzza de cipolla?

FELI- Cu’ vole dì? Ha fatto culazziò cu' la cipolla!...Puzza de cipolla…Non puzza de cipolla!... Questo c’eva e questo ha magnato! (a Gaetano) Vo’, se nun vulete sentì puzza de cipolla: giratevi de qua! (annusa e poi a Gennarì) Tu, però, puzzi dave’ de cipolla!

 

Scena 5:- Detti- Cancelliere- Giudice- Pubblico ministero.-

Una lunga scampanellata annuncia l'entrata della Corte.

Entrano in quest’ordine: Cancelliere:- che prende posto a sx- Giudice:- al centro- Pubblico Ministero a destra.-

 

USCI- (sull’attenti- <con voce particolare> annuncia l’entrata) La coooorte!...

TUTT- (si alzano)

GENN- (da seduto a Gaetano) Cus’è me devo alza’ pure io?

GAET- (infastidito) Alzate, rmani a sede, fa quello che te pare!

GENN- (si alza) Boh!?...

RAFF- (mettendo a posto libri e carte…tra sè) Va a sape’ se mi moje s’è sgravata?... (suona il campanello che si trova sul tavolo e poi all’usciere..) L’udienza è aperta.

USCI- (alla platea) L’odienza è operta!

RAFF- (fa un cenno al Cancelliere, per dar via alla lettura.) Avaaaanti! (questo “avanti” deve essere sempre detto in modo particolare)

CANC-Rosella Paparella.

USCI- (forte) Rosella Paparella?

RUSI- (alzandosi) Presente! (siede)

CANC-Michele Pascone.

USCI- Pascone Michele?... (il silenzio prosegue per ben tre volte) Pascone Michele?.... (va verso la comune) Pascone Michele?... (va verso la platea) Pascone Michele?... (guarda mettendo la mano a visiera…Ritorna verso la corte e riprendendo il suo posto) Signor Presidente, Michele Pascone manca!

MICH- (si alza) Uéh, uéh! Chi manca? Io so’ presente.

USCI- V’ho chiamato più de ‘na vo’, perché nun m’ete risposto?

MICH- Vo’ m’ete chiamato? E quanno?...Vo’ ete ditto: “Pascone Michele e io ‘nvece me chiamo: Michele Pascone! (siede)

FELI- (prende il cappello di Gaetano e fa finta di tirarlo) Te tireria sto cappello 'nte la faccia!... Nun è l’istesso Pascone Michele o Michele Pascone?

GAET- (toglie dalle mani di felì il cappello) Ridatemi el cappello!

FELI- L’ete 'nteso?... Me sa che nun cumenciamo be’!

RAFF- Sssssss…. Silenzio!.... Avaaanti!

CANC- Emma Carcioff.

USCI- Emma Carcioff!...

EMMA- Presente!

USCI- Gennarino Fagiolino!…. Gennarino Fagiolino!... Gennarino Fagiolino?... Presidente, manca el Fagiolino!

FELI- Cusa manca-cusa manca?!... Ennà cume 'ndate de prescia!... ‘Riva e dice che manca Fagiolino!

USCI- Allora 'ndo’ sta?

FELI- (indica) Ecchilo lì!... S’è 'ndurmito.

USCI- Svejatelo!

FELI- (lo scuote) Svejete oh! Svejate!...

GENN- (desttandosi) Cu’ c’è?..

FELI- Dì: presente! Hai da dì: presente!

GENN- (stropicciando gli occhi) Presente!

FELI- (fa il cenno di un manrovescio) Sta a vede che me fai perde’ la causa!

GENN- (indica Gaetano) Io cu quessu me la duvria pija’! Ma cume, do’ compagni vanne ‘nsema pe’ ‘n’affare…hai visto che me so’ ‘ndurmito, cume cumpagno, me voi sveja’?

GAET- (si alza a metà, dando spalle e sdere a Felice e a Gennarì, arrabbiato) Cumpagni? Ma quali cumpagni? Cus’è, no’ do’ emo magnato mai 'nte lu stesso piatto?...

RAFF- Sssssss!....Ssssss!.... Silenzio!.... Avaaanti!

CANC- Dorotea Papocchia.

USCI- Dorotea Papocchia?

ANTO- (si alza) Ancora non è arrivata. (siede)

GAET- Sta a cucinare le patate!

RAFF- Questo a noi non interessa….. Avaaanti!

CANC- Gaetano Papocchia. (dopo poco comincia a dormire)

USCI- Gaetano Papocchia?

GAET- (a gennarì) Seh! Compagni!... C'hai avuto el coraggio da dì che semo compagni!...

USCI- Gaetano Papocchia?...

GAET- Un mucculò cume te se permette da dì…

USCI- Gaetano Papocchia?...

FELI- Ho, Papocchio, ve stanne a chiama’!

GAET- Eh?... (si alza) Sto qua!... Presente! (siede)

USCI-Sete qua e nun rispondete?

GAET- Ho risposto adé!...

USCI- Metteteve a sede, che nun me ne va da discore!

GENN- ( a Gaetano, aiutandosi con una mano) E sgansateve ‘n po’, che vojo vede cu’ fanne!

GAET- (alterato, sempre alzandosi per metà c.s.) Cusa voj vede? Cusa voj vede?...Te pare de sta al teatro? Sta a vede' che te cavo ‘n occhio!

RAFF- (suonando il campanello) Psssss!...Pssss!....

PUB.M- Signor Presiedente, pare che manca solo la Papocchia.

RAFF- Va bene! Cominciamo senza la Papocchia.

FELI- Miga lu so se è bene o male cumencia’ senza la Papocchia?

RAFF- Giacumì, sta de fora e ‘pena vedi la cameriera mia, me fai sape’ se mi moje s’è sgravata, se ha fatto un maschio o ‘na femmina!?

USCI- Va bene, ‘cellenza! (esce)

RAFF- (fa un segno al Cancelliere) Leggete Cancelliere. Avaaaanti!

FELI- (insieme a Raffaele) Avaaaanti!

RAFF- (scampanellata) Un po’ di silenzio, da quella parte!

CANC- In nome della legge ecc, ecc, ecc…noi, Presidente ecc,ecc, ecc…con sentenza in data 25 Ottobre ecc,ecc,ecc…

FELI- (insieme) Ecc, ecc, ecc…

CANC- ( si ferma e guarda Felice e poi Raffaele)

RAFF- (dà un’occhiataccia a Felice e poi…) Avaaaanti!

FELI- Pare el bijettaio del tram: “Avaaaanti”!

CANC- …Autorizziamo la signora Amalia Siosciammocca, nata  Maruzzella, a provare i seguenti fatti:…

GAET- Ma come, ve sete 'ndato a spusa’ ‘na Maruzzella?

FELI- Imbéh? El cognome è quessu, cu’ ce posso fa’?

GAET- Pe’ me, pure el cognome ha da esse’ bello!

FELI- Scì, che el vostro è bello: Papocchia!

GAET- Almanco quanno lu dighi te rimpe la bocca: Papocchia!

RAFF- (sostenuto) Pssss!...Psssss!...

FELI- Al Giudice j perde el rubinetto! Psss…pssss!

RAFF- Avaaanti!

FELI- Prossima fermata “Piazza dei Galli”!

CANC- …A provare che il signor Felice Sciosciammocca voleva farla morire di freddo, perché voleva che nel suo letto avesse tenuto la bottiglia di acqua calda, usata da molti come “scaldaletto”!

FELI- Quessu nun è vero!

ANTO- State zitto!

RAFF- Avaaanti!

CANC- Per questo nacquero mille dispiacenze, causate sempre dal marito, il quale volve financo affittare una casa, fatta fabbricare dalla madre della signora Amalia, a certa gente che l’avrebbero fatta discreditare.

EMMA- Oh, questo poi! …E’ inaudito!

RAFF- (dolce scampanellata) Pssss….!

FELI- Senti? A culia je l'ha fatto <morbido-morbido>!

RAFF- Avaaanti!

FELI- (insieme) Avaaanti!

CANC- Secondo: che il signor Sciosciammocca, non contento di far morire di freddo la signora Amalia, voleva, perfino toglierle il sonno, e, per questo pagava certa gente, affinché ogni mattina facessero fracasso sotto la finestra, sì da costringere la signora suddetta a levarsi, perché non poteva più dormire.

FELI- Non è vero! Questo lu faceva lia a me.

ANTO- Statevi zitto!

FELI- Nun se pole sta zitti davante a ste bugie!

RAFF- (scampanella) Smettetela!... Ma chi è l’avvocato di questo signore?

ANTO- (alzandosi) Sono io, Eccellenza!

RAFF- Mi faccio meraviglia di voi, che non gli dite niente!

ANTO- Gliel’ho detto, Eccellenza! (siede)

RAFF-Che educazione è questa?... Ve l’ho detto per la prima, ve lo dico per la seconda…

FELI- …per la terza è venduta al signore!

RAFF- (spazientito) Va a finire che faccio sgombrare l’Aula, così la causa ce la facciamo da soli!... Oh! Sia fatta la volontà del Signore! Avaaanti!...

FELI- (dirà “avanti” muovendo solo la bocca)

CANC-Terzo: che il signor Sciosciammocca, tormentava la signora Amalia, ora per una cosa, ora per un’altra, specialmente nell’ora della colazione e del pranzo. In ultimo: l’aveva fatta priva di ogni divertimento lecito e onesto.

               Scena 6^:- Detti- Dorotea.-

USCI- (entra di corsa) ‘Cellenza!.... ‘Cellenza!...

RAFF- (alzandosi) Giacumì, cus’è?

USCI- ‘Na femmina.

RAFF- (siede distrutto) ‘N’antra femmina?... Sette e una otto!

USCI- Cus’ete capito, ‘cellenza?... De fora ce sta ‘na femmina che se chiama Dorotea Papocchia. 

RAFF- Te pudesse venì!... M’hai fatto pija’ ‘n colpo!... Falla buccà e ‘rtorna de fora!

USCI- (va alla comune) Favorite!...

DORO- (entra, guardando a dx e a sx e fermandosi…) Signori mia, salute a voi!

GAET- So’ ‘rivate le bastounate!

DORO- (a Gaetano) Te ce sai meso de rimpetto, è ve’?... ‘Appena scappamo, te rompo le gambe a te e a essa!

GAET- Cus’evo ditto?

RAFF- Avanti il primo testimone.

PUB.M- Emma Carcioff, venite!

EMMA- (va alla “Ruota” e così Dorotea prenderà il posto di lei)

GAET- ( rivolto a Emma) Che caminata che c'ha!?...

RAFF- Voi siete la Carcioff?

EMMA- Sissignore!

RAFF- Mi pare che fate la ballerina!?...

EMMA- Sì!

RAFF- Brava! Mi piacciono tanto le ballerine! Lo sapete che vengo a vedervi tutte le sere? Ho un posto in prima fila…Non mi avete mai notato?

EMMA- No! Non ho fatto caso…

RAFF- Vi guardo con un binocolo grosso così!

FELI- Fortuna che sta in prima fila!

RAFF- (ricomponendosi, dopo dei piccoli colpi di tosse, fa cenno p. m. di procedere)

PUB.M- (porgendo la Bibbia) Dite di dire tutta la verità, nient’altro che la verità.

EMMA- Lo giuro.

RAFF- Che sapete di questo signor Sciosciammocca e di sua moglie?

EMMA- Niente! So solo che sono i proprietari di una casa in vicolo Baglivo.

RAFF- Questa casa voi la volevate affittare?

EMMA- Sì, perché era vicino al Teatro, dove sono scritturata.

DORO- E s’era raccumannata al cassiere sua! (riferito al marito)

RAFF- (tra sé) Ecchene ‘n’antra! (campanello, poi a Emma) Perché non l’avete fittata?

FELI- No, io la vulevo affitta’!

RAFF- (prima dà una scampanellata e poi fa il gesto di tirare il campanello)

FELI- (si abbassa)

GAET- ( si abbassa pure lui) State zitto! Quello se sbaja e pija a me!...

RAFF- Sapete niente di come, questo signor Sciosciammocca, trattava la moglie?

EMMA- No! Di questo non so niente.

RAFF- Allora, visto che non sapete niente:…(porge la mano)  potete andare.

EMMA- Grazie! (si avvia alla comune)

RAFF- Ricordatevi di guardarmi la sera!...

EMMA- Sì!... (saluta con piccolo cenno del capo) Signori?!... (esce)

PUB.M- - Rosella Paparella!

RUSI- (si alza) Presente!

PUB.M- Venite avanti!

RUSI- Eccheme!

FELI- Rusì, se parli a favore mia te fago ‘na veste nova!

RUSI- Va be’!

AMAL- Io te fago tutta la dote!

RUSI- Va bene!

PUB.M- Dite di dire tutta la verità, nient’altro che la verità.

RUSI- Lo giuro.

RAFF- Voi siete la cameriera del signor Sciosciammocca?

RUSI- ‘Cellenza, scì!

RAFF- Brava! A me piacciono le cameriere!

FELI- A quessu je piacene tutte!

RAFF- (in confidenza) Se per caso andate via dal signor Sciosciammocca, fatemelo sapere: vi prendo io a servizio!... Beh! Sapete niente se i vostri padroni si contrastavano?

RUSI- Sempre! Ogni minuto.

FELI- Bene! (dicendolo dà una manata sul cappello di Gaetano)

GAET-Porca!... M’ete ruvinato el cappellì!

FELI- Scusate! E’ stata ‘na mossa de piacere.

GAET- Ma che piacere? Ve pare che m’è custato ‘na lira?

RAFF- Mmmmmm!!!!….…Mmmmm!!!!.....

FELI- Cus’è è buccata ‘na vacca?

RAFF- Cos'è questo mormorio?... (alla teste) Sapete niente dello scaldaletto?

RUSI- No! De lu scaldaletto nun ne so gnente!

RAFF- Chi era la causa del contrasto: la moglie o il marito?

RUSI- (guarda ora l’uno, ora l’altro…) Nun lu so! Quanno ‘rivavo io serane già ‘taccati!

RAFF- Va bene!

PUB-M- Tornate a posto, potreste essere richiamata.

FELI- J duvevi dì ch’era stata lia!

AMAL- La dote te la poi scurda’!...

GAET- ( a Gennarì, che s’era addormentato sulla sua spalla) Nun  t’endurmi’ ‘n’antra vo’!

PUB.M- Gaetano Papocchia!

GAET- Hai capito? Svejete, che tra pogo te chiamene!

PUB.M- (quasi gridando) Gaetano Papocchia?

GAET- T’ho ditto da svejatte! Svejate sennò te dago do’ melancia’!...

PUB.M- Gaetano Papocchia?

FELIC- Oh, ve stanne a chiama’!

RAFF- Ci sta o nò questo Papocchia?

GAET- ( si alza) Presente!.... Sto qua!

RAFF- Siete sordo o ci fate?

GAET- Nonsignore, ci sento bene.

PUB.M- Allora, venite avanti!

GAET- Me vulete là?

RAFF- Volete che venga io?

GAET- Nonsignore!

RAFF- Allora: venite.

GAET- ( si avvia e quasi si ferma vicino a Dorotea facendo dei segni di “pentimento”, ma…)

RAFF- (batte forte il martello sul tavolo)

GAET- (si spaventa…)

RAFF-Volete venire o nò?

GAET- Eccomi!

FELI- (a mezza voce) ‘Rcurdatevi: “porco e pesciarolo”!

GAET- (appena vicino alla Ruota) Porco e pesciarolo!

RAFF- (arrabbiato) Uhé! Chi è porco e pesciarolo?...

FELI- Che ciambotto!?...

GAET- Scusate! E’ quello lì che…

RAFF- Silenzio!...

PUB.M- Giurate di dire tutta la verità, nient’altro che la verità. Dite: “lo giuro”!

GAET- (guarda preoccupato la moglie e mette la mano sinistra sulla Bibbia) Lo giuro.

PUB.M-Con la mano sinistra giurate?

GAET- (a Felì) Cu’ la mano sinistra me fate giura’?

FELI- Cusa ne so io?

GAET- (mettendo la mano sul calamaio) Lo giuro!

RAFF- Sul calamaio giurate?

GAET- ‘Ndo’ la devo mette' sta mano?

FELI- Io ce lu so 'ndo’ la duvete mette’!

PUB.M- Qua! (indica la Bibbia)

GAET- Giuro.

RAFF- La casa del signor Sciosciammoca, la volevate affittare voi?

GAET- Sissignore! (fra sé) Appena scappo, mi moje me rompe le custarelle!

RAFF- Questa casa però non serviva a voi, ma alla signorina Emma Carcioff!

GAET- E’ fatta!... (piano verso il Giudice) Sissignore!

RAFF- Che avete detto?

GAET- (c.s.) Sissignore!

RAFF- Gridate, non vi capisco!

GAET- (piano) Signor Presidente, c’è mia moglie e non vuria ffa’ sape’…

RAFF- Che mi importa di vostra moglie? Lo debbono sentire tutti!... Serviva per la ballerina Emma Carcioff?

GAET- (rassegnato) Sissignore.

DORO- Giuda e fariseo! ‘Pena de fora te sgranfigno tutto!

RAFF- Silenzio!... Quando andaste per affittarla, il signor Felice stava bisticciando con la moglie?

GAET- Sissignore.

FELI- Signor Gaetà, adé viene!

GAET- (a Raffaele) Adé viene.

RAFF- Chi viene?

FELI- El porco.

GAET- El porco!

RAFF- Viene il porco qua?

GAET- (a Felì) Viene el porco qua?

RAFF- E chi lo porta?

GAET- (a Felì) E chi lo porta?

FELI- El pesciarolo!

GAET- (a Raffaele) El pesciarolo.

RAFF- Il pescivendolo porta il porco qua?

FELI- No, la moje!

GAET-( a Raffaele)  No, la moje!

RAFF- La moglie porta il porco?

FELI- No, la moje chiamò porco…

GAET- (a Raffaele) La moje chiamò el porco.

FELI- …e pesciarolo…

GAET- (A Raffaele) …e pesciarolo…

RAFF- La moglie chiamò il porco e il pescivendolo

FELI- No, a me-a me!

GAET- No, a lu'-a lu'!

RAFF- A lui?...(a Felì) Ma voi cosa state impasticciando? (spazientito a Gaetà) Se pole sape’ chi porta sto porco?

GAET- Non lo so, ma so che si dissero delle parole improprie, lui-a-lei-e-lei a-lui e alleluia tutt’e due!

RAFF- Va bene, ho capito. Andate a sedere!

GAET- Grazie signor Ministro! (si avvia al posto) 

FELI- (a mezza voce) Presidente.

GAET- (restando dove si trova, quasi al centro scena) Grazie, signor Presidente!

FELI- Cavaliere Presidente.

GAET- Grazie, signor Ministro Cavaliere Presidente!

RAFF- (arrabbiato) Sedetevi!

GAET- (va a sedere di corsa)

PUB.M- Dorotea Capocchia.

DORO- Eccomi quane! (va alla Ruota)

PUB.M- Giurate di dire tutta la verità, nient’altro che la verità. Dite lo giuro.

DORO- Lo giuro.

RAFF- Che sapete voi di questo signor Sciosciammocca e di sua moglie?

DORO- Chi l’ha canosciuti mai, signor Presidente?

RAFF- Allora non sapete niente?

DORO- Gnente di gnente.

RAFF- Allora, come mai siete qua? Perché siete venuta?

DORO- Ardate che bello cussù!?... Me c’ete chiamata vo’!...

USCI- (entra in scena)

DORO- So’ venuta, pe’ divve che mio marito me tradisce pe’ una “Scarcioffola”! (arrabbiata, verso il marito) Ma io so’ bona a sbramaje la faccia a ’ssa busbana! Fammela ‘ncuntra’: la pijo pe’ i capelli e la sdrasgino pe’ tutto el paese!

RAFF- Oh, oh, silenzio! Basta!

USCI- (va da Dorotea e gli si mette alle spalle e ogni tanto per calmarla la tocca)

DORO- None! Nun ce stago zitta! Semo tutti qua pe’ esse’ giustiziati!

RAFF- Scì, adé chiamamo el boia!...

USCI- (prendendola per un braccio, cerca di accompagnarla al posto) Prego! Metteteve a sede!...

DORO- E’ mezz’ora che tocchi. Giò le ma’!

USCI- Che tocco?... Metteteve a sede!

DORO- Ardate cume strigne sta giuvetta? Uhé, nun è che te voi pijà qualche passaggio?

USCI- Cu’ state a dì?

DORO- So’ ‘na donna onesta io!

USCI- Me pipavo i passaggi cu' vo’? Scì, che sete bella!...

DORO- Sai bello tu, bruttu ciambotto!

USCI- Certo che a lengua state be’!... Metteteve a sede.

DORO- Nun me ce metto a sede. Vago via da sto posto de perdizziò! Chi tocca de qua e chi tocca de là… (al marito) A te te spetto de fora! Te vojo fenì da sfascia’!

GAET- (piagnucolando) Ce lu sapevo che ce 'ndavo de mezzo io!

USCI- Oh, nun ve la vulete capì che nun pudete 'nda’ via? El Presidente ve deve fenì da interruga’?

DORO- E va be’!... (tornando al posto) Me metto a sede… ma nun me tuccate, sennò ve pijo a bucattò!... (al marito) Tanto, prima o poi da chì duemo scappa’!... (siede)

PUB.M- (si avvicina a Raffaele e gli parla sottovoce- Raffaele fa un cenno d’assenso col capo…) La parola alla difesa.

ANSE- ( si alza e viene davanti al tavolo) Usciere!?

USCI- Comandi.

ANSE-  Usciere, la to-toga!

USCI- Subito! (aiuta Anselmo ad indossarla)

ANSE-Signor Presidente, que-questi ci ba-bastano. Gli altri te-tè te-testimoni si po-possono interrogare do-dopo!

RAFF- La parola a lei Avvocato.

ANSE- (beve e dopo…) Signor Presidente, signori <ciucci>…giudici, qui non si tra-tà…tra-tà…tra-tà…

FELI- Cumenciane i foghi!

ANSEL Qui non si tra-tratta di fare la ca-ca…la ca-causa per un  omicidio prepé-prepé-prepé….

FELI- Burubùm-burubùm-burubù!...

RAFF- Silenzio! Avaaanti!...

ANSE- Pre-premeditato, con assassinio, ma soreta-se-gratta…

FELI- E frateto se liscia!

ANSE- Qui non si tratta di una povera mo-moglie sventurata, che viene davanti a voi, signor <Puzzolente>….signor Presidente, per provare con i fatti le torture che le dava co-cò…co-cò…

FELI- Sta a ffa' l’ovo!

ANSE- Che le dava co-continuamente suo marito. Quello che ha detto la Pa-pa-paparella, ci prova tutta la sua colpa e il signor Papocchia, uomo <impotente>…

GAET- Questo no! Lo giuro.

ANSE- Uomo imponente e incapace di me-mentire. Poco fa ci ha detto che <qua-quarant’ove>…

FELI- So' troppi pe’ ffa’ ‘na frittata!

ANSE- Qua-quand’andò per fittare la ca-casa: vide che il signor Sciò…sciò…sciò…

FELI- Pussa via!.... Sciò!

ANSE- Sciosciammocca, bisticciava con la moglie e si dicevano pa-parole in <brodo>…

FELI- No, le stami a ffa’ al forno!

ANSE- Si dicevano pa-parole improprie. La suddetta Pa-parella, come cameriera della ca-casa e donna <salata>…salariata, poteva dire che i suoi padroni si co-contrastavano ogni minuto, ma <nonna-nonna…>

FELI- (canta) …Nonna nò- sto bambino a chi lo do….

ANSE- Ma no, ma no! Essa venne a dirci che il signor Felice e la moglie bi-bisticciavano sempre. (pausa) Signor Presidente se preme a voi giustizia, potete credere che que-questi co-contrasti venivano per <secula-e-secula…>

FELI- Seculorum, amene!

ANSE- Sempre da parte della moglie? E chi-chi-chi….

FELI- Canta el gallo!

ANSE- E chi non sa che la donna e assai più debole dell’uomo? Gua-guardatela! Guardate que-questa donna e <ciucciate>… giudicate voi pre-presidente, se in quel viso può esservi malvagità? (crescendo) Essa non è col-pepe…

FELI- E’ col sale!

ANSE- Essa non è colpevole. Ora, signori miei, ditemi chiaramente chi di voi non ha <corne>…

FELI- Se parlamo de corna ‘ndamo tutti in galera!

ANSE- Chi di voi non ha cuore? Chi ha sangue nelle vene, non può che darle rarà…rarà…rarà…

FELI- (imita il ragliare del somaro) Sscccc-fruuuuu….Sscccc-fruuuuu….ià-ià-ià!...

ANSE- …Che darle ragione! E qui-qui-qui…

FELI- Quì <bibini> qui…

ANSE- (risentito) Ma volete fare silenzio? Do-dove vi pare di essere?

RAFF- Fate silenzio e non interrompete!

FELI- Scusate, signor Presidente, ma cussù, fin’adé, nun ha ‘chiappato ‘na parola!

ANSE- Abbiate pazienza! Mi s’è <’mpuntata> la lingua!

FELI- La lengua? Vo’ 'nte la bocca c’ete ‘na matassa ‘mbrujata! Cuscì se ffa’ l’avvocato?

ANSE- Come sarebbe? Vuoi vedere che dopo tant’<aglio>…

FELI- …e tanta cipolla…

ANSE- Dopo tant’anni, ho da da’ conto a lu' se fago l’avvocato? (si ricompone) Dunque! Concludo, signor Presidente. Se dovete dare una <pera>…

FELI- Datejela grossa!

ANSE- Se dovete dare una pena: o che l’amalgami o che l’assolva! (va a sedere) Oh, è fatto!...

ANTO- (si alza) Signor Presidente, vi chiedo di ascoltare gli altri testimoni.

RAFFA Concesso. Pubblico Ministero?

PUB.M- Michele Pascone.

MICH- Ecchime!

PUB.M- Dite di dire tutta la verità, nient’altro che la verità. Dite. Lo giuro.

MICH- Lo giuro.

RAFF- Siete il cameriere di casa Sciosciammocca?

MICH- Eccellenza,scì!

RAFF- Che sai tu dei tuoi padroni?

MICH- Che facevane sempre cagnara.

RAFF- Lo scaldaletto chi l’ha posto nel letto: il marito o la moglie?

MICH- La moglie.

AMAL- (si alza) Non è vero, signor Presidente.

FELI- (si alza) Lassa parla’ el testimone!

ANTO- Lasciatelo finire.

DORO- (si alza e al marito) Uhè, cul’omo?...De fora famo i conti!

GAET- (si alza) Perdoname!

                  Tutti -parlano a soggetto - Raffaele impone il silenzio e quando ritorna la calma.

USCI- (entra di corsa) Eccellenza-Eccellenza!?...

RAFF- (si alza) Che c’è Giacumì?

USCI- Vostra moje s’è sgravata!

RAFF- Ha fatto un maschio?

USCI- No!

RAFF- ‘Na femmina ?

USCI- No!

RAFF- E cusa ha fatto allora?

USCI- Do’ femmene!

RAFF- (sedendo distrutto) Sette e do’ nove! (si rialza e cominciando a raccogliere gli incartament) Signori, scusate, ma debbo andare a casa. L’udienza rimane sospesa, minimo per un’ora!

AMAL- Signor Presidente, sto testimone è un bugiardo.

RAFF- Va bene! Se è un bugiardo, quando torno, lo mando diritto-diritto in galera.

MICH- No, che galera? Ve digo tutta la verità. So’ stato io a cumbina’ tutto! La buttija de l’acqua calda: ce l’ho mesa io 'ntel letto. I sonatori de grancassa: ce li facevo venì io. Ho cumbinato tutto io.

FELI- Cosa? (senza volere dà un <pestone> al piede di Gaetano)

GAET- (saltella dal dolore e saltellando raggiunge Dorotea e chiede perdono) Ahio! El callo!...Che dulore!...

AMAL- Ma dimme almeno perché hai combinato tutto questo?

MICH- Perché, el padrò, prima de spusasse me trattava be’… Dopo che s’è spusato nun è stato più come prima. Allora, ho cercato tutti i modi pe’ favve separa’!

AMAL- Adé se spiega tutto!

FELI- Disgraziato, pe’ colpa tua stacevo a perde’ sto tesoro de moje!... Amalia, me perdoni?... (si abbracciano)

MICH- Signora, perdunate pure a me!

FELI- Va via! Nun te vojo più vede'.

AMAL- Felì,io t’ho perdonato….perdona pure tu.

FELI- (a Miché) Te perdono solo perché me l’ha ditto lia! (vedendo Gaetano e Dorotea vicini) Vo’ do’ ve sete rappacificati?

GAET- (che tubava) Lassatecce sta! Nun ce disturbate!

DORO- Non lo vedete che me sta <scorticando>?

EMMA- (entra) Scusate ma ho lasciato qui…

GAET- (lascia la moglie subito, verso Emma) Cosa avete lasciato? Vi posso aiutare?

DOROT (alzando l’ombrellino) E io te posso menare?... (comincia a dare colpi sulla schiena di Gaetano, rincorso da Dorotea e da tutti… mentre cala la tela.)

S I P A R I O

Loreto-06-05-1986.                                                                    Paolo Torrisi

GLOSSARIO

Accada-'N-: Bisogno- Non c'è bisogno che..

Accenno- Segnale...d'intesa.

Adè- Adesso.

Almanco- Almeno.

Amor del conto- Fare la conta...per vedere a chi tocca...iniziare...

Annaulo- Affitto- (casa annaulo – casa in affitto)

 Anco'- Ancora.

Avriane- Avrebbero.

Babano- Fesso- Sciocco...

Bacata- Malata- Marcia- Guasta.

Badavi- Guardare con attenzione, badare...

Bagnoli- Inutili “impacchi” d'acqua.

Balza- “Carico di briscola” (valore più alto di “Briscola” - Asse-)

Bardascio- Ragazzo. Giovanotto.

Becicche- Mucose negli occhi

'Bedisci- Ubbidisci.

Biastimato- Bestemmiato.

Brignoccula- Protuberanza, causata da colpo, battuta, pugno...

Brusciolo- Foruncolo.-

Bruscolini- Semi di zucca.

Bucattò- Schiaffo.

Buccare- Bocca- Buccato- Entrare- Entra- Entrato...                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                         

Bucculotto- Maccherone. (tipo di pasta)

Bugiò- Bugiardone...grande bugiardo.-

Burbuja'- Borbottare-

Ca’- Cane… Poro ca’- Povero cane…

Caciara- Confusione- Parlare a voce alta fra tutti.

Cagnara- Litigio- Bisticcio.

Cago'- Tipo che si dà delle arie.

Calchidu'- Qualcheduno.

Calco'- Qualcosa-

Calzo'- Calzoni – Pantaloni.

Cambura- Camera.

Canna-foja- Canna de granturco, mais.

Capezzo- Non capire dove è il “principio” o la “fine” = “niente”.-

Capisciò- Saputone.

Capistorno/i- Capogiro/i.

Careggia'- Portare..da un posto ad un altro... Trasportare...

Cegato- Cieco- (in questo caso “chiudere gli occhi: “segno di gioco)

Cenigia- Cenere-

Ceregio- Ciliegio.

Chiuppa'- Battere- ...Chiuppamo- Battiamo.

Ciaccare- Schiaccare-

Ciaccato- Schiacciato – Acciaccato...

Ciaccio- Balbuziente.

Ciambotto- Stupidotto- Sempliciotto-

Ciancico- Mastico- (ridurre in poltiglia, pezzettini...)

Ciauscolo- Salame...morbido. (tipico delle Marche)

Cianchetta- Sgambetto.

Cioccio- Pietra

Cionche- Offese- Malate- rattrappite...

Ciuffulotto- Schiaffo.

Clacchesso- Clacson... (ti suono il Clacson )

Co’- Cosa.

Coccio- Creta.

Colco- Coricato.

Concule- Cozze- Muscoli. Detto marchigiano: “Arridaje a chi vole le concule!”

Crescia- Pizza di pane (senza pomodoro e formaggio: solo farina)

Creso- Creduto- Credere.

Crocchia- Tupé...Capelli arrotolati su, dietro o lateralmente ala testa.

Cruciera- Crociera di croci- (Non “Crociera - nave”) Cruciera”: gruppo di dodici corone da Rosario, lavorate, assemblate, dalle donne lauretane dette “Coronare”.

Cu'- Con.

Cuj- Quei.

Cule- Quelle.

Culia- Quella.

Culù- Quello.

Curatelle- Viscere- Interiora in genere...

Curdo'- Esclamazione volgare... sta per “Curdone”=Coglione.

Dago- Do... (dare)

Daperlu'- Da solo.

Dapervo'- Da soli. (solo voi)

Dapresso- Da solo.

Dimo- Diciamo.

Do'- Due.

Emo- Abbiamo.

Ennà!- Orca!...Guarda un po'?!...

Essà!- E già!...Certo!...

 Esse'- Essere.

Evo- Avevo... (avere)

Fago- Faccio... (fare)

Fantiole- Tremori di corpo. (tremori dovuti ad Epilessia)

Fiotto- Lamento- Brontolio-

Fracco- un Sacco...di bastonate. Tante...

Frinfinellu-Piccolo segno di “briscola” (gioco di carte)

Fuga- Premura -Fretta. (da “Fuggire: Sono andato via di “fuga” = di “corsa”)

Fugaro'- Falò.

Furestego- Forestiero.

Galastro'- Cappone. Gallinaccio.

Galito- Rauco- Con poca voce-

Giaccene-'N: Ghiacciano...diventare fredde.

'Gnà- Bisogna. 

Gnagnera- Lamento- pianto...

'Gne'- Niente. 

'Gnico'-Ogni cosa. Gricilli- Budella- Intestini.

Gnogna- Stupida.

Grasciari- Sporchi...posti sporchi...posti per porci.

'Guali- Uguali.

Gùatti- Gatti. (riferito al pesce “gatto”) Pronunciare gutturalmente “gù...”

Guzzo- Fine- Appuntito-

'Nguezzu- Pratico. ('ngezzu de sti posti = pratico di questi posti)

Imbescigamo- Vescichiamo- (da Vescica, gonfiore, “bolla sulla pelle con liquido..., provocato da “botte” ricevute)

Imbioccare- Addormentare…

 Incaprinita- Interstardita...come una “capra”.

Jezu- Gesù. (esclamazione)

Lappa- Noiosa, pesante... (cosa o, meglio ancora, persona che non si sopporta: noiosa, pesante...)

Lattarina- Bianchetto (larva di pesce)

Lenza- Furbo. (...che tipo furbo = che “lenza”!)                                                                                                              

Lia- Lei e non  nome di persona: “Lia”.

Limo'- Limone-

Line- Lì.

Lora- Loro..

Lu'- Lui.

Lu- Lo.

Luccare- Lucca'- Gridare.

Luccato- Gridato.

Lupi'- Lupini.

Lupo marano- Licantropo (comportamento da lupo)

Luzeno- Fulmine.

Ma'- Mani.

Madò- Mattone.

Mammana- Ostetrica- Levatrice.-

Mammò- Mammone.

Marifresca- Donna di poco affidamento- Si usa come dispregiativo.

Matine- Mattina- (E 'na matine!: esclamazione)

Matre- Madre.

Matrò- Nervoso.

'Mbilla'- Alzare su la cresta. Non ti muovere tanto.

Melancia'- Melanzana- (ti do un “melancia'”: uno schiaffo che ti faccio diventare la faccia viola come una: “Melanzana”)

Melangula- Cetriolo.

Mijanno- Mille anni...che non ti vedo!

Mogia- Malta...fango...poltiglia...

Mojole- Pinze. (caratteristico attrezzo a forma di “pinze” con punte arrotondate, adatto alla lavorazione del fil di ferro usato dalle “coronare”, per le corone da Rosario.)

Mosca-sciò- Via le mosche:  “Nulla da dire sul mio conto”.

'Mappava le zille- Freddo per tutto il corpo... nfredolito...

'Mpastrucchia'- Pasticciare.

'Mpiccia- Occupata da qualcosa... Confusa sul da fare...

'Mpunta'- Balbettare.

'Mpustate- Piazzate...messe...impostate...

Mucchia- Tanto-

Mugelle- Cefali (pesce)

Munelli- Bambini- Ragazzi.

Musciò- Musone: fiume-

Musciuli'- Moscefrino.

'Nciccia'- Piace... Nun m'enciccia= Non mi piace.

Nndrizza'- Raddrizzare. ('ndrizza' la schina=aggiustare in senso negativo: rompere)

'Ngriccia'- Arricciare.

'Nguezzu- Pratico. ('ngezzu de sti posti = pratico di questi posti)

'Necorto /a/ e...- Accorto.

'Nfrucchia'- Inventare.

'Nfuligina'- Arrabbiare.

Ni' o Ninì- Usato come: Oh, bello, te la vuoi capire?... Oh “Ninì”, chi ti credi di essere?

Nisciù- Nessuno.

No'- Noi.

Noja- Solletico.

None- No.

Noneto- Nonno tuo...tuo nonno.

'Ntasata- Tappata- Ostruita.

'Ntrica'- Intricare- imbrogkiare- rendere difficile-

'Nvuricchiata- Intrecciata....Imbrogliata-

'Nzocca- Stordisce.

O'- Avanti....Oltra-

Oltra- Avanti...oltre. (vieni “oltra” . A volte si trova solo una “O” abbreviata da un apostrofo “ 'O”: vieni o'... )

Onne- Onde.

Onnico'- Ognicosa.

Pa’- Pane

Pescolle- Pozzanghere.

Pia – Piedi.

Pina- Piena.

Pipitula- Foruncolo...che viene sulla lingua...che fa stare “zitti”.

Pista…Ari-pista- Ritornare sull’argomento…Continuare a “pestare”…

Pitale- Orinale- Vaso da notte.-

Pole- Polene- Può- Possono.

Per' 'o- Per “uno”... “Un po' per uno”.

Poro-  Povero.

'Porta- Comporta- 'Portare-Comportare.

Prescia- Premura – Fretta.

Purtinnari- Portorecanatesi.

Pustà- Può essere.

Rabbito- Arrabbiato.

'Raccojemme- Raccogliere /...rmi.

Raganella- Rana- Ranocchia.

Ragano- Rospo-

Rancichita- Rancida.

'Rcapezza- Orizzontarsi su una cosa... Non ritrovarsi... Non capire...

'Rinale- Vaso da notte – Orinale.

'Rmaso- Rimasto (rimanere).

Roito- Urlo-

Rumiga'- Ripensare mugugnando... Borbottare...

Quane- Qui.

Quessu /a – Questo / a.

Sa / Sa me / Sa lù-  Con… Con me… Con lui…

Sai- Sei (dal verbo essere) Es. Sai solo-sei solo… (dipende dal significato che acquista nel contesto della frase)

Salva'- Nascondere- Conservare...non in vista...

Saria...Sariane- Sarebbe..Sarebbero.

Sbarillò- A gambe all'aria- (andare oltre il “Sette e mezzo” del gioco a carte)

Sbocca- del “Musciò) Dove sbocca il fiume Musone.

Sbragiulasse...sbragiulare- Arrostirsi (in questo caso:abbronzarsi) ... Arrostire

Scapecciamme- Spettinarmi.

Scappa'- Uscire di casa... (secondo il senso della frase)

Scarpire, scarpisseli- Strappare...strapparseli (si usa perloppiù per i “capelli”)

Scassa'-  Scassare-Cancellare.

Sciagatta'- /...are- Muoversi inutilmente

Sciapata- Sciapo- Stupidata- Stupido- Sciocco...

Scine- Sì-

Sciuccata- Seccata.

Scuffia- Copricapo di lana...può essere usato per la montagna o a letto nelle nottate fredde.

Scunfinfera- da: convincere... Nun me scunfinfera =Non mi convince

Scunucchiamme- Romper-mi-; Ridur-mi a pezzi.- (come una sedia che si rompe sotto un peso)

Sdingula-dandula- Altalena.

Sdogo- Slogo- slogare.

Sdrimbulo'- Convulsioni (ballo di S.Vito)

Sete- Siete. (secondo la frase.  “Sete” es. “Ho sete”o verbo essere: sete bugiardi...)

Sfragno- Spremo- Spremere...

Sgaggiare- Sgaggia'- Gridare.

Sgardaffo'- Uomo brutto, malvestito, malsano...(dispregiativo)

Sgarfagnini- Ladri-

Sgnagnerà- sgnagnerare- Poco piacevole... non gli interessa tanto...di poco gradimento

Sgraffigna-Gratta.

Sj- Sei. (sj stato tu...)

Smateria'- Parlare male...volgare...da matto... (Fuoruscita dal cervello di materiale non consono...)

Sogna-  Grasso animale... (Sogna rancichita = Grasso rancichido)

Spegne- Spegne da: Spegnere.

Spegnemme- Spinger-mi – da:  Spingere  e non “Spegnere”.

Spenta- Spinta- da: Spingere e non Spenta da: Spegnere.

Spi’- Spine. Me tieni su i “spi?”- Mi tieni sulle spine.

Spinarelli- Bollicine che vengono sulla pelle dovute alla “Varicella”.

Squajo- Cioccolata calda.

'Ssa- Questa. (Abbreviazione di: “Quessa” = “Questa” donna)

'Ssu- Questo.

Stago- Sto... (stare)

Storni- Ritorni... Stornare- Ritornare.

Strabaltata- Sottosopra...il cervello- Non capire più niente.

Stracco-Stanco.

Struccava- Spezzava- Struccare può assumere altri significati es. Togliere il trucco.-

Sumenti- Semi (in romano: “Bruscolini”)

Svaga'- Svuotare... .

'Svanza- Avanza...da Avanzare.

Tajuli'- Tagliatellina- (tipo di pasta:Tagliatelle)

Tigna- Testardaggine.

Tizzo'- Tizzone -Pezzo di legno infuocato (da camino...) -

Totulo- Ciò che rimane di un “mais” dopo ch'è stato sgranato.

Trusmarì- Rosmarino.

Vago- Vado... (andare)

Valtri- Voialtri.

Vento- Vinto.

Vo'- Voi.                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                      

Velle- ...in “velle”- Da nessuna parte...In nessun posto...Per niente...

Vuria- Vorrei      

Zanzule- Ciabatte.

Zero garbunella- Zero completo, tagliato... Nulla nel modo più assoluto-

Zompene- Saltano- Zompare- Saltare.

    Questo copione è stato visto
  • 0 volte nelle ultime 48 ore
  • 0 volte nell' ultima settimana
  • 0 volte nell' ultimo mese
  • 0 volte nell' arco di un'anno