Ludovico ultimo atto

Stampa questo copione

LUDOVICO ULTIMO ATTO

commedia in due atti

di

Alberto Ticconi

Alberto Ticconi 101752

Opera depositata il 26.04.1996

823800A

Personaggi: Ludovico Grandialtezze

Pasqualina Lotroncato

Santina Purissima in Grandialtezze

Gegé Losciupafemmine

Zia Antonia

Peppino il postino

Marietta

Felicissima

Commissario Magné

Io penso che gli uomini non abbiano sentito

né punto né poco la potenza di Eros (Amore),

perché se la sentissero,

gli dedicerebbero i maggiori templi ed altari

e gli offrirebbero i maggiori sacrafici..."

dal discorso di Aristofane, Cap. XIV Simposio, di Platone.

Dedico questo mio lavoro a mia nonna Antonia, contadina di un tempo, che con il suo affetto e la sua intelligenza mi ha permesso di assaporare tutte le GRANDI ESSENZE delle sue meravigliose radici, e a cui resterò legato per sempre.

PROLOGO

Entra in scena la signora Lotroncato e va a sedersi a una

scrivania che è al centro del proscenio, davanti a un

operatore con telecamera.

PASQUALINA - Ban giornu. E' bbono vederese dopo tanto tempo, sia pe’ chi se vo' bbene che pe chi se vo' male. Pe chi non ha vistu Ludovico I e II, e pure pe’ chi gli'ha visti ma non se ricorda niente, mo’ faccio nu’ picculu riassuntu. I' tengo tre figlie, tre bbelle vaglione addò 'nce sta’ nì d'aggiogne e nì da levà. Ma la sfortuna ha vulutu che la seconda, Santina, me s’è iuta a marità co’ n'ome troppu bbono, o troppu scemo, ancora 'n'aggio capitu. Pe’ n'ata vagliona saria stata na’ furtuna ma pe’ figliema è stata n’arruina. Nu’ bbegliu jorno ha cunusciutu Gegè Gliusciupafemmene e da chigliu jorno hanno cominciatu gli duluri de capu degliu maritu. Nui hamo fatto chello che potevamo fa’, puri co’ gli'aiutu de cognatema. Essa è zitella e se crete n'attrice, ma è sulu na’ palla agliu pere. N'ata grossa sfurtuna è che a stu’ paese tenemo nu’ pustinu accussì ruffianu, che nui cincu femmene messe 'nzema a fa’ gliu paragone ce mettemo scorno, e chigliu disgraziatu s'è iutu a' sposà a figliema.

Stu’ figliu de bbona femmena tantu ca' fattu che m'ha portatu nu’ caspita de dottore, graduito e puri bbono, ca'ha finitu d'arruvinà chella bbona figlia mia; prima gli’ha datu sette misi de clinica e po’ glia ordinatu addirittura na’ camerera: Gegina. Ma ve giuro che a sta Gegina gli'aggio fattu nu serviziu che si gliu ricorderà a vita.

Mo’ tornamo a nui. I' stevo a fa gli fatte mee dento alla cucina quanno sti disgraziati della televisione, che 'n'tenno mai niente de bono da fa, m'hanno telefonato e m'hanno dittu: "La signora Lotroncato?" E i' potevo mai dice de no? "Bene. Ci può dedicare un poco del suo tempo? Siamo della televisione." Maronna mia bona, la televisione? Che furtuna. Gli rispogno subbitu subbitu che ieva bono. I' veramente me credevo ch'era la Rai. Non sarà Rai Uno, n'gni fa niente che n'è Rai Dui, ma sicuramente hanna esse Rai Tre. Va a sapé ca chisti erano de Telegolfo. Me steva a piglià na freve. Ma siccome so pure i' quasi de Minturno m'aggio dittu: ma si, iamo a sentì che m'hanna dice sti quatto arruvinati. E accussì so’ vinuta a finì 'ncoppa a sta seggia. I sembro tantu facci tosta ma co sta cazzarola 'nanzi me se mette puri nu poco de paura, pe no' usa n'ata parola.

Chesta è na trasmissione, come ce ne stanno tante, addò potete mannà na’ lettera co cacche domanda e i' ve rispogno. Mannatemene poche e facili ca non tengo tempo. Gliu fattu è che oggi che è la prima puntata, - Dopo no stutate ca ce sta la commeddia mia. - non ce sta nisciuna lettera vosta e allora ve leggio una de cognatema e una de na commare mia.

Cominciamo co chella dell'arruvinata.

"Cara cognata, come stai? Io, qui a Roma, sto vivendo una bellissima esperienza artistica con un grande attore,- beat'a essa, - infatti è alto un metro e novanta e pesa centodieci chili. - Duecento co na bona salute! - Egli è molto gentile con me e c'è tra noi una scena con un bacio. Lui, per non mettermi in imbarazzo, è andato dal regista e gli ha detto "Dottò, co questa manco morto." Che caro. A me, comunque non sarebbe tanto dispiaciuto. Infine, tu, che cosa mi consigli?"

Cognata mia, vistu che i' tempo e sordi da spenne pe scrive a te n'gni tengo approfitto della televisione. A esse zitella nun ce sta niente de male, ca senza ommene se sta dento la pace degli santi, ma tu chesto nu'lo vu capisce. I' te comsiglio: Va a piantarete gli'orto, che alla fine te truvi cac'cosa.

Mo’ passamo alla commare mia. Essa è chella che quanno fa maletempo gli comincia a prore gliu naso e n'ce se po parlà pe tutti gli starnuti che te fa 'n'facci. Puri chesta è arruvinata a modu seo. Essa me scrive:

" Cara Pasqualina, da quando sono venuta in Africa ho risolto i miei problemi. Però non tutti; perché adesso appena vedo un cammello mi viene il mal di mare. Aiutami tu. Tua commare prediletta."

Meno male ca ce sta la televisione, e si no chi gli scriveva a chesta mo. Sinti, a'do' stai stai, o me vidi o nun me vidi, i t'aggio risposto. Cara commare quanno la machina s'è fatta vecchia, e tu 'n'si nata ieri, aggiusti da na parte e se scassa da n'ata. E' inutile che mo ce mettemo a trovà na soluzione; si aggiustamo chistu difettu te ne ponno sci due, e puri na ghiecina. Scota a me. Ma po' che è 'i a fa a vedé si' caspita del cammelli? Statte dendo alla casa tia e no ienno a sfastidià la pover'aggenti, co gli uai seri assai, co' le scemenze tie. I', pe oggi, avesse quasi finito. Spero che so stata de gradimento a tutti vui. Po tengo sessant'anni e si 'n'so stata de gradimentu vosto, non ve la pigliate, ma non me ne frega propriu niente. Bonasera. (esce)

A T T O P R I M O

Siamo in un giardino interno, davanti all'ingresso di una

casa antica, non signorile, ma molto curata. Al centro della

scena vi è un portone, qualche finestra ai lati. Sulla destra

una ripida scala attraverso un arco; sull'arco un'altra

finestra, anch'essa ad arco, a cui si accede dalla scala.

Fiori, alberelli e un muro con cancello d'ingresso sulla

sinistra. Un'altro cancelletto sulla destra. Qualcuno suona

il campanello, la signora Lotroncato entra in scena

dall'interno.

PASQUALINA - Po mai esse ca unu dendo la casa sia hanna esse sempe 'ncoetatu?(1) Si è gliu pustinu gli'ammasono,(2) ca i' stammatina me sento nu poco nervosa. (va ad aprire il cancello)

GIGIONA - Buon giorno, gentilissima signora.

PASQUALINA - Bon giorno. Ma che volete? Ve serve cac'cosa?

GIGIONA - Ecco, cara signora, io sono ...

PASQUALINA - Pe non ve fa perde tempo ve dico subbito che ca n'tenemo niente d'accattà.(3)

GIGIONA - Ma io non vendo nulla.

PASQUALINA - A si!? (dopo averla ben osservata) E tanto chi se l'accattasse puri si te vulissi venne cacche cosa..

GIGIONA - Io sono la signora Gigiona Lamberti e, forse voi non lo ricordate, sona la maestra delle elementari di vostra figlia Santina. Da quanti anni non vedo quella cara ragazza.

PASQUALINA - Vui sete la maestra de figliema? Ma vidi nu poco. Assettateve.

GIGIONA - Mancavo da questo paese da molto tempo e ritornandoci la prima cosa che mi è venuta in mente è stata quella di rivedere le mie alunne di un tempo.

PASQUALINA - Ma pecché, tenevate sulu femmene?

GIGIONA - Dio ce ne guardi. Io con i maschietti non ho niente a che fare. Tra le mie tante alunne, e mi creda: sono tante, quella che mi ricordo di più è Santina.

PASQUALINA - Chella bella figlia mia, E come mai?

GIGIONA - Mah, che le posso dire.

PASQUALINA - Era propriu na brava guagliona,

GIGIONA - Si, tanto brava.

PASQUALINA - Simpatica, educata, doce.

GIGIONA - Tanto, ma tanto, tanto dolce.

PASQUALINA - Bella come e chiù assai de gliu sole.

GIGIONA - E chi lo può negare.

PASQUALINA - Certi capigli; gli'occhie, na presenza. Tutta la mamma. Pe non parlà degliu core. Figliema era tanto bona de core.

GIGIONA - Tanto, tanto, tanto...(con sofferenza)

------------------------------------------------------

1) ...disturbato.

2)....lo addormento.

3) ...da comprare.

PASQUALINA - Ma scusate, ve fa male cac'cosa?

GIGIONA - No!?

PASQUALINA - M'era venuta na 'mpressione. Tutto chesso prima de 'i alla scola, pecché dopu ha cominciatu a diventà na disgraziata. Tantu che i m'aggio sempe domandatu: "Né, ma che maestra ha avutu pe scì accussì arruvinata,"

GIGIONA - Non io, non io. Personalmente ho solo e sempre insegnato alle mie allieve ad essere aperte e disponibili verso il prossimo.

PASQUALINA - Sinti, figliema mo non ce sta, e i n'o saccio quanno vene. C'hama fa?

GIGIONA - Ripasserò più tardi.

PASQUALINA - Veramente chella, da quanno s'è sposata non ce abbita chiù ca.

GIGIONA - Si è sposata?

PASQUALINA - Gliu maritu se chiama Ludovico Grandialtezze. Nu bravu vaglione.

GIGIONA - Fortunata. Oggi è così difficile trovare bravi ragazzi. Se lo sono in un senso non lo sono in un'altro.

PASQUALINA - Chigliu è bono sulu pecché è scemu, tantu che chella povera figlia mia, a nu certu puntu 'nce la fatta chiù e ha avutu na sbandata.

GIGIONA - Una sbandata?

PASQUALINA - Voglio dice, è sciuta dallo semmenatu.(1)

GIGIONA - Ah!

PASQUALINA - Quanno te serve lo pane e ti gli rente,(2) - pecché a figliema n'gni manca niente,- ...

GIGIONA - (c.s.) Come è vero, come è vero.

PASQUALINA - Ma si sicura ca te sinti bona?

GIGIONA - Prego?

PASQUALINA - Allora, steamo a dice? A chistu munnu semo fatti pe magnà, e chi no'fà se more de fame. Chella povera figlia mia, co nu stommucu vacantu(3) a chella manera non va a trovà nu disgraziatu? Nu certu Gegé Gliusciupafemmene? Già dagliu nome se capisce tuttu. E, poverella, ha dovutu fa tuttu lo persu.(4) I te dico ste cose sulu pecché si' la maestra sia, ma non te fa scappà mancu na parola a nisciunu ca si no, maestra e bona, t'ammasono. Pecché i' quanno meno meno, Lo sanno tutti quanti ca si me va na mosca agliu nasu, e me se gira la coccia, co na botta t'atterro n'elefante sanu sanu.(5)

GIGIONA - Lo so, signora.

PASQUALINA - Lo sai puri tu? Stu fattu sta a fa gliu giru degliu munnu.

GIGIONA - Potete stare sicura che per il bene che voglio a Santina di questa storia, dalla mia bocca, non uscirà parola alcuna.

PASQUALINA - Come se fa volé bene chella figlia mia. Ma nu begliu iorno l'amo messa sotto cura e la storia co stu' Gegé e finita na vota e pe sempe. Gliu dottore gli'ha ordinatu, pe la curà bona, addirittura na camerera.

GIGIONA - (con grande nostalgia) Si. Voglio dire; è normale, nel senso che è una medicina come le altre, solo più efficace.

-------------------------------------------------------------

1)...seminato.

2)...dente.

3)...vuoto.

4)...il perduto; ciò che è rimasto in arretrato.

5)...intero.

PASQUALINA - Ma era brutta assai.

GIGIONA - Béh, non esageriamo.

PASQUALINA - E lu vu sapé meglio de me? Faceva schifu. E gliu maritu de figliema ce s'è 'nnammoratu.

GIGIONA - Che vergogna.

PASQUALINA - Mo' la camerera è scomparsa e gliu generu meo ha missu gli'avvisu 'n'coppa gliu giornale. Ma fin'a mò non se ne sa niente.

GIGIONA - E vostra figlia non sente la mancanza di questo Gegè?

PASQUALINA - Co chella facci de corno (1) non te fa mai capisce niente.

GIGIONA - Va bene signora, ripasserò più tardi. La ringrazio per la sua ospitalità. Però non dica niente a Santina che voglio farle una sorpresa.

PASQUALINA - Fa chello che te pare.

GIGIONA - Buon giorno.

PASQUALINA - Bon giorno. (Gigiona esce di scena attraverso il cancelletto) Sembra na brava femmena. Non ce sta niente da fa: agli tempe noste la gente era chiù sincera.(2) Però chesta te caccosa che non va. E iì tengo gli'osemo,(3) e si dico che caccosa non me quadra...

FELICISSIMA - (Dall'esterno entrando silenziosamente alla spalle della madre) Mamma.

PASQUALINA - Oi mama! Te puzzi schiattà. Mama mia. Ma che è?

FELICISSIMA - Chi era quella signora che è uscita?

PASQUALINA - Era na femmena che è venuta a trovà a... Ma a te che te ne frega?

FELICISSIMA - Mamma ho fatto la spesa. Manca solo il formaggio.

PASQUALINA - 'N'gni fa niente, fossero tutti chisti gli uai noste.

Dall'esterno entra in scena Ludovico. E' agitato e

ossessionato.

LUDOVICO - Niente, niente, niente! Maledizione.

PASQUALINA - Che te manca mo? Puri tu n'hai trovate chello che cercavi. Vidi c'hanna sopportà na povera mamma dendo la casa sia.

LUDOVICO - Esatto; non ho trovato "chello" che cercavo.

PASQUALINA - E lo issi trovenno da me? I' te levasse dagliu munnu. Ma fammene 'i ca si no oggi te stancino addavero. (rientra in casa)

FELICISSIMA - Allora?

LUDOVICO - Allora niente. Questa Gegina sembra scomparsa nel nulla. Bisognerebbe ritornare in quella clinica dove è stata Santina, rintracciare il dottore che le ha dato la cura e ottenere tutte le informazioni possibili. Nell'arco di cento chilometri non c'è nessuna cameriera che si chiami Gegina. Chissà da dove viene.

FELICISSIMA - Aspetta. Adesso che ci penso, possiamo chiedere del dottore a Peppino. Ha detto che era un suo amico.

-------------------------------------------------------------

1) ...faccia impenetrabile.

2)....genuina.

3)....fiuto

LUDOVICO - Brava la mia cara Felicissima. Devo confessare che a volte penso a te come alla persona più intelligente di questa casa.

FELICISSIMA - Grazie. Mentre altre volte?

LUDOVICO - Vedo tutto questo come un grande deserto.

Dall'esterno entra in scena Peppino.

PEPPINO - Signora Lotroncato. Signora Lotroncato. Signora Lotroncato.

Dall'interno entra velocemente in scena la signora

Pasqualina armata di scopa.

PASQUALINA - Addò sta? Addò sta stu disgraziatu? (Viene bloccata da Ludovico) Lassateme ca gli'aggia pistà.

FELICISSIMA - Mamma, adesso è tuo genero.

LUDOVICO - Adesso è il marito di vostra figlia.

PASQUALINA - (Calmandosi di colpo) Ci'avete raggione. Mo è gliu maritu de figliema. Allora gli'aggia propriu accite.

LUDOVICO - (Ludovico e Felicissima riescono a malapena a bloccare di nuovo Pasqualina) Per favore. E tu, vorrei sapere perché devi gridare ancora in questo modo.

PEPPINO - E' vero, come uomo ormai sono di casa, ma come postino devo fare bene il mio mestiere. (gridando) Signora Lotroncato...

Pasqualina gli scaglia la scopa addosso.

PASQUALINA - Ma st'arruvinatu de mamme e de padre, téh! Oggi gli'aggia pistà chella coccia vacanta(1) sott'agli pere.

FELICISSIMA - Mamma, vieni con me, che abbiamo tante cose da sistemare.

PASQUALINA - Come no; ma la prima è la coccia sia. Quann'è sciuta fina fina da sotto gli pere mee, se po sistemà ch'è na bellezza. Però hai raggione, chesto se po fa puri n'ata vota. (escono verso l'interno)

LUDOVICO - Peppino caro, cercavo giusto te. Devi immediatamente darmi l'indirizzo di quel tuo amico dottore, perché devo rintrcciare Gegina. Sono giorni che è scomparsa. E se le è successo qualcosa di grave? Qualcuno potrebbe averla anche violentata.

PEPPINO - Non credo.

LUDOVICO - Come?

PEPPINO - Voglio dire che è molto improbabile.

LUDOVICO - Io intanto ho fatto una denuncia circostaziata ai carabinieri. Ho azzardato l'ipotesi che possa essere stata uccisa, e a quel punto mi hanno garantito le opportune indagini. Addirittura la presenza di un famoso commissario dell'Omicidi.

PEPPINO - (sempre più preoccupato) Cosa?

-------------------------------------------------------------

1) ....testa vuota

LUDOVICO - Il commissario Magné. Un commissario specializzato in questa materia.

PEPPINO - Il commissario Magnè?! Che materia?

LUDOVICO - Omicidio, omicidio. Una cosa da ergastolo, mio caro.

PEPPINO - Porca zozza!

LUDOVICO - Io vado a rinfrescarmi con una doccia. Questa storia mi sta distruggendo. Ah, dimendicavo. Per piacere procurami l'indirizzo del tuo caro amico dottore. (sta per uscire)

PEPPINO - Il mio caro... Impossibile. Non lo ricordo più. Anzi, l'ho perso. Già, l'ho proprio perso. Lo cercavo anch'io.

LUDOVICO - Questo è un disastro.

PEPPINO - Un vero peccato.

LUDOICO - Un momento. Certamente Santina lo ricorderà.

PEPPINO - Questo è sicuro.

LUDOVICO - Prego? Ma è meglio che mi sbrighi. A dopo, caro Peppino. (esce verso l'interno)

PEPPINO - Sono rovinato. Sono annientato. Sono morto.

FELICISSIMA - (rientrando dall'interno) Che cosa ti succede?

PEPPINO - Sono terribilmente rovinato.

FELICISSIMA - Peppino calmati, Spiegati con calma.

PEPPINO - Sono mostruosamente annientato.

FELICISSIMA - Ma che cos'hai? E' questione di soldi? Sei finito in mano a qualche strozzino?

PEPPINO - Sono rovinato.

FELICISSIMA - Ma non ti preoccupare che se non è molto ti faremo un prestito.

PEPPINO - Devo trovare Santina

FELICISSIMA - Ti vuoi far prestare i soldi da Santina?

PEPPINO - Solo Santina mi può aiutare.

FELICISSIMA - Non sapevo che Santina fosse diventata ricca.

PEPPINO - Se non trovo Santina sono rovinato. (esce)

FELICISSIMA - Anche questo ci mancava adesso nella nostra famiglia. Tutto è cominciato da quando in casa è entrato quel disgraziato di Gegé. Ma se mi dovesse capitare fra queste mani...

Dal cancelletto entra in scena la maestra Gigiona Lamberti

GIGIONA - Scusate, è permesso. Buon giorno. La signora Lotroncato?

FELICISSIMA - Mia madre non c'è. O meglio c'è però ha da fare.

GIGIONA - Cercavo Santina.

FELICISSIMA - No, Santina non c'è. Ma se vuole chiamo la mamma.

GIGIONA - No! Non occorre, posso ripassare più tardi. Sono la signora Gigiona Lamberti, la maestra delle elementari di Santina. Tu sei la sorella, vero? Ma tu non dirle nulla che le voglio fare una sorpresa. A dopo mia piccola, a dopo. (esce)

Entra in scena la zia Antonia dall'esterno.

ZIA ANTONIA - Felicissima, disdici tutti i tuoi impegni, abbiamo qualcosa da fare.

FELICISSIMA - Magari ne avessi qualcuno, zia.

ZIA ANTONIA - Ragazza mia, tu hai preso proprio di me. Ma non ti preoccupare che anche le zitelle saranno ripagate delle loro sofferenze.

FELICISSIMA - Davvero zia.

ZIA ANTONIA - Certo, all'altro mondo; se è vero che il Signore Iddio, nella Sua infinità bontà, quando toglie poi ridà moltiplicato per mille...eh. eh. eh! eh!"

FELICISSIMA - E con ciò.

ZIA ANTONIA - Moltiplicato per mille. Che poi già per due sarebbe più che sufficiente.

FELICISSIMA - Non capisco.

ZIA ANTONIA - Questa rimarrà zitella pure all'altro mondo. Ma ora parliamo di cose meno serie. Ho avuto una soffiata.

FELICISSIMA - Dove?

ZIA ANTONIA - Come dove?

FELICISSIMA - Dove ti hanno soffiato?

ZIA ANTONIA - Ma sei impazzita?

FELICISSIMA - Poi, chi sarà mai questo maleducato.

ZIA ANTONIA - Cos'è, vuoi l'indirizzo? Ascoltami bene. Per soffiata intendo un'informazione.

FELICISSIMA - Un'informazione?

ZIA ANTONIA - Stanno aprendo un caso.

FELICISSIMA - Dove?

ZIA ANTONIA - E smettila con queste tue stupide domande. La polizia, i carabinieri, la magistratura. Dovrebbe essere uscito anche un articolo sul giornale. Forse è la prima vittima di un serial killer.

Questa persona, una ragazza dicono, non si trova già da qualche mese.

FELICISSIMA - Ma si sa il nome di questa ragazza scomparsa?

ZIA ANTONIA - Questo ancora no, ma si conosce bene il nome di colui che condurrà le indagini; il commissario Magné.

FELICISSIMA - E chi è?

ZIA ANTONIA - Un bell'uomo. Beh, anche se non è un bell'uomo è sempre un uomo, scapolo e desideroso di sposarsi.

FELICISSIMA - E tu che ne sai, zia?

ZIA ANTONIA - Sciocca. Vuoi che non lo sappia io? Ho la mia piccola agenzia di ricerca di mercato, no?!

Entra in scena Peppino dall'esterno.

PEPPINO - Sono disperato. Non riesco a trovarla. Ho telefonato a tutte le sue amiche, ma non la trovo. Come potrò mai fare? E' scomparsa.

ZIA ANTONIA - Chi? Marietta?! O povera Marietta, nipote mia sfortunata. Creatura abbandonata dal destino, che come tua zia e tua sorella qui presente non hai mai avuto niente di niente. Mai avuto niente di niente. E quando hai avuto...

FELICISSIMA - Zia!?

ZIA ANTONIA - Quando hai avuto era meglio che non avessi avuto perché questo non è un uomo ma ...

FELICISSIMA - Zia!!

ZIA ANTONIA - Questo non è un uomo ma uno scarto di fabbrica.

FELICISSIMA - Zia, lui non cerca Marietta ma Santina.

ZIA ANTONIA - O povera Santina, nipote mia adorata, figlia sfortunata di questo mondo. Tu che non hai mai avuto.. (tossisce per schiarirsi la voce) Tu che hai avuto, hai avuto, hai avuto... Ma a che ti è servito, se anche tu ora, come tutti noi mortali.. Perché cerchi Santina? Che vuoi fare? Hai qualche progetto di fuoco, per caso? Non dirmi che sei già stanco del primo letto?

FELICISSIMA - Ma no zia, è solo per una pratica di finanziamento. Sentite intanto io vado a comprare il giornale. (esce)

ZIA ANTONIA - A si?! Una pratica di finanziamento?! E che cosa ti devi finanziare, la ristrutturazione del rudere? Sentimi bene, per questa volta ti sei salvato, ma la prossima volta penso proprio di no. Sappi che quando uno dev'essere punito io punisco, senza pietà.

PEPPINO - Cara zia Antonia..

ZIA ANTONIA - Non occorre metterla su questo piano.

PEPPINO - Quale piano?

ZIA ANTONIA - Si sa bene che tra zie e nipoti nascono fuochi perniciosi.

PEPPINO - Fuochi perniciosi?

ZIA ANTONIA - Fiamme indomabili.

PEPPINO - Dove sono?

ZIA ANTONIA - Non senti che qui va tutto a fuoco? Sta salendo la temperatura infatti; in modo insopportabile.

PEPPINO - Dev'esserci un'estintore da qualche parte.

ZIA ANTONIA - C'è sempre un estintore da qualche parte.

PEPPINO - Allora bisognerebbe usarlo.

ZIA ANTONIA - Penso proprio che sarebbe ora.

PEPPINO - Questo è il momento giusto.

ZIA ANTONIA - Mai momento è stato più giusto.

PEPPINO - Credo che sia urgente.

ZIA ANTONIA - E' molto urgente.

PEPPINO . - E che cosa si potrebbe fare?

ZIA ANTONIA - Io comincerei con il morderti il collo....

PEPPINO - AH! Aiuto. Non avrai né il mio sangue né il mio estintore, diabolica maliarda!

Entra in scena Marietta dall'esterno.

MARIETTA - Peppino!?

ZIA ANTONIA - O cara. Finalmente sei arrivata. Tuo marito si stava sentendo male. Gli sei mancata. Tu non devi lasciarlo così solo altrimenti lo farai diventare pazzo. "Dov'è la mia Marietta?" - gridava - "Io mi sento bruciare senza di lei!" Stai attenta che un marito così, lasciato a se stesso, per la disperazione, potrebbe anche avere qualche tentazione. Ti garantisco che se l'è vista brutta. Vero Peppino?

PEPPINO - Se è per questo me la sono vista bruttissima.

MARIETTA - O povero caro. Ma era solo da qualche ora che non ci vedevamo.

ZIA ANTONIA - Quanto sei sciocca. Se uno ama veramente anche lo stare solo un minuto lontano dalla propria donna è dolorosissimo. Sei imperdonabile, senza cuore, nipote mia. Una iena amerebbe il suo ieno in modo nettamente migliore. Io per esempio non lo lascerei un secondo, neanche per andare al bagno.

PEPPINO - Ed io mi ammazzerei.

MARIETTA - Cosa?

PEPPINO - Voglio dire, se fossi lo ieno.

MARIETTA - Lo ieno?!

PEPPINO - Il marito della iena.

MARIETTA - Ma cosa sono?

ZIA ANTONIA - Degli animali che si nutrono di carogne. Approposito di carogne... Lascia perdere per un momento tuo marito e ascolta. Lo sapete che la polizia è sulle tracce di una ragazza scomparsa?

MARIETTA - Ecco perché quei posti di blocco. Cercano di catturare l'assassino.

PEPPINO - O mio Dio!!

ZIA ANTONIA - Calmati Peppino. Io credo che ci siano dei bei mandati di cattura anche per i possibili complici. Chissà se alla radio dicono qualcosa. (esce di scena)

PEPPINO - O mio Dio!! Che macello. O mio Dio.

MARIETTA - Ma caro, tu stai proprio male. Non avrei mai pensato che potesse accaderti una cosa del genere.

PEPPINO - Neanch'io.

Entra velocemente in scena Ludovico dall'interno.

LUDOVICO - Fermi tutti.

PEPPINO - (alzando di scatto le braccia) Mi arrendo. Confesso tutto! Non sono stato io!

MARIETTA - Peppino, ma si può sapere che cosa ti prende?

LUDOVICO - Proprio in quest'istante hanno trasmesso per radio che c'è una svolta nelle indagini. Forse hanno rintracciato Gegina o, forse, hanno trovato solo il suo cadavere. Forse ancora semplicemente una traccia importante per giungere all'assassino o ai suoi complici. Vado al commissariato per dare anch'io un valido aiuto. (esce attraverso il cancello)

Dall'interno entra la signora Lotroncato più arrabbiata che

mai.

PASQUALINA N'ata vota st'ammuina?(1) Tu stai ancora ca?

MARIETTA .- Mamma, è mio marito.

PASQUALINA - E c'hama fa? Gli mariti già quanno so bone so cofene(2) vacanti; quanno po so com'a' chissu si gli itti dendo agliu cabbinetta fai la megliu cosa. Po, figlia mia, la vita è la tia e fai chello che te pare. Ma nu'mi gliu fa cchiù sentì arraglià a sta manera(3) ca co sta fressora(4) gli faccio la coccia a francobollo. (rientra in casa)

-------------------------------------------------------------

1)....confusione

2) Recipienti di vimini o canna

3)...ragliare in questo modo

4) specie di tegame

PEPPINO - Devo andare. Devo andare. Cercare Santina e trovarla a ogni costo. A ogni costo. La cura. il dottore..

MARIETTA - Cosa?

PEPPINO - La cura, il dottore, la ricetta, la clinica.

Dal cancello entra in scena Felicissima con un giornale in mano

FELICISSIMA - Adesso li prenderanno di sicuro i colpevoli. Guardate hanno messo anche una taglia su di loro.

PEPPINO - O mio Dio! Mio Dio, no. Noooo!! (esce di corsa attraverso il cancello)

MARIETTA - Peppino. Peppino!

FELICISSIMA - Ma no, lascialo stare. Adesso ci sono cose molto più importanti.

Rientra la signora Lotroncato

PASQUALINA - (A Marietta) Famme 'i a finisce de fa la spesa. Tu stai ca'? Statt'attento a maritutu. Chigliu scustumatu hanna 'i a sbaneà da nata parte. La prossima vota ti gliu faccio tornà co nu tappu 'mocca e nu cuppino 'n'fronte.

MARIETTA - Mamma, ma non è colpa sua.

PASQUALINA - E vu vedè ca mo pecché è cretinu issu è colpa mia?

MARIETTA - Peppino è una brava persona.

FELICISSIMA - Mamma, questo è vero.

PASQUALINA - No, aspettate nu poco. Si hama fa nu bono trascursu hama dice gli fatti come so. (si va a sedere) Gli'ommene so de di specie: chigli bone e chigli malamente. Maritutu n'appartene a nisciune de tutt'e'ddui.

FELICISSIMA - E allora che specie è?

PASQUALINA - Tu 'mpiccete pe gli fatti toie. Figlia mia, a stu munu, che co tuttu gliu rispettu pe gliu Patreternu, poteva esse fattu nu poco meglio, ce stanno paricchie cose che tenemo da sopportà. La chiù dolorsa è chella d'esse fatti mascuri e femmene. Mo se ce iesse sempe bona non ce saria cosa chiù bella. Ma la sfurtuna è che 'n'ce vai mai bona. Chigli'ome che veramente te piace gnu pu' mai avé; chigliu ca pu avé o è strunzo o 'n'te vo bene, e si te vo bene lo fa a modo seo, che spissu e volentieri non serve a nisciunu. Chigliu ca te vo veramente bene po capità che da nu iorno a n'atu te se mette 'ncoppa la panza; chigliu ca è bono, com'è bono pe te è bono puri pe l'ate, e quindi facemoce gliu segno della croce e tiramo a campà. (sta quasi per uscire verso l'interno)

Entra in scena Santina dal cancello.

SANTINA - Buon giorno mamma. Ciao Marietta. Come stai Felicissima?

PASQUALINA - (guardandola con un misto di entusiasmo e commiserazione) Ecco soreva. Mo dicemoce la verità, che gli manca a chessa? Guardatela bono. Si pure se ne leva la metà ancora gli rimane paricchiu.

FELICISSIMA - Ma di che?

PASQUALINA - De che? De grazia de Diu. Però è sfortunata assai.

MARIETTA - Io non direi. E poi perché?

SANTINA - Ma che cosa avete da guardarmi a questo modo?

PASQUALINA - Niente a mama. Chello che gli manca no' po' avé e chello che po' avé 'n'gni serve a niente.

SANTINA - Ma state parlando di me?

FELICISSIMA - E ci mancherebbe.

SANTINA - Mi ha cercato qualcuno?

PASQUALINA - Si, t'ha cercatu caccherunu.

FELICISSIMA - Però non si può dire, perché dev'essere una sorpresa.

SANTINA - Non mi fate stare sulle spine. Chi mi ha cercato?

FELICISSIMA - La tua maestra delle elementari.

SANTINA - Cosa?

Entra la signora Gigiona Lamberti, Santina non riesce a

vederla perché è voltata verso la madre e le sorelle.

PASQUALINA - Si, (con infantile entusiasmo) la maestra tia de quann'eri piccola.

SANTINA - La mia... Il mio maestro, vorrete dire? Era un uomo.

GIGIONA - (dopo qualche attimo di disorientamento) E' vero, un tempo ero un uomo. Qualche anno fa ho fatto un'operazione. (Santina resta attonita)

MARIETTA + FELICISSIMA - Santo Cielo!

PASQUALINA - Che operazione è chesta mo? De che sta 'a parlà?

MARIETTA - Vieni mamma, lasciamoli soli. Dopo tanti anni avranno qualcosa da dirsi.

PASQUALINA - Si, ma che operazione è?

FELICISSIMA - Vieni, che te la spieghiamo bene noi. (Entrano in casa)

SANTINA - (dopo qualche attimo) Che cosa sei venuto a fare?

GIGIONA - Ho bisogno di te.

SANTINA - Ma grattati.

GIGIONA - Ho bisogno di te.

SANTINA - Tu non hai bisogno di me.

GIGIONA - So ben'io di ciò che ho bisogno. Perché non mi hai cercato?

SANTINA - Se permetti il fatto che mio marito si sia perdutamente innamorato del mio amante e che questi si sia lasciato baciare da un uomo, co espressione trasognante e felice, a me è sembrata un'ottima ragione per non cercarti.

GIGIONA - Per forza: ero sotto l'effetto dello schiaffone di tua madre. Ma adesso non lo sono più. Vieni qui che ti voglio dare uno di quei baci che si ricordano a vita.

SANTINA - Non ti avvicinare che chiamo la mamma.

GIGIONA - Ma non ti ricordi di quella volta che ero travestito da Gegina?

SANTINA - Lo ricordo perfettamente. Ma adesso hai superato ogni limite. Se lo fai mi metto a gridare.

Dall'interno entra preoccupatissima Pasqualina con Marietta e Felicissima

PASQUALINA - Ah! Te puzzi screffonnà! Statte lontanu dalla figlia mia, sa'!

GIGIONA - Signora, le assicuro che adesso non ha nulla di cui preoccuparsi: ormai sono perfettamente donna.

PASQUALINA - A si!? E chi me lo dice che t'hanno levatu propitu tuttu cosu?

GIGIONA - Se vuole può controllare.

PASQUALINA - Aggia controllà? E che caspita aggia controllà? Si si' ome o femmena non so fatti gli mee. Ma saluta lestu lestu figliema, da lontanu, e vidi che via hei fa. I torno fra cincu minuti, e ca non te ce voglio trovà. (entrano in casa Pasqualina Felicissima e Marietta)

GIGIONA - (con dignità) Ora devo andare via, e poiché un uomo è un uomo, anche se fosse l'ultimo degli uomini, e un uomo deve avere dignità di uomo, se mi vuoi sai dove cercarmi. (crollando ai piedi di Santina) Ti prego....

Rientra velocissima Pasqualina.

PASQUALINA - Ancora ca stai?

GIGIONA - Non sono certo già passati cinque minuti?

PASQUALINA - (indicando la padella)Agli'orologgiu meo si.

GIGIONA - Mi consideri già in autobus.

PASQUALINA - Dent'a' n'ambulanza esse meglio!

GEGE' - (a Santina) Addio mia cara e buona alunna. (esce dal cancelletto)

FELICISSIMA - (sottovoce a Santina) Quando era uomo com'era?

SANTINA - Un vero mandrillo.

MARIETTA - Cosa?

SANTINA - Voglio dire, un selvaggio; un rude, una persona dispotica e arrogante, ma tanto affettuoso, quando era un uomo.

FELICISSIMA - Chissà perché si è fatto l'operazione.

PASQUALINA - Ve lo dico 'i pecché. Chigliu, quanno pe la vecchiaia ha vistu che come ome non serveva chiù, pe no' rimané a spassu, ha cagnatu qualifica.

Entrano in casa tutte, resta solo Santina. Triste e

sconsolata si siede sul divano. Attraverso il cancello entra

Peppino disperatoe si va a gettare come un fulmine ai piedi

di lei.

PEPPINO - Ti prego, ti scongiuro; non una parola. Non una parola se non mi vuoi vedere morto. Non una sillaba se mi vuoi vedere ancora vivo.

SANTINA - Sei impazzito? Che cosa vuoi da me?

PEPPINO - Se dici solo una parola io sono perduto. Salvami, ti prego. (Dall'interno entra in scena Marietta seguita da Flicissima) Fa quello che ti chiedo perché tu ora sei la vita mia.

MARIETTA - Anche con mio marito. Vigliacchi tutt'e due. Maledetti. Vado a dire tutto alla mamma. (entra in casa)

SANTINA - (a Felicissima) Fermala, presto.

FELICISSIMA - (correndole dietro) Non è come pensi. Ti posso spiegare.

SANTINA - Ma tu, insomma, che cosa vuoi?

PEPPINO - Non dire nulla di Gegè, né del dottore e né della clinica. (le prende le mani. Intanto, dall'interno, entra la zia Antonia) Sono nelle tue mani: Mi arrestano, altrimenti. La cura, il dottore, Gegina, tua madre. Ti voglio tanto bene ma non parlare, altrimenti tua madre mi ammazza.

ZIA ANTONIA - Certo che il mondo è strano. E' proprio strano.

SANTINA - Non riesco a capire. (Ludovico rientra in casa attraverso il cancello)

LUDOVICO - E questo che cos'è?

PEPPINO - Se si arriva al dottore si arriva a me. (le bacia le mani) Non farmi morire. Non farmi morire.

ZIA ANTONIA - E' roba da non crederci.

Entra, dall'interno, come una tempesta, la signora

Lotroncato. Felicissima che cerca di fermarla, è seguita

da Marietta in lacrime.

PASQUALINA - Lassategliu a me, lassategliu a me. Vicca' ca oggi è gliu iorno teo. (prende Peppino per il collo e lo sbatte sul divano ripetutamente) Disgraziatu.

OGNI GRUPPO RECITERA' LA SUA PARTE SIMULTANEAMENTE AGLI ALTRI

1° GRUPPO

PEPPINO - Signora non mi stringa così.

PASQUALINA - Oggi è gliu iorno degli giudizio pe' te. Oggi t'ammasono na vota pe sempe.

PEPPINO . Mi sta staccando il collo, aiuto.

PASQUALINA - Tu a dimani non ci'arrivi, che ce fa de su coglio?

PEPPINO - Qualcuno mi aiuti.

PASQUALINA - I' t'aiuto. T'aiuto i'. Si te levo da 'ncoppa gliu munnu puri tu starai megliu.

2° GRUPPO

MARIETTA - E' stato cattivo ma'.

FELICISSIMA - Ma non è come pensi, ti posso spiegare.

MARIETTA - E quella disgraziata? Anche con il mio Peppino.

FELICISSIMA - Ma non è vero, è solo un prestito.

MARIETTA - Un prestito, eh?! E' diventata una vera e propria mangiatrice di uomini.

FELICISSIMA - Non è vero. E' per un finanziamento.

MARIETTA - Chiamalo come ti pare. Vigliacchi e traditori tutt'e due.

FELICISSIMA - Ti posso spiegare, se me lo permetti.

3° GRUPPO

LUDOVICO - Da te, caro Peppino, non me lo sarei mai aspettato. Potevi chiedermi almeno il permesso. Non hai educazione. Io non so che cosa consigliarti ora. Se tendi i muscoli del collo può darsi che riuscirai a salvarti, ma non chiedermi di più. Cosa hai da dirmi piuttosto del dottore tuo amico? Hai trovato l'indirizzo? Tu devi assolutamente trovarmi l'indirizzo di quel dottore. Stai attento che adesso ti strozza.

4° GRUPPO

ZIA ANTONIA - (mentre cerca di togliere i pantaloni a Peppino ostacolata da Santina) Il male va estirpato dalle radici.

SANTINA - Zia, ma sei impazzita?

ZIA ANTONIA - Il male va sempre sradicato dalle fondazioni.

SANTINA - Zia, ma che fai?

ZIA ANTONIA . - Radici e fondazioni nell'uomo sono nei suoi pantaloni.

SANTINA - Ma si può sapere che cosa ti prende?

ZIA ANTONIA - Io estirperò il male da quest'uomo ad ogni costo.

SANTINA - Zia, non ti permettere.

ZIA ANTONIA . - Questa è la mia missione. Il Cielo lo vuole.

Attraverso il cancello irrompe, con impermeabile, cappello e

pipa, il commissario Magné

MAGNE' - Fermi tutti. Polizia. Commissario Magné.

Il sipario si chiude sul quadro plastico dei personaggi.

F I N E D E L P R I M O A T T O

A T T O S E C O N D O

Felicissima è impegnata a sistemare e spolverare

ZIA ANTONIA - (entrando in scena dall'interno con un copione in mano) Felicissima fammi un favore. Tu sai bene che questa sera devo andare in scena e, a dire il vero, sono un poco insicura della parte. Quindi ti chiedo: puoi darmi le battute?

FELICISSIMA - Si, zia, ma se viene la mamma e vede che sto perdendo tempo con te mi ammazza.

ZIA ANTONIA - Tu e tua madre avete abbastanza scocciato. Se mi vuoi aiutare fallo senza troppe scuse. Ecco il copione e cominciamo.

FELICISSIMA - Qual è la mia parte?

ZIA ANTONIA - Questa.

FELICISSIMA - Don Giovanni?

ZIA ANTONIA - Si. Hai qualche problema? E' un opera di Garsia Memanca, "Don Giovanni e i suoi amori". Ora iniziamo.

FELICISSIMA - O dolcissimo fiore dai lunghi e odorosi petali. O splendida gazzella dai sensuali occhi vellutati. Come potrò mai io sopravvivere a oggi senza la certezza estrema del domani? Coniglietto rosa dai candidi denti affilati, tu hai rosicchiato tutto il mio cuore, che già più non mi appartiene, hai coscienza di come io appartenga a te?

ZIA ANTONIA - No?!

FELICISSIMA - Tu che prendesti tra le tue braccia questo corpo morto e gli desti vita, come puoi ora non giurarmi che domani mi sarai accanto?

ZIA ANTONIA - Non so.

FELICISSIMA - Ma non vedi che io già tremo al pensiero di un tuo rifiuto, pantera insaziabile, che divora la mia povera anima, perduta ormai nel tuo delicato e inespugnabile petto?

ZIA ANTONIA - Forse...

FELICISSIMA - Uccidimi se vuoi, ma non lasciarmi al buio, all'arsura, alla noia e alla morte dei giorni che verranno, solo, in compagnia della tua assenza.

ZIA ANTONIA - Certo.

FELICISSIMA - Perché mi udiresti gridare per il dolore della mia follia fino alla fine. Vuoi che questo accada?

ZIA ANTONIA - No!

FELICISSIMA - E allora spogliati.

ZIA ANTONIA - Si. (uscendo dal ruolo) Allora? Che te ne pare?

FELICISSIMA - A me è sembrato bene.

ZIA ANTONIA - Si, è andata discretamente. Ma se mi avessi dato meglio le battute avrei fatto ben altro. Questa è una parte importante; è in questo momento dell'opera che Don Giovanni esprime tutte le sue perfide potenzialità di seduzione. Adesso ti faccio vedere io come si fà. Invertiamo i ruoli.

FELICISSIMA - Guarda che mamma potrebbe entrare da un momento all'altro.

ZIA ANTONIA - Per prima cosa non leggere come una scolaretta. Devi, invece, sentire dentro e fuori di te il guizzo diabolico e sensuale di Don Giovanni: vedere nella fanciulla da conquistare la preda che sarà divorata e gustata fino alle ossa. Perché chi è amato da lui si deve accorgere inesorabilmente di aver raggiunto un'apice assoluto. Alzati e vieni qui; ora sarò io Don Giovanni. (Zia Antonia inizia l'immedesimazione)

FELICISSIMA - Ti ripeto che se viene mamma... Zia, non guardarmi con quegli'occhi. Mi fai anche un poco schifo, oltre che paura.

Dall'interno entra in scena, senza che le due se ne accorgano, Pasqualina.

ZIA ANTONIA - O dolcissimo fiore dai lunghi e odorosi petali. O splendida gazzella dai sensuali occhi vellutati. Come potrò mai io sopravvivere a oggi senza la certezza estrema del domani? Coniglietto rosa dai candidi denti affilati, che hai rosicchiato tutto il mio cuore, tu già più non mi appartiene, hai coscenza di come io appartenga a te?

FELICISSIMA - No?!

ZIA ANTONIA - Tu che prendesti tra le tue braccia questo corpo morto e gli desti vita, come puoi ora non giurarmi che domani mi sarai accanto.

FELICISSIMA - Non so. (Pasqualina si avvicina per capire di che cosa si tratta)

ZIA ANTONIA - Ma non vedi che io già tremo al pensiero di un tuo rifiuto, pantera insaziabile che divora la mia povera anima, perduta ormai nel tuo delicato e inespugnabile petto?

FELICISSIMA - Forse...

ZIA ANTONIA - Uccidimi se vuoi, ma non lasciarmi al buio, all'arsura, alla noia e alla morte dei giorni che verranno, solo in compagnia della tua assenza.

FELICISSIMA - Certo.

ZIA ANTONIA - Perché mi udiresti gridare per il dolore della follia fino alla fine. Vuoi che questo accada?

FELICISSIMA - No!

ZIA ANTONIA - E allora spogliati.

FELICISSIMA - Si. (Felicissima, come ipnotizzata e con la sorpresa anche della zia Antonia, comincia ad eseguire un movimentato spogliarelli)

PASQUALINA - (al colmo dello sbigottimento) Tu prova sulu a levàrete gli'orologgiu e te stancino.

ZIA ANTONIA - Mi stava dando le battute per la commedia di questa sera.

FELICISSIMA - E' vero mamma, è solo teatro.

La zia Antonia esce verso l'interno offesa e impettita.

PASQUALINA - Ca' co' la scusa degliu teatru ognunu fa gli fatti soie, e chi ce passa lo peggio è sulu la sottoscritta.

Entra in scena Ludovico

LUDOVICO - Cara suocera non so che cosa ne pensiate voi ma io...

PASQUALINA - Fermete lloco. Chello che penso i' è la prima cosa. Po', ricordamoce bono: ca' dittu gliu commissariu? "Signor Ludovico, lei è stato un poco trascurato."

LUDOVICO - Qui vogliamo dire che è colpa mia, adesso?

PASQUALINA - Sempe. Se volemo fa nu trascursu seriu chesto è gliu puntu de partenza.

LUDOVICO - Quindi è sempre colpa dell'uomo?

PASQUALINA - Stamo a parlà de te e non degli'ome. Tu m'hei dice si poteva mai esse che na mugliere ogni iorno, dalle dui alle cincu dopu mezzeiorno, scompareva dalla circolazione senza raggione o pe troppi mutivi e nu maritu a non dice mai niente? Dalle due alle cincu? Ogni iorno?

LUDOVICO - Se avessi osato dire solo una parola mi avreste abbattuto.

PASQUALINA - Si è pe chesto t'avesse schiattatu si sulu dicivi na parola 'ncoppa a figliema. Ma si gli'avissi fatta na mazziata come se deve t'avesse datu puri nu baciu n'fronte. Ma parlà co te è sulu na perdita de tempo. (entra in casa)

LUDOVICO - (rincorrendola) A si?! E perché non me lo avete mai detto, allora? Bastava dirlo, diamine. (entra in casa) Dovevate dirmelo...

Dal cancelletto di sinistraentrano in scena Peppino e Gegè travestito dal commissario Magnè

PEPPINO - Mia suocera va sempre armata di padella. Adesso che ne ha ordinata addirittura una con fondo termico da tre centimetri e mezzo in questa casa non ci sarà più opposizione e la tirannide sarà assoluta. La zia Antonia è sempre in agguato ed io devo evitare sistematicamente gli angoli.

GEGE' - Non è poi tanto male, apparte l'età.

PEPPINO - Con chi credi di parlare?

GEGE' - Non costringermi a ricordarti che l'iniziatore di tutte queste messe in scena sei tu.

PEPPINO - L'ho fatto sempre a fin di bene.

GEGE' - Già, però la cosa strana è che qui si va sempre peggio. Il maggiordomo, il dottore, Gegina e la signora Gigiona non sono mai esistiti, ma il commissario Magné è vivo; in carne ed ossa. E se viene proprio qui? Che poi loro, questo benedetto commissario, già lo hanno conosciuto.

PEPPINO - Tu devi convincerti di una cosa: tutto ciò che vediamo e ascoltiamo è illusione. Ciò di cui siamo certi è solo quello che per nostra scelta vogliamo sia reale.

GEGE' - Che cosa vorresti dire?

PEPPINO - Tra due commissari Magnè quale sarà il vero in questa casa dove il bell'uomo è il sommo oggetto del desiderio?

GEGE' - Vorresti dire che, contro ogni evidenza, crederanno che io sia Magnè?

PEPPINO - Senza dubbi.

GEGE' - E' pazzesco.

PEPPINO - Piuttosto, raccontami del dopo schiaffone.

GEGE' - Peppino mio e che vuoi che dica. Quando riacquistai la memoria ero vestito e truccato da Gegina, lo sai, e mi ritrovai, non so come, alla stazione. Avevo una valigia e due biglietti in tasca. E non ti dico la vergogna: mi scambiarono per un travestito.

PEPPINO - E invece?

GEGE' - Che fai, lo spiritoso? Io non sapevo cosa fare. Ma mi venne un'idea: rivolgermi alla polizia ferroviaria.

PEPPINO - Un colpo di genio. E chi ci avrebbe mai pensato.

GEGE' - Scusa, ma tu che cosa avresti fatto?

PEPPINO - Io avrei aspettato Ludovico.

GEGE' - Tu sei proprio pazzo.

PEPPINO - Quel poverino si era tanto innamorato di te.

GEGE' - E che vuoi, che me lo fossi sposato?

PEPPINO - Si, ma vai avanti. Racconta, racconta.

GEGE' - Peppì, vedo che non hai affatto perso la vocazione. Comunque non fu una buona idea, perché i poliziotti a cui mi ero avvicinato erano uno più premeditato dell'altro.

PEPPINO - Peccato. Peccato che erano premeditati. Oggi in questa società lo siamo tutti e senza ragione. Ti è andata male, éh?

GEGE' - Peppì!?

PEPPINO - Insomma che cosa volevi da quei due poliziotti? Almeno sono stati gentili?

GEGE' - No. te lo sto dicendo che erano troppo premeditati. Non a torto in verita, vedi era da un bel pò che non mi facevo la barba e si vedeva bene che non ero una donna.

PEPPINO - E che cos'eri? Cioè...Che cosa fecero?

GEGE' - IO mi volevo semplicemente far accompagnare a casa..... Per cambiarmi.

PEPPINO - Ah! E allora?

GEGE' - Uno dei due, il più grosso, mi prese per un braccio, e mi disse a dendi stretti: "Piuttosto che accompagnare uno come te mi spaccherei la testa su di un muro."

PEPPINO - Al tuo posto mi sarei offeso.

GEGE' - Ma non avevo scelta e dovetti insistere. Cercando di trovare le parole giuste continui: "Signori, io non chiedo molto. Non sapete che è da cattivi lasciare che una persona supplichi senza nulla ottenere?" Non ebbi possibilità di continuare. Mi presero di peso e mi sbatterono in cella.

PEPPINO - Sei stato fortunato.

GEGE' - Tu dici? Ma io non avevo fatto niente di male.

PEPPINO - E poi, e poi com'è finita?

GEGE' - Calma. Il destino ha voluto che conoscessi molto bene la moglie del comandante...

PEPPINO - Ma guarda il caso.

GEGE' - Veramente Peppì questa signora è una santa donna. La sofferenza. A causa di continue missioni del marito lei si è sempre trovata oppressa da una mostruosa solitudine.

PEPPINO - E tu?

GEGE' - Ebbi modo di curare, qualche tempo, addietro questa dolorosa sofferenza.

PEPPINO - Ho capito. E lei ha ricambiato il favore. Ma che missioni erano, dico, quelle del marito?

GEGE' - Retate, retate. Retate di ogni genere e dimensioni: Prostitute, travestiti, transessuali, omo....omo...

PEPPINO - Omogeneizzati?!

GEGE' - Si, con pappette e biberon. Peppì?! Omosessuali. C'erano anche bisessuali..

PEPPINO - Trisessuali?

GEGE' - Basta, Peppì: questa non è materia tua.

PEPPINO - E mentre il comandante gestiva queste retate la moglie...

GEGE' - Soffriva. Come soffriva. Era una sofferenza mostruosa.

PEPPINO - Ma non é che la facevi soffrire tu? Conoscendo la potenza.

GEGE' - Ma no, soffriva da sola. Poi dopo arrivavo io e...

PEPPINO - Iniziava la cura. Ma spiegami una cosa, come facevi a sapere che proprio in quel preciso momento questa povera donna soffriva? Sesto senso, telepatia?

GEGE' - Telefono.

PEPPINO - Ah, ecco. "Pronto Gegè, sono la moglie del comandante. Sto soffrendo." E subito arrivavi tu con la valigetta del pronto soccorso.

GEGE' - In un certo senso.

Entra in scena Marietta dall'interno

MARIETTA - Il commissario Magné.

PEPPINO - Sei sicura che è il commissario Magné?

MARIETTA - Senza dubbio alcuno.

PEPPINO - Che ti avevo detto?

GEGE' - Buon giorno, signora Marietta.

MARIETTA - Che piacere rivederla, commissario.

MAGNE' - Il piacere è tutto mio. Ma, scusi, la vedo con delle terribile occhiaie. Non avrà sofferto, spero?

MARIETTA - Bèh, veramente...

PEPPINO - Non diciamo stupidaggini. Marietta non ha mai sofferto.

MARIETTA - Ma no, caro, che dici.

PEPPINO - E soprattutto non soffrirà mai.

MARIETTA - Non è vero: ho sofferto anch'io.

PEPPINO - Mente. Oppure è stata pura illusione.

MARIETTA - Peppino, non capisco...

GEGE' - E' il troppo amore per lei. Non accetta la possibilità di una sua sofferenza.

MARIETTA - Va bene, ma se dovessi avere un malessere...

PEPPINO - All'ospedale. Immediatamente all'ospedale.

MARIETTA - Peppino, calmati.

GEGE' - Il troppo amore.

MARIETTA - L'abbiamo capito. Però, dico, se proprio mi dovesse venire un leggero dolore...

PEPPINO - La morte. Meglio la morte.

MARIETTA - Ma sei impazzito?

GEGE' - Vuole dire: meglio la morte che vederla soffrire.

Entra in scena Ludovico dall'interno

LUDOVICO - Finalmente è arrivato, commissario Magné!

GEGE' - O Dio!

PEPPINO - Scusi, signor Ludovico, ma lei conosce il Commissario Magné?

LUDOVICO - Abbiamo parlato per ore e non vuoi che conosca il commissario Magné?

GEGE' - Anche lui?

PEPPINO - No, nel suo caso è il troppo amore per Gegina.

MARIETTA - Mi scusi signor commissario. Peppino lasciamo soli il commissario e Ludovico. Intanto tu mi spieghi la questione della sofferenza, dell'ospedale e del "Meglio la morte". Che cos'è sta roba? (entrano in casa)

GEGE' - Lei mi aspettava?

LUDOVICO - Veramente è in anticipo. Ma di poco, qualche minuto. La ringrazio moltissimmo perché, vede, questa storia mi sta distruggendo.

GEGE' - Dov'è il bagno, per favore? Avrei grande necessità.

LUDOVICO - Prego. Entri in casa, salga le scale e giri a destra. E' la prima porta.

GEGE' - Grazie. (entra in casa)

LUDOVICO - Speriamo che ci siano buone notizie. Comincio veramente a sentirmi male. Non so che cosa fare per combattere il nervosismo.

Entra in scena il commissario Magnè dal cancello.

.

MAGNE' - Buon giorno, signor Ludovico.

LUDOVICO - (sorpreso) E' stato velocissimo.

MAGNE' - Questo è nulla. Dovesse vedere quando metto la sirena.

LUDOVICO - Ah! Perché, lei usa anche la sirena per certe cose?

MAGNE' - A volte è' una necessità. Si procede meglio.

LUDOVICO - Ma lei adesso deve aver esagerato perché si è anche un po' ristretto.

MAGNE' - Cosa dice?

LUDOVICO - Lasciamo perdere. Mi dica invece se ha delle novità.

MAGNE' - Già, ma da dove iniziare? Perché la questione è molto delicata.

LUDOVICO - Non si preoccupi, niente scrupoli. Vede, credo di aver gia toccato il fondo da un bel pezzo.

MAGNE' - Allora inizio chiarendo la situazione sull'altro versante.

LUDOVICO - In che senso?

MAGNE' - Lei non deve più preoccuparsi per quella sua amica... Come si chiama? Gegina.

LUDOVICO - Sta bene?! Meraviglioso, stupendo. Non vedo l'ora di rivederla. Le confesso, caro commissario, tanto siamo tra uomini, che ormai è la mia vita .

MAGNE' - Ma cosa ha capito? Mi ascolti bene. Lei conosce un certo Gegé Losciupafemmine?

LUDOVICO - Se lo prendo lo ammazzo.

MAGNE' - Ebbene... Ebbene...

LUDOVICO - Commissario, non mi tenga ancora sulle spine. Ebbene che cosa? Qual è il problema.

MAGNE' - Gegé Losciupafemmene e Gegina sono... sono..

LUDOVICO - Non me lo dica. Maledizione. Anche con quella povera ragazza.

MAGNE' - Ma quale povera ragazza? Insomma i due non sono due.

LUDOVICO - Addiruttura in tre. O mio Dio.

MAGNE' - Mi faccia parlare. Essi sono la stessa identica persona.

LUDOVICO - Non mi è chiaro il concetto.

MAGNE' - La vostra cara Gegina ed il signor Gegè, anche dal nome avreste dovuto sospettare, sono la stessa persona: Gegé Losciupafemmene.

LUDOVICO - (Pausa piena di dolore e sbigottimento) Cosa dice?

MAGNE' - Purtroppo crediamo a ragione, e sulla base di moltissime prove, che sia proprio così. Abbiamo proceduto a una perquisizione in un appartamento di via Indipendenza, dove appunto era stata vista una ragazza corrispondente alle sue descrizioni, e sa che cosa abbiamo trovato?

LUDOVICO - Che cosa avete trovato?

MAGNE' - Abiti da donna, da cameriera per l'esattezza; documenti di un certo Gegè Losciupafemmine e un letto a sei piazze, che occupava quasi tutto il soggiorno.

LUDOVICO - Capisco.

MAGNE' - Il signor Gegè Losciupafemmene, che a quanto vedo questa volta non si è limitato a sciupare solo femmine, è riuscito a farsi passare per donna a un bel po' di persone. Quello che non ci è chiaro è il "movente" di questa messa in scena.

LUDOVICO - Adesso è chiaro a me. Di colpo, finalmente, capisco tutto. Ed io che, sul ballatoio, approfittando del suo stato confusionale, gli ho dato anche due o tre, o più... baci appassionati.

MAGNE' - Sa che questo Gegé potrebbe anche denunciarla?

LUDOVICO - E solo questo ci manca.

MAGNE' - Si faccia coraggio; poteva andarle peggio.

LUDOVICO - La vita a volte è di una crudeltà infinita

MAGNE' - Come è vero.

LUDOVICO - Io, adesso, mi sento così male che vorrei scomparire da questo mondo.

MAGNE' - La capisco perfettamente. Questi momenti hanno toccato anche me. Quando mi lasciai con mia moglie il più grande rammarico fu di non aver avuto neanche un bambino.

LUDOVICO - Commissario, ma che cosa dice?

MAGNE' - Mi scusi. Abbia pazienza. Mi sono lasciato prendere dalla sua sofferenza. Però non stia così abbattuto. Le ripeto che anch'io ho avuto questi momenti.

LUDOVICO - Anche lei si è innamorato di un uomo?

MAGNE' - Non dica assurdità. La mia vera croce ora è questo lavoro.

LUDOVICO - Il commissario?

MAGNE' - Nei non ci crederà, ma non ne posso più. Io vorrei trovarmi una brava ragazza, chiudere con questo strazio e fare qualsiasi altro mestiere, anche il domatore di elefanti, che mi fanno anche schifo, tra le altre cose. E, mi creda, non sono le grandi soddisfazioni che mi mancano; modestamente sono considerato il migliore.

LUDOVICO - E allora come si spiega?

MAGNE' - Secondo me è un fatto di vocazione.

LUDOVICO - Davvero? Allora la mia qual è? (Il commissario lo guarda con commiserazione, senza rispondere)

Felicissima dall'interno.

VOCE DI FELICISSIMA - Mamma, per favore, non ricominciare da capo.

LUDOVICO - Venga, commissario. Andiamo da qualche parte dove si possa discutere in pace. Qui da un momento all'altro potrebbe riesplodere l'inferno.

MAGNE' - Me ne sono già accorto. Prego mi preceda.

LUDOVICO - Dicevamo.... (escono)

La signora Lotroncato, Felicissima e Marietta in scena,

PASQUALINA - I' lo faccio pe vui. Po' si me volete scotà bono, si no, ve rompo l'ossa.

MARIETTA - Il guaio tuo lo sai quale ma'?

PASQUALINA - Magari ne tenesse sulu unu. Qual è?

MARIETTA - E' che sei troppo democratica.

FELICISSIMA - Davvero?

PASQUALINA - Ma lo sai che cacche vota me venutu gliu sospettu? Sentete, vui potete dice chello che ve pare, ma i' si parlo è pe' esperienza.

MARIETTA - Tratti troppo male mio marito.

FELICISSIMA - E se un giorno troverò anch'io qualcuno...

PASQUALINA - Agliu teo no. Gli faccio nu regalo agliu iorno.

MARIETTA - E perché al suo si?

PASQUALINA - I' dico accussì, a mama, ma non te preoccupà. Na ota che puri issu avrà missu gli pere ca dento potrà sapé come se iavoza la matina ma non come se croca la sera. E po unu che se piglia a chesta già pe' stu fattu dev'esse 'ncoraggiatu a campà momentu pe momentu. Senteteme bono. I' lo saccio che tengo nu bruttu carattere, ma chesta è mammeva. E po' tutte le voti c'aggio provatu a cagnà, la barca se la portava gliu vento. Volesse esse pur'i' spensierita, camminà alla bona de Dio; chello che capita capita. Ma è megliu ca gliu Signore, quanno m'aspetterà 'nanzi a chella porta, me tirerà cacche schiaffo a mani storta pecchè vaggio trattatu nu poco malamente chiuttosto de 'ngnì sapé rispogne si me chiede: "Addostanno le figlie tei che so prima figlie a Me, e che a te propitu l'aggi'affidate?" Quanno ce stea maritumu, puri si valeva poco, i' sparteva co' issu stu pisù, ma da quanno se n'é iutu a riposarese prima degliu tempo, sta responsabilità e sulu mia. E paricchi voti, co' tutta la forza che tengo, ce cado sotto, com'a' Gesù Cristu sotto la santa croce. I' pensavo: mo me se sposano e cagna caccosa. Addollè; è sempe peggiu. A Ludovico, in considerazione de chello che te 'n'capu, gliaggia pensà com'a' n'atu figliu; unu che la disgrazia de sta natura nosta, che non s'accontenta mai de niente, ni' dello bono e ni'dello malamente, ha ittatu n'mezo a na strati.

MARIETTA - E' stata tua figlia, cara mamma.

FELICISSIMA - Che ha voluto sempre correre dietro alle novità, ad ogni costo.

PASQUALINA - E che sto' a dice? La disgrazia della natura nosta. Ce sta chi s'accontenta de chi gli vo bene, che po' chi te vo veramente bene 'ncoppa a stu munnue è la cosa, è la cosa chiu' bella; l'unica che te veramente valore, e chi no.

MARIETTA - Però anche Ludovico adesso cerca altre cose.

FELICISSIMA - Gegina.

PASQUALINA - No, figlie mie. Puri si unu è trobbu bono, o troppu strunzu, che pe certi fatti è la stessa cosa, quanno è paricchiu trascuratu perde la bussola. Se 'mpazzisce. N'ome è fatt'accussì.

MARIETTA - Allora potrebbe capitare anche al mio Peppino

PASQUALINA - Agliu Peppino teo po' capità sulu na rotta d'ossa da parte mia.

MARIETTA - Lo vedi che lo maltratti.

PASQUALINA - Sinti bono, chigliu a furia d'esse ruffiano comm'alle peggiu femmene noste n'ha pigliatu puri tuttu lo bono. Nui sembramo 'npaurate, scornose, debbuli, ma 'n'ce 'nfracetamo mai, a differenza de issi. Po' agliu pustinu, che è tosto com'a' na sola de scarpe pe' età e generazione, sta tranquilla, che n'gni pò succede mai niente. A meno che 'n'ce lo fai succede tu. Pecché chello che po fa na femmena a n'ome non ce lo po' fa mancu gliu diavuru.

FELICISSIMA - Si, ma a volte sono gli uomini ad essere cattivi.

PASQUALINA - Cattivi? Se è pe' ch'esso so puri disgraziati, sgustumati, cretini, 'gnoranti, e strunzi, e chi chiu' te' chiu' ce metta. Ma, spissu, si succede caccosa a na femmena, che ce vede d'annanzi e d'arreto, è pecché essa propritu ha vulutu assaggià lo male.

MARIETTA - E quelle poverine che sono violentate?

PASQUALINA - Ma che c'entra? I' stò a parlà sempe de ommene e femmene, no de bestie; animali senza ragione e sentimenti, che non tenno rispetto mancu de chi gli'ha fati nasce. E me scuso, e puri paricchiu co gli'aglimali addavero, che issi, puri gli peggiu de sta terra, certe cose le rispettono pe' natura e gratitudine.

FELICISSIMA - Ha ragione ma'.

MARIETTA - Però io ti dico che il mio Peppino ha molte qualità.

FELICISSIMA - E' vero ma'.

PASQUALINA - (a Felicissia) Sinti, ma tu co' chi stai? Te si vennuta all'ata parti?

MARIETTA - Inoltre è una persona autosufficiente, che non ha bisogno di nessuno. Ma se proprio devesse aver bisogno di qualcuno sarà solo di me.

PASQUALINA - Te faccio vede ca te sbagli.

Un grido mostruoso fuori scena di Peppino

VOCE DI PEPPINO - Aiuto! Aiuto. Signora Lotroncato.

PASQUALINA - Maronna mai, che è mo?

VOCE DI PEPPINO - Aiuto. Signora Lotroncato.

MARIETTA - Peppino!?

PASQUALINA - Che t'aggiu dittu.

FELICISSIMA - Andiamo a vedere, presto.

Le donne rientrano immediatamente in casa

Entrano in scena Ludovico e il commissario Magné

LUDOVICO - Venga commissario, che non c'è nessuno. Mi ha fatto bene parlare di lei di queste cose. Sapere di non essere soli su questa terra....- Volevo dire nella sofferenza - fa sempre bene. Permette di superare le situazioni più drammatiche. E dopo aver perso la mia Santina questa è stata certamente una situazione molto dolorosa. Sa lei che cosa vuol dire aver fatto di un'altra persona la ragione stessa della propria vita? S'immagini.

MAGNE' - Immaginare? Immaginare?! Io lo so. Lei comunque deve considerare questa cosa come...come un fatto provvidenziale. Nel senso che è servito a chiarirle in modo determinante cosa fosse sua moglie per lei e quale strada deve prendere in futuro per la sua vita.

LUDOVICO - Lei dice?

Rientra Felicissima non accorgendosi dei due.

FELICISSIMA - Chissà che cosa credevamo fosse successo. Quel Peppino per me non è normale. Certo neanche la zia Antonia. Però a volte mi domando se ce ne sia qualcuno di normale in questa casa. Forse Santina. Mah?!

MAGNE' - Chi è questa simpatica fanciulla.

LUDOVICO - Non si ricorda? Mia cognata Felicissima.

MAGNE' - Onorato di riconoscerla.

FELICISSIMA - Il piacere è tutto mio, commissario.

MAGNE' - Federico. E il suo nome?

FELICISSIMA - Felicissima.

MAGNE' - Anch'io sono molto felice.

LUDOVICO - Beati voi.

MAGNE' - Come sarei ancora più felice se potessi accompagnarla questa sera da qualche parte. Non ho capito il suo nome.

FELICISSIMA - Felicissima.

MAGNE' - Che meraviglia. Se lei è felicissima si figuri io. Andremo in pizzeria o a teatro. Dove vuole lei. Ripasserò fra mezzora.

FELICISSIMA - Va bene. Volevo dire che il mio nome è... Vado a prepararmi.

LUDOVICO - Commissario...

MAGNE' - Come ha detto che si chiama sua cognata?

LUDOVICO - Felicissima.

MAGNE' - Anche lei è felice. Bene, molto bene. Ora la saluto. (esce dal cancello)

Entrano con agitazione Peppino, Zia Antonia e Marietta

dall'interno.

ZIA ANTONIA - Non cercate di scaricare tutto su di me.

PEPPINO - Io sono assolutamente innocente.

MARIETTA - Adesso vogliamo vedere che è tutta colpa mia?

ZIA ANTONIA - Ludovico, giudica tu.

LUDOVICO - Non sono nella condizione adatta.

ZIA ANTONIA - Taci e ascolta. Io ho un bellissimo completo di pizzo nero. Non so se mi spiego.

LUDOVICO - E che cos'è?

ZIA ANTONIA - Ludovico concentrati. Inoltre ho una giarrettiera rosso fuoco e una trasparentissima vestaglia color magenta. Stai focalizzando? Questa sera dovendo andare in scena ed essere sicura che tutto questo faccia il suo effetto, - Ma hai capito il concetto? - mi è stato necessario verificarne l'effetto su qualcuno, che non poteva essere se non un uomo. Si è trovato a passare, per puro caso, nelle vicinanze della mia stanza il signor Peppino. Ora io voglio sapere da te: Qual è la mia colpa?

PEPPINO - Non ho potuto fare a meno di gridare.

MARIETTA - Però non ti muovevi a uscire.

PEPPINO - Ero come paralizzato.

MARIETTA - E perché hai chiamato la mamma?

PEPPINO - La situazione era troppo grave.

ZIA ANTONIA - Ludovico, dici qualcosa.

LUDOVICO - Di che colore era il completo di pizzo nero?

Entra in scena Pasqualina dall'interno

PASQUALINA - Ce sta uno chiusu dendo agliu bagnu. I' volesse sulu sapé chi è.

ZIA ANTONIA - Altro che bagno; qui abbiamo problemi molto più importanti.

PASQUALINA - Che gli'hai sempe avuti chesto è certu.

MARIETTA - Io e mio marito non entreremo mai più in questa casa fino a che ci sarà zia Antonia.

PEPPINO - Sono stufo. Alla mia età non posso rischiare di essere violentato a ogni angolo della casa. Questa non è la mia vocazione.

PASQUALINA - Hai raggione: nui la sapemo bona la vocazione. tia.

MARIETTA - Non ha nulla a che vedere con quello che cerca di fare zia Antonia.

PASQUALINA - Ma chella è sulu n'arruvinata, e maritutu non tè certu la coccia chiù bona.

A gruppi si sovrappongono.

I° GRUPPO

MARIETTA - Mio marito è innocente, e non è una cavia da laboratorio.

PASQUALINA - Maritutu potesse 'i a fa gli sderrai soie da cacche ata parte.

MARIETTA - Vedi mamma che sei sempre cattiva con il mio Peppino?

PASQUALINA - Gliu Peppinu teo puzza d'ess'accisu e cacche vota gli'accontento.

MARIETTA - Lo vedi che è come dico io? Sei sempre più cattiva

PASQUALINA - No, i' si gli'accito lo faccio sulu pe' soddisfa' la vocazione sia. Te faccio vedè si dopu non me ringrazia.

II° GRUPPO

ZIA ANTONIA - Io mostro il mio completo di pizzo nero a chi mi pare e piace, è chiaro il concetto.

PEPPINO - Sono cose che nessuno vi chiede.

ZIA ANTONIA - Un'attrice come me e non ho bisogno del tuo permesso.

PEPPINO - Il nero non mi piace.

ZIA ANTONIA - I mie completini sono di tutti i colori.

PEPPINO - Io sono malato. Ho anche il certificato del medico della mutua.

ZIA ANTONIA - Guarda che ti posso fare all'istante la migliore visita fiscale di questo mondo.

III° GRUPPO

LUDOVICO - Avete dei cioccolatini? Non dite di no che ho visto la scatola. Ne vorrei qualcuno al rum. Se non c'è più al rum ne vorrei uno al caffè. Insomma c'è almeno un gianduiotto? Ho bisogno di qualcosa di dolce, maledizione. Ci sono almeno dei vecchi confetti anche se avariati? Per favore, mi accontenterei anche di questo. Qui ci dev'essere qualcuno che farà delle colossali pulizie. Almeno un bicchiere d'acqua. Almeno questo.

Entra in scena Felicissima dall'interno.

FELICISSIMA - Basta! Sembra di stare in un pollaio. Cosa diranno i vicini?

PASQUALINA - Gli vicini? E che ci'ama fa co' gli vicini? De chigli n't'hei mai preupà, ca i' ne saccio corna e miraculi, e si gli ve sulu de fiatà 'ncoppa gli fatti mee gli'assetto 'n'mezo alla chiazza dento a nu vasu da notte.

PEPPINO - E poi dice di me.

PASQUALINA - Ce sta na bella differenza. Tu pe' ruffianà ce campi, pecché la tia è na malatia, ma nui, pe sta' 'ncoppa a stu munno, affilmo le cortella sulu pe ce difende da chigli com'a' te.

FELICISSIMA - Per favore. Zia senti, mi presti qualcosa all'altezza della situazione? Questa sera, voglio dire tra poco, viene il commissario Magné, a prendermi.

PASQUALINA - E pecché 'n'se va a piglià la sore?

FELICISSIMA - Ma mi ha invitato a uscire e, non so come, non mi ricordo in che modo, gli ho detto di si.

PASQUALINA - E co chesto? Quanno ve ci gli'accompagno i'.

PEPPINO - Dove?

PASQUALINA - Lu vidi ca gliu disgraziatu vo sempe sapé gli fatti mee?

FELICISSIMA - Mamma, il commissario, forse, si vuol fidanzare con me.

PASQUALINA - Cazzarola, chesta è na bona notizia. Ma levamoce assulutamente stu "forse". E vui state ancora ca'? Iatela a preparà all'istante. (Felicissima, Marietta e Zia Antonia rientrano in casa) Dend'a' sta casa meno zitellame ce sta e chiù se respira bono. Chesta sì ch'è na bona notizia, Pateternu meo.(entra in casa)

PEPPINO - Tu hai capito qualcosa?

LUDOVICO - Mi sta riprendendo quel mio vecchio dolore di testa. Qua, sulle tempie: a destra e a sinistra. Che dolore.

Dall'interno etra in scena Santina

SANTINA - Peppino, allora?

PEPPINO - Sssss. Gegé è qui, da qualche parte. L'ho costretto a tornare, come mi hai chiesto.

SANTINA - Per il mio silenzio è il minimo che tu potessi fare. Da che cosa si è travestito questa volta?

PEPPINO - Da commissario.

SANTINA - Come da commissario?

PEPPINO - Da commissario Magné. Ha un soprabbito chiaro, pipa, occhiali neri e cappello. Mi raccomando però, che questa volta rischio grosso.

SANTINA - Allora vado a prendere le mie cose. (entra in casa)

Entra in scena Gegè dall'interno.

PEPPINO - Cosa mi tocca fare. (vede Gegè) Gegè!?

LUDOVICO - (prendendo una bottiglia sul tavolo) Dov'è?

PEPPINO - No! Chi c'è? Volevo dire: "Chi c'è?" Chi c'é? Il commissario Magné. Il commissario Magné.

Rientra dall'interno in scena la signora Pasqualina

PASQUALINA - Addostà? (Gegé è paralizzato) Commissà, bongiorno. Com'hate dittu che ve chiamate?

GEGE' - Commissario Magné.

PASQUALINA - Ah! Bono. Ma quantu magné?

GEGE' - Non capisco.

PASQUALINA - Ma me capiscio i', cazzarola. Aggio saputu, scusate se lo parlà nosto non è com'a' lo vosto, gliu fattu co' figliema. Aggia dice ca gliu piacere pe chello che state a fa è paricchiu. Mo che vè figliema, e ve pozz'assicurà ch'è na brava vagliona, la potete portà a do ve pare, ma sempe co coscienzea. Na cosa me raccomando: Quanno tornate che non sia allo cchiù tardi delle undici. Po esse puri dimani o dopudimani, ma chella è l'ora. I' di figlie tengo maritate, (guardandoli con autocommiserazione) e chisti so' gli mariti, e chi pe' na raggione e chi pe' n'ata non so state tantu furtunate. Gli'auguriu meo è che pe vui hanne esse tutta n'ata cosa.

Dall'interno della casa entra in scena Felicissima, seguita

da Marietta e dalla Zia Antonia.

Ecco la figlia mia. Me raccomando a mama ca si fa gliù sgustumatu dimmello sa, ca', commissariu e bono, gli'ammasono.

FELICISSIMA - Mamma?!

PASQUALINA - Figlia mia chisti l'hanna sapé bono come se po' entrà e come se po' puri scì da ca' dendo. Ma mo iateve a divertì. Bona sera.

I due escono dal cancello di destra

ZIA ANTONIA - Non sarebbe il caso di mettere qualcosa sotto i denti, visto che non si può fare altro qui dentro?

LUDOVICO - Questa si che è una buona soluzione.

La zia Antonia e Ludovico rientrano in casa confabulando

MARIETTA - Mamma noi vi salutiamo. Ci vediamo un'altra volta.

PASQUALINA - Figlia mia, e che te pozzo dice? Quanno volete vinì, ca' la casa è sempe la vosta.

Marietta e Peppino escono attraverso il cancello di sinistra

salutando. Pasqualina li accompagna con lo sguardo e poi esce

anche lei verso l'interno. Nel frattempo entra il commissario

Magné dal cancello.

MAGNE' - E' permesso. C'è nessuno? Io sono arrivato. C'è nessuno?

Dall'interno irrompe Santina vestita come se dovesse andare

ad un safari.Porta con se valige e borse.

SANTINA - Ma che cosa gridi? Sei impazzito? Tieni. (Gli scarica due valige tra le braccia) Voglio controllare se ho preso i biglietti. (Cerca nella sua borsetta) Si, eccoli. Adesso ascoltami bene, visto che hai insistito tanto, che mi hai perseguitato fino all'inverosimile, non ti venga in mente di ripensarci perché questo viaggio è senza ritorno. Altrimenti, "quant'è veru che so' figlia a mama, te ne faccio pentì pe' gliu resto della vita tia." Ora possiamo anche partire. E non una parola, mi raccomando. Sbrigati.

Il commissario, completamente frastornato, la segue

attraverso il cancelletto di destra.

B U I O I N S C E N A

Dopo una pausa al buio si accendono di nuovo le luci ed

entrano in scena la signora Lotroncato e Ludovico. La signora

Lotroncato ha una cartolina tra le mani; Ludovico porta

posate, salviette e una zuppiera piena di spaghetti fumanti.

PASQUALINA - Vidi come sta' bbona figliema 'ncoppa a st'elefante. Pare propriu che c'è nata e c'è cresciuta. Com'è bella: chiu se fa disgraziata e chiu' se fa bella. S'è puri fatta tutta nera pe gliu sole, e chisà chi è stu marrucchinu che tè vicin'a' essa? T'hè n'aria schifata. Ma chi è è, ca' la vedo contenta assai. Mo magnamo. Si, però aspetta nu poco, ca prima s'hanna fa la preghiera agliu Signore.

Pateterno meo,

guarda a st'arruvinatu ch'è

rimastu dent'alla casa mia.

S'eru i' agliu postu seo me fosse già accisa

da nu begliu pezzo,

ma se vede ca Tu, che n'abbanduni mai a nisciunu,

nì si è bono e nì si è malamente,

gli si statu vicinu assai.

Cognatema s'è passata la mani 'ncoppa alla coscienzea

e s'è fatta moneca,

(dopu che ha sbafatu pe anni dendo alla casa mia).

Da na parte Tu già ce l'avivi fattu capisce bono

tante voti

ca' sulu na capu vacanta com'alla sia

n'c'era ancora arrivata.

Non resistendo più Ludovico prende la zuppiera ed esce di scena.

Le figlieme finalmente hanno trovata la strati sia

ca 'ncoppa sta' terra è la cosa chiu' difficile da fa,

tantu che i' ancora n'aggio capito qual'è la mia.

Nui, però, Te ringraziamo de tuttu chesto:

dello bono ch'è sempe bono,

e dello malamente, quanno ce sembra malamente,

ca' mmani a Te è chiù bono dello bono.

LUDOVICO - Amen.

PASQUALINA - Mo potemo puri da de mani a stu piattu de spachetti, ca'a propositu de bono 'ngni manca propitu niente, e bon'appetitu a tutti quanti. Ma mo addo' se n'è iutu? Disgrazia posa si' spagetti. Te puzzi rompe le corna.

VOCE DI LUDOVIC - Ahi. ahi!!

PASQUALINA - Bono te sta'. Posa sti spaghetti, aruvinatu e disgraziatu. (esce anche lei)

F I N E

    Questo copione è stato visto
  • 0 volte nelle ultime 48 ore
  • 0 volte nell' ultima settimana
  • 0 volte nell' ultimo mese
  • 3 volte nell' arco di un'anno