L’ultimo scugnizzo

Stampa questo copione

L’ULTIMO SCUGNIZZO

di Raffaele Viviani

Personaggi:

‘NTONIO ESPOSITO, scugnizzo

L’AVVOCATO RAZZULLI

DONNA ROSA, sua moglie

MARIA CACACE, fidanzata di ‘Ntonio

‘NNARELLA, madre di Maria

ELVIRA, figlia di Razzulli

PASCALINO, figlio di Razzulli

SARCHIAPONI, aspirante segretario di Razzulli

DONNA PALMIRA, amante di Razzulli

PEPPE ‘O NAVIGANTE, marito di Palmira

IL PRIMO FORNAIO

‘O GUAGLIONE D’’O ZERRI ZERRO

IL SECONDO FORNAIO

IL PADRONE DEL FORNO

PEPPENIELLO, fornaio

‘O CANESTARO, amico di Ntonio

PUPARUOLO, amico di Ntonio

PACCHIELLO, amico di Ntonio

CESARE VASCO, amico di Ntonio

ASSUNTA, moglie di Puparuolo

RUSELLA, moglie di Pacchiello

‘NGIULINA, moglie di ‘O Canestaro

IL VECCHIETTO

ATTO PRIMO

Lo studio in casa dell’avvocato Razzulli. Una stanza polverosa e disordinata, piena di vecchi mobili ottocenteschi, sovraccarichi di libri e di carte. La scrivania è a sinistra, presso una porta. A destra, un’altra porta. L’ingresso è in fondo. Alle pareti, alcuni dipinti anneriti. Una pausa. Trilla il telefono sulla scrivania. Entra l’avvocato. È un uomo sulla cinquantina, un po’ calvo, un po’ adiposo. Ha l’aria riservata e buffa del tipico «paglietta» napoletano. Veste di scuro, ma distintamente; ed anzi c’è qualcosa nella sua «mise» di sbarazzino, che tradisce in lui l’uomo di mondo, il signore di altri tempi. Una volta, infatti, egli non abitava, come adesso, a Materdei, ma nel quartiere elegante di Ghiaia. Allora, forse egli dové avere persino ambizioni politiche che gli furono frustrate. La sua voce, infatti, un po’ stentorea, conserva ancora il tono del comiziante vecchio stile; ed è una delle ragioni per cui, anche nei nuovi tempi, egli ottiene un certo successo professionale.

L’AVVOCATO RAZZULLI - (risponde al telefono) Pronto?… Sì, avvocato Razzulli. Sono io, dica. (Ascolta) Oh, caro Giannini! Beh? E questo segretario?… No, no, da me non è venuto nessuno ancora… Ma quando gliel’ha dato lei, questo biglietto? Ieri?… Eh no, fino a questo momento, niente… Non è venuto, me lo avrebbero detto… Ecco, sì; ecco, proprio: a me occorre una persona pratica… Eh (approva) nu miezo paglietta1, che possa andare in Tribunale, mettere qualche causa a ruolo, provvedere a differimenti, a fare gli sfogli dei processi, parlare con qualche cliente. E, sopra tutto, di condotta illibata, perché mi dovrà fare anche degli incassi… Eh già, nu strascinafacenne2; ma, una persona civile, che si presenti bene, e mi faccia fare una buona figura… È un insegnante privato? Benissimo, lo aspetto con le braccia aperte. Seh… Si chiama Dante. Eh (sarcastico) avere Dante per segretario, non c’è male. (Ride) Sarchiapone? (Leggermente contrariato) No, no, lo chiamerò Dante solamente… Sarchiaponi? (Sorride) Eh, va bene, sempre Sarchiapone è! A me, in Tribunale già me danno ‘a morte ca me chiammo Razzulli. Facciamo Razzulli e Sarchiaponi? (Svelto) Appena arriva, v’informerò. Caro Giannini. (Riattacca il ricevitore) Menu male.

DONNA ROSA - (moglie dell’avvocato, donna di chiesa, sciatta, «napoletana», un po’irascibile, entrando) A chi telefonavi?

L’AVVOCATO RAZZULLI - Al sensale Giannini, p’ ‘o segretario.

DONNA ROSA - (contrariata) Mo ti metti n’ata spesa?

L’AVVOCATO RAZZULLI - E comme ‘o faccio l’avvocato? Io sulo? (Le mostra la scrivania ingombra di carte) Guarda ccà, io tengo tanta cause.

DONNA ROSA - E ti rivolgi all’Agenzia?

L’AVVOCATO RAZZULLI - E addo’ ‘o trovo, ‘mmiez’ ‘a via? Ce vò uno, addestrato…

DONNA ROSA - (diffidente) Statte accorto, vide a chi miette dint’ ‘a casa. Qui, c’è il maledetto difetto di tenere tutti i tiretti aperti; oggetti sopra i mobili, soldi dimenticati per tutte parte.

L’AVVOCATO RAZZULLI - E chiudite tutto a chiave, e ‘e solde v’ ‘e mmettite dint’ ‘a sacca! Ma io aggio bisogno ‘e uno ca me dà n’aiuto, ca me scagiona nu poco. E per fortuna, m’ha detto Giannini, ca se tratta ‘e nu signore, ex maestro. Si chiama Dante!

DONNA ROSA - Bravo!

L’AVVOCATO RAZZULLI - (timido) Dante Sarchiaponi. (Donna Rosa per la sorpresa, sbarra gli occhi) Ma io lo chiamerò Dante solamente.

DONNA ROSA - Sinò facimmo ‘a «Cantata d’ ‘e Pasture»! (Esce. Squilla il campanello della porta d’ingresso)

L’AVVOCATO RAZZULLI - Chi è?

UNA VOCE D’UOMO Premmesso?

L’AVVOCATO RAZZULLI - Avanti! (Entra ‘Ntonio Esposito. Giovanissimo esemplare dei bassifondi napoletani. È assai malandato: lunghi capelli incolti, folta rasiccia, scarpacce sbrindellate, vestito a pezzi, cappello bisunto. Alla presenza dell’avvocato, fa il saluto romano. L’avvocato Razzulli, nauseato) Non è qui… (‘Ntonio lo fissa. L’avvocato, alzando la voce) Non è qui…

‘NTONIO - Che state ammaccanno3? (Chiede) L’avvocato Razzullo?

L’AVVOCATO RAZZULLI - Razzulli?

‘NTONIO - Sì.

L’AVVOCATO RAZZULLI - Sono io, dite.

‘NTONIO - (dopo un attimo di esitazione, con slancio supplichevole) Avvuca’, vuie m’avit’a aiuta’…

L’AVVOCATO RAZZULLI - Ah? (Pigliando una posa professionale) Avete fatto qualche cosa?

‘NTONIO - No.

L’AVVOCATO RAZZULLI - (per meglio chiarire) Vi occorrono i miei servizi?

‘NTONIO - (con un lieve sorriso) Sono venuto a vedere se a voi occorrono i servizi miei.

L’AVVOCATO RAZZULLI - (che finalmente ha capito) Ah! (Lo squadra) E voi che fate?

‘NTONIO - Tutto quello che volete, ‘a fore d’ ‘e ccose malamente4! (Caccia la destra nella tasca dei pantaloni, affondandola fin quasi al ginocchio. L’avvocato Razzulli lo segue con un certo senso di curiosità. ‘Ntonio gli porge una lettera gualcita, che stira con le mani) Ecco. (E si mette sull’attenti)

L’AVVOCATO RAZZULLI - (dopo una rapida occhiata alla lettera) Voi? Il mio segretario?!

‘NTONIO - (approvando e indicando il contenuto dello scritto) Eh! N’ommo5 prattico ca s’ ‘a sape6 sbriga’? Pronto! Pretese modeste, tanto per cominciare. Nun guardate, avvoca’… Io songo n’ommo onesto!

L’AVVOCATO RAZZULLI - Ma questa benedetta Agenzia…

‘NTONIO - (interrompendolo) Un momento, avvoca’. La persona della lettera non sono io.

L’AVVOCATO RAZZULLI - Ah, ora capisco. Questa lettera il sensale non l’ha consegnata a voi?

‘NTONIO - No.

L’AVVOCATO RAZZULLI - E come ve la trovate?

‘NTONIO - E ghiette7 pur’io a st’Agenzia, p’essere. piazzato a quacche parte. Truvaie sta lettera ‘n terra, vedette8 ‘e che se trattava, e siccomme io n’aggio9 cchiú bisogno ‘e chillo ca ll’aveva avuta, aggio fatto ‘o tentativo… (Sorride)

L’AVVOCATO RAZZULLI - Ecco!

‘NTONIO - Come vedete, vi ho dato una prima prova di onestà!

L’AVVOCATO RAZZULLI - (lo squadra insistentemente) E voi chi siete?

‘NTONIO - (confessandosi) Un ex scugnizzo!

L’AVVOCATO RAZZULLI - (sorpreso) Ah?!

‘NTONIO - Guaglione10 m’arrangiavo ‘e tutte manere11… Ma mo so’ gruosso, tengo ‘a salute, e aggi’a fatica’! (Pausa)

L’AVVOCATO RAZZULLI - Avete qualche documento?

‘NTONIO - Pe’ sape’ chi songo? ‘Ncopp’ ‘a Quistura12 me sanno13. ‘A quanno14 purtavo na mutanda ‘e femmena ‘nfelata pe’ cappotto, e nu cappulicchio15 ‘a suldato!

L’AVVOCATO RAZZULLI - Oh, e adesso chi siete?

‘NTONIO - Songo uno qualunque, ca se vò ‘mpiega’, pecché ha capito ca nun è cchiú ll’epoca ‘e campa’ senza fa’ niente!

L’AVVOCATO RAZZULLI - Eh già, ma a me occorre un segretario vero e proprio. (Pausa) Sapete leggere e scrivere?

‘NTONIO - Poco. Ma ‘a parlantina è bbona!

L’AVVOCATO RAZZULLI - Ma che me ne faccio ‘e vuie?

‘NTONIO - Comme, «che me ne faccio»?

L’AVVOCATO RAZZULLI - A me, ci vuole uno che capisca di tribunali, cause, processi, sentenze…

‘NTONIO - Ah, p’ ‘o fatto’ e cause, pruciesse16, sentenze ‘e tribunale…

L’AVVOCATO RAZZULLI - State a posto?!

‘NTONIO - Avvoca’, è materia mia.

L’AVVOCATO RAZZULLI - Overo17?

‘NTONIO - Aggio tenuto sempe ‘a passione ‘e me i’ a senti’ ‘e ccause… Pe’ tant’anne: dibattite, testimoni a carico, a discarico, confronti, incidenti, requisitorie del Pubblico Ministero, arringhe degli avvocati di Parte Civile e di difesa, articolo E, articolo C… (L’avvocato Razzulli lo guarda e, suo malgrado, sorride) ‘O codice, appunto pe’ nun ce cade’ ‘a dinto, nun ve dico ca ‘a saccia a memoria, ma na forte ‘nfarenatura ‘a tengo. E si no nun me permettevo di venire da voi…

L’AVVOCATO RAZZULLI - E ‘a fedina penale?

‘NTONIO - Pulita. Quacche notte dint’ ‘o canciello18…

L’AVVOCATO RAZZULLI - Ah, ah… ‘O vvì?

‘NTONIO - E guaglione, pe’ tant’anne senza fissa dimora, all’«hotel marciapiede», cu ‘o friddo19 e cu ’o cchiovere20… Quanno vulevo durmi’ nu poco ‘o ccupierto, mme facevo arresta’… Ma io ve pozzo essere utile a tutto, avvoca’! Si quacche cliente nun ve pava, ce vach’io21, o cu ‘o bbuono o cu ‘a forza e ve faccio pava’!

L’AVVOCATO RAZZULLI - Eh! Accussi ‘e ccause nun ‘e ffaccio cchiú pe’ ll’ate22, ‘e ffaccio pe’ mme!

‘NTONIO - Ve vaco a pava’ ‘a fundiaria23, ‘a ricchezza mobile, ll’acqua d’ ‘o Serino… Mobili a pulitura, pavimenti a cera… Diciteme che aggi’a fa’? Na piccola cosa ‘o mese; nu vestito, quanno v’ ‘o levate24; e tenarrate25 nu cane fedele; l’assicurazione sulla vita e contro ‘e furte… E chille ‘e mariuole26, quanno sanno ca ce stongo io dint’ ‘a casa, hann’a dicere: «Che ce jammo a ffa’ cchiú?!»

L’AVVOCATO RAZZULLI - Ma sai che sei un bel tipo?!

‘NTONIO - (sorridendo) E comme aggi’a fa’, avvoca’? Ccà nisciuno ‘o vò passa’ stu guaio…

L’AVVOCATO RAZZULLI - E l’aggi ‘a passa’ io?

‘NTONIO - E uno ha dda essere ‘o primmo ca m’ha d’ave’ fiducia?! E si tutte quante me chiudeno ‘e pporte, io starraggio27 tutt’ ‘a vita ‘mmiez’ ‘a via?!

L’AVVOCATO RAZZULLI - Comme te chiamme28?

‘NTONIO - ‘Ntonio Esposito.

L’AVVOCATO RAZZULLI - Esposito? Tuo padre? Tua madre?

‘NTONIO - Nisciuno! E mo tengo a nu nonno, e site vuie!

L’AVVOCATO RAZZULLI - Adderittura!

‘NTONIO - E comme aggi’a dicere? (Pausa) L’unico peccato mio è che aggio fatto ‘o malamente29 a na bona guagliona30…

L’AVVOCATO RAZZULLI - Pure?

‘NTONIO - Sì, ma primma che addevento31 papà, capitemi, me l’aggi’a spusa’! Si no a n’atu ppoco chella… sgrava, e stu figlio mio a chi è figlio? Facimmo ‘a siconda edizione d’ ‘o pato: che ascette32, e nun truvaie a nisciuno? E io già saccio che m’è custato a nun tene’ genitore! E ancora che me costa! E che me custarrà. No! Figliemo ha dda tene’ ‘o pato e ‘a mamma! Si no nasce ca lle manca ‘o terreno ‘a sotto ‘e piede! E se truvarrà gruosso33, all’età mia, ca sta peggio ‘e me? No, appena caccia ‘a capa34 ha dda dicere: «Papà!» e io aggi’a risponnere: «Eccolo!» E si nun me piazzo a qualche parte comme m’ ‘a sposo ‘a mamma? E comme addevento pato? E comme rispongo: «Eccolo»?

L’AVVOCATO RAZZULLI - Certo i tuoi sentimenti sono buoni…

‘NTONIO - Buoni, avvuca’!

L’AVVOCATO RAZZULLI - Ma accussi cumbinato…

‘NTONIO - (meravigliato) E vuie nun m’avit’a vesti’?

L’AVVOCATO RAZZULLI - Eh già, ma quanto me cuoste35?

‘NTONIO - Ma è na vota sola. Io ‘e panne m’ ‘e t tengo bbuono. Chisto vestito tene na quindicina d’anne, e pò ancora passa’. Che ddicite?

L’AVVOCATO RAZZULLI - Io direi anche di sì; ma, appena ti vedrà mia moglie, cca vene36 a rivoluzione!

‘NTONIO - No!

L’AVVOCATO RAZZULLI - Quella è così diffidente… E poi è bigotta… bizzoca…

‘NTONIO - Capisco: ecclesiastica…

L’AVVOCATO RAZZULLI - Appura37 ‘o fatto ‘e sta relazione, le condizioni della tua ragazza… (Pausa)

‘NTONIO… Ma nonsignore! (Sornione) Io ci ho parlato con la vostra signora, e mi ha fatto una buona accoglienza.

L’AVVOCATO RAZZULLI - (impressionato) Conosci la mia signora?

‘NTONIO - Sì. Donna Palmira, al Vico Lepre ai Ventaglieri 41, ‘o primmo38 piano, ‘o telaro cu ‘e llastre39…

L’AVVOCATO RAZZULLI - (preoccupato) Parla piano!

‘NTONIO - …Prima di venire qua, mi sono fatto un dovere di andare sopra da Donna Palmira a raccomandarmi, perché avesse messo una buona parola verso di voi…

L’AVVOCATO RAZZULLI - E lei che ti ha detto?

‘NTONIO - Mi ha detto: «Per conto mio, figuratevi! Andate allo studio e vedete che potete fare». Così, mi son fatto dire dove stavate.

L’AVVOCATO RAZZULLI - Benissimo! (Pausa) Però sei caduto in un grosso errore.

‘NTONIO - Quale?

L’AVVOCATO RAZZULLI - Quella donna non è la mia signora.

‘NTONIO - (pronto) Avvoca’, io non mi permettevo… È la vostra amante, lo so.

L’AVVOCATO RAZZULLI - Nemmeno.

‘NTONIO - (fermo) Avvoca’, io ve veco tutt’ ‘e ssere quanno, primma ‘e ve ‘nfela’40 dint’ ‘o palazziello41, guardate attuorno pe’ vede’ si ve vede nisciuno…

L’AVVOCATO RAZZULLI - Allora mi hai spiato?

‘NTONIO - (accigliandosi) ‘ A spia? Io? Song’ommo, avvuca’! (Insistendo) Ommo! Stongo proprio ‘o vascio42 ‘e rimpetto43, dinto addu ‘a ‘nnammurata mia. E siccomme ‘a sera pe’ sparagna’44 ‘a luce stammo ‘o scuro45, quanno venite, io veco a vvuie e vvuie nun vedite a mme. (L’avvocato Razzulli tace, non riuscendo a darsi un contegno) E per cominciarvi a dare anche una prova di fedeltà, vi dico: stateve attiento, pecché ‘o marito ‘e Donna Palmira ha dda turna’ dint’a sti juorne46 d’ ‘a Sardegna. E m’ha ditto chi l’ha canusciuto47, pecché io nun ‘o saccio48, ca è na brutta pelle. E vuie site nu signore, e ve cunviene d’allasca’49! (Donna Rosa rientra da sinistra. L’avvocato Razzulli allibisce)

DONNA ROSA - (sorpresa, indicando ‘Ntonio) A chi vò? (L’avvocato Razzulli non sa che cosa rispondere. A ‘Ntonio, con durezza) Andate, ccà solde nun ce ne stanno. Ma comme, ve mettite pure a sagli’50 ‘ncopp’ ‘e ccase d’ ‘a ggente?

‘NTONIO - (sgarbato) Gue! Facitece51 parla’…

L’AVVOCATO RAZZULLI - (redarguendolo) Gue, quella è la mia signora!

‘NTONIO - (comprende di avere il coltello dalla parte del manico) Ah?! La vostra signora? Signo’, scusate…

DONNA ROSA - (risentita) E pe’ chi m’avevate pigliata? P’ ‘a cammarera52? (Al marito) Ma se pò sape’ chi è, che vvò?

‘NTONIO - (rapido, mentre l’avvocato non osa parlare) Sono il nuovo segretario.

DONNA ROSA - (scattando) Ma è uno scherzo?

L’AVVOCATO RAZZULLI - (piano, a ‘Ntonio) Hai visto?

‘NTONIO - E se sape, ‘a signora me vede accussi…

DONNA ROSA - (vestendosi di prudenza, a ‘Ntonio) Nun è cosa, ‘a Madonna v’accumpagna. Jatevenne53.

‘NTONIO - Ma quanno ‘o signore m’ha vestuto ‘a capa ‘o pede54…

DONNA ROSA - (al marito, sbarrando gli occhi) Tu?!

L’AVVOCATO RAZZULLI - (rapido) Dice lui…

‘NTONIO - (a Donna Rosa) Vedarrate55 ca me presento buono. ‘E me, ve ne putite servi’ ‘e tutte manere. E tenite dint’ ‘a casa na perzona cattolica… Signo’, io me dico ‘o Rusario tutt’ ‘e ssere… Na piccola mesatella56, e quacche panno, pe’ nun farve l’impressione ca ve faccio… Nu mese d’esperimento, na settimana, nu juorno… A n’at’ora me dicite: «Nun è cosa!» e io me ne vaco… Ma, accussi, no! ‘A diffidenza? Passarrà! Chiuditeve tutto cosa! O me scengo57 pure ‘e mobile? Avvoca’, soh, l’ultima botta! Dicitencello58 vuie ‘a signora vosta… Avvoca’, parlate… Vuie avit’a parla’… (Lo fissa con intenzione)

L’AVVOCATO RAZZULLI - (ormai compromesso, alla moglie) Guarda, per me, pulito, potrebbe passare… (Donna Rosa è titubante)

‘NTONIO - Songo l’unnice e meza59: a mieziuorno60, me ne cacciate!

L’AVVOCATO RAZZULLI - (alla moglie) Che dici?

DONNA ROSA - Fa’ chello ca vuo’ tu!

‘NTONIO - (confuso) Grazie, Donna Palmi’!

L’AVVOCATORAZZULLI - (scosso, rapido a ‘Ntonio) Che dici? Si chiama Rosa!

DONNA ROSA - Chi è sta donna Palmira?

‘NTONIO - Ah? Un’altra signora benefattrice che conosco…

ELVIRA.(la figlia signorina dell’avvocato, entrando, da sinistra) Mammà… (Vede ‘Ntonio e, impressionata sfavorevolmente, alla madre) Chi è?

DONNA ROSA - (pungente) Il nuovo segretario di tuo padre.

‘NTONIO - (ad Elvira) Piacere. (All’avvocato) Bella! Pure una figlia signorina? (Ad Elvira) Cos’è? Siete rimasta male? Mo aggi’a fa’ na cunferenza pure cu vvuie?

L’AVVOCATO RAZZULLI - (rapido a ‘Ntonio) No, basta!

‘NTONIO - E chiammate a tutto ‘o riesto d’ ‘a famiglia, accussi facimmo una bella presentazione, e nun se ne parla cchiú!

ELVIRA - (chiamando verso sinistra) Pascali’! (Entra Pascalino: giovanotto fatuo, un po’ antipatico. Riconosce ‘Ntonio e ne prova una sgradevole sorpresa)

‘NTONIO - (sorpreso a sua volta) Ah! (All’avvocato) Anche figlio a voi? (A Pascalino) Buongiorno! (Poi, di nuovo, a Razzulli) Con una moglie e due figli grandi. Una bella famiglia.

ELVIRA - (al fratello) È il nuovo segretario di papà.

PASCALINO - (al padre, risentito) Ma… dici sul serio? (L’avvocato Razzulli gli risponde, con un impacciato cenno di sì) È una pazzia!

‘NTONIO - (fissandolo) Ah?! (Pausa) ‘O Signore dicette: siete tutti fratelli… (Chiede a Donna Rosa) Eh?

DONNA ROSA - (approva) Eh!

‘NTONIO - (a Pascalino, continuando) E vuie facite ’o Caino?

L’AVVOCATO RAZZULLI - «Vuie»? Cos’ è stu «vuie»?

‘NTONIO - Sì, avvoca’, ‘o cunosco, ‘o signurino… (A Pascalino) È overo ca ve cunosco? E pure vuie sapite io chi songo… E allora, nu poco ‘e cunsiderazione per il vostro germano Abele… Pecché è na pazzia? Ca songo n’essere inferiore? E che merito tenite vuie ca site nato na perzona civile?! Vuie, appena nato, avite truvato ddoie braccia ca v’hanno astrignuto61. Io aggio truvato ddoie mane ca m’hanno lassato62! M’aspettavo ll’aiuto d’ ‘o prossimo ca, essendo prossimo avarri’avut’a essere prossimo… ma so’ passate trent’anne e stu prossimo sta ancora luntano! (Pausa) Papà vuosto, mammà, ‘a surella, nun trovano difficoltà; e vuie dicite che no?

PASCALINO - (un po’ interdetto) Io? No. Papà, pe’ tte va buono? E pigliatillo63. (A ‘Ntonio) Va bene?

‘NTONIO - (a Pascalino) E grazie. (All’avvocato, con sottile ironia) Perzone ‘e famiglia ce ne stanno cchiú?

L’AVVOCATO RAZZULLI - No.

‘NTONIO - (scrutando tutti) Tutti d’accordo?

L’AVVOCATO RAZZULLI - (dopo una rapida occhiata ai suoi) D’accordo,

‘NTONIO - (tira un bacio sulla punta delle dita verso il cielo) Ahl Benedetta ‘a Madonna! (Pausa) Che m’aggi’a mettere ‘ncuollo64?

L’AVVOCATO RAZZULLI - (al figlio) Vide quacche vestito d’ ‘o tuio65… Nun m’ ‘o facite vede’ accussi.

‘NTONIO - (sarcastico, a Pasqualino, che si avvia verso l’uscio di sinistra) Se è possibile, nu poco meglio ‘e chisto. (Indica il suo)

PASCALINO - Credo bene!

L’AVVOCATO RAZZULLI - (ad Elvira, che si avvia) Dalle66 pure chillo paro ‘e scarpe mie strette, ca nun me vanno cchiú… Riducetelo presentabile.

‘NTONIO - E mi andranno le scarpe vostre, avvoca’? Abituato a cammena’ scauzo67… Pe’ dint’ ‘a casa, all’esta’68… ‘O pede s’è allargato.

L’AVVOCATO RAZZULLI - (tra sé, seccatissimo) Eh! Vediamo un po’…

‘NTONIO - (sicuro) E si no, se fanno nove… (Esce spingendo di prepotenza Pascalino)

DONNA ROSA - (alla figlia, passandole il mazzo delle chiavi) Chiudete tutte cosa; e contate ‘e piezze ‘e ramma69 dint’ ‘a cucina, ‘e piatte, ‘e bicchiere, ‘e salviette, gli asciugamane…

L’AVVOCATO RAZZULLI - (alla moglie) Eh! Aggio pigliato ‘a persona ‘e fiducia! Va’, non esagerare… (Donna Rosa ed Elvira escono. A Pascalino) Senti qua: dove l’hai conosciuto, tu? (Allude a ‘Ntonio)

PASCALINO - Poi ti dirò… (Esce)

L’AVVOCATO RAZZULLI - (rimasto solo, ha un rapido moto di rabbia. Squilla il campanello della porta d’ingresso) Avanti!

SARCHIAPONI - (uomo perbene, anzianotto, ma assai dimesso) L’avvocato Razzulli?

L’AVVOCATO RAZZULLI - Sì!

SARCHIAPONI - (avanzandosi) Io sono Sarchiaponi.

L’AVVOCATO RAZZULLI - Ah, la persona che ha mandato…

SARCHIAPONI - (completando) Giannini!

L’AVVOCATO RAZZULLI - (con sommo rammarico) Ma voi dovevate venire ieri…

SARCHIAPONI - (amareggiato) S’hanno arrubbata70 ‘a lettera ‘a dint’ ‘a sacca!

L’AVVOCATO RAZZULLI - Rubata, no. Invece di mettervela in tasca, l’avete fatta cadere in terra.

SARCHIAPONI - (protestando, sicurissimo) Rubata!

L’AVVOCATO RAZZULLI - (impressionato e dubbioso) Possibile?

SARCHIAPONI - Non si discute! È stato un tipaccio che ho visto nell’Agenzia e che, quando sono uscito, mi ha pedinato. Mi ha visto mettere la mano in tasca con una certa cautela, ed ha creduto forse a dei valori. Il certo è che, appena s’è allontanato ed ho rimesso la mano in tasca, la lettera non c’era più! Smarrita? No, rubata. Sono stato vittima di un furto. E così, non avevo più il vostro indirizzo, ritornai da Giannini, trovai chiuso; poco fa gliel’ho chiesto per telefono, e…

L’AVVOCATO RAZZULLI - (con sincero rincrescimento) E adesso già mi sono provveduto!

SARCHIAPONI - (addoloratissimo) Ah?!

L’AVVOCATO RAZZULLI - Si! Pochi momenti fa… Ma, non si può mai sapere… Lasciatemi il vostro indirizzo, che all’occorrenza, vi manderò a chiamare…

SARCHIAPONI - Grazie! (Prende un biglietto da visita e lo porge all’avvocato) Ecco, vedete… (Prova quanto va dicendo) Vedete con quanta facilità e sicurezza levo e metto il biglietto dalla tasca. E così, la lettera. Me l’hanno rubata!

L’AVVOCATO RAZZULLI - (legge il biglietto) Insegnante. (Lo lascia sulla scrivania. Ha un dubbio) Aspettate. Ve lo voglio far vedere questo nuovo segretario che ho preso… (Entra Elvira) Elvi’, il segretario è pronto?

ELVIRA - Si sta facendo il bagno.

L’AVVOCATO RAZZULLI - Ah?

ELVIRA - Era pronto per me. (Piano) Lui, (allude a ‘Ntonio) ne aveva bisogno.

L’AVVOCATO RAZZULLI - (a Sarchiaponi, ironico) È al bagno!

SARCHIAPONI - Ah?

L’AVVOCATO RAZZULLI - Fatemi la cortesia, accomodatevi dieci minuti in quella stanza. Non andrete di fretta, spero? Vi prego… (Ad Elvira) Portale na tazza ‘e cafè.

SARCHIAPONI - (confuso) Grazie.

L’AVVOCATO RAZZULLI - Tengo nu suspetto… (Sarchiaponi esce a destra. Ad Elvira) Questo è il vero segretario, che mi aveva mandato Giannini! Ieri gli rubarono la lettera di presentazione e sta lettera l’ha purtata ‘Ntonio…

ELVlRA (di scatto) Allora è nu mariuolo?

L’AVVOCATO RAZZULLI - Pare… (Piano) E perciò voglio fa’ nu confronto. Eh? (Elvira approva) Si ‘a lettera l’ha truvata ‘n terra è un conto, ma si ce l’ha levata ‘a dint’ ‘a sacca, è un altro… È un furto; e, con uno che è abituato a rubare, ti puoi aspettare qualunque sorpresa… Domani mettiamo, io esco ccà fore71 e nun trovo cchiú… ‘a scrivania…

ELVlRA Eh, papà adderittura!

L’AVVOCATO RAZZULLI - Faccio per dire…

ELVIRA - (impressionata) Telefono ‘a Questura?

L’AVVOCATO RAZZULLI - (fermandola) Aspetta! Lo denunzio senza un motivo? Me faccio fa’ na querela, per diffamazione? Chillo ‘o codice ‘o sape meglio ‘e me! Bisogna agire con molta delicatezza…

ELVIRA - Mo siente a mammà!

L’AVVOCATO RAZZULLI - Eh! (Approva; e poi avvilito) Mi piglierei a schiaffi! (Si ode il suono prolungato di un campanello elettrico)

DONNA ROSA - (entrando, al marito) Il segretario… sta suonando il campanello elettrico ‘a dint’ ‘o bagno. Chi c’entra? Io, no!

L’AVVOCATO RAZZULLI - L’ho sentito…

ELVIRA - (alla madre, che la guarda) E ce vach’io? Se sta dentro al bagno…

DONNA ROSA - (al marito) Vacci tu, vedi che vuole…

L’AVVOCATO RAZZULLI - (avviandosi, seccato) Mo ll’aggi’a pure servi’? (Altro suono di campanello) E va pure ‘e pressa72! (Ancora un suono di campanello)

PASCALINO - (entrando, nervoso) Chillo stà sunanno73 ‘a tre ore…

L’AVVOCATO RAZZULLI - (scattando) L’ho sentito! (Ha un moto di collera, a stento soffocato, ed esce)

DONNA ROSA - (rapida, al figlio) Ma addo’ l’hè cunusciuto a chillu galantomo?

PASCALINO - (evasivo) A nu posto, mammà… (E fa cenno alla presenza di Elvira) Poi ti dirò… Ma chillo è pericoloso! (Alla madre, piano) Ha disonorato a na povera figliola…

DONNA ROSA - (allibisce, scandalizzata) Uh! E ccà ce vuleva na perzona attempata! Chillo è chino ‘e salute74… Cu na figliola zetella, mettimmo a stu veziuso75 dint’ ‘a casa?

L’AVVOCATO RA’ZZULLI (entrando, alla moglie) Ce sta nu pigiama?

DONNA ROSA - Pure ‘o pigiama?

L’AVVOCATO RAZZULLI - Pe’ s’asciuga’…

DONNA ROSA - E s’asciuga vicino ‘o lenzuolo…

ELVIRA - (al padre) Ce l’aggi’a pripara’76 na tazza ‘e latte?

L’AVVOCATO RAZZULLI - E comme…

DONNA ROSA - (ironica e seccata alla figlia) Sbattele pure ddoie ove77… Quando tuo padre… (E guarda male il marito che, secondo lei, pecca di eccessiva debolezza)

L’AVVOCATO RAZZULLI - (scattando) Tu che vvuo’? (Calmandosi) Oramai c’è, usiamo prudenza…

DONNA ROSA - (tirando a sé il marito, con gravità) Chillo è nu pessimo arnese… Ha sedotta una ragazza…

L’AVVOCATO RAZZULLI - Lo so, me lo ha detto. E perciò è venuto da me…

DONNA ROSA - E pecché è venuto da te?

L’AVVOCATO RAZULLI Pe’ se piazza’… e pe’ s’ ‘aspusa’… (Al figlio) Ma dove l’hai conosciuto, tu?

PASCALINO - (seccato) E so’ ttre…

DONNA ROSA - Non me lo ha voluto dire, ma… in qualche luogo equivoco certamente…

L’AVVOCATO RAZZULLI - E queste sono le tue amicizie?

PASCALINO - (protestando) Che amicizie, papà?

L’AVVOCATO RAZZULLI - Ha detto che ti conosce e che tu lo conosci bene.

PASCALINO - (a sua giustifica) Mi è capitato cinque o sei volte tra i piedi. E, sapendo che era poco di buono, l’ho sempre tenuto lontano… Vuo’ vede ca song’io ca l’aggio fatto veni’? Vuie, ve site fatte cumbina’! Appena ho aperto la bocca, chillo m’ha cacciata ‘a Storia Sacra ‘mmiezo e m’ha chiammato Caino! E chi parla cchiú? Avessem’a fa’ tutt’ ‘o ccuntrario? Ca Abele accide78 a Caino? (Pausa) Scendo, papà, vuoi niente?

L’AVVOCATO RAZZULLI - No… Anzi, aspetta: vai da Valoroso e fatti dare quelle trecento lire…

PASCALINO - Non vuole dare nemmeno un centesimo…

L’AVVOCATO RAZZULLI - Sono spese vive, carta bollata…

PASCALINO - Papà, mi ci devo rompere? Quello è sui generis… (Indica a sinistra, alludendo a ‘Ntonio)

DONNA ROSA - (al marito) Mandaci il segretario.

L’AVVOCATO RAZZULLI - (approva) Eh! Accussi l’arrestano e ce ‘o levammo ‘a tuorno79!

ELVIRA - (che ha guardato a sinistra) Zitti.

‘NTONIO - (appare ben vestito, rasato di fresco, con i capelli ravviati e lisciati. Sorpresa di tutti) Beh? Pozzo80 passa’?

L’AVVOCATO RAZZULLI - Eh! (come dire: altro che!)

ELVIRA - (ai suoi) Sta buono…

‘NTONIO - (a Pascalino, indicando il vestito) Ce sta quacche macchiulella81…

PASCALINO - (ironico) Scusatemi…

‘NTONIO - (a Donna Rosa) Sono presentabile?

DONNA ROSA - Fin troppo!

‘NTONIO - (bacia un piccolo scapolare che, ostentatamente, mostra a Donna Rosa) È l’abbetiello82 d’ ‘a Madonna…

DONNA ROSA - (un po’ sospettosa) Ah!

‘NTONIO - ‘O porto sempe cu me! (Ad Elvira, che vede meno ostile) Signuri’, nu fazzulettiello83 pe’ pietto e n’ato pe’ me suffia’ ‘o naso…

ELVIRA - (mentre i suoi guardano il giovane, insistendo) Subito! (Esce)

DONNA ROSA - (con voluta dolcezza, a ‘Ntonio: ma, per punzecchiare il marito) Io vi vado a preparare la colazione. (Si avvia)

‘NTONIO - (umile) Da stasera sarò io che la servirò a tutti… (A Donna Rosa) Signo’, oggi è venerdi; ed io ‘o venerdi nun mangio carne… (Donna Rosa esce)

PASCALINO - (sarcastico) Abele, che fumate?

‘NTONIO - (sorride, per mantenere lo scherzo) Vecchia conoscenza! (Poi) «Popolari»!

PASCALINO - Mo saglio84 e v’ ‘e pporto. (Esce per il fondo)

‘NTONIO - (compiaciuto) Grazie. (E all’avvocato) Me pare che gli umori vanno mano mano migliorando…

L’AVVOCATO RAZZULLI - (amaro) ‘O principio nun c’è male…

‘NTONIO - (tra il profetico e lo scherzoso) Avimm’a vede’ ‘o finale!

L’AVVOCATO RAZZULLI - (dopo una rapida occhiata intorno e dando sfogo sommessamente al suo dubbio) Ascolta! (‘Ntonio lo fissa, sorpreso) Qui si è creata, in pochi minuti, una situazione tragica per me.

‘NTONIO - Pecché?

L’AVVOCATO RAZZULLI - (sorvegliandosi) Sto, ormai, nelle mani tue, esposto ad ogni ricatto.

‘NTONIO - (ha un moto di risentimento, ma si trattiene) Voi vi sbagliate!

L’AVVOCATO RAZZULLI - (incalzando) No! Conosciuta la mia situazione delicata, ti sei, di prepotenza, installato in casa mia…

‘NTONIO - (sbarrando gli occhi) Di prepotenza?!

L’AVVOCATO RAZZULLI - Sì… ho voluto chiuderti la bocca… E il cammino che hai fatto in cinque minuti è impressionante… (Lo squadra da capo a piedi come non credendo ai suoi occhi) Sei in casa mia, ormai, a contatto con i miei; sai che ho un’amante (s’accalora, ma diminuendo sempre più il tono della voce) e fino a che punto vorrai sfruttare adesso la situazione?! (Deciso) Bada però che, se allo scandalo si dovrà arrivare, io lo farò completo. Ti denunzio…

‘NTONIO - (che, a fatica, si sarà dominato, dice tra il sardonico ed il lepido) Credevo ca cu ‘a barba fatta, guardanneme buono85 ‘n faccia, m’avisseve pututo capi’ meglio: ma è stato peggio. (Pausa) E io, cu ‘o vestito d’ ‘o figlio vuosto ‘ncuollo, ve cummettarrie na cosa simile? (Pausa) V’avarria avut’a ispira’ na maggiore fiducia. (Pausa) …Però, avvoca’, s’imputa a uno per un reato commesso, non da commettere… Mi appello a voi, questa è materia vostra… volete che me ne vaco? Me ne andrò, tale e quale comme songo venuto. ‘E panne mieie viecchie86 stanno llà… (A sinistra) Dateme ‘o tiempo ca me cresco ‘a barba. (Rapido, econ intenzione) Non con la vostra signora, perché chi se cresce ‘a barba, secondo il modo di dire nostro, ca cioè fa ‘a spia, è sempe nu ‘nfamone; ma pe’ turna’ a essere ‘o stesso ‘e diece minute fa; pe’ gghi’ a cummovere a n’ato ca nun tene l’amante e nun teme ricatte…

ELVIRA - (entra con una tazza di caffè su un vassoio; a ‘Ntonio) ‘O llatte è pronto…

‘NTONIO - (mortificato) Grazie. E pecché vi siete voluta incomodare voi? (Fa per prendere il vassoio)

ELVIRA - (si schiva) No, ‘o vvuosto sta dentro. Chesto è ‘o cafè pe’… (Indica a destra)

L’AVVOCATO RAZZULLI - Ah! (Sovvenendosi) E chi ce penzava cchiú a…

‘NTONIO - (prende il vassoio) E ce l’avit’a purta’ vuie? Spetta a me. (S’avvia a destra) Avvoca’, tenite visita?

L’AVVOCATO RAZZULLI - È chillo d’ ‘a lettera, il vero segretario…

‘NTONIO - Ah!! È venuto?! (Si ferma) E vuole il posto? (L’avvocato Razzulli tace, con aria impenetrabile) Embè, se volete, glielo cedo subito… (E si avvia, decisamente)

L’AVVOCATO RAZZULLI - (indeciso e temendo sempre una rappresaglia) Aspetta… (Alla figlia, che è rimasta immobile) Vattenne nu poco, fance87 parla’… (Elvira esce a sinistra. ‘Ntonio è rimasto interdetto) Miette ‘a tazza ccà… (‘Ntonio poggia il vassoio sulla scrivania) Quello… (allude a Sarchiaponi) non pretende niente, perché già gli ho detto che il suo posto è stato occupato.

‘NTONIO - E grazie…

L’AVVOCATO RAZZULLI - Mi ha messo in agitazione, però: perché afferma che la lettera l’ha messa bene in tasca… Mi ha fatto vedere più volte la manovra. (Ripete l’azione, con un leggero senso di paura) E che non l’ha perduta, ma gli è stata rubata!

‘NTONIO - (scosso) Rubata?

L’AVVOCATO RAZZULLI - Questo mi fa sospettare ca tu nun l’he truvata ‘n terra, come hai detto, ma ce l’hai levata dalla tasca…

‘NTONIO - Io?!

L’AVVOCATO RAZZULLI - Commettendo così un vero e proprio reato…

‘NTONIO - Questo, insieme al mio passato, vi fa pensare di me…

L’AVVOCATO RAZZULLI - Quello che, probabilmente, non è…

‘NTONIO - E perciò la diffidenza…

L’AVVOCATO RAZZULLI - Lo scatto…

‘NTONIO - (medita un istante, poi indicando l’uscio di destra) Avvoca’, ce pozzo parla’?

L’AVVOCATO RAZZULLI - Ma… (Come dire: che vuoi fare?)

‘NTONIO - (lo rassicura) Unicamente per mettere le cose a posto. Comme ha ditto a vvuie stu signore, ca io ll’aggio miso88 ‘a mano dint’ ‘a sacca, ‘o ppò ddicere all’ate89… E vuie, avvoca’, nun avit’ave’ né suspette, né scucciature… (L’avvocato Razzulli ha un gesto di sfiducia) V’ ‘o vulite piglia’, io me ne vaco? (Pausa)

L’AVVOCATO RAZZULLI - (contrariato) Ma si tu nun m’he fatto niente ancora…

‘NTONIO - E aspettammo ca v’ ‘o ffaccio! (Riprende il vassoio dalla scrivania) …Ce ‘o rriscaldo nu mumento. (Esce a,sinistra)

SARCHIAPONI - (fa capolino da destra) Avvoca’, e voi vi siete dimenticato di me?!

L’AVVOCATO RAZZULLI - No… (Gli fa un rapido cenno della mano) Venite, venite qua… (Lo afferra, costringendolo a guardare oltre la porta di sinistra) ‘O vedite? Quello è il mio nuovo segretario. Lo avete visto altre volte?

SARCHIAPONI - No!

L’AVVOCATO RAZZULLI - Vedetelo bene… (E quasi solleva di peso Sarchiaponi)

SARCHIAPONI… E l’ho visto!

L’AVVOCATO RAZZULLI - (fremente) Com’era quell’uomo che vi pedinava?

SARCHIAPONI - Nu straccione, cu tanto na barba.

L’AVVOCATO RAZZULLI - (tra se) E chillo mo se l’ha fatta!

SARCHIAPONI - Posso andare?

L’AVVOCATO RAZZULLI - Vi devo offrire il caffè.

SARCHIAPONI - Lasciate stare…

L’AVVOCATO RAZZULLI - Ve lo faccio portare subito. (Esce. Pausa. Squilla il campanello della porta d’ingresso. Entra Peppe ‘o navigante: uomo di mare, abbronzato, energico. Ha il viso stravolto dalla bile. Sarchiaponi lo fissa, impressionato)

PEPPE - L’avvocato?

SARCHIAPONI - È di là! (Indica a sinistra)

PEPPE - (allunga lo sguardo in quella direzione, con un fare minaccioso, poi) Voi siete un cliente suo?

SARCHIAPONI - No, dovevo essere il suo segretario, ma… un altro ha preso il posto mio…

PEPPE - (dopo una pausa, con amarezza) E così è capitato pure a me! Torno dalla Sardegna e trovo il posto mio occupato da un altro… (Guarda ancora verso sinistra)

SARCHIAPONI - E per questo siete venuto qua?

PEPPE - Per questo!

SARCHIAPONI - E che ne ricaverete?

PEPPE - Che ne ricavo?!

SARCHIAPONI - Al massimo, una tazza di caffè. E ce vonno90 tre ore, per averla…

PEPPE - (guarda sempre a sinistra e mormora) Dite?

SARCHIAPONI - (con fare paterno) Sentite a me, jammuncenne91. (E quasi lo avvia)

PEPPE - (svincolandosi con un gesto deciso) Io resto! (Pausa)

SARCHIAPONI - Ma… era un posto importante?

PEPPE - Un posto di marito, comme ve pare?

SARCHIAPONI - (vivamente sorpreso) Ah! (Pausa) E… certo, sono cose spiacevoli…

PEPPE - Spiacevoli? So’ ccose ‘e curtellate dint’ ‘a panza!

SARCHIAPONI - E venite dall’avvocato per agire?

PEPPE - Per agire, precisamente.

SARCHIAPONI - In via legale?

PEPPE - No. ‘A suddisfazione m’ ‘a piglio io, cu ‘e mmane meie92! (Sarchiaponi comincia a non capire) Poi, nel caso, nominerò l’avvocato, ma non sarà Razzulli… Lui starà all’ospedale! Sarà un altro che mi difenderà! (Smania, perde il controllo di sé e a Sarchiaponi, che lo guarda sorpreso) Voi ve ne dovete andare? E mettetevi al sicuro, pecché io mo scasso tutt’ ‘a casa! (Sarchiaponi resta indeciso, allibisce) Volete rimanere? A vostro rischio!

SARCHIAPONI - No, vi prego… (S’allontana, sollecito) Aggio perzo pure ‘o ccafè! (Ed esce. Peppe passeggia in preda al più acceso nervosismo)

‘NTONIO - (ritorna, recando il vassoio con il caffè, scorge Peppe, che scambia per Sarchiaponi; ha un moto di sorpresa vedendo quell’omone irritato e si rivolge a lui in tono minore) Avite aspettato nu poco? (Peppe si ferma e lo scruta) Pigliateve ‘o ccafè!

PEPPE - (con una risatina sarcastica) Grazie!

‘NTONIO - (lo fissa; poi, facendosi coraggio) Accomodatevi.

PEPPE - (gli risponde con un breve cenno di no del capo. Pausa) Voi siete…?

‘NTONIO - (stima inutile ogni reticenza, ed entra risoluto in argomento) Sissignore, so’ chillo93 ca v’ha cumbinato chillo brutto servizio!

PEPPE - (sorpreso da tanta audacia) Ah?!

‘NTONIO - (piegandosi nelle spalle) Il vostro sostituto…

PEPPE - (mordendo il freno) Bravo!

‘NTONIO - (con una risatina languida) Oramai, perché negarlo?

PEPPE - (livido) Giusto! E m’offrite pure ‘o ccafè?

‘NTONIO - Pe’ nun ve fa’ resta’ cu ‘a vocca94 amara… (Peppe accenna ad un pallido sorriso) Nun ne vulite?

PEPPE - (deciso) No!

‘NTONIO - (va a posare il vassoio sulla scrivania; poi, dopo una rapida occhiata a sinistra, piano) Ma vi è tanto dispiaciuto…?

PEPPE - (sbarrando gli occhi, alla strana domanda) E non mi dovevo dispiacere?

‘NTONIO - Sì, ma non a questo punto…

PEPPE - (con il sangue agli occhi) Come, voi mi avete commesso…

‘NTONIO - (spezzandogli la frase) Niente! (Pausa) Sì me l’avesse pigliata, comme credite vuie, allora sì! Ma io l’aggio truvata…

PÈPPE (fa un gesto come dire: «A caso?») Truvata?

‘NTONIO - (rifacendolo) Truvata! (Pausa) E la colpa è vostra, che l’avete perduta!

PEPPE - (ha un moto di ribellione, che domina) Io, l’ho perduta?! (Con dolore) Si è perduta da sé!

‘NTONIO - Oh, e allora?… Che vvulite, ‘a me? Puteva capita’ ‘mmano a n’ato, è capitata ‘mmano a mme!

PEPPE - E vi volete informare a chi apparteneva, a chi non apparteneva?! Di chi era, di chi non era? L’avite truvata ‘mmiezo a na via?

‘NTONIO - E ‘mmiezo a na via l’aggio truvata!

PEPPE - ‘N terra?

‘NTONIO - ‘N terra! Sciupata e sporca…

PEPPE - Pure?

‘NTONIO - (afferma) Eh!

PEPPE - E… sciupata e sporca, ve la siete tenuta?

‘NTONIO - E sciupata e sporca me l’aggio tenuta, pecché n’avevo bisogno! Si no, manco l’aizavo95… Aggio visto ca ce steva ‘a fa’96…

PEPPE - E avite fatto ‘o commoto97 vuosto?!

‘NTONIO - (dimesso) E questo è tutto il mio reato! Necessità! Avev’a truva’? Nu giovane all’età mia, chin’ ‘e salute, puteva sta’ senza fa’ niente?

PEPPE - (cupo) E vi siete provveduto?!

‘NTONIO - (fa un cenno di sì con la testa; poi, con le mani levate al cielo) È stata ‘a Madonna! (Peppe trasecola) Ora, riconoscendo il vostro diritto di precedenza, potrei dirvi pure: «Vi cedo il posto, mi ritiro in buon ordine…» Ma io po’ addo’ vaco98?

PEPPE - (fuori di sé) E m’ ‘o ddicite ‘n faccia?

‘NTONIO - E ve l’aggi’a manna’ dicenno99?

PEPPE - (scattando) E nun sì sazio ancora?!

‘NTONIO - Chi sazio? Io ancora aggi’a accummincia’! (Peppe, con mossa fulminea, estrae la rivoltella dalla tasca. ‘Ntonio, da scugnizzo verace, gli tira una capata nello stomaco e, mentre Peppe si piega in avanti, con un morso alla mano, gli fa cadere l’arma)

PEPPE - Ah! (Si comprime il ventre per il dolore. Pausa) E io me credevo d’ave’ a che ffa’ cu nu signore…

‘NTONIO - E invece io so’ ll’ultimo scugnizzo! L’anemo però ‘mmiez’ a tutte ‘e malepatenze100 è crisciuto signore! (Pausa) …Pe’ difenderte stu posto cu tanto curaggio, cu tanto accanimento, hê ‘a essere nu povero Cristo peggio ‘e me! (Pausa) Embè, pe’ te fa’ vede’ che ccore ca tengo, ce ‘o ddico io all’avvocato ca se tenesse a tte, e io me ne vaco!

PEPPE - (che non ci si raccapezza, fermando ‘Ntonio, che fa per uscire) Aspettate! Ma vuie nun site l’avvocato?

‘NTONIO - No! (Pausa) E voi poco prima ci avete parlato… V’ha offerto pure ‘occafè…

PEPPE - (smontato) Uh! Io aggio parlato cu uno ca s’era presentato pe’ segretario…

‘NTONIO - E io cu chello mme credevo ‘e parla’! (E mortificato) Scusate tanto… (E, di scatto, gli massaggia il ventre)

PEPPE - Ma voi chi siete?

‘NTONIO - So’ chillo ca è venuto primmo d’ ‘o segretario e s’ha pigliato ‘o posto suio!

PEPPE - (ricordando) Il sostituto?!

‘NTONIO - Il sostituto!

PEPPE - Vuie parlaveve d’ ‘o posto?

‘NTONIO - E d’ ‘a lettera ‘e presentazione ca isso ha perduta e ca io aggio truvata.

PEPPE - «‘Mmiez’a na via… sciupata… sporca…»

‘NTONIO - ‘A lettera!

PEPPE - «Me l’aggio aizata…?»

‘NTONIO’ A lettera! (Con interesse) E vuie ‘e chi parlaveve?

PEPPE - Di chi parlavo? Di mia moglie!

‘NTONIO - D’ ‘a mugliera vosta? Ha fatto ‘a stessa fine d’ ‘a lettera?

PEPPE - (amaro) Proprio!

‘NTONIO - L’avete perduta e un altro l’ha truvata?

PEPPE - Proprio così. E s’ha pigliato ‘o posto mio! (Guarda a sinistra, con rinnovata espressione di rabbia)

‘NTONIO - E questo… sarebbe l’avvocato?

PEPPE - No, non «sarebbe»… È!

‘NTONIO - Allora è tutta un’altra amministrazione! (Pausa lunga)

PEPPE - Lettere anonime… con generalità, numero ‘e casa… (Le mostra)

‘NTONIO - (dopo una pausa) Se è lecito, vostra moglie si chiama?

PEPPE - Palmira!

‘NTONIO - (ha perfettamente capito, dissimula) Donna Palmira? Mai sentita! (Pausa) E mo?

PEPPE - E mo che?

‘NTONIO - Che vvulite fa’?

PEPPE - Comme, che voglio fa’?

‘NTONIO - Facite nu scandalo? Ccà, dint’ ‘a casa ‘e ll’avvocato… (Pausa) E per quanta ragione potreste avere, c’è la violazione di domicilio: so’ tre anne, col nuovo codice. Oltre la pena per il reato che commettereste. (Pausa) E ammettendo pure che il tradimento fosse vero, siete certo che la colpa è solamente dell’uomo? Proprio proprio? E no! Na femmena mmaretata101, perbacco, non è priva di esperienza! Nun sona a orecchio; ‘a cunosce, ‘a musica!

PEPPE - (fermo nel suo proposito di vederci chiaro) Vuie mme facite na carità?

‘NTONIO - Prego, dite.

PEPPE - Levateve ‘a miezo ‘a stu fatto; rendetevi estraneo.

‘NTONIO - Impossibile! C’è una promessa, che mi sarei occupato di tutti i fatti dell’avvocato, puliti e sporchi…

PEPPE - Ah?

‘NTONIO - Eh! (Pausa) St’ommo sapenno102 io chi ero, m’ha miso dint’ ‘a casa, m’ha vestuto ‘a capo ‘o pede, me dà a mangia’, mme riabilita… po’ che fa? E passa nu dulore ‘e capo e io nun le metto na mana ‘n fronte? Ah! Chesta sarrie103 n’azione indegna ‘e ll’urdemo104 scugnizzo!

PEPPE - (dopo una pausa) Sicché siete deciso a pigliarne le parti?

‘NTONIO - E pe’ fforza! Quello rappresenta il mio pane quotidiano. E per me è sacro e inviolabile. Anzi, aggi’a ringrazia’ a vuie e ‘a signora vosta, che mi date l’occasione di dimostrare a lui, praticamente, la mia utilità… (Peppe è sorpreso) E se sa! Capirete, quando io, mettiamo, v’avesse scassato n’uocchio pe’ causa soia… (Peppe ha un vivo moto di risentimento) O m’ ‘o scassate vuie a me; chi me ne caccia cchiú ‘a ccà? Avvocato, gratis! Volete agire? Agite! Ma io ho il dovere di aprirvi la mente, prima di aprirvi la testa!

PEPPE - (livido) Voi?

‘NTONIO - (imperativo) Io! (Pausa) Quand’uno ha un infortunio di questo genere non può farsi rivalere per i danni. Se no ci sarebbero le assicurazioni sulle corna (rapido a Peppe, che lo guarda sorpreso) e non ci sono! (Si esalta e passeggia) Si assicura l’incendio, il furto, la vita… ma le corna, no! Ci sarebbe l’adulterio? Ma nel vostro caso, la flagranza non c’è… Lettere anonime? E la legge vuole le prove! In ogni caso, la donna che si molla, partecipa, quindi non è estranea alla colpa. Essa ha la sua parte di responsabilità. È una cosa fatta a due! (Va alla scrivania) Nella vita non succede quello che non deve succedere. Eravate un predestinato! E voi osate ribellarvi al vostro destino? Pazzo!

PEPPE - (fermandolo con.la mano) Neh, gue! Ma che mi state facendo, un’arringa?

‘NTONIO - (sincero) Ma io ‘e na manera105 v’aggi’a convincere?

PEPPE - (gridando) Che m’aggi’a cunvincere? Vuie mme ne date chiacchiere! Chille hanno fatto ‘e fatte!

‘NTONIO - L’avvocato… (Entra l’avvocato Razzulli. Peppe fa per aggredire il nuovo venuto) Nu poco ‘e calma!

L’AVVOCATO RAZZULLI - Che c’è?

‘NTONIO - Avvoca’, chiudite sta porta… (Razzulli, macchinalmente, obbedisce) Il signore qua, è il marito di una certa Donna Palmira… che voi, dice lui…

L’AVVOCATO RAZZULLI - (difendendosi) Che cosa? Chi la conosce?

‘NTONIO - (a Razzulli) A questo signore gli hanno mandato delle lettere anonime e lui è convinto che voi siete, o ne siete stato l’amante…

L’AVVOCATO RAZZULLI - Ma non è possibile! Io sono ammogliato!

‘NTONIO - Eh, chillo è ammogliato, comme ‘o ffaceva? (Pausa. Poi, a Peppe) In ogni modo ve l’ho già detto: l’avvocato ccà, nun se tocca. Gli devo la vita e sono disposto a sacrificarla in qualunque momento per lui.

PEPPE - (alterandosi) E ‘a sacrificammo! (Ha un gesto di sfida verso ‘Ntonio)

DONNA ROSA - (entrando, al che, tutti si ricompongono) Neh, ma che succede?

‘NTONIO - (a Peppe, presentando Donna Rosa) La signora dell’avvocato… (Come sopra, ad Elvira, che appare) La figlia dell’avvocato… (Entra Pascalino) Il figlio dell’avvocato… (Pausa) Vedete che bella famiglia, che tiene l’avvocato?

PEPPE - (non stima prudente fare uno scandalo, a ‘Ntonio con intenzione) Allora ci vedremo! Capisco… Non è il momento…

‘NTONIO - (approvando) Né il posto adatto per discutere… L’avvocato, che ha cose più importanti da fare, permetterà che la vostra pratica me la sbrighi io… Volete, avvoca’?

L’AVVOCATO RAZZULLI - (con rapido consenso) In modo assoluto!

DONNA ROSA - (meravigliata, al marito) Ed è capace?

L’AVVOCATO RAZZULLI - Eh!

‘NTONIO - Eh! Signo’… (Come dire: altro che! A Peppe) Vedrete che questa cosa la liquideremo in due minuti. Avete visto poco fa, che io tengo na bona capa106… Ed è inutile perciò che ve ‘ncomodate a venire più qua, e a fare tutte queste scale… Me truvate ‘o Vico Lepre ai Ventaglieri, vicino ‘o furinaro107. Addo’ sta’ a Madunnella 108.

PEPPE - (sorpreso) ’E rimpetto ‘a casa mia?!

‘NTONIO - (fingendo) Ah, e allora è facile… Appena ascite109 d’ ‘o palazzo ‘o basso ‘e rimpetto. Chiedete ‘e ‘Ntonio «Capatosta». (Insiste) Nun ve putite sbaglia’. E sono a vostra completa disposizione!

PEPPE - (dopo una pausa, ironico) Avvoca’, ci avete un segretario che vale un tesoro.

‘NTONIO - E che aggio fatto? Eh! Chesto è niente ancora!

PEPPE - (approva e all’avvocato come prima) Gli dovete fare una statua d’oro!

‘NTONIO - Anche di nichel!

PEPPE - (avviandosi deciso, a ‘Ntonio) Siamo intesi!

‘NTONIO - (ricordandogli) «Capatosta!» (Peppe esce, rapido e nervosissimo)

L’AVVOCATO RAZZULLI - (ai suoi, assetati di sapere, perché lo vedono elettrizzato per lo scampato pericolo) È l’uomo che ci voleva!

‘NTONIO - (a Donna Rosa) Avite capito?

DONNA ROSA - (che non ha capito niente) Ma che ha fatto?

L’AVVOCATO RAZZULLI - Quello che io non avrei avuto mai il coraggio di fare…

‘NTONIO - Questo è poco, ma è sicuro!

ELVIRA - (curiosa) E cioè?

L’AVVOCATO RAZZULLI - (per sviare) Va’ lle piglia110 ‘o llatte! (Elvira esce. A Pascalino) ‘E sigarette ce l’he purtate?

PASCALINO - (mostra il pacchetto) Pronti!

L’AVVOCATO RAZZULLI - (l’offre a ‘Ntonio) Ecco!

‘NTONIO - Avvoca’, mi confondete…

DONNA ROSA - (scattando) Ma quello che se ne è andato, chi è?

‘NTONIO - (a lei) Nu pazzo, signo’! Na causa sballata! Ce sta tutto ‘a perdere e niente ‘a guadagna’… E da oggi in poi ‘e cliente ‘e ll’avvocato ‘e ppasso pe’ setaccio… Me piglio io tutt’ ‘e ppellecchie111! M’aggi’a rendere utile o no? Lui è un avvocato di grido, ma cu chillo ca steva ccà, nun puteva grida’… E vuie, avvoca’, l’avite truvato ca era già cuotto112; ma crudo, v’assicuro ca era tuosto… Nun era p’ ‘e diente113 vuoste. E pe’ mm’ ‘o cucena’ io… ce n’è vuluto! ‘O bello è stato ‘o principio d’ ‘a discussione: pecché io mme credevo ca era Sarchiapone e parlavo d’ ‘a lettera, chillo se credeva ca io ero Razzullo e parlava d’ ‘a mugliera…

DONNA ROSA - (al marito) D’ ‘a mugliera? E che c’entri tu, con la moglie?

‘NTONIO - (pronto) No, ecco, signo’, chillo è venuto dalla Sardegna, perché gli hanno scritto che la moglie, a Napoli, lo tradisce con un certo Razzullo… (Insiste)

L’AVVOCATO RAZZULLI - (per sviare, rapido) Razzullo? Io so’ Razzulli… Che equivoco!

‘NTONIO - E m’ha pigliato cu ‘o rivolvere…

L’AVVOCATO RAZZULLI - Cu ‘ o rivolvere?

‘NTONIO - Primma d’asci’ vuie. Ma io, cchiú lesto: bum! Na capata dint’ ‘o stommaco…

PASCALINO - «Capatosta»!

‘NTONIO - (approva) Nu muorzo114 ‘ncopp’ ‘a mano e ‘o rivolvero sta ccà… (Lo cava di tasca e dirige la canna verso l’avvocato, per fargli osservare l’arma. L’avvocato Razzulli, rapido, si sposta) E chisto sempe na cinquantina ‘e lire vale!

L’AVVOCATO RAZZULLI - (alla moglie, euforico) Capisci, adesso? Era una cosa che potevo fare io? Bum! Bum! «Capatosta»!. Quando viene uno squilibrato e ti aggredisce!

‘NTONIO - (rassicurandolo) Ora potete dormire tranquillo!

L’AVVOCATO RAZZULLI - (svelto, al figlio) Scendi subito con lui. (Indica ‘Ntonio) Vai a pigliarti le trecento lire dal signor Valoroso…

PASCALINO - Io glielo indico e me metto ‘a luntano…

‘NTONIO - Chi è?

L’AVVOCATO RAZZULLI - È uno ca nun pava115 a nisciuno!

‘NTONIO - Nun pava a nisciuno? (Risoluto, a Pascalino) E venite cu mme! (Gli toglie la «paglietta» dal capo e se la mette)

PASCALINO - Pure a paglietta…?

‘NTONIO - Pe’ vvede’ che capa tenite…

PASCALINO - (ride) Che capa tiene tu!

‘NTONIO - Me va bona116… Mi prenoto… (Restituisce la «paglietta», poi, all’avvocato, sicuro) Permesso. ‘E ttreciento lire ‘e ccunsegno ‘o signurino. Io, se permettete, me vaco a senti’ ‘a Messa… Voglio ringrazia’ ‘a Madonna ‘e Santa Brigida. Ce l’aggio prumesso…

DONNA ROSA - E ‘o llatte?

‘NTONIO - No, ce voglio i’ a diuno117. Stongo senza pruva’ ll’acqua ‘a stammatina… Accussi me cunfesso pure; e, si ‘o cunfessore m’assolve, mme faccio pure ‘a comunione!

DONNA ROSA - (sorpresa) Vuie?

‘NTONIO - (le fa cenno di sì) Nun aggio fatto maie male a nisciuno, signo’. Aggio fatto male sulo a mme!

DONNA ROSA - E site senza peccato? Vedi te bbuono!

‘NTONIO - Uno sulo, uno! E ce l’aggio ditto a ll’avvocato: ‘a ‘nnammurata mia… (L’avvocato approva) Ma primma ca scadono e termini, m’ ‘a sposo. E figliemo ca nasce tenarrà118 ‘a mamma e ‘o pato. Vittoria o Vittorio Esposito, di tanto di ‘Ntonio e Maria Cacace, coniugi. Sarà pieno di genitori, chillu figlio mio! Stammatina aggio ditto ‘a fidanzata mia: «Mari’, io esco p’ ‘o bosco, nun mme ritiro, si nun mme so’ piazzato!» (All’avvocato, sorridendo) E stasera ‘a casa mia, mme pozzo retira’? Mme so’ piazzato o no?

L’AVVOCATO RAZZULLI - Te sì piazzato! Te sì piazzato!

‘NTONIO - Oh, Mado’! M’hê fatta ‘a grazia! E mo ‘a vaco a ringrazia’! (Riprende la paglietta di Pascalino e, mettendola in testa, dice al giovane) Venite cu mme!

PASCALINO - (ridendo) Afforza! (E segue ‘Ntonio che esce in fretta, mentre l’avvocato e la moglie sorridono)

SIPARIO

ATTO SECONDO

È la sera dello stesso giorno. Appare la piazzetta in cui sconfina il vico Lepri ai Ventaglieri verso la località detta dei «Monti». A sinistra, davanti al suo basso, c’è Maria, la ragazza di ‘Ntonio, piccolina, esangue, poverissima; e, poco discosta da lei, la madre, ‘Nnarella, una vecchia megera che attende al suo mestiere di «‘mpagliasegge»119. Più oltre, all’angolo del piccolo caseggiato, l’altarino fiocamente illuminato di una Madonna; quindi, l’ampia apertura della bottega di un fornaio, dove, immobile, un ragazzo scalzo e lacero indugia suonando uno «zerri zerro»120. A destra, in prima quinta, il portoncino della casa di Peppe; ed in seconda quinta, il muro del palazzetto, di tono chiaro, sul quale si riflettono le ombre dei fornai, quando passano davanti al forno acceso, per accudire alloro lavoro. Lunga pausa. Entra un fornaio con una palata di pane cotta di fresco; e, reggendola con le due mani perché non se ne guasti la forma, la va a sistemare in uno dei «tavuti»121 appoggiati a delle scranne di legno.

IL FORNAIO - (verso l’interno della bottega) Basta! Nun ce ne vonno cchiú! (Al ragazzo) Guè! (E lo spinge) ‘A fernisce122 cu sta radio, sì o no?

IL RAGAZZO Pecché, te dongo fastidio?

IL FORNAIO - E s’aunisce123 ‘o cavero124 (indica il forno) e stu scucciamiento125 dint’ ‘e rrecchie126… (Ritorna nella bottega)

‘NNARELLA - (al ragazzo che non ha smesso di suonare) Ma comme, nu cetrulo127 accussi gruosso…

IL RAGAZZO - E addo’ aggi’a i’ a ssuna’?

‘NNARELLA - E va’ fatica! (Pausa) Chesto se ‘mparano! Ha dda suna’! Accussi, po’, sunanno sunanno, va a ferni’ ca ‘nguaieno a na povera figlia ‘e mamma, e ce ne danno suna’!! (Il ragazzo si allontana con il suo suono fastidioso. ‘Nnarella lavora nervosamente)

MARIA - Mammà, comme va ca ‘Ntonio a chest’ora nun vene?

‘NNARELLA - (cattiva) Starrà sunanno pur’isso ‘o zerri zerro!

MARIA - Chillo chi sa addo’ starrà sbattenno! Stammatina m’ha ditto: «Nun me retiro, si nun me so’ piazzato!»

‘NNARELLAVa’, va’, accummencia a trasi’ sta rrobba! Nne facite tutte chiacchiere’a vita vosta!

MARIA - Mammà, che ddicite?

‘NNARELLA - E che aggi’a dicere?! Che pozzo dicere cchiú?! Oramaie… (Dura) Guè, sperammo ca se piazzasse overamente, perché io, sta vita, nun m’ ‘a fido ‘e fa’ cchiú! (Pausa) Chi m’ ‘o ddiceva a mme ‘e fatica’ fino a chest’ora! (Pausa) Pe’ da’ a magna’ a te, a me e a isso, avarri’a ‘mpaglia’ ciento segge ‘o juorno! E chi t’ ‘e dda? Ccà ‘a ggente stanno all’erta128! L’ommo è isso? Almeno… (E guarda con disprezzo il ventre della figlia) E isso ce ha dda penza’…

MARIA - E chillo pe’ chesto sta jenno giranno129.

‘NNARELLA - (sfiduciata) Figlia mia, nun te lusinga’! Chillo, cu ‘a vocca, uh, è na nave ‘e guerra; e po’ addeventa na varchetella130 ‘e carta dint’ ‘o vacile131! Gue, io sa’ che ssaccio? Ca tutt’ ‘e cumpagne suoie se so’ tuttuquante sistemate. Puparuolo132, ‘o figlio d’ ‘a francese, Pacchiello133, ‘o canestaro134… Erano scugnizze pure lloro, facevano ‘e ccapriole assieme a isso e ognuno ha truvato na via… Tutte ‘n cummercio, spusate regolarmente cu ‘e mmugliere ca erano tutte figliole zetelle135; cumannano ‘a lira136, e isso? Sona ancora ‘o zerri zerro! (Pausa) Si tu sentive a mammeta137 (e si addita ripetutamente) mo nun te truvave in queste condizioni. (Le torna a sbirciare il ventre) Che nasce a ffa’, st’atu povero disgraziato? S’aumenta ‘a nubiltà138!

MARIA - (protestando) Mammà, e mo lle facite ‘o malaurio139!

‘NNARELLA - A me! Chi? Io nu canisto140 lle pozzo fa’: tunno141 e cu ‘o pertuso142 ‘mmiezo… P’ ‘o fa’ cammena’ a isso sulo! Accussi, appena jesce, se ne pò gghi’143! Ma pe’ fforza! Io già faccio ‘a suocera senza ‘o jennero144, faccio pure ‘a nonna senz’ ‘o nepote?! ‘E figlie chi ll’ha fatte, chillo s’ ‘e cchiagne145! Avessem’accummincia’: «‘A no’146, io voglio ‘o soldo! ‘A no’, dateme ‘o soldo!». Chi?! ‘O soldo viato147 chi m’ ‘o dà a mme! Jatelo a piglia’ ‘a dint’ ‘o portafoglio ‘e papà! Sciò! Sciò! Jate! Jate! (Esce. Maria, avvilita, fa per seguirla, per portare in casa le sedie impagliate. Si ode festosa, la voce di ‘Ntonio, da destra)

‘NTONIO - (da fuori) Mari’!

MARIA - (vivamente scossa, risponde, gridando) ’Nto’!

‘NTONIO - (entra correndo, con grossi fagotti) Maria mia! (L’abbraccia. Alcuni fornai appaiono alla porta della bottega, per curiosare)

MARIA - (passato il primo sbalordimento, arretra, ammirandolo) Comme sì bello!

‘NTONIO - No, songh’io, ‘Ntonio, ‘o ‘nnammurato148 tuio!

MARIA - Eh! E sì bello!

‘NTONIO - Uh! Chella nun me cunosce cchiú! So’ ‘Ntonio, ‘o ‘nnammurato tuio, t’ arricuorde149?!

MARIA - Eh! E sì bello assaie! (Lo abbraccia, con frenesia)

‘NTONIO - E accussi se jesce pazza!

MARIA - (ammirandolo ancora, ebbra di gioia) E io tenevo stu ‘nnammurato?

‘NTONIO - Stu marito, vuo’ dicere! Spusammo! Me so’ piazzato! Piazzato! (E le mostra i fagotti, che poi va a mettere su di una sedia)

MARIA - E addo’ te sì piazzato?

‘NTONIO - Segretario dell’avvocato Razzulli! Jesce!

MARIA - (elettrizzata) A posto!

‘NTONIO - Chella sagliuta150 ‘ncopp’ addu Donna Palmira (e mostra la finestra che sovrasta il portoncino di destra) ha deciso lo stato civile di nostro figlio! Tenimmo quatto mise ‘e tiempo!

MARIA - Ma nuie cu ‘o core già ce simmo spusate!

‘NTONIO - Incivilmente? E ce manca ‘o ccivile! Si no, p’ ‘a ggente e p’ ‘a legge, l’uniona nosta è sporca! Invece, cu nu «sì» ca dicimmo e na crucella151 ca mettimmo152, addeventa pulita!

MARIA - E facimmelo153 ampressa154!

‘NTONIO - ’O tiempo pe’ caccia’ ‘e ccarte155! Mo te pozzo da’ a magna’! (Festoso) Na sagliuta e na scesa156 ‘ncopp’ ‘o Municipio; e nostro figlio senza saperlo manch’isso, automaticamente addeventa leggittimo. E me levo stu scrupolo. «Voi, Maria Cacace, volete per marito Antonio Esposito?».

MARIA - (forte) «Sììì».

‘NTONIO - (compiaciuto) Comme ll’hè ditto bello! «E voi, Antonio Esposito, volete per moglie Maria Cacace?». (Si sforza, per rispondere un gran «sì») Sììì. (Ridono. Pausa) E chesto, ce vò.

MARIA - Chesto è tutto?

‘NTONIO - (afferma gioioso) Eh! E ‘o riesto è comme avimmo fatto fino a mo!

MARIA - (dopo aver riso, preoccupata) Comme te sì cumpurtato cu ll’avvocato?

‘NTONIO - (fiero) Comme a nu signore! (Marcando) E pirciò me so’ acquistato ‘a fiducia. Chillo è spusato.

MARIA - Sì?

‘NTONIO - (afferma) Tene na mugliera bizzoca. M’aggio fatte cchiú ccroce ‘a stammatina… (Ride) Na bella figlia, signurina… E ‘o figlio saie chi è?

MARIA - (curiosa, e ridendo) Chi è?

‘NTONIO - Chillu milurdino ca te dette ‘o pizzeco (accenna alle parti basse) ‘mmiez’ ‘a festa.

MARIA - (fregandosi, come se avesse ricevuto il pizzicotto in quel momento) Ah!

‘NTONIO - Te fa male ancora?

MARIA - Eh! (Come dire: addirittura!) Me ricordo.

‘NTONIO - E tu faie «Ah!» (Tornando al discorso) Lle dette chillu schiaffone?!

MARIA - E ll’hê visto a stu figlio?

‘NTONIO - ’Ncopp’ a dd’ ‘o pato157…

MARIA - E che ha ditto?

‘NTONIO - Niente.

MARIA - T’ha cunusciuto?

‘NTONIO - (afferma, e, con soddisfazione) Me guardava ‘a mano… (La indica) È rimasto nu poco male… ma po’ ce simmo guardate ‘n faccia, ha capito ‘o llatino e ha data la sua piena approvazione! M’è sciso a piglia’ ‘e ssigarette; stu vestito è d’ ‘o suio… (Maria è raggiante) Primma ‘e ce lassa’, poco fa, m’ha regalata pure ‘a paglietta! Simmo jute a esiggere treciento lire addu nu certo Valoroso, ca l’avvucato ‘e teneva pe’ perdute, e ciento lire mme l’ha regalate a mme…

MARIA - (entusiasta, abbracciando ‘Ntonio) Che bellezza!

‘NTONIO - (accarezzando Maria) S’è scetata158 ‘a fortuna mia! Ha durmuto a suonno chino159 pe’ trent’anne! Mo ha spaparanzate160 ll’uocchie!

‘NNARELLA - (entrando e restando sbalordita) Chi è?

‘NTONIO - (mentre Maria scoppia a ridere) He visto ca manch’essa me cunosce?

‘NNARELLA - (in tono canzonatorio) Bellu, be’…

‘NTONIO - (esaltandosi) Ah! Ma allora è overo ca so’ bello? (Apre le braccia) Viene ccà, suocera mia!

‘NNARELLA - (non credendo a se stessa) Succede? (Allude agli sponsali)

‘NTONIO - (rassicurandola) Succede succede! (Si abbracciano e, nella stretta,‘Ntonio la fa ballare)

‘NNARELLA - Gue, me faie avuta’ ‘a capa161…

IL FORNAIO - (entra dal forno, richiamato dai compagni) Ched è, neh?

UN ALTRO FORNAIO - (entrando anche lui) Cose bbone?

IL PADRONE DEL FORNO - (che ha seguìto gli altri, a ‘Ntonio) He trovato?

‘NTONIO - (faceto e dandosi posa) Ci vedremo in tribunale, vi fate annunciare dall’usciere… (I fornai ridono e, commentando, tornano al loro lavoro)

‘NNARELLA - (a ‘Ntonio, sorpresa e compiaciuta) Fai l’usciere ‘e Tribunale?

‘NTONIO - (esagerando il suo disappunto) Nonsignore! Sono segretario di un grande avvocato! L’usciere me va a piglia’ ‘e ssigarette «Turmak»!

MARIA - (a ‘Nnarella, che è rimasta sbalordita) Sì, cu ll’amico ‘e Donna Palmira… (Indica il portoncino)

‘NNARELLA - (che tutto si spiega) Ah? (E ne gioisce. Poi, a ‘Ntonio con premura) E dincello all’avvocato, ca se stesse attiento, pecché ‘o marito ‘e Donna Palmira è turnato stammatina…

‘NTONIO - (sicuro, come chi sa il fatto suo) Tu arrive cu ‘o misto162! L’ha visto… È venuto ‘ncopp’ ‘a casa…

‘NNARELLA - E sapeva?

‘NTONIO - Tutto! (Le due donne si guardano, impressionate)

MARIA - Ha fatto na scenata?

‘NTONIO - Era venuto p’ ‘o spara’… (Le donne sbarrano gli occhi) Ma io più lesto a ssulo a ssulo163, dint’ ‘o studio, bum, na capata dint’ ‘o stommaco, nu muorzo ‘ncopp’ ‘a mano e m’aggio pigliato ‘o revolvero. Me l’aggio vennuto, 17 lire. E n’aggio pigliato cannele164 ‘a Madonna. (Indica e si scopre, togliendosi con gesto nobile la «paglietta»)

‘NNARELLA - (preoccupata) Allora è succiesso nu scandalo?

‘NTONIO - T’aggio pregato, a ssulo a ssulo. Po’ è asciuto l’avvocato e ha capito la mia somma utilità: perché, in presenza sua, ho detto al marito: «Qualunque cosa, voi parlerete con me, che sono il segretario». (Alle donne, convinto) Dopo di che, sono diventato stabile.

MARIA - (preoccupata) E ‘o marito ‘e Donna Palmira, mo, comme se regula?

‘NTONIO - (guardando l’altarino) E io pirciò ll’appiccio165 ‘e ccannele… (Dà la «paglietta» a ‘Nnarella, corre alla bottega e grida) Pe’ favore, nu poco ‘a scalella166! (Entra il fornaio con la piccola scala) Appicciammo ‘e ccannele ‘a Madonna! (Il fornaio sistema la piccola scala e torna al suo lavoro. ‘Ntonio, guarda Maria, che è rimasta turbata) Gue! Pecché staie accussi?

MARIA - ’Nto’…

‘NNARELLA - Se mette appaura167 ca te cumprumiette!

‘NTONIO - No! (Allude alla Madonna) E allora se piglia ‘e ccannele e nun fa niente! Nun è pussibile! So’ stato trent’anne disgraziato, e si Essa nun vuleva, continuavo a tribbula’168! (Pausa) ‘A credo! ’A credo!  Comme forse maie ll’aggio creduta! E quanno Essa vò na cosa, ‘o Signore ce ‘a fa! Anche per cavalleria! (Comincia a salire, Maria gli tiene la scala) Gue! Te miette appaura ca io cado? No! E allora ‘e maste che addobbano ‘e ffacciate d’ ‘e Cchiesie, ca s’arranfecano169 fino a ‘ncopp’ ‘e ccrucelle170, so’ ccadute maie? Chi fa nu buono servizio, pe’ fforza ha dda ave’ bbene! (Pausa) E n’ata cannela ll’aggi’ appiccia’ ‘nnanz’ ‘o palazziello ‘e Donna Palmira: pecché ‘allà è asciuta ‘a Pruvvidenza mia! È llà che aggio fatto la mia pesca miracolosa! (A ‘Nnarella, che si avvicina alla scala, per reggerla) Eh! Chiammate. pure ‘e ggiuvene d’ ‘o furnaro! (E ride) Ve ne jate o no? L’equilibrio ‘o tengo! Avit’a vede’ addo’ aggi’a sagli’! (E comincia a disporre le candele sull’altarino. Entra dal portoncino Donna Palmira: una signora piacente, slanciata, in abito scuro, distinto)

‘NNARELLA - (piano, a Maria) Donna Palmira!

MARIA - Signo’, buonasera e grazie!

DONNA PALMIRA - (richiudendo il portoncino) Di che?

‘NNARELLA - (chiamando ‘Ntonio) Gue, ‘a signora…

‘NTONIO - (scivola lungo la scala, per far più presto a scendere. A Donna Palmira) Signo’, io non ho parole…

DONNA PALMIRA - Ah! E andata bene?

‘NTONIO - Meglio non poteva andare. Segretario.

DONNA PALMIRA - Bravo! Mi fa piacere. (Pausa) Vi ha fatto una buona accoglienza?

‘NTONIO - Prima, no. Ma, appena ho fatto il vostro nome, si è voltata la baracca! (Alle sue donne) Scustateve nu poco. (Maria e ‘Nnarella tornano presso il loro basso, seguendo da lontano il colloquio dei due, con vivo interesse) Come ve la siete sbrigata con vostro marito?

DONNA PALMIRA - (turbata e sorvegliandosi) Cosa volete dire?

‘NTONIO - No, dico: vostro marito sta sopra?

DONNA PALMIRA - (sorpresa) No, è ancora in Sardegna.

‘NTONIO - Che Sardegna e Parmigiano?! Chillo sta a Napoli.

DONNA PALMIRA - (scossa) No!

‘NTONIO - (con uguale intonazione) Sì!

DONNA PALMIRA - (livida, ma sempre in sé) L’hai visto?

‘NTONIO - Stammatina, ‘ncopp’ addu ll’avvucato! (Alza la mano, come per giurare sulla Madonna)

DONNA PALMIRA - (scossa e perdendo il controllo) Uh Dio! (Poi arrendendosi) Sospetta di qualche cosa?

‘NTONIO - Tene nu pacco ‘e lettere anonime!

DONNA PALMIRA - (affranta) E che è successo?

‘NTONIO - (dandosi importanza) Niente, perché ci stavo io!

DONNA P ALMlRA (abbattendosi) Sono perduta!

‘NNARELLA - (che nota lo smarrimento di Donna Palmira, a Maria) Che lle sta dicenno?

MARIA - ’O fatto d’ ‘o marito!

‘NTONIO - E, con l’avvocato, niente succederà: perché, come persona beneficata, ho dovuto pigliare io a petto la questione!

DONNA PALMIRA - E se ne è andato, dicendo…

‘NTONIO - Vostro marito? (Donna Palmira afferma) Che se la vedrà con me…

DONNA PALMIRA - Con te?!

‘NTONIO - E perciò sto appiccianno ‘e ccannele ‘a Madonna…

DONNA PALMIRA - (pervasa dal terrore) E dove sarà adesso?

‘NTONIO - (guardandosi intorno, preoccupato) Mah! (Pausa) Stateve attiento però, pecché certo, mo venarrà171.

DONNA PALMIRA - (con il pianto in gola) È terribile!

MARIA - (piano, a ‘Nnarella) Sta chiagnenno172…

‘NNARELLA - (a Maria, severa) ‘E llagreme173 d’ ‘o cuccudrillo! Primma se magna ‘e figlie e po’ se ne pente!

DONNA PALMIRA - (perduta ogni reticenza, con voce supplichevole) ’Ntonio!

‘NTONIO - Signo’…

DONNA PALMIRA - Tu dovresti andargli a parlare!

‘NTONIO - A vostro marito? Io? Donna Palmi’? Io l’aggi’a i’ fuienno174, ‘o vaco a cerca’? È onesto ca io me schiero ‘a parte ‘e ll’avvocato, pecché chi te dà a magna’, è padrone… ma nun è onesto, ca vostro marito struppea175 a mme ca nun c’entro, o io struppeo a isso, ca è l’unico c’have ragione! (Pausa) ‘A situazione è cumplicata! Si vostro marito m’aggredisce? C’è la provocazione e la legittima difesa e stongo a posto: comme cuscienza e comme causa. Pecché, con tutte le attenuanti, l’avvocato ‘a causa ‘a vence176, e mme fa asci’ dal carcere. D’altra parte io, a vostro marito, sta ragione ca isso tene nun ce ‘a pozzo da’, pecché sinò avarri’a da’ tuorto all’avvocato, e com’è possibile? (Pausa) Aggi’a da’ tuorto a vvuie? E che v’ ‘o dongo177 a ffa’? (Donna Palmira riapre il portoncino) E che ffacite? Ve ne saglite n’ata vota?

DONNA PALMIRA - (in preda ad una grande agitazione) Ho paura! ‘Ntonio, aiutami!

‘NTONIO - (tra sé) È na parola! (Guarda l’altarino e, commosso dallo sguardo supplichevole della donna) Farò del mio meglio…

DONNA PALMIRA - Grazie! (e, triste, esce)

‘NTONIO - (interdetto e con il pacco di candele in mano) A chi abbastano, cheste? (Alle donne, che si avvicinano) So’ ppoche! Ccà ce vò n’atu pacco ‘e cannele!

‘NNARELLA - He ‘ave’ assaie grazie?

‘NTONIO - Per lo meno n’ata.

MARIA - Quale?

‘NTONIO - (preoccupato) Nun vulesse178 perdere ‘o posto!

‘NNARELLA - (pronta) Ce sta stu pericolo?

‘NTONIO - (levando le mani verso la Madonna) Mah!

‘NNARELLA - Ma pecché Donna Palmira se n’è turnata a sagli’?

‘NTONIO - L’aggio ditto ca ‘o marito sta a Napoli.

‘NNARELLA - Nun ‘o ssapeva?

‘NTONIO - No. E ca a ‘o marito l’hanno scritto d’ ‘a relazione ca essa tene cu l’avvocato. Naturalmente, se mette appaura e vò essere aiutata ‘a me!

MARIA - (Sollecita) Nun aiuta’ a nisciuno cchiú!

‘NNARELLA - Tu mo he ‘aiuta’ a nnuie! Guardate ‘o posto!

‘NTONIO - E io pe’ m’ ‘o guarda’ aggi’a aiuta’ primma a ll’ate. (Pausa) A mme me preoccupa si ‘o marito va ‘ncopp’ addu l’avvocato quann’io nun ce stongo…

‘NNARELLA - (egoisticamente) S’ ‘a vedono lloro!

‘NTONIO - (con ironia) Brava! (Pausa) Chilli duie nun s’hann’a tuzza’179! Io aggi’a sta’ ‘mmiez’a tutt’ ‘e dduie comme a n’ammortizzatore! L’avvocato pe’ me fa’ mantene’ ‘o segreto, m’ha dato ‘a carica! E si succede ‘o scandalo, fernesce ‘o segreto e ‘o segretario; e chillo me scarica n’ata vota! (A Maria) E po’? Addio matrimmonio civile! Avimmo voglia ‘e rimane incivili! E ‘o figlio ca nasce?! (Al ricordo) Cor’ ‘e papà! E chille ca veneno appriesso?! Faccio n’ata famiglia ‘e scugnizze? No! No! (gesto come dire: chi? Poi, riflessivo) ‘O miracolo è ca ‘e ccose restano comme stanno! E stu miracolo ‘o pozzo fa’ io? (Indicando la Madonna) Essa l’ha dda fa’! (E torna a salire, dispone le candele che, man mano, accende. Le donne, commentando l’accaduto, scompaiono nel basso)

IL PADRONE DEL FORNO - (entrando) Neh, ‘Nto’, cu chi staie?

‘NTONIO - Avvocato Razzulli.

IL PADRONE DEL FORNO - (sorpreso ed abbassando la voce) L’amante ‘e Donna Palmira!

‘NTONIO - (voltandosi di scatto) L’amante? Badate come parlate! Il legale di Donna Palmira! Voi infamate una signora onesta e calunniate un insigne giurista accussì? Stateve attiento, che vi comprometterete seriamente! Vi avrete una duplice querela per diffamazione! Ve ne jate a cascetta ‘o casocavallo180! Lle mannate181 ‘o ppane gratis, pe’ tutt’ ‘a vita!

IL PADRONE DEL FORNO - A me me l’hanno ditto ‘e ggiuvene182! Dice ca nn’è cchino nu vico!

‘NTONIO - (con sussiego) E non raccogliete pettegolezzi! E, soprattutto, stateve zitte. Dicitencello pure ‘e ggiuvene! Si no, oltre tutto, nne faccio na quistione personale. Intesi?

IL PADRONE DEL FORNO - Intesi! (Pausa)

‘NTONIO - Te serve ll’avvocato?

IL PADRONE DEL FORNO - Sì, pe’ Peppeniello, ca tene ‘o pato carcerato.

‘NTONIO - Fammillo veni’ dimane ‘o studio,

IL PADRONE DEL FORNO - E io te ce faccio parla’ mo. (Chiama) Peppenie’! (Entra Peppeniello, tutto bianco di farina, asciugandosi la fronte sudata)

PEPPENIELLO - Dicite.

IL PADRONE DEL FORNO - ’O fatto tuio s’ ‘o vede ‘Ntonio.

PEPPENIELLO - Grazie.

‘NTONIO - Pateto addo’ sta?

PEPPENIELLO - A Puceriale.

‘NTONIO - Poggioreale carcere o campusanto?

IL PADRONE DEL FORNO - E ch’è muorto?

PEPPENIELLO - Carcere.

‘NTONIO - Che ha fatto?

PEPPENIELLO - Fa ‘o piattaro. Na guardia lle facette na contravvenzione, per occupazione di suolo abusivo; e papà, tuccato ‘e nierve183, rumpette nu piatto.

‘NTONIO - ’N terra?

PEPPENIELLO - No.

‘NTONIO - ‘N capo…?

PEPPENIELLO - Sì.

‘NTONIO - Che s’ha f.atto ‘o guardio184?

PEPPENIELLO - Na sciaccata185!

‘NTONIO - Guaribile entro o oltre il decimo giorno?

PEPPENIELLO - Oltre, oltre.

‘NTONIO - Allora ce sta l’oltraggio al pubblico ufficiale nell’esercizio delle proprie funzioni, da 6 mesi a 2 anni. Più la lesione oltre il decimo giorno, da tre mesi a tre anni. Il cumulo di legge non c’è più… (Pensa, poi) Gli potranno dare, al massimo, nu quatto mise. Ha buoni precedenti penali?

PEPPENIELLO - Sì.

‘NTONIO - (sicuro) Va buo’, avvalendomi dell’ultimo decreto di amnistia, doppo domani t’ ‘o faccio asci’!

PEPPENIELLO - (soddisfatto) Grazie!

‘NTONIO - (dandosi importanza) Viene dimane ‘e qquatto186: Rione Materdei, 25; e chiedi di me.

PEPPENIELLO - Obbligatissimo. (Esce. ‘Ntonio raccomanda al padrone del forno il silenzio sulla nota questione. Il padrone del forno lo rassicura ed esce anche lui. Una pausa. Entra dal fondo Peppe e s’avvia al portoncino; ma, nel mettere la chiave nella toppa, scorge ‘Ntonio e si avvicina alla scala)

MARIA - (che dal basso ha visto l’uomo, entra preoccupata) ’Nto’!

‘NTONIO - (vede Peppe, trasale, mormorando) A pproposito d’ ‘o miracolo!

MARIA - (chiama) Mammà! (‘Nnarella entra dal basso, vede Peppe, si turba)

PEPPE - (a ‘Ntonio) Potete scendere?

‘NTONIO - Subito! (Sistema l’ultima candela davanti alla Madonna; interroga con lo sguardo l’Immagine, e scende)

‘NNARELLA - ’Nto’, ricordate ca tiene appuntamento cu ‘o miedeco187. (‘Ntonio la guarda) Ca tu staie malato! (Peppe guarda ‘Nnarella, che ammutolisce)

‘NTONIO - (a ‘Nnarella) Chi t’ha pregato? (A Peppe) Sono a voi.

‘NNARELLA - (sollecitata da Maria, a Peppe) Ma che vvulite?

‘NTONIO - Jatevenne dinto! (A Peppe) Dite.

PEPPE - Innanzi tutto sento il dovere di ringraziarvi per il vostro provvidenziale intervento…

‘NTONIO - (vivamente sorpreso) Ringraziarmi?

PEPPE - Esattamente!

‘NTONIO - E perché?

PEPPE - Perché, se al vostro posto avessi trovato l’avvocato, isso ‘a capata dint’ ‘o stommaco nun m’ ‘a deva, ‘o rivolvero ‘a mano nun m’ ‘o levava; ed eccitato comme stevo, io ‘o sparavo. (‘Ntonio approva) Capirete che per semplici sospetti e in casa sua… me sarrie ‘nguaiato!

‘NTONIO - Giusto… Per semplici sospetti…

PEPPE - Però io devo andare a fondo…

‘NTONIO - Siete nel vostro diritto… (Un giovanotto, vestito di chiaro, entrato poco prima dal fondo, s’avvicina a ‘Nnarella. È ‘o canestaro)

‘O CANESTARO - ’Ntonio ce sta?

‘NNARELLA - (indicandolo) ’O vedite llà.

‘NTONIO - (si volta, vede ‘o canestaro, ha uno scatto di gioiosa sorpresa. Grida) Jenna’188!

‘O CANESTARO - (gli va incontro, festosamente) ’Nto’! (Si abbracciano. Entrano frattanto gli altri due amici d’infanza di ‘Ntonio: Puparuolo e Pacchiello a braccetto delle loro rispettive mogli: Assunta e Rusella. Li segue ‘Ngiulina189, moglie de ‘O canestaro, a fianco di Cesare Vasco, un simpatico tipo di marittimo. La comitiva, nello scorgere ‘Ntonio, muove verso di lui, rumorosamente, con esclamazioni di allegrezza)

‘NTONIO - (correndo ad abbracciare Puparuolo) Gue, Edùa’!

PUPARUOLO - ’Nto’!

‘NTONIO - (abbracciando Pacchiello) Vecie’190! (Poi, salutando le donne) ‘E ssignore, eh? Piacere! Piacere! (A Peppe) Permettete nu mumento.

PEPPE - Prego.

‘NTONIO - (alla comitiva) Comme va sta ‘mpruvvisata?

PUPARUOLO - Avimmo saputo…

‘NTONIO - (sorpreso) Già?

‘O CANESTARO - E ce simmo venute a felicita’.

PACCHIELLO - Nn’hè avuto piacere?

‘NTONlO E si domanda?

‘O CANESTARO - (presentando) Cesare Vasco, maestro di casa a bordo della «Città di Palermo».

‘NTONIO - Fortunatissimo.

VASCO - La fortuna è mia.

PACCHIELLO - Nostro cliente…

PUPARUOLO - …ed amico.

PEPPE - (impaziente) Io vorrei…

‘NTONIO - Ancora nu minuto. (Peppe piega le braccia e attende. Agli amici) Venite avanti. (E mostra loro il basso di Maria) Non vi dico: favorite, perché non è ancora robba per la quale… (A Vasco, spiegando) È un’abitazione modesta, ecco. (Presentando Maria alle donne: Maria, la mia findanzata! (Le donne si scambiano vivaci convenevoli) ‘Nnarella, la suocera ‘mpagliasegge! (Tutti ridono)

‘NNARELLA - E vide si nun h’ê ‘a scumbina’191 sempe!

PEPPE - (a ‘Ntonio) Vi saluto. (E s’avvia al portoncino)

‘NTONIO - (lascia il gruppo degli amici, che discorre con Maria e, trattenendo Peppe, gli chiede) E che fate? Andate sopra? (‘Nnarella tiene d’occhio i due uomini)

PEPPE - (sarcastico) ’O fatto ‘e muglierema me l’aggi’a vede’ pure cu vvuie? (‘Ntonio ha un attimo d’indecisione)

‘NNARELLA - (interviene) Nonsignore!

‘NTONIO - (allontana ‘Nnarella con un gesto della mano, ed a Peppe) Aspettate…

PEPPE - Ma na spiegazione essa me l’ha dda da’? (Pausa) E ‘ncoppa nun ce sta chi me dà ‘a capuzzata ‘mpietto e chi me leva ‘o rivolvero ‘a mano!

‘NTONIO - (impaurito) E appunto per questo… (Tien fermo ancora Peppe) Ma pecché nun ve trattenite nu poco cu nnuie? So’ tutte amice… Facite passa’ stu mumento…

PEPPE - Lassateme!

‘NTONIO - E promettetemi…

PEPPE - (irritato) Che v’aggi’a prumettere? So’ ccose ca se prumettono? (Apre il portoncino ed esce infretta)

‘NTONIO - (a ‘Nnarella, preoccupato) Chillo mo va ‘ncoppa e ‘a mena abbascio192. (Fa per entrare nel portoncino)

‘NNARELLA - (lo ferma) E allora ‘o scandalo ‘o vuo’ fa’ tu?

‘NTONIO - (guarda in alto, poi, agli amici) Neh, levammece ‘a sotto…

‘O CANESTARO - (mentre gli altri guardano in alto, sorpreso) Pecché?

‘NTONIO - No, so’ vvicule… Pò cade’ quacche ccosa ‘a coppa…

PACCHIELLO - Ah, ecco…

PUPARUOLO - Ma no, nun c’è paura…

‘NTONIO - Speriamo… (Con un altro tono, come dandosi coraggio) Neh, ‘e ssegge!

‘NNARELLA - Pronte! Chelle nun mancano! (E va nel suo basso)

ASSUNTA - (a ‘Ntonio) V’ ‘o crediveve193 ‘e ce vede’ tuttuquante, ccà?

‘NTONIO - No! (Agli amici) Ma comme avite fatto a ssape’…?

MARIA - …a comunicarve ’a nutizia…

‘NTONIO - …a vestirve, a veni’ ccà…

PUPARUOLO - Quanno è ‘o nomme ‘e uno ‘e nuie o ‘e na mugliera d’ ‘a nosta194, ce reunimmo ‘e tre ccoppie e ce ne jammo ‘n campagna…

ASSUNTA - Ogge è ‘a Madonna Assunta, ‘a festa mia…

‘NTONIO - Ah! Auguri!

ASSUNTA - Grazie.

PUPARUOLO - E ce ne simmo jute195 a magna’ ‘a «Stella» a Pusilleco196… (Si ode, distintamente, il suono di un campanello)

‘NNARELLA - (apparendo con due seggiole, a ‘Ntonio, che va a prenderle) Sta sunanno… (Allude a Peppe)

‘NTONIO - (agitato) Sto sentenno… (Porge le sedie alle donne del gruppo. ‘Nnarella, sospirando, esce. A Puparuolo) Dunque… (E guarda in alto)

PUPARUOLO - …‘o ritorno ce stevemo piglianno ‘o ccafè ‘nnanze ‘o «Gambrinus»197 quanno è passato l’avvocato Razzulli…

ASSUNTA - Chisto (indica ‘O Canestaro) pe’ nu fatto d’ ‘o suio l’ha chiammato; e ll’avvocato, appena l’ha sentuto: «Va bene, domani vi manderò il mio segretario Antonio Esposito, al quale passerete le notizie…»

‘NTONIO - E così avete saputo…?

‘O CANESTARO - ’Ntonio Esposito, ‘o cumpagno nuosto, il nuovo segretario dell’avvocato?!

‘NTONIO - Ve site mise a ridere?

‘O CANESTARO - Eh, possibile?

PACCHIELLO - Che fosse overamente ‘Ntonio?

PUPARUOLO - Jammo a vvede’!

RUSELLA - E simmo venute pure nuie! (Si ode di nuovo, e più insistente, il campanello)

‘NNARELLA - (entrando con altre sedie, piano a ‘Ntonio, che va a prenderle) Sta sunanno ancora… Essa nun l’arape198 e ‘o lassa ‘a fore ‘a porta199. (Va nel basso, mentre ‘Ntonio porge le sedie agli amici)

‘NTONIO - (a Vasco) Capite che amice? Hanno saputo ca ‘o cumpagno lloro, l’urdemo ‘e lloro, finalmente ha truvato na via, e lle veneno200 a dda’ la piena conferma della loro solidarietà! (Alle donne) Signo’, scanzatève! (Getta baci ai tre ex scugnizzi, che glieli contraccambiano, ridendo)

‘NNARELLA - (ancora con delle sedie, dal basso, entra e si ferma a guardare alla finestra di fronte, che s’è accesa. A ‘Ntonio, che gli si è di nuovo avvicinato) Guarda: hanno appicciata201 ‘a luce! (‘Ntonio si turba, gli occhi fissi in alto. Vasco leva anche lui gli occhi, un po’preoccupato. ‘Ntonio gli porge una sedia)

VASCO - (a ‘Ntonio) È un posto sicuro?

‘NTONIO - (fraintendendo) Il vostro?

VASCO - No, il vostro.

‘NTONIO - Mah! Tutto dipende ‘a chill’ ‘e coppa… (Allude a Peppe)

VASCO - Chi?

‘NTONIO - ’O Padreterno! Come si dice: «Stammo tutte sott’ ‘o Cielo»! (E ride, nervosamente)

‘NGIULINA - È proprio vero ca chello ca nun succede int’ a n’anno, succede int’ a n’ora!

‘NTONIO - Tutto è regolato dall’alto! (La luce alla finestra si spegne)

‘NNARELLA - (piano, a ‘Ntonio, che va a sedere presso di lei) Hanno stutata202 ‘a luce. Se so’ gghiute a cucca’203!

‘NTONIO - ‘O suonno è conciliatore!

‘NNARELLA - E allora… (A voce alta, agli uomini ancora in piedi) Neh, accomodatevi!

MARIA - (respirando, con intenzione) È stata una grazia!

‘NNARELLA - Overo!

‘NTONIO - Overo è stata na grazia! Eh! Io ce tengo na grande fede a chella Madunnella! (La guarda teneramente) Io ce parlo, ‘o ssapite? E essa me risponne! Nun ve saccio spiega’; ma pe’ nnuie ca nun avimmo cunusciuto a mammà nosta, è Essa ca ce fa da mamma!

‘O CANESTARO - Accussi è!

PUPARUOLO - Gue, ‘Nto’, ma tu stasera hê fatto illuminazione completa!

ASSUNTA - (ammirando l’Immagine) Quant’è bella!

‘NTONIO - E che sso’? Io stasera avarri’a jenchere204 ‘o vico chino ‘e cannele! (Agli amici) Neh, ma nun ve vulite assetta’205? (Gli amici siedono. Vasco guarda in alto, ancora dubbioso)

‘NTONIO - Che guardate? No, stammo a posto! (Vasco, sorridendo, siede)

‘O CANESTARO - E così la comitiva antica è tornata al completo!

PACCHIELLO - (a ‘Ntonio) Sistemato tu pure…

RUSELLA - E cu na bella muglierella206 vicino!

‘NTONIO - (a Maria, ch ‘è confusa) Gue, ringrazia!

PUPARUOLO - ’O ddicevamo sempe: «St’ata gioia avimm’ave’207…»

‘O CANESTARO - E ll’avimmo avuta!

‘NTONIO - Sei scampagnate all’anno v’ ‘e ssite garantite? Ma mo cu nnuie saranno otto!

‘O CANESTARO - Se capisce!

‘NNARELLA - Saranno nove! Gue, chisto a mme mme vò leva’ ‘a miezo208!!

‘NTONIO - (scherzoso) Facimmo otto e mezzo! Ce sta pure ‘a suocera!

PUPARUOLO - Giesù! Pare aiere ch’eramo209 quatto scugnizze!

PACCHIELLO - E che scugnizze!

RUSELLA - (al marito) Tu però m’he ditto sempe ca Antonio era ‘o cchiú tuosto!

‘NTONIO - E perciò ca sono stato l’ultimo… E c’è voluto cchiú tiempo pe’ me chia’210…

VASCO - Una comitiva allegra, eh?

‘NTONIO - E a chi avevem’a penza’? Maie nu pato ca ce deva nu schiaffo, maie n mamma ca ce deva nu vaso211… Nisciuno! E quanno s’è ditto nisciuno s’è ditto tutto cosa!

‘O CANESTARO - ’A notte, a durmi’ ‘n terra, aunite212 comm’ ‘e ssardelle dint’ ‘o varrile213…

PUPARUOLO - Mano a mano ca ll’ummedità214 scenneva, cchiú ce facevamo sotto pe’ ce scarfa’215…

PACCHIELLO - E quanno veneva a chiovere216, dint’ ‘o suonno, ce scetavemo217 ca ognuno ‘e nuie era nu Pulicenella: cu na faccia meza janca218 e meza nera…

‘NTONIO - E maie na tosse, maie nu sternuto, maie nu dulore ‘e capa…

‘O CANESTARO - Cinche minute ‘o sole e turnavemo a zumpa’219!

‘NTONIO - E si pe’ ppoco ce sperdevamo…

PUPARUOLO - A chiammarce pe’ nomme: «Vecie’!»

PACCHIELLO - «Jenna’!»

‘O CANESTARO - «Edua’!»

PUPARUOLO - E se durmeva a scialacore220!

‘O CANESTARO - Senza paura d’essere arrubbate!

‘NTONIO - Lassavemo ‘e persone noste incustodite, jettate ‘ncopp’ a nu marciappiede, e ‘a matina appriesso221 ‘e ttruvavemo llà!

PACCHIELLO - E chi s’ ‘e ppigliava?

VASCO - Le guardie?

‘NTONIO - Eh, comme steveno ‘e vena222!

PUPARUOLO - Ogne tanto, na visitulella223…

‘NTONIO - Uno na vota jeva truvanno ‘o primogenito!

ASSUNTA - Overo?

‘NNARELLA - E ce steva?

‘NTONIO - Sotto a tutto!

‘NNARELLA - Eh!

‘NTONIO - E nuie eramo unu muntone!

‘NCIULINA Poveri figlie!

‘O CANESTARO - Nun ve dico po’ p’ ‘o vvesti’224!

PACCHIELLO - Chello ca truvavemo ce mettevamo ‘ncuollo!

PUPARUOLO - Io stette nu mese vestuto ‘a prevete225!

‘NTONIO - E io pe’ na settimana vestuto ‘a femmena. Sti carogne mme deveno ‘e pizzeche… Gue, ‘a fernite226, sì o no? Ca io songo masculo ‘a sotto227!» (Tutti ridono)

‘O CANESTARO - E nun avimmo fatto maie niente ‘e male!

‘NTONIO - Niente, signo’! (A Vasco) ‘O mmassimo ce pigliavemo nu fazzuletto pe’ ce fa’ ogne tanto na sciusciata228 ‘e naso in grande uniforme! Mo mentre te lieve ‘o cappiello pe’ saluta’, se pigliano ‘a capa ‘a copp’ ‘a noce d’ ‘o cuollo!

PACCHIELLO - Sunavemo, cantavemo, abballavemo229!

‘O CANESTARO - A cammena’ cu ‘e mmane pe’ terra e cu ‘e piede pe’ ll’aria…

PUPARUOLO - Eramo tanta nummere d’attrazione!

‘NTONIO - Pe’ nu mezzone230 ‘e sigarretta facevamo cinquanta capriole, ca p’ ‘e vvede’ dint’a nu Circo Equestre ce vulevano diece lire! E nun ‘e ffacevano comm ‘a nnuie! E bbotte cu ‘e piede… ‘o cuntrabbasso cu ‘o dito… A gassosa cu ‘a vocca… A musica giappunese sott’ ‘o vraccio231…

VASCO - Eh lo so, per tutto il mondo si è parlato degli scugnizzi!

‘NTONIO - Ma no pecché eramo ‘e cchiú pezziente, pecché eramo ‘e cchiú geniale… E senza scola! Anze, a scola d’ ‘a vita, addo se passa senz’ esame e ‘o cchiú disgraziato po’ addeventa’ nu maestro. E chisti ccà (mostra gli amici) songo ‘o cchiú bello esempio!

VASCO - Altro che!

‘NTONIO - E non per fare un complimento alle signore, s’hanno saputo pure scegliere ‘e mmugliere! (Le donne sorridono) E io manco so’ scemo! (E s’abbraccia la sua Maria)

VASCO - D’accordo!

‘NNARELLA - Oh, ma tu po’ pecché cu tantu sale dint’ ‘a cucozza232 te sì trascurato fino a mo?

‘NTONIO - E nun tenevo nu scopo, pe’ cchi ‘o ffacevo? Senza nisciuno, ‘mmano agli estranei, nun vulevo bene a nisciuno, manco a me stesso!

VASCO - E adesso?

MARIA - (sorridendo) ‘O scopo ‘o tiene?

‘NTONIO - Mo? Tengo nu scupone! (Pausa. Guarda in alto, respira, poi, a ‘Nnarella, con intenzione) Mo finalmente, il cielo s’è rischiarato; tutto è sereno… E al più presto festeggeremo le nozze!

TUTTI GLI AMICI - Auguri!

‘NTONIO - Neh, è chiaro che aspettiamo i regali!

‘NNARELLA - ‘A fernisce, scustumato! Cerca ‘e regale!

‘NTONIO - E da noi i regali se non si chiedono non si hanno!

‘O CANESTARO - (ridendo) Giusto!

‘NTONIO - Il signor Vasco mi farà il compare di fazzoletto.

VASCO - Fortunatissimo!

‘NTONIO - (mostrando ‘O Canestaro) Compare di anello! (‘O Canestaro approva. Mostrando Pacchiello) Compare di matrimonio! (Pacchiello approva. Mostrando Puparuolo) Compare…

PUPARUOLO - Nun ce ne stanno cchiú!

‘NTONIO - Sì! Compare di battesimo!

PUPARUOLO - Già ‘o ssaie233?

‘NTONIO - Tu sarraie ‘o primmo a essere interrogatol

‘NNARELLA - Eh! Miette in piazza! (Maria arrossisce, mentre gli altri si complimentano con lei)

‘O CANESTARO - (ai compagni) Accettato? (Pacchiello e Puparuolo approvano con entusiasmo) Accettato!

‘NTONIO - (allegrissimo, a Maria) Hêe visto! Hê visto! (S’ode indistintamente il suono di una chitarra che accenna le prime note di una rumba)

‘NNARELLA - (alle donne) Signo’, e sti marite vuoste v’hanno fatto na bbona riuscita?

‘NTONIO - ‘A suocera se vò assicura’! (Alle donne) Dite, dite…

ASSUNTA, ‘NGIULINA e RUSELLA - (a coro) Sì! Sìì! Sìì!

‘NTONIO - (a ‘Nnarella) ’E ssiente? «Sì! Sì! Sì!» E comme stanno affiatate!

PUPARUOLO - Certo avimm’avut’a vencere quacche difficoltà…

ASSUNTA - Uh! Papà comm’era cuntrario!

PUPARUOLO - Quanno ce jette a parla’… «Mi sono informato, so chi siete! E vi permettete di venire in casa mia? Vuie venite ‘a miez’ ‘a via234!»

‘NTONIO - E ‘a do’ aviv’a veni’, ‘a cielo?

PUPARUOLO - Vulanno235!

ASSUNTA - E mo è ‘o core ‘e papà!

PACCHIELLO - Io jevo ‘a casa ‘e chesta (e mostra Rusella) a gghiuca’236 ‘o sette e mmiezo…

RUSELLA - E na sera se facette cade’ nu soldo ‘n terra!

PACCHIELLO - Essa se ne facette cade’ n’ato…

RUSELLA - Ce truvaiemo237 tutt’ ‘e dduie cu ‘a capa sott’ ‘a tavola…

‘NTONIO - E se scambiaino ‘o doppio soldo… (A Vasco) un bacio!

PACCHIELLO - E ‘a chella sera, po’…

‘NTONIO - Lle scappavano sempe solde ‘a mano! (La «rumba» continua in sordina)

MARIA - (a ‘Ngiulina) E vuie comme ve cunuscisteve?

‘NGIULINA - (mostrando ‘O canestaro) Veneva a cogliere ‘e ffiche dint’ ‘o ciardino ‘e papà.

‘O CANESTARO - E cuglienno cuglienno…

‘NTONIO - Te cugliste pure ‘a figlia!

‘O CANESTARO - Eh!

‘NTONIO - (scherzoso) ‘O suocero ll’avett’a caccia’, si no se cuglieva pure ‘a suocera! (Tutti ridono)

VASCO - (a ‘Ntonio) E voi?

‘NTONIO - E noi? Eh! ‘O fatto è a lluongo238!

‘NNARELLA - Eh! Sbianchisce!

MARIA - Nuie ce cunuscettemo dint’ a na sala ‘e ballo…

‘NTONIO - A essa lle piaceva ‘e balla’ ‘a rumba…

‘NNARELLA - (con allusivo rimprovero) Tutt’ ‘e ssere «rumba, rumba, rumba»…

‘NTONIO - E me ce mettette a fa’ ‘ammore239! (Assunta s’è estraniata dalla conversazione ed accenna a canterellare il motivo della chitarra)

MARIA - (compiaciuta) Brava! (Assunta s’interrompe e sorride)

‘NTONIO - E pecché avite fernuto?

ASSUNTA - (piegandosi nelle spalle) Accussi…

‘NNARELLA - No, no, faciteve senti’…

Rumba scugnizza

ASSUNTA - Chesta è ‘a «rumba»…

‘NTONIO - …d’ ‘e scugnizze,

ca s’abballa a tutte pizze240

ASSUNTA - Truove241 ‘a dama ‘mpizze ‘mpizze242…

‘NTONIO - …ca te fa squase243 e carizze244…

ASSUNTA - Si te fa passa’ ‘e verrizze245…

‘NTONIO - …strette ‘e mmane, vase e frizze246…

ASSUNTA - …pruove247 gusto e te ce avvizze248…

‘NTONIO - …cchiú te sfriene249, e cchiú t’appizze250!

ASSUNTA - Comme a tanta pire nizze251…

‘NTONIO - …te ne scinne252 a sghizze a sghizze253…

ASSUNTA - …fino a quanno nun scapizze254,

‘NTONIO - Chesta è ‘a «rumba» d’ ‘e scugnizze!

ASSUNTA - ‘O rilorgio255, mo capisco

pecché ‘o cerco e nun ‘o trovo,

steva appiso256, è gghiuto ‘o ffrisco257;

c’è rimasto sulo ‘o chiuovo258!

(‘Ntonio innesta sul ritmo del coro, a bocca chiusa, che fa da pedale alle voci dei venditori evocati dalla strada. Il fioraio) ‘O chiuovo259 i’ tengo…

(Il venditore di gamberi cotti) Belle ‘e ‘ammere260!

(L’ortolano) Scarola riccia, p’ ‘a ‘nzalata!

(Ancora l’ortolano) Fonocchio261!

(La venditrice di semi di zucca) ‘O spassatiempo262!

(Il raccoglitore girovago di capelli) Capillo’263!

(Il venditore di fichi freschi) Mo t’ ‘e ccoglio e mo t’ ‘e vvengo264…

(Il venditore di cipolle e di aglio) Gue! Ll’aglio!

ASSUNTA - (ripete le strofe ed ora tutti intervengono, come ‘Ntonio, dando le «voci»)

Chesta è ’a «rumba» d’ ‘e scugnizze,

‘NNARELLA - (come venditrice di spighe lessate) Assettateve! Assettateve!

ASSUNTA - …ca s’abballa a tutte pizze,

PUPARUOLO - (come monaco questuante) ‘O quadrillo265 e ‘a fiurella266!

ASSUNTA - Truove ‘a dama ‘mpizze ‘mpizze…

PACCHIELLO - (come chincagliere ambulante) ‘O mastrillo267 e ‘a rattacasa268!

ASSUNTA - …ca te fa squase e carizze.

‘NTONIO - (come venditore di «franfellicchi»269) Quant’è bello ‘o battilocchio270!

ASSUNTA - …pruove gusto e te ce avvizze…

‘O CANESTARO - (come venditore ambulante di battipanni) Pe’ chi tene ‘a moglie pazza!

ASSUNTA - …cchiú te sfriene, e te ce appizze!

RUSELLA - (ancora come venditore ambulante di battipanni) Quatte solde ‘o fenucchietto271!

‘NNARELLA - Comme a tanta pire nizze,

te ne scinne a sghizze a sghizze,

fino a quanno nun scapizze.

‘NTONIO - Chesta è ‘a «rumba» d’ ‘e scugnizze!

(E ripiglia, comesalumaio) Puparuole272 e aulive273!

PUPARUOLO - (come venditore di cocco fresco) Magnateve ‘o cocco! Magnateve ‘o cocco!

‘NTONIO - (come robivecchi) Robba vecchia!

MARIA - (come venditrice ambulante di castagne lesse) Pallune, p’ ‘allesse274! Pallune, p’ ‘allesse!

‘NTONIO - (come venditore di cocomeri) ‘E mellune chine ‘e fuoco275!

‘NGIULINA - (come venditrice di pane e stoccafisso) Na bbona marenna276! Na bbona marenna!

‘NTONIO - (come venditore di mele cotte) Cotogne!

‘NNARELLA - (comegelatinaro) Gelati! Gelati! Gelati! Gelati!

‘NTONIO - (come ramaio ambulante) Conciatie’277!

‘NNARELLA - (come pizzaiuolo) ‘A pizza cu ‘alice! ‘A pizza cu ‘alice!

‘NTONIO - (ancora come ramaio ambulante) Furno ‘e campagna!

PACCHIELLO - (come merciaio ambulante) ‘E lacce p’ ‘e scarpe! ‘E lacce p’ ‘e scarpe!

‘NTONIO - (come venditore di fichi freschi) D’ ‘o ciardino, tutte secche…

PUPARUOLO - (come «maruzzaro») ‘A capa d’ ‘o purpo278! ‘A capa d’ ‘o purpo!

‘NTONIO - (come giornalaio) «‘O Roma». (E quindi, come mendicante cieco) Chella bella Mamma d’ ‘o Carmene v’ ‘o ppava279! Nun m’ ‘o ppozzo fatica’!

(Sulla seconda ripresa delle strofe, infine, cantata a coro dalle donne, ecco ancora altre «voci», in un ritmo serrato, da «filastrocca» giullaresca. Quella del venditore ambulante di giocattoli)

È bellella280, ‘a paparella281!

(Quella del piattaro) Accattateve ‘e piatte!

(Quella di «‘O rammariello»282) Se’ tuvaglie283, cinche lire!

(Quella del fioraio) N’ata pianta p’ ‘o salotto!

(Quella della venditrice di semi di zucca) Nocelline americane!

(Quella del dolciere girovago) Tengo ‘o ggrano p’ ‘a pastiera!

(Quella dell’ortolano) Pacchiane’284, chi s’ ‘oppenzava285? Tiene chistu campo ‘e fave?

(Quella del venditore ambulante di giocattoli) Cicchignacco int’ ‘a butteglia286!

(E un’altra, dello stesso) ‘O zi’ monaco ‘mbriacone287!

(Quella del merciaio ambulante) ‘O vveleno p’ ‘e scarrafune288!

(Quella del trattore) ‘A dummeneca289 addo’ t’ ‘a faie?

CORO - (conclusivo) Comme a tanta pire nizze,

te ne scinne a sghizze a sghizze,

fino a quanno nun scapizze.

‘NTONIO - Chest’è ‘a «rumba» d’ ‘e scugnizze!

Spezza il canto

VASCO - (ammirato) E questa era improvvisata?

‘NTONIO - ‘A facettemo290 nuie…

VASCO - Bella! Perché non la fate stampare?

‘NTONIO - E no: po’ ce cagneno291 ‘o titolo e diceno che l’ha fatta Voronoff!

‘NNARELLA - E chi è?

‘NTONIO - Nu miedeco viecchio, ca fa addeventa’ giovene giovene! (Grandi risate di tutti. Una finestra si apre e compare un vecchietto, con il berrettino da notte e in maniche di camicia)

IL VECCHIETTO - Eh! (Tutti alzano gli occhi ed egli prosegue, irato) Ma guardie non ce ne sono?!

‘NNARELLA - Chi è?

IL VECCHIETTO - Ma come si può dormire con questo baccano? (Grida di beffa gli rispondono)

‘NTONIO - Signo’, scusate…

IL VECCHIETTO - Io sono malato…

‘NTONIO - Per cento anni…

IL VECCHIETTO - Come «per cento anni»?

‘NTONIO - No, «per cento anni» cu bbona salute!

IL VECCHIETTO - Grazie.

‘NTONIO - Sono compagni miei. Mi sono venuti a trovare. Veneno ‘a Pusilleco, nu poco allegri…

IL VECCHIETTO - Si vede, si vede…

‘NTONIO - E ci siamo ricordati nu poco ‘e specie antiche!

IL VECCHIETTO - E siete uomini? Sembrate persone perbene…

‘O CANESTARO - Sembriamo?…

IL VECCHIETTO - …E mantenete il contegno dei peggiori scugnizzi?

PUPARUOLO - Neh!

‘O CANESTARO - Badate comme parlate!

‘NTONIO - (agli amici) Va buo’, perdunatelo. È un uomo anziano, è malato…

IL VECCHIETTO - Eh! (E approva)

‘NTONIO - Comincia a funzionare male. E poi, la materia è scadente!

IL VECCHIETTO - M’ha fatto ‘a diagnosi!

‘NTONIO - Come vedete, se avessimo voluto comportarci come i peggiori scugnizzi, a quest’ora avremmo dovuto già cacciare i nostri giocattoli dell’infanzia…

IL VECCHIETTO - E sarebbero, questi giocattoli?

‘NTONIO - ‘E pernacchie!

IL VECCHIETTO - Eh! E mo vi trovate!

‘NTONIO - Ma noi siamo delle persone educate e ve dicimmo «Retirete, ch’è notte!».

IL VECCHIETTO - Ma come si può fare? In due minuti avete avuto l’abilità di far passare tutti i venditori di Napoli per qua sotto! Tutti! Manco uno ve ne siete dimenticato!

‘NNARELLA - Eh, signo’, ce sta ‘a voce mia, ca nun l’aggio data. «‘Mpagliasegge»!

‘NTONIO - Signo’, pe’ senti’ tutt’ ‘e vvoce ‘e Napule, avissev’a sta’ tutt’ ‘a nuttata affacciato ‘a fenesta!

IL VECCHIETTO - E io po’ moro292, ccà ffore!

‘NTONIO - No, no, ve putite i’ a cucca’!

IL VECCHIETTO - Avete finito?

‘NTONIO - Finito! (Il vecchietto fa per ritirarsi. ‘Ntonio accenna il canto cosiddetto «’a fronna ‘e limone»293) «‘O mare e arena294…»

IL VECCHIETTO - Ricominciate da capo?!

‘O CANESTARO - Questo è il saluto finale!

PUPARUOLO - A fronna ‘e limone!

PACCHIELLO - Meritate!

IL VECCHIETTO - Jh comme ll’aggio truvato educate!

‘NTONIO - «…adduormete295 adduormete ‘mbraccio ‘o frato…»

IL VECCHIETTO - Io so’ sulo!

‘O CANESTARO - E pecchesto stammo cantanno!

‘NTONIO - «Te canto ‘a nonna!

Contame’ o suonno296

ca t’ hê sunnato…» (E in coro con i compagni)

«…Cocozzie’297!»

IL VECCHIETTO - (indignato, si ritira. Grandi risate, poi, festosi abbracci e baci. La comitiva si scioglie in allegrezza. Le tre coppie, con Cesare Vasco, escono)

IL PADRONE DEL FORNO - Eh! È finito «San Carlo»298! (Ai panettieri, che erano entrati con lui, per ascoltare il canto) Gue! Jammo affatica’!

‘NTONIO - (mentre i panettieri escono) Avite visto, padro’? ‘E cumpagne d’ ‘o marciapiede! Che pensieri delicati!

IL PADRONE DEL FORNO - Eh! ‘O signore è sempe signore! (Esce)

‘NTONIO - (a ‘Nnarella) ’Nfoca ‘a tiana299! (A Maria) ‘E ffelle300 ‘e carne ‘e ffaie arrustite… (‘Nnarella lo guarda, trasecolata) Ll’ove301 ‘e ffaie’ trapazzate, cu ddoie pummarulelle302; e ‘o pesce, uoglio303 e limone!

MARIA - Eh!

‘NNARELLA - Ma chi t’ ‘a passa tutta sta rrobba?

‘NTONIO - Tuo genero!!! (Va a prendere i fagotti, li mette sulle braccia della vecchia) Ccà!

‘NNARELLA - Uh! E nun me dicive niente?!

‘NTONIO - E po’ ferneva ‘a surpresa!

‘NNARELLA - Uh! Io nun ‘o ccredo ancora! (Esce con Maria, allegramente)

‘NTONIO - (mette in un canto le sedie. Pausa. Dalla bottega del fornaio si ode canticchiare la «rÌtmba». Il portoncino ad un tratto si apre. Entra Peppe. Ha sulle braccia un bambino, suo figlio, di pochi anni, che dorme. L’uomo è stravolto e muove con passo sollecito. ‘Ntonio, decisamente, lo ferma) Addo’ jate?

PEPPE - Lassateme sta’!

‘NTONIO - E che ffacite? Ve purtate ‘o guaglione?

PEPPE - Lassateme, v’aggio ditto!

‘NTONIO - E nu mumento!

PEPPE - …‘A primma cosa ca pozzo fa’ a chella femmena, è chella ca lle levo ‘o figlio ‘a vicino!

‘NTONIO - E addo’ ‘o purtate?

PEPPE - Addu na cummara d’ ‘a mia! (Pausa)

‘NTONIO - E vuie levate a na criatura ‘a sott’ ‘o sciato’304 d’ ‘a mamma, e ‘o mettite ‘mmano a n’estranea?

PEPPE - Figliemo ‘a casa nun ce pò sta’! Io aggi’a vede’ chiaro, capite? Si no, è fernuto!

‘NTONIO - Ma ce avite parlato cu essa?

PEPPE - Fino a mo!

‘NTONIO - Capisco…

PEPPE - Che aggi’a fa’? Ll’aggi’a accidere?!

‘NTONIO - No! E po’, che succede? Cchiú peggio! Ca jate ‘n galera! (Pausa) E sta criatura comme resta? Accussi, senza nisciuno?

PEPPE - (sconvolto) Eh!

‘NTONIO - No! No! Io nne teng’uno, ca sta venenno e Ddio ‘o ssape che aggio fatto e che aggi’a fa’ pe’ lle fa’ truva’ ‘a mamma e ‘o pato; e ‘o vuosto ‘e ttene a tutt’ ‘e dduie, e vuie ce ‘e vvulite leva’? E stu piccerillo305 che male ha fatto? (Peppe guarda ‘Ntonio negli occhi) No! No! Jate ‘ncoppa, sentite a mme…

PEPPE - ‘Ncoppa? (Pausa)

‘NTONIO - Poco fa m’avite ringraziato ca, pe’ mme, nun avite fatto nu guaio…

PEPPE - (mormora) Sì, è overo…

‘NTONIO - Embè, e mo nne vulisseve fa’ uno cchiú gruosso?

PEPPE - Eh! Vuie parlate bello!

‘NTONIO - No, nun parlo «bello»… Parlo accussi, perché sento ‘a paternità: pure nun tenendola… Io me so’ trascurato pe’ tant’anne, mme cuntinuavo a trascura’… Invece, no: stu fatto nuovo pe’ mme, m’ha miso ‘mpietto na smania, nu calore, na vuluntà ‘e campa’… Me credevo ca ‘a vita era inutile; invece è bella, comm’è bella ‘a salute! E chesto, pe’ cchi…? (Gli mostra il bambino)

PEPPE - Ma io ‘o metto ‘o ssicuro…

‘NTONIO - Sulo ‘m braccia’ a mamma sta sicuro’ o figlio!

PEPPE - Ma io sta cosa nun ‘ a pozzo fa’ ferni’ accussi! (E caccia di tasca un pacchetto di lettere)

‘NTONIO - ’O ssaccio306… Ma so’ lettere anonime… ‘E positivo che ssapite? Niente! (Gli prende il pacchetto dalle mani) Guardate… Affidateve a me… (Peppe rimane interdetto)

‘NTONIO - So’ stato utile all’avvocato? E sarraggio307 utile pure a vvuie! Sentite a mme, con calma, assoderemo ogni cosa; e chi ha sbagliato, pava… (Accarezza il bambino, che si sveglia, con gli occhi spauriti) È niente! È niente! (Scorge un fornaio alla porta della bottega, lo chiama) Guaglio’! (Il fornaio s’avvicina) Abbruscia308 sti ccarte… (Gli porge il pacchetto delle lettere)

PEPPE - (rapido) No! (Fa per riprenderlo)

‘NTONIO - (con dolcezza gli allontana la mano, poi, al fornaio) Minele dint’ ‘o furno. (Il fornaio fa un cenno d’assenso ed esce. Entra Maria, e si ferma alla soglia del suo basso. Peppe è combattuto da opposti sentimenti: sistema meglio in collo il bambino e non si decide a muoversi) Meh, scenne nu poco d’ummeto309… E vvuie a sta criatura ll’avite scetata ‘a dint’ ‘o suonno… (Pausa) Jate ‘ncoppa… Spugliateve e cuccatève310… ‘A notte porta cunziglio… Forse mo no, ma, dimane, me venarrate n’ata vota a ringrazia’… (Gli porge la mano. Peppe gliela stringe. ‘Ntonio accarezza il bambino. Peppe si decide e ritorna sui suoi passi, in fretta. Esce, richiudendo il portoncino. ‘Ntonio si volge a guardare l’altarino. Ha uno scatto di riconoscenza, verso l’Immagine) Hê visto?! E chi me l’ha miso sti pparole ‘mmocca311?! Nun sì ttu? Nun sì ttu? Chi ‘e ssapeva dicere?! (Guarda la sua compagna, ch’è commossa) Marì!

MARIA - ’Nto’…

‘NTONIO - Prega… Pregala tu… Io nun saccio prega’… (Maria, a mani giunte, si raccoglie davanti all’altarino. ‘Ntonio, esaltato, verso la Madonna) Mamma mia, sì grossa! Sì grossa! Sì grossa!

SIPARIO

ATTO TERZO

Due mesi dopo. Lo studietto di ‘Ntonio in casa Razzulli. Vetrata, in fondo, che affaccia sulla strada. Porte laterali. Una scrivania, a.sinistra. Sarchiaponi, in uno stato di snervante attesa, si alza, va alla scrivania, si consulta l’orologio e, sbuffando, torna a sedere. Un pianoforte suona distintamente esercizi didattici. Pausa. Entra l’avvocato Razzulli, in abito da passeggio con bastone e cappello in mano come chi arrivi dalla strada in quel momento.

L’AVVOCATO RAZZULLI - Oh, caro Sarchiaponi…

SARCHIAPONI - (alzandosi, sollecito) Avvocato…

L’AVVOCATO RAZZULLI - Aspettate da parecchio?

SARCHIAPONI - Da una mezz’oretta.

L’AVVOCATO RAZZULLI - Vi faccio portare una tazza di caffè. (Fa per andare)

SARCHIAPONI - (con un gesto rapido della mano, come per fermarlo) No. (E all’avvocato, che si arresta) Il medico me lo ha vietato in modo assoluto! Grazie!

L’AVVOCATO RAZZULLI - Oggi, il segretario, ritarderà di qualche minuto ancora, perché ha avuto una giornata laboriosa.

SARCHIAPONI - (compiaciuto) Si porta bene?

L’AVVOCATO RAZZULLI - (entusiasta) Magnificamente! Non ne posso chiudere bocca, per la verità! Un intuito immediato, una memoria ferrea. E come ha fatto ad essere tanto versato in materia giuridica! Come se tutta la vita non si fosse occupato di altro. A volte, mi sbalordisce!

SARCHIAPONI - Un praticone?

L’AVVOCATO RAZZULLI - Tutte le escogita; non gliene sfugge una! (E ride) In due mesi, poi, e già è popolarissimo: mette a rivoluzione nu tribunale! Saluta a tutti quanti, tutti quanti ‘o salutano; trase e ghiesce312 pe’ do’ vò isso… Quanno ha dd’ave’ na carta o na nutizia, non si discute: ce l’hann’a da’! Si no agli impiegati, agli uscieri, ‘e presidente nun ‘e ffa concludere niente più! Ed è quello che ci vuole!

SARCHIAPONI - (approvando) Eh sì, un ingegnaccio…

L’AVVOCATO RAZZULLI - Se avesse avuto lo studio…

SARCHIAPONI - E vedete che ha pensato pure a questo! (Si indica)

L’AVVOCATO RAZZULLI - Troppo tardi! (E, con sincero rammarico) Peccato!

SARCHIAPONI - Certo, però, ad onor del vero, sono quaranta giorni, con oggi, che fa lezione, ed il risultato è sorprendente. E con che passione studia, con che attenzione… Ogni tanto mi domanda scusa per avermi portato via il posto e mi accorda con un mezzo sigaro…

L’AVVOCATO RAZZULLI - Sa vivere! E pensare che viene proprio dalla strada…

SARCHIAPONI - Già, lo dice sempre, che è stata la sua prima maestra!

L’AVVOCATO RAZZULLI - Difatti!

SARCHIAPONI - (che ascolta il piano) È la signorina, che suona?

L’AVVOCATO RAZZULLI - Sì, mia figlia, che sta sotto gli esami! (Entra ‘Ntonio dalla destra, affannando, perché ha corso per la strada. Indossa sempre lo stesso vestito. Porta sotto il braccio un’enorme borsa di bergamoide)

‘NTONIO - Io sto qua! (A Sarchiaponi) Caro maestro!

L’AVVOCATO RAZZULLI - Già fatto?

‘NTONIO - Fatto! Tutto qua! (Cioè nella borsa)

L’AVVOCATO RAZZULLI - La «memoria?»

‘NTONIO - (apre la borsa, e mentre la cerca) La «memoria»… la «memoria»…

L’AVVOCATO RAZZULLI - (scherzoso) Hai perduto la memoria?

‘NTONIO - No, chella sta sempe a posto! Eccola. (Trova l’incartamento, e lo porge all’avvocato, che comincia a leggerlo) E a proposito di memoria, mi dovete dare le cinque lire che cacciai per la carrozzella!

SARCHIAPONI - (all’avvocato, che si volta, per guardare ‘Ntonio) Funziona bene!

L’AVVOCATO RAZZULLI - Eh! (Riprende a leggere)

‘NTONIO - M’aggio pigliato ‘e ddoie registrate; aggio fatto ‘a citazione a Ciofi, si no scadeveno ‘e termine; presentata la comparsa; messa la causa a ruolo; sono andato alla settima, per il differimento; all’ottava, per prendere gli atti; e alla cancelleria pe’ ritira’ tutti gli strumenti. (Battendo le mani sulla borsa, in tono scherzoso) Qua ci sta un’orchestra. (L’avvocato Razzulli restituisce a ‘Ntonio l’incartamento)

SARCHIAPONl (a ‘Ntonio, con un ‘espressione di compiacimento) Questo, tutto oggi?

‘NTONIO - Modestamente!

L’AVVOCATO RAZZULLI - È un miracolo! (Esce)

‘NTONIO - Ma ‘a cinque lire nun me l’ha data! E parla ‘e memoria! (Si porta dietro la scrivania, cava i libri dal tiretto e siede, composto, prendendo la posa d’uno scolaretto. Però, batte le mani con un’espressione d’amarezza, apre un libro e lo guarda pensoso con i gomiti sul tavolo e i pugni alle tempie)

SARCHIAPONI - (inforca gli occhiali, prende una penna dalla scrivania ed indica a ‘Ntonio un punto sul libro) «Il giorno…»

‘NTONIO - (dopo un’attimo di riflessione) Il giorno 28 è dopo domani, eh?

SARCHIAPONI - (concentrandosi) Sì. (Ricomincia a leggere) «Il giorno…»

‘NTONIO - Il giorno 28 ritiro tutte ‘e ccarte d’ ‘o Municipio!

SARCHIAPONI - Auguri! (Pausa) «Il giorno…»

‘NTONIO - Maestro, il giorno 28 è il più bel giorno della mia vita!

SARCHIAPONI - (sorridendo) Ma vogliamo fare lezione?

‘NTONIO - (fa un rapido cenno di sì con la testa e ripiglia la posizione di prima, con i gomiti sul tavolo, si riconcentra) «Il giorno…»

L’AVVOCATO RAZZULLI - (a ‘Ntonio, riapparendo, con una «produzione» fra le mani) Quella relazione…

‘NTONIO - (la cerca nella borsa, poi, con intenzione) Quella relazione, giacché ci troviamo, la dovete levare dalla memoria…

L’AVVOCATO RAZZULLI - (ha capito l’allusione a Donna Palmira, con un sorriso scettico) Ormai…

‘NTONIO - Io stammatina, appunto, ho parlato nuovamente con la parte avversaria…

L’AVVOCATO RAZZULLI - (vivamente sorpreso) Ancora…?

‘NTONIO - Ancora! E se non ci stava il giudice conciliatore (indica se stesso) overo ‘o facevemo o pruciesso! (Gli dà la relazione)

L’AVVOCATO RAZZULLI - (guardando l’incartamento, ma rispondendo ambiguamente a tono) Io ci andavo per una causa…

‘NTONIO - La causa di lei… Non c’erano altre cause. La causa era quella! (E sorride)

L’AVVOCATO RAZZULLI - (sorridendo leggermente anche lui) Ma era lei che mi dava udienza…

‘NTONIO - E vuie nun ‘a diveve audienza313!

L’AVVOCATO RAZZULLI - Per espormi la cosa…

‘NTONIO - (Lo fissa sorpreso) E voi ve la facevate esporre a porte chiuse?!

L’AVVOCATO RAZZULLI - (mettendo la relazione nel fascicolo della produzione) Dovevo consultare le parti…

‘NTONIO - E alcune parti, scusatemi, avvoca’, le dovevate lasciare stare. Che è successo, poi? Voi non avete potuto sostenere il dibattito, essendo voi civile e l’altro… penale; avete declinato l’incarico ed io ho dovuto assumere la difesa! Ora, a furia di differimenti, ‘a cosa l’avimmo misa a muri’… Ma, il primo atto che fareste per il prosieguo delle sedute, o anche solo per fare una perizia… chillo ve dà ‘ncuollo; ve fa na citazione, con abbreviazione di termini; e io non mi posso appellare più: ato ca Corte ‘Assise, jammo a ferni’ tutte quante ‘a Cassazione!

SARCHIAPONI - E chi ‘o capisce?

‘NTONIO - E quello è linguaggio tecnico!

L’AVVOCATO RAZZULLI - (compiaciuto e sorridente, a Sarchiaponi) Avete sentito? (E poi, a ‘Ntonio, rassicurandolo) Va bene… va bene…

‘NTONIO - E no, io ve lo devo dire? Questo è un giudizio che richiede molto giudizio… Si no vene ‘o juorno d’ ‘o giudizio! (Si ride)

L’AVVOCATO RAZZULLI - È fantastico. (Esce)

‘NTONIO - Ma ‘a cinche lire manco me l’ha data! (Riprende la solita posa)

SARCHIAPONI - Dunque… «Il giorno…»

‘NTONIO - (offre un mezzo sigaro a Sarchiaponi, che ringrazia. Legge stentatamente) «Il giorno moriva, ed il greggio…»

SARCHIAPONI - Ah!

‘NTONIO - (si corregge) «…ed il gregge scendeva sbendato…»

SARCHIAPONI - Ah!

‘NTONIO - «…sbandato la valle…»

SARCHIAPONI - Da capo. (E guida con la penna la lettura)

‘NTONIO - (ripete, fissando Sarchiaponi) «Il giorno moriva ed il gregge scendeva sbandato la valle…»

SARCHIAPONI - Ma 1o devi leggere.

‘NTONIO - E m’ ‘o ricordo. «Il giorno moriva e il gregge scendeva sbandato la valle…»

DONNA ROSA - (entra da sinistra) Permesso.

‘NTONIO - (levandosi di scatto) Uh, signo’! (Le bacia la mano)

DONNA ROSA - (a Sarchiaponi, che si è alzato, per riverirla) Lo scolaretto… si porta bene?

SARCHIAPONI - (sorridendo) Sì, sì…

DONNA ROSA - Prego, state comodo. (Sarchiaponi siede)

‘NTONIO - Ato che314 scularetto! ‘A n’atu ppoco ‘o tengh’io, ‘o scularetto! (A Sarchiaponi) Sarete il maestro di famiglia!

DONNA ROSA - E queste nozze?

‘NTONIO - (premuroso) Dopo domani finalmente ho tutte le carte; se fanno ‘e pubblicazioni e sposo! Per questo benedetto sbaglio del cognome di lei, se ne son passati un paio di mesi! E perché se n’è occupato personalmente l’avvocato, se no… Eh, ve pare ca io nun ce penzo? E se no… Io sto ‘ncopp’ ‘e spine, pe’ stu fatto! (Pausa) Figlio mio bello… ‘a fede ‘e nascita, cu ‘a paternità: tene ‘o lascia passare, ‘o libretto ‘e circulazione, il libero percorso; ‘o passapuorto! (Si ricorda, offre aDonna Rosa una coroncina tratta da un altare: piccolo involto di carta velina bianca) Ve l’ho fatta pure benedire.

DONNA ROSA - (se ne compiace, la bacia, poi, con affettata tenerezza) Non te lo volevo dire… Ma ho pensato di regalarti tutto il corredo per il bambino…

‘NTONIO - (si commuove) Grazie.

DONNA ROSA - Embè, e si fa, questo? Su!

SARCHIAPONI - (a Donna Rosa) È sensibilissimo!

‘NTONIO - E che v’aggi’a dicere! Vuie site Santa Rosa, pe’ me! Vulevo chiamma’ mio figlio Vittorio o Vittoria e invece, si è femmena la chiamerò Rosa! E si è masculo… Roso nun ‘o pozzo chiamma’… Ma penseremo per il seguito…

DONNA ROSA - (compiaciuta) Studia, nun te distrarre…

‘NTONIO - ‘A casa è pronta, dimane arrivano pure ‘e mobili, ‘a mamma ha fatto essa ‘a vesta janca315… Maria s’ ‘a mette cu ‘o velo grigio… Pazienza. L’interessante è ca spusammo… (E poi, scherzoso) Un legale non può convivere illegalmente! (Siede, scompostamente)

DONNA ROSA - Studia, studia… (Esce)

SARCHIAPONI - (come parlando ad un autentico scolaro) Siedi bene, giù quella gamba…

‘NTONIO - È ‘o cerviello che ha dda sta’ a posto! ‘O guaio è ca proprio chillo, ogge, funziona poco!

SARCHIAPONI - Già, vi vedo un po’ irrequieto, ma che avete? (‘Ntonio smania ancora, poi, resta muto, a riflettere) Vogliamo lasciare stare per oggi?

‘NTONIO - No… E po’ faccio filone ‘a scola?

SARCHIAPONI - E allora ci dobbiamo decidere… Sono già tre quarti d’ora che sono qui, senza far niente… (Pausa)

‘NTONIO - (a bruciapelo) Maestro, a sette mesi, una donna può partorire?

SARCHIAPONI - M’ha pigliato pe’ levatrice! (Poi) Altro che!

‘NTONIO - Regolarmente?

SARCHIAPONI - Eh sì… A sei, a otto, no; ma, a sette, sì. (‘Ntonio si turba) Ma che avete?

‘NTONIO - ‘A fidanzata mia stanotte lle so’ venute ‘e dulure…

SARCHIAPONI - ‘A fidanzata vosta?

‘NTONIO - (approva, con infinita amarezza) A sette mesi!

SARCHIAPONI - Ah? (Pausa) E non c’è pericolo…

‘NTONIO - No, il pericolo c’è. È che mio figlio nasce primmo che spusammo! E io aggio fatto tanto pe’ legalizza’ chello che aggiu fatto naturalmente… E si figliemo nasce a sette mesi, nun ‘e ttrova a ‘Ntonio Esposito e Maria Cacace coniugi… È destino! (Pausa) Va ‘e pressa316, comme si ccà se venesse a diverti’… (Pausa) Maestro, facciamo un po’ di ricreazione…

SARCHIAPONI - Ma se non abbiamo ancora incominciato…

‘NTONIO - E mentre ve fumate ‘o miezo sigaro…

SARCHIAPONI - …se ne passa n’ata mezz’ora… (Pausa)

‘NTONIO - Maestro, e se il figlio lo dichiarassimo doppo sposati? Na ventina ‘e juorne ce vonno…

SARCHIAPONI - Certo… se si potesse fare… anche per la madre… si salverebbero le apparenze…

‘NTONIO - (si accorge di aver detto una corbelleria) Eh no, che «apparenze»? Oggi sposa, domani sgrava? Comme ‘e salvate, le apparenze?!

SARCHIAPONI - Eh già, da questo lato, non c’è niente da fare! (Pausa) …Vestirla da sposa, col velo, in quelle condizioni…

‘NTONIO - Eh no… Faremmo malignare…

SARCHIAPONI - «Faremmo…?» (Pausa) Un momento. Si può sposare in casa; e al prete si dice: «La signorina è a letto, perché è raffreddata…»

‘NTONIO - M’ ‘o chiammate raffreddore?!

SARCHIAPONI - E allora… (come dire: non c’è niente da fare)

‘NTONIO - (scattando) Chillo nun ha dda nascere, si primmo nun songo spusato… ‘E cchiacchiere d’ ‘a gente passano, ma ‘o scritto resta! A sette mesi… (E passeggia, nervoso, per la stanza) E che va facenno, nu cusariello tanto317… Manco ‘o vede nisciuno! M’aggi’a purta’ ‘a lenta d’ingrandimento, pe’ l’osserva’… (Smania) Ah! ‘A primma ‘e nascere hann’a turmenta’ ‘e genitori! Facette buono patemo, ca nun me vulette proprio cunoscere… «Vidatillo tu318!» (Pausa) Ha dda piglia’ ‘o treno! A sta’ nove mise, no; hann’a essere sette! S’ha dda sceta’ matina319, pe’ chisà nun arriva a tiempo! Chisà che s’immagina ca ‘o munno320 ched è… (Parla al nascituro) E aspetta n’atu ppoco! Famme sestima’321 apprimma tutto cosa, sinò sta gioia ca mo mme daie, mm’ ‘a ‘ntuosseche322! Ah! Si chillo ‘o ssapesse ccà che se passa, nun se muvesse ‘a llà…

SARCHIAPONI - (calmandolo) Ma, speriamo che sia un falso allarme…

‘NTONIO - E pe’ fforza, nun voglia maie…

SARCHIAPONI - Alle volte sono semplici indisposizioni. È così?

‘NTONIO - (approvando) E se no stavo qua?

SARCHIAPONI - Stamane… la signorina stava meglio?

‘NTONIO - Sì… nu poco più calma…

SARCHIAPONI - E dunque?

‘NTONIO - E po’ ce sta ‘a mamma… (Sicuro) «Si vide ‘mbruoglie», l’aggio ditto, «vieneme subito a chiamma’…»

SARCHIAPONI - (rassicurandolo) E allora, per non venire, vuol dire che tutto procede regolarmente. E vedrete che vostro figlio, gli altri due mesi, se li farà…

‘NTONIO - (tranquillizzato e quasi dispettoso verso il nascituro) E sinò va a ffa’ ‘o suldato duie mise primma… E fa duie mise ‘e cchiú… (Torna alla scrivania. Ad un tratto Pascalino piomba giù, come dal piano superiore, fuori dalla vetrata. Si alza, si ricompone rapidamente ed entra nella stanza con aria disinvolta)

UNA VOCE D’UOMO - (dall’alto) Mascalzone! Vigliacco!

‘NTONIO - (vivamente sorpreso) Chi è?

PASCALINO - (fingendo di niente) Non so.

‘NTONIO - Come «non so»? Site caduto ‘a cielo? (Esce fuori dalla vetrata e guarda in alto)

LA VOCE - Farabutto!

‘NTONIO - Io?

LA VOCE - Ma la farò finita, veh!

‘NTONIO - (rientra e, a Pascalino) Chi è?

PASCALINO - Il padre di una signorina, che abita su…

‘NTONIO - Vi ha trovato a parlare con la figlia?

PASCALINO - Sopra i tetti…

‘NTONIO - E vuie v’ ‘o gghiate a ffa’ ‘ncopp’ ‘e titte? E che site fatto na gatta?!

PASCALINO - (preoccupato) Zitto, non far sentire…

L’AVVOCATO RAZZULLI - (irrompe nella stanza, seguìto dalla moglie e dalla figlia) Che è successo?

DONNA ROSA - Cu chi ll’have323 quello… su?

PASCALINO - (facendo lo gnorri) Chi?

ELVIRA - Il padre di Sisina…

PASCALINO - E che ne so?

L’AVVOCATO RAZZULLI - Ma come… (Citando le frasi udite) «Mascalzone!»

DONNA ROSA - «Vigliacco!»

ELVIRA - «Farabutto!»

‘NTONIO - (a Pascalino, che è rimasto senza parola) «Non far sentire!»

L’AVVOCATO RAZZULLI - (fermo, a ‘Ntonio) Che è successo?

‘NTONIO - (risoluto, a Pascalino) Eh, chille ‘o vvonno324 sape’… «Mascalzone! Vigliacco! Farabutto!» Chi po’ essere, ‘o maestro?

SARCHIAPONI - (sbalordito) E che c’entro?

‘NTONIO… Eh! O io? Ccà tre simmo… Quando voi vi mettete in queste condizioni! (All’avvocato) È gghiuto ‘a ffa’ ammore ‘ncopp’ ‘e titte; ‘o padre d’ ‘a signurina se n’è accorto e ‘o signurino s’è buttato dint’ ‘a terrazza… E chillo ‘a coppa! (Imitando ed esagerando) «Mascalzone! Vigliacco! Farabutto! La farò finita, veh!» Ce ha miso pure ‘o «veh!» (Pausa)

L’AVVOCATO RAZZULLI -  ‘Nto’… E vedi un po’ tu…

‘NTONIO - Insomma, io nu poco ‘e pace nun ‘a pozzo ave’? ‘O signore ‘e coppa mo scenne ccà; e songh’io ch’aggi’a arrepara’325…

L’AVVOCATO RAZZULLI - (severamente, al figlio) Che ne dici? (Pascalino tace confuso)

DONNA ROSA - Come ci sei andato, su?

ELVIRA - Pe’ fore ‘o terrazzo…?

PASCALINO - Me songo appiso…

‘NTONIO - Appiso? E comme ve site appiso? (Ed esce fuori dalla vetrata) Pe’ vicino ‘o canale?

PASCALINO - Eh, sì…

L’AVVOCATO RAZZULLI - (alla moglie e alla figlia) Avite capito?

DONNA ROSA - (con disprezzo) Peggio degli scugnizzi!

‘NTONIO - (guarda Donna Rosa e tace. Poi a Pascalino) E chille che v’hanno visto ‘a vascio326? ‘A rimpetto? ‘O pato d’ ‘a signurina stesso, che opinione se n’è fatta ‘e vuie?!

L’AVVOCATO RAZZULLI - «Mascalzone! Vigliacco! Farabutto!»

‘NTONIO - (a Sarchiaponi, dopo una pausa) Maestro, voi potete andare… La lezione la sta avendo Pascalino… (Con un sospiro) La mia, la rimanderemo a domani. Nessuna parola, eh?

L’AVVOCATO RAZZULLI - (alla moglie, che freme) E va buo’, ma mo nun esagera’. Dopo tutto, sono inezie di gioventù.

DONNA ROSA - (a Sarchiaponi) Nessuna parola, eh?!

SARCHIAPONI - (rassicurandolo) Per carità. (S’inchina) Buongiorno. (Esce)

‘NTONIO - Per quanto una cara persona, è sempre gente estranea… (E va alla scrivania, per riporre il suo libro di lettura)

DONNA ROSA - (al figlio) Ma tu ci fai all’amore con questa Sisina?

PASCALINO - Sissignore. Da più di un mese.

DONNA ROSA - (preoccupata) Ma dimmi la verità, avessi parlato col padre?

PASCALINO - Non ancora.

‘NTONIO - E si no nun parlava c’ ‘a figlia!

ELVIRA - (ad Antonio) Ma perché, che si fa all’amore, con i padri?

DONNA ROSA - Statti zitta tu! (Elvira, con un’alzata di spalla, esce)

L’AVVOCATO RAZZULLI - (con il tono di voler risolvere un quesito) Ma tu hai l’intenzione di sposare quella ragazza?

PASCALINO - Eh!

L’AVVOCATO RAZZULLI - E quando si hanno delle intenzioni serie, si sale regolarmente per la scala…

‘NTONIO - E si no ‘e scalinate ch’ ‘e ffanno a ffa’?

L’AVVOCATO RAZZULLI - E parlavi col padre…

‘NTONIO - Eh!

L’AVVOCATO RAZZULLI - Ora, se veramente ci tieni per la figlia, quest’uomo non ti potrà mai pigliare sul serio…

‘NTONIO - «A chi lle dongo a figliema? A uno ca s’appenne pe’ vvicino ‘e ccannole327?»

PASCALINO - (di scatto) Vedite chi parla!

‘NTONIO - (con forza) Nuie ce appennevemo areto ‘e tramme328, areto ‘e ccarruzzelle, areto all’automobile. Ma nuie nun avevam’a piglia’ nisciuna laurea! Eramo sghizze ‘e fango329 ca ce attaccavamo pe’ tutte parte, e nun tenevamo a nisciuno! A vuie è differente ‘o caso: papà vuosto ha spiso e spenne ‘e llire pe’ ve fa’ studia’!… E doppo tant’anne ‘e studio, addo’ site arrivato? ‘Ncopp’ ‘e titte?

PASCALINO - (seccato) Ma mo aggi’a senti’ pure a tte?!

‘NTONIO - No.

PASCALINO - Ah, me penzavo ca ce trasive330 pure tu.

‘NTONIO - No, per entrare io c’entro! L’avite sentito a papà? «Vedi un po’ tu!» Per la via indiretta, ma c’entro! Pecché si ‘o signore d’ ‘o «veh!» scenne ‘a coppa e io nun c’entro, vuie avite zumpato331 nu piano? Chillo ve ne fa’ zumpa’ n’ati ttre! E ve ‘mpara che, quando si va dalla fidanzata, se saglie p’ ‘a scalinata… o tutto al più se porta ‘a fidanzata ‘mmiezo ‘a scalinata, ma nun se saglie pe’ vicino ‘e canale, comme ‘e scugnizze, a quanto ha rilevato anche vostra madre! (Guarda l’orologio sulla scrivania e mette la «paglietta» in capo, per andar via)

L’AVVOCATO RAZZULLI - (a ‘Ntonio, un po’preoccu,pato) E che faie, te ne vaie?

‘NTONIO - Eh…

L’AVVOCATO RAZZULLI - (senza guardarlo) Beh, statte n’atu ppoco ccà tu, pe’ chi sa scennesse chisto ‘e coppa332…

‘NTONIO - (celando il suo disappunto con un sorriso) ’E guaie mieie stanno tutte ‘o quarto piano… (A Pascalino, insistendo) C’entro o no? Perché il vostro futuro suocero non lo ricevete voi? (All’avvocato, ossequioso) Va bene. (E rimette la «paglietta» sulla scrivania)

DONNA ROSA - (a ‘Ntonio) Volevi andar via?

‘NTONIO - (mascherando il suo reale orgasmo) No, na scappatella ‘a casa… Aggio lasciato ‘a fidanzata mia nu poco indisposta…

L’AVVOCATO RAZZULLI - (a ‘Ntonio) Se vuoi andare…

‘NTONIO - No, non c’è fretta…

DONNA ROSA - (con amarezza, guardando Pascalino) Eh! E chiste songo ‘e figlie…

‘NTONIO - Dicitelo a mme!

L’AVVOCATO RAZZULLI - Sempre preoccupazioni! E non è la prima volta che va facenno chesto…

‘NTONIO - (all’avvocato) È recidivo, è recidivo?! (Fissa con un sorriso Pascalino, che s’indispone) L’ha tenuto sempe stu difetto?!

PASCALINO - (seccato, a ‘Ntonio) Che vuoi dire?

‘NTONIO - Avvoca’, sapete come l’ho conosciuto?

PASCALINO - (contrariato, a ‘Ntonio) La finisci?!

L’AVVOCATO RAZZULLI - (al figlio) E finiscila tu! (A ‘Ntonio) Dimmi!

‘NTONIO - ‘A sera d’ ‘a festa ‘o Carmene333, quatto mise fa. ‘Mmiez’ ‘a folla dette nu pizzeco ‘a ‘nnammurata mia. Ma nu pizzeco accussi forte, ca Maria dette nu strillo. E pure mo, ogni vota ca s’ ‘o rricorda: «Ah!» e mette ‘a mana ccà… (Cioè sulla natica) Comme si sentesse ancora ‘o dulore!

DONNA ROSA - Che ragazzaccio!

L’AVVOCATO RAZZULLI - (dopo un’espressione di disgusto, al figlio) Perciò non mi volesti dire dove avevi conosciuto ‘Ntonio! (Pausa. A ‘Ntonio) E meno male che tu non c’eri…

PASCALINO - No, c’era, c’era… (E si tocca la guancia)

‘NTONIO - (approvando) C’ero! C’ero! Pur’isso se strufina ancora. (Sorride) E così facettemo ‘a cunuscenza! E intanto chella lezione nun è bastata, pecché ‘o vizio nun se l’ha levato…

L’AVVOCATO RAZZULLI - Quanno vede femmene, nun ragiona cchiú!

‘NTONIO - Ah?

DONNA ROSA - Perciò non tengo cameriera… (Pausa)

‘NTONIO - Avvoca’, ma ‘e chi ha pigliato?

L’AVVOCATO RAZZULLI - (ha un sussulto, poi, per non tradirsi) E che so…

‘NTONIO - Cu na mamma ca è un’immagine…

L’AVVOCATO RAZZULLI - (approva) Eh!

‘NTONIO - Cu nu padre ca è nu santo… (Lo fissa) Eh! E pigliate esempio (ed indica l’avvocato, che si dà tono) ‘a chist’ommo ccà! (S’ode squillare il campanello alla porta d’ingresso)

ELVIRA - (entrando) Stanno bussando ‘a porta cu ‘o campaniello e cu ‘a mano…

L’AVVOCATO RAZZULLI - (preoccupato) È lui. (A ‘Ntonio) ‘O maresciallo!

‘NTONIO - (scosso) In ritiro?

L’AVVOCATO RAZZULLI - No, in servizio!

‘NTONIO - Attivo?

L’AVVOCATO RAZZULLI - Attivissimo!

‘NTONIO - (a Pascalino, che appare livido, con sarcasmo) Don Pascali’, fate gli onori di casa: andate a ricevere ‘o suocero! (Altro squillo del campanello)

ELVIRA - (al padre) Che faccio?

‘NTONIO - (pronto) Bisogna aprire. (All’avvocato) Ascoltatelo: voi non sapete niente… (Rassegnato) Qualunque cosa, io sto qua! Pascalino sta con me! (L’avvocato, Donna Rosa ed Elvira escono)

PASCALINO - (sollecito, confessandosi a ‘Ntonio) Chillo nun m’ha truvato cu ‘a figlia, m’ha truvato cu ‘a mugliera…

‘NTONIO - Cu ‘a mugliera? (Ha un gesto di disperazione. Pausa. Balbetta) E chesta è malatia ‘e famiglia! (Poi, a Pascalino) Cu ‘a mugliera?

PASCALINO - E se no io salivo p’ ‘a scalinata, regolarmente…

‘NTONIO - (sempre più avvilito e trasecolato) Ma… c’è stato niente?

PASCALINO - (affermando) Eh! (Come dire: altro che!)

‘NTONIO - (lo prende in giro) Eh! (Levando le mani verso il cielo) E ch’aggi’a dicere mo? (L’avvocato Razzulli rientra pallido per l’emozione) È lui?

L’AVVOCATO RAZZULLI - No.

‘NTONIO - (a Pascalino) E ce l’avimm’a dicere a papa’…

PASCALINO - (rapido) No!

‘NTONIO - (scattando) Che no?!

L’AVVOCATO RAZZULLI - (sollecito, impressionato) Che c’ è?

‘NTONIO - ‘O maresciallo, nun l’ha truvato cu ‘a figlia, l’ha truvato cu ‘a mugliera! (L’avvocato Razzulli allibisce. ‘Ntonio, con tono di violenta allusione) Eh! E semmenanno puparuole putevano nascere cucuzzielle334?! (Pausa) Eh! Io me veco avvilito, nun tengo ‘o tiempo d’arrepara’! (All’avvocato) E ccà nu ‘Ntonio sulo nun basta, ccà ce ne vonno tre! (Pausa) Avvoca’, voi vi dovete imporre… Alla fine, io songo n’estraneo, ll’urdemo d’ ‘a casa, ma ve cunfesso ca sto scandalizzato… (A Pascalino) Embè? Papà vuosto ha fatto tanto pe’ ve purta’ a chesta età e vuie lle date chistu schianto? E accussi ricumpensate l’affetto d’ ‘e genitori? ‘E mieie nun ‘e ssaccio e sento ca ‘e vvoglio bbene… Pure pe’ mammà, p’ ‘a sorella… che esempio lle date?

L’AVVOCATO RAZZULLI - (mormora) Ll’esempio…

‘NTONIO - Ll’esempio! (A Pascalino) ‘O vvedite? Mo facite chiagnere a papà… (Pausa) Meh, cercatelo scusa… (L’avvocato Razzulli è impacciatissimo) E gghiate, jate. (Spinge il giovane nelle braccia paterne. L’avvocato Razzulli guarda ‘Ntonio, come per chiedergli in qual modo dovrà comportarsi e lui lo esorta con gesti furtivi ad abbracciare il figlio. Poi a Pascalino, ma, guardando Razzulli) Dicintencello ca nun ‘o ffacite cchiú… Site l’unico figlio masculo… (All’avvocato) E si vuie facite chesto… (con intenzione) ll’ate, c’hann’a fa’?

L’AVVOCATO RAZZULLI - (ha capito, rassicura ‘Ntonio) Nun ‘o ffa cchiú… Nun ‘o ffa cchiú… (Abbraccia Pascalino)

‘NTONIO - E mo overo nun succede niente cchiú! (Pausa. A Pascalino) Iate a cerca’ scusa a mammà… (Il giovane esce. Egli riprende la «paglietta», fa per andar via, si ferma) Eh no! Aggì’a aspetta’ a chistu signore ca scenne ‘a coppa… (È fremente. Rimette a posto la «paglietta»)

L’AVVOCATO RAZZULLI - Volevi scappare?

‘NTONIO - Eh sì, tengo ‘o penziero…

L’AVVOCATO RAZZULLI - ‘O penziero? E di che?

‘NTONIO - (in uno scoppio di sincerità) Avvoca’, Maria tene ‘e dulure ‘a stanotte e io sto ‘ncopp’ ‘e spine… A sette mise, capite? E io nun so’ spusato ancora?! E si, Ddio nun voglia, chella sgrava primma ca io sposo… figliemo… (con paura) nasce comme a mme?! E chi meglio ‘e vuie sape chello ca io aggio fatto pe’ isso?! (Pausa) Pe’ ppoche juorne, sarrie comme a vule’ infliggere na cundanna a vvita a na povera anema innocente! (Entra improvvisamente ‘Nnarella)

‘NNARELLA - Permesso?

‘NTONIO - (con sorpresa e sgomento) Che sì vvenuta a ffa’?

‘NNARELLA - (si sforza di sorridere) E m’hê ditto ca t’avev’a veni’ a ‘nfurma’?

‘NTONIO - E che nova335 m’hê purtata?

‘NNARELLA - (indecisa) E che t’aggi’a purta’?

‘NTONIO - «Che t’aggi’a purta’» nun è risposta.

‘NNARELLA - Chiano, chiano, che te vuo’ fa’ veni’ na cosa?

‘NTONIO - E parla, ch’è succieso?

‘NNARELLA - E si nun te calme? (Pama) Maria sta bbona…

‘NTONIO - È sgravata?!

‘NNARELLA - È sgravata!

‘NTONIO - (impallidisce, poi, con uno sforzo) E pecché nun me sì vvenuto a chiamma’?

‘NNARELLA - E nun tenevo a chi manna’336.

‘NTONIO - Destino! (Ha un moto di rabbia) Ddoie gocce d’acqua. Comm’ ‘o pato! (A Razzulli) Avvoca’, perdonate… (L’avvocato Razzulli fa un gesto vago. Rapido, a ‘Nnarella) Che ha fatto?

‘NNARELLA - (con un filo di voce) ’O masculo!

‘NTONIO - Figlio mio! (Pausa) Comm’è? (‘Nnarella non risponde) Comme sta?! (Pausa lunga)

‘NNARELLA - (balbetta) Appena nato…

‘NTONIO - (ha come una tremenda mazzata e, a stento, si tiene in piedi)

L’AVVOCATO RAZZULLI - (non osa andargli vicino. Mormora) Coraggio…

‘NTONIO - (si guarda intorno, come smarrito, come a volersi ritrovare in una realtà che sente quasi ostile. Esclama) E che ll’aggio fatto a ffa’ tutta sta fobba?! E pe’ cchi?!

‘NNARELLA - (come in un soffio) Pe’ Maria.

‘NTONIO - Pe’ Maria! (Pausa lunga) E chi l’ha sentuto maie tantu dulore?! (Pausa) Comme riturnarrie n’ata vota guaglione… (Grida, invocando i suoi compagni di marciapiede) Edua’!… Jenna’!… Vecie’!… (E piange, smanioso d’andare verso l’infanzia, come verso la vita)

SIPARIO

--------------------------------------------------------------------------

1 nu miezo paglietta: un «mezzo» avvocato.

2 nu strascinafacenne: chi conduce a termine, non sempre in modo egregio, faccende legali.

3 Che state ammaccanno?: quali sciocchezze andate dicendo?

4 ‘a fore d’ ‘e ccose malamente: eccetto le cose cattive.

5 N’ommo: un uomo.

6 s’ ‘asape: se la sa.

7 ghiette: andai.

8 vedette: vidi.

9 n’aggio: ne ho.

10 Guaglione: da ragazzo.

11 ‘e tutte manere: in tutti i modi.

12 ‘Ncopp’ ‘a Quistura: in questura.

13 me sanno: mi conoscono.

14 ‘A quanno: da quando.

15 cappulicchio: berretto.

16 pruciesse: processi.

17 Overo?: davvero?

18 dint’ ‘o canciello: dietro le sbarre.

19 friddo: freddo.

20 ‘o cchiovere: la pioggia.

21 ce vach’io: ci vado io.

22 pe’ ll’ate: per gli altri.

23 ‘a fundiaria: la fondiaria.

24 quanno v’ ‘o levate: quando non le usate più.

25 tenarrate: avrete.

26 ‘e mariuole: i ladri.

27 starraggio: starò.

28 te chiamme: ti chiami.

29 aggio fatto ‘o malamente: ho compromesso l’onore.

30 a na bona guagliona: di una brava ragazza.

31 addevento: divento.

32 che ascette: che uscì.

33 gruosso: grande.

34 ‘a capa: la testa.

35 me cuoste: mi costi.

36 vene: avviene.

37 Appura: scopre.

38 ‘o primmo: al primo.

39 ‘o telaro cu ‘e llastre: il telaio con i vetri.

4o ‘e ve ‘nfela’: di infilarvi.

41 dint’ ‘o palazziello: nel palazzetto.

42 ‘o vascio: nell’abitazione terranea; nel basso.

43 ‘e rimpetto: di fronte.

44 sparagna’: risparmiare.

45 ‘o scuro: al buio.

46 dint’a sti iuorne: in questi giorni.

47 canusciuto: conosciuto.

48 nun ‘o saccio: non lo conosco.

49 d’allasca: di prendere il largo.

50 sagli’: salire.

51 Facitece: fateci.

52 cammarera: cameriera.

53 jatevenne: andatevene.

54 ‘a capa ‘o pede: dalla testa ai piedi, completamente.

55 Vedarrate: vedrete.

56 mesatella: piccolo stipendio mensile.

57 me scengo: scendo.

58 dicitencello: diteglielo.

59 l’unnice e meza: le undici e mezza.

60 mieziuorno: mezzogiorno.

61 astrignuto: stretto.

62 lassato: lasciato.

63 pigliatillo: prenditelo.

64 ‘ncuollo: addosso.

65 d’ ‘o tuio: tuo.

66 Dalle: dagli.

67 scauzo: scalzo.

68 all’esta’: d’estate.

69 ‘e piezze ‘e ramma: gli utensili in rame.

70 S’hanno arrubbata: mi hanno rubato.

71 ccà fore: qua fuori.

72 ‘e pressa: di fretta.

73 sunanno: suonando.

74 chino ’e salute: troppo esuberante.

75 veziuso: vizioso.

76 Ce l’aggi’a pripara’: gliela devo preparare.

77 ddoie ove: due uova.

78 accide: uccide.

79 ‘a tuorno: di torno.

80 Pozzo: posso.

81 macchiulella: macchiolina.

82 abbetiello: segno di devozione verso la S.S. Vergine usato tra fedeli. Consiste in due piccoli pezzi di stoffa o panno, su cui è ricamato il nome della Vergine, o è posta la sua effigie; sono attaccati a due nastri per potersi portare appesi al petto ed alle spalle.

83 fazzulettiello: fazzolettino.

84 Mo saglio: salgo presto.

85 guardanneme buono: guardandomi bene.

86 viecchie: vecchi.

87 fance: facci.

88 ll’aggio miso: gli ho messo.

89 all’ate: agli altri.

90 ce vonno: ci vogliono.

91 iammuncenne: andiamocene.

92 cu ‘e mmane meie: con le mie mani.

93 so’ chillo: sono quello.

94 cu ‘a vocca: con la bocca.

95 manco l‘aizavo: nemmeno l’avrei alzata.

96 ‘a fa’: da fare.

97 ‘o commoto: il comodo.

98 addo’ vaco: dove vado,

99 ve l‘aggi’a manna’ dicenno?: devo mandarvelo a dire?

100 malepatenze: sofferenze.

101 mmaretata: sposata.

102 sapenno: sapendo.

103 sarrie: sarebbe.

104 ll’urdemo: l’ultimo.

105 ‘e na manera: in qualche modo.

106 na bona capa: una testa dura.

107 ‘o furnaro: il fornaio.

108 ‘a Madunnella: la piccola Madonna.

109 ascite: uscite.

110 Va’lle piglia: va’ a prendergli.

111 ppenecchie: bucce.

112 cuotto: cotto.

113 diente: denti.

114 muorzo: morso.

115 nun pava: non paga.

116 Me va bona: mi va bene.

117 a diuno: a digiuno.

118 tenarrà: avrà.

119 ‘mpagliasegge: impagliatrice, colei che fa il piano impagliato della sedia.

120 zerri zerro: comunemente zerrezerre; balocco. Sorta di balocco di legno o di stagno, dove una ruota dentata urta in una linguetta e produce un suono, di che si dilettano i fanciulli.

121 tavuti: casse, bare; qui lunghi ripiani di legno per mettere il pane a lievitare.

122 ‘A fernisce: la smetti.

123 s’aunisce: si unisce.

124 ‘a cavero: il caldo.

125 scucciamiento: seccatura.

126 dint’ ‘e rrecchie: nelle orecchie.

127 cetrulo: cetriolo. Qui per dire: sciocco.

128 all’erta: in piedi.

129 jenno giranno: andando in giro.

13o na varchetella: una barchetta.

131 dint’ ‘o vacile: nel bacile.

132 Puparuolo: Peperone, è un soprannome.

133 Pacchiello: chi è di figura minuta.

134 ‘O canestaro: chi fa e vende panieri e chi riveste fiaschi, damigiane e bottiglioni.

135 figliole zetelle: ragazze da marito.

136 cumannano ‘a lira: guadagnano bene.

137 mammeta: tua madre.

138 ‘a nubiltà: la nobiltà.

139 ‘o malaurio: il cattivo augurio.

14o canisto: cesto.

141 tunno: tondo.

142 ‘o pertuso: il buco.

143 se ne pò gghi’: se ne può andare.

144 ‘o iennero: il genero.

145 ‘E figlie… cchiagne: chi mette al mondo i figli deve anche pensare alla loro sussistenza.

146 ‘A no’: nonna.

147 Viato: beato.

148 ‘o ‘nnammurato: l’innamorato.

149 t’arricuorde: ti ricordi.

150 sagliuta: salita.

151 crucella: crocetta.

152 mettimmo: mettiamo.

153 facimmelo: facciamolo.

154 ampressa: presto.

155 pe’ caccia’ ‘e ccarte: per richiedere i documenti alla sezione municipale.

156 na scesa: una discesa.

157 ‘ncopp’ a dd’ ‘o pato: a casa del padre.

158 scetata: svegliata.

159 chino: pieno.

160 spaparanzate: spalancati.

161 me faie avuta’ ‘a capa: mi.fai girare la testa.

162 Tu arrive cu ‘o misto: arrivi con ritardo.

163 a ssulo a ssulo: da solo a solo.

164 cannele: candele.

165 ll’appiccio: le accendo.

166 scalella: scaletta.

167 Se mette appaura ca: teme che.

168 tribbula’: tribolare.

169 s’arranfecano: si arrampicano.

170 ‘e ccrucelle: le piccole croci.

171 mo venarrà: ora verrà.

172 Sta chiagnenno: sta piangendo.

173 E llagreme: le lacrime.

174 l’aggi’a i’ fuienno: io lo debbo evitare.

175 struppea: storpia.

176 ‘a vence: la vince.

177 dongo: do.

178 vulesse: vorrei.

179 tuzza’: scontrare.

180 Vene iate a cascetta ‘o casocavallo!: andate in galera!

181 Lle mannate: gli mandate.

182 ‘e ggiuvene: i miei aiutanti.

183 tuccato ‘e nierve: innervosito.

184 ‘o guardio: la guardia.

185 Na sciaccata: una ferita alla testa.

186 ‘e qquatto: alle quattro.

187 ‘o miedeco: il medico.

188 Jenna’: Gennaro.

189 ‘Ngiulina: Angelina.

190 Vecie’: Vincenzo.

191 scumbina’: intervenire impropriamente.

192 a mena abbascio: la butta giù.

193 V’ ‘o crediveve: l’avreste mai creduto.

194 d’ ‘a nosta: nostra.

195 simmo jute: siamo andati.

196 Pusilleco: Posillipo.

197 Gambrinus: famoso caffè di piazza del Plebiscito.

198 arape: gli apre.

199 ‘a fore ‘a porta: fuori dalla porta.

200 veneno: vengono.

201 appicciata: acceso.

202 stutata: spento.

203 a cucca’: a mettersi a letto.

204 jenchere: riempire.

205 assetta’: sedere.

206 muglierella: mogliettina.

207 avimm’ave’: dobbiamo avere.

208 leva’ ‘a miezo: togliere di torno.

209 pare aiere ch’eramo: solo ieri eravamo.

210 pe’ me chia’: per piegarmi.

211 vaso: bacio.

212 aunite: uniti.

213 ssardelle dint’ ’o varrile: sardine nel barile.

214 ll’ummedità: l’umidità.

215 pe’ ce scarfa’: per riscaldarci.

216 chiovere: piovere.

217 ce scetavemo: ci svegliavamo.

218 janca: bianca.

219 a zumpa’: a saltare.

22o a scialacore: con pieno godimento..

221 ‘a matina appriesso: il mattino seguente.

222 steveno ‘e vena: stavano in forma.

223 visitulella: visitina.

224 p’ ‘o vvesti’: con il vestire.

22.5 ‘a prevete: da prete.

226 ‘a fernite: la smettete.

227 songo masculo ‘a sotto!: sono maschio sotto!

228 na sciuciata: una soffiata.

229 abballavemo: ballavamo,

230 mezzone: mozzicone.

231 sott’ ‘o vraccio: sotto il braccio.

232 dint’ ‘a cucozza: nella zucca.

233 ‘o ssaie: lo sai.

234 ‘a miez’ ‘a via: dalla strada.

235 Vulanno: volando.

236 gghiuca’: giocare.

237 Ce trovaiemo: ci trovammo.

238 è a lluongo: va per le lunghe.

239 a fa’ ‘ammore: ad amoreggiare.

240 a tutte pizze: in tutti i posti.

241 Truove: trovi.

242 ‘mpizze ‘mpizze: subito.

243 squase: moine.

244 carizze: carezze.

245 ‘e verrizze: i capricci.

246 frizze: parole un po’ pungenti.

247 pruove: provi.

248 te ce avvizze: ti ci abitui.

249 te sfriene: ti sfreni.

250 t’appizze: ti accendi di furore.

251 pire nizze: pere troppo mature.

252 scinne: scendi.

253 a sghizze a sghizze: a goccia a goccia.

254 nun scapizze: non scavezzi.

255 ‘o rilorgio: l’orologio.

256 appiso: appeso.

257 è gghiuto ‘o ffrisco: è stato pignorato.

258 ‘o chiuovo: il chiodo.

259 chiuovo: il bocciolo.

260 ‘e ‘ammere: i gamberi.

261 Fonocchio: finocchio.

262 ‘o spassatiempo: ceci abbrustoliti, semi di zucca, noccioline.

263 Capillo: chi compra i capelli delle donne per rivenderli ai fabbricanti di parrucche.

264 Mo t’ ‘e ccog1io e mo t’ ‘e vvengo: li vendo appena colti.

265 ‘O quadrillo: il quadretto.

266 ‘a fiurella: l’immaginetta.

267 ‘O mastrillo: la trappola dei topi.

268 ‘a rattacasa: la grattugia per il formaggio.

269 franfellicchi: bastoncini di zucchero caramellato.

270 ‘o battilocchio: tipo di frittella attortigliata.

271 ‘o fenucchietto: lo scamato, quella mazzetta di canna d’India con che si battono le vesti o simili, per trarne la polvere.

272 Puparuole: peperoni.

273 aulive: olive.

274 Pallune, p’ ‘allesse: palloni per le castagne lesse.

275 ‘E mellune chine ‘e fuoco: i cocomeri rossi come il fuoco.

276 marenna: colazione.

277 Conciatie’: chi aggiusta le stoviglie rotte o incrinate.

278 purpo: polpo.

279 v’ ‘o ppava: vi ripagherà.

280 bellella: carina.

281 ‘a paparella: l’ochetta di zucchero.

282 rammariello: chi vende biancheria arate.

283 Se’ tuvaglie: sei asciugamani.

284 Pacchiane’: contadinella.

285 s’ ‘o ppenzava: l’avrebbe creduto.

286 Cicchignacco int’ ‘a butteglia!: diavoletto di cortesia!

287 ‘O zi’ monaco ‘mbriacone: il monaco beone.

288 scarrafune: scarafaggi.

289 ‘A dummeneca: di domenica.

290 ‘A facettemo: la facemmo.

291 ce cagneno: cambiano.

292 moro: muoio.

293 «a fronna ‘e limone»: maniera festosa di propagandare la merce.

294 «‘o mare e arena»: è lo stereotipo più diffuso delle «fronne ‘e limone».

295 adduormete: addormentati.

296 Contame ‘o suonno: raccontami il sogno.

297 Cocozzie’!: zucchino; trasl.: sciocco!

298 È finito «San Carlo»!: è finita la musica!

299 ‘Nfoca ‘a tiana: brucia il tegame.

300 ‘Effelle: le fette.

301 Ll’ove: le uova.

302 pummarulelle: pomodorini.

303 uoglio: olio.

304 ‘o sciato: il fiato, l’amore.

305 piccerillo: bambino.

306 ‘O ssaccio: lo so.

307 sarraggio: saro.

308 Abbruscia: brucia.

309 d’ummeto: di umido.

310 cuccateve: coricatevi.

311 ‘mmocca: in bocca.

312 trase e ghiesce: entra ed esce.

313 nun ‘a diveve audienza: non le davate retta.

314 Ato che: altro che.

315 ‘a vesta janca: il vestito bianco.

316 Va ‘e pressa: va di fretta.

317 nu cusariello tanto: un bambino così piccolo.

318 Vidatillo tu!: veditela tu!

319 S’ha dda sceta’ matina: si deve svegliare presto.

320 ‘o munno: il mondo.

321 sestima’: sistemare.

322 mm’ ‘a ‘ntuosseche: me la turbi.

323 Cu chi ll’have: con chi ce l’ha.

324 ‘o vvonno: lo vogliono.

325 arrepara’: riparare.

326 ‘a vascio: da basso.

327 ccannole: tubi.

328 areto ‘e tramme: dietro i tram.

329 sghizze ‘e fango: schizzi di fango.

330 ce trasive: c’entravi.

331 zumpato: saltato.

332 pe’ chi sa… ‘e coppa: nel caso scenda il signore del piano di sopra.

333 d’ ‘a festa ‘o Carmene: della festa della Madonna del Carmine.

334 semmenanno… nascere cucuzzielle?: seminando peperoni potevano nascere zucchini? Vuol dire: da un padre così non poteva nascere un figlio diverso.

335 nova: notizia.

336 a chi manna’: chi mandare.

    Questo copione è stato visto
  • 0 volte nelle ultime 48 ore
  • 0 volte nell' ultima settimana
  • 4 volte nell' ultimo mese
  • 27 volte nell' arco di un'anno