L’ultimo spurugghia-facenni

Stampa questo copione

                                         L'ultimo spurugghia-facenni

                                        

                                             Commedia in tre atti

                                                         di

                                              Antonio Sapienza

 

 

 

 

Versione in siciliano della commedia dello stesso autore:

                          “                             A.A.A.A.A                       “

                              Antica Affermata Agenzia Affari & Affini

“ L'ultimo spurugghia-facenni”  Commedia, in tre atti,  brillante, in dialetto siciliano. Personaggi  sei uomini tre donne.

L’opera è una traduzione in dialetto siciliano, di “A.A.A.A.&A.” dello stesso autore. (difficoltà di sbarcare il lunario da parte di un faccendiere di un quartiere popolare).

 

Personaggi:

 

Orazio Fatuzzo.....................Titolare Ag.d'affari;

Tanu Gebbia.........................scrivano di Fatuzzo;

Vennera................................moglie di Fatuzzo;

Tina......................................figlia di Fatuzzo;

Angelino...............................figlio di Tanu;

Giacomo Clisteri..................possidente;

Melo Marcio........................puzzone zolforoso;

Una cliente...........................esigente;

Un rapinatore.......................cortese;

E, inoltre, Sant'Onofrio, in effigie, che parla soltanto.......protettore dei spurugghia-

 facenni.

 

 

 

La vicenda si svolge a Catania, agli inizi degli 60.

 

                                                                  Atto  I

 

 

Sulla scena e` stato ricostruito un piccolo locale adibito ufficio. E` la sede dell'agenzia.

A destra c'e` la porta d'ingresso. A sinistra una piccola tenda porta nel retro. Nel locale sono sparsi piccoli e vecchi mobili da ufficio: Una piccola scrivania, un  tavolinetto, un'etager, e una vetusta macchina da scrivere.

Un quadro di Sant'Onofrio e` appeso alla parete di destra. A sinistra vi e` un attaccapanni in parte schiodato. Una radiolina e` posta sul tavolinetto. Montagne di vecchie pratiche sono ammucchiate nell'etager, nello scrittoio e nel tavolinetto.

All'apertura del sipario, vi e` in scena Tanu Gebbia, intento a lavorare su una pratica e, intanto ascolta la musica proveniente da una radiolina posta sul suo tavolinetto. Egli canticchia il motivetto emesso, ma inventa parole a modo suo.

Tan.- E gira e gira e gira quant'è beddu, tarararararara`, a  femmini sinni iu  Angelinu e quasi quasi ce la  indovinu, taratazzitazu`, tarattazitazzu`.. Ci dissi  Angelinu statti attento, sinno` fai a fini di

to cuscinu, ca ci appizzo` li pinni e lu mulinu,  taraattatatatazza`! Ezi, ezi` e zo`, ezi ezi e zzo`!-

Entra dalla porta d'ingresso Orazio.

Ora.- Gente allegra...Dio l'aiuta... -

Tan.- ( smettendo di cantare e alzando il capo) Oh,  principali salutamu.-

Ora.- Salutamu, salutamu. ( si toglie la giacca e tenta  d'appenderla nell'attaccapanni, ma quello si schioda e  finisce tutto a terra) Malanova a mia!-

Tan.- Chi fu? Cascau?-

Ora.- No ca quali, si sta sulu ripusannu... Cappoi quannu ti decidi a mettirici  'n chiovu, mo fai sapiri.-

Tan.- Ju? Nonzi, principali, ju sunu scrivanu, e no carpinteri.-

Ora.- Certo, ca ora si ci metti 'n chiovu ti sfili tuttu, pi casu?.. Tanu  cà, 'na sta antica Agenzia, tu si statu assuntu in qualità di  factotum, fattillu trasiri 'n testa 'na bona vota!-

Tan.- 'N mumentu, 'n mumentu, l'anno passatu m' aviti promossu scrivanu, chi fu? Vu scurdasturu?-

Ora.- Fu un errore! Mi sbagghiai! (per tutta la durata della commedia, quando Orazio vuole mettere in risalto la sua qualità di datore di lavoro, con Tanu, si esprimerà in italiano, possibilmente ricercato per dare maggior peso all'intervento) E ora, Tanu Gebbia, ti retrocedo ad aiutante factotum-

Tan.- Pi 'n chiovu?-

Ora.- Esattamente! E ti riduco anche lo stipendio, così impari!-

Tan.- E no, nonzi, chissu nun u putiti fari.-

Ora.- Ahu, bistiuni, io sono il tuo principale e posso tutto!-

Tan.- Principali, sintiti a mia, nun putiti.-

Ora.- Ah no? e allura dimmilu tu picchì nun pozzu. Ti rivolgi, forse, ai sindacati? Al Tar,  al Presidente?-

Tan.- Ca quali. Vui nun mi putiti dari menu di chiddu ca mi dati: cioe` niente!-

Ora.- Niente?-

Tan.- Esatto! Sunu cincu misi ca nun mi pavati a simanata.-

Ora.- Ah, si?-

Tan.- Ah, no? A unni u truvati a nautru cretinu comu a mia?-

Ora.- Pi chissu hai perfettamente ragione!-

Tan.- Principali, dicevu cretino comu pi diri scemo, cioe` 'n fissa ca travagghia gratisi.-

Ora.- Travagghia? A quannu mai! Tuttalpiù passa tempo.-

Tan.- Brevi, principali, cchi m'aiu a mettiri a giacca?-

Ora.- Chi c' hai friddu?-

Tan.- Dicevu: mittermi a giacca, comu si dicissi: M'aiu a cunsidirari licenziatu?-

Ora.- (pensandosi su) Pi sta vota no. Ma accura, da questo momento sei aiutante factotum in prova!(posa tutto sulla sedia)  Ed ora abbessa tuttu, picchì nte to manu st'ufficiu addivintau na stadda! Ma 'n vidi cchi  disordine?  cchi pruvulazzu, cchi fumeri? Eppoi nun a senti sta puzza?  fammi addunari na stu cascilu, Tanu  Gebbia!-

Tan.- E pirchì? Ju ci aiu li me cosi pirsunali e  riservate... Voi dovete rispettare la mia privativa...-

Ora.- Si, va bè: sali e tabacchi! Tanu si dire “privacy” e ora, sulu pi sta lezioni di 'nglisi, m'a vissutu a travagghiari gratisi autri se misi. Tanu Gebbia, accuzzamu, tu ccà nta stu casciolu ci ammucci scocci di furmaggiu picurinu, tozzi di pane  duru di se misi e nozzoli d'alivi virdi da passata annata... e se il mio naso non  m'inganna, anche reschi d'angiovi salate. Questo non è un cassetto e` 'na pattumiera!-

Tan.- E a culpa e`da sò!-

Ora.- Mia?-

Tan.- Ca comu, vostra! Si vui m'avissaru datu rigularmenti a pava,  il salario, lo stipendio, la pecunia, ju putevu fare dei pasti  decenti, decorosi, 'nvece, datu a cinghia ca aiu a stringiri, jornu doppu jornu, mi pozzu primmettiri sulu u manciari de puvireddi.-

Ora.- Ma varda cchi faccia tosta! Ma si tu nun ai mai mangiato autru nta to vita. Tanu, ti sanu tutti ca tu pi na lira...-

Tan.- E ci aviti ancora raggiuni, sugnu indiggerenti - finu all'ossu...

Ora.- Tanu, si dice indigente; indiggerenti ci addiventi si cuntinui a manciari sti purcarii.-

Tan.- U sacciu, u sacciu, ma nicissità obbliga liggi. Principali, principali, appena me figghiu Angilinu va ne carrabbineri e pigghia a prima pava, vaddasi chi ci dicu: m'accattu na fedda di carne, - principali a vinnunu  ancora a carni, veru?- po mi fazzu nun gran piattu di maccarruni co sugu di porcu e, pi finiri, nu quartu di vinu e na cazzusa. Inzumma, principali, nu pranzu da Re!-

Ora.- ( che ascoltava  Tanu con l'espressione di chi non mangia da una settimana e tenta d'annusare per vedere se almeno sente lodore del cibo) Miatu tu, ca ammenu manci ca fantasia.-

Tan.- Beh, principali, se ci primmititi anvitu puru a vui...a biviri a cazzusa...-

Ora.- (fortemente ironico) Grazi Tanu, grazie assai e...non ti sciupare, accura. ( riprendendo le sue funzioni) Piuttosto, scrivano, ci sono stati clienti?-

Tan.- Si, unu!-

Ora.- ( interessatissimo) Unu? ( tra se) varda ca forsi stamatina si mancia.... E dimmi scrivano, che voleva? Forse una transizione?  ( Tanu fa no col capo) Una sensalia? ( Tanu Idem) Una pratica matrimoniale?-

Tan.- No-o.-

Ora.- E annunca parra tu, botta di sangu!-

Tan.- Voleva... na firi i nascita.-

Ora.- Un semplice certificato di nascita? E pezzu di sceccu, e mi dai tanta speranza?.. ( annichilito) E ju ca mi cridevu gia`u pranzu assicuratu.-

Tan.- Eccu, taliatulu, nun è mai cuntentu! Principali a ta sapiri ca  ogni figatinu di musca e` sostanza...-

Ora.- Si dice macari ca u bongiornu si vedi do matinu.-

Tan.- Ma ca a spiranza e` l'ultima a morire...-

Ora.- Cu di spiranza campa...-

Tan.- Eh, la speranza... ( sospirando)-

Ora.- Ti inchi l'occhi, e la panza... Eh, Tanu, Tanu, comu si po` campare muggheri e se figghi ca to spiranza? –

Tan.- E mu diciti a mia? Ju cu Angilinu aiu i me duluri,  e cchi ni sapiti vui. Ha studiatu è struitu...  e ancora aspetta u postu, ca nun  arriva mai. Ju ci dissi: Trasi nte carrabbineri, ddà` hai a pava e a carriera assicurata. Ma iddu nisba! E, testa di chiuppuru, s'arrifiuta.-

Ora.- Tanu, to figghiu si voli fari a vita a modu so, e un so dirittu, infunnu.-

Tan.- 'N funnu, ma assai 'n funnu, doppu ca mangiau...-

Entra da destra una cliente.

Cli.- Bongiorno, c'aviti pumata pe scarpe?-

Ora.- ( pazientemente) Signora, lei ha sbagliato. A putia e` appressu porta.-

Cli.- Vih, cchi sfasulata, v'ava pigghiatu pa putia do scarparu...-

Tan.- Cappoi tanta differenza non c'e`...-

Ora.- (fulminadolo con lo sguardo) Grazie a tia! (poi alla cliente) E avete sbagliato ancora: la putia do scarparu è a porta prima. Chista è un'agenzia d'affari.-

Cli.- E chi travagghiu saresse?-

Ora.- Sarebbe che noi non siamo nel ramo commerciale.-

Cli.- Allura chista nun è na putia?-

Ora.- Signora, ci arripetu ca questa e` un'Agenzia...-

Cli.- E cchi vinniti?-

Tan.- Nenti. Noi non vendiamo niente... La nostra Agenzia produce servizi...-

Cli.- Ah, faciti i sirvizzi? A dumiciliu?-

Tan.- Ni scanciau pi cammareri.-

Ora.- Ma no, noi sbrighiamo pratiche varie. Transazioni,  sensalie, pratiche matrimoniali, disbrigo documenti...ecc. ecc.-

Cli.- A siti spurugghia-facenni! E picchì nun mo dicisturu prima? Sintite, ju avissi nicissità di nu sussidio di  poverta`...

Tan.- ... macari nuatri... (sottovoce)-

Cli.- ... mo putiti fare aviri?-

Ora.- Noi possiamo sbrigarvi i documenti necessari, al resto  ci dovete pensare voi e il sindaco.-

Cli.- Bih, malanova, sulu questo? Ma cchi ci stati a fari vuatri?-

Ora.- ( pazientemente) Signora, avete sbagliato nuovamente  porta. Andatevene, che e` meglio.-

Cli.- Ca certu ca minni vaiu. 'Mbrugghiuni, ciarlatani di piazza, approfittatori da povira genti!  Vonu uscari senza travagghiari! Parassiti! ( esce)-

Ora.- (sconsolato) E ora a jurnata e` proprio accuminzata.-

Entra Vennera, la moglie di Orazio. Donna forse ancora piacente, ma trasandata nel vestire e nel pettinarsi.

Ven.- Bonciornu a tutti.-

Ora.- Vennera, vinisti truppu prestu. Ancora nenti! ( fa  cenno con le dita per dire niente soldi) -

Tan.- Bongiornu signora Vennera.-

Ven.- Propriu... nenti? -

Ora.- Finu a stu mumentu, nenti!.-

Ven.- E cchi ci fazzu manciari ai picciriddi?-

Ora.- Vai na latteria, fatti dare qualche litru di latti a cridenza e arrangiati con chiddu.-

Ven.- E pi 'n mossu di pani?-

Ora.- Cuntaccillu a iddu.( indica Tanu), Cretinu tuttu! Pigghiau nu travagghiu e nun si fici dari a caparra.-

Tan.- Ca ora, si non manciati a culpa e`da me! Ma cchi m'ava fari dari? Cento, duecento lire  di caparra? Su quattrucentu di tariffa? Principali: fu po bon nnomi dell'Agenzia.-

Ven.- Tanu, lassati iri, nun v'affinniti, vui non ci trasiti...-

Ora.- Scusami Tanu, sugnu dispiratu, ju, o m'ammazzu, o cangiu misteri.-

Ven.- Prufission, caro, prufissioni. Tu si 'n  prufessionista, comu l'avvocato Rizza, l'ingegnere

 Puzzo, il dottore Bozza...-

Tan.- Comu a Saru u pazzu..-

Ora.- E cchi c'entra Saru?-

Tan.- Avi u so propriu ufficiu persunali (facendo il saputello).-

Ven.- Tanu, nun diri sbafiri.-

Tan.- Vo giuru ca e` veru, Giuru su sant'Onofriu. Si pigghiau n'ufficiu cu tantu di tabella!-

Ora.- E cchi ci scrissi? Saru Scalora, intisu u pazzu?-

Tan.- No, no.. c'e` scrittu... c'e` scrittu... Ah, eccu. C'e`  scrittu: Studio di parapi...-

Ven.- Parachi?-

Ora.- Parapigghia! E cchi autru po fari unu comu a chissu.-

Tan.- E facitimi arriurdari. Aspittati. Benissimu. Dunchi, c'è scrittu: studio di parapipi`...-

Ven.- Ohu, parrati pulitu.-

Tan.- Aspittati, aspittati, mi desi u so' biglietto. ( tira fuori,  dopo molti tentativi in tante tasche, un  biglietto da  visita) Ecco, vi li leggiu: Studio di parapsicologia e scienze occulte. Riceve tutti i giorni, escluso Natale,  Pasqua, e per la Madonna del Rosario. Prezzi modici. Taliati ccà.-

Ven.- E tutti sti paruluni pi diri " numinavintura"?-

Ora.- ... Mago, veggente, " mavaru"...  Ca certu, abbasta mettiri nnomi in bell'italiano, o megghiu  in lingua straniera, e la gente, fissa, curri comu i pesci alla lampara... (pomposo)  Anch'io potrei mettere nell'insegna: Studio di consulenza burocratica e di pubbliche relazioni. Il nostro motto e`: Veloci e solerti!"-

Tan.- E ci faciti puru i biglietti?-

Ora.- Naturalmente...-

Tan.- E ci mettiti macari  u me nnomu?-

Ora.- E tu cosa c'entri? Sei solo un dipendente...-

Tan.- Piccatu. Piccatu. Principali, pirche`si ci trasevu macari ju avissuru scrittu, pi sicuru: " Studio di consiglienza borotalchica, pubblici  reazioni, morti vostra, veloci e conserti, macari cunfetti: riceviamo tutto, anche in natura, comu diri: puddastreddi, cunigghi, pasta e pani di casa. Firmato Orazio Fatuzzo e Tanu   Gebbia" . Ah? Cchi diciti sona bonu?-

Ora.- (espressione schifata) Tanu, tu si completamente scemu!-

Ven.- Orazio, ma varda ca forsi forsi st'idea do studiu 'n'è malazza. Cangia attivita`curaggiu!-

Ora.- E pi fari cosa? U sai ca pi rapiri uno studio ci vole un  titolo accademico... (guardando Tanu)  Sceccu!, prima ca parri tu, tu dici ju. Significa avere un titolo di  studio, una laurea, un diploma... E ju aiu appena appena a terza avviamentu prufissiunali.-

Tan.- Mih cche idea. Facimu accussì: Vui andati vinni iti a studiare, all'ufficiu ci penzu ju e Angilinu, appoi facemu a mita`...-

Ora.- ( schifato) Tanu, vo cucchiti!-

Entra da destra Angelino. e` un ragazzo smilzo di circa vent'anni.

Ang.- Buongiorno signora Vennera, principale...papa`...-

Saluti a soggetto.

Tan.- Soldi nun n'aiu!-

Ang.- Ma papa` sono senza una lira...-

Tan.- Tu fai a dumanna pi carrabbineri e ju, chiddu ca pozzu di dugnu.-

Ang.- Papa`, io il carabiniere non lo faro` mai!-

Ven.- Poviru figghiu u vuliti fare " sbirru"?-

Tan.- U vogghiu fari 'n'omu ca mancia tutti i jorni.-

Ven.- Carni vinnuta.... povirazzu...-

Tan.- Da sti parti si dici: Cu mi duna a manciari, e` u me pattruni.-

Ang.- Ma si dice anche: Digiuno e liberta`!-

Tan.- Chissa s'avvidiri tutta. Brevi, chissa t'anvintasti ora.-

Ora.- Chiù` liberta` d'accussi.... sunu tri ure ca semu a spassu.-

Ven.- Riprendennu u discussu: picchì 'n ci penzi seriamenti?-

Ora.- Apriri nu studiu nun sinni parra. Forsi si putissi camgiari attivita`? E cchi fazzu? U canchieri? U varveri? U scarparu? C'appoi, chistu e` un  momentaccio,  passera`.-

Agn.- ( che aveva ascoltato attentamente) A proposito di cambiare attività, oggi passando dalla via Garibaldi, ho  visto un'Agenzia che si occupa di pratiche  automobilistiche, ed era affollatissima. Oggi tutti vogliono la patente, e` una mania, ma anche una  necessita`, e code non ne vuol fare nessuno...  Sapete avevano la prima stanza piena di gente, e  nell'altra, il titolare riceveva i clienti di riguardo.  Signor Fatuzzo, perche` non ci fate un pensierino anche  voi?-

Ven.- U vidisti? Non sarebbe un'idea?-

Ora.- ( a Tanu) E tu a stu brillante giovane, u voi  fare carabiniere. Cretino! Angilinu, l'idea mi piace, ma s'avissa a cangiari i mobili, macari cangiari zona,  cangiari...-

Tan.- ...Testa...-

Ora.- ( occhiataccia a Tanu)... Cangiari scrivanu... certo,  certo... si putissi fare...-

Tan.- ... ju macari sociu...-

Ora.-... tu bestia!-

Ven.- U vidi ca si sempri arditu?-

Tan.- ( tra se) Ma 'n'era bissaglieri?-

Ang.- Signor Fatuzzo, se volete vi porto informazioni più  precise, notizie certe.-

Ora.- Tanu, si sicuru ca stu carusu d'ingegnu e to figghiu? D'accordo   Angelino, informati. Ora bisognerebbe pensare  all'insegna... -

Tan.-... e ai bigliettini...-

Ora.- ( pensieroso) Si potrebbe mettere cosi`: Ufficio  disbrigo pratiche tecniche, comunali e statali...-

Ang.- Signor Fatuzzo, ci vorrebbe una sigla, quella dizione  e` troppa lunga.-

Ora.- D'accordo. Angelino, siediti e scrivi: Disbrigo grattacapi sia statali quindi comunali.. Come  viene la sigla?-

Ang.- Viene: Dis-gra-sia... sta- qui... comu...-

Tan.- ...Sempri.-

Ora.- Cancella. Scrivi: Disbrigo speciale rapido documenti   importanti... leggi.-

Ang.- Di-spe-ra-d-i.-

Tan.- Comu a nuatri.-

Ora.- Muto Tanu Gebbia, sceccu vistutu pulitu. Scrivi  Angelino: Disbrigo speciale pratiche sicura

accettazione... Come va`?-

Ang.- Allora: Di-spe-p-si-a.-

Tan.- Bello. Dispepsia. Sona bene...-

Ven.- Veramenti stu nnomu l'aiu sintutu diri...-

Ang.- Lo avra` sentito nello studio del dottor Bozza.-

Ora.- Perche` u dutture Bozza ci misi st'insegna?-

Ang.- Non e` un'insegna, e` una malattia dello stomaco, mi  pare...-

Tan.- Ma allura a mia forsi  'n' e` fami, e` dispe- pi- tia.-

Ora.- Si, disperazioni mia! Muto, ignorante!  Allora cambiamo sigla... anzi no, prima cambiamo i

 locali... Dove andiamo?-

Tan.- A villa, a passiari...-

Ven.- Ju, a via Etnea, avissi aducchiatu na putia...-

Ora.- Venira lassa stari a via Etnea, ddà ci vonu sordi a palati.-

Tan.- Ju a  piazza Lanza aiu vistu nu localinu...-

Ora.- Tanu ddà ci vaiu ju, carzarato, picchì ora t'affucu- si pipii ancora.-

Ang.- Perche` non mettiamo un annuncio sul giornale? Puo` darsi che si presenti una buona occasione...-

Ora.- A mia s'apprisenta sulu l'ufficiali giudiziariu! Basta amici miei,  abbiamo sognato...-

Ang.- Ma no, ma no. Se e` per il locale, quello ve lo  trovero` io. Sara` solo questione di tempo.-

Tan.-... e di picciuli...-

Ora.- Senti, Angilinu, tanto pi capirini, ossia, affinche` tu   sappia... nzumma,  per regolarti... per conoscere le mie esigenze.  Ecco... aviss'a truvari un locale di almeno due vani,  in una strada commerciale, con vetrina esposta bene...-

Tan.- ...vista panoramica...-

Ora.- ...con fitto non superiore, diciamo, alle trentamila lire  mensili, senza anticipo, cauzione e mensilita` morte.  Poi dovrebbe essere ben messa...-

Tan.- ...asciuttizza e suleggiata...-

Ora.- ... Di recente costruzione, o almeno, ristrutturata da poco... fitto bloccato...-

Tan.- ...ariusa e senza blatte e suggi.-

Ang.- Signor Fatuzzo, non state esagerando?-

Ven.- No, ma quali! Me maritu sapi chiddu ca fa. Vero  Orazio?-

Ora.- (pensieroso) Tutta l'idea e` un'esagerazione. Stiamo  tentando, no? Tanto vale tentare bene.-

Tan.- Ma, v'arrivordu, ca senza picciuli nun si canta missa.-

Ora.- Tu pigghia bonu pi tia. Anzi, a proprositu di picciuli, vistu ca ta buscari a jurnata, varda cchi fai, vai  alla  anagrafe e nescici ddu certificato a ddà clienti ca dicisti. O ritornu, passa da pischeria e vidi  si ci sono masculini frischi. Si ci sunu, ni pigghi na chilata... Bastanu? ( a Vennera, che alza le spalle, poi a Tanu) Si na chilata... e ti li fai macari puliziari per benino, e intantu ca ci si, fatti dare un pocu di puddrisinu e du lumii...Picchì i masculini, senza puddrisinu e lumia, di cchi cosa  sanu?-

Tan.- Ju dicu di nente!-

Ora.- Esattu, di nenti.-

Tan.- Ca certu di nenti! Picchì i masculini senza picciuli p'accattarli, sanu forsi di qualchicosa?-

Ora.- I picciuli, sempre ai soldi penzi, ma comu non ti stanchi  mai... i soldi, roba da uomini venali.-

Tan.- Brevi principali, cu cchiccosa accattu i masculini?-

Ora.- Ah, e` solu pi chistu? ( con aria annoiata) Senti, scrivano per il momento non ho spiccioli, anticipa tu, dopo ti  rimborsero`.   Anzi intanto che prepari la nota di rimborso spese,  aggiungi due chili di pane e un litro di vino bianco... sai sulle alici. Vai caro.-

Tan.- Principale, chista e` l'ultimissima nota spisi. Doppu, mi putiti anche licenziare a tappu, ma nun apprisentu cchiu`.-

Ora.- (c.s.) E fai bene. E` meschineria richiedere certi piccoli  rimborsi a chi vi da pane, lavoro, e dignità, e, perdippiu` vi  pone su un gradino piu` alto, nella scala sociale,  nel mondo del lavoro, in societa`...-

Tan.- Ohu, a vidiri  ca ora l'aiu stipendiari ju? E va bene, brevi principale, pi sta jurnata si mancia a sbafu! Tantu Tanu  Gebbia e` cretinu... Ni videmu dopu.-

Ang.- Vengo con te, aspettami papa`. Arrivederci signora  Vennera, arrivederci principale.-

Ora.- Angilinu, ti raccumannu...-

Ang.- State tranquillo.-

Ven.- Che bravo giovane...-

Ora.- Ma si sicura ca e` figghiu di Tanu Gebbia?-

Ven.- Sicura, sicura, aiutai ju a livatrici quannu lu sgravau a bonanna...-

Ora.- Mah, a mia nun mi cunvinci... -

Ven.- Orazio, allora ju m'arritiru a casa. Tu quannu veni, vuol diri ca porti i  pisci.-

Ora.- Ca mangiamu sicuramenti. Vai, vai. I pisci i portu, picchì Tanu  parra, parra, ma appoi l'accatta. Ni videmu Vennera.-

Ven.- Ciao Orazio.-

Vennera esce.

Ora.- Ora ma ta diri ca fari n pattri di famigghia pi purtari u pani a casa... signori miei...s'è giustu ca   un onest'uomu  s'approfittari di nu so dipendente mezzu babbasunazzu, pi sbarcare u lunariu. Ma vi pari bellu, vi pari dignitusu? Ju, mentri mpapocchiu du puvirazzu, m'affruntu comu nu vastasi criminali.( al quadro di  Sant'Onofrio.) E tantu pi capirini, parru cu vui. Cu vui, sant'Onofrio,  prutitturi de spuruggia-facenni. Fino a qualchi annu  fa, ci a davuru na manu. Ma, grazie a Diu, c'era macari tanta gente gnuranti, analfabeta, ca si affidava a nuatri littirati pi qualsiasi pratica e noi li servivamo e ci buscavano onestamenti la jurnata. Ma ora nun si fa piu` nenti di nenti. Ora tutti sanu  leggiri e scriviri, tutti sanu di tuttu, tutti sunu  smaliziati, e nuattri? I spurugghia-facenni, cchi facemu, ah? A fami, naturalmenti!  Ma dicu ju, cchi semu figghi di nuddu? Forsi ci ama ncaccatu i chiovi o signuruzzu? Nun avemu diritto a mangiari? Semu poviri urfaneddi? Ma appoi, rraggiunamu, chiccosa addumannamu di strabilianti, forsi l'automobile? I pranzi al ristorante? a pilliccia pa muggheri? No, addumannamu sulamenti di manciari du voti o jornu...pa famigghia. Poi, si fussi pi mia, vardati, Sant'Onofrio, parrannu cu vui in cunfirenza, a mia bastassi macari di manciari na vota o jornu. Ma vui, senza offisa, faciti u ... Nofriu, pi nun pavari i daziu, voi nicchiate, fate lo gnorri,  siete distratto.. ma chistu cchi è cumportamentu giustu pi n santu prutetturi? Allora, vardassi cchi vi dicu, vi dugnu un ultimatum. Chi significa? Significa o manci sta minestra o ti jetti da finestra. Annunca, pi capirini na vota pi tutti: O mi  fate travagghiari e campari a me famigghia, oppuru vi cangiu facci, e mi affidu a qualched'un'altro menu stiticu di vui. Chissacciu, pi esempiu a San Cirinu. Semu d'accordu? Benissimu, allura: Patti avanti e amicizia longa!-

Entra, di corsa, trafelata, una ragazza sui diciott'anni. Belloccia, vestita molto modestanemte. E` Tina, la figlia di Orazio.

Tin.- Ciao papa`, cchi stai facennu? ( tiene d'occhio la  porta d'ingresso)-

Ora.- Staiu cuntannu biglietti da mille...-

Tin.- Davvero? Ma varda cchi si  bravu.( non ha capito  nulla) E come riesci a fare bene le cose, tu...-

Ora.- Ca fantasia. Tina cchi c'hai?-

Tin.- Io? Nenti, nenti...( guarda sempre l'ingresso)

Dalla porta si affaccia un uomo sui quarant'anni, alto, moro, ben vestito, accuratamente pettinato, profumato, parla con voce da basso. E` Melo Marcio.

Mel.- Permesso?-

Ora.- ( premuroso) S'accomodi signore. Buongiorno, in cosa  posso servirla?- ( Tina si gira di  spalle)-

Mel.- Buongiorno a voi, buon uomo. A cosa potete servirmi?  Beh, ancora non so, ma ci pensero`. Intanto, fatemi  salutare questa bella fanciulla... Signorina, i miei  omaggi.-

Tin.- ( sempre girata) Chissi ci dassi a so soru!-

Ora.- Ma Tina, che modi sono? Il signore e` un cliente.  Perche` voi siete un cliente, vero? ( a Melo)-

Mel.- Ma certo che lo sono. E, non faccio per dire, anche  molto facoltoso. Quindi, buon uomo, voi conoscete  questa scontrosa fanciulla?-

Ora.- E` mia figlia Tina. E non e` scontrosa, e` che non da  confidenza agli estranei. Mia figlia e` stata educata  all'antica: occhi bassi e bocca chiusa. Allora,  signore, mi vuole dire a cosa puo` esserle utile la mia  modesta agenzia?-

Mel.- Io faccio affari con molte persone. Il mio giro e` di  centinaia di milioni, e avrei bisogno di un punto  d'appoggio ... e lo sto cercando...-

Ora.- ( sedendosi a bocca semiaperta) Centinaia? Miliuni? Ntisi bbonu? (riprendendosi) Un punto  d'appoggio? Sedetevi signor... signor...-

Mel.- Melo Marcio. Sono un miliardario stravagante e... capriccioso. ( osserva la reazione di Tina, che si  gira appena)-

Ora.- Molto lieto. Io sono Orazio Fatuzzo, titolare di questa  agenzia. Sono un famoso  procacciatore d'affari in  questa citta`. Sono molto quotato tra i... tra...i... -

Mel.- ...spurugghia-facenni, lo so già.-

Ora.- Voi siete spiritoso e molto simpatico. Diciamo sensale  e affini. Vi sta bene?-

Mel.- A me sta benissimo anche spurugghia-facenni. Tanto, se  voglio, vi faccio diventate milionario lo stesso...-

Ora.- Co...come? Mi... mi... milionario? A mia?-

Mel.- A voi e a vostra figlia. Signorina, vi piacerebbe  diventare milionaria? ... Bei vestiti...gioielli, teatro,  villa al mare, chalet in montagna, appartamento di  lusso, macchine fuori serie...Eh? Vi piacerebbe?-

Tin.- ( alza le spalle) E cu vi canusci...-

Ora.- ( che ha seguito il discorso di Melo a bocca aperta)  E tutte queste cose per mia figlia? Ma allora voi siete  interessato alla mia Tinuzza?-

Mel.- Diciamo che potrebbe interessarmi (guarda allusivo Tina).-

Tin.- E a me non interessate voi, sciò!-

Ora.- Un momento, un momento, che fretta! Parliamone con  calma, riflettiamo, discutiamone in famiglia. Questo  signore, mi sembra un vero signore, non si puo'  offenderlo con risposte affrettate, vero? Eh, caro  signore, e` ancora una bambina, datemi il tempo di  parlarle, di esaminare la vostra richiesta, di valutare  il caso...-

Mel.- Come volete, io ho a disposizione tutto il tempo che  voglio. Voi. piuttosto...( allusivo alle pessime  condizioni economiche che si vedono dall'ufficio  malandato)-

Ora.- Eh, ve ne siete accorto, vero? ( Melo fa spallucce come  per dire: ci voleva tanto) Certo, voi siete un uomo di  mondo e avete capito subito la mia situazione. E cosa  posso farci? Io ci metto tutta la buona volonta` per lavorare e guadagnare onestamente, ma, lo vedete voi   stesso, non entra nemmeno una mosca a chiedere un  bicchiere d'acqua di rubinetto. E che faccio, me li  invento io gli affari, le sensalie, le transizioni, il  rilascio di documenti magari per un concorso, un   matrimonio, una licenza di ambulante? Ci vorrebbe un  aiuto, ma nessuno m'aiuta, neppure il mio santo  protettore... Ma a lui glielo ho detto chiaro e tondo:  sant'Onofrio, o m'aiuti o ti cambio faccia e mi cerco  un altro protettore meno stitico di te.   Ma, credo che, santi o non santi, mi restano poche  alternative: O cambio mestiere o m'ammazzo!-

Mel.- Interessante, molto interessanti... quasi quasi siete  piu` interessante di vostra figlia... -

Ora.- ( sospettoso) Ju? ( Mel annuisce) Ahu, ma cchi vi mittistiru in testa? (equivocando) Taliati...signore...ca vi stati  sbagghiannu assai, assaiuni! Cu mia nun ci nesce nenti. A mia, miliuni o non miliuni, puppi e finocchi mi sunu indigesti!-

Mel.- Vedremo, vedremo... intanto vi propongo, diciamo cosi`,  una transizione a cento milioni, che ne dite?-

Tin.- Papa`, scusami a mamma mi aspetta. Ciao ( esce di  corsa)-

Mel.- Ossequi signorinella scontrosa... dunque a noi.-

Ora.- Fremmu unni siti o v'struppiu! Ju sugnu masculu normali, ripetu nor-ma.li!-

Mel.- Lo so, lo so... ( si guarda attorno sornione)-

Entra Tanu.

Tan.- Principale, tutto fatto! Oh, buongiorno signoreee..  ( a Orazio sottovoce) Ma che e` sta  puzza?-

Ora.- Tanu, Tanuzzu, mio diletto scrivano. Vieni, vieni,  questo signore ha bisogno di qualcosa e forse tu potresti essergli utile. Evvero che lui potrebbe, eh?  ( allusivo) E` ancora forte, e`  muscoloso, aitante... anche giovane, se vogliamo. E` forte, intelligente,  salutivu...-.

Tanu lo guarda imbambolato e esegue i movimenti che gli fa fare Orazio, intanto che declama le sue possibilita`. Melo, invece resta impassibile, seduto con le gambe accavallate, con un enigmatico sorriso in bocca.  Poi Orazio continuera` la dimostrazione di Tanu, solo con la mimica.  Musica adatta, e sipario che lentamente si chiude.

 

                                                                  Atto  II

 

 

Sulla scena e` stato ricostruito l'interno di un moderno ufficio. Al centro troneggia una grande scritta:A.A.A.A.A.  Antica Affermata Agenzia Affari e Affini di Fatuzzo e  Gebbia Casa fondata nel 1962.

Sempre a sinistra c'e` la porta d'ingresso, mentre a destra vi e` una porta con la scritta " O. Fatuzzo - Privato".

Mobili nuovi sono sparsi nell'ufficio. Il ritratto di sant'Onofrio e` appeso sempre a destra.

All'apertura del sipario la scena e` vuota e buia e si sente squillare il telefono. Da sinistra si ode scattare la serratura e si apre la porta. Entrano Orazio e Tanu. Ambedue sono vestiti con abiti nuovi.

Ora.- (accendendo la luce) Tanu, annacati arrispunni o telefono.-

Tan.- ( esegue) Pronto? si qui e` l'A.A.A.A.A. di  Fatuzzo e Gebbia... cosa desiderate? Ah, sei tu

Angelinu? e cchi voi?.. ritardi? Va bene, vuoli dire che ti luvamu da pava l'uri di ritardu. Ciau, ciau. ( a Orazio) Era Angelinu, dice ca  ritarda.-

Ora.- E tu, omu pricchiu e miserabili, cchi fai, ci levi a paga?-

Tan.- Sissignore. Semu na giovane azienda e se nun na sapemu quartiari, in quattru e quattr'ottu, fallemu.-

Ora.- Ca ora fallisci pi  qualche ora di assenza di to figghiu.-

Tan.- A liggi e` oquali pi tutti... Caro sociu Fatuzzo.-

Ora.- Senti Tanu, se ti mittisti nta testa di camurriarimi ogni  mumentu: socio Fatuzzo di ccà, sociu Fatuzzo di ddà, varda, ju sciogghiu a societa`...e appoi cchi sunu sti cunfirenzi...(infastidito)-

Tan.- Ma semu soci o no?-

Ora.- Semu soci pa liggi, pi l'occhio sociali, inzumma pa genti. Ma per i nostri  rapporti, tu sei lo scrivano e io il  principale. Mettitelo bene in testa!-

Tan.- Ma quannu anticipai i picciliuli, voi mi dicisturu: Tu i soldi, Angelinu u travagghiu e io l'ingegno, e saremu stati soci con nome in ditta...-

Ora.- Ma non ti dissi macari ca nun ti dovevi prendere  eccessiva confidenza? E allora, in privato, stai al tuo  posto...scrivano...-

Entra un cliente. E` Giacomo Clisteri, possidente, quasi analfabeta , vestito da contadino. Porta la coppola che si toglie entrando.

Gia.- Permesso, si puo`, pozzu trasiri?-

Ora.- Avanti signore, s'accomodi...-

Gia.- Dissi a mia?-

Ora.- Naturalmente. Ecco, si segga qui. ( lo fa sedere vicino  a Tanu) Signor Gebbia, veda cosa desidera il signore,  poi mi riferisca nel mio ufficio privato. Con  permessoo.- ( entra dove c'e` scritto privato)

Tan.- (dandosi delle arie) Allora, chiccosa pozzu fare per vossia?-

Gia.- ( a disagio) Ecco eccellenza...commendatore...ju vulissi  sapiri na cosa...-

Tan.- L'indovinaventura e` cchiù sutta, a sinistra.-

Gia.- Ma no, ju vulissi sapiri... cchi  cosa vinni a fare cca?-

Tan.- ( alzando gli occhi dal foglio dove prendeva appunti) E  u vuliti sapiri di mia? Chista è bella.-

Gia.- ( trasalendo) No, eminenza u dissi tantu pi diri, picch' nun sacciu cchi diri. Dunchi, aspittati, Ah, si. Parrannu cu vui, vulissi sapiri comu pozzu fare pi fare un affare cu voscenza.-

Tan.- Con nuatri, caro signori, nun si ponu fari sulu affari d'affari pi fari stuffari, pi cui nun avi cchi fari comu a vui, ma si vuliti fari affari d'affari, pi diri: di soldi, e non di  pazzi, e allura parrati chiaru - ma a mia mi pari ca vui...( fa segno per dire che siete  pazzo e squattrinato)-

Gia.- ( come un automa) Eccu a voscenza, ci abbastunu? (  tira fuori dalla tasca una mazzetta di biglietti da  diecimila lire)-

Tan.- (Senza alzare gli occhi) In primis in primis, ma ta diri cchi affari vuliti fare, in secundis...-

Ora.- ( uscendo a precipizio dalla sua stanza) ... In secundis  tu si sempre cchiù` bestia...( adocchia la mazzetta)-

Tan.- Ma sociu Fatuzzo, cchi cosa diciti?-

Ora.- Dico che quando un cliente ti mostra una mazzetta...  (allusivo) tu devi avere l'educazione di .. guardarla e  u bon sensu di nun fare cchiu` dumanni cretine. Dite a me signore, io  sono Orazio Fatuzzo, titolare di questa Antica  agenzia...-

Tan.- Prego, contitolare.-

Gia.- Piacere Eminenza, ju sugnu Clisteri Giacomo fu Salvatori classi 1917, e nun sacciu  picchì vinni ccà.( dispiaciuto)

Ora.- Mutu tu!- ( riferito a Tanu che stava per dire  qualcosa).-

Gia.- Sissignore! ( che ha capito male)-

Ora.- Ma no signore, dicevo al mio vice assistente aggiunto  in prova, (guardando Tanu ferocemente) prossimo disoccupato.  Allora, signore, concentratevi e cercate di ricordare, intanto se volete  poggiare qui questi soldi?-

Gia.- Ah, ora m'arricordu. Aviss' accattari na cosa...-

Tan.- Cchi cosa?-

Ora.- Cosa?-

Gia.- Una.. una.. nun mìarricordu cchiu`...Eccu, u truvai: una automobile?-

Ora.- Un'automobile, voi?-

Gia.- Già. Nun m'arricordu picchì, ma mj l'aiu accattari...-

Tan.- Ma i picciuli l'aviti?-

Gia.- Chisti nun bastanu?-

Ora.- A occhio e croce direi di no...-

Gia.- Allora ripassu n'autra vota.-

Ora.- Ma no, restate seduto. Guardate, facciamo cosi`: noi avviamo la pratica, voi ci date un anticipo, e quando  sarete disposto, ci salderete la parcella e poi andrete a ritirare la vettura che desiderate presso la  filiale. Ora dateci le generalita` e diteci quale vettura volete acquistare.-

Gia.- Eminenza, ju vulissi n' automobile, non na vittura...-

Ora.- E la stessa cosa.-

Gia.- Nonzi, a vittura va a cavalli...-

Tan.- ...e l'automobile a pedi. Ci aviti raggioni.-

Ora.- Tanu, mutu! Calma, eh? Dunque volete un'automobile, e noi vi daremo  un'automobile. Poi ci direte e la volete. Scrivano,  istruisci la pratica!-

Tan.- Ju?-

Ora.- Tu.-

Tan.- Ma u sapeti ca sugnu  gnoranti ( piano).-

Ora.- Cretino, prendigli le generalita`. Dai annacati prima ca cangia idea...Poi fatti dare un congruo anticipo.-  ( rientra nel suo ufficio)

Tan.- Capitu. Mezza parola. Dunque... nnome?-

Gia.- Clisteri Giacomo, classe 1917, abitante a Bello Sito,  cuntrada Fragola, via senza nummero, agricoltore.-

Tan.- Piano piano... Clisteri... Giacomo... classi...eeeeh, via....eeeeh,..,agricoltore.  Che tipu d'automobile?-

Gia.- Nun m'arricordu. Voscenza cchi dici?-

Tan.- E si facissimu na seicentu?-

Gia.- Ah, m'arricurdai, vogghiu una macchina grossa grossa, una  automobile tedesca, una merceria.-

Tan.- Vuliti un'automobile o una merceria?-

Gia.- Una merceria con le ruote...-

Tan.- Siti ambulanti?-

Gia.- E a vossia cchi ci interessa? Comunque ci l'aiu i mutanti.-

Tan.- Bonu va, chistu è macari suddu. Allura l'avete gia` detto: siti agricoltore e non ambulanti...bene... sintite... videmu...(non sa più che dire o cosa fare, tocca e ritocca le carte dal tavolino) Brevi! datemi un congo anticipu e vinni putiti iri.-

Gia.- E l'automobile?-

Tan.- Doppu, dopu...I picciuli, prego?-

Gia.- Bastanu diecimila lire?-

Tan.- Comu anticipu saressero picca, ma u me sociu anzianu dissi congo...picciò cridu di si.-

Gia.- A voi. ( da un biglietto) Mi ni pozzu iri? Si? Allura bongiornu... ( esce come un  automa)

Ora.- ( entrando subito  dopo) Allora?-

Tan.- Ecco il congo anticipu.-

Ora.- Diecimila? Ma pezzu di Giufà, chiddu era chinu di  soldi e tu ti fai dari sulu diecimila lire?-

Tan.- Ma voi mi dicisturu congo anticipu...-

Ora.- A parte u fattu ca ti dissi congruo anticipo, ti pari chistu un congruo anticipo?-

Tan.- E che ni sacciu ju.-

Ora.- Comu sarebbe: cchi ni sacciu?-

Tan.- Ju pinzai ca... ohh uffa! Principali, brevi, ju nun sacciu chi veni a diri a parola congo. A prossima vota parati chiaru.-

Ora.- Ecco! E` giustu ca a furtuna ci vota i spaddi. Ma cumu? Avemu a possibilita` di spellare un viddanu puru e cruru e c'un socio comu a tia, bestia luvannici u battisimu, arriniscemu a acchiappari sulu  diecimila lire? Vilenu amaru! E ju, scanzatini, ci dugnu puru a curpa a Sant'Onofriu innuccenti e martiri.-

Tan.- E voi cu mia picch' nun parrati talianu? sociu Fatuzzo.-

Ora.- Tanu, varda ca oggi ju d'addifettu!-

Entra Melo Marcio.

Mel.- Buongiorno a tutta la compagnia..-

Ora.- Buongiorno a lei caro signore Marcio. S'accomodi,  prego.  Tanu, dai una sedia al signore.-

Tan.- 'Ngiorno. ( porta a malincuore la sedia, poi si siede in disparte)

Mel.- Signor Gebbia, che siete offeso con me?-

Tan.- Sunu affari mei.-

Ora.- Ma Tanu un po' di educazione, perbacco. Scusatelo  signor Marcio, sa i dipendenti...-

Mel.- Lo scuso, lo scuso. Anche se l'offeso dovrei essere  io...-

Ora.- Avete ragione, perfettamente ragione. Ma vedete  oggigiorno ci sono in giro certi tipi, certi adescatori  di giovani scrivani, insomma, capite, si equivoca facilmente. E  lei, caro signore, da biricchino, non ha fatto nulla per evitare l'equivoco.-

Mel.- Mi divertivo. Sapeste che faccia avevate.-

Ora.- E che volete farci, siamo vecchia pasta, all'antica...-

Tan.- A mia certi sgezzi mancu pi sgezzu mi l'ata fari, eccu!-

Mel.- E va bene, signor Gebbia, non pensateci piu`.  Allora, come vanno gli affari?-

Ora.- Proprio ora trasiu  un cliente per acquistare  un'automobile...-

Mel.- Un tipo tarchiato, da contadino, con la coppola?-

Ora.- Esattamente. Ma lei come lo sa?-

Mel.- L'ho visto uscire, no? Allora, adesso vi dò  informazioni sul suo conto.-

Ora.- Lo conosce? -

Mel.- Voi fate troppe domande inutile. Ascoltate piuttosto:  Giacomo Clisteri e` un facoltoso agricoltore che con le  serre e gli ortaggi fa soldi a palate. Non e` molto  istruito, anzi e` quasi analfabeta. Pero` ha una mente fine. Ora, tanto per iniziare... qualcuno gli ha messo in  testa che un agiato agricoltore, per essere alla pari  con gli altri, deve possedere una grossa macchina, una  Mercedes. Ed ecco perche` e` venuto da voi. Ora vi  confido un segreto: Giacomo porta tutti i suoi soldi addosso, cuciti nella fodera del vestito, nelle tasche,  nelle mutande, insomma e` imbottito di denaro liquido sempre... a disposizione. Eppoi e` distratto, distratto  assai...Ora, se siete furbi... con poca fatica volendo   potete fare... ottimi affari.- ( ammicca)

Ora.- Mezza parola, signor Marcio. ( ricambia l'ammiccata)  Noi ci siamo fidati di vossia fin dalla prima ora. Coi  i suoi consigli abbiamo aperto la nuova agenzia...-

Tan.- Coi miei risparmi, prego...-

Ora.- Che lui ha fatto fruttare e moltiplicare  in pochissimo  tempo, prego.   Dicevo che eseguiremo i suoi...consigli, non dubitate.   E per il suo  compenso?-

Mel.- C'e` tempo, C'e` tempo... Allora, buon lavoro e ci  vediamo dopo.-

Ora.- Arrivederla signor Marcio...l'accompagno.-

Mel.- Grazie, arrivederci.-

Esce.

Ora.- Tanu, e cchi è st'aria incagnata? Arritiriti stu mussu. Chiddu ni sta dannu na manu d'aiutu, quasi disinteressatamenti, u capisti?-

Tan.- Ssa disinteressata s'a vidiri appoi. Comunchi volussi fari l'affari, inzumma vulissi fari da me medesimu.-

Ora.- Ahu, nun ti sfurzari tantu a essiri chiaru, u sai? Eappoi, quannu mai tu hai fattu qualchicosa ca to testa? Chiuttostu, senti na cosa: secunnu tia, quantu puteva avire 'ncoddu Giacumu Clisteri?-

Tan.- E cchi ni sacciu . Picchì?-

Ora.- Secunnu i mei calculi ava viri minimu minimu due o tre milioni. C'appoi c'e` l'imbottitura, i sacchetti di intra e di fora, i mutanni... Poi, u vidisti cche lesu?.. smimuratu?.. Sentimi, e si pirdissi qualchicosa, cridi ca sinn'addunassi?-

Tan.- E chissacciu.-

Ora.- Melo Marcio dice ca a ricchizza ava essiri megghiu distribuita, e se Clisteri n'avi assai e nuatri picca, tu penzi ca putemu fari a parti? Comu diri mità e mità?-

Tan.- Brevi, princ... sociu Fatuzzo, cchi sintiti diri?-

Ora.- Tanu, tu mi si fedeli?-

Tan.- Ju? si, picchì?-

Ora.- Fino alla morte?-

Tan.- Ahu, non mi fate scantari...-

Ora.- Giura che mi sei fedele.-

Tan.- U giuru. E ora?-

Ora.- E ora, ascuta chiddu ca ci aiu in testa, ccà nta me menti. Clisteri ci aiutera` a  sistemarci per sempre. Tanu, ju e tia lo alleggeriamu de picciuli ca ci assupecchianu!-

Tan.- E comu?-

Ora.- Operiamo un travaso: trasbordiamu na pocu di picciuli de so sacchetti alle nostre sacchette, chiaru?-

Tan.- E comu?-

Ora.- Mih, ma si bestia! Avi mezzura ca cercu di faratillu capiri: lo derubiamo, lo rapiniamo, lo scassiniamo. Oh!-

Tan.- Noi? Ju e vui? Ma cchi addivinstasturu foddi?-

Ora.- Senti Tanu, ju aia campari setti prissuni e sugnu stancu  di tirare a carretta. Ora se m'accapita una facilissima  occasioni -d'oru- pi sistemarimi pi tutta a vita, ju a vogghiu affirrari a volu.  Poi tu nun a pinzari pi l'avveniri di Angelinu? U voi ne carrabbineri? U voi luntanu in terra stranera, sutta  pattroni? Co periculu ca ci appizza a peddi appressu a l'assassini? No, veru! E allura diventami sociu macari nta st'affari.-

Tan.- Nonzi, nun mi piaci.-

Ora.- E va beni, vuol dire che i giuramenti...-

Tan.- Quali giuramenti?-

Ora.- Chiddi ca mi facisti dieci minuti fa: Principali, saro` fedele nei secoli, vi aiutero`, vi staro` sempri vicinu, una parola e accorro! Inzumma, tantu pi chiamarli co veru nnomu: paroli fausi.-

Tan.- Ma e contru la liggi.-

Ora.- E alloru restamo na leggi e muremu di fame?-

Tan.- Ma avemu na nova agenzia, ci avvieremu, e co tempu buscheremu. Poi nun vi scurdati mai ca ci avemu i santi, ca ni pruteggiunu...-

Ora.- Se aspettiamu a iddi, prima ni vorrucunu cu tri palmi di terra 'ncoddu, e appoi sinni parra.. Tanu, o frati, ju sugnu stancu di miseria. Vogghiu arricchirmi e subito!-

Tan.- Ma cchi intenzioni aviti?-

Ora.- Una rapina. Eccu cchi cosa ci aiu in menti!-

Tan.- Na rapina? E comu?-

Ora.- Aiu tuttu ccà in testa. Ho studiato il piano: E  noi, ju, tu e...lui, saremu le vittime.-

Tan.- E se semu vittimi, cchi cosa ni trasi a nuatri?: dumanna!-

Ora.- Cretinu, a rapina, pi nuattri, sara` finta... Nuattri, poi ni pigghiamu...-

Tan.- Trent'anni di carziri!-

Ora.- E cchi fai u cuccu? Noi ne ricaveremo decine di milioni che  divideremo con Melo Marcio.-

Tan.- C'e` 'n mezzu macari iddu?-

Ora.- E` l'ispiratore.-

Tan.- Allura ju m'arritiru da banda.-

Ora.- Cretino, quello tiene la bocca chiusa e la tasca  aperta. Quello e` un uomo di mondo.-

Tan.- Pi mia e`na cosa ca feti, osia na cosa fitusa.-

Ora.- E tu tappati il naso. Dunque ho deciso: faremo una  rapina perfetta.   Ascoltami bene e prendi nota.  Io me ne staro` seduto dietro la scrivanie e a Clisteri  lo faro` sedere con le spalle alla porta. Tu entri col  volto mascherato e con una pistola, e dici: Fermi   tutti, questa e` una rapina. Io alzo le mani e  t'imploro di prenderti tutto quello che vuoi, ma  lasciaci vivi. E per dare l'esempio, mi  svuoto le  tasche e poggio i miei soldi sulla scrivania. Tu li  afferri e, poi, trucemente, ti rivolgerai a Clisteri."E  tu dove tieni i soldi?" Quello ti dira`:"Nelle tasche."  Tu lo frughi e frugando trovi i soldi nascosti nella   fodera.  Arraffi tutto e, ingiungendoci di non muoverci   se no ci ammazzi, fuggi via. Al resto penso io.-

Tan.- ( che lo guardava sbalordito) Principali, ma picchì mi parrati in talianu?

Ora.- Picchì accussi parrunu nte film amiricani, è un linguaggio che tu non puoi capire picchì si bestia. Allura: chiaru?

Tan.- E ju aviss'a fari  tutte sti cose inzemi? Socio, vui siti pazzu!-

Ora.- Ma è di na semplici semplicità...-

Tan.- Eh, pi vui e` tuttu facile. Ma ju gia` m'ascurdai quannu aia trasiri, e cchi aia a diri.-

Ora.- E bravo! E allura ju cchi ci staiu a fare? Ora ti fazzu fari i provi.( si dirige verso la porta e guarda  se c'e` qualcuno ) Allura, ascuta beni, ju sugnu assittatu ccà.(si siede  dietro la scrivania) Tu trasi di ddà ( indica la porta)  e dici: Fermi tutti, questa e` una rapina!" Avanti  prova.-

Tan.- ( malvolentieri) Fremmi tutti, questa...rapina...-

Ora.- No, no, nente accentu dialettale. Devi dire: Fermi  tutti, questa e` una rapina! Pulito pulito. Avanti   prova.-

Tan.- Feermii tuttii, queeesta eee` una rrapina.-

Ora.- Ma perche` tremi?-

Tan.- Mi scantu.-

Ora.- Miserabile uomo da nulla. Devi soltanto dire sei  parole. Non mi dirai che hai paura di sei parole.-

Tan.- Ju mi scantu di trent'anni di galera.-

Ora.- Avanti, riprova.-

Tan.- Fermi tutti, questa e` una rapina!-

Ora.- Ecco, quasi ci siamo. Per ora tu devi puntare il dito, poi  avrai una pistola...-

Tan.- No, nente pistoli, seno` m'arritiru.-

Ora.- Cretino, sara` finta! Allora, ti avvicini e io ti dico:  Non ci uccida, prenda tutto quello che abbiamo. Tu  arraffi i miei soldi e poi chiedi a Clisteri: E tu dove  tieni i soldi? Avanti, prova.-

Tan.- Fermi tutti, questa e` una rapina. E tu dove tieni i  ricordi? Volevo dire e tordi...-

Ora.- ...e malvizi...Ma quantu si bestia! Devi dire: E tu, dove tieni i soldi?  Riprova!-

Tan.- E tu dove tieni i soldi? Riprova! -

Ora.- Cretino. Che c'entra riprova? -

Tan.- Ahu, brevi, riprovu oppuru no.-

Ora.- Riprova, disperazione mia. Ecco io mi metto al posto  di Clisteri, tu esci, vai in strada, e poi entra con  decisione e dirai forte: Fermi tutti, ecc. ecc. Avanti annacati!-

Tan.- Mi movu, mi movu... dunque: fremmi tutti, questa e` una rapina... fremmi tutti, questa e` una rapina... fremmi tutti... ( intanto apre la porta ed esce)

Subito dopo, si spalanca una porta ed entra un uomo col passamontagna sul capo e una pistola in mano. E` un vero rapinatore.

Rap.- Fermi tutti, questa e` una rapina!-

Ora.- Bravo, hai imparato benissimo. Avanti, ora chiedimi i  soldi.-

Rap.- Dove tieni i soldi?- ( intanto si prende le diecimila  lire dell'acconto che erano poggiate sul tavolo)

Ora.- Per carita` non ci sparate... Avanti, bravo, cosi`,  arraffa tutto, si, pure quelli... ora avvicinati e

prendimi il portafoglio eppoi frugami addosso...-

Rap.- Grazie compare. ( si prende il portafoglio ringraziando Orazio con i gesti, poi sai avvia verso l'uscita)

Ora.- Bravissimo. Tanu, sei un rapinatore nato. Ed ora  indietreggia e vai via di corsa...-

Il rapinatore sta per uscire, quando entra Tanu.

Tan.- Fremmi tutti, questa e` una rapina!-

Rap.- Troppo tardi compagno, il servizio e` stato gia` fatto.  Grazie ancora e arrivederci.- (esce di corsa)

Ora.- Ma...ma... allura..chiddu era un vero rapinatori?-

Tan.- Daveru? Ma varda...-

Ora.- E tu bestia scrivano fai rapinari u to principali senza intervenire?-

Tan.- Ca ora ci favevu : bum! cche ita.-

Ora.- Ci ava satari ncoddu, mangiargli u cori,  scannarlu, picchì chiddu, oltre all'affrontu fattu alla

ditta, si purtau le diecimila lire d'accontu,  e macari u me portafogli...-

Tan.- Sugni dispiaciuto pa ditta, e pi l'accontu, ma po vostru portafogghiu...-

Ora.- Giuda, meschinu e sbirru, non t'importa nente de me cosi?-

Tan.- Tanto, pi chiddu ca ddu puvirazzu ci trova intra...-

Ora.- Ma e l'azione ca cunta! E stata na tagghiatina di facci! Bedda matri, ci appizzai u sceccu cu tutti i carubbi.-

Tan.- Curnutu e mazziatu.-

Ora.- Accura a comu parri, aspirante disoccupatu!-

Tan.- Ma nun ci pinzati cchiù, socio Fatuzzo. Appoi, ora, cu sta rapina caura caura, addivintati  importanti, comu i  notari, i gioiellieri, i banchi...inzumma comu ai pezzi grossi... Ci avite u bullu e a patenti!-

Ora.- Si, d'imbecille! E ora cchi fazzu? Nun pozzu addununziare a nostra rapina, picchì aia dinunziari chidda falsa...e gia`, macari pi na agenzia importanti, dui rapini nto giru di un pugnu di jorni sunu assai. I sbirri ci anu u nasu finu, a cchi ti pari a tia.-

Tan.- Socio Fatuzzo, ci sugnu! nun facemu chidda finta.-

Ora.- Tanu, ormai sugnu decisu, e nenti e nuddu mi fermera`.( assumendo la posa napoleonica) Capiscilo! sono determinato, forte e implacabile. Andro` in fondo alla decisione gia` presa, che mi   portera` dritto dritto...-

Tan.- ...in galera!-

Ora.- ...al raggiungimento del mio obiettivo.-

Entra Angelino.

Ang.- Buongiorno soci...e scusate il ritardo.-

Ora.- Buongiorno.-

Tan.- Ahu chista e l'ultima vota, socio Angelino.-

Ang.- Capito. Ci sono novita`?-

Tan.- Si, ni rapi...- ( Orazio lo blocca)

Ora.- Ci hanno rapi...to un cliente.-

Ang.- Come sarebbe rapito?-

Ora.- Ca era quasi nostru, ma la maliditta concorrenza nu futtiu. Vero Tanu?-

Tan.- Chistu nun u sacciu, ma so dici iddu....-

Ang.- Ma e` assurdo! Siamo ancora gli inizi e gia` la  concorrenza ci sbaraglia? Niente, ho capito, qui ci  vuole il cambio generazionale.-

Tan.- E cchi ni facemu di nu generale?-

Ora.- Mutu cretino... Senti beddu ( a Angelino ) si cridi ca ccà semu tutti  rimbambiti, ti sbagghi assaiuni... anzi sulu assai, perchi nu rimbambitu, in effetti, c'e` ed e` Tanu Gebbia, to pattri... poi..( si interrompe  perche` rientra Giacomo Clisteri)

Gia.- Eccellenza, eminenza, commendatore, mi arricurdai tuttu: Vogghiu accattari na macchina una Mercedes tedesca, e a vogghiu russa.-

Tan.- Brevi, o è russa o è tedesca!-

Ora.- Mutu cretinu! Caro signor Clisteri, sapeste che piacere ci fa il suo  ingresso, qui da noi...ma s'accomodi prego. Tanu una  sedia al signore...Ora la servo immediatamente, di persona...Ah, Angelino, prenditi nota del desiderio del  nostro.. facoltoso cliente e vai alla piu` vicina   filiale di macchine tedesche e prenota una bella,  comoda, elegante Mercedes rossa per il nostro   benestante, eminente, pregevole cliente. Vai,  giovanotto, vai bello.-

Ang.- ( sbalordito) Vado, vado... ossequi.- ( esce)

Tan.- Tu non dovevi andare in quel posto? ( allusivo)-

Tan.- Veramenti nun mi scappa. Ju ci vaiu di matina.-

Ora.- ( pazientemente) Non avevi da fare qualcosa?-

Tan.- Ju? E cchi cosa, mi pari di no...-

Ora.- Non dovevi andare affanc...Aiutante scrivano, uscite a  mettere a punto il nostro affare di cui si parlava prima... ( cerca di fargli capire della rapina)-

Tan.- Ah, u capiu, capito, ho capito... ma la...( fa cenno alla  pistola)..-

Ora.- Oggi si usa camminare con le mani in tasca... (allusivo  alla finzione col dito teso e la mano in tasca)..-

Tan.- ( incerto, poi capisce) Ah... e si capisce... annunca? vado?-

Ora.- Vai e cerca di entrare quando io dico che quegli  affari ci sono sicuramente... ( fa cenno ai soldi)-

Tan.- Quannu siti accomudu... va bene... mezza parola!-

Ora.- Finalmente... e stai attento...-

Tan.- All'erta sto.( esce)

Ora.- E allora caro signor Clisteri, se volete, diciamo  cosi`, dirci come volete regolare l'affare, noi ve ne  saremmo veramente grati.-

Gia.- ( nuovamente assente) Mah, ju nun sacciu cchi nenti... non m'arricordu bene...-

Ora.- Ma i soldi, quelli li avete...con voi?-

Gia.- Quali soldi? Picchì?-

Ora.- Ma per la rapin...volevo dire per la rapidita` del  disbrigo della pratica...-

Gia.- Mattri santa, quali pratica?-

Ora.- Va bene che siete smemorato, ma a me sembrate solo  deficiente. E scusate. Ma la macchina la volete o no?-

Gia.- Ah, si , ricordu a vogghiu, una Mercedes tedesca...  rossa.-

Ora.- Alla buon'ora. E i soldi li avete con voi?-

Gia.- Sissignore, eccellenza.-

Ora.- Sicuro?-(Clisteri annuisce vistosamente, poi Orazio a Tanu, forte) I soldi li ha con se...( a Clistere) Ce li ha...bene, bene.-

Entra Tanu.

Tan.- ( con un fazzoletto sul viso) Freemmi tuttii, questa  ee` una rapina!-

Ora.- ( alzando le mani) Per carita` non ci sparate,  prendetevi quello che volete...-

Gia.- ( resta prima di sasso, poi crolla a terra) Ahi, mamma  mia bella!-

Ora.- Ahu, Tanu, cchi fu? ci sparasti veramenti?-

Tan.- E come ci sparavu che ita? -

Ora.- Chistu mossi! ( fa cenno con le due dita alla morte)-

Tan.- Bedda matri, semu assassini! U sapevu ju, u sapevu ( piagnucola) Quannu unu fa na cosa brutta, u Signuri na fa pavari di facci! e, pi mezzu di sant'Onofriu, n'a castiatu!-

I tre restano fermi, intanto il sipario si chiude.

                                                                    Atto  III

 

 Stessa sistemazione scenica dell'atto precedente. All'apertura del sipario entra Melo Marcio.

Mel.- Permesso?-

Tan.- (Affacciandosi dall'ufficio privato di Orazio) Ah,  site vui...Assittativi, u principali po momentu e` molto occupato. Aspettare ccà.-

Mel.- Dite al... principale di non affannarsi troppo. Tanto  quello e` gia`...( fa cenno con le dita della mano alla  morte)-

Tan.- Macari a mia... Ma ma vui comu u sapiti?-

Mel.- La voci si spargono amico mio...-

Tan.- ( rivolto all'interno) Principale, dda` fora sanu gia` tutto. Semu arrovinati!-

Esce Orazio.

Ora.- Ma che dici, cretino. E non parlare ad alta voce,   piuttosto... Oh, buongiorno signor Melo Marcio, a cosa  dobbiamo l'onore...?-

Mel.- A Giacomo Clisteri...-

Ora.- A Giacomo... Clisteri? Non capisco...-

Mel.- Andiamo Orazio Fatuzzo, tutti sanno che Giacomo e` di  la`, nel vostro ufficio, morto stecchito.-

Ora.- Tutti sanno? Ma com'e` possibile?-

Mel.- Diciamo che almeno io lo so`. Va bene cosi`?-

Ora.- E` stata una disgrazia. Si e` accasciato per terra come  una pera matura. Senza dire una parola...-

Mel.- No dissi: ahi, mamma mia bella.-

Ora.- Mutu cretinu! Mih, ma lei sa tutto. Ma come fa?-

Mel.- Vi ho gia` detto di non fare troppe domande, specialmente se stupide... Allora, lo avete

 alleggerito?-

Ora.- Allegerito? Di cosa, chiedo scusa?-

Mel.- Andiamo Orazio Fatuzzo, volete negare che lo volevate  rapinare?-

Ora.- Chi io? Tanu, forse Tanu, ma io no!-

Tan.- Ju? Morti subbitanea, ju nun volevu ma propriu propriu. Siti statu vui a insistere: Rapiniamolo, riequilibriamo,  travasiamo...-

Mel.- Ora incomincio a seccarmi. Orazio, ma siete tardo di  comprendonio. Allora, quanto vi ha fruttato il colpo?-

Tan.- Si tuttu ni va beni, l'ergastolo!-

Ora.- Mutu tu, cucca vecchia.( a Melo) Ecco, non sappiamo  ancora.-

Mel.- Non gli avete tolto... nulla di dosso?-

Ora.- Nulla. Abbiamo cercato di soccorrerlo, ma invano...-

Tan.- Ci abbiamu ncoddu, nta facci, na pignata d'acqua frisca, u pigghiamu a jancati, nenti, tisu cumu 'n baccalà!-

Mel.- ( alzandosi) A ceffoni vi dovrei prendere io, cretini.  ( passeggia) Bisogna affrettarsi... bisogna proprio  affrettarsi. Sentite Orazio, voi lo sapete che mi  interessate in modo particolare...-

Ora.- Che fa, ricominciamo?-

Mel.- Zitto cretino! ( Orazio ammutolisce di colpo) Dicevo  che voi mi interessate particolarmente. Volevate  far soldi in fretta, in qualsiasi modo, e io ve ne sto  dando l'opportunita`. Ma se voi ve la lasciate  scappare, io cosa ho concluso? Solo buone intenzioni e  basta. Quindi, cercate d'essere serio e deciso nello  stesso tempo, e andate a concludere cio` che avete  iniziato: Alleggerite Giacomo Clisteri.  Non c'e` altro!-

Ora.- Si...sissignore. Tanu, vai ddà banna ed... esegui..-

Tan.- Ju ddà banna sulu nun ci trasu.-

Ora.- Ti scanti forsi di un... di un... poveretto che dorme?-

Tan.- Chiddu da un pezzu sta tuppuliannu a San Petru, Eppoi eppoi, ju certi cosi nun i fazzu, mancu mortu!-

Ora.- Tanu, nun fare u cretinu. Completiamo il nostro piano  Senno`, che abbiamo combattuto a fare?-

Tan.- Ju i manu ncoddu a chiddu ddà, non ce li  mettu!-

Ora.- Ho capito, ci penzu ju, tantu di certi soci, Diu ci ni scampi e liberi...-

Tan.- (con un sospiro di sollievo) Santa Barbara, si decisi.-

Ora.- Allura cchi fa, vado?-

Mel.- Certo, cosa aspettate ancora, la carrozza?-

Ora.- Trasemi insemi, Tanu.-

Tan.- Nonzi, principale, ju nun vegnu. Pi mia finich - chiuso. Da una  semplici livellazioni semu passati a rapina, da rapina all'om... al... a ddà cosa ca sapemu nuatri. Ora avissi a fari macari u sciacallu? Mai e poi mai! Principali, da stu muomentu Tanu Gebbia si autosospende da socio - e puru giustificatu.-

Mel.- E` giusto. Voi solo dovete agire, perche` voi solo  siete nel mio interesse.-

Ora.- Ma si puo` sapere qual'e` questo vostro benedetto  interesse?-

Mel.- A parte il fatto che il mio interesse non e` mai ...benedetto, credevo di avervelo fatto capire

abbastanza eloquentemente questo mio... interesse, no?-

Ora.- Non capisco: Non siete finocchio, non volete mia figlia, non volete  denaro, ma infine, cosa volete allora?-

Mel.- Prima fate quello che dovete fare, e, poi, quando  avrete il denaro che tanto desiderate, ve lo diro` chiaramente, fesso!-

Ora.- Ca ora, per quattro soldi, io vi rilascio una cambiale  in bianco.-

Mel.- Quattro soldi? Quello ha addosso cento milioni!-

Ora.- Cento mi... milioni? Ma... siete sicuro?-

Mel.- Mi sono mai sbagliato?-

Ora.- No, fino a ora, no.-

Mel.- E allora andate ad accertarvi personalmente. Dopo mi  farete le vostre scuse.-

Ora.- ( avvicinandosi alla porta privata) Cento milioni,  cento milioni, mi sistemo per tutta la vita.-

Nel frattempo, facendo finta che c'è stata una mancanza momentanea della luce, si farà il cambio dell'effigie, con il viso di un attore, che farà la parte di sant'Onofrio. Oppure, a scelta della regia: nell'effigie è stato ritagliato l'ovale del viso del santo e, dall'interno della quinta, incernierato, in modo tale che l'attore -possibilmente quello che fa Giacomo – possa mettere il suo viso, fin dall'inizio dell'atto. In tal caso, le battute sulla luce che manca, si diranno dopo, quando il santo non parlerà più.

Ora.- A luci! Malanova!-

Tan.- Principali, datimi a manu.-

Ora.- (riprende la luce e notando che Tanu ancora gli tiene la mano nella sua) Turnau. Allura Tanu, veni cu mia ddà banna?

Tan. (allontanandosi come se avesse preso la scossa) Mai sia!-

Ora.- Vigliaccu! Va bene, visto che ccà c'è sulamenti un vero uomo, vado io! Mih, centu miliuni, mi sistemu pi sempri.-

Ono.- Orazio! E lui cosa vuole in cambio da te?-

Ora.- (credendolo Tanu) Siamo gia` al tu? Stai al tuo posto sai, tintu scrivanu?-

Ono.- Domandagli cosa vuole, per favore...-

Ora.- Qualsiasi cosa possa volere da me, non potra` mai  valere cento milioni!-

Ono.- Sei proprio sicuro?-

Ora.- Sicuru, sicuru.-

Ono.- Sei sempre il solito ciuccio presuntuoso!-

Ora.- Tanu, ora ci stai facennu nesciri i pedi di fora!-

Tan.- Ma se nun parrai attunnu!-

Ora.- Allora... e` stato lei?- ( a Melo) -

Mel.- No, non sono stato io, ma lui, il rompiscatole. ( indica il quadro)-

Ora.- Ca ora un quadro si mette a parlare...-

Ono.- Certo, qui solo gli asini ne hanno il diritto.-

Ora.- ( girandosi di botto e guardando il quadro) E no, a me  non mi fregate. Dov'e` il trucco?-

Tan.- Orazio, chiddu parra daveru...-

Ora.- Avanti, allora dimmi qualcosa, in faccia.-

Ono.- Per tutti gli spurugghia-facenni, ma questo e` proprio  un ciuco. E a pensare che l'ho protetto per  trent'anni.-

Ora.- Ma... ma parla per davvero? Tanu, che fa? Parla daveru?-

Tan.- Sissignore, principale..Sabbenedica, santu prutitturi.-

Ono.- Ciao caro. Allora Orazio, ora che finalmente ti sei  convinto, fai una bella cosa: Prendi quel tizio per la  collottola e buttalo fuori da qui.-

Mel.- Un momento, come vi permettete? Voi non potete...-

Ono.- Io no, ma c'e` chi puo`. Allora Orazio?-

Ora.- Ma scusate, perche` dovrei farlo? Questo signore mi ha sempre aiutato, non capisco.-

Ono.- ( pazientemente) Tanto per cambiare. Ma tu non sai chi  e` veramente questo... signore?-

Ora.- Colui che mi togliera` dalla miseria e dagli stenti.  Colui che mi fara` milionario, signore riverito e  servito, colui che cambiera` la esistenza mia e dei  miei famigliari... E anche di Tanu.-

Tan.- Buscie santu prutittu, buscie, nun ci criditi, ju nun vogghiu cangiari... ju, accussì mi senti nu pascià...u viditi? sto beni assai - assaiuni!-

Ono.- Stai tranquillo Tanu Gebbia. ( a Orazio) Bene, visto che non vuoi  capire, te lo diro` io.-

Mel.- Voi vi dovete fare solo i cavoli vostri!-

Tan.- Ahu! E` cchi si parra accussì cu un santo? ( al quadro)  Sant'Onofrio,  aiutateci vui.-

Ono.- Avete fatto un guaio, vero?-

Tan.- Si, ma nun vulevumu fari mali a nuddu... fu na disgrazia!-

Ono.- Per ascoltare... costui, capisco. E tu Orazio, non hai  da chiedermi nulla?-

Ora.- E cosa vi debbo chiedere? Nel passato vi ho chiesto  tante cose, ma le mie parole, a voi, da un orecchio vi   entravano e dall'altro vi uscivano. Di me, voi ve ne   siete sempre fottuto!-

Tan.- No, principali, nun parrati accussì al nostro Santu Prutetturi.-

Ora.- Ma a chi? A chi ha protetto fin'ora? A mia, a tia? Ma se e` na  vita ca facemu a fami e ora ca s'apprisenta a fortuna, vene iddu e ni fa a morale.-

Ono.- La fortuna? Ne sei sicuro?-

Mel.- La fortuna, e` la sua fortuna!-

Ono.- Voi state zitto, allettatore!-

Mel.- Ecco, ci risiamo.-

Tan.- Sant'Onofrio, cchi voli diri allentatore? Voli dire  forsi 'mbrugghiuni e mariolu?-

Ono.- Peggio, peggio...-

Tan.- Forsi... diavuluni?-

Ono.- Eh, quasi ci siamo.-

Tan.- Vi giuro Sant'Onofrio, ju nun i vogghiu ssi soldi.  Sunu sporchi e insanguinati... principali, dicitaccillu vui a sant'Onofrio. Sant'Onofrio, aiutu.-

Ora.- Tanu, nun picciari. Va beni, vuol dire che  quei soldi me li prendero` tutti io.-

Mel.- Questo significa parlare!-

Ono.- E prendili allora, se ne sei capace. E dopo che li  avrai presi, domanda al signor...Melo Marcio, cosa vuole  in cambio da te!-

Ora.- E va bene, vi accontento subito.-

Tan.- Principali, fremmu, nun trasiti ddà banna.-

Ono.- Ha piu` giudizio lo scrivano che il...principale.-

Ora.- No, no, " Varvasapiu", sapientone, lui non ha giudizio,  lui e` un poveraccio che vive di nulla, e se ve lo dico   io che lo conosco da trent'anni, ci dovete credere. E   si accontenta.  Ma io no, io sono cosciente della vita che ho fatto  fino a prima di conoscere questo signore. Vita di   stenti e di digiuni, di freddo e di umiliazioni, di  emarginazione - una vita quasi senza dignità...  Mia figlia Tinuzza,  si vergognava di se e di me. Con le sue compagne si  sentiva una poveraccia, figlia di poveracci quali siamo.  Vennera non si faceva un abito nuovo da  venticinque anni; I miei picciriddi si passavano tra di  loro i pochi stracci di vestiti che avevano. Io non   fumavo da vent'anni per non sottrarre  nemmeno una lira  alla famiglia. (indica Melo) Solo lui ci ha dato speranza, facendoci buscare qualche lira...

Ma cosa ne sapete voi lassu`, di noi poverecci?-

Ono.- Punti di vista. Io la mia vita l'ho vissuta peggio  della tua, almeno dal tuo modo di vedere. Ero povero,  ero solo. Il digiuno e la preghiera erano le mie  consolazioni...-

Ora.- E non per niente vi fecero santo!   No, Sant'Onofrio, voi non potete capire.  Eppoi, lo sapete che fu una disgrazia! ( fa cenno al  suo ufficio privato) Noi volevamo solo ristabilire un   po' di equilibrio di ricchezza, un livellamento... Perche` nel mondo ci sono i ricchi sfondati e i poveri

e pazzi!  E io sono stato messo, inesorabilmente, nella   categoria dei poveri e pazzi senza speranza      Io e stu povero Cristu. ( accenna a Tanu)-

Mel.- Non nominate quel nome!-

Tan.- Pirchì? Vi duna... fastidiu?-

Mel.- Voi state zitto, idiota!-

Tan.- Cristu, Cristu, Cristu!-

Mel.- Zitto, zitto! ( si preme le orecchie) Orazio fatelo   tacere!-

Tan.- Cristu aiutaci, Cristu salvaci, Cristu proteggici,  Crustu abbialu fora! ( Melo Marcio fugge via ed esce)  Crustu... mamma mia chi puzza di suffuru!-

Ono.- Bravo Tanu, ti meriti un bacione. Orazio, bacia Tanu.-

Ora.- ( sbalordito dai fatti, poi scandalizzato dalla  richiesta i Sant'Onofrio) Cui ju? Mai!-

Tan.- Avanti principali, doppu trent'anni mo potissiru  dare un vasuneddu, no?-

Ora.- Fattillu dare da iddu! ( fa l'offeso) Ora, giustizia e` fatta: Noi sempre cchiu puverazzi e l'autri sempri cchiù privilegiati...-

Ono.- ... e tutti nelle mani di Melo Marcio...-

Ora.- Tutti? Siti sicuru?-

Ono.- Nel dubbio...-

Ora.- Pro reo.-

Ono.- No, pro poverello. Orazio tu mi hai caricato di rimbrotti per la mia  presunta mancanza di protezione. Ma cosa pensi che  veramente io possa mandarti i clienti? che possa farti   avere lavoro? che possa farti stare bene? Tu cerchi  protezione da me come la cercheresti da un capo mafia.

Caro Orazio Fatuzzo, io mi faccio in quattro solo per  difendervi da tutti i Melo Marcio che infestano la  terra, e non posso fare altro.  Quindi, o ti accontenti di questo, o ti cerchi un altro  santo protettore.-

Tan.- Sant'Onofriu, ju m'accuntentu.-

Ono.- E tu sarai premiato. Cosa desideri piu` intensamente?-

Tan.- Ca chiddu ca e` successu ccà intra, nun fussi mai successu, e che.. ddu puvirazzu ca sta dda banna, nun stirasse i pedi...inzumma, avaia ca fussi ancora vivu.-

Ono.- Perche`, cosa e` successo a quello...  di la`?-

Tan.- Una disgrazia e sinni iu...mortu all'istanti.  ( cenno con le  dita)-

Ono.- Ma che dici Tanu, guarda che ti sbagli.  Quello li`... sta meglio di te. Anzi, guarda cosa fai,

 chiamalo.-

Ora.- Non vi prendere beffa di uno sciocco. Giacomo Clisteri   e`...stecchito! ( sale su di una sedia e copre il quadro, oppure gioco di luci e seguente battuta: “Ora.- A luci, miseriaccia lattra macari a luci si ci metti. Tanu, attaccala do quattru...”- Tanu esegue.   Riprende la luce, e Tanu, tornando indietro vede uscire dall'ufficio di Orazio, Giacomo Clisteri frastornato.

Tan.- Principali...principali...taliati...vardati... osservate e viditi chiddu ca vidu ju?

Ora.- (girandosi e restando esterrefatto) Giacomo Clisteri! (poi rivolto a Tanu) ma nun morsi?-

Gia.- To'! mavaru jettaturi!-

Ora.- No...cchi dici? Eccu... ci pareva...vi siete accasciato...ma ora state bene?-

Gia.- Mi sentu frasturnatu, ma staiu bunazzu...Ma mi vuliti spiegari cchi mi successi?-

Ora.- Eh, signor Clisteri, ci avete fatto prendere una   paura... cascasturu  'n terra comu na pira matura...figuratevi che vi credevamo gia` morto? Vero  sant'Onofrio?-

Gia.- Ah, ora mi ricordu...mi scantai di... qualcosa di spaventoso, e persi i senzi... Ma dicitimi, secunnu vui, quannu si perdunu i senzi, si sonna? No picchì mi parsi di sunnari ca cascavu giusu 'n funnu di puzzu e che qualchidunu pi pigghiava pa cullottula e mi purtava susu... Mah, chissacciu... comunqui, fortunatamenti nun è successu nenti,  non e`accussì?-

Tan.- E` accussiissimu!-

Ora.- Proprio cosi`. ( al santo) Sant'Onofrio, vi debbo le mie scuse... Vi ho chiesto scusa... e rispondetemi, allora?-

Gia.- Signor Fatuzzo, na stampa nun po parrari, cchi siti scemunitu?-

Tan.- Nun parra? Chissu u diciti vui, pirò.-

Ora.- Eppure ha parlato... ahu parrau... vero Tanu?-

Tan.- Sissignore, principali.-

Gia.- Ma quale parrari e parrai, sara` stato u scantazzu ca vi fici pigghiari ju, quannu persi i senzi. E vi fici veniri puru i visioni... Sapiti, po` capitare. Na vota nu me amicu... -

Entra angelino.

Ang.- Ecco la prenotazione, signore...-

Gia.- Dice a mia? ( si guarda attorno)-

Ora.- A voi, certamente, vi siete dimenticato della  automobile?-

Gia.- Automobile? Ma dici daveru?-

Tan.- Ca certu, vulevuru na merceria con le ruote...-

Ang.- Io vi ho prenotato una Mercedes, signore, come voi   avete ordinato.-

Gia.- Ci a essiri nu sbagghiu, io non vogghiu macchini... ma quali machini e machini iti ricennu. C'appoi ju nun aiu mancu a patenti.-

Ora.- Ama capitu, Melu Marciu...addio affari...-

Gia.- Ma scusati, quali affari ava a fari ju e vui?-

Ora.- Nenti, nenti fu tuttu nu sgherzu, nun fatici casu...-

Tan.- E comu si dici nte nostri parti: mortu n'affari sinni fa n'autru.-

Ang.- E allora, visto che ci siamo, e tanto per continuare con le spiacevoli notizie, qui   c'e` una  diffida del padrone di casa e un'ingiunzione  della ditta Mobilisuperbelli. Vogliono il saldo del  loro avere.- ( mostra dei fogli)

Ora.- Ma... ma nun li pavasti in cuntanti?-

Ang.- Sembra di no. Qui sollecitano il saldo, che se non  sbaglio...e` del novanta per cento  dell'intero importo.-

Ora.- Tanu, ma nun pavasti tutto tu?-

Tan.- Ju? No, pavavu Melo Marcio. Ju ci desi i me risparmi.-

Ang.- ...E lui disse che li avrebbe fatti fruttare e avrebbe  saldato tutto. Me lo ricordo bene.-

Ora.- Allura semu persi!-

Entrano Vennera e Tina.

Ven.- Orazio, Orazio, u custureri vole u saldo do cuntu de vestiti. Ma nun lu pavasti in contanti?-

Tin.- E macari a merciera... e puru u salumieri...-

Ven.- E u canchieri.-

Ora.- E a morti buttana!-

Entra il rapinatore.

Rap.- Ehi, amicu, cchi scherzi su chisti? O  postu di picciuli, tiniti a carta igienica? Eccu, pizzenti! ( mostra  della carta straccia e un logoro portafogli) Annunca m'aviti fattu a truffa, e ju ci rimisi un colpu pienamente riuscitu. Ora cchi mi pava i danni? Chi m'indennizza?-

Ora.- Ju vi indennizzo! Ju, a tutti quanti, pari pari pari pari! Dammi st'affare  ( gli strappa la pistola dalla mano) E macari chistu. (gli toglie il passamontagna che il rapinatore portava  sul capo, ripiegato) Ed ora, amicu, ju e tia ni mittemu in società e facemu na bella banda di rapinatori - con succursale. Eccu comu indennizzu a tutti! O pattruni i casa, o chianchieri, o custureri o salumeri, o pisciaru, o scarparu, o varveri, e ìnferi e a tutti i tranveri... vi pavu a tutti, a tutti, a tutti! Pari, pari, pari, pari!!! - ( fa il matto )

Ven.- Orazio, ma cchi fai? Mi fai scantari.-

Tan.- Principale, accura cu ssa scupetta...(la pistola)-

Gia.- Vi putissiru astruppiari... se parti un colpu...-

Rap.- Ma quali struppiari, e` finta.-

Ora.- E macari cu na pistola finta, ca raggia e lu curriu ca ci aiu ncoddu, ju, sugnu capacissimu di fare un macello - u stissu!!- ( continua a fare  l'esagitato)-

Ang.- Calmatevi signor Fatuzzo. Rimedieremo a tutto.  Lavoreremo sodo e pagheremo...-

Ora.- Io, Orazio Fatuzzo, sfido il mondo!-

Gia.- ( pazientemente, ma con prudenza) Sentiti principali, ju dill'automobile non sacciu cchi farmini, ma m'aggiuvassi nu tratture: bello forte, tedesco. Picchì  non diciti a stu giovanottu di cangiari la prinutazioni da machina in una po tratturi?-

Ang.- Si puo` fare. Che lo faccio? E papa`?-

Tan.- U principali e`iddu, nun to scuddari mai! Brevi, principali cchi facemu, eseguiamo?-

Ora.- ( buttando l'arma e il passamontagna sul tavolo) Eseguite, tantu ormai... Sant'Onofrio che ne dite? Eh?   meglio di cosi`...-

Gia.- Principale, ju vulissi espandermi e avissi abbisognu di prissuni fidati, lavoratrici, bravi, propriu comu a vui. Picchì nun venite a travagghiari cu mia? Nte me serri, nmenzu e ciuri, aria bona e pava sicura. E macari vui, bravu giovanottu.  ( al rapinatore)-

Rap.- No grazie, ju prefiriscu a libbera prufissioni.-

Gia.- E voi signora? Signorina e lei?-

Tin.- Io accettu volentieri. Che bellu papà, finalmenti travagghiu.-

Ven.- Ju n'o sacciu, prima aia a parrari cu me maritu.-

Gia.- E voi giovanottu? Mi sirvissi na prissuna in ufficiu... ( ad Angelino)-

Ang.- Io sono in ditta con loro. Quello che decidono, io faro`.-

Gia.- E vui? ( aTanu)-

Tan.- U principale e` iddu.-

Gia.- E allura, principali?-

Ora.- ( sedendosi) Vediti, amicu miu, voi mi offrite cchiu assai di quantu ju nun meritu. Ciononostante aia rifiutare. Ma il mio rifiuto e` personalissimo. Iddi sunu liberi. Anzi vardati, pi me  figghia dò il mio consenso...( Venera tenta di dire qualcosa) No, tu no, a muggheri, tu stai intra... ci sunu ancora i picciriddi. Poi, poi, videmu. E macari pi Angilinu.  Si Angilinu. Vai a travagghiari cu st'amicu ca è un signorone, e puru  serio e capace. E si ci sai fari, ti farai un avvenire, picchì... (Angelino vorrebbe intervenire) mutu, nun parrari. (pausa) Avaia, ccà, cu nuatri, dell'avvenire non c'e` mancu l'idea. ( Angelino sta per replicare ancora, ma Orazio lo blocca.) Mutu. mutu.-

Gia.- Ma vu dugnu ju u travagghiu, picchì mi appoggero` alla vostra agenzia pi tutti i facenni de me interessi. E sunu assai, assaiuni, comu dici u vostru sociu.-

Ora.- V'arringrazio tantu, ma iddu (indica Angilinu) veni cu vui.-

Tan.- Angilinu vidi ca u principali avi raggiuni, u capisti?

Ang.- Obbedisco!-

Ora.- Finalmenti: salaratuddiu. (a tutti) Vedete, Ju e Tanu sapemu fare sulu stu misteri... e, modestamente, semu mastri de mastri... Veru Tanu? (Tanu annuisce)-

Ven.- Cangia misteri Orazio, tu hai gnegnu... (si tocca la fronte).-

Ora.- Vennera, sunu trent'anni ca ju e Tanu facemu i spurugghia-facenni, e se Dio e Sant'Onofriu, picca picca n' aiutanu, u facemu pi n'autri trent'anni, finu all'estinzione.  Senti Tanu, varda cchi fai, schiova dd'insegna, e a so postu mittaccinni  una ca dice accussì: " Fatuzzo e Gebbia, spurugghia-facenni in Catania."

Tan.- E chistu ci u mettu ju:" Casa fondata nel 1936."

Il sipario, lentamente, si chiude.

Fine.

    Questo copione è stato visto
  • 0 volte nelle ultime 48 ore
  • 0 volte nell' ultima settimana
  • 2 volte nell' ultimo mese
  • 6 volte nell' arco di un'anno