Ma che ca…polavoro!

Stampa questo copione

Ma che ca…polavoro!

di Vincenzo Rosario Perrella Esposito

                                                                                                                                           (detto Ezio)

05/11/2012

Personaggi:   11 + 5 comparse

Nicola           Mastro Geppetto

Pasquale       Pinocchio

Paola            Fata Turchina 

Antonio        Mastro Ciliegia  – Lucignolo 

Mariano       Grillo parlante

Luisa            donna delle pulizie teatro   

Ciro              Il Gatto 

Vincenzo      Mangiafuoco – carabiniere

Raffaele       il suggeritore

Nina Nanna La Volpe

Samantha     cameriera della fata turchina  

Lo scenografo e 2 aiutanti

Tecnico luci e suoni

Il sarto

Cosa succede quando si è nel giorno delle prove generali di uno spettacolo? E cosa avviene quando esse s svolgono direttamente a teatro, mentre gli scenografi e i tecnici audio-luci stanno preparando l’ambiente per los pettacolo? Il pandemonio, favorito anche dal fatto che il teatro dovrebbe essere vuoto, visto che è ancora presto per lo spettacolo. Ma in realtà non è così. Il pubblico c’è. E il regista se ne accorge, anche se con relativo ritardo. E allora cosa si fa? Si trasforma una prova nello spettacolo stesso. Ma la presenza dellos cenografo, del tecnico audio-luci e del sarto renderanno questa prova, diciamo così, un po’ pepata.

Numero posizione SIAE 233047

Per contatti Ezio Perrella 3485514070 ezioperrella@libero.it

  

            Palco di un teatro vuoto. Non ci sono scenografie né arredo, solo quinte vuote.

ATTO PRIMO

1. [Sig.ra Luisa e Nicola. Poi Ciro, Vincenzo e Pasquale]

                   Intenta a spazzare, la signora Luisa è sola sul palco. Sbuffa e si lamenta.

Luisa:        Ma comm’è spuorco, ‘stu tiatro. Sono tutti scostumati: gli attori, il pubblico, i  

                   tecnici… che spòrchene, spòrchene e spòrchene… e io po’ aggia pulezzà! Menu

                   male che nun ce sta nisciuno. Almeno pozzo faticà ‘npace!

                   Spazza e spazza, mentre da destra entra Nicola che guarda il proscenio vuoto.   

Nicola:       E gli attori addò stanne? Ancora hanna venì? (Nota Luisa) Mò domando a

                   chella. (Va da lei) Signora, scusate…

Luisa:        Ma che fate? Camminate per terra?

Nicola:       Scusate, allora addò aggia cammenà? ‘Nfaccia ‘o muro?

Luisa:        No, ho pulito.

Nicola:       E avete fatto male. Non vi hanno avvisato? Noi dobbiamo fare le prove generali.

Luisa:        Ma pecché, vuje state ‘nzieme a chella banda ‘e ggente ch’è venuta primma?

Nicola:       Quala banda ‘e ggente? Quelli sono attori e io sono il loro regista e capocomico.

Luisa:        E che dovete provare?

Nicola:       Stiamo per dare “Pinocchio” di Collodi, rivisitato dall’autore Ezio Perrella. A

                   proposito, ma dove sono andati gli altri attori?

Luisa:        Se ne sono andati. Hanno accompagnato a uno degli attori al pronto soccorso.

Nicola:       Ma perché, chi si è fatto male?

Luisa:        E chi ‘o cunosce? Io so soltanto che l’hanno accompagnato tutti quanti.

Nicola:       Ma che hanne fatto, ‘o corteo ‘int’’o pronto soccorso?

Luisa:        Ma io che ne saccio?

Nicola:       Signò, ma che v’arraggiate a ffa’? Scupate, scupate!

Luisa:        E allora non m’interrompete. (Torna a spazzare)

Nicola:       Ma comme, dich’io: uno si fa male e se ne vanno tutti quanti. Cose ‘e pazze!

                   (Trova uno sgabellino e si siede imbronciato)

                   Da destra entrano Ciro e Vincenzo, portando sottobraccio Pasquale, con la

                   testa fasciata, sofferente.

Pasquale:  Ah, mamma bella! Che dulore!

Nicola:      (Li nota e si alza in piedi) Pascà, Vicié, Ciro… ma ch’è succieso?

Ciro:          No, niente, fessarie, s’ha dutto ‘a capa!

Vincenzo: Addò ‘o facìmme assettà?

Nicola:      ‘Ncoppa a ‘stu sgabello.

                   I due lo fanno accomodare. Nicola allora li interroga.

                   Ma inzomma, se po’ ssapé ch’è succieso?

Ciro:          Io nun saccio niente.

Vincenzo: E manch’io.

Ciro:          E sì, pecché nuje amme ‘ntiso a Pascale ‘e alluccà e ll’amme soccorso.

Vincenzo: Accussì l’amme accumpagnato ‘o CTO.

Nicola:       Pascà, ma se po’ ssapé che hé cumbinato?

Pasquale:  In attesa che venìve tu, aggio vuluto pruvà ‘a parta mia, cioè chella ‘e Pinocchio

                  quanno incontra ‘a fatina. Però Paola ancora ha da venì. Accussì aggio chiesto a

                  chella attricia nova, Nina Nanna, si puteva fa’ ‘nu mumento ‘a parte d’’a fatina.

                  Allora io me so’ miso ‘o naso ‘e Pinocchio e essa s’ha miso ‘o velo! 

Nicola:      E allora?

Pasquale:  Ce ne simme jute ‘int’’e camerini. Accussì, accomme amme miso ‘o pede ‘int’’o

                  camerino… fuuuum… amme pigliato ‘na cacchia ‘e sciuliata! Io so’ gghiuto

                  luongo luongo ‘nterra, mentre Samantha s’è assettata ‘ncoppa ‘o naso ‘e

                  Pinocchio! Infatte, nun l’aggio truvato cchiù. Chi sa addò è gghiuto a fernì?!

Nicola:      E’ meglio che nun t’’o ddico! Ma inzomma, se po’ ssapé comme te sì ciaccato?

Pasquale:  E secondo te? Samantha, quanno s’è assettata ‘ncoppa ‘o naso ‘e Pinocchio, s’è

                   assettata pure ‘ncapa a me!

Nicola:       Aggio capito, aggio capito. Vabbuò, aroppo te dongo ‘nu naso ‘e riserva.

Ciro:          Però è strano: nun aggio capito pecché se sciulia, ‘int’’o camerino.

Vincenzo: Secondo me ‘o ssape chella signora che sta scupanno ‘nterra.

Nicola:       Sì? (Va da lei) Signò, scusate, ma perché si scivola nei camerini?

Luisa:        E pecché ce aggio passato ‘a cera!

Nicola:      ‘Int’’o camerino? Ma che ll’ate pigliata, pe’ ‘na stanza ‘e pranzo?!

Luisa:        Mamma mia, e comme site ‘mpicciuso! Mò me ne vaco a spazzà areto ‘e quinte!

                   Se ne va imbronciata.

Nicola:      (Torna da loro) Vabbuò, jà, Ciro, Vicié, jate a piglià doje seggie.

Vincenzo: (Lo porta in disparte) Nicò, primma ch’ascìmme, t’aggia dicere ‘na cosa trista:

                  ‘o duttore d’’o CTO ha ditto che Pascale ha avuto ‘na commozione celebrata.

Nicola:      Embé, e che me ne ‘mporta che s’ha miso a chiagnere?!

Vincenzo: No, no, ma nun è commozione ‘e lacrime, è ‘na commozione ‘e cervello! In

                  pratica, nun s’arricorda cchiù ‘a parte ‘e Pinocchio!

                  Vincenzo e Ciro escono a sinistra. Nicola pare sconvolto.

Nicola:      Che cosa? Uh, mamma mia! E mò comme se fa?

                  Va da lui che tiene gli occhi chiusi e si lamenta.

Pasquale:  Ah, mamma bella! E comme pesa ‘o popò ‘e Samantha! (Apre gli occhi e nota

                   Nicola) Néh, ma che tiene ‘a guardà?

Nicola:      E mò comme t’’o faccio fa’ ‘a Pinocchio?

Pasquale:  E vabbuò, sulo pecché Nina s’ha pigliato ‘o naso?!

Nicola:      Ma no, Pasquale, tu non ricordi più niente. E allora non puoi fare più Pinocchio.

Pasquale:  E a chi faccio?

Nicola:      Vuoi fare Mastro Ciliegia?

Pasquale:  No, no, nun me piace.

Nicola:      Ma perché, tu sai chi è Mastro Ciliegia?

Pasquale:  ‘Nu fruttajuolo!

Nicola:      Ma te pare a te che dint’’a fiaba ‘e Pinocchio ce sta ‘nu fruttajuolo?

Pasquale:  Ma pecché, Pinocchio e Geppetto nun s’’a màgnene ‘a frutta?

Nicola:      Non c’entra. E va bene, rimani tu Pinocchio. Solo che adesso mi serve un’idea.

                   Già, ma quale?

                   Nicola si mette a riflettere. 

2. [Nicola e Pasquale. Poi Antonio, Mariano e Nina Nanna]

                   Da destra giungono Antonio, Mariano e Nina. Parlano tra loro.

Antonio:   (Piacevolmente sorpreso) Uh, comm’era bello ‘o CTO!

Mariano:  E già. Io m’aggio fatto ‘nu giro e aggio scattato ‘e ffotografie cu’ ‘o cellulare!

Nina:         (Ha una parlata lenta e cadenzata) A me invece m’ha fatto venì suonno!

Nicola:      (Li nota e va da loro) Ah, finalmente vi siete degnati di venire. Ma ch’ate fatto?

Antonio:   Abbiamo accompagnato pure noi a Pasquale al CTO e ci siamo trattenuti per

                  visitare le sue stanze.

Nicola:      Ma che l’avite pigliato, p’’a reggia ‘e Caserta?

Mariano:  E comme! Vuo’ vedé ‘e ffotografie ‘ncoppa ‘o cellulare?

Nicola:      Ma che me vuo’ fa’ vedé? A proposito, ma lei chi è?

Mariano:  La nuova attrice che deve fare la parte della Volpe.

Nicola:      Ah, sei tu? Come ti chiami?

Nina:         Mi chiamo Nina Nanna!

Nicola:      (La osserva perplesso) Hai già fatto teatro in passato?

Nina:         Sì. E conosco la storia di Pinocchio a memoria. Paola mi ha dato pure il copione.

Nicola:      Brava. Allora tra poco ti vediamo all’opera.

Mariano:  E Pascale comme sta?

Pasquale:  Chi è che parle?

Mariano:  Songh’io, Mariano.

Pasquale:  Ah, sì tu? Ma Mariano chi?

Antonio:   No, Pascale nun sta buono! E Ciro e Vicienzo?

Nicola:      Hanne jute a piglià doje seggie.

                  Da sinistra Ciro e Vincenzo tornano proprio con due sedie.

Ciro:         Eccoci qua! Mò ce putìmme assettà.

                  I due si siedono e guardano gli altri.

Nicola:      E ch’ate fatto?

Vincenzo: Amme pigliato doje seggie comme hé ditto tu!

Nicola:      E vuje ate pigliato justo doje seggie? E nuje addò ce assettàmme?

Ciro:          Uh, nun c’’eva penzato proprio!

Mariano:  Vabbò, nun te prioccupà. Mò jamme io e Antonio a piglià ati ddoje seggie!

Antonio:    E sì, nun te prioccupà.

Nicola:      Jate, jate. E facite ambresso, però.

                  I due escono a sinistra. Nicola allora riassume la situazione.

                  Allora, chi manca ancora?

Vincenzo: Solo Paola e Samantha.

Nicola:      E comm’è?

Nina:         Paola l’ho sentita mezz’ora fa. Stava preparando le melanzane alla parmigiana!

Nicola:      Menu male, Va’. Accussì se mangia pure!

Nina:         No, ma non sono per noi, bensì per il fidanzato.

Nicola:      Ecco qua, mò ce stamme pure dijune. Abbasta che facìmme ‘sta prova generale!

                  Tornano Mariano ed Antonio con tre sedie.

Mariano:  Ecco le altre sedie. (Le distribuisce) Noi facciamo i lavori completi.

Antonio:   E già. Avanti, adesso ci possiamo sedere.

                  Si siedono Mariano, Antonio e Nina. Loro e gli altri tre notano Nicola in piedi.

Mariano:  E tu nun t’assiette?

Nicola:      (Puntiglioso) No, preferisco rimanere in piedi. Tanto, tra poco vi dovete alzare  

                  pure voi. Signori, in attesa di Paola, comincerò a parlarvi. Finalmente siamo

                  giunti alla prova generale dello spettacolo “Pinocchio”, dopo mesi e mesi di

                  prove, liti, risate, mazzate e sudore. Purtroppo ora siamo alle prese con una grave            

                  emergenza: Pasquale è tornato dal CTO vivo, ma non si ricorda più la parte.

Pasquale:  E aggio perzo pure ‘o naso ‘e Pinocchio!

Nina:         E già. E’ colpa mia.

Nicola:      Lasciate perdere il naso di Pinocchio, tanto ne abbiamo un altro. Piuttosto, come

                  si fa con la memoria di Pasquale?

Pasquale:  Fa’ ‘na cosa: taglie ‘a parte ‘e Pinocchio!

Nicola:      Ma secondo te, ‘sta fiaba se chiamma “Pinocchio”, però Pinocchio nun ce sta?

                  Invece no, ti aiuteremo in un altro modo. Chi di voi ha un’idea?

Vincenzo: Io ne tengo una spaziale: prendiamo due suggeritori.

Nicola:      Ma voi sapete benissimo che noi non li usiamo mai. Da dove li prendiamo?

Ciro:         Ci sta mio cugino Gennaro. Se io lo chiamo, quello viene a suggerire lui.

Nicola:      Ed è bravo?  

Ciro:         Certo. Tiene un solo difetto.

Nicola:      E cioè?

Ciro:         E’ muto!

Nicola:      E comme fa a suggerì?

Ciro:         A gesti!

Nicola:      Ma nun ce putìmme mettere a ffa’ ‘o “gioco dei mimi” mentre facìmme ‘a

                  cummedia. Piuttosto, ci vorrebbe un altro suggeritore.

Mariano:   E ‘o tengh’io: se chiamma Rafele.

Nicola:      Nun è ch’è muto?

Mariano:   No, no, chillo parle buono. ‘O vaco a telefonà?

Nicola:      Va’, però fa’ ambresso.

Mariano:   Vabbuò. (Si alza ed esce a destra)

Nicola:      Però ce vulesse ‘n’atu suggeritore. E addò ‘o vaco a truVa’?

                   Da sinistra torna la signora Luisa.

Luisa:        Signori, io aggio fernuto. Arrivederci e tanti auguri per lo spettacolo!

Gli altri:    Nooooo!

Luisa:        Ch’è stato?

Nicola:      Nun se dice “tanti auguri”. Se dice: merda, merda, merda!

Luisa:        Pe’ carità, io mò aggio lavato ‘nterra!

Antonio:    Nicò, ma nun è ch’’a signora putesse suggerì essa? Nun me pare ‘na perzona

                  intelligente, però l’importante è che suggerisce a Pascale.

Nicola:      Signora, ve la sentite di suggerire? (Non attende la risposta) Avete detto di sì? E

                  allora adesso avrete un copione tutto vostro. Dagliene uno, Ciro.

Ciro:         (Lo cede alla signora) Signò, chisto è ‘o cupione. Mò v’accumpagno.

Luisa:        Addò?

Ciro:          V’ata annasconnere areto ‘o sipario.

Luisa:        E pecché?

Ciro:          E pecché ‘o suggeritore nun s’ha da fa’ vedé. E nun s’ha da fa’ sentì d’’o

                  pubblico. Venite cu’ me, ve spiego tutte cose io.

                  Ciro conduce la signora Luisa sottobraccio a sinistra. Torna da destra Mariano.

Mariano:  Nicò, tutt’apposto. Rafele sta venenno ccà. (E torna a sedersi al suo posto)

Nicola:      Perfetto. Allora adesso vi riassumo la situazione dei personaggi. Io interpreto

                  Mastro Geppetto; Pasquale, anche se non se lo ricorda, è Pinocchio; Paola è la

                  Fata Turchina; Antonio invece ha un doppio ruolo: Mastro Ciliegia e Lucignolo,

                   che per fortuna non si incontrano mai nella commedia. Poi c’è Mariano che fa il

                   Grillo parlante, mentre Ciro fa il Gatto e la neo arrivata Nina Nanna fa una

                   doppia parte, cioè la volpe e la cameriera della fata turchina. Infine, Vincenzo fa

                   Mangiafuocoe pure il carabiniere che arresta Pinocchio. Avete capito tutti?

Gli altri:     Sìììì!

Nicola:       E allora posate le sedie, così comincia la prova.

                   Tutti mettono le sedie da parte per poi prepararsi a centro scena.

3. [Detti e poi Raffaele. Poi il tecnico, il sarto e lo scenografo con due collaboratori]

                   Torna Ciro e si unisce agli altri.

Ciro:          ‘A signora s’è sta areto ‘o sipario. E’ pronta a suggerì.

Nicola:       Molto bene. Adesso restiamo in scena solamente io, Antonio e Pasquale. Tutti

                   gli altri, vadano a sinistra.

Mariano:   Io vaco a aspettà ‘o suggeritore fora.

                   Gli altri così fanno. Nicola fornisce altre disposizioni agli attori.

                   Antonio, tu come Mastro Ciliegia mi porti un pezzo di legno che è Pasquale.

Pasquale:   Io songo ‘nu piezzo ‘e legno? Ma nun aggia fa’ Pinocchio?

Nicola:       Cretino, ma pecché, Pinocchio è fatto ‘e cristallo?

Pasquale:   Ah, già. 

Nicola:       Speriamo solo che la signora sappia suggerire. E soprattutto, speriamo che

                   l’altro suggeritore non viene tardi troppo.

                   Torna Mariano seguito da Raffaele (col copione in mano).

Mariano:   Ecco il suggeritore.

Nicola:       Giusto in tempo. Ah, ma noto che già tiene il copione. Bravo, Mariano.

Mariano:   Adesso ve lo presento. Si chiama Raffaele. Su, Raffaele, presentati agli amici.

Raffaele:    (E’ tartaglio) Bu-bu… bu-bu… buo-buonasera!

Nicola:       (Sconvolto) Ma… accussì parle?

Mariano:   E certo. Uhé, Rafé, lui è il regista. Si chiama Nicola.

Raffaele:    Pi-pi… pi-pi… pi-pi…

Nicola:       Ma comme, nun sì manco arrivato e già he’ fa’ pipì?

Raffaele:    No, pi-pi… pi-pi… pi-piacere!

Nicola:       Ah, ecco. E allora vai a prepararti. Mettiti dietro il sipario, lì a destra.

Raffaele:    Su-su… su-subito! (E così fa)

Nicola:       (Perplesso) Marià, ma nun tenìve niente ‘e meglio? Comme fa chillo a suggerì?

Mariano:   Eh, beh!

Nicola:       Vabbuò, basta. Vatti a mettere insieme agli altri.

Mariano:   Va bene. (Così fa)

Nicola:       E allora…

                   All’improvviso da destra entra Samantha, che parla freneticamente.

Samantha: Buonasera, buonasera. Scusate il ritardo! Avete già cominciato? Tocca a me?

Pasquale:  (La richiama) Oh, ce fa male ‘a capa!

Nicola:       Samantha, perché tutto questo ritardo?

Samantha: La verità? Tenevo l’orologio un’ora indietro!

Nicola:       Meglio che ti vai a mettere insieme agli altri. E che non si ripeta mai più. OK?

Samantha: Scusa, scusa! (Va a sinistra con gli altri)

Nicola:       Quindi manca solo Paola! Embé, si nun porta ‘a parmigiana ‘e mulignane,

                   povera a essa! Dunque, cominciamo.

                  Ma giù al palco si porta il tecnico di luci e suoni.

Tecnico:    Signori, buonasera, io sto qua. (E prova le luci e i microfoni)

Nicola:      Ah, ecco, ci sta pure il tecnico di luci e suoni. Bravo! Fai tutte le tue prove. E ora

                  Mastro Ciliegia mi porta il pezzo di legno.

                  Antonio prende per il busto Pasquale.

Pasquale:  Oh, chianu chiano!

Antonio:   Nun te prioccupà. Aspetta, ma io che dico?

Nicola:      Suggeritrice! Suggeritrice! Signò!

Luisa:       (Suggerisce da dietro il sipario a sinistra) Ehm… “Pinocchio, di Carlo Collodi,

                  libera interpretazione di Ezio Perrella…”!

Ciro:         Signò, ma nun ata suggerì ‘a copertina, ata suggerì ‘a pagina 1!

Nicola:      E l’altro suggeritore?

Raffaele:  (Suggerisce da dietro il sipario a sinistra) Buo-buo… buo-buo…  buongiorno…!

Antonio:   Ah, già. (Recita) “Buongiorno, Mastro Geppetto. Ho qui per voi un pezzo di

                  legno. Ma non è un pezzo di legno qualunque. L’è tutto vostro!”.

Nicola:     (Accento toscano) Oh che ci fo’ io con ‘sto pezzo di legno?

Antonio:   Quel che volete.

Nicola:     “Ho deciso: ci fo’ un burattino! Grazie, Mastro Ciliegia. Poggiatelo sulla sedia.”.  

                  Antonio lo fa sedere sullo sgabello. Nicola seguita: prende martello e scalpello.

                  Col martello e con lo scalpello gli darò la giusta forma.

Pasquale: (Impressionato) Oh, oh, nun me fa male!

Nicola:     (Richiama Pasquale) Questo sarebbe Pinocchio?

Pasquale: No, chisto sarebb’io! Statte accorto cu’ ‘stu martiello.

Nicola:     Nun te prioccupà. Andiamo avanti! Forza, suggeritori!

Luisa:       Io aggio perzo ‘o segno!

Nicola:      E allora vai tu, Raffaele! Suggerisci a Pasquale.

Raffaele:  (Suggerisce) “No-non mi pi-pichiar ta-tanto fo-forte!”…

Pasquale: (Ripete tale e quale) “No-non mi pi-pichiar ta-tanto fo-forte!”…

Nicola:      Ma ch’è cacaglio, ‘stu Pinocchio?

Pasquale: Ma chillo accussì m’ha suggerito!

Nicola:      Tu invece devi parlare bene. Pinocchio già parlava quand’era un pezzo di legno.

Pasquale: Aggio capito. (Recita) “Non mi picchiar tanto forte!”.

Nicola:      Ecco, ora mi guardo intorno, poi batto con martello e scalpello su di te. (Così fa)

Pasquale: (Si fa male) Oh, ‘int’’e ccorne ca tiene!

Nicola:      Silenzio! A questo punto, lo dico al tecnico, si spengono le luci per 5 secondi,

                  dopodiché si riaccende ed ecco Pinocchio come deve essere. E poi…

                  Ad un tratto entrano lo scenografo con due collaboratori che portano pannelli,  

                  ma anche il sarto che prende le misure a Nicola.

                  Scusate, ma giusto adesso dovete fare tutte queste cose, voi? (Poi al sarto) Io

                  stongo facenno ‘e pprove!

Sarto:       (Effeminato) E pur’io!

Nicola:      Azz, jamme buono! Va bene, continuiamo. Ora Mastro Ciliegia è sparito e

                  Mastro Geppetto è andato a dormire. Così Pinocchio è rimasto solo. Ma per

                  poco, perché arriva la fatina.

Antonio:  (Mentre va via a sinistra) E nun ce sta ancora Paola!

Nicola:     Antò, aggie pacienza, puorteme ‘nu poco ‘o velo d’’a fatina.

Pasquale: E chi ‘a fa, ‘a fatina?

Nicola:     Appoggiala un momento tu!

Pasquale: Che? Io? E pecché?

Nicola:     E pecché si Paola nun vene, ‘a fatina ‘a faje tu!

Antonio:  (Porta velo e bacchetta magica a Nicola) Tieni! (Lascia il tutto e poi torna via)

Nicola:     Grazie. (Mette il velo a Pasquale e gli cede la bacchetta) Ecco qua, sei stupendo!

Pasquale: Quanno me vede ‘o pubblico, me sputa ‘nfaccia!

Nicola:     Su, stai pronto a risvegliare Pinocchio. Hai capito?

                 Pasquale si mette in posizione.

4. [Detti e Paola]

                  Non notata, da destra entra e si ferma Paola (con occhiali da sole) ed osserva

                  Pasquale nei panni della fatina.

Pasquale: E ch’aggia dicere?

Nicola:     Suggeritrice! Suggeritrice! Signò!

Luisa:      Aggio perzo ‘n’ata vota ‘o segno!

Nicola:     Suggeritore!

Raffaele:  (Suggerisce) “De-de-destati…”!

Pasquale: (Ripete tale e quale) De-de-destati!

Nicola:      Pascà, nun he’ ripetere tale e quale a comme te suggerisce Rafele! Insomma,

                  Raffaele, dici tutta la battuta al completo.

Raffaele:  “De-destati oh le-legno i-inanimato, pe-perché la vi-vita io t’ho do-donato!”.

Pasquale: “Destati oh legno di animale…”…

Nicola:      Ma qualu legno di animale?

Paola:       (Irrompe, recitando) “Destati oh legno inanimato, perché la vita io t’ho donato!”.

Nicola:      Ah, ecco qua la fatina titolare! E ‘a parmigiana ‘e mulignane?!

Paola:       Se la sta mangiando il mio fidanzato!

Pasquale: E nun putive venì ‘nu minuto primma? Accussì me sparagnavo ‘sta figura ‘e…

Paola:       Non essere volgare. Hai capito? (Gli tira via velo e bacchetta) E ridammi questi!

Nicola:      Va bene, Pasquale, torna a fare Pinocchio seduto sullo sgabello, mentre Paola

                  prende il suo ruolo di fatina. E dopo ne riparliamo!

                  I due invertono i ruoli. Nicola nota che Paola non toglie gli occhiali.

                  E gli occhiali da sole?

Paola:       Preferisco tenerli ancora un po’. Ho avuto un piccolo incidente!

Pasquale: Aggio capito: ha abbuscato d’’o ‘nnammurato!

Paola:       Tu fatti i fatti tuoi!

Nicola:      Va bene, basta. Riprendiamo. (Poi però è infastidito dal sarto che continua a

                  prendergli le misura) Ma te ne vuo’ ì ‘nu poco ‘a tuorno a me?

Sarto:       (Effeminato) Tu fai il tuo lavoro, io il mio! Ho reso l’idea?

Nicola:      E’ meglio che nun te guardo, Va’! Pinocchio, la fatina ti ha svegliato.

Pasquale: (Si alza e saluta) Salve, io sono Pinocchio!

Nicola:      (Ironico) Eh, v’aggio purtato ‘o zucchero e ‘o ccafé!

Pasquale: (Ripete) V’aggio purtato ‘o zucchero e ‘o ccafé!

Nicola:      Pascà, ma te pare che Pinocchio parle accussì? Tu devi cambiare tono.

Pasquale: Cioè?

Nicola:      Ti voglio più cacofonico. Ecco, devi essere cacofonico!

Pasquale: E allora mò vaco!

Nicola:      Addò?
Pasquale: ‘Int’’o bagno.

Nicola:      A ffa’ che?

Pasquale: ‘O cacofonico!

Nicola:      No, lo devi fare qua.

Pasquale: Ccà?

Nicola:      Esatto, qua.

Pasquale: Ma a me me manca ‘a carta igienica!

Nicola:      Cretino, ma cacofonico nun vo’ dicere chello che staje penzanno tu. Devi fare

                  una voce brutta. Va bene, tieniti la tua che già è orrenda. E poi non devi fare dei

                  movimenti così sciolti. Tu devi essere più legato.

Pasquale: Accussì? (Fa movimenti robotici)

Nicola:      Ma tu accussì me pare ‘nu robot! Devi essere “dinoccolato”, ma nello stesso

                  momento “rattrappito”. Hai capito? Ecco, come stai facendo adesso!

Pasquale: Ma si io nun aggio fatto ancora niente!

Nicola:      E allora rimani così! Ma anche tu, Paola, sei troppo “truce” e “accipigliata”. 

Paola:       Va bene, farò quel che posso. Però, Nicola, per favore, riprendiamo.

Nicola:      Allora, Pascà, tu ti sei svegliato. E la fatina deve dirti il resto.

Paola:       Pinocchio, ti ho donato la vita.

Pasquale: Ehm… ehm… suggeritrice!

Luisa:       Ma addò sta ‘o segno!

Raffaele:  (Suggerisce) E pe-perché?

Pasquale: (Recita) “E pe-perché?”.

Paola:       “Perché stasera Geppetto ha desiderato un bimbo vero.”.

Raffaele:  (Suggerisce) Ma-ma allora io so-sono un bimbo vero?

Pasquale: “Ma allora io sono un bimbo vero?”.

Paola:       “Non ancora, ma affinché il desiderio si avveri, dimostrati bravo coraggioso

                  disinteressato. Devi distinguere il bene dal male. La tua coscienza te lo dirà.”.  

Nicola:      (Suggerisce lui) “La coscienza? E che cos’è la coscienza?”.

Pasquale: (Ripete, ma gli esce una voce strana per colpa dei microfoni) La coscienza? E

                  che cos’è la coscienza?

Nicola:     (Al tecnico) Ma dico io, ti devi mettere a provare proprio adesso i microfoni? E

                  allo scenografo, proprio adesso dovete montare la scenografia?

I tre:         Sì!

Nicola:      E vabbé. Andiamo avanti. Adesso salta fuori il Grillo parlante.

                  E Mariano da sinistra salta fuori per davvero, spaventando i tre.

Mariano:  Tadà!

Paola:       Puozze passà ‘nu guajo, m’he’ fatto fa’ ‘e vierme!

Mariano:  Ma io dovevo saltare fuori.

Nicola:      Vabbuò, Mariano, dice ‘a battuta.

Mariano:  “Io sono il Grillo parlante”.

Paola:       “Allora sarai la sua coscienza. Tu guiderai Pinocchio nella conoscenza del bene e

                  del male. E ora ricordati, Pinocchio, sii buono”. (S’avvia ad uscire a sinistra)

                  “Ed ascolta sempre la voce della tua coscienza”. (Esce via del tutto)

Nicola:      Bravi. Adesso, prima della scena tra Geppetto e Pinocchio, facciamo una pausa!

                  Tutti si dileguano in fretta. Rimangono Nicola, gli scenografi, il sarto e il tecnico  

                  di luci e suoni. Nicola nota la solerzia con la quale gli altri si sono dileguati.

                 Uh anema, e ch’è stato?! Se n’hanne fujute tutte quante! (Poi nota il sarto che gli

                 prende ancora le misure) Tu staje ancora ccà? Ma allora è ‘na persecuzione!

Sarto:       Caro mio, se tu ti togliessi un momento i pantaloni… mi faciliteresti il compito!

Nicola:     No, no, non ti preoccupare. Prendimi lo stesso le misure con tutti i pantaloni! E

                 ffa’ ambresso! E va bene, allora caro scenografo, come va questa scenografia?

Scenogr.: Eh, caro Nicola, questa è una scenografia all’avanguardia. Basta un telecomando.

Nicola:     Pe’ ffa’ che?

Scenogr.: Appena premi un tasto, dietro i pannelli partono degli ingranaggi che cambiano la

                 scena automaticamente, senza sforzi.

Nicola:     Dopo voglio vedere. Continuate, continuate! (S’avvicina al tecnico luci e suoni)

                 E tu, invece? Cosa mi dici di questo impianto?

Tecnico:   Tutto a posto. Solo che mi servirebbe un jack nuovo, perché uno dei microfoni è

                 a massa e rischia di funzionare a modo suo.

Nicola:     E che può succedere?

Tecnico:   Niente, improvvisamente vi cambia le voci.

Nicola:     No, no, allora facciamo attenzione. Va bene?

Tecnico:   Va bene.

Nicola:     (Poi al sarto che continua a prendergli le misure) E basta! M’hé ammusciato!

                 Esce via a destra. Il sarto lo osserva perplesso.

Sarto:       Aspetta, dove vai? Ho appena iniziato!

                 Lo segue. 

5. [Ciro, Raffaele e la signora Luisa. Poi gli altri]

                 Da sinistra, si portano a centro stanza Ciro e la signora Luisa.

Ciro:        Signò, scusate, ma lo avete trovato questo segno?

Luisa:      No!

Ciro:        Ma fatemi vedere un poco dove state leggendo.

Luisa:      (Mostra il copione) Ecco qua.

Ciro:        Ma se capisce che nun truvate ‘o segno. Vuje tenìte ‘o cupione tutto ‘o cuntrario!

Luisa:      E con ciò?

Ciro:        Signò, scusate ‘a curiosità, ma vuje sapite leggere?

Luisa:      Nun tanto!

Ciro:        E comme facite a ffa’ ‘a suggeritrice? Chi ‘o sente mò a Nicola?

                 Da destra si avvicina ai due Raffaele.

Raffaele: Scu-scusate, ma pe-pecché se n’hanne jute tutte quante? So’ fe-fernute ‘e pprove?

Ciro:        No, no, siamo in pausa.

Raffaele: E co-comme stongo suggerenno?

Ciro:        Eh, beh! Ti raccomando, suggerisci a me… che nun m’arricordo niente!

Luisa:      E non vi preoccupate, ci sto pure io.

Ciro:        Signò, vuje m’ata fa’ ‘o piacere, ata truVa’ ‘o segno. O si no, nun stongo qujeto.

                 Tornano tutti quanti. Pasquale ha finalmente indossato il naso da Pinocchio. 

Nicola:     Basta pausa, si riprende. I suggeritori tornino al loro posto, anche gli attori.

                 Gli altri così fanno. Restano al centro solo Pasquale e Nicola.

                 Allora, adesso facciamo la scena di quando Geppetto s’accorge che Pinocchio è

                 vivo. Pascà, assiettete ‘ncoppa ‘o sgabello.

                   Lui esegue. Torna il sarto, ma stavolta prende le misure a Pasquale.

Pasquale:  Néh, ma che vvo’ chisto?

Sarto:        Devo prenderti le misure.

Pasquale:  No, no, a me nun me piglià niente.

Sarto:        Ma i pantaloni del tuo costume di scena hanno il cavallo stretto.

Pasquale:  E nun è ‘o pantalone ch’è stritto, ma è largo chello che ce sta ‘a dinto!

Nicola:      Va bene, il sarto prende le misure a Pasquale, però senza disturbarci! Io allora mi

                  allontano. (Va a destra, poi torna da Pasquale, recitando) “Ma cos’è il rumore

                  che ho udito? Chi c’è in questa stanza. Chi c’è?”… Pascà, e vuo’ risponnere? 

Pasquale:  E chi ce sta? Ce sta ‘o sarto che me sta piglianno ‘e misure d’’o cavallo!

Nicola:      No, io dico le battute della commedia.

Pasquale:  E si ‘o suggeritore nun me dice ‘e bbattute, io che ne saccio ch’aggia dicere?

Nicola:      Suggeritori!

Luisa:       Scusate, ma a che pagina stiamo?

Raffaele:   Su-suggerisco io: eh… etciù!

Pasquale:  (Ripete) Etciù!

                  Raffaele si soffia il naso e pure Pasquale si soffia il naso.

Raffaele:   Che ca-cacchio ‘e catarro te-tengo oggie!

Pasquale:  (Ripete, recitando) “Che cacchio ‘e catarro tengo oggie!”.

Nicola:      Ma chisto nun è Pinocchio. E’ ‘o suggeritore che se sta sciuscianno ‘o naso!

Raffaele:   All-allora: “So-sono io, ca-caro babbo!”….

Pasquale:  “Sono io, caro babbo!”.

Nicola:      “Ah, va bene, sei tu, Pinocchio! Cosa? Pinocchio? Ma tu sei vivo! Dimmi

                  qualcosa, Pinocchio!”…

Pasquale:  (Arrabbiato) Ll’anema ‘e chi t’è vvivo, ‘o sarto m’ha pugnuto cu’ ‘nu spillo!

Nicola:      Senti, abbi pazienza, prendi le misure ad occhio. Mò nun è proprio ‘o mumento.

Sarto:        Mamma mia, speriamo che vada male lo spettacolo, così imparate!

                  Ed esce via a destra, sculettando.

Nicola:      Jamme, Pascà, dice ‘a battuta. Suggeritore!

Raffaele:   “Sì-sì, io so-sono vivo. E un gio-giorno di-diventerò un ve-vero bimbo!”.

Pasquale:  Che cacchio ha ditto, nun aggio capito niente!

Nicola:      E ‘o guajo è chisto: il dialogo è ancora lungo e tu non te lo ricordi. Si fa così: lo

                  tagliamo. Pinocchio, tu ora andrai direttamente a scuola. Però poi torni insieme

                  al carabiniere che ti ha arrestato. Avanti, vai vicino a Vincenzo.

                  Pasquale, sbuffando, va a sinistra. Nicola istruisce ancora Pasquale.

                  Su, Vincenzo, prendi sottobraccio Pasquale.

Vincenzo: (Esegue) Accussì?

Nicola:      (Ironico) Tu e isso parite ‘o sposo e ‘a sposa! Invece tienilo più stretto. Ecco,

                  bravo! E tu, Pasquà, bussa alla porta.

Pasquale:  Din don!

Nicola:      Ma che din don e din don? Nun ce sta ‘o campaniello. Caso mai, toc toc!

Pasquale:  E vabbuò, tic toc!

Nicola:      Ora vengo ad aprire. (Così fa, poi recita disperazione) “Oooh… oooh…”!

Vincenzo: (Preoccupato) Uh, Marò, se sta affuganno Nicola!

Pasquale:  Muvìmmece, o si no se strozza!

Nicola:      No, no!

                  I due vanno da Nicola e gli picchiano dietro la schiena.

Pasquale:  E’ passato, è passato?

Nicola:      Bastaaa! Turnatavénne fora ‘a porta!

                  Pasquale e Vincenzo tornano al loro posto, Nicola continua a richiamarli.

                  Io nun me stongo affuganno. Mi sto disperando. E lasciatemi disperare in pace!

                  Oh! Dunque: “Oh, Pinocchio, cos’hai fatto?”…

Pasquale:  Ch’aggio fatto?

Nicola:      Che hai fatto?

Pasquale:  Nun ‘o ssaccio.

Nicola:      Ma no, “Cos’hai fatto?”… è la battuta. E il carabiniere cosa risponde?

Vincenzo: “O Mastro Geppetto, ho arrestato il tu’ figliolo! Nun l’è andato a scuola”.

Nicola:      “O pinocchio, vieni da me”.

Pasquale:  (Mentre gli si avvicina, emette un urlo di dolore) Aaaah!

Vincenzo: Ch’è succieso?

Pasquale:  ‘O sarto m’ha lassato ‘nu spillo ‘int’a ‘na zona pericolosa!

Raffaele:   Ma-ma ‘sta battuta nun ce sta ‘nc-‘ncoppa ‘o cupione!

Pasquale:  Cretino, ma chi sta penzanno ‘o cupione?!

Nicola:      Vabbuò, Pascà, vatte a levà‘o spillo areto ‘a scenografia.

                  Pasquale esce da sinistra, camminando gambe aperte e sguardo preoccupato.

Scenogr.:   Nicò, allora ci siamo.

Nicola:      Ma io vedo che la scenografia non è ancora tutta montata.

Scenogr.:   Davanti, ma di dietro abbiamo terminato il circuito che fa ruotare la scenografia.

Nicola:      E cioè?

Scenogr.:   Adesso ti faccio vedere. (Prende un telecomando e schiaccia tasti) Ecco qua!

Pasquale:  (Da dietro la scenografia, grida di dolore) Aaaaah!

Nicola:      Me pare ch’aggio ‘ntiso a Pascale ‘e alluccà!

Scenogr.:  No, ti sbagli. E adesso premo un altro pulsante. (Così fa)

Pasquale:  (Da dietro la scenografia, grida di dolore) Aaaaah!

Nicola:      Uh, Marò! E’ proprio Pascale. Io m’aggio scurdato che chillo sta areto ‘a

                  scenografia. Oddio, povero Pascale!

                  Corrono tutti dietro la scenografia, pure Raffaele. Invece Luisa da destra entra. 

Luisa:       (Mostra fiera il copione) Uhé, ma addò jate? Finalmente aggio truvato ‘o segno!

FINE ATTO PRIMO

Palco del teatro vuoto: mezz’ora dopo.

ATTO SECONDO

1. [Pasquale, Nicola, lo scenografo e i 2 aiutanti, il sarto e il tecnico]

                  Pasquale (con la fronte fasciata, collarino al collo, medicazioni sul naso e mani

                  fasciate), arrabbiato, che rincorre e picchia con una busta che contiene alimenti,

                  lo scenografo e i suoi aiutanti, il sarto e il tecnico. Nicola cerca di fermarlo.

Nicola:      Pascà, càlmete!

Pasquale: V’aggia accidere, v’aggia leVa’ ‘a capa ‘a coppa ‘o cuollo!

Inseguiti:  Noooo, noooo!

Pasquale: V’aggia scannà! Tié, tié, tié!

Nicola:      (Riesce a placarlo)   Pascà, Pascà, statte calmo, pe’ piacere. Te sì calmato?

Pasquale: Sì, sì, me so’ calmato.

                  Ma poi riprende di nuovo ad inseguire e picchiare gli altri.

                  V’aggia accidere, v’aggia leVa’ ‘a capa ‘a coppa ‘o cuollo!

Nicola:      (Tenta di nuovo di fermarlo) No, no, Pascà! Aspiette, aspiette. (Lo placa di

                  nuovo) Pascà, pe’ favore, me vuo’ dicere che staje facenno?

Pasquale: E mò t’’o ddico.

                  Ma poi riprende di nuovo ad inseguire e picchiare gli altri.

                  Voglio accidere a ‘sti scieme!

Nicola:     ‘N’ata vota! (Lo rincorre e lo placa ancora) Pascà, fermati! Devo dire una cosa a

                  quei cinque: mettiteve in disparte. A chisto ce penz’io! 

                  Gli altri eseguono. Così Nicola può interrogare Pasquale.

                  Pascà, pecché vuo’ piglià a mazzate a chilli cinche?

Pasquale: E ce sta ‘a domandà? Chille m’hanne quase acciso! ‘O sarto m’ha appizzato ‘nu

                  spillo lloco sotto, che mò me pare ‘nu spiedino!

Nicola:     E sono cose che capitano!

Pasquale: E ‘o scenografo? Isso e chilli duje pupazze che stanne ‘nzieme a isso, pe’ colpa

                  ‘e chella scenografia, m’hanne scamazzato tutto quanto!

Nicola:      E sono cose che capitano!

Pasquale: E ‘o tecnico m’ha fatto piglià ‘a currente!

Nicola:      E sono cose che capitano!

Pasquale: Ah, sì? E allora mò l’aggia fa’ ‘na paliata!

                  Va per rincorrerli, ma Nicola lo placa ancora.

Nicola:      Pascà, e mò basta!

Pasquale: No! (E lo colpisce con la busta con la sua merenda)

Nicola:      Aaaaah! M’hé ciaccato!

Pasquale: (Ironico) E sono cose che capitano!

Nicola:      Ma che ce sta ‘int’a ‘sta busta?

Pasquale: ‘A marenna mia!

Nicola:      ‘A marenna? E che te magne, ‘e pprete?!

Pasquale: No, è ‘o panino cu’ ‘o tonno e ‘o furmaggino!

Nicola:      Vabbé, ora basta. Smettiamola di litigare. Noi stiamo durante una prova

                  generale. Aspetta qua e non ti muovere. (Va dai cinque) Signori, abbiate

                  pazienza, è un momento delicato. Ne avete ancora per parecchio?

Tecnico:   Io devo finire ancora di modulare i bassi e gli alti dei microfoni. Soprattutto di

                 quelli panoramici. Alla fine poi dovrai dirmi tu se vuoi il suono amplificato o no.

Nicola:     Ehm… fai tu, fai tu. Hai piena libertà!

Tecnico:   Allora io torno alla consolle.

Nicola:     Vai, vai pure. Ti serve la macchina?

Tecnico:   Per andare dove?

Nicola:     Nel posto che hai detto tu!

Tecnico:   No, devo solo scendere dal palco.

Nicola:     Bravo, bravo, scendi dal palco!

Tecnico:   Va bene. (Così fa)

Nicola:     E lo scenografo, invece?

Scenogr.: Devo finire di montare le pareti della scenografia. Se tu e Pasquale ci date una

                 mano, facciamo più presto!

Nicola:     Ma secondo te, io e Pasquale, che sta pure tutto “scarrubbato”, possiamo pensare              

                 alle scenografie? Noi teniamo da recitare. Fate quello che dovete fare in silenzio.

Scenogr.: E va bene. Ragazzi, andiamo. Come on, boys!

                 I tre riprendono a lavorare alla scenografia. Lo scenografo impartisce un ordine

                 ad uno dei due aiutanti.

                 A te, martella quel chiodo là a terra. (Indicando sull’estrema sinistra) Vai, presto!

                 L’aiutante esegue. Infine, Nicola si dedica al sarto.

Nicola:     E tu, invece?

Sarto:       (Effeminato) Devo prendere le ultime misure alle attrici. Ma onestamente mi

                 annoio. Invece mi divertivo di più con voi uomini. Posso prenderle di nuovo?

Nicola:     No, no, basta così. Quel che è fatto, è fatto!

Sarto:       Che peccato!

Nicola:     Aspetta un secondo, per favore. (Va da Pasquale) Hai visto, Pasquale? Con le

                 buone maniere, si ottiene tutto. E adesso vai a recuperare il naso di Pinocchio.

Pasquale: E addò sta?

Nicola:     Nei camerini. Ti accompagnerà il sarto.

Sarto:       Uh, sì, che bello!

Pasquale: Ma che? E vabbuò, sì, ‘o sarto m’accumpagna. Però ha da sta’ luntano ‘a me!

Nicola:     E muoviti! Torna presto, che si prova la scena con Pinocchio, il Gatto e la Volpe.

                 I due vanno a sinistra: Pasquale avanza il passo, il sarto lo segue. Nicola sbuffa. 

2. [Nicola, Paola e Nina Nanna. Poi Vincenzo, Ciro, Pasquale, Mariano, Luisa e Raffaele]

                 Nicola rimane da solo e fa riflessioni ad alta voce.

Nicola:     E questa è la mia squadra. Per stavolta gli ho proposto un lavoro favolistico:

                 “Pinocchio”. Ma la prossima volta, il livello si alzerà. Faremo “La Divina

                 commedia”! Sai come saranno contenti, i miei attori? (Poi realizza) A proposito,

                 ma che fine hanno fatto tutti i recitanti? Sono spariti.

                 Da destra entrano (con una sedia ognuna) Paola e Nina. Si siedono.

Nina:       (Ha una lima, inizia a limare le unghie a Paola) Facciamo il French manicure?

Paola:      No, grazie, fammi solo una smussatina e una passata di smalto color turchino!

Nicola:    (Vi si avvicina) Paola, Nina, ma… ma che state facendo?

Paola:      Oh, ciao, Nicola, vuoi anche tu una limatina alle unghie?

Nicola:      Ma quali unghie? Che devi fare?

Nina:         No, io nella vita faccio l’estetista. Lei mi ha chiesto la manicure e io obbedisco!

Paola:        Del resto, una fatina senza le unghie fatte, pare brutta.

Nicola:      Ma tu ti vuoi fare le unghie di colore turchino?

Nina:         E certo. Scusa, com’è la fatina?

Nicola:      Turchina!

Paola:        E allora!

Nicola:      Paola, mi meraviglio di te. Sei l’unica che mi può salvare questo spettacolo.

Paola:        Eppure mi hai affidato solo la parte della fatina.

Nicola:      E allora vulìve fa’? Pinocchio?!

Paola:        No, una parte femminile più grande, ma molto più grande!

Nicola:      Vuo’ fa’ ‘a balena?!

Paola:       Dai, Nicola! Hai scelto un lavoro straordinario, ma la prossima volta scegli altro.

Nicola:      E tu non lo sai, ma per la prossima volta c’è un lavoro…! Non ti anticipo niente.

                  Lo dirò alla fine, a te e agli altri. A proposito, sapete per caso dove sono finiti?

Nina:         Staranno sicuramente ripetendo la parte.

Nicola:      (Orgoglioso) Bravi! Che professionalità!

                  Dalle quinte si sentono Vincenzo, Ciro, Mariano e Pasquale giocare a Tresette.

Pasquale:  Bastone!

Ciro:          Nun ne tengo, so’ piombo a ‘nu palo!

Mariano:   E io invece m’’o piglio!

Vincenzo: (Si arrabbia) Ma no, si gghive liscio, me facìve fa’ ‘o cappotto a me!

Pasquale:  E io t’’o faccio overamente ‘o cappotto, si faje cappotto!

Nicola:      Ma… ma… stanno giocando a Tresette? Adesso li aggiusto io! (Corre dietro le

                  quinte) Néh, uhé, scieme! Jamme a pruvà mommò, che stasera amma ì in scena!

                  I quattro, seguiti da Nicola, tornano sul palco. Nicola continua a richiamarli.

                  Ma inzomma, amma pazzià oppure amma fa’ ‘e ccose seriamente?

Ciro:          No, no, no, leVa’mme ‘a pazzia ‘a miezo.

Nicola:      E allora basta, riprendiamo. Dove stanno i suggeritori? (Li chiama) Signora

                  Luisa! Raffaele! Subito qua!

                  Da sinistra tornano i due, sottobraccio.

Luisa:        Raffaele, ma allora sai cucinare bene? Mi dici la ricetta della lasagna al forno?

Raffaele:   Du-du-dunque…

Nicola:      Pe’ carità! Si chisto accummencia cu’ ‘a ricetta d’’a lasagna, ‘a fernesce ‘e

                  dicere quanno simme muorte tutte quante! Suggeritori, ai vostri posti, forza!

Raffaele:   Te-te-te la dico du-durante la commedia!

Luisa:        Bravo!

                  I due si dividono a destra e a sinistra, dove l’aiutante dello scenografo sta  

                  sistemando ancora un lungo chiodo. Quest’ultimo si alza e si allontana.

Nicola:      Dunque, adesso proviamo la scena di quando Geppetto manda a scuola

                  Pinocchio. Pasquale, parti da sinistra e vieni verso di me.

Pasquale:   Vabbuò. (Si porta sul posto dov’era l’aiutante dello scenografo)

Nicola:      Suggeritori!

Luisa:        Uh, aggio perzo ‘o segno!

Nicola:      E quanno maje?! Raffaele, che cosa dice Geppetto quando chiama Pinocchio?

Raffaele:   (Suggerisce) Pi-Pi… Pi-Pi…

Nicola:      (Recita) “Pipì! Pipì!”… (Poi, dubbioso) Ma comme, Geppetto ha da fa’ ‘a pipì?

Raffaele:  No, no! (Suggerisce) Pi-Pi… Pi-Pi… Pi-Pinocchio, vieni qui!

Nicola:     Ah, ecco! (Recita) “Pinocchio, vieni qui!”…

                 Pasquale cerca di andare da Nicola, ma non riesce a muovere il piede sinistro. 

                 Nicola ripete la battuta, insistendo.

                 (Recita) “Pinocchio, vieni qui!”…

                 Pasquale cerca ancora di andare da Nicola, ma resta bloccato. Nicola si stufa.

                 Pascà, e vvo’ venì ccà?

Pasquale: E nun riesco a venì.

Nicola:     E pecché?

Pasquale: E pecché s’è ‘ncagliato ‘o pede ‘nterra! Forse aggio acchiappato cocche chiuovo! 

Nicola:     Fa’ forza, fa’ forza!

Pasquale: Ma se scassa ‘a scarpa!

Nicola:     Nun te prioccupà, fa’ forza!

Pasquale: Nun ce riesco. Aspiette ‘nu mumento. (Toglie la scarpa) Ecco qua, so’ pronto!

                 Dietro di lui, Mariano, Vincenzo e Ciro svengono. Pasquale li richiama.

                 Ma all’anema d’’e scieme! Aizateve ‘a terra mommò!

                 I tre si alzano e lo deridono. Pasquale allora parla a Nicola.

                 Nicò, ‘o scenografo nun me l’hé fatto accidere, ‘o tecnico nun me l’hé fatto

                 accidere, ‘o sarto nun me l’hé fatto accidere… ma a ‘sti tre me l’hé fa’ accidere!

Nicola:     No, basta così. Geppetto ti ha chiamato e tu devi venire.

Pasquale: E vabbuò. (Va da Nicola) Jamme, ch’aggia dicere? Suggeritore!

Luisa:       Uh, aggio truvato ‘o segno! (Suggerisce) “Babbino”!  

Pasquale: (Capisce tutt’altro e recita) “Babbuino!”…

Nicola:     (Ironico) Eh, vulìsse doje banane?!

Pasquale: (Ripete e recita) “Vulìsse doje banane?!”!

Nicola:     Ma no, ha detto “babbino”!

Pasquale: Ah, “Babbino”!

Luisa:       (Suggerisce) “Andrò a scuola e mi farò onore”!

Pasquale: (Capisce tutt’altro e recita) “Avrò la scarola e le pummarole”!

Nicola:     Ma Pinocchio va a ffa’ ‘a spesa? Lui dice: “Andrò a scuola e mi farò onore”.

Pasquale: (Ripete) “Andrò a scuola e mi farò onore”.

Luisa:       (Suggerisce) “Ricorda, non è il vestito bello che fa il signore…”.

I due:        (Ripetono insieme) “Ricorda, non è il vestito bello che fa il signore…”

Nicola:     Ma te vuo’ sta’ zitto? ‘Sta battuta è ‘a mia!

Pasquale: E io che dico?

Luisa:       (Suggerisce) “Mi manca l’Abbecedario”!

Nicola:     Ecco, tu dici che ti manca l’Abbecedario. Lo devi portare a scuola con te.

Pasquale: E addò è gghiuto?

Nicola:     Chi?

Pasquale: Capece Dario!

Nicola:     E chi è ‘stu Capece Dario?

Pasquale: Chillo che ha da venì ‘a scola cu’ me!

Nicola:     Ma no, l’Abbecedario. E’ il libro. Ma io te lo compro dopo aver venduto la mia

                 giacca. E tu cosa mi dici?

Pasquale: ‘E che strunzo!

Nicola:     Noooo! Tu mi domandi dove ho messo la casacca.

Pasquale: (Recitando) “Dove hai messo la casacca?”…

Nicola:     (Recitando) “L’ho venduta perché mi faceva caldo”. E ora fammi la promessa.

Pasquale: Comme?

Nicola:     La promessa, la promessa!

Pasquale: Nicò, te prumetto che quanno fernesce ‘sta cummedia, nun recito mai cchiù!

Nicola:     Ma non questa promessa. Quella di Pinocchio. Suggeritori!

Luisa:       Io aggio perzo ‘n’ata vota ‘o segno!

Raffaele:  E pu… e pu… e pure io!

Nicola:     Vabbuò, Pinocchio, Va’ ‘a scola, Va’.

Pasquale: Cià, Geppé!

                 Pasquale si allontana e Nicola si asciuga il sudore col fazzoletto.

3. [Nicola, Pasquale, Nina e Ciro. Poi gli altri]

                 Nicola sospira, poi fornisce ulteriori indicazioni agli attori. 

Nicola:     Adesso proviamo la scena di quando Pinocchio va a scuola e sente la musica del

                 teatrino dei burattini di Mangiafuoco. Quindi, si preparino Pasquale a sinistra e

                 Vincenzo a destra. Pascà, nun gghì ‘n’ata vota cu’ ‘o pede ‘ncoppa ‘o chiuovo!

Pasquale: No, no, nun ce tengo.

Nicola:     Io, intanto, scendo in platea per vedere meglio la scena. (Così fa) Ecco qua, ora  

                 mi siedo sulla poltroncin… (Nota qualcosa di strano) Ma ce stanne ‘e ggente?

Pasquale: Nicò, ma che staje dicenno? Tiene ‘e vvisione?

Nicola:     No, Pascà, ccà ce stanne overamente ‘e ggente.

Pasquale: (Osserva) Uh, hé raggione. E comm’è? Stanne in anticipo?

Nicola:     E che t’aggia dicere?

Pasquale: Vabbuò, jette a tutte quante ‘a parte ‘e fora e jamme annanzo!

Nicola:     Io non butto fuori a nessuno. Per me possono rimanere. Anzi, scusateci se non vi

                 diamo retta.

Pasquale: Però, per favore, non dateci fastidio!

Nicola:     E stattu zitto! Su, adesso Pinocchio cammina con l’Abbecedario sotto il braccio. Pasquale: Vabbuò. (Cammina sculettando)

Nicola:     Ma chisto è Pinocchio, oppure è Finocchio?! Devi camminare come un burattino.

Pasquale: Giusto, giusto. (Esegue correttamente. Poi fa tutto ciò che gli chiede Nicola)

Nicola:     Ecco, adesso fermati e guardati intorno. Stai sentendo una musica che viene da

                 non sai dove. Ti piace, ti interessa. Fai uno sguardo interessato, a tratti spavaldo,

                 ma non troppo spavaldo. No, adesso è poco spavaldo. Di più! No, adesso sembri

                 un malato sessuale. Devi fare lo sguardo ingenuo, ma nel contempo ragionatore.

Pasquale: (Seccato) Oh, se sta sturzellanno ‘a faccia, a furia ‘e cagnà espressione!

Nicola:     Bene, sei entrato nel carrozzone di Mangiafuoco ed una marionetta ti riconosce.

Pasquale: E addò sta?

Nicola:     Paola, abbi pazienza, fammi la marionetta.

Paola:       Io? Va bene. (Si alza in piedi e si porta in prossimità di Pasquale) E cosa dico?

Nicola:     Suggeritore!

Raffaele:  (Suggerisce) “Tu-tu sei parte dello ste-stesso albero da cui nacqui io”.

Paola:       (Recita) “Tu-tu… sei parte dello ste-stesso albero da cui nacqui io”.

Pasquale: (A Nicola) E’ cacaglia, ‘sta marionetta!

Nicola:     Zitto, pensa a rispondere.

Raffaele:  (Suggerisce) Ma-ma… ma-ma…!

Pasquale:  (Ripete, sbagliando) Mammà, mammà!

Nic&Pao:  Mammà?

Raffaele:   (Suggerisce) “Ma-ma… ma-marionetta…”.

Pasquale:  Ah, “Marionetta”!

Raffaele:  (Suggerisce) Tu-tu… tu-tu… tu-tu…!

Pasquale:  (Ripete) Tu-tu… tu-tu… tu-tu…!

Nicola:     Ma che staje sunanno, ‘a batteria?! Ma che battute sono queste?

Raffaele:  (Suggerisce) Tu-tu… come ti chiami?”.

Pasquale:  (Ripete) “Tu come ti chiami?”…

Raffaele:   (Suggerisce a Paola) “Ca-camilla!”…

Paola:       (Ripete) “Camilla!”…

Pasquale:  Nossignore, ‘o suggeritore ha ditto “Ca-Camilla”!

Nicola:      Andate avanti!

Raffaele:  (Suggerisce) “E tu-tu co-come ti chiami?”…

Paola:       (Recita) “E tu come ti chiami?”…

Pasquale:  Comme me chiammo, suggeritore?!

Nicola:      Ma pecché, ce sta bisogno che t’’o ddice ‘o suggeritore? Tu sì Pinocchio.

Pasquale:  (A Paola) Sono Pinocchio, Ca-Camilla!

Nicola:      Ecco, adesso accorre Mangiafuoco, ossia Vincenzo. Vai, Vincenzo, vieni.

Vincenzo: (Si dirige lento da loro e dice la battuta) “Ucci ucci, sento odor di cristianucci”!

Nicola:      No, nun è chesta ‘a battuta. Chella è ‘n’ata cummedia!

Raffaele:   Vincenzo dice: “Orsù, chi s’è addentrato nel carrozzone del mio circo?”!

Vincenzo: (Recita) Vincenzo dice: “Orsù, chi s’è addentrato nel carrozzone del mio circo?”.

Raffaele:   (Suggerisce) “So-sono solo io, Pinocchio!”…

Pasquale:  (Recita) Sono solo io, Pinocchio!”…

Raffaele:   Vincenzo dice: “Che-che mi venga un colpo, un bu-burattino che favella e che si

                  muove senza fili”!

Vincenzo: (Recita) Vincenzo dice: “Che mi venga un colpo, un burattino che favella e che

                  si muove senza fili”!

Nicola:      Vicié, nun hé dicere: “Vincenzo dice”. Tu adesso sei Mangiafuoco. E Pasquale

                  cosa risponde?

Raffaele:   (Suggerisce a Pasquale) “Bu-bu… bu-bu…”!

Pasquale:  (Ripete) “Bu-bu… bu-bu…”!

Nicola:      Ma che d’è, ce stanne ‘e cane?

Raffaele:   (Suggerisce a Pasquale) “Bu-bu… burattino? No, signore, io son Pi-Pinocchio”!

Pasquale:  (Ripete) “Bu-bu… burattino? No, signore, io son Pi-Pinocchio”!

Raffaele:   (Starnutisce) Etciù!

Pasquale:  (Ripete recitando) “Etciù!”…

Raffaele:   Aéh, m-m’aggia piglià ‘nu muccaturo!

Pasquale:  (Ripete recitando) “Aéh, m’aggia piglià ‘nu muccaturo”!

Raffaele:   (Lo si sente soffiarsi il naso) Pzzzzzz!

Pasquale:  (Fa lo stesso) Pzzzzzz!

Nicola:      Pascà, ma chillo nun sta suggerenno, se sta sciuscianno ‘o naso!

Pasquale:  Ah, ma nun è Pinocchio?

Paola:        Pascà, ‘nu poco d’intelligenza, però!

Nicola:      Va bene, facciamo la scena di quando Mangiafuoco regala i cinque zecchini a

                  Pinocchio. Suggeritori! Signora Luisa, ma voi siete proprio sparita?

Luisa:        (La si sente russare dietro il sipario aperto) Zzzzz…. zzzzz… zzzzz….!

Nicola:      Chesta s’è proprio addurmuta! Allora Raffaele, continua da solo.

Raffaele:   V-Vincenzo dice: “Il tu-tuo babbo non possiede a-assai denari?”…

Vincenzo: (Ripete male) “Il tuo babbo non possiede asso di denari?”…

Nicola:      (Ironico) No, tene sulo ‘o fante ‘e coppe e ‘o rre ‘e spade! Non possiede denari.

Vincenzo: Ah, “Non possiede denari?”…

Raffaele:   (Suggerisce) “E allora tié… tié…”!

Vincenzo: (Ripete col gesto dell’ombrello) “E allora tié!”…

Pasquale:   A me?

Raffaele:   (Suggerisce) “E allo-allora tieni cinque ze-zecchini!”…

Vincenzo: (Ripete) “E allora tieni cinque zecchini”!

Raffaele:   (Suggerisce a Pasquale) “Gra-grazie per i zecchini”!

Pasquale:  (Ripete) “Grazie per i zucchini!”…

Nicola:      (Ironico) Eh, c’’e ffacìmme alla Scapece!

Pasquale:  (Ripete recitando) “C’’e ffacìmme alla Scapece!”…

Nicola:      Basta, saluta Mangiafuoco e la marionetta.

Pasquale:  “Cià, Mangiafuò! Cià, marioné!”…

Nicola:      E ora la marionetta gli augura di aver cura di sé.

Paola:        (Recita) “Ciao Pinocchio… e abbi cura di te!”… (Si commuove) Comm’è triste

                  ‘sta parte! Me fa chiagnere!

Nicola:      Vabbuò, tuorne a te fa’ ‘o manicure! Si cambia scena. Sgombrate il campo.

                  Paola torna a farsi la manicure, Pasquale e Vincenzo si spostano a sinistra.

4. [Nicola, Nina, Paola, Pasquale e gli altri]

                 Nicola è giù in platea e si accommiata dai presenti.

Nicola:     Beh, signori, io torno sul palco. Con permesso! (Così fa) Adesso Pinocchio

                 incontra il Gatto e la Volpe. Per cui, Ciro, Nina Nanna e Pasquale in scena.

                 I due si preparano, invece Nina si intrattiene ancora un momento con Paola.

Nina:        Paola, continuiamo dopo, la manicure.

Paola:       Va bene, vai, vai pure.

Nina:        E ti raccomando, non urtare con le unghie contro alcuna superficie.

Paola:       D’accordo!

Nina:        Quando torno, ti applico lo smalto color turchino.

Paola:       Sì, grazie.

Nina:        E magari applichiamo anche qualche formina sulle unghie, per dare più risalto.

Paola:       Non ti preoccupare.

Nicola:     (Stufo, le richiama) Néh, uhé, amme fernuto, o no?

Paola:       Nicò, e fance fa’! Quanto sì scucciante! Su, Nina, vai pure. Ci vediamo dopo.

Nina:        (Va da lui) Eccomi.

Nicola:     Adesso il Gatto e la Volpe si mettono a destra, mentre Pinocchio va a sinistra.

                 I tre eseguono. Nicola fornisce loro altre indicazioni.

                 Il Gatto è cieco e si appoggia alla Volpe che è zoppa. Su, cominciate. Suggeritori!

Raffaele:  (Suggerisce a Nina) “Bu-buongiorno, Pi-Pinocchio”.

Nina:        (Recita con lentezza) “Buongiorno, Pinocchio!”…

Raffaele:  (Suggerisce a Pasquale) “Co-com’è che sa-sai il mio nome?”…

Pasquale: (Recita) “Cocomeri, susine e more!”…

Raffaele:  Noooo! (Suggerisce) “Co-com’è che sai il mio no-nome?”…

Pasquale: Ah! “Com’è che sai il mio nome?”…

Raffaele:  (Suggerisce a Nina) “Co-conosco be-bene il tuo babbo. Era in maniche di

                 camicia e tremava dal freddo.”…
Nina:        (Recita con lentezza) “Conosco bene il tuo babbo…” 

Nicola:     Nina Nanna, ma tu devi recitare un po’ più veloce. O si no ce vene ‘o suonno!

Pasquale: Tu te chiamme pure Nina Nanna!

Nina:        Va bene. Allora: (Sempre lenta) “Conosco bene il tuo babbo. Era in maniche di

                 camicia e tremava dal freddo.”…

Pasquale: Nicò, ma chesta fa’ addurmì ‘o pubblico!

Nicola:     Allora noi lo facciamo svegliare, il pubblico: è l’ora del balletto!

I tre:         (Sorpresi) ‘O Balletto?

Nicola:     Certo. Lo farete voi tre. E’ una novità dell’autore Ezio Perrella.

Ciro:         Embé, me l’hé fa’ cunoscere, a st’autore. Chisto nun sta buono cu’ ‘a capa!

Nicola:     Zitto, lui sta in mezzo al pubblico.

Ciro:        E’ un grande autore!

Nicola:     Amici, amici, ma calmatevi. Non siate nervosi. In fondo avete imparato a ballare.

                 Ricordatevi le prese che vi ho insegnato io. Pasquale, tu che presa ti ricordi?

Pasquale: La presa per il culo!

Nicola:     Ma no, adesso vi spiego io: Ciro, tu prendi in braccio Pasquale e lo lanci in aria,

                  in modo che lui faccia tre piroette e due capriole e poi torna tra le tue braccia!

Ciro:        E secondo te, io riesco a piglià a Pascale, a ittarlo in aria e ppo’ l’aggia acchiappà

                 ‘n’ata vota?!

Pasquale: Ma pecché, secondo te, io riesco a ffa’ tre piroette e doje capriole?

Nina:        E io che faccio?

Nicola:     Nina, tu tieni la parte più bella: alla fine, sei tu che acchiappi tutti e due e li lanci

                 in aria. Loro due faranno tre piroette e due capriole, poi tu li acchiappi di nuovo.

Cir&Pas: (Si rifiutano) Ma a chi?

Nicola:     Come non detto. Allora fate cose più facili. Solo dei movimenti e qualche presa.

I tre:         Ecco!

Nicola:     Io lo dicevo per voi. Il balletto è la cosa più spettacolare di questa commedia.

Ciro:         Nun da’ retta, è meglio a ffa’ ‘na cosa frijenno magnanno: è meno pericolosa!

Nicola:     Va bene. Allora chiedo al tecnico di mandare il brano “Carissimo Pinocchio”!

                 Parte in diffusione il brano richiesto da Nicola. I tre allora cominciano a fare

                 strane figure, tipo: Ciro e Pasquale prendono in braccio Nina in modo sguaiato.

                 Poi è la volta di Pasquale e Nina prendere in braccio Ciro. Infine, Ciro e Nina

                 provano a prendere in braccio Pasquale, ma non ci riescono, allora quest’ultimo

                 improvvisa una piroetta. Ma ad un tratto: parte la musica veloce del romanzo

                “Pinocchio di Comencini”. I tre, imbarazzati, improvvisano passi di danza veloci.  

                 Poi si defilano tutti e tre a sinistra, con Nicola che si dispera a gesti.

FINE ATTO SECONDO

Palco del teatro vuoto: mezz’ora dopo.

ATTO TERZO

1. [Paola, Pasquale, Ciro, Nina e Mariano. Lo scenografo e i due aiutanti]

                  Mentre lo scenografo e i suoi aiutanti completano la scenografia, a centro palco    

                  Pasquale, Ciro, Nina e Mariano gironzolano avanti e indietro nervosamente.

Ciro:         Ma che morte ha fatto Nicola? Ha ditto che gghieva ‘nu mumento ‘int’’o bagno

                  e turnava. E invece nun è turnato cchiù!

Mariano:  Io l’aggio visto cu’ ‘nu rotolo ‘e carta igienica ‘nmana. Chi sa a che le serveva?

Pasquale: Ma secondo te, a che serve ‘a carta igienica?

Mariano:  Quanno fa male ‘a panza.

Pasquale: Embé, e allora?

Mariano:  Ma comme? Chillo è ‘nu regista!

Pasquale: E pecché, chi fa ‘o regista, nun va ‘int’’o bagno?! Ci va registicamente, ma ci va!

Nina:        E calmatevi un poco, voi tre. Pensiamo che dobbiamo andare in scena.

Ciro:         E penzà ca oggie teneve ‘a finale ‘e ‘nu torneo ‘e calcetto! Io songo pure ‘o

                 capocannoniere.

Pasquale: Io invece ‘eva ascì ‘cu ‘na bella femmena.

Mariano:  E comme se chiamma?

Pasquale: Nun ‘o ssaccio, ancora l’aggia truvà!

Nina:        Io invece dovevo dormire! (E sbadiglia) E’ una settimana che non ci riesco.

Mariano:  E io, invece, m’era spusà!

Ciro:         Allora he’ rinviato ‘o matrimonio?

Mariano:  No, ‘a ‘nnammurata mia me sta aspettanno ancora ‘int’’a chiesa!

Pasquale: Vabbuò, nun te prioccupà: se sposa primma essa e ppo’ ‘n’atu juorno te spuse tu!

Mariano:  (Ironico) Sì, ce spusamme a rate!

Nina:        Amici, io mi vado a fare un po’ di sonno. Poi quando riprendiamo, chiamatemi!

                  Da destra giunge Paola.

Paola:       No, no, nessuno si muova. Sapete benissimo che quando Nicola si assenta, io

                  sono la sua sostituta. Perciò, le prove continuano dirette da me.

Ciro:         E vabbuò. Addò simme rimaste?

Nina:        Se ricordo bene, adesso c’è la scena di quando Pinocchio, il Gatto e la Volpe

                  vanno alla locanda. E in questa scena ci sta pure il grillo.

Paola:       Molto bene, allora Mariano appoggia la parte del locandiere. Su, cominciamo. 

                  Pinocchio, il Gatto e la Volpe comincino a camminare verso la locanda. 

                  Pasquale, Ciro e Nina camminano per tutto il palco, mentre Paola gli parla.

Paola:       Siate naturali, mentre camminate. Va bene? Camminate, camminate, camminate!  

I tre:         (Stufi, si fermano) Oh, e basta!

Pasquale: Amma ì abbascio ‘o palco?

Paola:       Basta, fermatevi davanti a Mariano.

                  I tre così fanno e Paola offre loro altre direttive.

                  Pinocchio, il Gatto e la Volpe si fermano all’osteria del Gambero Rosso. Parla la

                  Volpe. Cosa dice? Adesso ce lo diranno Raffaele e la signora Luisa. Suggeritori!

Raffaele:  La si-signora Luisa se-se n’è andata a ca-ca… a ca-ca…

Pasquale: Azz, allora sta ‘nzieme a Nicola?

Raffaele:  No! A ca-casa.

Paola:       Meglio così. Allora, tocca a te da solo, Raffaele. Avanti!

Raffaele:  (Suggerisce) “Fe-fermiamoci un po’-po’ qui, ta-tanto per mangiare un boccone”!

Nina:        Non ho capito niente. Che ha detto il suggeritore?

Pasquale: Ha ditto che t’hé magnà ‘o balcone!

Paola:       Ma no, quale balcone? Va bene, Nina, vai avanti se non capisci, improvvisa.

Nina:        Ehm… “Fermiamoci per mangiare”.

Raffaele:  (Suggerisce) “Po-poi proseguiremo pe-per il ca-campo dei miracoli”.

Nina:        Ehm… “Poi proseguiremo per il campo dei miracoli.

Paola:       Ecco, ora dovete mangiare.

I tre:         (Risollevati) Assa fa’ Dio!

                  Si avviano a destra, ma Paola li richiama.

Paola:       Addò jate? Mica dovete mangiare veramente? Sempre nella commedia. Va bene,

                  adesso andate a dormire. Su, Mariano, accompagnali.

Mariano:  Addò?

Paola:       In due camere da letto: in una ci sono il Gatto e la Volpe, nell’altra Pinocchio.

Mariano:  Ma addò stanne?

Paola:       (Le indica) Ma come, non le vedi?

                  Pasquale, Mariano, Nina e Ciro cercano su tutto il palco, ma non trovano nulla.

Mariano:  Néh, ma io nun ‘e vveco!

Paola:       Ma le dovete immaginare. Va bene, Pinocchio, sdraiati e dormi.

Pasquale: ‘Nterra?

Paola:       E addò, allora? Su, vai.

Pasquale: E vabbuò. (Esegue) E mò ch’aggia fa’?

Paola:       Ti svegli, ti alzi e vai dal locandiere. Domanda dove stanno il Gatto e la Volpe.

Pasquale: (Sbadiglia, poi si alza in piedi) Dove stanno il Gatto e la Volpe?

Raffaele:  (Suggerisce) So-sono pa-pà… pa-pà…!

Mariano:  (Capisce male) “Sono papà, sono papà!”…

Pasquale: Uhé, auguri!

Mariano:  Grazie!

                  I due si abbracciano e si scambiano un bacio sulle guance.

Raffaele:  Ma no! (Suggerisce) “So-sono pa-partiti”.

Mariano:  Ah, “Sono partiti”.

Raffaele:  (Suggerisce) “E la ce-cena l’hanno pa-pagata?”…

Mariano:  (Dice lui la battuta al posto di Pasquale) “E la cena l’hanno pagata?”…

Pasquale: Ma no, chesto l’aggia dicere io! (Recita) “E la cena l’hanno pagata?”…

Raffaele:  (Suggerisce) “Che-che vi pa-pare? Que-quelle lì so-sono pe-persone…”…

Mariano:  (L’interrompe) Rafé, nun sto’ capenno niente. E’ meglio che faccio ‘o riassunto! 

                  Pinocchio, vuoi sapere se il Gatto e la Volpe hanno pagato il conto? No!

Paola:       Ecco, ora Pinocchio se ne va e incontra il Grillo parlante.

Mariano:  Sono io.

Pasquale: ‘N’ata vota tu?

Mariano:  Sì. E che faccio, che faccio?

Paola:       Pinocchio sente rumori nel bosco buio. Poi nota l’ombra del Grillo. Suggeritore!

Raffaele:  (Suggerisce) “So-sono l’ombra de-del Grillo parlante”.

Mariano:  “Sono l’ombra del Grillo parlante”…

Raffaele:  (Suggerisce) “A-attento agli a-assassini”…

Mariano:  “Attento agli assassini”. (Poi esce a sinistra)

Paola:       Ma tu, Pinocchio, vai via lo stesso. Cerchi di andare al campo dei miracoli. Però

                  ti imbatti negli assassini che ti prendono e ti impiccano. Perciò, fai l’impiccato.

Pasquale: Aggia fa’ l’impiccato?

Paola:       Sì, e subito.

Pasquale: E comme se fa l’impiccato?

Mariano:  (Torna con una corda in mano) Ecco la corda!

Pasquale: No, no, ‘nu mumento, ma che vvulìte fa’?

Paola:       Ti devi impiccare!

Pasquale: A chi? Ma siete scieme?

Paola:       Ma non ti preoccupare, tanto viene la fata a salvarti. Su, Nina e Mariano,

                  mettetegli il cappio al collo.

Pasquale: Uhé, chianu chiano, però!

                 Mariano e Nina eseguono.

2. [Nicola, Paola, Pasquale, Mariano e Nina. E gli altri. Poi Samantha]

                 Da sinistra entra Nicola con un rotolo di carta igienica in mano. Nota gli altri.

Nicola:     Néh, uhé, ma che state facenno?

                 Cosicché Paola, Mariano e Nina vanno da lui, tirando il capo della corda col

                 cappio al collo di Pasquale che cade in terra, con la lingua di fuori, sofferente, e

                 non riesce a parlare per farsi capire. Gli altri intanto parlano con Nicola.

Paola:       Uhé, regista, ti dobbiamo ancora aspettare? (E gli fa l’occhiolino)

Nina:        E allora, mal di pancia prima dello spettacolo?

Nicola:     Sì. Ma la carta igienica non l’ho usata per il suo utilizzo solito! Mi è servita per

                  prendere appunti: mentre ero seduto sulla tazza, ho avuto qualche idea sfiziosa!

Mariano: ‘Nu sicondo, ma allora si nun he’ usato ‘a carta igienica, comme t’he’ pulezzato?

Nicola:     Che te ne ‘mporta, a te? Segreti da regista! A proposito, non vedo Pinocchio!

Paola:      Come no? Noi stiamo provando la scena di quando gli assassini lo impiccano.

Nina:        E sapessi come sta venendo bene!

Mariano: Sta riuscendo proprio naturale naturale!

Nicola:     Sì, ma dove sta Pinocchio-Pasquale?

Mariano: (Lo indica) Sta qua! Uh, ma che fa ‘nterra?

Nicola:     Pascà, ma te pare ‘o mumento ‘e fa’ ‘e scimmità?

Pasquale: (Sofferente, stenta a parlare) Uh… Ah… eh…!

Raffaele:  (Entra in scena) Né-néh, ma vuje ‘o sta-state stru-stru…

Gli altri:   Eh?

Raffaele:  ‘O sta-state stru-stru…

Nicola:     Fatte capì, che staje dicenno?

Raffaele:  ‘O sta-state stru-struzzanno!

Paola:       Ah, ‘o stamme struzzanno? (Realizza) Oddio, ‘o stamme struzzanno!

                  Subito lo soccorrono, liberandolo dal cappio.

Mariano:  Pascà, Pascà, parle!

Nicola:     Fance ‘o piacere, nun murì proprio stasera, o si no chi ‘o fa Pinocchio?

Nina:        Ci vorrebbe la respirazione bocca a bocca.

Nicola:     E chi ce ‘a fa? Ce ‘a vuo’ fa’ tu, Paola?

Paola:        No, no, io non tengo fiato.

                   Da destra entra il sarto.

Sarto:        Tranquilli, ci penso io, ci penso io!

Pasquale:  (Subito si rialza in piedi) No, no, stongo buono, stongo buono!

Sarto:        Sei sicuro? Non fare complimenti!

Pasquale:  Embé, si te permiette ‘e me fa’ ‘a respirazione bocca a bocca, te ciacco!

Sarto:        No, no! A proposito, devo prenderti di nuovo le misure al cavallo dei pantaloni.

Pasquale:  Vatténne!

                   Il sarto esce di nuovo a sinistra.

Nicola:       Va bene, riprendiamo le prove. Ognuno torni alle proprie posizioni. Si prova la

                   scena di quando la fatina chiede alla cameriera di liberare Pinocchio dal cappio.

Paola:        Un momento, ci manca la cameriera. (La chiama) Samantha, curre ccà!

                   Da sinistra entra Samantha, masticando qualcosa.

Samantha: Scusate, stavo mangiando una cosuccia: panino con formaggio, formaggino,           

                   provola, provolone, ricotta e burro!

Pasquale:   Azz, una cosuccia?!

Nicola:       Samantha, vai vicino a Paola. Si fa la scena della fatina e della cameriera.

Samantha: (Masticando) Va bene. (Esegue)

Nicola:       Su, proviamo. Pasquale, torna a fare l’impiccato.

Pasquale:  No, chesta vota facìmme apposta! (E si mette in posizione con la lingua fuori)

Nicola:       Bene, cominciamo.

                   Ognuno prende posizione (Mariano e Nina invece si defilano verso destra).

Paola:        (Recitando, parla a Samantha) “Oh, mia Lumachina, va’ a prender Pinocchio!”.   

Raffaele:   (Entra in scena e va da lei) No-no, ma la ba-battuta non è così.

Paola:        Siente, nun me scuccià. Tanto, nun te capisco proprio quanne parle.

Nicola:       E allora vuoi che ti suggerisca la signora Luisa?

Paola:         No, chella se n’è gghiuta proprio! Del resto, nun riusceva maje a truvà ‘o segno.

Nicola:       Va bene, Raffaele, lascia stare. Torna al tuo posto.

Raffaele:    E va-va bene. (Così fa)

Nicola:       Samantha, vai a prendere Pinocchio.

Samantha: (Masticando) Bene. (Va da Pasquale e lo prende sotto braccio, masticando)

Pasquale:   (Infastidito) Néh, ma ‘a vuo’ fernì ‘e masticà sempe? Ingoia ‘nu poco!

Samantha: (Esegue) Fatto! “Su, Pinocchio, adesso ti porto dalla fatina”.

                   Sottobraccio si avvicinano a Paola. Ma il loro movimento non piace a Nicola.

Nicola:       Samantha, tu mi sembri un’infermiera che accompagna un anziano all’ospizio!

Samantha: E come devo accompagnarlo?

Nicola:       Lo devi portare di peso: in braccio!

Samantha: E chi ce ‘a fa?

Nicola:       Vabbuò, jamme annanzo. Saje chi scifo ‘e cummedia facìmme stasera?!

Samantha: “Oh, fatina, ti ho portato Pinocchio. E’ ancora vivo!”.

Paola:        “Presto, riponilo nel letto.”…

                   Samantha aiuta Pasquale a sistemarsi a terra, poi si allontana. Paola va da lui.

                   “Pinocchio, cosa ti è successo?”…

Pasquale:  Ehm… ch’aggia dicere? Suggeritore! (Non sente risposta) Néh, suggeritò!

Mariano:   Se n’è gghiuto, pecché s’è offeso!

Nicola:       Pure? Va bene, faremo senza suggerimento. Pasquale, vai a braccio. Dici bugie!

Pasquale:  Io me ne jesse proprio! Ehm… “Cara fatina, io stavo andando a scuola e… e…

                  poi ho incontrato dei mostri e… e… e poi sono andato sulla luna e… e…”!

Paola:       (Carezzandogli una mano) “Pinocchio, guarda, che ti si allunga il naso!”…

Pasquale: (Eccitato) Sulo ‘o naso?

Nicola:      Pasquale, adesso tu ti fai purgare!

Pasquale: Che? (Si alza subito in piedi e gironzola per il palco) No, no, no…

Gli altri:   (Lo seguono e cercano di convincerlo) E dai!

Pasquale: A chi?

Nicola:      Alt! Va bene, non ti purghiamo!

3. [Pasquale, Nicola ed Antonio]

                 Pasquale e Nicola sono a centro palco.

Nicola:     A Pinocchio hanno rubato i zecchini d’oro, così finisce in prigione.

Pasquale: Cioè, famme capì: a me m’arròbbene ‘e sorde, però vaco io ‘ngalera. ‘E che

                 mazzo che tengo!

Nicola:     Sì, ma non è tutto. Tu esci di prigione e mentre vai a casa della fatina, rimani

                 imprigionato in una tagliola.

Pasquale: E chi l’ha misa?

Nicola:     Un contadino. Lui pensa che tu sei un ladro, così ti mette a guardia di un pollaio.

Pasquale: Cu’ ‘o ficile ‘nmana?

Nicola:     (Lo guarda male) Pinocchio teneva ‘o fucile? No! Tu devi fare il cane.

Pasquale: Eh?

Nicola:     Spostati più in là e mettiti in ginocchio. Vai, vai!

Pasquale: E vabbuò. (Rassegnato, si sposta un po’ verso sinistra, poi si mette a quattro

                 zampe ed abbaia) Bu… bu… bu! (Poi alza una gamba)

Nicola:     Ma che staje facenno?

Pasquale: ‘A pipì!

Nicola:     Bene, ora sei libero. Vattene, vattene.

Pasquale: (Si alza in piedi) Addò aggia ì?

Nicola:     Fai finta di correre.

Pasquale: Sì, sì. (Esegue)

Nicola:     Ecco, ora Pinocchio giunge dove si trovava la casa della fatina, ma non la trova.

                 E sai perché?

Pasquale: (Correndo) L’hanne abbattuta!

Nicola:     Noooo! La fatina è morta.

                 Così Paola si stende in terra.

                 Pinocchio, ecco la tomba della fatina.

Pasquale: (Si inginocchia al capezzale di Paola) Azz, ma è trasparente! Se vede tutto cose!

Nicola:     Dai, piangi.

Pasquale: Ma che stamme, addù Maria De Filippi?

Nicola:     Piangi!

Pasquale: (Si commuove) Maronna, e comm’è stato?!

Nicola:     Fatina, perché sei morta?

Pasquale: “Fatina, perché sei morta?”…

Nicola:     Su, disperati!

Pasquale: “Fatina, perché sei morta?”…

Nicola:     Di più, di più!

Pasquale: “Ll’anema ‘e chi t’è vvivo, perché sei morta?”…

Nicola:     E mentre Pinocchio piange, dietro di lui arriva un colombo!

                 Da dietro Pasquale arriva Antonio battendo le ali e facendo il verso del colombo.

Pasquale: (Si spaventa) Puozze passà ‘nu guajo! M’hé fatto fa’ ‘e vierme!

Antonio:  “Bambino, che fai?”…

Pasquale: (Pulendosi l’occhio e il collo) ‘Int’’e ccorne ca tiene!

Nicola:     Ma che staje facenno?

Pasquale: ‘O colombo: nun aggio capito si m’ha sputato ‘nfaccia oppure m’ha fatto ‘nu

                 bisogno ‘ncuollo! Secondo me, tutt’e ddoje cose!

Antonio:  “Bambino, conosci tu Pinocchio?”…

Pasquale: (Stufo) Vatténne, nun ‘o cunosco!

Nicola:     Ma sei tu.

Pasquale: Ah, già. “Sì, sono io”.

Antonio:  “Allora conosci pure Geppetto?”…

Pasquale: No, mi dispiace, non lo conosco!

Antonio:  Ma come, è tuo padre.

Pasquale: Ma mio padre se chiamma Salvatore!

Antonio:  No, il padre di Pinocchio!

Pasquale: Ah, già. “Sì, si chiama Geppetto!”.

Antonio:  “Si fabbricava da sé una piccola barchetta per traversare l’Oceano…”.

Pasquale: “E quanto dista l’Oceano da qui?”…

Antonio:  “Mille chilometri”.

Nicola:     Benissimo, adesso sarà il colombo a portare Pinocchio all’Oceano.

Antonio:  E come lo porto?

Nicola:     In groppa a te.

Pas&Ant: Eh?

Nicola:     Su, forza, Pinocchio, Sali in groppa al Colombo.

Antonio:  T’arraccummanno, Pascà, fatte liggiero liggiero!

Pasquale: E’ ‘na parola! (Monta in groppa ad Antonio)

Antonio:  (Sofferente) Mamma ‘e ll’Arco! (Lo porta avanti e indietro, ondeggiando)

Nicola:     Ecco, si vede l’Oceano. Su, colombo, lascialo cadere in mare e vattene.

Pasquale: Oh, chianu chiano! (Finisce a terra) ‘Int’’e ccorne ca tiene!

Nicola:     Su, Pinocchio, nuota, nuota! E nuota bene, una cosa! Ora Pinocchio non trova

                 Geppetto, così torna sulla riva. Adesso facciamo la scena con Lucignolo.

Antonio:  Stongo ccà.

Nicola:     Bene. Allora aspettiamo a Pinocchio che nuota a riva!

                 Pasquale continua a nuotare.

4. [Nicola, Antonio, Pasquale]

                 Pasquale smette di nuotare e si alza in piedi.

Nicola:     Bene, Pinocchio, tu incontri la fata.

Pasquale: Ma nun è morta?

Nicola:     No, anzi, lei ti promette che l’indomani diventerai un bambino vero. E così tu,

                 Pinocchio, esci di casa ad invitare gli amici alla tua festa. Ma tra i tanti bambini,

                 c’è pure Lucignolo. Appena Pinocchio lo vede, gli chiede cosa fa.

Pasquale: “Lucifero…!”…

Nicola:     Ma che Lucifero? Si chiama Lucignolo.

Pasquale: “Lucignolo, che stai facendo?”…

Antonio:  “Aspetto fino a mezzanotte”.

Pasquale: Pecché, hé sparà ‘e botte?

Antonio:  “No, devo andare nel paese dei balocchi. Ci vieni pure tu?”.

Pasquale: Azz!

Nicola:     Noooo! Devi rifiutare, perché la fatina vuole che tu ritorni da lei.

Pasquale: Che scassacacchia! “No, Lucignolo, non posso venire con te, perché devo tornare

                  dalla fatina”.

Antonio:   “Va bene, allora addio!”.

Nicola:     Pinocchio adesso chiede tra quanto tempo partiranno.

Pasquale: “Tra quanto tempo partiranno?”…

Antonio:   Chi?

Pasquale: (Chiede a Nicola) Chi?

Nicola:     Loro!

Pasquale: (Ad Antonio) Loro!

Antonio:  Ma loro chi?

Pasquale: (Chiede a Nicola) Loro chi?

Nicola:     Lucignolo e i suoi amici.

Pasquale: (Ad Antonio) Lucignolo e i suoi amici.

Nicola:     Ma no! Tu devi chiedere tra quanto tempo partiranno loro, voi!

Pasquale: “Tra quanto tempo partirete loro, voi?”…

Nicola:     Va bene, Pinocchio, vai insieme a Lucignolo. Vai, Pinocchio!

                 I due si mettono mano nella mano e si incamminano. Nicola li stoppa e li sgrida.

                 Nooooo! Mano nella mano? Mi sembrate due checche! Avanti, camminate verso

                 il paese dei balocchi.

                 I due si incamminano a sinistra e da lì spariscono.

                 Bene, ora prendete le orecchie degli asini e mettetevele.

                 Da sinistra tornano i due con un copricapo con orecchie d’asino sulla testa.

                 Bravi, ragazzi! Adesso Pinocchio scappa via. Su, corri, Pasquale.

Pasquale: ‘N’ata vota?

Nicola:     Sì, però devi correre a quattro zampe, perché sei un asino.

Pasquale: Pure? (Si mette carponi) Voglio sapé quanno ‘a fernimme!

Nicola:     Ecco, a questo punto una voce fuori campo spiegherà che tu vieni acquistato da

                 un padrone e poi da un altro. E infine, cadi in mare. Su, cadi in mare.

Pasquale: Cu’ tutt’’e rrecchie?

Nicola:     Esatto, cu’ tutt’’e rrecchie. Tu sei un asino.

Pasquale: Ah, già, m’ero scurdato! (Finge di gettarsi in acqua, poi si mette a nuotare)

Nicola:     Pascà, ma che staje facenno?

Pasquale: Sto’ nuotanno!

Nicola:     Ma te pare che ‘nu ciuccio nuota accussì? Quello è il modo di nuotare degli esseri

                 umani. Tu devi nuotare come un quadrupede. Ondeggia le braccia in avanti.

Pasquale: (Esegue un po’ a modo suo) Nicò, ma nun è ch’acchiappo cocche squalo?

Nicola:     Esatto, incontrerai il pesce cane che s’è mangiato a Geppetto.

Pasquale: Aéh, l’acchiappo a tutte quante io!

Nicola:     Eccolo in lontananza.

Pasquale: (Smette di nuotare) Chi?

Nicola:     Il pesce-cane.

Pasquale: E che va truvanno?

Nicola:     Ha inghiottito Geppetto ed ora inghiottirà anche te.

Pasquale: Ma io songo ‘e legno.

Nicola:     No, ora sei un ciuccio.

Pasquale: E songo ‘nu ciuccio ‘e legno!

Nicola:     Zitto, il pesce-cane si avvicina. Ti ha sentito. Richiama la sua attenzione.

Pasquale: Qua bello, qua bello!

Nicola:     Ma a chi staje chiammanno? ‘O cane tuojo?

Pasquale: E tu comm’’o chiamme, a ‘nu pesce cane?

Nicola:     Muovi le braccia e grida.

Pasquale: (Muove le braccia, gridando) ‘O scé, io stongo ccà! Io so’ Pinocchio.

Nicola:     Eccolo, è di fronte a te. Che cosa dici in questo momento.

Pasquale: Niente, me sto’ facenno sotto d’’a paura!

Nicola:     No, non dici questo. Gli dici: “Mangiami!”…

Pasquale: E che sso’ scemo?

Nicola:     Non ti preoccupare, sei tornato di legno.

Pasquale: E io faccio ‘a fine d’’o stuzzicadente!

Nicola:     Eccolo, sta aprendo la bocca.

Pasquale: E comme le fete ‘o ciato!

Nicola:     Ti sta inghiottendo. Tu svieni.

Pasquale: Sì, sono svenuto. Che disgrazia, sono svenuto. Maledizione, sono svenuto!

Nicola:     E si ssi’ svenuto, te vuo’ sta’ zitto?

Pasquale: ‘Nu mumento. (E sviene)

Nicola:     Bravo. Ora sei all’interno del pesce-cane. E… (Lo osserva) Pascà, ma me staje

                  sentenno? Pascà, e me vuo’ risponnere? Néh, Pascà!

Pasquale: (Tenendo gli occhi chiusi) Nun te pozzo risponnere.

Nicola:     E pecché?

Pasquale: Songo svenuto!

Nicola:     Ma che ce azzecca? Io ti sto parlando registicamente. Adesso mi preparo io.

                 Nicola si distanzia un po’ e si siede a terra.

5. [Nicola, Pasquale, Mariano, Paola e Samantha]

                  Nicola (Geppetto), sedutosi in terra, nota Pasquale (Pinocchio) svenuto.

Nicola:     (Recitando, mima una persona che ansima) “Oh… ooooh… ooooh…!”…

Pasquale: (Apre gli occhi, si alza e gli si avvicina) Ma che staje facenno?

Nicola:     A Geppetto!

Pasquale: Ma Geppetto sta jenno cu’ ‘na prostituta?

Nicola:     Cretino! Geppetto sta ansimando, perché è sfinito dalla fame e dal freddo. E poi

                 nota Pinocchio e si compiace.

Pasquale: Azz, è rattuso, Geppetto!

Nicola:     Torna al tuo posto e fai Pinocchio svenuto.

Pasquale: Mamma mia, e comme staje! (Torna al suo posto, si stende) Ecco qua. Va’, Va’!

Nicola:     (Va da Pinocchio, svenuto) Ma… ma… tu sei Pinocchio! Pinocchio, svegliati.

                 (Ma Pasquale non risponde) Pinocchio, svegliati! (Ma Pasquale niente) Pascà!

Pasquale: (Apre gli occhi e lo osserva) Che vvuo’?

Nicola:     Te sto’ chiammanno.

Pasquale: No, tu nu staje chiammanno a me, staje chiammanno a Pinocchio!

Nicola:     E tu nun si’ Pinocchio?

Pasquale: Ma se po’ ssapé? So’ svenuto o no? Si so’ svenuto, comme te pozzo risponnere?

Nicola:     Ma tu si’ svenuto, nun si’ muorto! Perciò, quando Geppetto ti chiama, svegliati!

Pasquale: E vabbuò. Rifacciamo. (Poggia la testa a terra e chiude gli occhi)

Nicola:     (Recitando) “Pinocchio! Pinocchio, svegliati!”…

Pasquale: (Apre gli occhi e gli parla) Dica!

Nicola:     Che d’è “dica”?

Pasquale: Tu hai detto “Pinocchio, svegliati!”… E io me songo scetato.

Nicola:     Ma come, tu vedi il tuo babbo che ti sveglia e gli dici “dica”?

Pasquale: Ah, e adesso gli dico un’altra cosa. (Poggia la testa a terra e chiude gli occhi)

Nicola:     (Recitando) “Pinocchio! Pinocchio, svegliati!”…

Pasquale: (Apre gli occhi e gli parla) ‘A zuppa ‘e latte!

Nicola:     E chi si’, Tummasino? Stamme facenno “Natale in casa Cupiello! E invece no.

                 Appena mi vedi, devi dire “Babbino, finalmente ti ho ritrovato!”.

Pasquale: E vabbuò. Rifacciamo. (Poggia la testa a terra e chiude gli occhi)

Nicola:     (Recitando) “Pinocchio! Pinocchio, svegliati!”…

Pasquale: (Apre gli occhi e gli parla) “Babbuino, finalmente ti ho ritrovato!”. (E si rialza)

Nicola:     “Oh, Pinocchio, come ti sei ridotto!”.

Pasquale: Azz, siente chi parle!

Nicola:     Uhé, poca confidenza con Geppetto!

Pasquale: Però ‘stu Geppetto è ‘nu poco suscettibile!

Nicola:     No, veramente, è Pinocchio ch’è scostumato!

Pasquale: E ch’è colpa mia? Voi genitori moderni non li sapete educare i figli vostri!

Nicola:     Pascà, tu si’ Pinocchio. Appena vedi Geppetto, devi abbracciarlo e devi baciarlo.

Pasquale: A chi? Al massimo, ‘na stretta ‘e mano!

Nicola:     Noooo! Pinocchio è un burattino sensibile. Lui abbraccia il suo “babbino”.

Pasquale: (Rassegnato) E vabbuò. (Lo abbraccia, dopodiché) “Adesso ce ne andiamo?”.

Nicola:     (Recitando) “Sì, Pinocchio!”. Così Geppetto sale su una zattera.

Pasquale: ‘Na zattera ‘int’’o pesce-cane? Ma nun ce trase.

Nicola:     Ma il pesce-cane, è come fosse una balena. Non ti preoccupare, la zattera c’entra.

Pasquale: Aggio capito. Ma si Geppetto tene ‘a zattera, Pinocchio che tene? ‘O pedalò?

Nicola:     No, Pinocchio cerca di uscire a nuoto.

Pasquale: Ua’, ‘e che mazzo tene Pinocchio! (Si stende a terra per nuotare) Ce ne jamme?

Nicola:     Sì, andiamo. (Finge di remare e incita Pasquale) Su, Pinocchio, nuota, nuota!

                 Non fermarti. Siamo quasi fuori. Siamo quasi salvi. E nuota più veloce!

Pasquale: (Nuotando) E comme parle bello! Tu tiene ‘a zattera, io no!

Nicola:     “Eccoci, siamo quasi usciti, siamo quasi fuori! E’ andata, siamo fuori. Adesso

                 dobbiamo raggiungere la riva, perché il pesce-cane ci sta inseguendo!”.

Pasquale: Pozzo saglì ‘ncoppa ‘a zattera?

Nicola:     Sì, sali!

Pasquale: Oh, finalmente! (Si alza in piedi accanto a lui) Va’, Geppetto, rema cchiù forte!

Nicola:     E tu non remi?

Pasquale: Aggia pure remà? Era meglio che me ne stevo a nuotà! (Si inginocchia, rema con

                 le mani, poi scorge qualcosa in lontananza) Uh, ci sta un’isola con un vulcano.

Nicola:     E che isola è?

Pasquale: Sarrà Ischia!

Nicola:     Ma quala Ischia? Quella è l’isola dove c’è gente conosciuta.

Pasquale: Ah, è l’isola dei famosi?!

Nicola:     No, ci sono i pescatori che ci salveranno. Al mio tre, tuffati a terra. Uno, due, tre!

                 I due si gettano a terra in avanti, uno accanto all’altro. Dopo un po’ di silenzio.

Pasquale: Nicò! Uhé, Nicò! Oh, Nicò, e me vuo’ risponnere?

Nicola:     So’ svenuto, nun te pozzo risponnere!

Pasquale: Ma tu si’ svenuto, nun si’ muorto! 

Nicola:     Ma no, adesso si avvicinano la fatina e la sua cameriera. La fatina ti trasformerà

                 in un bambino in carne ed ossa.

Pasquale: Ammén! Finalmente!

Paola:       (Ha una bacchetta in mano. Si avvicina a lui e recita) “Pinocchio, hai dimostrato

                 di essere coraggioso e disinteressato. Perciò, diventerai un bambino vero, in carne

                 ed ossa. (Gli brandisce sulla testa la bacchetta)

Pasquale: (Dolorante) Puozze passà ‘nu guajo!

Paola:       (Recitando, a Samantha) “Su, Lumachina, ora getta via il corpo del burattino.

                 Ormai non fa più parte di Pinocchio.”.

                 Samantha finge di prendere il corpo di Pinocchio e lo porta via con sé a destra.

                 Paola (fatina) parla a Pasquale (Pinocchio).

                 Pinocchio, svegliati! Guarda, ora sei un bambino.

Pasquale: (Apre gli occhi e le parla) “Cara fatina, mò statte accorta!”.

Paola:       E perché?

Pasquale: “Ora che sono diventato un bambino… si t’acchiappo, povera a te!”.

Nicola:     (Si alza in piedi) Bene, basta così, tutti gli attori, i tecnici, gli scenografi e i

                 suggeritori vengano a me.             

                 Ognuno si raduna intorno a Nicola.

Scena Ultima. [Tutti]

                 Una volta radunatisi tutti, Nicola dice qualcosa ad ognuno di loro. 

Nicola:     Signori, la prova generale è finita. Beh, diciamo che è andata una schifezza. Ma

                 pazienza, va bene lo stesso. In genere, quando la prova generale va uno schifo, lo

                 spettacolo va benissimo! Come avete notato, stasera reciteremo senza suggeritori.

                 Forse è meglio, così sarete più responsabilizzati. Del resto, dopo quattro mesi di

                 prove, scene montate, tagliate, costruite, riscritte di concerto con l’autore che ha

                 trasformato il libro in un testo teatrale… eccoci qui. Adesso dirò per ognuno di

                 voi un giudizio. Pasquà, tu sei troppo statico.

Pasquale: Comme songo?

Nicola:     Statico.

Pasquale: Nicò, ma nun po’ essere. Io m’aggio pigliato pure ‘e compresse Falqui!

Nicola:     Io non ho detto “stitico”, ho detto “statico”! Cioè, sei troppo poco mobile.

Pasquale: Azz, io m’aggio struppiato, aggio vulato, aggio nuotato, so’ gghiuto ‘nmocca a

                 ‘nu pesce cane…! E ch’’eva fa’ cchiù?

Nicola:     Devi essere più veloce.

Pasquale: Ancora? E vabbuò.

Nicola:      E tu, invece, Paola, sei perfetta! Solo che devi essere ancora più magica.

Paola:       Stasera vedrai una fatina talmente magica, che Maga Magò, a confronto,

                   sembrerà una dilettante!

Nicola:       Brava! Così ti voglio. E tu, invece, Samantha, devi essere un po’ più servile. La

                   tua padrona è la fatina. In certi momenti, sembrava il contrario!

Samantha: E allora non è meglio che faccia io la fatina e Paola la cameriera?

Nicola:       No!

Samantha: E vabbé.

Nicola:       E tu, invece, Antonio, come Mastro Ciliegia sei mediocre.

Antonio:    E come Lucignolo?

Nicola:       Peggio! Ma come Colombo non c’eri male! Ti devi allenare un po’ più a volare!

                   E tu, invece, Mariano, come Grillo parlante devi essere più… più… più

                   parlante! Ecco, ho trovato la parola giusta.

Mariano:   Va bene.

Nicola:       E per quanto riguarda il Gatto e la Volpe: Ciro, tu devi zoppicare di più. E devi

                   essere più mesto, più decrepito, più derelitto. Hai capito?

Ciro:          Aroppo veco ‘ncoppa ‘o vocabolario che vo’ dicere mesto, decrepito e derelitto!

Nicola:       Bravo! E in quanto a te, Nina Nanna, tu fai onore al tuo nome e cognome: faje

                   venì ‘o suonno sulo a te guardà! Svegliati un poco! Sii più arzilla. Hai capito?

Nina:          Arzilla? E che rrobba è?

Ciro:          Nun te prioccupà, Nina, aroppo, ‘ncoppa ‘o vocabolario, veco pure che vo’ 

                   dicere arzilla!

Nina:         Grazie!

Ciro:          Prego!

Nicola:       Ed infine, Mangiafuoco: Vicié, devi essere un poco più… un poco più…

Pasquale:  ‘Nu poco cchiù mangiafuoco!

Nicola:       Ecco, bravo Pasquale! Mi hai rubato le parole di bocca. E non solo, Vincenzo.

                   Quando fai il carabiniere, devi essere un po’ più… un po’ più…

Pasquale:  ‘Nu poco cchiù carabiniere!

Nicola:       Appunto! Complimenti, Pasquà, hai capito la commedia! E in quanto ai tecnici,

                   agli scenografi e al sarto, io vi ringrazio per il vostro supporto, ma vi chiedo una

                   enorme cortesia: non ci dovete interrompere mentre proviamo. Lavorate e

                   lasciate lavorare in pace. A proposito, è tutto pronto?

Tecnico:    L’impianto voce e l’impianto luce sono OK!

Scenogr.:  La scenografia è quasi OK! Mancano solo 2-tre cose.

Sarto:        I costumi sono OK! Dopo vestirò io gli uomini. Le donne invece faranno si

                  vestiranno da sole!

Nicola:      Molto bene. Ed ora due parole al pubblico presente. Signori, voi pensavate di

                   aver assistito ad una prova generale? E pensate che tra poco comincerà lo

                   spettacolo? No, non è così, perché lo spettacolo già c’è stato. Era questa prova

                   generale. Piuttosto, io vi invito al prossimo capolavoro che metteremo su alla

                   prossima occasione, capolavoro che i miei attori e i miei tecnici… ardono di

                   portare in scena: La Divina Commedia!

Gli altri:    Nooooo!

                   E scappano tutti via (gli attori e lo staff).

Nicola:       Uhé; addò jate? Massa ‘e fetienti! Turnate ccà!

                   Nicola li insegue.

FINE DELLA COMMEDIA

    Questo copione è stato visto
  • 0 volte nelle ultime 48 ore
  • 0 volte nell' ultima settimana
  • 0 volte nell' ultimo mese
  • 7 volte nell' arco di un'anno