Ma l’è proppi la nostra nevoda?

Stampa questo copione

MA L’E’ PROPPI LA NOSTRA NEVODA

MA L’E’ PROPPI LA NOSTRA NEVODA?

di Lionello Turrini

commedia in dialetto milanese

2 atti


Atto primo

Scena prima

Francesca e Gregorio sono in casa. Lei è indaffarata a spreparare la tavola. Lui legge il giornale.

GREGORIO        Sent on poo… (legge) benestante con sette appartamenti si dichiara povero per non pagare la mensa scolastica ai figli… inscì dalla lista gh’è restaa foeura un quajvun ch’el gh’aveva proppi bisogn.

FRANCESCA     Che barbon. E magari l’è vun de quej che vann semper in gesa e se metten lì in prima fila.

GREGORIO        L’è possibil. Tant par che robà el sia minga on peccaa.

FRANCESCA     Oh, sta attent

GREGORIO        Guarda, se quei che te confessen hinn tutti come el Don Quantivolt…

FRANCESCA     El Don… cosa? Quantivolt? Ma l’è on nom?

GREGORIO        No, ghe l’avevom miss numm fioeu. Quand serom bagaj cosa l’è che te confessavet? Ho risposto male alla mamma e… mi sono toccato… “Eh? Cosa? – el vosava scandalizzaa – bisogna no tocass. Quanti volt? Soo no, rispondevom… on poo de volt. No, bisogna dì quanti volt. Cià che femm el cont… ogni duu dì?… no… ogni tri?… forsi… Allora: l’è passaa on mes, ogni tri dì… femm des volt?… Eh, po’ vess. Va ben, des… ma la prossima volta te gh’hee de vess pussee precis, t’hee capii? E dopo el te domandava nient’alter. Capito Francesca? A lui interessava quante volte ti toccavi, magari se perdevi la messa, però se te robavet, se te fasevet el carogna cont i compagn de scola o alter robb, a lù ghe ne fregava nient. Ghe interessava domà la risposta precisa: quanti volt.

FRANCESCA     Hoo capii. Ma cosa gh’entra col fatto de quej che pagaven no la mensa

GREGORIO        C’entra! Perché numm fioeu semm vegnuu su con l’idea che il peccato l’era domà quel del sesso. Se te guardet el cuu a ona tosa, l’è pecca, ma se te paghet minga i tass o te imbrojet la gent, beh… nessun t’ha mai dìì che l’è peccato grave.

FRANCESCA     Però… te gh’hee rason. Quand s’eri giovina me diseven che anca andà a ballà l’era peccaa.

GREGORIO        Questa forsi te l’hoo mai contada. Siccome s’eri in gamba a disegnà e pitturà, el pretin de l’oratori el vegneva in de mi cont i manifest del cinema e se gh’era voeuna cont’ i brasc o i gamb on poo biott mi e faseva quattà cont’ ona quaj pennellada de color.

FRANCESCA     Però ti ti e guardavet. Avevi la dispensa?

GREGORIO        Per forza, se dovevi fa el ritocch!

FRANCESCA     Ma second ti, anca el conflitto di interessi l’è peccaa?

GREGORIO        S’te vegn in ment?

FRANCESCA     No, disevi, el noster visin de cà, l’Aurizio, lù l’è assessor a la cultura, no?

GREGORIO        Sì, e allora?

FRANCESCA     A ogni festa del paes, quand gh’è de fà de la musica, lù el ciama sempre el complessin del so fioeu. La te par ‘na roba giusta?

GREGORIO        No, giusta no, ma dì che se tratta de on peccaa de andà a confessà, forsi…

FRANCESCA     Ma te vedet, l’è inscì che se comincia. Dopo, quand tra tutti i associazion de la città, sia sportiv che de la cultura, gh’è ona quaj sovvenzion, chissà perchè la ciappa sempre el so fioeu.

GREGORIO        Lì se tratta de ‘na roba politica e te see che la politica…

FRANCESCA     On bel nient, anca la politica la gh’ha de vess netta, anzi se dev comincià proppi de lì.

GREGORIO        Il discorso si allarga, Franceschina cara, e numm pensionaa podom domà inrabiss, mentre il potere fa ciò che vuole.

FRANCESCA     Dai, damm ona man a piegà la tovaja.

GREGORIO        ( si alza dalla poltrona, butta il giornale in qualche modo). Agli ordini.

FRANCESCA     Agli ordini on bel nient. Guarda lì, l’è la manera de lassà el giornal? Piegalo e mettilo a posto bene.

GREGORIO        Che fastidi te dà el giornal? Adesso per piegare una tovaglia, si deve – prima - sistemare il giornale ben piegato? Chi l’è che le dis? El galateo?

FRANCESCA     L’è l’ordin, no el galateo. Se vegn denter on quajvun e el ved el giornal traa lì in d’ona quaj manera, s’el dis?

GREGORIO        El penserà ch’el giornal l’è stracch e el gh’aveva voeuia de stirass, di rilassarsi.

FRANCESCA     Da quand te see in pension te see diventaa on disordinaa..

GREGORIO        L’è no che te see ti che te see diventada on poo brontolona? Cos’è tutta questa mania per l’ordine?

FRANCESCA     L’è no ona mania: è il rispetto per la casa e per se stessi.

Suona il campanello

FRANCESCA     Chi l’è che po’ vess?

GREGORIO        Saranno le forze dell’ordine, che vengono a controllare se c’è disordine.

Scena seconda

FRANCESCA     (esce – da fuori) Buonasera.

ARABELLA        Carissima zia! Tu sei la zia Francesca, non è vero? Fatti abbracciare (entrano, bacia Francesca, ha un borsone - vede Gregorio) E tu di sicuro, sei zio Gregorio (lo abbraccia e lo bacia). Come sono felice. La mamma mi parlava spesso di voi. Un giorno dovrai andare a Milano a incontrare gli zii Gregorio e Francesca – mi diceva – vedrai: sono meravigliosi.

FRANCESCA     Eh, sì, grazie per i meravigliosi, ma… ti chi l’è che te see?

ARABELLA        Chettessee? Non capisco, scusate, ma il vostro dialetto, io, proprio non riesco…

GREGORIO        La gh’ha reson, Francesca: dobbiamo parlare in lingua.

FRANCESCA     In cos’è che devom parlà?

GREGORIO        In lingua, Francesca: in italiano. Se de no la cara nevodina la capiss nagott. Traduco io: la zia Francesca diceva: ma tu chi è che sei? Non ci sembra di conoscerti.

ARABELLA        Per forza, sono passati tanti anni. Vi ricordate che una volta siete venuti in Sardegna?

FRANCESCA     In Sardegna? Ma ghe semm staa… scusa, ci siamo stati quasi quarant’anni fa, in viaggio di nozze.

ARABELLA        Ed io ero appena nata. Mi avete anche preso in braccio.

FRANCESCA     Che memoria che te gh’è, tosa!

ARABELLLA      Beh, io ero così piccola che non posso ricordarmi: è stata la mamma a farmi vedere la fotografia di voi due che (li guarda)… nella foto eravate più giovani.

GREGORIO        Ghe credi: se gh’è passaa quarant’ann…!

FRANCESCA     Ma non ci hai ancora detto come ti chiami e soprattutto, scusa, ma la tua mamma chi è? Io non ho una sorella in Sardegna…

GREGORIO        E io nemmeno, soprattutto se si considera che sono figlio unico.

ARABELLA        Beh, non siete proprio zii, zii di primo grado, ma cugini di cugini. Efisio… (inizia ad aprire la valigia, estrae dei pacchetti)

FRANCESCA     Efisio el conossom no.

GREGORIO        Lasciala parlare, Francesca.

ARABELLA        Efisio è sardo: ok? Ecco perché la parentela è sarda.

FRANCESCA     Va bene, vai avanti.

ARABELLA        Efisio ha sposato Concetta.

FRANCESCA     Che non conosciamo.

ARABELLA        Per forza, è siciliana.

FRANCESCA     Ma noi non abbiamo parenti siciliani.

GREGORIO        Francesca mocchela de interromp. Va avanti… cosa… ma come te se ciamet? Scusa: come ti chiami?

ARABELLA        Non ve lo ricordate più? Eppure quando mi tenevate in

braccio dicevate, ma com’è bella l’Arabella.

FRANCESCA     Ah, finalmente: Arabella sarebbe il tuo nome? E scusa se non ci ricordiamo, ma quarant’anni, sai com’è…

ARABELLA        Capisco, e poi avete anche un’età… (dà un  pacchetto a Francesca) Questo è per te, zia

FRANCESCA     Grazie. Dicevi: un’età…

ARABELLA        (senza rispondere) E questo zio Gregorio è per te.

GREGORIO        Grazie, molto gentile, ma andemm avanti. Eravamo rimasti in Sicilia con la zia Concetta.

ARABELLA        Non era propriamente una zia, ma una cugina. Una cugina che aveva deciso di metter su casa in Sardegna con…

FRANCESCA     Efisio.

ARABELLA        No, Efisio dopo. Efisio era il suo secondo marito. Il primo era Gavino. Gavino aveva una sorella, cioè la mia mamma Assuntina che sposò un ligure, precisamente di Sampierdarena: il Baciccia, ve lo ricordate, no?

GREGORIO        Veramente, di Baciccia, mai sentito parlare.

ARABELLA        Be’, in effetti morì presto, due anni prima che io nascessi.

FRANCESCA     E allora, tu non sei figlia del Baciccia.

ARABELLA        No, dell’Osvaldo. Osvaldo Ostrega di Benevento.

GREGORIO        Quello del premio?

ARABELLA        No, quello è Strega, mio padre era Ostrega, con la “O” come Otranto

FRANCESCA     L’è on bell casin. Mi, finadess, hoo capii nagott.

ARABELLA        Se siete stanchi, possiamo continuare domani. Dove dormo?

FRANCESCA     Come?

ARABELLA        Dove dormo, dicevo. Avrete pure una cameretta per gli ospiti. Non c’è la stanza di Sara?

GREGORIO        Sara? Ma come te fee a savè… pardon, come fai a sapere di Sara?

ARABELLA        Beh, se voi siete miei zii, lei è mia cugina, semplice no? Vi pare che non sappia dell’esistenza di mia cugina? E’ sempre in Africa?

FRANCESCA     Sì, certo. Ma come fai a sapere che è in Africa?

ARABELLA        Oh, quante domande? Se uno fa parte di una famiglia deve sapere tutto dei suoi parenti. Però, se permettete, sono stanca e magari siete stanchi anche voi. Continuiamo domani. Mi dite dove dormo?

GREGORIO        La stanza di Sara l’ho momentaneamente trasformata in studio per me, e non c’è più il letto, quindi…

FRANCESCA     Quindi dovrai accontentarti di dormire qui in soggiorno: ti preparo la poltrona-letto. Hai cenato? (esce)

ARABELLA        Un panino in treno, ma se c’è qualcosa di buono…

GREGORIO        C’era, qualcosa di buono. Ma la Francesca è così brava che qui non avanza niente.

ARABELLA        Allora, sarà per domani.

FRANCESCA     (rientra con lenzuola, coperte e cuscino) Se intanto vuoi andare in bagno.

ARABELLA        Oh, sì grazie (si guarda intorno) Scommetto che è di là (prende il borsone ed esce).

GREGORIO        Simpatica la nipotina.

FRANCESCA     Ti, basta vedè ‘na tosa che te capisset pù nient. Mi quella, la me convinc pocch. Che razza de nevoda la sarìa? Chi l’è che se tiromm in cà, Gregorio? E se fosse un’extracomunitaria venuta qui a derubarci? Te see come fann quei tipi lì, prima se informen de ti, de la toa tosa, fann finta de vess ona persòna de cà e poeu, trach te se trouvet cont el cuu per terra, perché t’hann sgraffignaa tusscoss.

GREGORIO        Solita pessimista. Mi la me par ‘na tosa a post… con tutti i so rob (accenna al fisico) a post.

FRANCESCA     (gli tira il cuscino) Malnatt. Vedaremm se doman sarà tutt’a post. Dai, damm ona man a fà su el lett.

Si muovono indaffarati attorno a una poltrona/divano letto (o brandina)

FRANCESCA     Ma ti, tutti quei terroni lì: l’Efisio, il Gavino, la Concetta ti e conosset? Semm numm che se ricordomm no o l’è la cara nevodina che la cascia su on poo de ball?

GREGORIO        Spettom fin a doman, quand l’avarà finii de compilà l’albero ginecologico.

FRANCESCA     Ginecologico? Te see sicur che se dis inscì?

GREGORIO        Scherzavo, Francesca, l’albero genealogico. Domani sapremo dove si colloca, rispetto a noi, la giovane nipote.

FRANCESCA     Hai già smesso di parlare in dialetto per farti capire anche dagli extracomunitari?

GREGORIO        Ssst, che la riva.

ARABELLA        (rientra in camicia da notte, abbastanza corta) Io sono pronta per andare a letto.

FRANCESCA     (che osserva lo sguardo di Gregorio) Si usano così? Corte? Le camicie da notte?

ARABELLA        No, era più lunga, ma poi mentre la stiravo è suonato il telefono: sono andata a rispondere, ho lasciato lì il ferro e l’ho bruciata. Per fortuna solo in basso, così ho potuto accorciarla.

GREGORIO        (guarda) E’ stata proprio una bella fortuna!

FRANCESCA     Gregorio, mocchela! Arabella hai bisogno di qualcos’altro?

ARABELLA        Mi sembra di essere molto esposta. Non ce l’avreste un separé?

FRANCESCA     Sì, ce l’abbiamo. Gregorio, vai a prenderlo. E poi?

ARABELLA        Per il resto, ho tutto con me. Mi arrangio da sola. Voi cosa fate? Andate a dormire o state alzati a guardare la TV?

GREGORIO        (rientrando con il separé, sente) Di solito stiamo alzati a guardare… a guardare la TV.

ARABELLA        (sistema il separé) Oh, per me, fatelo pure. Però con il volume basso, altrimenti non dormo.

GREGORIO        Non è che disturba anche la luce della TV?

ARABELLA        In effetti, sì, ma magari con il separé…

FRANCESCA     Sentite per questa sera, niente TV. Domani ci organizziamo meglio (prende Gregorio per un braccio). Buonanotte nipotina.

ARABELLA        Buonanotte (rimasta sola, apre la valigia, estrae di tutto: vestiti che appende al separé, radiosveglia, soprammobili; il tutto come se fosse una refurtiva: riempie tutta la stanza) Che simpatici zietti. Beh, dormiamo (spegne la luce)

BUIO

Scena terza

ARABELLA        (nel buio si alza, accende una piccola torcia, fa dei movimenti che il pubblico non riesce a capire, ma può pensare che stia rubando). Fatto (torna a letto).

Scena quarta

E’ il mattino seguente. Si accendono le luci.

Entra Francesca con il caffè per Arabella.

FRANCESCA     Nipotina cara, sveglia. Ti ho portato il caffè.

ARABELLA        Grazie zietta, ma ti prego non viziarmi. Per il primo giorno, va bene, ma da domani dovrò essere una di casa, non un’ospite da trattare con riguardo.

FRANCESCA     (su guarda attorno). Be’ ti sei organizzata bene, a quanto vedo, hai anche la radio.

ARABELLA        Oh, è tutto così provvisorio. Magari se poi riesci a trovare un posticino in un armadio, metto via anche i vestiti. E lo zio, dov’è? Dorme ancora?

FRANCESCA     No, lui è mattiniero. È già fuori a comprare il giornale. Magari adesso è al bar a bersi il caffè.

ARABELLA        Al bar? Con un caffè così buono come lo fai tu, lui va al bar?

FRANCESCA     Sì, per due ragioni: per far due chiacchiere con gli amici, per commentare i risultati sportivi e per organizzarsi la giornata, perchè è uno sportivo, sai, lui gioca a carte, a bocce, qualche volta a scacchi. E l’altra ragione è che al bar… c’è una bella barista giovane, formosa e insomma lui dice che anche quello serve per iniziare bene la giornata.

ARABELLA        Domani gli farò una sorpresa (si alza, indossa una vestaglietta).

FRANCESCA     Una sorpresa? E cosa farai?

ARABELLA        Vedrai.

Scena quinta

Rientra Gregorio

GREGORIO        Ehilà, belle ragazze, come va? (bacia la moglie) Mogliettina cara, sempre più bella (e poi la nipote) e tu sempre più giovane.

ARABELLA        Ti sbagli zietto, rispetto a ieri sono invecchiata di un giorno.

GREGORIO        Be’, però ti mantieni ancora bene. (cambia) Sapete cosa si dice al bar?

FRANCESCA     Dai conta su. Ti te rivet semper cont i novità.

GREGORIO        Dicono che ci sono in giro degli extracomunitari che si presentano in casa di persone anziane, magari fanno finta di essere dei parenti e poi… (sospensione misteriosa).

FRANCESCA     (guarda Arabella, poi Gregorio) E poi cosa?

GREGORIO        E poi… me ricordi pù. Hann dii che bisogna stà attent, perché gh’hann ona tecnica per fatt su che ti te ghe borlet denter ‘me on lifrocch, ‘me ‘na pera madura.

ARABELLA        Ma come parli, zio, io non capisco niente.

FRANCESCA     Io sì, comincio a capire.

ARABELLA        Ah, bene e allora spiegalo anche a me. Cosa fanno questi extracomunitari?

FRANCESCA     Fanno… fanno… spesso fanno compagnia agli anziani…

GREGORIO        Come badanti. Sì, sai com’è, quando uno è anziano e non riesce a muoversi, ha bisogno di aiuto.

FRANCESCA     E qualche volta, queste badanti entrano in casa… si guardano attorno e poi…

ARABELLA        E poi…

GREGORIO        E poi, non si sa, magari (gesto con la mano) zac, ti fregano tutto.

ARABELLA        Ma voi siete giovani, non correte questo pericolo. E poi adesso che sono arrivata io, non  preoccupatevi… baderò a voi.

FRANCESCA     (tra sé) è proprio questo che ci preoccupa.        

GREGORIO        Se ci sei tu, siamo in una botte di ferro.

FRANCESCA     Gregorio, pensavo che magari per un po’ potresti anche stare in casa a… dar un’occhiata alla tua nipotina.

ARABELLA        Oh, grazie, zia Francesca. Ma non voglio disturbare. E poi io mi so organizzare. Anzi, che ne direste se invito una mia amica?

FRANCESCA     (perplessa) Un’amica…

GREGORIO        (piano a Francesca) De solit, laoren semper in duu. Vona che la te parla, e l’altra che la te frega.

ARABELLA        Ho conosciuto in treno, mentre venivo da voi, una ragazza molto simpatica. Se non vi disturba, posso invitarla qui a parlare un po’, magari a sentire della musica.

GREGORIO        Francesca… ci disturba?

FRANCESCA     Non saprei… musica alta, fracassona?

ARABELLA        Il giusto.

GREGORIO        Be’ se è il giusto… direi che… è carina la tua amica?

ARABELLA        Oh, sì, molto.

GREGORIO        E allora non c’è problema, vero Francesca? Chiamala

pure.

ARABELLA        Oh, grazie. Adesso vado in bagno a lavarmi un po’ (esce)

Scena sesta

FRANCESCA     Te seet el solit bamba… “è carina la tua amica? e allora falla venire”. Ma come fai a essere così sprovveduto? Cià cominciom a fà sparì tutti i danee.

GREGORIO        Mi quei pochi che gh’hoo, i tegni chì in saccoccia.

FRANCESCA     Sì, in saccoccia… mi in saccoccia me par de vegh i oli santi.

GREGORIO        Perché, te stee minga ben?

FRANCESCA     Per sta ben, stoo ben, ma l’è che gh’hoo ona gran paura.

GREGORIO        T’hee sentii ‘se l’ha dii la nevodina? Voi non siete sprovveduti, quindi…

FRANCESCA     Ma l’è proppi questa la tecnica: te fann cred che ti te siet sveli, che te siet vun che se fa no ciappà per el… nas, e quando ti rilassi, quando rallenti l’attenzione… zach… e gh’è pù nient de fà.

GREGORIO        Franceschina mi preoccupi. Com’è che te fee a savè tutt chi robb chì? Hai fatto un corso anti borseggio?

FRANCESCA     No, foo domà laorà el coo. Dai, femm sparì i danee.

GREGORIO        Come saria: femm sparì i danee? Ti e tiret via da ona part per mettei in d’on’altra? E quale saria la parte giusta?

FRANCESCA     I e tirom foeura dai cassett e si e mettom adoss.

GREGORIO        E se poi le protuberanze destano sospetti? ‘S’te ghe diset a la nevodina? Che te see ingrassada tutt all’improvvis? Prima studiamo le sue mosse, poi noi faremo le nostre contromosse.

FRANCESCA     Bravo, el diseva inscì anca quel che l’ha saraa su l’uss dopo che gh’aveven fregaa tutti i besti. Dai va a toeu i danee.

GREGORIO        E indoe sarien?

FRANCESCA     Com’è indoe sarien? I hoo nascost, no?

GREGORIO        E se le soo no nanca mi, come la fa a savell la toa nevoda?

FRANCESCA     Perché lor, quella gent lì, gh’hann el fiuto.

GREGORIO        Ah, sì? E allora quand ghe n’hoo de bisogn, anca se ti te me scondet tusscoss, gh’el disi a la nevodina. Arabella cara, non potresti cercarmi un po’ di soldi, sai la zia li nasconde, ma tu hai il fiuto e li trovi subito. Non c’è problema, zietto, è il mio mestiere. E in duu minut la me riempiss de danee.

FRANCESCA     Eh… “riempiss”. Come se ghe ne fudess tanti.

GREGORIO        Tanti o pochi, lee i e trova. Quindi, di fronte al fiuto, var nanca la pena de cercà de nascondii. Lasciamoli dove sono.

FRANCESCA     Va ben, ti te see l’omm de cà, ti te comandet e ti te se trovaree pentii.

GREGORIO        Quand gh’è de mezz ona quaj gabola, te me lasset volentera el baston del comand. Per el rest, gh’hoo de stà semper citto.

FRANCESCA     Ecco, bravo, sta citto che l’è adree a rivà.

Scena settima

Rientra Arabella

ARABELLA        Fatto. Ah, già che c’ero ho sistemato le mie cose in bagno. Spero di non aver messo troppo in disordine.

GREGORIO        Disordine? Preoccupes no, Arabella, in questa casa non ci facciamo caso.

ARABELLA        E avete ragione: la casa va vissuta, va usata, non bisogna farsi usare da lei.

FRANCESCA     Farsi usare da lei?

ARABELLA        Sì, zia, se tu, per mettere in ordine la casa, perdi troppo tempo, lo rubi a te stessa. La casa dev’essere a nostra disposizione, non noi a disposizione della casa.

GREGORIO        Mai sentito niente di più saggio.

FRANCESCA     (lo guarda male) Ma se è tutto in disordine, poi non trovi più quello che cerchi.

ARABELLA        Oh, io non ho problemi, quello che cerco lo trovo sempre. Io ho fiuto.

FRANCESCA     Hai capito, Gregorio, lei quello che cerca lo trova sempre.

GREGORIO        Eh, sì… lee la gh’ha el fiuto. (cambia) Ma senti, Arabella, come pensi di organizzarti la giornata? Minga per fà i tò interess, ma domà per savè come devon comportass nun. Soo no, se te restet in cà o se te vee foeura.

ARABELLA        Foeura? Non capisco…

FRANCESCA     Gregorio, dobbiamo parlare italiano altrimenti la tosa la capiss nagott.

ARABELLA        Nagott?

FRANCESCA     Sì, nagott, vuol dire niente. Senti noi ci sforziamo di parlare italiano, ma ti, tosa, cerca de dass de fà a imparà on poo el dialett, se de no.

ARABELLA        Giusto. Se adesso vivo qui, a Milano, devo imparare anche la parlata meneghina. Si dice così?

GREGORIO        Ecco, brava. Se vuoi ti do qualche lezione. Per esempio: soldi, si dice danee…

FRANCESCA     Bravo Gregorio, tu cominci sempre con il piede giusto. E rubare si dice sgraffignà, fregà, sciampà, grattà.

ARABELLA        Perché cominciate proprio con queste parole?

GREGORIO        Per aiutarti… s’te savesset quanti imbrojoni che gh’è in gir. Te fann su me voeuren… te fann su me voeuren sarebbe “ti raggirano come vogliono”.

ARABELLA        A me? Raggirare me? Ma se sono una specialista nel campo?

FRANCESCA     Nel campo del raggiro?

ARABELLA        Sì, è la mia specializzazione. Ma adesso non voglio annoiarvi. Vado di là a vestirmi (esce con il borsone)

 

Scena ottava

FRANCESCA     L’è ona specialista, t’hee capii? Semm in d’ona bott de ferr. Il cerchio si è chiuso, Gregorio. Dobbiamo tenere gli occhi aperti. Mi voo de là in camera a nascond i danee. Ti controlla (esce).

GREGORIO        (prende il giornale e legge) … per truffare gli anziani, spesso i ladri si vestono da operai del gas o addetti alla raccolta rifiuti. Arrivano in tuta, magari con un tesserino falso del Comune o di qualche ente pubblico, fingono di effettuare dei controlli e intanto rovistano nei cassetti fino a trovare i soldi. Di solito sono in due, uno finge di compilare un modulo in presenza della persona anziana e l’altro si impossessa del denaro… Ohei, in chì dì chì gh’ha de vessigh in gir ona banda che la roba in depertutt. Passa no dì ch’el giornal el gh’abbia minga ona notizia del gener… si raccomanda di stare attenti e di non aprire a sconosciuti… non aprire a sconosciuti… eh, l’è minga quell ch’emm faa? Ma l’Arabella, l’è ona sconosciuta o l’è debon la nostra nevoda?

Scena nona

ARABELLA        (rientra vestita con una tuta azzurra). Ciao zietto

GREGORIO        (la guarda sorpreso e nello stesso tempo ammirato)

ARABELLA        Ti piaccio? Ho pensato che una tutina sia più comoda per andare in giro. Non credi?

GREGORIO        Certo, certo… e poi dipende da dove devi andare, quali sono le tue vere intenzioni.

ARABELLA        Le mie intenzioni si intuiscono, no? Vado a dare un’occhiata, magari mi informo per non muovermi a vuoto, perché voglio organizzare bene la mia permanenza a Milano, che spero, soprattutto per voi, non sia troppo lunga. Voi siete gentili, mi ospitate con grande simpatia, ma non posso approfittare.

GREGORIO        Ma dimmi, questa per te è solo… una base…

ARABELLA        Esatto, una base che potremmo definire “operativa”. Qui nessuno può venirmi a cercare, perché nessuno sa che sono qui… tranne quella mia amica…

GREGORIO        Con cui sei abituata a portare a termine le tue operazioni?

ARABELLA        No, lei non è a conoscenza del lavoro che faccio. Anzi, mi serve per una copertura, capisci?

GREGORIO        Altroché, se capisco, son minga vegnuu giò con la piena. Traduco: non sono un montanaro zotico e ignorante che si è trovato casualmente in città perché travolto dalla piena del fiume che l’ha trascinato a valle.

ARABELLA        (ride) Bella questa, ripeti…

GREGORIO        Son minga vegnuu giò con la piena…

ARABELLA        Sei proprio simpatico, zietto (lo abbraccia) Sono stata davvero fortunata a venire qui.

Scena decima

FRANCESCA     (rientra) Gregorio cosa fai? Fai il furbo?

ARABELLA        Oh, sì lui è furbo non l’è minga vegnuu giò con la piena. (cambia) Carissimi zii, adesso vado, non devo perdere tempo: voglio che la mia permanenza qui sia proficua (butta sul divano il borsone aperto, lasciando in disordine). Quando rientro metto a posto, tanto la casa…

GREGORIO        La casa va usata, non bisogna farsi usare da lei.

ARABELLA        Bravo zio. Ciao, bacioni (esce).

Scena undicesima

FRANCESCA     (guarda Gregorio) Va… va che bamba che gh’è lì. Gregorio des’ciolless. La nevodina la te fa girà el coo, la te tira scemo, per poeu sistemat polito.

GREGORIO        È tutto sotto controllo. T’hee vist come l’era vestida?

FRANCESCA     Con la tuta.

GREGORIO        Brava, e adess scolta chì… (prende il giornale e legge) “per truffare gli anziani, spesso i ladri si vestono da operai del gas o addetti alla raccolta rifiuti. Arrivano in tuta, magari con un tesserino falso del Comune o di qualche ente pubblico, fingono di effettuare dei controlli e intanto rovistano nei cassetti fino a trovare i soldi. Di solito sono in due, uno finge di compilare un modulo in presenza della persona anziana e l’altro si impossessa del denaro”.       

FRANCESCA     Te voeuret dì che… siamo in pericolo, Gregorio.

GREGORIO        È tutto sotto controllo, te disevi. L’ha m’ha anca confidaa che questa, cioè casa nostra, l’è la soa base operativa. T’hee capii? Quindi, parte da qui, per mettere a segno le truffe, ma robà chì de nun ghe convegn no. Siamo in una botte di ferro, Francesca.

FRANCESCA     Altro che botte, Gregorio: saremo in una gabbia di ferro, cioè in preson. Ma te se rendet cunt che se questa l’è la base operativa, nun semm complici?

GREGORIO        Ma nun dimostrerem che la tosa la s’è tegnida tusscoss, cioè non ha diviso il bottino, quindi semm minga complici.

FRANCESCA     Oh, Signor, Signor in che gibilieri semm burlaa denter. E poeu va chì, me l’è disordinada. La lassa in gir i so vestii, la soa borsa… l’è no Gregorio che podariom guardà denter in la borsa?

GREGORIO        Francesca, complici sì, ma no spion…anca se la tentazion l’è forta.

FRANCESCA     M’è vegnuda on’idea. Te see la tedesca che la sta chì sul ripianin? S’t’en diset se ghe domandom de dagh on oggiada a l’Arabella, magari cont ona quaj scusa, soo no… la femm passà per governant, disom che l’era la tata de la Sara e ogni tant la vegn chì a damm ona man per mett in ordin la cà.

GREGORIO        La Gherda? Ohei quella lì l’è proppi ona crapa dura, ‘na vera crucca. Sì, sì ciamela e digh de drizzam on poo la tosa che… mi scherzi… ma l’è proppi disordinada.

FRANCESCA     Allora voo. Sperem che la sia in cà (esce).

Scena dodicesima

GREGORIO        Mi quasi quasi, on’oggiadina al borson ghe la doo (fa per mettere dentro una mano, ma si ritrae). Eh, sì,  quella l’è furba: de sicur l’ha lassaa chì el borson per fà in manera che nun ghe guardom denter. La fa finta de vess disordinada, ma se ghe spostom on quajcoss la s’en ‘corg subit (cerca di guardare, senza toccare niente). Calzett, camisetta, majetta de ricambi… (scherzando) il tenente Colombo non scorge tracce anomale… Magari se mettom in sospett per nagott, però… però l’ha minga dii perché l’è vegnuda chì a Milan. L’è chì per studià, per cercass on laorà, per fass ona vacanza? O l’è chì per sgraffignà?

Suonano alla porta

GREGORIO        Chi l’è che sòna? La po’ nò vèss la Francesca: de solit

quand la va da la Gherda la sta lì a cicciarà. Cià, ‘ndemm a vedè (va

alla porta) Aristide, ciao, vègn, vègn denter. Che novità! L’è de on

poo che te se fee nò vedè. Se gh’è de bèll?

ARISTIDE           Vorevi sentì anca el tò parer, su quèlla banda de

imbrojoni che gh’è in gir … che poeu, se sa nò se l’è ona banda o se

hinn in tanti, che magari se conossen nanca tra de lor. Il fatto l’è che… oh, madòna, se ghe pensi…

GREGORIO        Perché ‘sti discors? Se gh’è success? Hann imbrojaa

anca tì?

ARISTIDE           Nò, mì, nò: mì soon nò de quèi che se fann fà sù. Ma la

mia sorella Santina, lee sì che l’hann fregada polito. A part che lee

l’è semper stada la pussee ciolla de la famiglia.

GREGORIO        La Santina? Credevi nò: la me pareva sveglia. Ma ‘me

l’è andada?

ARISTIDE           La Santina la gh’ha on fioeu: el Marco, ch’el saria el mè

nevod. T’el conosset?

GREGORIO        Quell ch’el gh’ha la moto rossa.

ARISTIDE           Bravo, pròppi lù. E l’è pròppi per la moto che gh’è

success tusscòss.

GREGORIO        El gh’ha avuu on incident?

ARISTIDE           Nò, nò, nessun incident, ma… te me fee settà giò?

GREGORIO        Ah, sì, scusa. Dai, settes e va avanti.

ARISTIDE           Allora: on dì riven duu fioeu da la Santina e ghe disen

che el Marco l’han fermaa in Svizzera con la sua moto perchè l’andava troppo fort.

GREGORIO        Eh, in Svizzera scherzen nò con la velocità.

ARISTIDE           Pròppi inscì, ghe disen a la Santina: i ghisa svizzer…

GREGORIO        La polizai.

ARISTIDE           Sì, quèi lì. Ma interromp nò, per piasè. I duu fioeu ghe

disen a la Santina che el Marco l’è in stato di fermo e che s’el paga nò la multa el metten denter, ghe sequestren la moto e poeu… insomma ghe la metten giò dura. “Possibil” – la dis la Santina – ma podi nò telefonagh?” . “No – ghe risponden subit i fioeu – gh’ha sequestraa anca el telefonino”.

GREGORIO        Ma el Marco, de danee, ghe n’aveva nò adree?

ARISTIDE           L’è quèll che l’ha domandaa la Santina. Ma quèi lì han dii che la multa l’era alta, per de pù el gh’aveva nanca el talloncino de l’autostrada… e poeu, quand i poliziott svizzer hann cominciaa a dì che i italian van semper fort, e chi se creden de vèss e quell lì l’è on paes civil, minga l’Italia, insomma hann faa incazzà el Marco che l’ha responduu, come se dis, per le rime. Oltraggio alla forza pubblica, guida veloce, mancanza di talloncino dell’autostrada… insomma alla fin el total l’era de mille euro.

GREGORIO        Chissà la Santina. Ghe sarà vegnuu on colp.

ARISTIDE           Eh, mancava pocch. S’el paga nò – hann dii – ghe sequestren la moto e ghe la dann pù. La Santina disperada la domanda: “Allora gh’hoo de andà mì in Svizzera? Soo nò nanca come sa fa”. “Beh – ghe disen i duu fioeu – nun andemm de spess in Svizzera. Se la voeur ghe podom fà ‘sto piasè. Ma domà perchè serom lì, come testimoni, se de nò se ne casciavom proppi per nient”.

GREGORIO        Che bravi, però.

ARISTIDE           Citto. Lassom finì: se fann dà mille euro, ghe ne giunten alter dusent, per le spese e van via. La Santina ghe dispias per i mila e dusent euro, però l’è contenta perchè almen inscì la ries a tira foeura di pastiss el so fioeu. T’hee capii? Milleduecento euro.

GREGORIO        Eh, hoo capii. Va avanti, me l’è finida?

ARISTIDE           I fioeu van via e de li a pocch sòna el telefono. Pronto? L’è el Marco. “Ciao Marco, sei tè? Ti hanno ridato il telefonino? Come in che senso? Te l’aveven minga portaa via i poliziott svizzer? No?” (cambia) Beh, la storia de la moto in Svizzera l’era minga vera. La Santina la s’è fada fregà per ben. Ma mì disi: prima de dà via i danee bisogna vèss sicur, ò nò? S’t’en diset, tì Gregorio?

GREGORIO        Mi disi che ne inventen semper voeuna noeuva per portat fregat. Meno mal che in famiglia ghe domà la Santina che l’è la pecora nera, come te diset tì, se de nò…

ARISTIDE           Per fortuna, sì. Mì e i mè fradei semm minga inscì stupidott. Però me dispias per ‘sto pantolott de ona tosa.

GREGORIO        Sent Aristide, mì leggi el giornal tutti i dì e vedi anca mì

che de chi robb chì ne parlen semper. Allora, insema a on poo de

amis èmm decis de mett ona telecamera chì sotta, in del canton del

prestin per vedè se ghe on quai moviment sospett. Però la costa. Ti

ghe stee a contribuì? Hinn cinquanta euro a testa.

ARISTIDE           Ah, per chi robb chì soon semper pront. Ciappa (estrae dalla tasca e consegna cinquanta euro). E quand l’è che la metten?

GREGORIO        Appena emm tiraa denter alter soci.

ARISTIDE           Bravo: famm savè. Adess te saludi, Voo da la Santina a digh ona quai parola che la poda consolà.

GREGORIO        Pussee che ona parola, va a dagh on quaicòss.

Contribuisci con un po’ denaro alla sua perdita. Ciao.

ARISTIDE           Ciao (esce)

GREGORIO        (lo richiama) Aristide, vègn, vègn denter on moment.

ARISTIDE           ‘Se gh’è?

GREGORIO        Gh’è che la storia de la telecamera l’è tutta ona bagola.

E tì te m’hee daa cinquanta euro, che se seri disonest mi è tegnevi.

T’hee vist che tutti poden vèss imbrojaa. L’è nò la Santina la pecora

nera, è l’uomo nero che l’è semper pront. Occhi aperti, Aristide e

toh, ciappa i tò danne (restituisce i 50 euro). Ciao

ARISTIDE           Ciao Gregorio. Te m’hee daa ona bella lezion (esce).

Gregorio torna a guardare il borsone

Suona il campanello

GREGORIO        Sarà la Francesca con la Gherda. Ma perchè la sona?

    (va ad aprire)

Scena tredicesima

VIGILE      Buongiorno signor Lupini, posso entrare?

GREGORIO        On ghisa? Cioè vorevi dì… un vigile qui? A cosa debbo

l’onore?

VIGILE      Lo ritiene un onore? Sono un semplice vigile, incaricato dal servizio assistenza di contattare le persone anziane…

GREGORIO        Ma guardi che noi… noi non…

VIGILE      Non siete anziani?

GREGORIO        Ah, be’… quell sì, semm, come se dis, avanti con gli anni. Sì, insomma, semm anzian.

VIGILE      Appunto. Non so se lei legge i giornali, o se ha sentito qualcosa riguardo a certi truffatori che circolano nel rione in queste settimane.

GREGORIO        Sì, el giornal ghe l’hoo chì, ma hoo minga leggiuu anmò tusscoss. Magari gh’è su la notizia che… quella che el dis lù.

VIGILE      (guarda il giornale) Sì, sul giornale c’è, poi la legga. Intanto volevo avvertirla di non far entrare nessun estraneo, specialmente in tuta: si fingono operai del gas o della luce, dicono che sono lì per un controllo…

GREGORIO        E poeu sgraffignen i danee de la poera gent. Hoo capii, hoo capii. Fii ben a dì de stà attent, perché l’è facil per on veggett burlagh denter. Meno mal che mi son minga vegg, ma domà anzian e poeu anca la Francesca, la mia miee, l’è no vona de quei che se fann fà su. La tegn semper i oeugg ben avert… qualche volta anca tropp … soo no s’el me capiss?

VIGILE      La controlla? Si vede che avrà le sue buone ragioni. Comunque, meglio così, mi piacciono i vecchietti… o mi scusi, gli anziani che si mantengono ancora molto svegli. Ma non fidatevi troppo della vostra astuzia, quelli sono più furbi. Mi raccomando, occhi bene aperti. A proposito: i soldi li tenete nascosti bene, vero?

GREGORIO        Sì, i tegnum sconduu ne la ruera, nel portaruff.

VIGILE      E quando vuotate il cestino? Non avete paura di buttarli via con i rifiuti? E poi quello è un posto che ormai conoscono tutti i ladri. Anzi, secondo le statistiche, è il primo posto dove vanno a vedere.

GREGORIO        Ah, sì? Va ben e allora i e metterem sul lampadari.

VIGILE      Quello è il secondo posto dove vanno a vedere.

GREGORIO        Oh, Signor: e allora me le disa lù indoe l’è mej nascond i danee. Mi raccomando, che sia all’ultimo posto nelle statistiche.

VIGILE      In casa sua, deve decidere lei… magari io direi in una videocassetta, in un libro dove, al centro, sono state tagliate le pagine.

GREGORIO        Come per nascond la bottiglia del viski. Eh, el m’ha daa ona bella idea.

VIGILE      Sono contento. Adesso vado. Auguri. Arrivederci.

GREGORIO        Se vedom… o ch’el me scusa, l’è no ch’el voeur on bianchin, magari ona bibita?

VIGILE      No grazie, sono in servizio. Arrivederci (esce).

Scena quattordicesima

GREGORIO        Che bamba d’on ghisa. Te par che mi ghe disevi proppi a lù indoe nascondi i danee? El soo ben che nel portaruff ghe guarden subit, anca mi i e leggi i giornai. (riflette) E s’el ghisa el fudess anca lù on lader vestii de vigile urbano per andà in avanscoperta? Tra pocch ne riva on’alter ch’el va defilaa a la videocassetta o a cercà tra i liber. Tenete gli occhi bene aperti, el dis. Be’, mi per dagh on’oggiada a l’Arabella i oeugg i tegni avert, e come!

FRANCESCA     (rientra con Gherda) Gregorio c’è qui la Gherda. Gh’hoo dii on quajcoss riguardo la nevoda e…

GHERDA   (parla con accento tedesco, anche se si sforza di dire alcune parole in milanese) Ia, la sig-nora Francesca la m’ha cuntà su che la tosa non mette in ordine sue cose, come dite voi l’è disordinada. Anche un po’ vonsciona?

GREGORIO        No, quel no. Per lavass, la se lava… o almen, mi senti scorr l’acqua, poeu se la se lava, soo no.

GHERDA            Gut!

GREGORIO        No gutt, ma acqua… tanta.

GHERDA   (prende appunti) Ia, consuma acqua, ma non si sa per quale uso. L’è anca fracassona? Vori dì: l’è casinista?

GREGORIO        Ma le sa, sciora Gherda, ch’el so milanes l’è semper mej?

GHERDA   Ia, io sforzo me di parlare anche dialett, così me comprendii anche vu. Cosa devo fare, allora, con tosa? Io non posso dire: guarda io sono tua insegnate di educazione. La podaria offendes

FRANCESCA     Ghe disom che l’è on’amisa de la Sara, che ogni tant la vegn chì a trovann – a trovarci – e siccome l’è tedesca la gh’ha per abitudin de mett a post la roba, anca se gh’el domanden no.

GHERDA   E allora, metti a post? Ma se lee, la tosa, la se… come  se dis… la se incazza? Magari, siccome l’è minga milanes, cont el so parlà stranier la dis: io stare bene in mia disordine.

GREGORIO        Beh, l’è no di noster part, però l’è bona de parlà italian, anzi, le parla proppi ben.

FRANCESCA     (gelosa, ironica) Le parla proppi ben… Al Gregorio ghe va sempre ben tusscoss se l’è ona donna giovina.

GHERDA   E mi, ghe voo ben, scior Gregorio?

GREGORIO        Benone.

FRANCESCA     Cossa ghe c’entra lee, adess? E ti, te gh’è nient de fa? Non devi andare a comprare qualcosa, una video cassetta, un libro… te ghe no de portà foeura el ruff?

GREGORIO        (sorpreso) Ma… t’hee vist per caso on ghisa?

FRANCESCA     Ma te see ciocch? Va, va Gregorio che le nostre faccende, mi e la Gherda si e desbrigomm tra de nun. Ciao, Gregorio, buona passeggiata.

GREGORIO        Voraria no sbagliamm, ma gh’hoo l’impression che te voret sbattom foeura de cà. Arrivederci, sciora Gherda… già che sont in gir, la gh’ha minga bisogn de on quajcoss?

GHERDA   Oh, ia tanke. Me compraria el CD di Zucchero?

GREGORIO        Tutt quell che la voeur. Mi voo. Se vedom (esce).

Scena quindicesima

GHERDA   Simpatich el so marì.

FRANCESCA     Sì, l’è simpatich. Ma adess gh’emm de studià la strategia. Femm la simulazion: mi foo finta de vess l’Arabella e l’è la fa finta de vess la Gherda.

GHERDA   Perchè gh’hoo de fà finta? Podi no essere debon la Gherda, che poeu son semper mi?

FRANCESCA     Sì, ottima idea. Cominciom… mi vegni denter e disi : Ma cosa è tutto questo ordine? Chi si è permesso di mettere le mani nelle mie cose?

GHERDA   La scusa, sciora Francesca, ma la tosa la gh’ha reson… mett i man in di so robb, se fa no! Io adess voo a cà mia, mi mett a studià qualche cos e poeu vegni chì, soni e disi: Buongiorno sig-nora Francesca, ho savuu che c’è qui in de lee una tosa molto simpatica che… ci piass la musica a la tosa?

FRANCESCA     Oh, alterché

GHERDA   Allora disi: una tosa simpatica che ci piass la musica e siccome la me piass anca a mi – la musica – magari podom stà insemma a parlà de musica. O no?

FRANCESCA     E dopo?

GHERDA   Dopo, ghe pensi mi. Quand l’è che la torna, la tosa?

FRANCESCA     Stasera. Magari mi e el Gregorio andemm al cinema e ve lassom chì tranquill e lee la fa el so laorà.

GHERDA   Ia, wonderfull idea. Allora,  a stasera. Se vedom (esce)

FRANCESCA     (l’accompagna alla porta) Se vedom. (pensando) Se vedom… vedaremm, se succed. (verso il pubblico) Me dispiass per vialter, ma fin a stasera succed pù nient, quindi andii pur a bev on bianchin o on caffè. Se vedom.

FINE PRIMO TEMPO


SECONDO TEMPO

Scena prima

Sono in scena Gherda e Arabella.

ARABELLA        Ma pensa che fortuna, anche una vicina dei miei zii che ama la musica e la danza.

GHERDA   Ia, io amo danza e anche musik, ma i sig-nori non devono saperlo. Lor creden che mi sia una tedescva tutta d’on tocch.

ARABELLA        Questo parlare milanese, poi, con l’accento tedesco è di un bello. Ma lei è qui in Italia da tanti anni?

GHERDA   Oh, che menada con questo “lei”. Damm del ti, dammi del tu… ma domà tra de nun, solo tra noi. Dicevi da quanti anni…? Be’ mi son nasuda a Milan. Io sono nata a Milano, da genitori italiani, sono italiana a tutti gli effetti.

ARABELLA        Ma va! E come mai parli con questo accento? Hai fatto le scuole in Germania? (la prende per mano e iniziano a danzare)

GHERDA   (racconta, danzando) No, no. Te vedet, Arabella. A un certo punto, tra le famiglie “bene“ di Milano, per tirar su i figli, assumevano le tate o che venivano dalla Toscana, per fargli parlare un italiano di quelli “forbiti”, oppure tate tedesche, per dare un’educazione rigida. Io non potevo fare la tata toscana, perché l’italiano lo so, ma parlo meglio il dialetto, così mi sono inventata questa parlata mista, che riesce a convincere tutti che sono tedesca, ma da diversi anni a Milano.

ARABELLA        E hai sempre fatto la tata tedesca?

GHERDA   Infatti.

ARABELLA        E anche i miei zii, ci credono?

GHERDA   Pare di sì. Ma sent un po’… ti te see proppi la nevoda?      

ARABELLA        Perché, questa domanda?

GHERDA   Perché la Francesca la me sembrava minga tant convinta.

ARABELLA        Cosa ti ha detto?

GHERDA   Gherda, la ghe daga on’oggiada a la mia nevoda, magari con la scusa de scoltà la musica, la ghe insegna a mett on po’ a post la cà, che l’è tant disordinada e la cerca de capì – ma senza che la tosa la se ne accorgia – come mai l’è chì a Milan, se la lavora, se la studia, se la gh’ha in pee on quaj gibileri…

ARABELLA        Gherda… on quaj gibileri… cos’è? Non potresti parlare in italiano. Faccio fatica a capirvi.

GHERDA   Oh, scusa, ma è tanta l’abitudine… be’, per farla breve la zia vuole sapere se lavori, se studi o se hai in piedi qualche affare più o meno pulito. Sospetta anche che tu… (non vuole proseguire)

ARABELLA        Sì… che io? Aspetta, te lo dico io: sospetta che io faccia parte di qualche banda di truffatori.

GHERDA   Sì, così, ma te come fai a saperlo?

ARABELLA        La psicosi: ne parlano i giornali, ne parlano al bar, è venuto anche un vigile ad avvertirli, me l’ha detto lo zio Gregorio.

GHERDA   Un vigile? Mi pare strano: non esistono vigili addetti a questo servizio.

ARABELLA        Hai ragione, i vigili hanno altri compiti. Sarebbe stato più logico che venissero i carabinieri, ma i vigili…

GHERDA   No, sai, io filavo con il vice capo dei ghisa, dei vigili, e so tutto di quello che fanno. Era così noioso che invece di… (tronca)

ARABELLA        Vuoi dire che potrebbero esserci in giro dei lestofanti, che si travestono da vigili?

GHERDA   Se non lo sai te, che fai parte della banda… (ride)

ARABELLA        Io che… (ride, divertita) eh, già, dimenticavo che faccio parte della banda. Ma i miei non si travestono da vigili… vuoi vedere che c’è in giro un altro gruppo, oltre al mio? (ride).

GHERDA   Arabella… ma io scherzavo… scherzi anche tu, non è vero? Fai mica parte di una banda anche te, spero?

ARABELLA        Diciamo che faccio parte di un gruppo organizzato, suona meglio, non ti sembra? E questa dei vigili… Ma tu li conosci tutti i vigili della zona?

GHERDA   Ne conosco tanti, ma… senti: mi faccio descrivere dal Gregorio com’era quel vigile, poi chiamo il mio vice capo e gli chiedo se c’è un ghisa così e così e se salta fuori che è fasullo, trac lo facciamo bloccare subito.

ARABELLA        Ma se quello si rimette in borghese, o si traveste in un altro modo, come si fa a trovarlo?

GHERDA   Eh, già… senti, ma adesso mettiamo un po’ a posto, perché se torna la Francesca, cosa dice? Che ti ho dato una mano a far ancora più casino? Io ci tengo a conservare la mia fama di tata tedesca tutta d’un pezzo.

Mettono a posto, danzando, buttandosi gli oggetti.

GHERDA   Così va bene. Oh, mi raccomando, Arabella, nessuno sa che non sono tedesca. L’ho confidato solo a te, non rovinarmi, ti prego.

ARABELLA        E anche tu non raccontare che io faccio parte di un gruppo organizzato, se no, mandi all’aria le mie… dicevo, che se si viene a sapere chi sono… tutto il lavoro preparatorio va a monte. Mi spiego?

GHERDA   No, no. Figurati. Vorrà dire che se tutto va bene… divideremo il bottino, o no? (ride).

ARABELLA        Naturalmente.

GHERDA   Be’, adesso che è tutto in ordine, vado. (torna a parlare tedesco-meneghino) Se vedom sig-norina. (si avvia per uscire).

ARABELLA        Se vedom, Gherda… toh, parlo anch’io milanese (esce verso le camere)

Scena seconda

Gherda sta per uscire, quando viene fermata sulla porta da un amico di

Gregorio – Richetto, detto il Califfo –

RICHETTO                  Bondì, sciora Gherda, l’è adree andà via?

GHERDA   Perché? Second lù, quand vona l’è su la porta da la part de denter e la derviss l’uss, se voeur dì? Che la va via o che l’è adree a vegnì denter?

RICHETTO                  Tedesca, eh? Ghe pias vess precisa, vera? L’era domà inscì per dì, se ved ben che la va via.

GHERDA   E allora, cosa dovaria respondigh? Che s’eri adree andà via, ma adess che hoo vist lù, m’è vegnuu voeuia de restà?

RICHETTO                  Brava, Gherda, l’è proppi la risposta che me aspettavi.

GHERDA   Ah si? Ghe faria piasè che restassi? Ma se mi ghe disi che gh’hoo on sacch de robb de fà, in cà mia, lù el riess a trovà ona frase, ona parola giusta per famm restà?

RICHETTO                  Sì, ghe l’hoo la parola giusta: teatro.

GHERDA   (sorpresa) Come l’ha faa a savè che l’era la parola giusta?

RICHETTO                  El sann tutti che ghe piass el teater e anca che ghe piass recità (la invita a rientrare e vanno verso il proscenio)

GHERDA   Va ben, me piass, e allora? Cosa  gh’è sotta a ‘sta parola? Perchè l’ha dii teater?

RICHETTO                  Perché sont adree a mett in pee on teatrin, faa de scenett.

GHERDA   E indoe el gh’ha in ment de andà a recitai, ‘sti scenett?

RICHETTO                  Casa per casa.

GHERDA   Se l’è? On teater… come se dis…? itinerante?

RICHETTO                  Bestia, come la parla polito, Gherda… itinerante… sì el gh’ha de vess proppi on roba inscì.

GHERDA   Ch’el se spiega. Lù el gira per i cà, el sona i campanei e a la gent che vegn a dervì el ghe dis: Buongiorno, sono venuto a fare teatro in casa vostra… Come minim el manden a ciappà i ratt… s’el fann minga rotolà giò per i scal.

RICHETTO                  Ghe spieghi: l’avarà sentii che gh’è in gir di lader, di imbrojoni che vann in di cà, specialment indoe ghe abita gent anziana, ghe cunten su on sacch de ball, i e fann su me voeuren e dopo vann via con quell ch’hinn reussii a robà.

Scena terza

I due sono al proscenio e non si accorgono che è entrata Arabella e che,

rimasta sul fondo, li ascolta con attenzione.

GHERDA   E lù per consolà i derubati i e tegn allegher cont el teater?

RICHETTO                  Calma. Mi voo cà per cà a recità i scenett indoe se rappresenten i lader che metten a segn la truffa.

GHERDA   Cioè, el voraria spiegà in anticip: guarda che se vegnen di gent che te conosset no e te disen… eccetera, eccetera ti te gh’hee de fà inscì… eccetera, eccetera.

RICHETTO                  Ohella, anca i tedesch ghe riven. Brava, proppi inscì.

GHERDA   E mi se gh’entri? Mi son giovina, son minga anziana.

RICHETTO                  Contrordine: minga semper, ghe riven. Lee la gh’ha de fà l’attrice, e insema a mi, e a on attor ch’el parla ben l’italiano, la vegn a rappresentà i scenett, che podariom definì “didattiche”.

GHERDA   I ha giamò scritt? Vog-lio dire gh’è giamò el copion?

RICHETTO                  Sì, ecco qua (estrae alcuni fogli e li porge a Gherda)

ARABELLA        Buongiorno.

RICHETTO                  (sorpreso, si gira) Buongiorno, ma lee chi la saria?

GHERDA   L’è l’Arabella, la nevoda del Gregorio e de la Francesca. Lui è il Richetto, detto il Califfo, perché el gh’ha on sacch de donn.

ARABELLA        Piacere; ho sentito tutto. Si dà il caso che io faccia parte di un gruppo organizzato, diciamo abbastanza esperto in truffe.

RICHETTO                  Ah, sì? E… che tipo de esperienza?

ARABELLA        (non risponde alla domanda) Volete qualche dritta? Volete, per esempio, andare al ristorante e uscire senza pagare?

RICHETTO                  Questa la conossi no. Dai, forza. Me se fa? Magari stasera ve inviti tutt’e dò al ristorant e… femm la proeuva.

ARABELLA        Si va al ristorante da soli. Si ordina, si inizia a mangiare e verso la fine si prende il telefonino e, possibilmente ad alta voce, si finge una conversazione. Per esempio… “Davvero? Sei qui in città? E perché non mi raggiungi al ristorante – e dice il nome – si mangia bene ed è anche molto carino. Dai ti aspetto… è in via…” e dà l’indirizzo. Poi chiama il cameriere, che ha già sentito qualcosa, e gli chiede di preparare un altro coperto per un amico che viene subito. Dopo cinque minuti dice al cameriere che l’amico non è pratico della città, magari fa fatica a trovare il posto… ed è meglio che vada fuori ad aspettarlo. Esce… e non si fa più vedere. Capito?

RICHETTO                  Ciombia! T’hee capii?

GHERDA   Richetto, e nun gh’avariom de presentà scenett come questa?

RICHETTO                  Eh, pressapocch.

ARABELLA        Posso leggerle? Magari vi dò qualche suggerimento.

RICHETTO                  (dà i fogli) Sì, sì, la tegna (a Gherda) A lee gh’i hoo daa.

Allora, se la dis? La voeur fà l’attrice con mi?

GHERDA            Ma el m’aveva minga dii che gh’era on attor ch’el

parlava ben l’italiano? Adess l’attor le fa luu?

RICHETTO                  Hoo dii con mi perché son mi quel che scriv e che l’organizza el teater, ma siccome parli domà el dialett, ghe voeur vun che, per vess pussee credibil, el parla l’italian. Ma che la se preoccupa no: ghe l’hoo giamò l’attor, poeu gh’el faroo conoss.

GHERDA   Sperem ch’el sia giovin e sveli. Va ben, adess voo a cà, e leggi i so copion e poeu se sentom. Se me piasen, magari ghe disi de sì (si avvia) Ciao Arabella, la saludi Richetto.

RICHETTO                  Vegni anca mi. Se vedom, Arabella. (esce con Gherda)

ARABELLA        Se vedom.

Scena quarta

ARABELLA        Devo stare attenta: c’è troppo movimento attorno a queste truffe. Non vorrei che capissero. Dai, mettiamoci a fare qualcosa: gli zii non tornano fino a stasera e io ho un po’ di tempo per organizzarmi (passa in rassegna le cose che ha nella borsa) Va bene, tutto a posto (prende alcuni fogli e si mette a scrivere).

Scena quinta

Suona il campanello

ARABELLA        Ma quanti amici hanno gli zii. C’e un andirivieni! (va ad aprire)

NANDA     Buongiorno, sono la Nanda. La gh’è no la sciora?

ARABELLA        Mi scusi, può ripetere in italiano?

NANDA     Anmò? Devo ripetere l’italiano? Ma guardi che io l’italiano l’ho già ripetuto in quinta elementare. S’eri ‘na zucca. Ma lee, l’è ona professoressa?

ARABELLA        Sono la nipote di Francesca e Gregorio e non parlo milanese, quindi non capisco.

NANDA     Mi son la Nanda. Si capisce, Nanda? E son vegnuda a domandagh a la sciora…

ARABELLA        Francesca

NANDA     Ecco, a la sciora Francesca ghe vorevi domandà se la voeur comprà i fasoeu borlott. Mi gh’hoo on ort, tiri su la roba per mi e quell che vanza, voo in gir a cercà de vendel. I e voeur vedè?

ARABELLA        (un po’ seccata) Non ho capito niente, quindi…

NANDA     Che la me scusa. Che la mi scusi: ci dicevo se vuole i fagioli borlotti che coltivo in del mio orto.

ARABELLA        Non so cosa dirle… sono freschi?

NANDA     Oeu! Li ho tirati su des minut fa. C’ho anca on po’ d’insalata. Guardi che bella. Lei ce l’ha l’insalata in casa? Me la facci vedere che confrontiamo.

ARABELLA        Non so dove la zia la tiene.

NANDA     La cerchi, no? Io sto qui, non mi muovo. Do solo on’oggiada in giro per guardà i cianfrusali che se metten su i mobil. A me piacciono tanto tutti quei cialad che se compren in gita e poeu se metten in tinell. Ghe n’hoo tanti in cà mia: ricordi del mar, de la montagna, specialment dei santuari.

ARABELLA        Va bene, vado di là a vedere (esce)

NANDA     (si mette a curiosare girando le spalle ad Arabella, che rientra subito)

ARABELLA        (entra urlando) No!

NANDA     (si gira spaventata) Perché, no? Hoo faa nient. Guardavo solo.

ARABELLA        (candida) Dicevo NO, perché non c’è insalata di là.

NANDA     Mi ha fatto prendere uno stremizio! E allora, se femm? Se non li compra lei, vado a darceli a qualcun altro e inscì la resta senza. E poi la sciora Francesca cosa la dis?

ARABELLA        Perché? L’aspettava?

NANDA     No, quel no. Sono venuta per farci una sorpresa. Va ben (si guarda ancora in giro) allora mi voo. Se vedom.(esce)

ARABELLA        Se vedom. Be’, se vedom l’ho imparato. Penso che voglia dire arrivederci (pausa, poi pensando) Però, questa storia dei fagioli freschi che si vendono casa per casa mi lascia perplessa. Una volta si usava, era quasi un rito la trattativa: l’ortolana faceva finta di lasciare andare un po’ sul prezzo, ma recuperava rubando sul peso. Bei tempi, però… ma adesso? E poi quella Nanda lì, mi sembrava un po’ troppo curiosa. E se anche lei facesse parte del giro che con la scusa di vendere, va invece a curiosare, per poi passare le informazioni? È una faccia mai vista: o è nuova, o… vende davvero fagioli. Mah, bisogna stare attenti. (guarda il tavolo, raccoglie i suoi fogli) Scriverò questa sera, adesso devo andare, altrimenti rischia di saltare tutto (scrive un biglietto che lascia sul tavolo, prende la sua borsetta ed esce. – Spegne la luce)

BUIO

Scena sesta

Rientrano Gregorio e Francesca – riaccendono la luce.

GREGORIO        Ghe voraria on bel caferin. Francesca, ‘s’t’en diset?

FRANCESCA     Fattelo! Te see bon, no?

GREGORIO        Ohe, ma la t’è minga passada? Quelli non sono acquisti da fare così alla leggera.

FRANCESCA     No? Bisogna fai a la pesanta? Serom o no decis a fà la spesa? Perché t’hee minga vorsuu compralla?

GREGORIO        Perché 500 euro per ona cassafort, me sembraven troppi. E poeu gh’è de trovà el post de mettela. Nel mur? Gh’emm de ciamà el magutt ch’el fa el bus e poeu le stoppa.

FRANCESCA     Gh’era anca la possibilità de nascondela dent l’orsett de peluche.

GREGORIO        Sì, inscì te freghen anca el peluche insema ai danee e a la cassaforte. Almen se te porten via i danee, se risparmia sul rest (guarda sul tavolo e vede il biglietto di Arabella) Toh, gh’è on bigliett (apre) l’è de l’Arabella (legge) Cari zietti, sono uscita perché devo incontrare alcune persone che mi possono dare indicazioni interessanti. Ci vediamo forse a cena. Grazie di tutto. Arabella. – Premurosa la nipotina.

FRANCESCA     Ci vediamo forse a cena. Se voeur dì? Che la vegn o no? Gh’hoo de preparà anca per lee?

GREGORIO        Stiamo alla lettera del messaggio: forse, l’ha dii.

FRANCESCA     Hoo capii: quand la riva, la se setta giò a tavola e mi ghe

disi: forse si mangia.

Suonano

Scena settima

Arrivano Gherda, Richetto e Gino l’attore

FRANCESCA     Buonasera (verso l’interno) Gregorio, ci sono visite (agli ospiti) Vegnii avanti. Se gh’è de bel ?

GHERDA            El Richetto el m’ha domandaa se vorevi fà teater.

RICHETTO                  E lee la m’ha dii de sì.

GREGORIO        Oh, che bella notizia. E indoe andii a fall?

GHERDA            Chì. Chì in de vialter.

GREGORIO        Francesca, ti sei ricordata di allestire il palcoscenico? (agli ospiti) Lee ogni tant se le dimentica.

FRANCESCA     E’ sempre pronto, lo sai. Manca domà el sipari.

RICHETTO                  I sciori Lupini gh’hann semper voeuja de scherzà.

FRANCESCA     A dì la verità, me par che sii vialter che gh’avii voeuja de toeu in gir la gent. Se voeur dì, che fii teater in cà mia? E ch’el scior chì, chi l’è?

GINO      Sono Gino: faccio l’attore… per adesso dilettante, ma un giorno…

RICHETTO                  On dì el vedarii in television.

FRANCESCA     Va ben, spettarem quel dì. Intant cuntii su ‘sta storia del teater che hoo minga capii.

GHERDA   El Richetto l’ha mettuu giò di scenett che servissen a fà intend a la gent anziana… no, minga vialter duu… quei on poo pussee vecc…. disevi, a fà capì come fann quei che vegnen in cà a portat via i danee.

GREGORIO        Inscì imparom anca nun a andà a robà?

RICHETTO                  No, hinn scenette “didattiche”, che servissen a capì come se dev fà per minga fass imbrojà. Podom fa on esempi? Lee, sciora Francesca la dovaria fà la part de la padrona de cà.

GREGORIO        Padrona? Ma domà per finta, vera Richetto?

FRANCESCA     Mocchela, Gregorio. Va ben, son pronta.

RICHETTO                  Adess la Gherda e el Gino vann foeura, poeu sonen el campanel e lee la vegn a dervì. La gh’ha de stà al gioeugh, me raccomandi.

GHERDA   Numm emm imparaa la part, lee inveci la gh’ha de improvvisà. Allora, mi e el Gino andemm foeura.. Scior Gregorio, lù el gh’ha de stà citto in d’on canton e moves mai. (escono).

RICHETTO                  E mi me setti lì visin a luu. Ssst… comincen.

Suona il campanello

FRANCESCA     (va ad aprire) Chi l’è?

TRUFF 1 (GHERDA)   (da fuori) Buongiorno, siamo della Finanza.

FRANCESCA     Della Finanza? E come foo a credigh? Gh’è in gir tanti de quei imbrojoni…

TRUFF 2 (GINO)         Ha ragione. Fa bene a non fidarsi. E’ per questo che siamo qui.

FRANCESCA     E se sii imbrojoni anca vialter? Me foo a savel?

TRUFF 1    Se ci apre le facciamo vedere la tessera.

FRANCESCA     Sii in divisa?

TRUFF 2    No, siamo in borghese per non dare nell’occhio. Allora ci apre?

FRANCESCA     Se sii de la Finanza, va ben (apre).

TRUFF 1    (entrando con TRUFF 2) Complimenti signora Lupini, lei è veramente in gamba. Non si deve mai aprire agli sconosciuti.

FRANCESCA     Eh, sì, me le dis semper anca la mia tosa. Ma ch’el me scusa: lù m’el fa a savè el mè nom?

TRUFF 1    Sulla porta, c’è la targhetta con il suo nome e…

FRANCESCA     Eh, già, che bamba. Basta legg el nom su la targhetta. Ma hoo minga capii perché sii chì. Cosa ghe c’entri mi con la Finanza? Mi gh’hoo minga la partita IVA, per i tass fann tusscoss quei de la pension, el canone RAI el paghi e quindi…

TRUFF 2    Lo sappiamo che lei è una persona onesta. No, no, tranquilla: è tutto a posto. Noi siamo qui per…

FRANCESCA     On moment, con calma. Prima i tesserin, che me scusen, ma voeuri controllà.

TRUFF 1    Che simpatica, signora Lupini. Averne di anziani svegli come lei. Sa quanti truffatori ci sono in giro? Ma tipi come lei non ci cascano. (al compare) Bella persona, vero?

TRUFF 2    L’hai detto. E così, vuole vedere i tesserini? Ecco qua (estrae un cartoncino, lo mostra velocemente e lo rimette nel taschino)

TRUFF 1    Siamo qui perché ci hanno riferito…

TRUFF 2    Anzi, più che riferito è stata una denuncia vera e propria

TRUFF 1    Esatto: una denuncia. Sembra che si aggiri da queste parti uno spacciatore di banconote false, da cento, da cinquanta e anche da venti euro.

FRANCESCA     E com’el fa? Se me l’insegna, magari me foo no imbrojà anca mi.

TRUFF 1    No, questa persona…

TRUFF 2    O queste persone, perché pare che siano anche più di uno…

TRUFF 1    Esatto. Queste persone non spacciano ai privati, sarebbe impossibile. Vanno nel negozio ad acquistare, per esempio, le sigarette. Spendono tre euro, danno una banconota da cinquanta e si fanno dare il resto. Capito? Una banconota falsa da cinquanta per un resto, buono, da quarantasette euro.

TRUFF 2    Poi vanno a fare la spesa dal macellaio, spendono dieci euro, pagano con una banconota da cinquanta – falsa – e si prendono, oltre la carne, anche quaranta euro buoni.

FRANCESCA     T’hee capii? Ma mi, cosa ghe c’entri mi cont el tabacchin o cont el bechee, cont el macellar? Hinn lor a vess imbrojaa, minga mi.

TRUFF 1    Giusto. È proprio in gamba la nostra signora Lupini. Ma il macellaio potrebbe dare a lei il resto di cento euro: gliene dà, poniamo, venti buoni e cinquanta falsi.

TRUFF 2    Ma non basta: e qui sta soprattutto il punto. Questa gente va in posta e in banca e paga con soldi falsi.

FRANCESCA     In posta? E anca in banca? Ma almen lor dovarien accorgess.

TRUFF 1    Sono stampati così bene che neanche loro se ne accorgono.

TRUFF 2    E così, succede che anche le pensioni, tanto per fare un esempio, vengono pagate con soldi falsi.

FRANCESCA     Oh, Signor! Allora anca mi, magari gh’hoo chì di danee…

TRUFF 1    Certo, signora Lupini. Anche lei potrebbe avere in casa soldi falsi.

FRANCESCA     Eh, va ben. Ma se disii che nanca in banca se ne accorgen, podi tranquillament dai via anca mi.

TRUFF 2    Tranquillamente? Ma si rende conto, signora Lupini, che se lei mette in giro soldi falsi può essere incriminata per spaccio di banconote contraffatte…

TRUFF 1    E finire in galera?

FRANCESCA     In preson? Al fresch? Ma vialter tegnìì miga cunt de quella che se ciama la “buona fede”?

TRUFF 1    Certo… la buona fede… se uno non lo sa…

TRUFF 2    Ma adesso lei lo sa e non può più trincerarsi dietro la buona fede.

FRANCESCA     E allora, se gh’hoo de fà? Podi minga ciapà su tutti i mè risparmi e dagh foeugh per minga andà in galera. Finiss che dopo, senza danee, voo in preson perché hoo robà per viv.

TRUFF 1    Ma non si preoccupi, signora Lupini. Noi non siamo venuti qui per crearle dei problemi, bensì per risolverli.

TRUFF 2    Ecco, vede, da qualche anno il nostro comando, d’accordo con il Ministro delle Finanze, ha messo a punto una nuova macchinetta ancora più sofisticata di quelle che hanno le banche.

TRUFF 1    Cosa vuole, oggi i falsari sono sempre più bravi ed è sempre più difficile scoprirli. Ecco perché anche noi dobbiamo aggiornarci. Questa (estrae da una borsa una macchinetta a pile, che accende subito) è l’ultimo modello in grado di leggere anche le sfumature più impercettibili. Con questa non scappa niente.

TRUFF 2    Certo che il nostro lavoro, in questo modo, è aumentato, e non di poco. Girare casa per casa per controllare tutti i soldi.

FRANCESCA     In ogni cà? Gh’avii de controllà tutti i danee? Bestia, che laorà. Però gh’è de dì che l’è no ‘na gran fadiga: con la macchinetta… se fa a la svelta, o no?

TRUFF 1    Sì, fortunatamente la macchinetta ci aiuta, ma è soprattutto salire e scendere le scale, andare casa per casa a controllare.

TRUFF 2    Dover spiegare a tutti che siamo della Finanza e che siamo persone serie e non imbroglioni, come temeva anche lei, fino a qualche minuto fa.

FRANCESCA     E be’, savii come l’è…

TRUFF 1    Certo, certo e ha perfettamente ragione.Comunque adesso le chiediamo un favore, così ci possiamo sbrigare in fretta. Lei ci dovrebbe consegnare tutti i suoi soldi che ha in casa, noi li facciamo passare attraverso il lettore magnetico della macchinetta e siamo subito in grado di dirle cosa è buono e cosa è falso.

FRANCESCA     Ma se trovii danee minga bon, mi se gh’hoo de fà?

TRUFF 2    Niente. Glieli sostituiamo al momento. Vede (estrae dalla tasca una mazzetta di banconote) Questi sono soldi buoni…

TRUFF 1    E questi (estrae un’altra mazzetta) sono soldi falsi.

TRUFF 2    Per non sbagliarci, io tengo quelli buoni e lei quelli falsi, così quando rientriamo al comando dobbiamo giustificare quanti soldi buoni sono usciti a fronte di quelli falsi che portiamo in sede.

FRANCESCA     Bestia, che organizzazion. Allora gh’hoo de andà de là a ciapà tutti i danee.

TRUFF 1    Certo, tutti, mi raccomando.

FRANCESCA     (esce e rientra dopo un po’ con una busta) Hinn tutti denter chì. Ohè, son proppi curiosa de vedè se m’hann imbrojaa anca mi.

TRUFF 2    Lo sappiamo subito (spegne la macchinetta) S’è spenta! Di sicuro le pile sono andate.

TRUFF 1    Per forza, è in funzione da questa mattina. Per fortuna va anche con la corrente elettrica, ma ci spiace dover disturbare…

FRANCESCA     Ma ghe par? Nessun disturbo. Se gh’hoo de fa?

TRUFF 2    Ecco, signora Lupini, non avrebbe una prolunga?

FRANCESCA     Subit. Ghe la cerchi subit (esce e rientra quasi subito con la prolunga).

TRUFF 2    (assieme al compare sostituisce velocemente i soldi della busta con gli altri falsi) Grazie, signora Lupini, faremo in un attimo (fa passare i soldi nella macchinetta che ha ripreso a funzionare) Buono, buono, buono…

TRUFF 1    Tutti buoni signora Lupini, complimenti.

TRUFF 2    Falso. Ce n’è uno da venti euro falso. Sostituiamo subito: prendo dalla mia tasca quello buono e dò alla mia collega quello falso. (riprende) Buono, buono…

TRUFF 1    Tutto bene, signora Lupini. Ecco, il lavoro è quasi finito. Grazie per la collaborazione.

TRUFF 2    (dà la macchinetta a TRUFF 1 che la mette via) Ecco fatto. Questi sono i suoi soldi, tutti buoni (stringe la mano) Grazie e si mantenga sempre così in gamba. Arrivederci.

TRUFF 1    E stia attenta ai truffatori e a quelli che spacciano soldi falsi.

FRANCESCA     Allora podi stà tranquilla? In galera (ride) ghe voo no! E… che me scusen, se magari gh’avessi el dubbi de vegh in man ona banconota falsa, se gh’hoo de fà?

TRUFF 2    La metta da parte. Verremo ancora a trovarla. Arrivederci. Grazie, signora Lupini.

FRANCESCA     Son mi che gh’hoo de ringrazià. Se vedom. (li accompagna alla porta - rientra). Meno mal che gh’è amnò

quajcoss che fonziona.

A questo punto i due attori-truffatori rientrano. Fanno segno a Francesca e

a Gregorio di non parlare e accendono una radio che hanno portato con sé.

RADIO       Un’altra odiosa truffa è stata messa a segno da alcune persone senza scrupoli ai danni di una signora anziana.

FRANCESCA     Eh, ghe n’è de gent stupidotta che se fa ciapà per el… (poi sente)…

RADIO       Con la scusa di controllare i soldi, finti finanzieri si intruffolano

in casa degli anziani (lentamente si abbassa il volume)

FRANCESCA     Eh? Oh, signor (si accascia su una sedia). Ma l’è la

stessa storia ch’emm recitaa adess. Vorìì dì che se l’era minga per scherz, i danee mi aveven portaa via debon?

GREGORIO        (interviene) Ti Francesca, anche per scherz, te se fee

semper fregà. Te see proppi ona ciolla patentada.

FRANCESCA     Vorevi vedè ti, al me post.

GREGORIO        Ma la me scusa, sciora Gherda. Come l’è che la parla inscì ben in italian? L’hoo mai sentida parlà inscì polito. E le radici tedesche, indoe hinn finii?

GHERDA   (riprende in milanese, con cadenze tedesche) Se gh’hoo de digh, scior Gregorio? Un’attrice quando è chiamata a recitare dà il meglio di se stessa e si esprime curando la dizione. Ghe par?

                   E peou, cont el Gino visin…

GINO         No, il merito è tutto suo.

RICHETTO                  Vera, Gregorio, che hinn staa proppi bravi? La Gherda, poeu l’è ona vera attrice. La sembra addirittura on’altra: par che la sia nanca tedesca, ma proppi italiana d’Italia.

GREGORIO        E mi inveci credevi che l’era tedesca di Germania.

GHERDA   Oh, Signor, quanti stori! L’arte non ha confini, supera le barriere, la va in depertutt.

GREGORIO        Ma fiim capì: adess vialter andii in gir, cà per cà, a rappresentà ‘sta scenetta?

RICHETTO                  Esatto.

GREGORIO        Ma se i truffador s’inventen ona quaj altra gabola per imbrojà, vialter se fii? Rifate subito il repertorio?    

FRANCESCA     Oh, Gregorio te va mai ben nient. Intanto mettono sull’avviso la gente.

GREGORIO        Indoe l’è che metten la gent? De che avviso te parlet?

FRANCESCA     E’ un modo di dire, ‘gnorant, significa avvertire.

GREGORIO        Bestia, Francesca, come sei ‘struita. Meno mal che t’hoo sposada mi e non ti ho lasciato ad altri che non ti avrebbero saputo apprezzare.

RICHETTO                  Allora? Podom andà? Imparata la lezione?

GINO                   Arrivederci.

GHERDA            Scior Gregorio, s’el dis? Podi fà l’attrice?

GREGORIO        Oh, alterché… e poeu la parla inscì ben in italian…

FRANCESCA     (taglia corto) Sì, l’è brava. Se vedom. Ve ‘compagni.

Scena ottava

FRANCESCA     (quando rientra, si accorge dei soldi sul tavolo) Oh, mamma come son scema. Emm recità per finta, ma mi i danee i hoo tiraa foeura debon. Soldi veri. E inscì anca el Richetto e la Gherda hann vist che gh’emm in cà di danee. E magari hinn proppi lor, con la scusa di scenett,  che se ne approfitten.

GREGORIO        Ma dai, Francesca, ti stai facendo prendere dalla psicosi dei ladri. S’t’hee ghe paura de cosa? Femm inscì: ciapom i danee, i e scondom in di vestii e poeu ‘andem foeura a magnà. Si cena fuori.

FRANCESCA     E l’Arabella?

GREGORIO        Forsi la vegn no. ‘ndem (escono e spengono la luce)

BUIO

Scena nona

E’ il mattino seguente

GREGORIO        (sta sorseggiando il caffè – a Francesca, in cucina) E l’Arabella? Ier sera quand s’emm tornaa la gh’era no, adess la s’è minga nonanmò vista. L’avarà dormii foeura? E con chi?

FRANCESCA     (entrando) Te fee el gelos? Te see minga so pader. Avrà passato la notte con il suo ragazzo.

GREGORIO        Te voret dì che l’ha trovaa el moros in chi dì chì? Be’, ‘na tosa inscì la fa no fadiga a trovà on quaj magutell. Ma… Francesca… e se inveci l’è stada foeura a fa “il colpo grosso”?

FRANCESCA     Te voret dì a sgraffignà? E magari l’hann ciappada e adess l’è denter? Gregorio, dobbiamo fare qualcosa!

GREGORIO        Che fantasia!

Suonano alla porta – è il fiorista con una pianta ornamentale.

Scena decima     

FRANCESCA     (da fuori) Buongiorno. Per chi l’è sta pianta?

FIORISTA           (entrando) Chì gh’è scritt: per zia Francesca e zio Gregorio Lupini. Vialter sii minga i Lupini?

GREGORIO        L’Arabella la ne manda ona pianta? Gh’è on bigliett? Fa legg (strappa il biglietto e legge) Cari zii, grazie di tutto quello che avete fatto per me. Siete stati meravigliosi. Stare vicino a voi mi ha arricchito molto.

FRANCESCA     Arricchito? (prende la pianta dalle mani del Fiorista) Grazie, scior Fiorista. Gregorio dagh la mancia (e mentre Gregorio prende qualcosa dalla tasca e accompagna il Fiorista all’uscita) Arricchito? Se la voeur dì? (viene al proscenio). I danee, la s’è fregada i danee. Gregorio.

GREGORIO        Se gh’è? Te me paret foeura de testa.

FIORISTA           (suona e rientra subito) Ch’el me scusa. Gh’era foeura de l’uss el giornale e ghe l’ho portaa denter. Bondì, sciori Lupini. (esce)

GREGORIO        Grazie, grazie. Bona giornada anca a lù (guarda il giornale) El giornal foeura de l’uss? Ma mi son minga abbonaa.

FRANCESCA     Gregorio, l’Arabella l’è sparida. Se n’ è andata senza salutare. E te see perché? Perché l’ha ‘spettaa el moment bon, quand s’erom foeura de cà, e l’ha faa el colpo. Ci ha derubato di tutti i nostri averi. Alter che zietto e zietta. E poeu la ne ciappa anca per el… e ci manda una pianta per ringraziarci.

GREGORIO        Però l’è ona bella pianta!

FRANCESCA     Mocchela Gregorio. Quella l’è no l’Arabella, quella l’è l’Arsenio Lupin. (corre fuori verso la camera).

GREGORIO        Eh, Lupin, come nun: Lupini. Te vedet che l’è proppi de la nostra famiglia?

FRANCESCA     (rientra allarmata) Gregorio i soldi non ci sono più. Il cassetto è vuoto.

GREGORIO        Se gh’hinn no l’è perchè ier sera i emm mis in di saccocc. Non ti ricordi? Prima di uscire ce li siamo messi in tasca. (intanto guarda il giornale) Oh, Signor, Francesca, sul giornal gh’è la foto de l’Arabella.

FRANCESCA     Ah sì? E s’el dis?

GREGORIO        Sgominata una banda di truffatori.

FRANCESCA     T’hee vist? E tì a andagh a dree ‘me on stupid. L’hoo capii subit che tipo l’era.

GREGORIO        Spetta, lassom legg: l’agente Arabella Sanna ha sgominato una banda di lestofanti che si erano specializzati in furti e truffe nelle case di persone anziane. La giovane, che ha agito in segreto, grazie alla copertura di una famiglia ospitale della zona…

FRANCESCA     Sariom nun?

GREGORIO        Tas… ehm… della zona, ha portato a termine l’operazione con grande acume e sensibilità.

FRANCSECA     Eh, la nostra nevoda… ‘s’t’en diset Gregorio? Se vedeva che l’era sveglia

GREGORIO        Simpatica

FRANCESCA     E con la faccia onesta.

GREGORIO        (guarda la pianta) Agente Arabella Sanna

FRANCESCA e GREGORIO (saluto militare) Grazie… nipotina.

FINE
    Questo copione è stato visto
  • 0 volte nelle ultime 48 ore
  • 0 volte nell' ultima settimana
  • 1 volte nell' ultimo mese
  • 25 volte nell' arco di un'anno