"Ma, però" non si dice

Stampa questo copione

N La maestra Carmela entra in classe molto nervosa e gli alunni la salutano

                

                      I bambini

               della classe 4°  A

della scuolaDuchessa Anna d’Aosta

             di Rivalta di Torino  

            aiutati  da un animatore teatrale

 e coordinati dalle insegnanti  presentano:

                                             MA,PERO’ NON SI DICE

           ovvero

VIAGGIO  NELLA SCUOLA

       DEL  PASSATO

       Testo inventato  ed elaborato in classe 

           giocando con gli errori ortografici

               per  imparare a riconoscerli

                  provando    a correggerli 

                          per non farne più

                    MA PERO’ NON  SI DICE

 La maestra Carmela entra in classe  molto nervosa  e gli alunni la salutano

B. Buongiorno maestra, ciao maestra ciao …

Carm -.Ciao un corno ! Oggi sono molto nervosa , questa notte ho sognato di

            essere un formaggio , io, Carmela Cheese un formaggio ! Perciò mi  

           sfogherò su di voi  faremo una verifica !  Scrivete :   Una scimmia……

bambino -Maestra cosa c’è dopo scimmia ?

Carm-. C’è l’au stra lo pi te co  …….., che ha il cervello più grosso del tuo !

           Continuiamo dunque:  Una scimmia sciocca sciocca  scia in   piscina   

           con gli sci  dello sciatore  scivolando sullo scivolo. Dappertutto c’erano

           scimmie  attaccate all’aeroplano che tifavano per la Juve

Bambino -perché proprio la Juve ?

C. -perché voglio vedere come scrivete Ju…

(lungo  respiro)  Mi sto calmando….  Allora,  vediamo  …vi do tre secondi per consegnare il compito…  1 …2 ….3

Tutti i bambini portano il loro foglio della verifica

Carm. -Adesso ,visto che mi avete fatto perdere un sacco di tempo  e non

           abbiamo più tempo di correggere qui i lavori,andrò a casa a

           correggere le vostre verifiche  ..e vedremo chi andrà in 5°.. 

 Esce

Quando i bambini parlano salgono uno alla volta sulla sedia

Bambino1           - Oggi la maestra mi è sembrata un po’ nervosa

Bambino2           - Nervosa? Nervosissima

bambino 3         -Certo , ha sognato  di essere un formaggio !!!

bambino4           - Beh !Anch’io una volta ho sognato  di essere un salame

                           ….ma non ero così nervosa

bambino 5           - Io invece ho sognato di essere un pollo arrosto…

bambino 6           -Uhm! Che buono il pollo arrosto !!

bambino 7           -Tu pensi solo sempre al mangiare ….pensa invece a come

                              sarà andata la verifica !!!

mentre  parlano, i bambini salgono sul banco

Bambino1            - Allora ragazzi com’è andata a voi la verifica ?

Bambino2             - A me malissimo 

Bambino 3            - io ho scritto una parola e mezza

bambino4             -io solo il titolo

bambino5            -…io neppure quello

bambino 6           -io ho scritto tutto quello che ha detto la maestra,ma alcune

                           parole  non sapevo come scriverle perciò è tutto sbagliato

bambino1          - Se avrò un brutto voto mio papà non mi lascerà più giocare  

                          con la  play station

bambino2           -ed io non giocherò con la p.s.p.  per un bel po’

bambino3           -…ed io non  andrò più a danza

bambino4           -….io non potrò più guardare la tv

bambino5           -…ed io non potrò più mangiare il pollo arrosto

tutti:                  -  Che disastro !!!

Mentre  parlano  i bambini scendono con un salto dal banco

 

bambino 6           -  ragazzi si è fatta una certa ora andiamo a casa ??

bambin0 7           -  sì sì  andiamo

 tutti - ciao a domani … (escono  tutti)    

                  La maestra Carmela  torna a casa e  corregge i compiti

Carm. - Questi bambini sono dei veri  terremoti , in più il mal di testa e  ci

                    mancava solo il sogno …………va beh correggiamo i compiti

                  vediamo un po’ :  

             (urla inorridita )questo somarello non sa usare le maiuscole!  4

             (Sempre più arrabbiata)   E questo non mette una doppia …4

             Accidenti  chi è questo  cervello di gallina che non usa l’apostrofo

              correttamente !!  (grida  nervosamente )3

             Non è possibile è tutto l’anno che cerco di spiegare queste regole

              ortografiche e non ne seguono una …sono disperata …(piagnucola)

              devo trovare un modo per  correggerli …

             Va beh! ora è tardi  mi rilasserò un po’ leggendo il giornale

             Prende il giornale e lo sfoglia ….dal giornale cade un foglietto

             ….e questo cos’è ?? una pubblicità ?  (Legge )

                            PINO ‘O MECCANICO

              PROGETTAZIONE DI MACCHINE DEL TEMPO

                                PER TUTTI GLI USI

                            TELEFONARE AL NUMERO…… 333   333  333  999

             Non sanno proprio più cosa vendere …. Però …………certo che se  

             fosse vero che esistesse una macchina del tempo sarebbe bello,

             magari potrei portare i miei alunni  indietro e far vedere com’era la

             scuola di una volta e potremmo anche fare un confronto tra la   

             scuola di adesso e quella del passato …. Questo nome poi …mi

             ricordo …ma certo forse è proprio Pino , quello che veniva a scuola

             con me e che già da piccolo voleva inventare  delle strane cose …io

             provo a telefonargli ….. gli telefona     -Pronto ,Pino ?

 Pino       - Pronto chi parla ?

Carm.     - Sono Carmela , Pino , Carmela Cheese  ti ricordi di me ?

Pino - Carmela che piacere sentirti !!!! Certo che mi ricordo di te  per un po’

           siamo  anche stati fidanzati !!!

Carm - Ma non dire scemenze .. tu piuttosto è vero che progetti macchine del

            tempo ???

Pino  -Sì è una passione che avevo fin da piccolo e l’ultimo modello che ho

           progettato  è a forma di tv  .. perché ti interessa tanto ??

Carm   -Me la presteresti ? Ho in mente un viaggio   con i  miei bambini …

Pino    -Sei sposata ? sono  i tuoi figli ?

Pino    - No, Pino sono Maestra ed i bambini sono i miei alunni …che non

              conoscono l’italiano …. Quando me la potresti portare ? 

Pino   - Carmela, per la macchina del tempo ,….ci vuole …

                                 UN PO’ DI TEMPO

                            Diciamo tre o quattro giorni almeno

Carm   -Coooosa ? Non scherzare Pino,a me quella macchina serve su- bi- to

              cioè …domani mattina

Pino    -Vedrò cosa posso fare  Carmela  ,ci vediamo domani mattina,vengo a

            scuola  ciao ciao. 

Carmela  scrive alla lavagna:  IL MATTINO SEGUENTE…

                

Pino (arriva portando  la macchina del tempo : un televisore su un carrello )      - Ciao Carmela

Carm   .- Ciao Pino ,quanto tempo  che non ti vedo  come sei  cambiato !!!ti ricordi quante risate quando andavamo a scuola ? Ballavamo tutto il tempo nell’intervallo !!! 

Pino – certo e ridevamo di quel tanto !! Ballavamo così (parte una musica scatenata da discoteca ed i due ballano e si scatenano e  per pochi secondi tornano all’infanzia)  torna la serietà

Pino    -   Eccoti la macchina del tempo Carmela , ho lavorato tutta la notte

                per  preparartela

Carm.    -Grazie Pino,ma come funziona ?

Pino- Vedi questo telecomando ? Schiaccia il pulsante verde ed appariranno

       delle immagini ,poi digita il numero dell’anno in cui vuoi andare ed

        avverrà una  smaterializzazione molecolare che vi trasferirà proprio in

        quell’anno  tutto qui . Ci sono delle domande?  Hai capito tutto ??

Carm   - No, va tutto bene…               ah! no e per tornare a casa ????

Pino     - Fai la stessa procedura  digitando la data 2010  capito?? .

           Ah !ricorda   che  voi sarete come fantasmi e  le persone non vi

          potranno vedere , inoltre   appena scadrà il tempo dovrete……….

               rapidamente tornare ……………….perché…………………..

               altrimenti , poi…………………….. sarà troppo tardi !!

Carm. –Va bene Pino adesso vai , perché sta per suonare la campanella 

             d’inizio lezioni  ed  i bambini stanno per entrare in  classe e non

              vorrei che ti vedessero o sospettassero qualche cosa  .Ciao,la

                macchina    te la restituirò appena  ritorneremo …. Ciao grazie Pino  

Pino     -Ciao Carmela , buon viaggio

           Entrano  i bambini salutano mogi mogi perché pensano ai brutti voti

          della verifica

Carm.- Allora ragazzi immaginate come sono andate le vostre verifiche ?

            Bene allora ve lo dirò io:  MALE!! Anzi MA LIS SI MO …..ma….

Bambino1 vede la tv in classe e chiede     - Maestra  perché c’è la televisione

                                                                      in classe?

Bambino “- Io sarei stato a casa a guardare tutta la mattina i cartoni,ma

                  se la tv c’è anche qui ……. allora va bene.

Carm .      - Ieri ero un po’ nervosa …. Oggi……….. per farmi perdonare

                  ho deciso  che vi farò vedere un po’ di televisione ………………..

                                 vi piace la tv  VERO ?

tutti         -sì sì    che bello !!!

Carm. – Avvicinatevi,     sedetevi qui vicino, anzi no , è meglio in piedi …..

              Attenzione che accendo!

                    Accende la tv e digita ad alta voce  1 9 4 7

Bambino1        - Ma…… maestra cosa succede…

Bambino2       - la tv ci attira come una calamita

bambino 3      - aiuto dove stiamo andando 

bambino 4      - ci sta risucchiando  

i bambini escono seguendo la tv che viene trasportata in un’altra aula

                dove ci sono gli alunni  di tanto tempo prima

Carm: - Niente paura  faremo solo un viaggetto nel tempo  chissà se i vostri

             compagni del passato  vi aiuteranno a fare meno errori ?!!!”!

                    Rivolta al pubblico 

 -e voi alzatevi e seguiteci … forza, seguiteci,  andiamo nel passato ..

                   il pubblico dovrà seguire tutti i bambini in un’altra aula

                          musica di sottofondo (la vie en rose ..)

     

 Il pubblico entra nell’aula del passato  dove i bambini sono seduti ed     

       aspettano l’arrivo della maestra

Maestra Buongiorno bambini ,

                Avete visto quanti bei fiorellini ci sono nei giardINI ?

                Avete sentito cantare gli uccellINI ?

               Avete portato a scuola i vostri quadernINI e avete  fatto i compitINI ?

bambino – sì ,MA, PERÒ quando la smette di trattarci come cretINI ?

Maestra – Ma però non si dice  e poi come ti permetti di dire le parolacce ?

                 vieni subito qui ed appoggia le mani che te le bacchetto

Bambino –  ahia !!non lo faccio più (piagnucola tornando al posto  )

Bambina – maestra, le ho portato un po’ di fiori del mio giardino, eccoli sono

                   per lei …

Maestra   - grazie ……… come sei gentile  oggi penso proprio che avrai un

                 bel voto ,me lo sento ….

Bambina  -MA PERÒ  ……. È la solita cocca della maestra …..!

Maestra  -  MA PERÒ NON SI DICE  e tu sei la solita somarella,vai subito nel

        banco dell’asino  ti si addice proprio quel cappello …..

            (le fa indossare il cappello da asino  e la bambina fa le linguacce e le

            smorfie senza essere vista dalla maestra )

   Maestra        -Bene oggi facciamo un compito in classe , prendete il

                          quaderno e la penna  e scrivete : dettato  ….e tu torna al tuo

                           posto ( rivolta alla “ somarella “ )

         La scena rimane come congelata  arrivano i bambini del presente

                           musica…  spaziale

bambino4        -Guardate siamo in una scuola del passato

bambino 5        -E questi bambini stanno facendo un lavoro come quello

                    fatto ieri da voi  stiamo a guardare  cosa fanno ? Loro non

                     possono vederci …

bambino 6       -ma è proprio ero che non possono vederci ora faccio una

                         prova e   ballo  simula un cantante rock  - è proprio vero non

                         ci vede nessuno

bambino 1       -guardate in classe hanno una stufa e tanti pezzi di legno …

bambino3        -e scrivono con la penna ed hanno il calamaro sul banco…

bambino 2        -ignorante  ,non è il calamaro è il CALAMAIO

bambino 7       -Il calamaro è un’altra cosa, un …pesce, un crostaceo

                        …insomma qualcosa che vive nel mare

bambino 2      - Hanno tutti il grembiulino uguale…

bambino   1    - e c’è il cappello da asino per chi  non sa  le cose o si

                          comporta male

bambino     - La maestra ha la bacchetta che serve anche per  bacchettare…

                      le dita  dei disubbidienti o di che si comporta male ….

Carmela      -Sentite che ne dite se ci mettiamo dietro ad ognuno di loro e li

                      guardiamo ?

Continua il compito in classe  i bambini del presente  si dispongono dietro a quelli del passato

Maestra              -Allora scrivete   una scimmia sciocca …….

I bambini del presente vedono tanti errori  sui quaderni dei loro compagni allora prendono la gomma la mostrano bene al pubblico  e con gesti molto  accentuati  incominciano a cancellare

Carmela    - Ma guarda i miei alunni  , in classe commettono un sacco di

                    errori e qui ….. sono in grado di correggere gli errori dei loro

                     compagni !!Allora le regole ortografiche le conoscono  sono

                    solo  un po’ distratti … a volte ….

 Parlano i bambini del passato salendo sulle sedie                     

Bambino  1    -maestra ma mi si è cancellata tutta una parola

Maestra       -ma non è  possibile  forse avevi le mani sudate …

Bambino 2     -anche a me è scomparsa una sillaba…

Bambino 3     - a me si è cancellata una lettera ….

Tutti             -  è successo anche a me …..anche a  me …

Bambino 4     - Ma non trovate  stanno succedendo cose strane?   ….

Bambino5   è come se ci fossero strane presenze, fantasmi  … aiuto

                   che paura !!!

Maestra -  Ma cosa dite  i fantasmi non esistono    facciamo una prova ….

                   Chiama un bambino alla lavagna

                -Allora tu vieni alla lavagna e prova a scrivere scimmia,ma scrivilo

                sbagliato ..

                   Scrive scimia

       Un bambino del presente si alza  prende n mano il cancellino,  ma poichè  non può essere visto sembra che il cancellino voli

      …il bambino alla lavagna urla  impaurito

Bambino - -il cancellino vola !!!!tutto viene cancellato  la maestra dice di riprovare il bambino   scrive scimia  che è nuovamente  cancellato

Bambino     -forse  se si  scrive tutto giusto non si cancella

Maestra    - proviamo  (la parola scritta esattamente non viene cancellata)  

               Allora forse è    vero che c’è qualcuno ,ma non possiamo vederlo …

                   cerchiamo di comunicare  almeno

Bambino   - Possiamo fare delle domande

Maestra    - proviamo ….

Bambino 1 Chi siete?                                      

 -viene attaccato alla lavagna un  cartello :

 i bambini del 2010

Bambino- Ma, allora non sono dei fantasmi ,ma sono bambini come noi !!

Bambino  -Come siete arrivati fino qui?          

-cartello:con un a macchina del tempo

Bambino  -Perché siete venuti ?                    

-cartello  -Per vedere se anche voi fate tanti  errori di ortografia

Bambino  -Dove siete adesso ?                      

-cartello vicino ad ognuno di voi

Bambino     -Ci piacerebbe vedervi ,non è possibile?

        …… Carmela  legge sul telefonino un messaggio di Pino l’inventore

           della  macchina del tempo che è  riuscito ad attivare una funzione che

            permette di poter rendere visibili  i bambini   basta schiacciare il

           pulsante blu 2 volte però avvisa che la magìa   durerà solo 5 minuti ,

               poi……  sparirà

Carmela     - allora  …volete sfruttare questa possibilità ?

Bambini   tutti   sììììììììììììììììì

Schiaccia il pulsante 2 volte , i bambini si vedono si salutano  ….

Carmela : Sentite abbiamo poco tempo, ma potremmo cantare insieme una canzoncina  è facile  adesso vi diciamo le parole

I bambini  dicono nell’orecchio dei compagni le parole del canto

maestra -Pronti….  musica … … poi decidono di  cantare insieme   e ballano

          chi sui banchi chi sulle sedie chi  a terra

            (Scuola rap - Zecchino d’oro 1994)

 Al termine della canzone i bambini del passato tornano nei banchi  e   salutano i compgni che se ne stanno andando …..

Carmela  - Bambini, il nostro tempo sta per scadere , dobbiamo proprio  

                 andare ,

Maestra  -  ci dispiace

Bambino ci piacerebbe sapere  qualche cosa di più del vostro tempo

Bambino  com’è più bello  o più brutto ???

Bambino  è ….diverso …

Carmela  - abbiamo però capito che anche i bambini di tanto tempo fa ,come

                  quelli di oggi facevano  tanti errori

Maestra      - Ma certo sempre i bambini  hanno fatto e faranno degli errori ..

                   è normale, si viene a scuola proprio per  imparare …

Carmela   - forse in futuro con l’uso del  computer e della tecnologia i

                  bambini non sbaglieranno più…MA PERÒ questa è un’altra storia

                  ed ora  bambini  dobbiamo  andare

Maestra     -Collega,… MA PERÒ non si dice , vi salutiamo  e vi auguriamo

                   buon ritorno  nel 2010  (rivolta alla collega )  e spero  che il tuo

                  lavoro porti a buoni  risultati …..

saluti ed uscita di tutti i bambini del presente

suona la campanella , anche i bambini del passato salutano ed escono,  rimane solo la maestra del passato che si rivolge al pubblico e dice:.

-la nostra avventura finisce qui  ,ma voi ricordate che

                                      MA PERÒ NON SI DICE

musica vivace  entrano   per i saluti finali :

- la maestra del presente con tutti i bambini e fanno l’inchino

- la maestra del passato ed i suoi alunni  e fanno l’inchino

- Pino il meccanico  che fa l’inchino 

- tutti poi ballando  escono 

    Questo copione è stato visto
  • 10 volte nelle ultime 48 ore
  • 72 volte nell' ultima settimana
  • 219 volte nell' ultimo mese
  • 789 volte nell' arco di un'anno