Maledette capere

Stampa questo copione

Maledette capere

di Vincenzo Rosario Perrella Esposito

                                                                                                                       (detto Ezio)

24/08/2011

Personaggi:   11

Diego Armando Maddaluno imbianchino

Elvira Nupoco moglie Diego

Bruno Maddaluno figlio Diego ed Elvira

Martina nipote di Diego ed Elvira

Placido Tremendo giornalista

Loretta Di Sonno malata di nervi

Augusto Imperatore ‘o malamente  

Marilena Sguaiata vicina di casa capera

Irene Malato amica di Elvira

William Altobordo attore fallito 

Speranza Di Vita attrice fidanzata di William

Quartieri Spagnoli di Napoli: l’inciucio diventa protagonoista. La famosa “capera” era la parrucchiera. Un tempo era un mestiere che si faceva a domicilio, con la capera che si recava a casa delle proprie clienti. Le napoletane dell’Ottocento, quelle dei bassi e quelle dei palazzi, portavano i capelli lunghi. E le capere realizzavano pettinature o tagli all’ultima moda. Durante il lavoro, la capera intratteneva i presenti con storie e pettegolezzi. E così ognuno se ne guardava bene dal raccontare i propri segreti. Nei Quartieri, tutti spettegolano, in un modo e nell’altro. Tale cosa arreca fastidio a Diego Armando Maddaluno, uomo orgoglioso e tutto d’un pezzo. L’uomo è costretto a subire la voglia di pettegolezzo della moglie, la quale si porta in casa le proprie amiche pettgole. Ma nulla scalfisce in Diego nella propria passione: il calcio. E nello specifico, l’amore per la squadra di calcio del Napoli. Suo malgrado, si imbatterà in un giornalista troppo curioso, in due attori non si sa bene di quale campo (e non si sa nemmeno se siano davvero attori), ma soprattutto nella visita di don Augusto, guappo della zona, la cui attenzione è attirata dagli inciuci sul proprio conto. E non soltanto!

Numero posizione SIAE 233047

Per contatti Ezio Perrella 3485514070 ezioperrella@libero.it

            Napoli, un basso dei Quartieri Spagnoli, salone di casa Maddaluno. Vi si entra da una porta centrale (aperta). A centro stanza, un tavolo con quattro sedie. Ai lati della porta, un appendiabiti ed un portaombrelli. Nella parte sinistra c’è la credenza. Un divanetto alla destra del tavolo e quadri alle pareti. La porta destra, una porta conduce in cucina, bagno e camera da letto. La porta di sinistra introduce ad una stanzetta e al bagno di servizio.

ATTO PRIMO

1. [Elvira e Marilena Sguaiata. Poi Irene Malato]

                  Sedute al tavolo, ci sono Elvira e Marilena che stanno “inciuciando”.

Marilena: Signora Elvira, ma vuje ‘o ssapite ca essa e isso nun stanne cchiù ‘nzieme?!

Elvira:      (Stupita) No, signora Marilena! Overamente state dicenno?

Marilena: Sì. Pare che tutt’e dduje érena fa’ ‘nu film: però lei stava a Roma e lui a Milano.

Elvira:      E allora?

Marilena: Signò, ma vuje nun sapite niente? Essa ha avuto ‘na storia cu’ l’attore principale

                  d’’o film suojo e isso l’ha avuta cu’ l’attrice principale d’’o film suojo!

Elvira:      Ah, picciò l’aggio ‘ntise ‘e alluccà a tutt’e dduje. E sì, chille, per loro sfortuna,

                  stanne ‘e casa a fianco a me.

Marilena: E pure a fianco a me: la loro casa sta tra la mia e la vostra! Però, stranamente, io

                  nun aggio ‘ntiso niente. Che dicevano, che dicevano?

Elvira:      Isso diceva vicino a essa: “Speranza, io non ne pozzo più di te. Tu te ne scappi

                  con un altro e io dovrei stare zitto?”...

Marilena: Uh, e essa che diceva, che diceva?

Elvira:      Essa diceva vicino a isso: “William, io non ne pozzo più di te. Tu te ne scappi

                  con un’altra e io dovrei stare zitta?”...

Marilena: E ppo’, e ppo’?

Elvira:      E ppo’ nun hanne parlato cchiù. Secondo me, si sono messi a fare l’amore!            

Marilena: E come lo sapete?

Elvira:      ‘A verità? Nun aggio resistito. Aggio scavalcato ‘o balcone e me so’ gghiuta a 

                  nasconnere sotto ‘o lietto lloro.

Marilena: Addirittura?

Elvira:      E certo. A proposito, ate ‘ntiso ch’è succieso ‘a signora Loretta Di Sonno?

Marilena: Chi dice ch’è pazza, chi dice ch’è depressa… Chella tene ‘na malatia ‘e nierve!

Elvira:      Chella ha accoltellato ‘o marito. L’ha cugliuto ‘ncoppa ‘o mignolo d’’o pede!

Marilena: E invece, vuje, che me dicite ‘e Augusto Imperatore?

Elvira:      Chi? ‘O malamente? E che v’aggia dicere? Tene femmene sparpagliate pe’ tutte

                  parte. E soprattutto, tene figli sparpagliate in giro pe’ ll’Italia!

Marilena: Beh, vi dirò: tiene un certo fascino attraente. E a vuje ve piace?

Elvira:      A me nun tanto. Però, l’attricetta, Speranza, va pazza p’isso.

Marilena: E mica sul’essa? Sentite, io v’’o ddico, però v’arraccummanno: acqua in bocca.

Elvira:      Dicite, dicite!

Marilena: L’amica mia, Irene Malato, ha perzo ‘e ccerevelle p’’o malamente.

Elvira:      Overamente? (Impaziente) Faciteme sentì, faciteme sentì!

Marilena: E allora ve conto tutto cose. Appizzate ‘e rrecchie! Dunque…

                  Dalla comune entra proprio Irene Malato, in grembiule, pantofole e bigodini.

Irene:        Bonasera! Pozzo trasì?

Elvira:       Uh, ‘a vi’ lloco. Ce sta ‘a signora Irene! Venite, trasite, assettateve!

Irene:        Grazie. (Si avvicina al tavolo e si siede) Signora Elvira, ma allora vuje site viva!

Elvira:       Sì, so’ viva. Pecché?

Irene:        Pecché a me m’hanne ditto che site morta!

Marilena: Uh, guardate! Ma chi è che va mettenno cierti ‘nciucie in giro?

Irene:        Tu!

Elvira:       Vuje?

Marilena:Ehm… accussì aggio ‘ntiso ‘e dicere! Comunque, l’importante è che site viva!

Irene:        E intanto avite accumminciato a parlà senza ‘e me.

Elvira:      Ma tanto, amme parlato ‘e cose che vuje già sapite. E vuje che nuvità ce purtate?

Irene:        Novità assolute! ‘E vvulite sentì?

Le due:     (Interessate) Uh, sì, sì!

Irene:        Tanto per cominciare, lui e lei si sono lasciati definitivamente.

Le due:     (Deluse) Uh!

Irene:        Nun ve prioccupate, chilli duje fanne sempe chesto: se pigliene e se lassene, po’

                   se pigliene ‘n’ata vota…! Ormai songhe ‘a fiaba d’’e Quartieri Spagnuole!

Marilena: E vabbuò, po’ fanne pace. Picciò, che ne parlamme a ffa’?

Irene:        Sì, ma vuje ate ‘ntiso cocche nuvità riguardante ‘a pazza?

Elvira:      Chi? Loretta Di Sonno?

Irene:        Esatto. Chella povera disgraziata s’è fissata cu’ don Augusto, ‘o malamente. E

                  ‘o marito l’ha vattuta!

Marilena: Me fa piacere. Comme me sta antipatica, chella!

Irene:        Sì, ma vuje nun sapite ‘a cosa ancora cchiù clamorosa: ‘o malamente s’è fissato

                   cu’ ll’attricetta, Speranza Di Vita.

Marilena: Avite visto, signora Elvira? E’ comme v’aggio ditto io.

Elvira:      Scusate, signora Irene, ma vuje site sicura?

Irene:        Sì. Pare che chella sconsiderata aésce sempe fora ‘o barcone meza annùda!

Le due:     Uh, guardate!

Irene:        Che peccato che stongo ‘e casa ‘a scala B e nun riesco a vedé niente. Però,

                   signora Elvira, si jamme fora ‘o barcone vuosto, è capace ch’’a vedimme.

Elvira:      (Scatta in piedi) Uh, sì, sì, ‘a voglio vedé!

Marilena: (Scatta in piedi) E pur’io!

Elvira:      (Si alza in piedi) E allora, jamme, venite cu’ me!

                  Le tre escono a sinistra, frettolosamente.

2. [Diego Armando e Bruno. Poi Loretta]

                 Dal centro entrano Diego Armando (in tuta da imbianchino ed una sciarpa del

                 Napoli al collo)e suo figlio Bruno (in salopette), che pare un po’ preoccupato. 

Diego A.: Bruno, stammatina he’ accumpagnato a Martina ‘a scola?

Bruno:     Sì, papà. Aroppo a vaco a piglià io.

Diego A.: Stasera, po’, soreta e ‘o marito, quanno tòrnene d’’o lavoro, s’’a vénene a piglià.

Bruno:     (Sbuffa) Vabbuò.

Diego A.: Ma che d’è ‘sta faccia? Te sfastidie ‘e ì a piglià a tua nipote?

Bruno:     No, papà, ce sta ‘n’atu problema: ‘o lavoro mio.

Diego A.: Ma pecché, ch’è stato?

Bruno:     Io te ll’aggio sempe ditto: nun ‘o voglio fa’ ‘o garagista. E tu invece m’he’

                  cunvinto a parlà cu’ don Antonio che, cchiù scemo ancora, m’ha assunto pure!

Diego A.: Aggio capito, ma ch’è succieso?

Bruno:     Io avesse vuluto fa’ ‘o pisciavinnele, pecché a me me piace ‘o mare! E invece no,

                  aggia sta’ chiuso ‘int’ a ‘nu garage a guardà ‘e mmachine: ‘o turno ‘e notte, ‘o

                  turno ‘e juorno, ‘a dummeneca quanno joca ‘o Napule…! Ma che vita è chesta?

Diego A.: Ma pozzo sapé pecché te staje allamentanno?

Bruno:     Pecché io songo ‘n’ommo poetico, e aggio bisogno d’’a libertà. Ma pecché aggia

                 fa’ ‘na fatica che nun è adatta a me?

Diego A.: (Stufo) Ma se po’ ssapé che cacchio è succieso ‘int’a chillu garage?

Bruno:     Niente di grave: s’hanne arrubbate doje machine!

Diego A.: (Sconvolto) Che? Niente ‘e grave? Disgraziato, ma che he’ cumbinato?

Bruno:     Papà, è inutile che ffaje accussì. Ormai è succieso!

Diego A.: E ch’aggia fa’? T’aggia dicere “bravo”?! E comme se l’hanne arrubbate?

Bruno:     Niente, io stevo giranno attuorno ‘e mmachine pe’ controllà ch’era tutto a posto,

                 quanno bell’e buono è arrivato ‘nu tizio cu’ ‘na Vespa. Embé, chillo m’ha dato a

                 parlà e accussì m’ha distratto. Abbiamo parlato del nostro grande Napoli!

Diego A.: (Bacia compiaciuto la sciarpa) Bello! Io tengo la fortuna di chiamarmi Diego

                 Armando, come il grande Maradona, e a te invece ti ho chiamato Bruno, come il

                 grande Bruno Giordano! Insomma, questo tizio era pure lui tifoso del Napoli?

Bruno:     No, era juventino!

Diego A.: Embé, e nun l’he’ cacciato a cavice fora ‘a porta?

Bruno:     E certo. Però, quanno se n’è gghiuto, m’aggio truvato doje machine mancante.

Diego A.: Mannaggia ‘a morte! Adesso devi risarcire pure i padroni delle macchine rubate.

Bruno:     Ah, ma nun ce sta bisogno.

Diego A.: E pecché?

Bruno:     E perché una delle due macchine… è ‘a toja!

Diego A.: (Si arrabbia) ‘A mia? E tu m’’o ddice accussì?

Bruno:     Papà, calmiamoci con le mani. Niente violenza!

Diego A.: Ma chi te sta tuccanno? E ‘e chi è chell’ata machina che s’hanne arrubbate?

Bruno:     ‘E don Augusto Imperatore, “’o malamente”!

Diego A.: (Sconvolto) Ah! Pure? E chillo, mò, s’’a piglia cu’ me. Ma io ce dico che si’ stato

                  tu. E mica pozzo abbuscà ‘o posto tuojo? Nun è giusto! (Si siede al tavolo)

Bruno:      Papà, a proposito ma tu ‘o ssaje? Don Augusto, ‘o malamente, tiene figli e mogli

                  sparsi per tutta l’Italia. E non solo!

Diego A.: Ma che me ne ‘mporta a me? (Si alza in piedi stizzito) Pienze a apparà ‘o guajo

                  che he’ cumbinato, ch’è meglio. (Si avvia verso sinistra, blaterando) Ce

                  mancava sulo ‘nu figlio “capera”, ‘int’’a casa mia!

                  Esce a sinistra. Bruno rimane perplesso.

Bruno:     Ma ch’aggio ditto ‘e male? (Si siede al tavolo) Mah!

                  Dalla porta, silenziosa, entra e gli si avvicina Loretta: malvestita, esaurita, con

                  gli occhi da pazza, tremolante e depressa. Lui non la nota e continua a parlare.

                  E intanto aggia apparà ‘stu guajo ch’aggio fatto. Ma come si fa? Qua ci vuole

                  silenzio e concentrazione!

Loretta:   (Ad un tratto emette un urlo) Aaaah!

Bruno:     (Scatta in piedi, gridando dallo spavento) Aaaah!

                 Bruno corre avanti e indietro, mentre Loretta fugge fuori casa. Lui si calma.

                 Marò, chi è stato a alluccà? (Si tiene una mano sul petto) Me sbatte ‘o core!

                 Da sinistra accorre Diego Armando.

Diego A.: Néh, ma ch’è stato? Pecché he’ fatto chillu llucco?

Bruno:     Ma nun aggio alluccato io. (Si siede al divanetto)

Diego A.: Bruno, io nun te capisco cchiù. (Gli siede accanto) Tu nun m’’a cunte justa.

                 Silenziosa torna Loretta che va dietro i due. Diego Armando parla al figlio.

                 Dimme ‘a verità: tu tiene cocche problema.

Bruno:     No, nun tengo nisciunu problema. Pecché?

Diego A.: Pecché tu nun ce staje cu’ ‘a capa. Bell’e buono, te miette a alluccà tu sulo!

Loretta:   (Ad un tratto emette un urlo) Aaaah!

                  I due, spaventati, saltano in piedi e fuggono per la stanza. Loretta resta lì dov’è.

Diego A.: (La osserva) Ma… è stata essa?   

Bruno:     (Andando da lui) Sì, papà.

Diego A.: E chi è chesta?

Bruno:     No, zitto! Chesta è ‘a signora d’’o piano ‘e coppa. Chella che tene ‘a depressione.

Diego A.: Ah, ‘a pazza? E allora l’avimma assecondà.

Bruno:     OK! Forza, turnamme addù essa.

                  I due le si avvicinano lentamente, timorosi. Lei li osserva.

Diego A.: Ehm… buongiorno, signora… signora… signora?

Loretta:   Loretta Di Sonno.

Diego A.: E no, ve vulite fa’ ‘n’oretta ‘e suonno justo mò? Ma nun è ‘o mumento!    

Bruno:     No, papà, lei si chiama Loretta Di Sonno.

Loretta:   (Gridando) Saaalve!

                 I due si spaventano e si abbracciano per pochi momenti.

Diego A.: Bruno, ma è sicuro che chesta nun mozzica?

Bruno:     No, no, nun te prioccupà. Mò ce parlo io. Ehm… signora Loretta, come state?

Loretta:   (Gridando) Stongo bona!

Diego A.: (Infastidito) Ma pecché allucca?

Bruno:     Perché è nervosa. (Parla gridando come lei) Signora, accomodatevi!

Loretta:   (Gridando) Grazie!

                 Loretta si siede sul divanetto, centralmente, poi guarda i due che stanno in piedi.

                 (Gridando verso i due) E vuje nun v’assettate?

Bruno:     Sì, mò ce assettamme. Papà, jamme.

                 I due si siedono al tavolo. I tre si guardano silenziosi. Diego rompe il silenzio.

Diego A.: E come mai questa gradita visita?

Bruno:     No, papà, t’aggio ditto che he’ alluccà!

Diego A.: Me pare che sto’ parlanno cu’ duje scieme! (Poi parla con lei, gridando) E come

                 mai questa gradita visita?

Loretta:   (Si arrabbia) Oh, ma ch’alluccate a ffa’?

Diego A.: (Indica Bruno)Ma me l’ha ditto chisto!

Loretta:   E nun c’è bisogno. (Poi con voce normale, ma lei è tutta tremolante) Io sto’ ccà

                 pecché me sentevo sola. Signor Diego Armando, ma vuje ‘o ssapite che don

                 Augusto, ‘o malamente, tene figli ‘e mugliere pe’ tutta Italia?

Diego A.: Mò accummencia chest’ata a ffa’ ‘a ‘nciucessa?

Loretta:   E dovete sapere che nel quartiere ci sta una voce strana su vostro figlio Bruno.

Diego A.: E faciteme sentì: che se dice?

Loretta:   Che nun è figlio a vuje. Isso è ‘o figlio ‘e don Augusto, ‘o malamente!

Diego A.:    Overamente? (Poi guarda Bruno)

Bruno:        (Bisbigliando) Papà, assecondala!

Diego A.:    (Così fa) Ah, già, sì, sì! Mio figlio Bruno nun è figlio a me. E io già ‘o ssaccio!

Loretta:      Vuje già ‘o ssapite? (Si alza in piedi) Ma allora l’aggia ì dicenno a tutto ‘o

                    quartiere: ‘o singor Diego Armando Maddaluno è curnuto!

Diego A.:    (Salta in piedi) No, aspettate, ma che state dicenno?

Bruno:        (Salta in piedi) Papà, assecondala!

Loretta:      E sì, aggia ì dicenno in giro che Bruno Maddaluno è ‘o figlio d’’o malamente!

Diego A.:    No, no, ‘nu mumento!

Bruno:        Papà, assecondala!

Diego A.:    Oh, ma ch’aggia assecondà? Ma tu ‘a siente, a chesta? E mò basta!

Loretta:      (Avvicinandosi verso l’uscita della casa) Sì, io l’aggia dicere. (Gridando)

                    Popolo dei Quartieri Spagnoli, ‘o signor Diego Armando…

Diego A.:    (Corre da lei e tenta di fermarla) No, zitta, zitta!

Loretta:      E’ ‘nu grandu curnuto!

Bruno:        (Corre da loro e tenta di fermarli) No, no, no…!

                    Ed escono così di casa. 

3. [Elvira, Marilena ed Irene. Poi Placido]

                   Da sinistra tornano Elvira, Marilena ed Irene. Sembrano deluse.

Irene:        Signò, che peccato. Nun amme visto proprio a nisciuno.

Elvira:      E vabbuò, cchiù tarde me metto fora ‘o barcone e aspetto quanno chella aésce.

Marilena: E pur’io faccio ‘a stessa cosa.

Irene:        Uh, Marilé, ‘a voglio vedé pur’io!

Marilena: Nun te prioccupà, quanno l’attricetta aésce fora ‘o barcone annùda, te telefono.

Elvira:      Ma che stamme facenno, ‘o botteghino d’’o tiatro Sannazzaro?

Irene:        Signò, ‘a vita è breve. Io nun m’aggia perdere niente!

Marilena: He’ raggione, Irene!

Irene:        Marilé, ce ne jamme?

Marilena: Sì, sì, jammuncenne. Io aggia mettere ancora ‘e maccarune ‘ncoppa ‘o fuoco.

Irene:        E pur’io! (Rattristata) Si torna nelle nostre cucine a fare le casalinghe.

Elvira:      Vabbuò. Allora ce vedimme cchiù tarde.

Irene:        Arrivederci, signò. E grazie d’’e quatte chiacchiere!

                  Irene e Marilena escono via. Elvira sistema le sedie al tavolo. Ad un tratto, entra

                  uno strano figuro con occhiali da sole. Ha una busta in mano.

Placido:    Buongiorno signora!

Elvira:      (Interdetta, risponde) Buongior…!

Placido:    Sssst, non dite niente! Non parlate ancora. C’è nessuno in casa?

Elvira:      Adesso?

Placido:    E quando? Si capisce che parlo di adesso.

Elvira:      Sentite, innanzitutto m’avìsseva dicere chi site e che vvulite. Comme ve

                  permettite ‘e trasì ‘int’’a casa mia, senza cercà permesso? 

Placido:    (Le siede accanto e toglie gli occhiali da sole) Signora, avete ragione.

Elvira:      Sedetevi al tavolo. Non per niente, ma io nun ve cunosco.

Placido:    D’accordo, certo. (Così fa) Eccomi qua. 

Elvira:      (Gli nota la busta in mano) E che d’è chella busta che tenite ‘nmana?

Placido: State tranquilla. Si tratta solo di un pantalone. (Posa la busta su una sedia) Lo

               devo portare da un sarto perché ha uno strappo sul di dietro.

Elvira:   Benissimo. E mò diciteme chi site e pecché state ccà.

Placido: Dunque, tanto per cominciare, voi leggete mai il giornale “Gossip e Vip”?

Elvira:   Uh, il mio giornale preferito. Ma pecché, ch’è stato?

Placido: Io sono il giornalista Placido Tremendo, del giornale in questione.

Elvira:   (Stupita) Che? (Felice) E lo dicevate prima! Piacere, molto piacere di conoscervi.

Placido: E voi, invece, come vi chiamate?

Elvira:   Elvira Nupoco.

Placido: (Si guarda intorno) Scusate, ch’aggia vedé?

Elvira:   Niente. Io mi chiamo Elvira Nupoco.

Placido: Bene. Vi dirò che io sto cercando la signora Marilena Sguaiata. Mi hanno detto

               che è la più grande capera dei Quartieri Spagnoli. E pure la signora Irene Malato.

               Pare che sia la più grande capera di Napoli!

Elvira:   Nun ve prioccupate, io songo ‘a cchiù granda capera d’Italia!

Placido: Ottimo! Allora, se mi date qualche notizia interessante, io vi regalo un anno di

               abbonamento al mio giornale.

Elvira:   Uh, sì, sì, grazie! Diciteme che vvulite sapé.

Placido: In questo palazzo ci sono due attori. Non facciamo nomi.

Elvira:   William Altobordo e Speranza Di Vita?

Placido: Signò, e v’aggio ditto “non facciamo nomi”! Comunque, cosa mi dite di loro due?

Elvira:   Allora, tanto p’accummincià: isso e essa s’hanne lassate definitivamente. Dovete

               sapé che tutti e due si fanno ‘e ccorne uno cu’ ‘n’ato!

Placido: E si capisce, lui e lei vanno facendo film ovunque.

Elvira:   Appunto! E allora po’ capità che, per esempio, essa cunosce a cocche bellu

               giovane cu’ doje spalle larghe, alto, biondo, cu’ ‘n’uocchio blu e uno celeste…!

Placido: Tene ll’uocchie ‘e duje culure?

Elvira:   Sì.

Placido: Ma che d’è, n’Husky Siberiano?  

Elvira:   Vabbuò, chille po’ so’ attori!

Placido: E di lui, invece, che mi dite?

Elvira:   Po’ capità ca isso cunosce a cocche bella gnocca, cu’ ‘nu lato B esagerato, alta, cu’

               ‘e capille russe e bionde!

Placido: Ma che tene, ‘e capille bicolore?

Elvira:   Sentite, ma vuje site proprio arretrato!

Placido: Avete ragione. Insomma, quei due si sono lasciati per colpa di altri attori.

Elvira:   No, pe’ mezza d’’o malamente.

Placido: ‘O “malamente”? E chi è, costui?

Elvira:   Posso fare nomi?

Placido: Fate, fate pure.

Elvira:   Benissimo, si chiama Augusto Imperatore. S’è fissato cu’ essa.

Placido: E il suo uomo lo sa?

Elvira:   Secondo me ‘o ssape, però le conviene ‘e fa’ ‘o curnuto, e allora nun dice niente!

Placido: (Si alza in piedi) Bene, per oggi basta così.

Elvira:   (Si alza pure lei) Ve ne andate?

Placido: Già. Cara signora, vi ringrazio per le informazioni. Io vi cito.

Elvira:   In tribunale?

Placido: No, sul mio giornale.

Elvira:   (Felice) Uh, che bellezza! E me pavate pure?

Placido: Beh, qualche soldino ve lo faccio guadagnare. Però, vi raccomando: silenzio con le

               vostre amiche e coi vostri familiari. E soprattutto, noi non ci siamo visti.

Elvira:   E chi v’ha visto? Ma pecché, vuje site trasuto ccà ddinto?

Placido: Brava, signora, vedo che avete già capito tutto. Allora io vado.

Elvira:   Arrivederci a presto. 

Placido: D’accordo! (Mette di nuovo i suoi occhiali da sole) A presto, a presto!

               Placido esce via di casa. Al che, Elvira comincia ad esultare.

Elvira:   Comme so’ felice! Faccio ‘a giurnalista! Mò nun so’ cchiù ‘na “capera 

               qualunque”,  ma ‘na “giurnalista capera”! Comm’è bella ‘a vita!

               Esce via a destra beatamente.

4. [Diego e Bruno. Poi Speranza. Poi William]

               Dalla comune entrano Diego e Bruno, trasandati e spettinati.

Bruno:  Mamma mia, papà, e che ce teneva, chella! Ce ha fatto proprio ‘na paliata!

Diego:   Mò chella pazza va dicenno in giro ca io so’ curnuto!

Bruno:  E tu miettete ‘nu cartiello ‘ncanna. ‘Ncoppa ce scrive: “Io non sono cornuto!”.

Diego:   Me vuo’ fa’ piglià pe’ scemo? Ma inzomma, pecché ce sta ‘stu vizio ‘e inciucià

              sempe? Soprattutto mammeta. Ma in casa mia si deve perdere quest’usanza. OK?

              A proposito, ma tu ‘o ssaje ch’’o padrone ‘e casa nuosto s’è mmiso cu’ ‘n’ucraina?

Bruno:  Papà, mò accummience pure tu?

Diego:   Uh, mannaggia ‘a miseria! Me state traspurtanno pure a me. A proposito, he’

              risolto chillu problema?

Bruno:  Qualu problema?

Diego:   ‘O fatto d’’e mmachine che s’hanne arrubbato ‘int’’o garage.

Bruno:  E quanno ‘o risolvevo? Io stongo ‘nzieme a te. Tu me faje perdere sulo tiempo!

Diego:   E’ meglio che vaje a piglià a Martina ‘a scola, va’. Piglie pure ‘o giurnale sportivo.

Bruno:  Ce vedimme aroppo.

Diego:   E nun te scurdà ‘e ì a piglià chello che t’aggio ditto!

Bruno:  A chi, a Martina?

Diego:   No, ‘o giurnale sportivo!

Bruno:  Nun te prioccupà.

              Bruno esce via di casa. Diego prova a darsi una sistematina.

Diego:   Chella pazza m’ha sceppato tutto ‘o raccio. Famm’ì a disinfettà ‘nu poco, va’!

              Esce via a destra. Dalla comune al centro entra Speranza. Ha occhiali da sole. E’  

              triste. Si guarda intorno, poi va a sedersi sul divanetto. Prende un fazzoletto e

              piange moderatamente. Torna Diego con una manica avvolta e si tiene dell’ovatta 

              sul braccio destro. Si lamenta perché il disinfettante brucia.

              Mamma ‘e ll’Arco, e comme cacchio brucia ‘stu disinfettante!

              Poi sente piangere Speranza e si volta verso di lei. La osserva e parla tra sé e sé.

              E chi è chella? Pecché sta chiagnenno ‘ncoppa ‘o divanetto mio? Ora lo sapremo.

              Le si avvicina, ma Speranza aumenta il piano e lui si allontana. Lei diminuisce il 

              pianto, così Diego le si avvicina di nuovo, ma lei aumenta di nuovo il piano e lui si

              allontana di nuovo e lei diminuisce il suo pianto. Diego allora commenta.

              Ma comm’è? Quanno m’avvicino, chesta chiagne cchiù asssaje, e quanno

                  m’alluntano, chiagne cchiù poco!

Speranza: (Piangente) Come sono infelice!

Diego:       Ah, allora nun chiagne sulo, sape pure parlà! Mò m’avvicino ‘n’ata vota!

                  Le si avvicina di nuovo, ma lei aumenta di nuovo il pianto e lui le si allontana.

                  Ma che miseria! Comm’aggia fa’ a parlà cu’ chesta?  

Speranza: (Si volta, lo nota e smette di piangere) Signore, prego, venite vicino a me.

Diego:       E’ ‘na parola! 

Speranza: E perché?

Diego:       E pecché oggni vvota che m’avvicino, vuje chiagnite cchiù assaje!

Speranza: Ma dai, forza, avvicinatevi. Sedetevi vicino a me.

Diego:       E vabbuò. (Le siede accanto) Ecco qua.

Speranza: Scusate, voi siete il signor Diego Armando Maddaluno. E’ così?

Diego:       Sì, songh’io.

Speranza: E voi sapete chi sono io? Ma sì, mi avrete riconosciuta di certo. Sono proprio io!

Diego:       Signurì, guardate, nun voglio fa’ ‘na brutta figura, ma io nun ve saccio proprio!

Speranza: Ah, già, giustamente ho gli occhiali da sole. (Li toglie) E adesso mi riconoscete?

Diego:       No, peggio ‘e primma!

Speranza: Ma come? Io sono Speranza Di Vita. La vostra vicina di casa. L’attrice.

Diego:       Uh, ma site proprio vuje? Giesù, faciteve vedé buono. Aizàteve ‘nu mumento!

Speranza: (Si alza in piedi e si mostra a lui) Ecco!

Diego:       (Guardandole il sedere) Si, siete proprio voi. Adesso vi riconosco!

Speranza: (Si siede di nuovo) E allora, vi piaccio?

Diego:       Tanto! Ma scusate, poco fa stavate piangendo. Ora, non per fare la capera, ma

                  come mai? E’ successo qualcosa?

Speranza: Sì. Sono tanto triste. Il mio fidanzato non mi apprezza, mi mortifica sempre.

                  Entra proprio William che va dietro i due. Diego, ignaro, intanto commenta.

Diego:       ‘O fidanzato vuosto nun v’apprezza? ‘E che diece ‘e scemo! Ma fosse ‘o vero

                  chello che se dice ‘e isso?

Speranza: Perché, che si dice di lui?

Diego:       Ch’è finocchio!

William:   Io?

Diego:       (Gli risponde) Sì, vuje! (Poi realizza e scatta in piedi, spaventato) Oddio mio!

Speranza: (Si alza in piedi) Ah, William, ce staje pure tu?

William:   Sì. Io ‘o ssapevo che te truvavo ccà! Me l’ha ditto Loretta!

Diego:       No, vabbé, ma chella è pazz…!

William:   Ma levateve ‘a nanzo, vuje! (Gli afferra il braccio e lo spinge via)

Diego:       Ah, ‘o raccio! ‘Int’’e ccorne ca tiene!

William:   (A lei) E mò basta. He’ capito? Tutte ‘sti ‘nciucie ‘e quartiere hanna fernì. Me

                  so’ proprio sfastriato ‘e sentì ‘o nomme mio e ‘o tuojo ‘nmocca ‘e ggente!

Speranza: E pur’io. Ma tu te si’ fatto truvà ‘ncoppa ‘e ggiurnale cu’ chella gatta morta! William:   E tu te si’ fatta truvà ‘ncoppa ‘e ggiurnale cu’ chillu gatto muorto! 

Speranza: Signor Diego, difendetemi.

Diego:       (Si avvicina ai due) E vabbé, fate pac…!

William:   E io avessa parlà cu’ chisto? Ma io voglio arraggiunà cu’ te.

Diego:       Sì, ma io dico che…!

Speranza: Signor Diego, ma voi lo sapete che lui, ogni volta che fa un film, mi tradisce?

Diego:       Però io voglio dire che…!

William:   E voi lo sapete che lei, ogni volta che fa un film, rischia di uscire incinta?

Diego:       Posso dire una co…?

Speranza: Signor Diego, la gente sparla sempre di noi. Ma non è colpa mia. E’ di lui.

Diego:       Sì, ma posso dire una co…?

William:   Ma tu…!

Diego:       (Spazientito) Ooooh, e basta mò! Jateve a appiccecà ‘a casa vosta! Uscite fuori!

                  I due, come due cani bastonati, si avvicinano alla comune. Poi lei parla a Diego.

Speranza: Signor Diego, se William continua così, io lo lascio veramente. Ve lo giuro!

Diego:       Ma che me ne ‘mporta, a me? Lassateve! Vuje ‘a chi ‘o vvulite?

                  I due escono definitivamente di casa. Diego commenta il tutto a modo suo.

                  Ccà ‘e ggente stanne perdenno proprio ‘e ccerevelle! Ma chiste m’’e vvulessene

                  fa’ perdere pure a me? Io nun ce tengo proprio. Cose ‘e pazze overamente!

                  E se ne torna via a destra.

5. [Bruno e Martina. Poi Elvira, quindi Diego. Poi Placido]

                  Dalla comune ecco Bruno (ha un quotidiano sportivo in mano) e Martina (10

                  anni circa) con zainetto-scuola sulle spalle.

Martina:  Hai capito, Bruno? La mia maestra d’italiano è innamorata del maestro d’inglese!

Bruno:     Ma chi t’’e ddice ‘sti ccose?

Martina:  E mica lo so solo io? ‘O ssape tutta ‘a scola!

Bruno:     Martina, ‘o nonno e ‘a nonna nun vonno che tu dice ‘sti scimmità.

Martina:  Scimmità? Io dico solo notizie vere. Ma tu lo sai che i nostri vicini di casa…?!

Bruno:     No, nun saccio niente e nun ‘o vvoglio sapé.

Martina:  Peggio per te. Io volevo dirtelo. Allora mi vado a preparare per mangiare. Ciao.

                 Esce via a sinistra. Bruno la osserva, poi fa considerazioni personali.

Bruno:     Mannaggia, io ‘o vvulesse ssapé chello che hanne fatto ‘e vicini ‘e casa. Peccato  

                 che nun ce ll’aggio fatto dicere a Martina. So’ troppo curioso!

                 Da destra torna Elvira.

Elvira:     Uhé, Bruno, he’ juto a piglià a Martina ‘a scola?

Bruno:     Sì, mammà.

Elvira:     E allora facimme ambresso a mangià, che tu he’ ‘a turnà a faticà.

Bruno:     No, ‘o turno mio è fernuto.                 

Elvira:     Allora mò he’ turnà a faticà dimane pomeriggio?

Bruno:     No, mammà. ‘O turno mio è fernuto pe’ sempe.

Elvira:     Comme sarebbe a dicere?

Bruno:     S’hanne arrubbate doje machine ‘a ‘int’’o garage addò fatico io.

Elvira:     Uh, mannaggia a te! Chillo don Antonio t’accide. Menu male che tene ati ccose  

                  p’’a capa. Don Antonio se tene a ‘na femmena, e ‘a mugliera l’ha scoperto.

Bruno:     Ma tu overamente staje dicenno?

Elvira:     Sì. Figùrete si chillo se mette a penzà a te e ‘e mmachine che se so’ arrubbate.

Bruno:     Chesta è ‘na bella nutizia. Allora domani mattina torno al lavoro come se niente

                 fosse. Grazie, mammà, m’he’ risollevato ‘nu poco. Mò me vaco a levà ‘sta tuta ‘a

                 cuollo. A proposito, chisto è ‘o giurnale ‘e papà. Dancillo tu, pe’ piacere.

Elvira:     Vabbuò. (Se lo fa consegnare)

Bruno:     (Felice) Cià, mammà. Felicità, felicità!

                 Esce via a sinistra, esultante.

Elvira:     He’ visto? Oggie pur’isso è felice! Menu male, va’. E mò famme cercà a Diego.

                 Da destra ecco Diego con sciarpa del Napoli. Ha ancora la tuta da imbianchino.

Diego A.: (Chiama ad alta voce) Elviraaa!

Elvira:     Ch’allucche a ffa’?

Diego A.: No, dico, io voglio sapé ‘na cosa ‘a te: addò stanne ‘e cazune mie?

Elvira:     Stanne tutte quante spase. 

Diego A.: E mò che me metto ‘ncuollo?

Elvira:     Tienete ‘a tuta ‘e imbianchino!

Diego A.: Ma io cu’ chesta aggia faticà. Inzomma, io voglio ‘nu cazone e nun ‘o pozzo avé. 

Elvira:     Già, però ‘a sciarpa d’’o Napule ‘a truove sempe! (Gliela indica)

Diego A.: E pe’ forza, io ce dormo pure ‘a notte! Va’, Elvì, truòveme ‘nu cazone ‘e furtuna.

Elvira:     A proposito, Bruno t’ha accattato ‘o giurnale. (Glielo consegna) ‘O tiempo che

                 t’’o liegge e io te porto ‘nu cazone pulito pulito!

Diego A.: Vabbuò. Io t’aspetto ccà. Va’, Va’.

Elvira:     (Avviandosi verso destra) ‘E che guajo ‘e notte!

                 Esce via a destra. Diego A. si siede al divanetto e legge il giornale. Da sinistra

                 torna Martina che va da lui.

Martina: Ciao, nonno.

Diego A.: Cià Martina, ‘o nonno! Che te serve?

Martina: Mi occorre sapere una cosa: il femminile di “papa”.

Diego A.: Il femminile di papa? (Ci pensa, poi risponde) “Paposcia”!

Martina: Ma sei sicuro?

Diego A.: Vai, non ti preoccupare. Scrivi, scrivi!

Martina: Aspetta, prima che me ne vado, sto facendo una ricerca: sai dove stanno i Pirenei?

Diego A.: Bella mia, ‘sti ccose l’he’ domandà ‘a nonna! Forse l’ha mise ‘int’’o frigorifero! 

Martina: Ma no, i Pirenei sono dei monti. Vabbé, lascia stare. Piuttosto, devo chiederti

                 un’ultima cosa: come nascono i bambini? Me lo spieghi?

Diego A.: Beh, i bambini nascono… i bambini nascono…sotto al cavolo!

Martina: Ah, pure tu sapevi così? Ma io ho scoperto tutta la verità. Poi te la farò sapere!

                 Fa il gesto di silenzio col dito. Esce via a destra. Diego è perplesso. 

Diego A.: Famme leggere ‘o giurnale, ch’è meglio! (Lo apre) Aggia vedé ‘o calcio mercato 

                 d’’o Napule! (Legge e commenta) Aéh, siente ccà che nutizia: “Scandalo nel

                 Napoli: il regista e il portiere del team* azzurro si contendono una ragazza, forse

                 Un’attrice. Anche il presidente ne è coinvolto. Notizie più precise col giornale di

                 domani!”… Azz, e allora dimane l’aggia accattà.                            *(Letto com’è scritto)

                 Chiude il giornale. Dalla comune entra Placido (sempre in occhiali da sole).

Placido:   Mannaggia, ho dimenticato il mio panta…! (Lo nota) E chi è chisto?

Diego A.: (Si volta e lo nota) E chi è chisto?

Placido:   No, veramente, me lo sono chiesto prima io: e chi è chisto?

Diego A.: (Si alza in piedi) Sentite, io sto in casa mia!

Placido:   E calmatevi. Innanzitutto, voi chi siete?

Diego:      Ma songh’io ch’’o vvoglio sapé ‘a vuje.

Placido:   Io mi chiamo Placido Tremendo, giornalista di “Gossip e Vip”. E voi?

Diego:      Io so’ Diego Armando Maddaluno, e chesta è casa mia. Pecché, che vvulite?

Placido:   Poco fa sono stato qui ed ho ho dimenticato il mio pantalone in questa stanza.

Diego:      (Sorpreso) Che? Il pantalone? E perché ve lo siete levato? 

Placido:   Ma niente. Aggio fatto ‘na piccola intervista a vostra moglie.

Diego:      Ma pecché, vuje p’intervistà ‘e ggente, ve levate ‘o cazone ‘a cuollo?

Placido:   Per carità! Me facite parlà ‘nu sicondo? Il pantalone che ho dimenticato qua, lo

                 stavo portando dal sarto per farlo sistemare.

Diego:      ‘O vero?

Placido:   E certamente. Purtroppo non ricordo dove ho messo la busta che lo contiene.

Diego:      (Ci fa un pensierino) Facciamo così: se lo trovo, ve lo conservo. Va bene?

Placido:   Va bene, tanto, io domani torno qua per sapere altre notizie. Altri inciuci. Io e

                 vostra moglie diffondiamo notizie in società: lei me le fornisce e io le pubblico!

Diego:      Capirai! Si mia moglie sapesse chello che saccio io!

Placido:   (Interessato) Ma perché, anche voi sapete qualcosa su quei due?

Diego:      Azz! ‘O regista e ‘o purtiere s’hanne fissate cu’ l’attrice?

Placido:   Uh, raccontate, raccontate!

Diego:      Ce sta ‘n’atu pretendente segreto. Vulite sapé chi è?

Placido:   Perbacco!

Diego:      ‘O presidente!

Placido:   (Sconvolto) No! Il presidente? Cioè, proprio il presidente, presidente?

Diego:      Sì. Tengo delle prove schiaccianti!

Placido:   E allora, domani torno qua e vi faccio una bella intervista che poi pubblicheremo

                 sul mio giornale. Se mi date una vostra foto, pubblico anche quella.

Diego:      E allora, io v’aspetto! V’aggia cuntà cierti ccose che ve fanno alliccà ‘e bbaffe!

Placido:   State tranquillo, io vi ringrazio. Arrivederci, arrivederci a domani!

                 Esce via di casa. Allora Diego si guarda intorno, frenetico, nella stanza.

Diego:      E mò famme cercà ‘o cazone ‘e chisto. Si Elvira nun riesce a me ne truvà uno

                 pulito, almeno me metto chillo d’’o giurnalista! E allora l’aggia truvà!                      

                 Esce via a sinistra.

6. [Marilena, Elvira, poi Diego e Loretta. Infine William e Speranza]

                  Dalla comune entra Marilena. Pare molto impaziente.

Marilena: Addò sta ‘a signora Elvira? L’aggia dicere cierti nnutizie clamorose!

                  Da destra torna Elvira che osserva dei pantaloni di pigiama maschile.

Elvira:      Diego s’ha da arrangià cu’ ‘o cazone d’’o piggiama!

Marilena: (La nota e va da lei) Signora Elvira, ma che ce facite cu’ ‘stu piggiama ‘nmana?

Elvira:      No, niente, ce ll’aggia da’ a mio marito.

Marilena: Ma nun penzate a ‘sti scimmità! (Glielo prende di mano e lo getta a terra alla

                  credenza) E mò stateme a sentì: ce stanne novità! Assettammece e v’’e cconto.

                  Le due vanno a sedersi al divanetto.

Elvira:      E allora, dicite, dicite!

Marilena: Isso ha scoperto a essa che traseva ccà ddinto.

Elvira:      E che ce faceva?

Marilena: Steva parlanno cu’ ‘o marito vuosto!

Elvira:      Mio marito?

                  Da sinistra torna Diego in boxer.

Diego:       Ma addò sta ‘stu cazone?

Marilena: (Lo nota) Uh, eccolo qua!

Elvira:      Diego!

Diego:       Oddio! (Si inginocchia a terra e si allunga la camicia con le mani)

Marilena: Signor Diego, buongiorno! Ma che ce facite inginocchiato pe’ terra?

Diego:       Ehm… no, niente! Fa bene ‘a circolazione!

Elvira:      Diego, nun so’ stata capace ‘e te truvà nisciunu cazone asciutto! Ce sta sulo

                  chillo d’’o piggiama! Sta lloco ‘nterra!

Diego:       (Si volta e lo nota) Mò ‘o vaco a piglià!

                  Cammina carponi e lo va a recuperare. Dalla comune entra Loretta che lo nota.

Loretta:    Saaalve!

Diego:       (Salta in piedi) Mamma ‘e ll’Arco!

Loretta:    (Nota i boxer) E che ce facite vuje accussì cumbinato?

Diego:       No, niente! (Si sposta a centro stanza, coprendosi coi pantaloni del pigiama)

                  Dalla comune entra Speranza.

Speranza: Signor Diego! (Va da lui e gli si mette sotto braccio) Voi mi dovete aiutare.

Diego:       Signurì, lassateme sta’ ‘o raccio!

Speranza: Il mio fidanzato mi vuole picchiare perché mi ha visto insieme a voi!

Diego:       Sì, ma lassateme sta’ ‘a mana!

Speranza: No, non ve la lascio!

Diego:       Ma io m’aggia mantené ‘o cazone d’’o piggiama, o si no se ne scenne!

Loretta:    (Va da Elvira) Signò, vuje state ccà? E nun dicite niente? ‘O marito vuosto è ‘nu

                  curnuto, e pe’ se vendicà ‘e vuje, mò ve mette ‘e ccorne cu’ chella!

Elvira:      A me?

Loretta:    Sì. E mò chi ‘o sente ‘o ‘nnammurato ‘e Speranza! Chillo l’accide, ‘o marito

                  vuosto. Povero signor Diego!

Diego:       Uhé, ma chi m’accide, a me?  

                  Gli cascano i calzoni del pigiama. Mentre si piega a recuperarli, entra William.

William:   Speranz…! (Nota Diego piegato) Ah, signor Diego!

Diego:       (Si spaventa e si copre col pigiama) Chi è?

William:   E vuje che ce state facenno accussì cumbinato?

Diego:       No, niente, me stongo mettenno ‘o piggiama! (Prova ad indossarlo)

Speranza: William, tu non mi toccherai, perché il signor Diego mi difenderà.  

                   Ma involontariamente lo spinge a terra, mentre lui sta mettendo il pigiama.

Diego:       T’hanna accidere! (Così si rialza e va dietro il tavolo a cercare qualcosa)

William:   Io non ti voglio picchiare, perché non l’ho mai fatto. Ma tu devi sapere una cosa.

Speranza: Che cosa?

                  Da dietro il tavolo si alza in piedi felice Diego con la busta di Placido in mano.

Diego:       Aggio truvato ‘o cazone!

William:   (Ripete inconsapevolmente) Aggio truvato ‘o cazone! Ma no, che mi fate dire?

Diego:       Ma chi ve sta calcolanno? (Poi si mette in terra e cerca di indossare i pantaloni)

Loretta:    (Va da lui e cerca di impedirglielo) Nun vale. Nun ve l’ata mettere ‘o cazone.

Elvira:      Uhé, levate ‘e mmane ‘a cuollo a mio marito! Aiutàteme, signora Marilena!

                  Elvira e Marilena vanno da Loretta che cerca di impedire a Diego disteso, di

                  indossare i pantaloni. William e Speranza intanto si parlano come se nulla fosse.

William:   Io ti volevo dire che voglio fare pace con te.

Speranza: Oh, amore mio!

                  I due escono abbracciati, mentre gli altri quattro seguitano la loro azione.

Diego:       Alt! (Indossa i pantaloni sul pigiama) Ecco fatto!

Elvira:      Siente ‘nu mumento, io e te amma parlà ‘e chella attricetta.

Marilena: No, nun ce sta tiempo. Venite cu’ me, signora Elvira. Andiamo sul terrazzo.

Elvira:     Embé, Diego, ringrazia ‘a signora Marilena.

Diego A.: Ma te ne vaje, o no? ‘A signora Marilena va ‘e pressa.

Elvira:     Vabbé, Diego. Allora io me ne salisco!

Diego:      Salisci, salisci!

Marilena:Signor Diego, noi salisciamo!

Diego:      Salisciate, salisciate!

                 Le due donne vanno via.

7. [Diego e Loretta. Poi Bruno. Infine Placido]

                 Dalla finisce di sistemarsi i pantaloni di Placido. Loretta lo osserva.

Diego A.: Ma che state guardanno, ‘o spettacolo? Ja’, venite cu’ me! Vi porto a casa vostra.

Loretta:   Che me vulite fa’, signor Diego A.? Me vulite violentà?

Diego A.: A chi? Aroppo ‘essa essere denunciato pe’ violenza carnivora?

Loretta:   Violenza “carnale”!

Diego A.: Vabbuò, sempe ‘e carne se tratta!

Loretta:   E allora, che me vulite dicere?

Diego A.: Signora Loretta, io vi stimo e vi rispetto, però vuje nun ata ì cchiù dicenno in giro

                 che songo ‘nu curnuto.

Loretta:   Nun ve prioccupate, nun dico cchiù che site curnuto. Dico che site rattuso!

Diego A.: No, nun songo nemmanco rattuso. Nun so’ niente. Songo ‘na perzona normale.

Loretta:   E vabbuò. Allora me so’ sbagliata. Vuje nun site rattuso e nun site curnuto. Però

                 nun ata ì maje cchiù a dicere in giro che me piace don Augusto ‘o malamente!

Diego A.: E chella è mia moglie che nun perde maje ‘a lengua! Comunque state tranquilla,

                 mia moglie non dirà mai più che vi piace ‘o malamente.

Loretta:   Ecco, bravo. Deve dire che mi piacete voi, signor Diego!

Diego A.: (Sorpreso) Io?

Loretta:   E pure vostro figlio. Solo che sono indecisa: mi piacete di più voi o vostro figlio?

Diego A.: Signò, guardate, nun è cosa proprio. Vuje site spusata.

Loretta:   Aggio capito, nun ve piaccio. Ma allora l’aggia ì a dicere a tutto ‘o quartiere.

Diego A.: Che vvulite dicere?

Loretta:   Che vuje site omosessuale!

Diego A.: Ma qualu omosessuale? E nemmeno mio figlio lo è.

Loretta:   Ma io songo tifosa d’’o Napule, comm’a vuje. Invece vostro figlio…! 

Diego A.: Invece mio figlio…?

Loretta:   E’ juventino!

Diego A.: Signò, ma facìteme ‘o piacere! Turnate add’’o marito vuosto.

Loretta:   Chi? Ciro?

Diego A.: Che ne saccio comme se chiamma? ‘O marito vuosto, e basta!

Loretta:   Beh, mio marito nun po’ ddicere proprio niente. Ormai…nun po’ parlà cchiù.

Diego A.: (Dubbioso) In che senso?

Loretta:   Io e isso stéveme ‘int’’a cucina. A ‘nu cierto punto m’è capitato ‘nu curtiello p’’e

                 mmane. Aggio guardato a isso, e…

Diego A.: (Ancora più dubbioso) Continuate. Pecché ve site fermata? E…?

Loretta:   (Fa il gesto di una coltellata) Zam! Avite capito?

Diego A.: Signò, ch’ate cumbinato? Ate fatto “zam”? Saglimme ‘nu mumento ‘a casa vosta.

Loretta:   No, ma nun è ‘o caso.

Diego A.: E invece sì.

Loretta:   E invece no.

Diego A.: (Le afferra il braccio) Signò, mò me facite arraggià.

                 Se la porta fuori casa, ma lei continua a gridare ai quattro venti.

Loretta:  ‘O signor Diego A. me vo’ rapì! Me vo’ rapì! Me vo’ rapì!

                 Escono via. Da sinistra torna Bruno. Non si è cambiato d’abito e protesta.

Bruno:     Niente di meno, nun so’ stato capace ‘e truvà ‘nu cazone pulito. E mia mamma 

                 addò sta? Sparisce! (La chiama a destra e a sinistra) Mammà!

                 Intanto dalla comune si rivede Placido: osserva Bruno che continua.

                 Niente, se vede che sta ‘nciucianno cu’ ‘a signora Marilena o ‘a signora Irene. E

                 mò comme facc… (Nota Placido che si gli avvicina e lo osserva in modo strano)

                 Embé? Si entra così nelle case della gente? Senza nemmeno annunciarsi? 

Placido:   Perdonami, io sono Placido Tremendo, giornalista. Tu conosci la signora Elvira?

Bruno:     Songo ‘o figlio. Ehm… è successo qualcosa? Perché mi guardate così?

Placido:   Io già ti ho visto da qualche parte.

Bruno:     A me? No, guardate che vi sbagliate!

Placido:   Mio fratello è il fondatore di un club “Forza Juve” a Cercola. E io t’ho visto là.

Bruno:     (Imbarazzato) Ma che state dicenno? Io sono tifoso del grande Napoli. Domenica

                 io e mio padre andiamo a vedere Napoli-Juve in Curva B.

Placido:   Ah, sì? E fammi sentire un po’ la formazione del Napoli.

Bruno:     (Sempre più imbarazzato) Ehm… dunque: portiere, terzino destro, terzino

                 sinistro, difensore centrale, poi il centrocampista, la punta, le doppie punte…!

Placido:   Sì, bonanotte! Accussì ‘a cunosco pur’io ‘a formazione d’’o Napule!

Bruno:     E menu male che nun cunuscite a mio padre.

Placido:   Certo che lo conosco. E’ il signor Diego Armando.

Bruno:     (Supplichevole) E allora, per favore, non gli dite niente. Per carità! Pensate, ogni

                 volta che si gioca Napoli-Juve, per me è una sofferenza, perché quando segna il

                 Napoli, io devo fare finta di alluccare come un dannato! Ma sotto sotto, io dico

                 “Mannaggia ‘a morte”! E quando segna la Juve, io dico “Mannaggia ‘a morte”,

                 ma in realtà vorrei alluccare come un dannato! Mi capite?

Placido:   E tu digli la verità.

Bruno:     Pe’ carità! Chillo primma more d’infarto e ppo’ m’accide!

Placido:   No, caso mai, primma t’accide e ppo’ more d’infarto!

Bruno:     In ogni caso, sempe coccheduno more!

Placido:   Senti, ti va di farmi un caffè? Ne approfitto per farti capire certe cose.

Bruno:     E… va bene. Però offrite voi.

Placido:   E che ci sta da offrire? Voi state in casa vostra, il caffè è vostro!

Bruno:     Ah, già. Va bene, andiamo.

                 Escono a destra.

8. [Diego e Loretta. Poi Elvira, Irene e Marilena. Poi Placido e Bruno, William e Speranza]

                 Dalla comune entrano: Loretta (costernata) e Diego (sconvolto) che tiene un  

                 coltello da cucina in mano sporco di sangue.

Diego:      Signora Loretta, ma vuje che cacchio avite cumbinato?

Loretta:   Nun ‘o ssaccio, signor Diego!

Diego:      Ma comme? Vuje avite acciso ‘o marito vuosto!

Loretta:    (Compiaciuta) Overamente? Complimenti a me!

Diego:       Ma che complimenti e complimenti? Addò l’avite miso ‘o marito vuosto? L’ate

                  fatto a piezze e l’ate ittato?

Loretta:    Accussì me pare!

Diego:       Signò, ma vuje ata essere sicura. Ccà nun se pazzea!

Loretta:    Sì, ma vuje pecché ve site purtato ‘o curtiello mio appriesso?

Diego:       Ma che ne saccio? Io me songo ‘nzallanuto appriesso a vuje!

Loretta:    Néh, sapite che c’è di nuovo? Vuje nun me piacite cchiù. Me piace cchiù assaje

                  ‘o figlio vuosto. Addò sta? (Lo chiama) Bruno! Qua, micio micio!

Diego:       A chi state chiammanno, ‘a jatta vosta?

Loretta:    Mò ‘o trovo subito.

                  Si avvia a destra. Diego la segue.

Diego:       Oh, addò jate? Turnate ccà.

                  Ed esce pure lui. Dal centro tornano Marilena, Irene ed Elvira.

Marilena: Allora, signora Elvira, io e Irene amme pigliato ‘na decisione.

Irene:        Tutt’’e nnutizie ch’amme scuperto fin’e mò, l’amma dicere a tutt’’e quartiere.

Marilena: E allora assettammece e priparamme ‘na mappa al volo, al volo!

Elvira:      Benissimo.

                  Le tre donne si siedono al tavolo.

Marilena: Allora, io vaco a truvà a tutte ll’amiche noste d’’o Rione Traiano.

Irene:        Io invece vaco a truvà a tutte ll’amiche noste d’’o Rione Don Guanella!

Elvira:      E allora io vaco ‘o Pallunetto! Benissimo. Site pronte?

Ire&Mar: Sììììì.

Elvira:      E allora…!

                  Le tre s’interrompono e si voltano a vedere Diego che trascina con sé Loretta.  

Diego:       Signò, vuje v’ata sta’ qujeta. O si no, ‘stu curtiello v’’o faccio magnà!

Loretta:    (Intimorita) No, pe’ carità!

Diego:       E mò stateme a sentì buono!

                  Diego le parla sottovoce, mentre le tre li notano.

Irene:        Signò, ma che sta facenno ‘o marito vuosto?

Elvira:      Boh! Nun ‘o ssaccio. (Va dietro lui e gli posa una mano sulla spalla) Diego!

Diego:       (Si spaventa e grida) Aaaah!

Elvira:      Songh’io.

Diego:       (Si calma) Ah, si’ tu? Menu male!

Elvira:      (Gli nota il coltello in mano) Ma che ce faje cu’ ‘stu curtiello ‘nmana?

Loretta:    Signò, ‘o signor Diego ha acciso a mio marito!

Diego:       Io?  

Marilena: (Spaventata) Uh, mamma mia! Signò, ce vedimme ‘n’atu juorno!

Irene:        E sì, arrivederci!

                  Le due si alzano e fuggono via di casa.    

Elvira:      Diego, ma… ma comme? 

Diego:       Elvì, ma io nun aggio fatto niente.

Loretta:    E invece sì, l’ha acciso cu’ quaranta curtellate. E ‘o ssapite pe’ chi l’ha fatto?

Elvira:      No!

Loretta:    Pe’ me. Ma a me nun me piace cchiù ‘o signor Diego. Me piace Bruno!

Elvira:      Che?

Loretta:    Sì. Io ti amo! Ti amo! Dove sei? Dove sei?

                Fugge a destra.

Diego:     Aspettate, addò jate? Addò jat…!

Elvira:    Diego, ma che sta succedenno? Tu overamente he’ acciso ‘o marito d’’a signora?

Diego:     Elvì, ma chella è pazza. Dice in giro ca io so’ curnuto, rattuso e omosessuale!

Elvira:    E mò va dicenno in giro pure che tu si’ assassino!

Diego:     Appunto! E mò basta! S’ha da perdere ‘o vizio ‘e inciucià. Io me so’ sfastriato.

                Non udito dai due, dalla comune entra Augusto e va dietro Diego che seguita.

                So’ stato minacciato pure d’’o malamente. Chillo mò scopre che Bruno s’ha

                fatto arrubbà ‘a machina soja. E allora a don Augusto l’aggia sputà ‘nfaccia?

                Inzomma, me vulite fa’ compromettere afforza? 

                Augusto lo picchietta sulla spalla. Diego si volta, lo guarda e lo saluta.

                Bonasera, don Augù! (Poi ad Elvira) ‘O vide? Chillu fesso è venuto ccà!

                Dopodiché Diego sviene. Elvira allora si inginocchia per aiutarlo a rinvenire.

Elvira:    Oddio! Diego, parla, parla! (Lo scuote con forza) Oh, e vvuo’ parlà ‘nu poco?

Diego:     (Rinviene e si rialza) Oh, puozze passà ‘nu guajo, m’he’ struppiato!

Augusto: Sicché, vuje me vulite vattere a me!

Diego:     (Imbarazzato) Io? Ma chi ‘a dicesse maje ‘na scimmità ‘e chesta?

Elvira:     Diego, difenditi! Tu tiene pure ‘o curtiello!

Diego:      Uh, è ‘o vero.

Elvira:     Don Augusto, lo sapete? Mio marito ha appena ucciso un uomo.

Diego:      Guardate il sangue sul coltello. Lo vedete?

Augusto: A uocchio e croce, chillo nun è sango umano. Sarrà sango ‘e capretto o ‘e mucca!

Diego:      (Imbarazzato) Ah, ehm… ‘o vero?

Elvira:     Disgraziato, ma allora nun è ‘o vero che he’ acciso ‘o marito d’’a signora Loretta.

Diego:      E te dispiace, ‘stu fatto?

Augusto: Scusate, ma che dicevate prima? Vostro figlio s’ha fatto arrubbà ‘a machina mia?

Diego:      (Faceto) No, io stevo pazzianno! Vulite vedé? Domandate a isso!

                 Da destra torna Bruno che cerca di fuggire da Loretta (che gli tieen un braccio).

Loretta:   Amore mio, amore mio!  

Elvira:     (Richiama suo figlio) Bruno, deficiente, ma che staje cumbinanno?

Bruno:     Io? Niente, sta facenno tutto cose ‘sta pazza!

Augusto: Amico, ma pe’ caso s’hanne arrubbato ‘a machina mia?

Bruno:     Oddio, ‘o malamente! (Imbarazzato) Ehm… E io che ne saccio?

                 Diego gli fa segno di no e allora Bruno coglie la palla al balzo e dice:

                 No, no, niente, nisciuno s’ha arrubbato niente.

Loretta:  Ammore mio, ma tu te mettìsse appaura ‘e chisto? Va’, falle ‘na granda mazziata!

Bruno:     Ehm… ma che staje dicenno? Non gli date retta, signor malamente!  

Augusto: Signor malamente a me? Ma allora si’ stato tu che m’he’ dato ‘stu soprannomme?

Loretta:   Oddio! Amore mio, fuggiamo via!

Augusto: No, aspié, ma io nun te voglio vattere! Aspettateeee!

                 Loretta spinge a destra Bruno, inseguiti da Augusto che cerca di spiegarsi. E’ a

                 sua volta inseguito da Diego e Elvira. Poco dopo tornano tutti, anche Placido.

Placido:   (Nota i propri pantaloni indossati da Diego) Chillo è ‘o cazone mio! Ridatemelo.

Diego:      Nooo, io nun ne tengo cchiù!

                 Diego è rincorso da Placido ed Elvira, Bruno è rincorso da Augusto dappertutto.

FINE ATTO PRIMO

            Salone di casa Maddaluno: è domenica pomeriggio.

ATTO SECONDO

1. [Elvira, Marilena e Martina. Poi Diego e Bruno]

                  Sedute al tavolo, ci sono Elvira e Marilena (col giornale Gossip e Vip). Seduta

                  al divanetto c’è invece Martina.

Marilena: Signò, aiére aggio accattato ‘o giurnale Gossip e Vip. ‘O vi’ lloco, frisco frisco!

Elvira:      Ma nun l’avite accattato oggie?

Marilena: No, oggie è dummeneca. Signò, mò ve faccio sentì che ce sta scritto.

Elvira:      Sì, fate presto, che tra poco devono tornare mio marito e mio figlio dallo stadio.

Marilena: Sentite, ma nun sarebbe ‘o caso ‘e…? (Indica Martina)

Elvira:      Mia nipote? Se n’ha da ì?

Martina:   Signora, se è per me, leggete pure. Tanto, io già saccio tutto cose!

Marilena: Azz, signò, ‘a state ‘mparanno buono, ‘a nipotina vosta!

Elvira:      E’ tradizione ‘e famiglia! Ma mò liggìte, liggìte.

Marilena: (Legge) Dunque: “Lo scandalo dell’attricetta! Speranza se la intende con un

                  regista, col portiere del suo palazzo e col presidente della repubblica”…

Elvira:      Uh, mamma mia!

Marilena: E sentite ‘o riesto. (Legge) “Queste notizie clamorose, sono state forniteci da un 

                  testimone che ha visto tutto. Ecco la sua foto”. Guardate, signò. (Gliela mostra)

Elvira:      Uh, ma ‘stu testimone comme assumiglia a mio marito! 

Martina:   ‘O nonno? (Va a verificare) E sì, sotto ce sta proprio ‘o nomme suojo: Diego

                   Armando Maddaluno!

Marilena: Ma ‘o marito vuosto nun dice sempe che nun le piacene ‘e ‘nciucie?!

Martina:   Nonna, tu l’hai viziato, al nonno!

Elvira:      Io?

Martina:   Sì, tu. Lui ha cominciato a fare i pettegolezzi guardando te.

Marilena: Signò, ‘a criatura ave raggione!

Elvira:      M’aggio pigliato pure ‘a cazziata ‘a mia nipote!

Martina:   (Si alza in piedi) Bene, io vado in cucina a farmi uno spuntino. C’è la Nutella?

Elvira:      Sì, sta nel mobile vicino alla cucina, verso destra… no, cioè, verso sinistra.

Martina:   Ah, sta nella credenza. E spiegati bene, nonna! Arrivederci, signora Marilena.

Marilena: Ciao, bella, ciao.

                  Martina esce via a sinistra. 

                  Signò, ma comm’è ch’’o marito vuosto è asciuto ‘ncoppa ‘o giurnale.

Elvira:      Eh, boh! Tra poco torna con mio figlio dalla partita Napoli-Juve. E mi dirà tutto.

                  Dalla comune entrano Diego e Bruno: sono trasandati e feriti.

Diego:       Elvira, nuje simme turnate. Bonasera, signora Marilena!

                  Le due donne, spaventate dalle loro condizioni, si alzano in piedi e si informano.

Marilena: Oddio, e ch’è succieso?

Elvira:      Aspettate, signò, ce ll’aggia domandà io! Diego, Bruno, ma ch’è succieso?

Diego:       Ch’è succieso? (Guarda male Bruno) E’ succieso che ‘stu disgraziato-parassita

                  nun è tifoso d’’o Napule. (Gli ammolla uno scalpellotto) E’ juventino!

Bruno:      Papà, me faje male! (Poi si siede al divanetto)

Diego:       Ma io t’avessa scannà comm’a ‘nu piecoro!

Elvira:      Vabbuò, ma mò càlmete e famme sentì comme so’ gghiute ‘e ccose.

Diego:       Niente, steva quase fernenno ‘a partita, quanno bell’e buono ‘nu jucatore d’’a

                  Juve s’è menato pe’ terra ‘into all’area ‘e rigore. E ‘stu deficiente ‘e Bruno s’è

                  mmiso a alluccà: “E’ rigore, arbitro cornuto, è rigore!”… e io ce aggio ditto:

                  “Bruno, ma si’ scemo? Chillo nun è ‘nu jucatore d’’o Napule, ma è uno d’’a

                  Juve!”… e accussì isso ha risposto: “Sì, papà, ‘o ssaccio. Ma io so’ juventino”!

Elvira:      E vabbuò, l’ha cunfessato. E allora?

Diego:       E te pare ‘o mumento ‘e cunfessà ‘na cosa accussì grave? Nuje stéveme ‘nmiezo

                  agli ultrà d’’o Napule, e accomme hanne ‘ntiso che chisto è juventino, ce hanne

                  zumpato ‘ncuollo e ce hanne fatto ‘na paliata maje vista!

Elvira:      Continua a raccuntà. Ch’è succieso cchiù, po’?

Diego:       E’ curruta ‘a polizia, accussì ‘o commissario m’ha domandato: “Che succede,   

                  qua?”… E io l’aggio risposto: “Niente, commissà, mio figlio è juventino!”… e

                  isso ha fatto: “’O vero?”… e accussì amme abbuscato pure d’’a polizia!

Marilena: Uh, guardate! E ppo’, e ppo’?

Diego:       E ppo’ ce hanne purtato fora ‘o stadio, ‘int’’o settore autorità, quanno bell’e

                  buono steva ascenno ‘o presidente d’’a repubblica ch’è tifoso d’’o Napule. E

                  accussì s’avvicina a me e me dice: “Ma tu si’ chillo che va’ dicenno ‘ncoppa ‘e

                  ggiurnale ca io tengo ll’amante! E allora pù…!”… m’ha sputato ‘nfaccia!  

                  Accussì, finalmente, ‘a polizia ce ha lassate turnà ‘a casa. Ma nun è fernuta ccà!

Elvira:      Pecché, ch’è succieso ancora?

Diego:       Quanno simme arrivate abbascio ‘o palazzo, aggio ‘ncuntrato ‘o purtiere che

                  m’ha vattuto pur’isso! E finalmente simme arrivate ‘a casa! (Poi si volta verso

                  Bruno) Ma io t’aggia ciaccà!

                  Va verso Bruno per picchiarlo, ma le due donne lo trattengono e lo calmano.

Marilena: No, no, calmàteve, signor Diego! Nun facite accussì.

Diego:       Signò, ma è cosa? Io aggia tené a ‘nu figlio juventino e nun l’aggia fa’ niente?

Bruno:      Papà, he’ raggione. Io ti ho mentito per anni. E si ‘o vvuo’ sapé, io nun saccio

                  manco chi joca, ‘int’’a Juve! Come tanti tifosi juventini del sud. La verità è che

                  uno tifa per la Juve, il Milan o l’Inter perché tengono i soldi e vincono. Ognuno

                  vuole la soddisfazione di essere più forte degli altri. Ma se il Napoli torna a

                  vincere, qua a Napoli aumentano i tifosi azzurri. E pure io mi metto a tifare per il

                  nostro grande Napoli! Sei contento?

Diego:       (Arrabbiato, gli grida contro) Vattenne!

                  Va verso Bruno (che intanto scappa via a destra) per picchiarlo, ma le due

                  donne lo trattengono e lo calmano. 

Marilena: No, no, facite ‘o bravo, facite ‘o bravo!

Diego:       Signò, io nun riesco a truvà pace fino a quanno nun ‘o rompo ‘a capa! Vabbuò?

Elvira:      A proposito, che m’he’ arricurdato! (Va alla credenza) So’ duje juorne che

                  t’aggia da’ ‘na cosa e me scordo sempe. (Prende tre lettere e poi torna da loro

                  due) ‘O pustino m’ha cunsignato ‘sti tre lettere.

Diego:       E ‘e che se tratta?

Elvira:      So’ tre querele: una da parte di un regista di film, una da parte del nostro portiere

                  e una da parte del presidente della repubblica! (Gliele dà) Tié, pigliatelle!

Diego:       E tu mò te ne staje arricurdanno? Si ero a te, m’arricurdavo l’anno che vvene!

Elvira:      A prossima vota te ‘mpare a ffa’ ‘a capera ‘ncoppa ‘e ggiurnale!

Diego:       Siente chi parla!

Elvira:      Ma io vaco ‘nciucianno p’’e quartiere, tu invece te faje addirittura intervistà!

Diego:       Ma chi ha parlato ‘e ‘stu regista, d’’o purtiere e d’’o presidente d’’a repubblica?

Elvira:      E intanto, mò, me dispiace si vaje ‘ngalera. Va a fernì che tengo a ‘nu figlio

                  juventino e ‘nu marito carcerato! (Si dispera) E chi è cchiù sfurtunata ‘e me?          

                  Se ne esce a destra.

Marilena: Signor Diego, ve dongo ‘nu cunziglio: jate a cunzulà ‘a signora Elvira!

Diego:       Signò, ma io aggia truvà a chi me cunzola a me!

                  Diego, stizzito, esce via a sinistra. Marilena rimane perplessa.

Marilena: Mò saje che faccio? ‘A vaco a cunzulà io, ‘a signora Elvira! (La chiama) Signora

                  Elvira, nun ‘o data retta, ‘o marito vuosto!

                  Esce via a destra.

2. [Diego e Augusto]

                 Da sinistra torna Diego che ripone bandiere e sciarpe del Napoli, canticchiando.

Diego:      “’A bandiera tutta azzurra, ch’arrassumiglia ‘o cielo, e ‘o mare ‘e ‘sta città. /

                 Forza Napoli dinto all’uocchie ‘e ‘stu guagliune…!

                 Porta tutto via a destra. Dalla comune entra Augusto Imperatore in abito grigio

                 e cravatta rossa. Si guarda intorno, poi si siede al divanetto. Torna Diego,

                 canticchiando, al punto che viene notato da Augusto. 

                 “Napoli, Napoli, Napoli… quei ragazzi della curva B…!”… (Nota Augusto e si

                 blocca e fa considerazioni tra sé e sé) (‘O malamente? E che ce fa ccà?)… (Poi

                 va da lui) Ehm… buonasera, signor malament… no, cioè, don Augusto!

Augusto: Buonasera a voi, signor Diego. Anzi, Diego Armando, come vi piace di essere

                 chiamato. (Gli indica una sedia del tavolo) Prego, accomodatevi.

Diego:      Ma veramente, io…

Augusto: Accomodatevi!

Diego:      Mi piacerebbe, però io devo…

Augusto: (Stufo) Azzeccateve ‘ncoppa a chella seggia!

Diego:     (Si siede subito) Ecco qua. (Timoroso) E… e… come mai da queste parti?

Augusto: Vorrei parlare di una cosa che mi sta assai antipatica: l’inciucio. Ed è la

                 caratteristica peggiore della femmina più cattiva di tutte: la capera!

Diego:      Avete ragione. Pure a me mi sta antipatico l’inciucio. E come le schifo, le capere!

                 Meno male che in questa casa non lo teniamo proprio questo vizio!

Augusto: ‘O vero? Strano! Proprio da questa casa, è partito un inciucio che mi riguarda.

Diego:     ‘O vi’ lloco, è fatta ‘a frittata! (Timoroso, minimizza) Ma no, nun ve fissate. Forse

                 ha detto qualcosa la mia nipotina, Martina. Quella guarda i cartoni animati, e

                 allora si inventa le storie. Per esempio, guarda Pippo? E non per niente dice che    

                 Clarabella gli fa le corna con don Augusto Imperatore!

Augusto: Ma il mio soprannome, “’o malamente”, me l’ha messo vostra moglie. Lo negate?

Diego:      Chi? Muglierema? E comme s’è permessa? Io ‘a spezzo ‘e ccosce!

Augusto: No, e perché? (Si alza e gli va vicino)

Diego:      (Timoroso) ‘O vi’ lloco, s’è aizato!

Augusto: Vedete, io nun m’’a pozzo piglià cu’ ‘a signora Elvira…

Diego:      (Timoroso) Ma sì, pecché ce ‘a vulimme piglià cu’ chella puverella. Lassamme

                 sta’ ‘e ccose comme stanne e nun ce penzamme cchiù!

Augusto: E no, io cu’ uno me l’aggia piglià!

Diego:      (Col cuore in gola) Ma è proprio necessario?

Augusto: Sì.

Diego:      (Indica il divanetto) E nun ve putite sfugà cu’ ‘o divanetto?!

Augusto: E si invece me sfugasse cu’ vuje?

Diego:      Ma no, nun me pare proprio ‘o caso!

Augusto: E allora, mettiamo a tacere queste voci che parlano di me. (Si siede di nuovo) Ce

                 la fate oppure è difficile?

Diego:      No, no, è facile!

Augusto: Bravo. Allora mi affido a voi. (Si alza in piedi) Bene, adesso me ne vado.

Diego:      Uscite?

Augusto: Sì. Sono tre giorni che non prendo la macchina!

Diego:      (Preoccupato) Ah!

Augusto: Ora vado a prenderla in garage. Me vaco a ffa’ ‘nu giro a Margellina!

Diego:      Ma nun fosse meglio si cammenate ‘nu poco a pede?

Augusto: No, preferisco la mia macchina. Volete venire pure voi con me?

Diego:      Io? Ehm… no, no, vi ringrazio. Oggi non tengo genio di uscire!

Augusto: Va bene. Allora, scusate il disturbo. Ora io scappo. Non vedo l’ora di entrare

                 nella mia bellissima macchina nuova! Arrivederci.

                 Ed esce via di casa. Diego, si alza in piedi e fa delle considerazioni.

Diego:      Azz, era pure nova, ‘a machina d’’o malamente! Ha ditto che mò ‘a va a piglià. E 

                 allora, speramme che Bruno riesce a turnà ‘a casa. Già m’accuntento si riéscene a

                 turnà sulo ‘e capille! Oppure sulo ‘na recchia! (Si avvia a destra e canticchia) “E’

                 ‘na casa chistu stadio / parimme ‘na famiglia / sultanto dinto ccà!”…

                 Esce a destra.

3. [Diego e William. Poi Speranza. Poi Loretta]

                 Dalla comune entra William. Va a sedersi al divanetto. Scuote di continuo il

                 capo. Intanto da destra torna Diego, al solito canticchiando.

Diego:      “Napoli, Napoli, Napoli… quei ragazzi della curva B…”!... (Nota William) Mò

                 ce sta chist’ato? (Gli va vicino e lo nota mentre scuote il capo) Signor William!

                 William si volta verso lui, scuotendo il capo, e comincia a scuoterlo pure Diego. 

                 Poi Diego si ferma e placa anche William.

                 E stàteve fermo cu’ ‘sta capa!

William:  Scusatemi, signor Marco.

Diego:      No, Marco è Van Basten. Io so’ Diego Armando, comm’e Maradona!

William:  Non ci fate caso, io sono milanista!

Diego:      (Si arrabbia) Nun dicite maje cchiù ‘na cosa ‘e cheste ‘int’’a casa mia! Capito?

William:  Va bene, va bene.

Diego:      (Si siede al tavolo) E mò facìteme sentì pecché state ccà.

William:  Signor Diego, che uomo triste che sono! Certe volte spero proprio di morire.

Diego:      Dicite buono!

William:  Ma come, mi augurate… ‘e ittà ‘o sango?

Diego:      No, murite senza sango, asciutto!

William:  E invece no. Nun voglio murì cchiù!

Diego:      Facite comme vulite vuje!

William:   Sapete qual è il mio problema? Io e Speranza litighiamo spesso. Però ci amiamo.

                  Sì, io e lei ci amiamo a vicenda.

Diego:       Ma pecché, nun state ‘e casa cchiù a Napule?

William:   Sì, abitiamo a fianco a casa vostra.

Diego:       Aggio capito: abitate qua a Napoli, però vi amate a Vicenza!

William:   Qualu Vicenza? Noi ci amiamo a Napoli.

Diego:       E a Vicenza, allora, che ce facite?

William:   Ma niente. Io voglio dire che noi due ci amiamo all’unisono.

Diego:       (Perplesso) All’…?

William:   Unisono.

Diego:       E’ provincia ‘e Vicenza?!

William:   Ancora? Va bene, mi rendo conto che voi non potete capire. Io e Speranza siamo

                  vittime di persecuzioni. Tutti che sparlano della nostra vita privata. Ma pure voi!

Diego:       Io? Ma a me nun me passa manco p’’a capa!

William:   E allora è vostra moglie che sparla di noi.

Diego:       E pigliatavella cu’ essa. Azz, ccà tutte quante s’’a pigliene cu’ me, che so’

                  ll’unico che se fa overamente ‘e fatte suoje!

William:   Vi credo. Anzi, non aggiungo altro. Ora però perché non mi offrite da bere?

Diego:       Vulite ‘o ccafé?

William:   No, voglio qualcosa di alcolico. Di forte. Di esagerato. Di alta gradazione.

Diego:       Tengo il liquore. Sta nella cucina. (Si alza in piedi) Mò v’’o vvaco a piglià.   

William:   (S’alza in piedi) Vi seguo. Per favore, non mi lasciate solo. (Gli prende la mano)

Diego:       (Perplesso) E vabbuò. Venite cu’ me.

                  I due escono a destra. Dalla comune entra Speranza. Si siede al tavolo.

Speranza: Dio, come sono triste! Continuo ad entrare in questa casa, ma non so perché. Il

                  signor Diego deve parlare assolutamente con William, se no impazzisco.

                  Da destra torna e si ferma sulla soglia Diego che parla a William in cucina.

Diego:       Ecco, bravo, ‘mbriacateve, però nun scassate niente! (Si volta e nota Speranza) E

                  mò ce sta pure chest’ata? Ma che vvonno ‘sti duje ‘a me? (Le si avvicina)

                  Signorina Speranza!

Speranza: Oh, carissimo signor Diego. Come state?

Diego:       Incasinato! E voi?

Speranza: Sono triste, tanto triste!

Diego:       Ancora?

Speranza: Signor Diego, io e William siamo vittime delle malelingue. Non possiamo più

                  uscire di casa che subito ci additano. Anche il nostro rapporto si è deteriorato.

                  Ma la verità è una sola: io e lui ci amiamo. Sì, io e lui ci amiamo ad intesa.

Diego:       E no, nun dicite bucìe. Io saccio che vuje v’amate a Vicenza!

Speranza: A Vicenza? Ma se io e lui abitiamo a fianco a voi.

Diego:       Sì, però ogni tanto ve ne jate a Vicenza!

Speranza: Davvero? Ma cosa mi nasconde William? Un’altra amante? L’avete detto voi.

Diego:       Io nun aggio parlato proprio!

Speranza: Ma no, signor Diego. Io e William ci amiamo a menadito.

Diego:       ‘O Meneito? ‘O ballo?

Speranza: (Gli s’inginocchia davanti e s’aggrappa ai pantaloni) Signor Diego, vi prego…

Diego:       Uhé, lasciateme ‘o cazone!

Speranza: Parlate con lui e cercate di scoprire la verità.

Diego:       (Si tiene i pantaloni) Sì, ma lassàteme ‘o cazone! Se ne scenne!

                  Intanto alla comune si presenta e nota tutta la scena Loretta. Pare interessata.

Speranza: Parlate con lui e ditegli che io sono disposta a suicidarmi qui in casa vostra!

Diego:       (Disperato) In casa mia? Ma chi me l’ha astipata, ‘sta jurnata, a me?!

Speranza: E allora, mi promettete che glielo direte?

Diego:       Sì, v’’o pprumetto, però v’avita aizà!

Loretta:    (Accorre ed addita i due) Aaah, vi ho scoperti!

                  Diego e Speranza si spaventano. Lei si rialza in piedi. Loretta continua.

                  Lei stava cercando di abbassare i pantaloni al signor Diego!

Speranza: Io? Ma voi siete pazza?

Diego:       Sì, assecondatela!

Loretta:    Chi? Io so’ pazza?

Diego:       Ehm… no, chi l’ha ditto?

Loretta:    Vuje!

Diego:       Ma io l’aggio ditto accussì, pe’ ddicere ‘na cosa!

Speranza: Ma allora non è pazza?

Diego:       Sì, è pazza!

Loretta:    Io so’ pazza?

Diego:       No, nun site pazza!

Speranza: Ma è pazza o nun è pazza?

Diego:       (Stufo) Bastaaaa! Nun ce sto’ capenno niente cchiù!

Loretta:    Embé, aggia ì in giro pe’ tutto ‘o quartiere a dicere ch’’o signor Diego nun è

                  cchiù curnuto. Ma è rattuso! (Si avvia alla comune)

Diego:       Addò jate?! Turnate mommò ccà!

Speranza: Ma lasciatela perdere.

Diego:       No, no, signorina Speranza, nuje l’amma fermà.

Speranza: E perché?

Diego:       E chella va dicenno in giro ca io so’ rattuso!

Speranza: E che me ne importa, a me?

Diego:       A me però me ne ‘mporta!

                  Loretta, uscendo di casa, grida qualcosa ai quattro venti.

Loretta:    Gente, gente, ‘o signor Diego Armando Maddaluno è ‘nu grandu rattuso!

Diego:       Uhé, turnate ccà mommò!

                  Diego la insegue fuori casa. Speranza, rimasta da sola, non sa cosa fare.

Speranza: Ma che ha fatto il signor Diego? Se n’è andato? E proprio adesso? E io come

                  faccio con William?

                  Da destra torna proprio William, con una bottiglia di liquore, ubriaco.

William:   Mamma mia… hic… e comm’è buono ‘stu liquore! E’ sulo ‘nu poco pesante!

Speranza: (Lo nota e gli va vicino) William, ma… che stai facendo?

William:   Me so’ ‘mbriacato ‘e te!

Speranza: No, tu te si’ ‘mbriacato sulamente!

William:   Speranza, vieni con me nella stanza da lietto del signor Diego. Lì c’è il paradiso!

Speranza: (Stupita) Veramente? E ch’è succieso?

William:   Nun ‘o ssaccio! Sto scoppiando dal desiderio.

Speranza: Embé, e nun ce ne putimm’ì ‘a casa nosta?

William:   No, nun ce ‘a faccio. Sto’ troppo ‘mbriaco! (Le prende la mano) Viene cu’ me!

Speranza: E vabbuò. In mancanza ‘e meglio, accuntentammece d’’a stanza ‘e lietto d’’o

               signor Diego! (Gli prende la bottiglia di mano) Fammi bere pure a me!

               I due escono mano nella mano a destra. 

4. [Placido, poi Diego e Bruno]

               Dalla comune entra Placido (col suo mini-registratore in mano).

Placido: Questa poi! La signora Loretta Di Sonno sta gridando per tutta la strada: “Gente,

               gente, ‘o signor Diego è ‘nu rattuso”! Ma perché, poi? (Va alla comune e guarda

               fuori) Uh, il signor Diego sta tornando. Fammi nascondere, così ascolto cosa dice!

               Si nasconde a sinistra, dietro la porta. Dalla comune entra Diego, seccato.

Diego:    Niente, nun so’ stato capace ‘e fermà ‘a signora Loretta. Stongo addiventanno ‘o 

               zimbello ‘e tutto ‘o quartiere! (Si siede al divanetto, imbronciato) Che situazione!

               Da destra torna Bruno. Osserva suo padre e gli si avvicina.

Bruno:   Papà, ti posso parlare un momento?

Diego:    No!

Bruno:   (Gli siede a fianco) Ma almeno famme spiegà comme stanne overamente ‘e ccose.

Diego:    (Offeso) No! Nun voglio sapé niente.

Bruno:   (Canta un coro da stadio) “Ricordo quand’ero bambino…”!

Diego:    E’ inutile che te miette a cantà. Cu’ me nun attacca! E mò famm’ì a vedé ‘a

               televisione. Tra poco accummencia Novantesimo minuto. Aggia vedé la magica

               vittoria del Napoli contro la tua Juve!

Placido: (Da dietro la porta di sinistra) Etciù!

Diego:    Salute, Bruno!

Bruno:   No, papà, nun so’ stato io.

Placido: (Accorre da lui) Signor Diego, sono stato io!

Diego:    Vuje?

Placido: Io vi devo parlare un minuto.

Bruno:   Che vvo’, chisto? Aggia parlà primm’io cu’ te!

Placido: Ma a me è una situazione urgente.

Bruno:   E a me è cchiù importante.

Diego:    (Si stufa e richiama i due) Oooh! E mò basta. Mò ce sta Novantesimo minuto, po’

               ce sta Domenica Sprint e ‘a Domenica Sportiva! Perciò, aria!

Placido: No, signor Diego, io devo parlarvi subito.

Bruno:   E pur’io.

Placido: Sentite, signor Diego, non può allontanarsi pure un momento vostro figlio?

Diego:    Qualu figlio? (Lo osserva e lo tratta freddamente) Ah, chistu ccà? No, po’ rimané.

Bruno:   E grazie tante!

Diego:    Aggie pacienza, Bruno, mò me sbarazzo ‘nu mumento d’’o signor Placido e ppo’

               aroppo parlo cu’ te!

Bruno:   Però fa’ ambresso.

Diego:    Avanti, parlate, signor Placido.

Placido: Dunque, in questi giorni ho ricevuto montagne di telefonate e lettere di protesta

               per la vostra intervista. Ma soprattutto, ho ricevuto una querela da un regista, dal 

               guardaporte e dal presidente della repubblica. Ma ch’’ate cumbinato?

Diego:    Pur’io aggio acchiappato ‘e stesse querele voste! Scusate, ma ch’avite scritto?

Placido: Chello ch’ate ditto vuje: Speranza se la intende col regista del suo ultimo film, col

               portiere di questo palazzo e col presidente della repubblica.

Diego:    Io v’aggio ditto ‘sti ccose?

Bruno:   (Accorre subito) Ah, ma allora è vero! Papà, che hai combinato?

Diego:    Néh, ma io stesse su Scherzi a parte?

Bruno:   No, papà, tu l’he’ ditto overamente, tutte ‘sti ccose.

Diego:    Tu stattu zitto! E a vuje, signor Placido, ma chi ha parlato ‘e ‘sta Speranza, ‘e ‘stu

               regista, ‘e ‘stu guardaporte e d’’o presidente d’’a repubblica? 

Placido: Scusate, ma allora ‘e chi stiveve parlanno?

Diego:    D’’o Napule.

Bruno:   E che c’entra il Napoli col regista, il portiere e il presidente?

Diego:    ‘O regista d’’o Napule, ‘o purtiere d’’o Napule e ‘o presidente d’’o Napule.

                Stanne appriesso a ‘n’attrice a luci rosse! Sta scritto ‘ncoppa ‘o giurnale sportivo!

Bruno:   (A Placido) Ate visto? Ate pubblicato ‘na nutizia pe’ ‘n’ata!

Placido: E adesso dovrò smentire tutto. Ma dico io, signor Diego, io pensavo che voi

                volevate darmi notizie su Speranza e William. Più su Speranza che su William.

Diego:    E vuje che vvulite ‘a me?

Placido: Mi dovete aiutare a scrivere la smentita.  

Bruno:   Ma mò ce sta Novantesimo minuto. E’ ‘o vero, papà?

Diego:    Tu che c’azzicche?! 

Bruno:   Papà, pe’ favore, nun sta’ arraggiato cu’ me, che già stongo chino ‘e guaje.

Diego:    Tu? E io no? Tengo tre querele!

Placido: (Viene avanti e si avvicina ai due) Tre? Forse vi arriva pure la quarta: la mia!

Diego:    Pure vuje, mò?

Placido: E vuje m’ate fatto scrivere ‘e nnutizie sbagliate. E sul vostro conto non c’è niente?

Diego:    Ma pecché, ch’aggio fatto?

Placido: Le voci che si stanno spargendo per tutto il quartiere parlano chiaro. Voi ci avete

               provato con l’attricetta, Speranza. Parola della signora Loretta!

Diego:    ‘A signora Loretta? (E comincia a ridere)

Bruno:   (Comincia a ridere pure lui) Papà, chisto nun ha capito niente! Sta a sentì a chella

                pazza d’’a signora Loretta!

Placido: Pazza?

Diego:    Ah, nun ‘o ssapite? Va dicenno in giro ca io so’ curnuto, omosessuale e assassino!

Bruno:   Papà, t’he’ scurdato “rattuso”!

Diego:    Ce stevo arrivanno!

Placido: E dunque non è vero che ci avete provato con Speranza?

Diego:    Ma pe’ piacere. Anzi, appena vedo William, glielo dico pure a lui.

Placido: Non vi fidate troppo di William.

Diego:    E pecché?

Placido: Quello è un volta gabbana.

Diego:    (A Bruno) He’ capito? E’ ‘nu dolce gabbana!

Placido: Eh, ‘nu Rocco Barocco! Ma io ho detto che è un volta gabbana, cioè un traditore.

               Ma quello, in realtà, non è nemmeno un vero attore. Sapete che mestiere faceva un

               tempo? Era un saltimbanco.

Bruno:   Comme?

Diego:    ‘Na vota era ‘nu saltimbocca!

Bruno:   ‘Nu “saltimbocca”?

Placido: Sì, cu’ ‘o prusutto ‘nmiezo! Ho detto saltimbanco, cioè un clown, un pagliaccio!

Diego:    Sentite, ma che me ne ‘mporta  me?

Placido:    Niente. Ora lasciatemi andare. Tra poco devo partire per Milano.

Diego:       E ce vo’ tiempo?

Placido:    P’arrivà?

Diego:       No, pe’ partì!

Placido:    Prima possibile. Cari miei,  the show must go on.

Bruno:      Cioè?

Diego:       (Traduce) ‘O masto và cu’ ‘o nonno!

Bruno:      E che vva a ffa’?

Diego:       Che ne saccio? Addimannancello a isso!

Bruno:      Scusate, signor Placido, ma ‘o masto che vva a ffa’ cu’ ‘o nonno?

Placido:    No, ‘o masto nun ce sta.

Diego:       Ah, ce sta sulo ‘o nonno!

Placido:    Esatto, ce sta sulo ‘o non…! No, nun ce sta manco ‘o nonno! 

Bruno:      Ma se po’ ssape’ chi ce sta? ‘O masto oppure ‘o nonno?

Placido:    Ma di che state parlando? Io ho detto “The show must go on” che vuol dire “Lo

                  show deve andare avanti”. Va bene, basta così. Io vado via. Arrivederci.

                  Esce via di casa. I due tirano un sospiro di sollievo.

I due:        Oh, finalmente!

Bruno:      E mò, papà, t’aggia dicere ‘na cosa.

Diego:       Che m’he’ ‘a dicere?

Bruno:      (Canta) “Maradona è meglio ‘e Pelé…”!

Diego:       No, Bruno, t’aggio ditto che cu’ me nun attacca!

                  Diego esce via a sinistra. Bruno pare dispiaciuto.

Bruno:      Aggia fa’ assolutamente coccosa. Io e papà amma fa’ pace!

                  Bruno esce di casa frettolosamente.

5. [William e Speranza. Poi Bruno. Poi Irene, Diego e Augusto]

                  Dalla destra entrano William (un po’ brillo) e Speranza. Stanno litigando.

William:   Insomma basta! Anche se adesso abbiamo fatto l’amore insieme, io non ne posso

                   più di te. Hai capito?

Speranza: E allora cosa pensi di fare?

William:   Ti voglio sposare. Vuoi?

Speranza: Cosa?

William:   Ho capito, vuoi pensarci un po’. Ma tanto, mi dirai di sì. Ci vediamo dopo, baby!

                  Le lancia un bacio ed esce di casa, camminando male, ancora brillo.

Speranza: (Si siede al tavolo, sconvolta) William me vo’ spusa? A me?

                  Dalla comune entra Irene che va direttamente da lei.

Irene:        Veramente? Nonostante tutt’’e ‘nciucie ch’amme fatte io, ‘a signora Marilena e

                  ‘a signora Elvira, nun simme riuscite a ve fa’ lassà cu’ ‘o ‘nnammurato vuosto.

Speranza: E che cosa ne dite di tutte le frottole che ho raccontato ai giornali scandalistici?

Irene:        E vuje che ne dicite ‘e tutt’’e fessarie ch’aggio cuntato io ‘int’’o quartiere?

Speranza: Mi sa che mi toccherà dirgli la verità. Io non intendo proprio sposarlo.

Irene:        E che ve l’ate pigliato a ffa’? 

Speranza: Signora, le attricette come me cercano pezzi grossi per fare carriera. Solo dopo,

                  forse, decidiamo di sposarci. Ma forse! Io poi ho messo gli occhi su un altro.

Irene:        ‘N’atu attore?

Speranza: No.

Irene:        ‘Nu regista?

Speranza: No.

Irene:       ‘Nu stilista?

Speranza: Non è uno dello spettacolo. Ce l’ho come vicino di casa. Abita qua dentro.

Irene:        ‘O signor Diego?

Speranza: Ma vi pare? Si tratta di suo figlio Bruno.

Irene:        (Sconvolta) Che?

Speranza: E già. E’ sempre tanto gentile con me. Uno dei pochi uomini che non mi ha mai

                  detto: “Uahm, comme sì bona!”.

Irene:        Forse non vi guarda proprio?

Speranza: Esattamente. Lo fa per rispetto mio e di William.

Irene:        Scusate, ma vuje ate ditto mommò che gghiate truvanno a ‘nu piezzo gruosso pé

                  ffa’ carriera ‘int’’o cinema.

Speranza: Signora mia, ma quale cinema? Io facevo tanto bene l’agente immobiliare. Non

                  capisco perché mi sono fissata col cinema!

Irene:        Signurì, facite accussì: turnatavenne ‘a casa vosta. Mettiteve in desabillé e ascite

                  fora ‘o barcone. Mò ve cumbino tutto cose io!

Speranza: Ma io, veramente…

Irene:        E no, nun m’avita contrastà. Turnatavenne ‘a casa vosta. Stateme a sentì a me.

Speranza: E se poi lui non esce sul balcone a guardarmi?

Irene:        ‘O piglio p’’e capille!

Speranza: D’accordo. Proviamoci! Allora, grazie, grazie!

                   Speranza esce velocemente di casa. Irene non si capacita di ciò che ha sentito.

Irene:        Cheste so’ ccose che nun se ponno crerere! ‘Na sventola comm’a chesta, le piace

                   a ‘nu garagista che pé giunta è stato pure licenziato! E ch’aggia dicere? Boh! (Si

                   guarda intorno, tira fuori il suo cellulare e chiama) Pronto! Uhé, Marilé!

                   T’aggia dicere ‘na nuvità che riguarda l’attricetta: se vo’ lassà cu’ William

                   pecché le piace a Bruno, ‘o figlio d’’o signor Diego. Ma tu addò staje? ‘Int’’a

                   cucina d’’a signora Elvira? OK, mò ve raggiungo subito. (Spegne il telefonino)

                   Jamme a ‘nciucià ‘nu poco, jamme!

                   Dalla comune torna Bruno con una bandiera del Napoli. 

Bruno:       Ecco qua, mò attacco ‘sta bandiera dint’’a stanza ‘e papà!

Irene:         Uhé, Bruno, ma tu staje ccà?

Bruno:       Signora Irene, bonasera.

Irene:         Siente, ma mò tiene che ffa’?

Bruno:       Sì, assaje.

Irene:         E… nun ‘o tiene ‘nu binocolo?

Bruno:       E a che ve serve?

Irene:         No, nun me serve a me. Te serve a te.

Bruno:       A me? E ch’aggia guardà?

Irene:         Mah! Nun se po’ maje sapé! Coccosa sempe se trova, fora ‘o barcone!

Bruno:       Aggia ascì pure fora ‘o barcone?

Irene:         Tu staje facenno troppi ddomande. Muòvete a gghì a piglià ‘o binocolo! Forza!

Bruno:       (Interdetto, posa la bandiera sul divanetto) E vabbuò. (Poi va alla credenza e

                    prende un binocolo) Chisto è ‘o binocolo.

Irene:         E mò viene cu’ me.

Bruno:    Jamme bello!

                I due escono a sinistra. Intanto, dalla comune entra Augusto.

Augusto: E’ ‘nu poco ‘e tiempo che nun veco cchiù a Bruno, ‘o figlio d’’o signor Diego.

                Ma se ne fosse fujuto? Io ce aggia parlà d’’a machina mia che s’hanne arrubbate.

                Da destra torna Diego canticchiando.

Diego:     “Abballa ‘o tango annanzo ‘e ccosce ‘e Maradona…”!

Augusto: Oh, ma qua ci sta il signor Diego!

Diego:     Don Augusto! Vuje state ccà?

Augusto: E vi stupite? Io e voi teniamo parecchie cose in sospeso.

Diego:     Per esempio?

Augusto: Ma come, l’avete dimenticato? Gli inciuci sul mio conto.

Diego:     Sentite, don Augù, io nun ce pozzo fa’ niente. Pigliatavella cu’ muglierema.

Augusto: Aspettate, e me facite fernì ‘e parlà? Gli inciuci sul mio conto sono finiti.

Diego:     So’ fernute?

Augusto: Esattamente.

Diego:     E comm’è?

Augusto: E che v’aggia dicere? Si vede che avete saputo parlare con la gente.

Diego:     Ma io non ho fatto ancora niente per farli terminare.

Augusto: Nun facite ‘o modesto!

Diego:     Ma chi sta facenno ‘o modesto? Io sto’ dicenno ‘a verità.

Augusto: Aggio ditto nun facite ‘o modesto, o si no m’arraggio.

Diego:     No, no, vabbuò. E’ comme dicite vuje. Ma mò, arrivederci.

Augusto: Aspettate, e nun vulite sentì ‘o riesto?

Diego:     E cioè?

Augusto: ‘O fatto d’’a machina mia.

Diego:     Don Augù, v’’a pavo io. Nun ve prioccupate.

Augusto: Vuje nun ata pavà niente.

Diego:     E pecché?

Augusto: Grazie alle mie conoscenze, ho trovato la mia macchina e chi me l’ha rubata. Al

                 ladruncolo gli ho detto di non farlo mai più, o si no rimane muorto ‘nterra, mentre

                 la mia macchina è sana e salva.

Diego:      Azz, ma chesta è ‘na bella nutizia. Allora mio figlio l’ha da sapé.

Augusto: Sì, ma vorrei essere io a dargliela, insieme ad un’altra bella notizia.

Diego:     Ce vulite regalà ‘na machina pure a isso?

Augusto: No, si tratta di una bella notizia lavorativa.

Diego:     Pure? E ch’è succieso, bell’e buono?

Augusto: Cose che capitano.

Diego:     Don Augù, pozzo avé ll’onore che ve pigliate ‘o ccafé ‘int’’a cucina mia?

Augusto: E certamente. Pozzo mai rifiutà ‘o ccafé?

Diego:     No, no. Don Augù, aggia dicere ‘a verità? A vuje ve chiammene “’o malamente”,

                ma vuje nun site tantu malamente comme se dice!

Augusto: Io so’ malamente cu’ chi l’aggia essere.

Diego:     Venite, venite, per di qua.

                I due si avviano a destra. Diego però nota la bandiera sul divanetto e la prende.

                ‘Na bandiera d’’o Napule? E chi l’avrà purtata?

Augusto: Forse vostro figlio.

Diego:     Bruno? No, nun po’ essere. Mio figlio è juv…! No, niente, niente. Mò sapite che

                  faccio? Metto a ffa’ ‘o ccafé a vuje e ppo’ vaco a attaccà ‘sta bandiera ‘ncoppa ‘a

                  ferriata d’’o barcone mio!

                  I due si avviano a destra.    

Scena Ultima. [Tutti tranne Placico. Infine Martina]

                   Dalla comune entrano Loretta e William.

Loretta:    Vuje avite capito chello ch’aggio ditto?

William:   Ma si vuje nun avite ancora parlato!

Loretta:    Ah, già. Sulo che mò nun m’arricordo che v’aggia dicere.

William:   Ma comme!

Loretta:    Strano, a me me pare che già v’aggio cuntato tutto ‘o fatto.

William:   No, nun m’avite cuntato ancora niente. E forza, che stongo ‘ncoppa ‘e spine.

Loretta:    Dunque, signor William, ‘a ‘nnammurata vosta sta fora ‘o barcone vuosto.

William:   E vuje chesto m’’iveva dicere?

Loretta:    Ma chella sta completamente nuda! Tene sulo ‘o due pezzi ‘e biancheria intima.

William:   E allora nun sta completamente annùda!

Loretta:    No, però ce sta qualcuno ch’’a sta spianno cu’ ‘o binocolo!

William:   ‘O vero? E chi è?

Loretta:    E secondo voi percché v’aggio purtato ccà ddinto? Se tratta ‘e Bruno. E secondo

                   me, ce sta pure ‘o signor Diego.

William:   Che? Uh, mannaggia ‘a morte! Addò sta ‘o barcone? Addò sta ‘o barcone?

Loretta:    (Confusa, va di qua e di là) E addò sta? Addò sta?

William:   Ma vuje nun ‘o ssapite?

Loretta:    No, io nun ‘o ssaccio. (Indica a sinistra) Facimme ‘na cosa: jamme allà.

William:   Ma sì, jamme a ‘na parte. Basta che ce muvimme!

                  Escono a sinistra. Da destra invece ecco Marilena ed Elvira.

Marilena: Ate capito, signora Elvì? L’attricetta vo’ fa carte cu’ ‘o figlio vuosto.

Elvira:      Signò, nun sia maje. Io nun ‘a voglio a chella ‘int’’a casa mia.

Marilena: Dicite buono. Nun è proprio adatta p’’o figlio nuosto!

Elvira:      No, Bruno è figlio a me.

Marilena: Ah, già.

Elvira:      Un momento, ma allora ecco perché si spogliava nuda sul terrazzo. Era per farsi

                  notare da Bruno.

Marilena: E ecco pecché se veneva a appiccecà cu’ William dint’’a casa mia!

Elvira:      Signora Marilena, chesta è casa mia.

Marilena: Ah, già.

Elvira:      Ma ‘a signora Irene nun è venuta cchiù?

Marilena: Eh, beh! Prima mi ha chiamato per dirmi che stava venendo nella mia cucina.

Elvira:      Signò, ‘a cucina è ‘a mia.

Marilena: Ah, già.

Elvira:      E a proposito di cucina, mio marito sta facendo il caffè a don Augusto ‘o

                  malamente. (Si siede al tavolo) Io nun ce sto’ capenno cchiù niente.

Marilena: (Si siede anche lei al tavolo) E manch’io.

                  Ma le due notano uscire da sinistra William e Loretta. Il primo richiama l’altra.  

William:   Signò, ma che m’avite purtato a ffa’ fora ‘o barcone?

Loretta:    Ma pecché, lloco nun ce stanne ‘o signor Diego e Bruno?

William:   Ma pecché, ll’avite viste?

Loretta:    No.

William:   E allora?

Elvira:      (Va da loro) Scusate, ma che ste facenno tutt’e dduje?

Loretta:    Signora Elvira, e vuje che ce state facenno ccà?

Elvira:      Uh, Giesù, chesta è casa mia! Chiuttosto, vuje che ce state facenno ccà?

Loretta:    Parlate vuje, signor William!

                  Ma mentre William apre bocca per parlare, il discorso lo continua lei.

                  Praticamente, signora Elvira, ‘o marito vuosto e vostro figlio Bruno stanne

                  guardanno a Speranza seminuda ‘ncoppa ‘o balcone!

Elvira:      E comm’’a stanne guardanno?

Loretta:    Cu’ ‘o binocolo!

Elvira:      Cu’ ‘o binocolo? No, dico, comm’’a stanne guardanno? Chille se stanne vedenno

                  Novantesimo minuto!

William:   Signò, ma…

Loretta:    (Lo interrompe e continua lei) Signò, ma qualu Novanetisimo minuto?

William:   Néh, ma nun aggia parlà io?

Loretta:    Parlate, parlate!

William:   Signò, ma qualu Novantesimo minuto? ‘O signor Diego e Bruno stanne

                  guardanno ‘a ‘nnammurata mia seminuda ‘ncoppa ‘o barcone!

Loretta:    E chesto già ll’aggio ditto io!

William:   Sì, già. E allora, nun se fanne ‘sti ccose. ‘A fidanzata mia è ‘na guagliona onesta.

Elvira:      Onesta? Seminuda fora a ‘nu barcone?

William:   Ma pecché, ‘na perzona è priva ‘e ascì fora ‘o barcone comme le pare e piace?

Elvira:      No. E comunque, si ‘a fidanzata vosta è ‘na guagliona onesta, ‘o marito mio e

                  mio figlio so’ perzone serie! Nun ‘e gguardene ‘e ffemmene annùde fora ‘e

                  barcune! E’ ‘o vero, signora Marilena?

Marilena: Ce putite mettere ‘e mmane ‘ncoppa ‘o fuoco!

                  Da sinistra entrano e si fermano, appena entrati, Bruno (col binocolo) e Irene.

                  Gli altri li notano ma non sono notati dai due.

Bruno:      Ua’, comme cacchio è bona Speranza!

Irene:        Aggia dicere ‘a verità? Io so’ femmena, però me piace pure a me!

Bruno:      ‘A vulìmme ì a vedé ‘n’ata vota?

Irene:        No, e chella se n’è gghiuta. Bruno, fidanzati cu’ essa!

Bruno:      Ma chella sta cu’ William Altobordo! Comm’’o schifo, a chillo!

Irene:        Nun te prioccupà. Aggio parlato cu’ essa diece minute fa. Ha ditto ch’’o vo’

                  lassà, a chillu bacchettone! E ppò m’ha ditto che s’è ‘nnammurato ‘e te!

Bruno:      Overamente? Ua’, allora è fattaaaa!

William:   (Interviene subito avvicinandosi ai due) Uhé, ma che sta succedenno ccà?

Irene:       Oddio, simme state scoperte!

Bruno:      Ma ddò steva astipato, chisto?

William:  Stevo vicino ‘a signora Elvira e aggio ‘ntiso tutto cose. (Poi si volta verso Elvira)

                 Avite visto, signora Elvira?

Elvira:     (Accorre pure lei e si arrabbia coi due) Bruno, signora Irene, ma che state

                 cumbinanno? Ve mettite a spià a chella prostituta cu’ ‘o binocolo?

William:  Prostituta?

Elvira:     Si fa per dire. Chella è fidanzata cu’ vuje, però s’è ‘nnammurata ‘e mio figlio!

Irene:        E già. Ha ditto che nun te vo’ spusà cchiù! Picciò, è inutile che te sbatte!

William:   Questo lo vedremo.Resta sempre il fatto che Bruno stava spiando  PSeranza col

                  binocolo. E pure il signor Diego.

Elvira:      Mio marito no. Quello si sta pigliando il caffè in grazia di Dio con don Augusto.

                  Da destra tornano Diego (con un cannocchiale) ed Augusto. Si fermano fuori

                  porta, appena entrati.

Diego:       Ua’, don Augù, ate visto? D’’a cucina mia, ‘o terrazzo ‘e Speranza se vede ‘na

                  bellezza. E ‘stu cannocchiale è ‘a fine d’’o munno.

Augusto:   Dicite buono, signor Diego!

William:   Che cosa? Ate visto, signora Elvira? 

Elvira:      (Va da Augusto e Diego) Né, uhé!

Diego:       Elvì, ma che cacchio he’ passato? Non saluti a don Augusto?

Elvira:      Sì, sì, buongiorno. E a te, Diego, ma che staje facenno cu’ ‘stu cannocchiale?

Diego:       Niente, stamme guardanno ‘e stelle!

Elvira:      (Con atteggiamento di sfida) In pieno giorno?

Augusto:   Cara signora, le stelle di giorno sono più lucenti!

Diego:       He’ ‘ntiso?

Elvira:      Ah, sì? (Gli leva il cannocchiale di mano e glielo da in testa)

Diego:       (Dolorante) Ah!

Augusto:   Ch’è stato?

Diego:       Stongo vedenno ‘e stelle!  

William:   (Disperato) Speranza, perché mi hai fatto questo?

                  Dalla comune entra proprio Speranza.

Speranza: E’ permesso?

William:   Ah, tu staje ccà?

                  Corre a prenderla per un braccio e se la porta sul lato destro, richiamandola.

                  Gli altri tendono tutti l’orecchio verso i due.

                  Mò m’he’ ‘a dicere tutta ‘a verità. Che d’è ‘sta storia che tu nun me vuo’ spusà?

Speranza: Io?

William:   Sì, tu. Proprio tu. He’ ditto che me vuo’ lassà pe’ te mettere cu’ ‘o figlio d’’o

                  signor Diego. Comme se chiamma? Ah, Bruno.

Speranza: Oddio! E tu comme l’he’ saputo? 

William:   Me l’ha ditto chella capera d’’a signora Irene!

Speranza: E tu staje a sentì ‘a signora Irene, ‘a signora Marilena e ‘a signora Elvira? Chelle

                  so’ tre ‘nciucesse!

William:   E intanto, mò, Placido Tremendo scrive tutto cose ‘ncoppa a ‘o giurnale suojo!

Speranza: E me lo chiami giornale? Chella è carta straccia!

William:   E che me dice ‘e don Augusto Imperatore? Il tuo spasimante!

Speranza: Pe’ carità!

William:   E d’’o signor Diego?

Speranza: P’ammore ‘e Dio!

William:   E ‘e Bruno?

Speranza: Sì, me piace assaje! Però s’ha da ‘mparà a essere ommo! Sta ancora ‘e casa cu’

                  ‘a mamma e cu’ ‘o pato!

                  Poi i due si voltano verso gli altri che fanno finta di niente. Quindi, William e

                  Speranza cospirano qualcosa.

                  He’ visto, William? Ce so’ cascate tutte quante!

William:   E già. Si’ stata brava! Ma come potevano pensare che ti piaceva davvero Bruno?

Speranza: E ppo’ dicene ca io nun saccio recità!

William:   Mò saje che ffacimme? Ce lasciamme credere a tutte quante ca io e te nun

                  ghiamme d’accordo e ce stamme lassanne. Accussì ‘sta nutizia aésce pure

                  ‘ncoppa ‘e ggiurnale. E invece nuje ce spusamme!

Speranza: Si’ grande, William! He’ avuto ‘n’idea da Premio Oscar!

William:   Vabbuò, mò però facimme ‘o finale! (Poi alza la voce per far sentire agli altri)

                  Ehm… Speranza, andiamo via di qui. Se mi vuoi lasciare, me lo devi dire tu!

Speranza: Va bene. (Poi agli altri) Signori, noi andiamo via. Guardate bene! Arrivederci.

William:   Arrivederci!

                  Poi si avviano ad uscire e nel mentre, fingono di litigare.

                  Disgraziata, ma comme? Aiésce seminuda fora ‘o barcone?

Speranza: Nun so’ fatte d’’e tuoje!

William:   Mò che gghiamme ‘a casa, t’aggia struppià!

                  Ed escono via. Gli altri rimasti si guardano sorpresi. 

Augusto:  Ua’, avite visto?

Marilena: E già.

Irene:       Complimenti, Bruno!

Bruno:      E sì, mò ‘o faccio ‘stu sacrificio: me sposo a Speranza!

Diego A.:  E cu’ quali sorde? Tu nun tiene cchiù ‘o lavoro.

Elvira:      E ppo’ ha’ ‘a pavà pure ‘a machina ‘e don Augusto!

Augusto:  No, signora, non mi deve pagare niente. ‘A machina l’aggio truvata.

Elvira:      Uh, menu male. Però mò ce manca ancora ‘o lavoro.

Irene:       E non vi preoccupate, il lavoro glielo trovo io.

Augusto:  Veramente, il lavoro glielo avevo trovato io.

Irene:       Ma ci sto prima io.

Augusto:  Signora Irene, e non insistete.

Diego A.:  Vabbuò, state calmi. Poi sceglierà lui. Sigrnoa Irene, di che lavoro si tratta?

Irene:       Un lavoro moderno, in un ambiente fresco, con un datore di lavoro ruspante, con

                  tanti clienti felici e contenti, e…!

Diego A.:  Un ambiente fresco? E addò l’avite miso a ffaticà? ‘Int’a ‘na macelleria?

Irene:        No, in un garage qua vicino. Andate a nome mio dal signor Antonio Esposito!

Gli altri:   (Lo mandano a quale paese a gesti) Uff!

Irene:       Ma che c’è? Non gli piace?

Bruno:      Aggio faticato fino a seie juorne fa addù don Antonio. M’ha licenziato pecché

                  s’hanne arrubbate doje machine!

Diego A.:  Vabbuò, nun ce pigliamme collera. Ascoltiamo la proposta di don Augusto. Che

                  lavoro gli avete trovato a Bruno?

Augusto:  (Imbarazzato) Ehm… veramente… io…!

Elvira:      Aggio capito, se tratta d’’o stesso lavoro d’’a signora Irene. Nun è accussì?

Augusto:   Esatto.

Elvira:      E che te ne frega, Bruno? Tuorne a ffa’ ‘o stesso lavoro ‘e primma e te si’ pure

                  sparagnato ‘a denuncia ‘e don Augusto. In fondo, ‘a machina soja s’è truvata.

Diego A.:  Già. ‘Int’’o burdello, sulo ‘a machina mia nun s’è truvata cchiù! Ce aggio

                  rimesso sul’io! 

Bruno:      Ma che ce ne ‘mporta, papà? Tanto, nuje simme tifose d’’o Napule!

Diego A.:  No, nun tuccamme ‘stu tasto.

Bruno:      Ma papà, io overamente so’ tifoso d’’o Napule. Aggio deciso: me so’ convertito!

Diego A.:  Ma tu ‘o vero staje dicenno?

Bruno:      Sì.

Diego A.:  Aléééé!

                  I due si abbracciano. Cosicché partono applausi ed ovazioni da parte degli altri.

Tutti:       (Gridano ad alta voce) Bravi, bravi, bravi!

                 Ad un tratto, entra da destra Martina che osserva tutti e poi li zittisce, gridando.    

Martina: Uhééé, state facenno troppa mmuina! Io nun riesco a vedé ‘a televisione! E

                 ch’educazione è chesta?

                 E torna via a destra, lasciando gli altri sorpresi ad osservarla.

FINE DELLA COMMEDIA

    Questo copione è stato visto
  • 0 volte nelle ultime 48 ore
  • 2 volte nell' ultima settimana
  • 10 volte nell' ultimo mese
  • 34 volte nell' arco di un'anno