Mammà se vo’ ‘mmaretà!

Stampa questo copione

Mammà se vo' mmaretà


   

Commedia musicale in due atti di


Liberamente tratti da:

Annella ‘e Portacapuana  di


Musiche di


PERSONAGGI

Annella                                    Figlia di Porzia

Meniello                                   Suo innamorato segreto

Maria                                       Figlia diAmbrogio, promessa sposa di

Giuvanne                                  Sapunaro (straccivendolo)

Totonno                                  Innamorato segreto di Annella

Porzia (Locandiera)                           Vedova innamorata di Meniello, madre di Annella

Ambrogio  (Bottegaio)             Innamorato di Annella

Domenico Strumenti                 Notaio

Cosimo                                             Vecchio avaro, venditore di castagne, padre di Meniello

‘Ntunetta                                 Madre di Giuvanne

Due guardie

La scena:Una qualsiasi piazza di Napoli. Sulla sinistra, a piano terra c’è la taverna di Porzia, sul cui ingresso vi è il balcone della camera di Annella ed in prima quinta la finestra della stanza di Porzia. Al centro la bottega di Cosimo Sulla destra in prima quinta la bottega  di Ambrogio al cui primo piano via è la camera di Maria.

ATTO  PRIMO

MUSICA (TARANTELLA TUTTI CANTANO E BALLANO)

Donna Porzia è nnammurata,

cu Meniello s’è allumata

e se vò ma che vuò fa’

cu ‘o guaglione mmaretà!

Cu ‘o guaglione mmaretà!

Pure Annella ‘o vo’ bene

‘e a Meniello assaje le preme

‘sta nennella e ‘a vo’ nzurà,

ma nun sape comme fa,

ma nun sape comme fa’!

Vi’ che ‘mbruoglio ca sta cà…..

A chi maje se va  a ‘nzurà?

Si mo tu ce staje a sentì

Saje po’ comme va a fernì!

Si mo tu ce staje a sentì,

saje po’ comme va a fernì!

(Alla fine del ballo tutti vanno via tranne Totonno e il notaio)

Scena I (Totonno – Notaio)

Totonno                   (Esce dalla taverna) E’ cuotto, è cuotto, ‘o suffritto è cuotto e, comme addora!

Notaio           Buongiorno Totonno.

Totonno       Buongiorno nutà, addurate e arricriateve sulo cu’ st’addore: è suffritto e se lo provate ve alleccàte ‘e baffe! Mi volete onorare?

Notaio           Ti ringrazio, ma non è il caso.

Totonno         Notà, e non sta bene, pecchè mi volete fare questo torto?

Notaio                       Nessun torto mio caro: non accetto il tuo invito perché ierisera ho cenato un po’ tardi e non ho dormito: ho quindi sonno e lo stomaco in disordine.

Totonno       Nun vi preoccupate, ci penso io: entrate, ‘na zuppetella ‘e suffritto cu  ‘nu pizzeco ‘e pepe, dduje addure e cu’ ‘nu bicchiere ‘e vino asprinio,  ‘o stommaco vuosto s’acconcia e state buono pe ‘nu mese.

Notaio           Totò’ nun me tentà….A primma matina?

Totonno       Nun è ca ve mettite scuorno?

Notaio                       Ti sembro il tipo da provare vergogna? Nun tengo ‘sti fisime: Io sono Notaio, ma soprattutto galantuomo e stimato professionista.

Totonno       E allora trasite e nun pensate a niente cchiù!

Notaio           Sto pensando che si sta facendo tardi ed io sono oberato di lavoro…..

Totonno       Ve site operato, e quanno è successo? Vuje site sempe stato accussì bello…

Notaio                       La tua ignoranza non conosce limiti, mio caro e mi mette di buon umore: sono oberato e cioè chino ‘e fatica!

Totonno       E parlate comme ve ha fatto ‘a bonanema d‘a putecara d’a mamma vosta!

Notaio                       Cosa dici mai bifolco, non posso perdere tempo, devo redigere atti, registrare strumenti….

Totonno       Chitarre, manduline, viuline…

Notaio                       Scetavaiasse e putipù: ignorante sono strumenti, cioè atti di compravendita e vari da registrare!

Totonno       E pe’ registrà ce sta tiempo: trasite, faciteve ‘na bella magnata ca doppo faticate chiù ‘e genio e cu’ bbona salute!

Notaio           E pure dice buone, jammo Totò.

Totonno       Trasite nutà!

Scena II(Meniello Annella)

Meniello        (Entra dal fondo) Che suonno, stanotte nun aggio durmuto!: comme chiudevo ll’uocchje, vedevo Annella mia! Comme aggio ‘a fa’, vulesse parlà cu ‘a mamma, le vulesse dicere ca tengo intenzioni serie! Addò? Chella è nnammurata ‘e me e me vo’ spusà! Comme me ne jesco a ‘stu mbruoglio?

Annella         (Esce dalla taverna) Meniè che d’ è, si’ caduto ‘a dint’o lietto?

Meniello        E che ce faccio dint’o lietto, cardellina mia….

Annella         Si io so’ na cardellina tu si ‘nu cardillo…..

ANNELLA CANTA :”COMME A NU CARDILLO” MENIELLO RISPONDE CANTANDO

Comme a ‘nu cardillo

Testo e musica di Umberto Castaldi

         Gire attorno a me,                                        Tu che vuò ‘a me

zumpe a ccà e a llà,                                              si te veco ojné

comme fusse                                                         voglio sta sempe

‘nu cardillo!                         ‘                                  ‘nzieme cu te

Tu me vuò ‘ncuità                                     ‘Na mmasciata mo

e certamente mo’                                      ma d’ammore già

‘na mmasciata tu                                       me vulisse sentì ‘

me vuò purtà!                                 ‘e te purtà!

Dimme ‘a verità,                             Nu vasillo no

                 me vulisse da’                                      nun me abbasta mo’

                                         ‘nu vasillo                                  pecché smanio ‘e te puté

a pezzechillo…                             abbraccià

Si tu vuò pazzià,                                        Ma chi vo’ pazzià…

niente può sperà,                          tu me vuò spusà?

ma si’ me vuò bene                                  Io te voglio bene

viene ‘a ccà,                                    viene a ccà

pecché ‘nzieme a tté                    e mo’ ‘nzieme a te

voglio zumbettià,               pe’ l’eternità

cu st’ammore                                 ‘cu st’ammore  po’’

pe’ l’eternità!                                   voglio campà!

(Insieme)      E mo’nzieme a te

Pe’ l’eternità

Cu st’ammore po’

voglio campà

Meniello        Voglio sta sempe ‘nzieme a te, pecché quanno nun te veco, me sento strujere d’a gelusia!

Annella                     E che te struje a fa’? Pe’ me ce staje sulo tu….. ‘e chi si’ geluso?!

Meniello        (Indica la bottega di Ambrogio)‘E chillu viecchio ca te sta sempe attuorno!

Annella         Po’ sta attuorno quanno vo’ isso! Sta sicuro ca ‘stu core è ‘o tuojo! Che te lambente a fa’?

Meniello        Pe’ chella ciorta nera c’ha voluto ca mammeta s’è ‘nnammurata ‘e me! Si le putesse dicere ca te voglio bene, ‘o facesso correre a don Ambrogio!

Annella         Ma nun ‘o pensà! E po’ secondo te Annella toja te lassasse pe’ isso? Tu si’ state ‘o primmo ammore e sarraje l’ultimo! (Canta)

‘O PRIMMO AMMORE

(Testo e musica di Umberto Castaldi)

L’ammore comme vene va,

si pure nun ‘o vuò aspettà…

E spisso dint’’e suonno

Chillo vene a tuzzulià

Tu chesto nun ‘o può negà

Ogne mumento fa’ smanià

Pecché si pure è ‘overo,

nun ‘o ssaje si po’ durà!

Sultanto ‘o primmo amore

Dint’ o core trase e sta,

senza pensà dimane,

e tutta ‘a vita resta llà!

L’ammore comme vene va,

‘e chesto te ‘a capacità

sultanto ‘o primmo amore

nun se po’ maje scurdà!

Sultanto ‘o primmo amore

Nun se po’ maje scurdà!

Scena III (Totonno Meniello Annella)

Totonno       (A mo di rimprovero) Uhè Menié’, tu staje ccà?

Meniello        Embé?

Totonno       ‘A padrona sta dinto; trasetenne ca si te trova ccà, facimmo ‘e nummere!

Annella         Ha ragione! Menié sta tranquillo, me ne traso! (Entra)

Meniello        Statte bbona fraulella mia!

Totonno       Si’ pazzo? Si Porzia s’addona ca vaje ‘areto ‘a figlia, pierde ‘a zezenella!

Meniello        Fino ‘a mo’ nun se n’è addunata ‘e niente!

Totonno       Statte accorta! Quand’uno è nnammurato se fa scorgere facilmente!

Meniello        (Fa gli scongiuri) Jesce fore ciucciuvè..

Scena IV (Porzia Notaio Meniello Totonno)

Porzia            (Esce dalla taverna seguita dal notaio. Vede Meniello) Meniello mio, buon giorno!

Notaio           Don Meniello.

Meniello        Buongiorno a tutte quante!

Notaio           Poteva venire prima.

Meniello        E pecchè?

Notaio           Senta, caro mio...

Meniello        Nutà pecché mettite sempe mmiezo ‘stu “Caro mio”?

Notaio                       Mi piace e sono convinto che è la più bella frase italiana che io conosca.

Porzia            Ma lassatelo di’.

Totonno       Preche caro mio!

Notaio                       Come stavo dicendo, se fosse venuto prima, mi faceva compagnia a mangiare ‘na zuppetella ‘e suffritto, che poteva andare dinanzi al re.

Porzia            (Dolce e invitante a Meniello)  ‘A priparo pure a te?

Meniello        Come volete, si ve fa piacere...

Porzia            Va Capose’ pripara!

Meniello        Nun ne fa’ assaje!

Notaio                       (A Meniello) Siete uno zoticone! Sembra facciate un piacere ad accettare! Senza contare che poi è tutto gratis.

Meniello        Nun è chesto, è che tengo poco appetito!

Porzia            Te vene,...spicciate Capose’!

Notaio                       Mangerà! In compagnia si mangia sempre, ed io pur di farvi venire l’appetito, mi sacrifico e mangio di nuovo.

Totonno       Chesto pecché stiveve ‘nu poco disturbato ‘e stomaco!

Notaio           Cosa vuoi, l’appetito vien mangiando!

Porzia                       Che gioia! Totò, magna pure ‘o nutaro, fa’ pure quatte fegatielle!

Notaio           Giusto, ci volevan proprio!

Meniello        (A parte) Che muorto ‘e famma!

Totonno       Che vino aggio ‘a mettere?

Porzia            Mondragone! E’ leggiero e se ne scenne!

Notaio           Per me non più di due litri….ho già bevuto abbastanza prima…

Totonno       Si ve passa ‘na mosca annanze ‘a vocca cu ‘o sciato l’abbruciate ‘e scelle (Ride)…

Porzia            Ma comme te permiette?

Notaio           Lasciate perdere donna Porzia, il giovin è un giocherellone!

Totonno       E’ pronto, trasite!

Notaio           Prepara qua fuori meglio, …c’è un’arietta che stuzzica l’appetito!

Porzia            Nun vulesse ca Meniello pigliasse freddo ccà!

Notaio           Ma che freddo....E’ guaglione....Io sono anziano e sono tutto sudato!

Meniello        (A parte) Cu tutt’a gnostra ca tene ‘ncuorpo!

Porzia            Comme vulite: Totonno’ pripara ccà fore!

Totonno       Subito (Prepara all’esterno)

Porzia            (A Meniello con dolcezza) Assettate.

Notaio           Sediamo signor Meniello e mangiate: ne vale la pena!

Porzia            E mangia,......si me vuò bene!

Notaio           Viva la signora Porzia! Mangiamo, brindiamo e beviamo alla sua salute!

Porzia            ‘O vino, Totonno’.

Totonno       Chisto tene ‘o sfunnulo, puozze murì acciso! (Serve il vino)

Scena V (Annella Notaio Meniello Totonno Porzia)

Annella         (Esce dalla taverna, sarcastica) Che bella tavulata!!

Notaio           Signorina Annella favorisca, venga, si accomodi.

Annella         Ve ringrazio, ma....

Meniello        Annella, viene assettate.

Totonno       Si, mò magna chesta!

Porzia            Assettate Annè, fa cuntento a Carmeniello.

Annella         Mammà voi mi perdonate, ma ogge è ‘o nomme d’a maestra mia ca me ha imparato a cosere, ‘a vulesse j’ a fa’ ll’augurie (Sguardo d’intesa con Meniello)

Meniello        Vuò che t’accumpagno?

Porzia            (Acida) Ce sape  j’ essa sola e po’ tu staje magnanno ‘zieme ‘o nutaro, nun ‘o può lassà sulo, nun sta bene…

Notaio           Eh…

Annella         (Delusa) Allora io vaco. (Via dal fondo)

Porzia            (Gelosa a Meniello) Guagliò tu ‘ guarde ‘nu poco troppo a Annella…

Meniello        Ma no, ‘a faccio qualche attenzione pecché è figlia vostra….

Porzia            Lassa sta, nun da retta!

Scena VI Cosimo – Meniello – Notaio Totonno – Porzia)

Cosimo         (Esce dalla bottega, si rivolge al figlio) Piezzo ‘e caliota: chesto te piace ‘e fa’: perdere tiempo a te abbuffà!

Totonno       (A parte) Sulo chisto ce mancava!

Meniello        Mo’ succede ‘o patapata ‘e l’acqua!

Cosimo         Ce sta pure ‘o nutaro!

Notaio           A servirvi, caro mio.

Cosimo         Qua’ caro mio t’ha fatto? Dimme che vaje truvanno ‘a figliemo?

Notaio                       (A Totonno) Mi sorge il dubbio  che quel birbante ce l’ha con qualcuno di noi….

Totonno       Nutà’ ce ‘a tene cu vuje!

Notaio           Con me? Allora è pazzo!

Cosimo         Che vuò ‘a figliemo? Che te pozzo da’ si magno sempe sulo sarde!

Notaio           Le sarde sono gustose e ne mangerei qualcuna per terminare il pranzo!

Cosimo         Ca te puozze affugà  cu ‘e sarde!

Notaio           Ce l’ha sempre con me?

Totonno       Sempe nutà’, sempe!

Notaio                       Senta caro mio, stia al suo posto o le rompo il nuso in ampla forma!

Cosimo         In ampla forma mo te ‘a scasso a te!

Porzia            ‘A vuò fernì? 

Cosimo         No, e  tu vecchia scuffata, lassa sta a figliemo ‘e capito?

Porzia                       Neh piezzo ‘e sanguetta sfiatata….mo te faccio vedé ‘a vecchia ca se fida ‘e fa’! (Entra nella taverna)

Cosimo         Tutto chesto pe’ ‘stu ‘mbriacone ‘e Notaio!

Notaio           ‘Mbriacone a me? Mo’ basta! (Prende un bastone e cerca di colpirlo)

Meniello        (Cerca di intervenire) Fernitela, fernitela!

Cosimo         (Prende il notaio per il collo)

Notaio           Lassame ‘o cuollo.

Totonno       O vuò affugà?

Cosimo         (Allenta la presa)

Notaio           Lassame ‘o cuollo, ca si no te manno ‘ngalera.( Si svincola e va via infuriato)

Porzia            E ‘ngalera ‘e a fernì!

Porzia            (Esce con una forcina) Levateve ‘a nanze, ‘a vecchia ‘o vo’ ‘nfurcà…

Meniello        (Cerca di trattenerla, poi rivolto a Totonno) Portala ‘a via ‘e dinto.

Totonno       Padrò, jammo a via ‘e dinto. (La tira costringendola ad uscire)

Porzia            (Uscendo) Vecchia a me….’sta mappina stracciata (Via)

Scena VII  (Cosimo – Meniello)

Cosimo         Puozze murì acciso, tavernara ‘e quatto solde!

Meniello        Vide si ‘a fernesce: mo me scordo ca me si’ pate e perdo ‘o rispetto!

Cosimo         Voglio proprio vedè! (Apre la bottega e prende un bastone)

Meniello        E ‘ meglio ca me ne vaco…Sto cu ‘o sango all’uocchie! (Via)

Cosimo         Se n’è fujuto: sfaticato e muorto ‘e famma! Io fatico comme a ‘nu ciuccio e isso passa ‘e gghiurnate a la taverna: guarda ccà, nun ha ‘ntaccato manco ‘na castagna! (Via)

Scena VIII (Ambrogio – Maria)

Ambrogio     (Esce dalla bottega con Maria) E’ maje possibile ca t’aggio ‘a dicere sempe ‘a stessa cosa? E’ inutile ca te sbatte pecchè t’’e spusà a Giuvanne!

Maria             No, io a chillu viecchio nun me ‘o piglio!

Ambrogio     Viecchio? Nun so’ sei, sette anne che ha passato ‘e trenta, é viecchio?

Maria             Pe’ me ca so’ figliola è viecchio…(Urla) viecchio…viecchio…..

Ambrogio     Zitta, nun alluccà: ragiona, chillo sta buono a denare, é….

Maria             ….Viecchio, brutto e mmiezu scemo: pure ‘e guagliune ‘o cuffeano!

Ambrogio     Viecchio, scemo brutto…Insomma L’ommo nun adda essere bello, ll’ommo adda tenè ‘e qualità!

Maria             E addò stanno? E po’ chello ca tene tene, nun ‘o voglio!

Ambrogio     Tu te ‘o piglie!

Maria                         Parle accussì pecché tu si cchiù vecchio ancora e te piace Annella! Chella però  nun te vo’ e ‘a mamma , si essa nun vo’, nun ’a fa ‘nzurà cu ‘nu viecchio!

Ambrogio     Vecchio io? Si nun me fusse figlia te desse ‘e prove!…E  si pure me vulesso ‘nzurà cu’ Annella,  avesse da’ cunto a te?

Maria             No!

Ambrogio     (Soddisfatto) Ah! Basta, io te so’ pato e tu me ‘a sta a sentì!

Maria                         Hai ragione ca nun tengo a mamma: quanno more ‘a mamma, avesse a murì pure ‘a figlia zitella, accussì fossero fenute ‘e male mieje! (Piange)

Scena IX  (Ambrogio – Cosimo – Maria)

Cosimo         (Esce dalla bottega) Maleditto, maleditto, maleditto!

Ambrogio     Buongiorno, Cuo’, ch’è stato?

Cosimo         Nun so’ quatt’anne che acattaje ‘stu cuofeno, e già se n’è venuta già ‘a maneca e ‘o funno!

Ambrogio     Accuoncialo comme va, tanto è viecchio!

Cosimo         Quatt’anne è viecchio?

Ambrogio     Se sape! Fa ‘na cosa:accuoncelo comme va va, miettece ‘na funicella.

Cosimo         E addò ‘a piglio?

Ambrogioo  Te ‘a dongo io, tie’, fa ‘nu purtuso ccà.

Cosimo         Puozze sta buono! (Caccia un coltello e fa un buco dove ha detto Ambrogio).

Ambrogio     (Alla figlia) E tu nun chiagnere.

Maria                         Nun pozzo manco chiagnere, vulite proprio ca moro? (Singhiozza)

Cosimo         (Strilla) Ah….

Ambrogio     (Sobbalza) ‘E passà ‘nu guaio niro, ch’è stato?

Maria             Ch’è succiesso?

Cosimo         S’è rotta ‘a ponta d ‘o curtiello.

Maria             (A parte) Puozza passà ‘nu guaio, me steva facenno venì ‘na mossa!

Ambrogio     E faje tutta st’ammuina pe’ ‘na ponta ‘e ‘nu curtiello?

Cosimo         Te pare niente? Chisto curtiello é ‘nu ricordo ‘e patemo ca me ‘o regalaje

quann’ero piccerillo.

Maria             Vide qunt’anne tene ‘stu curtiello.

Cosimo         E mo comme faccio a gghì a piglià ‘e castagne a ‘o mercato? Nun tengo ‘o cuofeno e aggio rutto ‘ curtiello.

Ambrogio      Mo te ‘o dongo io ‘nu cuofeno. Maria, pigliane uno dinto e dancillo.

Maria             (Entra)

Cosimo         ‘O cchiù sano

Ambrogio     ‘O cchiù nuovo

Cosimo         Grandiciello..

Ambrogio     ‘O cchiù gruosso ca ce sta.

Maria             (Porta il cofano)  Chisto è proprio nuovo!

Cosimo         ‘E avè tantu bene.

Ambrogio     Jammucenne che aggio ‘i ‘o mercato.

Cosimo         E ‘nu curtiello nun me ‘o daje?

Ambrogio     (Alla figlia) Vallo a piglià.

Cosimo         Unu buono….

Ambrogio     ‘O meglio ca ce sta…

Maria                         (Caccia dalla tasca un coltello) Cu’ ‘ a ponta affilata….Già l’aggio pigliato..

Ambrogio     Dancillo….

Cosimo         Si’ proprio ‘nu signore! Pateto nun era ‘nu putecaro!

Ambrogio     Jammucenne .(A Maria) Tu statte accorta lloco. (Via con Cosimo)

Scena X (Maria – Giuvanne)

Maria                         (Riferendosi a Meniello) Vide che pato che adda tenè chillo. Comm’è possibile ca ‘n’albero fraceto ha fatto ‘nu frutto accussì bello!

Giuvanne     (D.d.) Roba vecchia!

Maria                         Io tengo a Meniello dint’o core e ‘o pate s’adda fa’ capace! E’ ‘overo pure Annella ‘o vò bene, ma nuje simmo comme sore e si isso vò a una, ll’ata nun se piglia collera !

Giuvanne     (Uscendo) Robba vecchia, rrobba vecchia!

Maria             Guarda chi se vede!

Giuvanne     Buongiorno Marì, comme state?

Maria              Comme me vedite.

Giuvanne     Ve veco in bona salute…..ma state bona?

Maria             Quanno nun sto’ malata si.

Giuvanne     Me fa piacere! Io invece nun sto buono.

Maria             (Sempe accussì) State murenno?

Giuvanne     Si d’ammore pe’ vuje, n’ammore ca me fa’ arrevutà dint’o lietto!.

Maria             Ce tenite ‘e pulice?

Giuvanne     No, io ‘o lietto ‘o tengo pulito, ve l’aggio ditto è l’ammore….ma mo’, vulimmo parlà ‘e nuje?

Maria             Che tenimmo ‘a dicere?

Giuvanne     Quanno ce ‘nzurammo? Mammà ha già priparato ‘nu suttanino ch’era d’a nonna soja, pe’ ve ‘o rialà.

Maria             Chissà comm’è nuovo!….

Giuvanne     Pare ca mò l’ha fatto ‘o sarto.

Maria                         Ringraziate a mammà, dicitele ca ‘o stipasse a quanno mmarita le sorelle.

Giuvanne     ‘A primma sora nun se vo marità cchiù; Menechella nun se po’ mmarità pecchè nun è cchiù comme l’ha fatta ‘a mamma e pe’ chesto ca mammà me vo ‘nzurà, pe’ avé’ ‘n’erede.

Maria             Ha fatto ‘e cunte sulo a gghi’ pecchè io nun ne voglio!

Giuvanne     State pazzianno? ‘O pato vuosto m’ha ditto ca vuje me vulite bene!

Maria             (Sfottente) Assale.

Giuvanne     Che gioia e io nun veco ll’ora ‘e ve abbraccià  stretta stretta… Mo’ però v’aggio a lassà pecché mammà m’ha mannato accattà l’evera e ‘o latte pe’ rinfriscà ‘nu poco a sorema.

Maria             Pecchè sta ‘nfucata?

Giuvanne     Nun ‘o saccio, mammà nun me l’ha ditto.

Maria                         (A parte) Che marito m’ha truvato  patemo, ih che ciorta c’aggio avuto,Giuvà, scusate ma aggio a j’ ‘a via ‘e coppa: aggio ‘ntiso ‘nu rummore e aggio paura che ‘a gatta chissà che ha cumbinato.

Giuvanne     Ma ‘o pate vuosto addò sta?

Maria             E'gghiuto ‘o mercato! Permettete….

Giuvanne     Jate,…..ma vuje me vulite bene?

Maria             (Sfottente) Assaje bene mio…Ma nun ve mettite scuorno? (Via in bottega)

Giuvanne     C’ha vuluto dicere? E’ meglio che vaco a truvà ‘o gnore: ce voglio dicere tutto chello c’ha ditto e ha fatto Maria: Neh, (Piange) Ih…ih….chella m’ha fatto chiagnere! (Via)

Scena XI (Porzia – Totonno)

Porzia                       (E’ agitata) Io nun ce ‘a faccio cchiù,  ‘o voglio bene, me so nnammurata, ma chillo è tantu giovane….Dice ca pur’isso è nnammurato, ma si nun fosse ‘overo, si se vulesse sulo spassà? ‘Stu pensiero me tormenta e  nun me fa durmì!

Dimme ca me vuò bene

(Testo e musica di Umberto Castaldi)

Nun saccio si è sulo

'nu pensiero

Ca po' si fosse 'overo,

nun me fa cchiù durmì!

Pensanno ca forse

tu’ dimane

Me può da’

tant’ammore

Pe’ ‘a gioia esco a 'mpazzì!

'O saccio nun songo

‘na figliola

e tu  si’ nu’ guaglione

e ca m''e ditto si!

Ammore lieveme

'stu pensiero,

nun me da cchiù

'sti pene

ca tengo

'mpietto a me……

Ammore dimme

ca me vuò bene,

dimme ca è proprio 'overo

st'ammore tuojo pe' me…..

Totonno       (Esce dalla taverna) Padrò, che facite, parlaste vuje sola? ‘O ssaccio, l’aggio capito, chillo è ll’ammore ca ve fa sfrennesià!           

Porzia            Zitto, che vaje dicenno, ‘nciucisso!

Totonno       Nun so ‘nciucisso, dico ‘a verità….cunfidateve…..tanto ve ‘o leggo dint’all’uocchje chi ve ha arrubato ‘o core.

Porzia            Vattenne malopensante, me vuò proprio fa fa’ rossa?

Totonno       Si ve cunfidate, ve dico pure io ‘na cosa.

Porzia                       Che cosa?

Totonno       Meniello vo bene a nata!

Porzia                       Nun po’ essere: me dice sempe ca m’è fedele e ca me vo’ bene.

Totonno       Avite visto ca è ‘overo, Meniello ve ha arravugliata!

Porzia                       Ah malamente, m’è sbruvugnata cu l’inganno!

Totonno       L’inganno ce sta, avite ragione: ve l’aggio già ditto Carmeniello è nnammurato ‘e n’ata!

Porzia            E di chi?

Totonno       ‘E Maria!

Porzia                       Nun dicere fessarie, Ambrogio l’ha prumissa  a mastu Giuvanne.

Totonno       E pe’ chesto se appicceca tutte ‘e jurne cu ‘o pato: nun ‘o vo’.

Porzia‘           Nun ce credo.

Totonno       E allora o vulite  vedè e sentì cu ll’uocchie e cu ‘e recchie vuoste?

Porzia                       Si.

Totonno       Appustateve ‘nu poco, quanno ‘o vedite arrivà, ve ne accurgite.

Porzia            Che police ca m’è miso dint’a recchia! Mo me ne traso e me appusteo.  Si è ‘overo nun ‘o voglio vedè cchiù.(Entra)

Totonno       Accussì jammo buono. Mo si ‘o vene a sapè Annella, piglia fuoco pe’ ‘a gelusia. Meniello aggio pazienza, ma io songo nnammurato ‘e Annella chiù ‘e te, e pe’ essa faccio ‘o garzone dint’a taverna. A te te aiuta ‘a ciorta, a me ‘o giudizio: mo’ vedimmo chi vence. (Entra )

Scena XII (Notaio – Meniello)

Notaio           (Dal fondo con Meniello) Caro Meniello, tuo padre vuole fare di tutt’erba un fascio.

Meniello        Avite ragione, ma è ora de ‘a fernì cu’ ‘sta litania!

Notaio                       Caro mio, t’avverto: non succeda mai più, altrimenti dimentico la stima l’amicizia il rispetto che gli ho sempre portato e lo querelo.

Meniello        Nun ve preoccupate, nun succedarrà cchiù….

Notaio           Voglio sperare, mo’ trasimmo.

Meniello        Avviateve, subito vengo9

Notaio           Non farmi aspettare molto. (Entra nella taverna)

Meniello        (Guarda il balcone di Annella) Ammore mio quanta cose te vulesse di’ ! (Canta)

TE VOGLIO DI’

Testo e musica di Umberto Castaldi

Te sento ‘nzieme a me pure int’e suonne

‘O saje stongo speruto e te vedé

e si te guardo l’uocchje io veco ‘o mare

E ‘nzieme ‘o core ‘o saje che voglio di’

Te voglio di’ Parole appassiunate,

quanno me guarde cu’ chist’uocchje‘e fata:

St’ammore mo me fa sentì malato

e ‘o ssaccio  te ne adduone core ‘ngrato!

Si mo me dice ca tu me vuò bene,

me faje felice ogni mumento ‘e cchiù…

solo ‘na vota di ca me vuò bene,

comme ‘o ssaje di mo’ solamente tu!

Solo ‘na vota di’ ca me vuò bene,

comme ‘o ssaje di mo’ solamette tu!

Scena XIII ( Maria – Meniello – Notaio)

Notaio           (Esce dalla taverna) Allora, devo aspettarvi ancora molto?

Meniello        No, sto venendo!

Maria             (Dal balcone) Menié, addò vaje?

Meniello        Lassame sta’ ca tengo che fa’ cu o’ nutaro.

Maria             ‘O nutaro po’ aspettà.

Notaio                       Fate, fate…Omni solemnitate, fate i fatti vostri senza alcuna preoccupazione o vergogna.

Maria             Grazie! (A Meniello) E allora che me dice, bene mio?

Meniello        Dico ca me faje troppi cumplimente, senza che n’aggio merito.

Maria             E tu allora damme ‘nu poco ‘e ammore, senza ce pensà a coppa!

Notaio           (Fra sé) Se tento di sicuro questa ci sta…Sembra una cagna in calore!

Meniello        Amore? ‘O ssaje nun te ne pozzo da’, pecchè già si prumessa a mastu Giuvanne.

Maria             Chillu viecchio? Nun ‘o nummenà manco!

Meniello        (Al Notaio) ‘O pato già ha fatto tutte cose.

Maria                         E se ‘o pigliasse isso, io nun me ‘o piglio manco si m’accide: ‘o marito  me adda piacè a me…è ‘overo nutà?

Notaio           Hai detto cose egregie e giuste: tuo padre non può forzare la tua volontà.

Maria             ‘O siente? Carmeniè’, pecchè me faje tantu male?

Meniello        Io?

Maria             Si, e ‘stu bene pe’ te, m’ha fatto perdere l’alleria, ‘o suonno ‘a famma…

Notaio           Quanno se perde ‘a famma è tragico! Meniello, non è bello che tu ti renda responsabile della perdita di appetito della fanciulla: ella ti ama e…

Scena XIV (Meniello – Maria – Porzia – Notaio)

Meniello        …E io nun ‘o saccio, pure pecchè spisso l’aggio a vista ‘e fa’ ‘a cianciosa cu mastu Giuvanne.

Maria             Qua’ cianciosa, ce aggio sulo parlato, te ‘o giuro, io voglio a te!

Porzia            (Esce dalla taverna, non vista) Sta ‘nfucata, ‘a nennella

Notaio                       Se la ragazza viene forzata, nulla le vieta di disubbidire al genitore, rifiutando il partito non gradito.

Maria             ‘A verità è ca nun me vuò bene comme te ne voglio io.

Porzia            (Viene avanti) Certo ca te ne vo’!

Meniello        Mannaggia!

Notaio           Signora Porzia, mi è grata l’occasione per salutarvi, arrivederci.

Meniello        (Lo trattiene)

Porzia                       (Acida) E ghiammo, dincello che ‘a vuò bene, nun vide che ha fatto ‘a faccia verde, traditora!

Maria             Cu’ chi ll’aje?

Porzia                       Cu’ tico, miettete scuorno!  Quante ne vuò, quante? Tiene proprio…Ah, mo che te dicevo!

Maria                         E parla, tu te  a mettere scuorno, vecchia ‘mpechera ca te vaje ‘ntricanno d’e fatte ‘e ll’ate!

Porzia            A me vecchia? ‘Sta piezza ‘e caliota!

Notaio           Le cose si complicano, è meglio andare via! (Via dal fondo)

Porzia            Scinne abbascio si tiene ‘o curaggio!

Meniello        Ma che t’ha fatto? Lassala sta!

Porzia            ‘A dfienne pure? (Si avventa) Te voglio cavà ll’uocchje ‘a fore!

Maria             (Tira una pianta di fiori) Neh, fattucchie’ lassalo sta!

Porzia            Faje ‘a guappa a llà ‘ncoppa, scinne…

Meniello        (Sgomento) Mannaggia ‘a morte, comme aggio ‘a fa’ cu’ sti’ ddoje janare!

Scena XV (Annella – Porzia – Maria)

Annella         (Entra dal fondo) Mammà pecché allucche ‘e ‘sta manera?

Porzia            ‘Sta caliota me ‘ncuieta e chisto ‘a defenne!

Annella         Chi Maria? E nun è possibile, ce vulimmo tantu bene.

Maria                         Annè tu lievete ‘a miezo, è cu’ mammeta che ce ‘a tengo! (A Porzia) Schiatta, perucchiosa!

Porzia            Schiatta e muore, tanto tu a mastu Giuvanne te ‘a piglià!

Maria             Io me ne piglio uno, no ciento comme a te.

Porzia            E tu muore ‘e ‘nvidia pecchè vo’ dicere ca so’ ‘na bella femmena.

Meniello        ‘A vulite  fernì?

Annella         (Senza alcun motivo apparente si rivolta contro Meniello) A te  te voglio ciaccà, guaio d’a vita mia!  (Gli butta quello che ha in mano)

Meniello        (Stupito) Che ll’aggio fatto mo’ a chesta?

 Annella        ‘O saccio io! (Piange, via nella taverna)        

Cosimo         (Esce, seguito da Ambrogio, dal fondo con un cofano pieno di castagne)

Maria                         (Vede Cosimo) Tutta pe’ mezzo ‘e chistu vecchio ‘nzallanuto! (Prende la forcina dei panni stesi e colpisce Cosimo che, fa cadere le castagne)

Scena XVI ( Cosimo – Meniello – Ambrogio – Porzia - Maria)

Cosimo         Povero a me, ‘e castagne!

Meniello        (Si abbassa a raccoglierle)

Ambrogio     Ch’è stato?

Porzia            E’ stata chella cavallona ‘e figlieta!

Ambrogio     Tu, e pecchè?

Maria             Vulevo cogliere a essa!

Ambrogio     Pecchè ve state appiccecanno?

Porzia            (Indica Meniello) Pe’ chillu bello mobile!

Ambrogio     Meniello?

Meniello        (Sentendosi nominato si alza)

Cosimo         Aiza ‘e castagne tu!

Porzia            (A Maria) Mo’ nun scinne cchiù?

Maria             Pecchè, che me vuò fa?

Porzia            ‘A siente?

Ambrogio     Basta, mo te faccio scuntà tutte cose! (Entra in bottega)

Maria             Si patemo me fa tanto, me ‘a sconto cu te! (Entra in casa)

Cosimo         ‘E castagne!

Meniello        L’aggio aizate, vattenne dinto.

Cosimo         Povera rrobba mia! (Entra)

Meniello        Porzia….

Porzia            Puozze essere acciso! (Entra)

Meniello        Mo’ sto bello e sistimato!

SCENA XVII (Meniello – Totonno)

Totonno       (Esce dalla taverna) Ma che vaje cumbinanno?

Meniello        'E saputo chello ca m'è succiesso?

Totonno       L'aggio saputo, ma statte calmo, 'o rimedio se trova!

Meniello        Si è pe' chesto l'aggio già truvato: me votto dinto 'a 'nu puzzo niro e funno, accussì accuntento a’ mamma e ‘a figlia.

Totonno       (Tendenzioso) A forza ‘e vuò accuntentà a tutt’e ddoje!

Meniello        Io voglio bene sulo a Annella!

Totonno       Annella sta 'nu poco 'nquartata, me te vo' bene 'overamente e nun è certo chisto ‘o guajo gruosso!

Meniello        E qual’é?

Totonno       Porzia 'sta appezzata cu te e nun te vo fa’ cchiù accustà 'a taverna!

Meniello        Che me ne 'mporta de 'a mamma si Annella me vo' bene!

Totonno       Va da Annella, spiegate…Vide ca te sta a sentì!

Meniello        E cu Porzia comme aggio 'a fa'?

Totonno       Dille ca piense sulo a essa, ca quanno nun ‘a vide te siente ‘e murì, e 'a faje felice! Va, è gghiuta 'o ponte 'e Casanova….Vall'a cercà!

Meniello        E si chella s'ammocca tutte cose, comme faccio cu’ mamma e figlia??

Totonno       Chesto po’ se vede: Po’ mumento te ‘a fa’ perdunà a tutt’e ddoje.. Va, io vaco a parlà cu Annella, le dico che ‘a vuò bene e staje a posto!

Meniello        Totò, si ‘overo ‘n’amico…te ne aggio 'a mannà benedizioni…vaco! (via)

Totonno       Va, va ca mo te acconcio io pe' feste!

Scena  XVIII (Totonno – Annella)

Totonno       (Chiama) Annella, Annella…

Annella         (Esce Dalla taverna) Che vuò', che faje cca’ fora?

Totonno       Aggio parlato cu Carmeniello!

Annella         E a me nun me ne 'mporta!

Totonno       Nun te ne 'mporta?

Annella         No, chillo è 'nu 'nfamo traditore e me vo' vedé morta!

Totonno       Haje ragiona, pirciò é meglio ca te 'o lieve da’ capa, nun te vò!

Annella         Certo ca tu puorte sempe belli nutizie…(Piange) Chillu traditore, doppo tante giuramente….doppo tutto 'o bene che l'aggio voluto…..(A parte) dopo chello ca c’è stato….(Continua a piangere)

Totonno       Che chiagne 'a fa'? Tu chiagne e chillo se 'nzora! 

Annella         (Indispettita) Se 'nzurasse pur'io tengo chi me vo' bene!

Totonno       (Speranzoso) Ce stong'io!

Annella         (Non ascoltandolo) Nun è possibile che Meniello fa chesto a me: ha sempe ditto ca me vo’ tantu bene! Nun ce credo, nun ce credo!

Totonno       Ah, nun ce cride? E po' vide! Io vaco ‘ncontro a mammeta (Via fondo))

Annella         E mo’ comme faccio….(Si tocca la pancia.piange)

Scena XIX (Annella – Maria)

Maria             (Esce dalla bottega. Vede Annella) E che chiagne a fa’?

Annella         Maria mia aiutame, nuje simmo cresciute ‘nzieme….ce vulimmo bene comme sore…..aiutame…io sto miez’e guaje…(piange)

Maria             Calmate nun chiagnere, ch’è succiesso?

Annella         Io t’o dico, ma tu giurame ca nun ‘o dice a nisciuno.

Maria             T’’o giuro, (Preoccupata) ma dimme ch’è stato?

Annella         E’ stato ca io nun so’ ‘na figliola onesta e mo’…..(Indica la pancia) nun saccio c’aggià fa…

Maria             Pecchè tu?  (Mostra la pancia e con la mano fa scegno come se fossei aumentata di volume)…

Annella         Si…

Maria             E chi è stato?

Annella         Meniello, chi ato?

Maria             Uh chillu ‘’nfamo! E isso ‘o sape?

Annella         Nun ce l’aggio ditto ancora.

Maria             Ma ne si sicura?

Annella         Si,  ‘a qualche juorno me sento sempe ca m’avota ‘o stomaco, me gira ‘a capa..…primma cu ‘a scusa ‘e j’ a truvà ‘a maestra mia ca me ha ‘mparata a fa’ ‘a sarta, so gghiuta addu’ ‘nu miedeco ca m’ha ditto ca so’ prena!

Maria             Sora mia bella e mo’ comme faje?

Annella         Aggio saputo ca dint’o lavenaro ce sta ‘na vammana ca si ‘a daje ‘na cosa ‘e solde, te leva ‘a dint’e ‘mpicce…Me vuò accumpagnà? Dicimmo ca jammo a truvà ‘na cumpagna nosta e ghiammo!

Maria             Si’ sicura ca nun’o vuò?

Annella         E comme faccio, chella mammà me accide!

Maria             Nun te preoccupà, ‘nu rimedio se trova! Nun se accide accussì n’anema ‘e Dio…(Canta)

‘NA CREATURA

(Testo e musica di Umberto Castaldi)

Tu staje tremmanno sulo pe’ ‘o pensiero

‘e chello ca è successo pe’ st’ammore,

e tutto chesto nun te pare ‘overo

e sfrennesie pecchè nun saj che fa’,

ma pensa ca…

'Na creatura è n'anema 'e Dio,

comme fosse 'n'angiulillo,

ca è venuto 'ncopp'a 'sta terra,

sulo pe' fa felice a te:

'nu nasillo ca pare 'na cerasa,

'na vucchella ca niente sape di',

e te guarda pecché te cerca ammore,

e te astregne pecché 'o vo' sentì!

E tu, ca tutto chesto può capì,

nun ‘e pensà ca nun po’ avè’ dimane!

‘Na creatura è ‘n’anema ‘e Dio

e da gioia ‘a chi ‘a vò bene

e nun sarraje maje cchiù felice

si ‘nu juorno nun ce sta cchiù…

Annella         Hai ragione è tutto ‘overo chello ca dice, ma comme faccio?

Maria             Nun te preoccupà, ‘o rimedio se trova, tanto è ancora ambresso…Va, va  a via ‘e dinto e vatte a repusà!

Annella         (Abbraccia Maria) Hai ragione e grazie sora mia….(Via nella taverna)

Maria             E mo’ cara Maria, ‘a Meniello te l’e scurdà pe’ forza! (Entra nella bottega.)

Scena XX (Notaio -  Giuvanne)

Notaio           (Entra dal fondo con Giuvanne) Ricapitolando, voi non solo volete contrarre matrimonio con la figlia del signor Ambrogio ma volete fare anche una protesta!

Giuvanne     Si, pecché Maria ha ditto ca nun me vo' bene e si è accussì, nun 'a voglio!

Notaio           E da me cosa volete?

Giuvanne     Ca Maria fa 'na dichiarazione pubbrica ca me vo' bene e…

Notaio           Allora mandate degli scugnizzi per le via della città a fare la vostra protesta e la dichiarazione d'amore della vostra bella…

Giuvanne     No, mammà e le sorelle hanno ditto che hadda essere 'na prutesta pubbrica fatta da nutaro!

Notaio           Ho capito, con atto pubblico….sarai servito!

Giuvanne     Ma a chest'ora  stammo sule nuje, addò 'o truvammo?

Notaio           Chi?

Giuvanne     Il pubbrico, 'a gente assaje!

Notaio           Caro Giuvanne, per un atto pubblico basta il notaio e due testimoni!

Giuvanne     Ma mammà e le sorelle hanno ditto…..

Notaio           E dalle cu mammà, Ma tu ‘overo te vuò?

Giuvanne     Se sape!

Notaio           Ma come fai? Nun da retta: tu si' accussì muollo ca è meglio ca te ne staje cu' mammà e le sorelle siente a me!

Scena XXI (Ambrogio – Giuvanne – notaio)

Ambrogio     (Dasl fondo) Caro Giuvanne…

Giuvanne     (Tenta di baciargli la mano e gliela bagna di saliva)

Ambrogio     (La ritrae, se l’asciuga) Che schifo…… Pecché faje ‘sti cose?

Giuvanne     Vuje me putite essere pate e mammà me ha ditto ca ogne vota ca ve veco ve aggio vasà ‘a mano! (Tenta di baciargliela di nuovo)

Ambrogio     (Si ritrae, e a stento non cade) Mo te scommo ‘e sango e vedimmo si ‘o capisce! (Al notaio) Vuje che facite ccà a chest’ora?

Notaio           Don Ambrogio, Sono qua per farvi una protesta, per conto di Giuvanne.

Ambrogio     ‘Na protesta? (A Giuvanne) Che vaje truvanno?

Giuvanne     Maria, m’ha ditto ca nun me vo’ bene e nun me vo’ pe’ marito! Io me ne so’ gghiuto a casa chiagnenno….Mammà e le sorelle, hanno visto a me e se so’ mise a chiagnere pure lloro: nutà, m’avite ‘a credere, pareva che, salute a vuje, ce steve ‘o muorto miezo ‘a casa…

Notaio           (Fa le corna)…Vi rendo noto, che il qui presente, non intende contrarre matrimonio, se la signorina Maria non si rimangia ciò che ha detto!

Giuvanne     Adda dicere ca me vo’ bene e ca me sposa pecché ne ave piacere assale pecché so ‘nu piezzo ‘e masculone!

Ambrogio     Nun t’e ‘a preoccupà, nun serve protesta! Mo vaco a casa e ce penso io a le fa’ dicere chello ca vuò sentì! (Chiama) Maria, Maria….

Notaio           (Ad Ambrogio) Ambrogio, levateme ‘na curiosità, veramente ‘a vulite fa spusà a chisto, o pazziate?

Ambrogio     Nun pazzeo! Ma pecché ve pare ‘nu poco abbunato?

Notaio           ‘No, ‘nu poco no, tutto quanto!

Ambrogio     Sarrà, ma…. (Allude al danaro)’ sta chino…..vuje me capite!

SCENA XXII (Maria – Ambrogio  - Giuvanne - notaio)

Maria             (Entra in scena) Che vuò papà?  Signor notaio, (Scortese) don Giuvanne, buongiorno!

Ambrogio     Viene a ccà, ch’è ditto a don Giuvanne stammatina?

Maria             ….Niente…

Giuvanne     M’avite ditto ca nun me vulite bene e…nun saccio che ati brutti ccose!

Maria             ‘E vulite sentere n’ata vota?

Notaio           No per carità signorina Maria! Per poco, non avete fatto morire don Giuvanne e  ‘a mamma…

Giuvanne                 …E le sorelle…

Notaio           (Sfottente) …Mo’ me scordavo d’e sore!

Giuvanne     Mammà ha ditto ca arrassu sia, putevo pure murì pe’ ‘o dispiacere!

Ambrogio     Nun fa cchiù ‘sti cose: a chisto te ‘a spusà, senza ce pensà ‘a coppa!

Giuvanne     (A Maria) Io ve voglio bene!

Notaio           (A Maria) Se ne faccia una ragione mia cara, lo sposi!

Ambrogio     Se o’ sposa, se o’ sposa, è ‘overo?

Maria             No, nun me ‘o piglio! Io a ‘stu coso nun ‘o voglio, me può pure accidere, ma nun me ‘o sposo!

Ambrogio     Ed io te accido (Sta per avventarsi, ma il Notaio lo ferma)

Giuvanne     Maria, nun sta bene ca facite piglià collera a papà,…….accontentatelo!

Maria             (Sfottente) Aggio accuntentà a papà? E che aggio ‘a fa’?

Giuvanne     (Fanciullescamente) Vedite vuje….

Maria             Ve abbastano dduje ciance, quatto carezze e otto vasille?

Giuvanne     (In estasi) Si…si…

Maria             Dicite ‘a verità, so’ poche, ne vulite cchiù assale?

Giuvanne     (C.s.) Si….si…

Maria             (Fa per avvicinarsi offrendogli le labbra, Giuvanne fa altrettanto, ma Maria gli da uno spintone) Sciù, pe ‘a faccia toja! (Via nella bottega)

Giuvanne     (Deluso) Avite visto? Nun me vo’, nun me vo’!

Ambrogio     Figliema,  adda fa chello ca dico io, (Al Notaio) E’ ‘overo nutà’?

Notaio           Se sape,  Et est de jure!

Ambrogio     Che ?

Notaio           E’ nel vostro diritto!

Ambrogio     E’ visto?  Mo vattenne a casa e viestete bbuono! Nun appena Maria è pronta, te manno a chiammà e tu te ‘a spuse!

Giuvanne     Allora  me ne pozzo j’ tranquillo?

Ambrogio     Tranquillissimo!

Giuvanne     Comme so’ felice….io vaco a me mettere ‘o vestito bbuono! Ah Maria mia, ah….(Fa per andar via)

Notaio           Un momento figlio mio, sei felice e devi far felice pure me….

Giuvanne     Nun me pozzo spusà pure a vuje!

Notaio           Cosa dici,….devi pagare il mio intervento, mi devi cinque lire…

Giuvanne     E pecchè?  Vuje niente avite fatto e niente avite!

Notaio           E io invece te faccio cadè ‘e diente ‘a vocca…

Ambrogio     Nutà, lassate sta, facitelo j’, ve pago io!

Giuvanne     Me vulive fa’ fesso, eh? (Via canticchiando)

Ambrogio     Compatitelo, chillo nun sape campà (Gli da alcune monrte) Tenite….

Notaio           (Pesando le monete) Sei solde, e che aggio ‘a fa’?

Ambrogio     ‘O scomodo!

Notaio           Mi hai forse preso per ciabattino o bottegaio?

Ambrogio     Nutà, nun ve voglio fa piglià collera, tenite, n’ata lira!

Notaio           Non ti scomodare, mio caro, non voglio sporcarmi le mani per tanto poco! (Fa per andare via)

Ambrogio     Addò jate? (cercando di accontentarlo) Tenite, pigliateve ddoje aulive!

Notaio           Sei solde, ‘na lire, ll’aulive….ma pe’ chi m’è pigliato? Che bestia! (Via)

SCENA XXIII (Ambrogio – Totonno)

Ambrogio     Ma guardate ‘nu poco, s’è offeso…

Ambrogio     Chissà ca s’è miso ‘ncapo ‘sta figlia mia..(Chiama) Antò, tre tornese d’o solito! (Da  solo) Tengo ‘na vocca amara, chello è ‘o fele ca tengo ‘ncuorpo!

Totonno       (Portando il vino) Che d’è, parlate vuje sulo?

Ambrogio     ‘Figliema, me fa parlà sulo a sulo…

Totonno       Nun ce pensate, ‘na bella bevuta e passa tutte cose, bevite!

Ambrogio     ‘A salute…(Beve)

Totonno       Addò va, ma c’ha fatto ‘a figlia vosta?

Ambrogio     Tu ‘o ssaje ca l’aggio prumisa a Giuvanne, ‘o robba vecchia…

Totonno       Embè?

Ambrogio     Chella piezza ‘e caliota nun ‘o vo’.

Totonno       Sentite a me, è meglio ca ve appaciate, ‘stu matrimonio nun se po’ fa’!

Ambrogio     E pecché?….Si saje qualche cosa, dimmello..

Totonno       E po’ jate dicenno ca me ‘ntrico d’e fatte ‘e tutte quante…

Ambrogio     Quanno maje, nun te preoccupà, parla!

Totonno       Stammatina Porzia e Maria, se so’ appiccicate pe’ mezzo ‘e Meniello….

Ambrogio     E pecché?

Totonno       ‘A figlia vosta, s’è nnammurata ‘e Meniello e pe’ chesto s’è appiccicata cu Porzia ca pure se n’é gghiuta ‘e capa pe’ chillo!

Ambrogio     Maria s’è nnammurata ‘e Meniello?

Totonno       Si, e pe chesto ca nun vò’ a mastu Giuvanne!

Ambrogio     Tu che staje dicenno e….Porzia?

Totonno       Pur’essa, s’è allumata e nun tene uocchje che pe’ Meniello!

Ambrogio     Vide che ciorta ca tene chisto! E mo comme aggio ‘a fa?

Totonno       Nun ve preoccupate, si vulite acconcio tutto io; jateve a cuccà!

Ambrogio     Che vuò fa’?

Totonno       ‘Cuosemo è ‘nu peducchiuso: lle dico e fa spusà ‘o figlio a Porzia, ca porta ‘a dote e isso se fa da ‘e denare! Si Meniello se sposa cu ‘a vecchia, Maria se l’adda scurdà e si se vò ‘nzurà s’adda piglià a don Giuvanne!

Ambrogio     E Annella?

Totonno       E Annella, si nun vo’ remmané zitella, s’adda mettere cu vuje!

Ambrogio     Vide che ‘mbruoglio ca ‘e combinato! (Sospettoso) Ma a te, dint’a tutto chesto che te ne trase?

Totonno       ‘A stima vosta…Io mo’ vaco a via ‘e dinto…jate, jate a parlà cu Cuosemo! (Entra nella locanda)

Ambrogio     Ave ragione, nun aggio ‘a perdere tiempo…(Chiama) Cuosemo…Cuò’…

SCENA XXIV (Cosimo e Ambrogio)

Cosimo         (Uscendo dalla bottega) Ambro’ che vuò?

Ambrogio     Figlieto addò sta?

Cosimo         Nun ‘o saccio, l’aggio cacciato!

Ambrogio     Si’ pazzo, nun saje ch’e fatto! (Caccia la tabacchiera) te ‘a faje ‘na presa?

Cosimo         Proprio pe’ nun te fa piglià collera…(Odora) profuma ‘stu tabacco…

Ambrogio     Ne vuo’ ‘nu poco, pigliatillo!

Cosimo         Miettelo dint’a ‘nu poco ‘e carta….’Si n’amico ‘overo…ma pecchè m’e cercato ‘e figliemo?

Ambrogio     Pecché Meniello po’ essere ‘a fortuna toja!

Cosimo         E comme?

Ambrogio     Fallo ‘nzura’!

Cosimo         Chillo tene ‘a capa fresca!

Ambrogio     Fallo ‘nzuraà’, ‘a mugliera ‘o fa mettere giudizio!

Cosimo         Tu vuò pazzià e io tengo che fa’, vattenne! (Fa per andare via)

Ambrogio     Aspetta, mo’ te faccio capace: Meniello è nnammurato ‘e Porzia e pure essa è nnammurata ‘e figlieto: chella sta bona ‘a denare e po’ essere ‘a fortuna toja!

Cosimo         Figliemo e Porzia a tavernara?

Ambrogio     Si, se ‘nzorano e ‘a fortuna toja è fatta!

Cosimo         E comme?

Ambrogio     Se ‘nzorano e chella ch’è de ‘a mugliera, è de ‘o marito, se sape!

Cosimo         E a me che me ne vene dint’a sacca?

Ambrogio     Pe ce ‘o fa spusà faje ‘nu contratto ca adda da a  te tutte ‘e cose soje!

Cosimo         Chella nun è ancora asciuta pazza e nun ‘o farrà!

Ambrogio     Porzia è pazza ‘e figlieto e pe’  se ‘o mmaretà fa’ tutto chello ca vuò tu!

Cosimo         Fosse ‘o cielo, finalmente putesse avé ‘nu piatto cucinato senza faticà!

Ambrogio     ‘E capito mo’? Parlace tu cu’ Porzia, chillo figlieto nun è tanto capace!

Cosimo         Va buò appena vene ce parlo! (Entra nella bottega)

Ambrogio     Sperammo che n’esce quacche cosa ‘e buono pe’ me! (Via)

SCENA XXV (Porzia e Meniello)

Porzia            (Dal fondo) Traditore, nun te credo, so’ femmena ca se po’ trattà accussì?

Meniello        Me ‘avite ‘a credere, ce aggio parlato si, ma sulo pe’ me ‘a levà ‘a tuorno!

Porzia            Ma ave a che fa’ cu mmico ‘a guagliuncella! M’ha chiamato vecchia: vale cchiù ‘nu pilo de’ mieje ca ciento muccose comme a essa!

Meniello        Qua’ vecchia!

Porzia            Te voglio fa ‘o cunto: So’ nov’anne anne ca so’ vedova, me ammaretaje a quinnece e maritemo campaje diece  anne: dimme mo a me so’ vecchia?

Meniello        Chella tene ‘nvidia ‘e vuje! Site meglio mo’ ca vinte anne fa!

Porzia            (Ride) Vinte anne fa m’allattava ancora mamma mia!

Meniello        Site ‘ a fata ‘e ‘stu quartiere!

Porzia            (Lusingata) Nun te credo cchiù, ‘nfamo traditore, buciardo!

Meniello        Nun so’ buciardo!

Porzia            Taggio visto cu ll’uocchije mieje!

Meniello        (Apre la camicia) Arapite ‘stu pietto, ‘stu core sbatte sulo pe’ vuje!

Porzia            O pe’ chella muccosa ‘ngialluta?

Meniello        Me vulite fa’ murì ‘e collera! ‘Stu core sperisce, ma no pe’ Maria!

SCENA XXVI  (Cosimo, Meniello, Porzia)

Cosimo         (Ecse dalla bottega ha sentito le ultime parole di Meniello) E’ ‘overo, cridelo!

Meniello        (Moto di stizza nel vedere il padre) Ce mancava sul’isso!

Cosimo         Cridelo e te voglio dicere ca me fa piacere! Nun ‘o fa sperì cchiù, nun vide comme s’è fatto sicco? Cu tutto chello ca magna, benedetto!

Porzia            (Incredula) Meniè, pateto che dice?

Meniello        Che ne saccio’?

Cosimo         Tu nun te ‘a mettere scuorno, saccio tutte cose. Pigliatella, me fa piacere!

Meniello        (A parte) Mo che atu turmiento è?

Porzia            (Guarda Meniello) Meniello nun è cuntento!

Cosimo         Chisto more pe’ te..(Al figlio) E parla….parla!

Porzia            (Speranzosa) Meniè, è ‘overo? (A cosimo) ‘O vi’ ca nun risponde? (A Meniello) ‘O vi ca si’ bugiardo, ‘e parole ‘e primma addò so’ fernute?

Cosimo         Meniè, Meniè e rispunne….

Meniello        Io…io (Lo tira in disparte) io….(Fa per andare via ma il padre lo trattiene)

Porzia            Lassa sta, fallo j’ (A Meniello) Sienteme buono, nun t’accustà cchiù ccà! (A Cosimo) Te ringrazio ca m’e fatto capì quanno è fauzo e ‘ngannatore! (Fa per entrare nella trattoria)

Meniello        (La ferma) Aspettate….

Porzia            (Si divincola) Lassame sta, vattenne!

Meniello        (Al padre) Papà…

Cosimo         io so’ cuntento…

Porzia            Ma isso no!

Meniello        E pur’io!

Porzia            (Abbraccia Cosimo) Comme so’ felice!

Meniello        (A parte) E mo’ che faccio?

Porzia            Voglio priparà ‘nu bellu banchetto , mo me vaco a priparà….

Cosimo         E pur’io….(A parte) Si sapevo nun facevo marenna stammatina!

Porzia            (A Meniello) Maretiello mio, vatte a priparà, nun te mettere scuorno, viene ambresso…(Entra in bottega)

Meniello        (Sgomento) Stateve  senza pensiero, amore, vita mia, mo’ vengo (Via)

Cosimo         So’ cuntento e me aggio ‘a fa’ ‘na magnata comme dico io! Mo aggio ‘a ringrazià Ambrogio… (Chiama) Ambrò, Ambrò…..

SCENA XXVII  (Maria, Cosimo poi Ambrogio)

Maria             Che vuò?

Cosimo         Chiama a pateto!

Ambrogio     Sto ccà, che me ‘a dicere?

Cosimo         ‘Na bella notizia: é fatta! (Se lo tira da parte)

Maria             (A parte) E mo’ chisto che vo’?

Cosimo         Meniello s’è prumisso a Porzia….l’aggio ‘ntiso cu ‘sti recchie mieje…essa nun vuleva, ma po’ ce aggio parlato e l’aggio convinta… mo facimmo pure ‘na bella festa!

Maria             (Incredula) Neh Cuò’ che festa?

Cosimo         Figliemo  Meniello se ‘nzora cu Porzia!

Maria             Nu me fa ridere!

Cosimo         Tu ride, io vaco a truvà ‘o nutaro…(Via)

Maria             (Delusa) Ma comme, chillo è giovane, comme fa a se mettere cu’ ‘na vecchia? ‘Stu fatto nun se ne scenne proprio!

Ambrogio     E l’e fa scennere, te ‘a capacità: io ‘o sapevo ca nun vulive a Giuvanne pe’ mezzo ‘e Meniello e t’aggio vuluto fa’ cocere cu l’acqua toja!

Maria             Nun è ‘overo e ce credo sulo si ‘o veco cu ll’uocchje mieje, e si succede te ‘o giuro ca me marito cu’ masto Giuvanne!

Ambrogio     Accussì facimmo!

Maria             (Dispettosa) Accussì facimmo! (A parte) Me sento ‘a panza ca frie (Entra)

Ambrogio     Menu male, se sta accuncianno tutte cose!

Scena XXVIII (Ambrogio, Porzia, Annella, Totonno)

Porzia            (Entra ridendo) Ah..ah, io mo moro pe’ resate…Ah…ah…

Annella         (A parte) Che resata ‘nzipeta, ce vo’ ‘nu poco ‘e sale….

Porzia            Buon giorno Ambrò, che vuò?

Ambrogio     Ride, ca me piace quanno ride….Pecché staje allera?

Porzia            Sto redento pecché Annella me cuffea pecché l’aggio ditta ca me marito cu Meniello…(Ride) Ah…ah…ah….

Totonno       (A parte) Comme se arrecrea ‘a vecchia!

Annella         Nun dicere ciucciarie, ma vattenne…

Ambrogio     Addò aggia j’? Meniello se ‘a ‘nzora, me l’ha ditto ‘o pate!

Totonno       (Ad Annella) Ce cride mo’, o vuò ca te ‘o dico cantanno?

Annella         (A parte) Povera a me, è ‘overo!

Porzia            Viene cà Totonno…(Gli da dei soldi) Va ‘o mercato e accatta capune, galline, rrobba doce  ca voglio fa’ ‘nu banchetto da gran signora…

Totonno       Me ‘o veco io!

Ambrogio     E voglio partecipà pur’io …’o voglio fa cchiù ricco pecché ogge Maria se marita cu masto Giuvanne…

Annella         E se ‘o piglia?

Ambrogio     Sicuro, è felice…

Porzia            E ave ragione…se ‘o mmereta!

Totonno       E facimmo ‘na bella festa…Tanto aggio ‘a ballà che aggio ‘a struiere ‘nu pare ‘e scarpe…..

Annella         (Fra sé) Ccà so asciute pazze tutte quante, povera a me…..

Ambrogio     (A parte a Porzia) Annella me pare ca c’è rimasta male, pecchè essa…

Annella         (Che ha sentito) Nun è ciorta mia a me maretà ambresso…

Ambrogio     Pecché nun vuò tu….

Annella         (Sfottente) E addò ‘o trovo ‘nu marito ‘e spiccio?

Porzia            (Indica Ambrogio)  Sta ccà, te vo bene..io mo’ me marito, tu che vuò fa’, vuò rumané zetella?

Totonno       (Cerca di stroncare il discorso) Padrò, jammuncenne ca è tarde!

Annella         (Fra sé) ‘Nfamo traditore, se ‘nzora cu mammema e io pe’ te fa dispetto me marito cu ‘stu vecchio!

Ambrogio     (Ad Annella) Io te voglio bene, t’aggio cresciuta, e te voglio essere schiavo, no marito….

Porzia            (Speranzosa alla figlia) Allora, core ‘e mamma?

Annella         Ambrogio s’ammereta ‘na regina e io…

Totonno       (Tra i denti) Anné si asciuta pazza?

Annella         (In silenzio a Totonno) M’aggia vendicà

Porzia            Allora figlia mia?

Annella         Comme vulite vuje!

Totonno       (A parte) M’è’ acciso!

Ambrogio     (Felice) Allora vulimmo fa’ ‘na bella festa tutte ‘nzieme?

Porzia            (Raggiante) Si…si…

Ambrogio     Io manno a chiammà a Giuvanne: Io vaco a me priparà….Meniello nun po’ tardà, mo’ vene…(Via nella bottega)

Annella         (A parte) Comme arriva, ‘o scasso ‘a capa!

Totonno       (Cerca di convincere le due donne a non far sposare Annella con Ambrogio) Padrò, c’è pensato buono, chillo è viecchio e Annella è ‘na figliola…..

Annella         Fatte ‘e fatte tuoje, me ‘o voglio piglià vecchio e buono pecché aggio ‘a fa’ magnà ‘o limone a chi saccio io! (A parte a Totonno) e po’ faccio comme ‘e ditto tu…

Totonno       Ma io….

Porzia            Ma tu ‘e che te ‘ntriche…falla j’ a priparà e va a accattà tutte chello che t’aggio ditto! (Via nella taverna)

Annella         Si nun moro mo’, nun moro cchiù! (Segue Porzia)

Scena XXIX (Totonno – Meniello)

Totonno       Vide che guaio aggio combinato: aggio tradito a Meniello, arruvinata Annella, e aggio fatto prumettere Maria a chillu ‘nzallanuto e masto Giuvanne…E io nun aggio avuto chello ca vulevo….Vulesso truvà ‘na soluzione, ma che pozzo fa’? Chesta è ‘a vota bbona ca jesco pazzo!

Meniello        Totò’ sapisse dint’a quali e quanta guaje me trovo!

Totonno       Saccio tutte cose! Ma comme subito t’’e fatto  arravuglià a Porzia, nun putive tricà?

Meniello        Me so’ visto perzo e po’ cu Porzia se pazzea poco, che scusa putevo truvà?

Totonno       Nisciuna, ma ‘o peggio nun è chesto, pecché Annella s’è creduta ‘overamente ca te vuò ‘nzurà cu ‘a mamma e pe’ te fa’ dispetto s’è prumisa a Ambrogio!

Meniello        E che fele che me daje…ciorta canina, destino ‘nfamo, ‘e vinciuto tu!

Totonno       Che te sbatte a fa’, ‘e lacreme nun pavano ‘e diebbete! (A parte) Isso se lamenta e io jetto ‘o sango!

Meniello        Ma mo’ voglio parlà cu Annella, l’aggio ‘a spiegà comme so’ gghiute ‘e fatte! (Si avvia verso la taverna)

Totonno       Addò vaje, si asciuto pazzo, dinto ce sta ‘a mamma!

Meniello        E comme aggia fa’?

Totonno       Pe’ mo’ vattenne, nun te fa truvà e sta sicuro ca mettimmo tutto a posto!

Meniello        E si po’ Annella se marita cu’ Ambrogio?

Totonno       Mentre sta pe’ succedere tu tuorne e menammo pacchere, facimmo a vedé che ce appiccammo e nun facimmo succedere ‘o fatto…

Meniello        E po’?

Totonno       E po’ chello che vò ‘o cielo, pe mo’ avimmo ‘a piglià tiempo! Ma mo jammucenne, parlammo pe’ ‘a via, ccà nun stammo buone!

Meniello        Cielo fammene venì una bona! (Viano entrambi)

Scena XXX (Cosimo – Notaio)

Notaio           Dovete ringraziare vostro figlio, perché mi sono interessato di tutto per merito suo! Io non ho tempo da perdere, ho tanto lavoro e non capisco che siamo venuti a fare qui!

Cosimo         Ve l’aggio ditto: Meniello se ‘nzora cu‘ Porzia….

Notaio           E con questo?

Cosimo         Porzia nun è cchiù ‘na pullanchella e si vo’ a figliemo, m’hadda fa’ donazione ‘e tutto chello ca tene, e vuje avite ‘a fa’ ‘o cuntratto!

Notaio           A disposizione! Vi farò un contratto che sarà un capolavoro….Ora lo redigo, ho portato con me tutto l’occorrente…

Cosimo         Nutà e comme ‘a tirate ‘a luongo, si ‘o sapevo chiamavo ‘a n’atu paglietta….

Notaio           Ma qua’ paglietta, io sono un notaio e rispetto le leggi…-

Cosimo         E va buò, nun ve ‘ncazzate, facite ambresso…

                        (Si odono urla e rumori)

Notaio           Cosa succede?

Cosimo         ‘E guaglione, stanno tiranno ‘e prete a masto Giuvanne…

Notaio           (Cerca di intervenire per aiutare Giuvanne) Finitela delinquenti   Jatevenne!

Scena XXXI (Masto Giuvanne – Cosimo – Notaio)

Giuvanne     (Entra correndo) Aiutateme pe’ carità, me secutano! (Si rifugia nella taverna)

Cosimo         (Va verso il fondo e gridai) Jatevenne o ve ciacco!

                        (Fuori campo: fischi e pernacchi)

Notaio           Ma vedete che birbanti!

Cosimo         Mastu Giuvà, putite ascì se ne so’ gghiute!

Giuvanne     (Esce timoroso. E’ ben vestito) Site sicuro?

Notaio           Si potete uscire.

Giuvanne     Io nun ce ‘a faccio cchiù!

Cosimo         Comme staje vestito bbuono, me pare ‘nu signore!

Notaio           Effettivamente! Cosa volevano quei birbanti da voi?

Giuvanne     Stevo venendo ccà e l’aggio ‘ncuntrate….Uno ‘e lloro m’ha ditto: “Addò vaje accussì alliffato?” Aggio risposto: “Me vaco a ‘nzurà”  Allora se so’ miso a ridere, m’hanno vuttate ‘e prete e m’hanno secutato fino a ccà!

Cosimo         Addò li tenie stipate ‘sti belli vestite?

Giuvanne     E’ robba antica ca tenevo pronta pe’ quanno me ‘nzuravo!

Cosimo         Si ‘n’ommo ca tene giudizio, invece figliemo….

Notaio           Non lamentarti sempre…(A Giuvanne) I capelli però avresti potuto tagliarli!

Giuvanne     Mammà nun ha vuluto, diceva ca purtava malaurio|

Cosimo         ‘E fatto bbuono, accussì ‘e sparagnate ‘e solde d’o barbiere!

Notaio           Solo un pidocchioso come te può avere di questi pensieri!

Giuvanne     ‘O sapite ca me ‘nzoro cu’ Maria?

Cosimo         ‘E visto? Tu si’ ca faje ‘naffare, mentr’io…

Notaio           Scherza? Porzia sta molto bene a soldi: certamente aggiusta la casa e ve ne fa donazione! Non proceda col matrimonio se prima non si stipula…

Cosimo         O che? Nun ‘o faccio manco accustà alla taverna a Meniello!

Notaio           Ovvio, ma tutto con civiltà, mi raccomando!

Giuvanne     Avisseve visto Ambrogio?

Notaio           Non l’abbiam visto, mio caro!

Giuvanno     Me sento ‘e scennere ca succede quacche ccosa, nun me va niente bbuono, nun tengo furtuna!

Notaio           La fortuna quando non viene bisogna cercarla

Giuvanne     E io’o faccio! (Canta)

Furtuna

Testo e musica di Umberto Castaldi

Furtuna…furtuna,

io te chiammo ogni matina,

si me lavo, si me vesto

si me cagno ‘e panne ‘e line….

Ma tu niente si’ sorda e nun rispunne,

tutte ‘e speranze mie, m’’e vutte ‘nfunno!

Io te vulesse ccà,

io te vulesse ccà,

io me vulesse

‘fronte fa’ vasà…

ma niente, nun rispunne

a chistu strazio….

E’ certo t’arrecrie,

ne pruove sfizio!

Furtuna…furtuna,

io lo so tu sei bendata,

ma cu’ mmè, ma che truvata

ll’uocchje ‘e tiene fravecate….

E pirciò me lieve pure ‘o sfizio

‘e te mannà uno schizzo in orifizio….

Io te vulesse ccà,

io te vulesse ccà,

io te vulesse ccà

pe’ te struppià….

Ma tu perché sei tu,

sei affortunata,

così la mia intenzione

hai camuffata!

Furtuna…furtuna…

Si nun viene faccio ‘o pazzo

E po’ faccio arrevutà

Tutta ‘a piazza e ‘stu palazzo….

E si pure cu’ ‘e guardie vieni adesso,

senza pensà, te lavo ‘a faccia ‘o stesso!

Giuvanne     Nutà si ‘nun l’avite capito, chella ‘a furtuna me schifa!

Tutti                           (Solo fuori con le teste dalle quinte) Nun solo ‘a furtuna!

BUIO

Fine atto primo

Atto secondo

La stessa scena del primo atto

Scena I ( Ambrogio –  Giuvanne – Cosimo – Notaio- poi ‘Ntunetta)

(Dal fondo entra un gruppo di ragazzi che canta)

A PIEREROTTA

Testo e musica di Umberto Castaldi

Chesta sera e tutta ‘a notta

ce ne jammo a sfrennesià,

pe’ cantà cu’ tutta ‘a voce

quanto é bella ‘sta città!

Cu ‘a trombetta e ‘o cuppulone,

nuje turnammo mo’ guaglione

e facendo ‘o votta votta,

l’alleria mo’ certo sbotta!

Cu ‘nu triccheabbalacche e ‘o putipù,

stasera jammo a ballà addò vuò tu,

‘na tarantella, ca pe’ nuje sarrà,

cumpagna allera pe’ l’eternità,

ca po’ aiutà, a cchiù niente pensà!

Chesta sera e tutta ‘a notta

Ce ne jammo a spuntà ‘a ciorta….

Nuje vulimmo cantà,

nuje vulimmo abballà,

ce vulimmo spassà!

Giuvanne     (Entra dal fondo) Guardate comme se divertono e io tengo ‘a morte dint’o core!

Cantanti        (Lo vedono e gli fanno girotondo intorno) Giuvanne s’è nnammurato  e sta tutt’alliffato , ma essa nun ‘o vò e mo’ sta ‘ntussecato! (Fischi pernacchi)

Ntunetta       (E’ la mamma di Giuvanne) Uhè caliote, lassate sta ‘o creature mio!

Cantanti        (Vanno via Cantando) Giuvanne …….

Ntunetta       (Al figlio) Che t’hanno fatto?

Giuvanne     Me cuffeano!

Ntunetta       E fanno bbuono, pecché nun si capace e te truvà ‘na mugliera

Notaio           (Entra dal fondo  sul finire della canzone. A Giuvanne ) Mio caro, stia allegro, vede come i giovani si divertono! Cosa è successo, perché è così triste?

Ntunetta       Pecché è nnammurato e se vo ‘nzurà…

Giuvanne     Me so’ vestuto, me sento ‘nu lione e nun riesco a parlà cu’ Ambrogio!

Notaio           (Lo vede che viene dal fondo) Eccolo che arriva

Ambrogio     (Dal fondo) Buongiorno e salute! (Vede ‘Ntunetta) Onna ‘Ntuné beato chi ve vede, state accussì bella ca parite ‘na figliola!

Ntunetta       (Lusingata) Se, me vulite cuffià, tengo ‘e figlie ca se ‘nzorano e so’ figliola?

Ambrogio     (Galante) Veramente parite vuje ‘na sposa!

Giuvanne     (Ad Ambrogio) Buongiorno don Ambrò, ve vulisseve spusà a mammà?

Ambrogio     Figlio mio bello, me facesse piacere pecché è ‘na bella femmena, ma ‘o ssaje ca ‘o core mio è de n’ata!

Ntunetta       E io rimango a spasso! Pacienza!

Ambrogio     (A Giuvanne) Ma comme staje alliffato, ‘a quanno si venuto?

Giuvanne     So’ venuto, nun v’aggiu truvato, me ne so’gghiuto, so’ turnato! A chiammà me avite chiamato e subito so’ arrivato!

Ntunetta       Pareva ‘nu strummolo: annanze, areta, nun s’è fermato ‘nu mumento, me ha fatto girà ‘a capa!

Giuvanne     (Esaltato) Appena me ‘nzoro allora si c’aggio ‘a fa’ ‘o strummolo!

Ntunetta       (Ride) L’intenzione so’ bone, biata ‘a mugliera! Cu ‘o permesso vuosto io mo me ne vaco: tengo ‘e figlie ca so’ zetelle e nun ‘e pozzo lassà sole tantu tiempo. (A Giuvanne) Tu vide ‘e fa ambresso e nun te arriterà senza ‘a mugliera, si no te spacco a capa! (A Tutti) ‘A bona grazia vosta, bona jurnata a tutte quante(Via dal fondo!

Cosimo         Ambrò, aggio parlato cu ‘o nutaro pe’ fa ‘o strumiento…

Ambrogio     E avite fatto buono…So’ contento quanno pozzo fa’ bene all’ amice!

Notaio           E così avrò l’onore di redigere gli atti del matrimonio del signor Giuvanne con vostra figlia, Maria!

Ambrogio     Nutà, però m’arraccumanno…(Fa cenno ai soldi)

Cosimo         ‘O nutaro è n’amico, fa tutto chesto senza interesse!

Notaio           (A parte) Io po’ magno ‘e grazia!

Ambrogio     (Mostra uno scatolino) Nutà, vedite si m’anno fatto fesso, ‘o voglio rialà alla mia sposa!

Cosimo         Pure tu te ‘nzure?

Ambrogio     Me ‘nzoro!

Giuvanne     Io pure aggio accattato ‘nu rialo pe’ Maria mia!

Notaio           Cosa hai comprato?

Giuvanne     Dudice muccature!

Notaio           (Divertito)  Murice afzzulette? E basteranno per  asciugare tutte le  lacrime che verserà per averti sposato?

Giuvanne     Si chiane è pe’ felicità felicità!

Notaio           Piuttosto parliamo d’altro: Il signor Carminiello non è ancora venuto!

Cosimo         S’è gghiuto a cagnà…chisto è ghiurno è festa, pensammo a ce divertì….’e ‘nteresse nun contano…

Notaio           Viva la vostra magnanimità…ma perché non chiamiamo la signorina Maria, così incominciamo a scrivere qualcosa e guadagnamo tempo!

Ambrogio     Comme vulite….(Chiama) Maria, Maria figlia mia, scinne!

Scena II (Maria – Ambrogio - masto Giuvanne – Cosimo – Notaio)

Maria             (Si affaccia) Che d’è?

Ambrogio     (Contrariato) Ma comme, ancora te ‘a priparà?

Maria             (Indifferente) Nun tengo niente a fa’…..

Ambrogio     Ca’ sta ‘o  ‘o nutaro c’adda fa’ ‘e strumiente pe’ Meniello, pe’ te e pe’ mme!

Maria             Pure pe’ te? Pecché?

Ambrogio     Me ‘nzoro cu Annella!

Giuvanne     (A Maria) Mo che v’addevento marito, nun me avite alluccà cchiù!

Maria             Se sape!

Notaio           Che vogliamo fare?

Giuvanne     Marì scinne, tengo tanta riale pe’ te: mammà e le sorelle te mannano sti’ lacce pe’ ‘o busto e ‘stu fuso! Io po’ t’aggio accattate ddudice muccature!

Maria             (Sfottente) Obbligata, me ‘e daje quanno scengo!

Giuvanne     (Mesto) Comme vuò tu! (Resta impalato)

Ambrogio     Chiammammo Porzia e Annella…scinne Marì!

Maria             Me vaco a priparà. (Entra)

Cosimo         Jammo, facimmo ambresso ca ogge nun aggio vennuta ‘na castagna!

Ambrogio     Si nun vene Meniello nun putimmo fa’ niente!

Notaio           (Guarda verso il fondo) Sta arrivandoanche Meniello….(Verso la taverna) Porzia venga, venga con Annella, siamo tutti qui per servirla!

Scena III (Meniello – Totonno – Ambrogio) - Giuvanne – Cosimo – Notaio)

Ambrogio     (A Meniello) Finalmente si’ arrivato!

Meniello        So’ gghiuto ‘o mercato cu’ Totonno! (A parte a Totonno) Porta ‘a rrobba dinto e tuorne ambresso c’avimmo ‘a fa chello ca saje!

Meniello        (Tra sé) Io sicuro ca moro si veco Annella mia vicino a chisto.

Totonno       (Uscendo dalla taverna a Meniello) Vedimmo comme va a fernì!

Scena IV

(Porzia –Meniello–Totonno– Maria - Ambrogio– Giuvanne – Cosimo – Notaio)

Porzia            (Dal balcone butta dei confetti)

Giuvanne     Chi mena ‘e Prete? (Cerca riparo)

Ambrogio     Quali prete, so’  cunfiette, ‘e sta menanno Porzia!

Notaio           Evviva e lunga vita alla signora Porzia!

Porzia            Vita longa e salute a tutte quante, mo scenno!

Cosimo         (Si abbassa a raccogliere i confetti)

Meniello        Papà, che facite?

Cosimo         Vanno sotto ‘e piede, se scamazzano, è peccato!

Porzia            (Esce dalla taverna con Annella)

Notaio           Come sono belle mamma e figlia!

Meniello        (A parte a Totonno) Totonno mio, sto tremmanno…

Totonno       (A parte a Meniello) Fatte coraggio ca si te avvilisce è peggio!

Scena V

(Porzia – Annella -  Meniello – Totonno – Ambrogio – Giuvanne - Cosimo – Notaio)

Porzia            Benvenute a tutte quante (Ad Annella) Viene figlia mia! Allora nutà vulimmo j’ ‘a via ‘e coppa?

Cuosemo     Pecché, stammo accussì bello ccà!

Notaio           Ma non mi sembra opportuno fare una scrittura qui, all’aperto!

Porzia            Quale scrittura?

Notaio           Senta mia cara, quando si appronta un matrimonio, si fa il contratto, per meglio tutelare le parti!

Porzia            Allora facimmo ambresso…Totò, caccia ‘e segge!

Totonno       (Esegue e tutti prendono posto intorno al tavolo)

Notaio           Chi ha da dire qualcosa lo faccia adesso che dopo dobbiamo scrivere!

Ambrogio     (Ad Annella) Annella mia pigliate ‘stu rialo ca te dongo ‘nzieme a l’ammore mio!

Annella         (Fredda) Grazie, me ‘o piglio quanno saglimmo ‘ncoppa!

Notaio           (A Giuvanne) Se ti togli davanti e finisci di fare il mamozio, io vorrei cominciare!

Giuvanne     (Si scosta) Facite ‘e fatte vuoste!

Notaio           (Apre le carte) Sono qui presenti i signori Cosimo e Carmine….il cognome?

Cosimo         Guallecchia!

Notaio           (Scrive) Il signor Cosimo e Carmine Guallecchia da una parte e dall’altra la signora Porzia….Porzia…comme s’appella?

Porzia            Mo’ sta bona, ma ‘a piccerella aggio avuto ddoje vote certe macchie rosse accussì grosse?

Notaio           E che c’entra?

Porzia            Vuje avite ditto comme sta a pella?

Notaio           Nossignore, ho chiesto come s’appella, cioè come vi chiamate di cognome?

Porzia            Oh nutà, scusateme…..Chiaccolla, Porzia Chiaccolla!

Notaio           (Scrive) Porzia Chiaccolla vedova del defunto….(A Porzia) suo marito?

Porzia            Meniello Guallecchia…

Notaio           (Sempre scrivendo) Vedova di Meniello Guallecchia, suo primo marito….

Cosimo         Qua’ primmo marito? Meniello nun l’ha ‘nzurata ancora, (Indica Meniello) Meniello è chisto!

Notaio           Corpo del diavolo, mi avete fatto sbagliare! Io chiedo il nome del defunto e voi mi rispondete Meniello!

Porzia            (Ingena) Pecchè, nun è Meniello ‘o marito mio?

Notaio           Ma io dico il defunto…’o muorto..

Meniello        (Fa scongiuri grattandosi le parti basse)

Porzia            E che ne saccio, chillo è muorto!

Notaio           (A parte) A te e a tutta ‘a razza toja!

Ambrogio     Ccà facimmo notte!

Totonno       E accussì ce jammo a cuccà…

Giuvanne     Nuje tenimmo che fa’…

Cuosemo     Nutà, tagliate a curto…

Notaio           Ma miei cari, noi dobbiamo andare cauti, bisogna fare attenzione a ciò che si scrive, si tratta di donazione….

Porzia            (Sospettosa) E chi ‘adda fa’ ‘a donazione?

Cosimo         Tu! ‘E ditto ca si te devo a figliemo, me facive donazione ‘e tutte ‘e cose ca tiene: ‘a taverna, ‘o mobilio, oro, argento…..

Porzia            …’e palazze ‘e casa….’e brillante…..’e lenzola……(A Cosimo) ‘E mutande m’è pozzo tenè?

Annella         (Segue interessata tutta la conversazione dimostrando segni di incredulità e contrarietà e ogni tanto fa uno sguardo d’intesa con Maria)

Cosimo         (Ad Ambrogio) Tu m’è ditto ca si Meniello se ‘nzurava a Porzia chesta me metteva tutto cose ‘nfaccia….

Ambrogio     Aggio ditto ca’ puteva essere…..

Cosimo         Ah, puteva essere? Susete Menié, jammucenne…

Porzia            Addò vaje, aspettate, ragiunammo…Vuje che dicite, nutà?

Notaio           Io direi….lei è vedova, si vuole maritare….é giusto fare delle sue cose atto di donazione a suo marito…

Cosimo         A qua’ marito! M’hadda mettere tutte cose ‘nfacci’ a me!

Annella         E io ‘nfaccia te metto ‘emane una ‘a vota e  tabboffo ‘e pacchere!

Porzia            Tu che ce azzicche?

Annella         Comme,  te vuò accattà ‘o maretiello cu ‘a rrobba mia?

Porzia            Toja?

Annella         Se sape…Tutte chello ca sta ccà dinto è tutta rrobba ‘e patemo che l’ha lasciata a me, pecché tu nun purtaste nisciuna dota! Mammà si vuole sposare e io pavo! (Agli altri) Mo si nun ve ne jate, ve ciacco a uno a uno!

Totonno       (A Meniello) E cose se metteno bbone!

Meniello        (A Totonno) Comme vulevemo nuje!

Annella         Vi’ comme l’avevano pensata bella! (A Cosimo) Mammà ti può fare donazione sulo d’a ….(Si interrompe) Vide che me stevano facendo dicere!

Porzia            Anné , mo’ ‘e parlato assaje…

Annella         E tu po’ quanno pigliave e dunave….’a rrobba mia!

Porzia            ‘A toja?…Mo te faccio vedé: nutà, scrivite…

Annella         Nun scrivite niente ca ve spacco ‘a capa!

Notaio           (A Porzia) E no mia cara, io non scrivo se prima le parti non concordano!

Cosimo         ‘Nce sta ‘stu poco sotto? Meniè, aizate e gghiammucenne….

Totonno       (A Meniello) Approfitta, sosete e vattenne…

Meniello        Jammuncenne! (Via dal fondo col padre)

Porzia            (Cerca di avventarsi su Annella) Siente, nenné…

Ambrogio     (La trattiene) No Porzia fermete, cala la mano…

Porzia            ‘A calo, ma ‘nfaccio a essa

Ambrogio     E vi si ‘a fernesce…

Porzia            Ambrò, fatte ‘e fatte tuoje!

Totonno       Padrò calmeteve e pure tu, Annè…

Annella         Che m’aggio a calmà, voglio primma ‘a dota mia….

Notaio           Io me ne vado, ancor oltre non voglio assistere alle liti di queste zandraglie!

Giuvanne     Nutà aspettate,  ce sta ‘a fa ati cose….

Notaio           Venite allo studio….allo studio …(Via)

Giuvanne     (Piagnucola) Se n’è gghiuto e(Forte) Marì ununé venuta…..

Ambrogio     Puozze jettà ‘o sango tu e essa! (Ad Annella) E tu nun te ne vaje?

Annella         E’ meglio ca me ne vaco ….(Via nella taverna)

Porzia            (Fa per avventarsi su Annella) Aspetta ‘nu mumento, quanno te scippo ‘a faccia!

Ambrogio     (La mantiene) E ferniscela, che vuò fa’, ‘a vuò accidere?

Totonno       Padrò calmateve…

Porzia            Lievete ‘a nanzo, si no accumencio a te struppià a te! (Via nella taverna)

Ambrogio     Ma si, accediteve…(Via dal fondo)

Giuvanne     E’ meglio ca vaco a dicere tutto a mammà e a li sorelle….staranno ‘mpenziero…(Piagnucola) E mo’ ‘e muccature che me ne faccio? (Via correndo)

Totonno       (Rimasto solo) E chi se ‘o credeva, meglio ‘e chesto nun puteva fernì! (Via dal fondo)

Scena VI (Annella prima da sola canta,  – Ambrogio)

Annella         (Esce dalla taverna). Comme so’ sfortunata… Avesse essere felice!  L’ammore pe’ Meniello m’ha dato (Mostra la pancia) ‘a cosa cchiù bella ca ‘na figliola po’ avé da ‘o nnammurato e invece…Doppo chello ca è succiesso chi ‘o ssape si ‘o ‘o pozzo ‘ncuntrà…a sulo a sulo! ’O vulesse sentì ‘e dicere ca me vò bene….E si nun me ‘o dice isso, ce ‘o dico io, ma, chi me po’ aiutà?(Pensa, poi raggiante) Napule, si Napule!

(Canta)

NAPULE MIA NUN FA’ ‘A DISPETTOSA

(Testo e musica di Umberto Castaldi)

Quanno ‘o destino vo’ ca  ce ‘ncuntrammo

a sulo a suolo le vulesse di

Pecchè me sta ‘nzerrato dint’o core ,

ma chi m’aiuta pe’ ce ‘o fa capì?

Napule mia nun fa’ ‘a dispettosa,

quanno me vide sola nzieme a isso,

facce sent’ cu’ ‘a voce d’’e sirene

a chiù bella canzona ca saje tu;

facce sentì dint’all’aria ‘nu prufumo

‘e mille sciure comme ‘ primmavera

miettece ‘ncielo cu’ ‘nu quarto ‘e luna

‘na chioppa ‘e stelle argiento pe’ sunnà!

Napule mia e famme stu favore

Aiutame a parlà sulo cu ‘o core:

e quanno dint’alluocchie

‘o guardo e l’addimanno si me vo bene

fa’ che l’ammore mio risponne si!

(Continua a sparecchiare) Ma forse sto sunnanno! Mammà è nnammurata e Meniello e se ‘o vo spusà! Isso nun dice no e io che pozzo fa? Mo’ comme stanno ‘e ccose vaco d’a vammana pe levà  (Si tocca la pancia) tutte cose ‘a miezo (Piange) No, comme ha ditto Maria ‘nu criaturo ‘e n’anema ‘e Dio e nun l’aggio accidere! (Risoluta) Si nun pozzo avé a Meniello l’unica soluzione è chella ‘e me ‘nzurà cu Ambrogio: chillo è vecchio e nun le parrà ‘overo ‘e puté dicere che aspetta ‘nu criaturo ‘a ‘na figliola. (Pensa) Però si mammà nun fa donazione d’e cose noste a Cosimo, Chillu nun ‘a fa spusà ‘o figlio e pozzo sempe sperà…

Ambrogio     (Uscendo) Bene mio che faje cà sola sola?

Annella         Niente, ma visto ca staje ccà, dimme, ma tu ‘overo me vuò bene?

Ambrogio     E ‘o dice pure?

Annella         Allora, si veramente me vuò bene, me fa’ avé chello ca me spetta d’a fatica ‘e patemo.

Ambrogio     (Sentimentale) E a che te serve, visto ca solo tu si’ ‘nu tesoro!

Annella         (Tra sé) Chisto overo è scemo! (ad Ambrogio) Ma tu me vuò pe’ mugliera?

Ambrogio     Me faciarria taglià ‘a capa pe’ te!

Annella         (Tra sé) E facisse ‘a meglia ‘ngarrata! (Ad Ambrogio) E tu permiette ca chello ca me spetta se ne vedono bene ll’ate?

Ambrogio     Quanno aggio avuto a te, nun voglio niente cchiù!

Annella         Allora me ‘a fa cuntenta, me ‘a fa rispettà (IInvitante) Si’ l’ommo mio?

Ambrogio     (Impettito) Se sape, e pe’ te me jetto dint’o ffuoco.…C’aggia fa?

Annella         ‘E a cuntrastà ‘a donazione ca vo fa’ mammà!

Ambrogio     Sta senza pensiero, me ‘o veco io! (Cambia tono) ‘A quanno ‘e ditto ca so’ l’ommo tuojo me sento ‘o sango ca volle dint’e vene!

Annella         (Tra sé) Puozza fa’ una lampa! (Ad Ambrogio tenera) E ‘stu ffuoco me farrà appiccià pure a me pe’ te!

Ambrogio     (Fanciullescamente) So’ ll’ommo cchiù felice d’o munno….

Annella         ‘E allora ‘e fa felice a me…

Ambrogio     Nun te ne ‘ncaricà, vita mia ….me ‘o veco io!

Annella         Allora io vaco! Statte bbuono (Si gira per entrare nella taverna) Vedimmo si ce riesco   (Via nella taverna)

Scena VII (Ambrogio – Cosimo)

Ambrogio     Mo’ accummencio a le mettere ‘a pulice dint’a recchia a Cuosemo! (Lo chiama) Cuosemo…Cuò…

Cosimo         (Uscendo) Ch’è stato, che vuò?

Ambrogio     Taggia dicere ‘na cosa ‘mpurtante.

Cosimo         E parla…Accuostete, viene ca pe’ tramenta io monno ‘e castagne…

Ambrogio     Me so’ ‘nfurmato, Annella ave ragione….Porzia tene cchiù diebbete, ca capille…..  nun è padrona ‘e niente!

Cosimo         ‘A sotto! E tu me vulive fa’ ‘nzurà cu ‘e diebbete?

Ambrogio     E io che ne sapevo? Pure io me vulevo piglià ‘a figlia!

Cosimo         E mo’ nun te ‘a piglie cchiù?

Ambrogio     Arrassusia! Si asciuto pazzo….si nun ce sta niente?

Cosimo         Mo me stevo jettanno a mare io sulo…..

Ambrogio     Totonno e Porzia stanno jenno tuorno tuorno ‘nzieme chissà pe’ quale ‘mbruoglio….Accorto a te! (Via)

Cosimo         (Vede da lontano Porzia e Totonno) E se sape! ‘E bbi lloco, stanno venenno! (Si apparta)

Scena VIII (Porzia – Totonno - Cosimo)

Porzia            ‘O nutaro ha ditto ca tutto chello ca ce sta ccà dinto, nun abbasta manco pe’ ‘a dota mia!

Totonno       (Riferendosi alle forme di Porzia) Vuje tenite ‘stu ppoco ‘e robba, ato che dote! Site ‘na bella femmena!

Cosimo         (A parte) Vide comme vanno d’accordo…

Porzia            Nun è ca so’ ‘sta bellezza, ma dint’e vene ce tengo ‘o sango…

Cosimo         (Tra sè) Sango ‘e pimmice!

Totonno       Sango, bellezza e grazia…

Cosimo         Ih che farenella…..

Porzia            (A Totonno) Mo me vuò cuffià? Quann’ero figliola allora si ca facevo avutà ‘a capa ‘a gente.

Totonno       ‘O saccio, ‘o saccio…..ma mo jatevenne a repusà ‘nu poco, ve veco stanca….

Porzia            Aggio ‘a parlà primma cu Cuosemo, si no chi arreposa…(Si gira, lo vede) Ah Cuosemo, bonasera!

Cosimo         Servo vostro…

Porzia            Dimanda a Totonno che ha ditto ‘o nutaro…..Caposè’, dincella, parla….

Totonno       ‘A padrona po’ fa’ chello ca vo’…

Cosimo         All’ossa soje…Aggio ‘ntiso tutte cose,….tenite ‘a faccia d’e corne vecchie!

Totonno       Nun parlammo ‘e corna mo…..

Porzia            Cuò, povera a me….

Cosimo         ‘E che te lamiente…(Mostrandola) Tiene sti dote…..Ma ‘a figliemo nun te ‘o dongo……Nun me ‘a faje….Vuleva ‘a figliemo…seh….(Via in casa)

Scena IX   (Porzia – Totonno)

Porzia            Totò, io mo’ moro…(Barcolla) Me sento ‘e venì meno…

Totonno       (La sorregge) Assettateve....e po’ nun ve preoccupate, ce sto ccà io…..

Porzia            E che può fa? Chissà comme ha saputo….

Totonno       Che ve ne ‘mporta, ‘o vulite a  Meniello?

Porzia            Se sape, si no me dongo fuoco!

Totonno       ‘O ffuoco astipatelo pe quanno state cu isso….!

Porzia            ‘E quanno? ‘E ‘ntiso ‘o pato?

Totonno       Che ve ne ‘mporta, nun ve avite piglià a isso! Meniello ve vo’ bene e si facite comme dico io, cuffiate ‘o pate, e a tutto ‘o munno e Meniello è ‘o vuosto!

Porzia            (Decisa) Che aggio ‘a fa’?

Totonno       Stateme a sentì: Meniello sta suffrenno pecché ve vo’ e io l’aggio prumiso ca l’aiuto….

Porzia            (Contenta) Me vo’, e allora?

Totonno       (Grave) Mo ve arretirate, jate dint’a stanza vosta, ve spugliate, e ve ne jate a cuccà…..

Porzia            (Delusa) M’addormo e me ‘o sonno a Meniello….

Totonno       Nossignore…Appena ve site spugliata arapite ‘a fenesta…

Porzia            E me votto abbascio!…Ma che staje sfrennesianno?

Totonno       E vedite si me fa parlà…..Arapite ‘a fenesta, ve jate a cuccà e…tutt’a na’ botta ve vedite a Meniello annanze….

Porzia            E me piglia ‘na mossa…Ma che tiene ‘a bacchetta magica?

Totonno       Nossignore….Pecché trase pe’ ‘a funesta….

Porzia            Tene ‘e scelle?

Totonno       Nossignore…Saglie cu ‘na scala ca io metto ‘nfaccio ‘o muro….

Porzia            Ah…..e po’?

Totonno       E po’ quanno sta dint’a stanza vosta, ‘o sango ve volle….isso sta già ’nfucato e ‘o fatto è fatto!

Porzia            ‘Overo? E  l’onore? N’ommo dint’a stanza mia primma ca m’è marito? Me vuò mettere  ‘o scuorno ‘nfaccia?

Totonno       Fosse scuorno si ve ‘o purtasseve vuje dint’a stanza vosta, ma è isso….saglie cu ‘a scala, trase pe ‘o balcone, ve ‘o truvate annanze e che puite fa’?

Porzia            Niente, ‘a carne è carne….

Totonno       E ‘o fegato è fritto!

Porzia            E accussì l’onore…

Totonno       E’ salvo…..Niente avite potuto fa’ contro ‘a forza ‘e ‘nommo! Doppo ve ‘o spusate, v’é marito e nisciuno tene a dicere niente cchiù!

Porzia            Se po’ fa’…. E Meniello?

Totonno       Nun vede ll’ora…Pe vuje se jettarria dint’a ‘nu puzzo….

Porzia            No, è meglio dint’o lietto mio! (Sospira) Ah…Io mo’ vaco…me voglio prufumà sana sana…..Ah….(Via nella taverna)

Totonno       Ih comme sta ‘nfucata!…E mo’ comme aggio ‘a fa? Aggio ’a truvà a Meniello….l’aggia convincere…...(Via dal fonfo)

Scena X (Masto Giuvanne – Notaio)

Giuvanne     (Entra dal fondo con il notaio) Mammà quanno so’ turnato a casa senza mugliera, m’ ha fatto ‘na bona mazziata a soddisfazione, m’ha levate ‘e vestite buone, me n’ha cacciato d’a casa e ha ditto ca si nun torno cu ‘na mugliera nun m’aggia fa’ fa’ vedé cchiù.

Notaio           Niente altro?

Giuvanne     No, ce sta ‘o riesto: pe’ gghionta ‘e ruotele m’ha rignuto ‘e maleparole! Vedite che gguajo c’aggio passato!…(Piange) Ih..ih…ih..(Urla) C’aggia fa?

Notaio           (Sobbalza) Jette ‘o sango!

Giuvanne     Neh notà’…

Notaio           E tu m’allucche dint’e recchie!

Giuvanne     (Con tono basso) C’aggia fa?

Notaio           (Con lo stesso tono) E io che ne saccio? (Cambia) Non so proprio cosa consigliarti, mio caro!

Giuvanne     Ah, nun ‘o sapite? Primma m’avite miso dint’e guaje…(Piange)

Notaio           Io non c’entro proprio niente!

Giuvanne     Comme? Ve ne site juto….(Strilla) m’avite lassato sulo…(Piange)

Notaio           N’ata vota mo’….E non piangere, perché è vergognoso alla tua età!

Giuvanne     Avite ragione, (Strilla) Ma che pozzo fa’?

Notaio           (Urla anche lui) Primma cosa nun è alluccà….Me fanno male ‘e rrecchie!

Giuvanne     (Fanciullescamente) Nun ‘o faccio cchiù ve ‘o prometto, ma vuje nun me lassate sulo! (Gli prende un braccio)

Notaio           Vedite che guaio c’aggio passato…E lieveme ‘e mano ‘a cuollo, me pare ‘na zecca!

Giuvanne     Allora c’aggia fa’?

Notaio           Aspetta che venga Ambrogio e portalo da me!

Giuvanne     (Smarrito) Ve ne jate?

Notaio           Si, vado a casa, ti aspetto llà!

Giuvanne     No, vuje nun ve ne jate si nun me date ‘na mugliera…

Notaio           Mo’ vaco a ‘o mercato e te l’accatto!….Addò ‘a piglio?

Giuvanne     Nun ‘o ssaccio, ‘o nutaro site vuje! (Si aggrappa al braccio)

Notaio           Lasciami, che si rompe la giacca (Cerca di liberarsi)

Giuvanne     No, nun ve lasso! (Tira la giacca che si rompe)

Notaio           Mo’ te scummasso ‘e sango….Si’ proprio ‘na bestia!

Giuvanne     Nun ve pigliate collera, mo’ chiammo a Maria e ve ‘a faccio accuncià!

Notatio          E sbrigati animale!

Giuvanne     (Chiama) Maria…Maria!

Scena X I (Maria – Notaio – Giuvanne)

Maria             Chi è (Esce) Ah site vuje, nutà’!

Notaio           Cara signorina Maria.

Maria             Che vulite?

Notaio           Il vostro caro futuro sposo, per evitare che andassi via, mi ha trattenuto con molto garbo animalesco, pigliandomi pe’ ‘a giacca, che si è rotta!

Maria             (Ride) Ah…Ah….

Notaio           (Contrariato) E faciteve ‘na resata pure ‘nfaccio ‘o ca…ppiello!

Maria             Scusateme….ma che vulite ‘a me?

Notaio           Un po’ di filo nero…..

Maria             ‘O tengo janco….

Notaio           ‘O filo janco ‘nfaccio ‘a giacchetta nera?

Giuvanne     Va buono, pecché doppo ‘o tegnite cu ‘a gnostra!

Notaio           (irato) Mo te tegno ll’uocchie nire e no cu ‘a gnostra

Maria             Che ve ‘nquartate a fa’, sapisseve quanno giacchette ‘e paglietta aggio arrepezzato cu ‘o cottone janco…

Giuvanne     E io po’ aggio tignuto cu ‘a gnostra!

Notaio           Giacche di pagliette, non di notai! E’ meglio ca me ne vaco! (Via fondo)

Giuvanne     Aspettate, nun me lassate, vengo cu vvuje! (Lo segue)

Maria             Quanno so’ quequere, parono don Titto e ‘o cane! (Ride) Ah…ah..

Scena XII (Meniello – Totonno – Maria)

Maria             Va truvanno pecché Giuvanne sta azzeccato cu ‘o nutaro e nun ‘o vo’ lassà!

Meniello        (Entra dal fondo seguito da Totonno)

Maria             Famme sentì che diceno ‘sti dduje. (Entra in bottega, poi fa capolino dalla finestra)

Totonno       Allora che vuò fa’?

Meniello        L’uovo, che pozzo fa’? M’accido…’E cose se so’ ‘mbrugliate assaje e nun se ponno sbruglià cchiù!

Totonno       Si me staje a sentì, Annella è ‘a toja!

Menniello     E comme? Parla!

Totonno       Porzia sta tutta ‘nfucata pe’ te e io  pe’ a fa sta cuieta, l’aggio ditto ca stasera te faccio saglì p’a funesta dint’a stanza soja accussì la comprometti e pateto, vo o nun vo’ te l’adda fa’ spusà….

Meniello        Ah, aggio capito…ascussì Annella, sempe si nun m’accide primma, m’ddiventa figlia e no mugliera! Tu ‘e perze ‘e cervelle!

Meniello        Nossignore, aggio fatto tutto chesto pe’ fa’ accuità a Porzia, e mo’ si me staje a sentì, Annella sarrà ‘a toja!

Meniello        Dateme n’ata capa…io traso dint’a stanza ‘e Porzia ‘e notte e me sposo cu Annella?

Totonno       Uffà! T’aggio cuntato chello c’aggio ditto a Porzia, ma no chello ca faccio!

Meniello        (Paziente) Che faje?

Totonno       ‘A scala ‘a metto pe’ te fa’ saglì dint’a stanza d’Annella….

Meniello        (Interessato) E po’?

Totonno       E po’ te l’aggio a dicere io chello che ‘e ‘a fa?

Meniello        E si Annella nun vò’?

Totonno       Te vaje a ghittà a mare…Ma comme nun vò, chella te vo bene e po’ ‘e ‘a sapé tu comme ‘e ‘a fa’ pe’ ‘a convincere….

Meniello        Nun ‘o saccio si ne so’ capace…

Totonno       Ma nun fusse bbuono? Allora primma ‘e te jttà a mare, miettete ‘na preta ‘nganno! Io me ne vaco….

Meniello        No, nun me lassà….si nun ce sta ato ‘a fa’, faccio comme dice tu!

Totonno       Finalmente! Mo’ vattenne, fatte ‘nu bello quartino ‘e vino pe’ piglià curaggio e aspettame ‘o puntone ‘o vico e lassa fa a me!

Meniello        Sto dint’e mane toje, io vaco! (Via fondo)

Totonno       Caro Meniello, t’aggio fatto sale e pepe: te cride ca te faccio saglì dint’a stanza d’Annella, ma primma te ‘mbriaco e po’ te faccio saglì dint’a camera ‘e Porzia, accussì tu te piglià ‘a vecchia e io Annella! (Via nella taverna)

Scena XIII (Maria – Porzia)

Maria             (Dalla finestra) ‘E capite a ‘stu ‘mbruglione? E’ nnammurato ‘e Annella e vo fa’ scemo pure ‘o compagno suojo! Mo l’acconcio io pe’ feste… (Chiama) Donna Porzia, donna Porzia….

Porzia            (Esce dalla Taverna) Che d’è Marì?

Maria             V’aggio ‘a parlà, aspettate ca mo scengo…(Via)

Porzia            Che vò mo chesta ‘a me? Io tengo’o core dint’o zucchero pe chello c’adda succedere stanotte …..(Brivido) Br…Me sento ‘e friccichià tutta quanta….(Trema)

Maria             (Esce) Che d’è donna Po’ ve sentite male?

Porzia            No, niente…Marì che buò, spicciate che tengo che fa’!

Maria             (Tendenziosa) V’avite appriparà pe’ stanotte?

Porzia            (Sorpresa) Che vaje dicenno? E po’ che ne saje?

Maria             Pe’ combinazione aggio ‘ntiso a Totonno ca parlava cu Meniello…

Porzia            Pe’ combinazione?

Maria             E se sape, pe’ chi me avite pigliata, pe’ ‘na ‘mpechera?

Porzia            Noo, e allora, parla!

Maria             Aggio ‘ntiso a chillu ‘nfamo ‘e Meniello….stanotte adda trasì pe’ ‘o balcone, dint’a camera vosta…

Porzia            (Toccata) Qua’ balcone…qua’ camera..

Maria             Chili duje fetente se so’ mise d’accordo che ‘a scala ‘a mette sott’o balcone d’Annella accussì chello ca ve aspettate ca succede cu vuje, succede cu Annella e vuje restate diuna, morta e famme e cu’ ‘a vocca asciutta!

Porzia            (Irata) ‘A vocca me ‘a nfonno cu ‘o sango suojo!

Maria             Nossignore, ve putite vendicà cu ‘o stesso ‘mbruoglio lloro!

Porzia            E comme?

Maria             Stasera cu’ ‘na scusa cagnate cammera cu Annella, accussì Meniello trase, ma sempe a vuje trova e vuje avite ‘o fatto vuosto!

Porzia            E brava ‘a Maria: si’ figliola, ma ‘a saje cchiù longa ‘e me. Mo me ne traso e faccio comme ‘e ditto tu!

Maria             Facite ‘a cosa cchiù bella de ‘o munno! (Sospira) Ah, biata a vuje!

Porzia            Maria mia te songo obbligata! (A parte) Ih che me sento ‘ncuorpo, mo’ scoppio! (Via nella taverna)

Maria             E’ fatta! ?(Rivolta a Porzia) ’E voglia d’aspettà….Meniello va dint’a stanza toja ma trova Annella! Meniello mio t’aggio vuluto tantu bene ma mo nun te voglio cchiù: so’ figliola e pozzo aspettà….Mo’ aggio a sulo pensà a me levà ‘a tuorno chillu scemo ‘e Giuvanne! (Soddisfatta) Ah! (Via in casa)

Scena XIV (Ambrogio – Notaio – Giuvanne)

Notaio           (Entra dal fondo con Giuvanne attaccato alla giacca) E vide si me lassa…

Ambrogio     (Li vede, ride) Ah…ah…ah…

Notaio           Mio signò pe’ piacere, levatame ‘sta zecca ‘a cuollo si no nun ‘o saccio che ‘o faccio…(A Giuvanne) E lassame ca me staje scassanno….’a giacchetta!

Ambrogio     (Ride) Ah…ah…ah…

Notaio           E redite redite ca mo ve ‘o sceruppate vuje e rido io….  So’ ddoje ore ca me fa’ cammenà ca pare ‘nu sapunaro comme a isso!

Giuvanne     Ma io ve ‘a voglio accuncià!

Notaio           Ma va a fa’…’e pezze!

Ambrogio     Notà’, lassate perdere! (A Giuvanne) Giuvà, viene cu mmé, te ‘a dongo io ‘a mugliera!

Giuvanne     Vuje m’avite pigliato a male parole, m’avite cuffiato!

Ambrogio     Ma io aggio pazziato….mo’ lassa sta ‘o nutaro!

Notaio           Allora me ne posso andare?

Giuvanne     No, si no ‘a scrittura chi me ‘a fa?

Notaio           Ma tu te credisse che sto al tuo servizio? Mo è troppo, lascia!

Giuvanne     No…(Ad Ambrogio) Che dicite, ‘o lasso?

Ambrogio     Se sape! Notà aggiate pazienza, mo’ chiammo a Maria.

Notaio           E ghiammo bello, che ‘a stammatina nun aggio fatto niente!

Ambrogio     (A parte) S’è sulo abbuffato!

Scena XV (Maria – Ambrogio – Notaio – Giuvanne)

Maria             (Uscendo) Oj pa’..

Ambrogio     Ah, staje ccà? Jammo bello, levammece ‘stu pensiero cu masto Giuvanne….Nutà, Jammo ‘ncoppa!

Notaio           Mi dispiace, ma non ho i documenti adatti per redigere l’atto. Prenderò solo qualche appunto….Andiamo su….

Maria             ‘Nu mumento…(Al padre, a parte) Tu tiene ‘stu fatto ‘ncapo e nun te accorge ‘e chello ca te stanno facenno Totonno, Meniello e Annella.

Ambrogio     Che me stanno facenno?

Maria             Fanne j’ ‘o nutaro, taggio a dicere ‘na cosa assaje ‘mpurtante.

Ambrogio     Che ato è stato? (Al notaio) Nutà’. Facimmo ‘na cosa: mò’ è tarde, ve ne jate e ‘a scrittura ‘a priparate cu’ calma: ce vedimmo dimane matina,  facimmo colazione ‘nzieme e chello che s’adda fa’ se fa!

Notaio           Colazione, colazione, voi pensate solo a mangiare…

Ambrogio     Vide chi parla..

Notaio           Io mangio come un uccellino, non mi abboffo come fate voi, io vado…

Ambrogio     Uccellino? Ma faciteme ‘o piacere!

Giuvanne     Ambrò’, io vaco cu ‘o nutaro? (Prende il notaio per la manica)

Ambrogio     Si, va…va….!

Notaio           E levateme ‘sta pittima ‘a tuorno…(A Giuvanne) E lassa…

Giuvanne     Ve lasso basta ca me date ‘a mugliera!

Notaio           Tu si’ nato pe’ ‘a schiuvazione d’e peccate mieje, nu te voglio vedé cchiù…Me ne vaco!

Giuvanne     E io v’afferro! (Lo prende per un braccio)

Notaio           E io te scasso ‘a capa1 (Via per il fondo)

Giuvanne     Aspettateme…(Segue il notaio)

Scena XVI    (Maria – Ambrogio)

Maria             (Al padre) E tu me vulisse da’ a chillo?

Ambrogio     Meglio ca niente!

Maria             Meglio niente! Stamme a sentì:’o ssaje ca Meniello se vo ‘nzurà cu Porzia?

Ambrogio     ‘O saccio!

Maria             Nun è ‘overo: è nnammurato d’Annella e ‘nzieme a Totonno vò’ ‘mbruglià a Porzia..

Ambrogio     E comme?

Maria             Le ha fatto credere ca Meniello stasera, trase pe’ ‘o balcone suojo dint’a stanza soja e invece chillu caliota va addu Annella!

Ambrogio     Che ‘nfamo!

Maria             Io aggio avvisato a Porzia accussì essa cagne stanza e se ‘ncontra cu Meniello dint’a camera ‘e Annella!

Ambrogio     Brava, ‘e fatto proprio bbuono, ma mo me ‘o veco io: piglio ‘o curtiello….

Maria             Qua’ curtiello! Va a chiammà ‘e guardie accussì Meniello vene ‘ncucciato cu Porzia e se l’adda ‘nzurà a forza!

Ambrogio     ‘Stu fatto me piace assale!

Maria             Accussì Annella addiventa ‘a toja!

Ambrogio     Trasimmo tutte cose a via ‘e dinto! (Comincia ad entrare la merce)

Maria             T’aiuto…(Lo aiuta)

Ambrogio     Hanno ‘a fa’ ‘e cunte cu’ mmico…

Maria             L’e fa’ pavà tutte cose!

Ambrogio     E bravo a Totonno, taggio a fa’ ca manco ‘e cane te addorano!

Maria             E ffaje bbuono!

Ambrogio     Tu vattenne a via ‘e dinto.

Maria             Sissignore, tu tuorne ambresso e fa’ cose bbone!

Ambrogio                 Che piezzo ‘e caliota! (Via dal fondo)

Maria             Ah! Va a chiammà ‘e guardie va, accussì ‘ncocciano a Meniello cu Annella, Porzia nun po’ fa’ niente cchiù e l’adda fa’ ‘mmaretà a forza cu Meniello e tutto va a posto: io nun me piglio a Giuvanne e patemo nun se ‘nzora cu Annella (Soddisfatta) Ah! (Via in bottega)

Scena XV II(Totonno – Porzia – Cosimo)

Porzia            (Sparecchia la tavola - A parte) Che ‘nfamo! Fa ambresso ca è tarde, muovete!

Totonno       E me sto muvenno….

Cosimo         (Esce dala bottega e inizia a ritirare la merce) Addò sta chillu sfaticato, aggio ‘a faticà sulo io comme a ‘nu ciuccio!

Totonno       (Zitto a Porzia, alludendo a Cosimo) ‘A sanguetta va ‘e pressa stasera…

Porzia            Accussì me pare..(A parte) Ciente vote fauzo! (Riferendosi a Cosimo)…Mo veco si me ‘o pozzo aggarbà…(A Cosimo)  Cuò, vuò ‘n’aiuto?

Cosimo         (Scortese) Nun aggio bisogno!

Totonno       (Gentile) Vuò ‘nu poco ‘e tabacco?

Cosimo         Nun fumo!

Totonno       Allora famme appiccià a me!

Cosimo         Te desse fuoco, ma nun ne tengo!

Porzia            Pecché si’ accussì sgraziato?

Cosimo         Pecché accussì so’ fatto e me piace…(Cambia tono) ma che bulite ‘a me stasera?

Porzia            (Mielosa) Te vulevo fa’ sapé ca cu’ tutto ca nun m’è vuluto da’ ‘a figlieto, io te so’ schiavuttella!

Cosimo         E’ acalate ‘e scelle pecché vuò  a figliemo, è ‘overo?

Porzia            Eh!

Cosimo         (Ironico) E mo te ‘o manno, ma nun me ‘o cunsumà!

Porzia            (Raggiante) Me ‘o manne?

Cosimo         (Sfottente) Siii…..

Porzia            Me staje cuffianno?

Cosimo         Fa tu!

Porzia            (Cercando di rabbonire Cosimo) Cuò, viene a via ‘e dinto…..Chesta è tutta robba toja e de figlieto!

Cosimo         Nun voglio niente, pecché a figliemo nun te ‘o dongo!

Porzia            (Impettita) Chesto po’ ‘o vedimmo!

Totonno       Padrò, vattenne a via ‘e dinto ca a chisto, vecchio e bbuono, l’ abboffo ‘e pacchere…

Cosimo         …Cu ‘a ricotta…Vattenne buffò….

Totonno       (Fa per avventarsi su Cosimo)

Porzia            (Lo trattiene) Lassa sta Totò, è inutile! S’è fatto tarde e io me ne traso! (Entra nella taverna) Bona notte!

Totonno       Bonanotte padrò, ma no ‘a nuttata che t’aspiette! (Riferendosi a Cosimo) ‘Stu vecchio rattuso, puozze essere acciso tu e mammeta! (Via dal fondo)

Scena XVIII (Cosimo)

Cosimo         ‘E capito? Chisti dduje, ‘nzieme a chillu bellu coso ‘e figliemo me vonno fa’ scemo! Sarriano capace ‘e me accidere pe’ se piglià chillu poco ca tengo!  Mo’ me ne traso, me chiudo ‘a dinto e chi s’è visto, s’è visto! (Entra in bottega e spegne la luce)

Scena XIX (Ambrogio e due guardie poi il notaio e Giuvanne)

Ambrogio     (Alle guardie) Allora avite capito buono? Appustateve llà dreto e aspettate ca chill’amico saglie cu ‘a scala ‘ncopp’o balcone: io m’apposto a chell’ata parte e appena ‘o merlo è trasuto dint’a stanza, io ve faccio ‘nu sisco e vuje venite!

                        (Cenno di assenso delle guardie che vanno a posizionarsi)

Notaio           (Entra dal fondo seguito da Giuvanne)

Giuvanne     (Con in mano una lanterna accesa segue il notaio)

Ambrogio     Chi è cu ‘sta lanterna’ Ah, ‘o nutaro e Giuvanne: (A Giuvanne) Giuvà stuta ‘sta lanterna, stuta!

Scena XX (Giuvanne, il notaio – Ambrogio)

Giuvanne     Ma….

Ambrogio     ‘A vuò stutà si o no?

Giuvanne     (Non lo ascolta) Ambrò ccà sta ‘o nutaro!

Notaio           Signor Ambrogio sono a vostra disposizione!

Ambrogio     ‘A vuò stutà ‘sta cosa? (Prende la lanterna e la spegne)

Giuvanne     Uh chillo l’ha stutata, (Piagnucola) a me ‘o scuro me fa paura!

Notaio           D’altronde perché stare al buio?

Ambrogio     Nutà, nun ve preoccupate e lassateme fa! Mo’ vedite ‘na bella cosa!

Giuvanne     Ambrò, nun putimmo primma mettere a posto ‘o fatto cu’ Maria?

Ambrogio     Doppo, doppo, mo’ avimmo ‘a fa’ ‘na cosa cchiù ‘mpurtante!

Giuvanne     (Piagnucolando) Cchiù ‘mpurtante ‘e Maria mia?

Notaio           Eh?

Ambrogio     Mamma mia bella, me staje levanno ‘a salute ‘a cuollo!

Notaio           Bravo! Pensate a me ca me ‘o sto sciruppanno ‘a stammatina!

Ambrogio     Si nun te staje cuieto levo tutte cose ‘a miezo e a Maria te ‘a suonne!

Giuvanne     Sto cuieto…sto cuieto…zitto e cuieto!!

Ambrogio     Bravo! Nutà, aggiate pazienza, mettimmoce ccà dreto!

Notaio           Non ho capito cosa dobbiamo fare!

Ambrogio     Po’ ve ‘o spiego, mo’ venite!

Giuvanne     Vengo pur’io?

Ambrogio     E se sape, viene!

Giuvanne     (Nel muovere il primo passo pesta un piede al notaio)

Notaio           Ahh, all’anema ‘e mammeta, m’è scarpesato ‘o calluccio ‘ncopp’o retillo!

Giuvanne     Nun l’aggio fatto apposta, dint’o scuro nun ce veco!

Ambrogio     Ne facisse una bona. Viene a ccà e nun fa’ ati guaje!

Notaio           (Si lamenta) Ahi, m’e acciso, disgraziato….(Escono dal fondo e ogni tanto fanno capolino)

Scena XXI (Meniello – Totonno – Notaio – Ambrogio – Guardie)

Meniello        Totonno mio, cchiù m’avvicino e cchiù me sento ‘e sbattere ‘o core e mancà ‘e forze!

Totonno       Fa ll’ommo, cammina!

Meniello        Ma si Annella nun me fa trasì e accummencia a’ alluccà?

Totonno       Tu appena ’a vide astregnela forte, nun ‘a fa’ parlà, dille ca sulo accussì ve putite spusà…essa se convince e ‘o fatto è fatto!

Meniello        E si ‘a fenesta sta chiusa?

Caposecco  Vottala ca s’arape, ‘o lucchetto è rutto! (Appoggia la scala alla taverna sotto il balcone della stanza di Porzia) Saglie!

Meniello        Me metto paura! Me gira ‘a capa!

Totonno       E se sape, te’ si fatto ‘nu litro ‘e Gragnano!

Meniello        Me l’e fatto vevere tu!

Totonno       Io avevo ditto ‘nu quartino, no ‘nu litro!

Meniello        Ma pe’ piglià curaggio!

Totonno       Saglie ca dimane se sbruvogna ‘o fatto, e Annella t’è mugliera, saglie!

Meniello        (Incomincia a salire, guarda in alto. Frastornato) Ma chesta nun é ‘a stanza ‘e Porzia?

Totonno       Se vede ca staje ‘mbriaco, saglie!

Meniello        Ma tu nun me lassà sulo!

Totonno       Nun me movo ‘a ccà, saglie!

Meniello        (Continua a salire) Nun saccio si arrivo vivo llà ‘ncoppa!

Totonno       E muovete, si’ arrivato?

Meniello        (Spinge i vetri che si aprono ed entra. Si affaccia) So’ trasuto. (Via)

Totonno       Ah finalmente è fatto! Te cride ‘ truvà ‘a figliola e invece truove ‘a ufera! Io mo me ne vaco addu Annella. (Scosta la scala dal muro, va sotto il balcone di Annella, la posiziona e si accinge a salire)

Ambrogio     Capurà, capurà, afferratelo!

                        (Le guardie eseguono)

Totonno       Ch’è stato? (Vede Ambrogio) Ambrò songh’io, Totonno!

Ambrogio     Brutto caliota, disgraziato, pover’ommo, traditore…..

Totonno       Niente cchiù, ce l’haje cu me?

Ambrogio     E cu chi se no? Mo’ vene ‘o bello! Capità, levate ‘a scala e trasimmo pe’ ‘a porta…Tuzzuliate…..

                        (Le guardie bussano)

Scena XXII (Porzia dalla finestra, detti e Maria dall’altro balcone)

Porzia            (Si affaccia al balcone, è in camicia da notte) Chi è, ch’è stato?

Maria             (Ride) Ah…ah….mo’ vene ‘o bello!

Ambrogio     Arape, ce stanno ‘e guardie!

Porzia            E che vonno ’a me?

Ambrogio     ‘O ssaje e ‘o sapimmo pure nuje…Arape!

Porzia            (Sorpresa) E che saje?

Maria             Tutto, arape ca l’avimmo visto ‘e saglì!

Porzia            Chi?

Maria             Meniello!

Porzia            Meniello, e addò sta? (Guarda la camera di Annella, capisce tutto) Uh…Annella….Annella….(Entra)

Totonno       ‘Stu fatto nun me convince,

Ambrogio     (Strattona la porta) E vide si arape!

Porzia            (Strilla da dentro) Nun po’ essere…nun po’ essere….

Giuvanne     Nutà sentite comme allucca!

Porzia            (Si affaccia) Povera a me….Annella s’è ‘nzerrata dint’a stanza soja e nun arape…..Disgraziata….caliota…..fa chesto a mamma toja…..(Agli altri) Mo’ scengo.

Ambrogio     (A Totonno) Ma addò è trasuto Meniello?

Totonno       (Sgomento) E che ne saccio? (Piagnucolando) Mo’ è proprio fernuta!

Scena XX III (Meniello – Totonno – Giuvanne – Notaio – Ambrogio –Porzia)

Meniello        (Si affaccia al balcone e si rivolge a Totonno) Totò, mietteme ‘a scala.

                        (Le guardie posizionano la scala)

Giuvanne     (Tira il notaio) Nutà che sta succedendo?

Notaio           (Alza gli occhi al cielo) Famme ‘a grazia d’o fa ciuncà…

Meniello        (E’ sceso dalla scala) Ma che è successo? (A Totonno) Traditore!

Totonno       So’ traditore pecché me so’ traduto sul’io!

Porzia            Allora che è successo?

Ambrogio     Puverella nun ‘o ssaje? ‘Stu bellu coso (Indica Meniello) sta scennenno d’a camera toja!

Porzia            (A parte sospira) Vulesse ‘o cielo. (Cambia tono) Nun aggio visto a nisciuno. (Ad Ambrogio) Vide ca s’è fidata ‘e fa’ figlieta!

Ambrogio     Che ce azzecca Maria?

Porzia            Figlieta m’ha ‘ngannata: m’ha fatto cagnà cammera cu Annella.

Totonno       (A parte)  Mannaggia chi l’ha allattata.

Ambrogio     Mo’ Maria m’adda spiegà…(Chiama) Marì…Marì….

Maria             (Si affaccia) Che vuò?

Ambrogio     Scinne.

Maria             Mo’ scengo.

Meniello        (A parte) E mo’ chi m’aiuta?

Porzia            Adda venì pure chella disgraziata…(Chiama) Annella….Anné….scinne…. scinne…

Scena XXIV (Annella – Porzia – Notaio – Maria – Totonno – Ambrogio – Meniello)

Annella         (Si affaccia) No, no e no, nun voglio scennere!

Porzia            E comme staje arraggiata, avisse ‘a tené ‘o core dint’o zuccaro….

Annella         ‘O tengo, nun aggia da cunto a nisciuno, ma nun scengo!

Notaio           Scendete, non abbiate paura, ci sto qua io!

Annella         E va buono, scengo! (Via in camera)

Maria             (Esce dalla bottega) Sto ccà!

Ambrogio     Ch’è ditto a Porzia?

Maria             Chello ca aggio sentito ‘e dicere ‘a ‘sti dduje caliote!

Ambrogio     E che è ‘ntiso?

Maria             ‘O ‘mbruoglio ca vulevano fa’….(A Meniello) Parla tu mo’….

Meniello        (Sconfortato) E che aggio a dicere?

Notaio           Occorre chiarire bene tutto….

Annella         (Esce dalla taverna)

Notaio           Ah ecco Annella!

Porzia            Figlia svergognata!

Giuvanne     (Ad Ambrogio) Ma facimmo primma ‘o fatto mio…

Ambrogio     Chisto me sta levanno ‘a salute!

Notaio           A me me ha ‘nfracetato ‘e ‘ntestine…..(A Giuvanne) Statte cuieto che dobbiamo chiarire prima quest’altro fatto.

Totonno       Mo’ dico tutte cose, tanto pe’ me è fernuta ‘a festa! Vulevo fa scemo a Meniello pecché addu Annella ce vulevo j’ io!

Meniello        Tu che ce trase cu Annella?

Totonno       Ce traso: io ‘a voglio bene cchiù ‘e tutte quante, pirciò so’ venuto a faticà ccà, ma io so’ figlio ‘e padrone…..patemo è ‘o canteniere ‘e Nola….

Ambrogio     Chi, Michele?

Caposecco  Si! Venenno a Napule aggio cunusciuto Annella, me ne so’ nnammurato e, cu ‘a speranza ca pure essa me putesse vulé bene, aggio fatto tutti ‘sti ‘mbruoglie e aggio ditto bucie a tutte quante….

Porzia            ‘Nfamo ‘mbruglione…(Ad Annella) E pure tu vuò bene a Meniello?

Annella         Si!

Porzia            (Falsamente dispiaciuta) Quanto me dispiace, ma Porzia tene ‘na parola sola! (Ad Ambrogio) Annella l’aggio prumisa a te e te ‘a dongo!

AImbrogio    E io nun me ‘a piglio pecché nun voglio chi nun me vò! Daccela a Meniello suojo!

Notaio           Donna Porzia è giusto così: vi dovete rassegnare!

Porzia            Rassignà….rassignà…..(A Maria) Nun te putive fa ‘e fatte tuoje? (Ad Annella) Figlia disgraziata pe’ colpa toja….

Annella         Mia? ‘A colpa è ‘a toja, io nun sapevo niente…Quanno me aggio truvato annanze a Meniello m’aggio ‘ntiso ‘e murì, stevo alluccanno ma isso (Languida)….me ha fatto sta zitta…

Porzia            (Tendenziosa) Chissà comme ha fatto…..te si stata zitta pecché te faceva piacere!

Meniello        Stateme a sentì….

Porzia            (Piange) ‘Nfamo traditore.

Meniello        Mo nun ce sta cchiù niente ‘a fa’: accettateme pe’ figlio, ca meglio ca pe’ marito….

Porzia            (Piagnucola) Marito sarria stata n’ata cosa!

Notaio           Allora concludiamo?

Ambrogio     Che vulite concludere, (Indica Annella e Meniello) hanno già concluso tutte cose lloro!

Notaio           (Alle guardie) Sic stantibus rebus ve ne potete andare: “Et cessat officium giudicis quando partes conveniunt!”

Giuvanne     Nutà pecché parlate marucchino, faciteve capì!

Notaio           Cosa vuoi capire? ? ‘O fatto è fatto e io nun servo cchiù!

Meniello        (A Porzia come un bambino) Allora mammà mo’ me sposo cu Annella e tu me ‘a vulé bene comme a ‘nu figlio!

Porzia            Io te scummasso ‘e sango

Annella         Mammà perdonalo e si me ‘o faje spusà te so’ sempe serva! E po’ me l’aggia spusà a forza…(Mostra la pancia) Me piglio a Meniello, ma te dongo ‘nu nipote!

Porzia            E che l’è’ fatto cu’ ‘o criscito?

Annella         No, è già ‘nu mese ca so’ mamma!

Meniello        E nun me avive ditto niente!

Annella         L’aggio saputo sul’ogge!

Porzia            E’ capita ‘a santarella? Comme stanne ‘e cose, nun pozzo dicere cchiù ‘e no e po’, pensannoce bbuono Meniello è troppo guaglione pe’ ‘na femmena comme a me!

Ambrogio     Allora aggio perzo ‘a mugliera ma è giusto accussì,, ma mo’ avimmo ‘a vedé che ne pensa Cuosemo….

Meniello        E che po’ dicere?

Notaio           Niente, però è meglio che ci parli Totonno…(A Totonno) Va…va…

Porzia            E chillo mo’ te risponde, s’è ‘nzerrato ‘a dinto!

Totonno       E io scasso ‘a porta, mo’ piglio ‘nu palo ‘e fierro….

Scena XXV (Cosimo – Ambrogio – Notaio

Meniello – Porzia – Giuvanne – Maria – Annella – Totonno)

Cosimo         (Esce come una furia dalla bottega) Che vuò scassà, mo te scasso io ‘a capa!

Notaio           Calmatevi perché devo darvi una bella notizia: vi annuncio il matrimonio di vostro figlio Meniello con la signorina Annella.

Cosimo         Ma che bella notizia! (Con violenza a Meniello) Damme ‘a robba mia!

Notaio           Che animale!

Meniello        E’ robba mia, me l’aggio faticato.

Cosimo         Taggio dato a mangià e t’aggio vestito….spuogliate!

Porzia            E dancelle ‘sti quatto pezze ca te vesti io comme a ‘nu signore, e pe le fa’ dispetto te dongo pure ‘a dote!

Cosimo         Qua’ dote, tu tiene sulo perucchie! (A Meniello) T’aggio ditto spuogliate!

Annella         T’e pavammo ‘sti quatto mappine, quanno vuò?

Ambrogio     (A Cosimo) ‘A vuò fernì tu ‘e ‘sti quatto pezze? Chillo va miez’o bene…..

Cosimo         Mmiez’o bene? Tu ‘e ditto ca nun tene manco ‘o…

Annella         Tene tutte cose….

Notaio           Cosimo non essere volgare!

Porzia            Cu’ chello ca tengo io t’accatto a te, ‘a figlieto e a tutta ‘a robba toja! (Gli butta  delle monete) Tié’, muorto ‘e famma!

Cosimo         (Raccatta le monete) Facite chello ca vulite.

Notaio           Ih che sanguetta!

Giuvanne     (Strattona Ambrogio) E io Ambrò?

Ambrogio     Levateme ‘sta pittima ‘a tuorno (A Maria) Facimmo ambresso.

Maria             Che cosa?

Ambrogio     Tu m’e prumiso ca si Meniello se ‘nzurava, tu te mmaretave cu’ Giuvanne.

Maria             Si se ‘nzurava cu’ Porzia! E po’ ve pare ca ‘na figliola comme a me, se po’’ piglià ‘nu vecchio?

Notaio           Mi pare che la ragazza abbia ragione!

Ambrogio     Nutà comme aggio ‘a fa’? S’adda mmaretà, ‘Nu pate vo’ vedé ‘a figlia sistimata!

Maria             (Piagnucolando) Cu’ nu vecchio! (Si morde le labbra e si asciuga gli occhi)

Totonno       (Le va incontro, le prende le mani e canta) Marì….

MARI'

(Testo e musica di Umberto Castaldi)

Chist'uocchje nire e 'nfuse,

'sti labbra muzzecate,

me vonno fa capì,

chello ca nun vuò di'!

Chi mo te fa 'mpazzì,

'e n'ata è nnammurato,

ma tu nun te daje pace

e suoffre comme a che!

Nun chiagnere Marì,

'sta vita nun po' gghì

pe sempe e sulamente

accussì!

Marì nun ce pensà

e si 'a pena vuò sanà,

     'a voce 'e n'atu core

sta a sentì!

Suffrì nun serve a niente

cercate n'atu ammore

ca te po' fa' scurdà

ma si te guarde attuorno

tu certo può truvà,

chi te po' sta' vicino,

senza farte penà!

Giuvanne     Totò, nun aggio capito, che vuò?

Totonno       Ambrò Maria me piace, dammella a me…tu ‘o ssaje io sto buono a denare!

Giuvanne     Ojnì fatte a llà!

Notaio           Zitto tu!

Ambrogio     (A Totonno) Guagliò io che ne saccio? (A Maria) ‘O vuò a chisto?

Totonno       Sta jttanno ll’uosso ‘o cane!

Giuvanne     Neh Ambrò che staje facenno?

Notaio           E vide si sta zitto….

Totonno       Allora?

Maria             Che ne saccio, si ‘nu bello guaglione, io te vulesse ma nun voglio venì’ a Nola!

Ambrogio     Qua Nola? Parlo io cu ‘o pate, ‘o conosco ‘a tantu tempo, le faccio da’ ‘a dote soja e cu’ chello ca ve dongo io, ve arapite ‘na bella taverna a Napulei

Totonno       I’ ce stongo, che ne dice,  Marì’

Porzia            Marì nun fa ‘a sostenuta, accetta…(A parte) Vulesse a me?

Maria             E va buono! (Si avvicina a Totonno e gli sorride)

Totonno       (Le prende la mano) So’ felice, fatella mia!

Giuvanne     (Ad Ambrogio) Neh uhè accussì me levate ‘a pulpetta ‘a dint’o piatto e me facite remané riuno e morto e famma? Nun sta bene!

Ambrogio     Tu che vuò a me…chella nun t’ha vuluto!

Scena XXVI      (Gli stessi – Ntunetta)

Ntunetta       (Entra dal fondo) E pecché, jettava l’uosso ‘o cane a nennella? (A Giuvanne) Cu te facimmo ‘e cunte ’a casa…T’aggio accidere, t’aggio a fa’ ca manco ‘e cane t’addorano, t’aggio….

Ambrogio     Calmateve onna ‘Ntunè, che ce po’ fa ‘o guaglione, vuje femmene site strane: nun ve pigliate maje a chi ve vò…..

Ntunetta       Quanno uno è n’ommo overo quanno vò ‘na femmena ‘o sape comme adda fa’

pe’ sa piglià, (A Giuvanne) ma tu nun vaje tre solde e nisciune te piglia….(Da un urlo) Ahhhh, manteniteme si no l’accido….(Si avventa su Giuvanne)

Totonno       (Cerca di fermarla) Calmateve onna ‘Ntuné, fermateve…..

‘Ntunetta      Statte ferme cu ‘e mane, rattuso….cu ‘a scusa ‘e me fermà, te piglie ‘o passaggio…..

Maria             Accumminciammo bbuono…..(si avventa su Totonno e lo picchia)

Totonno       (Cerca di sottrarsi alle botte fuggendo) Ma qua’ passaggio, io tengo certe farfarielle pe’ ‘a capa!

Ambrogio     (Cerca di fermare la figlia) E calmate pure tu, ih comme state ‘nfucate!

Giuvanne     (Esaltato) ‘Nfucata, accussì ‘a voglio ‘a femmena, ’nfucata, pecché saccio io comme l’aggio ‘a stutà!

Ntunetta       Ma chella nun te vo’!

Giuvanne     E c’aggio ‘a fa’? Aggio capito! Me accido, accussì moro e nun tengo cchiù pensiere…..voglio murì (Piange) Ih…ih…ih….

Porzia            Puveriello me fa pena….Jammo calmate, nun fa niente….

Ntunetta                   Niente? Nun turnà ‘a casa si nun porte ‘a mugliera…..

Giuvanne     Continua a piangere) Ih….ih….ih….

Porzia            E ghiammo calmate…Vuò ‘na mugliera? (Invitante) Che dice vulisse a me?

Totonno       Approfitta Giuvà’….

Notaio           E’ un’ottima soluzione…..

Cosimo         Faje ‘n’affare….

Maria             Che d’è, ce pienze pure?

Annella         Mammà è ancora giovane e bella…

Giuvanne     (A Porzia) Ma si’ bbona pe’ mugliera?

Porzia            (Pavoneggiandosi a tutti) Vuje che dicite?

Tutti               E’ bona assale…

Notaio           E’ bonissima!

Giuvanne     Allora me ‘a piglio (Le da la mano e ride da ebete) Eh…eh…eh….Mammà che dicite? Site cuntenta….Eh….eh..eh….

Ntunetta       (La squadra dalla testa ai piedi, poi con sufficienza) Po’ passà!

Giuvanne     (Batte le mani come un fanciullo) Aggio truvato ‘a mugliera….aggio truvata ‘a mugliera..

Porzia            (Disgustata a parte) Chisto è scemo ‘overo…..ma meglio ca niente! (Ride anche lei sullo stesso tono) Eh….eh…eh…

Ntunetta       Visto ca ce trovammo, a me nisciuno me vo?

Notaio           (A parte) Certo il bocconcino è ancora appetitoso…..(A ‘Ntunetta) Sapete cucinare?

Ntunetta       Quanno cucino io ‘a gente s’allecca ‘e mustacce!

Notaio           E allora mi sono accorto improvvisamente di essere innamorato di voi e vi voglio sposare!

Ntunetta       E pur’io ve voglio!

Tutti               (Applaudono) Auguri…auguri e figli maschi!

Notaio           Si l’amore va bene, ma s’è fatto tardi e la pancia reclama…(A Ntunetta) Va a cucinare cuoca provetta,….stasera avrai il piacere di avere alla tua tavola il tuo futuro sposo!

Porzia            Addò jate? Festeggiammo ccà tutte ‘nzieme, mettimmo ‘a tavula!

Notaio           Ma non è il caso….appena appena ‘na marennella…io mangio….

Tutti               Comme ‘n’aucelluzzo!

Notaio           Proprio!

Cosimo         E gghiammo bello ca io sto diuno e me moro ‘e famma!

Porzia            Jammo bello figliò, dateme ‘na mano!

Totonno       Mentre apparecchiate io piglio ‘a chitarra….Voglio fa ‘na bella serenata a tutte ‘sti belli coppie….

Cosimo         Magnammo primma…

Notaio           Si facciamo quest’ultimo sacrificio….Totò canti dopo…

Totonno       No, voglio primma cantà! (Prende la chitarra, canta e tutti fanno coro)

CU TUTTO ‘O CORE

(Testo e musica di Umberto Castaldi)

‘Na sera comme chesta

 maje c’è stata,

e voglio proprio fa’

‘na serenata,

pecché i’ v’aggio ‘a di’

 cu tutto ‘o core

“Ciento ‘e ‘sti juorne

cu’ salute e ammore!”

Ciento ‘e ‘sti juorne

avimmo ‘a festeggià

e senza ce penzà

 ce avimmo arricrià;

ciento ‘e sti juorne

 senza maje suffrì

e senza maje pensà

ca male ce po’ sta!

E dopo aver cantato

 ‘a serenata,

‘a voce in verità

s’è un po’ abbrucata,

ma se l’augurio è stato

assai gradito

facitece brindà

 dicenno ancora:

Ciento ‘e ‘sti joune

 senza maje suffrì

E senza maje pensà

ca ve putite lassà!

 

Dal fondo escono tre posteggiatori che cantano

CHESTA FESTA

(Testo e musica di Umberto Castaldi)

Comm’è bella chesta festa,

tutta Napule s’è scetata:

tutta ll’aria pare affatata,

pure ‘a luna resta ‘ncantata!

Margellina ‘cu Marechiaro

mo’ l’ammore se mette a fa’…

Le regala ‘na chiappa ‘e stelle,

‘na canzona ddoje o tre lampare…

E ‘stu popolo le fa ‘o ruffiano

e cu’ ‘o pizzo arriso le da ‘na mano!

Dalla sala esce un gruppo di giovani che sale sul palco e  insieme agli altri canta

A PIEREROTTA

Testo e musica di Umberto Castaldi

Chesta sera e tutta ‘a notta

Nuje vulimmo sfrennesià,

pe’ cantà cu’ tutta ‘a voce

quanto é bella ‘sta città!

Cu ‘a trombetta e ‘o cuppulone,

nuje turnammo mo’ guaglione

e facendo ‘o votta votta,

l’alleria mo’ certo sbotta!

Cu ‘na grancascia e cu’ ‘nu putipù,

nuje jammo mo’ a ballà addò vuò tu,

‘na tarantella, ca certo sarrà,

cumpagna allera pe’ l’eternità,

ca po’ aiutà, a cchiù niente pensà!

Chesta sera e tutta ‘a notta

Nuje vulimmo spuntà ‘a corta….

Nuje vulimmo cantà,

nuje vulimmo abballà,

ce vulimmo spassà

BUIO

 SIPARIO

 FINE

    Questo copione è stato visto
  • 0 volte nelle ultime 48 ore
  • 0 volte nell' ultima settimana
  • 1 volte nell' ultimo mese
  • 11 volte nell' arco di un'anno