Mandragola

Stampa questo copione

Mandragola
(Burla di mala erba)

da
Niccolò Machiavelli
adattamento di
Carlo Barbera

Personaggi

Flic 
Floc
Don Carlino Miraglia
Siro
(suo cameriere)
Don Micio Collo
(ricco mercante)
Liguria Ciarla detta ‘a Muscaredda
(ruffiano)
Don Masino
(prete)
Donna Vennira Galliano
(madre di Lucrezia)
Donna Lucrezia Galliano
(giovane moglie di Don Micio)



A T T O P R I M O

Per la realizzazione di questa commedia è necessario creare una scena che sia in 
qualche modo surreale e rappresenti lo spazio che si trova davanti ad una chiesa, 
che andrà costruita in maniera abbastanza particolare. Un fondale nero 
trasparente, dietro il quale si intravede un po’ di luce, una croce ed una poltrona, 
ci darà l’idea della chiesa. Ai due lati altri pannelli neri, dietro i quali ci saranno altri fari molto bassi. Due panche nere ai lati. Due usci laterali saranno costituiti da archi sempre in nero. L’azione si svolge in Sicilia in epoca non ben precisata, ma sicuramente remota. A simario chiuso, si illuminerà il proscenio ed entreranno Flic e Floc.

Flic: Trasi, non ti scantari, unni ti pari chi semu? Chistu un tiatru è.

Floc: Un tiatru? Boh! Chi sacciu? Cu’ su ‘sti cristiani?

Flic: Quali cristiani?

Floc: Chisti assittati.

Flic: Non su’ cristiani.

Floc: E chi su’, spiriti?

Flic: Non su’ cristiani, nel senso che sono il pubblico.

Floc: E ‘u pubblicu non su’ cristiani.

Flic: Oh, ma si bestia! ‘U pubblicu è pubblicu.

Floc: S’è pubblicu non è privatu. Chistu ‘u sacciu. Ma non è fattu di cristiani?

Flic: Si, è fattu di cristiani.

Floc: E allura, su’ cristiani

Flic: Si, ma non si chiamunu cristiani, si chiamunu…

Floc: Ebrei?

Flic: No, si chiamunu: pubblicu, e basta!

Floc: Ah, capia! Quindi ‘u spettaculu ‘u facemu pi iddi?

Flic: Appuntu, pi iddi. 
Floc: E allura, a cu’ stamu aspittannu? Cuminciamu. 

Flic: Si ‘a finisci di diri fissarii.

Floc: Fissarii? Tu mi dici chi ‘i cristiani non su’ cristiani… 

Flic: Chi avem’a fari?

Floc: Va be’, va! Possiamo andare. Cuminciamu.

(Attimo di buio e poi luci a giorno. Parte una musica e si riaccendono le 
luci piene)

Flic: Grazie! (S’inchina) Pubblico rispettabile, ‘nte vostri seggi assittati, 
stasira è megghiu chi nni scutati.
Stasira vi cuntamu ‘na storia… 

Floc: Chi storia? 

Flic: ‘Na storia… 

Floc: Eh, ma chi storia?

Flic: Picchì, tu n’’a sai?

Floc: Io, si, ma iddi, no.

Flic: Giustu, hai ragiuni. Però si mi fai parrari io ci ‘u spiegu. Stasira vi cuntamu…
Si, insomma, ‘na storia… 

Floc: Annachiti.

Flic: ‘Na storia bella. ‘U fattu si chiama: Mandragola; burla di mala erba.

Floc: E non sacciu si è proprio bella.

Flic: La genti chi passiravi supra ‘a scena…

Floc: Quali genti?

Flic: I personaggi.

Floc: E dici: i personaggi. 

Flic: E non su’ genti…
Floc: Scusa, prima mi nni dicisti di tutti ‘i culuri a propositu d’’u pubblicu…

Flic: E va beni: i personaggi, che passeranno sulla scena, saranno gente assai strana.

Floc: Pi non diri chi sunnu quasi tutti ‘na fidinzia.

Flic: Ma nui semu sicuri chi vi facemu divertiri assai assai. 

Floc: Forsi…

Flic: Però si così non fussi, alla fini putiti veniri a circari ‘i soddi arreti. 

Floc: E chista è ‘na fissaria, picchì puru si viniti a circari ‘i soddi arreti, nui non vi 
nni giramu.

Flic: ‘A voi finiri?

Floc: Ma picchì hai a diri ‘mbugghiunarii?

Flic: A propositu d’’a storia, sapiti chi vi dicu? Amaru a cui è nta menti ‘i ‘n’autru.

Floc: Praticamenti non ci dicisti nenti.

Flic: Cu’ ‘a scrissi vulia diri tanti cosi. Cu sapi si ci rinisciu? 

Floc: Cu’ ‘a scrissi avia un ciriveddu sicuramenti malatu.

Flic: (Piano) Ci ‘a finisci? (Di nuovo ad alta voce) Però visto che la compagnia è 
pronta, putemu cuminciari. Musica! 

(Parte la musica, si apre il sipario ed entrano Siro e don Carlino)

Carlino: Tutto quello che hai sentito dire in giro è vero: non tornerò in Francia.
Per ora restu cca.

Siro: Ma, scusate, il motivo? Ci saravi ‘na ragiuni…

Carlino: C’è. Io finu a ora non t’haiu dittu nenti, non pi mancanza di fiducia, ma picchì 
non era ancora sicuru di chiddu chi vulia fari. Però ora mi vogghiu cunfidari cu 
tia.

Siro: Io sono un vostro devoto servitore e vui non v’aviti a giustificari di nenti.

Carlino: La colpa di tutto non è mia, caro Siro.

Siro: Comu, non è vostra? E di cui è?

Carlino: Di un certo Camillo Micali.

Siro: Micali? Avistu quarche storia di sciarra?

Carlino: ‘U canusci?

Siro: No, ma canusciu ‘a so’ famigghia, emigrata tanti anni fa in Francia. 
E rittu rittu ‘u ‘ncuntrastu dda, a Parigi?

Carlino: Bravu, ‘u ‘ncuntrai dda. Sai com’è? Quannu unu si trova all’estero
è piacevole vedersi coi propri paesani, a maggior ragione, quando sono
originari della stessa città. Un vero signore! Siamo diventati molto amici. 
Ma nello stesso tempo ho dovuto maledire il giorno che l’ho conosciuto. 
Fu dda che vidi l’origine della mia pazzia, quella stessa che mi ha spinto a 
turnarimminni ‘a casa.

Siro: Non mi diciti nenti chi capia tutti cosi: una donna.

Carlino: In un certo senso.

Siro: Comu, in un certo senso?

Carlino: Un quatru.

Siro: Un quatru?

Carlino: Un ritratto di donna, che mi ha fatto impazzire. E mi fici lassari ogni cosa:
travagghiu, casa, amici, e puru ‘na speci di stroffa chi stava cu mia.

Siro: E chi era ‘stu quatru, la Gioconda?

Carlino: Mi dissi don Camillu chi ‘sta fimmina ‘sta propriu cca vicinu, a du’ passi d’’a 
me’ casa. E io non l’haiu vistu mai.

Siro: E cu’ saria?

Carlino: Donna Lucrezia Galliano in Collo. 

Siro: ‘A mugghieri ‘i Miciu Collu? Ah, si, ora capia. 

Carlino: ‘A canusci?

Siro: ‘A canusciu? E ddocu aviti ‘i sbuddiri, caru don Carlinu.

Carlino: Di sbuddiri?

Siro: Si mi nn’avissu parratu prima, io vi avrei detto di restarvene in Francia e di
riggittarivi comu ‘o cafè. Chi ci vulia? Bastava una lettera. 

Carlino: Ma picchì, scusa, non la reputi degna di essere la mia amante?

Siro: Vui vi nni turnati in Sicilia pi ‘na fimmina? Pi dda fimmmina?

Carlino: Io l’haiu aviri, pi forza, si no nesciu pazzu! Mi ha stregato!

Siro: Vui già siti pazzu.

Carlino: Tu mi devi aiutare.

Siro: Ma, don Carlinu, che speranza potete avere voi con questa donna?

Carlino: Insomma, Siro, vuoi spiegarti? Io haiu fattu cadiri fimmini…

Siro: ‘Na fimmina seria, onesta, di costumi castissimi. E poi, don Miciu è
riccu e ci passa ogni capricciu, essennu quarche annittu cchiù ‘ranni
di idda. Fra l’altro la ragazza non ha parenti né amici; è sempri chiusa 
intra ed esce solo ed esclusivamente con sua madre per andare a messa.

Carlino: Nessuna cosa è impossibile nel mondo, amico mio. Ci saravi un modu
pi putiri pruvari ad avvicinarla e corteggiarla. E poi ci sono due cose che
mi fanno ben sperare. Prima cosa: don Miciu è un ricco mercante, ma è
‘gnuranti comu ‘na signa e puru un pocu idiota. Seconda cosa: non
hannu figghi. E tu sai chi p’un omu così riccu aviri un figghiu è un
fatto vitale. A cu ci lassa ‘sti ricchizzi? E poi c’è ‘n’autra cosa: so’ matri.

Siro: Si, ‘u sacciu chi so’ matri era una donna di chiddi masculi: facia puru ‘u 
contrabannu pi manteniri a ‘sta figghia, chi ebbi in età giovanissima e mai si 
seppi cui era ‘u patri. Difatti ‘a carusa porta ‘u so’ cugnomi. Ma ora è una donna rispettabile e ricca, nonché suocera del Cavaliere don Micio Collo.

Carlino: Si bastassi chistu pi canciari l’anima di ‘na cristiana…. Dimmi ‘na cosa,
tu ‘a canusci a Liguria ‘a Muscaredda?

Siro: Certu chi ‘a canusciu: ruffiana e sinsali di matrimoni, nonché tenutaria
di bordelli casalinghi e portatrice di fimmini di mala razza a domicilio
dei clienti. Stati attentu.

Carlino: Intantu Liguria frequenta ‘a casa ‘i don Miciu ed è tenuta in grande 
considerazione di donna scattra e simpatica.

Siro: Si vidi chi n’’a canusci bona.

Carlino: T’’u dissi chi don Miciu è idiota.

Siro: Dunque Liguria vi faravi di ruffiana. Organizzerà le cose. Ma comu?

Carlino: Il primo passo sarà di convincere don Micio a portare la moglie in vacanza,
alle terme. Poi si nni parra: da cosa nasce cosa. 

Siro: Da cosa nasce cosa? Stati attentu!

Carlino: Non ti preoccupari.

Siro: (Guardando fuori) Eccoli che arrivano.

Carlino: Bene. Tu intantu vai ‘a casa e sbriga le tue faccende domestiche. Io restu cca
e sentu chiddu chi si dici. Si haiu bisognu ti chiamu.

Siro: Sta beni. (Esce)

(Carlino si nasconde, mentre entrano Liguria e don Micio)

Micio: Liguria, io dicu chi tu hai ragiuni. Ieri sira parrai cu me’ mugghieri e mi dissi
che ci avrebbe pensato. Oggi mi darà la risposta. Pi quantu io ti dicu ‘a virità:
mi siddiu a partiri.

Liguria: E picchì?

Micio: Eh! Tu non sai quante cose mi devo portare dietro: cani, soggira, ‘mmarazzi
vari: tazzi, tazzini, ‘rinali, ‘rinaleddi, cantiri e cantareddi; ‘u guardaroba di me’ 
mugghieri, chi non sacciu quanti bagagli sunnu. Chi poi, chi s’’u porta a fari, si 
sta sempri intra?

Liguria: Donna Lucrezia è fimmina corretta e modesta, non è di chiddi chi si nni 
vannu pedi pedi a perdiri tempu. E poi, don Miciu, in giru ci sunnu tanti
diavulicchi tintaturi.

Micio: Diavulicchi? Diavuluni. Comunque, non è il caso di mia moglie. 
Me’ mugghieri è na santa. Però ora haiu a vidiri unni avemu ’a ‘nnari, in quali 
terme. ‘Na cosa complicata è.

Liguria: Don Miciuzzu, si servi allo scopo…

Micio: Puru a mia mi spila fortemente d’aviri un figghiu. Ma forsi è megghiu parrari
cu quarche medicu espertu, farsi consigliare, per vedere quale sia il posto
più giusto, unni c’è la cura cchiù efficaci. Sai chi fai, Liguria? Vedi tu se riesci
a sapere qualcosa e poi m’’u dici. Io intantu vaiu a vidiri si me’ mugghieri
è convinta e cchiù tardu nni videmu, così mi dai la risposta dei medici.

Liguria: Ah, haiu a parrari io c’’i medici?

Micio: Eh. Fammi ‘stu piaciri, Liguriedda. Avrai degli amici, no?

Liguria: Uh! Aviti vogghia!

Micio: E allura vai e parrici. Nni videmu dopu. (Esce)

Carlino: (Entrando) Cara Liguria!

Liguria: Don Carlino! 

Carlino: Sintia ogni cosa.

Liguria: Ah, sintistu? Sicunnu mia, un cristianu cchiù bestia di don Miciu ‘nto
munnu non c’è. Però si nui purtamu a ‘sta fimmina alle terme,
dda po’ ‘ncuntrari tanti omini, e ci mettiamo a rischio di concorrenza.
E si poi ci piaci ‘n’autru? Picchì sicuramenti quarcunu la corteggeravi.

Carlino: Tu hai ragiuni, Liguria, ma io comu haiu a fari? Se non ci riesco con le 
buone, io m’’a pigghiu c’’a forza.

Liguria: Mai sia Diu! E chi piaciri c’è a pigghiari ’na fimmina c’’a forza?
Scusate, don Carlino… Ma la meraviglia sta tutta nel farlo col consenso di lei, 
non c’’a forza…

Carlino: E allura, chi si fa?

Liguria: Don Miciu voli chi io ci portu il parere di un medico? Eccolo qua il medico.

Carlino: E cu’ saria?

Liguria: Voi.

Carlino: Io?

Liguria: Proprio voi.

Carlino: Ma io chi nni sacciu di medicina?

Liguria: E si non nni sapiti vui, che siete un uomo di cultura, iddu chi nni po’ sapiri?
Quattru paruluni in latinu, quattru minchiatuni di chiddi pisanti, e nn’u 
mittemu ‘nt’’a sacchetta. Chi vi nni pari?
Carlino: Va beni, Liguria! Tu si ‘na fimmina scattruna. Dimmi chiddu chi haiu a fari.

Liguria: Non c’è bisognu. Io ora vaiu e cercu a don Miciu e v’’u portu cca. Vui viniti
arreti a mia ‘nto discursu e vedrete che tutto sarà facilissimo. 

(Escono. Si abbassano le luci e parte una musichetta. Quando le luci si 
riaccendono entreranno Liguria e don Micio, mentre Carlino ascolta non 
visto)

Liguria: Comu vi stava dicennu, don Miciu, ‘u Signuri nni mannau un miraculu.
‘St’amicu mei studiau a Parigi e travagghiava in un grande ospedale della
città. Havi un’esperienza… E poi, è proprio questo il suo campo: Ostetricia
Partorentibus non Incintas.

Micio: E chi è?

Liguria: E’ una branca…

Micio: ‘Na branca? E chi è, un pruppu?

Liguria: No, una branca della medicina che si occupa di fari ‘ncintari ‘i fimmini ‘na
picca sterili. E dda si ‘nsignau a priparari certi decotti, chi fanno ingravidari
puru ‘i fimmini chi non ponnu aviri figghi mancu a corpa ‘i cannuni.

Micio: Mancu a corpa ‘i cannuni? Liguria, io staiu in fiducia. Mi raccumannu, non è 
chi nni mittemu ‘nta quarche malu guaiu… Vidi chi io sugnu…un Collu, con tutto ciò che il nome dice.

Liguria: Stati tranquillu. Speriamu sulu che accetti l’incarico. Eccolo che arriva.

Carlino: (Entrando) Buongiorno!

Liguria: Dottore!

Micio: Buongiorno!

Liguria: Posso presentarti il Cavaliere?

Carlino: Piacere.

Liguria: Il dottor Carlo Miraglia, per gli amici Carlino.

Micio: Piacere mio. Domenico Collo, per li amici: Miciu Collu.

(Si stringono la mano)
Carlino: Dunque, la mia amica Liguria mi diceva che avreste bisogno di me.

Micio: Sissignore.

Carlino: Parrati, io sono tutto orecchie.

Micio: Io non haiu figghi.

Carlino: Megghiu, stati cchiù tranquillu.

Micio: E no, caru dutturi, non è così. Viditi, un uomo come me, ricco, anziano, ha
la necessità di sapiri chi quannu chiudi l’occhi lassa a quarcunu chi cuntinua
ad amministrare le sue fatiche.

Carlino: O chi s’’i mancia.

Micio: Ruttura ‘i coddu. Intantu unu ci prova; poi si non ci rinesci, pacenzia. 
Ora Liguria mi dissi che voi siete specializzato in questa branca della medicina 
che studia proprio come fare in modo che la femmina sterile resti incinta.

Carlino: Ostetricia Partorentibus non Incintas. Si, caro signor Collo; però nam causae 
sterilitate suntu aut in semine, aut in matrice, aut in istrumentis seminariis, aut in virga, aut in causa extrinseca.

Micio: (Sorpeso) Mizzica chi latinu!

Carlino: Capistu?

Micio: Mancu un respiru.

Carlino: (Fra se) Megghiu… (Riprende col tono di prima) Potrebbe poi essere 
causata, la sterilità, dalla vostra impotenza.

Micio: Impotenti io? Ma stati schirzannu? Io sugnu ancora come un picciotto
giovane: forte e reattivo. Ma vah! Nenti, nenti, mi pari chi vui oltri ‘o latinu
non capiti ‘na mazza!

Liguria: Va beni, va beni, non vi siddiati. Troveremo rimedio.

Micio: Un rimediu diversu d’’i termi, picchì pi mia è un grosso problema
purtari a me’ mugghieri dda. Sapiti? Rinali, rinaleddi, cantiri, cantareddi…

Carlino: Ma quali termi e termi? Ci sono altri rimedi.

Micio: Liguria mi dissi chi a Parigi vi ‘nsignastu a priparari certi dicotti, certe
pozioni, che fanno ingravidare la donna col massimo di sicurezza:
a corpa ‘i cannuni!

Carlino: Si, però non vogghiu chi si dici in giru, chi poi magari mi tengono nella
considerazione d’un mavaru. Io ‘u fazzu sulu pi vui.

Micio: Stati tranquillu, chi io non parru. Allura, cuntatimi di ‘sti dicotti.

Carlino: (In difficoltà) ‘I dicotti… Intanto per fare in modo di potere azzardare una 
prima diagnosi, necessita un poco di urina di vostra moglie.

Micio: Urina? E picchì?

Carlino: Perché l’urina si legge, carissimo il mio Collo!

Micio: E chi ci voli? Adesso vado e ve la procuro.

Carlino: Mi raccomando: fresca, urina fresca. 

Micio: Caudda…

Carlino: Ma frisca…

Micio: Ma caudda…

Carlino: Frisca frisca…

Micio: Ma l’urina fatta frisca è caudda.

Carlino: Purchè sia appena fatta, propriu.

Micio: E si non ci veni di farla?

Carlino: Eh! Si rimanda la diagnosi.

Micio: No, no, ora ci penso io. Ci ‘a fazzu fari di cursa. E si non nni po’ fari, si sforza. 
(Esce)

Liguria: E’ fatta, è fatta, don Carlino: ci semu. Si biviu ‘a cifeca. Che vi avevo detto 
io? Vidistu quant’è bestia?

Carlino: Bestia… Bestia…

Liguria: Andiamo a festeggiare la prima vittoria: osteria!

Carlino: Vino!

(Escono. Parte la musica, si abbassano le luci ed entrano Flic e Floc)

Flic: (Entrando) Vittoria! Vittoria! Cu chiddu chi stannu cumminannu… 

Floc: Ma chista non è manciatura bascia, di don Carlinu? E si s’avia guadagnari ‘u 
pani, si mittia a ‘nnari e veniri d’’a Francia per il gusto di sedurre una donna?

Flic: E dda Liguria? Ha superato se stessa, perché in quest’occasione sta mettendo 
insieme tutte le sue doti di delinquenza. 

Floc: ‘U Signuri mi ci ’a manna bona! 

Flic: Eccu, viditi? Chi vi dicia? Amaru a cui è nta menti ‘i ‘n’autru.

Floc: E sempri ‘na cosa dici?

Flic: Silenziu! Ora ‘i cosi si fannu assai cchiù belli: arriva ddu bestia di don Miciu! 
Vadda, vadda, havi ‘a buttigghiedda nte manu. Camina pi fora! (Escono)

(Si rialzano le luci)

Micio: (Entra con un’ampollina con l’urina) Dottore Miraglia! Liguria! E chi ficiru,
si nn’annaru? A bonu, vah! Mi lassaru cca comu un pedi ‘i cannella!

Liguria: (Entra con Carlino) Eccocci qua. Chi pinsastu, chi vi lassaumu in tridici?

Micio: No, ma non vi visti… Cca c’è l’urina, fresca fresca appena fatta.

Liguria: (Prendendo l’ampollina) Mizzica, ancora è caudda! Prego, dottore, a voi.

Carlino: (La studia a fondo) Nam mulieris urina sunt semper maioris grossitiei et 
albedinis et minoris pulcritudinis quam virorum. Huius autem, in caetera,
causa est amplitudo canalium, mixtio eorum quae ex matrice exequunt cum
urina.

Micio: Mih! Siete un vero intenditore. Scusati, ma… chi vulistu diri? Non capia nenti!
Ma propriu nenti nenti nenti… Dicu, ma non si putissi parrari in italianu?

Carlino: Ostetricia partorentibus non in cintas è una branca della medicina scritta tutta
in latino. Io posso solo tradurre.

Micio: E va beni, traduciti.

Carlino: Vostra moglie la notte dorme scoperta, per questo fa l’urina cruda.

Micio: Scoperta? Ma si havi ‘na gran cutra di supra…

Carlino: Signor Collo, parla l’urina. 

Liguria: Eh, si parra l’urina…

Micio: Ah, parra? N’’o sapia chi parrava. E chi dici?

Carlino: Si vidi chi havi ‘a cutra, però durante la notte si scummogghia.

Micio: Chistu po’ essiri, picchì io dormu a sonnu chinu e si idda si scummogghia
non la sentu. Ma ci sarà un rimediu pi cociri ‘st’urina…

Carlino: Sulu alla morti non c’è rimediu.

Micio: E qual è? Avanti, cucemula, facemula bugghiri.

Carlino: Si vi fidati di mia, avrete presto un figlio in braccio.

Micio: E io mi fidu, mi fidu. Avanti, dicitimi qual è ‘stu rimediu.

Carlino: Se la femmina fa l’urina cruda, la si può fare ingravidare solo con un
decotto di mandragola. E funziona, criditimi, funziona, perché io l’ho
sperimentata con molte donne francesi.

Micio: Mi stati dicennu ‘a virità? Un decottu di mandragola?

Carlino: Questo è il vostro giorno fortunato, carissimo Collo, perché io ho
portato con me dalla Francia tutto quello che necessità pi fari la pozioni.

Micio: E quannu si l’aviria pigghiari?

Carlino: Stasira, dopu chi mancia.

Micio: A panza china? Non è chi ci veni ‘u sciughimentu ‘i stomucu…

Liguri: Ma chi sciugghimentu, don Miciu? E poi, quello della donna non è 
scioglimento, ma purificatio post defecatio.

Micio: Ah, capia: liberazio panzas. E avanti, priparamu sta pozioni e facemuccilla 
biviri. Sbrigamuni!4

Carlino: Un mumentu, prima vi devo avvertire di una controindicazione. L’uomo che
s’accoppia con la femmina, che beve questa pozione, muore entro otto giorni.

Micio: E chi siti, pazzu? Io fazzu un figghiu e mancu l’haiu a vidiri? Ci haiu appizzari 
‘i pinni? Bellu rimediu chi mi stati purtannu. Ma cosi…cosi…

Carlino: Aspittati chi truvamu la soluzione. Vui ci faciti pigghiari ‘u dicottu e la
faciti accoppiari cu ‘n’autru.

Micio: E diventu curnutu?

Liguria: Ma divintati patri.

Micio: Patri d’un figghiu di ‘n’autru? Un patri curnutu. No, no, no…

Liguria: E cu’ ‘u sapi? A vui vi servi un eredi, no?

Micio: (Dopo averci pensato) Si, mi servi l’eredi, ma ‘i corna… Poi mi crisci ‘u 
bozzu nta frunti… No, no, no…

Liguria: Don Miciu, non si po’ aviri tutto nella vita… ‘U toru è toru, ma havi ‘i corna.

Micio: No, non è possibili. Chi mi nni futti a mia d’’u toru? Io sugnu un Collu e ‘i 
Colli su’ Colli. E chi haiu a divintari, un Collu curnutu?

Carlino: Don Miciu, pirdunatimi, ma vui stati sbagghiannu. Ma vui pinsati chi tutti ‘i 
figghi sunnu legittimi e naturali nello stesso tempo? ‘I tri quarti su’ figghi ‘i 
‘n’autru patri. Però, occhiu non vidi cori non doli. Ma a vui, alla vostra età, 
deve bastare già il fatto che avrete un mgnifico erede. 

Micio: (Ci pensa a lungo) Eppuru, pinsannucci bonu, aviti ragiuni. Ci staiu.

Liguria: ‘U pollu ‘u trovu io.

Carlino: Poi, ‘u iornu dopu, ‘a faciti lavari comu si devi e vi curcati cu idda; faciti
tuttu chiddu ch’avit’a fari…

Micio: E chi haiu a fari?

Carlino: Consumate, no? E il figlio è vostro.

Micio: Chistu si, ma ora c’è la cosa più difficile: cunvinciri a me’ mugghieri.

Carlino: E vui non cuntati nenti? ‘A vostra casa non cumannati?

Micio: Certu chi cumannu, ma chista è ‘na cosa delicata. Chidda si batti ‘u pettu d’’a
matina ‘a sira. E io ci ‘u dicu sempri: vidi chi quarche vota t’’u spunni.

Liguria: Ci pensu io pi vostra mugghieri.

Micio: E comu?

Liguria: Si batti ‘u pettu? ‘U cunfissuri. Parramu cu iddu.

Micio: Don Masinu?

Liguria: Don Masinu, propriu iddu.

Micio: E comu ‘u cunvincemu? Chiddu è un omu di chiesa.

Liguria: Pi pigghiari ‘u surici, chi si metti ‘nta rittera? ‘U furmaggiu. E nui a don
Masinu ci ‘u mittemu. (Sfrega le dita per significare il denaro) 

Micio: E si non voli parrari cu don Masinu? Sapete, lei in chiesa da sola non ci va.

Liguria: Allura ci voli puru l’intervento della vostra signora suocera.

Carlino: E chidda saravi d’accordu cu nui. 

Micio: Ma vui comu ‘a canusciti?

Carlino: Don Miciu, chi non ne ha sentito parlare?

Micio: Chistu è veru.

Liguria: Avanti, Carlo, vai a preparare il tutto e manna cca a Siru.

Carlino: Vado. (Esce)

Micio: E nui chi facemu?

Liguria: Ora v’’u dicu io chiddu chi facemu.

Micio: Mi pari propriu scattru ‘stu medicu. Parra un latinu eccezionali. Io non capisciu
nenti di latinu, ma di comu parra iddu, mi pari veramenti un medicu di pisu. 
Ogni vota chi c’è un grande scenziato nuiautri ‘u facemu scappari all’estiru.

Liguria: Scattruni, don Miciu, scattruni.

Siro: (Entrando) Mi mannastu a chiamari?

Liguria: Ci sai annari unni don Miciu?

Siro: E chi sugnu, babbu? Certu chi ci sacciu annari.

Liguria: Allura vacci e cerca a donna Vennira, so’ soggira, e falla veniri cca.

Micio: Ma non ti fari sentiri di me’ mugghieri.

Liguria: Dicci chi don Masinu, ‘u parrinu, ‘a cerca. E la porti cca.

Siro: Va beni. (Esce)

Liguria: Vostra mugghieri nni faravi nesciri pazzi.

Micio: Tu non ti fari iabbu e maravigghia. Idda nesci sulu cu so’ matri picchì 
ha vissuto una brutta esperienza. Persino in chiesa, capisti? Ci fu ‘u sacristanu
chi circau di usaricci maleducazioni.

Liguria: Addirittura?

Micio: ‘A carusa m’’u dissi dopu tantu tempu, pi non farimi biliari.

Liguria: Ho capito. Vo’ diri mancu ‘a chiesa cchiù è sicura? E vui chi facistu?

Micio: Ci ‘u dissi a don Masinu. 

Liguria: E iddu?

Micio: Si ‘nteressau e ci parrau a ‘stu maleducatu. Ma poi circau di ‘ggiustari ‘a cosa;
iddu si suttamittiu, mi circau scusa… Insomma, ficimu finta di nenti. Un Collu, 
comu a mia, chi po’ fari? ‘U Collu pirduna. Sulu chi me’ mugghieri ogni matina ci rumpi ‘a divuzioni a dda puviredda di so’ matri pi essiri accumpagnata ‘a missa. Chidda missa non nni manciria, ma chi havi a fari?

(A questo punto il fondale nero si oscura)

Vennira: (Entrando) Scusati… ah, Miciu, tu si cca? Aviti vistu a don Masinu?

Micio: No, soggira… No, non vi circava don Masinu, ma nuiautri.

Vennira: E Siru picchì mi dissi chi mi circava ‘u parrinu?

Micio: Ci ‘u dissimu nui. Pi non farisi capiri di me’ mugghieri. V’avem’a parrari.

Liguria: Di cosi seri.
Micio: Sedetevi.

Vennira: (Si siede) Mali nutizii?

Micio: No, bonissimi nutizii.

Vennira: E allura, parrati.

Micio: C’è la possibilità di fari nesciri incinta a vostra figghia.

Vennira: Tu chi dici?

Micio: E’ così. E avem’a ringraziari a Liguria.

Vennira: Picchì, la metti incinta idda?

Liguria: Ma chi fissarii diciti?

Micio: La mittiravi incinta, ma non idda, bensì idda in un certo senso.

Vennira: Ma chi mi vuliti ‘ncucchiari? Mi pigghiati pi fissa?

Micio: No, soggira, non è così. ‘Scutati. Liguria mi fici canusciri un medicu chi
veni dalla Francia, il quale ci po’ fari biviri un decottu di mandragola, chi
havi la putenza di fari ‘ngravidari a ogni fimmina. 

Vennira: Così, senza contattu cu omu?

Micio: No, c’’u contattu.

Vennira: Ah! Allura non è nenti ‘i l’autru munnu: natura!

Micio: Però, quannu ‘a fimmina si bivi ‘stu dicottu, produce la morte entro otto
giorni all’uomo che giace con lei.

Vennira: (Che da vecchia volpe intuisce) E allura?

Micio: Bisogna convincere Lucrezia a stari cu ‘n’autru omu. Così chiddu
la metti incinta, dopu ottu iorna mori e io diventu patri. 

Liguria: E vui aviti il sospirato nipote.

Micio: Chi vi nni pari?

Vennira: Certu, non è ‘na cosa bellissima, ma se serve allo scopo…
4Micio: Allura, siti cu nui?

Vennira: Sugnu cu vui.

Micio: (La abbraccia) Benissimu! Grazie! Ora vui l’avit’a cunvinciri a parrari cu
don Masinu, anticipannu l’argomentu.

Liguria: Intantu nui parramu c’’u parrinu e facemu in modu di cunvincirlu ad aiutarci.

Vennira: Comu diciti vui. 

Liguria: Annati unni vostra figghia.

Vennira: Vaiu. Ma un mumentu. Miciu, ‘e corna ci pinsasti?

Micio: Ci pinsai, ma pinsai puru a quantu saria bellu aviri un figghiu, un eredi, un Collu, comu a mia.

Vennira: Ma saravi figghiu ‘i ‘n’autru.

Micio: E cu ‘u sapi?

Vennira: Sta beni, si tu si d’accordu…

Micio: D’accordissimu. E po, ci su’ tanti belli cappeddi pi cummigghiari ‘i corna.

Vennira: Vaiu unni Lucrezia. (Esce)

Liguria: Don Miciu, mi raccumannu, quannu arriva ‘u parrinu lassati parrari a mia.
Ora io ci dicu chi siti surdu.

Micio: Ma si ci parrai du’ iorna arreti.

Liguria: E ci dicemu chi vi vinni una otite fortissima e ‘nsurdistu. Anzi, quannu putiti,
faciti finta chi strasintiti. Chissacciu, iddu dici, per esempiu: “Io sugnu un 
parrinu”… Vui ci rispunniti: “Chi ci trasi ‘u distinu?”… Mi capistu?

Micio: ‘Stu corpu non nni sarva mancu ‘u medicu.

Liguria: In che senso?

Micio: Nel senso chi, si non finemu in galera, sicuramenti finemu ‘o campusantu, o
minimu ‘o ‘spitali.

Masino: (Apre la porta della chiesa e vede Liguria e Micio) Buongiorno.
Liguria: Buongiorno.

Masino: Viditi chi sugnu siddiatu.

Liguria: E picchì?

Masino: Nn’havi cristiani cchiù tinti d’’i fimmini?

Liguria: Come vi permettete?

Masino: E chi voi? C’è una chi mi va sempri d’arreti chi voli essiri cunfissata, e ogni
vota mi cunfessa sempri ‘u stissu piccatu.

Liguria: E si penti?

Masino: Si penti.

Micio: Chi si senti?

Masino: Nenti si senti.

Micio: Vui dicistu chi si senti.

Masino: Io dissi: si penti, si penti…

Micio: Eh, si senti.

Masino: (Alzando il tono) Si penti, si penti.

Liguria: Don Masinu, don Miciu è completamenti surdu, in seguito ad una 
infiammazione alle orecchie. Parrati cu mia.

Masino: (Ridendo) Ah, ci ‘nfiammaru ‘i ricchi? Poviru don Miciu! (Nel dire ciò da
le spalle a Micio, che fa per colpirlo, ma Liguria lo blocca) Chistu mi 
dispiaci.

Liguria: O vi dispiaci o no… Ora, scutatimi, chi v’haiu a parrari.

Masino: Chi c’è? Chi vuliti?

Liguria: Don Miciu e ‘n’autru amicu hann’a fari ‘na limosina di diverse decine di
lire.

Micio: (Fra se) Maliditta!

Masino: Chi dissi?

Liguria: Nenti, nenti, ogni tantu parra sulu. L’havi cu so’ soggira.

Masino: (Ridendo come prima) Ah, parra sulu? (Si gira di nuovo di spalle e Micio 
cerca di colpirlo, ma Liguria lo blocca)

Liguria: Ora, ‘na parti di ‘sti soddi l’haiu io cca cu mia, e mi vinni l’idea chi ci putiriu 
pinsari vui intantu a spartirli.

Masino: Volentieri.

Liguria: Però, comu si dici? ‘Na manu lava l’autra…

Masino: E tutt’e dui lavunu ‘a facci.

Liguria: Bravu, mi capistu. Viditi, don Miciu havi bisognu del vostro aiuto per una
certa faccenda.

Masino: Parrati cu mia.

Micio: E unn’è?

Masino: Cui?

Micio: Vostra zia.

Masino: Me’ zia?

Micio: Dicistu: vardati a me’ zia.

Masino: (Urlando) No, dissi: p4arrati cu mia. Ma è surdu completu.

Micio: Ah, grazii, grazii… 

Liguria: (Gridando) Vui v’’u ricurdati a don Camillu Micali?

Masino: Non facemu vuci chi io sentu. Camillu Micali? Chiddu chi annau in Francia?

Liguria: ‘Stu criaturi ristau viduvu. E siccomu havi ‘na figghia ‘ranni, non putennuci
badari, ‘a lassau ‘nta un cunventu.

Masino: Ottima scelta.

Micio: Si, si, mia moglie è svelta.
Masino: No, io dissi: scelta.

Micio: Vui dicistu: svelta.

Masino: (Urlando) Scelta!

Micio: Ah, capia, capia…

Liguria: Scutati. ‘A picciotta, non si sapi comu, risulta incinta di tri misi.

Masino: In cinta di tri misi? Nto cunventu? Capisco, ma…

Liguria: E’ necessariu persuadiri ‘a Matri Badissa a daricci ‘na pozioni pi farla
abortiri.

Masino: Io ‘sti cosi n’’e pozzu fari.

Micio: Ora vi mittiti a cantari?

Masino: Si, mi mettu a ballari.

Micio: E ‘a musica?

Masino: ‘A sunati vui. 

Liguria: Don Masinu, ‘scutatimi, il buon nome del convento e la rispettabilità della 
chiesa sarebbero a rischio.

Micio: No, io non fischio. E inutili chi mi diciti di friscari, picchì io non friscu.

Liguria: E va beni, non friscati, don Miciu.

Masino: (Ci pensa un po) D’accordo, Liguria, si si tratta del buon nome del convento 
e di salvare due creature… Solo che io sono un prete.

Micio: E biviti.

Masino: E picchì?

Micio: Se avete sete…

Masino: Ho detto che sono un prete.

Micio: Ho capito, avete sete.

Liguria: Nui vi ringraziamu. Capisco che non ce la fate: troveremo un’altra persona. 
Don Miciu, amuninni.

Masino: No, un mumentu, un mumentu, aspittati. Datimi ‘sti soddi, ci pensu io.
Mi sacrificherò! E che il Signore salvi l’anima mia!

Liguria: (Gli da i soldi, poi guardando fuori) Aspittati un mumentu, mi chiamunu.
(Esce)

Masino: Certu chi su’ brutti situazioni.

Micio: Non è chi s’hav’a fari pi forza.

Masino: Chi cosa? 

Micio: ‘A colazioni.

Masino: Siti surdu completu.

Micio: Non haiu nuddu segretu.

Masino: Comu avit’a fari cu ‘sti ricchii?

Micio: Vi venunu ‘i stinnicchii?

Liguria: (Rientrando) Ci sunnu nuvità. C’’a grazia di Diu, ‘a picciotta abortiu sula.

Masino: Meno male, ci siamo evitati un omicidio! E questi soldi andranno alla
chiesa per ringraziare il Signore, che pensa sempre a risolvere tutto.

Liguria: Si, però prima m’aviti fari ‘n’autru piaciri.

Masino: ‘N’autru?

Liguria: Viniti cu mia, chi vi spiegu ogni cosa.

Masino: Annamu ‘nta chiesa.

Liguria: Don Miciu, pirmittiti?

Micio: Ma certu, certu; faciti, faciti…

(Liguria e Masino escono)

Micio: Signuri mei, mi stancai di fari ‘u surdu! Certu chi non capia cchiù nenti;
è ghiornu o è notti? Sugnu svigghiu o dormu? Sugnu sobriu o sugnu
‘mbriacu completu? Vardati comu sballa un parrinu davanti ‘e soddi!
E cu’ ci putia cridiri? E putia io mai pinsari chi Liguria era la furbizia
fatta a cristiana?

Masino: (Rientrando con Liguria) Don Micio, fate venire le donne da me.

Micio: Mittitivi ‘u cappottu.

Masino: Picchì?

Micio: Dicistu: con questo freddo che c’è.

Masino: (Urlando) No, vi dissi: fate venire le donne da me. Mannatimmilli cca,
chi ci parru io.

Micio: Allura, accettati?

Masino: Accetto, accetto.

Micio: Sta beni, ora v’’i mannu. (Esce con Liguria)

(Masino si siede; si abbassano leggermente le luci; parte una musica;
il prete conta tutti quei soldi)

Vennira: (Da fuori) Don Masino!

Masino: (Conserva i soldi in fretta e furia) Eccomi, sugnu cca. Siate le benvenute.

Lucrezia: Cristo regni, don Masino!

Masino: Sempre con Maria, figliola. Assittativi. Vi ho fatto venire perché mi sta
a cuore questa cosa vostra. E se mi permettete, vi vurria parrari con molta
franchezza e sincerità, dopo avere ovviamente studiato attentamente il caso.

Lucrezia: Don Masinu, in tutta onestà, mi pari chi nni stamu mittennu ‘nta ‘na strada
brutta e senza ritornu.

Vennira: Fa parrari a don Masinu!

Masino: Cara Lucrezia, ci sunnu tanti stradi chi, visti di luntanu, parunu brutti,
tortuose e pericolose. Ma quannu unu ci camina di supra, s’accorgi chi
è ‘o cuntrariu. 

Vennira: Quanta saggezza c’è in voi, don Masino! Papa aviriu divintari.
Masino: Piano! Quando vi è un bene certo difronte ad un male incerto, non bisogna
mai lasciare il bene.

Vennira: ‘U capisti, ‘a mamma!

Masino: E qui il bene è certo: vui ristati incinta e mettete al mondo un altro figlio del 
Signore. Il male è che colui che vi farà questo regalo, dopo morirà. Ma non è 
detto, po’ essiri chi non mori.

Vennira: Però Miciu hav’a sapiri chi mori di sicuru.

Lucrezia: Ma questo è un grave peccato.

Masino: E no, figliola, vi sbagliate. 

Lucrezia: Ma comu, patri? Io, non sulu diventu adultera, ma col mio adulterio uccido
un uomo innocente.

Vennira: Ma crei una nuova vita.

Lucrezia: A quale prezzo?

Masino: E’ la volontà che pecca, non il corpo. In questo caso la volontà non c’è, 
perché voi lo farete solo col corpo. E poi, ‘n’autru piccatu è: dari un dispiaciri 
‘o maritu. E vui, ‘nta ‘stu casu, ci faciti un piaciri.

Lucrezia: Vui mi vuliti persuadiri?

Vennira: E tu lassiti persuadiri, figghia mia. ‘Na casa senza figghi è come una
barca alla deriva. E si ‘spittamu a Miciu…

Masino: Io vi assicuro che in questa cosa, che farete, non esiste nessun peccato, che 
non vada via con una semplice confessione. E davanti a Dio noi ce ne 
assumiamo la responsabilità.

Vennira: ‘U capisti? Tu dopu ti cunfessi e torni linda e pulita.

Masino: Però, madre di un bel bambino…

Vennira: E to’ maritu saravi l’omu cchiù cuntentu d’’u munnu e ti coprirà d’oro.

Lucrezia: Non mi ‘nteressa l’oru, mi basta il suo affetto.

Vennira: E t’anniiravi ‘nta l’affettu.

Lucrezia: Se il mio confessore e mia madre, chi mi vonnu beni, mi cunsigghiunu
accussì, vo’ diri chi è giustu. Accettu.

Vennira: Ci pensu io, don Masinu, ‘a priparu io. E tu, babbazza, non ti scantari.
Ci sunnu fimmini, a ‘stu munnu, chi pi ‘na cosa di chisti dariunu un occhiu.

Lucrezia: Che Dio m’aiuti!

Vennira: Intantu t’aiutu io, camina. (Escono)

Liguria: (Entrando con don Micio) E allura?

Masino: Tutto a posto.

Micio: Bravu, don Masino.

Liguria: E quannu vi turnau ‘a ‘ntisa?

Micio: Ora, per la felicità.

Liguria: (Fra se) Pari scemu…

Masino: Annaru ‘a casa a priparari ‘i cosi comu si devi.

Micio: Io sugnu l’omu cchiù filici d’’u munnu.

Masino: E certu, avrete un figlio senza nesciri pazzu.

Liguria: Vui, intantu, annati a prigari ‘u Signuri che tuttu vada per il verso giusto.
Vui, don Miciu, annati a casa a dare manforte a vostra soggira. Io cercu ‘o
dutturi e mi fazzu dari ‘u decottu. Fra un’ura nni videmu.
(Escono di scena e cala la tela)

Fine del Primo Atto







A T T O S E C O N D O

La medesima scena del primo atto, sono passate diverse ore. Al levarsi della tela in scena ci sono Flic e Floc.

Flic: Cca ripigghia l’avventura. 

Floc: Si, di don Cicciu c’’a cuddura.
Chi manciava pani schittu
e ci calava rittu rittu.

Flic: Finiscila! (Al pubblico) Stati attenti amici mei.

Floc: Io vurria sapiri chi fini ficiru. Pozzu cridiri chi Carlinu si nni scappau?
Picchì, si ci pensa bonu, non è chi stannu facennu ‘na gran valintia!

Flic: Stannu facennu propriu schifu. Ma tantu, alla fini, si unu fa ‘u bonu figghiolu, ci 
dugnunu un premiu? Dici: “ Ma vidi chi quannu mori vai in inferno”. 
Non è ‘u primu e non saravi l’ultimu. Megghiu ‘u ‘nfernu, ma soddisfattu, chi 
‘u paradisu, ma piatusu. 

Floc: Chi bella intuizioni! Complimenti!

Liguria: (Entrando) Si, è giustu così: iddu voli a Lucrezia e la dovrà avere. 
Dunca, annamu avanti! Certu chi si fussi pi don Miciu, già saria tuttu fattu. 

Flic: ‘U criaturi! Non vidi l’ura di farisi piazzari ‘stu bellu paru ‘i corna supr’a 
testa! 

Liguria: E’ donna Lucrezia che mi preoccupa. Ma si po’ essiri così cretini? 
E quannu mori, chi ci cunta a San Petru? Si maritau c’un vecchiu e tutta la vita 
ci fu fedeli. E San Petru, sapiti chi fa? Sicunnu mia ci ridi ‘nta facci e ‘a manna
ritta ritta pi ‘nto ‘nfernu.

Floc: Megghiu chi mi nni vaiu: mi vinniru ‘i nervi. E fra pocu scoppiu. (Esce)

Flic: Aspetta, non curriri, chi vegnu puru io. (Esce)

Carlino: (Entra) Liguria, chi fini facisti?

Liguria: (Entrando) Vui, chi fini facistu.4

Carlino: Sugnu assai nirvusu. Novità?

Liguria: Boni: donna Lucrezia felice di accoppiarsi con voi; ‘u parrinu cuntentu di
trasirisi ‘i soddi ‘nta sacchetta; don Miciu, fiero di diventare cornuto, ma 
padre; donna Vennira felicissima di avere un nipote, per quanto triste a causa 
della cornutaggine del genero. Quindi, pi donna Lucrezia ci pinsati vui; a don Miciu ‘u facemu patri; a donna Vennira ci damu ‘u niputeddu… ‘U parrinu, pensu, chi cchiù chi preghieri, vurravi autri dinari. 

Carlino: E va beni: ci damu ‘i dinari.

Liguria: E dicitimi ‘na cosa, ‘a priparastu ‘a pozioni?

Carlino: Preparata.

Liguria: E chi ci mittistu?

Carlino: Misi a bugghiri ‘na picca di finocchi sabbaggi, costi amari e pipi spizzeri. 
C’’i facemu biviri a donna Lucrezia…

Liguria: E così ci veni ‘a sciolta.

Carlino: Si purifica.

Liguria: S’u diciti vui… Ora ci dobbiamo organizzare. Vui l’aviti ‘na parrucca?

Carlino: No.

Liguria: V’’a procuru io. Vi mittiti parrucca e mantello; vi canciati ‘i vistiti di sutta…
Deve essere tutto organizzato alla perfezione. Chiamamu a Siru e ci damu 
‘u dicottu da dare a donna Vennira, alla quali ci havi a diri chi vui non ci putiti 
esseri quannu ci sarà lo scambio. 

Carlino: E picchì? Chi ci ‘ncucchiamu? 

Liguria: Siete partito urgentemente per la Francia. No... Siete dovuto andare 
urgentemente da un paziente che stava per morire. Perfettu. ‘U parrinu vi porta 
cca davanti a don Miciu e don Miciu vi porta a so’ mugghieri. Però non avit’a 
parrari. Ci dicemu chi siti mutu. Perfettu.

Carlino: Io vaiu a casa e ci dugnu ‘u dicottu a Siru.

Liguria: E io vaiu a chiamari a donna Vennira. E poi vaiu unni ‘u parrinu. Vui aspittati
mie istruzioni.

(Escono)

Micio: (Entra con la moglie al braccio) Fra poco, carissima Lucrezia, avrai un 
magnifico bambino fra le braccia. Ah, non vidu l’ura! Tu chi nni pensi?

Lucrezia: Io non pensu nenti. Sei tu che deci decidere.

Micio: Decidere? Ormai è decisa ogni cosa. Chi fai, scherzi?

Lucrezia: E allura picchì dumanni il mio parere?

Micio: Perché sei tu che dovrai giacere con lo sconosciuto.

Lucrezia: Non dire, giacere, ma accoppiarmi, come gli animali, tantu per la 
procreazione.

Micio: Non essiri così catastrofica. Accoppiarmi… Alla fine si tratterà di un giovane e 
sugnu sicuru chi tu ci pigghirai puru gustu. In tal caso, si io sacciu chi ti piaciu, 
ti sparu a tia e poi a iddu. Ricorda: solo corpo. ‘U capisti? Non ci devi mettere
alcuna passione.

Lucrezia: Almeno fategli fare un bagno.

Micio: E chi pensi, chi ti portu a quarche lordu?

Vennira: (Entrando) Non ti preoccupare, figlia mia, don Masino in persona si è 
occupato di trovare il giovanotto che ti farà madre. E don Masinu è cristianu 
chi merita tutta la fiducia.

Micio: E cui è ‘stu giovanottu?

Vennira: Non si deve sapere. E’ un giovane carcerato, al quale è stata offerta questa
scelta: o ristari in galera o procreare un figlio, che non dovrà mai cercare.
Iddu s’hav’a scurdari di chiddu chi fa cu Lucrezia.

Micio: E si fussi io, pinsannu a Lucrezia, diria subitu si. Scusati, farà l’amore con
una bella donna; saravi libiru d’’a galera…

Vennira: Ma morirà.

Micio: Però iddu n’’o sapi.

Lucrezia: E com’è ‘stu giovanottu?

Micio: Che importanza ha? Com’è, comu non è… Ti dissi chi tu non ci hai a pruvari
piaciri. Per te deve essere un sacrificio.

Lucrezia: Io non sugnu ‘na cani.

Vennira: Alto, biondo e sanu comu un pisci.

Micio: Ma io non sugnu biondu. E si mi nasci un figghiu c’’u so’ culuri di capiddi
facemu ridiri a tuttu ‘u paisi? No, no, no, chiamamu a don Masinu e 
dicemucci di truvari a unu curtu e niru.

Lucrezia: Ma finiscila!

Micio: Sentite, io non posso passare per cornuto davanti a tutto il paese.

Vennira: E chi ci fa? Si diravi chi nni pigghiau di ‘na nonna ‘u picciriddu, di ‘nu ziu,
d’un luntanu parenti.

Micio: Chistu è veru. Quannu si voli si po’ truvari ogni scusa.

Lucrezia: L’occhi comu l’havi?

Vennira: Assai voi sapiri.

Micio: E torna… A tia chi ti ‘nteressa? Tu ci devi solo procreare, e basta. Chi hai a fari
cu l’occhi? Aviti a stari ‘o scuru, capisti? Non vi dovete guardare. 
Ora dumannamu comu havi l’occhi…4

Lucrezia: Tantu pi sapiri. 

Micio: Tu non ha sapiri nenti.

Vennira: L’incontro avverrà qui. Poi vi nn’annati ‘a casa. Ma quannu siti ‘a casa avit’a 
stari ‘o scuru. Io stessa m’incaricherò di fare in modo che non ti veda nuda.

Micio: Mi raccumannu.

Lucrezia: Veramenti ‘a vergogna è tutta dda!

Micio: Non mi va che uno sconosciuto ti veda nuda. A mala pena ti sacciu io…

Lucrezia: Ma che ipocrisia! Ti scanti chi cunta comu sugnu fatta? ‘U stissu ‘u po’
cuntari.

Micio: Comu? Si non ti vidi comu fa a cuntarlu?

Lucrezia: Come farà a possedermi, c’’i manu ‘ttaccati? Mi toccherà; scoprirà le mie
forme…
Micio: Ma chi tocca? Lui non ti deve toccare!

Lucrezia: Ah si? E comu fa?

Micio: Chistu è veru. Amu a truvari un sistema.

Vennira: Ti vinni ‘a gilusia? Miciu, vulennula diri, dopu chistu mori, dunca…

Micio: E si non mori?

Vennira: Mori, mori, picchì si non mori sulu ‘u facemu moriri nui.

Lucrezia: Tantu, o mori o non mori, ‘a virgogna ‘u stissu io ‘a pruvai.

Vennira: Ma statti muta! ‘A virgogna! Tu non sai chiddu chi succedi ‘nto munnu.
Basta pinsari a quantu corna ci sunnu in giru. Quantu figghi di N.N. esistunu? 
To’ figghiu aviravi la fortuna di avere un padre, un nome ed un futuro 
dignitoso. Soprattutto ciò avverrà con la benedizione di tuo marito, che vuole, 
com’è giustu, un erede. Ora portila ‘a casa, Miciu, e torna quannu t’’u dicu io.

Micio: Va beni. Amuninni, Lucrezia.

(Escono)

Vennira: Signuri mei, ‘a virgogna! E’ veru, ‘i figghi non s’hann’a crisciri troppu 
onesti, picchì poi diventunu babbi. E cu’ ci cridiria chi di ‘na fimmina scattra 
comu a mia putia nesciri ‘na figghia tantu babba? ‘I figgi non s’aviriun’a fari 
c’’u primu chi capita. Cchiù stupida di so’ patri è ‘sta carusa.

Siro: (Entrando con l’ampollina) Donna Vennira, cca c’è ‘u dicottu. Viditi chi è
dangelosu, trattatilu beni, alli voti s’avissi a rumpiri, non ci nn’è cchiù.

Vennira: (Lo prende) Benissimo. 

Siro: Vui ‘u sapiti a chi servi ‘stu dicottu? 

Masino: (Entra) Bonasira.

Vennira: A vui!

Siro: Don Masinu!

Vennira: Unni stati annannu?

Masino: Vui, unni stati annannu. 
Vennira: Vinni a pigghiari ‘u dicottu.

Masino: E io vaiu a pigghiari ‘u picciottu.

Vennira: ‘U bagnu ci ‘u facistu fari?

Masino: Chi nni sacciu? Ora chi ci trasi ‘u bagnu?

Vennira: ‘A carusa ‘u voli pulitu.

Masino: A idda ci ‘nteressa che sia prolifico. Si poi è lordu, non ci fa nenti: si ‘ntuppa
‘i naschi.

Vennira: Prolificu o no, non è ‘u dicottu chi ‘a fa nesciri in cinta?

Siro: Mi raccumannu, ‘u dicottu faciticcillu biviri subitu. Appena idda mancia ci havi 
a calari ‘nto stomucu ‘a mandragola, accussì si mmisca c’’u manciari e ci va
finu a nta l’ugna d’’i pedi.

Vennira: Appena arrivu ‘a casa ci ‘u fazzu biviri.

Siro: Tuttu, non nn’havi ristari mancu ‘na stilla.

Vennira: Non ti preoccupari.

Siro: No, sapiti picchì? La dosi è studiata apposta, e ‘na goccia di cchiù o di menu po’
diventare fatale. Dopu chi idda l’havi bivutu finu alla fini, ci diciti di daricci
du’ curpicedda c’’u ititu nto culu d’’a buttigghia, accussì cala ogni goccia.

Vennira: Va beni.

Masino: Dopu ‘a purtati cca, chi c’è ‘u picciottu.

Siro: E comunqui, ‘u picciottu è pulitissimu, capistu?

Vennira: E tu chi nni sai?

Siro: Vo’ diri chi ‘u sacciu. Ora mi nni vaiu. Si aviti bisognu di mia, a disposizioni. 
(Esce)

Vennira: Sta beni, nni videmu dopu. (Fa per uscire)

Masino: Vennira.

Vennira: Chi c’è?
Masino: Stamu facennu ‘na cosa giusta?

Vennira: Aviti ‘i scrupuli ‘i cuscenza?

Masino: Veramenti, si.

Vennira: Ormai non si torna arreti. Non si può.

Masino: Si, ma io sono un uomo di chiesa.

Vennira: Ci aviu pinsari prima, quannu vi hanno proposto l’affare.

Masino: Va beni, annamu avanti. Ma vui ‘u sapiti chi chiddu non mori.

Vennira: Cui?

Masino: Chiddu chi faravi amuri cu vostra figghia. ‘U sapiti chi chistu non è un
dicottu di mandragola.

Vennira: Vui ‘u sapiti?

Masino: Mi pigghiati pi cretinu? 

Vennira: E allura pigghiati a mia pi cretina? O vi scurdastu io cu’ sugnu e cu’ fui?
Pinsati chi a mia mi po’ ‘nteressari si chistu campa o mori? 

Masino: Cca ‘u cretinu è unu sulu: vostru ienniru.

Vennira: E a me’ figghia unni ‘a mittiti?

Masino: Cretina puru idda? No, vostra figghia è onesta. Non vurria fari la cosa che
si sta organizzando.

Vennira: Ma è pi beni, don Masinu, non v’’u scurdati: pi beni. Chi fini faria me’
figghia, sula, quannu un ghiornu mancassi so’ maritu? Capiti, vui? Sula, senza
un omu accantu e c’’a famigghia di Miciu chi cuminciria a reclamari il
patrimonio.

Masino: Viditi chi nui nni macchiamu d’un gravi piccatu.

Vennira: Ma facemu filici a Miciu e facemu nasciri un picciriddu chi divintiravi riccu
e filici puru iddu. Nn’amu fattu tanti piccati! E vi dicu ‘n’autra cosa, ‘na cosa 
di fimmina: facemu filici, pi ‘na vota ‘nta so’ vita, a me’ figghia Lucrezia. 
E vui, chi siti ‘u so’ cunfissuri, vui ‘u sapiti.

Masino: Ma allura picchì ci ‘a facistu maritari?

Vennira: Quannu s’ha fattu ‘a vita chi fici io, ci voli quarche cosa pi puliziari l’onori,
puru, anzi soprattuttu, d’’a propria figghia. E cu chistu vi salutu. (Esce)

Masino: E’ veru: ‘a mala cumpagnia porta ‘a mala via. Io era beddu, tranquillu…
Cu mi porta a Liguria ‘nto menzu ‘e pedi? Hann’aviri malanova ‘i soddi
e cu’ ‘i ‘nvintau. Picchì m’hann’a piaciri tantu!

Liguria: (Entrando) Ancora cca siti? Forza, annamu a pigghiari ‘u picciottu.
Sbrigamuni, chì poi si fa tardu e ‘u dicottu perdi l’effettu.

(Escono di scena. Si abbassano le luci, parte una musica. Da sinistra 
entrano: Vennira, Micio e Lucrezia; da destra entrano: Liguria, Masino e 
Carlino travestito. Micio spinge Lucrezia verso il centro e Masino spinge 
Carlino, che si inchina e porge una mano a Lucrezia. Dopo di che la 
conduce fuori per la sinistra, sotto lo sguardo benefico di Vennira, la quale 
trattiene Micio, che quasi quasi ci ha ripensato)

Micio: Ma ‘u dutturi unn’è?

Liguria: Al capezzale di un moribondo.

Vennira: Coraggio, noi andiamo in chiesa a pregare che tutto vada per il verso
giusto. 

Liguria: Giusto, andiamo in chiesa a pregare e fare un’offerta per l’altare!
(Entrano tutti in chiesa tranne Liguria e don Micio) Don Miciu, stavota
vi nasci un figghiu beddu e masculu.

Micio: E si nasci fimmina?

Liguria: Pacenzia! Non è chi ci ‘a putiti girari arreti.

Micio: Chistu no, ma un masculu lo gradirei di più.

Liguria: E allura, sapiti chi vi dicu? Annamu a prigari perché sia maschio.

(Escono di scena. Entrano Flic e Floc)

Flic: E così l’inganno stato consumato.

Floc: Chi schifu, però!

Flic: Eh, chistu è ‘u munnu.
Floc: Non è veru, non è tutto così ‘u munnu. Non fannu tutti schifu ‘i cristiani.

Flic: ‘A maggior parti.

Floc: Vo’ diri, pi quattru soddi schifusi, ‘a genti si vinni l’onestà e la dignita?

Flic: E’ la munita chi fa girari ‘u munnu
e spinci l’omu ‘a ghiri ‘nfunnu ‘nfunnu,
e pardiri ragiuni, onori e dignità,
ciriveddu, corpu e rispittabilità.

Floc: E forsi hai ragiuni.

Ma non ti abbattiri, chi ancora hamu a finiri. 

(Escono. Le luci lentamente si abbassano fino a raggiungere il buio. 
Parte una musica e le luci si riaccendono. In scena entra don Micio
con la moglie a braccetto, vistosamente incinta. Si incontra con tutti gli
altri e ci sarà uno scambio di auguri e baci. Don Micio, insieme alla 
suocerà ed alla moglie, entrerà in chiesa, accolto da don Masino. Liguria e 
Carlino si stringono la mano con entusiasmo ed il primo da al secondo un 
mazzetto di banconote. Poi uno esce per la destra ed un altro per la 
sinistra. Si riabbassano le luci fino e raggiungere il buio e dopo si 
riaccendono con in sottofondo gli urli di Lucrezia, che sta partorendo, 
mentre don Micio entra in scena affannato con Liguria)

Micio: Non ci rinesci! Non ci rinesci!

Liguria: Non vi scantati, ci rinesci!

Micio: Comu si fa? Comu si fa? (Vede entrare Siro) Unn’è ‘u dutturi?

Siro: Ora arriva.

Micio: Chi voli diri? S’hav’a sbrigari! Me’ mugghieri hav’a parturiri, ‘u capisti?

Siro: Mi dissi chi sta arrivannu.

Micio: Oh Matri ‘Mmaculata! E si ci succedi quarche cosa!

Liguria: Ma chi ci hav’a succediri? Parturisciunu puru ‘i babbi.

Micio: Babbi e buttani su’ sempri furtunati.

Liguria: Appuntu.
Micio: Chi voi diri?

Liguria: Dicu, si babbi e buttani su’ furtunati, figuramuni si ‘na fimmina forti, seria,
intelligenti e bedda comu a donna Lucrezia…

Micio: Io vaiu e mi dunu. (Esce per la sinistra)

Siro: Vai, vai, poviru beccu!

Liguria: (Rimproverandola) Ancora!

Carlino: (Entra) Liguria! Liguria! Maliditta! Ora io comu fazzu?

Liguria: Non aviti fari nenti, picchì ora vegnu io, chi sugnu esperta in parturenza.
Caminati. 

Carlino: Chi caminati e caminati? A mia mi fa impressioni!

Liguria: Ah, quannu vi divirtistu, vi piacia, ora vi fa impressioni?

Carlino: Che meraviglia, Liguria! Chi fimmina! E quanto mi ama!

Siro: Vi ama…

Liguria: Un momento, chi vulistu diri?

Carlino: Dopu chi stesimu assemi io mi livai ‘a parrucca, ‘ddumai ‘a luci e mi fici
vidiri ‘nta facci. 

Liguria: Vi facistu vidiri ‘nta facci?

Carlino: Poi ci dissi: “Ora, si vuliti, mi putiti denunciari”. Sai chi fici idda? Mi spinciu 
supra ‘u lettu, stutau ‘a luci e mi dissi: “Ricumciamu daccapu”. E da allora ci 
siamu visti quasi tutti i giorni.

Liguria: E don Miciu?

Carlino: Mi adora.

Siro: ‘U ‘nvita tutti ‘i iorna a cena! 

Liguria: Bravu! E di ‘sti ceni io non nn’haiu avutu nenti.

Carlino: Il tuo lavoro l’hai fatto; pigghiasti soddi di mia e di iddu. Chi voi ancora?

Micio: (Rientrando affannatissimo) Dutturi! Dutturi! Forza, sbrigamuni!

Carlino: Oh, don Micio!

Micio: Chi don Miciu e don ghiattu? Cca nn’avem’a sbrigari.

Liguria: Aspittati, don Miciu, non ci faciti primura.

Micio: Comu, non ci fazzu primura? Chidda havi du’ uri chi spinci e non nesci nenti.

Liguria: E ‘u dutturi chi po’ fari? Si vede che non è giunto il momento. Ora vinemu e
videmu la situazioni.

Micio: E tu chi ci trasi? Tu non sei medico.

Liguria: Ma nn’haiu vistu parturiri tanti…

Micio: E a me’ mugghieri non t’’a fazzu vidiri.

Vennira: (Entrando) E’ tutto fatto! Nasciu! Masculu! 

Micio: E ‘i capiddi comu l’havi?

Vennira: Niri, niri comu ‘a pici!

(Momenti di gioia)

Micio: Bene, bene, bene! Oggi sono l’uomo più felice del mondo! Certu, mi dispiaci
pi ddu criaturi chi muriu! Siro, vai a chiamari a don Masinu.

(Siro entra in chiesa)

Liguria: Don Miciu, abbiamo fatto un capolavoro!

Micio: Si, si, e io v’haiu a ringraziari a tutti. Ma soprattutto debbo ringraziare il
dottore. Ah, dutturi! Ostetricia partorentibus non incintas! ‘U Signuri ha 
binidiri a cu’ ‘a ‘nvintau!

Carlino: Ma per carità, don Micio! Ho solo fatto il mio dovere.

Micio: No, vui facistu cchiù d’’u vostru doveri. 

Masino: Auguri! Auguri! Ho saputo!

Micio: Grazie! Stavo dicendo, dottore, che avete fatto più del vostro dovere. 
Ed io voglio ringraziarvi e vi chiedo di fare da padrino a mio figlio.

Carlino: ‘U Sanciuvanni non si po’ rifiutari!

Liguria: Sta beni!

Micio: Grazie! Allura vi pozzu chiamari: “Cumpari”. (Va ad abbracciarlo)

Masino: Bene! E adesso tutti in chiesa a ringraziare il Signore.

Liguria: ‘N’autra vota?

Carlino: Se permettete, io vengo dopo, voglio andare a controllare lo stato di salute
di donna Lucrezia.

Micio: Ma certu, annati e ristati cu idda. E ricurdativi: qualunqui cosa m’aviss’a
succediri, voglio che voi vi occupiate di mio figlio e di mia moglie, caru 
cumpari.

Carlino: Con immenso piacere! (Esce)

(Entrano tutti in chiesa tranne Liguria e Vennira)

Vennira: Avanti, Liguria, mi pari chi putemu livari manu.

Liguria: Si, si, arrivammu alla fini.

Vennira: Speriamu chi ‘stu picciottu nni pigghia di so’ patri.

Liguria: E hav’a veniri stupidu comu a don Miciu?

Vennira: No, hav’a veniri scattru comu a don Carlinu. (Entra in chiesa)

Liguria: L’esperienza, ah! Quannu ‘na fimmina l’havi, non la perdi mai.
(Esce di scena e torna con una valigia. La apre) Vardati chi c’è cca.
(Tira fuori un’insegna con scritto sopra: “Decotto di mandragola”.
poi esce delle ampolline e le mette per terra) E così vinnemu decotti
per ingravidare le donne “partorentibus non incintas”. 

(Esce di scena ed entrano Flic e Floc)

Floc: E ficimu ‘a valintia! Ci cuntammu ‘a storia. E sicunnu tia, esistunu cristiani
tantu bestia comu a don Miciu?

Flic: Esistunu, esistunu…
Floc: Si, ma cuntannuci ‘sta storia chi cunchiudemmu?

Flic: Non cunchiudemmu?

Floc: Nient’altro abbiamo fatto se non raccontare le schifezze che può combinare
la cattiveria umana.

Flic: E l’interesse?

Floc: E la pazzia?

Flic: E allura, ‘a vulemu chiudiri in modu giustu?

Floc: Va beni.

Flic: Pubblico rispettabile, nte vostri seggi assittati.

Floc: Stasira vi cuntammu ‘na storia pi ridiri, ma non faciti finta chi non capistu chi
arreti a sti risati ci stava la mora li.

Flic: Vuliti sapiri qual è? Troppu nni circati.

Floc: Cchiù tardu, quannu turnati a casa, ripinsati a chiddu chi vidistu e truvativvilla 
vui ‘a morali. Nui vi dicemu sulu:

Flic/Floc: Grazie e alla prossima avventura!

(Cala la tela)

FINE

    Questo copione è stato visto
  • 0 volte nelle ultime 48 ore
  • 1 volte nell' ultima settimana
  • 2 volte nell' ultimo mese
  • 11 volte nell' arco di un'anno