Stampa questo copione

VALERIA DO MAE CHEU

 


 

                   (no se sa mai che..)

 

tre atti in genovese

di

  ENRICO SCARAVELLI

Personaggi:

ASSUNTA CARLEVARO             - figgia da edûcà                    

MARCHESA DI ROCCANERA   - padronn-a de casa

BRIGIDA                                      - figgia da Marcheiza

SENOFONTE                                   -figgio da marcheiza

MARIA BRIASCO                         - caméa

ALMERICO BOCCADORO         - amïgo de casa

RUGGERO DELPINO                 - conoscente    

Dr. AMILCARE PINZETTA          - notàro

HENRY LA FONTAINE               - console franzeise

In un salotto nobiliare negli anni trenta

ATTO PRIMO

(Un salotto signorile. Porta ad arco sul giardino al centro. Rampa della scala interna a sinistra che conduce in biblioteca. Una porta a sinistra va alle camere. Due porte a destra: una conduce all'uscita, l'altra alla cucina. Poltrone, banchetto posa piedi, sedie, divano, specchiera, mancano dei quadri alle pareti e si nota il segno)

SCENA PRIMA

(Marcheiza di Roccanera – Maria )

(all'apertura del sipario la marchesa è seduta sulla poltrona davanti ad un tavolino da salotto sul quale sono delle lettere; sta leggendo dei fogli protocollo. Ad un tratto lancia un grido)

MARCHEIZA:- "No!.. No peu ëse.. ah!"(si accascia in maniera un po' comica, spargendo i fogli sul tavolo)

MARIA      :- (entra precipitosa dalla sinistra e corre verso di lei)"Scià marcheiza.. Cöse scià se sente?"

MARCHEIZA:- (facendosi vento col ventaglio, appare affranta)"Ninte, ninte Maria.. Anzi.. a dì a veitae.. de tûtto.. Foscia.. 'n po' de indigestion..Ciamma i mae figgieu.." (contono di comando, passando dall'afflizione alla severità) "E valli a ciammà..cöse t'aspëti che te dagghe l'andeiua?"

MARIA      :- "Comme scià comanda.. vaddo.. Però.. se a Scià marcheiza a mangesse 'n po' meno no ghe sûccedieiva.. Scià veu che porte 'n thé?"

MARCHEIZA:- "Ma t'è sorda? Ho dïto che veuggio i mae figgi!"

MARIA      :- (allarga sconsolata le braccia e mentre esce)"Vaddo vaddo.." (uscendo, tra sé)"Ätro che indigestiòn.. quella a l'è famme"(sale la rampa delle scale ed esce)

MARCHEIZA:- "A l'è 'na catastrofe.. ne va do nostro bon nomme..do nostro casato"

SCENA SECONDA

(Marcheiza – Senofonte – Brigida)

(mentre la marchesa si va vento con un ventaglio, scendono dalle scale i figli: Brigida e Senofonte)

BRIGIDA   :- (ragazza piuttosto matura, si china davanti alla madre, mentre il figlio le sta alle spalle) "Mammà.. torna i patiretti?.."(al fratello, sottovoce dopo essersi guardata dall'eventuale arrivo della cameriera)"Chì, se mangemmo solo verdûa ne ven i patiretti anche a nuiätri"

SENOFONTE:- "Noblesse oblìge.. Dovemmo mantegnì 'na certa parvenza.. 'n certo distacco dai borgheizi.."

BRIGIDA   :- "Ma se mangemmo solo de nëge de pan diventiemo tûtti de parvenze"

MARCHEIZA:- "Parlae cianin.. A servitû a no l'ha da sospëttà de ninte"

SENOFONTE:- "Ah.. ah.. a servitû.. no ghe veu de segûo i euggi fodré de salamme pe' no accortisene de comme van  cöse.."

BRIGIDA   :- "No parlà de salamme..che me monta a famme"

SENOFONTE:-"Addio bei tempi. Aveivimo o maggiordomo, o stallé, due donne in cûxinn-a, 'n camé e 'na caméa.."(pausa allusiva)"Gh'è arrestòu solo a Maria e no so da quante l'è ch'a no becca ciù 'na palanca.. N'accapiscio com- me mai a stagghe de longo chi"

MARCHEIZA:- "Lëzéi cöse me scrive o notaro Pinzetta"(accenna ai fogli sul tavolo)

SENOFONTE:- (cerca di mettere ordine ai fogli e legge. Poi, passandolo alla sorella) "Son segûo che o Pinzetta o ghe rosiggia in scià vendita di nostri ben" (legge e passaalla sorella con una esclamazione)"Ma finn-a a 'sto punto!"

BRIGIDA   :- (legge apprensiva mentre la mamma si lamenta)

MARCHEIZA:- ".. o nostro stemma nobiliare infangòu dai creditoì.." 

BRIGIDA   :- "L'è a rovinn-a.."

SENOFONTE:-(con fare altero e nobile)"Faremo ricorso... il buon nome dei marchesi di Roccanera ritornerà agli onori che l'araldica gli impone!"(pausa e poi cambia tono)"Ma mì me domando e diggo: l'è mai poscibile che mae poae, o Marcheize Aristodemo Alcibiade, ecc, ecc. di Roccanera.. o l'àgge faeto de queste siottàie?.. Zûgase o patrimonio a Montecarlo e lasciäne in te questa deplorevole situaziòn?.. No posso mïga çercamme 'n travaggio.. no saieiva decoroso"

MARCH.e BRIG:-(piagnucolano) 

SENOFONTE:- "Ma voei ciantala de rägnà?"

MARCHEIZA:- "Ma comme ti te permetti de parläme a 'sto moddo!?"

SENOFONTE:- "Scûsa ma.. o papà improvvisamente o l'è sparîo senza lascià tracce"

BRIGIDA   :- "Veramente o no l'è sparîo.. o s'è sparòu!"

SENOFONTE:- "Questa a l'è a verscion che n'han daeto..Segondo e autoritae de bordo parrieiva che a-o ritorno da l'Argentinn-a, a bordo do Conte Grande, l'aggian visto in sciò ponte da nave, dovve.. pare ch'ò se segge sparòu e ch'o segge cheito in mä"

MARCHEIZA:- (piangendo con teatralità)"Eh parrieiva, parrieiva.. Se l'han dïto saià véa, no? Emmo anche riçevuo i papè de morte presunta"

SENOFONTE:- "Morte presunta perché no han rintracciòu o corpo"

BRIGIDA   :- "E intanto i credituì han rintracciòu nuiätri .. "

MARCHEIZA:- (sempre più teatrale)"I nostri servizi d'argento da vintiquattro portate..  i gotti de cristallo de Boemia…"

SENOFONTE:- "A collezion de monèe antighe.."

BRIGIDA   :- "A raccolta di francobolli che 'n'aveiva regallòu o Re.."

MARCHEIZA:- "I quaddri de valore..che no ghe son ciù" (indica le pareti vuote)

SENOFONTE:- "Tûtto vendûo pe tià avanti e fa a figûa che merita o nostro casato.."

MARCHEIZA:- "Ghe l'aveivo dïto a teu poae.. investi e palanche in ti cantieri navali.. in te l'indûstria bellica che, sotto, sotto, gh'è in corso o riarmo pe'.. a conquista di un posto al sole, ma lé.. ninte..ti sae comm'o l'éa faeto.."

SENOFONTE:- "Manco guaei.. in casa o no gh'éa mai.. Me domando comm'emmo faeto a nasce.. Magara o n'ha concepìo pe' corrispondenza…"

MARCHEIZA:- "Quande ghe dïxeivo:<Aristidemo, no straggià o patromonio..investi in te l'indûstria…>. Ma lé o no se fiäva di amixi de l'indûstria.. Tûtti pescichaen, o dïva, e se ghe daggo de palanche.. manaman falliscian e mi perdo tûtto.."

SENOFONTE:- "Oua invece semmo segûi ch'emmo perso tûtto. L'ûnica ch'a continua a no lamentäse a l'è a Maria ch'a rexiste in ca nostra senza piggià 'n cavourrin.."

MARCHEIZA:- "A l'è affezionà a voiätri.. Son tanti anni ch'a l'è chi.. Ti invece t'è sempre tettòu senza travaggià.. Ti poeivi stà in marinn-a con o teu graddo da ufficiale.. Ma..manaman ti riscc-iavi de guagnatene"

SENOFONTE:- "Ma pe' o primogenito do marcheize saieiva staeto poco dignitoso no

 vive de rendita.. Travaggià… pe' fa cöse…o sordatto? Troppa responsabilitae.. So andà a cavallo, zûga a crikett, a bridge, a tennis.. andà in barca a véja.."

BRIGIDA   :- "..E dà fastiddio a-e figgette di nostri villèn.."

SENOFONTE:- "T'orriesci attrovàlo ûn ch'o te desse 'un po' de fastidio a ti ascì, eh?"

SCENA TERZA

(Marcheiza – Senofonte –Brigida – Maria – Pinzetta)

(suona il campanello alla porta. Poco dopo entra Maria che va ad aprire)

MARIA      :- (annuncia)"Gh'è o Sciò notaro Dottor Amilcare Pinzetta"

PINZETTA :-(entra spedito. Pelato, occhiali, barbetta a pizzo, cartella) "Posso intrà?"

SENOFONTE:- "Oramai Scià l'è zà introu"

MARIA      :- (scuote il capo. Esce)

PINZETTA :- "Domando scusa alle signorie loro della mia intrusione, nevvero, ma sono costretto dai fatti a non perdere tempo"

BRIGIDA   :- "Quali fatti?"

PINZETTA :- "Ma dagli avvenimenti eziandìo, dalle sollecitazioni dei vostri creditori che minacciano di adire alle vie legali.." (cambia tono e diventa più grossolano) "Insomma, se no riçeivan quanto dovûo doppo i approvvigionamenti e i prestiti daeti e coscì via.. son rogne" (dà un'occhia- ta ai documenti)"Ho riçevûo dä Banca..'na richiesta de rimborso de ben 5.450.725 lîe, virgola 25 citti.."

MARCHEIZA:- "Tûtti quelli dinae lì?.. Ma o l'è 'n patrimonio..E chi l'ha mai visti?"

PINZETTA :- "Comme séi, doppo avei avûo a vostra procûa in sciè-e vostre operazion, son mì quello che riçeivo 'ste belle notissie.. Son anni che vivei a-o de feua de vostre poscibilitae e a banca a no ne veu ciù savei.. O paghè o andae drento con tûtte e conseguenze negative in sciò vostro casato. No d'ev'ëse pe' ninte divertente andà in galèa pe' insolvenza"

BRIGIDA   :- (severa) "Me paggéi finn-a contento de questa situazion"

SENOFONTE:- "Ûn mae soccio do club o m'ha insinuou che e nostre cambiali son state rilevae da 'na personn-a ch'a ne conosce.. Ne sei ninte voì?"

PINZETTA :- (si guarda attorno schiarendosi la voce)

MARCHEIZA:- "Gh'èi a rantega?"

PINZETTA :- (cercando con lo sguardo la cameriera)"Veramente bevieiva 'n gottin de.."

MARCHEIZA:- (interrompendo)".. d'aegua; quella a rimedia tûtto… Maria!"

MARIA      :- (appare sulla soglia)"Scià comande"

MARCHEIZA:- "Porta 'n gotto d'aegua fresca pe' o notàro.."

PINZETTA :- (goffamente cerca di deviare sul.. bicchierino)"Ma veramente.. ciû che aegua.." (accenna al bicchierino)"..m'accontentieiva anche de 'n rappin.."

MARCHEIZA:- "Oh, balle! O rappin o fa mà.. " (a Maria)"Portighe 'n gotto d'aegua e.. no lexinà.. ch'o segge abbondante"

PINZETTA :- (mima la forzata accettazione)"Anche!"

MARIA      :- "Sûbito.. " (tra sé, uscendo)"Tanto rappa no ghe n'è"

PINZETTA :- (A Maria che sta uscendo)"Anche se l'aegua a no l'è abbondante, fa ninte" (ai presenti)"Continuando o descorso de primma, doppo che o tribûnale o l'ha formalizzòu i atti necessäi dichiarando a morte presunta do Sciò Marcheize.." (legge dai suoi incartamenti) "..Aristodemo, Alcibiade, Vittorio, Umberto, Angelo di Roccanera e dopo la pubblicazione della prima parte del testamento, emerge.."

MARIA      :- (rientra con un enorme boccale..d'acqua, che lascia davanti al notaio, il quale, copmicamente, ne osserva la quantotà)

BRIGIDA   :- "Ma Sciò notàro, ghe saian restae ancon de palanche in banca.."

PINZETTA :- (alza e guarda sconsolato il bicchierone d'acqua) "No, gh'è arrestià solo de l'aegua" (ne beve comicamente un sorso e posa il bicchiere) "Dixeivo che sei in ta me..in bratta finn-a ai euggi"

BRIGIDA   :- (singhiozza ed esce sveltamente dirigendosi alle camere)

MARCHEIZA:- "Ma notaro.. che moddi.. Va ben che se conoscemmo da 'na vitta, ma 'n po' ciû de gàibo.. con chi credei de parlà.. con di villèn?"

PINZETTA :- "Domando scûsa ma mì.. no son bon de piggià tanti regìi de parolle… mì parlo ciaeo comme l'aegua" (guarda il bicchiere con una smorfia) "..anche s'a l'ha o colore da rappa, semmo ch'a l' aegua..Comunque.. non tutto è perduto.. Quarchedûn o l'ha rilevou e vostre cambiali e pagòu quarche commerciante e quarche rateo bancario.."

MARCHEIZA:- "Quarchedûn? E chi?"

PINZETTA :- (tergiversando)"Saiei informae a tempo debito.. pe' oa gh'éi 'n meize de respîo.. veddiò cöse posso fa.." (raccoglie le carte) "Oa vaddo perché devo andà a-o catasto, pe' i vostri terren a Bàvai.. primma che vaddan ai villèn pe' ûsucapion.."

SENOFONTE:- "Mammà.. gh'emmo di terren a Bavai?"

MARCHEIZA:- "Coscì pare.. E mappe catastali son 'n po' imbroggiae e ghe son sem- re staeti di contrasti con i contadin che, a quante dïva vostro poae, pare ch'aggian spostòu i picchetti di confin.. "

SENOFONTE:- "Sciò notaro Pinzetta.. Vedei 'n po' de mette a posto a questiòn… peu däse che se vendemmo a Bàvai se posse tià avanti con meno problemi.."

PINZETTA :- "Va ben.. vediemo.. Oa vaddo.. "

MARCHEIZA:- "Maria!"

MARIA      :- (appare sull' uscio)

MARCHEIZA:- "Accompagna o notàro"

PINZETTA :- (si avvia, poi si volta e ai presenti, tristi)"Allegri, eh?" (esce e Maria esce di scena a sua volta)

MARCHEIZA:- "No veddo che cöse ghe segge da ëse allegri.. " (al figlio)"Accompagnime in sala a mangé"

SENOFONTE:- (porge il braccio)"Coraggio mammà.. peu däse che tûtto s'accomodde"

MARCHEIZA:- (avviandosi al braccio del figlio)"Se tì t'attrovesci 'n bon travaggio no saieiva mïga 'na cösa indecorosa.. Anche o figgio do baron Baffigo de Ciàvai o travaggia"

SENOFONTE:- "Scì.. direttò de banca.. ma mi ciù che guagnäle e palanche.. so spendile.." (escono)

SCENA QUARTA

(Assunta – Senofonte)

(entra in scena una ragazza. Assunta. Vestita molto dimessamente, sui diciott'anni, cappellino di paglia in testa, un cagnolino in braccio ed un fagotto annodato nell'altra mano, passo alla montanara. Si guarda attorno)

ASSUNTA :- "Gh'è nisciûn?"(non ottenendo risposta si guarda attorno)"C'è nessuno?" (dimostra spossatezza, vede una poltrona, posa il fagotto e si siede. Comicamente si sprofonda e rimane con le gambe all'aria, poi, con ironia) "Molto comoda.. ven finn-a l'ombrissallo in bocca" (si rialza a fatica reggendo sempre il cane al quale si rivolge)"Scusa Giuseppe.. sarà meglio accucciarsi tutti e due da un'altra parte" (vede il banchetto posa-piedi della marchesa, lo porta in un angolo assieme al suo fagotto e si siede)"Qui si sta meglio"

SENOFONTE:- (entra e guarda attorno) "Me pàiva d'avei sentîo de vöxi.." (vede la ragazza) "Cöse ti ghe fae accuccià pe' taera?.. Chi t'ha faeto intrà? Tì chi t'è?"

ASSUNTA :- (si alza, va incontro all'uomo e con fare comico, poiché non ha capito)"Eh?.. Cosa vuol dire <tichitè?>"

SENOFONTE:- "Ho chiesto come sei entrata, chi sei e cosa ci fai accovacciata con questo.." (arretra con gesto di disgusto)"..con questo sacco di pulci?"

ASSUNTA :- "Chi, Giuseppe un sacco di pulci?.. E' un cane che non ce n'è eguali nel mondo"

SENOFONTE:- "Giuseppe?.. Il nome di un cristiano ad una bestia?"

ASSUNTA :- "Cosa c'è di male..? Ci sono tanti cosiddetti cristiani che si comportano come bestie..almeno il mio Giuseppe è ubbidiente, fedele.. e poi pulci non ne ha"

SENOFONTE:- "Non hai risposto alla mia domanda, chi sei e cosa vuoi.."

ASSUNTA :- (porge un biglietto che toglie dal corsetto) "Sono Assunta"

SENOFONTE:- (prende il biglietto)"Qui non assumiamo nessuno. La servitù è al completo"

ASSUNTA :- "Mi chiamo Assunta, Assunta Carlevaro"

SENOFONTE:- (legge e intanto Assunta passeggia quasi saltellando e curiosando) "Ah.. il console onorario francese, Henry La Fontaine De la Tour.. E come mai ti raccomanda a noi? Come fai a conoscerlo, perché.. " (accenna al suo abbigliamento)"Me pä strano che ti o conosci personalmente" (si innervosisce vedendola saltellare mentre le parla)"Ma ti t'affermi 'n momento?"

ASSUNTA :- (con sfacciataggine e irruenza) "Peu däse che o conosce.. Il fatto è che qui c'è il biglietto caro il mio <tichitè?>.. a proposito e lei.. <tichitè?">

SENOFONTE:- "Come?"

ASSUNTA :- "Ho domandou o so nomme "

SENOFONTE:- "Senofonte"

ASSUNTA :- (porta una mano alla bocca per trattenere il riso)"Seno.. fonte?.. E quello sarebbe il nome di un cristiano?"

SENOFONTE:- "Figgetta.. comme ti te permetti.. Senofonte è il nome di un antico filosofo greco.. ora vai in cucina e vedremo quello che possiamo farti fare.. resterai in prova ..naturalmente senza paga finché non avrai dimostrato di saper imparare e di saperti comportare come si deve in una casa di signori come la nostra.. se de no ti porti via i tacchi tì e o teu can.. Anzi, o can portilo in te scûderie di cavalli"

ASSUNTA :- "Gh'éi di cavalli?..A Giuseppe piacciono i cavalli"

SENOFONTE:- (in imbarazzo)"Cavalli?..No! A-o momento gh'emmo solo e scûderie;  comunque <quello> non deve assolutamente entrare in casa, capito?"

ASSUNTA :- "Ma o Giuseppe o dorme sempre con mi"

SENOFONTE:- "Bella röba.. Saià ben digghe ä Maria che ti fassi 'n bagno.. Così ti te levi e prüxi do can"

ASSUNTA :- "Ho zà dïto che o no n'ha de prüxi " (esce col cane, trascinandosi il fagotto)

SENOFONTE:- (tra sé)"Comme mai o console franzeize o raccomanda a nuiätri quella figgetta.." (chiama)"Mammà.." (esce verso la sala da pranzo)   

 SCENA QUINTA

(Brigida – Almerico)

BRIGIDA   :- (scende le scale, sbircia verso la porta vetrata del giardino e sospira, poi va davanti allo specchio per darsi un'aggiustatina ai capelli) "Eh.. chi o tempo o passa e.. ommi no se ne veddan. <Questo partîo o no l'è pe' tì> - dixe a mammà, <o no l'è nobile> .. però o l'è pin de palanche.. e ghe scommetto che o saieiva staeto anche disposto a imparentase con o mae casato tiandone feua da-e rogne.. Ma ci vuole un nobile.. E coscì son anni ch'aspëto o nobile..e mì divento 'n mobile" (suonano alla porta. Maria va ad aprire ed entra Almerico. Baffuto giovanotto, con pizzetto)

MARIA      :- "Scignorinn-a Brigida, o Sciò Almerico Boccadoro"

BRIGIDA   :- (con indifferenza) "Ch'o s'accomodde"

MARIA      :- (ad Almerico, fuori porta) "Prego" (esce)

ALMERICO:- (entra con enfasi)"Marchesinn-a Brigida.. i mae rispetti" (fa un ampolloso baciamano)"Speravo tanto de veddila e portäla a fa 'n gïo pe' a rivea con a mae neuva Isotta-Fraschini"

BRIGIDA   :- "E Scià l'avieiva o coraggio de invitäme in Rivea con questa donna.."

ALMERICO:- (stupito)"Quae donna?"

BRIGIDA   :- "Ma con quella neuva lì.. a Fraschini.. l'Isotta.. Za a vuiätri ommi no ve basta 'na donna.. dovei fäve vedde in gïo anche con due"

ALMERICO:- "Ah, ah.. Scià me scûse, ma..Isotta-Fraschini a l'è 'n'automobile.."

BRIGIDA   :- (cercando di rimediare alla gaffe)"Ah!.. Ma.. o saveivo beniscimo.. l'ho solo dïto pe'.. pe' fa 'na battûa.. Comunque aspettavo o baron Bartomè de Capenardo pe'.. na minicroxèa a-e Canarie.. con o seu barca appenn-a varà dai cantieri de Riva Trigoso.. Uno Yacht di ottanta metri.. "

ALMERICO:- (che c'è rimasto male)"Bel.." (tronca una parolaccia) "..ottanta metri.. A mae Isotta a l'è 'n po' ciû cûrta.. Comunque.. saià pe' n'ätra votta.."

ASSUNTA :- (esce dalla cucina col fagotto e si avvia alle scale)

BRIGIDA   :- "E quella da dovve a spunta?.."(la chiama con tono di comando)"Fermite!. Tì, chi t'è?"

ASSUNTA :- "Adesso lo so.."

BRIGIDA   :- "Adesso.. sai chi sei?"

ASSUNTA :- "Ma no.. so che significa il <tichitè>.. me l'ha spiegou quello con o  nome ridicolo.. la.. fonte del seno.."

ALMERICO:- "Oh, bella questa....comme figgetta a l'è 'n po' troppo osé"

ASSUNTA :- "Ma scì, o.. Seno.."

BRIGIDA   :- "Senofonte"

ASSUNTA :- "Ecco, quello..o m'ha dïto <tichitè> e gh'ho risposto: Assunta.."

BRIDIGA   :- "Nuiätri no emmo bezeugno de ätre donne de servissio.. semmo ciù che completi.."

ALMERICO:- (comico, mima che ce n'è solo una)

ASSUNTA :- "Scì, ho visto.. gh'e n'è ûnn-a ch'a no piggia manco 'n franco!"

BRIGIDA   :- "Ma comme ti te permetti.. impertinente.. Portite via e teu strasse e vattene de chi.. no t'assûmemmo de segûo, mädûcà!"

ASSUNTA :- "Uffa.. che barba..Mi chiamo Assunta..contenta?"(fa uno sberleffo a Brigida ed esce dal giardino)

ALMERICO:- "Divertente 'sta figgetta"

SENOFONTE:- (entra)"A n'è staeta raccomandà da o console La Fontaine"

BRIGIDA   :- "Da Henry de la Tour?.. Quella strassonn-a mädûcà? E comme mai proppio chì, da nuiätri?.."

SENOFONTE:- "Arrivià a spiegazion da-a Martinicca... e voscià Sciò Boccadoro.. qual buon vento la mena da queste parti?"

ALMERICO:- "O vento de l'Isotta-Fraschini"

SENOFONTE:- (interessato) "L'automobile?"

ALMERICO:- (fiero)"A l'è de sotta..voeivo proponn-e a so seu a marchesinn-a 'n

gîetto ma a quante pare.. a l'ha de mëgio"

SENOFONTE:- "Mì o fasso voentea.. Se mae seu a no vegne , vegno mì.. tanto semmo da stessa famiglia..Posso?"

ALMERICO:- (perplesso)"No l'è proppio a stessa cösa ma.. andemmo.. Veuggio proväla in sciò Bracco" (a Brigida)"Compermisso.. scignorìa" (escono)

SCENA SESTA

(Marcheiza – Maria – La Fontane)

MARCHEIZA:- (entra aiutandosi col bastone. Siede e chiama) "Maria!"

MARIA      :- (appare sulla soglia)"Scià comande"

MARCHEIZA:- "Ûn the co-i pastiççin"

MARIA      :- (stupita)"Gh'è son di pastiççin?"

MARCHEIZA:- "Ghe saian ancon spero, se no ti l'ha mangiae da ascosa, i pastiççin ch'a portòu o meize passòu o Cavalier Delpino.. o mediatò"

MARIA      :- "Ah.. quelli.. comme scià comanda" (si avvia e tra sé)"Chissà comme saian freschi" (suonano alla porta e si avvia ad aprire)

LA FONTAINE:- (da fuori, con forte accento francese che userà sempre)"Sono il console Henry La Fontaine de la Tour.. vorrei parlare con la signora marchesa di Roccanera"

MARIA      :- "Prego" (sulla soglia alla marchesa)"Gh'è o sciò.. Fontann-a con a Töre.."

MARCHEIZA: "Chi?.. Ah, ho accappio, o Console?" (sottovoce a Maria)"Aspëta a fa o the.. se no ti devi fälo anche pe' lé" (si raschia la voce e cambia tono)"Avanti, avanti"

LA FONTAINE:- (entra mentre Maria si fa da parte ed esce di scena)"Bonjour madame"

MARCHEIZA:- (si alza un po' a fatica mentre La Fontane le va incontro) "Bonjour monsieur Henry.. comment ça và?"

LA FONTAINE:- (fa il baciamano)"Quale piacere rivederla dopo tanti anni.." (diplomatico) "Devo dire che siete sempre uguale.."

MARCHEIZA:- "Asseyez vou... Eh,  quande ûn o dixe.. <siete sempre uguale>.. veu dî che l'è proprio o conträio"

LA FONTAINE:- "Ma no, che dite mai.. Ma parlate pure il vostro patois, il vostro   genovese che comprendo abbastanza bene; assomiglia un po' al mio Nizzardo.. Del resto hanno radici comuni"

MARCHEIZA:- "O ringrassio ma.. de segûo Scià no l'è vegnûo finn-a chì pe' vedde se son sempre paegia o se son cangià"

LA FONTAINE:- "Ah, ah.. noto proprio che non è cambiata affatto.. sempre dritta allo scopo: Infatti è così. Vengo dalla Martinica dove ho una vasta piantagione, come forse saprete.. dove il sole e il vento e il mare delle Antille fa uomini forti, duri dove.."

MARCHEIZA:- (interrompendolo) "Scià me scûse ma.. no l'è o cäxo de fa o romantico con mì.. Scià vegne a-o södo.. Gh'intra pe' cäxo quella figgetta con o seu biggetto d'accompagnamento?"

LA FONTAINE:- "Sempre col timone in mano Madame.. Ebbene verrò al sodo. Ma prima, ditemi come vanno le cose dopo la morte del signor Marchese?"

MARCHEIZA:- "Male caro Console. Semmo comme in sciè 'na bella nave, vista dall'esterno, ma dovve drento manca tûtto, finn-a o timon. Mae marîo, che o Segnò o l'agge in gloria o maeximo, ho n' ha lasciòu in sciò lastrego.. "

LA FONTAINE:- "Pardonnè moi ma..forse posso aiutarvi a.. riarmare la nave.."

MARCHEIZA:- (attenta)"E in che mainéa?"

LA FONTAINE:- "Per mezzo della Jeune fille.. della ragazza che vi ho mandato a nome e per conto di.. un amico"

MARCHEIZA:- "A garçonn-a?.. E in che moddo?"

LA FONTAINE:- "Mi spiego: la ragazza, Assunta, è figlia di un mio caro amico che mi ha aiutato a far fortuna in Martinica ..è molto ricco; ha una grossa piantagione di canna da zucchero e commercia in legno di mogano in tutto il mondo.."

MARCHEIZA:- "Ma s'o l' ha tûtti 'sti dinae perché o no l'ha mandà in te'n collëgio?"

LA FONTAINE:- "Giusta domanda. Carlevaro, cioè il padre, è fuggito all'estero perché ha saputo da un suo amico a Roma, molto vicino al Governo, che Hitler ha suggerito di applicare le leggi razziali anche in Italia e temendo di essere perseguitato, sia perché di religione ebraica, sia per le sue idee sul concetto di libertà, ha preferito tagliare la corda per tempo"

MARCHEIZA:- "Sssttt.. Scià parle cianìn che anche e mûagie han e oege.. l'è proibîo parlà de politica.. manaman.."

LA FONTAINE:- "Ritornando alla jeune fille, ad Assunta, il mio amico gradirebbe che fosse educata presso di voi, al savoir faire della nobiltà per poter poi frequentare, alla sua maggiore età, l'alta società, del resto la ragazza, a differenza del padre, è cattolica, per cui non dovrebbe avere noie"

MARCHEIZA:- "Ma, a no gh'è l'ha 'na moaè?"

LA FONTAINE:- "E un po' un mistero questo.. Quello che so che è nata da una ragazza nubile che per questo è stata cacciata dalla famiglia.. forse è morta..chissà.. Era di una famiglia benestante, per quanto mi è stato riferito, ma che non ha voluto che tenesse la bambina.. Così la mamma l'ha affidata appena nata, al padre, piuttosto che abbandonarla in un orfanotrofio. Lui l'ha portata con sé ed oggi ha pensato di sistemarla presso di voi"

MARCHEIZA:- "Ma comme mai proprio chì. Noiätri, a-o momento.. no semmo in graddo de provedde a.."

LA FONTAINE:- (interrompendola)"Exscûsé-moi.. Ho fatto io il vostro nome per.. delle ragioni che un giorno vi dirò e ne ricaverete un aiuto finanziario"

MARCHEIZA:- (interessatissima) "Aiuto finanziario? E in che moddo?"

LA FONTAINE:- "Verserà per voi, alla mia banca, la somma di.. 2 milioni di franchi ogni tre mesi"

MARCHEIZA.:-(quasi balbettando incredula)"Duì milioni.. de franchi..ogni trei meizi?"

LA FONTAINE:- "Già, ed io mi farò garante presso di lui, dei progressi della figlia, in caso contrario si interrompe l'educazione con la fine dei versamenti "

MARCHEIZA:- (con irruenza)"No, no!"(riprendendosi diplomaticamente)"Voeivo dì che no saià o cäxo.. faiò conto ch'a segge 'n'ätra figgia.. Vedrà caro console che sarà consolato del bon-ton che le daremo, del nostro.. savoir faire e soprattutto.. della certezza del deposito in banca dei fondi promessi.. per le spese della jeune fille, s'intende"

LA FONTAINE:- (sornione)"Ne sono certo.. e.. mi dica un po'.. che tipo è la vostra donna di servizio.. ci si può fidare di lei?

MARCHEIZA:- "Mai bien sûr.. sono quasi diciassette anni che è presso di noi e si accontenta di quel poco che le diamo.. insomma no poemmo lamentäse.. e.. quande bezeugna commençà?"

LA FONTAINE:- "Tout de suite.. anche subito.. Più presto cominciate e più presto.."

MARCHEIZA:- "..arriveranno le palanche.. per la sua educazione, s'intende"

LA FONTAINE:-"Bien.. adesso vado" (si alza fa il baciamano) "A tout a l'eure"

MARCHEIZA:-  (si alza con un po' di affanno) "L'accompagno mi. A rivéise Sciò Con- sole e.. Scià l'ha avûo 'na bella idea.. a pensà a noiätri con a figgetta"

LA FONTAINE:- "A bientôt madame" (esce)

MARCHEIZA:- " (tra sé)"Con e palanche in arrivo me sento finn-a ciù regaggìa"   

SCENA SETTIMA

(Marcheiza – Brigida – Senofonte)

BRIGIDA   :- (entrando in scena) "O no l'è ancor arrivou mae frae?"

MARCHEIZA:- "Perché.. Dovve o l'è andato quello.. sgobbòn?"

BRIGIDA   :- "Con o sciò Boccadoro a fa 'n gïo in sciò Bracco con a seu neuva automobile. Pe' a veitae o m'aveiva invitou mì, ma no me son fià"

MARCHEIZA:- "Ogni gettata è persa.. Peu däse che t'aggi cacciòu via 'n'occaxon d'òu.. o l' ha 'n'attivitae ch'o fa de palanche e le ben tegnïlo in scià corda.. manaman o cangia stradda.. Se mai ti ghe daiae di larghi doppo se t'attreuvi de mëgio"

BRIGIDA   :- "Comme t'è diventà spregiûdicà.. E poi o no me piäxe.." (romantica) "A mì me piaxe.. o console.. Henry La Fontane de la Tour.. senti che nomme.. o seunna comme 'na cannonà" (in quell'istante s'ode il rombo di una cannonata. Le due sobbalzano)

MARCHEIZA:- "Ecco a cannonà.. ciocca o mëzogiorno"

SENOFONTE:- (entra dal giardino)"Buongiorno mammà" (a Brigida) "Quello çiöto de l'Almerico o gh'aveiva l'autumobile neuva.. "

BRIGIDA   :- "Perché.. o no ghe l'ha ciû?"

SENOFONTE:- "Doppo avei daeto 'na patta in te 'n paracäro a no l'è ciû neuva"

MARCHEIZA:- "O s'e faeto mä?"

SENOFONTE:- "O l'ha a testa dûa.. o no s'è faeto ninte"

BRIGIDA   :- "Meno male che son staeta a casa"

MARCHEIZA:- (con signorilità ed aria usa al comando)"Assetaeve che ve devo parlà!"

BRIGIDA   :- (siede seguita dal fratello) "Cöse gh'è?.. No se mangia manco staseia?"

MARCHEIZA:- "D'òa in avanti la casa dei marchesi di Roccanera avrà ancora il suo salotto, le sue posate d'argento, i suoi quadri e altro ancora"

SENOFONTE:- "Mammà, ti te senti ben.. o t'è son vegnûe e vixoin da-o zazzûnà?"

MARCHEIZA:- (con sussiego)"..dovei trattà ben l'Assunta..e anche sa ve risponde mâ.. fae mostra de ninte"

BRIGIDA   :- "E cos'a l'è mai 'sta novitae? Figûrite se mì collo zû quella che dïxe quella smorfiosa.. A m'ha faeto anche e beffe.. in casa no ghe a veuggio"

SENOFONTE:- (alla madre) "E comme mai?"

MARCHEIZA:- "Perchè QUELLA, a l'è a nostra banca.. vegnì de de là che ve spiego.. manaman a Maria a sente.." (escono parlottando verso la biblioteca)

SCENA OTTAVA

(Maria – Assunta)

MARIA      :- (entra con uno straccio per la polvere e lo passa sul tavolo e sulle sedie. Ha sempre un atteggiamento signorile) "Quaexi dissett'anni in te questa casa e son tanti meizi che no veddo 'na palanca.. se no fïsse perché spero sempre de avei notissie de.."

ASSUNTA :- (entra dal giardino con irruenza)"..'giorno Scià Maria.. Posso däghhe'na man?"

MARIA      :- "Grassie.. Piggia a spassuia in dispensa eanche la paletta.. Me fa piaxei che ti parli o zeneize perché chì, i marcheizi.. anche se san parlà ätre lingue, ghe tegnan a o nostro parlà.. e questa a l'è l'ûnica cösa bella finn'òua.."

ASSUNTA :-(prende nel frattempo la scopa e si dà da fare a pulire per terra) "Me l'ha insegnòu mae poae"

MARIA      :- "Posso savei quanti anni t'hae?"

ASSUNTA :- "Dixeutto"

MARIA      :- "Comme t'è de cognome?"

ASSUNTA :- "Carlevaro"

MARIA      :- (si ferma di colpo. Si porta una mano alla fronte, ha un sospiro e barcolla)

ASSUNTA :- (lascia cadere la scopa e cerca di soccorrerla)"Scià Maria.. a se sente mä? .. Ciammo a Scià marcheiza?"

MARIA      :- "No, no!.. No l'è o cäxo" (si ricompone)

ASSUNTA :- "Ghe saià arresrtòu o mangià in sce-o steumego"

MARIA      :-(ironica) "Scì, quello de l'ätro meize..no te preoccupà, o l'è staeto 'n' attimo"

ASSUNTA :- "M' ha dïto o papà che Carlevaro o l'è 'n nome de 'ste parti"

MARIA      :- (lontana col pensiero)"Scì.. l'è vea.." (riprendendosi)"Ma oua piggia a spassuia e andemmo de là in ta sala a mangé a preparà di piäti con drento nëgie de carne" (escono)

SCENA NONA

(Brigida – Senofonte – Assunta)

BRIGIDA   :- (entra con fratello, è perplessa) "Duì milioni de franchi franzeizi.."

SENOFONTE:- ".. 666.666 franchi e sûsciantesei citti a-o méize"

BRIGIDA   :- "Pe' quella smorfiosa, pinn-a de presûmin e mädûcà.."

SENOFONTE:- "Cest l'argent qui fait la guère e lè, anche s'a nö sa.. l'argent a gh'è l'ha.. e nuiätri ghe poemmo pittà"

BRIGIDA   :- "Scì, ma a che prëxo.. collà e seu scemmàie.."

SENOFONTE:- (ironico)"Però.. poemmo colà quarche portà a tòa, de quelle che se l'emmo finn-a ascordae.. "

ASSUNTA :- (entra a prendere due sedie)"Scusate, nella salle a mangé mancano due sedie: una per mé e l'altra per Maria"

BRIGIDA   :-"Pe' tì..poemmo anche fa 'n'eccezion, ma a Maria a mangia in cûxinn-a .. dovve a l'ha sempre mangiòu e no veddo a raxon de'n 'n cangiamento"

ASSUNTA :- (scimmiottando sgarbatamente Brigida)"<A Maria a mangia in cûxinn-a..>, a veu dï ch'a säta pasto in cûxinn-a..E poi no capiscio o perché, a no l' ha mïga a peste"

BRIGIDA   :- "E tì, ti doviesci mangià in scûderia assemme a quello sacco de prûxi ch'o l'assomeggia a 'n can"

ASSUNTA :- "Giuseppe o no n'ha prüxi e poi o l'è ciù pulito de quello.. di quello scarafaggio di gatto sempre accovacciato sul suo letto "

BRIGIDA   :- "Il mio Fiffi è un gatto di razza, ha il pedegree"

ASSUNTA :- "Oh, poverino.. Lo porti da un veterinario e vedrà che guarirà"

BRIGIDA   :- (sbuffa e andando verso e camere) "Che zoticona ignorante" (esce)

SENOFONTE:- (fa il galante)"Cara la mia Assunta, non te la prendere"

ASSUNTA :- "Cara la mia Assunta un corno. Io non sono la sua Assunta!"

SENOFONTE:- (avvicinandosi intenzionato)"Sciû no fa coscì.. Ti m'è tanto simpatica.. t'è proprio graziosa e sento che o me cheu o commença a cioccà pe' tì" (le prende le mani)

ASSUNTA :- (lo respinge in malo modo tanto che egli barcolla e si tiene alla spalliera di una sedia)"Me pâ che t'è tì che ti ciocchi" (esce correndo dalla porta che conduce fuori)

SENOFONTE:- (un po' traballante)"Che ronsòn.. "

MARCHEIZA:- (entrando)"Cöse o l'è 'sto bordello?"

SENOFONTE:- "Ma ninte.. çercavo d'ëse gentile con l'Assunta"

MARCHEIZA:- "Ë conoscio e teu gentilesse col gentil sesso.. Prûdenza, che s'a mangia a feuggia.."

SENOFONTE:- "A vorrieiva che a Maria a mangesse a tòa con nuiätri, figûrite.."

MARCHEIZA:-"Cerchemmo de no perde a testa. A Maria a l'è a nostra serva e a deve mangià in cûxinn-a.. ghe pensiò mì a convinçe a figgetta, visto ch'em- mo da fäla diventà 'na personn-a do nostro ambiente. E differenze sociali devan restà sempre de differenze..Se no, se piggian confidenza e manaman pretendan d'ëse paghae e poi va a finì che te mancan de rispetto e sorviatûtto, m'arraccomando a tutti duì.. a no dëve mai savéi quello che bogge in ta pignatta.. A deve credde che l'emmo piggià perché ghe voemmo ben.. e voemmo istrûila.. armeno finn-a a che a no l'aggè vintûn anni e poi.. pensiemo a trovaghe 'n bon partïo.. chissà.. se ti ghe se fa ti porriesci ësilo anche tì.."

SENOFONTE:- (si avvia a prendere il proprio soprabito per uscire)"L'è ben pe' quello che faxeivo i primmi approcci.. Ciao, vaddo a-o club velico, vegno all'òa do disnà"

MARCHEIZA:- (uscendo di scena) "Ti porriesci mangià là, a saieiva 'na portà de meno"

SENOFONTE:- "Ma là.. veuan vedde i dinae" (esce)

SCENA DECIMA

(Maria - Delpino – Assunta)

MARIA      :- (entra un po' adirata)"Che fïssan in bolletta o saveivo, ma coscì no me-o pensavo" (fa un po' di pulizie)"A toa con loiätri no ghe mangio manco se me pregan.. Che brava figgetta l'Assunta.. che sentimenti.. chissà perché poi ä tegnan chì..mah" (suonano alla porta, va ad aprile. Appare il cavalier Delpino, sui venticinque anni, temperamento tranquillo. Porta un pacco)

DELPINO   :- "Buongiorno Maria.. Comme ti stae?"

MARIA      :- "Oh, cavalier Delpino.. sempre gentile e lé?"

DELPINO   :- (sornione)"Il <Lei> è proibito.. si deve usare l'italianissimo <Voi>"

MARIA      :- "Ma in zeneize o <voì> o se ûsa pe' rattellà o ciû de votte"

DELPINO   :- "L'è véa e poi no l'è staeto dïto che in dialetto o no se per ûsà" (porge il pacco a Maria) "O Senofonte?"

MARIA      :- "O Scignorin creddo ch'o segge andato a-o club de véje.. Eh.. se no fïsse pe' o Cavaliere che de votte o ne vegne.. a rifornì a cambûsa.. " (accenna al pacco)"..se continuieiva a cûra dimagrante.. "

DELPINO   :- "O fasso voentéa.. E poi stanni attenta.. no se deve dî a-o club ma.. a-o circolo, o circolo velico .. e parole straniere no son ben accette.."

MARIA      :- (mentre prende il soprabito e il cappello di Delpino che poi andrà a mettere sull'attaccapanni, scrolla le spalle) "Chì no ghe fan cäxo.. Devo annunziälo?"

ASSUNTA :- (entra con il cane in braccio. Vede l'uomo, si volta per uscire)

DELPINO   :- (signorilmente galante)"Ch'a no scappe scignorinn-a.. non son mïga o barban"

ASSUNTA :- (si ferma e si volta adagio)

MARIA      :- (presentandola)"A scignorinn-a Assunta"

DELPINO   :- (fa un galante inchino)"Molto piaxei scignorinn-a.. Mi son Ruggero Delpino.. 'n'amïgo de famiggia..

ASSUNTA :- (fa un comico piegamento infantile di ginocchia)

MARIA      :- (alla ragazza)"Sempre modesto o Cavaliere.. no solo amïgo de famiglia, ma anche.." (soppesando il pacco)"..'n benefattò"

DELPINO   :- (si avvicina ed accarezza il cane)"Che bello can..che euggi affettuosi.. De che razza o l'è?

ASSUNTA :- "E' un puro bastardo" (contenta)"In casa nö veuan.. o dorme in ta stalla"

DELPINO  :- "Bezeugna avei pazienza. Ma ch'a no molle..chi l' ha dura la vince"

MARIA      :- (con benevolenza)"Assunta.. saià ben no sfidà troppo a Marcheiza.. Dagghe da mangià e riportilo a-o seu posto.."

ASSUNTA :- (fa ancora un inchino con piegamento delle ginocchia ed esce)

MARIA      :- "Vaddo ä annunzialo a Scià Marcheiza"

DELPINO   :- (la ferma, estrae dal panciotto una lettera)"Maria.. ti m'aveivi daeto 'n'incarego e mì no l'ho ascordòu"  (dà la busta)"Stanni attenta de no fätte attrovà 'sti documenti, son molto riservae.. Se semmo accapìi?"

MARIA      :- (prende i documenti e li mette in seno)"Grassie.. no so comme dimosträghe a mae riconoscenza"

MARCHEIZA:- (entra, si ferma seria)"Maria.. comme mai no son staeta avvertïa de l'arrivo do Cavaliere?"

DELPINO   :- "Scià Marcheiza i mae rispetti" (inchino)

MARIA      :- "O l'è appena-a intròu con.." (mostro l'involto)

MARCHEIZA:- (sornionamente benevola)"Ma tûtte e votte che scià vëgne scià se destûrbà.. No me pä o cäxo.." (a Maria, sottovoce ma non troppo)"Portilo sûbito de là, manaman o cangia idea.." (porge il braccio a Delpino) "Scià saià nostro ospite, spero"

MARIA      :- (tra sé) "Tanto o mangia do seu"

DELPINO   :- (accompagnandola) "Vediemo.. Ho visto 'na figgetta primma.. "

MARCHEIZA:- "A l'è.. a l'è 'na mae nessetta.. Scià savesse quante ben ghe voemmo"

MARIA      :- (che segue in coda, guarda perplessa il pubblico)

SENOFONTE:- (entra precipitoso. E' graffiato in viso ed ha gli abiti scomposti)

MARCHEIZA:- (si ferma, si volta, lo guarda come se niente fosse) "Comme mai coscì dezandiòu'?"

SENOFONTE:- "Domandilo ä padronn-a do Giuseppe! Quello sacco de prüxi o me s'è avventòu addosso"

(si chiude rapidamente il sipario)

FINE DEL PRIMO ATTO

ATTO SECONDO

SCENA PRIMA

(Assunta – Marcheiza – Senofonte)

(alle pareti ritornano i quadri, la scena è più abbellita)

MARCHEIZA:- (sta insegnando il comportamento eretto ad Assunta che ha un libro sulla testa) "Ecco, òua ti caminn-i avanti e indré senza fa cazze o libbro: Movimenti lenti, stûdiae, alteri, signorili.." (calcando)"..senza buttezzi da montanara. Fanni coscì.."(mostra come fare e si fa vento con il ventaglio)

ASSUNTA :- (non vista trattiene il riso e si ricompone subito. Ad un cenno della marchesa inizia a passeggiare quasi strisciando i piedi a terra, come se fosse in equilibrio su di una corda. Un libro sta per caderle e lei lo blocca con la mano)

MARCHEIZA:- "No toccà! O no deve cazze e basta… tegni a testa drïta"

ASSUNTA :- (esegue come una statua)

MARCHEIZA:- "Oa gîa lentamente a testa de sa e de là"

ASSUNTA :- (esegue Ad un tratto il libro cade e le scappa un' esclamazione)"Porca vacca!"

MARCHEIZA:- (severa)"Assunta!..No se dïxe..'na donna d'alta classe çerte parole do popolin a no e pronunzia"

ASSUNTA :- (con finta ingenuità)"A no? Manco a Brigida?"

MARCHEIZA:- "A marchesinn-a, a l'è dotà de 'na gran scignorilitae e queste cose a no e dïxe"

ASSUNTA :- (interrompendo) "..a-e dïxe e comme..anzi, a ne dixe de quelle che a me-i deve spiegà perché no l'ho accappìe"

MARCHEIZA:- (imbarazzata, cerca di deviare il discorso)"No l'è poscibile. T'aviae capîo mà"

ASSUNTA :- "Ho accapìo beniscimo.. a dixieva çerte parolasse a- sciò Boccadoro,

  <.. che andasse a farsi fot.. >"

MARCHIZA:- "Basta coscì.. E poi.. anche all'alta società vengono a volte i cosiddetti cinque minuti"

ASSUNTA :- "Capiscio.Ä Brigida ghe dev'ëse vegnûo 'n quarto d'òa perché ha l'ha averto 'n repertòio ch'o no finiva ciù.. "

MARCHEIZA:- (altera e sferzante)"Pe' ancheu a lezion a l'è finîa.."(trova una scusa per sfogarsi)"E staséia a çenna ti te rimetti 'n libbro sotta ogni brazzo quande t'è a tòa.. No se deve sta con i gömìi averti, capito signorina <so-tûtto-mì?>" (esce sculettando comicamente)

SCENA SECONDA

(Assunta – Senofonte - Marcheiza)

ASSUNTA :- (riponendo il libro sulla testa)"Me pä d'ëse 'n sordatto.. Pancia in dentro, petto in fuori, testa alta"

SENOFONTE:- (entra da fuori)"Oh.. qual visone.. la nostra apprendista.. Tutto bene <ma cherie?>"

ASSUNTA :- "Vostra cherie per un beliscimo!" (riprende a camminare eretta)

SENOFONTE:- "E dove le hai imparate queste villanie?"

ASSUNTA :- (tiene il libro con una mano, allunga una gamba in avanti a mo' di inchino e con sarcasmo) "Dalla nobildonna Brigida di Roccanera.. e questa era una delle più pulite. Saiei contenti che sto imparando i vostri moddi scignorili"

SENOFONTE:- "Touché! ..Eh.. mae seu ha l'ha perso o treno e o-a l'è 'n po' acidetta.." (cambiando discordo)"Posso invitäte a l'inauguraziòn da vasca in ciassa De Ferrari?.. Dïxan che cacciandoghe drento 'na monnèa, s'avvere o pensiero che se fa.. Saian presenti di Gerarchi, autoritae, il bel mondo insomma.. e intanto ti sciorti 'n po' feua de chì"

ASSUNTA :- "E se poi me scappa quarche siottaia?"

SENOFONTE:- "Intanto veddi de imparà a sta sitta.. primma o poi ti doviae comportate comme se deve.. no portà o teu can.. o Giuseppe, se no o me säta addosso come l'ätra votta e magara o va a fa a pipì in te scarpe de quarche autoritae"

ASSUNTA :- "O l'è 'n can edûcou e poi o perché o gh'e sätou addosso Scià o sa beniscimo.. Un'altra volta tiene le mani a posto. Pe' De Ferrari, anche se no l' è o mae massimo sciortì con Voscià, faiò questo sacrifissio, anche pe' fa 'n paxéi a mae poae ch'ha m'ha mandòu chi.. Chissà poi perché…"

SENOFONTE:- (si stizzisce ma si riprende)"Ah..o saieiva 'n sacrificio.. bello complimento.. e mae mammà ch'a ghe sta ancon a mette tûtto o sentimento pe' fäte diventà 'na donna ch'a sa sta in to mondo che conta. Bello ringrassiamento"

ASSUNTA :- "Diventà ûnn-a donna in to mondo che conta comme.. a Brigida? "

SENOFONTE:- "E perché no?"

ASSUNTA :- "Allora preferisco di no.. Non voglio diventare una zitella acida"

SENOFONTE:- "No ti devi parlà coscì de lé.. Ha l'ha avûo di despiaxei, de delûxioìn da personn-e che paivàn diverse e che invece.."

ASSUNTA :- (interrompendo)"..l'han fatta taroccà!"

SENOFONTE:- (scatta e poi si contiene)"Ma insomma!..Ehm..voeivo dì che.. o no l'è 'n linguaggio corretto.. No se peu dì sempre quello che se passa pe' a testa.. Anche teu poae, dixendo quello ch'o pensava.. o l'ha dovûo andasene da l'Italia" (pensa di avere fatto una gaffe) "Scûsa.. no doveivo dïlo. Ma s'o t'ha mandòu chì veu dïsse che ho l'ha avûo stimma de nuiätri, te pâ?"

ASSUNTA :- "Se a Scià marcheiza a l'acconsente vaddo a preparame"

SENOFONTE:- "Ghe penso mì a dighelo"

ASSUNTA :- (esce)

SENOFONTE:- (si frega soddisfatto le mani) "E o primmo tascello l'emmo incastròu"

MARCHEIZA:- (entrando)"Ti parli da solo?..T'hae bevûo?"

SENOFONTE:- "Ma che bevûo.. Ho commençòu l'attacco.. Vaddo a l'inaugurazion da vasca a De Ferrari con l'Assunta.. A te domandià o permisso"

MARCHEIZA:- "Attento ai passi fäsi.. A méja a va cheuggeita quande a l'è meuja.. e lé a l'è ancon buzza.. e spendi poco.. che no poemmo fa comme o spezià.. mangiäse o sûccao primma do tempo" (escono)

SCENA TERZA

(Maria – Assunta – Senofonte)

MARIA      :- (entra mugugnando e riassetta con la scopa)"Chi sa cöse staian tramando.. Improvvisamente in tòa se commença a vedde o mangià.. e me pagan anche.. Arretrae natûralmente ninte.. I quaddri son ritornae" (con affetto)"E quella figgetta.." (sospira)"A me sta proprio a-o cheu.. a l'assomeggia a mì quand'éo zovena.." (seria)"Speremmo che no l'arrovinn-an perché semmai te gh' accianto o manego da spassuia.. donde diggo mì!.. Coscì diventan ciù nobili!"

ASSUNTA :- (entra cambiata di vestito e corre incontro a Maria) "Maria, sto bene così?"(si gira pavoneggiandosi)

MARIA      :- (la guarda compiaciuta e poi l' abbraccia)"T'è proprio graziosa.. Ma.. comme mai.. dovve ti vae?"

ASSUNTA :- "Con o scignorin Senofonte a l'inaugurazion da vasca a De Ferrari.. Ho letto in sce-o giornale che ghe saià o donatò da vasca, l'inzegné Carlo Piaggio e anche o marcheize Crosa di Vergagni"

MARIA      :- (preoccupata)"Scì.. e anche qualche reduce dell'Etiopia.. No fate scappà ninte contro a guaera..so che ti a pensi comme teu poae..e oa, che se sparan anche in Spagna.. sitta.. manaman.."

ASSUNTA :- (commossa)"T'è tanto ca-a Maria.." (sospira)"Avieiva vosciûo tanto conosce mae mammà.. spero tanto ch'a l'assomegge a ti" (si abbracciano)"Veuggio caccià 'na monnéa in ta vasca con ûn pensiero.. quello de trovà mae moae.. "

MARIA      :- (mette le mani in tasca ed estrae due monete, ne porge una)"Tegni.. no domandà dinae ai ommi.. E za che ti gh'è.. cacciane ûnn-a anche pe' mì.. anche mì gh'ò 'n pensiero che orriae ch'o s'avveresse"

ASSUNTA :- "Anche ti?" (prende le monete)"Grazie Maria"

MARIA      :- (sorridendo e accennando alle monete)"E autoritae.. ûn po' de ganci..con a scûsa da vasca han attrovòu 'n'ätra mainéa pe' fänne tià feua de palanche"

ASSUNTA :- "Se no ti ghe creddi no caccio a teu monnaea"

MARIA      :- "Caccila, no se sa mai..Emmo 'n bello dì che no credemmo a-e sûperstizioin, ma poi, con'na scûsa o con l'ätra finimmo per creddighe 'n pittìn.. manaman. Ma oa vanni e demoite.."

SENOFONTE:- (entra azzimato e si finge meravigliato al vederla cambiata)"Proprio una bella damigella.. complimenti.. Allora andiamo?"

ASSUNTA :- (guarda Maria che le fa un cenno di assenso, poi a Senofonte)"Andiamo" (escono. La scena si fa buia)

_______________________________________________________________________________

QUADRO PRIMO

SCENA QUARTA

(Maria – La Fontane)

MARIA      :- (pensierosa)"Son za passae duì anni e no ho ancon accapio o perché o scignorin o fasse o scemmo appreuvo a-a figgetta. O l'è sempre a caccia de donne ricche e lè, meschinetta, a me pä ciù miscia che mì.." (col pensiero al passato) "Me pä de veddime quand'éa zovena comme lé.. "(sospira)"Eh.. a mae vitta.. porrieiva scrive 'n romanzo a puntate in sciò <Lavoro>: <La realtà romanzesca di Maria Briasco>.. E pensà che o Segnò o n' ha faeto nasce tûtti a-o stesso moddo.. ma no vivemmo a-o stesso moddo" (quasi pentendosi)"L'è maegio che m'attappe a bocca, manaman se me sentan me mandan volontäia in guaera in Spagna" (suonano alla porta, trasale, si compone e va ad aprire)"Speremmo che no m'aggian sentìo"

LA FONTAINE:- "Buon giorno Maria.. sola?"

MARIA      :- (si fa dare il soprabito che va ad appendere)"O scignorin o l'è sciortïo con l'Assunta e a Scià marcheiza a l'è de là in biblioteca. Vaddo a annunzialo"

LA FONTAINE:- "Non ancora.. aspetta.. vorrei farti qualche domanda ma desidero avere una risposta franca, sincera.. Tranquilla.. rimarrà tutto tra noi due"

MARIA      :- (preoccupata)"Ma.. Sciò Console.. Scià l'ha mïga sentîo che mugugnavo.. ma no dïvo ninte de mà contr'a nisciûn.."

LA FONTAINE:- "Immagino i tuoi mugugni.. Tranquilla.. Voglio la verità sul trattamento della ragazza. Come va?.. Si è ambientata?"

MARIA      :- "A l'è 'na figgia intelligente e a l'impara sûbito.. anche se de votte veddo ch'a l'è comme 'n pescio feua d'aegua.. a l'è sempre 'n po' ribelle"

LA FONTAINE:- (divertito)"Solo un po' ribelle? Allora dopo due anni sta migliorando. L'importante è che non esprima le idee di suo padre.. andrebbe subito al Confino.." (pensoso)"Maria. toglimi una curiosità..come sei di cognome?"

MARIA      :- "Veramente l'ho squaexi ascordòu.. Chì, son Maria de nomme e de cognomme.. ma perchè? "

LA FONTAINE:- "Il padre della ragazza vuol sapere cchi sono le persone che circondano sua figlia e vorrei dirgli che c'è anche chi la segue con affetto, a quanto mi ha detto Assunta"

MARIA      :- (contenta)"Davvei a gh'à dito coscì de mì?"

LA FONTAINE:- "Sì, l'altro giorno nel giardino.. Mi diceva: <che donna onesta la Maria..  riservata.. mi dà degli ottimi suggerimenti.. come li darebbe una madre alla figlia. e non racconta mai nulla del suo passato.. Solo qualche sospiro.. " (un po' ironico) " che va a finire in una monetina nella vasca a De Ferrari..> .. Allora.. il tuo cognome?"

MARIA      :- "Briasco.. Maria Briasco.."

LA FONTAINE:- (annuendo soddisfatto) "Briasco.. Bene e adesso ascoltami bene. So che hai dato incarico al cavaliere Delpino, di fare delle indagini.."

MARIA      :- "Ma.. glie l'ha detto lui?"

LA FONTAINE:- "No!.. Sai che sono Console onorario di Francia a Genova e.. che ho le mie conoscenze.. Digli di parlare con me.. domani al caffè della Borsa a De Ferrari, diciamo alle dieci, va bene?"

MARIA      :- (perplessa) "Va ben.. ghe o diò.."

LA FONTAINE:-(notando la sua perplessità) "Ma stai tranquilla.. forse ne so più io di lui.. E' inutile che tu sprechi i tuoi soldi, il tuo tempo per cose che.. magari io le so già"

MARIA      :- (quasi a mo' di preghera) "Ma alloa perché Scià me lascia in sciè spinn-e? .. Scià me mette a-o corrente almeno.."

LA FONTAINE:- "E meglio essere certi prima di dare una delusione.. Pazienta ancora un poco… Ora vado in biblioteca e.. occhi aperti con la ragazza. Dam- mi sempre notizie" (esce mentra Maria parla tra sé)

SCENA QUINTA

(Maria – Delpino - Brigida)

MARIA      :- "Comme o fa a savei do Delpino?.. Se conoscian appena-a.. Speremmo de savei quarcösa de quello figgieu.. armeno a mae amïga a riposa in päxe" (suonano alla porta e Maria rientra per andare ad aprire. E' il cavalier Delpino con un pacco)

DELPINO   :- "Bungiorno Maria.. Posso intrà?"

MARIA      :- "Se parla do diao e spunta.."

DELPINO   :- "E corne.. Grassie pe' o complimento"

MARIA      :- "Ma no.. o l'è 'n moddo de dì…Da o pacco che veddo son segûa che a Scià Marcheiza a ghe dà o benvegnûo.. Ma prego.. Scià s'accomode"

DELPINO   :- "O pacco.. o l'è 'na scûsa.."

MARIA      :- "Perché.. o l'è veuo?"

DELPINO   :- "No, no.. pe' quello no.. a no gh'è a scignorinn-a?"

MARIA      :- (sorniona)"A marchesinn-a?"

DELPINO   :- "Ma che marchesinn-a.. me riferiscio a quella bella zovena cö can"

MARIA      :- (sospettosa)"E perché?"

DELPINO   :- "Perché a me pä 'na figgia scc-etta, senza tanti fronzoli in to parlà.. e.."

MARIA      :- "Ah, bè.. in quanto a ëse scc-etta.. Scià l'ha raxon.. Comunque a no gh'è.. a l'è sciortïa con o scignorin"

DELPINO   :- (che c'è rimasto male)"Ah!.. Va ben lascemmo perde.."

MARIA      :- "Saià maegio.. Ma Scià me dagghe pûre o pacco.. manaman o ghe cazze"

DELPINO   :- "Gh'è solo 'n tocco de jambon con ûn profûmmo che..a seu fin a l'è d'ëse mangiòu con o melon"

MARIA      :- (prende il pacco lo depone sul tavolo, poi si guarda attorno e furtiva)"Oh, mi diae anche senza melon.... Novitae?"

DELPINO   :- "Quella personn-a che ti çercavi in França, a no gh'è ciù.. Gh'è 'n mae amïgo da gendarmeria ch'o faià de ricerche e o me savià dì.. Comunque son passae troppi anni e saià 'n po' diffiçile avei notissie.. specialmente òua che in Europa tìa äia de buriann-a"

MARIA      :- "O ringrassio ma dieiva pe' o momento de lascià perde.. De de là gh'è o Console ..Fontann-a.."

DELPINO   :- "La Fontaine?"

MARIA      :- "Scì, quello lì.. e o m'ha dïto ch'o veu parlà con Voscià.. Scià fasse finta de ninte.. O l'ha dïto ch'o l'aspëta doman a dex'òe in to bar do palasso da Borsa in ciassa De Ferrari"

DELPINO:- "Che strano.. e o no gh'à dïto o motivo?"

MARIA      :- "Creddo ch'o a sacce lunga in te ricerche che stemmo faxendo.. Forse l'è o ne sa de ciù"

DELPINO   :- "Beniscimo.. Do resto o l'ha e moen in pasta ciù de mì.. Ma comme o fa a savei che mì.."

MARIA      :- "No so.. speremmo ben.. son anni che tribullu.."

BRIGIDA   :- (entra in scena pronta per uscire) "Oh.. cavaliere.. torna chì?"

MARIA      :- (ad evitare malintesi)"O se destûrba de longo.. Ho l'ha portòu do jambòn"

BRIGIDA   :- (con sufficienza)"O ringrassio ma no me pä ciù o cäxo.." (ignorandolo) "Maria s'è visto o Commendatò Boccadoro?"

MARIA      :- "Che mi sacce, no"

BRIGIDA   :- (c.s) "Quande o vegne ti ghe dïxi che son in casa da contessa Vaccarezza e che se proprio o veu.. visto che l'ätra votta o gh'è arrestòu mà, acconsento ch'o me fasse fa in gïo in Rivea in scia seu Isotta-Fraschini neuva.. A riveise cavaliere" (esce dimenandosi)

DELPINO   :- (si alza e la scimmiotta sculettando) "Se proprio o veu.. acconsento ch'o me porte in scié l'Isotta-Fraschini.."

MARIA      :- (trattiene il riso)"Cavaliere.. saià ben andà in biblioteca dä marcheiza.. magara con o pacco" (lo prende e si avvia)

DELPINO   :- (divertito, scimmiotta ancora Brigida) "Maria..se vegne o commendatò Boccadoro, digghe che m'accontento de lé..e anche s'o no l'è nobile" (salace) "..sopportiòu e seu palanche.."

MARIA      :- (cercando di frenarlo)"Cavaliere!" (vanno in biblioteca)

SCENA SESTA

(Brigida – Almerico)

BRIGIDA   :- (apre la porta ed entra con Almerico) "Prego Sciò Boccadoro, ch'o s'accomodde"

ALMERICO:- (vestito di bianco con paglietta, premuroso all'eccesso) "Ma che fortûnn-a incocciäla mentre a sciortïva"

BRIGIDA   :- (teatrale) "Scià m'ha incontròu pe' cäxo.. Stavo andando in ta villa da contessa Vaccarezza pe' commemorà a dipartîa de Gabriele D'Annunzio"

ALMERICO:- "Ah.. E pe' dovve o l'è partîo?"

BRIGIDA   :- (c. s.) "Ma commendatò.. o l'è morto"

ALMERICO:- "Ah!" (cercando di convincerla) "Marchesinn-a.. se invece o commemoresci 'n'ätro giorno.. tanto dond'o l'è o no scappa.. vorrieiva invitäla.. a fa 'n gîo.."

BRIGIDA   :- "Con l'Isotta?"

ALMERICO:- (impacciato) "Scì.. e anche Fraschini"

BRIGIDA   :- (ironica) "E.. o paracäro?"

ALMERICO:- "Cöse Scià veu.. primma o no gh'éa.." (goffamente, con la paglietta in mano) "Scignorinn-a mì.. no son de sangue nobile.."

BRIGIDA   :- (interrompendolo salacemente) "Ch'o no dûbite.. se vedde.."

ALMERICO:- "Però son 'n benestante.. gh'ò di terren in Piemonte.. 'na cava de marmo a Carrara ch'a me frûta molto ben.. staggo in te 'na villa in Arbà con tanto de giardin.. insomma.. Scià l'ha capìo e mae intenzion.."

BRIGIDA   :- "Quelle ch'o se e tegne pûre.. Alloa voemmo andà primma che cange idea?"

ALMERICO:- (sempre più impacciato)"Scì, scì.. comme Scià credde.. prego.." (fa strada ed escono)

SCENA SETTIMA

(Maria – Delpino – Senofonte)

(Maria e Delpino rientrano in scena. Delpino si appresta ad uscire)

DELPINO   :- "Devo proprio scappà.. Alloa doman con o Console.."

MARIA      :- (apre la porta) "Sempre gentile.. Grassie e scignorìa"

DELPINO   :- (esce)

MARIA      :- (si avvia alle camere) "No ho ancon accappìo perché o Console o l'agge portòu chi a figgetta.." (pensando) "Figgetta no diae.. ha l'ha za vint'anni.. e da chi a n'nanno a l'è maggiorenne..Però a no l'è guaei cangià"

SENOFONTE:- (entra frettoloso, scuro in volto)

MARIA      :- "Scignorin.. gh'è quarcösa che no và?.."

SENOFONTE:- (con stima) "Ti me conosci ben eh, Maria?"

MARIA      :- (con pacatezza) "Eh.. se peu dì che v'ho tiòu sciù mi.. "

SENOFONTE:- "L'è vea. Son tûrbòu.. ho riçevûo a cartolinn-a da-o Comando da Marinn-a ..Me reciamman sotta pe' aggiornamenti, dixan"

MARIA      :- (apprensiva) "Oh, Segnò.. Andiemo mïga torna in guaera?.."

SENOFONTE:- "Speremmo de no.. L'è appena-a finia quella d'Africa, e quella de Spagna ha l'è ancon lì in bullezûmme.. "

MARIA      :- "Armëno o tempo de leccäse e ferïe.."

SENOFONTE:- "Attenta a comme ti parli.." (pausa) "Ti te ricordi do Davide?"

MARIA      :- "Quello seu amïgo.. o professò? Han ciammòu anche lé?"

SENOFONTE:- "Pëzo.. l'han arrestòu"

MARIA      :- "Ho l'ha parlòu mä do Duce!"

SENOFONTE:-"No.. anzi.. pe' quello o stava attento.. L'han piggiòu perché o l'è ebreo.. o l'éa in ta lista e gh'han levòu a cattedra a-o liceo.. o l'ha protestòu dixendo ch'o l'éa 'n soprûso e l'han ammanettòu.. Stan cacciandoli tûtti feua dai posti pûbblici"

MARIA      :-"Comme me despiaxe.. Ma lé, scignorin..quande l'è ch'o deve partì?"

SENOFONTE:- "Sûbito. Devo andà a Spéza e poi me faian andà in te 'n sommergibile oceanico"

MARIA      :- "Quelle.. quelle navi che van sott'aegua?"

SENOFONTE:- (sorridendo) "Scì.. ma che spero vegnan torna a galla.." (si avvia alla biblioteca. Suonano ancora alla porta)

MARIA      :- (allarga le braccia) "O me pà o pàise di campanelli.. "(va ad aprire. E' il notaio Pinzetta, con la sua cartella di documenti)    

SCENA OTTAVA

(Maria – Pinzetta – Marcheiza – Senofonte - Assunta)

MARIA      :- "Buongiorno Sciò notaro.. Prego.."

PINZETTA :- (entra e va, con passo marziale, a sedersi posando la cartella sul tavolo)

MARIA      :- (salace) "Comodo.. ch'o fasse conto d'ëse in casa seu"

PINZETTA :- "L'è proprio quello che staggo faxendo" (alludendo ai padroni di casa) "Ghe son?"

MARIA      :- "Vaggo a dighe che gh'è o Sciò notäro" (va)

PINZETTA :- (si frega soddisfatto le mani) "L'arrangio mì" (guarda la casa) "Me trasferiò chì s'a va ben"

MARCHEIZA: (entra con Senofonte) "Che orario strano pe' andà in casa da gente"

PINZETTA:- "Domando scûsa ma.. gh'è son de novitae" (estrae dei fogli dalla cartella)

MARCHEIZA:- (siede mentre Maria va alle camere) "Alloa, 'ste novitae?"

PINZETTA :- "O Credito o l'ha mandòu in protesto de vostre cambiali.."

SENOFONTE:- "Quae cambiali?.. Noiätro emmo regolarmente versòu di ratei e pagòu vëgie cambiali. Cöse gh'è ancon?"

PINZETTA :- "Veddei.. No s'è posciûo vende i terren a Bàvai perché son ipotecae.. O Sciò Marcheize.."

MARCHEIZA:- (avvia un'imprecazione che poi trattiene) "Ghe ghe venisse 'n po' de ben.. Pardon.. oramai no ghe peu vegnì ciù ninte.. Chi ghe l'ha l'ipoteca?"

PINZETTA :- (con aria da imbroglione) "Ehm.. ghe l'aveiva a Banca ma òua.."

SENOFONTE:- "Oua?"

PINZETTA :- "Ghe l'ho mì!" (con arroganza) "Ho pagòu l'ipoteca a mae nomme e quello terren no ghe l'éi ciù.. "

SENOFONTE:- (inviperito e lo prende per il bavero) "Brûtto tocco de imbroggiòn"

"..ma mì te stocco in duì.."

PINZETTA :- "Attento a voì perché ve fasso arrestà comme o vostro amïgo Davide Levi.. Pe oa accontentaeve che ghe segge arrivà solo a cartolinn-a de reciammo a-e armi.. a meno che no preferì tûtti andà drento pe' aggression a 'n Seniore da Milizia.."

SENOFONTE:- (lo molla di colpo) "Alloa.. derrè a-e nostre desgrassie gh'è a seu man.. brûtto figgio de.."

MARCHEIZA:- "Senofonte!"

PINZETTA :- (minacciandolo con un dito; con tono untuoso) "Son segûo che in ti sommergibili oceanici faiei.. carriera.. se staiei a galla.."

MARCHEIZA:- (accorata) "Ma.. t'han reciammòu in marinn-a?"

SENOFONTE:- (serio) "Scì.. devo parti sûbito.. "

PINZETTA :- "Ûn po de remescio o ghe fa ben.. Tanto primma o poi a cartolinn-a a ghe saieiva arrivà o maeximo.. E poi, no sûccedià ninte.. Mussolini ho no ne fa ciù de guaera.. o no l'è mïga abellinòu.. Oh, scûsae.."

SENOFONTE:- "Scià l'è 'na spia.. 'na sanguetta.. ma mì.." (lo minaccia misurandogli un pugno)

PINZETTA :- (si alza agitato e minaccioso) "Me ne vaddo.. ma aviei mae notissie.. ve mangio tûtto" (nel frattempo raccoglie tremante di rabbia le carte e si avvia)

                   "...tûtto.. ve lascio senza 'na palanca.. disfattisti!"

ASSUNTA :- (entra quatta, quatta, non vista dal notaio e si accuccia per farlo cadere)

PINZETTA :- (si allontana a ritroso e va a catapultarsi addosso ad Assunta finendo a terra)

ASSUNTA :- (trattiene il riso e con finta commiserazione) "Oh, dottore Pinzetta.. come mi dispiace.. non sapevo che lei uscisse a ritroso come i gamberi"

PINZETTA :- (si alza un po' malconcio. Si dà una pulita con la mano e minaccia) "Metto anche questa in ta lista.Ve mando a sappà da taera in Libia con i coloni veneti"

MARIA      :- (appare altera dalle scale e minaccia) "Dottore Pinzetta!.. Ch'o no s'azzarde a toccà nisciûn e tanto meno a fa do mâ a 'sta gente perché ghe screuvo tûtti i seu altarin..e no so se ghe convegne.. Seniore da milizia o no!"

PINZETTA :- "Ma comme ti te permetti.. brûtta serva de 'na serva.. Ma chi te conosce?.. O san tûtti che mì son 'n'ommo per ben! Te denunzio e te fassio andà in galéa!"

MARIA      :- (punta un dito accusatore) "Scià conosceiva a Rosetta Gambaro de Cianderlìn?.. Ben.. a conoscevo mi ascì!"

PINZETTA :- (frastornato, raccoglie in fretta la cartella e zoppicando scappa fuori di casa)

(si chiude il sipario)

FINE DEL SECONDO ATTO

ATTO TERZO

SCENA PRIMA

(Marcheiza – Brigida – Almerico)

MARCHEIZA:- (legge una lettera. E' turbata. Alla figlia che è davanti allo specchio) "Solo quattro righe da teu frae.." (legge) "<Cara mamma e cara sorella, dopo l'invasione della Polonia da parte della Germania le nostre esercitazioni sul sommergibile si sono intensificate e non ho molto tempo a disposizione. Vi scrivo queste poche righe per farvi sapere che sto bene come spero di voi. Come va Assunta? Si sarà fatta donna immagino. Non è ancora partita? Saluti a tutti e abbracci vostro Senofonte. P.S. Ho letto che sono cominciate le prove per l'oscuramento. Non allarmatevi; vedrete che tutto andrà bene" (porge la lettera a Brigida che le dà una scorsa)

BRIGIDA   :- "Se preparan di brûtti tempi.. A gente, ciù che ëse euforica, a me pä rassegnà.. Cangiando discorso, se sa ciù ninte do notaro?"

MARCHEIZA:- "Pe' oua l'è tûtto fermo"

BRIGIDA   :- "E quelle minacce da Maria in ti seu confronti?"

MARCHEIZA:-"A l'è stata 'na sorpreiza pe' tûtti..ma devo dì che a Maria a l'ha faeto andà via con a cöa in mëzo a-e gambe.. Che strana donna.. Ho çercòu de vangà in to seu passòu ma a l'è serrà comme 'n risso. Comunque a m' ha contou che quella donna.. quella de Cianderlìn.."

BRIGIDA   :- "Rosetta, me pä"

MARCHEIZA:- "Ecco scì, quella.. no me sovveniva o nomme.. a l'éa 'na seu amïga ch'a se confiava con lé.. Pare che questa donna a fïsse a segretäia do notaro tanti anni fa, appena-a misso sciû o stûddio e che lé o l'àgge ingannà, faxendoghe credde che poi o l'avieiva sposà..I ommi.. Da questo rapporto saieiva nasciûo 'n figgio che o Pinzetta, segondo quante dïxe a Maria, o no l'ha mai vosciûo riconosce e pare ch'o l'agge dïto che chissà de chi o l'éa, e che fra lé e questa Rosetta ghe son sempre stateti solo rapporti tra dipendente e prinçipà.."

BRIGIDA   :- "Zà o no m'è mai piaxûo.. e doppo?"

MARCHEIZA:- "Doppo l'han condannà pe calûnnia.. No gh'éan e preuve e lé o gh'aveiva e seu conoscense in alto loco.. tra i gerarchi.. e a donna a no s'è ciù vista.. A Maria a dïxe che a seu amiga a l'è sparia dä circolazion.. forse a l'è morta da-o despiaxei.. Ha l'ha faeto a denunzia dai carabiné pe' a seu scomparsa.. ma senza esito.. armeno questo l'è quello ch'a m'ha contou"

BRIGIDA   :- "Che desgriassiou! E-o figgieu che fin o l'ha faeto?"

MARCHEIZA:- "A Maria ha l'ha incaregòu o cavaliere Delpino de' fa de indagini, suggerendoghe de vedde in França e a Zena, dai garaventin.. perché pare che l'aggian misso in scia nave Garaventa pe' 'n po' de tempo e quindi doveiva ësighe traccia do so passaggio"

BRIGIDA   :- "Da 'n po' de tempo a sta parte a Maria a me pä sempre ciù misteriosa. Ghe scommetto che gh'è sotto quarcösa che noiätri no semmo"

MARCHEIZA:- "Figûrite.. A no sciorte quaexi mai.. "

SCENA SECONDA

(Marcheiza – Brigida – Assunta – Almerico)

MARCHEIZA:- "A no l'è ancon tornà l'Assunta dä lession de mûxica?"

BRIGIDA   :- "Mi no l'ho vista.. Ma ti ghe pensi che fra poco a l'ha vintûn anni e perdiemo e nostre risorse" (suonano alla porta)

MARCHEIZA:- (alla figlia) "Ammïa 'n po' chi gh'è"

BRIGIDA   :- "Mì?..A no gh'è a Maria?"

MARCHEIZA:- "Ha l' ha a giornà libera"

BRIGIDA   :- (va ad aprire. E' Almerico Boccadoro)

ALMERICO:- (entrando) "Destûrbo?"

BRIGIDA   :- "Oh, commendatò Almerico.. prego"

ALMERICO:- "Scià marcheiza riveriscio"

MARCHEIZA:- (si alza dirigendo verso la biblioteca) "Anche mì.. Scià scûse ma vaddo a scrive a mae figgio"

ALMERICO:- "Scià ghe porze i mae salûtti"

MARCHEIZA:- "Grassie, no manchiòu" (esce)

ALMERICO:- (avvicinandosi premuroso a Brigida) "Brigida.. dovemmo sempre fa mostra de ninte o.. poemmo finalmente digghelo a teu moae?"

BRIGIDA   :- "Pe' o momento l' è mëgio dässe sempre do Voscià.. vedemmo comme a se mette e poi.. decidiëmo.."

ALMERICO:- (si avvicina e l'abbraccia, poi lasciandola) "Speremmo fïto perché.. "

BRIGIDA   :- (insinuante) "Perché?"

ALMERICO:- "Perché mi no ghe a fasso ciù" (fa per riabbracciarla)

BRIGIDA   :-  "Stanni bravo, manaman intra quarchedûn"

ALMERICO:- "L'è un problema sta bravo.. Non son mïga faeto de legno"

BRIGIDA   :- (finge di schernirsi, fa dei risolini e corre verso le stanze) "Alloa.. acciappime se t'è bon.."

ALMERICO:- (la rincorre mentre entra Assunta dall'esterno. I due non si accorgono che lei li ha visti mentre spariscono dalla scena)

ASSUNTA :- (perplessa) "Me pàiva de vedde 'na comica de Ridolini.. Stanni a vedde ch' ha l'ha incastratòu o commendatò Boccadoro.. Ancon da sae ch'o no gh'andava a génio. Vanni a capì l'Alta Società!" (si avvia per andare nella sua stanza ed esce)

SCENA TERZA

(Maria – La Fontaine – Marcheiza)

MARIA      :- (entra dall'esterno, seguita da La Fontane) "Scià s'accomode Sciò Console"

LA FONTAINE:- (porge il soprabito a Maria che lo va a sistemare) "Che combinazione, trovarci tutt' e due davanti alla porta, nemmeno ci fossimo dati l'appuntamento.. E allora Maria.. " (con intenzione, quasi sottovoce) "O dovrei chiamarti.. prossima signora Car..?"

MARIA      :- "Ninte nommi, prego!..Manaman sentan..e poi no l'è ancon dïto che tûtto vadde ben"

LA FONTAINE:- "Vedrai che andrà tutto per il meglio"

MARIA      :- (rispondendo in francese) "J'espère monsieur De la Tuor.. j'espére"

LA FONTAINE:- "Il mistero è svelato, le indagini hanno dato i loro frutti positivi e tutti i tutti i tasselli stanno andando al loro posto"

MARIA      :- "Scià pense che ghe ne devo parlà sûbito?..Me treuvo un po' 'genà, e no vorriae che pensessan che l' ho faeta vegnì mì"

LA FONTAINE:-"Questo non lo possono pensare. Comunque non diciamo ancora nulla, aspettiamo il momento giusto, altrimenti, come hai detto.. manaman.. non si sa mai che ci rompano le uova nel paniere"

MARIA      :- (contenta) "Finalmente, doppo tanto pregà, o Segnò o m'ha daeto a mente"

LA FONTAINE:- (sorridendo) "Dimmi un po'..al Signore, glie l'hai chiesto in genovese, in italiano o in francese, che tra l'altro ho scoperto, parli benissimo"

MARIA      :- "Primma che me sûccedesse de perde a testa.. stûdiavo da e Orsolinn-e e me piaxeiva imparà e lingue.. poi..l'è sûccesso quello che l'è sûccesso e a mae vitta ha l'ha piggiòu tûtt'ätro binäio.. In quante a-o Segnò, se proprio Scià veu saveilo, gh'o parlòu in zeneize.." (sorridendo) "Tanto lé o sa tûtte e parlate do mondo.. o l'è poliglotta"

LA FONTAINE:- (sottovoce, guardandosi attorno) "Mi raccomando, non perdere quei documenti.. sono originali e con le frontiere in subbuglio sarà difficile averne altri. Quelli li ho ottenuto per via diplomatica"

MARIA      :- "Grassie.. pe' o momento ghe l'ho chì, in sen, poi l'alleugo in to mae armoire"

LA FONTAINE:- "La tua tenacia ti ha premiato.. e ha premiato anche me e.. lui. Mi fa piacere sapere che non hai mai abbandonato nessuno, anzi, ti sei sacrificata facendo delle forzate rinunce e questo ti fa onore. Gli inglesi direbbero di te che sei un <Derk horse>"

MARIA      :- "Un cavallo vincente?.." (ridendo) "Alloa me mettiò a nitrì. Mah.. I tempi cangian.. Se se poesse rinasce con l'esperienza.."

LA FONTANE:- "E' meglio di no. Ci pensi se rinascessimo con l'esperienza della nostra vita vissuta?..Saremmo tutti una manica di furbi e forse l'uomo sarebbe più cattivo. No, meglio così. Prendiamo quello che la vita ci offre e magari, diamole una mano perché migliori"

MARIA      :- "Da quello che sta boggendo in ta pignatta in Europa, me sa tanto che di miglioramenti ne vediemo ben pochi. Scià l'ha sentîo quanti morti inPolonia?"

MARCHEIZA:- (entra) "Sempre ciù fûrtivo o Console.. Scià l'intra sempre in silenzio.. Tramè a-e mae spalle?" (sorride)

LA FONTAINE:- (fa il baciamano) "Niente di tutto questo Madame.. Stavo per suonare quando è arrivata Maria.. Ci siamo trovati assieme davanti a casa vostra"

MARCHEIZA:- "Qual buon vento la porta?.. Cöse se dïxe de neuvo tra le alte sfere... ghe saià a guera?"

LA FONTAINE:- "La Francia sta mobilitando.. speriamo bene"

SCENA QUARTA

(Maria – La Fontane – Marcheiza – Almerico – Assunta)

(si sente parlare Almerico dietro la porta della camera di Brigida e dei risoslini)

ALMERICO:- "Ciao amore.. a presto.. rivestiti adesso.. sei proprio bella.. ciao, a domani" (entra in scena senza giacca, la cravatta storta e spettinato. Vede i presenti e resta di stucco)

MARCHEIZA:- (che non se l'aspettava) "E questo chì da dovve o sciorte?"

ALMERICO:- (cerca di darsi un'aggiustatina, balbetta) "Veramente mì.. eo de là.. " (deglutisce) "..con.."

MARCHEIZA:- (allarmata e intuendo) "Con chi?!"

ASSUNTA :- (esce dalla camera di Brigida, un po'  in disordine anche lei) "Con mì!"

MARCHEIZA:- (stupita) "Con ti?.. In ta stanzia de mae figgia?"

ALMERICO:- (resta comicamente di stucco di questa trovata, balbetta) "Da-davéi?..E mì no me ne son manco accorto.."

MARIA      :- (balbetta con tristezza) "No.. no l'è poscibile.. Assunta.. dinni che no l'è véa"

TUTTI        :- (fanno scena)

ASSUNTA :- "Beh?.. Cosa avete da guardarmi.. Non sono più una ragazzina.. Sono una donna ormai"

MARIA      :- (quasi supplicando) "Ma Assunta.."

BRIGIDA   :- (entra in scena dalla biblioteca, imbarazzata)

MARCHEIZA:- (alla figlia) "Bella roba anche a tì.. Tì, ti te ne stae in biblioteca mentre questa a te o mette in to streppo.. Fatte fregà l'ommo da.. da 'na figgetta qualunque.. e in casa nostra anche.. Scc-iuppià 'n scandalo! Me pâ za de sentì a gente… che figûa.." (agita il ventaglio)

MARIA      :- (accorata) "Ma.. Assunta.. spieghite armeno.."

ASSUNTA :- "Gh'è poco da spiegà.." (cerca le parole) "..mi.. mi faceva la corte e.. insomma è andata così e basta. Non mi pare il caso che debba scendere nei particolari" (rientra alla propria camera)

LA FONTAINE:- (ad Almerico) "E lei non ha niente da dire?.. E' andata come dice la signorina?"

ALMERICO:- (che finisce di sistemarsi) "Veramente mì.. no gh'accapiscio ciù 'n berettin de ninte"

BRIGIDA   :- (accorata e nervosa) "Ma insomma.. a voei smette tûtti quanti?" (singhiozza e esce di scena, entrando nella propria camera)

MARCHEIZA:- (alludendo a Brigida) "Meschinn-a.. che delûxon.. e tûtto pe' corpa de questo..sciätagalinn-e" (alza il ventaglio chiuso e gli dà una botta sulla testa)

ALMERICO:- "Ma Scià Marcheiza..Scià m'ha faeto mâ" (trotterella, inseguito, verso la porta del giardino ed esce)

MARCHEIZA:- "E l'han anche faeto commendatò pe' meriti do Regno! Ûn po' de meriti, scì!"

LA FONTAINE:- "Si calmi signora marchesa, si calmi.."

MARCHEIZA:- "Me calmieva de ciù se no fïsse sûccesso ninte"

SCENA QUINTA

(Marcheiza - La FontaIne – Maria – Brigida)

LA FONTAINE:- "Suvvia marchesa.. sono cose che accadono in tutto il mondo.. e me lo lasci dire.. specialmente.. in un certo ambiente"

MARCHEIZA:- "Ma fin che 'accadono' ai ätri, mì no me ne fasso ninte.."

MARIA      :- (piangendo si avvia alla cucina) "Questo o no doveiva sûccede" (esce)

MARCHEIZA:- (adittando a Maria) "N'accapiscio perché a Maria a se a segge piggià coscì tanto"

LA FONTAINE:- (diplomatico) "Beh.. sapete bene che è affezionata ai vostri figli e anche la ragazza è entrata nel suo affetto"

MARCHEIZA:- "Scià pensa che segge o cäxo de avvertì seu poae?"

LA FONTAINE:- "Adesso prendiamo tempo…ci penseremo" (pausa) "Signora marchesa.. Sono venuto a dirle che, purtroppo, devo congedarmi da lei.. Ho l'ordine di rientrare a Parigi"

MARCHEIZA:- "Scià ne lascia?"

LA FONTAINE:- "Soffiano venti di guerra. Il Consolato francese a Genova riduce il personale. Rimane solo quello ritenuto indispensabile" (sorridendo) "Si vede che io non sono indispensabile.. Speriamo di non diventare nemici"

MARCHEIZA:- "E figûremmose se femmo a guaera 'ai nostri cugini francesi'.. Scià no ghe pense manco"

LA FONTANA:- "Me lo auguro" (riflette) "Penso che la signorina Assunta dovrà raggiungere al più presto suo padre in Martinica.. manaman, come dite voi.. chiudono le frontiere"

MARCHEIZA:- "Ma.. alloa perdiemo i contribûti?"

LA FONTAINE:- "Era nell'accordo. Assunta è ormai signorina.. voi l'averte educata.. le avete insegnato il comportamento, l'avete mandata a scuola di danza, di musica, di bon ton.."

MARCHEIZA:- (interrompendo) ".. e Scià l'ha appena-a visto che bon-ton ch'a l'ha imparòu. Quello no ghe l'aveivimo insegnòu..Ha l'ha imparòu da autodidatta!"

LA FONTAINE:- "Vedrete che ci sarà una spiegazione logica"

MARCHEIZA:- (sarcastica) "L'immagino quale a saià a spiegazion… Ma quande a partià?.." (preoccupata) "A no l'andià mïga da sola finn-a là, a cà do diao, vea..?"

LA FONTAINE:- (misterioso) "Non credo che parta sola.... Vedrà che qualcuno l'accompagnerà"

MARCHEIZA:- "Voscià?"

LA FONTAINE:- "Chi lo sa"

MARCHEIZA:- "A Maria a gh'arrestià mâ"

LA FONTAINE:- "Non credo nemmeno che Maria si fermerà ancora"

MARCHEIZA:- "A se ne va anche lé?" (dispiaciuta) "A se saià stûffà.. L'è tanti anni che a sfrûttemmo.. e poi a l'éa affezionà a mai figgi.. Quande o Senofonte e lé partîo, ho visto comm'a gh'à patîo.. anche ä mae figgia a ghe veu ben.. a l'è 'na brava donna"

BRIGIDA   :- (entra vestita da crocerossina. La guardano perplessa) "Cöse gh'éi da ammiäme?.. L'è l'òa che fasse quarcösa mì ascì. Frequento 'n corso de crocerossinn-a e poi andiò via, a fa quarcösa de ûtile"

MARCHEIZA:- (si accascia) "Arrestiò sola.. me lasciae tûtti.."

BRIGIDA   :- "Ma mì saiò chi, a Zena.. armeno pe' o momento.. "

LA FONTAINE:- (notandola nel suo abbigliamento) "Vous ête tres charmant mademoiselle Brigida"

BRIGIDA   :- "Merçi, monsieur De La Tour.. Anche lei ci lascia?"

LA FONTAINE:- "Purtroppo.. Mi richiamano al Ministero degli Esteri a Parigi"

BRIGIDA   :- (sospirando) "Pariggi.. comm'orrieiva ëse là!"

LA FONTAINE:- "Tempo al tempo.. Chissà..non si può mai dire.."

SCENA SESTA

(Marcheiza – La Fontaine – Brigida – Maria – Delpino)

(suonano alla porta. Maria esce dalla cucina e va ad aprire. Si asciuga gli occhi col fazzoletto)

DELPINO   :- (entra baldanzoso) "Oh, Maria.. tûtto faeto.. ho trovòu.." (entra, vede che c'è gente e rimane imbarazzato)

MARIA      :- "Scià digghe pûre cavaliere.. no ghe son ciù segreti.."

TUTTI        :- (assistono incuriositi)

DELPINO   :- "Domando scûsa Scià Marcheiza ma.."

MARCHEIZA:- "Avanti.. Scià parle"

DELPINO   :- (porge un biglietto) "Ecco chi.. o zovenotto, Federico Gambaro, o l'è imbarcòu in scié l'incroxatô Duilio, a Taranto"

BRIGIDA   :- "O zovenotto? E chi o l'è?"

MARIA      :- "O saieiva o figgio da Rosetta de Cianderlin e.. do notaro Pinzetta..ma all'anagrafe o risulta ëse figgio de N.N."

DELPINO   :- "O notaro Pinzetta o l'è 'n malemmo.. meno male che no son tûtti paegi.. Gh'emmo levòu o cotello da-o manego e a Scià Marcheiza a faieiva ben a levaghe anche delega de tûtto quanto..Oh, ghe domando scûsa.. Son affari che no me riguardan"

MARCHEIZA:- (triste) "E t'hae dïto ben.. Faiò giûsto coscì.. Ma oramai.. seremmo a stalla quande i beu son scappè"

LA FONTAINE:- "Suvvia.. non tutto il male viene per nuocere. Con quello che siete venuti a sapere.. avete un'arma per tenerlo a bada, vi pare?"

SCENA SETTIMA

(Marcheiza – La Fontaine – Maria – Brigida – Delpino – Assunta – Almerico)

BRIGIDA   :- "Primma de andà via.. l'è ben che saccei comme stan e cöse"

MARCHEIZA:- "Cöse gh'è torna?.. Se son cöse privè ne parlemmo in biblioteca"

BRIGIDA   :- "Son privae finn-a 'n certo punto.. In fondo se trattà de dî solo a veitae .. 'na veitae ch'a no deve tûrbà nisciûn e ch'a deve dà onore a chi questo onore se l'ha meritòu. Tûtti devan savei do sacrificio ch'a faeto 'na donna de cheu e ch'a mëita ciù rispetto da noiätri"

MARCHEIZA:- "Brigida.. o sò che t' hae sûbîo 'na delûxon.. ma oua no damme a mente.. pensa a o baron Baffigo.."

BRIGIDA   :- "Ma che Baffigo e baron… quello che l'è sûccesso o no l'è comme ti pensi ti mamma e come peuan pensà i ätri" (pausa) "L'Almerico o ve peu confermà de comme son andaeti i faeti. O saià chi da 'n momento a l'ätro e...."

MARCHEIZA:- (interrompe) "No veuggio ciù ch'o mette pé in te questa casa!"

BRIGIDA   :- "Peu dässe ch'o no ghe mette ciù pé mammà.. ma oua o deve vegnì.. e spiegate che.." (suonano alla porta e Maria va ad aprire) "O saià lé"

ALMERICO:- (entra contrito) "Domando scûsa ma a marchesinn-a ha l'ha tanto inscistìo.."

BRIGIDA   :- "Grassie d'ëse vegnûo.. Stavo dixendo che ve devo confessà 'na cösa.. e credeime che pe' mì, abituà a comandà.. a tegnì 'n certo atteggiamento ch'o m'è staeto imposto fin da piccinn-a, no l'è façile.. Ma no me saieiva mai aspëttà 'n senso de altruismo scimile.." (si guarda attorno) "Gh'ammanca però 'na personn-a.. Maria, te despiaxe ciammà l'Assunta?"

MARIA      :- (timorosa) "Scì.. sûbito marchesinn-a" (apre la porta della camera e chiama) "Assunta.. pe' piaxei.. te veuan.."

ASSUNTA :- (entra a testa bassa)

BRIGIDA   :- "Mì ho detestòu questa figgia ch'a vegniva a caccià a l'àia o nostro moddo de fa, e nostre abitûdini, ma poi, pe' amô.." (alla mamma come fosse un rimprovero) "..e chi mammà, bezeugna dïllo francamente.. pe' amô de palanche e pe' fa fronte a-e nostre difficoltae, emmo accettòu; pe' voei mantegnì a ogni costo o nostro vëgio moddo de vive, con i debiti che ne strangoavan.. i sciacalli che ne approfittavan.. l'avéi lasciòu tûtto in te moen do Pinzetta, pe' no avei di crûzi, o n'ha faeto perde anche o senso da solidarietae, de l'onorabilitae.. Aveivimo bezeugno de palanche" (ad Assunta) "..che teu poae o ne mandava tramite o cäo console chi presente"

MARCHEIZA:- "Ma Brigida!"

BRIGIDA   :- "No te a piggia mammà.. In fondo a l'è a veitae..Anche mae frae o no l'è staeto abituou a-affrontà a vitta, coscì comme a se presenta.. e oa, dovv'o l'è, o sta imparando a ëse diverso, a pensà anche pe' i ätri.. comme a faeto questa figgia ch'a s'è piggià 'na corpa ch'a no l'éa a seu.."

ASSUNTA :- "Brigida, taxi!"

BRIGIDA   :- (si avvicina con affetto e la porta al centro della scena) "No, Assunta… nuiätri se demmo e äie da nobili.." (rivolgendosi a tutti) "Ma chì, se gh'è 'na nobile, armeno drento l'anima, a l'è l'Assunta!.."

TUTTI        :- (fanno scena)

BRIGIDA   :- "Parla tì Almerico"

MARCHEIZA:- "Ti ghe dae do tì?"

ALMERICO:- (si rischiara la voce, si impapera è in difficoltà) "E ben.. l'è che mì e a Brigida se frequentëmo da 'n po de tempo.."

MARCHEIZA:- "Da 'n po' de tempo?..E da quante?"

BRIGIDA   :- "Mammà, no posso aspëttà o nobile che veu tì.. O tempo o passa e l'Almerico o l'è 'na brava personn-a e o peu mantegnïme ciù che decorosamente.. " (lascia la parola ad Almerico)

ALMERICO:- (si rischiara la voce.. è imbarazzatissimo) "Eo con lé in ta seu stanzia e no con l'Assunta. A scignorinn-a a s'è accorta che gh'ea gente mentre stavo sciortindo.. E alloa, pe' evità 'n scandalo e pe' o bon nomme da famiggia, ha l' ha arrunsou inderré a Brigida, a s'è dezandià e faxendo finta che a l'éa con mì.."

MARIA      :- (contenta, piange e ride) "Assunta..comme son contenta.. Aveivo tanto magon.."

ASSUNTA :- (corre ad abbracciare Maria) "Perdonami se ti ho dato un grosso dispiacere.. MAMMA!"

TUTTI        :- (stupore e scena) "MAMMA?"

LA FONTAINE:- "Stupiti? Ebbene sì, Maria Briasco è la donna che ha messo al mondo questa ragazza, che ha sofferto le pene dell'inferno per non poterla tenere, ma che ha preferito darla al padre che la portasse via appena nata piuttosto che vederla in un orfanotrofio. I suoi sono stati troppo severi con lei. I pregiudizi sono duri a morire. Il padre di Assunta, che l'ha allevata con amore, ha scritto alla famiglia di lei più volte, per avere notizie di Maria, ma la famiglia ha sempre respinto le lettere al mittente, come se nessuno abitasse più all'indirizzo. Occorrevano naturalmente accertamenti, atti di nascita, certificati, valutazioni delle circostanze. Le mie e quelle fatte fare da me, in via molto riservata, hanno dato, come avete visto, esito positivo. Tre anni fa, il nonno preso dal rimorso, mi aveva rivelato che Maria era qui, a servizio presso di voi. D'accordo col padre, abbiamo, diciamo aiutato la Marchesa di Roccanera affinché desse una educazione consone alla ragazza e nello stesso tempo speravo che tra Maria e Assunta, scattasse un affetto.. l'affetto materno che solo il vincolo di sangue sa dare..."

DELPINO   :- "T'hae accappio che remescio?. Il signor console si era preso una bella gatta da pelare, eh..?"

BRIGIDA   :- (ad Assunta) "E mì, son mäveggià do teu comportamento in ti mae confronti.. No me' o méitavo. Spero che d' òua in avanti, ti me vorriae comme teu sincera amïga"

ASSUNTA :- "Me saieiva tanto cäo, Brigida"

BRIGIDA   :- "Ma dimme 'n po'.. comme ti saveivi che a Maria a l'éa teu moae?"

ASSUNTA :- "Poco tempo fa l'ho vista cianze, e sentivo dento de mi quarcösa che no saveivo spiegäme.. Forse in to seu intimo a me ciammava. Son andaeta in ta seu stanzia e ho visto i documenti in te l'armadio..Perdon- nime mamma, ma voeivo savéi se quello che o cheu o me dixeiva l'éa véo " (madre e figlia si abbracciano) "Scià Marcheiza, cai amixi.. ve ringrassio pe' tûtto quello ch'éi faeto pe' mi..e ve domando scûsa se quarche votta v' ho faeto trobulà" (abbraccia la marchesa e Brigida)

DELPINO   :- "Ma no l'han mïga faeto a gratis" (si tappa la bocca) "Scûsaeme a.. a m'è scappà!"

LA FONTAINE:- (ad Assunta e Maria) "Ed ora, fate le valigie che andiamo, prima che.."

MARIA      :- (interrompendo) ".. primma che scc-euppe l'abërgo.. con tûtto o bullezzîmme che gh'è in gïo.. no se sa mai.. maniman..sëran e frontiere!"

ASSUNTA :- (porgendo la mano a sua madre) "Vegni mamma, andemmo da-o papà!"

 MARIA     :- (guarda tutti con affetto e poi, uscendo) "Scûsaeme tanto ma.. vaddo conmae figgia!"

(CALA IL SIPARIO)

FINE

 

 

 

 

 

    Questo copione è stato visto
  • 0 volte nelle ultime 48 ore
  • 0 volte nell' ultima settimana
  • 0 volte nell' ultimo mese
  • 5 volte nell' arco di un'anno