Maria Carolina

Stampa questo copione

La Cantata dei Borboni

Maria Carolina

Rigina ‘e Napule, mugliera ‘e Ferdinando ‘o Re Nasone

Vicende Storiche di Carolina e Ferdinando di Borbone

in diciassette scene

di

Salvatore Macri

Autore Posizione SIAE 184727 - Codice Opera SIAE 887391A

mail: macrisa@libero.it - anno 2009

Personaggi:

Il Cantastorie                                              U            …………………………………

Daria, Principessa di San Nicandro                        D     …………………………………

Bernardo Tanucci, Marchese                          U            …………………………………

Ferdinando IV di Borbone                             U            …………………………………

Donatella, dama di Corte                                     D     …………………………………

Giuliana, dama di Corte                                       D     …………………………………

Maria Carolina d'Austria                                      D     …………………………………

Michelangelo Viglia, domestico del Re             U            …………………………………

Angela, Duchessa di Teramo                                D     …………………………………

Roberto, cavaliere di Corte                            U            …………………………………

Filippo, cavaliere di Corte                              U            …………………………………

Musici

Ballerini

Figuranti

                                                                            


Prima Scena - Introduzione

Cantastorie           (entra e declama al suono di un organetto, con festosi musici che lo accompagnano)

Cumpagni tutti ‘e chesta bella terra!

Simmo venuti cca’ pe’ fa’ denari!

Cantammo cose ‘e pace e cos’ ‘e ‘uerra

storie d’ammore e cunti senza pari!

Sapimmo ca ‘stu regno è gruosso assai,

ca site bravi a fatica’ c’ ‘a seta,

che guaragnate e nun tenite guai

pecchè tenite ll’arte dint’ ‘e deta!

Chesta serata facite ‘o poco ‘e festa,

‘nta n’ora sola nun perdite niente!

Lassate ‘nu turnese dint’ ‘a cesta

pecchè vuje site tutti bona gente!

E si chesta canzone ve piacesse

date ‘na voce dint’ ‘a trattoria,

si no magnammo sulo fave allesse,

ce manca ‘o vino, e pure ‘a cumpagnia!

E mo’ mettite ‘o poco d’attenzione,

faciteve cunta’ ‘a bella storia

‘e Ferdinando, detto Re Nasone,

e Carulina, e tutt’ a loro gloria!

Ciento e cient’anni songo già passati

‘a quanne ‘sta Rigina Carulina,

lassanne a Vienna ‘a mamma e senza ‘o pate,

venette ‘e casa sotto a Margellina!

Facette ‘a sola ‘o curteo ‘e nozze,

e ‘o sposo Ferdinando nun frieva;

vuleva pesca’ alici e piglia’ cozze,

‘e cummannare, nun ce ne teneva!


Seconda scena – Il fidanzamento

(entrano Daria e Bernardo)

Daria                   Marchese, allora chi ce lo dice?         

Bernardo              Cara Principessa, solo voi potete avere la responsabilità di questa grave incombenza… spiacevole e dolorosa!

Daria                   Voi dite? Però non so quando posso trovare il momento opportuno… ‘o Re tiene troppe cose ‘a fa’… e io pure… mica posso stare appresso a lui tutto il giorno!

Bernardo              Ma… sapete se è ritornato dalla sua… missione?

Daria                   No, non so niente…

Donatella             (entra, facendo una riverenza) Principessa, Marchese…

Bernardo              Che c’è? Non vedete che stiamo parlando? Perché ci importunate?

Daria                   E lassate stare ‘sta bella figliola! Che c’è, dici…

Donatella             Volevo notare alle vostre magnificenze che Sua Maestà il Re sta recandosi in questa stanza… dopo che ho avuto il piacere di godere della sua compagnia, mi ha mandato ad avvisare entrambi… ed ho avuto l’alto onore di trovarvi insieme…(riverenza)

Daria                   Ah, si… e quanto v’ ‘a dato ‘o Re, per la vostra compagnia?

Bernardo              Principessa! Scusate, ma vi sembra questo il modo…?

Donatella             Perdonate l’impertinenza, Principessa e Marchese… (riverenza) …non c’è niente che valga il piacere della regale compagnia… ed il piacere che potrò informarlo che lo attenderete qui… con vostra licenza… (riverenza; poi, uscendo, in vernacolo) …m’ ‘a dato sulamente sei ducati, che ve penzate?

Daria                   Sei ducati! Addirittura! Nun ce sta cchiù religione!

Bernardo              Che modi, che modi! Rimpiango la Corte di Francia…

(entra Ferdinando, con la schiena rivolta al pubblico, guardando verso l’interno)

Ferdinando           Ce verimmo cchiù tardi! Te faccio sape’ pe’ Viglia! (girandosi verso i due, che gli fanno un inchino non molto accennato) Proprio ‘na bella guagliona! Oh, Principessa… Marchese… comme andassimo?

Bernardo              Bene, Maestà! E’ il vostro interesse che ci sostiene in salute!

Ferdinando           Ma che bello cumplimento! E vuje, Principessa… che dicite?

Daria                   Maestà, io sto bene quando voi state meglio di me…

Ferdinando           E brava ‘a Principessa!

Daria                   Vostra Maestà… permettete una parola?

Ferdinando           Uè, mò nun te n’apprufittà! Che andassi truvando?

Daria                   Sono latrice di una tristissima notizia, e di una buona! Vostra Maestà non si alteri…

Ferdinando           Si se tratta ‘e fatica’, nun è jurnata! Io ci debbo andare a caccia, e poi voglio vede’ si riesco a pizzica’ Mullica… chillo luccio pesa almeno quatto chili!

Bernardo              Vostra Maestà ci riuscirà senz’altro… e da solo, senza aiuti plebei! Sarà un’altra vittoria in cui rifulgerà la vostra astuzia! (si inchina)

Daria                   Con vostra licenza… questo è quello che ho l’ingrato dovere di annunciarvi: la vosta eccellentissima fidanzata, l’Arciduchessa Maria Giuseppa d’Austria, è deceduta per il vaiolo!

Ferdinando           Ah… pure essa? Primma Giovanna… mò chest’ata… puverella, era ‘na bella guagliona… e mò?

Daria                   L’Imperatore Francesco d’Austria e la sua nobilissima consorte hanno deliberato che, a Vostra Maestà piacendo, ‘a sposa vosta sarà ‘a sorella minore, la graziosissima Maria Carolina! (si inchina)

Ferdinando           E chest’era? Principe’, puzzate sta’ bona…! Marchese, scrivite… no forze è meglio che ce penzate vuje, Principessa… scrivite ‘na lettera ‘e condoglianze ‘a mamma a nomme mio, e dicitele ‘a fine che l’affare ch’ ‘a sora piccerella se po’ fa’! Però faciteve mandare ‘o ritratto suojo, che nun m’arricordo bona! E mò… ce verimmo! Sua Maestà va a caccia! Però… che dicite… po’ essere che pare brutto, è overo?

Daria                   Oggi è una giornata assai triste a Vienna, e vi è più che amicizia tra gli Asburgo ed i Borbone, Maestà…

Ferdinando           Allora forze è meglio che oggi a caccia nun ce vaco… me stongo cchiù riservato… vaco ‘o Fusaro a truva’ a Mullica!  (esce; Bernardo e Daria si inchinano)

Bernardo              Principessa, pare che non l’ha presa molto male…

Daria                   Marchese, non mi meraviglia… il Re possiede tutto, ha pure tante cose da fare… e poi con tutte le guaglione che vede… forse nun ricorda bene…  ma voi sapete che ha fatto ieri?

Bernardo              Ieri… lo cercavo per un dispaccio e mi hanno detto che era andato a pesca nel Golfo…

Daria                   Esatto… si è alzato prestissimo, facendo tanta ammuina che ha svegliato pure me, poi è sceso… e si è cambiato in spiaggia, vicino alla barca…

Bernardo              Come? Si è cambiato in pubblico? Tra la gente plebea?

Daria                   Sapisseve, Marchese… fosse solo questo…!

Bernardo              Perchè, che altro ha fatto?

Daria                   Dopo pescato, con quei vestiti sporchi e puzzolenti, è andato personalmente al mercato a vendere il pesce! E che prezzi! C’è andato il cuoco mio… gli ha fatto pagare fino all’ultimo sordo…!

Bernardo              Ma che ne fa dei soldi? Lui non ne ha bisogno…

Daria                   L’ha regalati ai pescatori! Fa sempre così!

Bernardo              Beh, ci credo che il popolo gli vuole bene! E poi?

Daria                   E poi è tornato, ma portava ancora addosso quella puzza di pesce… non vi dico!

(escono)


Terza Scena – Il viaggio

Cantastorie           Doppo ‘nu matrimonio pe’ procura.

‘e duje rignanti s’evana ‘ncuntra’!

Stanne vicini jesce ‘a criatura,

si stai luntano, che ce pienzi a fa’?

E Carulina se facette ’o viaggio:

lassaje Vienna, reggia e cumpagnelle;

partette a aprile arrivanne a maggio,

essa e cinquantasette carruzzelle!

‘E chilli tiempi ‘o viaggio era n’impresa,

c’ ‘a strada longa po’ nun ne parlammo!

se fermaje poco, e ce vulette ‘o mese,

sì jeva chiano ce metteva n’anno!

Facette ‘na fermata addo’ ‘nu frato,

Leopoldo ‘o Grande Duca d’ ‘a Toscana

a meza strada se po’ tira’ lo sciato,

pure pe se lava’ ‘nu poco ‘e mani!

Passaje pe’ Roma, regno d’ ‘o Papato,

Papa Clemente ‘a ricevette bona,

pure si steva ‘o poco appiccecato

c’ ‘o Re di Spagna e ‘a Casa d’ ‘e Borboni!

Trasette dint’ ‘o Regno a Terracina

truvanne l’accuglienza all’italiana;

s’avette ‘nu regalo da rigina

oro e gioielli: ‘nu canistro sano!

E primma e se ‘ncuntra’ cu’ Ferdinando

s’etta cagna’ ‘o vestito in carruzzella;

vestuta ‘e sposa e c’ ‘a parrucca tanta,

pareva tale e quale ‘a pupatella!


Quarta Scena – L’incontro

(entrano Donatella e Giuliana, e si dispondono ai lati dell’ingresso; dopo di loro entra Carolina, alla quale fanno una profonda riverenza. Dopo entra Viglia)

Viglia                   (inchino) Maestà, la Principessa di San Nicandro!

(entra Daria, che si inchina a Carolina)

Daria                   Maestà, ben arrivata… sono la Principessa di San Nicandro… dovete consentirmi di verificare il vostro vestito prima di incontrare Re Ferdinando… sapete, il Protocollo di Corte…

Carolina               Principessa, io conosco foi e conosco protocollo, ja! Io afere scelto mio vestito tra cento altri preparati in primafera a Parigi, approvato da mia madre! Non sono necessari controlli, ja! 

Viglia                   (batte a terra col bastone da cerimonia)  Maestà… Signore… Ferdinando IV, il Re di Napoli! (a Carolina) Maistà, sta arrivanne ‘o marito vuosto!

Carolina               (guarda Viglia come volesse ucciderlo)  Io sono Maria Carolina d’Asburgo – Lorena! Pretendo estremo rispetto!

(tutti si pongono di lato; entra il Re cui tutti fanno una riverenza)

Ferdinando           Finalmente, dolcissima mugliera! Vostra eccellenza si sarrà stancata… te sienti bona…? (le prende le mani e ne rimira l’abito ed i gioielli)  Ma cheste so’ chelle sciacquaglielle che t’aggio mandato! Te stanno proprio bone…! Principessa! Ma Tanucci addo’ sta? E’ tutto pronto per gli omaggi del popolo mio?

Daria                   Sì, Maestà… il Marchese Tanucci ha fatto tutto… ed ora intrattiene gli Ambasciatori… per consentirvi un primo istante di serentà…

Carolina               (si inchina) Serenissimo e potentissimo Re signore e sposo carissimo, in cvesto felice momento io posso rinnovare a viva voce alla Maestà Vostra le promesse le cvali ho fatte all’altare del dovere che nasce dalla nostra unione: qvella degli animi è già perfetta, ed io non farò altro studio che di coltivarla dal canto mio con sentimenti di tenerezza, rispetto e attenzione. Tenetevi certo, sposo mio, che io non cesserò un momento di darne ogni possibile riprova essendo interamente di Vostra Maestà. (nuovo inchino) 

Ferdinando           ‘A faccia mia! E comme se fa a risponnere? E questo è comme ‘nu discorso d’ ‘a Curona! ‘O Marchese Tanucci addo’ sta …? Nun m’ ‘a appriparato la risposta! Che ‘o pozzano accidere! Mo’ ci penzo io… Carulina dolcissima, tu si’ ‘a perla ‘e ll’uocchi miei… sì nu’ bisciù! Viglia! Appripara ‘e bicchieri!

Viglia                   Sissignore, Maestà! Contessa Donatella e Marchesina Giuliana… vulesseve veni’ pure vuje, accussi’ me cunsigliate? (esce)

Donatella             Con il permesso delle loro Maestà… (si inchina ed esce)

Giuliana               Vado a servirvi, perdonatemi…(si inchina ed esce)

Ferdinando           Neh, Principe’… tu nun tieni niente da fare? Và a tene’ cumpagnia ‘e Granduchi di Toscana, che mo’ arrivammo pure noi!

Daria                   Veramente io so’ rimasta incantata dalla bellezza d’ ‘a sposa vosta, Maestà… avete ragione p’ ‘a risposta… ‘o Marchese Tanucci l’aveva preparata, ma io me la so’ dimenticata… e me stevo dimenticanne pure che ce vogliono ‘e salve ‘e cannone… scusate… (inchino e via)

Carolina               Ringrazio vostra Maestà per acco-lienza… io no parlo bene italiano… io imparato frase a memoria per incontro ufficiale… ora diamoci tu… porto saluti di mia madre e tutti parenti…

Ferdinando           Ma ‘o ssai che si’ proprio bellella? Carulina… pure ‘o nomme pare d’ ‘e parti noste!

Carolina               Prego Ferdinando… parla piano… io non capisco bene tuo italiano, kvello mio maestro era della Repupplica Venezia… parlava diverso!

Ferdinando           E nun te preoccupare, Caroli’! Tanto ce capiremmo ‘o stesso… tu a Napoli ti troverai imparata da sola… io ‘o tedesco l’ho pruvato, ma nun so’ riuscito a ricurdare una parola! Mo’ sa che facessimo? Primma brindammo, po’ ce ne andassimo ‘a Reggia a Caserta…

Carolina               Io stanca di viacciare! Ci fuole molto tempo?

Ferdinando           Nooo… e po’ ‘e strade nostre so’ belle… se cammina veloci… manco tre ore e te faccio vede’ che sciccheria! Prima ‘e mezzanotte arriveremmo a Caserta, ‘a Reggia nuova…! Tutto appriparato per il tuo arrivo, tutto lucente e pulito… surdati per tutta ‘a strada, fiori, lucerne a tutt’ ‘e feneste… e po’ ‘o popolo che te vuole salutare… sapissi comme stanno cuntienti ca me sono sposato cu’ te… me l’hanno detto loro!

Carolina               Preco Ferdinando, io no capisce tutto, tu parla troppo veloce e difficile… e poi non amo contatto così diretto… io meglio avere notizie da dame di Corte…

Ferdinando           Ma va buono Carulina! Nun te preoccupare, con il popolo ce parlo io, e tu parli con le dame toje…  E adesso andiamo a brindare al nostro matrimonio… ce stanno pure l’Ambasciatori ‘e famiglia… Austriaco, Francese e Spagnolo!

                          (esce, precedendo Carolina sotto braccio)


Quinta Scena – Carolina alla Reggia

Cantastorie           ‘O Re Nasone era ‘e pasta bona,

se pigliaje ‘ncuollo n’ata cosa ‘a fa’!

Doppo purtato ‘a casa ‘a cacciagione

a Carulina l’eva accuntenta’!

Isso jeva caccianne a pili e penne,

e Carulina ‘e servi a cummanna’!

Ma quann’isso curreva appriesso ‘e nenne,

essa ‘nu sfizio n’ ‘o lassava sta’!

E quanne coccheduno la serviva

sparava ll’ordini cu’ chella lingua tosca,

nun era chella ca s’accuntentava:

“Maistà, ‘o bicchiere?”-”Foglio tutta fiaska!”

Figlia a n’Imperatrice, era normale,

era abituata ‘o massimo rispetto;

e si faceva friddo, int’ ‘e lenzole

faceva passa’ primma ‘o scarfalietto!

Jenchette tutt’ ‘a Reggia cu’ vestiti,

scarpe e burzette, pure chelle ‘e seta,

vuleva sempe sciuri prufumati

e tutti a servi’ essa, ‘a nanze e ‘a reta!

E pure dint’ ‘o Regno cumannava,

mentre che steva fore, Ferdinando,

sultanto essa tutto decideva;

isso firmava sulamente ‘o bando!

Perciò chi guvernava era ‘a Rigina

purtava annanzi ‘a sola tutt’ ‘o Regno!

‘O Re penzava sulo ‘a selvaggina

pe’ misi sani, senza cchiù ritegno!


 Sesta Scena – Carolina prepara un Consiglio di Stato

(entra Bernardo con Daria, preceduti da Donatella e Giuliana, che rimangono ai lati della porta)

Bernardo              Principessa, vi assicuro, potete stare tranquilla…

Daria                   Voi dite? Me pare che ‘o Re sta distratto… non sente quando parlo! Sembra… assente… malato!

Bernardo              No, no, sta benissimo! Voi gli parlate di cose che non lo interessano! Al Re piace la caccia e la pesca! Questo è principalmente quello che gli hanno insegnato… e se mi permettete, gli ha insegnato vostro fratello il Principe! Purtroppo il momento buono è passato… un libro non lo vuole neppure vedere, rifiuta le lezioni di danza e di scherma… ha una giornata irregolare… quando dovrebbe vegliare, dorme, e di notte invece esce a pesca… le cose di governo lo annoiano… ha vietato anche l’uso dei calamai durante i dispacci!

Daria                   E allora? I decreti e i bandi come li firma?

Bernardo              Egli mi ha delegato, mi ha fatto fare un sigillo, ed io lo appongo in sua presenza… ma la selezione la fa la Regina! Se lei si convince, fa scrivere il decreto e poi lo mette davanti al Re… lui non fa grandi obiezioni e fa autenticare!

Daria                   Ma io non ho capito bene… è la Regina allora che decide? E come fa a far portare avanti le sue proposte? Non è ancora membro del Consiglio di Stato!

Bernardo              E’ vero, ma appena nasce il primo maschio, la Regina entra di diritto nel Consiglio… da come stanno le cose manca poco e il matrimonio non sarà più morganatico… si sono messi al ritmo di un figlio ogni anno!

Carolina               (entrando)  Oh, ecco signor Ministro! Ricortate, vi avevo chiesto notizie di Sir Acton; cosa sapete foi dire?

Bernardo              (inchino) Eccellenti, Maestà. John Acton, da quel personaggio abile e famoso qual è, ha conquistato i favori del Granduca di Toscana…

Carolina               So penissimo cosa pensa mio fratello Pietro Leopoldo! Marchese, voglio proporre al Re e poi informare Consiglio che Sir Acton venga qui per organizzare nostra Marina militare!

Bernardo              Certo, Maestà… buona risoluzione… però esistono alcuni ufficiali qui, che pure potrebbero dare buoni risultati… e poi Sir Acton… ha simpatie contrarie alla Francia… e non è visto bene dalla Real Casa di Spagna… specialmente dal padre del vostro regale consorte…

Carolina               Marchese, sir Acton è visto bene da Casa Imperiale di Austria, e qvesto è qvello che importa a Re Ferdinando! Foi siete troppo ansioso verso Carlo III… foi dimenticate che fostro Re è qvi, non in Spagna! E poi qvegli ufficialetti, cosa afrebbero fatto, nella battaglia di Algeri? Forse sarebbero riusciti anche ad uscire dal porto, con una sola nave… no, la mia decisione è presa!

Bernardo              (si inchina) Io porgo la mia obbedienza davanti a vostra Maestà. La Maestà vostra porterà in Consiglio questa proposta, tramite la mia persona… sarò io il portavoce della richiesta, che sono sicuro verrà avallata dal nostro amato Re Ferdinando.

Carolina               No, no… Qvesto non va, caro Marchese! Così voi portereste  proposta e, per delicatessa, non dovreste votarla! Io voglio vostro voto favorevole… caro Marchese… e voi dovrete darlo pupplicamente, convincendo altri che io non reputo degni di colloquio con me… e che perciò non convoco! Ja! Sarete non portavoce ma sostenitore proposta Reale…

Daria                   Vostra Maestà… (inchino) posso impegnare la parola della nostra Casata e di mio fratello per portare in Consiglio la proposta! Così il Marchese Tanucci potrà votarla come Ministro senza urtare la suscettibilità di nessuno…

Carolina               Ecco! Qvesto è sostegno che serve a Casa Reale!

Bernardo              (si inchina) Sarà fatto come vostra Maestà desidera. Mi corre però l’obbligo di avvisarvi che io non posseggo grande ascendente sui tutti i membri del Consiglio… forse potrebbe accadere che non tutti…

Carolina               Basta! Voi farete qvello che io detto e non voglio aggiungere altro! Convincete loro prima di Consiglio, a voi non mancano mezzi… mio consorte e vostro Re Ferdinando vi ha grandemente dotato… e se non riuscite, significa che qvesta è volontà contraria! E volontà contraria significa che Casa Reale di Borbone rinuncerà a vostri servigi e vi spoglierà delle rendite che vi sono state assegnate! Nobili signore… ritiriamoci!

(Donatella e Giuliana escono, poi la Regina le segue)

Daria                   Marche’, ‘a Rigina s’ è ‘nquartata…

Bernardo              Cara Principessa, purtroppo non ho bisogno che mi diciate altro… ora so che, anche se viene Acton, uscirò dalla Corte, in breve tempo! (escono entrambi)


Settima Scena – L’erede

E finalmente nasce ‘o masculillo!

Fuje ‘na soddisfazione generale,

tutto lu Regno stev’aspetta’ chillo;

pe’ Ferdinando sempe tutto uguale!

                         

                          Spararono ‘e cannuni ‘ncopp’ ‘o puorto,

                          ‘a gente addimandava: “Ma che d’ è?”

                          “Nostro Signore nun l’ ‘a fatto ‘o tuorto!

                          E’ nato ‘o figlio masculo a lu Re!”

                          E quanta gente jeva dint’ ‘a Reggia,

                          pareva ‘a prucessione de Natale!

                          ‘Nu vicchiariello se purtava ‘a seggia,

                          ce jette pure ‘a gente d’ ‘o Spedale!

                         

                          ‘O banco ‘e ll’acqua fresca, dint’ ‘e mummere      

                          ‘o masto ce mettette ‘o lambiccato!

                          E chi ballava e chi jucava ‘e nummere

                          apprumettenne ‘o pranzo ‘o vicinato!

                         

                          Festa int’ ‘a Reggia, struscio pe’ le scale,

                          balli di corte, tanti Ambasciatori,

                          carrozze e carruzzelle ch’ ‘e regali

                          e nun ve dico quanti ceste ‘e sciori!

                          L’erede d’ ‘e Borboni, Carlo Tito

                          fuje pe’ la mamma soja cchiù de ‘nu figlio:

                          era bellillo, doce e sapurito       

                          e l’arapette ‘e porte d’ ‘o Cunsiglio!

Trasette int’ ‘o Guverno la Rigina!

Certo che ‘o Re ne fuje cuntiento assai

che cumannava, Donna Carulina!

Isso jeva a caccia e ne scansava ‘e guai!


Ottava Scena – Festeggiamenti del popolo

(entrano Bernardo e Daria)

Daria                   (parlando con Bernardo) Certo che la Corte sembra rinnovarsi … anche il popolo continua a fare festa per questa notizia bellissima! Una settimana fa mi sono affrettata ad inviare un corriere alle loro Maestà Imperiali a Vienna…

Bernardo              Ora sarà giunto a destinazione ed anche loro saranno contenti! Ormai la Regina è tale a pieno titolo! E che bel nome hanno scelto… Carlo Tito Francesco Gennaro, nominato Duca di Calabria…

(irrompono sulla scena Donatella e Roberto con Giuliana e Filippo)

Bernardo              Signori… contenetevi! Siamo tutti compiaciuti, ma non è questo il modo di comportarvi!

Daria                   Marchese, ma quelli so’ giuvinotti e signurine… è naturale che si divertano!

Donatella             (inchino) Perdonate, nobilissimi signori… la felicità della Regina e del Re trova in noi un fertile terreno… anche noi siamo felici!

Giuliana               (inchino) E’ vero, eccellenze illustrissime… non c’è modo di frenare la nostra gioia!

Bernardo              Questo è un segno dei tempi, cara Principessa! Avete notato che solo le nobilissime signorine ci hanno rivolto la parola? Ormai, con questo erede, la Regina fa parte del Consiglio di Stato, ha diritto di parola… e gli uomini tacciono!

Daria                   Agli uomini rimane la cosa più’ importante… la Regina parla, ma ‘o Re tiene la responsabilità della firma! Se lui non vuole…

Bernardo              Questo è vero… e sua Maestà non vi farà mai mancare la sua preziosa decisione finale… io ormai mi sento fuori dal Consiglio…

(si avvia una musica in sottofondo)

Daria                   Sentite questa musica? E’ per rallegrare sua Maestà la Regina ed il suo nobilissimo figlio…

Roberto               (inchino) Perdonate, eccellentissimi signori… vorremmo dimostrare la nostra gioia danzando…

Filippo                  (inchino) Permetteteci di sottrarvi al dialogo con la Contessa Donatella e la Marchesina Giuliana…

(Donatella e Roberto con Giuliana e Filippo danzano una quadriglia o un minuetto)

Viglia                   (entra ed al suo ingresso tace la musica e le coppie si fermano) Nobili signori e dame! Vi prego di unirvi al Gran Bal Paré nella Sala del Trono! Venite cu’ me! (esce e con lui le due coppie)

Daria                   So’ proprio due belle coppie… tra poco se sposano pure!

Ferdinando           (entra cercando in giro) Ma comme, Donatella nun ce sta? E manco Giuliana?

(Daria e Bernardo si inchinano)

Daria                   Maestà, è venuto Viglia a chiamarle proprio adesso… con gli altri… debbono partecipare al Bal Parè…

Ferdinando           Che scucciatura… è ‘na settimana che non si trova pace, int’ ‘a chisto posto! E pure pe’ miezo ‘e vie…

Bernardo              Il popolo esulta perché vi ama, Maestà!

Daria                   Ma voi continuate ad andare tra loro, senza scorta…?

Ferdinando           Sicuro! Poco fa stavo all’osteria… hanno fatto finta di non accanoscermi… stevo vestito da piscatore, cu’ ‘nu bello cappiello… e quante n’aggio sentute!

Bernardo              Mica contro di voi, Maestà?

Ferdinando           Tu statte zitto che Carulina dice che si’ antipatico! E poi ‘o popolo mio nun dice mai niente ‘e male contro a me e a Carulina!

Daria                   Soprattutto perché ‘o sape che siete voi, vero, Maestà?

Ferdinando           Ma io pe’ chesto vaco in incognito! Accussì se sentono liberi, e se tenessero ‘a dicere, lo pozzono fare senza che poi li debbo fare appennere! Ohè! N’aggio sentuto ‘e auguri e brinnese! Cantano e ballano ‘a ‘na settimana! E che belle figliole… a proposito! Addo’ ate ditto che sono andate le guaglione?

Daria                   Nella Sala del Trono, Maestà!

Ferdinando           E jammoncenne pure noi! Perlomeno ce mangiammo qualche cusarella… tanto primma o poi ‘o ballo adda ferni’! (esce)

Daria e Bernardo   (si inchinano)

Daria                   Allora andiamo, vediamo chi ci sta in Sala… gente nuova, mi dicono…

Bernardo              Venite con me, vi presento il Marchese della Sambuca e la consorte… (esce con Daria)


Nona Scena – Preparativi di festa

Sai quant’ è bello a pripara’ ‘na festa,

mettenne sciuri e lumme a tutte parti!

Ma primma ‘e pulezza’ tutt’ ‘e feneste,

s’anna fa’ bone, si no chella se ‘nquarta!

Chi sbatte ‘nu tappeto e chi ramazza,

chi lava ‘nterra e chi va a lucida’,

cu’ Carulina che strilla comme a pazza,

tieni ‘o sciatone, ma nun te può ferma’!

Facenne ‘a tavulata a Signuria,

ce vuleva ‘nu juorno a apparecchia’;

e chi lavava ‘e piatti ‘a cumpagnia

steva jurnate sane a fatica’!

Pe chi cumanna e ‘ave senza niente,

‘a vita è bella e niente vo’ cagna’!

Si tene ‘o sfizio, tratta male ‘a gente

e chi sta sotto l’adda suppurta’!

 ‘A scopa nova scopa dint’ ‘a niente

diceva ‘nu pruverbio ‘e nonna mia;

e chi cumanna, scopa fore ‘a gente

che le po’ da’ fastidio, e accussi’ sia!

‘O povero Tanucci se ne jette,

che deva troppa retta ‘o Re di Spagna;

‘o posto suojo subbeto trasette

n’ato Ministro, e ll’aria ca se cagna!

‘A vita è suppergiù comme a ‘na festa

quanno ‘o padrone taglia, e po’ fa’ ‘e parti:

a uno ‘a spigola e a n’ato ‘na rapesta

chi saglie ‘ncielo e invece chi se n’quarta!


Decima Scena – Feste di Corte

(entrano Donatella e Giuliana che precedono Carolina)

Viglia                   (entra e batte con il bastone da cerimonia) Maestà, Principessa,  Signore… Ferdinando IV, il Re di Napoli!

Ferdinando           (entra e si ferma sul limitare della scena, guardando Donatella e Giuliana)  Che belle guaglione! Uh, ciaciona mia… che bello che ci stai pure tu!

Carolina               Ferdinando… perché incresso ufficiale?

Ferdinando           Ma comme, nun ce sta l’Ambasciatore spagnolo?

Carolina               Ecco! Solito problema! Tu Ferdinando mai preciso! Incontro con Ambasciatore è domani!

Ferdinando           Domani? Uh, è overo! Hai ragione! Allora… me so’ perduto ‘a giornata ‘e caccia oggi… e pure dimani! Ma che mala ciorta! Michela’!

Viglia                   Comandate, Maestà!

Ferdinando           Comme te devo dicere di arricordarmi le cose? Ecco, pe’ colpa toja oggi non sono andato a caccia! E me so’ miso pure ‘o vestito ufficiale!

Viglia                   (si inchina) Maistà, perdonate! Ma se io oggi non vi ho ricordato l’incontro, è perché non c’era…

Ferdinando           E me lo dovessi arricordare che invece era pe’ dimani! Michela’… te si’ fatto viecchio e rimbambito… anzi rimbambito ce si’ stato sempe!

Carolina               Ferdinando, non parlare queste orripili parole! Mon Dieu! Sapessi almeno parlare francese…

Ferdinando           Ahimè, mia Regina… nun so’ proprio bravo pe’ cierte cose…

Carolina               Qvesto indegno posto! Nessuno parla spagnolo, francese o inglese… e tedesco meno che mai! Solo orripile dialettonapoletano! Comunque caro consorte e sovrano… bisogne ricevere credenziali di nuovo Ambasciatore d’Austria… è necessario ricevimento d’onore!

Ferdinando           Ah, n’ata festa? E quanno vene…?

Carolina               Tra due settimane, ma bisogna subito preparare, provvedere, organizzare, ja! Fare nuovo protocollo d’onore, stanno arrifando musichisti di Vienna, gran Ballo di Corte, prendere qvattro cuochi di Austria… non possibile che lui mangiare pietanze napulitane di popolo!

Ferdinando           E io…

Carolina               Tu, Reale consorte (inchino appena accenato), ti devi rendere tisponibile! Io non tollero tua mancanza durante cerimonia! Sei preavvisato, atesso tu conosci…e qvel ciorno sarai qui!

Ferdinando           Doje semmane…? Ma primma ce sta ‘a festa pe’ ‘o Delegato di Spagna… 

Carolina               Oh, qvello! Sì, faremo ricevimento a Capodimonte…

Ferdinando           E pecchè no int’ ‘a Reggia?

Carolina               Perché saloni impegnati per preparativi! A delegato Spagna offriremo rinfresco… buffet e viennoiseries!

Ferdinando           Ma a chillo le piace ‘a zuppa ‘e pesce…

Carolina               Invece mancerà pizze! Niente pesce! Costa troppo! E non si prepara ballo! Viene, posa dokumenti, mancia pizza e raus!

Ferdinando           Neh…? Ma tu vulissi scatena’ ‘na guerra? Ma te pare pussibile…? Mo’ nun ‘o facimmo manco trasi’, le ‘nfilammo ‘na pizza ‘mmocca e statte buono? Ce volesse ‘nu poco ‘e musica, duje balletielle, doje granite… e ‘a pizza da chi la facessi pigliare?

Carolina               Stanno cià facendo forno in Capodimonte! Pizza sarà fatta lì da pizzaiolo affittato, noi no compra pizze ti popolo!

Ferdinando           Cioè… tu stai facenne fa’ ‘nu furno pe le pizze… e io nun saccio niente?

Carolina               Tu, Reale consorte (inchino appena accenato), firmato tecreto… e se tu più presente in tua casa, tu puoi federe! Ma tu sempre campagna, con tuoi lancieri e orripili cani…! Basta! Tu defi assere qvi per crante festa con Ambasciatore! Nobili signore… ritiriamoci! (inchino al Re ed esce; le dame si inchinano a loro volta e poi escono)

Ferdinando           Mamma d’ ‘o Carmene! Doje settimane ‘e preparativi…! Chi sa che cumbinano! Michela’, io a chesta nun ‘a supporto!

Viglia                   Che vulite fa’, Maistà… chella è austriaca!

Feerdinando         Mo’ sa’ che faccio? Me ne vaco ‘nu poco a Caserta o a Carditello, accussì fanno chello che vonno senza me scuccia’… jammo, Michela’! (Viglia esce, precedendo il Re)


Undicesima Scena – Le lettere del Re

‘O Re steva a San Leucio pe’ salute;

scriveva tante lettere ‘a mugliera:

“Carissima cumpagna d’ ‘a mia vita,

io stongo meglio e nun me pare overo!

Me sto curanne e vaco sempe ‘a Messa,

stongo cchiù allero, sta passanne ‘o male!

Poco ce vo’, e doppo te vedesse;

stasera vaco a caccia di cinghiali!

‘A fabbrica funziona a meraviglia,

n’anno tagliato ‘e fazzuletti ‘e seta!

Manco a Lione se po’ fa’ di meglio!

Te do’ ‘nu vaso; statte bona e quieta!”

 

Addimannava pure d’ ’e guagliuni,

diceva: “Puortamilli ‘o poco ccà!

‘O sai ca ce sta spazio e stanno buoni,

falle veni’ ‘nu poco a villeggia’!”.

Maria Teresa cu’ Luisa Maria,

e po’ nun trascurammo Carlo Tito!

Jammo ca forze vene pure ‘a zia;

l’urdema vota, s’è proprio divertito!

Ce steva sempre pronto ‘nu curriere,

e sì parteva, se appriparava n’ato;

nun era sulo p’ ‘e lettere ‘a mugliera,

ma pure p’ ‘e dispacci dello Stato.

Re Ferdinando le mannava ‘e rose

pecchè ‘a vuleva bene overamente,

tedesca sì, ma nun era ‘nziriosa!

Lassate sta’ chello che dice ‘a gente!


Dodicesima Scena – Corrispondenza Reale

(Angela, dama di Corte addetta alla corrispondenza della regina, ancella e Carolina)

Angela                 (entra, con elegante cestino al braccio contenente lettere) …e io a coccheduno ce lo devo dire! ‘Sto fatto ‘e appriparà ‘e lettere d’ ‘a rigina pareva ‘na cosa ‘e niente, ma ccà ogni juorno è sempe peggio! Arrivano lettere ‘a tutt’ ‘o munno! E s‘adda risponnere a tutti quanti! (estrae alcune lettere) Allora, fino a mò è arrivata…… chesta è d’ ‘o frato che sta in Toscana… e chesta è d’ ‘o suocero d’ ‘a Spagna… e chesta è d’ ‘a mamma ‘a Vienna… oggi ‘e sore nun l’ ‘anno scritto niente?  Ah, chesta è d’ ‘o Re! (sbircia sulla lettera)…’A San Leucio… mettimmola ‘nzieme all’ ‘ate… ohe!... Chillo dice che va a caccia d’ ‘e cinghiali… ma io scummetto che chillo va a caccia pure ‘e pullastrelle!

Carolina               (entra con dame) Duchessa, cercavo proprio voi! La mia corrispondenza della mattina è arrivata? Il mio augusto consorte mi ha scritto?

Angela                 (inchino) Augusta Maestà, il mio Re e vostro consorte nun se scorda mai! Io nun saccio chillo comme fa, mò ‘a San Leucio, mò ‘a Carditello, scrive, scrive sempe!

Carolina               Il mio consorte mi pensa molto, lo so… è ormai diventata un’abitudine per lui, appena finisce le sue spedizioni di caccia, gli piace informarmi di come sta in salute e dove è andato! Una volta mi parla di Fagianeria, un’altra di Castelvolturno, un’altra ancora della Vaccheria…

Angela                 Maestà, voi avite ragione come sempe! Oggi so’ arrivate quatto lettere d’ ‘o Sovrano! Perdonateme ‘nu poco, ma io nun saccio proprio addo’ trova il tempo… vulisseve dettarmi ‘na lettera di risposta?

Carolina               Ora non ho tempo! E poi prima di rispondere voglio avere bene presente la situazione della salute del Re! Leggetemi i brani delle ultime lettere!

Angela                 (legge i brani) verificare pagg. 37 – 42 – 57 - 59

Carolina               Spero che mio sposo guarice presto! Egli dovrà subito tornare per occuparsi di importanti decisioni che attendono lui, ja! (rivolgendosi alle dame di compagnia)  Vedrete nostro Regno come cambierà che cambiamenti saranno cvi realizzati… mio fratello Granduca di Toscana invidierà noi! Lui ha solo fatto progetti di rinnovamento, ma i nostri li realizzeremo!


Tredicesima Scena – Il miglioramento sociale

Fra tanti sfizi, Carulina mia,

balli e pranzetti, opere e canzoni

mettiste pure la massoneria

e Ferdinando t’etta da’ ‘o bastone!

A chilli tiempi ‘a donna era suggetta!

Ll’unica cosa, s’eva ammarita’,

crescere ‘e figli, fare la cauzetta

e sempe zitta essa s’eva sta’!

Pe’ ‘na Rigina tanto emancipata

‘sta cosa nun puteva continua’!

Era ‘na cundizione assaje arretrata

e decidette subbeto ‘e cagna’!

Essa, che ne sapeva pure ‘e scienze,

eva sturiato sempe cu’ passione;

teneva ‘a biblioteca int’ ‘a sei stanze:

‘na guagliuncella cu’ ‘nu capuccione!

Comme facette? Se ‘nventaje ‘na Loggia,

pe’ stare ‘nzieme all’ate titolate

che stevano cu’ essa dint’ ‘a Reggia

o chelle che ‘ncuntrava int’ ‘o mercato!

Vedette llà chi offriva ‘e scialletielli,

chi arricamava ‘a seta a filo d’oro.

Penzava a chi teneva ‘e guagliuncielli

e steva a fatica’, guardanne a loro!

Essa sultanto puteva fa’ coccosa

pe’ migliora’ ‘a vita a chella gente!

Se ne turnaje ‘a Reggia penzierosa.

E Ferdinando? Nun penzava a niente!


Quattordicesima Scena – L’illuminismo

(entra Viglia, che precede Roberto, Filippo e Daria)

Viglia                   Ecco, mettiteve cca’, Principessa… ‘a Rigina sta venenne…

Daria                   E’ ormai risaputo che la Regina, da sovrana illuminata, si è di molto accostata ai nuovi concetti delle Logge Massoniche, e adesso sembra che abbia deciso di affiliarsi!

Roberto               Io sono già un adepto e sto cercando di convincere Filippo…

Filippo                  Sì, ma io non credo molto all’esistenza di un Grande Architetto dell’universo così… meccanico! Ho fiducia nella scienza, nella medicina, nella matematica, nel perfezionamento della specie umana… ma ci saranno sempre poche menti sublimi che si eleverano sulla massa!

Roberto               L’individuo cosciente di sé ha il dovere di esplorare, migliorarsi; tutti si devono adoperare per l’elevazione morale e spirituale dell’uomo!

(entrano Donatella e Giuliana, che si inchinano; entra poi Carolina; inchino generale)

Carolina               Cara Principessa, signori, ci siamo! Ho teciso di aderire alla Massoneria!

Daria                   (inchinandosi) Maestà, la vostra parola è legge! Tuttavia… forse sfugge alla vostra Maestà che le donne… voi sapete…

Carolina               Io so! E foi invece Principessa, sembra che vogliate ignorare che quando una Sovrana chiede, le porte si teppono aprire! Non esistono divieti o proibizioni!

Giuliana               Perdonate, Maestà… io non ne so molto… forse che la Massoneria non accetta dame nel suo interno?

Donatella             Perdonate anche me… (inchino) mio padre è nella Loggia Napoletana sotto il Gran Maestro Raiomondo di Sangro, mi ha detto una volta che non solo alle donne in genere è vietata l’adesione, ma anche alle nobili!

Carolina               Esatto Contessina… ma io sono una Regina! Per centile intercessione del mio consorte Ferdinando, per me sarà creata una Loggia femminile! Ja! Foi siete invitate ad unirvi!

Giuliana               Che bello! Un’altra occasione per stare vicine a Vostra Maestà!

Donatella             (si inchina)  Io ringrazio la magnificenza vostra, mia Regina… se mi date licenza, informerò della vostra regale offerta le mie parenti e, con il vostro beneplacito, anche loro vorranno segnare i loro nomi… la mia famiglia è molto numerosa!

Giuliana               Anche io, con il permesso di vostra Maestà, ho veramente tante amiche… non esiterebbero ad aderire…

Carolina               Visto, Duchessa? Afete ascoltato bene? Cosa manca a donne di qvesto paese per unirsi nella ricerca della conoscenza superiore? Finora è mancata occasione, che io dò loro adesso!

Roberto               Perdonatemi, Maestà… la vostra adesione, seppure in una gilda apposita, non può che dare lustro e forza a tutta l’Associazione!

Filippo                  Io mi permetto invece di invitare vostra Maestà alla riflessione… un fatto del genere rimarrebbe nelle prime pagine della storia… ci vorrebbe prudenza… il protocollo di Corte non lo prevede… e poi il nostro augusto Re e vostro consorte Ferdinando potrebbe pensare……

Carolina               Qvello che foglio io pensa pure lui! Solo così Casa Regnante rimane solida! Ja!

Daria                   Sono sicura che sua Maestà il Re approva… ma avete avuto sue notizie da Caserta?

Carolina               Sì, mi scrive molto spesso… l’aria di collina gli fa bene, Re si tedica a caccia a folaghe a Castelvolturno… segue anche lavori per costruzione delle seterie… si è fatto fare anche una cappella da Collecini, in uno dei Saloni delle Feste del Belvedere!

Donatella             La profonda cristianità del Sovrano viene ancora messa in evidenza!

Daria                   La fabbrica è facile da fare, se si avvia il cantiere… ma gli operai ci andranno volentieri?

Carolina               Sì, cià lavoravano in casa con piccoli telai… adesso avranno  saloni con grandi macchine dove lavoreranno insieme… e bisogna organizzare lavoratori e tutto paese, ja! Bisogna dare loro lecci speciali! Occasione unica di fare crande organizzazione premiando chi sa lavorare e scampafatiche chiusi fuori! Anche qvesto serve a elevazione morale e spirituale! Avranno parroco, guardie, e aiuto per chi malato! E tutti uguali! Daremo loro case vicino fapprica, e pari diritti a donne! Stesso salario uomini, niente matrimoni senza volere, ja! Donne potranno scegliere mariti, e uomini pure scegliere mogli! E niente dote nuziale, diamo noi tutto!

Giuliana               E’ un sogno, Maestà! Un mondo nuovo, che deve la sua esistenza all’ispirazione vostra e del nostro Re! Che grande espressione di magnanimità e di potere illuminato! Nessuno può dire di aver ideato e avviato davvero un progetto così grandioso… un’intera città dedicata alla seta!

Carolina               Oh, Ferdinando controlla qvesto… mi scrive di come procede lavoro… lui dà consigli, architetto Collecini disegna… e Ministro scrive nuovo codice lecci… poi riveto tutto io!

Roberto               Maestà, ma questo sforzo sublime che state facendo in favore di quei setaioli non si può diffondere? Dove ci sono leggi c’è ordine e ricchezza!

Daria                   Maestà, perdonate questa inesperta irruenza giovanile! La nostra Regina non ha sentito queste parole… vero, Maestà?

Carolina               Esatto! Io potrei farvi tagliare testa per quel che avete detto! Allora nel nostro felice Regno non vi sono lecci?

Roberto               Avete ragione, Maestà… perdonate, non mi sono reso conto di quel che dicevo! Il vero significato delle mie parole era un auspicio che tali riforme sociali venissero estese anche alle altre città del Regno, l’una dopo l’altra, che già godono della benevola protezione delle Maestà vostre!

Carolina               Fedremo… occorre organizzazione ancora più grante per fare tutto qvesto… molto più difficile… colonia della seta è unica, irripetipile!

Daria                   Maestà, la seteria di San Leucio vi deve tutto, ma se non ci fossero loro… dove prenderemmo la seta per i nostri vestiti? Il vostro sopratutto… è bellissimo!

Donatella             Io vado spesso lì a comprare seta per i miei abiti… ci sono dei tessuti di sogno! Anche le coperte, i tendaggi… la mia abitazione è tutta tappezzata di seta!

Carolina               Ja, ja… anche per mio letto, fatto fare tutto seta nuofa, consegnato ciusto oggi…, Principessa, venite a fetere!(esce)

Angela                 (esce con Carolina)

Tutti                    (si inchinano ed escono)


Quindicesima Scena – La Real Colonia

Fuje forze ‘o Re, o meglio la Rigina,

a vule’ fa’ ‘nu nuovo esperimento:

int’ ‘a San Leucio, ‘ncopp‘ ‘a ‘na cullina,

tutti a fatica’ seta, chiusi ‘a rento!

‘A brava gente attuorno ‘o Belvedere

già se faceva ‘o poco ‘e tessitura;

e faticava d’ ‘a matina ‘a sera

facenne ‘e meglio piezzi ‘e seta pura!

Da quanne s’ abbiaje ‘a produzione

dint’ ‘a colonia ‘e seta de lu Re

facettero ‘nu sacco ‘e ordinazioni

e pure ‘e viecchi, sotto comme a che!

E che organizzazione ce fuie data:

mai vista primma, robba ‘e qualità!

giovane e viecchi, uommene spusati,

ognuno sapea buono comme fa!

Chi jeva a fatica’ ‘ncopp’ ‘o telaro,

e chi faceva ‘e passamanerie;

ce steva chi tigneva scuro o chiaro,

e chi faceva ‘e cauze ‘a Vaccheria.

Ce steva pure ‘o gruppo d’ ‘e Seniori,

‘e masti fatti viecchi a fatica’,

cap’ ‘e famiglia, uommene d’onore,

erano ‘e capi d’ ‘a comunità!

E nun mancava manco ‘a trattoria!

Doppo ‘a fatica, pe’ s’arrepusa’,

‘o poco ‘e frisco ‘a sera in cumpagnia;

passava pure ‘a voglia ‘e cucena’!


Sedicesima Scena – Cerimonia di Corte

(entra Viglia con il bastone da cerimonia che precede Ferdinando)

Viglia                   Maistà, ma cca’ nun ce sta nisciuno!

Ferdinando           Ohè, ma che se penzano? ‘E fa’ aspetta’ ‘o Re?

(entrano Donatella e Giuliana, fanno un inchino e si dispongono ai lati dell’ingresso; dopo entra Carolina, che accenna un inchino a Ferdinando)

Carolina               Maestà… come ti senti?

Ferdinando           Io mi sento comme un lione! Stammatina mi sono pure guaragnato la giornata… stevo mettendo le trappole int’ ‘o parco ‘e fore, vestito ‘a giardiniere… m’ è venuta vicina ‘na cafona che purtava quattro polli d’India, nun sapeva a chi duveva fare una supplica per il Re… me so’ fatto dicere tutte cose, e le aggio ditto che c’ ‘o Re ce parlavo io… ohè, chella m’ ‘a dato ‘e quatto pullastri! L’aggio purtati in cucina io perzunalmente… e l’aggio fatto ave’ subito ‘a firma mia sotto ‘o processo! Comm’era cuntenta!   Oggi se magna pullastro, Caruli’! ‘E pullastri miei!

Carolina               Dovresti avere stessa cura anche per altre cose… comunque come solito, spagliato ora! Saluto a Nuovi Ambasciatori è per ore totici… e campana non ancora suonato!

Ferdinando           Neh, Michela’… ma tu ‘o sapivi?

Viglia                   Maestà… io sapevo sulo che era stammatina…

Carolina               Ferdinando, tu sapevi! Io comunicato a te! Non defo dire tutto a servi! (squadra con disgusto Viglia) Specialmente se servi uomini!

(entrano Roberto e Filippo; inchino)

Roberto               Maestà… io… noi ci siamo anticipati, ma non intendevamo che voi foste ancora più solleciti! (inchino)

Filippo                  Sì, scusateci… (inchino)

Daria                   (entra e si inchina) Maestà perdonate! Il mio ritardo non è scusabile, ma ricordavo male…

Ferdinando           Va buono, va buono…e visto ca ce stessimo tutti quanti, vulessimo accumminciare?

Daria                   Maestà, se anche la vostra serenissima consorte è d’accordo… non sono ancora le dodici, però!

Carolina               Noi Cominciamo! Ferdinando, tici a tuo servo che faccia suonare campana di ore dodici!

Ferdinando           Bellella mia… ma dovessimo sfasa’ ‘a giurnata a tutti quanti? ‘E campane se sentono pe’ tutte parti… e noi non ne abbiamo bisogno! Seee! Mo’ se non suonano le campane, tu non ti puoi muovere? Non puoi fare quello che vuoi?

Carolina               Qvesto vero… cominciamo! Ambasciatori, venite!

(Roberto e Filippo si pongono davanti a Ferdinando e Carolina e vengono raggiunti da Donatella e Giuliana; Daria a fianco a Ferdinando un pò dietro)

Viglia                   (dopo un’occhiata con Ferdinando, batte una serie di colpi) Maestà, Principessa, Signore… Ferdinando IV di Borbone, Re di Napoli… (occhiataccia di Carolina) e la serenissima Maestà Carolina d’Asburgo Lorena!

Ferdinando           Signori Ambasciatori e consorti! Il vostro Re e l’augusta Regina vi conferisceno la nomina a Rappresentanti della nostra Ambasciata presso il Granducato di Toscana e la Repubblica Veneta! Primma che partite anche voi dovessive affermare davanti a noi medesimi il giuramento, accussì ve ne jate c’ ‘a benerizione ‘e Dio!

Daria                   Declamate la formula del giuramento!

Roberto e Filippo   (dopo aver dato il braccio alle vicine, all’unisono) Noi giuriamo davanti a Dio di essere fedeli al nostri augustissimi e religiosissimi sovrani, Ferdinando IV di Borbone, Re per la grazia di Dio, difensore della religione, e Maria Carolina d’Asburgo Lorena, sua augusta consorte, e promettiamo di concorrere con tutta la nostra anima e con tutte le nostre forze a rappresentarli degnamente e ad obbedire prontamente a tutti i loro ordini e a tutti i loro comandi che ci perverranno. Noi lo promettiamo e lo giuriamo!

Viglia                   (batte a terra col bastone da cerimonia) 

Ferdinando           E’ fatta! Guagliù… che Dio ve benerica!

Carolina               Io fi raccomando massima cautela… specie a voi Contessa Donatella… i veneziani sono un poco difficili per chi è vissuto solo qui nel Regno.

Ferdinando           Dolcissima Regina… ce vulessemo… andiamo a pranzo?

Carolina               Pranzo? Non può essere pronto! A causa tua abbiamo fatto tutto in anticipo! Tu devi aspettare! Orario pranzo è topo mezzociorno! Io dato ordini precisi! Nel frattempo, signori Ambasciatori e signore, venite in biblioteca… ho lettere per Granduca Leopoldo e per mio professore di Venezia, voi porterete a loro! (fa un inchino a Ferdinando ed esce; anche gli altri quattro con Daria la imitano)

Ferdinando           Michela’…! Simmo rimasti suli… cca’ nun se mangia ancora… tu che facisse?

Viglia                   Maestà… io aggio miso a fa’ duje fasuli, e mo se sarranno cuotti… ce putessemo acala’ dinto ‘nu poco ‘e pasta… ‘o vino ce sta… tengo ‘nu piezzo ‘e furmaggio e ‘o pane frisco… io ‘a ‘mpustarella m’ ‘a facesse…!

Ferdinando           Michela’, e che aspettammo? Jammucenne! E posa ‘sta mazza! (prende sottobraccio a Viglia, che posa il bastone di traverso sulla sedia del Re, ed escono)


Diciassettesima Scena – Epilogo

    

Cantastorie           E chesta è ‘a storia overa ‘e Ferdinando

                          Re di Borbone e ‘onna Carulina

                          So’ stati tanti anni, a Dio piacendo,

                          ‘e chesta terra, ‘o Re e la Rigina.

                          Tra tanti cose bone, nun fa niente

                          si v’aggio ditto sulo ‘e principali;

                          nun v’aggio ditto chelle malamente,

                          so’ fatti loro e d’ ‘o cunfessionale!

                         

                          Mo’ chisto cunto io l’aggio fernuto,

e so’ rimasto quasi senz’ ‘a voce!

Cumpagni tutti che m’ate sentuto

mo’ ce vulesse ‘o poco ‘e vino doce!

Doce comme a ‘sta terra ca tenite,

che fa’ canta’ d’ammore a tutti quanti!

Pure si pigli ‘na butteglia ‘acite,

e ‘a puorte cca’, diventa ‘o vino santo!

Dimane ampressa stammo ‘mmiez’ ‘a via

perciò stasera basta a fatica’!

Mo’ ce ne jammo ‘nzieme all’osteria

o ‘a casa ‘e coccheruno, a cucena’!

Però nun ve scurdate che aggio ditto:

lassate dint’ ‘a cesta ‘nu turnese,

che pure a fa’ sultanto n’uovo fritto,

ce vonno semp’ ‘e sordi pe’ fa’ ‘a spesa!

V’arraccumanno ‘e core a tutt’ ‘e Santi

e chi caccia coccosa è amico mio!

E mo’ saluti e baci a tutte quanti,

puzzate tutti sta’ ‘nt’ ‘a grazia ‘e Dio!

    Questo copione è stato visto
  • 0 volte nelle ultime 48 ore
  • 0 volte nell' ultima settimana
  • 0 volte nell' ultimo mese
  • 7 volte nell' arco di un'anno