M’arrizzanu i carni

Stampa questo copione

Silvio Marascia

   


M'ARRIZZANU

I CARNI

Commedia brillante

In due atti

Di Silvio Marascia

POSIZIONE SIAE 217443

TRAMA

La famiglia Cannarozzo, Jachino, Fanuzzaela  figlia Cecilia, una ragazza particolarmente brutta ed ignorante,dopo avere subito lo sfratto, cercano casa in affitto. Ma le risorse economiche sono scarse e Jachino, che di mestiere fa il muratore e lavora precariamente a causa delle sue cattive condizioni di salute, non riesce a trovare un’adeguata sistemazione. Dopo lunghe e vane ricerche, due furbi agenti immobiliaripropongono loro l’affitto di una bellissimavilla situata alla periferia del paese ad un prezzo estremamente contenuto rispetto al reale valore dell'immobile. La ragione di questa insolita offerta è da ricercare nei fatti di cronaca avvenuti cinque anni prima. I proprietari, una famiglia di nobili, sono stati rinvenuti morti, in una delle stanze,completamente dissanguatie sepolti nel cimitero di famiglia situato nei sotterranei della villa stessa. Da quel giorno, intorno a quella abitazione signorile, aleggia un alone di mistero che impedisce all’agenzia incaricata dagli eredi di definire la locazione. Gli abitanti del paese, transitando nottetempo nei paraggi della dimora, raccontano di strani rumori provenienti dall’interno e qualcuno asserisce anche di avere visto delle ombre alle finestre nelle notti di pioggia. Ma la famiglia Cannarozzo, giunta oramai allo stremo delle forze nel cercare una improbabile sistemazione, sfida la superstizione e la credenza popolare e,suo malgrado, decide di trasferirsi nel nuovo domicilio. Compreso nel prezzo i servizi dell’inquietante domesticoSasàe della moglie Addolorata, che, per volontà testamentale, abitano in una piccola ala della villa. Ma sin dal primo giornoqulcosa di tetro attende i nostri protagonisti.......

PERSONAGGI

JACHINO CANNAROZZO

FANUZZA CANNAROZZO (LA MOGLIE)

CECILIA CANNAROZZO (LA FIGLIA)

AGENTE IMMOBILIARE ROSARIO CLEMENTE

AGENTE IMMOBILIARE SILVANO BELLOMO

DON MICHELE (IL PADRONE DI CASA)

GIOVANNI L’IMBIANCHINO

SASA'IL DOMESTICO

ADDOLORATA (SUA MOGLIE)

CARMELA(MAMMA DI ADDOLORATA)


PRIMO ATTO

SCENA 1

JACHINO - FANUZZA

Fanuzza sta spolverando la stanza mentre entra Jachino con l'aria afflitta.

Fanuzza

(Sorpresa) Già turnasti? Chi successi?

Jachino

(Sconfortato) N'ca chi potti succediri? Chiddu ca succedi 'na simana si e l’autra puru! U capu mastru mi ni mannà a casa!

Fanuzza

(C.s.) E picchì?

Jachino

(C.s.) Dici ca i cosi vannu mali e nun pò fari travagghiari a tutti!

Fanuzza

(Informandosi) E l'autri operai?

Jachino

(C.s.) Mannà sulu a mia e tu t'ummaggini u picchì, veru?

Fanuzza

E tu nenti ci dicisti?

Jachino

(Inizia con uno dei suoi soliti proverbi) A megghiu parola è chidda ca nun si dici!

Fanuzza

(Consolandolo) Jachino, nun ci pinsari!

Jachino

(Innevorsito) Ci pensu 'nveci! Unu ca havi l'insufficenza cardiaca nun voli diri ca è invalidu! 'Nveci pi l'impresa di costruzioni ogni scusa è bona pi farimi stari a casa! A virità è ca u cani muzzica sempri u sfardatu!

Fanuzza

(Cercando di calmarlo) Nun ti proccupari Jachinu, iu travagghiu a serviziu, a tia bene o mali 'na simana o misi ti fanno travagghiari e putemu tirari.

Jachino

(Sarcastico) Se, u carru funebri putemu tirari! Cu di quattru sordi ca trasinu ogni misi a stentu putemu fari a spisa e pagari l'affittu! Chi malu periodu ca staiu passannu e sugnu sicuru ca nun finisci ccà!

Bussano alla porta

Fanuzza

(Incuriosita) E cu sarà a chistura?

Jachino

(Presagendo) Fanuzza, quantu scummetti ca sunnu autri guai in arrivu?

Fanuzza

(Andando ad aprire la porta) Cu è?

Don Michele

(Voce f.s.) Iu sugnu, Don Michele, u patruni di casa!

Jachino

(Complimentandosi con se stesso) E c'avia dittu? Guai in arrivo! U chiromanti putia fari, autru chi muraturi!

Fanuzza

(Sorpresa per l'inaspettata visita sussurra piano al marito) Don Michele a chistura ccà? E chi pò vuliri?

SCENA 2

JACHINO - FANUZZA - DON MICHELE

Fanuzza

(Va ad aprire la porta e lo fa accomodare) Buongiorno don Michele.

Don Michele

(Dimostrandosi crucciato) Buongiorno signora, buongiorno mastru Jachino.

Jachino

(Rispondendo al saluto) Buongiorno Don Michele, trasissi, s'assittassi.

Fanuzza

(Incuriosita dalla inaspettata visita) Qual buon vento Don Michele?

Don Michele

(C.s.) Vento di tempesta signora!

Fanuzza

(Preoccupata) Bedda matri, chi vi successi don Michele?

Don Michele

A mia? Nenti, chi m'havia a succediri?

Fanuzza

'Nca comu? Nun dissi lei ca c'è ventu di tempesta?

Don Michele

(Asserendo) Certu ca u dissi iu, ma nun parrava pi mia!

Fanuzza

No? E pi cu parrava?

Don Michele

(Indicando con il dito marito e moglie) Pi vuautri!

Jachino e Fanuzza

(Insieme stupiti) Pi nuautri?

Don Michele

(Spiegandosi) Sissignori, sugnu ccà pi dirivi ca me figghia s'avi a maritari!

Jachino

(Sottovoce alla moglie) Ma pi caso ni vulissi 'nvitari o matrimoniu? E cu ci l'avi sti picciuli pu rialu?

Fanuzza

(Complimentandosi) Ci fa piaciri don Michele, auguri e figghi masculi!

Don Michele

(Cercando di farsi capire) Grazie, ma guardassi ca forsi ni stamu capennu mali, ci dissi ca me figghia s'avi a maritari!

Jachino

(Smarrito) U capivi don Michele, vostra figghia s'avi a maritari, ca ci pari ca sugnu rincoglionitu?

Fanuzza

(Non riuscendo a capire dove Don Michele vuole andare a parare) Ma n'soccu ci trasemu nuautri cu ventu e ca tempesta?

Don Michele

(Parlando per monosillabi)....Circati di capiri!

Jachino

(Ribadendo)....Circassi di spiarisi!

Don Michele

(C.s.) Mastru Jachinu, chi cosa fannu dui ca si maritanu?

Jachino

(Capisce a modo suo) Don Michele si continissi ca c'è me mugghieri!

Don Michele

(Non riuscendo ad intendere il significato) Mastru Jachino, ma 'nsoccu capiu?

Jachino

(Ammiccando) N'ca 'nsoccu è capiri, Don Michele, dui ca si maritanu .... a prima notti di nozze chi cosa ponnu fari?

Don Michele

(Cercando di spiegarsi) Mastru Jachino, iu mi riferivo a questo alloggio!

Jachino

(Con fare offeso) N'ca propriu, cu tanti alberghi ca ci sunnu n'Palermu, i sposini propriu a me casa vonnu veniri a fari aconsumazioni?

Don Michele

A cunsumazioni? E di cui?

Jachino

Comu di cui? Di vostra figghia!

Don Michele

(Stupito) Me figghia s'avi a cunsumari?

Jachino

(Spiegandosi) Ma no sulu idda, cu so maritu, quannu sunnu maritati!

Don Michele

(Indignato) Me figghia si cunsuma cu so maritu? Mastru Jachinu stassi accura a chiddu ca dici! Nun parrassi mali di me jenneru!

Jachino

(Spiegandosi sottovoce per non farsi ascoltare dalla moglie) Ma 'nsoccu capiu, Don Michele, iu parrava di consumazioni di matrimoniu, di bollenti prime notti d'amore, del fuoco della passione! 

Don Michele

(Giungendo alla conclusione) Ma quali fuocu e quali cunsumazioni! Cà, siddu c'è quacchidunu cunsumatu chistu siti vui!

Jachino

(Meravigliato) Iu? E chi ci trasu iu?

Don Michele

(Concludendo un dialogo portato alle lunghe) N'summa, finemula di girarici n'tornu! Sugnu ccà pi dirivi ca i sposini hannu a veniri ad abitari n'ta sta casa e mi l'aviti a lassari libera!

Fanuzza

(Incredula) chi?

Jachino

(Incredulo) Chi, chi?

Don Michele

(Con sfottò) Sè...chicchirichì!

Jachino

(C.s.) Ma chi ni vuliti dari u sfrattu?

Don Michele

(Scoprendo le proprie carte) Oooh, finalmenti u capistivu!

Fanuzza

(Impallidita) E nuautri? Dunni annamu a stari?

Don Michele

(Inflessibile) E u vuliti sapiri di mia? Mi dispiaci ma iu di tuttu iniziu ci l'avia dittu ca siddu m'avissi sirvutu a casa mi l'aviavu a libirari. E ora è arrivato il momento! I sposini hannu a veniri abitari ccà! Circativi nautru affittu!

Jachino

(Contrariato) Sè, ci pari facili a vossia circari nautru affittu!

Don Michele

(Replicando) E cosa voli ca ci dicu a me figghia di circarisilla idda 'na casa in affittu? (Si appresta ad uscire) Vi dugnu un misi di tempu pi organizzarivi, ricurdativi, trenta iorna e m'aviti a lassari l’alloggiu libero! Salutiamo. (Esce)

SCENA 3

JACHINO - FANUZZA

Jachino

(Andando avanti e indietro nella stanza, affetto da un tic nervoso) Mi, chicorpu di lignu! U sfrattu, u sfrattu doppu trent'anni ca stamu ccà!

Fanuzza

(Disperata con la fronte tra le mani) Ma cu nu purtà stu focu ranni?

Jachino

Ma poi dicu iu, com'è possibili ca sò figghia s'avi a maritari? Iu pinsava chi laria com'è, nun s'avissi maritatu mai!

Fanuzza

(C.s.) Ma cu nu purtà stu focu ranni?

Jachino

Chissà cu è chiddu ca appi u figatu di pigghiarisilla pi mugghieri? Di sicuru sarà quacchi orbu! 

Fanuzza

(C.s.) Ma cu nu purtà stu focu ranni?

Jachino

(Innervositosi) A vò finiri cu stu focu ranni? Ci voli picca e arrivanu i pumperi! Ma tu u sapii ca a figghia di Don Michele era zita?

Fanuzza

(Confermando) A vitti 'na vota passiari 'nsemmula a un picciottu, tuttu putia 'magginari ma no ca eranu ziti!

Jachino

Racchia comè comu fici a truvari un pretendenti?

Fanuzza

Jachinu, tu ti scurdasti na cosa!

Jachino

(Incuriosito) Chi cosa mi scurdavi, ca è puru pilusa?

Fanuzza

No, ca avi una bella dote!

Jachino

(Con uno dei suoi soliti proverbi) Ragiuni hai a mugghieri, i difetti di la zita s'ammuccianu cu la dote!

Jachino

(C.s.) E com'è stu zitu?

Fanuzza

(Con l’espressione disgustata) Tu l'ha presenti a idda?

Jachino

(Asserendo) Certu ca l'haiu presenti, siddu m'ansonnu a notti mi veni l'asma!

Fanuzza

Allura è megghiu ca nun t'insonni a iddu asinnò a notti ti veni l'infartu!

Jachino

Eh già, Nun esiste migliore accoppiataquannu si juncinu ogghiu fitusu e paredda sfunnata!(Continuando, con un senso di colpa...) Certu ca propriu nuautri nun putemu parrari! Nostra figghia Cecilia nun è certu miss Italia!

Fanuzza

(Replicando con amarezza) Nostra figghia è chidda chi è,comunque nuautri stavamu parrannu da figghia di Don Michele! (Inveendo contro Don Michele) Bottarisali a iddu, ci tirassi na cosa 'ntesta!

Jachino

(Continuando con i suoi soliti proverbi siciliani) Siddu a ogni cani c'abbaia ci tiri ‘na petra, nun t'arrestanu vrazza!

Fanuzza

(Preoccupata) Dunni annamu a truvari ora nautru affittu a 200 euro o misi?

Jachino

Rivulgemunni all'agenzia immobiliare!

Fanuzza

(Sconfortata) N'ca perciò, e secunnu tia nuautri semu genti d'agenzia immobiliare?

Jachino

(Declinando un'altro dei suoi proverbi) Cu chianta alberi n'mezzu la vigna, siddu nun pigghia frutta cogghi ligna!

Fanuzza

(Sfottendolo nel suo stesso campo) A pignata taliata nun vugghi mai!

Jachino

(Mostrandosi sorpreso) Ma chi ci trasi stu proverbiu?

Fanuzza

(Rimproverandolo)Di quannu accumincià sta commedia i proverbi l'ha rittu tutti, e famminni diri unu puru a mia!

Jachino

(Con aria da insegnante) Fanuzza ricordati ca i proverbi nun sbaglianu mai!

Fanuzza

Se, e tu cuntaccinni quacchidunu all'agenzia immobiliari! Siddu ti presenti a circari un affittu a 200 euro o misi ti eccanu fora a cavuci n'to culu a tia e i to proverbi!

Jachino

(Speranzoso) Picchì, secunnu tia nun l'attrovanu un affittu?

Fanuzza

Mancu un suttascala t'attrovanu cu 200 euro.

Jachino

(Si appresta ad uscire) Iu ci tentu, Don Michele ni detti sulu un misi di tempo e n'havemu a spicciari. Cu avi tempu nun aspetti tempu!

Fanuzza

(Sfiduciata) E vacci allura e cu Signuri ni facissi u Miraculu!

Jachino esce. Fanuzza, rimasta sola, si siede disperata con la testa tra le mani mentre entra sua figlia Cecilia. Cecilia è una ragazza particolarmente brutta, dall’aspetto trasandatoe con un modo di parlare infantile.

SCENA 4

FANUZZA - CECILIA

Cecilia

Ciao Mamà, vittu u papà nesciri proccupatu, chi fa visciarriastivu?

Fanuzza

(Con voce tremula) Ma quali sciarri figghia mia!

Cecilia

Allura n'soccu avi u papà, è malatu?

Fanuzza

(Ripetendosi) Ma quali malatu figghia mia!

Cecilia

Allura n'soccu avi mamà?

Fanuzza

U papà è siddiatu e puru iu! Don Michele, u patruni di casa, ni detti u sfrattu!

Cecilia

(Ignara del significato) Chi cosa? Don Michele ni detti l'astrattu?

Fanuzza

Sè, a salsa di pumaroru! (Ripetendo a cantilena) Cecilia, lo sfratto, esseffiettittieffeaerreo,

Cecilia

(Non riuscendo ad afferrare) Ma comu parri, mamà?

Fanuzza

(Spiegandosi) Cretina, ti fici lo spiling! SFRATTO! Veni a diri ca ni n'amu a ghiri! Avemu a lassari sta casa!

Cecilia

(Sempre più frastornata) E picchì avemu a lassari sta casa, mamà?

Fanuzza

Oh, Binidittu u Signuri! A figghia di don Michele s'avi a maritari e u patruni di casa ni detti un misi di tempu pi sloggiari!

Cecilia

(Ricollegando) A figghia di Don Michele s'avi a maritari? Allura pò essiri ca mi maritu puru iu mamà!

Fanuzza

(Disilludendola) Sta tranquilla figghia mia, nun c'è stu scantu!

Cecilia

E dunni avemu a ghiri a stari ora, mamà?

Fanuzza

(Piangendo) Chistu era una vecchialocazioni e na putiamu permettiri, ora ci vonnu un saccu di soldi pi truvari ‘na casa in affittu e nun è dittu ca s'attrova!

Cecilia

(Confortandola) Mamà, nun chianciri, ti fazzu avvidiri ca u papà u trova u rimediu!

Fanuzza

(Sconfortata) Se, ca furtuna ca s'arritrova! E' malatu, nun travagghia e pi ghiunta arrivò stautru guaiu! Ma picchì, picchì avi a chioviri sempri n'capu a testa di cristiani sfortunati?

Cecilia

(Commossa) Nun chianciri, mamà. Ogni tantu puru pi cristiani sfurtunati comu a nuautri spunta tanticchia di suli! (Fanuzza esce di scena piangendo confortata da Cecilia).

Pausa, la scena rimane isolata e al buio per qualche secondo poi le luci si riaccendono, si sentono rumori dietro le quinte ed entra Jachino.

SCENA 5

JACHINO - FANUZZA

Jachino

(Monologo) Hai, hai, mi stannu fumannu i peri a forza di circari affitti, (in italiano) sono scremato dalla fatica! Cu chiddi di l'agenzia oramà ni damu di tu! (Imitando l'impiegato dell'agenzia immobiliare) Signor Cannarozzo lo vuole capire che un affitto a 200 euro al mese è impossibile da trovare? Sottomano abbiamo un appartamentino di due stanze più servizi, lo vuole? Ci vogliono 500 euro al mese più tre mensilità morte! (Ripetendo) Tri mensilità morti! Bottarisali a iddu, mortu iu sugnu e intantu mancanu deci jorna o sfrattu!

Entra Fanuzza

Fanuzza

(Speranzosa) Jachinu, ci isti all'agenzia immobiliare?

Jachino

All'agenzia funebri avia a ghiri a farimi tumulari, autru chi agenzia immobiliare!

Fanuzza

(Innervosendosi) 'Nsumma, ci isti o un ci isti?

Jachino

Ci ivi, ci ivi, oramà diventà un pellegrinaggiu. Quannu mi vidinu arrivari addumanu i cannili, si fannu u signu da cruci e accumincianu a recitari u rosariu!

Fanuzza

(Informandosi) E allura? T’annunciaru novità?

Jachino

‘Nca perciò! Mentri recitavano u rosariu affacciò San Benedittu, u Santu di chiddi ca cercanu l’affittu e annuncià a nostra sistemazioni: ‘na bella tenda canadese a tri posti sutta a casa comunali!

Entra Cecilia in abbigliamento sgraziato.

SCENA 6

JACHINO - FANUZZA - CECILIA

Jachino

(Guardandola con disgusto) Bedda matri figghia mia comu ti cumminasti? Iddu ca u quadrettu già era beddu, tu ti cummini puru d'accussi...

Cecilia

(Compiacendosi) Papà, è a moda del momento! Chistu è un capo firmato!

Jachino

Secunnu mia chiddu ca u firmò era analfabeta!

Fanuzza

(Rimproverando il marito) Jachinu, quannu rici tu a finisci! Bona è vistuta, lassala iri!

Cecilia

(Convinta) Papà, d'accussi mi fazzu taliari puru iu di quacchi picciottu! U sintisti?Siddu a figghia di Don Michele si sta maritannu, mi possu maritari puru iu! Iu sugnu chiù bedda d'idda, nun è veru papà? Ah papà, nun è veru?

Jachino

(Commosso) Certu ca è veru figghia mia, ti fazzu avvidiri ca quacchi vota arriva un principi biancu n'capu a un cavaddu azzurru e ti veni a pigghia e ti porta o so castellu!

Fanuzza

(Corregendolo) Jachinu, un principi biancu supra un cavaddu azzurru? Allura sè ca nun arriva mai!

Jachino

(Bisbigliando all’orecchio della moglie) Picchì, tu chi spiranzi avii?

Cecilia

(Ingenuamente) Veru dici papà? Ma iu nun ci vogghiu iri o so castellu, vogghiu arristari ccà, ni sta casa cu vuautri!

Jachino

(Con voce sommessa) Ni sta casa nun ci putenu stari chiù figghia mia!

Cecilia

(Preoccupata) Papà, ma allura veru è? Ni n'avemu a ghiri? Nun c'è chiù nenti di fari?

Jachino

(Disperato) E chi cosa vo’ fari figghia mia! Affitti nun si n'attrovanu e quannu s’attrova ci voli na varca di dinari!

Cecilia

(In lacrime) E fra quantu jorna ni n'avemu a ghiri?

Jachino

(C.s.) Fra deci jorna!

Cecilia

(Piange abbaracciata alla madre) Fra deci jorna? Iu nun mi ni vogghiu iri mamà, nun mi ni vogghiu iri, vogghiu arristari ccà!

Si bracciano tutti e tre piangendo e gridando di disperazione

Fanuzza

Nun ti dispirari figghia mia, a Madunnuzza n’aiuterà!

Cecilia escetra le lacrime. In scena rimangono Jachino e Fanuzza immersi nei loro tristi pensieri con la testa tra le mani. Dopo qualche secondo bussano alla porta e Fanuzza va ad aprire. Sono due distinti signori con valigetta ventiquattrore.

SCENA 7

JACHINO – AGENTI IMMOBILIARI - FANUZZA

Fanuzza

(Sorpresa) Buongiorno, chi siti testimoni di Genova?

Rosario Clemente

Buongiorno, no signora, io mi chiamoRosario Clemente e il mio collega è Silvano Bellomo. Siamo due agenti!

Fanuzza

(Fraintendendo) Due agenti di polizia? Jachinu, u patruni di casa ni fici u sfrattu esecutivo!

Rosario Clemente

(Tranquillizzandola) No signora Cannarozzo, non siamo agenti di polizia, siamo agenti dell'agenzia immobiliare "TE LA TROVO IO".

Jachino

(Incuriosito) E chi cosa m’attrova?

Rosario Clemente

La casa!

Jachino

(C.s.)  E comu facia a sapiri ca cercamu casa?

Rosario Clemente

(Parlando velocemente recita lo slogan aziendale) “La nostra agenzia sa tutto, pensa a tutto, vede tutto e soprattutto è dappertutto!”

Jachino

(Frastornato) Scusassi, po ripetiri chiddu ca dissi ca nun capivi nenti?

Rosario Clemente

(Ripetendo lo slogan) “La nostra agenzia sa tutto, pensa a tutto, vede tutto e soprattutto è dappertutto!”

Jachino

(Innervosito) Arriniscivi a capiri sulu "vede tutto" E 'nsoccu viri?

Rosario Clemente

(Guardandosi intorno) Una famiglia in difficoltà! Ma noi oggi siamo qui per farvi un regalo!

Jachino

(Premuroso) Un regalo? S’assittassi!

Si accomodano e l’agente immobiliare Silvano Bellomo si rivolge a Fanuzza

Silvano Bellomo

Signora Cannarozzo, cosa risponderebbe se le dicessi di andare a vivere in una bellissima villa di campagna?

Fanuzza

(Sentendosi presa in giro) Le risponderessi chi forsi a tutti dui vi manca quacchi venerdì!

Jachino

(Rincarando la dose) Fanuzza viri ca tisbagli, pi mia ci manca tutta a simana!

Rosario Clemente

(Incurante del loro scetticismo) Ascoltate, sei stanze, un ampio salone, una veranda di 100 mqche da su un grande giardino, due servizi principali, due doppi servizi ed in più i domestici compresi nel prezzo! 

Jachino

(Non riuscendo atrattenere il nervosismo per quello che lui crede una presa in giro) Sintissi, signor .... com'é ca si chiama?

Rosario Clemente

Clemente.

Jachino

Eccu, appuntu, siccomu iu clemenza n'haiu picca, siddu tra deci secunni vossia è ancora ccà, compreso n'to prezzo ci dugnu un cavuciu 'nto culu! Nuautri nun circamu una reggia, circamu una casa cu picca picciuli!

Rosario Clemente

(Con un sorriso indisponenterecita un altro dei suoi slogan)

Se la casa vuoi cercare

con Clemente devi parlare,

pochi i soldi ma se son buoni

con l'affitto ti ritrovi.

Jachino

(Rispondendo prontamente per le rime)

Iu ca sugnu un puvirazzu

e nun accattu mancu un lazzu,

ci cunsigghiu d'irisinni

asinnò ci nesciu i zanni,

ma siccomu n'ta sti jorna

u nirvusu m'accumpagna,

vogghiu fari 'neccezione

e u jeccu du balcone. 

Fanuzza

(Consigliandolo) Signor immobiliare, ma vossia vulissi competiri cu me maritu? Lassassi perdiri!

Jachino

(Sempre più nervoso) 'Nsumma, ancora ccà siti?

Silvano Bellomo

(Spiegandosi) Aspetti signor Cannarozzo, ci lasci spiegare! Questa villa ci è stata affidata dagli eredi di una nobile famiglia che la vogliono dare in affitto!

Jachino

(Scherzandoci su) Ah se? E quant'è st'affittu 3.000 euro o misi? Sintissi signor.....immobiliaro, vossia sbagghiò indirizzu!

Silvano Bellomo

(Con voce decisa) No signor Cannarozzo, l'indirizzo è quello giusto! Vuole sapere quant'è l'affitto mensile di questa villa?

Jachino

(Curioso) Sentemu, accussì, pi curiosità!

Silvano Bellomo

(Con tono di voce tesa a sorprenderlo) Trecento euro!

Rosario Clemente

(Vedendo che Jachino rimane senza parole) Signor Cannarozzo, ha capito ciò che ha detto il mio collega? Trecento euro al mese di affitto!

Jachino

(Con sarcasmo) U capivi, u capivi, nun sugnu surdu e mancu rincoglionitu! E n'soccu affittati cu tricentu euro, sulu u gabinettu?

Silvano Bellomo

No, tutta la villa!

Fanuzza

(Incredulo) E d'unni sta u truccu?

Rosario Clemente

(Fornendo una spiegazione) Nessun trucco! Ascoltate, questa villa, fino ad oggi, non è stata possibile ne venderla ne affittarla perché non la vuole nessuno, pertanto pur di non lasciarla sfitta e vederla degradare ogni giorno di più, i proprietari hanno deciso di abbattere notevolmente il prezzo della locazione.

Jachino

(Incuriosito)Nun la voli nuddu? E picchì, è un rudere?

Fanuzza

Ci chiovi dintra?

Jachino

Ci Sunnu i surci?

Rosario Clemente

(Imbarazzato) Beh... dicono ....

Jachino e Fanuzza

(Insieme) .... Dicono?

Rosario Clemente

(C.s.) dicono .... che è infestata!

Jachino

Infestata di scravagghi? E picchi nun ci mittiti u DDT?

Rosario Clemente

(C.s.) Ehm....non è infestata di scarafaggi, (breve pausa) dicono......

Jachino e Fanuzza

(Insieme) .... Dicono?

Silvano Bellomo

(Giustificandosi) Ma sono solo voci eh.......

Jachino

(Incuriosito) E n'soccu dicinu sti vuci? Parrati!

Rosario Clemente

Beh, dicono......che è infestata da vampiri!

Jachino

(Non credendo alle proprie orecchie) Chi cosa? Ma vuautri sitimalati di ciriveddu! N'ca parciò, ci sunnu i vampiri e na vulitirifilari a nuatri?

Rosario Clemente

(Spiegandosi) Ma no, state tranquilli, adesso vi spiego. I proprietari della villa furono trovati morti cinque anni fa in una delle stanze.

Silvano Bellomo

(Continuando il racconto del collega).... Il caso fu archiviato come suicidio anche se l'autopsia rilevò che stranamente gli era rimasto poco sangue in corpo.

Rosario Clemente

(Riprendendo).... Purtroppo, da quel momento, superstizione popolare vuol far credere che furono i vampiri ad aver causato quelle morti e che tutt'oggi aleggino tra le stanze della villa!

Jachino

(Non riuscendo a comprendere il significato)Legginu? .... si iddi legginu, nuatri chi facemu, scrivemu?

Rosario Clemente

(Sorridendo) Aleggino signor Cannarozzo, vuol dire che si aggirano tra le stanze della villa.

Jachino

Scusassi ma i vampiri di jornu nun si ritiranu dintra i vari?

Silvano Bellomo

(Asserendo) Così dicono, ma sono credenze di popolo!

Jachino

E nun nescinu sulu di notti?

Silvano Bellomo

Così dicono, ma sempre credenze di popolo sono!

Jachino

E chisti ogni notti fannu u tragittu du cimiteru finu o villinu?

Rosario Clemente

Beh, di questo magari non ci sarebbe bisogno.

Jachino

(Incuriosito) Non ci sarebbe bisogno? E picchì?

Rosario Clemente

(Imbarazzato) Ecco, c’è un'altra cosa che non vi abbiamo detto....

Jachino

(Spronandolo) Parrassi....

Rosario Clemente

(C.s.) Beh, per la verità i coniugi trovati morti, hanno la sepoltura di famiglia in una cripta nei sotterranei della villa!

Jachino

(Non credendo a ciò che ha sentito) Chi cosaaaa? Ma vossia mi pigghiò pi rincoglionitu totale? Ora capisciu picchì sta villa nun si po affittari!

Rosario Clemente

(Cercando di convincerlo) Ma signor Cannarozzo, mi lasci spiegare....

Jachino

(Sempre più alterato) Nun c'è nenti di spiegari! Ma senti a chisti dui, n'to sotterraneo ci sunnu i cataveri, a pianterrenu i vampiri e o primu pianu n'soccu ci tiniti? I zombi?

Rosario Clemente

(C.s.) Ma signor Cannarozzo, lei sa bene che tutti i nobili hanno la sepoltura privata!

Jachino

(Fuori di se) N'ca certu, e secunnu lei iu avissi a dormiri cu dui cataveri privati sutta u lettu, ca a notti si susinu e mi vennu a sucanu u sangu!

Rosario Clemente

Il cimitero privato del sotterraneo è accessibile da un'unica porta situata nella stanza da letto e le chiavi li ha soltanto il domestico! Lei deve ignorare quella porta, far semplicemente fintache non esista!

Jachino

(C.s.) Chi cosa? Semplicemente? E a vossia ci pari semplice dormiri cu cataveri e vampiri ca caminanu casa casa?

SCENA 8

JACHINO – AGENTI IMMOBILIARI - FANUZZA - CECILIA

Nel frattempo Cecilia rientra abbigliata in modo improprio. Saluta, passa vicino a Silvano Bellomo, il più giovane e bello dei due agenti immobiliari e per farsi notare gli si siede vicino, ma lui si discosta.

Rosario Clemente

(Continuando la sua opera di convincimento) Mi dia retta signor Cannarozzo, non creda a queste sciocchezze e approfitti della grande opportunità che oggi le si presenta! E' un appartamento bellissimo, funzionale, versatile!

Jachino

Ecco, appuntu, versatile! Pi ghirici a stari amu a ghiri a versatile un litru di sangu o jornu pi dissetari i vampiri!

Fanuzza

(Tentata) Ragiuni avi u signor agente, Jachino, puru a mia pari ca fussiru credenze di popolo, annamu sulu a taliari, d'accussì, pi curiosità.....

Jachino

(Declinando l’invito) Ad essiri sinceru, iu tutta sta curiosità nun ci l'haiu!

Rosario Clemente

Giusto dice sua moglie, almeno guardatela, per curiosità, vedrete che vi innamorerete subito!

Jachino

(Abbraccia la moglie) Nun c'è bisognu, nuatri semu già innamorati!

Rosario Clemente

(Spiegandosi) Signor Cannarozzo, io parlavo della villa!

Jachino, Fanuzza e Rosario Clemente continuano a parlare a bassa voce e la scena si sposta su Cecilia e Rosario Bellomo.

Cecilia

(Rivolgendosi a Silvano) Tu c'è l'hai la ragazza?

Silvano Bellomo

(Cercando di scrollarsela di dosso) Si, ne ho tre!

Cecilia

(Corteggiandolo) Tre? Beh, si capisce sei un bel ragazzo! Io invece sono sola.

Silvano Bellomo

Beh, si capisce, sei una coz.... ehm...volevo dire....strano, una così bella ragazza! (Si allontana da lei spostandosi vicino il collega)

La scena si sposta nuovamente su Jachino, Fanuzza e Rosario Clemente.

Jachino

(Accondiscendendo) E va bene, iti a taliari stu villinu, ma v'avvertu, appena vegnu a cunuscenza ca quacchi linzolu biancu sta additta sulu, nun si ni fa nenti!

Fanuzza

(Correggendolo) Quali linzolu biancu? Dissi ca ci sunnu i vampiri, no i fantasmi!

Jachino

(Indifferente) E allura voli diri ca siddu viu quacchi linzolu biancu cu du denti canini pizzuti ca spuntanu di fora, nun si ni fa nenti!

Rosario Clemente

(Sorridendo) Vedrà signor Cannarozzo, queste sono tutte chiacchere di popolo che giocano a suo favore!

Fanuzza

(Ricordandosi) Scusassi signor agente, ma ricordu mali o lei dissi ca ci sunnu puru i domestici?

Rosario Clemente

(Compiaciuto) Esatto signora, la servitù a vostra completa disposizione!

Jachino

(Contrariato) E secunnu vossia nuautri semu genti ca si pò permettiri a servitu? 

Rosario Clemente

(C.s.) Niente paura sig. Cannarozzo, i domestici sono inclusi nel prezzo d'affitto.

Silvano Bellomo

(Continuando la spiegazione del collega).... Erano al servizio dei vecchi padroni e sono rimasti là dopo la morte dei coniugi per volontà testamentale. Abitano da sempre in una stanzetta della villa.

Rosario Clemente

(Riprendendo)..... Vivono di una piccola pensione e in cambio dell’ospitalità, tengono tutto in ordine. Sono un pò strani ma inoffensivi. Si chiamano Addolorata e Sasà.

Jachino

(Scherzando) E comu si chiamanu i vampiri? 

Fanuzza

(Infastidita) E basta cu sti vampiri!

Jachino

Basta cu sti vampiri? Ahoo, ahooooo, a mia u coddu nun mi l'avi a sucari nuddu!

Silvano Bellomo

(Cercando di calmarlo) Non si agiti signor Cannarozzo, la calma è la virtù dei forti!

Jachino

Invecela salma è la virtù dei morti! Ma chi stamu babbiannu? Iu a notti vogghiu dormiri!

Silvano Bellomo

(Continuando nella sua opera di convincimento) Signor Cannarozzo vedrà, vedrà che dormite vi farete, non vi sveglierete piu!

Jachino

(Toccandosi le parti basse) Ahoo, ahoo, ma 'nsoccu vulissivu diri?

Rosario Clemente

(Correggendo il collega) Vuole dire che dormirete sonni beati e tranquilli tutta la notte!

Jachino

(Scoraggiato) Iu sugnu sempri chiù convintu ca n'hamu a ghiri a curcari dintra a tenda di campeggiu!

Fanuzza

(Dandogli coraggio) Basta Jachino, mi staiu cunvincennu puru iu ca sta storia sunnu tutti chiacchiri, e di poi, o puntu ca semu, avemu picca di sciegliere! (Rivolgendosi agli agenti immobiliari) Signori immobiliari, quannu si pò vidiri sta villa?

Silvano Bellomo

(Dimostrandosi disponibile) Se volete pure subito!

Fanuzza

(In agitazione) Amunì Jachino priparati, annamula a taliari!

Jachino

(Ponendo un netto rifiuto) Iu nun è taliari nenti! Ti dissi e ti ripetu ca sta curiosità nun ci l'haiu!

Fanuzza

(Cercando di convincerlo) Ma metti ca sunnu daveru tutti chiacchere e pi nuatri si rapinu pi sempri i porti da furtuna!

Jachino

(Fornendo a sua volta una spiegazione al contrario) Ma metti ca inveci è tuttu veru, i porti si chiuinu cu nuautri dintra e i vampiri ni sucanu tuttu u sangu!

Fanuzza

(Tagliando corto) U capivi, statti a casa. U villinu u và taliu sulu iu!

Cecilia

(Approfittando dell'occasione per stare accantoa Silvano Bellomo, l'agente immobiliare di cui si è invaghita) Vegnu puru iu, mamà!

Le due donne si preparano per uscire

Silvano Bellomo

(Rivolgendosi sottovoce al collega) Questa cozza c'è l'ha con mè!

Rosario Clemente

(Consigliandoloa bassa voce) Accordala per adesso. Dobbiamo cercare di affittare la villa!

Fanuzza

(Pronta per uscire) Facissi strata signor agente!

Fanuzza, Cecilia e gli agenti immobiliari escono

SCENA 9

JACHINO - IMBIANCHINO

Jachino

(Rimasto da solo parla tra se) Se, annati a taliari, tantu io nun cacciu fora mancu un euru si prima nun sugnu sicuru ca stu villinu nun è 'nfistatu! (Facendo il verso dell'agente immobiliare) Dicono che ci sono i vampiri e non si può affittare. E ma vulissi rifilari a mia!Talè, mentri iddi sunnu 'mpegnati iu mi fazzu un sonnellino ca sugnu stancu mortu a forza di iri caminannu a circari affitti. (Smorza le luci, si sistema sul divano e si addormenta).

Dopo alcuni secondi Jachino si mette a russare mentre fuori scena si sente una voce chiedere il permesso di entrare, e, non ottenendo risposta, un uomo con camice nero e cappuccio entra nella stanza. E' l'imbianchino mandato da Don Michele a tingere le pareti di casa.

Imbianchino

Permesso? Si Puo'? (Non ricevendo risposta, entra e non si avvede che Jachino, sdraiato sul divano, sta dormendo.) Nun c'è nuddu, ma a mia u patruni di casa mi dissi di tinciri i pareti e iu accuminciu. (Si appresta ad iniziare mentre Jachino si sveglia e, avvedendosi della presenza urla a sguarciagola insieme all'imbianchino anche lui spaventato).

Jachino

(Ponendosi in un angolo della stanza, credendo di avere a che fare con un vampiro) Ahhhhh no, pi fauri, iu u sacciu picchì vi truvati ccà, ma putiti stari tranquillu, nun ci vegnu a stari n'ta villa! Nun mi faciti scantari ca sugnu malatu di cori!

Imbianchino

(Sorpreso e impaurito, ponendosi anche lui all'angolo opposto della stanza) A villa? Quali villa?

Jachino

A villa 'nfistata cu cimiteru n'to sotterraneu! Chidda di l'agenzia "Te la cerco io"!

Imbianchino

(Credendo di avere a che fare con un pazzo) Ma circati vui? ma iu nun haiu persu nenti! Stassi calmu!

Jachino

Iu calmu? E lei ca avi a stari calmu, pi fauri signor vampiro, nun mi sucassi!

Imbianchino

(Sbigottito) Signor vampiro? Nun mi sucassi? Ma n'soccu c'è sucari?

Jachino

U sangu! N'haiu picca, sugnu malatu di cori e u me sangu nun è tantu bonu, nun ciù cunsigghiu!

Imbianchino

Ma vossia pi casu e foddi? Voli ca chiamu aiutu?

Jachino

No, pi fauri nun chiamassi puru i so colleghi, nun mi dissanguati!

Bussano alla porta

Imbianchino

(Si appresta ad andare ad aprire la porta camminando accostato alla parete) Chistu di sicuru è u me principali!

Jachino

(Terrorizzato) Chi cosa? U principali? Chiddu ca suca chiossà di tutti? Bedda matri, dissanguatu mi sentu! Aiutuuuuu, aiutuuuuu, nun ci rapissi!

Entra Don Michele

SCENA 10

DON MICHELE - JACHINO - IMBIANCHINO

Don Michele

(Allarmato) Ma chi succeri? Chi sunnu sti vuci? Giuvà, chi cumminasti?

Imbianchino

(Discolpandosi) Chi cuminavu iu? Nenti, quannu stu cristianu mi vitti, si misi a vuciari comu un foddi dicennu ca nun vulia essiri sucato!

Don Michele

(Stupito) Nun vulia essiri sucatu? Ma chi sta dicennu? Ti m'briacasti? Mastru Jachino, chi fu, chi successi, vi sintiti bonu?

Jachino

(Tranquillizzato dalla presenza di Don Michele) Don Michele, vossia canusci stu vampiru? Ciù dicissi vossia ca nun mi suca!

Don Michele

(C.S.) Vampiru? Ma chi fa v'insunnati mastru Jachinu? Chistu è Giovanni, l’imbanchino!

Jachino

(Stralunato) L’imbianchino? Signuri miu, mortu du scantu sugnu! Ma n'soccu ci facia ccà dintra vistutu comu un vampiru?

Don Michele

Ma quali vampiru, Giovanni è ccà pi ordini miu, oramà manca picca allo sposalizio di me figghia e ci dissi di veniri a tinciri i pareti da casa! Nun si ricorda? Ci l'avia puru dittu!

Jachino

(Rassicurato) Sè, sè mi ricordo, ma bottadisali, tutti l'imbianchini pi travagghiari si mettinu a tuta bianca e chistu chi fici? Si vistiu tuttu di nivuru!

Don Michele

Ma chi diffirenza fa bianco o nivuru mastru Jachino?

Jachino

(Asciugandosi il sudore dalla fronte) A fa, a fa a diffirenza, si facissi priari di mia!

Don Michele

Bho, nun vi capisciu. (Rivolgendosi quindi all'operaio) Comunque Giuvà, pi oggi vatinni a casa, tincemu nautru jornu!

Giovanni esce borbottando

SCENA 11

DON MICHELE - JACHINO

Jachino

(Spossato) L’imbianchinu, u vampiru, u sfrattu, a villa 'nfistata! Staiu vivennu un incubu!

Don Michele

(Incuriosito) Ma chi ci fu Mastru Jachino? Picchì siti daccussi scantatu?

Jachino

(Raccontando i suoi guai) Don Michele, aviti a sapiri ca nun putennu truvari casa mi proposiru l'affittu di 'na villa ca dicinu essiri 'nfistata di vampiri!

Don Michele

(Cambiando espressione del volto) Ma quali, a villa di tricentu euro o misi?

Jachino

(Stupito) Ma picchì, a canusciti?

Don Michele

N'ca certu ca a canusciu e vi possu assicurari ca nun la vulissi mancu si ma rialassiru! sapiti 'nsoccu si cunta di da villa? Ca si sentinui strani rumuri e a notti, quannu chiovi, si vedono strane ombre ca caminanu d'arrè i vitra da finestra.

Jachino

(Asciugandosi il sudore dalla fronte) Ombre d’arrè a finestra? Bedda matri! Ma me mugghieri nun si scanta, dici ca sunnu crirenzi popolari.

Don Michele

Crirenzi popolari? Ma vu dissiru ca 'nto sotterraneo ci sunnu du cadaveri?

Jachino

Nu dissiru, Nu dissiru, ma 'nsoccu è fari? Sugnu dispiratu! Vossia 'nsoccu mi cunsigghia, Don Michele?

Don Michele

(Allargando le braccia) Cosa voli ca ci dicu Mastru Jachino? Iu nun ci issi mancu mortu ma na vostra situazioni....è questioni di aviri u sangu friddu!

Jachino

(Informandosi) Piccì, u sangu friddu nun su sucanu?

Don Michele

(Sorridendo) Mastru Jachinu, sangu friddu 'ntisu comu curaggiu! Ci ni vorrà assai.

Jachino

(Demoralizzato) Bedda Matri, iu n'haiu picca e pi ora mi sta puru vugghiennu!

Don Michele

(Ammonendolo) Ora la saluto ca aiu chiffari! Si ricurdassi, curaggiu ci ni vorrà assai, assai, (Esce ridendo fuori scena e ripetendo le stesse parole) ci ni vorrà assai, assaiii, Ah,ah,ah,ah!

Jachino

(Sempre più terrorizzato) Brrr...mortu sugnu, ma picchì, picchì sugnu d'accussi sfurtunatu? Ah, ma su ponnu scurdari, iu chi defunti e chi vampiri nun ci va dormu! (Mentre parla non si avvede che alle sue spalle ci sono sua moglie e sua figlia appena rientrate)

SCENA 12

FANUZZA - JACHINO - CECILIA

Fanuzza

(Lo chiama mettendogli la mano sulla spalla) Jachino!

Jachino

(Si volta di scatto sobbalzando dalla paura) Ahhhh!

Fanuzza

(Spaventata a causa della reazione del marito, grida insieme a lui) Ahhhh!

Jachino

(Accorgendosi della moglie) Ah tu si? Bottadisali ma chi trasi 'npunta di peri? Ma chi mi vuliti fari moriri oggi? Prima l'imbianchinu e ora tu!

Fanuzza

L'imbianchinu? Quali imbianchinu?

Jachino

(Sarcastico) No, nenti, l'unico imbianchinu da comunità europea vistutu di vampiru!

Fanuzza

(Smarrita) Ma chi strampulii Jachino, ti senti bonu?

Jachino

(Tagliando corto) Talè, lassamu perdiri! Tu chiuttostu 'nsoccu m'ha diri?

Fanuzza

(Con aria soddisfatta) Jachino u vitti!

Jachino

(Fraintendendo) U viri? Ti l'avia dittu iu ca c'era!

Fanuzza

(Sorpresa) Ma c'era cui?

Jachino

(Confermando le sue preoccupazioni) U vampiru!

Fanuzza

Ma di quali vampiru va parrannu?

Jachino

(Informandosi) Nun u dicisti tu ca u vidisti?

Fanuzza

Jachinu, iu parrava du villinu!

Jachino

(Indifferente) Ah, se? E com'è?

Fanuzza

(Sorridente) Com'e? 'Na meraviglia, roba d'un ci cririri, roba ca siddu mi punci nun mi nesci mancu 'na uccia di sangu!

Jachino

(A Conferma delle sue titubanze) Già tuttu tu sucaru?

Fanuzza

(Descrivendo ciò che ha visto) Jachino, nun babbiari! U villinu è puru ammobiliatu, luminosissimo, c'è un saluni granni, a veranda spaziusa, quattru stanzi, quattru bagni.....

Jachino

(Interrompendola) ...e un cimiteru!

Fanuzza

(Innervosita) E basta cu stu cimiteru e sti vampiri, u vo capiri ca sunnu credenze di popolo e nun c'è nuddu vampiru? 

Jachino

(Fornendo la sua personale spiegazione alla moglie) Fanuzza tu nun ni viristi picchì i vampiri di jornu dorminu per evitare a luci du suli, ma a notti s'arruspigghianu e sucanu u sangu!

Cecilia

(Intervenendo) Nun è veru papà! U villino è bellu, quannu ci portu l'amici mè, fazzu bella fiura! L'amici mè nun si scantanu, e mancu iu!

Fanuzza

(Entusiasta) Giustu dici figghia mia! Jachinu, nautri nun ni scantamu!

Fuori intanto sta piovendo a dirotto e un forte tuono fa andar via la luce, Jachino, morto di paura, si mette in un angolo della stanza con dietro moglie e figlia.

Jachino

(Sempre più spaventato) Mortu mi sentu!

Un tuono ancora più forte fa gridare all'unisono la famiglia Cannarozzo....ahhhhh!

Fanuzza

(Abbracciata alla figlia alle spalle del marito) Nun vi scantati, è sulu u malu tempu!

Jachino

(Tremante di paura) Ma quali malu tempu, chistu è malu signu! Fanuzza v'adduma a luci!

Fanuzza

(Sempre più impaurita) V'addumala tu!

Ritorna la luce e Jachino si avvede che moglie e figlia si riparano alle sua spalle....

Jachino

(Sarcastico fa il verso alla moglie) Nuautri nun ni scantamu! A facci du curaggiu! E semu 'nta sta casa! Fiuramunni 'na sirata di chista, di trona e lampi o villinu di vampiri!

Cecilia

(Rimproverandolo) Papà, è il tuo modo di fari ca ni condiziona!

Jachino

(Con sfottò) Sè, u sacciu, iu sugnu un condizionatore!

Fanuzza

(Cercando di tranquillizzare se stessa e soprattutto il marito) Jachinu, è sulu questioni di farici l'abitudini! Ti fazzu avvidiri ca quannu a viri puru tu, canci idea! E' una casa di nicchia!

Jachino

(Contrariato) Fanuzza, ma chi nicchia dici?

Fanuzza

(Spiegandosi) iu vulia diri ca è una casa per pochi privilegiati!

Jachino

E viri chi beddu privilegiu! Iu mi l’immagginu e già mi veni u friddu e a frevi! Fiuramunni siddu c'è ghiri abitari!

Fanuzza

(Risolutiva) Jachinu, mettiti u cori inpaci picchì è già deciso e nun mi fari arrabbiari asinnò mi mettu a vuciari! Fu na benerizioni ca Don Michele ni detti u sfrattu! (Sognando ad occhi aperti) Un villinu tuttu pi mia, un sogno!

Jachino

(Replicando alla moglie con un suo solito proverbio)

A chi servi di iornu sugnari

siddu a notti ti ponnu sucari?

Fanuzza

E finiscila cu stu sucu! Statti tranquillu ca nun ti suca nuddu!

Jachino

(Ammonendola) Fanuzza, iu u dicu puru pi tia. Siddu quacchi vampiru a notti mi veni a suca n'to coddu, addiventu vampiru macari iu! 'Na vota c'addiventu vampiru, ti sucu puru a tia e addiventi vampira puru tu!

Fanuzza

Va bè, nun ti proccupari, addivintamu tutti vampiri accussì nun si ni parra chiù! M'accuntentu di iri a sucari u sangu a l'autri chiuttostu di farimi sucari u sangu iu tutta a vita!

Jachino

(C.s.) Aho, nun c'è versu di cunvinciriti! 'Nsumma, com'arristastivu cu l'agenti immobiliari?

Fanuzza

(Sprizzando felicità) dumani ni trasferemu o villinu. L'agenti immobiliari stannu riturnannu, ieru all'agenzia a pigghiari i moduli pi firmari u contrattu d'affittu e finalmente n'accasamu comu i signori!

Jachino

(Sarcastico)Mi, chi semu priati!

Si sente bussare alla porta....

Fanuzza

(Raggiante) Iddi sarannu, Cecilia va rapi a porta!

Jachino

Cecilia, talia n'to spioncinu prima di rapiri, nun facemu ca è quacchi vampiru!

Fanuzza

(Innervosita) Jachinu, quannu dici tu a finisci!

Entrano gli agenti immobiliari.

SCENA 13

FANUZZA - JACHINO - AGENTI IMMOBILIARI - CECILIA

Fanuzza

(Con fare garbato) Si accomodassero signori, nuautri semu pronti, puru me maritu è d'accordu!

Jachino

(Rimproverando la moglie) Ma chi fa ti sunnasti? Quann'è ca ti dissi ca sugnu d'accordu?

Fanuzza

(Dando una gomitata al marito) Zittuti, d'accordu si!

Rosario Clemente

(Ammiccando) E allora signor Cannarozzo, sua moglie e sua figlia le hanno detto quanto è bello il villino? Gli ho fatto girare tutte le stanze!

Jachino

(Informandosi) Se? E u cimiteru ciù facistivu visitari?

Rosario Clemente

Signor Cannarozzo, le ho già detto che i loculi sotterranei sono accessibili soltanto da una porta chiusa che si trova nella stanza da letto. Nemmeno si accorgerà che c'è!  

Jachino

(Ribadendo) Ma ccà u problema nun è addunarisinni, u problema è ca sta porta c'è!E' puru situata n'ta cammera di lettu. Comu si fa a dormiri sapennu ca c'è 'na porta ca ti separa d'un cimiteru?  Nun si pò murari sta porta?

Silvano Bellomo

Impossibile signor Cannarozzo, per volontà testamentale i domestici ogni settimana devono scendere nella cripta e portare dei fiori sulle loro tombe!

Jachino

(Arrendendosi) 'Nsumma, in poche parole chista e' a zita e cu a voli sa marita!

Jachino e Fanuzza continuano a parlare a bassa voce con Rosario Clemente che, nel frattempo, ha tirato fuori dalla borsa il contratto di locazione e la scena si sposta su Cecilia e Silvano Bellomo

Cecilia

(Continuando a far la corte a Silvano Bellomo) E tu?

Silvano Bellomo

(Distaccandosi) Io cosa?

Cecilia

(C.s.) Tu ce li porti i fiori alle ragazze?

Silvano Bellomo

(Per liberarsene) Io non sono molto romantico! Le donne sono abituato a trattarle male!

Cecilia

(Confidandosi) Mi piacerebbe essere trattata male da te! Mio padre mi dice sempre che un giorno mi verrà a prendere un principesu un cavallo e mi porta al castello! Tu c'è l'hai il cavallo?

Silvano Bellomo

(Scostandosi) No! E non ho nemmeno il castello!

La scena ritorna su Jachino, Fanuzza e Rosario Clemente che si appresta a leggere il contratto di locazione dopo averne data copia ai coniugi Cannarozzo.

Rosario Clemente

Allora, l'anno ecc. ecc. il giorno ecc. ecc. il sottoscritto Gioacchino Cannarozzo ecc. ecc. dopo avere visitato la villa ecc. ecc. considerato congruo il prezzo d'affitto...

Jachino

(Imitandolo) ....Eccetera, eccetera ....

Rosario Clemente

...Si impegna ad assumere in locazione l'unità abitativa denominata "Villa Mortimer".... 

Jachino

(Interrompendolo) Ahoo, fermi tutti! Villa comu?

Rosario Clemente

(Ripetendo) "Villa Mortimer", il vecchio proprietario si chiamava così: Joseph Mortimer!

Jachino

(Impaurito si rivolge alla moglie) Fanuzza u sintisti? I vampiri, i cataveri e u proprietariu ca si chiamava Mortimer! Tuttu currispunni!

Fanuzza

Ma chi dici Jachinu, Mortimer è nome proprio di persona!

Jachino

Se, e iu ma staiu facennu di n'capu è aggettivu qualificativu!

Rosario Clemente

(Riprendendo la lettura del contratto) ...Lasciatemi continuare. Dicevo "Villa Mortimer" sita in contrada Sanguinaccio...

Jachino

(Nuova interruzione) Ahoo, fermi tutti! Contrada comu?

Rosario Clemente

(Confermando) ...Sanguinaccio!

Jachino

(Al culmine del nervosismo) Aho, ma allura u faciti apposta! E a via comu si chiama? Via dei pipistrelli?

Rosario Clemente

No, viale dei cipressi!

Jachino

(Utilizzando un’aforisma)E chi ti pareva? Ora sé ca ci sunnu tutti!

Rosario Clemente

(Non riuscendo ad afferrare) Ci sono tutti cosa?

Jachino

Ci fazzu a lista: dunque avemu a Mortimer, u sanguinazzu, i vampiri, i cataveri e grazie ai cipressi u quadretto è finalmente completo!

Rosario Clemente

Ma signor Cannarozzo, si tratta soltanto di coincidenze!

Jachino

No, ca si tratta sulu di strazzari stu cuntrattu

prima ca mi sentu mali e mi veni un infartu!

Fanuzza

(Fuori di se) Jachinu, u vidi siddu nun firmi stu fogghiu di carta? U sangu tu sucu iu ora stessu e nun ti ni lassu mancu 'na uccia!

Cecilia

(Intervenendo anche lei in appoggio alla madre) Firma papà, iu nun mi scantu! (Avvicinandosi a Silvano Bellomo) E di poi c'è stu beddu picciottu ca quacchi vota mi veni a trova cu cavaddu o villinu!

Silvano Bellomo

(Ripetendosi) Ti ho già detto che io non ho cavalli!

Cecilia

(Ripetendosi a sua volta) Firma papà, Iu nun mi scantu! E di poi c'è stu beddu picciottu ca quacchi vota mi veni a trova a peri,senza cavaddu o villinu!

L'agente immobiliare, non visto, fa un eloquente gesto con il braccio.

Jachino

N'ca certu ca nun ti scanti figghia mia. Siddu è veru ca ci sunnu i vampiri, a tia nun ti sucanu picchì si ti vidinu, scappanu!

Cecilia

(Informandosi) E picchì scappanu siddu mi virinu papà?

Fanuzza

(Con la mano tra i denti) Jachinuuuuu....

Jachino

(Riprendendosi) Vulia diri ca scappanu picchì ti vidinu giovani e a iddi ci piaci chiossà u sangu stagionatu, chiddu di vecchi comu a mia e a to matri!

Fanuzza

(Rimproverandolo) Jachinuuuuu.... ancora....ca mi sta piacennu! (Rivolgendosi quindi a Rosario Clemente) Continuassi a leggiri signor agente!

Rosario Clemente

(Continuando la lettura) Dicevamo...sita in viale dei Cipressi numero....

Jachino

(Intervenendosenza guardare il contratto che ha davanti)...Diciassette...

Rosario Clemente

(Stupito)E come fa a saperlo?

Jachino

Intuito, un villinu di chistu quali autru nummaru putia aviri?

Rosario Clemente

(Continuando la lettura) Dicevamo...sita in viale dei Cipressi numero diciassette. Il locatario signor Gioacchino Cannarozzo accetta per se ed i suoi aventi causa l'unità immobiliare composta da 5 stanze, oltre cucina e sevizi, con annesso...

Jachino

(Inserendosi nella lettura)... cimitero...

Rosario Clemente

(Ignorandolo) ... Con annesso giardino e veranda. Il locatario dichiara di avere visionato l'immobile e di averlo trovato...

Jachino

(C.s.) ... chinu di cadaveri e vampiri...

Rosario Clemente

(C.s.) ... e di averlo trovato in buono stato. L'unità abitativa è già ammobiliata, nel salone ci sono i divani, nella stanza degli ospiti...

Jachino

(C.s.) ...'na cascia di mortu in moganu...

Rosario Clemente

(C.s.)... nella stanza degli ospiti una cassapanca in legno di pregiata fattura.Nella cucina tutti gli elettrodomestici incluso una grande cella frigorifera dove i vecchi proprietari mettevano...

Jachino

(C.s.) ... i cadaveri dopu ca ci sucavanu u sangu...

Rosario Clemente

(C.s.)... mettevano la selvaggina dopo le battute di caccia.Nella ricca enoteca, posta a lato del tinello, si conservano le bottiglie piene di...

Jachino

(C.s.)...sangu sucatu du coddu...

Rosario Clemente

(C.s.)... piene di ottimo vino invecchiato. Per finire, nel giardino sono coltivati...

Jachino

(C.s.) ...i crisantemi...

Rosario Clemente

(C.s.) ...sono coltivati fiori di ogni specie e bellezza! Il contratto di locazione ha validità annuale e per il rinnovo non c'è bisogno...

Jachino

(C.s.) ...Picchì n’to frattempu ni sucanu u sangu e semu tutti morti!

Rosario Clemente

(Concludendo) Abbiamo terminato signor Cannarozzo, se vuole firmare...

Jachino

(Con la penna in mano davanti al contratto) E' firmari pi forza?

Fanuzza

(Costringendolo) Jachinu firma, firma o quantu è veru Diu ti muzzicu iu 'nto coddu!

Cecilia

(Anche lei d'accordo, invogliata da Silvano Bellomo) Firma papà, iu puru ci vogghiu iri abitari.

Fanuzza

(Irritata) Firma, bottadisali a tia, firma, firmaaaaaaa!

Jachino

(Tappandosi le orecchie) Ahoooo, basta, calmativi! U capivi, vuliti a me vita? Ve la consegno, firmu, firmu stati tranquilli! (Muove la mano senza scrivere nientee prende una scusa) A penna nun scrivi, finiu l'inchiostru, signor Clemente, firmu nautru jornu, turnassi dumani!

Silvano Bellomo

(Infilando la mano all'interno della giacca) Tornare domani per così poco? C'è l'ho io una penna signor Cannarozzo, firmi con la mia!

Jachino

(Preso in contropiede) Ah, ci l'avi vossia? Menumali và, chi furtuna!

Fanuzza

(Fuori di sè) firmaaaaaaaaaaaaaa!

Jachino

(Cercando altre scuse) Aho, calma! Il cervello comanda ma la mano non risponde!

Fanuzza

(C.s.) firmaaaaaaaaaaaaaa!

Arrendendosi, firma il contratto di locazione

Jachino

Firmu, firmu, ma vuautri aviti a sapiri ca staiu firmannu a me condanna a morti! Eccu ccà! 'Nta stu fogghiu nun c'è a me firma, c'è u me sangu!

Rosario Clemente

(Riponendo i documenti nella valigetta) Quì ci sono le chiavi dell'immobile signori Cannarozzo, da domani per voi inizia una nuova vita.

Jachino

(Sarcastico) 'Nca perciò! Siddu pensu a dumani M'ARRIZZANU I CARNI!

Cecilia

(Salutando, speranzosa, Silvano) Allora, mi verrai a trovare alla mia nuova villa?

Silvano Bellomo

(Promettendo ironicamente) Certamente!La prossima settimana vado a comprare un cavallo e ti vengo a trovare!

Rosario Clemente

(Congedandosi) Signori, vi auguro un felice ed eterno soggiorno!

Jachino a mani giunte si avvicina al pubblico.

L'eterno soggiorno dona loro o Signore

ca n’to villinu annu a ghiri abitare.

Teni luntanu cadaveri e vampiri

nun sulu di jornu ma puru all'imbruniri.

E nautra cosa T'aiu a dumannari

siddu davveru mi vò aiutari

fammi un favuri...

nun mi fari sucari.


FINE

PRIMO ATTO


SECONDO

ATTO

La scena si apre nella stanza da letto della villa presa in affitto dai Cannarozzo. L’ambiente è particolarmente tetro, i colori scuri dell'arredamento stagliano sulle pareti le ombre colpite da una tenua luce facendole sembrare delle sagome inerti come icone ma che improvvisamente si muovono e compongono strani disegni. Vari quadri raffiguranti visi cupi e cattivi alle pareti, un tavolo in legno corredato da sedie in ferro battuto e un salotto rosso scuro di foggia particolarmente vetusta. Un letto matrimoniale dal gusto retrò, coperto da un copriletto rosso intenso è posto al centro della scena. Sulla destra la credenza, anch'essa antica, a ridossodella porta che conduce nella cripta.

SCENA 14

I DOMESTICI SASA' EADDOLORATA

Marito e moglie sono indaffarati a sistemare vestiti e quant’altro in alcune valigie.

Addolorata

(Nervosa) Cinqu anni! Cinqu anni amu statu n'ta paci di l'Ancili!  Eramu i patruna di sta casa! Cinqu anni! E ora arrivanu sti sfrattati e ni vennu a sconsanu tutti cosi!

Sasà

(Mettendo ordine nella stanza) Curnutu d'unfernu, ni finiu l’America!

Addolorata

(Incredula) Finu a ora nuddu ha avutu u curaggiu di pigghiari sta casa in affittu, amu fattu di tuttu pi teneri luntanu i genti! E ora? Comu ni sistimamu?

Sasà

Pi ora ni curcamu tutti n'ta nostra stanza e ricordati, to matri nun s’avi a fari vidiri assolutamenti!

Addolorata

(Preoccupata) E come ci trasemu tutti tri dentro una stanza di dodici metri quadrati? Mancu nautru lettu putemu mettiri! Facemu d’accussì, iu e me matri ni curcamu n’to lettu matrimoniali e tu ti sistemi n’terra!

Sasà

(Ironico) N'ca certu! Cu sparti avi a megghiu parti! Siddu voi mi va curcu n'ta vasca di bagnu!

Addolorata

(Approvando) Nun fussi mali l'idea, stamu tutti chiù comodi!

Sasà

(Alterato) Addolorata, iu t'arricordu ca dda camurria di tò matri mancu ci avissi a stari dintra sta casa!

Addolorata

(Rispondendo a tono) Sè? E iu 'nveci t'arricordu ca ogni misi dda camurria di mè matri ti duna metà da sò pinsioni!

Sasà

(Rinfacciando) Cuchiddu ca si futtidi manciari ogni misi,to matri a pinsioni mi l'avissi a dari tutta, autru chi metà!

Addolorata

(Rimproverando il marito) Lassamu perdiri Sasà, a virità è ca tu ci l'hai sempri cu da puvirazza di mè matri. Puru n'ta stu momentu ca semu n'mezzu e guai!

Sasà

(Puntualizzando)Appuntu, semu n'mezzu e guai e amu a cummattiri ca a soggira peri, peri!

Addolorata

(Ribadendo) N'ca chi fazzu, l'abbannunu?

asà

(Ironico) Ma chi fa babbii? Non sia mai! Ricordati però ca u testamentu permettia sulu a nuautri dui di abitari ccà! 'Nveci, no, tò matri, sempri tò matri,ciliegina n'capu a torta!

Addolorata

(Ribadisce offesa) Chi cosa vulissi diri ca ciliegina n'capu a torta?

Sasà

(Esplicito) Ca di quann'è ca semu maritati, tò matri ha statu sempri cu ciatu n'to mè coddu! Ci voli picca e m'arritrovu puru dintra u lettu matrimoniali!

Addolorata

(Rispondendo per le rime) Mè matri n'to lettu matrimoniali cu tia? Chiuttostu chidda si va curcu dintra na stadda!

Sasà

(Innervosendosi) Prima avissimu a cunvinciri l'armali a dormiricci n'semmula!

Addolorata

(Ponendo fine alla questione) Ora basta, finemula! Circamu ‘nveci di capiri cosa s’avi a fari!

Sasà

(Sconfortato) Sé, è ‘na parola!

Addolorata

(Agitata)Ma è mai possibile caavemu a stari rinchiusi n'ta nostra stanza e fari i servi pi daveru a sti murtazzi di fami sfrattati?Nun pò finiri d'accussì,servi unrimediu pi sistimari sta facenna!

Sasà

(Dubbioso) Nun t’abbastaru tutti i m’brogghi ca amu fattu finu a ora? N’soccu putemu fari ancora?

Addolorata

(C.s.) Spremiti u ciriveddu Sasà, picchì iu nun vogghiu essiri rinchiusa n'ta nostra stanza e fari a sguattera doppu cinqu anni di fari a bella vita!

Sasà

(Perplesso) Se, spremiti u ciriveddu! Pari facili a tia! Siddu poi ni scoprinu?

Addolorata

(C.s.) Ma finu a ora un n'à ghiutu tuttu bonu? Cu i vuci ca misimu in giru na tuttu u paisi ca sta casa era 'nfistata di vampiri, inutilmenti circavanu d'affittalla! E quantu risati ni pottimu fari quannu a notti ni mittiamu d'arrè i finestri pi fari scantari i genti, finu a quannu sintennu viale dei cipressi e villa "Mortimer" tuttipassavanu un chilometru luntanu!

Sasà

Se, ma ora a situazioni cancià! (Cercando di sdrammatizzare) Comunque nun ti scantari, manca ancora un jornu a sti sfrattati fitusi pi pigghiari alloggiu! Avemu tuttu u tempu di truvari quacchi soluzioni!

Addolorata

(Più risoluta che mai) Allura muvemunni! Riunemunni in seduta fiume!

Sasà

(Non riuscendo a comprendere il significato) E picchìamu a ghiri o fiume pi riunirinni? Nun ni putemu riuniri ccà dintra?

Addolorata

(Spiegando) Sasà, seduta fiume voli diri riunione senza interruzione! Nuddu nesci di dintra sta stanza finu a quannu nun ni veni quacchi pinsata!

Iniziano a camminare sul palco incrociandosi tra di loro, con una mano in testa e gesticolando con l'altra, spremendo le meningi fino ad apparire dei matti sul palcoscenico. Trascorrono alcuni secondi, poi, improvvisamente, è Sasà adavere l’illuminazione.

Sasà

(Con un sorriso beffardo) Addolorata, nun mi dicisti tu ca u maritu nun è tantu cunvintu di veniri a stari ccà dintra?

Addolorata

(Affermando) Se, è scantatu mortu! Dici ca sulu o pinseri c'iarrizzanu i carni!

Sasà

(C.s.) E nuautri ci facemu arrizzari puru i corna! Si scanta di vampiri? E vampiri sarannu!

Addolorata

Ma n'soccu vò fari?

Sasà

Ti promettu ca entru dui jorna sta famigghia di sfrattati scappa cu direttissimu e tuttu ritorna comu prima.

Addolorata

(Incuriosita)Ma n'soccu hai n'testa?

Sasà

(Risoluto) C'è fari pigghiari una botta di scantu accussì forti ca hannu a scappari a razzu, ci fazzu fari i 100 metri in tri secunni! I sfrattati si trasferiscinu ccà domuni, è veru?

Addolorata

Sè.

Sasà

Siddu nun mi sbagghiumi dicisti ca u maritusoffri puru di cori, veru?

Addolorata

Sè.

Sasà

Allura è fatta! dumani notti stessu cominciano i lavori notturni!

Addolorata

(Incuriosita) I lavori notturni?

Sasà

(Asserendo) Sè Addolorata, dumani sira i vampiri si mettinu all'opera! Vini cu mia ca ti dicu chiddu chi avemu a fari!

Escono. Le luci affievoliscono fino a spegnersi completamente e dopo qualche secondo si sentono voci provenire fuori scena. Le luci riaccendono e la famiglia Cannarozzo fa il suo ingresso in camera da letto.

SCENA 15

JACHINO - FANUZZA - CECILIA

Entrano per prime Fanuzza e Cecilia.

Fanuzza

(Posata la valigia sul pavimento, guarda incantata la stanza) .... E chista è a stanza di lettu mia e di tò patri! Cecì, l'ha vistu mai 'na casa accussì bedda? Chistu era u sognu da mè vita, abitari n'ta na villa di signori. D'ora in poi m'hannu a diri ca sugnu 'na villana! E' fari arraggiari a tutti!

Cecilia

(Anche lei particolarmente soddisfatta) Sugnu cuntenta mamà! Nun mi pari veru.

Fanuzza

(Chiedendo il parere anche al marito) N'soccu ni pensi Jachinu? (Accorgendosi della sua assenza) Jachinu, dunni sì?Cecilia, ma unnè to patri?

Cecilia

(Girandosi intorno) Nun u sacciu mamà, antura era darrè di mia.

Fanuzza

(Lo chiama) Jachinu.... Jachinu....

Jachino entra in scena e, con fare guardingo, si ferma all’ingresso della stanza. Tiene in mano un grosso crocefisso e indossa, come protezione, una treccia di aglio al collo.

Jachino

(A voce alta) Vade retro Satana! (Rivolgendosi quindi a moglie e figlia) Vidistivu a nuddu?

Fanuzza

A cu avevamu a vidiri?

Jachino

Vampiri...cataveri...

Fanuzza

(Indispettita).... Fantasmi... zombi....chi fa ricuminci? Chiuttosto dammi 'na manu a disfari i valigi e levati sta collana du coddu!

Jachino

Lassamilla stari sta collana ca nun havi prezzu! (Ad un tratto si accorge della porta che conduce alla cripta) Aaah, a popò....a popò.....

Fanuzza

(Cercando di capire ciò che dice) Chi c'è, chi hai?

Jachino

(Terrorizzato) A popò....a popò.....

Fanuzza

(C.s.) A popò? Chi ha ghiri in bagnu?

Jachino

(Terrorizzato)Quali bagnu, a popò....a poporta!

Fanuzza

A porta? Quali porta?

Jachino

(C.s.)A porta chi scinni n'to cimiteru!

Fanuzza

(Cercando di tranquillizzarlo) Putissi arricchiri, mi facisti scantari! Tranquillo Jachinu, è chiusa e i chiavi ci l'avi sulu u domesticu.

Jachino

(Titubante) No, nun ci criu! I chiavi ci l'hannu puru i cadaveri!

Fanuzza

Ma n'soccu strampulii? Comu fannu i cadaveri ad aviri i chiavi siddu sunnu morti!

Jachino

(C.s.) Ma cu tu ricica quannu i tumularu si scurdaru di livaricci i chiavi di casa da sacchetta e ora ca sunnu vampiri hanno libero accesso in ogni stanza?

Fanuzza

E basta cu sta cantilena! Ti vò cunvinciri ca sti cosi nun esistinu? Chiuttostu fatti u signu da cruci e recita 'na bella preghiera pi ringraziari a Marunnuzza ca ni fici attruvari sta bella sistemazioni!

Jachino

(Ironico) Grazie Marunnuzza! Ora sè ca mi sistimavu pi sempri!

SCENA 16

JACHINO - FANUZZA - CECILIA - SASA' - ADDOLORATA

Bussano alla porta

Jachino

(Terrificato)Ahhh, aiutu, mancu u tempu d'arrivari ni dettiru, i vampiri sunnu, nun ci rapiti, nun ci rapiti!

Fanuzza

(Sarcastica) N’ca certu, picchì secunnu tia i vampiri prima di trasiri bussanu a porta veru?(Rispondendo) Chi è?

Sasà

Siamo i domestici signori, possiamo entrare?

Fanuzza

(Con fare altezzoso) Prego, accomodatevi.

Addolorata

(Addolorata e Sasà, candelabri accesi in mano, fanno il loro ingresso alquanto tetro) Buonasera signori,io sono Addolorata!

Jachino

(Di rimando)E lei mancu s'ummaggina quantu sugnu addoloratu iu!

Addolorata

(Continuando) Sono la domestica e questo è Sasà, mio marito. Non vi avevamo sentito arrivare. Sapete, noi abitiamo in una stanzetta dall'altro lato della villa e di sera non attraversiamo mai il lungo corridoio che ci separa da quest'ala!

Jachino

(Sempre più atterrito) E pipì...e pipì....

Fanuzza

(Irritata) Aoh, prima a popò, ora a pipì, ma siddu a ghiri in bagnu picchì nun ci vai?

Jachino

(Con voce tremante) Ma quali bagnu, iu vulia diri pipì...pipì...picchì nun vuliti attravirsari u corridoiu?

Sasà

(Con voce tetra) Ecco, non vorremmo spaventarvi, ma ogni notte si sentono strani rumori provenire da quest'ala della casa!

Jachino

(C.s.) Rurù, rurù, rumori? Chi tipu di rumuri?

Addolorata

(C.s.)Rumori di passi, porte che cigolano e si sente pure bisbigliare. Io una volta ho creduto di sentire le voci dei miei padroni morti.

Jachino

(Portando la mano all’altezza del cuore) Ahh, bedda matri! U sintisti Fanuzza? Allura veru è! Puru iddi i sentinu!

Fanuzza

(Tranquillizzandolo) Sta tranquillu Jachinu, ha sapiri ca l'impressioni è peggiu da malatia, e di poi Addolorata dissi ca ha creduto di sentire, nun è vero Addolorata?

Sasà

(Sussurra qualcosa all'orecchio della moglie) Nun calcari troppu a manu tuttu 'nsemmula!

Addolorata

(Minimizzando) Certo signora, ho creduto di sentire, non c'è nulla di cui avere paura, probabilmente sono solo sensazioni!

Jachino

(Continuando a toccarsi all’altezza del cuore) Giustu dissi, sensazioni! Infatti iu haiu a sensazioni ca mi sta vinennu l'infartu!

Sasà

Noi adesso ci ritiriamo nel nostro alloggio, domattina alle otto prepareremo la colazione.

Jachino

(Con la voce sempre più tremante) Aspittati, dicitimi 'nautra cosa, semu sicuri ca a porta che scinni n'ta cripta è chiusa a doppia mannata?

Sasà

(Congedandosi insiema alla moglie) State tranquillo, le chiavi le ho io soltanto e la porta è ben chiusa. Ma non dovete preoccuparvi, tanto la sotto ci sono soltanto cadaveri!

Jachino

(Preso oramai dal panico) Cacà...cacà....

Fanuzza

‘Nsumma prima a popò, doppu a pipì e ora cacà! Quannu dici tu t'infili dintra u bagnu!

Jachino

(Con una sorta di tic) Cacà...cacà....cadaveri!

Sasà

Vi auguriamo una tranquilla notte, signori!

SCENA 17

JACHINO - FANUZZA

Addolorata e Sasà escono– Jachino si asciuga il sudore dalla fronte.

Fanuzza

Cecilia, gioia mia va sistemati a tò stanza ca a mumenti è ura di irinni a curcari!

Cecilia esce.

Jachino

(Preoccupato dell'imminente notte) Cu è ca fa u primu turnu di guardia?

Fanuzza

Dunni ti senti, a forte Apache? Nun diri fissarii e finiscila di trimari senza motivu! (Raggiante guardandosi ancora intorno)...La mia prima notte da signora! Comu sugnu filici!

Jachino

(Per nulla convinto) La mia prima notte di terrore! Comu sugnu scantatu!

Fanuzza

Pi l'occasioni mi mettu a vestaglia nova. Jachinu, iu vaiu in bagno.

Jachino

(Terrorizzato all'idea di rimanere solo) Vegnu puru io!

Fanuzza

(Bloccandolo) Sè, chiama puru a Cecilia e i domestici accussì facemu 'na bella riunioni di gabinettu! Statti d'unnè ca sì e stà tranquillu!

Esce

SCENA 18

JACHINO - CARMELA - FANUZZA

Jachino

(Tremante come una foglia al vento)Ma cu mi ci purtà n'ta sta situazioni? Era bellu tranquillu a me casa e ora mi trovu ccà, dintra sta catacomba! Brrrrr....staiu surannu friddu.... (chiamala moglie) ... Fanuzza, Fanuzza, finisti?

Si sente una voce femminile fuori scena che sembra provenire dall’oltre tomba – E’ Carmela, la madre di Addolorata che, a sua volta, recita la propria parte........

Carmela Voce f.s.

(Con voce particolarmente lugubre chiama Jachino)...Jachinooo!

Jachino

(Credendo sia la mogliea chiamarlo) Chi c'è Fanuzza, picchì hai sta vuci?

Carmela Voce f.s.

(Ripete)...Jachinooo!

Jachino

(C.s.) Bedda matri, finiscila di babbiari Fanuzza, mi vò fari veniri l'infartu?

Voce f.s.

..... Io non mi chiamo Fanuzza!

Jachino

(Completamente terrorizzato) Aaah, mimì.... mimì....

Carmela Voce f.s.

..... Non mi chiamo nemmeno Mimì!

Jachino

(C.s.)  No, iu dicia... minchiuni, cu siti?

Carmela Voce f.s.

.... Io sono la contessa Artemisia!

Jachino

(Borbottando alcune parole) Buobuò, buobuò, buonasera signora contessa, accocò, accocò, accomodatevi, me mugghieri sta vinennu!

Carmela Voce f.s.

Sto aspettando che si svegli anche mio marito, il conte Sanguinetti!

Jachino

(In preda al terrore) Bedda matri, u conte Sanguinetti? Ma cu siti, parenti dei domestici?

Carmela Voce f.s.

.... Noi non siamo parenti dei domestici, noi siamo i padroni di questa villa!

Fuori piove e si sente il rumore di un forte tuono.

Jachino

Brrrr...aiutu...mortu sugnu! (Comincia a chiamare tutti) Fanuzza.... Cecilia.... signor immobiliare.... Carabinieri.... Vigili Urbani.... aiutu...aiutu....

Fanuzza, preoccupata dalle voci, rientra in scena con la vestaglia da notte.

Fanuzza

(Vedendo il marito in panico sopra il letto) Jachinu, chi hai? Chi successi? (Lo scuote)Jachinu... Jachinu...

Jachino

(Delirante, con gli occhi vitrei, guarda la moglie)....Oh contessa Artemisia, siete voi? 

Fanuzza

Contessa Artemisia? Ma chi strampulii Jachino? Ti senti mali?

Jachino

(C.s.) ...Suo marito, il conte Sanguinetti si è svegliato?  

Fanuzza

(Preoccupata) Bedda matri, chistu foddi nisciu! Jachinu mi senti? Iu sugnu, Fanuzza, tò mugghieri!

Jachino

(Riconoscendo finalmente la moglie) Ahh, Fanuzza, Fanuzza mia bedda!

Fanuzza

(Informandosi) Chi fu? Chi ti successi? Parra!

Jachino

(Tranquillizato dalla presenza della moglie) Fanuzza, menumali ca si ccà! (Con il fiatone).....Fanuzza, a n'tisi!

Fanuzza

A sintisti? A cui?

Jachino

(Ricordando quanto accaduto) A contessa Artemisia, mi parrò attraversu a porta chi scinni n’ta cripta, stava aspittannu ca s'arruvighiava puru sò maritu, u conti Sanguinetti! 

Fanuzza

(Infuriata) Jachinu, basta, basta, si troppu impressionatu! Tu sintisti sulu a tò cuscienza scantata! Veni ccà, veni cu mia ca t'aiuto a mittiriti u pigiama pa notti!

Jachino

(Borbottando) U pipì... u pipì... 

Fanuzza

Sè, sè u pipì.... u pigiama... veni cu mia!

Escono di scena

SCENA 19

ADDOLORATA - SASA'

Breve pausa, quindi rientrano Sasà e Addolorata.

Addolorata

(Con la convinzione che tutto procede per il meglio) Quasi fatta è! Stanotti completamu l'opera!

Sasà

(Coordinando i lavori) Ognunu ai propri posti. Dicci a tò matri ca nun si movi didarrè a porta chi scinni n'ta cripta! Iu mi sistemu darrè u lettu matrimoniali! 

Addolorata

(Poco convinta delle disposizioni dettate dal marito) Ma picchì si ci havi a mettiri propiu mè matri d'arrè a porta chi scinni n'ta cripta?

Sasà

(Fornendo una plausibile spiegazione) Primu picchì a mia e a tia già ni canuscinu e secunnu mi servi 'na faccia laria comu chidda di tò matri!

Addolorata

(Ribadendo nervosamente) Ha parlato il maschio seducente! Ma cu ti criri di essiri?

Sasà

(Offeso) Cu mi criu di essiri? Iut'arricordu ca quannu era picciottu a mia mi chiamavano Sasà Sciupafimmini!

Addolorata

(Ironica)....Sciupafimmini... ma ti taliasti bonu o specchiu? Siddu ha fari scantari i novi arrivati nun c’è bisognu di travestimenti, basta ca ti fa vidiri e scappanu a razzu!

Sasà

(Replicando) Però nun dicii accussì vint'anni fa quannu ni maritamu! Ti giuru ca siddu arriniscemu a sistimare sta facenna avemu a parrari a quattrocchi cara mugghieri! Sta storia nun pò chiù iri avanti!

Addolorata

(Contrariata) Ma viri chi stà facennu pi na stanzicedda ca ci detti a mè matri!

Sasà

(Sorpreso) ‘Na stanzicedda? Tu scurdasti quannu m’addumannà u permessu di veniri a stari cu nuautri? (Imitandocon sfottò la suocera) Sasà, me lo date un angolino?

Addolorata

(Invitandolo a completare il senso del discorso) ... E allura?

Sasà

(Concludendo) Alla faccia dell’angolino ....! Si presentò e senza crianza, si futtiu u megghiu lettu e a megghiu stanza! All’angolinu ci ivi a finiri iu e pi ghiunta vulissi fari puru a cumannanti! Ma ora basta, n'ta sta casa nun c'è posto pi tutti!

Addolorata

(In difesa della madre) Finalmenti u capisti?Avi ca u dicu iu! Quannu finisci sta storia levati di mezzu i peri e nun turnari chiù!

Sasà

(C.s.) N'ca va, vilissi essiri veru un vampiru pi darivi un muzzicuni n'to coddu a tia e a tò matri!

Addolorata

(Sfidandolo) E picchì nun ci provi?

Sasà

(Ripensandoci) E’ megghiu ca lassu perdiri picchì sugnu sicuru ca vuautriaviti u sangu avvelenatu!

Innervosito Sasà mette fine alla discussione e si sistema dietro il letto, Addolorata esce. Dopo alcuni secondi si sentono voci fuori scena e subito dopo rientrano Jachino e Fanuzza. Jachino, oltre al pigiama, indossa un collare ortopedico.

SCENA 20

JACHINO - FANUZZA

Fanuzza

(Voce f.s.) Jachinu, comu ti senti? Ti tranquilizzasti? Nun ti senti chiù friscu cu pigiama?

Jachino

(Borbottando) N'ca perciò, una rosa! 

Fanuzza

(Accorgendosi solo adesso dell’abbigliamento del marito) Ma n’soccu ti mettisti n’to coddu?

Jachino

U collarinu, picchi? 

Fanuzza

Ma di quannè ca soffri di cervicali?

Jachino

Cervicali? Veramenti nun ci haiu suffrutu mai!

Fanuzza

E allura picchì tu mittisti?

Jachino

(Spiegando) Servi pi vampiri! Questo è un collarino antimuzzicuni!

Fanuzza

Ah, sè? Antimuzzicuni? E siddu ti muzzicanu n'to n'vrazzu oppuru n'ta iamma?

Jachino

N'to vrazzu e n'ta jamma nun mi muzzicanu picchì sugnu pilusu e i vampiri chi pila s'affucanu! Di solitu l'estrazione avviene dal collo!

Fanuzza

(C.s.) Sè, l'estrazione del lotto! Ma va curcati, fammi u fauri!

Mentre Fanuzza si sistema sotto le coperte, Jachino prende, dal vicino comodino, una treccia di aglio e se la mette al collo.

Fanuzza

(Annusando l’aria) Ma chi è sta puzza d’agghia?

Jachino

(Rispondendo a tono) Quali puzza? Iu nun sentu nenti!

Fanuzza

(Si volta verso il marito e si accorge della treccia) Nautra, e ora n’soccu vulissi fari cu sta collana?

Jachino

Comu chi vulissi fari? Mi stai sistimannu pa notti!

Fanuzza

(Contrariata) E secunnu tia iu avissi a dormiri cu 'na trizza d'agghia sutta i coperti?

Jachino

Ma iu u dicu puru pi tia! Siddu stanotti vennu i vampiri?

Fanuzza

(Scherzandoci su) N’ca certu!Accussì siddu vennu i vampiri invitamu a cena e ci facemu dui spaghetti agghiu e ogghiu! Ma va levati st'ornamentu du coddu e cerca di dormiri! 

Spengono finalmente le luci con l’interruttore situato accanto il letto. Fuori piove e tuona.

Jachino

(In preda al panico dopo alcuni secondi in silenzio chiama la moglie) Fanuzza...Fanuzza chi fa dormi?

Fanuzza

(Innervosita) Ohuuuu, nun accuminciari sai? Lassami dormiri ca mi sentu a pezzi! Tu nun si senti stancu mortu?

Jachino

No Fanuzza, iu mi sentu sulu mortu!

Fanuzza

(In dormiveglia) Dormi....dormi... sta tranquillu....ca nun succeri nenti....sta tranq..... zzzzz....zzzzz.... (Si mette a russare)

Jachino

(Contrariato) Mi, chi velocità, già a russari si misi! Iu taliu ddà porta e mi veni u trimulizzu! (Si mette il cuscino sopra la testa) Spiramu di putiri dormiri tanticchia!

La stanchezza ha il sopravvento e anche Jachino si addormenta ....ma dopo alcuni secondi si sente chiamare....

Voce f.s.

...Jachinooo!

Jachino

(In dormiveglia) Ehh... Ah... chi c'è Fanuzza?

Voce f.s.

....Sono qui Jachino...

Jachino

(C.s.) Dunni sì? Picchì ti susisti Fanuzza?

Voce f.s.

...Io non sono Fanuzza.....guardami...

La porta che scende nella cripta si apre con un sinistro scricchiolio e, resa terrificante da un gioco di luci, si staglia davanti la figura di Carmela, la faccia cosparsa di cipria e avvolta da un mantello nero.

Jachino

(In preda al terrore)Ahhh, aiutu Fanuzza, i cadaveri....i vampiri....

La porta che scende nella cripta si richiude immediatamente.

Fanuzza

(Svegliata dalle grida) Ancora? Chi c’è stavota? Pazza mi stai facennu addivintari!

Jachino

(Gridando sempre più forte).....A vitti, Fanuzza, a vitti!

Fanuzza

(Allo stremo della sopportazione) A viristi a cui? Dunni?

Jachino

(Balbettando) Ddà, na popò da cricrì.... 

Fanuzza

(C.s.) Na popò da cricrì? Ma n’soccu strampulii? Iu cu tia nun ci ha fazzu chiù!

Jachino

Na popò da cricrì... na poporta da cripta...a contessa Artemisia vistuta di vampira darrè a poporta chi scinni n’ta cripta!

Fanuzza

(Con sfottò) Sè? E picchì nun na facii trasiri ca ci offriamu un bellu cafè! (Si alza dal letto e si avvicina alla porta che scende nella cripta) Amunì, videmu chi faccia avi sta contessa! (Cerca di aprire la porta ma è chiusa a chiave)Signora contessa mi sente? Siccome che la porta è chiusa a chiave, rapissi lei, trasissi, ca ci presentu a du babbu di mè maritu ca m'invitò a fari a notte bianca!

Jachino

(Gridando la sua verità) T’assicuru ca c’era, tutta vistuta di nivuru cu i denti canini di fora!

Fanuzza

Jachinu, tu mi stà mannannu o manicomiu! U vò capiri ca n’ta sta stanza oltri a mia e a tia nun c’è chiù nuddu?

Jachino

(C.s.) C’era, c’era ti dicu, a vitti comu ora viu a tia!

Fanuzza

(Arrendendosi) U capivi, nun c’è versu! Iu mi va curcu n’ta stanza cu Cecilia!

Jachino

(Nel panico) Chi cosa? E mi vò lassari sulu? 

Fanuzza

(Ormai sfinita) Sissignori, siddu cuntinui ancora cu sta storia ti lassu sulu e mi va curcu ‘nto lettu cu tò figghia,

Jachino

(Rimproverandola) Chistu è u beni ca mi voi? Chi dissi u parrinu quannu ni maritamu? Stare insieme nella salute e nella malattia!

Fanuzza

(C.s.) Appuntu, tu malata mi stà facennu addivintari! Haiu sonnuuu, vogghiu dormiriiii, u capistiiiii?

Jachino

(Spaventato dall’idea di rimanere solo) Va bene Fanuzza, calmati, nun parru chiù, tu promettu. Ma nun mi lassari sulu!

Fanuzza e Jachino si rimettono a letto e lei si riaddormenta subito.

Jachino

(Pregando con il cuscino sopra la testa) Ma comu schifiu fa, mancu a testa n'capu u cuscinu posa, e già dormi! Sugnu stancu, vulissi dormiri puru iu!

Jachino, sopraffatto dalla stanchezza, si riaddormenta. Sia lui che la moglie sono coricati dandosi le spalle e Sasà, che nel frattempo si è materializzato da dietro il letto, inizia le manovre per non dare pace a Jachino e comincia accarezzandogli le orecchie....

Jachino

(Credendo sia la moglie) Ohh Fanuzza, t'arringraziu ca mi vò fari calmari, stammi vicinu! (Emettendo gemiti di piacere) Aahh, oohh Fanuzza,miii Fanuzza, mi sentu acchianari a prissioni!

Sasà continua accarezzandogli le spalle....

Jachino

(C.S.) Aahh fanuzza, Oohh Fanuzza, chi bedda manu cavura chi hai! Mi sentu comu 'na pignata ca vugghi!

Sasà continua facendo scendere la mano più in basso....

Jachino

(C.S.) Iiihh, ahhh, oohh Fanuzza, Fanuzzamia bedda....Pi quantu mi sentu u focu dintra però te cunfissari ca sarà u scantu di oggi, sarà chi appi ‘na iurnata tormentata,stasiranun mi sentu prontu,ma ti promettu ca si dumani matina semu ancora vivi, ni riparramu! Dammi 'na vasatedda e addurmiscemuni!

Sasà bacia Jachino e si nasconde di nuovo dietro il letto.

Jachino

(Stupito per avere ricevuto un bacio pungente) Fanuzza, ti cunsigghiu di circari quacchi rimediu picchì pari a mia ca avissi tanticchia di peluria n'ta faccia!

Fanuzza

(Svegliandosi nervosamente) Bastaaaaaa! Foddi staiu niscennu! Avi un quartu d'ura ca parri sulu comu unu squilibratu! Vogghiu dormiriiii, vogghiu dormiri, u capistiiiiiii?

Jachino

(Stupito) Ma chi fai Fanuzza, prima cerchi l'approcciu e di poi ti lamenti?

Fanuzza

(Nella massima sofferenza) Ma di quali approcciu parri? 

Jachino

(C.S.) Stricamentu, contattu ravvicinatu, vampi di caluri,comu i chiami?

Fanuzza

Sè, a vampa di to soru! Ma quali contattu e stricamentu, va dormi! Sugnu stanca morta e staiu pinsannu propriu a tia!

Jachino

(C.S.) Boh, chi voi ca ti dicu, puru a mia pareva stranu! A capurannu mancanu ancora setti misi!

Jachino fa la conta con le dita fino a tre e Fanuzza si riaddormenta.

Jachino

(Lamentandosia bassa voce) Tri secunni, record olimpicu! Ma comu schifiu fa! Sugnu stancu, vulissi dormiri puru iu pi nun sentiri e nun vidiri nenti! San Jachinu miu, aiutami tu! Ti ni preu, dammi 'na manu!

Da dietro il letto Sasà porge a Jachino una mano di gomma insanguinata.

Jachino

(Ormai delirante) Grazie San Jachinu, (Accortosi dell'arto insanguinato) Ahhh, aiutu Fanuzza, a manu... u vrazzu... i cadaveri ... i vampiri ...

Fanuzza

(Svegliatasi) Bastaaaaaa!Pazza staiu niscennu! N'socchè chi hai ora?

Fanuzza, nella penombra, si accorge del braccio mozzato e si mette ad urlare anche lei.

Fanuzza

(Terrorizzata) Ahhh, e di cu è sta cosa?

Jachino

(C.s.) Sarà u vrazzu da contessa! Aiutu...aiutu...

Sempre da dietro il letto Sasà lancia una gamba di gomma insanguinata.

Fanuzza

(C.s.) Ahhh, e chista chi cos'è?

Jachino

(C.s.) Sarà u peri du conte! Aiutu...aiutu...

Attirata dalle urla, Cecilia irrompe nella stanza.

SCENA 21

JACHINO - CECILIA - FANUZZA

Cecilia

(Preoccupata) Mamà, papà chi succeri?

Fanuzza

(In agitazione) Cecilia, figghia mia, tò patri avia ragiuni! priparammuni, scappamu! Tuttu veru è, sta casa è 'nfistata!

Cecilia

(Incuriosita) Ma picchì mamà, chi successi?

Fanuzza

(C.s.) Tò patri attruvà 'na manu!

Cecilia

(Fraintendendo) Una manu d'aiutu pi farimi truvari un picciottu?

Fanuzza

(Terrorizzata) Ma quali manu d'aiutu cretina! 'Na manu vera e puru un peri! Scappamu prestu!

Cecilia

(Sempre più incuriosita) Dunn'è chi l'attruvasti stu vrazzu e stu peri papà, siddu quannu vinnimu nun c'eranu?

Fanuzza

(Insospettita) Ragiuni avi tò figghia, Jachinu! D'unnè ca l'attruvasti?

Jachino

Chi ni sacciu, stava priannu a san Jachinu di darimi 'na manu e u Santu m'accuntintà. Mi pruiu 'na manu di sutta u lettu!

Fanuzza e Cecilia si abbassano sotto il letto e si accorgono della presenza di Sasà.

Fanuzza

(Sorpresa) E chistu cu è? Veni fora subitu!

Jachino

Fanuzza ma n'soccu fai? Chi parri chi cataveri?

Fanuzza

(Fuori di sé, tirando Sasà, da sotto il letto, per i piedi) N'ca quali cadavere, chistu è in carne ed ossa, è u domesticu e ora m'havi a diri n'soccu ci facia sutta u nostru lettu! 

SCENA 22

JACHINO - FANUZZA - SASA' - ADDOLORATA - CECILIA

Sasà

(Preoccupato) Aspittati, non mi faciti mali, vi possu spiegari!

Fanuzza

Chi veni a diri ni putiti spiegari? N'soccu ci facia sutta u mè lettu? Parrassi! (Gli salta addosso)

Nel frattempo Cecilia si accorge che sia la mano che la gamba mozzate sono di gomma.

Cecilia

(Mostrandole alla madre) Talè mamà, sunnu finti, sunnu di umma!

Jachino

(Incredulo) Ma chi significa tuttu chistu? 

Fanuzza

(Fuori di se inveendo contro Sasà) Parrassi! Parrassi prima ca l'affucu!

Sasà

(Terrorizzato chiama la moglie in aiuto) Aiuto, aiutu, Addolorata.....

Jachino

(C.s.) Ma si po’ sapirichi sta succirennu?

Entra Addolorata

Addolorata

(Aiutando Sasà a rialzarsi)Sasà, gioia mia, chi ti ficiru sti sfrattati? 

Sasà

(Dispiaciuto) Addolorata, mi dispiaci, mi scupreru!

Fanuzza

(In piena confusione) Ma chi veni a significari tutta sta storia?

Addolorata

(Arrendendosi all'evidenza) Signora, vi possiamo spiegare!

Fanuzza

E sintemula sta spiegazioni!

Addolorata

(In imbarazzo) Noi siamo povera gente, proprio come voi, quindi potete capirci!

Jachino

Capiri cosa?

Sasà

(Confessando) Fu tutta 'na finzioni! Pi cincu anniamu statu i patruna di sta villa e nun vuliamu ca ci veniva abitari nuddu!

Addolorata

(C.s.) Fummu nuautri a mettiri in giro a voci da casa 'nfistata pi teniritutti luntanu di sta villa!

Fanuzza

(Ironica al marito) U sintisti Jachinu? E tu comu un babbu crirevi a storia di cataveri e vampiri!

Jachino

(Finalmente tranquillizzato) Pezzi di truffardini! Eccu picchì stu villinu nun si putia affittari! 

Sasà

Trimavanu tutti sulu a sentiri nominari "Villa Mortimer"! Tutti tranni vuautri! Complimenti pu curaggiu!

Jachino

A essiri sinceru nun era curaggiu, era dispirazioni! Ma allura voli diri ca sta casa nun è ‘nfistata!

Addolorata

(Confermando) Ma quali ‘nfistata, n’ta sta villa si stà comu i pascià! 

Jachino

Ma i cataveri n’to sotteraneo ci sunnu o nun ci sunnu?

Sasà

(Confermando) Ci sunnu! Ma i morti nun hannu mai datu fastidiu a nuddu! E’ di vivi ca unu s'havi a scantari!

Fanuzza

(Minacciandoli) Per l'appuntu, v'aviti a scantari di vivi, picchì ora v'addenunciamu all'agenzia Immobiliari!

Cecilia

(Approvando la decisione della madre) Se, mamà, denunciamuli accussì mi veni a trova du beddu picciottu di l’agenzia!

Addolorata

(Cercando di dissuaderli) Un momento, nun vi cunvenidenunciarinni!

Fanuzza

(Con sfottò) Sè? Nun ni cunveni? E picchì, sintemu!

Addolorata

(Fornendo un valido argomento) Siddu ni denunciati, l'agenzia veni a cunuscenza chi sta casa nun è chiù 'nfistata! E secunnu vui n'soccu succeri?

Fanuzza

Succeri ca vi eccanu fora e vi sbattinu n'galera!

Sasà

Sè, mentri a vui nun vi succeri nenti veru?

Jachino

E n'soccu n'havi a succeriri? Nuautri avemu un regolare contrattu di locazioni!

Sasà

(Informandosi) U contrattu di locazioni a rinnovu annuali, veru?

Jachino

(Confermando) Sissignori, e allura?

Addolorata

(Intervenendo) N'soccu pinsati chi farà l'agenzia quannu si verrà a sapiri ca a storia da meledizioni di sta casa nun era vera?

Jachino

E n'soccu avi a fari? Tra un annu ni rinnovanu u cuntr.... (Si interrompe di colpo, giungendo alla conclusione).... Bedda matri .....veru è!

Sasà

(Ammiccando) Finalmenti u capistivu!

Fanuzza

(Informandosi con il marito) Chi c'è Jachinu, siddu mu vò fari capiri puru a mia!

Jachino

(Spiegando alla moglie) Fanuzza ma nun capisci? 'Na vota ca in giru si veni a sapiri ca era tuttu un 'mbrogghiu e ca sta villa nun è 'nfistata, tra un annu l'agenzia nun ni rinnova a locazioni, ni ecca fora e affitta o reale valuri da casa!

Sasà

(Confermando il concetto) Complimenti per la conclusione!

Jachino

(Informandosi) E allura? N'soccu c'è di fari?

Addolorata

(Intervenendo) 'Na soluzioni ci fussi! 

Fanuzza

(Interessata) Quali soluzioni?

Addolorata

(Esponendo la sua idea) Sta casa è abbastanza granni pi tutti! Dividemunni i stanzie i bagni e u jocu è fattu!

Jachino

(Dubbioso) E i tricentu euro d’affittu ca nuatri amu a pagamu ogni misi?

Sasà

(Risoluto) Ni spartemu 150 euro a famigghia! E addivintamu tutti complici!

Jachino

(C.s.) Chi veni a diriaddivintamu tutti complici?

Addolorata

Ca avemu a collaborari tutti per continuari a fari cririri ca sta villa è ‘nfistata! Specialmenti vuautri, aviti a fari cririri all’agenzia, a tutti l’amici e i genti ca canusciti, ca siddu arristati ccà è sulu pi dispirazioni!

Sasà

(Concludendo) E vi facemu avvidisi ca nuddu chiù ni ecca fora!

Jachino, Fanuzza e Cecilia si appartano per decidere, quindi Jachino prende la parola.

Jachino

E va bene, semu tutti d’accordu,ma a pattu e condizioni! siddu n’hamu a teniri sta stanza di lettu, a porta chi scinni n’ta cripta s’havi a murari!

Addolorata

(Ricordandosi solo adesso che la madre è ancora nei sotterranei) A porta chi scin..... a cripta .... a mè matri ni scurdamu

Sasà apre la porta della cripta e non vede più la suocera.

Sasà

(Chiamando ad alta voce) Soggira...soggira... d’unnè ca s’ammuccià?

Carmela Voce f.s.

(Inviperita) Sasà, curnutazzu, jenneru senza cori...

Jachino

(Terrorizzato) Ahhh... aiutu... i cadaveri....

Sasà

(Sarcastico) N'ca quali cadaveri, nun si scantassi! A vuci ca senti è chidda d'un vampiru!

Jachino

(C.s.) Cocò ... cocò... cocomu di un vampiru?

Sasà

(C.s.) Propriu d’accussì! Un vampiru! ‘Na sucasangu di profissioni! Mè soggira!

Carmela fa il suo ingresso in scena

SCENA 23

JACHINO - FANUZZA - PEPPE - ADDOLORATA - SASA'  CARMELA - CECILIA

Carmela

(Ansimante) Ahhh, mali mi stava sintennu....

Addolorata

(Aiutando la madre a riprendersi) Ma n’soccu ci facevi ddà sutta?

Carmela

(Indicando Fanuzza) Sta sfrattata stava rapennu a porta pi controllari e io pi nun farimi avvidiri scinnivi n’to sotterraneo e arristai chiusa ddà sutta,d’arrè u cancellu arruginutu ca non si puteva rapiri, 'nsemmula i morti! Avi menz’uraca vuciu e nun mi sintia nuddu!

Fanuzza

(Ironica, al marito) Jachinu, u capisti cu è chista veru? A contessa Artemisia!

Jachino

(Sfottendola) Cara contessa, suo marito il conte Sanguinetti s’arruspigghio? (Irritato) Grannissima cosa ‘nutili ....mi stava facennu pigghiari un corpu! N’ca và, quasi quasi ci u dassi iu un muzzicuni n’to coddu!

Sasà

(Sarcastico) Nun ciù cunsigghiu! Mè soggiri n’te vini nun havi sangu, avi acidu muriaticu!

Carmela

(Ironica) Parrò u filosofo!

Sasà

(C.s.) Chi ci voli fari, iu nun sugnu sulu beddu, sugnu puru intelligente!

Addolorata

(Infastidita) Chi fa ricuminciati a sciarriarivi? Pinsamu chiuttostu pi organizzarinni.

Fanuzza

(Approvando) Giustu, accuminciamu a fari i spartimenti! (Si apprestano ad uscire tutti) Veni, Jachinu!

Jachino

(Spossato si siede sul letto) Pinsatici vuautri, io m'arriposu tanticchia, tutti st'avvenimenti mi livaru i forzi! (Rimasto solo) Avia ragiuni mè mugghieri, eranu tutti fissarii, i vampiri nun esistinu!

SCENA 24

JACHINO

Spossato dalla tensione siede a bordo letto con la testa tra le mani, quando, tutto ad un tratto, una voce tenebrosa proveniente fuori scena, lo chiama.

Voce f.s.

Jachinoooo....Jachinoooo.....

Jachino

(Sobbalza dalla paura) Bedda matri, chi fa ricuminciamu? Chi siti pi casu u conti Sanguinetti?

Voce f.s.

(Tranquillizzandolo) No Jachino, sono la voce della tua coscienza!

Jachino

(Sorpreso) A vuci da mè cuscenza?

Voce f.s.

Si Jachino, sono la voce della tua coscienza per ammonirti di non credere a ciò che hai detto poco fa!

Jachino

(C.s.) Picchì, chi dissi?

Voce f.s.

Che i vampiri non esistono!

Jachino

(Spaventato) Bedda matri, picchì, chi fà esistinu?

Voce f.s.

Certo che esistono! Ma non sono quelli che pensi tu! Sono coloro che succhiano il sangue ai più deboli attraverso la prepotenza, l'imposizione, l'inganno! Sono coloro che non si fanno scrupoli di chi soffre, di chi vive di stenti come il tuo datore di lavoro che accampa mille scuse per non farti lavorare, come il tuo ex padrone di casa che ti ha dato lo sfratto buttandoti in mezzo ad una strada con pochi giorni di preavviso o come quei due venditori ambulanti dell'agenzia immobiliare che con l'inganno ti hanno propinato l'affitto di questo villino!

Jachino

E allura? Comu m'haiu a cumpurtari?

Voce f.s.

(Concludendo) D'ora in poi tu saprai come comportarti, Jachino. L'esperienza l'hai vissuta...fanne tesoro!

Jachino si rivolge al pubblico

§

Avi ragiuni a vuci da mè cuscenza,

nun è di morti ca n'amu a scantari.

N'ta stu munnu c'è tanta prepotenza

e i percorsi di sta vita sunnu amari.

Ma si facennu presa 'ncapu a tò 'gnoranza

quacchidunu ti vulissi sovrastari,

nun ti suttamettiri all'arroganza

picchì u sangu.....nun ti la fari sucari!

Silvio Marascia 2016

FINE

    Questo copione è stato visto
  • 0 volte nelle ultime 48 ore
  • 0 volte nell' ultima settimana
  • 7 volte nell' ultimo mese
  • 15 volte nell' arco di un'anno