Massima discrezione

Stampa questo copione

MASSIMA DISCREZIONE

                                                                            TEATRO COMICO NAPOLETANO

MASSIMA DISCREZIONE

2005

Atto unico

di

Colomba Rosaria ANDOLFI

Non sono consentiti adattamenti o riduzioni, né modifiche del testo, né variazioni del titolo. Non è, altresì, consentita la traduzione in altre lingue o dialetti, senza espressa autorizzazione, scritta e firmata dall’autrice. L’opera è tutelata dalla S.I.A.E. in base alle leggi vigenti sui diritti d’autore. Tutti i diritti sono riservati. 

Opera tutelata dalla S.I.A.E.

                                                                         TEATRO COMICO NAPOLETANO

MASSIMA DISCREZIONE

2005

Atto unico

di

 Colomba Rosaria ANDOLFI

PERSONAGGI

Roberto Terziano, dentista

Mimì, amico parrucchiere

Gennaro, portiere

Signora Ginevra, prima cliente                  

Adriana, seconda cliente

Titina, donna di passaggio

MASSIMA DISCREZIONE

Atto unico

di Colomba Rosaria Andolfi

Caratteristiche dei personaggi

Roberto Terziano: dentista sulla quarantina, dotato di un certo fascino.

Mimì: uomo bruno sulla quarantina, un po’ robusto e piuttosto basso.

Gennaro: portiere sulla cinquantina, molto ignorante.

Signora Ginevra: donna di mezza età, molto snob, molto truccata, molto fru fru nell’abbigliamento.

Adriana: donna piacente sulla trentina. Indossa un elegante tailleur che ne mette in risalto la figura.

Titina: donna del popolo sulla sessantina, semplice e affabile. L’abbigliamento non ha pretese; le scarpe sono comode e basse; la borsa è capiente.  

MASSIMA DISCREZIONE
Atto unico di Colomba Rosaria Andolfi

Sul fondo: una porta semiaperta; appesa, di lato alla porta, una gigantografia di denti e molari (*). Sulla parete sinistra, guardando il palcoscenico, c’è la comune. Sulla parete destra, quasi in proscenio: una finestra con tenda chiusa e più indietro, verso il fondo scena, un mobiletto basso che funge da schedario. La scrivania, dotata di qualche cassetto, è sistemata diagonalmente, in modo che la poltrona dia quasi le spalle alla finestra, così da rendere ben visibile al pubblico il personaggio, che sarà seduto su una delle due poltroncine frontali.

Sulla scrivania: un telefono fisso, un’agenda da tavolo, un fermacarte a forma di dentiera, un portapenne con qualche penna e una scatola di cartone contenente un’agenda da tavolo di colore diverso, un cellulare e una cartellina con alcuni fogli prestampati.

Una grande pianta, una colonnina e qualche quadro completano l’arredamento.

(*) Sul retro della stampa è incollato un cartello con la scritta su due righi: MASSIMA DISCREZIONE - Agenzia Matrimoniale

-----------------------

ROBERTO (in camice bianco, viene fuori dalla porta sul fondo, seguito dall’amico): Mimì, nun te tuccà!

MIMÌ (togliendosi il pollice dalla bocca) : Ma io vulevo sentì comm’è venuto.   

ROBERTO  : È venuto nu capolavoro… Mò, però, nun hé ’a mangià pe’ tre-quatt’ore si no ’a piombatura se ne cade.

MIMÌ : L’importante è ca pozzo mangià dimane… Songo stato invitato ’o ristorante pe’ nu battesimo e llà se mangia bbuono…

ROBERTO : E pe’ dimane nun ce stanno problemi…Può mangià a sazietà…

GENNARO : Permesso?…

ROBERTO : Ah, Gennà, trasite!…

GENNARO : Bonasera, dottò… Scusate, stasera aggio fatto cchiù tarde…’A gente ’e stu palazzo nun s’ ’o vvò mettere ’ncapo che quanno i’ chiudo ’a guardiola nun faccio cchiù ’o purtiere… E po’ i’ tengo che fà… (Rivolto a Mimì) Pe’ tirà ’a varca m’arrangio comme pozzo, pure cu quacche serveziello… ’A vita s’è fatta troppo cara…

MIMÌ : Eh, già.

ROBERTO : Gennà, v’arraccumanno ’o bagno… Oggi è stata giornata di visite…

GENNARO (uscendo di scena) : Sissignore, non dubitate…

ROBERTO (tono confidenziale) : Gennaro me vene a pulezzà nu poco ’o studio… ’A polacca che tenevo se n’è ghiuta… E po’ Gennaro stà a purtata ’e mano...

MIMÌ : ’O naso e ’a vocca… ’A porta toja stà propio vicino ’a guardiola… Però ’a polacca era na bella femmena… A me comme me piaceva!

ROBERTO : Me ricordo…

GENNARO (rientra in scena con un pacco semivuoto di rotoli di carta igienica) :  Dottò, aggio miso n’atu rotulo ’e carta incienica… ’O rotulo c’avevo miso stammatina è fernuto… Se vede ca ’e ccliente voste so’ tutte lasche ’e rine…

MIMÌ : Ma pecché songo sulo cliente femmene?…

GENNARO (sorride) : No, ma ’e ffemmene so’ cchiù assaje … Cert’è ca ’a carta incienica ccà scumparisce… Aggio propeto vedé stu rotulo ca mò aggio miso quanno dura…

ROBERTO (per tagliare corto) : Allora, mò ’o bagno stà a posto?

GENNARO : Sì… ’O ssapone, chillo ca se spremme e ghiesce, ce stà ancora…

ROBERTO : E ’a targa for’ ’a porta l’avite luvata?…

GENNARO : No, mò ’a levo…

MIMÌ : E pecché?…

ROBERTO : P’ ’a lucidà buono…

GENNARO (guardando Mimì) : Tutte ’e venerdì è chesto… Chella targa è addeventata propio na fissazione… ’A luvammo e ’a mettimmo.

MIMÌ (meravigliato) : Overo?…

GENNARO (rassegnato) : È meglio ca ’a vaco a luvà, si no me scordo…(esce di scena).

MIMÌ (guarda l’orologio): Robé, s’è fatto tarde…  Me ne vulesse jì… Dimme quanno aggi’ ’a venì...

ROBERTO (distratto) : Pe’ che cosa?…

MIMÌ : P’ ’a mola…

ROBERTO : Ah, già! (Sfoglia l’agenda) E vabbuo’ ce vedimmo… giovedì che vvene verso ’e sette.

MIMÌ (meravigliato) : ’E sette ’a matina!

ROBERTO : Ma no, ’e sette ’a sera… ore diciannove.

MIMÌ : Robè, è meglio si facimmo ’e ssette e meza…. È p’ ’o negozio…

ROBERTO : E vabbuo’ (Segna sull’agenda) ore 19,30… A pruposito ’e negozio, sta settimana vulesse venì a m’accuncià nu poco ’e capille…

MIMÌ : Si viene verso ’e ddoje, te spiccio ampressa ampressa… A chell’ora nun ce sta maje nisciuno.

ROBERTO (si sbottona il camice, senza toglierlo): Allora pò essere che vengo martedì.

MIMÌ : Robè, si vuo’, t’aspetto… accussì ce ne scennimmo ’nzieme.

ROBERTO  : No, no, va… io me trattengo n’atu ppoco pe’ fà na telefonata.

MIMÌ (tono ammiccante) : Aggio capito… Me fa piacere pe’ te… Si ’a telefonata nun è llonga me trattengo … Me metto assettato a leggere nu giurnale…

ROBERTO  : ’O giurnale nun ’o tengo, l’aggio lasciato ’a casa (si siede alla scrivania).

MIMÌ : E va buo’ me leggo na rivista ’a llà, int’ ’o saluttino…

ROBERTO (infastidito) : ’E rriviste so’ vecchie… Ma nun ghive e pressa?…

 

MIMÌ (lo interrompe, sorridendo) : Aggio capito, vuo’ restà sulo. (Si avvia lentamente verso la comune) Allora, ciao… Ce vedimmo… (si ferma per ascoltare).

ROBERTO : Ciao… (Seccato) Ciao, Mimì!… (solleva la cornetta del telefono).

MIMÌ : Vuo’ che resto?…

ROBERTO : No, voglio ca te ne vaje.

MIMÌ : E sissignore…  (Allusivo) Bona serata! (esce di scena).

ROBERTO (sbrigativo) : Pure a te… (Compone a memoria un numero di telefono e aspetta) Pronto?… Marì, allora che se dice?…Comme stà?…… Facive meglio a rummané zetella, sora mia, invece ’e te piglià a chillu coso!…… (Adirato) Ma io, cchiù ’e lle prestà ’o studio mio tutte ’e sabate, che pozzo fà?!…… (Tono più pacato) Certo ca me dispiace… St’incidente nun ce vuleva, ma si s’è fatto male è pecché guida comm’ a nu pazzo… Mò, sperammo sulo ca se rimette ampressa…… Nu pacchetto?!…  Ah, sì, me l’hanno purtato, stà ccà…… E che ce aggi’ ’a fà cu ’o cellulare sujo e l’agenda!? (Nervoso) Che cosa?!!!… Ce ha dato ’o nomme mio!?… Ma che me ’nvento!… Io facco ’o dentista, nun faccio ’o ruffiano comm’ a isso! (Tono pacato) E mò nun chiagnere… Va bbuo’, va bbuo’; veco che pozzo fà…… Sì, sì, salutammillo…… ’A stampa che stà appesa ’o muro?… E doppo ’a giro… Ciao (Chiude la conversazione e parla fra sé) Ma vedite pe’ dimane che me sta astipato!… (Raccoglie dalla scrivania la sua agenda personale e il fermacarte a forma di dentiera e li ripone in un cassetto)Annascunnimmo sta rrobba… (Si alza, apre una scatola di cartone e tira fuori il cellulare, l’agenda da tavolo e la cartellina del cognato) Ma vedite, io, nu professionista serio, m’aggi’ ’a prestà a fà sti ccose!… (Dà una scorsa ai fogli  contenuti all’interno di una cartellina)Overamente ’e pariente danno sulo prubleme… (Si guarda intorno) A me me pare che sta tutto a posto… Ah, già!  (Va verso la stampa che è appesa alla parete, la stacca e incuriosito la gira, leggendo il cartello incollato sul retro con la scritta su due righi) MASSIMA DISCREZIONE - Agenzia matrimoniale. (L’appende) E bravo a mio cognato!… Comme s’è organizzato!…(sfilandosi il camice, esce di scena).

BUIO e MUSICA  (passaggio del tempo)

LUCI

Giorno dopo (sabato mattina)

ROBERTO (in giacca e cravatta, entra in scena dalla comune) : Uffà!

 Squillo del cellulare del cognato che sta sulla scrivania

ROBERTO (si precipita a rispondere) : Pronto?… (Occhi al cielo)… Sì, noi lavoriamo anche il sabato, soprattutto di sabato….. (Si siede) Un attimo, signora… prendo la penna e preparo la sua scheda… (Prende uno dei fogli prestampati dalla cartellina che è sulla scrivania) Allora, cara signora, mi dica il suo nome Ma certo, il nostro motto è “massima discrezione”  D’accordo, segnerò soltanto (Scrive sotto dettatura) Rosa tea romantica e piacente… Età? (Sorride) Allora segnerò soltanto anta… Professione? (Scrive sotto dettatura) pensionata carattere dolce… E adesso cara signora, mi dica quali requisiti dovrebbe avere il suo partner... Piano, così me li annoto… Allora (Scrive) simpatia serietà buona posizione prestanza fisica… Il suo recapito telefonico? Sì, il cellulare va benissimo Prego, può ripetere? (scrive). bene… Spero di fissarle un incontro quanto prima Sì, l’indirizzo è esatto... Si annoti “interno due”… la targa non c’è per la privacy dei nostri clientiNon dubiti, buongiorno. (Chiude il cellulare e si asciuga la fronte sudata con il dorso della mano). Che bellu sabato ch’è schiarato!

MIMÌ (entra in scena con un sacchetto di plastica in mano) : Permesso?… Permesso?…

ROBERTO : E tu che ce faje ccà?…

MIMÌ : Robè, che furtuna che t’aggio tuvato!… Se n’è caduta ’a piombatura d’ ’a mola… Jammo, miettammella  nu mumento…

ROBERTO : Mò!?..

MIMÌ : E che ce vò?…

ROBERTO : Ma io ogge nun faccio studio…Oggi è sabato.

MIMÌ : E va bbuo’, visto ca te truove ccà, m’ ’o può fà stu piacere… Si no a che serve tené n’amico dentista?

ROBERTO : Mimì, t’aggio ditto ca ogge è sabato e nun pozzo.

MIMÌ (si guarda intorno) : Però ccà è cagnato quaccosa… Ncopp’ a sta scrivania ce steva na dentiera grossa grossa.

ROBERTO (precisa) : Nu fermacarte a forma ’e dentiera.

MIMÌ : E llà, ’nfaccia ’o muro, addó mò ce stà chillu cartiello, steva appiso nu disegno cu tutt’ ’e diente… Robè, pecché ll’hé luvato?…

ROBERTO : Pecché accussì m’ha ditto ’a capa… Ma mò vattenne pecché tengo n’appuntamento…

MIMÌ (sorride, ammiccando) : E comm’è?… È bella?...

ROBERTO : Ma ch’è capito! Se tratta ’e na cliente… Chella pò venì sulo ’e sabato…

MIMÌ : E allora aspetto… Me leggo na rivista, pure si è vecchia, accussì doppo, quanno hé fernuto, me guarde sta mola (indica il molare).   

ROBERTO (serio e silenzioso, osserva l’amico, quasi a studiarlo, girandogli intorno) : Fatte guardà nu poco…

MIMÌ (un po’ preoccupato) : E pecché nun me saje?… (Meravigliato) Ma ch’è?… Io ogge nun te capisco…

ROBERTO (nervoso) : Ogge t’hé ’a scurdà ca i’ faccio ’o dentista… Oggi io sono un’altra persona.

MIMÌ (spaventato) : Overo?… Robè, nun me fà mettere appaura… Che t’è succieso?…

ROBERTO : M’è succieso c’aggio passato nu guajo e tutto chesto pe’ fa bbene a mio cognato.

MIMÌ (rassicurato) : Pecché, ch’è stato?… 

ROBERTO : Chillo stà ’nguaiato ’e diebbete e io, pe’ lle dà na mano e pe’ nun me sentì int’ ’e rrecchie a chella scema ’e mia sorella, tutt’ ’e sabate lle ’mpresto ’o studio …accussì isso tene addó ricevere ’e cliente…

MIMÌ : Pecché, che fa?…

ROBERTO : Fa l’agente matrimoniale … inzomma na specie ’e senzale…

MIMÌ (sorride) : Ah, allora ’o staje aspettanno, pecché te vuo’ accasà… È ovè?…

ROBERTO (nervoso) : C’aggi’ ’a aspettà!… Chillo stà ’o spitale… S’è rutto na coscia.

MIMÌ : E mò?…

ROBERTO (deciso) : Mimì, tu m’hé ’a dà na mano.

MIMÌ : Io!?

ROBERTO : Si’ o nun si’ n’amico mio?…

MIMÌ : E ’a mola?…

 

ROBERTO : Sì, sì… doppo.

MIMÌ (voce lamentosa) : Ma io ogge tengo ’o pranzo pe’ nu battesimo… Te si’ scurdato?… E aggi’ ’a pure passà a cunzignà (tira una parrucca bionda e riccioluta dal sacchetto di plastica) sta parrucca a na cliente d’ ’a mia… Jammo,  Robè, videme sta mola…

ROBERTO : Mimì, doppo!… T’aggio ditto doppo… Mò m’hé ’a dà na mano…

MIMÌ (rassegnato) : E c’aggi’ ’a fà?…

ROBERTO : Niente… (Indicando la porta sul fondo) Te ne staje dint’ ’a chella stanza, senza tuccà niente, e trase ccà sulo quanno me siente ’e cantà na canzone

MIMÌ : Quale canzone?…

ROBERTO : Na canzone… Che ssaccio (Canta, stonando) Femmena, tu si’ na mala femmena… No, nun va… È meglio si ne canto n’ata…

MIMÌ : Sicuramente è meglio … Vide che canzone hé ’a cantà?…

ROBERTO : E po’ ce penzo.

MIMÌ : No, no… io aggi’ ’a  sapé tu che cante… accussì appizzo meglio ’a recchia.

ROBERTO : Forse hai ragione… E va bbuo’, allora quanno siente (Canta) Io te vurrìa vasà…io te vurrìa vasà… 

MIMÌ (continua) : Ma ’o core nun m’ ’o ddice ’e te scetà, ’e te scetà…  

ROBERTO (nervoso) : Che faje?!…

MIMÌ : Te vengo areto.

ROBERTO : Nun hé capito niente!… (Tono convincente) Tu, quanno me siente ’e cantà, trase e faje finta d’essere uno ca è venuto a st’agenzia matrimoniale pe’ truvà l’anima gemella.

MIMÌ : Figurammece… propio io ca tengo già a na janara pe’ mugliera..

ROBERTO : Ma ’o vvuo’ capì ca è pe’ finta… Però, Mimì, primma ’e trasì t’hé ’a accuncià nu poco… Per esempio, si chella dice ca ’o cumpagno ’o va truvanno sicco tu t’ hé ’a tirà ’a panza ’a dinto, si dice ca ’o va truvanno alto tu vide ’e t’allungà nu poco…

MIMÌ : E comme m’allongo ?…

ROBERTO : Cammine ’ncoppo ’e pponte, ma senza darlo a vedé… E appena trase lle faje subbeto nu cumplimento… Ah, Mimì, m’arraccumanno, miette ’a lengua int’ ’o pulito… Ce simmo capite?…

MIMÌ : E si a me essa nun me piace?…

ROBERTO (nervoso) : E nun t’ha da piacé… Te pare ca si fosse na bella femmena venesse ccà pe’ se truvà na vrenzola d’ommo?!…

MIMÌ : E io avess’ ’a perdere ’o tiempo areto a na racchia?…

ROBERTO : Ma ’o vvuo’ capì, sì o no, ca se tratta ’e fatica?…

MIMÌ : Sì, ma io che ce guadagno?…

ROBERTO : ’A piombatura gratis… Te pare poco!?…… (Apre l’agenda del cognato a quel giorno, legge e guarda l’orologio sul polso) E mò va, va… Stà p’arrivà una ca tene appuntamento… una certa Gardenia blu.

MIMÌ : Vedite che nomme!…

ROBERTO  : Ma è nu nomme finto… Va, va…

MIMI  : Mah?… (andando  verso la stanza che è sul fondo, si ferma a guardare il cartello) Ah, aggio capito pecchè lieve ’a targa toia ’a for’ ’a porta…

ROBERTO : Va…Va… Arricuordete d’ascì …

MIMÌ (distratto) : Quando?…

ROBERTO (spazientito) : ’A canzone (Ne accenna a bassa voce il motivo) Io te vurrìa vasà, io te vurrìa vasà… E mò va… Te ne vuo’ jì!?… 

MIMÌ : Sì, ma tu aiza ’a voce, si no nun te sento… (esce di scena, entrando nella stanza).

ROBERTO : E tu, nun chiudere ’a porta… (si aggiusta la cravatta, si siede alla scrivania, apre la cartellina, prende il foglio che ha compilato).

GENNARO (entra in scena con spray pulisci-vetri in una mano e strofinaccio in un'altra) : Uh dottó, scusate…

ROBERTO : Gennà, che ce facite ccà ’e sabbato?…

GENNARO : Dottó, siccomme ca lunnedì matina nun pozzo venì, so’ venuto ogge ch’è sabbato a pulezzà ’e llastre… Sapite, io lunnedì aggi’ ’a accumpagnà ’a nennella ’e mia figlia a se fà ’a vraccinazione p’ ’o varriolo… Però ’o polveriggio, verso ’e ttre, stongo ccà.

ROBERTO (sbrigativo) : Va bene, Gennà.

GENNARO :  Mò faccio tutte cose ampressa ampressa… (Esce dalla comune- voce fuori campo) Dottó ce sta na signora… Preco, trasite…

SIGNORA GINEVRA (di mezza età, truccata, elegante, con cappello e un guanto già tolto si affaccia alla comune): Permesso?… (Sorride, civettuola) La porta era aperta…

ROBERTO (si alza e tendendole la mano con un sorriso) : Prego...

SIGNORA GINEVRA: Il dottor?…

ROBERTO : Terziano, per servirla… Sostituisco il mio socio…. Ma si accomodi… (le indica la poltroncina e si siede alla scrivania).

SIGNORA GINEVRA (sedendosi) : Grazie (si toglie l’altro guanto)  Sono Gardenia blu, o meglio, questo è il nome che ho dato per questo primo incontro (Ripone i guanti in borsa)… In realtà (tono confidenziale) mi chiamo Ginevra… Se mi sono decisa a questo passo è perché… …

ROBERTO (fingendosi galante) : Parli liberamente, mia bella signora… Mi confidi i suoi desideri, affinché io possa esaudirli… Le assicuro che non mi sarà difficile…

SIGNORA GINEVRA(atteggiamento da diva) : Ma, dottore, lei mi lusinga… Oggi di uomini galanti se ne incontrano di rado… Lei mi ricorda il mio povero Giosuè, anche lui così tenero, così gentile, così disponibile per quel poco che l’ho avuto al mio fianco…

ROBERTO : Separata?…

SIGNORA GINEVRA (tono drammatico, teatrale) : Separata bruscamente da un destino avverso e crudele, la nostra prima notte di nozze… Povero, caro, Giosuè!… Uscì a comprare le sigarette… (Commossa) e quell’unico vizio gli fu fatale… Ricordo ancora le sue parole  “Cara, sono rimasto senza sigarette… esco un attimo”… Per arrivare alla stazione di servizio più vicina prese la macchina… Purtroppo, non fece più ritorno da me… Si schiantò contro un palo, mentre io, in albergo, lo aspettavo fremente, nel mio negligé rosa… (Con fare provocante si massaggia il corpo con le mani dai fianchi in su) Lei, dottore,  non immagina che notte fu per me.

ROBERTO (imbarazzato) : Immagino, immagino… Deve essere stato un vero colpo…

SIGNORA GINEVRA(gli prende la mano e gliela imprigiona fra le sue) : Già, un colpo durissimo che spense la gioia di vivere che avevo ritrovato accanto a lui, dopo essere, ahimè, rimasta vedova per la seconda volta… (Sorride) Era così tenero, il mio Giosuè… Un cucciolo… Aveva lasciato a me l’iniziativa di tutto… E io l’avevo accolto nel mio cuore, l’avevo riscaldato con il mio amore… Il nostro era stato un fidanzamento lampo, durato appena tre mesi…

ROBERTO (col braccio steso sulla scrivania e col corpo piegato in avanti, cerca invano di recuperare la mano) : Capisco, signora.

SIGNORA GINEVRA (sorride) : Vedo che anche lei, è timido… Mi piace l’uomo timido… Risveglia in me un senso materno, un senso di protezione… Mi dà la carica… (Con fare lascivo) Lei mi piace… Sì, mi  piace.

GENNARO (entra in scena dalla comune) : Permesso?… Uh, dottó, scusate! (fa per uscire).

ROBERTO (mentre la signora gli tiene la mano) : No, Gennà, venite!

GENNARO : Forse è meglio ca vengo doppo …

SIGNORA GINEVRA : Sì…

ROBERTO (mentre la signora ansimante gli tiene la mano)  : No, Gennà, restate…

GENNARO : A fà che?… È meglio ca ve lasso sule (Perplesso, guarda la donna)Mah?… Cuntento isso… (A parte, uscendo di scena dalla comune) Io nun ce facesse a cagno cu ’Mmaculatina mia…

ROBERTO (per liberarsi da quella stretta e richiamare l’amico intona la canzone) : Io te vurrìa vasà… Io te vurrìa vasà…

SIGNORA GINEVRA (si alza, gli si avvicina, lo abbraccia con impeto) : E cosa aspetti?… Tu hai riacceso in me il fuoco della passione… Mi sento di nuovo ardere… Tu sei un maliardo…

ROBERTO (imbarazzato) : Ma signora Gardenia….

SIGNORA GINEVRA(voce sensuale) : Ginevra… Chiamami Ginevra…

ROBERTO (intona nuovamente la canzone, quasi ad invocare l’intervento di Mimì) : Io te vurrìa vasà… Io te vurrìa vasà…

SIGNORA GINEVRA : Anch’io, anch’io.

MIMÌ (entra in scena, timidamente, dalla porta sul fondo - a bassa voce) : Permesso?…

SIGNORAGINEVRA (avvinghiata a Roberto) : Ora taci!… Baciami!

MIMÌ (imbarazzato, avanza di qualche passo) : Permesso?... 

SIGNORA GINEVRA(a parte) : Uffà! (si aggiusta il vestito, si dà una sistemata al cappello). 

ROBERTO (finalmente libero da quella stretta, guarda in direzione di Mimì) : Prego, si accomodi!

MIMÌ (non abituato ad avere il lei dall’amico, tentenna) : A me?…  

ROBERTO: Sì, dico a lei… Prego, venga avanti… (A bassa voce) Finalmente!(Gli fa cenno con la mano di sollevarsi per sembrare più alto).

MIMÌ (seguendo il suggermento mimato dall’amico, si solleva sulle punte) : Io veramente ero venuto… ero venuto…

ROBERTO : Per trovare l’anima gemella…

MIMÌ (perplesso, guarda la donna) : Sì…

ROBERTO : No, non sia timido… Questa è proprio l’agenzia che fa per lei… Anche la signora qui…

SIGNORA GINEVRA (interrompendolo) : Sì, qui ho ritrovato la felicità… (Si alza e rivolta a Roberto) Caro ripasserò più tardi… Ti lascio al tuo lavoro… Ne approfitterò per fare qualche commissione… (Uscendo di scena dalla comune)  Ciao (Si gira e con fare civettuolo gli lancia un bacio) A presto…

ROBERTO : Ma io… (Rivolto all’amico) Hé visto?…

MIMÌ : E comme no!… Ma si a te te piace… Comme se dice…addó c’è gusto nun c’è perdenza… Pe’ me t’ ’a può tené sana sana.

ROBERTO : Mimì, tu overo si’ scemo!… Chella è na pazza, ’o vvuo’ capì… M’è zumpata ’ncuollo… Ha fatto tuttecose essa.

MIMÌ : Tu però ce si’ stato…

ROBERTO : E che putevo fà?…Io aggio sulo cercato d’essere gentile…

MIMÌ : E chisà mò sta gentilezza addó te porta?…

ROBERTO (guarda nuovamente l’agenda e l’orologio sul polso) : Va, va e tienete pronto… So’ quase ll’undice… Mò n’avesse venì n’ata… Arricuordate ’a canzone!…

MIMÌ : Sì,sì… (ne accenna il motivo guardandolo negli occhi e tendendogli le mani) Io te vurrìa vasà…io te vurrìa vasà…

GENNARO (entrando in scena) : Permé?… (si blocca).

ROBERTO (imbarazzato) : Ah, Gennà, venite…

GENNARO (imbambolato) : Io..dottó, ve vulevo dicere… È na parola!… Chi s’arricorda cchiù… (guarda schifato Mimì).

ROBERTO (aggiustandosi il nodo della cravatta) : Gennà, avete finito?… Ora dovrebbe arrivare un’altra signora…

GENNARO (a parte) : Pure!…(Guarda Mimì che per allenarsi si solleva sulle punte) Aggi’ ’a asciuttà sulo nu poco ’nterra; ma forse è meglio ca torno doppo… (Uscendo di scena) quanno state sulo…

MIMÌ : Robé, allora io traso quanno tu cante Io te vurrìa vasà…Io te vurrìa…

 

ROBERTO : Zitto! Zitto!… Mimì, forse è meglio si cagnammo canzone… ’A saje chella che fa (Intonandola)… Stai lontano da me…

MIMÌ (continua, dinoccolandosi alla Celentano) : Ah ah, ah ah…

ROBERTO :  Non ti voglio perché…

MIMÌ : Ah ah, ah ah… Ora vado da chii… già sapeva che sarebbe finita… certo così… Te piace comm’ ’a faccio?…

ROBERTO (nervoso) : Ma so’ io c’aggi’ ’a cantà.

MIMÌ : Però io canto meglio…

ROBERTO :  Mimì, cirche ’e capì… Tu hé ’a trasì nun appena me siente ’e cantà sta canzone.

MIMÌ : Ma pecché nun cagne canzone?… A me sta canzone me piace assaje… È nu peccato ca nun ’a pozzo cantà io.

ROBERTO (guarda l’orologio): È quase ora… chella stà pe’ venì… Mimì, va!…  M’arraccumanno!

MIMÌ (mestamente, si allontana in direzione della stanza) : E ghiammo… (esce di scena).

ROBERTO : Uffà! (si aggiusta la cravatta, si siede alla scrivania, legge sull’agenda del cognato, apre la cartellina e ne tira fuori un foglio).

 

ADRIANA (signora piacente e raffinata nel vestire) : Permesso?…

ROBERTO (senza alzare lo sguardo) : Prego, si accomodi… (La guarda, si alza) Adriana!… (Meravigliato) Tu!? … Proprio, tu!…  

ADRIANA : Già, io… Sono molto più stupita di te… Non avrei mai pensato di incontrarti e per di più qui, in questa agenzia…

ROBERTO (imbambolato, le indica la poltroncina) : Ma siedi… (Incantato) Non sei cambiata affatto…

ADRIANA (sedendosi) : Grazie

ROBERTO (ammirandola) : Il tempo non ti ha sfiorata… Sei bella come allora…  Bei tempi!… Ricordi?…

ADRIANA : Sì, ricordo…

ROBERTO : Lo sposasti, poi, quel Piero?… Era così che si chiamava, mi sembra…

ADRIANA : Si, lo sposai e mi trasferii a Verona… Ci separammo dopo nemmeno un anno.

ROBERTO : Incerti del matrimonio…

ADRIANA : Sono tornata a Napoli da qualche mese soltanto… Ma qui, ormai, non conosco più nessuno… Ecco perché ho pensato di rivolgermi a un’agenzia per trovare, che so, un amico, un accompagnatore… (Sorride) Certamente non avrei mai pensato di ritrovare te… Ma tu, dimmi, cosa hai fatto in questi anni?…

ROBERTO (atteggiamento da latin lover) : Niente, nessun legame… Non ho voluto correre rischi…

ADRIANA (ironica) : Con il lavoro che fai, i rischi li fai correre ad altri…

ROBERTO  : No, questo non è il mio lavoro…  L’agenzia è di mio cognato… Io lo aiuto un po’ … (chiude l’agenda).

ADRIANA : Allora, ho parlato con lui…

ROBERTO  : Sicuramente.

ADRIANA : So che voleva presentarmi qualcuno, mi ha dato appuntamento per oggi.

ROBERTO (imbarazzato, tentenna)  : Sì, ci sarebbe, ma non credo sia il tipo adatto…

ADRIANA (per ingelosirlo) : Questo dovresti lasciarlo giudicare a me…  Dov’è?…

ROBERTO  : È di là  (finge di sfogliare le carte).

ADRIANA (lo guarda con occhi romantici): Sai, anch’io ti trovo bene… Anzi…

ROBERTO (fingendo di sfogliare le carte, canta la canzone per richiamare Mimì) :Stai lontana da me… Ah ah, ah ah… Non ti voglio perché… ah ah, ah ah…

ADRIANA (risentita per quelle parole) : Non temere!… Messaggio ricevuto….  

 

ROBERTO (confuso) : No, io stavo soltanto… 

MIMÌ (entra in scena, interrompendo la spiegazione) : Permesso? (Guarda ammirato la donna) Piacere, Mimì… (avanza spedito e si mette sulle punte per sembrare più alto).

ADRIANA (per ripicca, finge di guardarlo con interesse) : Il piacere è mio… (Rivolta a Roberto) È Lui?… (Sorride a Mimì) Sì, mi piace… È proprio il tipo che cercavo...

 

MIMÌ (la guarda estasiato) : Veramente?!… Pure a me voi mi piacete assai.

ADRIANA (rivolta a Roberto) : Lo trovo schietto, genuino e… virile.

MIMÌ (ammirando le fattezze della donna) : Io pure ve trovo… (Si lecca le labbra) Ve trovo sapurita… ma che dico sapurita… ve trovo carnale… ve trovo…

ADRIANA (interrompendolo) : Ne sono lusingata… (Guarda l’orologio, si alza) Accidenti, devo proprio andare!

ROBERTO (alzandosi) : Perché?…

ADRIANA : Ho un appuntamento di lavoro… Non vorrei fare tardi… (Sorride a Mimì) Arrivederci…  Mi farò sentire io…

MIMÌ : Quando?…

ADRIANA (andando verso la comune)  : Presto.

Roberto fa per accompagnarla.

ADRIANA (tono deciso) : No, grazie; conosco la strada… Buongiorno (esce di scena).

ROBERTO (crolla sulla sedia) : Gesù! Gesù!

MIMÌ (pavoneggiandosi) : Nun te l’aspettave, è ovè?… Se vede ca io, modestamente, incontro.      

ROBERTO : Mimì, nun me fà ridere!…

MIMÌ : Ma che d’è?… Si’ mmeriuso?… E che amico si’?… Invece d’essere cuntento…  Mò, Robè,  m’ ’a  vuo’ guardà sta mola?…

ROBERTO :  Si’ pazzo!… (Apre l’agenda) Ccà, ’ncopp’ a ll’agenda, stà signato n’ato appuntamento e chella ca ha da venì, sta Malvarosa, è na vecchia che stà carica ’e denare.

MIMÌ (con disgusto) : Na vecchia…

ROBERTO : Mimì, si sta vota faje colpo, doppo te dongo cinquanta euro…

MIMÌ : E io pe’ cinquanta eure facesse risuscità pure nu muorto!… Chella mia moglie me mantene a stecchetto… Se frega tutto l’incasso (Rovista nelle tasche e tira fuori qualche monetina) ’O vvi’, chisto è tutto ’o capitale mio!

ROBERTO (guarda l’orologio) : Avess’ ’a stà propio p’ arrivà!… Arricuordete ’e trasì quanno me siente ’e cantà… (Riflette un attimo e intona) Basta un poco di zucchero e la pillola va giù, la pillola va giù, la pillola va giù…

MIMÌ : E pecché vuo’ cagnà canzone?…

ROBERTO : Pecché sì… ’E vvuo’ o nun ’e vvuo’ ’e cinquanta euro?

MIMÌ :  Certo ca ’e vvoglio…

ROBERTO : Allora, m’arraccumanno, siente bbuono pure quanno i’ parlo, accussì te può regolà.

MIMÌ : Aggio capito… si ’o vò sicco, io tiro ’a panza ’a dinto… Si ’o vò alto, m’allongo ’ncopp’ ’e pponte… E si ’o vò biondo?…

ROBERTO : Te miette ’a parrucca.

MIMÌ : ’A parrucca!…

ROBERTO : ’A parrucca d’ ’a cliente toja… E mò va e tienete pronto…

MIMÌ (andando verso la porta) : Ma vedite che me tocca fà… (esce di scena).

ROBERTO (a voce alta) : Arricuordete ’e cinquanta euro… (Si aggiusta la cravatta, si siede alla scrivania, apre la cartellina e ne tira fuori un altro foglio): Sperammo ca sta giurnata fernesce ampressa…   

TITINA (donna di mezza età, vestita alla meglio) : È permesso?…

ROBERTO (si alza) : Ma prego, la stavo aspettando…

TITINA (perplessa) : Veramente io…

ROBERTO (indicandole la sedia) : Ma prego…

TITINA (sedendosi) : Grazie… Finalmente m’arreposo nu poco… Sto cammenanno ’a stammatina.

ROBERTO : Il moto mantiene in forma e lei ne è la prova.

TITINA : Lei chi?…

ROBERTO : Lei, voi.

TITINA : E allora dicite vuje… Sapisseve quanta scale ca me faccio!

ROBERTO : Le scale fannno bene, sostituiscono la cyclette …

TITINA : E che sarebbe sta cletta?…

ROBERTO : Cyclette… la bicicletta… Ma voi, cara signora, non ne avete bisogno… Voi siete come la malvarosa che col tempo non perde il suo profumo…

TITINA : Io tengo ’a pianta ’e malvarosa … E comme addora!

 

ROBERTO : Con la vostra vitalità non dovete accontentarvi di un uomo qualsiasi, ma trovare l’uomo che fa per voi…

TITINA (sorride) : A me me piacesse ’e truvà n’ommo, ma è difficile…

ROBERTO : Ma che difficile!… A voi basterebbe soltanto schioccare le dita (schiocca le dita) per avere un uomo ai vostri piedi.

TITINA (incredula, schiocca le dita) : Accussì?…

ROBERTO : Sì, proprio così.

TITINA (lusingata) : Ma che dicite?…

ROBERTO : Ditemi… come vi piacerebbe?…

TITINA (pensosa) :  Chiatto no… L’ommo c’ ’a panza è pesante…

ROBERTO : Condivido pienamente… Allora lo preferite (Con aria assorta, congiunge le mani e solleva il capo - a voce alta) magro… (Tono confidenziale) Scommetto che vi piace alto…

TITINA : Embè, se capisce… Almeno cchiù alto ’e me…

ROBERTO : Allora, pure  (Chiude gli occhi, congiunge le mani, solleva il capo e alzando la voce)  alto…

Titina, pensando che Roberto si stia rivolgendo al Padreterno, congiunge le mani anche lei, in segno di preghiera.

ROBERTO : E vi piace bruno?…

TITINA : No, no; bruno no… Me piacesse biondo… Na vota aggio tenuto nu ’nnammurato biondo… Comm’era bello!

ROBERTO : Allora lo volete (Solleva lo sguardo e a voce alta)  biondo…

TITINA (nostalgica) : Teneva ’e capille ricciulille ricciulille…

ROBERTO (solleva lo sguardo e col capo leggermente girato in direzione della porta, a voce alta) : Riccioli biondi.

TITINA : Era bello assaje!… (Con gli occhi al cielo e le mani congiunte - tono deciso) Sì, si… biondo.

ROBERTO (comincia a canticchiare, fingendo di guardare nella cartellina) : Basta un poco di zucchero e la pillola va giù, la pillola va giù, la pillola va giù…

TITINA (si tappa un orecchio e parlando fra sé) : Però mò, int’ a stu mumento, nun m’arricordo comme se chiammava…

MIMÌ (entra in scena, avanzando sulle punte con la pancia in dentro e indossando una parrucca a riccioli biondi) : Permesso?…  Permesso?…

TITINA (sobbalza) : Uh, mamma mia!…

ROBERTO (rivolto a Mimì) : Ma prego, si accomodi… Voi non vi conoscete… (Rivolto a Titina) Vi presento il signor Gustavo.

MIMÌ (tendendole la mano) : Piacere, Mimì.

TITINA (poco convinta, ricambia la stretta di mano) : Piacere, Titina.

ROBERTO (guarda Mimì) : Però, qui sulla scheda c’è scritto Gustavo…

MIMÌ (tentenna un attimo) : Ah, sì… (Sorride) Ma ’a scheda nun conta… Putevo dicere pure “garofano schiavone”… Io me chiammo Domenico… Per gli amici, Mimì.

 

TITINA (osservandolo, perplessa)  : Ah, ve chiammano Mimì…

MIMÌ (seguendo i suggerimenti di Roberto) : Signora, posso baciarvi la mano?…

TITINA : E pecché?…

MIMÌ (sforzandosi) : Perché… così mi dice il cuore.

TITINA : E va bbuó, si ve fa piacere… (si pulisce il dorso della mano sulla gonna e gliela porge).

MIMÌ (le bacia la mano e arricciando il naso) : Ma è spirito!…

TITINA (odorandosi la mano, sorride) : Ah, se sente ancora…

ROBERTO : Forse un piccolo taglio?…

TITINA : No, qua’ taglio!?… Io p’abitudine me disinfetto sempe.

MIMÌ : E nun abbasta ’o ssapone?…

TITINA : Ma doppo ’o sapone ce vò pure ’o spirito… Io so’ na puletona… Pe’ chesto ’a gente me chiamma…(Tira fuori una bottiglina d’alcool dalla borsa) Sta buttigliella m’ ’a porto sempe appriesso… (Rivolta a Roberto) ’O spirito serve p’evità l’infezione a chi se pogne e a chi vene pugnuto.

MIMÌ : Ma pecché uno s’avess’ ’a pognere?…

ROBERTO (ironizzando) : Ogni rosa ha le sue spine (gli fa cinque con la mano per ricordargli il compenso).

MIMÌ (rassegnato - a parte) : E va bbuo’…. pure ’e spine.

TITINA (carezzandosi la mano destra) : I’ tengo na mano avvellutata… Ccà, però, nun è zona mia…

ROBERTO : Sì lo so… Lei… (Si corregge) Voi abitate nei quartieri alti.

TITINA : Propio accussì… Io stongo ’e casa ’o vico Montecalvario… propio ’ncopp’ a tutto… (Pensosa, guarda Mimì) Ma io a vvuje v’aggio visto…Eh, già… forse ’ncopp’ ’e quartiere…

MIMÌ  (a parte) : M’ha piglianto pe’ nu travestito.

ROBERTO (frena la risata) : Allora voi abitate…

TITINA : ’Ncoppo Montecalvario, ve l’aggio ditto.

MIMÌ (si finge estasiato) :  Proprio nel cuore di Napoli.

TITINA : Propio accussì… Nun è sulagno comm’è ccà… Menumale c’aggio truvato stu palazzo apierto e so’ trasuta, si no stesse ancora giranno… Mò tengo na clienta nova che stà ’a chesti pparte… (Apre la borsa, tira fuori un pezzetto di carta) Anzi, visto ca me trovo, tenite (lo poggia sul tavolo) …Ccà ce sta signato ’o nummero mio… Nun ve pozza mai servì, che ssaccio pe’ na flebo, na serenga int’ ’o muscolo, n’antivenosa… Vuje me chiammate e i’ vengo… P’ ’o prezzo ce mettimmo d’accordo... Ma mò diciteme addó se trova Via Campoverde… Io pe’ chesto ero trasuta.

MIMÌ : Ah, pe’ chesto?… Ma allora vuje site…

TITINA : Titina, ’a serengara.

ROBERTO(ride, guardando il volto contrariato di Mimì) : ’A serengara…

TITINA (nervosa) : Nèh, ma se pò sapè addó se trova sta via?!…

 

MIMÌ : Via Campoverde è ’a traversa affianco.

TITINA (si alza) : Grazie assaje… Tenevo propio bisogno ’e m’arrepusà nu poco… (Uscendo di scena) Bongiorno.   

ROBERTO : Buongiorno…(Osserva Mimì) Mimì, ’o ssaje, cu sta parrucca faje propio schifo…

MIMÌ : Però so’ ghiuto bbuono.

ROBERTO (nervoso) : Ma chella nun era ’a signora c’avev’ ’a venì…Na giurnata perduta!… Sto talmente arraggiato ca scassasse tutte cose… (Afferra Mimì per un braccio) Jammo, Mimì, famme vedé sta mola… Si ’a piombatura nun è ccosa, t’ ’a tiro nu mumento… Ja’, viene…facimmo ampressa…

MIMÌ (timoroso) : Robè, forse è meglio ca ce vedimmo n’ato juorno… (Si toglie la parrucca) Tu mò staje nervuso… Io pozzo aspettà… (prende il sacchetto di plastica dalla tasca dei pantaloni).

ROBERTO : Ma si primma m’hé dato ’a morte…

MIMÌ (voce lamentosa) : Primma… ma mò s’è fatto tarde… (ripone la parrucca nel sacchetto).

ROBERTO : Qua’ tarde!…

MIMÌ : Pe’ me è tarde… Aggi’ ’a scappà (Uscendo di scena dalla comune) Ce vedimmo… maje ’e sabato, però.

ROBERTO  (guarda l’orologio) : E mò me ne vaco pur’io… (va verso la scrivania).

GENNARO (voce fuori campo) : Dottó, è turnata ’a signora ’e primma…

ROBERTO  : Chi?…

 

SIGNORA GINEVRA (entra in scena, tutta svenevole) : Eccomi, caro… Sono tornata… (Gli tende le braccia) Finalmente soli!… Mi stavi aspettando?… Caro, caro…

ROBERTO (si siede e inizia a lamentarsi) : Ah, sto male… Sto male…

SIGNORA GINEVRA (accarezzandolo) : Ti guarirò con i miei baci…

Gennaro, sotto l’arco della comune,  guarda la scena, scuotendo il capo.

SIGNORA GINEVRA (prende il viso di Roberto fra le mani) : Sì con i miei baci…

ROBERTO (respingendola) :  No, no…  (Divincolandosi) Non è possibile!

SIGNORA GINEVRA : E perché?… Perché?…

GENNARO (avanzando di un passo) : Pecché lle piaciono ll’uommene…

SIGNORA GINEVRA (scandalizzata, guarda Roberto) : No!… No!…  È vero? …

ROBERTO (timidamente) : Sì

SIGNORA GINEVRA(indietreggia, inorridita) : Come hai potuto ingannarmi?!… Come hai potuto cingermi fra le tue braccia?!… Sei un mostro… No, non voglio più vederti… (Nervosa, uscendo di scena) Troverò chi saprà meritarmi.

GENNARO(si sposta e ironico): E addó ’o trova!?…

ROBERTO (contento, si alza dalla poltrona) : Grazie, Gennà, mi avete salvato…

GENNARO : E pecché?… Io aggio sulo ditto ’a verità…

ROBERTO : Gennà, qua’ verità?!… Nun me facite ridere!… Ma vuje c’avite capito?!…

GENNARO : E allora …


ROBERTO (tono secco) : Allora, niente…

GENNARO (perplesso, uscendo di scena) : Mah?… Va a capì…

ROBERTO : Che giurnata! (gira il cartello appeso al muro, in modo che si veda la gigantografia dei denti; si siede, prende dal cassetto la sua agenda e il fermacarte a forma di dentiera e li rimette sulla scrivania) Menumale ch’è fernuta! (Richiude l’agenda del cognato, ci ripensa, la riapre verso la fine, dove c’è la rubrica, e scorre con l’indice i nominativi alla lettera A)…Adamo Adalgisa, ecco qua, Adriana… I’ quase quase ’a chiammo… (Solleva la cornetta del telefono e compone il numero, leggendolo)  Chisà?… (Mentre aspetta, si allenta il nodo della cravatta) Pronto, Adriana?…… Sì, sono io… No, ti prego, non chiudere!…

                                        FINE

(corandolfi@libero.it)

A chi volesse approfondire la conoscenza dell’idioma partenopeo mi sento di consigliare la mia grammatica “Facile facile. Impariamo la lingua napoletana” (Ed. Kairòs 2008).

    Questo copione è stato visto
  • 0 volte nelle ultime 48 ore
  • 2 volte nell' ultima settimana
  • 2 volte nell' ultimo mese
  • 5 volte nell' arco di un'anno