Matrimoniu putativu

Stampa questo copione

Giambattista Spampinato e Nino Di Maria


“ MATRIMONIU PUTATIVU”

Commedia farsesca in due atti


“MATRIMONIU PUTATIVU” – 2 atti di GB. Spampinato e N. Di Maria

PERSONAGGI:

PEPPE CALACITRA, ricco possidente

CONCETTINA, sposa putativa

TURI LICODIA, padre della sposa

MARISTELLA, madre della sposa

COLA CRICCHIA, Testimonio della sposa

PADRE LUCIANO, fratello di Peppe

MARIANGELA, domestica di Peppe

JABICU, sensale

TERESINA, pretendente di Peppe

GRAZIA, presunta amante di Peppe

In un centro agricolo dell’entroterra siciliana. Oggi.

1


“MATRIMONIU PUTATIVU” – 2 atti di GB. Spampinato e N. Di Maria

ATTO PRIMO

La scena rappresenta una stanza da pranzo, tipicamente siciliana. In una parete, credenza con piatti, bicchieri, tazzine da caffè, ecc.; al centro una tavola quadrata, coperta da un tappeto, con quattro sedie attorno; in un’altra parete un piccolo divano con poltrone; stampe alle pareti. Nella parete frontale la porta comune; altre porte a destra e a sinistra.

SCENA PRIMA

Mariangela e poi Peppe.

MARIANGELA –(Apre la porta con la chiave, dando ad intendere di essere dicasa, ed entra affannata come se avesse fatto la strada di corsa) Ccu la ‘razia di Diuarrivai!… Sa’ chi ura è?… Si fici tardu. Spiramu ca don Peppe niscìu di casa a matinata accussì non s’accorgi ca purtai ritardu. Chiddu è capaci di livarimi menza jurnata di paga d’a simanata!… (Si ode rumore in cucina) Morti subitania, chi fu?… Mi satau l’arma!… (Forte) Cu’ c’è intra?

PEPPE – (Dall’interno)Vostra soru!…(Appare)Cu’ ci puteva essiri? ‘A me’ummira, no, pirchì sgrusciu non nni fa!

MARIANGELA – Non ci putevunu essiri i latri?

PEPPE – Sì, pp’arrubbarisi a vui!

MARIANGELA – A mia? Chi nn’hanu a fari di mia?

PEPPE – Suppizzata ca siti bedda in carni.

MARIANGELA – Ancora intra è vossia?

PEPPE – Non mi stati vidennu?

MARIANGELA – E comu mai?

PEPPE – Ma dicu, chi su’ tutti ‘sti dumanni?… Chiuttostu, vui pirchì stati vinennu a‘st’ura?

MARIANGELA – Vossia m’ha scusari, ma tutti a mia mi capitanu!

PEPPE – Sintemu, chi vi capitau ‘sta matina.

MARIANGELA – Ca, mentri stava niscennu d’intra, ‘ntisi fari schigghi e gridariajutu, nesciu di cursa e trovu a donna Tudda, ‘a “curannara”, ca faceva vuci.

2


“MATRIMONIU PUTATIVU” – 2 atti di GB. Spampinato e N. Di Maria

PEPPE – Chi ci aveva successu?

MARIANGELA – Vossia senti: ci spìu ppi sapiri c’aveva, ma, agitata com’era e, acausa ca non havi denti, non mi faceva capiri nenti; e cchiù ju non capeva e cchiù idda s’arraggiava e faceva vuci!

PEPPE – Ma, a la fini, ‘u capistiru chi ci capitau?

MARIANGELA – Sissignuri, ‘na puddastra ci aveva scappatu ‘nta strata e ‘namachina ci l’aveva ‘nvistutu.

PEPPE – Tuttu ‘ddocu?! ‘Sa chi mi pareva! E ppi ‘na puddastra fici succediri tuttu‘stu gran spaventu? E vui ritardastiru ppi tuttu ‘stu tempu?

MARIANGELA – Ca donna Tudda non si vuleva cunuttari pirchì dici ca ‘apuddastra era troppu massara e ci faceva un ovu o’ jornu.

PEPPE – Bonu, bonu… Vo’ cuntataccilla a Tofulu!… A vui vi nni succedi una a’matina.

MARIANGELA – Vossia, si non mi cridi, mi ci vo’ spìa.

PEPPE – Diciti, chiuttostu, ca a’ matina vi piaci ‘u sonnu.

MARIANGELA – Chissa è macari ‘a virità… Vistu ca a’ notti non pozzu pigghiarisonnu.

PEPPE – E pirchì?

MARIANGELA – Ca soffru d’insonnia… Di quannu ristai viduva, m’acchianunu icaluri, smanìu tutta. (Gli si strofina)

PEPPE – (Scostandosi)Donna Mariangila, semu e’ soliti?

MARIANGELA – A vossia non ci acchianunu i caluri di quannu so’ muggheri ‘ulassau e ristau sulu?

PEPPE – Ju staju pruvvidennu; pirchì non pruvviditi macari vui?

MARIANGELA – Ju sugnu pronta, si vossia voli!(E gli si avvicina vogliosa)

PEPPE – Pronta, ppi fari chi?

MARIANGELA – Tuttu chiddu ca voli! ‘U sapi ca haju ‘n debuli ppi vossia!

3


“MATRIMONIU PUTATIVU” – 2 atti di GB. Spampinato e N. Di Maria

PEPPE –(Allontanandola)Vih, malanova… Siti assatanata!

MARIANGELA – Ma comu, dici ca sta pruvvidennu?

PEPPE – Ma no ccu vui!… Vui, ppi chiddu ca servi a mia, siti vecchia!

MARIANGELA – Ju, vecchia?!… A quarantacinc’anni vecchia?!… Ma dicu, m’hataliatu bona?… I vecchi, ‘a carni d’incoddu l’hannu modda modda; ‘a mia, inveci, è tutta pulpa. Vossia tocca!

PEPPE – Ma livativi!… Chi siti ‘a sinnambula ca toccu?… Cara donna Mariangila,non v’affinniti, siti vecchia ppi chiddu ca servi a mia. Ju haju bisognu di ‘na picciuttedda ca m’a pozzu gòdiri ccu l’occhi e cch’i sensi… ‘Na picciuttedda ca m’ha sfurnari ‘n figghiu l’annu ppi daricci ‘na risposta a ‘dda mula di me’ muggheri ca, ‘nta vint’anni di matrimoniu, non fu capaci di faramminni mancu unu!

MARIANGILA – Si è pirchissu, sugnu bona macari ju, non pirchì ccu me’ maritunon nni ebbi; ‘a culpa non fu ‘a mia, Maria Santissima!

PEPPE – Donna Mariangila, vi dicu ca non siti adatta. E poi, comu si dici? “L’acquaca si vivi, non s’allorda!”… A vui vi vogghiu beni, ma vi cunsidiru comu ‘na soru pirchì havi tant’anni ca stati ‘nta ‘sta casa.

MARIANGELA – Cumprennu, ma, allura, comu sta pruvvidennu?

PEPPE – Desi incaricu a Jabicu, ‘u figghiu d’a bon’arma di don Saveriu ‘u sinsali…E’ picciottu spertu e canusci ‘u misteri. Chiuttostu, ppi casu, v’accurgistiru si era ‘nta chiazza?

MARIANGELA – Non ci fici casu. Voli ca ‘u vaju a circari?

PEPPE – Ci vaju ju. Vui arrizzittati ‘a casa.(Si sente suonare alla comune)Viditicu’ è ca ju mi priparu ppi nesciri. (Via a destra, mentre Mariangela va ad aprire. Appare Teresina)

SCENA SECONDA

Teresina e detta e poi Peppe.

TERESINA – (E’ una giovane piacente, ma vestita male: un insieme di zingara ebeat. Non è truccata, anzi ha la faccia sporca, i capelli spettinati, gli abiti discinti. I suoi occhi sono spiritati a causa della droga) Abita qui il signor Giuseppe Calacitra,possidente e coltivatore diretto?

MARIANGELA – Sta ccà, ma non voli liggiuta ‘a manu.

4


“MATRIMONIU PUTATIVU” – 2 atti di GB. Spampinato e N. Di Maria

TERESINA – Io non leggo il futuro. Il futuro non mi appartiene. Preferisco ilpresente.

MARIANGELA – Il presente ‘u canuscemu, perciò po’ smammari!

TERESINA – Ho fatto tanta strada per arrivare fin qui ed ho il presagio di esserefinalmente arrivata.

MARIANGELA – Di unni veni?

TERESINA – Da molto lontano e sono stanca di camminare.

MARIANGELA – S’assittassi, si riposa tanticchia e, poi, pigghia ‘a strata di pettu esi nni va, vistu ca a fari tanta strata ppi turnari d’ unni vinni.

TERESINA – Io non devo tornare indietro: sono arrivata!(Siede)

MARIANGELA – E, allura, sbagghiau indirizzu!

TERESINA – Non ho sbagliato. Mi avete appena detto che la persona che io cercoabita qui, perciò chiamatela.

MARIANGELA – (Perdendo la pazienza)Chiamatila, chiamatila!… Arrivau ‘acumannanti d’u papuri!… Ju non chiamu a nuddu! (Alle grida di Mariangela, arriva Peppe)

PEPPE – Chi fu? Chi successi? Chi su’ ‘sti vuci?

MARIANGELA – Ccu ‘sta zingara ci l’haju!… Quantu su’ ‘nsistenti e maleducati!

Hannu a vinciri sempri iddi!

PEPPE – Calmativi, donna Mariangila, sintemu chi voli.

TERESINA – Io non sono una zingara. Sono figlia del Vento e della Tempesta evado dove essi mi portano.

PEPPE – (A Mariangela)‘U viditi? Non è ‘na zingara… ‘A purtau ‘u ventu.

TERESINA – E la Tempesta che è mia madre.

PEPPE – Ah, sì? Sunu i so’ genitori? E ‘a strascinaru finu a ccà?

TERESINA – Sì,  dopo un lungo peregrinare, da una sponda all’altra.

5


“MATRIMONIU PUTATIVU” – 2 atti di GB. Spampinato e N. Di Maria

PEPPE – (A Mariangela)‘U sintiti? Trasìu di sponda.

TERESINA – (Cercando di abbracciare Peppe)Tu mi hai chiamata ed io sonovenuta!

PEPPE – Ju mancu sacciu comu si chiama.

TERESINA – Mi chiamano Teresa, ma per te sarò Teresina!

MARIANGELA – (Piano)Vossia mi sta attentu ca è pazza!

TERESINA – Che cosa mormora quella donna? Chi è? E’ forse la tua donna? PEPPE – No, è la cammarera.

MARIANGELA – Collaboratrice domestica, prego!

TERESINA – Che vuole? Mandala via!

MARIANGELA – Pirchì non ti nni vai tu?

TERESINA – Sei suo succube?

PEPPE – Ju non sugnu sucu e mancu salsa!

TERESINA – Ti domina?

PEPPE – Cui?

TERESINA – Lei!

PEPPE – Non capisciu.

TERESINA – Sei il suo zimbello?

PEPPE – Quali umbrellu? Senti, bedda, cerca di parrari cchiù chiara ca non ticapisciu!

TERESINA – Lei, quella donna, è la tua padrona?

PEPPE – Allura, si’ ‘ntontira! Ti dicu ca è ‘a cammarera, la domestica! TERESINA – Ma ti comanda?

6


“MATRIMONIU PUTATIVU” – 2 atti di GB. Spampinato e N. Di Maria

PEPPE – Si è ‘a cammarera, po’ cumannari? Ju cumannu ca sugnu ‘u patruni.

TERESINA – E, allora, mandala via!

PEPPE – Ma, scusa, tu a cu’ cerchi? Cu’ ti mannau?

TERESINA – Io sono qui per il giornale.

MARIANGELA – Vinni giurnali?

TERESINA – Non vendo giornali. Sono la persona che cerchi.

PEPPE – Ma ju non haju pirdutu a nuddu!

TERESINA – Tu mi stai cercando ed io sono qui per te!(Cerca di abbracciarlo)Sono giovane, sono bella, ma sono tanto stanca!

PEPPE – (Ricomponendola)Ripositi, figghia, si si’ tantu stanca!

TERESINA – Cosa vuoi che siano cinque minuti di riposo di fronte a secoli distanchezza!

PEPPE – Veramenti, non mi pari tantu vecchia.

TERESINA – Io non sono vecchia; sono giovane; è l’umanità che è vecchia ed hasecoli di stanchezza!

PEPPE – Mi facisti veniri ‘a stanchizza macari a mia; quasi quasi m’assettu.(Fa persedersi)

TERESINA – (Fermandolo)No, tu no!… Tu non puoi essere stanco!… Non deviessere stanco! Tu devi saziarmi di tutto quello che non ho avuto sin dalla mia primordiale esistenza!… Ho tanta sete!

PEPPE – Donna Mariangila, vo’ pigghiaticci  ‘n bicchieri d’acqua!

TERESINA – Non ho sete d’acqua! Ho sete d’amore, di pace, di verità, di sapere!…Tanta sete!

MARIANGELA – Mischina, sta appilannu!

PEPPE – Senti, bedda…

TERESINA – Chiamami Teresina… Fammi sentire che ti appartengo!

7


“MATRIMONIU PUTATIVU” – 2 atti di GB. Spampinato e N. Di Maria

PEPPE – Vidi ca ti stai sbagghiannu: tu non m’apparteni! Mi stai scangiannu ppin’autru!

TERESINA – Io non mi sbaglio; e, poi, lo dice anche il giornale che sei tu!

PEPPE – Si fissau ccu ‘stu giurnali!

MARIANGELA –( Piano)E’ pazza!… Non ‘a cuntrariassi, ppi carità!

TERESINA – (Cercando di abbracciarlo ancora)Tu sei l’uomo del mio destino!…L’uomo che i miei genitori mi hanno destinato!

PEPPE – ‘U ventu e ‘a timpesta?

TERESINA – Sì, insieme ai fulmini e alle saette, che sono i miei fratelli e le miesorelle!

PEPPE – Però, ju non sugnu ‘n tronu!

TERESINA – Ma sei il fuoco che scioglierà il mio cuore diventato di ghiaccio e farànuovamente scorrere nelle mie vene il sangue che si era essiccato per la mancanza di calore!

MARIANGELA – Poviru don Peppe, chi ci n’avvinni!

TERESINA – Dimmi un po’: sei ricco? Molto ricco? Per essere felici, tu devi esseremolto ricco perché la polvere della felicità costa molto… Ci vogliono tanti soldi per averla sempre!… Ecco, dammi un po’ di soldi perché voglio essere felice subito!… Su, vieni, andiamo a comprare la polvere della felicità che ne ho tanto bisogno!.. Anche tu sarai felice!… Vieni! (Cerca di trascinarlo fuori)

MARIANGELA – (Gridando)‘Na drogata è!(L’afferra)Senti, tappinara ca non si’autru, si tu si’ figghia d’u ventu, ju sugnu figghia d’u cicluni e, si non ti nni vai, ti fazzu in milli catigghi! (E la spinge fuori dalla comune)

PEPPE –Animi santi d’u Priatoriu, cu’ ci ‘a purtau ccà a ‘sta furia?

MARIANGELA – ‘U diavulu! Aveva aviri di sicuru qualchi diavulu ‘ncurparatu!

PEPPE – Però, canusceva ‘u me’ nomu e cugnomu.

MARIANGELA – ‘Sti mali fimmini sannu tuttu: s’informunu!(Si sente suonare allacomune) Vossia mi sta fermu unn’è ca, si è idda n’autra vota, ci dugnu ‘n malu colpuin testa! (Afferra una sedia, la alza e va ad aprire)

8


“MATRIMONIU PUTATIVU” – 2 atti di GB. Spampinato e N. Di Maria

SCENA TERZA

Jabicu e detti.

JABICU –(Entra recando un giornale in mano. Scorgendo Mariangela con la sediaalzata, si ripara istintivamente) Oh, donna Mariangila, e chi è? Accussì accuglitil’ospiti?… Don Peppe, ci bacio le mani.

PEPPE – Ti salutu, Jabicu.

MARIANGELA – Ah, tu si’? Scusa.(Posa la sedia)

JABICU – Aspittauru ‘u nemicu? Siti in guerra ccu qualcunu?

MARIANGELA – Mi pareva ca fussi ‘na certa pirsunedda…

JABICU – L’aveuru forsi ccu ‘dda furia ca ‘ncuntrai ‘nte scali?

PEPPE – ‘A ‘ncuntrasti?

JABICU – Faceva i scali a quattru a quattru. Si non mi scansava, ccu ‘dd’abbrivu capurtava, ‘sa unni mi faceva arrivari. Cu’ era?

MARIANGELA – ‘Na pazza!… Dici ca era ‘a figghia d’u ventu e d’a timpesta esoru d’i fulmini e d’i saetti, ma ju ci dissi ca era ‘u cicluni e, allura, s’a misurau e s’a filau!

JABICU – Ma chi vuleva?

PEPPE – Chissacciu, diceva ca era vinuta pirchì ju l’aveva chiamata, dici ca ‘upartava macari ‘u giurnali… Vuleva soldi.

JABICU – Muntuvau ‘u giurnali?

PEPPE – Sì, dici ca era ccà pp’u giurnali.

JABICU – Idda era, e vossia ‘a fici scappari!

PEPPE – Idda, cui?

JABICU – ‘A zita!

MARIANGELA – Ccà ci nn’è n’autru pazzu! Quali zita?

JABICU – ‘A zita di don Peppe.

9


“MATRIMONIU PUTATIVU” – 2 atti di GB. Spampinato e N. Di Maria

MARIANGELA – Ma chi ‘ncucchi, Jabicu?… Don Peppe non po’ aviri ‘a zita pp’usemplici motivu ca ancora non ha divorziatu di so’ muggheri!

JABICU – ‘A zita putativa ‘a po’ aviri.

PEPPE – ‘A zita purgativa?

JABICU – Putativa!

MARIANGELA – ‘Na zita ca puta?

JABICU – Stativi muta vui ca non capiti nenti!

PEPPE – Muta, ‘gnuranti!

MARIANGELA – Ah, ju sugnu ‘gnuranti!?… Ma vossia ‘u capìu chi voli diriJabicu?

PEPPE – Veramenti, no…

MARIANGELA – E, allura, è ‘gnuranti macari vossia!

JABICU – M’aviti a scusari, ma siti ‘gnuranti tutti dui, perciò stativi muti ca vispiegu tuttu: quannu vossia mi desi l’incaricu di circaricci ‘na picciotta disposta a stari ccu vossia “more uxorium”…

MARIANGELA – (Interrompendolo)Cu’ mori?

JABICU – Non mori nuddu, donna Mariangila! Accussì si dici quannu dui stannu‘nsemi senza matrimoniu. Perciò, quannu vossia mi desi l’incaricu, ju prima parrai ccu n’amicu ca è avvucatu, ppi vidiri si c’era una via d’uscita nella sua situazione. Iddu mi spiegau ca vossia, prima di putirisi maritari n’autra vota, deve aspettare almeno per una decina d’anni!

PEPPE – Buum!

JABICU – Chissa è ‘a liggi!

PEPPE – Ah, è ‘a liggi? Perciò, ju haju quasi sissant’anni, e deci fannu sittanta…Cu’ mi po’ vuliri cchiù a sittant’anni?

MARIANGELA – (Prontamente)‘A morti!… ‘A morti s’u pigghia!

PEPPE – Muta vui, vuccazza d’infernu!

10


“MATRIMONIU PUTATIVU” – 2 atti di GB. Spampinato e N. Di Maria

MARIANGELA – Ju ci ‘u dissi qual’era ‘u rimediu ppi vossia!… ‘U Signuri, però,manna pani a cu’ non havi denti!

PEPPE – Di ‘stu pani ca diciti vui, ju non nni mangiu ca è duru. A mia mi piaci ‘upani friscu!

MARIANGELA – ‘U pani friscu ci aggruppa!

JABICU – Si fa chiddu ca mi cunsigghiau l’avvucatu, non ci aggruppa.

PEPPE – Parra, sugnu dispostu a tuttu!

JABICU – Vossia po’ fari ‘u matrimoniu putativu, in attesa di divorzio.

PEPPE – E chi voli diri?

JABICU – Ca è e non è validu. Cioè, non è validu ora, ma lo sarà dopo il divorzio.

PEPPE – E si chiama putativu?

JABICU – Sissignuri, comu i genitori o i figghi putativi, ca non sunu naturali, masunu legittimi per la legge. Ha capito?

PEPPE – Bella è ‘sta truvata! Ma comu avveni ‘stu matrimoniu putativu?

JABICU – Privatamente, in casa, ccu carta bullata e testimoni, comu un verumatrimoniu. I due promessi sposi, con quell’atto privato, promettono e s’impegnano di vivere insieme, di volersi bene, di rispettarsi, di mantenersi a vicenda e, una volta ottenuto il divorzio, s’impegnano di regolarizzare il loro atto allo Stato Civile, registrandolo in modo da diventare regolare ad ogni effetto di legge.

MARIANGELA – ‘Na speci di matrimoniu a “godi godi”!

JABICU – Chi c’entra, donna Mariangila, è ‘na speci di compromesso. Si vuiv’accattati ‘na casa, chi faciti l’attu subitu? Prima faciti ‘u compromessu, ottenete il possesso – don Peppe, questo è importante: il possesso! (E sbatte la palma della mano destra contro il pugno chiuso della mano sinistra) – e poi, cc’a paci, facitil’attu. ‘U stissu è pp’u matrimoniu putativu.

PEPPE – (A Mariangela)‘U capistiru?… Ma poi, a vui haju a dari tutti ‘sti cunti?

MARIANGELA – Ppi mia po’ fari chiddu ca voli. Mi duna ‘a liquidazioni ppi tuttil’anni ca l’haju sirvutu e mi ritiru in pensioni.

11


“MATRIMONIU PUTATIVU” – 2 atti di GB. Spampinato e N. Di Maria

PEPPI – Vui ristati ccà a fari chiddu c’aviti sempri fattu. Ccu mia aviti ‘u paniassicuratu finu a quannu campati; a pattu, però, ca rispittati a me’ muggheri e vuliti beni e’ picciriddi.

MARIANGELA – Ancora ha nasciri e già si chiama Cola?

PEPPE – Jabicu, parrannu parrannu, mi stava scurdannu ‘u megghiu. ‘Dda picciottaca fu ccà, chidda ca ‘ncuntrasti ‘nte scali, era ‘a me’ zita?

JABICU – Chi sacciu?

PEPPE – Tu ‘u dicisti!

JABICU – Puteva essiri una pretendente alla sua mano!

MARIANGELA – (Ridendo)E cu’ divintau don Peppe, ‘u principinu d’a favula?

JABICU – C’è pocu di schirzari, donna Mariangila. Puteva essiri propriu idda!

PEPPE – E cu’ ‘a mannau ccà, l’avvucatu?

JABICU – Chi c’entra l’avvucatu?… Vinni dopu ca liggìu l’avvisu.

PEPPE – Quali avvisu?

JABICU – L’avvisu ca ju misi ‘nto giurnali, dopu ca parrai ccu l’avvucatu.

PEPPE – Mittisti un avvisu ‘nto giurnali? Allura, oramai, divintai pubblicu!

MARIANGELA – (Sfottendolo)Comu ‘na buttana vecchia!

PEPPE – Pipita ‘nta lingua!

JABICU – Vossia non m’aveva datu carta bianca? E poi, chi c’è di mali?…‘UPrisidenti d’u Cunsigghiu, allura, ca di ‘sti tempi si vidi a tutti banni, chi è buttana vecchia?

PEPPE – Chiddu è peggiu!… Ma lassamu perdiri ‘stu discursu!

JABICU – Ma di chi si preoccupa vossia?

PEPPE – Si ‘u giurnali ‘u leggi me’ frati ‘u parrinu, sugnu cunsumatu!

JABICU – So’ frati leggi macari l’avvisi economici?

12


“MATRIMONIU PUTATIVU” – 2 atti di GB. Spampinato e N. Di Maria

PEPPE – Tuttu leggi chiddu, tranni ‘u missali d’u Santu Uffiziu!… Fatti di politica,cronaca nera, sport, spittaculi, cu’ nasci, cu’ mori, cu’ fallisci, macari l’orariu ferroviariu leggi!

JABICU – Don Peppe, l’avvisu era l’unicu rimediu ppi vossia ; m’u dissi macaril’avvucatu.

PEPPE – Ma quannu niscìu ‘st’avvisu?

JABICU – Duminica.

PEPPE – Tri jorna arredi? E non m’ha’ dittu nenti?

JABICU – Ju l’haju circatu ogni jornu, ma non l’haju pututu truvari. Chi ci pozzufari?

PEPPE – Haju statu in campagna ca stannu rimunnannu l’alivi. Chi ci scrivisti ‘nta‘sta avvisu?

JABICU – Ora ci ‘u leggiu ca ‘u giurnali ci l’haju ccu mia.(Prende il giornale, loapre nelle pagine degli annunci economici e legge) “Separato in attesa di divorzio,bella presenza, giovanile, proprietario di case e terreni, agiato, cerca giovane donna illibata, bella presenza, scopo matrimonio putativo da registrare appena ottenuto divorzio. Si assicura ricca dote in denaro alla sposa. Indirizzare a Calacitra Giuseppe, via Barnabò n° 7, Calascibetta”. Ci piaci?

PEPPE – Sì, è scrittu beni.

JABICU – E’ un capolavoro!… Mi custau quasi cinquantamila liri!… Poi ni facemui cunti. Intantu, vossia mi si teni ‘u giurnali: è so’, ‘u ‘ccattai ppi vossia.

PEPPE – Grazii, m’u tegnu ppi ricordu.(Suonano alla comune)

JABICU – Voli vidiri ca sta arrivannu n’autra zita?

PEPPE – N’autra? ‘A prima già arrivau?!

JABICU – Don Peppe, ‘dda furia ca ‘ncuntrai ‘nte scali !

PEPPE – Ah, già, ‘a figghia d’u ventu!

MARIANGELA – E d’a timpesta!

13


“MATRIMONIU PUTATIVU” – 2 atti di GB. Spampinato e N. Di Maria

PEPPE – Spiramu ca chista ca sta arrivannu è figghia di N.N.! Donna Mariangila,‘rapiti e, mi raccumannu, prudenza!

MARIANGELA –(Apre ed appare padre Luciano, il fratello prete di don Peppe)E’…‘u figghiu di Diu!

SCENA QUARTA

Padre Luciano e detti.

LUCIANO – (Si presenta come una furia scatenata; anche lui ha il giornale inmano) Finalmenti ti truvai!… Havi tri jorna ca ti cercu! Ah, ci l’hai macari tu? (Allude al giornale)

PEPPE – (Equivocando)Certu ca ci l’haju macari ju!… Ci mancava ca non l’avissi!

LUCIANO – Bene, accussì putemu parrari senza giri di paroli e senza pila ‘ntalingua: comu ‘a mittemu? Avanti, rispunni!

PEPPE – Comu ‘a metti tu, non ‘u sacciu. Si’ ministru di Diu e t’a vidi tu e ‘a to’cuscenza… Ju, ‘u sacciu comu l’haju a mettiri.

LUCIANO –(Sbandierando il giornale)Io ne faccio buon profitto, tu, invece, neapprofitti!

PEPPE – Cerco di fare del mio meglio, vistu ca tu e tutti chiddi ca ‘a pensunu comua tia, facistiru ‘na liggi disumana e ingiusta.

LUCIANO – Ma di quali liggi parri?

PEPPE – D’a liggi d’u divorziu, longa e complicata comu ‘na serpi, ca priva icristiani d’a cosa cchiù naturali d’a vita: l’amuri!

LUCIANO – Ma chi amuri e brodu di ciciri!… Ju ti parru d’u giurnali, ca tu ni faipessimu usu!… Chi significa ‘st’avvisu ca facisti pubblicari?

PEPPE – Chiddu ca liggisti, parola dopu parola!

LUCIANO – ‘U sai chi significa chiddu ca c’è scrittu ccà?

PEPPE – M’u fici spiegari di l’avvucatu.

LUCIANO – Ma il matrimonio putativo non esiste!

PEPPE – Mancu ‘u divorziu esisti ppi vuatri parrini, pirchì non l’ammittiti.

14


“MATRIMONIU PUTATIVU” – 2 atti di GB. Spampinato e N. Di Maria

LUCIANO – Non esiste neanche nel Codice Civile!

PEPPE – Mancu ‘u compromessu esisti, eppuri tu, quannu t’accattasti ‘a mita di casaca mi lassau ‘a bon’arma d’a mamà, vulisti firmatu ‘u compromessu. ‘A me’ parola sula non ti bastava. E si’ me’ frati e, ppi giunta, parrinu!

LUCIANO – Certi cosi si fannu per la vita e per la morte!

PEPPE – Macari ‘u matrimoniu ccu ‘dda cajorda di me’ muggheri, ca cumminasti ecilibrasti tu stissu, si fici per la vita e per la morte; eppuri, dopu mancu vint’anni, finìu!… Ccu cu’ m’a pigghiu, ccu me’ soru ‘a monica?

LUCIANO – Bisogna fare la volontà di Dio, nella buona e nella cattiva sorte!

PEPPE – Inveci, ppi ‘sta vota, farò la volontà della mia coscienza.

LUCIANO – Peppe, stai attento!… Solo una poco di buono potrà mettersi con temore uxorum e sarà la tua rovina!

PEPPE – Non ti preoccupari ca a mia ‘nto saccu non mi ci jetta nuddu.

LUCIANO – Vidi ca ti mangia l’anchi e li palanchi! Ti riduce in miseria!

PEPPE – Ah, è chissu ca ti preoccupa, ca non ti lassu nenti?

LUCIANO – Io ti sto avvisando: quello che stai facendo è contro la religione che è lalegge di Dio, e chi si schiera contro la religione, si schiera contro Dio!

PEPPE – Senti, non cuminciari cch’i paroli grossi e non mi cunfunniri ‘a testa. ‘USignuruzzu ccà non c’entra.

LUCIANO – (Ai due)E vuatri non faciti nenti ppi non faricci fari ‘sta pazzia? DonnaMariangila, siti forsi sua complice? ‘U Signuri vi manna o’ ‘nfernu!

MARIANGELA – Diu mi nni scanza e libira!… ‘U chiamu a tistimoniu! Ju ci l’hajudittu milli voti di non fari ‘sta pazzia!

PEPPE – Tirannu l’acqua o’ so’ mulinu!

LUCIANO – Per l’ultima volta, Peppe, ascoltami. Non ti lasciare trasportaredall’istinto della carne; non ascoltare i cattivi consiglieri! Ricordati che hai un fratello che è pronto ad aprire le sue braccia per confortarti nei momenti di sconforto, ma se ti ostini a non ascoltare la sua voce, non cercarlo mai più, soprattutto nei momenti di bisogno!

15


“MATRIMONIU PUTATIVU” – 2 atti di GB. Spampinato e N. Di Maria

PEPPE – Va beni, facemu comu dici tu.

LUCIANO – Mi darai ascolto?

PEPPE – Ci penserò e poi ti dugnu ‘na risposta.

LUCIANO – Sono certo che il Signore ti illuminerà. Me ne vado e che Dio sia conte!

PEPPE – Ora pro nobis!

LUCIANO – (Si avvia, ma si ferma alla comune)Ah, dimenticavo, il portalettere miha dato questo espresso per te. (Glielo consegna) Sia lodato Gesù Cristo! (Via)

JABICU – ( Dopo l’uscita del prete)Don Peppe, non cridu ca ora ca i cosi si stannuabbissannu, vossia ascuta a ‘ddu ‘ntintariu di so’ frati?

PEPPE –(Ironico)Non ‘u vidisti ca mi ‘rapìu i so’ vrazza?

MARIANGELA – Pirchì non c’i ‘rapeva quannu so’ muggheri ‘u lassau ppi jrasinniccu l’amanti e si purtau ‘u librettu di risparmiu e i soldi, lassannulu poviru e pazzu?

PEPPE – (C.s.)I cosi giusti, m’ajutau!… I soldi ppi pagari ‘a cambiali d’u tratturi echiddi pp’accattari i simenti m’i desi iddu.

MARIANGELA – Ma vosi fattu l’attu d’a casa ca valeva cinquanta miliuna, e idduci ‘a scippau ppi cincu!

PEPPE – Ca menu mali ca Diu vidi e pruvvidi!…(Porgendo la lettera a Jabicu)Te’, Jabicu, vidi chi c’è scrittu ‘nta ‘sta littra ca ju sugnu senza ucchiali e non ci vidu.

JABICU – Sissignuri.(Apre la lettera e legge)“Egregio signor Calacitra, ho leggiutoil suo avviso nel giornale e accetto la sua priposta di matrimonio putativo come vuole egli. Sono una ragazza di ventiquattro anni, nubile, allibbata, di bella prisenza, di ottima salute e distinta famiglia. Verrò con i mei genitori e un tistimonio a casa sua per lo sposalizio giorno ventisette del corrente mese…

PEPPE – (Interrompendolo)Vintisetti? Allura oggi!

JABICU – (Continuando a leggere)… Sono certa che per la dote egli farà come nelgiornale e ci mettemo d’accordo. Una stretta di mano come se fusse di prisenza e tanti saluti dal mio babbo e dalla mia dolce mammella…

PEPPE – Chi è difittusa? Una sula nn’havi?

16


“MATRIMONIU PUTATIVU” – 2 atti di GB. Spampinato e N. Di Maria

JABICU – Chi?!

PEPPE – Mammella!

JABICU – Ma no, voli diri: tanti saluti dalla sua dolce mamma.  (Riprendendo a

leggere) … Mi sottofirmo: Concettina Licodia di Salvatore”.PEPPE – ‘U dici si venunu di matina o di pomeriggiu? JABICU – No, non dici nenti.

PEPPE – Si arrivunu di matina, ci avemu ad offriri ‘u pranzu.

MARIANGELA –(Prontamente)E’ troppu tardu: non si fa cchiù in tempu!

PEPPE – ‘A Sibilla sintinziau!

MARIANGELA – Chi pozzu priparari cchiù a st’ura? Pasta cc’a salsa e carniarrustuta!

PEPPE – ‘U mangiari d’i curnuti!

MARIANGELA – Per l’appuntu!

PEPPE – Donna Mariangila, chi vuliti ‘nsinuari?

MARIANGELA – Ju? Nenti!

JABICU – Sulu pasta cc’a salsa e carni arrustuta sapiti cucinari?

MARIANGELA – Modestamenti, priparu pranzetti digni di un re!

PEPPE – E, allura, priparatini unu dignu di ‘na regina, la mia regina!

MARIANGELA – ‘A regina di coppi!…A ‘st’ura non trovu cchiù nenti.

PEPPE – Vo’ jti, allura, ‘nta rosticceria e accattati un pranzu bellu e fattu: pasta o’furnu, cutuletti, sasizza, patati fritti… ‘U vinu c’è, ‘a frutta macari…

MARIANGELA – Va beni, ci staju jennu.(Fa per avviarsi, ma viene fermata)

PEPPE – Mentri ci siti, passati d’a dolceria e accattati ‘na bella cassata siciliana edu’ buttigghi di sciampagni spumanti.

17


“MATRIMONIU PUTATIVU” – 2 atti di GB. Spampinato e N. Di Maria

MARIANGELA – Quantu n’accattu pasta o furnu?

PEPPE – Ca iddi sunu quattru: Cuncittina, so’ patri, so’ matri e ‘u tistimoniu…

MARIANGELA – Nuatri semu tri: ju, vossia e Jabicu…

PEPPE – Vui già facistiru i ‘nviti!

MARIANGELA – Ni voli lassari morti di fami a mia e a Jabicu?

PEPPE – Aviti ragiuni. Accattati setti porzioni di pasta e carni e sasizza ppi setti,anzi ppi ottu, accussì sarà cchiù abbunnanti; ci facemu vidiri a’ me zita ca ‘nta ‘sta casa c’è abbunnanza.

JABICU – Sempri ginirusu ha statu don Peppe Calacitra!

PEPPE – E a tia, si mi rinesci ‘stu matrimoniu, ti fazzu ‘n rjalu ca ti l’hannu ainvidiari tutti! (Suonano alla comune) Ccà è! Chista è sunata di zita!

MARIANGELA –(Ironica)Chista non è sunata: è sirinata!

PEPPE – Non ci schirzati ca ‘u cori mi sta battennu forti forti!… Chiuttostu, vo’ jti afari a spisa. (Donna Mariangela si avvia per la comune) No, passati di l’ortu. Non vi faciti vidiri. E, quannu turnati cc’a spisa, trasiti n’autra vota di ddà. (Mariangela via a destra)

SCENA QUINTA

Turi Licodia, Maristella, Cola Cricchia, Concettina e detti.

PEPPE – (Apre ed appare per primo Turi Licodia, vestito in modo pacchiano comepure gli altri; è cerimonioso e si dà delle arie) Prego, s’accumudassi.

LICODIA –(Entrando)Bongiorno. Scusasse, è lei il signor Calacitra Giuseppe,possidente di case e terreni, abitante in questo paese e in questa via e numero?

PEPPE – A servilla, sono io.

LICODIA – (S’inchina goffamente)Lieto e fortunato della sua riconoscenza. Io sonoSalvatore Licodia da Caltagirone, il padre di Concettina che ci ha scritto nel giornale.

PEPPE – Tanto piacere. Si accomodasse.

LICODIA – Ci permette che faccio entrare il resto della famiglia e il tistimonio dellasposa, nostro parente di famiglia?

18


“MATRIMONIU PUTATIVU” – 2 atti di GB. Spampinato e N. Di Maria

PEPPE – Certu, i facissi accumudari.

LICODIA –(Chiamando)Avanti uno.(Appare Maristella, una donna grossolana;ha la commozione e le lacrime sempre pronte. La presenta) Mia moglie Maristella,madre della sposa!

MARISTELLA – Tantu anuri e piaciri.

PEPPE – (Stringendole la mano)L’anuri è tuttu ‘u miu.

LICODIA – (C.s.)Avanti un altro!(Appare Cola Cricchia. Lo presenta)Il signorCricchia Nicola, fu Alfio, intimo amico di famiglia e parenti alla luntana!

CRICCHIA – Servo suo distintissimo.

PEPPE – (Stringendo la mano anche a lui)Piacere.

LICODIA – Ora viene il bello. Come dice il pueta? “Dolcis in fondis”: mia figliaConcettina, la promessa sposa putativa!… Vieni avanti, Concettina! (Appare sulla porta, coperta dalla testa ai piedi da un lenzuolo bianco)

PEPPE – (Sgomento per l’agghiacciante apparizione)Maria Santissima, chi è ‘nspirdu?!

LICODIA – (Sorridendo maliziosamente)Caro futuro geniro, quando si inauguriauna statua si ci mette un linzolo per cormogliarla in modo che la gente, quando la vede resta rimminchiolinita. Ora io la scormoglio e appare la sorpresa finale. Uno, due e tre: alè! (Toglie il lenzuolo e appare Concettina, vestita di bianco e con un serto di fiori d’arancio a coroncina sui capelli, a mo’ di verginella) Ci piace?

PEPPE –(Ammirato per la bellezza di Concettina)Bedda, ‘na pupa!

MARISTELLA – (Con orgoglio materno)Spuntau ‘u suli!

LICODIA –(Accompagnando la figlia per mano fino a Peppe)Ci rappresento la suaimminente sposina. Concettina, fai una riverenza! (Concettina esegue) Questo signore, in meno di un’ora, sarà il tuo sposo putativo. Datevi la mano. (Eseguono)

PEPPE – (Molto galante)Fortunatissimo immenso.

CONCETTINA – Ed io più immensa di lei.

PEPPE – (Presentando Jabicu)Questo giovanotto è Jabico Spinella, il miotestimonio.

19


“MATRIMONIU PUTATIVU” – 2 atti di GB. Spampinato e N. Di Maria

JABICU – Piacere di conoscere gente così simpatica.

TUTTI – Piacere nostro.

LICODIA – Caro geniro, pirmetti ca ti dugnu il tu?… Dunca, caro geniro, come tistava dicenno, ti trovo di mio gusto: simpaticone, giovinastro, biddoccolo e speciali.

PEPPE – Grazii, ma non haju nenti di speciali. Sugnu unu comu a tanti autri.

MARISTELLA – Stai schirzando… Primmetti ca ti chiamu di tu macari ju?… Seiancora picciotto, più meglio di un picciotto di vint’anni! Quant’anni po’ aviri? Al massimo quarant’anni!

LICODIA – L’età è chidda ca si leggi nella faccia! Signuri mei, taliati chi facci cahavi me’ jenniru!

CRICCHIA – E la sposina che ne dice?

CONCETTINA – (Con finta timidezza)Mi piaci.

LICODIA – Dillu cchiù forti, non t’affruntari!

CONCETTINA – (Più forte)Mi piaci assai assai.

MARISTELLA –(Commovendosi)Quannu pensu ca me’ figghia si nn’ha a veniri astari ccà, luntana di mia, mi si trafigge il core! (Piange)

LICODIA – Maristella, oggi non si piccìa: è giorno di festa!(A Peppe)To’ sòggira è

sensibilissima. Basta una mozione che chiance come una fontana: mali patalogico sintimintali ca si porta dalla nascita. In quanto al signor Cricchia, qui presente, oltre ad essere amico e parente alla luntana, è anche mio socio di una piccola industria con stabilimento di cascami e affini.

CRICCHIA – Affini finissimi, ca non temono concorrenza.

PEPPE – Mi nni cumpiaciu.

LICODIA – Facemu affari ccu tutta l’Europa. Mannamu cascami a tutti banni.

CRICCHIA – Cascami in Francia, cascami in Inghilterra, cascami in Spagna,cascami in Germania, cascami…

LICODIA - … unni ci su’ petri, unni c’è lippu… Cumpari, lassamu perdiri ‘stidiscursi d’affari ca annoiono. Chiuttostu, caro geniro, pirchì non ci fai visitare la casa

20


“MATRIMONIU PUTATIVU” – 2 atti di GB. Spampinato e N. Di Maria

dove mia figlia dovesse abitare per tutta la vita naturale e durante? Si vidi a prima vista ca è una casa ricca e comuda, ma la vorressimo visitare.

PEPPE – (Lusingato)Prego, accomodatevi. Ju vaju avanti.

LICODIA – E noi dietro.(Si accodano a Peppe che fa da cicerone, entrando eduscendo da una porta all’altra) Caro geniro, hai una mangione da gran signore!

PEPPE – No, non mangiu assai, anzi di ‘sti tempi sugnu spitittatu.

LICODIA – Caro geniro, non stava parrannu di mangiare; stava dicennu che hai unamangione, cioè una casa assai comoda e bella.

PEPPE – Scusati, aveva caputu mali.

MARISTELLA – Una regia riale, ppi daveru!

CRICCHIA – Bella veramenti. C’è lusso e ricchezza in ogni ‘gnone.

LICODIA – Concettina, chi ti nni pari di questa nobile casa?

CONCETTINA – Mi piaci assai.

MARISTELLA – Tu sarai la regina di questa casa riale!(E si commuove)

LICODIA – Maristella, non ti mozionare!

PEPPE – Ma pirchì non v’assittati? Siti stanchi d’u viaggiu e, perciò, aviti bisognu diriposu e di ristoru. (Prendono posto nel divano e nelle poltrone) Mi l’accittati ‘n bicchirinu di rasoliu?

LICODIA – Ccu tuttu ‘u cori.

CRICCHIA – Ccu tantu piaciri pirchì hajo la gola sicca.(Peppe serve,aiutato daJabicu)

LICODIA – (Dopo aver bevuto)Ah, questo rasolio ci voleva come il pane!

MARISTELLA – M’arrifricau tutti i budelli!

CRICCHIA – Squisito, pari accattatu!

PEPPE – E’ accattatu. Ni vuliti ancora?

21


“MATRIMONIU PUTATIVU” – 2 atti di GB. Spampinato e N. Di Maria

LICODIA – Lassa ‘a buttigghia ccà che ogni tanto ci abbagnamo il pizzo. E ora,amatissimo geniro, veniamo al fatto nostro del matrimonio. Abbiamo liggiuto il tuo avviso nel giornale e ti abbiamo scritto una littra di gradevole accettazione della tua proposta matrimoniale e indi abbiamo venuto per conchiudere.

MARISTELLA –(Piangendo)Me’ figghia si marita e nuatri ristamu suli!

LICODIA – Finiscila, Maristella, non piccìare più. Non mi fare sgocciolare anche ame i lucciconi. Perciò, dove abbiamo giunto?

CRICCHIA – Che abbiamo venuto per conchiudere il matrimonio.

LICODIA – Grazie. Perciò, la sposa è qui presente, di anima e di corpo, nubile alcento per cento garantito; ci metto la mano sul fuoco io medesimo, quinde si può fare lo sposalizio oggi stisso. (Maristella sta per piangere)

CRICCHIA – (Bloccandola)Dopu, cummari, a cosi fatti, chianciti!

MARISTELLA – ‘U sacciu ju chi chiovu haju ‘nto me’ cori!

LICODIA – Maristella, silenzio!… Dunca, mia figlia Concettina, oltri alla bellaprisenza, havi un corredo di biancheria a deci a deci. Havi i bagaje chini a tappo.

PEPPE – I bagasci? E chi sunu?

LICODIA – Bagaje, non bagasci! Si vede che non hai stato mai in Francia. Lì, inquelle terre francesi, dove noialtri andiamo spesso col mio socio Cricchia, per i nostri affari commerciali di cascami e affini, le pirsone ristocratiche chiamano bagaje i baulli, i valigi, i scatoloni col corredo della sposa. Hai capito?

PEPPE – Ah, sì? Non lo sapevo.

LICODIA – Ora lo sai. E prendiamoli questi bagaje ca ristaro dietro la porta. Forza,damini da fari; una mano all’uno! (Peppe si alza anche lui pronto a dare una mano) No, tu no; lo sposo questo lavoro di facchinaggio non lo deve fare che ci può calare la vàllira e, poi, non può consumare il matrimonio. I facchini siamo noi! (Aiutato da Cricchia e da Jabicu, trasporta gli scatoli in scena)

MARISTELLA – ‘Ddocu intra c’è ‘u curredu d’a rigina d’Inghilterra!

LICODIA – Ju sulu sacciu quanti sacrifici mi custau ‘stu curredu. Concettina,diccillu tu al tuo imminenti prossimo sposo chiddu ca ha fattu to’ patruzzu cch’i negozianti di Caltagiruni. Miracoli!

22


“MATRIMONIU PUTATIVU” – 2 atti di GB. Spampinato e N. Di Maria

JABICU – M’u ‘mmaginu… Si vidi ca ‘u signor Licodia è unu spertu.

CRICCHIA – Chiddu, una ni fa e centu ni pensa!

LICODIA – Modestamente, io ci ho il bernoccolo degli affari!

CRICCHIA – Però, cumpari, macari ju ho collaborato in questo affare. Io il braccioe vui la menti!

LICODIA – Ni putemu prisintari in televisione, a Portobello. Facemu scumparirimacari il presentatore!

JABICU – Scumpariri, nel senso di…(Con le dita fa il segno di rubare)

LICODIA – No, chi capìu? Scumpariri nel senso ca ci facemu fari una cattiva figura!

CRICCHIA – Me’ cumpari attaccassi a parrari e cu’ ‘u firmassi cchiù! Quannu cipigghiau ‘a biancheria a Cuncittina, ci niscìu uno scilinguagnulo ca i negozianti ci desiru macari ‘a biancheria ca i muggheri avevunu in casa!…

LICODIA – Intra ‘sti bagaje c’è un tesoro: stoffi di lino, di sita, di lana, di battista…

CRICCHIA –(Ogni tanto s’inserisce nell’elencazione)… di Giovanni…

LICODIA - … di rasu, pizzi…

CRICCHIA - … arancini…

LICODIA - … merletti, cuperti di lana, di sita, di cuttuni, di astracani…

CRICCHIA - … di astragatti…

LICODIA - … linzola, cuscini, vesti, sottovesti, vestagli, negligè… ‘Nsumma, civoli un armadiu sanu e bellu ‘ranni.

CRICCHIA – Scusati, cumpari, si v’interrumpu, ma circamu di venire al dunques ca‘a cira sta squagghiannu ppi nuatri!

LICODIA – Aviti ragiuni, cumpari. Dunca, passamu ai modalità legali delmatrimonio putativo.

PEPPE – Sugnu prontu.

23


“MATRIMONIU PUTATIVU” – 2 atti di GB. Spampinato e N. Di Maria

LICODIA – Benissimo! Prima, però, caro imminenti geniro, dimmi si t’impegni aregistrare l’atto del matrimonio putativo alla Stato Civile del Municipio, appena ottenuto il divorzio dalla tua ex moglie.

PEPPE – Sul mio onore di galantuomo, m’impegno.

LICODIA – Ti obblighi e t’impegni a riconoscere la prole nata da Concettina?

PEPPE – Essennu figghi mei di natura e di fatto, m’impegno a ricanuscilli.

LICODIA – E, allura, putemu stenniri l’attu matrimoniali in carta bollata. Maristellatira fora la carta bollata ca hai sarvata intra la borsetta. (Maristella scoppia in pianto) Maristella, ti ho detto di non piccìare! (A questo punto arriva Mariangela che attira l’attenzione di Peppe che, appena la scorge, le si avvicina e parlottano)

PEPPE –(Dopo aver parlottato con Mariangela)Scusati si v’intirrumpu, donnaMariangila mi sta dicennu ca ‘u pranzu è prontu. Non è megghiu ca prima ni pigghiamu ‘n muzzicuni e poi parramu d’affari?

CRICCHIA – Veramenti, ni vulissimu spicciari ca avemu ‘u stabilimentu  sulu.

LICODIA – Veru è. Dobbiamo consegnare una partita di cascame a dei clienti.

MARISTELLA – Ma, vistu ca si tratta di ‘n muzzicuni, n’u pigghiamu additta.

LICODIA – In che cosa consiti ‘stu muzzicuni? Vidi ca ju alivi non nni pozzumangiari pirchì hannu i nozzuli duri.

PEPPE – ‘N muzzicuni ppi modu di diri: pasta o’ furnu, cutuletti, sasizza, patatifritti, vinu d’a me’ vigna, aranci d’u me’ jardinu e ‘na bella cassata alla siciliana.

LICODIA - E, allura, putemu pigghiari postu a tavula.

PEPPE – Donna Mariangila, putiti apparicchiari!

MARISTELLA – Cuncittina, damicci ‘na manu!(Si alzano e si apprestano adapparecchiare)

S I P A R I O

24


“MATRIMONIU PUTATIVU” – 2 atti di GB. Spampinato e N. Di Maria

ATTO SECONDO

La stessa scena del primo atto. L’azione si svolge subito dopo il pranzo. La tavola è già stata sparecchiata e i commensali stanno gustando il caffè.

SCENA PRIMA

Peppe, Concettina, Maristella, Licodia, Cricchia, Jabicu e Mariangela.

LICODIA – Ora che abbiamo consumato un abbonante e frugale pranzo e gustatoanche il caffè, possiamo distendere l’atto matrimoniale putativo.

CRICCHIA -  Basta che non facciamo un atto grande che abbiamo prescia.

PEPPE – Aspittamu ca donna Mariangila porta ddà banna i tazzi leggi.(Mariangelaesegue restando in cucina )

LICODIA – Semu pronti?

MARISTELLA – Prontissimi!

LICODIA – Attaccu ju e vuatri, come dice il poeta, se mi volete bene, inseguitemi!

PEPPE – Un momento, ju mi pigghiai l’impegno di sposare Concettina, e da omud’anuri, lo mantengo, però, prima di stenniri l’attu è giustu ca m’accertu di certi cosi ca non sacciu e ca sunu la basi fondamentali d’u matrimoniu.

CRICCHIA – Giustissimo, prima di stenniri l’attu, don Peppe havi tuttu ‘u dirittu didumannari i so’ ragiuni.

LICODIA – Di chi si tratta? Parra!

PEPPE – Mi spiego: ju la sposa l’haju vistu sulu di facci e mi piaci…

MARISTELLA – E chistu è l’importanti!

PEPPE – Un mumentu di buntà, cara sòggira… Ppi quantu riguarda la facci, va beni,ma non sacciu com’è di corporatura.

LICODIA – Corporatura regolare, senza contrassegni particolari.

MARISTELLA – ‘Na bannera è. ‘A poi osservari comu voi. Semu sicuri d’i fattinostri!

25


“MATRIMONIU PUTATIVU” – 2 atti di GB. Spampinato e N. Di Maria

CRICCHIA – E’ ‘na miniatura!

LICODIA – Concettina, avanti alzati e cammina! Fatti vidiri d’a testa e’ pedi!(Dopouna certa riluttanza, Concettina si alza e passeggia per la stanza, facendosi ammirare da Peppe che la squadra tutta, davanti e di dietro) Tantu ppi non lassaridubbi, Concettina jsiti ‘a vesti e facci vidiri i jammi!

CONCETTINA – Ma, papà, ju m’affruntu!

LICODIA – Fino al ginocchio non ci fa nenti.(Concettina, riluttante, alza il vestito emostra le ginocchia) Ecco, tutto è sincero e genuino. Comu natura ha creato,Concettina ha conservato! (A questo punto, mentre Concettina sta mostrando le gambe, arriva come una furia Padre Luciano che, a quella vista, inorridisce)

SCENA SECONDA

Padre Luciano e detti.

LUCIANO –(Entrando)A ‘stu puntu semu?!… C’è macari ‘u spogliarellu?!(Concettina si abbassa il vestito frettolosamente, portandosi le mani al volto per la vergogna) Cu’ è ‘sta culumbrina? La sposina putativa d’u giurnali?

PEPPE – Non affenniri a’ me’ zita!

LUCIANO – Si’ ‘n pezzu di scimunitu cc’u stemma!

PEPPE – Ora basta! Comu ti permetti di fari ‘stu schifìu intra ‘a me’ casa? Tu nont’ha’ ‘mmiscari ne’ cosi ca non t’appartenunu! Ju sugnu maggiurenni e vaccinatu e fazzu chiddu ca mi pari e piaci!

LUCIANO – Tu si’ rimbambitu e ju ti fazzu interdire!

LICODIA – Ma chi è questo parrino? Perché si ammisca?

JABICU – E’ ‘u frati di don Peppe.

PEPPE – Purtroppu è me’ frati, ca voli fari di tuttu ppi non farimi maritari!

LUCIANO – Maritari ‘u chiami chissu? Unirti in pieno peccato mortale con unadonnaccia da quattro soldi!?

LICODIA – Non si pirmetta di affendere a mia figlia!

MARISTELLA – Si rimangiassi chiddu ca ha dittu e dumannassi scusa!

26


“MATRIMONIU PUTATIVU” – 2 atti di GB. Spampinato e N. Di Maria

CONCETTINA – (Piangendo)Mammuzza bedda, chi virgogna!

LUCIANO – Bonu, non facissi ‘a commedia! Chiuttostu, ‘sti signuri cal’accumpagnunu, cu’ sunu, i ruffiani?

CRICCHIA – Signor parrino, moderasse i termini! Nuatri semu genti pulita!

MARISTELLA – Pulitissima!

LUCIANO – Comu l’acqua d’u baccalaru!

PEPPE – Lucianu, ti dissi: basta! E vatinni di ccà prima ca mi scordu ca si’ me’ fratie fazzu uno sproposito!

LUCIANO – Non hai timore di cadere così spudoratamente nel peccato mortale difronte a Dio e alla Società? Vuoi diventare concubino? Comu po’ aviri ‘a facci di caminari pp’i strati? Non t’affrunti? Svergognato, vuoi disonorare ‘u nostru nomu? E poi, t’a vo’ pigghiari accussì carusa ppi divintari beccu n’autra vota? Ma ju, se ti ostini a fari d’a to’ testa, arricogghiu tuttu ‘u paisi, ‘u fazzu veniri sutta ‘u to’ balcuni e ti fazzu gridari in coro: becco!… becco!

LICODIA – Scusasse, riverendo, se m’intrometto, ma a lei chi ci nni ‘mpipa dichiddu ca fa so’ frati, si s’incucchia o si scucchia? Non è un piccirillo minorile che ha bisogno del suo consiglio o della sua autorizzazione!

LUCIANO – Lei si facissi i fatti so’! Ju, a me’ frati, ca è ‘u me’ stissu sangu, ‘stapazzia non ci ‘a fazzu fari! Perciò, smammamu di ccà intra tutti pari!

CRICCHIA – Don Peppe, so’ frati ni sta ‘nsultannu di mala manera, sta abusannud’a nostra pacienza!

LICODIA Ma io sbalordiscio di questo suo scortese trattenimento nei confronti digentiluomini e gentildonne come siamo noi!

LUCIANO – Lei non mi facissi ridiri!

LICODIA – La voli sapere la virità? Ed io ce la dico. Noi, appena abbiamo saputoche mio geniro aveva un frate parrino che si occupa di tante opere di carità, stàvomo venendo a casa sua per offrire il nostro giniroso lòbolo. Vero, cumpari?

CRICCHIA – E’ la virità!

LICODIA – Si lei vineva ccu deci minuti di ritardu, non nni truvava cchiù.

27


“MATRIMONIU PUTATIVU” – 2 atti di GB. Spampinato e N. Di Maria

CRICCHIA – Avissimu tagghiatu ‘a corda.

LICODIA – (Dandogli una gomitata)Ma chi diciti cumpari? Avissimu jutu a truvari‘u rivirendo!

LUCIANO – E come mai tanta generosità senza conoscermi?

LICODIA – Ci ha parlato di lei suo fratello, il mio futuro geniro.

MARISTELLA – E poi, noi siamo tanto caritatevoli!

CRICCHIA – Si deve immaginare che, quando nel nostro stabilimento vienequalche accattone per i ritagli, noi ce li diamo sempre gratis.

LICODIA – Anche se l’accattone se li vuole accattare, noi non ce li facciamoaccattare, ma ce li rigaliamo.

LUCIANO – Ah, possedete uno stabilimento?

LICODIA – Sì, di cascami e affini.

CRICCHIA – Affini finissimi.

LICODIA – Noi facciamo affari con tutta l’Europa.

CRICCHIA – E quanto prima ci spandemo anche in America.

MARISTELLA – Sì, spandemo a tutti banni.

LUCIANO – E fate molti affari?

LICODIA – Di tutti i colori!… Si deve immaginare che siamo anche in trattative colPapa.

CRICCHIA – Compare, non esageriamo. I trattativi ci l’avemu con un altrostabilimento consimile del Vaticano.

LUCIANO – E ditemi una cosa: quanto avreste voluto offrire per i miei poveri?

LICODIA – Ma non so, un milione, due milioni…

CRICCHIA – Anche di più: tre, quattro…

LICODIA – Anzi, vistu ca lei è ccà, il nostro lòbolo ci lo diamo subito.

28


“MATRIMONIU PUTATIVU” – 2 atti di GB. Spampinato e N. Di Maria

MARISTELLA – Però, lei deve pregare per l’anima dei nostri morti.

LUCIANO – Io prego sempre per l’anima dei morti.

LICODIA – La mia signora ci vuole dire che lei non deve pregare per il militeignoto, deve pregare per i nostri morti conosciuti.

LUCIANO – Vedo che siete delle brave persone che rispettano i loro morti. Pregheròper loro. Ora, visto che vi volete disturbare…

LICODIA – Non ci disturbiamo affatto.(Si cerca nelle tasche senza trovare ciò checerca) Cumpari ci ‘u faciti vui ‘u cheque o’ rivirendo? (Pronuncia: sceccu)

CRICCHIA – (Equivocando)Ma pirchì ci l’haju a fari ju?

LICODIA – Pirchì ju non pozzu: sugnu impossibilitato.

CRICCHIA – Va bene, ci ‘u fazzu ju.(Fa il verso dell’asino)

LICODIA – Ma chi stati facennu?!

CRICCHIA – ‘U sceccu, cumpari. Non mi dicistiru di fari ‘u sceccu?

LICODIA – E vui sceccu siti, caru cumpari!… Dovete fare il cheque, l’assegnu,va’!… Che io non ho con me il blocchetto.

CRICCHIA – Scusati, aveva caputu mali.(Si cerca inutilmente)Mi dispiaci,cumpari, ‘u lassai ‘nta l’autra giacca ‘u blocchettu.

LICODIA – Maristella, ppi casu t’i trovi ‘na para di miliuni nella borsetta?

MARISTELLA – Non ‘u sai ca non portu mai soldi spiccioli in borsetta per via degliscippi?

LICODIA – Rivirendo, sugnu umiliatu. Mi dispiaci veramenti… ‘U sapi chi facemu?Lei mi scrivi l’indirizzo ca, appena arrivamu a’ casa, ci lo spidiscio immantinenti.

MARISTELLA – Havi fiducia in noi? In funnu stamu divintannu parenti.

LUCIANO – Certo che ho fiducia. Indirizzate a Padre Luciano Calacitra, Parrocchiadella Consolazione, Calascibetta.

LICODIA – Sarà fatto. Cumpari, pigghiati nota.

29


“MATRIMONIU PUTATIVU” – 2 atti di GB. Spampinato e N. Di Maria

CRICCHIA – Ho già mimorizzato nel mio cirvello, cumpari.

LUCIANO – Grazie e che il Signore vi ricompensi. Mi raccomando, però, intestateloa me l’assegno. Ed ora scusatemi, ma devo togliere il disturbo. I miei poveri mi aspettano. Sia lodato Gesù Cristo e auguri per il matrimonio putativo! (Via)

PEPPE – (Dopo che il prete è andato via)Ah, finalmenti si nni jvu!

JABICU – ‘U visti, appena ‘ntisi ciauru di soldi, ci calmaru tutti i caluri.

PEPPE – Dovete scusare l’intromissioni di me’ frati, ma chiddu è fattu accussì: atutti banni si ci ha ‘ntrufulari iddu. Parrinu è!… Concettina, lo devi perdonare specialmente tu che ti ha affiso assai.

CONCETTINA – Io l’ho già perdonato.

LICODIA – Anche noi perché siamo troppo pazienti e tolleranti.

MARISTELLA – Sì, è vero. In casa nostra c’è tanta tolleranza. Ti devi immaginareche la chiamano: la casa di tolleranza!

CRICCHIA – (Per cambiare discorso)‘U vulemu stenniri ‘st’attu di matrimoniu casi fici tardu e ‘u stabilimentu aspetta?

LICODIA – Sì, spicciamini. Unn’erumu junti?

PEPPE – Ne’ jammi di Concettina.

LICODIA – Bene, comu i truvasti, ‘ritti o storti?

PEPPE – Belli ‘ritti.

CONCETTINA – Mamà, staju murennu pp’a vergogna!

MARISTELLA – E pirchì, mammuzza?

CONCETTINA – Ca ‘u me’ zitu mi visti i jammi!

MARISTELLA – Me’ figghia è ‘nnuccenti comu a so’ matruzza. E, ppi chissu, haavutu matrimonii a cafolu. Ha’ sapiri ca ‘a vuleva un ricco proprietario di feudi e palazzi, beddu comu lu suli; erunu talmenti ricchi ca tutti aveunu la porscia: porscia la matri, porcia la soru, porscia tutta la famigghia! Ma, Cuncittina ci dissi di no.

LICODIA – Ora basta con questi rivocazioni. Liggiamo l’atto e firmiamolo.

30


“MATRIMONIU PUTATIVU” – 2 atti di GB. Spampinato e N. Di Maria

PEPPE – E’ già pronto l’atto?

LICODIA – Sì, l’ha priparato mio compare Cricchia che di queste cose se neintende.

CRICCHIA – Pozzu leggiri? Sì?(Comincia la lettura e, là dove occorre, locompleta dei dati mancanti) “L’anno…, il giorno… del mese di…, in Calascibetta,sono presenti il signor Calacitra Giuseppe, di anni…”. Quantu ci mittemu?

LICODIA – Cinquanta. Annu cchiù, annu menu, basta ca c’è ‘a saluti!

CRICCHIA – Benissimo. “…di anni cinquanta, da una parte…”

PEPPE – ‘N mumentu, cinquanta di ‘na parti e cinquanta di n’autra?

CRICCHIA – (Ridendo)Ma no, che ha capito? Intindevo ca di ‘na parti c’è lo sposo e di l’autra lasposa. Sono vocaboli notarili; si lassassi serviri di mia. Dunca… (Continuando a leggere “…e dall’altra parte c’è la qui presente Licodia Concettina di Salvatore, di anni ventiquattro. Entrambi i convenuti dichiarano quanto segue: Calacitra Giuseppe è di professione possidente e coltivatore diretto, separato dalla moglie per giusta causa d’onore e in aspettativa di divorzio. La signorina Licodia Concettina è casalinga, nubile dalla nascita, massara ca ci esce l’oro dalli jta…

LICODIA – Cumpari, accuzzamila ca si fici tardu!

CRICCHIA - “…Col prisenti atto, da valere a tutti gli effetti legali e civili, il prefiatosignor Calacitra Giuseppe si obbliga di sposare, vita naturale e durante, la prefiata Concettina Licodia che accetta di vero cuore. I prefiati si obbligano di coabitare insieme a titolo di marito e moglie e di darsi reciprocamente assistenza di vitto, alloggio e alimenti vari secondo i bisogni corporali, come stabilisce il codice civile matrimoniale”.

LICODIA – Annacamini ca i cascami cascunu!

PEPPE – Senza prescia. L’attu s’ha fari con calma, senza scurdarini nenti di ‘na partia n’autra. Patti chiari e amicizia longa!

MARISTELLA –(Piangendo)Comu haju a fari senza la mia unica e sola figlia ca sista maritannu e si nni va!

CONCETTINA – Mamà, non mi affliggere il cuore che ha già conficcate sette spateche lo trapassano da una parte all’altra, come la Madonna!

LICODIA – Basta, non piccioliamo più che ci sento malaugurio! Cumpari,prosichemo!

31


“MATRIMONIU PUTATIVU” – 2 atti di GB. Spampinato e N. Di Maria

CRICCHIA – (Continuando la lettura)“Condizioni del matrimonio putativo:nessuna delle due parti, appena consumato il matrimonio, lo può disdicere perché, allora, si addice il codice penale per tutti gli effetti condannatorii, compreso il carcere.”

LICODIA – Giustissimo!… Ma allibirtamini ca si fici tardu.

CRICCHIA – “ Il marito Calacitra Giuseppe, oltre a mantenere la moglie ConcettinaLicodia, si obbliga di mantenere tutti i figli, nessuno escluso, che nasceranno da Concettina.”

PEPPE – Giustu, i figghi su’ figghi e si non ci pensa ‘u patri…

CRICCHIA – “La sposa porta il suo ricco corredo a deci a deci che lo sposoprenderà in consegna prima della prima notte di matrimonio”. A ‘stu puntu si deve stabilire la somma della dote per la sposa… Che somma ci mettiamo? Va bene cinquanta milioni?

PEPPE –(Sudando freddo)Ma ju non l’haju tutti ‘sti soldi!

LICODIA – Ti parunu assai? Vidi ca ti sta’ pigghiannu ‘na carusa di prima manu eppi giunta schetta!

MARISTELLA – Chi su’ oggi cinquanta miliuni? ‘Na miseria!

PEPPE – Ppi cu’ l’havi!… Si non ci calamu i prezzi, putiti strazzari l’attu escunchiudiri ‘u matrimoniu!

MARISTELLA – E chi ci cuntamu e’ nostri amici e parenti? Ci va di mezzu ‘unostru anuri! ‘U matrimoniu s’ha fari!

LICODIA – Certu ca s’ha fari!… Peppe, ti facemu una riduzione: quarantacinquemilioni.

MARISTELLA – Picca su’!

CRICCHIA – Boni su’!

PEPPE – Assai su’!

LICODIA – Quaranta?

MARISTELLA – Picca su’!

32


“MATRIMONIU PUTATIVU” – 2 atti di GB. Spampinato e N. Di Maria

CRICCHIA – Boni su’!

PEPPE – Assai su’!

LICODIA – Trentacinque?

MARISTELLA – Picca su’!

CRICCHIA – Boni su’!

PEPPE – Ancora assai su’!

JABICU – (Che sta vedendo sfumare l’affare)Cc’u vostru permessu, aggiustu tuttuju ca haju esperienza commerciale. Don Peppe, di quantu liquidu disponi? (Peppe, senza parlare, gli fa cenno di venti milioni) Facemu vinticincu e non si nni parracchiù!

PEPPE – Ma ju aveva dittu vinti miliuni!

JABICU – Vossia m’affenni si non fa passari ‘a me’ parola! Chi ponu essiri cincumiliuni ppi vossia? Unni vinti, vinticincu! E poi, comu si dici? L’omu ppi li corna e lu voi pp’a parola!

PEPPE – Ma chi dici, Jabicu?

JABICU – Scusassi, sbagghiai. Vuleva diri: L’omu pp’a parola e lu voi ppi li corna!

CRICCHIA – Posso prosechire? E, allora, proseco: “ Alla sposa, il signor Calacitrafa la donazione di lire italiane venticinque milioni, in denaro corrente e contante che consegnerà subito alla sposa.”

MARISTELLA – Ci ‘a stamu dannu ppi ‘na mangiata di pasta a nostra figghia!

LICODIA – Cumpari, prosechemo!

CRICCHIA – “ La somma suddetta, da questo momento è di proprietà di Concettinaa tutti gli effetti legali.” (Esplode un “Oh!” di soddisfazione che si spegne appena Peppe chiede di parlare)

PEPPE – Ora scrivissi chiddu ca ci dettu ju.

CRICCHIA – Certu, dittassi.

LICODIA – E’ nel tuo diritto giuridico!

33


“MATRIMONIU PUTATIVU” – 2 atti di GB. Spampinato e N. Di Maria

PEPPE – (Detta)La somma di venticinque milioni ca si dà alla sposa, si deverestituire allo sposo qualora la sposa, la prima notti di matrimoniu, risultassi cc’a strata fatta.

LICODIA – (Offeso)Ma che dici?

MARISTELLA – Che devono sèntere le mie aricche!

CONCETTINA – Ju staju murennu d’a vergogna! N’affisa comu a chista nuddu mil’ha fatta!

LICODIA – Ma dove abbiamo giunto? Così tu affenni una ragazza purissima,allibata e dignitosa!

CONCETTINA – Papà, pòrtimi a’ casa ca ccà non ci vogghiu stari ‘n minutu dicchiù! (Piange)

CRICCHIA – Chi razza di pritisi su’ chisti?

PEPPE – O si ci scrivi chiddu ca vi dissi o non si nni fa nenti!

LICODIA – Chissa è ‘na tagghiatina di facci!… Maristella, Cuncittina, jemuninni!

MARISTELLA – (A Peppe)Chi ti pareva ca me’ figghia è roba di fera? E’scampulu troppu finu e priziusu!

CONCETTINA – Io me ne infischio dei milioni!… Quantu vali ‘a me’ facci netta epulita, non vali nudda ricchizza!… Papà, andiamo!

LICODIA – Mancu ti salutu pirchì risultasti un omu di pezza!(Via)

JABICU –(Dopo che i quattro sono usciti)Ma chi cumminau, don Peppe? Pirchì siostinau cc’u ‘na sciocchezza?

PEPPE – Sciocchezza?!… A tia ti pari ‘na sciocchezza?… Dopu ca ‘a fazzu riginad’a me’ casa, ci fazzu ‘na doti di vinticincu miliuni, qualchi cosa mi l’ha purtari macari idda. Chi mi porta? ‘U davanti cc’u d’arredi? Ma almenu mi l’ha purtari sanu!

JABICU – Ci porta ‘a gioventù!

PEPPE – ‘A gioventù non si mangia!

JABICU – Dopu tuttu ‘u traficu c’aveva fattu!

34


“MATRIMONIU PUTATIVU” – 2 atti di GB. Spampinato e N. Di Maria

PEPPE – Non ti preoccupari ca ora tornunu.(Infatti sull’uscio, ad uno ad uno, sipresentano Cricchia, Licodia, Maristella e Concettina)

CRICCHIA – Viniti avanti. E, mi raccumannu, nervi a postu. Quannu si tratta d’ubeni d’i figghi ‘a pacienza non s’ha perdiri. Avanti, cumpari! (Licodia, mogio mogio,

èil primo ad entrare) Cummari, trasiti; non faciti ‘a sostenuta! (Anche Maristella si fa avanti) Cuncittinedda, fatti avanti macari tu. Perdona il tuo sposo putativo! (Anche Concettina entra) Assittativi ca si deve completare l’atto. E con il permesso di donPeppe, m’assettu macari ju. (Seggono tutti) Don Peppe, semu ccà pirchì tra boni amici e galantomini i malintisi s’hannu a chiariri.

PEPPE – Ppi mia non manca. Ju sugnu prontu, ma s’ha fari chiddu ca vi dissi ju.

CRICCHIA – Giustu. Cumpari, don Peppe non havi tortu si dumanna i so’ ragiuni.Unu ca sborsa vinticincu miliuni ppi n’affari, pritenni ‘a garanzia. ‘Nsumma, si unu s’accatta ‘na mula e poi s’accorgi ca havi qualchi viziu, havi dirittu di dumnnari la restituzione della somma pagata.

MARISTELLA – Ahu, cumpari,  pigghiastiru a me’ figghia ppi ‘na mula?

LICODIA – Cumpari, ‘stu parauni non rima!

CRICCHIA – E nuatri l’avemu a fari rimari!(E gli fa un cenno d’intesa)

LICODIA –(Che ha finalmente capito)E va beni, facemulu rimari. Cedo perchébramisco la felicità di mia figlia e perché sono certo ca ddà sutta non ci chiovi! (Indica la parte centrale del corpo di Concettina) Concettina, giura davanti al tuosposo ca si’ vergini comu ti fici to’ matruzza!

CONCETTINA – (Piena di finta vergogna)Ma chi mi faciti diri?

LICODIA – Avanti, ca n’avemu a spicciari!

CONCETTINA –(Con gli occhi bassi, dopo un’esitazione)Lo giuro!

CRICCHIA – (A Peppe)Ha ‘ntiso? E’ cuntentu ora?

PEPPE – Sì, ma scrivemulu ‘nta l’attu.

CRICCHIA – (Scrivendo)“La sposa si dichiara vergine fin dalla nascita e, serisultasse falsa, dovrà restituire la dote al marito”. Va beni accussì?

PEPPE – Va bene.

35


“MATRIMONIU PUTATIVU” – 2 atti di GB. Spampinato e N. Di Maria

LICODIA – Ora si devono elencare i regali della sposa: l’anello nuziale, il solitario,il bracciale, l’aricchini, il goliè, la trussa, l’orologio d’oro, la collana, la spilla… Tutti gioielli di prescrizione in ogni sposalizio.

PEPPE – Tutta ‘st’argenteria?

LICODIA – Eh, no, mio caro, orificeria, brillanteria, gioielleria, orologeria!

PEPPE – Non haju fattu in tempu ad accattari tutti ‘sti cosi. C’i rijalu dopu ‘umatrimoniu e a piaciri so’. S’i scegli idda stissa.

LICODIA – Mi dispiace, ma non ci siamo. Tu hai voluto precisare ‘u fattu d’averginità di me’ figghia e noi ti abbiamo accontentato. Tu, ora, rispetta la regola che prescrive che i regali si fanno prima del matrimonio o quando si firma l’atto matrimoniale.

PEPPE – Vi dugnu ‘a me’ parola d’anuri ca dumani ‘a portu ‘nto megghiu gioiellerid’u paisi e ci accattu tuttu chiddu ca voli.

CRICCHIA – Pirmittiti ca fazzu ‘na proposta?

PEPPE – Parrassi.

CRICCHIA – Secunnu mia, pp’accattari tuttu l’occorrenti, ad occhiu e cruci, civolunu ‘na dicina di miliuni. Datu ca ‘u tempu d’accattari tutti ‘sti ratteddi non c’è, lei ci dassi alla sposa il corrispondente importo in denaro. Va bene?

CONCETTINA – Per me va bene.

LICODIA – Anche per me.

MARISTELLA – E macari ppi mia.

PEPPE – ‘N mumentu, staju pinsannu ca c’è l’oru e i gioielli ca me’ muggheri nonfici in tempu a purtarisi pirchì erunu depositati in banca.

LICODIA – Vo’ pigghili accussì ‘i videmu.(Peppe via per tornare subito dopo conun cofanetto)

MARISTELLA – (Durante l’assenza di Peppe)Ju avissi prifirutu i soldi!

LICODIA –Muta, babba, megghiu l’oggetti priziusi ca non perdunu mai valuri!

PEPPE – (Rientrando)Ccà c’è l’ccorrenti.(Mostra i gioielli che incantano tutti)

36


“MATRIMONIU PUTATIVU” – 2 atti di GB. Spampinato e N. Di Maria

MARISTELLA – Chi sbrinnuri!

CONCETTINA – Mi piaciunu assai assai!

CRICCHIA – L’oro non perde mai di valore alla Borsa di Milano. Io che ho fatto ilborsaiolo, me ne intendo! (A questo punto, come una furia, arriva Grazia, armata di pistola. E’ una povera demente, avanti negli anni, che crede di essere stata sedotta da tutti, anche da Peppe)

SCENA TERZA

Grazia e detti.

GRAZIA –(Minacciando con la pistola)Fermi tutti!(Tutti, tranne Peppe che laconosce, si nascondono: Licodia e Concettina sotto il tavolo; Cricchia e Maristella dietro il divano)

LICODIA – (Con un fil di voce)E’ una rapina?

GRAZIA – Silenzio o vi sparo! Peppe Calacitra, unni si’?

PEPPE – (Con le mani alzate)Ccà sugnu, chi voi? Pirchì vinisti?

GRAZIA – Pp’ammazzariti! E’ arrivata l’ora tua pronobisi!

PEPPE – Chi t’haju fattu?

GRAZIA – ‘U sacciu ju! ‘Ntantu t’ammazzu, ti scippu ‘u cori e m’u mangiu!

PEPPE – Ma ju non t’haju fattu nenti!

GRAZIA – Pezzu di vigliaccu, ti stai maritannu?

PEPPE – Comu ‘u sapisti?

GRAZIA – C’era l’avvisu ‘nto giurnali. Stai facennu ‘u matrimoniu putativu? Volidiri ca si puta? E, allura, cuminciu a putari la sposina! Ci putu i capiddi!

PEPPE – Non ti risicari a tuccalla!

GRAZIA – T’addivirtisti ccu mia e ora mi lassasti a menzu a ‘na strata!(Sorpresa ditutti) To’ muggheri ti lassau comu un citrolu e ora ti vo’ maritari ccu ‘sta culumbrina?Ci sugnu ju prima d’idda!… Ju, a ‘sta taddarita cc’u mussu tingiutu ca è sutta ‘u tavulu, ci fazzu fari ‘na vampata sula!

37


“MATRIMONIU PUTATIVU” – 2 atti di GB. Spampinato e N. Di Maria

PEPPE – Ora finiscila e non fari ridiri cchiù ‘a genti! Ju a tia non t’haju fattu mainenti!

GRAZIA – Ah, non m’ha’ fattu nenti? T’u scurdasti vint’anni fa a’ funtana d’i“carduna”, ca ti nn’approfittasti di ‘na povira ‘nnuccenti?

PEPPE – Tu si’ pazza!

GRAZIA – Ah, ppi giunta sugnu pazza?!… Havi vint’anni ca mi lusinghi! Ti pari caccu ‘dda miseria di soldi ca m’ha’ datu, ti putevi accattari l’anuri miu?

PEPPE – T’u po’ frijri ccu l’ova l’anuri to’! Ju, i soldi ti l’haju datu pirchì m’ha’fattu pena. Ora t’addiccasti e ogni tantu ti pungiunu i corna e torni ppi scruccari ancora soldi. Ma ora basta, non ti nni dugnu cchiù. Po’ pusari ‘sta pistola giocattolo e ti nni po’ jri ca non ci nesci nenti!

GRAZIA – Ju non nni vogghiu soldi: vogghiu essiri maritata!

PEPPE – Haju caputu, va’!…(Abbassa le mani e prende il portafogli, cavandonediecimila lire che fa per dare a Grazia)

GRAZIA – Quantu su’?

PEPPE – Decimila liri.

GRAZIA – E ccu ‘sta miseria tu vo’ pavari l’anuri di ‘na fimmina onesta?

PEPPE – Si non t’i pigghi, i staju sarvannu n’autra vota.

GTAZIA – Mettaccinni n’autri vinti. L’anuri si pava a caru prezzu!

PEPPE – ‘A svintura ca hai d’incoddu, autru ca anuri!(Aggiunge altre ventimilalire) Te’ ccà. E ora vattinni!

GRAZIA – (Prende il denaro e se lo infila nel seno)Mi nni vaju, ma non m’arrennu.Quantu prima tornu e, si non mi mariti, ti sparu ‘nta ‘mpigna! (Via sghignazzando)

LICODIA – (Facendo capolino da sotto il tavolo)Si nni jvu? Putemu nesciri di ccàsutta?

PEPPE – Putiti nesciri tutti ca ‘u spittaculu finìu!

MARISTELLA –(venendo fuori)Maria Santissima chi spaventu!

38


“MATRIMONIU PUTATIVU” – 2 atti di GB. Spampinato e N. Di Maria

CONCETTINA – Mamà, staju trimannu tutta!

LICODIA – Ma cu’ era, la tua amante?

JABICU – Ca quali amanti! E’ ‘na povira pazza, nisciuta d’u manicomiu. ‘A pazziaci fa diri ca è stata sedotta e abbandonata di chistu e chiddu. E va scippannu soldi a tutti ppi campari.

CRICCHIA – Signuri mei, ‘a lassamu perdiri ‘a pazza e concludiamo l’atto ca si ficitardu?… Mi pari ca non c’è cchiù nenti d’aggiungiri. Vulemu firmari?

LICODIA – Concludiamo. Peppe, permetti ca prelevo du’ aneddi pp’a cirimonia,cioè le fedi matrimoniali?

PEPPE – Certu, l’aneddi su’ necessari.

LICODIA –(Rovista nel cofanetto fino a trovare i due anelli)Ecco. Possiamopassare al rito nuziale. Sposi, fatevi avanti! (Gli sposi eseguono) Il testimonio della sposa è l’industriale di cascami e affini signor Cricchia Nicola; testimonio dello sposo è il signor Jabico Spinella. Fatevi avanti! (I due eseguono) Si avvicinasse anche la madre della sposa. (Maristella esegue) Fatevi il segno della croce. (Tutti si segnano) Giurate di sposarvi come in un vero matrimonio civile con questomatrimonio provvisorio e putativo che, però, deve durare tutta la vita?

PEPPE – Lo giuro!

COCETTINA – Lo giuro!

LICODIA – Giuseppe Calacitra e Concettina Licodia, datevi la mano.(Eseguono)Domine vobisco, in matrimonio vi unisco!… Siete marito e moglie. Abbracciatevi e baciatevi. (Eseguono)

TUTTI – (In coro)Viva gli sposi!

MARISTELLA – Stati uniti, stati uniti ppi sempri!

CRICCHIA – Sì, Stati Uniti d’America!

LICODIA – E ora, cari sposi e cari tistimoni, mettete la firma in calce all’atto.(Tuttieseguono) Ora, caro sposo, consegna alla sposa qui presente la somma di lireventicinque milioni in contanti e moneta corrente.

CRICCHIA – Com’è scritto nell’atto.

39


“MATRIMONIU PUTATIVU” – 2 atti di GB. Spampinato e N. Di Maria

PEPPE – (Si reca nell’altra stanza e torna con una cassetta piena di banconote digrosso taglio. La consegna a Concettina che controlla il denaro, mentre gli altri stanno a guardare) Sunu giusti?

CONCETTINA – Sì, giustissimi.

LICODIA – Sarvatilli e, spiramu, ca ti l’ha gòdiri ppi cent’anni!

CONCETTINA – Dumani i depositu nel mio conto corrente.

LICODIA –(A Peppe)Questi gioielli cunsignili tu stissu alla tua legittima sposaputativa in forma ufficiale matrimoniale, con le tue mani di sposo autorizzato.

PEPPE – Mia amatissima sposa, questi oggetti priziusi ora su’ to’. Ti poi adurnarid’a testa e’ pedi! (Consegna il cofanetto che Concettina sistema dentro la cassetta con i soldi)

LICODIA – Ora, cari sposi, vi augùrio tanta felicità ca nuatri scappamu di cursa.

CRICCHIA – Sì, ca fra du’ uri dobbiamo consegnare una partita di cascami e affinia una importante ditta giapponesa e se non semo puntuali, l’affari si nni va in fumo con un danno di oltre venticinque milioni oltre alla penale.

PEPPE – E, allura, non vi trattegnu cchiù.

MARISTELLA – Peppe, ti affido mia figlia. Facci macari di patri e di matri!(Epiange mentre abbraccia la figlia e il genero)

LICODIA – Basta ccu ‘sti commozioni lacrimogini. Siate uomini! Cuncittina tiaugùrio tanta felicità. (L’abbraccia)

CONCETTINA – Grazie, papà.

LICODIA – Caro geniro, abbracciamoci.(Si abbracciano)Cumpari, Maristella,andiamo e lassamo in libertà gli sposi!

CRICCHIA – Cumpari, pirmittitimi di salutari a Concettina e al suo sposoputativo.(Li abbraccia) Tanti auguri di felicità! Via insieme a Licodia e a Maristella che continua a piangere sommessamente)

JABICU – Don Peppe, levu l’incomudu macari ju. Ni videmu dumani.

PEPPE – Cc’u to’ comudu, Jabicu, non c’è primura.

40


“MATRIMONIU PUTATIVU” – 2 atti di GB. Spampinato e N. Di Maria

JABICU – Tanti auguri e buona notti.

PEPPE – Grazie.(Jabicu via)

SCENA QUARTA

Peppe e Concettina soli.

PEPPE – Mugghiredda mia, finalmenti semu suli! Non mi pari veru!(L’abbracciacon tanta effusione e la trascina verso la camera da letto)

CONCETTINA – Chi fai? Unni mi vo’ purtari?

PEPPE – In camera da letto a fare la prima notte di matrimonio.

CONCETTINA –(Frenandolo)Cc’u jornu?

PEPPE – Chiudemu i porti e i finestri e si fa scuru comu si fussi notti.

CONCETTINA – No, no… ancora prestu è.

PEPPE – E’ tardu, inveci!

CONCETTINA – No, Pippineddu, i cosi s’hannu a fari ccu tutti i reguli d’a civiltà.La prima notti di matrimonio s’ha fari di notti, annunca chi notti è?

PEPPE – Sarà ‘a notti cchiù longa!

CONCETTINA – No, Peppe… Ju ‘u scrupulu di farla di jornu non m’u vogghiupurtari d’appressu ppi tutta ‘a vita.

PEPPE – Ma chi facemu finu a ‘sta sira? Ju non ci resistu!

CONCETTINA – Parramu. Mi parri di tia ca non sacciu nenti.

PEPPE – Ma non è megghiu ca ni parramu dumani?

CONCETTINA – No, ora. Sugnu disidirusa di canusciriti megghiu. Intanto, pirchìnon brindiamo alla nostra felicità? Vo’ pigghia ‘dda buttigghia di spumanti ca ristau oggi a pranzo.

PEPPE – Ju haju vogghia di abbracciariti e vasariti.(E fa per abbracciarla, maConcettina si svincola)

CONCETTINA – Prima facemu ‘u brindisi!(Va alla credenza e prende due coppe)

41


“MATRIMONIU PUTATIVU” – 2 atti di GB. Spampinato e N. Di Maria

PEPPE – E va bene, comu voi tu!(Peppe via. Concettina cava dal seno una fiala disonnifero e la svuota velocemente nella coppa di Peppe che, intanto, torna con lo spumante. Stappa la bottiglia e versa lo spumante nelle coppe. Concettina prende la coppa senza sonnifero, lasciando l’altra a Peppe) Alla nostra prima notte di nozze!

CONCETTINA – Alla nostra felicità!(Bevono e poi bevono ancora)

PEPPE –(Dopo aver bevuto alquanto, si avvicina a Concettina per abbracciarla,ma si ferma come se gli girasse improvvisamente il capo)

CONCETTINA – Peppe, che hai? Ti senti male?

PEPPE – Nenti, un giramentu di testa. A mia ‘u spumanti mi fa ‘st’effettu.

CONCETTINA – Ma si’ pallidu! Ti vo’ sdrajari e ripusari un pocu?

PEPPE – Sì, forsi è megghiu, ma tu ti sdraj ccu mia.

CONCETTINA – Tu si’ birbanti! E va beni, ma nenti matrimoniu!

PEPPE – Comu voi tu, giuiuzza mia.(Si avviano abbracciati verso la camera daletto. La luce si abbassa fino ad oscurare la scena, mentre si accendono le luci di sala. Dal fondo sala arriveranno Licodia, Cricchia e Maristella, armati di lampadine tascabili, accompagnati da una musichetta appropriata. Salgono sul palco e svuotano la scena dai mobili e masserizie che portano via; poi, dalle altre camere portano via altra roba, compresi i vestiti di Peppe; indi, chiamano Concettina che viene fuori recando la cassetta con i soldi e i gioielli e, insalutati ospiti, vanno via da dove sono venuti, lasciando nuovamente al buio la scena e la sala. Questa operazione deve essere eseguita quanto più celermente possibile)

SCENA QUINTA

Peppe solo, poi Mariangela.

PEPPE –(Dopo qualche istante di scena vuota, appare dalla camera da letto incamicia da notte e mutandoni. Chiama la sposina) Cuncittina!… Cuncittinedda, unni si’?

Ciatu  miu,   pirchì  non  mi   rispunni?  (Si  accorge  del  disordine)    Stai  mittennu  ordini  cc’a

matinata?… Curinedda mia, unni si? (Va in cucina e torna subito dopo preoccupato) C’è disordini macari in cucina! (Va nell’altra stanza e torna ancora più preoccupato) Pari ca c’è statu ‘u terremotu! (Rientra in camera da letto e ritorna afflitto e contrariato) C’è ‘a

casa leggia comu si ci hanu statu i latri! (Realizzando) I latri?!… E quannu traseru? No, non è possibili, l’avissi ‘ntisu; ju ‘u sonnu l’haju liggeru! Ma Cuncittina unn’è? (La chiama ancora) Cuncittina!… Non mi senti, voli diri ca non c’è. Forsi niscìu ppi fari ‘a spisa. (Si sente aprire laporta) Ccà è, turnau! Cuncittina, tu si’? (Appare Mariangela) Ah, vui siti?

42


“MATRIMONIU PUTATIVU” – 2 atti di GB. Spampinato e N. Di Maria

MARIANGELA – Ju sugnu. Cu’ s’aspittava ca fussi ?

PEPPE – Mi pareva me’ muggheri.

MARIANGELA – (Guardando in giro)Chi è ‘sta casa leggia?

PEPPE – Ca me’ muggheri si susìu a matinata e si misi a sbarattari.

MARIANGELA – E ora unn’è?

PEPPE – Sarà nisciuta ppi fari ‘a spisa.

MARIANGELA – Vossia ‘a visti nesciri?

PEPPE – No, ju durmeva.

MARIANGELA – E già, ‘sta notti ci fu festa ‘ranni: un annu di astinenza, ‘a sposinapicciotta!…

PEPPE – A’ facci di cu’ havi ‘nvidia!

MARIANGELA – Ccu saluti!(Alludendo)Tuttu a postu, almenu?

PEPPE – Tuttu a postu!

MARIANGELA – Mi nni compiacciu. Auguri e figghi masculi!

PEPPE – Tanti grazii. Ora circati di rizzittari ‘a casa accussì, quannu torna me’muggheri, trova tuttu in ordini. Ju, ‘ntantu, mi vaju a vestiri. ( Via)

MARIANGELA –Sissignuri.(Si reca in cucina, ma tosto torna agitata)DonPeppe!… Don Peppe!…

PEPPE – (Che non si è potuto vestire perché non ha trovato i vestiti)Chi fu?…Pirchì siti accussì agitata?

MARIANGELA – C’è ‘a casa leggia!

PEPPE – E non v’u dissi ca me’ muggheri si misi a sbarattari?

MARIANGELA – Ma unni ‘a ‘nfilau tutta ‘a roba ca c’era in casa?

PEPPE – L’avrà messa ‘nto ripostigliu.

43


“MATRIMONIU PUTATIVU” – 2 atti di GB. Spampinato e N. Di Maria

MARIANGELA – E’ leggiu macari!

PEPPE – ‘Nta ispenza?

MARIANGELA – Non c’è nenti! Pari ca sbarcaru i saracini o traseru i latri! PEPPE –(Realizzando)M’a ficiru!… M’a ficiru sutta l’occhi! MARIANGELA – Cui?

PEPPE – Certi parintuzzi mei!

MARIANGELA –(Che comincia a realizzare anche lei)E’ sicuru vossia ca so’muggheri niscìu ppi fari ‘a spisa?

PEPPE – ‘A spisa in casa mia s’a fici e a mia mi lassau in cammisa!

MARIANGELA – Si purtau macari i so’ robbi?

PEPPE – Tuttu si purtau, non mi lassau cchiù nenti!

MARIANGELA – Però, ci lassau ‘a so’ virginità!

PEPPE – Ca quali virginità, nenti mi lassau!

MARIANGELA – Sdisanurata era?

PEPPE – Non ‘u sacciu. M’alluppiau ppi non farammillu sapiri!

MARIANGELA – ‘U ‘lluppiau?

PEPPE – Sì, m’addurmiscìu di prima sira e m’arrusbigghiai ‘n mumentu prima caarrivassivu vui.

MARIANGELA – Oh, la gran bu…(S’interrompe)

PEPPE – Buttana!… Dicitulu forti, non vi scantati: la gran buttana!

MARIANGELA – Ma comu fici?

PEPPE – Cc’u spumanti. Ci happi a mettiri ‘u sonnifiru pirchì mi cuminciai a sentiriccu l’occhi pisanti dopu ca ficimu ‘u brindisi.

MARIANGELA – ‘U brindisi?

44


“MATRIMONIU PUTATIVU” – 2 atti di GB. Spampinato e N. Di Maria

PEPPE – Il brindisi al nostro amore!… Ju mi vuleva curcari ppi fari ‘a prima notti dimatrimoniu, ma idda: (Facendole il verso) “Cc’u jornu vo’ fari ‘u matrimoniu? ‘A prima notti s’ha fari di notti!…Parramu, inveci… Prima, però, facemu un brindisi al nostro amore!”… E m’alluppiau! (Pausa) Ma ju ‘a denunziu, per furto e abbandono del tetto coniugale!

MARIANGELA – Accussì fa ridiri a’ genti!

PEPPE – Si nn’ha jri in galera, idda e i so’ complici!

MARIANGELA – Ma vossia ‘u sapi cu’ sunu? I canusci?

PEPPE – Certu ca i canusciu! Non ficimu l’attu putativu assira? Sacciu comu sichiamunu e unni stanu!

MARIANGELA – Vossia è troppu ingenuu. Non si persuadi ca ci desiru nomu eindirizzu falsu?

PEPPE – Aviti ragiuni, ma non s’a passunu liscia: i vaju a circari in tutta la Sicilia e,quannu i trovu…

MARIANGELA – Sì, ca ‘a Sicilia è ‘na fazzulittata di terra o ‘na ‘rasta di baciricò!

Chiuttostu, mi si rassegna e s’a rizzetta!

PEPPE – E già, ju m’haju a rassignari sempri!… Curnutu pacinziusu a norma diliggi!… Guai si mi ribellu: i corna si ponu ramificari e finisci ca ‘u Governu mi metti ‘na tassa ppi ogni ramificazioni!

MARIAGELA – I corna hannu i ramificazioni?

PEPPE – Certu, non ‘u sapeuru? I primi su’ i curnicchia d’u crastuni ca su’ dilicati es’arrunchiunu appena unu i tocca: spuntunu quannu ‘a fimmina ni fa qualchi dispettu; l’avemu tutti l’omini; poi ci su’ chiddi d’u beccu o crapuni, ca su’ cchiù duri e cchiù longhi: spuntunu cc’u primu tortu d’a fimmina; poi, chiddi d’u crastu o muntuni ca su’ cchiù ‘ntricciuniati: voli diri ca i torti su’ cchiù di unu e cchiù gravi; appressu, chiddi d’u voi o toru, cchiù grossi e cchiù robusti, pirchì ai torti s’aggiungiunu macari i conseguenzi; finalmenti, chiddi d’u cervu, ramificati al massimo: voli diri ca non c’è cchiù rimediu!

MARIANGELA –  Ma chi c’entra ‘a liggi cch’i corna?

PEPPE – ‘A liggi cunsenti sulu ‘a prima ramificazioni; ppi ogni ramificazioni in piùs’ha pagari ‘a tassa.

45


“MATRIMONIU PUTATIVU” – 2 atti di GB. Spampinato e N. Di Maria

MARIANGELA – Ma chi va dicennu vossia? ‘A tassa supra i corna!

PEPPE – Certu! Si dici ca i corna portunu benessiri e ricchizza. Perciò, quantu prima‘u Governu, ppi sanari ‘u bilanciu dello Stato, ci metti ‘a tassa!

MARIANGELA – A vossia, i corna ci hannu purtatu disgrazii e sfurtuna, perciò misi sta mutu e mi dicissi, chiuttostu, chi ‘ntinzioni havi.

PEPPE – M’haju a rassignari. Non m’u dicisturu vui?

MARIANGELA – Non diceva pp’i corna, ma ppi tuttu chiddu ca manca.

PEPPE – Ca Diu vidi e pruvvidi!(Si sente suonare alla porta)Viditi cu’ è.(Mariangela va ad aprire)

SCENA SESTA

Padre Luciano, Jabicu e detti.

LUCIANO –(Reca un thermos di caffè e un vassoio con biscotti)Bona livata! Purtai‘u ristoru pp’i sposini: cafè e viscotta!

JABICU –(Reca un cestino con delle uova)E ccà ci su’ l’ova! ‘Nta ‘stu mumentu civolunu cchiù d’u cafè e d’i viscotta, almenu che vossia non si fa priparari ‘n bellu zabaglioni di ova e cafè e ci abbagna i viscotta!

PEPPE –(Che si vede preso in giro)Mi vuliti sbintari?

JABICU – Chi c’è di mali? Dopo tutte le energie sprecate, quattru ova a zabaglioneci fannu beni!

LUCIANO – Chiuttostu, ancora in cammisa si’? Hai ‘ntinzioni di curcariti n’autravota?

JABICU – Vistu ca la sposina è ancora curcata!

PEPPE – M’u faciti ‘n favuri tutti dui?…Vi nni jti!?

JABICU – Ancora avemu ad arrivari e già ni nni sta mannannu?

LUCIANO – Si ci pirmetti, ci vulemu augurari ‘a bona livata alla sposina. Chiamala.Chi è ancora curcata?

PEPPE – Susuta è. A matinata si susìu, prima di mia!

46


“MATRIMONIU PUTATIVU” – 2 atti di GB. Spampinato e N. Di Maria

LUCIANO – E’ ‘na bona muggheri. ‘A fimmina di casa s’ha susiri sempri all’alba.

PEPPE – Idda, inveci, si susìu cc’u scuru. Anzi, mancu sacciu si si curcau.

LUCIANO – Caru Peppe, si’ furtunatu: truvasti ‘na muggheri massaruna!

PEPPE – Comu no?… Ci haju ‘na furtuna!

LUCIANO – Mi dispiaci pp’a scenata ca ti fici aeri. Ti dumannu scusa. Però, appenacanuscii ai to’ sòggiri e a to’ muggheri, mi sono ricreduto. Sono veramente delle persone per bene e caritatevoli!

JABICU – Modestamenti, i matrimonii ca cumminu ju! Vogghiu vidiri chipercentuali mi duna vossia!

PEPPE – Quantu voi? ‘U vinti, ‘u vinticincu?… Dimmi quantu pritenni ca ju sugnuprontu a daratillu!

JABICU – Ju m’accuntintassi a colpu e a strasaltu, tranni naturalmenti per ilrimborso spese. (Durante tutta questa scena, Mariangela fa dei segnali ai due per far capire di smetterla, ma i due non comprendono e continuano imperterriti)

PEPPE – Comu voi tu. Accurdamini: quantu t’haju a dari?

JABICU – Ma pirchì tutta ‘sta prescia? Ppi com’ora mi si godi ‘a luna di meli!

LUCIANO – Giustu  dici Jabicu. Chi è mumentu chistu di fari cunti?

PEPPE – Ju i debiti m’i vogghiu livari subitu, annunca a’ notti non dormu.

JABICU – (Alludendo)E vossia, di ‘sti tempi, non ha dòrmiri.

LUCIANO – Pirchì, cu’ dormi non pigghia… pisci!

PEPPE – Non ci armati ‘a farsa vuatri!… Perciò, Jabicu, quantu t’haju a dari?

JABICU –  Va beni menzu miliuni?

PEPPE – Menzu miliuni?!

JABICU – Ci pari assai?

LUCIANO – Pirmittiti ca m’intromettu ju?… Facemu quattrucentumila e non si nniparra cchiù!

47


“MATRIMONIU PUTATIVU” – 2 atti di GB. Spampinato e N. Di Maria

JABICU – E va beni, comu voli vossia: quattrucentumila… Però, ci rimettu. PEPPE – No, no…

JABICU – Ci parunu ancora assai? Voli diri ca i spisi vossia non m’i rimborsa.

PEPPE – Su’ picca! Ppi chiddu ca facisti, mi dumannasti ‘na miseria!

JABICU – Facemu menzu miliuni, quantu ci dumannai prima?

PEPPE – Facemu un miliuni, t’u meriti!

LUCIANO – Non ti staju capennu… Si Jabicu s’accurdava di quattrucentumila liri,spisi compresi, pirchì ci ha dari un miliuni?

PEPPE – Pirchì ristai troppu cuntentu d’u sirviziu ca mi fici!

LUCIANO – Chistu si chiama sprecari dinari!… Si propriu avevi ‘ntinzioni dispenniri un miliuni, pigghiavi i seicentumila liri e m’i davi a mia, pp’i me’ poviri.

PEPPE – Si è pirchissu ti dugnu n’autru miliuni a tia.

LUCIANO – Fratello, chi si’ ‘nto spenniri ‘sta matina?

PEPPE – V’u dissi: sugnu troppu cuntentu.

JABICU – Ju l’haju dittu sempri ca don Peppe è un signorone!

LUCIANO – E, allura, n’i vo’ dari ‘sti soldi, accussì livamu l’incomudu?

PEPPE – Subitu. Comu i vuliti, in contanti o vi firmu un assegnu?

LUCIANO – Si m’i duni in contanti, lo preferisco, mancu a fari ‘a fila in banca.

JABICU – In contanti macari ppi mia, si non ci dispiaci.

PEPPE – Donna Mariangila, prujtimi ‘ddu marruggiu(Indica un bastone nodosoposto in un angolo) quantu ci cuntu ‘stu miliuni ‘nte spaddi a me’ frati e a Jabicu!

LUCIANO – Comu?

PEPPE – Comu? Vicinu Milanu si trova!… Si non vi nni jti di tutta cursa, v’allisciu‘u jmmu a tutti dui!

48


“MATRIMONIU PUTATIVU” – 2 atti di GB. Spampinato e N. Di Maria

LUCIANO – Calma e dimmi chi successi!

MARIANGELA – ‘U lassau ‘n tridici macari chista. Si nni jvu, dopu ca cch’i so’complici ci spugghiau ‘a casa!

LUCIANO – E m’u stati dicennu ora?

MARIANGELA – Havi menz’ura ca ci fazzu ‘nzinga!

JABICU – Parevunu personi per bene!

PEPPE – ‘Mbrugghiuni e latri erunu!

LUCIANO – Degli avventurieri!?… Ma non ti hanno lasciato niente?

PEPPE – L’occhi ppi chianciri!

MARIANGELA – Puvireddu, era accussì cuntentu, ci pareva di tuccari ‘u celu cch’ijta, dopu i dispiaciri ca ci desi ‘dda bona fimmina di so’ muggheri!

LUCIANO – Ju, però, ti l’aveva dittu ca era ‘na culumbrina e l’autri ruffiani… Siascutavi a mia… (S’interrompe perché Peppe corre a prendere il bastone minacciandolo)

PEPPE – Si non vi nni jti, ‘stu marruggiu v’u rumpu in testa, sciacalli ca non sitiautru! (Li insegue, ma i due scappano via. A questo punto, Peppe non ne può più e si accascia su una sedia, piangendo sommessamente)

MARIANGELA – (Confortandolo)Chiancissi accussì si sfoga e si calma.

PEPPE – Non mi ristau cchiù nenti!

MARIANGELA – Si rifà cc’u raccoltu.

PEPPE – Ma cu’ mi porta avanti ‘a casa? Cu’ mi duna ajutu ne’ bisogni, man manuca l’anni avanzunu e mi cuminciunu a pisari supra i spaddi?

MARIANGELA –(Con intenzione)Pirchì non metti n’autru avvisu ‘nto giurnali?

PEPPE – Macari vui m’insultati ‘nta ‘sti mumenti?

MARIANGELA – Vossia m’ha scusari, ma s’u merita!

PEPPE – Aviti ragiuni.(Pausa)Donna Mariangila, v’a pozzu dumannari ‘na cosa?

49


“MATRIMONIU PUTATIVU” – 2 atti di GB. Spampinato e N. Di Maria

MARIANGELA – Vossia parra.

PEPPE – No, nenti… Non pozzu pritenniri tantu!

MARIANGELA – Di chi si tratta?

PEPPE – Nenti, nenti…

MARIANGELA – Chi fa, non mi stima degna d’i so’ cunfidenzi?

PEPPE –(Facendosi coraggio)Vuliti ristari ccu mia ‘nsinu ca campu?

MARIANGELA – (Assumendo un’aria seria)Mi dispiaci, ma non po’ essiri.

PEPPE – M’u ‘mmaginava.

MARIANGELA – Vossia ha capiri… Ccu vossia sulu non ci pozzu stari… Finu aquannu c’era so’ muggheri…

PEPPE – Ma non ci aviti statu macari quannu ‘dda cajorda mi lassau e ristai sulu?

MARIANGELA – E’ veru, ma ora i genti cuminciaru a sparrari.

PEPPE – E chi diciunu?

MARIANGELA – Ca sugnu ‘a so’ amanti!

PEPPE – Calunnii, calunnii!

MARIANGELA – A mia m’u dici? Quannu ‘ncontru a qualcunu, pari ca mi vulissidiri: donna Mariangila, siti ‘na bagascia!… Perciò, haju decisu di jramminni!

PEPPE – No, donna Mariangila, non mi lassati sulu… non m’abbannunati!

MARIANGELA – Mi dispiaci, ma ju l’anuri non ‘u vogghiu perdiri inutilmenti.

PEPPE – E a mia non ci pinsati?

MARIANGELA – Vossia, di sicuru, si nni trova n’autra.

PEPPE – Ju a vui vogghiu!

MARIANGELA – (Finalmente appagata)A mia?… E comu mi voli a mia?

50


“MATRIMONIU PUTATIVU” – 2 atti di GB. Spampinato e N. Di Maria

PEPPE – Comu cumpagna. Quannu sarò libero, dicidemu. Perciò, ristati ccu mia?

MARIANGELA – Ma, non sugnu vecchia ppi chiddu ca servi a vossia?

PEPPE – Mi fici cunvintu ca ‘a jaddina vecchia fa bon brodu!

MARIANGELA – Speru ca non si nni penti!

PEPPE – Mai!… Però, v’aviti adattari; in casa non ristau cchiù nenti: non ci su’cuperti, non ci su’ linzola, cuscina…

MARIANGELA . Ci sunu i matarazzi e ‘a nostra bona volontà.

PEPPE – Mariangila, ppi sempri?

MARIANGELA – Pippinu, ppi sempri!

PEPPE – Senza carta bullata?

MARIANGELA – Senza carta bullata!

PEPPE – A cuminciari di ora?

MARIANGELA – Cu’ havi tempu, non aspetta tempu!

PEPPE – Cc’u jornu?

MARIANGELA – Alla luce del sole!

PEPPE – (Prendendola per mano)Veni!

MARIANGELA – Portimi ‘nte to’ vrazza comu una vera sposa!


PEPPE – Ccu tuttu ‘uMariangela e stramazza


cori! (La prende in braccio, ma barcolla per il peso di sul pavimento, trascinandosi dietro la donna)


MARIANGELA –(Si alza per prima, l’aiuta a sollevarsi poi lo prende in braccio esi avvia verso la camera da letto) Comu cangiunu i tempi!

S I P A R I O

Giambattista Spampinato – Via Orto Limoni, 60 – 95125 CATANIA Tel. 095.436657 – Cell. 338.6374574.

51

    Questo copione è stato visto
  • 0 volte nelle ultime 48 ore
  • 0 volte nell' ultima settimana
  • 0 volte nell' ultimo mese
  • 12 volte nell' arco di un'anno