Me soggira… si voli fari zita

Stampa questo copione

ME SOGGIRA… SI VOLI FARI ZITA

          ME  SOGGIRA…SI  VOLI  FARI  ZITA

                                

commedia brillante in due atti

di Calogero Maurici

Personaggi

Filippo  Scolaro             (il genero)

Marianna  Pasqua        (la suocera)

Patrizia  Pasqua            (la figlia di marianna)

Pasqualino Pasquetta   (il fidanzato di Marianna)

Giulietto Pasquetta       (il figlio di Pasqualino)

Romeo Pasquetta          (il nipote di Pasqualino)

Franca Scolaro              (la madre di Filippo)

                                      

                                                                                 Tel.   Autore. abit.090/638009

                                                                                                       cell .3393359882

                                                           (elaborata da Pietro Maurici e da Rosanna Maurici)

                                                                          

                 

ME  SOGGIRA… SI  VOLI  FARI  ZITA

commedia brillante in due atti

di Calogero Maurici

(elaborata da Pietro Maurici)

        La signora Marianna Pasqua, vedova da venti anni, nonostante la veneranda età, è una donna ancora vivace, arzilla, elegantissima nel vestire e nel portamento, una donna piena di vita. Abita in una casa al primo piano mentre a pianterreno abita la figlia Patrizia sposata con Filippo Scolaro i quali attendono da anni l’atto della casa.   

        Un giorno Marianna annuncia che si vuole fidanzare, i coniugi pensano sia uno scherzo, quando si rendono conto che uno scherzo non è, temendo di perdere qualcosa con il nuovo intruso, pensano di resistere fino alla morte di Marianna e che il fidanzamento prima di iniziare finisca, ma quando conoscono… Una commedia con pochi personaggi brillante che certamente con un buon regista creativo nel caratterizzare alcuni personaggi e con dei buon interpreti, non cadrà mai di tono, facendo divertire il pubblico. La scena rappresenta un’abitazione  e per accedere al primo piano fare qualche scalinata o come meglio ritiene regista e scenografo.

¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬† ¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†S C E N A ¬†I¬į

                                      (Filippo, Patrizia, Marianna)

Fil.    ( seduto comodamente nel divano legge, mentre la moglie beve il caffè)

          Certu ca quannu to matri non è pedi pedi si sta megghiu di na pasqua.

Pat.    Ma si è sempre fora cu nautri non c’è mai…

Fil.     Menomali, picchi di quantu è pisanti…sta parola   soggira, (scandire bene)non

           s’avissi a scriviri cu dui GG, ma cu quaranta G. e menomali ca a casa è di du

           piani, e avi tutti cosi pi cuntu soi…

Pat.     Però fra centanni di saluti, appena lassa sti proprietà ti piaci…

Fil.¬†¬†¬†¬† Centanni? Gi√† √® grannuzza, capisciu ca √® arzilla, china di saluti, viva, cchi√Ļ tisa

          di nautri, però non è chi po’ campari assai ancora…

Pat.     Finiscila cu sti discursi… (entra Marianna, la mamma di Patrizia, abbastanza

           elegante, fina, arzilla)

Mar.   Buongiorno…(risponde solo Patrizia) Caro genero non si risponde?

Fil.     Lei dici buongiorno cu sta jurnata, pari ca pigghia pi fissa…

Mar.   Hai lu sederinu beddu arripusatu, truvasti lu piattu prontu e t’assittasti senza

           mancu moviri a seggia.

Fil.     Ma picchi mi rinfaccia sempre sti cosi…

Mar.   Si tu si ccà dintra a ringraziari mancu a me figghia, ma a ddà bon’anima di

           to soggiru…

Fil.     Chiddu mischinu, si ca era un soggiru ca si putia scriviri cu du GG…

Mar.   Chi voi diri…

Pat.     Nenti mamma, non ci dari cuntu…(fa cennu al marito di smettere)

Mar.   Ventanni…ventanni  chi sugnu  sola… soletta…( pronunciarlo con un certo tono,

             poiché diventerà il tormentone. Appena dice: sola, la mano destra portarla alla fronte

             facendo attenzione che il palmo della mano sia rivolto verso il pubblico… invece appena

             dice: soletta , allargare le braccia verso l’alto)

Pat.    Dai mamma u sapemu, non fari accussi…

Mar.   Sintiti, va diri nna cosa, ci pinsavu tuttu stanotte.

Fil.     Quannu non dormi c’è di scantari… (al pubblico)

Mar.¬†¬† Ormai sugnu grannuzza, e vulissi cuminciari a pinsari un po‚Äô di pi√Ļ a voi‚Ķ

           (verso il genero) Purtroppo de…vo dire  a vo…i… picchi tu si u maritu di me

           figghia… (Fil. Si alza e si mette in disparte)

Pat.     Parla mamma…chi pinsasti tuttu stanotti.

Fil.     (al pubblico) Quannu pensa a notti o ci su botti o si resta cotti.

Mar.   Ho pensato ca è giustu di iniziare i lavori (sospira) per la tomba…

Pat.    Mamma...ma chi pensi (facendo gesto al marito di sdrammatizzare)

Mar.   E’ giustu  ca ci pensu io, picchi non si po’ mai sapiri…

Pat.    Mamma ma si ancora in forma, poi si nni parla…

Mar.   Megghiu pinsaricci prima, anzi troppu tempu haiu persu, i soldi ci vogghiu

           spenniri, ava essiri bella, elegante, piena di decori, fotografia non ci nni fazzu

           mettiri, picchi il ricordo deve rimanere vivo nel cuore…e questa spesa me la

           voglio accollare tutta io…

   

Pat.    E’ veru ca si grannuzza, però hai nna saluti di ferru (facendo gesto al marito)

Fil.    (stavolta incitato dalla moglie interviene) Ma non ci pinsassi, ancora ci sunnu

          anziani ca campano centanni…

Mar.   Infatti io sugnu sicura ca campu centanni…a tomba pi vautri a vogghiu fari…

           (Filippo si tocca e guarda fisso verso il pubblico)

Fil.     A figghia da bona matri!

Mar.   Me matri campau novantanoveanni nove misi e novi jorna…io a vogghiu

           superari…ma guardate che linea, che andatura, che eleganza, che voglia di

           vivere, di divertirsi, di mangiare bene ma genuino (poi al genero) tu cu tutti sti

           schifezzi chi mangi mancu passano du anni ca ti veni a gastriti, l’esofagiti, a

           stomatiti, l’artriti, l’epatiti, (Filippo fa scena) dopu due anni di sti malanni

           vennu autri cosi e nel giro di quattro cinque anni…(Fil.la blocca)

Fil.     Oh! Ma chi mi voli mortu!...

Mar.   Chi problema c’è: a tomba di ccà a tannu è pronta! Quannnu pensu c’ avi

           ventanni…ventanni che sono sola….soletta!  Patrizia a mamma, tu cucina,

            io tempo non ne ho, a me poi mi sali un po’ di pastina in brodo e della

           verdura, come frutta solo una mela cotta… grazie. (esce)

SCENA II¬į

(Filippo, Patrizia)

Pat.   Tu a stuzzichi e chidda poi non si teni…

Fil.   Ma si chissa zamadio campa centanni non mi pozzu godiri mancu sta casa.

Pat.¬†¬† Filippo e finiscila‚Ķringrazia ca non si maritau cchi√Ļ..

Fil.    Ci vulia puru chissa…ma com’è ca nautri a sta età semu acciaccati e idda pari

          una figurina, ghetta saluti di tutti li parti, anchi quannu fa aria, mai, mai un

          cattivo odore anzi a mumenti i fa profumati.

Pat.    Menomali ca sta veramente supra e avi tutti li comodità…

Fil.     Però u mangiari u voli fattu apposta…ma per ora unni si nni và ca nesci puru a

          matina allicchittata.

Pat.    Avi un misi ca frequenta nna scola di ballu per anziani…

Fil.     Non si fa mancari nenti…ci vulissi ca frequentassi na scola di recitazione…

          anzi non c è’ bisogno di recitazione picchi sa fida bona a recitari, è la prima

          attrice ccà dintra. Patrizia amore mio, ma picchi non c’iaffittamu nna casa

¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬† ¬†cosi a videmu picca anzi cchi√Ļ picca di picca.

Pat.    Si, ca chidda si nni và a casa affittata avennu a so casa…Tu scordasti ca il patto

          era che fino alla sua morte ha diritto di rimanere in questa casa?

Fil.     Ma avi quasi vintanni…e non ci cridia c’avia durari tantu…e cusapi quantu

¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬† ¬†dura ancora!... ogni jornu chi passa a vidu sempre megghiu, pi√Ļ in forma di

           nautri!

Pat.    E chi voi, vai a ballari puru tu.

Fil.     E chiassai di quantu ballu ccà dintra cu idda…

Pat.    Mangia puru tu genuino, senza grassi, verdura, un filino di olio e frutta cotta.

Fil.     E cosi perdo i piaceri della vita…già dispiaceri cu idda cinnè assai!

Pat.    In fin de conti facemu chiddu chi vulemu…

Fil.¬†¬†¬† ¬†Si chiddu chi vulemu, a matina appena ni susemu cchi√Ļ tardu ni rimprovera

           picchi voli priparata a colazione alle otto e dieci: latte totalmente scremato,

           pochissimo caffè, biscotti del mulino bianco; a notti senti sempre rumuri, idda

¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬† ¬†non dormi mai, picchi o pensa comu muriri cchi√Ļ tardu possibili, o comu

           fari muriri a nautri prima di idda…menomali ca to figghia già è maritata e sta

           luntana asinò tutti e dui s’acchiappavanu da matina a sira…ma poi com’è ca

¬† ¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†mangia picca e nenti e avi cchi√Ļ lena di tia e mia, dormi picca e nenti e si susi

           cu du’ occhi spalancati ca pari c’avi du jorna ca dormi, iu anchi si dormu 

           un’ura in menu, l’occhi mancu i pozzu apriri boni.

Pat.     Chissi sunnu i misteri della natura.

Fil.      Chissi sunnu i misteri della sventura . (si avvicina alla moglie) Patrì…ma per

            evitari ogni dubbio ca campassi centanni, qualche jornu non ci putemu mettiri

            un pocu di stricchinnina no latti?!...  

         

Pat.     Iu sugnu sicura ca si ci lu metti, idda bivi e mori tu…(Filippo fa scena)

Fil.      Oh! Ma matri e figghia non viditi l’ura…

Pat.      Ma comu ti veni in menti na cosa simili.

Fil.       E scherzu, pi sdrammatizzari…

Pat.      Senti io nesciu  ca ghiri ni patri Bartolo a ricurdaricci a missa pi me patri.

             

Fil.      Comu mai ci vai tu e non idda.

Pat.      Picchi Padre Bartolo mi dissi di iricci prima ca ci và idda, asinò poi pi

            mezzora  ci cumencia a diri: avi ventanni…ventanni…(continua il marito)

Fil.      (imitando la suocera precisa anche con i gesti ) Che sono rimasta  sola…. Soletta.

Pat.     Mi raccumannu, s’avissi a veniri non fari scenata, assecondala, non la fari

           arrabbiari…asinò si si vinni sta casa…(esce)

SCENA III¬į

(Filippo, Marianna, Patrizia, Franca)

Fil.     Il mondo è pieno di barzellette sulle suocere, di film sulle suocere, e di

           commedie sulle suocere. La mia cara suocera Marianna…quannu mi doli u

           stomacu mi voli fari a lavanna… L’annu scorsu a natale mi obbligau a

           mangiarimi pasta scaldata senza formaggio …perché lo stomaco ogni tanto ha

¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬† ¬†¬†¬†bisogno di un lavaggio‚Ķper secondo verdura bollita‚Ķcosi dura pi√Ļ a lungo

¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬† ¬†la vita ‚Ķ vulia un po‚Äô di torta, e mi dissi no, picchi con la torta‚Ķ la vita √® pi√Ļ

           corta …A natale ca unu s’avissi a mangiari u munnu  mi taliava cu l’occhi

           storti comu a dirimi stai attento asinò mi vinnu a casa…

           Mi auguru ca non ci capita nuddu   (entra Marianna cantando)

Mar.¬†¬† Fiorin Fiorello l‚Äôamore √® bello pi√Ļ bello ancor‚Ķ Caro genero sono felice pi√Ļ

          felice di prima…la vita mi ha sorriso di nuovo, solo una volta mi ha tradito…(il

          genero guarda stupito) quando penso c’avi ventanni…ventanni… che sono

          sola…soletta…però è giusto che ora ci sia una svolta nella mia vita visto che

          mi ha sorriso…oh! (sospira mentre il genero la guarda fisso) mi sento in

          paradiso…fiorin fiorello l’amor è bello…(mentre và sopra)

Fil. ¬†¬†¬†¬†Si senti in Paradisu, magari fussi veru in Paradisu‚Ķma a vitti cchi√Ļ strana

          ancora, stu ballu a sta facennu o rincretiniri o ringiovaniri…fussi megghiu a

          prima ipotesi!

        

Pat.    (entra la moglie affannata)  Filippo…Filippo….

Fil.     Marianna chiccè…

Pat.     Filippo…Filippo…

Fil.      Marianna chi ti succidiu…

Pat.     Filippo…Filippo…

Fil.      Botta di sangu…chiccè…

Pat.     Filippo…non ci cridu…

Fil.      Non ci cridi a chi…

Pat.     Chiddu chi mi dissi Padre Bartolo.

Fil.      Chi ti dissi Padre Bartolo.

Pat.      Una notizia grossa grossa.

Fil.      Megghiu grossa ca sicca…chi ti dissi (ride) ca si voli fari zitu?

Pat.     (annuisce) Indovinasti…

Fil.      Chissi sunnu fatti soi…certu è scandaloso…vergognoso…

Pat.      No iddu…me matri…(Fil. rimane zitto, incredulo verso il pubblico)

Fil.       Ma è uno scherzo di carnevale?       

Pat.¬†¬† ¬†¬†¬†Mi dissi auguri, certo io non condivido per√≤ pazienza‚Ķdici ca ci√Ļ confidau

            oggi.

Fil.       Sta disgraziata…(Patr. fà cenno di non gridare) ma cu è stu vecchiu     

             rimbambitu…

 

Pat.       E’ vedovo, di un paisi vicinu, si canusceru a scola di ballu.

Fil.       Senti finu a quannu idda non dici nenti, facemu finta di nenti, po’ esseri ca è

             una trovata pi farmi ruderi u figatu…certu ca si è veru, chissu ci mangia sti

             quattro soldi sarvati e ristamu comu i cani arramazzati.

Pat.      Chi vergogna…chi vergogna…

Fil.       Chi bellu regalu chi nni purtau a cicogna…(entra la madre)

Mar.     Chi aviti, pariti du cani arramazzati…

Pat.      (indifferente) Nenti mamma, sugnu stanca…

Fil.¬†¬†¬† ¬†¬†¬†Inveci iu cara suocera, la vidu bella, cchi√Ļ sorridente del solito‚Ķ

Mar.¬†¬† ¬†¬†E si, devo dire che la vita ha cominciato a sorridermi di pi√Ļ‚Ķproprio alla

             veneranda età…mancu mu vogghiu ricurdari quantu anni haiu…picchi asinò

             mi veni subitu in mente: a ventanni…ventanni…ristavu sola...soletta.       

Pat.      Mamma dai ca u papà ti vidi e voli ca si sempre bedda allegra.

Mar.     Infatti cara figlia, caro genero, voglio annunciarvi il mio fidanzamento…

Pat. Fil.       FIDANZAMENTO?!...

Mar.     Picchi faciti finta di non sapiri,  P. Bartolo vi dissi tutti cosi, ero sicura che ve

             l’avrebbe detto, ho studiato il piano nei minimi particolari cosi eravate

             preparati.

Pat.      Mamma ma ti rendi conto do passu chi stai facennu?

Fil.       Nautri divintamu ridicoli a l’occhi di tutti…

Mar.     Tu si sempre ridiculu anchi ai cristiani senza occhi… e poi i cristiani parlano

             tri jorna, poi si cumenciano a stufari…e crepano d’invidia. Sugnu sicura ca a

             tutti vidu moriri, nuddu mu leva da testa ca campu centanni.

Pat.       Ma non ci pensi o papà…

Mar.      Non dicisti tu ca mi voli vidiri sempre allegra.

Fil.        Ma già era troppu allegra.

Mar.¬†¬† ¬†¬†¬†Ancora di pi√Ļ, cu l‚Äôallegria e con la buona compagnia si vince ogni peripezia‚Ķ

    

Pat.      Mamma sei sicura ca non lu fa pi soldi…

Mar.    Ma attia nenti ti pari ca a matina mi porta il caffe nel letto, mi sveglia col

            bacio, ni videmu a televisione assieme, mi fazzu lavari i spaddi, mi pigghia i

            robi…almeno almeno mi duna nautri vintanni di salute…(Fil. fà scena)

Fil.      Ma quannu u facemu stu fidanzamentu…

Mar.    Io quasi quasi u fidanzamentu lu satassi, passassi direttamente o matrimonio.

Fil.      Ma poi i cristiani sparlano, direttamente o matrimonio… (ironico)

Mar.    Ma ormai semu no duemila, il fidanzamento è una formalità, però forse è

¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬† ¬†megghiu ca u facemu in fin dei conti √® pi√Ļ romantico. Fra due ore sar√† qua.

            (Fil. Patr. assieme: due ore!)

Mar.    Andate a prepararvi perché è precisino, elegantino, viene con la famiglia,

            figlio e nipote. E’ vedovo, si chiama Pasqualino ed è un ricercatore.

            Adesso mi vado a preparare, doccia, pettinatura, trucco, cambio vestito, creme

            per il viso (sospira) la vita mi ha sorriso e mi sento (sospira) in Paradiso.

Fil.      Ma a ma fari festa?

Mar. ¬†¬†¬†Megghiu ‚Äėnna festa ca centu fisticchi‚Ķasino ti restano li spicchi‚Ķ(v√†)

Fil.      Chissa veru a nautri fa moriri prima…(rientra Marianna)

Mar.    Cu scava pi l’autri a fossa… prima o poi ci lassa iddu l’ossa … (esce)     

Fil.      Puru i proverbi cu li rimi fa ora.  Cara mogghie semu fritti…

Pat.     Ma cu è chissu, un ricercatore sarà medicu…

Fil.      Pi favuri, già dici ca chiassai staiu iu ccà chiassi campa, cu la so compagnia ci

           duna vintanni di saluti, si è medicu ci nni duna nautri deci anni, ma quantu

           cazzu ava campari!... (entra la madre di Filippo)

Fra.     Un paisi è chinu già…a mammicedda, ti lu dicia io vattinni a casa affittata e

            non stari cu nna sciacqualattuca…Patrizia gioia mia tu non c’entri , ma to

            matri è sulla bocca di tutti, è l’argomento del giorno, pi veniri ccà mi

            taliavanu tutti no cu du occhi ma puru cu l’occhi di lu cu…matri chi  mi stava

            scappannu…in tutti i negozi, supermercati, panifici, bar, non si fa autru ca

            parlari di sta buffonata…puru a chiesa dintra a sacrestia…DIO ci scansi e

            liberi (si fa il segno della croce)…Patrizia gioia, ma di cui pigghiau, ma to

            patri si rivolta na tomba. Senti a mammuzza, si tu ti vergogni ti nni veni a

            stari nni mia finu a chi non truvati casa, megghiu stritti ma non suppurtari sti

            vergogni…

Fil.      Mamma ormai sta casa non ma fazzu scappari…

Pat.      Pimmia putemu nesciri ora stessu…

Fra.      Patrizia ma nenti poi fari, siti ancora in tempu…chi vergogna chi vergogna…

            Quannu mai la gente ha parlatu di mia...quannu mai…  (entra Marianna)

Mar.    Cummari di vui la gente non po’ parlari picchi non avi argomenti…

            Aviti deci anni menu di mia e ni dimostrati trenta superchiu di mia…        

  

Fra.      Io non l’haiu sti desideri e sti manciasciumi c’aviti vui…

Mar.    Chissa è l’invidia ca vi sta scippannu l’occhi…

Fra.      Ora mi nni vaiu picchi già stetti assai ccà dintra .

Pat.      Basta finitila, mamma tu va priparati…

Mar.    Sugnu quasi pronta…

Fil.      Mamma tu vattinni ca ci pinsamu nautri…

Fra.     Non vogghiu essiri invitata…fate finta ca io non ci sugnu…

Mar.    Finta…ma quali finta, tu non ci si davvero. (se ne entra, anche Franca se ne và)

                               

S C E N A ¬†IV¬į

(Filippo, Patrizia, Pasqualino, Marianna)

Fil.     Ma stu fidanzamentu sta facennu già dannu  prima, figuramuni dopu.

Pat.    Filì o cuminamu qualcosa prima di fallu o lu facemu falliri subito dopu.

Fil.¬†¬†¬† Ormai pi fallu falliri prima non c‚Äô√® cchi√Ļ tempo, appena u canuscemu videmu¬†¬†¬†¬†

          chi piru è, e cuminamu qualcosa…certu all’idea ca chissu arriva asciuttu

          asciuttu dopu vintanni e si pigghia anche nna minima cosa non mi cala.

Pat.   U sentisti è un ricercatore…

Fil.    Un ricercatore di fimmini vedove, anziane, arzille…cu qualche appartamento.

Pat.    Ma iu dicu dopu vintanni chi cci pigghiau nna testa…

Fil.      U fa apposta pi fari ruderi ammia…sta casa , ma sta facennu desiderari…

           avissi a pagari ammia vintanni…vintanni ca ci supportu sti vestiti, sti profumi,

           sti cremi, stu mangiari genuino…(entra Marianna già pronta)

Mar.    Patrizia, genero, quando arriva, fate voi gli onori, io scendo dopo, è meglio.

            Farsi aspettare un pochino non guasta e poi avete modo di conoscervi…

            dopo ventanni…(lo ripetono Patriz.e Filippo) ventanni ca ristavu  sola…soletta.

            Oggi la vita mi ha sorriso…fiorin Fiorello l’amor è bello… (esce)

Fil.¬†¬†¬† ¬†¬†Mamma mia chi profumu, mi veni di sveniri‚Ķma stu zitu non cadi ‚Äėnterra

            appena senti stu profumu.

Pat.     Megghiu cosi sbatte a testa e non facemu festa… Nisciu pazza a sta età…

Fil.      Veramente prima non è ca era tantu bona di testa…(suonano il campanello)

           (prima di aprire  Marianna grida: mi raccumannu asinò casa nenti)

Pat.     Ci vai tu o io…

Fil.      Vacci tu…(Pat. Stava andando) no vado io…(continuano questo ping-pong)

Pat.     No…ci vaiu io…ma forse è megghiu ca ci vai tu…(continuano a suonare)

Fil.     Aspetta, forse tocca attia picchi si a figghia…aspetta ci vaiu io…

Pat.     Aspetta  forse hai ragiuni tocca ammia…

Mar.   (dalla stanza) Aspettati ancora, ca sta casa non tocca a nuddu …

Pat. Fil.  Ci vaiu io…

Pat. Fil.    E va beni vacci tu…(Mar. dalla stanza l’apriti sta cacchiu di porta)

Pat.    Tu assetati, ci vaiu io. (và) Prego…prego…

Pas.   (giacca a righe pantaloni a quadri, o pantaloni righe, giacca a quadri, riga al centro se ha

           capelli, papillon e preferibilmente occhiali da vista…in mano un mazzo di fiori, personaggio  

          molto caratteristico dalla risata particolare, chi vuole anche con qualche tic)

            Buon giorno, io sono Pasqualino Pasquetta, fra poco fidanzato della signora

          Marianna Pasqua.

Fil.    (al pubblico) Pasqua, Pasquetta, ci manca sulu u Venerdi Santo!

Pat.    Io sono la figlia…Patrizia piacere…questo è mio marito…

Pas.    La mia (sbaciucchia) fidanzatina si fa attendere?

Pat.    Sta arrivando…

Fil.     Si accomodi…(si seggono)

Pas.    Oggi lei è…. in casa?

Fil.     Io sugnu sempre…. in casa.

Pas.    Pensionato?

Fil.     No, in ferie tuttu l’annu…

Pas.   (risata particolare  e chi vuole tic particolari)

 

Pat.    Lei è un ricercatore…

Pas.   Si esattamente, precisamente, ha centrato, colpito nel centro.

Fil.    (al pubblico) Stamu giucannu a battagghia navale?

Pat.    Quindi lei ricerca…

Fil.     Di quale malattia è ricercatore…

Pas.    Non di malattie…(risata) ma di proverbi siciliani…

Fil.     Di proverbi siciliani? Allura non è medicu…

Pat.    Da quanto …insomma… con mia madre…

Pas.    Un pochino…

Fil.     Un pochino…e non putiavu aspittari nautru pochinu.

Pas.    Quannu l’amuri tuppulia …non lu fari aspittari in mezzu a la via…

Fil.     Cuminciamu…

Pas.    Ho avuto altre opportunità, ma mai… mai le ho sfruttate…non mi piacianu

¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬† nuddu‚Ķnuddu‚Ķsapiti comu si dici? Non ti pigghiari ‚Äėnna cozza‚Ķasin√≤ ti

           pigghià pi cannarozza…(ride)

Pat.     Mi deve scusare, ma io non sugnu abituata a fari la ruffiana…ancora non la

           conosco.

Pas.¬†¬†¬†¬† Megghiu u cani chi ti licca ‚Ķma no a gatta chi ti ‚Äėncricca‚Ķ¬† ¬†

Fil.      E comu mai di tutti sti opportunità nuddu ci piaciu…e proprio ccà finiu…

Pas.    Una era pilusa…fimmina barbuta… di luntanu si saluta…Qualcuna mi

           cuminciau a stringiri subitu e si dici: fimmina chi subitu ti stringi…o t’ha

           tingiutu o cerca mi ti tingi … (ride sempre allo stesso modo)

            

Pat.     E ci piaciu proprio me matri…

Pas.    Si, proprio idda…Bedda di natura …fino alla morte dura…l’aria chi respiri è

           sempre pura e quannu stai mali sempre ti cura…

Fil.     Mi stau cunfunnennu.

Pas.    Cu si cunfunni pi nenti…prima o poi ci ponnu cadiri i denti…

Fil.     Patrizia è megghiu ca chiami a to matri…

Pas.    Si picchi mi stancau u brazzu a teniri i fiori…(Patr. Mentre và, entra la madre)

Mar.   (entra con classe, elegantissima)   Pasqualino…

Pas.    (si alza in piedi di scatto tenendo sempre i fiori) Marianna tu sei la luce dei

            miei occhiali, fra poco mi fai volare senza ali  (Fil. si mette le mani in testa)

¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬† ¬†¬†Da quando ti conosco le mie passeggiate non sono pi√Ļ nel bosco‚Ķti penso

            ogni momento con il sole con il vento…col bel tempo e con la pioggia da

            Palermo a Foggia con il ballo si sono uniti i nostri cuori accetta questi fiori…                   (mentre gli li dà…filippo stupito)

Mar.    (incantata prende i fiori annusando e sospirando felicemente) Vado a metterli

            Nella mia camera da letto…

Fil.      Ma chissa veru centanni campa.

Pas.    (tutto ad un tratto si mette a piangere)

Fil.      Ma comu… avi mezzura ca ridi con una risata mista. Picchi ora chiangi...

Pas.     Cu la fimmina si ridi prima di la trasuta e si chiangi dopu la nisciuta …

Pat.      Ma è bravu cu sti proverbi e sparti cu li rimi!...

Fil.      Zittiti, e chiuttostu cumencia a pinsari comu fallu smasmari…(entra Marianna)

Pas.     Che profumo…delizioso, ammaliante, irresistibile, incontrollabile, delicato,

            incancellabile, indimenticabile, accattivante, armonioso…

Mar.    I tuoi fiori…profumano, addolciscono, colorano, innamorano…

Fil.      U vocabolariu stanno ripetennu…            

   

 Mar.   Appassionano, allungano la vita…(se ne entrano abbracciati)

Fil.      No… Allungano la vita no…( rientra la suocera)

Mar.    Non campo centanni…ora campo centanni e du’ jorna…(se ne rientra subito)

Fil.¬†¬†¬†¬† ¬†No‚Ķ(disperato) No‚Ķ. Puru du jorna superchiu!... (fine I¬į Atto)

SECONDO ATTO

S C E N A V¬į

( Filippo, Patrizia, Marianna, Franca, Carlo, Romeo)

Fil.    Ma acchiura si nniu u fidanzatinu.

Pat.   Verso i dui …

Fil.    Versi i dui?! E chi ficiru…u brodinu.

Pat.    Me matri mi dissi pocu fa ca si vittiru du’ film…

Fil.    Ma u vidisti chi pezzu di salami…Patrizia circamu d’inventari qualcosa

         asinò chissu cuminciau a irisinni e dui, fra un pocu si curca ccà e poi sa marita 

¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬† e nautri ni liccamu i dita.¬†¬† (entra Marianna pi√Ļ felice di prima)

Mar.   Buongiorno.  (rispondono Pat.e Fil.) Caro ge…ne…ro hai imparato a

           rispondere vedo con piacere che qualcosa del galateo la stai imparando.

Fil.     La ringrazio su…o…cera!

Pat.     Mamma ti preparo la colazione.

Mar.    Stamattina lascia stare, faccio colazione con Pasqualino al bar, poi ritorno a

            casa, a casa mia…perché questa (verso il genero) è casa mia, pranzo leggero,

            vi dirò cosa preparare, passeggiata pomeridiana, ritorno a casa, a casa  mia…

            perché questa è casa mia cena leggerissima, poi vi dirò cosa preparare, visione

            di tre quattro film d’amore e poi lascio decidere lui se coricarsi qui o a casa

            sua fino al giorno del matrimonio…ormai il fidanzamento ufficioso c’è a tutti

            gli effetti, manca solo di conosce il figlio, la nuora, ed il nipote. Quando

            penso che da ventanni…ventanni sono rimasta sola…soletta. Patrizia,

¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬† ¬†sorridi, la vita mi ha sorriso‚Ķa pi√Ļ tardi (esce sempre elegantissima)

Fil.      A sintisti a picciuttedda…Patrizia sorridi  ca io chiangiu; pranzo leggero, poi

            vi dirò cosa preparare, sparti si voli maritari satannu u fidanzamentu ufficiali.

            visione ddi film, prima eranu dui ora divintaru tri quattro…Patrizia, forse io

            no ci resisto ma ci pensi a chissu chi da matina a sira ni dinchi a testa cu sti

            proverbi siciliani…

Pat.     Cu li rimi, non ti scurdari ca ci fa puru i rimi…

Fil.     Tu babbii, a cosa è seria.

Pat.     Non ti la pigghiari cummia, picchi fin dal primo momento io ti dissi ca cu me

           matri non ci vulia stari, e tu, pi stu appartamento ti stai accollando a idda ca

           forse ni porta o camposanto prima di idda, a un ricercatore ca fa funniri u

           ciriveddu e iu ca fazzu a cameriera di pranzi, cene leggere e genuine.

          

Fil.     Non ti preoccupare ca risolvemu a situazione o in un modo o nell’altro.

Pat.    Fammi iri a fari un pocu di spisa ora, asinò appena veni cu la voli sentiri.(esce)

     

Fil.     Avi ragiuni me mugghieri, io ho capito ca sbagghiavu di grossu, pi risparmiari

           l’affittu di casa staiu pirdennu a saluti e idda inveci a guadagna…ma iu

           pinsava si non è stu annu ca mori, a l’annu prossimo non c’iarriva…passaru du

           anni, e ci detti massimu nautri dui anni di vita, e passaru l’autri dui anni...a dui

           anni a dui anni, si tirau vintanni...vintanni…a proposito di ventanni: quannu

           pensu c’ avi (la imita)  ventanni…ventanni…ca ristavu sola… soletta . Sta

           frasiormai l’haiu incorporata in ogni organo del mio corpo. (bus.Fil.apre,è Franc)

 

Fra.    Ciao a mamma, vitti nesciri a ddà svergognata e vinni, sta facennu ridiri un

           paisi, puri i paisi vicini u sannu, u macellaiu mi dissi ca chissa è una notizia da

           telegiornale, Filippo lassa sta casa, fregatinni di l’appartamento a saluti è

           saluti, l’onuri è onuri. 

Fil.     Mamma ragiuni hai, ma ormai sugnu no ballu e ballamu, anzi no ballu no,

¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬† ¬†picchi √Ļ ballu √® proprio chiddu ca rovinau del tutto alla mia cara suocerina.

Fra.    Menomali ca to patri è mortu asinò muria prima do tempu, e si non voi ca io

           moru prima do tempu, lassa sta casa, e si non voi ca to mugghieri cadi malata

           lassa ta casa, e si non voi ca tu, mori prima di to soggira…

Fil.     Oh! Ma puru tu mi dici ca moru prima di idda, quasi quasi ci cumenciu a

           cridiri tantu ddà disgraziata a tomba a sta preparannu, sparti pi mmia e me

           mugghieri, cu li decori e senza fotografie chi disgraziaaaaatu chi suuuuuugnu!

Fra.    Senza fotografie? E si poi io sbagghiu e non sacciu quali tomba è… comu ti

           portu  i juri!..

Fil.    (si tocca) Mamma ma mi vuliti veru mortu…

Fra.    Oh! Beddu meu, staiu sfasannu puru io…(bussano, Fil.và ad aprire, entrano

            Giulietto con il figlio Romeo, rispettivamente figlio e nipote di Pasqualino, vestiti tutti e due  

            uguali e precisamente come era entrato  Pasqualino…occhiali, riga al centro, papillon, anche

            loro con un mazzo fiori)

Giu.    Buongiorno…io sono Giulietto, figlio di Pasqualino Pasquetta…

Rom.   Buongiorno…io sono Romeo Pasquetta, figlio del qui presente Giulietto

            nonché nipote dell’assente momentaneo di Pasqualino Pasquetta.

            (poi entrambi credendo che Franca fosse la fidanzata di Pasq.)

Car.     Mammi…questi sono per te…

Rom.   Tu sei il nonni…

Fra.     Io non sugnu la mamma…

Fil.      Mamma…ci parlo io…

Rom.   Ma se tu sei il nonni perché la chiami mammi…

Fil.      No, io sono il figlio…

Giu.     Il figlio?! Ma io sapevo che la fidanzata avesse una figlia…

Fra.     No, la mamma sono io, lui è…

Rom.   Il nonni della figlia…

Giu.    Mammi accetta questi fiori dal tuo figliastro Giulietto.

Rom.   Nonni accetta questi fiori dal tuo nipotastro Romeo.

Fil.      (al pubblico) Menomali ca non c’è Giulietta.

Fra.     Io non sugnu la fidanzata, sugnu…la…(Giul. la stava bloccando)

           (arrabbiata) Facitimi finiri…io sugnu a mamma di Filippo…

Fil.      Io sono il genero…della fidanzata di Pasqualino…il marito della figlia

           della signora Marianna…

Giu.     Ecco dove stava l’equivoco…

Rom.   E la nostra cara mamma…(ride…e di conseguenza anche Giul.) adesso dov’é.

Fil.     Al bar…con un cappuccino genuino ed un caffè scremato! (Giul. e Romeo

           ridono precisamente come Pasqualino) Madonna santa…a stessa risata hannu.

Fra.    Filippo io mi nni vaiu, assuppatilli tu puru a chissi…Buongiorno. (esce)

           (Giul. e Romeo rispondono assieme: Buongiorno e scusi per l’equivoco) 

S C E N A VI¬į

                   (Filippo, Giulietto, Romeo, Patrizia, Marianna, Pasqualino)

Fil.    Accomodativi…(si seggono vicini, assumendo la stessa posizione, tenendo

          sempre quei fiori in vista)

Giu.    Lei che ci racconta di bello…(Fil. Sta per aprire bocca e viene bloccato)

Rom.  Si trova bene con la signora Marianna, ossia sua suocera, ovvero la fidanzata

            del mio caro nonni? (Fil. Sta per aprire bocca e viene di nuovo bloccato)

Giu.    Sono sicuro che si trova bene…del resto papi mi ha raccontato che è una

           donna piena di vitalità… da quanto tempo abitate insieme…(stessa scena)

Rom.   Quando si sta assieme non conta assolutamente niente.

Giu.     Sig. Filippo come mai non parla?

Fil.      E’ Maleducazione interrompere dui sca…sca…scatenati simpatici come voi.

            (Giul. e Romeo si guardano e si alzano insieme dicendo: Grazie poi si risiedono )

            Sig. Giulietto, ma voi siete contenti che papà si faccia…

Giu.     (si alza di scatto) Fidanzato?! Certo, sono di un gioia immensa…(si risiede)

Rom.    (si alza di scatto) Io l’ho incoraggiato, spinto, assicurato che avrebbe trovato

             una donna  eccezionale... Proprio come la mia cara nonni Cleopatra …(si

             risiede)

Giu.     Eh si, mia mammi Cleopatra era una donna eccezionale, dopo aver

            conosciuto papi è morta in sei anni con grande dispiacere di non averlo ancora

¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬† ¬†¬†¬†¬†conosciuto di pi√Ļ.

 Fil.     E menomali!...

Giu.     Lei non è contento che la signora Mariannina ha trovato papi?!

            Sà non è uno che pretende troppo…la mattina vuole essere svegliato alle 

            otto in punto, alle otto e dieci vuole il caffè al letto con due fette di biscottate

            di cui una con marmellata…

Rom.   Solo una volta la settimana vuole essere svegliato alle otto e quindici…

Giu.    Alle nove vuole avere tutto pronto, pantaloni, camicia, scarpe, alle nove e

           trenta, passeggiata con Dante il suo cagnolino, rientro alle 10,30…

Rom.   Solo una volta la settimana passeggiata con la sua compagna…

Giu.     Poi dieci minuti di gioco con Garibaldi…il nostro Gattino…Alle undici

            passeggiata da solo con rientro alle dodici e vuole trovare un bagno

            caldo ed asciugamano morbido…

Rom.    Magari lavato con un ammorbidente  coccolino…

Giu.     Alle tredici pranzo con antipasto che non deve mai mancare, iniziando dalle

            Olive nere e bianche, salumi, formaggi, pane casereccio, carciofi, pomodori,

            acciughe sott’olio, un piatto di pasta bello condito, due secondi: uno di pesce

            uno di carne, vino di annata bianco e rosso a seconda del pesce o carne…

Rom.    Solo una volta la settimana salta l’antipasto…

Fil.       (al pubblico) Ma chissi vennu dallo spazio!…

Giu.     Che dice?

Fil.       No, niente, ho detto interessante, anche mia suocera è precisa come suo papà.

Giu.     Papi…Papi…(entra Patrizia con le borse della spesa, i due si alzano di scatto)

Giu.     Mammi…

Rom.    Nonni…    (insieme poi con un tono bambinesco: BENVENUTA)

Pat.      Ma cu sunnu chissi…

Fil.      Parenti toi... (si avvicinano)

Pat.     Ma di unni vennu…

Fil.     Dal pianeta Marte…

Giu.    Papi mi aveva detto che eri un tipo giovanile, ma sei troppo giovanile e non

¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬† pensavo che fossi cosi giovanile, pi√Ļ giovane di quanto papi avesse fatto

           intuire la tua giovanilità.

Rom.   Nonni questi fiori sono per te…

Fil.      Scusate, questa non è mammì nè nonnì, è la mia compagnì…

                     (Giu. Romeo rispondono: Piacere…e si risiedono)

Giu.   Spero che la signora Mariannina arrivi subito, non vediamo l’ora di conoscerla.

 

Rom.   E dargli questi fiori…Per noi i fiori sono l’essenza della vita…

Giu.    Appena papi si stabilisce qui, sig. Filippo lei avrà un bel da fare…

Fil.     Chi semu contenti, già io n’avia picca!…

Rom.   Papi…Papi…papi…

Giu.    Ah! si ho capito Romeo…Col vostro permesso mio figlio quando mi chiama

            tre volte di seguito significa che deve andare in bagno, possiamo…

Fil.      Pure lei?

Giu.    Io lo accompagno, perché lui mentre è dentro io tengo il suo mazzo di fiori,

           poi quando entro io lui tiene il mio mazzo…sa i fiori per noi sono l’essenza

           della vita… (ride)

Pat.¬†¬†¬† ¬†Prego‚Ķandate al primo piano, nel bagno della mamma √® pi√Ļ grande. (vanno)

Giu.    Il mazzo di fiori…io ci facissi un mazzo cosi…a iddi e ddà disgraziata di to

           Mami.

Pat.     (stupita) Ma già i vitti du minuti e ristavu sicca, ci sintivu diri quattro cosi e

           non ci cridu ca parlavano.

Giu.    Tu du minuti, io avi vinti minuti chi mi l’assuppu, a dui accussi, anzi a tri

           cristiani accussi mi parianu ca esistianu sulu nelle favole…poi si ci mittemu  

           puru a to  mami…tutti i scienziati di stu munnu si studiassiru a chissi niscissiru

           pazzi iddi…

Pat.     Puru i juri o bagnu si purtaru…

Fil.     Avi ca i tennu accussi (imita) mezzura, comu non ci stanca u brazzu mancu u

           sacciu…

Pat.     Matri matri ma comu a ma fari…

Fil.     Sulu una cosa bona c’è in tutta sta favola.

Pat.    Quale…

Fil.     Non avemu bisognu di inventari nenti pi fari sciogghiri stu fidanzamentu

           Pasqualino Pasquetta, è tutto l’opposto di to mami…

Pat.    Allura avissiru a durari picca.

Fil.     Ma u picca cu sti elementi u sai chi significa? Nna vita…già cu to matri semu

           malati, cu iddi ni portanu a fossa prima.

Pat.     A sulu pinsari ca chissi anchi si vinissiru ogni tantu…(entrano GIU. ROM.)

Giu.    Eccoci qua…appena papi viene ad abitare definitivamente qua, noi

¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬† ¬†ci facciamo vedere spesso, anzi un pochino di pi√Ļ spesso, spesso‚Ķspesso.

           

Rom.    Sempre…

Giu.     Complimenti per il bagno, è grandissimo.

Pat.      Grazie, nove metri quadri…

Rom.    Nove metri quadri e ventidue…

Giu.     Le mattonelle sono bellissime.

Rom.¬† ¬†Ottanta mattonelle in tutto, dieci in pi√Ļ di quello nostro.

Giu.    Gli armadietti comodi tanti cassetti e cassettini…

Rom.   Dodici…sette grandi e cinque piccoli…

Fil.      (verso il pubblico) Ci ficiru l’analisi o bagnu!

Giu.    Mancava solo un asciugamano per il bidè…ve ne era uno solo.

Pat.     Infatti c è n’è uno solo perché quel bagno lo usa solo mia madre.

Rom.   Io sono andato nell’altro e mi sono permesso di prendere il suo sig. Filì...

Fil.      Hai fatto bene…Romì…(espressione verso il pubblico, ed entrano Mar. Pasq.)

Giu.    (si alza di scatto con Romeo) Papi…finalmente, adesso non possiamo sbagliare.

            (Assieme con Romeo) Benvenuta!..

Pas.    Marianna, questi sono i miei due angeli…

Fil.     Ci mancassi sulu  l’ali e volanu!

Pas.    Mio figlio Giulietto e mio nipote Romeo. (i due si avvicinano)

Mar.    Piacere…

Giu.Rom.   BENVENUTA!  Mami, questi fiori sono per te…(rimane col braccio come se

                      avesse ancora i fiori)

Rom.    Nonni anche questi sono per te. (anche lui rimane nella stessa posizione)

Mar.    Che emozione…mi sembra di rivivere la prima volta che mio marito mi portò

            il primo mazzo di rose…ah! Quando penso che da ventanni…ventanni sono

            rimasta sola…soletta!

Pas.¬†¬†¬† Adesso non sei pi√Ļ sola soletta, come io non sono pi√Ļ solo soletto ed assieme a

           Romeo e Giulietto saremo una vera famiglia sotto questo tetto.

Fil.     (alla moglie) Nautri due semu esclusi!   

Mar.    Che emozione…che emozione!…

Pat.     Mamma comu mai tardastivu…

Mar.    Dopo la colazione…abbiamo fatto una lunga passeggiata con Dante, un

           cagnolino dolcissimo, poi al rientro abbiamo giocato dieci minuti con

           Garibaldi un gattino piccolo, indifeso…(Fil. fa scena)

Pat.    Ma prima gatti e cani non li sopportavi…

Mar.   Ma quando si ama, si deve accettare anche quello che vuole il proprio

           compagno.

Pas.    Patrizia da oggi in poi mi poi considerare tuo papi…Patrizia ecco Giulietto

          tuo fratello…Patrizia ecco Romeo tuo nipote…abbracciatevi. (fanno scena)

    

Fil.    (al pubblico) Era una famiglia persa e si è ritrovata!

Pas.   Filippo, da oggi sei quasi mio genero.

Fil.    Quasi…(Giu. Rom. si avvicinano per abbracciarlo, prima di farlo Fil. dice) il

¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬† braccio potete abbassarlo non avete pi√Ļ il mazzo. ((i due si guardano)

 

Giu.   E’ vero…(ridono sempre allo stesso modo poi lo abbracciano e si vanno a sedere)

Pas.   Giulietto... Romeo (si alzano di scatto contemporaneamente rispondendo: SI)

          Dulcis in fundo…ecco Marianna la mia metà .

Giu.¬†¬† (v√† verso di lei) Mami‚Ķpi√Ļ di prima‚Ķ

Rom.¬† (stessa cosa) Nonni‚Ķpi√Ļ di prima‚Ķ

Fil.¬†¬†¬† (accenna alla canzone) Come prima ‚Ķpi√Ļ di prima...t‚Äôamer√≤‚Ķ(poi ride)

          Che bello siamo una famiglia!...

Mar.   Che emozione…che emozione…

Pas.    Adesso  è ora di tornare a casa vado a preparare la valigia e poi mi trasferisco.

         

Fil.     Che bello siamo una famiglia!...Una famiglia…vero Patrizia.

Pat.    Si davvero una famiglia…

Pas.    Si dice: doli u pedi e a cavigghia tuttu passa quannu c’è a veru famigghia.

Giu.     Papi hai visto che bagno…

Rom.   Mancava sono una tovaglietta…

Fil.     Si pigghiau chidda mea…tanto ormai semu una famiglia…(ridacchia)

Pas.    Quannu c’è l’amuri o gioia o duluri  vidi sempre un sulu culuri …

           Aspettami gioia…tornerò…

Mar.    Che emozione…che emozione…(Pas. con i suoi, esce)

S C E N A ¬†VII¬į

(Filippo, Marianna, Patrizia)

Pat.   Mamma, ma si convinta di chiddu chi stai facennu…

Mar.  Di chiddu chi staiu facennu? Già lu fici a mamma, comu trovasti un patri, un

          frati, un niputi…e tu (al genero) un soggiru…

Fil.    Quasi…quasi…

Pat.    Mamma, vidi ca non è u tipu chi pensi tu, si sai chiddu chi cci dissiru

          Romeo e Giulietto a Filippo…

Mar.   Picchi…pu’ cani e pu’ gattu…appena i canusci tu e (al genero) tu, puru vautri

          ci giocati, e poi a mamma nenti ti pari ca a matina tu non mi pripari a colazione

          ma fazzu purtari di iddu a lettu…la sveglia, mi faccio svegliare da lui

¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬† ¬†¬†dolcemente, e non sentu cchi√Ļ u rumuri da svegghia (fa i verso) u sai quantu

          cosi ti risparmi tu e (al genero) tu di farimi…Patrizia devi essere contenta, della

          felicità di tua madre...quannu pensu c’ avi ventanni…ventanni…ca ristavu

          SOLA...SOLETTA. Adesso fatemi andare a preaparare e cambiare di abito,

          profumo e trucco (mentre se ne và) che emozione…che emozione…

Pat.    Filippo a culpa è toa, to matri avia ragiuni, io pi veniri appressu attia…

          ma cu lu supporta a chissu, già sulu di comu parla di comu si movi, mi fa

          acchianari i nervi…e poi si ci mittemu puru a l’autri dui…(imita) Benvenuta!..

Fil.     Comu!… truvasti un fratuzzu e un niputi….(ironico)

Pat.     Filippo, io appena chissu metti pedi ccà mi nnivaiu…

Fil.     Videmu quantu putemu resistiri, po essiri ca si nni vannu subitu…

Pat.    Anchi si fussi, poi resta sempre me matri…

Fil.     Veru è…(un po’ forte)  pozzu cridiri ca campa ancora assai?

Mar.   (da sopra) Cu desidera di l’autri la morti è vicina la so sorti ! (Filippo si tocca)

            A figghia da bona matri si specializzau puru  cu li proverbi…    

Pat.     Non gridari ca ti senti...

Fil.     Basta…u sacciu semu consumati, però na cosa bona c’è..

Pat.    Quale…

Fil.     Mi paria ca quannu giucau cu cani e cu gattu avia cambiatu totalmente

           pi iddu…inveci ancora non sapi nenti ca chiddu voli na cammarera.

Pat.     Idda voli puru un cammareri…quindi s’avissiru a spiccicari subitu.

Fil.¬†¬†¬† ¬†Intantu sunnu ‚Äėmpiccicati peggio di ‚Äėnna codda. Chiuttostu, appena trasi

           O bagnu, pigghia a tovagghietta e lavala deci voti, anzi ghettala…

           Io vaiu un pocu ni me matri ca mischina si nniu avvilita. (esce)

Pat.    (sente una dolce musica che viene dalla stanza della madre)

           Puru canzoni romantiche senti ora… nenti io picca duru ccà dintra, haiu

           fattu sempre chiddu chi dici me maritu, però ora è giustu ca iddu capisci...

¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬† ¬†Comu si fa a suppurtari¬† na situazione del genere, nautri ‚Äėmpazzemu, gi√†

           non semu tantu precisi….(entra la madre con una vestaglia elegante)

           Mamma vidi ca non mangia, totalmente chiddu chi mangi tu;

Mar.   Quando si ama, bisogna accettare anche quello che vuole il proprio compagno.

Pat.     Le abitudini sunnu diverse, non aviti nenti in comune…

Mar.   Quando si ama, bisogna accettare anche le abitudini del proprio compagno.   

Pat.     Mamma, senti io…(Mar. la interrompe)

Mar.   Chi dici a mamma, vogghiu aspittari Pasqualino in vestaglia.

Pat.    Mamma, ma non ti rendi conto ca è tutta una buffonata…Sugnu ridicola a

           l’occhi di tutti…

Mar.   Per la felicità di una mamma, non deve fare caso a niente una figlia.

Pat.    E per la felicità di una figlia chi cosa fà una mamma e  per giunta vedova…si

¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬† fa zita ‚Äėnna vecchiaia, e sparti cu un tritruluni pi non parlari di so figliu e so

          niputi…io di ccà mi nni vaiu…

Mar.   Tu ti nni vai, ma to maritu resta, chiddu voli restari…

Pat.    Ti sbagghi, iddu stavota veni appresso ammia.

Mar.   Iddu aspetta stu appartamento, iddu aspetta la mia morte…(in quel momento

           entra Filippo che capisce) ma iddu mori aspittannu…(Fil. Si tocca)

           Caro genero, se l’aspetto cosi a Pasqualino comu ti pari…

Fil.      Pi  mmia u po’ aspittari puru nuda…

Mar.    Nuda ancora no, vogghiu fari passari un pocu di tempu…a fimmina chi si fa

            desiderari pi tutta la vita si fa amari…io putia immaginari ca parlavano i

            strani, il mio caro genero, ma no me figlia…non pensate mai alla felicità degli

            altri…siti egoisti.

Pat.      Per la tua felicità hai tolto la mia tranquillità…

Fil.      Figuramuni chidda mea!..

Mar.    Cara figghia e che tu non sai chi significa a Ventanni…ventanni ristari  sola

            Soletta…tu tantu a to maritu l’hai ancora supra sta terra . (Fil.fà scena)

¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬† Tu caro genero, ricordati ca chiassi st√† cc√† dintra cchi√Ļ saluti mi duni‚Ķ

            sugnu sicura ca nautri deci jorna superchiu campo…erano centanni e du

            jorna, ora sunnu centanni e dudici jorna….(se ne và)

Fil.       No, (disperato)…No… dudici jorna superchiu sunnu una vita.(Mar. rientra)

Mar.     E sparti ci saranno puru l’interessi…Fiorin Fiorello l’amor è bello (se ne và)

                                            

S C E N A VIII¬į

(Filippo, Patrizia, Marianna, Pasqualino)

Pat.     Ci dissi ca io ccà dintra non ci restu, idda non ci cridi…Filippo, emu a stari

¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬† ¬†nni to matri, a casa affittata, nni casa stritta ma io non ci vogghiu restari cchi√Ļ.

Fil.     Amu suppurtatu vintanni...vintanni e in quattro jorna a ma cediri?! Puru io non  

¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬† ci√† fazzu cchi√Ļ ma pensu ca semu a gli sgoccioli, ma tu chi pensi ca campa

           centanni?

Mar.    ( piano di sopra)  E quindici jorna…

Fil.¬†¬†¬†¬†¬† A figghia da bona matri avi nna ‚Äėntisa‚Ķ

Pat.      U vidi, u senti ca ti sta facennu moriri prima do tempu…

Fil.¬†¬†¬†¬†¬† ¬†Hai ragioni, stamu nautra simana, po essiri ca Pasqualino non veni cchi√Ļ‚Ķ

            (bussano, entra  Pasqualino, vestito sempre strano e sempre con un mazzo di fiori)

Pas.     Salve, sono di nuovo quà…Patrizia tuo fratello e tuo nipote fra un poco

            vengono …

Pat.     (al pubblico) pimmia si ponnu ristari dintra. (entra Marianna si ferma vicino la porta)

Pas.     La mia gion…vincella dov’è…(sensuale)

 

Mar.    (sensuale) Pasqua….lino

Pas.     Mari….anna

Mar.    Pasqua…lino…lino…

Pas.    Mari…anna…anna…(Filippo e la moglie si siedono disperati)

Mar.   Mi hai porta…to i fiori…che piacciono a me…

Pas.    Io por….to   sempre fiori…che ti piacciono perché sono l’essenza della vita…e

           tu hai un altro pro…fumo.

Mar.   Si, se vieni puoi sentire l’odo…re…(se ne entra)

Pas.    Scusate, ma io devo andare…gli impegni sono impegni…

Pat.    Io mi priparu a valigia…(se ne entra per prepararla poi bussano, entrano Giu. Romeo,

            Romeo con due mazzi di fiori che tiene uno in una mano l’altro nell’altro mano, Giulietto

            altri due mazzi di fiori di colore diverso,  sempre tenuti come precedentemente)

           

Fil.     (rimane stupito e li guarda fissi)  Du mazzi di juri!

Giu.    Per la famiglia Pasquetta i fiori sono il nostro segno dell’amore, l’essenza

           della vita…I fiori portano la vita, l’allegria, la pace, l’amore…

Rom.   La calma, la serenità, la passione…

Fil.      Basta, basta...

Giu.     (a Fil.) Se per cortesia può tenere almeno un mazzo di ciascuno di noi…

            (gli e lo danno, loro escono e rientrano con una valigia ciascuno)

Rom.    Da oggi in poi siamo una vera famiglia…tutti sotto lo stesso tetto.

Giu.      La casa è grande…papi è innamorato..

Rom.    Due bagni ci sono, uno è grande…le tovagliette ci sono…(entra Pasqualino)

          

Pas.¬†¬†¬† ¬†¬†Filippo‚Ķ quasi genero‚Ķpuoi cominciare a preparare la cena‚Ķpi√Ļ pesante

             possibile…(entra Marianna)

Mar.¬†¬† ¬†¬†Pi√Ļ leggera e genuina possibile‚Ķ

Pas.¬†¬†¬† ¬†¬†Pi√Ļ pesante possibile‚Ķ

Mar.¬†¬† ¬†¬†Pi√Ļ leggera e genuina‚Ķ(possono anche ripetere pi√Ļ volte)

Fil.       Vautri dui comu a vuliti…

Giu.      Io mangio quello che mangia mio Papi…

Rom.    E io mangio quello che mangia mio papi…(risata)

Mar.    Allora preparate due cene una genuina e una pesante…

 

Giu.     Mami questi sono per te…(Filippo comincia a far capire al pubblico di scoppiare)

Rom.    Nonni anche questi sono per te.

       

Fil.       Patrizia…(stesso tono di loro…entra Patrizia con due valigie) Prepara la

            valigia anche per me…

Pat.      Già fatto…

Fil.      Quasi- papi…la cena te la prepara Romeo e Giuletto visto che abitate sotto lo

           stesso tetto… Suocera…di oggi in poi … mangiati chiddu chi cazzu voi…

           Giulietto e Romeo pigghiativi stu mazzu di juri prima chi vi dinchiu a pidati e

           vi fazzu arrivari a Verona a truvari a Giulietta…Suocera puru io li sacciu fari li

           rimi  megghiu di chissi cu mezzu sti scrimi …Culi trona o cu li lampi

¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬†¬† chiassai restu cc√† chiassai campi‚ĶSi cchi√Ļ furba di ‚Äėnna lepri, ¬†mi nni vaiu e

           accussi prima crepi…

Pat.      Mamma arrangiati e quannu cumenci a fari a cammarera non mi circari ca

            non ritornu a unni prima era…

Mar.    Ma ti nni vai appresso a to maritu e mi lassi sula?

Pat.      Quando si ama bisogna accettare anche quello che vuole il proprio compagno.

Mar.¬† ¬†¬†Itivinni ca cu lu binocolo viditi¬† l‚Äôappartamento‚Ķ(Filip. sempre pi√Ļ esaurito)

Fil.      Megghiu cavi resta l’appartamento e io curru chiu forte do vento…teniti a

           Pasqualino e ci fai sentiri u profumino…teniti a Romeo e Giulietto accussi

           prima o poi tu fannu attia un (gesto) mazzetto.  (al pubblico) A vautri vi

           dicu non faciti lu stessu sbagghiu meu, picchi si vi capitassi na soggira accussi,

           vi rovinate la vita…(prende la valigia come un esaurito) genuino, a tovaglietta,

           papi, mami, nonni,  i fiori sono per te…che emozione…che  emozione…

           ventanni…ventanni  resitivu nni sta casa ca chiunque sfasa …Mammi, Nonni

           benvenuta…chi bello bagno, novi metri quadri e ventidue, sette cassetti, quatto

           piccoli e tre grandi, ottanta mattonelle, centanni e du jorna, centanni e quindici

           jorna… (prima di uscire) Suocera campa quantu cazzu voi…(escono, musica e

             sipario)     

                                 (elaborata da Pietro Maurici da Rosanna Maurici e dallo steso autore)

                    Per ogni rappresentazione è necessaria l’autorizzazione dell’autore e degli elaboratori)  

Cominciato a scrivere il 14 Aprile 2004  alle ore 14,30 e finito il primo atto alle 17.00. Il 15 ripreso il secondo atto e terminato in tre ore.

Dedicato alla bravissima: Tatiana Alescio ed a tutto il suo gruppo di Siracusa. 

Ai bravissimi Pippo Trinchera , Salvatore Barbaro ed al tutto il gruppo dei Guitti;

A Bernardo Bernardi ed a suo gruppo Le Cappellette di Porto S. Giorgio (Ascoli Piceno)

Che hanno saputo ben mettere in scena :U fidanzamento Ufficiali e u fidanzamentu ufficiali.‚Äúpa‚Äôsecunna figghia‚ÄĚ

Al bravissimo Renato Fidone autore delle provincia di Ragusa ed a tutto il suo gruppo;

Al bravissimo Pino Giambrone ¬†ed a tutto il suo gruppo ‚ÄúCapuana‚ÄĚ di Campofranco;

Rappresentata dal Nuovo Teatro Stabile di Mascalcia di Mario Re, con Cettina Poma per la regia di Orazio Torrisi con grande successo a Mascalucia e a Messina

    Questo copione è stato visto
  • 0 volte nelle ultime 48 ore
  • 0 volte nell' ultima settimana
  • 2 volte nell' ultimo mese
  • 45 volte nell' arco di un'anno