Meetic affinity

Stampa questo copione

MEETIC  AFFINITY

(l’amore sul web)

di Bruno Maresca

Personaggi:

Nicoletta

Michele, suo marito

Gustavo, padre di lui

Melania, zia di lei

Un poliziotto

Atto Primo

Interno di un soggiorno: arredi vari, su un tavolino accanto al salotto un pc portatile, in un angolo una scrivania con un pc fisso

Fuori scena si sente un dialogo animato fra un uomo e una donna.

Voce Nicoletta: Ora mi sono veramente rotta di sentirti sempre lamentare, d'accordo?

Voce Michele: D'accordo un corno! Avevo una sciarpa e mi ritrovo... una cravatta! Devo fare i salti di gioia, secondo te?

Entra Nicoletta seguita dal marito che ha in mano una sciarpa decisamente striminzita. Lui ha trentacinque anni e lei trentadue.

Nicoletta: Mettine un'altra, no? Ne hai più d’una, mi pare.

Michele: Sì, ma questa intanto la devo buttare.

Nicoletta:  Vuol dire che la prossima volta te la lavi tu.

Michele:  E me la lavo io, certo! Credi che non ne sia capace? Ho fatto il militare, io!

Nicoletta: Sì, a Belluno.

Michele: Ma un po' di attenzione, santo cielo. (esibendola)Bastava guardare l'etichetta, no, c'è la mano nella bacinella: non l'hai vista?

Nicoletta: Se la vedevo non la mettevo in lavatrice.

Michele: Allora che ci stanno a fare le etichette?

Nicoletta: Non ho visto la mano.

Michele: Non hai visto la mano?Se si vede benissimo!

Nicoletta: Io lo sapevo che un capricorno non si doveva mettere con un leone, accidenti a me!

Michele: Dalla lavatrice all’astrologia.

Nicoletta: Sì, perché il capricorno sta bene con le persone tranquille, che non gli creano problemi inutili e che non fanno troppo rumore. Tu invece vuoi comandare e anche con una certa aggressività. E’ impossibile far convivere la frugalità del capricorno con la mania di grandezza leonina. 

Michele: Dove le hai sentite tutte queste sciocchezze, alla radio?

Nicoletta: (andando a sedersi sul divano) Sì, alla radio, va bene?

Michele: La tua frugalità si vede solo in cucina. Che si mangia stasera, uova alla coque?

Nicoletta: No, in camicia, se non si è ristretta.

Michele: Devo ridere?(uscendo)La mia sciarpa preferita... non ha visto la mano, ci credo, neanche l'ha guardata l'etichetta, per forza che non l'ha vista.

Di lì a poco si sente sbattere una porta, Nicoletta prende il pc dal tavolino e lo accende.

Nicoletta: Uova alla coque. E se anche fosse? (cliccando) Ma vedi tu se mi dovevo ridurre a questo. (legge) Tu sei… (sbotta) ma chi vi conosce? Vi pago, almeno datemi del lei, no! (pausa) Vabbè. (legge) Tu sei una donna che cerca un uomo, un uomo che cerca una donna, una donna che cerca una... lasciamo perdere. (cliccando)Una donna che cerca un uomo. (osserva)Una donna. Ero una donna, ora sono una schiava, ecco cosa sono. (urlando verso la comune)Una schiava, hai capito!(tende il collo)Se ne è andato, meglio così. (osserva)Che cerca un uomo... un uomo vero, però. (urlando c.s.)Un uomo vero! (osserva)Chissà se ce ne sono ancora di uomini veri. (legge) Sei nata il giorno, mese, anno. (osserva)Col cavolo che ti dico quando sono nata. (scrivendo) Io metto due anni in meno… anzi no, tre… macché tre, quattro, tanto sembro una ragazzina, me lo dicono tutti. (clicca e legge) Tu sei una donna che cerca un uomo, sei nata il… (sbotta) va bene, ve l’ho scritto io, andiamo avanti!  (legge e scrive)Paese di residenza, codice postale, città, uffà! (legge)Il mio alias. (osserva) Che palle,  che ci scrivo ora? (urlando c.s.)Se metto l'alias me ne trovo un altro, hai capito! (osserva) Incazzata nera, ecco cosa ci scrivo. No, questo non me lo fanno passare. Arrabbiata nera, inviperita nera. No, no, anche se lo fanno passare poi non mi risponde nessuno.

Michele:(entrando) Io esco.

Nicoletta:(abbassando lo schermo, con un sussulto) Ah, eri ancora qui?

Michele: Se ti ho detto che esco, vedrai.

Nicoletta: Avevo sentito sbattere la porta.

Michele: Della camera, era quella della camera.

Nicoletta: Ah, ecco.

Michele: Che avevi da urlare?

Nicoletta: Io?

Michele: No, io. Mi hai sentito urlare, per caso?

Nicoletta: No…  è che il pc…

Michele: Non ha l’alias di rete, lo so. Prima o poi lo metto, che urgenza c’è?

Nicoletta: L’alias di rete? E che cos’è?

Michele: Ah, non urlavi per questo?

Nicoletta: Ma di che stai parlando? Io ho detto… ho detto... Augias, ecco, sì, Augias, Corrado Augias, lo conosci no?

Michele: E perché ne volevi trovare un altro?

Nicoletta: Stavo leggendo un suo articolo e questo cavolo di computer si blocca in continuazione, allora ho urlato che ne avrei comprato un altro, tutto qua.

Michele:  Sarà entrato qualche virus, (avanzando) ora gli do un’occhiata…

Nicoletta: …No!! (Michele si ferma) Cioè… no, ora si è sbloccato... un’altra volta, ora devo finire questa ricerca.

Michele: Stai facendo una ricerca? Su cosa?

Nicoletta:(sarcastica) Sul lavaggio delle sciarpe.

Michele: Non mi hai fatto ridere.

Nicoletta: Meglio.

Michele:  Allora vado?

Nicoletta: Ciao.

Michele: Ciao. (avvicinandosi) Vuoi avere anche ragione?

Nicoletta:(con sarcasmo) Per carità, sono mortificata, mi prostro ai tuoi piedi...

Michele:  (uscendo)Ho capito, oggi non è giornata, ciao.

Nicoletta: Ciao, ciao.

Nicoletta aspetta di sentire chiudere la porta, esce e di lì a poco rientra.

Nicoletta:(facendogli il verso) Vuoi avere anche ragione? (urlando verso la comune) Te l’ho regalata io la sciarpa! (torna a sedersi e riaccende il pc). Il mio alias. Vipera, ecco, sì, vipera.Perché se do un morso a qualcuno l'avveleno, quanto è vero Iddio! (scrive)Vipera. (legge) Questo alias non è disponibile, ecco qualche suggerimento: vipera trattino sotto, ae trattino sotto 536... (osserva) Ahhh, ma non sa più di nulla così!  Mi sa che è meglio fingere. Proviamo con (scrivendolo)tenerissima. No, forse è troppo, non bisogna mai esagerare. (cancellando e scrivendo)Tenera, anzi teneramente, meglio ancora tenera, staccata, mente, è più bello, così c'è anche l'implicazione psicologica. (legge)Il tuo alias contiene una parola vietata, scegli un  altro alias senza spazi... (osserva) vabbè col trattino sotto, d'accordo, metto il trattino sotto. (legge e scrive)Password, indirizzo email... ok, certifichi di essere maggiorenne, ok... (osserva) certifichi: ora mi danno del lei. Mah.  (legge) Rispondi al test. Ohh, finalmente! (legge) Ricerca, visione della coppia, personalità, gusti, valori e informazioni personali. (osserva) Alla faccia se sono complicati, questi. Incominciamo, dai. (legge) Preferisco che sia: delicato, diretto.  (osserva) Diretto. Se intendono esplicito può anche andare bene, perché mi piacciono le persone franche. (pausa) E se poi mi mandano uno sfacciato? No, no, meglio delicato. ( clicca e legge) Timido, seduttore.  (osserva) Troppo timido no, ma neanche seduttore... facciamo a mezzo. (cliccando) Come si dice, in medio stat virtus. (legge) Istintivo, riflessivo. (sbotta) Sono sette anni che riflette, ora basta, non ne posso più, lo voglio istintivo. (urlandolo verso la comune) Istintivo, hai capito? (pausa) Che stupida, è uscito. (clicca e legge)  Casalingo, festaiolo. (osserva)Festaiolo, che razza di termini usano questi. E se a uno gli piace fare le feste in casa che cos’è, casalingo o festaiolo? (cliccando) Proviamo con festaiolo, così non me lo trovo sempre fra i piedi. (squilla il telefonino, risponde) Dimmi Marco. (pausa) Sì, tutto bene, dimmi. (pausa) E’ facile. Fai bollire l’acqua e l’aceto con un pizzico di sale, poi abbassi la fiamma e la giri con un cucchiaio per fare un vortice. (pausa) Che fiamma, devi girare l’acqua e quando si forma il vortice gli versi al centro l’uovo. Stai attento a non rompere il tuorlo, mi raccomando. (pausa) Due, tre minuti, non di più. (pausa) Anche a te e salutami Luigi. (pausa) Ah, vi siete lasciati, mi dispiace. E chi è che rideva? (pausa) Va bene poi mi racconti, ora ho da fare, ciao ciao. (chiude la comunicazione) Dov’ero arrivata? Ah, sì. (legge) Organizzato, imprevedibile. Facciamo a mezzo. (clicca, legge)Razionale, sognatore. (osserva) Con la testa fra le nuvole no, ma neanche glaciale, perciò anche qui a mezzo. (clicca, legge)Vivace ed energico, rilassato e disteso... (sente aprire la porta di casa, abbassa lo schermo, ad alta voce) Sei tu?

Michele:(fuori scena, ad alta voce) No, io.

Nicoletta: Già di ritorno?

Michele: (entrando) Tu che dici?

Nicoletta: Come mai?

Michele:  Che significa?

Nicoletta: Sei appena uscito, pensavo che avessi dimenticato qualcosa, tutto qua.

Michele:  Ma sarò libero di uscire e rientrare quando voglio a casa mia?

Nicoletta: Nostra.

Michele: Come?

Nicoletta: Casa nostra.

Michele: Mia, nostra, è uguale.

Nicoletta: Non è uguale.Mia è una cosa e nostra un'altra.

Michele: Ma si! Se mi va di restare a casa... nostra, me ne sto a casa... nostra, d’accordo?

Nicoletta: Ah, così la metti?

Michele:  Sì, cosi la metto. Non ti sta bene?

Nicoletta: A me? Figurati.

Michele: Meno male.

Nicoletta:(alzandosi) Vorrà dire che esco io.

Michele: A dispetto?

Nicoletta:  Che dispetto! Mi è venuta voglia di uscire. Aria, aria. (facendogli il verso)Non ti sta bene?

Michele: A me? Ti ho detto che non è giornata, vedrai.

Nicoletta: (prendendo il pc)Allora vado?

Michele: Vai, vai.

Nicoletta: ( avviandosi) Ciao.

Michele: Col computer?

Nicoletta:(fermandosi) Eh?

Michele: Esci col computer?

Nicoletta: Esco come mi pare. (riavviandosi, al marito)In medio stat virtus.

Michele: Come?

Nicoletta: (uscendo)Lascia perdere.

Nicoletta esce, Michele va a sedersi in salotto, prende qualche rivista, finge di leggere, poi si alza, dà un'occhiata fuori, rientra, va alla scrivania e accende il computer.

 

Michele: Ma vedi tu se mi dovevo ridurre a questo. (riflette) Augias, eh? Io ho sentito alias. Mah. (legge) Vivace ed energica, rilassata e distesa. (osserva) Facciamo a mezzo… (riflette) a mezzo, in medio stat virtus. Sta a vedere che anche lei... noo, non può essere. Proseguiamo. (legge) Il tipo di donna che mi fa perdere la testa. (osserva) Ora la cosa si fa seria (legge)Sexy, sportiva, in carriera, di classe, acqua e sapone, artista. (osserva) Se è sexy per forza che ti fa perdere la testa. Sportiva e di classe può essere. Ma che c'entra in carriera e acqua e sapone? Si può mai perdere la testa per una in carriera o acqua e sapone? Oddio, se è bella può essere. Io scrivo sportiva, vediamo che succede. (clicca e legge) La sua età, la sua altezza... vabbè. (clicca, legge)Vuoi incontrare qualcuno che abiti... (osserva) qualcuna, se mai, non cerco mica un uomo, io. (clicca, legge)Il suo livello minimo di istruzione. (cliccando) Diploma. (legge) Questo criterio è importante? Sì è importante, no non è importante. (osserva) Guarda questi. Se dite livello minimo sarà importante, no? Che faccio, prima lo scrivo e poi dico che non è importante. Ahh! (clicca, legge) La sua origine, più scelte possibili. (osserva) Meno male. (legge) Non ho preferenze, europea, africana, araba... (cliccando) Ma sì, non ho preferenze e se è africana tanto meglio. (legge)La sua religione...

Entra Nicoletta, sempre col suo pc, Michele si alza di scatto e si para davanti allo schermo

Nicoletta: Che ti prende?

Michele: Nulla, cosa mi deve prendere?

Nicoletta: Sei saltato.

Michele: E' che non me l'aspettavo, ecco. Entri così, all'improvviso.

Nicoletta: La prossima volta ti telefono.

Michele: Spiritosa.  Non avevi detto che uscivi?

Nicoletta: Ho cambiato idea.

Michele: E che facevi di là?

Nicoletta:(sarcastica) Lavavo a mano le tue sciarpe.

Michele: Guarda che sono io che dovrei essere arrabbiato, non tu.

Nicoletta: Sì, come no. (andando a sedersi in salotto)Che facevo di là.Etu che facevi di qua?

Michele: Io?

Nicoletta:(appoggiando il pc sul tavolino) C'è qualcun altro?

Michele: Era per modo di dire.

Nicoletta: E che facevi di qua, per modo di dire?

Michele: In che senso?

Nicoletta: Sei scattato come una scheggia.

Michele: Io?

Nicoletta: E' sempre per modo di dire?

Michele: No, ora no perché non sono scattato un bel niente.

Nicoletta: Ah sì?

Michele: Sì, sì.

Nicoletta: Mi sbaglierò ma hai l’aria di volere nascondere qualcosa.

Michele: E cosa avrei da nascondere, sentiamo?

Nicoletta: Non so. Qualcosa sul computer?

Michele: Sul computer? Sul computer, questa è bella.

Nicoletta: Allora che ci fai lì impalato davanti allo schermo?

Michele: Ma non sono impalato un bel niente. (spostandosi) Ecco, guarda.

Nicoletta: Che belli!

Michele: Cosa?

Nicoletta: I pesciolini. Sono veramente carini. Li metti anche a me?

Michele:  E te li metto, certo, te li metto. (cliccando sulla tastiera)Ecco, vieni a vedere, dai, vieni qua a vedere, ora metto la password e ti faccio vedere. Non ho niente da nascondere, io, ecco...

Nicoletta: Lascia perdere, non mi interessa.

Michele: Ah, non ti interessa? Ora mi fai la cortesia di venire a vedere, invece.

Nicoletta: Guarda che puoi fare quello che vuoi al computer, sia ben chiaro. Anche guardare le donnine nude.

Michele: Le donnine nude? Le donnine nude?

Nicoletta: Basta che non siano minorenni.

Michele: (furibondo)Insomma, ora stai un po' esagerando, non ti pare?

Nicoletta: Era solo una battuta.

Michele: Di pessimo gusto.

Nicoletta: Va bene, di pessimo gusto, ma pur sempre una battuta.

Michele: Ti ho mai chiesto cosa ci fai tu al computer?

Nicoletta: Cosa dovrei farci, sentiamo.

Michele: E che ne so, io. Prima lo hai chiuso di colpo appena sono entrato, credi che non me ne sia accorto. Poi te lo sei portato di là quando avevi detto che saresti uscita.

Nicoletta: Ebbene?

Michele: Sono comportamenti assai sospetti, direi, eppure non ti ho chiesto niente.

Nicoletta: Chiedi, chiedi pure.

Michele: Cosa ti devo chiedere?

Nicoletta: Chiedimi perché sono andata di là col computer. Dai, chiedi.

Michele: A leggere l’articolo di Augias, sì.(avviandosi) Ma fammi il piacere!

Nicoletta:( a voce alta) Il computer.

Michele: (uscendo) Il tuo o il mio?

Nicoletta: Il tuo, il tuo. Non lo spegni?

Michele: (fuori scena) C'è la password!

Nicoletta: Te la metto io?

Michele: (rientrando, con apprensione) Hai la mia password?

Nicoletta: Paura, eh?

Michele:(avviandosi) Ma va a quel paese!

Finge di leggere una rivista, dà un'altra occhiata fuori poi torna al computer.

Nicoletta:(legge)Che cosa guardo prima di tutto in un uomo. La bocca, il petto, i glutei... (osserva) i glutei? Se non mi fa vedere il culo, non se ne parla nemmeno. Mah! (legge)Le mani, i piedi, gli occhi. (osserva) E basta? Per questi se non ce l'ha è uguale. Vabbè, lasciamo perdere, facciamo... le mani. (legge)Visione della coppia. (osserva)Oh, ora entriamo nel vivo! (legge) Fare progetti in coppia e proiettarsi insieme a lungo termine. E' importante, è secondario. (cliccando)Ma certo che è importante! (legge)Prendere delle decisioni insieme. (cliccando)Importante. (legge)Condividere una visione del mondo e riferimenti intellettuali comuni. (osserva)Beh, fino a questo punto no, non esageriamo. Facciamo a mezzo. (clicca, legge)Avere dei ruoli definiti nell'ambito della coppia. (osserva)No, questo proprio no: che siamo in una caserma?  (clicca, legge)Avere quotidianamente dei gesti di tenerezza. (cliccando)Importante,importantissimo, altro che. (legge) Condividere passioni e attività comuni. (osserva) Insomma, un po' importante è. (clicca e legge)Sentire che sono la donna della sua vita. (cliccando)Importantissimo. (legge) Prendermi cura di lui e manifestare la mia tenerezza. (osserva) Che bello! (clicca e legge) L'amore deve essere: passionale, razionale (osserva) Che razionale, dai! (squilla il telefonino, risponde) Dimmi mamma. (pausa) Fra cinque minuti scendo, d’accordo? (pausa)No, non ho litigato, sta tranquilla. (pausa)E’ venuto per la sciarpa? (pausa)Che stupida,per la lampada, è vero, me  lo aveva anche detto. Ed è riuscito a ripararla? (pausa)Bene, sono contenta.(pausa)Ha le mani d'oro, certo.(pausa)Non è che è un po nervoso perché lo chiami in continuazione? (pausa)Ah, per me, dici. (pausa) Va bene, abbiamo avuto una discussione ma così, senza importanza. (pausa) Una cosa da nulla, mamma!  (pausa)  Ne parliamo dopo, dai, cinque minuti e ti suono, ciao. (chiude la telefonata, spegne il computer e fa per portarlo via, poi ci ripensa e lo lascia sul tavolino. Al marito, verso la comune, a voce alta) Esco

un attimo con mamma per comprare il regalo a zia Melania.

Voce Michele: (a voce alta)Bene, grazie.

Nicoletta: (c.s.)Di che?

Michele:  (entrando)Di avermelo detto.

Nicoletta: Me ne uscivo senza dirti niente?

Michele: Con l’aria che tira, non mi sarei certo meravigliato.

Nicoletta:  (avviandosi)Ma sentilo, me ne uscivo senza dirgli niente.

Michele: L'hai già detto.

Nicoletta: (girandosi) Prima era una domanda.

Michele: E ora?

Nicoletta: E ora è...  ahhh, va a quel paese!

Michele: Non ti conviene.

Nicoletta: Che vuoi dire?

Michele: Ti ci avevo già mandata io, mi ritroveresti fra i piedi.

Nicoletta:(uscendo) E allora vaffan… uhmmm!

Nicoletta esce e Michele  dopo un po'  va nuovamente ad accendere il computer

Michele: Eh, siamo messi maluccio!(riflette)Un articolo di Augias, eh?(legge)La sua religione.(cliccando)  Ma chi se ne frega.(legge)Voglio che abbia dei figli che vivono con lei. (osserva) A me basta che non c'è una suocera al piano di sotto. (legge)Ho bisogno in particolare che lei mi dia: una calma rassicurante, un'energia stimolante. (osserva)Visto il precedente dovrei scegliere la prima ma poi rischia di essere un mortorio. (clicca e legge) Quando ho delle...

Entra Nicoletta abbastanza infuriata

Nicoletta: Hai lasciato un'altra volta la ciambella su. Allora me lo fai apposta?

Michele: Noi uomini la facciamo con la ciambella su.

Nicoletta: E noi donne no, perciò ti ho detto mille volte di rimetterla giù.

Michele: Perché, tu non puoi farlo?

Nicoletta: Ma non sono stata io ad alzarla.

Michele: Ah sì, allora ti ricordo che quando metto giù il coperchio poi lo ritrovo puntualmente su.

Nicoletta: Perché il coperchio può stare indifferentemente su o giù, mentre la ciambella deve stare sempre giù.

Michele: E chi lo ha stabilito?

Nicoletta: Non lo so chi lo ha stabilito, ma so che si fa così.

Michele: E io so che stanno tutt'e due giù.

Nicoletta: Perché?

Michele: Per una questione di igiene, è chiaro, altrimenti facevano solo la ciambella.

Nicoletta: E va bene, questo in generale ma siccome la tazza te la faccio trovare sempre splendente e profumata fammi il santo piacere di mettere giù solo la ciambella così mi risparmio di alzare il coperchio.

Michele: Allora tu lasciami la ciambella su cosi anch’io mi risparmio di alzarla.

Nicoletta: Ma a noi donne serve sempre giù.

Michele: E a noi uomini su, perciò io te la faccio trovare giù senza coperchio e tu su, così siamo pari.

Nicoletta: Allora siamo pari anche a pulirlo il cesso, d'accordo?

Michele: D'accordo, d'accordo. Per tua norma e regola quando vivevo da solo l'ho sempre fatto. Perché ho fatto il militare, io.

Nicoletta:(avviandosi) E continua a farlo.

Michele: Il militare?

Nicoletta:(uscendo) No, a pulire il cesso.

Nicoletta esce e di lì a poco si sente sbattere sonoramente l'uscio.

Michele: Ormai siamo veramente alla frutta. Mah, andiamo avanti. (riprende a leggere)Quando ho delle preoccupazioni mi aspetto da lei: dei consigli, un ascolto. (cliccando)  Mi  basta l’ascolto. (legge)  Vorrei che fosse capace di: tenermi testa, mostrarsi conciliante. (osserva) Tenermi testa, per carità, me ne è bastata una. (clicca e legge)Che cosa guardo prima di tutto in una donna: la bocca, il seno, i glutei, le mani, i piedi, gli occhi. “Innanzitutto è importante essere spontanei. Non cercare il significato recondito delle risposte. Affidati piuttosto alla tua prima sensazione.” (osserva) Pure i consigli ti danno. Beh, allora due belle tette o un bel culo, diciamo la verità, non sarebbero mica male. No, non mi faccio fregare, vedrai che se la butto troppo sul sesso, mi mandano una baldracca. (cliccando) Io provo con gli occhi, è romantico. (legge)Visione della coppia. Fare progetti in coppia e proiettarsi insieme a lungo termine. E' importante, è secondario.  (osserva) E' stancante tutto questo. A che pro poi. Mi trovano l'anima gemella, sì, Luna84 e Pocaontas86: che razza di alias che scelgono a volte! (si gira verso il computer della moglie, riflette poi con un sussulto)Cazzo... è qui che vogliono un alias! Come ho fatto a non pensarci subito? Altro che Augias, avevo sentito bene. (alzandosi ) Ti sei iscritta anche tu, non è così, stai cercando anche tu l’anima gemella... (rimettendosi a sedere)ma no, queste non sono cose da donne. A loro basta un'occhiatina e ne trovano quanti ne vogliono di cascamorti. Senza esagerare certo, sennò passano per puttane. (verso il pc della moglie) Un'occhiatina, eh? Quasi quasi gliele do io un'occhiatina alla signora. (va al computer, lo apre, poi richiudendolo) Ma che mi frega! Trovane un altro, così il cesso te lo fai pulire da lui. (sedendosi sul divano) Certo questa pubblicità è martellante. “Più di trecento storie d'amore a settimana... un italiano su quattro ha iniziato una relazione su un sito di incontri”. Uno si suggestiona, anche. Ci scommetto che s'è fatta suggestionare anche lei. (prende il pc) Com'era la password? (scrive)Niente. Forse era al contrario. (scrive)  L’hai cambiata, eh?  Proviamo col suo nome (scrive) Niente. La mamma (scrive)... il fratello… beh, si fa par dire (scrive)il mio (scrive). Niente, niente. (richiude il computer e torna al suo, si siede)  Proseguiamo. (legge) Fare progetti in coppia... (osserva) ma certo che è importante, altrimenti che coppia è.  (legge)Prendere delle decisioni insieme…

Suonano alla porta, va ad aprire

Voce Michele: Papà.

Voce Gustavo: Hai litigato con Nicoletta.

Voce Michele: Io?

Entrano

Gustavo: Tu, sì, ci hai litigato, non raccontarmi storie.

Michele: Che storie, dai. Come ti salta in mente?

Gustavo: Non mi salta in mente, lo so.

Michele: Lo sai? Ti ha chiamato?

Gustavo: No, me l’ha detto tua madre che l’ha saputo da tua suocera.

Michele: C’è stato il passaparola.

Gustavo: Dov’è, di là?

Michele: No, è andata a comprare un regalo per la zia.

Gustavo: Quale zia?

Michele: Non la conosci, papà.

Gustavo: Non conosco le zie?

Michele: Non è proprio sua zia, è una cugina della mamma.

Gustavo: Ah, ho capito. Litigare per una sciarpa. Ti sembra normale?

Michele: Ma non si tratta della sciarpa.

Gustavo: Ah no? (andando a sedersi) E di cosa si tratta, sentiamo?

Michele:(sedendosi) Non lo so neanch’io. Forse non stiamo più bene insieme, ecco.

Gustavo:  Un  figliolo, ci voleva  un figliolo, l’ho sempre detto. Dopo  sette  anni state  ancora  a

pensarci.

Michele: Ma sarebbe stato peggio, dai.

Gustavo: Perché?

Michele: Perché la maggior parte dei genitori dimentica del tutto di essere una coppia e va tutto a catafascio anche prima.

Gustavo: Io e tua madre non l’abbiamo mai dimenticato. Non avrai già un’altra?

Michele: Come già?

Gustavo: No, voglio dire che alla lunga potrebbe anche succedere, ma non dopo sette anni.

Michele: Non ho nessuna, sta tranquillo. E’ che è cambiato tutto da quando ci siamo sposati. Non le va più bene nulla e forse neanche a me.

Gustavo: Nemmeno a letto?

Michele: Papà!

Gustavo: Papà, papà. Quando funziona a letto è tutto più facile, altro che storie. Si discute, si litiga, ferocemente anche, poi un abbraccio, un bacio, una... e si riparte, domanda a tua madre... cioè… volevo dire… dai, hai capito, no.

Michele: Sì, certo.

Gustavo: Così cessano i fraintendimenti e i cattivi pensieri, Michele, da’ retta a me.

Michele: Può darsi.

Gustavo: 0hh! E fatelo questo figliolo, allora.

Michele: Sì, va bene, ci penseremo su.

Gustavo:(alzandosi e avviandosi, seguito dal figlio) Ci penseremo, ci penseremo, bisogna essere decisi, niente più precauzioni, una botta o due e via.

Michele: D’accordo.

Gustavo: Invece dipensare alla sciarpa fammi un nipote e te ne regalerò io una ancora più bella. Ma anche due, tre…

Michele: Apriamo un asilo.

Gustavo: Di sciarpe dico. Fate un figliolo.

Michele: Sì, sì.

Gustavo: Litigare per una sciarpa. Ah questi giovani. Invece di andare al sodo litigano per una sciocchezza del genere. Che tempi, che tempi!

Escono, di lì a poco Michele rientra.

Michele:(tornando al computer) Per una sciarpa, magari. Litighiamo anche per il cesso. (legge)Prendere delle decisioni insieme. (cliccando)Importante. (legge)Condividere una visione del mondo e riferimenti intellettuali comuni. (osserva)Beh, questo non sarebbe male. (clicca, legge)Avere dei ruoli definiti nell'ambito della coppia. (osserva)No, no.(clicca, legge)Avere quotidianamente dei gesti di tenerezza. (osserva)Che domanda, prendiamoci a pesci in faccia, che è meglio. (clicca e legge)Condividere passioni e attività comuni. (osserva) Senza esagerare direi che va bene. (clicca e legge)Sentire che sono l'uomo della sua vita. (osserva e clicca)Sarebbe bellissimo. (legge) Prendermi cura di lei e manifestare la mia tenerezza. (osserva) Meraviglioso! (clicca e legge) L'amore deve essere: passionale, razionale.  (osserva)Amore razionale, che scemenza! “Scusi, vorrei dimostrarle che mi sono innamorato di lei”. Ahh. (osserva)Oddio, certo, visto come sta andando, se prima di sposarmi ci  avessi riflettuto un po' più su non sarebbe stato male.  (saltando su) La data del matrimonio! Vuoi vedere che ha messo la data del matrimonio?(torna al pc della moglie) Il nostro matrimonio sta saltando e lei mette la data del matrimonio, una bella faccia tosta. (scrive) trenta zero sei duemilanove. (clicca) Neanche...

Si sente aprire la porta di casa, Michele chiude in tutta fretta il pc  lasciandolo sul divano, poi corre al suo per fare altrettanto dopodiché vola sul divano sedendosi inavvertitamente sul pc.

Nicoletta:(entrando)Ciao.

Michele: Ciao.

Nicoletta: Che hai? Non ti senti bene?

Michele: No, nulla, un piccolo capogiro.

Nicoletta:(sedendosi accanto)Fa un caldo qui dentro.

Michele: Già. Avete comprato il regalo?

Nicoletta: Sì, un nuovo cellulare, il suo è veramente un ferrovecchio.

Michele: Sarà sicuramente contenta.

Nicoletta: Certo. Se non ti dispiace continuerei la mia ricerca.

Michele: Perché dovrebbe dispiacermi, scusa? Fai pure.

Nicoletta: Allora dovresti togliere i glutei dal mio pc.

Michele: I glutei? (avvedendosi del pc e alzandosi) Ah, sì certo, scusami. (porgendoglielo) Come mai hai detto glutei?

Nicoletta: Dovevo dire culo?

Michele: Hai sempre detto sedere.

Nicoletta: E ora mi è venuto di dire glutei. Che c’è di strano?

Michele: No, nulla.

Nicoletta:(alludendo al pc) Perché lo hai spostato?

Michele: Se me lo hai chiesto tu!

Nicoletta: Io ti ho chiesto di spostare il pc?

Michele: Ah, pensavo il culo.

Nicoletta: Allora?

Michele: Allora cosa?

Nicoletta: L’avevo lasciato sul tavolino.

Michele: E che ne so, forse ho sistemato qualcosa, avrò spolverato, chi se lo ricorda.

Nicoletta: La mia password è 30 giugno 2009.

Michele: Davvero? Giugno col numero?

Nicoletta: No, con le lettere.

Michele: Eh già, con le lettere, certo.

Nicoletta: Tanto ora la cambio.

Michele:  (con fastidio, andando alla scrivania) Sarà meglio continuare a lavorare.

Nicoletta: Infatti.

Buio, luce su Michele

Michele:(legge) Per una relazione amorosa è necessario…

Buio, luce su Nicoletta

Nicoletta: Hai invitato degli amici a cena. Il menu prevede...

Buio, luce su Michele

Michele: Per riconfortare la donna che amo…

Buio, luce su Nicoletta

Nicoletta: Per calmarmi i nervi…

Buio, luce su Michele

Michele: Alla fermata dell’autobus noto una donna particolarmente attraente…

Buio, luce su Nicoletta

Nicoletta: Sono libera e non amo le costrizioni…

Buio, luce su Michele

Michele: Sono poco rancoroso e perdono facilmente…

Buio, luce su Nicoletta

Nicoletta: Le mie vacanze preferite…

Buio, luce su Michele

Michele: Il mio pittore preferito…

Buio, luce su Nicoletta

Nicoletta: La mia visione della felicità…

Buio, luce su Michele

Michele: Ritengo che il denaro...

Buio, luce su Nicoletta

Nicoletta: Informazioni personali… 

Buio, luce su Michele

Michele: La lunghezza dei miei capelli...

Luce ambiente, Nicoletta si alza e si avvicina al marito

Nicoletta: Sta a sentire, Michele, non pensi che sia giunto il momento di parlare seriamente?

Michele: Di cosa?

Nicoletta: Di noi.

Michele: Di noi due?

Nicoletta: No, di noi tre.

Michele: (alzandosi)Finiamo sempre con litigare.

Nicoletta: Appunto, io non ne posso più.

Michele: Neanche io, se è per questo.

Nicoletta: Allora dobbiamo prendere una decisione.

Michele: Quale?

Nicoletta: Una decisione che metta fine a tutto questo.

Michele: Va bene, cercherò di non arrabbiarmi più per delle sciocchezze, perché con la storia della sciarpa ho sicuramente esagerato, lo ammetto, però anche tu, scusa...

Nicoletta: Non vuoi capire.

Michele: Allora cosa?

Nicoletta: Voglio la separazione, Michele.

Michele: Che hai detto?

Suonano alla porta

Nicoletta: Hai sentito bene.

Michele: (andando ad aprire)Ho sentito sì.

Nicoletta: Non la porta, quello che ti ho detto.

Michele: (uscendo) Ho capito.

Voce Melania:Ciao caro. Dov’è Nicoletta?

Voce Michele:Hai saputo della sciarpa?

Seguita da Michele entra zia Melania, una donna sopra la cinquantina

Melania: (entrando )Quale sciarpa?

Michele: No, niente.

Melania:(a Nicoletta, andandole incontro) Ah, così il mio cellulare è un ferrovecchio, vero?

Nicoletta:(abbracciandola) Beh, proprio il massimo non è, dai.

Melania: Se l’ho preso due anni fa.

Nicoletta: Appunto. (si siedono) Avevo detto a mamma di non dirtelo. Doveva essere una sorpresa.

Melania: Alla mia età non si bada più alle sorprese, tesoro. Comunque non dirle niente perché le avevo promesso di tenerlo per me.

Michele:(distratto) Perché, vuoi darlo a qualcun altro?

Nicoletta: Non dice il cellulare, dice il segreto.

Michele: Ah, il segreto, certo.

Melania:(scherzosamente) E’ che avrei bisogno di un marito, non di un cellulare.

Nicoletta: Sono mesi che te lo dico, ma tu vuoi fare la vedova inconsolabile!

Melania: Inconsolabile. Sono solo tre anni che è scomparso il povero Fernando.

Nicoletta: E ti pare poco? La vita scorre in fretta, zia.

Melania: E trovamelo tu, allora.

Michele: Deve già pensare per sé.

Melania: Come dici?

Nicoletta: Lascia perdere, scherza.

Melania: C’è qualcosa che non va?

Michele: Ma no, scherzavo.

Melania: State a sentire, voi che siete così giovani…

Nicoletta: … Ehh!!

Melania: Sì, va bene, più giovani di me di sicuro. Dite un po', sapete qualcosa voi di questi siti di incontri?

Nicoletta e Michele: Noi?

Melania: Avrete visto, no, tutta questa pubblicità su Meeting?

Nicoletta e Michele:(correggendola) Meetic.

Melania: Ah, allora l’avete vista?

Nicoletta e Michele: Noi?

Melania: Ma che vi prende?

Nicoletta:(al marito) Tu l’hai vista?

Michele: Io no.

Nicoletta: Neanch’io.

Melania: Se mi avete corretta!

Nicoletta e Michele: Lui-Lei

Nicoletta e Michele: Io?

Melania: Insomma, che avete?

Nicoletta: Ma sì, così…

Michele: ...Di sfuggita

Melania: Avevo pensato di iscrivermi.

Nicoletta e Michele: Tu?

Melania: Ancora?

Nicoletta: Ma no, zia, dai, non sai chi puoi trovare. (al marito) Tu che dici?

Michele: Non lo so, ci possono essere dei mascalzoni, certo.

Nicoletta: E poi una donna bella come te non ha mica bisogno di questi sistemi, scusa.

Michele: Meglio un’agenzia matrimoniale, secondo me.

Nicoletta: Che dici?

Michele: Che c’è di male? Piuttosto che un sito.

Melania: Per la verità Stefano dice la stessa cosa.

Nicoletta: Ah, lo sa anche lui?

Melania: No, mica gli ho detto del sito. Abbiamo parlato così, in generale, della possibilità di riaccompagnarmi e ha detto che tanti vanno alle agenzie matrimoniali.

Nicoletta: Ma tu non ne hai bisogno, dammi retta. Ti rubano solo i soldi.

Melania: Non conosco nessuno, Nicoletta.

Nicoletta: Ma come, a scuola, professori, presidi.

Michele: Bidelli.

Nicoletta: Non scherzare, dai!

Melania: No, niente storie sul lavoro. E poi sono tutti ammogliati.

Nicoletta: E al circolo del burraco?

Melania: Non se ne parla nemmeno.

Nicoletta: Perché?

Melania: Troppe donne in cerca di marito. Poveri uomini, li capisco, sono terrorizzati.

Michele: Non resta che l’agenzia.

Melania:(alzandosi) Bene, ci penserò sopra.

Nicoletta:(alzandosi) Secondo me non ne hai bisogno.

Michele:(alzandosi) Alle brutte, dico.

Melania: Grazie, ragazzi, grazie. Ora vado, eh. (a Nicoletta) Mi raccomando, non dire nulla alla mamma.

Michele: Sennò inizia il passaparola.

Melania: Come dici?

Nicoletta: (dando un’occhiataccia al marito)Niente! Ma figurati, zia, sono cose troppo personali.

Melania: Del cellulare, intendevo.

Nicoletta: Ah, il cellulare.

Melania: Del sito le ho già parlato.

Nicoletta: Sì, e che ha detto?

Melania: Di chiedere a voi.

Nicoletta: Ah.

Melania: Ma che ne potete sapere voi, piccioncini!(a Michele, baciandolo) Beato te che hai questo tesoro.

Michele: Davvero.

Melania: (a Nicoletta, baciandola) Ciao, cara, ciao e tienitelo stretto.

Nicoletta: Il segreto?

Melania: Che segreto, il marito.

Nicoletta: Ah, sì. Ciao, zia, a presto.

Esce

Michele: Allora, sei proprio sicura?

Nicoletta: Di cosa?

Michele: Di quello che hai detto.

Nicoletta: Alla zia?

Michele: Che zia, a me, prima.

Nicoletta: Purtroppo sì, mi dispiace. Se non riusciamo più a parlare senza litigare non vedo come si possa stare ancora insieme.

Michele: Hai già un altro?

Nicoletta: Ma non è questo il punto, come fai a non capire?

Michele: E qual’è il punto?

Nicoletta: Qual’è il punto. Potrei chiedere la stessa cosa io a te. Hai un’altra, Michele, hai un’altra?

Michele: No.

Nicoletta: E neanche io.

Michele: Allora perché ti vuoi separare?

Nicoletta: Perché voglio la felicità.

Michele: Non sei felice?

Nicoletta: Perché tu lo sei?

Michele: Mi sembrava di sì ma forse mi sbagliavo.

Nicoletta: Forse?

Michele: E’ un momento difficile, certo…

Nicoletta: Difficile?

Michele: C’è un po’ di incomprensione d’accordo.

Nicoletta: Un po’?

Michele: La smetti di farmi il verso. Va bene,  mi sbagliavo di grosso, il momento è difficilissimo, tra noi c’è più che un po’ di incomprensione ma da qui alla separazione ce ne corre. Pensi di trovare uno migliore di me?

Nicoletta: Che ne so io, può darsi di sì o di no. Ci voglio provare, però. Io volevo una persona straordinariamente speciale, Michele, che sapesse sorridere alla vita senza arrabbiarsi per i piccoli problemi quotidiani. Una persona che amasse chiacchierare e sognare. Volevo un uomo con cui condividere ogni singolo e unico attimo di respiro, capisci?

Michele: Ti ho delusa, mi dispiace.

Nicoletta: No, sono io che mi ero illusa, Michele, illusa che tu fossi diverso. Che fossi capace di pormi sufficientemente al centro dei tuoi pensieri, che ti lasciassi amare teneramente e mi consentissi di prendermi cura di te. Che fossi capace di parlare e di farmi partecipe dei tuoi sentimenti. Che ti concentrassi sugli aspetti positivi delle situazioni e prendessi le cose per il verso giusto. (avviandosi)Vado a preparare la cena.

Michele: Aspetta!

Nicoletta:(fermandosi e girandosi, con sarcasmo) Non ti faccio le uova alla coque.

Michele: No, è che mi sembrava… le tue parole, insomma, mi sembrava proprio… lascia perdere.

Nicoletta:  Giovedì ho fissato con l’avvocato, Michele.

Michele: L’avvocato? (avvicinandosi) C’è bisogno di un avvocato?

Nicoletta: Per forza, dobbiamo fare le cose in regola.

Michele: Già.

Nicoletta: Andiamoci insieme, per non buttare via troppi soldi.

Michele: Come vuoi tu.

Nicoletta: Anche io sono veramente dispiaciuta, credimi, ma non c’è altra strada, purtroppo.

Nicoletta esce  e Michele torna al computer

Michele: E andiamo dall’avvocato. Del resto pure io ne ho piene le scatole, se proprio lo vuoi sapere. (legge)In base ai tratti più salienti della tua personalità potresti trovare molto interessante incontrare un partner che condivida la tua esigenza di incontrarsi da solo, anziché in compagnia di altre persone, che sia capace di parlare, di farti partecipe dei suoi sentimenti… (guarda verso la quinta dove è uscita la moglie, prosegue)che si concentri sugli aspetti positivi delle situazioni (si gira nuovamente verso detta quinta) …  e prenda le cose per il verso giusto.  (osserva) Cazzo!

Sipario

Atto Secondo

Interno di un parco, una panchina a dx e una a sx. Michele, camuffato con barba, parrucca e altro, parla con la madre al telefono in attesa che arrivi la donna indicatagli da Meetic Affinity,.

Michele: Sì, abbiamo litigato ma nulla di serio, sta tranquilla. (pausa) Ma non è sempre questione di letto, mamma, allora è una fissa la vostra! (pausa)Ah, non ti ci mettere pure tu con l’oroscopo, per favore! (pausa) Sono tutte sciocchezze, dai! (pausa) Sì, con papà è andato tutto bene perché siete toro e scorpione, come no. (pausa) Tanti litigi però anche quello, certo. (pausa) D’accordo, per me era meglio un acquario, vuol dire che la prossima volta starò più attento, sei contenta? (pausa) Dicevo così per dire, mamma, vedrai che tutto si sistema, non ti preoccupare. (pausa) Sì… certo… ora però ti devo proprio lasciare, scusami... devo finire un lavoro urgente. (pausa) Va bene, come dici tu, ciao, eh, ciao. (chiude la comunicazione, sistemandosi la barba) Ma vedi tu se mi dovevo ridurre a questo. 

Arriva Nicoletta, anche lei camuffata con parrucca, occhiali e altro. Michele si alza e le va incontro. Entrambi risultano decisamente imbruttiti e alterano la voce in maniera esagerata.

Nicoletta: Ciao.

Michele: Ciao.

Nicoletta: Ci conosciamo?

Michele: Non mi pare.

Nicoletta: Come ti chiami, scusa?

Michele:(un po' sorpreso) Io?  Dario.

Nicoletta: Ah sì, certo, Dario. No, perché mi sono incontrato con altri tre, qui, e una volta ho confuso il nome. Che figura!

Michele: Ho capito.

Nicoletta: Ci sei rimasto male, mi dispiace.

Michele: No, Gaia, figurati. Con queste conoscenze on line può succedere.

Nicoletta: Tu, però, non ti sei confuso.

Michele: Già.

Nicoletta: Sono la prima?

Michele:  No, no, ne ho conosciute altre due.

Nicoletta: Ah, mica male. E com’è andata, dimmi?

Michele: Ci sediamo o preferisci fare due passi?

Nicoletta: No, sediamoci, faccio già parecchi chilometri qui, ci vengo  a correre. ( si siedono) Eppure ti devo avere visto da qualche parte. Mica sei stato iscritto a Zoosk l’anno passato?

Michele: No, solo a meetic da neanche un mese.

Nicoletta: Vabbè, parliamo di noi, dai.

Michele: Bella la tua decisione di vederci nel parco.

Nicoletta: Perché, le altre due dove le hai incontrate?

Michele: Lasciamo perdere.

Nicoletta: No, dimmi, dai.

Michele: Ma non è meglio parlare di noi?

Nicoletta: Sì, dopo, ora dimmi, su, sono curiosa.

Michele:(scoppiando a ridere) Ci ho rimesso trenta euro.

Nicoletta: Cioè?

Michele:(sempre ridendo) Due cioccolate con la prima e un gelato con la seconda, trenta euro!

Nicoletta: Perché un solo gelato?

Michele:(c.s.) Per limitare il danno.

Nicoletta: E dove le hai portate?

Michele: Io? Loro.

Nicoletta:(scoppiando a ridere) Se ti portavano a letto ne sborsavi trecento.

Michele:(c.s.) Sicuro. Vuoi qualcosa? C’è un chiosco più avanti.

Nicoletta:(c.s.) Sì, più tardi.

Michele:(c.s.) Un gelatone, tre euro.

Nicoletta:(c.s.)Dai, siamo seri.

Michele: Sì, hai ragione.

Nicoletta: Erano belle, perlomeno?

Michele: E i tuoi?

Nicoletta:(scoppiando nuovamente a ridere)Un puffo e due ciccioni.

Michele:  (c.s.) E io due racchie.

Nicoletta:(continuando a ridere) Non è vero.

Michele:(c.s.) Sì, ora gli pianto una bella causa a Meetic.

Nicoletta:(scuotendolo) Dario.

Michele:(guardandosi intorno)Eh?

Nicoletta: Dario!

Michele: Ah, sì. Dimmi.

Nicoletta: Io come sono?

Michele: In che senso?

Nicoletta: Hai capito, dai.

Michele: Francamente non avevi bisogno di meetic.

Nicoletta: No?

Michele: E io?

Nicoletta: Neanche tu.

Michele: Grazie.

Nicoletta: Di che segno sei?

Michele: Ehhh?

Nicoletta: Non ci credi, vero?

Michele: No, no.

Nicoletta: Io sono scorpione.

Michele: Io toro... toro.

Nicoletta: Davvero?

Michele: Certo.

Nicoletta: Allora ci credi?

Michele: No... cioè sì... è che i miei, ecco, sono toro e scorpione e vanno alla grande.

Nicoletta: Col sesso, dici?

Michele: No… cioè non lo so… sono i miei genitori, mica posso chiedergli… li vedo molto affiatati, questo sì.

Nicoletta:(ammiccando) E allora vanno alla grande, vedrai.

Michele: Sì, va bene ma parliamo un po' di noi, ora.

Si abbassano le luci, indi si rialzano, i due sono seduti sulla seconda panchina

Nicoletta: Mi sono ricordata dove ci siamo visti, sai. Nel foyer del teatro dell’opera, due settimane fa, davano La serva padrona, mi hai chiesto il libretto per leggere la trama.

Michele: Veramente non vado mai all’opera. Comunque anch’io c’ho pensato su e forse hai ragione ma non mi riesce proprio di ricordare.

Nicoletta: Lasciamo perdere, dai.

Michele: Ti piace proprio questo posto.

Nicoletta: Sì, ci vengo da bambina.

Michele: Hai fatto parlare solo me, l’altro ieri. Ti ho raccontato praticamente tutto e di te non so ancora niente.

Nicoletta: Esagerato.

Michele: Ti chiami Gaia, sei un’insegnante di lingue, sei separata, non hai figli. Nient’altro.

Nicoletta: Ti chiami Dario, sei ingegnere, non hai figli e (sottolineandolo) non sei ancora separato.

Michele: Domani andiamo dall’avvocato.

Nicoletta: Anche tu?

Michele: Come?

Nicoletta: No... volevo dire… pensa la coincidenza… domani anch’io vado da un avvocato perché… perché la mia vicina mi ha citata in giudizio… ecco.

Michele:  Perché?

Nicoletta: Perché… perché dice che ha avuto... delle infiltrazioni, sì delle infiltrazioni.

Michele: Io, perché mi vuole buttare fuori casa.

Nicoletta: E’ sua?

Michele: No, è anche mia, ma sai com’è, le donne…

Nicoletta: Se non ci sono figli, scusa.

Michele: Sì, certo, ma mi sa che me ne devo andare io.

Nicoletta: Non è che hai dei figli?

Michele: Ma no!

Nicoletta: Dimmi la verità.

Michele: Ti ho detto di no.

Nicoletta: Scusami della diffidenza, ma ci sono tanti mascalzoni che girano su questi siti, sai.

Michele: L’immagino.

Nicoletta: Se ci sono figli di mezzo mica cambia nulla ma lo voglio sapere.

Michele: Non ce ne sono.

Nicoletta: Allora perché devi andare via tu?

Michele: Vallo a capire.

Nicoletta: La donna di solito se ne torna dai genitori. Lei li ha al piano di sotto, cosa vuole di più?

Michele: Proverò a chiederglielo.

Nicoletta: Io non gliela darei vinta, guarda, per principio, perché per me sarebbe anche imbarazzante, no, avere tua moglie nello stesso palazzo. Ma se avessi deciso io di separarmi, me ne sarei andata subito dai genitori o anche in un sottoscala, guarda. La dignità dico io, la dignità!

Michele: Va bene, poi vedremo, ora però dimmi qualcosa di te, dai. Hai fratelli?

Nicoletta: Sì, uno.

Michele: Anche tu?

Nicoletta: Perché, pure tu hai un fratello?

Michele: No, io sono figlio unico, è mia moglie che ha un fratello, (ridendo) anche se non è proprio un fratello.

Nicoletta: Perché ridi?

Michele: (contenendosi)No, niente... è che lui… sì, insomma è… un fratellastro.

Si abbassano le luci, riflettore sulla panchina dove sono seduti Gustavo e Melania.

Melania: Certo alla nostra età non è facile ricominciare. Da quando sei vedovo?

Gustavo: Non lo sono.

Melania: Che significa? Hai scritto che eri vedovo.

Gustavo: Perché è come se lo fossi.

Melania: Potresti essere più chiaro, scusa?

Gustavo: Mia moglie è in una casa di riposo, ecco, da cinque anni ormai. Demenza senile.

Melania: Senile? Ma quanti anni ha?

Gustavo: Settantotto.

Melania: Settantotto? Alla faccia!

Gustavo: Sì, ha quindici anni più di me.

Melania: Sono tanti.

Gustavo: Era la mia insegnante di inglese. Mi innamorai, che vuoi farci.

Melania: Ho capito. E non avete avuto figli?

Gustavo: No, infertilità idiopatica.

Melania: Idio che?

Gustavo: Idiopatica, è  una  parola complicata,  in effetti. Quando una  malattia  non ha  una  causa

apparente la chiamano così.

Melania: Poverina.

Gustavo: Già. Ma neppure tu hai figli, hai scritto.

Melania: Ah... sì.

Gustavo: Sì o no?

Melania: No ma io sono vedova da più di vent’anni.

Gustavo: E non ti sei più riaccompagnata?

Melania: Sì, altre due volte ma niente figli per carità. E, come vedi, ho visto giusto perché non mi è andata bene.

Gustavo: E cosa ti ha spinto a iscriverti a Meetic?

Melania: La pubblicità:  “Un italiano su quattro ha iniziato una relazione su un sito di incontri”. Allora mi sono detta proviamo.

Gustavo: Ho capito.

Melania: E tu?

Gustavo: E’ stato mio figlio.

Melania: Come tuo figlio, se hai appena detto...

Gustavo: Sì... perché non è proprio mio figlio, capisci… è che non potendo avere figli, ne adottammo uno, ecco… ma neanche un’adozione vera e propria, era un affidamento che poi è andato avanti così per anni.

Melania: Ma mi stai dicendo la verità?

Gustavo: Certo:

Melania: No, perché se hai un figlio non cambia mica niente. Potrei averlo io, per te sarebbe uguale, no?

Gustavo: Ovviamente, ma non ne ho. C’è questo giovanotto che mi chiama papà e al quale voglio bene come un figlio, naturalmente.

Melania: E quanti anni ha?

Gustavo: Trentacinque.

Melania : E’ sposato?

Gustavo: Felicemente, con una bambina.

Melania: Che significa?

Gustavo: Cosa?

Melania: Hai detto che è sposato con una bambina.

Gustavo: Nel senso che hanno una bambina.

Melania: Ah, che stupida, certo. E’ che mi hai un po' frastornata, prima la moglie nella casa di riposo, ora il figlio adottivo.

Gustavo: In affidamento.

Melania: In affidamento, sì, ma siamo lì.

Gustavo: Perché non parliamo un po' di noi?

Melania:(sovrappensiero) Certo, certo.

Si abbassa la luce, riflettore sulla panchina dove sono seduti Michele e Nicoletta non camuffati.

Nicoletta: Allora come si fa con la casa?

Michele: Come si fa.

Nicoletta: Chi ci rimane?

Michele: Chi ci rimane.

Nicoletta: Smettila di farmi il verso!

Michele: Ma non lo so! Potremmo rimanerci  insieme per un po'…

Nicoletta: Separati in casa!

Michele: Separati in casa, sì, che c’è di male, lo fanno in tanti.

Nicoletta: E’ orribile, vuoi fare il separato in casa. Ma la dignità, dico io, la dignità. Non se ne parla nemmeno, se ci separiamo ci separiamo. Abbiamo una casa in campagna, puoi andare lì.

Michele: Io, in campagna? Con tutte le mie allergie?

Nicoletta: Siamo d’inverno, che c’entrano le allergie.

Michele: E che facciamo, in primavera ci scambiamo?

Nicoletta: Ma perché l’hai comprata, dico io, se eri tanto allergico?

Michele: Veramente sei tu che l’hai voluta comprare, io preferivo il mare.

Nicoletta: Se non so nuotare, che ci facevo al mare?

Michele: Prendevi il sole.

Nicoletta: Con la mia pelle? Lo sai che non posso stare al sole!

Michele: E ti mettevi sotto l’ombrellone.

Nicoletta: Compravo una casa al mare per starmene sotto l’ombrellone? E’ il colmo.

Michele: Allora va in campagna.

Nicoletta: Da sola ho paura, quante volte te lo devo ripetere?

Michele: E io non ho nessuna voglia di farmi quindici chilometri per andare al lavoro.

Nicoletta: E li devo fare io?

Michele: Tu hai il part-time verticale.

Nicoletta:(piangendo) Sei cattivo, ecco cosa sei, cattivo. Da sola in quella casa, di notte, con tutti i versi degli animali nelle orecchie, mi vuoi vedere morta dalla paura, ecco.

Michele: Allora proviamo a rimanere insieme, vediamo cosa succede, se non funziona troveremo una soluzione.

Nicoletta: E se conosco qualcuno?

Michele: Ah, hai già trovato il sostituto, bene.

Nicoletta: Ho detto se. Che farai, allora, te ne andrai?

Michele: Perché avresti la faccia tosta di portartelo qui?

Nicoletta: Mica subito. Se trovo l’uomo della mia vita e non ha una casa, che c’è di male.

Michele: Ti sei innamorata di un barbone, per caso?

Nicoletta: Devo ridere?

Michele: Ma guarda un po' che pretese! Devo andare in campagna perché lei ha conosciuto un senza tetto.

Nicoletta: Non ho conosciuto nessuno, sto parlando per ipotesi.

Michele: Di solito le donne tornano dai genitori. Ce l’hai a venti gradini, perché non vai lì?

Nicoletta: Sì, dillo a mia madre. Non mi sopportava da giovane, figuriamoci da vecchia.

Michele: Allora va da tuo fratello.

Nicoletta: No, cambia compagno in continuazione e mi da fastidio quell’andirivieni di uomini.

Michele: Che uomini!

Nicoletta: Perché non sono uomini? Sei diventato omofobo?

Si abbassa la luce, riflettore sulla panchina dove è seduto Gustavo, intento a telefonare.

Gustavo:Allora ti sei riappacificato? (pausa) Ah, ti vuole buttare fuori casa? (pausa) Va bene ci vuole stare lei ma è lo stesso, no? (pausa) E dove pensi di andare? (pausa) Ma sì, vieni un po' da noi e lasciala sbollire, vedrai che le passa. (pausa) Non le passa, dici. E vuol dire che ne troverai un’altra. (pausa) Non di casa, di moglie. In fondo dopo un po' viene anche a noia, no? (pausa) Siamo insieme da quarant’anni, appunto, perciò te lo dico. (pausa) Ma che alla grande, io intendevo quando eravamo giovani, mica ora. (pausa) Dopo una certa età le donne tirano i remi in barca si sa e gli uomini o trovano un salvagente o affogano (pausa) No, non l’ho trovato, per ora. (pausa) Che separazione, dai, alla nostra età. Tutt’al più un rispettoso diversivo. (pausa) Ma voi siete giovani che c’entra? (vede sopraggiungere Melania, alzandosi) Scusa ma ora ti devo lasciare. Ciao e non te la prendere: come va, va.

Melania: Ciao.

Gustavo: Ciao. Facciamo due passi?

Melania: No, sediamoci, sono un po' stanca. Tutta la mattina dietro a quelle pesti.

Gustavo: A proposito, non mi hai detto che materia insegni.

Melania: Non me lo hai chiesto.

Gustavo: Te lo posso chiedere?

Melania: Inglese. 

Gustavo: No?

Melania: Dai scherzavo. Matematica.

Gustavo: Meno male.

Melania: Pensavo ai giudizi dello psicologo su noi due. Secondo me sono uguali per tutti.

Gustavo: Per tutti quelli che hanno lo stesso punteggio, direi proprio di sì. Mica possono persona-

lizzarli.

Melania: Ma tu ci credi?

Gustavo: Perché no.

Melania:(tira fuori un foglio e legge) “Nell’ambito delle relazioni con la persona amata, avete entrambi la tendenza a svelare facilmente le vostre emozioni, il che vi consentirà di creare un dialogo autentico sui vostri sentimenti reciproci.” (riponendo il foglio)Sarà vero?

Gustavo: E’ probabile.

Melania: E tu che sentimenti nutri nei miei confronti?

Gustavo: Beh, non lo so ancora di preciso ma sei una bella donna, interessante e questo è di buon auspicio, non trovi?

Melania: Direi di sì.

Gustavo: Anche se forse sei un po' troppo giovane per me.

Melania: Ti piacciono  le ottantenni?

Gustavo: Non scherzare, dai.

Melania: Scusami, ho un po' esagerato.

Gustavo: L’amore comunque non ha età.

Melania: Questo è vero.

Gustavo: E poi una volta a me, una volta a te.

Melania: In che senso?

Gustavo: Nel senso che questa volta hai tu quindici anni di meno.

Melania: Ma non ne ho quindici di meno.

Gustavo: Ah no? Perché quanti anni hai, se posso permettermi.

Melania: Cinquantadue.

Gustavo: Ah.

Melania: Sono troppi?

Gustavo: No, solo che avevi scritto che ne avevi quarantasette.

Melania: Sai noi donne come siamo, no?

Gustavo: Come siete?

Melania: Non ci piace invecchiare.

Gustavo: Perché a noi sì?

Melania: Ma per noi è tutto diverso. Con la menopausa, capisci.

Gustavo: Che succede?

Melania: Che succede? Vampate di calore, insonnia, dolori muscolari, deficit di memoria, irritabilità, mal di testa, palpitazioni…

Si abbassa la luce, riflettore sulla panchina dove sono seduti Nicoletta e Michele camuffati

Nicoletta: Ho trovato. Sei socio al circolo del bridge.

Michele: Sì, ma non ci vado più da mesi perché c’è anche mia moglie.

Nicoletta: Ah, non torniamoci più su. Allora ti piacciono le donne sportive?

Michele: Beh, l’ho scritto così, per esclusione.

Nicoletta: Meno male, perché io non sono tanto sportiva.

Michele: Se hai detto che corri.

Nicoletta: Ah, sì, certo... ma solo questo, non faccio mica altro.

Michele: Io neanche questo.

Nicoletta: Pure io.

Michele: Ah!

Nicoletta: Me lo sono inventato perché avevi scritto che ti piacevano le donne sportive. Sei il primo

che mi ha ispirato qualcosa e mi piaceva assecondare la tua preferenza. Ho fatto male?

Michele: No, figurati. Però hai un bel fisico, asciutto.

Nicoletta: Grazie.

Michele:(mostrandole) E le mie mani ti piacciono?

Nicoletta: Perché?

Michele: Hai scritto che in un uomo guardi le mani.

Nicoletta: Ah, ma anch’io l’ho scritto per esclusione. (ridendo)Mica potevo scrivere i glutei.

Michele: Perché, ti piacciono i glutei?

Nicoletta: Se sono belli.

Michele: E’ giusto. Allora?

Nicoletta: Allora cosa?

Michele: Ti piacciono le mie mani?

Nicoletta: E i miei occhi?

Michele: Sono molto belli.

Nicoletta: Anche le tue.

Michele: Molto?

Nicoletta: Abbastanza. (ridendo) Ma i glutei sono più belli.

Michele:(ridendo) Dai.

Nicoletta: Anche a te piace mettere un pizzico di fantasia nella sessualità, vero?

Michele:(ridendo) E dai.

Nicoletta: No, dico sul serio. Non hai letto l’analisi dello psicologo?

Michele: Veramente no.

Nicoletta:(tirando fuori dalla borsa un foglio) Sta a sentire. (legge)Poiché in entrambi il desiderio sessuale è accentuato, la sessualità occuperà un posto importante in seno alla vostra coppia. Oltretutto sembrate entrambi perfettamente inclini  a sperimentare nuove fantasie erotiche.

Michele:(tiepido) Sì, certo.

Nicoletta: Hai scritto anche questo per esclusione?

Michele: Ma no. Solo che mi imbarazza un po' parlarne così apertamente. E’ la terza volta che ci vediamo.

Nicoletta:(mostrando il foglio) Sì ma lo psicologo ha scritto che siamo in perfetta sintonia dal punto di vista dell’espressione della nostra sessualità. E’ importante, capisci? Come ti piace fare all’amore, dai? Non dirmi sul letto. Come ti piace, nella vasca o sotto la doccia? Sulla lavatrice con la centrifuga  o senza…

Si abbassa la luce, riflettore sulla panchina dove è seduta  Melania che sta parlando al telefono.

Melania: Sì, ne ho conosciuto uno parecchio interessante. (pausa) Sessantatré, ma li porta benissimo, alto, magro, come piace a me. (pausa) E’ vedovo… cioè non proprio ma è come se lo fosse. (pausa) La moglie è in una casa di riposo, demenza senile. (pausa) Sì va bene, ma ha settantotto anni, quanto vuoi che campi? (pausa) Ma chi dice che deve morire, per me può campare anche cent'anni. Certo non è bello,  sempre una presenza imbarazzante è, non ti pare? (pausa)Sono al parco, lui ha una fissa per questo posto, ci vediamo sempre qui. (pausa) No, mi ha telefonato che è bloccato per un incidente perciò ti ho chiamato. (pausa)Non si è fatto male, è fermo in una coda ma dovrebbe essere qui a momenti. (pausa)Su Meetic, sì. (pausa) Ma non mi va di andare a un’agenzia matrimoniale e poi chissà quanti soldi mi spillano. (pausa) Molto perbene, è un cancelliere. (pausa) Che primo ministro, è un cancelliere di tribunale! (pausa)  Ha un figlio sposato con una bambina... nel senso che hanno una bambina. (pausa)No perché io avevo pensato… eccolo, è arrivato, ti saluto, poi passo da te, ciao.

Gustavo:(abbracciandola) Un traffico, guarda. Va bene il diritto di sciopero ma questi cortei mi danno sui nervi!

Melania: Ma non c’era un incidente?

Gustavo: Certo, un incidente... ma perché uno... ha frenato per colpa del corteo e... quello dietro lo

ha tamponato.

Melania: Gustavo, non ti stai mica vedendo con un’altra donna?

Si abbassa la luce, riflettore sulla panchina dove sono seduti Michele e Nicoletta non camuffati.

Michele: Ma quale donna, non dire sciocchezze!.

Nicoletta: Allora perché hai detto che volevi portarti via il letto?

Michele: Perché l’avvocato mi ha chiesto se c’erano cose personali che mi interessavano.

Nicoletta: E il letto è una cosa tua personale? (in lacrime) Ci abbiamo dormito sette anni e tu lo vuoi portare dalla tua amante, questa è la verità.

Michele: Insomma basta con queste frigne! Non c’è nessuna amante, l’ho detto solo perché c’avevo

messo due anni per trovarlo. E poi a te i mobili antichi neanche piacciono.

Nicoletta:(contenendo le lacrime) Ma il letto non è un mobile antico.

Michele: Come non è un mobile antico? E’ Luigi XVI.

Nicoletta:(c.s.) Vedi che non capisci. Abbiamo avuto tanti bei momenti su quel letto e tu lo vuoi portare via per dormirci con... un’altra.

Michele: Allora insisti? Avrei potuto dire la credenza, la cassapanca, il cassettone…

Nicoletta:(c.s.) Ma hai detto il letto.

Michele:(urlandoglielo) E va bene, tienilo questo cazzo di letto, basta che la smetti di frignare.

Nicoletta:(urlandoglielo) No, ora non lo voglio più, ora te lo porti via. E ti porti via anche la credenza, la cassapanca e tutte le robe vecchie che hai comprato.

Si abbassa la luce, riflettore sulla panchina dove sono seduti Gustavo e Melania.

Gustavo: Non c’è lo spazio per mettere altri mobili, cara, è un appartamento minuscolo.

Melania: Ma non ci stavate in tre?

Gustavo: No, non è più quello, gioia mia. Dopo il ricovero di mia moglie ne ho preso uno molto piccolo. Che ci facevo da solo in 100 metri quadri?

Melania: Allora vieni tu da me, micino. Neanche il mio è grande ma in due ci stiamo benissimo.

Gustavo: Si, va bene, poi se ne parla, d’accordo?

Melania: Ma perché dobbiamo stare tu da una parte e io da un’altra? Non siamo più dei ragazzi.

Gustavo: Certo certo, solo che ora lo sto imbiancando, è tutto sottosopra. Che fretta c’è?

Melania: Lo facciamo insieme, cucciolotto, è divertente, dai.

Gustavo: Non lo sto facendo io, tesoro, ci sono gli imbianchini.

Melania: Ma tu mi ami Gustavo?

Si abbassa la luce, riflettore sulla panchina dove sono seduti Nicoletta e Michele camuffati

Michele: Certo che ti amo, gattina. Cosa te lo fa dubitare?

Nicoletta: Non lo so, ho paura che su Meetic scrivano cose a casaccio.

Michele: Ma lascia perdere Meetic, amore dolce, ora ci siamo noi due, niente altro.

Nicoletta: Dammi un bacio, Michele. (Michele la bacia) Ahi, questa barba punge da morire! Perché non te la tagli, passerotto?

Michele: Ci sono affezionato, pulcino adorato, ce l’ho dall’università.

Nicoletta: Sussurrami qualche parola d’amore, cucciolino.

Michele: Porti le lenti a contatto, paperina?

Nicoletta: Io?

Michele: No, perché mi sembrava che avessi un occhio verde e uno grigio.

Nicoletta: Che dici, topino? Sono i riflessi dei raggi del sole fra gli alberi: non li vedi?

Si abbassa la luce, riflettore sulla panchina dove sono seduti Gustavo e Melania.

Gustavo: E’ vero, Melania, questa luce crea un gioco di colori fantastico ma mai come i tuoi occhi.

Melania: Oh, tesoro, ma perché ci vediamo così di rado?

Gustavo: Perché il lavoro è pressante, mia cara.

Melania: Ma non sei in pensione?

Gustavo: Come cancelliere, certo, ora però faccio il consulente del lavoro. Non potevo mica finire ai giardini alla mia età, non ti pare?

Melania: Se mi porti sempre in questo parco!

Gustavo: Ma non  è la stessa cosa, amore.

Melania: Io sono stufa di venire qui!

Gustavo: Che c’è di male, cuore mio?

Melania: Niente ma voglio andare anche a teatro,  a cinema, a ballare, io ho voglia di vivere, Gustavo, di divertirmi.

Gustavo: Va bene ma ci conosciamo appena da due settimane. E poi è così bello il parco d’inverno.

Si abbassa la luce, riflettore sulla panchina dove sono seduti Nicoletta  e Michele non camuffati.

Nicoletta: Ma cosa vuoi ancora da me? Ora basta, è l’ultima volta che vengo qui.

Michele: Ci siamo separati, dove vuoi che ti porti, in albergo?

Nicoletta: Ma non sei allergico? Non ti danno noia tutti questi alberi?

Michele: Siamo d’inverno.

Nicoletta: Va bene, cosa vuoi da me? Avanti parla?

Michele: Dobbiamo dividere l’appartamento, Nicoletta. Io non posso più stare in quella schifezza di monolocale.

Nicoletta: E vuoi venire da me?

Michele: Non voglio venire da te, voglio dividere l’appartamento, è abbastanza grande per farne due.

Nicoletta: Tu sei pazzo, dovrai passare sul mio cadavere. Ci manca solo che ti devo vedere girare nel palazzo.

Michele: Ma l’appartamento è anche mio!

Nicoletta: Sì ma dovevi pensarci per tempo, ora è troppo tardi. Prima i mobili, poi i lampadari, mi hai svuotato la casa. Adesso basta, tornatene dai genitori!

Michele: Tira una brutta aria anche lì, si stanno separando.

Nicoletta: Tanto meglio, così state più larghi

Michele: Ma sei veramente una stronza!

Nicoletta: Non offendere, chiaro? Non offendere sennò mi metto a urlare. Lo stronzo sei tu e anche i tuoi genitori che prima ti prendono in casa e poi ti buttano fuori.

Si abbassa la luce, riflettore sulla panchina dove sono seduti Gustavo e Melania.

Gustavo: Ah, sono uno stronzo, eh? Andiamo bene. Dopo un mese sono diventato già uno stronzo.

Melania: E cos’altro sei, dimmi? La vecchia moglie in casa di riposo, l’infertilità idiopatica, hai ragione non sei uno stronzo, sei un gran figlio di puttana.

Gustavo: Va bene ho sbagliato, tu avevi scritto che eri vedova e non me la sono sentita di dirti che avevo un matrimonio che stava per saltare.

Melania: E mi fai chiamare da tua moglie, sì?

Gustavo: Mi mandi messaggi in continuazione, che colpa ho io!

Melania: E il figlio in affidamento? Che ragione c’era di raccontare tante balle?

Gustavo: Non lo so, non sono abituato agli incontri su questi siti, mi sembrava tutto un gioco.

Melania: Almeno sei consulente del lavoro?

Gustavo: Mi dispiace.

Melania: Ma vaffanculo!!

Si abbassa la luce, riflettore sulla panchina dove sono seduti Nicoletta e Michele, camuffati.

Michele: E’ già passato un mese dal nostro primo incontro, sai.

Nicoletta: Mi sembra ieri.

Michele: Non speravo più di potere incontrare l’anima gemella.

Nicoletta: Neanche io.

Michele: Avevamo un’affinità 87, non poteva andare diversamente.

Nicoletta: Saremo una coppia armoniosa e duratura, proprio come hanno scritto loro.

Michele: Sì, amore, sì, per sempre (si baciano)

Nicoletta: Con mio marito era tutto un litigare, guarda, era veramente esasperante.

Michele: A chi lo dici.

Nicoletta: Meno male che non ho voluto fare un figlio.

Michele: Io pure.

Nicoletta: Con te, però, sarà diverso, amore. Ne faremo due, tre, ti ricordi cosa ha scritto lo psicologo?

Michele: Più o meno.

Nicoletta: Ah, io l’ho imparato a memoria. “Entrambi ritenete che nell’educazione dei figli bisogna sforzarsi di inculcare limiti educativi tali da consentire loro di trovare punti di riferimento stabili su ciò che è lecito e non è lecito fare in seno alla società”

Michele: Sono perfettamente d’accordo.

Nicoletta: Vedi? Chissà invece che storie mi avrebbe fatto lui, un immaturo. D’altra parte cosa mi potevo aspettare da uno che a trentacinque anni se ne va dai genitori.

Michele: Beh, questo può succedere, se uno non sa proprio dove andare.

Nicoletta: Ma è una donnicciola, dai. Tu ti sei imposto, no?

Michele: Già.

Nicoletta: Ma basta parlare del passato, noi ci amiamo e solo questo è quello che conta.

Si baciano intensamente, entra Gustavo con Melania e si siedono.

Melania: (indicando i due giovani) Guarda, loro sì che si amano.

Gustavo: Ma non abbiamo più la loro età, cara.

Melania: Sei stato cattivo l’altra sera.

Gustavo:Mi perdoni?

Melania: Non lo so, dipende.

Passa un poliziotto e si avvicina alla panchina dove sono seduti Michele e Nicoletta

Poliziotto:(fingendo di tossire) Ehm, ehm. (pausa, più forte)  Ehm, ehm!

Michele:(staccandosi, al poliziotto) Oh, buongiorno.

Poliziotto:(facendo il saluto militare) Buongiorno. Mi vuole favorire un documento, per favore?

Michele:(alzandosi) Perché, scusi? Ci stavamo scambiando un bacio, mica altro.

Nicoletta:(alzandosi) Ha ragione, che c’è di male?

Poliziotto: No, nulla di male, ci mancherebbe,  vengo anch’io qua nel parco con la mia fidanzata, sa, quando sono fuori servizio, naturalmente.

Nicoletta: E allora perché ci chiede i documenti?

Poliziotto: Non a lei, signorina, al signore.

Michele: A me?

Poliziotto: Un semplice controllo, non si allarmi, ora le spiego. Ci hanno segnalato che da circa un mese si aggira nel parco un uomo alquanto strano. Dicono che si mette una parrucca prima di incontrarsi con una donna. Probabilmente si vergogna di farsi vedere pelato, posso capirlo, ma c’è stata più di una segnalazione e noi abbiamo il dovere di controllare.

Michele: Ma mi sembra una storia un po' fantasiosa, scusi.

Poliziotto: In effetti anche a me, ma mi vedo costretto a insistere.

Michele: Va bene. (prende il portafogli e fruga) Aspetti.

Poliziotto: Lei è il tredicesimo, sa, e chissà quanti ancora ne dovrò controllare.

Michele:(consegnandogli il documento) Tenga.

Poliziotto: Grazie. Con queste giornate di sole il parco si riempie di coppiette. (leggendo il documento) Oh, guardi un po', lei si chiama...

Michele:(bloccandolo) Nooo…

Poliziotto: Come me.

Michele: (tirando un sospiro di sollievo)Ah, come lei. Che simpatica coincidenza.

Poliziotto: Già. Conosce l’ispettore Fedele?

Michele: Veramente…

Poliziotto: Abita nel suo palazzo.

Michele:  Ah sì, davvero un’ottima persona, solo che io non sto più lì, (indicando il documento) quello è il vecchio indirizzo.

Poliziotto: Eh, un grande investigatore l’ispettore Fedele, sono due anni che lavoro con lui, gomito a gomito. (pausa) E dove abita ora?

Michele: Non so, sarà sempre lì.

Poliziotto: Dove abita lei, intendevo.

Michele: Ah, certo, dove abito io, certo… io abito… abito...

Poliziotto: Non si ricorda?

Michele: Cosa dice, non mi ricordo, via… come sarebbe possibile?

Poliziotto: La vedevo titubante.

Michele: No, è che mia moglie mi voleva buttare fuori casa, capisce, e allora per un po' di tempo sono andato a vivere in un monolocale a quell’indirizzo. Ma poi l’ho spuntata, sa, perché sono le

donne che tornano dai genitori mica gli uomini, cosa crede.

Poliziotto:(a Nicoletta) Ah, lei dunque non è la moglie?

Nicoletta:(stringendosi a lui) No, sono la sua compagna. Oggi è un mese che stiamo insieme.

Poliziotto: Un mese, eh. Auguri. (a Michele) Bene, mi dia il nuovo indirizzo e vi lascio perché, come le dicevo, il giro è lungo.

Michele: Già. Via Nardones 32.   (il poliziotto compila una scheda)

Nicoletta: Abiti nel palazzo dei miei suoceri?

Michele: Come dici?

Gustavo e Melania, che erano rimasti ad ascoltare, si mettono a confabulare additando i due

Nicoletta: Ci abitano i miei suoceri in via Nardones, proprio al  32.

Michele: Ah, sì? (al poliziotto) E’ proprio  il giorno delle coincidenze, oggi.

Poliziotto: (continuando a scrivere)Eh già.

Nicoletta: Ci andavo poco per la verità perché mi stavano abbastanza sulle scatole, ma non ti avevo mai notato.

Michele: Forse perché non avevo la barba.

Nicoletta: Se mi hai detto che l’hai dall’università!

Michele: Sì, ma qualche volta la toglievo, sai come succede, no.

Poliziotto: In effetti anch’io facevo così con la barba, signorina.

Michele: Vedi?

Poliziotto: Bene, ecco il suo documento e  mi scusino ancora del disturbo. Le saluterò l’ispettore.

Michele: Grazie, ricambio.

Nicoletta: (al poliziotto) Anche nel mio condominio c’è un poliziotto, sa.

Poliziotto: Davvero?

Michele: Amore, l’agente deve proseguire il giro.

Poliziotto: ( a Michele) Un’altra coincidenza. ( Michele annuisce, a Nicoletta) E come si chiama?

Nicoletta:(al poliziotto) Devoto, mi pare o qualcosa del genere, in questo momento…

Michele:(interrompendola) Tesoro, chissà quante coppie deve ancora controllare.

Poliziotto: Tante, sa, tante.  ( facendo il saluto militare) Buona giornata. ( si avvia ripetendo fra sé e sé) Un mese… Fedele, Devoto...

Il poliziotto si allontana continuando a ripetere “un mese… Fedele, Devoto” e dopo qualche passo

ritorna indietro.

Poliziotto: Scusi, solo così, per scrupolo. (gli toglie la parrucca)Ah!

Nicoletta: Dario, che storia è questa!

Poliziotto: Dario? (a Michele) Così lei si chiamerebbe Dario?

Michele:(sconsolato) Veramente...

Poliziotto: Gliela tolgo io o se la toglie lei?

Michele: Cosa?

Poliziotto: La barba.

Michele:  Io, (togliendosela)la tolgoio.

Nicoletta: Ahhh, è mio marito!

Gustavo e Melania si alzano di scatto

Michele - Poliziotto: Comeee?

Nicoletta:(togliendosi la parrucca e gli occhiali) E’ mio marito, mio marito!

Michele e Nicoletta si abbracciano e si baciano sotto lo sguardo sbigottito dei tre.

Sipario

    Questo copione è stato visto
  • 0 volte nelle ultime 48 ore
  • 0 volte nell' ultima settimana
  • 1 volte nell' ultimo mese
  • 7 volte nell' arco di un'anno