Meglio così!

Stampa questo copione

Il canto di Ester

           

 


di

Luciano Medusa

Personaggi:

Lady Anne                               

Walter Bentivoglio                           

Dott. Ernst Funtz                                               

Carmela                                  

Raffaele                                 

Chiao Pin                                 

Peppe                                                        

Assunta                                                                        

Spettatore                                                         

Primo Atto

Nella sala Lady Anne, da vera rockstar, con le sue ballerine ammaliano gli spettatori, sul palco continuano e finiscono la loro esibizione.

Lady Anne

I’m Lady Anne

I’ll shoot you on

I’m your moon

You are my sun

I’m your holy
And you my devil
I’m one you like
what you seek

I’ll pray you

and you’ll pray me
I lose you

and you lose me
Ifuck you

and youfuck me

Is the pleasure
yours and mine

‘Cause I know

‘Cause you know
You know me  man ...
I’m Lady Anne

Uno spettatore riesce a raggiungere il proscenio:

Spettatore

(esagitato, inveisce contro Lady Anne che spaventata, interrompe la canzone, i ballerini, sbigottiti, la difendono) Tu non sei una santa… tu sei  il demonio in persona… non fai altro che farci dannare nel peccato… ma io salverò il mondo.  (estrae una pistola e spara tre colpi verso Lady Anne che cade... Buio)

(questa scena può essere anche registrata e proiettata)

Scena: Arredamento ultra moderno.  Un’ampia porta-finestra centrale immette nel giardino. Un ballatoio cinto da una ringhiera divide il disimpegno dall’ambiente sottostante; sul ballatoio, a destra, la porta che immette nelle altre stanze, a sinistra il portoncino d’entrata, al centro una scala centrale, a destra un mobile con un impianto stereo e mobili d’arredo.

Carmela

(in piedi, di fronte a Walter che è seduto) Madà e monsé… bon sua’… andrè e assettè…  fete comm’ a  casa vosta!

Walter

(spazientito e avvilito) Fete? Arò fete!? Ma che stai dicendo? Che lingua stai parlando?

Carmela

‘O francese! Sto dicenno chelle che m’hè ritte tu!

Walter

(c.s.) Non darmi del tu! Carmela, non mi devi dare del tu davanti agli altri! Quante volte te lo devo dire?

Carmela

Annanz’ all’ate! Mo stamme sulo io e te. E nun alluccà, io ce sento!

Walter

(c.s.) Devi abituarti. Se continui a darmi del tu, ti verrà naturale anche in presenza d’altri.

Carmela

(scoraggiata) Water…

Walter

(c.s., la corregge) Walter!... Dottor Walter!

Carmela

(paziente, marcando) Dottor Walter! Abituammece! Leio mi sta rignenne la capa di troppi ccose! Io già vacante stonghe bbona carica… a stiento parlo ‘o napulitane e leio mi vuole imparare il francese?

Walter

(depresso) Insegnare! Non imparare. Io non ti imparo, ti insegno!

Carmela

Leio o fa l’insegnante  o fa l’imparante io ‘o stesso nun capisco niente.

Walter

(disperato) Mia moglie è pazza! Solo una pazza può tenersi come cameriera una come te… (va alla vetrata e guardando nel giardino, estatico) Ma guarda com’è bella! Come le si può negare qualcosa, dopo quello che le è successo? Da Lady Anne a… (la indica con una mano)… Però è riuscita a superare tutto alla grande… guardala è diventata l’armonia personificata, la bellezza incarnata. Come si fa a dirle di no! Quando si mette a curare i suoi fiori nella serra, mi sembra... la primavera di Botticelli… com’è buona!

Carmela

È vero, me pare proprio ‘a primavera dint’ ‘a vutticella! E po’, comme se rice? “Comme tratte, accussì hai trattata. Chi fa bene, bene riceve. Fa bene ‘e scuordete fa male e pensace”.

Walter

(all’apice della sopportazione) L’hè fernute!? Io nun te supporte cchiù! Sei il prototipo del luogo comune… l’insulsaggine fatta persona… Carme’, sei banale!

Carmela

Io so’ banana!? E tu si’ cucuzziello!

Walter

(quasi piangente) Ma addo’ s’è visto mai che una cameriera da del tu e del cucuzziello al suo padrone!?

Carmela

(mortificata) Tu… (si corregge) leio mi ha chiamata “banana” perciò ho detto la parola che ho detto. Se Leio l’ha detta, l’ho detta anch’io.

Walter

(cerca di riprendersi e di riorganizzare il discorso) Senti… è vero che hai aiutato mia moglie, è vero che le sei stata vicina in momenti bruttissimi…

Carmela

Povera Nennella!

Walter

(la corregge) Lady Anne!

Carmela

(determinata, con forza) Nennella! Io accussì ‘a chiamme! È inutile che faje… (si corregge) è inutile che fato, io chillu nomme che diceto voi non lo diche ie. Vabbuò?

Walter

Ma chella se chiamma Lady Anne, accussì la devi chiamare.

Carmela

(c.s.) Eh si! Tu te chiamme Water, a essa ‘a chiammo Lady Anne, accussì facimme ‘a pubblicità pe’ ‘a carta igienica e pe’ l’ assorbente per signora!

Walter

Ma cosa dici? Quale assorbente?

Carmela

(come la pubblicità) Nei giorni di flusso abbondante Lady Anne e stai tranquilla pe’ cient’ anne!

Walter

Riesci a rovinare tutto… io non ce la faccio più.

Carmela

(marcando il nome, continua il discorso) Nennella mia quante chiagnute che s’ha fatte. Tutte ccà… (si tocca la spalla destra) me mpurpava ‘sta spalla  ‘e lacrime fino a che nun s’addurmeva… ccà (mostra le braccia aperte) dint’ ‘e braccia mie.

Walter

Brava, mo ‘a vot’ ‘a sceneggiata. Di questo te ne siamo, sia Lady Anne che io, infinitamente grati ma, noi non possiamo avere per casa una cameriera che parla la stessa lingua che parlano donna Cuncetta ‘a Sparapiezze e Ciccillo ‘o Scafesso ‘o puntone ‘o vico d’ ’e paparelle!

Carmela

E chi ‘e cunosce ‘a sta ggente!?

Walter

… nun può purtà ‘o cafè agli ospiti comme si purtasse na scafarea ‘e zeppole e panzarotti, solo perché hai dato conforto a mia moglie in un  momento difficile. Ci vuole garbo… ci vuole charme!

Carmela

Chest’è!? Mo esco e ‘o vaco accattà.

Walter

Che cosa?

Carmela

‘A garza e ‘o shampoo.

Walter

(nervosissimo) Brava! Accussì, mo che te spacco ‘a capa, te ‘a lavi cu ‘o shampoo, t’ ‘a fasci cu ‘a garza e te lieve ‘ananze all’ucchje miei!

Carmela

Jamme, nu poco ‘e pacienza! Nun t’aggità, te faje venì ‘na cosa. Dimme comme aggia fa, io cerco ‘e me mparà.

Walter

(scoraggiato) E che sto facendo da sei mesi!? “Carme’ nun me dà ‘o tu” e Carmela nun se ne passa neanche pe’ ‘a capa! “Carme’, agli ospiti, quando servi il caffè, chiedi quanto zucchero vogliono” (imitando Carmela) “Quantu zucchero né!?… nu cucchiarino? E che t’ ‘o pigli amaro… tenisse ‘o diabete?” A quell’amico mio che chiese un altro poco di whisky “Va chiano cu ‘o vischio, cheste fa venì ‘a citosa apatica!”  Jamme, Carme’, putimme mai jì annanze accussì?

Carmela

(mortificata) Hai ragione… cioè… avete ragione. (dandosi un tono) Dottor Walter, comandate, ditemi cosa devo fare e sarà fatto.

Walter

(rassegnato) Visto che ti devo tenere per forza… vediamo cosa possiamo fare. Prima cosa devi parlare… anzi, fa ‘na cosa, non parlare. È meglio, si è meglio così… non parlare. Qualsiasi cosa ti domandino, tu non parlare, fa dei cenni. Quando cammini cerca di darti un tono, non trascinare i piedi… alzali da terra, non stai sciando, stai camminando (Carmela esegue) alza la testa… (c.s.) stai dritta con la schiena e cammina a passi lenti.

Carmela

(fa una passerella seguendo le istruzioni di Walter, ne risulta un’andatura lenta, goffa e comica) Va bbuone accussì?

Walter

(deluso e rassegnato) Potrebbe andare meglio. Va ad esercitarti in cucina, va!

Carmela

(con la sua nuova andatura) Certamente, signor Walter, voi comandate e io “esequisco”.

Walter

(soffrendo) Non parlare... va in cucina e non parlare! (si sente il campanello della porta. Guardando il suo orologio) Chi sarà? Carmela va ad aprire.

Carmela

(con la stessa andatura si dirige verso la porta) Carmela “esequisce”.

Walter

(notando la lentezza) Na cosa ‘e juorne però! (risuonano alla porta)

Carmela

(c.s.) Certamente Dottor Walter, voi comandate e Carmela “esequisce”.

Walter

(spazientito) S’è ncantat’ ‘o disco! Muovete, cammina comme sai cammena’!

Carmela

(cambia andatura e corre ad aprire, apre, sorpresa) Tu che ce fai ccà!?  

Raffaele

(è un pescivendolo, indossa grossi stivali e una coppola, invadente e sospettoso) Cu’ chi stive?... Pecchè c’hè mise tutte stu tiempo pe’ arapì?

Carmela

Zitto, nun alluccà! (cerca di spingerlo fuori per chiudere la porta) Ma che me vuo’ fa licenzià!? Vattenne! Ce verimme stasera.

Raffaele

(resiste) Pecchè me ne cacci... chi ce sta insieme a te?

Walter

(sorpreso è rimasto ad ascoltare, divertito e rassegnato) Ci sono io! Carmela fa entrare il signore.

Carmela

(spingendo Raffaele) Veramente, il signore se ne steve jenne. (a Raffaele, spingendolo) È vero che te ne stive jenne?

Raffaele

(fa forza ed entra) Tu me ne vuo’ mannà?  Allora resto! (si fa avanti) Buongiorno.

Walter

Buongiorno, venga avanti, Carmela accompagna il signore.

Carmela

(a Raffaele, lo spinge sgarbata) Signo’, cammina ‘o padrone te vo’ parlà.

Raffaele

(si guarda attorno, imbarazzato, cerca di essere all’altezza) Dotto’ scusate del sfastitiante fastitie che vi infastitisco... io vi sto infastitente per questa mia introduzione all’intrasatta. (si pulisce la mano addosso e la porge a Walter) Io sone Papele ‘o marenaro, il fietanzato di Carmela, a servirvi.

Walter

(stringendogli la mano) Piacere. Io sono l’avvocato Walter Bentivoglio. Lei, è il “fietanzato” di Carmela? Complimenti, si capisce e (si annusa la mano) si sente pure. Carmela è una bravissima donna. Se ho capito bene (si riannusa la mano) lei è marinaio?

Raffaele

(assumendo le stesse movenze di Walter) Io, non sone marinaie,  marinaie ere mio patro. (con amarezza) Io nun l’aggia putute fa ‘o marinaio.

Walter

(annusandosi con disgusto la mano che ha stretto quella di Raffaele) Come mai? Eppure ne ha tutta l’aria.

Carmela

(risoluta) Comme mette ‘o pere ncopp’ ‘a na barca accumencia a fa ‘o palummo e nun ‘a fernesce cchiù.

Walter

(non capisce) ‘O palummo!?

Raffaele

(spiegando) Dotto’, io... comme dicite vuie?... mi vencheno i “cognati di vomero”... “vuommico” ‘a comme saglio ‘a quanno scenno. Mammà m’ ‘o ddiceva sempe: “Nun fa ‘o marenaro, lascia sta, nun è cosa pe’ te… e po’, patete marinaio, ‘o nonno marinaio, o pate r’ ‘o nonno marinaio… circa ‘e asci nu poco a dint’ ‘all’acqua… è umida.”

Walter

(strofinandosi le mani, di nascosto, con un fazzoletto) E a cosa dobbiamo, allora, questo suo aspetto, o meglio, questa sua aria (smuove l’aria con la mano) marinara che si porta addosso?

Carmela

Perchè è rimasto nel campo: fa ‘o pisciavinelo. Comme tene ‘o pesce Papele ‘o marenaro nun ‘o tene nisciuno: belle, frisco e gruosse! Io per questo mi sono innamorata di lui.

Walter

(stupito) P’ ‘o pesce?

Raffaele

Modestamente, essente io figlio d’arta, i pescatori che cunuscevano a mio patro mi fanno un occhio così di riquarte e me danno ‘o pesce cchiù bello ‘e Napule.

Carmela

Io ne vaco pazza, almeno na vota a semmana, ‘o pesce ce vo’! E senza offesa, sono una che ne capisce: comme pruvaje ‘o pesce ‘e Papele nun ‘o lassaje cchiù! E m’hanna accirere si m’ ‘o faccio scappà.

Walter

Fai bene! Se ti piace così tanto, tienitelo stretto non fartelo scappare.

Carmela

Dotto’, chillo ve piace pure a vuie!

Walter

A me!?

Carmela

Si, a vuie e pure a vostra moglie! Io li conosco i vostri gusti: a Nennella lle piaceno ‘e cefalotti e ‘e fravaglie ‘e treglia e a Natale si nun ce date ‘o capitone se mette a fa ‘a pazza. Vuie jate pazzo pe’ ‘a sogliola, comme ve spuzzuliate vuie ‘e sogliole nun s’ ‘e spuzzuleia nisciuno.

Walter

Allora, il pesce che mangiamo noi, lo compri da Papele?

Carmela

Certamente! ‘A quanno l’aggia cunusciuto maneo sul’ ‘o pesce suoio.

Raffaele

(geloso, a Carmela) E sempe accussì adda essere... in tutti i sensi.

Walter

(per tagliar corto) Comunque, signor Papele a cosa dobbiamo la sua visita?

Raffaele

Dottor Water…

Walter

(lo corregge) Walter.

Raffaele

E io come ho detto!? Water! Io c’ho una lamentela da lamentarmi con leio e con la sua aspettabile signora.

Carmela

Loro nun c’azzeccano proprio niente…

Raffaele

Zitta! Lloro ci azzecano! Quanno facive ‘e servizi dint’ ‘o spidale io te vereve tutt’ ‘e juorne, sapevo cu’ chi stive e che facive. Quanno fernive ‘e faticà te veneve a piglià e ci vedeveme.

Carmela

Mo è diverso!

Raffaele

Zitta! ‘O ssaccio ch’è diverso. Tu fatiche ccà, mangi ccà, duorme ccà e chissà che ati ccose faje ccà! ‘O tiempe pe’ mme nun ‘o tiene cchiù e a gghì a gghì ce verimme na vota sola  a semmana! Dottor Water è cosa chesta!?

Walter

(c.s.) Walter! Prima di tutto Carmela, qui,  oltre a fare la cameriera non fa nessun’altra cosa. Capisco le sue difficoltà ma deve capire che Carmela, qui, ci lavora e che non è più una donna delle pulizie, (marcando) qui è la cameriera personale di Lady Anne!

Raffaele

Qui è quello che volete voi ma io ‘a Carmela mia ‘a voglio comm’ ‘era lì e non comm’ è qui! Lì era ‘a femmena mia, qui ‘a femmena ‘e chi è?

Carmela

‘A toia, sempe ‘a toia.

Raffaele

Una sola vota ‘a semmana! E ll’ati iuorne?

Walter

Questo è il problema? Che problema è questo!? Se questo è il problema allora non c’è problema.

Raffaele

(confuso a Carmela ) E cu’ cheste, mo, ch’ ha vulute ricere?

Carmela

(confusa) Papè, quanno se mette a parlà americano nun ‘o capisco neanche io.

Walter

Voglio dire che Papele può venire qui quando vuole, io non ho problemi e penso che mia moglie ne avrà meno di me.

Raffaele

(contento) Cioè pozzo venì ccà ogni volta che voglio?

Walter

(scherzando) Così può controllare anche se Carmela le rimane fedele.

Raffaele

Dotto’, nun pazziate. A mme, basta sulo ca sento cierti ccose e ‘o sango me saglia ncapa e quanno è sagliuto nun me ferma nisciuno cchiù. Io so’ capace ‘e fa quacche fessaria e nun me n’accorgo nemmeno.

Walter

(cercando il modo) Però, scusatemi se mi permetto… io non vorrei, ma devo dirvelo per necessità…

Carmela

Dicite, qualsiasi cosa a disposizione. Parlato pure l’italiano, io ve capisco.

Walter

Se Papele se facesse nu bellu bagno! Sai… per… come dire?… l’odore del mare.

Carmela

(semplice e risoluta) Ah! Pe ‘a fetumma ‘e pesce ca se porta ncuollo? Nun ve preoccupate.

Raffaele

Chella se leva! Nuje pisciavinele nun simme com’ ‘e baccalaiuoli, a nuje basta na lavata e se leva tutt’ ‘a fetumma. Invece, ‘a puzza e’ baccalà nun ‘a levate manco si che’! Vuie ‘o ssapivene stu fatto?

Walter

No. Non si finisce mai d’imparare, se non me lo diceva lei, probabilmente, non l’avrei mai saputo.

Carmela

(risoluta) Basta mo. Viene cu’ mme, me dai na mano dint’ ‘a cucina.

Raffaele

Aspetta! T’aggia purtate cierti piezz’ ‘alice e Pezzulle ch’ ‘e puo’ mettere, senza offesa, annanz’ ‘o rre. Mo ‘e vvaco a piglià. (si muove verso l’uscita)

Carmela

(lo ferma) Addò vai!? Viene ‘a ccà, iesce pe’ ‘a porta ‘e servizio, fai cchiù ampresse.

Walter

Si, andate di là, si fa prima.

Carmela

(uscendo) Mo che jamme a’ llà statte fermo cu ‘e mmane! Me miette sta puzza ‘e pesce pure ncuoll’ ‘a me!

Raffaele

E accussì, ogni vvota che ‘a siente, t’arricuord’ ‘e Papele tuoie! (escono)

Walter

(li osserva mentre escono, divertito) Cos’è l’amore!? (dà uno sguardo alla serra nel giardino) Lady Anne è ancora indaffarata coi fiori… guarda che bellezza… sembra che i fiori, guardandola,  muoiano d’invidia. (si avvia verso lo stereo, lo avvia e si sente la canzone dell’apertura. Ascoltando con trasporto, balla e ripete qualche frase)

Lady Anne

(Sbuca sulla porta-finestra, guarda Walter con rimprovero e corre allo stereo, lo ferma bruscamente e piangente si abbandona tra le braccia di Walter. Lady Anne è muta, le sue battute verranno scritte solo per dare un indicazione per l’azione mimica. Lady Anne è tutta un’altra persona: delicata, armoniosa, classica e si muove come se danzasse, il suo vestito è simile ad un tutù) 

Walter

(apprensivo, amorevolmente) Tesoro... ch’è successo?... perché piangi... ho fatto qualcosa che  non va?

Lady Anne

Hai messo il mio disco. (il mimo si presta ad una doppia interpretazione per il gesto che Lady Anne fa per indicare il disco: allarga a cerchio l’indice e il pollice delle due mani)

Walter

(stupito) Lady Anne! Cosa dici?

Lady Anne

(con gesti meno equivoci) Hai messo il mio cd.

Walter

(capisce) Ah, il cd! Io pensavo che non ti facesse più niente... ma ... io ho bisogno di sentire la tua voce! È più forte di me, non ce la faccio.

Lady Anne

Non riesco ancora ad accettare il mio mutismo e io non sono più quella di una volta. Però, non voglio che ti sacrifichi per me, ora mi allontanerò e tu potrai ascoltare le mie canzoni quante volte vorrai. (fa per allontanarsi)

Walter

(la ferma) No! Resta qui con me... non lasciarmi... fa come se fossi uno dei tuoi fiori...

Lady Anne

Tu  sei il più bel fiore che ho! (nell’indicare “il fiore” fa roteare l’avambraccio insieme alla mano con le dita unite come per dire “chiochiero”)

Walter

(sorpreso) Io so’ il tuo chiochiero!?

Lady Anne

No “chiochiero”, fiore! Tu sei il mio fiore.

Walter

Il tuo fiore! (amorevole) Non sai come amo questi momenti. Cosa c’è più da desiderare? Ho una moglie bellissima che mi ama e che amo alla follia, viviamo col piacere di esserci accanto, cos’ altro si può desiderare?

Raffaele

(entra con un vassoio pieno di alici, le mostra dando la “voce”) Alice ‘e Pezzulle... chi ‘e vere s’ ‘e piglia e chi ‘e prove s’ ‘e torna a piglià!... Dottor Water guardate che frischezza! (gli passa il vassoio sotto il naso) me pareno che ve vonno zumpa’ nfaccia?

Walter

(disturbato) Walter! Non Water. Quante volte lo devo ripetere?

Lady Anne

(sorpresa) Questo chi è?

Walter

(infastidito) Il signore è il fidanzato della tua cara Carmela.

Raffele

Papele ‘o marenare! Io sonche il vostro datore di pesce. Il pescio che trase in questa casa è il pescio mio!

Lady Anne

Piacere. (si ottura il naso e indica le alici) Queste alici puzzano!

Raffaele

Comme!? Le alici ‘e Papele ‘o marenaro fetano!? Ccà ce sta tutt’addore ‘e mare quanne sbatte nfaccia ‘e scoglie… addurate meglio. (porge il vassoio a Lady Anne)

Lady Anne

(lo allontana) No grazie, non voglio annusare.

Raffaele

(annusa le alici) Azz! Cheste overe feteno! (si odora il braccio, raggiante) Ecco l’equiveque! Signo’, non sono le alici che feteno... (fiero) feto io!

Carmela

(entra, preoccupata) ‘A fernisce ‘e dà fastidio… ccà nun stai ‘o mercato. (a Lady Anne) Scusate, mo m’ ‘o porto dinto, togliamo il disturbo.

Lady Anne

(divertita) No, non preoccuparti. Papele è molto simpatico. Fallo restare.

Carmela

‘O vulite fa restà? Chillo cheste vo’ truvanne! Se stesse attaccata ‘a gunnella mia matina, sera …

Raffaele

…e notte! Accusì fosse sicuro che nisciun’ ‘ato t’addurasse.

Carmela

M’addurasse!? Che m’hè piagliata pe’ na cana!

Walter

Cara, scusami, Papele si è lamentato di non vedere spesso la sua Carmela e allora gli ho permesso di rimanere, ma adesso, (con intenzione a Raffaele) Papele se ne va, vero?

Lady Anne

No! Lascialo stare. Hai fatto bene a farlo rimanere.

Carmela

Veramente, se ne steve già jenne, tene ‘a Laparella chiene ‘e alice l’adda jì a vennere, chelle sott’ ‘o sole s’avvermecheano.

Lady Anne

No. Papele è simpaticissimo, digli se vuole lavorare qui.

Carmela

(meravigliata) Ccà!?

Lady Anne

A te fa piacere?

Carmela

(pensa,  a Raffaele) Te piacesse ‘e faticà ccà?

Raffaele

Ccà!? (si guarda intorno) Ccà è bello…  si!… avimma levà tutti ‘sti mobili però… llà (indica a destra) ce mettimme na bella vasca chin’ ‘e capitune… llà (a sinistra) spasell’ ‘e frutt’ ‘e mare: tunninele, vongole, lupini, fasulare, datteri, cannulicchie, scuncigli, cozzeche e taratufe… e ccà mmieze (il centro della stanza) ‘o banco d’ ‘o pesce frisco: orate, cefali, dentici, purpetielle verace, scuorfene, cuocce, cernie, aragoste, gamberi, scampi, calamari e secce…

Walter

(ironico) E io me mette a fa ‘o cassiere, che ne dite!?

Raffaele

Bravo! Vuje site struito ‘e cunte ‘e ssapite fa. È andata! Facite vuje ‘o cassiere.

Walter

(ad Lady Anne) Hai visto!? Se fallisco come avvocato posso sempre fare un altro lavoro: ‘o cassiere d’ ‘a pescheria ‘e Papele ‘o marenaro!

Lady Anne

(ride, a Raffaele) Non intendevo questo... se vuoi lavorare qui dovrai fare... vediamo... il giardiniere. (indica il giardino)

Raffele

(non capisce) Ho capito! M’aggia mettere llà ffora, dint’ ‘o ciardino. (si affaccia a guardare il giardino) E nun fa niente, basta che segamme tre o quatte alberi pe’ mettere ‘e vasche ‘e ‘o bancone e me mette llà ffore.

Carmela

(spazientita) Uh Pape’! Tu nun capisci proprio niente! Si vuo’ faticà ccà ‘e cagnà mistiere, ‘e a fa ‘o ciardiniero?

Raffaele

(dubbioso) ‘O ciardiniero!? Cioè aggia abbanduna’ ‘o pesce... niente cchiù sogliole, fasulare e taratufe?

Carmela

È certo! Mica te puo’ mettere a semmena’ ‘e piante ‘e purpetielle verace!

Lady Anne

Così puoi stare sempre con Carmela.

Walter

(tra se) Una non bastava! Per completare il quadro ci vuole anche il giardiniere pescivendolo.

Raffaele

(confuso, incredulo) ‘O ciardiniero! Senza sta cu’ ‘e mmane dint’ all’ acqua… senza puzza’ sempe ‘e pesce…

Carmela

Bravo! Fallo pe’ amore ‘e Ddio! Io nun ce ‘a faccio cchiù.

Raffaele

(soddisfatto e deciso) Va bene! Voi mi volete come ciardiniero e io vi faccio il ciardiniero. V’aggia dicere ‘a verità! Io nun ce ‘a faceve cchiù! ‘A quante so’ nato nun so’ state capace ‘e me levà sta puzz’ ‘e pesce ‘a cuollo. Grazie, grazie a vuje… a chi, finalmente  me leva ‘a dint’ ‘a fetumma!

Lady Anne

(a Carmela) Accompagnalo in giardino, fallo iniziare.

Carmela

(a Raffaele) Viene cu’ me, te faccio vede’  che ce sta ‘a fa…

Raffaele

Pecchè accumencio già mo?

Carmela

E quando vuo’ accumencià?

Raffaele

Io tengo ‘o carrettino chino ‘e alice, famm’ ‘e vennere primma e po’ accumencio.

Lady Anne

Quante alici sono?

Raffaele

(si fa i conti) Cinche chile l’aggia date a vuje, tre l’aggia vennut’ ‘a Pupetta ‘a Tofa e n’ati dduje a Giggino ‘o sciancato… e so’ dieci, cinquanta meno dieci, quaranta! So’ quaranta chili ‘e alice.

Walter

Allora va a venderle e quando avrai finito inizierai a lavorare qui.

Lady Anne

No. (a Walter) Compriamo tutte le alici.

Walter

Ma… cosa ne facciamo di quarantacinque chili di alici?

Lady Anne

Le conserviamo sotto sale.

Carmela

Si, brava, sott’ ‘o ssale, ‘e faccio io! Dottor Walter, comme faccio l’alice salate io nun ’e fa nisciune!

Walter

Quarantacinque chili di alici salate!? (guarda la moglie e gli altri che sembrano pendere dalle sue labbra, paziente e sconfitto) Come faccio a dire di no!? Papele portate tutte le alici in cucina e ditemi quanto vi devo.

Raffaele

State senza pensiero! Mo l’accumencio a purta’ dint’ e po’ facimm’ ‘e cunte. Anzi, sapite che aggio pensato? Si Carmela me pripara ‘e vasette ‘e nu quarte all’una, io ‘e vaco a vennere e si ‘o fatte va bbuone, nuje ce putimme arapì n’attività: ‘e sarde, ‘o capitone sott’uoglio, ‘o baccalà...

Walter

No, lasciamo stare, penso che le alici possono bastare.

Raffaele

Naturalmente, ncopp’ ‘o vasette ce scrivimme “Alice salate dell’Avvocato Water Bellivoglie”

Walter

Semmai, Walter Bentivoglio! Ma ripeto, non è cosa. Le alici bastano e avanzano.

Raffaele

Peccato! Era na bella idea però!... (deluso) Carmeli’ viene cu’ mme, damme na mano. Quando è brutto quando uno nun tene il sense dell’ affare! (esce)

Carmela

(seguendolo) Mo, m’arraccumanno, va chiano e statte accorta, nun fa ‘e ccose ‘e pressa ‘e pressa che fai scorrere tutta l’acqua pe’ terra... io t’ ‘o faccio asciuttà a te! (esce)

Lady Anne

(contenta ringrazia Walter con un braccio)

Walter

Tesoro, mi spieghi perchè vuoi che questi tipi girino per la nostra casa?

Lady Anne

Perchè mi fanno ridere, mi distraggono e non mi fanno pensare che ho perso la voce.

Walter

Ti fanno dimenticare di aver perso la voce. (triste) Già... la voce! 

Lady Anne

Che c’è?

Walter

Niente! Penso a quanto sei stata sfortunata. Dicono che nella vita uno abbia i pro e i contro... tu hai avuto anche i pro contro.

Lady Anne

Così non mi aiuti, mi intristisci.

Walter

(apprensivo) No, non intristirti. Lo sai che ti amo, che ti voglio come sei, non è per me che dico certe cose. Per fortuna abbiamo una vita agiata e grazie alla tua forza, anche serena, ma... dico io... proprio la voce!? È come se a Paganini, in un incidente, gli si fossero state amputate le mani, a Caravaggio cavati gli occhi e a Casanova tagliato le...

Lady Anne

(tossisce per fermarlo)

Walter

E da quel giorno, non solo hai perso la voce ma sei diventata anche pudica. Eri una tigre a letto, trasgressiva fino al limite del peccaminoso e adesso… il necessario, l’atto nudo e crudo, più crudo che nudo… non posso fare un allusione, dire una parola un po’ più spinta che tossisci, mi rimproveri. Lady Anne, la diavola, è diventata una santa. Comunque, perdonami, scusami... lo so, non dovrei dirti certe cose... non ti sono d’aiuto, ma ho bisogno anche io di sfogarmi, ogni tanto.

Lady Anne

Ma a te manca la vecchia Lady Anne?

Walter

Si, quel tuo lato mi piaceva molto di più di adesso.

Lady Anne

No! Io sono cambiata, il passato non è buono. Lady Anne adesso è questa qui. Senza voce mi sento cambiata. Bisogna rassegnarsi.

Walter

(energico) Rassegnarci!? E invece no! È proprio questo che non dobbiamo fare. Rassegnarci.

Lady Anne

Ma non c’è niente da fare. La voce se ne andata e non ritornerà più.

Walter

Non è vero! La voce come se n’è andata cosi può tornare.

Lady Anne

(prende dei fogli dal mobile e li mostra a Walter) Vedi, leggi, qui c’è scritto il contrario.

Walter

È inutile che mi mostri tutti i referti medici, li conosco a memoria! (la prende per le spalle, fissandola negli occhi, serio) Lady Anne, io ti amo e così, come sei diventata, sei perfetta… stai in casa, curi i tuoi bellissimi fiori, ma… io… io ho bisogno della tua voce!... delle tue parole... del tuo canto... delle tue perversioni… io ti voglio com’eri prima, voglio vederti ballare e provocare tempeste di ormoni, in me, in tutti e riascoltare le canzoni di Lady Anne!

Lady Anne

(si stacca da lui, se ne va scuotendo la testa)

Walter

(le si para davanti) Io sono tuo marito e devi accontentarmi! E per la voce, credimi, è possibile! Credimi. (l’accompagna sul divano, le si siede affianco) Ho contattato il Dottor Ernst Funtz.

Lady Anne

Chi è?

Walter

È uno dei più bravi logopedisti viventi. È un ricercatore di nuovi metodi e terapie...

Lady Anne

No, basta, non ce la faccio più ad essere visitata.

Walter

Lo so, non ce la fai più ad essere visitata, ma fallo per me! Mi ami?

Lady Anne

Me lo domandi!? Sei tutto quello che ho.

Walter

Allora, fallo per me. Questa è l’ultima visita. Dico che questo Funtz faccia miracoli, dai, l’ultima volta, dopodiché mi rassegnerò come hai fatto tu.

Lady Anne

Hai la testa dura... va bene... dove dobbiamo andare?

Walter

Non dobbiamo andare da nessuna parte. Il dottore si trova a Napoli per un convegno e (guarda l’orologio) tra non molto sarà qui.

Lady Anne

Qui!? Io sono tutta in disordine, come faccio?... devo prepararmi...

Walter

E va! Va a prepararti, c’è tempo, non ti allarmare.

Lady Anne

(frettolosa si avvia) Mi fai fare sempre le cose in fretta.

Carmela

(con un vassoio con due tazzine si scontra, sul ballatoio, con Lady Anne, per non rovesciare tutto fanno una sorta di balletto) Accorta! Nennè, addò vai, ti ho portato il caffè.

Lady Anne

(uscendo) No, non lo voglio, devo cambiarmi, ho fretta. (esce)

Carmela

(divertita, si avvia per le scale) Ma che ce tene chella cusarella! Tene ‘o pepe, tene! Tu ‘o vuo’ ‘o cafè?

Walter

Si, grazie.

Carmela

E pigliatelle tu, a Nennella ce ‘o faccio cchiù tarde. (è all’ultimo gradino, bussano alla porta, risale le scale per andare ad aprire; si accorge che col vassoio è difficile aprire e ridiscende; quando si trova all’ultimo gradino, ribussano, frettolosa, risale, a metà scala ridiscende...)

Walter

Quando hè fernuto ‘e ballà, posa il vassoio e va ad aprire la porta.

Carmela

(in fretta, dà il vassoio a Walter) Mantiene nu poco, cu chisto nun pozzo arapì. (sta per correre poi guarda Walter assume l’andatura che gli ha insegnato) Carmela “esequisce”.

Walter

(spazientito) Muovete, cammina comme sai cammena’!

Carmela

(cambia andatura e corre ad aprire) Jamme, state bussanno ‘a tre ore, trasite, ja’!...  

Funtz

(tedesco, elegante, non bello ma affascinante, ha modi raffinati e scatti improvvisi da nazista, porta una borsa da medico . Sorpreso, resta bloccato sulla porta per i modi di Carmela) Ma io...

Carmela

...avite bussato pe’ trasì?... e muviteve ja’! (tirandolo per un braccio e chiudendo la porta) Faciteme chiudere ‘a porta che fa fridde.

Funtz

(sbalordito guarda Walter) Cosa succedere, io sbagliato casa?

Walter

(posa il vassoio e corre verso Funtz, apprensivo) Lei è il Dottor Ernst Funtz?

Funtz

(andando da Walter e guardando con stupore Carmela) Jà! Io essere Ernst Funtz. Lei è Dottore Walter Bentivoglio? 

Walter

(con riverenza) Certo, sono io, si accomodi. (duro a Carmela) Carmela! Vattene in cucina!

Carmela

(con l’andatura lenta) Certamente, dottor Walter, voi comandate e Carmela “esequisce”. (esce)

Funtz

(sbalordito, segue Carmela con lo sguardo, uscita Carmela, a Walter) È sua signora!?

Walter

No! Per carità di Dio! È la cameriera. Lei parla.

Funtz

Giusto! Scusa me. Sua signora non parlare.

Walter

Il Padreterno manda il pane a chi non ha i denti!

Funtz

(non capisce) Cosa vuole dire tu, con questa cosa?

Walter

Niente! È un modo di dire italiano. Ma passiamo a noi. Dottore lei ha letto le mie lettere?

Funtz

Io letto e studiato carte di vostri dottori su signora.

Walter

E mi dica, ci sono speranze?

Funtz

Certamente! Come dire noi in Germania: speranza è ultima a morire.

Walter

Anche in Italia si dice così.

Funtz

(duro e autoritario) Italia copiato da Germania!

Walter

(intimorito, per cortesia) Se lo dice lei.

Funtz

Da carte vostri dottori io capito che loro non capito un ca...

Walter

Dottore! La prego.

Funtz

Un cavolo! Loro parlare di shock per colpo pistola? Ma io non credere a shock.

Walter

I dottori parlavano di shock perché quello squilibrato, bigotto e pazzo, per fortuna era un pessimo tiratore e in teatro sparò ma non colpì nessuno, mia moglie svenne per lo spavento e quando si riprese si ritrovò senza voce per la forte paura.

Funtz

Tu per mio gusto parlare troppo! In Germania noi dire: parla quando piscia gallina, jà!?

Walter

Le spiegavo perchè i dottori italiani sostengono la tesi dello shock.

Funtz

Per tutto quello che scritto io dire che vostri dottori sono molto str...

Walter

Dottore!

Walter

Strani! Loro credere teorie di dottor Freud, lui parlare di “inconscio” dentro noi, di “io” dentro noi, di “es” e di “id” dentro noi... ma che caz dice!? Quanta gente sta dentro noi!? Io dico che tutto problema è fuori noi e che giusto esercizio risolvere ogni problema.

Walter

Quindi sostiene che degli esercizi appropriati possano far ritornare la voce a mia moglie?

Funtz

Tu sembra non credere mie parole. Se non credere perchè scritto me?

Walter

Perchè... come si dice in Germania: la speranza è ultima a morire.

Funtz

Io volere vedere tua moglie. Voglio vedere se tua moglie essere bona.

Walter

(offeso) Come, scusi?

Funtz

Se essere bona per esercizi che io pensato e preparato per lei.

Walter

(tranquillizzato) Ah! Vuole vedere se può sostenere la sua terapia.

Funtz

Jà, tu capito bene, lei dov’essere?

Walter

Vedo se è pronta. Un attimo. (verso la porta che immette nelle altre stanze, chiama) Carmela! (a Funtz) Adesso la faccio avvertire dalla cameriera.

Funtz

Cameriera essere quella cosa strana che tirare e spingere me?

Walter

Si. Anzi, ne approfitto per scusarmi. È mia moglie che vuole tenerla per forza qui. Faceva le pulizie nella clinica dove fu ricoverata,  simpatizzò con lei, le rimase accanto giorno e notte. Mi creda, Carmela è un po’ strana, ma ha un cuore grandissimo. (chiama) Carmela!

Funtz

Cuore grande? Lei malata allora.

Walter

Nel senso che è molto brava, amorevole. (chiama) Carmela! Quanno nun ‘a vuo’ sta sempe annanz’ ‘e piere e quanno ‘a cirche te fa jettà ‘o sango pe’ ‘a truvà! (chiama più forte) Carmela!

Raffaele

(esce ha le mani insanguinate e sporche di alici) Patrò, me sbaglio o me pare che avite chiammata a Carmela?

Walter

Non ti sbagli. È da tre ore che la sto chiamando.

Raffaele

Nun dicite buscie! Nun so’ manche tre minute.

Walter

Ma allora hè sentute?

Raffaele

Si, ha sentuto pure Carmela.

Walter

E perchè non è venuta?

Raffaele

Nun ‘o saccio. ‘A primma vota ha ritto: “Uffà chisto che vo’”, ‘a siconda: “N’alluccà! Che voce che tene! Chi tanto e chi niente!”, e ‘a terza : ”Vire che vo’ chillo, nun m’ ‘o fire ‘e sentere, va tu.”. Ed eccomi qua!

Walter

Che faccia di bronzo!

Funtz

(incuriosito) Carmela ha faccia di bronzo? Capito! Lei bella come statua.

Raffaele

(geloso) Guè, bella a chi!? Mi raccomando andiamo pianino pianino con queste paroline.

Walter

Papele, calma, il signore è il famoso logopedista Ernst Funtz.

Raffaele

E dicete al signore che va a fare il pedista in un altro luoco. Carmela mia non tiene i calli.

Funtz

(a Walter) Io non capisce, cosa dire lui di me?

Walter

(in imbarazzo) Che lei è grande... che è famosissimo. Lui non ha bisogno di un logopedista, ma se ne avesse avuto bisogno sarebbe venuto, certamente, da lei.

Funtz

(contento e vanitoso a Raffaele) Dank schen! 

Raffaele

(non capisce, offeso) “Anche scem” vicino a me!? Water, dincelle che ‘a fernesse che lle faccio fa ‘a fine d’alice: l’acchiappo pe’ a capa e me tire tutt’ ‘e ntestini appriesso.

Walter

(spingendolo fuori) Ma che vuo’ fa? Vamme ‘a chiammà a Carmela, cammina.

Raffaele

Water, fatte rispettà. Chiste so’ chilli tipe che ce dai ‘a mano e se pigliano tutt’ ‘o raccio. (esce)

Funtz

Cosa succede, perchè tu spinto fuori lui?

Walter

(confuso, imbarazzato) Eh! Voleva farsi visitare... insisteva, diceva di avere dei problemi di capo, intestini, di mano e di braccio.

Funtz

Io non ortopedia, io logopedia. Detto lui?

Walter

(scimmiottando Funtz) Io detto. Ma il problema, quando uno dire, è vedere se l’altro capire.

Carmela

(entra distratta, pulendosi le mani con uno straccio) Walter, che vuo’... (si accorge di Funtz) Chiste sta ancora ccà! (come da lezione) Dottor Walter, voi comandate e Carmela “esequisce”.

Walter

(ingoiando fiele) Quando sua signoria si è liberata di quelle maledette alici, può degnarsi di chiamare la signora Lady Anne e dirle che la stiamo aspettando?

Carmela

(con l’andatura lenta) Certamente! Dottor Walter, voi comandate e Carmela “esequisce”. (sta per uscire)

Funtz

(militarescamente) Alt! Ferma tu!

Carmela

(si blocca, impaurita) Mamma d’ ‘o Carmine, che aggia fatto! Genera’, nun sparate, pusate ‘o fucile!

Funtz

(le si avvicina e le gira intorno scrutandola) Lei sente bene?

Carmela

Ringrazianno ‘a Maronna, ‘a recchia nun m’ha mai abbandunata.

Funtz

Cosa essere “recchia”?

Carmela

(si tocca l’orecchio) Chesta, ‘a recchia.

Funtz

No! Io non dire senti con recchia io dire tuo corpo senti bene? Tu andare bene di corpo?

Carmela

Ogni matina! Comme nu rilorgio! Sempe ‘a stessa ora.

Funz

No! Tu non capire. Io detto tu sentire bene… saluta!

Carmela

Buongiorno.

Funz

Perché tu dire questo?

Carmela

Gesù! L’hè ritte tu: saluta. E io aggia salutato. Buongirno.

Funz

Non saluta…

Carmela

(a Walter) Wè, ma chiste che vo’? Saluta, non saluta, iss’ ‘o mette e isso ‘o lleva. Water fall’ ‘o fernì ca piglio ‘na cosa ce ‘a chiavo ‘nfaccia.

Walter

Ma che stai capendo? Il dottor Funtz vuole sapere se tu stai bene di salute.

Carmela

Ah! Chest’ è? Dotto, me sento fresca e tosta.

Funtz

(con un ghigno sadico) Non vero! Tu senti formicole salire per gamba quando non camminare, vero?

Carmela

(meravigliata) E vuie che ne sapite?

Funtz

(c.s.) Poi senti fischi in recchia, vero?

Carmela

Si. Dint’a tutt’ e ddoje!

Funtz

(c.s. le si avvicina all’orecchio e le sussurra qualcosa) Vero?

Carmela

(sbalordita, si mette una mano d’avanti e una indietro) Chesto ve l’ha ritte Papele?

Funtz

(divertito) Non detto nessuno. Anzi, si, detto a me mia esperienza, mio studio.

Carmela

E dicite al vostro studio che se ntricasse nu poco de’ fatte suoi!

Funtz

(a Walter) Cosa dire, io non capiscio.

Walter

(imbarazzato) Che è lusingata delle sue attenzioni.

Funtz

(a Carmela) Io sapere come curare tuo malo.

Carmela

No, grazie. Io nun me piglio nisciuna mmerecina. Pe me piglià, na vota, na pastiglia pe’ ‘o mmal’ ‘e capa me venette na diarrea mai vista e ‘o mmal’ ‘e capa addò steva llà rummanette.

Funtz

Brava! Medicine aggiustare una cosa, scassare un’altra! Brava! Io non voglio dare medicina. Io voglio che tu fare esercizio fisico per togliere tuo malo.

Carmela

Che sarebbe sta cosa?

Funtz

Tu guardare me dentro occhi prego.

Carmela

(gli si mette di fronte e lo fissa negli occhi) Così va bene?

Funtz

(c.s.) Perfetto! (le si avvicina per guardarle negli occhi, sono faccia e faccia) Bene, suo fondo occhio dice tante cose.

Carmela

Che bella cosa! Tengo l’uocchio parlante.

Funz

(c.s.) Apri bocca, piano piano fino a che tu puoi.

Carmela

(c.s. esegue)

Funtz

(c.s.) Bene, sua gola molto bella!

Raffaele

(entra, fraintende, furioso) Guè! Che state facenno?

Walter

(timoroso) Papele, non fraintendere, il dottore stava solo visitando Carmela.

Raffaele

E che l’ha pigliata pe’ na cavalla, ‘a guarda mmocca!?

Funtz

Io no veterinario! Io guardare bocca e anche suo fondo oculare.

Raffaele

(sgrana gli occhi) Te si’ mmise a guardà ‘o fondo culare ‘e Carmela mia!?

Walter

Calmati! Il fondo oculare sta dint’ all’uocchie! Nun capì na cosa pe’ n’ata.

Raffaele

E perchè stava avvicinato così vicino, con la faccia vicino alla faccia di Carmela?

Carmela

(risoluta) Papè, ferniscela! Basta mo! ‘O duttore me steve facenno na semplice visita, è inutile che te sbatte tutte quanto. (al dottore) Dotto’, scusate, grazie assai. Levamme l’occasione! (va da Raffaele lo afferra per il braccio e se lo trascina) Iammucenne dinto, aggia avvisà a Nennella. Chillo me steve facenn’ ‘a visita pe’ senza niente è venuto Otello e amma fernuto ‘e fa! (escono)

Funtz

Gelosia è male inguaribile! Lei geloso?

Walter

No, assolutamente! Penso che il geloso, fondamentalmente è un insicuro.

Funtz

Jà! Bravo. Geloso non avere fiducia in altra e soprattutto in lui stesso.

Walter

Certo, sono pienamente d’accordo! Tra me ed Lady Anne c’è una fiducia cieca. Ci amiamo di un amore così intenso e vero che facciamo invidia. Forse, gli eventi hanno contribuito a rafforzare i nostri sentimenti... solo la perdita della sua voce getta un velo di turbamento sulla nostra felicità. 

Funtz

Capiscio, lei vuole cantare ancora.

Walter

No! Stranamente, non è lei che ne sente la mancanza... sono io che non riesco a farne a meno.

Funtz

Lei?

Walter

Si! A noi non manca niente, mi creda, abbiamo tutto, ma sapesse come mi manca sentire una voce che mi sussurri: “Ti amo!”

Funtz

Amore si mostra anche con fatti.

Walter

Certo! Ma da quando è successo il fatto… anche i fatti non sono fatti come venivano fatti prima del fatto. Mi sono spiegato? E’ diventata pudica, ha vergogna… prima, mio caro dottore era una furia… sensualità incarnata. Mo me pare Santa Maria Goretti! E poi, il fatto, se è accompagnato da parole, da dolci parole, è tutta un’altra cosa. Dottore, non a caso il buon Dio ci ha creato con le orecchie! Badi bene: con due orecchie. Probabilmente per sottolineare la loro importanza… e poi, non so a lei, ma a me, in quei momenti... mi capisce, no?... Intimi… qualche parolina… lei saprà no?… una parolina, seppure una semplice vocale emessa, per soddisfazione, nel momento giusto… insomma… tiene su!… Il silenzio, a me specialmente, mi butta, inesorabilmente, giù!… Mi sono spiegato.

Funtz

Benissimo! Lei detto bene, io capito tutto. Però non è solo mancanza parolina che non fa alzare il ca…

Walter

Dottore!

Funtz

Il calore!… di coppia che si unisce. Se tua partner è… come dire?… brutta, fa stesso effetto calante e allora è meglio gettare in un ce…

Walter

La prego!

Funtz

In un certo qual modo, la maschera e dire verità: tua moglie è racchia?

Walter

Mia moglie!? (mentre la descrive,  Lady Anne compare, alle sue spalle, sul ballatoio e procede come una vamp). È una dea!… bellissima… ha un’andatura così sensuale e uno sguardo così ammaliante, che non se lo immagina nemmeno.

Funtz

(All’insaputa di Walter guarda estasiato Lady Anne) No, io immagina...

Walter

(c.s.) I suoi occhi sono specchi, specchi in cui un uomo non può che godere nel riflettersi… il suo nasino è un vezzo, un tocco di Dio che ha voluto dare ancora più bellezza a quella sua faccina da bambina e nel contempo da femmina  ammaliatrice: innocenza e perversione albergano in tutto il suo corpo… piccolo, aggraziato, tutto al posto giusto… provocantemente al posto giusto! Lei non può immaginare…

Funtz

(c.s. ammaliato) No, io immagina…

Walter

(c.s.) … il tepore dei suoi abbracci, il profumo, la morbidezza della sua pelle… pelle di seta, di velluto che freme alle carezze e sembra contenere i sussulti di una carne che brama godimento. Si sforzi a immaginare tutto questo.

Funtz

(c.s.) Io non sforzare molto…

Walter

(c.s.) E pensi, adesso, a questo spettacolo divino in un inesorabile… silenzio.

Lady Anne

(amorevolmente lo abbraccia da dietro)

Walter

(sorpreso) Lady Anne! Sei qui?

Lady Anne

(sempre mimando, innamorata, comprensiva, lo guarda affascinata) Già da un po’.

Walter

Hai sentito tutto?

Lady Anne

Si. (si riprende, energica e decisa) Lui è il dottore, me lo presenti?

Walter

Ti presento subito. Dottor Ernst Funtz, mia moglie Lady Anne.

Lady Anne

(gli porge la mano per farsela baciare) Piacere.

Funtz

(ammaliato, intontito) Piacere!... Signora, io non avere parole! (le bacia la mano)

Lady Anne

(ironica) Ah si!? Che bella cosa!

Walter

Fate che devo chiamare un altro logopedista anche per voi?

Funtz

No, Scusate me, io sono incantato per bellezza di sua signora. Lei avere ragione, io devo fare tutto il possibile per far ritornare la parola a questa creatura celeste.

Lady Anne

Si, quando possiamo iniziare?

Walter

La mia signora è impaziente di iniziare la sua terapia.

Funtz

(rude a Walter) Jà! Inutile tu spiegare me, io capire muti, io avere molta esperienza. Zitto tu, fai parlare... cioè fai spiegare alla signora. (dolce a Lady Anne) Signora, bisogna che io visitare lei, per dire quale terapia prendere.

Lady Anne

Mi visiti pure, sono qui, facciamo presto. Cosa devo fare?

Funtz

(prende dalla sua borsa un abbassalingua e una lucetta che si mette sulla fronte) Vediamo, come prima cosa, sua gola. Apri bella sua bocca, prego?

Lady Anne

(apre la bocca e si posiziona per farsi guardare all’interno)

Walter

(si trova tra il dottore ed Lady Anne) Mettiti bene, cara, fatti guardare.

Funtz

(le abbassa la lingua e guarda all’interno della bocca, con soddisfazione) Bella... sua gola è meravigliosa... perfetta! (ammaliato le sia avvicina come se volesse baciarla)

Walter

(lo allontana) Dottore! Ha visto quello che doveva vedere?

Funtz

(riprendendosi) Si. Io visto tutto. Bene, molto bene, noi possiamo iniziare mia terapia senza problemi.

Lady Anne

Quando?

Funtz

(prende un’agenda dalla borsa e la consulta) Vediamo... io libero tra...

Lady Anne

(delicatamente gli chiude l’agenda e lo fissa civetta) Quando?

Funtz

(ammaliato) Adesso!

Lady Anne

(energica) Grazie. Allora cosa devo fare?

Funtz

Prima cosa noi fare esercizi di respirazione. Nostra parola dipende da respirazione, se respirazione sbagliata, parola sbagliata.

Walter

(tra se) Allora Carmela e Papele respirano una schifezza!

Funtz

Signora lei deve fare respiro con diaframma.

Walter

Mando Papele in farmacia a comprarlo.

Funtz

Alt!... Cosa volere comprare?

Walter

(intimorito) Come ha detto... il diaframma.

Funtz

(divertito) Giustamente, lei non sa. Lei avvocato, non capisce di diaframma lei! Diaframma essere muscolo che butta giù nostro intestino e fa spazio a nostro polmone. Capito?

Waster

Ah! Spinge gli intestini?

Lady Anne

(preoccupata) Cosa devo fare?...Siamo sicuri?

Funtz

Signora, non preoccupa lei! Fare come dice io: prendere tanta aria in polmone...

Lady Anne

(aspira e gonfia il petto che va sotto lo sguardo del dottore)

Funtz

(confuso sudante) Non così!... Così molto bello, ma sbagliato. Lei aria non deve mettere su, deve buttare giù.

Lady Anne

(preoccupata) Ma giù, davanti o in dietro?

Funtz

Cosa capito!? Con diaframma deve fare spazio a polmone, così, guarda me. (esegue) mettere aria dentro… dentro più che lei può… gonfiare pancia tua, non preoccupare… poi cacciare lentamente. Capito?

Lady Anne

(cerca di eseguire ma tossisce)

Funtz

Aspettare. (si guarda intorno, va alla porta finestra guarda fuori) Benissimo! Noi avere tanta aria buona... dentro aria viziata perciò lei tossire... in giardino noi fare esercizi più meglio assai, signora seguire me prego!

Lady Anne

(a Walter) Dai, vieni accompagnami.

Funtz

No! Meglio lui stare dentro. Meglio noi soli… esercizio funziona meglio assai se noi soli. (a Walter) Tu avere difficoltà per questa cosa?

Walter

(disinvolto) Ma le pare! Vada pure, basta che la mia Lady Anne ne trovi giovamento.

Funtz

Questo è sicuro come sole che sorge. Tu rimanere qui e, mi raccomando, non fare str…

Walter

Dottore!

Funtz

Strani cose! Non venire in giardino, anche se tu sentire cose.

Walter

“Cose” che cosa?

Funtz

Rumore, grido, respiro… cose così. Fare parte tutto di mia terapia. Se tu vuoi che voce ritorna, tu fare tutto quello che io dico.

Walter

Certamente dottore, faccia quello che meglio crede, l’ho chiamata per questo. La prego faccia tornare la voce alla mia Lady Anne.

Funtz

Bravissimo. (ad Lady Anne) Signora, andiamo?

Lady Anne

(intimorita, guardinga, si dirige fuori, scambia uno sguardo con Walter e si salutano come se fossero alla stazione ferroviaria: lei sul treno e lui sotto)

Walter

Va… non avere paura… io sarò qui ad aspettarti.

Funtz

Noi andare in giardino no in America. Non fare tutti questi vomiti! (ad Lady Anne) Andiamo!

Lady Anne

(rassegnata) Andiamo. (vanno in giardino)

Walter

(per un po’ li segue con lo sguardo, poi va a sedersi sul divano e, falsamente disinvolto, cerca di leggere un libro)

Funtz

(è nel giardino e si sente solo la sua voce) Fare come dico io, prego: mettere dritta… brava così… adesso apri tutto tuo polmone… così… fare entrare tutta aria… ancora… io mettere mano su tua pancia… io vedo se tu muovere bene… brava… tu sei meraviglia… tu muovere tua pancia come fisarmonica… brava… continua.

Walter

(resta col libro aperto e ascolta entusiasta) Vai, amore, fa tutto per bene!

Raffaele

(entra con l’orecchio teso verso il giardino, curioso e sospettoso)

Carmela

(lo segue e cerca di fermarlo) Ma addò vai? Chiste nun so’ fatte tuoi, nun te ntricà, viene ccà!

Raffaele

(c.s.) Statte nu poco zitta, famme sentì.

Walter

Ma che vuoi sentire? Non c’è niente da sentire.

Raffaele

Dottor Water…

Walter

Walter!

Raffaele

La signora sta dint’ ‘o ciardine, sul’essa cu’ ‘o tedesco?

Walter

Comme sta sul’essa? Sta insieme al dottore.

Raffaele

No, dicevo, sul’essa nel senso che… insomme stanno sule loro.

Carmela

E allora!? Che male ce sta? ‘O duttore lle sta facenne qualcosa pe’ ‘a fa putè parlà.

Raffaele

(malizioso, allusivo) Qualcosa, sicuramente lle starrà facenne! Nun saccio si ‘a fa parlà, certo, si ce sape fa, a putesse fa alluccà!

Walter

(offeso) Guè, come ti permetti? Sta al posto tuo, hai capito?

Carmela

Scusa Walter, scusa. Chisto tene ‘a capa pe’ spartere ‘e recchie, nun capisce niente! (a Raffaele) T’aggia ritto ca chiste nun so’ fatti tuoie, t’ hè ‘a sta zitto! Che te ne importa si ‘a signora sta cu’ ‘o duttore a fa ‘e schifezze…

Walter

Carmela! Mo te miette pure tu!?

Carmela

No! Che hai capito? Io dicevo che pure si fosse, a isso che lle importa, me pare ca ‘o curnuto e isso, ‘o curnuto si tu!

Walter

Basta! Ma che cornuto, che state farneticando? Lady Anne sta facendo dei normali, ingenui e casti esercizi per la voce. Voi vedete tradimenti, corna e sesso dappertutto.

Raffaele

Forse. Ma comme se dice?… è meglio nun fa comm’a Santa Chiara che se facette ‘e porte ‘e fierre doppo che ll’arrubbaine.

Walter

Ma che significa, che stai dicendo?

Raffaele

Water, l’ommo è nato sfurtunato: tene dduje uocchie ma ‘e tene tutt’ ‘e dduje annanze. Si ‘o Padreterno, sempre sia lodato, ce n’avesse mise uno annanze e n’ato arrete, ce putesseme evità tanti dispiaceri.

Walter

Non ti preoccupare. Io con tutt’e due occhi davanti sto attento  lo stesso.

Lady Anne

(con una leggera corsa passa da un lato all’altro della porta finestra)

Funtz

(segue Lady Anne) Brava… correre piano… corsa fare bene a respirazione. (esce)

Carmela

(dubbiosa) Ma a chiste comme ‘o verite?

Raffaele

(trattenendosi) Mmmm! Nun me fa parlà!

Walter

Ma la smettete! Ernst Funtz è un serio professionista, grande studioso e galantuomo.

Funtz

(dall’esterno) Adesso fare quello che io dico... Apri fino a che tu puoi... ora metti dentro... metti tutto dentro... adesso muovere come prima... fai fisarmonica.

Raffaele

(malizioso, guarda Walter con scherno) ... apre fino a che può... ora mette dentro... e mo fa ‘a fisarmonica. (nel mimare la fisarmonica fa con le mani il segno delle corna)

Walter

(non sa che pensare, freme è dubbioso) Questo è l’esercizio che le ha fatto fare prima.

Raffaele

(c.s.) Ah, ce l’ha fatte fa pure prima ‘a fisarmonica?

Carmela

(dubbiosa, preoccupata) Walter, ma chiste che stanno facenno?

Walter

(non vorrebbe mostrare la sua preoccupazione, ma vuole sapere cosa sta succedendo nel giardino) Niente... stanno facendo gli esercizi! Se vuoi esserne sicura, perchè non vai a vedere?

Carmela

(decisa) Bravo! Mo vaco a vede’!

Raffaele

(la blocca) Vai a vede’!? E comme vai a vedè senza ‘o permesso mio?

Carmela

(sbotta) Uh, Papè, tu sì na palla! Maro’ e comme sì pesante, azzeccuso e scassambrello. Levete ananze e famme passà, (lo scosta malamente) nun me fa perdere tiempo.

Raffaele

(offeso, solenne) Si passe chella sogliola, forse, nun perderai tempo ma sicuramente perderai a Papele!

Carmela

(uscendo, con le braccia al cielo) E sia fatta la volontà di Dio!

Raffaele

(deluso a Walter) Wè, quella ha passato la sogliola, se n’è gghiuta!

Walter

Aggia visto!

Raffaele

E io mo’ che faccio?

Walter

Siediti qui e aspetta insieme a me. (si siedono sul divano)

Funtz

(da fuori) Signorina Carmela, vieni, fa esercizio con noi.

Raffaele

(allarmato fa per alzarsi)

Walter

(lo afferra con un braccio e lo fa sedere, rassicurandolo)

Carmela

(da fuori) Perchè ‘e pozze fa pure io? Dotto’, io parlo!

Funtz

Questi esercizi buoni per tutti. Avanti, fai come fa signora Lady Anne, apri fino a che tu puoi... adesso muovere insieme...

Walter

(vendicativo, guarda Raffaele e sogghigna)

Funtz

(c.s.) Carmela, bene tu aperto bene... ora metti dentro...

Carmela

(c.s) Aah! Così, dotto’!?

Raffele

(inorridisce, ma non si muove)

Walter

(c.s.)

Funtz

(c.s.) Brava Carmela! Lady Anne, anche tu, metti tutto dentro...

Raffaele

(vendicativo, guarda Walter e sogghigna)

Walter

(accusa il colpo)

Funtz

Lady Anne apre e Carmela apre...

(Walter e Raffaele si guardano dubbiosi)

Funtz

(c.s.) Adesso, insieme... fate fisarmonica!

Raffaele

(all’apice della sopportazione) Water, io nun ce ‘a faccio cchiù! (corre fuori al giardino)

Walter

(rincorrendolo) Dove vai?... lasciale stare. (esce)

(si sentono rumori di cazzotti grida di ira e di dolore)

Funtz

(entra veloce, coprendosi l’occhio impreca in tedesco) Mio occhio, fa male mio occhio!

Raffaele

(entra trascinando Carmela) Io t’accire... annanze all’uocchie miei... addirittura cu nu tedesco!?

Carmela

(impaurita e sottomessa) Ma io nun stevo facenno niente ‘e male... stevo facenno ‘a fisarmonica!

Walter

(accecato dall’ira, trascina Lady Anne e la fa sedere, spingendola, nel divano) Dopo tutto quello che ho fatto per te...

Lady Anne

(sempre mimando) Non ho fatto niente di male, respiravo.

Funtz

(c.s.) Assassino! Io mandare in galera te!

Raffaele

(afferrando Carmela per la gola, a Funtz) Aspettame che t’aggia fa ‘o riesto! (a Carmela) Papele ‘o marenare è n’omme d’onore e l’omme d’onore, in questi casi, adda fa una cosa sola...

Carmela

(soffocante) Pape’, fermete, nun fa fesserie...

Walter

(è confuso e accecato dall’ira, guarda Raffaele e lo imita, afferra la gola di Lady Anne) Si... ha ragione Papele!

Lady Anne

(terrorizzata tenta di allentare la morsa delle mani di Walter) Lasciami, non ho fatto niente di male.

Funtz

(con l’occhio nero cerca di fermare i due  e viene spinto da entrambi) Ferma... ma cosa fare?...

Raffaele

Dottor Strunz nun te bastavano ‘e corne ‘e Water l’hè vulute fa pure a me... e chi tocca a Papele se fa male!

Walter

(c.s.) Perchè... perchè l’hai fatto... ti sono stato sempre vicino, ti ho aiutata, ti ho amata più di ogni altra cosa e tu mi inganni in questo modo?... Dimmi perchè l’hai fatto, voglio sapere...

Lady Anne

(è al limite della sopportazione, si dimena e si sforza per liberarsi, raduna tutte le forze e grida) Ti amo!

Tutto si ferma...                                 

SIPARIO.

Secondo Atto

È la stessa scena del primo atto, ma tutto è più colorato, illuminato e festoso. Ci sono vasi con fiori un po’ dappertutto, fuori, si vede il giardino in fiore e qualche tavolo imbandito... tutto ha l’aria di festa. Si apre il sipario con il rumore, il fumo e lo scintillio di un petardo.

Raffaele, con Chiao Pin, discute animatamente...

Raffaele

(con abiti nuovi più consoni all’ambiente, stanco, un po’ sgualcito, estraendo dei petardi da un grosso pacco) Hè sentuto? Nun è comme t’aggia ritto io!... Vuie cinesi tenite ‘a capa tosta!

Chiao

Chiao Pin non tenele capa tosta... Chiao Pin fatto come tu detto.

Raffaele

Nossignore! Mo ‘o ddice n’ata vota!? Io ti ho detto di fare la scarica più lunga e tu pe’ sparagnà ‘a povere l’hè fatta cchiù corta.

Chiao

Io fatto scalica lunga, tu accendele un altlo, fai scoppiale un altlo, senti meglio.

Raffele

(scimmiottando) Un altlo!? Chist’’è ‘o quinto che faccimme scuppià, ccà pruvanne pruvanne fernimme tutt’ ’e fuochi d’artificio.

Chiao

Solo un altlo, così tu capile che io fatto come tu detto.

Raffaele

(A limite) Tu me fai ncuccià na freva!... Arricuordete bbuone, io te dicette che m’iva fa e tracchi che facevano: ta-trta-trta-trta-tata-tata-bum e chiste ch’hè fatte tu fannno: trta-tata-tata-bum e basta! ‘O ta-trta-trta addo’ sta?

Chiao

Tu non sentile bene con lecchia! Tu sentito solo quando finile, tutto è: ta-tlta-tlta-tlta-tata-tata-bum!

Raffaele

(c.s.) Nossignore! È : trta-tata-tata-bum e basta!

Chiao

No, tu sbagliale, fare: ta-tlta-tlta-tlta-tata-tata-bum!

Raffaele

(c.s.) Mannaggia!... Mo ‘o bum t’ ‘o faccio ncapa! Stu coso fa: trta-tata-tata-bum e basta!

Chiao

Fa: ta-tlta-tlta-tlta-tata-tata-bum!

Raffaele

(c.s.) Trta-tata-tata-bum!

Chiao

Ta-tlta-tlta-tlta-tata-tata-bum!

Raffaele

(c.s.) Trta-tata-tata-bum!

Chiao

Ta-tlta-tlta-tlta-tata-tata-bum!

Raffaele

(c.s.) Trta-tata-tata-bum!

Carmela

(entra dal giardino) Guè!?... Avite fatte fuì tutti ll’aucielle ‘a copp’ ‘e piante! Che avite passato?

Raffaele

(indicando Chiao) Chistu faccia gialla oì! Vo’ pe’ fforza avè ragione isso.

Chiao

(alterato) Se io faccia gialla, tu faccia di...

Carmela

(fermandolo) Chiao Pin!? Mantenimmece puliti.

Raffaele

Pe’ sparagnà ‘a povere m’ha fatto ‘e tracchi cu’ ‘a scarica corta. Si nun stesse ‘a festa stasera c’ ‘e facesse purtà arete.

Chiao

Tu non può poltare botti dietlo me, tu oldinato, io poltale.

Raffaele

Tu m’hè purtate na cosa pe’ n’ata! Carmè è comme si tu me urdinasse nu bellu  capitone e io te purtasse na anguilletella! 

Carmela

(allarmata) No! Ch’aggia fa cu anguilletella!? Io voglio ‘o capitone!

Raffaele

Hè visto!? Aggio ragione o no?

Carmela

Hai ragione però, mo che putimme fa!? Stasera facimme ‘a festa senza fuochi arificiali? Nennella ce rimarrà malissimo. Meglio chiste ca niente, nun te pare?

Chiao

(contento) Meglio chiste ca niente... blava.

Raffaele

Sì cuntente!? Tu pirciò nun me l’hè purtate aiere, tenive ‘o serpe dint’ ‘o manecone.

Chiao

Cosa avele io?

Raffaele

‘A saràga dint’ ‘a sacca.

Chiao

Io non capile.

Raffaele

‘A botta dint’ ‘a scella.

Chiao

Cosa?

Raffaele

‘O pièchero sott’ ‘o lietto.

Chiao

Cosa avele io sotto letto?

Raffaele

‘O pièchero!

Chiao

Piechelo? Io non sapele cos’ ‘essele.

Raffaele

(canzonatorio) Nun ‘o ssaje, dumandacelle ’a mugliereta, t’ ‘o spiegh’essa!

Carmela

Chiao, ma  ‘a botta finale l’hè fatta comme ‘a ritte ‘o dottor Walter?

Chiao

Celtamente! Io fatto come dile dottole: folte folte folte e con tanti cololi.

Raffaele

Almeno chesta speriamo che l’hè fatta comme t’è stata ordinata. (prendendo il pacco) Damme na mana aizamme stu pacco e purtammele dint’ ‘a serra, ccà è pericoloso, nun sia mai che scuppiasse...

Chiao

Si, tu lagione, poltare lontano, qui molta polvere da spalo, essele pelicolosissima. (aiuta Raffaele e si avviano per il giardino)

(si sente Lady Anne cantare la canzone di apertura)

Carmela

(fa dei cenni di sofferenza ) Mo accumencia a cantà! Siente sie’!

Raffaele

(fermo sulla soglia della portafinestra, insieme a Chiao, trasportano il pacco, ascolta un poco titubante) Maronna santa! Dio scansa e libera. Chella, pe’ essere brava è brava!... Ma...

Carmela

(c.s.) Nun ‘a fernesce cchiù!

Raffaele

(c.s.) Era meglio primme! Più delicata, più calma… più zitta!

Carmela

Era meglio quando si stava peggio!

Raffaele

Primme se steve cchiù ferma, mo parla sempe.

Carmela

‘E quanno nun parla…

Raffele

Canta!

Chiao

(sofferente per il peso del pacco) Voi pallare dopo, posale plima pacco... dopo voi avele tutto tempo che volele, pallale fino a che seccale vostra lingua!

Carmela

All’ossa toia!

Raffaele

(divertito) Ave ragione! Sta tutto surate... jamme, jamme ‘a pusà stu coso. (escono)

Carmela

(a Raffaele, vogliosa) Comme fernisce cu ‘o cinese, viene dint’ ‘a cuicina… stamme sule nuje!

Raffaele

(fuggente) Dopp’ ‘a cura e chillu piezz’ ‘e… Funtz, dint’ a sta casa nun se capisce ninte cchiù: chi nun parlava parla assai e chi nun faceva… mo vo fa assai! Doppo aggia jì a putà ‘e piante, nun pozze venì. (esce)

Walter

(entra da destra seguito da due clienti: Assunta e Peppe, due popolani. Si continua a sentire Lady Anne cantare) Spero di essere stato chiaro. Negate sempre: le posate d’argento non le avete mai viste. Quando il giudice vi chiederà: “Sapete dell’esistenza di posate d’argento nella casa dei vostri padroni?”  Voi risponderete...

Assunta

(prontamente, ad alta voce) No, signor giudice eccellenza, nuje nun ll’avimma mai viste. Quando siamo andati noi a lavorare nella casa dei signori, le posate già nun ce stevene.

Walter

(disturbato per il volume della voce) Guè! Che allucchi a fa? Io ce sento, parla normale.

Assunta

(mortificata) Scusate Avvoca’, me so’ fatte piglià dall’emozione, capitemi, io nun aggia mai parlato cu’ nu giudice.

Walter

Ma ‘o giudice nun ce sta ancora! Nun t’emoziona’!

Peppe

Signor avvocato eccellenza, scusate si ve faccio un altra domanda, ma se io domando è perchè voglio capì bbuone. Quando il giudicio mi addomanderà se io aggia mai viste le posate d’argento, llè pozzo risponnere: “Signor giudicio io le posate, non le ho mai posate, perchè se le posavo sapevo dove le avevo posate, chi le ha posate, invece, se le posava dove si dovevano posare, io le posate le trovavo dov’erano state posate e io le vedevo e invece non l’ha posate.”?

Assunta

(gli dà uno schiaffo dietro la nuca) Peppì, tu sì nato scemo, campe ‘a scemo e jettarraje ‘o sango ‘a scemo!... Allora nun hè capito chello che t’ha ritto l’avvocato?... Quando le posate sono state arrubbate nuje, in quella casa, nun (cerca di ripetere il termine) cerevàme... cèrevame... cerèvame... cerevamè... (risoluto) nun ce steveme! Accussì ha ritto ‘o signore avvocato e accussì avimma dicere. Avimma avè fiducia.

Walter

È certo! Mi raccomando, restituite le posate! Stesso stanotte, mettete le posate da qualche parte, in modo che si possano trovare. Ci siamo capiti? Dovete avere fiducia in me, altrimenti che siete venuti a fare?

Assunta

Sulo pe’ pavà solde? Chillo ‘o signore avvocato, ‘o ddicene tutti quanti, tene ‘o principe do’ fore. (a Walter) È vero?

Walter

(vorrebbe correggere) No, veramente...

Peppe

(si corregge) Tene ‘o foro ch’è nu principe.

Walter

(c.s.) No...

Assunta

(c.s.) Tene nu principe ‘e foro.

Walter

(arrabbiato) Io nun tengo nisciuno foro! Io (marca) sono un principe del foro. Sono un avvocato!

Assunta

(a Peppe) Che te pensave? ‘O verive accussì e te cririve che era nu fesso, nu mieze sceme, nu nullafacente, uno e chilli scartapelle qualunque? Chillo tene nu foro (fa il gesto con le mani) ‘e chesta manera!

Peppe

Assu’, cu tutt’ ‘e solde che s’ha pigliate, chiste, ‘o foro ‘e chesta manera ce l’ha fatte a nuje.

Assunta

(ascoltando la canzone di Lady Anne, piacevolmente) Ma vuie dint’ ‘a casa tenite sempe ‘a radio appicciate?

Walter

No, la canzone che sentite non proviene da una radio è cantata dal vivo.

Peppe

É cantata dal vivo!?... E’ logico!... ‘A puteva mai canta’ nu  muorto!?

Assunta

(gli dà un altro scapaccione) Menomale che nun so’ viulenta! Sce’, nel sense che la vocia che senti è cantata dalla stessa medesima persona che nel momento istante che la senti apre la bocca è canta. Hè capito?

Walter

(li accompagna alla porta) È mia moglie che canta, è nel giardino a provare lo spettacolo per la festa di stasera.

Assunta

È vostra moglie la cantanta!?

Walter

Certo. Mia moglie è Lady Anne. Non vi dice niente questo nome?

Peppe

(eccitato) La cantanta che fa quelli balli colle ballerine, cu’ tutt’ ‘e carne ‘a fore, chiena ‘e penn‘ ‘e strunzo, ‘e paglietelle e pellicce!?

Walter

(divertito) Piume di struzzo, e paillettes...   

Peppe

Scusate, ma è quella ca uno la sparò, non la cogliò, lei si spaventò e pe’ ‘a paura la lengua si tirò.

Assunta

(orgogliosa) Avvoca’, ‘o sentite!? Chillo nun ha studiato, ma si studiave teneva ‘o foro cchiù gruosse d’ ‘o vuoste!

Walter

(sopportando) È probabile. Comunque, ci siamo detti tutto, potete andare. (apre la porta per farli uscire)

Lady Anne

(entra dal giardino, indossa una vestaglia, ha l’aria di chi ha appena fatto una faticaccia, con un foulard si deterge il sudore) Buongiorno!

Peppe

(stava per uscire, poi sente la voce si gira e ammaliato, preso dalla bellezza di Lady Anne si avvicina alla scala e si inginocchia, balbetta) Buongiorno.

Assunta

(nota Peppe) Ma ch’è viste ‘a Maronna?

Walter

(stranamente disturbato) Lady Anne!

Lady Anne

(felice) Questa volta non è il cd, ho cantato io! Non è meraviglioso? (nota Peppe imbambolato in ginocchio) Tu chi sei? Vuoi baciami la mano, Va bene, te lo concedo, baciami la mano! (gli porge il dorso della mano, non aspetta il bacio e si dirige vero il tavolo)

Peppe

(ha tentato di prenderle la mano, ma fa un gesto nel vuoto) Si arrivasse all’acchiappà!

Assunta

(gelosa, gli afferra l’orecchio facendolo alzare gli porge il dorso della sua mano) E bacia chesta. È ‘a stessa cosa!

Lady Anne

(nota i fiori sparsi per la stanza) Ci vorrebbe dell’ acqua altrimenti questi poveri fiori appassiranno in un nonnulla! (con voce sostenuta) Carmela! (ai presenti) Vi starete domandando da dove riesco a prendere tutta questa energia, ebbene vi concedo la risposta... 

Walter

I signori stavano andando via.

Lady Anne

No! Mi hanno fatto una domanda e io ho il dovere di rispondere. Sono una signora io! Dunque, qualcuno, anzi parecchi, si domandano come ho potuto, dopo, un incidente così grave, grave non tanto per le lesioni materiali, in effetti non mi sono fatta nemmeno un graffiettino, ma per quelle, soprattutto morali: una cantante che perde la voce è un fiore senza profumo, un sole senza calore, una luna senza luce. (ai presenti) Non vi pare?

Peppe

Verament...

Lady Anne

(lo blocca) Se fosse capitato ad un’altra, una di queste sciacquettine che credono di saper cantare solo perchè qualche produttore le fa gridare in qualche letto d’albergo, sicuramente si sarebbe, non so, sparata, impiccata, buttata giù dal decimo piano, lanciata sotto un treno, avvelenata...

Walter

(con pazienza) Suicidata! Basta una sola parola.

Lady Anne

Ecco! Non mi veniva la parola: suicidata. Grazie amore. Invece io no! Lady Anne ha aspettato che giungessero giorni migliori.

Carmela

(entra dal giardino) Leden m’hè chiammata?

Lady Anne

(indicandole i vasi coi fiori) Si, puoi mettere dell’acqua a questi Fiori? Non vorrei che stasera gli ospiti li trovassero tutti a testa in giù.

Carmela

Certament...

Lady Anne

(notando Assunta e Peppe) Ho risposto a tutte le vostre domande? Voi siete giornalisti?

Assunta

No, camerieri.

Lady Anne

(contenta) Camerieri!? Che fortuna! Oggi è più facile trovare un chirurgo che un cameriere. Walter, noi ne abbiamo trovato due. Assumiamoli subito.

Walter

Ma quanti camerieri...

Lady Anne

No! Non dirmi che sono troppi. In una casa c’è sempre da fare, specialmente quando si riceve gente. Per la festa di stasera, ho detto a Carmela di prendere il servizio di posate, quello buono.  

Peppe

(interessato) Quello d’argento?

Lady Anne

Si, d’argento. Ma qualche pezzo si è macchiato, si sa com’ è l’argento, si ossida. Avrei bisogno di qualcuno che, per stasera, me li ripulisse.

Assunta

(pronta) Li ripuliamo noi!

Walter

(allarmato) Nossignore! (spingendoli verso la porta) I signori devono andare via.

Lady Anne

Via!? No!

Walter

(paziente ed ironico) No! Chi trase dint’ ‘a sta casa nun ne esce cchiù!

Lady Anne

Avresti il coraggio di mandare via questi signori che hanno una faccia così onesta, un aspetto così signorile, insomma siete assunti! Carmela, accompagna di là i signori. I signori ci ripuliranno tutto l’argento che abbiamo in casa.

Peppe

Sicuramente!

Assunta

Ve facimme nu servizio ca nun v’ ‘o scurdate cchiù pe’ tutt’ ‘a vita.

Walter

(ad Assunta) M’arraccumanne, io dopo mi conto tutti i pezzi…

Lady Anne

Ma perché mai? Dà fiducia e ti daranno fiducia.

Walter

(con intenzione ad Assunta) Così, subito? La fiducia si può meritare dopo, almeno, sette otto anni… tante ve faccio piglià a vuje.. anche dieci!

Carmela

Wè, venite cu’ me, jà! Ccà ce stanne tanti ccose ‘a fa e si ce mettimme sempe a parlà (con intenzione a Lady Anne) ‘a cape s’abboffa, se fa tanta (fa il gesto con le mani) s’abboffa fin’ a che nun scoppia! Vuje avita faticà? E venite cu’ mme. (si ferma di botto, ai due) Ccà se fatica senza parlà! Nemmeno ‘na parola. M’arraccumanno, dicite sulo si, si è si e no, si è no! (ripetendo trascina Assunta e Peppe ed escono)

Lady Anne

Amore mio hai sentito la mia canzone? Ti piace, dimmi. Mica hai sbirciato per vedere il balletto? Non lo devi vedere deve essere una sorpresa. Stasera rimarrai sbalordito, estasiato…

Walter

Intontito.

Lady Anne

Si! Dalla mia bravura, dalla mia bellezza… dalla mia voce!

Walter

Si, sicuramente, ma… amore mio bello… durante il giorno…

Lady Anne

No, non dirmelo. Non ripetere sempre le stesse parole. Non devo farmi sentire dai tuoi clienti. Già l’hai detto.

Walter

Il tempo di spostarmi con lo studio. Non è bello che mentre lavoro si sente Lady Anne che canta.

Lady Anne

Hai ragione. Scusa, lo hai detto una volta e non te lo farò più ripetere. Sto trovando anche io un posto per provare e quindi potresti rimanere tu qui. Per me ci vuole spazio, ho già fatto contattare, dai miei agenti, il proprietario del supermercato all’angolo di via Verdi con via Puccini. Ho intenzione di ritrasformarlo in teatro. Lo voglio chiamare Lady Anne! Che ne dici?

Walter

È una buona idea…

Lady Anne

Lo sapevo che trovavi giusta la mia idea. Mamma mia come mi sento bene! Ho tanta di quell’energia che non riesco a fermarmi…

Walter

Sono tre mesi… da quando hai riacquistato la parola che…

Lady Anne

Non riesco nemmeno a dormire molto. Tre, quattro ore a notte poi mi sveglio e devo cantare, cantare, cantare… parlare, parlare, parlare, per ascoltare di nuovo la mia voce. E poi ho ripreso di nuovo a ballare… mi ero un po’ anchilosata, ma mi è bastato poco per ritornare in forma, anzi, ho più energia di prima… di giorno e… di notte!

Walter

Lo so! Sei ritornata la femmina di prima… (con sofferenza) dieci volte più femmina di prima.

Lady Anne

Da stamattina che ho messo piede a terra, non mi sono fermata un attimo! Solo cinque minuti fa per prendere un succo di pompelmo. Comunque ti voglio far sapere che ho chiamato i mie agenti, mi stanno organizzando un megaconcerto per il ritorno ufficiale di Lady Anne sulle scene. Già hanno fatto il tutto esaurito.

Walter

Esaurito! Si brava, questo sono io… esaurito.

Lady Anne

Cosa?

Walter

Niente! Niente, amore mio, adesso devo andare a lavorare. Ci vediamo più tardi. (si avvia per lo studio, suonano alla porta)

Lady Anne

(eccitata, frenetica) Carmela, Carmela, Carmela…

Carmela

(entra correndo) Wè! Sto ccà! Basta nun me chiammà cchiù! Aggia sentuto.

Walter

Carmela!

Carmela

Dottor Walter, io pense che è inutile che la signora “ripetisce” sempre il mio nome senza appurare se io l’aggia già sentuta, o no?

Lady Anne

Pensavo non mi avessi sentita, dato che la cucina è lontana…

Carmela

Nossignora! Cara Leden…

Walter

Lady Anne

Carmela

E io comm’aggia ritto? Leden! (a Lady Anne, con intenzione) Cara Leden io te sento e te sento pure assai! ‘A quanno t’è turnat’ ‘a voce, dint’ ‘a sta casa, nun se sente ato che tu!

Walter

(cerca di zittirla) Carmela!

Carmela

… sto durmenno ‘a notte e me scete na voce, è chi è? Leden che canta, ‘a matina comme mett’ ‘o pere ‘nterra a chi sento? A Leden!… dint’ ‘a cucina? Leden!… arap’ ‘o frigorifero?... Leden!… dint’ ‘e tiane ‘…Leden! Dint’ ‘o cesso… (campanello della porta)

Walter

(c.s.) Carmela! Hanno bussato, va ad aprire!

Carmela

(dandosi un tono) Certamente Dottor Walter, voi comandate e Carmela “esequisce”.

Lady Anne

Ma secondo te parlo davvero tanto? Io non me ne accorgo ma se parlo tanto tu mi avverti? Così io sto zitta. Però mi dovete anche capire, erano tanti anni che non parlavo adesso che mi è ritornata la voce voglio essere certa della sua presenza per questo parlo, parlo, parlo. Ma parlo assai secondo te? Perché se è così io mi limito, sono capace di limitarmi che credi? Mica sono una che parla, parla, parla e non si cura di chi ascolta. Tu come mi vedi? Sono una che non si cura di chi ascolta? No, vero? Lo so che tu mi ami e per questo non vuoi contraddirmi, ma dai, sparala, anche se è cruda, se è dura vai.

Walter

Veramente…

Funtz

(entrando) Buonegiorni! (ammira Lady Anne, le va incontro e la saluta con un baciamano e non riesce a non guardare l’ampio decolté ed apprezzare vistosamente… mentre)

Carmela

(lo segue e lo corregge) Se dice “buongiorno”! (agli altri) Chiste nun sape parlà proprio.

Walter

Carmela!

Carmela

(dandosi un tono) Dottor Walter, voi comandate e Carmela “esequisce”.

Walter

(con intenzione) “Eseguisce” ed esce!  Vai, va! (Carmela esce. Si gira verso il dottore e la moglie e nota gli sguardi maliziosi del tedesco) Dottor Funtz! A voi vi funziona tutto? (si frappone tra i due) Ma state attento perché va a finire che i vostri occhi belli possono andare a scontrarsi con le mie dita lunghe (fa vedere l’indice e il medio e il gesto di accecamento) e al dottor Funtz non funziona più la vista.

Lady Anne

Funtz voi siete il più grande logopedista del mondo! voi mi avete dato tantissimo.

Funtz

Io dato piccola cosa… e voi ringraziare me… quando io dare cosa grossa voi cosa fare a me?

Walter

Ma quale cosa grossa? Dottor Funtz voi già avete dato, mia moglie parla, all’anima e se parla! Parla, canta, strilla, grida… insomma l’avete guarita e ve ne siamo grati moralmente e materialmente. Ma adesso basta e (vede il dottore in qualche approccio, lo sposta) levat’ ‘e mmane ‘a cuolle!

Lady Anne

(a Walter) Non essere geloso.

Funtz

Io mettere mane cuollo signora per malatia.

Lady Anne

(a Walter) Hai sentito?

Walter

(alla moglie) Si. (a Funtz) Per piacere cercate di non fate il malato con mia moglie.

Funtz

Io non fare malato, io cura moglie tua. Io mettere mane cuollo per cura tua moglie.

Lady Anne

(c.s.) Hai sentito?

Walter

(alla moglie) Si. (a Funtz) Ma già l’avete curata bene. Vedete? È guarita… veramente è guarita anche troppo!

Lady Anne

Troppo! In che senso scusa?

Funtz

No, io fare mantenimento di cura tua moglie. Io voglio fare mantenuto… tu non sa che io vuole prendere moglie tua per cu…

Walter

Dottore!

Funtz

Per curare sua malatia! Non fare come quando lei guarita. Tu e uomo di pescio…

Lady Anne

Raffaele? Quello è un gelosone! Equivocò i nostri respiri e vi palesò il suo disappunto.

Funtz

No, lui non palesare, lui paliare me! Io ricordare ancora dolore. Ricordare dolore e puzza pescio, grande dolore e grande puzza pescio.

Lady Anne

Adesso, Raffaele, vi è infinitamente grato. Dice che Carmela è diventata un’altra persona.

Walter

Con lui, forse. Io la vedo sempre la stessa.

Lady Anne

Con lui, certo! Come dire? Nell’intimità! Carmela mi racconta che come ne ha l’occasione, cioè come si trovano da soli, le sale un desiderio irrefrenabile che la induce a saltargli addosso e a …

Walter

E a!... Abbiamo capito. Non continuare.

Lady Anne

Perché mi fermi? Io voglio parlare ne ho bisogno. Ero senza speranze, pensavo di aver perso la voce per sempre, che il mio destino fosse quello di morire nel più completo silenzio e quest’uomo mi ha ridato la voce. Io sono una cantante, caro mio, la voce è tutto per me e adesso la voglio usare. Voglio parlare. Voglio cantare. Voglio gridare.

Raffaele

(Entra guardingo. Con poca voce) Buonasera. Sapete se Carmela sta da sola?

Funtz

No, io non sa se essere sola. Caro Raffaele come stare tu. Io vedere bene, tu “fresco e tosto”?

Raffaele

No! Io sereticce e muolle! Una volta ero fresco e tosto! Mo nun ce ‘a faccio cchiù!

Funtz

Perché tu dire così? Vuoi cura mia anche tu?

Raffaele

No! Statte ferme. Nun è pe’ sfiducia, Carmela dopo la tua cura è guarita… anzi è guarita troppo.

Lady Anne

Ma non siete mai contenti? Questi uomini in qualsiasi modo li tratti è sempre lo stesso, si lamentano sempre e non apprezzano mai. Una non riesce a trattenersi, li desidera ed è malata, si trattiene, non li desidera ed è lo stesso malata, ma allora cosa volete?

Raffaele

Nu poco ‘e pace! Pe’ carità! Nu’ poco ‘e pace! Nun se po’ sta sempe cu’ ‘a stessa capa!

Funtz

Io con esercizio fatto fare loro, come avere tolto loro tappo…

Raffaele

Bravo! Tu c’hè levat’ ‘o tappo e senza ‘o tappo, ‘sti ddoje, nun ce sanno sta e cercano sempe ‘e se fa mettere ‘o tappo ‘a nuje, se vonno fa sempe appilà ‘a nuje!

Walter

Raffaele, io, in verità la cosa la trovo molto piacevole.

Raffaele

Grazie! Pecchè Leden sfoga pure cantanne e parlanne… Carmela mia nun parla e nun canta… hè capito?...  sfoga ‘e ‘na manera sola!... Hè capito!?

Carmela

(sulla soglia) Papè!... Hè furnute?... Viene ccà… me ‘a dà ‘na mano.

Raffaele

(con sofferenza) Ma nun ce sta nisciune che t’ ‘a po’ dà?

Carmela

(c.s.) No, sto sola!

Raffaele

(agli altri, con sofferenza) Sta sola… e ce ll’aggia dà io… ‘a mano. (a Carmela) ‘A mano?... E che te ne faje tu ‘e ‘na mano!? (agli altri, sofferente) Io vado… lle vaco a dà ‘a mano… (a Funtz) Struntz..

Funtz

Funtz!

Raffaele

No, no! Aggia ritte bbuone: strunz!... nun m’abbandunà… fa’ quacche ccosa… io nun pozz’ jì annanze accussì!

Carmela

(se lo trascina fuori) Viene ccà!

Lady Anne

Come sono bellini! È meraviglioso vedere come il sentimento si tramuta in passione! Passione che rende schiavi fino al punto di non volere distaccarsi più, perché non si riesce  a stare l’uno senza l’altro e si vuole diventare e rimanere, per sempre, un unico corpo, con uniche sensazioni, con unico godimento, con unico appagamento.

Walter

(semplificando) Voler fare l’amore! Bastava dire questo.

Funtz

Insomma chia…

Lady Anne

Dottore!?

Funtz

…chiariamo bene questa cosa. Voi contente o no di mia guarigione vostre signore?

Walter

Contentissimo, ma…

Lady Anne

Ma siamo ancora a questo? Cosa devo fare per dimostrarvi tutta la mia riconoscenza? Ma forse non vi siete reso conto di quello che mi avete fatto. Immaginate se fossi stata cieca (da dietro copre gli occhi di Funtz, poi li scopre) e poi uno riesce a darvi la luce… che si prova?

Funtz

(divertito) Granda sotisfazione! Lady Anne a me piacere giochetto, lei fare ancora con me…

Walter

Ancora!? Dottore, per piacere… basta coi giochetti.

Lady Anne

(gli copre gli occhi come al dottore) Vuoi giocare anche tu!? Ed io ti faccio giocare.

Walter

(tenendosi le mani di Lady Anne sugli occhi) Ecco! Se fossi stata cieca, sarebbe stato meglio. Così riacquistando la vista (scosta le mani) tu avevi voglia di guardare e allora ti mettevi a guardare… guardavi ogni cosa… tutto e… quando uno guarda non fa rumore, non si sente.

Chiao

(rientrando dal giardino) Buonasela! Chiao Pin messo tutto a posto dentlo sella. Tutti fuochi d’altificio plepalati pel bene. Io fatto che basta  accendere uno solo miccio e palte tutta battelia fuochi.

Lady Anne

Bravo. E a che ora vieni, per accendere questo… miccio?

Chiao

No, io non venga! Stasela avele altla festa… voi acendele miccio.

Lady Anne

Io!? Io sono la festeggiata.

Walter

Non preoccuparti, l’accendo io.

Lady Anne

Tu non accendi nessun miccio. Tu devi stare al mio fianco.

Funtz

Ma essere pericoloso accendere miccio? Se non pericolo accendere io.

Lady Anne

No! Voi siete il mio guaritore dovete stare vicino a me!

Chiao

E allola chi accendele il miccio? Fuoco non paltire se miccio non acceso.

Walter

Lo accenderà Raffaele, va bene?

Lady Anne

Bravo! Raffaele è la persona adatta. (verso la porta) Raffaele.

Funtz

Lui sapere accendere miccio? Io vedere poco adatto.

Raffaele

(sbracato) Mi avete chiamato? È vero? Dite di si! Mi volete?

Walter

Si. Raffaele tu sai accendere il miccio?

Raffaele

‘Na vota… mo s’è cunsumato… Water… mo niente cchiù!

Walter

Ma che hai capito? Sapresti avviare i fuochi d’artificio? Dovresti accendere l’unica miccia e va tutto avanti da sé.

Raffaele

Cioè, io stasera dovrei stare nella serra e al momento giusto accendere la miccia?

Lady Anne

Dopo che io finisco di cantare.

Raffaele

E quindi aggia sta luntane ‘a Carmela?

Walter

Carmela avrà da fare in cucina penso.

Raffaele

Si. Ci sto, l’accendo io.

Chiao

Ma tu sta attenta! Pelicoloso. Molto pelicoloso.

Raffaele

Pelicoloso!? Pechè sta sulo cu’ Carmela secondo te è ‘na passeggiata? È  pericoloso!

Chiao

Tu mettele tappo dentlo lecchia tua,  poi accendele e andale via di colsa.

Raffaele

Si, si accendele e andale via di colsa.

Chiao

Saluto tutti signoli.Tu viene con me io fale vedele miccio e poi andale via. Buonasela. (esce per il giardino)

Gli altri salutano a soggetto

Raffaele

Si, si andiamo nella serra, famme verè tutte cose… famme verè pur’ ‘o miccio, nun fa niente… abbasta che sto luntan’ ‘a chella! (esce)

Lady Anne

(con enfasi) Stasera sarà una serata memorabile! Immaginate tutte le personalità, tutti i vip, tutti i miei colleghi e colleghe che mi avevano data già per spacciata, che bocche spalancate avranno dopo avermi sentito cantare, visto ballare davanti a tutti e quando dico tutti, voglio proprio intendere tutti, tutti…

Walter

(spazientito) Tutti! Amore mio, quando si dice tutti si intende una sola cosa: tutti! È inutile che ti dilunghi.

Funtz

Ma dire me mia bella signorina, anche io dovere aspettare stasera per spettacolo bellissimo? Fare uno piccolo anticipo per vostro Funtz.

Walter

Funtz, non si può. Non è professionale, non è artistico. Poi io, permettete, conosco mia moglie, non si fa vedere da me, figurati da un estraneo.

Lady Anne

Estraneo il dottor Funtz!? Funtz con il ritorno della voce mi ha ridato la gioia di vivere, la voglia di parlare e cantare di farmi vedere da molta gente…

Walter

Di esibirti!

Lady Anne

Si. Esibirmi e voglio fare ai mie benefattori, al dottor Funz e a te amore mio un regalo…

Walter

No, amore, non puoi esibirti… io poi amo la sorpresa… la canzone nuova la conosco ma la coreografia no, la vorrei vedere stasera insieme agli altri.

Funtz

Tu, per mio gusto, parlare molto.

Lady Anne

Ha ragione il dottore. Dammi il tempo di parlare e di esprimermi. Non ho nessuna intenzione di esibirmi prima del tempo. Posso, però, concedervi la descrizione di quello che andrò a fare stasera.

Walter

(allibito) Cioè, ci racconti tutto quello che farai stasera?

Funtz

Si, brava, tu parla, così tue corde vocali allenare sempre meglio.

Lady Anne

Allora, vediamo, non trovo le parole.

Walter

Ecco, allora lascia stare, non cercarle più. Riposa le corde vocali per stasera.

Lady Anne

Ma è un modo di dire. Le parole le ho le devo organizzare per bene per descrivere tutto bene. Allora, prima di tutto, cioè prima dell’apertura del sipario, dell’entrata delle ballerine, dell’accensione delle luci…

Walter

Dell’inizio dello spettacolo! Giusto?

Lady Anne

Giusto. Prima dell’inizio dello spettacolo deve esserci tutto buio, ma non un buio, di quei bui che si vedono in giro, cioè normali, consueti, usuali. Un buio che devess’ere buio buio buio…

Walter

Buio e basta! Quando una cosa è buia è buia e basta.

Lady Anne

No! A volte c’è quel buio che non è proprio buio come il buio buio, il buio che come lo vogliamo chiamare?...

Walter

Penombra!

Lady Anne

Brava! Penombra.

Walter

Allora non ci sarà una penombra ma un buio fitto che non lascia intravvedere niente.

Lady Anne

Bravo. Mi hai tolto le parole da bocca. In questo buio saremo, naturalmente, tutti ai nostri posti, già preparati per dare il meglio di noi stessi, perché noi abbiamo provato, provato, provato, provato…

Walter

Tanto! Avete provato tanto, tantissimo.

Lady Anne

Ecco, bravo! Allora, non so come dire…

Walter

Non sai come dire? Allora facci vedere, facci sentire, dai canta. Penso che sia meglio per tutti. Canta!

Funtz

Ma tu detto che non deve, poi dici che deve, tu fai andare manicomio me.

Lady Anne

Infatti. No, non posso esibirmi, vi racconto tutto, stavo andando bene, no? Perché mi hai interrotta?

Walter

Ma certo che andavi bene ma… ci vuole una pausa! Io nun ce ‘a faccio cchiù!

Lady Anne

In che senso?

Walter

(riparando) No, nel senso che… non ce la faccio a non vederti ballare, a non sentirti cantare a non…

Lady Anne

Vedermi esibire? Ci sono le parole giuste, scusa, usale. Altrimenti parli, parli e gonfi le povere teste di chi ascolta. Sintesi, ci vuole sintesi.

Walter

(trattenendo l’ira) Infatti è quello che dico io! Sintesi! E allora esibisciti e così sintetizziamo tutto, non ti pare?

Funtz

Si, a me piace tu ballare, io guardare tu che muovi tuo bello corpo… tue cosce… tuo titietro… tuo balconcine!!

Walter

Funtz! E basta! Ma che state vedendo uno spogliarello? Mia moglie balla e canta, non si spoglia.

Funtz

Non spogliare tua moglie? Strano… io ricorda suo spettaculo che lei vestita si, ma molto poco.

Walter

(risoluto) Amore, facciamo questa cosa, dai. Non sto nei panni.

Funtz

Pure voi spogliare allora?

Walter

Ma chi?  Che dite?

Funtz

Voi detto: “non stare dentro panni”.

Walter

“Non sto nei panni”, non vedo l’ora.

Funtz

Non vedere ora? Cieco allora?

Walter

No. E’ un modo di dire. Significa che fremo dalla voglia di vederla ballare.

Funtz

Anche voi vuole vedere cosce, titietro e balconcine! Capito.

Walter

No, nun avete capito niente! (a Lady Anne) E tu te vuò movere, o no?

Lady Anne

Cafone! Non appena avrai finito di parlare. Parli sempre, non fai che parlare. (verso il giardino) Ragazze, Rita, Elena Cristina…

Walter

Ballerine! Ce sta una parola. Se le chiami “ballerine” vengono tutte… sintetizza!

Lady Anne

Ballerine.

Le ballerine circondano Lady Anne che si toglie la vestaglia e appare in costume di scena, dopo aver concertato un po’ iniziano a ballare insieme a Lady Anne

Lady Anne

(Canta)                             I speck and I sing

I speack bla-bla-bla

I sing tra-la-la

You speack me

Bla-bla-bla-bla

You song me

Tra-la-la-la

I speack you 

you song me

Bla-bla-bla-bla

 Tra-la-la-la

I speack you 

Bla-bla-bla-bla

I sing for you

Tra-la-la-la

If you want me

I speak bla-bla-bla

If you love me

I sing tra-la-la

I speack I sing for ever

If you want me for ever.

Mentre si esibiscono tutti, a soggetto, man mano escono per seguire e alla fine esultare, applaudire e congratularsi

Peppe

(a Lady Anne) Ma vuje site ‘na cosa squisitamente squisita di una squisitezza squisitissima! Io quanno stongo davanti a voi mi perdo. Io nun saccio addò me trovo. Addò stongo, mo? Sto ncopp’ ’a terra ‘o stongo ‘mparaviso?

Assunta

(trascinandolo via) Stai ‘nterra! E si nun ‘a fernisce, tra poco starraje sotto terra. Te atterro io!

Raffaele

(guardando le ballerine) Marò, guarda quantu bben’ ‘e Ddio e io nun ‘o riesco ad apprezzà!

Peppe

E pecchè?

Raffaele

Sto abbuffato!... Nun ce ‘a faccio cchiù… comme t’aggia ricere: sto disgustato!

Carmela

(a Lady Anne) Sì sempe ‘a Nennella mia! Quanne cant’ ‘e balli tu s’arrevota tutt’ ‘o munno… brava!

Lady Anne

È vero Carmela? Dimmi la verità. È piaciuto il balletto e la canzone e tutto insieme? È piaciuto davvero o lo dite per cortesia, per non farmi stare male. Ditemi la verità, non fatemi stare sulle spine, anche se brutta non fa niente io sono forte lo sai ho superato cose assai peggiori, dimmi, perché non parli, dai parla, perché non mi rispondi?

Carmela

(sofferente) Pecchè nun me dai ‘o tiempo! Piglia ciato! Sputa nu poco, sputa. Nun s’è asseccat’ ‘a vocca? ‘A canzon’ ‘è bella! ‘O balletto è bello! Sta tutt’a posto… l’unica cosa è che tu… (esita)… nun hè parlà… cioè… canta… è meglio che canti… anzi è meglio che balli… nun canta neanche… ecco… balla, balla, balla. (esce)

Lady Anne

(a Raffaele) Ma cosa ha? Perché fa così?

Raffaele

Leden, ‘a quanno ‘o duttore ve facette chella cura io nun sto capenno niente cchiù. ‘E ccose s’hanna fa, ma con moderazione, senza strafare, ogni cosa ten’ ‘o tiempe suoje, comme aggia ricere?... pigliate ‘o pescio!

Lady Anne

Cosa!?

Raffaele

Il pescio di mare! Il pescio ten’ ‘o tiempe suoje… passat’ ‘o tiempo il pescio fete.

Lady Anne

E allora?

Raffaele

Allora, pure ll’ati ccose so’ comm’ ‘o pescio. Uno hadda parlà, però hadda tenè presente che pur’ ‘e parole tenene ‘o tiempe lloro comm’ ‘o pescio, si superano ‘o tiempo po’ fetano.

Lady Anne

Le parole… fetano!?

Raffaele

Tutte cose si superano ‘o tiempo lloro fetano… l’esagerazione… ‘o ddice stess’ ‘a parola è esagerata!

Carmela

(dalla soglia) Papè, che faje lloco? Io sto sola dint’ ‘a cucina, vieni. (sensuale esce)

Raffaele

(sofferente a Lady Anne) Avite viste?... comm’ ‘o ccase ncopp ‘ ‘e maccarune… (indica le ballerine) … ‘e virit’ ‘e ballerine?... verite quante so belle?... me l’ha fatte schifà! (esce)

Assunta

(a Peppe) Peppì, trasimmecenne pure nuje, iamme ‘a pulezzà ‘o riesto ‘e ll’argiento, si nun ce damme ‘a fa, pe’ stasera nun ce ‘a facimme.

Peppe

Esagerata! Nun ‘e sentut’ a Papele: “Il pescio ten’ ‘o tiempe suoje… passat’ ‘o tiempo il pescio fete”.

Assunta

Embè?... Che c’azzecca stu fatto?

Peppe

E che ne saccio? A mme m’ ‘è piaciuto e ll’aggia ritto.

Assunta

(dispettosa) Bravo! Jamme a’ llà jamme! (gli da uno schiaffo dietro la nuca)

Peppe

(meravigliato) Assù!... Che c’azzecca stu schiaffo?

Assunta

E che ne saccio? A mme m’ ‘è piaciuto e t’ ‘o dà e te ll’aggia rato. (escono)

Lady Anne

(alle ballerine) Ragazze è meglio se andate a prepararvi. Mi raccomando, già lo sapete, come partono i fuochi d’artificio voi iniziate a ballare e poi vengo io. Andare, magari copritevi un po’, tenete a caldo i muscoli per stasera. Bisogna essere sempre al top per il pubblico. La professionalità ce lo impone, l’arte ce lo comanda. Fate tutti gli esercizi per rendere agili e sciolti i muscoli, quegli esercizi un po’ dolorosetti che ci fanno allungare i muscoli e…

Ballerine

Stretching! Basta una parola! (escono)

Lady Anne

Stretching. Esatto.

Walter

(facendo indossare la vestaglia alla moglie) Cara va a prepararti anche tu. Tra poco arriveranno gli ospiti, non vuoi che ti trovino così!?

Lady Anne

No! Hai ragione, mo vado e tolgo questi abiti, mi faccio una doccia, poi mi asciugo corpo e capelli e poi mi…

Walter

Ti prepari, amore, ti prepari. Non entrare nei dettagli!

Funz

Perché tu fermare… racconto essere molto interessante.

Walter

Dottor Funtz, a voi la “chiocca” non vi funziona come si deve.

Funtz

La “gnocca”?

Walter

Lo vedete? Avete sempre la stessa cosa in testa. La “chiocca”, la testa. Non la “gnocca” che è… un’altra cosa. La “gnocca”, a volte fa perdere la “chiocca”… Dottò, state attento.

Lady Anne

Allora vado. Posso, non hai bisogno di niente, amore? Non ti senti solo senza di me? Cosa provi quando non sono vicino a te? Dimmelo, dai, dimmelo.

Walter

Pace! Quella pace che scaturisce dal silenzio. Va, va a prepararti va!

Lady Anne

(spinta, esce) Vado, vado…

Walter

(indicando la moglie al dottore) Dottò, avete visto cosa avete combinato?

Funtz

(orgoglioso) Si, Lady Anne essere mio orgoglio.

Walter

Orgoglio!? Io ve sputasse ‘nfaccia!

Funtz

Cosa significare ciò?

Walter

Vi inumidirei il viso con la mia saliva in segno di disprezzo. Capito adesso?

Funtz

Io sapere cosa significare sputare. Perché tu fare ciò a me se io fare tornare voce a tua signora?

Walter

Troppa! Troppa voce le avete fatto tornare. Voi le avete tolto il tappo e la voce sta uscendo senza nessun controllo, senza freni esce, esce, madonna e come esce!... e nessuno la può fermare.

Funtz

Perché fermare? Tu dato tantissimi soldi me per far ritornare e adesso tu fermare?

Walter

Immaginate di avere nelle orecchie continuamente, tenete presente questo avverbio, continuamente, una voce che, nelle migliori delle ipotesi, fa esercizi per allenare la voce. Avete presente? (fa alcuni esercizi nelle orecchie del dottore) o-o-o-o, a-a-a-a-a. Dotto’, continuamente! Poi si ferma un attimo, ma un attimo che credete che sia? È il tempo di fare un sorso di acqua e incomincia a cantare (ripete nelle orecchie del dottore la canzone di Lady Anne) Bla-bla- tra-la-la… Dotto’, continuamente! Poi, finito di cantare, parla! Dotto’, continuamente! E dato che deve recuperare tutto il tempo di silenzio, per dire semplicemente “accendi la luce”, l’altro giorno mi ha detto: “puoi pigiare quell’interruttore che gli operai elettricisti hanno messo con grande cura e maestria nella cassettina che poi hanno nascosto nel muro collegandolo con fili che hanno passato per dei tubicini fino al lampadario che è fissato al soffitto con dei chiodi a pressione, dove ci sono delle palline di vetro con un filino di tungsteno che al passare della corrente si fa incandescente e si illumina?”

Funtz

Cioè “accendi la luce”?

Walter

Esatto! Dotto’, continuamente! Per ogni cosa. Non vi dico, per decenza, cosa mi ha detto quando ieri notte mi ha chiesto di fare all’amore. Si è fatta quasi mattina… solo per la domanda.

Funtz

Curioso io, volevo sentire cosa detto.

Walter

Non crediate che sia bello! Descrive, nei minimi dettagli, ogni cosa che facciamo. Non immaginate com’ è strano fare l’amore con una telecronista nelle orecchie! Tanto che io la bacio sempre… le tengo la bocca occupata… solo così non parla!

Funtz

Io ora capire… grande guaio… questo veramente grande rotture di…

Walter

Dottore!

Funtz

...di schemi di terapia! Io non prevedere cosa così.

Walter

Dottore, adesso, mi dovete aiutare. Io non ce la faccio più. Bisogna trovare un modo per farla tornare normale.

Funtz

Ma io non sa. Io fare tornare voce, ma non sa come regolare voce.

Walter

Non sa!? Voi non sapete come regolare, come far tornare normale mia moglie, come farla parlare come parla un cristiano normale e non una radio, un jukebox, ‘nu telegiornale, Nando Martellini, Niccolò Carosio, Ameri!?

Funtz

No, io non sa.

Walter

Dottò, questo è un altro di quei momenti in cui mi sale violentemente la voglia di coprirvi la faccia con la mia saliva.

Funtz

Sputare in faccia!?

Walter

Sputare in faccia! Mugliereme m’ha nfettate!

Funtz

Io veramente non sa cosa potere fare… quando uno non ha voce io fare venire, ma se uno ha voce è lui che usa male sua voce, non posso fare niente io.

Walter

(scoraggiato) Ho capito. Mi devo rassegnare.

Funtz

Tu vedi che tua signora con passare di tempo non parlare più tanto…

Walter

Sono tre mesi, dottore, è non dà segni di cedimento, anzi, le parole aumentano, le canzoni invadono, le orecchie scoppiano!

Funtz

Tu detto questo a lei? Se tu domadare silenzio lei dare te silenzio.

Walter

Domandare? Non sia mai! Quella senza domande e già parla a più non posso, figuratevi se le domandate qualcosa. Cascate di parole, fiumi, laghi oceani… marò, sto tutto bagnato!

Funtz

Allora, io finito parole, non sa cosa dire te.

Walter

Invece lei sa sempre cosa dire, ma addò ‘e piglia tutti quegli argomenti? Io sono avvocato, dovrei avere la parola facile, una buona parlantina, ma chella m’ha fatte! Quella non mi vede proprio… (farneticando esce per il giardino)

Funtz

(guardandolo andare via) Povero uomo. Ma io, veramente non sa cosa fare.

Raffaele

(entra di spalle, tutto sgualcito) Io nun ce ‘a faccio cchiù! Chesta me vo’ verè muorte.

Funtz

Cosa hai tu Rafelo?

Raffaele

‘A colpa è ‘a vosta. ‘A quanne c’avite levat’ ‘o tappo a Carmela, nun se capisce niente cchiù.

Funtz

Io non togliere tappo, io fatto fare esercizio per liberare sua interno.

Raffaele

E nun s’hadda libberà! Carmela hadda tenè l’interno occupato, si no me  lev’ ‘a salute a cuolle.

Funtz

Voi non mai contenti! Donna non volitiva, voi dire non buono. Donna volitiva voi dire non buono. Ma allora cosa essere buono?

Raffaele

La normalità! Questo essere bbuono! Nun se po’ sta sempe ‘a stessa manera! Il troppo storpia, insomma, l’esagerazione è esagerata!

Funtz

Tu saggio, tu avere ragione.

Raffaele

Si, aggio ragione, ma mo vuje avita verè comme s’hadda fa p’ ‘a fa turnà comm’ ‘a primma.

Funtz

Ma io no sa! Io sa liberare non occupare. Aspettare tempo, Carmela poi stancare e non vuole fare più.

Raffaele

No! Cu’ ‘o tiempo chelle vuole fare sempre di più. Che vulite aspettà, ccà si ghiamme annanz’ ‘accussì chella è capace ‘e m’atterrà.

Peppe

(guardingo, stranamente dritto, seguito da Assunta, anch’essa con un andamento strano)  Noi abbiamo finito. Abbiamo pulito tutto l’argento. Ce ne andiamo.

Assunta

L’avimma fatt ‘ascì comm’ ‘argiento. Mo ce vo’!

Raffaele

E ve ne andate così?

Assunta

Così come?

Peppe

Comme ce n’avessema ìj… ce ne jamme e basta, no?

Raffaele

E la giornata?

Peppe

Bella! Bella giornata.

Assunta

‘O tiempo è bbuone, ci sarà una bella serata. Jammucenne Peppì,

Raffaele

Ma che avete capito? La giornata, i soldi non li volete?

Peppe

Ah, isoldi?... E poi ce lo vediamo con l’avvocato.

Assunta

Si, jammucenne, poi ce lo vediamo direttamente con lui.

Dal giardino si sente una bomba esplodere e si sentono gli scoppiettii e si vedono i colori dei fuochi d’artificio. I presenti sussultano per la paura: Peppe ed Assunta nel sussultare fanno cadere le posate d’argento che avevano nascoste sotto ai vestiti. Raffaele se ne accorge, ma non fa a tempo a reagire che entrano le ballerine che sulla base della canzone precedente ballano coinvolgendo goffamente tutti i presenti. Entra anche Carmela che si agita e balla goffamente..

Lady Anne

(accorre, meravigliata e nervosa) Raffaele, già hai acceso il miccio?

Raffaele

No, io n’aggia appicciato niente.

Lady Anne

(in accappatoio e turbante con asciugamano, alle ballerine, che continuano a ballare) Ma non è il momento. C’è un errore.

Funtz

(con soddisfazione balla con le ballerine) No, questo essere buono momento. (toglie l’accappatoio a Lady Anne che si mostra in un vestitino molto succinto) Dai ballare… essere bello ballo.

Lady Anne, nella confusione si toglie il turbante e balla. C’è una confusione pazzesca, una bolgia infernale.

Walter

(con gli abiti lacerati e bruciacchiati, contento, entra e, in sincrono, appena entra c’è un silenzio tombale. Segno che è diventato sordo. Tutti si agitano, parlano ma lui  non sente niente è contento) Bravi. Si, si parlate. Cara, parla pure, canta, grida, fa chello che vuo’… tanto non sento! L’ho acceso io il miccio… senza mettere i tappi nelle orecchie e senza allontanarmi… che bella cosa il silenzio… parlate, gridate anche, non fa niente. (al dottore, minaccioso) Dottò, se vi permettete di farmi tornare l’udito, io v’accire! Meglio così… sicuramente è meglio così.

Continua la scena in perfetto silenzio, tutti si agitano e cercano di spiegare e di capire non emettendo nessun suono… si sente solo la voce di Walter che contento ride a crepapelle e continua a dire) Meglio così… meglio così…

SIPARIO

    Questo copione è stato visto
  • 1 volte nelle ultime 48 ore
  • 8 volte nell' ultima settimana
  • 14 volte nell' ultimo mese
  • 39 volte nell' arco di un'anno