Melu e li jaddini di l’ova d’oru

Stampa questo copione

LU SCARPARU

 


Commedia brillante in due atti di: Rocco Chinnici

PERSONAGGI

                       

Melo                                       Capo famiglia

                        Caterina                                  Moglie

                        Mariella                                  Figlia

                        Pietro                                      Padre di Caterina

                        Vincenzina                             Vicina

                        Toti                                         Figlio

                        Jacopo                                    Suocero

                        Dottore

                        Rosario                                   Compare di Melo

                        Vecchietta                              Amica di Rosario

(Melo sta lavorando a riparare le scarpe ogni tanto si ferma e parla dei clienti che preferiscono condurre una vita molto moderna senza tenere conto dei valori di un tempo, mentre la moglie, indaffarata, canta e ogni tanto sbatte fuori dalla finestra la pezza con la quale spolvera i mobili).

CATERINA

(Canzone) Quantu è lariu lu me zitu, tuttu fradiciu e purritu… oh, lariu è, cchiù lariu d’iddu ‘un ci ‘nne!

MELO

Idda canta… certu, chi ci nni futti si cosi vannu a la sanfrasò, chi ci nni futti siddu iu mi sfurniciu a comu quatrari i cunti ru fini misi. Idda si fa ddi quattro survizzeddi, si ‘mpupa e nesci… a chiesa, va… dici!

CATERINA

(Canzone) Havi li ammi di ferru filatu, quannu camina li jietta ri latu… oh, lariu è, cchiù lariu d’iddu ‘un ci nne!

MELO

‘Ncchia! Ma mai ci siccanu li argi! (Caterina continua a cantare) E ti pari ca si ‘un ci dicu di finilla, si zitti? Catarina, Catarina! (La moglie non sente e continua a cantare più forte) Oh, Catarina!

CATERINA

(Affacciandosi alla finestra) Chi c’è? Chi voi?

MELO

(Sottile ironìa) Non lo ‘nserti che vogghio?

CATERINA

Ma chi ti pari c’haju u tempu di jucari a li ‘nduvinelli? Spirugghiati e dimmi ‘nsoccu voi, ca a cira squagghia!

MELO

Vulissi un pocu di rifriscu! Eccu, chiddu ca vogghiu!

CATERINA

Bih! Bih! Bih! e tuttu ssù caudu c’eni?

MELO

Rifriscu (indicando la testa)… ccà! Un pocu di silenziu, mancu?

CATERINA

Comu, comu? Tale!  Ju cantu, quantu mi pari e piaci…

VINCENZINA

(Intervenendo adirata) Vui, ‘un cantati propria, u capistivu; gran pezza di tappinàra ca siti! Un misi havi, signuri me, ca ci dicu: “donna Catarina, fatimi lu piaceri, ‘un cantati, ‘un ghjttati vuci ca  me patri voli ‘n anticchia di silenziu, picchì è esauritu, e idda… 

CATERINA

Arreri! Vi dissi l’autru ajeri ca si vostru patri è esauritu, la viti a purtari o manicomiu; chistu è un bagghiu, nun è una casa di cura!

VINCENZINA

Ah, si! Ca vistu ca lu sapiti ca è un bagghju chi ci stati a fari vui ccà,  picchì un vi nni jiti ‘nna ‘na casa d’appuntamentu!

MELO

(Cerca di riprendere Vincenzina) Donna Vicinzina!

VINCENZINA

Ma quali donna Vicinzina! Vui siti troppu amurusu, troppu signuri siti pi aviri a chi fari cu ‘na fimmina com’è chista, avutru chi storii!

CATERINA

(Esclamando di meraviglia) Iiih! Grandissimu ruttami avanzu di galera! Ju sugnu tappinàra! ‘N ca aspetta ca nesciu e ti fazzu a vidiri di quali erba si fa la scupa! (Melo si alza per andare a trattenere la moglie). E levati tu ‘nautru, gran pezzu di babbasuni! (Accorre da dentro casa di Vincenzina il figlio; è un po’ scemetto. Ha con se un secchio d’acqua.) Quantu viremu (Caterina assume l’atteggiamento di sfida) tu ‘nautru! Vagnami, si ta firi!

TOTI

A ti? (E gliela butta di sopra) Teh, arrificcati, Tittina bobbò! Tittina bobbò (Melo, mentr’ella fa per ripararsi dall’acqua, le mette il piede in mezzo ai suoi e la fa cadere per terra, e poi fa finta di soccorrerla).

VINCENZINA

A tia, a matri! Lassala iri, ca ss’acqua è persa, e poi di chiddu ca nni custa, ‘un cunveni prpriu. Pi lavalla ci nni voli ‘na bonza.

TOTI

(Guardando Caterina a terra) Tittina bobbò! Tittina bobbò! Ti cammatti?

CATERINA

(Cerca di alzarsi e melo allunga il piede e la fa cadere di nuovo e lo rimprovera) Ma ricu tu ‘nautru li ammi ‘un ti po’ stuccari a ‘nautra banna! (A Toti) Veni ccà tu ‘nautru gran pezzu di disanuratu! ‘Nca va, ca si t’acchiappu, ta fazzu passari ju ssa lucchìa chi hai! (Melo la trattiene).

TOTI

Oh!!! Un t’arriticari! U capitti? Ca vasinnoni a pottima vota puru u catu ti tiru! Tittina bobbò! Tittina bobbò! (Melo invita la moglie ad entrare dentro).

CATERINA

(A Toti) Ah, ma sarvati l’hai, un ti preoccupari.

TOTI

Ti, ti, ‘un tu cuddari, u tenti? Vattata!

CATERINA

(Ed esce col marito che manda dei baci a Toti che le fa le smorfie, e la moglie se ne accorge). Chi sta facennu tu ‘nautru?

MELO

(Imbarazzato) No… nenti, ci dicu ca si t’acchiappu, ssu mussu te le rumpiri.

CATERINA

Camina, camina, robba bona!

VINCENZINA

Ti dissi ca tu a prossima vota ‘un t’ammiscari, u capisti? Tu ricu sempri, ma quannu l’ha capiri?

TOTI

Mà, jo u tapivu, ti tu ta un l’ha taputu, tu miri tempi: un ti mmiccari… a pottima vota! Io mi taju mmiccannu ora, no a pottima vota! U capitti? (Vincenzina non capisce) Mà, a idda ti pari ca tugnu timunitu e l’acqua un ta tirava, ju ti vulia tirari puru u catu. Mà, ora u tapi ‘nveci ca tugnu cattu, e a to figghia Mariella ma pottu pigghiari pi tita. Mà, u ta, ma ‘ntonnu puru a notti, mi tutu e ti va tuppuli ‘nna finetta. (Va alla finestra e bussa) Io tugnu, Mariella, ti amo attai!

VINCENZINA

(Lo chiama) Veni ccà a matri! ‘Nna finestra? Di notti?

                                                                      

TOTI

Ti, ti!

VINCENZINA

Un t’arrisicari cchiù! U senti?

TOTI

(Triste) E picchini? Io a vogghiu beniri e ‘nn’amu a maritari!

VINCENZINA

V’aviti a maritari? E idda, idda u sapi?

TOTI

No, un ti l’haju rittu ancora, però pentu ca ‘un ti nne problemi, picchì idda u viri ca io a taliu.

VINCENZINA

Senti, a matri, cerca di talialla cchiù picca, picchì per ora sta studiannu, e si perdi a testa pi tia, attimpa l’Università e ‘un si laurea cchiù, u capisti?

TOTI

E va beni! (Preoccupato) E ora u tu Melu, u tittu mi ‘ntigna a cuntari i cappi?

VINCENZINA

A cuntari? A cunsari!

TOTI

Picchì, ju comu ritti? Un ditti a cantari?

VINCENZINA

Tu dicisti… nenti, nenti a matri, dicisti giustu.‘Nca certu ca ti ‘nsigna u stissu! U zzù melu ti voli beni. Amunì, amunì ca si t’ha laureari e fari u dutturi, t’ha fari i compiti, u capisti? Vasinnò a maestra, rumani ti metti ‘n castigu.

TOTI

Mà, u ta chi fa a maetta, a cola?

VINCENZINA

Chi fa?

TOTI

Mi fa tantari!

VINCENZINA

Veru? E ‘nzoccu, ‘nzoccu ti fa cantari?

TOTI

No, tantari! (ripete in sillabe) Ta-nta-ri! Ti paria ca ti ritia tantari?

VINCENZINA

Ah, tantari, comu tantari! Ju avia caputu cantari. E comu, comu ti fa?

TOTI

(Apre e chiude la bocca come un pesce) Accuttì!

VINCENZINA

E chi è? Chissu  scantari è? Chissu nenti è!

TOTI

Ti nenti, a maetta mi riti ca è u qualu.

VINCENZINA

U squalu? E va beh, e tu, ti scanti ru squalu?

TOTI

Ti, ti, attai, attai!

VINCENZINA

Ma u squalu è a mari! E tu… nun sa mancu natari, quindi…

TOTI

Mà, e allura picchì u nannò riti tempi: temu a mari, a mari temu caru Totucciu! E ticcomu jo un tacciu natari e mi nni calu ‘o funnu, mi ccantu ca mi manta u qualu.

VINCENZINA

Ma chi c’entra! ‘Ntantu to nonnu u sai ca è un pocu stolitu, e a mari u dici pi modu di diri… quannu li cosi nun vannu boni, ad esempiu. Tu, quannu i cosi un ti vannu boni, comu dici?

TOTI

Minta chi chifu!

PIETRO

(Vecchio stolido. Da fuori scena) Vicè, Vicè unni si? Unnè u pastranu? Ca è ghjri a missa.

VINCENZINA

Vegnu, vegnu! A missa di martiri ci havi a ghiri! (A Toti) Amunì, amunì a matri, viremu ‘nzoccu havi to nonnu (escono, ed entra Melo; ha in mano un piatto di avanzi per le galline).

MELO

(Apre lo sportellino della gabbia posto di sopra e versa loro il mangiare) Tiniti, e circati di fallu, ogni tantu, quarchi uviceddu (entra una vecchietta dall’aspetto zingaresco).

VECCHIETTA

Buona giornata a voi, mastro don Melo.

MELO

(Meravigliato) Bon gjornu a vossia. Ma… scusassi cu è? E chi voli di mia? Havi forsi corchi scarpa sfurnata, e ju…?

VECCHIETTA

Lascia stare la scarpa bucata. Io, sono qua, per altro; perché vedi, io… voglio farti ricco!

MELO

Comu, comu? Vossia e ccà… pi…

VECCHIETTA

Si, proprio così, per farti diventare ricco.

MELO

Sintissi, mi dicissi chi voli ca la servu  di cursa e mi lassa ‘n paci. S’avutra ora! Allura è propria la jurnàta!

VECCHIETTA

Non ci credi! lo immaginavo. 

MELO

Sintissi a mia, sluggiassi prima ca arriva la me signura, vasinnò puru cu lei s’a pigghia.

VECCHIETTA

Con me… dici? Se tu sapessi chi sono io.

MELO

E cu è vossia?

VECCHIETTA

Io sono… come faccio a fartelo capire… sono mamma drago, madre di tredici figli, sei di essi erano briganti. Quando nacque questo paese, in questa valle cresceva un pianta molto alta e produceva dei piccolissimi frutti: “il frutto del senno” lo chiamavano gli antichi abitanti del posto. Un giorno i miei figli briganti distrussero la pianta e, divenendo trasparenti come il vetro, scomparvero, tanto che non si riuscirono più a vedere; solo la risata si sente, una cavernosa risata (si sente una risata che sentirà solo Melo, il quale mostra segni di paura) che ancora oggi, durante le notti di luna piena riecheggia nella valle sotto le grotte delle femmine, lassù, in quel bosco…

MELO

A rutta di setti cammari?

VECCHIETTA

Si, proprio quella… sette camere, compresa la mia, le altre sei erano delle mie sei figlie, una ciascuna. E ora, vago per il mondo intero in cerca dei miei figli scomparsi per rivederli ancora. Ogni cento anni ripasso da questo posto per dormire una notte nella camera dove abitai allora, sperando d’incontrarli là.

MELO

(Impaurito) Bedda matri! Vossia sta notti un mi fa chiudiri occhiu.

VECCHIETTA

Non avere paura; ho grandi poteri io oltre a quello di trasformarmi, cambiare le mie sembianze… ora da drago, ora da donna…

MELO

(Impaurito) Bedda matri!

VECCHIETTA

Non avere paura, sono tutti poteri buoni, solo quello di trovare i miei figli non ho. Ho deciso quindi, passando di qua, di lasciarti ricco, e poiché devo farti l’incantesimo, dovremmo fare un contratto scritto, ma prima ho bisogno di sapere qualcosa affinché l’incantesimo riesca. Dimmi: tua moglie… non è che… (indicandosi la testa, come per far capire corna) dico… ti vuole bene insomma?

MELO

(Scandalizzato) Ma comu si permetti? Me mugghieri è una donna onestissima, una gentildonna, comu diri…‘na santa! Si, eccu! Anchi siddu idda dici ca va sempri a missa, e fa opiri di beni cu cu ci pari piatusu… cu corcunu di fora s’intenni; e poi ‘nveci cu chiddi di dintra… specie con la mia persona, si comporta comu ‘na raggiata. 

VECCHIETTA

Non importa che sia arraggiata come dici tu…

MELO

Pi vossia, non importa! E’ di una sarvaggiumi unica! L’havi presenti ‘a trigri di monfracene… un si dici accussì? (La vecchietta acconsente) Oh! dda tigri, è ‘n agnidduzzu confrontu a idda.

VECCHIETTA

L’ho capito, e non ha importanza per quello che mi serve, che sia così. L’incantesimo che sto per farti, e per funzionare, ha bisogno che la tua compagna, quindi tua moglie, deve esserti fedele, se no… (Fa come per pulirsi il muso)

MELO

Vossia issi avanti, ca mè mugghieri… tinta è, ma ‘un è fimmina di sti cosi. Chiuttostu jamu avanti e passamu a lu cuntrattu.

VECCHIETTA

E allora, se dici così… manca solo (esce da una tasca un foglio e una penna di gallina) che mi firmi il contratto. E’ già scritto.

MELO

Ah, vossia va caminannu chi cuntratta scritti? E u nutaru unni l’havi ‘nna lautra sacchetta?

VECCHIETTA

Il notaio? Oh Melo! Continui a non capire. Io sono… come dire… una maga, una maga buona, e non ho bisogno ne di notai, e neanche di testimoni, tu, sei il mio garante…

MELO

Sintissi, ma tuttu chiddu c’ha dittu a mia, ‘un ci lu po’ ghiri a cuntari a nautru? Io haju un saccu di camurrii ‘n testa, di pinseri di pagamenti… e ci ammanca puru stu discursu, e poi si nni issi ci dissi ca si trasi me mugghieri a tozzulu finisci.

VECCHIETTA

Ma è proprio per questo che voglio aiutarti, perché so che ne hai di bisogno; ma tu, fai finta di non capire. E non preoccuparti di tua moglie, perché ella non entrerà nemmeno se la chiami e se pure dovesse entrare, è sicuro che non mi vedrebbe, diverrò invisibile, capisci cosa voglio dire?

MELO

Quindi, ju… si chiamu…

VECCHIETTA

Prova, e ti renderai conto.

MELO

Aspittassi, picchì ccà ‘un si po’ ghittari vuci ca c’è stu cristianu du latu ca ci dunanu fastidi li rimura. (Si avvia alla porta per chiamare la moglie dando le spalle alla vecchietta la quale esce senza farsene accorgere) Catarina, Catarina!

CATERINA V. F. C.

Chi c’è, chi voi?

MELO

Vò affacciari cinqu minuti ca t’haju a fari vidiri ‘na cosa?

CATERINA

(Da fuori scena) Ura di jucari a li ‘nduvinelli è! Avanti affacciamu! (Esce) Videmu si ‘nduvinu chi cosa haju a vidiri ccà fora! (Melo le indica la vecchietta, poi si gira e rimane sbalordito, va a guardare fuori).

MELO

Ma si era ccà, ora ora! Ma chi fici mi ‘nzunnavu?

CATERINA

Babbìa ancora, u senti? Ca ti lassu iri ‘na seggia (indicandosi la testa) ccà! Ma comu ci spercia! Chiama arreri, si ta firi, u senti? (Melo la guarda mentre esce borbottando, e ricompare la vecchietta. Melo si gira, rimane sbalordito e chiama ancora la moglie).

MELO

Catarina, veni, veni!

CATERINA V. F. C.

(Ironica, da fuori scena) Veni, veni! Ci pari ca haju tempu di jucari cu iddu!

MELO

Si po’ sapiri unni si ju a mucciari?

VECCHIETTA

A mucciari? Ma cosa vuoi dire? Io sono stata sempre qui. Te l’ho detto gli altri non possono vedermi, e tu il potere lo perdi mettendomi alla prova.

MELO

Mi cridissi ‘un nni capivu cchiù nenti; mi dicissi chi haju a firmari e ‘un si nni parra cchiù.

VECCHIETTA

E… non la vuoi sapere… la clausola del contratto?

MELO

U capivu, c’è quarchi cummentu di monachi pu menzu?

VECCHIETTA

Cosa c’entrano le monache e il convento! La clausola è quella cosa… o meglio, quell’impegno che tu assumerai nei miei confronti, firmando il contratto.

MELO

Comu, comu? E mi dicissi, quali fussiru st’impegni c’avissi a manteniri?

VECCHIETTA

Semplice! Io ti farò ricco, e tu, quando morirai, mi darai in cambio la tua anima. (Fa una sarcastica risata) Ah! Ah! Ah!

MELO

Chi cosa!? Eh, mi scussassi, ju comu fazzu a sapiri quannu è mori e quannu è passari cu lei?

VECCHIETTA

Sarò io a dirtelo, perché l’anima la prenderò prima che tu possa chiudere gli occhi e morire.

MELO

(Più confuso che persuaso) Quindi allura… mi facissi capiri; prima ca chiudu l’occhi e moru, mi nni vegnu… cu vossia?

VECCHIETTA

Proprio così. Ora firma il contratto (Melo firma il foglio) e ascolta. (Guarda le galline) D’ora in avanti le galline, tutte le uova che faranno saranno d’oro. (Prende un sacchetto e glielo da) Tieni, basta dare ad ognuna  un chicco di questo frumento e tutto ciò che mangeranno si trasformerà in oro. Tu, diventerai sonnambulo e controllerai le galline anche di notte, e se vuoi che continuino a fare le uova tutti i giorni devi fare un servizio, e lo puoi fare anche da sonnambulo. La sera, prima di andare a letto lasci sul comodino un pane e due bottiglie di vino, il pane dev’essere di puro frumento…

MELO

Ah, s’è pi chissà, u pani bonu è! U pigghiu ‘nn’Antria u cardiddu!

VECCHIETTA

E quando la notte ti alzerai, prenderai il pane, lo metterai in testa e con le mani allungate in avanti terrai le due bottiglie; attento a non fare cadere il pane. Farai tre giri all’interno del baglio tutte le notti, se vuoi che le galline continuino a ritmo pieno a fare le uova d’oro. Su, prendilo, non avere paura.

MELO

Scusassi, comu dissi c’haju a divintari?

VECCHIETTA

Sonnambulo.

MELO

E chi veni a diri?

VECCHIETTA

Vuol dire che avrai facoltà di camminare dormendo, senza svegliarti, e tutto ciò che vedrai durante il tuo camminare, sarà solo frutto della tua immaginazione, non distrarti pensando che sia vero ciò che vedrai, perché lo stai solo vivendo nel sogno, quindi devi assolutamente far finta di niente; finisci il tuo giro e tornerai a dormire, intesi?

MELO

E… scusassi ancora ‘na cosa, a chi servi ca vossia mi fa dormiri caminannu si poi tuttu chiddu ca vju è pi finta, cioè ca mu staju ‘nsunnannu, comu fazzu a vidiri si corcunu si pigghia l’ova?

VECCHIETTA

Dimmi, se ti trovassi a volere rubare in una casa dove vedi il proprietario gironzolare per le stanze, tu, cosa faresti?

MELO

Comu, chi facissi? Scappassi di cursa!

VECCHIETTA

Ecco! Lo vedi?

MELO

Si, ma… ju dormu!

VECCHIETTA

Sei solo tu a saperlo. Poteva dormire anche quel proprietario… tu, glielo avresti chiesto?

MELO

Certu, ca no!

VECCHIETTA

Vedi che incominci a capire!

MELO

E… mi dicissi, turnannu a li jaddini… ju, di st’ova, chi mi nni fazzu? Nun fussi megghiu, siddu li jaddini, ‘nveci di ogni ovu d’oru, cacassiru ‘na carta di centu euri? Mi vinissi cchiù facili a scancialli. (Entra Rosario il complice della vecchietta, e, sotto la meraviglia di Melo, fa finta di non vedere la vecchietta).

SARU

Cumpari Melu… (la vecchietta si gira, e Melo fa segnali come per far finta che dopo gli spiegherà tutto, ma Rosario starà al gioco) Cumpari, ma picchì faciti d’accussì? Chi parrati u linguagiu di sordomuti? O puru… chi vonnu  diri sti signali?

MELO

(Tra se, ma che il pubblico possa sentire) Minchiuni, allura veru funziona lu discursu! (Rivolgendosi al compare) Cumpari, allura… appostu?

SARU

Ma, appostu di chi?

MELO

Dicu… nun viditi… propria nenti?

SARU

Comu si dici, nenti di nenti… tranni a vui giustamente!

MELO

E ‘un sintistivu diri mancu… ova d’oru?

SARU

Ova d’oru? Ma di chi cosa mi stati parrannu, cumpari? Chi siti stranu!

MELO

(Sottovoce, alla vecchietta) Mi dicissi ‘na cosa, ma… lei nun vidi mancu nenti? Dicu… mancu a me cumpari?

VECCHIETTA

Pensi di prenderti gioco di me? (Melo fa segno di no col dito) Certo che lo vedo. Te l’ho già detto, sono gli altri che non mi vedono e non mi sentono, o meglio quelli ai quali io non voglio mostrarmi… tua moglie, ad esempio, mi ha visto?

MELO

Veramenti no!

ROSARIO

Cumpari, ma chi parrati sulu? Chi siti stranu!

MELO

(In disparte alla vecchietta) E allura picchì ‘nveci di l’ova nun mi duna lu putiri di nun essiri vistu, mi piacissi di cchiù.

VECCHIETTA

Ma quello te lo posso regalare in omaggio! Basta toccarti e…

MELO

(Sottovoce) E allura mi tuccassi, mi tuccassi, mi tuccassi! (La vecchietta lo tocca con la punta del bastone dove ella si sorregge).

SARU

(Sta anch’egli al gioco ed esclama al compare) Cumpari unni siti? Scumparistivu?

MELO

(Meravigliato, sale su di una sedia) Ccà, sugnu, cumpari! Mi viditi? (Rosario facendo finta di essere preoccupato, cerca il compare che sta camminando a carponi).

ROSARIO

Bedda matri! E unni ju a finiri ‘mpari Melu?

MELO

Funziona! (Rivolto al pubblico) Ah, quantu mi divertu ‘n’anticchia! (Si alza e lo va a toccare, ma il compare sta al gioco) Vi tuccavu, cumpari! Ma chi è, ‘un senti? (Il compare guarda altrove).

ROSARIO

Avanti, finitila cu stu scherzu ca ‘un mi piaci!

MELO

(Si mette vicino e davanti al compare convinto davvero di non essere visto) Cumpari, unni sugnu?

ROSARIO

Fativi avvidiri, cumpari ‘Un mi faciti scantari! (Gli molla un sonoro ceffone in faccia prendendolo in pieno, e, facendolo cadere, comincia a dargli calci, Melo si svincola, e si avvicina alla vecchietta).

MELO

Minchiuni! E sugnu ‘nvisibili! (Alla vecchietta) Sintissi, mi facissi accumpariri di cursa, prima ca me cumpari ‘m’ammazza a vastunati!

VECCHIETTA

E va bene, come vuoi! (Lo tocca ancora e il compare continua a burlarsi di lui).

ROSARIO

Cumpari! Ma unni atu statu? Mi facistivu pigghiari un motu! Ma c’aviti? Chi fu? (Melo si tocca la guancia).

MELO

(Sempre coprendosi la guancia) Nenti, nenti cumpari, è ca…

ROSARIO

Mo sapiti ca mi facistivu preoccupari veramenti! Ma comu fu ca ‘un vi vitti cchiù? Cumpari, ma staju durmennu o fu veru ca scumparistivu? E chi fati ancora ‘nterra?

MELO

No, no! eravu troppu svegliu! Cumpari aviti ‘na manu ca pari ‘na pala di ‘nfurnari u pani voldiri!

ROSARIO

(Ha la mano indolenzita e cerca di non far capire niente a Melo) Ma di chi cosa stati parrannu? ‘Un mai ‘ntisu mai accussì stranu. U sapiti chi fazzu, a casa arrivu; nni viremu ‘n’autra vota. Quantu mi v’arripigghiu ‘n’anticchia (esce e farà capolino aspettando che esce la complice).

VECCHIETTA

Anch’io devo andare, e ricordati: un chicco ad ogni gallina, e poi saranno uova tutte d’oro… sempre se tua moglie… (facendogli segno di corna).

MELO

Tranquilla!

VECCHIETTA

E tu, diventerai sonnambulo! Ah! Ah! Ah! (Esce).

MELO

(Tenendosi ancora la guancia,va a guardare da dove è uscita, dopo si siede afflitto su di una sedia) Curnutazzu di lu diavulu! Mancu quannu era nicu scippavu sta ‘nzaccata di vastunati. (Si rialza indolenzito) Aih! Aih! Aih! E menu mali ca stu ‘ncantisimu era in omaggiu… (preoccupato) e l’ova d’oru, ca sunnu cu lu cuntrattu? Mah! M’avissi a ‘mpaiari di pettu ‘na machina! (Rimane impietrito, guarda le galline e il sacchetto che le ha dato la vecchietta) Allura, riepilogamu… quindi, si me mugghieri mi facissi li corna, ju… o megghiu, li addini ova d’oru… nenti, e fussi… ora ci voli, curnutu e vastuniatu! Menu mali ca la mè mugghiera va sempri a chiesa. Allura, ‘ncuminciamu lu ‘ncantisimu; ju… ci dugnu du coccia di stu frumentu, e iddi… Dunque, sunnu du jaddini… (infila la mano nel sacchetto,  prende due chicchi di granone e si avvia dalle galline) Tiniti. Unu tu, e unu tu nautra, videmu chi succedi. A mumentu sugnu riccu! Riccu, riccu! (Esce).

 

CATERINA

(Entrando in scena preoccupata, è vestita agghindata, pronta per andare a messa) Chi c’è, chi successi? (Gli guarda la guancia) Chi facci russa ca hai! Ma cu ccu parravi?

MELO

No, nenti! Cu mia… cu mia parrava.

CATERINA

Senti, Melu, nun è ca mi vulissi fari nesciri foddi? Si ju ti ‘ntisi parrari!

MELO

Ma cu ccu voi ca parru! Antura ti chiamavu, dicennuti ca c’era corcunu, a cu vidisti?

CATERINA

A to soru! (Pensierosa. Melo si gira abbassando il capo) Chi si stranu! Ma si po’ sapiri chi m’ammucci?

MELO

Senti, ma… dimmi ‘na cosa, tu vai a missa… a missa?

CATERINA

Ancora! Ma chi hai Miluzzu miu! ‘Nca certu! Unni voi ca haju a ghiri?

MELO

S’haju a diri propriu la verità vulissi ca ti stuccassi li ammi dintra, tantu di quantu voti ha jutu a missa è sicuru ca ‘mparadisu nni spettanu li posti ‘mprima fila.

CATERINA

Ma chi sta dicennu, mariteddu miu? S’havi di priari sempri, sinu ca semu vivi.

MELO

Va beh, va beh, lassamu perdiri! (Guardando le gallinee facendo finta di sentire freddo) Ma tu ‘un nni senti friddu? Chi dici siddu a li jaddineddi ci mittissimu ‘na cupirtedda supra di la jaggia?

CATERINA

(Meravigliata) E macari ci facemu i quasitteddi di lana e li sciallineddi… oh, Melu! Chi ssi stranu fattu, ma poi tuttu ‘nta ‘na vota? Anzi senti chi facemu, li jaddini, vistu ca me patri sa ‘ntisu un pocu affrivigghiatu e cu li dulura ‘nta l’ossa, haju pinsatu di tiraricci lu coddu a una di li dui e falla ‘nbrodu…

MELO

(Quasi adirato, scatta) Chi cosa? Quali ‘n brodu e ‘n brodu! ‘Un tuccari li jaddini sai?

CATERINA

Melu, ma ti senti bonu? Comu, siddu u primu tu mi dicisti sinu a l’autru ajeri: “corchi jornu, a sti jaddini ci avemu a tirari lu coddu, picchì nun nni pozzu cchiù di cummattiricci!” Tu scordasti?

MELO

Ju? Ma quannu mai! L’animaleddi, su accussì nnuccenti! boni, duci… e poi mancu si sentinu. Anzi tu avissi di chi priari pi quantu facissiru du uvicedda… pi to patri s’intenni! Ca ha statu malatu, mischineddu!

CATERINA

Melu, sicuru ca ‘un hai nenti? Mi pari troppu stranu;  puru di me patri ora ti ‘nteressa? Ma chi ti successi tuttu ‘nta ‘na vota? Parra!

MELO

U vo sapiri propriu? Ho fatto un sonno! Un sonno, unni mi diciva ca haju a divintari riccu! Riccu!… si tu…

CATERINA

Si ju…?

MELO

No, nenti, nenti, chi vaju pinsannu. (Entra la figlia. Ha un libro, pronta per andare all’università)

MARIELLA

Mamma, mamma! Il nonno ha aperto il cassetto della colonnetta e gli ha pisciato dentro; poi si girò verso l’armadio e gli sputò sopra, ma di uno sputo! Che schifo! Non ha il vaso da notte sotto il letto, che cosa vuol dire?

MELO

Nenti, chi veni a diri! Vosi diri ca nni detti du nummari di jucari: culunnetta e armadiu. (Alla moglie) E pi oggi, cara mia, ti satau la missa.

CATERINA

E picchini? Puliziu quannu vegnu!

MARIELLA

(Facendo capire alla mamma ch’è troppo sporco e bisogna pulire) Ma, Mamma!

CATERINA

Nenti mamma! Tu ‘un ti prioccupari, e spicciati ca hai di iri a l’università e perdi l’autobus e la materia ‘un ti la poi dari.

MARIELLA

Ma è troppo sporco! La colonnetta gocciola da tutti i lati!

CATERINA

Ancora! Nenti ci fa! Comu vegnu da missa u fazzu… (guarda Melo) sempri siddu ‘nno mentri, stu sirviziu ‘un lu voli fari tò patri…

MELO

(Alla figlia) Pi mia tò nannu po’ cacari puru ‘nto lettu, e si ci po’ puru stricari di supra.

MARIELLA

Ma, papà! Che schifo! Forse è meglio che vada. M’avete fatto passare la voglia di far colazione! (Esce)

CATERINA

Vattinni, vattinni a matri, ca vegnu puru io, vasinnò puru a missa perdu. (Al marito) A cchiù tardu, e ti raccumannu a me patri, s’avissi aviri di bisognu. (Esce)

MELO

(Meravigliato) Ma nun mi putiva veniri ‘nta la punta di la lingua quannu dissi di “si”. E u bellu ca lu parrinu mi lu dumannau puru! “Tu Melo sei contento di prendere per moglie, la qui presente…” La qui, presente! Ma chi era addummisciutu, rimbambinutu! (Va a guardare dalle galline se hanno già fatto le uova) Ancora nenti! E si hannu a fari ancora la rappa nova? Ma quali rappa, si ‘ncuminciaru ora a fari l’ova! Mah, amu a vidiri. Ah, comu ‘ncuminciati a fari l’ova! Diventerò ricco! M’accattu ‘un beddu titulu, chi ssacciu… Cavalieri, Conti, Baruni, Cummintaturi… e tutti chiddi ca mi ‘ncuntrassiru pa strata mi facissiru l’inchinu: “Baciamu li manu Cavaleri Melu! Ssabenerica, Cavalieri melu!” (Pensando) Ssabenerica… quantu voti, picciriddu, a me nonnu ci vasava la manu dicennuci “ssabenerica, nonnò”. “Diu ti binirici!” rispunnìa lu me nannu dannumi du favi caliati o ‘na bedda chiappa di ficu sicchi. A ddebica ‘un aviamu nenti, eramu tutti puvureddi, aviamu li favi caliati e li chiappi di li ficu sicchi; ora c’avemu tutti cosi, semu ricchi, e ni mancanu li favi,  li chiappi di li ficu sicchi e la binirizioni di li nostri santi vecchi. Boh, chi munnu! Amu a vidiri unni amu a ghiri a parari. Quantu m’aggiustu du scarpi, ca s’arrivanu li crienti li trovanu pronti. (Si va a sedere al banco di lavoro. Dopo un po’ entra Toti).

TOTI

(Entra guardingo; ha paura che possa entrare Caterina) Tiu Melu, pottu veniri?

MELO

‘Nca certu, ca po’ veniri, picchì no! Anzi assettati ccà, e mi ‘nciri du fila di spagu che cusiri sta scarpa.

TOTI

E ‘ntirari? Ti, ti, ca ju ma firu a pallu. Unn’è, a tira, unn’è a tira?

MELO

(Dandogli la cera) Teni ccà!

TOTI

E u pilu?

MELO

Chi cosa?

TOTI

U pilu, u pilu pi ‘ntirari.

MELO

Ah! u filu?

TOTI

Picchì, io comu ditu, un ditu u pilu. Talé, talé: pi-lu, pi-lu. Ti paria ca ditia pilu? (Riprendono a lavorare. Pensieroso) Tiu Melu! Tomè ta tu antora ‘un m’ha ‘ntignatu?

MELO

Picchì… picchì un sugnu ju ca ti ‘nsigna, ma u tempu! U capisti? Ju ti pozzu fari vidiri comu si fa, ma poi u veru maistru è iddu! E’ lu tempu ca nni ‘nsigna!

TOTI

Tiu Melu, ‘un nni capivu nenti. Ta pottu ‘ntignai ‘na cota ju, ani?

MELO

Sintemu!

TOTI

Ta firi a diri: pilu, pilù… non, no! Va tinnò chittu. Ti pintava l’autu jornu, u ta? Tu ti Melo? (Melo annuisce) Oh! Allura a tiri ru coti: arrotola e melo, comu ti tami tu, u capitti? E l’ha diri di cutta a cuttì: arrotolamelo.

MELO

Ah, ca certu ca ma firu, su dici tu! Arrotamelo…

TOTI

(Ridendo a crepapelle) Un ta firi! Un ta firi! Jo tini!

MELO

Ma chi ci ridi? Picchì comu dissi?

TOTI

Tu dititti accuttì: arrotamelo. Menti un’è arrotamelo. Ju chi ti ditti, tu ha fari… a mettiri du paroli tuli e tunnu: arrotola e melo, comu ti tami tu, Melo u capitti?

MELO

U capivu, u capivu! Arrotamelomelo.

TOTI

(Ridendo più forte) Ma chi diti, melomelo? E’ fatili fatili! E tomu io ta mittemu mi tamu… Arrotola e tu ta ti tami Melo. (Glielo spiega indicandosi) Allura, tomu mi tamu io? Pi pinta, però, u tapitti?

MELO

Arrotola.

TOTI

E tu?

MELO

Melo.

TOTI

Oh, u viri to tapitti! Ora tillu.

MELO

Arrotolalamelo.

TOTI

Ma ti diti? Tomu parri? Un ti capitti nenti.

MELO

Puru! Ah, sugnu ju ca un fazzu capiri nenti! Mi sta facennu cunfunniri tuttu! (Continua a ripetere la frase senza parlare e Riprendono a lavorare. Si sente cantare un inno di bersaglieri) Ccà, semu! (Entra Pietro, il suocero, vestito da notte: mutandoni, una vecchia maglia rammendata, in testa un berretto da bersaglieri e il vaso da notte in mano che va a svuotare nell’aiuola davanti casa di Vincenzina, rientrando fa il saluto al genero e a Toti ed entra ancora cantando. I due si guardano meravigliati. Toti si alza e va a vedere dove ha svuotato il vaso; si tura il naso).

TOTI

Minta, chi putta!!! Ma tomé? Talé chi cchifu chi fiti! (Melo gli fa segno che è pazzo e ricominciano a lavorare. Affaccia dalla finestra, dove sotto Andrea aveva svuotato il vaso, Vincenzina si tappa il naso e chiude la finestra. Entra per sapere da Melo cosa possa essere quella puzza).

VINCENZINA

(Affacciandosi alla finestra, sente puzza) Scusati, don Melu, ma chi vinniru chiddi du spurgu del pozzo nero? (Entra in scena) C’è di ‘ntussicari.

MELO

A diri la verità, un mumentu fa passau di cca un cammiu ca sunava, po’ essiri ca era carricatu di cuncimi, e... (fa segno a Toti per farlo acconsentire).

VINCENZINA

Accussì diciti?

TOTI

Ti, ti, tunava fotti!

VINCENZINA

Veni ccà, Totucciu ca to nonnu si voli assittari ‘nanticchia fora a pigghiari un pocu d’aria frisca… anchi siddu sugnu sicura ca comu senti sta puzza si nni voli trasiri subitu dintra (escono. Melo va a togliere di corsa quanto ha buttato il suocero e spruzza un deodorante in tutto il baglio; poi si va a sedere come se non avesse fatto nulla e si rimette a lavorare).

IACOPO V.F.C.

(Da fuori scena) A missa, a missa vogghiu iri!

MELO

Tutti santi sunnu ‘nta stu bagghju!

VINCENZINA V.F.C.

Ma unni havi a ghiri c’ast’ura sta finennu a missa.

IACOPO V.F.C.

 E allura fora, fora vogghiu jri, e pigghiari ‘na vuccata d’aria frisca!

VINCENZINA V.F.C.

(Sempre fuori scena) Vossa a lassa futtiri l’aria frisca ca c’è friddu, e poi u cammiu finiu ora ora di svacantari a u puzzu njuru, e c’è puzza di moriri!

IACOPO V.F.C.

(Fuori scena) Chi m’havi a doliri?

VINCENZINA V.F.C.

Ma quali doliri e doliri! Ci dissi c’è di moriri!

JACOPO V.F.C.

Ti dissi ca nenti m’havi a doliri, e tu mi pigghi pi fissa. Hai sempri ‘na scusa pronti pi ‘un mi fari nesciri.

VINCENZINA V.F.C.

Ah, si? Haju sempri ‘na scusa pronti? Ca vossa nesci e ss’arricrìa tuttu! (Entrano. Toti porta la sedia a sdraio e la va a sistemare in un angolo, e lei accompagna suo padre, il quale entrando fa un grosso sospiro di sollievo sentendo quel bellissimo profumo. Vincenzina rimane sbalordita e nello stesso tempo meravigliata, e si rivolge a Melo che faceva l’indifferente). Mastru Melu, ma chi successi tuttu ‘nta ‘na vota? Quasi quasi ca puru ju m’assittassi ‘n’anticchiedda fora a farimi a lana.

MELO

Chi voli ca ci dicu, donna Vicinzina, servi ca mi faciti un pocu di cumpagnia; me mugghieri appi arrivari a missa.

VINCENZINA

A missa! A ‘na pocu, prima ci piaci di caminari pi ‘na strata torta e mala finuta, s’allordanu, s’allordanu, e  poi vannu a la missa comu iri a la funtana, s’assettanu e prejanu pinsanu di sciacquari li vesti di la cuscenza cu ‘na para di patrinnostri e avemarìi. Ma chi si cridinu! Tutti sarvatu avemu  lu jornu di la chiamata a li armi.

MELO

Chi diciti, donna Vicinzina? Cu ccu l’aviti? E di chi armi parrati?

VINCENZINA

Di chi armi parru? Parru di armi e dicu animi! Ah, picchì vui pinsati ca nna stu munnu, tutti chiddi c’amu fattu chiddu ca amu vulutu, chiddu ca ‘nna sfirriatu ‘nta lu ciriveddu: tradimenti, guerri, ammazzatini,  mancanza di rispettu, suvricchiarii… pisati saremu un ghiornu, pisati ‘nna ‘na valanza chi pisa puru ‘na pinna d’aceddu, finarmenti giustizia a liveddu. Ah, quantu ‘mbrogghi, quantu cummogghi, a quantu arvuli ci hannu a cadiri li fogghi.

MELO

Donna vicinzina, ‘un haju caputu unni vuliti iri a parari. Ju di sti problemi ‘un haju propria e spiranza di vidirimi senza fogghi ‘un ci nné pi nenti. Nenti haju e nenti vogghju, e chiddu ch’è miu è di tutti.

VINCENZINA

Tutti accussì dicemu: “chiddu ch’è miu è di tutti”, mentri poi… dicitimi ‘na cosa, ju addini ‘un haju e vui si, si vi dicissi, per esempiu; mastru Melu ma dati ‘na jaddina, vui, chi mi dicissivu?

MELO

(Facendo un gesto) Teh! Vi dicissi.

VINCENZINA

(Meravigliata) Eh!?

MELO

Ma chi capistivu? Ju dicu teh! nel senso di diri teh, pigghiativilla! Certu picchì ‘un vi l’avissi di dari… sulu ca nun vi cunveni a vui di pigghiarivilla picchì ova nun nni fannu.

VINCENZINA

Allura comu cumincianu a fari l’ova è signu ca mi la pozzu pigghiari?

MELO

Sintiti, ma chi ci trasinu li me jaddini cu li discursa di la chiamata a li armi? ‘N casu mai vi pozzu dari corchi uviceddu, comu cumincianu a falli, eh! Ju ‘nn’haju sulu dui jaddini, si ‘nn’avissi centu vi li dassi tutti dui.

VINCENZINA

E va beni, voli diri ca m’accuntentu di corchi uviceddu (si gira per andarsene, e Melo le fa un gestaccio. Si rigira per avere conferma, ma…) Eh!?

MELO

(Imbarazzato) Non, nenti… ju… vulìa diri: teh! Nel senso di dire…

VINCENZINA

(Ripetendo il gestaccio di Melo) Teh! Ca ora un vu dugnu! (Melo annuisce forzatamente, mentre Jacopo, che intanto s’era addormentato, cade dalla sedia)

Fine primo atto

Secondo atto

(Scena Medesima. Caterina è intenta a lavare gli indumenti dentro una pila di legno accanto al rubinetto a muro. Viene da fuori un dottore)

DOTTORE

Donna Caterina! Come va, come va papà Pietro?

CATERINA

E comu havi di iri, dutturi. Ogni tantu arrisorvi e fa chiddu ca voli, e nun si ci po’ diri nenti! Menu mali ca ‘un è piriculusu. E’ mé maritu chiddu ca mi prioccupa. U sapi chi ci pigghiò, dutturi? La sira, prima di curcarisi, si metti supra la colonnetta du buttigghi di vinu e un guastidduni di pani, si ‘nfila ‘nto lettu e s’addummisci.

DOTTORE

E… durante la notte che fa? Si alza e mangia, oppure…

CATERINA

Ma quali si alza e mancia! Ca runfulìa ‘nsinu a li matinàti!

DOTTORE

A lei sembra che sia così, perché dorme e non vede cosa succede durante la notte.

CATERINA

Dutturi, dormi ‘nsinu a li matinàti.

DOTTORE

Strano, veramente strano! (Ha un’idea) Però può essere che… no, no, sicuramente mi sbaglio.

CATERINA

Di chi cosa si sbaghia, dutturi?

DOTTORE

Pensavo… insomma, pensavo. È se fosse diventato sonnambulo?

CATERINA

Chi cosa, dutturi, chiddu ca camina di notti… (imitando il sonnambulo) d’accussì? (Il dottore annuisce) No, no, un po’ essiri, lei pensa ca ‘un l’avissi vistu?

DOTTORE

E come, se lei in quel momento dorme? Il sonnambulo, deve sapere che si alza e cammina come se fosse veramente sveglio; guai però a svegliarlo, la paura diventerebbe così tanta che potrebbe morirne. Ha capito, signora Caterina?

CATERINA

U sapi ca mi c’è mettiri accura.

DOTTORE

Senza però…

CATERINA

Arruspigghiallu! U capivu, dutturi.

DOTTORE

Beh, io devo andare; mi ha chiamato donna Vincenzina dicendomi che stanotte suo padre ha fatto… come dire…

CATERINA

L’opira! Ah, dutturi, chi tiatru ca cummina comu si ci metti lu ciriveddu ‘nfolli! Comu si ci sgrana la marcia di la ragiuni… L’autru jornu si ‘ncurnàu ca me maritu ci avia a cantari ‘na canzuna… ah, chi successi!

DOTTORE

E va beh, gliela poteva cantare mastro Melo una canzone!

CATERINA

Dutturi, ci a cantau! cu tuttu ca mé maritu ‘un sapi cantari, è stunatu comu la campana da chiesa di la Madonna o Rusariu; sulu ca comu stu foddi s’addunau ca era stunatu, successi ‘na guerra; la vulìa ‘ntunata la canzuna! U capiu, dutturi? ‘Ntunata! Menu mali ca ‘nna stu mentri si truvau a trasiri me patri, si scantau e si nni scappau pi jintra. Vattrova chi ‘mprissioni ca ci fa me patri. Dutturi, picchì a donna Vicinzina‘un ci cunsighia di purtallu o manicomiu a stu cristianu, ca a mia ‘un mi senti… (ironica) a signura.

DOTTORE

Glielo consiglio, glielo consiglio! E’ facile a dirsi… lei glielo porterebbe suo padre al manicomio? (Entra Melo)

MELO

Di cursa! Di cursa ciù purtassi, dutturi!

CATERINA

Ma chi ci fori capiri o dutturi ca mé patri è pazzu?

MELO

Pazzu? Di galera è! Autru chi pazzu. U sapi chi fa, tuttu ‘nta ‘na vota scumpari e ‘un lu videmu cchiù e ‘ncuminicamu a circallu… ci pari ca duna cuntu quannu lu chiamamu? No! E lu truvamu: ‘na vota sutta lu lettu… picchì dici ca si scanta di li bummi, ‘n’autra vota d’arreri la tenna, picchì dici ca joca a mmucciareddu; l’autru jornu u truvamu dintra l’armadiu cu lu cappeddu di bersaglieri ‘ntesta… “stava ‘ntrincea”, dici, ‘ntrincea! U capiu dutturi?

CATERINA

Ma chi ti fa di mali, ddu cristianu, si fa sti cosi?

MELO

Chi mi fa? Ju vulissi vidiri si avissi ‘n manu un muschettu mentri si trova (ironico) ‘n trincea, e mi scanciassi pu nemicu.

DOTTORE

Ma no, non ti avrebbe sparato!

CATERINA

Certu ca ‘un t’avissi sparatu! Anchi siddu un corpu di muschettu nna ssu tintu cirividdazzu ca ha, ti lu miritassi ogni cincu minuti. Pi iddu è un jocu, è comu s’avissi turnatu a essiri picciriddu…

DOTTORE

Proprio così. Ah, ma vedo che lei, signora Caterina ha fatto una analisi ben precisa della malattia. Egli è diciamo… un pazzo buono, che non aggredisce.

CATERINA

Me patri! Mentri du zzù Japicu c’è di scricchiarisi l’occhi, è manùtu… e poi dutturi, quannu havi a marcia di la ragioni sgranata, adopira un linguaggiu, ca vattrova di quali continenti è! Pari ca s’avissi agghiuttutu un vocabolarieddu di chiddi (fa il gesto di piccolo) nichi tascabili.  (Entra in scena Jacopo e li osserva attentamente. Ha in testa un colapasta, un bastone in mano, è in mutandoni, un paio di anfibi, e sulle spalle ha un pezzo di stoffa legata a mantello  Rimangono tutti immobili, non sanno cosa fare).

JACOPO

(Incomincia a dare i numeri e guarda Melo che si trova un po’ in disparte) A te, che fosti ardito condottiero…

MELO

Minchiuni, propria di iddu parravamu!

DOTTORE

(Sono tutti impauriti) E ora?

CATERINA

Fermi, stativi fermi ca a mumentu si sfoa, dici ssi quattro cosi ‘n talianu e ‘un c’è cchiù nenti.

JACOPO

(Rivolgendosi al dottore e a Caterina) E voi? A voi dico! Creatori di complotti. Ardimentosi guerrieri barbari, come osate inveire fugaci pensieri strani?

CATERINA

(Più impaurita che mai) Bedda matri! Sta vota futtuti semu; stu discursu di surdati barbari nun lu canuscia propria! Si nni muvemu, ‘un si cuntrolla cchiù! Assicunnamulu, assicunnamulu dutturi (Jacopo si avvicina ai due rimasti immobili).

JACOPO

Io, sono, miei condottieri alemanni! Non mi riconoscete? Attila! Su, (minacciandoli col bastone come se fosse una spada) prostratevi in ginocchio al vostro Re. (Hanno paura e tentennano ad inginocchiarsi). Che notizie mi portate dall’Alsazia?

DOTTORE

(Impaurito più che mai, a Caterina) Alsa…che?

CATERINA

(Quasi piangendo, e sottovoce) E chi nni sacciu Dutturi! Mi scantu  di comu manìa stu vastuni.

JACOPO

E allora? Su, inginocchio!

DOTTORE

Oh, Madonna del Carmelo! Ma chi melo ha fatto fare a venire? Su, Signora inginocchiamoci! (S’inginocchiano).

JACOPO

(Poggia la punta del bastone sulla spalla di Caterina la quale trema dalla paura e parla col Dottore) Cosa mormori tu, guerriero? Dimmelo! Cosa succede nell’Alsazia?

CATERINA

(Caterina ha paura, e  invita il dottore a parlare, ha paura che se non parla, li bastona a tutti e due) Dutturi  cu lei parra. Bedda matri, ci arrispunnissi, vasinnò u vastuni di ‘ncoddu nni rumpi.

MELO

(Indicando a Jacopo la moglie) Cafudda, Attila, ‘un la sbagghiari, cafudda!

CATERINA

(A Melo) Gran pezzu di crastu! Puru cafudda ci dici? Ma ci havi a finiri ssa fuddia!

JACOPO

(Sentendo parlare Melo gli si avvicina) E tu, oh fido condottiero, che l’anima daresti in cambio per la vita del tuo Re. Dimmi, cosa suggerisci di fare a questi due perfidi guerrieri, che per pochi danari hanno tradito il loro coraggioso sovrano?

MELO

(La paura ha preso molto anche lui) Iu, veramenti…

JACOPO

Anche tu passi dalla loro parte? Parla!

MELO

Ju? No, no, no! Quali parti e parti! Jo col mio Re sto!

JACOPO

E allora parla, su! Chi, dei due, tu pensi possa avermi tradito?

CATERINA

(A Melo che tardava a scegliere tra il dottore e la moglie) ‘Un t’arrisicari sai?

DOTTORE

Allora, devo prenderli io?

JACOPO

E allora? (Si porta dai due che sono sempre in ginocchio) Lui, o lei? E tu (a Melo) mentre faccio assaporare loro il bastone, salirai su questa sedia e canterai le lodi al tuo Sovrano. (gli si avvicina e lo intimorisce) E guai a te se sei stonato! Dai, canta!

MELO

(Inizia a cantare con voce da tenore) Caro mio Sovrano, ancora qualche giorno, e io diventerò ricco con le mie uova d’oro… (Si sente un canto di bersaglieri, Jacopo capisce che sta arrivando Pietro e scappa. Pietro entra, vede i due inginocchio e s’inginocchia pure lui, si mette la cordicella ch’è legata al vaso da notte e si porta ancora dove suole svuotarlo. Arrivato sotto la finestra, mentre gli altri rimangono immobili meravigliati a guardare la scena, li guarda, svuota il vaso e rientra trascinandosi il vaso e abbaiando, gli altri al suo passaggio faranno dei veloci passetti indietro e dopo averlo visto uscire, si alzano, guardando le uscite, stanchi d’avere sopportato quanto accaduto).

DOTTORE

(Ancora impaurito, guarda da dove è uscito Jacopo e poi Andrea, e saluta i due balbettando). Eh no! In questo baglio non ci metterò più piedi, neanche se dovessi sapere di diventare ricco! (esce)

MELO

E io co sacciu, allura? Ma comu i jaddini arrivanu a fari ssi quattro uvicedda, dicu quattru! Mi nne scappari di notti e notti.

CATERINA

Chi cosa? I jaddini? Chi è stu discursu di jaddini? (Si avviano a rientrare dentro).

MELO

Chi è? Nenti! Dicu ca… siddu i jaddini arrivano a fari quattro uvicedda, mi nni vaju di stu bagghiu pi vinnilli, si eccu, a  vinnilli.

CATERINA

A vinnili? Ma di chi cosa sta parrannu? Amunì, amunì! Cosa bona si! (Escono. Entra Rosario, il compare. Ha il polso e tutta la mano bendata, si avvicina alla gabia, gli mette dentro due finte uova d’oro e chiama il compare). 

ROSARIO

Cumpari, cumpari Melu! (Affaccia Caterina e Rosario la tira a se) Ah, Catarina mia! Io ‘mpazzisciu luntanu di tia!

CATERINA

(Guardando se rientra suo marito) Zittuti, Sariddu! Ma chi dici veru? S’affaccia me maritu, ‘na furma ‘n testa nni lassa iri! E poi… nun scopri tutti cosi? Ma chi si babbu?

ROSARIO

Babbu, si, babbu di tia sugnu! Vidi ca stasira cu lustru di luna ti vegnu a trovu… ‘na vasata, ‘na vasata sula vogghiu!

CATERINA

(Sempre sottovoce e guardando ogni tanto se esce Melo) Cerca di fariti carmari sti quaranati quannu si ccà. E poi… ‘un ma sentu ancora di dariti ‘na vasata. Ti dissi ca tu dicu ju quannu è ura. E ora finiscila, ca d’un mumentu a nautru po’ trasiri me maritu, e semu cunzumati! (Si sente arrivare il marito).

ROSARIO

(Come se fosse arrivato in quel momento) Buon giornu cummari. (Esce Melo) Cumpari! guarda i due e si rivolge a Melo) Ma c’aviti tutti dui ca siti sudati?

CATERINA

‘Nzoccu pinsati ca putemu aviri, nenti! E’ sulu ca ‘nta stu bagghiu, havi ‘na chidda di jorna ca facemu ginnastica, (prima di fare qualche esercizio per indicare la ginnastica, guarda dove è uscito Jacopo) eccu, si! Accussì, u viditi?

ROSARIO

(La guarda e sbaglia a parlare) Quantu siti bona, cummari! (Marito e moglie si guardano meravigliati).

I DUE IN CORO

Eh!

ROSARIO

No… nenti! Vulia diri: ma vi sintiti bona, cummari?

CATERINA

Ah, mi parìa! Bona, bona mi sentu! (Gli guarda il polso) E vui, chiuttostu, c’aviti ‘nna manu?

ROSARIO

(Guarda Melo e la vuole nascondere) No… nenti! Antura a sbattivu… mi doli, e a ‘nfasciavu! E allura, cumpari, comu finiu cu li scarpi? Su pronti, c’haju a ghiri ‘n Palermo?

MELO

Ma quannu mai, cumpari! Sintiti chi facemu, (prendendo delle scarpe) pigghiativi chisti du zzù Carmini ca su pronti, voli diri ca comu rientrati di la Città mi li purtati ‘nn’arreri e ju vi fazzu attruvari pronti chiddi vostri… (Rosario lo guarda meravigliato) u capistivu?

ROSARIO

Veramenti… ju…

CATERINA

Ca si metti i scarpi du zzù Carminu? ‘N’avutra ora! Ura, è! Tale, quantu mi nni trasu, va! (Esce, mandando bacetti al compare).

MELO

(Guarda la moglie uscire, Rosario cerca di rispondere ai bacetti cercando di non farsene accorgere, le fa segni che verrà più tardi, e parla al compare sottovoce) Cumpari, antura… però m’aviti a diri a verità, quannu vinistivu ccà, ‘un nutastivu veru nenti di stranu? …dicu… nenti di nenti?

ROSARIO

Arerri! Cumpari ma vi sintiti bonu? c’aviti? E’ la secunna vota ca mi dumannati si visti cosi strani; ma ‘nzoccu havia di vidiri, scusati, li marziani? O, chi sacciu…

MELO

Nenti, nenti lassati iri! Ma… dicitimi ‘nautra cosa, vui ci criditi a li majarii… a li streghi?

ROSARIO

Veramenti, ju a sti cosi ‘un ci havia cridutu mai, ma…

MELO

Ma?

ROSARIO

Dicu, ma… nel senzu ca… ‘nsumma, cu tutti sti cosi ca si sentinu diri: u zzù Minicu c’attruvau a truvatura, a zzà Lucia ca senti cantari l’aceddi dintra lu frigorifiru… cumpari, ‘nsinu ca mi lu cuntavanu, ju nun ci cridia, ma quannu ci jvu a casa e grapivu lu frigurifiru… ristavu siccu; u frigorifiru addumatu! ‘Un nisciu di dda ddintra, vulannu, un pettirrussu! U capistivu picchì ora sugnu purtatu a cridirici a certi cosi? Havi un pocu di tempu ca si sentinu cosi strani, cumpari! Tanti cosi strani! Mah, amu a vidiri unni avemu arrivari.

MELO

Ah, cumpari s’è pi chissu, nun avemu cchiù chi sentiri! U sintistivu ca si nni fuju Ciccinu cu so cummari Cuncetta? (Rosario sa di essere quasi nella stessa situazione e comincia a riflettere, e mima quanto sta narrando Melo). Ma poi dicu ju, ddu gran pezzu di passuluni di so maritu chi facia durmìa, di nenti s’addunau? Gran pezzu di passuluni!

ROSARIO

Ma veru. Gran pezzu di passuluni!

MELO

Gran pezzu di minchiuni!

ROSARIO

Pezzu di minchiuni!

MELO

Gran pezzu di crastu! Ora ci voli.

ROSARIO

Pezzu di crastu! Ora ci voli

MELO

Cumpari, ma chi nni stamu dicennu u rusariu? Ma chi ripititi chiddu ca ripetu ju?

ROSARIO

Quannu mai, cumpari! Rinforzu sulu chiddu ca diciti.

MELO

Circati di rinfurzallu cchiù picca chiddu ca dicu! Viditi chi cosi! E poi, cu cumparatu pu menzu… E’ u stissu ca vui…

ROSARIO

(Intervenendo subito) Ju… chi cosa?

MELO

No, dicu… è u stissu ca vui siti me cumpari…

ROSARIO

Ma mancu si vinissi un tirrimotu e ristassi viva sulu a cummari! Chi jiti pinsannu compari! Ju… cu vostra mugghieri!

MELO

Ju vosi fari ‘n esempiu, lu sacciu ca vui nun mi tradissivu mancu pi tuttu l’oru di stu munnu… e poi, propria cu me mugghieri nun vi cunvinissi propriu, chidda quannu dormi cunta pani pani e vinu vinu di chiddu ca ci succedi duranti la jurnàta, e si vaju di diri la verità havi ‘na para di notti ca ci staju a cura, e ‘nsinu ad ora nenti, vasinnò è sicuru ca già l’avissi saputu. Ma… s’avissi a succediri… chi vi pozzu diri… nun capissi cchiù chiddu ca facissi (Rosario ha paura) a lu scilliratu chi mi ‘ncuitò la muggheri… (Rosario rimane impetrito) vui, cumpari, chi cosa ci facissivu?

ROSARIO

(Spaventato) Ju, nenti!

MELO

Nenti! Comu nenti?

ROSARIO

(Riprendendosi) No, no! dicu nenti, nel sensu ca… mancu ju ‘un sapissi nenti di chiddu ca facissi!

MELO

Prima di tuttu, ci scippassi l’occhi, (Rosario, si tocca quanto melo va nominando) poi a sangu caudu… pigghiassi (lo prende da sul banchetto) lu trincettu… ca tagghia comu lu rasoju… sempri ammulatu lu tegnu! Ci pigghiassi dda cosa… vui mi capistivu, e…

ROSARIO

(Morto di paura accenna a ciò che ha capito) … Chidda! … chidda, chidda?

MELO

Propriu chidda! E… zamt!!! (Rosario si tocca) Chi è cumpari v’affrigiti? Ma tantu stamu parranno a ammatula. Canciamu discursu, va! Allura, vi purtati sti scarpi, si o no?

ROSARIO

(Più confuso che persuaso si prende le scarpe ,e toccandosi il di dietro come se gli scappasse d’andare in bagno, si avvia) Si, si cumpari, forsi è megghiu ca mi nni vaju, e di cursa! Troppu ammatula stamu parranno. Vasinnoni perdu la curriera e a vostra cummari cu la senti? (Va per uscire) Salutatimi a… no, no! nenti, nenti cumpari! ‘Un mi salutati a nuddu! (Ed esce).

MELO

Minchiuni, com’era cacatu, mancu s’era iddu lu merru. Mah, mittemunni a travagghiari (si siede al banco ed inizia a lavorare, entra, venendo da fuori, Vincenzina).

VINCENZINA

Ccà semu don Melu. Ma c’havia  vostru cumpari?

MELO

Me cumpari? Ah, nenti, nenti! Cosi di nuautri masculi.

VINCENZINA

U ‘ncuntravu ca scinnia da strata, havia a mano a ttappu ‘nto d’arreri… e ‘na facci! Chi è, nun è ca vui… ma vostra mugghieri unn’è?

MELO

Ju chi cosa? E chi c’entra me mugghieri?

VINCENZINA

No, dicu… vostra mugghieri unn’è nel sensu ca ci dumannu a idda vistu ca sunnu cosi di vuatri masculi.

MELO

‘Nna stu bagghiu, havi na chidda di jorna ca parramu a menzi paroli, mi sta parennu u cuntu di tri surdi.

VINCENZINA

Nenti, forsi aviti arraggiuni, lassatila iri a vostra mugghieri. Chiuttostu, me patri s’ha ‘ntisu?

MELO

(Esclamazione ironica) Nooo! Vostru patri? Ma quando mai, mischineddu! Ma cu l’ha ‘ntisu! Ha durmutu tutta la santa jurnata! (Parlando serio) Donna Vicinzina, a vostru patri ‘un l’aviti a lassari cchiù, sulu; fa cchiù paura di un dobermann! Antura nni fici pigghiari un motu, e a lu dutturi sicuramente l’assartaru li vermi…

VINCENZINA

Picchì… già vinni u dutturi?

MELO

U dutturi vinni du voti: a prima e l’urtima, e dissi di dirivi ca ‘un l’aviti a circari cchiù mancu siddu lu faciti addivintari riccu.

VINCENZINA

Mastru Melu, vui u sapiti ca sugnu sula di poi ca murì me maritu, haju a Totucciu ma è comu siddu ‘un l’avissi. (Preoccupata) Anzi unn’è? (Entra Toti va leccandosi un gelato al cioccolato che gli cola da tutti i lati sporcandogli il viso e i vestiti) Taliatilu, u viriti com’è cumminatu? Chi fa, u lassu cu me patri? M’aviti a scusari pi chiddu ca cumminò, chi vuliti c’haju a fari?

TOTI

Tiu Melu? (Gli si avvicina col gelato) Ta vo dari ‘na liccata, talé e fatili fatili, vatinnò ti fazzu tucari chittu dinta u cota… comu ti chiama?

MELO

U conu?

TOTI

Ti, ti, chittu!

VINCENZINA

Amuninni, amuninni Totucciu ca u ziu Melu havi di travagghiari!

TOTI

Mi pottu ttari ccà, tiu Melu? Ti ‘ntiru u pilu (Vincenzina non capisce) e ti ‘ntignu ‘nauta cota.

MELO

Nenti, iddu dici u pilu nel senzu di filu, u filu di ‘ncirari.

VINCENZINA

Ah!

MELO

Lassatilu, lassatilu donna Vicinzina, ca disturbu ‘un mi nni duna propriu. (Vincenzina esce, Toti prende una sedia e si siede accanto a Melo).

TOTI

Mi la ‘ntignari a cuntari i ccappi?

MELO

Ora? (Toti annuisce) Propria ora… ora? (Toti annuisce ancora) E va beni (comincia contare le scarpe). Una, dui, tri…

TOTI

(Fa un gestaccio a Melo) Teh! Ti cattu, tiu Melu! Io un ticu cuntari accuttì. Io ticu a cuntari… a cutiri i ccappi, u capitti?

MELO

Ah, a cunzari! Senti, ma picchì ‘un vai a fari ‘na scola di dizioni?

TOTI

Chi cota? A culazioni?

MELO

Se a cena! Dizione! Comu chidda chi fannu l’attori: (ripete alcune parole dizionate) Avere… ca e chiusa, accussì, talìa (ripete) paese, ese, ese, ese…

TOTI

(Ripete) Appetta, talè: ete, ete, ete…

MELO

Va beh, va beh, lassa perdiri! Talè, dda ssutta vicinu a jaggia c’è un paru di scarpi vecchi ca havi assai tempu ca su ccà e mancu sacciu cchiù di cu sunnu, pigghiali e t’assetti ccà, ca ju ti dicu chiddu c’ha fari (Toti va a prendere le scarpe che si trovano vicino la gabia dei polli, e si accorge dell’uovo, lo prende e assieme alle scarpe se lo porta e, mettendolo sulla forma comincia a batterci su col martello).

TOTI

Minta ch’è duro tiu Melu, ‘un ti voli rumpiri…

MELO

(S’accorge dell’uovo, rimane immobile e parla balbettando) A tia chi-chi chi-chi…

TOTI

Tiu Melu, ta fatennu l’ovu puru tu?

MELO

Da-da, da-dammi ccà! Unni u pi-pigghiasti?

TOTI

Ne jaddini era, tiu Melu, ti turu (Giura baciandosi due dita).

MELO

E chistu è u primu! E ch’è pisanti! Sarà armenu armenu tricentu grammi! E quantu euru vennu? (Guarda Toti e gli vuol far capire che quello che ha visto e…) Senti Totucciu, dicu… tu, ‘un ha vistu nenti! E’ veru?

TOTI

(Non capisce) Ti diti?

MELO

Dicu, d’ora ‘n poi ‘un ti avvicinari cchiù e jaddini, u capisti?

TOTI

E picchini?

MELO

Comu, e picchini, picchì su malati, hannu a giallia a malaria, va! ‘Un lu vidi l’ova chi culura li fannu? E ti mmiscanu a malatia, anzi talìa chi facemu stu ovu u jttamu (fa finta di buttarlo e lo conserva velocemente in tasca mentre Toti ancora guarda in aria cercando di vederlo cadere) e nni lavami di cursa li manu u capisti, avanti c’addivintamu tutti gialli, gialli.

TOTI

Ti, ti! Ri cutta, tiu Melu. (Toti va a lavarsi le mani e s’accorge di un altro uovo; guarda ancora e ne vede degli altri e se li metterà, sempre senza farsene accorgere di Melo, in un sacchetto che aveva in mano da prima,  e ne prende come se ne avesse visto un’altro) Minta! Tiu  Melu, i jaddini veru malati piriculuti tu!

MELO

Picchì, chi successi?

TOTI

Tu malati, talè nautu ovu tallu te!

MELO

Zittuti! Ca a so malatia a me saluti è!

TOTI

Chi dititti?

MELO

Nenti, nenti! Dicu lavati i manu boni e ‘un tuccari l’ovu. (Verso il pubblico) E allura è signu ca amu a ‘ncuminciari a fari li nuttati, vasinnò po’ essiri ca ‘un nni fannu cchiù! Totucciu, talé chi facemu, si sta facennu tardu e a mumentu è ura di manciari, picchì nn’avemu a ghiri a curari; curcamunni di cursa accussì agghjorna prima dumani. Quindi sluggiamu e dumani nni videmu di matina, ca ti ‘nsignu a cunsari li scarpi, va beni?

TOTI

Ti, ti, mi va cuccu tubitu, tubitu accuttì agghionna pima (si avvia ad uscire).

MELO

Ah, Totucciu! Vidi ca l’ova i jttavu, e i jaddini ora i portu nno vitirinaiu, u capisti? Picchì hannu a giallìa. Chi hannu, chi hannu?

TOTI

Tè, u capivu! Attallìa.

MELO

Se u falari! No, a sciallina, gia-lli a!

TOTI

Vappe, tu mani mu tunti. Tau, tau! (Esce)

MELO

(Lo guarda uscire) Tau, tau! Menu mali ca è menzu scimunitu u criaturi! Ah, siddu s’addunava ca l’ova eranu d’oru, avutru chi tau, tau. (Esce, e rientra Toti che s’era dimenticato il sacchetto, lo prende e va uscendo le quattro uova mettendosele in tasca).

TOTI

Teh! Ora ti rava tutti a iddu! E ti era pitta? (Ne guarda uno, meravigliato) Minta, però ti ova mi parinu tani! E tu pitanti! (Esce, e si abbassano leggermente le luci, si sentiranno cantare i grilli notturni e qualche gufo. Entra Rosario con la vecchietta, la quale si toglierà i vestiti e tutto ciò che la facevano apparire vecchietta).

ROSARIO

(Entra ed invita ad entrare la complice) E trasi, ca nuddu c’è!

VECCHIETTA

(Incominciando a togliersi gli oggetti di sopra) Io dicissi di finillu ccà lu scherzu, nun è giustu chiddu ca stamu cumminannu, anzi ora lu chiamu e ci dicu…

ROSARIO

U sapiti, mastru Melu, Sariddu è collega me d’ufficiu e m’accunfiratu ch’è nnamuratu di ‘na bedda signura, e io pi aiutallo u vulissi fari ‘ncuntrari cu vostra mugghieri…

VECCHIETTA

No, no, caru miu, li patti ‘un eranu chisti. Aviamu a  fari sulu lu scherzu di faricci agghiuttiri ca l’ova eranu d’oru; a mia di l’autri cosi un m’interessa nenti, passu ‘na bona amicizia io cu to mugghieri, circamu di  nun vutari li carti ‘ntavula ora! (si sente rumore, qualcuno che si accinge ad entrare). Talé, io mi nni vaju, si bò restaci tu ccà. (Esce lasciando gli indumenti di vecchietta li per terra. Entra Caterina, Rosario è nascosto). 

CATERINA

Ah, chi bedda sirata! (Guarda in alto, ha in mano una fascia come quella che le donne mettono sui capelli) E chi celu stiddatu!

ROSARIO

(La chiama piano piano) Catarina, Catarina!

CATERINA

Cu è? Cu siti?

ROSARIO

Ju sugnu, Sariddu! Ti vulissi parrari.

CATERINA

No, no vattinni prima ca senti me maritu!

ROSARIO

Ju vinni sulu pi sapiri e diriti ‘na cosa.

CATERINA

(Preoccupata, guarda se entra Melo) Arriminati però!

ROSARIO

Dimmi ‘na cosa, ma tu si sicura ca tò maritu nun sapi nenti di nuautri?

CATERINA

Ne di nuautri e ne mancu di autri!

ROSARIO

Chi veni a diri di autri? Chi forsi ancora tu, cu Vanni…

CATERINA

No, cu Vani havi già d’un pezzu ca… (Fa come per pulirsi il muso).

ROSARIO

E allura? Parra, scillirata! Ma chi fufu foddi! E di mia, di mia chi sapi me cumpari?

CATERINA

Di tia? Ma picchì chi cosa ha successu? Chi amu fattu corchi cosa ancora?

ROSARIO

E pi chissu ti dicu! Siccomu ancora nun avemu fattu nenti… dicu ‘un vulissi ca tu, macari di notti cu sapi… si dicinu paroli puru mentri si dormi… e…

CATERINA

E… chi cosa? E allura sta fascia picchì pensi ca ma mettu, pi li capiddi? Chista ma mettu ‘nta vucca. Ju cu lu nasu rispiru! U capisti ora? E chi sugnu pazza, sapennu ca la notti parru!

ROSARIO

Quindi tu… sapennu ca la notti… Figghia di buttana… eccu picchì lu cumpari ha sempri avutu lu dubbiu di tia! E ju… tu ‘nun si fimmina, tu diavulu si!

CATERINA

Haju statu, forsi, ma ora… (Guarda ancora) Talè vattini, pi carità e lassami ‘mpaci pi ‘na vota e pi sempri!

ROSARIO

Si, si mi nni vaju! Ma prima t’aju di diri ancora ‘na cosa: ha sapiri ca li jaddini… (si sente rumore. E’ Toti che si avvia verso la finestra di Mariella).

CATERINA

Ancora cu li jaddini! E allura, li jaddini? (Vedono Toti e stanno in silenzio).

TOTI

(Bussa leggeremente alla finestra e la chiama) Mariella, unni ti ca ti vogghiu maritari. (Si sente altro rumore. E’ Melo che esce in mutandoni, col pane in testa e le due bottiglie di vino tenute a braccia tese). Bedda mati! Ma cu è chittu, u piddu?

MELO

(Prima di iniziare il giro si sofferma davanti la gabbia) guardu la jaggia e ova un nni vju, (inizia a fare il giro del baglio) fazzu lu giru e forsi lu trovu, e si pi casu vju cosi strani, ju pensu e dicu: su cosi vani. Curaggiu e camina miu caru Melu, ca comu arricchisciu… grapiti celu! (I due camminavano lentamente indietro per non farsi vedere e vanno a scontrarsi con Toti il quale sussulta dalla paura).

TOTI

U piddu! U piddu! (e scappa per dentro, Melo si gira vede i due e continua a verseggiare).

MELO

Melu camina ca è sulu un miraggiu, ‘un ci pinsari, fatti curaggiu. ‘Un tu scurdari ca lu sonnu tradisci, e si ti svigghi lu ‘ncantu finisci. (Rosario scappa di corsa senza nemmeno salutare Caterina). L’urtimu giru ancora haju a fari, e poi di cursa tutti a curcari. (Esce con Caterina che le cammina dietro. Melo entra, sempre da sonnambulo, Caterina si gira va verso il pubblico fermandosi sul proscenio).

CATERINA

(Al pubblico, quasi sottovoce) E… si vuliti cuntinuari a sugnari, criditicci sempri a li streghi e maàri (manda loro un bacio di buona notte ed esce).

 

Tela

 Sabato 15 marzo 2003

    Questo copione è stato visto
  • 0 volte nelle ultime 48 ore
  • 0 volte nell' ultima settimana
  • 1 volte nell' ultimo mese
  • 4 volte nell' arco di un'anno