Meno mara cla ghè la preson

Stampa questo copione

Meno mara cla ghè la preson

Scheda copione

Titolo

Meno mara cla ghè la preson

Autore ed aventi diritto

GIULIANO ANGELETTI  poetangeletti@gmail.com

tel. 3317115597

Genere

COMMEDIA BRILLANTE IN VERNACOLO VEZZANESE

Atti

1

Durata (min)

60

Lingua

VERNACOLO VEZZANESE

Personaggi maschili

4

Personaggi femminili

8

Minimo attori maschili

4

Minimo attrici femminili

8

Premi e riconoscimenti

Depositato S.i.a.e.

Sezione DOR numero posizione SIAE 198563

Codice Opera 922397A

Reparto proventi : concordato tra gli Aventi Diritto

Da effettuarsi dalla SIAE

100%

100%

Giuliano Angeletti

Commedia brillante

Meno mara cla ghè la preson

Personaggi:

-Tonio (galeotto)

-Carmè (galeotto)

-Fiò (guardia penitenziaria)

-Mabilia (prostituta)

-Gioconda (moglie di Tonio)

-Genia (moglie di Carmè)

-Giocò (assistente sociale)

-Giuspina (abitante del condominio)

-Catò (abitante del condominio)

-Marieta (passante)

-Angiula (passante)

-Poliziotto

SCENA 1

(Tonio-Carmè-Fiò)

Casa circondariale di Vezzano, luci soffuse. Tonio cerca di leggere, Carmè è in poltrona. Le sbarre della cella sono simulate da sei canne ad uso agricolo legate con fil di ferro.

Sottofondo musicale: stornelli di galera

I due fratelli detenuti sono seduti su delle sdraio. Tonio legge la gazzetta, Carmè agitato si alza e si sdraia continuamente, gira per la cella.

Tonio: (continua a leggere ma è irritato) Carmè t'la vo f'nira! T'la smeti d'fara avanti e 'ndrè coma n'oselo 'n gabia....ma 'n t't'rendi conto che te desturbi sto paradiso de pace.

Carmè: (irritato) Ma che paradiso de pace! Noi a san 'n preson e chesta la n'è na cela d'n convento

Tonio: (tranquillo) Carmè a n'ansorto d'capira cosa la t'ciapa, a stan ben...a gan da mangiara ...da lezera e nicò la television, mei d'così la s'crepa.

Carmè: A la television i n'dan nienta d'nienta, l'è tuta na porcada!

Tonio: E alora...a ghe podan far carcò? Arcordate che a san ospiti e a n'pagan manco 'r canone...ma s't vò coi...coma se ciamù chei chi en tondi e se tià meti dentro 'n bugo t'vedi 'n filmeto? Eco...'n DVD!

Carmè: 'n filmeto?! me a son gonfio d'filmeti e poi a voi v'dera "Papillon" o "Fuga da Alcatraz"

Tonio: ma gien film bon da gnenta! Gien bon soro a metera 'n testa a la zentia p'r ben coma noi idee strambe e me a ne me voi far n'fluenzara!

Carmè: (si avvicina a Tonio ed in confidenza) me a t'dovrei dira na cosa

Tonio: (riprende il giornale) a m'amagino cos't'm'vo dira... coma ar solito ma semada!

Carmè: (pausa e poi si fa forza) me ho deciso d'scapara!

Tonio: (alterato) scapara?! ma t'sè deventà semo tuto 'n t'na vota! chi la se sta ben, 'r capo giè me amigo...la s'viva da re e poi sa voresu a gan nicò d'le done!

Musica "4 settimane e mezzo"

Entra Mabilia

Mabilia: (provocante si atteggia) sa m' vorè gien zentocinquanta!

Tonio: (Mabilia si avvicina a Tonio e gli fa gli occhi dolci) Ma Carmè dima 'n po' 'n posto così 'ndova mai te podesi trovarlo! Mo Mabilia va...va...

Mabilia: Si si mo a vago... ma doman artorno...ber me frìfrì!

Tonio: Si topeta!

Mabilia esce di scena

Carmè: (depresso) Tonio me a n'son p'r nienta sodisfà

Tonio: ma la s'po savera cos'la t'manca, 'n t'tiri fora na lira, t'mangi, t'bevi, t'fumi, s't'vo t'ghè le donia e 'n pù t'ghè n'ora d'aria tuta p'r te!

Carmè: (perplesso) eh si n'ora d'aria tuta p'r me l'è tanto..ma fora!

Tonio: fora?! ma mp chi l'ha t'la miso 'n testa 'r fora, sta bravo e pigia sto ben d'dio fin che te pò! non pensara pù a scapara!

Carmè: ma 'n ti film tuti chei chi enu 'n preson i vonu scapara!

Tonio: ma tu sè che 'n Italia la ghenu du du set'zentomila personia 'n preson, tuti genu di bon pà de famigia, tuti bravi e gen tuti sparpagià 'n tanti bei arberghi fati dau Stato; l'è vero la ghe proprio tantia zentia, ma tuti i s'trovu ben, gien proprio poghi chei chi sen vonu andara....arcordate che la vita la n'è 'n film!

Carmè: ma me a vorei...

Tonio: ma cos't'vo fara e 'ndova t'vo andara (alterato) a n'ansorto proprio d'capirta...ma t'sè semo?! si proprio semo, a go 'n fre belinon! la nè p'r nienta giusto scapara da la preson prima d'aver f'nito la gara d'buraco!

Carmè: te ghe proprio rason la ghe la gara d'buraco e me l'ero proprio scordà!

Tonio: dopo tanto t'sè artornà 'n te, t'l'è capì che t'stevi fasendo ma belinada

Carmè: eh si, ma apena fnito la gara a vago...

Tonio: ma si va dova t'vo me ntanto con te an ghe vegno

Carmè: ma a to mogera 'n t'ghe pensi

Tonio: e certo ca ghe penso a me mogera (pausa) l'è p'r chesto ca preferiso armanera chi!

Carmè: ma la to bela mogera! Lè la lavora e la t'manda i sodi

Tonio: s'lè p'r chesto la dovesa mandarmena d'pù! (a voce alta) a devo darà nicò gli aretrati a la Mabilia!

Si affacia Mabilia

Mabilia:  proprio! t' m'devi dara mili euro d'prestazion!

Tonio: ma i n'eru novzentozinquanta?!

Mabilia: zinquanta gienu d'interesi! a doman amora!

Tonio: a doman bela me fri fri!

Carmè: e così t'ghe nicò di pufi con la Mabilia

Tonio: ma certo che 'n chesto arbergheto tuti i vedu e tuti i sentu....

Carmè: e me a n'voi pù star chi dentro!

Tonio: p'rchè t'ghe pavura che la Genia la t'faga i corni!

Carmè: la n'è na novità...dar primo giorno la mià sempra fati!

Tonio: e alora cos't'vo?

Carmé: (tentenna) me a voi andara a cacia a Zena!

Tonio: ma an ghe poso credera! t'sè andà fora d'testa! Fiò, Fiò!

Suona il campanello

Entra Fiò, sempre stanco, l'uomo è claudicante e quando cammina porta la gamba destra a 90° dalla sinistra

Fiò: ma cosa vorè?! a n'son miga Mennea!

Tonio: (alterato) o capo svegia! canda la s'ciama la s'deva caminara, caminara! ma che servizio giè...la fusa mei ciamara 'r ministro!

Fiò: no! 'r ministro no, non mi rovinè!

Tonio: noi an t'rovinan p'rchè a san d'le brave personia, ma miga tuti gien bravo coma noi!

Fiò: grazie tante, ma cosa vorè?

Tonio: me frè i vo andarsena da chi

Carmè: si! a voi proprio scapara

Fiò: (supplicante) Carmè non 'm fara chesto! parlan, me a t'stago a sentira...p'rchè 'n te stè ben con noi? la colazion la n'è bona?

Carmè: si u dozo i n'è belo fresco e poi me ar matin a voi la pasta reala

Fiò: scriva tuto chelo che t'vo 'n ter fogio e me a farò tuto 'r posibila; ma Carmè giè forsi 'r servizio chi 'n va ben (alterato) doman matina a cambio tuto 'r personala!

Carmè: (titubante) no no 'r personala i va ben!

Fiò: alora se ' r personala i va ben giè 'r mangiara che i nè bon! a mando via 'r cuoco...anzi a pigio doi d'la prova der cuoco e così a resolviam 'r porblema!

Carmè: in l'è 'r mangiara! la s'mangia ben

Tonio: (alterato) chi dentro la s'sta ben, ma sto d'sgraziado i vo scapara, e canda me frè i vo scapara i scapa, i n'è bon d'acetara i me consigli, i nè capisa cos'la vò dira sortira fora!

Carmè: (batte i piedi capricciosamente come un bambino) a voi scapara, a voi scapara!

Fiò: me a n'so proprio cosa dirta, dima armeno 'r p'rchè

Tonio: (batte i pugni sul tavolo) Carmè t'ghe la testa dura coma 'n saso! t'sè proprio la pegura nera d'la famigia e 'n t'ghe manco rispeto p'r to pà chiè stà 'n preson p'r pù de quinds'ani e in sè mai lamentà! si chi eru autri tempi! (pausa) tempi duri.....in chei ani la television l'an ghera!

Carmè: me a voi scapara per....

Tonio: e non farme perdera la pazienza, dilo!

Carmè: a poso dirlo?

Fiò: e dilo senza tantie storia

Carmè: me a voi...

Tonio: sto d'sgraziado i vo scapara p'r andara a Zena a cacia!

Fiò: ma belo 'r mè Carmè non mè dira ch't'vò scapara d achesto ben d'dio p'r andara a Zena a cacia?!

Tonio: (strattona Fiò) dighe quarcò, fa quarco...ma non farlo scapara!

Fiò: Carmè 'n te preocupara a ghe penso me

Tonio: (strattona Fiò) fa quarcò e non far scapara me frè!

Fiò: an ghe poso credera che te vo scapara soro p'r andara a cacia

Carmè: proprio così!

Fiò: (apre la borsa) i vò andara a Zena, eco fato (tira fuori un modulo) la preson tra poghi zorni la fa na gita p'r andara a Zena 'n t'la riserva e la da a tuti u schiopo e 'r permiso, la t'è andà ben Carmè, l'è mei esera fortunà che rico!

Carmè: (eccitato) ma che schiopo?

Fiò: (legge) nà dopieta "Bereta"

Carmè: (deluso) mè a voi 'r sovraposto d'la "Beneli", a m'trovo mara con la dopieta!

Fiò: la me d'spiasa, ma la preson la da soro chesto!

Carmè: (saltella per la scena)  e alora me a scapo, a voi andar via!

Tonio: t'sè proprio gneco! Fiò non considerarlo manco..p'r i semi lan ghe medesina!

Fiò: p'r me fa coma t'vo, ma se t'scapi ancò t't'perdi i ravioi, s'mai va via doman ma arcordate d'farte smarcara p'r 'r mangiara

Carmè: i ravioi, chei bon fati con boraz'na, biede e 'n ber po' d'p'verelo

Fiò: p'r me fa coma t'vò, ma pensa na cosa: a tò tratà coma 'n figio e te t'se coma 'n Giuda! ma t'gh'pensi che figura t't'm'fa fara con i me superiori, p'rchè loro i pensu che t't'se trovà mara e in me fan pù far cariera...t'sè propri 'n Giuda!

(Carmè si lascia cadere sulla sdraio)

Tonio: gnanuròn!

Fiò: mo proprio a n'n poso pù! me a men vago ma a t'digo che t'sè nà delusion! (fa l'atto di uscire e poi si rivolge verso il pubblico) l'è proprio vero che far d'r ben ai asu la s'riceva dì cauzi!

SCENA 2

(Tonio-Carmè-Fiò)

 (Carmè armeggia con delle lenzuola)

Tonio: (seduto nella sdraio sta facendosi una lampada) cos't fò coi lenzoi puliti?

Carmè: ma t'sè orbo?!

Tonio: p'rchè?

Carmè: 'n ti film chei chi enu 'n preson i scapu così, i agrupu i lenzoi e poi i s'sbatu zu e (fa il gesto) via libera!

Tonio: (smette di farsi la lampadae si alza, guarda oltre la scena verso il pubblico) ma giè auto!!

Carmè: e alora?!

Tonio: pigia i tò d'lenzoi i me gien novi!

Carmè: ma mè a go b'sogno d'le tò!

Tonio: e me an ti a dago!

Carmè: ma a san o a ne san frè?!

Tonio: a me l'an m'mporta nienta!

Carmè: e alora zerch'ma dì autri lenzoli s'n'no....

Tonio: s'n'no....

Carmè: a me fago fora tuta la tortad'riso doza (si avvicina all'armadietto, Tonio gli si para davanti ma Carmè riesce a prenderla)

Tonio: la torta d'riso doza no....la torta d'riso doza no....

Tonio insegue Carmè, due giri nel palcoscenico e poi Carmè si ferma

Tonio: dama subito la torta d'riso doza

Carmè: o t'm'trovi i lenzoi, s'n'no a m'la sbafo tuta

Tonio: oh no! bela la me torta d'riso doza!

Carmè: a to ito d'zercarma i lenzoi!

Tonio: ben ben, ma mo dam'la!

(fa l'atto di prenderla ma rimane nelle mani di Carmè)

Carmè: prima i lenzoi

Tonio: e sacranon! Fiò...Fiò

Entra Fiò stanco e claudicante

Fiò: e mo cos'la ghè?

Tonio: cher pomlon d'mè frè i vo scapara ma i nè ghen lenzoli, penseghe te!

Fiò: coma sempra a devo p'sara a tuto me! Carmè t't'sè smarcà dar mangiara?

Carmè: si

Fiò: e va ben....mo a t'vago a pigiara i lenzoli, ma la saresa mei che t'g'arpensi!

Esce di scena ed entra con le lenzuola

Fiò: echia chi; da reta a n'amigo...mo vago a'rposarma

Carmè: me 'nveza a vago!

Carmè lega i lenzuoli ed è pronto a calarsi

Tonio: (malinconico) Carmè fa chelo c't'vò...tanto t'r fa lo steso, s'proprio t'vo andara va (ad alta voce) me an t'tenio ma arcordeta che fora d'chi la ghe 'n mondo d'bosardi, fausi, senza morala, magnaci; tuti omi chien pezo dì animari (calmo) arpenseghe (ad alta voce) arcordeta nicò che tuti i omi onesti gien 'n preson...non farlo...arpenseghe Carmè!

Carmè: ormai ho deciso, slut'ma tuti i amighi!

Tonio:  adio Carmè (si abbracciano)

Luci soffuse-Musica

Carmè scende dal palco calandosi fuori si sfrega le mani dalla contentezza ma incontra un vigile urbano che fischiando gli intima di risalire, a malincuore Carmè risale, Tonio è sopreso dal ritorno del fratello

Luci

Tonio: oh t'mè dato reta, t'sè artornà! la s'sta mei chi dentro

Carmè: ho pensà di piarma na pausa d'riflesion!

Tonio: ben ben ma mo sta fermo ca voi arposara

Luce soffusa

Carmèsi alza di soppiatto prende una mappa e un cucchiaino da caffè e in ginocchio comincia a scavare sul palcoscenico facendo rumore

Tonio si sveglia accende la luce cogliendo Carmè sul fatto

Tonio: ma la s'pò savera cos't'fa?! smet'la d'rumara, la zentia onesta la devu arposara!

Carmè: e las'ma lavorara, a go 'n programa 'n testa ndova la ghe 'n ber posto nicò p'r te

Tonio: (ride) nicò p'r me! chesta si che l'è grosa!

Carmè: ma armeno t'è visto cosa a stago fasendo?

Tonio: t'ste zercando d'fara 'n bugo con 'n cuciarin piculo

Carmè: ma dopo 'r cuciaro cos't'vedi? (mostra la mappa)

Tonio: la m'sembra na carta geografica!

Carmè: (passa la mappa al fratello) no tè sbagià, chesta l'è la mapa d'la fugna d'Vezan (si avvicina al fratello) noi a san chi e p'r scapara la s'deva bugara là

Tonio: ...ma cor cuciarin!?

Carmè: la ghe vo der tempo, ma a gla faren, b'sogna bugara chi...poi là... e a la fin andan a sbatera 'ndovina dova?

Tonio: dima ndova?

Carmè: 'n ter comando di vigili urbani

Tonio: e ariva lì?

Carmè: arivà lì a lasan chesta roba (mostra la tenuta da carcerato) e a s'metan i loro v'stidi...me chelo d'Robè e te chelo d'la Silvia

Tonio: t'me disi p'rchè mai me a dovrei meterme chelo d'la Silvia, anca p'rchè cheste coma fago a fargia (fa il segno del seno)

Carmè: la divisa d'la Silvia t'la pigi te p'r dara meno 'n t'locio

Tonio: ma segondo te quanto tempo la ghè vorai p'r arivara 'n fondo?

Carmè: (conta con le dita) me a penso...zirca quinds'ani

Tonio: ma te t'sè sonà..me an t'agiuto! me an ghe stago!

Carmè: coma 'n t'ghe ste, me an t'capiso!

Tonio: an ghe stago e basta!

Carmé: eh no! l'a nè da omi, dima armeno 'r p'rchè

Tonio: (afflitto) me a stago ben chi e poi...

Carmè: (triste) ma mo cos'la ghè d'novo?

Tonio: (afflitto) caro Carmè purtropo....

Carmè: (triste) ma l'è suceso quarcò a cà d'le nostre mogere?

Tonio: (euforico) la fusa mei! loro l'enu sana come pesi

Carmè: ma (si avvicina e lo abbraccia) cos'l'è suceso d'così groso?

Tonio: (piange) l'è suceso che d'chesto governo l'an s'ghe pò fidara!

Carmé: l'è vero, ma noi cosa a ghe podan fara?

Tonio: (piange, grida) i an fato l'indulto e doman i ghe butu tuti fora!

Carmè: (euforico) a sortian doman! a san liberi! (salta per il palco)

Luci soffuse

Luci

Carmè e Tonio preparano le loro cose e mettono tutti i loro effetti personali dentro gli zainetti

Tonio è afflitto mentre Carmé è euforico

Tonio: sta stanzia piena d'pace la me mancherà

Carmè: la libertà l'è an tiro d'schiopo!

Entra Fiò con un singulto

Carmè: dai Fiò non pigiartela e non pianzera!

Fiò: sa v'diseso che la me despiasa...ormai a v'considerevo d'famigia

Tonio: nicò a me la m'despiasa, ma a t'zuro ch'artornerem!

Carmè: non pigiart'la dopo d'noi i n'ariveran dì autri!

Fiò: ma d'sicuro i n'saran coma voi!

Tonio: ma l'an ghe saresa 'n modo p'r podera armanera?

Fiò: no, la m'd'spiasa, l'an s'pò, comunqua doman canda a sarè liberi a dovè presentarva con chesto fogio (da a loro dei fogli) ar colocamento 'ndova i ve dovesu trovara 'n lavoro

Carmè e Tonio: (all'unisono) no! 'n lavoro no!

Fiò: eh si! 'n lavoro che i v'troncherà la schena, da set'ora la matina a nov'ora d'sera e soro mez'ora p'r mangiar 'n paneto

Carmè e Tonio: (all'unisono) soro 'n paneto no!

Fiò: e poi 'ndova già metan le vostre mogere! povri voi che vita la v'aspeta!

Carmè: a n'voi pù andarmena, a voi armanera 'n preson anca me

Fiò: l'an s'pò, a v'lo ito ca dovè andara

Tonio: ma sa voresu artornara?

Fiò: p'r tornara a dovè coma minimo fara 'n reato!

Carmè: t'parli ben te! fara 'n reato la v'para na cosa facile (fa vedere un quaderno) tanti reati gien sta scancelà! (afflitto)

Tonio: scancelà!

Fiò: eh si! pezo p'r me e p'r voi...tanti reati in ghenu pù, i nan levà tanti ma i nan fato anca d'novi

Tonio: a ne capiso!

Fiò: (ad alta voce) la ghè pogo da capira! le portia d'la preson la s'arovu soro p'r chei chi stan ben!

Tonio: a continuo a non capira!

Fiò: (a voce alta) ma coma fago a varlo capira...ormai l'è dificila andara 'n preson!

Carmè e Tonio: (all'unisono ad alta voce) povri noi! coma faren p'r artornara 'n preson?

SCENA 3

(Tonio-Carmè-Gioconda-Genia)

Casa di Tonio e Carmè

Luci soffuse

I due entrano in casa

Carmè: mira Tonio la n'è cambià nienta, l'è tuto coma prima

Tonio vede un poster attaccato alla parete che raffigura un uomo che abbraccia entrambi le mogli dei due detenuti

Tonio: Carmè ma chest'omo giè 'n tò amigo?

Carmè: 'r me no, s'mai i sarà u to!

Tonio: me amigo no!

Carmè: se i n'è me amigo, e to amigo manco...

Tonio e Carmè: (all'unisono) ...chi giè alora?

Carmè: (ride) ma giè n'amigo d'le nostre mogiere!

Tonio: amigo o non amigo autro che china zu dar pè d'figo...i già sta abrazando!

Carmè: t'sè sempra chelo chi pensa mara, la mè Genia fino ancò la nè mà mai tradì

Tonio: (fa il segno delle corna) fino ancò forsi...ma ieri...Giocanda 'nveza la la sempra fato!

Carmè: e te t'ghè sempra dormì sovra

Tonio: (se le tocca) ntanto lan s'vedu e l'an s'sentu!

Carmè: (tocca la testa a Tonio) la ghenu la ghenu.....anca se l'an se vedu...

Carmè e Tonio si gettano contemporaneamente sul divano

Tonio: e mo ca san sortì...cos'la ghe sucederà doman?!

Carmè: me a cosa la m'sucederà doman an gh'penso mo a pigiò l'ancò...'ntanto doman a men vago a Parma a cacia (si alza e cerca il fucile nel mobiletto, ma non lo trova) e dova giè andà 'r me sciopo? e la mè cartuciera? a n'sorto d'trovargia

Tonio: zerca mei...

Carmè: ormai ho mirà 'n tuti i p'rtugi, a n'sò proprio pù 'ndova zercara (cerca di nuovo)

Entra Gioconda

Gioconda: (alterata) ma Carmè cos't'ghe fà chi?!

Carmè: (timoroso)  i m'an mandà a ca

Gioconda: e d'chi l'è stà sta bela trovada?

Carmè: (sempre timoroso) la ghè sta l'indulto

Gioconda: e t'zerchi d'farma 'ntendera che gian mandà a ca tuti, gian sviotà la preson?!

Carmè: mo a poso fara chelo c' voi...a son libero!!

Gioconda: ma che raza d'Governo ca gan, con tuti i casin cla ghè 'n Italia che b'sogno la ghera d'sviotara le preson

Tonio: tè ito giusto, me a stevo mei dentro!

Gioconda: chi la t'la ito d'parlara, nisun i tà domandà nienta

Tonio: a 'ncomenzan proprio ben...(seduto sul divano si volta dall'altra parte)

Carmè: o Gioconda a n'ansorto d'trovara u sciopo

Tonio: (patetico) Carmè i zercheva u sciopo

Gioconda: o ito d'stara ziti!

Tonio: putosto che arparlara a m'tagio la lenga! (seduto sul divano si volta dall'altra parte)

Carmè: u scipo...i balin da sciopo

Gioconda: a n'vorei savera i to 'nteresi, ma cos't'tfa du sciopo?

Carmè: d'certo in m'serva p'r mangiara...a gh'vago a cacia!

Gioconda: noi a san contro la cacia , ma s'proprio t'vo va a cacia con chesto (esce di scena e torna con un arco da bambino e le frecce e un cappello con le penne da pellerossa)

Carmè: (prende tutto in mano) e mo 'ndova a podrei andara concià 'n sto modo!

Tonio: (seduto sulla poltrona) t'm'pari lo scerifo cand' i feva toro asetà (Tonio prende il cappello con le penne e fa una danza pellerossa)

Gioconda: ma t'arcomenzi! A to ito sta zito e asetata

(Tonio si risiede)

Tonio: me ar fevo soro p'r scherzara 'n po'

Gioconda: te pensa p'r te!

Tonio: a n' poso far autro (deluso si siede e si volta dall'altra parte)

Carmè: ma cosa men fago d'stà rumenta... me a voi 'r me scipo, 'r me sciopo!!!

Gioconda: a l'ho vendù...e poi p'r dirtla tuta a Giocò l'an ghè piasa la cacia

Carmè: e chi fusa sto Giocò?

Entra in scena Genia

Genia: ma a te cos'la t''nteresa Giocò?

Tonio: me a nu so ma la me para d' savera chi sia...(indica il poster)

Genia: e così mo t'sè bon nicò d' pensara? ma quanta grazia Sant'Antonio...Tonio i pensa

Tonio: me...

Genia: sta zito!

Carmè: donca me a la fin a n' poso manco andara a Parma a cacia!

Gioconda: mira che s't'va 'n t'torni!

Genia: ma ' n t't'vergogni a spara a chei oseleti!

Gioconda: povri oseleti ch'n s'ponu manco defendera!

Tonio: non t'preocupara che ai oseleti che t'pigi te l'an ghe spara nisun!

Carmè: ben ito Tonio!

Gioconda e Genia: (inferocite) finila! ma chi la v'da 'r p'rmeso d'parlara così!

Genia: me chesto au digo a Giocò

Gioconda: anca me a gu digo

Genia: (ad alta voce) Giocò, u nostro caro Giocò...doman i v'troverà 'n lavoro!

Gioconda: (grida) p'rchè noi arvoran 'ndrè tuti i sodi ca van 'nprestà..

Genia: (grida) p'r fara na bela vita 'n preson!

Carmè e Tonio: menomara cla ghè la preson!

Genia: mò voi do dopo tanto avè finì d'fara la vita da nababi, a dovè trovara 'n lavoro!

Gioconda: arvoi 'ndrè tuti i sodi c'ha to dato vagabondo a bon soro a colaudara le careghe da bar!

Tonio: carma

Carmè: rasonan

Gioconda: e mo andè, artornè soro canda avrè trovà 'n lavoro!

Tonio: andan!

Carmè: e si andan (ha in mano arco e frecce) e d'chesto cosa men fago?!

Gioconda: port't'lo via, faghe chelo c't'vò e levata da davanti ai me oci!

Escono di scena inseguiti dalle due mogli inferocite, entrano ed escono di scena più volte; infine rimangono in scena le mogli che si siedono e con uno specchietto a testa si truccano come se aspettassero qualcuno.

Scena da cinema muto: Giocò entra in casa, le due donne gli offrono da bere, velocemente si abbracciano, si baciano, fanno il gesto di entrare in camera da letto...pochi secondi dopo esce solo Giocò spossato

Esce anch'esso di scena

SCENA 4

(Tonio-Carmè-Giocò)

Ufficio Agenzia del lavoro. Luci soffuse

L'ufficio ha un tavolino, un divano, tre sedie e un poster con Giocò che abbraccia le mogli dei due ex reclusi.

Entra Giocò con un pacco di pratiche in mano

Giocò: (stanco) chelia do donia l'enu d'ventà n'osesion, ormai an gla fago proprio pù!

Fuori scena si sente suonare il campanella della porta d'ingresso

Giocò: avanti

Entrano titubanti Carmè e Tonio con dei fogli in mano

Giocò: e voi do cosa fè chi? cosa vorè? chi la và mandà?

Tonio e Carmè: bona giornà

Giocò: aseteva

Si siedono

Tonio e Carmè: coma giè garbà! che bei modi!

Giocò: 'n che modo a v'poso agiutara?

Vede Carmè con l'arco

Carmè e Tonio: u signor Fiò i gà ito de vegnira da lu

Giocò: (vede l'arco e le frecce) e cosa fe con clà roba lì, a vorè sautar su la diligenza

Carmè: no, me a vorei andara a Parma a cacia

Giocò: (fa cenno all'arco e frecce) con chela roba lì!

Carmè: l'an me armasto nient'autro che chesto

Giocò: e 'r porto d'armi?

Carmè: eclo chi (fa vedere il porto d'armi)

Giocò: ho capì, lasan stara! A gavè na letra

Tonio e Carmè mostrano la lettera

Giocò: (legge la lettera) ben, ben, ben

Tonio e Carmè: (ripetono) ben, ben, ben

Giocò: ben au devo dira me! anzi mara

Tonio: ben o mara?!

Carmè: mara o ben?!

Carmè e Tonio ripetendo bene o male battono le mani sul tavolo e dopo fanno frontino a Giocò

Giocò: Oh! ma 'ndova a credè d'esera! Basta!

Tonio e Carmè: (ripetono) Basta!

Giocò: (leggendo uno dei due fogli) oh! ma voi a dovesi esera armisi 'n t'la scietà!

Tonio: chi noi? noi no, a n'voran p'r nienta ar mondo esera armisi da nisuna partia

Giocò: ma zerchè d'capira ben e non belin p'r rapi d'uva..a voi dira che voi a se chi soro p'r lavoro

Carmè: me 'nveza a sarei chi p'r....

Giocò: silenzio! i vostri fogi i n'van ben! (grida) voi a dovè arscrivera i modei

Carmé: (sorpreso) coma i modei?

Tonio: (ride) i modei?

Giocò: senza i modei l'an s'va da nisuna partia (grida) a giavè fati o an giavè fati i modei?

Tonio: 'n quanto a me l'è la prima vota (si guarda il fisico) a mirarma ben a go proprio 'n corpo da bestia!

Carmé: ( si guarda) a s'l'è pr chesto me a n'son nienta mara

Giocò: (grida) me a voi mirara...fema mirara i modei

Carmé: (perplesso) chi 'n se faga ilusion me a provo!

Tonio: a 'ncomenzo...

Giocò: (grida) sbrigheva! fema vedera!

Carmé: caro ten (passa l'arco e le frecce a Giocò che le getta via)

Tonio e Carmè si specchiano, si pettinano, tirano fuori due foulard e con modi effeminati come due modelle ancheggiano più volte

Musica

Giocò: (alterato) ma a n'san a carnevara! basta, seteva!

Carmè e Tonio perplessi si fermano e si siedono

Tonio: cos'la ghè clà ne và ben, an se movevu ben? (mima)

Giocò: finila, finila sta comedia! Comenzan da lu, e lu i sorta (si alzano tutti e due facendo l'atto di uscire) no lu a go ito d'fermarsa

Carmé e Tonio: (all'unisono) Me?!

Giocò: si lu, 'ncomenzan da lu (guarda Tonio) e lu Carmè chi sorta, au ciamerò pu tardi!

Carmè esce di scena

Tonio: ma me a n'ho fato nienta d'nienta!

Giocò: chi me diga cosa gia fato!

Tonio: i m'la dito (ride) lu i m'la dito lu (ride) a l'ho fato p'r davero

Giocò: chi diga

Tonio: nienta

Giocò: ma me quarcò a devo scrivera, lu Tonio che lavoro i sa fara e cosa già fato i ani andrè

Tonio: (si gratta la testa) an m'larcordo pu

Giocò: su coragio

Tonio: a m'arcordo sacon e strapuntia

Giocò: i scrivo strapuntaro

Tonio: non proprio così

Giocò: alora a scrivo chi vendeva i sacon

Tonio: proprio vendra no

Giocò: mo la m'comenza a montara u nervoso, la s'po savera cosa devo scrivra?

Tonio: a fevo 'r volontario

Giocò: lu i feva 'r volontario? an g'avrei scomiso 'n sodo, an l'avrei mai dito che lu i s'adoperesa p'r i autri. Tonio lu giè da vedere d'bon ocio

Tonio: i m'fa sentir ben

Giocò: ma 'nodva i feva servizio 'n t'la croce Rosa

Tonio: no

Giocò: alora 'n chela Verda

Tonio: no

Giocò: e 'ndova sacranon?

Tonio: 'ndova la ghenu tanti leti

Giocò: 'n ospedaro? ma lu giè proprio 'n angelo d'la corsia

Tonio: no! a mirevo si eru bon, coma la s'disa a colaudevo

Giocò: colaudatora! 'n mestiero d'precision

Tonio: eh si, sa gu digo...

Giocò: ma cosa i colaudeva?

Tonio: sacon e strapuntia

Giocò: (grida) colaudare sacon e strapuntia! ma che mestiera giè?

Tonio: a n'fago 'n tempo a v'dera 'n sacon o na strapunta cla m' ven vogia d'dormira

Giocò: ma i m'vo pigiara p'r....

Tonio: ma chi mira ben che giè 'n mestiero duro, a lavorevo nicò des'ora

Giocò: des'ora?

Tonio: e tuta nà tirada

Giocò: ma almeno i guadagneva ben?

Tonio: 'n saluta ecoma!

Giocò: ma 'n sostanzia cosa i feva?

Tonio: dormira, dormira, dormira

Giocò: a n'ansorto d'capira i u paghevu p'r dormira?

Tonio: no no ero volontario, ma quantia votia a devo ardirglo?!

Giocò: ma i sodi...

Tonio: i sodi? l'è me mogera cla lavora...chela li (segna con l'indice il poster)

Giocò: no! a dira proprio 'r vero so mogera la nè lavora!

Tonio: eh si cla lavora! la m'mandeva sempra i sodi!

Giocò: (perplesso) no l'a n'è posibila...me...

Tonio: te se te che t'mandevi i sodi...ma bravo!!!

Giocò: (alterato) mo a ner fago pu...chi tenia, chesta l'è na licenza p'r vendera; mo chi lavora e tanto perchè i sodi a giarvoi tuti fino a l'ultimo centesimo

Tonio: (prende la licenza in mano) no, chesto no!

Giocò: mo basta! i m'ha fato perdera anca tropo tempo chi staga a la larga e chi faga entrara u so socio e da doman au lavoro

Tonio: a vago, a vago chi 'n s'arabia!

Tonio esce di scena ed entra Carmè titubante

Giocò: chi vegna avanti! cosa i aspeta la caroza?

Carmé: a poso?! (si guarda intorno e vede il poster di sua moglie abbracciata a Giocò)

Giocò: chi entra e chi faga coma se fusa a ca sova

Carmé: a dira 'r vero la m'sembra proprio d'esera 'n ca mea (indica il poster)

Giocò: ben, ben (si sfrega le mani) andan au sodo

Carmé: (si alza) andan

Giocò:ma 'ndova i va?

Carmé: au sodo, i la ito lu

Giocò: me? ma me a n'ho ito proprio nienta!

Carmé: ecoma si l'ha ito...lu già ito andan au sodo! ma 'ndoviè chesto sodo..visun? lontan? me a nu so

Giocò: e au so me?!

Carmé: e alora chi u diga

Giocò: (alterato) chi s'aseta!

Carmé: (si siede) e va ben, chi 'n rauza la vosa, l'an ghe d'sordi...ma chesto sodo...

Giocò: chesto sodo giè lu! Ma ‘n l’ha anca capì,la m’sembra d’pistara l’aiga ‘n ter mortaro

Carmè: no! Ma se per lu i va ben, i va ben nicò p’r me

Giocò: chi m’daga ‘r fogio!

Carmè: eclo chi, ma carma

Giocò: carma au devo dira me

Carmè: va ben

Giocò: lu cosa i sa fara?

Carmè: (euforico) tantia cosia!

Giocò: ben…donca cosa devo scrivera?

Carmè: a so fara ‘r pilota

Giocò: ‘r pilota?! Complimenti! A ‘n pensevo che lu i fusa così ‘n gamba…l’è proprio vero che l’aparenza ‘ngana

Carmè: a n’vorei dirlo ma a son tropo forta!

Giocò: me a scrivo pilota (scrive) ma pilota d’aerei?

Carmè: ma pilota d’aerei?

Giocò: no

Carmè: d’formula vun?

Giocò: ma alora che pilota?

Carmè: (si alza orgoglioso) me a son pilota d’cla machina c’s’ataca alla television, na machina moderna chi usu tuti, sopratuto i fantazon, comunqua me a son pu che bravo…a me son dato da fara tanto…ma proprio tanto…roba da oto ora au giorno; chi u scriva e chi scriva anca che mo an voi vuna nova!

Giocò: (deluso) la n’è posibila! Armeno vun dei doi i podeva esera bon? Comunqua me a n’poso scrivera proprio nienta, nienta d’nienta, a poso soro scrivera che lu i sta zercando ‘n primo lavoro

Carmè: eh no! Lu i deva scrivera che me a son ‘n pilota, anzi che me a voi la play station nova, anzi chi n’an compra do, me mogera la m’n’ha comprà do

Giocò: a eser proprio sinceri me a n’ho comprà do a so mogera…ma a ‘n vorei

Carmè: Gema la mi ha date

Giocò: ma mo a son proprio stufo d’mantegnirva!

Carmè: onora e oneri…e mo a son stufo me! A vago via!

Fa l’atto di alzarsi

Giocò: fermo ch’in s’mova, a go u lavoro…i andrà a vendera! Arvoi andrè tuti i me sodi!

Carmè: bona

Carmè esce di scena

Giocò: (si alza e lo segue) me da lu arvoi proprio tuti i sodi ‘ndrè, sino a l’ultimo cito

Carmè: (da fuori scena) p’r pagara e morira la ghè sempra tempo

SCENA 5

(Catò-Giuspina-Angiò)

Catò e Giuspina stendono i panni: Giuspina mutande sexy, mentre Catò mutandoni fuori moda

Catò: (stende le mutande) a comenzo a stendera la n’dovesa piov’ra’r Parodi in ga ‘r capelo

Giuspina:(stende le mutande) la ghe na nuvra che la m’fa zirara le coge,ma la va verso ‘r mara… e i veci i disu: s’la nuvra la va ar mara pigia la vanga e va a vangara, se la nuvra la va ai monti pigia la carega e setete lì….no la n’piova…u tempo i reza!

Catò: no no a son convinta cla né piova

Giuspina: forsi pu tardi

Catò:(guarda il cielo) no la ‘n piova p’rchè an go manco ‘n doloro, me a son mei che le prevision du tempo chi dan a la RAI

Giuspina: ma loro i uso u satelite

Catò: u satelite t’glè ‘n ter zervelo…sema che ‘n t’s’autro!

Giuspina: a no capì ben? Arpeta ‘n po’

Catò: o ito che s’la sta così la n’piova!

Le due continuano a stendere le mutande ma tutto ad un tratto Catò si ferma e fissa le mutande di Giuspina senza dire una parola.

Giuspina si sente osservata

Giuspina: beh cos’t’ghè da mirara?

Catò: a mirevo le to mudandia

Giuspina: e cos’la gan le me mudandia?

Catò: (prende un paio di mutande di Giuspina e le guarda) ma t’t’dovesi vergognara a meterte chela roba lì!

Giuspina: me a me meto chelo cla me para, ‘n t’devo miga domandarta ‘r permeso

Catò: (sempre con le mutande di Giuspina in mano) zerto che con chesta roba t’fa proprio na bela figura

Giuspina: ai omi i ghè piasu

Catò: bastresa solo che t’gavesi vint’ani e d’le belia gambia

Giuspina: a me la donia d’vint’ani la m’fan ‘n bafo (si mette in mostra)

Catò: ma senta sta chi cos’la disa, la s’creda d’esera chi sa chi!

Giuspina: s’te savesi…canta telefonadia la m’arivu

Catò: mira che d’sonà ‘n ziro la ghe n’è tanti, ma proprio tanti!

Giuspina: artornando a la mudandia (fa vedere i mutandoni di Catò) a la facia dell’abondanza!

Catò: ‘n ca mea l’an se buta via gnenta,chesta roba l’era d’la me bisnona e l’enu nico ‘n ten bon stato, l’an l’enu mancò cramurà, mira, mira ben…l’en mei d’la to…can t’so dira cos’la sembru

Giuspina: povra sema,’r mondo i va avanti e la n’bsogna armanera andrè coma t’fa te che te fa coma i gambri

Catò: se mai ‘n gambro t’m’sembri te con chele gambete (scimmiotta) ti..ti..ti..ti..

Giuspina: e mo basta a voi finira d’stendera

Catò: si l’è proprio mei darsa arcato nicò p’rchè le ciaciure la n’fan farina specie con te! E a continuo a dira che le donia d’la nostra età la portu la mudandia coma a go me!

Giuspina: a to ito che i tempi gien cambià…e me a vedo cla se metu chelia ca porto me

Catò: sacranon! T’sé dura coma ‘r marmo!

Giuspina:me a son sicura d’chelo ca digo, ma mira ‘n po’ chi l’ariva

Catò: l’Angiò! Disanlo a lè!

Giuspina: si ma bsogna dirglo p’r ben, las’ma fara a me p’rchè te t’la spaventi

Catò: s’mai t’sarè te cla spaventarla, bruta pifana che ‘n t’sé autro!

Entra Angiò

Giuspina: ciao Angiò

Angiò: ciao

Catò: e ‘n t’me saluti?

Angiò: me a r’sparmio ‘r fiado, a salutà con ciao tute e do

Catò: ma me a go ‘n noma!

Giuspina: (rivolta ad Angiò) las’la perdera ‘n t’la vedi ch’l’è fora d’testa!

Catò: fora d’testa se mai t’sarè te!

Giuspina: e mo basta a n’n poso pu!

Catò: se proprio ‘n t’n’ po pu va a ca che d’sicuro t’g’avrè da fara!

Giuspina: s’an g’avevo da stendera a m’n’andevo

Angiò: chela cla s’n va son me! An go vogia d’l’vostria beghe

Giuspina: senta ‘n po’ bela la me Angiò…

Angiò: si dima

Giuspina: segondo voi quale d’cheste mudandia la v’piasa

Angiò: a esera sincera a nu so

Catò: t’vedi chestia l’en d’la me bisnona (fa vedere un paio delle sue) l’en antighe, ma senta che coton…i sembra pela d’ovo!

Giuspina: (prende un paio delle sue) mira ‘n po’ chestia coma gienu belia, l’enu a l’urtima moda, me a sarei pronta a scometera che t’porti chestia

Angiò: me no!

Catò: (animosa) visto che l’Angiò la ‘n porta ‘r modelo che t’ghè te d’sicuro la porterà chelia ca porto me…mira che trama cla ga sta stofa

Angiò: no a ‘n porto manco chele

Catò e Giuspina: (all’unisono) e alora che mudandia t’porti?

Angiò: ma cosa vorè da me? Brutia peteguron ca ne se autro, i u san tuti (ad alta voce) che me d’mudandia a nen porto

Angiò esce di scena

Catò: l’Angiò senza mudandia?

Giuspina: l’Angiò la n’ porta la mudandi?

Catò: (rivolta a Giuspina) senta ben…tornan a ca, t’sé contenta mo? (sorpresa) ma ‘ndova i va a finira sto mondo se la zentia la va ‘ziro senza mudandia

Giuspina: mah comunqua è mei che la nostria a gian tenan da caro..

Catò: e p’rchè?

Giuspina: p’rchè somersi dalia tasia coma a semo carc’ziorno a rimaren ‘n mutandia!

Escono di scena

SCENA 7

(Tonio-Carmè)

Entrano Tonio e Carmè con la licenza di ambulanti ma sono senza merce

Vedono le mutande

Tonio: (tira fuori il permesso) …e mo bsogna metersa d’buzo bon a lavorara!

Carmè: a san mercian, ma cosa vendan?

Tonio: bsogneresa comprara d’la mercanzia arvenderla e zercara d’arguadagnarga

Carmè: (si vuota le tasche) me an go nienta, s’t’m’arziri a testa ‘n zu da le bozia ‘n sorta manco ‘n cito

Tonio:me a son soro pieno d’pufi, si che i pufi i pregu la saluta, ma me a son sempre pu convinto che a villa Andreino la s’stava ben

Carmè: nicò me ancomenzo a rmpianzera la preson

Tonio: (afflitto) l’an s’pianza sur lata versà, i gan mandà via

Carmè: (cerca di consolarlo) non t’la pigiara t’vedrè che i g’arpigeran, ma mo zercan d’ pensara all’ancò…tià vedi chele mudandia?!

Tonio: e alora?

Carmè: a s’san capì ar volo (mima con le mani il gesto di rubare)

Rubano le mutande stese da Giuspina e Catò

Tonio: e mo coma la s’fa a arvenderlia a V’zan?

Carmè: la m’è vegnù n’idea

Tonio: te n’idea?

Carmè: si e se t’fidi ‘n te ne pentirè!

Tonio:ho capì…ma ‘ndova la metan la mercanzia?

Carmè: (vede un borsone) eclo li, chelo i fa ar caso nostro!

Tonio: ho capì…andan

Carmè: a stan robando

Tonio: speriam chi n’aciapu, me a voi fara Natala a villa Andreino

Carmè: si ma non prima d’esersa godù tuti i sghei

Tonio: (euforico) siiii!

Escono di scena

SCENA 8

(Catò-Giuspina-Marieta)

Entra in scena Catò con un catino per per i panni e vede che non ci sono più le mutande stese

Catò:ma ‘ndova l’enu andà le me mudandia?! Ma ‘ndova l’enu?

Catò cerca per il palco e poi esce di scena

Entra in scena Giuspina con una cesta in cui mettere le mutande stese ormai asciutte

Giuspina: (sopresa per non aver trovato niente) le me mudandia? Che fine l’an fato le me mudandia? P’r caso l’an mi avrà robà la Catò, me a lo vista cla già mireva ‘nvidiosa, se p’r caso la ‘ncontro…la ghe da ridra..

Esce di scena

Le due donne entrano contemporaneamente in scena visibilmente alterate

Catò e Giuspina: (all’unisono) le me mudandia..

Catò: bruta coma ‘r pecato tira subito fora le me mudandia!

Giuspina: cos’t’vò ca so d’le to mudandia, putosto te tira fora la me

Catò: mira che no a m’arabio d’bruto!

Giuspina: ma me n’so nienta, e mira ben che s’n’t’tiri fora la me a t’spaco ‘r muso

Catò: chelo chi n’saveva nienta già pigià trent’ani

Giuspina: a to ito ca voi la me mudandia

Catò: e me arvoi ‘ndrè le me! Ciaro!?

Giuspina: ma me an giò pigià

Catò: la n’è vero!

Giuspina: me cosa men fago t’le to mudandia? An già meterei manco morta

Catò: proprio morta, se ‘n t’vo ca fago na stupidagina tirgia fora

Giuspina: tira fora le me putosto

Catò: ma ‘ndova t’vorei andara con chelia mudandia da zov’nota, me an giò pigià, e poi, penseghe n’atimo, cosa men fevo?!

Giuspina: rasonan

Catò: con te la ghe pogo da rasonara!

Giuspina: ma se me an giò pigià e te ‘n tiè pigià…

Catò: quarchedun la già deva aver pigià

Giuspina: oh sacranon, la ghè quarchedun ‘n ziro cla porta via le mudandia

Catò: l’Angiò no..ha ito cla’n già porta

Giuspina: e chi la podesa esera sta?

Catò:p’r caso tè visto quarche dona ‘n ziro

Giuspina:nisuna, soro l’Angiò

Catò:ma te t’sé sicura cla già porta

Giuspina:soro Dio u sa…

Catò:le me l’eru d’coton d’prima

Giuspina:si prima d’la guera!

Catò:ma coma t’permeti…

Giuspina: e mo basta! Sa continuan a ciatara la mudandia a n’an sortian d’trovargia

Catò:t’sé coma s’fa? La s’va a comprargia

Giuspina: ma la me la costevu di sodi

Catò:e p’rchè le me la già argalevu? T’sé proprio rentronà

Giuspina: e smet’la pom’lona

Catò:mira l’ariva la Marietina,sentiam le cosa ne pensa, ma a modo…tu se com’l’è fata!

Giuspina:eh si la cosa l’è delicata,b’sogna avisnara ‘r problema pian pian e poi..la ghe disa tuto

Catò: e se la fusa sta le a rubargia?

Giuspina: sa capian c’l’è sta le…

Entra Marietina con una borsa

Giuspina: Marietina a t’saluto

Catò: nicò me a t’saluto

Marietina:ciao (passa facendo l’atto di uscire di scena)

Catò: (ferma Marietina)do t’va?

Marietina:ma Catò cos’la t’anteresa dova a vago me…a t’lo ito a te do te va

Giuspina: Catò fa silenzio, a ghe penso me

Catò si mette da parte

Giuspina:ma cara Marietinacoma t’stè? L’era tanto tempo c’an t’vedevo

Marieta:ma t’sé abelinà…da ieri sera

Giuspina:ah si?! An m’l’arcordevo

Catò: (a Giuspina) la mudandia

Giuspina: (a Catò) sta brava e lasa fara a me

Marieta: ma voi do cosa gavè da ciaciurara?

Giuspina:nienta! A avedo che t’è comprà

Marieta: (chiude la borsa) si ho comprà..e alora?

Catò: p’r caso t’è miga comprà d’le mudandia

Marieta:e p’rchè l’an s’po comprara mudandia?

Giuspina: ma coma l’enu fatia…

Marieta:mudandia ordinaria

Catò:p’r caso t’ghe d’le mudandia ‘n t’la borsa?

Marieta: (apre la borsa)me ‘n t’la borsa an ghe no…ma a ne capiso ‘ndova a vorè arivara..

Giuspina:p’rchè noi a stan zercando..

Catò:le nostria mudandia

Marieta: (grida) i van robà la mudandia e an ven se manco rese conto

Giuspina: la né proprio così…

Catò:Marietina t’è miga visto quarchedun con la nostria mudandia?

Marieta:ma cosa disè? Cosa ne so me d’le vostria mudande! Mo a vago p’r tuto V’zan a arcontarlo

Giuspina:ma ven chi…cos’t’va a arcontara?

Catò: (tra se e se) au savevo cl’andeva a finira così, chesta l’an ten manco u semolin!

Marietina esce di scena seguita da Giuspina e Catò

SCENA 9

(Tonio-Carmè-Giocò)

Entrano in scena Carmè e Tonio vestiti da venditori ambulanti extracomunitari

I due tantano di parlare una lingua straniera

Carmè:coma a stago?

Tonio:t’me sembri mezo tunisino e boh?

Carmè:e mirte te!

Tonio:me a paro ‘n turco!

Carmè:a mirarta ben te ghè proprio ‘r muso da turco

Tonio:t’l’è pigià ‘r borson?

Carmè: (mostra il borsone) a go miso tuto drento!

Tonio:giè piend’mudandia

Carmè:mo ‘ncomenzan a vendera, ma coma s’fa?

Tonio: (mima)an ghè problema…prima a miran ben chelo ca voran dara la roba, poi au ciamemo a s’metan coma sa preghesu  (mima mani giunte) a fan ‘n bel inchino e a disan “salam”

Carmè: (perplesso) ma t’se sicuro cla b’sogna dira “salam”?

Tonio:si ecoma!

Carmè:ma noi a v’ndan mudandia, non sarami

Tonio: “salam” i va dito tuta la votia ca sortiam d’vendra quarcò

Carmè:ho capì ben, p’r ogni mudandia ca vendan bsogna argalara ‘n saramo

Tonio: (zittisce Carmè) sta zito, sta arivando Giocò

Carmè: chisà s’agarcognosa

Entra in scena Giocò

Giocò:bona serada

Carmè:bona serà…bim bum bam!

Tonio: (a Carmè) bruto semo ch’n t’s’autro t’devi dira “salam”

Giocò: ma che lenga a parlè?

Carmè: abun, abbà…dirondi…dirondà

Giocò:ma a se marochin?

Tonio: (fa il gesto)nooo!! Abladun, abladan…noi a san d’pu ‘n là!

Giocò: voi a sé francè?

Carmè: no me a ne son francè

Tonio:me a son Tognè

Giocò:a se de l’antognana?

Carmè: (fa un gestaccio) abu…abu..na dona t’sare tè! Guardè il gestè!

Giocò:ma che raza d’gesti gien chesti, ma l’è chesto ‘r modo d’comportarsa!

Tonio:gestè de abu a te…a san doi omi sonà ch’n’t’sé autro

Giocò:me a n’ansorto d’capira..

Tonio:semò…semò..

Giocò:ma la se po savera chi a sé

Carmè:vu cumprà!

Giocò:ah mo ho capi! A se doi cla vo vendra

Tonio:comprè….vorè comprà argal p’r vostra mogera

Giocò: (ride) ho capì a vorè vendrma quarcò, ma la s’po savera cosa vendè?

Tonio:mudandiò

Carmè:mutandò

Giocò:a parta ‘r fato che de mogiara an ghe no, però ha go do…

Tonio:l’enu vostra mogere?

Giocò:e va ben, fema vedera cosa g’avè

Carmè: (apre il borsone e tira fuori le mutande) cheste bon…bon

Giocò:a nu so s’la van ben

Tonio:ben, ben

Giocò:a pigio chestia (ne prende due paia e fa il segno dei soldi)

Carmè:vinti mila franchi

Tonio:vintizinca mila franchi

Giocò:quind’se mila franchi

Tonio: vinti e afar fato!

Giocò:ma chesto modo d’parlara a i m’sembra di….

Carmè: kat..man..du

Giocò:e dov’è?

Tonio: (fa il gesto) d’li andrè….andrè…avanti e andrè

Giocò tira fuori i soldi, entrambi si tuffano per prenderli ma li prende Tonio

Giocò: (prende le mutande) va ben a men vago bona serada

Tonio e Carmè:(all’unisono) salam

Giocò: cos’avè ito, saramo a me!?

Tonio e Carmè: (insieme a mani giunte si inchinano) salam

Giocò: (alterato) tamburi ca n’se autro, coma v’sé permisi d’darma du saramo, a v’ho nicò comprà le mudandia…sa v’pigio a v’fago negri!

Tonio e Carmè escono di scena inseguiti da Giocò inferocito

Dopo due giri di entrata e uscita di corsa rimangono in scena Carmè e Tonio

Tonio: (ansimante) l’è sta duro sperderlo

Carmè: (ansimante) an gla fago pu

Tonio: fama setara n’atimo (si siede)

Carmè: (si siede) menomara ch’n’gà arcognosu, e mo da bon amighi spartiansa i sodi

Tonio:migia chi  (da 10 a Carmè che bramoso li imbosca, Tonio si alza) Carmè la m’è vegnu n’idea

Carmè: dima…

Tonio: (segna con l’indice il pubblico) mira cantia zentia la ghe!

Carmè: (si alza dalla seggiola) te ghe rason, la gh’n’è proprio tanta!

Tonio: alora tu se cosa a podesu fara?

Carmè:e cosa?

Tonio:andan a vendra le mudandia a loro…

Carmè:si,si stavota t’l’è dita giusta

Tonio: dai sverto prima chi scapu, pigia ‘r borson!

Carmè:ma p’rchè au devo pigiara sempra me

Tonio:dai sbrighete, pogia ciaciura

Carmè prende il borsone ed entrambi scendono dal palco con una scaleta e vanno tra il pubblico a vendere poi ritornano dietro le quinte

SCENA 10

(Giocò-Gioconda-Genia-Giuspina-Catò-Angiò)

Giocò entra in casa con due confezioni regalo i pacchettini contengono le mutande che ha acquistato dai due

Giocò: (chiama Gioconda e Genia) cricetinia…cricetinia…vegnì chi ca v’ho portà ‘n pachetin

Le due donne arrivano festose e abbracciano Giocò

Gioconda:ber me orseto cos’t’mè portà d’belo?

Genia:ber m’tsoro fama vdera cos’t’m’è portà

Giocò: ‘r vostro tesorucio già pensà a voi p’r farvia pu belia e sexy, chesto giè p’r te Gioconda e chesto giè p’r te Genia

Giocò aspetta il bacio ma nessuna delle due glielo da

Giocò:ma manco ‘n baso?

Genia:prima a miran cos’t’ghè portà

Giocò:d’sicuro i v’piasrà

Gioconda:a t’rngrazio…a son proprio curiosa d’vedera

Genia: (manda un bacio con la mano a Giocò) a moro dala vogia d’vdera cos’la ghè dentro

Entrambe aprono il paccheto, vedono le mutande una fuori moda e l’altra alla moda di taglie exta large

Genia e Gioconda:ma chesti mudandon gienu enormi

Giocò: (deluso) ero convinto che la v’piasevu!

Genia: (mima) ma t’podevi argalarg’n profumo

Gioconda: (mima) o na bela colona

Genia: ‘n tu sé proprio coma fara p’r rendera feliza na dona

Gioconda: arpigiate le to mudandia (prende le mutande e le mette in testa a Giocò che rimane sbigottito)

Genia: (con le mutande in mano) t’s’proprio scadu Giocò!

Giocò:ma coma an me ciamè manco pu amora?!

Gioconda:epura tu dovesi savera che la donia la costu

Giocò: (cerca di scusarsi) ma a mè dovè capira, a n’stago atraversando ‘n bon periodo…la crisi…

Entrano Giuspina e Catò

Catò: bruti ladri ca n’se autro, a v’ho ciapà con le man ‘n ter saco

Giuspina:migia chi i ladri d’mudandia!

Gioconda e Genia:chi la ghè quarcò cla n’quadra

Catò e Giuspina:ste zite! A se do ladria d’mudandia!

Gioconda:ma segondo te me a vegno a rubara le mudandia? ‘n ca a gh’n’ho ‘n tireto pien!

Giocò: (con le mutande in mano cerca di defilarsi) scusema tanto, ma me a n’voi avera a che fara con le vostria discusion (cerca una scusa) anca p’rchè a me son arcordà che a go d’andara a comprara

Gioconda: ‘n do te và traditoro

Giocò: e me cosa zentro

Genia:non fara ‘n paso ‘n pu s’n’no a t’spaco ‘r muso

Giocò: (in imbarazzo) s’a la metè ‘n chesto verso a malincura armano

Catò:e t’devi armanera chi p’r forza p’rchè t’devi fara da testimonio

Giuspina:me a voi denunziara cheste do ladria d’mudandia

Genia:te ‘n t’denuzi proprio nisun

Catò:a se sta pià con le man ‘n ter saco

Gioconda:noi, noi….an zentrian p’r nienta

Entra Angiò alterata

Angiò:ma cos’agavè da gridara …arcordeva che chesto giè ‘n condominio!

Giocò:la Angiò la ga rason, chesto giè ‘n condominio

Genia:te fa silenzio semalon

Giocò:fa finta ca n’abio ito nienta

Angiò:ma a la vorè smetera si o no? A la fin cos’lè suceso d’tanto grava?

Catò:i gan robà le mudandia

Giuspina:i mian robà nicò a me

Angiò:(ridacchia) e a v’arabiè soro p’r chesto, a me nisun la mià porta via

Catò:p’rchè te miso i controi

Angiò:(ridacchia) si i controi soto la gambia

Genia:e alora…

Angiò:così a me in mià portu via

Gioconda:p’r forza ‘n tià porti!

Angiò ridendo esce di scena

Catò:lasan perdera saran problemi so

Giuspina:ma noi a voran le nostria mudandia

Gioconda:noi an gl’avemo, cheste l’enu sta ‘n regalo

Genia:si ‘n regalo

Catò:e chi la vià argalà?

Genia:(lo indica) chesto chi!

Giuspina:lu?

Gioconda:si si proprio lu

Giocò:ma me a giò comprà..a n’so proprio nienta d’nienta!

Catò: disa tuto chelo che t’sé, se n’no a t’furmino

Giocò:ma me a giò comprà, au zuro!

Giuspina:canta

Giocò:…e cosa a devo cantara?

Catò:non fara u semo soro p’r non pagara le tase!

Giocò:ma ‘nsoma la mi han vendù

Giuspina:ma la s’po savera chi la ti ha vendù?

Giocò:la mi han vendù doi marochini, no anzi doi afgani, no doi tunisini…

Gioconda:i nu sa manco lu…

Catò:ma di dov’ieru?

Genia:ma an vedè chi è abelinà!

Giocò:e no chesto proprio no!

Giuspina:ma coma ieru vestì?

Giocò:da tunisini, no anzi da marochini

Catò:e la s’po savera coma gien vesti i tunisini e i marochini

Giocò:(mima) i gan tuto n’afara ‘n testa e i gan mili colori…poi..poi..i gan ‘n cosa sligà zu e…e…

Catò:la m’ sembra d’esera abelinà nicò me, an ghe capiso nienta e la m’sembra d’saverna meno d’prima

Giocò:i nen coma noi, in g’asomigiu…e ‘n pu i gavevu ‘n borson pieno d’mudandia, ma a bon prezio…

Giuspina:l’eru le me

Catò:l’eru le nostria…ma mo ‘ndova i saran andà?

Giocò: d’d’là (indica) no forsa d’chi (indica) no lazù (indica)

Catò:mira d’pensarga ben a dova gienu andà s’n’no a t’spaco nicò tuti i denti

Giocò: (indica)mo a son sicuro…d’la!

Catò: ( a Giuspina) andan

Giuspina: ‘ntanto dema le mudandia

Danno le mutande a Giuspina e Catò

Giuspina e Catò escono di scena

Rimangono in scena Giocò, Gioconda e Genia

Gioconda: (da la valigia a Giocò) va via…

Genia:e non farta pu vedera!

Giocò: (alterato) ecoma sa men vago, a son nicò contento d’andarm’na, i gan rason i vostri maridi…

Gioconda e Genia: (all’unisono) p’rchè? Cos’han dito i nostri maridi?

Giocò: gian dito..beata la preson!!

Gioconda: loro pu i stan dentro mei l’è p’r noi

Genia: se i dovesu arpigiargia a spero chi butu via la ciava, da canda gien artornà a ca gian butà sotosovra la nostra vita!

Giocò esce di scene e dopo escono anche le due donne

SCENA 11

(Tonio-Carmè-Vigile urbano)

Tonio e Carmè non più vestiti da extracomunitari cercano un tutore dell’ordine

Carmè: Tonio la m’è vegnù n’idea

Tonio: torna n’autra idea! L’an t’è bastà chela d’ prima…sentiam!

Carmè: i ghe devu pigiara

Tonio:ma ‘n t’eri proprio te che t’vorevi sortira a tuti i costi

Carmè: soro p’rchè a vorevo andara a Parma a cacia, ma me mogera l’ha vendù tuto u schipo e i balin e donca an g’ho pu nienta, manco u schiopo coi tapi…mo si cla me manca la preson!

Tonio: la preson giè ‘n paradiso!

Carmè: zercan alora d’artornarga!

Tonio: e d’non sortira pu!

Carmè: d’sicuro sino a mo an s’san comportà ben e mo la s’deva fara anca pezo!

Tonio: e se au confesesu an vigila

Carmè: (si guarda intorno) l’an s’veda nisun

Tonio: (si guarda intorno) l’è proprio vero che canda t’zerchi quarchedun ‘n t’r trovi mai!

Carmè: (euforico) milo lazù!

Tonio: (euforico) vigila, vigila!

Vigile: cosa vorè?

Tonio: a voresu conf’sara

Vigile: ma a m’avè pià p’r ‘n preta, lasema stara ca gò da fara!

Carmè: ch’n s’n vaga, ch’n s’n vaga, chi ghe staga a sentira

Tonio: noi a san rei confesi!

Vigile: e cosa gavè da confesara?

Carmè: tantia cosia

Vigile: dai a la sverta, an go tempo da perdera!

Tonio e Carmè: (all’unisono) noi han robà!

Vigile: carma! Vun a la vota!

Tonio: a parlo me…

Vigile: va ben,disema

Tonio: avemo robà la modandia d’stese

Carmè: e a san andà a vendergia, arestega!

Tutti e due porgono le mani per farsi mettere le manette

Vigile: (cerca di calmare i due) con carma mo a guardo se giè ‘n reato (prende il codice, lo sfoglia ma non trova niente) la m’d’spiasa ma chesto reato giè stà levà dar novo codice a n’n posso farga nienta

Tonio: ma coma levà? E mo noi coma fan?

Carmé: (gira nervoso per il palco) coma la s’po fara? Coma la s’po fara?

Tonio:  han portà via la pension a nà vecieta

Carmè: bravo! Così i ghe metu dentro!

Vigile:(spazientito) ma an l’avè anca capì che robara la n’è pu reato!

Carmè: (agitato) la n’è pu reato? La n’è pu reato? A san rovinà

Tonio: han stampà sodi fausi

Carmè: si a san falsari, bravo Tonio t’s’è ‘n genio!

Vigile: (prende il codice, lo sfoglia ma non trova niente) la m’despiasa ma anca chesto giè sta levà, a n’poso meterva ‘n galera, se a n’avè fato nienta andè a ca cl’è mei

Tonio: (deluso) andan via…

Carmè: si andan..

Tonio: ma ‘ndova te miso la machina?

Carmè:’n ter posto riservà au Sindaco

Vigile: (stava per andarsene ma torna indietro) d’sgraziadi, delinquenti…ma cos’avè fato? Avè miso la machina ‘n ter posto der Sindaco, a ve fago dara l’ergastolo, seguima…a v’mando ‘n galera a vita! E mo a v’meto i feri!

Tonio: (euforico) si si a vita!

Carmè: (euforico) e pensara che basteva così pogo…

I tre escono di scena

SCENA 12

(Tonio-Carmè-Fiò)

Tonio e Carmè sono nella loro cella, ritrovano le loro cose, rivedono i poster delle loro mogli abbracciate a Giocò

Tonio: (vede il poster) chesto au lasemo?

Carmé: si las’lo giè ‘n recordo d’le nostre mogiere

Sentono le canzoni del carcere

Tonio: senta che ber motiveto!

Carmé: la sembra d’esera a Sanremo

Entra Fiò

Fiò: oh! Menomara ca se artornà! A me se mancà!

Tonio: cos’lè suceso canda noi an gheru?

Fiò: t’t’larcordi chelo d’la stanzia vintitrei?

Tonio: si, e alora?

Carmè: cosa già combinà?

Fiò: già vinto la gara d’treseta cor morto

Tonio: e Andrin?

Fiò: Andrin? Ah si! Chelo d’la stanzia novanta, giè deventà non e proprio stasera i fa na gran festa!

Tonio: coma a san fortunà! A san arivà ‘n tempo coma l’aiga d’agosto!

Fiò: si i v’aspeta! Ma mo prometema che an ve n’andrè pu via da chesto arbergo anca p’rchè ho cambià cuoco e camerieri e d’venerdì ostrighe, aragosta e torta d’riso doza…e tuto su la pela dei citadin!

Tonio –Carmè e Fiò: (ad alta voce e all’unisono) ostrighe, aragosta e torta d’riso doza! BEATA PRISON!

    Questo copione è stato visto
  • 0 volte nelle ultime 48 ore
  • 0 volte nell' ultima settimana
  • 0 volte nell' ultimo mese
  • 5 volte nell' arco di un'anno