Mettimece d’accordo e ce vattimme

Stampa questo copione

PRIMO TEMPO

Di Maio Gaetano

Mettimece d'accordo e ce vattimme

PRIMO TEMPO

La casa dell’impiegato Geppino Iaccarino. Al centro del fondale c’è la comune che si apre su un corridoio che, chiaramente, conduce alla porta di entrata e di uscita dalla casa. Una porta interna alla quinta di sinistra e una a quella di destra. Destra e sinistra si intendono sempre in riferimento allo spettatore. In un angolo piccolo mobile con telefono. Mobili vari fra i quali ci sarà un tavolino sul quale si vedono due tazze. Al levarsi della tela sono in scena Cristina e Persichetti.

CRISTINA E PERSICHETTI

Cristina

Ah, Gesù mio! Ma allora siete sordo? Io vi sto pregando che Geppino mio fratello ora sta riposando e non lo posso chiamare.

Persichetti

Evviva la mia sfortuna! Io vengo apposta di mattina presto p’’o truvà sveglio  e invece trovo che sta dormendo perché ha fatto la nottata con la febbre. Ma quand’è, quand’è che ne indovino una?

Cristina

(prendendo da qualche parte un pezzetto di carta e mostrandolo) Ecco qua! Trentotto, trentanove e quaranta!

Persichetti

Escono sabato?

Cristina

No, è la febbre. Trentotto a mezzogiorno, trentanove al pomeriggio e quaranta la sera….sta inguaiato, perciò non sta venendo in ufficio!

ALFONSO E DETTI

Alfonso

(di dentro) Cristina, Cristina!!

Cristina

(sbuffando) Ah, s’è svegliato!

Persichetti

E’ lui? Geppino?

Cristina

No, è papà. Una pena che non vi dico. Tiene ottant’anni ed è un poco svanito di mente….

Alfonso

(entra dalla sinistra, è in pigiama) Neh, Cristì….(notando Persichetti cambia tono e dice con un lieve inchino) Gentile signore (poi a Cristina) Ma quanno marina se mangia int’’a ‘sta casa?

Cristina

Papà, ma ‘o llatte insieme a me non l’avete preso? Ce stanno ancora ‘e tazze qua sopra!

Alfonso

‘O llatte? Ah, me pare che si…. Ma io po’ me so addurmuto n’ata vota.

Cristina

E vuie v’addurmite sempe, ogni vota ca ve scetate vulite fa marenna? E’ ampressa, papà, songo ‘e nnove ‘a matina!

Alfonso

(sospettoso) Ma pecchè, songo ‘e nnove ‘a matina? (a Persichetti) Scusate, voi che ora fate?

Persichetti

Le nove.

Alfonso

Ah, va bene. No, pecchè chiste, ‘e figlie mie, me fanno scemo ‘ncopp’’o mangià (mostrando l’orologio che tiene al polso) Io faccio mezzogiorno.

Cristina

Papà, vuie facite mezzanotte!

Alfonso

Che faccio?

Cristina

Sissignore, vuie ve scurdate d’’o dà corda, chillo se ferma, e vuie pigliate mezanotte pè mezzogiorno.

Alfonso

Ah, s’è fermato? Si, si aggio capito! E va bbuò, mo me vesto e scengo nu poco. Permesso.

Persichetti

Prego

Alfonso

(borbottando fra sé mentre si avvia per uscire a sinistra) ‘E figlie, ‘e vvì! Nu poco ‘e schifezza ‘e mangià m’’o fanno ascì pè ll’uocchie! E se pigliano tutt’’a pensiona mia, trecentocinquantamila lire! (esce a sinistra)

Cristina

Avete visto?

Persichetti

Ho visto che faccio tardi all’ufficio stamattina.

Cristina

Sentite, voi è inutile che aspettate pecchè mio fratello nun se sceta manco p’’e ddoie e io, vi ripeto, non lo posso chiamare.

Persichetti

Ma io sono un collega d’ufficio, un amico caro! Persichetti! Non l’avete mai sentito il mio nome? Non ha mai detto…che so….”Quel simpaticone di Persichetti….quel carissimo Persichetti….quel fetentone, in senso affettuoso, di Persichetti ?”

Cristina

Ma l’avrà detto pure, io non mi ricordo.

Persichetti

Ma certamente l’avrà detto. Un impiegato, quando torna a casa, racconta sempre qualche cosa dell’ufficio…se sape! In ufficio racconta i fatti della casa e a casa i fatti dell’ufficio. E si no ‘o tiempo comme passa?

Cristina

Ma scusate, nun fatica maie nisciuno a ‘st’ufficio?

Persichetti

E comme no! Fatica il pubblico quando fa la fila vicino agli sportelli. Io, poi, sono un personaggio. Tutti parlano di me: “Quel fetentone di Persichetti ha fatto questo”, “quel fetentone di Persichetti ci ha fatto ridere…”

Cristina

Ma scusate, io che faccio? Vado a svegliare mio fratello dal sonno e dico: “Geppì, è venuto quel fetentone di Persichetti?”

Persichetti

Ma no! E’ venuto Persichetti, il tuo collega d’ufficio, il tuo compagno di catena, lo scapolone Persichetti…

Cristina

Lo scapolone?…Aspettate, quello mi pare che una volta mi ha parlato di un collega d’ufficio (risatina pudica) che viveva solo e squallido e  me lo voleva far conoscere, essendo che anch’io ho perduto l’autobus e sono rimasta un poco zitella.

Persichetti

Ah, si?

Cristina

Sapete, sono quelle cose che si dicono dopo cena, con un poco di malinconia nel cuore e un poco di vino in testa.

Persichetti

Si, si capisco… Ma certamente non sono io il bersaglio di questo privilegio. Io sono un tipaccio che beve, gioca….tengo il fegato bruciato dall’alcool.

Cristina

E allora è proprio come dice mio fratello. Sapete che cosa vi manca a voi? Una mammarella!

Persichetti

Na carcioffola?

Cristina

No, una mammina, qualcuno che si cura di voi…

Persichetti

Signorina, io credo che voi non conoscete bene gli uomini.

Cristina

(Come per dire “altrochè se li conosco!)Eh! (canticchiando la canzone di Mina)”Son tanto fragili, fragili tu…maneggiali con cura.

Persichetti

(guardando l’orologio) Forse è meglio che me ne vado. Mi raccomando: curatelo bene, che non prenda colpi d’aria, copritelo…

Cristina

Come siete affettuoso!

Persichetti

Eh, io sono tanto, tanto preoccupato! (fra se’, avviandosi verso la comune) Io l’aggio prestate cincucientemila lire, mannaggia l’imbecille che sono! (via)

Cristina

(resta un istante sulla soglia della comune come per assicurarsi che Persichetti esca. Poi va a bussare alla porta a destra) Vieni, vieni, se n’è andato!

GEPPINO E DETTA

Geppino

(entra dalla destra. Sul viso ha alcuni cerotti e dei graffi vistosi) Io non capisco! Ma come, tu sai il nervoso che tengo addosso e ti metti a sedurre Persichetti pe’ tantu tiempo…

Cristina

Geppì, tu sì grande, ma io comme faccio? Mò m’azzecco nu cartiello ‘nfronte: “La conversazione non può durare più di cinque minuti.”

Geppino

Nun dà retta. Chille te mettono nu gettone in bocca e fanno n’ata telefonata. Ma che staje facenno? (riferito a Cristina che macina il caffè con un vecchio macinino)

Cristina

Cafè...

Geppino

Ma che cafè?

Cristina

Cafè lasco....

Geppino

Ah, ‘a solita ciofeca!

Cristina

Ma, dico, tu tiene tutte ‘sti cerotte e ‘sti scippe ‘nfaccia, pecchè avimma inventà ‘stu raffreddore? Esci e ti fai vedere.

Geppino

Accussì faccio capì a tutte quante c’aggiu vattuto a muglierema. Cristì, io sono un uomo che tiene una dignità, io, finchè nun se levano ‘e scippe all’ufficio non ci vado. Quelli tengono il naso per queste cose, Ce pare ca so scippe ‘e mugliera!

Cristina

Ah, Vergine Santa! Ma allora staie ascenno proprio pazzo?

Geppino

Senti, sorella, io ti ho lasciata libera di essere cretina pe’ tutt’’a vita? E tu mo’ lasciame essere pazzo a me in santa pace!

Cristina

Ma che brutto carettere, mamma mia, che uomo impossibile! Chella tua moglie ave ragione. Perciò ti sei fatto schifare.

Geppino

Ma pecchè, mia moglie me schifa? Te lo ha detto lei?

Cristina

No, ma ce pare!

Geppino

(guardandosi istintivamente addosso) Ma pecchè, che tengo?

Cristina

E’ ‘o carattere, Geppì, ‘o carattere! ‘O vvì? Pur’io tant’anne vicino a te, che so addeventata? (scoppiando in lacrime) Guardame, aggio fatta ‘a faccia ‘e na cammarera!

Geppino

E dalle cu ‘sta fissazione! Ma comme te lo devo dire? Tu nun tiene ‘a faccia ‘e na cammarera. Tu tieni la faccia della regina degli imbecilli.

Cristina

‘O vvì? Tu offendi, strille sempe. Tua moglie ha ragione ‘e te chiamma Orlando curioso.

Geppino

Ah, io songo Orlando ‘o curiuso? Mia moglie accussì me chiamma? (andando alla porta a sinistra e gridando verso l’interno) E allora perché non viene a discutere la signora? Perché nun m’’o dice ‘nfaccia che ho torto io? Venga, venga, signora, si accomodi in parlatorio

MARGHERITA E DETTI POI ALFONSO

Margherita

(se ne sente venire la voce dalla comune) Cristina!…

Geppino

(allontanandosi subito dalla porta a sinistra) Ah, ma ‘a tengo addreto?

Margherita

(entrando dalla comune con dei fagotti)Damme na mano, Cristì, pesano.

Geppino

Ah, ma tu eri uscita?

Margherita

(senza badargli, parlando a Cristina) Ho comprato piatti e bicchieri pecchè, a furia di litigare, eramo restate senza munizioni.

Geppino

Scusate, il cretino di casa ha fatto una domanda..

Margherita

(c.s.) Pecchè c’è qualcuno che quando gli piglia il capestuoteco mena piatti e bicchieri ‘nterra senza sparagno. E allora mena ogge e mena dimane… s’aveva spusà ‘a figlia ‘e Richard e Ginori.

Cristina

Haie ragione, haie ragione !

Geppino

Ave ragione? (facendo per avvicinarsi a Margherita) Ma io vulesse…

Margherita

(di scatto)Nun t’accustà!

Geppino

(insistendo) Margherì

Margherita

(perentoria) Via!!

Geppino

E po’ dicene ca io rompo ‘e piatte. Ma se capisce che devo rompere (scagliando a terra una tazza) Ma, allora, che rappresento io dint’’a ‘sta casa? (scagliando anche l’altra tazza)Ma allora, chi songo io?

Margherita

E non si vede? Sei lo scassatazze della casa!

Geppino

Io?

Margherita

Sissignore! E mò basta, l’udienza è chiusa! (sedendo in disparte con la braccia incrociate) M’assetto ccà e nun voglio parlà cu nisciuno cchiù. Sono sorda e muta.

Geppino

E io invece voglio parlà. Margherì, io nun so scemo. Margherì, miettatello ‘ncapa, gli uomini di casa nostra avimmo purtato sempe ‘o cazone.

Alfonso

(entra dalla comune in mutandoni lunghi ma con giacca, bombetta in testa, camicia i cui lembi fuoriescono dalla giacca e borsa da spesa in mano) Margherì, io scengo nu mumento, haie bisogno ‘e quacche cosa?

Geppino

Papà, ma addò iate cumbinato accussì?

Alfonso

Comme sto cumbinato?

Cristina

Ve site scurdato ‘e ve mettere ‘o cazone!

Alfonso

(guardandosi le gambe) Uh, ‘a capa, ‘a capa, avite ragione! (A Cristina apostrofandola)Quanno me pigliavo ‘o vino nun succedeva chesto. E’ ‘a quanno me date ‘o llatte ca sto facenno ‘a ricotta int’’e cervelle. A proposito, ma quanno se mangia?

Geppino

Papà, è ampressa, è ampressa!

Alfonso

E’ ampressa? (facendo atto di dargli un manrovescio sul muso) Tu quacche vota ‘e chesta haie nu buffettone…

Geppino

Me vonno vattere tutte quante int’’a ‘sta casa!

Alfonso

Ma cher’è, nunn’’o veco ca tu già sì turnato all’ufficio?

Cristina

No, papà, chillo nun c’è ghiuto proprio all’ufficio.

Alfonso

Ah, he fatto filone?

Geppino

Si, dimane m’avita fa ‘a giustifica.

Alfonso

(volgendosi a Margherita) Ma tu ‘o siente?….Margherì, ma cher’è, nun alluccate stammatina?

Margherita

Sto scucciata.

Alfonso

Haie ragione, haie ragione. Statte attienta, Margherì, chisto ‘a notte vere ‘e femmene annure.

Margherita

(levandosi in piedi) Ecco. E po’ ‘st’ommo ‘e niente vò sapè chi è dint’’a  ‘sta casa! Senza rispetto, senza riguardo per una moglie leggittima. Nu pato ‘e figlie comm’’a isso, vicino alla televisione notturna a se vedè ‘o spogliarello fino ‘e tre ‘a notte. Accussi, capite, cu ll’uocchie ‘e micione, comme si ‘o suio….Almeno fosse sincero, fosse leale. Almeno dicesse chiaramente: “Margherì, a me me piace ‘e vedè”. Una moglie contegnosa che fa? Signorilmente si alza, ‘o sputa ‘nfaccia e se ne va.

Invece no, quando va in ebollizione, ‘e ddice pure ‘e parole a chelli povere guaglione ca se spogliano (contraffacendo Geppino)”Oh-oh, guarda a chesta ccà” e sgrana ll’uocchie ‘a fore cchiù assaie. “Ma addò vulimme arrivà? E’ un’esagerazione, è uno schifo, è un’indecenza! “ Ma invece dentro la vicchiamma s’arraggia.

Geppino

(protestando) A chi?

Margherita

(senza badargli) E se capisce ca po’ lle veneno certi prurimiente fore stagione che una moglie legittima non può acconsentire.

Geppino

Io??

Margherita

E t’aviva permettere! Ma ce ne stanno tanti di questi casi ca perciò se guastano. Ed è anche naturale. Perché questi, gli uomini, pensano, studiano…. Se fanno l’educazione sessuale e addeventano scustumate.

Geppino

Ma insomma, a uno nun le po’ piacè una mezz’ora di distensione nnanz’’a televisione?

Margherita

E solamente il notturno te piace a te?

Geppino

Eh, ‘o notturno ‘e Chopin!

Margherita

Che vò dicere mò ‘sta parola? Chopin è sempre il musicista?

Geppino

E ch’adda essere?

Margherita

No, pecchè ‘sti delinquenti cagnano ‘e parole da ‘a matina ‘a sera senza avvertire! Fammenne i’ mò, và! (prendendo i fagotti) Ah, mò lasciavo ‘e piatte ccà e chillo ‘e scassava (poi, guardandolo con indignazione e disprezza) Teleguardone!

Alfonso

Io nunn’aggio capito niente: mò s’astipa ‘e piatte e nun mangiammo cchiù?

Geppino

Papà, è ampressa, è ampressa!

Alfonso

E va bbuò, va bbuò, nun te ‘ncazzà! Damme na tazzulella ‘e cafè e me stò zitto.

Cristina

Papà, ma faciteme truvà pace! Verite comme avita perdere nun poco ‘e tiempo…

Alfonso

E mò veco si stesse facenno nu poco la Tivvù dei bambini (esce a destra)

Geppino

Mo se mette nnanz’’a televisione e là resta tutta ‘a jurnata!

Cristina

Geppì, stammi a sentì, ‘a sora: entra in quella stanza, buttati ai piedi di tua moglie e cirche perdono.

Geppino

Cristì, ‘o frato, stamme a sentì: entra in quella stanza, buttate p’’a fenesta e cirche ‘e te sta zitta.

Cristina

Chella ave ragione, ave ragione!

Geppino

Eh, ma nun sape ancora che lle sta aspettando la signora moglie (ad alta voce verso la porta a sinisrta) Mò viene l’avvocato. L’avvocato Sarappa, lo sto aspettando…

Cristina

(in ansia) Hai chiamato l’avvocato?

Geppino

(c.s.) Questa volta è deciso. Mi separo, Cristì, mi separo, (più forte) Divorzio!

Cristina

No, tu staie pazzianno, tu questo non lo puoi fare!

Geppino

Eh! Mi so inventato perfino un motto personale: “Un prete m’inguaiò, l’avvocato mi salvò”

Cristina

Ma comme, tu? Un uomo che ha votato contro il divorzio?

Geppino

Che ne saie tu? Che stive dint’’a cabina cu me? Io votai in bianco per lasciare la responsabilità agli altri.

Cristina

E questo è il tuo carattere, ‘o vvì? Ave ragione Margherita: tu sei il moschettiere c’acchiappa ‘e mosche.

Geppino

Ah, io chesto songo? (tornando a gridare verso la porta a sinistra) L’avvocato, l’avvocato!

Cristina

Zitto! (CAMPANELLO)

Geppino

(guardando l’orologio) ‘O vi lloco, ‘o vi! Vai, corri, apri la porta all’avvocato.

Cristina

(sulla soglia della comune) Geppì, te lo dico per l’ultima volta: pensaci. Prima di fare un passo pensaci bene. Tu tiene nu carattere ca ce vonno ‘e mmazzate (via per uscire dopo poco)

Geppino

Ce ne vonno ancora? Io n’aggio avute tante…

Cristina

(rientrando) Geppì, fuori c’è l’avvocato…

Geppino

(baldanzoso) E fallo entrare, che aspetti? (gridando) E’ l’avvocato.

Cristina

Geppì, stammi a sentire un momento: fuori c’è l’avvocato…

Geppino

Ma ‘o ssaccio, ‘o saccio. Che m’’o dice a ffà? Ma che si credeva la signora ca io pazziavo? No, questa volta faccio sul serio. Un prete m’inguaiò e l’avvocato mi salvò!

STENDA E DETTI POI SARAPPA

Stenda

(entrando dalla comune) Buongiorno.

Geppino

(stupito) E voi chi siete?

Stenda

L’avvocato di vostra moglie.

Geppino

(colpito) Ah!

Cristina

Io te lo volevo dire…

Stenda

La signora mi ha chiamato d’urgenza ieri sera, telefonicamente. Permettete? Avvocato Stenda, matrimonialista specializzato.

Geppino

Ah, molto bene! La signora si è messa l’avvocato anche lei? Vi ha chiamato d’urgenza, col centotredici? E sà che risate che ci vogliamo fare…(CAMPANELLO) Eccolo qua: questo è l’avvocato mio.

Stenda

(mentre Cristina esce per risortire tra poco) Vedo con piacere che state di buonumore. E’ la migliore cosa in queste faccende, credetemi. L’accordo nel disaccordo. Discutere da persone civili, con urbanità e comprensione.

Cristina

(introducendo Sarappa) Prego, prego…

Sarappa

Eccomi qua!….Guè, caro Stenda…

Stenda

Carissimo Sarappa!

Geppino

(fra sé) Accussì uno stende, n’ato s’arrappa…

Stenda

E tu che faie ccà?

Sarappa

L’avvocato.

Stenda

Ah, tu difendi il marito ed io la moglie…

Sarappa

(scherzoso) So cuntento. Ci accorderemo presto perché tu sei leale e pulito. Geppì, ma tu che hai combinato cu ‘sta faccia?

Geppino

E te l’ho detto! Una vita assurda, impossibile. M’hanno fatto talmente innervosì ca aggio vattuto a muglierema.

Sarappa

(subito, stringendogli il braccio, sottovoce) Zitto, zitto, che faie? Il nemico ti ascolta.

Geppino

Po’, int’a ll’arragge, me so dato a pacchere, me so scippato io stesso…

Sarappa

(c.s.) Zitto, zitto!

Geppino

Nun ‘o ssaccio neanch’io! Ero una bestia feroce, una cosa terribile…

Sarappa

(a Stenda, sorridendo) E’ uno sbruffone…

Stenda

E per queste cose che vi vengono non vi siete mai fatto vedere da un dottore?

Sarappa

(mentre Geppino fa per parlare) Alt! Non rispondere! (sottovoce) Cheste so domande a trabocchetto. Parlo io (a Stenda) Non ha mai consultato un dottore perché non ce n’era bisogno. Lui è un uomo calmissimo e tranquillo.

Stenda

Certo, certo… è solo un po’ collerico, forse addirittura un po’ nevrastenico…

Sarappa

(c.s.) Non rispondere, parlo io (a Stenda). Ma, Stenda mio, ti pare a te ca io nunn’’o cunosco? Questo qua è proprio la proverbiale evera molle che ognuno….eccetera eccetera….

Stenda

Eh, lo so, caro Sarappa. Ma pure l’urtica in fondo è un’erba molle. Ma punge, caro mio, punge…

Sarappa

E’ talmente una camomilla che non farebbe male ad una mosca (a Cristina) Non è vero?

Cristina

Si, però devo dire la verità? Il signore tene nu bruttu carattere.

Geppino

(fra sé) ‘O ssapevo!

Cristina

Avvocà, c’erano tre servizi di piatti e due di bicchieri, l’ha rutte tutt’’e cinche!

Sarappa

Eh, tutt’’e cinche, non esageriamo! Magari li avranno rotti in due, anzi in tre (a Geppino, indicando Cristina) Perché anche lei avrà rotto qualche cosa…..lavando, sciacquando, come tutte le cameriere…

Cristina

(come punta da uno spillo) Cameriera?

Sarappa

Ch’è stato?

Cristina

Avvocà, io sono la sorella!

Sarappa

Ah, chiedo scusa, chiedo scusa, mò ho capito….

Cristina

(a Stenda) Avvocà, perfino i piatti cu ‘e capuzzelle d’angelo che la moglie ci teneva tanto, persino quelli ha rotto!

Sarappa

(sottovoce a Geppino mentre Cristina fa scena con Stenda) Geppì, stammece attiente pecchè tua cognata è na mala spina.

Geppino

Ma no, quale cognata? Quella è mia sorella.

Sarappa

Tua sorella? Ma allora site scieme ‘e famiglia?

Stenda

Ad ogni modo io mò vorrei vedere la signora…

Cristina

Si, venite, venite, vi accompagno io. Povera femmena, sta tanto abbattuta. Chella nun ce ‘a fa cchiù, nun ce ‘a fa cchiù (e ciò dicendo esce a sinistra con Stenda).

Sarappa

Geppì, ccà nun ce sta tiempo ‘a perdere. Questo, l’avvocato Stenda è na volpe mai vista. Ti farò alcune domande precise, di tipo professionale. Tu sai che l’avvocato e il medico so comme ‘o cunfessore, hanna sapè tutte cose.

Geppino

Mimì, senza fa troppe paraustielle pecchè mo ‘a capa nun sta ‘ncapo. Domandame chello che vuò ampressa ampressa e io ti rispondo.

Sarappa

Dunque, per prima cosa io vorrei sapere questo: tua moglie è stata sempre turris eburnea o qualche volta è stata Emma Bovary?

Geppino

Mimì, ti ho pregato ca stò nervoso. Non me lo potresti dire un poco più chiaro?

Sarappa

Geppì, è stata sempre francescana nel senso di San Francesco d’ Assisi o qualche volta è stata franceschina nel senso di Francesca da Rimini?

Geppino

Mimì, nun’aggio capito niente…

Sarappa

Guarda, Geppì, stammi bene a sentire. Io vorrei sapere…

Geppino

Mò accummience n’ata vota?

Sarappa

Insomma, Geppì, tu tiene ‘e ccorne?

Geppino

Ah, e tanto ce vuleva?

Sarappa

Ma noi siamo amici, c’è una certa delicatezza. No, pecchè se, per fortuna, tenisse ‘e ccorne stessemo a posto!

Geppino

Mi dispiace, Mimì, sono sprovvisto.

Sarappa

Male, malissimo…

Geppino

Mimì, ma io per telefono ti ho detto tante cose….

Sarappa

Ma, amore mio, l’incompatibilità di carattere non è una colpa, è una cosa reciproca.

Geppino

Comme nunn’è na colpa? Ma non è il carattere mio che è incompatibile con il suo. E' il carattere di mia moglie che è incompatibile con il mio.

Sarappa

No, no, Geppì, non ci siamo. Per questa via non andiamo a Parigi. Ce vulevano ‘e ccorne, ce vulevano!

Geppino

E mò veco si trovo a quaccheruno ca m’’e ffà.

Sarappa

Ma tu questa separazione la vuoi ottenere per colpa?

Geppino

E che faccio, una separazione consensuale accussì l’aggia passà pure gli alimenti? (andando verso la porta a sinistra e gridando) Eh, no! Troppo comodo signora moglie….mi devi piangere…devisoffrire la fame, devi soffrire…ti metto in ginocchio!

Sarappa

(con improvvisa risoluzione) Geppì, ‘e mazzate!

Geppino

(scappando) Addò stanno, cher’è?

Sarappa

No, dico: ho trovato: ccà ce vonno ‘e mazzate!

Geppino

A chi?

Sarappa

A te!

Geppino

Mimì, ma tu hai capito bene che sei il mio difensore?

Sarappa

Appunto, Geppì, qua mi devi far vedere la tua abilità. Tu devi ottenere l’impossibile: Geppì, tu t’he ‘a fa vattere ‘a tua moglie.

Geppino

(scuotendo il capo) Eh, è na parola! Mi chiedi proprio una cosa che io non so proprio pensare comm’è possibile.

Sarappa

Nunn’’o ffa?

Geppino

P’ammore ‘e Dio! Chella sape ‘o carattere. Quella appena apro la bocca me zompa ‘ncuollo.

Sarappa

E allora?

Geppino

Dico: me zompa ‘ncuollo, m’abbraccia, me bacia ‘e mmane, se mette a chiagnere….

Sarappa

Eh, ma nuie accussì nun ghiammo a Parigi!

Geppino

Ma a Aversa ce arrivammo certamente..

Sarappa

Voglio dire che non vinciamo la causa. Geppì, ccà ‘e mazzate ce vonno, sono indispensabili. Tu la devi talmente provocare, talmente stizzire…

Geppino

…ca m’adda struppià!

Sarappa

Geppì, ma no mazzate accussì, ‘o schiaffetto, ‘o calcetto, no…

Geppino

Hanna essere mazzate pesanti…

Sarappa

(perentorio) Ci vuole il sangue, il sangue è necessario, indispensabile…

Geppino

Ma chisto fosse nu rappresentante ‘e l’Avis?

Sarappa

Non dirmi di no si no ‘a causa ‘a perdimmo.

Geppino

Mimì, nun te preoccupà. Ti farò vedere che io avrò un’abilità straordinaria. Me faccio dà mazzate maie viste!

Sarappa

Bravo! Tu appena ti vedi il sangue in faccia che faie?

Geppino

Corro ‘o spitale!

Sarappa

No! Tu corre for’’a porta, chiami ‘a signora d’’a porta affianco, tutti i vicini. Per farti vedere, hè capito? Perché ci vogliono i testimoni freschi freschi, prima che ristagni il sangue. Poi scendi, vaie ‘ncopp’’a sezione e ti faie vedere pure llà.

Geppino

Ma io nel frattempo moro dissanguato…

Sarappa

Insomma vai a denunciare la cosa. Magare scendendo scendendo ti fai vedere pure da ‘o guardaporte. Accussì facimmo causa pè percosse e maltrattamente e ce facimmo a Stenda e a tua moglie.

Geppino

Mimì, io sto pensanno na cosa: e si ‘e vicine in quel momento so asciute io abbusco inutilmente?

Sarappa

Geppì, Geppì, io essendo il tuo avvocato non posso testimoniare. Ma si avessemo ‘o piacere ca te vattesse ‘nnanze ‘a me, allora ricorro a una manovra di astuzia diabolica.

Geppino

Ah, si? E che faie, che faie?

Sarappa

Nun te difendo cchiù

Geppino

(deluso) Bravo!

Sarappa

Ah, ma allora nun capisce niente? Questo è mestiere, è abilità. Io ti faccio difendere da un altro avvocato amico mio e io che ho visto il sangue vengo a fa ‘o testimone. E accussì, amore mio, ti assicuro ca ce facimmo a Stenda e a tua moglie!

Geppino

(fra sé) E so ddoie!

CRISTINA E DETTI

Cristina

(entra dalla comune con vassoio e due tazze di caffè, si ferma ad origliare)

Geppino

Mimì, accussì è certo che andiamo a Parigi? No, pecchè io non vorrei…(si avvede di Cristina) Che vuò tu? C’appizze a ffà ‘e rrecchie?

Cristina

Il caffè, Geppì, il caffè all’avvocato…

Sarappa

Oh, grazie, grazie….

Cristina

No, no!

Sarappa

(fra sé, lasciando la tazza) Nun mm’’o vvò dà cchiù.

Cristina

No, questa è di papà. Io ce metto nu poco d’acqua p’’o ffà cchiù lasco.

Sarappa

Ah, ho capito!

Cristina

(avviandosi per uscire a destra) E comme sta tua moglie! Una furia, una iena scatenata…(via)

Sarappa

(compiaciuto) Hai sentito?

Geppino

Po’ cu l’abilità ca ce metto io sa che vò succedere!

Sarappa

(posando la tazzina) Secondo me ha sbagliato, m’ha dato chello ‘e papà a me…

ALFONSO E DETTI

Alfonso

(venendo dalla destra) Mannaggia ‘a culonna…(notando Sarappa con il solito inchino) Gentile signore..(poi a Geppino) ‘O ‘mbrello mio addò stà?

Sarappa

Ma pecchè, sta chiuvenno?

Alfonso

Nonsignore, vaco truvanno ‘o ‘mbrello mio, l’aggia tenè sempe vicino a me. Nientemeno dice ca ce sta nu satellito americano ca siccomme ch’è asciuto pazzo, s’è perduto ‘o cuntrollo e hadda cadè giovedì verso ‘e sette ‘ncapa ‘a quaccheruno.

Sarappa

Comme ‘ncapa a quaccheruno

Alfonso

E chisto è ‘o bello! Nun se sape ‘stu fetente ‘e coso addò va a carè…dice ca se fa piezzo piezzo e care comm’’a na grandine ‘ncapo ‘a gente.

Geppino

Papà, ma nun dicite ciucciarie!

Alfonso

E tu pare ca me sì figlio carnale? Tu chesto vaie truvanno, ca me cade ‘o satellite ‘ncapa. Nun me facite perdere tiempo, io aggia truvà ‘o ‘mbrello! (esce a sinistra)

Geppino

E questa è un’altra piaga!

Sarappa

Geppì, ‘o frato, ma te pare ca nun te capisco? Ho avuto pure io un suocero comm’’a chisto, ignorante e cattivo.

Geppino

Mimì, ma chillo è mio padre

Sarappa

Carnale?

Geppino

Carnale!

Sarappa

Ma che miseria, ti odiano tutte quante int’’a famiglia toia? (esce a destra con Geppino)

MARGHERITA E STENDA

Margherita

(venendo dalla sinistra con Stenda) Aspettate, avvocà, un altro minuto. Mo ve ne dico un’altra per farvi capire bene chi è mio marito…

Stenda

Si, ma io devo fare un salto in Pretura. Poi torno.

Margherita

Aspettate un momento solo…avvocà, come tutti i cristiani del mondo capita che qualche volta iammo ‘o cinema assieme. E sapete, se fa qualche film che l’uomo cattivo sta per violentare una ragazza…avvocà, mi credete? Mentre tutta la gente sta in ansia per la sventura della ragazza, mio marito fa il tifo per l’uomo cattivo.

Stenda

Per l’uomo cattivo? E perché?

Margherita

Gesù, per vedere la scena della violenza! Io so na figlia ‘e bbona mamma….io lo vedo che appena il cattivo avanza con la faccia brutta, isso cagna posizione, s’adderezza ‘ncopp’’a seggia…E capisco che in cuor suo sta dicendo: “Sperammo ca nunn’arriva nisciuno,  sperammo ca ce riesce…

Stenda

E questa è perversione!

Margherita

E quando poi arriva l’uomo buono che salva la ragazza, il miserabile s’ammoscia ‘ncopp’’a seggia comme dicesse: “Ah, ‘o ssapevo ca arrivava ‘stu sconcecaiuoco a tiempo a tiempo…

Stenda

Signora mia, ma questi non sono argomenti buoni. Noi che diciamo al giudice? “’A signora ha pigliato gelusia della televisione e dello schermo?” Per carità, quelle sono immagini, figure irreali, come nei sogni…qua ci vogliono persone di carne ed ossa!

Margherita

E aspettate, mò ve dongo pure ‘e carne cu l’ossa.

CRISTINA E DETTI

Cristina

(viene dalla destra piangendo)

Margherita

Ch’è stato?

Cristina

Margherì, Geppino se ne vo jì d’’a casa!

Stenda

Benissimo!

Margherita

Comm’è benissimo, avvocà? Ma che state dicenno? (A Cristina) Se ne vo jì d’’a casa?

Cristina

Sissignore, l’ha detto all’avvocato.

Margherita

Ma tu hè capito bbuono?

Cristina

E io appezzavo ‘e rrecchie, perciò me n’ha cacciata fore!

Margherita

E addò vò jì?

Cristina

Margherì…(piangendo vieppiù) Se ne vò jì a Parigi, se ne vò jì!

Stenda

E chisto è asciuto pazzo Sarappa. Ma fosse ‘o cielo e se ne jesse d’’a casa! Abbandono del tetto coniugale, ‘e facimmo correre!

Margherita

Ma che cosa? (andando verso la porta a destra) Io arò ‘o cchiappo cchiù a Parige? (mette l’orecchio alla serratura ed origlia) Parlano zittu zittu ‘sti disgraziate!

GEPPINO E DETTI

Geppino

(aprendo di scatto la porta) Cristina!

Margherita

(drizzandosi rapidamente) Pardon, Mi è caduto uno spillo…

Geppino

Ah, sì tu?

Margherita

Oui, oui…

Geppino

Me credevo ca era Cristina che origliava…

Margherita

No, ero io che spicchiavo.

Geppino

(facendo per andare) Siete la padrona!

Margherita

Merci, merci….

Geppino

(volgendosi) Ma cher’è, mò parle francese?

Margherita

So fatte mieie!

Geppino

(con saluto romano) Gud-nait (esce a destra)

Margherita

Avvocà, chillo vò jì a Parigi pecchè ce stanno ‘e spogliarella bbuone. Avvocà, mi dovete credere….quanta cammarere aggio tenuto tante n’aggia avuta mannà. E si nun truvavo ‘a ‘sta povera scorteca ‘e mia cognata, io comme facevo, comme facevo senza cammarera?

Cristina

Permesso? Scusate (esce a sinistra)

Margherita

N’atu guaio, s’è offesa Margaret

Stenda

Signora mia, quello che voi dite è giusto. Ma le prove addò stanno? Dovevate tenere ‘na bella Polaroid a portata di mano. Appena vostro marito toccava una cameriera….poh, una bella istantanea e si documentava l’oltraggio. Ma accussì che facimmo? Quello Sarappa è diabolico..

Margherita

E io l’ho visto! Tiene la faccia di Belfagor nella Cantata dei pastori.

Stenda

Quello sapite che fa? Fa negare tutto a vostro marito e dice ca vuie site pazza.

Margherita

E io stesso int’’a causa, mi alzo e ‘o tozzo cu ‘a capa ‘ncopp’’o bancone d’’o giudice!

Stenda

(stringendole ironicamente la mano) Complimenti.

Margherita

Grazie!

Stenda

Accussì ‘o giudice piglia e ve manna a ‘o manicomio pe’ direttissima. Signo, ma allora non ci siamo capiti? Voi da questo momento dovete diventare umile e sottomessa come una schiava.

Margherita

Io? E comme faccio, avvocato mio…io so nervosa!

Stenda

Signò, voi non dovete parlare più. Sussurrate, cinguettate, belate…

Margherita

E che so, na pecora?

Stenda

Esatto, questo dovete essere, una pecorella. Umile, dolce, modesta, economa, servizievole. Un concentrato di virtù. E soprattutto, appena state per dare anche un solo schiaffo…guardate a me…(facendo l’atto) Na paralisi int’’a mano, stop e desisto.

Margherita

(imitandolo) Na paralisi int’’a mano, stop e desisto.

Stenda

Signò, me lo promettete?

Margherita

Avvocà, ma quello indispone, quello le scippa!

Stenda

Niente, nun hadda scippà niente… paralisi, stop e desistete. E se riusciamo a farci dei testimoni quando vostro marito fa lo sporcaccione con qualche donna, vincimmo ‘a causa. Abbiate fiducia in me! (baciandole la mano) Ah, fa lo sporcaccione? (baciandole ripetutamente l’avambraccio) E facesse, facesse ‘o sporcaccione cu ‘e femmene….’o facimme correre! Io mò torno (via per la comune)

Margherita

“‘O sporcaccione”… e se pigliava ‘o passaggio (chiamando con voce che si sforza di essere dolce e riesce ad essere solo tremula e nasale) Cristina!….(poi fra sé) Ma io ‘stu fatto d’’a pecora nunn’’o ssaccio fa….

GEPPINO, SARAPPA E DETTA POI CRISTINA

Geppino

Ah, ire tu? Io nunn’avevo capito. Aggio ‘ntisa na voce ‘e pippa appilata e so asciuto (sottovoce, dando di gomito a Sarappa) Provocazione…

Margherita

(fra sé) Paralisi, stop e desisto (come sopra, ma con tono più spazientito) Cristina!!!

Cristina

(venendo dalla sinistra con un bicchiere d’acqua) Margherì, ch’è stato, te siente male?

Margherita

No, no, sto benissimo, grazie. Ti volevo dire che io scendo un momentuccio. Vado a fare qualche speserella. Hai qualche bisognino?

Cristina

Comme?

Margherita

Dico: hai bisogno di qualche cosa?

Cristina

(stupita) No, grazie, Margherì, e quanno maie? (esce a sinistra)

Margherita

Allora vado. Buongiorno a tutti, compermesso (fa per andare)

Geppino

(autoritario) Margherì!!!

Margherita

(volgendosi di scatto) Prego?

Geppino

(fra sé) Ma ch’è succieso?

Margherita

Dimmi, dimmi, hai bisogno di qualche cosa?

Geppino

(con forza) Si!

Margherita

Che paura, mi hai fatto saltare…

Geppino

(provocatorio)  Accattame nu bello giornaletto pornografico. Anzi, due. Bello, cu tutte ‘e femmene annure, va! Cronaca vera e Play boy.

Margherita

Aspetta un poco (cerca e prende la borsa che avrà lasciato su qualche mobile alla prima entrata)

Geppino

(sottovoce a Sarappa) Mò me votta ‘a borsa ‘nfaccia!

Margherita

(mettendo fuori dalla borsa una matita e un foglietto di carta) Me lo voglio segnare si no me scordo…(scrivendo) Dunque: Cronaca vera e Play boy. Se no tu poi mi sgridi (a Cristina) Ah, non vi preoccupate se tardo un poco: tengo un appuntamento.

Geppino

Ecco, mò se mette a perdere tiempo cu quacche chiacchiaressa mmiez’’o mercato. Se mette a cuntà tutt’’e fatte d’’a casa: e cchiocchiocchiò e paperacchiò….cher’è, che guarde a ffà?

Margherita

Niente, mi sembri un canario…

Geppino

E tu na cornacchia!

Margherita

Io? (fra sé) Paralisi, stop e desisto (ad alta voce)Non ti preoccupare. Non è una donna, è un uomo che mi aspetta… e poi è un uomo che sa già tutto di me.

Geppino

(a Sarappa) Un uomo?

Sarappa

(gongolando) Vuò vedè ca tiene ‘e ccorne?

Margherita

E’ Don Bartolo, il mio confessore.

Sarappa

Mannaggia!

Margherita

Posso andare?

Geppino

(brusco) Ancora?

Margherita

(sussulta)

Geppino

(andando verso Margherita minaccioso) E quando te muove? Ma che tiene ‘e cosce ‘e lignammo?

Margherita

(arretrando, mettendo le mani avanti) Nun me vattere!

Geppino

E stammi bene a sentire….Viene ampressa, pecchè si faie tarde prendo la frusta. E non stare così, rispondi qualche cosa, cretina!!

Margherita

‘A borsa addò sta?

Geppino

(a Sarappa) Mò m’’a votta, mò!

Margherita

(mette fuori della borsa un fazzoletto, siede in silenzio, atteggia il volto ad un pianto di bambino rimproverato, si terge gli occhi e dice con un filo di voce) Scusa..

Geppino

(fra sé) Nun po’ essere, è una visione, stò durmenno.

Sarappa

Insisti, insisti, è matura.

Margherita

Chisto starrà ‘mbriaco!

Geppino

Ah, mò sto pure ‘mbriaco? ‘Sti quatte magnafranche parassite! Ccà so io, so io solo ca fatico e porto ‘e sorde int’’a casa. E allora mò sapete che cosa faccio? Lo volete sapere?

Margherita

(levandosi in piedi di scatto) Abbusche!

Geppino

(a Sarappa) ‘A ì lloco!

Margherita

(controllandosi) Tu sulo, è vero, tu sule abbusche ‘e sorde int’’a ‘sta casa (facendo atto di gonfiargli la faccia)…e io te vulesso….

Geppino

(protendendo il volto) Che cosa?

Margherita

Io te vulesse tanto, tanto aiutà. Ma che pozzo fa io ca so femmena? Ma io per te lo sai che cosa ho fatto cu ‘o padrone ‘e casa?

Sarappa

(sottovoce a Geppino) Mò iescene ‘e ccorne!

Margherita

L’ho pagato io ‘stu mese, con dei piccoli risparmi che avevo messo da parte.

Sarappa

Ma allora ‘a parcella mia sta in pericolo?

Geppino

Si, i risparmi…facenno ‘a mariola dint’’a sacca mia e ‘ncoppa ‘a spesa! Ecco come risparmia.

Margherita

Ah, si? E allora mò te lo devo dare uno schiaffo!

Geppino

(offrendo subito il volto) Si.

Margherita

Uno schiaffo morale che non puoi nemmeno immaginare. Geppì, io da domani mi metto a cercare un lavoro…

Geppino

Tu? Tu devi fare la sguattera, la serva, la schiava, questo devi fare. Perché la moglie lo sai cos’è?

Margherita

No.

Geppino

(a Sarappa) Che cos’è?

Sarappa

E io che ne saccio?

Geppino

La moglie è un elettrodomestico tutto fare, questo è!

Margherita

Ah, mò basta! Mo he parlato troppo. Geppì, a questo punto io sai che faccio? Aizo ‘e mmane….

Geppino

(tendendo il volto) Si!

Margherita

E mi arrendo. Sissignore, alzo le mani e mi arrendo, Perché tu sei il padrone, tu comandi. Tu che vvuò? Che resto in casa per accudire? E nun te piglià collera, non c’è problema. Come disse Garibaldi: obbedisco. (poi fra sé, avviandosi per uscire) Ah, paralisi, stop e desisto (via dalla comune mentre Cristina rientra dalla sinistra).

Geppino

(a Sarappa) Io te l’ho detto: ce sta troppo rispetto pe’ mme. ‘E ttengo sott’’o pacchero.

Sarappa

(mentre Cristina tende l’orecchio) Geppì, ma noi a Parigi ci dobbiamo andare o no? Devi insistere. Devi fare qualunque cosa.

Geppino

Mo ce vuleva …(a Cristina) Ma nunn’’a vuò fernì? (a Sarappa) Mò ce vuleva Persichetti!

Sarappa

Chi è? Un cascamorto di tua moglie?

Geppino

No, Mimì, levate ‘stu pensiero ‘a capa. Corne nun ne tengo.

Sarappa

Peccato. Mo t’aggia lascià perché  ho fatto tardi al tribunale. Tengo un sequestro contro lo zoo per contributi arretrati ai dipendenti. Ma che fanno? Pigliano l’elefante e s’’e portano ‘a casa? Comunque, io torno più tardi. Mi raccomando: fammi vedere la tua abilità (via per la comune)

Geppino

Io vado a riposare un poco

Cristina

Va bene, eccellenza

Geppino

So cose ‘e pazze (CAMPANELLO) Arape, arape ‘a porta!

Cristina

Si, maestà (esce dalla comune per risortire tra poco)

Geppino

(gridandole dietro) E nun fa guaie! Ricordate ca stò malato…(esce a destra per risortire tra poco)

PERSICHETTI E DETTI

Persichetti

(entrando dalla comune con Cristina) Io nun capisco, ma chisto allora dorme tutt’’a giurnata?

Cristina

E che ci volete fare? Quella la febbre è pure aumentata…

Persichetti

Ma dico: il dottore è venuto? Pillole, gocce ne ha prese?

Cristina

E vi pare che con questa sorella non si pigliava le medicine?

Persichetti

Eh, beato lui che si ritrova un’infermiera così attenta…(poi, a scanso di equivoci, mettendo subito le mani avanti) senza invidia, si capisce, senza invidia.

Cristina

E con tutto questo è peggiorato e nun se po’ movere.

Geppino

(entrando dalla destra e correndo ad abbracciare Persichetti) Persichetti, Persichetti mio!

Cristina

Gesù!

Persichetti

Ma allora stai bene?…Quella tua sorella…

Geppino

Donne! Sai come sono…esagerano sempre, s’impressionano per niente…

Cristina

(fra sé) Ma chisto, allora, è nu pazzo delinquente! (esce a sinistra)

Geppino

Persichè, vieni qua, assettammece nu poco. E’ il cielo che ti ha fatto venire…

Persichetti

No, veramente so ‘e cinquecentomila lire che t’ho prestato.

Geppino

Nunn’’e pensà mò, non distrarti…

Persichetti

Non posso, Geppì, io so troppo affeziunato a quei soldi, li amo.

Geppino

Persichè, non è il momento di scherzare. Guarda il mio viso: che vedi?

Persichetti

Il viso di uno ca nun me vò dà ‘e cinquecentomila lire..

 

Geppino

Persichè, è grave, io mi devo separare da mia moglie.

 

Persichetti

E ch’aggia dicere io che mi devo separare da cinquecentomila lire?

 

Geppino

Ma allora sei cinico?

 

Persichetti

No, so fesso, perché io nun te l’aveva proprio dà ‘e sorde!

 

Geppino

Persichè, io sto parlando sul serio, io mi devo separare da mia moglie…

 

Persichetti

E che vvuò, nu regalo? Mandame ‘a partecipazione di divorzio!

 

Geppino

Persichè, io mi separo perché vicino a mia moglie io non sono più un uomo!

 

Persichetti

Ah, si? (scostandosi un poco) Ma in che senso?

 

Geppino

Persichè, io ho bisogno di te!

 

Persichetti

(come sopra) Ma io tutto quello che potevo fare l’ho già fatto…

 

Geppino

Tu sei stato sempre in mezzo alle donne

 

Persichetti

E ci voglio restare

 

Geppino

Se capisce: un bell’uomo come te, (pizzicandogli cordialmente la guancia) un simpaticone!

 

Persichetti

(levandosi in piedi e facendo per uscire) Caso mai me li mandi per vaglia quei soldi…

 

Geppino

Persichè, aspetta. Tu mi vuoi bene?

 

Persichetti

Ti voglio bene dopo il fatto delle cinquecentomila lire?

 

Geppino

Persichè, Persichè, non mi abbandonare. Io ho bisogno di una voce femminile!

 

Persichetti

Ma perché, devi cantare Mimì dint’’a Boeme?

 

Geppino

Che c’entra? Io dico una voce femminile che mi fa delle telefonate.

 

Persichetti

A te?

 

Geppino

Si

 

Persichetti

Per ingelosire tua moglie?

 

Geppino

Pe me fa vattere…

 

Persichetti

(accennando a togliersi la giacca) Ma ci penso io!

 

Geppino

No, hadda essere mia moglie ca m’hadda vattere. Non ti stupire. Sono ragioni avvocatesche per vincere la causa di separazione per colpa. Ci vuole una voce femminile che chiama qua e quando risponde mia moglie dice tali cose sul mio conto da farla diventare una furia scatenata. Un’amante, capisci? Una squillo!

 

Persichetti

Questo è tutto? Ma non ti preoccupare proprio. Io col sangue agli occhi che tengo, te faccio avè na paliata mai vista!

 

Geppino

Persichè, ma deve dire cose terribili!

 

Persichetti

Geppì, damme ‘a mano: tua moglie te manna certamente ‘o spitale!

 

Geppino

Grazie

 

Persichetti

Prego. E mi raccomando, se vedi quelle cinquecentomila lire, dalle nu bacio pe’ mme e dille ca io nun me l’aggio scurdate. Anzi le aspetto sempre con cuore fervido e innamorato.

 

MARGHERITA, MARISA E DETTI

 

Margherita

(di dentro) E non fare la cretina, aspetta, aspetta un poco…

 

Geppino

Mia moglie. Tu te ne vai, è vero?

 

Persichetti

Si, aggia scappà

 

Geppino

E allora preferisco ‘e nun me ‘ncuntrà (fra sé mentre esce a destra) m’avessa vattere mò ca nun ce stanno ‘e testimone…

 

Margherita

(entrando dalla comune con Marisa che piange. Appoggia una Polaroid sul mobile a sinistra) Io mò vorrei trovare l’imbecille di faccia..

 

Persichetti

E invece trovate un uomo intelligente.

 

Margherita

Siete un altro avvocato?

 

Persichetti

No, sono Persichetti , un collega di vostro marito (poi a Marisa precisando) un giovane collega…

 

Margherita

Ma l’avete visto a mio marito? Come stava di umore?

 

Persichetti

Nero come l’inchiostro. Io poi mi sono trattenuto un poco perché ho detto: ma fammi vedere com’è questa bella figlia di cui Geppino parla sempre…

 

Marisa

(ironica, con un piccolo inchino da servetta) Molto gentile

 

Margherita

Si, si, ma dico: accussì, senza una chitarra, senza un mandolino…

 

Persichetti

Per fare che cosa?

 

Margherita

Per cantare “ Io, mammeta e tu “.

Persichetti

No, io canto serio, pozzo fa solo “ Io te vurria vasà “. Ma ora devo proprio andare.

Marisa

E andate, chi vi trattiene?

Persichetti

Buongiorno (fra sé avviandosi per uscire dalla comune). Mi hanno tentato tutte quante int’ a sta casa, solo chesta ca è ‘ bbona nun m’ha pensato. (Via)

Margherita

Dunque ti dicevo…

Marisa

( Di nuovo china il volto sulle mani e rompe in singhiozzi).

Margherita

E mò chiagne n’ata vota ?

Marisa

Mammà, ma non capisci? Qua si tratta del mio avvenire. Va tutto in fumo, tutto a rovescio. Quella, la famiglia di Nicolino è gente con la puzzetta sotto il naso. Tutta la perbene, tutta lecchina. Io come li faccio venire? Tu ti sei comprata perfini la Polaroid per fulminare papà (indica una macchina per fotografia che Margherita entrando, avrà lasciata in qualche posto).

Margherita

Ma io che ne sapevo che proprio oggi veniva questo fidanzato con la famiglia?

Marisa

E io che ne sapevo che proprio oggi si dichiarava la guerra?

Margherita

N’ata vota ti faccio informare prima dall’ambasciatore.

Marisa

Va bene, va bene, scherziamo. Tanto, io che sono tua figlia? No, io sono un’estranea, un’orfanella di Pompei che tu e papà avete preso.

Margherita

Uh, chesta ha pigliato ‘e nonno Alfonso, parla tale e quale.

     

CRISTINA E DETTI

Cristina

(Entrando dalla sinistra) Ma ch’è stato?

Marisa

(Indicando Cristina e mò di esempio) Ecco!

Cristina

C’aggio fatto?

Marisa

Mammà, io non sono più una bambina. Io faccio la fine di zia Cristina. Resto zitella in casa di una parente col ruolo di cameriera.

Cristina

(Voltando le spalle tutta indignata) Permesso (Esce a sinistra).

Margherita

Maronna, ma nun ce ‘o putisse mannà nu Rè africano a sta cognata?

Marisa

Mammà, tu devi fare qualche cosa! Tu non puoi stare così indifferente. T’è piaciuto di mettermi al mondo? Io non l’ho chiesto.

Margherita

E nemmeno io te l’ho chiesto. Io aspettavo ‘o masculo e te ‘nfezzate tu.

Marisa

Ah, scherzi ancora? Tu avevi la ragione, io invece nun putevo parlà. Perciò mò devi fare la madre, capisci? Tu non sei più una donna, non sei più una moglie, tu sei una mamma.

Margherita

Aggio perduto ‘ e dititti civili?.

Marisa

(Cadendo a sedere col volto fra le mani, scoppiando in lacrime), Oh, che incomprensione!

Margherita

(Nervosamente, volgendo gli occhi al cielo) Tu per me devi inventare un Purgatorio speciale, prima classe cu ‘a doccia e l’aria condizionata (andando verso il giradischi e prendendo a scartare dei dischi) Iammuncenno, Pupatella no, Zappatore no.. tutt’ ‘e dische d‘o pato.

Marisa

 Mammà, ma ti metti a sentire le canzoni?

Margherita

 State zitta. Devo creare un po’ di atmosfera per tentare una certa distensione con tuo padre…..chesta è essa (sistemando il disco nel giradischi), Na sera è maggio.

Marisa

Mammà…

Margherita

Lasciami fare (prende dal cassetto di un mobile un album di fotografie) Pigliamo l’album delle fotografie commoventi. Ecco qua. Vattenne nu poco dinto.

Marisa

Ma che vuoi fare?

Margherita

Nun te preoccupà, saccio io comme aggià fa. Naturalmente è una distensione provvisoria, poi passa il fidanzamento e appiccio ‘o ffuoco n’ata vota.

Marisa

(Avviandosi per uscire a sinistra) No, è inutile il matrimonio non è la tomba dell’ amore, è la culla della pazzia. (esce)

Margherita

( Mette in azione il giradischi a tutto volume, poi va a sedere con l’album aperto fra le mani. Le note della celebre canzone inondano la casa).

GEPPINO E DETTI

Geppino

(Entrando dalla destra) Papà.. ah, sei tu?

Margherita

Abbassa, abbassa se ti dà fastidio.

Geppino

(Abbassando il volume quasi fino a spegnerlo) Si no invece d’ a sera ‘e maggio è ‘o tuono e marzo.

Margherita

(Guarda nell’album, atteggia il volto a silenziosa commozione, si terge qualche lacrima)

Geppino

(Fra sé) Ma allora faccio buono a fa ‘o feroce? E io n’ata vota ‘e piatte c’e mengo ‘nfaccia.

Margherita

Geppì, siamo soli.

Geppino

Appunto. Perché non chiamiamo un poco i vicini di casa e ci fanno compagnia?

Margherita

Sono andati a Casoria tutti quanti, da certi parenti. Li ho visti.

Geppino

(Fra sé) Allora è meglio ca me ne vaco.

Margherita

(Tendendogli l’album) Scusa, non mi sento bene. Posa stu rumanzo a quacche parte.

Geppino

Ma chisto è nu rumanzo? (Aprendo l’album e restando colpito) Ah! Le fotografie dell’infausto giorno.

Margherita

M’aggio vuluto arricurdà comm’è ca t’aggio spusato. E’ chiaro: tu ire ‘e n’ata manera.

Geppino

(Sfogliando l’album) O’ matrimonio, il viaggio, io e te a Venezia in mezzo ai colombi, il battesimo di Marisa…

Margherita

Gesù, Gesù, una vita intera..

Geppino

Menata int” a munnezza…

Margherita

Si, ma in fondo nun ce sta nisciuna casa ca nun fa’ ‘a munnezza soia. Ognuno, quand’è la sera, chiude il sacchetto a perdere e ‘o mette for’ ‘a porta. Solo ‘e case vacante nun fanno munnezza.

Geppino

Però fanno ‘e felinie.

Margherita

Secondo me il matrimonio sa comm’è? E’ comm”a nu chiuve messo dentro a nu muro. Il muro si punge, se fa male, ma quando vaie cu na tenoglia per tirare il chiodo…..’o muro fa resistenza, pare ca nun t”o vò dà.

Geppino

Margherì, ma staie liggenno quacche rumanzo?

Margherita

E cchiù rumanzo d”a vita mia? Gesù, Gesù, una vita intera…

Geppino

Buttata al vento. Tanti guai, tante gioie, e poi, tu tire ‘a ccà io tiro ‘a llà e la fune si spezza.

Margherita

Eh, si spezza! Ma andiamo a finire col popò a terra tutti e due.

Geppino

Che vuò fa! Si mette una piantina di rose for”o balcone e poi s’innaffia ogni giorno con la pipì.

Margherita

Gesù, Gesù, una vita intera…(Mentre Geppino fa per parlare) No, me l’’e ‘a fa dicere (Parlando velocemente) Una vita intera dall’Altare al tribunale. Chesto vulevo dicere. Una vita distrutta.

Geppino

‘A vita mia.

Margherita

No, ‘a mia.

Geppino

No, no, Margherì, ‘a mia.

Margherita

No, no, lasciati pregare, Geppì, ‘a mia.

Geppino

(Con forza) ‘A mia!

Margherita

‘A mia!!!

MARISA, CRISTINA E DETTI

Marisa

(Entrando dalla sinistra con Cristina) Mammà, quelli stanno venendo. E’ l’ora.

Geppino

Chi sta venendo?

Margherita

Il fidanzato di tua figlia con i parenti.

Geppino

E io nunne saccio niente? E come se fa?

Margherita

Se fa na maschera io, na maschera tu..

Geppino

E facimmo Carnevale.

Margherita

Che vuò fa? E’ per l’avvenire di nostra figlia.

Geppino

Ma dico io..

Marisa

(A mani giunte, con voce implorante) Ti prego.

Geppino

(Scuotendo il capo e canticchiando) Signò, ‘e figlie o ssaie ch’ so? So piezz”e core..

Margherita

(Fra sé) Comme canta brutto!

Geppino

E va bene. L’uomo non cede, ma il padre si.

Margherita

Ciak: si recita. Pane, amore ed armonia.

Cristina

Non teniamo niente da offrire, è fernuto pure ‘o ccafè.

Margherita

Scinne addu ‘o guardaporte e fattenne prestà nu poco (A Geppino mentre Cristina esce dalla comune per risortire fra poco) Tu aggiustate nu poco ‘sta cravatta, mettiti in ordine, pulizzeta ‘e scarpe.

Geppino

(Strofina le scarpe contro il pantalone)

Marisa

Mammà, qualche oggettino per metterlo addosso non lo tieni?

Margherita

Domandalo a tuo padre.

Geppino

A me? Tu he vuliste ‘mpignà.

Margherita

Io? Fuste tu.

Geppino

No, Margherì, tu.

Margherita

Tu.

Geppino

Tu, tu.

Marisa

Aspettate. Tengo io nu bracciale. E’ falso ma è di figura (Esce a sinistra per risortire fra poco).

Margherita

E ricordati che la finzione nnanz”a sta gente deve essere perfetta.

Geppino

Margherì…

Margherita

Cher’è?

Geppino

E si facesseme overo?

Margherita

Pe’ mo facimmo na bella figura nnanz”a chisti ccà. Poi vedremo.

Geppino

Sarò un gentiluomo perfetto.

Marisa

(Rientrando) Ecco qua. Questo è il bracciale.

Margherita

Marì, ma noi a questi signoroni che dobbiamo dire?

Marisa

Mammà, quello che siamo veramente. Noi giovani ‘a pensammo ‘e n’ata manera. Niente ipocrisia, ho parlato chiaro.

Margherita

Brava.

Marisa

Naturalmente ho detto solo che siamo una famiglia tranquilla, in armonia e che papà tiene un certo conto in banca.

Margherita

Marisì, a Mammà, ho parlato chiaro e l’ha ditto tutte sti fessarie?

Cristina

(Rientrando dalla comune frettolosamente) E’ ttengo addreto, ‘e tengo addreto.

Margherita

Che tiene addreto?

Cristina

Stanno venenno, li ho visti che domandavano al portiere. Io vaco a fa ‘o cafè (Esce a sinistra. CAMPANELLO).

Marisa

(Si segna, poi corre verso la comune ma giunta sulla soglia si volge e dice..) Papà, Mammà..grazie (Esce per risortire fra poco).

Margherita

Mi raccomando.

Geppino

(Scherzoso) Ce vulessemo fa truvà abbracciate?

Margherita

Leva ‘e mmane ‘a cuollo!

DON LUCIO,  DONNA GRAZIA E DETTI

Marisa

(Introducendo gli altri) Prego, prego. Faccio subito le presentazioni. Questi sono Mammà e Papà.. Questa bella signora è la madre donna Grazia Martire e questo è il padre…

Geppino

(Sottovoce a Margherita) ‘O pato è preveto?

Marisa

Il padre.. non mi ricordo bene.

Grazia

Il padre don Lucio Menga, mio fratello. Nicolino non è potuto venire….sapete, preso dall’emozione, ha avuto un attacco di viscere….

Margherita

Questo mi dispiace…(Baciando la mano di Don Lucio) Padre…

Geppino

(Contemporaneamente baciando la mano di donna Grazia) Donna Grazia..(Nel baciamani forse ci sarà uno scontro di teste).

Margherita

Ci vogliamo sedere? La mia casa purtroppo riceve un onore immeritato. Noi siamo gente modesta.

Grazia

Signora, secondo lei chi cerca la pompa?

Margherita

Eh, chi deve inaffiare le piante.

Grazia

No, dicevo la pompa, il lusso… è la gente frivola che cerca queste cose (A Don Lucio) dico bene?

Don Lucio

Benissimo.

Grazia

Noi cerchiamo solo onestà, buona educazione… Se poi c’è anche qualche soldo, un bel corredo, qualche pezzo di terra, delle rendite, del mobile, qualche azienda bene avviata…

Don Lucio

Non guastano, è Provvidenza.

Margherita

Hai visto tesoro? Io te l’ho sempre detto “compriamo qualche pezzo di terra, qualche cosa”… niente, signora mia. Mette sempre tutto a dormire sulla banca.

Geppino

Gioia mia, ma io sono un uomo che sono partito dal nulla e purtroppo sono rimasto..

Margherita

(Subito) Sorpreso. Sorpreso da tutto il benessere che ha raggiunto.

Don Lucio

E allora non ci lamentiamo dei tempi tristi che la Provvidenza ci ha voluto mandare. Oggi state bene? E allora offriamo signora, offriamo….

Margherita

Si capisce (Ed alta voce verso la porta a sinistra) Cristina, porta il caffè.

Don Lucio

No, io dicevo offriamo tutto al Signore.

Grazia

Siete gente di chiesa, naturalmente.

Margherita

Ma figuratevi! La mia famiglia? Mio nonno custode principale del camposanto, uno zio terrasantiere, un fratello siggettaro a Santa Brigida, na zia monaca di casa, un'altra monaca di clausura, un cugino monaco cercante, un altro monaco carmelitano e papà prete.

Grazia

Prete?

Margherita

Un momento! E se non mi fate parlare, prete si doveva fare. Poi incontrò a mammà, se ne innamorò e se ne scapparono.

Don Lucio

Scapparono?

Margherita

Scapparono a sposarsi davanti all’Altare.

Grazia

Ah, è chiaro, è chiaro.

Margherita

Io, poi persi, persi….( Trillo di telefono).

Geppino

Pronto? Come? No, no è un ‘altra casa, avete sbagliato. Non chiamate più.

Margherita

Allora, vi dicevo: io persi un lascito. Un lascito di molti milioni dalla nonna che donò tutto ai monaci di non so quale convento.

Don Lucio

Provvidenza, Provvidenza!

Margherita

Oh, ma che mi dite di Nicolino?

Grazia

Nicolino è una perla rara….di questi tempi! E’ l’educazione in persona, qualunque cosa gli dico, qualunque rimprovero lo manda giù e zitto. Non risponde, signore, non risponde (Trillo di telefono).

Margherita

Rispondo io.

Geppino

(Fermandola subito) No, no, stai, faccio io.

Margherita

Ma tesoro..

Geppino

Ma no, stai, stai…(Rispondendo al telefono capisce che è Persichetti) Avete sbagliato e non ci scocciate più. Capitemi bene, non ci scocciate più.

Margherita

Tesoro, calma non t’innervosire.

Geppino

Amore, ma io sono calmissimo.

Grazia

(A Lucio) Che bello! Come si preoccupa per il marito!

Margherita

Signora, ci vogliamo bene come se fossimo sposati ieri.

Grazia

Ma si vede, signora cara, si vede. E’ vero che non è tutto oro quello che luce, ma è anche vero che non c’è oro che non luce.

Don Lucio

Eh, si. L’oro si vede, si vede bene.

Margherita

(Nasconde subito il polso con il bracciale falso).

Grazia

Voi non siete come queste famiglie di oggi: tradimenti, liti, separazioni. Per carità, e chi ne ha idea!

Margherita

Ma chi ne ha proprio il pensiero! (A Geppino che è sovrappensiero) Gioia, hai sentito? Gioia? Guè, Gioia?

Geppino

(Con un sussulto) Micia, che c’è dimmi?

Grazia

Che bello, si chiamano micia e gioia come due innamorati.

Margherita

La signora parlava di quelle brutte famiglie che fanno sempre cani e gatti.

Geppino

Oh, che cosa terribile.

Grazia

Pensi che io sono rimasta vedova tre volte e mai che avessi tradito un marito anche solo col pensiero.

Margherita

(Fra sé) N’ha tenute tre e manco se vuleva accuntentà.

Grazia

Eppure le assicuro che la fedeltà mi è costata molti, molti sacrifici.

Don Lucio

Non bisogna pensarci ora (A Margherita) Non è vero? Io dico: offriamo, offriamo…

Margherita

E si, ho capito. Mo viene il caffè..

Don Lucio

Eh, il caffè, ma che caffè, signora mia!

Margherita

Ah, già, voi dite al Signore.

Don Lucio

Io oltre tutto non ne posso prendere caffè. Non vi preoccupate.

Margherita

Ah, no? Gesù e non me lo dite? (Alzandosi e andando verso il telefono) Mo chiamo subito il bar e ve lo regalo….e ordino qualche cosa.

Grazia

Ma no, no, stia comoda.

Margherita

Ma per carità. Dite, dite: un gelato, del liquore, un rinfresco? Qualche cosa…(Trillo del telefono) N’ata vota?

Geppino

Gioia., micia, aspetta, aspetta che rispondo io..

Margherita

(Sollevando  l’apparecchio) Pronto?

Geppino

(Fra sé con gli occhi al cielo) Te ne prego fai cadere la linea.

Margherita

Si, sono io. Prego? Di mio marito?

Geppino

(Fra sé) E addò  me ne fuio?

Grazia

(A Geppino) Ma si sente male?

Geppino

No, vostra Grazia.. donna Grazia, aspettate.

Margherita

Sopra la pancia?

Geppino

La guancia, la guancia.

Margherita

Anche più sotto?

Geppino

(Fra sé) Uh, più sotto!

Margherita

(A Geppino) Sporcaccione! (poi al telefono) Va bene, grazie, ho capito (riattacca) Geppì…

Geppino

(Arretrando a m,ani giunte) Micetta… Micina.. micione.

Margherita

E’ imperdonabile. Era la camiciaia che ti sta accorciando le maniche.

Geppino

(Fra sé) Hadda jì sott’ ‘a nu tram.

Margherita

Dice che sulla camicia bianca ha trovato delle maniche di vernice che non si tolgono più. Meno male che è sulla pancia e più sotto. Così non si vedono.

Geppino

(Cadendo a sedere) Mò ci vorrebbe proprio un sorso di caffè.

Margherita

(Chiamando) Cristina, Cristina….

CRISTINA E DETTI POI ALFONSO

Cristina

(Entrando dalla sinistra con vassoio e tazzine da caffè) Ecco, ecco il caffè.

Grazia

Ah, come siete fortunata! E dove l’avete trovata questa bella cameriera?

Cristina

(Si lascia cadere di mano il vassoio e tazze).

Margherita

Mo stammo a posto. Ma che hai fatto? Che hai combinato?

Don Lucio

Signora che importa? Offriamo, offriamo.

Margherita

Si, al Signore, pecchè io nun tengo niente cchiù.

Don Lucio

L’importante è che piova su questa casa la benedizione di Dio. E piove, signora, piove. Io ne sono sicuro.

Alfonso

(Venendo dalla comune con ombrellino di donna aperto sul capo) E’caduto ‘o satellite?

Margherita

Ma qualu satellite?

Alfonso

Io aggio ‘ntiso nu rumore ‘e crastule!

Margherita

Papà, erano ‘e tazze ca so cadute.

Alfonso

Iate a fa ‘ncapo (Esce a sinistra).

Grazia

Ma che ha detto?

Margherita

Vatte a fa ‘a capa. Perché forse sono un po’ spettinata. E’ mio suocero, Un uomo all’antica, un po’ rozzo. E questa è mia cognata, la regina della casa (CAMPANELLO) Arape ‘a porta, và.

Grazia

(Mentre Cristina esce dalla comune per risortire fra poco) Ah, state tutti insieme?

Geppino

Si tutti uniti, ci vogliamo bene.

Cristina

(Di dentro) Ma un momento, dove andate, aspettate.

Margherita

Tesoro, vai a vedere chi è.

Geppino

Si, forse è meglio (fa per andare).

PERSICHETTI E DETTI POI MEMETTE

Persichetti

(Entrando dalla comune) Ah, vecchio mandrillo, ma che tieni il telefono bloccato?

Geppino

No, Persichè, è stato..

Persichetti

Ma come no? Io non ho potuto telefonarti. Risponde sempre un imbecille che dice “Avete sbagliato, non ci scocciate più”.

Geppino

Persichetti, senti..

Persichetti

Ma che devo sentire? Tu non sai che sorpresa ti ho portato. Tu non sai chi ti vuole salutare. Nientedimeno che.. Memette Bellapanza di ritorno dal suo giro trionfale.

Margherita

Bellapanza? Chi è Bellapanza?

Memette

(Facendo capolino dalla comune) Pesciolino?

Margherita

Pesciolino?

Geppino

Ma cu chi l’ave?

Memette

(Entra decisamente, seguita da Cristina. E’ in abiti al quanto più è possibile succinti. Forse una larga apertura sul ventre lascia vedee l’ombelico) Ma cher’è, nun me cunusce cchiù? Pesciolino?

Margherita

(Tenta subito di coprire gli occhi di Don Lucio con la mano)

Geppino

Signorina…

Memette

Uh, signorina (Facendogli delle moine) bellillo, vaverazziello, mussillo, purcelluzzo!

Grazia

E’ la fine del mondo!

Margherita

No, è la fine del pesciolino.

Geppino

(Affannosamente) Aspettate, aspettate, non è vero niente. Io non conosco questa donna.

Memette

Ma staie pazzianno? Io tengo ancora ‘e mulignane.

Geppino

Non è vero, non è vero, lo giuro.

Memette

(Scoprendo una gamba proprio sotto gli occhi di Don Lucio) E Cheste che so?

Don Lucio

(Coprendosi gli occhi con le mani) Signore, aiutami.

Geppino

Aspettate, aspettate, ragioniamo con calma. Fatemi sedere perché mi sento male (Siede).

Memette

Uh, povero pesciolino.

Geppino

E tu stai al posto tuo, hai capito? Al posto dove sei abituata a stare.

Memette

(Sedendogli sulle ginocchia) Eccolo.

Margherita

‘A Polaroid, ‘a polaroid addò sta?

Grazia

Ma che fate?

Margherita

Levate ‘e cape, levate ‘e cape.

Memette

Pesciolino mio….(Lo abbraccia)

Margherita

(Come sopra) ‘E ccape, levate ‘e ccape (A Don Lucio) No, no vuie llà, vicino a loro.

Geppino

(Svincolandosi) Io nun te saccio, nun te conosco.

Memette

Overo? Signò, m’hadda dà cincucientemilalire e nun me l’ha date ancora. Duecento pe’ me vestì e trecento pe’ me spuglià.

Geppino

Io?

Memette

Si, perciò l’ho svergognato davanti a tutti. Tanto che fa? Isso è scapolo, nun tene ‘a mugliera.

Margherita

Nun tene ‘a mugliera? Neh? Pescivendola, ma che stai dicenno?

Memette

Nunn’è spusato, io ‘o saccio. Però si tiene a una che si chiama Margherita.

Grazia

Margherita? Andiamo via da questa casa per sempre.

Memette

Certamente site vuie. ‘A faccia ‘e svergognata se vede.

Grazia

Oh Dio!

Margherita

(Dando la macchina a Cristina) Mantieneme ‘a Poalroid mano.

Geppino

Margherì…

Margherita

(A denti stretti) Tesoro?

Geppino

Aspetta.

Margherita

Gioia…

Geppino

(Arretrando) E fammi parlare.

Margherita

Avanzando minacciosa) Micino, vieni dentro (E se lo tira. CAMPANELLO. Uscendo a destra per risortire fra poco) Pesciolino.. tu..

Marisa

Aspetti un poco: mammà, papà..(Rumore di mobili rovesciati e di vetri infranti).

ALFONSO E DETTI POI SARAPPA E STENDA

Alfonso

(Dalla sinistra) Neh, ma quando marina se mangia int”a sta casa?

Cristina

(Rientrando con Stenda e Sarappa) Venite, venite è scoppiata la guerra.

Alfonso

L’ha ditto ‘o telegiornale?

Geppino

(Rientrando con una mano al naso) Il sangue, il sangue.

Alfonso

Te l’aggio ditto ca avive ‘o satellite ‘ncape!

Geppino

(A Sarappa) Mimì, e che abilità. Ci sono riuscito. Guardate tutti quanti, il sangue.

Sarappa

(Abbracciandolo) Benissimo.

Margherita

(Rientrando dalla destra) Avvocà, avvocà ci sono riuscita. La polaroid ha funzionato. E’ ffacimmo correre.


SECONDO  ATTO

La stessa scena del primo tempo, ma il tavolino è stato sistemato al centro della stanza. Al levarsi della tela Cristina sta spazzando. Alfonso è seduto sulla destra intento a leggere il giornale.

Alfonso

(Dopo un poco leggendo) Dramma della follia. A causa di un improvviso raptus ammazza il marito sordo (spiegando) Raptus è tedesco. Insomma s’era arrappata;  o’ marito e l’ha uccisa.

Cristina

(spazzando) ‘A llà, a llà, papà. Passate ‘a part’’e llà.

Alfonso

(levandosi in piedi) Ma comme, me so miso ‘a ccà e manco sto buono? Ma insomma, faciteme capì: io mo sto int’’a casa ‘e Geppino o int’’a casa ‘e Margherita?

Cristina

Papà, mo v’’o spiego n’ata vota: provvisoriamente se so spartuta ‘a casa. ‘A part’e llà sta ‘e case Geppino, e ‘a part’’e ccà ce sta Margherita.

Alfonso

Si, va bene, ma dico: io cu chi stongo, cu isso o cu essa? Pecchè io dormo ‘a ccà e mangio a llà.

Cristina

E me vulite fa parla? Questa stanza qua poi, siccome è di passaggio forzato, l’hanno divisa metà e metà. E questo tavolino che sta al centro…

Alfonso

E ‘o muro ‘e Berlino.

Cristina

Bravo. E lo stesso è la cucina pecché si deve mangiare. ‘E telefono, siccome c’erano le spine, s’ha miso n’apparecchio Margherita ‘a part’’e llà e n’ato Geppino ‘a part’’e ccà.

Alfonso

(indicando il telefono che è in scena) Allora chistu ccà è d’’o mio?

Cristina

Si, si, è ‘o vuosto.

Alfonso

E nun putevano parlà ‘a ccà? Pare ca io ce ‘o negavo?

Cristina

Che centra? ‘A ccà quann’uno parlava la parte avversaria senteva ‘e fatte!

Alfonso

Secondo me chiste teneno l’arteriosclerosi ‘ncapo.

Cristina

Del resto n’atu giorno è. Domani vanno nnanz’’o giudice, se fa ‘a causa…(scoppiando in lacrime) E se spartono proprio pe’ mmano ‘e legge.

Alfonso

Si, ma iu cu chi vaco? ‘O tribunale a chi mi affida? Io chesto vulesso sapè.

Cristina

Papà, aggiate pacienza, io tengo ‘e rine spezzate.

Alfonso

E se capisce. Chelle mo so ddoie case che s’hanno arricettà.

Cristina

Io che ne saccio nuie che fine facimmo? (prendendo il giornale) Ecco qua, guardate; aggio miso pure l’inserzione ‘ncopp’’o giurnale pe’ vedè si truvasse a n’atu scunsulato comm’’a me ca se vulesse

spusà. Vedete: Rosa appassita presso Iaccarino. Via Foria 136.

Alfonso

E chi è Rosa appassita?

Cristina

So io, papà. E una in queste cose che mette ‘o nomme avero?

Alfonso

Eh, ma io allora m’aggia guardà buono ‘e fatte mie. Io che metto “Garofano schiavone”? A me chi me piglia? Io m’aggia fa rispettà. Si no chiste so capace ca me ne vonno caccià. Me vonno mettere int’’a n’ospizio.

GEPPINO  E  DETTI

Geppino

(entrando dalla destra con un foglietto in mano) E’ inutile, nun ce sta niente ‘a fa.

Cristina

Ch’è stato?

Geppino

(mostrando il foglietto) Questa è capace di farmi mangiare il fegato fino all’ultimo giorno.

Alfonso

(subito) No, no, a me ‘o fegato nun me piace. Faciteme n’ata cosa.

Cristina

(preoccupata) Papà, stateve zitto, aspettate (a Geppino) Un’altra lettera anonima?

Geppino

Un’altra. Nun’è ca me ‘mpurtasse. A me nun me passa manco p’’a capa. Però è sempe ‘a stessa canzona.

Alfonso

Ma è na canzona ca state liggenno?

Geppino

Si. Papà, “ ‘O sole mio”!

Alfonso

Eh, vuò mettere Zappatore?

Geppino

Papà, ‘a televisione sta facenno ‘e cartune animate.

Alfonso

Ah, si? E quanno m’o ddicive? Ce sta chillu cane cu ‘e rrecchie longhe ca mme piace assaie (esce a destra)

Cristina

Dunque?

Geppino

(leggendo) Vostra moglie vi tradisce con un uomo. Fate attenzione. Le corna crescono di un centimetro ogni volta che viene il sabato e poi si fermano quando arriva la domenica (smettendo di leggere) E già, ‘a dummeneca è festivo s’arreposano ‘e ccorne.

Cristina

Stracciala subito e non dire niente a tua moglie. Chisto è uno ca vò pazzià.

Geppino

Cristi, sia chiaro, a me nun me passa manco p’’a capa. Però vulesso capì buono che cos’è stu fatte che il sabato crescono e ’a dummeneca se fermano. E po’, dico io, fa sempe ‘o stesso sbaglio? 

Cristina

Appunto: nu sbaglio ‘e persona.

Geppino

No, scrive sabato cu ddoie bi (intasca la lettera)

MARGHERITA  E  DETTI

Margherita

(entrando dalla sinistra) Cristì… (nota la presenza di Geppino. Si

blocca e volta il viso altrove come per non guardare in faccia al marito)

Geppino

(fa altrettanto)

Cristina

(avvicinandosi a Margherita) Ch’è Margherì, vulive quacche cosa?

Margherita

Fammi un piacere. Metti questi sul comodino di tuo fratello. Sono i confetti Falqui ca se L’hadda piglià ogni sera.

Geppino

(fra sè) M’ha mannato ‘e fiore, m’ha mannato.

Cristina

(scoppiando in lacrime) Margherì…

Margherita

Cristì, una cosa nun me piccià sempe addreto. Nisciuno è muorto ancora!

Geppino

(fa le corna per scongiuro)

Margherita

Io scendo un momento. Dai un occhio al ragù ogni tanto (fa per andare)

Geppino

Sentite signora. Posso dirvi una parola?

Margherita

Certamente.

Geppino

(allusivo) Oggi…è domenica.

Margherita

E salutace ‘a fibbia, dicette Don Fabio!

Geppino

No, dico: oggi è domenica, il sabato è passato.

Margherita

E se capisce. Se è domenica il sabato è passato.

Geppino

Signora, io so tutto. Voi la domenica riposate.

Margherita

E manco ‘a dummeneca me vulesse arrepusà nu poco?

Geppino

Ma il sabato no.

Margherita

Oh come sei affettuoso. Non ti preoccupare, io la domenica mi riposo ma il sabato mi diverto addirittura.

Geppino

Appunto, lo so. Ma il sabato è passato. Oggi è domenica.

Margherita

Va bene, d’accordo. Mi dovete dire altro?

Geppino

No, no solo questo: oggi è domenica.

Margherita

Beh, allora quando è questo dato che stiamo per separarci, Geppi, io ti voglio confidare una cosa importante.

Geppino

Ah, si? E che cosa? Parla.

Margherita

Domani è lunedì!  (via dalla comune)

Cristina

Geppì non ti fissare. Tua moglie è una donna onesta.

Geppino

Cristì, ma tu te cride ca a me me ne ‘mporta? A me nun me passa manco p’’a capa. Però aggia vedè addò va (via dalla comune)

MARISA E DETTA POI ALFONSO

Marisa

(entra dalla sinistra spruzzando intorno dell’insetticida)

Cristina

Ah, mò mine n’ata vota ‘stu coso?

Marisa

Mi sento nervosa, zia Cristì. E così mi sfogo con le mosche e le zanzare.

Cristina

E va bene. Io traso nu mumento addù ‘a signora Clotilde; ma hadda dà na ricetta. (poi fra se) Po torno quanno è passata ‘a puzza. (via dalla comune)

Marisa

(apre la porta a destra e spruzza dentro dell’insetticida)

Alfonso

(di dentro) Aiuto, aiuto.

Marisa

Ch’è stato?

Alfonso

(apparendo sulla soglia della porta a destra con la mano alla gola) Olocausto, me vonno accidere.

Marisa

Ma che olocausto? Sono io.

Alfonso

Ah, si tu? Io m’ero addurmuto nu poco nnanz’’a  televisione. (CAMPANELLO)

Marisa

(avviandosi per uscire dalla comune) Nonno, voi dovreste prendere un poco di cammomilla (esce per risortire fra poco)

Alfonso

E doppo ‘o llatte sulo ‘a cammumilla ce vò (di dietro un mobile estrae furtivamente un fiasco di vino e fa per bere in fretta un sorso) Mannaggia ‘a morte, è fernuto (ripone il fiasco ed entra rapidamente a destra)

PERSICHETTI  E  DETTA

Marisa

(rientra con Persichetti che reca un fascio di rose) Ma io non capisco l’ardire, la faccia tosta (chiamando) Mamma!

Persichetti

E a chi fate mettere paura? (sistemando i fiori in qualche posto) Io lo so che mammà è uscita. Ho fatto la spia prima di salire.

Marisa

Sentite, che voi mi perseguitate per la via da tre mesi, va bene. Perché la via è di tutti e non ci posso fare niente. Ma che salite qua sopra dopo quello che c’è stato è assurdo, è pazzesco.

Persichetti

Ma vi ho già spiegato come andarono le cose io che ne sapevo che mandavo in fumo il vostro matrimonio.

Marisa

Gesù che faccia! Ma lo sapete che domani mammà e papà vanno in tribunale a tagliare il nastro? E lo sapete che per colpa vostra ho perduto il mio fidanzato?

Persichetti

Perciò mi sono offerto di riparare. Mi sento responsabile della vostra zitellanza. Vi sposo io.

Marisa

Sentite, ho una grande voglia di buttarvi qualche cosa in faccia.

Persichetti

Ma prego. Se volete darmi qualche schiaffo, qualche morso, fatelo pure. Ma pensate ai miei figli.

Marisa

Avete anche dei figli?

Persichetti

No, ma spero di averne quando avrò sposato voi.

Marisa

(gli spruzza dell’insetticida sul volto)

Persichetti

(tossendo) Che accidenti è? Che profumo usate? Chisto fa murì.

Marisa

E chi se ne frega! Guardatemi. Io per conto mio sono già morta.

Persichetti

Perciò vi ho portato un fascio di rose così bello.

Marisa

Badate, io non sono sola come credete. Di là c’è mio nonno che vecchio e buono può sempre rompervi un bastone in testa.

ALFONSO  E  DETTI

Alfonso

(entrando dalla destra) Io nun capisco…(notando Persichetti) Gentile signore (poi a Marisa) Marì, vieni a vedè nu poco stu topolino.

Marisa

(spaventata, stringendosi istintivamente a Persichetti che l’abbraccia protettivamente) C’è un topolino?

Alfonso

No, no, sto parlanno d’o cartone animato. Nunn’aggiio capito niente. Secondo me è nu Topolino impegnato

Marisa

Nu topolino impegnato?

Alfonso

Scusate, ma vuie chi site? Che facite ccà?

Persichetti

Sono Persichetti, vi ho portato questo fascio di rose e questo pacchetto di caramelle. Così quando i vostri figli vi fanno scemo sul mangiare ve ne mettete una in bocca e ve la zucate.

Alfonso

(sorridendo) A me? Mi avete portato le caramelle?

Persichetti

(sottovoce) So caramelle al liquore. Ognuna di queste è na presa ‘e cognac vera e propria.

Alfonso

(subito) Zitto, zitto, non fate sentire. Si no m’’e levano. (ad alta voce) Grazie, grazie di queste pinnole che mi avete portato. Eh, le medicine ci vogliono (a Marisa) E tu nun fa piglià collera ‘o signore (a Persichetti) Siamo una brutta ebbroca, ‘e femmene menano ‘e mmane, ‘a civiltà è fernuta. A tiempe mie  era sempe muglierama ca abbuscava . (esce a sinistra)

Persichetti

Non ce sta niente ‘a fa, costui è un saggio.

Marisa

Sentite, ma è possibile che oggi non tenete nulla da fare?

Persichetti

Gesù, io nun faccio niente ‘e giorne ‘e lavoro, figuratevi la domenica (rumore di porta sbattuta)

Marisa

Ah, ho sentito sbattere la porta. Questa è zia Cristina. Così ve ne dice lei quattro.

CRISTINA  E  DETTI

Cristina

(entrando dalla comune) Io sto ccà. Voi? E che fate qua?

Persichetti

(subito) Vi ho portato questo fascio di rose e le mie scuse per quell’imperdonabile incidente.

Cristina

E avete avuta la faccia e il coraggio di salire qua sopra?

Persichetti

Dovevo.

Cristina

Come?

Persichetti

Si. Perché in questa casa c’è una persona che amo e che senza di me forse resterebbe zitella per tutta la vita.

Cristina

Ma… ma che state dicendo?

Marisa

E' un farabutto, zia Cristì, un mascalzone

Cristina

E aspetta nu poco, nennè, fammi sentire...

Persichetti

La mia intenzione sarebbe di sposarla subito. Ma non credo che lei vorrebbe.

Cristina

Vabbè, ma voi non dovete disperare così presto. La persona si può sempre convincere...

Marisa

Ma zia!

Cristina

Fatti un poco i fatti tuoi....

Persichetti

Ma non avete sentito? Sono un farabutto, un mascalzone!

Cristina

Eh, non esageriamo. Certo avete fatto uno scherzo un poco spinto..questo è vero. Ma, alla fine, non è pena di morte. Al massimo...(eseguendo) è una tiratina di orecchi! Accomodatevi un poco...

Persichetti

Ma che devo accomodarmi? Io non posso stare in questa casa. Mi cacciano fuori.

Cristina

Signor Persichetti, io non sono la cameriera in questa casa. Sono padrona anche io (a Marisa con tono autoritario). Vai a fare il caffè

Marisa

(chinando il volto sulle mani e piangendo)

Cristina

E' inutile, le ragazze di oggi sanno fare solo le sciocchettine. Aspettate, mò ve lo faccio io (esce a sinistra)

Persichetti

Avete visto? Io accussì songo. Ispiro simpatia.

Marisa

Sentite, io non so che cosa avete in testa. Ma o pazzo, o innamorato, o faccia tosta, sappiate che io non vi dirò mai di si.

Persichetti

Ma questo è quello che dite voi...io non sono d'accordo.

Marisa

Ma vedite...hadda essere d'accordo isso!

Persichetti

Scommettiamo?

Marisa

E scommettiamo (rumore di porta sbattuta) Ah, ora voglio ridere...(guardando fuori dalla soglia della comune)

Persichetti

Chi è?

Marisa

E' mammà

Persichetti

Cielo, aiutami! (si fa da  parte)

MARGHERITA E DETTI

Margherita

(apparendo sulla soglia della comune) C'è l'imbecille?

Marisa

Si

Persichetti

(subito) Signora, vi ho portato questo fascio di rose e le mie spiegazioni.

Margherita

(a Marisa) Pigliame nu poco 'a mazza 'e scopa 'a llà dinto…

Persichetti

Signora, vi prego. Io mi sono perduto per amore...

Margherita

Fate il prostituto?

Persichetti

No, il pazzo. Io ero innamorato di vostra figlia, e siccome quel giorno si faceva il fidanzamento ufficiale, facette succedere tutta chella ammuina per mandare a monte il fidanzamento!

Marisa

(fra sè) Dio, che bugiardo!

Persichetti

Sono stato pazzo, è vero. Ma che vulite a me? E' colpa degli occhi di Marisa.

Margherita

Ma che state dicenno? Uh, mamma mia! Ma voi dite sul serio?

Persichetti

Signora, lo giuro. E vi prego di credere che io non giuro mai il falso.

Margherita

Ma allora quella svergognata che venne qua sopra non ha niente a che vedere con mio marito?

Persichetti

Ma non la conosce proprio...e lui era capace di tenere quella ragazza? Voglio dire di quella brutta specie?

Margherita

Ma allora io sto 'nguaiata? Voi mi avete rovinata, distrutta...

Persichetti

Forse non mi sono spiegato bene. Vostro marito è innocente. Ho sbagliato io!

Margherita

Io ho fatto pure le fotografie! Ma che pazziammo? Io tengo a mio marito abbracciato cu Bellapanza sotto all'uocchie d''ìo preveto....Se voi dichiarate che fu tutto uno scherzo, mio marito è innocente. E allora io le pornofoto me le schiaffo e perdo 'a causa pecchè l'aggiu vattuto.

Persichetti

Signora, e vi pare che io vengo a testimoniare una cosa che può danneggiare la madre di Marisa?

Marisa

Ma io....

Margherita

(con forza) Statte zitta, pierde 'a lengua...Basta! (poi, con altro tono) Persichetti è un bravo giovane... e che dite, che dite sulla causa?

Persichetti

Io? Ma che me ne 'mporta? Signora cara, io per voi giuro pure falso.

Margherita

Voi siete un uomo d'onore.

Marisa

E papà?

Margherita

(fra sè) Uh Madonna!

Persichetti

Beh...(poi con enfasi) La mamma è sempre la mamma!

Margherita

Bravo, bravo, che giovane a posto. Guardatela questa Giuda. Difende quel delinquente del padre conrto la povera mamma che  è sempre la mamma (cambiando tono) Però è bellella, eh? (sottovoce a Marisa aggiustandole una ciocca di capelli) E 'ntostate nu poco, sorridi. Ca pò, doppo 'a causa, 'o dammo nu caucio 'nculo. Signor Persichetti, accomodatevi un poco, il caffè ve l'hanno dato?

Marisa

(livida) Lo sta facendo zia Cristina

Margherita

Brava  (a Persichetti) Parliamo, parliamo un poco delle sante bugie che dovete dire.

Marisa

Ma perchè, invece non potreste fare un tentativo di pace, di riconciliazione?

Margherita

Di pace? E deve venire il papa in persona cu ddiece cardinale appriesso. Ma lo sai che mi ha fatto tuo padre? Lo sai? Mi ha fatto diventare la donna oggetto (a Persichetti) ma nemmeno un oggetto buono...niente, una cosa accussì, 'e copp''e bancarelle. Ve lo giuro: mi ha fatto diventare la donna oggettino.

Marisa

Ma ricordiamoci anche le cose buone.

Margherita

Le cose buone? Persichè, odiava mia madre. 'A povera femmena che veneva? Solo 'a dummeneca, a Pasqua, a Natale, a Capodanno, a 'o nommo mio, a 'o nommo suoio e int''e ferie d'agosto. E quello l'odiava mentre io me sceruppavo a chillu cataplasmo 'e semmenza 'e lino del padre con tanta pazienza.

Marisa

Ma pecchè papà odiava la nonna?

Margherita

Statte zitta, che ne saie tu? Sono cose che una moglie esperta 'e capisce. Quando ti vuol fare la peggiore offesa, nu marito saie comme dice? "Chianu chianu te staie facenno tale e quale a mammeta"...manco 'a figlia vuleva bene. 'A vatteva, 'a vatteva sempre!

Marisa

Io nun m''e ricordo tutte 'sti mazzate!

Margherita

E grazie, pecchè m''e pigliavo io ca me mettevo mmiezo. E pò me sentevo male per lo schianto (commuovendosi lentamente al ricordo) E allora isso veneva vicino, m'abbracciava, me vasava 'e mmane "Margherì, Margherì,perdoname" e pò a sera purtava nu giocattolino p''a bambina. Il caro Don Peppe, e si, mò s'è fatto ruosse.

Persichetti

Allora qualche cosa di salvabile c'è.

Margherita

Io vado dentro.

Marisa

Mammà, venimmo pure noi.

GEPPINO E MEMETTE

Geppino             

(entra dalla comune trascinando per il polso Memette quasi alla stessa maniera in cui è uscito Persichetti con Marisa)   Trase, trase.

Memette

Guè, e nu tirà. Mo me menave nterra!

Geppino

Eh, aveva girato tutti i locali di Napoli. Ma, alla fine, per combinazione t' aggio vista, t' aggio truvata....

Memette

Senti, Geppetto...

Geppino

Geppino, Geppino. Ma comme te l' aggia dicere che non mi chiamo Geppetto?

Memette

Eh, bellillo, e nu fa o' spruceto. Io 'e nomme me l' aggia pazzià sempe nu poco a modo mio. Si no ce soffro.....

Geppino

Chesta dimane chiamma o' giudice Giù Giù.

Memette

Dimane ? Ma ricordatelo, io me chiammo denare: "Memette Bellapenza, nun fa rebbeto e nunn' avanza".

Geppino

Ma io ti trascino in tribunale!

Memette

No, io te trascino sott' a nu palazzo e te vatto... Io aggia avè e solde.

Geppino

Senti Mughetta, Mimosa, Mamozia....comme te chiamme ?

Memette

Memette. Francese autentica del Lavanaro.

Geppino

E fallo pe' san Memette ca nu te fa murì, tu devi dire solo la verità e la verità non si vende e non si compra!

Memette

No, no, la verità si vende e si compra. Nunn' he sentuto maie 'e dicere che la verità è preziosa? Chello 'e bugie se diceno gratis ogni mumento (ciò dicendo va a scuotere la cenere della sigaretta in un portacenere che sarà sulla sinistra)

Geppino

No, no, 'a llà no.

Memette

(Impaurita) Se sfonna o' pavimento?

Geppino

'A llà è violazione del domicilio.

Memette

Ma allora tenite 'a capa fresca. Titò, bada: io 'o tiempo ca perdo ccà 'ncoppa l' aggia avè pagato. Sò diecimila lire ogni quarto d' ora.

Geppino

Ma che mestiere fa chesta?

Memette

Io tengo che fa, che devo aspettare?

Geppino

Che viene l' avvocato mio e ti mette le parole in bocca (aprendo la porta a destra) Trase ccà ddinto e aspetta lloco.

Memette

(Con tono scherzoso, coprendosi gli occhi con una mano) Oh Dio! Una camera da letto!

Geppino

Invece ce vulesse na cammera a gas. E ricordati che anche se ti vede mia moglie tu devi riconoscere ca io nun t' aggio maie conosciuta, che io sono completamente innocente

 Memette

Pure si me trova dint'o lietto tuio?

 Geppino

E comme te trova dint'o lietto mio?

Memette

No, pecchè aggio fatto 'a nuttata e me vulevo stennere nu poco. Io accussi songo: o cammino o sto 'ngopp 'o lietto (esce a destra).

PERSICHETTI, MARISA E DETTO

Persichetti

(entrando dalla sinistra con Marisa) Oh, caro don Peppe!

Geppino

Chi è? Tu?!

Persichetti

Io. Ti ho portato questo fascio di fiori e quattro parolacce come so io…

Geppino

Persichè, tu hai ragione….ma io le cinquecentomila lire….

Persichetti

Ma chi pensa ai soldi in questo momento? Io parlo di tua moglie…ma come, si manda in fumo un matrimonio accussì?

Geppino

Persichè, quello il prete sopra l’altare fa bello a parlà: “io vi dichiaro marito e moglie!”

Marisa

Mammà però stava piangendo dentro..

Geppino

Finge. Persichè, nemmeno alla figlia voleva bene! (cercando qualcosa nelle tasche) Io purtavo ogni tanto quacche regalino, na pazziella…e lei sempre pronta a dire: “Non buttare soldi, nun fa Lord Sbrosce!”. He capito? Lord Sbrosce a me che a quell’espoca ievo all’ufficio cu ‘a marenna sott’’o vraccio!

Marisa

(prendendo un fazzoletto dal taschino del petto di Persichetti e dandolo a Geppino) Papà, se volete piangere piangete!

Geppino

A me? E l’he truvato! A me nun me passa manco p’’a capa! Vai, vai Persichè. Marisì, accompagnalo tu.

Persichetti

(afferrando Marisa per il polso) Qua bisogna fare qualche cosa….vieni! (esce dalla comune tirandosela dietro)

Geppino

E’ na parola ca nun me passa manco p’’a capa. Anima di mammà, ispirami! Ch’aggia fa? Che devo fare?

ALFONSO E DETTO

Alfonso

(entrando dalla sinistra)”Addenocchiate e vasame ‘sti mmane”

Geppino

Ch’è succiesso?

Alfonso

No, dico: quanto so belle ‘e parole ‘e ‘sta canzone…ma tu ce pienze?: “’O pato, io songo ‘o pato e nun me po’ caccià!”

Geppino

Si, si, papà, aggiu capito…

Alfonso

He capito? Allora me vaco a vedè nu poco ‘e televisione.

Geppino

(sbarrandogli il passo) No, no addò iate? Aspettate!

Alfonso

Cher’è?

Geppino

‘A llà, ‘a llà nun avita jì!

Alfonso

(fra sé) Tenarrà quacche fiasco ‘e vino annascuso (ad alta voce) Ma io nun tocco niente…

Geppino

(sbarrandogli di nuovo il passo)Ma pecchè, avità trasì pè forza ccà? Iatevenne dinto!

Alfonso

Me ne staie caccianno ‘a dint’’a casa toia?

Geppino

Ma che c’entra?

Alfonso

Ma ‘o ssaie chi songo io? ‘O ssaie?

Geppino

(all’unisono con Alfonso) “’O pato, io songo ‘o pato e nun me po’ caccia”…

Alfonso

Ah, me sfutte pure?

Geppino

Papà!

Alfonso

Gioventù bruciata, miettete scuorno! Tè, chisto è l’ultimo vaso ‘e papà tuio (sputandogli contro) Puh! (esce a sinistra)

Geppino

(esterrefatto) Solo questo non mi era capitato ancora!

Marisa

(rientrando) Papà…(puntando l’indice alla bocca) Persichetti là fuori mi ha dato un….(notando che Geppino si terge il volto col fazzoletto) papà, ma finalmente stai piangendo?

Geppino

Embè, un poco di commozione viene sempre…

Marisa

Ma so lacreme pè mammà?

Geppino

No, so lacreme paterne!

Marisa

Ma io avrei voluto….( Trillo di telefono)

Geppino

(si precipita a rispondere) Niente. Ha risposto essa ‘a parte ‘e llà. Sta sempre pronta per acchiappare. Fa ‘a sentinella vicino ‘o telefono.

Marisa

Mò vaco a sentì chi è. (esce a sinistra)

Geppino

Ma chi fosse fosse a me che me ne ‘mporta? (cavando di tasca il foglietto) Ma chillo ‘o fatto è ca me ‘mporta…(leggendo)  “Le corna crescono di un centimetro ogni volta che viene il sabato e si fermano quando arriva la domenica”

MEMETTE E DETTO POI MARGHERITA E MARISA

Memette

(facendo capolino dalla porta a destra) Titò, oggi è domenica!

Geppino

(pensoso, scuotendo il capo) E ieri era sabato! (poi realizzando) Ma tu comm’’o saie?

Memette

E mi ha informato il Ministero degli Interni… Mi manda una raccomandata ogni mattina pe me dicere che giorno è. Titò, c’è la maggiorazione festiva…

Geppino

(sentendo voci che vengono dalla sinistra) Si, si, va bene, vattenne dinto!

Margherita

(entrando dalla sinistra con Marisa) Vieni, vieni ccà, parlammo con più calma… (notando Geppino) Ah, è occupato!

Geppino

Dovete parlare? Prego, prego, me ne vado (qualcuno bussa dall’interno della porta a destra)

Marisa

Ma chi c’è là dentro?

Geppino

Nessuno.

Marisa

Ma io ho sentito bussare (si bussa di nuovo)

Geppino

Aspetta, Memè!

Margherita

Come?

Geppino

E’ Mimì, l’avvocato Sarappa. Mi sta aspettando con impazienza… (imbrogliandosi) Memè….Mimì….stò venenno!

Marisa

Ma io non l’ho visto entrare…

Geppino

E’ venuto prima quando tu non c’eri (CAMPANELLO) Va, va, arape ‘a porta (poi, mentre Marisa esce dalla comune per risortire tra poco) Sto venenno Mimè….Memì… sto venenno…(esce a destra)

SARAPPA E DETTE

Marisa

(introducendo Sarappa) Prego, prego…

Margherita

Voi?

Sarappa

Ma cher’è, ognuno dice “Voi?”

Margherita

No, è…è che mio marito sta parlando con voi chiuso in quella stanza.

Sarappa

Volete dire a telefono?

Margherita

No, no, da vicino, faccia a faccia…

Sarappa

Sta parlanno cu me?

Margherita

E come no? Io vi ho sentito pure. Avete bussato cu ‘a mano vicino alla porta.

Sarappa

Vuò vedè ca so comm’a Sant’Antonio e nun me ne so accorto?

Margherita

E andate a cedere. Entrate in quella stanza e vi trovate. E fate presto perché siete impaziente.

Sarappa

Signora, io spero che mi vorrete spiegare…

Margherita

Andate. Ve lo spiega lui. Potete entrare, non vi preoccupate. C’è solo lui e l’avvocato Sarappa.

Sarappa

(avviandosi verso la porta a destra) Se è uno scherzo non lo trovo molto spiritoso…(aprendo la porta e chiamando) Avvocato Sarappa…(correggendosi subito) cioè….Geppino! (esce e richiude la porta)

Margherita

A me nun me fa scema, ha chiamato qualche altro avvocato, stanno facenno ‘o consulto…ma pensammo a nuie.

Marisa

Ma di che si tratta?

Margherita

Proprio un momento fa ha telefonato il tuo fidanzato.

Marisa

Nicolino?

Margherita

Vuleva venì ccà cu tutt’’a famiglia per combinare il matrimonio.

Marisa

E quello Nicolino avrà fatto il pazzo e hanno ceduto.

Margherita

Ma io cu chesta situazione facevo venì ‘o preveto e ‘a preveta ccà?

Marisa

Che peccato che non c’era Persichetti! ? ‘O vulevo fa schiattà ‘e collera…

ALFONSO, CRISTINA E DETTE

Alfonso

(entra dalla comune con cappotto e valigia seguito da Cristina) Lassame, lassame!

Cristina

Aspettate!

Margherita

Ch’è succieso?

Alfonso

Vi lascio il mio nuovo indirizzo: San Gennaro d’’e povere. Punto. Napoli.

Margherita

Ha bevuto?

Cristina

Ma che ne saccio?

Alfonso

Me n’ha cacciato, he capito? Mio figlio carnale ma n’ha cacciato d’’a casa soia!

Margherita

Papà, assettateve nu mumento lloco. Po’ parlammo nu poco io e voi (mettendolo a sedere) Iammo, assettateve. Po’ Margherita ve dà na bella cosa (sottovoce a Cristina) Cristì,nu bicchiere d’acqua cu ‘o sonnifero ca l’ha dato ‘o miedeco. Venti gocce.

Cristina

Va bene (esce a sinistra)

Margherita

(a Marisa) Dunque, parlammo.

Alfonso

Parlammo.

Margherita

(a Marisa) Lassa ‘o perdere. Ti dicevo: un padre, un padre vero in questi casi comme se comporta?

Alfonso

(collerico, levandosi in piedi) ‘O dà na bastunata ‘nfaccia!

Margherita

Papà, aspettate…(rimettendolo a sedere) Aspettate (a Marisa) Nu pato, nu pato che tene ‘o core ‘mpietto, se sacrifica…

Alfonso

(c.s.) E che fa? Va a jettà ‘o sango mmiez’’a via?

Margherita

Papà…

Alfonso

(piangendo) Cheste so cose crudele…

Margherita

(scuotendo il capo e canticchiando) Oi vita, oi vita mia…

Alfonso

Eh, vita mia e vita toia! Ce vò ‘o zappatore, ce vò!

Margherita

(a denti stretti, rimettendolo di nuovo a sedere) E sissignore, ma assettateve nu poco, aspettate nu poco…

Marisa

Mammà, e se io parlassi con papà? Se lo convincessi a tenere ancora la famiglia unita?

Alfonso

(senza alzarsi) No, mò so io ca nun ce voglio sta cchiù!

Margherita

E ce sta quel maledetto avvocato addreto che lo sconsiglia. Ca io ‘o vulesse afferrà pè pietto e dicere: “Neh, signore avvocato…”

Alfonso

Sentite a me, nun ve mettite scuorno…

Margherita

(a Marisa) Neh, signore avvocato, io ca so scesa…

Alfonso

‘A copp’’o sciaraballo.

Margherita

(ripetendo distratta) ‘A copp’’o sciaraballo… io ca so scesa a patti con mio marito per il bene di questa figlia, cu tutto ca so ssuie anne, dduie…

Alfonso

Ca nun scrive nu rigo ‘a casa mia..

Margherita

Ca nun scrivo nu rigo ‘a casa d’’e pazze pè fa venì a piglià ‘a chisto! So dduie anne ca ce appiccecammo matina e sera. Io songo ‘a mamma…

Alfonso

Arravugliata dint’’o sciallo niro.

Margherita

Arravugliata…ma comme se po’ ffa? Chillo tene l’arteriosclerosi ‘ncapo e s’ha ricorda tutta quanta? (a Marisa) E sapete che vi dico? Questa per mia figlia avrebbe potuto essere una felice, una felicissima giornata….

Alfonso

(scattando in piedi quasi con un grido)No!

Margherita

Comm’è no?

Alfonso

No felicissima giornata. Dice: “Felicissima sera a tutte ‘sti signure ‘ncruvattate”

Margherita

(avvilita) Mo me metto a chiagnere!

CRISTINA E DETTI

Cristina

(rientrando dalla sinistra con bicchiere) ‘A bella cosa!

Margherita

Iammo, papà, pigliate…

Alfonso

(A Cristina dopo aver guardato nel bicchiere) Chest’ata puzzulente! E chesta è ‘a bella cosa? Ma che m’avite pigliato pe’ scemo? Chesta è l’acqua cu ‘e gocce ‘a dinto pe’ me fa addurmì. Mo pe’ dispietto me ne vaco int’’a cantina. Accussì moro e vuie chiagnite….(si avvia verso la comune)

Margherita

Addo và chillo? Papà, aspettate !

Alfonso

Margherì, nun tengo cchiù figlie, nun tengo a nisciuno!

Margherita

Papà, guardateme ‘nfaccia: vi adotto io.

Alfonso

Comme?

Margherita

Sissignore, vi adotto io. Voi siete un padre orfano e io ve piglio cu mme (prendendolo a braccetto va nella sua stanza)

Cristina

Povera Margherita, quante ne sta passanno. Papà è progressista, peggiora giorno pè giorno…

Marisa

Andiamo a vedere anche noi.

Cristina

Marisì, aspetta. Apprufitto ca stammo sole pè dirte na cosa. Io aggiu capito. A te Persichetti ti piace.

Marisa

A me?

Cristina

Sissignore. E io non voglio essere un ostacolo per la tua felicità.

Marisa

Ma veramente…

Cristina

Tu sì figliola, io ormai me so abituata. E poi io sono contenta si isso se sposa a te pè riflesso ‘e me. Tanto più che io ho messo pure l’inserzione sopra ‘o giornale: “Rosa appassita – Via Foria, 136”. Nun te preoccupà, io a Persichetti t’’o lascio! (esce a sinistra con Marisa)

GEPPINO E SARAPPA, POI MEMETTE

Sarappa

(entra dalla destra con Geppino. Ha in mano un foglio di carta) Ma allora sei cretino sul serio! Qua il guaio vero è soltanto che la lettera è anonima! Ma vulesse ‘o cielo e fosse firmata. (baciando la lettera) Sarebbe oro, platino! Tu avisse purtà ‘e cannele a nu santo…

Geppino

Mimì, va bene. A San Martino, a San Procopio, a chi l’aggia purtà?

Sarappa

Ma tu ci pensi poter dire in tribunale: “Signor giudice…”

Geppino

Il cornuto Carlo Mazza sono io

Sarappa

Ma allora vogliamo sputare in faccia alla fortuna? Geppì, io da un punto di vista professionale, come un fratello, ti devo dire: “Complimenti, Geppì, tu tiene ‘e corne!”

Geppino

Ma io nunn’’e voglio tenè.

Memette

(entrando dalla destra) Ma che m’’e lasciata a deposito ccà dinto?

Sarappa

Dolcissima fanciulla, e abbiate un poco di pazienza…

Memette

(prendendo dal tavolo il bicchiere destinato ad Alfonso) Chest’acqua è fresca?

Geppino

Si, freschissima.

Memette

(bevendo) Pure l’acqua fa schifo int’’a ‘sta casa! Io me ne vaco e per domani voglio essere pagata.

Geppino

Io mò invece devo tentare di ristabilire i contatti con mia moglie pecchè si nun scopro ‘stu fatto ‘e sabato e domenica nun trovo pace.

Sarappa

E comme faie?

Geppino

Tengo il mezzo. Poco fa ho ricevuto una telefonata del fidanzato di Marisa.

Sarappa

Ma allora ‘a causa nunn’’a facimmo cchiù?

Geppino

Mimì, un piccolo rimando. Quando indago, scopro, l’accido e po’ facimme ‘a causa..

Sarappa

Chiediamo la separazione da un morta (esce a destra)

MARGHERITA, MARISA E DETTO

Margherita

(venendo dalla sinistra) ‘O ì lloco, stà ccà.

Geppino

Signora e signorina, sono contento di trovarvi insieme perché iè successo un fatto di grande importanza. Mi ha telefonato il fidanzato di Marisa.

Marisa

Quello ha telefonato pure a mammà

Geppino

Allora già sapete?

Margherita

Sappiamo…

Geppino

Però ho dovuto dire di no per la nostra sciagurata situazione

Margherita

La fetente situazione.

Geppino

Ma io sono un padre.

Margherita

Si è per questo, io songo mamma due volte.

Geppino

E io sono padre tre volte.

Margherita

(afferrando un oggetto) E io quatto vote.

Geppino

(c.s.) E io cinque!

Marisa

Per favore!!

Geppino

(tornando sui suoi passi) Decide Marisa. L’interessata è lei.

Marisa

Certo (va al telefono e forma un numero)

Geppino

Ma che sta facenno?

Margherita

Starrà chiammanno ‘o manicomio.

Marisa

Pronto? Sono Marisa, Nicolino. E’ un grande momento. Mamma e papà hanno fatto pace. Vieni, vieni subito. Vi invito a pranzo tutti quanti. (Riattacca) E’ fatto (poi fra sé) Così ce la faccio vedere a Persichetti.

Margherita

E addò esce ‘o mangià pe’ tutte quante?

Marisa

Mammà, io che ne saccio! Putevo pensà a chesto.

Margherita

Quello oggi è pure domenica.

Geppino

Già! Ieri invece era sabato.

Margherita

Si mme dice n’ata vota ca era sabato ‘o dongo nu muorzo ‘ncapo! (Poi ad alta voce) Comunque levammo stu tavolino ‘a miezo. Po’ purtammo ‘o tavolo grande qua fuori e apparicchiammo ccà.

CRISTINA E DETTI POI ALFONSO

Cristina

(entrando dalla comune) E che sto passanno cu papà! Vò fa pe’ fforza ‘e servizie pe’ dimostrà ca isso è utile dinto ‘a casa.

Alfonso

(guanti di gomma alle mani, grembiule da cucina, entra dalla sinistra recando dei piatti e dei bicchieri) Addò l’aggia mettere

Cristina

Mieze ccà e mieze llà (indicando prima un mobile a sinistra e poi uno a destra) Spartitele (poi a Margherita mentre Alfonso sistema piatti e bicchieri) Aggio fatto comm’he ditto tu. Diece piatte a te a diece piatte a isso. Sei bicchiere a te e sei bicchiere a isso.

Alfonso

(sottovoce a Margherita dandole di gomito) Aggio fatto durece piatte a nuie e otto a isso (ridendo con aria furbesca) ‘E bicchiere ce ne aggio dato sultanto tre. (poi ad alta voce guardando Geppino) Io nun songo uno ca sta cu ‘e mmane mmane. Modestamente io sono attivo. Biato a chi me trova, a me!

Cristina

Iammo, papà, iammo a spartere ‘a biancheria.

Alfonso

(sottovoce) Guarda che carogna! Ha levato ‘e cunfine ‘a miezo pe’ me fa ‘mbruglià. Ma comme mette ‘o pero ‘a part ‘ e ccà abbusca. (esce a sinistra con Cristina)

Geppino

Ma c’era bisogno ‘e fa sta spartizione primma d’o tiempo?

CAMPANELLO

Marisa

So’ già lloro? (avviandosi per uscire dalla comune)

Margherita

Avessa arrivà Bellapanza n’ata vota?

Geppino

Noo! P’ammore ‘e Dio!

Margherita

Mi raccomando. Io vado ad aprire! (esce per risortire fra poco)

OSVALDO E DETTI

Marisa

(rientrando con Osvaldo) Falso allarme. Qualcuno in questa casa ha bisogno del fioraio?

Geppino

No.

Marisa

E bisogna dirlo a questo signore che ha tanto insistito (esce a sinistra)

Osvaldo

Mi dovete scusare. ‘A nennella non mi ha capito. Io ho detto il fioraio pe’ darme ‘nu tono pazzariello. Per via che sto un poco imbarazzato. Io …… (accennando timidamente al giornale che avrà in mano) io in  questa casa cerco un fiore.

Geppino

Aspettate. Mo vi do co cosa è solde.

Osvaldo

Eh, ma quali solde! Io cerco una donna che tiene il nome di un fiore.

Geppino

(fra sé) Margherita!

Osvaldo

E poi ho insistito pecchè io lavoro. Tengo libere solo ‘o sabato e la domenica. La domenica mi riposo…..

Geppino

E il sabato vi divertite.

Osvaldo

Esatto.

Geppino

(fra sé) E chisto è isso!

Osvaldo

Ma siccome il sabato l’ho tenuto impegnato…..

Geppino

Avete detto “sta settimana me spasso ‘e Dummeneca!”

Osvaldo

Beh, me spasso! (sorridendo scherzoso e accennando al giornale) Penso all’amore!

Geppino

(tormentandosi le mani) E va bene, va bene!

Osvaldo

Comme dicite?

Geppino

Dico che ho capito benissimo chi siete.

Osvaldo

Ah, menu male. Mi togliete il peso ‘e me dichiarà.

Geppino

Non vi preoccupate, ho capito tutto (mentre Margherita rientra dalla sinistra) Anzi, ecco la signora che cercate. E’ lei.

Margherita

A me?

Osvaldo

Permettete che mi presento? Osvaldo Jacobrutto, tipo allegro.

Margherita

Jacobrutto? Ma io nun l’aggio maie ntiso.

Geppino

(tra sé) Guarda comme fingeno tutt’e dduie!

Osvaldo

Signo’, guardate, io veramente me chiammo Jacobello. Ma dico “Jacobrutto” accussì, pe’ sfottere ‘nu poco a me stesso primma ca ‘o ffanno ll’ate.

Margherita

E allora?

Osvaldo

Beh, io……(a Geppino) Scusate, ma pechè nun ve ne iate?

Geppino

Parlate, parlate, non vi preoccupate. Io nun so’ nisciunto. Io sono lo scemo della casa.

Osvaldo

Io vulevo dicere ca me pareva ‘nu poco strano. Ad ogni modo permettete ca do ‘nu sguardo? Girateve ‘nu poco.

Margherita

C’aggia fa?

Osvaldo

No, no avite ragione. (girando intorno a Margherita) E’ la terra che gira intorno al sole…

Margherita

(fra sé) L’ha fatto venì isso pe’ me compromettere!

Osvaldo

A posto. Benissimo (A Geppino) ‘A signora me piace.

Geppino

Ma tu te cride ca mme vuò provocà pe’ me fa passà ‘nu guaio?

Osvaldo

Comme?

Geppino

Staie perdenn’o tiempo. A me nun me passa manco p’a capa!

Osvaldo

(A Margherita) No, però stu scemo p’a casa nunn’o putimmo tenè. L’avimma chiudere a quacche parte.

Margherita

(sul punto di scattare) Sentite…

Osvaldo

No, no, nun v’arraggiate, aspettate. Si ce l’avimma tenè ce ‘o tenimmo. Signò, io l’ho detto così. Anzi, se permettete, vi vorrei dire subito quacche difettuccio che tengo.

Margherita

Si, si parlate,Po’ ve dico quacche difettuccio ca tengo io e ce facimmo ddoie resate…...

Osvaldo

Signò, Ahummm!… io mozzeco!

Margherita

E io….Pù!  sputo.

Geppino

Eio…Pim!  Sparo!

Osvaldo

E va buono, 'o zio 'a Befana t'accatta 'na pistola. Mo fance parlà. Signò, io fumo 'o sigaro.

Margherita

Io fumo 'a pippa.

Geppino

Io fumo 'o zampirone!

Osvaldo

(sorridendo) Mannaggia 'a miseria, verite che va penzanno int'a chella capa fraceta.

Geppino

Ma chisto overo fa? Ma l'he capito o no ca io nun so' scemo?

Osvaldo

Si, si, va bene, va bene (a Margherita) Si 'o dongo nacaramella se sta zitto?

Margherita

Sentite, ma chillo……

Osvaldo

Signò, vi ho detto  che accetto pure 'o scemo! Che me l'annascunnite a fa? Ognuno tene 'e cose soie. Anzi, io vi voglio parlare del mio difetto. Nu difetto ca nun v'o pozzo dicere perché mi vergogno, ve l'aggia fa vedè.

Margherita

Ma che me vulite fa vedè?

Osvaldo

La mia vergogna.

Margherita

Uh, mamma mia!

Osvaldo

Il mio chiodo pungente.

Margherita

(A Geppino) He fatt'o bis 'e pesciolino, eh?

Osvaldo

Il difetto che mi ha sempre complessato, mortificato vicino alle donne.

Margherita

Sentite, iatevenne pecchè io ve ruciuleo p'e scale.

Geppino

Ma chisto allora chi è?

Osvaldo

Bello, bello, statte zitto (a Margherita) Signò, vuie ll'avita vedè pe forza. Perché si nun ve piace è meglio ca 'o saccio prima. Guardate, signò, guardate……

Margherita

(Volgendo il viso altrove e coprendosi gli occhi con le mani) Guè, guè ma cher'è?

Osvaldo

(togliendo la parrucca e mostrandosi completamente calvo, rasato a zero) La mia vergogna!

Geppino

Ch’è stato?

Margherita

(volgendosi e sussultando) Maronna! (cade semisvenuta su di una sedia)

Geppino

Margherì, Margherì, te siente male?

Margherita

(con la lingua in gola) La ma…..la ma…..

Geppino

La mazza? L’aggia vattere?

Osvaldo

(ritraendosi) Guè!

Margherita

La maschera di cera nnanz’a ll’uocchie!

Osvaldo

‘O ssapevo ca succedeva chesto….Ma uno ca s’hadda spusà hadda dicere tutte cose?

Geppino

Chi s’hadda spusà’?

Osvaldo

Io e lei.

Geppino

Uh, mo me scippo ‘e capille pur’io!

Osvaldo

Ma scusate, voi siete Rosa appassita ca sta scritta ncopp’o giurnale?

Margherita

Rosa appassita? No, io so ‘Margherita.

Osvaldo

(A Geppino) E tu m’he dato nu sciore pe’ n’ato! (fa per andare)

Margherita

Aspettate, aspettate, addò iate? Io mo aggio capito chi site. Chella me l’ha ditto pure….

Osvaldo

Ma chi?

Margherita

Mia cognata, è lei che si deve sposare.

Geppino

Mia sorella?

Margherita

Aspettate, mo ve la chiamo ampressa ampressa.

Geppino

(premuroso) Mettiteve ‘e capille, assettateve.

Osvaldo

No, signò, è meglio ca me ne vaco pecchè mò mi vergogno ‘e parlà cu tutte quante.

Margherita

No, no, aspettate (chiamando) Cristina.

Osvaldo

Ma io vengo n’ata vota!

Geppino

P’ammore ‘e Dio assettateve (poi fra sé) Na furtuna ‘e cheste uno s’’a fa scappà?!

CRISTINA E DETTI

Cristina

(venendo dalla sinistra) Margheri, m’he chiamata?

Margherita

E comme no! (ad Osvaldo) Ecco Rosa appassita (poi a Cristina) Ed ecco il signor Jacobello ca t’ha letto ‘ncopp’’o giurnale.

Cristina

(scoppio di pianto)

Margherita

(fra sé) E figurammoce quanno se leva a parrucca.

Osvaldo

Signò, è meglio ca me ne vaco.

Margherita

No, no, quella si è commossa. Aspettate, faciteme parlà (a Cristina in disparte) Cristì, si nun te piace io n’o caccio

Cristina

Guarda, ‘o personale è nu poco meschino. Però tene na cosa che a me mi ha fatto sempre simpatia….

Margherita

Ah, si?

Cristina

‘E ricce ‘nfronte!

Margherita

Eh, poi devi vedere quanno và addu ‘o parrucchiere è se fa ‘a messa in nudo….!

Osvaldo

Io po’ veramente sto ‘nu poco sciupato, pecchè so state tre giorne ‘o spitale è aiere so asciuto!

Geppino

Site stato malato?

Osvaldo

Nò, fu per via di un incidente. Andai al Corso Garibaldi per conoscere un’altra signorina ca steva ‘ncopp’o giurnale, è mentre stevemo parlanno, ascette ‘a mamma mmiezo è dicette: “Guardate che servizio di porcellana tene mia figlia. Vale un Perù”. Pigliaie ddurece tazze è ‘a una ‘a vota m’e menaie ‘nfaccio tutte quante!

Margherita

Ma forse quanno ve luvasteve ‘e capille?

Osvaldo

No, Signò, ienne appuranno chella era pazza. Ecco pecchè quande aggiù ‘ntise ‘o scemo, me so allarmato. Aggiu ditto: “Vuò vedè ca è destino do mio?”

Geppino

Si, ma io nun te menavo ‘e tazze, te menavo ‘e caccavelle!

Cristina

(sottovoce a Margherita) Margherì, ma cher'è 'o fatto d'e capille?

Margherita

(ad alta voce) Embè Cristì, è meglio ca 'o ssaie tutto una botta. Ecco qua: (togliendo la parrucca ad Osvaldo). La vergogna di Iacobelli!

Geppino

(fra sè) Mo siente…..

Cristina

(China il volto sulle mani e piange)

Margherita

'O sapevo!

Geppino

'E' fernuta!

Cristina

(togliendo lentamente le mani dal viso) Quanto è bello, me pare Sant'Antonio!

Margherita

(tirando un sospiro di sollievo) Uh! Avite visto? Mia cognata è di gusti raffinati.

Geppino

Capisce 'o bbuono!

Margherita

Iammo Cristì, nun essere timida. Dateve 'a mano!

Cristina

No, hadda cunuscere primme 'a papà.

Geppino

Addio! Mò se ne fuie Jacobelli.

Margherita

E' giusto, è giusto, ave ragione. Cheste so ragazze all' antica, educate, perbene. Però non ci fate caso si 'o vecchio sfrennesea nù poco. Capite, è l'età!

Osvaldo

N'atu scemo int'a casa?

Margherita

Iammo, vi accompagno. Iamme 'a cercà 'o permesso a papà, venite…

Geppino

(rivolto a Osvaldo che dimenticherà la parrucca sulla sedia) Aspettate, ve site scurdato ‘a capa!

CAMPANELLO (Margherita va ad aprire)

STENDA, MARGHERITA E DETTI

Stenda

(entra con Margherita infuriato) No, no Signora mia, non è possibile!

Geppino

Ma che stato?

Margherita

Gli ho detto che vogliamo rimandare la causa, po’ fatto e Marisa.

Stenda

Ma come, oggi è domenica. Ma siccome è anche la vigilia di battaglia io vengo per non farvi mancare il mio fiato. E' vuie me facite truvà chesta notizia?

Margherita

Avvocà, sapete che cos'è? E' che noi forse ci abbiamo ripensato un poco……

Stenda

(trasecolando) Ripensato un poco? No, no, nun è possibile.

Geppino

(fra sé) Neh, ma chisto pecchè se sta piglianno tanta collera?

Stenda

Signò, vuie si ‘e date tiempo, la causa la perdete. Questo ve lo dice l'avvocato Sabatino Stenda.

Geppino

Ma scusate……..(poi come colpito da un pensiero) Come avete detto?

Stenda

Sabatino Stenda.

Geppino

Sabatino è diminutivo di sabato?

Stenda

Si, è che c'è di strano?

Geppino

(mettendo fuori di tasca il foglietto e leggendo) Le corna crescono di un centimetro ogni volta che viene il sabato.

Margherita

Geppì, ma che staie pensanno?

Geppino

Che se chiammo sabato!

Stenda

Comme si me chiammasse Arcibaldo! Mi chiamo Sabato, è un fatto comune. Anzi, il fatto veramente curioso sapete qual è? Che io mi chiamo Sabato, è mia moglie domenica….

Geppino

Domenica. (leggendo) Le corna si fermano quando arriva la domenica. Tutto è chiaro. Ecco perché non capivo la lettera anonima. Nunn'erano Sabato è Domenica giornate. Erano Sabato e Domenica persone.

Margherita

Ma che staie dicenno?

Geppino

Ma che ve credite ca m'avite fatto qualche cosa? No, perché io vinco la causa. (baciando la lettera) E' una fortuna, io sono felicissimo ca m'avite fatto 'e corne!

Margherita

Io?

Geppino

Tu 'è stu mascalzone.

Margherita

(correndo ai suoi piatti mentre Geppino corre ai suoi) E piatte addò stanno?

Geppino

E' bicchiere so pronte?

Margherita

(scagliando un piatto) Io t'acciro.

Geppino

(come sopra) Io te manno 'a 'o camposanto.

SARAPPA, MARISA E DETTI

Sarappa

(entrando dalla destra) Ma che sta succedendo?

Marisa

(entrando dalla sinistra) Ch'è stato?

Geppino

(sventolando il solito foglietto) Mimì, avive ragione tu. La causa è vinta. Io tengo 'e ccorne!

Sarappa

(abbracciandolo) Auguri, auguri.

Margherita

(afferrando Stenda per il polso e trascinandoselo dietro) Vieni cu  mmè!

Geppino

A ddò vaie?

Margherita

A' chiammà 'e maste giorge! (esce a sinistra con Stenda)

Geppino

(perentorio a Marisa uscendo dal suo riparo) Vai appresso a tua madre, sorveglia.

Marisa

(CAMPANELLO) La porta! Avvocà, mantenete il pazzo. (esce dalla comune per risortire fra poco)

Geppino

Uh, mo me piglio a pacchere. (avviandosi verso la porta a destra) Mimì, nun voglio vedè a nusciuno, nun voglio parlà cu nisciuno.

Sarappa

Vai, vai dentro me la vedo io.

Geppino

Cacciale fore a tutte quante. Io sono uscito, sono morto (esce a destra)

CONCETTINA E DETTO

Concettina

(entrando dalla comune forzando la resistenza di Marisa) Faciteme trasì, aggia parlà col signor Geppino Iaccarino...

Sarappa

Dite, dite, parlate cu me, sono io.

Concettina

Siete voi Geppino Iaccarino? V’avessa parlà (si siede)

Sarappa

Prego, accomodatevi…..(poi, rivolto al pubblico) S’è già assettata!

Concettina

Io ‘e cose storte nun m’’e fido ‘e vedè! Aggia parlà pe’ forza! Voi avete ricevuto delle lettere anonime?

Sarappa

Lettere……Ah, si, si, anonime…..

Concettina

 Signor Iaccarino, io saccio chi è stata! E’ una ca vene into ‘a puteca mia a se fa ‘e capille…è una fissata cu ‘e tradimenti……

Sarappa

(subito interessato, fregandosi le mani) Ah, dite dite…

Concettina

Chissà come, aveva scoperto ca n’ommo, ca  nun saccio manco che faccia tene, teneva ‘e corne. S’’o mettette a seguì pé vedè addo steva ‘e casa. Dice ca trasette proprio ccà…. Into a ‘stu purtone!

Sarappa

E chesta è causa vinta.

Concettina

S’ appustaje ‘e rimpetto pe' mez'ora e vedette ca s’affacciava ‘a nu balcone ‘e ‘sta casa!

Sarappa

Magnifico! Accussì sapette pure a che piano steva.

Concettina

Esatto. Iette add’’o guardaporta e dicette:"Scusate, chi sta ‘e casa ‘o terzo piano?" E isso rispunnette: "Il signor Geppino Iaccarino", cioè voi.

Sarappa

Io…. Ah, si, si, io!

Concettina

E perciò chella pazza v’ ha scritto chelli lettere ‘nfame.

Sarappa

E sarebbe pronta a testimoniare tutto in tribunale?

Concettina

Ma che state dicenno? Chella aveva pigliato a uno pe' n'ato. L'ommo ch’aveva seguito nun ireve vuie, è n’avvocato ca vene sempre into a ‘sta casa….

Sarappa

(impallidendo) Un avvocato….

Concettina

Si, vuie nun c'azzeccate proprio! ‘O cornuto è isso, l'avvocato. Chella m’ha ditto pure ‘o nomme…aspettate….Sarriccia…Sarraggia…. Sarappa!

Sarappa

Sarappa? No, no, nunn'è possibile.

STENDA E DETTI

Concettina

Eh, vuie nun ‘a cunuscite a chella….chella, quanno ce se mette, è peggio ‘e Cojack! (mentre Stenda in maniche di camicia entra dalla sinistra)

Sarappa

(rivolto al pubblico) E io chello ‘a facesse!

Concettina

Che cosa?

Sarappa

‘A ciaccasse!

Concettina

Figuratevi c’ha saputo perfino ‘o nomme ‘e l'amante ‘e ‘sta signora. E’ n’ato avvocato, amico intimo d’’o marito. 'O vvulite sapè? Si chiama…. ..Stenda.

Sarappa

Stenda!

Concettina

Lo conoscete?

Sarappa

Di nome.

Concettina

(a Sarappa) Diciteme ‘a verità…Site cuntento? V’aggiu levato nu piso ‘a copp’’a stommmaco….

Sarappa

(rivolto al pubblico) Eh! Me l’ha levato ‘a ccà e me l’ha miso ccà  (Mostra le corna prima sullo stomaco e poi sulla testa)

Concettina

Comunque io mò tengo che ffà, aggiu lasciato ‘a puteca sola…Don Geppì, stateve bbuono! (via dalla comune)

Stenda

(dopo un breve silenzio) Mimì…..

Sarappa

Non parlare!

Stenda

Sto arrossendo!

Sarappa

Soltanto?

Stenda

No, no, sto anche impallidendo.

Sarappa

Schifoso, verme……Chiederò il divorzio! (mentre Geppino entra dalla destra e resta in ascolto) Perché un uomo tradito dalla moglie ha tutto il diritto di separarsi.

Geppino

(approvando) Bravo!

Stenda

E' che ti devo dire? A questo punto io non posso fare altro che riconoscere la mia colpa e accettare ogni conseguenza. Prendo la borsa e vado via! (via)

Sarappa

Geppì, nun ce sta niente 'a fa. Al tradito non resta altro che questo: L'onore, l'eroismo del suicidio.

Geppino

(tremando tutto) Mimì…. Ma tù stisse ascenno pazzo?

Sarappa

Geppì, ci sono momenti in cui è doveroso, è umano impazzire. Geppì, amico mio, non mi dire di no. Qua il suicidio ci vuole.

Geppino

Si, si, ma non prendiamo decisioni avventate.

Sarappa

Ma allora un uomo deve sopravvivere con la vergogna in faccia.

Geppino

Ma chiste pecchè se n'cazza?

Sarappa

Ti dirò tutto.

MARGHERITA E DETTI POI STENDA

Margherita

(entrando dalla sinistra) Sì fortunato, al manicomio stanno in sciopero!

Geppino

E osate ancora parlare così? Il vostro amante, l'avvocato Stenda, ha confessato tutto! (Esce a destra con Sarappa)

Margherita

Ha confessato?

Stenda

(entrando dalla sinistra con giacca) Signora……..

Margherita

Ma che avete fatto? Pecchè avete confessato una cosa che non esiste?

Stenda

Signora, ho dovuto.

Margherita

E' pecchè?

Stenda

Oh, bella! Perché la cosa esiste.

Margherita

Esiste?

Stenda

E' comme no?

Margherita

Uh mamma mia! E' allora mi volete spiegare comm'è ca io nun me ne so maie accorta?

Stenda

E' c'o purtavo scritto 'nfronte?

Margherita

Ma pecchè, voi site l'uomo invisibile? Siete nu spirito?

Stenda

No, sono un uomo discreto e non lo dicevo a nessuno.

Margherita

Ah, ma allora era una cosa che esisteva solo 'ncapo a vuie?

Stenda

No, no, signò, è inutile negare!

Margherita

Avvocà, guardate, noi siamo soli.

Stenda

Benissimo.

Margherita

Mio marito non ci sente!

Stenda

No, no.

Margherita

Perciò è inutile fingere.

Stenda

Se capisce.

Margherita

Levammoce 'a maschera.

Stenda

Levammancella.

Margherita

Che c'è stato fra me e voi?

Stenda

Niente, signora.

Margherita

(al pubblico) Allora chisto è scemo!

Stenda

Ci rivedremo signora, ci rivedremo! (via)

Margherita

No, accussì è asciuto scemo l'avvocato.

SARAPPA, GEPPINO E DETTI

Geppino

(venendo dalla destra con Sarappa) Ma che pazzie? He avuto chesta fortuna! Mimì, tu con le corne 'a causa 'a vince certamente!

Sarappa

Si pecchè io 'a manno mmiez'a via a mia moglie. Io la distruggo.

Margherita

Ma che c'entra vostra moglie?

Sarappa

Ah, nun sape niente? Signo, 'e lettere anonime non erano dirette a vostro marito. E' stato un errore. Erano per me, capite?L'avvocato Stenda ha confessato di essere l'amante di mia moglie.

Geppino

(battendogli la mano sulla spalla) Che fortuna grandissima.

Sarappa

Voi mi farete da testimoni!

Geppino

Certamente.

Sarappa

(con un nodo alla gola) E' io 'a vinco 'a causa, mannaggia 'a marina! Io 'a vicno certamente. (a Geppino) Io nun so fesso. Io me metto nu buono avvocato…..! (via dalla comune)

Geppino

Margherì…….mòm’aggia truvà pure io nu buono avvocato! Margherì, me staje sentenno, Margherì

Margherita

Chi è? Margherita è morta! Nun ce stà cchiù!

Geppino

Eppure, se ce penso, pé tant’anne tu ‘e visto sulo chello ca vulive vedè, senza tenè conto ‘e chello ca pensavo, chello ca dicevo, sulo dispiette e niente cchiù.

Margherita

E pecchè, tu ch’’e fatto? Io so stata sempe chela ch’alluccava, ca scassava ‘a robba pé niente, nun ‘e maje pensato si avesse avuto bisogno ‘e na parola doce, ‘e nu sguardo, na carezza affettuosa. Ma mò basta, è fernuto tutto cosa.

Geppino

Pe mme no! Io me songo accorto ca ‘e sentimente mieie nun so maje cagnate…. So stato pazzo, scemo, imbecille. Ma t’aggiu vuluto e te voglio ancora bene!

Margherita

Geppì, pure io!

Geppino

E allora luvammo ‘a mieze avvocate, cause, tutte cose…. Che dice?

Margherita

E ch’aggia dicefre? Dico Si! (si abbracciano)

CRISTINA E DETTI

Cristina

(Entrando dalla sinistra e notando geppino e Margherita abbracciati) Madonna!……. Se stanno accerenno!

Margherita

No, no, Cristì……..Avimme fatto pace!

Cristina

Comme? Avite fatto….avite fatto pace? (piangendo commossa) Che bella cosa, che bella cosa! Aspettate, mò chiammo 'a papà! (fa per andare)

Geppino

Nò Cristì, 'e chiamm'io. Tu pripare a sciampagna! (Via)

RUMORI INTERNI

ALFONSO E DETTI

Geppino

(esce gridando) Aiuto………aiuto……….

Alfonso

Ta avevo ditto ca 'abbuscave!

Margherita

Papà, ma c'avite fatto?

Alfonso

Margherì, vuleva trasì dint'a casa nostra.

Margherita

(andando verso Geppino) Viene ccà, famme vedè, te si fatto male?

Geppino

(affidandole la testa) Nò, me so fatto bbene!

Alfonso

Mò aggiu capito………..Allora avite fatte pace?

CONCETTINA E DETTI

Concettina

Permesso.. scusate, aggiu truvato ‘a porta aperta e perciò me sò ‘nfezzata…. Ve stiveve appiccecanno?

Geppino

Guè, ‘a capera!

Margherita

Geppì, diceva bbuono ‘a nonna mia, guardaporte, capere e cusuture sanno ‘e fatte ‘e tutto ‘o munno…!

Concettina

Scusate, signò, pe’ mme so fatte strane, pecchè io nun aggiu maie visto nu marito e na mugliera ca s’appiccicano accussì! Pareva ca ve stiveve accidendo! Io e ‘a bonanema d’’o marito mio nun parlavamo maie, ce guardavamo ‘nfaccia e ce capevamo…. Chillo ‘a bonanema era nu sant’omme! Pace all’anema soia!

Margherita

E allora nun iereve napulitane… Pecchè ‘o vero napulitano fa comm’’a nuie, s’appicceca, se vatte ma doppo se vò cchiù bene ‘e primma!

Geppino

‘O guaio fosse si chesto nun se facesse…

Concettina

Ma allora avite fatto pace?

In coro

Eh!!!!!

Concettina

(Verso la comune) Venite, venite, hanno fatto pace!!! (Entrano tutti i personaggi)

Margherita

Geppì, festeggiammo ‘sta bella jurnata!

Geppino

Si, si, jammo, luvammo ‘a miezo tutte cose e facimmo na bella quadriglia!

Alfonso

Ma allora mò se magna?

Geppino

Papà, è ampresso!

Coro

E’ ampresso!

A suon di musica si sgombera la sala e si prepara la quadriglia finale.

    Questo copione è stato visto
  • 1 volte nelle ultime 48 ore
  • 6 volte nell' ultima settimana
  • 38 volte nell' ultimo mese
  • 429 volte nell' arco di un'anno