Mettiteve a fà l’ammore cu me

Stampa questo copione

METTITEVE A FÀ L’AMMORE CU ME

METTITEVE A fà L’AMMORE CU ME!

Da Fatemi la corte, di Salvestri

Commedia in due atti

Personaggi

D. Gennaro

Giulietta, sua figlia

Emilia, nipote di D. Gennaro

Alberto

Felice

Saverio, servo

La scena è in Napoli, epoca presente.

ATTO PRIMO

Salotto elegante, in casa di D. Gennaro. Porte laterali e comune al mezzo. Le entrate e le uscite si calcolano dallo spettatore.

SCENA PRIMA

Emilia, Giulietta ed Alberto. Emilia suona gli ultimi accordi d’un pezzo; Alberto è appoggiato al pianoforte guardandola teneramente. Giulietta è seduta un po’ distante e ricama.

ALBERTO: Brava, brava! Veramente bene.

EMILIA: V’è piaciuto?

ALBERTO: Sì, molto.

GIULIETTA: Caspita! Me ricordo comme si fosse mò quanno sentette la primma vota la Norma cu papà a S. Carlo.., che saccio, quanno Norma e Adalcisa cantavano chillo duetto co chilli piccerille io me sentette fà li carne pecune pecune e me mettette a chiagnere accossì forte e accossì forte, che pe scuorno m’avette d’annasconnere da dinto a lo palco.

ALBERTO: Piaceri che le opere moderne fanno provare ben di rado!

EMILIA: Perché le musiche nuove non vi piacciono?

ALBERTO: Non troppo la verità. Le musiche antiche te fanno piangere, te fanno penzà a tante cose, e certe volte pare che addirittura dicessero parole d’amore...

EMILIA: E vuje li ssapite sti parole d’ammore?

ALBERTO:E chi è che non li sape. Anzi io son pronto a ripeterle, se...

EMILIA:Se...

ALBERTO:(Se stesseme sule).

EMILIA:Ah! a proposito! Sono due o tre giorni che non se vede D. Felice. (Giulietta si scuote.) Che n’è di lui?

ALBERTO:No, non l’ho visto neppur’io. Credo che stesse occupato per un concerto che darà domani sera.

GIULIETTA: E che concerto scusate?

ALBERTO: Un concerto vocale e strumentale, perché come sapete egli suona magnificamente l’ottavino... Ma dite la verità non è un buon giovine?

EMILIA (guardando di sottocchi Giulietta):Sì ma che vulite che ve dico, a me D. Felice non mi dà mai l’aspetto d’un uomo; me pare na figliola zitella, è accussì miticuluso!

ALBERTO:Eppure chillo mò pare così stupido, così inceppato. ma se vedeste quanno se nfoca chillo fa cose de pazze. Del resto posso garentirvi che veramente è un buon giovine ed è pure istruito.

GIULIETTA:Comme, chillo fa pure versi.

EMILIA:Vuje che dicite chillo è no vero turzo, quanno ce fu presentato, appena trasette se facette scappà lu cappiello da mano, ntruppeccaje vicino a na seggia, pe salutà a zi zio dicette «signorina buongiorno». (Ride:) Ah! Ah! Pò se mbrugliava a parlà: se facette russo russo comme a no puparuolo.

GIULIETTA:Mamma mia quante esagerazioni, quante bestialità!

ALBERTO:La verità è che tutti lo vogliono bene.

GIULIETTA:Ma che dubbio c’è, pure a papà è tanto simpatico.

EMILIA:(Povera Giulietta n’è proprio cotta).

ALBERTO (guardando l’orologio):Intanto è tardi e D. Gennaro non si vede; me dicette che oggi fossi venuto qui immancabilmente e che l’avessi aspettato.

EMILIA:Già, e disse che aveva da comunicarci a tutte e tre una cosa importantissima...

GIULIEITA:Neh! Che pò essere? Nce aggio penzato tutto stanotta!

SCENA SECONDA

D. Gennaro prima dentro e poi fuori dal fondo, e detti.

GENNARO (d.d.):Savè, Savè quanno vene lo Notaro chiammeme subito.

ALBERTO – EMILIA - GIULIETTA:Eccolo!

GENNARO (fuori):Guè Perzechè buongiorno. Emilia ti saluto, caro D. Alberto.

GIULIETTA: Ah! Finalmente!...

GENNARO:Me stiveve aspettanno eh? Ho avuto un po’ da fare.

GIULIETTA:Ma mò ve state co nuje?

EMILIA:Ora siete nostro?

GENNARO:Tutto vostro!

EMILIA:Allora, eccoci qua. Io... Giulietta e D. Alberto. (Con maestà.)

GIULIETTA (indicando di farlo parlare):Jammo papà.

EMILIA (c.s.): Jammo zi Gennà!

ALBERTO:Jammo D. Gennà!

GENNARO: Addò volimmo jre? (Con finta ingenuità.)

ALBERTO:(Ncoppa a lu campo!). Nonsignore nuje dicimme che vi sbrigate.

GENNARO (c.s.):Ma che cos’è.

GIULIETTA:Diavolo: aspettammo chello che nce avite da dì.

EMILIA:Aspettiamo la rivelazione...

GIULIETTA:Importantissima...

GENNARO: Uh! Davvero vì comme so curiose li femmene, embè allora prestate attenzione e statemi a sentire, dovete sapere che... Ma prima di tutto ditemi mi volete bene?

GIULIETTA:Se sape che ve vulimmo bene.

ALBERTO: Ma come si può fare a non volervi bene, vuje che site accossì buono, accossì affezzionato con tutti.

EMILIA: Non site stato vuje che m’avite pigliato dinto a la casa vosta quatt’anne fa da che murette papà, embè si non era pe vuje io jeva mmiezo a na strada, e comme non v’avria da volè bene cu sto bello core che tenite.

GENNARO: Ma che c’entra, era mio dovere prenderti in casa. Io era tuo zio, e po’ tu mi sei stata obbediente, mi sei stata grata e perciò stammo parapatto e pace.

ALBERTO: Ma nuje però non stammo parapatto e pace, perché i benefizij che voi mi avete prodigati io non l’ho contracambiati per niente, io ricordo benissimo che mio padre vi fu debitore...

GENNARO: Vostro padre mi salvò da una certa morte, e perciò quello che ho fatto per voi è stato niente in confronto di quello che avrei voluto fare per la buon’anima.

GIULIETTA: Papà mò chiacchiariate.

GENNARO: Giuliè D. Albè Emì sentiteme buono... Dovete conoscere che vent’anni fa!...

EMILIA: Nientemeno vint’anne fa!...

GIULIETTA: Allora adda essere na cosa longa assaje.

GENNARO: O longa, o corta, lasciatemi parlare!... Un giorno stavamo passeggiando per quel famoso e pericoloso...

SCENA TERZA

Saverio e detti.

SAVERIO: Signò lo Notaro ve sta aspettanno fora. (Via.)

GENNARO: Lo Notaro, allora io vado.

GIULIETTA: Facitelo aspettà no poco.

EMILIA: No, zi Gennà non ve ne jate.

ALBERTO: Cuntatece primma lu fatto.

GENNARO: Non può essere, io debbo disbrigare certi affari... E pò lo volite sapè?

TUTTI: Sì, sì, sì!

GENNARO: Mmiezo a chello che v’aggia dicere c’entra anche il Notaio.

GIULIETTA:Pur’isso.

EMILIA:E pecché lo Notaro?

ALBERTO: Che c’entra lo Notaro.

GENNARO: Meglio, adesso accresce la curiosità, aspettate no poco che mò vengo e ve dico tutto. (Via e poi esce.)

EMILIA: Io mò sto desiderosa de sapè de che se tratta.

ALBERTO: (Io po’ vorria sapè che c’entra papà mmiezo).

GIULIETTA: Ma che c’entra lo Notaro vorria sapè.

EMILIA: Quacche cosa bona adda essere pecché zi Gennaro sta tutto allegro.

GIULIETTA: Oh, chesto sì!

ALBERTO:Basta mentre aspettiamo a D. Gennaro, D. Emì fateci il favore di regalarci un altro pezzo.

EMILIA:Antico, o pure moderno?

ALBERTO:Antico moderno, quando lo suonate voi diventa una rarità.

EMILIA:Grazie volete troppo adularmi. Giuliè che vuò fà, canta tu na romanza.

GIULIETTA:E quà romanza?

EMILIA:Canta chella canzona intitolata lu Marenariello, quella che piace tanto a D. Felice!

GIULIETTA: (E sempe cu D. Felice miezo). No, Emì, non ne tengo voglia, e po’ tengo la gola riscaldata. Anze mò sa che faccio vaco dinto me voglio arricettà no poco la cammera mia, quanno vene papà me chiamme. (Vì quanta premura pe D. Felice, e pure chillo l’annozza ncanna.) (Via nella seconda stanza a destra dello spettatore.)

ALBERTO:Ched’è pare che s’ha pigliato collera?

EMILIA:Ve ne dispiace?

ALBERTO:No!

EMILIA:Chella ha ntiso nominà a D. Felice è perciò...

ALBERTO:Che forse Felice ci fà l’amore?

EMILIA:No ma...

ALBERTO:E comme chillo è accussì scornuso, e comme se potuto spiegà? Già po’ lu scuorno se tene fino a no certo punto, ma po’ quanno chella che se vò bene è nu piezzo de butirro, se manna a monte scuorno e paura e se parla chiaro.

EMILIA:E ditemi na cosa a voi v’è capitato mai stu piezzo de butirro?

ALBERTO:A me m’è capitata na cosa meglio, no piezzo de crema.

EMILIA:Allora avite mannato a monte lo scuorno?

ALBERTO:Sì, e l’aggio ditto: tu sì chella che io voglio bene, tu sì chella che m’haje fatto perdere la pace, lu riposo tutto, io te voglio bene e te lu provo cu chisto vaso. (Le bacia la mano.)

EMILIA (sorpresa):(Qua? La mia?). Oh! Basta, basta, D. Alberto non eccedete tanto, vedete bene che siamo soli, voi vi mettete nel punto di dire tutto a mio zio, ne avevo formato tutt’altra opinione di voi, basta. Per ora vi prego di uscire... E si, vasava la mano.

ALBERTO:Adesso me ne andrò. Scusate, e pure mi credeva che dopo sette mesi di guardate, di sospiri ve ne fusseve accorta che io voleva fa l’ammore cu vuje e vuleva spusarvi; ma giacché me parlate in questo modo io me ne vado e non ci porrò mai più il piede in questa casa... (p.p.).

EMILIA:Come come aspettate, vuje vuliveve fà l’ammore co me?

ALBERTO:E comme non ve ne siete maje accorta?

EMILIA: No!

ALBERTO:E chelli guardate che io ve faceva?

EMILIA:Non nce aggio fatto maje riflessione.

ALBERTO:E chilli sospiri?

EMILIA:Me credeva che soffriveve d’occupazione de core.

ALBERTO:E sì, soffreva d’occupazione de core!

EMILIA:Me potiveve scrivere na lettera però.

ALBERTO:Ho avuto sempre timore che v‘avisseve rifiutata, ma mò voglio sentì da vuje si veramente me volite bene.

EMILIA: Va buono va buono, pò ne parlammo.

ALBERTO: No, no, parlammone mò, parlammone mò! (L’abbraccia.)

EMILIA: (Mamma mia chisto ha fatto l’uocchie russe russe).

ALBERTO: Me dicitemmelle, dicitemmelle!

EMILIA: Embè parlate cu zi Gennaro, e se isso è contento, io so’ pronta a spusarve.

ALBERTO: Veramente tu me vuò bene?

EMILIA: Sì, te voglio bene assaje, assaje!

GENNARO (di d.):Va buono, va buono, se ne parla chiù tarde.

EMILIA: Zi Gennaro!

ALBERTO: Meglio, mò le dico tutto cose!

GENNARO (fuori):Oh! Eccome ccà, sto Notaro è bello e buono, ma è troppo muscio; Giulietta addò stà?

EMILIA: Sta dinto, Giulietta Giuliè!

SCENA QUARTA

Giulietta e detti.

GIULIETTA: Eccome ccà.

EMILIA: Io sto ccà.

ALBERTO: Nuje stammo ccà!

GENNARO: E io pure sto ccà! (Fecato fritto e baccalà.)

GIULIETTA: Iammo, jammo, dicite chello che c’avite da dì.

GENNARO: Giuliè ajere che fuje?

GIULIETTA: Ah! La nasceta mia. (Pausa.)

GENNARO: Embè chello che ve dico mò, ve lo voleva dicere ajere, ma siccome non avette tiempo de dirvelo, ve lo dico mò... Caro D. Alberto voi come sapete io so’ stato caro amico de papà vuosto; no juorno stevamo camminanno, e parlavamo de vuje che allora ireve piccerille. (Mostra Giulietta e Alberto.) E vulenno far sì, che la nostra amicizia non finisce mai, facetteme un solenne giuramento che quanno ve faciveve gruosse aviveve da essere marite e mugliere. (Mostrando Giulietta e Alberto c.s.)

TUTTI: Che?!

GENNARO (ride):Ah! ah! ah! Io me l’aspettavo sta sorpresa, dite la verità vi ho fatto piacere?... Ho indovinato i vostri pensieri?... Vide ccà che bella coppia parene fatto l’uno per l’altra... (Vede Emilia che sta dispiaciuta.) Vide a chest’auta ha fatto lu musso luongo... e pe na parte have ragione, chella dice pe tutte avite penzate, e pe me no. Ma non nce penzà, io per te pure ci ho pensato, pure ti ho preparato una sorpresa, dice ma ched’è!... non lo sò. Ma pure ci ho pensato, tu me dice ma ched’è... non lo sò! D. Albè vuje che cos’è non me ringraziate non me dicite niente...

ALBERTO:D. Gennà vuje pò me credite degno?

GENNARO: Degnissimo, vi pare, ma che facimmo cerimonie?

ALBERTO: Ma po’ D. Giulietta è contenta?

GENNARO: Sicuro che adda essere contenta, e po’ ched’è la faccia non ve lo dice?

ALBERTO: (Sicuro, chella pare che adda ire a morte!).

GENNARO: E po’ quanno nce lu dico io, essa fa tutto chello che voglio. E poi se pe na combinazione qualunque s’avesse da scumbinà stu matrimonio, io ne sentirei un gran dolore come l’avrebbe inteso la buon’anima se fosse vivo. (Li guarda.) Ma che cos’è vuje site rimaste di stucco... Mettiteve pe sotto a lo vraccio. (Esegue.) Come sono contento d’avere indovinato i vostri pensieri.

ALBERTO: (Chesta mò me fa no paliatone).

GENNARO: Mò si che so’ felice e che la buon’anima di lassù vi benedica come vi benedico io... Orsù state allegri; ah! che so proprio contento d’avè indovinato i vostri pensieri. (Via a piacere Giulietta fa uno sgarbo ad Alberto e via.)

ALBERTO (battendo una sedia a terra e dopo pausa dice): E mò comme s’arremedia sta cosa?

EMILIA: Comme s’arremedia! Se dice la verità!...

ALBERTO: No! Non è possibile, la riconoscenza, l’amicizia non mi permettono di fare obiezione, e po’ chillo quanno se mette na cosa ncapa nisciuno è capace de levarcela, oltre poi quello ha fatto tanto per me... po’ non posso dirgli di no! E po’ justo st’affare che ci hanno penzato venti anni. Ce hanno penzato 20 anni pe me fà stu guaio a me!

EMILIA (con finta indjfferenza): Allora sposate a Giulietta...

ALBERTO: E tu con questa franchezza me lo dici?

EMILIA: Ma giacché la riconoscenza e l’amicizia non vi permettono di fare obiezioni... sposete a Giulietta.

ALBERTO: No bell’ammore che me puorte.

EMILIA: Neh! Ma guardate sta bestia, io che pozzo fà?

ALBERTO: Ma io non posso far niente.

EMILIA: Come non puoi far niente! Puoi andare da zi Gennaro e gli dirai: D. Gennà voi avite fatto li cunte vuoste quanno eramo piecerille, ma mò simme gruosse ed abbiamo tutt’altra idea, io Giulietta non la voglio.

ALBERTO: Allora vuò che io me metto mmiezo a no mbrioglio, no è impossibile!

EMILIA: Embè allora senza che nce mbrugliammo nisciuno de li duje, non ne parlammo cchiù.

ALBERTO: Ma pecché non nce vaje tu da D. Gennaro.

EMILIA: Pecché a me non mi conviene!

ALBERTO: Io sa che saccio ca chi vò bene fa tutto.

EMILIA: Ah sì, fa tutto? Allora pecché non nce vaje tu?

ALBERTO: E pecché non nce vaje tu?

EMILIA: E pecché non nce vaje tu?

ALBERTO: E pecché non nce vaje tu?

EMILIA: Io non ci voglio andare...

ALBERTO: E io manco.

EMILIA:E schiatta!

ALBERTO:E crepa!

EMILIA:E muore de subbeto!... E sposete a Giulietta!

ALBERTO:Sì, me la sposo, al tuo marcio dispetto ed al mio stesso, già poi come se Giulietta non fosse una donna come te e come le altre, anzi più bella di te! Ma tu, uno che t’ama come t’ho amato io non lo troverai.., no! no! e no! (Via.)

EMILIA: Ma chillo overo che è n’animale... Isso forse avrà ragione, ma io manco aggio tuorto... Comme poteva ire vicino a zi Gennaro e faceva vedè, che na sora cugina scombina lu matrimmonio dell’auta sora pe se piglià essa lo nnammorato... Aspè... putarria spingere a Giulietta... ma che vaco penzanno, chella non è bona nemmeno a dicere na parola... Ma però vò bene a D. Felice.., e D. Felice pure vò bene a essa... Aspè se putarria fingere che io me mettesse a fa l’ammore cu D. Felice... Giulietta pe l’arraggio ce lu diciarria a zi zio... Alberto faciarria lo stesso... e per consequenza zi Gennaro faciarria tutti contenti... bravissima: sono una gran donna...

SCENA QUINTA

Saverio indi D. Felice, e detta.

SAVERIO (annunziando):Il signor Felice Sciosciammocca.

EMILIA: (Giunge a proposito... è lu Cielo che me lu manna...). Fallo passà...

SAVERIO: Favorite...

FELICE:Donna Emilia buongiorno...

EMILIA: Buongiorno D. Felice.

FELICE: Mi scuserete se sono venuto ad infastidirla...

EMILIA: Ma che, al contrario, voi ci fate sempre piacere...

FELICE: Mille ringraziamenti. (Si cessa cade sulla sedia. Va per dare il cappello, al servo, il detto via.)

EMILIA: D. Felice fatevi avanti.

FELICE: Grazie... (Prende la sedia per sedersi.)

EMILIA: E posate lu cappiello e lu bastone.

FELICE: Grazie. (Depone il cappello ed il bastone sulla conzola, portando con sé la sedia. Seggono.)

EMILIA: D. Felì come state?

FELICE: Io per grazia del Cielo sono stato un poco ammalato.

EMILIA: E dite per grazia del Cielo.

FELICE: Voglio dire, che per grazie del Cielo è stato una piccolissima cosa vedete che sono anche uscito. (Pausa.) D. Gennaro sta bene tutti bene...

EMILIA: Sì, solo Giulietta è stata un poco ammalata...

FELICE: E adesso sta bene?

EMILIA:Sì, solo ieri ebbe un po’ di febbre...

FELICE: Adesso sta perfettamente bene eh per caso?

EMILIA: Sì!

FELICE:Non c’è cchiù paura che le rinnova sta febbre!

EMILIA: No!

FELICE: L’ha vista il medico, l’ha detto che è guarita!

EMILIA:Sicuramente! Tenite assaje premura pe Giulietta?

FELICE: No, io così fo per tutti.

EMILIA:Ma per Giulietta no poco di più!

FELICE:No, e perché e perché!...

EMILIA: A proposito D. Felì, perché da tre giorni non ci siete venuto, nce avite fatto sta mpensiero!

FELICE: Sono stato tutto ammoinato, per un accademia che debbo dare domani sera, perciò dovete scusarmi che io per lo più tengo sempre accademie.

EMILIA: Tenite sempe famma?

FELICE:Che fame! Dico che dò sempre dell’accademie.

EMILIA: Sì, adesso che mi ricordo ce l’ha detto D. Alberto. (Lazzi.)

FELICE: Anzi mi scuserete se azzardisco, vi ho portato tre biglietti per avere l’onore anche di voi nella sala.

EMILIA:Oh, vedete la combinazione, basta, verremo solo io e zizio!

FELICE: Perché.., perché...

EMILIA: Domani Giulietta va a mangiare da una nostra parente; la nce vanno molte figliole, scherzano, pazzeano la buonafficiatella ed altre cose... capite so’ figliole...

FELICE: Allora quando D. Giulietta va a pazzià la buonafficiatella, allora venite voi soli.

EMILIA: Che ve ne dispiace?

FELICE: No, era per avere l’onore di tutti e tre nella sala...

EMILIA: D. Felì io quanto più vi rifletto più veggo che siete un simpatico giovine.

FELICE: Se, sta cosa me l’ha detto più d’uno. (Lazzi.)

EMILIA: Avete due occhi propio belli!...

FELICE: Grazie; lo so!

EMILIA: D. Felì di quello che vi dico adesso dovete farmi il piacere di dirmi la verità...

FELICE: Sicurissimamente!... Dite che volete sapè?

EMILIA: D. Felì fate l’amore?

FELICE: No!

EMILIA: Non può essere: io tengo l’abilità di leggere nfaccio alla gente e ve saccio a dì si fanno l’ammore o no!

FELICE: Veramente io non fo l’amore.

EMILIA: Non è vero voi fate l’amore.

FELICE: No, ve lo giuro pe quanto voglio bene a... pozzo essere privo... pozzo morì de...

EMILIA: Non giurate.

FELICE (ride vergognoso): Ah! ah! ah!

EMILIA: Lo vedete che voi ridete.

FELICE: E voi mi fate risarchiare... No veramente non mi sono ancora spiegato... vedete D. Giuliè... e, e mò diceva D. Giuliè... vedete D. Emì è una cosa interna, è una cosa, che lo so solo io!

EMILIA: Ma ancora vi dovete spiegare?

FELICE: No!

EMILIA: Ma essa lo sa?

FELICE: No!... cioè non so se lo sa, ma può essere che lo sa... chi lo sa se lo sa... già io credo che non lo sa!...

EMILIA: Io vi consiglio di spiegarvi perché la passione è una brutta cosa, e quando uno ama un oggetto e poi ce lo tolgono... uno se ne pò pure morì!...

FELICE: Sì, avete ragione io so’ addeventato no scemo non mangio più... io primmo io addò, io addò... figuratevi che se prima no rotolo de maccheroni me li buttavo pe la faccia, mò no chilo non me bastano! Io non ragiono più... mi sono fatto tanto delegato che nulla più.

EMILIA: A proposito D. Felì non sapete che adesso avremo una gran festa da ballo ci vogliamo divertire.

FELICE: Sicuro!

EMILIA: Quella sera vogliamo fare coppia fissa tutti e due.

FELICE: Oh! Che piacere. (Salta per cadere.)

EMILIA: Per le nozze zi zio vi ha invitato?

FELICE: No ma che sposate voi?

EMILIA No, sposa mia sorella Giulietta.

FELICE: Occ.! D. Emì non scherzate, voi forse ve siete accorta di qualche cosa e perciò scherzate. D. Emì ditemi la verità si no mò me veneno sette o otto convulsioni!

EMILIA: Sì, vi ho detto la verità... Perché voi forse l’amate?

FELICE: Se l’amo? Io vado pazzo anzi strapazzo pe D. Giulietta, e non m’aggio mai spiegato pe causa de sta soggezione, io faceva tanti castelli in aria, aveva proposto de dargli na lettera e ched’è tutto nzieme sento che si marita... Oh! Sentite D. Emì se veramente Giulietta sposa me sparo na pugnalata nell’orecchio.

EMILIA: Eh, che dite...

FELICE: Voglio dire una pistolettata nell’orecchio e moro, io lo diceva, mò vide, che pe causa de sta suggezione va trova quà juorno de chisto me levano la porpetta da dinto a lo piatto. (Piange.) Me stracciarrio tutte li panne da cuollo!

EMILIA: D. Felì non ve pigliate collera.

FELICE:Seh, non me piglio collera, ma tutto pe me, bene me sta, nuje quanta journe simmo rimaste sule, essa me diceva quacche parola ed io la rispondeva, così, freddamente... quante volte vedennola accossì bona me ne jevo de capo e non l’ho detto mai niente pe causa de sta suggezzione!

EMILIA: Non ve pigliate collera, qua c’è il rimedio... D. Felì pe certi fini dei miei che po’ ve conto, stu matrimonio non va a genio manco a me, quindi adda ire a monte.

FELICE:A monte!

EMILIA: Vuje si facite tutto chello che ve dico io sposerete a Giulietta; che ne dite, siete disposto a fare tutto quello che vi dico io?

FELICE: Sicuro! Che s’adda fà s’adda accidere a lo sposo?

EMILIA: E siete disposto a farlo?

FELICE: Forse non avrei il coraggio, basta dite!

EMILIA: D. Felì prima di tutto vediamo se vene qualche d’uno. (Guarda intorno in fondo.) Guardatemi bene negli occhi... Voi siete uomo?

FELICE:Embè si no faceva tante chiacchiere!

EMILIA:No, dico siete uomo di fare tutto quello che vi dico io.

FELICE:Tutto.

EMILIA:E lo giurate.

FELICE: Lo giuro! (Lazzi.)

EMILIA: D. Felì vuje ve volite sposà a Giulietta?

FELICE:Sicuro!

EMILIA:Embè allora, mettiteve a fà l’ammore co mme!

FELICE: Scusate non ho capito bene che debbo fare?

EMILIA: Ve vulite spusà a Giulietta, mettiteve a fà l’ammore co me!...

FELICE:E come pe me spusà a Giulietta aggio da fà l’ammore co vuje?

EMILIA:Già, se sape, avite da sapè che io facenno chesto, lloro pe lu currivo che voi fate co mme, capite!

FELICE:Aspettate, scusate, che faccio cu vuje?

EMILIA:L’ammore, che dovete fare.

FELICE: Ah! Va bene!

EMILIA: Pe lu currivo sapite che limone se magnano. Vanno da zi Gennaro, po’ zi Gennaro sapenno tutto chesto fa felice a me, felice a vuje, e tutti felici.., avete capito?

FELICE (pausa):Nemmeno na parola!

EMILIA:Basta voi non dovete sapere altro, che se ve volite spusà a Giulietta avite da fà l’ammore co mme!

FELICE: Va buono ma quanno avimmo d’accomincià?

EMILIA: Da oggi stesso. Anzi mò proprio.

FELICE:E comme?

EMILIA:Facciamo una prova, facimmo come mò trasisseve dalla porta e facisseve l’ammore comme!

FELICE: Ma io me metto scuorno!

EMILIA: Ma che scuorno, alè coraggio.

FELICE:Aggio da fà comme si trasesse da la porta?

EMILIA: Sissignore.

FELICE: Mò me ne vaco abbascio a lo palazzo e po’ salgo.

EMILIA: E pecché ve ne volite ire abbascio a lu palazzo?

FELICE: Pare che così me passo pure pe mmiezo a li grade, comme aggio da fà!

EMILIA:Nonsignore, trasite da la porta.

FELICE (dopo lazzi):Entrassi col cappello o pure entrassi scaroso?

EMILIA: Come volete voi, col cappello scaroso!

EMILIA: Allora io mò entro col cappello. (Esegue entra.)

EMILIA: Che state facenno, vuje comme camminate curiuso, dovete camminare sciolto sciolto... vuje me parite no pastoriello... ecco ccà mò ve lu faccio a vedè io... voi dovete entrare tutto scich!

FELICE: E chi me li fa, voi?

EMILIA: Che cosa?

FELICE: Avite ditto che aggio da trasì tutto scippe! (Soggetto prova.)

EMILIA: Nonsignore, io dico, nobilmente... con Sanfason.

FELICE: Aggio da trasì pure co D. Alfonso?

EMILIA: Ma no io dico Sanfason vuoi dire sciolto, voi sapete il Francese? Come per dire: Je me son...

FELICE: Sicuro io parlo bene Francese. (Lazzi a piacere.)

EMILIA: Ecco dovete comminare così (esegue) nobilmente!

FELICE: Ecco qua. (Cammina e scivola.) Mò nobilmente steva jenno nterra! E che debbo dire?

EMILIA: Due parole d’amore.

FELICE: Signorina buon giorno.

EMILIA (contraffacendolo):Buonanotte. Come state?

FELICE: Bene, grazie e voi?

EMILIA: Mammà a sorella stanno bene, la cagnolina sta bene?

FELICE (pausa):Stanno bene, addio. (P.p.)

EMILIA: Aspettate, vuje che turzo site!

FELICE:E la cagnolina chi la tene?

EMILIA:Io aggio pazziato pecché vuje ve ne site venuto cu signorina buongiorno, coraggio riscaldatevi, fuoco...

FELICE (esegue lazzi):Mò nce sta lu fuoco da dinto!

EMILIA: Andiamo parlate.

FELICE: Allora, cara Emilia.

EMILIA: Non me piace, tenite anema cacciatela tutta da fuori!

FELICE: (Mall’arma de mammeta vì comme sta nfocata!). Signorina.

EMILIA: Non me piace!

FELICE: E v’adda piacè, io sto parlando da tre ore! Emilia!

EMILIA:Così va bene.

FELICE: (Meno male!). Emilia io mi sento!...

EMILIA: Che cosa?

FELICE:Niente!

EMILIA: Voi che dite niente, v’avite da sentì na cosa.

FELICE:Emilia io mi sento.

EMILIA:Che cosa?

FELICE: No poco de dolore mpietto.

EMILIA: E mettiteve na carta senapata. Nonsignore.

FELICE: Me sento no dolore de pancia!

EMILIA: Nonsignore. (Lazzi.) Vuje che animale site, jate vicino a la nnammorata e dicite tengo dolore de pancia e de pietto! Vuje che turzo site, e spingetevi.

FELICE: Ma che nce volite fa quanno a me non me vene!

EMILIA: E ve l’avito da fa venì, questo si tratta per la vostra felicità... Guardate io so’ femmena e sto al caso d’insegnarvi guardate... Emilia io per te mi sento inebbriato riscaldato d’amore, e tante e tante altre parole che vengono mano mano. (Si oscura un po’ la scena.)

FELICE: Adesso ho capito, Emilia io per te tengo lo riscaldamento!

EMILIA: Che dite?

FELICE: Emilia io per te sto tutto scaurato... (mò so’ patanemo!)

EMILIA: Che cancaro avite ditto, riscaldato d’amore vuje ve ne venite cu lu riscaldamento!

FELICE: Già, Emilia io mi sento tutto riscaldato d’amore, tu sei l’innammorata mia, io sono l’innammorato vostro.

SCENA SESTA

Saverio con lume, si accosta al tavolo lo pone sopra e resta.

EMILIA (vedendo Saverio): Baciatemi la mano e subito forte forte. (Felice le bacia la mano.)

EMILIA: Oh! Basta, basta signore, non vi prendete tanta confidenza che ve ne faccio pentire... sto scostumato st’ineducato, uscite dalla mia casa e non vi azzardate più di venire che lo dico a zi zio! Domani, domani lo servitore va dicenno la signorina Emilia, s’ha fatto vasà la mano da D. Felice, e che figura ci farei? Voi siete no scrianzato, no scostumato, un ineducato... no porco. (Via.)

SAVERIO (ridendo fa segni a D. Felice che ha fatto male).

FELICE (pausa):Chella primma se l’ha fatto fare e poi... (Via.)

(Cala la tela.)

Fine dell’atto primo

ATTO SECONDO

La stessa camera del primo atto.

SCENA PRIMA

D. Gennaro e D. Alberto dalla prima stanza a sinistra.

GENNARO: D. Albè, voi mi permettete, debbo andare dal notaio per cedere certe casarelle, e cert’altre cose, ma che cos’è D. Albè vuje state de malumore.

ALBERTO: Si, so’ duje o tre giorni che non mi sento troppo bene, tengo no poco de dolore de capo.

GENNARO: Vuje che gghiate penzanno, penzate a stà allegro. Domenica si faranno le nozze. D. Albè sapite che aggio fatto fà, aggio fatto sfrattà la camera de lo lietto, chella è larga la se pò abballà! Me voglio sfrenà pur’io... e po’ sapete un’altra novità.

ALBERTO: Che cosa?

GENNARO: Primma de tutto m’avite da fà lo piacere de non dì niente, pecché per’ora non lo voglio fà sapè se primmo non m’assicuro de lo fatto. Adesso avremo un altro matrimonio.

ALBERTO: Un altro matrimonio? E quale?

GENNARO: Quello di D. Felice con Emilia.

ALBERTO (gridando):Come, come, vostra nipote Emilia se sposa a D. Felice?

GENNARO: Embè io v’ho pregato che non lo voglio fà sapè! E poi è stata una mia immaginazione.

ALBERTO: Ma D. Felice ve n’ha parlato?

GENNARO: No, e io ve lo sto dicenno, sono mie immaginazioni, ma se me ne accorgo meglio, me lo chiamo e voglio sape le sue intenzioni.. Permettete, io mò vengo (p.p.).

ALBERTO: Volete essere accompagnato?

GENNARO: No, non c’è bisogno. (Via a piacere.)

ALBERTO: Io non saccio si sto ncielo o nterra... E Feliciello è stato capace de me levà la nnammorata a me. Ah! Che se è vero me la pagherà!

SCENA SECONDA

Emilia dalla sinistra, e detto.

EMILIA: D. Albè, scusate, zi zio dove sta?

ALBERTO:è uscito mò proprio.

EMILIA:Possibile è uscito?

ALBERTO: Possibilissimo!

EMILIA: E non l’avete accompagnato?

ALBERTO:No, non ha voluto essere accompagnato, ma se volete che me ne vado perché adesso viene D. Felice!

EMILIA:No, potete rimanere perché adesso D. Felice non c’è.

ALBERTO: E quando viene D. Felice...

EMILIA:Allora m’avita fà lu piacere de ve ne ire...

ALBERTO: E va bene vi servirò... E pure D. Felice me la pagherà.

EMILIA: Vuje a D. Felice non lo farete niente perché sentenno na cosa de chesto zi zio che lo stima tanto, ve faciarria stà a dovere!

ALBERTO: Ma comme io aggio da vedè che no turzo, ca na pastenaca comme a chillo m’adda levà la nnammorata a me!

EMILIA:Ma che volete mi è tanto simpatico.

ALBERTO:Ah! V’è simpatico!...

EMILIA:E poi io e D. Felice ci siamo tanto infocati.

ALBERTO: Ve site pure nfucate... va benissimo.

SCENA TERZA

Felice, e detti.

FELICE (di d.):è permesso?

EMILIA:Ah! è lui... mò m’avite da fa lu piacere de ve ne ire.

ALBERTO:E io mò me ne vaco!...

FELICE (fuori):Signorina buongiorno.

EMILIA: Caro D. Felice...

FELICE:Sono venuto a fare no poco l’amore con voi!

ALBERTO:S’è venuto a fa na partita a lo bigliardo!...

FELICE (vede Alberto):Guè addio Albè!

ALBERTO: Caro Felice. (Con ira gli stringe la mano.)

FELICE (lazzi): Mall’arma de mammeta tu me fai male.

ALBERTO: Felì, ci vedremo. (Con ira:) Ci vedremo!... (Via.)

FELICE (sotto l’uscio):Sì ci vedremo, ci vedremo... (A Emilia.) Ma ched’è chillo m’ha rovinato na mano.

EMILIA: Non ci badate, quello così saluta.

FELICE: E saluta brutto m’ha stroppiato la mano.

EMILIA: Basta badiamo a noi, D. Felì voi vi dovete spingere di più, se non fosse pe me che vi aiuto a parlà vuje starrisseve comme a na mazza, ajere ssera dinto a lu palco non ve movive non me diciveve na parola, e pure si non era pe me che ve faceva tante cerimonie e ve parlava, vuje stiveve comme a na mummia... E poi a me non mi conviene io sono donna.

FELICE: Scusate io me scurdaje che faceva l’ammore cu vuje!

EMILIA: E non ve l’avite da scordà!

FELICE: Ma che ci volete fare io co vuje non ce tengo premura...

EMILIA: Io questo lo so, ma che ve credite che a me non me ne dispiace, perché veggo quella svogliatezza, quella poco curanza, che vi debbo dire per’ora rimediatevi con me e poi...

FELICE: No, io con voi pure me trovo!... Ma io non capisco pecché aggio da fà l’amore cu vuje... ma ched’è forse pe la fa repusà a chella?

EMILIA: Ma che riposà dovete sapere che...

SCENA QUARTA

Giulietta in osservazione, e detti.

EMILIA (vedendo Giulietta dice a Felice):D.Felì D. Giulietta.

FELICE (per voltarsi):Addò sta?

EMILIA: Sotto a la porta non ve voltate!

FELICE: Mò passo n’auto guaio!

EMILIA: Dite due parole d’amore.

FELICE: Quanno mò!

EMILIA: E quanno doppo dimane?

FELICE: E che debbo dire?

EMILIA: Da voi dipende la mia felicità!

FELICE (sottovoce):Da voi dipende la mia felicità!

EMILIA: Cchiù forte!

FELICE (molto forte):Da voi dipende la mia felicità!

EMILIA: Più zitto!

FELICE (basso di voce):Da voi dipende la mia felicità!

EMILIA: Ova cotte de papera! (A Felice:) Iettate no sospiro.

FELICE (esegue):Ah! (Tutto come sopra.)

EMILIA (la terza volta):Me pare no puorco!

FELICE: Donna Emì Giulietta che sta facenno?

EMILIA: Chi Giulietta? Sta guardanno e sta sentenno!

FELICE: E sto frisco!!

GIULIETTA: Ah! Che non ne pozzo proprio cchiù! Signori miei vi saluto. (Avanzandosi.)

FELICE: Oh! Signorina. (Per darle la mano, Emilia lo trattiene.) è stato buono che è venuta, ce lo volimmo fa sapè.

EMILIA (rimediando):Già, sicuro che deve saperlo, Giuliè D. Felice vularrie che ghisse da zi Gennaro, e le isso a dicere ca D. Felice me vularria spusà... Capisci vularria che tu le facisse pietto nnanze...

FELICE (pausa):Già vularrie che vuje mettisseve tu pietto nnanze!

GIULIETTA: E avite scegliuta justo a me pe fà sto servizio? Caro D. Felice avite sbagliato... jatece vuje da papà, dicitele tutto cose, e vedite che ve risponne...

EMILIA:E si, ce va D. Felice e tu schiatte!

GIUL1ETTA:E crepa!

EMILIA:Me parene mill’anne che me sposo a Feliciello mio.

GIULIETTA (ride):Ah! ah! ah! Emì sì stata, sì stata ma po’ te l’haje scelto no bello partito.

EMILIA: Pecché nce vuò dicere quacche cosa, che forse è brutto, D. Felì avutateve faciteve a vedè da derete quando site bellillo. (Felice esegue.) Teh guarda lla non te pare uno che sta ncoppa li cascettelle de cerino!

FELICE: Siente a chest’auta, vì che bello paragone che porta.

EMILIA:E po’ è simpatico a me e basta.

GIULIETTA:Ma cara Emilia l’ommo non ha da tenè sulo la simpatia pe se nzurà, ma adda tenè pure li mezzi, e a me me pare che D. Felice sta bastantamente disperatiello.

EMILIA: Uh! D. Felì state disperate vuje?

FELICE:Eh, così così! Ma essa non dovrebbe dirlo.

EMILIA: E poi guè alla fine dei conti lo do a mangià io, non è vero D. Felice?

FELICE: Sicuro io la mattina mangio co la signorina!

GIULIETTA:Allora vuje facite la mugliera, e essa fa lo marito.

FELICE:Questi non sono affari che vi riguardono! Pecché quando due si vogliono bene.

EMILIA: Ma già D. Felice voi non sapete perché parla così, pecché nce teneva essa lu pensiero cu vuje.

GIULIETTA (gridando):Vattè, vattè! E sì, era troppo bello lo mobile!

FELICE: Oh! Sentite voi così fate male perché inasprite il cuore e se uno all’ultimo...

EMILIA (riparando):E se uno all’ultimo ti deve invitare per le nozze non t’invita più.

FELICE:No, e essa poi...

EMILIA (c.s.):E essa poi che sape nuje quanto nce volimmo bene doveva acconsentire e doveva parlare co zi Gennaro.

FELICE:No, io diceva che all’ultimo...

EMILIA (c.s.):Già se uno all’ultimo ti deve invitare per le nozze, mo pe st’azione che nce haje fatto, non la nvitammo cchiù.

FELICE:E lo progetto che avimmo fatto.

EMILIA (c.s.):Già io chesto le sto dicenno, nuje aveveme fatto lo progetto de te nvità, ma mò pe st’azione che nce aje fatto non te nvitammo cchiù!...

FELICE: E poi all’ultimo...

EMILIA (c.s.):E poi all’ultimo te n’avisse da venì che vuò essere nvitato, nò, non nce haje da penzà cchiù.

FELICE: Eh, eh! E mò me la fa dicere na mezza parola!

EMILIA:D. Felì vuje mò non potite immaginà quella che invidia che tene. Voi la vedete a quella?... Fino a mò ha covata!

FELICE: Ah, ne cova pure? Ma che è voccola!

GIULIETTA: No, tu cuve! (A Emilia.)

EMILIA: No, cuve tu!

GIULIETTA: No, tu!

FELICE: Qua se pò sapè chi cova de tutte li doje?

EMILIA Vedete non ha potuto cchiù, e nnanze a voi se scommigliata!...

FELICE (pausa):No, io non me ne so’ accorto!

EMILIA: Se n’è venuta; D. Felice sta disperato, quello può mantenere dieci mogli, non è vero D. Felice?

FELICE: No poco esagerato. (Azione di Emilia.) Dieci no, ma no sette sì!... mò haje perduto che all’ultimo te deveme...

EMILIA: Li confiette. (Si mette sotto al braccio di Felice.)

FELICE: Embè, avite perduto li confiette.

EMILIA: E pure li dolce. (Andando.)

FELICE: E pure i dolci.

EMILIA: E pure i bombò.

FELICE: E pure li palle de Solomone. (Via con Emilia.)

GIULIETTA: Ah! Che io mò moro pe l’arraggio, e comme D. Feliciello che faceva tanto lo spantecato co mme, tutto nzieme se mette a fa l’ammore cu Emilia... Ah! Ma sta cosa però non ha da finì accossì!

SCENA QUINTA

Alberto, e detta indi D. Gennaro.

ALBERTO: (La vì ccà sta poverella, chesta mò se crede che io la voglio bene, ma a me non me passa manco per la capa). D. Giuliè, papà s’è ritirato?

GIULIETTA: (Stu povero infelice me fa pietà, se crede che io lo voglio bene, che me lu voglio spusà, ma io invece non lo pozzo vedè!). No, papà ancora s’adda ritirà...

ALBERTO: Eh, chi l’aveva da dicere, che senza saperlo avevamo da diventà marito e mugliera.

GIULIETTA: Avite da dicere che nisciuno de nuje duje nce simmo spiegate... ma...

ALBERTO: Ma che cos’è? Forse non mi volete bene?

GIULIETTA: Ma...

ALBERTO: Me dicitemmello faciteme cuntento.

GIULIETTA: Embè io ve dico la verità, vuje non site giovine di essere ingannato. Papà vò stu matrimmonio e io me ve sposo per non farlo piglià collera... Ma però... che saccio...

ALBERTO: Che cosa parlate. (Ansioso.)

GIULIETTA: Io... non ve voglio bene.

ALBERTO (allegro):Che sento, ah, femmena d’oro, femmena de zucchero, vuje cu cheste parole m’avite conzolato.

GIULIETTA: Comme?

ALBERTO: Già, sappiate che se vuje non me volite bene, io nemmeno ve ne voglio.

GIULIETTA: Vuje che me dicite?... Oh! che piacere. (Pausa quasi piangendo.) Ah! Si sapisseve, nu nfame, nu briccone, ah! Ca si non sfogo me vene na cosa! (Poggia la testa su di Alberto.)

ALBERTO (abbracciandola) Sfogate, sfogate co mme! Ma che v’è succiesso?

GIULIETTA: D. Feliciello l’amico vuosto da che è venuto dinto a sta casa ha fatto sempe tant’ammoina pe me, m’è venuto sempe appriesso comme a no cacciottiello, non m’ha ditto maje niente è lu vero, ma co chello che faceva isso l’avria capito chiunque, e dall’oggi, e dalle dimane me nce a fatto trasì co lo pensiero, e quanno nce so’ trasuta, tutto nzieme che cos’è mette a fà l’ammore con Emilia.

ALBERTO:Tu vide chillo turzo che ha saputo fa!

GIULIETTA:E si io non sfogo ne piglio na malatia.

ALBERTO:Non ve ne incaricate vedremo di accomodare tutto.

GIULIETTA: D. Albè dicitincello vuje a papà che io non voglio a vuje, ma me voglio spusà a Feliciello.

ALBERTO (abbracciandola):Va bene cercherò di farvi felice.

GENNARO:Oh! bravi, bravi, così vi voglio.

ALBERTO: (Stu papà è indisponente!).

GENNARO: D. Albè, mò avria aprì l’uocchie papà vuoste.

ALBERTO: (E meglio che li tene chiuse l’uocchie papà!).

GENNARO: Non potete credere quanto sto allegro.

ALBERTO: E io pure... (Io mò moro!)

GENNARO: D. Albè che ve credite che quanno spusate ve la portate a chesta?

ALBERTO: E che l’aggio da rimmanè ccà!

GENNARO: Nonsignore, ve rimanite ccà tutte li duje. E chi se putria sta senza sta sciasciuncella mia... Tanto più che mò se fa n’auto matrimmonio.

GIULIETTA: N’auto matrimonio? E quale?

GENNARO: Sì, ma non se pò dì, è overo D. Albè che non se pò dì?

ALBERTO (ironicamente):Già non se pò dì!

SCENA SESTA

Saverio, e detti.

SAVERIO:Signò ve dice il signor Felice Sciosciammocca che quanno state comodo v’adda parlà.

GENNARO: Dincello che lo sto aspettanno dinto a la camera mia. (Saverio via. Ad Alberto:) Mò me verrà a parlà pe chillo affare...

ALBERTO (c.s.):Già accossì credo pur’io.

GENNARO (a Giulietta):E tu che te credive che spusave tu sola? No, saranno due li matrimonie, e si troppo mme facite venì lu golio me nzoro pur’io. (Via.)

GIULIETTA: Eh, mo nce truvammo mò!

ALBERTO:Ah! Che io m’accedarria pe lo currivo.

GIULIETTA: Ma vuje pecché ve pigliate tanta collera vurria sapè?

ALBERTO: Pecché, mò ve Lu dico io.

SCENA SETTIMA

Felice per andare nella camera di D. Gennaro, e detti.

GIULIETTA e ALBERTO: Lo vi lloco acchiappammolo. (L’afferrano.)

FELICE: Che cos’è scustateve, vi volete rubare la catena cu l’orologio?

ALBERTO: E tu non la tiene...

FELICE: Già è vero me n’era dimenticato.

GIULIETTA (c.s.):Addo vaje, nfame?

ALBERTO: Addo vaje, briccone?

FELICE: Dentro da D. Gennaro.

ALBERTO: E che ce vaje a fà (burlandolo) dentro da D. Gennaro?

FELICE:A cercarlo la mano de D. Emilia.

ALBERTO (ironicamente): La mano de D. Emilia?

GIULIETTA (c.s.):La mano de D. Emilia?

FELICE: E che male c’è? Sposate voi, non possiamo sposare noi... E vero voi vi maritate?

ALBERTO: Sì, D. Giulietta se sposa a me...

FELICE: Ah! Te la spuse tu a D. Giulietta? Vuje ve spusate a D. Alberto?

GIULIETTA: Sì.

FELICE: Vado dentro da D. Gennaro. (Per andare lo trattengono.)

ALBERTO: Aspetta.

GIULIETTA: Nfame che sì; quanno te volive spusà a Emilia, pecché me venive appriesso? Pecché me guardave sempe?

ALBERTO: Dì la verità, la vuò bene a D. Giulietta?

FELICE: (Si mò dico che sì chesta me vatte!). No!...

ALBERTO: Come no!

GIULIETTA: Ah! nfame no.

ALBERTO:Eh ditto no.

FELICE: Io aggio ditto no!

ALBERTO: E lu saccio che ditto no!

FELICE: E che avevo da dicere? Mò perdo la capa.

ALBERTO: Traditore e comme haje potuto tenè lu curaggio de lassà a chella bella figliola, tu guarda llà: te la bevarrisse dinto a no bicchiere d’acqua.

FELICE: Io lu saccio.

ALBERTO:Lu saje e la lasce.

GIULIETTA: Traditore nfame che ssì.

ALBERTO:Guè, sa che te dico, non guardà cchiù nfaccia a Emilia si nò te sciacco, pecché Emilia fa l’ammore cu me e me l’aggio da spusà io!

FELICE: Comme tu l’haje da spusà pure a D. Emilia?

ALBERTO: Sicuro!

FELICE: Siamo arrivato al comunismo!

GIULIETTA (battendolo sulla spalla):Eh, Capito?

ALBERTO (c.s.):Eh! Capito?

GIULIETTA (c.s.):Eh! Capito?

FELICE (alterato):Eh, eh, eh, mall’arma de li mamme voste, che m’avite pigliato pe na palla pilotta? Ve ne state abusanno tutti in questa casa pecché ve ne site accorto che so’ nu poco stupido... Io dico che nun la voglio bene e tu n’haje dispiacere! Vene a dicere che se ti dico che io a D. Giulietta la voglio bene, tu n’haje piacere?

ALBERTO: Sì!

FELICE: Che m’è simpatica e che me la voglio spusà, tu n’haje piacere?

ALBERTO:Sì!

FELICE: E quanno tiene quest’intenzioni caro mio va te miette nnanze a lu cafè d’Europa famme stu piacere.

ALBERTO: Ma tu veramente la vuoi bene a D. Giulietta?

FELICE: Sicuro che la voglio bene, appunto stanotte me l’ho sognata. (Lazzi.)

GIULIETTA: Nun è overo; vuje ve volite spusà Emilia.

ALBERTO (pigliandolo per il naso):Aproposito pecché, tu pecché fai l’amore cu D. Emilia. (Lazzi.)

FELICE:Io fò! Fò! Fò!

ALBERTO:Fò, fò, fò! (Contraffacendolo.) Non te mbroglià...

FELICE: Io fò l’amore con D. Emilia pecché... pecché... non lu saccio manch’io.

ALBERTO: Nun è chesto e nun è chello, è che tu ne vuò tenè doje nfrische!

FELICE: Io non ne voglio tenè manco meza.

GIULIETTA:Allora pecché faje l’amore cu Emilia?

FELICE (pausa):Mò ve dico tutto cose a chello che ne vene vene... Dovete sapere che... vediamo se viene qualcheduno. (Esegue lazzi.) Dovete sapere che D. Emilia me dicette che se io me voleva spusà a Giulietta doveva fare con lei... che so doveva fare una cosa con lei che non ho capito, che so poi dopo vuje v’arraggiaveve e ghiveve a dicere tutto a D. Gennaro, così D. Gennaro faceva felice Feliciello, il certo è che io sono l’infelice che non ha capito niente.

GIULIETTA: Comme, io non aggio capito buono.

ALBERTO:Ma comme nce vò tanto a capì.

GIULIETTA: Pecché vuje avite capito?

ALBERTO: Sicuro, chella s’è posto a fà l’amore cu Felice almeno nuje vedenno chesto nce arraggiaveme.

FELICE: E pecché v’avìveve d’arraggià?

ALBERTO: Statte zitto. (A Giulietta:) E già nuje nc’arraggiaveme, jeveme da D. Gennaro e ce diceveme tutto cose, così D. Gennaro faceva tutti felici... Avete capito?

GIULIETTA: Io ho capito tutto io.

FELICE: Io niente, io!

ALBERTO: E tu sì na bestia... Ah! femmena d’oro, ah! Femmena de zucchero. (Abbraccia e bacia Felice.)

FELICE: Guè, ca io so’ io!

ALBERTO: Basta mò si vene D. Emilia e te dimanda.. «D. Felice che fate qua?»... Tu rispunne «Aspetto qui D. Gennaro per parlarci»... Essa naturalmente te dirà su che argomento?

FELICE: Per il matrimonio mio cu D. Giulietta.

ALBERTO: No, senza toccare il tasto; gli dirai per parlarci così astratto.

FELICE:Per parlarci così astratto, senza toccare il tasto.

ALBERTO: Già, senza toccare il tasto... mi ci debbo abboccare. (Lazzi.) Poi quando viene D. Gennaro tu dirai «D. Gennà nun la voglio vostra nipote Emilia per moglie»... Haje capito? E va jammoncenno. (A Giulietta p.a.)

FELICE: Aspettate me voglio affrancà meglio... miettete ccà.

ALBERTO: Allora fa come se fossi io D. Emilia.., andiamo, che fai?

FELICE:Io fò, io fò, io fò!

ALBERTO (come Felice): Io fò, io fò, io fò, e che fai?

FELICE: Seh che fò, eh, che fò!

ALBERTO: E che faje mò te strafoco...

FELICE: Statte sodo... Ah! Aspetto qui D. Gennaro per parlarci.

ALBERTO: Su che argomento?

FELICE: Su che argomento?

ALBERTO: E essa che te lu dice... e tu che rispunne?

FELICE: Ah! Se! Per parlarci così astratto... senza toccare il tasto.

ALBERTO: E già senza toccare il tasto... Poi quando viene D. Gennaro, tu che dici?

FELICE: Tu che dice?

ALBERTO: L’aggio cu te, che dici?

FELICE: D. Gennaro voglio vostra nipote Emilia per moglie.

ALBERTO e GIULIETTA: Bravissimo.

FELICE: Ma poi sempre dopo me sposo a D. Giulietta?

ALBERTO: Sine, se sape.

GIULIETTA: Mò jammoncenno che ha capito. (Via con Alberto.)

FELICE: (Aspettate... Mò vorrei sapere... io na cosa l’ho capita... Alberto fà l’amore cu D. Emilia.., e perciò io, dice così, dice così... D. Giulietta poi... dice così, dice così... Alberto pure dice così, dice così... Ca pure a mazzate finisce).

SCENA OTTAVA

Emilia dal fondo, e detto.

EMILIA: Ah! D. Felì che fate qua?

FELICE: Voi siete venuta prima di lui?

EMILIA: Di chi?

FELICE:No, niente, voi che avete detto?

EMILIA: Che fate qua?

FELICE: Aspetto lui D. Gennaro per parlarci... Dite su che argomento?

EMILIA: Perché?

FELICE:E dite su che argomento?

EMILIA: Va bene su che argomento?

FELICE: Per parlarci così astratto... senza toccare il tasto...

EMILIA:Che tasto?

FELICE:Come il tasto.

EMILIA: Che s’è rotto qualche tasto del pianoforte.

FELICE: (Chillo che tasto m’ha ditto?). Basta D. Emì a vuje stu tasto ve preme?

EMILIA: No!

FELICE: E Levammelo da miezo!...

EMILIA: Basta D. Felì! Ve prego mò che vene zi zio non ve mbrugliate. Vuje non sapite fà niente.

FELICE: Questo lo sò! Basta che debbo dire? Ma io vorrei sapere pecché stammo facenno chesto?

EMILIA:Ma comme vuje ancora avite da capì... Alberto fa l’ammore con mme.

FELICE:Asì, me l’ha detto.

EMILIA:Chi ve l’ha ditto?

FELICE:No, voglio dire che me ne sono accorto! (Mannaggia l’arma de la capa.)

EMILIA:Ah! Malizioso, ve ne site addonato? Dunque se mette scuorno de ire a cercà la mano mia a zi zio, e vularria ca ce jesse io, ma a me non me conviene, e perciò nuje facendo vedere che facciamo l’amore, lloro duje se sentene currivo e ce vanno a dì tutto a zi Gennaro, capite pecché Giulietta pur’essa nun se vò spusà ad Alberto, ma se vularria sposà a vuje, accossì zi zio sentenno chesto, fa a tutti felici. Avete capito?

FELICE: Adesso ho capito!

EMILIA: Dunque mò che vene zi zio, voi direte D. Gennaro voglio vostra nipote Emilia per moglie.

FELICE: E si po D. Gennaro acconsente?

EMILIA: Gnernò che non acconsente.

FELICE: D. Gennaro voglio vostra nipote Emilia per moglie.

EMILIA: Bravo, se poi Alberto ve facesse qualche cera voi dite, Albè fà l’ommo sà, non fà la criatura.

FELICE: Albè fà la criatura.

EMILIA: Che dite?

FELICE: Fala femmena.

EMILIA: Nossignore! L’ommo nnanze e la creatura da dereto.

FELICE: Ah! Albè fà l’ommo sà, non fà la criatura.

EMILIA: Se poi Giulietta ve facesse quacche cera, chella è spuntuta, ve la fa na cera, voi dite «Siete pazza io non vi conosco!»... Jammo provammo.

FELICE: La vì lloco, chesta vò pruvà sempe.

EMILIA: Jammo, quanno vene zi zio voi che dite?

FELICE:D. Gennaro voglio vostra nipote Emilia per moglie.

EMILIA:Bravo, ve rende facile così? Se poi vi trovate meglio a dire D. Gennaro voglio la mano di vostra nipote D. Emilia, voi lo dite.

FELICE: Sì è meglio così. D. Gennaro voglio la mano di vostra nipote Emilia per moglie! No.

EMILIA: No, no. Basta se volete dire come prima, e voi dite così. Se poi vi trovate meglio a metterci la mano e voi ce la mettete, che volite fà: ce la volite mettere la mano?...

FELICE (pausa):Io per me ce la metterei la mano... Ma del resto è meglio come prima. «D. Gennaro voglio vostra nipote Emilia senza la mano».

EMILIA: Vi comme m’è venuto ncapo de dicere l’affare de la mano a chisto.

FELICE Ah, se D. Gennaro voglio vostra nipote Emilia per moglie!

EMILIA: Appresso.

FELICE: Albè fà l’ommo sà nun fà lu pazzo.

EMILIA: Nossignore.

FELICE: Albè fà l’ommo sà nun fà la criatura.

EMILIA: Bene.

FELICE: Siete pazza io non vi conosco.

EMILIA: Benissimo.

FELICE: Eh, io non so’ scemo!

EMILIA: Me ne so’ accorta!... (Restano in azione.)

SCENAULTIMA

D. Gennaro, Giulietta ed Alberto, e detti.

GENNARO: (Teniveve chesto poco ncuorpo e ve stiveve zitto zitto! Avite fatto buono che m’avite ditto tutto).

ALBERTO (vede Emilia e Felice):(Uh! D. Gennà li vedite llà!).

GENNARO: Carissimo D. Felice.

FELICE: Caro D. Gennaro. (Lo saluta per la manica.)

GENNARO: E vuje me facite fa lu pupo. Dunque eccomi qua. Ched’è?

FELICE: Io tre o quattro cose aggio da dì e mò ve li dico pure...

ALBERTO: Giacché dovete parlare io vado via (p.p.).

GIULIETTA (dopo pausa):E io pure (p.p.).

EMILIA (c.s.):E io pure (p.p.).

FELICE: E io pure (p.p.).

GENNARO: E io parlo io e li segge. Venite ccà.

FELICE: No pecché ho visto che tutti se ne andavano...

GENNARO: D. Albè voi potete rimanere perché quello che mi deve dire D. Felice non è segreto... è vero D. Felice che non è segreto?

FELICE: Sicuro, non è segreto.

GENNARO: Dunque D. Felice quali sono i comandi che mi dovete dare?

FELICE: Oh! Preghiere sempre per carità levate st’espressioni da mezzo, la faccia mia sotto a li piede vostri, io vi stimo e vi voglio bene, ve lo giuro pe quanto voglio bene... pozz’essere privo...

EMILIA: (Basta, basta, dicite chello che avite da dicere).

GIULIETTA: Albè fà l’ommo sà, non fà la criatura.

TUTTI (meno Emilia):Che cos’è!

FELICE (ad Alberto):Me haje fatto na cera?

ALBERTO: Io? Sì pazzo!

GENNARO: Dunque che volete?

FELICE: Siete pazzo io non vi conosco.

GENNARO: Ched’è non me conoscite?

FELICE: No, D. Giulietta ha fatto nisciuna mossa?

GENNARO: Chella non se sta muvenno da llà.

FELICE: Albè fà l’ommo sà non fà La criatura. (Tutti lo minacciano a soggetto.)

GENNARO: Dunque alle corte, D. Felì che mi dovete dire?

FELICE: D. Gennà io voglio la mano...

GENNARO: Io ve l’ho data da tre ore.

FELICE: No, cioè non voglio La mano... voglio vostra nipote Emilia per moglie...

GENNARO:Finalmente... D. Felì io vi dico francamente...

FELICE: A se, si sa... Io non voglio cose forzose, grazie (p.p.).

GENNARO: Venite qua... Anzi io vi dico francamente che acconsento con tutto il piacere!

FELICE (dolente):Ah!... voi acconsentite... D. Gennaro acconsente... (Io mò moro.)

GENNARO: Ma con un patto però, che deve sposare prima D. Alberto co Giulietta.

ALBERTO: Sì, sì, vulimmo spusà primmo nuje.

GIULIETTA: Me parene mill’anne de chiammarte maritiello mio, caro caro.

FELICE (ad Emilia):(E mò che nce ne facimmo cchiù de la vita nosta?...).

EMILIA:No, zi zì, volimmo spusà primma nuje, pecché me parene mill’anne de spusarme a Feliciello mio, lu vularraggio bene tanto, tanto Feliciello sarà la gioia mia lo tesore mio...

FELICE:(La voglio dà doje ponie sotto a lu naso!).

EMILIA:Insomma zi zì io a Feliciello non lo voglio no, no e no.

ALBERTO e GIULIETTA (ridono): Ah! ah! ah!

FELICE: Io nemmeno la voglio, vuje pecché me la volite dà?

GENNARO:Vuje pecché me l’avite cercata?

FELICE:E perché non dovevate acconsentire.

GENNARO: E pecché non avevo d’acconsentì?

FELICE: Albè fà l’ommo sà, nun fà la criatura!

ALBERTO e GIULIETTA (ridono): Ah! ah! ah!

FELICE: Siete pazza io non vi conosco!...

ALBERTO e GIULIETTA (c.s.): Ah! ah! ah!

EMILIA: A neh vuje redite? Embè per farvi dispietto e per non farvi più ridere ncoppa a li spalle meje, si D. Felice vò, e si zi zio acconsente io me lu sposo co tutto lo core.

FELICE: Ah sì, fino a pochi momenti fa mi avete ingannato, ebbene pe farve vedè chi songo io me sposo a D. Emilia. (Le da la mano.)

ALBERTO: Ah! no, no, D. Gennà io a Giulietta non la voglio, non la voglio. (Spinge Giulietta verso D. Gennaro.)

EMILIA:Nemmeno io voglio a D. Felice.

GIULIETTA: Papà io non lo voglio.

FELICE: D. Gennà io non la voglio, io non la voglio.

GENNARO: Aggio capito... Io come padre e zio debbo fare un cambiamento.

TUTTI: Sì, sì, nu cambiamento...

FELICE: D. Gennà fate l’ommo, non fate la criatura!...

GENNARO: Ebbene tu Emilia sposerai D. Alberto... e tu Giulietta sposerai a D. Felice... Che ve ne pare? (Alberto va ad abbracciare a Emilia, e Felice fa lo stesso con Giulietta.) D. Felì che fate?

FELICE: D. Gennà scusate io mò moreva. (Fa scena con Giulietta.)

EMILIA (ad Alberto):Ma comme va che zi Gennaro...

ALBERTO: Sapeva tutto cose pecché nce l’aveva ditto io...

GENNARO: Ma io vorrei sapere perché non me l’avete detto prima?...

FELICE: Per allungare la commedia e divertire questo rispettabile pubblico.

(Cala la tela.)

Fine dell’atto secondo

FINE DELLA COMMEDIA

    Questo copione è stato visto
  • 0 volte nelle ultime 48 ore
  • 0 volte nell' ultima settimana
  • 0 volte nell' ultimo mese
  • 24 volte nell' arco di un'anno