Mezzo sano e mezzo rotto… ma non tutto

Stampa questo copione

Mezzo sano e mezzo rotto … ma non tutto

Commedia in due atti

di   Antonio Covino


2


Mezzo sano e mezzo rotto

… ma non tutto

Commedia in due atti

di  Antonio Covino

Personaggi:

Pasquale

-il marito

Maria

- La moglie

Gennaro

- il portiere

Lina

- La cameriera

Lallo

- amico di Pasquale

Concetta

- moglie di Gennaro

Peppe

- il fruttivendolo

Franco

- il ragazzo del bar

Selly

- L’estetista

…….

– L’amministratore

3


4


Mezzo sano e mezzo rotto…ma non tutto

di Antonio Covino

Scena: Una stanza grande con una porta centrale d’accesso dalle scale, un lavello con cucina a destra, altra porta di accesso alle camere a sinistra in prima quinta. Una finestra nell’angolo alto a destra, senza tendine. Uno stipo con ante alte prima della porta di sinistra. Un tavolo centrale con alcune sedie. Un appendiabiti, un interruttore per la luce, un citofono nei pressi della porta centrale, un telefono portatile.

Primo atto

Musichetta che sfuma dopo il primo ingresso

All’apertura del sipario le luci saranno spente, (luce soffusa di scena). Entra Pasquale da sinistra vestito come per uscire. Prende una tazzina che sta sulla cucina, beve, ma sputa subito nel lavello. Va a prendere la valigetta 24h vicino all’appendiabiti., apre la porta, si gira:

Pasquale –Io esco, non aspettarmi per il pranzo, ho degli appuntamenti importanti…hai capito ?-

Esce richiudendo la porta. Si sente uno scarico di w.c. poi Maria, la moglie, in vestaglia, si precipita, sempre da sinistra verso la porta d’ingresso, la apre ma non esce e comincia a sbraitare verso le scale: Maria-Disgraziato ! Torna indietro…dove vai ? Mi devi delle spiegazioni ! (richiude la porta, accendela luce e va verso il tavolo) Chi sa con quale malafemmina oggi se la fa…ma non la passa liscia. (Va anche lei a bere dalla stessa tazzina del marito, sputa)È bbiecchio, se non lo faccio io il caffè in questacasa, non lo fa nessuno. Ma lo devo scoprire…e come faccio ?...Un’agenzia investigatrice…no, no, ll’avess’’a cercà ‘e denare e come lo giustifico ?...Qui ci vuole una persona di fiducia, ce vo uno fedele, fedele assaje…’o purtiere !!! ‘O purtiere jesse bbuono, tanto, comme purtiere nun ce sta maje e pure si ce stà nun serve a niente, cumbinato comme stà.! Però s’è nfussuto pe’ mme…Almeno lo utilizzo per qualcosa di buono…si, ‘o purtiere…e po’ n’’o faccio mannà ‘a sott’’o palazzo.(fa per andare al citofono, bussano alla porta, Maria apre).

Amministratore- (è un uomo in giacca e cravatta con una cartella in mano, ha un occhio bendato euna mano offesa) Buon giorno, sono l’amministratore.Maria- Ma che d’’è ‘n epidemia ? Si, entrate, a che devo la vostra visita ?

Amministratore- Ci avete mandato a chiamare.

Maria- Io vi ci ho mandato…

Amministratore- È difficile che io mi ci lasci mandare, signora.

Maria- Avete detto ci avete…ho pensato c’è venuto o ce…

Amministratore- (la interrompe)Intendevo come amministrazione (apre la cartella e tira fuori unaraccomandata) Comunque, sono venuto a parlare della vostra richiesta di sostituire il portiere perinettitudine.

Maria- Sedetevi ! E si, prima di tutto nonc’è mai…e poi, non lo vedete com’è ?

Amministratore- Com’è, scusate ? Io non gli trovo niente fuori posto.

Maria- (lo squadra)E pe’ forza…

Amministratore- Dite ?

Maria- No, si l’esempio è chisto…io voglio che lo licenziate…ultimamente ha preso pure acorteggiarmi…e nun sta bene…

Amministratore- No.

Maria- Fosse statonu bell’ommo…

Amministratore- Ma proprio a voi ?

Maria- Si, a me…ma pecchè, quaccosa ?

Amministratore- No, ma pensavo: perché non sta al posto suo ?

Maria- Nun ce sta maje.

Amministratore- No, al posto suo, nel senso di mantenere le distanze…

Maria- Comunque…voglio che sia licenziato.

5


Amministratore- Beh, adesso vediamo, non basta solo la vostra richiesta, devo consultare anche gli

altri condomini.

Maria- Ma perché, gli altri non lo vedono comme sta cumbinato ?

Amministratore- Ma com’è combinato?…Non lo capisco

Maria- (lo squadra nuovamente)Si, nun putite capì, ma chiedete(l’amministratore si alza, richiude la

cartella, il colloquio prosegue in piedi vicino alla porta) chiedete agli altri condomini e fatemi sapere.

Amministratore- Si farò subito delle consultazioni.

Maria-(pensa)No,…subito no.

Amministratore- No ?

Maria- No, con calma

Amministratore- Ma se ci avete ripensato…sapete, licenziare è un compito ingrato.

Maria- No, non ci ho ripensato…con calma, meglio vedere quello che ne pensano gli altri.

Amministratore- Signora, non è facile mettere una persona in strada dall’oggi al domani.

Maria- Perciò, consultate prima gli altri…

Amministratore- La cosa mi seccherebbe..

Maria- Ma vuje che c’azzeccate…sono io che non lo voglio.

Amministratore- Si ma sono  io che devo eseguire.

Maria- e allora…fate solo il vostro dovere…se n’ha ddài’!(apre la porta)

Amministratore- e vabbè, se è così che la pensano anche gli altri…

Maria- sicuro…, ma, sen’ha ddà ì’…

Amministratore- (uscendo)Come volete voi…buona giornata

Maria- Buon giorno..(chiude la porta)Chisto se ne vene, ( ripensa al marito, poi si infervora)Non miha sfiorata nemmeno stanotte, e sono mesi. (Prende l’occorrente e prepara il caffè) Ma come, dice che per l’uomo è fisiologico…ha ddà sfugà…che d’è, chisto nun sfoga …schiatta ncuorpo ? A quacche parte va a sfugà. (mette la macchinetta sul gas) Ma si appuro chello ca penzo io ‘o faccio ‘na mazziata…ma ‘na mazziata…e po’ n’’o caccio, pure a isso !

(Va al citofono) Gennarì, saglie ‘nu mumento, si, song’ ‘a signora Esposito. Gennà saglie…e lassalastaguardiola,chi s’’a piglia? Mo pe’ mezzo ch’è venuto l’amministratore…Si nun saglie te ceco chill’ato uocchio,eh, accussì nun può saglì cchiù?…Jamme, viene ch’è importante…Quanno vuò tu stai sempe ccà ncoppa. Uh…e nun me fa perdere tiempo…Saglie eh…saglie…uh, è sagliuto ! No tu…che hai il dono dell’ubiquità…no, no ambiguità, nun fa niente, è sagliuto ’o ccafé, fa ambressa !!! (torna al fornello, si versa il caffè e va verso il tavolo per sorbirlo- bussano alla porta, posa la tazza, va ad aprire).

Gennaro- (da fuori la porta)Ch’è stato signò ? Tengo la guardiola sola…dicite… Maria-(categorica)Trase!(chiude la porta ) tu mi devi dare una mano.

(Gennaro ha una mano sola ed un occhio bendato) Gennaro (sorride)‘na mano ? E io po’ comme faccio?

Maria- (scocciata dalla ovvia battuta)insomma, mi devi aiutare.

Gennaro- Ma comme, in che modo…ch’aggia fa’ ?…

Maria – T’ he sta zitto !!

Gennaro- M’aggia sapé ? Tengo ‘a guardiola sola.

Maria- eeeh, tu nun ce stai mai‘o posto tuojo, mò ca me sierve…assiettete !

(Gennaro prende una sedia e si siede)

Gennaro- Ma ch’aggiafa ?(allunga la mano verso la tazzina ch’è sul tavolo)

Maria- Statte fermo, chest’è ‘ommio.(va verso la cucina a prendere un’altra tazza e la macchinetta)

Tu ‘i ‘a dà ‘n uocchio a mio marito.

Gennaro- enun ‘oppozzo fa’!

Maria- Nun te faccio piglià còllera.

Gennaro- è una cosa impossibile.

Maria- Lo fai per me

Gennaro- ‘offacesse, manun ‘o pozzo fa’.


6


Maria- Dai, dice che ce tiene pe’ mme !

Gennaro- (un poco risentito)Si, ma io po’ rimango cecato, uno ne tengo…che tene ‘a crètinopatia ?

Maria- (Maria si blocca dal versare il caffè a Gennaro)-‘N ata vota cu’ sta strunzata? Ma almeno‘e

cosce, ne tiene doje ?

Gennaro- (Si guarda le gambe)Ma pecché ?

Maria- Devi dare un occhioin senso metaforico…

Gennaro- Eche d’è ? (Maria si blocca di nuovo nel dare il caffè a Gennaro che ogni volta allunga lamano e resta deluso).

Maria- Metaforico, simbolico…lo devi tenere mente.

Gennaro- Ma chi ‘o penza !

Maria- Ah, ma allora si scemo ? Te manca pure meza cervella ???

Gennaro- Ma nun capisco…

Maria- Echesto s’è appurato…allora, cerca di fare attenzione:(parla sottovoce e Gennaro non afferra)

Gennaro- Nun capisco…(Maria gli parla di nuovo sottovoce)…non sento.

Maria- Si surdo ‘a ‘sta recchia …

Gennaro- No.

Maria- A tutt’’e ddoje?

Gennaro- No, ce sento bbuono, site vuje che dovete alzare la voce o ce sta coccheduno ? Maria- No, nun ce sta nisciuno. Lo devi tenere mente, no tenè a mmente. Devi seguire mio marito, lodevi pedinare, pe..di..na…(re).

Gennaro- Quella per giocare a dama ?

Maria- Emò che d’è ‘sta scemità ?

Gennaro- Ho fatto una battuta.(Maria ch’era riuscita finalmente a versare ilcaffè a Gennaro glielotoglie dalle mani).

Maria- E manco chello sai fa !

Gennaro- Ame piglià ‘o ccafè ?

Maria-Affà ‘e bbattute, cu miezu cerviello me penzavo ca ive miezu scemo, invece, si tutto scemo!

Gennaro- (risentito)Allora mò m’aizo e me ne vaco..(fa per alzarsi)

Maria- (lo mette a risedere con una mano sulla spalla)Addò vaje, abbuscate ‘sta mazzetta., nun tefaccio piglià collera.

Gennaro- Si m’’o dicite accussìme facite sbattere ‘o core.

Maria- Miezu core…

Gennaro- Pecché miezo ?

Maria- E tu tiene tutto a mmità !

Gennaro- Vuje pazziate, ma chillo ‘o miedeco ha dittooveroca me funzione nu ventriloquo si e ‘n ato

no.

Maria- Ha detto proprio così ?

Gennaro- Accussìme pare…che saccio, forze vellicolo…bah, allora…che devo fare ?

Maria- Devi seguire mio marito, mi devi far sapere se frequenta altre donne.

Gennaro- Ma perché, avete sospetti ?

Maria- Più di un sospetto

Gennarò- E pecché ?

Maria- Non mi tocca da più di un mese.So’ ‘na femmena ca nun se tocca?(lazzi)Jà…cu’sti carnefresche…

Gennaro- (canta)e cu’’sti trezze nere…

Maria- (c.s.)memetteno ‘int’o core…

Gennaro- (c.s.)mille male penziere.

Insieme- (c.s.)Io te vurria vasà….

Maria- Ma che me fai fa, te pare ‘o mumento ‘e cantà ? Jà…dice ‘a verità, so’ ‘na femmena datrascurare ?(Gennaro dondola la testa)

Maria- Avimmo miso ‘o canillo aret’’a machina?


7


Gennaro- (la guarda, pausa)…Ma comme fa ? Maria- Semplice…nun fa ! (va verso il lavello a posare le tazze)

Gennaro- No, dico…con una donna come voi: bella…attraente…senzuala…bo bo bo..(Maria si gira,Gennaro si blocca).

Maria- Pure le frasi lasci a metà…Lassa stà. Allora, hai capito ? Datti da fare che vai bene tu !. Gennaro-(si alza, va verso la porta, la apre.)Faccio il possibile, certo non posso lasciare tanto tempola guardiola sola…

Maria- (categorica)Miettece a mugliereta ! Gennaro- A muglierema ? Accussì chella me struppeja.

Maria- Eio ‘a dongo ‘na mana(va verso il lavello per lavare le tazze e la macchinetta) Aspiè, damme‘na mano p’arapì sta macchinetta (lazzi) …come non detto…và, famme sapé. (Gennaro chiude la porta e Maria dopo aver lavato le tazze comincia a prepararsi per uscire…dopo un po’ bussano alla porta. Maria va ad aprire).

Lina- Ho fatto un poco tardi stamattina perché c’era uno sciopero e ‘o mezzo nun passava.

Maria- Si è pe’ chesto quando devi venire qua ce sta sempe ‘na scusa pe’fa’ tarde. Lina- Uh, vedite…ma nun ‘o sentite ‘o telegiornale, ca tutt’’e juorne fanno sciopero ? Quello èMonti…

Maria- Si, ‘na vota è Monti, ‘na vota è ‘o mare, po’ vedimme si cocchevvota  nun te ne manno

‘ncampagna.

Lina- Ma che d’è, state nervosa ?

Maria- Si, lasseme sta…

Lina- Ma pecché ?

Maria-Mio marito…

Lina- (allarmata)Ch’è succieso, nun sta bbuono ?

Maria- Sta bbuono, sta bbuono, sulo ca cu’mme nun è bbuono.

Lina- Ah, va beh…

Maria- Comme va beh ?

Lina-(con imbarazzo)No…è ca me penzavo ‘na cosa grave…ca nun steve bbuono. Sapite, me songo

affezionata.

Maria- A mmariteme ??

Lina- A vuje…a tutt’’e dduje.

Maria- ‘Na cosa grave…e cchiù grave ‘e chesto ?...Vabbuò, miettete a fa’ ‘e servizie ca passa ‘o

tiempo e già si venuta tarde. (Lina indossa il camice e comincia a spolverare. Maria continua a

vestirsi…) Fa ‘na cosa, miettete primma a stirà, ch’è cchiù importante e po’, si ce sta tiempo faje ‘o

riesto. (la cameriera prepara il tavolo da stiro, va a prendere una cesta con i panni e comincia a

stirare. Si sofferma più del dovuto su una camicia di Pasquale, Maria se ne avvede.)

Maria- Neh, ma che tene ‘sta cammisa ?

Lina- (con imbarazzo)Niente…me piace ‘o culore.

Maria- Si, te piace ‘o culore ? A te te piace ‘epittà…Si vulive fa ‘o pittore te mettive a fa’ ‘e quadre e

no a perdere ‘o tiempo quanno se stira !

(prendendo un paio di mutande di Pasquale Lina le odora…)

Maria- Eche d’è, ‘e chesta te piace ‘o sapore ?

Lina- No, stevo vedenno si era asciutta…e po’… mi piace l’odore, sarà il detersivo ca sap’’e…

campagna…ve  fa  partì  cu’’a  fantasia…(immagina)  comme  si  curresse  dint’a  ‘na  terra  incontro  a

ll’ammore e currenno currenno…

Maria- (che l’ha osservata attonita continua…)vai dint’a ‘na cosa ‘e vacca e te scite d’’o suonno, eancora i’’a fernì ‘e stirà….sei troppo visionaria, l’amore vero non esiste.

Lina- Esiste, esiste ed è più vicino di quanto pensate….a vvote basta…che saccio… arapì ‘a porta….

Maria- Etruove ‘e testimone ‘e Genova…achi vuò truvà?….Aret’’a porta …(Maria si alza senza

dare nell’occhio, tergiversa…apre la porta, guarda…) ll’ammore..seh !


8


Lina- (dopo aver stirato un altro indumento intimo)Certo ca vostro marito tene ‘e guste bbuone…vestebene pure ‘a sotta.

Maria- Comme sta‘a sotto ‘o ssaccio io (fra sé )pure si me so’ scurdata…chesta o me sfotte, o sapecoccosa. (a Lina) e ca isso veste bbuono…è un’altra cosa che non va.

Lina- Sarà la stanchezza.

Maria- Ma quale stanchezza, ma che d’è ‘nu fravecatore ? Chillo ‘o rappresentante fa !... (dopo avercontrollato il borsellino nella borsa)Vabbuò, io scendo a fare la spesa, tu finisci di stirare, rassetta lacucina e po’ te ne vaje…non mettere a cucinare che Pasquale non torna, io mi arrangio.

(Maria esce. Dopo aver stirato qualche altro indumento, Lina si reca al citofono)

Lina- Gennarì, ma sai niente ? Chesta sta tutta nervosa. Comme ? L’’i a dà ‘na mana...a dà ‘n uocchio ômarito ? E proprio tu ? (sorride) Scusa, scusa…volevo dire ca tu nun tiene ‘o tiempo. Comme…già sai coccosa ? E saglie, fa ambressa, famme sapé. (posa il citofono, va all’asse da stiro, lo ripone e mette a posto i panni. Suonano alla porta)

Lina- Trase Gennà, allora, che saje…(Gennaro fa cenno di non andare di fretta)va, primma ca torna‘asignora.?

Gennaro- (si siede affannato) Aspè, aggio fatto ‘e scale a quatto a quatto… Lina- Si, ma parla !

Gennaro- Nun può ffà ‘nu poco ‘e cafè ?

Lina- T’’o ffaccio, ma fa’ ambressa..(prepara la macchinetta e la mette sul gas).

Gennaro- Quello, il marito, se la fa con certi femminielli.

Lina- (senza allarmarsi troppo)Ueh, e tu che ne saje ?

Gennaro- Lo so. Perché una volta ‘o venette a chiammà uno cu’’a bòtta.

Lina- Cu’ ‘a bòtta ?

Gennaro- Eh, menato.

Lina- Echi ‘o vuttava ?

Gennaro- Neh chi l’era vuttà ?

Lina- Tu hai detto che lo spingevano…menato

Gennaro- (gesto eloquente vicino all’orecchio)menato, menato…

Lina- Ma come parli ?...Meza recchia !

Gennaro- A mme ?

Lina- Si, tu…pure chesto ? Quello…l’amico di Pasquale, cioè…d’’o signore. Gennaro- Si, li ho visti troppo affettuosi…adesso appuro qualche altra cosa e mi guadambio una bellamazzetta.

Lina- e và, scinnetenne,  primma ca vene ‘a signora.

Gennaro-‘o ccafè ?

Lina- (va a vedere)Sta saglienno..

Gennaro- Uhe, uhe..(si alzà di scatto e guadagna la porta, mentre Lina sta prendendo una tazza dauno stipo) Chesta si me trova ccà facimmo ‘e nummere. Cià, ce vedimmo..(esce e chiude la porta)Lina- (che non si è accorta che Gennaro se n’è andato, si gira con la tazza del caffè in mano)‘Occafè,pigliatillo…ma che d’è se n’è gghiuto ? Ma chist’è overo ca è scemo…chisto, è nu palazzo ‘e scieme! (Lina rimette tutto a posto,lasciando solo la tazzina sul lavello, sveste il camice, spegne la luce e se ne va)

Musichetta lieve come fosse passato qualche giorno….poi sfuma

Maria- (entra dalla porta in prima quinta con sottoveste e vestaglia, accende la luce,va verso il lavello,sorseggia da una tazzina, sputa, poi va verso il citofono): Gennaro, sali, .si…mo ‘a quanno è venutoll’amministratore tutt’’e scuse truove tu..saglie ! (posa il citofono) Che male ‘e capa, mo me faccio ‘na camomilla. (Va verso il lavello e se la prepara. Bussano alla porta. Va ad aprire. E’ Gennaro che si presenta anche con un piede fasciato).

Maria- E ch’è fatto ?


9


Gennaro- Avete visto si era na scusa ? Mi sono ferito nel compimento del mio dovere. Maria- Assettato â seggia dint’’a guardiola ? Gennaro- Quell’altro.

Maria- liggenno ‘o giurnale…

Gennaro- quell’altro dovere.

Maria- Facenno ‘o cruciverba…Gennà, tu chesto faje…facenno ‘e ‘nciuce?

Gennaro- ‘eciu…’e ciu ciù

Maria- Eh si…’e mentine,ah, già, tu seicafone, non conosci la lingua…gli inciuci, i pettegolezzi.

Gennaro- Ma tu vide ch’aggia suppurtà…mi sono ferito durante il pedinamento di don Pasquale.

Camminando sotto il muro non ho visto una buca e ce so’ caduto a dinto, fortunatamente me so’ fatto

male solo il piede.

Maria- E che te vulive fa male cchiù? Tu solo chillo tenive bbuono. Assiettete, te dongo nu poco ‘ecamomilla.

Gennaro- Speriamo…Tenevo dei sospetti e sono stati confermati. Vostro marito se la fa con l’altro

sesso…

Maria- Cu’ ‘na femmena …e chi è ? Madonna mia, l’aggia accidere!

(stava per versare la camomilla in un bicchiere a Pasquale, ma si frena).

Gennaro- No, no cu’’na femmena.

Maria- E che s’’a fa, cu’’n ommo ?

Gennaro- Eh, cu’’n ommo…

Maria- E cu’chi allora. isessi sono due, maschio e femmina.

Gennaro- State arretrate, so passate a tre.

Maria- Ma che sso’ppizze ?

Gennaro- I sessi sono tre: c’èpurequello di mezzo…gli uomisessuali.

Maria- S’’a fa cu’ nu Gay?

(Stessa situazione precedente con la camomilla.)

Gennaro- No, no,cu’n’uomosessuale…

Maria- Eh, ‘nu gay.

Gennaro- Ma ccà parlammo e nun ce capimmo…uomo...che non è uomo ma èuomosessuale.

Maria- Ho capito, si chiama  gay.

Gennaro- No, ‘o nomme nun ‘o saccio.

Maria- Ma no ‘o nomme…si può dire anche gay.

Gennaro- Eio chesto nun ‘ossapevo.

Maria- Sulo chesto ?…Insomma, ll’aggia accidere ! Che scuorno !

Gennaro- ‘E ‘na manera o ‘e ‘n ata ha ddà murì.

Maria- Ma tu sì sicuro ? Ll’ he tenuto bbuono ‘e pede ?

Gennaro- (guardandosi il piede)Fino a quando ho potuto…

Maria- E va, famme sapè cose cchiù concrete. (butta la camomilla nel lavello con stizza) Gennaro- Però nu poco ‘e cambomilla ce vuleva pe’ stu dulore ‘o pede…

Maria- E gia chist’tene ‘a capa sott’’e piede.Tu pienze ‘a cambomilla cu ‘sti chiare ‘e luna ?(Gennaro esce -bussano alla porta, Maria apre credendo sia di nuovo lui)

Maria- Emò che vuò ? Che t’he scurdate ?

(compare alla porta Selly, un tipo eccentrico con un beauty case in mano)

Selly- Franca….C’è Franca ?

Maria- (sorniona)Venite dentro…(Selly fa un passo avanti, Maria lo assale prendendolo per ilbavero…Selly lascia cadere il beauty) Vuje vulite a Pascale…v’’o dongo io a Pasquale.

Selly- Ma chi è sto Pasquale ?

Maria- Pasquale…fai finta di non conoscerlo ? Saccio tutte cose ! Selly- ( difendendosi)Ma che sapite, ch’ata sapè ? Io devo andare da Franca… Ferraro… Maria- Ccà nun ce sta nisciunu ferraro…’o ferraro…‘o sicondo piano ‘o ferraro ?


10


Selly – E io al secondo piano devo andare, dalla signora Ferraro, sono l’estetista!(Le mostra la boracon gli attrezzi..nel frattempo giunge Gennaro ed entra dalla porta lasciata aperta)

Gennaro- Neh…signora…signore…comme v’aggia chiamma ?

Selly- Sono Selly

Gennaro-Siete l’estetisto?

Selly- Ta-

Gennaro- Ta-ta

Maria- T a- ta ?

Selly- Ta

Gennaro- ta-ta-ta(fischia)boom….

Maria- ma che d’è ?

Gennaro- Me penzavo ca vuleva pazzià.

Selly- ta-

Gennaro- ‘n ata vota ?

Selly- estetis-ta…no estetisto.

Gennaro- per una donna ? Ma voi siete uomo..pirciò…Toh toh Maria- Si, ncopp’’o culillo. E no,chillo è miez’e miezo

Gennaro- Ah, allora estetiste…insomma, voi avete sbagliato scala, dovete andare dalla signora Ferraro

alla scala B.

Maria- Enun l’he visto ‘e saglì ? Dice ca staje sempedint’’a guardiola, ma che ce staje a ffà ??

Selly- Infatti, non c’era nessuno, se ci fosse stato qualcuno non sarebbe successo questo spiacevoleinconveniente.(si risistema gli attrezzi nella borsa e i vestiti)

Gennaro- (giustificandosi)No, io sono sceso con l’ascensore…sapete…il piede…se no scendevo per le

scale…Voi siete salito per le scale…e allora…

Maria- Em’he fatto fa sta figura…

Gennaro-Vabbuò nun mporta…scusate…(Selly gli gira la faccia)Vi ho chiesto scusa ! Selly- Ma andate a quel paese ! (esce)

Gennaro- (verso la scala)Ma signore…signora…ma comme se dice…vi ‘o chiesto scusa…ma po’

vulesse sapè a qualu paese devo andare…

Maria- ‘O saccio io…nu paese che sta aret’a tte…

Gennaro- E qual è…Brusciano, Marigliano…?

Maria- Areta, cchiu dereta…

Gennaro- Caivano, Frattamangione….

Maria- no, no

Gennaro- E qual è ?

Maria- Fanculano.

Gennaro-  Nun  ‘o  cunosco….(pensa  mentre  sta  per  uscire)  mi          ha   mandato  a   fanculano..a   ffa

ncul…ano…non conosco. (sulla porta c’è un tipo eccentrico )

Lallo- C’è Pasquale ?

Gennaro- Chisto è isso, Lupus in tavola ! Ecco la prima prova servita direttamente a domicilio! (simette di lato alla porta)

Maria-Chisto pure ‘o llatino tenestruppiato,comm’a isso,(antipatica)No, Pasquale non c’è,chi site ?

Che bbulite ‘a Pasquale ?

Lallo- Sono Lallo, gli ho portato un pacchetto che ha dimenticato da me.

Maria- Etrasite, fatemi sapere…

Lallo- (intimidito dall’aggressione)Veramente dovrei andare.

Maria- (Categorica)Trasite !(a Gennaro)E tu vattenne..nun tiene ‘a guardiola sola ? Gennaro- Ce sta mia moglie.

Maria- Vattenne !!!...(Gennaro esce, Maria fra sé)Ca mò m’’o cucino io a chisto…’o faccio ascì tuttecose…entrate, sedetevi.

(Lallo entra, posa un pacchetto sul tavolo e si siede).


11


Maria (tergiversando)Il guardaporta, se vo fa’ ‘e fatte ‘e ll’ate…attratto dalla mia avvenenza ognitanto sta ccà ncoppa…anche voi mi trovate avvenente ?

Lallo- Io ho altro a cui pensare, scusate… Maria- (fra se)è menato, è propeto menato…e mio marito è avvenente ?

Lallo- Signora, ma che domande mi fate ? Vostro marito è un amico, con luiho un rapporto… Maria- E me lo dice così, senza vergogna...

Lallo- Ecomme ll’aggia dì ? Abbiamo un rapporto di lavoro. Io gli fornisco del materiale pubblicitarioper i prodotti che lui rappresenta.

Maria- E pecché v’avessa credere?

Lallo- E perché non dovreste credermi ? Guardate voi stessa cosa c’è nel pacchetto che ho portato, e

poi…se ci fosse stato qualcosa, sarei venuto qui, nella tana del lupo ?

Maria- Veramente, qua non ci sta nessun lupo, ma una moglie, e poi il portiere sa, ha riferito…e illupo, caso mai, in fabula o ncopp’’o fatto siete voi…anze na lupa. Lallo- Ma controllate, vedete…

Maria- (apre il pacchetto)Ah, un rapporto di lavoro ?...(fra sé)Si acchiappo ‘o guardaporta ‘ostruppejo pure chill’ato uocchio…chell’ata mana…e pure chill’atu pede.

(Bussano alla porta, Maria va ad aprire. Entra Pasquale, si libera del cappello e del soprabito) Pasquale- Novità ?

Maria- (facendo cenno con il capo)Vide lloco, vì.

Pasquale- Ueh Lallo, e tu che ci fai qua ?

Lallo- (si alza)Pasquale!(i due si abbracciano affettuosamente)

Maria- (Intervenendo per staccarli)Siete amici ?

Lallo- Si, solo amici.

Maria- Ecolleghi di lavoro…

Lallo- Si, (rivolgendosi a Pasquale)Sono venuto a portarti il pacchetto che hai dimenticato a casa mia. Maria- A casa ??

Pasquale- ‘A casa, eh, ‘a casaMarì,ma che so’ tutte ‘sti domande ?

Maria- Ma pecché, vuje faticate ‘a casa ‘e Lupella ccà…?

Lallo- Lallo, prego.

Pasquale- Insomma, ma che vuoi, che vuò sapé ?

Maria- Voglio sapere che c’è tra di voi e se è per questo che mi trascuri.

Pasquale- Io ti trascuro ?Ma se non ti faccio mancare niente…

Maria- Mi fai mancare l’essenziale…

Pasquale-‘O mmagnà ?

Maria-(nauseata)Quanto sei meschino, ch’ommo ‘e niente…Lallo, insomma, vuje state nzieme ?

Lallo- Signora, ma che dice ?

Pasquale- (imbarazzato)Ma che dice…

Lallo- Magari, ma lui è un donnaiolo, non mi guarda neppure.

Maria- Nu femmenajuolo…bah !

Lallo- Ma no, intendo che a lui piace il sesso femminile.

Maria- Si ? … Se sarà cambiato !

Pasquale-  Ma  smettila…ti  chiedo  scusa  Lallo…Vieni,  ti  accompagno…grazie  per  il  pensiero.(lo

accompagna alla porta, si salutano affettuosamente, Maria commenta con i gesti, poi interviene)

Maria- E gghiammeca se n’ha dda i’, jeve ‘e pressa…ha dda i’ âllattà a Romolo e Remolo.

(Chiusa la porta, dopo una pausa fredda.) Pasquale- Ma che t’he mise ncapa…? Che figura che mi hai fatto fare…

Maria- Accussì te npare, Trascurare la propria moglie. Mai un gesto d’affetto, mai una carezza,…mai‘na ncarruzzata …

Pasquale- Dipende pure a te ca stai sempe ‘e ‘na manera…sempre aggressiva, polemica…maiconciliante.

Maria- Può essere…non lo nego, …. ma dai, svoltiamo pagina…


12


Pasquale- No, mo nun tengo voglia‘e leggere.

Maria- (fra sé)Po’ dice ca io so polemica…(improvvisamente tenera)E gghiamme…puortemencarrozza…Te faccio pure ‘e vuommeche comme piace a tte.

Pasquale- È inutile che fai sti vuommeche, mi faresti vomitare per davvero…Mapo’ched’è stacarrozza ? Smettila! Ho altro a cui penzare. (va a riporre il pacchetto in un mobile)

Maria- Ah, non vuoi scarrozzare ? Che poi sarebbe…fare il tuo dovere …allora vaco dicenno a tuttu

quante ca nun si bbuono.

Pasquale- Ma non lo puoi fare, lo sai che non è vero ?

Maria- ‘O ssapevo…e mò m’aggia rinfresca a memoria…e guarda comme t’’o dico, nun me trascurà,ca me ne trovo a ‘n ato !

Pasquale- (Sorride)Se lo trovi…

Maria- Se lo trovo?…Guarda che c’è la folla appresso a me.

Pasquale- Solo perché sei eccentrica.

Maria- Io sono eccentrica ? Io sono avvenente…non vuoi adempiere ? Allora mò m’affaccio ‘o balcone

e dico a tutti che sei impotente…

Pasquale- No, chesto no…

Maria- Io m’affaccio, guarda comme t’o dico.

Pasquale- Aspetta, parliamone…discutiamone

Maria- No…me so scucciata…mò (si scopre le gambe) iofaccio ‘e fatte…(continua a scoprirsi)

Pasquale- (sul punto di cedere, teneramente)nfamona…vigliaccona…accattona…

Maria- Ecosa ti credevi ca ch’era?

Pasquale- No, ‘e parolacce no…

Maria-(Maria accarezza la testa di Pasquale e l’attira al seno)cedi, eh, cedi… Pasquale- Capitolo.

Maria- Ma non avevi detto che non volevi leggere ?

Pasquale- La trama si sta facendo interessante.(lazzi)

Maria- Da oggi si fa come dico io.

Pasquale- Comme vuò tu…

Maria- Diceme, ‘na parola doce.

Pasquale- …Sfugliatella !

Maria- Un’ altra…

Pasquale- …Zuppetta !

Maria- S’è araput’’a pasticceria…

Pasquale- E dimmella tu.

Maria- Cannuolo !

Pasquale- Et’aggio ditto ‘e parolacce no !( Maria lo prende per la cravatta e lo trascina verso lacamera da letto, lui fa una blanda resistenza)

Pasquale- Ma prima vulesse

Maria- No, mo se fanno direttamente‘e fatte.

Pasquale- Aspetta,… nu poco d’acqua,  ho sete…

Maria- Ti disseterai alla sacrafonte dell’amore…

Pasquale- Acqua….(vorrebbe andare  verso il lavello)

Maria- (liturgica-tirandolo a sé))Vieni, con me non avrai più sete

Pasquale- Ma che d’è, è asciut’’a messa ? (spariscono per la porta di sinistra.Pasquale compare soloun attimo)- aiuto !!! – ( ma è subito tirato dentro)

Musichetta

------------------------------------------       °°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°  -----------------------------------------


13


Mezzo sano e mezzo rotto…ma non tutto

Secondo atto

Musichetta che sfuma dopo il primo ingresso

Stessa scena del primo atto, solo con più ordine, tendine alla finestra, dei centrotavola, soprammobili…. Entra Lina, accende la luce e si meraviglia di quell’ordine. Si mette a spolverare…dopo un po’ , vestita come per uscire, entra Maria.

Lina- Signò, ma che d’è, ve site cagnata ?

Maria- …no, è sempe ‘o stesso vestito p’ascì…(come per rimproverarla)Buon giorno !

Lina- Buon giorno, scusate, no, dico…ccà è tutto piùordinato…’e tendine, ‘e centrotavola ‘e pizzo…

Maria- E nun songo io ca so’ cambiata…è chi di dovere che ritorna a fare il suo dovere…e allora

l’ambiente si adegua, è meno triste…sorride…

Lina- Nun aggio capito niente…

Maria- Mio marito…

Lina- (allarmata)  Ch’ha fatto ?

Maria- Ch’è stato ?

Lina- No, ma me penzavo ca steva poco bbuono…

Maria- (sulla finale di Lina)…poco bbuono, te si affezionata…tu si troppo affezionata…

Lina- Ebeh, nun m’aggia affezionà ?

Maria- Nu poco mancante, t’’i ‘a disaffezionà…

Lina- Disa chè ?

Maria-  Difazze…disazio…mo  nun  ngarro  cchiù,  difassezio,  no  insomma,  t’  ‘i  ‘a  sta  ‘o  posto

tuojo…affezzionata….

Lina- Si, ma a tutt’e dduje.

Maria- E a mme sta cosanun me piace…schifame,anze, schiface !!! Comme se fa cu’tutt’’e padrune.

Lina- Uh, vuje vedite.

Maria- Comunque, se proprio lo vuoi sapere, mio marito è tornato ai suoi doveri coniugali.

Lina- (lasciando cadere ciò che ha in mano)Che ???

Maria- (fa un gesto eloquente)

Lina- No !!

Maria- Neh, ma che d’è, ti dispiace ?

Lina- No- o(ingotta)

Maria- (prende la borsa, controlla che ci sia il borsellino) Io scendo, vado dal parrucchiere. Siente, mò

faccio salire il portiere con un pacchetto che ho conservato in portineria, lo fai mettere sotto a quello

stipo…Pascale nun ll’ ha ddà vedé. E’ una piccola attenzione…si vuò sapè che d’è t’’o dico, ma po’

penzo ch’a tte nun te ne mporta…però si ‘o vvuò sapé nun tengo segreti…e t’’o dico…ma no mò…no,

no nun t’’o pozzo dicere…nun l’ha ddà sapé…tu ‘o vulisse sapé…nun t’’o dico…nun t’’o dico..pecchè

penzo ca po’ a tte che te ne mporta…(lazzi di Lina)

Lina- (Fra sé)Ma a mme che me ne mporta…Va bbene…’o faccio mettere addo vulite vuje.(Mariaesce dalla porta principale). He capito, stu disgraziato, stu poverommo…ma mo ce ‘o ddico…ocu’mme o con la moglie….(prende il telefono, poi ci ripensa) No, me lo deve dire in faccia a che gioco

sta  giocando…io  cretina  che  parto  sempre  in  quarta….no,  lo  voglio  sapere  subito,  (riprende  il

telefono…aspetta, poi, lo riposa) ce l’ha spento ‘o nfame,…meglio accussi, mò sto troppo nervosa, loassalirei e non gli direi tutto quello che gli devo dire…ma appena lo acchiappo sotto…

(bussano alla porta, Lina va ad aprire).

Gennaro- Ho portato questo pacchetto, ha ditto ‘asignora che tu sai addò ll’aggia mettere.

Lina- (un po’ sgarbata)Si, llà sotto, fa nu poco ‘e spazio si nun ce trase.

Gennaro- E beh, accussi se dice ?

Lina- (c.s.)e comme te l’aggia dì…

Gennaro- Con più garbo, che saccio…(armoniosamente) miettele llocosotto…

14


Lina- Si, te canto ‘a canzuncella, mò nun tengo ‘a capa.

Gennaro- Vabbuò, n’ata vota ce facimmo nu duetto.

Lina- Oj ni’, ma tiene sempe ‘astessa capa fresca ?

Gennaro- Si, e quanno m’ he chiammà pe’ sapé ‘e fatte ‘e ll’ate stai bbona ?

Lina- Ueh,statte ‘o posto tuojo e miette ‘o pacchettoaddò t’aggio ditto io…, guardaporta !

Gennaro- Ha parlato ‘a signora ‘e quarti quarti…famme sta ‘o posto mio si no ‘a dongo nu paccherocu’’a mana smerza…(si guarda la mano offesa)…a mmana smerza…gia !

(Gennaro va verso lo stipo indicato e traffica per inserire il pacchetto, nel frattempo entra Pasquale vestito come per uscire, dalla porta della camera, vede Lina e non Gennaro che dopo un po’ si nasconde dietro un’ anta).

Pasquale- Ueh, gia stai qua ? E’ uscita mia moglie ?

Lina-(antipatica)Ma tu stavi qua ?…Che cretina, ‘o vulevo telefonà. Si, è uscita…

Pasquale- Allora…(fa per avvicinarsi, Maria gli dà uno schiaffo).Ch’è stato…ch’aggio fatto ?

Lina- Ch’è stato…ch’aggio fatto…

Pasquale- eh, ch’è stato ch’aggiofatto ?

Lina- Ch’è stato ch’aggio fatto…

Pasquale- eh, ch’è stato ch’aggio fatto?(ferma con un gesto Lina che sta per ripetere la frase)Fermati se no non ne veniamo più fuori…pecché ‘stu pacchero ?

Lina- Per chi mi hai preso ? (lazzi di Gennaro)Chesono, un oggetto…un oggetto nelle tue mani ? Cosacredi che puoi fare di me quello che vuoi perché sono innamorata ?….Io sono innamorata ma non sono una stupida e mi posso pure (pensa) disinnamorare,

Pasquale- Disi chè ?

Lina- Tu ti devi decidere…o me, otua moglie !

Pasquale- …M’he struppiato.

Lina- E chesto è niente,(alza la voce)stateve ‘o posto vuosto quando nun tenite ‘ocuraggio dellevostre azioni !!!

Pasquale- Ma chi è trasuto ? (anche Gennaro si guarda intorno)

Lina- Chi ha ddà trasì ?

Pasquale- Etu he ditto stateve…al plurale…

Lina- (minacciosa)Nun pazzià !

Pasquale- E chi sta pazzianno.

Lina- Ancoradevi vedere che ti succede se continui a tenere le staffe appese… Pasquale- Ma che so’ nu cavallo ?

Lina- Si dice due staffe con un solo piede ?

Pasquale-(sorride)Ce vò ‘n abbilità !

Lina- Allora.., due piedi in una staffa…

Pasquale- Hai ingarrato il modo di dire, map’’o riestonun he capito niente.

Lina- Ho capito invece,ho capito che stanotte…con tua moglie…(piagnucolando)e io come unastupida…

Pasquale- Lasciami spiegare…sono stato costretto… Lina- T’ ha mis’’a funa nganna ?

Pasquale- Mo so’ addiventato nu piecuro?...Si, ho dovuto sottostare per non farla insospettire sulnostro rapporto (Gennaro si frega le mani)

Lina- Però ci sei andatoa letto…

Pasquale- Ma io ce vaco tutt’’ennotte…

Lina- …Ma non a quel modo…

Pasquale-…Sempe cu’’o stesso piggiama…

Lina- (sovrappensiero)Non lo sopporto !

Pasquale- Si, forse è un po’ sgargiante…ma lo cambio.

Lina- ‘Oche ?

Pasquale- ‘Opiggiama a puà ,  l’aggia rialà ‘o guardaporta.(lazzi di gennaro)


15


Lina- Ma quale pigiama…

Pasquale- Mi metto quello a righine ?

Lina- No, no nun è possibbile !

Pasquale- Si, pare nu carcerato…ma nun t’’a piglia accussi pe’ nu pigiama, mi metto quello a rombicelesti e rosa…si

Lina- (che ha continuato nel suo pensiero)io non sopporto che tu continui a stare con lei e… stanotte… Pasquale- (fra sé)Ah…allora ‘o piggiama nun ce azzecca. Ti giuro, sono stato costretto dagli eventi,ma non c’è stato amore. Io amo solo te, appena sarà possibile…te lo prometto…te lo assicuro… (Pasquale fa per abbracciarla, Lina ad ogni frase cede un po’, ma si ricorda di Gennaro e fa un cenno al suo interlocutore che non capisce, allora lo scosta).

Lina- Va bene, va bene…

Pasquale- Ma che d’è ? ( Lina fa un cenno del capo, ma lui non capisce…)‘a cervicale ?Èl’umidità.Vabbuò, togliti il camice, ce ne andiamo un po’ nello scantinato…ti capisco, qua ti dà fastidio.. (escono, rimane solo Gennaro, che si rialza fregandosi le mani)

Gennaro- E chi s’’occredeva…e che nutizia ! Mò facimme denare…(rimette tutto a posto,apre laporta, spegne le luci ed esce).

Musichetta che scema dopo l’ingresso di Maria.

(Maria rientra col capello fatto, con dei fiori che mette sul tavolo).

Maria-Ma che d’è, ‘a cammarera se n’è gghiutà ?Pasquale !( Si affaccia alla camera)Pasquale !

E pure chisto nun ce sta cchiù…(Bussano alla porta, Maria va ad aprire, è Concetta, la portiera, donna un po’ grossa, pelosa… entra affannata).

Maria- E tu che ce fai ccà ncoppa ?

Concetta- Che ce faccio ? So’ venuto a piglià a Gennaro.

Maria- Etu ‘o vuò ‘a ccà ?

Concetta- M’ aggio fatto duje piane a pede.

Maria- Ete pigliave ll’ascensore.

Concetta- Si ? E si se ferma ? Chillu disgraziato ‘e mariteme ca nun ce sta maje…se po’ avè nu

bicchiere d’acqua ? (Maria lo va a prendere mentre Concetta si siede e alza la voce) ’sta storia ha ddà

fernì, Gennaro nun ce sta maje ! (Maria che stava portando l’acqua a Concetta torna indietro e butta

l’acqua nel lavello)

Maria- E‘o vuò ‘a me a mariteto.

Concetta- E‘a chi ll’aggia vulé ? Dice che sta facenno ‘o tectillo pe’ vuje.

Maria- Ech’d’è ‘o tectillo?

Concetta- ‘Naspecie ‘e spioneche saccio….ch’ha ddà sapé senza se fa vedè.

Maria- Ah, ‘o detectivess

Concetta- Eh, na specie ‘e cane ‘e presa…

Maria- Si, nu mastino…di caccia vuoi dire ?…’Nu segugio,‘nu spinone…

Concetta- Si, chill’’o spione va facenno, pe’ fa denare se vennesse pure a mme.

Maria- Emagnasse ‘e rasse !

Concetta- Che vò dicere ?

Maria- Si ppure tu d’’o paese…’na cafona ?

Concetta- D’’o paese…

Maria- Èun’altra lingua, vò dicere ca nun ‘offacesse…(la guarda)…nun ‘opputesse fa !

Concetta- (si guarda per capire perché Maria l’abbia guardata).Chello ca nun supporto è ca sagliesempe ccà ncoppa. (Maria nel frattempo ha riempito un altro bicchiere d’acqua e fa per portarlo a concetta –Concetta alza il tono di voce-) Vuje nun m’’a cuntata justa.(Maria butta di nuovo l’acqua nel lavello).

Maria- ‘Echè ?Ma tu l’he visto bbuono a mariteto ?

Concetta- Pecché, nun è nu bell’ommo? Prufuma ‘efrischezza, ‘egiuventù…tene nu uocchio sulo mafrisco comme fosse…


16


Maria- Nu merluzzo…

Concetta- No…

Maria- Na spigola ?

Concetta- No…

Maria- ‘Na sarda schiattatama qualebell’ommo…forze a mmità ? Siente, fatte vedé pure tu, vista eolfatto…

Concetta- Ch’aggio fatto ? Maria- E pure‘a recchia…l’otorino…nu check-up…

Concetta-Bbuono‘ncopp’’o vrustell (Maria non capisce), ma si, nun ve pigliate collera, ve crero…nunce sta niente, l’avite fatto tanto ‘na chiavica…ma se po’ avè ‘stu bicchiere d’’acqua ?

Maria- No, s’è fatto tardi e ha chiuso ‘a banca ‘e ll’acqua…va, vattenne ca sta ‘a guardiola ‘a troppotiempo sola. (Concetta si alza e guadagna l’uscita borbottando, Maria non la segue).

Concetta-Me ne vaco, me ne vaco….chi gente, manco nu bicchiere d’acqua….

(Concetta esce,non chiude la porta che resta socchiusa, Maria sistema i fiori, canta… ) Gennaro- (Quatto, apre piano la porta cogliendo di sorpresa Maria)Notizie sconvolgenti !!!

Maria- (Si porta una mano in petto e si sorregge a una sedia, si gira e vede Gennaro)Puozz’ittà

âcito…m’he fatto squaglià ‘o sanghe ncuorpo…

Gennaro- Ech’è trasuto ‘o mammone ?

Maria- No, si trasuto tu.

Gennaro- (sorride)Vabbuòvulite dicere che so’nu poco bruttulillo. Maria- Nu poco…? Per metàdi sicuro, quell’altra metà…nonpervenuta !

Gennaro- Sono salito perché ho delle notizie troppo interessanti che vi sconvolgeranno.

Maria- Tutt’a pposto invece, scinnetenne ch’è venuta Concetta a cercarti, nun l’he ncuntrata?

Gennaro- No, io sto saglienno cu’ll’ascensore, essa sarrà scesa a pede..

Maria- Nun me sierve cchiù, saccio tutte cose.

Gennaro- E invece nun sapite niente, mò m’avita fa fà’ Natale….

Maria-  (allarmata)  Ma  ch’è  stato  ?  Trase,  assiettete….vuoi  bere  qualcosa,  nu  the,  nu  cafè…nu

cretino…

Gennaro- Comme ??

Maria- No, scusami, ti stavo osservando…

Gennaro- Alle !

Maria- E stavo soprappensiero, un crodino…qualsiasi cosa…

Gennaro- No, grazie, tanto…’o stesso nun m’’oddate.

Maria- Allora, che saje ?

Gennaro- Prima, quando sono salito a portare il pacchetto che mi avete dato da posare nel mobile, e io

ve l’ho posato dove voi mi avete detto…però…ho dovuto perdere tempo perché non c’era spazio…e

allora…

Maria- Va bbuò, fa ambressa, vieni al dunque.

Gennaro- Addò aggia venì ?

Maria- Fa ambressa, dimmi l’essenziale.

Gennaro- Si, ho fatto spazio nello stipo perché non c’era posto…allora ho tolto le bottiglie e le hoposate per terra, ho tolto le buatte e le ho posate per terra, ma c’erano anche altri pacchetti e…. Maria- ll’he pusate pe’terra…

Gennaro- no, ncopp’’o mobile, poi… Maria- (spazientita)Che saje !!! Gennà…che sa-je ! Gennaro- ‘O marito vuosto…don Pasquale, …vostro marito… Maria- (impaziente)Mariteme !

Gennaro- …se tene ‘a cammarera.

Maria-‘a cammarera ?

Gennaro- Si.

Maria- A Lina ?


17


Gennaro- Si.

Maria- (nauseata)’A serva ?

Gennaro- Vuje una ne tenite…

Maria- Ma tu comme ll’ he saputo ?

Gennaro- Quando ho posato i pacchetti, che ho dovuto fare spazio e prima avevo preso le bottiglie, poi

le buatte…

Maria- (esausta)‘N ata vota ? Ch’he visto ???

Gennaro- Si sono abbracciati, e quando mi hanno visto se ne so’ gghiute pe’ nun me fa capì.

Maria- Madonna, che schifo, cu ‘a cammarera !

Gennaro-Ma pecché, si era cu’ ‘n ata?

Maria- Faceva schifo ‘o stesso, ma accussì me fa ancora cchiù senso. Ma mò saccio io chelloch’aggiafa…so io come vendicarmi.

Gennaro- E comme ?

Maria- Nun t’o pozzo dicere…ma t’’o ffaccio sapé, accussì ‘ovvaje dicenno a tuttu quante. Gennaro- E che faccio‘a capèra ?

Maria-‘Acapéra? Tu sì peggio d’’otiggiuno,‘o tiggidue ,’o tiggitrè e ‘o tiggiquattro mise nzieme. Gennaro- No

Maria- Pecché, nun è overo ?

Gennaro- (offeso)No, ‘o tiggiquattro no !

Maria- Và, vattenne, po’ ce vedimmo.

Gennaro- Ce vedimmo…(intende che deve avere la ricompensa)

Maria- Io ce veco, tu, accussi accussi.

( Gennaro esce, Maria pensa, prende una rubrica, si avvicina al telefono e compone un numero). Maria- Buongiorno, sono la signora Esposito…via Berio 2, secondo piano, si…mi mandate il ragazzo?Mi raccomando, un bel ragazzo….Uh….scusate…avete ragione, stavo sovrappenziero….la

spesa….Allora…due teste di carciofi ? ….E già,       l’aggia sapè io…si, le carcioffole…c’’e facimmo

stufate…nun è tiempo ‘e carcioffole ?….E allora mandatemi…..duie chile ‘e mulignane…c’’e facimmo

‘a scarpòne…nun so chelle p’’e ffa’ a scarpone ? E c’’e facimmo a fungetielle…due banane…due …in senso metaforico….(fra sé) chesta è comm’’o purtiere…simbolico, due, per dire un po’, che

saccio…’nu chilo….po’ …cipolle, agli, cucuzzielle…cetrule…tutto un chilo…(rispondendo) finocchi ?

No, i finocchi no…se ne so’ gghiute mmo mmo , no niente…’na cosa mia…so’ assaje, ‘e ttenimme ! Si, si…ll’addore…ha ddà essere prufumato…..mi raccomando, presto….io m’appriparo…..a ffa’

mettere ‘a spesa a pposto…sissignore…vabbene, poi scendo e vi pago io…o ve manno ‘o guardaporta…statevi bbene.

(Maria, con stizza toglie tutti i fiori che aveva messo nei vasi, poi si trucca, si accorcia la gonna, si scopre la spalla. –consiglio:si potrebbero allungare i tempi teatrali con musichetta e luci adatte.-Suona il citofono )- Esposito…secondo piano…prendi l’ascensore, non ti sfiancare.-(Maria apre la porta e si mette di spalle, entra Peppe).

Peppe- (è un uomo molto brutto, trasandato, sdentato, con un grave difetto di pronuncia).Permetto,Potto entare ?

Maria- Accumminciammo bbuono, chisto tene tre quarte ‘e lengua…ccà tutte tenenococcosamancante…speriamo nel resto…un macho…

Peppe- ‘ignò..ho potato la ppeta.

Maria- Vulesse‘o cielo che almeno fosse frisco…

Peppe- ‘utto robba fresca.

Maria- Puose lloco nterra, vicino ô lavello.

Peppe- ‘ignò,m’aggia puttà ‘a cattetta.

Maria- (immaginando quello che potrebbe accadere dopo)e allora sistema tutto nei cestini,  fa cuonce

cuonce…chiano…

Peppe- ‘O cucuzzieglio andò ‘o metto ?

Maria- ‘O cucuzzieglio…’o cucuzzieglio…ah, ‘o cucuzziello ? E…aspiette,nun gghì’ ‘e pressa…


18


nun è ancora ‘o mumento.

Peppe- Chè ?

Maria- Lloco, lloco ssotto…

Peppe- E‘a banana ?

Maria- Nun gghì ‘e pressa, sempe lloco…lloco sotto (Maria si avvicina)

Peppe- E‘sti cachisse ?

Maria- C’’eddamme sulo a isso…ma tu ce staje ?

Peppe- Sto ccà.

Maria- Si, ma ce staje…?

Peppe- Sto ccà…guaddate…

Maria- (si gira, inorridisce)Mamma d’’o Carmine ! Chiste si vene dint’’e suonne a Dario Argento ‘o

fa  fa sotto d’’a paura. Staje ancora qua ? Vattenne ! (lo spinge).

Peppe- ‘Acattetta…(la prende, si trattiene) ’e sòdde… Maria- (Maria lo spinge fuori)Vengo io a pagare, và, vattenne ! (chiude)Mostro !!! (si ferma per unattimo davanti alla porta come a tenerla chiusa) Chella ‘a lengua era la cosa migliore ca teneva…..’o

friddo ncuollo…m’ha fatto azzellì ‘e ccarne…..(pausa) Non mi devo perdere d’animo…vediamo in un

altro esercizio. (Maria si riprende, beve, si ricompone…cerca nella rubrica poi telefona)

Maria- Pronto, bar La Palma ? Mandatemi un cappuccino e una brioche….con il ragazzo….la ragazza ?

Ma come, adesso al bar lavorano le ragazze ? Nun fa niente…grazie lo stesso…(infervorandosi man mano) no, nun è ‘a stessa cosa…no nun va bbuono ‘o stesso…si, ‘e femmene me stanno ncopp’’ostommaco….ueh, ‘o cappuccino nun ‘o voglio cchiù! Ma vedi questa indisponente…voglio un maschio

e maschio ha ddà essere…(posa il telefono, riprende la rubrica)Vedimmo chist’ato.( compone un altro numero) Pronto, bar Moka ? Mi mandate un caffè con un maschio ?No, no Maschio ‘o vino, che faccio‘o ccafè corretto a vino ?…eh eh…ed anche un orzata con il ghiaccio. Il ragazzo, il garzone dev’essere maschio…’o ssaccio io, si, m’ha ddà dà na mano a spustà ‘na cosa. Solo maschi…eh eh …Esposito, via Berio 2…secondo piano…mi raccomando fategli prendere l’ascensore…grazie, arrivederci. (posa il telefono)Il caffè per me e l’orzata per il ragazzo, per dargli energia… mo vedimmo….

(luci come sopra, Maria si dà una risistemata e si scopre ancora di più- Bussano alla porta-)

Maria-Gia sta ccà ? Chisto è troppo veloce ! Vengo, aspetta un attimo, ancora un momento…(apre evede Gennaro che si affaccia alla porta- lazzi-).Uh, stai ‘n ata vota ccà ? Ma tu si nu guaio ‘e notte, ‘ejuorne e tutt’’e mumente. Vattenne che aspetto visite. Menu male ch’è ‘n atu ppoco. Gennaro- Vi siete messa appaura un ‘altra volta ?

Maria- No, mi sono abituata, e po’ doppo ‘o verdummaro non mi fa specie più nessuno…nemmenotu…mezzo uomo !

Gennaro- Io miez’ommo ? Lasciamo perdere, non coglio,ho portato la bolletta dell’enella… Maria- E non la potevi dare a mio marito ? Dammi qua, scendi….si no chiammo a mugliereta….

Gennaro-Scendo, scendo…(Maria chiude, legge la bolletta, la mette in un cassetto)

Maria- Sta cammarera me sta facenno arrivà pure ‘a bulletta sempe cchiù cara, fa tutte cose cu’ll’acquacavera…pecché nun ‘a pava essa ! ‘A scopa elettrica, ‘a lavastoviglie…tutt’’e cummedità.

(Suonano alla porta, Maria va ad aprire. Il ragazzo è decente, Maria tira un sospiro di sollievo) Ah, questo si…vieni, entra…metti sul tavolo. (il ragazzo esegue)…Dai, rompiamo il ghiaccio (il ragazzo tenta di rompere icubetti di ghiaccio) Certo questo non depone a suo favore…Senti…tu come ti chiami

?

Franco- (inflessione femminea)Io mi chiamo Franco, ma tutti mi chiamano Kekka.

Maria- (facendosi cadere le braccia)E chisto è propeto‘na checcama che d’è ‘n assedio ?…Emo che

faccio? Ma proprio Kekka Kekka ?

Franco- Sarebbe il vezzeggiativo di Francesca

Maria- È bellillo… te piace ‘o vezzeggio, ma tu, con le donne…?(cenno con la mano)

Franco- No-o…non mi piacciono proprio, io sono esaggeratamente omosessuale.

Maria- Si ?E vattenne…esageratamente…comme si fosse na cosa bbona.

Franco- Signora ma chec’è, che viho fatto ?


19


Maria-Niente..nun m’he fatto niente e niente me farraje, chist’è ‘o guajo.

Franco- Io sono come tutti glialtri…

Maria- Come tutti gli altri no, e a mme me staje pure antipatico…pigliate ‘o ccafè , l’orzata epuortatille, nun ‘o vvoglio cchiù …e non ti pago neppure, nun te voglio dà manco ‘a mazzetta…(lo prende per il giacchettino e lo spinge fuori dalla porta).

Franco- Ma che vò ‘a me ‘a signora ?(uscendo)Gesù, Giuseppe, Sant’Anna e Maria…

Maria- (Chiudendo la porta)eh, ‘o  rusario ll’avessa  dicere io…nun ce  ne sta  uno bbuono:….’o

fruttajuolo mostro, scemo e cacaglio…’e bbariste femmene, ’o barrista femmenello…’o purtiero malandato…miezo malandato…nu poco malandato…chi sa ? (Pensa) È nu poco malandato..nu poco…ma tene ‘o debbulo pe’ mme…non ha occhi che per me…un uocchio…ma sulo pe’ mme…mi farebbe mille carezze…cincuciento va…e se lo chiamo fa le scale a qua…a ddoje a ddoje e mò piglia pure l’ascensore…è ll’urdemu tentativo, po’ si nun va bbuono…(si commuove) me vaco a fa’ monaca ‘e clausura. (prende il citofono e chiama con tenerezza) Gennaro, sali un momento…sono la signora Esposito…lascia la guardiola sola che ti conviene…chi ‘o sente a ll’amministratore? Ma nun ire surdo ? Ah, già, ‘e rrecchie songo bbone…già è ‘na cosa…ce penzo io cu’ll’amministratore…il compenso ? Più del compenso…dipende pure dalla resa…vabbuò…’o saccio io …(urlando) saglie !!! (c.s. Maria si riscopre – suonano- apre la porta).

Gennaro- Non mi offrite niente perché non prendo niente(gesto eloquente)e vado di fretta, (vedendoMaria semi-scoperta rallenta nel parlare come a cadenzare le parole) tengo ‘a guardiola sola, sola,sola.

Maria- Che d’è, t’ha pizzicat’’a tarantola, vuoi fare la pizzica?

Gennaro- Eh, chillo nu pizzico ce vulesse pe’me fa ripiglià…non prendo niente…

Maria- No, tu stavoltanon devi prendere…

Gennaro- Che devo fare?

Maria- E aspè,mica è facile…tu mi hai sempre detto che ti piaccio. Stavolta sei tu chedevi dare…

Gennaro- (comincia a capire, s’intimidisce e fa fatica a parlare)Si…ma..checo che co..co sa ?

Maria- No, ti prego, meza lengua noma comme…mi hai sempre fatto capire che mi avresti…dai, fai

venire fuori la parte sana che c’è in te.

Gennaro- Si…ma nun v’’a pigliate…l’ommo fa…fa

Maria- E tu chello he fa !

Gennaro- L’ommoè farenello

Maria- E tu mò lieve ‘stu farenello ‘a miezo.

Gennaro- Eaddò ‘o metto ?

Maria- Uh Gennà…te lo devo dire io ? Mò he fa sulol’ommo, adesso mi devi far vedere quanto vali(lo attira con il dito nella camera, Gennaro si lascia attrarre) Vieni…vieni nel mio antro.

Gennaro- Venco, venconel lantrone…

Maria- M’ha pigliata pe’ nu palazzo ‘e case, nun esaggerà ! Vieni….

Gennaro- CheDio me la mandi bona….io a cca nun esco vivo…

Maria- Vieni…guardapurtiello mio.(escono dalla porta della camera, Maria camminandoall’indietro, Gennaro attratto dal dito di Maria.)

Musichetta

(entrano Lina e Pasquale…Lina si rimette a fare i servizi e Pasquale dopo aver bevuto, va verso la camera e vi entra per uscirne subito concitato)

Pasquale- Che schifo ! A letto c’’o guardaporta !

Lina- Ma chi ?

Pasquale- Mia moglie.

Lina- Ah,(contenta)  E a te che te ne importa ? Un motivo in più per lasciarla e costruire il nostro nido

d’amore.

Pasquale- Ma quale nido e nido…cu’ ‘stu pare ‘e corna ca m’ha miso me sento comm’a dint’a ‘nastalla…nu voje…Nu maruzzaro cu’’a sporta ncapa…Cu’ ‘stu pare ‘e corne devo abbassare la testa quando passo sott’’e pporte…’A capa me pesa….’a capa…’a capa (si lascia cadere su una sedia).


20


Lina- Ah, allora a me mi tieni per passatempo? … Etutto quello che dicevi di tua moglie, e il bene chemi volevi…i proggetti…? E nun sta bbene !

Pasquale- Ma no, senti, vieni qua…(si alza, le avvicina tira fuori un oggettino dalla tasca)vedi se citengo, avevo preso questo laccettino per il nostro anniversario…(glielo porge)

Lina- (lo prende con la mano sinistra, poi con la destra gli molla un ceffone)Per chi mi hai presa ?Non sono una mantenuta, sono stufa….vai a morire ammazzato, tu e quella zoccola di tua moglie…’e ccorne ca tiene e l’incapace che sei…(apre la porta e se ne va)

Pasquale-(fa per correrle dietro, arriva alla porta)…mavieni qua (la chiama per le scale)…tornaindietro…Lina…Lina…(alza la voce in crescendo) ’o laccettino…(Chiude la porta e prende il citofono) Concetta scusate, fermate Lina, la cameriera che sta uscendo. Niente ? Sta correndo ? Ecurritele appriesso..Tenite ‘e bolle sott’’e piede ?…Mannaggia !!!.(posa il citofono perché sente qualcuno arrivare).

(Escono dalla stanza, esausti, Maria e Gennaro – lazzi-)

Maria- Equesta è solo la prima parte di tante puntate…

Gennaro- ‘Eppuntate… Io nun ce ‘a faccio cchiù, amme se chiejeno ‘e denocchie, me pare ‘nu

colossàll….ce vulesse ‘nu zampagnone.

Maria- Te lo faccio io lo zabaglione…

Gennaro- Si, na decina d’ove è miezu pacco ‘e zucchero.(Si butta su una sedia)

Maria- He capito a Gennaro ? Miezo a ccà, miezoa llà e…tutto addò ha ddà stà ! eh eh(vede il marito,cambia tono) Ueh,tu ccà staje ? …(Gennaro salta in piedi e si va a mettere in un angolo)E vide ‘e fa‘e bbagaglie, ccà nun ce sierve cchiù. (prepara lo zabaglione a Gennaro mettendovi tre cucchiai di zucchero)

Pasquale- Che vergogna, cu’’o purtiere ! Maria- Cu’’o purtiere ? Tenisse tu chello ca tene chisto…(lazzi di Gennaro)

Pasquale- Ma che tene…che tene ?(in senso dispregiativo)‘Stu poverommo e pure spia e traditore:

‘Stu miezu cecato, ‘stu miezu ciunco, stu miezu…miezu…

Maria-‘Stu miezu che ? Gennaro è tutto frutto (lazzi di Gennaro, Maria aggiunge altro zucchero allozabaglione) Ce lo metto il marsala , si ? (Gennaro annuisce, Maria esegue)

Pasquale- Pecché, ‘a frutta soja è meglio d’’a mia? Maria- ‘A toja è moscia e nzuarata…tu,si nu miez’ommo.

Pasquale- ….Tuttofrutto…e mò ce ‘o faccio vedé io…ll’arapo ‘a capa e ‘o faccio ascì ‘e semmente.

(prende un bastone e insegue Gennaro intorno al tavolo) Aspiè, t’aggio arapì ‘a capa…Spione e traditore ! (a sua volta Maria prende il bicchiere con lo zabaglione e segue i due – musica ad effetto velocizzante ) Gennà…fermati, t’aggia accidere!

Maria- Gennà…fermati…devi bere lo zabaglione!!!!

Pasquale- Fermati ti devo uccidere.

Gennaro- (si fermano per un attimo di fronte, intorno al tavolo))Prima il zampagnone ! Pasquale- e già, accussì curre cchiù fforte, t’aggia primma accidere…

Gennaro- Si, e po’ comme m’o bbevo ? Famme fuì !(approfittando dell’indecisione guadagna laporta) Aiuto !!!

Pasquale-(lo segue)Fatti acchiappare…chist’ha sciugliuto ‘e ccosce..Gennaro ! Maria- (li segue, ma si ferma sulla porta) Gennaro, fermati, dobbiamo completare. Gennaro- Aiuto !

Voce fuori campo di Concetta-: Gennà, Gennaro…addò vaje ce sta ll’amministratore !!!(dopoqualche secondo di pausa compare sulla porta l’amministratore mentre Maria è girata verso la cucina) Amministratore- Signora eccoci !

Maria- (colta di sorpresa butta il contenuto del bicchiere per aria-nel lavello)Uh puzzat’ittà âcito,m’ha fatto sciogliere ‘e vviscere…

Amministratore- Come ?

Maria-No…spero non sia giunto fino in fondo…

Amministratore- Invece ci siamo.


21


Maria- (equivocando)Pecché , se sente ?

Amministratore- Che cosa ?

Maria- (si tocca il naso)La mancanza….

Ammninistratore- Che ?

Maria- Involontaria…

Amministratore- (glissa)Mah,(apre la borsa e sventola un foglio)Ho le firme degli altricondomini…Gennaro lo potete ritenere licenziato.

Maria- (aggressiva)Che cosa ?

Amministratore- Certo, in quelle condizioni…

Maria- E nun ve mettite scuorno? Un vostro simile…

Amministratore- Ma non è mai al posto suo…

Maria- Gennaro sa sempre dove deve stare..

Amministratore- (incredulo)Oh mio dio, ma queste sono cose che avete scritto voi…io divento pazzo ! Maria- Ho scoperto doti impensabili in Gennaro…e voglio canun se move a ccà fino a quando moreisso, murite vuje e murarranno tutt’’e muorte vuoste…

Amministratore- A ll’ossa vosta…ma tu videachesta… Maria- Pirciò, stracciate chillu foglio !

Amministratore- (quasi fuori di senno)No, io il foglio non lo strappo….

Maria- (Maria tenta di prendersi il foglio dalle mani dell’a mm.re)Dateme ‘o foglio… Amministratore- No, io il foglio non ve lo do.

Maria- Datemi il foglio…(L’amministratorelo porta alla bocca mentre Maria tenta di fermarlo).

Amministratore-     No    il    foglio    non    ve    lo    do,    piuttosto     me    lo           mangio…si,      me     lo

mangio!!!(freneticamente lo strappa  se lo mangia mentre Maria corre verso la porta)

Maria- Aiuto, Currite…è asciuto pazzo l’amministratore…(poi dalla porta al tavolo più volte)Currite…chiammate nu duttore.

Aumenta la musica…cala il sipario.


Fine

Napoli 20/ottobre/2012


Antonio Covino


22


23


Nun è sempe dint’a ‘na jurnata ‘e sole ca truove ‘a felicità

24

    Questo copione è stato visto
  • 0 volte nelle ultime 48 ore
  • 0 volte nell' ultima settimana
  • 0 volte nell' ultimo mese
  • 1 volte nell' arco di un'anno