Mi è sembrato di vedere un gatto

Stampa questo copione

MI E’ SEMBRATO DI VEDERE UN GATTO

MI E’ SEMBRATO DI VEDERE UN GATTO

(Libero adattamento da Giorgio Faletti “Porco il mondo checiò sotto i piedi)

La scena si svolge in una clinica veterinaria, in sala d’aspetto

PERSONAGGI

 Vito Catozzo

Derelitta Catozzo

Addolorata Rosita Catozzo

Derelitta – Addulurata, comu sta u iattareddu?

Addolorata – (Guardando dentro il cesto dove porta la gatta, emette un suono incompresnibile che solo la madre capisce)

Derelitta – U sacciu ca è ‘ncinta, dicu po stari n’autra anticchia o già ci semu?

Addolorata – asdgggkjòlhjk

Derelitta – A, va beni, speriamu ca resisti qualche minutu ancora ca già avissa a essiri u nostru turnu

Addolorata - asdkfjghfjghò

Derelitta – Chi dici? Picchì non a faceumu fighari a casa? E comu faceumu cu to’ patri ca è allergicu e iatti? chiddu sulu ca vidi un cartoni animatu di gatto Silvestro si metti a stranutari ca pari un cumprissuri...

Voce da dentro – Signora Derelitta Catozzo, prego si accomodi...

Derelitta – Mi raccumannu aspetta cca, po darsi ca mi veni a circari qualcunu ci dici ca aspetta...

Addolorata – aasdkgfhljhò

Derelitta – Comu cu ci u dici ca semu cca? N’o sai ca a puttunara è talmenti ‘nfacciddera ca sapi i ffatti di tutti ‘nto nostru palazzu e macari ‘nta chiddi vicini? Capaci ca si veni u papà ci u dici ca semu cca

Addolorata – aasdjghfkjlò

Derelitta – Va beni va beni, ora lassimi iri se no è troppu tardu (prende in mano il cestino ed entra nella sala operatoria)

Addolorata - (si siede, si attacca le cuffie e canta, a suo modo la canzone che sta sentendo) asdfkòlà asdgjk adgjklò asdjgkòl  ...

Vito – (entra sparato e si aggira per la stanza cercando dovunque prima di scorgere la figlia, quando la vede ha un susulto di ribrezzo e poi, quando si è riavuto gli rivolge la parola) Addolorata chi è cca to matri?

Addolorata - (a causa delle cuffie non sente e continua a cantare)

Vito – Addolorata! Ti ordino di ascoltarmi (visto che non ha risposta, accortosi delle cuffie gliele tira via e ripete la domanda) Leviti ssa fabbrica di scrusciu ca diventi chiù tontira di quantu si’ ... ti dissi chi è cca to matri?

Addolorata – asdfhgjkl

Vito - (si morde le mani) Ma di cu pigghiasti ca quannu parri assumigghi a un richiamu di baleni zoppi? Chi è ca dici?

Addolorata – asdfghlkjhò

Vito – Va beni si ...Ascuta: andura passai d’a casa e non truvai a nuddu, allura scinnii ‘nta dda ‘nfacciddera d’a purtunara, ca tantu chidda sapi i fatti di tutti, e mi dissi sti testuali paroli: “Derelitta non è a casa” iù allura subitu ci dissi: “ e unn’è?” e iddu: “si ni ìu a clinica di urgenza” a mia u pumu d’adamu m’acuminciau a chianari e scinniri a ducentu all’ura, peggiu d’u palluni di pallacanestru a manu di magic Jonson, e ci fazzu: “comu a clinica? E chi si ‘ntisi mali?”  e diiu mi fa: “Chi sacciu, quannu nisciui c’era me mugghieri, comunqui si signau u nomu e l’indirizzu d’a clinica” e m’u desi. Iù subitu acchianai supra a me Super car...

Addolorata - (con aria interrogativa) asdgjhlfkgga?

Vito - ... a centuvintisei, va’, subitu partii a razzu, ‘nta primura mi ‘ncucciai a baracchedda d’e muluna e ci a sduvacai ‘nterra, e unu ca si stava manciannu un muluni mu strascinai finu a cca, iddu gridava ma a me mi pareva a sirena, taliama arreri e non vireva nenti tantu ca dissi “cca mi stanu vinennu i lucidazioni comu a Ulissi ca sinteva ‘e sireni e ‘nveci era so’ mogghi chi passava a cira ...ma tantu cca è spitali ora u riezzunu... ‘unsumma si po’ spiri chi successi a to matri? E picchì a purtasti propriu cca? Appena trasii si sintevunu i malati ca gridavunu comu i cani e i iatti, sa’ comu i trattunu mali ... Ma to’ matri unni è? chi ci succiriu si po’ sapiri?

Addolorata - (come ripetendo una cosa già deta e che il padre non vuole capire) asdfaldkjhgkj alsdghkjhgl!

Vito – Si ciau! E cu a capisci a chista? (si guarda intorno e chominciaa chiamare) Nuddu c’è? Nuddu c’è ‘nta stu schifiu di postu? (gridando come un ossesso) Vogghiu sapiri unn’è me mugghieri!!!!!

Dottore(o Dottoressa) – Chi ssu sti vuci?

Vito – Dott. finalmenti! Comu sta a malata?

Dott. – Bene! Sta per partorire. Si sono già rotte le acque, Tutto regolare. (e ritorna dentro)

Vito – Sta per partorire? e unni è ca havi a ghiri? Accussi partorisci per un viavvio senza dirimi nenti a mia?

Addolorata  - (si avvicina a lui e con il suo linguaggio e con i gesti cerca di fargli capire il significato dela parola partorire)

Vito - (dopo aver stentato un po’ finalmente capisce, si blocca un attimo e poi) Partorire nel senso ca si avvisunu parenti e amici ca sta arrivannu un angioletto nella mia casa? (a questo punto comincia a starnutire) Abaraship ... ashibaba ... abaracciòòòòòòò!

Addolorata - (investita dallo spostamento d’aria vola indietro e va a ruzzolare lontano ma Vito non se ne accorge)

Vito – Oh Derelitta, picchì non mi dicisti nenti? Picchì mi hai nascosto il tuo dolce segreto? Va beni ca a me mi piaciunu i sorpresi ma m’avissi accuntintatu macari di na sciarpa... Porco il mondo chi ciò sotto i piedi! Mi stanu vinennu i dogghi macaria a mia. Ciò le fritte nella panza (si accascia su una poltroncina e stira le gambe) Derelitta mugghieri mia bedda, ora suffremu assemi, berremo questo amaro calice fino alla freccia...

Dott. – E’ nato! E’ maschio, tutto bianco (il dottore scompare mentre Vito cerca di raggiungerlo)

Vito – E certu ca è iancu, chi m’hava nasciri africanu? (verso il dott.) E chi ci pari ca i figghi mi nasciunu scozzesi, tutti a quatretti comu a gonna di Highlander? (si gira verso la figlia che si sta rialzando) Cuntenta ca rriva u fratellinu? (ricomincia a sentire prurito al naso)

Addolorata - (all’avvicinarsi dello starnuto si rifugia dietro le sedie)

Vito - Abaraship ... ashibaba ... abaracciòòòòòòò!

Addolorata - (ruzzola nuovamente per terra)

Dott. – Ne è nato un altro: femmina (scompare di nuovo)

Vito – Miii! Misentu comu l’Enterprise colpito di uno sciame di meteoriti! Un autru! Parto bigello? Un masculu e ‘na fimmina, fiocco rosa e fiocco azzurru. Ho fatto l’amples comu o Casinò. Modestamente non sugnu n’omu: sugnu un superalcolico delle nascite, fazzu vidiri tuttu duppiu (ricomincia a pruderlgi il naso)

Addolorata - (scappa fuori dalla sala)

Vito - Abaraship ... ashibaba ... abaracciòòòòòòò! (distruzione totale)

Dott. - (rientrando) Ne è nato un altro: tutto rosso

Vito – Comu russu? Chi è arruggiatu?

Dott. – No, di pelo rosso. (rientra)

Vito – Di pilu russu? ... e certu u cugnatu di me’ patri era russu comu un semafuru, na’ vota a chiazza si livau a coppule e tutti i machini si firmaru ... Mamma mia! Tri gemelli, comu o lottu: terno secco sulla ruota di Catozzo! E ora hama pinsari a tri nomi...

Dott. – Ne sono nati altri due, ma ce n’è un altro...(esce)

Vito - (si accascia sulla sedia) Sei gemelli! E cca non è ca arrivau a cicogna, arrivau u condor, u Stenodattilo, l’aceddu preistoriato di l’omini primitivi. Porco il mondo chi ciò sotto i piedi! Sono entrato nel bisnes dei primati, cca mi fanu u serviziu a Tele Camporeale

Dott. – (Stavolta esce e comincia a togliersi i guanti e mettersi a suo agio)

Vito – Dutt. a matri comu sta?

Dott. - Benissimo, le devo fare i complimenti. E’ molto ben tenuta, senza pulci ...

Vito – I pulici? Ma chi sta dicennu? Chidda non ha avutu mai  mancu a forfora...E i nicareddi comu sunu?

Dott. – Ah, una meraviglia, poppano che è un amore, tutti attaccati.

Vito – Tutti attaccati? E chi sunu siamesi?

Dott. - Solo due...

Vito – Porco il modo chi ciò sotto i piedi! E ora chi fazzu?

Dott. – Beh, se non le piacciono appena svezzati li può dare via...

Vito – Comu dare via?

Dott. – Basta sapere che vadano a stare bene, Se vuole uno glielo prendo io, così mia figlia ci gioca.

Vito – Dott. ma ppi ccu mi pigghiau, ppi unu ca i va dannu accussì...?

Dott. – Pensi che c’è gente che li annega...

Vito - (si porta le mani alla testa disperato) Mondocano, chi cosi ca s’hana sentiri... Ashibaba...

Dott. – Prego?

Vito – Prego ... chi?

Dott. – Ha detto qualcosa ... ashibaba ... mi pare

Vito – Iù dissi ashibaba? E chi sugnu Sardocan ca dicu ashibaba? ... Abaraship....

Dott. - (inidcandogli la bocca con il dito) Vede? Adesso ha detto Abaraship..

Addolorata - (entra, vede la scena del padre che sta per starnutire, cerca di mettere in salvo il dottore...)

Vito - Abaraship ... ashibaba ... abaracciòòòòòòò!

Addolorata . Dott. - (sono trascinate dalla forza dello starnuto e ruzzolano via)

Vito – A sapi na cosa Dutt. ? si non sapissi ca non po’ essiri diccissi ca cca c’è un jattu!

Dott. – Ma lei è allergico

Vito – Un pocu...

Dott. – Un poco assai... Venga che le do’ qualcosa e nel frattempo credo che debbo spiegarle qualcosa a proposito dei gattini che lei non ha capito...

Vito – Gattini quali gattini?

Dott. – Venga, venga che le spiego...(entrano nella sala operatoria)

Derelitta - (uscendo con il paniere con gatta e gattini li porge a Addolorata) Teni Addolorata ca u/a dutt. ci sta dannu i pinnuli o papà pi l’allergia.

Addolorata - (nell’attesa gioca coi gattini nella cesta) asdagkjlò asdòglkj

Derelitta - (uscendo di nuovo e parlado verso l’interno) Daccordu dutt. deci o iornu, di sti ormoni di pollu ... ma non ci parunu assai? No? Va beni non è ca ci vogghiu ‘nsignari u misteri ma tutti sti ormoni di pollu maprunu assai a mia ... dacordu, daccordu arrivederci

Vito - (esce anche lui un po’ scombussolato) Perciò erunu iatti, non picciriddi e iù ca crideva ... e ora comu facemu cu st’allergia ca haiu?

Derelitta – E si pinnuli ca ti desi t’avissuru a guariri, dici ca l’ormoni di pollu sunu indicatissimi ... a propositu comu ti senti?

Vito - (mentre tutti e tre escono di scena) Bonu, comu m’haia a sentiri chi chi ... chicchiri chi ... co co .. co coccodè ...(esce col verso e le movenze da gallina)

Fine

    Questo copione è stato visto
  • 1 volte nelle ultime 48 ore
  • 2 volte nell' ultima settimana
  • 6 volte nell' ultimo mese
  • 121 volte nell' arco di un'anno