Mi frana la terra sotto i piedi

Stampa questo copione

Mi frana la terra sotto i piedi (2000)

Me frana la tera sota i pe.

La crisi dei cinquant’anni attanaglia tre mariti che cercano di dare nuovamente senso alla propria vita. Consigliati da un comune amico scapolo, dopo una serie di sotterfugi, evadono dalla rouitine quotidiana per cercare una risposta nei lontani “paradisi sessuali”. Le mogli, rimaste a casa con lo scapolo, prendono coscienza della loro identità e si emancipano. Il ritorno a casa per i tre uomini sarà traumatico: oltre a non aver trovato le risposte che cercavano, dovranno fare i conti con le mogli non più disposte alla sottomissione a cui erano abituate.

Le situazioni esilaranti e spesso paradossali che costellano la commedia, sottolineano la paura di affrontare la vecchiaia, tema tanto sentito nella nostra società, e il prezzo pagato per scelte sbagliate ed illusioni frustrate.

La commedia (formato PDF) è pensata in dialetto e tradotta in italiano in maniera molto letterale per poter comparare meglio le due versioni. Poco si presta quindi ad una recitazione in italiano salvo sostanziali interventi sul testo. Ritengo, invece, che ben si adatti ad una ritraduzione nei vari dialetti locali. Per eventuali informazioni sarò lieto di mettermi a disposizione di chi lo richieda.

Paolo Bianchi

Via Europa, 2

25070 Ponte Caffaro (BS)

Tel. 0365 990000

Cel. 3494031214

E-Mail  paolo.bianchi49@tiscali.it


2

Mi frana la terra sotto i piedi

Commedia in tre atti di Paolo Bianchi

Personaggi:

Cico

Clara - moglie di Cico

Marcello

Antonia - moglie di Marcello

Placido

Roberta - moglie di Placido

“Principe” - amico comune , scapolo

Rumena - immigrata


3

Atto 1º

Scena 1ª

(Il sipario si apre su una sala dove i tre mariti, Cico, Marcello e Placido, visibilmente annoiati, non sanno come passare il tempo. Cico lancia freccette verso un bersaglio, Marcello guarda la televisione e Placido svogliatamente gioca a solitario).

Cico:

Che patata...

la sarà mia vita chesta....

Placido:

Fa sito

te spète la dominica en grasia per deertìt e la va a fenì che te ghe

òa che rìe ‘l lönesdé per na a laorà...

Marcello:

Te ghe rasù

me su meno stöf söl laorà che quando su a chè ....

Cico:

Col laorà che te fe, mia che t’el desìes no! ...

Resta ‘l fato che sum dre a

vegnì vecc e stüpecc

... se ghe dom mia na stersada ala vita me pasa i agn

sensa nascorsisen...

Placido:

Ghet qualche edèa?

Cico:

Te par che se gaès qualche edèa stares che con du martaloni a spetà che

rìe sira?

Marcello:

Ardì che le coriusa!...

Quando sérem zuegn e ghe nàem gna ü da fa cantà

‘n orbo me mancàa fina mai ‘l tep per fa chel che gàem ndel cò...

ades

che quater palanche ghei arésem e a ‘n po’ de tep... som pö che fa....

Placido:

Ve recordif che deertìde? Gàem gna ‘l tep de dormì

... e feste...

e na a

balà...

e l’està sèmper ’n giro per i mucc!...

Cico:

(a Placido) Te lasa perder i mucc... te nàe semper a dormì ciòc ciochento

che ‘l vegnìa ciàr e fina a sira ghera mia meso da tiràt fo dala tenda!

Marcello:

Ntra töcc!

Cico:

L’è enutèl na a rivangà quando sérem zuegn....

l’è ades che besögna troà

argot da fa!

Marcello:

Che età... che età la nosa! Sum gna carne gna pès....

sum mia vècc da

ricovero, le almeno te si pacifec, te fe le to girade, quater ciacere...

però

gom pö gna l’energia dei zùegn... völaresem fa ma gom mia la forsa...


4

Atto 1º

Scena 1ª

(Il sipario si apre su una sala dove i tre mariti, Cico, Marcello e Placido, visibilmente annoiati, non sanno come passare il tempo. Cico lancia freccette verso un bersaglio, Marcello guarda la televisione e Placido svogliatamente gioca un solitario).

Cico:      Che zuppa… non sarà vita questa!

Placido: Non dirmelo!...Aspetti in ansia che arrivi la domenica per divertirti e finisci con l’augurarti che arrivi il lunedì per tornare a lavorare.

Marcello: Hai ragione: io sono meno stanco sul lavoro che a casa.


Cico:


Non occorreva dirlo, visto il poco lavoro che fai! Resta il fatto che stiamo diventando vecchi e stupidi… se non riusciamo a dare una svolta alla nostra vita, gli anni passano senza che ce ne accorgiamo.


Placido:


Hai qualche idea?


Cico:


Ti pare che se avessi una qualche idea resterei qui con due idioti ad aspettare che arrivi la sera?


Marcello:  La faccenda è strana! Quando eravamo giovani e non avevamo un soldo in tasca, ci mancava perfino il tempo per fare tutto quello che avevamo per la testa; adesso che un po’ di soldi li avremmo, ed anche il tempo, non sappiamo più cosa fare!

Placido.    Vi ricordate che divertimento? Non avevamo il tempo per dormire: feste, balli e, in estate, sempre a spasso per i monti!


Cico.


( a Placido) Lascia stare le montagne… andavi sempre a dormire all’alba ubbriaco fradicio e fino a sera non c’era modo di farti uscire dalla tenda!


Marcello: Neanche noi eravamo da meno…

Cico:              È inutile rimpiangere la gioventù… è adesso che bisogna trovare qualcosada fare!

Marcello: Che brutta età, la nostra! Non siamo né carne né pesce… non siamo abbastanza vecchi per la Casa di riposo, lì almeno sei in pace, fai le tue passeggiate, quattro chiacchiere… allo stesso tempo non abbiamo più l’energia dei giovani, vorremmo agire ma non ne abbiamo la forza. E così


5

cosé sum condanà a snoiàs... semper dre a spetà argota che rìa mia...

semper malcontécc...

Scena 2ª

(Cico continua a lanciare freccette. Bussano ed entra il Principe. Una freccetta lo sfiora.)

Principe:

Tèe... vöt copàm?

Cico:

Copàt no...

però na bèla ferida con de ‘n po’ de sanc...

l’ambulansa... i

carabinier...

almeno ghe sarès argot de diverso...

tanto per moementà ‘n po

la vita prima de crepà de noia...

Principe:

A dì la verità ‘l me par proprio ‘n mortoorio...

fi vegnì l’angosa apena a

vardàf!... Ma voatre la dominica séref mia chei dele partide?... Pödìa da zö

‘l mont ma guai perdì na partida!...

Placido:

Na olta!...

Ades i fa partide töcc i de e a dit la veretà ghe n’ho na patata!

Principe:

L’if capida se?... Alura ardì chele trasmisiù dei vèci... chele dela dominica

dopo mesdé... domenica argot... Buona domenica me par...

chele le ié fate

proprio per voatre!

Marcello: Tèe salam... sum gnamo rià a chel punto le!...


Cico:


(Al principe) Sèntet zö che te ‘i spiego me i nos problemi...


Principe: Bìer gnent no?


Cico:


Manca la fomla e so mia nde ghe gnent!...


Principe: Buna la scüsa!


Placido:


Me ié do ure che su che e ‘l m’ha ofride le caramele... perché ‘l sa che ho apena metida la dentiera e pödo mia mangiàle!...


Marcello: Me perché go i dècc sani ‘l m’ha ofride gna chele!... (ridono)


Cico:


Fif sito che ghe spiego la nosa situasiù?... Forse èl che l’è sandol ‘l pöl dam qualche consiglio... i le ciamarà mia ‘l Principe ‘ndaren!


Principe:


Dai sentom... àghen fo!...


6

siamo condannati alla noia… sempre in attesa di qualcosa che non arriva, sempre insoddisfatti…

Scena 2ª

(Cico continua a lanciare freccette. Bussano ed entra il Principe. Una freccetta lo sfiora.)

Principe: Ehi, vuoi ammazzarmi?


Cico:


Ammazzarti no, però una bella ferita con un po’ di sangue, l’ambulanza, i carabinieri, qualcosa di diverso, insomma, tanto per movimentare un po’ la vita prima di morire di noia.


Principe:  Per la verità mi sembra proprio di stare in un obitorio… siete angoscianti solo a guardarvi! Ma voi la domenica non eravate presi dalle partite?

Poteva cadere il mondo ma guai a perdere una partita!


Placido:


Una volta era così, adesso giocano tutti i giorni e, ad essere sincero, incomincio a stufarmi!


Principe: Avete capito finalmente? Guardatevi quelle trasmissioni per vecchi, quelle della domenica pomeriggio… Domenica qualcosa… Buona domenica, mi sembra: quelle sono fatte proprio per voi!

Marcello: Ehi, tonto, non siamo ancora arrivati a quel punto!


Cico:


(Al Principe) Siediti che ti spiego i nostri problemi.


Principe: Da bere niente, vero?


Cico:


Manca mia moglie e non so dove trovare qualcosa da bere.


Principe:


È una buona scusa!


Placido:


Io sono qui da due ore e mi ha offerto caramelle, visto che ho appena messo la dentiera e non posso mangiarle!


Marcello:


A me che ho i denti sani, non ha offerto nemmeno quelle! (ridono)


Cico:


Potete tacere che gli spiego la nostra situazione? Forse lui, da single, potrà darci qualche consiglio… Non lo chiameranno Principe per niente!


Principe.


Dai racconta, muoviti!


7

Cico:              ‘L fato l’è che gom ‘n età che i agn i sgùla e te te domande chel che t’è

combenà nela vita. En poche parole a me me frana la tera sota i pe….

Placido:     Se te frana la tera sota i pe tàchet da qualche banda!          ...

Cico:                Schersa mia.. cheste ié robe serie            ...

Principe:    Sum semper sta na bela compagnia de amici...... gom semper vi botep

‘nsema.. ades che ve sucede töt de colpo?

Placido:    Chèi che ha semper det che ‘n chè i comandàa ei ‘i è na a fenì che a forsa

de comandà i va pö gna a l’osteria perché la fomla la ghe da mia i solcc da

bìer ‘n bicer   ...

Marcello:  ‘I atre i ga l’amante...... e quando te ghe l’amante i amici te fè prest a

desmentegai! ...

Placido:    Me l’ho semper det che ‘l convé mia fas l’amante ie apena rogne             ...

Principe:     (A Placido) Te ghe mia pericol....... ‘l de che te ‘n troe ‘n atra, a parte la to

fomla, ‘l fioca ros   ...

Placido:    Arda che me.. (lo interrompono)

Tutti:            Taca mia!           ...

Cico:              Comìncela mia cola storia de quando te sere soldà e de chela che te völìa i

se bè.. l’om za sentida mile olte.. ‘l to pare l’ha mangia fo ‘l fenil ‘n mut

per pagà ‘l bè che la te völìa.... por vècio che quando ‘l pàsa davanti al

fenìl ghe vè amò da pianser. roba da ic raspèt!            ...

Principe:  (Rivolto a Cico) Ma te séret mia dre a fam ‘n discorso?              ...

Cico                 Ardòm se i me laga na avanti!. Sere dre a dit che l’è ‘n periodo ‘n po de

crisi. I gnari i vè grancc. i rìa a chè la domà che ghe za ‘l sul alt e i dorma

töt ‘l de.... i vedo mai.... e meno mal perché quando i vedo ie ater che

madone         ...

Marcello:  Le fomle ié ac chela........ (Cico, interrotto, dà segni di insofferenza) èle le dis che

le va ‘n ciesa.. ma ‘l disarà mia mèsa töt el de ste preit?  ...

Cico:               Me làset fenì ste discorso o chi?                ...

Placido:     ‘L ga rasù.. làsel fenì!           ...


8


Cico:


Il fatto è che abbiamo un’età in cui gli anni volano e ti chiedi cos’hai combinato nella vita… In poche parole, a me frana la terra sotto i piedi!


Placido:


Se ti frana la terra sotto i piedi, attaccati da qualche parte!


Cico:


Non scherzare: queste sono cose serie…


Principe:


Siamo sempre stati una bella combricola di amici, ci siamo sempre divertiti assieme… adesso, all’improvviso, cosa vi succede?


Placido:


Quelli che hanno sempre detto che a casa comandavano loro non vanno più nemmeno al bar perché la moglie gli rifiuta i soldi per bersi un bicchiere…


Marcello:


Gli altri hanno l’amante… e quando hai l’amante si fa presto a dimenticare gli amici!


Placido:  Io l’ho sempre detto che non conviene farsi l’amante, sono solo dispiaceri!

Principe: (A Placido) Per te non c’è pericolo… il giorno che ne troverai un’altra, se si esclude tua moglie, nevicherà rosso…

Placido:    Guarda che io… (lo interrompono)

Tutti:

Non incominciare!

Cico:

Non incominciare con la storia di quand’eri militare, e della tipa che ti

amava tanto… l’abbiamo già sentita mille volte. Tuo padre ha dovuto

vendere il fienile in montagna per pagare il bene che ti voleva… povero

vecchio, quando passa davanti al fienile si mette a piangere: vergognati!

Principe: (A Cico) Ma tu non mi stavi facendo un discorso?

Cico:

Vediamo se mi lasciano continuare! Ti stavo dicendo che questo è un po’ un

periodo di crisi: i figli crescono, arrivano a casa al mattino col sole già alto

e dormono tutto il giorno… non li vedo mai… e meno male perché quando li vedo non si sentono che urla!

Marcello: Le mogli, la stessa cosa… (Cico, interrotto, dà segni di insofferenza) loro dicono che vanno a messa, ma non dirà messa tutto il giorno, il prete?

Cico:      Mi lasci finire il discorso, o no?


9

Cico:              (Rivolto al Principe) ‘N soma... che gom besögn da fa argot de deferent... da

dac ‘n senso ala vita...

Principe:  Fam pensà... (riflette un attimo), voatre sif töcc sani?

Marcello: Tèe... che te ‘nténdet po?... Ghet òa de ofèndì?...

Principe: Sit malà?

Marcello: No...sano come ‘n coràl!

Principe: E alura che te lamèntet po? E voatre? (rivolto agli altri due)...

Placido:  Mai vi ‘n fredur!...

Cico:

Ie agn che vo mia dal dotur!...

Principe:

Eco...

si marter...

che chel che ocor l’è ‘nventàs na malatia... argot de mia

tat grave

... dopo la troòm ‘na solusiù...

Cico:

Ma che se fa a fa finta de èser malà?

Principe:

Arda....

(entra Clara).

Scena 3ª

Clara:

Ardei che i lasarù

... sarì dre a petegolà!...

Cico:

Parlàem de mester...

Clara:

Fomle...

come al solito!...

Principe:

Fomle?...

Ié agn che i sento gna a nomenale... se gaès da mia congnesìi bè

pensarés che ie pasà dal atra sponda!...

Clara:

Facile!... Ni ‘ndel ort a ciapà na bocada de aria che ve pasarà i greù ‘ndel

co... e forse farì a pö bela cera...

Cico:

Vöt mandàm fo sota l’acqua?

Clara:

Chi po’ che ghe fo ‘n sul che spaca i balocc!


10

Placido: Ha ragione, lascialo finire!


Cico:


(Al Principe) Insomma, noi abbiamo bisogno di fare qualcosa di diverso, qualcosa che dia un senso alla vita…


Principe: Fammi pensare… (riflette un attimo) voi siete tutti sani?


Marcello: Ehi, cosa intendi? Hai voglia di offendere?

Principe: Sei ammalato?

Marcello: No, sano come un pesce!

Principe: E allora di cosa ti lamenti? E voi? (rivolto agli altri due)...

Placido:  Mai avuto un raffreddore!

Cico:      Sono anni che non vado dal dottore!

Principe: Ecco, siete stupidi! Qui bisogna inventarsi una malattia, qualcosa di non grave, poi la soluzione la troviamo…

Cico:      Come si fa a fingere di essere ammalati?

Principe: Ti spiego…(entra Clara)

Scena 3ª


Clara:


Eccoli i lazzaroni, starete pettegolando come al solito?


Cico:


Parlavamo di lavoro…


Clara:


Di donne, come al solito!


Principe: Donne? Sono anni che non li sento parlarne… se non li conoscessi bene penserei che sono passati all’altra sponda!


Clara:


Sarà facile! Uscite nell’orto a prendere una boccata d’aria che vi passeranno i grilli per la testa e forse prenderete un po’ di colorito!


Cico:


Vuoi farci uscire sotto la pioggia?


Clara:


Come pioggia? C’è un sole che spacca i sassi!


11

Cico:             (Rivolto a Marcello) Áet mia det che ghera fo bröt?

Marcello: Le previsiù del tep ala televisiù iàa metì acqua        ...

Clara:    Alà salam.. i varda la televisiù per vedì che tep che ‘l fa dervì le tendine:‘l

piöf se ghe le nebie, se no l’è bel tep  (alza gli occhi al cielo) le previsiù    ...

che màrter... (esce verso la cucina).

Cico:            (Appena uscita la moglie si rivolge al Principe con aria circospetta)........ Tèe... che séret

dre a dim prima?       ...

Principe:    Che fòe a spiegàt ades.... magari l’è de dre ala porta che la sculta..... ‘n

parlom ‘n atra olta  ...

Cico:             Fam mia sta söle spine!.. (bussano).

Scena 4ª

(Entrano Roberta e Antonia)

Roberta:  Èla gnamò reàda Clara?    ...

Cico:               L’è che... l’è che      ...

Marcello: (rivolto alla moglie) Ghif da na lè turna?

Antonia: Se perché? Gom da na ala pesca de beneficienza          ...

Placido:  E se ‘l födès da fala ai vos om la beneficienza e sta ‘n po’ ‘n cosina?

Roberta: ‘N cosina a fa po’.... a vardaf voatre che si le ‘nsemenì a varda la televisiù?

Placido:     Nom le alà... nom a ciapà ‘na bocada de aria za che i dis che ghe fo bel

tep            ...

Cico:             (Alzando la voce) Clara vo le ‘n moment... (escono)

Clara:         (Rientra e saluta le amiche) Èi pasà fo chei ciàncoi?..... ‘I if vardà polito?

Antonia:  I soliti... semper snoià come se i gaès töte le desgrasie del mont söle spale!

Clara:       No.. no.. sta olta i me par diversi!       ...


12

Cico:     (A Marcello) Non avevi detto che c’era brutto tempo?

Marcello: Le previsioni del tempo, in televisione, avevano previsto pioggia…

Clara:     Sciocchi… guardano la televisione per vedere com’è il tempo. Aprite le

tende: piove se ci sono nuvole, altrimenti è bel tempo! (alza gli occhi al cielo) le previsioni… che idioti…(esce verso la cucina).

Cico:       (Appena uscita la moglie si rivolge al Principe con aria circospetta)... Ehi, cosa stavi

spiegando prima che arrivasse mia moglie?

Principe: Come faccio ora a dirtelo… magari è dietro alla porta ad ascoltare: ne parliamo un’altra volta…

Cico:       Non farmi restare in ansia! (bussano)

Scena 4ª

( (Entrano Roberta e Antonia)

Roberta: Clara non è ancora arrivata?

Cico:             C’è… c’è…

Marcello: (rivolto alla moglie) State ripartendo?

Antonia: Sì, qualcosa in contrario? Dobbiamo aiutare per la pesca di beneficienza!

Placido:  E fare beneficienza ai vostri mariti per una volta e stare un po’ in cucina?

Rosina:  In cucina a fare? A guardare voi rincretiniti davanti al televisore?

Placido. Usciamo, dai… andiamo a prendere una boccata d’aria visto che si dice che

fuori c’è bel tempo…

Cico:      (Alzando la voce) Clara esco un attimo… (gli uomini escono)

Clara:     (Rientra e saluta le amiche) Se ne sono andati i tangheri? Li avete guardati bene?

Antonia.: I soliti! Sempre annoiati come avessero tutte le disgrazie del mondo sulle loro spalle!

Clara:     No, no.. questa volta mi sembrano diversi!


13

Roberta:   Pènset amo che i cambie?... Ié trent’agn che su spusada e ‘l me ‘l deventa

pö slànguet töcc i agn che pàsa...

Clara:

Arda che ‘l me ‘l cogneso bè

e ‘n ciö ‘l gàa ‘n aria da complotto... come

se i födes dre a stödià argota...

Antonia:

Che vöt che i stüdie...

al masimo iè dre a tra ‘nsema de vardà ‘n atra

partida...

chèl le l’è ‘l masimo del originalità!...

Clara:

Ma!

... Spero che te gabe rasù!...

Me però su mia tat convinta...

Roberta:

Pacifica...

se te gaèset da fa la danza del ventre ‘n pe ala televisiù penset

che i te vardarés?...

I starés le a bestemià col arbitro perché ‘l ga mia dat ‘l

rigore a Ronaldo...

Clara:

Se...

però se la födes ‘n atra che bala so mia come la narés a fenì!

Antonia:

Uguale...

ormai i ga l’encefalogramma piatto, anzi ‘n discesa...

come töt ‘l

rest....

noatre nom ‘n sö...

te spetom ‘n canonega...

Clara:

Lao zö i quater piacc del dösna e rio a me...

(le amiche stanno per uscire quando

Clara rivolta a Roberta)... a proposito sit buna da fa la danza del ventre?

Roberta:  Öf!... E po gna se födes buna che me ocorarésela a fa po?

Antonia:

Me se... (mima la danza)...

go edèa che la sìes isé!.. (ridono ed escono).

Scena 5ª

Clara:

(Riflette ad alta voce) Le pöl di chel che le völ le me amiche ma ‘l me om ‘l

me le fa mia a me....

iè agn che ‘l ga l’occhio spento e ‘nvece nciö ‘l gàa ‘i

öcc vispi...

cole steline...

come i pröm tep che nàem a moruse

... ‘l staghe

atento!...

(Si sente il rumore di passi e ripetuti colpi di tosse... entra Cico)

Clara:

Sit za turnà ndré?

Cico:

Fa sito alà... so mia chel che me söcès!...

Sére zö che cieciaràe coi atre e

töt ‘n den colpo ho sentì come ‘n peso söl stòmec, come ‘n nseramìt... po

ho tacà a bolsegà...

me go edèa che i sìes i polmù!..


14

Roberta: Sei ancora convinta che possano cambiare? Sono sposata da trent’anni e mio marito, ogni anno che passa, diventa sempre più scialbo…

Clara:       Guarda che il mio lo conosco bene e oggi ha un’aria da complotto… come se stesse preparando qualcosa …

Antonia:   Cosa vuoi che preparino… forse si organizzeranno per vedere un’altra partita, quello è il massimo dell’originalità!

Clara:     Spero c he tu abbia ragione, ma non ne sono troppo convinta!

Roberta: Tranquilla! Se si facesse la danza del ventre in piedi sul televisore, pensi che ti guarderebbero? No, bestemierebbero con l’arbitro perché non ha concesso un rigore a Ronaldo!

Clara:     Se però fosse un’ altra a ballare, non so come finirebbe!

Antonia: Uguale… ormai hanno l’encefalogramma piatto, anzi in discesa, come tutto il resto! Noi andiamo… ti aspettiamo in canonica.


Clara:


Lavo i pochi piatti del pranzo e arrivo anch’io (le amiche stanno per uscirequando Clara rivolta a Roberta)...A proposito, tu sei capace di fare la danza delventre?


Roberta: Ti puoi immaginare! Ed se anche fossi capace, a cosa mi servirebbe?

Antonia: Io sì… (mima la danza)... penso sia così… (ridono ed escono).

Scena 5ª

Clara: (Riflette ada alta voce) Possono pensarla come vogliono, le mie amiche, ma a me mio marito non la fa… da anni ha l’occhio spento, oggi invece ha gli occhi vispi, con le stelline, come ai primi tempi quando eravamo fidanzati.

Veda di stare attento! (Si sente il rumore di passi e ripetuti colpi di tosse... entraCico)

Clara:     Sei già tornato?

Cico:        Taci, non so cosa mi sia successo! Stavo parlando con gli altri e, all’improvviso, ho sentito come un peso sullo stomaco, come una costipazione e ho incominciato a tossire: io credo sia colpa dei polmoni!


15

Clara:             Che dìset sö po? T’è mai fömà. t’è mai södà per ‘l laorà.. e töt de colpo

te fa mal i polmù!..... ‘L sarà ‘n po’ de ‘ndegestiù..... tö zö ‘n cocià di

bicarbonà che la te pasa   ...

Cico:            Te par che vègne la tos cola ‘ndegestiù?

Clara:      Te sarà na ‘n traèrs argota!               ...

Cico:             Te ghe semper rasù te.. te sè po ale me malatie... me vo ‘ndel let e domà

vo dal dotur!. Völares mia che ‘l födès argot de bröt! Me fet la bursa de

l’acqua calda?

Clara:            Che bursa po che ghe fo ‘n calt che te cule? E po se te öle la bursa ‘l völ

di che l’è proprio‘ndegestiù!          ...

Cico:               Alura fa sensa. (va in camera stizzito).

Clara:       ‘L sàe me che ghera sota argot de strano! I polmù. l’è l’üneca roba buna

che ghe restada!.. ’I ültem i sta i caèi.... ‘l ga pö gna chei.... Go de na lè

perché le atre le me speta.. i piacc i laarò zö stasira töcc nsema. (esce).

Scena 6ª

(Appena uscita Clara, Cico entra furtivo)


Cico:


Forse la l’ha beìda... la mia paria preocupada... su sta proprio brao a ciüntàghela sö!...(fuori si sentono passi concitati e rientra Clara)


Clara:


Séret mia na ndel let?... Te parìe morebont!....


Cico:


Su vegnì a sercà la menta perché so piö ‘nde na a tö ‘l fià...


Clara:


La menta l’è ‘n cosina... l’è semper stada le.. ‘l set mia?


Cico:


Arda se me go de saì ‘n de ghe la menta!... Te che sit turnada ndre a fa po?


Clara:


Ho desmentegà i bigliecc dela pesca


(Cerca i biglietti)


Cico:


Semper ‘n canonega.... che ghe sarà sö de bel? camera)


(Si avvia tossendo verso la


16

Clara. Cosa dici? Non hai mai fumato, mai sudato per il lavoro e, all’improvviso, ti dolgono i polomoni!... Sarà una piccola indigestione: prendi un cucchiaio di bicarbonato che ti passerà tutto!

Cico:  Ti sembra che ti possa venire la tosse per l’indigestione?

Clara:  Ti sarà andato qualcosa di traverso!


Cico:


Hai sempre ragione tu! Tu conosci anche le mie malattie! Vado a letto e domani andrò dal medico: non vorrei che fosse qualche brutta malattia!... Mi prepari la borsa dell’acqua calda?


Clara:


Quale borsa: fuori c’è un caldo che ti scioglie? E inoltre se hai bisogno della borsa dell’acqua calda vuol dire che si tratta proprio di indigestione!


Cico:


Va bene, non farla!... (va in camera stizzito).


Clara:


Lo sapevo che sotto sotto c’era qualcosa di strano… i polmoni… è l’unica

cosa buona rimasta! Gli ultimi sono stati i capelli: non ha più nenche

quelli. Devo andare perché le altre mi aspettano… i piatti li laverò questa

sera tutti assieme (esce)


Scena 6ª

(Appena uscita Clara, Cico entra furtivo)

Cico: Forse l’ha bevuta… mi sembrava preoccupata… sono stato proprio bravo a

raccontargliela!... (fuori si sentono passi concitati e rientra Clara)

Clara:  Non eri a letto? Sembravi moribondo!

Cico:     Sono venuto a cercare l’essenza di menta per poter respirare…

Clara:    La menta è in cucina: è sempre rimasta lì, non lo sai?

Cico:        Guarda se io devo sapere dove si trova la menta! Tu, piuttosto, perché sei ritornata?

Clara: Ho dimenticato i biglietti della pesca di beneficienza! (Cerca i biglietti)

Cico:  Sempre in canonica, cosa ci troverete di bello! (Si avvia tossendo verso la camera)


17

Clara:

(Trova i biglietti) Ardei che ...

se födes mia tornada ndre ghe scometo l’os

del col

che

‘l

sarés dre

a

vardà la

televesiù... to

(fa il gesto sul

collo

e,

uscendo...

) i polmù...

i polmù

(appena uscita rientra Cico)

Cico:

Se la riàa ‘n moment pö tardi la me troàa söl divano a vardà la televisiù:

‘l

sarés na töt a bale...

l’ha m’è nada bè...(fa il gesto di asciugarsi il sudore dalla

fronte. Bussano ed entrano Marcello e Placido).

Marcello: Alura...

che t’ala det?..

Cico:

La m’ha credì ‘n pieno...

la me parìa aca agitada...

Placido:

Defati om vist che la pasàa sö de corsa...

forse la gàa fresa da na a

ciüntagla sö àle nose fomle...

Cico:

Go proprio ‘na fomla sensibile... e voatre com’èla nada po?

Marcello: Noatre sum na ‘n canonega a dìghel...

Cico:

Töcc du ‘nsema?.. ‘I if ciapade per stüpede?...

E che ghif det po?

Marcello: Chel che ‘l m’ha det ‘l Principe...

Placido:

Me go det che me dacc fo i reumi e go ‘na spala che ghe rio pö gna a

möìla...

chesta...

(prova con la destra)...

no chesta

...

Cico:

Decìdet salam!

Marcello: E me ‘l mal de s-cina, ‘l colpo dela strega...

Placido:

Perchè po...

te iàla ciocade la to fomla?

Marcello:

Alà marter...

arda la to che l’è pö strega dela me!...

(rivolto a Cico)...

e po,

per la pora che la me credìes mia, go det che gàe po a i dolur intercostali...

come ‘l m’ha det ‘l Principe....

Placido:

Te l’aèset vist...

l’era le isé .(mima una posizione piegata di fianco e in avanti)...

ghet presente chei che va lè töcc sgherli perché i völ ciapà la pensiù pröma

dela so ura?....

Preciso!..

Marcello: Fa sito che go amo töcc i nerf che me se tira...

Cico:

Pensif che le l’abe beìda?


18

Clara:    (Trova i biglietti) Eccoli… se non fossi tornata scommetto l’osso del collo che starebbe guardando la televisione.. toh (fa il gesto sul collo e, uscendo...) i

polmoni… i polmoni…(appena uscita rientra Cico)

Cico:  Se fosse arrivata un momento dopo mi avrebbe trovato sul divano a guardare la televisione e tutto sarebbe andato all’aria… mi è proprio andata bene!...

(fa il gesto di asciugarsi il sudore dalla fronte. Bussano ed entrano Marcello e Placido).

Marcello: Allora, cosa ti ha detto?

Cico:     Mi ha creduto pienamente… mi sembrava perfino agitata…

Placido: Abbiamo visto che usciva di corsa… forse aveva fretta di raccontare tutto alle nostre mogli…


Cico:


Ho proprio una moglie sensibile! E a voi com’è andata?


Marcello: Noi siamo andati in canonica ad informarle…


Cico:


Tutti due assieme? Pensate che siano stupide? E cosa avete detto?


Marcello: Quello che ci ha consigliato il Principe…

Placido: Io ho raccontato che mi sono venuti i reumatismi ed ho una spalla che non riesco più a muovere… questa (prova con la destra) no, questa!

Cico:     Deciditi, tonto!

Marcello: E io il mal di schiena, il colpo della strega…

Placido: Perché, ti ha pestato tua moglie?

Marcello: Guarda la tua, che è più strega della mia!... (rivolto a Cico) e inoltre, per paura che non mi credesse, ho detto che avevo i dolori intercostali, come mi ha raccomandato il Principe…

Placido: L’avessi visto… era così (mima una posizione piegata di fianco e in avanti) Hai in

mente chi gira storpio per prendere la pensione d’invalidità prima del tempo?... Ecco, uguale!

Marcello: Taci, ho ancora tutti i nervi che mi si tirano…

Cico:      Pensate che l’abbiano bevuta?


19

Placido:       Per me i’ha bocà!... ‘I ha mandà zö ‘l besöl, l’am e po a ‘n toc de sida!...

Marcello:  La me la m’ha vardà con du öcc che ‘l parìa che la me pasés banda... la

m’ha fat la radiografia.... per me l’è terorizada che me sucede argot!...

Cico:

Sperom!...

Marcello: Che me sucede argot?

Cico:

Alà salam...

sperom che la t’àbe credì...

Ades ni a chè perché se le rìa e le

me troa töcc ‘nsema va töt a mut... Te Placido recòrdet la spala che te fa

mal...

àrda da mia fa ‘n colpo giöna e ‘n colpo n’atra. E te Marcello àrda

da mia desmentegàt che te ghè ‘l mal de s-cina... che magari te te ‘ndrese

töt de colpo e va a bale i nos progecc....

Fim vedì amo ‘na olta come ghi

da stà!... (i due prendono le rispettive posizioni da invalidi)...

eco... i se ‘l va bè!

E me la tos... (tossisce in modo convulso)...

Placido:

Alura domà töcc tri dal dotur a fas fa l’impegnativa?...

Cico:

Se ma mia töcc ‘nsema nè... chel le l’è mia ntrec come le nose fomle... se

no ‘l mangia la föa e po al ram...

Marcello:

No.. no giü ala olta... Come se ciàmel ‘l posto nde gom da na?

Cico

Salsomaggiore... serca de recordàtel!

Placido:

Ma le fai le cüre per töte le malatie?

Cico:

Te per la spala te farè i masagi, Marcelo ‘l farà i fanghi e me le inalasiù!

Marcello:

Tèe...

ma me farài mia mal i fanghi se ‘l mal de s-cina ghe l’ho mia?

Cico:

(Spazientito)  Alura te si proprio ‘ntrec!...

Alura t’è capì gnent de töta la

storia...

per le nòse fomle fegörom da na a fa le cüre....

dopo noatre non a

fa vargot ater!....

Marcello:

A Salsomaggiore?

Cico:

Pö daluns...

pö daluns....

Marcello:

A bè...

‘mportante l’è mia na a malàs!


20

Placido:    Per me hanno abboccato, hanno ingoiato il verme, l’amo ed anche un bel pezzo di lenza!

Marcello: Mia moglie mi ha guardato con due occhi che mi trapassavano, mi ha fatto

la radiografia: per me ha il terrore che mi succeda qualcosa!

Cico:     Speriamo!

Marcello: Che mi succeda qualcosa?


Cico:


Dai tonto… speriamo che ti abbia creduto. Adesso però andate a casa perché se arrivano e ci trovano tutti assieme salta tutto! Tu, Placido, ricordati la spalla che ti duole, vedi di non fare una volta una, una volta l’altra. E tu, Marcello, cerca di ricordarti che hai il mal di schiena: magari ti raddrizzi di colpo e sfumano i nostri progetti… Fatemi vedere ancora una volta come dovete stare (i due prendono le rispettive posizioni da invalidi)... Ecco.. così va bene! Ed io la tosse…(tossisce in modo convulso)...


Placido: Restiamo d’accordo: domani tutti tre dal medico per l’impegnativa!...


Cico:


Sì, ma non tutti assieme perché le nostre mogli non sono fesse: quelle non mangiano solo la foglia, si mangiano anche il ramo!


Marcello: No, andiamo uno per volta. Come si chiama il posto dove dobbiamo andare?

Cico:       Salsomaggiore, cerca di ricordartelo!

Placido: Ma lì curano tutte le malattie?

Cico:       Tu per la spalla farai i massaggi, Marcello i fanghi ed io le inalazioni.

Marcello: Ehi, ma non saranno dannosi i fanghi visto che non ho il mal di schiena?

Cico:              (Spazientito) Allora sei proprio ritardato! Allora non hai capito niente di tuttala faccenda: per le nostre mogli siamo alle cure termali, noi, dopo, andremo a fare qualcos’altro!

Marcello: A Salsomaggiore?

Cico:       Più lontano… più lontano!

Marcello: Bene… Importante è non ammalarsi!


21

Cico:                 Te fa come tò det me, che l’è po chel che ‘l m’ha det ‘l Principe,....... e

pènsec mia    al rest ghe penso me.... ades ni lè che no le rìe (stanno per

uscire).... sghèrli né.... (i due si mettono in posa)......... ...

Placido:    Alura ale ot e meza dal dotur        ...

Cico:             Alura te si stüpet!. T’ho det giü ala olta        ....

Placido:    Me pensàe de troàs töcc ‘nsema e na tre giü ala olta        ....

Cico:                Mancàa apena da na tre ‘n de ‘n ròs come le pere... ades vel spiego per

l’ültema olta..... Te Placido ale nöf........ Marcelo ale des....... e me ale

ùndes..capì?

Marcello: Te semper chel che lìa sö prest né?... Va bè dai... a proposito l’è ‘n po che vöi domandàtel... da che banda ègnel po töt chel odùr de menta che se sent?

Cico:

L’è per dac ‘n po’ de manec ala facenda

... ‘l sif che la menta la fa vegnì

sö ‘l fià?

.... Eco... n’ho beìda ‘n gos ma l’è amara come ‘l tòsec... l’atra

l’ho sbatida iè söl paement....

Marcello:  Te ghe proprio ‘n servel, ‘l par proprio de èser ‘n de ‘n sanatorio....

Cico:

Ni lè...

ni lè... che le sarà che a menücc...

e sghèrli...

fìvel di pö! (escono)

Cico:

Certo che ‘l Principe ‘l ne sa öna pö del diaol...

‘l m’ha dat de chei

consigli!

Ghe ne mia n’ater i se brao a stödià le bosie... del rest con töte

le fomle che ghe gira ‘n turen se l’födès mia brao a ciüntaghèla sö el sarès

semper ‘n dele petole.... ades l’è mèi che naghe ‘n del let a me pröma che

la rìe....

(esce tossendo).

Sipario


22


Cico:


Tu fai come ti ho detto io, che, in definitiva, è quello che ha detto il Principe. E non pensare, che penso io a tutto… adesso andatevene prima che arrivino le donne (stanno per uscire)… e piegarsi! (i due si mettono in posa)


Placido:


D’accordo alle otto e mezzo dal medico!


Cico:       Allora sei deficiente!... Ho detto uno alla volta…

Placido: Io pensavo di trovarci tutti ed entrare uno alla volta…


Cico:


Mancava solo di entrare in branco, come le pecore. Adesso vi spiego per l’ultima volta: tu Placido alle nove, Marcello alle dieci ed io alle undici, avete capito?


Marcello: Tu sei sempre quello che si alza presto, vero?... Va bene, dai! A proposito,

èun po’ che te lo volevo chiedere, da dove arriva tutto questo profumo di menta?

Cico:              È per calcare un po’ sulla malattia. Sapete che la menta aiuta il respiro?Ecco, ne ho bevuta un goccio ma è amara come il veleno… quella rimasta l’ho sparsa sul pavimento…

Marcello: Sei proprio un genio, sembra proprio di essere in un sanatorio…

Cico:     Andate, andate… saranno qui fra poco… e storpi, non fatevelo ripetere più!

(escono)

Cico:        Certo che il Principe ne sa una più del diavolo: mi ha dato certi consigli! Non c’è un altro così bravo a raccontare bugie: del resto con tutte le donne che gli ronzano attorno, se non fosse bravo ad incantarle, sarebbe sempre nei pasticci. Adesso è meglio che vada a letto, prima che arrivi mia

moglie…(esce tossendo)

Sipario


23

Atto II

Scena 1ª

(Clara legge una rivista , bussano ed entra il Principe)

Principe: Ndel ‘l malà?

Clara:

L’è

‘n

camera...

‘l par pö de

lè che de

che...

va

a troàl!...

Tèe... a

proposito...

te che ‘n pènset po de ste facenda?...

Principe:

De chi po?

Clara:

Del mal ai polmù!

Principe:

Pota...

se ‘l dis che l’è malà ‘l sarà malà...

vöt che ‘l ciünte ‘na bala sö

chele robe le... iè mia robe da schersà no, me par!

Clara:

‘L fato l’é che continuo a ic dei dubi...

ades te spiego...

el bolsèga töt ‘l de

che ‘l par che ‘l gabe zö na rescaröla del formai ‘n dei polmù...

dopo la

not, quando ‘l se ‘ndormenta, ‘l ronchèsa come ‘n soc, pacifico...

‘l fa mia

‘n colpo de tos fina ala domà quando ‘l se sveglia...

te pàrel normale?

Principe:

Se vet che la not ‘l se rilasa e la tos la ghe vè pö...

Dopo te ghe a da capì

na

roba,

Clara...

(affettuoso)...

ghe

dele

malatie

che ‘i

ie ciama


psicosomatiche.... ‘n pratica giü ‘l pensa da èser malà e ‘l se mala davira...

‘n po ‘l sarà l’età... ‘n po la pora da vegni vecc... e magari ‘l trascüret?...


Clara:


Che trascüràl po?... Fo chel che ‘l fa èl... se troòm a dösna e a sina e dopo che vöt fa?


Principe:    Eco... t’el trascüre!... Forse ‘l garès besögn de sentìs ‘mportante... de

quater cocole... robe isè!...

Clara:

Che cocole po!  Chele le iè robe da morus!...

Ma se te dise che l’è na

malatia che ‘l ga ‘ndel co....

che val a fa po a Salsomaggiore a fa le

inalasiù?....

L’è mèi portàl al manicomio...

Principe:  Te po eh!...

Se l’è convinto che la cüra la ghe faghe bè ‘l guarés de

segiür...

ghe dela zet che i ghe da ‘n beciér de acqua col söcher e i ghe dis

che l’è

‘na

medesina... e èi

i ve sübet a sta

bè... i le ciama “effetto

placebo”....

Clara:

Madortena se te si istruì!....


24

Atto II°

Scena 1ª

(Clara legge una rivista , bussano ed entra il Principe)

Principe: Dov’è l’ammalato?

Clara:            È in camera… sembra più morto che vivo… vai a trovarlo! Ehi, a proposito,cosa pensi di questa faccenda?

Principe: Di cosa?

Clara:      Dei polmoni ammalati!

Principe: Se dice che è ammalato, sarà ammalato! Vuoi che racconti bugie su cose tanto delicate! Non sono faccende da scherzarci, ti pare?


Clara:


Il fatto è che continuo ad avere dubbi. Adesso ti spiego. Tossicchia tutto il giorno: sembra che nei polmoni abbia una grattuggia del formaggio. Poi di notte, quando si addormenta, russa da far paura, tranquillo: non fa un colpo di tosse fino al mattino, quando si sveglia: ti sembra normale?


Principe: Si vede che di notte si rilassa e la tosse gli passa. Poi devi sapere una cosa, Clara… (affettuoso) ci sono malattie chiamate psicosomatiche… in pratica uno pensa di essere ammalato e si ammala davvero… un po’ sarà l’età… un po’ la paura di invecchiare… e, forse, lo trascuri?


Clara:


Cosa vuoi trascurare? Faccio quello che fa lui: ci troviamo a pranzo e cena e poi cosa vuoi fare?


Principe: Ecco, lo trascuri! Forse avrebbe bisogno di sentirsi importante, di quattro coccole, cose così!

Clara:       Ti prego, le coccole! Quelle sono stupidaggini da fidanzati! Ma se dici che è una malattia che ha in testa, cosa va a Salsomaggiore a fare le inalazioni? Meglio portarlo al manicomio…

Principe: Esagerata! Se è convinto che la cura gli serva, di certo guarisce. C’è gente a cui danno un bicchiere d’acqua con lo zucchero e li convincono che è una medicina: migliorano subito. Lo chiamano “effetto placebo”

Clara:    Caspita come sei istruito!


25

Principe: Pota... leso me è! Go semper ‘n ma Novella 2000... Oggi... Cronaca Vera.. e qualche olta po a Donna Moderna... l’è le che se ‘mpara la scienza!


Clara:


Brao! Le ga da ic rasù le to moruse quando le dis che con te le se stöfa mia la sira.... che sa chel che te ghe ciünte sö... (lui fa il gesto di schermirsi)... Va tre alà... va a troàl e arda se te ghe rìe a fac pasà i greù ‘ndel co... perché se


vo tre me ghel do me ‘l placebo.... cola trisa dela polenta....

Principe:

Sta mia fa la catìa no

... porta pasiensa che te edarè che le robe le se

‘ndresa...

(esce).

Clara:

Malatie psicosomatiche...

placebi

... i vè vecc e stupecc...

se i troès argot da

fa ‘nvece de gratàs töt ‘l de ghe pasares le paturnie....

aca se su semper pö

convinta che ghe sota argot de mia tat ciàr

... sarès coriusa de saì chel che

sucede ala casa dele me amiche.....

(bussano ed entra Roberta).

Scena 2ª

Roberta:  El pronto ‘l to om?

Clara:

Chi po...

gài mia da partì doma?

Roberta:

‘L me l’è za dre a fa la valis...

érei mia na d’acordo?

Clara:

Vöt che sape me?...

‘L me l’è amo ‘ndel let...

pröo a domandac! (esce)

Roberta:

Che pastròc... na olta che i se ris-cia a fa ‘n asnada i va d’acordo gna söla

data...(scuote la testa...

bussano e entra Antonia contemporaneamente a Clara)

Clara:

‘L se recordàa gna po che ‘l gàa da partì ‘nciö.... ardì se iè robe....

Antonia:

Te gaès da vedì come l’è vestì ‘l me Marcelo!....

‘l par ‘n paiaso... se iè

töcc vestì isè, zö ale cüre ga da èser zö ‘n carneàl!...

Roberta:

Te l’ho za det, söcuna, che i va mìa a fa le cüre...

quand’èl che t’el

capesarè?...

Antonia:  E alura che vai a fa?

Clara:

Ndoìna!...

Antonia:

Se ‘l fa ciünt de fam i coregn ghe spaco ‘l co amo pröma che ‘l parte...

cosé ‘l va a l’ospedal da bu...

e le su tranquilla....


26

Principe: Cosa pensi, io sono uno che legge! Ho sempre per le mani Novella 2000, Oggi, Cronaca Vera e, qualche volta, Donna Moderna: è lì che si impara la scienza.

Clara:       Bravo! Credo che abbiano ragione le tue fidanzate quando dicono che con te la sera non ci si annoia: chissà cosa racconti! (lui fa il gesto di schermirsi) Vai, vai a trovarlo e vedi se riesci a fargli passare i grilli per la testa! Se entro io glielo do io il placebo, col mestolo per la polenta!

Principe: Non essere cattiva, porta pazienza e vedrai che la faccenda si aggiusta (esce).

Clara:       Malattie psicosomatiche, placebi: diventano vecchi e stupidi! Se trovassero qualcosa da fare, invece di grattarsi tutto il giorno, gli passerebbero le paturnie. Tuttavia resto sempre convinta che sotto c’è qualcosa di poco chiaro: sarei curiosa di sapere cosa succede a casa delle mie amiche.

(bussano ed entra Roberta).

Scena 2ª

Roberta: È pronto tuo marito?

Clara:      Come, non dovevano partire domani?

Roberta: Il mio sta già facendo le valigie… non si erano messi d’accordo?

Clara:      Cosa ne so io? È ancora a letto. Provo a vedere! (esce)

Roberta:  Che pasticcioni! Per una volta che azzardano una scappatella, non si

accordano nemmeno sulla data...(scuote la testa... bussano e entra Antoniacontemporaneamente a Clara)

Clara:    Non ricordava nemmeno di dover partire oggi: guardate se è possibile?

Antonia: Vedessi com’è vestito il mio Marcello! Sembra un pagliaccio. Se si vestono tutti così, alle cure termali ci dev’essere un carnevale!

Roberta: Te l’ho già detto, zuccona: non vanno a fare le cure, quand’è che lo capirai?

Antonia: E allora cosa vanno a fare?

Clara:    Prova ad indovinare!

Antonia. Se pensa di mettermi le corna gli spacco la testa prima che parta… così finisce all’ospedale sul serio e quando è lì mi sento tranquilla!


27

Roberta:  Scùltem Antonia.. che part fai ades ‘n chè. l’è come ic le ‘n tacapagn.. e

che sodesfasiù te dal ‘n tacapagn?.. Lasa che i pröe a cambià e te edarè

che i turna ‘ndre cola cua ‘n mes ale gambe....... noatre gom mia tat da

zuntàc eh!      ....

Antonia:  E se i gaès da na a pagamento?

Clara:             Pénset che ghe controle mia ‘l portafoi?..... Se ‘l starà mia atento cole

palanche ghe tocarà vegnì a casa ‘n autostop               ...

Roberta:  Idem a ‘l me... ‘l ga dre i solcc ciüntà per le cüre, le sigarete e argot da dac

al to om per la machena   ....

Antonia: ‘L me alura l’è amo pegio... cola scüsa che le cüre la me iè pasa la mutua,

perché gom mia ‘l redito, ‘l ga giüsto dre ‘n per de sentomila      ...

Clara:       E alura che te preocupet a fa. al masimo i va a löstras i öcc e uta!

Roberta:  (A Clara) Tèe ma da ‘ndo ègnel po chel odur de menta che?                ...

Clara:      ‘L völ fam credì che ‘l le töl zö per fas vegnì ‘l fià... el le sa mia che l’ho

troàda ‘n tera söl paemènt!             (ridono)

Scena 3ª

(Entra Placido sbilenco, calzoncini corti, camicia a fiori e uno zaino con canna da pesca. Le donne ridono. Nello stesso momento dall’altra porta entra Cico, in pigiama e il Principe).


Placido:


Sit gnamò pronto?


Cico:


Fa sito che su sta tanto mal che sàe gna che de che l’era... (continua a tossire)... ad ogni modo spètem che fo prest a cambiàm fo... e Marcelo?


Placido:


L’è dre a reà... ‘l sarà che a menücc...àghen fo... (Cico esce)


Principe: (A Placido) A madona me par che te ghe n’è ados na pel... te si semper pö svérgol!

Placido:  Fa sito che go na òa da na a fa le cüre... go la spala che so pö nde tegnìla...

Principe: Ntat se te gaèset da caàt zö ‘l zaino ‘l sares za ‘n solievo e po sèntet zö che

te me fè pena a vedìt ‘n pe!...(bussano e dall’ingresso entra Marcello, anche lui


(bussano e dall’ingresso entra Marcello, anche lui con vestiti

28

Roberta: Ascoltami, Antonia: cosa fanno adesso in casa? È come avere un attaccapanni. E che soddisfazione ti da un attaccapanni? Lascia che provino a cambiare e vedrai che tornano con la coda fra le gambe… noi abbiamo poco da perdere, vero?

Antonia: E se andassero a pagamento?


Clara:


Pensi che non gli controlli il portafoglio? Se non farà economia, dovrà tornare in autostop…


Roberta: Lo stesso per me! Ha i soldi contati per le cure, le sigarette e qualcosa da dare a tuo marito per l’automobile…

Antonia: Allora il mio è quello che sta peggio! Visto che le cure le passa la mutua, dal momento che non abbiamo reddito, ha giusto in tasca un duecento euro…

Clara:     E allora di cosa ti preoccupi! Può giusto levarsi il gusto di guardare!

Roberta: (A Clara) ma da dove arriva il profumo di menta che si sente?

Clara: Voleva darmi ad intendere che la prendeva per il respiro… non sa che l’ho trovata versata sul pavimento!... (ridono)

Scena 3ª

(Entra Placido sbilenco, calzoncini corti, camicia a fiori e uno zaino con canna da pesca. Le donne ridono. Nello stesso momento dall’altra porta entra Cico, in pigiama e il Principe)

Placido: Non sei ancora pronto?

Cico:        Taci: sono stato tanto male da non sapere che giorno fosse! (continua a tossire) Però aspettami che mi cambio in fretta… e Marcello?

Placido: Sta per arrivare, sarà qui fra un attimo: sbrigati! ... (Cico esce)

Principe: (A Placido) Sembri proprio messo male… ti vedo sempre più piegato!

Placido: Taci che ho una voglia di fare le cure termali!... Ho la spalla che non so più in che posizione tenerla!

Principe: Se incominciassi a toglierti lo zaino sarebbe già un sollievo; poi siediti, che

in piedi mi fai pena!


29

con vestiti sgargianti, valigia con racchette da tennis legate con lo spago; dalla camera esce Cico vestito come gli altri con legata allo zaino l’attrezzatura da sub)... ades ighe töcc!... Sentìf zö per l’amur de Dio... pröma che me toche ciamà l’ambulansa per portaf a Salsomaggiore.


Clara:


Se pöl saì ‘nde fi ciünt da na vestì isé?


Cico:


Se te stè calma t’el spiego... A dit la veretà gàem raspèt a fas vedì a na a fa le cüre... dopo töt gom ‘n età che sum mia gnamo da sbatì è... alura om pensà “fom finta da na ‘n vacansa”... cosè i coriosù che ghe sarà fo a vardà zö dale fenestre i se mangia ‘l fegato dal invidia...


Marcello: Dopo... apena fo de paìs se cambiom fo... gom dre la roba...

Principe:  Sperom... perché se i ve ferma i carabenier dre a la viè i ve ‘nfila töcc al

reparto psichiatrico...

Roberta:   Scoltim me... l’è ‘n po che ghe penso dre... pödìef mia na a Sirmiù a fa le cüre... ‘i iè fa a ca le tat come a Salsomaggiore... e po saresef aca pö vesì se ocorès argota...

Cico:

Apunto perché l’e visi che sum mia na... ‘l sares come na a fa le cüre a

Ider... A Sirmiù ghe ‘l stes clima de che...

la stesa ömedetà...e ‘l piöf

semper...

alura pödiem sta a ca la nosa chè che l’era ac Berghem...

Placido:

Noatre gom besögn de cambia aria del töt...

se no restarom sgherli töta la

vita...

Antonia:

Voatre ghi besögn da cambià ‘l co

.... sti atenti...

sti atenti...

Marcello:

Fomle...

ntat che stödiom la viè söla cartina, pödif mia na a chè a vardà se

om desmentegà argota...

che fi apena confösiù

.... dai da brae... se salödom

dopo...

Cico:

Clara va a vardà aca te...

col mal che sto ‘l va a fenì che lago che po a le

mödande de ricambio....(le donne escono. Rimasti soli i partenti si raddrizzano e s

fregano le mani)

Cico:

(euforico) Go edèa che sta olta l’è fata....

Principe:

Calma...

calma

... if capì bè chel che vo det?....

Alura... reà a Desensà ciapì

l’autostrada per Verona e ni semper drecc...

pasà ‘l confì gerì a destra e

semper ‘n zö...

pödì mia sbaglià....

rià fo le vardif ‘nturen.... l’è asè fa cosé

(schiocca le dita) e con poche palanche fi la vita dei nababbi....


30

vestito come gli altri con legata allo zaino l’attrezzatura da sub)... Adesso ci sono

tutti! Sedetevi, per l’amor di Dio, prima di dover chiamare l’ambulanza per portarvi a Salsomaggiore:

Clara:    Si può sapere dove avete intenzione di andare vestiti così?

Cico:        Se stai calma te lo spiego: a dirti la verità, ci vergognavamo che ci vedessero andare alle cure termali; dopotutto alla nostra età non siamo ancora da buttare. E così abbiamo pensato: “facciamo finta di andare in ferie” in modo che i curiosi che guarderanno dalle finestre si mangino il fegato!

Marcello: Poi, appena usciti dal paese, abbiamo i vestiti di ricambio!

Principe: Speriamo! Se vi fermano i carabinieri per la strada vestiti così vi chiudono tutti al reparto psichiatrico…

Roberta:   Ascoltate, è un po’ che ci penso: non potevate farle a Sirmione le cure? Sono le stesse che fanno a Salsomaggiore, e in più sareste vicini a casa, in caso occorresse qualcosa!


Cico:


Non ci siamo andati appunto perché è troppo vicino… sarebbe come fare le cure fuori dalla porta di casa. A Sirmione c’è lo stesso clima che c’è qui, la stessa umidità, piove sempre: tanto valeva restare a casa nostra!


Placido: Noi abbiamo bisogno di cambiare aria completamente, altrimenti resteremo storpi per tutta la vita…

Antonia: Voi avete bisogno di cambiare la testa: state attenti… state attenti!

Marcello: Donne, mentre studiamo la strada sulla cartina, non potete andare a casa per vedere se abbiamo dimenticato qualcosa? Qui fate solo confusione! Su, da brave che poi ci salutiamo!


Cico:


Clara, guarda anche tu… sto tanto male che finisco col dimenticare anche le

mutande di ricambio… (le donne escono. Rimasti soli i partenti si raddrizzano e s

fregano le mani)


Cico:


(Euforico) Credo che stavolta sia andata…


Principe: Calma, calma… avete capito bene quello che vi ho spiegato? Bene, arrivati al casello di Desenzano prendete l’autostrada per Verona e sempre dritti; passato il confine girate a destra e sempre a Sud: non potete sbagliarvi. Appena arrivati guardatevi attorno, è sufficiente fare così (schiocca le dita) e con pochi soldi fate la vita da nababbi!


(fa il gesto col

31

Marcello: A proposito de palanche...me su mia metì tat bè... e voatre?

Cico:

‘L so che la m’ha ciüntà i solcc ‘ndel portafoi

... ma gàe ‘n lebretì al Uficio

postal....

el me làa fat ‘l me zio quando ho fata la pröma comoniù

.... e su

na a töl zö...

la me fomla la l’ha mai saì...

Principe:  ‘L t’arà mia metì sö ste gran palanche!...

Cico:

Le sarà mia stade tate però iè quarantadu agn che va sö ‘i enterès e argota

ho tirà zö....

e ades i fo frötà amo mei... (ridono amiccando con malizia)

Placido:

Aca la

me

l’ha sgarià ndel portafoi.... me

su nascorsì

perchè

gàe tre

l’imagine de Ronaldo che basàa ü da cento mila e quando ho vardà

stadomà l’era ‘n mes a du da des mila....

Principe:

A birichì...

te ghe fè i tranelli.... te pensàe mia i se fürbo

...e te coi solcc

come sit metì?

Placido:       Benone... la pensarà mia de famla a me la me fomla!... Te sè che fo ‘n moclo de straordinarie e i me iè paga en nero fo de büsta... eco... te

pensarè mia che ghe ‘i abe consegnà töcc?... Ciapela...

braccio)

Marcello: Chèl che sta pegio su me.... cola scüsa che le cüre l’e me iè pasa la mutua

la me fomla la m’ha scanà ‘l portafoi.... go edèa che pödo aca sta a chè...

che non me toche sta ‘n machena a spetaf e terà le gule....

Principe:

Te l’ho za det...

nde che ni, con poche palanche fi la vita che i fa i

miliardari che...

crédem che

me go

esperiensa... i me ciamarà

mia ‘l

Principe ‘ndaren?

Cico:

Argot te ‘mprestarom aca noatre du

... arda da mia pestài fo de corsa...

perché te te si sensa mesüra...

magari te te mete ‘ndel co da fa come i

sceicchi nei harem....

Placido:

(Rivolto al Principe) ‘L set che me despiàs che te vegne mia con noatre

... te te

sarèset deertì ‘n mondo...

Marcello:

E po...ic dre giü cola to esperiensa l’era ‘na sponda aca per noatre......

dai

àghen fo che te spetòm...

Principe:    Ve l’ho det... sarès vegnì con töt ‘l ciör ma go che dei mestèr da tendic

dre...pödo proprio mia...


32

Marcello: A proposito di soldi… io sono messo male, e voi?

Cico:

Io lo so che mi controlla i soldi nel portafoglio, però avevo un libretto

all’Ufficio postale, un deposito fatto da mio zio quando ho fatto la Prima

Comunione… l’ho estinto. Mia moglie non l’ha mai saputo.

Principe:

Non avrà depositato gran soldi!

Cico:

Non saranno stati tanti però sono quarantadue anni che maturano gli

interessi e qualcosa ho prelevato… e adesso li faccio fruttare meglio!

(ridono amiccando con malizia)

Placido:

Anche la mia ha rovistato nel portafoglio. Me ne sono accorto perché

avevo l’immagine di Ronaldo che baciava una banconota da cento euro e

questa mattina, quando ho guardato, era fra due pezzi da dieci!

Principe: Biricchino, metti le trappole! Non ti pensavo così furbo… e tu come stai a soldi?

Placido.    Benone… mia moglie non penserà di farmi fesso! Sai che faccio un sacco di straordinari e me li pagano fuori busta, in nero… ecco… non penserai

che le abbia consegnato tutto? Prendi! (fa il gesto dell’ombrello col braccio)

Marcello: Quello messo peggio sono io! Visto che le cure me le paga la mutua, mia moglie mi ha svuotato il portafoglio. Penso che farei meglio a restare qui. Che non mi tocchi restare in auto ad aspettarvi con l’acquolina in bocca!

Principe: Te l’ho già detto: dove andrete con pochi soldi potete permettervi i lussi che qui si permettono i milionari; credimi perché io in queste cose ho

esperienza… pensi che mi chiamino Principe senza motivo?


Cico:


Qualcosa ti presteremo noi se prometti di non spenderli in fretta. Tu non hai il senso della misura: magari ti metti in testa di fare come gli sceicchi negli harem…


Placido:


(Rivolto al Principe) Sai che mi dispiace che tu non venga con noi… ti sarestidivertito un sacco…


Marcello:  Inoltre avere uno con la tua esperienza sarebbe stata una sicurezza anche

per noi… dai, muoviti: ti aspettiamo!

Principe: Ve lo ripeto, sarei venuto di tutto cuore ma ho degli affari da sbrigare… non posso proprio…


33

Cico:             I’è mia le nose fomle no chei mester le?

Principe:  Tèe.... che m’èt töt fo per chi po?. (si odono passi all’esterno).

Cico:               Le rìa... sgherli!

Principe:  E te la tos... (entrano Roberta e Antonia)

Scena 4ª

Roberta:    A me me par che t’è desmentegà gnent... ho mia capì perché t’è töt dre

dùdes per de mödande. ma fa gnent!    ...

Placido:  Per la miseria... vo a fa i fanghi... met che i me iè sbrodule..... te völarè mia

che naghe lè cole mödande spurche!

Roberta:  Arda che i fanghi, se mai, i dösarés fàtei ala spalacapéso mia come i fa a

spurcàt le mödande!         ....

Placido:  Met che i se ‘ntrapùle... e po te che ‘n fet po dele me mödande ndel casèt      ...

ghet da mprestàghele a vergiü?  ....

Roberta:  (Stizzita si rivolge agli altri) Ardì come ‘l möf la spala....... su pö malada me!

Principe:  Dai fi i brai... sti mia roinà ‘i addii che iè i se bei!    ...

Antonia:  (A Marcello)..Te et desmentega gnent? (Gli mostra il portafoglio)

Marcello: Per chel che te m’è lasa zö pödìe lasàl aca chè.... ‘n fo mia tata de strada

cola monida che ghe tre    ....

Antonia:   Ghe ne zö asè e ‘n vansa.. te ghe töt paga, te ocòr gnent àter.. ansi fares

ciünt che te porte ‘ndre argota   ....

Cico:             Che vipere... l’è mei na ‘n ma ai strozini... (entra Clara con indumenti intimi di

taglia molto ridotta e lo mostra ai presenti)

Clara:       La to roba te ghe l’è dre töta t’è desmentegà chesto sota ‘l to cusì      ....

Cico:            (Si batte una mano sulla fronte). Che cretino....... pensàe da fat na sorpresa pröma

de partì e me su desmentegà chela malatia che la me fa perdì ‘l co!    ...


34

Cico:       Non sono per caso le nostre mogli quegli affari, vero?

Principe. Ehi, per chi mi hai preso?... (si odono passi all’esterno).

Cico:             Arrivano… piegàti!

Principe: E tu la tosse…(entrano Roberta e Antonia)

Scena 4ª

Roberta: Mi pare che non abbia dimenticato niente… non ho capito perché hai preso 12 paia di mutande, ma fa lo stesso!

Placido:    Per la miseria… vado a fare i fanghi… metti che me le imbrattino: non vorrai farmi girare con le mutande sporche!

Roberta:    Guarda che i fanghi, eventualmente, dovrebbero farteli alla spalla… non

capisco come possono sporcarti le mutande!...

Placido:    Metti che inciampino… e tu cosa te ne fai delle mie mutande nel cassetto… devi prestarle a qualcuno?

Roberta: (Stizzita si rivolge agli altri) Guardate come muove la spalla, sto peggio io!

Principe: Su, fate i bravi… non rovinate gli addii… sono così belli!

Antonia: (A Marcello) Tu non hai dimenticato niente? (Gli mostra il portafoglio)

Marcello: Visto il poco che c’è restato, il portafoglio potevo anche lasciarlo a casa… non ne farò molta di strada con gli spiccioli rimasti…

Antonia:   Ce n’è abbastanza e ne avanza. Hai tutto pagato, non ti occorre niente… anzi mi auguro che riporti a casa qualcosa…


Cico:


Che vipere… meglio finire in mano agli usurai…(entra Clara con indumentiintimi di taglia molto ridotta e li mostra ai presenti)


Clara:


Le tue cose le hai prese… hai dimenticato questi sotto il cuscino…


Cico: (Si batte una mano sulla fronte) Che stupido… pensavo di farti una sorpresa prima

di partire e mi sono dimenticato: questa malattia mi fa perdere la testa


35

Clara:

Va lè ala svelta perché te tiro dre ‘na scagna.... chela mesüra che la me nàa

be quando gàe quìndes agn.... va lè per l’amur de Dio!....

Cico:

Arda se me pödo ‘nsomiàm la to mesüra de regipeto.... ‘l botegher ‘l m’ha

domandà per chei che l’era e me go det: “per la me fomla, per chi vöt che

‘l sìes po?” e èl: “sùe oblegà a saì le mesüre dela to fomla?”...e alura me

go det: “la sarà isé...” (muove le mani avanti e indietro) e ‘l ma dat dre

chesto.... se ‘l te va mia bè, quando turno ndré tel cambio....

Principe:

(conciliante). Fiöi le ura de partì... l’è mei na l’è sübet perché la facenda me

par che la se complica....

nom che ve compagno!...(mariti e mogli si salutano

freddamente e prima di uscire...

)

Roberta:  Quando reì fim saì ‘l nom del albergo che se sucede argot ve telefonom!


Placido:


Ciamìm söl so telefonino che l’è pö comot....(indica Cico)


Antonia:


Semper con chel telefonino.... a telefonà al albergo se resparmia argot...


Marcello: Pènset de troàm?... Sarom semper quertà de palta... nom a fa le cüre

noatre... nom mia a deertìs eh!...

Roberta:  (scrollando le spalle). Ardì po oatre!...(Cico resta per ultimo e...)

Cico:

Fomle...

ardì da fa polito!

... (Clara cerca qualcosa da scagliare contro il marito. Gli

uomini escono in fretta)

Scena 5ª

Antonia:

Salödòmei dala finestra....

fom almeno finta che me despìases....da no ic ‘l

rimorso se gaès da capetàc vargota!...(Si avvicinano alla finestra e salutano

freddamente)

Clara:

Rimorso?.... Et vist chel che ‘l gàa sota ‘l cusì? (mostra nuovamente la biancheria

intima)... e ‘l ga i la facia tosta da di che ‘l làa compra per me!...

Roberta:

Clara...

ormai ‘l som chel che i ga ‘ndel co... nom parlà asè... rasegnòmes e

àter... l’üneca l’è che i se spète mia che fome le suore de clausura....

Antonia:

Giüsto....

va a tö le biciclete... e da stasira palestra... e dopo vedarom....

Clara:

Voatre spostì i mòbei...

le bici ‘ie tre nel ripostiglio...mèto sö la tuta e rio

sübet! (esce)


(mariti e mogli si

36

Clara:       Esci in fretta altrimenti ti tiro una sedia… questa misura mi andava bene quando avevo quindici anni… esci per l’amor di Dio!

Cico:        Guarda se io posso immaginarmi la misura del tuo reggiseno. Il commesso mi ha chiesto per chi era ed io gli ho risposto:”Per mia moglie, per chi vuoi che sia?” e lui:“ Sono costretto a conoscere le misure di tua moglie?” E io gli ho risposto: “sarà così” (muove le mani avanti e indietro) Alla fine mi ha dato questo… se non va bene quando torno te lo cambio…

Principe:  (Conciliante) Ragazzi è tempo di partire… meglio andarsene subito perché

mi sa che la facenda si complica… su, vi accompagno!

salutano freddamente e prima di uscire...)

Roberta:   Quando arrivate fateci sapere il nome dell’albergo così, se succedesse qualcosa, potremmo telefonare!

Placido:    Chiamatemi sul suo telefonino, è più comodo… (indica Cico)

Antonia:  Sempre col telefonino: a telefonare all’albergo si risparmia qualcosa!

Marcello. Pensi di trovarmi? Saremo sempre sommersi dal fango… noi andiamo a curarci, non certo a divertirci!


Roberta:


(scrollando le spalle) Vedete un po’ voi!...


(Cico resta per ultimo e...)


Cico:


Donne, cercate di comportarvi bene! (Clara cerca qualcosa da scagliare contro il marito. Gli uomini escono in fretta)


Scena 5ª

Antonia:   Salutiamoli dalla finestra, almeno facciamo finta che ci dispiaccia,in modo da non avere rimorsi se dovesse succedere qualcosa!... (Si avvicinano alla

finestra e salutano freddamente)

Clara:       Rimorsi? Hai visto cosa teneva sotto il cuscino? (mostra nuovamente la biancheria intima)... ed ha avuto la faccia tosta di dire che l’aveva comperato per me!

Roberta: Clara, ormai sappiamo cosa pensano di fare, ne abbiamo parlato abbastanza e rassegnamoci. Però non si aspettino che facciamo le suore di clausura…

Antonia: Giusto, prendi le cyclettes, questa sera in palestra e poi vedremo…

Clara:       Voi spostate i mobili, le bici sono nel ripostiglio… metto la tuta e arrivo subito anch’io! (esce)


37

Roberta:         (spostando i mobili e ridendo da di gomito all’amica) Tèe.......................... et vist chel

completino?... che müs de lamèra.. et vist come le sta svelto a ciüntac na

bala?    ...

Antonia:    Forse iè mei i nos.... per lo meno iè ‘n po pö ntrec!..... (Clara entra con una

cyclette)

Clara:            E öna.. vedarì che vitino.. forse de che a ‘n po me narà bè al regalì che ‘l

me om ‘l gàa ‘ntensiù da portà a Salsomaggiore    ...

Roberta:  (mette in posizione la bicicletta) A cheste le biciclete i’è naside fortönade. Ve

recordif quando ghe ‘iom comprade ale nose fiöle iera grande isè (segna

con la mano) e le gàa za ndel co de fa la cüra dimagrante. iè nade avanti

‘na setemana. do pedalade e ‘n vasèt de nutella e po ‘i ha ‘mpiantà le         ...

le bici iè fenìde‘ndel ripostiglio. solcc sbatì iè               ...

Antonia: Védet che adès le vè bune! ‘N stràs de caàgn ‘l ve bu na olta al an. (rivolta

a Clara).... Quando te turne ‘ndre porta ‘n po de deodorante per fa na lè

l’odur de menta..... che ‘l par da èser ‘nde ‘n erboristeria!......... (Clara esce

nuovamente)

Clara:              (rientra con la seconda cyclette e il deodorante) cambiare aria........ vita nuova aria

nuova.. ’l m’ha fat na ‘n odio po a la menta.................................. che la me piasìa i se fes... ...

Roberta:    Chei che me proebés da cambià gusto?.... L’è trent’agn che l’è semper

chela storia.. sum fosilizade.. che monotonia!               ...

Clara:       ‘L pödarès èser ‘n edèa! (esce per prendere l’ultima cyclette)

Antonia:  Va a piano a dac i consigli a Clara... te se che carater che la ga..... la ciàpa

töt söl serio.. se la decide che l’è reàda l’ura da deertìs te la tegne pö gna

a lögala cole cadine....

Roberta:    Perché ‘i atre se fai scrupoli?... Fam mia straparlà perché se gaès da dit

chel che penso ‘l me da pö l’asolusiù gna ‘l preit!.. (si interrompe perché sta

entrando Clara con l’ultima bicicletta).

Clara:               Eco... pödom tacà..... (prima di salire tutte sulle cyclette provano qualche mossa

sensuale e si accompagnano canticchiando la colonna sonora di 9 settimane e ½.

Mentre pedalano Clara ripete il motivo più veloce e a tempo con le gambe. Le amiche

sottolineano la finale della frase musicale). (Bussano ed entra il Principe).

Principe: Che sucede po?... Il gatto dorme e i topi ballano!        ...


38

Roberta: (spostando i mobili, ridendo da di gomito all’amica) Ehi, hai visto quel

completino? Che faccia di bronzo… hai visto che velocità ad inventarsi

una balla?         ...

Antonia:    Forse sono meglio i nostri… per lo meno sono più ingenui! (Clara entra

con una cyclette)

Clara:               E una… vedrete che girovita da vespa… forse fra poco mi andrà bene

anche il regalo che mio marito intendeva portare a Salsomaggiore!

Roberta. (mette in posizione la bicicletta) Queste bici sono nate fortunate. Ricordate

quando le abbiamo comperate alle nostre figlie… erano piccole così

(segna con la mano) e pensavano già alle cure dimagranti… hanno

resistito una settimana… due pedalate e un vasetto di nutella. Alla fine

hanno smesso e le bici sono finite nel ripostiglio… soldi buttati…

Antonia:      Vedi che ora servono? Tutto prima o dopo serve… (rivolta a Clara)

Quando torni porta il deodorante per togliere l’odore di menta… sembra

di essere in un’erboristeria! (Clara esce nuovamente)

Clara:     (rientra con la seconda cyclette e il deodorante) cambiare aria vita nuova,

aria nuova.... mi ha fatto odiare anche la menta… mi piaceva tanto!

Roberta: Chi ci proibisce di cambiar gusto? Per trent’anni sempre la stessa storia…

siamo fossilizzate… che monotonia!

Clara:      Potrebbe essere in un’idea! (esce per prendere l’ultima cyclette)

Antonia  Stai calma a dare consigli a Clara, lo conosci il suo carattere: prende tutto

seriamente… se decide che è arrivato il momento di divertirsi non si

riesce a tenerla neanche legandola con una catena…

Roberta:  I nostri mariti si fanno scrupoli? Non farmi parlare: se dovessi dire quello

che penso non mi assolverebbe neanche il prete! .(si interrompe perché sta

entrando Clara con l’ultima bicicletta).

Clara:     Ecco, possiamo incominciare (prima di salire tutte sulle cyclette provano qualche

mossa sensuale e si accompagnano canticchiando la colonna sonora di 9 settimane e ½.

Mentre pedalano Clara ripete il motivo più veloce e a tempo con le gambe. Le amiche

sottolineano la finale della frase musicale). (Bussano ed entra il Principe).

Principe: Cosa succede? …Il gatto dorme e i topi ballano!         ...


39

Roberta: Sit de ‘l edèa a ca te che iè apena ‘i om che ga dirito a ic le crisi dei sinquant’agn?...

Principe:  Mai pensada ‘na roba del genere... aca perché me crisi ghe n’ho mia... anzi ...su convinto che le ura che ‘ncomencìef a deertif pröma che ve

daghe fo le malatie psicosomatiche aca voatre....

Antonia:  ‘L set che te si ‘l pröm om che ‘ncontrom che rasuna?

Principe:

Grasie...

‘l ünec dubio l’è che chele biciclete le le me par mia ‘n grant

deertemènt....

chele laùre

le

ormai

i iè dorva

apena

ai

ricoveri...

ades

besögna fa aerobica...

l’è na roba completa perché te fe ginastica, po ghe

la müsica e se ‘mpara ‘l ritmo

... e po l’è de moda

....

Clara:

Se... ma ‘n de nome a fala che che ghe mia negiü che fa i corsi?

Principe:

Ammadona me!

... Su ‘n esperto... garò ‘nsegnà a sentenèr de fomle e ià

‘mparà töte bè!....

E töte sodisfatte!

Clara:

(decisa)

Fomle...

‘ndel ripostiglio che tre amo do tute...

a cambias

... de

onda...

Antonia:

(uscendo con Roberta) ‘N atimo e sum pronte... (escono portandosi le cyclettes…

una la porta il Principe e, nell’uscire…)

Principe:

Via questi attrezzi medievali!...

Si za dre a ciapà colur...

iè agn che ve vedo

smorte...

me fàef a compasiù.. ‘l bel che ghe l’ho semper det ai vos om:

“Stic dre ala vose fomle...

file deertì...

ardì che me par che le patése!”...

Clara:

Sta mia dìmel a me!

... Semper chela sonada...

mai gnent de nöf...

chela

olta che nom a mangià la pizza ‘l par festa nazionale...

l’ünec svago l’è na

‘n canonega ogni tat e troàs cole atre amiche...

o a mèsa... che vöt fa...

dopo te te üse

...

Principe:  L’ho semper det me...

(solenne) “il matrimonio uccide l’amore”... l’ho lesì

sö Novella 2000. A fa semper le stese robe dopo ‘l deventa abitudine e ala

fine te pias pö gnent...

iè le novità che rent ‘nteresante la vita...

Clara:

Te ghe rasù...

me par da sta za mei!...

(entrano Antonia e Roberta in tuta).

Scena 6ª


40

Roberta:   Sei anche tu dell’idea che sono solo gli uomini ad avere diritto alla crisi dei cinquant’anni?

Principe: Mai pensata una faccenda simile anche perché io crisi non ne ho mai; anzi sono convinto che dobbiate incominciare a divertirvi prima che vengano anche a voi le crisi psicosomatiche…

Antonio:  Finalmente abbiamo incontrato un uomo ragionevole!

Principe:    Grazie!... Ho solo un dubbio: queste biciclette non mi sembrano granché

come divertimento: questi sono attrezzi che ormai si usano solo nelle case di riposo. Adesso bisogna fare aerobica: è una cosa completa perché si fa ginnastica, c’è musica e s’impara il ritmo…infine è di moda!


Clara:


Dov’è che si fa, visto che non ci sono insegnanti in giro?


Principe:   Per la miseria, avete qui un esperto! Ho insegnato a centinaia di donne:

hanno imparato tutte bene!... e tutte soddisfatte…


Clara:


(decisa) Donne… nel ripostiglio ci sono altre due tute… cambiarsi, in fretta!


Antonia:


(uscendo con Roberta) Un attimo e siamo pronte…(escono portandosi le cyclettes… una la porta il Principe e, nell’uscire…)


Principe: Via questi attrezzi medievali!... State già prendendo un po’ di colore! Sono anni che vi vedo pallide, mi facevate compassione! Oltre tutto l’ho sempre detto ai vostri mariti: curatevi delle vostre mogli, fatele divertire, state attenti perché mi sembra che stiano soffrendo…

Clara:       Non dirmelo! Sempre la stessa musica, mai niente di nuovo: quando si va a mangiare la pizza sembra festa nazionale. L’unico diversivo è andare in canonica ogni tanto e trovarsi con le amiche, o a messa… cosa vuoi farci, alla fine ci si abitua!

Principe: Io l’ho sempre detto (solenne) “il matrimonio uccide l’amore” l’ho letto su Novella 2000. Far sempre le stesse cose diventa un’abitudine ed alla fine non c’è più niente che ti soddisfa: è la novità a rendere interessante la vita

Clara:       Hai ragione… mi sembra di stare già meglio! (entrano Antonia e Roberta in tuta).

Scena 6ª


41

Roberta:   Pronte.. a di la veretà go ‘n po raspèt... iè robe che ho mai fate..... e po

noatre cola tuta e te vestì be te me fè ‘n po de södesiù!      ...

Principe: Raspèt de chi po?.. Te garè mia raspèt de me.. su semper sta de famìa!         ...

ma per ‘l vestì te ghe rasù.. casualmente go zö la roba da cambiam fo ‘n

machena... ‘n atimo e su pronto. (esce)

Clara:       Che fiùr de ‘n om... ‘l ga na sensibilità!... pensì che ‘l m’ha ciüntà che iè

agn che ‘l ghe racomanda ai nos om da tratam bè e fam deertì.. e èi gna

per le bale de scultàl!...

Roberta:   E noatre che om semper pensà che ‘l födes ‘n roina famie.. e i nos, chei

desgrasiè, i me l’ha mai gna det che l’era isè premurus nei nos confronti!      ...

Antonia:   Saràl mia isè perché l’è mia spusà? Magari se ‘l gaès a ca el la so fomla

‘l sarés come i nos. gna pö gna meno! ....

Clara:            Alà, Antonia, l’è apena questiù de sensibilità. argiü i ghe.... i’è come le

mosche bianche ma i ghe.... noatre gom mia vi la fortüna da ciapà chei

giüsti!    ...

Roberta:   Te pöde di giuro... ho mai vensì gnent... gna le caramele ala pesca de beneficienza... te pöde ‘nmaginà se pödìe troà l’om giüsto... ‘l principe

azzurro...pasiensa! (bussano e entra il Principe con un completo da ginnasticaattillato, stravagante e mal assortito: ridicolo)

Principe:   Eco... su pronto... ghe argot per metì sö la müsica?... (porge una cassetta a

Clara da inserire in un registratore. Intanto le amiche lo guardano ammirate)

Antonia:  Che fisico... t’om semper vist vestì... isè l’è natra roba!... i vestì i te porta è

des agn... segiür segiür...

Principe:   Sti mia fam vegnì ros dai!... ades ve spiego chel che ghi da fa... voatre vardìm me e fi le stese robe... le pröme olte ‘l sarà ‘n po dificile ma se fa prest a ‘mparà!...

Clara:       ‘Nde sit sta po a cambiat fo?

Principe:  Zö ‘n machena...vöt che me cambie fo davanti a voatre?

Roberta: Te garè mia raspet de noatre!... I’è agn che se cognesom!


42

Roberta: Eccoci pronte… ad essere sincera ho un po’ vergogna: sono cose che non ho mai fatto ed inoltre, noi con la tuta e tu vestito bene… mi fai un po’ soggezione…

Principe: Soggezione per cosa? Non avrai soggezione di me, sono sempre stato un amico di famiglia! Però per quanto rigurda il vestito hai ragione… in auto, giù dabbasso, casualmente ho il ricambio… un attimo e arrivo (esce)

Clara:       Che fiore d’uomo… ha una sensibilità! Mi ha raccontato, pensate, che da anni raccomanda ai nostri mariti di trattarci bene e farci divertire… e loro non si sono mai sognati di ascoltarlo!

Roberta:  Noi abbiamo sempre pensato fosse uno sfascia famiglie! E i nostri, i disgraziati, non ci hanno mai detto che era così premuroso con noi!

Antonia: Non sarà così perché non è sposato? Magari se anche lui avesse una moglie sarebbe come i nostri mariti, uguale!

Clara:       Lascia perdere, Antonia, è solo questione di sensibilità… alcuni ci sono… sono come le mosche bianche, ma ci sono: noi non abbiamo avuto la fortuna di trovare quelli giusti!...

Roberta: Puoi giurarlo: non ho mai vinto niente, nemmeno le caramelle alla pesca di beneficienza, puoi immaginare se potevo trovare l’uomo giusto, il principe

azzurro… eh, pazienza! (bussano e entra il Principe con un completo da ginnasticaattillato, stravagante e mal assortito: ridicolo)

Principe: Ecco, sono pronto… c’è qualcosa per mettere la musica? (porge una cassetta

a Clara da inserire in un registratore. Intanto le amiche lo guardano ammirate)

Antonia:   Che fisico… ti abbiamo sempre visto vestito normale: così sei tutta un’altra cosa. I vestiti ti invecchiano di dieci anni, sicuro, sicuro…

Principe:   Non fatemi arrossire! Adesso vi spiego cosa bisogna fare: voi mi guardate e fate le stesse cose. All’inizio sarà un po’ difficile ma si fa presto ad imparare!

Clara:            Dov’è che ti sei cambiato?

Principe:  Giù in macchina… volevi che mi cambiassi davanti a voi?

Roberta:  Non avrai vergogna di noi… sono anni che ci conosciamo!


43

Principe: Dai... tàca la müsica! (Clara si allinea con le altre di fronte al pubblico, il Principeresta di spalle ed incominciano gli esercizi di aerobica –scena a piacere-. Dopo un momento le amiche sono distrutte e chiedono una pausa).

Clara:      (spegne il registratore) A madona che fadiga... se vet che su zö de esercizio...

Principe:  Go edèa che ginastica ‘n fi poca... ‘n töcc i sensi!...

Roberta:    Se no te considere ‘l toc de viè dala chè ala canonega...che iè dusent

metri... per ‘l rest...(fa cenno esplicativo con la mano)

Principe: No..no... ghi da recuperà ‘l tep pers... se ghe rìo a troà posti liberi, sàbet nom al corso de ballo... ve ‘nsegno me... quando turna ‘ndre i vos om ghi da “volteggiare come libellule”... vel garantéso me...

Antonia: ‘Mparà a fa?... Quando i turnarà ndre, al masimo pödaròm “volteggiare” nturen al laandì... da sule!


Principe:


Voatre ‘mparì che se sa mai... “impara l’arte e mettila da parte”...


Clara:


Beòme argota che crepo dala sì? (Roberta e Antonia accettano una bibita). Te Principe bìet ‘n whischetto?...Te col fisico che te ghe t’è mia södà tat... (IlPrincipe accetta e Clara esce)


Roberta:


(rivolta al Principe) ‘L set che me sento za pö legera?...Ma mia apenafisicamente no... aca de co!...


Principe:  Set mia come l’è ‘mportante fa vargot de diverso.e mia semper la stesa solfa...se quadagna almeno des agn de vita...(rientra Clara col vassoio e si

siedono tutti meno Antonia che si avvicina alla finestra)

Antonia:

Tèe

... aràle spià fo chele coriosùne che te ghe fo davanti?... Se ‘i ha vist

argota sum a posto!... Domà ‘l le sa töt ‘l paìs!

Clara:

Frègheten...

l’importante l’è che stome bè noatre dopo i dise chel che i

völ...

ansi...

domà a bonura no perché nom a mèsa e dopo, fa la spesa e isè

‘l vè mesdè...

ma vers le do se troòm turna e fom ‘natra lesiù

Roberta:

Besögnarà vedì se ‘l garà tep ‘l Principe!...

Principe:

A madona....

su che aposta!

Antonia:

E sàbet scuola de ballo.... volteggiare... volteggiare....(Suona il telefonino,

Clara risponde)


44

Principe:   Dai, parti con la musica (Clara si allinea con le altre di fronte al pubblico, il

Principe resta di spalle ed incominciano gli esercizi di aerobica –scena a piacere-.

Dopo un momento le amiche sono distrutte e chiedono una pausa).

Clara:      (spegne il registratore) Che fatica… si vede che manco di esercizio…

Principe: Credo che ginnastica ne facciate poca… in tutti i sensi!...

Roberta: Se tralasci il pezzo di strada che va da casa alla canonica… forse duecento

metri… per il resto...(fa cenno esplicativo con la mano)

Principe: No, no… dovete recuperare il tempo perso. Se riesco a trovare posti liberi, sabato andiamo al corso di ballo… vi insegno io… quando torneranno i mariti dovrete “volteggiare come libellule”, ve lo garantisco io!

Antonia:   Imparare a che scopo? Quando torneranno al massimo potremo “volteggiare” attorno al lavandino… da sole…

Principe:  Voi imparate, non si sa mai: “Impara l’arte e mettila da parte”!


Clara:


Beviamo qualcosa che sto morendo di sete? (Roberta e Antonia accettano una

bibita) Tu, Principe, bevi un whischetto? Tu, con il tuo fisico, hai sudato

poco… (Il Principe accetta e Clara esce)


Roberta: (rivolta al Principe) Sai che mi sento già più leggera? E non solo fisicamente,

anche di testa!...

Principe: Non sai quanto sia importante fare qualcosa di diverso e non sempre la

stessa solfa: si ringiovanisce di almeno dieci anni…(rientra Clara col vassoio

e si siedono tutti meno Antonia che si avvicina alla finestra)

Antonia: Ehi, avranno spiato le curiose che abitano di fronte? Se hanno visto qualcosa, siamo rovinate!,,, Domani di certo lo saprà tutto il paese!

Clara:       Fregatene! Importante è che stiamo bene noi, per il resto dicano ciò che vogliono. Domani mattina non possiamo perché c’è da andare a messa e in seguito a far la spesa, quindi arriverà mezzogiorno. Però verso le due del pomeriggio ci troviamo nuovamente per un’altra lezione…

Roberta: Bisognerà vedere se il Principe è disponibile!

Principe: Ma certo… sono qui apposta!

Antonia: E sabato a scuola di ballo… volteggiare, volteggiare…(Suona il telefonino,

Clara risponde)


45

Clara:               Se?... (rivolta agli altri) ié èi......... sif za reà?... I fat ala svelta!... (pausa)..... dabù?

sperom.. sperom.. (pausa)....... va bè ghela paso.. ciao..... (rivolta a Roberta)....... ‘l

to om ‘l völ parlà con te. (passa il telefonino)...

Roberta:  Ciao.... (pausa).... magari.. magari... (pausa)..... fa polito.. ciao!

Principe: Se i’ha fat prest!.. Va be che Salsomaggiore l’è che a ‘n tiro de s-ciop, ma

i’ha proprio fate le sdarse a na ‘n zö!

Clara:            Cico ‘l m’ha det che apena reà i l’ha metì sübet sota la tenda a osigeno

perché l’era ‘n condisiù critiche aderetüra ‘l se fat pasa ‘l telefonino da ‘n

büs nela tenda da ‘n enfermer!   ...

Roberta:   E ‘l me ‘l m’ha det che i l’ha brancà sübet, i l’ha destendì e i garà sbatì sö

‘na cariöla de fanga broèta...

Antonia:  Ma fai töt ‘n de ‘na stansa?

Clara:       Perché po?

Antonia:  Se ‘l ga pasà ‘l telefonino ‘l völ di che ié ‘nsema a fa le cüre...

Roberta:  Che vöt che some noatre?

Principe:  (con gli occhi al cielo) ‘L pöl das... ‘l pöl das...(le donne parlottano fra loro in unangolo e il Principe, girato verso il pubblico con la mano a coprirsi la faccia per non

farsi vedere...) Se i’è stüpecc... se i’è stüpecc... con töte le racomandasiù chego fate... me diso che i’è gnamò reà söl autostrada che i ga za telefonà!... isè ‘l völ proprio di fas scoprì... i mèreta mia de‘nsegnac gnent!

Clara:      Che séret dre a di?...

Principe:   Rasonàe ‘ntra de me e pensàe che i vos om i’ha proprio troà trìe bune

fomle...

Sipario


46

Clara: Si? (rivolta agli altri) sono loro- Siete già arrivati? Avete fatto in fretta!...(pausa) davvero?... speriamo, speriamo…(pausa)… va bene, gliela passo, ciao-

…(rivolta a Roberta) è tuo marito che ti vuole parlare (passa il telefono)

Roberta: Ciao (pausa)… magari… magari… Fai il bravo… ciao!

Principe: Hanno fatto presto! D’accordo che Salsomaggiore è qui a un tiro di fucile, però devono aver fatto scintille per arrivarci così in fretta!

Clara. Cico mi ha raccontato che, appena arrivato, è stato messo sotto la tenda a ossigeno perché era in condizioni critiche… addirittura si è fatto passare il telefonino da un buco nella tenda da un inserviente!...

Roberta: Il mio ha detto che l’hanno preso subito, l’hanno steso e gli hanno gettato addosso una cariola di fango bollente…

Antonia: Fanno tutto in una sola stanza?

Clara:      Perché?

Antonia: Se si sono passati il telefonino significa che si stanno curando assieme!

Roberta:  Cosa ne possiamo sapere noi?

Principe: (con gli occhi al cielo) Può essere, può essere… (le donne parlottano fra loro in unangolo e il Principe, girato verso il pubblico con la mano a coprirsi la faccia per non

farsi vedere dalle amiche...) Quanto sono stupidi, stupidi… dopo tutte leistruzioni che gli ho dato! Scommetto che non sono arrivati in autostrada ed hanno già telefonato! Vogliono proprio farsi scoprire… di sicuro non meritano consigli!

Clara:     Cosa stavi dicendo?

Principe. Ragionavo per conto mio e pensavo che i vostri mariti hanno proprio trovato tre donne fin troppo buone ….

Sipario


47

Atto III

Scena 1ª

(Sono in scena le tre amiche in tuta da ginnastica. Ogni tanto a turno, benché sedute, mimano una mossa di ballo).

Clara:

Mamma!... Che deertìda ièr sira...

Roberta:

Iéra agn che me deertìe mia isé... et vist che ballerino ‘l Principe...

‘l m’ha

sfiancade töte trie e el l’era amo fresc come ‘na rösa!...

Antonia:

‘N des de che ‘l me sta dre me par da i guadagnà vint agn... me sento töta

frizzante come quando sére ‘na zoanota... cambiando discorso...

e i nos

om?

Clara:

Eco... te m’è za roenà ‘l buonumore!...

Antonia:   Dopo ‘l pröm de‘i ha pö telefonà!... Per chel che ‘n som noatre i pöl aca ìi

desmentegà nei fanghi e a chest’üra i pöl eser a cocc...

Roberta:

Te ghè mia töcc i torcc...

dopo töt ‘i’è amò i nos om...

aca se a distansa de

trent’agn me domando chei che me l’ha fat fa....

Clara:

I se ‘mpiòce

se ghe födes ‘nteresà vargot ‘i arés telefonà ei o no?

Roberta:

Te sè che co che i ga... i se recorda gna dal nas ala boca

... ghe vè ‘n ment

de telefonà se!

Antonia:

Dai pröa alà...

tanto per metìs ‘n po la cosciensa a posto...

se i respont mia

ater...

Clara:

Voatre völì mia credìm...

chei le i’è mia ale cüre...

se ghe telefono ghe

roìno argot...

ma se l’è per faf contète....

Roberta:

Te garè a rasù... ma iè tanto ‘ndormècc che me

i vedo mia a fam i

còregn...

töte le òlte che serco de fegöràmei me ve da sgregnà!

Clara:

(Prende il telefonino, fa il numero e attende. L’espressione diventa sempre più

perplessa)...

Capéso mia...

ch’ei che parla?... Parli

in

italiano che non

capisco!... Ch’el?... Ma lei è estracomunitaria?... Fat ciaà!....

Roberta:

Ch’erei po?

Clara:

‘L set te?...

L’era na gus da fomla che parlàa ‘n dialèt che capeso mia...


48

Atto III

Scena 1ª

(Sono in scena le tre amiche in tuta da ginnastica. Ogni tanto a turno, benché sedute, mimano una mossa di ballo).

Clara:    Mamma mia, che divertimento, ieri sera!...

Roberta:   Erano anni che non mi divertivo così; avete visto che ballerino il

Principe?…ci ha sfiancate tutte e tre ed era fresco come una rosa!...

Antonia: Dopo dieci giorni che ci cura mi sembra d’aver guadagnato vent’anni… mi


Clara:


sento tutta frizzante, come qundo ero una giovanetta… cambiando

discorso… e i nostri mariti?

Ecco, mi hai già rovinato il buon umore!...


Antonia: Dopo il primo giorno, non hanno più telefonato!... Per quanto ne sappiamo possono averli dimenticati nel fango ed ora potrebbero essere cotti!

Roberta: Non hai torto… nonostante tutto sono i nostri mariti anche se, a distanza di

trent’anni, mi chiedo chi me l’ha fatto fare a sposarmi!...

Clara:       Si facciano friggere! Se gli fosse interessato qualcosa avrebbero telefonato loro, ti sembra?

Roberta: Lo sai che testa hanno!... Non ricordano mai niente… ti puoi immaginare se pensano a telefonare!

Antonia: Dai, prova… tanto per avere la coscienza a posto… se non rispondono, noi

abbiamo fatto il nostro dovere…


Clara:


Voi non mi volete credere… non stanno facendo le cure… se telefono interrompo qualcosa… lo faccio per accontentarvi!...


Roberta: Può darsi che tu abbia ragione… però sono tanto addormentati che non li vedo mentre ci fanno le corna. Quando cerco di immaginarmi la scena, mi viene da ridere!

Clara:  (Prende il telefonino, fa il numero e attende. L’espressione diventa sempre più perplessa)

Non capisco, chi parla? Parli in italiano… non capisco! Cosa? Ma lei è extracomunitaria?... Vai a farti benedire!

Roberta:  Chi era?

Clara: Non lo so! Era una voce di donna che parlava un dialetto che non conosco!


49

Antonia: ‘I asume estracomunitari da per töt! ‘i italiani i ga pö òa da laorà        ...

Roberta:  A madona.... ‘l sarà mia ‘n mestér fadigùs ciapà le telefonade ‘n den

albergo?.. Sum deventà ‘na manega de lasaroni     ....

Scena 2ª

Clara:    Se ghe völarés che ‘l Principe.. el ‘l cognés ‘n moclo de lingue...... (bussano)           ...

l’è rià per ‘i esercisi.. avanti! (entra il Principe...... saluti..) Te rìe adura adura              ...

om apena telefonà a chei ‘mpiàster de chei om ma me respònt ‘na fomla

che la parla ‘n dialèt strano            forse te t’èl cognese!..

Principe: Pröa a fa turna ‘l nömer. se l’è na lingua del’Europa la cogneso de segiür!

Antonia:   Te ghe proprio ‘n co che l’è pegio de ‘n enciclopedia nè! (Il Principe si

schermisce intanto che Clara compone il numero)...


Clara:


To!... L’è turna chela... la me fa vegnì en nervus!... To... senti..(passa iltelefonino al Principe)


Principe:


Si... pronto... secretàrie... ruméniche... Bucarèsti... donne) chesta che la ‘na segreteria telefonica rumena!


(perplesso rivolto alle


Roberta:


E che fala po a Salsomaggiore?


Principe:


Ve n’entendif mia de telefonini?


Clara:


Mia tat!...


Principe:  La segreteria telefonica la respont ‘ndela lengua del pais ‘nde che ghe ‘l

telefonino... ‘l völ di che ‘l telefonino l’è ‘n Romania!...


Clara:


E ‘l me om?...


Principe: Se no i ghe l’ha robà l’è ‘n Romania a el ‘nsema al telefonino....


Roberta:


Disgrasiati... le cüre... i fanghi... quando ‘l turna ‘ndre ghe la mando fo de post me la spala... a padelade...


50

Antonio:   Assumono extracomunitari ovunque! Gl’italiani non hanno più voglia di lavorare…

Roberta:   Per la miseria, non sarà per caso faticoso prendere le telefonate in un albergo? Siamo diventati un branco di lazzaroni!

Scena 2ª

Clara:       Ci vorrebbe il Principe… lui conosce un sacco di lingue (bussano) è arrivato per gli esercizi… avanti (entra il Principe, saluti) Sei arrivato giusto in tempo. Abbiamo appena telefonato a quei pasticcioni di mariti ed ha risposto una donna che parlava un dialetto strano: forse tu lo conosci!

Principe. Prova a rifare il numero… se è una lingua europea la conosco di certo!

Antonia:    Hai proprio una testa meglio di un’enciclopedia, vero? (Il Principe si

scermisce intanto che Clara compone il numero)...

Clara:       Prendi! È di nuovo quella… mi fa venire i nervi! Prendi, senti! ..(passa il telefonino al Principe)

Principe:   Si, pronto… secretarie… rumeniche… Bucaresti (perplesso, rivolto alle donne) Questa è una segreteria telefonica rumena!

Roberta:  E cosa fa a Salsomaggiore?

Principe:  Avete pratica con i telefonini?

Clara:       Poco…

Principe:     La segreteria telefonica risponde nella lingua del paese dove sta il

telefonino, il che vuol dire che il telefonino è in Romania!...

Clara:       E mio marito?

Principe:  Se non glielo hanno rubato, è in Romania, col telefonino!

Roberta:   Disgraziati: le cure, i fanghi. Quando torna a casa gliela slogo io la spalla,

a padellate!...


51

Clara:

Che vàe det?

... Che vàe det?...

E voatre che völì mia credìm!...

Me ‘l me

om ‘l vedo ‘ndei öcc quando l’è dre a combenà argota de mia tat a

posto!

...Bocaciùne!

Antonia:

Te ghè rasù...

qualche dubio ghe l’àe a me...ma pensàe che al masimo ‘l

sarés na a fa ‘n po ‘l stüpet a Salsomaggiore...

ma ‘n Romania!.. e po ‘l

m’ha ‘nganà perché dopo ‘n po de de che me l’ho vist le sghèrlo gàe quasi

credì...

che aràl fat a sta le piegà dele ure?...

Principe:

Sti mia ciapàvela alà...

dopo töt ‘n chei de che de libertà ghi vida l’ocasiù

de cognesì ‘n sac de ròbe nöe...

e ‘natra roba...

quando i turna ‘ndre si

semper adura de fagla pagà!....

Roberta:

A te pöde di giuro!.. Làga che ‘l végne a chè e po ghela fo vedì me

... se

pröma ‘l me vedìa poc ades ‘l me vedarà amo de meno....

e narò mia

apena

‘n

canonega no

.... anzi...

iè agn che go le patenti e

‘i ho

mai

dorvade...

me daréset mia quac lesiù de scöla guida?..

Principe: Certo!... Sempre a disposizione!

Clara:

Ma sit segiür che l’era proprio rumeno chela lingua che t’è sentida....

Principe: Certo... come giü e giü fa du...

Antonia: Come fet po te a cognesì a chela?

Principe:

Se ghi pasiensa vel spiego...

‘na olta i Romani, chei vècc mia chei de ades

no, i’è sta fo n’Romania e i ga ‘nsegnà a parlà perché i’era möcc

... e ades

chei dela Romania i parla come chei de Roma... presapoc

... a li mortacci

tua...

che te possino... eco...

se vardì ‘n po de film de Sordi o de Verdone

‘l rumeno sel ‘mpara sübet...

Clara:

A pensac dre be

... me parìa se che al telefono i parlès ‘n chela maniera le!

Roberta:

Árda...

chel che ghe da di ghe da di.... te si proprio na sciensa!...

Antonia:  Alüra tacòme coi esercizi?

Clara:

L’è mei de no...

con töt chel ch’è söces m’è ‘n po pasada la òa...

e po vöi

tegnì a ma le forse perché stasira nom a balà!...Che dìsela Antonia?

Volteggiare

... volteggiare...

Principe:

Gnent dai...

quater esercizi pödom fai a domà dopomesdé...

ve salüdo...


52

Clara:       Cosa vi avevo detto? Cosa vi avevo detto? E voi che non mi volevate credere! Io mio marito lo vedo negli occhi quando sta per combinare qualcosa di losco!... Credulone!

Antonia:   Hai ragione! Qualche dubbio l’avevo anch’io, ma pensavo che, al massimo, avrebbe fatto un po’ lo stupido a Salsomaggiore… ma in Romania! E poi devo dire che mi aveva quasi ingannato perché, dopo averlo visto piegato per giorni, quasi gli ho creduto! Come avrà fatto a restare piegato così per ore?

Principe.   Non prendetevela… Dopotutto in questi giorni di libertà avete avuto l’occasione di conoscere cose nuove… e non dimenticate: quando ritorneranno avrete sempre l’occasione di averli in pugno!

Roberta: Puoi giurarlo! Aspetta che torni a casa e gliela faccio pagare: se prima mi vedeva poco, adesso mi vedrà anche meno. E non andrò solo in canonica! Anzi, ho la patente da anni e non l’ho mai usata, non mi daresti qualche

lezione di scuola guida?

Principe: Certo!... Sempre a disposizione!...


Clara:


Ma sei certo che la lingua che hai ascoltato fosse proprio rumena?


Principe: Certo, come uno più uno fa due!


Antonia:


Come fai a conoscere anche quella?


Principe: Se avete pazienza vi spiego. Una volta i Romani, quelli vecchi, non quelli moderni, sono stati in Romania ed hanno insegnato a parlare perché là erano tutti muti: Ora la gente della Romania parla come quelli di Roma, pressappoco… a li mortacci tua, che te possino, etc,,,ecco se guardate un

film di Sordi o di Verdone il rumeno lo imparate subito…


Clara:

Roberta:


Se ci penso bene, mi sembrava che al telefono parlassero in quel modo!

Guarda, bisogna proprio dartene atto, sei un cervellone!


Antonia:


Ed ora incominciamo con gli esercizi?


Clara:


Meglio lasciar perdere: dopo quanto è successo non ne ho più voglia.

Inoltre voglio risparmiare le forze perché questa sera andiamo a ballare!

Come dice Antonia? Volteggiare, volteggiare…


Principe: Va bene… gli esercizi possiamo farli anche domani pomeriggio, vi saluto!


53

Roberta:   Vegnom a noatre... (saluta ed esce con Antonia)...

Scena 3ª

Clara:

Ghe mia giustizia a sto mont

... na vita de sacrifici

... tirà’l rif ‘ndele peze...

semper stada fedele.... e arda chel che n’ho ‘ncaà....

l’ater l’è ‘n Romania a

fa l’asen....

‘l turnarà ndre... ‘l turnarà ndre....però sarés coriusa de saì ‘nde

l’è na a tö i solcc... va be che fo le i dis che ‘l costa töt poc!... E mia apena

la spesa no! (bussano e rientra Antonia). Che fet po che turna?

Antonia:

Fa sito alà

... quando sum na lè ‘n moment fa ‘l Principe e Roberta ‘i era

denacc... ho vist me che nel pasà zö dale scale i se parlàa ndele rècie...

quando sum sta desota Roberta la m’ha det: “Antonia, ‘l Principe ‘l s’è

oferto da fam scöla guida za che ‘l ga che la machina... t’en fa gnent?... Te

tödarésem dre ontéra ma su mia tat pratica e go pora da fat mal!”... “No..

no- go det – fi con còmot!”...

e alura su turnada ‘ndreé... so mia che fa a

chè da sula...

te despiàs?

Clara:

No

..no

...te pöde ‘nmaginat...

tèe...

(con aria maliziosa) ‘l presénta ‘l ciünt ‘l

socio...

‘l comincia a pretendì ‘l pagamento dele lesiù de ballo...

te edarè

che riarà a ‘l nos turno....

Antonia:

Sperom!...

Clara:

Sit mata?...

Fin che se tratàa da na a balà su d’acordo...

però dopo basta!...

Vöi mia fenì ‘ndel campionario de fomle de chel àsen le né!... (fuori si sente

il rumore di un incidente d’auto e Clara si precipita alla finestra per guardare e Antonia

la

segue)...

La pröma lesiù l’è fenida mal...

‘na partensa da cani....

l’ha

sbogià ‘n atra machina!

Antonia:

La ghe sta bé... a tös du...

ma amò de pö al Principe....ah ‘l völìa ‘l

pagamento dele lesiù de ballo?...

Adès ‘l pagarà el...

‘l carosér però!....

Làsem vardà a me... (si sporge, si gira stupita) ... ma chela lé l’è la to

machina....

ghe zö i nos om!...

Clara:

(Si avventa alla finestra) Per l’amur!...

Ades sum a sensa machina....

za che la

stàa ‘nsema col fil de fer!...

Ghe spaco ‘l co

... (Si sente trambusto fuori dalla

porta e entrano tutti. I mariti indossano vestiti frusti. Cico è lacero, bendato con un

volante in mano)

Principe:    (A Cico) Sta mia agitàt no... è mia söcès gnent... fom la denuncia alasecörasiù e i te paga i dagn... po per la machina che l’èra le costa de pö le carte de chel che la val!...


54

Roberta:  veniamo anche noi…(saluta ed esce con Antonia)...

Scena 3ª

Clara: Non c’è giustizia a questo mondo, una vita di sacrifici, sempre a risparmiare, sempre rimasta fedele e guarda cosa ho ricavato: lui è in Romania a spassarsela. Tornerà, tornerà. Però sono curiosa di conoscere dove ha preso i soldi; d’accordo che là dicono costi tutto poco, e non solo gli alimenti! (bussano e rientra Antonia) Cosa fai di nuovo qui?

Antonia:   Guarda, quando siamo usciti un attimo fa avevo davanti il Principe e Roberta che, mentre camminavano, si sono parlati nell’orecchio. Quando siamo arrivati dabbasso Roberta mi ha detto: “Antonia, il Principe si è offerto di farmi scuola guida, visto che ha qui la macchina, ti dispiace? Ti prenderemmo con noi ma ho poca pratica ed ho paura che ti faccia male!” “No,- ho risposto- fate pure con comodo!” … E così sono ritornata… non so cosa fare a casa da sola… ti spiace?

Clara:       No, no resta, immaginati! Ehi, (maliziosa) presenta il conto, il caro amico, ora incomincia a pretendere il pagamento per le lezioni di ballo… vedrai che arriverà anche il nostro turno…


Antonia:


Speriamo!...


Clara:


Sei pazza? Finchè si trattava di ballare, d’accordo, però la faccenda è chiusa! Non voglio certo finire nel campionario di donne di quell’asino (fuori si sente il rumore di un incidente d’auto e Clara si precipita alla finestra per guardare e Antonia la segue)... La prima lezione è finita male… una partenza da cani… ha distrutto un’altra auto!


Antonia:


Ben gli sta … a tutti e due… ma più ancora al Principe: voleva il pagamento delle lezioni di ballo? Adesso pagherà lui, il carrozziere! Lasciami guardare…(si sporge, si gira stupita) quella è la tua auto… quelli sono i nostri mariti!


Clara:


(si avventa alla finestra) Adesso siamo pure senza auto. Già questa stava assieme legata col filo di ferro!... Io gli spacco la testa! (Si sente trambusto fuori dalla porta e entrano tutti. I mariti indossano vestiti frusti. Cico è lacero, bendato con un volante in mano)


Principe:


(a Cico) Non agitarti, alla fine non è successo niente! Facciamo la denuncia all’assicurazione e ti pagano i danni. In fin dei conti, visto com’era ridotta, costano più le carte del valore dell’auto!


55

Cico:                De chel che la val adès che l’è desfada!  La ga quìndes agn ma l’era tat

come nöa.. l’ho semper tegnida come l’oro.. e po ades go mia i solc da

cambiala        ....

Principe:   L’üneca roba buna i’era le gome e chele i’è amò bune. dai ciàpa la carta

della constatazione amichevole che la fom zö         ...

Cico:             Amichevole ‘n corno... se i me le met mia a posto come pröma te me dè la

to la machina.. (va a prendere la denuncia per compilarla) ...

Marcello:  (Rivolto alla moglie) A madona che acogliensa.... dopo des de che se vedom

mia m’ì gna salödà!... (Le donne sono naturalmente risentite e sostenute. Roberta,

in particolare, se ne sta in un angolo imbronciata per l’incidente)

Antonia:   Perché voatre che if fat?.. ‘L par che la sìes pö ‘mportante na strasuna de

na machina dele vose fomle!          ...

Cico:     A piano cola strasuna.. che i’è miliù de dagn! (Il Principe che sta compilando il

modulo lo guarda con scherno. Cico, accortosi di non aver salutato la moglie, le si

avvicina e la saluta imbarazzato) Scüsem ma sere töt agità per l’incidente!

Marcello:    Ardì che roba... ‘n viasù compagn e m’è söcès gnent... e a momenti se

fom copà söla porta dela cosina e dala fomla de ‘n amico............ per de pö          ...

Placido:       (rivolto alla moglie) Ma a proposito...... te che fàet po al volànt söla machina

del Principe? I’è agn che vöi ‘nsegnàt a guidà e te m’è semper det de no!       ...

Roberta:     N’om parlà ‘n de, per caso, che töcc ‘nsema e èl ‘l s’è oferto da

‘nsegnam. perché se gaès vi besögn dela machina te te ghe sere mia!.. E

po vöt na a metì la pasiensa che ‘l ga èl e chela che te ghe te.......... ogni

gratada nel cambia marcia sarés vegnì zö ‘l paradis con töcc i sancc  ...

Placido:    Ciàmela gratada chel che t’è combenà de sota... t’è desfade do machine!..

E po te det che ghe sere mia. t’el sàe che stàe è poc de. su mia na ‘ndela

legione straniera no!

Cico:              (È in piedi e osserva il Principe che compila la denuncia) Mètec sö che “ero sulla

mia mano”.. che i le sape.töcc chei dela secörasiù!

Principe:    Quale ma.. la destra o la sinistra? Per me te sere ‘n mes al stradù!    ...

Cico:                ‘L sàe me da ciamà i carabenier... se se pöl fidà pö gna dei amici!

Clara:              Se pöl saì perché si vestì come i strasù?


56


Cico:


Di quanto vale adesso che è distrutta! Ha quindici anni ma era come nuova. L’ho sempre tenuta benissimo ed inoltre adesso non ho i soldi per cambiarla!


Principe: L’unica cosa buona erano i pneumatici e quelli sono ancora utilizzabili. Su, prendi il modulo della constatazione amichevole che lo compiliamo.


Cico:


Amichevole un cavolo, se non mi riparano l’auto com’era prima, mi dai la tua! ....(va a prendere la denuncia per compilarla)...


Marcello: (rivolto alla moglie) Che razza di accoglienza! Dopo dieci giorni che non ci vediamo, non ci avete nemmeno salutati! (Le donne sono naturalmente risentite e sostenute. Roberta, in particolare, se ne sta in un angolo imbronciata per l’incidente)

Antonia: Voi cosa avete fatto? Sembra più importante un rottame di macchina delle vostre mogli!

Cico: A piano col rottame, qui ci sono migliaia di euro di danni! (Il Principe che sta compilando il modulo lo guarda con scherno. Cico, accortosi di non aver salutato la moglie, le si avvicina e la saluta imbarazzato) Scusami, ero agitato per l’incidente!

Marcello: Guarda il destino! Un viaggio simile senza incidenti e quasi ci facciamo ammazzare sulla porta di casa e dalla moglie di un amico, per di più!

Placido: (rivolto alla moglie) A proposito, cosa ci facevi al volante della macchina del Principe? Da anni voglio insegnarti a guidare e ti sei sempre rifiutata!

Roberta: Ne abbiamo parlato un giorno, per caso, qui tutti assieme e lui si è offerto di insegnarmi perché, se avessi avuto bisogno di guidare, tu non c’eri! Inoltre vuoi metter la pazienza che ha lui e la tua? Tu ad ogni grattata di marcia avresti fatto cadere il paradiso con tutti i santi!...

Placido:    Chiamala grattata quella giù dabbasso… hai distrutto due macchine! Inoltre dici che non ero a casa: lo sapevi che non sarei stato lontano tanto tempo… non è che sono andato nella legione straniera!...


Cico:

Principe:

Cico:

Clara:


(È in piedi e osserva il Principe che compila la denuncia)  Scrivi che “Ero

sulla mia mano”… che tutti quelli dell’assicurazione lo sappiano!....

Quale mano, la destra o la sinistra? Per me eri in mezzo alla strada!...

Lo sapevo di chiamare i carabinieri: Non ci si può più fidare nemmeno

degli amici!

Si può sapere perché siete vestiti come dei pezzenti?


57


Cico:


Ades go mia tep da spiegàt... go da tendìc dre a el che a fa la denuncia...

fat spiegà da ei!....


Marcello:


I m’ha robà i vestì!


Clara:


Ch’ei chei por diàoi che pöl robaf i vestì?... ‘i era a i se bei!


Placido:


‘L some noatre? L’è söces e basta!


Antonia:


A Salsomaggiore?... ‘N de ‘n albergo?


Marcello:  Esatto!... Serem dre a fa le cüre e quando sum vegnì fo ghera pö i vestì!...

Sum restà le ‘n campanela cola ma isé a spetà che reès i camerèr coi

sögamà!


Roberta:


Ghe i camerèr nde che i fa le cüre?


Placido:


Dai nom... ‘i enfermér... semper la solita pignola te!...


Roberta:


L’è mia èser pignoli... i camerèr i sta ‘n töcc àter posti!


Antonia:.....E chei vestì le chei che ve i’ha dacc?

Marcello:  Chei le del albergo!


Clara:


‘N de ‘n albergo de Salsomaggiore i ga zö chei vestì che da ‘mprestac ai clienti?


Placido:


L’è mia ‘n negosio de vestì no!... I m’ha dat chei che i gàa!


Cico:


(Al Principe)


Chi po “danno presunto L.80.000”?... sit cretino?


Principe: A piano cole parole!..Te völarè mia ordenà töcc i toc de ricambio?... ‘n po de stöc e ‘na ma de minio dei tübi dela stüa e la machina l’è tat come pröma... forse a mei... fa ‘n po i calcoi... se ghe stom dre noatre con

otantamila t’en vansa!...


Cico:


Pröa a fa ‘l schèrs!... Arda che me su mia ‘n estracomunitario da gerà con de ‘na machena tegnida ‘nsema col nastro isolànt! (Il Principe fa segno con lamano per indicare pressapoco e le donne si mettono all’erta con le mani sui fianchi)


Clara:


A proposito de estracomunitari... voatre si mai sta fo dal Italia?


Cico:


‘L viàs pö lunc ‘ndela me vita l’è sta a Salsomaggiore....


58


Cico:


Ora non ho tempo per spiegarti… devo controllare l’individuo qui che sta facendo la denucia… fatti spiegare da loro!


Marcello:


Ci hanno rubato i vestiti!


Clara:


Chi sono i miserabili interessati ai vostri vestiti? Erano così belli!


Placido: Come facciamo a saperlo… è successo e basta così!

Antonia: A Salsomaggiore? Nell’albergo?

Marcello: Esatto! Stavamo facendo le cure e quando siamo usciti non c’erano più i vestiti! Siamo rimasti nudi con le mani così (si coprono) aspettando che arrivassero i camerieri con gli asciugamani!

Roberta:  Ci sono i camerieri nelle sale termali?

Placido:    Dai, non sottilizzare… gli infermieri… sempre la solita pignola!

Roberta:   Non è pignoleria… i camerieri stanno in tutt’altri posti!

Antonia:  E questi vestiti chi ve li ha dati?

Marcello:  Il personale dell’albergo!


Clara:


E in un albergo a Salsomaggiore hanno questi vestiti da prestare ai clienti?


Placido:


Non è un negozio di indumenti, ci hanno dato quello che avevano!


Cico:  (Al Principe) Cosa scrivi “danno presunto euro 80”? Sei cretino?

Principe: Attento con gli insulti! Non vorrai certo comprare tutti i pezzi di ricambio? Con un po’ di stucco e una pennellata di minio che si usa per i tubi della stufa la macchina diventa come prima… forse meglio: fai un po’ di conti .. se il lavoro lo facciamo noi con ottanta euro dovrebbero avanzare soldi!

Cico:        Non provarci nemmeno!... Non sono un extracomunitario che gira con una macchina tenuta assieme col nastro isolante! (Il Principe fa segno con la mano per indicare pressapoco e le donne si mettono all’erta con le mani

sui fianchi)


Clara:


A proposito di extracomunitari… voi non siete mai usciti dall’Italia?


Cico:


Il mio viaggio più lungo è stato a Salsomaggiore…


(esce. Solo dopo che è

59

Marcello: Me su stà a fa ‘l soldà a Vipiteno... però go edèa che ‘l sìes amo ‘n Italia, pò a se ‘l par mia!

Placido:       Me ‘l soldà l’ho fat a...


Tutti:


Tàchela mia con chela del soldà che som za töt!...


Clara:


Sti mia cambià discorso!... Proprio segiür da èser sta semper ‘n Italia?


Cico:


Madona... se i’s’è mia sbaglià a metì zö i cartèi stradali go edèa che sum na a Salsomaggiore...


Roberta:     (A Clara) L’è ‘nutel che te ghe gire ‘nturen al discorso... ades i me spièga‘nde che i’è na!

Marcello: Ghe l’èt det te.... stüpet?

Principe:  Gna daèrt boca... si voatre i salàm!

Antonia:     (Al Principe) Ah... te tè l’è semper saì e te m’è mai det gnent? Te ghesemper dat corda e te vegnìe che a fa ‘l gagà con noatre?

Placido:  Chel vegnì a fa?

Antonia:  ‘L gagà

Placido:    A bè, se l’è apena chel!

Principe:   Me su bu da mantegnì i segreti... specialmente se ghe da dac na ma ai

amici!...

Antonia:    Bel bosiàder!... se ve ciochì mia cutra cole machine te sere proprio pronto

a dagla na ma a ‘n amico!...

Placido:       Che te ‘ntendet po?

Antonia:    Me domandet a me?... domandec a èi!... (Placido guarda la moglie con aria

interrogativa; lei scoppia a piangere e...)

Roberta:   Me c’entro gnent... gàe apena ‘ntensiù da fa scöla guida... so mia me chel

che le se metide ‘ndel co chele do roina famìe lé...

uscita Placido si arrabbia)

Placido:    Va a chè... i ciüncc i fom dopo me e te....


60

Marcello: Io ho fatto il militare a Vipiteno… però credo che sia in Italia, anche se non sembrerebbe…

Placido:    Io il militare l’ho fatto a…


Tutti:


Non incominciare con la storia del militare… sappiamo già tutto! (Placido si zittisce mortificato)


Clara:


Non cambiate discorso! Proprio sicuri d’essere stati sempre in Italia?


Cico:


Per la miseria, se non hanno sbagliato a posizionare i cartelli stradali, credo proprio che siamo andati a Salsomaggiore!


Roberta: (A Clara) È inutile che giri attorno al discorso… adesso ci spiegano dove sono andati!

Marcello: Glielo hai detto tu, stupido?

Principe: Non ho neanche aperto bocca… siete voi gli idioti!

Antonia: (Al Principe) Ah… così tu l’hai sempre saputo e non ci hai detto niente? Gli hai sempre dato spago e intanto venivi a fare il gagà con noi?

Placido:  Cos’è venuto a fare?

Antonia: Il gagà!

Placido:  Se è solo quello!

Principe : Io li so mantenere i segreti… specialmente se c’è da dare una mano agli amici!

Antonia:   Bella faccia tosta! Se non succedeva l’incidente, eri proprio pronto a darla

una mano ad un amico!...

Placido:     Cosa intendi dire?

Antonia: Lo chiedi a me? Chiedi a loro due!... (Placido guarda la moglie con aria interrogativa; lei scoppia a piangere e...)

Roberta:   Io non c’entro, avevo solo intenzione di fare scuola guida. Io non so cosa si sono messe in testa quelle due sfascia famiglie! (esce. Solo dopo che è uscita Placido si arrabbia)

Placido:  Vai a casa… i conti io e te li facciamo dopo!....


61

Marcello:  Che gùset po che l’ha ghe pö?

Principe:   Me arès fenì la denuncia... l’ho za firmada... adès te ghe da firmàla te ...

che..... (mostra il punto col dito) dai che go frèsa       ...

Cico:             (Legge il modulo e.. ) Te ghe n’è lasio che firme.... da come t’è fat ‘l desègn ‘l

par che la colpa la sìes me!.. Te pöde te sö le tò carte e caàtela.. narò da

l’aocàt. ciao che constatazione amichevole... chesta le ‘na contestazione

nemichevole  ...

Principe:  Árda se se pöl roenà ‘n amicisia per ‘n catorcio de na machina ...

Cico:       Catorcio te sarè te. e po go dei dubi po a söl amicisia go ‘l sospèt che t’è

sercà da tegnì ‘l pe ‘n do scarpe... e l’è mia che la roba la me piàse trop

tant!     ...

Principe:  Va bè... se te la pènse isé te saludo... ve salüdo töcc.... (rivolto a tutti)..... vist

che amico?.... (esce).

Scena 4ª


Clara:


Ades però la ‘mpiantì de girac ‘nturen al discorso e me ciüntì ‘nde si na e chel che ì fat!


Marcello: Arèsem völì telefonàf sübet ma dopo’l som come sì fate... nì semper a

pensà chisà chi e magari l’è mia vira...


Clara:


Te fa sito e làga parlà ‘l me om che l’èra el che guidàa e ‘l sarà stà aca el a organizà töt... chel che pensom noatre i’è afari nos!...(rivolta al marito)... alura?


Cico:


Árda... sum nà da bu a Salsomaggiore ma ghe fo de chei prezi che i solcc che mi dat dre voatre i’era asè gna per ‘n de... sicome àem sentì che ‘n Romania ‘l costa töt poc se sum decc: “Se fo le l’è töt a bu merca... le sarà a bu mercà a le cüre... perché nome mia fo le?” e cosé om fat!


Clara:


Ma che m’if ciapàde per chi po?


Cico:


Domàndec aca èi!...


Antonia:   Bèi testimoni!... Te pöde ‘nmaginàt se chei Giude che i te tegna mia la part!


62

Marcello. Cosa gridi, adesso che non c’è più!

Principe: Io avrei finito con la denuncia, l’ho già firmata. Adesso la devi firmare tu, qui…(mostra il punto col dito) muoviti che ho fretta!

Cico: (Legge il modulo e...) Puoi scordartela la firma! Da come hai fatto il disegno sembra che la colpa sia mia! Puoi prendere le tue scartofie e andartene… mi rivolgerò ad un avvocato… te la do io la constatazione amichevole… questa è una contestazione nemichevole…

Principe:  Guardate se si può rovinare un’amicizia per un rottame di macchina!


Cico:


Rottame sarai tu… ed ho dubbi anche sull’amicizia… sospetto che tu abbia tentato di tenere un piede in due scarpe… e non è che la faccenda mi piaccia troppo!


Principe:   Va bene… tieniti le tue convinzioni. Ti saluto, vi saluto tutti (rivolto a tutti) Avete visto che razza di amico? (esce)

Scena 4ª

Clara:       Adesso però la piantate di tergiversare e ci raccontate dove siete stati e cosa avete fatto!

Marcello: Avremmo voluto telefonare subito ma sappiamo come siete: pensate sempre a chissà cosa e magari non è neanche la verità!


Clara:


Tu taci e lascia parlare mio marito perché era lui l’autista e senz’altro sarà stato anche l’organizzatore. Riguardo a quello che pensiamo noi, sono affari nostri! (rivolta al marito) E allora?


Cico:


Ascolta… siamo stati davvero a Salsomaggiore ma i prezzi sono tanto alti che i soldi che ci avete dato potevano servirci per un solo giorno. Siccome ci avevano raccontato che in Romania costa tutto poco, ci siam detti: “ se là è tutto a buon mercato, saranno a buon mercato anche le cure, perché non c’andiamo?” E così abbiamo fatto!


Clara:


Chi volete prendere in giro?


Cico:


Chiedi anche a loro!


Antonia:   Testimoni credibili! Puoi immaginare se questi Giuda non sono dalla tua parte!,,,,


(I tre escono impacciati e a Placido, sulla porta)...

63

Placido:       Tèe!.. Da bu è!.... Ghe fo de chei prezi che vèl ‘nsomgni gnac!...... Con

poche palanche om fat le cüre, me saltà fo ‘l vias cola machina e om fat a

na vita da siòri!      ...

Antonia:  (Al marito) Alura te sarà vansà aca argota        ...

Marcello: I solcc che te m’è dat dre te i’era poc aca ‘n Romania... e po om fate le cüre dopie de chele che gàem da fa... dala domà ala sira fanghi, inalasiù e masagi... e qualche olta aca la not!...

Cico:

Che i sìes aca bu mercà ma i te le ragala mia gna fo le.... le cüre!

Placido:

If vist come sum vegnì a sta be?... Come pröma... ansi mèi!

Clara:

Me so mia se mi ciapàde per stüpede...

però se ve va bè a voatre noatre se

regolaròm!

.... Ni a desfà le valìs.. alà...

pröma che dìse chel che go mia da

dì!...

Antonia:

Ah i va robà i vestì!

E ghe sarà sta tre a ‘l telefonino?....

Cico:

Certo... ‘l telefonino s’èl töl semper dre... se t’èl lase ‘n camera che ocòrel

a fa?

Antonia

Alura si proprio sfortönà!... Se i ve robàa mia i vestì la fàef franca... Clara

la t’ha telefonà che sarì sta ai Turmegn

... e l’ha respondì la segreteria dela

Romania...

(sfotendo)...

sì proprio sfortönà!

Marcello:   (A Cico) Te l’àe det da lagàl a ché chel stüpet de telefonino... te l’àedet...per fortüna che i dis che l’è na grande ‘nvensiù... ‘na grande ‘nvensiù

per fas troà dale fomle!

Antonia:   E te rìs-cet mia a brontulàc dre a Roberta, perché se l’è mia buna èla a

dorvàt dre na saàta vegnom fo noatre a dac na ma!...

Clara             (Usciti i mariti) Èt sentì chei porchi?... Èt sentì che velocità a ‘nventà nabosia?... Me ‘l divorsio ‘l vöi mia perché na a sercàn ‘n ater che me mantegne l’è mia tat semplice...e po l’è facile saltà dala padela nele brase... ma d’ura ‘n avanti i’è fenide le economie, i sacrifici e... e... e forse pò ala fedeltà!

Antonia:   Ghe pensarò sö a me!... Ntat stasira “a volteggiare”... tanto per mia perdì l’abitudine... e sensa ‘l Principe... che chel le go edèa che ‘l fa gnent per gnent....


64

Placido:    Ehi, guarda che è vero! Ci sono prezzi che non immaginate neanche! Con pochi soldi abbiamo fatto le cure, ci sono avvanzati i soldi per il viaggio ed abbiamo fatto una vita da signori!

Antonia:  (al marito) In tal caso ti sarà avvanzato qualcosa…

Marcello:  I soldi che mi hai dato tu erano pochi anche in Romania… inoltre abbiamo fatto il doppio delle cure che dovevamo fare… da mattina a sera fanghi, inalazioni e massaggi… e qualche volta anche di notte!...


Cico:


Benchè i prezzi siano buoini, non te le regalano neanche là… le cure!


Placido: Avete visto come stiamo bene? Come prima… anzi, meglio!


Clara:


Io non so se ci state prendendo in giro, però se a voi va bene così, noi ci regoleremo in proposito! Adesso andate a disfare le valigie, presto, prima che mi scappi dalla bocca qualche bestialità1


Antonia: E così vi hanno rubato i vestiti, dove ci sarà stato anche il telefonino?


Cico:


Certamente! Il telefonino lo prendo sempre… se lo lasci in camera a cosa serve?


Antonia:   Siete proprio sfortunati! Se non vi avessero rubato i vestiti, vi sarebbe andata bene!... Clara ti ha telefonato quando stavate per arrivare ed ha risposto la segreteria della Romania (sfotendo) Siete proprio sfortunati!

Marcello: (A Cico) Ti avevo avvertito di lasciare a casa quello stupido telefonino, te l’avevo detto. Per fortuna la ritengono una grande invenzione! Una grande invenzione per farsi localizzare dalle mogli! (I tre escono impacciati e a Placido, sulla porta)...

Antonia:   E tu non azzardarti a sgridare Roberta perché, se non ce la fa lei a tirarti una scarpa, veniamo noi ad aiutarla!

Clara:       (Usciti i mariti) Hai sentito che porci? Hai sentito con che velocità hanno inventato una bugia? Io il divorzio non lo chiedo perché oggi trovarne un altro che mi mantenga non è semplice; inoltre c’è il rischio di saltare dalla padella nella brace. Da oggi, però, è finita con le economie, i sacrifici e… e… e forse anche con la fedeltà!...

Antonia:   Ci penserò anch’io… intanto questa sera “a volteggiare” giusto per non perdere l’abitudine… e senza il Principe perché anche quello, credo, non fa niente gratis…


65

Clara:             E ‘l sarà mei dighel aca Roberta.. l’è mia stada tat gentile con noatre ma

l’è mia catìa.. la mèreta mia da sta da sula.. sum töte söla stesa barca!        ...

(Suona il campanello)..... che sarài amò? (Antonia va alla finestra)

Scena 5ª

Antonia:  Ghe zö ‘na biondàsa che varda sö!

Clara:             I sarà chei che vent le enceclopedìe.. i me staghe daluns perché ‘nciö l’è

proprio mia ‘l de.............................................................................................. (suonano di nuovo)           la mòla mia derf la finestra e dic de

na lè perchè ghe sbato zö ‘na pögnata de acqua................................................ (Antonia si affaccia e........................................................................................... )

Antonia:  Non occorre niente.. siamo a posto. eh?... Me go edèa che la serche ‘l to

om.. la m’ha domandà se abita qui il dottor Francesco Maestri?        ...

Clara:     ‘L nom e ‘l cognom i’è i so.. ‘l dottor l’è de vergiü atre. làsem vardà?.. (si

affaccia e.. )..... chi?... venga su.. venga su!.. la gà ‘n acento che me par da ì

sentì amò.. eco.. nel telefonino! (bussano)

Rumena: Per messo? (entra). È casa del dottor Francesco?

Clara:       Chesta l’è casa me!. Francesco è mio marito... se è quello che cerca!

Rumena:  Lui sposato?

Clara:       Èe... visto che su che, penset che ‘l sia vedof?

Antonia:  Forse l’è mei che te parle italiano perché go edèa che la capése mia tat bè..

Rumena: Lui ha industria con 200 operai?

Clara:             Alura l’è mia chel! Non è lui (rivolta a Antonia)..... l’ha sbaglià ‘nderìs! (La

signora toglie una fotografia dalla borsetta e la porge a Clara che la guarda e............ ) l’è

el!... Antonia fèrmem perché se vo de tre ‘l scaèso!

Antonia:  (rivolgendosi alla rumena) Ma perché è venuta a cercarlo?

Rumena:     Lui detto a me che quì tanto lavoro.... se volere potere fare mio lavoro

anche in Italia.. dice che c’è tanto bisogno e guadagnare molti soldi!  ...

Clara:       Ma te che laorà fet? (la donna la guarda senza capire)..... che lavoro fai?


66

Clara:       Sarà meglio avvertire anche Roberta: non è stata molto gentile nei nostri confronti, ma non è cattiva e non merita di restare sola: siamo tutte sulla stessa barca! (Suona il campanello) Chi sarà di nuovo?(Antonia va alla finestra)

Scena 5ª

Antonia: C’è giù una biondona che guarda da questa parte!

Clara.       Sarà una che vende le enciclopedie… mi stia alla larga perché oggi non è proprio giornata (suonano di nuovo) non cede! Apri la finestra e mandala via altrimenti la innaffio con una pentola d’acqua (Antonia si affaccia e…)

Antonia:   Non occorre niente… siamo a posto… cosa? Io penso che stia cercando tuo marito… mi ha chiesto se abita qui il dottor Francesco Maestri?


Clara:


Il nome e il cognome sono suoi… il dottore di qualcun altro. Fammi vedere! ( si affaccia e…) chi? Venga su, venga su! Ha un accento che mi sembra d’aver già sentito… ecco nel telefonino (bussano)


Rumena: Compermesso? (entra) È casa del dottor Francesco?


Clara:


Questa è casa mia! Francesco è mio marito, se è quello che cerca!


Rumena: Lui sposato?

Clara:     Certo… visto che sono qui, pensi che sia vedovo?

Antonia: Forse è meglio che le parli lentamente perché credo faccia fatica a capire.

Rumena: Lui ha industria con 200 operai?

Clara:       Allora non è lui! Non è certo lui (rivolta a Antonia) Ha sbagliato indirizzo (La signora toglie una fotografia dalla borsetta e la porge a Clara che la guarda e...) È lui! Antonia fermami perché se vado in camera lo spezzo in due!

Antonia:  (rivolgendosi alla rumena) Perché è venuta a cercarlo?

Rumena:     Lui detto a me che qui tanto lavoro... se volere potere fare mio lavoro

anche in Italia... dice che c’è tanto bisogno e guadagnare molti soldi!...

Clara:       Che fai? (la donna la guarda senza capire) Che lavoro fai?


67

Rumena:

Io studiare...

e dopo per guadagnare qualcosa fare massaggi!

Clara:

Che ghe pö besögn de masagi....

che ghe besögn de legnade!... Lei andare

via...

urs!.. Francesco è mio marito e non si facci più vedere! ( la donna

piagnucola e...

)

Rumena:

Come fare?...

Io non avere soldi...

dove andare a vivere?

Clara:

Soldi non avere neanche noi...

e pö gna la machina!... Non sapere cosa

fare...

però qui no!

Antonia:

Speta...

speta che forse la troòm la sistemasiù!...

Io dare indirizzo di amico

con soldi

... lui avere lavoro da dare....

(prende carta e penna)...

Carletto Rossi,

detto il Principe, via delle Ferie 21....

essere qui vicino....

Rumena:

Grazie che è gentile...

io andare!

Clara:

Adio...

e qui farsi vedere più nè! (la donna esce)

Antonia:

Pòre diàole...

le me fa aca compasiù!...

Clara:

E me alura?...

Certo che i desgrasià i’è i nos om...

ah i rìa...

i rìa i groppi al

pettine...

besögna fa finta de gnent e fagla pagà pian piano...

“la vendetta è

un piatto...

” com’èla?

Antonia:  La vendetta è un piatto che va consumato freddo....

Clara:

Eco...isè! (Entra Cico)

Scena 6ª

Cico:

Ho fat ‘na bèla doccia e me par da èser ‘nater...

me sére resentà bè gnà i

fanghi dala frèsa de rià a chè!...

Clara:

I’è apena sta che a sercàt... ‘na bionda me par...

la cercàa ‘n certo dottor

Francesco Maestri...

om fat ‘n po fadiga a capìla perché la parlàa mia tat

bè l’italiano, però argota om capì....

né Antonia? (Cico si appoggia in preda al

panico).. vöt la menta che me par che te manche ‘l fià?

Cico:

E che völìala po?

Clara:

Ma...

l’ha m’ha det che te gàe prometì da laorà... la völìa fa qualche

straordinarie se ghera l’ocasiù!...


68

Rumena:  Io studiare… e dopo per guadagnare qualcosa fare massaggi!

Clara:

Qui non c’è più bisogno di massaggi, qui c’è bisogno di legnate! Lei andare

via...

fuori!.. Francesco è mio marito e non si facci più vedere! ( la donna

piagnucola e

...)

Rumena:

Come fare?...

Io non avere soldi... dove andare a vivere?

Clara:

Soldi non avere neanche noi...

e neanche la macchina!...

Non sapere cosa

fare...

però qui no!

Antonia:

Aspetta, aspetta che forse troviamo da sistemarla!

... Io dare indirizzo di

amico con soldi...

lui avere

lavoro da dare....(prende

carta e penna)...

Carletto Rossi, detto il Principe, via delle Ferie 21....

essere qui vicino....

Rumena:

Grazie che è gentile

... io andare!

Clara:       Addio... e qui farsi vedere più nè! (la donna esce)

Antonia:  Poverette… un po’ fanno pena!

Clara:       E io no? Certo che i disgraziati sono i nostri mariti… arriveranno, arriveranno i nodi al pettine! Bisogna far finta di niente e vendicarsi piano piano… la vendetta è un piatto… com’è?

Antonia:  La vendetta è un piatto che va consumato freddo…

Clara:    Ecco, così! (entra Cico)

Scena 6ª


Cico:


Ho fatto una bella doccia e mi sembra di essere rinato… non mi ero risciacquato bene nemmeno i fanghi per la fretta di tornare a casa!...


Clara:


Ti ha appena cercato una tipa, una bionda, mi sembra… cercava un certo dottor Francesco Maestri… abbiamo faticato un po’ a capirla perché parlava poco bene l’italiano, però qualcosa abbiamo capito, vero Antonia? (Cico si appoggia in preda al panico) Vuoi la menta, mi sembra ti manchi il respiro?


Cico:


E cosa voleva?


Clara:


Boh… ha detto che le hai promesso un lavoro… voleva fare qualche straordinario, se ci fosse stata l’occasione!....


69

Cico:               Chèla le l’è mata.. go apena det che se la völìa fa i masagi la pödia vegnì

‘n Italia ‘n qualche ospedàl che l’arès guadagnà bè!

Clara:            E te ghè dat ‘l to ‘nderis... deficiente?

Cico:             Pota. pora diaola. se la sàa mia ‘n de nà go det che forse se pödìa dac ‘na

ma            ...

Clara:               Ah na ma?..... Nom Antonia che se sto che go pòra da ‘na a ciapà

l’ergastolo        ...

Cico:       Ades ‘ndela nada chela ‘nfermera le?

Antonia:  L’om mandada fo dal Principe.. ‘l pöl das che ‘l mete sö na casa de cüra

privata. se te gaès besögn de inalasiù te pöde na fo da èl...

Clara.............. (a Cico) Laga daèrta la porta che so mìa che ura turno ‘ndré...... (uscendo a

Antonia)............................................................................................................................................. go ‘n dolùr che        (indica un piede) e so mia nde na a fam cürà.............................................................................................. ...

secondo te el mèi ‘l Madison, ‘l Number one o la discoteca de Stor?

Antonia:   Aca me me par da ic ‘n po de aritmia. dìset che la pöl na bè la balera de

Bont?

Clara:             Penso proprio de se.. me go sö la tuta ma me cambio mia fo perché vöi

mia che i me vede a na a fa le cüre. i vestì naròm a töi nöf diretamente ‘n

boutique.. nom.. nom a ciamà aca Roberta perché qualche dolur de segiür

la ghe i’ha a èla. (escono. Cico resta solo e perplesso).

Cico:                Go edèa che ho fat ‘na fretada.... se pröma sère ‘n po’ ‘nsodisfato, ades

garò i me gratacò.... sum proprio na a sercà ‘l frèt fo dal let! (Placido e

Marcello entrano senza bussare)

Marcello: ‘Ndele dre a na po che i’è pasade zö dale scale che omènti le me sbàt ‘n tera?... La me fomla la m’ha vardà gna ‘ndel müs!


Cico:


I’è de viàs de na a balà go edèa! Fiöi l’om fata fo dal bocàl... ghe apena stada che chela bionda dela Romania a sercà ‘l laorà....la me fomla la gàa ‘n diaol per caèl...


Marcello: Madona che casòt!... Che àla fat po a rià che i se prest?


Cico:


‘L sòe me, l’arà fat l’autostop!.... se pröma sérem ‘n po ‘n crisi... adès sum morti!...Almeno pröma le fomle i’èra ‘n po sotomesse... ades pö gna chel!


70


Clara:


E le hai dato il tuo indirizzo, deficiente?


Cico:


Che vuoi fare, poveretta, non sapeva dove andare e le ho promesso che forse potevamo darle una mano!...


Clara:


Ah, una mano? Antonia andiamo: se rimango in questa casa ho paura di prendermi l’ergastolo!


Cico:


Adesso dov’è andata quell’infermiera?


Antonia: L’abbiamo mandata a casa del Principe… può darsi che le organizzi una casa di cura privata, se avessi bisogno di inalazioni potresti andare da lui!


Clara:


(A Cico) Lascia aperta la porta di casa perché non so a che ora torno (uscendo, a Antonia) ho un dolore qui (indica un piede) e non so dove farmi curare… secondo te è meglio il Madison, il Number One o il Big Dancing?


Antonia:    Io credo di avere un po’ di aritmia… pensi possa andar bene il Flamingo

Dancing?


Clara:


Penso vada bene! Io sono in tuta da ginnastica e non mi cambio perché non voglio che mi vedano mentre vado alle cure! I vestiti li compereremo nuovi in boutique… andiamo, andiamo a chiamare Roberta perché forse qualche dolorino l’avrà anche lei! ...(escono. Cico resta solo e perplesso).


Cico:


Credo d’aver fatto una frittata… se prima ero insoddisfatto solo un po’, adesso avrò i miei bei grattacapi… ce la siamo proprio cercata!... ...(Placido e Marcello entrano senza bussare).


Marcello:      Dove stanno andando? Scendevano dalle scale e quasi ci hanno

scaraventato a terra: Mia moglie non mi ha guardato nemmeno in faccia!

Cico:        Credo stiano andando a ballare! Ragazzi l’abbiamo fatta grossa… è appena uscita la bionda della Romania: è venuta a cercare il lavoro… le donne avevano un diavolo per capello!

Marcello: Mamma mia che casino!... Come ha fatto ad arrivare così in fretta?


Cico:


E cosa ne so io, avrà fatto autostop! Se prima eravamo un po’ in crisi, adesso siamo proprio finiti! Prima le donne erano un po’ sottomesse, ora nemmeno parlarne!


71

Placido:     Te ghe rasù!... If vista la me fomla quando l’è pasada fo dala porta?... La

piansìa come ‘n vedèl... ‘l parìa che la se födès ciapàde töte le colpe.....

‘nvece, apena rià ‘n cosina la m’ha leà la pel del müs... se su mia svelto a

na ‘n camera e seràm tre... la me gulàa dre töt ‘l servisio de piacc... chel da

24!...

Marcello: E ades che fome Cico?... Ála pö porca pödarèsem na turna ‘n Romania...

fo le vivarèsem con poc... però te ghe pö gna la machina... e la me la me

l’ha requisida la fomla!...

Cico:              Làsa perder alà... ‘ntra che gna fo le om mia fat tat bela fegüra... e i solcc?

‘L ghe pö ‘l lebret dela posta che ‘l màa fat ‘l me zio ala pröma comuniù!

Placido:    E gna le me straordinarie fo de büsta... ‘ntat che sere serà ‘n camera ho

sentì che la telefonàa ‘n ditta al me padrù e la ghe desìa che d’ora in poi la

va èla a ritirà la büsta... se no la va per trebönàì!

Marcello: Siamo sul lastrico!... E pröa a domandac al Principe?... El qualche solusiù ‘l ghe l’à sèmper!

Cico:              Sta gna parlàn!... ‘I om viscc i so consigli... i’è tragedie... e po adès per ‘n

po ‘l garà la rumena da tendic dre e sel vedarà mia tat ‘n giro!.... E pröma

da metì ‘l pe ‘n chela chè che ‘l ga da pagà la machina... ghel do me ‘l stöc e ‘na penelada de minio dela stüa!

Marcello: Me, amici, me par da ì capì chel che l’è ‘l nos problema: ‘l tep libero...

noatre gom mia da fermàs a pensà senò me vè ados ‘l mont!.... E me par

da ic a na solusiù...

Gaetano ‘l vent na squadra de lègna fo ‘ndele S-

cepe...’l le

vent per

quater palanche perché l’è

a bela scomoda... la

comprom e quando som mia che fa nom per lègna!

Placido:

Bèla edèa!

... Doma ùnto la motosega e ghe do’l fil àla rampèla... fo le, se

proprio me franarà la tera sota i pe, forse troaròm qualche ram da tacàs...

che, quando om sercà de tacàs a argota, me restà ‘n ma ‘n pögn de

mosche!... (prende un mazzo di carte e rivolto agli altri)...

fome ‘na partida?

Cico:

Ghe n’ho mia òa... che fèt a zögà a carte dopo ‘na giornada isé? (incomincia

a lanciare freccette)

Placido:

Alura fo ‘n solitario!

Marcello: Me vardo la televisiù... ghe ‘n bel cartone animato!... Ardòm se vè sira!


FI!E


72

Placido: Hai ragione! Avete visto mia moglie quando è uscita dalla porta? Piangeva a dirotto, sembrava si fosse presa tutte le colpe. Appena arrivato a casa mi ha scorticato vivo: se non mi fossi chiuso in fretta in camera, mi avrebbe tirato tutto il servizio di piatti… quello da 24 pezzi!

Marcello:  E adesso Cico cosa facciamo? Male che vada potremmo tornare in Romania… là si può vivere con poco… però non hai più nemmeno l’auto e la mia l’ha requisita la moglie…

Cico:             Lascia perdere! Non è che nemmeno là abbiamo fatto bella figura… e i

soldi? Non c’è più il libretto postale che mi aveva fatto lo zio alla Prima

Comunione!

Placido: E nemmeno i miei straordinari fuori busta… Mentre ero chiuso in camera, ho sentito che telefonava in ditta al principale e chiedeva, d’ora in poi, di ritirare lei lo stipendio, altrimenti l’avrebbe denunciato!

Marcello: Siamo sul lastrico! E se chiedessimo consiglio al Principe? Lui qualche soluzione la trova sempre!

Cico:       Non parlarne nemmeno! Li abbiamo provati i suoi consigli: sono tragici!

Adesso, inoltre, avrà la rumena da controllare e lo vedremo poco in giro!

E, prima di metter piede in questa casa, mi dovrà pagare la macchina…

glielo do io lo stucco e una pennellata di minio per la stufa!

Marcello:  A me, amici, sembra d’aver capito qual è il nostro problema: il tempo libero!. Noi non dobbiamo fermarci a pensare, altrimenti ci crolla il mondo addosso. Mi sembra d’avere anche una soluzione: mio cugino vende della legna da ardere su in montagna, la vende a poco prezzo perché

èscomoda da tagliare. Noi la comperiamo e quando non sappiamo che fare andiamo per legna!

Placido:       È una bella idea! Domani pulirò la motosega e affilerò la roncola… in

montagna, se ci franerà la terra sotto i piedi, troveremo qualche ramo a cui

aggrapparci. Qui, quando abbiamo tentato di attaccarci a qualcosa, ci

siamo trovati a mani vuote! (prende un mazzo di carte e rivolto agli

altri)...Facciamo una partita?

Cico:             Non ho voglia… come si fa a giocare a carte dopo una giornata simile?

(incomincia a lanciare freccette)

Placido:    Se è così, mi faccio un solitario!

Marcello: Io guardo la televisione… ci dev’essere un bel cartone animato! Speriamo arrivi sera!


FI!E

    Questo copione è stato visto
  • 0 volte nelle ultime 48 ore
  • 0 volte nell' ultima settimana
  • 1 volte nell' ultimo mese
  • 13 volte nell' arco di un'anno