Mi te l’avevi dii…

Stampa questo copione

MI TE L’AVEVI DII CHE STAVI MINGA BEN

MI TE L’AVEVI DII…

DI

GIORGIO TOSI

&

ANTONIO MENICHETTI

COMMEDIA IN TRII  ATT

IN LENGUA AMBROSIANA

PERSONAGG:

ETTORE                                            grand “mago” , el gh’ha anca on offizzi;

ADELE                                               soa sorèlla;

CESIRA                                              client, sciora de campagna;

MAGGIORE                                       client, pensionaa de l’Esercito;

PIERA                                                 client, vedova;

SERGIO                                              slandron,  vun che luma la schirpa;

LISA (FILIPPO)                                 tosa (o fioeu) de la Piera, giornalista;

CARLA (CARLO)                             tosa (o fioeu), segrètta, de l’ Adele;

ON ESIBIZIONISTA                         comparsa con tirasass (impermeabile);

ONA VEGETTA                                comparsa anca lee;

La scena del 1° e 2° atto rappresenta uno studio non proprio moderno: scrivania antica,  qualche seggiola e/o poltroncina in stile, tendaggi e punti luce un po’ dovunque. Nei momenti clou, tendaggi e luci contribuiranno a rendere più inquietanti alcune scene.

Nel 3° atto, la scena rappresenta una piccola cappella di un piccolo cimitero di campagna.

PRIMO ATTO

Siamo nella casa-studio di un sedicente “mago” che esercita, altresì,

le funzioni di cartomante, medium, lottologo, pranoterapeuta ecc. E’ mattino.

All’apertura del sipario Adele è già in scena: sta lavando per terra

con spazzolone e secchio, e si vede che non lo fa volentieri.

SCENA PRIMA

Adele

Adele - Mi disi che se on Signor el gh’è, e se quèl Signor lì che disen ch’el gh’è, el me ved, allora el dovaria tirà giò tanti fulmin, ma tanti …. Almen quant i saracch che tiri mi! E adree a chi soo mi!! (gestaccio verso la foto di Ettore in abito da scena) savaria ben mi a chi fagh passà el spazzeton in sul mus, invece che per terra. Ghe la daria mi ona bèlla lavada de faccia!!! (fa una boccaccia alla foto) Foeura de la pòrta gh’è scritt “ETTORE & ADELE” Adele, minga Giuseppina o Genovèffa, anca s’el ven dopo de l’Ettore. Ma el voeur fà tusscòss de per lù, la scèna l’è tutta soa, lù el fa el mago e mi foo la deficiente!! “Adele, fa i tisan!”  “Adele, fa i pomàt e i lozion!” “Adele, vai in trance!” “Adele, fa la  vos de l’oltretomba!” Capii còssa me tocca fà? La vos de l’oltretomba!! Mi, on quai dì, ciapparoo sù el manich de la scoa, e, appèna el ven denter e el derva la bocca per ciamamm, mi …

Ettore - (d.d.) Adeleee!!

Adele - (docilissima) Son chì … son chì! (e frega vigorosamente)

SCENA SECONDA

Ettore e detta

Ettore - Ma quanto temp ghe voeur per una stanza inscì piscinina?

Adele - Proeuva a domandaghel a la mia s’cèna!!

Ettore - A che ora taccom cont i appontament?

Adele - A vòtt or.

Ettore - A vòtt or?? E allora tira via chela tòlla lì, sacformencio!! (scivola) Oeui, ma chì se scarliga! (sedendosi al tavolo) L’è pronta la colazion?

Adele - Prontissima! (solleva un tovagliolo su un vassoio già in scena)

Ettore - (cercando un appiglio per criticarla) Gh'è tutt?

Adele - (quasi in tono di sfida) Tutt quèll che manca nò!

Ettore - (c.s.) Anca el pan brostolii?

Adele - Anca quèll!

Ettore - L'è nò ch'el sia tròpp còtt o mal levaa?

Adele - Al dente! (fra se) Se l'è vera che gh'è on Signor…

Ettore - E quèst chì, còssal'è? (indica un bicchiere con del liquido)

Adele - Spremuta d'arance.

Ettore - (soddisfatto) Quanti vòlt devi dittel, ch'el me pias nò?

Adele - (scoprendo un vassoio più piccolo) Per sua signoria, ecco pronti anche pompelmo, limonata, frullato di mango e papaya!

Ettore - (sorpreso) Come t'hee faa?

Adele - Mi ne tègni semper pront trè o quatter qualità, inscì, per divertiment!

Ettore - (quasi faccia a faccia) Uei, sorèlla, te voeuret forsi dì che mi sont noios?

Adele - Nò, assolutamente!

Ettore - Meno mal!

Adele - Ti te see nò noios, fradellin, ti te seet on rompaball!!!

Ettore - (cambiando discorso) Chi l'è che gh'ha de vegnì chì, incoeu?

Adele - (sfoglia un'agenda) La primma l'è ona sciora che la voeur parlà cont el sò marì.

Ettore - E perchè la ven chì in de numm?

Adele - Perchè l'è mòrt.

Ettore - Quindi … (imburrando il pane, guarda la sorella) quindi …

Adele - (fa lo gnorri per un po', poi) Nò.

Ettore - Hoo minga capii.

Adele - (già meno convinta) … nò.

Ettore - Cominciom?

Adele - (debole) Voeuri nò.

Ettore - Còssa l'è che t'hee dii? Nò?!?

Adele - (c.s.) …nò.

Ettore - Allora devi pròpri inrabìmm?

Adele - Mi te l'avevi dii che l'era l'ultima vòlta.

Ettore - Infatti l'è l'ultima vòlta!

Adele - L'altra vòlta l'è stada l'ultima vòlta …

Ettore - E va ben! Hoo capii! Se pròpri te voeuret, disfarèmm la società e ognidun per la soa strada, inscì vedarèmm se te faree de per ti!

Adele - La vos del'oltretomba nò!

Ettore - E comunque grazzie, si, quèst l'è el ringraziament perchè te mantegni e perchè t'hoo daa ona cà!! Ma te see ricordet pù come te seret consciada? E mi, tò fradèll, t'hoo ciappaa chì, in cà mia e t'hoo daa on lavorà! Si, l'è vera, la gent la me voeur mi, la voeur el grande mago Ettòrre! Per i cart, per el Lòtt, per la salut e per l'amor, tutti me voeuren mi, mi, minga ti! E se, ona quai vòlta, on quaivun el voeur parlà cont on trapassato, voeurom minga contentall?

Adele - Ma mi vergògni!!

Ettore - Ma varda, pòra tosa, adèss la se vergògna… L'era prima de vergognàss: trent'ann fà, allora te dovevet veregognàss! (infierendo) Gh'hoo pròpri de fàll, chel nòmm là? Gh'hoo de fàll?? (Adele è molto a disagio) CARLA!

Adele - Nòminela minga!!!

Ettore - Carla, Carla e Carla!

Adele - T'el see che te me fee mal!

Ettore - E t'hee nancamò de ringraziàmm per avè giustaa tusscòss!

Adele - (piagnucolando) Basta, basta!

Ettore - (dopo una breve pausa) Fèmm vegnì denter la sciora o la lassom de là a legg i giornai?

Adele - Vegnerà el dì che me sposaroo e te pientaroo chì de per ti!!!

Ettore - (ridacchia sarcastico) Ah ah, ah …

Adele - Trovaroo ben on quaivun che me mantegna, e allora vedarèmm come te se la cavaree, car el mè mago de quarta categoria, el mè bèll imbroion!

Ettore - (c.s.) Ah ah ah …

Adele - (sempre tra i singhiozzi) E voeuri vedè chi te preparerà la colazion cont i frullati, el pan còtt e crùd, e chi farà tutt i vèrs che te me fee fà!

Ettore - On quaivun che te mantegna: quèsta l'è bèlla!!! Quand t'el troeuvet, domandigh s'el gh'ha ona sorèlla! Ah ah ah …

Adele - Ciarlatàn!

Ettore - Ma chi l'è ch'el gh'ha mai de vorètt? Ma te see vista ben? (la trascina davanti a uno specchio) Vardett!! Per ti ghe voeur el Cieco di Sorrento!!

Adele - (guardandosi) Bèh, adèss sont on poo in disabbillé!

Ettore - Ma chi l'è che gh'ha de toeutt ti: te see bèlla nanca on ciccin, e bònna de fà nient! Anzi, ona ròbba te see stada bònna de fala, fin tròpp ben!!

Adele - (si asciuga le lacrime e si da un contegno)

Ettore - (la accarezza con finto amore sulla nuca) Dai, adèss fa la brava, va de là e prepara tusscòss. (si porta una mano al petto) T'hee vist: te m'hee faa vosà e adèss stoo minga ben, e ti t'el see che stoo minga ben! On bèl dì creparoo e ti te gh'avareet anca el rimòrs: "Pòer nan, lù me la diseva semper ch'el stava minga ben!!!" (torna al discorso di prima) Me raccomandi, on poo d'atmosfera: sbassa i lus e mètt i candel in sul tavol. Su, va, te seet anmò chì?

Adele - (tra se) Se l'è vera che gh'è el Signor!!! (va avanti, poi si gira e, piano) Te preghi, Signor, on fulmin, vun soll, magari a ciel seren: patapam! (e accompagna la parola con la mano ed esce)

Ettore - (prepara il tavolo cantando una nenia in latino [consiglio il "Dies irae" o il  "Miserere"] mentre Adele rientra con dei paramenti tipo mago Otelma e aiuta il fratello a rivestirsi) Adèss ti te se mèttet al sòlit pòst, ma me raccomandi: stagh attenta cont i microfoni e i registrador.

Adele - Ettore, gh'è sù anca el mè nòmm in su la pòrta, perchè te me fee minga fà on quaicòss anca a mi?

Ettore - El nòmm el gh'è per ragioni fiscali e te foo giamò fà in fin tròpp.

Adele - I polizii te me fee fà!

Ettore - Per forza, con chela faccia lì, ti la gent te me la fee scappà! Sù, dai, fa vegnì denter la sciora e poeu va al tò post e guadagnet la micca!!

Adele - … Vegnarà quèl dì …

Ettore - (facendo le corna) I rimòrs … "Lù le diseva semper ch'el stava minga ben…" (Adele sbuffa e sistema le sue cose con gran rumore. Ettore si concentra e prende ispirazione per l'inconsolabile vedova)

Adele - (sulla porta) Avanti, prego!

SCENA TERZA

Detti e Cesira

Da una porta laterale avanza, molto lentamente, con una strana camminata e con aria sofferente, una signora dall'aspetto molto agreste, vestita di scuro con foulard sulla testa che tiene leggermente chinata. Tiene una mano chiusa sotto il naso, davanti alla bocca. Adele scompare nella sua postazione (dietro un paravento o altrove).

Ettore - (con atteggiamento ispirato esprime comprensione per la sofferenza della signora Cesira. Nasce così una scena senza parole che si svolge durante il tragitto dalla porta alla scrivania. Le fa poi cenno di sedere, ma la donna agita una mano lentamente come per dire "Nò grazie" e riprende la posizione di prima con la mano davanti alla bocca. Al che Ettore, con le mani giunte davanti al volto) La prego … …

Cesira - (gira intorno lo sguardo triste, poi con gli occhi chiede se deve proprio; al nuovo assenso di Ettore, Cesira cede, si avvicina alla sedia e, lentamente, appoggia solo la punta di una natica; ringrazia con un leggero movimento della testa e fa capire che non può fare di più. Nel silenzio si sente, FORTISSMO, uno stacco della sinfonia n. 5 in do minore di Beethoven. La donna si alza di colpo spaventata) O Madònna Santa, se gh'è staa?

Adele - (mette fuori la testa e si scusa in silenzio con Ettore)

Ettore - (fingendo) Perchè? Se l'ha sentii?

Cesira - Hoo sentii on :parapappààà!! Hoo ciappaa on spaghètt… ! Ma lù l'ha minga sentii? L'è fòrsi sord?

Ettore - Mi hoo sentii come ona vibrazion in de l'aria, come on'energia …. Savaria nò come dì …. Si, delle onde …

Cesira - Si, quèi del Lamber!

Ettore - Forsi … forsi gh'è on quaivun che voeur parlagh.

Cesira - Con mi?!?!

Ettore - Si.

Cesira - Al telefono?

Ettore - Ma che telefono!! Sciora, che la se sètta giò bèlla qiuètta, là! Si rilassi… si rilassi … (Cesira resta in piedi, allora Ettore la fissa e le impone le mani come per mandarle il fluido) Che la se sètta!

Cesira - (titubanta si siede c.s.) Mi vorevi digh che son vegnuda per …

Ettore - (mentre parla le va alle spalle, prendendole la testa tra le mani)

Cesira - (girando lo sguardo, un po' intimorita) Doe el va?

Ettore - Ssssst … ssssst … senti che gh'è on quaicòss chì, in del coo, on dispiasè ….

Cesira - Ma minga in del coo, da on'altra part!

Ettore - Sssst … ! Senti … mi senti … (fa cenno ad Adele di spargere un po' d'incenso) senti …

Cesira - (annusa) Mi senti ona bèlla spuzza! Hinn adree a spantegà la ganga?

Ettore - (zittendola) Ssssst.

Cesira - Me ven de trà sù! La spuzza men la campagna!

Ettore - (fa un gesto come per darle un colpo in testa) Chì gh'è on quaicòss … Son sicur che gh'è ona presenza in de l'aria … di vos … senti come di lament … di vibrazion …

Adele - (emette un sibilo, soffiando nel miscofono) Uuuuhhh …

Cesira - (tendendo l'orecchio) Sent che vent! Comincerà minga a pioeuv? Gh'hoo nanca adree l'ombrèlla.

Ettore - (spazientito) Citta, che forsi gh'è on contatt!

Cesira - (alzandosi) Me fulminerann minga, di vòlt?

Ettore - La voeur stà lì on poo qietta o nò? Se pò minga andà avanti inscì! (si accascia sulla poltrona) Ma come se fà a concentràss? Ma che la se sètta giò e che la staga on poo quiètta!!

Cesira - Nò, grazzie!

Ettore - E allora che la staga in pee! (si alza) Sciora, mi el soo perchè lee l'è chì, ma se lee la collabora nò …

Cesira - E allora, se la sa, ch'el me vutta, invece de seguità a giràmm in gir e a dimm de settàss giò!

Ettore - La capissi, ma se lee la seguita a saltà come on saltamartin in su la cadrega …

Cesira - Se lù el gh'avèss el gnòcch che gh'hoo mi …

Ettore - Pòdi immaginàss la soa situazion: ghe sarà vegnuu on blòcch a stomich.

Cesira - L'è nò on blòcch, l'è on gnòcch, e poeu, minga la stomich ….

Ettore - Si, va ben , on gnòcch.

Cesira - E ògni vòlta l'è pèsg: son bònna pù de andà in gir, figurèmes a fà i laorà in del terren!! Quand l'hoo vist, son corsa subit in del dottor. Lù el m'ha guardaa ben ben … ona vergògna!!! E poeu el m'ha dii ch'el doveva mettom adòss i man … e subit!! Ma mi hoo minga vorsuu: voeuri nò fàss toccà!

Ettore - Sporcaccion d'on dottor!! Poeu, con voeuna come lee …

Cesira - Inscì ghe n'hoo parlaa cont el mè marì e son finida chicchinscì.

Ettore - Con chiii??

Cesira - Cont el mè marì. El m'ha dii: Proeuva cont on medegòzz!!

Ettore - E nò, èh? Medegòzz nò!!

Cesira - E allora, se l'è coss'è?

Ettore - Mago, prego! Leggi i cart, doo i numer del lòtt, tiri via el maloeucc e sono pranoterapeuta.

Cesira - Saria a dì?

Ettore - Guarissi cont el mètt la man in su la part malada: gh'hoo la man calda!

Cesira - El pò aveghela anca sbroienta, ma se me la mètt adòss, mi el coppi! Ma doe son finida?!?

Ettore - E perchè? Che la se sètta.

Cesira - Pòdi nò!

Ettore - Ma la me dis el perchè si o nò?

Cesira - Perchè gh'hoo i moroidi! Gh'hoo foeura on ballon inscì, s'el savèss el patiment …

Ettore - Ah, i moroidi! (guardando verso Adele) E sò marì?

Cesira - Lù el gh'ha l'ernia … ma perchè el voeur savèll?

Ettore - E adess se fèmm?

Cesira - Che me le disa lù! Mi inscì pòdi nò lavorà. Come foo a settàmm giò sul trattor ch'el traballa tutt? O come foo a sbassàmm giò per regolzà el melgon? Su, ch'el cerca de capìmm!

Ettore - Se podaria provà con la pranoterapia. (e si frega le mani per scaldarle)

Cesira - Coss'è?!? El vorarà minga mettom la soa man calda là, di vòlt?

Ettore - Se la gh'ha i moroidi si.

Cesira - Ma chicchinscì hinn tucc matt! Mi cercavi vun de chi bèi medegòzz d'ona vòlta, quèi che vardava quèl che te gh'avevet cont el pendolino! Insòmma, mi vorevi ona bèlla pomata, ona lozion: ona bèlla pennellada e va la che vai bene!

Ettore - Va ben, va ben, come la voeur lee. Quèsta l'è ona pomata sfiammante e lenitiva: che la proeuva, poeu vedarèmm.

Cesira - Oh là! Ghe voreva tant? E che la se sètta giò, e che la leva sù, e sù e giò e (ripetendo la musica forte) papapapààà: e tutt per ona pomata?? Mah! Cià, se gh'hoo de dagh?

Ettore - Offerta libera, minimo cinquantamila lire.

Cesira - Pronti. (fra se) Hann aumentaa i prèzzi anca lor, domà in campagna aumenta nient!

Ettore - Grazie e arrivederci.

Cesira - Arrivederci. (stacco di prima, forte) Madòna, che stremizzi! Me s'è strengiuu tant el ghicc, che i moròidi m'hinn andaa via de per lor, pòcch ma sicur! (sulla porta) Che razza d'on medegòzz!! (esce)

Ettore - Son nò on medegòzz!!

Adele - (uscendo) M'è scappaa el did …

Ettore - Ma còssa cacchio t'hee combinaa? L'appontament l'era sbagliaa, la musica semper al moment minga giust: e allora??

Adele - Mi ghe capissi denter nient de chi trappol lì: me sconfondi e basta, va ben?? (va alla porta) Avanti, prego.

SCENA QUARTA

Detti e Maggiore

Maggiore - (è un militare anziano, in divisa; entra impettito e avanza trascinandosi una gamba rigida) Buondì. Madame, enchanté (sbatte i tacchi e china la testa).

Ettore - Prego, colonnello.

Maggiore - Maggiore, prego. (e rimane in mezzo alla stanza perplesso)

Ettore - Qualcosa non va, maggiore?

Maggiore - (si avvicina alla scrivania) Quella donna … (indica Adele)

Ettore - E' la mia assistente.

Adele - La socia.

Maggiore - Enchanté.

Adele - Anca me.

Maggiore - Fòrsi, però … da uomo a uomo sarebbe meglio … escusé moi.

Ettore - Adele, per favore, lasciaci soli.

Adele - (con una piccola riverenza) Come desidera, Maggiore.

Maggiore - La prego, non me ne voglia. (inchino con la testa)

Adele - Ci mancherebbe, Maggiore.

Maggiore - Au revoir, madame.

Adele - Mademoiselle, Maggiore.

Maggiore - Enchanté! (inchino)

Adele - Non c'è di che. (riverenza)

Ettore - L'ha de durà anmò on pèzz?

Adele - Il maggiore è un signore, si vede! Vado. (ultima riverenza ed esce)

Ettore - Ch'el disa pur!

Maggiore - (si accomoda trafficando con la gamba rigida) Sa, io ho un piccolo problemino, anzi, per essere sincero, due o tre … eh, eh, eh …

Ettore - (guardando la gamba rigida) Eh, eh, eh …

Maggiore - Nò, la gamba è secondaria, un ricordo di guerra, ci tengo.

Ettore - (tra se) Hoo capii: pendolite cronica. (forte) Mi conti su tutto, poi vediamo cosa ci dicono le carte.

Maggiore - Bravo: il responso delle carte. Deve sapere che sono stato 40 anni nell'esercito e ne sono fiero, perbacco! Ora, ahimé! Sono in pensione da una vita e mi trovo, come dire?, un po' perso, ecco. In realtà io sono abituato alle difficoltà, ho sempre avuto una vita dura, regolata dalla disciplina, ci crescevano a pane e disciplina.

Ettore - (fra se) E oli de ricin.

Maggiore - (continuando imperterrito) Austerità, rigore, scatto bruciante, baionetta in canna e via!

Ettore - Per i "corpo a corpo", vero maggiore?

Maggiore - Ma certo, vedo che mi capisce.

Ettore - Per forza, sont on mago!!

Maggiore - Bei tempi, c'era sempre il presentat-arm!

Ettore - Invece, adèss, c'è l'ammaina-bandiera!

Maggiore - Vedo che mi ha capito … (lo guarda) Lei mi ha capito, nò?

Ettore - Ooooeeeuuu!!!

Maggiore - E pensare che i soldati mi temevano, le donne mi adoravano … (pausa) a-do-ra-va-no: imperfetto!

Ettore - Perchè, il presente?

Maggiore - (sporgendosi verso Ettore) Il vuoto! Da tempo la mia vita, dura e selvaggia, è cambiata, infiacchita.

Ettore - Ammorbidita.

Maggiore - Appassita.

Ettore - Mi permette un : ammosciata?

Maggiore - Per dirla chiara: rammollita! Di rigido non m'è rimasto che questa gamba, perbacco! (Ettore comincia a stendere le carte) Mi chiedo se il futuro mi riserverà acora qualche gioia, se c'è, all'orizzonte una signora … una signorina … paziente e volenterosa con cui percorrere l'ultimo tratto di strada: io sono solo, non ho nessuno.

Ettore - Immagino che lei avrà corso la sua bella cavallina, eh maggiore?

Maggiore - (lisciandosi i baffi) Un galoppo continuo!! Le confesserò una cosa: questa gamba non è un ricordo di guerra …

Ettore - Ah nò?

Maggiore - Nò: saltando da una finestra in mutande, nel 48, in Francia. Oui!!

Ettore - Car el mè maggior, diventà vècc l'è ona gran fregadura!! Però, ch'el varda: i cart gh'hinn amis. Guardi,  veda, guardi, veda. Maggiore, lei ha delle figure bellissime. Mi vedi in del suo futuro ancora un po' di prosperità. Guardi quì: salute e serenità. Guardi questa carta: per usare come termine di paragone le ore, questa chì la voeur minga dì pròpri che sarà semper mèzzdì, ma disèmm puttòst i trè e on quart, i dò e des: l'è nò el massim, ma l'è semper mei che i ses e mèzza! E poi c'è anche una signora, una gentile, paziente donzella che lei farà felice, anca se con lee lù el sarà on poo pussee tener!! Chiaro il messaggio??

Maggiore - Chiarissimo!

Ettore - E se poeu ghe ne capitass voeuna che ghe pias la carna tenera, mi son sicur che lù la farà diventà matta!

Maggiore - E questa donzella? Dove? Quando?

Ettore - Frena in curva, maggior. Hoo minga dii subit subit .. disèmm de chì a on poo. Ma ch'el se preoccupa nò. Va ben tusscòss. Basta ch'el se contenta e ch'el s'imponta nò. Oramai l'è in pension: la disciplina, la durezza hinn ròbb d'alter temp. El m'ha capii??

Maggiore - Benissimo, e devo dire che mi ha rasserenato.

Ettore - Lù ch'el se faga vedè tra on poo e vedarèmm come la va la storia. Prego, regoli pure con la mia assistente.

Maggiore - (alzandosi) Obbligato.

Ettore - Si figuri.

Maggiore - E non mi da, in via provvisoria, qualche pozione …

Ettore - Provi questo. Lo fa la mia assistente, mani femminili … non si sa mai! (tra se) Quest chì, come el sa che gh'è el Viagra, el ghe lassa la pension!

Maggiore - E … lo applico ….

Ettore - Per bocca, maggiore, per bocca! Dalla mia assistente.

Maggiore - Simpatica signora.

Ettore - Gliela sconsiglio.

Maggiore - Scherzavo.

Ettore - Naturalmente. A presto.

Maggiore - (saluta militarmente, gira sui tacchi ed esce. Sulla porta incontra Adele con un'altra signora, non più giovanissima ma ancora piacente. Saluta di nuovo) Enchanté.

Adele - Lù el s'incanta con tucc. Ch'el vegna pur con mi. (segnala ad Ettore che si tratta della signora che vuol parlare col defunto)

SCENA QUINTA

Ettore e Piera

         Ettore - (appèna usciti i due) Le mie condoglianze …

Piera - Grazzie. Ch'el me scusa per el ritard, ma son stada ben gnanca on ciccin. De chi girament de coo!!

Ettore - Che la se figura, sciora, la capissi benissim. (Adele rientra ed Ettore le impone coi gesti di andare in postazione, Adele va, Ettore congiunge le mani e si concentra. Silenzio. Lentamente si abbassano le luci.)

Piera - Ch'el senta …

Ettore - Sssstttt … mi devo concentrare. Gh'è on quaicòss in de l'aria … ona corrent … on'onda … di vibrazion … come ona presenza. (trema tutto)

Piera - (suggestionata dai fischi e sibili di Adele) El sarà el mè Orest?

Ettore - (prendendo la palla al balzo) Oreste … Oreste … Oreste … chissà, magari l’è pròpri lù.

Piera - Son tutta sudada! Signor, che scalmana!! El soo nò se saroo bònna de resist. A mi me ciappa subit l’emozion; gh’hoo paura che me ven anmò  i capstorna, come prima.

Ettore - Sciora, se però lee la tas minga, numm el fèmm scappà. Donca, donca, donca..

Piera - Trii conchitt fann ona conca …

Ettore - Sssttt! … Gh’è on quaivun (respira affannosamente) si, gh’è on quaivun … (agitando la mano) Nò, nò … ti va via … viaaa!

Piera - Chi l’è!

Ettore - On diavol! (solito stacco fortissimo PA RA PA PAAA!)

Piera - (spaventata) Ahh!! … E se lassassom pèrd?? (musichetta di sottofondo)

Ettore - Sssttt!! Ghe son … ghe son! (borbottii vari)

Piera - O Madonina Santa!!

Ettore - Oreste … O-reste … se te see ti, fàtt conòss … (dopo qualche secondo, un colpo)

Piera - O Signor!!

Ettore - Silenzio!! … Oreste, gh’è chì la toa miee … Oreste …

Piera - O gent, me ven la pèll de cappon!

Ettore - Che la ghe disa on quaicòss, inscì vedom se l’è lù.

Piera - (dopo pochi secondi di pausa, terrorizzata) Te stee ben, Oreste?

Ettore - Si, e l’è anca ona bèlla giornada!! Sciora, sò marì l’è mòrt: la ghe domanda on quaicòss d’alter.

Piera - Ma, mi soo nò … (commossa e patetica) Quand l’è che te vegnet a toeumm?

Adele - (trattiene a fatica uno scoppio di risa)

Ettore - Ma che razza de domand la fa? E poeu, che la vosa nò, se de nò el se stremiss e el va via.

Piera - Si, si, va ben. Oreste, mi voeuri ditt che, anca se te me fasevet semper inrabbì, mi te vorevi ben istèss. Anca se te me davet mai ona ghèlla e mi te tiravi on sacch d’accident, mi te vorevi ben istèss. Anca se te me fasevet di corna alt come on condominio e el saveven tutti via de mi, pòra scema, mi te vorevi ben istèss: chissà poeu el perchè!! (rumori vari) E adèss, se foo de per mi, Oreste?

Adele - Eehhh …

Piera - .. ‘reste?

Adele - Eehhh …

Piera - ‘resteee??

Adele - Eeeetcìì!!

Piera - Salute! Ma se l’è staa?

Ettore - Sciora, l’è in paradis.

Piera - Quèl porcon là? Impossibil! E perchè el dovaria vèss in paradis?

Ettore - S’el fuss a l’infèrno, in doe fa inscì cald, el gh’avaria minga el raffredor, nò?

Piera - L’è vera.

Ettore - (tra varie folate di vento) El va, el va.

Piera - Nò, spètta Oreste, ancamò ona ròbba. Mi hoo semper sopportaa de tutt, hoo mai dii nient in trent’ann, mai! Ma adèss, se te voeuret che te faga dì di Mèss, tira foeura almen trii numer del lòtt, se de nò te mandi tanti de chi accident fin a che te finisset debon a l’infèrno, brutt malnàtt!!

Ettore - Oreste … i numer … i numer… (rumori vari)

Adele - Quarantasètteeeee …

Ettore - Siii.

Adele - Settantasètteeeee …

Ettore - Siii.

Adele - Ventidueeeee …

Piera - (smarrita) Su che roeuda?? Oreste, la roeuda!!

Ettore - El va … el va … l’è andaa! (si alzano lentamente le luci)

Piera - Chel brutt panscion!! El m’ha minga dii la roeuda! Grattacuu!!

Ettore - (accasciandosi sulla poltrona) Son disfaa!

Piera - El sta minga ben?

Ettore - Chel lavorà chì el me tra a tèrra!

Piera - Lù, l’ha capii i numer?

Ettore - 47, 77 e 22.

Piera - Quèll l’hoo capii anca mi: ma su che roeuda gh’hoo de giugai?

Ettore - Donca: Paradiso, P, Palermo.

Piera - Ma si, provèmm. Scior Mago, se vegnen foeura, me desmentegaroo nò de lù. Per intanta, se gh’hoo de dagh?

Ettore - Offerta libera, minimo centomila.

Piera - Pòrca vacca

Ettore - Sciora, èmm minga parlaa con l’America o el terzo mondo: abbiamo parlato con l’aldilà!

Piera - Costava meno la Stipel. (paga) Ch’el staga ben.

Ettore - Arrivedès.

Piera - Hann cressuu i prèzzi anca i medegòzz!! (esce)

Ettore - (ad Adele) Ven pur foeura de lì.

Adele - (esce lentamente, contrita)

Ettore - T’hee ciappaa el raffredor?

Adele - M’è entraa la polver in del nas.

Ettore - Se te nettasset pussee de spèss… Fortuna che la sciora l’era minga on’aquila e, come l’ha dii lee, la ghe voreva tanto ben, perchè, s’el ghe dava minga i numer del lòtt, Dio ce ne scampi!!!

Adele - Voraria vedè!!! Con quèl che l’ha patii !!! Pòra dònna!!

Ettore - E de doe te i hee tiraa foeura i numer, stavòlta?

Adele - 47 morto che parla, 77 le corna e 22 la pòra scèma, vist la vita che l’ha faa …

Ettore - E va ben, ma la pròssima vòlta sta attenta.

Adele - T’el see ch’el foo contravoeuia …

Ettore - (minacciandola con un dito) Ah, ah, ah …

Adele - Lassèmm pèrd.

SCENA SESTA

Sergio - L’è permèss?

Ettore - Gh’è de là gent; avanti. Ah, l’è el Sergio, el grass de ròst.

Sergio - Hoo vist che gh’era nissun che spettava e …

Ettore - El gh’ha de fà i cart anca incoeu? E va ben: amor o affari?

Sergio - Affari: gh’hoo in vista ona ròbba …

Ettore - Allora l’è per el lavorà.

Sergio - Disèmm inscì, anca se mi e el lavorà sèmm nanca parent: mi preferissi lassàll fà a i alter. Vialter si, che fasii on bèll mestee: me sa pròpri che avii trovaa l’America. A manovrà i cart, gh’è minga pericol che vegna i cai in su i man! E ven in cà di bèi palanch senza fà fadiga, vera?

Adele - L’òrt del visin l’è semper pussee verd, vera?

Ettore - De che affari se tratta? (mischia le carte)

Sergio - Ona mediazion, ma vardèmm anca se gh’è in vista ona eredità o on matrimòni; on bèl matrimòni, adèss, el saria la manna del cielo. E lee, (guarda Adele) quand l’è che la se sposa?

Adele - Mi? El trentaduu de ottember!

Sergio - (mentre Ettore sta per mettere giù le carte) Nò, minga lù, la signorina. I dònn gh’hann la man pussee delicada, vera?

Adele - Pòdi?

Ettore - Fa pur, mi voo de là on moment. (esce)

Adele - (mischia e fa tagliare) Data di nascita.

Sergio - 1° aprile 1954.

Adele - El par on schèrz. (dispone le carte)

Sergio - Le diseva anca mè mader.

Adele - (girando le carte) Donca … Mi vedi tanta sfortuna e pòcchi danee, pòcchi, pròpri pòcchi al present e men ancamò in futuro. Quindi, per el sò affari, l’è mèi ch’el lassa pèrd, l’è minga el moment.

Sergio - Quand l’è inscì, mi me tiri indree, me fidi de lee.

Adele - E, per l’eredità, nient decèssi in vista.

Sergio - E … per l’amore?

Adele - (confusa, mischia e ridispone le carte) Per l’amore … donca …  se ved .. chì se ved domà di dònn … però, fra tutti, ghe n’è voeuna, si, voeuna sòlla che …

Sergio - Voeuna? E chì l’è?

Adele - El soo nò.

Sergio - La gh’ha di danee?

Adele - Pòdi minga dill.

Sergio - E come l’è? Bèlla, brutta, bionda, mòra …

Adele - Quèst i cart el disen minga. Però l’è nò tanto tanto giovina, quèst l’è pòcch ma sicur!

Sergio - Ma si, quèl che conta l’è la salut … (piano) … del portafoeuj.

Adele - Ma con lee el dovarà fà attenzion: chì gh’è ona brutta carta, on incident.

Sergio - In che manera? … On marii gelos?

Adele - Per mi l’è ona toma, ona bèlla toma, anzi, un volo.

Sergio - Ma se la dis? Un volo? Magari da ona finestra, ah ah ah.

Adele - Beh, lù ch’el staga attent, perchè la carta l’è pròpri minga bèlla.

Sergio - Vist che l’è inscì preoccupada, allora staroo attent.

Ettore - E si, ch’el faga attenzion, perchè ghe voeur on attim a fass mal, ma a guarì …

Sergio - Se gh’hoo de dagh?

Adele - Ma nient, còssa el voeur dàmm? Gh’hoo daa appèna di brutt notizi …

Sergio - Ma se troverò l’amore ……

Adele - A prèst.

Ettore - Incoeu l’ha risparmiaa on bèll cinquantamila.

Sergio - Cèrt che fasii prèst vialter a cattà sù danee: on gran bèll mestee!! Beh, a prèst e grazie. (esce)

Ettore - Bèll’element, quèll lì. Ogni tant el ven chì per vedè se ghe va ben i affari: ma che affari el gh’ha in ball, s’el fa mai on ostrega!! E el seguitava a vardàtt: òccio!!

Adele - Ah si? Chissà perchè.

SCENA SETTIMA

(Si sente un gran trambusto dall’esterno)

Piera - (d.d.) Spètta! Spètta on moment, per piasè!

Lisa - (d.d.) Nò, nò e poeu nò: mi gh’hoo de dighel!!

Adele - Ma se gh’è?

Ettore - Ma chi l’è che vosa?

Lisa - (entrando con Piera) Lù, el se ricorda de chela sciora chì?

Ettore - Sicura: l’è stada chì prima per el sò marì.

Lisa - Sò marì, mè pader, l’è mòrt.

Ettore - Gh’hoo giamò faa i mè condoglianz a la sciora.

Lisa - E basta?

Ettore - Poeu, sò mader l’ha vorsuu ona comunicazion dirètta cont el defunto, tant per fà dò ciaccer.

Lisa - Pensa ti!! Addirittura ona comunicazion dirètta cont el defunto: ròbba de nient!

Ettore - Sò mader l’è vegnuda chì de per lee, l’ha rusada chì nissun, vera sciora?

Piera - Si, si …

Lisa - Si on accident!! Foeura i centmila, imbroion!

Adele - O Signor ghe sèmm!

Ettore - Che la varda che lee la va incontra a ona bèlla denuncia.

Lisa - Ma varda.

Ettore - Sicura de si! Gh’hoo tant de diplòma e de autorizzazion per fà chel mestee chì!

Lisa - Ah, dann el diplòma per imbroià la gent? Ma va?

Piera - O Signor, va che figur!!

Ettore - Ma doe l’è poeu, tutt sto imbroj? La sciora la gh’aveva piasè a parlà con sò marì per digh quèll che gh’andava dii, e num l’èmm accontentada!

Adele - E l’ha faa ben a cantaghi,  a quèll …

Lisa - Centmila franch robaa a ona pòra disgraziada!

Piera - Lisa!!!

Lisa - Nel sens che la gh’ha avuu ona disgrazia. E vialter approfittàss di disgrazi e di dispiasè de la gent!! Chissà che bagol gh’avii daa d’intend!

Piera - Ma mi el papà l’hoo sentii debon: l’ha anca starnudà!

Lisa - Chi?

Ettore - Il defunto.

Lisa - Ah, l’ha pròpri faa “etcì”?

Adele - El se saria anca nettaa el nas, se ghe l’avèss avuu!

Lisa - Allora quèsta l’è pròpri on’associazion a delinquere!!

Ettore - Òccio come la parla!

Lisa - E magari el faseva anca di vèrs, come “ahhh”, “fiuuu, fiuuu”?

Piera - Si, Lisa, el rantolava, el siffolava, el sboffava: uuhhh, uuhhh …

Adele - Puri suoni da oltretomba!

Piera - E hoo sentii anca la musica: “pa-ra-pa-paa”

Lisa - Si, la sinfonia de l’ongia incarnada!! Ròbba de matt!! Ben, adèss ve disi quèll che faroo mi.

Ettore - Che la disa.

Lisa - Mi ve denunci minga …

Adele - Meno mal.

Lisa - Nò, siccome mi foo la giornalista, mi troo in pee ona bèlla campagna de stampa contra tutt i maghi, i medegòzz, i cartomanti, i sensitivi e tutt i imbroioni come vialter: ghe spieghi a la gent che l’è ora che la lassa lì de trà via i danee per nagòtta!

Ettore - Lei offende dei professionisti preparati.

Lisa - Preparati a fà sù i cucù (cojon)! Scusa mamma.

Adele - Forsi lee la ghe crederà nò, ma se mandom di accident numm imbrojoni, magari riven a sègn.

Lisa - Ma fimm el piasè: ballabiòtt!!

Adele - Me bùi el sangh!

Piera - Lisa, a mi m’ha faa piasè sentì el papà.

Lisa - O santa ignoranza! Leggì i giornai! (fa per andare)

Adele - La pagine dei necrologi?

Lisa - Tiè! Arpia!! (fa le corna ed esce con Piera)

Adele - Arpia a mi? (rivolta alla porta) Mi me senti, adèss, che appèna te mettet el pè sul primm basèll, te ciappet on tomborlon e te borlonet giò per i scal, e la toa crappa la sbattarà de chì e de là!

Lisa - (d.d. ridacchia, poi) Aaahhhh!!! (tonfi vari)

Ettore - (tendendo l’orecchio) Prima … seconda … terza … quarta rampa: i ha faa tucc!!!

Piera - (d.d.) Lisaaa!!!

Etore - (guarda Adele, sorpresa anch’essa dal risultato dell’invettiva, va sulla porta e ritorna gelato) L’è borlada là me la pèll del figh!

Adele - Mi me la sentivi che la borlava giò!

Piera - (sulla porta) O Signor! L’è volada giò per i scal! Ciamé la Croce Rossa: l’ha piccaa el coo contra al marmor!

Adele - (cercando l’assenso da Ettore) Me dispias, sciora, ma …

Ettore e Adele - (insieme) … numm gh’èmm nanca el telefon!!! (sbattono la porta)

FINE DEL PRIMO ATTO

SECONDO ATTO

Stessa scena del primo atto.

È sera. Ettore è già in scena, seduto alla scrivania, in vestaglia, con i piedi in

un catino d’acqua calda, la testa reclinata all’indietro con, sulla fronte, una

pezzuola umida.

SCENA PRIMA

Ettore - Oioioi … o Signor, come se sta mal quand se sta minga ben!!! Adele! Adelina! …  Moeuri … moeuri …

Adele - (entra portando un catino d’acqua calda; è molto più ben tenuta che nel primo atto) Sperèmm, sperèmm. (versa l’acqua nel catino)

Ettore - Ahia!!

Adele - Se gh’è?

Ettore - La scòtta!

Adele - Giuri che me son minga accòrta. (ammicca al pubblico)

Ettore - Son tutt costipaa, gh’hoo anca la fever. (si toglie il termometro)

Adele - Se seguitet a lamentàss?

Ettore - Te see contenta, eh?

Adele - Per carità!! Ma l’è pròpri vera che el Signor el gh’è!! (guarda l’ora)

Ettore - Ma se te gh’hee de vardà semper l’ora? Te gh’hee de andà via?

Adele - Quand andaroo via mi, el sarà per semper!

Ettore - Cèrt che, come fradèll e sorèlla, se voeurom on ben de l’anima, eh? Se podèssom …

Adele e Ettore - (insieme) … se mazzariom subit!

Ettore - Pròpri adèss, con tutt el lavorà che gh’è sù …. Ohiohiohi, stoo ben mal!

Adele - Ghe son chì anca mi.

Ettore - La gent la me voeur mi: Ettore il mago. Ti te veet appèna appèna ben per fà “una voce dall’oltretomba”.

Adele - (gli spinge la testa sulla scodella per i suffumigi e gli copre rudemente il capo con l’asciugamano) Ah si, eh? Mi sont appèna bònna de fà la vos de l’oltretomba? Respira, respira profondament, inscì.

Ettore - Sofféghi!!

Adele - Ma nò, che te sofféghet minga. Gh’hoo minga miss l’arsenich, o almen, me ricòrdi nò.

Ettore - (si libera dalla morsa della sorella) Assassina!! (respira)

Adele - Assassina a mi? E ti, se t’hee faa con la mia Carluccia? Per mi l’è come se te me l’avèsset mazzada! E (dandogli un bicchiere) manda giò!

Ettore - Se l’è?

Adele - Latt e cògnach. Bev.

Ettore - Gh’hoo de fidàmm?

Adele - Te gh’hee paura de tirà el gambin, eh? Ma on chiaroveggente, on mago come ti, el dovaria savèll che fin el farà!

Ettore - Brutta stria!

Adele - (ironica) E perchè stria? Te vedet minga come te curi ben? Te vedet minga come son premorosa? Adèss te foo anca on bèll gir de cart, inscì vedom quand te passa la costipazion. E bev!

Ettore - Quand staroo ben …

Adele - (stende le carte) Donca … vedèmm on poo … Ahi, ahi, ahi, ti te passet minga la nòtt!

Ettore - Eehh??

Adele - (improvvisamente diventa seria, rifà il mazzo e ristende le carte, ma rimane molto seria)

Ettore - Se gh’è? Se t’hee vist?

Adele - (riponendo velocemente le carte) Nient … nient …

Ettore - Ma còssa te voeuret avè vist? Te see bònna de fà nient. (beve) E mi siffol, stoo anca chì a scoltàtt. Ah, ah, ah… (ridacchia) E el Sergio che fin l’ha faa, che l’è on poo ch’el se fà pù vedè?

Adele - (scrollandosi) Chi?

Ettore - Sergio, el grass de ròst. Chissà perchè l’era semper chì! E el te voreva semper ti, con la toa man pussee delicada. El vorarà minga sposàtt, di vòlt?

Adele - Ma mocchela lì!

Ettore - Però ti, prima de sposàll, te devet dighel che te gh’hee nò el cinquanta per cent de la società, ma el zero per cent! (ridacchia) Ah. Ah,ah!

Adele - T’hoo dii de moccàla li!

Ettore - Ma quanto cognach gh’era denter in del latt? Me gira el coo!

Adele - Saria mei se t’andasset in lètt. (guarda l’ora)

Ettore - (piano) La seguìta a guardà l’orelògg: chissà se la gh’ha mai de fà!! (campanello) Ma chi l’è che ven chì a romp i santissim? Fuss anca el Papa, digh che mi stoo minga ben!

Adele - (va alla porta, mentre Ettore beve ancora, facendo schioccare la lingua. Trambusto esterno.)

SCENA SECONDA

Adele - (d.d.) El maèster el ricev nò, l’è malaa.

Lisa - (entra con una vistosa fasciatura alla testa e un braccio al collo) El sta minga ben, pòer nano? Sarànn tutt i accident che ghe manda la gent che l’ha imbrojaa!!

Adele - Gh’è borlaa la cà in sul coo?

Lisa - Un piccolo incidente, che però el me fermerà nò: mi son voeuna che va fin a in fond!

Ettore - In fond ai scal, el sèmm! Ah, ah, ah.

Lisa - Anca consciada inscì, me son ciappada la briga de vegnì chì per fav vedè ona ròbba. (sventola un foglio)

Adele - (lo prende)

Ettore - Se l’è? Ona denuncia? La mettom insèmma ai alter.

Lisa - E nò, l’è minga ona denuncia; ch’el leggia pur, se l’è bon. Quèst chì l’è l’articol che adèss porti al giornal, subit, inscì doman podarii leg ona bèlla pubblicitàper vialter e tutta la vòstra razza.

Ettore - Ghe voeur alter, cara la mia tosa, ghe voeur ben alter!

Adele - (tra se) Quèlla lì, la ghe riva nò al giornal, la scapùscia prima.

Lisa - (fa un passetto indietro, inciampa nel catino e ci si siede dentro) AAHHH!

Ettore - (ridendo) La podeva anca setàss giò su ona cadrega. Se la voreva dimm?

Lisa - Mi soo nò el perchè, ma quand son chì, me foo semper mal!

Ettore - Quì ci vuole una bella fattura contro il malocchio.

Lisa - L’è nient, (rialzandosi) l’è nient.

Adele - (piano) Mi gh’hoo la sensazion che la se scottarà, pensa ti che ròbba!

Lisa - (si aggrappa alla scrivania per rialzarsi e ficca una mano nel recipiente dei suffumigi.) AAHHH!

Ettore - (ridendo) Ma el sa che lee l’è pròpri divertenta? Che la vegna chì on poo pussee de spèss. Salute! (beve)

Lisa - Ve passerà la voeuja de rid, quand vegnerà chì punissun a piccà a la pòrta. (si soffia continuamente su la mano)

Adele - Lee la gh’ha la faccia d’on capricorno.

Lisa - Come la fa a savèll?

Adele - I capricorni, in sti dì chì, gh’hann de stagh attent a doe mètten i pee. Me raccomandi: la gh’ha ancamò de fà i quatter rampi de scal!!

Lisa - Ch’el me daga indree el mè foeuj. Mi seri vegnuda chì per sentì di scus, e fòrsi avaria traa el foeuj in del cestin: ma, vist che sii pròpri di farabutt, allora lo darò alle stampe!

Ettore - E la vincerà el primm prèmi! (e ride)

Lisa - (irritata, prende il foglio e si avvia alla porta)

Adele - Òccio a la pòrta!

Lisa - Che pòrta? ( e si gira verso di loro)

SCENA TERZA

Sergio - L’è permèss? (e colpisce Lisa) Che la scusa.

Ettore - (ridendo) Ghe conven fàss benedì!!

Lisa - Che bòtta!!

Sergio - L’hoo pròpri minga vista!

Ettore - (ha un accesso di riso e si allontana verso la camera a piedi scalzi)

Lisa - (esce guardinga, poi rimette dentro la testa e lamentandosi se ne va)

Adele - Còss’el fa chì, Sergio?

Sergio - Le sa ben anca lee, Adele.

Adele - Nò, Sergio, mi el soo pròpri nò.

Sergio - Ma gh’avevom minga on appontament? Serom minga d’accòrd? L’è pussee d’on’ora che spètti!!

Adele - (fingendo) Ah, si … soo nò … mè fradèll el s’è malaa, e allora mi …

Sergio - E lee la cura, anca! Quèll negriero là!

Adele - El soo che dovaria minga fàll, ma l’è mè fradèll … e mi son minga bònna …

Sergio - La tratta pesg d’ona sèrva … ona dònna con tutt i sò qualità … e con che diritto? L’è minga anca lee ona sòcia della società?

Adele - Beh … ècco … si, ma mi …

Sergio - E allora che le pienta chì! Cominciarèmm on’altra vita lontàn  de chì! (facendosi sotto, alle sue spalle) Partissom, vèmm via, mi e lee! Impiantom on alter studi come quèst in on’altra città, mi e lee … “Adele- per prima- e Sergio”

Adele - E con che danee?

Sergio - Con la soa part de la società!

Adele - Ecco, pròpri con quèi!!

Sergio - (alla H. Bogart) Stanòtt Adele!! Partissom subit. L’è giamò scur, mi l’aspètti giò, chì sòtta!!

Adele - Nò! (tentata) Pòdi nò!! Ch’el me mètta minga in ona brutta situazion...

Sergio - (c.s.) I occasion capiten ona solla vòlta in de la vita, ona solla vòlta!!! E poeu, quand te saret vèggia decrepita, te pensaree: “Però, se l’avèssi faa…” (Adele si fa attenta) Chicchinscì, che vita la fa? La fa de serva, de segretaria, de maggiordomo, de coeuga eccetera: ghe tocca cantà e portà el Croson!

Adele - E fà la vos de l’oltretomba! Senza cuntà quèll ch’el m’ha faa tanto temp fà!!!

Sergio - (le si avvicina da dietro, senza toccarla) Mi son chì sòtta … con la macchina … (sospira fino a farle sentire il fiato sul collo) … pissa …

Adele - L’hoo appena fada!

Sergio - La macchina, pissa. El pien l’è bèll’e che faa, numm partissom e doe rivom, rivom!

Adele - (si gira e se lo trova di fronte, vicinissimo) Ma perchè el fa inscì? Ma lù s’el voeur de mi?

Sergio - (stesso tono basso) Perchè mi son l’unich che l’è bon de apprezzala! Ona valisa, piscinina, e el blocchètt di assègn, gròss!! Chì sòtta! (via)

Adele - (rimane sconcertata)

SCENA QUARTA

Ettore - (entrando) In doe l’è finii?

Adele - Chi?

Ettore - El grass de ròst.

Adele - Parla minga semper mal de tutti! Almen lù el me dà nò de la stria.

Ettore - (indagatore) Se l’è vegnuu chì a fà?

Adele - (confusa) Ma … ona partenza … On affari … t’el see come l’è, nò?

Ettore - Fa ballà l’oeucc, tosa, perchè l’òmm l’è pericolos, el mira a ona ròbba solla!

Adele - Te gh’hee minga de dimmel ti quèll che gh’hoo de fà mi! Te casciet semper el bècch in di mè affari!!

Ettore - El foo perchè ti te seet tant imbesuida che te fee su di grand asnad, e dòpo me tocca a mi riparà a i tò vaccad!! Te see ticòrdet chela vòlta là?

Adele - Famm nò dervì el liber!! E adèss andèmm in lètt che mi son stracca, e ti, consciaa come te see consciaa, l’è ora che te vaghet al còbbi, invece de stà in gir a ciappà frècc! Andèmm!

Ettore - Oeuilla! Se l’è tutta sta premura? A propòsit, Còssa ve sii dii ti e el grass de ròst? Paroline dolci? Zucchero e miele? Fà ballà l’oeucc, tosa!

Adele - Varda, gh’hoo ona voeuja de fatt on dispètt … On dì o l’alter te vedaree se te combini! Te vedaree!! (esce preceduta dal fratello).

SCENA QUINTA

Silenzio e penombra. Nella penombra si vede Adele in tuta che attraversa la

scena in punta di piedi; si avvicina alla finestra e guarda giù, poi sparisce.

Rispunta con una piccola borsa da viaggio; ancora titubante, apre la finestra.

Colloquia a gesti con qualcuno sotto la finestra, facendo capire che è indecisa

E che ha paura del fratello. Infine fa segno di aspettare.

Adele - Te la foo vedè mi, la stria!!! (Chiude la finestra, si inginocchia in mezzo alla stanza, si segna, congiunge le mani e guarda in alto per chiuedere aiuto al cielo.)

Ettore - (d.d.) Etcìì! (entra tutto intabarrato per il freddo, è venuto a prendere il bicchiere con latte e cognac)

Adele - (improvvisa degli esercizi ginnici) Uno … due … uno … due …

Ettore - (guardandola stupito) Mah! Forsi hoo bevuu tròpp cognac!! (esce)

Adele - (si accascia lunga e distesa, poi si tira su lentamente e strisciando si porta alla finestra, sporge timidamente la testa per vedere se Sergio è ancora là: c’è; saluta con la mano e si alza in piedi) El m’ha ciamaa stria! Mi!!! (in un ultimo sussurro di libertà, prende la borsa, si segna un’altra volta, prende la rincorsa e veloce va alla porta; quando tocca la maniglia bussano. Si blocca, poi riprende la maniglia e ribussano: lei vola via; continuano a bussare.

SCENA SESTA

Ettore - (entrando) Adele … Adele, doe te seet? Adele.. picchen a la pòrta! Ma in doe l’è andada a finì chela mèzza matta là? (ribussano e lui) Ma chi l’è? (apre)

Piera - Ch’el me scusa … e ch’el scusa anca l’orari … el se ricorda de mi?

Ettore - Come nò?! La mamma de la mia amisa giornalista!!

Piera - Pròpri.

Ettore - Le sa che la soa tosa l’è pròpri on bèl element? La me fa fà tant de quèl rid  … ah ah ah!

Piera - Ah si? E mi son vegnuda chì appòsta per digh che me dispias per tutt el rebelòtt che voeur trà in pee la mia tosa. L’è nò cattiva, el pò credom.

Ettore - La voeur appena vedèmm in sul lastrich, ma l’è nò cattiva.

Piera - Perchè lee l’è onèsta.

Ettore - E mi còssa son?

Piera - Lee la ghe cred minga a cèrti ròbb. Mi, inveci, saroo ona martoròtta, ma ghe credi.

Ettore - E lee l’è vegnuda appòsta per dimm chi ròbb chì?

Piera - Si … nò … a dì la verità stoo pù in la pèll. Mi voraria parlà ancamò cont el mè marì: l’alter dì hoo minga faa in temp a finì el discors …

Ettore - Adèss? A st’ora?

Piera - Gh’hoo ona ròbba de domandagh.

Ettore - Sciora, l’ha vist come son consciaa? Stoo minga ben.

Piera - L’è on’urgenza.

Ettore - Sciora …

Piera - Mi voeuri savè se lù l’è content se mi sposi ancamò.

Ettore - O Signor!!!

Piera - Gh’el domandi per piasè: mi pare di vivere nel peccato.

Ettore - O Santa Madòna! La me ciappa inscì, a l’improvvisa … gh’hoo nanca l’ispirazion! Come foo a concentràmm e a sentì le presenze celesti cont el nas stoppaa e cont el catàrr? E se poeu le ven a savè la soa tosa ah ah ah … chissà che rid … ah ah ah! E poeu sont anca on poo ciocch, perchè hoo bevuu latt e cognach, pussee cognach che latt, che el spirit l’è pussee in del stomich che in de l’aria!

Piera - Ch’el proeuva a ciamàll almen ona vòlta: oramai son chì e gh’hoo chì i cent mila franch!!

Ettore - Ma mi son sicur che adèss succed nagòtta!

Piera - Perchè? Gh’hann i orari anca in Paradis?

Ettore - Che la varda: “Oreste, se ci sei batti un colpo!” (colpo contro un vetro)

Piera - Se l’è staa?

Ettore - (perplesso) Oreste, se ci sei batti due colpi! (due colpi contro il vetro; ettore si schiarisce la voce e) Oreste … ssee ccii sseeii (diversi colpi contro il vetro)

Ettore/Piera - (si voltano verso la finestra dove si staglia un’ombra) AAAHHH!!! (i due volgono le spalle alla finestra)

Adele - (entrando) Ma se succed?

Ettore - Madòna che stremizzi!! (indica la finestra)

Piera - (senza girarsi) Gh’è el mè Oreste dedree del veder!

Adele - Chii?? (apre la finestra e si trova davanti Sergio su una scala; gli da uno spintone seguito da un urlo sovrumano di Sergio e chiude rapida) El gh’era, ma l’è andaa via.

Ettore - Varda che l’hoo vist anca mi.

Adele - L’è minga l’ora de fà le sedute spiritiche: a st’ora chì riven appena le anime dannate! Ma se v’è saltaa in ment?

Ettore - Ma quèsta l’è bèlla: prima i colp, e dòpo l’ ombria!!

Adele - L’era on’anima de l’inferno!

Piera - (segnandosi) Signor perdonom: s’hoo mai traa in pee!!

Adele - Che la vegna on’altra vòlta, sciora, quand el maèster el starà pussee ben; consciaa come l’è adèss el fa comparì domà di diavol.

Piera - Si, l’è mei che voo. E, me raccomandi con la mia tosa: acqua in bocca!!

Ettore - A momenti me ven on colpètt!

Piera - Arrivederci e scusate il disturbo.E s’ciao, almen hoo risparmiaa el centmila franch! (esce di corsa)

Ettore - Te voeuret vedè che sont on mago debon? On medium?

Adele - Si, on medium ciocch!! Va in lètt e quàttes ben!

Ettore - E ti in doe te veet? (indicando la tuta di adele) A fà la Monza-Resegon?

Adele - Bonanòtt. (abbassa la luce)

Ettore - spètta che sari sù ben!! (da tre giri di chiave, se la mette in tasca, esce)

Uscito Ettore, Adele si avvicina prudentemente alla finestra, la apre, fa cenno

che deve uscire di lì; in punta di piedi esce verso la camera. Si vede Sergio

spuntare dalla finestra; rientra Adele con il borsone, lo passa a Sergio, poi sta

per mettere il piede sulla scala, quando sente un trambusto alla porta: bussano

e una voce grida)

SCENA SETTIMA

Maggiore - (d.d.) Emergenza!! Emergenza!! Aprite!!

Adele - (a Sergio) Va via! (ritira la borsa, chiude la finestra e finge di pulire i vetri)

Ettore - (trafelato) Ma se gh’è, stasera? Chi l’è? S’el voeur? (vede Adele) Ma te see matta?

Adele - Se vedeva pù de foeura!

Maggiore - (d.d.) È un’emergenza! Aprite o sfondo la porta!

Ettore - (tenta di aprire ma non ci riesce)

Maggiore - (d.d.) Presto o sfondo! … Sfondooo!!

Ettore - (apre)

Maggiore - (entra come avesse dato una spallata, ma la porta era aperta e caracalla malamente per la stanza con la gamba rigida a intralciarlo)

Ettore - Maggiore!!!

Maggiore - Ci sono i ladri!!

Ettore - In doe?

Maggiore - Da lei. C’è una scala appoggiata al muro in prossimita di questa finestra!

Ettore - Ma còssa el dis sù? (lo aiuta ad alzarsi)

Maggiore - Stavo passando col cane … Dove l’ho messo? L’ho perso, fa lo stesso. Ho guardato casualmente la finestra e c’era una scala appoggiata con su qualcuno. Mi sono precipitato, gamba permettendo, e sono piombato quì.

Ettore - On moment che vardi. (lo molla per terra e apre la finestra) Chì gh’è nissun!

Maggiore - (anch’egli alla finestra) Guardi, la scala!

Ettore - El soo: l’è lì per tèrra, doe l’hoo missa mi ier!

Maggiore - Impossibile!

Adele - Magari el scior Maggiore el s’è lassaa tradì dal riflèss di lampioni … forsi, con la cataratta …

Maggiore - Macché cataratta! Ho una vista acutissima, io!

Ettore - Disi minga de nò, ma chì gh’è nissun.

Maggiore - Mi sono scappati, perbacco, e, a momenti, mi rompo la gamba sana!

Adele - Comunque, el sò coràgg e el sò senso del dovere sono commoventi, maggiore.

Maggiore - Enchantè.

Adele - Anca me!

Ettore - Ma che razza d’ona sera!!

Adele - Ma le sa, maggiore, che fòrsi lù l’è staa pussee util de quèl che s’immagina? Forsi l’ha impedii ona quai mattada, on quai svarion de coo.

Maggiore - Comincio a dubitare seriamente della saldezza delle mie facoltà mentali. (si picchetta sulla testa)

Ettore - Car el mè Maggior, tutto si ammorbidisce, anche i tessuti cerebrali degli uomini.

Adele - Perchè, quèi di dònn?

Ettore - Quèi esisten nò!!

Maggiore - Perbacco, e il mio Fifì?

Ettore - Mi l’hoo minga vist.

Maggiore - Era l’unica compagnia che avevo. Se l’ho perduto mi sentirò solo come un cane, e anche lui, Fifì, si sentirà solo come un cane, appunto, perbacco!

Adele - Ma se sa mai, in de la vita … Ch’el vegna chì, on quai dì, che vardom se gh’è ona quai novità. Ch’el vegna.

Maggiore - Lei è molto gentile, signora.

Adele - Signorina, prego.

Maggiore - Enchanté!

Adele - Non c’è di ché!

Ettore - (indicando la porta) Per de ché!

Maggiore - Grazie.

Ettore - Grazie a lei, maggiore.

Maggiore - Fortuna che non ho abbattuto la porta eh eh!

Ettore - O che la porta non abbia abbattuto lei eh eh!

Adele - Buonanotte.

Maggiore - Anche a lei. (baciamano ed esce)

Adele - Quèll lì si che l’è un signore!

Ettore - Ma varda ti: prima l’ombra da la finestra, poeu la scala che l’ha vist el maggior …

Adele - E adèss, se pò finalment andà in lètt? Bonanòtt!

Ettore - Sperèmm. (esce dubbioso)

Adele va alla finestra e coi gesti fa intendere “basta, è ore di finirla”. Lui insiste

e lei non cede, avvicina la finestra ed esce; silenzio e luci basse.

SCENA OTTAVA

Ettore - (entra dalla camera) Brr che frègg! (si mette sulla testa la sciarpa che ha al collo, da un’occhiata alla finestra, scrolla la testa e fa per andare, ma sente un leggero TOC TOC; si avvicina sospettoso e si apposta a lato della finestra.)

Sergio - (dalla finestra, sulla scala, vede l’ombra di Ettore che, così conciato, scambia per Adele) Son chì, dai, andèmm. Mamma mia, quanto frègg ch’hoo ciappaa!! Ma se te spèttet? L’è andaa in lètt finalment, el rompaball?

Ettore - (fa cenno di si con la testa)

Sergio - Se te vorevet dì prima, che hoo minga capii? Dovevi nò vegnì sù?

Ettore - (fa cenno di nò con la testa)

Sergio - Dai, damm la man, come in di film. Dai, andèmm, dai che finalment scappom via da quèl impiaster de tò fradèll! Abbia minga paura, damm la man.

Ettore - (senza girarsi gliela da)

Sergio - Che manasc che te gh’hee: se te ghe dee on s’giaffon a on quaivun, t’el fee pirlà per ona settimana!

Ettore - (fa cenno di si con la testa)

Sergio - Dai, dai. (l’aiuta)

Ettore - (s’appoggia col sedere e si gira verso Sergio che lo vede)

Sergio - T’el see che al scur te somigliet tutta a tò fradèll?

Ettore - Vera.

Sergio - Oh oh!

Ettore - Inveci de andà foeura mi, che sta minga ben, ven denter ti. (lo prende per un braccio e lo tira dentro)

Sergio - Ohi, che mal!

Ettore - Ven, ven, car el mè grass de ròst!

Sergio - Pòdi spiegàmm.

Ettore - Proeuva on poo.

Adele - (entrando) Ah!

Ettore - Ven pur avanti anca ti.

Adele - Ma l’è el Sergio: da che part l’è vegnuu denter?

Ettore - Da la finestra, cara.

Adele - E come mai?

Ettore - Adèss me le spiega lù.

Sergio - E va ben: Mi sont innamoraa de l’Adele e vorevi scappà con lee!

Ettore - (prima serio, ha poi uno scoppio di risa incontrollato) Ah, el mè coeur...

Adele - Se gh’è de rid?

Sergio - El me cred nò?

Ettore - (li guarda, poi un altro scoppio di risa)

Sergio - Mi pòdi giuragh che son verament innamoraa de l’Adele.

Ettore - … De l’Adele?!?!

Sergio - Si!

Ettore - Quèsta chì?

Sergio - Si, perchè?

Adele - Perchè?

Ettore - Perchè l’è pròpri el tipo che fa innamorà la gent! Ah ah ah!!

Sergio - A mi … la me pias … (già meno convinto)

Ettore - E la te pias perchè l’è giovina e bèlla?

Sergio - Ma si …

Ettore - Inscì, come l’è? Senza ona vioeula de dòta?

Sergio - Che manera?

Adele - Mi hoo mai dii de vorè on quaicòss!

Ettore - Senza danee perchè l’è nullatenente!!

Sergio - E la società?

Ettore - L’è tutta mia: gh’hoo de morì mi perchè lee la veda quatter ghèj; te fasevet pròpri on affari: pòcch bèlla e senza danee!!!

Sergio - Ebbè, effettivament, quèst l’è on poo tròpp!

Adele - Ah si?

Sergio - Ma le sa che lù el m’ha dervii i oeucc? Perchè, va ben la passion, ma se poeu gh’è minga de magnà …

Ettore - E allora ringraziom, grass de ròst.

Sergio - Grazie, Ettore. Mi, quasi quasi, andaria a cà, se ne dis lù? Del frègg n’hoo ciappaa assee!

Ettore - Bona idea. (Sergio si avvia alla porta)

Adele - E nò, minga de lì.

Sergio - E de doe?

Adele - De doe l’è rivaa! (e indica la finestra)

Sergio - Ma nò …

Ettore - Beh, stavòlta la gh’ha reson!

Adele - Forza, allora. L’ha faa tant sù e giò da la scala perchè l’era innamoraa, adèss el pò fall ancamò ona vòlta per la soa bèlla, nò? Forza che l’è l’ultima vòlta!

Sergio - E va ben. In fond, me le son meritaa. (si avvia, poi, sulla scala, si gira) Addio, Adele cara, non sai quel che ci perdi! (scende)

Adele - T’el diseven i cart che t’avariet faa on volo, te se ricordet? (prende la scala e la spinge)

Sergio - AAAHHH (tonfi vari)

Adele - (chiude la finestra e si pulisce le mani)

Ettore - E brava la nostra principessa sul pisello. La voreva fà la fuga romantica, giò da la finestra con la scala: ridicola!!

SCENA NONA

Adele riprende la borsa che era rimasta in scena.

Ettore - E adèss se te feet? Va in lètt a fà di sogn, che doman gh’è de dervì l’offizzi.

Adele - Doman l’offizzi te s’el dervet ti!

Ettore - Oh, ricominciom de capp?

Adele - Si, de capp, ancamò ona vòlta, l’ultima. Per fortuna el Signor el m’ha miss ona man in su la crapa e l’ha minga vorsuu che mi combinassi ona stupidada! Inscì mi intanta hoo capii tanti alter ròbb, e cioè che son stuffa, stuffa marscia! Capii??

Ettore - Damm a trà: va in lètt e quattes ben, pajascia!

Adele - Te see ti el pajasc, el baraccon, car el mè medegòzz da quatter ghej, ti e tutt i tò parament da circo equestre. Mi son brutta, mi son bònna de nient, mi sont ona stria, el sarà anca vera, ma gh’hoo el diritto de vèss rispettada, va ben? Mi voeuri el rispètt!!

Ettore - Rispètt dòpo quèll che t’hee faa?

Adele - L’è ora che te la finisset de ricattàmm!  Mi me vergògni pù de nagòtta! Gh’hoo voeuja de vedè la mia tosa. Ti t’hee daa via la mia Carlina perchè te se vergognavet ti. Ti, perchè gh’avevi ona tosa senza avègh el marì! E mi, giovina e scema, t’hoo lassaa fà, t’hoo lassaa fà, pòra disgraziada! (piange) Ma adèss basta! Adèss me vergògni pù de nient, domà a fà la vos de l’oltretomba, quèll si!! Mi voo via!

Ettore - E chi l’è che te ten? Va!!

Adele - Sicura che voo: subit!!

Ettore - E lassom chì! Lassa pur chì tò fradèll de per lù. Ona sorèlla che la pienta el fradèll malaa de per lù perchè l’è matta: che bèl romanz!! T’el see che gh’hoo el mal de coeur, che son malaa! Quand saroo mòrt fass minga vedè arent a la cassa a piang, perchè mi te l’avevi dii che stavi minga ben, mi te l’avevi dii!!

Adele - Mi voeuri vedè còssa te faree ti adèss, senza la stria! Fai ti, adèss i vèrs dedree de la pòrta, fassi ti i pomàt, i pozion, i filter, tiri foeura ti i numer del lòtt, fall ti l’oroscopo! Seri mi che fasevi tutt, mi, car el mè pajascion d’on medegòzz! (da le spalle a Ettore e , nell’enfasi) Ma el Signor lassù, s’el me scoltàss almen ona vòlta, ona vòlta solla, e el ghe mandass a chi disi mi on bèl mal de venter de quèi de piegàss in duu …!

Ettore - (ridacchia, poi, improvvisamente, si tocca la pancia)

Adele - Con de chi dolor de piccà el coo conta el mur, cont ona caghètta bèlla stagne che la tegna sul cèss almen ona settimana …

Ettore - (corre in bagno)

Adele - Ma ona caghètta l’è ona ròbba de rid, còssa te voeuret che la sia? E allora, insèmma a la caghètta, dovaria veghigh anca on bèl sercion a la crapa, de quèi che par che te stringen in ona mòrsa …

Ettore - (esce dal bagno e si tiene la testa con una mano e la pancia con l’altra)

Adele - E poeu l’è minga assee! Ghe voraria anca on bèl mal de s’cèna (Ettore si tocca la schiena) e on bel ranf in ona gamba de faghela vegnì bèlla dura come quèlla del maggior: de tirassela adree cont el baston e marcà el zòpp, ma de brutt!

Ettore - (si rende conto che lei ha dei poteri straordinari) Adele, seguita, per l’amor de Dio fermes nò!

Adele - (che è girata verso il pubblico e non lo vede) Ma la caghètta la dev nò finì, nò: la seguita ancamò, bèlla potenta!

Ettore - (tenendosi la pancia) Dinn anmò, Adele, fermes nò, l’è incredibil! (esce di corsa con la gamba rigida)

Adele - E poeu che crodàss el lampadari e ch’el ghe finissaria in su quèl bèll zuccon ch’el gh’ha! (patatrach!!)

Ettore - Ahi ahi ahi!! (esce dal bagno con un lampadario al collo) Adele …

Adele - E poeu …

Ettore - Adele … (ridacchia) varda che ròbba!

Adele - Eh? Ma còss’è staa?

Ettore - (levandosi il lampadario aiutato da Adele) Miracol!! È succèss tutt quèll che t’hee dii: la caghètta, el mal de coo, la s’cèna …

Adele - Anca la gamba sifolina?

Ettore - Si, e anca el lampadari!! Adele, chì fèmm sù danee a palad!! Ahi, che mal …

Adele - (segnandosi) Grazzie Signor, stavòlta te m’hee ascoltaa!!

Ettore - Ti te gh’hee di poter eccezional! Adele, va minga via, sèmm sciori!! (si butta su una poltrona, ha l’affanno)

Adele - Te seet ona gran faccia de …

Ettore - (c.s.) Cambiarèmm el cartèll: “Adele & Ettore, veggenti” … come son content … el mè coeur … son tant content che gh’hoo paura de morì … (affanno)

Adele - (scrollandolo) Prima che te crepet, te devet dimm che fin l’ha faa la mia tosa, t’hee capii?

Etore - (ridacchiando) Ah ah ah … veggenti …

Adele - Ettore, dimmel, dimmel subit!

Ettore - El mè coeur …

Adele - Guai a ti se te moeuret prima de avèmel dii!!

Ettore - (oramai delirante) Pensa, Adele, adèss nissun disarà pù che sèmm duu imbrojoni … ah ah ah!

Adele - (singhiozzando) Ettore …

Piera - (enta agitata, sventolando le ricevute) Permèss? Scusìmm tant … i numer … i numer hinn vegnuu foeura … tutt e trii!!

Adele - Che numer?

Piera - Quèi che m’avii daa vialter.

Ettore - I numer, Adele, i noster numer … come son content … (e sviene)

Adele - Ettore!!!

Piera - Ciombia! S’el savevi che se la ciappava inscì, gh’el disevi nanca!!

FINE DEL SECONDO ATTO

ATTO TERZO

La scena rappresenta una piccola cappella di un cimitero di campagna.

Si vede chiaramente la foto di Ettore, con sotto un telo che copre una scritta.

Adele, molto più curata, sta spazzando il pavimento della cappella.

SCENA PRIMA

Adele - Quand voeuna la nass deslippada!! Mi passi tutta la mia vita a scovà sù in cà toa: t’hoo minga vorsuu ben assee, fradellon? Va che ragner che gh’è: chicchinscì seguiten a fregà per tèrra e stòp, all’ari varda mai nissun! (le toglie e quasi scivola) E ghe dann la cera … voeuren pròpri che me s’cèppi l’òss del còll! (a Ettore) Sta sicur che mi a ti sta soddisfazion te la doo nò! Sarà el comun ch’el fa dà la cera, inscì el vend tombi e colombar!! T’hee vist, Ettore, che t’hoo faa anca el regalin? Nissun voreva fàll come disevi mi, ma poeu, hoo trovaa quèll giust! Si, perchè mi vorevi che la lapida la te piasess anca a ti … (toglie il telo e si legge la scritta: “IO TE L’AVEVO DETTO CHE NON STAVO BENE!”) Te me n’hee daa talment ona s’cuffia che, vist che te gh’avevet reson, hoo pensaa de fàttel scriv pròpri chì. On schèrz a te e vun a mi, vist che te see mòrt senza dimm doe l’è finida la mia tosa. Adèss sèmm pari!! (si siede) Ah, che pas, che qiuètt che gh’è chì in campagna. T’hoo miss in d’on bèll pòst, eh? Vola minga ona mosca …. Passa mai nissun …. Hoo parlaa tròpp prèst.

Un uomo solo si aggira tra i loculi. Si muove lentamente, le mani nelle tasche dell’impermeabile, cappello e occhiali scuri. Si ferma nei pressi di Adele e si guarda in giro.

Uomo - Sciora …

Adele - (tra se) Che faccia de maniaco! (si alza, prende la scopa e riprendendo a scopare) Se gh’è?

Uomo - On’informazion.

Adele - Ch’el disa.

Uomo - Gh’avaria de imbiancà la cappèlla.

Adele - (che non ha capito l’allusione) Ah, ch’el varda ch’el gh’ha nò de vegnì in de mi …

Uomo - Ah nò?

Adele - Nò, lù el dev andà a l’ingrèss, doe gh’è i becchitt e magari lor …

Uomo - Ah ah ah (si allontana ridacchiando) ah ah ah…

Adele - Ma varda ti che tipo! El me ven a dì a mi che son minga ona sbianchina, ch’el gh’ha de sbiancà la cà!! Mah!! (continua nel suo lavoro)

Arriva una signora anziana, avanza lentamente, scorge la lapide e si sofferma.

Si avvicina un po’ di più, scandisce la parole, scoppia in una grossa risata.

Poi scrolla la testa e si allontana.

Adele - Chissà se la gh’ha de rid, mah! Ben voo a toeu l’acqua per i fior. (esce)

SCENA SECONDA

Cesira - (entrando) El mè marì, anca per incoeu l’hoo sistemaa. Ciao, Mario!

(riprende il cammino, guarda la foto di Ettore; fa per andarsene, ma poi le viene

un dubbio, torna sui suoi passi e esclama)

Cesira - Ma mi quèll scior lì el conossi!! Si, si, l’è el medegòzz! Ma varda: “IO TE L’AVEVO DETTO CHE NON STAVO BENE!” Ma che razza de scritta l’è? De sòlit ghe metten minga : “Tua moglie, i tuoi figli”? Se capiss che in città fann inscì! Come l’ha faa prèst!!! E mi che l’hoo nanca ringraziaa!!! Son guarida inscì ben: la pomata l’è stada miracolosa! Ma varda on poo!! Me dispias pròpri. El se merita che me fermi on minut per on quai requiem aeternam.

Uomo - (si aggira come prima)

Cesira - E chel mammalùcch chì, s’el voeur?

Uomo - (si fruga nelle tasche con intento malizioso)

Cesira - (lo controlla con la coda dell’occhio, fingendo di essere concentrata nella preghiera) Requiem aeternam dona eis, Domine …

Uomo - (tossicchia) ehm ehm … (fruga come sopra)

Cesira - Et lux perpetua luceat eis, requiescant in pace, amen.

Uomo - (c.s.) … ehm ehm …

Cesira - (più forte) Requiem aeterna dona eis Domine et lux perpetua luceat eis requiescant in pace amen. (cantilenando) Requiem aeterna se te la mocchet no de fà l’asnon, mi te s’cèppi la scoa in sul crapon. Amen.

Uomo - (via velocemente)

Cesira - Ma nanca al cimiteri se pò sta tranquill!! Ma che ròbba!! Se seri a cà mia, ciappavi el forcon e poeu gh’el fasevi fà mì el sò ruga ruga!

SCENA TERZA

 Piera - (entra con un mazzolino di fiori in mano) Me pareva ch’el fuss chì … (piano) Gh’è on quaivun: sarà la miee … Buongiorno.

Cesira - Buongiorno. (piano) L’è la miee, la gh’ha i fior. (forte) Condoglianze, signora.

Piera - (sorpresa) A mi?

Cesira - Si, per el sò marì.

Piera - Come la fa a savè che …

Cesira - Adèss, l’hoo savuu adèss. Che me vegniss on acident se podevi immaginà ona ròbba compagna. Inscì giovin, poeu …

Piera - Già, el gh’aveva appena settant’ann.

Cesira - Pensavi meno … fòrsi la malattia …

Piera - Cirrosi epatica …

Cesira - E si, ona ròbba antipatica .. (non ha capito cosa sia)

Piera - El beveva on poo tròpp.

Cesira - Ma va?!? Se saria nanca dii!

Piera - Che la scusa, (sospettosa) lee, per caso, la conosseva?

Cesira - Perbacco!! Sont andada a cercàll anca pòcch temp prima de …

Piera - Ah si? Ma va!

Cesira - Gh’hoo anca on poo de rimòrs, perchè l’hoo trattaa da quèlla rustiga che son.

Piera - E perchè? Se gh’era succèss?

Cesira - Perchè … (le vien da sorridere) … Che la pensa, lù el voreva mettom la soa bèlla man calda, le sa in doe? Chì, in sul sedes!

Piera - (esterefatta) Ma va!?

Cesira - Pòver òmm, lù le faseva per fàmm del ben, ma mi son minga abituada a chi ròbb lì. Ma lee la me ved mi, messa inscì (sporge il sedere) e lù con la soa bèlla man poggiada lì in centro?

Piera - Nò, son pròpri minga bònna de immaginàmela! (secca) Comunque grazzie per le condoglianze, la doveva minga disturbàss; lei, intanto accetti le mie: mi gh’hoo portaa duu fior.

Cesira - Lee le sa che mi … (si commuove)

Piera - Eggià, vist che se troeuvom in chel bèll sit chì …

Cesira - O scioras, lee la me capiss de sicur!!

Piera - Alterchè! E pòdi dì che l’era on sant òmm: a mi el m’ha faa domà del ben.

Cesira - Del ben? E come mai?

Piera - Anca se tutti diseven che l’era on imbrojon! Le sa, vera?

Cesira - Nò.

Piera - Le sa che la mia tosa la voreva perfin denunciàll?

Cesira - A mè marì?

Piera - Ma si, ghe l’ha minga dii?

Cesira - No, l’era on òmm tanto riservaa.

Piera - Capissi: segreto professionale. Giusto, giusto. Comunque mi, de lù, gh’hoo avuu anca di danee.

Cesira - In che manera?

Piera - Trovàll lù e trovà on terno al lòtt l’è staa la stèssa ròbba!

Cesira - (piano) La mantegniva!! El mantegniva chela slandra chì!!! (forte) Che la spètta on moment. (via)

Piera - Ma … in doe la va?

Cesira - (torna con dei fiori in mano) E no, Mario, eh? Se mi gh’hoo de vegnì fin a chì in biciclètta a portàtt i fior, con quèll che costen e dòpo la vita che te m’hee faa passà, e i danee adèss se ie gòd ona quaivoeuna d’altra, allora i fior la farà piasè a portàtti lee!!! (li butta per terra)

Piera - (piano) L’è diventada matta? Mah, forsi la disgrazia … (forte) Ma perchè la fa tanta scèna? Lee la me par voeuna che la se consola facilment.wesdc432q

Cesira - E lee, allora? Via vun, l’alter!

Piera - Oeui, lee, che la sbassa i ari, perchè gh’hoo ancamò di ròbb in sospes, mi con lee!!

Cesira - Lee l’è fortunada che l’hoo minga savuu prima, se de nò vegnivi a cà soa cont on camion pien de boascia bèlla frèsca e ghe la scaregavi denanz de la soa pòrta!

Piera - Le sue nobili origini si intuiscono subito. Cèrt, che cont ona dònna come lee, de soddisfazion ghe n’ha avuu ben pòcchi, pòer omètt!!

Cesira - Perchè lee, mia bella cittadina, che mestee la fa?

Piera - Sono operatrice scolastica in pensione!

Cesira - Cioè la bidèlla. Chissà che fadiga!! E poeu, quèi lì hinn minga lavorà che ghe dann ai handicappaa?

Piera - Còssa??

Cesira - Ma va là, va!

Piera - Mi, i fior, i avevi portaa per lù, ma credi che adèss i adoperaroo per lee! (fa per colpirla)

Cesira - (prende la scopa) Che la proeuva: mi, in campagna, sont abituada a fà girà i manich!

Piera - “Io te l’avevo detto che non stavo bene”: pòver òmm! Come el podeva sta ben cont ona paisanasca compagna??

SCENA QUARTA

Adele - (entrando) Ma còssa sii adree a fà? Gh’avii nò nergògna?

Cesira - L’è lee, che la dovaria vergognàss, dennanz de sò marì!

Piera - Caso mai lee, dennanz al sò de marì!

Adele - Ma el marì de chì? 

Cesira/Piera - (insieme e indicandosi reciprocamente) El sò!!!

Adele - Ma chi?

Cesira - El medegòzz!

Adele - Ma mè fradèll l’era minga sposaa!

Piera - E allora, chela maleducada chì, chi la saria?

Cesira - Mi son stada ona cliente del medegòzz.

Piera - Anca mi!

Cesira - Quindi l’è minga la soa vedova.

Piera - No, d’on alter. Nanca lee, però!!

Cesira - D’on alter ancamò. Se sèmm minga capii.

Piera - E a momenti se pestom sù!

Adele - Ma ròbba de matt!!

Cesira - Mi son passada per caso e l’hoo vist: l’è pròpri attaccaa al mè marì, dò cappèll pussee in là.

Piera - Mi son vegnuda a piortagh di fior. Son semper in debit per quèl tèrno famos … L’è capitaa pròpri a proposit!!

Adele - (a Ettore) Eggià, l’è in debit con ti!!

Piera - L’è vegnuu foeura sècch!!! Ghe faroo dì di gran Mèss!

Cesira - E mi, la se ricorda, parlando con licenza, el gnòcch che gh’avevi in mezz ai ciapp? Ben, con la pomata ch’el mha daa, puff, via, on miracol!

Adele - (verso la lapide) Compliment, eh?

Cesira - (a Piera) Mi devi fagh i mè scus, avevi capii mal.

Piera - Anca mi. La ved? Di vòlt se fa de chi figur …

Cesira - Che la vegna a trovàmm in campagna. Mi stoo al Boscon: la conòss el Boscon, lee?

Piera - Mai sentii, ma el trovaroo.

Cesira - Che la vegna on quai dì, magari ona domenega, inscì fèmm el gir di nòster pòver mòrt!! Se fèmm on poo de compagnia. (si incamminano)

Piera - Che bèlla idea! Inscì passom on quai dopo mezzdì al cimiteri in allegria!!

Cesira - (mentre escono a braccetto) Ma che sciora simpatica!

Piera - Che brava dònna che la gh’ha de vèss! L’hoo dii subit, mi!! (escono)

SCENA QUINTA

Arriva Sergio, ha un braccio ingessato e si appoggia a una colonna.

Adele - (si gira, lo vede e si spaventa) Ahhh … Che stremizzi!!!

Sergio - Son diventaa inscì brutt?

Adele - L’hoo minga sentii arrivà.

Sergio - Piede di velluto. (guarda la scritta) Complimenti: on’idea original!

Adele - L’ha vorsuda lù.

Sergio - Rispettèm i defunti! E pensèmm a i viv.

Adele - Còss’el voeur?

Sergio - Nient; passavi e hoo provà per vedè se la trovavi.

Adele - E perchè?

Sergio - Pensavi che, in chel periodo chì, magari la pò avègh bisògn d’ona bònna paròlla.

Adele - Grazie, ma me la cavi.

Sergio - Magari per i pratich … el studi … Che intenzion la gh’ha?

Adele - El soo nò, vedaroo. Son de per mi, soo nò se …

Sergio - Se podaria parlànn.

Adele - Credi pròpri de nò.

Sergio - Nò? Mi inveci, credevi pròpri che lee la gh’avaria avuu bisògn d’on consulente per mandà avanti la baracca, ona persòna fidada … dòpo quèll che gh’è staa …

Adele - Se gh’è staa? Che lù l’ha faa on volo da la finèstra e el gh’ha on brasc al còll. El diseven i cart, el se ricorda?

Sergio - Si, on bèl volo, ma se soppòrta tutt … (tossicchia) per simpatia …

Adele - Simpatia, eh?

Sergio - Simpatia … e anca on poo pussee …

Adele - Voeuri fagh ona confidenza. El ved chi dò dònn là? Voeuna l’ha appena faa on tèrno sècch al lòtt e la gh’ha bisògn d’ona man per investì i danee.

Sergio - Ah si? Ma quèlla di dò?

Adele - Quèst che la scoprissa de per lù.

Sergio - Ma mi, però … Adele …

Adele - (fa segno, decisa, di no) Mi gh’hoo semper daa di bon consili, no? Allora che i e tegna de cunt e ch’el vaga a fa del ben a ona quaivoeuna d’altra! Sù, ch’el vaga pur.

Ripassano Cesira e Piera a braccetto.

Piera - Ecco, incoeu èmm sistemaa el tò marì, doman fèmm el mè, va ben? Son pròpri contenta d’avètt conossuu!

Cesira - Anca mi: ona sciora inscì fina e mi, a momenti, te piccavi ona scovada in su la crapa!!! Scusom, nèh!

Piera - Acqua passada! Adèss gh’hoo sott’oeucc on omètt …

Cesira - Ah si? Cunta, cunta sù.

Sergio - Signore, scusate …

Cesira - Dica pure. (a Piera piano) Occio che gh’è in gir on maniaco!

Sergio - Sapreste indicarmi l’uscita?

Piera - O dremoni, l’è inscì facil! El va fin là in fond, poeu el gira a ….

Sergio - Se permettete, mi accompagno a voi, così non mi sbaglio. Sapete, dopo l’incidente sono rimasto un po’ svanito e spesso non so più dove mi trovo …

Cesira - Ch’el vègna pur …

Sergio - Che fate quì di bello?

Cesira - Ciappiamo on boccata d’aria. (escono parlottando)

SCENA SESTA

Adele - Per incoeu pòdi anca andà. (a Ettore) Ti però ricordes che tra mi e ti gh’èmm ancamò on cunt in sospes.

Carla - (è una ragazza in jeans, alquanto trasandata, che le si avvicina) Signora, mi scusi …

Adele - Grazie ma gh’hoo giamò tusscòss: fazzolètt, ceròtt, accendini e alter cattanaj compagn; soramaròss son sortida de cà senza on ghèll in saccòccia, quindi pòdi comprà nagòtta. Me dispias. Arrivederci e grazie.

Carla - Ma che la varda che mi …

Adele - Che la me staga a la larga, perchè se la fa per tirà foeura ona quai siringa o on alter diavoleri dai saccòcc, me tacchi a vosà che me senten fin a in piazza. Poeu ciappi el manich de la scoa e ghe foo al messa in piega!

Carla - Adele!

Adele - Adele on accident! Ma come la fa lee a savè che mi me ciami Adele? Lee la me conòss nò, quindi che la se leva di pee pussee che in prèssa!

Carla - Mamma!!

Adele - Che manera . mamma? Mamma de chì? Mi son la mamma de nissun. Lee la se sbaglia. (Si blocca. Si porta la mano davanti alla bocca scioccata dall’emozione. Guarda Ettore, ancora non ci crede, si copre la faccia con le mani, poi le abbassa) … Carlina …

Carla - Si.

Si stringono in un lungo abbraccio senza parole. Quando si staccano si guardano e si asciugano le lacrime. Adele la guarda e sorride felice.

Adele - Carla, Carlina, Carluccia … l’è nò possibil.

Carla - L’è possibil si!

Adele - Ma … ma …

Carla - (indica Ettore) L’hoo savuu on quai mes fa.

Adele - Da lù?

Carla - Si, el m’ha scritt, dòpo tanto temp, per dimm ch’el se sentiva minga tanto ben - infatti te ghe l’hee miss anca in su la lapida - e el gh’aveva paura de morì prèst. Allora, per sgravàss d’on pes, el m’ha mandaa ona bèlla lèttera in doe el me spiegava tutt: chi seri, da doe vegnivi, che l’era la mia vera mader e tutt el rèst.

Adele - Pròpri lù?

Carla - El m’ha mandaa anca la toa fotografia. A la fin, però el diseva de fàmm mai vedè, mai!!

Adele - Ah!

Carla - Poeu, on dì, l’hoo vist in sul giornal: ghe l’hoo fada pù e son vegnuda chì!

Adele - Ancamò son minga bònna de credigh.

SCENA SETTIMA

Si avvicina di soppiatto Lisa, la giornalista, sempre con la testa fasciata, il braccio ingessato più l’altra mano fasciata anch’essa. E’ circospetto per timore di altre disgrazie. Ascolta Adele e Carla molto interessata.

Carla - L’è vera che l’era on balòss de prima categoria? Ona specie de medegòzz?

Adele - Pòver òmm! L’era bon de fà nient! L’era bravo, anzi bravissim, a fà la scèna, a cuntatela sù: in quèll l’era on vero professionista! Tanto bravo che l’è reussì a tegnìmm con lù per trent ann. Trent ann che gh’hoo tegnuu man ai sò pajasciad! E, del rèst, mi gh’avevi domà lù. Me voreva nissun e mi doe dovevi andà? E poeu chel pes chì, la vergògna. L’è staa lù ch’el t’ha affidaa a ona brava famiglia, l’ha faa tusscòss lù … e mi l’hoo lassaa fà: seri tanto giovina e gh’avevi tanta paura …! E per trent ann me l’ha semper rinfacciaa, lù el bel mobil!!

Lisa - (uscendo allo scoperto) El savevi, el savevi mi che l’era on impostor, el savevi! (saltella come può, tutta contenta)

Carla - E chi l’è quèsta chì?

Adele - Ona pòra tosa, deslippada al massim: ghe ne capita de tutt i color … e l’è semper in mèzz ai pee.

Lisa - (sempre guardinga) L’articol hoo nancamò de pubblicàll perchè gh’hoo avuu on quai contrattemp, ma adèss son tròpp contenta: hoo sentii quèll che vorevi sentì!

Adele - Va ben. E allora? Che novità l’è quèsta chì, eh? Còssa l’ha sentii de noeuv, eh? Impostor o nò, lee la pò fagh pù nient, lee e tutt i articol che la pò scriv. La gent la gh’avarà semper bisògn de on quaivun che la illuda. In de la vita gh’è semper on quaivun che te le mètt in del stoppin: politicant, dottor, avocatt, marì o miee, fioeu, mader o pader! La gent la sta mal e la starà semper pegg, e allora vegnen in de numm, perchè gh’hann nissun, de numm, a cercà ona paròla de confòrt e numm ghe la dèmm: se l’indovinom ben, se de nò va ben istèss! Che la me daga a trà: lee la ciappa la vacca per i ball. E poeu, dent per dent, on quaivun ch’el ghe indovina el gh’è! (Lisa si avvicina) Occio che se scarliga!

Lisa - (cadendo) Ahh!!

Carla - Me la sentivi anca mi che l’era adree a borlà giò.

Adele - Quèlla signorina lì la gh’ha adòss ona deslippa!!

Carla - Gh’avarann faa ona quai fattura.

Adele - Lee, l’ha vist sò mader?

Lisa - Chi?

Adele - Sò mader. L’è vegnuda fin a chì per ringrazià l’Ettore per el terno.

Lisa - Che terno?

Adele - Quèll che l’ha faa cont i nòster numer, anzi, cont i mè numer!

Carla - Perchè? T’indovinet i numer del lòtt?

Adele - Ona quai vòlta.

Carla - Me succed anca a mi. E di vòlt, tant che vardi ona persòna in faccia, sènti còssa pò capitàgh, pensa ti che strano!

Adele - O bèlla: istèss de mi.

Carla - Quèlla signorina chì, per esempi, mi senti che la gh’ha adòss ona carica negativa tremenda: mi la vedi semper in disgrazia.

Adele - Perchè l’è cattiva.

Carla - Occio a la zucca! (spinge Lisa, mentre dall’alto cade una tegola)

Lisa - (terrorizzata, guarda prima in alto, poi in basso) L’è mèj che lassi pèrd l’articol: el me pòrta rògna!

Adele - La scriva on quaicòss d’alter, la me daga a trà a mi! Puttòst, che la salva sò mader da quèl grass de ròst là. (e indica fuori scena)

Lisa - Eh?

Adele - Sò mader. Che la vaga.

Lisa - Mamma … (avviandosi) Se te savesset se me succed …

Ripassano Cesira e Piera con Sergio che da loro il braccio. Parlottano piuttosto

divertiti. Lisa le guarda passare, poi si accoda invocando “mamma”. Loro la fuggono pensando, così conciata, che sia il maniaco.

Carla - Ma se gh’èmm adòss in famiglia?

Adele - Ona dòta spaventosa! Che però podariom anca fà fruttà. Se t’en diset? “Adele & Carla” cartomanti, sensitive, medium, pranoterapeuti …

Carla - E poeu ghe leggiom la man e, se occor, anca el pè.

Si sente un rantolo.

Carla - Se l’è staa?

Adele - (guardando verso la lapide) Nient, Gh’è staa nient.

Carla - E perchè nò? Mi sont anca disoccupada adèss.

Adele - Te see còssa foo? Doman tiri via chela scritta lì. (indica la lapide)

Di nuovo un rantolo, più forte.

Carla - Se l’è staa?

Adele - L’è minga d’accòrd: la ghe pias!

SCENA OTTAVA

Arriva il Maggiore con dei fiori.

Adele - Toeu, va chi se ved!

Maggiore - Ho portato dei fiori.

Adele - Per Ettore?

Maggiore - Per lei.

Adele - Maggiore, lei è pròprio un signore! Le presento mia figlia Carla.

Maggiore - (confuso) Sua figlia?

Carla - Piacere.

Maggiore - Onorato, ma … perbacco …

Adele - Un errore di gioventù. Avevo conosciuto un uomo come lei: rigido!

Maggiore - Madame (riverenza solo con la testa)

Adele - Mademoiselle.

Maggiore - Capisco.

Adele - Se voeurom andà … (il Maggiore e Carla escono pian piano parlottando) Ciao, Ettore, adèss te voeuri on poo pussee ben! (rantolo)

Si avvicina l’esibizionista e, lentamente apre il cappotto.

Adele - AAAHHH!!! (mentre lui scappa) Ma varda ti che ròbba!! Che te borlasset in de la prima busa che te troeuvet voeuia! La pussee profonda!!

Si sente un tonfo sordo. Carla e il Maggiore arrivano di corsa.

Maggiore - Chi era quell’uomo?

Adele - Vun che, in quanto a rigidità, ghe n’aveva de vend! (s’incamminano) Lù el vegnerà a trovàmm, vera Maggiore?

Maggiore - Certo, non mancherò e … grazie. Enchanté

Adele - De nient. Anca me!!! (escono)

F I N E

    Questo copione è stato visto
  • 0 volte nelle ultime 48 ore
  • 1 volte nell' ultima settimana
  • 2 volte nell' ultimo mese
  • 7 volte nell' arco di un'anno