Mi voti el me marì

Stampa questo copione

ROBERTO ZAGO

Mì voti el mè marì

3 atti comici in dialetto milanese

Personaggi:

Piercarlo, sui 45-50 anni, marito di

Teresina, sulla medesima età

Ernestino, loro figlio di 23 anni

Gabriella, loro nuora, 22 anni

Donatella, procace e libera: giovane

Freschini, funzionario politico e altro, 40 anni

Gasperino, facoltoso aspirante politico} età come Piercarlo

Oggi. A Milano

PRIMO ATTO

(Sera. La stanza da letto dei Piercarli è al buio. Poi, dalla anticamera, rumore di serratura che si apre. Una luce filtra dalla porta, di là hanno acceso la luce. Contemporaneamente, dall'esterno un coro di voci, non proprio ben armonizzate, si pone a cantare)

- Tanti auguri a te! Tanti auguri a te! Che la nott la sia fresca... come tanti hann fà ...

(Una voce si sovrappone)

Tanti auguri a voi! Tanti auguri a voi! Me l'é andada, Piercarlo, te ghe la cuntarett... poi... (Appaiono Teresina e Piercarlo. Hanno acceso la luce) aperto la finestra della camera e si sono affacciati, meglio ancora se la scena ha un balconcino. Scroscio di battimani al loro apparire} e di grida di giubilo,  tipo: «Viva gli sposi! ». Quindi nuovo coro pilotato da una voce burlona)

- I auguri se fann, i auguri se dann... Se i lenzoeu hinn semper quej, Teresina... i patei...

Piercarlo - (Risponde) I lenzoeu hinn quej senza bus!

- Teresina!

Teresina - Se gh'é?

- Stà attenta al Piercarlo! Quell che una volta l'era un peccà, adess saria un miracol!

Piercarlo - Dà no via del tò, Pantèla!

- Te mangià el pever con t l'amid?

Piercarlo - Sont no dai paraggi della terza età, me tì.

Teresina - Grazie, grazie ...

- Ernestin, mandegh un basin alla toa mamma.

Teresina - Ciao, Ernestin, ciao, Gabriella!

Ernestin - Bona nott, mamma... Bona nott! (Nuovo coro)

- Tanti auguri a te! Tanti auguri a te! Vinticinq ann fà... I Piercarli s'hinn sposà! (Voce) E nunch andemm a festeggià! Viva gli sposi sotto spirito! Viva!!!

- Felice notte!

- Piercarlo, occio ai ritorni de fiamma che te poden brusà el pigiama!

Piercarlo - G’hemm l’estintor brevettà!

- Auguri! Auguri!

(Nuovi convenevoli da parte dei due che poi rientrano e chiudono la finestra) mentre il coro ripete l'ennesima strofa che si dissolve in lontananza)

-Tanti auguri a te! Tanti auguri a te! Per le nozze d'argento, grappa e vino brulé! Grappa e vino brulé...

(Una sospensione. I due sposi rimangono commossi uno di fronte alt' altro nei loro abiti da cerimonia: allegro e chiaro per lei, blu scuro per lui. Si guardano, poi Piercarlo le va di fronte e timidamente la bacia)

Piercarlo - Auguri, Teresina.

Teresina - Anca a tì, Piercarlo. Sont tanto contenta ... Tropp... (e scoppia a piangere)

Piercarlo - E te piangett? Desmett se de no piangi anca mì, perché sont content me tì.

Teresina - Piang... Almen me vergogni minga.

Piercarlo - (Tenta di piangere) Vacca rana, son minga bono

Teresina - (Nuovo scoppio di lacrime e si abbranca al marito).

Piercarlo - Te finì? L'é da stamattina che te buttet. Te parett ona vedova dei giardin pubblich.

Teresina - Si. L'é la contentezza. (Si asciuga e siede sul letto) Te me portett un bicier d'acqua, per    piasé?

Piercarlo - Rifornimento idrico! Te ghe n'é bisogn on mastell. (Esce)

Teresina - (Incomincia a togliersi il cappellino di boutique, il corpettino o quello che indossa)

Piercarlo - (Ritorna con un bicchiere e un piattino) Té.

Teresina - Grazie. (Prende in mano il bicchiere) El bicier del servizi bel con el piattin del servizi

            bon.

Piercarlo - Me sembra giust, incoeu.

Teresina - Bas tava quei de cusina (Beve)

Piercarlo - Doman. Anca mò?

Teresina - No, grazie. (Appoggia sul comodino bicchiere e piattino) Tì, te voeurett nagott?

Piercarlo - Mì sto benone inscì. (Pausa) Te voeurett vedé on po' de television?

Teresina - Stasira, no. (Pausa) Te tirett minga giò la giacchetta?

Piercarlo - Ah, già! (Si spoglia)

Teresina - (Tanto per dire qualcosa) La te par no noeuva la nostra stanza de lett?

Piercarlo - (Si guarda intorno) No. La g'ha tutti i vinticinq ann che la dimostra. (Fa dondolare il    letto) Sent che roba. Par el lamento de Federico. Por lett! L'é esaurì.

Teresina - L'é minga me nun.

Piercarlo - Meno mal. Se mì fussi come el lett, me presentaria dal rottamatt per vendomm a trenta       frane al chilo, ruggina compresa. Me domandi perché te minga vorsù cambiall, el Rho de via             Meda el ghe dava on lett de principi senza nissun anticipo

Teresina - Ghe sont affezionada. Me dispiass trall via.

Piercarlo - Tì te tre via mai nagott, nanca el tò mari.

Teresina - (Lo abbraccia) Ste disett ...

Piercarlo - Te regordett, vinticinq ann fà, me adess ...

            Te sett scappada per tornà dalla toa mamma nel cortil di cassinett.

Teresina - Per forza! La prima nott de matrimoni te me dì che te podevett no ...

Piercarlo - On impegn l'é on impegn! I Piercarli avevan mai sgarrà al voto de verginità coniugale        per tre nott: per secol e secol...

Teresina - Amen! L'Ernestin l'ha minga fà me tì.

Piercarlo – Ball! Domandeghel alla Gabriella, la soa miée.

Teresina - Tre nott in bianc ...

Piercarlo - Ma poeu in questura hemm recuperà, vera Teresina?

Teresina - Sì, anca se te serett impedì dal coo fassà per la randellada che t'aveva tirà la Bertoli             (Pausa. L'onda dei ricordi li sta dolcemente travolgendo. Poi) Stavi ben con el vestì noeuv?

Piercarlo - Te parevett on saldo.

Teresina - On saldo?

Piercarlo - Scontada de vinticinq ann.

Teresina - Grazie. L'é el prim compliment che te me fé, incoeu.

Piercarlo - Ah, sì? G'ho minga avù temp.

Teresina - Però te ghe l'hee avù per corteggià la toa noeura, per ballà con i tosann, per scherzà con     la bionda del to uffisi, la signorina Donatella Fragola ...

Piercarlo - Se l'é?, ona scena de gelosia la sira di nozz d'argent?

Teresina - Figuress! L'é che podevi no tirà via i oeucc de tì.

Piercarlo - Vedevi che te me fasevett la schisciadinna ogni tant. .. Ma i ospiti hinn ospiti... Anca i            tosann di mè amis. Podevi minga mettess a ballà con t el Carletto Bianchi come fosevom         all'oratori a carneval... La Donatella, poeu, molela! La ciamen el posto della fregola la   signorina Fragola.

Teresina - L'é on post che pias, te vegnivett mai via.

Piercarlo - Cià, dimmi tutt prima de incomincià i orazion.

Teresina - G'ho nagott de ditt... Te serett bell, el vedeven tutti (Si è tolta la sottana ed è rimasta in     sottoveste)

Piercarlo - Meno mal che la vista la te funziona a mò polito.

Teresina - Infatti. E ho vist che al pranzo te bevù minga mal, Piercarlo.

Piercarlo - Ho fà nient alter che dagh a trà al dottor

            Pellicciotta: mangià in bianc e bev in negher. T'avaré vist che ho ordinà ris e butter e carna de polaster.

Teresina - E barbera color incioster.

Piercarlo - Secondo gli ordini ricevuti.

Teresina - Con doman dieta, neh Piercarlo! (Va in bagno)

Piercarlo - (S'é tolta la cravatta) la camicia e i calzoni. Adesso va a guardare sotto il cuscino alla     ricerca del pigiama) Doe te me miss el pigiama?

Teresina - (Da fuori) Toeul denter el cassett!

Piercarlo - (Esegue. È un pigiama nuovo, strepitoso) Teresina! L'é noeuv!

Teresina - (Cs) Te pareva che alla mia nott de nozz vuressi on marì vestì de vece?

Piercarlo - Che sciccheria! Fudessi mì me ch'el pigiama chì.

Teresina - El te pias?

Piercarlo - Pari on sbarbà invece che on ...

Teresina - On?

Piercarlo - (Sottovoce) Vece... quasi.

Teresina - Sté dì?

Piercarlo - (Forte) Quasi! (Indossa il pigiama con piglia)

Teresina - (Insiste) Sté dì?

Piercarlo - Uei, sifoll! Quasi on bel nagott! Nozze d'argento, marito arcicontento. (Si butta sul letto e chiude gli occhi beato)

Teresina - (Finalmente appare sulla porta del bagno in una splendida camicia da notte, pettinata e       truccata come per recarsi ad una festa. Si ferma in una posa languida)

Piercarlo - (La vede e si rizza a sedere) Sbudellada la rana... Me te sè bella!

Teresina - Te piasi amò?

Piercarlo - Lé mei de vinticinq ann fà.

Teresina - Certament.

Piercarlo - Ma se gh'é de là? El Mago Zurlì? Par che t'abbiett ciappà el filtro della gioventù,         Teresina.

Teresina - Se te voeurett el g'ha anca l'elisir d'amore.

Piercarlo - Te see tì, el mé elisir! (Corre ad abbracciarla) Cià; andemm in lett! (La tira verso il letto,   poi tira indietro le coperte e il lenzuolo) Te vegniss la balordera! G'hann miss el zuccher in ti    lenzoeu!

Teresina - (Scoppia a ridere) Gh'era de aspettassel!

Piercarlo - (Che non ride affatto) Hinn sta quej di cassinett! La Bice, el Pantela, el Pedivella...      Chelll, vecc me l'é, el g'ha semper in ment i balossad. (Sbattono le lenzuola)

Teresina - Se te vedessen farissen ona ghignada da... scala Mercalli! Quej di cassinett gh'entren         nagott, chi gh'é la man del tò fioeu.

Piercarlo - Appena el vedi che rimandi ona man de bianc!

Teresina - (Scoppia ancora a ridere e non si ferma più)

Piercarlo - Te la piantett de rid?

Teresina - Te paret negher come vun che la fà la settimana bianca.

Piercarlo - Se ghe l'avessi chi el traria in t'el Lamber per podel ripescal con l'amin e dagh ona fila da          pattoni! Te capisett che hinn rob seri! Vun l'é gasà e pien de sentiment e ghe fann trovà el             zuccher in t'el lett!

Teresina - La prima nott, Piercarlo, la prima nott!

Piercarlo - Capissi no se gh'é de vess inscì allegra.

Teresina - L'é vinticinq ann che me tocca spiegatt me l'é fada la balla: certi volt te capisett no che l'é       rotonda. La prima nott... (Lo tira verso di sé e lo bacia a lungo)

Piercarlo - Dei! Ste gh'é adoss... Te parett ona centraI elettrica, te me fé ciappà la scossa.

Teresina - (Euforica) G'ho voeuja de ballà! (Accende la radio sveglia che sta sul comodino e cerca        una stazione che trasmette della musica allegra, come la trova si muove a tempo stando sul      letto) Ven, Piercarlo.

Piercarlo - Se scieppa la ret.

Teresina - Fa nagott.

Piercarlo - (Anche lui sale e si mettono a ballare) Te seret affezionada al to letto

Teresina - Segura. El lett l'é come el nost matrimoni, l'é andà on po' giò per l'esercizi, ma in   compens l'é diventà come on para de scarp vece: te camminet senza fà fadiga. Sent me l'é      morbido (Ballano)

Piercarlo - Teresina, te me promettet, almen stanott, de minga fà fracass?

Teresina - Mi de fracass ne fò mai.

Piercarlo - Te russett che te parett on camion in salida.

Teresina - (Si stacca offesa) Te see senza poesia. Te par el moment de dimm che russi?

Piercarlo - Ditel doman mattina saria inutil.

Teresina - (Spegne la radio).

Piercarlo - (Si accorge di essere stato indiscreto) Scusum. (Pausa) Teresina ...

Teresina - Tiress via che russi.

Piercarlo - Dai, fa no inscì... L'é assé che te dormett de fianc... Cioè... No sulla sciena... Te mettet giò el mus propri stasira? Hemm mai prova stà rabbià ...

Teresina - (Mugugna).

Piercarlo - Te see regordet quand gh'é nassù l'Ernestin? Mi gh'avevi la gara di bocc: o vegnl insema   a tì in clinica o perd el torneo.

Teresina - Te l'é no perdù!

Piercarlo - Nanca allora te me rimproverà, che forse te gh'avevet rason.

Teresina - Perché seri ona scema.

Percarlo - (Spegne la lice e rimane accesa soltanto quella piccola, da notte, sul comodino) Stanott la pò vess magica, se voeuromm...

Teresina - Mì ghe credi! Se se trattass de andà a fà ona partida te me pianterisett me on cagnoeu          nella cuccia.

Piercarlo - T'el sett che l'é minga vera... Dai famm on sorrisin ...

Teresina - Mì t'el fò, ma se te me disett a mò de minga fà fracass vo a dormì dai fioeu.

Piercarlo - Varda, stanott te podett anca scieppa i veder, giuri che te svegli minga.

Teresina - Ah! (Sospensione. Si mettono seduti e sono vicini. Dopo un silenzio) Piercarlo ...

Piercarlo - Eh?

Teresina - Femm el bilancio?

Piercarlo - Ste voeurett fà?

Teresina - El bilancio del nost matrimoni. Vinticinq ann de attività e de passività.

Piercarlo - Poeu femm la dichiarazione dei redditi e ghe la mandon alla Finanza.

Teresina - Scherza no. In fond hemm mai provà a guardà dent al nost matrimoni. Incominci mì. Attività: mì e tì; la nostra vita; I'Ernestin; la salut, el laorà; i dì che semm stà insema...    Passività: i disgrassi: papà e mamma che g'hinn pù; i dannée mai assé; tì quand te see via per    i to bagol: i bocc, i bullit, adess la politica ...

Piercarlo - Bagol?! Rob seri.

Teresina - Figurett se la politica l'é ona roba seria. Speri propri che te vegnett minga elett ai prossim            votassion.

Piercarlo - Grazie.

Teresina - Mancaria alter.

Piercarlo - Te gh'é ona bona opinion de mì.

Teresina - Come politic el dù de copp l'é on ass de briscola in confront a tì.

Piercarlo - Per stasira te perdoni de vess sincera, ma quand vegnarò elett ...

Teresina - Te diventarett famos come el Brambilla che quand l'é andà a Roma a troaà el Papa tucc        diseven: chillé ch'el scior vestì de bianc che ghe fa compagnia al Brambilla? Cià, fall ti             adess el bilancio.

Piercarlo - Varda, mì me senti in perdita semper. I attività hinn quej che te dì, e i passività... lassem       perd.

Teresina - Cunta sù.

Piercarlo - Se me guardi indrée me par de avé fà poch e mal, però... però ho semper segnà i debit sui          pann de giass per desmentegaj.

Teresina - Ti é semper pagà!

Piercarlo - L'é vera. La giacchetta me l'ha mai tirada nissun. Ho mai odià nanca chi m'ha fà del ben,          e ho mai fà del ben a tutti i costi perché g'ho no la forza de sopportà i conseguenz... Quand         me capita de andà a confessas de certi rob, ghe disi al pret: in tra mì che sont on po' fogos, in           tra lé che l'é ona bella spargiotta... ch'el cerca de capimm ...

Teresina - La bella spargiotta saria mì?

Piercarlo - Me par.

Teresina - (Gongola) Che bell! Va avanti.

Piercarlo - Te n'ho minga dì assé?

Teresina - Me pias sentì parlà.

Piercarlo - Davanti ai superiori e ai potenti me sont inchinà domà sino allo scricchiolo del firon

            della sciena: minga pussè. Quand scorlissi la toaja ven giò i freguj per i alter.

Teresina - Sì, te see generoso

Piercarlo - El nonno el diseva: mei ona torta in tanti che ona merda da soli.

Teresina - Piercarlo!

Piercarlo - Santa verità di nost vece.

Teresina - E poeu?

Piercarlo - E poeu? E poeu i magagn di pignatt i e cognoss domà el cugià ch'el ruga denter.

Teresina - (Abbracciandolo) Car el me Piercarlo! Te see de mangià.

Piercarlo - Ormai sont de digerì, Teresina. Podomm quasi dì che semm scior de ann e de nient'alter.

Teresina - Sì, de felicità. Vinticinq ann de felicità! Ringraziemm el Signor per tutt quell ch'el ghe          manda.

Piercarlo - Amen! Però ona quaj volta el podaria domandam el me parer.

Teresina - L'é mej ch'el diventa sordo muto. (Suono di campanello)

Piercarlo - (Sorpreso) Chillé che sona?

Teresina - So no. Spettom nissun.

Piercarlo - Anca stasira vegnen a romp i ball?

Teresina - Bisogna andà a dervì.

Piercarlo - Va tì, perché chiunque el sia el tro giò di scal.

Teresina - (Infila la vestaglia ed esce)

Piercarlo - (Mentre si infila i pantaloni sul pigiama) Chillé?

(Dall'esterno la voce di Donatella Fragola) - Doé l'é el mé Piercarlo ?

Teresina - (Dall'esterno) Chi la cerca?

Donatella - El mè amor!

Piercarlo - (Gridando) Chillé, Teresina?

Donatella - (c. s.) La soa vos! (Appare. È vestita in maniera chiassosa ma elegante) Piercarlo!        Tesor! Stellascia! (Corre ad abbracciarlo, seguita dall'esterrefatta Teresina)

Piercarlo - (Al colmo della sorpresa) Si... signorina Fragola ...

Donatella - (Seguitando le effusioni) Sì, sont mì, la toa Donatella! Car, car el me spantegon!      Sbirolin sbiroletta!

Piercarlo - Ma se la fà!!!

Donatella - Mì? Impiegata di concetto nella nostra azienda e realizzi el noster sogn d'amor.

Piercarlo - Che sogn?!

Donatella - Ma fasolin! Quel ch'hemm sognà tanti volt a cà nostra... El nido, me t'el ciamett.

Teresina - Piercarlo, ma se la voeur de tì?

Piercarlo - El so no. (A Donatella) Se la voeur, signorina?

Donatella - Se voeuri? Ma voeuri tì! Incominciare a vivere con te, che l'é el massim della felicità!

Piercarlo - Incominciare! Capissi minga (A Teresina) La g'ha de vess ciocca.

Donatella - Sberlusciada bella! Incoeu te finì vinticinq ann de matrimoni con la sciora Piercarli?         Ben, adess te ne incomincett cinquanta cont mì!

Piercarlo - Cont tì... Cioè, cont lé?!

Donatella - L'é quel che spettom da du anno Te gh'é di nagott alla toa miée? Oh, desmentegon d'or!      (A Teresina) Lei ha chiuso, Signora, Piercarlo da stasera è mio!

Teresina - Ma che bella sorpresa! E perché mai?

Donatella - Ma perché ci amiamo. Vera, pattaton?

Piercarlo - On moment! Che scherz hinn questi?

Donatella - La partita è conclusa: sarrada! Da oggi si apre il balcone ed entra finalmente il sole. La sa se l'é el soo, sciora Piercarli?

Teresina - El so sì, e me par de sognà ad occ avert.

Donatella - L'é quell ch'hemm fà fin alla settimana passada mì el so marì, ma incoeu: sveglia! Cià,    femmela curta: te preparett adess i valis o te voeurett spettà doman mattina?

Piercarlo - (Sempre più sorpreso) Spettà?! Ma che valis?!

Donatella - (Sempre sicura di sé) Te me parett in cimbali, Piercarlo! Mei trattà cont la toa sciora, tra

            donn l'é pussé pratich, (A Teresina) La voeur sciscial amò per stanott o ghe n'ha avù assè in

            chi vinticinq ann che l'é stada insema?

Teresina - Chi?

Donatella - Mi podi spettà al massim fin ai dodes e mezza de doman, quand sbatti giò la pasta. Se      femm?

Teresina - Ma Piercarlo... Se voeur dì tutta sta bugada?

Donatella - Decidere o smammare!

Piercarlo - Che la cerca de smammà lé!

Donatella - Fingere ancora non serve, tettasciolin! Du ann de clandestinità, de amor nascost,           travestì, mascherà... Abbiamo pazientato due anni, adesso basta! El nost amor el g'ha de           brillà me on otton lustrà! Fino a ieri ascosi amanti, da adesso... sfolgoranti. L'é ciar? Sciora    Piercarli, se la capiss minga la se faga spiegà dal Piercarlo se intendi dì. Vera, mignottin?

Piercarlo - Ma questa l'é ona congiura!

Donatella - L'era ona congiura: de amor, de piasé, de libidine... Ma ho sopportà perché te me fà la       promessa de uniss a mì dopo i tò nozz de argent... Chella pora cagiada là, te me disevett, (a   Teresina) le ciama cagiada quand s'hemm in intimità... Chella pora cagiada là, la merita de   rivà al traguardo dell'argent, poeu cambiem metall.

Piercarlo - Ma se la diss sù?!

Donatella - Cambiem dall'argent al piomb se te manchett de parola. Donca?

Piercarlo - Teresina, te credarett minga che mì...

Donatella - (Interrompe) Ho capì! Te gh'é amò de mettela al corrent? Va ben! Appuntamento al nost            pied à terre doman ai dodes e mezza. (A Teresina) Sciora Piercarli, che le faga minga foeura     tucc lé, stanott... E se la russa, me so solit, sopporta; mi te sett che g'ho el sonn legger. (Gli

            si avventa con passione e lo bacia) Da doman te fò tornà indrée de vinticinq ann! L'é come

            se ti avesset miss in banca: te troarett madurà tucc i interess e senza svalutazion! Bella

            rasponadora! (Via) (Una sospensione lunghissima, poi)

Piercarlo - (Quasi senza parole) Teresina... Mì mì ... so no se dì... E tì?

Teresina - Ste fà, Piercarlo?

Piercarlo - Nient ... Perché, ho fà on quaj coss?

Teresina - Me vergogni... (Lo guarda di sottecchi)

Piercarlo - Mi no ...

Teresina - Allora te sett de preia...

Piercarlo - Perché?

Teresina - Te doariett sprofondà, sparì, volatizass...

Piercarlo - (Che rinviene adagio adagio) No no... Spetta on moment a cancellam dalla lavagna. Tì,

            te eredett che chella là l'abbia dì di robb vera?

Teresina - I ha dì!

Piercarlo - Ma t'el see che la Donatella l'é matta? El disen tucc.

Teresina - Tì te l'é mai di prima de stasira. Anzi, adess che ghe pensi, te semper parlà ben de lé:        anima e corp! Sopratutt de quest!

Piercarlo - Dei, uei! Rallenta in salida! Mi me senti in t'el ballon me tì. Tutt quell che l'ha cuntà hinn            di ball gross meon dirigibil! I unich rapport tra de nunch hinn quej de laorà: uffisi e mensa ...

Teresina - E pied à terre!

Piercarlo - So nanca se l'é el pied à terre. Se l'é? Dimmel ti.

Teresina - Piercarlo, Piercarlo... (Scoppia a piangere) La sa perfin che mi russi...

Piercarlo - Ghe l'ho di, forsi...

Teresina - Ah, te ghe l'é dì!

Piercarlo - L'é stà on scherz! Teresina, chella matta là l'é stada mandada da quej sifolott di nost

            amis... Eggià! L'é inscì... (Una risata forzata)

Teresina - (Che seguita a piangere) El posto della fregola... Adess capissi! Mì te me avevet cattà,   sfruttà, spremù... E poeu te se miss agirà el giardin fin che te troà amò l'erbetta verda.

Piercarlo - Ma che erbetta e giardin! Ghe n'ho assé della toa insalata che se te me la condissett no a            doer se po' nanca mandala già tant l'é possa ...

Teresina - Eccola se te pensett de mì: che sont passada! E propri el dì dell'anniversari te cattà foeura     per fammel savé!

Piercarlo - Teresina, ascoltomm ...

Teresina - Cos'é che te mancà de part mia? Su, dimmel!

Piercarlo - Nient. Ma ascoltomm ...

Teresina - No, te mancà vinticinq ann de libertà, anzi, te ghe n'é avù troppa! Che vergogna ...

Piercarlo - Me meravigli come ona donna me tì la poda cred ai parol...

Teresina - Parolasc!

Piercarlo - ... parolasc!, d'ona mentecatta.

Teresina - L'é ona mentecatta che te pias! Perché l'é vegnuda chì se fuss no vera?

Piercarlo - On scherz, te l'ho dì.

Teresina - Se scherza no cont i marì di alter a furia de basin che paren fà cont la benzina e tì te             ciappett foeugh me on solfrannell!

Piercarlo - Calunni!

Teresina - Calunni anca che mì russi?

Piercarlo - Quel no.

Teresina - Ah! Allora l'é vera! La toa amante la osà profanà el me dì, la mia cà, el me lett... Dio, se   pensi al me lett! Se te fà in du ann in t'el so lett! Parla!

Piercarlo - El so minga ...

Teresina - Se te ghe no el coragg de parlà l'é perché quel che gh'é success l'é tropp gross!

Piercarlo - Basta, Teresina! Sont stuf de ascoltatt! Se te credett alé puttost che a tò marì, mì... vo

            via, ecco!

Teresina - Nel pied à terre!

Piercarlo - Spiegom se l'é sto pied à terre!

Teresina - No! Puttost che vedett andà da chella là, vo via mì! (Incomincia a vestirsi)

Piercarlo - No, per l'amor del ciel!

Teresina - Sciscià per l'ultima volta ...! Brutta pelandra!

            Domà a usmatt el fià me vegn i noditt ai busecch! Alter che cagiada!

Piercarlo - Teresina ste fett! Fall no, te preghi!

Teresina - Cagiada! Se la ciappi la sgigotti che la fò diventà mì ona cagiada! E tì te sariett el

            politich onest che voeur cambià la società! Mej la guerra mondial! Du ann... Adess me ven

            in ment! Spetta on moment... L'é stà quand te me mandà a Montrigiasc con la mia sorella...

            Segura! Te vegnivett mai sù al sabet: te gavevett semper ona quaj gara de bocc. I bocc!

            Finalment capissi! Te andavet sù driss de rigol, vera? Traditor!

Piercarlo - La volta che te disett ho vinciù la coppa dell'uccello padule! (Corre dall'altra parte e             torna con una gran coppa)

Teresina - Padule! Ciamel padule.

Piercarlo - Tela chi! Guarda la targhetta.

Teresina - Se l'é minga chella volta là, l'é on'altra. E mì savevi nagott! Perché te m'é mai dì nient?          Perché?

Piercarlo - Perché gh'aveva nagott de ditt.

Teresina - Mi podevi aiutatt, cercà insema on rimedi ...

            Te see andà avanti a incontratt de nascost con la Fragola e poeu te vegnivett a cà a fass lavà i             calzett. Perché lé la t'ha mai lavà nient, vera?

Piercarlo - Vera.

Teresina - Ah! Te confessett!

Piercarlo - Che la m'ha mai lavà nagott, sì.

Teresina - Voncion!

Piercarlo - Te me semper mandà via nett... Cioè, lé ... Ma se te me fé dì?

Teresina - Basta! Tiress via dai oec! Te me fé senso Voraria vess morta quand te m' é menà all'          altar ...

Piercarlo - Teresina, questa l'é la pussé grossa!

Teresina - Anca el sospett de quell che te fà el me faria andà via de chì! Te lassi la cà e tuscoss:           ranges!

Piercarlo - Te vé via debbon?

Teresina - Te pari voeuna che scherzi? Tornarò doman alla voeuna, mentre ti te sett al nido... a           paccià la soa pasta asciutta.

Piercarlo - (Disperato) Teresina, Signor!, Teresina va via no!

Teresina - (Si avvia ma si ferma sulla porta e si guarda intorno) El mè lett... El mè lett... Che     profanazion! (Esce in lacrime)

Piercarlo - (La rincorre gridando) Va via no! Per el ben che se voeuromm... Lassett no fà sù dai          apparenz, Teresina, amor... Amor... (Un gran battito di porta. Silenzio. Poi riappare     abbattuto, quasi piangente) Eccola, l'é propri andada... E adess se fò? La pussé brava miée   del mond l'é scappada de cà lasira di nozz d'argent... Comme vinticinq ann fà ... Eggià, anca           allora la m'ha piantà li me on stassi... La g'ha l'abbonament a scappà de cà... No, no, se fà no        inscì! Ghe voeur on motiv... (Si guarda intorno) Me pari on spaventapasser senza uga de     curà... Ma chillé che pò avé fà sta cattiveria, chi? Mi de nemis ghe nò minga ... G'ho domà di   amis, di collega, di avversari anca Ma de nemis... Poeu, per scappà dal marì ghe voeur...          (Suono di campanello) La torna! Natural, doé la pò andà via de cà soa! Ma adess te me             sentett! Vacca rana, te tridi me ona scigola! (Va baldanzoso ad aprire)

Voce di Donatella - Scior Piercarli, sont amò mi, el me scusa.

Piercarlo - Lé! Ma se la voeur anca mò? Ghe minga bastà quel che l'ha giamò combinà? (Entra in          camera per infilarsi la camicia)

Donatella - (Lo segue) Sont mortificada. Ch'el me creda, vorevi minga fà del mal...

Piercarlo - Ah, la voreva minga! Le sa che la mia miée l'é andada via?

Donatella - Sì, l'ho vista piombà giò dai scal a tomborloni; l'é perciò che sont tornada. Anzi, spettavi             giust che la sciora Teresina la menass i toll.

Piercarlo - Ah, la spettava giust!

Donatella - Sì. Come schiscià el bottom d'on campanello

Piercarlo - Eggià, la mia miée la fà drinn.

Donatella - L'é no difficil prevedé come se comporta ona miée incassada e offesa, mì poeu... ho        recità polito la mia part.

Piercarlo - Mì invece me spettavi on comportament divers. Se g'ha no de abbandonà la cà quand el     marì... Recità!!!

Donatella - Sì. Perché el credeva che fasessi in sul seri?

Piercarlo - Adess la g'ha de spiegamm ...

Donatella - Sont vegnuda apposta.

Piercarlo - Allora che la parla!

Donatella - Sont stada mandada.

Piercarlo - Da chi?

Donatella - Podi minga dill.

Piercarlo - Perché?

Donatella - Segreti d'ufficio.

Piercarlo - Hinn sta quej de l'offisi?

Donatella - No. Politica.

Piercarlo - Politica?

Donatella - Sì. O lù el ritira la soa candidatura ai prossim elezion, o ...

Piercarlo - O?!

Donatella - Mi vo avanti a recità la mia part.

Piercarlo - Cos'é?!

Donatella - E disen che sont brava, infatti la soa miée...

Piercarlo - La lassa stà la mia miée!

Donatella - D'accord. Car el me scior Piercarli, sont stada ciappada per el coll, disem inscì, e             m'hann obbligada a fà la soa... segreta fidanzata.

Piercarlo - Brutti! Ah, l'é inscì!

Donatella - L'é inscì.

Piercarlo - Dò tanto fastidi?

Donatella - Pussé de quell che l'immagina. Lù l'é cognossù, el g'ha la possibilità, se ved, de vegnì elett cont on monton de preferenz, forsi pussé a mò de on quaj vun che cunta...

Piercarlo - Sont cognussù...

Donatella - Eccome. Lei è sempre stato un uomo pubblico, tutti i sò attività l'han portà a vess noto      in tanti ambient. E poeu, l'é simpatich.

Piercarlo - Anca.

Donatella - Bé, mì me ne intendi. .. Sem pura collega, no?

Piercarlo - Chillé ch'el barlafuss che pò avé architettà sta bugada... Lé le sa, vera?

Donatella - Che me le domanda no. Ho giamò parlà assée. Lù el rinuncia e mi vò dalla soa miée a       domandagh scusa.

Piercarlo - Altrimenti?

Donatella - Vo avanti, cioè, me fermi. Avanti va la sciora Piercarli e lù l'é ruinà: chillé che vota ona   persona che fà scappà la rniée la sira di nozz d'argent?

Piercarlo - Te capì la menada?

Donatella - L'hann menada polito.

Piercarlo - Ma la se vergogna no a prestass a sto imbroi?

Donatella - On cicinn... Ma se sgarri, sont ruinada anca mì, le sa come me ciamen in offisi.

Piercarlo - El posto della fregola... La me scusa.

Donatella - Nient nient... Che l'é tropp frequentà ... Non dico altro.

Piercarlo - Ho capì.

Donatella - Allora s'el decid?

Piercarlo - Eh! (Pausa) Eh! (Pausa) Eh!

Donatella - Eh?

Piercarlo - El so no. Scommetti che l'é sta...

Donatella - S'el scommett el perd.

Piercarlo - Ma mì so istess chillé! Mì el fo foeura! (Con improvvisa decisione) No! Me presenti!          Ghe la dò no vinta a ch'el grattacù là!

Donatella - Allora se troeumm nel pied à terre.

Piercarlo - Indoé?

Donatella - Me tocca fà la mia part, scisciolin.

Piercarlo - Politica! Quanto mai...

Donatella - Podi dagh on consilli? El vaga a cercà la soa miée e poeu el manda ona bella lettera de            dimission per motivi di salute.

Piercarlo - Mì sto benone!

Donatella - Me par minga. El g'ha la faccia color canottiera voncia, e doman al gh'avarà pù nanca la faccia: perduda insema all'onor e alla miée. El me daga a trà: el lassa perd la politica.

Piercarlo - La Teresina la sta ben doe l'é... Sì, ma doe l’é?

Donatella - El ved? Me disen che sont ona ruina familli, ma stavolta fò de tutt per tegnila insema.            Che destin. L'ha mai provà a fas leg la man?

Piercarlo - No.

Donatella - Mì ho provà. M'han ditt che avrò un amore lontano, che bagoll: el mé prim omm el            stava sul pianerottol, el second l'era el marì della sciora Fernanda del terz pian; i alter...

            stann tucc in zona. Mah! Allora se femm?

            (A questo punto entrano a precipizio Ernestino e Gabriella)

Ernestino - Papà, ste ghe fà alla mamma?

Piercarlo - (Sorpreso dall'intrusione) Mì? Nagott. Perché?

Ernestino - L'hemm incontrada visin a cà nostra cont i occ foeura dal cò e la piangeva... (Vede       Donatella) Donatella! Ste fèe chi?

Donatella - (Gatta svenevole) Ciao, Ernestin, che bella sorpresa ...

Gabriella - Chillé!

Ernestino - L'é... l'é la Donatella. L'era incoeu al matrimoni, te se recordett?

Gabriella - Ma te ghe davett no del tu. L'é ona toa amisa?

Donatella - Quasi. Gabriella - Come quasi?

Ernestino - Si, insomma, amisa giò de lì... Collega di papà, ecco.

Donatella - Un amore passato... Ma non troppo.

Gabriella - Come non troppo?

Ernestino - L'é durà fin... a prima che te rivasset ti.

Piercarlo - Anca con el mè fioeu? Donatella!

Donatella - Sì, Piercarlo.

Ernestino - Te spieghi, Gabriella ...

Piercarlo - (Interrompe) Doe l'é la mamma?

Ernestino - A cà nostra.

Piercarlo - La ciami. (Va al telefono e forma un numero)

Gabriella - Allora?

Ernestino - S'hemm conossù al mar.

Donatella - Ona sira, anzi ona nott.

Ernestino - Mi s'eri dré a guardà el telegiornale...

Gabriella - De nott fann no el telegiornale.

Ernestino - Perché l'era de di.

Donatella - Brillava la luna.

Piercarlo - (Intanto al telefono) Teresina! Torna indré!

Ernestino - Gh'era no la luna, sont sicur.

Piercarlo - Te ordini de vegnì a cà, se de no me irrabissi!

Gabriella - La luna, el soo! Mettivess d'accord! E poeu?

Piercarlo - Sont vittima d'ona congiura politica.

Donatella - Ci siamo amati, signora.

Gabriella - Ah, sì?

Donatella - Giurandoci eterno amore.

Piercarlo - Te giuri che sont innocent.

Ernestino - Te giuri che l'é sta on moment passegger, tanti ann fà.

Gabriella - Chi giurenn tucc. Me ven voeuia de giurà anca mì de piantatt.

Ernestino - On moment, Gabriella!

Piercarlo - On moment, Teresina!

Gabriella - Perché te me mai dì nagott de sto amor... notturno da telegiornale marino?

Ernestino - Perché... perché... L'era minga important...

Piercarlo - L'ho savù appena adess... Me l'ha dì la Donatella che l'é tornada chi...

(Si intuisce un urlo al telefono che costringe Piercarlo ad allontanare il cornetto. Da questo punto i personaggi mimano i loro dialoghi, mentre il sipario si chiude su una musica indiavolata che copre ogni diatriba).

FINE DEL PRIMO ATTO

SECONDO ATTO

(Il pied à terre di Donatella. Sono in scena Gasperino e Freschini. Gasperino è il classico ricco con poca intelligenza,in più ha un tic: ogni volta che dice « sì sì », emette una specie di grugnito.

Freschini è ben vestito, levigato e lezioso. La sua esse è quasi una zeta. Non calcare nella caratterizzazione, mantenersi nel buon gusto).

(È il giorno dopo, nella tarda mattinata)

Gasperino - (Sta provando il comizio che dovrà tenere in qualche luogo durante la campagna elettorale) Cittadini, amici e compagni, perché noi ci rivolgiamo indefessamente a tutti, sì sì... Mentre le parti avverse sono compunte e umiliate il nostro Partito proclama la libertà di parola, di stampa e di opinione ...

Freschini - (Lo interrompe) Té, ma ste bagole le proclamano tutti.

Gasperino - Ah, sì?

Freschini - L'é robba riscaldada come i fasoeu rott.

Gasperino - La va minga ben?

Freschini - Oh, mamma, ved de proclamà ona quaj altra libertà, ghe n'é giamò assé di chi libertà lì.    Figuress la libertà di stampa, se po' fà nagott ch'el stampen subit.

Gasperino - Allora che libertà proclami?

Freschini - Té, che libertà vorresti?

Gasperino - Ma... la libertà de... Ma te l'ho domandà a tì.

Freschini - Oh, bella! Mì g'ho no bisogn de libertà.

            Fò tutt quel che voeuri. Ma il comizio non lo fai mica per me. Lo fai per gli elettori. Sent, Gasperino, fà cunt de vess vun che vota.

Gasperino - Sì sì... Va che mì voti!

Freschini - El semm. Ma te sè vun che g'ha tuscoss.

Gasperino - Te disett?

Freschini - Però te manca la libertà. Quale?

Gasperino - El so minga.

Freschini - Ma a quei che te ascoltarann in piazza la po' mancagh. Ste ghe disett?

Gasperino - Eh! Sì sì... Ma! Al moment vedarò.

Freschini - Te spetascien me ona buascia.

Gasperino - Uei, ma sei on bel tipo!

Freschini - Mì sont chi per ordin del Partito, per collaborare con la sezione alla preparazione della       campagna elettorale. Se te me voeurett no come collaboratore o se te intralci, mì meni.

Gasperino - Cippeli merlo! Tì te menet nagott! Te me aiutett a preparà el discors.

Freschini - Mamma, che sifolada! Va avanti, allora.

Gasperino - Le parti avverse sono avverse proprio perché non perseguono i nostri ideali che      sono quelli della libertà ...

Freschini - Te l'é giamò di!

Gasperino - ... della libertà di soffiarsi il naso quando se ne ha bisogno perché non manca il          fazzoletto! E per fazzoletto intendiamo tutti quegli strumenti democratici che sono la casa, il          lavoro, la scuola, i trasporti, il tempo libero, l'automobile con la benzina che costa poco, le          tasse abolite... robe che il nostro partito dona la garanzia di procurare e mantenere ...

Freschini - In secula seculorum!

Gasperino - (lanciato) ... in secula seculorum! Sì sì! Ma cosa mi fai dire?

Freschini - Té, Gasperino, hai mai provato a giocare alla lippa?

Gasperino - Alterché, quand s'eri on fioeu.

Freschini - Hai mai provato a sbagliare nel dagh el colp?

Gasperino - Ciuspia!

Freschini - Eccola! Stai continuando.

Gasperino - Perché?

Freschini - Semm no come i fiorista che compagnen la gent dalla nascita al funeral!

Gasperino - Ma allora tì te fett apposta.

Freschini - Noi siamo il Partito della rottura!

Gasperino - Infatti te rompett i scatol!

Freschini - Dammi a trà! Té, devi dire: noi promettiamo che non vi daremo la casa ma             costringeremo gli altri a darvela! Non vi promettiamo il lavoro, ma la libertà di scioperare        quando ne avrete voglia! I trasporti... Quando non ci saranno perché avrete avuto voglia di             far sciopero, noi vi daremo la possibilità di esternare tutto quello che pensate mentre andate      a piedi... E così via. Però lassa stà la benzina che semm no come la va a finì con i arabi. Te      capì, Gasperino?

Gasperino - Sì sì...

Freschini - G'hemm de vess originai, noeuv, divers. Pensa ai referendum.

Gasperino - Eh?

Freschini - Finì i elezion, noi promuoveremo referendum sui formagg, sull'acqua fresca, sui candil,       sui roeud quadrà... Su tuscoss. Come in Svizzera.

Gasperino - Sui formagg e i roeud quadrà?! Capissi minga.

Freschini - Uffa! Ma te fann mai giò la polver? Te sett fermo me on impiegà statal! Se fà per dì, no!   Dai, lasciati guidare, se de no quand te vegnarett elett deputà se te cuntarett alla Camera?            che te sett on cacciador che spara ai fìl del telegrafo perché usei ghe n'é pù?

Gasperino - Eggià. Ma vegnarò elett?

Freschini - Sei mica il capolista locale? Adesso che sei riuscito a scalzare il Piercarli la tua nomina

            è sicura. Roba da plebiscito. Donca, chi to preparà on foeui. (Gli dà un foglio)

Gasperino - El me discors el va minga ben? Quella del fazzolett la me par bona.

Freschini - Se po' soflià el nas on comunista, on liberai, on socialista, perfin on fascista o on     democristian, ma per nunc... Altri nasi!

Gasperino - Sicché, nient fazzolett.

Freschini - Legg, mutuato!

Gasperino - Sì sì! (Legge) La dialettica attuale si confonde con le medesime istanze che vengono   portate dal vertice e sopportate dalla base... Se voeur dì?

Freschini - Com'é! Non capisci? L'é inscì ciara. Le istanze ...

Gasperino - Eh.

Freschini - Le istanze... Te sè se hinn?

Gasperino - I stanz? Oeuh! I camer de lett, i salott, i cusin ...

Freschini - Ma no! Le istanze sono i desideri, i programmi che i vertici, cioè il governo, adotta e che    la base, vale a dire il popolo, sopporta, cioè ghe pias minga.

Gasperino - E bisogna dilla in dialett tutta che la solfa chi?

Freschini - Come in dialett?

Gasperino - (Legge) La dialettica attuale si confonde...

Freschini - Oh, gent! Ti te sariett on candidato? Ma ti te vé mei a fà el pitale in quiescenza!

Gasperino - Cos'è?

Freschini - L'orinari in pension. Te parett el Tobisa ch'el và in gir a dì che so pader l'é on comunista perché el lavora in comun.

Gasperino - L'é minga vera, forse?

Freschini - Gasperino, leggi! Se tutto va bene siamo rovinati. Oh, beati i tò dannée che te dan la          possibilità de vess scemo senza pagà el dazi. Legg!

Gasperino - Se gh'entra i dannée? Mì ghe n'ho tanti, ma l'é no colpa mia, ciappesela con me pader.             Sì sì... (Legge) Il programma del nostro Partito prevede, al contrario, che il popolo si faccia        vindice delle proprie richieste sin ora inevase e soprattutto si conceda ai giovani la libertà di            non invecchiare... Spetta on momento Come femm a dagh ai giovin la libertà de minga diventà vece? I a massom prima?

Freschini - (Scoppiando) Di non invecchiare avanti che la loro ansia legittima si scontri con le giuste richieste che nessuno si prende l'onere di soddisfare! Se te leggessett tuscoss forse te           capirissett!

Gasperino - Po dass! Ma mì preferissi quella del fazzolett, quella la capissen tucc. Invece, scusa,             chichinscì capiss nagott nissun.

Freschini - L'é lì l'important! Fass minga capì! Te capì, adess? Se te fasevett l'aviator te lassavet i         client per ari a spettat, intant che te cercavet i cartèi stradal.

(Entra Donatella)

Donatella - Uei, amis! Mì ghe l'ho missa tutta, ma el Piercarli el molla minga.

Gasperino - Oh, por a mì!

Freschini - Saria a dì?

Donatella - Ho cuntà on sacc de ball, ier sira. Ma lù el preferiss el scandalo a ritirass dalla lista dei candidati.

Gasperino - E scandalo avrà! Sì sì!

Freschini - Non alterarti, Gasperino. Cunta sù, Donatella.

Donatella - Avevi tutt ben architettà, quand gh'è vegnù dent l'Ernestin con la soa miée. Siccome a       suo tempo g'ho avù anca con lù dei rapporti, gli stessi sono venuti a galla. Morale, i dù omen         han fà congrega, inscì el Piercarlo l'ha decis de presentass e de andà a fond al ricatto, come       l'hann ciammà.

Gasperino - Allora mì sont pù capolista?

Freschini - Per forza.

Gasperino - Ma con tucc i dannée che ho tirà foeura...

Donatella - Ch'el spera minga de veghi indré, scior Gasperino.

Gasperino - Com'é?!

Donatella - O savarann tuscoss.

Gasperino - O misericordia!

Freschini - L'ambizion la se paga.

Gasperino - E adess?

Donatella - Vò a fà de mangià. G'ho la panscia che la fà conversazion con el firon della sciena. Se        voeurì approfittà, pasta asciutta a volontà.

Freschini - Va ben.

Donatella - (Esce canticchiando)

Gasperino - Mangià! E perché?

Freschini - Animo, animo! Dare da mangiare alla carne per sostenere lo spirito.

Gasperino - (Straccia il foglio con il discorso) Cheschì el serviss pù.

Freschini - Dai, Gasperino! Te podet vess util istess al Partito. Gh'é tanti manifest de incollà sui        mur!

Gasperino - (Fuori di sé) Incollà!!! Mì che doevi vess a Roma a fà el deputato! Mì el fracassi el        Piercarli! L'incolli lù sui mur!

Freschini - La t'é andada mal. Rassegnett.

Gasperino - Mì el gibolli! El spetasci! Sì si! (Suono di campanello)

Donatella - (Attraversa) Vò mì.

Gasperino - (Mentre seguita ad inveire) El reseghi! El fò a less! El tridi me on resegausc! El   sbuderni me on barlafuss ...

Donatella - (Da fuori) Oh, scior Piercarli, che bella sorpresa!

Piercarlo - (Apparendo durante la battuta) Bon giorno.

            Al Partito m'hann dà el so indirizz e m'hann dì che gh'é on fonzionari ch'el voeur vedemmo

Gasperino - (Totalmente cambiato e pieno di cortesia) Carissimo Piercarli! Amico mio!

Piercarlo - (Sorpreso di vederlo) Ciao, Gasperino, Anca tì in cà della signorina Donatella?

Freschini - (Intervenendo) El m'ha accompagnà. Sont mì che vorcvi vedel. (Sguardo assassino verso            il nuovo venuto)

Piercarlo - (Con la guardia alta, come si dice) Lù, chillé?

Freschini - Sont Freschini della direzione del Partito. Piacere (Stende la mano)

Piercarlo - (Perplesso) Piercarlo Piercarli. Capissi minga... Propri in cà della mia collega ...

Donatella - (Intervenendo a sua volta) Sont stada mì a digh che lù vers i dodes e mezza el saria vegnù chi.

Piercarlo - A fà?

Donatella - (Allusiva) A mangià la pasta assutta. El se regorda no... ier sira... Con la soa sciora ...

Piercarlo - Me ne parla no!

Donatella - Infatti l'é rivà. Con permess, vò a vedé in cusina. (Esce)

Freschini - Non si meravigli, carissimo. Il Partito ha degli addentellati ovunque.

Piercarlo - (Lo guarda con repellenza) Me ne accorgi...

            Però avaria mai sospetta che la Donatella la fuss anca lé dei noster ...

Freschini - L'é recente. Roba fresca.

Gasperino - Per vess fresca, l'é fresca. Sì sì. (Risata scema)

Piercarlo - Bé, adess sont chi. Se gh'é?

Freschini - Donca, carissimo. Chi gh'é l'esimio Gasperino che, in lista, el ven dopo de lù, a meno       che ...

Gasperino - (Prendendo la palla al balzo) Tì te se ritirett.

Piercarlo - Ritirass?!

Gasperino - S'é senti certi vos...

Piercarlo - Chillé che ha parlà?

Gasperino - Mi no! Te sè la mia stima per tì.

Freschini - Però in vos che poden inquinà l'immagin onesta del Parti.

Piercarlo - Mì sont pur me l'acqua.

Freschini - Che paragon! Me vegn in ment la Vettabbia.

Piercarlo - L'é per quell ch'el m'ha fà vegnì?

Freschini - Per la verità, avaria preferì vedel in privato, ma ormai l'é vegnù. Lù el capiss che l'é necessari che gli eletti non prestino il fianco agli avversari, perché l'é assé on appiglio... Mi spiego?

Piercarlo - Hinn calunni, se capissi polito.

Gasperino - Candidato candido! L'é diss anca el nom.

Piercarlo - Insomma, se se voeur de mì, che me ritiri?

Freschini - El faga lù, carissimo. Ma ...

Piercarlo - Senza ma né se! Mì me presenti come numer vun del Partì!

Gasperino - Ma prima dei calunni, Piercarli.

Piercarlo - Prima o dopo l'é istess! I calunni hinn calunni e basta. A Milan se dis: a stà se secca,          andà se lecca. E mì vò: in lista, al prim post! (Suono di campanello)

Freschini - Mamma, che temperament!

Donatella - (Attraversando) Vò mì.

Piercarlo - (Acceso) E recordevess che se andemm a guardà a fond, el culascell sporch ghe l'hann       tucc!

Freschini - L'é vera!

Donatella - (Da fuori) Cara signora! Benvenuta! Piercarlo, gh'é la toa sciora!

Piercarlo - (Un colpo) Chillé?!

Teresina - (Venendo avanti) Te capì polito: la toa sciora!

Piercarlo - (Perdendo la baldanza) Teresina! Cara gent... Ste fè chì?

Teresina - (Mostrando l'orologio) Hinn i dodes e trentacinq!

Piercarlo - (Controlla il proprio orologio) Giust. E allora?

Donatella - (Come rispondendo) Vò a sbatt dent la pasta. (Esce)

Teresina - Tì te savevett minga se l'é on pied à terre!

Piercarlo - No, se l'é?

Teresina - E te me presentà la coppa dell'uccello padule!

Piercarlo - Eh... E allora?

Teresina - Te sett tì l'usell traditor approdato al nido della tua arpia! El marì infedel che se presenta ai votazion per rappresentà i elettor e governai!

Gasperino - L'é el prim della lista.

Piercarlo - Teresina, te se ingannet.

Teresina - Ah, mì che sont l'ingannada m'inganni! (Ai due) Hann sentì?

Gasperino - Sì sì.

Teresina - El sann se l'ha fà ch'l bel tomo che g'hann davanti e che l'era mè marì?

Gasperino - Sì sì. ..

Piercarlo - (Prendendosela con lui) Chi l'é che te l'ha dì?!

Gasperino - La toa miée, adesso

Piercarlo - Ah, già. (Verso la moglie) Teresina, l'é minga vera! Questa l'é la sede, cioè la... succursal del Partì!

Teresina - Che bel Partì! Doe riven tucc.

Piercarlo - (Implorante) Freschini, el me faga el piasé de spiegagh me stann i rob.

Freschini - Volentera. La ved, sciora, l'ho convocà mì el so marì perché vorevi ona spiegazion       approfondida... E adess ghe l'ho avuda.

Teresina - (Lo guarda a lungo) Anca mì!

Donatella - (Appare con un cucchiaio di sugo in mano) Disimm se manca on po' de sal al sughino.

Gasperino - Saggi mì! Saggi mì!

Donatella - La sciora Piercarli. (Con il cucchiaio davanti alla sua bocca)

Teresina - Cos'é? La g'ha el coragg ... ?

Donatella - De fagh assaggià el sughino che ho preparà ier sira. (Le mette il cucchiaio in bocca)

Teresina - Acid!

Donatella - Oh, por Piercarlo che pasta sutt gramm che t'é toccà mangià in vinticinq ann!

Teresina - (Risentita) Ei lé! El me marì l'ha semper mangià polito! Roba de leccass i ung!

Piercarlo - L'é vera.

Donatella - Question de bocca. Piercarlo, ven a aiutamm a voeuià la pasta.

Piercarlo - Son ciappà.

Teresina - Va, va a dagh ona man dopo che te ghe dà el rest!

Gasperino - Vegni mì, vegni mì!

Donatella - Sciora, che ognun se tegna in ordin la propria tomba! On dent quand l'é foeura l'é pu    dent! Andemm! (Esce con Gasperino)

Piercarlo - (Cercando ancora di spiegarsi) Teresina, te me troeuvet in cà della Donatella no perché        sont vegnù ...

Teresina - Ah, no?

Piercarlo - Ma perché sont stà ciamà de lù, el Freschini.

Teresina - Minga assé i donn!

Freschini - L'é on colp de karaté la soa lengua, sciora Piercarli.

Teresina - Ch'el staga alla larga, allora!

Piercarlo - Tra mì e la Donatella gh'é mai sta nient! On quaj vun el m'ha ricattà perché me ritiri dalla lista dei candidati.

Teresina - E tì ritiress!

Piercarlo - Mai pù! Voraria dì dagh rason ai calunniador.

Teresina - O mì o el Partito! Catta foeura!

Piercarlo - Te me voeurett pisquanott o onorevole?

Teresina - Voeuri portat dal dottor per fat prescriv ona medesina impossibil: quella che fà guarì

            dalla stupidera.

            (Entrano Donatella e Gasperino con fumanti piatti di pasta asciutta)

Donatella - Pasta assutta!

            (Vengono distribuiti i piatti e anche Teresina, che battibecca con il marito, accetta quasi   senza accorgersene, cosicché il dialogo si svolge tra le forchette che riempiono le bocche)

Teresina - Puttost che vedett in politica preferissi savett chi denter in pianta stabil!

Donatella - (Interviene) Piasi anca ai omen normai, sciora. L'é la mia forza! (Dandole il piatto) La        tegna!

Piercarlo - Tì te semper tentà de tegnimm alla cadena e de mortificà i mè aspirazion pussé profond!

Teresina - De profond te gh'avevet domà i patati nei calzett perché pussé ingiò te podevet no andà a      fà disaster!

Piercarlo - El tò ideai de omm l'é quel che lava i piatt alla sira e poeu el fà la bugada alla mattina!

Teresina - E tì te gh'ett bisogn d'ona miée che oltre stà in cusina la te scriva i discors di comizzi, e        quand te parlarett in pubblich te spussarett de scigol e te faret piang anca chi g'ha voeuia de          rid per i stupidad che te cuntarett!

Gasperino - I discors hinn bel e pront!

Teresina - Citto, lù!

Piercarlo - Mi on comizzi podi fall anca subit, senza bisogn de nissun!

Teresina - Fall!

—        - Dai, Piercarlo, comizzi!

            (Tutti gridano, meno Teresina) Comizzi! Comizzi! Comizzi!

Piercarlo - (Sempre con il piatto in mano. Eccitatissimo) Va ben! Comizzi! (Sale sopra una sedia e      poi sopra il tavolo) Gente del popolo!

Teresina - Ma che gent!

Piercarlo - (Una pausa) Popolo prediletto!

Teresina - Prediletto da chi? Da tì, lifrocch?

Piercarlo - Insomma, te me lasset incomincià?!

Freschini - (Incantato) Sciora, el Piercarlo l'é meraviglios!

Piercarlo - (Prendendo la rincorsa) Cittadini! Intant che semm riunì come ona raccolta di gente che    la sta insema tesa alla medesima meta... Ecco che giunge a noi l'eco d'una voce amica, che la         dis: che cosa chiedete ai vostri rappresentanti in Parlamento?

Donatella - (Interloquisce a voce alta) Chi voeur a mò pasta assutta?

Gasperino - Mì mi!

Donatella - Ch'el vaga a toeula.

Gasperino - (Esce di corsa).

Piercarlo - (Prosegue imperterrito) Volete la casa? Volete il lavoro? Volete la sicurezza? Noi ve lo    promettiamo e ve lo daremo perché è un vostro diritto!

Donatella - Bene, Piercarlo!

Piercarlo - Gli altri non fanno altro che mangiare!

Teresina - Anca tì!

Piercarlo - Non gli onesti piatti di pasta asciutta offerti per l'amicizia di qualcuno ...

Teresina - Che te conosset polito!

Piercarlo - ... qualcuno che ci ospita nella sua casa pronto a donare se stesso ...

Teresina - Alterché!

Piercarlo - Te la piantet de interromp?

Donatella - Va avanti, Piercarlo, te sett fantastich!

Piercarlo - (Urlando) No!

Teresina - La finì.

Piercarlo - No! Quelli non mangiano onesta pasta asciutta, quelli vi succhiano il sangue e vi rodono     il cuore e il cervello ...

Teresina - Fann andà anca el fidigh con l'ai e i polmon i a serven trifolà. Ma va a ciappà di ratt,             Piercarlo!

Piercarlo - Teresina! Té più che nemica mi sei moglie!

Donatella - Piercarlo, te sett on campion! Damm el piatt che raddoppi la porzion (Corre fuori)

Piercarlo - (Riprende) Cittadini ...

Teresina - (Lo interrompe) Muchela! E ven giò che l'é on toce che t'é finì de giugà ai banditi!

Piercarlo - Te riessett minga a famm cambià idea!

Teresina - Allora sposa la politica e resta chì nella suecursal, pied à terre nido, doe tra donn e omen   che la frequenten l'é mei ona fogna! Mì torni a cà!

Piercarlo - Anca mì! E te me ciamarett onorevole!

Donatella - (Torna con il piatto di pasta asciutta)

Freschini - Piercarlo è il nostro capolista! Meraviglioso!

Teresina - (Vede Donatella, le prende di mano il piatto di spaghetti) Te sett come chi spaghett chì:   scott e senza savor!

Donatella - (Risentita) Ei lé, siora « cagiada »!

Teresina - Tass, pelandra! E te ciappen tucc in gir! Tant che te se accorget nanca se ti a tiren in            faccia! (Così dicendo lancia gli spaghetti sulla faccia di Piercarlo che nel frattempo era sceso     dal tavolo) Té, onorevole! Incomincia a mangiai adess perché quand te sarett alla Camera te            faret indigestion de bagoll! (Corre fuori ma si imbatte in Ernestino e Gabriella che stanno entrando in quel mentre)

Ernestino - Mamma, anca tì chi dent?

Teresina - Sont dré andà via! (Si volta e grida) Ona cà netta la se capiss dal cess: cheschì l'è

            ingorgà, el butta dappertutt! Se voeurì evità la tanfa, vegnì via con mì! (Esce impettita)

Piercarlo - (La rincorre) Teresina! Perché te me capisset no!

Ernestino - Sta chì, papà. (Lo ferma)

Piercarlo - La toa mamma, l'é pù lé.

Freschini - Ci siamo noi, Piercarli, c'è il Partito. Ghe sont anca mì.

Piercarlo - Grazie, Freschini. L'é assé el Partì.

Gabriella - (Intanto s'é avvicinata a Piercarlo che è sporco di sugo di pasta asciutta) Papà, te sett

            sporch.

Piercarlo - L'é domà pasta assutta.

Donatella - Ne voeur on pò?

Gabriella - La g'ha ona bella faccia de tolla!

Donatella - Oh, là! Quanti scenn!

Gasperino - Adess bisogna che te se tirett indré dalla lista.

Piercarlo - (Mentre tenta di pulirsi aiutato dalla nuora) Cos'é?

Gasperino - La toa miée la disarà tuscoss, sì sì. Vera, Freschini?

Freschini - Bé, la faccia del Partito prima de tutt...

Piercarlo - E mì che faccia g'ho?

Gasperino - La faccia de vun che pò no presentass come capolista.

Ernestino - Alt! Papà, ecco la congiura doe l'é! Voeurenn eliminatt e ciappen tucc i pretest!

Freschini - Ma se dice, lei?

Ernestino - (Motteggiandolo) Dicio perché so! Mi lavori in banca, ufficio conti correnti, e        stamattina gh'é rivà un assegn intestà alla signorina Donatella Fragola e firmà...            (Sospensione)

Freschini - Firmà da chì?

Ernestino - Gasperino!

Gasperino - Sì sì... Cioè, no l'é minga vera.

Ernestino - Girada: ufficio contabilità del Partito. Te la chì la foto copia! (La estrae e la sventola)

Freschini - Impossibil!

Piercarlo - Gasperino! Propri tì! La Donatella l'é stada pagada da tì, lo scandalo l'é opera toa! (Lo             rincorre)

Gasperino - No no... (Si sottrae comicamente)

Donatella - (Seriamente arrabbiata) Tiri via el cunt dalla toa banca, Ernestin! Per violazion de    segreti d'ufficio!

Gabriella - Benissim!

Freschini - Per regolarità el ritira quell che l'ha dì sulla girada del Partì!

Ernestino - E lù, per regolarità, el me daga la scolorina per cancellal.

Freschini - Danzatore nudo!

Ernestino - Eh?

Donatella - Ballabiott!

Piercarlo - Assegn sì o assegn no, mì me presenti perché se la faccia del Parti la ven prima de tutt, prima a mò gh'é la vostra faccia che l'é propri ona faccia de ...

Gasperino - Sì sì?

Ernestino - Bravo, papà!

Piercarlo - E mì sont el capolista! E quand sarò elett vegnerann con la banda e farann festa    all'onorevole Piercarli!

Gabriella - La banda! La banda! (Corre a prendere la pentola con un mestolo portati in scena prima     da Donatella, e batte con allegria, mentre)

Piercarlo - E canterann: onorevole! Onorevole!

Ernestino - Onorevole! Onorevole!

Gabriella - (Battendo col mestolo) Onorevole! Onorevole! (Nel frattempo una musica accompagna    il coro)

Ernestino - (A Gasperino) Ch'el canta!

Gasperino - Sì sì. .. Onorevole! Onorevole!

Ernestino - (A Freschini) Anca lù!

Freschini - Onorevole! Onorevole!

Ernestino - Donatella! Tucc insemma!

Donatella - Onorevole! Onorevole!

(Coro generale, a tempo di marcia, e l'atto si chiude con la compagnia che gira attorno a Piercarlo che dirige la banda pavoneggiandosi compiaciuto)

FINE DEL SECONDO ATTO

TERZO ATTO

(La stanza da letto dei Piercarli. Sera)

Teresina - ( In camicia da notte è in letto e si sta mettendo una crema sul viso; poi con una retina si    avvolge i capelli. Fa un rapido segno di croce, spegne la luce e si stende. Dopo qualche             attimo suona il campanello. La donna accende la luce, si alza, indossa una vestaglia e va ad             aprire. Quasi subito la voce di)

Gabriella - (che da fuori esclama entusiasta) Mamma, el papà l'é in bona posizion!

Teresina - El pò vess doe el voeur, m'interessa come i cai del Scià de Persia. (Entrano)

Gabriella - Ma te see no emozionada?

Teresina - Oh, tosa, come te me conossed poch! Quand ona persona la me va giò de birlo, l'é tira sù            pù nanca on arghen. Anca se l'é mè marì!

Gabriella - Ma tì, scusomm, per chi l'é che te votà? Per lù?

Teresina - Uei, Gabriella, sont minga come quel terron che ciamà a lavorà nel cimiteri el stava setta       giò su ona tomba perché el vedeva scritt: qui giace e qui riposa, e el voreva no passà per    scemo a sgobbà. Anca mì sont minga scema. Se te voeurett savé per chi ho votà... T'el disi       minga. Però ho no votà per el tò suocero.

Gabriella - Mì sì, e sont contenta.

Teresina - Il voto è libero e segreto: prima! Quand i hann elett, cippilimerlo! Te me regordet quel che diseva el por nonno: i fioeu quand hinn piscinitt ven voeuia de mangiai, quand hinn   grand se pentissomm de vei minga mangià. Tralla in politica. L'é la fin che te farett tì con         l'onorevole Piercarli.

Gabriella - Se verrà eletto, papà sarà un grande deputato.

Teresina - El t'ha dà la mancia per fagh la propaganda?

Gabriella - Sent, mamma, s'el vegniss chì ste ghe farisett?

Teresina - Te l'é vista la scoa de là? Ben, ol se scieppa lù o la se scieppa lé: sora el so cò!

Gabriella - Santo ciel, che odio!

Teresina - Ma che odio d'Egitt! Ho mai odià nissun, figuress el me omm! L'é che bisogna che le             pianta de fà tutti i so comod. Quand ghe salta on sfìzzi, pò crepà anca el gatt, ma lù el pò no     fà a men de contentass. Te par giust? La politica l'é l'ultima, ma prima gh'é stà i bocc, la filatelia con i bullitt, i viagg... e Dio sa alter. E mì ho semper sopportà! Pazienza anca per i       viagg: ma so domà mì i dannée che l'ha spendù, el stess el val per i bullitt, ma adess l'é         tropp! La politica no, la me va giò minga! L'é pù on bagaj! Mett ch'el sia elett.

Gabriella - Mì el speri.

Teresina - Stasira te sett propri decisa a famm irrabbì!

Gabriella - Ma no, mamma, scherzi. Però, mettem ch'el sia eletto

Teresina - Te me vedett a Roma a fà la miée d'on deputato che l'é bon domà de parlà el so dialett?       Che l'é vint ann ch'el legg pù on liber? Che l'unich giornal ch'el scorr l'é la Gazzetta dello         Sport per savé se fà el Milan? E via dicendo... Te me vedett? Offellée, fà el tò mestè! Chillà           g'hann montà la testa e lù l'é andà per ari me on ballon frenà. El problema l'é tirai giò.

Gabriella - E tì, con el vorell pù in cà, te tentet de fall tornà con i pée per terra?

Teresina - Meno mal che te me capì. L'Ernestin doe l'é?

Gabriella - Al Partito a seguì i risultà di votazion.

Teresina - Alter bigol me so pader, (Si avvia alla porta del bagno)

Gabriella - Doe te vett?

Teresina - Quand vun el và in bagn, s'el và a fà?

Gabriella - Ah!

Teresina - Ho ciappà frecc, se ved. (Sparisce. Timido suono di campanello)

Gabriella - (Si reca ad aprire e si sente un « sssss ».

            Poi appare con la testa che scruta seguita da Piercarlo)

            (Sottovoce) Allora, papà?

Piercarlo - Sont vegnù a digh alla toa suocera che sont stà elett!

Gabriella - (Gli butta le braccia al collo per la felicità) Papà! Congratulazion!

Piercarlo - Doe l'é.

Gabriella - (Segna la porta del bagno) Fatt no vedé. Ghe l'ha con tì a mort.

Piercarlo - Anca adess che sont onorevole?

Gabriella - Pegg!

Piercarlo - Ola, Martina! Se ho fà de mal? Adess la pò vess contenta, la ven a Roma a fà la sciora.

Gabriella - Te le perdona minga. E da part soa la g'ha no tort.

Piercarlo - Te disett?

Gabriella - Te l'é trascurada tropp, papà...

Piercarlo - Forsi sì...

Gabriella - Doe l'é l'Ernestin?

Piercarlo - El spetta i ultim risultà: l'é on trionfo! Poeu el ven chì.

Gabriella - Mì son contenta, ma tì va via.

Piercarlo - Perché? L'é cà nostra.

Gabriella - Se te voeurett la pas, lassa che la se sgasa, torna a cà mia.

Piercarlo - Nanca per idea! (Rumori dal bagno)

Gabriella - Va foeura, papà, la riva, (Lo spinge fuori)

Teresina - (Rientra) Cià, andemm a dormì. (Vede la nuora) Te vè no a cà?

Gabriella - Spetti l'Ernestin. El m'ha dì ch'el passa a toeumm. Se te dò fastidi, spetti in cusinin.

Teresina - No no. Spettem insemma, allora. Cià, che te fò on caffé.

Gabriella - No, mamma, grazie.

Teresina - El te pias, quanti stori. (Si avvia)

Gabriella - (Tenta di fermarla e di dissuaderla) Ho dì ch'el voeuri no.

Teresina - Sanformento! Che violenza! Ste gh'ett addoss?

Gabriella - Nient, mamma... Spettemm de chì.

Teresina - Perché, se gh'é de là?

Gabriella - Nissun!

Teresina - E allora? (Si avvia)

Gabriella - No! mamma, no!

Teresina - (Impressionata) Tosa, stasira te capissi minga. Te refuded el mé caffé ch'el te semper piasù; te me impedisset de andà de là... Spetta mì! Se t'el bevet no tì el bevi mì! (Esce decisa)

Gabriella - (Si mette le mani nei capelli, pronta a sostenere la scenata. Invece, un attimo dopo, entra     Piercarlo) Oh, Dio.

Piercarlo - Per on pel la m'ha minga cattà.

Gabriella - Scondess! Scondess!

Piercarlo - Indoe ... ?

Gabriella - In bagno

Piercarlo - Ma te disi mì! Me tocca giugà a nascondess in cà mia.

Gabriella - Va dent, papà! (Lo spinge in bagno)

Piercarlo -... e sont onorevole! (Appena in tempo sparisce oltre la porta del bagno che entra)

Teresina - Te vegnett no in cusinin?

Gabriella - Sì sì ...

Teresina - Te me paret in cimbali, Gabriella.

Gabriella - Po dass.

Teresina - Prima te serett inscì allegra, tutt'a on tratt te vegnù la paturgna. Se gh'é stà?

Gabriella - Nient, mamma, nient... (Escono. La porta del bagno si apre ed appare Piercarlo. Quatto        quatto si dirige versa la porta d'ingresso, vi è quasi giunto che si ode la voce di Teresina)

Teresina - Gh'ho on pò frescott, spetta che vò a mett un golf. (Piercarlo si butta sotto il letto che è il    luogo più vicino per nascondersi. Viene Teresina, indossa un golfino e scorge la porta del      bagno socchiusa, allora la va a chiudere)

Teresina - Oh, bella, me pareva de vella sarrada. (Esce) (Piercarlo sbuca da sotto il letto, ma in quel          mentre suona il campanello ed egli riscappa al coperto)

Voce di Ernestino - (Da fuori con enfasi festosa) Vittoria! Vittoria! Mamma, hemm vinciù! Doe l'é            el papà, g'ho de digh ch'el sò l'é stà on trionfo!

Gabriella - El papà el gh'é no.

Ernestino - (Cs) Come? El m'ha dì: dopo tanti dì che torni minga a cà stasira fò l'ingress di Cesare       in Campidoglio! (Così dicendo appare sulla porta seguito da Gabriella)

Gabriella - (Con intenzione) El gh'é no, te disi! (E gli dà di gomito)

Ernestino - Perché te me dett i topicch?

Gabriella - Mì?!

Ernestino - Tì, sì. Ma doe el sè ca scià sto omm?

Gabriella - T'ho dì ch'el gh'é minga. (Dietro ai due appare Teresina che si dirige verso il bagno e           apre la porta, vi penetra, poi esce, attraversa la stanza e va a ispezionare all'esterno. Mentre è   fuori)

Gabriella - (Sottovoce al marito) El papà l'é in cà.

Ernestino - (A voce alta) Natural, me l'ha dì lù ch'el gh'era. (Colpo di gomito della moglie) Aia! Te           me fè mal!

Teresina - (Rientra. Si ferma in mezzo alla stanza, si guarda in giro, poi decisa solleva la coperta        che penzola dal bordo del letto) Ven foeura de lì! (Pausa) T'ho dì de vegnì foeura, onorevole!

Piercarlo - (Spunta con la testa) Ciao, Teresina... Te vist che sorpresa?

Teresina - Te la dò mì la sorpresa, parafangh de bastiment! (Corre fuori)

Ernestino - Papà, roba de minga cred! Te set risultà terz con una valanga de voti de preferenza!

Teresina - (Rientra brandendo la scopa) T'avevi promiss de casciatt foeura se te se davet alla        politica!

Gabriella ed Ernestino - (La bloccano) Ferma, mamma, ferma! (Piercarlo si ricaccia sotto il letto.   Suono di campanello. Mentre Ernestino tiene ferma la madre, Gabriella si reca ad aprire)

Teresina - Se te s'é diventà onorevole, mì te disonori a scoinatt! Alter che andà a Roma, mì te fò            ciappà la residenza al Policlinico!

Voci di Freschini, Donatella e Gasperino - Doé l'é l'onorevole? Voeurromm vedel! Vogliamo        congratularci con lui. Sì sì, doe l'é? (Appaiono con Gabriella)

Freschini - Dov'é l'onorevole Piercarlo Piercarli?

Teresina - Lì, sotta el letto (Sospensione)

Freschini - Oh, ciuspia!

Piercarlo - (Sbucando appena appena) Se riessì a disarmala, vegni foeura.

Donatella - Piercarlo, tucc te spetten in sede.

Piercarlo - Me fà piasé; appena podi me presenti.

Ernestino - Mamma, damm la scoa!

Teresina - Fussi matta! Ve sbatti giò dai scal se andì minga via subit!

Freschini - (Dando una mano a Piercarlo) Venga, onorevole, che l'aiuto.

Teresina - (Mentre viene trattenuta da Ernestino che finalmente la disarma della scopa) Tella lì, la        toa carriera politica l'incomincia con el dà via la man: da chì on pò te gh'avaret pù nient de tò!

Piercarlo - (Finalmente è uscito) Grazie, grazie a tucc.

            (Applausi) Grazie... Troppo buoni.

Teresina - Mì te podet fà a men de ringraziam.

Piercarlo - Anca tì, Teresina.

Freschini - (Solenne e la sua esse risulta ancora più zeta che mai) Onorevole, semm vegnù per        accompagnall alla sede del Partito.

Gasperino - Lì gh'avaran inizi i festeggiament e i intervist per la stampa e la TV.

Donatella - (Eccitata) Piercarlo, te me paret pussé bell adess che te vè a Roma!

Piercarlo - (La guarda) Debbon? Teresina, damm on specc!

Teresina - Ste voeurett?

Piercarlo - Te sentù: on specc!

Teresina - E tì te oset domandam on specc?!

Piercarlo - Osi perché son tò marì.

Gabriella - (È andata a prenderlo) Té, papà.

Piercarlo - (Si guarda a lungo) Sì, l'é vera: son diventà pussé bell. Sten disett, Teresina?

Teresina - Famm no dì quel che pensi, altrimenti offendi la decenza.

Piercarlo - Mì, invece, quel che pensi el disi.

Freschini - (Se lo mangia con gli occhi) Meraviglioso!

            Onorevole!

Gasperino - Sì sì... Parla, Piercarlo!

Piercarlo - Donca! Mì son vegnì foeura da sotta el lett, grazie alla man che m'ha dà el Freschini.

Freschini - Ma ghe par, onorevole! Mì ghe n'ho inscì de rob de dagh ...

Piercarlo - Senza la soa man e senza l'aiut de tucc, Partito compreso, l'era impossibil sortì da sotta el           lett... del mé anonimato. Se dis inscì?

Donatella - PerfettI

Piercarlo - E adess son famoso

Gasperino - Sì sì, parlen tucc de ti.

Piercarlo - Grazie, Gasperino. Però l'é gent che me cognoss minga.

Ernestino - Ste disett, papà? Sann tucc chillé che te see.

Piercarlo - Sann de mì quell che g'hann fà cred, con i volantin e la pubblicità elettorale. Sann el            vestì, la faccia, sann pressapoch quell che sa ch'el speccchì. Ma dent, quell che mi son          debbon, l'ignoren.

Gabriella - Papà, quell l'é el mei.

Piercarlo - Ona noeura me tì la sognavi e basta. No, Gabriella! El mei sò nanca mì doe el sia,   figuremess quei che hann fà el me nom sulla scheda. Ne voeurì la prova? Femm i votazion        chì dent, tra de nunch che, ben o mal, me conossì polito o senz'alter mei dei elettor.

Ernestino - Papà, lassa perd.

Piercarlo - E tì lassom dì. La toa mamma l'ha minga votà per mì. Vera, Teresina?

Teresina - (Presa all'improvviso) No! Cioè... sì... ho votà per tì.

Piercarlo - Debbon? Teresina! Te perdù el cò?!

Gabriella - Ma mamma! Prima te dì...

Teresina - Ho dì, ho dì... L'é el me marì e basta! E mi voti el mè marì! Semper!

Piercarlo - Grazie, tesor... L'é la roba pussè bella che te podevet damm! Ma el tò voto l'é nullo,          Teresina, perché la stima per mì deputato l'é quasi inesistent.

Teresina - (Tornando baldanzosa) Tira via el quasi.

Piercarlo - Appunto. Tì, Gabriella, te me voeurett ben, ma te me vedet alla Camera?

Gabriella - Sì.

Piercarlo - Pazienza. A sbaglià se fà svelt. E tì, Ernestin? Sincer, eh!

Ernestino - (Una pausa) Sincer? Propri?

Piercarlo - Sì.

Ernestino - No, papà, te vedi minga anca se ho votà per tì.

Piercarlo - Grazie, fioeu. (A Gasperino) Gasperino!

Gasperino - Mì ho votà per tì, Piercarlo! Sì sì!

Piercarlo - Gasperino!!!

Gasperino - Ho votà per el Partì e... per mi.

Piercarlo - Bravo! Donatella, lé se la segnà?

Donatella - G'ho de dill?

Piercarlo - Semm chì apposta.

Donatella - Seconda la mia coscienza.

Piercarlo - Sicché?

Donatella - Scheda bianca. Me paren tucc di barlafuss quei che fà politica... Esclus i present, s'intend.

Piercarlo - Grazie, Donatella. Lé l'é mei de quant el specc el pò fà capì. Adess lù, Freschini.

Freschini - Io vorrei mantenere il segreto.

Piercarlo - Lo mantenga pure. Ma ghe disi mì se l'ha votà: minga per el sottoscritto perché l'é tropp           intelligent per damm fiducia. Disi giust?

Freschini - Onorevole, suvvia ...

Piercarlo - E adess el mè voto... Tucc i Partì men el mé!

— - Cosa? Ma perché? Ste disett?!

Piercarlo - Perché de tucc i Partì el me pareva el pussé sifol e inutil.

Freschini - Ma allora lù, onorevole ...

Piercarlo - Allora mì son minga degn de vess stà elett. El sò.

Gabriella - Ma papà, perché?

Piercarlo - L'é stà on sfizzi, on ballin, ho vorsù provà la politica, me son incapponì, come tucc i     mesté che ho fà nella mia vita, ciamela ona scommessa, ecco! Ho vinciù, adess son soddisfà.

Gasperino - Ma tì te tolt in gir el Partì, i elettor!

Piercarlo - Minga vera. I a toaria in gir adess, se andassi a Roma a fà el deputà che son minga bon       de fà, e tradiria i aspettativ e i speranz de tucc. Mi ho catta sù i voti, adess ghe voeur troà   vun che i e sappia valorizzà.

Freschini - Questo è indegno, onorevole!

Piercarlo - Che el me ciama pù onorevole perché me son disonorevolizzà. Ho dà i dimission,       Freschini.

Freschini - Lù el pò no, inscì d'on subit, rinuncià al mandato degli elettori.

Piercarlo - Le dis lù! Motivi di salute me lo impediscono.

Freschini - Ma quali motivi?

Piercarlo - Son guarì. Sto mei. L'é minga on motiv stà mei e capì che fà politica l'é roba de matt?          Almen per vun come mì.

Teresina - Bravo, Piercarlo!

Piercarlo - Grazie, Teresina! Per fà politica bisogna vess tajà, ma tajà polito! Vegh di qualità de        altruismo, de generosità, de impegn per i alter quasi come i... missionari che va in India!           Vess istruì e vegh tanto temp de trà via. Tutta mercanzia che fà minga part del mé magazzino

Teresina - Te le savevet no, prima?

Piercarlo - No. Credevi che l'era come giugà ai bocc, me ne son accorgiù per strada che la faccenda     l'era on cicinn pussé seria. E me domandi: chissà se quei che manden sù a Montecitorio se        fann l'esam de coscienza de quell che ghe spetta ...

Ernestino - Mì disi ...

Piercarlo - No no no! Dì, nient! Te sett chillé che usa pussé el pettin? Quei che g'ha poch cavei, per            scond la piazza. Mì l'ho capida ona sira che gh'era un film alla television, serom in America e gh'era on cartell con sù scritt: bus stop! Té, ho dì, anca là parlen milanes. Poeu ho capì che    voreva dì un'altra roba e che mì savevi nagott all'infoeura del milanes. Tropp poch per vess            onorevole.

Gasperino - Perché te se minga ritirà prima?

Piercarlo - Per minga mandà su a governamm on scemo me tì. Saria stà ona stupidada grossa me el    porton d'on scior.

Gabriella - E allora chillé che và al to post?

Gasperino - E chillé?

Piercarlo - Tì, no, Gasperino. Anca se te sett adatt a qualsiasi politica: anca quella dei zubrù. Chillé?             Eh! L'é on affari! Freschini? No, lù no, l'é tropp... divers per fà el deputato. On deputato,      disemela, el g'ha de vess anca on pò ciolla, e tanti ciolla fann ona Camera. Ma ciolla nel sens bon, come disevi innanz, savé rinuncià alla famiglia e alla bottega, e lù, Freschini, l'é on             ciolla de lussu... Alla Camera el faria part né della destra, né della sinistra, né del centro, el cercaria de entrà domà... dal de dré!

Ernestino - E allora?

Piercarlo - Resta la Donatella. Altruista, generosa: disponibil, intelligenta e... ciolla al punto giusto    Sì, la Camera per la Donatella Fragola la podaria vess el vero posto della fregola. Se ne dis?

Donatella - Lusingada.

Piercarlo - Infatti l'ha votà scheda bianca. Là dent; credi che la scheda bianca la saria el passaport         per entrà in tanti scarp e in tanti mudand... Scherzi, la capiss.

Freschini - On scherz pesant e vergognos!

Piercarlo - Vera. Però, el ved per chì hinn costrett a votà i elettor, certi volt? El guarda che rebonza     gh'è squadernà davanti: vun me lù, voeuna me lé; on Gasperino che manovra i dannée per fà         el bell temp e... on gandola me mì. Mei che sparissom senza lassà traccia.

Freschini - Quand la stà inscì, non ghe resta alter che tornà al Partito e riferire.

Gasperino - Sì sì!

Freschini - Se la vedarà con i dirigent (Si avvia)

Piercarlo - D'accord. Ma lù, el me scusa, perché el s'incassa inscì tant?

Freschini - Perché? Perché l'era l'unich che, tra gli eletti del Partito, el meritass de entrà a          Montecitorio, e perché... podi no tasel, l'era meraviglios... (Corre fuori scodinzolando)

Piercarlo - Grazie.

Gasperino - Sì sì, te serett intelligent.

Piercarlo - Gasperino, quand on pistola me tì el me dà dell'intelligent mì vò in crisi. Però te ringrazi           istess. Te paghi on caffè sul tram, và!

Gasperino - Sì sì... (Corre dietro a Freschini)

Piercarlo - Purtropp, me tì, ghe ne sarà semper tanti: la mamma di stupid l'é semper incinta... Mah!            Anca se te me mandà la Donatella a ruinamm la nostra nott de nozz. Auguri! (Verso Donatella) Ghe perdoni tuscoss, se la permetto

Donatella - Son mì che domandi scusa.

Piercarlo - Teresina, te sentett?

Teresina - Sì.

Donatella - Podi invidamm per el cinquantesimo?

Teresina - Certament! Ma no de sira!

Donatella - Promesso. E quand voeuren vegnì a mangià la pasta assutta ...

Piercarlo - Faremm minga compliment. Vera Teresina?

Teresina - Vera. Anzi, ch'el dì là ghe l'ho no dì, ma el sugo l'era minga acid, l'era perfett.

Donatella - Grazie, sciora Piercarli. Bona nott!

Piercarlo - Bona nott.

Donatella - Bona nott anca a tì, Ernestin.

Gabriella - Ghe pensi mì a fagh fà la bona nott all'Ernestin!

Donatella - Ne son convinta. Ma se le g'ha dei difficoltà le manda de mì che sò come faghi superà... Bona nott! (E sventolando la mano si allontana graziosamente) (Sospensione)

Piercarlo - Cià! L'é ora che tomì a cà anca vialter. L'é tard.

Ernestino - Si, papà.

Teresina - Se però vorì sta chì ve offri on caffé... Oh, gent! El mè caflé (Corre fuori)

Gabriella - Papà, prima te vorevi ben...

Piercarlo - E adess?

Gabriella - (Lo abbraccia) Pussé! Pussé! Pussé!

Teresina - (Rientra) Gh'é brusà tuscoss. (A Piercarlo) Tutta colpa toa!

Piercarlo - Come no? L'é semper colpa mia.

Teresina - (Con tenerezza) Piercarlo... Mì...

Piercarlo - Spetta che vaga via i fioeu.

Teresina - Ah, già! (Ai due) Allora, voeuromm sollevà le ancore e solcare, coniugi!

Ernestino - Subit! Subit! Vera, Gabriella?

Gabriella - Subit! Senza spettà on minut! Ciao, papà, ciao mamma!

Ernestino - Ciao papà, ciao mamma! Bona nott... (E tenendosi per mano si precipitano fuori)

(Una lunga sospensione)

Teresina - (Azzarda timidamente) Se femm? Andemm in lett?

Piercarlo - Se te voeurett che andemm de bass a bev el caffé che te brusà per colpa mia ...

Teresina - No no... Te me perdonett, Piercarlo?

Piercarlo - E tì, Teresina?

Teresina - Te me 'l domandett? Chillé che g'ha de fass pussé perdonà: tì o mì?

Piercarlo - Mì mì... Anca se...

Teresina - Se?

Piercarlo - Sont dré pensà che me piasaria dass alla Borsa ...

Teresina - Cos'é?!

Piercarlo - Quei della politica m'hann dì che gh'é de fà di bei affari: titol, obbligazion ...

Teresina - Basta, veh, Piercarlo!

Piercarlo - Se gh'é de mal?

Teresina - Tira minga a man di alter balorderi, se de nò... te la vedett? (Va a prendere la scopa) Per       la politica te l'é slisada, ma per la Borsa o quell che te se dré a rimuginà, te la sceppi sul            firon! Avanti, ven in lett e muchela! Adess tocca a mì!

Piercarlo - Giust, Teresina, giust! (Mentre incomincia a togliersi gli abiti) Però, la Borsa, vacca   rana... !

FINE DELLA COMMEDIA

LA SCENOGRAFIA

Primo e terzo atto: la camera da letto dei Piercarli.

            Una camera con mobili che, venticinque anni prima, erano nuovi e moderni, adesso tradiscono con dignità i loro lustri.

            Un letto matrimoniale, ben addobbato; comodini, su uno dei quali fa bella mostra una radio sveglia; armadio; toilette per signora, e altro che il gusto degli allestitori, lasciato libero, troverà maniera di rendere al meglio.

            Una porta di contro mena all'anticamera e al resto dell'appartamento; a destra; un'altra porta immette al bagno.

            Una finestra o un balconcino dalla parte opposta.

Secondo atto: il soggiorno della signorina Donatella Fregola.

            Frivolo e funzionale sia nell'arredamento che nella disposizione dei mobili; giovane e vagamente sofisticato tutto l'insieme, che rende il carattere bizzarro di chi lo abita.

            Anche in questo caso è lasciato al gusto e alla libertà di chi allestisce la commedia ogni idea di scenografia.

            Due porte immettono all'esterno e all'interno dell'ambiente.

    Questo copione è stato visto
  • 0 volte nelle ultime 48 ore
  • 1 volte nell' ultima settimana
  • 3 volte nell' ultimo mese
  • 22 volte nell' arco di un'anno