Mio suocero in rodaggio

Stampa questo copione


Commedia comica in 3 atti

di Arnaldo Boscolo

PERSONAGGI

Cav. ARISTIDE PIAVONESE

FRANCESCO BERRA - PATRIZI (CESCO)

Prof. FRANCESCO BERRA - PATRIZI (CICCI)

SIZINA

GINETTA

CONTESSA PAPOZZI

GIULIANA

SAVERIO

MARINA

UN BRIGADIERE

I° e III° atto a Villa Piavonese nei pressi di Conegliano.

II° atto in casa del Prof. Berra-Patrizi a Roma".

OGGI


NOTE

Riprendere quota, ritrovare la giovinezza perdita, è questo il sogno ds Aristide Piavonese, non più giovane pollaiolo, o meglio avicoltore come lui stesso ama definirsi con una punta di narcisismo. La possibilità di realizzare lutto ciò gli si presenta quando la figlia Ginetta, ragazza che non brilla certo per intelligenza e perspicacia, sposa tin celebre medico, il professor Berra Patrizio che diventa da subito il vanto di casa Piavonese. Stimato ed osannato quasi come una divinità il professore nasconde in realtà un "segreto" che coinvolge un cugino con lo stesso nome e cognome, ma con una professione ben di vena che non ha nulla a che vedere con l'arte medica. In un crescendo di situazioni comiche e grottesche, in cui non tutti sono chi fanno finta di essere, si inseriscono personaggi quanto mai vari, da un'amante calcolatrice ad una cameriera bisbetica, da un antico un po' troppo chiacchierone ad una vezzosa contessa, da una giovane innamorata ad un brigadiere decisamente tonto.,,


ATTO PRIMO

Stanza di soggiorno a Villa Piavonese. Arredamento abbastanza moderno. Uscio al fondo che mette in antisala, al di là della quale, per una vetrata, si scorge la cancellata del giardino e le digradanti colline. Finestra in primo piano a sinistra; più in là un uscio. Altri due usci alla laterale di destra. Uno specchio sopra una mensola; sul piano della quale la scatola chiusa di un magnetofono. Apparecchio telefonico sopra un tavolo. Calendario a muro alla parete di fondo, che segna il 18 Luglio.

Al levar della tela, Marina, cameriera di mezza età, esamina e tenta di aprire la scatola del magnetofono.

ARISTIDE - (Anziano, pettoruto, viene dalla vetrata; regge per le zampe due pollastrelle morte) Cossa xe che ti armegi là intorno?

MARINA - (confusa): Gnente ... El me scusa, cavalier ... Vardava ... Sta scatola no la gaveva mai vista .….

ARISTIDE - E no ti devi gnanca tocarla. Quela xe come una specie de scrigno, capissistu? Tutte perle, là dentro .….

MARINA - Bone?

ARISTIDE - Altro che bone ! Perle vocali scaturite da un cervello de aquila.

MARINA - El me spiega.

ARISTIDE - No ti capiressi. (porgendole i polli) Varda che te go messo in cusina do polastri per la colazion.

MARINA - Lessi o rosti?

ARISTIDE - A la diavola. Razza Cornish-White; la più prelibata del mio alevamento. Tenari come colombini (cambiando) Mia fia xela ancora in camera?

MAR- Credo de si. No la ga gnanca ciamà per el cafè... (commentando) Povera diavola anca ela! ...

ARISTIDE - Povera diavola, per cossa?

MARINA - Eh, sfido mi! ... No vorlo? ... Apena quindese giorni che la xe sposada e so mario sempre a torzio...

ARISTIDE - A torzio?... Senti che oca!

MARINA - Sarò un'oca, ma me par che co se xe apena sposai...

ARISTIDE - Anca la scienza richiede dei sacrifici, cara mia. Se sperava che l'arivasse stamatina presto; che'l fusse partìo da Torino col rapido de mezzanotte, subito dopo el congresso ... Ad ogni modo, mia fia resta sempre in piena luna di miele; el so viagio de nozze continua.

MARINA - Ma almanco in sti giorni el podeva portarsela a Torino co lu.

ARISTIDE - Per lassarla dove? EI congresso gera a porte chiuse. Figùrite se no ghe gavarìa parso vero a sentirlo parlar ... E mi più de ela. E invesse ... gnente. Fase consultiva. Medici soli. Nissun estraneo. Né muger né suoceri.

MARINA - Mi no sposarìa mai un professoron de quela fata, gnanca se'l me indorasse da la testa ai pie. E po' solo a pensar che'l tagia e che 'l sbrega ...

ARISTIDE - Ma che tagia e sbrega!... Mio genero parla; parla e studia; studia e parla. Uno scienziato puro, cara mia; premio "Galeno" specializzato in ge… ge… geremia... gerontologia.

MARINA - Che roba xela?

ARISTIDE - La scienza che insegna a restar zovani per tuta la vita.

MARINA - Cossa?

ARISTIDE - Senza cossa. Ti vedarà mi. Co un zenaro de quela fata a fianco, mi no moro più.

MARINA - Una bela disgrazia!

ARISTIDE - E senza limitazioni, senza astinenze. EI xe el novo metodo. "Tutti gli organi in adeguata funzione".

MARINA - Se'l ga de ste speranze ... El farà anca lu la fin de quel galo che'l ga fato vegnir ... là ... dai Paesi Bassi ... Pareva che'l spacasse el mondo ... cussì sgionfo de boria. No go mai visto le galine sgorlarse tanto le pene ... E l'altra matina ... stechìo, co la cresta fiapa e l'ocio rebaltà.

ARISTIDE - Scema! Mentecatta! ... Corvo de le male nove! ... Cossa vustu capir ti?

MARINA -Mi capisso solo che çerte fumane xe megio lassarghele a chi xe zovane sul serio, come so fia; che no la ga fato gnanca tempo de ciaparghe gusto ...

ARISTIDE - Va là che stassera i se mete in viagio de novo, e i se refarà del tempo perduto. L'astinenza aguzza l'apetito'..

MARINA - Quelo che xe perso xe perso.

ARISTIDE - Cori, cori, va a metar suso i polastri, che (guarda l'orologio) xe le undese.… E daghe un'ociada su a la signora; ricordighe che se doveva andar da la sarta per l'ultima prova… Se no el vestito no la pol metarlo in valisa de sicuro. (Marina esce; Aristide va presso il magnetofono) Che trovata! Questa no i se l'aspeta certo! ... (declamando). "Perché, illustrissimi colleghi, il problema del recupero degli anziani è problema umano e sociale ..."

GINETTA - (da una laterale) Papà? Cossa fastu? Ti parli da solo?

ARISTIDE - Gnente … cussì... Elocubrava ... Ciò, tesoro; le undese xe sonae.

GINETTA - S'on pronta, papà. Co semo là per le undese e mesa .….

ARISTIDE - To marìo pol arivar da un momento a l'altro.

GINETTA - Fin a mezogiorno no ghe xe treni. Ti me acompagni da la sarta co la machina?

ARISTIDE - Certo. Ghe tegno a essar presente anca mi. Me ne intendo, sastu, de moda. Parlaremo in presenza de la sarta del professor to marìo; e ela, co quela ciacola e tute le conoscenze feminili che la ga ... Sastu che rèclame! Megio de diese altoparlanti in piazza! (quasi a sé) El xe el nostro orgoglio quel'omo! (a Ginetta) Ti ga dormìo ben, cara?

GINETTA - Oh! ... E chi xe sta bon de ciapar sono? ... I cani che sbragia … i grili in giardin ... e quel cuco pò, su la saresera, proprio soto le finestre ...

ARISTIDE - Adesso lo fasso copar.

GINETTA - De giorno i cuchi no xe in giro.

ARISTIDE - Lo farò copar stanote. Ghe xe anca ciaro de luna ...

GINETTA - Chissà stanote dove che sarò ... Cesco gaveva tanti progeti ... Capri … Amalfi. ... Partendo apena fata colazion, forse stanote podaremo fermarse a Firenze.

ARISTIDE - Firenze la bella! ... Città dell'arte! ... Città dell'amore! ... E mi qua solo a scoltar el cuco !

GINETTA - No angustiarte, papà. Apena che saremo nel nostro apartamento de Roma ti vegnarà da nualtri quando ti vol.

ARISTIDE - Lo spero bene. Al giorno anca me la passo a dividar i gali che fa barufa. ... Ma a la note ... piutosto che stuar el lume ...

GINETTA - Anca geri sera ti xe andà a leto tardi. Te go sentìo co la radio averta .….

ARISTIDE - E fussela stada averta solamente ... (confidenziale) No ti gaveva dito gnente per no procurarte de le emozion, caso mai che ti fussi ... (e accenna alla rotondità del ventre) Ti me capissi...

GINETTA - Oh, papà! ... Cussì presto?

ARISTIDE - Presto? Basta el primo fiammifero per darghe fogo a la casa. E l'aparechio me xe arivà a l'ultimo momento. (indicando il magnatofono) Varda.

GINETTA - Cossa xe? Una machina da scrivar?

ARISTIDE - Un magnetofono. La radio gaveva anuncià che a tarda sera, forse, sarebbe stato trasmesso un brano della prolusione del prof. Berra-Patrizi al congresso di Torino. E ... qua ... (puntandosi il dito sulla fronte) paf ! L'idea luminosa! -Captarlo; fermarlo sul nastro magnetico. Una telefonata al mio amigo avocato Costarini, che me lo presta. e do ore dopo … là. Ma te assicuro, cara, che me bateva el cuor.

GINETTA - Cossa?! ... Le so parole? ...

ARISTIDE - Là dentro in scatola Imprigionate. (cambiando) Ti xe contenta, tesoro?

GINETTA -  Contenta e stordìa. Mi credeva. sì, che'l fusse un grand'omo; ma fin a sto punto … - I so discorsi trasmessi anca per radio. ... Epur a sentirlo ne l'intimità ... cussì schivo a parlar de lu ... de le so scoperte scientifiche ...

ARISTIDE - E a vardarlo no se ghe darìa do schei. E invesse ...

GINETTA - (seguendo il suo pensiero) E cussì semplice de gusti ...; cussì tenaro, cussì afetuoso ...

ARISTIDE - Anca co mi. Perfeto. (sospirando) Eh, se no fusse per quela tara benedeta ... GINETTA - (allarmata) Che tara?...

ARISTIDE - Tara ereditaria, purtropo. I figli debbono scontare spesso le colpe dei padri! ... GINETTA - E so papà che colpa gavaresselo commessa?

ARISTIDE - Quelo de permetar che el nome de so fio fusse po' messo anca al fio de so fradelo. A so cugin, insoma; un volgare osto.

GINETTA - Ben, quando che i lo ga batizà, nissun podeva saver che sto cugin da grando el gavarìa fato l'osto.

ARISTIDE - Era facile immaginarlo ... dato che il padre possedeva dei vigneti … ed era amante della bibita.

GINETTA - Mio marìo dise che ne la so famegia sto afar del nome xe sta sempre come una specie de tradizion.

ARISTIDE - Mi dirìa de tradimento! Perché, ciò ... nome e cognome! Se pol essar confusi facilmente.

GINETTA - Ma no! Tuti sa che mi son la muger ...

ARISTIDE - Dell'illustre prof. Francesco Berra-Patrizi, un luminare della scienza - e mi son suo suocero. ... Ma i lo sa tuti, dove? Qua o a Conegian apena apena ... Ma a Roma dove to marìo ga la so residenza stabile, cossa vustu che i sappia? Se pol essai scambiai per quel cugino, che ga avudo la felice idea de verzar, un'osteria a la Capitale.

GINETTA - Macché ostarìa! Una bottiglieria di lusso.

ARISTIDE - Ben, dentro le botiglie ghe xe el vin; dunque, de lusso o no, sempre osto. E se gavesse savesto prima de l'esistenza de sto parente ...

GINETTA - Ti te saressi oposto al nostro matrimonio?

ARISTIDE - No digo questo. Ma gavarìa messo dei patti, de le condizion. No gavarìa preteso che to marìo rinegasse la parentela, ma un poca de distanza, sì. Anzi, se a Roma sto signor cugino dovesse praticar casa vostra, ti ti me farà el piasser de tratarlo co un certo distaco. Sei ga un poco de comprendonio el capirà, e no'l se farà vedar, tanto spesso.

GINETTA - No le te par idee antiquate, papà? Pregiudizi da veci?

ARISTIDE - Vecio mi? Ah, cara mia! Vecio no ghe son e no ghe de ventarò mai. Ghe pensa to marìo. (chiama) Marina!

MARINA - (entrando) Me vorlo, cavalier?

ARISTIDE - Nualtri andemo, ma staremo fora poco. Se vien qualchedun, dighe che fra mez’ora al massimo semo de ritorno.

MARINA - Va ben. (risovvenendosi; additando la mensola) Ah! Me desmentegava... Stamatina presto i ga portà un telegramma per el professor.

ARISTIDE - Ciò! E se trata de un telegrama, s'intende!

MARINA - No'l xe minga suo; e el professor no xe gnancora arivà. Lo conosso el mio dover. (esce)

GINETTA - (al padre che ha tolto il telegramma dalla mensola) Fame vedar.

ARISTIDE - Cosa fai?

GINETTA - No son so muger?

ARISTIDE - Giusto. ... Per quanto ...

GINETTA -  (guardando l'indirizzo) "Francesco Berra-Patrizi, presso pollaiolo Piavonese"

ARISTIDE - (con una smorfia) Pollaiolo? A mi?

GINETTA - I podeva metarghe almanco "professor". Gavèveli paura de rovinarse per una parola in più? ... (apre e legge)

ARISTIDE - E mi meterme cavalier, e no pollaiolo !

GINETTA - El vien da Milano. "Attendimi domani urgendomi parlarti. stop. Abbraccioti. Cicci". (allarmata)! Cicci? ... Papà ... Cicci xe un nome de dona.

ARISTIDE - Machè! El xe un nome anfibio. Può servire per i due sessi. Ma co to marìo no ghe xe pericoli.

GINETTA - In ogni modo el dovarà spiegarme chi xe che ariva doman e che ghe dà del ti; perché no ghe xe da fidarse più de nissun al giorno de ancuo; scienziati o no scienziati.

ARISTIDE - Non sfiorare con l'ombra del dubbio l'anima eletta di tuo marito. La xe stada za una indelicatezza ... verzar quel telegrama. E adesso serilo e medio dove che'l gera. Andèmo.

GINETTA - (vi dà una leccata e lo depone sulla mensola; indi esce col padre dal fondo mogugnando) Sì, sì …, ma vogio vedarghe ciaro ... perché "Cicci" me xe sospeto!

ARISTIDE - Ma perché? È un nome eterogeneo. - Anca el musso del frutariol i lo ciama Cicci.

(Escono. Poco dopo rumore dell'auto che parte. Dall'uscio di destrafa capolino Cesco. Ha una valigetta alla mano)

CESCO - (Si guarda sospettosamente intorno e trae un largo sospiro di sollievo. Indi fa cenno verso l'esterno invitando ad entrare e appare Saverio) manco mal che i xe andai tuti do. Qua se xe sempre col cuor in burasca. Adesso, in casa, no ga da essarghe che la serva.... Sentite.

SAVERIO - (uomo di mezza età) Salo che gera stufo de aspetar là, sconto in mezo al boscheto? (siede)

CESCO - E mi? Tuta colpa tua che no ti stà ai ordini. E se no te incontrava quasi su la porta de casa. chissà cossa che te me combinavi! ... Bisogna proprio che ghe porta una candela a Sant'Antonio. Te lo gavevo dito de no vegnir qua.… Ti geri a Roma, ti dovevi restar a Roma.

SAVERIO - Ciò, go sentìo che'l se sposava... Pò qua bisognava pur che ghe vegnisse.

CESCO - A far cossa?

SAVERIO - A cambiar quela benedeta partita de vin. Se me manca el prosseco de Conegian, come fasso a Roma a fabricar el Frascati?

CESCO - Ti dovevi scrivarme e aspetar le mie istruzioni.

SAVERIO - Go scrito e no'l me ga risposto.

CESCO - Perchè ti saressi capace de dirghe a tuti...

SAVERIO - Cossa?

CESCO - Che mi son mi...; e invesse no son mi!

SAVERIO - Maria Vergine ! Me gira la testa.

CESCO - E lassa che la girà. Te go oferto de farte mio socio e de lassarte la direzion dei afari.... Ma almanco adesso, in presenza dei mii, usa prudenza. Completamente stupido no ti xe.

SAVERIO - Completamente?... Ma gnanca una s-cianta!

CESCO - Mia muger e mio suocero no ga da saver assolutamente el mestier che fasso. E ti ti ga da ciamarme sempre professor.

SAVERIO - (impaurito) Sior Cesco? Xelo proprio sicuro de sentirse ben? O xe el caldo che ghe dà a la testa?

CESCO - Co la fiaca ti capirà. (s'ode Marina che si avvicina cantarellando) Tasi, che xe qua la serva.

MARINA - (entra da sinistra; sorpresissima) Oh, Dio! Professor? Lu, qua?

CESCO Eben? Che miracoli?

MARINA - Quando xelo arivà? Da dove xelo vegnudo?

CESCO - Adesso. Semo passai dal brolo. Voleva far un'improvvisata. (Saverio, alzatosi, fa dei cenni di saluto con la testa e manda dei suoni gutturali)

MARINA - E la so signora e so suocero che xe apena andai via in machina?

CESCO - Dove?

MARINA - Da la sarta. E pò, credo che i passa da la stazion a spetarlo lu. E1 xe 1'unico treno possibile i ga dito.

CESCO - Eh, za.

MARINA - Veramente i lo spetava fin da stamatina.

CESCO - Go fato tardi stanote. No son arivà in tempo a ciapar el rapido. (Saverio lo guarda sbalordito) Novità qua dentro in sti giorni?

MARINA - La signora che sospira e che a la note no la xe bona de ciapar sono.

CESCO - Stasera la dormirà. Apena magnà un bocon ripartiremo subito per Firenze. E xe vegnudo qualchedun a çercarme?

MARINA - Nessun. (risovvenendosi); Ah! Stamatina xe arivà un telegrama per lu. Lo go messo là su la mensola. (campanello) El me scusa. (esce a destra) Vado a verzer professor.

CESCO - Ti ga sentìo? Qua tuti me ciama professore (va a prendere il telegramma e legge): "Attendimi domani urgendomi parlarti. Stop. Abbraccioti. Cicci" (con un balzo) Noo?! ... Cicci qua? Chi gavarà dà el mio indirizzo?

SAVERIO - Mi, sior Cesco. El xe passà in negozio a domandarmelo prima de la me partenza per el Veneto.

CESCO - Bestia! ! Te gaveva pur scrito de no comunicarglielo a nessun.

SAVERIO - Infati. ... Ai altri no. ... Ma a so cugin? ... Credevo. ... Tantopiù che'1 me gaveva dito de aver urgente bisogno de lu.

CESCO - Cossa che'l vogia? Mariavergine! Qua me casca el sofito in testa!

SAVERIO - Se'l ga bisogno de aiuto, son qua mi!

CESCO - Ti tasi sempre. Xe la megio roba che ti possi far.

MARINA - (entrando) Professor; ghe xe un sior che domanda de lu. El xe arivà adesso co un tassì. El dise che'l xe so cugin.

CICCI - (entrando; molto espansivo) Caro Cesco! ... (lo abbraccia)


CESCO - (trepidante) Cicci? Che bon vento? Stavo lezendo adesso el to telegrama.

CICCI - Oh, Saverio! Anca lu qua?

MARINA - I me scusa. Se i ga intenzion de fermarse a merenda, bisogna intanto che prepara... Perché sul fogo go do polastreli solo.

CESCO - Tireghe el colo a altri do.

MARINA - Compermesso. (esce)

CICCI - Ma cossa gastu che ti xe cussì scaturìo? ... Gastu paura che te rimprovera per no averme mandà i confeti? No impressionarte, va là!

CESCO - Ma come ti ga savudo che go tolto muger?

CICCI - Dal nostro Saverio, qua..

CESCO - Ah! ... (acido) Saverio ...

CICCI - Dovèvelo essar un mistero?

CESCO - (sbottando, disperato) Cicci mio! … Son un omo morto! Un omo assassinà! ... Vorìa sprofondarme soto tera!

CICCI - Ti ga fato un cativo matrimonio?

CESCO - Noo; anzi... Mia muger, un bòcolo, un tesoro.

CICCI -I suoceri alora?

CESCO - Maché! Mio suocero xe vedovo e no'l vede che per i mii oci.

CICCI - Questioni finanziarie? Afari sbalài?

CESCO - Manco che manco. Tuto nostro qua. Campi, case, alevamento. Diesemila capi de polastri in media al giorno. Camions che fornisse meza Milan.

CICCI - Infati; go visto vegnendo qua ... Una cosa meravigliosa. Tuti quei recinti, quele casete rosse, verdi, gialle.... Un allevamento in grande stile.

CESCO - Mio suocero la ga imbrocada.

CICCI - E co tuto questo no ti xe felisse?

CESCO - Lo sana; se el punto de partenza. ... (affannosamente) Lassa che te conta ... Se no, dopo, no trovarìa forse el coragio. Ma che nissun ne senta per carità.

SAVERIO - Mi alora vado...

CESCO - No. Che ti saressi capasse de dir ...

SAVERIO - Cossa?

CESCO - Che'lxearivàlu!

SAVERIO - E cossa ghe sana de mal?

CESCO - Tuto. Resta; cussì ti capirà quelo che no ti ga capìo fin adesso. Cicci mio, còpime, màssime, ma no me tradir.  ... Son una povera vitima della mia maledeta timidezza. Ti te ricordi fin da picolo? ... Che timido! Ma adesso chi podeva suppor che a Montecatini me capitasse un casetto compagno? Figurite che arivo in piena stagion e no trovo una camara gnanca a pagarla al doppio ! Dopo aver fato la via Crucis de tuti i alberghi, me penso de andar a la Locanda Maggiore e là i me dà apena un'ociada po' i me dise: "Tutto occupato" Forse, se me adatasse a dormir le do prime note in un stanzin da bagno. No me restava altro da far ... Vada per el bagno. Ma no fasso ora a mostrar la mia carta d'identità che'l portier spalanca tanto de oci. ... Scusi...; un momento...; aspetti, adesso vedremo ..." Trin! Campaneli de qua. Trin! Campaneli de là. ... E in quatro e quatr'oto, me trovo ne l'apartamento più belo de l'albergo, che gera restà libero da poche ore. Figurite la mia meravegia ...; no capivo la razon de tuti gli inchini che i me fasseva ... i riguardi che i me usava. - Groom che se precipitava a spalancarme le porte.... E a la sera al concerto de la Torretta, altri inchini, altri sorrisi … e un segnarme a deo uno co l'altro. ... E sastu percossa?

CICCI - Perché?

CESCO - I me gaveva tolto per ti!

CICCI - Oh bela!

SAVERIO - Xe stà là che i ghe ga dà la laurea!

CESCO - Tasi! ... Go capìo subito la situazioni e no go pensà che a tagiar la corda el giorno dopo. Tanto a Montecatini no i me gavarìa visto altro, gnanca col binocolo. ... Oh, sì! ... Gaveva fato i conti senza l'osto! No miga mi; mio suocero, che gera nel stesso albergo e che me se ga messo ai calcagni co la fia ... senza lassarme un momento. ... Professor qua ... professor là. ... È un onore godere della sua compagnia ...; illustre professore. ... E la fia, intanto, me vardava co do oci... co do oci... che anca mi, un poco a la volta ... insomma me son inamorà come un gato sorian! ... E la go sposada; senza aver el coragio de confessar la mia vera identità.

CICCI - Oh, povaro Cesco.

SAVERIO - Adesso capisso!

CESCO - Che bela situazion! Mi vivo fra i spaventi, i rimorsi e i incubi! … A la note specialmente ... E tante volte, co me la sento dormir a fianco placida e beata, me vien l'impeto de ciamarla, de confessarghe tuto … Ma co stago per farlo ela se svegia ... e la me acarezza i cavei co quele manine de veludo. ... La me dise "amor mio" ... "genio mio". ... Perché la me ciama "genio". …

SAVERIO - Percossa la lo ciama Eugenio?

CESCO - Tasi, aseno! (a Cicci) E alora chi ga più la forza de verzar boca? Zontighe po' che mio suocero odia tuti i osti de la tera, orgoglioso come che'1 xe de la mia scienza ... ge ... ge … geologica …

CICCI - Gerontologica. Atento ai termini, professor!

CESCO - Cossa vustu che sapia?! Xe za molto se fin adesso no go fato maron, co mio suocero, che per quanto bestia una volta o l'altra el podarìa ris-ciar de capir ... El belo xe che lu xe cussì convinto che fasso miracoli, che'l spera che mi ghe daga la riceta per farghe corar ancora la cavalina! Capissistu la mia situazion? Qua no me resta che coparme, ma bisognaria che gavesse el coragio de farlo. Ma el sangue me da fastidio... l'acqua me fa spavento....

SAVERIO - El prova col gas.

CESCO - (dopo averlo minacciato col pugno) Son sempre sta un vigliaco ...; adeso più che mai per paura de perdar la mia Gineta.

SAVERIO - El senta, vedemo come che la la ciapa. Apena che la vedo ghe digo tuto. ..… CESCO - Prega el to Santo! Varda che te copo, sa! Te copo!

CICCI - Calmite, calmite. ... Ti ti xe adesso in preda a una crisi ossessiva. ... E no ghe xe gnente de pezo. ... In fondo la vita insegna che certe matasse, per quanto intrigàe, le se sbrogia da sole. ... Semo nualtri spesso che complichemo la vita ... Cerca de essar sempre tenero, affettuoso ... e vegnarà el momentm, che te ghe dirà ...

CESCO - Che la ga sposà un altro ladro!

CICCI - Che ladro?

CESCO - Ciò mi, che te go robà profession, titoli, celebrità. ... Cicci mio, perdonime. ... Ma xe stà l'amor.... La paura che se ghe disevo de essar un osto ...

SAVERIO - Eh, in malora! Ma xelo un mestier cussì bruto da far scampar le tose? Mi vedo che a Roma ghe n'ò da butar via ...; e anca qua ghe ne xe tante che me fa 1'ocio languido ...

CESCO - De le serve, forse ... Altro rango! Pò el fato xe che mia muger se ga inamorà de mi, per via del talento … del genio. ... Se la te gavesse conossùo prima ti, celebre come che ti xe ... la se sarìa inamorada de ti. (allarmato) Oh Dio! No ghe sarà minga pericolo, se te la presento? ...

CICCI - No; perché ti me presentarà come osto, e alora la se spoetizarà.

CESCO - Ma dasseno, Cicci, ti te adataressi? ... Ti xe un angelo!

CICCI - No, me diverto al pensiero de sta metamorfosi. ... Vardà, però, che no te fasso miga sto piasser per gnente, sa! Go bisogno anca mi de essar aiutà ...

CESCO - Figurite! In tuto quelo che posso. ... Ma ti xe vegnudo qua per questo?

CICCI - Dal momento che gera in Alta Italia per el Congresso ...

CESCO - Lo so. Quindici-diciassete Luglio. Figurite che, in sti tre giorni go dovudo interompar el mio viagio de nozze, e scondarme solo in campagna. E squasi squasi ghe rimeto la pele.

CICCI - Una rapina?

CESCO - Ma no; do automobili che se scontra al bivio; e a momenti i me ciapa soto. ... - Un sancassan. ... Polizia stradale, carabinieri, verbali... Nomi dei testimoni. E apena che ghe dago el mio ... "Ah! Il celebre professore!" Nati de cani!

CICCI - Ma che bisogno ghe gera che ti andassi in campagna?

CESCO - Per dar da intendar de essarghe mi a quel congresso. I giornali gaveva anuncià la presenza del professor Berra-Patrizi, e se i me vedeva invesse da ste parti...

CICCI - Vedo che ti xe scaltro. E co la scaltrezza ti ghe ne andarà fora.

CESCO - Ma ti, spieghime, de che agiuto xe che te gavaressi bisogno?

CICCI - Me son fidanzà co un amor de creatura: bela, bona, colta, ricca e veneta come nualtri. La xe orfana; dunque gnente suoceri. No la ga che una zia, che adesso la vive a Roma co ela. Brava signora, ma ti sa ... aristocrazia da provincia; intransigente sulla moralità,

CESCO - Ben; co ti la xe in una bote de fero!

CICCI - Non tanto, caro; perché anca mi ... sì... insomma ...

CESCO - Saverio, va a vedar se capita mio suocero ...

SAVERIO - Ma mi no lo conosco ...

CESCO - Una macchina rossa. Appena ti la vedi, avvisime.

SAVERIO - Va ben, vado ...

CESCO - No parlar co nissun!

SAVERIO -I me ciaparà per muto ! (esce)

CESCO - E cussì?

CICCI - E cussì, guai se sta zia vignisse a saver de una certa relazion che go avudo e go ancora. Fin adesso no go volesto troncar tuto, per no dar un dispiacer a sta tosa, che in. fondo xe stada una bora amiga. Ma adesso xe necessario liquidarla. … E per questo go pensà a ti. Mi no go temperamento per certe soluzion ...

CESCO - Paremo fradei...

CICCI - Se ghe xe lagrime, sospiri, svenimenti …, mi son debole de suste, e no liquido più gnente. Ti invesse ti ghe fa el muso duro ... ma nell'istesso tempo ti ghe fa capir ... che ghe sarà una buona uscita ... dato che mi...

CESCO - Che ti ti ga in vista una buona entrata da un'altra parte.

CICCI - Ecco; benon. Fa le cose pulito. ... Mi te dago carta bianca; e te offro la ciave del mio appartamentin de Roma, dove intanto ti podarà passar i primi giorni co la to sposina ... fin al momento ...

CESCO - De la mia condanna!

CICCI - De la tua assoluzione. Mi adesso starò all'estero per un mese e più. La casa xe tua. - No ghe xe nissun. Gnamca la cameriera che se ga licenzià. Toh! (gli dà la chiave) Via due Macelli 106. -

CESCO - Basta che i do macelli, no diventa tre! Co capitarà a Roma mio suocero! Perché quelo el fica el naso da per tuto; el vol saver tuto ... El m'ha za dito che'l vol che ghe mostra i diplomi... le lauree ...

CICCI - To suocero sarà l'osso più duro in tuto sto affare. Intanto assecondemolo. E se ghe piase vedar el to nome stampà ... ciapa. Te dago el mio bloco de ricette. Ghe xe tanto de intestazion. Mètilo in mostra che'l lo veda. Ma varda de no perderlo, che, se qualchedun lo trova, el va a ris-cio de far amasso de stupefacenti per le farmacie. E alora stago fresco. (e gli mette il ricettario sul tavolo).

SAVERIO - (rientrando): Sior Cesco; se ga fermà a la porta una machina.

CESCO - Xela rossa?

SAVERIO - No.

CICCI - E alora?

SAVERIO - E alora xe smontà un toco de omo ... Mi no so pò se'l sia so suocero.

CESCO - Sì, el xe lu. Ti tasi sempre.

SAVERIO - Mi fasso el muto.

CICCI - E mi l'osto.

CESCO - Sant'Antonio agiutime! Che la candela te la porto de sicuro.

ARISTIDE - (vivacissimo, d.d.) Cossa?! El xe arivà?! ...

CESCO - Ecoli qua.

ARISTIDE - (sempre d.d.). Cossa? Quando? ... Dove? ... (entra seguito da Ginetta  che rimane un po' in disparte quasi imbronciata. Aristide, che ha un pacco alla mano va incontro al genero a braccia tese) Cesco caro! ... Che sorpresa!

CESCO - Caro, papà!

ARISTIDE - (lo abbraccia con grande effusione; indi) E nualtri che gerimo vegnudi alla stazione a torte. ... Come xestu vegnudo?

CESCO - In machina ... (avanzando a braccia tese verso Ginetta) Ginetta mia! Tesoro! GINETTA - (fredda; quasi schernendosi) Ciao. Ben arivato.

CESCO - (un po' interdetto) Go aprofità de un amigo che go trovà a la stazion de Mestre ... (presentando) Mio cugino Francesco Berra-Patrizi.

ARISTIDE - L'osto! Piacere ... (a denti stretti) sior Checco.

CICCI - No Checco. Se'l vol tratarme in confidenza el me ciama Cicci.

GINETTA - (illuminandosi tutta) Cicci?! ... Ah! El xe lu Cicci?! ... Son tanto, tanto contenta ... (gli stringe la mano con effusione)

CESCO - Manco mal che Cicci te ga fato tornar de bon umor.

GINETTA - Sì, Cesco mio. E dame un baso, almanco.

CESCO - Un milion de basi, tesoro. (si baciano)

ARISTIDE - (un po' piccato) Lei sarebbe quello del telegramma, vero? ...

CESCO - (presentando il suocero). Mio suocero; cavalier Aristide Piavonese …

ARISTIDE - (stringendo a malincuore la mano a Cicci) Avicultore. ... Non pollaiolo. Avicultore; da non confondersi con apicultore...

CICCI - (sorridendo) Oh! Ghe vol poco ...

ARISTIDE - Non so. ... Percché la terminologia alle volte. ... La coltura non è patrimonio di tutti (a sé) Ghe la go sgancada! (indicando Saverio) E sto signor?

CESCO - Questo xe …

CICCI - Un mio amigo amalà; che go portà a farse vedar dal professor mio cugino.

ARISTIDE - (quasi a sé) Cussì el ghe scroca la visita! ... (forte) E cossa galo?

CICCI - Disturbi... vero?

CESCO - Disturbi alla gola. No'l pol parlar.

GINETTA -Povareto!

CESCO - (con intenzione) El vorìa lu .… , ma no'l pol.

GINETTA - No ga da esserghe pezo supplizio! Vero?

SAVERIO - Bo... Bo... Bo...

ARISTIDE - No'l fassa sforzi. El se meta quieto ... (a Cesco, sottovoce) Che'l guarissa?

CESCO - Forse cambiando aria ...

ARISTIDE - (a Cicci) E lu cossa vol dir qua?

CESCO - Un giro de afari...

CICCI - E go aprofità cussì per vegnir a congratularme con Cesco del so matrimonio; che go savesto in ritardo, altrimenti gavarìa mandà un regalo ...

ARISTIDE - Quatro, cinque botiglie ...

CICCI - Ma un bel regalo ...

ARISTIDE - Ciò …, se xe per questo, el xe sempre in tempo. El varda che a nualtri el ne piase secco.

CICCI - Cossa?

ARISTIDE - El vin.

CICCI - Ah, sicuro! ... El vin.... Ghe ne mandarò una damigiana. Ma dove? Qua?

ARISTIDE - No, no; a Roma, a Roma ...

CESCO - Via Due Macelli, 106. - Tolte zo l'indirizzo. (e mostra il ricettario)

ARISTIDE - Xe scrito là? Fame vedar ... "Prof. Berra-Patrizi" ... Se ti te fa i biglieti da visita novi, faghe metar anca: "genero del cav. Piavonese!" Fa efeto!

CESCO - Ben, saveu che co ste ciacole me xe vignuda una fame numero uno?

ARISTIDE - Podemo anticipar, se ti credi...

GINETTA - El resta co nualtri anca lu, vero Cicci?

CICCI - Volentieri.

ARISTIDE - El so amigo qua ... no podarà magnar ...

CESCO - Veramente …

ARISTIDE - Go capìo. El xe de queli che se nutre co la cannuccia. ... Ghe daremo un brodo lungo …

SAVERIO - Ma… ma...

GINETTA - No'l se sforza, benedeto, no'l se sforza.

ARISTIDE - E quando gavaressi intenzion de partir?

CESCO - Apena fato colazioni papà. Ne acompagnelo lu in machina fin a Mestre?

ARISTIDE - Sì. Ma ghe xe un contratempo.... La sartora no ga finìo el vestito de to muger.

CESCO - E ti voressi rimandar la partenza per questo? Va là, tesoro, che compraremo per viagio. A Firenze, pò, ghe xe anca la mostra d'alta moda in sti giorni.

GINETTA - Oh, caro!

CESCO - Ti sa che vogio vedarte sempre più bela. ... Bela e diversa nel medesimo tempo.... Diversa de fora ...; ma sempre la stessa de dentro.

ARISTIDE - E pò i dise che i scienziati no xe anca poeti! "Positivisti" i li ciama. - Anca la "Stampa" de oggi, qua. ... (cambiando) A proposito! No ti me ga minga dito gnente de la to nova scoperta.

CESCO - Che scoperta?

ARISTIDE - Quela che ti ga comunicà geri a sera al congresso: L'E. F. 49; - che rivoluziona tutte le teorie in fatto di ge ... di ge ... no me ricordo mai. ...

CICCI - Gerontologia.

ARISTIDE - Bravo! El la ga imbrocada! La sarà stada una combinazion ...

CICCI - Cossa vorlo? Mi lezo molto ... e cussì...

ARISTIDE - El se istruisce Bravo! Autodidatta! - Anca mi lezo molto; ma stanote ho colto la notizia dalla sua viva voce. ... (chiama a gran voce): Marinaa! ...

MARINA - (accorrendo) Comandi, cavalier?

ARISTIDE - A che punto semo?

MARINA - Quasi pronto. (sottovoce) El varda che xe vegnudo el capo allevamento. El dise che nel reparto 79 xe morti altri dodese polastri.

ARISTIDE - Che'l li meta in frigorifero. Doman, i fa un viagio in camion e i li magna a Milan. (quando Marina è sull'uscio). Porta dei aperitivi che qua bisogna brindàr.

MARINA - Quali xe che'l desidera?

ARISTIDE - Tutti. Martini, bitter, gin … (a Saverio) che adesso verzemo le scatole de le sorprese! (a Cesco, mentre Marina esce) Varda! (e apre l'involto che aveva recato al suo ingresso; ne leva un camice bianco da medico) Spero che ti aprezi el pensiero, sora tuto. Questo lo metterai quando vai al gabinetto. ... Sì... Al tuo laboratorio chimico ... D'ora in poi, quando che ti lavorerà a le to ricerche ... questo! Ti ne sentirà cussì sempre vissini. PròviteIo! (e glielo infila)

CESCO - Oh, papà! … (e Aristide gli infila anche il ricettario nel taschino).

ARISTIDE - Perfetto.

(entra Marina con il vassoio degli aperitivi)

Dame qua, dame qua. Fasso mi. (mentre combina gli aperitivi; a Saverio) El beva questo. El pol, vero?

SAVERIO - (facendo di sì con la testa) Ih, ih, ih ...

ARISTIDE - (a Cicci) E lu, lo vorlo al seltz?

CICCI - Preferisso l'acqua.

ARISTIDE - Lo so. Osti e farmacisti...; sempre l'acqua. Cossa faressi se no la ghe fusse! ...

CICCI - (a Cesco) Un bel tipo, to suocero. El me diverte.

CESCO - Portitelo via co ti.

ARISTIDE - Seconda sorpresa! Me despiase che son arivà in ritardo a captare … (il magnetofono trasmette) Sentì!

VOCE DI CICCI - (incisa sul magnetofono) ... "per cui oso affermare che il mio preparato E. F. 49 - per quanto in fase sperimentale - fa sì che il tasso ormonico nel torrente sanguigno rimanga costante .... - È ormai assodata inoltre la sua azione sul metabolismo generale che influisce sui processi di ricostruzione tissulare e sullo stimolo delle gonadi.

ARISTIDE - Eco. Le gonadi!

CICCI - La mia relazione al congresso?! ...

CESCO - Mariavergine !

CICCI - Ciapa; bevi! (e gli porge un altro aperitivo)

VOCE - Secondo poi le ricerche di Spreker, ho associato nel composto le vitamine E e B 12. È chiara dunque l'azione che tali combinazioni esercitano nelle artropatie endocrine, nel climaterio virile e nell'arteriosclerosi cerebrale.

ARISTIDE - (puntando l'indice alla sommità del capo). Qua!

VOCE - Cosicché, illustrissimi colleghi, sembrami che una grande porta si schiuda alla soluzione del problema del recupero degli anziani, che è problema umano e sociale ad un tempo, per cui... per cui...

ARISTIDE - E qua sana finìo ...

GINETTA - Finisso mi. Per cui... ti xe un genio! (lo bacia)

ARISTIDE - Che pecà! No gavevo più nastro. - Cussì manca la ... la ... la cossa … La pe ... la pera...

CICCI - La perorazione.

ARISTIDE - Sì, insoma; la fine del discorso. Ma ti pol dirla adesso, qua.

CESCO - Sì, roprio!

ARISTIDE - Percossa no?

CESCO - Perché fin che se xe là, xe una roba; fora xe un'altra.

CICCI - Po'el saria fià butà via ... Cossa ghe ne capimo nualtri de medicina?

ARISTIDE - La prego di credere che mi ghe ne capisso; e volevo sentire la chiusa direttamente da la so viva vose ... Perché, a dir la verità, quela là dentro, no la me pareva gnanca la tua. Geristu rafredà?

CESCO - Un pocheto ...

CICCI - Po' el passaggio attraverso due diversi mezzi meccanici...

ARISTIDE - Che mezi?

CICCI - Il microfono della radio; e la incisione magnetica.

ARISTIDE - El ga razon! (quasi a sé) Però, no'l xe miga stupido per essar un osto!

MARINA - (entrando) Signora ... Xe pronto. (Marina esce)

ARISTIDE - 0h! Benissimo.

GINETTA - Se volemo andar ... Lo vogio da vissin de mi, Cicci. (lo prende sottobraccio ed esce con lui)

ARISTIDE - (contrariato) Ara st'altra là! ... (Cesco si è levato il camice e ha deposto il ricettario sulla tavola; fa per avviarsi con Saverio; Aristide lo richiama) Professorone mio. Aspeta un momento.

CESCO - Ma papà! ... Ghe lo go dito tante volte ... No vogio che'l me ciama professor.

ARISTIDE - In questo momento, forse, più che mai, (prende in mano il ricettario) Ti adesso ti parti e chissà quando che te vedarò ... (triste) Dunque ti me devi ascoltar: - Mi sento giù, Cesco caro, e vorrei riprendere quota....

CESCO - Quota in che maniera?

ARISTIDE - (supplice), Qualche piccola dose... là ... di quel tuo preparato ...

CESCO - Lu scherza?! ... (spaventato): No'l ga sentìo? El xe ancora in fase sperimentale.

ARISTIDE - Tanto megio. No ti pol negarme l'onore e il piacere di farti da cavia. Mi presto all'esperimento. E sarò il tuo vivente propagatore.

CESCO - Ma no'l xe in comercio.

ARISTIDE - No importa. La formula ti la conossi. Se no ti la conossi ti, chi dovarìa conossarla?

CESCO - Ma no conosso le conseguenze; che spesso xe tremende e le se ripercuote a lunga distanza de tempo. - A diese ... a quindes'ani. ... Anca a vinti. El varda quelo là! (e indica Saverio)

ARISTIDE - Fra vint'ani sarìa morto l'istesso. Megio dunque vivar un sol giorno da leone ...

CESCO - Ma se la vose se propaga?... Anca la casa produttrice co la qual go za un contrato ...

ARISTIDE - Per conto mio ti pol dormir i to soni tranquili (indicando Saverio) Se no'l parla lu ...

(Saverio, mugugnando, conferma il suo silenzio)

CESCO - Quelo no parla mai...

ARISTIDE - Scrivi, alora.

CESCO - (ancora titubante, trangugia in fretta un altro aperitivo, e, dopo qualche altra riluttanza, scrive rapidamente alcune note. Quando Aristide sta per prendere la ricetta, Cesco gliela ritoglie) El speta. (e vi aggiunge un 'altra voce)

ARISTIDE - Apena che ve go messo zo a la stazion de Mestre, fasso una corsa a Venezia alla farmacia internazionale.

GINETTA - Papà! ... Cesco! ... No vegnì? Se no dopo se fa tardi...

ARISTIDE - Eccoci (fa per andare; poi si volta) Ah! ... Bravo! E come xelo? In giosse? Pastiglie? Confeti.

CESCO - Secondo la confezion de la farmacia.

ARISTIDE - E come se lo tol? Prima o dopo i pasti?

CESCO - (titubante) Indiferente. ... Prima, dopo, durante ...

ARISTIDE - Benissimo. Siamo a cavallo! (ed esce)

SAVERIO - (spaventato): Sior Cesco? Cossa galo fato? El va in galera!

CESCO - (un po' brillo) Mo' va là, galera! ... Go fato quatro scarabissi; che chi capisse xe bravo. L'unica parola ciara che go zontà in ultima xe "Bicarbonato di soda grammi dieci". - Anca se i ghe lo dà, quelo no ghe fa mal de sicuro!

SAVERIO - Anzi, el fa digerir!

CESCO -I polastri che magnaremo adesso!

SAVERIO - El ghe diga che posso magnarli anca mi.

CESCO - No! Un medico non si disdice mai! A ti brodo longo e ciuccia!...

SIPARIO


ATTO SECONDO

Salone civettuolo nell'appartamento del prof. Berra-Patrizi a Roma. Due usci a ciascuna laterale. L'ingresso alla parete di fondo, a sinistra; altro uscio a destra. -Mobili eleganti, ninnoli. - Mobiletto bar sul cui piano l'apparecchio telefonico col microfono staccato.

(tre segni di campanello - uno lungo e due corti - all'uscio d'ingresso)

CESCO - (attraversando da destra l'ingresso) Questo xe Saverio! ... (apre, appare Sizina; molto elegante, d'una eleganza un po' eccentrica)

SIZINA - Buon giorno.

CESCO - (sorpreso) Toh! ... Credevo. ... Buon giorno.

SIZINA - C'è il professore?

CESCO - Il professore? ...

SIZINA - Sì; il professore Berra-Patrizi.

CESCO - (imbarazzato), Berra-Patrizi sono io.

SIZINA - (con una risata) Mi faccia un po' il piacere!

CESCO - Me lo faccia piuttosto lei il piacere … - Di dirmi chi è e cosa vuole.

SIZINA - Io voglio parlare con Cicci. Mi ha scritto di venire qui che avrei avuto sue notizie.

CESCO - (intuendo) Ah!... Lei sarebbe ... quella signora? ...

SIZINA - Signorina, se non le dispiace. Per quanto si abbia di me una considerazione un po' pittoresca. Lei è il nuovo cameriere?

CESCO - No; sono suo cugino.

SIZINA - Ah! Quello che mi ha telefonato per l'appuntamento al Rosati? ... Appuntamenti ai caffè non ne ricevo. Io voglio parlare con Cicci; qui in casa sua.

CESCO - Questa non è più casa sua, signorina; dal momento che me l'ha ceduta.

SIZINA - Ah, sì? Comunque da lei verrà certamente. So che è arrivato mezz'ora fa. È stato visto alla stazione Termini..

CESCO - Non lo sapevo. Allora ... meglio così. ... Si accomodi un momento. (la fa sedere) Ambasciator non porta pena ... Io ho un incarico da Cicci; e debbo assolverlo prima di incontrarlo.

SIZINA - Va bene. Si sbottoni.

CESCO - Senta, signorina. Il mio incarico è piuttosto penoso; e, francamente, se potessi risparmiare un dolore ad una donnina deliziosa come lei...

SIZINA - Lasci stare i complimenti... Vuole che incominci io? - Cicci vuol piantarmi.

CESCO - Oh, Dio! ... Piantarla proprio no.

SIZINA - Liquidarmi, insomma.

CESCO - Ecco; di comune intesa; da buoni amici.

SIZINA - Si sposa?

CESCO - (con uno sforzo) Credo.

SIZINA - Lo immaginavo. Gli uomini! Del resto non si merita altro. Però ... che imbecille !

CESCO - Chi?

SIZINA - Io. In cinque anni di relazione, ho tenuto alla larga i mosconi e non gli ho mai fatto un corno.

CESCO - Lo credo.

SIZINA - No; lei non crede un bel niente. Ossia ...; ai mosconi sì ma non alle corna mancate.

CESCO -Come può dire?

SIZINA - Quando una donnina come me si è messa per quella china ... si pensa comunemente che scivoli volentieri; se non altro per abitudine professionale. E invece no. - Ammiratori ne trovavo ad ogni angolo di strada, al bar, al cinema ...; i pappagalli poi ... ma io niente. Perché gli volevo bene; e una regola morale me l'ero fatta da me. Scivolano invece più facilmente le altre. Lei è sposato?

CESCO - Sì, signorina.

SIZINA - Da quanto?

CESCO - Quasi da due mesi.

SIZINA - Aspetti che passi l'anno.

CESCO - Che dice? Perché vuole amareggiarmi con questa profezia?

SIZINA - Perché se ne prepari l'animo. E se non succede, tanto meglio. Del resto, che mi creda o non mi creda, non ha nessuna importanza. L'importante per lei e per Cicci è di sapere che non mi butterò nel Tevere per questo. Ne ero preparata. Nella sua corrispondenza, quand'era fuori, alle parole di fuoco sono subentrate a poco a poco quelle di tenerezza …  poi quelle di ordinaria amministrazione accompagnate magari da qualche chèque ... poi le cartoline illustrate.... Infine, più niente. Ed io ho intuito; ecco qui ora la conferma. (guardando alla pareti e sopra i mobili) Ma guarda ... guarda… Sparito ogni traccia… Quella mia fotografia d'argento che teneva lì... E sì che fra le foto di tante clienti poteva passare benissimo... Il passato è sepolto. Mi convinco proprio che debbo pensare ai casi miei.

CESCO - (forzato) Vedo che lei è una donna intelligente.

SIZINA - Pratica. E non badi alla mia profezia, sa. Non vorrei aver rimorsi.

CESCO - So che ha voluto scherzare. ... (e si gratta in testa) Dica, allora. ... Io sono autorizzato. …; ho carta bianca. ... Dica.

SIZINA - Denaro? …. - No. Non sono ... venale ... per quanto si possa credere ...

CESCO - Una gentildonna. Una vera gentildonna.

SIZINA - (semplice e decisa) Voglio il villino. Quello che abbiamo affittato la scorsa estate a Fregene. So che è ancora in vendita.

CESCO - (con un sorriso forzato) Ah! ... Un villino...

SIZINA - Per ragioni sentimentali, s'intende. In ricordo di un amore schietto e disinteressato; almeno da parte mia. Non gli domando il Colosseo. Dunque ... Più chiara e sbrigativa di così. ... Lei ora gli farà firmare l'impegno che voglio ritirare dalle sue mani; e io gli consegnerò allora lettere, fotografie e la chiave della scala riservata. (e indica il primo uscio di sinistra) Non credo che, ai suoi fini, valgano meno del villino. Tantopiù che, a quanto ho saputo, la dote sarebbe grossissima: - Campi, ville, fattorie ...

CESCO - Già, già ...

SIZINA - Dunque? Mi ha chiesto di essere sbrigativa. Sia sbrigativo lui, ora ... Fra mezz'ora al massimo sarò di ritorno perché io parto. Glielo dica. Non credo che preferisca lo scandalo. D'accordo, allora?

CESCO - (intontito) Va bene. D'accordo.

(ancora tre segni di campanello all'ingresso - uno lungo e due corti)

SIZINA - (stupita) Toh?! ... Sarà lui?

CESCO - Impossibile. Cicci ha ancora la seconda chiave. Questo è il mio agente. Abbiamo lo stesso segno convenuto, come il suo.

SIZINA - Si capisce che la fantasia umana ha ben limitate risorse. Sarà bene che passi da questa parte. (indica l'altro uscio) Non ne avrete mica fatto la scala di servizio?

CESCO -Che dice? È sempre quella riservata alle donne del cuore.

SIZINA - In liquidazione. A più tardi. (esce. Si ripete il suono del campanello)

CESCO - (riattraversando) Eccomi. (apre l'uscio d'ingresso); Vien, vien avanti. (introduce Saverio che ha una busta sotto braccio)

SAVERIO - Bon giorno, sior Cesco. Credeva de no trovarlo. Go sonà do volte.

CESCO - Eh, go sentìo. Ma gaveva zente. Sastu chi? L'amante de mio cugin. Ad ogni modo la go liquidada!

SAVERIO - Anca stamatina go provà a telefonarghe diverse volte. Sempre ocupato. Co chi parlavelo? Col Presidente del Consiglio? (indicando il microfono staccato), Toh! El ga el telefono destacà.

CESCO - Lo destaco aposta, per paura de qualche sorpresa. Ma le sorprese capita lo stesso. Cicci xe a Roma. La me lo ga dito ela. - Informatissima. No vedo l'ora de slogiar de qua.

SAVERIO - Lu a che punto xelo ai Parioli?

CESCO - Doman i me consegna l'apartamento. Ti vedarà che amor. Da l'attico se domina tutta Roma. No ghe ne vedo l'ora. E anche mia muger, povareta. Ma mi per una razon e ela per un'altra.

SAVERIO - E mi per un'altra ancora.

CESCO - Cossa ghe entristu ti?

SAVERIO -Ah! Ghe par gnente? Più de un mese che son qua a far finta de farme curar da lu; perché se no ghe fusse mi, lu no gavarìa gnanca un malà; e co so muger che xe sempre qua, devo star all'erta per paura de tradirete. Go ciapà po` l'abitudine de tasar anca in bottiglieria; cussì i garzoni fa quello che i vol. Se andemo avanti de sto passo; gavarìa fato un bell'afar a metarme socio co lu! ... (trae una busta e gliela porge) El toga; el xe l'incasso de geri. Trecentoottandaduemila e venticinque. Go fato do assegni. Uno de 200 mila e uno de 82 mila e venticinque.

CESCO - Manco de la setimana passada?

SAVERIO - No ghe lo go dito? I clienti se squagia. I brontola che'l vin no xe più quelo. Sfido, mi! Chissà quanta acqua de Trevi che ghe zonta quei fioi de cani che gavemo al banco! ... Se mi o lu no ghe stemo sora co l'ocio, go paura che i sia dolori. (indicando la busta) El controla quei assegni se i va ben. (Cesco toglie gli assegni dalla busta)

GINETTA - (d. d.) Cesco? Sestu là?

CESCO - Mia muger! Verzi la boca! (Saverio eseguisce e Cesco lo visita)

GINETTA - (entrando) Oli, scusa; no savevo ...

CESCO - Con Saverio no se fa complimenti...

GINETTA - Come stalo, signor Saverio?

SAVERIO - Eh! Eh!

GINETTA - La cura fa pochi progressi, me par.

CESCO - E la ghe costa salada. (indicando gli assegni) El me ga pagà adesso.

GINETTA - Cossa? Tuti quei là? No, povareto! No rovinarlo ...

CESCO - Ma xe un toco, sa, che lo go in cura ...

GINETTA - Capisse ... Ma se no ti lo guarissi ... Cesco? 200 mila per ti e i roti per lu, povareto! (porgendo l'assegno a Saverio) Noi non abbiamo il cuore così duro

SAVERIO - Ma...ma...

CESCO - El li tegna, el li tegna. (sottovoce) Dopo te me li dà indrìo!

GINETTA - Arrevederse, Saverio. (saluti a soggetto; Saverio esce) Povareto! Gavevo fato una bona azion, no?

CESCO - Eh, ma no credar ... El ga dei soldeti...

GINETTA - Sì... Ma le bone azion le vien compensàe dal Signor al cento per cento!

CESCO - Speremo!

GINETTA - Dime: xe molto che ti xe alzà? Ti sa che no te go sentìo andar fora de camera, stamatina?

CESCO - Go fato a pian per no disturbante. Ti dormivi cussì beatamente... E ti soridevi... Pareva quasi che ti fussi in Paradiso coi anzoleti.

GINETTA - Ah sì?... Infati xe la seconda note che fasso l'istesso sogno e se ti savessi che belo!

CESCO - Cossa ghe xe, tesoro? No te go mai vista cussì! Ti ga i oci che te sluse!

GINETTA - Cesco? Se gavesse razon el papà co'l dise ...

CESCO - Cossa?

GINETTA - Che tante volte xe el primo fiammifero che impissa in casa?

CESCO - Gineta?

GINETTA - Ti me capissi?

CESCO - E come, amor mio!

GINETTA - Pensa Cesco se'l gavesse i to oci?!

CESCO - Caro!

GINETTA E la toboca...?

CESCO - Benedeto!

GINETTA - El to talento?

CESCO - Disgrazià!

GINETTA - Disgrazià ti disi?

CESCO - Sì, perché ... l'ingegno no dà la felicità ai omeni...; de solito anzi el ghe la tol.

GINETTA - Forse su questo ti ga razon. Ma a ti la felicità nissun pol tortela più ormai, vero?

CESCO - Certo, co una donna come ti!

GINETTA - Oh, done come mi ghe ne xe tante; ma dei omeni come ti ghe ne xe uno solo!

CESCO - No, non dirlo. Mi come omo me considero poco su poco zo come mio cugin.

GINETTA - Ti scherzi?

CESCO - Scusa, lu xe un otimo giovane, elegante, in bona posizion ...

GINETTA - Fata come?

CESCO - Con la sua capacità.

GINETTA - Ma non col so ingegno ...

CESCO - Ghe vol anca quelo per condur una botega.

GINETTA - Sì, no digo ...; ma vustu metar? Lu xe uno qualunque, ti ti xe l'ecezion. De lu se se poi inamorar solo del fisico; de ti invesse me sana inamorada anca se ti fossi stà bruto.

CESCO - Dasseno?

GINETTA - Natural. Mi vardo a l'inteligenza delle persone ...

CESCO - E al cuor gnente?

GINETTA - Se sa, ghe vol anca quelo; ma el cuor chi lo vede? L'inteligenza invesse se palesa, se fa strada da sola, e la finisse per essar conossuda e ammirada da tutti.

CESCO - E de sta ammirazion ti ghe ne vol anca ti la to parte!

GINETTA - Naturale. Cossa vustu che possa domandar de più al Signor?

CESCO - Sì, sì! No domandarghe gnente e andemo avanti cussì che se va benon!

GINETTA - Ben, andèmo fora, alora? Ti me acompagni da qualche ginecologo to amigo?

CESCO - Percossa?

GINETTA - Perché vogio essar proprio sicura.

CESCO - E quando vustu andar?

GINETTA - Anca subito.

CESCO - Ma .… , ma adesso i xe in ferie.

GINETTA - Tutti?

CESCO - Tuti queli che merita la mia fiducia. Me informarò, no dubitar. Intanto sarà megio che ti vadi a vestirte; tantopiù che ghe xe a Roma anca Cicci. El vegnarà qua de sicuro.

GINETTA - Come lo gastu savudo?

CESCO - El ga ... el ga telefonà prima.

(entra Cicci)

CICCI - E più presto de cussì no podevo far per vegnirve a vedar.

GINETTA - Caro Cicci! (saluti)

CICCI - Bela sposina, come vala? Sempre felice? Novità?

CESCO - Mah! Pararìa proprio ...

GINETTA - No, scusa ...; ga da saverlo prima el papà. EI ga da essar qua ancuo ...

CESCO - Dunque ghe sarà poco da aspetar. ...

CICCI - Per sapere la grande notizia. Ben; mi me sento un momento ...

GINETTA - E mi vado a vestirme. Torno subito. (esce)

CICCI - Ben? E ti come vala? Pulito, no?

CESCO - L'andarìa ben se, ogni giorno che passa, no me sentisse mancar la terra sotto i pie.

CICCI - No ti ga dito ancora gnente?

CESCO - Go tentà anca stamatina, ma ela xe sempre più infatuada de esser la muger de una celebrità.... Chi la tira zo da quel setimo cielo de la so ilusion?

CICCI - Certo che dirghe tuto ... cussì de colpo.

CESCO - Sarìa farghe far un tombolon; e nel stato che la dise de essar ...

CICCI - Speta. Chissà che quando la sarà mama ...

CESCO - E come vustu che continua sta comedia per nove mesi?

CICCI - Ben; lassemo che la cosa se matura da sola.

CESCO - Come le nespole!

CICCI - Dime piuttosto; ti ga visto quela signorina?

CESCO - La xe andada fora de qua che sarà gnanca mez'ora.

CICCI - Ah, Sì? ... Dime, presto …; còntime. Gala fato scene?

CESCO - Macché! La ga dito anzi che la se l'aspetava. E no la ga discusso sul resto. La xe piena de dignità quela dona.

CICCI - Quanto?

CESCO - Gnente; no la aceta soldi. La vol el villino a Fregene.

CICCI - Cossa?...

CESCO - El vilino che gavevi afità a Fregene l'anno scorso. Per ricordo sentimentale. El xe ancora in vendita, la dise.

CICCI - Salute, quel ricordo!

CESCO - La m'ha dito de farte firmar l'impegno; e che la torna subito co letare, fotografie e chiave riservata.

CICCI - E ti?

CESCO - Ghe go promesso ... No ti m'avevi dà carta bianca?

CICCI - Accidenti! Ma questa la xe una cartiera addiritura!

CESCO - Ti preferiressi dunque? ... La sa del fidanzamento, de la dote. ... La sa tuto quela dona. No so se te convegna ...

CICCI - No, no ... Fora el vilino, fora el dolor. Ma no'l xe un scherzo!

CESCO - Adio proventi del to E. F. 49 ... - A proposito, ti ga una letera raccomandata de l'Istituto Biochimico de Napoli. - Arivada poco dopo la tua partenza. No saveva dove spedirtela.

CICCI - Dove xela?

CESCO - (prende una lettera da un cassetto e gliela dà insieme al ricettario) Tò. E ciapa anca el bloco de ricete che ti m'avevi dà.

CICCI - (apre la lettera, scorre le prime righe, ne è sbalordito) Noo?! ... Cossa xe sta roba? ... Senti. (legge ad alta voce) "Illustrissimo Professore. Subito dopo la sua relazione al Congresso di Torino sull'imminente lancio del suo prodigioso E. F. 49, venne presentata alla Farmacia Internazionale di Venezia, una sua ricetta invero indecifrabile.

CESCO - (a sé, con un sorriso sornione) Sfido mi! Altro che indecifrabile!

CICCI - "La Farmacia Internazionale, in base alle spiegazioni offerte dal richiedente, convinta che debba trattarsi appunto dell'annunciato E. F. 49, ci ha rimesso la ricettar richiedendoci alcune dosi del prodotto stesso ...

CESCO - (allarmato) Ah, ben!

CICCI - Per quanto tale ricetta, attentamente esaminata dai nostri esperti9i rechi in
calce, e in termini inequivocabili, un'aggiunta di bicarbonato di sodio, siamo
anche noi del medesimo avviso e pensiamo che la formula così ampliata, sia
dovuta alla geniale intuizione di aggiungere una ulteriore sostanza basica.
Abbiamo perciò provveduto a spedire, a titolo sperimentale, una congrua dose
del prodotto, con l'inclusione in formula del NaHCO3. Tanto per sua
conoscenza, con distinti saluti…

CESCO - (spaventatissimo) Oh, Dio! ... I ghe la ga data!

CICCI - (commenta) Robe da mati! ... Una mia prescrizione? ... Una riceta? ... Dove? Quando? - E infati... qua manca el primo foglieto del ricettario! ... Ma ti, a chi ghe lo gastu dà?

CESCO - A mio suocero!

CICCI - Noo!

CESCO - Sì! No coparme, Cicci, pensa che stago per essar papà!

CICCI - Ma che riceta gastu fato?

CESCO - Quatro scaraboci senza capo né coa...

CICCI - Ma el bicarbonato?...

CESCO - Quelo sì lo go scrito ciaro. In ogni caso, no'l ghe gavarìa fato mal de sicuro.

CICCI - E le reazioni che'l pol dar, messo a contatto co altre sostanze? No ti ga pensà, somaro? ... Se quelo adesso ne stà mal, andemo in galera tuti do!

CES.-NooL.

CICCI - (riflettendo) Per quanto ... per quanto... (si convince sempre più) Sì ... sì. ... Un'ulteriore sostanza basica?... Forse la xe proprio una geniale intuizione (a Cesco) E l'intuizione sarìa tua, non mia! ...

CESCO - Ben, va là, te la dago gratis!

CICCI - Mi peraltro no vedo l'ora de vedar to suocero!

CESCO - Chissà in che stato che'l sarà ridoto!

ARISTIDE - (entra dalla comune; è florido, elegante, arzillo) Professorone mio bello, son qua!

CESCO - Oh, papà! EI vegna, el vegna avanti!

ARISTIDE - No gavè paura dei ladri? Lassè le porte spalancàe!

CESCO - Xe stà Cicci che se ga desmentegà de serarla.

ARISTIDE - Ah! Anca lu xe qua? (a sé) Sempre fra i pie!

CICCI - Son vegnudo a darghe un saludin cussì de passagio ...

ARISTIDE - Ben? E la Gineta?

CESCO - La xe drìo a vestirse. La xe un fior!

CICCI - Ma anca lu xe un fior; Perbaco.... Se dirìa ...; da no conosserlo più!

ARISTIDE - Sì, me sento proprio un toro! E tutto merito qua del mio caro genero; uomo di poca fede! Ma la fede la go avuda mi. Ventiquatro scatole i ghe n'à mandà a la Farmacia Internazionale; e le go blocae tute mi.

CESCO - El vol torle tute lu?

ARISTIDE - No. Diffondo la fiducia; e colgo gli allori. I me veci amissi de Venezia me dise: "Ma cossa gastu fato, Aristide? Pati col diavolo? Ti par nostro fio! ..." E alora, povareti ... una scatola a uno, un'altra scatola a st'altro. ... Un gesto de umanità. Gavemo costituìo a Venezia el Club del E. F. 49; e la "Protezione de la giovane" xe in allarme! Anca stamatina nel viagio da Livorno a Roma. … A Civitavecchia xe vegnudo sù un fior de creatura.. - Americana. Apena sbarcada. Dei cavèi de fogo; un portamento .… ; una boca. ... Do oci...

CESCO - Eh, tre, no de sicuro!

ARISTIDE - Oci verdi, da cinematografo! Gavemo fato una de quele conversazion che semo arivai a Roma senza acorzarse.

CESCO - Ah! La parlava italian?

ARISTIDE - Gnanca una parola..

CESCO - E lu quando galo imparà l'inglese?

ARISTIDE - Mai. Ma se semo capii l'istesso. Co funziona el fluido. ... E co ghe xe el fluido no ghe xe bisogno de parole. Basta i oci... le man ... el soriso ...

CESCO - El xe una bela macia, el vada là! (va al primo di destra) Gineta, sbrighite; xe arivà el papà. (ad Aristide) Galo bisogno de tor qualcossa? Un cafè? Un thè?

ARISTIDE - No, no; no go bisogno de gnente.

CESCO - Almanco un aperitivo.

CICCI - El beva un'ombreta de bianco!

CESCO - Posso darghe anca quelà. (va al mobile bar e prende una bottiglia) Roba de la to botega.

ARISTIDE - A proposito, come va i so afari? Beveli sti romani?

CICCI - No me posso lamentar.

ARISTIDE - (prende in mano la bottiglia e legge 1'etichetta) "Bottiglieria Berra-Patrizi. Frascati asciutto". (a sé, facendo una smorfia) Chissà che porcheria! (Cesco mesce; Aristide assaggia facendo schioccare la lingua, dopo aver guardato il bicchiere in trasparenza) Buono. ... Ottimo, veramente. La verità al suo posto... Ah questi vini dei Castelli romani!

CESCO - (piano a Cicci) E no'l se acorze che'l xe so parente, perché el vien da Conegian!

GINETTA - (da sinistra in elegante abito da mattina) Papà! ... Vecio mio! (e lo abbraccia)

ARISTIDE - A pian, che ti me fa andar per tresso1!... (depone il bicchiere e l'abbraccia) E no ciamarme vecio. Vàrdime!

GINETTA - Oh, una meravegia! Ti me geri zo in sti ultimi tempi...; ma ti te ga rimesso; e come!

ARISTIDE - Ma anca ti! Una belezza! ... Eh, la felicità!

GINETTA - Ti te fermi, vero, papà? Te lo go scrito; doman cambiemo de casa; andèmo ai Parioli.

ARISTIDE - E mi, cara, purtropo domatina devo essai a Conegian. Go anca fermà el posto-letto ...

CESCO - (quasi lieto). Davvero?

ARISTIDE - Ma sì. Un disastro! - Go l'epidemia.

GINETTA - Ti? ... - Ti ga l'epidemia?

ARISTIDE - I polastri del mio allevamento. - Quele maledete razze foreste! I more come le mosche. Xe per questo che son andà a Livorno. - Per cambiare il materiale di riproduzione. Eh! Mi lo gaveva sempre dito: "Polli e buoi dei paesi tuoi..."

CESCO - Moglie e buoi...

ARISTIDE - Certo. Ma anca i polastri. Vustu insegnarmelo a mi?

GINETTA - Ti sarà stanco del viagio.... Vustu riposarte?

ARISTIDE - Machè! Fresco come una rosa! Vorìa apena apena darete una lavadina a le man.

GINETTA - Vien, vien, papà..

ARISTIDE - Compermesso. (esce con Ginetta a destra)

CICCI - Sastu, Cesco, che son preocupà?

CESCO - Percossa?

CICCI - Sizina no la te ga dito che la sana ritornada subito?

CESCO - Certo. E quela no me par tipo de mancar de parola. Specie co l'afar del villino che ghe sbìsega...

CICCI - E qua go paura che capita anca la mia fidanzata con relativa zia. A la stazion, go saludà un mio amigo avocato che abita nel so stesso palazzo. Figùrite se no'l se ga senrtìo in dover de avertirla ... Dài, acompagnime. Chissà che la incontremo per la strada. E una volta liquidada ...

CESCO - Come ti vol. Ma qua?...

CICCI - Eh, che to suocero e to muger gavarà da contarsene tante. ... Staremo fora poco. (s'avvia a l'uscio di fondo; ci ripensa e s'avvia a quello di sinistra) No; xe più prudente per de qua. (escono)

ARISTIDE - (viene da destra con Ginetta -; sta asciugandosi le mani) Cesco. ... Toh! No ghe xe più nessun.

GINETTA - Megio. Podaremo cussì far do ciacole in pase.

ARISTIDE - E vardarse un fià megio. ... Perbacco! In gnanca do mesi che ti manchi da casa, che cambiamento! ...

GINETTA - Me son fata più dona, certo.

ARISTIDE - E più luminosa, più florida...

GINETTA - (ha un breve riso trattenuto) Pff ! ...

ARISTIDE - Percossa ti ridi?

GINETTA - Perché fra qualche mese forse.... Ma sì, senza forse ... cresce la famegia!

ARISTIDE - Ohè là là!

GINETTA - Ghe ne son convinta, papà.

ARISTIDE - Ah, ben! ... Ah, ben! ... (e si gratta in testa) Chi va al mulino.

GINETTA - Ti lo disi in un certo modo.... Te despiase deventar nono?

ARISTIDE - A mi? ... Gnanca per idea! ... Me bastarà che mio nevodo me ciama zio. El me dirà nono co gavarò i cavèi bianchi!

GINETTA - Ma se ti te li tingi no'l te lo dirà mai! (campanello)

ARISTIDE - Che i sia lori?

GINETTA - Ma no; Cesco ga la ciave. (e fa per avviarsi)

ARISTIDE - (precedendola) Lassa, lassa. ... Fasso mi. (e va ad aprire tenendo l'asciugamano sul braccio)

(Appaiono la contessa Papozzi e GiuIiana; matronale la prima; fresca e vaporosa la seconda. - Rimangono un po' interdette sull 'uscio, guardando intorno)

CONTESSA - Buon giorno.

ARISTIDE - Buon giorno. S'accomodino, signore ... (le due donne avanzano e l'uscio rimane ancora semiaperto)

CONTESSA - Ma ... ecco ... noi si desiderava vedere il professore ...

ARISTIDE - (giulivo) Ah! Il professore?... S'accomodino, s'accomodino ... Credo che rientri subito. Era qui un momento fa. Prego ... (e, per avvicinare una poltroncina, mette l'asciugamano sull'avambraccio della contessa)

GINETTA - Papà, cosa fai? ... (e sorride alla contessa)

ARISTIDE - Oh, scusi! (e passa l'asciugamano a Ginetta) Lei, signora, ha bisogno del professore?

CONTESSA - (sedendo) Ma veramente ... è piuttosto mia nipote che ...

ARISTIDE - (a Giuliana) Lei? ... Possibile? (complimentoso) Così carina! ... Un bijou, come dicono i francesi.

CONTESSA - Lei è stato in Francia?

ARISTIDE - Io no. (presentandosi alla contessa) Permette? - Cavalier Aristide Piavonese. (presentando Ginetta) Mia figlia.

CONTESSA - Ho sentito prima ... (le tre donne si salutano piegando il capo)

ARISTIDE - Scusi, sa, se ho fatto precedere il mio nome dal predicato. Ma poiché non è una onorificienza fasulla ... "Motu proprio"; in riconoscimento dei miei meriti nel campo dell'avicolitura. Ho un grande allevamento a San Pietro di Feletto, in quel di Conegliano.

CONTESSA - Ah! Veneto anche lei?

ARISTIDE - Perché, anche loro, forse? ...

CONTESSA - Contessa Papozzi; di Marostica..

ARISTIDE - El paese delle ciliegie. Loro dunque sono marosticane.

CONTESSA - (con un sorriso) E anche il mio titolo non è fasullo, come lei dice. Antica nobiltà Polesana.

ARISTIDE - E infatti... Papozze ... in quel di Rovigo ...

GIULIANA - No; quello non c'entra.

ARISTIDE - Lo so. Ho voluto dire una facezia. Tanto per entrare in simpatia.

CONTESSA - Se è per questo, può dire d'esserci entrato già.

ARISTIDE - Simpatia reciproca, alora. E podemo dirselo anca in dialeto; vero contessa?

CONTESSA - Certo. E in dialeto posso farghe anca una confidenza: - Son anca mi un'avicultrice.

ARISTIDE - Noo?! Guarda le combinazioni!

CONTESSA - Go vossudo tentar un picolo allevamento ... Oh! Cose da poco ...

ARISTIDE - Mi son arivà a diesemila capi al giorno.

CONTESSA - El mio xe invesse de limitate pretese ... Come se podarìa dir? ... Quasi a scopi familiari. A Marostica passemo quasi metà de l'anno; el resto qua a Roma, dove mia nipote se stabilirà definitivamente.

ARISTIDE - Ah! Studi?

GIULIANA - Amore; son prossima a sposarme.

GINETTA - Auguri, signorina, auguroni.

GIULIANA - Grazie.

CONTESSA - Ma sto professor tardaralo tanto?

ARISTIDE - Non credo; ad ogni modo la lo speta, perché el xe un asso. Basta vardarme mi. Se la me gavesse conossùo apena do mesi fa. ... Una ciera da far spavento. ... Le ganasce? Do barbagole che me pareva de essar un can da caccia. ... E certe borse soto i oci. ... Xe bastàe do scatole del so famoso E. F. 49, e me voilà! La vedarà anca ela in pochi giorni... un'altra LOLLOBRIGIDA! ....

CONTESSA - (sdegnata) Ma mi no go bisogno de quela roba!

ARISTIDE - Ah! No la xe vegnudà per questo?

CONTESSA - Ghe dirò: - Mi son molto sutila in fato de moralità; e vorìa saver da le persone che xe a contatto col professor; come che'l xe.

ARISTIDE - Come che'l xe, in che senso?

CONTESSA - Non intendo parlar del suo valore ...; quelo xe ormai conossùo; aludo al carattere; a la vita privata, a le possibilità affettive ...

ARISTIDE - Posso dirghe che solo due culti lu ga ne la vita: - Lo studio e la famegia.

CONTESSA - Famiglia? Veramente i genitori no'l li ga più ...

ARISTIDE - Ah, lei sa? Dunque le xe anca lore in confidenza?

CONTESSA - Un pocheto, vero Giuliana?

GIULIANA - In quanto alla famiglia credo che noi gabia che un cugin, ma de altra condizion.

ARISTIDE - La se figura: poco più de un osto! Diese spane al di sotto del suo livello ... Ma lu, democratico al cento per cento, el ghe vol ben l'istesso.

GIULIANA - Ma per parlar cussì el ga da conosserlo proprio a fondo?

ARISTIDE - Se lo conosso? Ciò, Gineta? La me domanda se lo conosso? E1 xe mio genero !

CONTESSA - Cossa? El professor Berra-Patrizi?

ARISTIDE - Francesco Berra-Patrizi.

GIULIANA - Zia? Ma alora el xe vedovo? E no'l me ga dito gnente?!

ARISTIDE - Ah! Alegra, Gineta! La signorina te ga alongà la vita! La la varda; questa è la fortunata compagna della sua esistenza!

GIULIANA - Ela? No xe possibile!

CONTESSA - Ma no! Se el xe el fidanzato de mia nipote?

GINETTA - De ela? Ela la xe la so fidanzata? E alora mi cossa son?

CONTESSA  -  Mah!  Una donna che  dovrà adattarsi  a lasciarlo libero  ...  Sono  gli inconvenienti delle relazioni irregolari.

GINETTA - La varda come che la parla, sa!

ARISTIDE - Perché mia fia xe sposada!

GIULIANA - Con Berra-Patrizi?

ARISTIDE - E con tanto de chiesa e de Municipio !

CONTESSA - Non posso crederlo!

GINETTA - La ghe lo domanda a lu e la sentirà!

GIULIANA - Ma perché tarda tanto?

CONTESSA - Perché sarà stato avvisato che noi siamo qui.

GIULIANA - Andiamolo a cercare!

CONTESSA - Senza perdar tempo!

GINETTA - Vegno anca mi!

ARISTIDE - E anca mi! (dalla comune entra il brigadiere)

BRIGADIERE - Un momento! Nessun si muova! Il professor Berra-Patrizi?

CONTESSA Oh, bravo! Dov'è?

BRIGADIERE - Sono io che domando dov'è! - Brigadiere del Commissariato di Rione. Sono qui per condurlo subito dal signor Commissario.

ARISTIDE - Per quale ragione?

BRIGADIERE - Non si è presentato al Pretore di Conegliano per il processo.

GINETTA - Un processo? El gaveva anca un processo?

BRIGADIERE - Come testimonio per uno scontro d'auto.

CONTESSA - Bazzecole! Vedrà quello che gli faremo noi!

ARISTIDE - Ma dove? Quando ghe xe stà sto scontro?

BRIGADIERE - Il 17 Luglio a Castel Roganzuolo.

ARISTIDE - Ma mi faccia il piacere! Se il 17 era a Torino?

BRIGADIERE - Come fa a saperlo, lei?

ARISTIDE - Perché sono suo suocero. Quindici-diciassette Luglio: congresso di gerontologia. Ne hanno parlato tutti i giornali. Posso portargliene dei chili. E se non basta posso darle anche il magnetofono, guardi!

BRIGADIERE - Che cosa mi dà lei?

ARISTIDE - Il magnetofono!

BRIGADIERE - A me?

ARISTIDE - A lei e al commissario !

BRIGADIERE - Badi come parla, sa; badi come parla! - Il processo per causa del mancato testimone è stato rinviato a posdomani 14 alle ore 10. E se questa volta non si presenta, lo traduciamo con la forza pubblica! Articolo 144.

SIZINA - (entrando) Ih! Quanta gente! Il professore allora riceve?

CONTESSA - Deve farsi visitare?

SIZINA - Non c'è bisogno. Lui mi conosce intus et in cute!

GINETTA - Ma lei come ha fatto ad entrare da quella parte?

SIZINA - Toh! Come tutte le altre volte! Con la chiave.

GINETTA - Ma allora … la xe la so morosa?

SIZINA - Faccia conto ...

GIULIANA - Un'altra? Delinquente!

GINETTA - Papà! Me vien mal... (e sviene sulla poltrona)

CONTESSA - Acqua! Acqua! El ghe bagna la testa!

ARISTIDE - No, che la xe in stato interessante!

GIULIANA - Mascalzone!

CONTESSA - Non gli bastava la moglie, anche l'amante!

SIZINA - La moglie? Che moglie? Se non è sposato ancora!

GIULIANA - Ah! Non è sposato!!

CONTESSA - E cosa mi dice, allora, questo citrullo? (e indica Aristide)

ARISTIDE - Signora! Ritiri il citrullo, se no la faccio metter fuori dal brigadiere!

BRIGADIERE - Che fuori?! Io metto dentro e non fuori, per sua regola!

(entrano Cesco e Cicci; le quattro donne si gettano loro incontro aggressive con le braccia levate. Cesco e Cicci, spauriti, fanno dietro-front; mentre il brigadiere si frappone allargando le braccia)

Indietro tutti!

CESCO e

CICCI - Cossa sucede?

GINETTA - Canaglia!

GIULIANA - Impostore !

SIZINA - Dite voi: - Avete preparato l'impegno scritto?

CESCO - Ma...

SIZINA - Ah! È così che mantenete le promesse voialtri? Io le ho portate le lettere e le fotografie !

GINETTA - Sue?

GIULIANA - Faccia vedere !

SIZINA - Dopo! Prima il villino, professor Berra!

BRIGADIERE - Berra? Chi è?

SIZINA - Quello là. (indica Cicci)

BRIGADIERE - Ma Berra-Patrizi?

ARISTIDE - Sì; questo qua! (indica Cesco)

GINETTA - È lui! (a Cesco)

BRIGADIERE - Insomma, non mi darete da intendere che tutti e due sono Francesco Berra-Patrizi?

CESCO - Sissignore!

CICCI - Proprio così!

BRIGADIERE - Ma il celebre professore chi è?

ARISTIDE - Questo qua! (a Cesco)

CONTESSA - No! È questo! (a Cicci)

ARISTIDE - Signora! Questo è l'osto!

GIULIANA - Oh, Dio! (sviene)

ARISTIDE - Acqua! Acqua!

CONTESSA - No! Acqua no!

ARISTIDE - Percossa? Xela incinta anca ela?

CONTESSA - Le dò querela!

BRIGADIERE - Basta! Basta! Poche chiacchiere! ... (a Cesco e a Cicci) Loro due posdomani alle dieci dal Pretore di Conegliano. (ad Aristide) E lei subito dal commissario con me.

ARISTIDE - A far cosa?

BRIGADIERE - A rendere tonto dell'ingiuria che mi ha rivolto.

ARISTIDE - Io?! ...

BRIGADIERE - Mi ha dato del magnetofono! (e con la mano fa cenno del mangiare) Questo non me l'aveva detto ancora nessuno. Andiamo! (e lo trascina per il bavero della giacca)

SAVERIO - (che, apparso a destra, aveva ascoltato da tempo) Povero cavalier! Cossa che ghe toca! ...

ARISTIDE - Ciò?! ... El muto che parla?! ...

SAVERIO - Sono guarito! Un miracolo del professore. (e indica Cesco)

CESCO - Prima de finir in galera!

GINETTA - Papà, vegno co ti. No te lasso ...

BRIGADIERE - (sempre trascinando Aristide) E ghiàmme! !

SIPARIO



ATTO TERZO

Scena e arredamento del primo atto. Il calendario a muro segna il 14 Settembre.

In scena Aristide, col cappello sul naso. È nervosissimo; si muove per la stanza. Indi va all'uscio di fondo.

ARISTIDE - (chiamando a gran voce) Marinaa! ...

MARINA - (appare poco dopo sull'uscio) Me ciamelo, cavalier? Percossa sighelo in sta maniera?

ARISTIDE - Perché me comoda zigar. No son forse el paron?

MARINA - Per mi ... Anca se'l vol tirar abasso la casa ... Scominçiemo pulito. Nervi de matina bonora; del resto xe da geri sera, apena tornai, che qua dentro ghe xe burasca. Cossa gali magnà a Roma? Lengue de serpenti?

ARISTIDE - Se ti badassi ai fati tui sana megio.

MARINA - E no ghe par che i sia anca fati mii? Se no me fusse afezionada a sta casa, credelo che restasse qua? Ma me piase vedar zente alegra, visi destirài. ... E invesse. ... Lu me par una belva in cheba; e i so sposi. ... La signora, povareta, ga da aver pianto tuta la note; la ga do oci sgionfi cussì; co do serci neri intorno

ARISTIDE - Povera creatura!

MARINA - El professor, po', no ga çerto dormìo in stanza matrimonial. I linzioi, da la so parte, gnanca tocài; e el cussin senza buseta. La ga da essar stada ela a serarlo fora de la porta.

ARISTIDE - Lo credo ben!

MARINA - Ah! Vèdelo che ghe xe soto qualcossa de grosso? Lo go capìo subito co li go visti arivar a rate: - Lu e la signora co un treno; e el professor co un altro. Cossa xe sucesso?

ARISTIDE - (decisamente) Xe sucesso ... xe sucesso ... che'l professor ga una morosa. Eco cossa che xe sucesso. Anzi, do; una del cuor e st'altra ... per el resto.

MARINA - Noo?! Dopo gnanca do mesi che'l xe sposà?

ARISTIDE - Mah! ... E po' se dise che i scienziati no ga che formule per la testa ...

MARINA1 - Tuti compagni i omeni. Anca lu, el vada là. … In quindes'ani che son in sta casa ghe n'avarìa visto de bele se no me fusse usada a tegnir i oci serai. ... E anca adesso ... se la rana gavesse denti...

ARISTIDE - E la rana sarìa mi? ... Cossa vustu saver ti se go denti o no denti? Del resto se mio genero la ga fata grossa. La colpa, in fondo, no xe tuta sua1; ma de quel cugino. El xe lu che ghe tien terzo. - Osto! E tanto basta.

MARINA - Oh, povera signora! ... Cossa che'l me conta! ... E ela xe vegnuda a saverlo?

ARISTIDE - Pezo. La ga podesto constatar de persona. E alora scene, lagrime, svenimenti. Oh, ma savarò ben mi a metar le cose a posto. Fra poco ga da arivar anca st'altro, per via de quel processo in pretura, se no i va a torto coi carabinieri.

MARINA - A proposito; salo che stamatina ga partono la muger del pretor?

ARISTIDE - E cossa ghe entra?

MARINA - Xe stà più mal el pretor che la muger; sicome el xe el so primo fio, ghe par de averlo fatto lu. E ga tocà metarse in leto co la freve. Go paura che anca per ancuo el processo no i lo fassa.

ARISTIDE - Ben; de quelo no me ne importa proprio gnente. Xe questo de famegia che me interessa. - Sarò giudice imparziale ma spietato. Dove xeli adesso?

MARINA - La signora xe in camara drìo a vestirse. El professor invesse misura el brolo a passo de carica. Salo che'l me fa paura quel'omo? - El mena i brassi, el se struca la testa. ... E go anca sentìo che'1 diseva: "Megio morti... megio morti. ... Megio negarse! ..."

ARISTIDE - (un po' spaventato) Noo?!...

MARINA - Per fortuna che canali qua vissin no ghe ne xe ... E se no'l se nega ne la vasca da bagno.

ARISTIDE - Sera la porta del bagno a ciave; e fameli vegnir qua. (rumore di automezzo che arriva, si ferma e riparte) Cossa xe? La corriera de Conegian?

MARINA - Sicuro. Xe le nove, salo. (esce dal fondo)

ARISTIDE - Boni de capitar adesso. ... Co sti nervi che go. ... Vedemo se ghe gera coincidenza col treno de Roma. (siede con le spalle all'uscio di fondo e sfoglia un orario ferroviario) Ma varda se la xe la maniera questa de far gli orari ... Macchè! ... Quadro 65 ... Quadro 67. … So santola in cariola!

(Dopo un poco, dall'uscio di fondo, che è rimasto aperto, si scorge in antisala Sizina che avanza come cercando. È in abito molto elegante, ma sobrio; porta gli occhiali da sole. Ampia borsa da viaggio di ottimo gusto. Arrivata all'uscio scorge Aristide di spalle. - Quasi timidamente:)

SIZINA - È permesso? ... (fa ancora qualche passo) Posso entrare? (e poiché Aristide non l'ha sentita, si avvicina e gli batte leggermente sulle spalle)

ARISTIDE - (con un balzo) Chi xe?! ... (scatta in piedi)

SIZINA - Scusi; ho chiesto permesso; ma lei...

ARISTIDE - Una signora?

SIZINA - Non certo un fantasma. Mi tocchi... Mi tocchi la mano. ... (e gliela porge)

ARISTIDE - (toccandola) No …, no ... carne. ... E molesina ... (si corregge) Delicata, dico. Ma ... Chi è? Come ha fatto? ...

SIZINA - Ho trovato il cancello aperto. Sono entrata. Non c'era nessuno...

ARISTIDE - Ma Questa voce?! ...

SIZINA - Non le riesce nuova, vero? ... Sono quella della ... scala riservata. Via Due Macelli, 106. Mi guardi. (si toglie gli occhiali)

ARISTIDE - (sbalordito) Lei?!... La ... no ... sì... insomma ... quella? ... Come è venuta?

SIZINA - A piedi no di certo. Da Roma a qui ci sono oltre seicento chilometri.

ARISTIDE - Che è venuta a fare? Un altro scandalo? Con mia figlia di là...

SIZINA - Niente scandali; stia tranquillo.

ARISTIDE - E che vuole, allora?

SIZINA - Far rispettare il patto. Sono venuta a ritirare l'atto di possesso del villino a Fregene. Ed io in cambio ho portato lettere, fotografie e la chiave della scala riservata. (mostra un pacchetto legato con un nastrino) Non mi offre nemmeno una sedia?

ARISTIDE - (titubante, guardando verso gli usci) Si accomodi pure. Ma … se viene qualcuno ...

SIZINA - (sedendo con le gambe accavallate bene in mostra e accendendo una sigaretta) Ho previsto; ed ho preso le mie precauzioni. (indica gli occhiali) E se ci fosse stata gente, avrei atteso il momento opportuno. L'altra sera li ho cercati per tutta Roma, sa, quei due signori; senza risultato. Poi è stato come un lampo: - Mi sono ricordata che per oggi erano stati convocati qui vicino, alla Pretura di Conegliano. Ricorda quel brigadiere?

ARISTIDE - Se lo ricordo? Eccome! ...

SIZINA - E allora ... - sarà stato anche un colpo di testa il mio - a mezzanotte ho preso il treno per il Veneto. Ed eccomi qui da lei.

ARISTIDE - E perché proprio da me?

SIZINA - Perché trovato lei, avrei trovato anche i due cugini. Difatti, appena ho chiesto di lei, mi hanno additato la sua villa; ed è stato un coro generale per la sua intraprendenza, la sua operosità … ; e ho avuto la prova che la mia impressione, là, a Roma, non era sbagliata.

ARISTIDE - Che impressione le ho fatto?

SIZINA - Di un uomo volitivo, dinamico, giovine di spirito ...

ARISTIDE - E di corpo, anche.

SIZINA - Il modo come saputo tener fronte a quel brigadiere ...;

ARISTIDE - Ha visto, eh?... Con me non si scherza!

SIZINA - Il male si è che non ha scherzato nemmeno quell'altro, trascinandolo via così come un delinquente. - Le hanno fatto passare la notte in Questura?

ARISTIDE - Macché! ... Il commissario è stato molto gentile e comprensivo e mi ha fatto mollare subito con tante scuse.

SIZINA - Ah! Lei mi consola. Non potevo dormire, l'altra notte, pensandolo nel buio e nella solitudine di una guardina ...

ARISTIDE - Si è angustiata per me? ...

SIZINA - Sì; perché io ho stima, sa, di lei. Non so perché ... ma ho stima. Certo lei non potrà pensare altrettanto di me ... Ed è logico. Noi, così dette donne poco ... malinconiche, siamo generalmente mal considerate dagli uomini onesti che non credono che anche noi si possa avere un cuore, tanto è vero che appena capita un'occasione migliore ci liquidano senza tanti complimenti, anche se abbiamo dedicato a loro cinque anni della nostra vita; una giovinezza, insomma!

ARISTIDE - Cinque anni! Un lustro! Certo ... darebbero diritto ...

SIZINA - Di far delle scene? Degli scandali? Con che risultato? Io in chiesa a dispetto dei santi non ho mai voluto restare, e così ho finto di non soffrire ... e gli ho chiesto il villino. Ecco il segno della venalità, dirà, lei... e penserà al ricatto! Ebbene, ricatto no; ripicco piuttosto per il suo modo di agire, piantandomi per interposta persona, per evitare il disagio d'incontrarsi con me, di guardarmi negli occhi, di essere costretto a dirmi una parola gentile ...

ARISTIDE - È sempre stato un timido ...

SIZINA - Lo crede? A me non sembrava.

ARISTIDE - Comunque il suo ripicco è giusto. Ha fatto bene a venire da me, perché questo è un affare che, se vuole, glielo metto a posto io e senza perdere tempo.

SIZINA - Grazie. Vedo che il mio senso d'intuizione mi ha guidato bene. Lascio lei arbitro.

CESCO - (entrando) È permesso? (Sizina si rimette subito gli occhiali) Oh ... Disturbo?... (e si volta rapidamente per andarsene) Torno dopo.

ARISTIDE - No, no; anzi... ti capiti a proposito. Varda chi che ghe xe!

(Sizina si toglie gli occhiali)

CESCO - (che è venuto avanti; con un balzo) Oh! ... Lei?

ARISTIDE - (un poco ironico) Una bella sorpresa, vero?

SIZINA - Buon giorno, signor Cesco.

ARISTIDE - Oh, può risparmiarsi di chiamarlo "signore"; e può dargli anche del tu. (a sé) Cinque ani! ...

SIZINA - Mi sembrerebbe una confidenza eccessiva ...

ARISTIDE - (a sè), Piena de pudori sta doneta! (a Cesco). In quanto a ti, caro Cesco, ti capirà che xe necessario che ti mantegni subito l'impegno che ti ga assunto verso la signorina. So che no ti ga bisogno de mi, ma ad ogni modo mi son pronto a intervenir nel sacrificio finanziario e a mettere una pietra sul passato. Ad una condizione però: - Che d'ora in poi tu ti lasci condurre da me, perché tu, per quanto professore, hai dato prova di veleggiare con la testa nelle regioni astrali, come tutti i luminari della scienza..

SIZINA - (sbalordita) Cosa?! ... Professore, lui?! ... Luminare della scienza? ... - La scienza dei fiaschetti e delle "foiette"! ... (e scoppia in una lunga, irrefrenabile risata)

ARISTIDE - Che cosa sta dicendo, lei? ... Perché ride così? ...

SIZINA - Perché.... Lo posso dire o c'è di mezzo qualche altro imbroglio?

CESCO - (deciso e disperato) La lo diga, signorina; la lo diga ela, visto che mi no go gnancora el coragio de farlo! La lo diga; e se perdarò la muger, el fio, el suocero, sarà mio dano! Ma basta! Basta! Vogio andarghene fora da sta agonia!

SIZINA - Che devo dire? Che lui non è professore!

ARISTIDE - (sbalordito, spalancando gli occhi) Cossa?!

SIZINA - Il professore è suo cugino. Cicci.

ARISTIDE - E lu?

CESCO - E mi son l'osto!

ARISTIDE - Oh, Mariavergine! (precipitandosi all'uscio di destra) Ginetaa! ...

CESCO - Noi staga a damarla! Che nel stato che la xe ...

ARISTIDE - Che no la ciama? Ginetta! (entra Ginetta) Vien qua. Senti, senti! ... No ti sa? To marìo no'l xe ... el professor ... To marìo xe l'osto!

GINETTA - Eh?! ...

ARISTIDE - Un osto che ne ga menà per el naso in sta maniera! Che ga aprofità de la nostra buona fede!

CESCO - Ah, questo po' no! Mi no me son mai presentà come professor, no go ostentà titoli che no gavevo! Sé stai vualtri! Lu, prima de tuti, che no ga parso vero de dar so fia a un uomo illustre! Come se un osto no podesse farla felice l'istesso!

GINETTA - Sì, eh?! ... Mantegnendo relazion co sta signorina!

CESCO - Mi? Se fin a do giorni fa no la gavevo mai vista?

GINETTA - Dasseno?

CESCO - Signorina, la lo diga ela!

SIZINA - È la verità!

CESCO - Mi la go conossuda per afari de mio cugin ... perché la ghe dasse indrìo le so letare, le so fotografie...

SIZINA - Che infatti sono venuta a riportare. Eccole qua. (le mostra)

GINETTA - Ma alora ti xe inoeente? E gnanca co st'altra, alora?

CESCO - Natural. Te lo giuro!

GINETTA - Oh, Cesco! Tesoro mio!

CESCO - Anca se fasso l'osto?

GINETTA - E cossa vustu che me ne importa? Ti! Ti! (si abbracciano)

SIZINA - (a sé) Oh, adesso c'è la scena patetica!

ARISTIDE - (esplodendo) Ma questo xe el sofito che me casca su la testa! ... Un tradimento! ... Una cortelada ne la schiena! Oh, ma no la finisse minga cussì! Separazione legale! … Anzi, annullamento de matrimonio per scambio di persona ... per vizio di consenso! ...

GINETTA - El consenso, mi ghe lo go dà, papà!

ARISTIDE - Ma mi ritiro el mio!

GINETTA - Cossa ghe entristu ti? No son minga minorenne!

SIZINA - E fin qui ha ragione lei. (indica Ginetta)

CESCO - Séntelo? Ghe dà torto anca i estranei!

ARISTIDE - Perché sta signorina no la sa ...

SIZINA - Io so che certi affari di famiglia è meglio che ve li sbrighiate da soli. Dove posso attendere l'esito della pratica che le ho affidata?

ARISTIDE - Se la ga vogia de caminar ...

SIZINA - No; ho voglia di riposarmi un poco.

ARISTIDE - E alora in sto salotin. (e indica il primo di destra) Farò più presto che posso.

SIZINA - Grazia. Con permesso. (esce)

CESCO - No la ga da essar una cativa dona, quela là.

GINETTA - El cativo xe stà Cicci! Fideve dei scienziati!

CESCO - Te ghe ne diressi mal, adesso?

GINETTA - Xe tuta la note, sastu, che me torturo pensando che se invesse de sposar un genio, un omo grando, insomma, gavesse conossuo un giovine semplice ... Un impiegato ... un professionista ... un biavarol. ...

CESCO - Un osto?!

GINETTA - Sì! Un osto; forse sana stada più felice!

CESCO - E ti lo sarà sempre, te lo giuro!

ARISTIDE - Mariavergine! Co penso che co quela riçeta podeva anca lassarghe la pele!

CESCO - Ghe la galo lassada?

ARISTIDE - No!

CESCO - E alora? E po', se anca el moriva, chi xe che andava in galera? Mi o lu?

ARISTIDE - Ma mi finiva a ... Porta Inferi!

CESCO - E invesse el xe là belo e florido che'l fa piasser a vardarlo.

ARISTIDE - Prima, forse; ma adesso? Tanta fadiga che go fato per cavarme vint'ani da dosso ... co sto colpo ghe n'ò perso almanco diese.

GINETTA - Ti resti sempre in guadagno de altri diese, papà.

CESCO - E de queli el pol ringraziarme mi!

ARISTIDE - Zo! ... Dàghela! ... Ma come galo fato, lu, a trovar adesso tuto sto coragio? ...

CESCO - Rientrando finalmente ne la mia pele; e co la certezza che so fia me vol ben per quelo che son ...; e lu. ... In fondo no son minga un ladro!

ARISTIDE - Quasi! Ti meti l'acqua nel vin!

CESCO - Quela la xe una forma d'igiene per attenuar i dani de l'alcolismo; e se lu volesse métarse co mi, salo quanti soldi che faressimo insieme? El me diga: Come valo, qua, el so allevamento?

ARISTIDE - Un disastro! Il morbo infuria ...

GINETTA - (ridendo) Il pan ci manca... CESCO - E lu me sventola bandiera bianca!

ARISTIDE - Percossa dovarìa sventolarla?

CESCO - In segno di resa. El me scólta mi. Che se'l va avanti cussì, questa deventa terra bruciata. E invesse la xe tera benedeta per el vin che la dà. El coltiva i vigneti; el modernizza le cantine. Qua la centrale di produzione e a Roma quella di spaccio: Ditta Berra-Patrizi-Piavonese.

ARISTIDE - Caso mai el mio nome prima del tuo !

CESCO - Anca questo se'l vol; faremo bezzi a capelàe! No'l se ga incorto che mi porto fortuna?

ARISTIDE - A chi?

CESCO - A tutti. El leza i giornali de stamatina. In virtù de quela formula, completada da mi col bicarbonato, Cicci xe stà nomina Membro ad honorem del Consiglio Superiore di Sanità.

ARISTIDE - Povari nualtri... in bone man semo!

CESCO - E qua el smobilita; el venda. Ghe trovo mi l'acquirente se'l vol. (campanello all'ingresso)

ARISTIDE - I sona.

CESCO - Questo xe Cicci che vien per el processo.

GINETTA - (che si è recata al fondo a guardare) No; una signora. … Quela vecia contessa de Roma.

CESCO - Sola?

GINETTA - Sola.

MARINA - (dal fondo) Cavalier, ghe xe una signora che domanda de lu.

ARISTIDE - Ben; dighe che la se acomoda. (via Marina) No ghe mancava che la contessa! ... Perché no go i nervi abastanza in tochi! ...

CONTESSA - (entrando, vivacissima) Oh, caro, caro cavalier! … (Marina la segue) ARISTIDE - Contessa ... che sorpresa! ... Cossa vol dir? ...

CONTESSA - Adesso ghe spiegarò. (porgendo la mano a Ginetta) El permetta … la so deliziosa figliola; apena intravista l'altro giorno in quela baraonda... Cossa che fa nassar un equivoco a le volte ... (a Cesco) E questo xe el so sposo. Quelo autentico. Simpatico giovanotto.

CESCO - Tropo bona, contessa.

GINETTA - La se acomoda. (Marina esce)

CONTESSA - Oh, che cari, che cari! Me se slarga el cuor a vedarli cussì feliçi. ... A dirghe la verità gaveva paura de trovarli un poco in burasca ...

ARISTIDE - La stessa paura che gavevimo nualtri nei confronti de lori.

CONTESSA - Certo che'l xe stà un equivoco da far drizzar i cavèi. E invesse ... per fortuna, dopo una leale spiegazione...

ARISTIDE - Come qua.

CONTESSA - In fondo, per Cicci, no la xe stada che una scappatella ante-matrimonio. Nessun xe santo a sto mondo. Quale xelo l'omo che no ga avudo qualche tatara ne la so vita? ...

ARISTIDE - (si lascia sfuggire) La me lo diga a mi! (si corregge) Sì, digo ... a mi... che ne la mia lunga esperienza ghe n'ò viste de cote e de crue.

CONTESSA - E cussì, adesso, tutto xe a posto; qualche lagrimeta, qualche convulsion ... E inamorai più de prima.

ARISTIDE - (commenta a sé) E un villino sul stomego !

CONTESSA - Ma salo che la trovo ben, cavalier?

ARISTIDE - In malorsega! Xe passai apena do giorni e la vorìa vedarme consunto?

CONTESSA - Megio de l'altro giorno, vogio dir. Più roseo ...; più luminoso. Eh, l'aria de ste meravigliose coline. ... No gera mai stada da ste parti. ... El Paradiso terestre! ...

CESCO - Ma, la me scusa, contessa. ... Mio cugin Cicci xelo restà a Roma?

CONTESSA - Semo arivai insieme. - Mi, lu e la so fidanzata. La mia Giuliana no ga vossudo lassarlo partir solo. E cussì...

ARISTIDE - Una specie de anticipo sul viaggio de nozze.

CONTESSA - Sì; ma co la zia che monta la guardia, peraltro ...

GINETTA - E dove xeli restai?

CONTESSA - A Conegian, vissare.

ARISTIDE - (a sé) E ela monta la guardia a oto chilometri de distanza!

CONTESSA - (a Cesco) Lu no la sa la notizia? ... Ghe la dago mi: - El processo no se fa più. El pretor xe in leto co la freve.

ARISTIDE - Za, ga partono ...

CESCO - El Pretor?

ARISTIDE - No; so muger.

CONTESSA - Cussì i testimoni no ocore più; perché queli che se ga scontrà in machina, i s'à messo d'acordo fra de lori e i ga ritirà la denuncia.

CESCO - E... Cicci?

CONTESSA - El ga vossudo andar sù al Castelo co la mia Giuliana per amirar el panorama. I vegnarà qua per mezzogiorno. Ma mi moriva invesse da la vogia de vedar el so alevamento. Sarò stada indiscreta, forse ... Ma pensando che semo anca su la strada de deventar parenti.

ARISTIDE - Parenti mi e ela, contessa?

CONTESSA - Ciò; se le. fia de mio fradelo sposa el cugin del marìo de so fia ...

ARISTIDE - (grattandosi la testa; quasi a sé) Ah, za! Parentela streta! Ma ela, contessa, gavarà bisogno de tor qualcossa ...

CONTESSA - Grazie; a la matina, per regola, mi no togo mai gnente.

ARISTIDE - Ma questa xe una matina eccezionale. (va al fondo e chiama) Marianaa!.

CONTESSA - Ben, alora... tanto per gradir, una tazza di thè ...

MARINA - (sull'uscio) Comandi, cavalier?

ARISTIDE - Preparighe in sala da pranzo la colazione a la contessa. (alla contessa) Thè, la ga dito?

CONTESSA - Sì, grazie, co un giosso de late.

MARINA - Pro vedo subito.

CONTESSA - E qualche biscotto. (non appena Marina è all'uscio) Forse, se ghe fusse anca un cuciarin de miel. Dové averlo squisito da ste parti. Go visto i alveari.

ARISTIDE - Ali, qua da nualtri, burro e miel!

CONTESSA - Eco; miel e buro.

MARINA - Se la vol comodarse.

CONTESSA - E lori?

GINETTA - Vegnimo anca nualtri.

CESCO - Ghe fasso subito la proposta se la vol comprar l'alevamento. (esce con Ginetta e la contessa)

ARISTIDE - (va a chiudere a chiave 1'uscio di fondo e poi si reca al primo di destra. -Appare Sizina che si soffrega gli occhi) Venga, venga, signorina. L'abbiamo fatta un po' lunga, vero?

SIZINA - Non si preoccupi. Mi sono appisolata.

ARISTIDE - Qui c'è un mezzo porto di mare. Non ci mancava che la contessa; a pranzo, poi, ci saranno anche i fidanzati. Ma lei stia tranquilla. Ho assunto 1'impegno di metterle a posto 1'affare del villino e non mancherò.

SIZINA - Ne sono sicura. A lei il pacchetto di cambio; glielo affido. (e gli porge il pacchetto che Aristide depone sul piano di un mobile)

ARISTIDE - Vuole che le rilasci una ricevuta?

SIZINA - Perché mi offende, ora?

ARISTIDE - Mi scusi. Ma sa che lei ha delle cose deliziose?

SIZINA - Dove?

ARISTIDE - Qui... (e indica il cuore) E qui. (e indica la testa)

SIZINA - Infatti. Devo essere anche un po' scema.

ARISTIDE - Cosa dice?

SIZINA - Mentre aspettavo di là, mi son passate per la testa delle idee matte ... Restituire tutto e non chiedere niente ... per insegnare un po' di dignità di vita ai nostri signori amici.

ARISTIDE - Sarebbe bello.

SIZINA - Bello o brutto, io non so... Un certo tal quale scrupolo. O forse ... una buona dose di superstizione ... La paura che quel villino mi porti iella, insomma. Un altro punto debole del nostro mestiere.

ARISTIDE - Non dica, non dica! Non voglio sentirla parlare così... Lei così graziosa, così fine ...

SIZINA - Oh! Lasci stare i complimenti. Ferri del mestiere anche i suoi.

ARISTIDE - Oh! No, no; creda sono sincero; e le dico che, rinunciando, lei commetterebbe una pazzia. Quel professore della malora, poi, se lo merita. E quel villino rappresenta un capitale ... Una tranquillità per l'avvenire.

SIZINA - Ma crede proprio che mi preoccupi per l'avvenire? In fondo, nelle mie vicende, più o meno sentimentali, sono stata abbastanza fortunata. Non andrò certo a chiudermi in un convento. Morto un papa se ne fa un altro!

ARISTIDE - Brava! Anch'io, dopo la scossa che ho avuto poco fa con quella rivelazione, mi sto riprendendo. La natura mi ha dato delle grandi doti di recupero ... -Come Napoleone, ecco: - Due volte nella polve, due volte sugli altar! ...

SIZINA - Ho capito. Gira e rigira ... Anche lei corre dritto al traguardo. E senza perdere troppo tempo, mi pare ...

ARISTIDE - Sono dinamico !

SIZINA - Vede se avevo ragione di non preoccuparmi? Forse è nostro destino di offrire a chi ne ha bisogno ... la tazza del consòlo ... E lei, poveretto, la sta cercando... E vorrebbe, magari, che gliela offrissi io, così, con le mie mani... vero? (e gli porge la mari composte a coppa)

ARISTIDE - Interroghi il suo intuito. Che cosa le dice l'intuito?

SIZINA - (squadrandolo) Che lei non è un fabbricato nuovo, ma neanche poi un feudo rovinoso...

ARISTIDE - (Afferrandole subito le mani e attirandola a sé) Piccole?!… Non ti prendi mica gioco di me, vero? Perché, se si tratta di uno scherzo ...

SIZINA - Purtroppo, io ho sempre incominciato per ischerzo ...; e mi sono trovata a finire sul serio.

ARISTIDE - Cara! Che nome hai?

SIZINA - Sizina.

ARISTIDE - (tutto acceso) Sizina!... Sizina!... Adorabile!

SIZINA - (civettuola) Le piace il mio nome?

ARISTIDE - Sizì, Sizina, Sizuccia!... Sdrucciola ... E sa di zucchero.

SIZINA - E lei?

ARISTIDE - Io? Ah! ... Aristide. . (enfatico) Aristide ...; stratega di Atene ... vincitore a Platèa...

SIZINA - Attento questa volta a non perdere la battaglia! ...

ARISTIDE - Guarda che, anche se ho qualche annetto, sono un vulcano. E se appena, appena mi si presenta l'occasione ... - Dimmi, dimmi...; - Che progetti hai ora? Torni subito a Roma?

SIZINA - Certo. Dove vuole che mi fermi?

ARISTIDE - (deciso) Senti, piccola. - Tu, col treno, sei scesa a Conegliano e poi hai preso la corriera, vero?

SIZINA - Sì.

ARISTIDE - (guarda l"orologio) E la corriera torna in giù fra dieci minuti. Prendila. Aspettami alla seconda fermata. Io ti raggiungo con la macchina. E filiamo a Venezia. Venezia! La città del sogno ... la città dell'amore ... E stassera... andémo in gondola!

SIZINA - Col chiaro di luna ... Ma .… , e domani?

ARISTIDE - Eh, aspetta ... ostrega! Fermiamoci per il momento ...; da cosa può nascer cosa. Sai, con me non bisogna aver troppa fretta ... Sono in fase... - come dire? - pre-sperimentale. Mi metto in rodaggio. (indicando la destra oltre l'uscio di fondo) Passa di qua. E in due minuti sei alla fermata. Presto.

(Sizina si mette gli occhiali da sole ed esce)

 (a sé) Due volte nella polve - due volte sugli altar! Anca tre! (va allo specchio a ravviarsi i capelli) Che assassino che son mi co le done!

(entrano Ginetta e Cesco da sinistra)

GINETTA - Papà, cossa fastu qua solo?

CESCO - No ti vedi? El xe drìo a farse belo. Falo toilette per la contessa?

ARISTIDE - Sì, proprio !

CESCO - La xe in sala da pranzo che la magna.

ARISTIDE - Ancora?

GINETTA - Pareva che la gavesse finìo; ma por la ga domandà a Marina do vovi a la coque, e qualche feta de parsuto. Colazione a l'americana, la ga dito.

CESCO - Se i americani fa marenda cussì, no so cossa che i magna, dopo a disnar. ARISTIDE - Bona che la diseva che a la matina no la tol mai gnente ...

GINETTA - Varda che la te speta de là.

CESCO - El ghe ga promesso de farghe vedar l'alevamento. El varda che la vorìa comprarlo.

ARISTIDE - Adesso no posso

GINETTA - Percossa no ti pol?

ARISTIDE - Go da andar via.

GINETTA - Ti parti, papà?

ARISTIDE - Sì tesoro. (soprapensiero) La me speta.

GINETTA - Chi te aspeta?

ARISTIDE - (correggendosi) Ah! .. Chi me aspeta? La ditta .… La ditta belga. Quela che me ga rifilà quele do mila galine co la malatia. I me ga fato una telefonata urgente un momento fa. (e indica l'apparecchio telefonico) Stassera devo essere in gondola ... Cossa digo? .. In treno Anzi, fame el piasser, Ginetta; butime in valisa el mio pigiama, le pantofole, la mia roba da toilette, insoma ...

GINETTA - No ghe xe bisogno, papà. Semo arivai geri da Roma. La valisa xe ancora da desfar. La xe de là in guardaroba.

ARISTIDE - Benon. Alora, ti, Cesco, pòrtimela.

CESCO - Subito. (che durante la scena aveva messo l'occhio sul pacchetto col nastrino che sta sulla scrivania e lo aveva soppesato, rimettendolo poi al suo posto) Subito, papà. (esce da secondo di sinistra)

GINETTA - Papà! Ti vedi che bon che xe Cesco! Noi te porta nessun rancori

ARISTIDE - Oh, fiol de un ... bon omo! Dovarìa esser mi, caso mai... Xe che mi presto la me monta e presto la me passa.

GINETTA - In fondo ... anca se'1 xe un osto ...

ARISTIDE - El me sembra un osto de riguardo ...

GINETTA - No ti sta via minga tanto, vero, papà?

ARISTIDE - Secondo; se quell'afar me va drito ... Ciao.

GINETTA - (baciandolo) Varda de no ciapar fredo. Ti ga in valisa la bereta da note?

ARISTIDE - La bereta da note, mi? Ma gnanca per idea! Ciao, tesoro. (Ginetta esce a sinistra salutandolo festosamente con la mano, mentre Cesco rientra con la valigia)

CESCO - (avviandosi verso il fondo) Ghe la meto in machina. (si ferma e si volta, mentre Aristide si rassetta ancora allo specchio) Ah, bravo! ... E quela ragazza? ...

ARISTIDE - Che ragazza? Ah! ... Sizina?...

CESCO - (indicando l'uscio di destra) Xela ancora là dentro?

ARISTIDE - Maché!... La xe andada via subito furibonda. Se to cugin la incontra, fresco el stà! ... La ga da aver un caraterin quela dona!...

CESCO - (nel passare davanti allo scrittoio, prende in mano il pacchetto di Sizina e lo annusa) Uhmmm! ... Che profumo! ...

ARISTIDE - Lassa star quela roba.

CESCO - (con un sorriso malizioso) Papà? ...

ARISTIDE - Ohè?...

CESCO - (con scanzonata allusione) El me diga ...: Che profumo xelo? ... - "Felce azzurra" o Notte di Venezia"? ...

ARISTIDE - (sbalordito) Cossa?! ... (sbotta) Vardèlo lu che'l va anca a nasarme i pacheti! (glielo toglie e se lo caccia in tasca)

CESCO - (avviandosi) Bon divertimento, papà! ... (ridendo apertamente) E.F. 49!

ARISTIDE - (traendo dall'altra tasca la scatola delle pastiglie e levando il braccio), Mi te tiro la scatola su la testa!

(Cesco scappa sempre ridendo. Aristide rimane un po ' col braccio alzato; poi guarda la scatola; la apre, ne trae una pastiglia e la ingoia. Ma quando sta per rimettere la scatola in tasca, la riapre, ne trae altre due o tre pastiglie, le mette sul palmo della mano e se le ficca in bocca)

O la va, o la spacca!

(e si avvia pettoruto a passo marziale, con un braccio piegato dietro la schiena, come Napoleone, mentre s'ode il canto dei galli su diverse tonalità).

SIPARIO


1 Traverso.

1Il dattiloscritto originale, alla fine, riporta questa variante:

MARINA - Tuti compagni i omeni. Anca lu, sicuro ... In quindes'ani che son in sta casa ghe n'avaria visto de bele, se no me fusse imposta de tegnir i oci serai ... - Se desmenteghelo quela volta che'l ga passà una note intiera dentro in armaron a tabacar naftalina? ... - E st'altra che ga tocà scampar per i copi in camisa col marìo dela comare levatrice che ghe coreva adrìo col baston?..

ARISTIDE - Ab! ... Perché ti te geri imposta de tegnir i oci serai, s'intende! ...

MARINA - I oci; ma no le recie. E co le recie se scolta le ciacole de tuto el popolo comun.

ARISTIDE - Che'l crepa, el popolo comun ... Mi, in fondo, son restà vedovo presto e no go da rendarghe conto a nessun.

MARINA -Ami!

ARISTIDE - Cossa ghe entristu ti?

MARINA - Sicuro. Perché, col ciapa la volata, me toca a mi, dopo, tegnirlo in leto per almanco oto giorni co la borsa de acqua calda su la schiena ...

ARISTIDE - Reumatismi che go ciapà in guera.

MARINA - (ironica) In guera ... La guera de ... (tappandosi la bocca) Uhmm! ... - Boca tasi! ... E no ghe manca altro, adesso, che so zenaro segua el so esempio.

ARISTIDE - Del resto, anca se mio genero la ga fata grossa, la colpa, in fondo, no xe tuta sua.

1 Vedi in appendice il testo che modifica questa battuta e la precedente. (Ma l’Appendice dov’è? N.d.O.)

    Questo copione è stato visto
  • 0 volte nelle ultime 48 ore
  • 2 volte nell' ultima settimana
  • 5 volte nell' ultimo mese
  • 25 volte nell' arco di un'anno