Stampa questo copione

_ &Ú &Ú ‰ ï T Ð ÿÿÿÿÿÿÿÿ - A €?

" MIRACOLO ! "

 DUE ATTI DI A. MIRISCIOTTI

PERSONAGGI                              e                                 TIPI

Don Francesco Coniglio............................................Il parroco

Cenzino Onorato..................................................Il sacrestano

Le vecchiette:

Italia.................................................................Una bizzoca

Filomena.......................................................Un'altra bizzoca

Ciro La Fella............................................Contadino miracolato

Maria Rosa La Fella................................................Sua moglie

Patty L'Amour..............................Nipote del Parrocco - soubrette

Rodolfo Sanguetta......................................L'impresario di Patty

Sconsolata...........................................................La Perpetua

Gavazzi..................................................Giornalista dell'Unità

Sposìto............................................Maresciallo dei Carabinieri

MIRACOLO : un Chiesa di paese nella quale non ci va più nessuno...un prete disperato e quasi disoccupato,un sagrestano mezzo scemo che si affitta i posti letto in Chiesa agli extracomunitari....e poi tanti curiosi e simpatici personaggi di contorno : le classiche bizzoche,i cafoni,una sopraggiunta nipote pornostar,il suo impresario senza scrupoli,un giornalista comunista acceso ed  anticlericale... Ma da un certo punto inaspettato ed incredibile succede..un MIRACOLO:.! " Il Volto Santo piange...piange...!"...E allora ciascuno dei protagonisti ..volente o nolente... deve rivedere tutte le sue idee..!

" MIRACOLO! "

I* ATTO

Siamo a Melitiello, un paesino agricolo alle porte di Napoli. L'anno è 1990, il luogo la sagrestia della chiesetta di Santa Maria dei Poverelli. In conformità con la sua titolazione la chiesa e la sua sagrestia sono povere e malmesse. Sulla destra gli accessi alla chiesa ed alla casetta del parrocco. Sulla sinistra l'ingresso dalla piazzetta del paese. Sul fondo un finestrone. A sinistra sulla parete un antico quadro del volto di Cristo. E' mattina. Al sipario. Entrano in scena la Perpetua, Sconsolata ed il Sacrestano Cenzino.

Sconsolata: Embè, pè quanto si scemo tu sulo ò sagrestano putive

                       fà... a  te pure ò Cottolengo te schifavano... Ah.. ma

                       quando  vene 'o Parrucchiano me sente.. Nun se ne po 

                       cchiù che guaie  ca  passammo  pà fessaggine toia...

Cenzino:      Ma ch'aggio fatto è male?

Sconsolata: Ch'è fatto è male?... E o dice pure... siente, io ancora

                       nun aggio capito si tu si troppo fesso... o si diabolico..

                       Ma mò è fatto 'o gruosso!!

Cenzino:       Donna Sconsolà.. Ch'ella a Chiesa pure steve vacante...

1

Sconsolata: No. Basta!.. basta..! tu me fai ascì pazza cu sta voce... Ma

                       comme .. nientemeno ca tu aieressera ..'e fatte  durmì

                       duie marrucchine dinta a Cchiesa... Hai aspettato ca Don

                       Francisco  e a sottoscritta se ne so ghiute a durmì e    

                       l'haie apierte.... a  Pensione.. S. Maria dei Poverelli...

                       dinta a Chiesa!... Animale!....

Cenzino:      Ma chille due guagliune nun sapevano addo' durmì... mi

                       hanno tanto prijato.. e pò m'hanno buono  rialato...

Sconsolata: E io ò sapevo.. è fatto 'o sacrileggio pè danaro ... fariseo..

                       repubblicano... comunista!! Te pigliate e sorde, eh...?

Cenzino:      (CANDIDO): Sissignore milleduiciento lire e na pelle è

                       daino pe pulezzà a macchina!

Sconsolata: Cretino... ma tu a macchina nu a tiene...!

Cenzino:      Pe mò....sto aspettanno na risposta....

Sconsolata: Ferniscela... mo ca vene Don Francisco... na bona

                       allisciata ta fa isso ... e si nò ta facc' io !!

CENZINO MOGIO MOGIO INIZIA A PULIRE I CANDELABRI, MENTRE SCONSOLATA SISTEMA LE TOVAGLIE NEL CASSETTO D'ALTARE

VA AVANTI E INDIETRO CONTINUANDO A BORBOTTARE INVIPERITA

Sconsolata: Cose e' pazze... Sta bestia ippopotame... sta bertucciola!

2

DALLA PORTA ENTRANO LE DUE VECCHIETTE BIZZOCHE

 ITALIA E FILOMENA

Italia:            Donna Sconsola', ma ch'è succieso..? e strille vostre se

                       sentono  pe tutto o' paese.....

Filomena:    E'overo, ce stammo fecenno nu sacco è risate...

Sconsolata: Ma comme... io strillo e vuie redite... mu vulite sfottere...?

Italia:             ( DANDO DI GOMITO ALL'AMICA ) Quando mai... che

                       dite Filume?... quali risate?... riso amaro!... sarcastico...

                       dicevamo se si strilla  pure in Chiesa... dove sta più un

                       luogo di pace?.....Ma allora (PETTEGOLA)......

                       che succieso ?? Se po' sapè ?

Sconsolata: Stu cretino è Cenzino.... ha fatto durmi duie nire

                       EXTRAITALIANI COMUNARI dinto a Chiesa... nuie

                       durmevenne e jsso faceva l'albergatore..!!

Italia:             Embe, Cenzì...e si fa chesto? E pigliato a Chiesa pè

                       l'Hotel Vesuvio ?

Filomena:    Lassatele stà, donna Sconsolà, chillo Cenzino è stato

                       sempre abbunato... a piccerille... ve ricurdate ca ò

                       sfuttevano tutte quante...." Cenzì, scemuli!... Cenzì

                       scemuli!... Cenzì scemuli!..."..o jevene apprisse tutte è

                       guagliune...

Italia:             O fatto e cheste ce ne faceveme resate.... te ricuorde

3

                       quando  o  facettemme mangià 'e ricce 'e noce... se

                       facette tutto verde....

Italia:             E quando l'attacaveme vicino a catena do cane pe fa a

                       guardia... che resate...!

LE TRE DONNE RIDONO MENTRE CENZINO SI MORTIFICA E

SI DIFENDE COME PUO'

Cenzino:      Redite... redite.... ma io nun so scemo... o miedeco do

                       manicomio 'e Napule  ca me visitaie 'o scrivette pure cca

                       ncoppo o certificato:

( CACCIA UNA VECCHIA CERTIFICAZIONE MEDICA E LEGGE FATICOSAMENTE )

                       Cenzino Onorato di anni dodici Scorfano di genitori

                       ambodue.... nullatemente ...Freno .. a....

                       stetico...minore...soggetto....io,  so o' soggetto.. lavabile   

                       no  labile...pratica...mente ... minorato...! Avete viste ca

                       nun so' scemo... so sulo minorato!

Sconsolata: E noi che stamme dicenno!!??

Italia:             Ah, Ah ... Donna Scunsulà... a proposito... ma nuie

                       simme venute pe ce sentere a Messa de' nove....

                       comm'è  ogge nun se dice ?

4

Filomena:    Simme venute pure a chelle de 7... neanche se'è

                       detta...ma  ch'è succieso? Don Francisco sta malato..?

Sconsolata: Noo.. quando maie... niente!... cose sue...non ve posso

                       dicere niente!....

Italia:             E ghià... parlate...nuie 'o sapimme tenere nu

                       sicreto...simme doie mute!...

Cenzino:       Vuie site doie papere ca parlane sempe!

Filomena:    Zitto tu...allora donna Scunsulà...dicite.... faciteme

                       sentere... che sta succedenno? ... è a prima vota ca Don

                       Francisco manca dare messe!!

Sconsolata: Guè... si ve dico quacche cosa...giurate ca mantenite o

                       segreto!!

LE DUE DONNE FANNO IL CENNO DELLA BOCCA CUCITA.....

Sconsolata: E'andato a Napoli...

Italia:             A Napoli (stupita)... e a fa che?.... cu chi?...pecchè?

Filomena:    Addò..? Quacche imbroglio? ...Nu guaio?... Che stato?

Cenzino:       Ma ch'è un interrogatorio e 3* grado? Chesto pecche' so

                       mute!!

Sconsolata: Nonsignore..è juto a piglia na nipote... a figlia è da sora...

                       'a Milano... ca ...che saccio...vene a sta nu poco cu

                       isso...pecche  tene che fa a chest'parte...

5

Italia:             Na femmene int'a casa è n'ommo!!

Filomena:    Na femmene giovane vicino a nu prevete!!

Sconsolata: E chello che aggio ditto pure io...!

Cenzino:       Guè... ma chelle è a figlia da sora e po don Francisco è

                       vecchio!

Italia:             Peggio!...nella vecchiaia bavosa si annida il desiderio

                       sessuomaialico...Satana lavora meglio cu femmene

                       giovane e uommene viecchie!!!

Filomena:    'E pecche sta guagliona vene cca? E' incinta..se

                       nasconne? Tene quacche brutta malattia?..va fuienno??!

Cenzino:       Guè... ma a vulite ferni... vulissive pure a fede e nascita ..

                       e l'analese è l'urine... Jatevenne, Jate a cammenà...a

                       Chiesa è chiusa per motivi di forzosità

                       maggiora...Jate..turnate dimane!!

Sconsolata: Zitto, Cenzì..Però, mo dice buono... Jamme turnate

                       dimane...  e me raccumanno stateve zitte dinto o paese

                       nun parlate cu nuscuno.....

Italia:             Siamo due Mute!

Filomena:    Siamo due cieche!

Cenzino:       A muta e Puortece e a cecata' è

                       Surriente....Jatevenne...!!

( LE DUE ESCONO PETTEGOLANDO )

6

Sconsolata: Cenzì.. tu te à sta' o posto tuoio, è capito? nuie già

                      tenimmo assaie clienti cca... tu ce fai pure perdere...!!

Cenzino:       E'overo...na Chiesa cu doie bizzoche , na perpetua e nu

                      segrestano... che schifezza! ...ccà facimmo o fallimento!

                      Io perciò agge fatte durmi è Marrucchine...

                      pe' fa nummero!!..!

Don Francesco (ENTRA STANCO E SUDATO. E' UN VECCHIO

                      BONARIO PARROCCO DI CAMPAGNA. LISO

                      E MISERABILE NELL' ABITO)

                      ......E chi so sti Marrucchine??...

Sconsolata:  Io nun centro ... e stato stu disgraziato. St'animale...

                      ma io  l'accido!

Don Francesco:Si però nun spurcà a sagrestia è sanghe.. è sorde pa'

                      varricchina nun ce stanne. Allora.. me facite capi?... e

                      ambresso ambresso...pecchè io sto morto è stanchezza...

                      sto tutto surato... nu viaggio!... è stato nu viaggio!... 'o 

                      Far West!... e so juto pure a vacante!

Sconsolata:  Ma ch'è stato?...ch'è succieso?..

Don Francesco: E ch'è succieso?.. All'andata a curriera pè Napule.....

                      galline...piecure.. cafune:... na puzza!  Aggio fatto tutto

                      'o viaggio cu na sporta é pullicine nbraccio..Arrivato a

                      Napule...a bona e' Dio... dint'o pulmann s'hanno

                      arrubbato o  burzellino!....

7

Cenzino:      Ce stave assaie?

Don Fra:       O biglietto da curriera.. 3 figurelle è San Liborio, 2 da

                       Madonna 'de Puverielle, na medagliella e' stagnola e

                       trecento lire..

Cenzino:      Guè!... e chille e mariuole mo' stanno facenna festa!!

Don Fra:        Guagliò.. nun sfottere.. e in tutto questo chella

                      scugnizzella e mia nipote nun è arrivata...!

Sconsolata: Avarrà perso 'o treno... ma nun ve preoccupate.. chella

                      arriva e telefona po...  si è saputa venì a Milano a Napule

                      po' pure arriva a Melitiello!..

Don Fra:        Si...ma io sto preoccupato..chelle è na peccerella tene

                      vinte anne... si a fanno quacche cosa?.. a vattene....

                      l'uccideno... se l' arrobbano?....

Cenzino:       ... Sa magnano?... Don Francisco... mo vostra nipote

                      arrivasse miezo è Zulù?

Don Fra:        E Zulù? ... e t'è muzzecato a lengua!... e allora se po

                      sape'... chi so sti marrucchine? Ve spiegate...?

Scon.:           Stu disgraziato!... stu fetente!... stu carogna!...

Don Fran:       Embe'?!... Scunsulà... tu stai dinta a casa è Dio!!...

Scon:            Scusate don Franci', ma è troppa a  rraggia.. stu figlio è

                       (SI TAPPA LA BOCCA PER EVITARE LA PAROLACCIA)

                       'E bona cristiana stanotte senza cercà o permesso, ha

                       fatto durmi 2 Marrucchine  dinta' a Chiesa....pè danaro!!

8

Don Fra:        Overo?... e quanto t'hanno dato?

Cenzino:       Milleduiciento lire e na pelle 'e daino...

Don Fra:        Caspita! E tu all'Inferno vai dinto o  girone e'

                       Tangentopoli... te si arreccuto.. reato di concussione!!

Cenzino:       Eccelle' (PIANGE) perdunateme ma nun è stato sulo pè

                       sorde... chilli me facevano pena... nun tenevano addo'

                       ì.. tutte quante ne cacciavene....

Scon:            E durmevano miez a via!.. n'ata vota se stevene dint'e è

                       capanne lloro!

Don Fra:        Guè.. 'e se dice chesto? E' parlà a cristiana? E va buò..

                       po essere ca 'o Pateterno nun s'è pigliato collera si duie

                       guaglione hanno durmito dinto a casa soia.. Cenzì, io te

                       perdono..però nun 'o fa cchiù..pecchè si chille sporcano

                       a Chiesa tra te e chesta.. avimmo voglia e ce sta dint'a

                       munezza!!

Cenzino:       (BACIA LA MANO AL PRETE) Grazie, Eminè... e pò io

                       l'aggio fatte pure  pe aregnere a Chiesa ...ccà nu vene

                       maie  nisciuno!!

Scon:             E porta due infedeli ... due negri... due...

Don Fra:        Due figli di Dio!!! Basta... io me vaco a ripusà nu poco..

                       me  chiamate po' pranzo..e in caso maie arrivasse prima

                       mia nipote.....

Cenzino:       Ma comme a cunuscimme?... Nun a sapimme'e faccia....

9

Don Fra:        Mah.. io so' quindici anni che non la vedo...' a picerella

                       era assai bellella.. bionda cu l'uocche azzurre, e

                       trezzelle...  pure mo' sarra accussì... nu poco cchiù

                       longa.. E ,mo faciteme arrepusà e zitti...m'arraccumano

                       stateve zitte!                                                           (ESCE)

Scon:             E pure sta vota te l'è cavata bona..Hai ragione ca don

                       Francisco    è nu Santo. Io te scummavo è sanghe...

                       Basta... mo vaco a  cucenà...  e nu murmulià pecchè

                       ogge se mangia pane, sale, uoglio e doie cipolle.. io

                       manche cheste te desse... Tangentopo!!                (ESCE)

Cenzino:       (RIPREDENDO A SFACCENDARE CON I CANDELABRI)

                       'O dicevo io ca nun facevo niente è male!.....

                       Don Francisco m'ha perdonato! Me vo proprio bene... io 

                       ccà  sto pe' isso.. si era pe sti quatto bizzoche ero già

                       muorto è famma e friddo... esso me pigliaie a miezo a via

                       a  piccerillo.. isso m' ha crisciuto.. m' ha

                       imparato a leggere... m' ha fatto divinità struito e

                       "intelligente".....

Gavazzi:       ( SULL'USCIO. E' IL CLASSICO GIORNALISTA DI

                       SINISTRA D'ASSALTO E SENZA SCRUPOLI; SCRIVE

                       SUL GIORNALE L'UNITA')  E'permesso si può..?

Cenzino:       Chi è?

Gavazzi:       Gavazzi Bettino giornalista... Redattore Capo dell'Unità in    

10

                       missione  speciale nel profondo e sconsolato Sud!

Cenzino:       Siete un giornalista?... Davvero vennite è giurnale?

Gavazzi:       E, seh  vendo 'e fazzulette...! Guagliò.. Io sono il grande

                       Gavazzi.. la penna d'oro dell'Unità.. ogni mio articolo è

                       un quadro d'autore io non scrivo.. pitto!!

Cenzino:       Accidenti... pittate ncopp i giornali?... e dovete andare a

                       fà l'imbianchino !... jate buono a mattere 'e parate!...

Gavazzi:       Uelà... ritardato.. quali parati? Io scrivo articoli sul

                       giornale...e devo fare un "reportage" sulla Fede,

                       l'Animismo e le     problematiche del Mezzogiorno...

Cenzino:       Pane.. olio... cipolle... queste sono le problematiche di

                       oggi " a mezzogiorno"!....

Gavazzi:       Io non ti capisco mica...Sara il dialetto della terronia...

                       comunque giovanotto.... tu saresti??

Cenzino:       Cenzino Onorato... il sacrestano... il scaccino ..'o stuta

                       moccoli da'Parrocchia

Gavazzi:       Bene...bene.... Allora sei del mestiere... mi puoi fornire

                       dei  chiarimenti... E dimmi dimmi... (ACCENDE UN

                       PICCOLO REGISTRATORE)... Dunque intervista al

                       Sagrestano Onorato Vincenzo 11.4.1990 ore 12:30

Domande:    Cosa pensa lei della crisi delle vocazioni... della 

                       mancanza di fedeli nelle Chiese...     Quando c'entra il

                       Muro di Berlino   e la disfatta dei Regimi dell'Est.. dove

11

                       va il gregge di Pietro..?

Cenzino:       De prime doie dimande nun aggia capito niente...

                       'o gregge e don Pietro 'o pecuraro va ncoppo o Taburno

                       a semmena ca trase...

Gavazzi:       Cretino, ma che dici?.... quali pecore?... Va bè,..

                       semplifichiamo...dimmi un pò.. come mai una chiesa

                       cosi antica... cosi bella.. è vuota, abbandonata, ...

                       immiserita??

Cenzino:       Mah.. chi sà?... na vota e' gente

                       venevano..pregavano..stevano inzieme...mò, però,

                       simme rimaste io, 'o prevete e cinche o sei vicchiarelle...

                       nu turista ogni tanto.. a gente nun tene cchiù interesse...

                       se scocciano...chissà? Ce stanne cose chiu' importante..

                       'e denare... gli affari..'a politica.. a televisione.. va vide..

                       cert'è ca si chiudimmo sta chiesa nun se ne accorge

                       nisciuno...

Gavazzi:       E' interessante quello che dici. Anche se in modo

                       primitivo dici della verità... il Consumismo ...l'Edonismo

                       Reganiano ...il Tecnicismo.. si hai ragione.. Senti,     

                       che ne diresti di proseguire l'intervista davanti ad una

                       bistecca con le patate  alla  Osteria in piazza?...

                       mangiamo e tu mi racconti... tutto,  neh?!

Cenzino :       E' a jurnata mia!! Bistecca, patate.. milleduciento 

12

                       lire..ma io so 'nu Rre!! ....Agli ordini....dotto'....

                       sono con voi.

( I DUE ESCONO CONFABULANDO ).

DOPO QUALCHE ATTIMO DAL PORTONE ENTRANO PATTY L'AMOUR E RADOLFO SANGUETTA. LEI LA NIPOTE DEL PARROCCO, ATTRICETTA PORNO, GONNA CORTISSIMA, SCOLLATTURA OSE'.... LUI E' IL CLASSICO MANAGER DA QUATTRO SOLDI, IMBROGLIONE, MESTATORE SENZA SCRUPOLI, SONO ACCALDATI.... SUDATI.....:

Radolfo:      Io vorrei sapere che bisogno c'era di passare da questo

                       paese di Mondezza... sole torrido... polvere...gentaglia....

                       noi siamo grandi artisti!..... abbiamo impegni ....c'è lo

                       spettacolo che aspetta a S.Giuseppe Vesuviano.....

Patty:             Lo so.. Rudy.. però, lo dovevo fare.. sono quindici anni

                       che non vedo mio zio.. il fratello prete di mammà...Una

                       volta che mi capita una turnè al Sud...è il caso che lo

                       vada a riabbracciare... povero zio Francesco... era cosi

                       buono con me da bambina!

Radolfo:       Ma ti pare il caso?... tuo zio è un Prete... tu sei un attrice

13

                       porno...il diavolo e l'acqua santa!.. quello quando ti vede

                       gli viene un infarto e perlomeno ti scomunica.... e poi....

                       il tuo pubblico di maniaci sessuali quando sa che hai

                       uno zio prete ti abbandona

Patty:             Ma quando mai?... è una pervesione in più!...ti ricordi

                       quando a Cinisello  Balsamo feci lo strip vestita da

                       monaca?... fu un trionfo!! La gente adora il sesso ed il

                       mistero sacro insieme!

Radolfo:      Sarà... tu però non crearmi nessun casino.. lo sai che mi

                       sono fatto il culo per procurarti queste due giornate al

                       Teatro Tenda di S. Giuseppe Vesuviano Ci sono state un

                       mare di spese.. Locandine a grandezza naturale.. luci

                       psichedeliche..musiche..attrezzatura  sadomaso in

                       P.V.C.... guarda che se va a buca... ti mando a battere

                       sul lungomare come quella volta a Genova...

Patty:             Si va be, va be..! non c'è problema.. faccio un pò di vita

                       e  ritorniamo in pareggio. Però, non è giusto.. io lavoro...

                       e tu fai il  signore col sudore della mia fronte!!

Radolfo:      Della fronte??!! (AMMICCA) Comunque, Patty..chiama

                       questo benedetto zio...salutalo ..e via di corsa ai trionfi di

                       S. Giuseppe Vesuviano!...

Patty:             Va bene... adesso lo chiamo...sai che bella sopresa avrà:

                       .."zio zietto  zio Francesco...Pussi Pussi"....

14

( SCONSOLATA SENTENDO CHIAMARE, RIENTRA E SOBBALZA NEL VEDERE I DUE STRANI SOGGETTI. E' STUPITA PER L'ABBIGLIAMENTO DI PATTY )

Scons:          (ASCIUGANDOSI LE MANI SUL GREMBIULE) Chi

                       siete...? che volete?... non vi avvicinate!!

                      (PENSANDO AD UNA  VISIONE DIABOLICA)

Radolfo:      Signori e signori... Militari e ragazzi...  ecco a voi la

                       grande Patty L'Amour detta PERVERSIONE!!

(PATTY HA ASSUNTO LA POSIZIONE DA SOUBRETTE)

Sconsolata: (SCONSOLATA SI FA LA CROCE) Pe.. Pe..Perversione?..

                       Madonna Incoronata... Santa Anna delle Vecchiarelle

                       proteggimi... Vade retro Satana?...  Aiuto Aiuto!!

Patty:             Ma no.. signora.. quale aiuto....noi non non siamo

                       deliquenti...io sono Patty...cioè Patrizia Coniglio ... la

                       nipote del Parroco,.. di Don Francesco Coniglio...

Sconsolata: Vergine Santissima... la nipote di don Francesco! la

                       nipotina.. la bambina così carina... con le treccine.  E

                       quello  quando vi vede sviene ... dalla gioia... si

                       capisce...un momento che ve lo vado a chiamare...

15

(VA IN CASA A CHIAMARLO... SI SENTONO SOLO LE VOCI)

Scons:         Don Francesco... svegliatevi ..sù sù svegliatevi è arrivata

                       la  signorina Patrizia... la vostra nipotina....

Don Fra:       Patrizia?.. la mia piccola Patrizia..... 

                       ....eccomi!...eccomi!..eccomi....

                       vengo subito... le pantofole... la vestaglia... Patrizia.. la

                       mia bimba prediletta... il mio angioletto biondo, la mia

                       Madonnina....

Scons:        Don Francesco... andateci piano... l'angioletto..la

                       Madonnina che sta di là ....è un pò cresciuta..!!

Don Fra:      Dov'è?...dov'è la mia pargoletta?... dov'è? che le ho

                       conservato le caramelle...dov'è la mia piccolina?...

(ENTRA VEDE LA RAGAZZA RESTA INEBETITO... A SOGGETTO)

Don Fra:        Pa.. Pa.. Patrizia sei tu?

Patty:             Zio .. zione Mio.. Zio Pretone Francesco..( Gli salta al

                       collo e lo  abbraccia con trasporto) Caro.. caro il mio

                       ziotto.. quanti anni sono passati da quando saltavo sulla

                       tua tonaca...

Don Fra:      Quanti anni... sembra incredibile... come sei cresciuta!

                       ..come ti sei fatta grande.....

Scon:         Sopratutto in certi posti...!!

16

Don Fra:      Da piccola avevi le treccine... come sei cambiata...

Scons:        Però il vestito è a stessa misura e quando era piccerella!

Patty:            Zione... scusami per stamattina ma all'ultimo momento

                       ho  deciso di venire in macchina con il mio manager...

                       sai i bagagli... i costumi di scena... A proposito ti

                       presento il mio impresario il dott. Rodolfo Sanguetta!

Rodolfo:      Piacere..è un piacere conoscere lo zio di tanta artista...

Don Fran:    Piacere mio... so che lei aiuta la mia nipotina a scegliere

                       le parti in teatro.... le consiglia le recite...

Rodolfo:      Si faccio i contratti.. le prenotazioni... concordo le

                       prestazioni..contatto con i clienti... parlo con i

                       capocomici.. adesso abbiamo una turnè in  Campania..

                       S. Giuseppe Vesuviano, Marigliano, S. Felice a  Cancello

                       ...con un ricco cartellone STRIP e STRAP!

Don Fran:    STRIP e STRAP ....ma che significa?

Patty:             Oh..niente..(FULMINANDO RODOLFO CON LO

                       SGUARDO)  cioè strappi il biglietto e se compare la stella

                       hai un biglietto omaggio!!

Don Fra:       Che bella idea... lo dovremmo fare pure in Chiesa questo

                       STRIP e STRAP... strappi la figurella del Santo e se vinci

                       porti un altra  persona in chiesa....

Rod:              Ma perchè...che volete dire?...c'è bisogno di persone in

                       Chiesa?!?....

17

Don Fra:       Purtroppo si..figlio mio.. è da un funerale dell'85 che la

                       Chiesa non si riempe.. che sò?...la gente ha perso la

                       fede... non crede  più ...tene che fà altre cose... Oramai la

                       messa la dico per me e per i quadri sacri alle pareti..

Patty:             Povero zione...certo la gente preferisce le cose

                       frivole...io ne so qualche cosa...con me i teatri sono

                       sempre pieni!...

IN QUEL MOMENTO RIENTRA CENZINO

Cenzino:      (GUARDANDO PATTY) Madonna do Carmene!...e che

                      d'è?...  Aggio bevuto troppo vino....io veco Maria

                      Maddalena cu   tutte cose a fore!!

Don Fra:      Cenzino...stupido...ma che dici...questa bella ragazza è la

                       mia nipotina Patrizia...la bambina di cui ti parlai...

Cenzino:      S. Pasquale Bajlonne... Allora accussi so fatte 'e

                       femmene!.... io me pensavo che erano tutte uguali a

                       Sconsolata..e a vecchiarelle de Parrocchia!!

Scon:           Guè..scustumato... pur'io quand'ero giovane...e po' se

                       me vestesse accussi!!...

Cenzino:      te purtassero 'o Murvillo!! A proposito... ma s'è stracciata

                       a vesta a signurina?

Patty:             Che simpatico! Ma no. Ma no! A Milano tutte le ragazze

18

                       vestono così..è normale.. si usa...

Cenzino:      E' normale!?...So 'e Milanese ca nun sarranno nurmale!

Don Fra:     Patrizia... Sig. Rodolfo...scusate Cenzino per quello che

                       dice è il mio Sagrestano.. è un buon figliolo ma è poco

                       esperto delle cose del mondo!! Cenzino... sta al tuo

                       posto.. Piuttosto ragazzi.... è ora di pranzo...volete

                       onorare la mia povera tavola...??

Rod:            Grazie don Francesco.... ma io deve correre a S. Giuseppe

                      per organizzare gli ultimi dettagli dello spettacolo..Sapete

                      diamo "Le tre Orfanelle" Strip e Strap... Patrizia sta quà..

                      devono arrivare   Vampirella e Zucculella.....

Scons:         E chi so..?

Cenzino:      Le altre due Orfanelle!!

Don Fra:     Va bene ma prima mangiate con noi..! Pane..olio..cipolle..

Rod:            Grazie ancora.. ho preso un tost..col Kech up..dei Ritz

                      colla Sprite.. sto a posto!..

Sconsolata: Ma che è un piatto cinese??

Rod:            Che simpatica..beh arrivederci.. vi lascio la prima attrice...

                      ci vediamo domattina ... A presto..

TUTTI LO SALUTANO E RODOLFO ESCE PER LA COMUNE

Don Fra:     ( A CENZINO ) Guè... a te.. bel mobile.. quando servi.. non

19

                       ci sei mai.. dove sei   stato tutta la mattinata...?....

Cenzino:      A pranzo fuori!!  Alla trattoria.....

Don Fra:     Tu che dici?..che hai combinato..qualche altro guaio?..che

                       ti sei venduto..l'angiulille dorate?   o quadro e Salvator

                       Rosa?

Scons:         Chillo è capace!.. sta a società cu 'e Marrucchine...!

Cenzino:      Zitta perpetua ignorante.. io ho fatto un'intervista al

                       giornalista e forse esco sopra al giornale..l'Unità..

Don Fra:     Ma che si pazzo? Che stai dicendo? ...l'intervista.. ma su

                       che...? nun me fa mettere appaura..Tu quando parli

                       scombini...!

Cenzino:      Ma quale paura,.. ma quali scombini... ho spiegato  

                       all'Italia che a  Chiesa 'e Melitiello sta sempe vacante.. ca

                       qua  non entra nessuno nemmene pe sbaglio.. ca a

                       Parrocchia ha fatto fallimento..!

Sco:              Tu sei un disgraziato, un traditore.. tennimmo o

                       Sagrestano  Comunista.. se visto maie!? Fetentone!!

Patty:         Lasciatelo stare.. quello cercava di aiutare ...e vero Signor

                       Cenzino?

Cenzino:      Signor Cenzino... a me signore..? Signurì, voi siete un

                       Angelo del Cielo.. si.. avete ragione... volevo fà

                       pubblicità... 'e visto mai.....? a gente legge... se

                       commuove. e vene a Chiesa!!

20

Don Fra:      Cenzi.. tu 'e cervelle le devi tenere tranquille perchè

                       quelle  poco ti aiutano.. lascia stare le cose più grandi di

                       te.. la gente non viene in Chiesa perchè la Chiesa non si

                       fa più protagonista della vita sociale... che so....

                       costruendo Basiliche..proteggendo grandi Artisti...

                       combattendo l'Eresia con l'Inquisizione.. che ti posso

                       dire..... pubblicizzando i tanti miracoli che in passato

                       succedevano... ecco... pe fa turnà a gente dint'a Chiesa

                       nce  vulesse 'nù miracolo...nù miracolo...

Patty:            E va bene zione.. vedrai che tutto si accomoda.. adesso

                       andiamo a colazione... ho una fame... sarà l'aria buona

                       del paese..mm...mm che appetito.. di certo donna

                       Sconsolata ha le mani d'oro in cucina..

Scons:           Le mani sì... chello che manca è a sustanza..zuppe 'e

                       cipolla e  ncappucciata co limone..astrigente!

Don Fra:       Cibi sani... leggeri.. saporiti.. salutari.. Sconsolata fammi

                       il  piacere ... dai una tua vestaglia a Patrizia.. che quà

                       entra un  vecchietto e la vede cosi, lo portiamo sulla

                       coscienza... e tu... Cenzì, visto che hai già mangiato..

                       pulisci tutto il Sacrario per bene... e num fà ati guaie..

                       Andiamo....

(ESCONO)

21

Cenzino:      Buon appetito!... Cenzino.. nu parlà!... Cenzino nun fa...

                       guaie!.. e  se capisce,.. chillo Cenzino è scemo... è

                       abbunato.. ma io nun so  scemo.. io so "RITARDATO

                       MENTALE"..!! Tengo o certificato..!  Certo ca don

                       Francisco have ragione.. sulo cu nu miracolo a  gente

                       turnasse dint'a stà Chiesa.. Nu miracolo.. 'e ditte niente e

                       quando succede?? E sì ca pregammo sempe... 'e

                       vicchiarelle me parene tanta cicale quanno pregano .. zu

                       zu.. zu zu..O' Pataterno 'nce faranno male 'e recchie a

                       furie de sentì.. Sarà forse ca so' poche.. nce vulesse na

                       massa... na folla.. na pupulazione ca prega... e allora si...

                       per esempio.. (LUCIDANDO IL QUADRO DEL VOLTO DI

                       GESU) se mo stu Santo Volto se mettesse a parlà... me

                       dicesse " Cenzì comme staie..?!? mamma toia sta vicino

                       a me.. papà no. pecchè nun se pututo mai truvà, Cenzì

                       m'arraccumanno nun fa  guaie..." Ecco se succedesse

                       chesta.. allora a gente. vedemmo o Miraculo turnasse  

                       dint'a Chiesa nostra...

Gavazzi:       (ENTRATO, HA ASCOLTATO LE ULTIME PAROLE DI 

                       CENZINO E GLI VUOLE FARE UNO SCHERZO)(CON

                       VOCE CAVERNOSA) "Cenzì comme staie?...

                       FIGLIO DI PADRE IGNOTO IN COPERATIVA  !!!"

22

CENZINO SOBBALZA! POI SI GIRA E RICONOSCE GAVAZZI

Cenzino:      Dottò.. siete voi? e mo me facevate venì na cosa!... io

                       dicevo così per dire... figurateve se o Volto Santo parlava

                       con me?

Gavazzi:      Certo.. facevamo una interurbana col Padreterno.. Sei

                       proprio comico... Sono tornato per intervistare il

                       Parroco... Uelà... ma che bello questo quadro qui... sarà

                       del Seicento.. scuola napoletana ... Salvator Rosa...

                       credo?..

Cenzino:      Sissignore, Salvator Rosa!.. è bello, ovè? E guardate

                       comme s'è conservato bello... proprio un viso naturale..

                       peccato pe sti doie strisce rosse sotto all'uocchie.. Sarà

                       na sculatura è pittura...

Gavazzi:      Pittura..? Ma questo liquido è fresco.. scivoloso...

                       sembra...  sembra ...(ODORA LE DITE SPORCHE)

                       sembra sangue!!

Cenzino:      Mamma mia bella!... Sangue?!... ma allora.. Gesù sta

                       chiagneno sanghe...!!

Gavazzi:       Calma ...ueh.. non diciamo fesserie.. non è possibile..c'è

                       una  spiegazione scientifica...sarà...sarà..sarà..

(ENTRANO ITALIA E FILOMENA CON UNA CESTA DI UOVA)

23

Italia:            Cenzì.. don Francesco nun ce sta..? ve avimmo purtate

                       doie ova fresche  fatte mo' mo'....

Filomena:    Cenzì... ma che staie facenno? pecche chiagne? ...è

                       abbuscato po fatte de Marrucchine?

Cenzino:      No...No.. Sto chiagnenne pa paura.. guardate cca.. 'o

                       Volto Santo caccia lacreme è sanghe!...

(ITALIA E FILOMENA SI ACCOSTANO, OSSERVANO, ANNUSANO, POI SI BUTTANO IN GINOCCHIO):

Italia:            Miracolo! Miracolo!...' O Volto Santo chiagne!!

Filomena:    Gloria a Patrie ora et sempre.. Misericodia!!.. Aiuto - Aiuto

                       Miracolo.. Miracolo!

Gavazzi:       Calma signorine.. calma.. sarà un fenomeno chimico...

Italia:            Ma lievete a lloco.. O Chimico!! Don Francisco currite..

                       currite tutte quante!.. Filumè.. va a chiamà tutt'o Paese..

                       fa ambressa!!

Filomena    (CORRENDO FUORI): Bella Gè.. currite.. Miracolo!

                       Miracolo! 'O Volto Santo sta Chiagnenne!!!

ACCORRONO DON FRANCESCO, SCONSOLATA E PATRIZIA.

Don Fra:       Ma che succede ancora?... Cenzino che altro hai

24

                       combinato?

Cenzino       (PIANGENDO): Io niente... è jsso ca me sta facenno piglia

                       paura!!            (INNALZA IL QUADRO)

Patty:            E' vero zio... qui sulla tela c'è qualcosa.. scorre del

                       sangue!..

Gavazzi:       S. Ambrogio.. aiutaci! Io non ho parole... sarò pure

                       comunista..  ma io una preghiera me la dico!!

Don Fra:       Ehi.. ma siamo diventati tutti matti?... calma .. non è

                       possibile... Sono 60 anni che aspetto.. non è possibile

                       adesso.. un miracolo..   un vero miracolo!?

Cenzino:      Si.. un miracolo (GRIDANDO)... un Miracolo..!!!

TUTTI IN GINOCCHIO PREGANO E GRIDANO AL MIRACOLO!!

CALA LA TELA

25


ATTO SECONDO

LA SCENA RAPPRESENTA LA STESSA SACRESTIA DEL PRIMO ATTO. SONO PASSATI ALCUNI GIORNI. L'AMBIENTE E' TIRATO A LUCIDO E PIENO DI VASI DI FIORI. AL SIPARIO SONO IN SCENA SCONSOLATA E RODOLFO. LA PERPETUA E' IN GHINGHERI, BEN VESTITA E PETTINATA COME PER UN GIORNO DI FESTA. RODOLFO INVECE E' AGITATO. IL QUADRO MIRACOLOSO NON E' AL SUO POSTO, MA SULLA CONSOLLE CAMPEGGIANO FIORI E NUMEROSE CANDELE ACCESE.

Scons:           Insomma.... Da quando abbiamo avuto il miracolo qui in

                       Paese non si capisce più niente.. A casa dò

                       Parrucchiano poi nun vi dico.. Don Francisco me pare o

                       Ministro e ll'Affari Esteri.. Cenzino fà Kissingèr e io

                       corro e abballo commè 'a Cuccarini..'O Maresciallo de  

                       Carabinieri pò è asciuto proprio pazzo pe mantenè a

                       tutta a gente ca vo vedè.. vo sapè... vo tuccà....

Rod.:             Si mi rendo conto ... e pò se capisce che la gente è

                       curiosa.. cca fore ce stanno almeno ciento persone che

                       aspettano.. pregano... Ma... o fatto.. "o miracolo"..

                       comm'è stato? vuie 'nce stiveve?..

26

Scons:           E se capisce... io ero in prima linea.. niente, ..bello e

                       buono, improvvisamente.. sotta ll'uocchie do Volto Santo

                       so spuntate doie rivole 'e sanghe.. Tutte quanto ci simme

                       vuttate pe terra chiaguenno e alluccanno

                       "Miraculo!".."Miraculo!"... o riesto 'o vedite pure vuie....

Rod.:             E come no? Stu paese a  nu paro e jurne me pare nu

                       manicomio.... Piuttosto,.. addo' sta Patrizia..?? A quando

                       è succieso "o fatto"  s'è scurdata degli impegni,.. da

                       turnè... A San Giuseppe  Vesuviano... a stanno ancora

                       aspettanno...' O pubblico sta ca schiumma mocca!

                       Comm'aggia fa..? Nui pavammo e penale...gli

                       incasse... e dibete.. Addo 'e ghiuta?.. è sparita Patty

                       L'Amour!!

Scons:           E se capisce.... chella è stata fulminata do' miraculo!

                       comme S. Paolo sulla via di Tarso... Ha ditto ca pò

                       mumento è in penitenza.. e s'è mise ncuollo na veste

                       longa longa... e l'aureola. Quant'è bellella!.. me pare

                       l'Arcangelo Gabriele!!

Rod.:             E io a spezzo 'e cosce!! L'Arcangelo Gabriele!! Chella

                       adda  mettere tutto cose a fare!... che fa a

                       PERVERSIONE  ca tonaca!?....

Scons:           Comunque... mo sta cu don Francisco e Cenzino

                       apprieso a Prucessione ... mo a vedite e venì... E adesso

27

                       permettete.. tengo un impegno... mi aspettano cierte

                       vecchiarelle pe sentì 'a me.. in diretta,.. a cronaca minuto

                       per minu to do miraculo! Permesso.....

ESCE

Rod.:             Ammo fatto 90* minuto dint'a Cchiesa!! Mannaggia

                       Bubbà..ma io  cca aspetto... l'accido, ma chella adda

                       turnà  subbeto a fa a  Porno - Star...!

Cenzino:      (RIENTRANDO CON UNA GRANDE CROCE SULLE  

                       SPALLE) Buon giorno, Signurì ... che stiveve dicenno..

                       che d'è na Porno - Star??

Rod.:             Guagliò, ma tu si proprio scemo...? Addo campe? Na

                       Pornostar è na femmena bellissima ca si spoglia..

                       tutt'annurra..abballa.. se gira... s'avota e fa ascì pazzo

                       all'uommene... Insomma fa l' attrice del sesso!!

Cenzino:      Madonna mia bella!! e chi sarebbe st'attrice??

Rod.:             Gesù... ma Patrizia, no? Patty L'Amour, detta

                       Perversione, ovvero la Moana Pozzi di Cinisello

                       Balsamo..!

Cenzino:      ' A nipote do Prevete fa 'a Perversione.. scusate ma

                       pecchè?

Rod.:             Cretino!..come perchè.. per soldi,.. per moneta... per

28

                       pecunia ...e tanta!.. e, se il prezzo è giusto, da pure

                       prestazioni intime a pagamento....

Cenzino:      S. Giovanni Battista! S Cristoforo co' Bambino n'cuollo..

                       Overo??  E quanto se piglia pe' sta prestazione?

Rod.:             Vediamo...(TIRA FUORI UN FOGLIETTO E LA

                       CALCOLATRICE) tutta la notte  Acrobazia e Sado - maso

                       compreso... TRE MILIONI!

Cenzino:      TRE MILIONI!?.. E ch'è la Carrà... E scusate per un ora

                       d'amore?..

Rod.:             Un'ora?.. E presto detto (CALCOLANDO SULLA

                       MACCHINETTA)... 3.000.000 diviso 12.. prestazioni

                       particolari... IVA..... ecco, fanno  250.000 lire!..

Cenzino:      250.000 lire?. Santa Genoveffa..! Scusate..e a me con

                       milleduiciento lire che me putesse fà?..

Rod.:             Milleduiciento lire..? Con milleduiciento lire te po sulo

                       sputà  nfaccia!! Guagliò Cammina! Chella Patrizia è

                       n'artista del materasso... Piuttosto... basta! ... nun me fa

                       perdere cchiu tiempo....  io me ne  devo andare...

                       quando  arriva la Prima Donna ci 'a dì che torno

                       stasera...Vado a   S. Giuseppe Vesuviano.. sino' llà

                       abbusco sicuro!!

(ESCE)

29

Cenzino:      Guè.. Signurì... E a cambiale, nun se pò fa niente??....

                       Guardate .... guardate  quanta cose ce stanno... e io ca

                       nu saccio niente... ca Don Francisco ce fa senti sulo

                       a RADIO VATICANA..

DALLA PORTA DON FRANCESCO, PATRIZIA, LE VECCHIETTE E IL MARESCIALLO DEI CARABINIERI SPOSITO. DON FRANCESCO PORTA IL QUADRO CHE CON MILLE ATTENZIONI METTE AL SUO POSTO. PATRIZIA E' VESTITA COME UN ANGELO: TUNICA BIANCA ED AUREOLA, CONFABULA CON LE VECCHIARELLE.... IL MARESCIALLO SI ASCIUGA IL SUDORE.

Maresciallo:  Guè.. io non ce la faccio più.. se veneva 'o terremoto

                       steveme  meno impegnate... Aggio cercate 'e rinforze a

                       Stazione 'e Carditiello .. Mi hanno mandato.. l'appuntato

                       Braciola..... dico,... un'appuntato cu na panza tanta 'e a

                       pressione bassa!. E io  comme faccio?... diecimila

                       persone  assatanate e mantengo cu doie reclute e cu

                       l'Appuntato  Braciola ?!?

Don Fra:       Maresciallo.. ci vuole pazienza.. la curiosità popolare è

                       sensibile al Soprannaturale... al Divino che si

                       manifesta...  la Gente vuole capire,.... vedere...

                       partecipare.... pure a me  me stanno accerenno.. tre

                       processione al giorno... ed io

30

                       tengo un'età!..

Mares:          Ma, infine, s'è saputo si è sanghe? Si o miraculo è

                       autentico?...

Italia:            E pecche' ce sta pure a vedè.. a studià?.. O  Miraculo è

                       Miraculo!... chi nun crede va all'Inferno!!

Don Fra:       Ma che dite, donna Ità... si capisce che bisogna

                       verificare...  controllare... E sì... sarebbe bello... allora

                       tutto addiventasse miracolo... La Chiesa deve essere

                       prudente! Io ho mandato alcune gocce d sangue

                       all'Università di Napoli.. Chimica Organica...Sto

                       aspettando a risposta a nu mumento a n'ato dal

                       Professore Pastetta!!

Filo:               L'università... a chimica... o Prufessure.... Chillo o

                       Pateterno ..se piglia collera se nun 'o credite..

Don Fra:       Va be.. va be... va be... come volete..adesso, però, ci

                       dobbiamo salutare... su.. su accomodatevi alle case

                       vostre... ci vedremo alla Messa di domani... Jate... Jate a

                       pregà a casa vosta...

Italia:            Va buò.. ce ne jammo.. però Marescià.. voi ci

                       accompagnate.. ce scurtate.. sapite io e Filumena simme

                       state numinate 'e Parente do' Volto Santo... a gente ce

                       secuta.... ce segue... ce  intervista..

Filo:               Si a me me chiamano LILLA GRUBER!... aggio pure

31

                       rilasciato n'intervista a TELE CANZANELLA VECCHIA...!

Maresc:          Ma facitemo o piacere!! jammo jammo fore!... ca o

                       Parrucchiano sta stanco.... Stateve buono.. Don Francì..

                       statte comodo Cenzì...  a porta ma tiro io.. A vuie doie,

                       Vallette d'o Pateterno cammenate fore....

                       Jammuncenne!!

ESCONO LE BIZZOCHE ED IL MARESCIALLO)

Don Francesco:Ha ragione il Maresciallo,   ho bisogno di riposare un

                       pò...  ragazzi  mi ritiro un'oretta non ci sono per nessuno 

                       e non fate nessun guaio.... 

RIMASTI SOLI, CENZINO METTE LA MANO IN TASCA E SCUOTE LE MONETINE FACENDO SENTIRE IL RUMORE E GUARDANDO PATRIZIA CON INTENZIONE. LEI NEL FRATTEMPO SI TOGLIE LA TONACA E RIMANE NEL SUO SUCCINTO VESTITINO.

Patty:            Cenzì ma che vuoi?

Cenzino:      (SCUOTENDO PIU' FORTE, RINGALLUZITO DALLA

                       VISTA DELLE FORME DELLA RAGAZZA)... no dico....

                       avimma fa niente??

Patty:            Scusa non capisco... anch'io sono stanca.Che intendi ?

32

Cenzino:      Faccio sentire il rumore del denaro...  a pecunia... me

                       capisci?.. A prestazione...  l'acrobazia...  mi spiego?

Patty:            Non molto. Quale prestazione..che acrobazia  ? Tu mi

                       sembri scemo!

Cenzino:      Prego.." RITARDATO MENTALE"..,comunque..basta..qua

                       ce    stanno milleduciento lire..voglio na prestazione

                       sessuale.....avanti..PATTY L'AMOUR, fammi una

                       PERVERSIONE! ( SI METTE IN POSA COME S. MARIA

                       GORETTI)

Patty:            (SORRIDE COMPRENSIVA SI AVVICINA E

                       DOLCEMENTE GLI DA UN BACIO SUL NASO) Ecco

                       quà...contento...?

Cenzino:      Beh...meglio questo ca na sputata n'faccia..grazie

                       Patrizia..questo incontro sessuale non lo dimenticherò

                       mai... per tutta la vita...mi è costato caro..ma ne valeva la 

                       pena... Adesso addio...vado a richiudermi nei miei

                       ricordi di libertino..Addio...!

( ESCE )

Patty:            Che tipo!!.. però,... se tutti gli uomini fossero come

                       Cenzino!... io farei la fame.. ma il mondo sarebbe più

                       pulito !!

33

SI DA DA FARE IN GIRO PER SISTEMARE GLI ARREDI SACRI, METTE A POSTO VESTI E FIORI... INSOMMA IN LEI C'E' UNA DONNA NUOVA, MOLTO DIVERSA DALL'AVIDA PORNOSTAR DI PRIMA. AD UN TRATTO SI SENTONO COLPI INSISTENTI AL PORTONE. BUM BUM. PATRIZIA APRE SONO I CONIUGI CIRO E MARIAROSA LA FELLA, TIPI INGENUI CONTADINOTTI DELLA PROVINCIA DI NAPOLI.

Patty:            Si!?.... desiderate..?

Ciro:              Scusate, bella giò..'u Marò.. vuie state annura!.. nun

                       guardà Mariaro'....sta na femmena annura!..

Patty:            (COMPRENSIVA DELL'IMBARAZZO SUSCITATO SI

                       COPRE CON LA TUNICA) Sc...scusate... stavo facendo il

                       bagno... accomodatevi ..entrate... cosa posso fare per

                       voi?!?

Ciro:              Permettete?...So' Ciruzzo La Fella..Agricoltore diretto di

                       Mariglianella e chesta femmena cca è muglierema

                       Mariarosa. Simme venute a fà o duvere nuosto..

                       Mariarò..puorta a borsa!!.. Fa chiano....

Mariarosa:   Si.. Cirù.. chiano .. chiano.. comme vuò tu...

Patty:            Scusate ma ancora non capisco.. quale dovere? Se

                       volete il Parroco, sta occupato, ma io sono la nipote

                       Patty..pardon Patrizia Coniglio... dite pure..

34

Ciro:              Nui stamme cca pò miracule..

Mariarosa:   Si pò miraculo.. nui simme è primme miraculate!

Patty:            Miracolo...miracolati.. ma cosa intendete..?

Mariarosa:   Cirù... spiegancello tu.. o fatto..ma cu delicatezza. Chesta

                       è piccerelle.. tante cose nun'e sape!.. se pò mettere

                       scuorno.. l'argomento è spurculillo!!

Ciro:              Hai ragione Mariarò.. se vede che sta signurina è na

                       verginella 'e  Chiesa.. tene pure 'a veste 'e Angelo!

Patty:            Va bene... cercherò di non arrossire troppo... ma voi siate

                       prudente che mi vergogno...

Ciro:              Sicuro.. dunque.. Signurì io e chesta femmena cca sime

                       spusate 'a  venticinque anni.. Mo a vedite accussi chiatta

                       chiatta e che baffe,.. ma quand'era figliola apprufumave

                       cchiù do vasenicola!!

MariaRosa:   Cirù.. nun dicere accussi.. me metto scuorno..

Ciro:              Dunque... dicevo io e chesta femmena nun avime mai

                       avute figlie.. e sì ca o dovere mio 'o facevo, nu sabato si

                       e  uno no.. doppo a mangitura de' vacche.. Essa pregava

                       pure ... prime... durante... e doppo... Embè, cu tutto

                       st'ardore....niente!!

Mariarosa:   ....e dince o fatto do Farmacista..!

Patty:            Il farmacista.. che c'entra? era un vicino?

Ciro:              Noo..O farmacista.. dunque 25 anni fa.. na vota ca

35

                       scenette a Cardito pò mercato... iette a Farmacia per

                       cierti calle sotto 'e piede... O Farmacista parlanne 'e

                       figlià...nun figlià.. me vennette na scatula 'e 1000 piezze

                       'e ciert pallucine... che saccio profili preservati Haiatù

                       Haiamè.. nun me ricordo.. Comunque ... dicette "si vuò

                       sta tranquille.... ausa sti cose..." io nun capette niente

                       però avevano essere medicine  pò sistema nervoso....

Patty:            Ancora non è chiaro....andate avanti

Ciro:              Allora.. pe venticinque anne io so state sempe tranquillo

                       ... a notte durmevo buono..nun me 'ncazzavo maie...ma

                       figlie niente! manco pe sbaglio  

Mariarosa:   .... E si, ca io pregavo sempe... prima

Patty:            Durante.... e... dopo.. l'ho capito!

Ciro:              Mariarò, non interrompere... allora .. o mese passato

                       chella scatula 'e tranquillante è fernuta... e io... me metto

                       scurno a dicere... facette o dovere mio... senza

                       tranquillante... nù poco nervuso..

Mariarosa:   E io pregaie assaie 'O Volto Santo Miraculato e

                       Melitiello..... pe'ave nu figlio e.... Miraculo... Miraculo..!!

Ciro:              Si...Miraculo.. doppo 25 anne  muglierema chesta cca...

                       è asciuta prena!  Nu figlio!.... tra pochi mise me nasce nu

                       figlio.. essa e a  Mucca Carmela figliano insieme!

Mariarosa:   Si,.... so state 'e preghiere mie... e 'o Volto Santo e

36

                       Melitiello ci ha fatto a grazia!! Accussi agge detto: "Cirù

                       nun ci 'o  putimme  tenè.. Avimma ì in pellegrinaggio a

                       Melitiello e  nce purtammo nù  ex-voto a Gesù!!

Ciro:              Ecco quà.. Alla vostra immagine miracolosa con i

                       ringraziamenti di  cuore della famiglia La Fella!

(SCARTOCCIA IL PACCO TIRATO FUORI DA UNA BORSA E VIENE FUORI UNA SCATOLETTA D'ORO ED ARGENTO CHE L'UOMO PORGE RELIGIOSAMENTE A PATTY)

Patty:            (LEGGE) Hatù, e DORMI SICURO... CONFEZIONE

                        INDUSTRIALE DA 1000 PEZZI. Ah Ah Ah...

Ciro:              Guè...'e pecche redite?.. Nuie ce simme  vennuto o'

                        puorco pe fa stu voto!

Patty:            NOO.. per  carità... io ridevo perchè... perchè.. è bello

                        vedere ancora persone come voi... semplici e generose.

                        Il Signore di certo sarà felice del vostro dono.

Ciro:              Maria Rò.. Jammunncenne.. 'o dovere è fatto!! Signurì

                        m'arraccumanno.... pulezzate a scatuletta ogni

                        ghiuorno. A proposito ma vuie che pensate... 'o posso fa

                        'o dovere mio... senza sti tranquillanti ... E si m'attacco

                        'e nierve?

MariaRosa:   Viene Cirù.. nun ce penza.. nun te preoccupà... tanto io

37

                        prego prima ... durante....

Patty:            e... dopo! Arrivederci

(I DUE ESCONO)

                        Ora basta...ora mi riposo anch'io.. un bagno caldo non

                        me lo leva nessuno .... e senza tranquillanti! Sconsolata!

                        ...(A VOCE ALTA AFFINCHE' LA PERPETUA SENTA)....

                        ti prego.. apri  l'acqua e riempi la vasca!!! Arrivo   (ESCE)

LA SCENA RESTA VUOTA. SI SENTE PER QUALCHE SECONDO LO SCROSCIO DELL'ACQUA CALDA E LA VOCE DI PATTY CHE CANTICCHIA IN FALSETTO UNA CANZONETTA AMBIGUAMENTE LASCIVA DAL SUO REPERTORIO. DOPO UN PAIO DI MINUTI IRROMPE IN SCENA CENZINO INSEGUITO DA SCONSOLATA CHE BRANDISCE UNA SCOPA.

Scons:           Zuzzuso..! Puorco vavuso!.. Maniglia Sessuale!.. mò te

                       'mparo io a fa a spia a Signurina ca se fa o bagno!

                       (CENZINO RICEVE ALCUNI COLPI.... ALTRI NE

                       SCHIVA)... pure 'e pullece teneno a tosse...tiè ...tiè!!

Cenzino:      Hai..hai..basta io nun aggio fatto niente e male..nun è

                       colpa  mia ... chella Patrizia se spugliava ca porta aperta

                       io steve passanno pe sbaglio.. Madonna mia...e che

38

                       bellizze!.. 'e chi aveva idea?.. doie mummere accussi!

Scons:           E' mummere.te faccio nfronte.. fetentone.. e fermate....

                       fatte acchiappà!.

Cenzino:      Fermate tu... a te nisciuno te vo vattere.. Alt!... e pò..

                       scusa... essa ha lasciato 'a porta aperta.. ch'aveva fa?

Scons:           Che aviva fà?.. aviva chiudere l'uocchie e ti dicive l'Atto

                       di  dolore e Vade Retro Satana! comm'e a S. Antonio

                       dint'o deserto! E mo.. basta ovvì... si te ncoccio ancora

                       attuorno a Signurina... te ne  faccio caccià!!

Cenzino:      Va bene... agli ordini... prometto 'ncoppo all'anema dei

                       morti tuoi che si me accumpare annura, a schifo!..però..

                       Scunsulà.. dimmi l'urdema cosa... leveme na curiosità..

                       io na cosa nun aggio capito...vuie femmene a pipi cu che

                       a facite?

Scons:           Disgraziato! Schifuso!... T'adda cadè chella lengua

                       zezzosa.. Ma mo  basta.. mo! cioncate ccà.. e nun te

                       movere.. pulizza tutto l'argiento 'e tanto cumpare dinto

                       quando ti chiammo io pe mangià!!.. A pipi ..'e

                       mummere...  (BORBOTTANDO) e io m'aggia sta accorta

                       cu stu maniglia sessuale ca gira pa' casa.. chillo me po'

                       zumpa' ncuollo.. io so na femmena 'e cheste manera!....

(ESCE)

Cenzino:      E che giurnata... che attività sessuale frenetica!.. a nu

39

                       mumento a n'ato... ma chi sò? Alain Delon?  Mo, però

                       pensammo 'e cose serie..  da quando è succieso o

                       Miraculo 'e turiste vanno e veneno a centenare ...e

                       hanna  truvà tutto in ordine.. tutto bello pulito e Cenzino

                       fatica!....

Don Fra:       (ENTRANDO CON UNA TONACA TRA LE MANI)

                       Gue Cenzì... fammo 'o piacere ...attaccame stu buttone

                       vicino a tonaca.  Stasera vene o' TG 3 e fa brutto dinta a

                       televisone a comparì comme a nu straccione .... t'è

                       m'aggio fatto pure a barba.. la ribalta ha le sue 

                       esigenze...

Cenzino:      ... e mo ve truccate pure comme Emilio Fede... oramai

                       site na  Star!....

Don Fra:       Cenzì, nun sfottere.. vattenne dinte, và! voglio stà nu

                       poco sulo... voglio pregà a faccia a faccia cò Volto

                       Santo... Se chiagne sanghe quacche cosa ce vo dicere...

                       io aggia capì...!

Cenzino:      Avite ragione.... vado.... con permesso...

ESCE

Don Fra:       Eccoci qua...! io e te, faccia a faccia.... Gesù mio bello.

                      a quando è succieso o'Miraculo nun avimmo truvato chiù

40

                      mumento  'e  pace pe nce parla' nu poco.... guardame...!

                      parlame...! famme capì...! io so quarant'anne ca faccio o

                      prevete... cu cuscienza.. cu didizione... n'aggio battezzata

                      e cunfessate gente.... so stato credo sempe nu  buono

                      servo da causa toia.... e mo tutto nzieme te miette a

                      chiagnere dint'a Chiesa mia. Che vuo'? Ch'è stato? Che

                      me vuo' dicere? Perchè proprio mo' ca nun tengo chiù a

                      forza e correre annanze e areto pe te?... E parla..!. nun

                      chiagnere...! parla...! O munno è fetente.. a gente è

                      cattiva... A guerra... A famma ... A Bosnia... 'o Ruanda....

                      o sanghe.... e chesto se sà, se vede...! ma io ... nu

                      prevete  piccerillo... piccerillo... vecchio..cumbinato

                      comme 'o ciuccio 'e Fechella... che pozza fa..? Comme te

                      pozzo aiutà..? Rispunne... damme nu segno..!damme nu

                      segno!

IN QUEL MOMENTO SI ODONO FORTI COLPI SULLA PORTA DELLA CANONICA IL PRETE SOBBALZA CREDENDO AD UNA MANIFESTAZIONE DIVINA... POI REALIZZA CHE SI TRATTA DI QUALCUNO ALLA PORTA. SI SOLLEVA E VA AD APRIRE. SULLA PORTA IL MARESCIALLO E IL GIORNALISTA GAVAZZI.

Don Fra:       Uè.. Maresciallo bello... mi avete fatto sobbalzare... qual

41

                       buon vento... a cosa devo il piacere...?

Maresc:        Don Francesco... voi conoscete il dott. Gavazzi... è un

                       giornalista dell'Unità... corrispondente di zona

                       impegnato  in un inchiesta sul mistero che stiamo

                       vivendo a Melitiello...

Gavazzi:       Lietissimo... io sono già stato qui... ho intervistato il

                       vostro Segrestano.. un tipo originale... interessante..

Don Fra:       Cenzino!? Per carità.. quello non lo considerate... è più

                       scemo che buono... lo trovai piccolo piccolo fuori alla

                       chiesa e me lo sono cresciuto io a pane, latte ed Ave

                       Marie...è rimasto bambino... non conclude....

Mares:          ... si, è tanto nu buono guaglione.., però, effettivamente..

                       non fa testo... non è attendibile... è nu sempliciotto...

                       Comunque, don Francesco io ed il dott. Gavazzi siamo

                       qui per un motivo preciso... grave... gravissimo...

                       possiamo parlare.. senza orecchie indiscrete?

Don Fra:       (CHIUDE LE PORTE) Adesso si.. parlate pure... ch'è

                       stato.... qualche delitto? ... Stiamo in pericolo?

Gavazzi:       No.. pericolo no... ma la situazione si ingarbuglia.. il

                       mistero  si infittisce... Maresciallo... parlate voi.. il rebus

                       è oscuro!

Don Fra:       Per piacere... non facciamo la Settimana Enigmistica...

                       parlate chiaro.. io già tengo na capa tanta...!

42

Mares:          E va bene... andiamo al sodo... dunque, Caro Parroco,

                       pochi minuti fa il Dott. Gavazzi mi ha portato copia

                       ufficiale delle analisi del sangue sgorgato dal quadro

                       Santo... anche la redazione dell' Unità aveva preteso

                       l'analisi di un campione. Quà c'è la risposta...!

Gavazzi:       ... Ecco qua'.. Facoltà di Chimica Organica... Università

                       di Napoli... etc.. Analisi cliniche... emoglobina... globuli

                       rossi... densità relativa....

Don Fra:       ... e vi ho pregato... parlate chiaro!... e allora.... il

                       sangue..?

Mares:          ... e' sangue di piccione!!

Don Fra:       Sangue di piccione?... e che significa?.. il Volto Santo

                       perchè piangerebbe sangue di piccione??

Gavazzi:       Ma non capite?.. non vi è ancora chiaro?... è un trucco!

                       è tutto un trucco!.. Qualcuno ha fatto sgorgare il sangue

                       di animale dal quadro per prenderci tutti in giro!

Don Fra:       No! No! Non è vero..! non è possibile..! Ma siete sicuri?

                       perchè?. chi avrebbe osato?.. com'è possibile? Io vi

                       assicuro non ho...

Mares:          Che c'entra... la vostra buona fede è fuori discussione....

Gavazzi:       ...però, se non siete stati voi a preparare lo scartiloffio...

                       dev'essere stato qualcuno che, comunque, bazzica la

                       Canonica...

43

Don Fra:       Non è possibile.. qui oltre a me... vivono Vincenzo

                       Onorato il mio sagrestano, Sconsolata, la Perpetua e mia

                       nipote Patrizia Coniglio arrivata da Milano qualche

                       giorno fa....

Mares:          Patrizia Coniglio...? Coniglio Patrizia...? Ci sono, Patty!...

                       Patty l'Amour, la Porno Diva.. quella che si doveva

                       esibire con le sue degne compagne al Teatro Tenda di

                       S. Giuseppe Vesuviano....

Don Fra:       Maresciallo... moderate i termini.. come vi permettete...?

                       mia nipote e una buona guagliona.. timorata.. religiosa!..

Mares:          Sarà pure timorata... ma ci è stata segnalata dalla

                       Prefettura di Napoli per i suoi spettacoli sconci... che

                       attirano nu sacco e fetentune... e poi.. il suo "impresario"

                       Rodolfo Sanguetta detto Ciù Ciù... pregiudicato per

                       sfruttamento della prostituzione... tratta delle bianche...

                       droga.. tiene una fedina penale lunga come  la Bibbia...

                       con tutto rispetto, si capisce...!

Gavazzi:       .. E allora è tutto chiaro... la ragazza ha organizzato il

                       fatto  per attirare gente e morbosità attorno al suo

                       spettacolo...  il  Diavolo e l'Acqua Santa! Si chiama Show

                       Promotion!!

Don Fra:       Non ci posso credere... mia nipote una truffatrice ... una

                       poco di buono? Sono sicuro che vi state sbagliando...

44

                       dovrei solo vederlo con i miei occhi!

Mares:          Ed io con gli occhi ve lo faccio vedere... Adesso

                       prepariamo una bella trappola.. ci nascondiamo

                       nell'ombra e facciamo l'agguato alla mistificatrice di

                       Miracoli!!

Gavazzi:       Io tengo la macchina fotografica pronta con il  Flash...

                       appena cumpare l' imbrogliona facciamo la copertina

                       per l'Unità di domani..

Don Fra:       A voi non vi bastava essere comunista... siete pure

                       antipatico!!

Gavazzi:       Detto da un Bacia Pile è un complimento..!

Mares:          Basta con le polemiche.. adesso su.. nascondiamoci

                       dietro al Coro.. il primo che parla... lo  arresto per

                       complicità!!

I TRE SI NASCONDONO PERFETTAMENTE CIASCUNO DIETRO UN MOBILE, UNA PANCA.... SCENA A SOGGETTO. E RESTANO IN PAZIENTE ATTESA DOPO AVER ABBASSATO LE LUCI. DOPO  QUALCHE ATTIMO, CON UNA CANDELA NELLA BUGIA, ENTRA PATRIZIA. SI GUARDA INTORNO CIRCOSPETTA. POI CAVA DALLA TASCA UNA BOCCETTA ROSSA.

Gavazzi:       Ecco la boccetta col sangue falso.. prendiamola!

45

Don Fra:       Aspetti... vediamo che fa...

Mares:          Zitti.. Ssss!!... basta!

PATRIZIA APRE LA BOCCETTA... TIRA FUORI UN PENNELLINO... GAVAZZI PREPARA IL FLASH... PATRIZIA INTINGE IL PENNELLINO ROSSO E.... SI DA LO SMALTO SULLE UNGHIE LUNGHE E CURATISSIME!!

Patrizia:       Finalmente!... non ne potevo più... senza smalto mi

                       sentivo  una  contadinella... è vero che quel mestieraccio

                       non lo voglio fare più, però a qualche piccola

                       concessione alla femminilità non rinuncio... e devo farlo

                       di nascosto dallo zione... non voglio che sappia del mio

                       lavoro.. della mia vita passata.... anche perchè ho chiuso

                       con i Porno Show... gli Strip... la vita inutile e corrotta

                       che facevo... anzi.. appena vedo Rodolfo gli dò il

                       benservito... ce facesse fa a sora 'e Prestazione

                       acrobatiche... io so diplomata maestra... e pò, quanno se

                      vedeno chisti miracule...cierti cose nu se ponno cchiu fà!!

DON FRANCESCO ESULTA ED ABBRACCIA IL MARESCIALLO. GAVAZZI INVECE E' LIVIDO. PATRIZIA PRENDE LA CANDELA ED ESCE.. I TRE SORTISCONO DAL NASCONDIGLIO.

46

Don Fra:       Ve lo dicevo io... mia nipote è una Santa!

Maresc:        ...non esageriamo.. ma santa no.. però col falso miracolo

                       non c'entra... oramai è assodato..!

Gavazzi:       E allora... vuoi vedere che sotto sotto....

Mares:          Zitti... vedo una luce che si avvicina... nascondiamoci di

                       nuovo... inizia un altro agguato!

I TRE SI NASCONDONO COME PRIMA, PRECEDUTO DA UNA GROSSA CANDELA, UN CEROGENO, ENTRA CENZINO... E' CIRCOSPETTO SI MUOVE COME UN LADRO... SI GUARDA PREOCCUPATO INTORNO, ASCOLTA.... POI TRAE DI TASCA UNA BOTTIGLINA E UN PENNELLINO. SI AVVICINA AL VOLTO SANTO ED INIZIA LA SUA MISTIFICAZIONE.

Cenzino:      Ecco quà... e pure per domani... il miracolo è servito!

                       guarda  quà che belle lacrime... un capolavoro..! Gesù

                       Crì, tu mi perdoni, vero? Come si dice... il fine giustifica i

                       mezzi!!

Don Fra:       (ESCENDO DAL COVO): CENZINO!!

Mares:          T'avimmo pigliate che mane dint'o sacco!! Sei in arresto!

Gavazzi:       Ecco spiegato il "Miracolo"... erano lacreme di sangue di

                       piccione...  pittate dal "segrestano". Svelata l'ennesima

                       truffa della Religione Oppio dei Popoli! E' una grande

47

                       vittoria per il Comunismo... viva l'Internazionale!

Don Fra:       Embè... ma quanto si brutto e antipatico..!

                       Patetè....scusa l'invettiva ma quando ce vò... ce vò..! A

                       te... Cenzino.. che hai combinato disgraziato..! che guaio

                       hai fatto!!

Cenzino:      Guaio.. che guaio? Che ho fatto?

Maresc:        E lo chiedi pure? Tu sei un criminale.. abuso di credulità

                       popolare... plagio... truffa.. almeno i prossimi tre anni te

                       li  fai a Poggioreale!!

Don Fra:       Marescià, vi prego... lasciatelo stare.. quello non è

                       responsabile delle sue azioni... è scemo!

Cenzino:      Prego... MINORATO MENTALE..! altro che scemo! e poi..

                       don Francè .. col vostro permesso... io tutto quello che

                       ho fatto l'ho fatto coscientemente... sono responsabile!!

Gavazzi:       (GRIDANDO) E' reo confesso! Truffa premeditata!....      

                    ...Abuso di credulità... un'altra vittoria per

                       l'Internazionale!!

(ATTIRATE DAL TRAMBUSTO IRROMPONO PATRIZIA E SCONSOLATA IN CAMICIA DA NOTTE)

Patrizia:       Ha vinto l'Internazionale...? la coppa Italia è nostra!!??

Scons:       Ma ch'è stato? che so sti strilli ?!.... e sti signure

48

                       (COPRENDOSI) che vonno cca a chest'ora?!?

Maresc:        Devo arrestare Cenzino.. perchè ha truffato tutti

                       dipingendo le  lacrime di sangue sul Volto Santo!

Pat:                Tu hai fatto questa infamità?

Scons:           Io lo sapevo!... stu disgraziato è una" maniglia" sessuale

                       capace di ogni lussuria ed inganno!!

Don Fra:       Lasciatelo stare... Cenzino non è cattivo... avrà avuto un

                       motivo... Cenzì, parla... Cenzi discolpati!!

Cenzino:      Discolparmi ... e di che? Che colpa ho?.. che ho fatto di

                       male??

Don Fra:       Lo vedete... il ragazzo non capisce.. non si rende conto...

Maresc:        Come, che hai fatto?... Hai imbrogliato tutti e hai

                       danneggiato la Religione!...

Cenzino:      Io le vostre parole difficili non le intendo.. però fatemi

                       capire di che Religione parlate? Di quella che c'era prima

                       qui a Melitiello... Io...'o Prevete... e quatto vecchiarelle!

                       Na chiesa comm'a chesta do' seiciento... nu' a sapeva

                       niscino.. 'o quadro 'e Salvator Rosa lo hanno visto sulo

                       co Miraculo a Coppa.... A Religione?... ma faciteme   o

                       piacere..! guardate mo'.. tutte 'e jiorne a Chiesa chiena 'e

                       gente ca prega... 'e Televisione che veneno a Melitiello

                       pe vede'o Miraculo e trovano 'o Paese nuosto... E

                       bancarelle... 'e prucessione...'e palluncine... o turrone...!!

49

Gavazzi:       Quest'uomo è un pazzo!! Qui fuori ci sono 2000 persone

                       che  vogliono vedere il Miracolo!!

Rod:                (Entrando d'improvviso): 2000 pò Miracolo e 2000 so

                       venute da S. Giuseppe Vesuviano pe vedè 'a

                        Pornostar...cca fore nun se capisce cchiu niente... se

                        stanno chiavanno nu sacco 'e mazzate

Italia:            Marescià currite...è fans 'e Zucculella stanno vattene 'e

                        Figlie e Maria

Filo:               A giuvintù cattolica sta appiccianno tutte 'e manifeste de'

                        femmene che zizze a fore! Nu manicomio!!

Don Fra:       No... o manicomio sta cca dinto...! io nun cia faccio cchiù

                        cu tutte  quante vuie... m'avete fatto ascì pazzo.. 'O

                        Miraculo... A Pornostar... e mazzate.... Jatevenne...!

                  Jatevenne...! fore tutte quante! Chesta è casa 'e Dio!  Fore!!

TUTTI GLI ESTRANEI VENGONO MESSI ALLA PORTA

Cenzino:      Don Francì, dimane me veneno arrestà.. è ovè?...

Don Fra:       Nun 'o saccio...però si arrestano a te, hanno arrestà pure

                       a Cristo 'ncroce... tu si tutto scemo però, si nu Santo! nu

                       Santo e  chille e na vota, però!!

DON FRANCESCO ABBRACCIA COMMOSSO CENZINO

CALA LA TELA

50

1-­ywy  [1] 357‡Õ%[1]5[1]‰[1]Ú[1]) x Ä  d µ vvvvvvvmmmmmmmmmmmmmmàà "8:<Ï‑k”Û.         a       ©      «       ­        °       ²        ý                M

vvmmmmmmmmmmmmmmmvmmmààM

Ÿ

ò

F
~
Å

^
®
õ
*

b

Ø

!
#

Í
Ï
vvvvvvvvvvvvvvmvvvvvvàà¤‑ Pdf³ë)u»e­ã#i¬÷!e³vvmmmmmmmmmmmmmmmmmmmàà¦[1]UzÇÉËÎÐM˜ÊÌ_±ßá%vvvvvvmvvvvvvvvvvvvvvàà%'s¶e Ê]￾’•—Õ$j•ÙGŒvvvvvvvvvvvmvvvvvvvvvààîÝXz|±³Õ"g¯Î‑h‑¬‑®‑°‑³‑µ‑ë‑"­vvvvvvvvvvvvvvvvvmvvvàà"­T­￾­¾­
 U ‹ Ê !h!¸!ù!3"s"Ã"÷"#<#m#¡#£#Ã#Å#vvvvvvvvvvvvvvvvvvvvvvà+#Ç#Ê#Ì#$a$ª$û$?%j% %Û%
&G&Ž&¶&û&K'š'ð'.(^(vmvvvvvvvvvvvvvvvvvvvàà^(¦(ú(K)“)Ç)É)Ë)Î)Ð)ð);*ˆ*°*ö*:+~+Ã+,N,—,æ,vvvvvvvmvvvvvvvvvvvvvààµ, -e-”-Ý-%.k.³./H/—/é/ë/í/ð/ò/$0_0¡0ò071‡1vvvvvvvvvvvvvmvvvvvvvààç1Â1

242€2Ô2&3x3Ê3ì3.44¨4è455†5®5ó5õ5÷5ú5ü5vvvvvvvvvvvvvvvvvvvmmààn5I6”6ã647œ7æ738€8Ï8$9`9§9ø9J:œ:â:/;[;˜;Ý;"<9<vvvvvvvvvvvvvvvvvvvvvvà9<Š<Œ<Ž<’<”<Þ<#=o=Â=>R>£>ì>7?„?Î?@M@Š@Õ@ Avvvmmvvvvvvvvvvvvvvvvàà APAšAáA*BmB¿BCCCCCOC￾CàC
DSDŸDíDEEE￾EvvvvvvvvvmmvvvvvvvvvvààÅEäE9F‹FåF2GVG™GíG@H’HßH"IiIkImIqIsIÂIèIêI

Jvvvvvvvvvvvvvvvmmvvvvàà

J
J!K#K%KmKÃKLaL¯LMQM£MÔM#N%N'N+N-N‚NÖN%Ovvvvvvvvvvvvvvvvmmvvvàà%OXO¥OóOEPuP¾PQ`Q®QùQIR￾RÝR3S~SÀSTJT˜TàTâTäTvvvvvvvvvvvvvvvvvvvvvvà_TèTêTìTlUnU¨UíU)VsV´V¶VäVæV'WsW¾WXYX¤XæX8Yvmmmmmmmmmmmvmmmmmmmmàà8Y…YÏYÑYÓY×YÙY
ZZ]Z¦ZáZ[s[Å[ë[/\y\¾\
]

]E]vvvvmmvvvvvvvvvvvvvvvààE]q]¿]^c^‰^Ñ^                _7_9_;_?_A_…_Ï_`i`¸`aQaœaåavvvvvvvvvvmmvvvvvvvvvàà_a+bvbÄbcXcŠcÆcdMd—dëd)eveœeže e¤e¦eñe@f—fvvvvvvvvvvvvvvvvmmvvvààùfçf-g}g¦g¨gÉgËghRhŒh×h&ihi´iùiBjsj¿jìj7k9k;kvvvvvvvvvvvvvvvvvvvvvvà;k?kAk}kÃk
l\lªlúl4mmÓm'nmn‰n±núnDoyo¢oòo-pvvmmmmmmmmmmmmmmmmmmmàà-p/p_pap«p­p¯p³pµpq;q„qØqöq=r„rÒrsfs‹sÐs'tvvvvvvmmvvvvvvvvvvvvvàà'tqt«tðt<u‹u¬uóu?v￾vÁvÃvÅvÉvËvwiw¼w

xWx§xùxvvvvvvvvvvvvmmvvvvvvvàà•xKyŽyÙy*ztz´zýzD{“{ç{7|‰|Ý|}
}

}}}}vvvvvvvvvvvvvvmvvvdà[1]àà§}}a}°}û}F~•~ë~1‚Ó&€}€Å€￾b￾°￾ý￾M‚}‚‚¼‚vmmmmmmmmmmmmmmmmmmmmàà+éÿ‚?ƒ‚ƒ„ƒ†ƒŠƒŒƒ¿ƒ„[„{„À„
…^…­…Î…†d†·†é†-‡vvvvvmmvvvvvvvvvvvvvvàà-çr‡š‡Þ‡
ˆWˆ¢ˆ¤ˆ×ˆÙˆÛˆÝˆáˆãˆ.‰j‰¬‰ç‰,ŠlŠnŠÃŠvvvvvvvvvvvmmvvvvvvvvàà+èÅŠ                ‹U‹‚‹È‹ŒkŒ‘ŒÏŒ￾￾E￾G￾‡￾‰￾‹￾￾￾‘￾´￾ý￾<Žvvvvvvvvvvvvvvvvmmvvvàà<ĈŽªŽïŽ5￾}￾Í￾￾P￾R￾†￾ˆ￾Š￾˜￾š￾œ￾ž￾ ￾¢￾¤￾¦￾¨￾vvvvvvvvvvvvmmmmmmmmm[1]àà¿Éª￾®￾±￾¿￾Á￾T’V’Ÿ’ã’3“„“Õ“!”l”µ”•S•Ž•￾•vmdmdddddddddddddddàà[1]àÉò’•–•˜•å•7–Š–Ë– —f—¹—                ˜X˜¡˜å˜5™W™¡™í™;šŒš»švmmvvvvvvvvvvvvvvvvvvàà+Ü›K›€›À›œœœœœkœÀœÿœ￾￾                ￾M￾›￾Û￾žvvvvvvvmmvvvvdvvvvv[1]ààà¶Pdž–žÜž&ŸzŸÃŸ B Š ­ ñ ¡[¡]¡_¡c¡e¡µ¡ð¡9¢ƒ¢vvvvvvvvvvvvvvvmmvvvvààâó¾¢

£?£†£©£ç£2¤¤Ä¤¥R¥ž¥ô¥?¦ˆ¦Õ¦þ¦§§

§
§vvvvvvvvvvvvvvvvvvmvv[1]àà
º§§[§­§ü§'¨)¨W©Y©Ÿ©ï©Bª–ªáª-«_«©«ñ«=¬Š¬Â¬vvmmmmmmmmmmmmmmmmmmmàà-¼Ä¬Æ¬Ê¬Ì¬ô¬:­`­­­ñ­2®ˆ®Ö®¯g¯®¯Ü¯)°s°¼°                ±^±vvmmvvvvvvvvvvvvvvvvvàà^_Œ±Ï± ²q²±²÷²ù²û²ÿ²³O³”³æ³9´|´£´¥´Ì´Î´µjµvvvvvvvvmmvvvvvvvvvvvààj¦ µ¢µp¶r¶˜¶Ò¶·F·￾·’·”·˜·š·â·2¸{¸¢¸å¸5¹|¹Ã¹vvvvvvvvvvvmmvvvvvvvvàà+¦ä¹º^º‰ºËº»s»¿»÷»¼ ¼N¼ž¼À¼Â¼Ä¼È¼Ê¼¾vvvvvvvvvmvvvvvvddvà[1]àà+­¾I¾•¾Ù¾¿e¿µ¿Ô¿#ÀlÀ´ÀöÀ3ÁxÁÇÁ
ÂÂÂÂÂIÂvvvvvvvvvvvvvvvvvvmmvààI-ˆÂÉÂÃdâÃìÃ;ĊľÄ

Å^Å°ÅÞÅÆcÆ·ÆÇXdžǹÇøÇ@Èvvvvvvvvvvvvvvvvvvvvvvà@+BÈDÈHÈJÈ™ÈêÈ?É“ÉãÉ7ʄʼÊ
ËZË•ËËË ÌNÌ¥ÌïÌ+Ívvmmvvvvvvvvvvvvvvvvvàà+-iÍÂÍÎdίÎõÎ÷ÎùÎýÎÿÎTÏ¥ÏíÏ3Ð}ÐÐÑÑGчÑÐÑvvvvvvvvmmvvvvvvvmvvvàà--ÒNÒŸÒéÒ3Ó|ÓÏÓ%ÔIÔ‘Ô“Ô•Ô™Ô›ÔÐÔúÔ

Õ[Õ°Õvvvvvvvvvvvvmmvvdvv[1]ààà_+ûÕRÖTÖl×n׸×ØHØ™ØáØ6قلنيٌÙÛÙ'ÚQÚvmvvvvvvvvvvvvddvvvà[1]ààQ+œÚíÚ;ÛˆÛÛÛ"ÜkܽÜ
Ý`Ý‚ÝÉÝÞiÞ±ÞýÞPߠߨßòßôßvvvvvvvvvvvvvvvvvvmvv[1]àà__ößúßüßJà”ààà5áYá￾áßá3â€âÌâðâ6ãaãªãøãIäsä­ävmmvvvvvvvvvvvvvvvvvvàà¡_¯äµä·ä åSåUåWå[å]å®åæUæ£æñæ@ç￾çáç/è„èvmvvvvvddvvvvvvvvvvà[1]ààä_Ñè!éré¿éÝéßéÞêàê-ë/ë1ë5ë7ëyëÂë
ìWì‡ìÒì"ímívvvvvvvvvvvmmvvvvvvvvààm_¾í

îSî¢îõîCï￾ïÖïðeð¯ðñ*ñsñ»ñ½ñ¿ñÃñÅñ

ò[òvvvvvvvvvvvvvvvvvmmvvàà[_«òúòDó￾óåóôfôˆôµôþô>õ‡õÚõ%öpö¾öéö6÷…÷Ò÷ö÷ø÷vvvvvvvvvvvvvvvvvvvvvvà°_ú÷þ÷øEø—øäø

ùZù§ùõù'úsúÆú
û^û´ûüVü¨üãü.ývmmvvvvvvvvvvvvvvvvvvàà.²|ýÐýôý@þ￾þ‘þ“þ—þ™þ×þÿcÿ³ÿÖÿ m￾âB‡vvvvvvvmmvvvvvvvvvvvvààç×ýÿ" $ e g i m o œ Æ È }  Å a´ZvvvvvvvvmmvvvvvvvvvvvààZ¯ûF™ì‡‹￾È          O      ‹        Ø      



6
8

vvvvvvvvvmmvvvvvvvvvvààÇ
Ð
(
H
v
Á

^

®

°

²

¸


A

è

<‡Ý

vvvvvvvvvvmmvvvvvvvvvàà

T–Ü.€Ë;=‹￾Ù­!#')k®ø+vvvvvvvvvvvvvvvmmvvvvàà+¶y·[1]G‘°ýBwÂm¼
_µR©«­vvvvvvvvvvvvvvvvvvvvvࡱ³û6€ÄS¢Ê^«üMŸ¡ÎÐ‑\‑vvmmmmmmmmmmmmmmmmmmmàà\‑±‑ë‑í‑­­'­+­-­vvvvvmdvà[1]àà-­?[1]M

³%Œ"­Å#^(æ,‡1ü59< A￾E

J%OäT8YE]åa—f;k-p'tùx}¼‚-‡ÃŠ<Ž¨￾￾•»šžƒ¢
§Â¬^±jµÃ¹¾IÂ@È+ÍÐÑ°ÕQÚôß­ä„èmí[òø÷.ý‡Z€

+­\‑-­@[1]A[1]B[1]C[1]D[1]E[1]F[1]G[1]H[1]I[1]J[1]K[1]L[1]M[1]N[1]O[1]P[1]Q[1]R[1]S[1]T[1]U[1]V[1]W[1]X[1]Y[1]Z[1][[1]\[1]][1]^[1]_[1]`[1]a[1]b[1]c[1]d[1]e[1]f[1]g[1]h[1]i[1]j[1]k[1]l[1]m[1]n[1]o[1]p[1]q[1]r[1]s[1]t[1]u[1]v[1]w[1]x[1]y[1]z[1]{[1]|[1]}[1]~[1]

    Questo copione è stato visto
  • 0 volte nelle ultime 48 ore
  • 0 volte nell' ultima settimana
  • 13 volte nell' ultimo mese
  • 44 volte nell' arco di un'anno