Missia i fasioi

Stampa questo copione

UNA CASA movimentata

Tale opera è pubblicata sotto una licenza Creative Commons,  http://creativecommons.org/licenses/by-nc-sa/2.5/it/ Vedi sintesi alla fine del testo. L’utilizzo di tale copione secondo i limiti della Creative Commons sopra indicata e senza fini di lucro non è soggetto a diritti SIAE. Il motivo di ciò è che sono convinto che queste farse saranno utilizzati da compagnie amatoriali, parrocchiali o circoli non profit i quali fanno già grandi sacrifici per recitare e non voglio far pesare ulteriormente su di loro con i diritti d’autore. Mi riservo ogni diritto in caso di compagnie professionali.

Vi chiedo comunque per una mia soddisfazione personale di citare l’autore e mandare un e-mail per farmi sapere dellamessa in scena della farsa a: jomathan@libero.it

 - MISSIA I FASIOI -

UNA CASA movimentata

Personaggi:

Rino : Marito, un papà un po’ dei tempi passati …

Nina: Moglie di RinoDonna Rotonda  in cerca di rafinatezze. 

Figlia : Anna  Figlia moderna con abbigliamento moderno.

Gino : Amico di Anna , un ragazzo moderno con orecchini e jeans strappati …

Piero: Balbuziente un po’ tontolone…

Comparse (due testimoni di Geova)

(Il Marito a casa da solo …) squilla il telefono …

Rino:   pronto … si… ciao … va ben … te si in ritardo? … no l’è na novità …… va ben .. va ben … come? intanto prepare da magnàr? Cosche mette su? Ah…  do – tre fasioi ! va ben , ciao ciao … si dopo te me spiega …    (intanto prepara una pentola sul fuoco…)    … la è sempre in ritardo… come la corriera par treviso …  oh… adess me butte zo in tel divano e stae qua tranquìo e me fae un sonèt … se se riesse, parchè in te sta casa ghe ne vien sempre fora una …

(Si prepara il cuscino sul divano … ma non fa neanche a tempo di appoggiare la testa  …che suona il campanello e Rino salta in piendi  )

Rino: ecco! Cossa ogno dita ? no ho  fat ora neanca de sentir el caldèt del divano ….

 (Entrano 2 ragazzi , una ragazza ed un ragazzo, lei con i jeans rotti e con le toppe, come usa la moda di adesso, lui ugualmente con i jeans rotti, sporchi, orecchino all’orecchio, e al naso, capelli tutti sparati … insomma alla moda si direbbe oggi, ma un po’ trasandati per il papà  … il papà preoccupato si avvicina ai due …)

Rino: Osterìa, cossa che l’è succèss, veo fat un incidente?

(i due allegramente rispondono…)

Anna: no perché ?

Rino: ma vè tutte le braghe rotte, sporche …  e ti ..( rivolgendosi al ragazzo con l’orecchino al naso ) co tutta chea ferramenta picada .. par che te abbia  fat barruffa co quei che vende feramènta?

Anna: (rivolta a Gino) Scusalo sa … è indietro almeno di 50 anni … se fosse per lui dovremmo andare in giro ancora con i vestiti senza neanche un taglietto. ..

Rino: Ghe mancaria… ma dove che li v’è ciòti, sti vestiti … ve li seo fati dar da quei dea raccolta strazzi … ?

Anna : ma che stracci … questi pantaloni sono all’ultimo grido …

Rino: si si … co i ve vede vestidi cussì te vien da gridar anca se non te vol …

Anna: ma dai .. papà … Li abbiamo comprati ….

Rino: Cossa … cossa… ?  Ghe veo anca dat schèi par sti quattro tocchi de strazzi ???

Anna: certo ! ed è stato un vero affare !!! solo 150 euro !

Rino: 150 euro par sti vestiti?

Anna: no .. solo per i pantaloni …!

Rino: Disgraziati … 150 euro … le è 300 carte da mie !!! Ma seo fora de testa ? Ghe n’ho armeroni pieni mi de braghe rotte …. (si ferma ad osservarli  e li guarda bene… soprattutto le toppe messe sui pantaloni di un colore completamente diverso dai pantaloni ) ma varda ti , na volta se se te vea le braghe rotte te iera un poarèt e un desgrazzià, adess par non esser un desgrazià bisogna comprarle rotte …  l’è proprio vero che el mondo l’è drio andar in pezzo! E po’ … a proposito de vestiti… cosche l’è quella robetta che te ha comprà ieri..? 

Anna: (Sospettosa) quale papà…?

Rino: Quel Strazzèt fatt cussì…(fa un segno per identificare gli slip chiamati “Tanga”..) varda che mi ho do occi anca qua (indica la nuca) … .

Anna: Ah… quel strazètt… el se ciama tanga… e el mette im mostra il mio bèl personale … lo usano tutte oramai…

Rino: Vergognate … vergognosa… (rivolto al pubblico  muove la testa sconsolato …) Mi no so …… na volta par veder na cueàta bisognea spostar el costume, adès par veder el costume … bisogna spostar na cueàta!!!  Robe da matti !!!!

Anna: Piuttosto, senti papà … noi dobbiamo tornare in centro perché Gino deve comprarsi anche un paio di ANFIBI … sai quelli che vanno di moda adesso ..

Rino:  Anfibi? Quei che se usea quando che se ‘ndea a far el miitàr?

Anna: si … bravo … abbiamo già girato 3-4 negozi, ma non riusciamo a trovarne un paio che ci piacciono …

Rino: Ma compreve un par de scarpe comode …

Anna: .. ma papà …(rivolto a Gino) scusalo sai … ha fatto la guerra e per lui gli anfibi sono un brutto ricordo … piuttosto mi dai 200 euro che se li trovo ne prendo un paio anch’ io ?

Rino: oh..  ma seo fora de testa? … ( si calma…) spetà un attimo .. forse ho ancora i scarponi de quando che ho fat el miitàr … se voè , pitòst de spender 200 euro , ve li dae !

Gino: Fantastico !!    Possiamo vederli ?

Rino: (ironico) ciò el parla anca el feramentaiolo qua  ! Spetè un momento … ( Esce) 

Gino : (rivolto ad Anna) Spendido… se li ha usati in guerra saranno proprio belli, sporchi, rovinati e logori al punto giusto.

Rino : (rientra tutto orgoglioso con un paio di anfibi pressochè nuovi), vardè, ghe dae el grass ogni settimana li ho tegnudi come fioi, nianca na piega …i par ancora novi…

Anna e Gino : (li guardano …delusi ) noooooo!!!!, sembrano nuovi ..

Gino: neanche un graffio

Rino: Ve ho dità che i è praticamente meio de un pèr de novi… 

Gino:   che schifo …!

Rino: Come che schifo …

Gino: si, speravo fossero tutti rovinati, sporchi …

Rino: …Sti lazzaroni… ho dita che el mondo el va sottosora… mi l’è 40 anni che li nete e li rincure e lori (con voce in falsetto ed ironica) “che schifoooo”… (rivolto a Gino) a lavoràr 10 ore al zorno e partir aea mattina ae 4.30 in bicicletta par andar a lavoràr sui campi … altro che schifo…

Gino: ( li prende in mano e li guarda per bene…) Però se podaria strissarli un fià su par un muro e passarghe sora co na motosega per farli venire un po in qua ..

Rino. (glieli strappa di mano ) La to testa te passaria sora na tajaerba… chissà che te vegne i cavèj un fià pi petenadi…

Anna: Peccato… vorrà dire che ci toccherà girare ancora qualche negozio per trovarne un bel paio di  logori e consumati (ed escono …)

Rino: (li insegue ma non riesce a prenderli, e dalla porta grida) Guai a voi se spendè 1 euro par un pèr de scarpe rotte … gh’in vèn tante qua a casa … ( si gira e soprappensiero, poi vede la pentola sul fuoco…) Osteria… la pignata sul fogo … me iere desmentegà dei fasioi… bisogna che ghe zonte acqua che la se ha quasi consumà tutta !

Rino: E in tant che la boje … me fae un sonèt … ( torna a distendersi sul divano e suona nuovamente la porta)

DRINN…DRINN …

Rino: te parea… (guarda sotto i cuscini del divano…) l’ha da esser un contatto su sto divano … co me destire, sona la porta…

Drinn Drinn…

Rino: Rive… rive … chi eo … (guarda dallo spioncino o dal balcone … ) òsteria … el prete … co l’ha bisogno de schèi  el vien benedirme la casa … l’è la terza volta sto mese e lu el fa finta de ver la memoria corta … e dopo el vien sempre sotto mezzodì, cussì se el pol el se ferma a magnar …

         (apre la porta …)

Don: (entra deciso … ) Caro Piero .. come statu … iera ora che vegnee a darte na benedissìon a sta casa…

Rino: Don… ma l’è la terza volta sto mese …

Don : (finge perplessità …) Ah, si?

Rino: Eh si …

Don: eh … cossa votu, l’età la zoga brutti schersi ..  ma, oramai che son qua… na benedissìon e un fia de acqua santa no fa mai mal …

Rino:  se lo dise lu …

Don : ( borbotta una serie di frasi … del tipo aver pater noster casa benedictum mmmmhh…. … e così sia.)

 Rino: ben … don, a posto … speti che ghe dae na offerta…

Don: Grassie grassie … che Dio te benedica …

Rino: Eh, no ! Par sto mese fen basta benedissiòn! 4 le è pi che sufficienti.  (estrae da portafoglio 5 euro…)

Don: (prende i soldi e bisbigliando … ) 5 euro ? che altra volta te me n’ha dati 10 ….

Rino: ciò , ghe aeo tornà la memoria tutta su un colpo ?

Don : .. no … voee dir che  5 euro no basta nianca par na messa…

Rino: vorrà dir che lu el disse messa fin che el ritien che baste i 5 euro, e dopo el dirà … i soldi son finiti … andate in pace.

Don: Ben ben, dai , per na messa de la mattina che l’è poca zènt li fèn bastàr….

(Entra Nina con la spesa e comincia a sistemare la roba, entrando appoggia una cesta di zucche raccolte dall’orto che il Don non vede subito…)

Mog. Ah, bun giorno Don Giuseppe, come andiamo ?

Don: ah, sempre pezzo, co sti doeori… l’è l’età che avanza e i doeori no i ha creanza… (curiosando dentro la spesa ) cossa veo  comprà de bon ..eo qualcossa par i me poveri orfanelli …?

Nina: nient nient Don .. tutta roba par grandi ..

Don : (attende un po’ aspettando che gli dicano di fermarsi a pranzo .. non ricevendo proposte fa per andarsene… vicino alla porta di entrata ora vede la cesta di zucche) (Sorpreso…) eeeeehhhh. Varda cossa che vede , na zèsta de zucche …. (voltandosi) ma le magnèo tutte?

Rino: (alla ) visto che l’ha trovà qualcossa da portar casa??

Rino: no, no … el pòl portarsene casa do tre …

Don: Davvero?

Rino: si, sto anno la produssìno la è ‘ndata anca massa bèn , allora,  … pitòst de darghee ai porzei …

Don: ( ne prende su 2,  poi si gira e vede l’acqua che bolle … guarda l’orologio e dice fra se’ )  L’è quasi mezzogiorno … (rivolto ai due ..) scusè se son indiscreto, cossa fèo de bon da magnàr ancuo …

Nina: (un po’ stizzita…)  Strozzapreti in camicia …

Don: (che ha capito l’antifona..) em … em … me piasarià proprio fermarme, ma ho da andàr a dir vespro … (fa per uscire…) però .. l’è anca un profumìm de …fasioi… (ritorna sui suoi passi guarda nelle pentole.. poi Compiaciuto…) Fasiòi… e col scorzèt anca …

Rino: Don , se proprio li vòl assagiàr …

Don: Oh grassie… ma no voria esser massa indiscreto

Rino: Ormai ….(prende un mestolo …)

Don: (estrae dalla saccoccia che ha a tracollo un pentolino ) …

Rino: (fa per versare il contenuto con il mestolo e poi … ) bè don , fèn cussì ..( e gli versa tutto il contenuto)

Don: Che cuore generoso … vedrai gli orfanelli che felici che saranno … (tra sé…)  e anca mi!! … Bè, me piasaria fermarme n’alto tochèt… ma sa …

Rino: (sottovoce) no l’è pi gnent da portar casa…..

Don : come ? ho sentì solche “CASA” vutu n’altra benedissìon a la casa?

Rino: No .. disee che l’è tardi e lu l’ha sicuramente da andar a casa..

Don: …Si , però …

Rino: (Tra sé) Cossa che ghe manca ancora…

Don : Ho sentio che te ha fatt un ottimo vin sto anno …

Rino: Si .. l’è vero …no posse lamentarme… ma se l’ha premura … no voearia farge far tardi …

Don: Ma un sorsett… giusto par confermar le vosi che gira…

Rino: Nina! Porta do scudee co do cuciari…

Don: Co do cuciari .? Questa no l’ho mai sentida…

Rino: (prende un bottiglione dalla credenza) …eh… parchè questo l’è un vin delicato e le so grandi qualità si gustano a sorsetti, con il cucchiaio …

Nina: (Entra) Ecco qua… ( Appoggia sul tavolo) …

Rino: (Versa il vino sulle due scodelle , poi ne prende una e con il cucchiaio la porge al don , e una la prende lui) Prosit!

Don:  Prosit ( Assaggi) mmmhhh veramente bòn… l’è proprio vero quel che i dise in giro … el ndaria bèn anca par la Messa , altro che quèl del Nonzoeo!.. Alle volte pense … “Oh Signòr, che sangue trist che te ha …”

Rino: D’acordo Don, (chiama) Nina… porta qua la fischetta che l’è soto la scaea… ( al don , con tono confidenziale…) Ghe fèn na trasfusiòn de sangue al nostro Signòr..

Don: Troppa grassia … el signòr ve renderà merito  ( terminano di bere…)

Nina: Ecco Don … me eo bòn de portàr tutt ???

Don: el Signòr el me iutarà… pace e bene..

Rino: Arrivederci don Giuseppe …. Ma no massa presto …

Don:  Arrivederci e grassie…

Mogl: ma da quando in qua che se beve el vin col cuciaro?

Rino: Ti come che te lo varìa bevù?

Nina: co i bicièri, no?

Rino: Fame vedèr…

Nina: (Prende il bicchiere e finge di bere…)

Rino: Ecco! , ferma cussì …. (La Nina si ferma con il bicchiere sulla bocca nell’atto di bere) adèss cosche te vede?

Nina: (punta il dito ) I saeami!!!!!!

Rino: Ecco, atu capìo adess?

Nina: Furbòn che no te si altro !!!

Rino: Previdente …(piccola pausa nel frattemèpo la Nina si mette al telefono) 

Rino: (rivolto alla Nina) Cossa eo succèss che te ha fat tardi anca oggi?

Nina: (intanto si è messa al telefono)

Rino: Ecco, la riva a casa e la se pica al teèfono, ore e ore a ciacolàr co le so comari … e l’è bona de averse appena vist in piazza, … ma sicuramente le ha ancora qualcossa da dirse …. (si ricorda …) ostèria i fasioi l’è mejo che mete su n’altra pignatta, senò stasera no se magna miga ! ( mette la pentola sul fuoco) . Spetèn che la se stacche dal teèfono… intanto se sentèn un minuto …

DRINN DRINN    (suona il campanello …)

Rino: (tra sé) no , no … fee  par dir! Sto divano bisogna che lo regae alla caritas , tanto non se riesse de usarlo … (va alla porta …) chi eo adèss che sona…

Rino: Oh! Gh manchea anca Piero el zabòt ! – (rivolto al pubblico facendo il gesto alla tempia ) e l’è anca un fià tardo … (mentre va alla porta…) par tegnerlo impegnà, ogni tant lo mande a far qualche commissiòn…

DRINN DRINN …

Rino: eccome qua …  ma no g’hin combina una de giusta...

Piero: C...C...Ciao .

Rino: Ciao Piero, … vien vanti dai …

 Piero: sssson veghù  ppp ppp pppar portarte el formaio ccccche te me ha dita dddde ciòrte…

Rino: Oh, grassie Piero, ... dime quanti soldi che ho da darte.

Piero: (stupito ) ssss…sss…soldi? Nn.nn.nno serve!

Rino: Come no serve … no te lo ha comprà? Te lo ai regaeà?

Piero: mmm...mmmi nnnno l’ho cccomprà, l’ho ciòt e basta !

Rino: Come no te lo ha pagà? Scherzitu ?

Piero: li ho vardadi tutti , eee ho scèlt questo , papparchè sssu l’etichetta iera sccrittt .”Fformajo da gratàr” … e mmmi (facendo il gesto con la mano di averlo rubato )  lo ho gratà…

Rino: Ostèria! Te si proprio tordo ! te ghe ne combina una drio chealtra ! ciàpa qua 5 euro e va a pagarlo.

Piero: FFFfffffff……… (Mentre pronuncia la f si accascia sempre di più ) ffffffffffff……

Rino: Nina, … Nina… porta un stropoèo che l’è drio sgonfiarse….

Piero: Va bèn , fffffff…fae come che te vòl ti.

Rino: Pitòst, sitù andat a veder se te me trovèa anca quattro canevazze qua da la Giuliana?

Piero: a no, no ho tempo da perder mi ! 

Rino: (stupito…) parchè ?

Piero: ppppparchè fora l’è scritt, “Sconti fino al 5 Marzo” , e ssssse lori i vòl star sconti, mmmmmi non ho tempo par andàrli a zèrcar! Ssse i vol star ssssconti ccche i staea pur.

Rino: Be’ scòlta., cambiando discorso, parlee l’altra sera co me barba Tony, par el to problema de Zabotatura, el me ha dita che un so amigo col cantèa nòl Zabotèa pì! Prova anca ti !

Piero: disitu?

Rino: Si! Prova !

Piero: (sull’aria di quel mazzolìn de fiori…o su un aria conosciuta) Proveee mo aaaa cantar cussì no zabòte pi ii i i). (Parlando e balbettando) Lll’è ll’è vero… anzi (cantando) l’è ee veeero…!!!

Rino: Visto? In cambio de sto piazzèr, vatu ciòrme un mazzèt de fiori da Aldo Morettìn che impinìn sto vaso in centro toea, ma dighe un mazzèt piccoeo, da 10 euro .. Ciapa Qua. 

Piero: va bèn , …vae e torne (esce cantando) se canteee nooooo zabooee pi… (ed esce tutto allegro)

Rino: Uff… che week-end, ghe ne va via un  e ghe ne riva ‘naltro! No vede l’ora che rive luni par andàr a lavoràr, almanco stae un fia tranquio.

Rino: (Vede la Nina che ha finito di telefonare… ) hatu finìo, si? Te si sempre tacàda la teèfono.

Nina: eh, che brontoeòn ! Par quattro ciacoe ogni tant! L’è par star un pòc in amicissia … tegnèr i rapporti vivi … e po’, oggi no te te lamenterà miga, co quea de stamattina son stada al teèfono solche 20 minuti!

Rino: Sfido mi ! te iera co una che l’avèa sbaglià numero!

Nina: ehh… ma va… ( e continua a sistemare la spesa…)

Rino: e varda che a star tant al teèfono se rìscia de perder la linea… no te vede …(indicando le sue rotondità…) quant pesitu ?

Nina: (stizzita) no se domanda mai el peso a una donna

Rino : mi me par che te si ingrassada un fià …

Nina: (sempre più irritata …) per tua informazione visto che te me provoca, te lo dise! Pese 53 chili e …. Mezzo

Rino: si 53 kili e mezzo … vedèl …

Nina: brutto lazzaròn. … e comunque son in dieta. – mejo – son drio tegnerme … perché ho da partecipàr a que trasmission de la Moglie de Costanzo … la. De filippi…. La  trasmissìon la se ciama …

Rino: (ironico ) SARANNO … FORMOSI …

Nina: ma va !..

Rino: Pitòst come mai che te si rivada casa tardi?

Nina: L’è stat colpa dei TACCHINI..

Rino: o Dio , no stame dir che l’è scampà i pitòni in mezzo la strada!

Nina: Ma no .. i Tacchini .. varda qua…( mostra i tacchi de le scarpe) me se ha scheggià un tac e ho fat mezza strada tutta intorcoeada come na bissa boboea ( imita una camminata tutta sconnessa…)

Rino: Magari te te fosse anca instrambada … col cul par terà … me saria fat na sganassada …

Nina: Comunque siccome che ho ròt i tacchi, son passada davanti a Bianco me son femada davanti a la vetrina e son restada a bocca verta…

Rino: L’è diffizie par ti tignerla serada…

Nina: Tasi su !… Son restada a bocca verta parchè iera de chei bei peri de scarpe…allora  son entrada e me son comprada  (segna col dito ) DO peri de scarpe …

Rino: DO? No te ne bastea un?

Nina: No ! 2, L’ho fat par ti, par risparmiar:

Rino: no capisse..

Nina: te spieghe: iera un affàr, parchè le  iera scontade del 50%

Rino: appunto! Co te ghe ne vea ciòt un pèr no bastèa?

Nina: fame finìr: siccome che le vea el sconto del 50%, mi ho pensà se co un pèr ho el sconto del 50%,   cioendoghene 2 pèri ho el sconto del 100% !!! Pensa che affàròn!!!

Rino: ( Stupito e perplesso …rivolto al pubblico ) … el ragionamento el fila, ma me sa che me sfugge qualcossa…

Nina: l’è giust, l’è giust ..

(Suona il Campanello )

Rino:  ancora! (Guarda fuori) L’è Piero, el me varà portà i fiori ! Avanti .. (guarda …) dove che l’è i fiori?

Piero: Nnnnn     Nnnnno li ho!

Rino: Parchè? Iereo serà?

Piero: Nnnnn ooo, fora ssssu la vetrina iiiiera scritt…” Se entrate, cono soli 10 euro vi facciamo un mazzo così!!! ” (indicando con le mani … è ovvio il doppio senso tra mazzo di fiori e mazzo comunemente inteso come “vi faccaimo un culo così”)

Rino: Piero… te sì un caso disperato …

Piero: sssss e te mmme manda in te ppposti pppericoeosi…

Rino: ma no te te ricorda pì de cantàr par no zabòtàr? 

Piero: Ah, si ..

Rino: Be’ …ridame i 10 euro ..

Piero: (Cantando) ma nianca par sogno lallirellà lallirellà…… ed esce…

Rino: ferma ferma … (Piero scappa) maledizione , e ghe ho anca insegnà a cantàr… bè, vestimose che qua l’ha rinfrescà…(scena tratta  da Maneggi per Maritare una figlia di Gilberto Govi…  ) (il Rinoito ha indossato un gilerino  o un cardigan a 3-4 bottoni. Nell’allacciarlo ha saltato il primo buco, cominciando dal secondo, sembrando così che manchi un bottone ma lui non se n’è accorto…) Ecco .. ti sempre a zonzo, e to Mario te lo manda in giro senza bottoni (indicando il primo buco al quale logicamente manca il bottone in quanto ha sbagliato ad allacciarselo)

Nina: (senza guardare … ) ma va … se te l’ho riattaccà, ieri sera  …

Rino: te lo varà riattaccà, ma te me lo ha taccà sbaglià… varda  … la busa la è qua in alt e el botòn te me lo ha taccà quazò in bass…

Nina: … fame veder… Ma va  …(guarda il gilè…)  testòn …che no te si nianca bon de vestirte  varda qua la busa  …(indicando il buco in alto …)

Rino: (al pubblico ) niente da fare … no la capisse … el botòn el va tacà di fronte alla busa : (indicando sul gilèt…) busa e botòn, busa e botòn  .. busa e botòn … cossa m’in fae de na busa qua (indicando sopra ) e un botòn qua (indicando sotto) vutu che me lo imbotone cussì  (si allaccia l’ultimo bottone alla prima buca) ???

Nina: …busa e botòn …busa e botòn … et ti te si un testòn … dame qua ! (gli slaccia i tre bottoni e glieli allaccia correttamente ) ..ecco !!!

Rino: (con sguardo sorpreso) … ah ho capiò … l’è sol na question de imprincipio…

Nina:  … be’ mi vae a farme na bea maschera de bellezza… ho proprio fat la spesa par questo …

Rino: e mi … (guarda il divano e indica la porta … puntualmente suona il campanello)

DRINN DRINN …

Rino: ecco, lo savee  ! adess basta anca el pensiero ! Chi eo che manca … (guarda … ) (apre … entano due con un borsellino ed il classico vangelo - testimoni di Geova …)

1°Tes: Noi siamo i testimoni…

Rino: eo succèss un incidente?

2° Tes: Testimoni del regno…

Rino: Qua dentro no se fa poitica…

1°T: (Serio ) Palo o croce?

Rino: Ah, ho capìo… ve ha mandà el comùn par la “casèra” (i due si guardano) eh.. l’è stat proprio na crose piantàr el pàl… va bèn ghe varò rott la mazzetta, ma alla fine iera na bèa casèra… e la ha brusà bèn …

 2°T: Noi stiamo parlando della croce (segna) vi annunciamo la verità…

Rino: Eeh… la verità la verità .. va bèn lo confesse…la mazzetta la ho rotta mi ! vaeo bèn?  ho sbaglià un colpo, e ho batù col manego de la mazzetta e la se ha ròt… se vòè che ghe la ripaghe va bèn, basta che no la vae vanti massa sta storia…!

1°T: Ma voi non sapete che il fuoco …?

Rino: El fogo? (Tra sé) cossa centra ?

2°T:  Il fuoco che divampa e ti brucia…

Rino: Calma Calma: mi son sta là fin che la casèra la  se ha brusà tutta. Ghe ho butà un mastèl de acqua su le bronze… no l’ha ciapà fogo nient… sicuro al 100 per cento!!

2° T: Lei igora il pericolo …

1°T: ed il suo piede è già dentro la fossa…

Rino: Scolteme … me despiase ..de no poderme fermar , ma ho … (pensa …) ho  … ho … ho … la pignatta sul fogo !!!! Arrivederci …  ( e li rispedisce fuori…)

Rino: (rientrando va a mescolare i fagioli…) Senti che profumìn … stasera … radici e fasioi… (guarda il pubblico …) …magnar e morir … (sopra pensiero fa per sedersi sul divano …)

DRINN DRINN

Rino: (salta su di scatto) ecco! Me soòn sconcentrà  ... ( guarda dalla porta..) ancora Piero el Zabòt…!!!

Piero: (entra con un cesto in mano …) ssssssss…

Rino: si si , fae siensio…

Piero: (facendo cenno di no con la testa che non ha capito e comincia a cantare ) ..sssse te indovina cosche ho in tèl zèst…. Tttt’in dae un rasp!

Rino: (facendo la faccia ironica avendo capito la frase babbea …) cossa votu aver un rasp de angurie?

Piero: nnnnnoooo!!!! Sbaglià … avee uva!!! (Cantando  ..) te ne dae un rasp instess , parchè te me sta simpatico .. ciao ciao ciao ….

Rino: Almanco l’ha inparà a cantar par no Zabòtàr pi! Be’ l’è mejo che preparèn la toea…

Nina: (entra con due fette di cetriolo sugli occhi, due fette di pomodori sulle guancie, due carote o due fette di carote sul viso … insomma una bella impiastricciata di verdura e maionese per tutto il viso)

Rino: (la guarda stupito…) Nina! Te situ rabaltada la spesa in tèl muso ?

Nina: testòn ! l’è na maschera de bellessa… ho da deventàr bea… par via de la trasmissiòn te ho dita!

Rino: Che te devente bea no lo so… ma che adèss te sie brutta forte, questo l’è sicuro!!!

Nina: Va eà. Va eà … pittòst. Parlando de verdura, hatu mess su i fasioi?

Rino: certo , varda !

Nina: ( guarda dentro ) Ma qua no l’è nient!

Rino : come no! Varda, no te vede che ghe n’è un che noda…?

Nina: te ghe n’ha mèss su sol che un ?  ma situ immatònìo?

Rino:  ohhhh ! ho fàt quel che te me ha dita ti! Te me ha dita :”metti su 2-3 fasiòi” e mi ghe n’ho messi su TRE ! , DO’ li ho zercadi par vedèr se i jera cotti , e cossa votu.. l’è matematico .. ghe n’è restà UN !!

Nina: … ma che razza de Marìo …

Rino: Eseguo gli ordini ! Disèa me barba che l’ha fat la guera: Gli ordini si eseguono e non si discutono!

DRIN …DRINN

Rino: Ancora?!?!?! Basta, va ti a verzèr !!!!

Nina: (si pulisce un po’ il viso ...) L’è Piero el Zabòt! (apre la porta...)

Piero: entra col fiatone … (dapprima fa un urlo di spavento) ( poi per non balbettare si mette a cantare con l’aria delle canzoni delle osterie …) I è drio robarte i pitòni …

Nina: Paraponzi ponzi po’ …( e lo sbatte fuori dalla porta )

Rino: chi era ?

Nina: Piero el Zabòt .. l’è entrà cantando .. e mi lo ho sbatù fora ..

Rino: e si’ ghe ho insegnà mi … se inveze de parlar … el canta … nol Zabòta pì !!!

Nina: (preoccupata … ) ah. Si ???? (strillando ) e allora i è drio robarte i Pitòni!!!

Rino: … I pitoni ?!?!?! ….( e i due escono  urlando) …. al ladro … al ladro ….

FINE

31/07/2005 By Marco Bortolin

  Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 2.5 Italia

Tu sei libero:

di riprodurre, distribuire, comunicare al pubblico, esporre in pubblico, rappresentare, eseguire e recitare quest'opera di modificare quest'opera

Alle seguenti condizioni:

·Attribuzione. Devi attribuire la paternità dell'opera nei modi indicati dall'autore o da chi ti ha dato l'opera in licenza.

·Non commerciale. Non puoi usare quest'opera per fini commerciali.

·Condividi allo stesso modo. Se alteri o trasformi quest'opera, o se la usi per crearne un'altra, puoi distribuire l'opera risultante solo con una licenza identica a questa.

Ogni volta che usi o distribuisci quest'opera, devi farlo secondo i termini di questa licenza, che va comunicata con chiarezza. In ogni caso, puoi concordare col titolare dei diritti d'autore utilizzi di quest'opera non consentiti da questa licenza. Nothing in this license impairs or restricts the author's moral rights.

Le utilizzazioni consentite dalla legge sul diritto d'autore e gli altri diritti non sono in alcun modo limitati da quanto sopra.

Questo è un riassunto in linguaggio accessibile a tutti del Codice Legale (la licenza integrale).

    Questo copione è stato visto
  • 0 volte nelle ultime 48 ore
  • 0 volte nell' ultima settimana
  • 0 volte nell' ultimo mese
  • 7 volte nell' arco di un'anno