Mo’ ma fai ‘na tazza ‘e cafe’???

Stampa questo copione

MO’MA FAI ‘NA TAZZA ‘E CAFE’???

di Marco Vitiello

N. di posizione SIAE 214732

Personaggi in o.a.

Roberto

Bianco

Nero

Pierino

Giulia

Rosa

Tommaso

Nunzia

Zia Teresa

Signora Tammara

Assunta

Ernesto

Vincenzo

Arturo

Dottoressa Ricciardi

Commedia dialettale ambientata a Roma ,dove s'intrecciano due tipi di dialetto, il Romano ed il Napoletano.

Un uomo di circa trent’anni si trova davanti ad un bivio:crearsi una famiglia o restare ancora un ragazzino senza alcuna responsabilità??

         Questo è il pensiero che rincalza nella mente del protagonista Roberto, dopo che la fidanzata gli ha annunciato la lieta notizia che aspetta un bambino.

         Il suo pensiero, rappresentato da due attori in maschera Bianco e Nero, lo porta in una dimensione futura dove lui si vedrà sposato con l'attuale fidanzata, con quattro figli strampalati che rappresentano la generazione attuale e suoceri a carico.

         Rappresentato a Napoli per la prima volta al Teatro Tasso nel Giugno del 2011 dall'Associazione Arte Povera. Verrà replicata a Roma nel prossimo Ottobre.

         Cucina ,tavolo con una bottiglia di vino vuota e due bicchieri,confusione varia. Entra in scena Roberto,ragazzo sui trenta o trentacinque anni. Siede al tavolo.

ROBERTO:E mò??......mò comme faccie??c’aggia fa??si….dico ccà…po’ boh….ma sì, noooo, nun se po’ pecchè, già, po’ doppe….ma che ne saccie,pecchè po a doppe, e io, ma si, ma nun cia pozze mai ffà,madoone mia aiuteme tu,po esse me dice primme fai e guiaie e po’ o vuò a me!!esse chi? A madonne….ce vulesse na, ma sì ….aeeeee…mo me mette a chiagnere ….ma a chiagnere a nu muorte so lacreme perze, ormai o fatte è fatte….bisogna ca  nun se….mo aggia fa l’omme, dinte a vita mia nun n’aggie mai fatte l’omme, mo l’aggia fa….eee…..è comme se fà l’omme??mette la testa tra le mani si appoggia sul tavolo,si abbassano le luci...entrano due ragazze una vestita di bianco e l’altra vestita di nero….

NERO:Ecco vedi,questi sono gli uomini…Sembrano così forti,coraggiosi e poi davanti ad una decisione importante,davanti ad un qualcosa che potrebbe cambiargli la vita,non sanno cosa fare…

BIANCO:Ma dai forse …è solo un attimo di confusione, è spaventato, ma saprà cavarsela e prenderà sicuramente la decisione giusta..

NERO:No…non credo proprio….ma lo vedi è un fifone, voi uomini siete tutti fifoni, blà mi fate vomitare…vergognatevi

BIANCO: ma la finisci, non lo vedi quant’è carino…adesso dorme,dorme come un angioletto,…pitipiputi tu…e pitipitupitu…

NERO:Ma come sei infantile ed ingenua, non li capirai mai gli uomini…

BIANCO:Ma dai facciamo qualcosa per aiutarlo, io sono sicura che con il nostro aiuto lui prenderà la decisione giusta…

NERO: Sono d’accordo, ma lascia fare me…

BIANCO: Tu mi spaventi

NERO: Fidati, lo sai benissimo sono riuscita in ben altre imprese

BIANCO: Ma non farlo soffrire ti prego…

NERO: No….non soffrirà ihihihihihi fa una risatina malefica si abbassano le luci ed entra  un ragazzino sui quindici  anni, vestito da militare, entra piano, lo guarda con attenzione, si avvicina e gli grida

PIERINO: Svegliaaaaaaaaaaaa

ROBERTO: che state???

PIERINO: papà mica stavi dormendo??

ROBERTO: No steve piglianne o sole a papà…..ma dico io è modo di svegliare così, tu devi essere più educato a papà, mo ti stai facendo grande, certi scherzi cretini e deficienti come questi non si fanno….

PIERINO: Papà, ma io sto giocando a fare il militare

ROBERTO: è un gioco deficiente a papà…

PIERINO: Papà tu che lavoro fai?

ROBERTO: Ma lo sai che lavoro faccio, il militare

PIERINO: è allora sei deficiente? se il militare è un gioco da deficienti, tu fai un lavoro da deficiente, allora sei deficiente….papà è deficiente, papà è deficiente ed esce…

ROBERTO: Ma che ore songhe…..e 7?? ma stanotte aggie rummute ccà…. stonghe perdenne a cape. Giuliaaaa

GIULIA: moglie di roberto…amò, noi non possiamo continuare così, prendi coscienza del tuo problema e cerchiamo un rimedio. Vedi, tu scappi via dai problemi, stanotte hai dormito qui, domani che fai dormirai in albergo? La tua disfunzione erettile può dipendere da tanti fattori e noi insieme cercheremo di porre rimedio. Affrontiamo subito questo problema, non aspettiamo che peggiorino le cose, sennò tu rischi di cadere in depressione.

ROBERTO: ma la mia, cara Giulia, non è disfu…comme le chiammate?

GIULIA: disfunzione erettile

ROBERTO: e brave chella cosa llà….la mia è stanchezza, vera e propria stanchezza… io nun cia faccie chhiù, tu pienze sempe a chella cosa llà…. cara mia!! tutte e sere… tutte e sere… a nu certe punte subentra a stanchezza e me so furnute e cartucce…. prendiamoci nu periodo d’astinenza…

GIULIA: Astinenza??? ma sono due settimane che non si batte chiodo, io mi sono stancata, io mi sto esaurendo…

ROBERTO: nun ce penzamme, ià ogge è dummeneca, po essere ca stanotte stonghe chiù rilassate, riposate è….. famme na tazze è cafè!

GIULIA: Secondo me, non ti piaccio più, non ti stimolo più come prima.

ROBERTO: Ma quanne mai, tu si sempe a pupatella mia…. famme na tazze è cafè. 

GIULIA: Mica mi stai tradendo?

ROBERTO: Ecco ò sapeve, une appene vene mene a questi doveri coniugali, la donna subito pensa che c’è l’amante…. famme na tazze è cafè.

GIULIA: e se lavorassimo un pochino di fantasia, cioè creiamo delle storie erotiche, delle situazioni piccanti…

ROBERTO: Sì, accussì a doppe iamme a faticà cu tinto brass… amò facimme tutte chelle ca vuò tu, ma mo famme na tazze e cafè…. te prego.

GIULIA: Vedi, lo vedi come sei?

ROBERTO: Comme songhe??

GIULIA: Stiamo nel bel mezzo di una discussione importante, fondamentale per il nostro futuro e pensi al caffè…. non può iniziare una discussione e poi finirla senza trovare una soluzione

ROBERTO: Ma mica l’aggia accumminciate io sta discussione

GIULIA: ecco vedi, allora dimmi, dimmi, perché non l’hai iniziata tu questa discussione, perché non hai pensato tu ad affrontare questo problema?

ROBERTO: Ma perché per me questo non è un problema così grave che…

GIULIA: io voglio che tu voglia che per te questo sia un problema grave

ROBERTO: ma tu non puoi volere che io voglia quello che tu vuoi

GIULIA: Io non voglio quello che tu credi che io voglia, ma voglio solo che tu voglia quello che tutte le coppie vorrebbero

ROBERTO: allora perché io dovrei volere quello che tutte le altre coppie compreso te vorrebbero?? Io non voglio che tu voglia che tanti altri vorrebbero che io volessi….chiaro??

ROSA: Io voglio soffrire Rosa una ragazza di 15 anni vestita da emo

Voglio soffrire bene, ma se voi strillate di buon mattino non riesco a soffrire abbastanza

GIULIA: Scusa ti abbiamo svegliato a mammina

ROSA: no….non ho dormito tutta la notte….

ROBERTO: Pecchè faceva caldo è… io pure aggie sentute nu cavere esagerate….

ROSA: non ho dormito tutta la notte per soffrire, ma non ho sofferto abbastanza….

ROBERTO: Ma dimme na cosa a papà si state tutte a notte scetate pecchè ia suffrì?

ROSA: Io voglio soffrire

ROBERTO: rivolto alla moglie tu si sempe convinto ca songh io chille ca tene probleme

GIULIA: Non parlare così davanti alla ragazza, è adolescente lo sai….se tu la contraddici, potrebbe entrare in depressione….

ROBERTO: In depressione?? pecchè mo sta bone??

ROSA: Mamma stanotte pensavo…. pensavo al giorno del mio funerale…. tutte le persone che ci saranno…. chissà se verrà Imma

ROBERTO: Nun te preoccupà a papà nuie ce mannamme a partecipazione.

ROSA: Immagino quelle due persone vestite di nero…

ROBERTO: E schiattamuorte?

ROSA: Che prenderanno il mio fragile corpicino privo di anima e mi metteranno comoda in quella bara che sarà il mio letto per l’eternità

ROBERTO: A te leopardi te fa nu baffe figliama mia

GIULIA: La finisci?

ROSA: la voglio bianca

GIULIA: Che cosa?

ROSA: la bara

ROBERTO: E po se sporche sotte terre

ROSA: magari di legno profumato e deperimento resistente di cipresso con gli interni di raso

ROBERTO: Cu l’aria condizionata….o è importante così il corpo si mantiene più fresco.

         Entra Tommaso 16 anni circa,con una abbigliamento particolare,vestito di rosa,occhiali da sole, jeans a vita bassa con mutande firmate, e si sente una musica in sottofondo tunz-tunz-tunz

TOMMASO: Bella mà, bella pà

GIULIA: Luciano già sveglio?

ROBERTO: Tienemente chist’ate comme se vestute stammatine…

TOMMASO:Papà te l’ho detto mille volte un vero truzzo si riconosce dalle scarpe…. più le scarpe sono colorate e più sono truzzo, più vesto di rosa e io più sono truzzo, più vesto di marca è più so truzzo

ROBERTO: E …io chhiù te veco e chhiù me rende conte c’aggie fatte nu figlio struzz.

 TOMMASO Papà io un giorno sfonderò, anderò al grande fratello

GIULIA: si dice andrò a mamma,non anderò

TOMMASO: mammà un vero truzzo deve essere ignorante.

ROBERTO: mo ave ragione, io nun aggie mai viste nu struzz intelligente.

TOMMASO: Papà truzzo no struzz

ROSA: I truzzi sono ignoranti e cafoni.

TOMMASO: Ao ma chi ha parlato…. mo me mi pigliava un coccolone…. sei tarmente brutta che bisogna guardatte cor decoder

ROSA: E tu sei così brutto che nun te sorridono manco li sofficini.

ROBERTO: Uè, embè….che song sti parole!!

GIULIA: rivolto a Rosa Vuoi fare colazione a mamma?

ROSA: Sì mamma, solo un pò di latte senza caffè

ROBERTO: Io esigo che voi vi rispettate

GIULIA: a Tommaso e tu a mamma, cosa vuoi

TOMMASO: Anch’io un pò di latte senza caffè

ROBERTO: In questa casa ci vuole rispetto e…. rispetto!

GIULIA: allora il caffè non lo faccio proprio

ROSA: Sì mamma non lo fare

ROBERTO: E soprattutto dovete considerare di più gli ideali della nostra famiglia..

GIULIA: ecco qui, volete due biscottini?

ROSA: No mamma.

ROBERTO: Poi non riesco a capì uno che struzz, n’ate che memo, ma che significa, che song sti cose, vuie v’avita comportà comme si deve, avite frequentà gente comme si deve, nun ve putite perdere rinte a sti mode strane ca v’alluntane da famiglia, poi a sere nun ve veco mai a matine nemmene, chesta casa mica e n’albergo… oo questa è casa mia qui comando io….

         Intanto i due ragazzi prendono il latte e rientrano nelle loro stanze la madre li vede ed esce, entra il più piccolo vede il padre che sta sbraitando inutilmente ed alla fine del discorso gli fa una sonora pernacchia. Buio sulla scena

BIANCO: ti avevo pregato di non essere crudele

NERO: Questo è solo l’inizio

BIANCO: ma non credo che questa sia la strada giusta, poverino

NERO: Secondo me già è cotto, fidati che capirà

         In scena compare Giulia e Nunzia,la figlia più grande…

NUNZIA: mammà è bellissimo, con lui mi sento veramente felice… io credo di amarlo

GIULIA: Ma credi o ne sei sicura??

NUNZIA: Mammà, perché non è la stessa cosa??

GIULIA: Credere è credere, amare è amare

NUNZIA: ….ma perchè tu a papà lo amavi o credevi di amarlo??

GIULIA: Vabbè…. parliamo d’altro che è meglio

Primo sms Nunzia legge il messaggio e ride

GIULIA: Era lui?

NUNZIA: No, un mi amico. Ti dicevo….suona un altro telefono Mammà scusami un attimo risponde Ah….ti sei fatto vivo finalmente…. Cosa?? Perché non ti ho chiamato io?? Ma tu lo sai che io non chiamo mai… Faccio solo squilletti per far capire che ti penso, comunque ti ho mandato un messaggio…sì…..sì…..sì….Non ti è arrivato?? Sicuro?? Bugiardo, non ci credo!! Ormai non mi pensi più… Senti adesso ti devo salutare perché sto parlando con mia madre…. Sì… Ti chiamo io dopo, ok??...anzi ti faccio lo squillo, ok?? Te la saluto, a dopo …..ciao. Mamma ti saluta Davide.

GIULIA: Davide,chi è Davide??

NUNZIA: Lo conosci, l’ex fidanzato di Adriana, la figlia di Zia Teresa.

GIULIA: E perché chiama te??

NUNZIA: Siamo rimasti buoni amici, è un bravissimo ragazzo soffre tanto da quando Adriana l’ha lasciato…. seconda suoneria ,risponde Tesoroooooooo, come stai?? Anch’io lo sai, appena sveglia, ho pensato a te… ma sei proprio un orsacchiotto…. No!??? Ma daiii….. e adesso cosa fai, esci?? Con chi?? Non fare troppe conquiste che io sono gelosa, lo sai!! Vabbè, mi mandi un messaggino quando ritorni, Ciao Orsacchiotto…

GIULIA: Era lui adesso??

NUNZIA: No Mamma, era orsacchiotto, frequenta il mio corso all’università..

GIULIA: Si chiama Orsacchiotto??

NUNZIA: Ma che dici…orsacchiotto… Ma lo sai che non mi ricordo come si chiama?? L’ho sempre chiamato così.. Comunque ti dicevo….risuna la prima suoneria Mica mi fa parlare questo…. Che vuoi?? Ce lo sto dicendo adesso… Ma se tu mi telefoni….Sì! Mi sono svegliata nervostta stamattina, vabbè?? Cosa ci posso fare… Sì…. Adesso se riattacchi riprendo a parlare con mia madre… A che ora?? Ma che domande fai…. Vedi tu,e non mi chiamare ogni due secondi, ok?? Ciao.

GIULIA: Questo era lui!

NUNZIA: Esatto!

GIULIA: Ma viene per ora di pranzo??

NUNZIA: Vuole conoscere te e papà, ma ve lo presento come amico, niente d’ufficiale.

GIULIA: Vabbè, ma tuo padre lo deve sapere che è un amico più intimo..

NUNZIA: Glielo dici tu??

GIULIA: Glielo dico io….

NUNZIA: Grazie mà ti voglio bene ed esce

GIULIA: oggi vengono pure i nonni…..entra Rosa

ROSA: mamma

GIULIA: Mamma mia che spavento…. Rosa a mamma cerca di bussare quando entri…. tu cosi mi fai venì na cosa…Che c’è ?

ROSA: Fuori c’è zia Teresa con la signora Tamarra

GIULIA: Tammara a mammà,Tammara,no tamarra

ROSA: Le faccio entrare….

GIULIA: certo…le vuoi lasciare fuori la porta??

ROSA: Prego, entrate!!

ZIA TERESA: Ma come è bella la mia nipotinina

TAMMARA: Overe è belle signò

ZIA TERESA: Fatte dare  un bacio….tra pochi giorni è il tuo compleanno, cosa ti deve regalare la zietta tua?? una bella bambola

TAMMARA: C’addà fa ca bambulella… nun a videte che è grosse, mo ce vo nu giuvinotte pe sta guaglione…. regalatece na bella trusse accussì se trucco nu poco ca tene sempe a faccia ianca ianca

ZIA TERESA: vuoi la trusse??

TAMMARA: oppure nu belle vestitino chiaro ca sta sempe vestte a lutto

ZIA TERESA: Vuoi un vestitino? chiaro??

TAMMARA: oppure pigliatece e pusciappe accussì aize nu poco di avvenenza

ZIA TERESA: Vuoi i pusciappe, i pusciappe ??

ROSA: Voglio un coltello nuovo

TAMMARA: un attimo interdetta e decisa Riegalace nu viaggie a Lourdes a sta guaglione

ZIA TERESA: Vabbè la ziettina tua, se proprio non trova niente, ti regala un bel mazzo di fiori..

ROSA: I crisantemi zia, io amo i crisantemi…ed esce

ZIA TERESA: sorella mia, bella, bella, bella…..come stai?

TAMMARA: madò ma che d’è, io ogni iuorne ca passe te veche sempe chiù giovane…ma che te fatte o lifting

GIULIA: avete sempre voglia di scherzare voi due… ve la faccio una tazzà di caffè?

ZIA TERESA: No, per me no! Io prendo solo un caffè la mattina appena mi sveglio…. se me ne piglio più di uno resto nervosa tutta la giornata e me la prendo con mio marito.

TAMMARA: Pe me no grazie, sto evitando, mi ha detto ditologo ca debbo evitare…

ZIA TERESA: Chi??

TAMMARA: o ditologo mi ha detto che…

ZIA TERESA: e chi è il ditologo?

TAMMARA: Chille che fa a dieta

ZIA TERESA: Lui fa la dieta e tu dimagrisci?

TAMMARA: ma a fa nel senso ca ma scrive…. a ditte ca al posto del caffè posso prendere orzo.

GIULIA: Noi non ne abbiamo, al massimo ti posso offrire un bicchiere di latte

TAMMARA: O latte?? si pazze o latte fa ngrassa’

GIULIA: Vuoi due biscotti?

TAMMARO: Due due… giusto per assaggiare, per non essere scortese..

Rosa prende i biscotti

TAMMARA: Sentite.. a sora voste tene na brutta cera, ma nun mange nun se cure… me pare ca sta invecchiande troppe ambresse… e po chella nepote voste tanta normale secondo me nunn’è… io a veche mezza pazze,  mezza spustate, ogni vote ca ncontre mmieze e scale tene sempe chella faccia a ppeste astiente te salute.

GIULIA: Ecco i biscotti

TAMMARA: Cheste steve dicenne a sora vosta rivolta a Giulia com’è simpatiche Rosette, ma pò e accussì educate…. addò te vede te vede te salute cu chillu belle sorrise a 42 diente.. mangia i biscotti

ZIA TERESA: sono 32

TAMMARA: O’ capitone…

ZIA TERESA: I denti 32

TAMMARA: Ma che vò…. è state sempe o’ capitone 32, mo tutte assieme e diente… ma vuie a roma e cose è facite sempe o’ cuntrarie

ZIA TERESA: Vabbè lascia stare…..

TAMMARA: comunqe steve dicenne, overe se dice e overe è, une fa e sacrifice pe crescere e figlie, po crescene comme a figlia voste…e…una reste soddisfatte mangia i biscotti

GIULIA: Ma Carlo non sta lavorando? rivolta a zia Teresa

ZIA TERESA: Ma che sei pazza??… Lavorava ad un call center dalle 8 del mattino fino alle 12.30 solo per mille euro al mese… una miseria!!sempre seduto a quella scrivania a parlare per ore ed ore a quel telefono…

TAMMARA: Stancante…stancante

ZIA TERESA: troppo stancante, e poi non poteva prendersi na mezza giornata libera o per fare un provino o magari per accompagnarmi a fare la spesa. Giulia mio figlio ha scelto la strada dell’arte, la strada della musica, il canto mia cara giulia il canto. Ed ha bisogno di tempo libero per fare provini, comporre le musiche…. Lui sapete che fa? si sveglia presto la mattina, una ricca colazione che io personalmente gli porto a letto, poi con calma si alza, si lava, si veste, e rientra nella sua stanza. Si mette davanti alla tastiera ed inizia a suonare e cantare, suonare e cantare, fino alla sera…

TAMMARA: Overe, che pene che me fa chillu povere guaglione, figurete io o sente pure io e canta…. m’ate credere, talmente ca cante che è vote nun mo fido do sentere…. nel senso pense ca cu sta bella voce ca tene ma pecchè nun va a cantà dinte a nu locale, a sanremo, addù maria de filippo, pecchè a furtune nunn’o benedice… invece no addà cantà dinte a case addò nisciune nunn’ò sente… addò o sente sule io….

ZIA TERESA: Però sono un pò preoccupata…. perchè gli anni passano e questa fortuna non arriva….

TAMMARA: Ma quant’anne tene??

ZIA TERESA: 33 anni

TAMMARA: E.... e che te preoccupe, è giovene ancore!! oggi l’uomo ammatura più tardi….. nun liegge e giurnale?? e viste quanti e l’età e figliete stanne ancore dinte e case sfaticate e magnafranche senza mugliere, ancore sotte e gonne da mamma’?perchè i tempi sono cambiati… certo non è il caso di tuo figlio ca è un cantante ….. anzi, anzi… lui ha un arma in più, lui è un cantante ed i cantanti da che mondo e mondo hanno sfondato in tarda età dopo anni di bavetta….

GIULIA: Bavetta?..... gavetta forse

TAMMARA: Altri addirittura sono diventati famosi dopo la morte.. e pe tutta a vita s’hanne puzzate e famme….

GIULIA: devi aspettare…

TAMMARA: aspiette ca more….aspiette

GIULIA: La volete una bella notizia?

ZIA TERESA: Sì dai….dicci dicci

TAMMARA: fatica a parlare perché mangia ancora i biscotti….uh…uh….

GIULIA: Mia figlia Nunzia, si è fidanzata, ed oggi  il suo fidanzatino vieni qui

ZIA TERESA: A che bello

TAMMARA: Se mette a ffà ammore in casa, me fa piacere…

GIULIA: no vabbè, viene qui ma c’è lo presenta come un suo amico senza rendere ufficiale la cosa….

TAMMARA: A ….se presente comme amico!!

ZIA TERSA: Certo, mica come ai tempi nostri.

TAMMARA: siente ma è Piero, o’ meccanico, pecchè l’ata sere e vedette assieme abbascio o palazze.

GIULIA: Noooo…quello è un amico d’infanzia

TAMMARA: A aspè…aggie capite chi è….Simone, o leccese, e vedette a semmana passate a piazza Navona.

GIULIA: Nooo…quello ad Simone ce lo siamo cresciuti, è il suo amico del cuore

TAMMARA: Allore è Marco!!! o ‘suldate, chille ca chiammene “o’ Parolisi e Centocelle”!! Però nun te dico addò l’aggie viste, quanne l’aggie viste e comme l’aggie viste a sinò tu me dice ca pe esse è comme a nu frate!!!

Buio sulle donne che lasciano piano la scena….

BIANCO: Poverino il figlio di Zia Teresa, 33 anni e non riesce ancora a realizzare i suoi sogni….

NERO: Poverino!! ma cosa dici!! Povera Zia Teresa che ha un figlio così… Sai quanti giovani sono lì che non riescono a realizzare i propri sogni??…. questo mondo t’annienta e se vivi con la speranza di diventare qualcuno d’importante in questa società stando a casa da mammina e papino ad aspettare la lieta notizia… allora non hai capito un cazzo della vita….

BIANCO: Ma come sei catastrofica…. questi giovani hanno bisogno di un pò di speranza, un pò di fortuna per un futuro migliore

NERO: il futuro si costruisce, e non lo puoi costruire stando a casa  aspettando che la fortuna ti venga a bussare alla porta e ti dice …. eccomi mi stavi aspettando?? sono arrivata!! no!! ….. svegliati, lotta, affronta la giornata, affronta la vita e vedrai che i risultati verrano prima o poi!!

Luce sul palco,in scena Giulia e Roberto

ROBERTO: A piccerella mia se fidanzata….sapeve ca primmo o doppe arrivave stu mumente… ma nun è arrivate nu poche troppe ambresse??

GIULIA: Presto??…tiene già vent’anni….

ROBERTO: nun è troppe ambresse a vint’anne?? già a fa sti cose serie…

GIULIA: Appunto…ecco io lo sapevo….è stata chiara, mi ha raccomandato di non far sembrare troppo… ecco… ufficiale…. questa presentazione…. ha detto che c’è lo presenta come amico, non come fidanzato…

ROBERTO: Però….

GIULIA: Però so fidanzati!!

ROBERTO: nun song amici… so fidanzate, però a nuie cio presente comme amico…. io sta cose nun l’aggie mica capite, accussì se fa ogge??… m’aggia informà, aggia vedè ncoppe a internet

GIULIA: Ti raccomando, non gli facciamo troppe domande, facciamo finta che siamo disinteressati… parliamo del più e del meno, non facciamo domande sulla famiglia, non parliamo del suo lavoro, non parliamo dei suoi interessi…non parliamo

ROBERTO: C’avimma sta zitto!!

GIULIA: No no…dobbiamo parlare, ma dobbiamo parlare senza parlare …capisci??

ROBERTO: no!

GIULIA: e soprattutto non fare domande… dai solo risposte

ROBERTO: solo risposte senza domande…..

GIULIA: e ti raccomando non parlare di politica… tu sei troppo estremista, ragioni troppo alla karl max…. magari il ragazzo non è preparato sull’argomento o tiene i genitori che so di destra e facciamo na pessimna figura.

ROBERTO: Vabbè

GIULIA: Ti raccomando, non parlare del tuo lavoro, non dire che sei un militare della marina e non sai nuotare che nessuno ci crede

ROBERTO: Vabbè

GIULIA: …ma soprattutto non parlare in dialetto… non parlare in dialetto, siamo a roma non siamo a Napoli…. parla un italiano corretto.

ROBERTO: E na parole…. siente ma pecchè nun me scrive na specie e copione addo stanne scritte tutte e cose c’aggia dicere, e risposte c’aggia dà, e domande c’aggia fa??….

GIULIA: Adesso preparati che potrebbe arrivare da un momento all’altro.

ROBERTO: Ma secondo te Nunzia cu stu uaglione….cioè….è

GIULIA: cosa è?

ROBERTO: cioè già ….

GIULIA: Ma dai, non fare il classico padre di famiglia geloso della figlia femmina…. credo di sì, lei tiene vent’anni

Suonano alla porta

ROBERTO: Già sta ccà?

GIULIA: No, non credo che sia lui, questa sicuramente è mamma, Tommaso vai ad aprire per favore ci sono i nonni

Entra Tommaso cantanto

TOMMASO: Dai segui il tir, gira qui svorta là, Scusa amò zitta n’ po’ che stai a ddì Namo o ostia beach…Seguo er tir, giro qui, svorto là Svelto amò Fido la sta a fa’ qui Annamo a ostia beached esce senza aprire la porta

ROBERTO: ma chelle fosse na canzone??

GIULIA: Pierino puoi andare ad aprire la porta??

PIERINO: Mamma domani posso piscia a scola??

ROBERTO: No a papà, la fai a casa prima di uscire

GIULIA: Ma che hai capito?? Piscià significa, non andare… No a mamma, domani ci vai perché già hai fatto troppe assenze.

ROBERTO: Già è pisciate troppe assie..

PIERINO: aaaa…aaaaaa…voglio pisciare, voglio pisciare…voglio pisciareeeee…ed esce senza aprire la porta

GIULIA: Rosa per favore … puoi aprire la porta, ci sono i nonni..

ROSA: Mamma ti lovvo, Papà ti lovvo

ROBERTO: Primme e fa l’ove a papà, va a rapì a porte…..

GIULIA: Però è affettuosa…ci lovva

ROBERTO: Ma ched’è na gallina??

GIULIA: Ma perché non capisci….. love… ci ama…è il linguaggio dei giovani. Tu mi ami??

ROBERTO: Certo

GIULIA: e allora mi lovvi.

Entra Assunta madre di Giulia

ASSUNTA: Giulia, senti a Mamma, tu devi far mettere un ascensore in questo condominio, noi non possiamo salire tutte queste scale ogni volta che veniamo qui

ROBERTO: A gnò ma so sule duie piane

ASSUNTA: Sento in lontananza una voce che proviene dalla profonda terronia!! Che vedo!! Il Mario Merola dei poveri!! Te l’ho detto mille volte quando parlo con mia figlia tu non devi proferire parola, ma che dico parola, non devi proferire pensiero… sai come si dice?? Tra suocera e figlia, il marito non deve mettere il dito….

ROBERTO: In verità me la ricordavo diversamente sta cosa, però….

ASSUNTA: Vorresti insinuare che io mi sbagli, sì?? Ignorante!!

Giulia te l’ho detto mille volte, tu qui non vivi bene…. non puoi crescere bene i tuoi figli in questo quartiere… da me lo spazio c’è .. ci sono tutte le comodità….no!! Il suo maritino vuole vivere in Città, a Roma nella capitale…. per forza, per anni ha vissuto in terronia adesso è normale che vuole vivere in Italia, ha scoperto il progresso… a proposito di mariti, dov’è quel vecchio rincoglionito di mio marito, era dietro di me.

GIULIA: Mamma accomodati….vuoi una tazza di caffè?

ASSUNTA: Un po’ di caffè lo prendo volentieri

ROBERTO: A menu male….addà campà cient’anne a gnora mia, sule accussì puteve piglià o’ cafè stammatina

ASSUNTA: Anzi no, lascia stare, tu il caffè non lo sai fare non l’hai mai saputo fare… e poi mi sono svegliata con un forte bruciore allo stomaco…dammi un glen grant. Entra Rosa che accompagna il nonno Ernesto,molto vecchio che non vede e non sente

ROSA: Mamma il nonno ha sbagliato porta ed entrato dalla signora TAMARRA…

ERNESTO: Uè, ma avite cagnate case??? me steve perdenne dinto o palazze… menu male ca stu giuvinotte, stu terrasantiere m’accumpagnate

ROSA: Nonno sono tua nipote, Rosa…

ERNESTO: Vulite a bella cosa….Assuntì dacce a mazzette o guaglione, dacce mille lire

GIULIA: Papà è Rosa… Rosa… tua nipote…. mia figlia!!

ERNESTO: A Rosa…nun t’aveve riconosciute…chelle song sti cacchie e lente ca m’aggia cagnà…. me fanne vede tutte nire….oi…

ASSUNTA: Rosa a nonna, ma come sei pallida, voi questa ragazza non la curate…. Vedi questa è mancanza di ferro

ERNESTO: Tuocco fierro tuocco…

ASSUNTA: Devi mangiare un po’ di carne equina         

ROSA: Nonna, ma sei pazza?? la carne noooooo!! gli emo sono vegetariani…mangiare carne significherebbe mangiare il sangue degli altri animali, invece noi teniamo solo al nostro sangue…Il mio sangue è divino, il sangue degli altri è impuro nonna è impuro

Entra Nunzia…

NUNZIA: Nonna, come stai??...nonno

ERNESTO: Chi è sta bella piccerella

ASSUNTA: Come chi è? È nunziatina

ERNESTO: A purtate a medicina

ASSUNTA: ma quale medicina, ma pensi sempre la stessa cosa

ERNESTO: M’aggia assettate ncoppe a seggia nfosa

ASSUNTA: Ma la macchinetta se rotta?

ERNESTO: Chi è ca se pisciate sotta

ASSUNTA: Domani una bella visita dall’otorino

ERNESTO: Roberto va lasche e rine

ROBERTO: Ma sta peggioranne o gnore…è!!

ASSUNTA: Uè tu è inutile che fai tutte quelle mosse

ERNESTO: Te venute a tosse

ROBERTO: No me venute o catarre

ERNESTO: Chi a chiammate o carro?

ASSUNTA: L’ho chiamato io….pe ta atterrà….io non ce la faccio più…. non ce la faccio più… uno di questi giorni piglio e mi taglio le vene

ROSA: Che bello!!

ROBERTO: Mo capische figlieme a chi a pigliate

NUNZIA: Nonna ci vuole un pà di pazienza, il nonno ha un’età…

ASSUNTA: e nipote mia…anch’io ho un età…..le mie figlie m’hanno lasciata sola…io due figlie ho, una più disamorata dell’atra

ERNESTO: Overe è…. overe è

GIULIA: Adesso papà sente

ASSUNTA: Per non parlare di tuo padre…io lo dissi a Giulia…non ti sposare ad un napoletano, non fare il mio stesso errore….

ERNESTO: Spusate o’ fravecatore…

ASSUNTA: !!Ma io glie l’ho detto….tutto quello che fate a me le vostre figlie faranno a voi…

ROSA: faremo del nostro meglio nonna

ASSUNTA: Brava….ma il piccoletto dove stà, non lo vedo

GIULIA: Sicuramente sta nella sua stanzetta a giocare con la pes

ERNESTO: Tale e quale o nonno…Io pure quanne ere piccerille pazziave ca fe..

ASSUNTA: Ue..embè??

GIULIA: Papà la pes…è il gioco della playstation…pes 2012

ERNESTO: I che ciorte…invece io aggia pazzia cu chella do 15/18

Entra Tommaso

TOMMASO: A nonnè come te butta??

ERNESTO: E fatte o rutte?? all’aneme do fetente…mo to llonghe nu 5 franche

GIULIA: Tommà, fai il bravo a mamma

TOMMASO: La mia nonnetta preferita…comme sei bella nonnè la nonnna più sexi la tengo io…

ASSUNTA: Ma come è simpatico questo cucciolotto della nonna

TOMMASO: A nò, tu lo sai che sei la vita mia nò, me devo comprare  il giacchetto della lonsdale…

ASSUNTA: Quanto costa??

TOMMASO: 3 piotte .

ERNESTO: Quante….ca fatta?? Io tre piatte te donghe…ma te mene ccà oi…arete a cape….

ROBERTO: Quanne se tratte e solde ce sente

ASSUNTA: Non ti preoccupare, dopo ne riparliamo

NUNZIA: Nonna oggi ti presento un mio amico

ASSUNTA: Davvero??…..ma che tipo d’amico??

NUNZIA: Amico….

ASSUNTA: Che bellooooo….mia nipote si è fidanzata……Ernè Ernè….nostra nipote….ha trovato l’amore…

ERNESTO: è l’una e ore e magnà, ate menate a paste

ASSUNTA: Ma che hai capito?

ERNESTO: Nepoteme vo sapè l’ore?

ASSUNTA: Mannaggia a te e queste orecchie rotte

ERNESTO: Ce magnamme e manfrede ca ricotte

ASSUNTA: nostra nipote se fidanzata

ERNESTO: a carna ca nzalata

NUNZIA: Nonna è un ragazzo divino

ERNESTO: Cu nu bicchiere e vine

ASSUNTA: Come vi siete conosciuti?

NUNZIA: Ci siamo incontrati su skype

ASSUNTA: a là….vi siete incontrati….e dove si trova questo posto?

NUNZIA: No ..nonnà non è un posto..skype è una chat

ERNESTO: E chiatte??...nun te preoccupà nuie o’ mettime a dietro

GIULIA: In dieta…papà…in dieta

ERNESTO: Ma mettitele annanze, arete, mponte..ma che teng a vedè….io teng fammeeee….ate mnate a paste.

ASSUNTA: Di dov’è??

NUNZIA: E’ di Napoli

ASSUNTA: No figlia mia…..questa è una congiura….un’altro napoletano in casa….O’ Vesuvio Vesuvio Vesuvio…ma dico io quando ….quando ti svegli…quando…Quanti’anna ha??

PIERINO:entra allegramente con la psp in mano

Sììììììììì…..grandeeeeeeeee…..troppo forteeeeeeeee….ho vinto, non ci posso credere, nonna ho vinto, papà, mamma ho vinto….ho vinto….sììììììì…ho battuto il record dei record….so troppo forte ….troppo…

ERNESTO: Ma ca passate??

ASSUNTA: Ha vinto col gioco…

ERNESTO: Brave….a iucate e cavalle??

ASSUNTA: No

ERNESTO: O tre sette, o poker, a scopa….a tumbulella….comme a vinciute chiste!!!!

Buio

NERO: Il cambio generazionale ha portato diversi cambiamenti. Prima si rispettavano di più i genitori….non c’era possiblità di scelta, se un genitore diceva una cosa, dava un ordine o un compito, era legge !

BIANCO:Prima sai che palle ad ubbidire a tutto quello che ti dicevano i genitori…. addirittura sceglievano loro il marito per le loro figlie….è meglio così c’è più libertà….

NERO:Secondo me la libertà ci deve stare ma non troppa però

In scena Giulia,entra Roberto vestito con giacca e cravatta ed un paio di pantofole rosa,dopo entra Vincenzo

ROBERTO: mo si ciò domande a cheste, facimme nata tarantelle….e c’aggia fa io nun è trove….mica pozze sta accussì

Giuliè nunn’è ca per case ….per puro case avisse viste e scarpe mie, pecchè nunn’è trove

GIULIA: E io lo sapevo….

ROBERTO: Oilloche mo accummencie

GIULIA: Tu sei distratto, sei sbadato…stanotte hai dormito sulle sedie, non hai messo nemmeno il pigiama, hai tenuto le scarpe per 48 ore…. E adesso non ricordi dove sono??

ROBERTO: No pecchè primme so ghiute a me lavà e mo nun m’arricorde addò l’aggie mise

GIULIA: Vedi forse sono nel bagno?

ROBERTO: Aggie viste ma nunn’è trove…

GIULIA: Stammatina per esempio ho trovato i tuoi pedalini….dico i pedalini sulla lavostaviglie, cioè ma ci rendiamo conto??.

ROBERTO: E vide po’ essere che scarpe stanne dinte o furne

GIULIA: Tu sei na cosa impossibile guarde, un essere unico al mondo, ma come fai…Ogni volta con te è una guerra….Te l’ho detto mille volte, quando torni la sera, metti tutti i panni sistemati per bene …ce l’hai questo uomo morto, ce l’hai…rispondimi ce l’hai questo uomo morto….

ROBERTO: si è morto

GIULIA: E sfruttalo allora….no!! lui lascia tutti i panni in giro….perchè sa che c’è la scema …perché io sono na scema che li raccoglie…perché io sono scema…rispondi sono scema??

ROBERTO: Sì ….si na scema

GIULIA: Invece no! io non voglio essere una scema, la tua scema, e non sono la tua serva, perché io non servo non ho mai servito….rispondi, servo io, rispondi servo io??

ROBERTO: No, tu non servi

GIULIA: bravo…..uhh che hai fatto…che hai fatto

ROBERTO: Madonne c’aggie fatte…

GIULIA: La pancia…..hai di nuovo la pancia…non stai facendo più la dieta…io lo so….tutte quelle schifezze che ti mangi e ti fanno mangiare in mensa…tu devi mangiare verdure ,fibre molto fibre tante fibre

ROBERTO: Accussì caco nu maglione e lane

Entra Vincenzo

VINCENZO: è permesso

GIULIA: A finalmente sei arrivato ti stavamo aspettando?

ROBERTO: Piacere Roberto, scusami se ci trovi in cucina ma stiamo preparando il pranzo, ovviamente tu pranzi con noi?

GIULIA: Certo, che domande fai…

ROBERTO: oilloco, o sapeve già aggie sbagliate a primma domande

GIULIA: Ma prego accomodati

VINCENZO: Grazie….

GIULIA: senti, io lo so che mia figlia non vuole ufficializzare l’evento, ma tu lo sai per noi è un emozione particolare, unica, è la nostra prima figlia…quindi ti farò solo poche domande

ROBERTO: azz

GIULIA: Dove abiti? che lavoro fanno i tuoi genitori? quanti fratelli e sorelle hai? quante case di proprietà? lavori o vai all’università? quali sono i progetti per il futuro? sei allergico a qualcosa? quali malattie hai preso da piccolo? hai mai avuto qualche intervento? ti fai le canne o fai uso di stupefacenti? ti piacciono i fiori? qual è il tuo colore preferito?….Qual’è il tuo quoziente erotico? Ti sei mai chiesto se la sessualità maschile sia più forte della sessualità femminile?A letto sei più un gattino o una tigre? Per te i preliminari sono importanti? Sei mai entrato in una boutique di sex toys ed hai fatto shopping folle? ....l’ultima è facoltativa puoi anche non rispondere.

VINCENZO: ma io non sono il fidanzato di vostra figlia, io sono il figlio del fidanzato di vostra figlia.

Entra Nunzia con un uomo sulla sessantina

NUNZIA: mammà, papà vi presento Arturo

ARTURO: a Giulia buon giorno cara a Roberto Rompiamo subito il ghiaccio….posso chiamarti papà?

ROBERTO: Pa….pa….pà?...e….crolla svenuto

BIANCO: Ma mi sa che il fidanzato della figlia è più grande di lui…

NERO: No!!!Ma dai??? mica me n’ero accorta

BIANCO: Ma lei non ha nemmeno 20 anni, mica è possibile una cosa del genere…cosa spinge una ragazzina ad innamorarsi di un cinquantenne?

NERO: Ma le donne a 20 anni si sentono e sono più mature rispetto ad un loro coetaneo ed hanno bisogno di un uomo. Avere un uomo accanto significa sentirsi protetta, sicura, amata, avere una persona con cui parlare di argomenti importanti, arte, politica, e non un babboccione qualunque che a 20 anni pensa a quale discoteca andare il sabato notte e quale telefonino comprare.

BIANCO: Secondo me ogni cosa ha il suo tempo, ogni cosa la sua età….ed una ragazzina di 20 anni che già vuol sentirsi donna, brucia le tappe e si perde il periodo più bello della vita, quello dove ognuno di noi si sente ancora un po’ bambino, pieno di sogni da realizzare, pieno di desideri; quel periodo dove per te ogni piccola cosa ha un gran valore ,le notte in discoteca, al bar con gli amici, bussare ai citofoni del vicinato alle tre di notte e scappare via, scrivere i ricordi più belli sul proprio diario e provare la paura nel farlo per la prima volta

NERO: La prima volta a 20 anni?

BIANCO: Sì

NERO: Ma tu stai proprio arretrate

Luce ,troviamo Roberto che si riprende sorretto da Giulia e Arturo

ARTURO: Ma che succieso papà….nun te siente buone

GIULIA: Soffre di pressione bassa

ARTURO: A me dispiace, certe a chest’età une s’addà sta acorte

ROBERTO: Guarde chi parle

ARTURO: Io pure soffre e pressione bassa, ata bere assaie….e po’ ce stà a liquirizia, magnateve na bella liquirizia e ve passe tutte cose. Aspè io l’avessa tenè…ailloche, magnate a liquirizia tè

ROBERTO: No grazie

ARTURO: Pigliatelle nun fa cerimonie

ROBERTO: No grazie tante ma

ARTURO: Pigliatelle nun fa o scurnuse,

ROBERTO: no, ma non pe fa cerimonie ma

ARTURO: Iamm ca vuò..iamme ca ta sto danne…iamme ca ma porte...PIGLIATELLE

ROBERTO: Nun me piaceeeeeeeeee

GIULIA: Non ti preoccupare adesso gli passa

ROBERTO: Già me passate

GIULIA: Prego Arturo siediti

VINCENZO: Papà ce ne andiamo?

ARTURO: Aspè a Papà mo simme venute

VINCENZO: Papà ma io ho fame

ARTURO: E qual è il problema, mo pranzamme cà e po ce ne iamme a papà…pranzamme ccà no??

ROBERTO: Te stai invitanne

GIULIA: Ma certo

NUNZIA: Mammà ha fatto le fettuccine ai funghi porcini, ti piacciono?

ARTURO: Mammate ca fatte?? e fettuccine?? vuò dicere ca accattate e 4 salti in padelle e la cucinate…..

GIULIA: No sono fatte in casa

ARTURO: Te mparate a cucenà,….brave!!...ma facive nu belle ruoto o furne ogge e dummeneche…..veciè a papà a Nonna ta fatte e fettuccine te piacene?

GIULIA: La nonna …quale nonna!!

ARTURO: Tu nun si a nonne scuse….si isse me figlie e tu si gnore a me, isse te nepote

GIULIA: Mi sento male, adesso gira la testa pure a me

ARTURO: Vuò na liquirizia….pigliatelle….nun fa cerimonie

GIULIA: Non mi piaceeee

ARTURO: azz ma dinte a sta casa e schifate proprio e liquirizie

…..A vulisse tu amò

NUNZIA: No grazie tesò

ARTURO: T.v.b.

NUNZIA: T.v.t.b.

ARTURO: T.v.t.t.b.

NUNZIA: T.v.t.t.t.b.

ARTURO: T.v.t.t.t.t.b.

NUNZIA: T.v.t.t.t.t.t.b.

ARTURO: T.v.t.t.t.t.t.b.

GIULIA: E mo che stanno a fa??

ROBERTO: ma adò è asciute chiste

VINCENZO: papà ma a me le fettuccine con i funghi porcini non mi piacciono

ARTURO: Siente a papà nun fa o scostumate una cosa, scarte o porcine e te mangie sule o funghe.

Entrano Assunta ed Ernesto

ASSUNTA: Dove stà il mio nipote acquisito, dove sta questo terroncello??

ERNESTO: Addò sta’….addò sta…o’ limoncello addò stà??

ASSUNTA: eccolo qui ….che bel giovane …e come è alto

ARTURO: A nunnarella bella

ASSUNTA: Voi chi siete il padre di questo bel giovanotto??

ARTURO: sì io song ò pate

ASSUNTA: Meglio che siete venuto pure voi…diciamo ad entrare in famiglia….oggi come oggi si sentono tante brutte cose..  Quelli diciamoci la verità, sono ancora ragazzi, adesso devono iniziara a conoscersi bene a capire i propri caratteri….

ERNESTO: Avete portato i datteri?? E due ficu secchi no??

ASSUNTA: E vostra moglie??

ARTURO: Io so divorziato, e poi non era il caso portarla

ASSUNTA: Vabbè la Mamma è sempre la Mammà….prima o poi la dobbiamo conoscere pure noi…Nunziatina ma tu l’hai conosciuta tua suocera?

NUNZIA: Mia suocera è morta tanti anni fa

ASSUNTA: Allora non siete divorziato, siete vedovo??

ARTURO: No so divorziato, mugliereme è ancora viva

ASSUNTA: Ahhh……Ernè, tu ce stai a capì quarcosa??

ERNESTO: se se ….quanne se magne

NUNZIA: Nonna, pure mio suocero, pace all’anima sua, è morto

ASSUNTA:aa…pure tuo suocero è morto …uh madonna ,questo chi è allora??

NUNZIA: Nonna lui è Arturo il mio fidanzato

ARTURO: T.v.b.

NUNZIA: T.v.t.b.

ASSUNTA: Ernesto…Ernestooooo

ERNESTO: Menate a pasteeeeeee

Secondo atto

ROBERTO: Daiiiiiiii, quanto ci metti…sono tutto un fremito…..comme cazz so gelate sti mannette…. ma le manette poi me le togliiii??

GIULIA: Zitto schiavo!! compare Giulia  con un vestito di pelle aderente ,frustino…

ROBERTO: comme te si cumbinate…. è venute carnevale…

GIULIA: Da ora in poi, io sono la tua padrona e tu il mio schiavo…

ROBERTO: si me piaceeee

Giulia lo prende e gli tira i capelli

ROBERTO: OOOO, ma che fai, io 4 zille tenghe

GIULIA:Zitto, non fiatare

ROBERTO: Non ciato, ma me fa male

GIULIA: Non disubbidire la tua padrona……altrimenti ti frusto…..di la verità, vuoi che ti frusti vero?? lo vuoi vero….lo vuoi??

ROBERTO: No a frusta, no….a frusta no…..no!!! Giulia  fa per prendere la frusta,e lui scappa dal divano

GIULIA: dove vai….vieni qua

ROBERTO: Vattene…tu si pazze, si riveste parlando a me sti cose …comme si dice …a masochiste nun me piacene, io vaco chìù dinte o classico, so tradizionalista…

GIULIA: Dai, ma giusto per cambiare, per divertirci un po’

ROBERTO: che vuò cagnà…..diceve o nonne mie nun piglià mai a strada vecchie pa nove

GIULIA: Hai visto …allora è come dico io non ti piaccio più

ROBERTO:sì, comme tu mi piacci ancora…..e il frustino tuo che non mi piacce

GIULIA: ma dai, che ne sai se il dolore fisico ti eccita di più?? lo hai mai provato??

ROBERTO: Ma nun o voglie pruvà, lascia stà…..ma pò pure stu fatte ca l’amma fa dinte a cucine pecchè a stanza e liette nun’è chiù da noste …iamme facimme na cosa classico, a vole a vole

GIULIA: Una sveltina??

ROBERTO: Una sveltina, na lentina vire tu, ma l’importante che facimme na cosa, senza tutte sti cose….

GIULIA: Vabbè, mi vado a cambiare…..mi vesto da monaca vabbè??

ROBERTO: Viestete normale

GIULIA: Sì, con i mutandoni, come quelli di brigette jons

Ed esce

ROBERTO: Brave, fatte prestà e mutandone da sta cumpagna toia….

Ma io non lo so cheste sta perdenne e sense.. ormai a pigliate na malatia esse e stu sesse… io ormai teng n’età nun cia faccie chhiù a cierte ritmi e esse nun ò vo capì sà…..

Entra in pigiama Arturo

ARTURO: Overe papà e ragione….. nun o vonne capì ca tenimme n’età, pure figlete pense sempe a stessa cosa, avrà pigliate da mammà…io però aggie mise nu limite è…non più di una volta al giorno!

ROBERTO: La pigliate comme a na medicine...

ARTURO: ma pò papà nunn è comme e tiempe nuoste….sti guaglione d’ogge so chiù energico….chiù fucose

ROBERTO: siente, primma cosa nun sai quande me sposte o fatte ca me chiamme papà, pe siconde tu si chiù viecchie e me e nun dicere e tiempe nuoste, e tiempe tuoie semmai…e terze nun te mettere chiù a fa a spia arete a porte quanne stamme io e mugliereme a parlà…

ARTURO: Ma io mica aggie fatte a spia, io me crereve che e mariule t’avevane ammanettate e te vulevene sevizià, picciò so currete pe te salvà, po aggie viste ca era ben altro….

ROBERTO: E te fernnute e vedè o spettacolo

ARTURO: Io l’aggie fatte pe te papà

ROBERTO: Ancore cu stu Papà, nun mi ha chiammà Papà

ARTURO: vabbè Papà….approposito…mo me scurdave a cosa chiù belle…ahahahahahaha…aspè troppe divertente….è arrivate a bullette da luce….uhuh che resate ……500 euro e currente….

ROBERTO: Overe fai!! famme vedè

ARTURO: ma che dè na fabbrica sta casa, n’industria ….500 euro…ahahahha

Uh che resate….che resate….nun cia pozze mai ffà….troppe divertente sta cosa…fammene io a parte dinte và….ahhahahaha esce

ROBERTO: Io a chiste pure o iette a vie fore…..overe ca uno o ffà po bene de figlie, ma fine a nu certo punte però…

ARTURO: rientra subito con Zia Teresa e S.Tammara

Ma prego accomodatevi in cucina…Zietta,madam…

TAMMARA: Ma comme site gentile, ma pò tenite nu stile nu sex appil

ARTURO:Je suisflatté, elle est très gentille (sono lusingato,lei è molto gentile)

TAMMARA:…grazie…grazie assaie

ZIA TERESA: ma perché hai capito quello che ha detto??

TAMMARA: Gesù, chelle è francese, a ditte siente fratè tu si tre vote cchiù gentile

ARTURO:Madamevous êtestrèsdrôle un inchino con la mano(madame lei è molto divertente)

TAMMARA: Nun tenghe e spicce

ZIA TERESA: Perchè cosa vuole ??

TAMMARA: a ditte puose tre dollere….ma comme ca sapite tutte sti lengue, avete viaggiato molto ?

ARTURO:Ho girato il mondo, sono stato nei posti più impensabili, e parlo molte lingue….l’Europa la conosco quasi tutta, poi sono stato in brasile, uruguay, paraguay

TAMMARA: la stanne nu cuofene e guiae

ARTURO: Poi sono stato in India, Giappone, Thailandia

TAMMARO: no io e mio marito siamo arrivati al massimo fino all’edelandia

ARTURO: Vabbè adesso vado, vado dal mio amorino che mi aspetta..see you later

TAMMARA: Cià cia …

ZIA TERESA: Ciao Roberto

TAMMARA: uè io proprio a vuie cercave

ROBERTO: A me ?

TAMMARA: V’aggie purtate o nummere e na cugine e nu frate da sore e mammà…

ROBERTO: C’aggia fà cu stu nummero

TAMMARA: Cheste e na dottoressa….ma una bone però….ca ve pò salvà, ve pò guarì da malatia ca tenite

ROBERTO: Ma pecchè che malatia teng ?

TAMMARA: Chella brutta malatia, ce la ditte a mugliere voste !!

ROBERTO: E …e….io nun saccie niente….me la tenute nascoste….sto murennne…madonne me sente male

ZIA TERESA: Robertto come la fai tragica …adesso non esagerare …al massimo può morire  mia sorella

ROBERTO: Pecchè è contagiosa ??

ZIA TERESA: E…si capisce….tu devi stare più tranquillo e rilassato.

ROBERTO: Ma mica è na cosa grave diciteme a verità…Tereè dimme a verità

ZIA TERESA: Tu vai dalla dottoressa e non ti preoccupare

TAMMARA: ata vedè a quanne na salvate

ROBERTO: allore l’aggia telefonà, a telefene e vaco….ma raccumanne si me succere coccose pa via state vicino a muglerema ie figlie mie….

ROSA: Papà ho trovato su questo catalogo la bara che mi piace…

ROBERTO: Forse cheste serve a me a papà a me….sto male teng e iourne cuntate figlia mia nun te veco chhiù a papà…ed esce

ROSA: Che bello, papà sta morendo? Ecco un’ottima occasione per soffrire alla grande, lo vado a dire subito alle mie amiche

ZIA TERESA: Secondo me l’abbiamo fatto preoccupare un pochino troppo

TAMARRA: Ma che dice, meglio accussì, dirette

GIULIA: Uè,voi due state qui….accomodatevi

ZIA TERESA: Abbiamo incontrato tuo marito

TAMARRA: c’avemme rate a nummere ra dottoressa

GIULIA: No! glie l’avete detto ?

TAMMARA: embè che male c’è…

ZIA TERESA: ma tu hai provato col frustino ?

GIULIA: Niente nemmeno quello ha funzionato…..adesso c’è pure un’altra novita ??

ZIA TERESA: quale ??

GIULIA: Mammà e Papà…..si sono trasferiti qui….

ZIA TERESA: No !!

GIULIA: Mammà ha detto: visto che dai a mangiare il vecchio di tua figlia, puoi dare a mangiare anche i tuoi vecchi

TAMMARA: E vabbuò che fàà…..Addò mangiene duie ponne mangià pure tre

ZIA TERESA: A do zompa la vacca zompa pure lo vitello

TAMMARA: A ogne case nce’ava  na croce

ZIA TERESA: Ogne chiesa c’ha la propria sagrestia

GIULIA: Una cerca di fare i sacrifici per  i figli, per la famaiglia ma…

TAMMARA: e figlie so comme e sierpe dinte o manecone

ZIA TERESA:Na mamma campa cient figl', cient figl' n campan' na mamma!

TAMMARA: A chi nun tene figlie nun ghì ne pe denare e ne pe cunziglie

ZIA TERESA: Chi tte fa più de mamma, o tte finge o tt'inganna

GIULIA: i soldi sono pochi

TAMMARA: O’ cane mozzeche sempe o stracciate

ZIA TERESA:Er pesce grosso se magna er ciuco

TAMMARA: Scarpariell tic tic, sempe povere mai ricc

ZIA TERESA:E' Mejo che la panza mia crepi che la grazia de Dio se sprechi

TAMMARA: Ce vo' pacienza, dicette 'on Vicienzo

ZIA TERESA:chi c'ha er pane, nun c'ha li denti e chi c'ha li denti nun c'ha er pane

TAMMARA: Dicette Vicenzella, c'è rimasta na speranzella

ZIA TERESA:Chi de speranza vive, disperato more.

TAMMARA: E Chiste e o’ munne dicette Raimunne

ZIA TERESA: In terra de ciechi beato chi c’ha n’occhio

TAMMARA: Dicette 'orina Sufia, ccà ce sta 'a famma a peste e 'a carestia!

ZIA TERESA: Mejo puzzà de vino che d'acqua santa

TAMMARA: Chi nu' ttene faccia tosta vo' juca' apposta!

ZIA TERESA:Mejo faccia tosta, che panza moscia.

TAMMARA: Chi femmene crere Paraviso, nun vere!

ZIA TERESA: Fìdate de la vorpe e der tasso, ma nun te fidà della donna dar culo basso.

TAMMARA: 'Na femmena te porta 'ncièlo, e 'na femmena t'atterra

ZIA TERESA: Donna che move l'anca si 'né mignotta poco ce manca.

TAMMARA: Chi tene sante va 'mparaviso e chi nun 'e ttene more acciso!

ZIA TERESA:Beata quela casa che cià la chirca rasa

TAMMARA: Chi vo' ave' nu santo bbuono ca priasse a sant'Antuono!

ZIA TERESA:Santo Davitto, tèccote glio stuorto e dàmme glio rìtto

TAMMARA: Dicette 'o monaco 'e Piererotta, ih che ffuoco ca tenite sotto!

ZIA TERESA:Santa Barbara e Sant'Elisabbetta sarvatece dar furmine e da la saetta!

TAMMARA: Dicette 'o monaco 'e san Francisco, mò ve faccio nu bellu refrisco!

TUTTE E DUE: Dicette 'o monaco campanaro, Sore'... priate a san Gennaro!

Buio sulle donne

ARTURO: dinte a sta casa nu se trove nu poco e pace….nun me pozze fa mezz’ore e suonne tranquillo

TOMMASO: Artùro….artùro…..aoooo

ARTURO: Che passate Tummasì?

TOMMASO: Ho scritto una canzone…vera good….scritta …pensa un po’…pensa un po’….pensa un po’??

ARTURO: Sto pensanne…sto pensanne…sto pensanne…..dimmelle tu che è meglio

TOMMASO: Scritta nientepopodimeno che …in Napoletano!

ARTURO: E famma sentere

TOMMASO: Tunz tunz tunz paraparapunz punz punz

ARTURO: Bella, molto bella….però mo vattenne ca me voglie fa na mezz’oretta

TOMMASO: Artù, ma questa è solo la musica ….è solo l’Intro

ARTURO: è intitolata Intro??

TOMMASO: No, la musica è Intro

ARTURO: la Musica è Intro….io preferisco il blues in verità….sta musica Intro non l’ho mai sentita

TOMMASO: Ao ma che stai a svarià ner flash?? Te sto a dì questa è solo la musica, poi c’è il testo….famme cantà e falla finita…Tunz tunz tunz paraparapunz punz punz

Tu pe me sina na catena…ca m’astregne o sanghe dinte vene….io pe te songhe nu scemo, ca ogni vote ca te veco tremo…tu me fai mpazzì, tu me fai murì, a prossima vota ca cu me nun vuò ascì, io te chiave nu cavece arete e rì…te piace?è da paura….

ARTURO: Cheste overe fa paure??…cheste l’avimma produrre

TOMMASO: Ma io non conosco nessuno

ARTURO: Teng n’amico …se chiamme Pepp ò sciocc….è o produttore anduvine e chi?

TOMMASO: di chi?

ARTURO: Marco Marfè

TOMMASO: Ma stai a scherzà…ma stai a scherzà ….marco Marfè….quello è un grande, tutti dicono che Marco Marfè è neo molodico, macchè….quello è pop dance….

Il fragolonesutt’a doccia vann pazz sti guaglionese lo guardi è veramente un’emozionecon la panna vene voglia ‘e to mangiàIl fragolonenon è vero che è soltanto di stagionese lo vuoi pure anche d’inverno puoi gustarequesta frutta dapertutto puoi truvà

ARTURO: Vabbè nun ce bisogna ca cante tutta quante…Chille Pepp o sciocc si te vede te ce manne….

TOMMASO: dove??

ARTURO: Comme a addò….a X –FACTOR….si sente sta canzone te ce manne direttamente ….però ce vonne e solde

TOMMASO: e qui sta er  problema?

ARTURO: poco nun te preoccupà, chille peppe e n’amico

TOMMASO: quanne piotte??

ARTURO: Chille o ffà po bene e l’arte, giuste pe lancià a sti guagliune comme e te ca so meretene e essere mannate là.

TOMMASO: Dai damme sta  botta er core?....dimme quanno

ARTURO: tu sai a Tony colombo….spennette 25 mila euro pe ghì a x –factor

TOMMASO: Ma che te sei fumato le pagine gialle?? addò li piglio tutti sti sordi

ARTURO: Scusa a patete co tiene a ffà….chille e caccie nun te preoccupà

TOMMASO: mi aiuti a convincerlo

ARTURO: Sicuro…e ca che ce stonghe a fa scuse

TOMMASO: Artù sei n’amico

Entra Rosa

TOMMASO: Uh mamma mia….ao mi sorella!! È così brutta che se lancia un boomerang, quello ce penza du vorte prima de tornà.

ARTURO: Ma è sempre stata così?

TOMMASO: Da piccola era così brutta che mi madre anziché spigne la carrozzina, la tirava pè nun vedella….famme annà che nun la posso vede…..ce beccamo Artù

 

ARTURO: Piccerè, ma sta sempe cu sta faccella appesa..ma che è state? Overe ca si emo, ma fine a nu certe punte

ROSA: Ti posso confidare una cosa?

ARTURO: Dimmi…

ROSA: Con te sono sicura che posso parlare, solo tu mi puoi capire però non dirlo a nessuno ..

ARTURO: Sarò muto come una tomba….

ROSA: La tomba che bella

ARTURO: No scuse me so sbagliate sarò muto come un pesce, forse è meglio….dai parla

ROSA: Mi sono innamorata

ARTURO: Bene, benissimo…sono felice per te, e chi è questo santo ca vo passa stu guaio affianca a te …scherzo chi è il fortunato?

ROSA: Non è un fortunato….è una fortunata!!

ARTURO:…..ahh….e vabbè ….qual’è il problema, l’amore non ha distinzioni non ha sesso….se vi volete bene, se siete innamorate qual è il problema…

ROSA: Il problema c’è invece… lei mi ha lasciata…

ARTURO: Ho capito è spaventata di questo amore, non vuole affrontare questa relazione, magari ha paura dei suoi genitori, dei suoi amici, ma se lottate insieme riuscirete a vincere questi luoghi comuni e far trionfare l’amore..

ROSA: ma non è questo il problema, lei mi ha lasciata perché…perché…perché ….sono incinta

ARTURO: Che cose??

ROSA: Aspetto un bambino

ARTURO: Aveve capite buone allore….scusa ma comme funzione, ma allore non sei omosessuale…..ah menu male, me credeve d’ave da cainate…

ROSA: Sono bisessuale

ARTURO: Peggioooo…e comme significa cioè….

ROSA: nemmeno tu mi capisci…noi emo siamo tutti bisessuali ma non per moda come dicono tutti…essere emo significa vivere emozioni fino in fondo senza badare se uno è maschio o è femmina…

ARTURO: Cioè per te maschio o femmene e a stessa cosa…è un particolare irrilevante….però adesso ci sta sta povera creatura di mezzo, il padre lo sa??

ROSA: Sì, cioè …io non lo so!

ARTURO: Cosa non sai…non mi dire che non sai chi è il padre!!

ROSA: No…so chi è il padre….sono certa di chi è il bimbo

ARTURO: embè??

ROSA: A meno che…non sia di colore!!

ARTURO: C’è questo rischio?

ROSA: Potrebbe

ARTURO: Vabbè ma tu adesso devi puntare ad uno solo, non puoi fare il padre con la riserva…cioè non puoi dire questo è figlio a te ma se il bimbo nasce nero e figlio dell’altro…tu a chi glielo hai detto?

ROSA: A tutti e due…

ARTURO: Ecco ho sapeve…ed hai sbagliato!

ROSA: Ma per loro non è un problema, tanto al piccolo gli do il cognome di Papà e se lo crescono i miei…il problema è Imma che ha saputo che sono stata con Antonino e Babatunde

ARTURO: Babatunde….Tu po fai uno o nuvante …Antonino …Babatunde…pigliave a une e na via e miezze….Me sa co figlie e de Babatunde!!

ROSA: Come devo fa Artùro per farmi perdonare da lei…

ARTURO: Da lei…tu t’avissa fa perdunà da patete e mammete…

ROSA: Che poi del resto pure lei non è stata una santa…

ARTURO: Pure esse cu Babatunde è state?

ROSA: No è stata cu Suleiman

ARTURO: alza le mani AHH chi è!!! pigliateve tutte cose chelle ca vulite, tanta a casa e do gnore mio, l’importante can un me facite dl male a me ca so vicchiariello

ROSA: Ma che stai dicendo?

ARTURO: Aggie ndise na voce ca me diceve Aize e mane

ROSA: Sono stata io

ARTURO: Si state tu?? Ia passa mai niente

ROSA: Suleiman è il fidanzato di Babatunde che è stato con Imma..

ARTURO: I che razze e nomme..ca…ca…ma famme capì na cose….aggie ntise buone il fidanzato di Babatunde è o poliziotto “su le mani” ca…pure isse è miezze e miezze??

ROSA: Abbiamo fatto uno scambio di coppia

ARTURO: Figlia mia ma tu sta nguaiate proprio

ROSA: Ho un idea ci parli tu?

ARTURO: Cu Babatunde?

ROSA: Ma quale babtunde…con lei con Imma

ARTURO: E che ci dico?

ROSA: T’inventi qualcosa

ARTURO: Ma tu si pazze, lieveme a me a miezze a sti mbruglie

ROSA: Dai ti prego parlaci tu

ARTURO: Ma lascie stà, va a fernì ca se mbrogliene e lengue...tu me fatte venì e male e cape

ROSA: Dai ma a te che ti costa…. parlaci

NUNZIA: con chi deve parlare Arturo?

ARTURO: Con Imma

ROSA: No…zitto

NUNZIA: Cosa ci devi dire ad Imma

ARTURO: No niente ci devo che aspetta un bambino…

NUNZIA: Imma aspetta un bambino??

ROSA: Nooo

ARTURO: ma che capite aspetta un bambino…mica aspetta un bambino nel senso che aspetta un bambino…chelle e bis….Rosa gli dà un pizzicotto bisceglie…un bambino di Bisceglie aspetta Imma

 NUNZIA: di bisceglie??

ARTURO: Certe …esse penza ca è state Antonino…ca si chiama Antonino…

NUNZIA: Un bambino che viene da biscieglie?

ARTURO: E certe….pecchè ce stà o problema ca nun se sape si è di colore, po essere colorate

NUNZIA: un bimbo colorato…

ARTURO: Comme che dice…mica pò essere colorate…nu creature colorate… è colorate si è state

NUNZIA: se è stato??

ARTURO: ….babatumba

NUNZIA: Chi è questo babatumba…ma cosa stai dicendo??

ROSA: Ma stai fumato

ARTURO: Mo fossi io chille ca nun sta buone

ROSA: Inventa qualcosa

ARTURO: O balle ….praticamente a cumpagna e cheste, Imma c’addà mparà nu balle a stu creature ca se chiamme Antonino ca vene da bisceglie…o balle se chiamme Babatumba….chille che fà:parte la musica ed Arturo inizia a ballare intonando

Hello boys!
traversando e quartier spagnolis
valicammo Via furì
senza scalo fino a qui
è arrivato  ba-ba-tumpa con Rosa
ba-dba-tumpa
ba-ba-tumpa
ba-ba-tumpa
ba-ba-tuuuumpa
con un cockatail di rugiada e gin
dinte a lattine da pepsi col
Keste sceme è asciute incint è state
babatumba x 4 con Rosa e Nunzia
ba-ba-uuuumpa
ma se questo bimbo di colore non ci sembrerà
ogni dubbio muore nel buio
da oggi antonino papà sarà
ba-ba-umpa
ba-ba-uuumpa
lungo il fiume disegnato in ciel
la sapute pure immarell,

cheste a fatte a scapppatell
cu une che se chiamme
ba-ba-tumpa x 4
umpa!
ba-ba-umpa
ba-ba-uuuumpa
ma se questo bimbo di colore ci sembrerà
ogni dubbio muore nel buio
il nome vero del papà sarà
ba-ba-tumpa
ba-ba-tuumpa
mo ca osape patete vene o bel
s’addò crescere nu figlie, e nu grande femmenel
cha se chiamme

ba-baa-tumpa
baa-baa-tuumpa

Finisce la musica,buio sulla scena

BIANCO: Una famiglia così, ma non è troppo??

NERO: Ogni famiglia ha la sua pecora nera

BIANCO: Ma una pecora nera….qui non si salva nessuno

NERO: Per tutto quello che succede in famiglia, la colpa ricade sempre su uno dei due genitori o su tutti e due…Il caso di Rosa, quante Rose vediamo in giro?

BIANCO: Se vai dal fioraio ne vedi parecchie

NERO: Ignorante, io dico quante ragazze o ragazzi come lei vedi in giro…ed il primo pensiero della gente comune è…il padre …colpa del padre che non ha saputo educare i figli…. ma perché dare la colpa sempre al padre??

BIANCO: Oggi i padri, a differenza del passato, per aiutare i figli a separarsi dall’infanzia, non trasmettono più regole severe , obblighi, privazioni, ma cercano di partecipare alla vita del proprio figlio attraverso metodi più affettivi, giocare con lui, comprargli tanti giocattoli, tutto quello che il piccolo chiede diventa legge, insomma trasmettere più affetto fino a renderlo…

NERO: Un bambino viziato e presuntuoso che quando cresce non riesci più a controllare….. essere padre è difficile

BIANCO: Ma è un gran privilegio, ed è il compito più bello che il signore possa darti.

Luce,in scena due sedie dove sono seduti Roberto e la Dottoressa.

E’ uno studio di psicologia

ROBERTO: Salve dottoressa le dicevo, prima a telefono, che una mia vicina di casa mi ha dato il suo numero, dicendomi che lei era una sua parente

DOTTORESSA: Non faccio sconti, sono 150 euro a seduta

ROBERTO: No, ma non è mica un problema di soldi, mi diceva questa vostra parente che lei è molto brava e mi può…

DOTTORESSA: Non voglio sviolinate, sono sempre 150 euro ogni 30 minuti.

ROBERTO: Mi …può aiutare…bene

DOTTORESSA: Pagamento anticipato…

ROBERTO: Adesso?

DOTTORESSA: è anticipato

Prende i soldi

ROBERTO: Ecco a lei, bene adesso mi devo stendere?

DOTTORESSA: è venuto a prendere il sole?

ROBERTO: Di solito ho sentito dire che uno si deve stendere sul lettino….per ….sa com’è per me è la prima volta

DOTTORESSA: C’è sempre una prima volta

ROBERTO: Bene, io sono Roberto e sono nato a Napoli in una casa piccola a piano terra

DOTTORESSA: E chi se ne frega

ROBERTO: Come mi scusi?

DOTTORESSA: Mica le ho chiesto di parlare della sua infanzia?

ROBERTO: Di solito si inizia

DOTTORESSA: Di solito un corno, qui la dottoressa sono io e faccio io le domande

ROBERTO: Certo

DOTTORESSA: Andiamo al “dunque”, tutte queste cazzate a me non servono

ROBERTO:Sì dottoressa

DOTTORESSA: Cosa la tormenta?

ROBERTO: Niente…io

DOTTORESSA: Se non ha “niente” perché è venuto qui?

ROBERTO: No, dicevo Niente come intercalare

DOTTORESSA: Lei è una persona molto indecisa…cosa la tormenta… perché questa indecisione

ROBERTO: Infatti proprio di quello le volevo parlare, io nelle cose vedo il bianco ed il nero, ma non riesco mai a scegliere nè l’una  nè l’altra….

DOTTORESSA: Quello come lo vede mostra un oggetto

ROBERTO: Bianco

DOTTORESSA: Quest’altro?

ROBERTO: Nero

DOTTORESSA: Disturbi dell’umore!

ROBERTO: Certo

DOTTORESSA: Il suo umore rimane bloccato indipendentemente da quello che succede nella realtà, anzi la realtà viene condizionata dal suo umore. Se l’umore è nero, tutto viene percepito nero, se l’umore è euforico tutto viene letto con positività. Come và a lavoro?

ROBERTO: Bene

DOTTORESSA: Che lavoro fa?

ROBERTO: Sono militare della marina

DOTTORESSA: Ahia….è scommetto che non sa nuotare

ROBERTO: Sì…ma

DOTTORESSA: Non si giustifichi, non si giustifichi, in famiglia come vanno le cose?

ROBERTO: Beh,c’è un pò di confusione a casa

DOTTORESSA: Magari sua suocera è venuta a vivere a casa vostra e lei non ha fatto resistenza?

ROBERTO: E’ lei come lo sa, ve l’ha detto la vostra parente?

DOTTORESSA: Ancora sta parente, risponda alle domande

ROBERTO: sì sta mia suocera

DOTTORESSA: Quanti figli ha?

ROBERTO: quattro, due maschi e due femmine

DOTTORESSA: Hanno preso il sopravvento in casa?

ROBERTO: No, io riesco a gestire bene la famiglia ed a impartire delle regole severe…

DOTTORESSA: Lei dà le regole ma loro se ne fregano

ROBERTO: esatto

DOTTORESSA: Rapporti con sua moglie?

ROBERTO: Bene, lei almeno lei mi rispetta

DOTTORESSA: Io dicevo Rapporti sessuali…

ROBERTO: No, bene, molto bene, noi tre volte a settimana

DOTTORESSA: e sua moglie?

ROBERTO: Lei lo fa solo con me

DOTTORESSA: sì?

ROBERTO: Effettivamente, ultimamente, fondamentalmente sto avendo qualche problemino su lato sessuale

DOTTORESSA: Ecco per questo è venuto qui da me, perché non gli tira più..

ROBERTO: No…vabbè sì, ma…mia moglie non me lo fa pesare, anzi non ne fa un dramma, lei mi lovva…

DOTTORESSA: Cosa??

ROBERTO: No ..mi lovva…cioè è il linguaggio dei giovani…lovva significa amare

DOTTORESSA: Ne è sicuro?

ROBERTO: proprio sicuro no, me l’ha detto mia figlia

DOTTORESSA: Sua figlia le ha detto che sua moglie la ama?

ROBERTO: no mia figlia mi ama

DOTTORESSA: sua figlia la ama?

ROBERTO: No mi lavva a me e a mia moglie

DOTTORESSA: Sua figlia lava a lei e a sua moglie??

ROBERTO: No mì lavva….come ho detto prima mi lovva….

DOTTORESSA: Il suo corpo risente pesantemente di una situazione depressiva e presenta sintomi quali disturbi del sonno, ipomobilità, e disturbi sessuali, assenza del desiderio sessuale, impotenza….lei non sente il suo corpo!...ed io dico se lei non sente più il suo corpo, dico se non lo sente più ma perché non se ne libera??

ROBERTO: come faccio a liberarmi del mio corpo?

DOTTORESSA: Liberi la sua anima!!cosa se ne fa di questa vecchia carcassa che non le dà più emozioni??liberi, liberi la sua anima e si prepari alla felicità eterna

ROBERTO: Lei mi sta dicendo che per guarire … devo morire?

DOTTORESSA: è l’unica soluzione….bene abbiamo concluso qui la nostra seduta.

ROBERTO: Non ha più niente da dirmi?

DOTTORESSA: Tante condoglianze e vada

Buio in scena si sente una voce ,quella di Giulia e compare Pierino

GIULIA: No a mamma non farlo

PIERINO: Perché ci voglio giocare

Entra Ernesto

ERNESTO: Nun trove chhiù a dentiera…chi sa pigliate a dentiera mia

GIULIA: Pierino a mamma dalla a me subito!!

PIERINO: Uffà ma ci voglio giocare un altro po’….

GIULIA: Dammela subitoooooooo

Entra Arturo

ARTURO: Ho sapeve ca pierino steve facenne casine, ca fatte a gnò

GIULIA: pierino non scappare …pierino

ERNESTO: Addò stà, chi se la pigliate

ARTURO: A gnò mo beco io….pierino vieni subito qua e dammi quello che tieni in mano

PIERINO: Tiè e va via in stanza

ERNESTO: Ailloche a dentiera mia

ARTURO: con la dentiea in mano madonne i che schifo…ched’è sta cosa

ERNESTO: A dentiera, ma vuò mettere tu??

ARTURO: Pigliateve sta cose non fa in tempo a prenderla

ASSUNTA: Dove stà….dove stà……l’ammazzo …dove stààà

GIULIA: Mammà cosa è successo??…

ASSUNTA: al marito Tu ….vieni qua….vieni quàà….ti do un cazzotto che ti rompo la dentiera

ARTURO: Nun ce bisogno …a tenghe manne io a dentiere

ASSUNTA: Stai zitto tu….viene qua…..non scappare brutto fifone…vieni quà

ARTURO: Pigliateve a dentiere

ASSUNTA: No, voglio una liquirizia che mi devo calmare…mi sta salendo la pressione

ARTURO: Chelle se piglie quanne a pressione è vascie a nò

ASSUNTA: Stai zitto tu

GIULIA: Mamma, ma cosa è successo??

ASSUNTA: Vuoi sapere tuo padre cosa ha fatto, lo vuoi sapere?? S’è giocato tutta la sua pensione nella sala bingo che si trova giù all’angolo. Ma dico io, dico io…tu non ci vedi e non ci senti ma che ci vai a fare al bingo….butti i soldi

ARTURO: Vabbuo a nò….nun ve preoccupate…in fin de conti sa iucate sule nu mese e penzione….

ASSUNTA: Stai zitto tu…tu sei napoletano come lui….i napoletani ,la disgrazia della mia vita….un napoletano io, un napoletano mia figlia e adesso un napoletano pure mia nipote…terroniiii io vi facco fuoriiiiiiiii ,ed inizio da te ….se t’acchiappo…vieni qua ti ho detto

Entra Rosa

ROSA: Che bello spargimento di sangue in giro…..nonna se vuoi ti presto il mio coltello, tanto non mi serve più

ASSUNTA: Non ho bisogno del coltello, io me lo mangio a morsiiii

ROSA: Mamma da oggi per me inizia una nuova vita, basta tagliarmi …..non ci faremo più del male

ASSUNTA: A finalmente una notizia buona….però adesso finiscila con quella cavolata del vegetariano…..falle du rigatoni alla paiata e na bella coda alla vaccinara…a questa piccoletta

GIULIA: E come mai tu e le tue amiche avete preso questa decisione così drastica?? non siete più emo??

ROSA: No, le mie amiche continuano a tagliarsi

GIULIA: Tu hai detto “non ci faremo più del male”

ROSA: Io ed il mio piccoletto non ci faremo più del male….adesso devo pensare solo a lui

ASSUNTA: Quale piccoletto??

ARTURO: onn’ernè pigliteve a dentiere ca mo ccà volene piatte e bicchiere…

ERNESTO: M’aggia lavà e piere??

ARTURO: Tè pigliete sta cose

ROSA: Il mio nonna

GIULIA: No….Rosa non ti seguo

ASSUNTA: tu adesso la vuoi seguire adesso….tu la dovevi seguire tanto tempo fà

GIULIA: Rosa non ti capisco…

ARTURO: Onn’ernè mo succedene overe o quarantotto

ERNESTO: aggia iucà o banco lotto….e addò è piglie e solde, m’aggie iucate pure a penzione e mugliereme

ARTURO: Io vi lascio soli…mi sta chiamando Nunzia…ed esce

ROSA: Mamma sono incinta!!

GIULIA: …sei incinta….sei….Arturoooooooooooo…dammi una liquiriziaaaaaaaaaa

Rientra Arturo, pallido tremante

ARTURO: A gnò…a gnòòò…..me sente male…..e liquirizie mo servene a me…

GIULIA: No Artù servono a me

ERNESTO: Ne ma se po’ sapè chi servene sti liquirizie

Entra Nunzia

NUNZIA: Arturo….noi….noi…..noi ci amiamo veramente!

Entra Vincenzo  

VINCENZO: Papà perdonami ma io veramente la voglio bene a Nunziatina

ARTURO: A gnò…..figlieme, figlieme ma fatte e corne

ASSUNTA: Bella…bella quella nipote mia bella…..questo sì che è un bel giovanotto…cosa dovevi fare con quel vecchio….e poi questo è nato a Roma, sei nato a Roma, giusto??

VINCENZO: Si sono nato a Roma

ASSUNTA: Romano de core ….brava,brava!!

ARTURO: Tutte me puteve aspettà da vita, ma no ca figlieme me faceve curnute

ASSUNTA: Vabbè non te la prendere così, non è così grave, sono corna che restano in famiglia

NUNZIA: Ma tu cosa pretendevi da me, cosa!! Io non sono innamorata di te, tu per me sei stato solo un capriccio, ma nemmeno …ecco tu per me sei stato una curiosità….volevo vedere cosa si provava a stare con un uomo della tua età, ma adesso…..

ASSUNTA: Ma adesso la curiosità è passata, e te ne vaiiiii

ARTURO: Ma che song na pazzielle, a gnò e tu nun dice niente

GIULIA: Che te devo dì ….te magnete  stà liquirizia

VINCENZO: Papà io me la sposo

ARTURO: Che te vuò spusà…ma te riende conte ca cheste e na famiglia e spustate

ASSUNTA: Adesso siamo na famiglia di matti, ma fino a 10 minuti fa ti piaceva questa famiglia….

Entra Roberto ,si siede al solito posto,la sedia vicino al tavolo della cucina dove ci saranno ancora quei due bicchieri rovesciati,mentre gli altri continuano nel dimenarsi in questa discussione senza considerare la sua presenza

ROSA: se è maschio lo chiamerò Otemio, nonno ti piace Otemio?

ERNESTO: Ched’è o formaggino….me piace ma no rinde a pasto o nonne, tutte chella guenta dinte a paste nun me piace, io vache chiù dinte o classiche e capite….si proprio amma magna liggiere famme nu poco e nzalate e rinforze.

ARTURO: So state fatte curnute a figlieme…..ma comme se fa

ASSUNTA: Ti’è piaciuta la bicicletta e adesso pedala….finalmente!! un napoletano in meno in famiglia

GIULIA: come faccio adesso, come ce lo dico a roberto….a quello gli viene una cosa

NUNZIA: Adesso ti posso chiamare papà

ARTURO: Ma quale papààààà

VINCENZO: Papà io me la  voglio sposare a nunziatina

NUNZIA: Dai papà

GIULIA: Mo che viene tuo padre sentirai

ROSA: Cosa potrà mai dire Papà

ASSUNTA: Che padre che è stato….non ha saputo educare i propri figli e questi sono i risultati

ERNESTO: Io song state nu pate mbuone

Tutti gli attori iniziano a sparire dalla scena …tutti dicendo Papà

ERNESTO: Accussì vuò essere chiammate  Papà

GIULIA: Papà

ARTURO: Papà

VINCENZO: Papà

NUNZIA: Papà

ROSA: Papà

Rimane da solo in scena,buio. Compare prima una ragazzina di 10 anni

NUNZIA –P-: Papà…Papà, ma che fa dorme sul tavolo Papà….Mamma, mammina

Entra Giulia con un neonat, ed una bimba piccola ed un altro bimbo piccolo

GIULIA: Che c’è a mamma?

NUNZIA-P-: papà dorme sul tavolo

ROSA-P-: Mica è morto Papà??

TOMMASO-P-: Non ti preoccupare, Papà morirà quando si facerà vecchio

GIULIA: Sta dormendo …..fà sempre così quando deve prendere decisioni importanti, dorme sul tavolo…..non facciamo casino lasciamolo riposare…ed escono

Rimane Roberto da solo, ricompare Giulia, capelli sciolti, mostra qualche anno in meno

GIULIA: Perché hai dormito qui stanotte

ROBERTO: Boh, non lo so

GIULIA: Che risposta è …boh non lo so…., ci stiamo perdendo così, lo sai….stanotte hai dormito qui, domani che fai dormi in albergo??

ROBERTO: Forse …non lo so

GIULIA: Io non so come fare con te…..vogliamo finirla qui, vogliamo lasciarci, ma porca puttana prendiamola questa decisione, prendiamola insieme…..Io la mia decisione, quella di tenermi il bambino l’ho presa…..tu che vuoi fare?? fammi sapere cazzo ….parla…dimmi qualcosa…

ROBERTO: Non lo so…..

GIULIA: Ancora

ROBERTO: Non lo so perché è capitato così in fretta, non mi capacito nell’idea d’essere padre, ho trent’anni lo so, ma l’età non significa nulla, non c’è un età per sentirsi maturi per sentirsi in grado di crescere un figlio….come crescerà, siamo capaci di tirare avanti una famiglia…..fino ad adesso è stato tutto così bello con te…piena libertà, sesso a valanga, tutte le sere in disco o in giro a fare i coglioni, bere vino e birra in quantità industriali, farsi le canne senza ritegno…e adesso come cambierà la nostra vita…..tutto questo non ci sarà più. ci troviamo catapultati in una cosa molto più grande di noi…crescere un figlio, creare una famiglia….e comme se fa!!Metti il caso che nostro figlio sarà un pazzo squinternato che si veste come quei power renger dei poveri e canta le canzoni di Marco marfè…magari sarà una bambina che all’età di 16 anni scoprirai che è un emo, bisessuale, incinta…oppure si fidanzerà con un sessantenne depravato che ti chiamerà papà…..io non lo so se posso farcela…è tutto così serio, così importante….io voglio ritornare ad essere bambino….invece ora mi stai chiedendo di diventare uomo….io non lo so…..non lo so…..

Adesso si vedranno Bianco e Nero.

GIULIA: Bene …allorra è tutto chiaro, ritorna ad essere un bambino, ritorna nel tuo mondo…..io adesso prendo le mie cose e me ne vado perché io sono una donna, e adesso sono una mamma.

Entra nella stanza prende le sue cose

BIANCO: No ti prego non lasciarla così

NERO: Non farla andar via

BIANCO: La stai perdendo per sempre

NERO: E stai perdendo per sempre la gioia e la felicità che può darti un figlio

BIANCO: Cambierà la tua vita ma solo in positivo

NERO: Non buttare la tua vita nel cesso

BIANCO: Fermala

GIULIA: Bene io vado…ciao bambino!

ROBERTO: Giulia ti prego…..non andartene….Giulia vuoi sposarmi??....Si è vero,diventerò un padre, magari avremo una famiglia numerosa 4 figli con suocera a carico, ma io voglio te, voglio vivere con te. Tu mi hai reso l’uomo più importante, più ricco al mondo, grazie al tuo amore e grazie a questo dono che ci ha fatto il signore….questo bimbo che sarà tutto per me…e e…

GIULIA: Shh, basta!! non sei stato mai bravo nelle dichiarazioni d’amore, ma basta guardarti negli occhi per vedere quanto sei meravigliosamente sincero e vero…..ti amo!i due si abbracciano

e mentre lei sta per baciare lui

ROBERTO: Amò,  mo’ ma fai na tazze è cafè!!!!

Sipario

                                                                                  

                                                                                      a Carlo

                                                                                              Roma, 28/01/2012

    Questo copione è stato visto
  • 0 volte nelle ultime 48 ore
  • 0 volte nell' ultima settimana
  • 0 volte nell' ultimo mese
  • 16 volte nell' arco di un'anno