‘mpriesteme a’ mugliereta

Stampa questo copione

ATTO PRIMO

'mpriesteme a' mugliereta

di Gaetano Di Maio e Nino Masiello

ATTO  PRIMO

Stanza di soggiorno nella casa di villeggiatura in montagna di Camillo Coppolecchia.

Sul fondale, al centro c’è un’ampia finestra che affaccia sui campi e sulla destra la comune oltre la quale si intravede, o almeno si suppone, una saletta di ingresso.

Alla quinta di destra una porta. Alla quinta di sinistra un’apertura ad arco che immette in un corridoio attraverso il quale si suppone vada alla cucina e ad altre stanze. Sulla sinistra c’è un divano con poltroncine e tavolino. Sul tavolino una grossa scatola portasigarette. Attaccato alla parete di fondo, tra la finestra e la comune, un mobile bar. Sulla destra c’è un tavolo ricoperto da un tappeto e sedie.

Al levarsi della tela sono in scena Esterina e Caterina. La prima è seduta sul divano e si sta limando le unghie. La seconda è seduta presso il tavolo con le braccia conserte, in atteggiamento imbronciato.

 

ESTERINA        Ah, madonna mia, dammi tu la forza e la pazienza!

CATERINA       E’ inutile, è inutile, Esterì, non mi convinci. Chillo vuleva a me.

ESTERINA        Ah, ma tiene ‘a capa tosta, sa!

CATERINA       No, ‘a capa tosta ‘a tiene tu.

ESTERINA        No, ‘a tiene tu, e te lo dimostra il fatto che io tengo tanto nu’ diploma ‘e maestra e tu, invece, sei una cretinetta qualunque.

CATERINA       Che c’entra? Io se lasciai gli studi fu perché mi venne la polmonite. E po’ io tengo ‘a capa tosta e tu tiene ‘a faccia tosta.

ESTERINA        Guè, schiatta: chillo vò a mè, a mè, a mè! E con questo và a farti friggere.

CATERINA       E non tengo la tiella.

ESTERINA         E te la fai prestare.

CATERINA       E prestami la tua.

ESTERINA        (levandosi in piedi di scatto) Ah, mò mi dimentico che siamo sorelle e te ne conto quattro come dico io.

CATERINA       (levandosi a sua volta in piedi e gridando) E pecchè, io nun te saccio rispondere?

LUCIA  E  DETTE

LUCIA               (di dentro) Bamboline!

ESTERINA        Ecco, he fatto sentì a mammà.

CATERINA       Si stata tu.

LUCIA               (venendo in scena dalla sinistra) Bamboline, ce simmo fatto ‘a croce a mammà? Non lo sapete ca sta durmenno ‘o bambolone ‘a chell’ata parte? (indica il corridoio a sinistra)

ESTERINA        E ditelo a questa signorina che smettesse di fare la pettegola.

CATERINA       Che nervi! Mammà, ma ditelo voi stessa: chillu giuvinotto bruno, simpatico, ca tene o cane lupo, nun me faceva primma a corte a me?

LUCIA               Bruno? Ma chillo è zelluso.

CATERINA       E tiene pochi capelli ma quei pochi sono bruni. E po’, zelluso o no chillo vuleva a me.

ESTERINA        Uh, mo te tozzo cu ‘a capa ‘nfaccia ‘o muro.

CATERINA       No, no, mò te tozz’io cu ‘a capa ‘nfaccia ‘o muro.

LUCIA               Nun vè pigliate collera: mo ve tozzo io capa e capa a tutt’e doie.

CATERINA       Mamma………

LUCIA               Ma insomma, nunn’a vulite fernì? Oltretutto lo sapete che vostro padre a chillo cu ‘o cane lupo nunn’o vo’ proprio sentì. Nun l’a maie vuluto cunoscere. Comme ve l’aggia fa capì? Se mette paura d’o cane e nunn’o vò dicere.

CATERINA       Mamma, ma nun site vuie ca ve mettite paura d’o cane?

LUCIA               Nossignore, è isso, ma faccio a vedè ca so’ io pe’ nun ‘o fa fa na’ brutta figura. (abbassando la voce) Chillo mò già stà nervoso pe’ causa ‘e chisti duie ca so’ venute e nun se ne vanno chiu’. (ciò dicendo indica la porta a destra) Solo ca vulite fa amicizia cu ‘o cane addà sentì.

                                                CAMILLO  E  DETTE

CAMILLO         (viene dal corridoio in vestaglia armato di una scopa) Iammo, io sto ‘ccà, che s’hadda fa?

CATERINA       Eh, papà, vulite scupà vuie? Dateme ‘ccà.

CAMILLO         Voglio scupà ‘nterra? Ma comme, io esco cu chist’aspetto minaccioso, voglio scupà ‘nterra? Io l’aggio pigliata pe’ ve’ vattere, cretina!

LUCIA               Ma ch’e stato?

CAMILLO         E’ stato ca si nun saie ‘mparà l’educazione a ‘e figlie toie, mo’ ce’ penso io.

LUCIA               E faie buono.

CAMILLO         Io ‘e spezzo ‘e cosce a tutt’e doie.

LUCIA               E io te dongo na’ mano.

CAMILLO         Io ‘e taglio ‘e lengue!

LUCIA               E, ma quando?

CAMILLO         (alle ragazze) Iammo, chi è stata ca poco fa s’e misa a strillà “bamboline?”.

LUCIA               Ah……..Bamboline?

CAMILLO         Sissignore “Bamboline”. Si stata tu?

CATERINA       No.

CAMILLO         Tu?

ESTERINA        No.

CAMILLO         E chi è stata allora?

LUCIA               Camì, è stata una distrazione, so’ stata io.

CAMILLO         (buttando via la scopa) Depongo le armi e te ringrazio tanto tanto.

LUCIA               Ma pecchè? Sempe pecchè loro facevano ammuina e io nun te volevo fa sveglià.

CAMILLO         E daie chillu piezzo ‘e strillo? E me facive scetà a loro, io mo’ almeno e vattevo e sfugavo.

LUCIA               Ma io comme avevo ‘a fa’ pe’ fa stà zitte?

CAMILLO         E che t’aggia dicere? Allora io se tengo na’ mosca ‘nfronte m’aggia stà attiento?

LUCIA               Che ce azzecca?

CAMILLO         E tu pe’ me’ levà ‘a mosca me mine na’ preta ‘nfronte e me ciacche.

LUCIA               Mo aggio ‘o riesto appriesso!

CAMILLO         Embè, io mo’ vulesso dint’e ‘mmane ‘o dottore ca me dicette “Andate in montagna a ve curà ‘e nierve”.

LUCIA               (a fior di labbra, come parlando fra se) Fiuggi, Fiuggi!

CAMILLO         Ah?

LUCIA               Niente, so cierti cicere.

CAMILLO         (alle ragazze) Vuie po’ pecchè faciveve st’ammuina proprio ‘ccà fore? Pecchè? Ecco, mò, nisciuna me’ risponne.

ESTERINA        E dove ci dobbiamo mettere? A ‘llà dormono gli ospiti, a ‘ccà durmite vuie, ce ne iammo ‘mmiezo ‘a strada?

CAMILLO         (a Lucia) Chesta ‘a pigliato ‘e te, a vì! E’ rispustera e indisponente.

LUCIA               (come sopra) Fiuggi, Fiuggi!

CAMILLO         Ma che dice? Fuggi, fuggi, addò me n’aggia fuì?

LUCIA               (sbottando) Dico ca ‘o medico nun ce aveva mannà in montagna a te curà ‘e nierve a te, ce aveva mannà a Fiuggi a me fa a cura ‘e l’acqua a me, pecchè tengo ‘o fegato tanto!(raccogliendo la scopa e rivolgendosi a Caterina) A te, iammo va a fa ‘e liette ‘a parte ‘e dinte. (a Esterina) Tu a cucina e io me faccio sta stanza ‘ccà.

CATERINA       (masticando amaro) E va bene. (canticchia con intenzione guardando di sottecchi Esterina) “Via i pompieri di Viggiù….”

ESTERINA        Papà, lo vedete come è lei?

CAMILLO         E che stà facenno? Sta cantanno.

ESTERINA        Ma canta”I pompieri di Viggiù”.

CAMILLO         E che fa?

LUCIA               Ave ragione, iammo (a Caterina) Va, vattenne a parte ‘e rinto, cammina.

CATERINA       (esce a sinistra)

CAMILLO         Ma pecchè, che ha fatto?

LUCIA               Camì, ha cantato “I pompieri di Viggiù”.

CAMILLO         E c’aveva cantà “I pescatori di perle”?

LUCIA               Camì. Tu cierti cose ‘e femmene nunn’e capisce.

CAMILLO         Ma è una canzone messa all’indice? Faciteme capì pure a me. Che male ce stà ca una canta “I pompieri di Viggiù”.

ESTERINA        (di scatto, quasi piangendo) Papà vo dicere ca tengo ‘o ‘ffuoco, chesto significa (via a sinistra).

CAMILLO         No, e io me ne scengo pazzo a ‘ccà ‘ncoppa! Io lo dicevo : chillo ‘o duttore teneva ‘a faccia ‘e nu’ sadico. Si era dottore overamente diceva “Camillo coppolecchia, iatevenne solo sulo ‘mmiezo ‘o deserto africano”.

 

LUCIA               (canticchiando mentre spazza)

                          “Pasqualino ‘o Maraja, a cavallo a stu cammello…..”

CAMILLO         Tu mo’ che vuo’dicere? Pasqualino o’maraja songh’io?faciteme capi’stu linguaggio femminile.

LUCIA               Uh Cami’,tu comme te si svegliato stammatina! Io sto cantanno accussi’!

CAMILLO         No,e io mo m’aggia’sta attiento quando cantate.Cca’facite ‘e canzone cu’ ’o revettiello.

LUCIA               A pillola calmante te l’e’ pigliata?

CAMILLO         Si. Po’so’venuto cca’fora e m’haggio pigliata a’ pillola intossicante.

                          A proposito e Maraja’,e sovrane e Persia se so’svegliate?

LUCIA               Svegliate,lavate,stirate e profumate.

CAMILLO         E io nunn’e’vveco p’a’ casa .

LUCIA               Se stanno vestenno,credo ca vonno asci’.

CAMILLO         Ma,insomma,e se ne ji’ nun se ne parla proprio?

LUCIA               Ma io spero che al massimo domani…..

Camillo              Luci’,tu dice sempre accussì.Pe mmo’ so’quindici giorni ca’ se so’piazzate cca’e nun se moveno.

Lucia                  Tu e screviste “Desideriamo di vedervi”.

CAMILLO         Ma so’cose ca’se scriveno accussì,quando uno sta fore.Uno che fa’? Piglia na’ lettera alla lettera?

LUCIA               Camì,ma n’’e putevamo maje caccia’?

CAMILLO         No,ma,almeno,nunn’e’ffa’tanta gentilezze,tanta cerimonie.O cchiu’bello e’che, essendo ospiti, hann’’a ave’tutt’e’ preferenze.A meglia stanza a lloro, o’ meglio lietto a lloro. Io nun capisco,io po’lasciavo a casa mia,spennevo e sorde e venevo in villeggiatura pe me sacrifica’?

LUCIA               Io po’vedette ca’nun s’erano purtato niente appriesso e me rassicuraje.Dicette: menu male,chiste so’venute pe’ nu’juorno,duje.

CAMILLO         E se capisce ca nun s’hanno purtato niente. Quello tiene il prestito facile. E ‘mpriesteme o’rasoio elettrico, e ‘mpriestame a’machina forografica, e ‘mpriestame chesto, e ‘mpriestame chell’ato, e ‘mpriestame o sango e chill’e’ vive!

LUCIA               Ce hanno pigliato cull’inganno, Parevano e passaggio

CAMILLO         Senza parla’ po’ e nu’milione e lire ca’ o’ prestaje n’anno fa’e nunn’e’ parla proprio cchiu’. Niente,comme si o’fatto nun fosse o’suoio.

LUCIA               che vuo’fa? So’ bravi persone ma teneno nu’poco a’ sacca vacante.

CAMILLO         (aprendo il mobile Bar per prendersi qualcosa da bere) A sacca? Lucì, chille teneno a’capa vacante. E io….(nel mentre avra’trovato diverse bottiglie tutte vuote)….E io tengo e’ butteglie vacante.

LUCIA               Se l’hanno bevute tutte quante?

CAMILLO         Se l’hanno sculate

LUCIA               Te vulisse piglia’ n’ata pillola calmante? Chillo o’dottore ha ditto: Quando lo vedete eccitato gli date na’ pillola.

CAMILLO         E ‘nce vulessero quarantotto pillole o’giorno (cercando qualcosa nelle tasche) Aggio lasciato pure e’sigarette dinto (fa per uscire a sinistra)

LUCIA               (prendendo la scatola portasigarette) E pigliatenne una a cca’, No?

CAMILLO         Ah, gia’,damme.

LUCIA               (apre la scatola e la richiude subito) Addo’ stanno, jammo, t’e’ vvaco a piglia’.

CAMILLO         Se l’hanno fumate tutte quante?

LUCIA               (avviandosi per uscire a sinistra) E si no’ cumme facessero a mena’ cennere e mezzune ‘nterra pe’ tutte parte? (esce a sinistra per risortire fra poco)

CAMILLO         (prova a fare alcune mosse di ginnastica) Uno, due, tre…..           (portando una mano sulla schiena come per lenire un dolore) AH! E chisto o’ duttore e’scemo cu’sta’ginnastica!

LUCIA               (rientrando con cerini e sigarette) Te’. (prende una ceneriera e la da a Camillo) Agge pacienza, fuma cu’ ‘a ceneriera mmano si nun te vuo’ assetta’.Io cu’sta cennera d’e’ sigarette sto’sempe cu a’scopa mmano.So’addeventata na’netturbina.

CAMILLO         Lucì,Nuje pero’ ce lo avessemo accummincia’ a fa’capì.

LUCIA               E comme?

CAMILLO         Menammo quacche botta. Io, mo’, per esempio, me’vulevo piglia’na’tazza e cafe’cu’ nu poco e cognac a’ dinto e invece nunn’e’ccosa.

LUCIA               Lascala a fora sta butteglia e cognac vacante, accussì capisceno ca’ l’avimme notato. Vuo’ o’ ccafe’?

CAMILLO         E statte, ce stanno e’guaglione. (va sulla soglia del corridoio e parla verso l’interno) Caterì, Esterì, quaccheduna e vuje, purtateme na’ tazza e’cafe’.

                                            ALBERTO E DETTI

ALBERTO         (venendo dalla camera a destra) Ah, finalmente sento la voce di mio fratello.Ti sei svegliato? Vecchio poltrone, ma quantu tiempo vuo’durmi’?

CAMILLO         Io? Io tengo ll’uocchie ca’ m’abbruciano.

ALBERTO         Lucì, questo si deve svegliare presto al mattino! (cio’dicendo apre la scatola portasigarette) E si no’ che site venuti a fa’ ca’ sopra? (A Camillo) Damme na’ sigaretta.

CAMILLO         (esegue)

ALBERTO         O’ vvi’, tu fume pure! I tuoi polmoni hanno bisogno di ossigeno.Vai, esci, cammina. Ma che vuoi fare il lardo sulla pancia?(Accende la sigaretta e fa per buttare a terra il cerino)

LUCIA               (prende subito una ceneriera e gliela mette sotto la mano) Cca’,cca’,Albe’. Scusa, ma io mo’ aggio scupato

ALBERTO         Si,si, per carita’ scusa tu. Io m’ero distratto pe’parla’ cu’chisto.(A Camillo indicandogli la finestra aperta) Guarda, guarda fuori che bellezza! Tutto questo verde, tutta questa clorofilla. Ma nun te piace a clorofilla?

CAMILLO         Comme, nun me piace?

ALBERTO         Ah, senti,senti,senti l’aria, respira. E’ spiritamenta, e’ balsamo:

CAMILLO         Si,si, veramente e’ bella

ALBERTO         E respira, respira a pieni polmoni: (respirando profondamente per dargli l’esempio) Forza, Ah! Ah!

CAMILLO         (infastidito) Ah!

ALBERTO         Ma ch’e’ e’ te sto’ seccanno?

CAMILLO         No, ho respirato.

ALBERTO         (facendo per scuotere a terra la cenere della sigaretta, mentre Lucia segue le evoluzioni della mano di lui per metterci sotto la ceneriera) Bravo, di questo tu hai bisogno. Tu, stai a terra.

LUCIA               No.

ALBERTO         A terra.

LUCIA               No.

ALBERTO         A terra.

LUCIA               Ma perche’ a terra, Albe’? Minala cca’ dinto.

ALBERTO         Ah, si, si, scusa, io me scordo. Pensavo a chisto ca’ sta’ troppo malandato. Cami’, tu fai la faccia sempre piu’ gialla  ( a Lucia) ma che aspettiamo che diventa cinese?

CAMILLO         Albe’, io credo che ho bisogno soprattutto di calma, di riposo…..(marcando la parola) di solitudine.

LUCIA               (mostrando a Camillo la bottiglia di cognac vuota) e soprattutto nun t’he a’ bere troppo liquore, e’ capi’? Te fa male. E che diavolo, questa l’altro ieri l’ho comprata.

ALBERTO         No,no, Lucì, si e’ pe’ chesto non ti preoccupare proprio, ci penso io.

LUCIA               Eh, e che si’ pazzo? E io posso permettere ca’ tu accatte o’ liquore dint’a’ casa mia?

ALBERTO         Ma c’aggia’ accatta’? e mi fai così cafone?

CAMILLO         Ma c’adda’ accatta’?

LUCIA               No, appunto questo dicevo.Nun te permettere proprio.

ALBERTO         Io dico: ci penso io, me lo bevo io. Ma te pare a te ca’ stevo io cca’ e chisto veveva o’ liquore? Lucì, io so’ na’ spugna. Nun ce ne lascio manco na’ goccia a’ stu mascalzone. Basta, io esco.

LUCIA               Ma Ida nunn’esce cu’ tte’?

ALBERTO         Ida nunn’esce ccu’ mme’? e deve venire solo la fine del mondo. Purtroppo lo sa che io, modestamente, tengo o’ zucchero. Con le donne faccio simpatia. (andando verso la porta a destra) Mo’ a chiammo, si no’ nun se leva cchiu’ a ‘nanz’o’ specchio. (chiamando) Ida, Idare’…….I…….!

CAMILLO         Ma ch’e’ e’ nu’ cavallo?

ALBERTO         No, no io a chiammo accussì p’a’ a’ sfruculia’,pecche’ s’arraggia. Siamo gente allegra. (chiamando di nuovo) I…….!

                                               IDA E DETTI

IDA                    (viene dalla destra) Eccola, eccola. Ida sta qua, buongiorno a tutti.

LUCIA               Gue’, e comme ce simmo fatte bbelle!

IDA                    Come si dice? Moglie che non si cura, marito che trascura! (ad Alberto) Tiene e’ sigarette?

ALBERTO         Va’ add’o’ tabaccaro.

CAMILLO         Ah, brava. Fateme na’ cortesia, (mostrando la scatola portasigarette) Compratene qualche pacchetto p’e’ cca’ dinto. Sono finite.

ALBERTO         Ma ch’e’ capito? Io jevo fino add’o’ tabaccaro p’e’ na’ sigaretta? Io dico add’u’ te, o’ tabaccaro nuosto si tu.

IDA                    (a Camillo) Vi dispiace?

CAMILLO         No,no, prego. (le da una sigaretta)

ALBERTO         Ne’, a proposito, come avete organizzato la vostra mattinata? Iate a’ quacche  parte? O facite e’ muorte ‘ngopp’a’ casa?

LUCIA               Eh, caro Alberto, io vulesse ascì nu’ poco pur’io. Ma io, aggia fa’ e’ servizie. S’adda cucena’, s’adda rassetta’. Qua stiamo senza cameriera, e e’ ffiglie mie, poco ne vonno sape’ e io aggia fa’ a’ schiava

ALBERTO         So’ scuse, so’ scuse, so’ tutte scuse. Lucì, tuo marito ti ha dato il morso di Dracula. Ti ha contaminata e si addeventata pesante pure tu come lui. Tu t’aviva spusa’ a’ me, sa’ che ce fidavamo e fa’?

IDA                    Ma pecche’, io non faccio tutto quello che fai tu? (e fa per buttare la cenere a terra)

LUCIA               (mettendole subito la ceneriera sotto la mano)

                          E comme no? Tutto chello che fa isso.

ALBERTO         I……

CAMILLO         (Stu fatto mi indispone)

ALBERTO         Io e Lucia ce cunuscimmo a piccerille, siamo come un fratello e una

                          sorella. Percio’ mi piglio la confidenza di scherzare. E pure Camillo e’ un fratello pe’ mme’. A proposito, Camì, io t’aggia cerca’ nu’ prestito.

CAMILLO         Eh?

ALBERTO         Guarda, guarda che faccia ‘a fatto questo spilorcio. Nun te mettere paura, nun so solde. M’he ‘a prestà ‘a macchina toia. No a me, è un favore che fai a mia moglie.

IDA                    Dice che al paese vicino ci stà una pineta che è un sogno.

ALBERTO         Si, si, tutto verde, uccelli che cinguettano, grilli, farfalle, ‘na meraviglia.

IDA                    ‘A vulesse vedè (a Lucia) E, allora, ho pensato che se a voi non dispiace…..

LUCIA               No, e pecchà m’avessa dispiacè?

CAMILLO         Ma nuie veramente vulevemo jì……….

ALBERTO         Addò vulive jì? Addò vulive jì tu? Nunn’accummincià. Tua moglie ha detto di si e basta. Ah, ma per forza vuoi fare il lardo sulla pancia? Vai, cammina a piedi.

CAMILLO         E poi non faccio il lardo sulla pancia ma faccio i calli ai piedini.

ALBERTO         Uh, i piedini, sentitelo stu delinquente. Vai, esci, goditi il verde (chiamando) I……..

IDA                    Uffà!

ALBERTO         (Ammiccando a Camillo e a Lucia) ‘A vì, ‘a vì quanto è bellella!

                          (A Ida) Ma che vuoi da me? Tu hai il nome bisillabo. Non si può fare tronco, non c’è l’appoggio per la voce. Beato Camillo che po’ chiammà “Lucì, Caterì, Ester’….”

                                      ESTERINA CATERINA E DETTI

ESTERINA        (viene dal corridoio con tazza di caffè. La segue Caterina con un’altra tazza di caffè) Si, si, un momento, ‘o stevo scaldanno.

ALBERTO         (sorseggiando il caffè) ‘O vvì, qua teniamo pure queste gentili vallette ca veneno ogni tanto cu ‘o cafè. Nuie ce ne iammo. (A Camillo) Siente a me, ‘a clorofilla, l’aria. Ah, è spiritamenta, è balsamo. Ah, I………..iammuncenne (esce per la comune insieme a Ida)

CAMILLO         Allora io m’aggia mettere a chiagnere? Ma comme, io na tazza ‘e cafè vulevo!

CATERINA       Papà, io ve l’aggio purtata.

ESTERINA        E pure io ve l’aggio purtata.

CAMILLO         Me l’avite purtata tutt’e ddoie ma nisciuna me l’ha data a me.

LUCIA               E chillo s’e menato c’avevena fa ‘e guaglione?

CAMILLO         Lucì, vuie si me vulite bene avita fa qualche cosa.

LUCIA               Vuò na’ pillola?

CAMILLO         (gridando) No! Ne voglio fa jì a chisti ccà ‘a dint’a casa.

CATERINA       N’e vulite fa jì? Chi sa si facessemo venì nu cane lupo….

CAMILLO         (gridando) Vattenne tu e o cane lupo.

CATERINA       Eh, io mezza parola ho detto.

CAMILLO         Chella sape ca ‘a mamma se mette paura d’e cane e dice ‘o cane lupo!

LUCIA               Nunn’a vulimmo fernì cu stu cane lupo, eh?

CATERINA       (Canticchiando mentre si avvia per uscire a sinistra) “Babbo non vuole, mamma nemmeno, come faremo per fare l’amore?”(esce).

CAMILLO         (Gridandole dietro) Te faie monaca, cretina! He capito? (A Esterina) Ve facite monache (mettendosi a sedere soddisfatto) Ecco!

ESTERINA        (Uscendo a sinistra e canticchiando) Munastero ‘e Santa Chiara…

CAMILLO         (Facendo per inseguirla mentre Lucia lo trattiene) No, ccà sti varietà anna fernì!

LUCIA               ‘A pillola, ‘a pillola, calòmate, pigliate ‘a pillola!

CAMILLO         Ah, sia maledetta e stramaledetta la pillola per tutti i secoli dei secoli, amen! Lucì, lascieme ca l’aggia vattere.

LUCIA               Ma pienze ‘a ‘e nierve tuoie.

CAMILLO         Hadda abbuscà, Lucì, hanna buscà!

LUCIA               (con forza) E aspetta nu’ mumento, caaspita!

CAMILLO         (si ferma).

LUCIA               Hanna abbuscà? E mo vaco io dinto e te faccio vedè! (fa per uscire).

CAMILLO         (Con voce allarmata) Lucia!

LUCIA               Cher’è?

CAMILLO         Nun da retta. Tu tiene ‘a mano pesante. ‘E faie male.

LUCIA               Pecchè tu ‘e faie bene? Tu staie ‘e chesta manera!

CAMILLO         Ma pecchè è l’amico tuo d’infanzia ca me fa sta nervoso. “Ah, I….” me pare nu cucchiero ‘affitto. E’ da che siamo sposati ca ‘o tengo sempe ‘nnanz’e piede. E mo te vengo a truvà. E mo me faccio na fotografia con tua moglie. E mo me ne’ faccio n’ata cu ‘e figlie toie. E sempe attuorno a te, sempe. Lucì, si ‘o vvuò sapè, a me stu fatto nun m’e mai piaciuto.

LUCIA               Neh, Camì, ma tu ‘o vulisse ‘a me? Tiene ‘a faccia? E dincello ca se ne iessero.

CAMILLO         Ma pecch’ ce vò pure ‘a faccia? Ma pecchè avesse pure tuorto.

LUCIA               E allora dincello!

CAMILLO         Lucì, nun me mettere ‘ncopp’a ‘o punto ca me cunusce.

LUCIA               E allora sì n’ommo ‘e niente si mo ca veneno nun ce ‘o ddice chiaro chiaro.

CAMILLO         Lucì, io ce’ ‘o dico chiaro e ce ‘o dico scuro.

LUCIA               E io te sbatto ‘e ‘mmane.

CAMILLO         (Alterandosi al punto da gridare) Io ‘e faccio truvà ‘e valigie for’a porta. Io ‘e ffaccio restà ‘a bocca aperta. Io e faccio restà……

LUCIA               (Guardando verso la comune) Zitto!

CAMILLO         Chi è?

ALBERTO         (Di dentro) Si,si, vai, vai prepara e’valigie.

CAMILLO         (sottovoce) So’ lloro?

LUCIA               So’ turnate addereto

CAMILLO         (preoccupato) Avarranno ‘ntiso?

LUCIA               E che ne saccio?

CAMILLO         Chillo ha ditto pure prepara e’ valigie!

LUCIA               Che figura, che mortificazione!

CAMILLO         E’ tutto pe’ causa toja ca’ m’he fatto annerva’.

LUCIA               (con improvvisa risoluzione, chi da di gomito come per dare il via ad una recita riparatrice)

                          Ma comme ricive? E’ ffaje resta’?

CAMILLO         Si, si, e vvoglio fa’resta’ cu nuje. E allora sarria bello. Uno accussì e’ amico? Ce lasciano sule sule ‘ngopp’a’ sta’ muntagna? Hanna resta’. Si no m’offendo e ll’e’ faccio truva’ e’ valigie for’a’ porta.  (sottovoce)  ma che fanno?

LUCIA               (guardando al di la della comune)

                          Stanno parlanno cu’uno for’a’ porta. Evvi’ lloco!

                          (ad alta voce) E sì, ce vulessero lascia’ in esilio cca’ ‘ngoppo sulo a nuje.

       

                                           ALBERTO  IDA  E  DETTI

ALBERTO         (entra dalla comune zoppicando.Lo segue Ida con una mano sulla fronte)

                          Ah! La gamba!

CAMILLO         Gue’, simpatico’, mo’ e vuje stevemo parlanno.

ALBERTO         (a Ida) Che ti ho detto? Chissa’ chi mi nomina!

LUCIA               Ma pecche’?

ALBERTO         Appena usciti fuori al cortile abbiamo avuto un incidente.

CAMILLO         Cu’ a’ machina mia?

ALBERTO         E allora cu’ a’ machina e chi?

                          (facendogli cenno che vuole appoggiarsi)

                          Aiutame, famme assetta’.

CAMILLO         (esegue)

LUCIA               (a Ida che si sara’ seduta)

                          E tu pure te si fatta male?

IDA                    Oh, Dio, per fortuna e’ stata piu’ la paura. Ma certo nun me so’ fatta bbene.

LUCIA               Gesu’, Gesu’ e pigliateve quacche ccosa! (fa per andare al mobile bar) No, cca’ so’ tutte vacante

                          (Va sulla soglia del corridoio)

                          Esterì, fa’ na’ tazza e’ camumilla.

IDA                    Lucia, non ti preoccupare, alla fine non ci siamo fatti niente.

CAMILLO         Ma a’ machina s’e’ fatta male?

ALBERTO         Ah, la gamba!

LUCIA               Guardate nu’ poco mentre Camillo diceva “ Chisa’ si vonno resta’ natu ppoco cu’ nuje”.

ALBERTO         Eh, no, no. Io mo’ chesto diceva a Ida :prepara subito e’ valigie ch’a’ me ne voglio jì.

LUCIA               (sottovoce a Camillo)

                          Allora hanno ‘ntiso!

ALBERTO         (A Ida)

                          Dobbiamo fare presto. Nun pozzo aspetta’ manco nu’ minuto

IDA                    Aspetta, Albe’.Io pure ho battuto la testa. Tu correvi come un pazzo.

CAMILLO         Ma, allora, a’ machina s’e’ fatta male assaje?

ALBERTO         Si, ma non ti preoccupare. Quello che ha avuto la peggio e’ stato il signore dell’altra macchina.

CAMILLO         Ah, bhe’, avimmo vinto nuje!

ALBERTO         Nun pazzia’, Camì, io l’aggio fatto na’ brutta ammaccatura. Tu sei assicurato?

CAMILLO         No!

ALBERTO         E allora credo che m’e’ ha fa nu’ prestito.

CAMILLO         E pecche’?

ALBERTO         Pecche’? Perche’ almeno centomila lire di danno, io , a quel signore ce le ho fatte. Chillo m’e’ venuto appriesso fino a fora a’ porta.

                          Siente a me, e’ meglio che lo zittiamo. Camì, cca’ o’ proprietario d’a’ machina si tu, la responsabilita’ e’ tua. Tu tiene pure e’ frene ca’ nun so’ bbuone!

CAMILLO         (Vuo’ vede’ ca’ vo’ essere pure indennizzato?9

IDA                    A me, credo che mi sta salendo la febbre!

LUCIA               E mettiti a letto. Ah, gia’, nun l’haggio fatte ancora!

                          (fa per uscire)

ALBERTO         No,no, stai comoda, Lucì. Ce’ n’avimma jì. Ti ringrazio ma ce’ n’avimma jì. Nun pozzo sta nemmeno un’altra mez’ora.

LUCIA               Ma io nun capisco. Ma ch’e’ d’e’ tutta sta fretta improvvisamente?

ALBERTO         Lucì, io a Napoli tengo gli affari miei.

LUCIA               (sottovoce a Camillo)

                          Nun ce sta’ niente a fa’,hanno ‘ntiso.

ALBERTO         E poi, parliamoci chiaro, come si dice? “L’ospite, e’ come il pesce.

                          Dopo quindici giorni puzza”.

CAMILLO         Veramente me pare che il proverbio dice “Dopo tre giorni”.

LUCIA               Si, ma che centra? Voi siete un’altra cosa, voi siete della genepesca.

CAMILLO         (So’ duje purpe)

ALBERTO         No, Lucì, non insistere, pecche’ me n’aggia jì pe’ fforza.

LUCIA               (sottovoce a Camillo)

                          Hanno ‘ntiso, hanno ‘ntiso!

ALBERTO         (a Ida)  Guarda che faccia stanno facenno! A me me dispiace,

                          (a Camillo) Ma che vi devo dire? Se vi prendete tanta collera,se                                   insistete tanto, la soluzione ci sarebbe

LUCIA               Se dipende da noi, e’ cosa fatta. E’ vero, Camì?

CAMILLO         E’vero, e’vero!

ALBERTO         (alzandosi in piedi con le braccia aperte come volesse abbracciare

                          Camillo)  Fratello, fratello mio…… Ah, la gamba!

                          (si rimette a sedere).

CAMILLO         Ma chist’e’ meglio ca’ vanno a Napule. Si ll’e’ succieso quacche cosa dint’a’ sta gamba?!

ALBERTO         No,chella e’ stata na’ botta accussì,na’ cosa e’ niente! La verita’ e’ che se tu me vuo’ fa resta’…..

CAMILLO         C’aggia fa’?

ALBERTO         Camì, m’e’ ha fa’ nu’ prestito.

CAMILLO         E me l’e’ ditto gia’.

ALBERTO         No, quello e’ assodato. Dicevo un altro prestito piu’grandicello.

CAMILLO         (Ma chisto vulesse nu’ stipendio pe’ fa’ l’ospite?)

ALBERTO         Fratello, sorella mia; io con voi mi apro. Io appena sono uscito qua fuori con la macchina, aggio avuto e faccia nu’ creditore mio che avanza na’ cambiale di duecentomila lire da piu’ di un anno. A Napoli, io nun me facevo truva’ maje. Jeva, veneva, manco p’a’ capa. Facevo dicere ca’ nun ce stevo. Figurateve, quinto piano senza ascensore! E chillo e’ chiatto accussì. Me putevo maje immagina’ ca’ mo’ o ‘ncuntravo ‘ngopp’a’ sta muntagna?

CAMILLO         (L’ha fatto piglia’ l’esaurimento nervoso)

ALBERTO         Io pircio’ me ne vulevo jì, ma ora e’ diverso!

CAMILLO         (sottovoce a Lucia)

                          Nunn’hanno ‘ntiso niente!

ALBERTO         Qua il paese e’ piccolo. Quello mi trova. Ma adesso che tu mi presti i soldi e ce li posso buttare in faccia, io e Ida siamo felicissimi di restare.

LUCIA               (battendo le mani  ironicamente)

                          Ah, benissimo. Camì, e’ ‘ntiso? Restano!

CAMILLO         Uh, che felicita’

ALBERTO         Io, pircio’ ho fatto l’incidente. Perche’ appena l’ho visto ho avuto uno sciok! E vulevo scappa’. Ma pensa che piacere mo’ ca’ l’he pozzo da’ e trecientomila lire.

CAMILLO         Ma nunn’erano duecento?

ALBERTO         E gli interessi nunn’e’ vuo’ mettere? Dopo un anno! Chillo e’ un’usuraio, uno strozzino. Ma te cride ca’ so’ tutte cumm’a’ tte?

CAMILLO         Eh, ma guarda, Albe’ io qua’ trecentomila lire nun t’e’ pozzo da’

ALBERTO         Quattrocento

CAMILLO         So’ crisciute l’interesse mentre aggio parlato?

ALBERTO         No, dicevo, per semplice ricordo, ci stanno le altre centomila lire di quello della macchina.

CAMILLO         Eh, ma io sti sorde nun e’ tengo appriesso. Io po’ nun voglio resta’ senza na’ lira ‘ngoppo a’ sta muntagna.

ALBERTO         Ma non ti preoccupare proprio. Me faje n’assegno, quello lo accetta. Tu tiene a’ firma. Tu tiene a’ firma che vale, Lucì, sorella, si facisse nu’ poco e’ liette ambressa ambressa, noi mo’ abbiamo disteso i nervi? E distendiamo un po’ anche il corpo.

LUCIA               Si, si, aspettate, mo’ subito faccio.

                          (fa per uscire)

ALBERTO         Aspe’,aspe’ (alzandosi con sforzo dalla sedia) Famme appuggia’ nu’ poco, me ne vengo dentro.

CAMILLO         E te faccio appuggia’ io!

ALBERTO         No, no, tu nun tiene maniera.

                          (Cingendo con un braccio le spalle di Lucia)

                          L’infermiera mia e’ chesta: Sorella Lucia!

CAMILLO         (L’ha fatta addeventa’ proprio monaca!)

LUCIA               Appoggiati,Albe’; appoggiati bene.

ALBERTO         (palpeggiando scherzosamente la spalla di Lucia)

                          Eh! Vi’ che mugliera che tene! Ah, la gamba! Ah, la gamba!

                          (esce a destra con Lucia ed Ida)

                                  ESTERINA  E  DETTE  POI  CATERINA

ESTERINA        (viene dalla sinistra con grossa tazza )

                          A camumilla p’e’ chi e’?

CAMILLO         Per la moglie di don Alberto. Hanno avuto un’incidente e’ machina. Stanno lla’ dinto.

ESTERINA        (fa per andare verso destra)

CAMILLO         Aspetta. Damme cca’, e’ meglio ca’ ce a’ porto io. Fratello, fratello! Chisto me vulesse fa’ addeventa’ priore e San Martino? (esce)

CATERINA       (venendo dalla sinistra)

                          Ah, stai alla finestra?

ESTERINA        Sto dove mi pare.

CATERINA       Sicche’, stasera o domani viene pure a fa visita a papa’?

ESTERINA        Si, e viene per me.

CATERINA       Ma dimmi la verita, ti ha fatto proprio la dichiarazione?

ESTERINA        So’ fatte mieje!

CATERINA       Ah, me penzavo!

ESTERINA        Ma pecche’, a te l’ha fatta?

CATERINA       So’ fatte mieje!

ESTERINA        E salutami il fiasco

CATERINA       E salutami il secchio

ESTERINA        E il secchio si e’ sfondato

CATERINA       E il fiasco si e’ scassato

ESTERINA        Mo’ accummience n’ata vota?

CATERINA       E tu nunn’a’ vuo’ fernì?

                                         LUIGI  E  DETTE

LUIGI                (appare nel vano della finestra.E’ vestito da cacciatore ed ha il fucile a tracolla)

                          Buongiorno.

ESTERINA        Oh, mi avete fatto paura!

LUIGI                Tanto che sono brutto?

ESTERINA        No, che centra? Voi apparite alla finestra come un ladro

CATERINA       Come un angelo!

LUIGI                Eh, un angelo! Stateve attiente ca’ io so’ nu’ diavolo!

CATERINA       E io so’ battezzata cull’acqua santa!

ESTERINA        Uh, che scioccherella! Tutte quante so’ battezzate cull’acqua santa!

CATERINA       (Nunn’e’ overo, tu sì scomunicata!)

ESTERINA        Sentite un poco signor Luigi…….

LUIGI                Dite,dite. Qualunque cosa vi serve. Io, so’ l’ommo d’o’ paese. Tengo pure o’ fucile e o’ cane lupo.

ESTERINA        Signor Luigi……Ma stu signor Luigi comm’e’ impegnativo, e’ vero? Mo ve’ chiammo Luigi.

LUIGI                Mi fate piacere.

CATERINA       Giggino sentite.

ESTERINA        Ma, stavo parlando io.

CATERINA       No, volevo dire che a me mi potete chiamare Katy

LUIGI                Katy?

ESTERINA        E gia’, e’ diventata russa. Quella si chiama Catarina.

LUIGI                A me, invece, in famiglia mi chiamano Gingillo

CATERINA       Uh, Gingillo? Comm’e’ grazioso.

ESTERINA        Uh, e mi chiamo Esterina, comme me putesse chiamma’?

LUIGI                Est!

CATERINA       Eh, e poi pare la rosa dei venti: Nord, Sud, Est…..

ESTERINA        va bbe’, lasciamo andare. Aspettate, Gingillo, che vi volevo dire?

                           Mamma’ come sta?

LUIGI                (con indifferenza)

                          Bene, bene.

CATERINA       E o’ cane lupo comme sta’?

LUIGI                (soddisfatto)

                          Ah, come sono contento che vi interessate d’o’ cane mio.

ESTERINA        (Mannaggia!)

LUIGI                Sta qua ai miei piedi, lo vedete?

CATERINA       (correndo subito per affacciarsi)

                          Ah, si?

ESTERINA        (all’unisono con Caterina)

                          Ah, si?  (E così facendo battono testa contro testa)

CATERINA       Ah!

ESTERINA        E po’ dice ca’ nunn’a’ tiene tosta!

LUIGI                Uh, povere capuzzelle! Comme me dispiace ca’ mo’ pe’ causa mia ve site fatte male. Aspettate, m’aggia fa’ perduna’, aspettate.

                          (via per risortire tra poco)

ESTERINA        Mo’ si cuntenta?

CATERINA       E tu sì felice?

ESTERINA        (minacciosa)  Caterì………

CATERINA       Esteri’………

ESTERINA        (accorgendosi che la porta a destra si apre e che entra Camillo)

                          Uh, papa’!

                          (ed esce di corsa a sinistra seguita da Caterina)

                                    CAMILLO, LUCIA POI LUIGI

CAMILLO         E mo vedimmo.

LUCIA               (Reca una grossa mappata di biancheria da lavare) Aspetta aspetta ca mo vengo e parlamme. Famme jì a fa primma ‘a lavannara. Po’ vengo e faccio ‘a vajassa cu te (esce a sinistra).

CAMILLO         ( Gridandole dietro) Tu faie ‘a vajassa e io faccio ‘o vastasso. E vedimmo a chi mette ‘a coppa (volgendo le spalle al corridoio. Dalla finestra arriva una rosa che lo colpisce alla testa) Ah, m’he ciaccato! Che m’e menato?! (arriva la seconda rosa) Ma so rose? (andando verso la finestra per guardare fuori) E chi è stu gentile fetentone….(nel vano della finestra appare Luigi tutto sorridente col fucile in mano) Chi è? In casa non abbiamo niente, siamo poveri.

LUIGI                Nun ve mettite paura. Io nun so’ mariuolo, io so’ l’ommo d’o’ paese, tengo pure o’ fucile e o’ cane lupo.

CAMILLO         E co’ purtate a ffa’ o’ fucile?

LUIGI                Pecche’ vaco a caccia.

CAMILLO         Scusate, e a cca’ dinto che vulite spara’? ce stanno e’ quaglie int’a’                             sta casa?

LUIGI                Ma io non vi ho fatto nessuna offesa. Ho buttato delle rose.

CAMILLO         Ma pecche’? e’ un usanza del paese?

LUIGI                E’ un usanza mia personale.

CAMILLO         (andando verso la finestra)

                          Sentite, vuje m’avita fa nu’ piacere…..

                          (si sente subito l’abbaiare di un cane)

                          O’ cane!

LUIGI                (ridendo) Ah,Ah,Ah! Ve site miso paura? Quello non fa niente.

CAMILLO         Jatevenne, jatevenne subbeto. Mia moglie se mette na’ paura pazza d’e’ cane!

LUIGI                Ma non fa’ niente, e’ buono. Stendete la mano fuori la finestra, vi da’ la zampa.

CAMILLO         Io dongo a mana o’ cane?

LUIGI                Ma pecche’ non ci credete che da’ la zampa?

CAMILLO         Si,si, ci credo ma non voglio vedere.

LUIGI                Si chiama Lucifero.

CAMILLO         Nun o’ voglio cunoscere.

LUIGI                Ah,Ah,Ah, ma vi mettete paura?

CAMILLO         No!

LUIGI                E stendete un poco la mano.

CAMILLO         E vedi!

LUIGI                E stendete un poco la mano.

CAMILLO         E dalle!

LUIGI                Ma non fa niente, e’ buono. Ve vulesse fa vede’ come da’ la zampa! Proprio come se dicesse: Buongiorno, buonasera, come state? Questo nun e’ nu’ cane, e’ mio fratello.

CAMILLO         E lo credo.

LUIGI                Ma io ve vulesse fa vede’…… Iammo, e stendete la mano.

CAMILLO         Ah, Ah ma come ve lo devo dire? Ci credo, quanto e’ vero Iddio ci credo che da la zampa, ma non voglio vedere.

LUIGI                Allora si v’aggia veni’ a truva’ l’aggia lascia’ a casa?

CAMILLO         Si, e restateve a casa pure vuje. Ma pecche’ m’avita venì a truva’?

LUIGI                E siamo vicini. Io so’ d’o’ paese. Voi siete villeggianti.

CAMILLO         Ma che villeggianti. Io so’ venuto cca’ ‘ncoppa pe’ me cura’ e’ nierve. E mo’ scusate,se permettete voglio chiudere a fenesta.

                          (la chiude)  Ah, sulo o’ scemo ce vuleva! ( campanello )

                          A porta! (fa per andare ad aprire ma poi desiste)

                          Fosse chillo d’o’ cane? (chiamando)

                          Esterina, Caterina…….

                               ESTERINA  CATERINA  E  DETTO

CATERINA       (venendo dalla sinistra insieme ad Esterina)

                          Papa’, io nunn’e’ saccio niente! Io nun cunusco a nisciuno, domandatelo alla maestra.

ESTERINA        A me?

CAMILLO         Ma e’ che cosa? Io v’aggio chiammate pe’ fa’ arapi’ a porta

                          (di nuovo campanello)

                          O’ vedite? Stanno bussanno.

ESTERINA        (a Caterina)

                          Va’, va’!

CATERINA       Pecche’ tu si cionca?

ESTERINA        E tu sì zoppa?

CAMILLO         Neh, vulessemo mena’ o’ tuocco pe’ vede’ chi add’a’ arapì? Muviteve sino’ ve piglio a pacchere. Sarra’ chillo d’o’ cane lupo.

                          (le due ragazze si precipitano tutte e due ad aprire)

                          Gue’ e’ ched’e’ st’ubbidienza? (compiacendosi della propria autorita’) La maniera forte.

                           LUCIA  E  DETTO  POI  ESTERINA  E  CATERINA

LUCIA               (venendo dalla sinistra tutta infuriata)

                          Buh, buh!

CAMILLO         O’ cane!

LUCIA               Eh,a’ gatta! Iammo, fa natu ppoco “buh buh” ca’ io mo’ nun ce stanno chilli dduje annanze e te pozzo risponnere

CATERINA       Era o’ postino. Ha purtato na’ lettera pe’ don Alberto

                          (esce a destra per risortire fra poco. Esterina va a sedersi presso la finestra)

CAMILLO         Ma chisto allora ha dato l’indirizzo mio a quaccheduno?

LUCIA               Nun cagna’ discorso mo’!

                          (intanto Caterina rientra)

                          Tu n’ata vota che piglie chill’atteggiamento e’ scemo comme e’ fatto lla dinto,io me faccio a valigia e te lascio a te,a muntagna e’ l’esaurimento nervoso. Me ne vaco a Fiuggi, me vaco a fa’ e’ panze d’acqua accussì.

CAMILLO         Ma pecche’ che t’aggio fatto?

LUCIA               Eh gia’, io po’ t’avevo suppurtato pe’ vint’anne e nun te cunuscevo ancora! Camì, io certe resatelle e certe guardatelle e’ capisco. Neh, chillo se mette a fa’ pure o’ geluso

CAMILLO         (sottovoce)

                          Nun fa sentì sti ccose e’ guaglione

LUCIA               Voglio fa’ sentì, voglio allucca’. Neh, deficiente,imbecille,cretino patentato e riconosciuto……

CAMILLO         Lucì, non ci perdiamo in complimenti

LUCIA               Ma comme te permiette? Ma come osi? Ma pe’ chi me pigliata a me? Io so’ na’ femmena onesta.

CATERINA       (a Esterina)

                          Jammuncenne dinto nuje.

CAMILLO         No, aspettate, puo’ darsi c’a’ m’avita mantene’.

LUCIA               E chiamma a’ lloro? Ce vonno e’ mastugiorgie.

CAMILLO         Ma, insomma, io nun pozzo dicere ca’ tu l’infermiera a chillo nun l’e’ a’ fa’?

LUCIA               Niente, nun e’ a ricere niente! Sino’ faccio a pazza.

CATERINA       Mamma’ calmatevi

LUCIA               Nun me pozzo calma’!

CAMILLO         (gridando) E pigliate na’ pillola. M’e’ vo’ da a’ me e’ pillole!

ESTERINA        Ma insomma volete che vi sentano?

CAMILLO         E me sentessero, e’ meglio!

LUCIA               (abbassando la voce) Guardate, guardate, mo’ overo e’ fa sentì!

CAMILLO         Vulite vede’ ca’ mo’ vaco alluccanno pe’ tutt’o’ paese?

LUCIA               E chille te portano o’ manicomio.

CAMILLO         E sto meglio e cca’:

ESTERINA        E allora apriamo la finestra così sentono tutti quanti:

                          (e fa per aprire)

CAMILLO         Tu statte ferma e nun fa l’indisponente

LUCIA               E chella a’ pigliata e’ te

CAMILLO         Chella fenesta adda sta chiusa, si no’ arrivano e’ rrose!

CATERINA       (con gioia) Hanno menato e’ rrose?

CAMILLO         (facendo atto di darle uno schiaffone)

                          Mo’ te dongo…….

LUCIA               Che daje? Che daje?  (a Esterina)  Arape a fenesta, po’ essere ca’ vonno mena’ quacche rrosa pure a me. Oh, io sono una donna facile, vediamo, vediamo si me menano e’ rrose.

CAMILLO         (andando alla finestra e aprendola lui stesso)

                          E si, si, chesta e’ casa d’e’ rrose. Genta ge’, menateme quacche rrosa pure a me.

                          (dalla finestra entra un pallone)

LUCIA               Gol! T’hanno menato na’ palla ‘nfaccia!

CAMILLO         (guardando fuori dalla finestra) Ah, sti risgraziate e’ guagliune!

                                               UN  RAGAZZO  E  DETTI

RAGAZZO        (dalla finestra) Signore, scusate, avete visto un pallone?

CAMILLO         Si. Se steva piglianno o’ cafe’ dint’o’ bar e’ rimpetto.

RAGAZZO        Signore, ma io l’ho visto che e’ venuto qua dentro.

CAMILLO         AH, l’hai visto ch’e’ me’ venuto a fa’ visita a me? E non te lo do piu’. Cosi un’altra volta imparate a giocare in mezzo alla strada. E’ possibile ca’ io aggia sta pe’ forza cu’ e’ feneste chiuse?               

RAGAZZO        No, e poi si rompono i vetri.

CAMILLO         Ah si? E invece si rompe il pallone, pecche’ io mo’ lo buco con il temperino. Vai via, ragazzaccio.

RAGAZZO        (raccogliendo una pietra) Signo’, vuje mo’ vulite da’ o’ pallone?

CAMILLO         (retrocedendo impaurito, con una mano levata a protezione del viso)

                          Gue’, non buttare la pietra che ti piglio a schiaffi, sai! Io ho fatto la guerra.

LUCIA               (togliendo il pallone dalle mani di Camillo e dandolo al ragazzo)

                          Guaglio’, teccote o’ pallone e vattenne.

RAGAZZO        Grazie, signora, grazie. (a Camillo) CAPUCCHIO’, te vulive arribba’ o’ pallone? (via di corsa ridendo)

CAMILLO         (facendo come per scavalcare la finestra)

                          Neh, figlio e’ ‘ntrocchia!

LUCIA               (fermandolo) Eh, basta, mo’ te miette a appiccica’ pure cu o’ guaglione?

CAMILLO         Ma io so’ venuto cca’ pe’ me cura’ e’ nierve!

LUCIA               E io so’ venuta cca’ pecche’ so’ na scema!

CAMILLO         Va bbuo’ Lucì, c’aggia fa, jamme? A scena melodrammatica? T’aggia cerca’ perdono? (inginocchiandosi ironicamente)

                          Ti chiedo perdono, ti chiedo scusa, basta ca’ putimmo truva’ nu’ poco e’ calma.

LUCIA               (a Caterina e Esterina che stanno ridendo a crepapelle)

                          Gue’, e vuje che rerite a fa’? sti sceme rireno pure! Abbiate rispetto di vostro padre, si no’ so’ pacchere! Chisto e’ n’ommo ca ce ne stanno poche. Na culonna!

ESTERINA        Mamma’ ma io……

LUCIA               E mo’ basta. Nisciuno parlasse cchiu’.

CAMILLO         (mettendosi a sedere con un sospiro di soddisfazione)

                          Ah!

LUCIA               (alle figlie con tono rabbonito) Nun ve pigliate collera a mamma’,ma papa’ tene l’esaurimento nervoso, ce l’avimma suppurta’ nu’ poco!

CAMILLO         E grazie tante.

LUCIA               Vulisse na’ pillola?

CAMILLO         No, Lucì, nun voglio niente. Voglio solo chesto, voglio campa’ quieto. Ah, o vvì, comm’a’ mo’, questo silenzio, questa pace, questa serenita’. Ah, la quiete dopo la tempesta!

                                              ALBERTO  IDA  E  DETTI

ALBERTO         (viene in scena con una lettera in mano,seguito da Ida)

                          Mannaggia a culonna! Cataclisma,distruzione!

CAMILLO         La tempesta dopo la quiete!

ALBERTO         Aizete a lloco, famme assetta’.

CAMILLO         (esegue)

ALBERTO         No, no, nun pozzo sta assettato (andando sotto e sopra per la scena)

                          Ah, la gamba! Ah, la gamba!

CAMILLO         Ah, la gamba! E va’ sotto e ‘ngoppa! Mo’ fermate nu’ minuto, ch’e’ succieso?

ALBERTO         Niente,niente.

CAMILLO         (alle donne con tono rassicurante) Ah, e’ niente.

ALBERTO         Nun me domandate niente. So’ distrutto, sono rovinato.

LUCIA               (a Ida) Ma chi l’ha scritto?

IDA                    Non lo so’, non mi ha detto niente.

CAMILLO         Albe’…….

ALBERTO         Dimmi! (riprendendo a camminare) No, no, io aggia cammena’

                          Ah, la gamba! Ah, la gamba!

CAMILLO         Ma fermate nu’ mumento solo, me vene l’affanno.

ALBERTO         E parla, parla.(si ferma e ora sta in disparte con Camillo)

CAMILLO         (sottovoce) Ma forse e’ qualcosa che non puoi dire davanti a tua moglie?

ALBERTO         (sottovoce, facendogli cenno di avvicinarsi alla sua bocca)

                          Ah, la gamba! Ah, la gamba!

CAMILLO         E chesto c’o’ dice a ffa’ zittu zittu?

ALBERTO         (come sopra) So’ distrutto, so’ rovinato……(poi con grido improvviso) Ah, la gamba! (e riprende a camminare)

CAMILLO         (fra se’) Mannaggia chi t’e’……

LUCIA               (a Camillo)  Ca’ ditto? Ch’e’ stato?

CAMILLO         Non lo so’,ma e’ distrutto.

LUCIA               (sottovoce) Che t’ha detto?

CAMILLO         O’ vvuo’ sape’? “Ah, la gamba!”

LUCIA               Albe’, ma e’ na’ lettera minatoria?

ALBERTO         No!

ESTERINA        Anonima?

ALBERTO         No!

CATERINA       E’ maleparole?

ALBERTO         No!

CAMILLO         Qualche creditore?

ALBERTO         E chi se ne futteva!

IDA                    Albe’, qualche ricattatore?

ALBERTO         Pecche’ e’ ricattatore fanno pure a cambiale?

CAMILLO         Albe? Ma chi canchero t’ha scritto?

ALBERTO         Camì, e’ na’ lettera che ha attraversato l’oceano pe’ me ì a chillo servizio a me! Viene dall’america!

LUCIA               Ma insomma se po’ sape’ chi e’ ca’ t’ha scritto?

ALBERTO         Mio zio, Lucì. Mio zio Alfredo. E come faccio? Tutte le speranze mie steveno ‘ncuollo a isso.

IDA                    Ho capito! E’ morto e non t’ha lasciato niente.

ALBERTO         E’ morto?…Peggio! Ah, la gamba! (da la lettera a Camillo e va a sedersi in disparte)

LUCIA               (a Camillo) Liegge, liegge. Sarra’ na’ lettera e’maleparole.

CAMILLO         (leggendo) Dunque: Caro….caro….

LUCIA               Ah, dice caro?

CAMILLO         “Carogna”.

LUCIA               Vai avanti!

CAMILLO         “Carogna di nipote. Tu mi scrivi e mi conti sempre guai e miserie. Fosse una volta e mi scrivessi Ho preso un bel terno,una Sisal, una lotteria”.

ALBERTO         Vedete che cervello! Io me mettevo a scrivere “ho preso una lotteria”.

LUCIA               Statte zitto! (a Camillo) Vai avanti.

CAMILLO         “Tu mi cerchi un prestito.Ma se il prestito fosse buono, ognuno prestasse la mugliera. Tu lo sai che se fosse per te non vedresti nemmeno la croce di un centesimo. I soldi miei sono sudati e li tengo conservati con la naftalina.”

LUCIA               Sa’ che puzza!

CAMILLO         (continuando a leggere) “ Ma tu, con il matrimonio che hai fatto mi hai saputo andare a quel servizio. Tua moglie mi e’ sacra.”

IDA                    Io? Ma io nun o’ cunosco proprio!

CAMILLO         Ah, no?

LUCIA               Vai avanti!

CAMILLO         Luci’,me pare nu’ fatturino e’ l’ATAN

LUCIA               Allora avimma perdere tiempo?

CAMILLO         (scorrendo la lettera) Dunque…..dunque addo’ stevemo?

                          “Ti abbraccio e ti bacio…..”

LUCIA               Vai indietro!

CAMILLO         (come sopra) Un bel terno……Una sisal…

LUCIA               Vai avanti!

CAMILLO         (dando il foglietto ad Esterina)

                          Liegge tu, ca’io scendo alla prossima fermata!

LUCIA               Uh! E quanto sì ‘nzipeto!

ESTERINA        (leggendo) Il giorno trenta di questo mese scendo dal cielo.

LUCIA               Se mena cu’ o’ paracadute?

CATERINA       Il giorno trenta? Ma e’ dimane!

ESTERINA        “Scendo dal cielo con l’aereo, e poi a Napoli prendo il corriere e vengo da te”.

LUCIA               Scenne a cielo pe’ piglia’ nu giurnale?

ALBERTO         Vuol dire la corriera. Chillo e’ italoamericano, scrive bastardo.

ESTERINA        “Vengo da te sulla montagna”.

CAMILLO         Ma allora vene cca’?

ALBERTO         Si, gli ho dato l’indirizzo!

ESTERINA        “Mi trattengo tre giorni per un affare che devo combinare e vado via subito. Non dire a nessuno il mio avvenimento a Napoli. In questi tre giorni vedro’ di sistemare un poco la tua situazione debitosa”.

CAMILLO         Ah, menu male!

LUCIA               (ad Alberto)  E nun si cuntento? (a Esterina) Liegge,liegge.

ESTERINA        “Alla mia morte, poi, avrete la mia eredita’ che sono melloni e melloni”.

LUCIA               Ma che fa, o’ mellonaro?

ALBERTO         Quello parla dei milioni!

IDA                    Oh,che bella cosa!

ESTERINA        “Sempre per causa di tua moglie, che tu lo sai quanto la voglio bene. Io sto bene in salute. Ti abbraccio e ti bacio. Zio Fred:”

LUCIA               Embe’,Albe’,ma come,arriva zio Freddo e tu staje accussì?

ALBERTO         Eh, pecche’ mo’ che vene, addeventa zio caldo. Camì, so’ rovinato, so’ distrutto.

IDA                    Ma questa e’ una lettera da farci una festa!

ALBERTO         I……Statte zitta!

CAMILLO         Ma forse perche’ ha scritto “sto bene in salute?” o’ vulive fa’ murì?

LUCIA               Eh, chillo e’ nu’ brav’ommo. Io m’o’ ricordo a zio Alfredo. Nuje steveme e’ casa vicino!

ALBERTO         T’o’ ricuorde? Bello, tutto simpatico lui, tutto gentile….. grandissimo pezzo di……..! s’e’ fissato ca’ io saccio fa sulo debiti e guaje.

CAMILLO         Guardate che fissazione!

CATERINA       Ma, scusate, se ci tiene tanto per vostra moglie….

ALBERTO         Mia moglia? E cca’ sta a’ tragedia!

IDA                    Oh, questa e’ bella!

ALBERTO         No, questa e’ brutta.. Lucì, so’ rovinato, so’ distrutto.

LUCIA               Albe’, agge pacienza, e cagne nu’ poco o’ disco.

ALBERTO         e’ giusto. E’ venuto il momento di dare una spiegazione. (a Lucia e Camillo) Fratello, sorella e’ l’ora della confessione.

CAMILLO         Parla, figliolo.

ALBERTO         Camì, nun pazzia’. Camì, prestami…..

CAMILLO         Che t’aggia presta’!

ALBERTO         Prestami attenzione.

CAMILLO         Ah, va bene.

ALBERTO         Prestatemi attenzione tutti quanti. O’ guaio e’ ca’ mio zio sape che mia moglie non e’ mia moglie, pecche’ sape che mia moglie e’ la moglie di un altro che non e’ mia moglie.

LUCIA               Camì, vire e’ capì buone tu e po’ mo’ spieghe a me.

ALBERTO         Aspettate, aspettate. La guerra d’Africa. Si cantava”Faccetta nera bell’Abissina”. Mio zio sta in prima linea. Pì, pa’,bu’,tra’,trac. Fuoco da tutte le parti. Era il sei gennaio.

CAMILLO         A’ me me pareva chiu’ capodanno.

ALBERTO         Era il sei gennaio. Arriva la befana e gli porta na’ bella pallottola che lo colpisce qua, nella spalla e va ‘nterra. Camì, che bella fine! Aveva pure a’ meraglia d’oro:

CAMILLO         E tu t’a’ ‘mpignave.

ALBERTO         Invece no. C’era un suo compagno d’armi ca’ nun se vulette fa’ e’ fatte suoje. Che fa’? se lo carica sulle spalle e con grande disprezzo del pericolo e di me lo porta in salvo.

CAMILLO         Ma chi ce ho facette fa’?

ALBERTO         Eh, pero’ fu castigato!

CAMILLO         A mano e’ Dio!

ALBERTO         E’ sì. Pecche’ mentre purtava a mio zio avette na’ palla dint’e’ rine e stramazzo’.Mio zio lo guardo’,lo tasto’ e disse:”fratello….”

LUCIA               E’ vizio di famiglia.

ALBERTO         “Fratello, non morire ancora, aspetta. Io ti devo la vita. Che cosa posso fare per te?” Si ero io dicevo:”M’e’ fatte muri’, levate a’ nanza all’uocchie si no’….. eccetera eccetera, voi mi capite. Invece quel grande eroe dice a mio zio:”Tengo una figlia che non sa’ che io sono il padre. E’ frutto di una relazione con una signora vedova.Abita così e così, te la raccomando.” Mio zio distende la mano sul morituro e dice:” Tua figlia mi sara’ sacra e io faro’ tutto quello che posso per lei. Te lo giuro. Va’,statte bbuono, mo’ puo’ murì”. E il povero soldato avendo avuto il permesso spiro’. Capite? Il mio destino era legato a tre palle:

CAMILLO         Doje. Na’ palla a tuo zio e una al commilitone.

ALBERTO         C’e’ una terza palla:chella ca’ aggio cuntato io scrivendo a mio zio che avevo sposato la sua protetta.

IDA                    Hai fatto questo?

ALBERTO         Eh si. Perche’ mio zio quando torno’ dalla guerra nun teneva manco nu’ sordo. Sparaje a’ nu’ creditore e se ne ando’ in America. Qua aveva fatto l’eroe e se mureva e’ famma. Lla’ se mettette a fa o’ ganghester e fece i milioni. Neh, io comm’aveva fa per avere ogni tanto qualche cosa di soldi? E così ho coltivato la bugia. Neh, io putevo maje penza’ che chillo veneva cca’? E invece mo’ vene. E io come faccio? Quello mi disereda. Perdo centinaia di milioni. No, io me sparo na’ palla cca’, apparo e’ quatte palle e chiudo il destino. Comme faccio Camì, comme faccio?

LUCIA               E comme fa’?

CAMILLO         E io che ne saccio?

ALBERTO         E’ giusto, e’ giusto, nessuno puo’ trovare niente, nessuno puo’ fare niente per me.

CAMILLO         Aspetta, Albe’, ma se sono tanti milioni, si puo’ tentare qualche cosa. Sara’ l’uovo di Colombo, ma io tengo un’idea.

LUCIA               Caccia l’uovo, Camì.

CAMILLO         E aspetta. Tu questa donna c’a’ t’aviva spusa’ sai dove abita? Vi trattate?

ALBERTO         (battendo una mano sulla spalla di Camillo) Se ci ttrattamio? Hai voglia e se ci trattiamo.

CAMILLO         E’ sposata?

ALBERTO         Sposata!

CAMILLO         O’marito?

ALBERTO         (come sopra) Un fratello, Camì! Un fratello.

CAMILLO         E stiamo a posto. Tuo zio quanti giorni sta cca’?

ALBERTO         Tre giorni

LUCIA               E si, chillo po’ adda ji’ o ganghester, e’ rapine.

CAMILLO         Albe’, la cosa e’ semplice. Se prega a’ sta signora, se fa venì cca’ pe’ tre giorni……

LUCIA               ….e diciamo che e’ tua moglie! (afferrando la testa di Camillo fra le mani e baciandolo sulla fronte) Bravo! (alle figlie) Avete visto chi e’ papa’ vostro? Eh,chisto e’ in gamba!

IDA                    E io dove vado?

LUCIA               E tu…..tu…..Staje cca’. Diciamo che sei la cameriera! (sottovoce a Camillo) Accussì finalmente fa’ qualche servizio!

ALBERTO         Eh, ma voi fate tutto facile. Ma penzate ca’ chella po’ se presta?

LUCIA               E che diavolo! Si tratta di un’eredita’. Centinaia di milioni.

ALBERTO         Ma che faccio? Vaco add’o’ marito e dico:”’Mpriesteme a mugliereta?”

CAMILLO         E dice ‘mpriesteme a mugliereta. M’he cercato tanta prestite a me!

ALBERTO         Camì, nun pazzia’.

CAMILLO         Ma io dico overo.

ALBERTO         Sentite,cheste so’ cose serie.

CAMILLO         Albe’, ma chella e’ na’ finzione. Non hai detto che il marito e’ un amico fraterno?

ALBERTO         (cingendo con un braccio le spalle di Camillo, battendogli una mano sulla spalla con voce commossa) Fraternissimo.

CAMILLO         E allora?

ALBERTO         Ma, sai, pure nella finzione quello pensa che in presenza di mio zio ce po’ scappa’ n’abbraccio, una carezza, nu’ vaso.

CAMILLO         mamma mia, e che stammo o’ medio evo? (a Lucia) Quella e’ na’ finzione!

LUCIA               E’ chiaro!

CAMILLO         Tu fai comme gli attori di vecchia scuola. Tu o’ filodrammatico nun l’he fatto maje? Ida, venite acca’. Guarda,io mo’ m’abbraccio a tua moglie.

ALBERTO         No, ma che centra?

CAMILLO         Pe’ fa’ n’esempio. Guarda bbuono. A te te pare che io l’abbraccio? E invece no’! Il contatto non c’e’.

ALBERTO         A me me pare ca’ ce sta.

CAMILLO         Ma niente affatto. Guarda, io faccio un semicerchio col braccio e non la tocco. Poggio appena il dito sulla spalla.

ALBERTO         Aspe’,famme vede’ se ho capito bene (abbracciando Lucia) Accussì?

LUCIA               Gue’, oh, addo’ vaje?

CAMILLO         No, no, tu faje o’ semicerchio troppo stritto. Guarda bene, e’ una cosa facile. Io mo’ do’ un bacio sul braccio a tua moglie, ma il contatto non c’e’.Guarda: pare che io bacio, ma io bacio sul mio dito pollice. E’ capito? Tutto va avanti cu’ o’ semicerchio e o’ pollice. Jammo ca’ l’aggio penzata bbona!

LUCIA               Buona, buona assaje, sì nu’ genio.

CAMILLO         Eh, io aggio fatto o’ filodrammatico!

ESTERINA        Veramente era una recitazione artificiosa. Mo’ c’e’ il realismo.

LUCIA               E allora e’ facimme cucca’ ‘nzieme, che dice?

ESTERINA        Mamma’,ma io dicevo riguardo al teatro.

CATERINA       Mo’ ce sta na’ compagnia di giovani americani che escono tutti nudi sulla scena, e dicono che se uno deve fare l’amore, l’hadda’ fa’ overamente.

LUCIA               Ma so’ pazze?

ESTERINA        No, mamma’, e’ per l’arte.

CATERINA       La naturalezza.

LUCIA               Allora Otello nun se po’ fa cchiu’!

ESTERINA        E pecche’?

LUCIA               E pecche’ m’hanna fa’ vede’ si po’ a strafoca overamente a Desdemona. Eh,pecche’ si adda essere overo, adda essere overo sempe, o ce sta ll’arte sulo quanno se fanno e’ purcarie?

CAMILLO         Lucì, ma tu te miette a risponnere a chelli ddoje sceme cu’ a’ situazione ca’ tenimmo? Penzammo a cose serie. Dunque, Albe’, corri a Napoli e chiamma a’ sta signora, telefona, fa qualche cosa.

ALBERTO         Mah, non lo so’, non lo so’, mi pare assurdo.

CAMILLO         E’ po’ dice ca’ io non ho iniziative. Albe’,io faccio o’ llardo ‘ngoppa a’ panza, ma tu si nun te muove, faje e’ felinie dint’e’ sacche.

ALBERTO         Mah….. Io nun tengo o’ curaggio.

CAMILLO         E t’ho faje venì.

ALBERTO         Ma voi pensate veramente che il marito mi farebbe questo favore?

CAMILLO         Ma che t’aggia dicere? Po’ essere pure un ottuso, un uomo senza spirito e dice e no. Ma tu almeno provaci!

LUCIA               Io, per esempio, o’ facesse certamente.

CAMILLO         E se capisce!

ALBERTO         E va’ bene. Ricordatevi che me lo avete consigliato voi.

CAMILLO         M’he a ringrazia’ pe’ tutta a’ vita.

ALBERTO         Camì……..

CAMILLO         Albè………

ALBERTO         “’Mpriesteme ‘a mugliereta!”.

CAMILLO         Come?!

LUCIA               Ma c’a’ ditto?

CAMILLO         (guardando Alberto e mettendosi a ridere) Eh,eh, stu’ scemone sta pazzianno.

ALBERTO         No, Camì. La figlia del commilitone di mio zio era Lucia. Pircio’ zio Alfredo vulette jì e casa vicino a essa. Camì, fratello……”’mpriestame a mugliereta!”

CAMILLO         (vacillando) Aspettate, faciteme assetta’.

LUCIA               Ma…..Aggio capito bbuono? Ma allora o’ surdato ca’ murette era papa’ mio? (porta il fazzoletto agli occhi e scoppia in un pianto dirotto)

CAMILLO         Solo il lutto in famiglia ce voleva!

ALBERTO         Camì, io sono nelle tue mani.

CAMILLO         (accennando con le mani a strangolare qualcuno) Non e’ vero, non sono così fortunato!

LUCIA               Ma tu comm’e’ vvaje a’ penza cierti cose e’ scemo!

                          (alle ragazze) Avete visto int’a’ che impiccio me va’ mettenno? Fiuggi,Fiuggi!

CAMILLO         (levandosi in piedi) Non perdiamo tempo, Albe’, c’e’ un’altra idea piu’ semplice!

ALBERTO         Ma pecche’? Tu hai trovato l’uovo di Colombo.

CAMILLO         O’ colombo se n’e’ vulato, l’uovo nun o’ fa cchiu’.

ALBERTO         E che facimmo?

CAMILLO         Piu’ semplice ancora: Fingiamo che tua moglie si chiamma Lucia e nun facimme cumplicazioni.

ALBERTO         Non e’ possibile. A’ sape, a’ sape.

LUCIA               Ma so’ passate tant’anne, nun me po’ ricurda’ cchiu’. Io saro’ cambiata!

ALBERTO         No,no, io la bugia l’ho coltivata bene. Ti ricordi il giorno del tuo matrimonio? Io me facette fa’ tutte chelli fotografie vicino a te vestita da sposa?

CAMILLO         Comme, nun me ricordo? Te mettive sempe ‘mmiezo. Nun fuje capace e me fa na’ fotografia io solo con mia moglie!

ALBERTO         E io ce mannavo tutte quante a zio Alfredo. Gli scrivevo “Qua siamo io, mia moglie e il compare”.Po’ me so’ fatto altre fotografie, io solo con tua moglie, con le tue figlie.

ESTERINA        Si,si.

ALBERTO         Mano mano che crescevano, sempre altre fotografie in tutte le occasioni. E chillo me mannava qualche cosa p’o’ battesimo, qualche cosa p’a’ comunione,per la cresima,la befana. Non ti dico a Santa Lucia! Me mannava regali importanti, favolosi.

LUCIA               Povero zio Alfredo! (con altro tono) Pero’nunn’aggio avuto maje niente!

ALBERTO         E cumme t’e’ devo? Quello era un segreto! Lucì, e a’ vede’ quanno ce spusajemo, che regalo ci mando’! E mo’ fernesce tutte cose e perdo pure l’eredita’. Fratello, sorella, voi non mi potete abbandonare.Facimmo o’ semicerchio e o’ pollice. Lucì, parla tu, intervieni, diglielo.

LUCIA               (a Camillo) E mo’ che vuo’ fa’? Tu e’ cacciato l’uovo? E avimmo fatta a’ frittata.

CAMILLO         (levandosi in piedi e rivolgendosi a Esterina mentre si toglie la vestaglia) Pigliame a giacca!

ESTERINA        (esce a sinistra per risortire fra poco con la giacca)

LUCIA               Ma che vuo’ fa?

CAMILLO         (a Caterina) Pigliame l’orologio

CATERINA       (esce a sinistra per risortire fra poco con l’orologio)

LUCIA               Gue’, io sto’ parlanno cu’ te! Che vuo’ fa?

CAMILLO         (indossando la giacca) Io aggio capito. Questa e’ una congiura pe’ me manna’ o’ manicomio a me. Io me ne vaco Lucì. Io ero venuto cca’ pe’ me cura’ e’ nierve! Io me ne vaco!

LUCIA               (mettendosi sulla soglia della comune) Nun te faccio passa’.

CAMILLO         E io me ne vaco p’a’ fenesta.

                          (va verso la finestra e fa per scavalcarla ma si trova faccia a faccia con Luigi che gli porge un grosso fascio di fiori mentre si sente fortissimo l’abbaiare del cane)

                          O’ cane, o’ cane! Chiudete la finestra! Ma pecche’ nun me purtate o’ manicomio! Lla’ ce stanno gente piu’ tranquilla e’ vuje, piu’ ragionevole! (cade a sedere mentre tutti accorrono intorno a lui)

                                            FINE  ATTO  PRIMO

ATTO  SECONDO

                          La stessa scena del I° atto. Al levarsi della tela sono in scena Alberto, Lucia, e Ida. Alberto e Lucia stanno parlando tra di loro piuttosto concitatamente. Ida, in disparte,sta dando gli ultimi ritocchi alla sua toilette da cameriera.

___________________

LUCIA               No,no, caro Alberto, cca’ ‘o fatto se complica. Io addo’ e’ piglio tante camenre da lietto?

IDA                    Che dite, sto bene così?

LUCIA               (guardandola distrattamente) Benissimo! (ad Alberto) Se veniva lui solo gia’ era n’ata cosa.

IDA                    (tirando un po’ su il vestito) La faccio piu’ corta?

LUCIA               (come sopra) Si, si. (ad Alberto) Ti stavo dicendo….

IDA                    La faccio piu’ corta?

LUCIA               (infastidita) Idare’! “La faccio piu’ corta, la faccio piu’ corta..” tu comm’a’ staje facenno longa cu stu vestito!

IDA                    Ma scusa, allora devo sembrare una cameriera brutta?

LUCIA               Uh! Mamma mia, (ad Alberto) Ma che s’e’ crere c’adda fa na’ parte int’a’ nu film?

ALBERTO         (andando verso Ida) No, brutta no.Perche’ brutta? Ma, capisci….se non sei troppo appariscente e’ meglio. (coccolandola) Andiamo, ad Alberto tuo, andiamo, un poco di sacrificio.

LUCIA               Sacrificio? Nun dice niente mio marito che se ne dovuto andare in albergo.

IDA                    Ma perche’ ho dovuto fare la cameriera io?

LUCIA               Va’ be’, quanno pazziammo n’ata vota te facimmo fa a’ regina!

ALBERTO         (come sopra) Su, su, andiamo, fai la brava!

LUCIA               Ca’ po’ papa’ te compra e’ cioccolattine! Ma vuje vedite nu poco! (ad Alberto) Vulimmo parla’ e’ cose serie?

ALBERTO         Si, si, Lucì, tu hai ragione. Ma io che ne sapevo che mio zio si portava i due gorilla dietro?

LUCIA               Mamma mia che impressione m’hanno fatto! Teneno scritti ‘nfronte “Noi siamo due delinquenti!”

IDA                    A me sono sembrati due giovanottoni simpatici.

LUCIA               Si, ma sempre gorilla so’! O’ bello e’ ca’ s’hanno vuluto purta’ pure e’ figlie mie appriesso.

ALBERTO         Lucì, ma stai senza preoccupazioni, mio zio ha voluto fare una passeggiata in macchina per il paese. Che male c’e’e che le ragazze lo hanno accompagnato?

LUCIA               Albe’, chille so’ americane:a niente a niente se mettessero a penza’ “cca’ facimmo duje gorilla e ddoje scignetelle”

ALBERTO         Ma c’e’ anche mio zio!

LUCIA               Eh, ce sta’ pure o’ scimpanze’ (si sente un suono di clacson)

IDA                    (guardando dalla finestra) Eccoli, sono tornati!

ALBERTO         mi raccomando, Lucia, tu mettiti qua vicino a me (a Ida) Tu no, tu vai in secondo piano.

IDA                    Aggia saglì o’ sicondo piano?

LUCIA               (Embe’ chella m’indispone)

IDA                    E che faccio io sola al secondo piano?

ALBERTO         Te mine abbascio. Dico, mettiti indietro, levate a mmiezo.

                          Tu sei la cameriera, nun puo’ sta’ mmiezo a nuje. (Poi con tono dolce) Su, su, andiamo che poi ti porto alle Away. E ricordati che ti chiami Bettina.

IDA                    Ma perche’?

ALBERTO         E perche’ così mi e’ uscito davanti a mio zio. E’ piu’ un nome di cameriera.

IDA                    (imbronciata)  Naturalmente non posso nemmeno fumare davanti ai signori!

LUCIA               No. Sei la serva, lo vuoi capire? He a’ fa’ sulo e’ servizie e t’he a’ sta’ zitta! Ah!!!!

    

                                        CATERINA  ESTERINA  E  DETTI

CATERINA       (entrando dalla comune insieme ad Esterina) Neh, neh, hanno fatto nu’ sacco e’ spese, sapete?

ALBERTO         Ah, si?

ESTERINA        Si, pacchi, pacchetti.

LUCIA               Ma add’o’ stanno?

ESTERINA        Stanno prendendo i pacchi dalla macchina.

CATERINA       E vvi ccanno, e vvì ccanno.

ALBERTO         Mi raccomando, un aria disinvolta. Nun ce mettimmo tutte cca’ a guarda’ come se scendessero dalla luna.

LUCIA               (guardando Ida) E chella ca vo’ scennere afforza o’ primmo piano!

                          Tu ti devi mettere lla’ dietro.

ALBERTO         (guardando verso la comune) Silenzio……

LUCIA               Si gira!

JAK                   (entra dalla comune insieme a Pat. Sono tutt’e’ due carichi di pacchi e scatole.)

ALFREDO         (entra per ultimo recando un pacchetto piccolo piccolo)  

                          Scusate se abbiamo tardato, ma abbiamo fatto qualche spesuccia, qualche regalo.

ALBERTO         Per me? Tutta questa roba?

ALFREDO         No tutta. Qualche cosa e’ mio. (a Jak e Pat indicando uno scatolone molto grande) Lasciate questo e portate tutto dentro

JAK                   Yes!

PAT                   Yes!  (Escono a sinistra per risortire fra poco)

ALFREDO         Lucia, vieni qua Lucia.

LUCIA               Dite!

ALFREDO         (mostrando il pacchettino) Nu’ picolo cicero!

LUCIA               Ah?

ALFREDO         Nu’ cicero! Arape.

LUCIA               (Aprendo il pacchettino) Un anello di brillanti!? Uh, quant’e’ bello! Grazie, zì Alfre’, ma perche’?

ALBERTO         Corpo di bacco! E dint’a’ stu scatulone grande che ci sta’

ALFREDO         Questo e’ per te!

ALBERTO         E, gia’, se capisce, io sono sempre il nipote. A te piccino piccino, e a me lo scatolone grande. A te o’ cicero e a me sarra’ nu’ mellone! E’ vero zì Alfre?

ALFREDO         Ce’ sta’ nu’ bello gioco di birilli, ca’ tu te diverti a giocare all’aria aperta, in mezzo alla clorofiglia. Ti fa’ bene. L’aria e’ spiritamenta, e’ balsamo, come hai detto tu. (A Lucia cingendole le spalle con un braccio) Viene, viene, sedan nu’ poco vicino a’ me, assiettete.

                          (Si va a sedere sul divano con Lucia. Poi batte le mani come per un richiamo) Bettina! Dove sta Bettina?

IDA                    Sono qua, comandatemi.

ALFREDO         (Guardandola con ammirazione) Okay! Az orrayt! Bella guagliona!

                          (Ad Alberto) Bebe’, tengo sete, voglio bere.

ALBERTO         Si,si. (Ma pecche’ m’adda’ chiamma’ Bebe’, io non capisco)

                          Bettina, fate una bottiglia di idrolitina.

ALFREDO         Idrolitina? Che e’? un nuovo liquore italiano?

ALBERTO         No, veramente sono delle cartine con certa polvere che si mette nell’acqua e….

ALFREDO         (Con gesto di disgusto) Ah, polvere, cartine! Sempre mistificazione a stu’ paese.

ALBERTO         No, zì Alfre’, io non avevo capito….. Io mi credevo….

ALFREDO         Statte zitto, mo’ non solo o’ vino, pure o’ liquore fanno cu’ e’ cartine? (A Jak e Pat che rientrano) Picciotte, vulite assaggia’ nu’ bicchierino d’idrolitina?

JAK                   E che cos’e’?

PAT                   Vediamo, vediamo, nu’ sorsetto.

ALBERTO         Ma guardate….

ALFREDO         Statte zitto.

ALBERTO         (A Lucia) E comm’aggia’ fa? Chillo nun me fa parla’!

LUCIA               Zì Alfre’, ma quello non e’ liquore, e’ acqua che si beve accussì, e’ frizzante!

ALFREDO         Ah, l’acqua ferrara?

LUCIA               Eh, l’acqua e’ Firenze. Ferrata!

ALFREDO         Si, si, Bebe’, ferrara, e a me ferrata bene!

ALBERTO         La pigliata pe’ cavallo.

ALFREDO         (a Ida) Cu’ a mummera pero’! Pecche’ l’acqua ferrara se veve vicino a mummera. Tu tiene e’ mummere?

IDA                    Io? No.

ALFREDO         (Spiritoso ammiccando) Eh, comme, nun e’ ttiene e’ mummere?

                          (sottovoce ad Alberto) Tene chelli mummere e dice ca’ no’!

ALBERTO         No, quella e’ timida zì Alfre’. Si doveva fare suora. Ma dico io, voi po’ dopo tanti anni pure e’ mummere ve ricurdate?

ALFREDO         Io me ricordo tutte cose. Anzi, dopo se c’e’ qualche rischio.

ALBERTO         No, e che rischio? Ca’ nisciuno ce fa niente.

ALFREDO         Io dico qualche rischio sopra o’ grammofono.

ALBERTO         Ah, si,si teniamo pure qualche cosa di musica americana.

ALFREDO         Bravo, bravo….o’ cretino! Ma comme pure qua me vuo’ fa sentì a robba americana? Io dicevo nu’ bellu rischio,”A cartullina e’ Napule”. Na’ scenetta sporcacciona ca io me faccio nu’ sacco e’ resate. Oppure nu’ rischio cu’ a’ voce e’ Napule. ‘Nterra America ce ne’ facimmo e’ ppanze (dando la voce) “Io tengo l’acqua dei tre paise … (invitando Lucia ed Alberto a far coro con lui)  Forza!

                          “Napule, Nola e Marcianise”. (a coro con Alberto e Lucia)

                          “E? mellune chin’e’ fuoco!”

IDA                    (rivolta al pubblico) Io o’ dicevo ca’ chisto faceva o’mellunaro!

ALFREDO         (Dando una manata sulle spalle di Alberto) Ih, ch’erano chisti canti belle!

ALBERTO         (E chisto me rompe e’ rine!)

ALFREDO         Iammo, iammo, faciteme sentì qualche altra bella voce.

ALBERTO         Eh, ma io da quando siete arrivato ho gia’ fatto tutti i venditori. Ho venduto o’ purpo, e’ nanasse, o’ pero e o’ musso’, e’ mellune…..

ALFREDO         E dicene qualche altra!

ALBERTO         Ma nun ne saccio cchiu’!

ALFREDO         (a Lucia) Famme sentì, famme sentì tu qualche bella voce!

LUCIA               “Puparuole e aulive!”

ALFREDO         (deluso, rivolgendosi ad Alberto) Va bene, va’, piglia st’acqua ferrara.

ALBERTO         (S’e’ fissato cu’ Ferrara)

LUCIA               Zì Alfre’, ma non e’ l’acqua ferrara. E’ un’acqua cretina, se fa’ accussì a tavola pe’ digerì. Chisa’ in America quante ne’ tenite e’ stì polvere!

ALFREDO         Ah, polvere? Mo’ ho capito! Brava Lucia (ad Alberto) Tu, invece, sempe ‘mbruglione. Mi volevi fregare cu’ l’idrolitina. Pat, vai dentro e prendi qualche bottiglia dal valigio mio.

PAT                   (annuisce ed esce a sinistra)

ALFREDO         Bettina, piglia e’ cose…. E’ cose……(fa dei gesti esplicativi per indicare i bicchierini) Comme se chiammano? Io mo’ l’ho detto….. e’ cose….

LUCIA               E’ bicchierine?

ALFREDO         Brava Lucia! (ad Alberto) Tu nun capisce mai niente.

ALBERTO         (fra se mentra Ida esce a sinistra)  Chillo pareva ca’ faceva e’ cuoppe allessa!

ALFREDO         (a Jak che sta facendo scena con Esterina)

                          Jak, che dici? Ti piace l’Italia?

JAK                   (Cingendo le spalle di Esterina e battendole una mano sulla spalla) Piace, piace! Bbona Italia!

LUCIA               (un tantino preoccupata) Esterina!

JAK                   (Indicando Esterina) Ah, no italiana lei? ESTERINA?

ALBERTO         (ridendo) Ah,Ah, ha capito che viene dall’estero, ah,ah

JAK                   Oh, nun fa’ o’ scemo!

ALBERTO         (smettendo subito di ridere) No, signor Jak, io dicevo: lei e’ italiana, Esterina e’ il nome.

JAK                   (come per dire ho capito) Ah, Piace, piace!

LUCIA               (Eh,ma stu fatto e’ piace piace a me nun me piace!)

ALFREDO         (Ad Alberto) Che dice Lucia?

ALBERTO         No,zì Alfre’, sai che cos’e’? Noi qua teniamo abitudini diverse.

                          Quacche giovanotto e’ chisto s’avessa piglia’ confidenza con le ragazze?

ALFREDO         Ma che dici? Chiste so’ figlie d’italiane. E po’, ti pare ca’ io non le capisco sti cose?

ALBERTO         (a Lucia) E’ visto?

ALFREDO         Ma perche’, io nun so’ nasciuto napulitano?

ALBERTO         Quello e’ nasciuto napulitano

ALFREDO         Io l’aggio fatto a’ lezione!

ALBERTO         Ecco,ecco.

ALFREDO         Lasciate stare le ragazze. Se proprio ve dovete piglia’ nu’ passaggio, provate cu’ cameriera.

ALBERTO         (scattando subito in piedi) Io mo’ vengo!

ALFREDO         Addo’ vaje?

ALBERTO         Chillo….. comme se chiamma? Pat, add’o’ sta’?

ALFREDO         E c’haje paura ca’ se perde?

ALBERTO         No! Ma nun o’ veco e’ turna’ cchiu’, e’ strano.

ALFREDO         Bebe’, chiste so’ figlie d’italiane, se sanno movere.

ALBERTO         Si,appunto! Per questo io sono preoccupato……

LUCIA               Caterina……..

CATERINA       (andando verso Lucia) Si, mamma’, si (poi sottovoce) Mamma’ chiamatemi Katy.

LUCIA               Katy? E va bbene. (Ad alta voce) Katy, vai in cucina e vedi un poco se Bettina sta portando i bicchierini o si e’ scordata, vai!

CATERINA       Subito! (Fa per uscire a sinistra ma sulla soglia si imbatte in Pat che rientra con due bottiglie di liquore. Nel tentativo di cedersi a vicenda il passo si ostacolano l’un l’altra).

PAT                   Prego…..

CATERINA       Prego…..

PAT                   Prego…..

CATERINA       (tutta sorridente) Ci facciamo le angarelle

PAT                   (Pizzicandole il mento) Angarella, angarella.

LUCIA               Neh, Katy…..Katy…..Cat’e’ colla! Nun t’azzecca’. Fai presto a mamma’, vai!

CATERINA       (a Pat) Scuse-me (esce)

ESTERINA        (ridendo) Uh, mia sorella vuol far vedere che parla inglese!

JAK                   (a Esterina) You spicca inglese?

ESTERINA        No, Inglese no. Qualche parulella di francese, ogni tanto la mastico!

JAK                   (A Lucia) E tu?

LUCIA               Qualche parulella “e vascio o’ lavenaro” ogni tanto la sputo!

ALFREDO         (ridendo) Ah, spiritosa, spiritosa! Sì bella e spiritosa! Addo’ te la meritavi tu na’ mugliera accussì? (A Lucia) Diceme na’ cosa: ma chisto mo’ ca’ venette Santa Lucia, te dette o’ regalo ca’ io te mannaje?

LUCIA               O’ regalo?

ALBERTO         E comme no!

LUCIA               Si, si.

ALFREDO         Fuste cuntenta?

LUCIA               Assaje!

ALFREDO         Eh, io te mannaje chillu bellu ciaccariello!

LUCIA               (distratta) Eh, si, si (Ripensandoci) Che cosa?

ALFREDO         O’ciaccariello!

LUCIA               (Guardando Alberto turbata e come per invocare qualche spiegazione) Si,si, certo…..(Interroga Alberto con le mani come per chiedergli che diavolo le abbia mandato) Veramente fu nu’ bello ciaccariello!

ALBERTO         Importante, favoloso!

LUCIA               Si,nu’ ciaccariello importante, favoloso! (Ma che me mannaje chisto!)

ALFREDO         E che ne faciste? Comme l’utilizzaste?

LUCIA               (Imbarazzata,confusa,senza sapere che dire)

                          Eh…..Io pigliaje stu ciaccariello e…..o’ mettetto…..’ngoppa a nu’ mobile! Bello, esposto…..in modo che ognuno ca’ veneva vereva o’ ciaccariello!

ALFREDO         Ma comme, o’ mettiste ‘ngoppa o’ mobile?

LUCIA               Prima, o’ puggiaje pe’ nu’ mumento…..poi o’ pigliaje e mo mettette ‘nguollo…..(mentre Alfredo scuote il capo continuamente)

                          Sulle spalle…..Qua, dico….intorno al collo, intorno al polso…..(Albe’,ma recuordate pure tu, che ne facette e’ stu ciaccariello?)

ALBERTO         Lo cambiasti in banca. O’Sceccariello, Lucì, o’ scek, l’assegno!

LUCIA               Ah,ah, si,si! (Chillo dice o’ ciaccariello!)

ALBERTO         (Ad Alfredo) Chella siccome si compro’ una pelliccia, un laccettino e un bracciale…..pircio’ diceva:”Sulle spalle, inrorno al collo…”eccetera eccetera.

ALFREDO         Brava, brava, me fa piacere. Roba che si conserva. Si era chisto so’ jeva a’ giuca’ ‘ngoppa e’ cavalle (CAMPANELLO)

ESTERINA        (facendo per andare ad aprire la porta) La porta!

ALFREDO         Aspetta, piccere’. Jak, arape tu!

JAK                   (Esce per la comune per risortire tra poco)

ALFREDO         (A Lucia spiegando)Quando stiamo noi qua, e’ meglio che la porta l’apriamo noi.

LUCIA               So’ servizievoli pero’. E chisto sarra’ o’ cumpare.

ALFREDO         A proposito d’o’ cumpare…..Va’ beh’ parlammo doppo.

JAK                   (rientrando) E’la sarda!

LUCIA               (alzandosi come per andare a vedere chi sia) Eh, Alice!

 

                                              AMALIA  E  DETTI

AMALIA           (Entrando dalla comune con un fagotto)

                          Bonasera. Io so’ a giovane d’a’ sarta. A signora mi ha mandato a me perche’ non si sente bene. Ho portato il vestito della signora Coppolecchia.

LUCIA               Ah!

ALFREDO         Coppolecchia? Chi e’ sta Coppolecchia?

ALBERTO         (Imbarazzato) E’ chiaro!

AMALIA           No, e’ blu’ scuro!

ALBERTO         Dico, e’ chiaro, avete sbagliato porta.

AMALIA           Ma comme, a’ signora Coppolecchia nun sta cca’? Quella a masta mia mi ha spiegato così bene.

LUCIA               AH, si,si, aspettate. Coppolecchia e’ la cameriera! (Ammiccando ad Alberto) Ma che e’ nun t’ho ricuorde che Bettina si chiama Coppolecchia?

ALBERTO         Hai ragione, hai ragione, che testa!

ALFREDO         Pero’ sta cameriera si tratta veramente bene!

                                      IDA  CATERINA  E  DETTI

IDA                    (Dalla sinistra con vassoio e bicchierini seguita da Caterina)

                          Ecco i bicchierini! (Mette tutto sul tavolo)

LUCIA               Bettina, c’e’ la giovine della sarta. Ha portato il vostro vestito!

IDA                    Il vestito?

LUCIA               Si Bettina……il vestito che vi siete fatto, non vi ricordate piu’?

                          (Ad Amalia) Nenne’ pusate lloco e arrivederci.

AMALIA           No, e io non mi posso prendere responsabilita’, io sono la giovane. Ce lo devo vedere addosso. Ce ponno sta e’ difetti e po’ a masta me sgrida.

LUCIA               Ma guardate, non vi dovete preoccupare……

AMALIA           No, signo’, no. Io non mi assumo responsabilita’. Eh, io so’ a giovane!

ALFREDO         E va’ bene, ma che ci vuole che se lo misura un poco?

LUCIA               E va bene! (indicando il corridoio a sinistra) Bettina, andate di la a vedervi il vestito.

ALBERTO         (Subito indicando la porta a destra) No,no, e’ meglio qua, Bettina! C’e’ lo specchio grande dell’armadio.

IDA                    (esce a destra con Amalia)

ALBERTO         (Cu’ tutte stì picciotte ca’ camminano p’a’ casa a’ mannava a’ spuglia’ a’ parte e’ rinto? Qua invece tengo la porta sott’occhio, sorveglio.

ALFREDO         (A Lucia e Alberto) Dunque, nipoti, venite qua, vi stavo parlando d’o’ cumpare. A verita’ gia’ me fa meraviglia che ancora s’adda vede’.

LUCIA               Ma quello sta in albergo. Viene qualche volta. Non e’ che viene tutti i giorni.

ALFREDO         Lucì, io non so’ venuto dall’America per entrare nei cosi…come si dice… nei cosi…. Nei faccendi vostri, pero’ aggio notato ca’ chisto cumpare vota e gira sta sempe mmiezo.

LUCIA               E’ tanto affezzionato!

ALFREDO         Si, si, ma me pare….comme se chiamma!? O’ coso….(fa dei gesti esplicativi) Comme se chiamma?

ALBERTO         O’Salame?

ALFREDO         No!

ALBERTO         O’turzo?

ALFREDO         No, no, (a Lucia) Comme se….(Notando che Lucia non gli bada intenta com’e’ a guardare preoccupata le figlie che si vezzeggiano con Jak e Pat) Ma che guarde?

LUCIA               (diastratta) A chilli dduje cetrule!

ALFREDO         Cetrulo….cetrulo!

LUCIA               (Chiamando) Katy!

ALFREDO         Brava! O’cetrulo int’o’ cato! M’aggio arricurdato!

LUCIA               Ma chi?

ALFREDO         O’ cumpare. Va sotto e ‘ngoppa e se piazza sempe vicino a te. A tavola vicino a te, in salotto vicino a te, e che facimmo? Cumparo cunparo e nun scumpare maje?

ALBERTO         Siente, siente cumm’e’ spiritose o’ zio!

ALFREDO         Eh, tu faje o’ scemo! Ma ossaje io che penzo? Ca’ tu tiene….(toccandosi la fronte) E cose…. Comme se chiammano? E cose…..

ALBERTO         E corne?

ALFREDO         (Afferrandolo per il petto minaccioso) Ma che dice? Cheste so’ parole di bestemmia!

ALBERTO         E ma voi avete detto e cose…e cose….

ALFREDO         Dico: e cervelle! M’aggio arricurdato. Tiene e cervelle ca’ nun so’ bbone! (E cio’ dicendo lo lascia andare)

ALBERTO         (Stu fatto d’a’ cosa, e cose e cose….me porta o’ manicomio a me!)

                                         IDA  AMALIA  E  DETTI

IDA                    (Indossa un abito chiaramente fuori misura per lei)

AMALIA           Ma guardate, facciamo vedere pure alle altre persone. Non e’ possibile. Qua ce sta nu’ sbaglio.

IDA                    Ma io vi dico di no!

AMALIA           Sentite, io nun me piglio responsabilita’, io so’ a’ giovane. Questo sara’ il vestito di un’altra signora.

IDA                    Ma perche’, se vi ho detto che me lo sono fatto fare apposta così.

AMALIA           Ma e’ troppo corto!

LUCIA               Bellagio’, ma vuje quanta cose vulite sape’? Il vestito e’ questo. Bettina accussì se veste.

AMALIA           Ma non e’ nemmeno la linea a sacco!

LUCIA               Nenne’, e’ la linea a sacchetto, va bene?

JAK                   (Dando a Ida una pacca sul sedere) Sta’ bene Bettina! Bello, bello vestito!

ALBERTO         Bettina,non ci fate perdere tempo, non vi mettete in mezzo. Andate di la’ con la giovine e toglietevi il vestito.

IDA                    Si,si, vado (ad Amalia) E’ molto bello, grazie, sono contentissima. (Esce a destra per risortire fra poco)

AMALIA           (seguendola) Ma nun po’ essere.

LUCIA               I’ che capa tosta! Piccere’, vuje pe’ stu carattere rimanite a fa a giovine pe’ tutt’a’ vita:

AMALIA           Vulite vede’ ca’ nun saccio o’ mestiere mio? Ca’ e’ cose so ddoje, o’ a masta quanno pigliaje e’ mesure steve ‘mbriaca, o a signora s’e’ allungata.

LUCIA               E si, chella a cameriera tutt’e’ sere mette e’ piere a bagno.

AMALIA           Mo’ sapite che faccio? ‘Nce piglio e’ mesure n’ata vota e l’e’ vaco aggiusta’ o’ vestito. (esce per raggiungere Ida)

ALFREDO         Neh’, ma questo liquore nesciuno lo miscia?

LUCIA               (Ad Alberto) C’a’ ditto?

ALBERTO         Nessuno lo mesce?

ALFREDO         Ma che lo devo misciare io?

LUCIA               No,no. Caterì….Katy, miette o’ liquore int’e’ bicchierine.

ALBERTO         Sentite, io pero’ voglio dire una cosa ai picciotti. Sentitemi bene, giovanotti, voi quelle pacche che date sul sedere….

JAK                   Come?

ALBERTO         Sedere!

JAK                   (Si siede imitato da Pat)

ALBERTO         Eh, domani! Dico il sedere, questo qui. Voi le pacche qui sopra non le dovete dare. Sentite a me lasciatele stare le pacche. In Italia, non si usa.

ALFREDO         (come per dire lo sanno) Bebe’, chiste so’ figlie d’italiane.

ALBERTO         Zì Alfre’, chiste so’ figlie e’….e bbona mamma!

PAT                   Oh, ma che dice?

ALBERTO         Eh, che dico! Voi vi volete divertire? E non vi preoccupate. Mica siamo zulu’. Anche qui ci sono night club, locali, spogliarelli. Io domani, vi porto a Napoli e avite voglio e fa!

PAT                   Spogliarello? Buono spogliarello!

ALBERTO         E non vi preoccupate. Ve lo prometto. Ve lo faccio vedere io lo spogliarello.

IDA                    (Viene in scena in sottoveste come inseguita da qualcuno)

                          Aiuto, aiuto…..

AMALIA           Mamma mia bella, che paura!

JAK                   (Battendo le mani imitato da Pat) Bello, bello spogliarello!

ALBERTO         Gue’! (Tira subito via il tappeto dal tavolo facendo cadere bottiglie e bicchierini e corre a coprire Ida)

                          Ma siete pazza, Bettina?

IDA                    Ma che pazza? C’e’ un uomo lla’ nascosto nell’armadio! (Ed esce di corsa a sinistra)

AMALIA           Si, si, mentre ci prendevo le misure alla signora, e’ asciuto n’ommo a’ dinto l’armadio, ha visto a signora annura, e a cacciato……

ALBERTO         C’a’ cacciato!?

AMALIA           A cacciato…..

TUTTI               C’a’ cacciato?!

AMALIA           Ha cacciato dduje uocchie a fora accussì!

ALFREDO         Ma come, c’e’ un uomo? (Fa dei cenni a Jak e Pat e tutti e tre assumono atteggiamenti allarmati e di difesa tipici dei gangsters armandosi.Poi ad Alberto)

                          Arape a porta!

ALBERTO         (terrorizzato) I…o?! (Fa per andare,poi desiste e assume anche lui un atteggiamento simile a quello degli altri tre)  Katy, arape tu!

LUCIA               (Armandosi di una bottiglia e tenendola levata in alto come per batterla in testa a qualcuno) Eh, ma cca’ overo facimme? (Apre la porta e si trova faccia a faccia con Camillo)

                                             CAMILLO  E  DETTI

CATERINA       Ma e’……

LUCIA               O’ cumpare! E’ o’ cumpare! Cumpa’, ma che facite? Mo’ ve sunavo a butteglia ‘ncapo!

ALFREDO         Ah! O’ cumpare sta cca’? E’ che faceva o’ cumpare int’a’ armadio?

CAMILLO         No, io…..io vulevo fa’ nu’ scherzo al compariello Alberto. E cosi mi trovavo di passaggio e ho detto:”mo’ traso p’a’ fenesta e mi nascondo dentro l’armadio”

AMALIA           Signori, vedo che voi dovete parlare degli affari vostri, allora io me ne vado, arrivederci e ci vediamo quanno e’ pronto o’ vestito.

JAK                   (dando un pizzicotto sulla guancia di Amalia) Simpatico’!

AMALIA           Gue’, ma ched’e’?! Statte o’ posto tuoje, chesta me pare a’ casa d’e’ scieme! No, no, non mi accompagnate. Vuje vedite, m’ha dato pure a’ mazzetta!

ALFREDO         (Scuotendo il capo con incredulita’)

                          Beh, beh!

ALBERTO         Dite!

ALFREDO         Beh, beh!

ALBERTO         Sto qua, zì Alfre’ dite!

ALFREDO         Ma che vuo’?

LUCIA               Albe’, nun sta’ chiammanno a te. Sta scapozziando: Beh, beh!

ALFREDO         Sapete che sto penzanno? Cumpa’, sto penzanno che questa e’ na’ bella casa. Chisa’ mio nipote quanti sacrificie ha fatto, quanta solde ha speso per venire a sta nu’ poco quieto ‘ncoppa a’ sta muntagna.

CAMILLO         E si capisce. Uno che vene a fa’ ‘ngoppo a’ sta muntagna? Pe’ sta quieto!

ALFREDO         Io penso che non dovrebbe avere troppi fastidi di gente ca’ vene, se mette int’a’ casa e nun se ne va’ cchiu’!

CAMILLO         Chesto e’ proprio chello ca’ penz’io!

ALFREDO         Cumpa’, chesta e’ na’ bella famiglia. Sarebbe un peccato se qualche cosa venisse a guastare la domestica tranquillita’. Marito e mugliera hanna sta sempre aunite e sule.

CAMILLO         Sule, sopratutte sule, avete ragione!

ALFREDO         Cumpa’, chiste se vonno bbene assaje! (Stringendo Alberto verso Lucia) E statte vicino a tua moglie. Abbracciala, dalle nu’ vase! Fate vedere a tutte quante come vi volete bene. Ma vi volete bene o no?

ALBERTO         (Cingendo subito le spalle di Lucia)

                          E come, non ci vogliamo bene!

CAMILLO         O’ pollice, o’ pollice!

ALFREDO         O’pollice? Addo’ sta? Ci stanno e’ pullice int’a’ sta casa?

CAMILLO         (Alzando il dito pollice e mostrandolo a Lucia ed Alberto)

                          No,dico:o’ pollice o’vvi’? Me so’ fatto male o’ pollice. Avite capito buono? O’ pollice!

ALFREDO         (Scuotendo la testa come sopra) Beh, beh! Me pare ca’ accummencia a’ fa nu’ poco caldo int’a’ sta stanza!

ALBERTO         Vogliamo andare un poco nel giardino?

ALFREDO         Ma qualu giardino? Tu nun capisce maje niente!

JAK                   Boss, qua veramente mi pare che fa un poco di caldo!

ALFREDO         Picciotte, e qua stiamo in famiglia. Levateve le giacche.

CATERINA       Si, si, Pat togliti la giacca.

PAT                   (Pizzicando il mento di Caterina) Grazio, grazio.

CAMILLO         Preghe, preghe.

PAT                   Como?

CAMILLO         Eh, Varese! Siente na’ cosa, Pat, facimme e’ patte chiare, quasta qua, e’ la mia commarella. Io la devo cresimare. Tu e’ abbuscato maje a nisciuno? No? E…….

                          (Pat e Jak togliendosi le giacche mettono in mostra le pistole)

                          ……e maje abbuscarraje! L’Italia e’ un paese accogliente, ospitale.

PAT                   (Battendo con forza la mano sulla spalla di Camillo) OKAY!

CAMILLO         (Fra se curvandosi sotto il dolore) O CACCHIO!

JAK                   (A Lucia confidenzialmente) Ueh,Lucì!

LUCIA               Gue’,ma chi t’e’ sape?

JAK                   Como?

ALFREDO         Jak, questa donna Lucia, e’ capito? Questa donna!

JAK                   (indicando Esterina) Questa maschio?

ALFREDO         Jak, questa miss, questa lady.

JAK                   Ah, aggio caputo, aggio caputo.

ALBERTO         Ha caputo!

JAK                   Donna Lucì, nuje ce purtammo e’ guaglione.

LUCIA               C’aggia fa’?

JAK                   Andiamo int’a’ giardina!

ALFREDO         Lascia fa, Lucì, chiste so’ figlie d’italiane.

CAMILLO         Ma addo’ vanno? Io nun aggio capito bbuono!

ALFREDO         Cumpa’, quelli non conoscono bene il sesso

CAMILLO         (A Lucia) E so’ vanno a’ ‘mparaì’ cu’ e’ guaglione?

ALFREDO         Dico: non conoscono bene il sesso delle parole. Se sono maschili o donnili. Percio’ dice: dint’a’ giardina.

CAMILLO         Si, ho capito, ma io nun vulevo dicere chesto. Io vulevo dicere…..

ALFREDO         Cumpa’, scusame si t’o’ dico: ma tu staje troppo mmiezo. Qua ci sono i cernitori. Andate, picciotte, andate!

JAK                   (A Lucia) Vuo’ venì pure tu dint’a’ giardina?

LUCIA               Jak, miettete a giacca e vattenne dint’a’ giardina, va!

JAK                   (A Esterina avviandosi per uscire) Coman baby.

ESTERINA        Oh, chery, chery!

CAMILLO         Vo’o’ cerino? A cummarella s’e’ ‘mparata pure a fuma’?

ESTERINA        Compare, ho detto chery,chery, e’ francese! Significa carino. (Prende a braccetto Jak e canticchia mentre esce a sinistra con lui un motivetto francese)

CAMILLO         Mo’ nun pozzo capì ma che revettiello ce sta’ int’a’ sta canzona?

CATERINA       (Prende a braccetto Pat e avviandosi per uscire a sinistra canticchia in spagnolo) Besame, besame mucho…..

CAMILLO         Cafe’ chantant internazionale!

ALBERTO         (Gridando dietro a Caterina ed esterina dalla soglia del corridoio a sinistra) La cameriera no in giardino eh? Sta raffreddata!

CAMILLO         Eh, a cammeriera no int’o’ giardino, e’ vero? E’ cummarelle mie hanna piglia’ o’ raffeddore!

ALFREDO         (Gue’ ma vo’ parla’ afforza sa’)

                          Basta, veniamo a noi. Io vulesse parla’ nu’ poco e’ cose serie.

ALBERTO         Benissimo. (A Lucia facenno un segno per alludere ai quattrini)

                          Vo’ parla’ e cose serie!

ALFREDO         (Come per chiedere se puo’ parlare in presenza di Camillo)

                          Ma…..

LUCIA               No,zì Alfre’ se e’ per il fatto dei soldi, chillo o’ cumpare sape tutte cose. Anzi, e’ meglio ca’ sta presente.

ALFREDO         (di malavoglia) E va bene. Jammo, arape a mappatella.

ALBERTO         Quala mappatella?

ALFREDO         Arape a’ mappatella dei guaje e parlammo nu’ pochettino della tua situazione debitoria.

ALBERTO         Ah, bello zì Alfredo. O’ siente Lucì? Apriamo il mappatone e parliamo moltino della situazione debitosa.

ALFREDO         Lucì, parla pure tu pecche’ io a questo nun o’ tengo e’ fiducia, ditemi tutti quelli che avanzano e’ denare.

ALBERTO         Zì’ Alfre’, prima di tutti quanti…..

LUCIA               O’ cumpare!

ALFREDO         Ah, o’ cumpare avanze e’ denare?

ALBERTO         Si, ma ce ne stanno altri piu’ importanti. Io dicevo…..

LUCIA               O’ cumpare, o’ cumpare vene primma e’ tutte quante.

ALFREDO         (Sottovoce ad Alberto) Ave ragione. Questa e’ fina. Ve ne dovete liberare!

                          (Ad alta voce) Cumpa’, tu quanto devi avere da mio nipote?

CAMILLO         Beh,per il passato nu’ milione. Ma poi ci sono i debiti futuri….

ALFREDO         Comme sarebbe?

CAMILLO         Certe promesse che gli ho fatto, e’ vero? Quattrocentomilalire!

ALFREDO         E chiste so’ pidocchie!

ALBERTO         Si, ma po’ ci stanno gli elefanti.

ALFREDO         Io me credevo quant’era! E tu accussì me faje disgusta’!

ALBERTO         Ma non vi preoccupate, che io vi consolo subito. Ci stanno usurai, fornitori, sarti, padrune e’ case, assegni, cambiali, avvocati, ufficiali giudiziari, pegnorazioni, sequestri…..

LUCIA               …….e o’ cumpare. Primma e’ tutte o’ cumpare.

ALBERTO         Ma si facimme accussì, chillo s’avvilisce.

ALFREDO         Io? Ma perche’ ti credi che io li pago a tutti quanti?

LUCIA               Ecco. Quello paga solo gli amici, quelli che non hanno preso interesse!

CAMILLO         Io per esempio……

ALFREDO         (Senza badargli, continuando a parlare ad Alberto)

                          Io li chiamo, e’ metto in fila a tutti quanti e…..Ta ta ta ta ta!

CAMILLO         (Subito) Io per esempio, ce li regalo. Io nun voglio niente cchiu’. Noi siamo amici fraterni!

ALFREDO         (Ridendo e dando un colpetto confidenziale sulla pancia di Camillo) Ah,quant’e’ bello o’ cumpare! Cumpa’, ma io pazzeo. Che me metto a spara’ a’ gente accussì? (Con faccia improvvisamente severa) Fosse una quistione di onore e allora….. (Ridendo di nuovo) Ah, quant’e’ bello o’ cumpare!

CAMILLO         (Chista a’ panza mia l’ha pigliata pe’ nu’ tamburo!)

ALFREDO         Basta, Bebe’, io aggio capito e che se tratta. Fatte a’ mappatella……

ALBERTO         …..e vattenne!

ALFREDO         No, dico: per adesso chiudiamo la mappatella dei guai e mettiamola da parte. Po’ quanno vene o’ mumento l’arapimme.

ALBERTO         Zì Alfre’, ma questo e’ il momento. Io vi volevo dire…..

ALFREDO         Basta,basta, mo’ voglio stare in allegria. Andiamo un poco int’o’ ciardino.

ALBERTO         Ma guardate……

ALFREDO         Tu tiene na’ cosa……Na’ chitarra?

ALBERTO         No!

ALFREDO         Nu’ mandulino?

ALBERTO         No!

ALFREDO         Ih! Si’ a schifezza d’e’ napulitane! Io volevo cantare due canzoni antico!

ALBERTO         Zì Alfre’, cu’ chisti chiar’e’ luna ce mettimmo a’ canta’?

ALFREDO         Ma che t’e’ crire, io tengo ancora na’ bella voce. (Mettendosi improvvisamente a cantare verso Camillo) Ma n’atu sole cchiu’ bello ojne’……

CAMILLO         Tenimmo pure a vedette internazionale!

ALBERTO         Zì Alfreì sentite….

ALFREDO         O’Sole mio sta ‘nfronte a’ te…..

ALBERTO         Zì Alfre’, ‘nfronte a me ce stanno certi chiuovi maje visti. Io vi volevo far capire l’urgenza…..

ALFREDO         (Andando verso Camillo come per invitarlo a cantare)

                          Io te vurria vasa’

CAMILLO         (Sovrappensiero ha un sussulto, si scosta di qualche passo)

                          A chi?!

ALFREDO         Compa’, tu e’ ‘ntiso che voce? Eh, n’aggio fatte serenate!

ALBERTO         Sulo a’ serenata mia nun ha vo’ capì!

LUCIA               E ghiammo, Albe’, jato int’o’ giardino, io voglio d’a’ n’uocchio a’ cena e po’ vengo. (Sottovoce) Muovete, puortatillo.

ALBERTO         Ma io volevo assodare…

LUCIA               Ma chillo mo’ ha chiuso a’ mappatella, nun te preoccupa’, quello poi l’apre e caccia tutt’e’ e’ ciaccarielle a’ dinto, Jammo, jammo.

ALFREDO         Come dici, Lucia?

LUCIA               No, dicevo, chesta pure e’ bella (Spingendo Alfredo e Alberto verso il corridoio a sinistra e cantando) Jammo jammo ‘ngoppo jamme ja!

ALFREDO         (Prende a braccetto Alberto ed esce a sinistra cantando)

                          Jammo jammo ‘ngoppo jamme ja…….

LUCIA               (Li segue con lo sguardo dalla soglia del corridoio a sinistra. Quando si e’ assicurata che non possono vederla, si avvicina frettolosamente a Camillo e parla precipitosamente senza prendere fiato e senza permettergli di interloquire)

                          Fa’ ampressa, parla, parla. Si me’ a’ ricere qualchecosa, fa ampressa. Parla, parla.

CAMILLO         Si, Lucì, si, io t’aggia ricere nu’ sacco e’ cose…..

LUCIA               E fa ampressa, chille veneno. Parla, parla.

CAMILLO         Ma nun o’ssaccio……io te vulevo dicere nu’ sacco e’ cose e mo’ nun me ne ricordo nisciuna cchiu’.

LUCIA               E ricordate, spicciate. Mo’ chisa’ quanno ce putimmo parla’ n’ata vota. Parla, parla fa ampressa.

CAMILLO         Ah, si, io te vulevo dicere……

LUCIA               (interrompendolo) Tu nun e’ a’ fa o’ scemo, e’ capito? Che te si nascosto affa’ int’a’ l’armadio? Ma tu si pazzo?

CAMILLO         Ma perche’ io voglio sorveglia’, voglio vede’

LUCIA               Ma che vuo’ vede’? che vuo’ sorveglia’? parla e’ cose serie. Fa ampressa ca’ chiste ce scoprono.

CAMILLO         Embe’ me da’ l’idea e quanno facevamo ammore e’ nascosto e mammeta nun vuleva.

LUCIA               Eh, mo te miette a fa o’ sentimentale, parla, parla…….

CAMILLO         Lucì, io sto preoccupato! E visto che piezze e’ pistole? Chiste fossero venute a Napule pe’ fa qualche cosa?

LUCIA               Uh, mo’ me faje mettere ‘ncapo n’atu penziero!

CAMILLO         A te? Io cu’ chesta capa nun tengo cchiu’ add’o’ mettere nu’ penziero, sto chino!

LUCIA               Ma perche’? perche’ tutta sta tragedia? Nuje eramo d’accordo!

CAMILLO         No, io nun ero d’accordo. Io ero venuto cca’ pe’ me cura’ e nierve.

LUCIA               Camì, tu o’ vvuo’ sape’? Io sto facenno tutto chesto pecche’ aggio fatto nu’ vuto. Aggio fatto nu’ voto a madonna d’o’ Carmine pe’ te fa’ sta bbuono a’ te  cu’ e nierve………

CAMILLO         (Commosso) Lucì, fatte abbraccia’.

LUCIA               ……..pecche’ nun te pozzo suppurta’ cchiu’, e’ capito?

CAMILLO         Nun te voglio abbraccia’ cchiu’!

LUCIA               Uh, madonna, chillo penza a abbraccia’! Ma che si pazzo?

                          (Dando uno sguardo per assicurarsi che non viene nessuno)

                          E jammo, jammo, abbraccia,fa ambressa.

CAMILLO         E comme t’abbraccio accussì? Tu me pare a statua d’a’ liberta’

LUCIA               (Facendo per andare verso di lui e abbracciarlo) Eh, e tu me pare o’ monumento ……………………

ALFREDO         (Di dentro) Lucia!

LUCIA               Uh, zì Alfredo! Mo’ me n’aggia jì. Me n’aggia jì, statte calmo, so’ tre giorne, tre giorne sultanto!

CAMILLO         Ma io te vulevo dicere…….

LUCIA               Aspetta, aspetta cca’ fora. Io appena pozzo faccio n’ata scappata. Vaco e vengo. Nun te scurda’ a pillola, o’ sonnifero, e gocce……si no’ tu cade malato cu’ e’ nierve chiu’ peggio e, chi te supporta doppo? (Esce a sinistra)

CAMILLO         (Mettendo le mani in tasca come per cercare qualche cosa che non trova)

                          Quanno po’ o’ miereco dice non fumate, uno cu’ sta nervatura comme fa a’ nun fuma’?

                          (Apre la scatola portasigarette e la richiude subito)

                          E figurate sì truvave na’ sigaretta cca’ dinto!

                                          LUIGI  E  DETTO

LUIGI                (Appare nel vano della finestra e cerca di richiamare l’attenzione di Camillo) Psss….Psss…

CAMILLO         Chi e’?

LUIGI                So’ io, bonasera!

CAMILLO         E sulo vuje ce mancaveve!

LUIGI                Sentite, io sono avvilito.

CAMILLO         Vuje? Io so’ distrutto!

LUIGI                Io v’aggia parla’ pe’ fforza. Faciteme a’ carita’, pozzo trasì nu’ mumento?

CAMILLO         Voi fumate?

LUIGI                Si!

CAMILLO         (Facendogli cenno di venire per la porta) Venite!

LUIGI                (Scavalca la finestra e entra) Sto qua!

CAMILLO         Ah, site trasuto gia’? Jammo, dateme na sigaretta. Assettateve e parlate ampressa ampressa.

LUIGI                Ma io fumo a pippa!

CAMILLO         E allora parlate all’impiedi.

LUIGI                Vuje m’avite cunusciuto bbuono? Io so’ l’ommo d’o’ paese, tengo pure o’ fucile e o’ cane lupo.

CAMILLO         E che vulite a me?

LUIGI                Da ommo a ommo: e ffiglie voste so’ ddoje cape allerta!

CAMILLO         E vuje trasite d’a’ fenesta pe’ me dicere chesto?

LUIGI                (Scoppia improvvisamente in un pianto disperato)

                          Ah!

CAMILLO         Ma ch’e’ succieso?

LUIGI                Io sono innamorato! Guardatemi. Io sembro un duro, tengo a faccia e’ nu’ delinguante, ma io sono un sentimentale! Io gia’ sognavo ca’ ogni mattina e’ purtavo e’ ffiche, e’ pummarole e ‘nce facevo truva’ ‘ngopp’o’ davanzale d’a’ fenesta, pecche’ io tengo l’orto.E’ vvulevo purta’ o’ llatte e quaglia. Invece mo’ e vveche cu’ chilli dduje bacchettune americane! Ma che l’hanno prumesso? Ca’ se sposano e se portano in America? Io, io me le sposo!

CAMILLO         Voi?

LUIGI                Sissignore. Don…..come vi chiamate, io vi chiedo formalmente la mano di vostra figlia!

CAMILLO         Ma e’ quale?

LUIGI                E quale? Nun o’ saccio ancora!

CAMILLO         (Avviandosi a lui minacciosamente) Sentite ,io………Fora tenite o’ cane lupo?

LUIGI                No, no!

CAMILLO         Sentite, io ve rompo a’ faccia. Io passo nu’ guaio ‘nguollo a vuje!

LUIGI                Ma io tengo intenzioni serie!

CAMILLO         E ve vulite spusa’ a tutt’e’ ddoje?

LUIGI                Voi avete ragione, e’ incredibile, ma sono cose che succedono. Sto indeciso su quale, ma una m’ha piglio certamente.

CAMILLO         E va’ be’, lasciate l’anticipo, io ve la conservo!

LUIGI                Voi scherzate? Ma allora so’ ridicolo? Quelle mi hanno lusingato tutt’e’ due. Mi hanno fatto innamorare e po’ se so’ avutate a parte e l’America.

CAMILLO         E sono alleanze improvvise che succedono,

LUIGI                ma allora io mentre ne’ tenevo a doje, nun ne tengo a nisciuna cchiu’?

CAMILLO         Ma cheste so’ cose nove ca’ me succedono a me!

LUIGI                Sentite, voi e’ inutile che fate, vuje a una me l’avita da’

CAMILLO         E io a costo e’ l’accidere a tutt’e’ ddoje, nun ve ne dongo a’ nisciuna.

LUIGI                E’ l’ultima parola?

CAMILLO         L’ultima!

LUIGI                L’ultimissima?

CAMILLO         NAPOLI NOTTE!

LUIGI                E allora vaco a’ piglia’ o’ cane lupo!

CAMILLO         Ma guardate, voi dovete capire, voi siete un bel giovane, intelligente, non dovete fare così.

LUIGI                No, io vaco a’ piglia’ o’ cane lupo e o’ fucile……e sparo primma o’ cane e po’ a me!

CAMILLO         Ah, ma ve sparate vuje e o’ cane?

LUIGI                E commo o’ lascio sulo ‘ngoppo a’ terra a chella povera bestia? Chillo tene sulo a’ me!

CAMILLO         E jate, jate, facite ampressa.

LUIGI                Ma sentite…….

CAMILLO         Jatevenne!

LUIGI                Va bene. Dimane accattate o’ giurnale. Truvate a’ fotografia mia e d’o’ cane in prima pagina. Buona sera!

                          (Esce rapidamente dalla comune)

CAMILLO         (Si mette a sedere)

                                         VITTORIO  E  DETTO

VITTORIO        (Dalla comune) Permesso?

CAMILLO         E vuje chi site? Comme site trasuto?

VITTORIO        Mi ha aperto la porta uno ca’ asceva chiagnenno. Mi ha domandato:”Site americano?” No! E trasite!

CAMILLO         E che vulite?

VITTORIO        Il signor Alberto Bevilacqua sta’ e’ casa cca’?

CAMILLO         Purtroppo!

VITTORIO        Vuje site persona e’ famiglia?

CAMILLO         Sono il compare.

VITTORIO        Faciteme o’ favore, chiammatemmillo, ditegli:fuori ci sta Don Vittorio Caprese che da Bevilacqua ti fa diventare Bevivino, anzi Beviveleno, Bevisale inglese,Bevi olio di ricino, anzi…..

CAMILLO         Si, si, aggio capito. Gli fate un bel cocktail tossico purgativo. Ma mi volete spiegare  e che se tratta?

VITTORIO        Guardate, io tengo a faccia verde? E lui la deve fare rossa! Dovete sapere che in un passato molto remoto, ebbi un momento di grave incoscienza e facette nu’ prestito o’ cumpariello vuosto!

CAMILLO         Ah, o’ creditore!

VITTORIO        O’ sapite pure vuje? Tanto meglio. Io a faccia verde e isso a faccia rossa, chiammatelo.

CAMILLO         Ma guardate, voi non ci riuscite. Quesslo e’ proprio colorito così, e’ pallido.

VITTORIO        Ah, si? E allora ce la faccio rossa io a furia e’ pacchere! Quanto vi prego, chiammatelo!

CAMILLO         Sentite, io vi giuro che in questo momento nessuno sarebbe piu’ felice di me…..

VITTORIO        Si o’ vattesse?

CAMILLO         Vulesso o’ cielo! Dico:non voglia il cielo /facendo per prendere il portafogli) Mo’ vi pago io. Voi quanto dovete avere?

VITTORIO        No! M’havita fa’ a’ cortesia v’avita luva’ a’ miezo. Io nun voglio essere pagato, io l’haggia vattere.

CAMILLO         Ci tenete proprio?

VITTORIO        M’avita credere, io ero chiatto accussì, pesavo ottantacinque chili. Cure dimagranti, ginnastica,niente ci poteva! Le scale d’o’ palazzo e’ chillo….  Quinto piano….senza ascensore…..M’hanno fatto addeventa’ accussì. Io aggia sfuga’.

CAMILLO         Ma che vi devo dire? Io non vi vorrei privare di questo sfogo, pero’ dovete dire che la mossa di pagarvi l’ho fatta, e voi non avete voluto.

VITTORIO        D’accordo!

CAMILLO         E stammo a’ posto!

VITTORIO        Ah, vuje ce penzate? Ducientemilalire e’ pacchere!

CAMILLO         Non vi scordate gli interessi!

VITTORIO        Io verde e lui rosso!

CAMILLO         (Immaginando la scena) Mi raccomando: tie’, tie’! pacchere, cauce chianette, e morze ‘ncapo.

VITTORIO        Eh, no. Accussì nun o’ pozzo fa. Chillo se fa e’ testimonie e’ me fa arresta’ come usuraio.

CAMILLO         Ah, e allora site chiacchiarone?

VITTORIO        Io? Nun ve preoccupate, saccio comme aggio a’ fa!

CAMILLO         Eh, voi siete un praticone.

VITTORIO        Ve pare a’ vuje ca’ io nun saccio sti ccose? Io accummincio chiano chiano a me piglia’ confidenza cu’ a mogliera.

CAMILLO         Cu’ a’ mugliera?

VITTORIO        Mi hanno detto che e’ na’ bella femmena.

CAMILLO         Ma pecche’ vuje nunn’a’ cunuscite?

VITTORIO        Mai vista!

CAMILLO         No, ma guardate. Chella a’ mugliera non centra, quella e’ una brava donna.

VITTORIO        Quanto vi prego, lasciatemi fare. Io saccio a me, io accummencio:a signora quanto e’ simpatica, a signora quanto e’ carnale….

                          Primmo o’ vasillo ‘ngoppo a’ mano, po’ o’ pizzechillo ‘nfaccia, po’ sotto a’ vavarazzella e po’……

CAMILLO         No, no, addo’ jate? Aspettate, voi non lo potete fare questo.

VITTORIO        Ma v’aggio ditto lasciateme fa! Io o’ mette ‘ncroce. Chillo sta sta’, po’ quanno vede che io esagero proprio a me piglia’ confidenza, scatta e me dice qualche parola. Io mi offendo, aizo a’ mano e quante ne’ vuo’, ca’ so’ cepolle! Ve l’aggio ditto: io verde e lui rosso.

CAMILLO         Ma vi assicuro che non ci fate niente. Chillo nun se ne’ ‘mporta proprio d’a’ mugliera!

VITTORIO        Overo? Ma pecche’ e’ pure marito cuntento?

CAMILLO         Si, ecco, mo’ ve’ l’ho detto. Quello e’…… Voi mi capite!

VITTORIO        Ah, si? E allora si nun vatto a isso me ne veco bbene cu’ a’ mugliera.

CAMILLO         (E vvide!)

VITTORIO        Chella e’ na’ bella femmena, me l’hanno ditte!

CAMILLO         Ma quando maje! Addo’ sta chesta bellezza! Chella e’ na’ femmena accussì, comune, insignifivante, e’ na’ femmena…..

VITTORIO        Aspettate (Guardando verso il corridoio a sinistra) Ma fosse chella ca’ sta venenno cu isso? Che lui ci tiene il braccio attorno alle spalle?

CAMILLO         Gue’, addo’? ce tene o’ braccio ‘ngoppo e’ spalle?

VITTORIO        E’ chella?

CAMILLO         Si!

VITTORIO        Vì quanto e’ bbona! Ma vuje ce pazziate?

CAMILLO         Ma voi po’ perdete i soldi. Non recuperate piu’ il credito.

VITTORIO        Ma io ce voglio refonnere o’ riesto appriesso. Chi o’ dice niente cchiu’? io voglio essere gentile, io aggia trasì int’e’ grazie e’ sta gente!

                                       ALBERTO  LUCIA  E  DETTI

ALBERTO         (Venendo dalla sinistra con Lucia)

                          Dunque, Camì….. (Scorgendo Vittorio) Ah!

VITTORIO        Donn’Alberto bello!

ALBERTO         (Mettendo le mani avanti) Aspettate, Don Vitto’ aspettate……

LUCIA               (sottovoce ad Alberto) Ma chi e’?

ALBERTO         O’ creditore mio. Lucì, aiutame ca chisto mo’ me vatte.

VITTORIO        Ma che d’e’ Don Albe’, ce ‘ncuntrammo ‘ngoppa a’ stu paese e non mi salutate nemmeno? Ma che v’aggio fatto?

ALBERTO         Don Vitto’, aspettate!

VITTORIO        Ma c’aggia aspetta’?

ALBERTO         No, non voglio dire aspettate la fine del mese come le altre volte. Voglio dire che mo’ il mio compare vi salda di ogni vostro avere. Salda Camì, salda!

VITTORIO        Ma allora voi non mi stimate? IL signore qua me l’ha gia’ detto che mi voleva saldare! (a Camillo) Vuje state a posto!

CAMILLO         (No, io sto’ ‘nguajate)

VITTORIO        (Ad Alberto) Ma secondo voi, io po’ so persona ca’ ve mette in condizione e’ ve fa ‘mpresta’ e’ sorde a’ n’ato pe’ m’he da’ a’ me? Modestamente, Vittorio Caprese sottoscritto, sape fa l’ommo. Io vi voglio dire solamente…..

LUCIA               Non ci mortificate, signor Capretto.

VITTORIO        Caprese, a servirvi.

LUCIA               Ah, come la gente di Capri, che bellu nomme!

VITTORIO        (Pizzicando la guancia di Lucia) Ih, quanto e’ simpatica a’ signora!

CAMILLO         (Mandando giu’ un bicchierino di liquore come per darsi coraggio)

                          O’ pizzeco ‘nfaccia!

ALBERTO         Don Vitto’, io vi volevo dire che, appena tornati a Napoli, venite a casa mia…..

VITTORIO        …..e scengo e’ n’ati vinte chile!

LUCIA               No, guardate, signor Caprone.

VITTORIO        Caprese, Caprese.

LUCIA               Ah, si, e che vulite a me. Me so’ distratta perche’ mi mortifico……

VITTORIO        Ma voi non vi dovete mortificare (Baciandole la mano) Permettete?

CAMILLO         (Mandando giu’ un altro bicchierino)

                          Mo’ se mangia a’ mano.

VITTORIO        In questo luogo di pace e serenita’, non dobbiamo mai parlare di cose spiacevoli, dico bene Don Albe’?

ALBERTO         Benissimo! (Ma allora l’aria cca’ ‘ngoppa overo fa bene?)

VITTORIO        Io cercavo solamente…..

ALBERTO         (Mo me vatte!)

VITTORIO        io vi cercavo per dirvi una cosa sola.

ALBERTO         (Con la voce in gola) Che cosa?

VITTORIO        Don Albe’……Senza cerimonie, se vi trovate in difficolta’ e avete bisogno di me, io sto a disposizione.

ALBERTO         (Guardandolo stupito) State facendo l’ironia?

VITTORIO        Sto sempre a disposizione per voi e per la vostra gentile signora.

LUCIA               Grazie, e pure noi stiamo a disposizione per tutto quello che possiamo.

VITTORIO        (Pizzicando il mento di Lucia) Ma quanto e’ carnale questa signora!

CAMILLO         (Mandando giu’ un altro bicchierino) Uh, a vavarazzella!

VITTORIO        (Indicando il corridoio a sinistra) Ma io sento e’ canta’, tenite festa a’ parte e’ rinto?

ALBERO           No, accussì, e’ arrivato mio zio dall’america e facimmo un poco di rumore per stare in allegria.

VITTORIO        Ah si? E ve dispiace se resto pur’io?

CAMILLO         E no!

VITTORIO        No?

LUCIA               Dice:No, nun ce dispiace. E perche’ ce avesse dispiace’ voi site na’ persona simpatica.

VITTORIO        Io? Ma quanto e’ affabile sta signora vosta. Donn’Albe’, sapete che vi dico…..

ALBERTO         (mo’ me vatte!)

VITTORIO        (prendendo dal portafogli una cambiale scaduta)

                          Chesta e’ a’ cambiale vosta.

ALBERTO         Si, lo so’, ma il compare…….

VITTORIO        Niente compare. Io non vi dico in questo momento, io non vi dico domani, io non vi dico dopodomani….. ma vi dico: pigliateve a’ cambiale, quanto e’ tenite m’he’ date.

ALBERTO         Don Vitto’, giurate quanto e’ vero Iddio che non state facendo l’ironia!

VITTORIO        Ah,  ma allora nun capite niente? (Ripigliandogli di mano la cambiale) Mettite a’ cambiale cca’!

ALBERTO         (Nun m’ha vo’ da cchiu’!

VITTORIO        (Dando la cambiale a Lucia) Ecco, non la do’ a voi, la do’ alla vostra gentile signora.

LUCIA               (Lacerando subito la cambiale) Grazie, grazie. Noi siamo amici, levammo o’ fraceto a’ miezo, dico bene?

VITTORIO        (Pizzicando il mento) Ma quanto e’ simpatica questa signora!

ALBERTO         E’ chesta e’ n’aria miracolosa! (A Vittorio indicando la finestra)

                          Guardate quanto e’ bello, verde, clorofilla, respirate profondamente! Ah, ah!

CAMILLO         (Fremento internamente) Ah!

LUCIA               Chest’ato, cumpa’?

CAMILLO         Cumma’, respirano tutte quante ,e sulo a clorofilla mia ve’ da’ fastidio?

LUCIA               Ma voi pare ca’ tenite i torcimenti.

CAMILLO         Cummà, arrivati a questo punto, punto e basta! Io aggia parlà.

ALBERTO         (con le mani congiunte e voce implorante) Camì, fratello…..

CAMILLO         Albè, io………io parlo!

ALFREDO         (chiamando di dentro) Lucia, Bebè!

LUCIA               (subito)’O zio, ‘o zio, c’e stà chiammanno ‘o zio (spingendo Alberto verso sinistra) Và Albè, và, avviate cu don Vittorio aggia dicere na’ parola a ‘o cumpare, mò vengo.

ALBERTO         Si, si mi raccomando a te (a Vittorio) fateve n’ata bella respirata d’aria: Ah! E iammuncenne. ( esce a sinistra con Vittorio)

LUCIA               (subito a Camillo) Ma tu si pazzo? Ma tu si pazzo? Ma che vulive dicere? Mò pe’ nu’ poco ‘e sale perdimmo ‘a menesta? Parla , parla, me vuo’ dicere quacche cosa? Parla!

CAMILLO         Lucì, io voglio parlà.

LUCIA               E t’aggio ditto parla!

CAMILLO         Lucì, ma quello il creditore mi ha detto ca se vo’ piglià confidenza cu’ ‘a mugliera ‘e don Alberto, che poi saresti tu.

LUCIA               Ah, pirciò pezzzecava chillu scemo?

CAMILLO         Sissignore.

LUCIA               Ma io mo appena s’accosta, ‘o dongo nu’ buffettone! (campanello) A porta, a porta (esce per aprire e per risortire fra poco)

CAMILLO         Ma che putesse fa, che putesse fa?

                                      MARCELLO  E  DETTI  

MARCELLO     (entrando dalla comune con lucia) Sissignore, io sono il dottore Marcello Toccasana e ho ricevuto un grave danno alla macchina in uno scontro cu’ nu’ signore che abita qui.

LUCIA               Si, ma guardate, in questo momento……..venite domani

CAMILLO         Aspetta, Lucì. Voi site dottore, medico?

MARCELLO     Dottore medico.

CAMILLO         Scusate un momento, assettateve (portando in disparte Lucia) Lucì, ho trovato. Fatte venì na’ mossa. Fingi di sentirti male, accussì te cucche e te lieve ‘a miez’a ‘e ‘mbruoglie. Ccà sta’ pure ‘o duttore. Chillo te visita. Tu ‘e ‘a dicere ca te fa male ‘mpietto. Chillo pensa ca po’ essere l’infarto e te fa cuccà.

LUCIA               Dice buono. Me faccio venì na’ mossa:”A me fa male mpietto”, va bene, va bene (a Marcello) con permesso (esce a sinistra)

CAMILLO         (andando a sedere vicino a Marcello) Dunque dicevamo, voi siete dottore…..

MARCELLO     Si, ma non esercito più.

CAMILLO         Va bene, ma in caso di necessità, se una signora se sente male…….

MARCELLO     Ma pecchè scusate?

CAMILLO         No, perché fra poco la signora si sente male.

MARCELLO     E che ne sapite?

CAMILLO         No, penso così……..aggio visto ca teneva na’ brutta faccia. Quella è cardiopatica, mettetela subito a riposo.

MARCELLO     Ma io so’ venuto pe’ parlà d’a machina……….

CAMILLO         Va bene, ma non potete venire meno al vostro dovere professionale.

MARCELLO     Ma se vi ho detto che non esercito più!

CAMILLO         Ma perché?

MARCELLO     Sentite, ma voi quante cose volete sapere! Tenevo nu’ difetto va bene? Quando visitavo una bella donna, mi veniva subito la voglia di metterla a letto.

CAMILLO         Benissimo. Io trovo che specialmente per i cardiopatici, è una norma prudenziale assai buona. Al primo dolore subito a letto, riposo assoluto.

MARCELLO     Sentite, voi non avete capito niente. Io, quando visitavo una bella donna……

CAMILLO         La volevate mettere a letto.

MARCELLO     Si, ma int’o lietto ‘nzieme a me!

CAMILLO         State pazzianne?

MARCELLO     Ma che pazzianne! Vi faccio una confessione da uomo a uomo, io per questa ragione sono stato espulso dall’ordine dei medici. Lo so, voi mi direte “Ma chist’e proprio nu’ puorco”, è overo. Ma voi ve lo immaginate a nu pover’ommo che dice “Signò, levateve ‘a gonna, e chella s’a leva. Signò, sbottonatevi la camicetta, e chella s’a sbottona! Signò, aizate nu’ poco la sottana………e chella s’aiza, s’aiza, s’aiza”.

CAMILLO         Ma che c’entra, voi siete dottore!

MARCELLO     Eh, ‘o ‘ssaccio! Ma perché un dottore non è di carne e ossa come gli altri? Di fronte a certe cose uno si esalta. Si immagina una specie di spogliarello privato eseguito a suo comando e piacere. E allora me la salutate l’etica professionale! La fantasia lavora, lavora, lavora……

CAMILLO         Lavora, lavora, lavora……………

MARCELLO     Ed ecco che uno dice “Spogliatevi, spogliatevi tutta!”

CAMILLO         Ah, Mafonna mia! Scusate (va a bere un bicchierino di liquore)

MARCELLO     Non vi dico poi quando accumminciate a tastà!

CAMILLO         Che succede?

MARCELLO     Cose dell’altro mondo! “E sentiamo il cuore, e sentiamo le spalle, e tastiamo la pancia………..”

CAMILLO         Pure ‘a panza?

MARCELLO     E comme no? Voi me lo sapete dice uno comme fa a non pensare a cierti cose? Ma figuratevi ca’ me stevano purtanno ‘0 manicomio!

CAMILLO         (E faceveno ‘bbuono!)

MARCELLO     Io perciò sto qua, che vi credete? Pe me curà i nervi.

CAMILLO         (Quasi senza voce) Si, sì lo so. A clorofilla, l’aria ‘e spiritamenta, è balsamo! (si sente venire dalla sinistra un rumore di voci confuse)

                            LUCIA, ALFREDO, ALBERTO E DETTI

LUCIA               (Entrando dalla sinistra sorretta da Alfredo e Alberto)

                          Ah, che dolore, che dolore! Purtateme a cuccà.

ALFREDO         (Ad Alberto) Chiamma pure ‘e guaglione.

LUCIA               No, no, non fate sentire niente alle ragazze, quelle si impressionano.

ALFREDO         E assettate, sedan qua.

LUCIA               No, no, me vulesse cuccà.

CAMILLO         No, cummà, nun date retta, chella sarrà na’ cosa ‘e niente.

LUCIA               Ma che dicite, cumpà? Io mi sento male, male assai! Un dolore qua, in petto. (a Marcello) Voi seiete dottore, io l’ho sentito mo’ che siete entrato. Visitatemi, io mi sento l’infarto.

MARCELLO     (Ah, che tentazione!)

ALFREDO         Dottò, e la volete visitare?

MARCELLO     Ma io……………

CAMILLO         No, no, perche l’hadda visità? Quello ci sembra che non tiene niente.

ALFREDO         A meraviglia mia era ca ‘o cumpare nun rispunneve ‘mmiezo (a Marcello) Voi siete dottore?

MARCELLO     Si.

ALFREDO         E visitate!

CAMILLO         Ma io dico……….

ALFREDO         ‘A capa è tosta, eh? (a Marcello) Visitate!

LUCIA               Dottò, dottò, ve l’ho detto, io mi sento l’infarto.

MARCELLO     (Guardandola estasiato) Con questo colorito?

LUCIA               Temgo ‘a faccia ‘bbianca?

MARCELLO     (Con tono un tantino declamatorio) No, color di latte e di rosa come l’alba e l’aurora!

CAMILLO         (Mo dice pure ‘a poesia stu disgraziato!)

MARCELLO     Voi avete le labbra coralline e gli occhi di stella!

LUCIA               Dottore, ma che dite? Io mi sento male!

ALFREDO         (Spingendo Alberto verso Lucia) E statte vicino a tua moglie, ma che fai ‘lloco comm’a nu’ cetrulo, addo guarde?

ALBERTO         (Che sta guardando verso il corridoio a sinistra)

                          A’ cameriera ca’ va attuorno cu’ a guantiera mmano.

ALFREDO         Ma che te ‘mporta d’a’ cameriera? Cu’ tua moglie ca’ nun se sente bbona?

ALBERTO         (Abbracciando Lucia) Lucia, Lucia mia, ma che te siente?

CAMILLO         (Uh, chella esce a vocca o’ cane e’ va’ a’ fernì mmocca o’ lupo!)

MARCELLO     No,no, non ta toccate!

CAMILLO         (ripetendo come un eco) Non la toccate!

MARCELLO     E voi così la soffocate, la devo toccare solo io. Chisto po’ essere overo n’infarto e voi la uccidete! (Volgendo lo sguardo intorno come per cercare qualcosa) La camera da letto dove sta’?

ALBERTO         (Indicando a destra) Sta lla’!

MARCELLO     Signora, potete alzarvi?

LUCIA               Credo di si!

MARCELLO     (Fregandosi le mani compiaciuto) Bene, bene, appoggiatevi al mio braccio e piano piano….andiamo a letto!

CAMILLO         Ma un momento!

ALFREDO         Ch’e’ stato?

CAMILLO         Chiamate pure le figlie, ma che facimmo? Chesta more e le figlie non la vedono?

ALFREDO         Cumpa’, ma tu fusse nu’ poco e’ malaurio? Iammo, Lucì, ti aiuta anche Alberto! (Apre la porta di destra) Dotto’ accomodatevi. Albe’….

ALBERTO         Aggia trasì pur’io?

ALFREDO         E se capisce!

ALBERTO         Ma chella s’adda spuglia’!

ALFREDO         E tu si o’ marito!

MARCELLO     Aspettate, aspettate. Voi siete il marito?

ALBERTO         Si!

MARCELLO     E forse e’ meglio che non entrate.

CAMILLO         Ma che state dicendo? Nuje trasimmo tutte quante!

ALFREDO         Certo,nuje simmo a’ famiglia. Dotto’, entrate.

MARCELLO     (Esce a desctra con Lucia)

ALFREDO         Albe’, entra!

ALBERTO         (Entra a destra)

ALFREDO         (Fermando Camillo che fa per entrare)

                          Cumpa’, addo’ vaje tu? Chella s’adda’ spuglia’, se spoglia davanti a te? Io sono lo zio.(Esce a destra chiudendosi dietro la porta a chiave)

CAMILLO         No, e io me tozzo cu’ a’ capa ‘nfaccia o’ muro! Io me sparo!

                                              LUIGI  E  DETTO

LUIGI                (Apparendo come al solito nel vano della finestra)

                          Voi permettete? (Ed entra scavalcando il davanzale)

CAMILLO         State cca’ n’ata vota? Ma che site na’ specie e’ scigna? Mo’,nun e’ proprio o’ mumento. Nun ce stongo! (E va ad origliare alla porta a destra)

LUIGI                Sentite, io nun l’aggio pututo accidere.

CAMILLO         A chi?

LUIGI                O’ cane! Chillo ha capito. Me guardava cu’ l’uocchie piatuse. M’alleccava a’ mano, capite? (Piu’ forte) A’ mano!

CAMILLO         (Senza guardarlo, continuando ad origliare alla porta)

                          No, no, vi ho detto che la mano di mia figlia nun v’a’ dongo maje. Jatevenne!

LUIGI                Ma perche’, io sono disposto a fare qualunque sacrificio. Capite? Qualunque cosa.

CAMILLO         (Senza badare a Luigi, guardando dal buco della serratura e immaginandosi la scena)

                          Ahe! Sbottonatevi a’ camicetta!

LUIGI                Io? Ma pecche’?

CAMILLO         (fremendo) Ah, devo sentire il cuore! Sbottonate, sbottonate!

LUIGI                (Sbottonandosi la camicia sul petto) Ma io sto bene in salute, guardate…..

CAMILLO         Ah, devo visitare pure le gambe!

LUIGI                E che tengo l’artritismo deformante?

CAMILLO         Vi devo tastare, vi devo tastare tutto.

LUIGI                Ma che state dicenno? Io so’ l’ommo d’o’ paese!

CAMILLO         Spogliatevi, levatevi tutte cose!

LUIGI                (Fa per togliersi i pantaloni, poi ci ripensa e li tira su)

                          Sentite, ma vuje fusseve pazzo?

CAMILLO         Ah, vi devo tastare la pancia.

LUIGI                Ah, chesto no!

CAMILLO         Andiamo, andiamo a letto!

LUIGI                Ma chesta e’ n’esagerazione!

CAMILLO         (Allontanandosi dalla porta) Si,si, e’ n’esagerazione! Io non lo posso sopportare piu’. Cca’ s’adda’ piglia’ na’ decisione.

LUIGI                E io la prendo ho deciso, voglio a Katy!

CAMILLO         Che vulite?

LUIGI                Katy

CAMILLO         Ma insomma, nun ve ne vulite ji? Ma allora aggio passato nu guaio cu’ vuje? Come ve lo devo dire? Voi, non fidanzerete mai con mia figlia. Mai!Avete capito?

                     ALFREDO  LUCIA  ALBERTO  MARCELLO  E  DETTI

MARCELLO     (venendo dalla destra con gli altri)

                          Ma no, no, ve lo assicuro. A signora nun tene proprio niente. Puo’ stare benissimo alzata. Chella e’ così vivace, m’ha dato chillo buffettone!

ALBERTO         Dovete scusare, e’ stata una mossa nervosa che ha fatto.

LUCIA               Si, mi e’ scappato così mentre non capivo niente.

MARCELLO     Allora io me ne vado, po’ vengo n’ata vota per quall’affare, mo’ non e’ il momento!

ALBERTO         Si, si, mo’ non e’ il momento.

ALFREDO         Dottore, vi ringrazio della visita scrupolosa. (A Camillo) Cumpa’, e che visita! Dalla cima dei capelli fino all’unghia dei piedi! ( A Marcello) Dotto’ l’orario!

MARCELLO     Sono le otto!

ALFREDO         No, dico……. Comme se chiamma o’ coso….e’ sorde!

ALBERTO         L’onorario.

ALFREDO         Bravo, ha capito na’ vota!

MARCELLO     Ma per carita’, lasciate stare, io mi trovavo di passaggio (A Camillo) m’aggio pigliato chillu passaggio! Buonasera, buonasera a tutti. (Esce per la comune accompagnato da Alberto che poi rientra)

ALFREDO         E’ stata veramente na’ bella visita! (Notando Luigi) E chisto chi e’?

LUIGI                (Levandosi in piedi) Io songo l’ommo d’o’ paese. Tengo pure o’ fucile e o’ cane lupo.

ALFREDO         (a Lucia) Ma che vvo’?

LUCIA               E che ne saccio?

LUIGI                Signora, ho gia’ parlato con vostro marito.

ALFREDO         Comme?

ALBERTO         Sentite, io mo’ ve veco p’a’ primma vota.

LUIGI                E vvuje chi site?

LUCIA               Mio marito!

LUIGI                Ah, ma allora…….(indicando Camillo) Ma chisto chi e’?

LUCIA               O’ cumpare!

LUIGI                O’ cumpare? ( a Camillo) E che ve mettite affa’ mmiezo? Io, po’ me spusavo na’ figlia soja!

CAMILLO         E vulive ave’ tanto onore?

ALFREDO         Cumpa’, per favore! (a Luigi) Paisa’, parla.

LUIGI                Io songo l’ommo d’o’ paese, tengo pure o’ fucile e o’ cane lupo.

ALFREDO         Avimmo caputo!

LUIGI                (a Lucia) Signo’, io so’ venuto a cerca’ na mano d’e’ figlie voste

LUCIA               Na’ mano?

LUIGI                Tengo intenzioni serie e’ me voglio spusa’

LUCIA               Ah, si aggio capito. Ma accussì, all’improvviso….io nun ve cunosco proprio.

LUIGI                Mi chiamo Luigi Spallettone, impiegato comunale. Tengo o’ fucile, o’ cane lupo e l’orticello. In famiglia mi chiamano Gingillo.

LUCIA               Eh, ma guardate Gingì in questo momento……

ALFREDO         (ad Alberto) Gue’, ma tu addo’ t’annascunne? Ma comme nun respunne ‘mmiezo? Parla, o’ pato si tu.

ALBERTO         No, io stevo penzanne, per riflettere, per riflettere bene. Ma innanzitutto e’ quale figlia s’e’ tratta? Chelle so’ ddoje.

LUIGI                Ah! Io….io voglio….(mentre vengono in scena Jak e Esterina) Io voglio…..a Esterina.

ESTERINA        A me?

LUIGI                Si, si, io me voglio spusa’ a Esterina.

ESTERINA        (con gioia) Ah!

JAK                   (a Luigi) Tu vuo’ spusa?

LUIGI                (guardandolo torvo, come al solito) Io songo l’ommo d’o paese,   tengo pure o’ fucile e o’ cane lupo.

JAK                   Bravo paisa’, bravo! (Battendo una mano sulla spalla di Esterina) Chesta bbona, bbona.

LUIGI                E’ bbona?

JAK                   Bona piccirella, bona guagliona, bona assaje!

LUIGI                (ad Alberto) Allora?

ALBERTO         (guardando Camillo e Lucia come per chiederne l’aiuto) Ma che vi posso rispondere? Cumpa’, voi che mi consigliate?

CAMILLO         Io….

ALFREDO         (scostandolo con un braccio)Levate a miezo tu! (ad Alberto) Tu! Tu adda parla’!

LUCIA               Sentite, ma cheste so’ cose……

ALFREDO         Zitta tu Lucì, scusa. O’ capo e’ casa e’ lui. Lui adda parla’

ALBERTO         Beh, io…..io direi….(a Lucia) te pare? Io direi….(a Camillo) e’ vero? No?……Si?…..No!….

ESTERINA        (tirandogli la giacca) Si! Si.

ALBERTO         Io direi si.

CAMILLO         (gli fa cenno di dire no!)

ALBERTO         No, no, io direi si, ma dico di no! Eh, allora e’ bello! Quando uno piglia e dice si?

ESTERINA        (implorando Lucia) Mamma’

LUCIA               (suggerendo ad Alberto) Nun dico ne’ si e ne’ no!

ALBERTO         Nun dico ne’ si e ne’ no!(a Lucia) E che dico?

LUCIA               (come sopra) Aggia piglia’ tiempo

ALBERTO         Aggia piglia’ tiempo (Camillo gli fa cenno di no decisamente) Vuje perdite o’ tiempo.

LUCIA               (come sopra) Chissa’ un domani….

ALBERTO         Tornate domani!

LUCIA               No, no, domani no.

ALBERTO         Ah, no. Domani no. Dopodomani.

CAMILLO         (come sopra)

ALBERTO         Nun venite cchiu’!

ALFREDO         Gue’, Bebe’, ma tu ti senti bene? E tu me pare nu’ coso….comme si chiamma?….nu’ coso…. O’ coso e’ dinto a’ campana.

LUCIA               Nu’ batocchio?

ALFREDO         Brava, nu’ battilocchio. Ma tu vuo’ parla’ buono? Ma che staje ‘mbriaco?

ALBERTO         Zì Alfre’, ma io…..

CAMILLO         Cumparie’, col vostro permesso…..

ALFREDO         (come sopra)Levate a’ miezo tu!

CAMILLO         (No, io me faccio nu’ nomme dint’a’ malavita! Io vatto a chisto)

ALFREDO         (ad Alberto) Jamme, faje l’ommo, parla!

ALBERTO         Io direi…..io direi….

CAMILLO         Io direi no!

LUIGI                (Ma chi ce ho fa fa’ a chillo?)

ALFREDO         Ah, o’ cumpare direbbe no?(a Luigi) Paisa’, tu si n’ommo serio?

LUIGI                Ma che pazziate? Io so’ l’ommo…..

ALFREDO         Si, o’ saccio, d’accordo (a Esterina) Tu o’ vuo’?

ESTERINA        Si!

ALFREDO         Paisa’, nepotema dice di si (unendo le mani di Esterina e Luigi) Siete fidanzati!.

                             CATERINA  PAT  VITTORIO  E  DETTI

LUCIA               (mentre Caterina,Pat e Vittorio vengono in scena dalla sinistra)

                          Zì Alfre’, ma aspettate nu’ mumento, non precipitiamo…..

ALFREDO         Zitta, Lucì. Famme o’ favore ti ha sta’ zitta pure tu, tu nun te fide, arreposate. (a Luigi confermando) Nepotema ha detto si. Siete fidanzati!

CATERINA       Fidanzati?

ESTERINA        (dispettosa) Fidanzati!

CATERINA       (scoppiando in lacrime) Oh!..

LUCIA               Ch’e’ stato?

CATERINA       Niente, niente! Piango di felicita’ per mia sorella.

LUCIA               E va’ buono, puo’ darse ca’ tu ne truove a’ uno cu o’ cane e presa.

LUIGI                (fra se intenerito con le mani congiunte) Oh,Katy!

PAT                   Onna’ Lucì, ma chi e’ chillo?

LUCIA               E’ l’ommo d’o’ paese tene pure o’ fucile e o’ cane lupo.

CAMILLO         (e’ gia’ brillo) ‘Mbeh, arrivati a questo punto, punto e basta.

LUCIA               (Uh, chillo s’e’ ‘mbriacato!)

ALBERTO         Fratello!

CAMILLO         Si, fratello sole e sorella luna, ma io aggia’ parla’ pe’ forza.

                          Sissignore io aggia parla’ pe’ forza perche’ devo dire….(nota Alfredo che, sbottonandosi la giacca mostra anche lui una grossa pistola) Perche’ devo dire che si dovrebbe festeggiare questo lieto evento. E’ ched’e’ uno se fidanza accussì? Ci dobbiamo mettere in allegria, si deve fare un brindisi.

ALFREDO         Bravo o’ cumpare, bravo.

                          Jak, va’ a’ prendere un'altra bottiglia.

ALBERTO         (tutte butteglie n’a’ purtato!)

ALFREDO         Mo’ balliamo un poco. (mentre Jak esce a sinistra) Forza Pat, metti un disco, balliamo.

PAT                   (esegue)

VITTORIO        (a Lucia) Signo’, permettete questo ballo?

CAMILLO         No, a cummara abballa cu’ mme!

ALFREDO         Levete a miezo tu. E’ scortesia. Stu signore l’ha detto primma de te!

ALBERTO         Veramente con mia moglie ……

                                          JAK  IDA  E  DETTI

JAK                   (viene da sinistra con bottiglia di liquore in una mano e tirando Ida con l’altra)

                          Viene, viene!

ALBERTO         (turbato guardando Ida) Con mia moglie, vorrei ballare io! Bettina, ma voi che fate qua?

IDA                    E quello mi ha tirata.

JAK                   (indicando prima Esterina e poi Lucia) Quella fidanzata, quella donna, e io cu’ chi abballo? Cu’ te?

ALFREDO         Forza, jammo, abballate. Io miscio il liquore.

                          Cumpa’, viene qua ca’ mo’ beviamo. Io e te non abballiamo, facimmo quatto chiacchiere. (va a mettere il liquore nei bicchierini, poi da la bottiglia a Camillo) Bevi, cumpa’, bevi, scolate la bottiglia (agli altri) E vulete abballare?

                          (durante il ballo che segue, Jak stringera’ piu’ volte a se Ida e tentera’ di prendersi qualche confidenza suscitando le reazioni di Alberto)

VITTORIO        (tenta anche lui di prendersi confidenza con Lucia)

ALBERTO         (vedendo la mano di Jak scendere sempre piu’ giu’ sulla schiena di Ida) Aiza, aiza a’ mano!

JAK                   Ma che vuo’?

ALBERTO         (gira fra le coppie cercando inutilmente di raggiungere Jak e Ida)

PAT                   (spingendolo di lato) Levate a’ miezo, facce abballa’.

LUCIA               (Da un calcio negli stinchi a Vittorio con gesto che vuole apparire casuale)

VITTORIO        Ah!

LUCIA               Scusate!

CAMILLO         (sempre piu’ brillo, avendo notato il calcio di Lucia,tenta anche lui, girando fra le coppie che ballano di raggiungere la moglie e Vittorio. Ad un certo punto, si trova faccia a faccia con Alberto e prendono a ballare insieme)     

LUCIA               (Respingendo improvvisamente Vittorio in modo da farlo cadere su una sedia) Eh, ma cheste che maniere so’?

ALFREDO         Che e’ succieso! (qualcuno ferma il giradischi)

VITTORIO        Ma io non capisco…….

LUCIA               Non capisco? Vuje pizzicate!

CAMILLO         (con voce di pianto, andando con passo barcollante verso Lucia)

                          Ah, Santa Lucia!

ALFREDO         Comme?

ALBERTO         (subito) A canzone, a canzone! (cantando) Santa Lucia, luntana a te……

CAMILLO         (come sopra) Lucia, Lucì…..

ALBERTO         (come sopra) Lucia, Lucì, a quinnice anne me diciste si……

CAMILLO         Voglio a’ Lucia mia…..

ALFREDO         Mia?! (mette fuori la pistola e spara un colpo in aria)

CAMILLO         (cadendo a sedere,) M’HA SPARATO!

LUCIA               (correndo presso Camillo) Camì!

TUTTI               Ch’e’ stato? Ch’e’ succieso?

ALFREDO         Niente, niente. Ho fatto uno scherzo all’americana, per rendere piu’ allegra questa bella festa! Pe’ mo’ ho sparato in aria,chissa’ (fissando a Camillo)  n’ata vota po’ essere ca’ sparo ‘nfronte a quaccheduno!

CALA  LA  TELA

FINE  SECONDO  ATTO

ATTO  TERZO

                          La stessa scena degli atti precedenti. Al levarsi della tela Alfredo e’ seduto sul divano e sta leggendo il giornale.

                                         ALFREDO SOLO  POI  ALBERTO

ALBERTO         (venendo dopo un poco dalla sinistra col volto stanco e imbronciato)

                          Zì Alfre’, mi avete fatto chiamare?

ALFREDO         Sissignore. Il compare addo’ sta’?

ALBERTO         (indicando la camera di destra) Dorme lla’ dentro.

ALFREDO         Dint’a’ camera toja? E perche’?

ALBERTO         E perche’ lo mettemmo sul letto, e quello ubriaco come stava, si addormento’. Zì Alfre’, gli era venuta la febbre a quaranta. Ma che pazziate? Cu’ chella paura! Uno improvvisamente se sente e’ spara’ nu’ colpo addereto! Io pure non so’ da ieri sera quante volte sono andato al bagno.

ALFREDO         E Lucia dove sta’?

ALBERTO         E’ uscita a primma matina con la cameriera.

ALFREDO         Molto bene. Siediti ca’ t’aggia parla’.

ALBERTO         Zì Alfre’, scusate, vi sento all’impiedi. Tengo un nervoso addosso che non posso stare seduto.

ALFREDO         Tieni il nervoso?

ALBERTO         E’ notte, zì Alfre’, e’ notte!

ALFREDO         ma che ora so’?

ALBERTO         Dico: e’ notte qua’, nel cervello mio, sono i guai!

ALFREDO         Hai ragione, hai ragione. Ma non ti preoccupare, e’ venuto il momento di pagare tutti i debiti.

ALBERTO         (mettendosi subito a sedere vicino ad Alfredo)

                          Come?

ALFREDO         Bebe’, io domani aggia partì e non ti posso lasciare in questa brutta situazione.

ALBERTO         Bello, zì Albredo bello!

ALFREDO         (con voce grave e soppesando le parole) E’ venuto il momento di fare i conti.

ALBERTO         Bravo. (prendendo di tasca una matita e un bloc notes)

                          Io tengo qua tutto pronto per scrivere.

ALFREDO         Ma che vuo’ fa? Gli vuoi scrivere qualche lettera?

ALBERTO         No, che lettera, quelli vogliono i soldi. Voglio fare l’elenco dei creditori.

ALFREDO         alterandosi) Ma comme, l’elenco dei creditori! Dopo, dopo, questo viene dopo!

ALBERTO         Si, si, non vi arrabbiate, lo facciamo dopo l’elenco. (pizzicandogli il mento come per rabbonirlo) Bello, zio Alfredo bello!

ALFREDO         Bebe’, tu hai ragione, e’ notte!

ALBERTO         Si, ma mo’ sta uscendo il sole.

ALFREDO         E meno male che sono venuto qua io!

ALBERTO         E’ vero, zì Alfre’, e’ vero. Io non ne posso piu’. Guardatemi, sto facendo la faccia dell’aglio verde.

ALFREDO         Gia’,dell’aglio verde. E io? Che faccia sto facendo io? Parla!

ALBERTO         Mah, non lo so….. dell’aglio moscio?

ALFREDO         (mettendo fuori la lingua) Guarda a’ lengua, guarda, questa e’ lo specchio del fegato.

ALBERTO         Si, si,  Mamma mia, quant’e’ brutta!

ALFREDO         Tengo il veleno qua, io songo n’ommo che si e’ insegnato a mandare abbascio molti bocconi.

ALBERTO         Eh, no, no, siete un birbantone, una certa dieta ce vo’.

ALFREDO         (senza badargli) Mi succede questo? Mi metto nella bocca un poco di amaretto e poi va giu’.

                          Mi succede quest’altro? Un altro poco di amaretto nella bocca e poi va giu’.

ALBERTO         Eh, lo so’, quelli sono buoni.

ALFREDO         Chi?

ALBERTO         Gli amaretti, e’ dolcini.

                          Vi hanno fatto male al fegato?

ALFREDO         Ma tu nun capisce mai niente! Io dico l’amaretto, l’amaretto nella bocca, come se dice…….quando uno se mangia il dispiacere?

ALBERTO         Ah, l’amarezza?

ALFREDO         Ecco, l’amarezza!

ALBERTO         E voi dite l’amaretto!

ALFREDO         Eh, la lingua……

ALBERTO         N’ata vota?

ALFREDO         La lingua, non parlo piu’ tantissimo bene. L’amarezza grande l’aggio avuta qua da quando sono venuto. Lla’ in America nun me ne ‘mporta e’ niente. Qualunque cosa mi fanno dico:”Va’ beh, e’ un debito che sempre si paga”.

ALBERTO         Ecco, i debiti s’hanna paga’!

ALFREDO         Sono i pensieri di te e di tua moglie che mi amarezzano.

ALBERTO         Bravo, zì Alfre’, bravo! Proprio così dovete dire. Io e la povera Lucia stiamo in tristi condizioni. La miseria ci mangia il cuore.

ALFREDO         Ma aggio capito bbuono? Hai detto la povera Lucia?

ALBERTO         (sorridendo e ammiccando) Invece e’ ricca eh? L’eredita’!

ALFREDO         Bebe’,ma tu si proprio nu’ baba’!

ALBERTO         Grazie, zì Alfre’, e voi siete na’ sfugliatella!

ALFREDO         Ma io dico nu’ babbasone, nu’ babbeo!

ALBERTO         Ah, era nu’ babba’ offensivo?

ALFREDO         E’ inutile, Bebe’, tu tiene il sangue mio cull’acqua misciata dentro!

ALBERTO         E’ per la disperazione, zì Alfre’.

                          Qualunque cosa mangiamo, non ne facciamo mai sangue.

ALFREDO         Bebe’, bebe’ e quanto sei buono!

ALBERTO         E’ vero, zì Alfre’, ho fatto sempre bene a tutti gli amici e a me nessuno mi aiuta.

ALFREDO         Siente a’ me, insegnati malvagio. Chi fa bene, addeventa come i scopatori. Levano la monnezza da sotto i piedi a tutte quante e all’ultimo sono pure schifati! (una breve pausa) Bebe’,tua moglie ti tradisce cu’ o’ cumpare!

ALBERTO         Mia moglie? Zì Alfre’, non ci pensate proprio.

ALFREDO         Bebe’, io la puzza di tradimento la sento a cento chilometri.

ALBERTO         E sentite a me, zì Alfre’, oggi tenete il catarro e non sentite bene.

ALFREDO         Senti, che le cervella non le tieni lo sapevo, ma nemmeno gli occhi tieni? E nemmeno le recchie? Non l’hai sentito che dentro all’ubriachezza alluccava Lucia, Lucia mia?

ALBERTO         Ma che centra? Quello il compare e’ affezionato, e poi non stava in se’. Zì Alfre’, credetemi, il compare e’ una brava persona, e Lucia e’ una povera donna.

ALFREDO         Con questo devo capire che non vuoi saldate i tuoi debiti?

ALBERTO         E comme no’!

ALFREDO         Io te dico ca’ tu nun salde nisciuno debito se mo mo non ammetti con coraggio che tua moglie te fa e’ corne cu’ o’ cumpare.

ALBERTO         Ah, donna perfida e scellerata! Ah, sciagurata di moglie. E io ca’ nun m’accurgevo e’ niente. Ah, delinquente assassina!

ALFREDO         E o’ cumpare?

ALBERTO         Ah, che verme, che serpente velenoso. Io l’aggia mortifica’. Io ce li voglio buttare in faccia i soldi. Il primo debito che voglio saldare e’ proprio con lui.

ALFREDO         Bravo, mo’ staje parlanno da uomo d’onore.

ALBERTO         Eh, e a un certo punto il sangue si ribella.

ALFREDO         E’ deciso. Saldiamo prima il debito con il compare.

ALBERTO         Se no’ quello si crede che io mi stavo zitto pe’ causa dei soldi. Mi piglia per un marito contento. D’accordo, zì Alfre’, paghiamo il compare.

ALFREDO         Ma no cu’ l’oro.

ALBERTO         Si, pagammolo cu’ e’ dollare, chillo li accetta.

ALFREDO         Bebe’, Roma si riscatta col ferro e non con l’oro!

ALBERTO         O’ pavammo cu’ tutte sorde e’ spicce? E io aggia i’ pavanno a gente cu’ e’ sacche ‘ngoppe e’ spalle?

ALFREDO         Bebe’, Roma si riscatta col ferro….. l’onore si riscatta col piombo.

ALBERTO         Col piombo?

ALFREDO         (mettendo la mano in tasca ) Mo’ ti do’ io la moneta per pagare.

ALBERTO         (fregandosi le mani tutto compiaciuto) Bene, bene.

ALFREDO         (cacciando di tasca una pistola e dandola ad Alberto)

                          Te’! Ammazza o’ cumpare!

ALBERTO         IO?!

ALFREDO         Non vuoi saldare o’ debito dell’onore?

ALBERTO         Ma io devo pagare i debiti delle cambiali!

ALFREDO         Bebe’, o lui o’ tu! O spari al compare o ti spari alle cervella. E’ la leggia dell’onore.

ALBERTO         E si no’ non mi fate pagare piu’ i debiti?

ALFREDO         Se no’,ve faccio spara’ io a tutte e’ duje, e’ capito?!(Esce a sinistra)

ALBERTO         Ma chisto e’ scemo?

                                          CAMILLO  E  DETTO

CAMILLO         (viene dalla camera a destra tutto disfatto e insonnolito, con una mano alla fronte. Nota la pistola in mano ad Alberto ed ha un sussulto)

                          Mo’ t’avevo pigliato pe’ nu’ gangster pure a’ te. Ma che faje cu’ sta cosa mmano? E’ venuta a’ mania d’e’ pistole a’ tutte quante int’a’ sta casa?

ALBERTO         (a denti stretti senza guardare Camillo)

                          Camì, nun te movere!

CAMILLO         Albe’, ma tu che vuo’?

ALBERTO         Fai presto, chiude ll’uocchie ca’ e’ cosa e’ niente! Io subbeto faccio!

CAMILLO         Albe’, ma fusse asciuto scemo?

ALBERTO         No, e’ impossibile, non ci riesco! Fai presto, fai finta di niente e,aummo aummo, esci dalla casa.

CAMILLO         No, io aummo aummo, me vaco a fa a valigia e esco proprio dal paese.

ALBERTO         Nun te movere. Non far capire che stiamo parlando. Forse siamo spiati.

CAMILLO         (vuo’ vede’ ca’ a’ paura l’ha fatto ascì pazzo?)

ALBERTO         Camì, tu sei in pericolo

CAMILLO         Io?

ALBERTO         Non fare domande, aummo aummo, imbocca la porta e vattenne. Io po’ ti seguo e ti spiego. MUOVETE!

CAMILLO         Famme lava’ almeno a’ faccia. Io ho dormito vestito e me sento na’ schifezza!

ALBERTO         A’ faccia? Uh, chillo penza a’ faccia!

CAMILLO         Famme mettere a giacca.

ALBERTO         Uh, chillo penza a giacca!

CAMILLO         Uh, chisto me manna o’ manicomio!

                          Albe’, ma ch’e’ succieso?

ALBERTO         Camì, io t’avessa spara’!

CAMILLO         Tu? Io t’avessa fa’ e’ torture cinese!

ALBERTO         Camì,io t’avessa accidere.

CAMILLO         Albe’, io t’avessa sputa’ ‘nfaccia!

ALBERTO         E’ la volonta’ di mio zio!

CAMILLO         Ma va’ a’ murì acciso tu e isso.

ALBERTO         Se no perdo l’eredita’

CAMILLO         Overo? Noooo, E io nun o’ pozzo permettere, sparame nu’ poco ja’!

ALBERTO         Camì, ti devo sparare per l’onore. Si crede che tu sei l’amante di mia moglie, e che vieni qua per disonorare la mia casa.

CAMILLO         Di tua moglie la cameriera?

ALBERTO         Si crede che tu sei l’amante di mia moglie, ma no la mia moglie. Di tua moglie che e’ mia moglie.

CAMILLO         Comme?

ALBERTO         Si crede che tu e mia moglie,tua moglie, e non mia moglie mia moglie, siete amanti.

CAMILLO         Scusa, Albe’, dimmello n’ata vota!

ALBERTO         Camì, se crere ca’ tu sei l’amante e’ Lucia! Ah!

CAMILLO         E mo’ dicive accussì, accussì nun perdevamo tiempe!

ALBERTO         Ma io a stu mumento nun capisco niente.

CAMILLO         Chi me l’aveva dicere ca’ io aveva essere sospettato ca’ me tengo a’ mia moglie! Comunque Albe’, io mo’ nun me firo. Nun  ce o’ puo’ dicere ca’ me spare dimane?

ALBERTO         Ma allora non vuoi capire? Se non ti sparo, quello ha detto che ci fa sparare a tutt’e’ due.

CAMILLO         Gue’!

ALBERTO         Finalmente e’ capito?

CAMILLO         E’ va’ bene, mo’ esco aummo aummo.

ALBERTO         (sottovoce) Come se niente fosse, con le mani in tasca, fischiettando e canticchiando.

CAMILLO         E mo’ vediamo, si m’esce a’ voce, canticchio!( avviandosi verso la comune) O’sole mio, sta ‘nfronte a te………

ALBERTO         Aspetta!

CAMILLO         Ch’e’ stato?

ALBERTO         Ti esce la pettola della camicia dai pantaloni.

CAMILLO         (infilando il lembo della camicia nei pantaloni) Albe’ e tu pe’ nu’ poco e pettola me faje piglia’ chesta paura?

ALBERTO         Si no se mettono e’ guagliune addereto e fernimmo e’ parla’. Vai, io vengo subito!

CAMILLO         Ma perche’, dich’io, perche? Io ero venuto cca’ ‘ngoppo pe’ me cura’ e’ nierve! (esce per la comune)

                              ALFREDO  JAK  PAT  E  DETTO

ALFREDO         (venebdo dalla sinistra con Jak e Pat)

                          Allora?

ALBERTO         Tutto a posto, e’ andato a cogliere e’ fiche nell’orto a fianco.

ALFREDO         E tu?

ALBERTO         (battendo una mano sulla tasca in cui ha messo la pistola)

                          Io so’ quello che devo fare. Sono uomo d’onore. Io vado nell’orto a cogliere e’ cerasielle forte!

ALFREDO         BRAVO! E la zappa ci sta?

ALBERTO         La zappa?

ALFREDO         E si no’ doppo comme o’ suttierro?

ALBERTO         Ah, l’aggia sutterra’ pure?

ALFREDO         E che vvuo’ lascia’ o’ muorto lla’ ‘nterra? Tu staje nell’orto, scava na’ fossa e ce lo butti dentro.

ALBERTO         E va’ bene. Non vi preoccupate, o’ sutterro pure. (e fa per andare)

ALFREDO         Aspetta!

ALBERTO         Eh, ma chillo s’e’ mangia e’ ffiche e se ne va’!

ALFREDO         (Gli mette le mani sulle spalle e lo bacia sulle guance secondo il cerimoniale di certa malavita. Poi anche Jak e Pat lo baciano)

                          Va’!

ALBERTO         Vado! (esce per la comune)

ALFREDO         Jak, Pat, io non mi fido!

JAK                   Boss, chillo nunn’e’ bbuono!

PAT                   Puparuolo, puparuolo.

ALFREDO         O’ saccio. Percio’ tengo la faccia triste. Andate appresso e se vedete che manca, pensateci voi per tutt’e’ ddue.

JAK                   Okay, okay.

PAT                   Boss, pensiamo noi. (esce per la comune assieme a Jak)

                                      CATERINA  ESTERINA  E  DETTO

CATERINA       (venendo con Esterina dalla sinistra)

                          Uh, e c’hanno fatto? Se ne so’ ghiute?

ALFREDO         I picciotti? So’ andati in chiesa a dire orazioni. (a Esterina) Ma tu po’ sei fidanzata!

ESTERINA        E che fa?

ALFREDO         Non sta bene che una fidanzata si civetta con altri giovanotti.

ESTERINA        (Mamma mia, questo viene dall’america ed e’ così antiquato)

ALFREDO         Ricordati che l’onore della donna e’ la prima cosa. Non prendere cattivo esempio, ricordatello! (via a sinistra)

                          

                                          LUIGI  E  DETTE

LUIGI                (col fucile a tracolla, compare come al solito nel vano della finestra) Io sto’ qua!

ESTERINA        Ah, sei venuto?

LUIGI                E perche’, allora non ci venivo piu’? Ma ti credi che ieri sera me so’ messo paura? Io so’ l’ommo d’o’ paese, e quanno uno tene o’ fucile e o’ cane lupo, nun se mette paura e’ niente. Posso entrare un momento?

CATERINA       No, no. Non ci sta ne’ papa’ e ne’ mamma’!

ESTERINA        E che fa?

CATERINA       Ma non l’haoi sentito a zio Alfredo? Vogliamo far sparlare di noi tutta l’America?

LUIGI                Katy, come parlate aspro stammatina!

CATERINA       E chi vi deve parlare dolce, non sono io!

LUIGI                Katy!

ESTERINA        Ma che cos’e’ una scena sentimentale di dentro a un film?

LUIGI                Io stanotte non ho potuto dormire. Mi giravo e mi voltavo comm’e’ o’ pesce int’a’ farina! Katy, Est, voi mi dovete scusare, ma io stanotte ho capito che forse ajere ssera aggio sbagliato!

ESTERINA        Gingillo, ma che dice?

LUIGI                Est, e’ meglio la sincerita’. Io credo che volevo a Katy!

CATERINA       A me?

ESTERINA        Ah, si? E non ti prendere collera, Gingillo mio, tanto io pure ho capito che volevo a Jak, quel bel ragazzone americano.

                          Gingì, non ti preoccupare, io non ci piango sopra nemmeno una lacrima. Pigliate a Katy! (esce a sinistra)

LUIGI                Katy…..

CATERINA       Non ti conosco!

LUIGI                A me? Io songo l’ommo d’o’ paese!

CATERINA       Voi? Vuje sito o’ scemo d’o’ paese e se lo volete sapere, io me fidanzasse chiu’ con il cane che con voi!

LUIGI                Ho capito! Voi state troppo arrabbiata contro di me. E avete ragione, ma quello poi vi passa.

CATERINA       E’ che e’ fatto nu’ dolore di mola?

LUIGI                E’ un dolore di cuore, aspettate, voglio vede’ se vi posso fare un regalo per farmi perdonare. Aspettate, vengo fra poco. (via)

                                          LUCIA  IDA  E  DETTA

LUCIA               (entrando dalla comune con Ida)

                          Idare’, o’ ssaccio, o’ ssaccio, ca’ forse aggio fatto nu’ guaje, ma oramaje l’aggio fatto, che ce pozzo fa’? mo’ o’ ce mangiammo sta menesta o…….(notando Caterina che si sporge eccessivamente dalla finestra per guardare fuori e, dandole una sculacciata)

                          ……….o’ ce menammo pe’ sta fenesta!

CATERINA       Eh, mamma’!

LUCIA               Ma che guarde tu? Staje facenno e’ gioche?

CATERINA       Una non se’ po’ manco affaccia’ nu’ poco int’a’ sta casa? (via a sinistra)

LUCIA               E’ inutile, tale quale o’ pate! Egoista e capa tosta! Che stevo dicenno?

IDA                    Lucì, dimmi quello che vuoi tu, ma io sopra alle guardie non ci sarei andata!

LUCIA               Idare’, tu parle bello, ma io so’ trasuta int’a’ paura. Io saccio chesto? Si nu pazzo e’ chillo nun fa veramente qualche cosa a Camillo e allo stesso Alberto? Chillo sparaje chella botta!

IDA                    Ma intanto ora che succede?

LUCIA               E io sapevo chesto? Io volevo dire solo “venite a casa a sequestra’ tutt’e’ pistole”

IDA                    Ma e’ sicuro che vengono? Come ti ha detto l’appuntato, fammi capire bene!

LUCIA               Idare’, appena ho fatto il nome ha detto “ah, lloco sta? Nuje tenevamo o’ cappiello ‘ncapo e o’ jevamo cercanno pa’ casa”.

                          “Scusate, ma e che cappiello state parlanno? Mio marito se chiama Coppolecchia” “ No, no, signo’, nuje nun vulimmo a’ vostro marito, ma vulimmo a zio Fred. Gia’ era stato segnalato a tutti i posti di polizia il suo arrivo a Napoli. Ma ‘ngoppa a’ sta muntagna chi o’ veneva a cerca’. La polizia tiene i suoi informatori. Noi sappiamo sicuro che e’ venuto in Italia per fare un grosso colpo. E’ da tempo che uno che si firma “Tuo nipote Alberto” gli scrive che ci vogliono milioni, molti milioni…”

IDA                    Ma Alberto e’ mio marito!

LUCIA               E ce l’ho detto. Ma quello ha risposto “signo’, lasciateci fare, che noi sappiamo il nostro mestiere. Chillo e’ ricercato pure per altre cose del passato. Nuje o’ stevamo aspettanno…!”.

IDA                    E allora e’ certo, questi lo vengono a prendere.

LUCIA               Stanno aspettando i rinforzi da Napoli. Cca’ ce stanno sulamente ddoje guardie.

IDA                    Lucì, questi sono delinquenti. Qua’, se zio Alfredo scopre che tu sei andata dalle guardie, dice che hai fatto la spia e chisa’ che succede!

LUCIA               Allora aveva fa’ spara’ o’ a Camillo o’ a tuo marito?

IDA                    Che centra mio marito? Mio marito e’ innocente!

LUCIA               Innocente? Chillo e’ chiu’ gangster d’o’ zio! Idare’ qua se zio Alfredo scopre che e’ stato ingannato, po’ spara’ pure a Bebe’. Io che ne saccio? Chillo tene  a’ pistola facile, po’ s’a’ purtato pure a’ chilli dduje killer appriesso!

IDA                    Lucì, io tengo nu’ brutto presentimento, mo’ mi faccio la valigia e mi licenzio!

LUCIA               Addo’ vaje? Te ne’ vulisse ji proprio mo’ ca’ io sto’ int’a’ stì ‘mbruoglie?

                                         ALFREDO  E  DETTE

ALFREDO         (venendo dalla sinistra) Ah, tu staje qua?

LUCIA               Si, si, sto qua!

ALFREDO         Gia’,gia’! Tu staje qua. E dove sei andata?

LUCIA               Alla chiesa, zì Alfre’, me so’ preso a’ comunione!

ALFREDO         Ah, te se’ ghiut’a’ cunfessa’?

LUCIA               E si!

ALFREDO         Brava. E hai detto tutto quello che dovevi dire?

LUCIA               E se capisce! ( a Ida) Ma che vvo’?

IDA                    Non mi convince, questo ha saputo qualche cosa.

ALFREDO         (annusa piu’ volte intorno a se’)

LUCIA               Ma che e’ zì Alfre’ non vi sentite bene?

ALFREDO         Benissimo, benissimo.

LUCIA               E voi fate così, me parite nu’ cane!

ALFREDO         Mi saro’ sbagliato, ma mi era parso di sentire puzza di tradimento, in questa casa.

IDA                    Lucì, ho capito. Questo ci ha fatto pedeinare e lo sa che siamo andate alla polizia!

LUCIA               (Hai ragione, e’ chiaro!) Zì Alfre’, ma di quale tradimento state parlando?

ALFREDO         E tu forse lo sai meglio di me. Hai confessato tutto? Hai parlato?

LUCIA               (guardando Ida con occhi spaventati) Uh, madonna mia!

ALFREDO         E che t’e’ creduto e’ fa’ cu’ sta confessione? Ti credi che ti sei salvata?

LUCIA               (Vuo’ vede’ ca’ nun spara a chilli dduje e me spara a me?)

ALFREDO         Le donne se credono ca’ accussì risolvono tutte cose, e’ vero?

LUCIA               Ma uno comme adda risolvere zì Alfredo? Voi dovete essere comprensivo!

ALFREDO         E perche’ faje la faccia bianca? E perche’ tremi? Ti senti in colpa? Lo sai che hai sbagliato?

LUCIA               Zì Alfre’, si, ma io non volevo……..

ALFREDO         Ah, non volevi? Accussì dicono sempre tutte le donne. Ma mo’ facciamo i conti io e te. Mo’ devi fare un'altra confesione. Mo’ ti devi confessare con me.Bettina, lasciateci soli!

IDA                    Subito! (fa per uscire di corsa)

LUCIA               (fermandola) Addo’ vaje? Bettina, non vi muovete di qua. Zì Alfre’, davanti a Bettina potete dire qualunque cosa, lei sa tutto!

ALFREDO         (insinuante) Ah, sì? Bettina e’ complice?

IDA                    No, no, io l’ho sconsigliata!

ALFREDO         (Quasi piangendo) Perche’ l’hai fatto, Lucì? Io ti volevo tanto bene!

LUCIA               E sì, l’ho fatto, zì Alfre’. L’ho fatto perche’ lo dovevo fare. Anzi, lo abbiamo fatto!

ALFREDO         Come? Pure Bettina l’ha fatto?

IDA                    No, io l’ho accompagnata soltanto, perche’ me lo ha detto lei!

ALFREDO         Ah, Bettina faceva la dama di compagnia! E non vi vergognate?

LUCIA               Zì Alfre’, ma voi dovete capire. Noi siamo donne, nuje nun ne putevamo cchiu’.

ALFREDO         (portando le mani al viso) Oh, vergogna, vergogna! E me lo dici così?

LUCIA               E comme l’aggia dicere? Oramai voi lo sapete. Che dovevo fare io povera femmena? Ho visto mio marito impotente e ho detto “E’ meglio ca’ m’o’ vveco io!”

ALFREDO         Ah, così stanno le cose?

LUCIA               Così, zì Alfre’. Così, ve lo giuro.

ALFREDO         (battendo improvvisamente una mano sul tavolo e gridando)

                          Non lo dovevi fare lo stesso!

LUCIA               (Si arriva a polizia simme salve)

ALFREDO         Ossaje io mo’ che t’avessa fa’? (scosta la giacca mostrando la pistola)

LUCIA               (Chisto mo’ me spara!)

ALFREDO         L’onore merita qualunque sacrificio!

LUCIA               Ma che centra l’onore?

ALFREDO         (avvicinandosi passo passo a Lucia che retrocede)

                          Ah, donna perfida, falsa,bugiarda, svergognata e grandissima zoccola!

LUCIA               Zì Alfre’, ma vuje che  state dicenno?

ALFREDO         Parla, e’ ddoje guaglione a’ chi so’ figlie? A’ o’ cumpare?

LUCIA               (E comme l’ha saputo!)

ALFREDO         So’ figlie a’ o’ cumpare?

LUCIA               Ma pecche’? forse avete sentito che lo chiamavano papa’? quelle so’ distratte!

ALFREDO         Lucia, che ne hai fatto dell’onore dei Bevilacqua!

LUCIA               Zì Alfre’, ma che vulite vuje ‘e l’onore!

ALFREDO         Ma comme? Tu tradisci tuo marito cu’ o’ cumpare e che centra l’onore? Noi eravamo Bevilacqua puliti e tu ci hai fatto diventare Bevilacqua sporchi!

LUCIA               Ah, ma di questo si tratta? (a Ida) E tu mi hai fatto capire un'altra cosa! Zì Alfre’, vuje ate pigliato o’ campanaro o’ Carmene pe’ nu’ cuppetiello aulive!Mo’ ve spiego tutte cose!

ALFREDO         (gridando) Non mentire!

LUCIA               (Sussultando e guardando verso la comune)  Ma quanno veneno?

ALFREDO         (Con voce calma, ferma) Tuo marito sa tutto!

IDA                    Mio marito?

ALFREDO         E chi o’ sape a mariteto?

IDA                    Voglio dire “il marito?”

ALFREDO         Sissignore. Bebe’, sa’ tutto! (a Lucia) Ma mi hai sentito bene? Ho detto che Bebe’ sa’ tutto!

LUCIA               Ho capito!

ALFREDO         E tu riete accussì cu’ sta faccia indifferenziata?

LUCIA               No, zì Alfre’, pare, ma io a dinto mi sento il terremoto!

ALFREDO         Ma lo sai o no che a quest’ora per colpa tua un’ommo sta per finire in galera e uno al camposanto? Ma lo sai che il mio nipote e’ andato a’ sparare o’ compare?

LUCIA               Ma chi Bebe’?

IDA                    E figurati!

ALFREDO         Oh, la prendi accussì? Nun te ne ‘mporta? Ma che razza di donna sei tu! Quattrina!

LUCIA               Mo’ e’ arrivato o’ mumento ca’ me sfasterio e o’ mengo na’ cosa ‘faccia!

ALFREDO         Io, io stesso gli ho mettuto a’ pistola int’a’ sacca!

IDA                    A mio………A suo marito?

ALFREDO         A Bebe!

LUCIA               Bettina, non vi preoccupate proprio.

IDA                    Ma non ci penso nemmeno.

ALFREDO         E ci ho mandato pure i picciotti appresso, accussì se lui non e’ buono, li sparano i picciotti a tutt’e’ due!

LUCIA               Mamma del Carmine! Addo’ so ghiute? Currimmo! Chille e’ picciotte fanno overo! CURRIMMO!

ALFREDO         (parandosi sulla porta) Di qua non esce nessuno!

LUCIA               (afferrandolo per il petto e scuotendolo) Gue’, io te struppeo, io t’acciro, io te mangio!

ALFREDO         (intimorito) Gue’…… Jak……Pat……..AIUTATEMI!

                          (si ode echeggiare vicino un colpo di arma da fuoco)

LUCIA e IDA    (con un grido disperato all’unisono) L’hanno acciso! (cadono a sedere)

ALFREDO         (esce di corsa a sinistra)

                                          ESTERINA  E  DETTE

ESTERINA        (viene dalla sinistra col fazzoletto agli occhi piangendo dirottamente)

LUCIA               E’ muorto? L’hai visto, parla? Hai visto a tuo padre morto dalla finestra?

ESTERINA        No! Aggio visto o’ scemo dalla finestra: Gingillo!

LUCIA               (Tirandole qualcosa senza colpirla) DEFICIENTE! (a Ida) Uh, mamma mia, io nun me pozzo movere cchiu’! me tremmano e’ gambe! Io aggio ‘ntiso spara’, io aggio ‘ntiso e’ spara’!

                                             LUIGI  E  DETTE

LUIGI                (appare nel vano della finestra tenendo con due dita una quaglia morta) Vedete quanto e’ bella! Oh, la quaglia pe’ fa’ nu’ regalo a Katy!

LUCIA               (a Ida) Famme o’ favore, minelo na’ cosa ‘faccia, io nun tengo a’ forza! (poi con forza a Luigi) Ma JATEVENNE! IMPICCATEVI!

LUIGI                Perche’ voglio a Katy? Ma io che ce pozzo fa se stanotte ho sognato Katy? E’ stata lei che mi e’ venuta in sogno.

LUCIA               Io vi proibisco di sognare qualunque figlia mia. Mo’ e pe’ sempre!

LUIGI                Ma ch’e’ stato?

IDA                    Correte, cercate mio marito e suo marito. Li vogliono ammazzare!

LUIGI                Gue’! Non vi preoccupate. Vado, vinco e torno! (fa per andare, poi si ferma a guardare estatico Esterina) Pero’ Esterina comm’e’ bella Esterina! E come piange per me! (via)

                                              CATERINA  E  DETTE

CATERINA       Ma che sta succedendo? Io aggio ‘ntiso e’ strilla’!

LUCIA               Figlie mie, preparatevi, forse rimanete orfane e io vedova!

IDA                    E io………….

LUCIA               Tu nun rimane niente, perche’ te manno a truva’ a’ tuo marito a chill’atu munno!

                         CAMILLO  ALBERTO  E   DETTE  POI  ALFREDO

CAMILLO         (entra in fretta dalla comune seguito da Alberto)

                          Curre, curre!

LUCIA               (abbracciando Camillo) Camì!

IDA                    (abbracciando Alberto)  Albe’!

CAMILLO         Facitece passa’, levateve a’ nanze!

ALBERTO         Ci stanno correndo quei due appresso cu’ e’ pistole mmano!

ALFREDO         (Venendo dalla sinistra armato di pistola) FERMI TUTTI!

ALBERTO         (si nasconde dietro a Camillo)

CAMILLO         Levate a’ reto!

ALFREDO         Qua c’e’ bisogno di una spiegazione. Pecche’ io nun aggio caputo cchiu’ niente.

LUCIA               Si, si, ave ragione zì Alfredo, ci vuole una spiegazione.

                          Camì, parla, dice tutte cose!

CAMILLO         Zì Alfre’, Lucia non e’ la mia amante. Chesta m’e’ mugliera. Moglie legittima,e voi state nella casa di villeggiatura in montagna che io ingenuamente avevo preso pe’ me’ cura’ e’ nierve.

ALFREDO         ma vuje pazziate? Ma allora Bebe’ a chi s’ha spusato?

IDA                    A me!

ALFREDO         S’e’ spusato a’ cameriera?

IDA                    Ma io non sono cameriera.

LUCIA               Chesta cca’? Zì Alfre’, chesta nun fa nu’ servizio manco si l’accideno!

ALFREDO         (cercando Alberto per la scena) Ma Bebe’ addo’ sta’!….. ma che faje, t’annascunne? Viene acca’, viene vicino a’ me! Ma tu che diavolo hai combinato?

ALBERTO         Si e’ vero, zì Alfre’, sono stato io che ho pregato questi amici fraterni di prestarsi a fare questo scherzo.

ALFREDO         Scherzo?

CAMILLO         Comme ce simmo divertite!

ALFREDO         E pecche’ e’ fatto chesto?

ALBERTO         E comme aveva fa’? voi non mi volevate dare nemmeno un soldo se io non me spusavo a Lucia!

ALFREDO         Ma come, tu eri il sangue mio e io nun te davo nemmeno nu’ soldo? Io dicevo accussì per dire, perche’ me faceva piacere ca’ tu te spusave a Lucia e che anche lei potesse godere del mio denaro! Ma tu comm’e’ pututo penza’ ca’ io nun te devo niente? Io me so’ sempe preoccupato e’ te. Figurate che prima di partire ho lasciato una somma in mano al notaio con l’ordinazione ca’ si moro o m’arrestano, te l’adda manna’ a te.

ALBERTO         Bello, bello, zì Alfredo, e chi lo sapeva! (e gli bacia le mani) E chi lo poteva capire! Qual’e’ l’indirizzo del notaio? Perche’ aspettare che vi arrestano o che morite? Non e’ bello che campammo tutte quante in allegria?          

ALFREDO         No! Dopo tutto questo inganno che mi hai fatto hai dimostrato ca’ si scemo e non ti meriti niente. Bebe’, tu nun haje manco nu’ soldo.

ALBERTO         (a Camillo) Ma pecche’ te sì miso mmiezo? Pecche’ trovasti l’uovo di Colombo?

CAMILLO         No, Albe’, mo’ basta. Mo’ te ha fa e’ valige, a mappatella,ce miette pure l’uovo a’ dinto e te ne vaje! Pecche’ io cca’ ‘ngoppo so’ venuto pe’ me cura’ e nierve!(e si mette a sedere)

LUCIA               A pillola te l’he pigliata?

CAMILLO         Nisciuna pillola, Lucì, pace, voglio soltanto pace! Faciteme sta sulo quieto int’a’ casa mia!

                                     LUIGI  JAK  PAT  E  DETTI

LUIGI                (dalla comune col fucile puntato alle spalle di Jak e Pat che lo precedono con le mani alzate)

                          COMAN! COMAN!

ALFREDO         Picciotti!

JAK                   O’bestio, o’ cane!

PAT                   Ci ha zompato addosso!

LUIGI                Io songo l’ommo d’o’ paese, tengo o’ fucile, o’ cane lupo e……e’ Palle appese!

ALFREDO         Acalate o’ fucile, giovino’, non serve piu’. Picciotti, venite con me a fare le valige, si parte! (esce a sinistra)

JAK                   (baciando sulle guance Esterina) Statte bbona!

LUIGI                Gue’…..gue’……

PAT                   (baciando Caterina) Statte bona bona!

LUIGI                Katy!

JAK e PAT        (baciando Ida) Tu, statte cchiu’ bona e tutte quante!

PAT                   Simpatico’! (le pizzica la guancia ed esce a sinistra con Jak)

LUIGI                (fra se, guardando prima Caterina e poi Esterina)

                          Est, Ovest, ma pecche’ nun me pozzo spusa’ a tutt’e’ ddoje? (ad Alberto) Sentite, voi tenete due figlie…….

ALBERTO         Lla’,lla’, il padre e’ quello!

LUIGI                Comme? Ah, ma vuje nun avit’a’ cagna’ pate ogni ghiuorne! Mo’ parlo cu a’ mamma ch’e’ chiu’ sicura! Signora………

LUCIA               Gingì, ma ve pare o’ mumento?

CAMILLO         Figuratevi ca’ nun tengo manco a’ forza e’ ve caccia’ fora. Domani, jammo, faciteme o’ favore, venite domani e io ve ne caccio. Mo’ basta! Faciteme a’ carita’, nun parlate nisciuno cchiu’!

                                              AMALIA  E  DETTI

AMALIA           (entrando dalla comune con fagotto in mano) E’ permesso?

                          Ecco il vestito! Mo’ e’ proprio a mesura vosta. (rivolta a Ida)

IDA                    Piccere’, chisto mo’ l’e’ fa da’ capo a capo, pecche’ o’ vestito nun era o’ mio ma pe’ sta signora cca’!

AMALIA           Ma chesta so’ cose e’ pazze, e chi ce o’ dice mo’ a masta mia?

                          Mo’ scuselo n’ata vota tutto quanto e accummience d’o’ capo! (discute sottovoce ma animatamente con Esterina e Caterina)

ALBERTO         (a Camillo)Fratello!

CAMILLO         O’ sapevo ca’ parlave tu! Lucì, damme a mano, stette vicino a me. Steteve zitti, parlate con le mosse come fanno i muti! Ah…..Comm’e’ bello o’ silenzio………..(dopo una breve pausa plastica e silenziosa, si sentono alcune raffiche di mitra e Camillo balza in piedi) Chi e’?

                         

                          (Tutti corrono per la scena cercando di ripararsi in qualche modo. Poi si ode una voce parlare da un megafono)

VOCE                SIETE CIRCONDATI! E’ LA POLIZIA! USCITE TUTTI CON LE MANI ALZATE!

ALBERTO         (fregandosi le mani compiaciuto) Mo’ arrestano o’ zì! Camì, mo’ arrestano o’ zì!

CAMILLO         Ma io ero venuto cca’ ‘ngoppa pe’ me cura’ e’ nierve!

CALA LA TELA

FINE  TERZO ATTO

FINE DELLA COMMEDIA

                              

                                                    

    Questo copione è stato visto
  • 0 volte nelle ultime 48 ore
  • 0 volte nell' ultima settimana
  • 2 volte nell' ultimo mese
  • 88 volte nell' arco di un'anno