Mugghieri ricca… maritu parla picca!

Stampa questo copione

MUGGHIERI RICCA, MARITU PARLA PICCA

MUGGHIERI RICCA…MARITU PARLA PICCA!

COMMEDIA BRILLANTE IN DUE ATTI.

 ( di Calogero Maurici e Rosanna Maurici )

P E R S O N A G G I :

Serafina                        (la moglie)

Salvatore                      (il marito)

Mario                            (il figlio)

Tiziana                          (la figlia)

Roberto                         (il fidanzato)

Caterina                        (la vicina in affitto)

Stella                             (la madre di Salvatore)

Ciro                               (il padre di Salvatore)

Tonina                           (la madre di Serafina)

                                                      

                                                                                 (tel. Autore: 090/638009

                                                                             (elaborata da Pietro Maurici).

MUGGHIERI RICCA, MARITU PARLA PICCA!

COMMEDIA BRILLANTE IN DUE ATTI

( di Calogero Maurici )

(elaborata da Pietro Maurici)

( Avere case, terreni e soldi quasi sempre significa non avere tutto. Infatti in questa commedia siamo di fronte ad una donna che ha portato case e terreni

al marito ma non ha portato la sensibilità, l'intelligenza ma soprattutto l'Amore.

Un figlio ritardato, una figlia fidanzata che fa quello che vuole o meglio le fa fare quello che vuole la madre, senza calcolare minimamente il padre perchè i soldi sono alla base di tutto. Un marito che viene scavalcato su ogni decisione e costretto a subire ogni prepotenza perchè la povertà di fronte alla ricchezza  è impotente. Ma quando con il padre azzeccano un sei al superenalotto da venti miliardi, si trova più ricco della moglie capovolgendo ad un tratto la situazione, le abitudini, le decisioni e tutto l'andazzo che era in mano alla moglie adesso se lo ritrova il marito, con immensa gioia dei genitori che lo vedevano sovente triste. Però egli si stanca subito di agire per come agiva la moglie facendo capire alla figlia maggiore e al fidanzato che di fronte ad un Amore spontaneo, puro e forte non ci sono soldi che tengano.

La scena rappresenta una porta d'entrata preferibilmente al centro, altre due

porte che portano nelle stanze, quadri, sedie, tavolo e qualche mobile.)

S C E N A I°

(Serafina, Salvatore, Tiziana e Mario)

( Serafina seduta ascolta musica e legge un fotoromanzo subito dopo entra la figlia a ritmo di musica, và verso lo specchio si prova un paio d’occhiali di sole facendo consigliare dalla mamma, questa fa capire che non gli piacciono, poi prova ancora un altro e la mamma le da il consenso )

Sal.   (entra nella stanza) Serafina, Serafina, (spegne la radio) avi mezzura ca ti chiamo.

Ser.   Ma picchi sintemu chi voi.

Sal.   Non trovu a cintura di pantaluna veni tu e a cerchi.

Ser.   (seduta sempre comodamente e disinvolta). Cercatilla, e t'haiu dittu

          milli voti ca quannu leggiu non ma disturbari ca poi perdu u filu…

          cerca di moviti ca mi pari, mamma unni mi mettu.

Sal.   Tuvaglia p’ asciugarimi c'era chidda fiorata...

Ser.   (alzandosi adirata). Ma quantu voti haiu dittu ca chidda fiorata a tegnu pi

          bellezza; cu chidda non t'asciugari. Si sempri u solitu trunzu, pi fariti na

          doccia ci stasti mezzura e speriamo ca non sciupasti tutta l'acqua cavuda.

          U rubinettu u chiudisti bonu? (Salvatore annuisce) 'nterra  asciugasti? Picchi

          non vogghiu truvari u bagnu bagnatu; sarvasti tutti cosi dintra u

          portabiancheria? U tappu no schampoo u mittisti? Iu appena trasu vogghiu

          vidiri tuttu a postu asinò ti mangiu u figatu.

Sal.   Chiassai di quantu l'haiu mangiatu… mi ni ristau un pizzuddu.

Ser.   Fai puru u spiritusu, mi facisti perdiri u filu mi scurdavu unn'era arrivata.

         ( Serafina guarda il fotoromanzo ).

Sal.   Picchi non ci metti un segna libru.

Ser.   Turiddu o Turiddu non pigliari in giru e finiscila picchi già mi li facisti

           girari....

Sal.   Attia ti giranu, ammia avi chi mi si firmaru, non si movunu cchiù...

Ser.   Senti iu ora trasu no bagnu e speriamo ca non vidu nenti nmenzu. U

          ringraziamentu non è mai troppu di tuttu chissu chi ti purtavu (và).

Sal.   Maritannumi pari chi avia pigliari un ternu, inveci pigliavu l'infernu...

         ( Entra Tiziana la figlia maggiore accompagnata coo la canzone Happj ).

Tiz.    (mentre balla guardandosi allo specchio si prova il giubbotto) Ciao papà, io

            forse stasera faccio tardi (si aggiusta i capelli).

Sal.    L'importanti ca verso li novi si dintra!

Tiz.   (si gira di scatto verso il padre) li novi? (ride) papà ma chi si stunatu? Io ho parlato

          con la mamma e mi dissi ca pozzu veniri a mezzanotte, l'una i dui...

Sal.   Facemu i deci e mezza...... (entra Serafina).

Ser.   Si parli ancora a fazzu veniri in mattinata...vai, vai e saluta Roberto.

Tiz.   Grazie papà....come sei comprensivo, si propio mamma unni mi mettu....

         (sta per uscire) papà dimenticavo; dammi venti mila....

Sal.   Deci non ti bastano.

Ser.   (insofferente) vai na stanza di lettu a mamma e ti pigli cinquanta magari

          centu (Tiziana và). Sai ca è zita cu unu cchiù riccu di idda e ci dici di

          rientrari e deci e mancu soldi ci voi dari, ma si propio un carciofo

          palermitanu.

Sal.   Picchi chiddu parlermitanu, hannu i spini, però sunnu chiù belli a

          mangiari (ride).

Tiz.    (entra) mamma mi pigliavu ottantamila.

Sal.   Ass....(stava per dire assai).

Ser.   (lo guarda male). Chi stavi dicennu.

Sal.   Ass....assettati...

Tiz.    Allora io vado (esce ).

Ser.   (dalla porta verso fuori) divertiti a mamma non fari prestu.

          ( Entra Mario o Maria, il figlio un po' ritardato, parla a stento )

Mar.  Tiziana...Tiziaana.

Tiz.   (rientra) chiccè Mario.

Mar.  Vai a ballari a diccoteca? (a volte pronuncia bene qualche parola) balli a

          macarina? Quantu mi piaci ballari a macarina (accenna al ballo della

          macarena con movimenti strani).

Ser.   (lo ferma) bonu a mamma.

Sal.   Poi ti ci porta u papà a discoteca (abbracciandolo).

Mar.  E ballamu...ballamu 'nzemmula....(ride).

Tiz.   Va bene io vado ciao a tutti.....(sta per uscire).

Mar.   Iu vogliu nesciri cu idda ....cu idda...

Ser.   (al marito) tenilu catapasimu....

Tiz.   Poi natra vota ti portu...

Ser.   Vai a mamma si no non nesci chiù.

Sal.   Poi natra vota ti portu...

Ser.   Menumali ca pigghiasti di mia tu, maritati a chistu e cummannalu, tantu

           puru tu ci porti case e terreni.....( Tiziana esce ).

S C E N A  I I  °

(Serafina, Salvatore, Mario, Roberto e Tiziana)

                                 ( Intanto Mario ancora si lamentava ).

Ser.   Portalu na so stanza vai Mariuzzu (Mario entra nella stanza col padre).

          Maritannumi pari ca avia pigliari un ternu...nveci sugnu dintra l'infernu....

          Turiddu, Turiddu o Turiddu.   ( Salvatore entra ).

Sal.   Puru to figliu mi chiama Turiddu belli cosi chi c'insigni, io mi chiamo

         Salvatore puru a me matri ci disturba stu Turiddu. Si attia ti chiamassi o

          postu di Sera-fina, Sera-raspusa!.....

Ser.   A mamma ci disturba, a mammuzza vulissi ca ti chiamassi Salvino..

          Salvuccio...Turiddu si, e Turiddu resti....chiuttostu prima ca mu scordu

          antura quannu ti facisti u bagnu ti lavasti cu sapuni CAMAI  chidda è ddà

          pi bellezza u senti chi odori manna e non ti permettiri chiù a to figlia di

          diricci veni prestu, ca chiddu ci porta un sacco di roba quasi du miliardi

          di propietà avi; idda a porta puru grazie ammia picchi si pi ttia era,

          spicchiavamu favi e mangiavamu carciofi.....

Sal.   Palermitani?...

Ser.   Non fusti capaci di fariti na casuzza magari nicaredda.

Sal.   Ma poi si era nicaredda non ci stavi, tu si granni...

Ser.   Oh! cerca di rispunniri picca, avi qualchi jornu ca rispunni chiussai e non

          mi piaci....Mario chiffà.

Sal.   Si vidi a televisioni.

Ser.   Ora mentre iu finisciu di leggere stu fotoromanzo vai a putia accattari un  

          ettu di parmigianu, du etti di mortadella asinò to figliu non mangia senza

          mortadella, poi passi da macelleria e pigli mezzo chilo di macinato, no

          chiuassai mi raccumannu non chiuassai, poi passa dall'edicola e pigli 'u

          continuo di stu fotoromanzo (glielo mostra) 'u titulu è:

          IO LEGGO MENTRE TU LAVORI AMORE.

Sal.   Bello Amore! (sta per uscire) ah! senti macinatu ni pigliu chiuassai podarsi

          vennu i mei.

Ser.   Vennu i toi, io non sapia nenti e poi non pensu ca venunu chi mani vacanti

          ora cerca di moviti picchi poi di ccà ca cumenci a priparari, e non ti firmari

          cu nuddu (Salvatore esce). Mah! si non lu smovu iu non si movi pari

          chiantatu non cu chiova, cu bulluna. Ora venunu i me sogiri e chi su beddi,

          non mi pozzu scurdari di quannu mi dissiru ca sugnu cumannera.

Mar.  (entra) Mamà...mamà vogliu a mortedella (con strani movimenti).

Ser.   Ora a porta u papà.

Mar.   Mamà o papà puru iu u chianu Turiddu.

Ser.   E chiamalu, u stessu è!

Mar.   Turiddu...Turiddu...io voglio a martedella.

Ser.   Ora a porta u papà.

Mar.   Turiddu a porta...mamà vogliu ballari a macarina....    

Ser.   Non c'è u discu.

Mar.  Ci dicemu a Turiddu chi l'accatta e iu ballu, mangiu a mortedella e ballu.

          Iu vogliu u discu u discu macarina..macarina, u discu.

Ser.    Senti iu vaiu accattu stu discu, tu però non fari trasiri a nuddu e fai u

           bravu (esce).

( Mario accende la radio e per caso trasmettono musica latino-americana prima

30/40 secondi di una a scelta mentre gioca sul tavolo con delle macchine o qualcos'altro, finita la prima musica trasmettono la macarena, Mario lascia tuttto e si lascia prendere cominciando a ballare a suo modo, dopo circa 30 secondi entrano la sorella col fidanzato                     

Tiz.   Mario (ma Mario non sente) Mario....   ( Roberto chiude la radio ).

Rob.  Ciao Mario.

Mar.  Aviti a nesciri a mamma mi dissi di non fari trasiri a nuddu.

Tiz.    A mamma unnè.

Mar.  A mamma mi dissi di non fari trasiri a nuddu nisciti.

Tiz.    Ma iu sugnu to soru.

Rob.  E iu sugnu u zitu, ti ricordi ca ti purtavu a mortadella ieri?

Mar.  Però stavota non la purtasti!

Rob.  Dumani ta portu.

Tiz.    Ora mu vo diri unnè a mamma.

Mar.  Turiddu a mortedella, u discu a mamma, a macarina, iu a fari u bravu e

          non a fari trasiri a nuddu.

Tiz.    (Al fidanzato). Non capivu nenti.

Rob.  Forsi nisceru a fari a spisa.

Tiz.   Non nesciunu mai assieme, a spisa me patri a fa sempri, e poi è difficili ca

         lassunu a me frati sulu pi assai tempu.

Mar.  Iu mi vaiu a vidu a televisioni (và).

Rob.  Chi facemu aspittamu?!.. (Tiz. Si siede sul divano prendendo il fotoromanzo)

Tiz.   Certu, l'avi a sapiri me matri chi di sta gita riturnamu dumani.

Rob.  Puru a to patri a m'aspittari!

Tiz.    Iddu anchi ca non sapi nenti u stessu è; chidda chi diriggi a baracca è

me matri. (Rob, si siede su una sedia poco distante da Tiziana, comincia a guardarla in modo sensuale,accompagnato preferibilmente da Amore per te di Mango. Roberto continua a riscaldarsi, continua a far scena poi si alza e va verso il divano)

Rob.  Certu ca si fussimu suli pi ora!.....  (Mettendole la mano sulla spalla).

Tiz.   Avemu tantu tempu...

Rob.  Quannu semu ccà dintra mi sentu stimolato....

Tiz.     Finiscila ca po trasiri me frati.

Rob.  Picchi capisci ca semu in posa pi l'atto d'amore? Tiziana (passionale)

          ccà dintra mi sentu un fuoco, è sta casa....

Tiz.    Infatti è troppo cavuda sta casa! ( Mario entra con due coperchi di pentola,li

vede in atteggiamento amoroso e pian piano si avvicina senza farsi notare e batte forte i due coperchi Tiz. e Rob.si alzano spaventati).

Mar.   Chi faciti.

Rob.  (Imbarazzato). Ballavamu....

Tiz.   Ballavamu a macarena...

Mar.  Si balla puru 'ncontru supra l'autru?!!!!!!!

Tiz & Rob.  Si...si puru accussi si balla.

Mar.  (Ride). Mancu u sapia appena veni a mamma e u papà ci lu dicu ca si

          balla puru accussi.

Tiz.   No, non c'è bisogno a mamma u sapi.

Mar.  Ballati ...ballati ca iu mi vaiu a vidu a televisioni (và).

Tiz.   Hai vistu, di quantu tempu chi avemu ti veni u stimulu.

Rob.  Menumali ca non capisci. ( Entra Serafina  con in mano la cassetta della macarena ).

Ser.   Ciao comu mai ccà.

Tiz.    Mamma vinni pi diriti ca Roberto mi voli purtari a Sciacca in quella casa

          vicino al mare.

Ser.   Quindi veni dumani.

Rob.  Signora non si preoccupi è in buone mani.

Ser.   Iu sugnù libera, aperta e disponibile, l'importanti ca vi vuliti sempri beni.

Tiz.    Ancora scutava chi aviatu a diri......a papà gli e lo dici tu.

Ser.   Non c'è bisogno basta ca u sacciu iu. (  entra Salvatore con le borse della spesa ).

Tiz.   Papà ciao.

Rob.  Bongiorno.

Sal.   Prestu vinisti. (Poi alla moglie). E tu dicivi ca vinia a l'una e dui...

Ser.   Infatti veni dumani matina veru i sei i setti.

Tiz.   Papà vaiu a Sciacca.

Sal.   Ma iu staiu cu l'ansia ...(si agita poi si rivolga alla moglie) accussi moru

          prima di tia.

Ser.   Ma picchi vulissi moriri dopu, talia che beddu....appi lu meu permessu,

         non fari storie....va beni a mamma salutati e nisciti. (Salutano ed escono).

S C E N A    I I I °

(Claudio, Caterina, Serafina, Mario e Salvatore)

Ser.   (Mentre controlla la borsa della spesa). Speriamo ca non ti scurdasti

          nenti, ma stu macinatu non mi pari mezzo chilo preciso (lo pesa sulla

          bilancia messa sopra un mobile) infatti è 800g, non pozzu fari uso di tia,

          forse u pigliasti picchi veni a mammuzza e voli fatti i purpitteddi?

Sal.   Cadiu ottucentu e mi dissi: u lassu? e iu ci dissi si!

Ser.   U parmigianu non grattuggiatu, vai e tu fai grattuggiari e mentre si ddà

          piglia un paccu di spaghetti, un chilu di pomodori e mentri ritorni passa

          da signora Pagapicca e ci dici comu mai ancora non veni a pagari l'affitto

          da casa.

Sal.    Mischina avi picca chi sta ni stu paisi ancora si senti disorientata.

Ser.   Dacci a bussola tu, accussi si perdi completamente...forse picchissu ci

          misiru pagapicca unni stava prima.

Sal.    Mischina avi un figliu comu Mariu ritardato.

Ser.   Tu non è chi si tantu avanzatu…allestiti e camina (entra Mario)

Mar.  Papà...papà a purtasti a mortedella.

Sal.   Si ccà è! facci u paninu addevu.

Ser.   Iu u sacciu chiddu cheffari vai e non ti scurdari nenti.

Mar.  Mamà...mamà (mentre gli prepara il panino) u discu da macarina.

Ser.  Teniccà chista è cassetta…é lu stessu do discu.

         (Mario la prende contento battendo le mani e saltella ).

Mar.   Papà ballamu a macarina.

Sal.   Dopu appena vegnu (mentre esce).

Mar.  Ciao Turiddu.

Ser.   Teni u paninu.

Mar.  Che bella a mortedella che bella, appena veni a nonna ma porta?

Ser.   Ta porta.

Mar.   Puru i nonni?

Ser.   Puru i nonni! non ti preoccupari ca non ti manca mai a mortadella.

Mar.   Mi vaiu a vidu i cartoni amati (esce).

Ser.   Quantu pazienza chi ci voli e non haiu aiutu di nuddu. ( entra Caterina )

Ser.   Bongiorno, prego entrasse.

Cat.   Signora Serafina iu avi quasi du misi chi abitu ta stu paisi lei u sapi iu non

          sugnu di ccà e gia solo perchè non pago l'affittu puntuali mi misiru na 'ngiuria

          "pagapicca" voli diri ca i cristiani stannu affacciati pi vidiri quannu vegnu.

Ser.   Ma iu nenti sapia ca sta 'ngiuria ci la misiru ccà.

Cat.   Me maritu avi du misi ca non piglia stipendio, ora l'avvissiru a pagari e subitu i primi soldi sunnu pi lei, ma va scusari io non sugnu malapagatura.

Ser.   Non si preocupassi datu ca si tratta di pochi giorni, però mi raccumannu

          appena lu paganu pinsassi ammia prima di tutti ognunu avi i so spisi......

Cat.   Non si preocupassi... Signora ogni tantu facemuli giocari assieme a so figliu e

         a me figliu qualchi vota e me casa!..

Ser.   A me casa o a so casa sempre a me casa è....

Cat.   Ah! veru scusassi tutti i dui soi sunnu.

Ser.    Qualchi vota giucati assieme va beni. Me maritu ancora non veni, quantu

          travaggiu chi mi duna cara signora......   ( nel frattempo entra Salvatore ).

Sal.     Bongiorno signora. (entra Mario)

Mar.  Papà a purtasti a mortedella.

Ser.   No frigorifero dà dintra cinnè assai poi ta pigli. Si voi giucari veni cummia

          ca ti lassu na signora, (al marito) tu apparecchia beddu pulitu, macinatu

          non lu fari tuttu, fanni 300g, e non fari ghittari ciniri di sigaretti ni stu

          purtaceniri (poi alla vicina) sapi è un regalo ddà bon'anima da figlia da

          niputi du frati di me patri e lu tegnu pi bellezza  (escono).

S C E N A   I V °

(Salvatore, Ciro, Stella e Serafina)

 Sal.   (Si siede facendo notare la tristezza).  Chissu è pi bellezza, chiddu è pi  

          belezza, stringi u rubinettu bonu, fai a spisa, chidda nesci e ritorna

          dumani, chiddu mi chiama Turiddu… mi dispiaci pi sti me figli, e pi l'amuri

          di iddi, supportu!  ( entrano Ciro e Stella i genitori di Salvatore ).

Sal.   Papà mamma trasiti, assittativi. ( Ciro molto sensibile ogni tanto si lascia andare in

           qualche pianto per la situazione del figlio).

Cir.   Ti staiu vidennu tristi.

Ste.   (Sdrammatizza). Ma quali tristi, guarda che bellu allegru. Teniccà a

          mortadella pi Mario asinò cu voli sentiri. ( Salvatore esce per posare la mortadella e

            rientra subito ).

Cir.  (Mentre non c'è il figlio). Mi pari tristi to figliu è disperatu cu sta mugghieri.

        ( Comincia a piangere e la moglie lo conforta ).

Ste.   Bonu ca tò figliu u sapi comu a va fari… (entra Salvatore)

Sal.   Chiccè papà ti senti mali.

Cir.   (Piangendo ancor di più). Tu si tristi, u sacciu ca non ni poi chiù cu sta

          mugghieri........

Sal.   Ma chi dici papà sta cambiando non è cchiù comu prima.

Ste.   Ogni jornu fa accussi non supporta ca to mugghieri ti cumanna.

Cir.   Si, si ti cumanna...ti cumanna..

Ste.   Zittuti ca ti po sentiri e poi è peggiu.

Sal.   Non ci sunnu.

Ste.   Quanti voti ti dicia a mamma pigghiati a una povera china di sentimenti,

          chi capisci chi significa maritu, a famiglia… fimmini ricchi cinnè ca si

          maritaru cu poveri e sunnu beddi sistimati affettuose piene d'amore ca lu

          maritu veni prima di tutto e di tutti, ma a maggioparte de ricchi sunnu

          accussi.

Cir.   (Piangendo più lentamente). U figliuzzu meu!...

Ste.   Ciru finiscila ora dai.

Cir.   (Alzandosi). Talia chi si cumminau beddu, si sta facennu a facci di na

         scimmia, ci stannu cadennu i capiddi, u figatu l'avra tuttu rusicatu, prima

         paria un bambolotto ora mi pari na sarda sicca ed iu mi pigliu di pena

        (comincia a piangere prima lentamente e poi più disperato) beddu meu di

         sicuru ca iu moru prima di tia.

Ste.   Ma chi dici, l'arteri ci vannu cuminciannu puru.....ma voi moriri dopu di to

         figliu si chiddu è chiù giovani di tia.(esce un fazzoletto e va ad asciugare le

         lacrime della moglie)

Ste.   Ma chiffai chiangi tu e asciuchi ammia…

         

Cir.   (Smette). Non sacciu chiddu ca dicu chiù (ricomincia).

Ste.   Tiziana unnè.

Sal.   Cu zitu e veni dumani.

Ste.   Dumani?!...

Sal.   Bonu papà asinò mi mettu a chiangiri puru iu.

Cir.   No...tu no u papà (smette) basta di quantu si tristi...Salvatore a fare a pipi.

Sal.   Vai papà (Ciro và).

Ste.   Mugghieri ricca, u maritu parla picca diciunu l'antichi, ma tu aviatu a

          parlari di prima.

Sal.   (Seduto tristemente). Non putiamu esseri ricchi nautri, ammia me figliu

          mi fa chiossai pena....

Ste.   To patri sempri chi gioca o super ottu comu schifiu si chiama. Si vinciu

           dici, tuttu a me figliu dugnu...

Sal.   Avi na vita chi gioca, a poi a vera ricchezza non sunni i soldi. Mah!......

          speriamu beni? (Entra Ciro e vede il figlio triste con la mano appoggiata sul viso ).

Cir.   Tu si tristi...tu si tristi (ricomincia).

Sal. Non ti preoccupari è u tempu ca mi fa sentiri accussi.(lo confortano e va smettendo)

Ste.   Ma quannu venunu ca vulissi vidiri a Mario.

Cir.    Si vinciu, tu hai li soldi e poi cumannari, almenu prima ca mori u poi

          diri: cumannavu! e iu quannu non ci si chiù, lu pozzu diri me figliu anchi

          pi picca cumannau.

Ste.    Natra vota! Ti dissi ca tò figliu avi amoriri dopu di tia.(entra Seraf.)

Ser.   Bongiornu.

Ste.   Ciao Serafina Mario unnè.

Ser.   Sta giucannu un pocu cu'nnamicu soi. Turiddu ma nenti hai fattu, ci

          sunnu i toi almenu mangiunu cu nuatri!

Ste.   No, nuatri nin nniemu ora.

Ser.   Comu, iu ci dissi di pigliari quasi un chilu di macinatu, ci dissi: Turiddu

          non ni pigliari mezzu chilo si poi venunu i toi! veru Turiddu!...

          ( Salvatore annuisce ).

Cir.   Chi cori granni chi avi sta nora, l'avi tanto granni ca si mittemu tutti i nostri

          cori 'nzemula u soi è sempre chiù granni.

Ste.   Non ti preoccupari Serafina a prossima vota mangiamu.

Cir.   Cu sapi quannu! (verso il pubblico).

Ser.   Comu vuliti fari non insisto, picchi sacciu ca non putiti ristari.

Sal.   Mamà v'accumpagnu.

Ser.   Ma chi bisogno c'è pari ca sunnu rimbambiti!

Cir.   (Ironico). E chi bisognu c'è....

Ste.   (ironica) Pari ca semu rimbambiati!..(salutano ede escono)

S C E N A   V °

(Serafina, Salvatore, Caterina , Claudio e Mario)

Ser.   (Arrabbiata). Di quanti cosi chi avemu di fari vuliatu perdiri stu tempu pi

          accumpagnalli...

Sal.   Ma subitu facia.

Ste.   U saccio u to' subitu quant'è!...

Sal.   (Per togliere l'occasione). Ma Tiziana ha telefonatu?

Ser.   Cu ‘nna jurnata chi sta mancanuu chi sta facennu, cu zitu è, pari ca è

           sula! nuddu sa po' mangiari sulu u zitu sa po' mangiari!.....

Sal.   Chi facemu apparecchiamo.

Ser.    Certu apparecchiamo, non facisti nenti prima e ora mi dici apparecchiamo

           tutti cosi iu a fari na sta casa, e menumali ca non mancanu i soldi asinò

           'u ventu e a fami appressu!...

Sal.   A mortadella u stessu  non ci mancava a Mario.

Ser.   Sparti babbii, megghiu ca mi nnivaiu ddà dintra asinò oggi...(va).

          ( Squilla il telefono ).

Sal.   Pronto papà, chiccè, sta puliziannu u bagnu, tuttu a postu, ora ora erumu

         abbrazzati... non ci cridi..papà, papà...non chiangiri.

         ( Lo chiama Serafina dall'altra stanza arrabbiata ).

Ser.   Turiddu o Turiddu...

Sal.   Va beni papà ciao ca mi tuppianu a porta (chiude) chiccè Serafi.

         ( Entra Serafina adirata al masimo ).

Ser.   A tazza do bagnu di quant'è granni (fa il gesto) comu poi...comu poi fari a

          pisciari di fora.

Sal.   Veramente non fu iu.

Ser.   No fusti tu? E chi trasunu strani mentre non ci sugnu iu?

Sal.   Fu me patri mischino è granni a vista non l'accumpagna bonu........

Ser.   Ah! to patri, e picchi non l'accumpagnavi tu e ci indicavi a direzione

          giusta...tutta fora a fici...e menumali ca non fici l'atto granni...

Sal.   Vaiu e pigliu a Mario.

Ser.    Certu mentre iu m'azzuppo a puzza no bagnu tu va pigli a Mariu. Vacci,

           vacci pi sta vota e mentre si di passata piglia du stracci picchi chissu chi

           ora usu p'asciugari a pisc...l'acqua chi fici to patri non po' stari chiù ccà,

           megliu ca u ghittamu, mentre ca si ddà piglia puru un deodorante......

Sal.    Va beni.....( Mentre sta per uscire entra Caterina)

Cat.   Bongiorno, scusate si so figliu voli veniri a me casa. Signora a vidu stanca.

Ser.   Lei menumali ca n'avi unu, iu invece accummattiri cu dui…

Cat.   Matri dui accussi n'avi!......

Ser.   No, l'altra è precisa comu mia è, di mia pigliau....pi ora non c’è dopu.

Cat.   Va beni, cchiù tardu vegnu…arrivederci…

Ser.   Arrivederci e speriamu ca a so maritu lu paganu subitu accussi putiti fari

          un pocu di spisa.

Cat.   Speriamo.......arrivederci. (esce)

S C E N A  V I °

( Salvatore, Mario, Serafina e Caterina)

Sal.   (entra Salv. con Mario)

Mar.  Mamma o papà ci piaci ballari a mazzucca u ballu di babbi.

Ser.   To patri sempri u ballava....( Mario si mette a ridere ).

Sal.   Ma si ballavamu u cià cià cià.....

Mar.  (Ride). U ciao ciao cioa chi ballu è..

Ser.   Poi.....poi  u senti, ti fazzu un pocu di pastina.

Mar.  No a mortedella.

Ser.   Turiddu vai accattari di cosi chi ti dissi.

Sal.   (Sta per uscire). Voi a mortadella Mario.

Mar.   Si papà asinò poi finisci.

Ser.    Lassa stari pi sta vota ca cinnè du chila no frigorifero.

( Mario comincia a fare il giro attorno il tavolo o a qualche sedia ripetendo ).

Mar.  A mortedella....a mortedella.

Ser.   Fermalu pi favuri (sedendosi disperata).

Sal.   Bonu Mario ora u papà ta porta, vai na to stanza.(Mario se ne va contento).

Ser.   A signora Caterina (la imita) pazienza...pazienza...(bussano).

Cat.   (Entra). Signora mi scusassi si vinni nautra vota.

          ( Serafina sempre seduta non le da nemmeno la mano ).

Sal.   Signora prego chiccè.

Cat.   A me maritu lu pagaru e ci vinni a purtari l'affittu.

Ser.  (Si alza di scatto). Prego signora s'accomodassi, mi scusa ma mi fà

          mali a testa, chi purtau li soldi, ma chi primura c'era, chissu parlavamu

          cu me maritu veru…(Salvatore annuisce, Caterina esce i soldi dal borsellino)

Cat.  Ecco quà (sospirando) quannu c'è paci a serenità e qualchi soldu pi tirari

         avanti c'è tuttu.

Mar.  (Dalla stanza). Mamà...mamà...

Cat.   Pazienza.

Ser.   Quantu vidu chi voli (và).

Sal.   Signora Caterina, ccà i soldi ci sunnu, però in quantu a paci e serenità

          non cinnè mancu un centrimetru.

Cat.   Pazienza! puru iu haiu a me figghiu comu u vostru u sapiti.

Sal.   Si però vostro maritu è precisu.

Cat.   Certu ca è precisu ci mancava puru ca era ritardatu.

Sal.   No, io intendevo ca...( Entra la moglie e Salvatore smette ).

Ser.   Dici ca a mortedella cu la cacca nno la voli, u pistacchio ci pari cacca.

Cat.   Chi pazienza chi ci voli cu sti figli.

Ser.   Intantu u prufissuri mi dissi ca non è al cento per cento ritardato.

Sal.   Voli diri ca u prufissuri non è al cento per cento prufissuri.

          ( Serafina lo guarda male ).

Cat.   Di capiri capisciunu, si nun sunnu al cento per cento ci voli picca.....

          pazienza! appena si calmanu ci facemu fari paci e li facemu giocari, si

          non giocano fra di iddi cu cui ponnu giocari.

Ser.   Ma cu so patri gioca, ponnu giocari assieme (ironica).

Sal.   Signora io la saluto devo fare tante cose (esce).

Cat.   Menumali ca so maritu na manu d'aiutu c'ha duna.

Ser.   Ogni tantu fa qualchi cusuzza.

Cat.   (Alzandosi). Mi scusassi di novu si vinni in ritardu pi l'affittu.

Ser.   Non si preoccupi si non fussi pi me maritu ca cci fà casu io mancu ci

          pinsassi.

Cat.   Grazie e qualchi vota li facemu giocari (saluta ed esce).

S C E N A  V I I °

(Serafina, Mario, Ciro, Stella e Salvatore)

Ser.   Veramente ammia mi pari ca so figliu e chiù ritardato di me figliu...

Mar.   Mamà (entra) è tutta cu la cacca sta mortedella....(gli e la fa vedere).

Ser.   Chissa è chidda ca ti purtaru li nonni.

Mar.   Sta finennu e poi iu restu diunu e si restu diunu sugnu deboli e poi non

           pozzu ballari a macarina (ride).

Ser.   Ora vaiu un pocu unni me cummari poi ritornu e ti pigliu a mortadella.

Mar.  Chidda senza cacca.

Ser.   Chidda senza cacca.

Mar.   E puru u papà a porta.

Ser.   Puru u papà ta porta, chissa a ghittamu, tu stai ccà iu non mancu assai,

          non fari trasiri a nuddu, gioca chi machineddi, cu l'orsacchiotti comu voi

          tu.

Mar.  Mamà ma quannu mi maritu pi fari i figli comu fazzu!

Ser.   Santo cielo!

Mar.  Santo cielo!

Ser.   To patri u sapi, poi tu dici iddu.

Mar.  Turiddu...Turiddu (ride).

Ser.   Perciò iu vaiu ni me cummari a pigliari u vestitu chi mi cuciu.

Mar.  Ti cuciu u vestitu, tu bruciau tuttu.

Ser.   No, mi cuciu, mu fici..vegnu subitu e non fari trasiri a nuddu (esce).

(Mario comincia a giocare facendo strani gesti ect, dopo poco bussano sono i nonni Ciro e Stella)

Mar.  (Vicino alla porta). Non c'è nuddu.

Ste.   (Da fuori). Mariuzzu a nonna sugnu.

Cir.   U nonnu sugnu.

Mar.   Io sugnu Mario (ride).

Ste.   Chiama a mamma o u papà.

Mar.   Non c'è nuddu, a mamma mi dissi di non fari trasiri a nuddu.

Ste.   Ti purtammu a mortadella.

Mar.   (comincia a girare contento) a mortedella (ride) a mortedella.

            ( Si apre la porta, entrano i nonni assieme al figlio ).

Sal.   Trasiti.

Ste.   Menumali ca arrivasti tu.

Cir.   Beddu meo ti purtammu a mortadella.

Mar.  Senza cacca.

Cir.   Quali cacca.

Ste.   Ma comu mai è sulu.

Sal.   A mumenti veni, mai u lassa sulu.

Mar.   Turiddu....

Cir.    Non lu chiamari Turiddu, si chiama papà...pa...pà.

Ste.   Di quantavi chi senti a so matri u chiama accussi.

Mar.  Papà, vogliu sapiri quannu mi maritu comu a fari pi fari i figli.

Cir.   (imbarazzati si guardano) cu rispunni, è difficili sta dumanna.

Ste.   Salvatore dicci qualcosa tu.

Sal.   (imbarazzato) pigli nna boraccia ci metti l'acqua dintra u bucu, chiudi u

          tappu e poi dopu qualchi minutu nasci....

Ste.   Ma chi ci dici.

Sal.   Ma non sapia chiddu chi ci avi a diri....

Mar. Nonno poi m'accatti a borraccia (ride) ora vaiu a giucari na me stanza (và)

Ste.   Ancora non veni to mugghieri.

Cir.   Tu dicia iu, non t'apigliari, megghiu povera.

Sal.   Papà non cuminciari.

Cir.  Cunsumatu è me figliu, a mugghieri nisciuta e non ritorna, a figlia nisciuta

        e torna dumani e iddu dintra a fari u cani.

Ste.   Cuminciau (lo confortano perchè inizia a piangere).

Sal.   Papà dai finiscila (Ciro esce il superenalotto).

Cir.   Ci vulissiru sti numeri, l'atra vota fici tri, ma io non m'arrendo, sempre 

          gioco, si vincissi!...

Ste.   Cumannassitu a mamma, chiassai di vinti miliardi ci sunnu cu palo!

Sal.   Quali palo...

Ste.   Accussi diciunu a televisione palo.

Sal.   In palio mamma pa- li- o.

Ste.   A idda a sotterrassitu, vinti milardi di fronte a tri appartamenti e quattru

          pezzi di terreni, picchi chissi avi to mugghieri; avissitu a fari comu fici

          idda, tuttu 'ntestatu attia e poi a mannassitu accattari u macinatu, u

          parmigianu... e quannu non è grattuggiatu a facissiru rigirari e si poi ci

          trovi qualchi scorcia a facissiru rigirari natra vota.

Sal.   (triste) già!...

Cir.  U vidi ca è tristi (comincia a piangere).

Sal.   Papà basta ca si veni ci sunnu chiù stori.

Ste.   Speriamu ca to figghia non ci fa nesciri u sensu a ddu picciottu.

Sal.   Chiddu riccu è, u doppiu di me mugghieri.

Cir.   Quannu si ncontranu du ricchi, truzzanu sempre.

         ( Serafina entra con una borsa nella quale c'è il vestito cucito )

Sal.   Ciao Serafina, unni isti.

Ser.  Unni ivu, chi mi sai una ca si nni và pedi pedi, non fari certi dumandi,

          chiuttostu facisti tutti cosi.

Sal.   Tutto fici.

Ser.   (sedendosi) matri chi stanchezza...non haiu mancu fami! (ai suoceri)

           mangiati ccà!

Ste.   No, avemu tanti cosi di fari.

Ser.   Comu vuliti fari, non insistu picchi sacciu ca aviti chiffari, vale pi la

          prossima vota sperando ca sugnu chiù ripusata.

Cir.   (verso il pubblico) putissimu moriri di fami.....

Ste.      Va beni, ni videmu, ciao Mario.

Mar.   (entra) nonna, a borraccia cu bucu, l'auqua... (ride ed esce).

           ( Salvatore saluta i suoi ed escono).

S C E N A  V I I I °

(Serafina, Salvatore, Mario e Tonina)

Ser.   (seduta con le gambe distese sopra una sedia) leva sti cosi di mezzu, appoggi tuttu

         ‘ncapu stu tavulu e poi i lassi ccà, chiuttostu dumani passa da Flavia e ti fai

          dari a misata ca u bar bonu ci frutta; vidi ca passavu ni me matri e mi dissi ca

          dumani mangia ccà, appena nesci piglia un chilo di macinatu.

Sal.   Ma c'è chiddu ca accattavu iu.

Ser.  Chiddu è di secunna e c'è puru un pocu di grassu e poi chiddu ormai u

         sarvamu pi quannu mangianu i toi.

Sal.   Allura u putemu pigliari di sicuru! (ride).

Ser.   Non fari u spiritusu, me matri è sofferenti di figatu non ci voli mancu un

          pizzicu di grassu…u scaldabagnu addumasti mi vulissi fari nna doccia.

Sal.   Ma tu nenti mi dicisti.

Ser.   Carciofu palermitanu....(esce Mario).

Mar.   Mamà a fari a cacca.

Ser.   Dillu a to patri accussi adduma puru u scaldabagno.

Mar.   Turiddu a cacca.....(escono).

Ser.   Non haiu abentu di nenti, ma comu sunnu certi mugghieri ca si trovanu

          di mariti ca ci fannu tuttu, iu sti furtuni non l'eppi.

Ton.   (bussano, entra Tonina la madre. Carattere forte, gesti arristocratici, ben

           vestita.) Ciao a mamma, ti vidu stanca, teni a mortadella.

Ser.   Assettati mamma (mentre posa la mortadella).

Ton.  Ti dicu sempri non ti strapazzari assai, e tu non senti; to maritu unnè,

          Mario…

Ser.   Ci sta facennu fari a cacca a Mariu.

Ton.   Poi pi asciugallu chiama attia? Ci purtasti casi e terreni e la fari moviri

          chiassai possibili. Menumali ca aviti a separazioni di beni asinò nenti si

           muvia.

Ser.   Non ti preoccupari ca cummia fila...fila.

Ton.   Non vulisti ascutari a bon'anima di to patri; quanti voti tu dissi pigliati a

          unu comu tia, cu la roba.

Ser.   (sempre seduta rilassata) ma unni l'avia l'occhi tannu.

Ton.   L'aviatu dietru lu culu figlia mia, (piagnucolando) non ti pozzu vidiri

           accussi stanca, fatti aiutari asinò...

Ser.   Non ti preoccupari..ca sugnu bedda granni.

Ton.   Ma pi mmia si sempre nicaredda.....

Ser.   Mamma non chiangiri asinò  chiangiu iu...

Ton.   No a mamma tu non chiangiri (smette di colpo, poi entrano Mario e Salvatore ).

Mar.   Nonna ciao a purtasti a mortedella.

Ton.   Certu.

Mar.   U nonnu mi porta puru a boraccia, iu ci mettu l'acqua e poi...(ride).

Sal.     U scaldabagnu era addumatu.

Ser.    Tu sulu si sempri stutatu. Vai nesci accattari du macinatu, piglia puru du

           du patati a chi si dda, non purtari carciofi ca n'avemu assai dintra (ironica)

Sal.   Non ti scurdasti nenti, dimmillu ora chiddu che pigliari.

Ton.   Salvatore si si scorda qualcosa nenti ci fà, non vidi quanti cosi chi fà e

          quanti cosi avi a pinsari......(Salvatore esce). Tiziana unnè.

Ser.   A Sciacca cu zitu, veni dumani.

Ton.   Falla divertiri a mamma e faccillu maritari a chissu!

          ( Nel frattempo Mario giocava in un angolo ).

Ton.   Comunque a mamma ora mi nni vaiu...

Ser.   Stai nautru pocu.

Ton.   Ancora a lavari un saccu di robi, a lavatrici fu du jorna rutta ora a fici

           aggiustari....

Ser.    Picchi non li purtavi ccà.

Ton.   A comu!, ti dugnu puri sti travagghi!..

Ser.    A me maritu i fazzu fari non ti preoccupari!

Ton.   Menumali, ciao beddu meu, va riposati ca è tardu.

Mar.   Nonna a macarina ti piaci pi ballari.

Ton.   Ormai sugnu vecchia pa ballari.

Mar.   Gaddina vecchia fa bonu u brodu (ride) u nonnu Ciru mu dissi.

Ton.   Vidi tu chi ci dici.

Ser.    Non ha cridiri chiddu chi ti dici u nonnu…

Mar.   E  chiddu chi mi dici a nonna Stella?

Ser.   Mancu....a cridiri sulu chiddu chi dici a nonna Tonina.

Mar.  Nonna portami a mortedella dopu....

Ton.   Non ti preoccupari.

Ser.  Avanti veni ca ti fazzu curcari, saluta a nonna prima (mentre si salutano

         entra Salvatore).

Sal.   Pippu u macellaiu mi dissi dumani pu macinatu, i patati ti scurdasti di

         dirimi novi o vecchi.

Ser.   Allurà?!

Sal.   Allura pi non ritunari nautra vota a putia, iccattavu novi e vecchi.

Ton.  Menumali ca non mangiava ccà, asinò diuna ristava cuttia.

Ser.  Pi favuri emuni a curcari picchi dumani...

Sal.   U capivu a m'affari un saccu di cosi.

Ser.   A m'affari? Tu affari un saccu di cosi, comincia a fari curcari a to figliu,

          levacci a coperta chiccè misa per ora e cci pigli chidda du so guardaroba

          non chidda a sinistra; chidda a destra, picchi chidda si mette sulu pi

          bellezza.(Mentre si chiude il sipario Mario ridendo ripete Turiddu....)

A T T O  I I

S C E N A   I X°

(Roberto, Tiziana, Serafina, Salvatore e Mario)

( Circa le sette del mattino, entrano Roberto e Tiziana piano piano ed accendono le luci. )

Tiz.   Fai piano starannu durmennu.

Rob.  Falli dormiri, non è giustu sveglialli!...Ora comu sannu ca arrivasti.

Tiz.  Mentre trasu na me stanza, mettu i robi appizzati accussi me patri appena

        si susi lu capisci ca arrivamu.

Rob.   E picchi to patri e non to matri?!

Tiz.   Prima si susi me patri pi priparari tutti cosi, u latti u cafè, apparecchia, poi

         quannu tuttu è pronto sveglia a me matri.

Rob.  Basta ca non fai accussi cu mia.

Tiz.   Peggiu!....

Rob.  Ma chi dici.

Tiz.    E staiu scherzannu, pari ca si un carciofu palermitanu.

Rob.  Carciofu palermitanu?

Tiz.    Me matri accussi chiama me patri, ora vattinni...

Rob.   (guardandola passionalmente) Tiziana...

Tiz.      Chi voi....

Rob.   Semu suli....suli..

Tiz.     Veramente dda dintra ci sunnu tutti; e poi stettimu na jurnata suli a

           Sciacca...

Rob.   To matri è dda dintra chi dormi...

Tiz.      E chi voi…

Rob.   To frati è dda  dintra chi dormi...

Tiz.     E chi voi…

Rob.   U carciofu è a Palermu....(mentre la vuole abbracciare).

Tiz.    E finiscila, stettimu na jurnata suli e propiu accussi non facisti.

Rob.  Ma ccà dintra mi veni u stimulu forti, sarà sta casa (mentre la vuole

          abbracciare e stringere).

Tiz.   Ogni vota ccà dintra ti veni stu stimulu (entra Serafina).

Ser.   U stimulu di chi.

Rob.  (imbarazzato) U....u....u stimulu da pipi.....

Ser.   E vai beddu. (Roberto và). Ti divertisti a Sciacca a mamma.

Tiz.   Bellissimo mamma.

Ser.  Qualchi vota vinemu puru nautri, e ristamu pi nna simana.

Tiz.    E lassamu i terreni a casa sula.

Ser.   C'è to patri, nautri intendevo: io tu e to frati. (entra Roberto).

Rob.   A posto.

Ser.   Avia assai ca tiniatu veru.

Rob.  (gesticolando) mi ......io vi saluto, poi ci vediamo (esce).

Ser.   Va riposati a mamma.

Tiz.    E tu .

Ser.   Ormai, è a prima vota ca mi susu prima di to patri, quantu u svegliu

          asinò si po pigliari u viziu; e poi a ma ghiri appassaricci a visita a to frati

           Mario (entra Salvatore).

Sal.   Sveglio sugnu, tempu di lavarimi e sugnu prontu.

Ser.   Prima mi lavu iu, poi Mariu e poi tu, accussi ci duni na sistimata o bagnu

          mentre iu pighiu i documenti pà visita.

Tiz.   Iu mi ripusassi na pari di uri sugnu stanca morta!

Sal.   Va riposati, pari ‘nna lampata oggi.

Ser.   Idda oggi, tu si sempre allampato (entra Mario).

Mar.   Mamà, ora niscemu e pigliamu a borraccia.

Ser.   Ma chi ci dicisti ca nomina sempri sta borraccia.

Sal.   Voli biviri na borraccia.

Mar.   Tiziana a ballasti a macarina.

Tiz.   Si, ballavu puru u tic tic tac.

Mar.  Tic tic toc taci (in modo confuso).

Ser.   Va riposati a mamma (Tiziana saluta ed entra nella stanza). Iu mi vaiu a

          dugnu ‘nna sciacquata (entra pure lei).

Mar.   Papààààààààààààààà...

Sal.   Menumali ca ogni tantu mi chiama papà a longu, vali pi quannu non mi

         chiama.

Mar.   Appena haiu u figliu gioco cu iddu, Claudio è monello, non ci piaci a

            macarina, e voli u silemi .....chi culuri a pigliamu a borraccia.

           ( Preferibilmente borraccia pronunciato in qualche altro modo).

Sal.     Comu voi tu (Ser. chiama Mario).Vai ca ti chiama a mamma (Mario va)

Sal.     Quantu mi rilassu du minuti (sedendosi) si nascissi natra vota non

           facissi chiù certi sbagli (entra il padre).

Cir.    Tu si tristi. (comincia al solito).

           

Sal.   (alzandosi)  papà mi stava ripusannu.

Cir.   Unni sunnu to mugghieri e i to figli.

Sal.   Una dormi, s'addummisciu ora e l'autri si stannu dannu na lavata.

Cir.   Cc'a dintra non si capisci nenti, una s'addummisci di matina e dui si

          lavanu assieme.

Sal.   Papà ma quali assieme, chiccè chi voi per ora.

Cir.   Teniccà sta schedina, ci sunnu i nummari ca mi sunnavu giocala tu a chi

          nesci, to nonnu mi dissi ca è a vota bona.

Sal.   L'atra vota u ziu poi a zia poi u cuscinu, papà risparmia sti soldi, avi na

          vita chi giochi o lottu i schedini..

 

Cir.   Si veru è, ma iu sempri picca giocu, ora mi nni vaiu u papà (gli da un

          porta fortuna) mettilu in qualchi postu pi bellezza. (sta per uscire e ritorna)

          Si vinci tu cumannassitu, ciao (sta per uscire e ritorna) stavolta mi sentu

          ca nesciunu, mi nni vaiu ca si mi vidi Mario mi cerca a mortadella (esce)

        

Sal.   (appoggia il portafortuna in qualche posto) Mittemulu ccà pi belezza,

          siccomu cinnè picca ccà dintra cosi pi bellezza!....

Ser.   (entra) ma chi parli sulu, non è ca a visita la ma passari attia puru.

Sal.   Vinni me patri ca mi purtau a schedina pi giucalla.

Ser.   U sabatu a fa giucari sempri attia, l'importanti ca non perdi tempu assai,

          picchi a m'affari un saccu di cosi e poi a ghiri affacciari ncampagna ca

          avi du jorna ca non ci vai.

Sal.   Quantu mi lavu a faccia.

Ser.   Bonu lassa stari pi stamatina, mancu si vidi quannu l'hai lavata.

Sal.   Ma u bagnu pulitu è!

Ser.   U bagnu è mezzo pulitu, appena turnamu l'autru mezzu tu fai tu;  poi c'è

          u lettu di Mario di sistimari, u salone e qualchi cosa chi ristau pedi pedi…

          poi fici tutti cosi, non ti scurdari sta borraccia picchi ddà dintra mi fici a

          testa tanta.

Mar.   (entra) Mama mu portu a Gigi (l'orsacchiotto).

Ser.   Va beni, allistemuni ca è tardu. (escono).

S C E N A  X°

(Tiziana, Tonina, Roberto, Serafina e Salvatore)

                                  ( Dopo alcuni secondi squilla il telefono )

Tiz.   (entra in vestaglia) E cu è a chi stura, non si pò ripusari in paci. Pronto

          bonanotte...mi scusi bongiornu signora Caterina, i miei genitori sono

          usciti, più tardi li trova, arrivederci. (si dirige per l'altra stanza) Quantu mi

          vaiu a riposu un altro poco (squilla di nuovo il telefono) chi camurria, cu

          sarà stu cretinu chi telefona di matina...pronto.....ah! Roberto chiccè.....

          vidisti nesciri a tutti e tri, e allura? Voi veniri ccà? Oh! Cu stu stimulu!....

          Non veniri ca sugnu troppu 'nsunnacchata....stasira ni videmu ciao           

          (chiude) videmu si mi pozzu ripusari ora,...(entra nella stanza e bussano).

Tiz.   (esce) Non è possibile, chi è.

Ton.   (da fuori) Tiziana a nonna Tonina sugnu (Tiziana seccata apre entra)

          Ciao a nonna eri curcata (le da una busta di mortadella) .

Tiz.   Vinni Tardu...

Ton.   Unni sunnu.

Tiz.    A visita pi Mariu.

Ton.   Ah! Veru mi l'avia scurdatu....ti divertisti a nonna, sunnu larga manu

           comu nautri o c'è qualcunu comu ddu carciofu di to patri.

Tiz.    Tutti moderni sunnu nonna, ni lassanu sempre suli i me soggiri i mei zii

           tutti!

Ton.   Non fari u sbagghiu chi fici to matri a nonna tu dicu pi beni toi (bussano)

           cu sarà...

Tiz.     Stamatina non ho pace (apre).

Rob.   Ciao  (Tiziana risponde).

Ton.   Oh! Roberto di tia stavamu parlannu....

Tiz.     Ci friscavanu l'aricchi e vinni....

Rob.    Bongiorno...signora.

Ton.    Chiamami nonna.....mi poi chiamari nonna.....

Rob.   Ma veramente è accussi giovane ca mancu mi veni...

Ton.   Allura chiamami Tonina, l'importanti ca avemu a saluti e panza china!..

           sediti beddu...

Tiz.    Autru ca riposu stamatina.

Rob.   Tiziana avevo dimenticato di dirti che domenica i miei vendono quel

            terreno di carciofi vicino Trapani, Tonina  ti piacciono i carciofi?

Ton.   Veramente qualcunu l'avemu e tantu assai non mi calanu....comunque

           ora mi nni vaiu accussi ristati suli.

Tiz.      Nonna su sapi me patri poi.....

Ton.   Basta ca u sapi to matri a nonna, anzi ora in passata l'avvisu iu ca

           Roberto è ccà (mentre esce) fate con comodo....

Tiz.     (rimasti soli) ma dicu iu, un pocu di riposu mu poi dari.

Rob.   Puru iu sugnu stancu, non mi vinia sonnu e stetti a finestra affacciatu,

           appena vitti passari a tutti mi sono precipitato.

Tiz.  Non è chi precipitavatu ti struppiavatu e pi stamatina mi lassavatu in paci.

Rob.   Tiziana, non ci pozzu fari nenti si quannu sugnu ccà dintra mi veni u

           (entrambi) STIMULU Tiziana (avvicinandosi di più) veniccà dunami

           qualchi vasuni...

Tiz.     Ti dugnu qualchi sberluni..tu si capaci ca appena ni maritamu a prima

           notti; mi dici all'Hotel, amuninni a to casa ca mi veni u chiù stimulu?

Rob.   (passionale) ti pregu stringimi.

Tiz.     Sugnu tutta ‘nsunnacchiata!......

Rob.   Ti svegliu iu cu ‘nnasbaciucchiata!...

Tiz.     Sugnu tutta appiccicusa!...

Rob.   Ti spicciu iu !...

Tiz.     Cu a forte stanchezza non ho stimolo!...

Rob.   Tu dugnu iu di quantu n'haiu!...

Tiz.      Roberto basta ora!

Rob.   (fa finta di non capire) Basta pi ora e pi dumani...

Tiz.   Ma chi capisci, basta ora ca mi staiu siddiannu....

Rob.   Ma chi ci pozzu fari ca ccà dintra mi veni sempre u stimulu!

Ser.   (in quel momento entra) ma attia sempre ccà ti veni?!...

Rob.  (imbarazzato) di quantu acqua chi bivivu ieri sira (va in bagno).

Ser.   A circari u librettu di to frati, datu ca a pinsari tutti cosi iu ni sta casa....

          (mentre cerca).

Tiz.     Mamma vinni a nonna...

Ser.   Quali de dui...

Tiz.     A nonna Tonina..

Ser.   Allura mi poi diri chi vulia.

Tiz.     Vinni accussi.

Ser.   To patri si scorda tutti cosi, appi a veniri iu picchi iddu iu a giucari i

           nummari....(ad un tratto) matri!....

Tiz.    Chiccè mamma.

Ser.   U gabinettu era tuttu sutta supra, chi vergogna cu Roberto.

Rob.   (esce) a posto!

Ser.   Roberto non fari casu tutti cosi mezzu i pedi, aviamu primura e non

          pottimu puliri poi me maritu lassa tutti cosi nmezzu.

Rob.   Non si preoccupi, pi falla chiudivu l'occchi....

Tiz.     A facisti di fora...

Ser.   Si, chi ti pari ca è to nonnu. Ecco quà quantu scappu.

          ( esce dal cassetto i documenti richiude ed esce ).

Rob.   Tiziana ormai vestiti, jurnata rutta perdila tutta!.....

Tiz.     Rumpimentu chi si ogni mumentu!...Va beni, quantu mi mettu qualcosa

          (entra in camera).

Sal.    (entra) e tu chi durmisti ccà?

Rob.   Bongiorno sig. Salvatore.

Sal.    Ma tu quannu impari a chiamarmi papà...

Rob.  Veramente io se prima non divento suo genero a tutti gli effetti mi

           sembra male!

Sal.    Genero a tutti gli effetti! Ma si pari ca avi chi si maritatu cu me figlia na

           vita.

Rob.   Io veramente...

Sal.    (interrompendolo) quantavi chi siti suli..

Rob.   Dui minuti... ( in quel preciso istante entra Tiziana ).

Tiz.     Tri minuti...

Sal.    Dui o tri...(Tiziana stavolta risponde due mentre Roberto risponde tre ).

Sal.    Facemu cincu...Tiziana ci dissi a Roberto ca mi pò chiamari papà....

Tiz.    Papà , l'importante ca non ti chiama Turiddu..

Sal.    Comu...

Tiz.    Scherzo papà, oggi non si usa chiù, anzi fortunatu si tu, picchi certi

          generi ai soggeri non li chiamano proprio.

Sal.    E comu comunicanu!....allura avi picca ca siti suli?

Tiz.     Ma certu papà, prima mi vitti a nonna Tonina, nisciu idda e vinni a

           mamma, nisciu idda e vinisti tu.

Sal.    Allura avi mezzura ca siti suli.

Rob.   Sono venuto per invitarla a Trapani.

Sal.    (mentre cerca) mancu turnastuvu e già ripartiti? A unnè stu documentu.

Tiz.     Papà vinni a mamma a piglialli.

Sal.    Ni ‘ncuntrammu e mi dissi ca si scurdau u codici fiscali, a unni lu misi, a

          rovina sunnu i soldi assai....(si volta verso il genero) caro Roberto i soldi

          non fanno la felicità!

Rob.   (verso il pubblico) figuramuni a miseria!

Sal.    Po essiri ca è dda dintra (và).

Tiz.    Papà nautri niscemu, arrivamu a casa di Roberto e prima di partiri

          vinemu (entra il padre).

Sal.    Ecco quà u codici fiscali, no cassettu do comodinu assieme e scarpi di

           notti...

Tiz.     Ciao papà (escono) ca poi a ma partiri.

Sal.    Ciao, partiti chiù partuti di quantu semu!

S C E N A   X I °

( Salvatore, Ciro, Stella, Roberto e Tiziana )

Sal.    (esce dalla tasca la schedina con i numeri giocati) u superenalotto, a chi

           stura i nummari nisceru, mancu bisognu di controllari, tantu soldi persi

           sunnu! (la posa dentro qualche cassetto, si siede un attimo e respira rilassato). Certu ca

           quannu sugnu sulu mi veni u cori, quannu non c'è me mugghieri ni sta casa

           si sta veramenti beni.

Cir.     (entra) Sal. Salv...Salva......Salvat..Salvato...

Sal.    Mi chiama a sillaba a sillaba...chiccè papà.

          ( Ciro con un foglietto in mano nelquale ci sono i mumeri che aveva dato al figlio).

Sal.    Chiccè papa. (Ciro non riesce a parlare) ma chi ci vinni tri quattru malatii

           tutti ‘nzemula! Chi ti senti mali?

Cir.    To matr....to matri.

Sal.    A mamma si senti mali.

Cir.    No, to matri a mu...men...ti veni a lassavu sti...sti..

Sal.    Stitica.

Cir.    No sti...stinn....stinni..

Sal.   Stinnia e falla stenniri.

Cir.    Stinnicchiata 'nterra...

Sal.   Stinnicchiata 'nterra, ma chi avi quantu vaiu...

Cir.   (lo ferma per un braccio) no...no… ora veni...speriamu ca non sbaglia....a

          ....a....a...vu.

Sal.   Papà pi favuri ca m'aspetta me muggieri pu codici fiscali.... 

Cir.    AGIU....AGIU...

Sal.    Agiucca, si agiucca, sediti, ci pigliau qualchi colpu!

Cir.    Colpu grossu!

Sal.   Ma a cui attia o a mamma.

Cir.    A tu...tutti e dui e ora veni puru a ttia.

Sal.  Chi bellu augurio! Unu non parla, una è stinnicchiata e iu staiu divintannu

          ri.....

Cir.    (lo interrompe) RI...RI...

Sal.    Rincretinito u capivu. Ora calmati ca ti pigliu un pocu d'acqua e poi parla

           beddu pulitu, asinò i numeri duni veru.

Cir.    I numeri ta dari pi forza (mentre beve) a giucasti a schedina.

Sal.    Certu avi d'ora ca giucavu.

Cir.    Non controllasti, to matri controllau (comincia a parlare meglio) e si

          stinnicchiau. Controlla.

Sal.    (la cerca) a unni a misi.

Cir.    (si agita) trovala....trovala.....

Sal.    Ma unni a misi.

Cir.   (saltellando agitato) trovala cercala.

Sal.   Ah! Ccà dintra l'avia misa (la prende).

Cir.    Detta sti nummari.

Sal.    Sette. ( Ciro abbassa la testa come per dire si ).

Sal.    Tredici.

Cir.    Si....dai...dai....pianu.

Sal.    Trentadui.

Cir.    ( come prima ).

Sal.    Trentanovi.

Cir.    Matri mia!

Sal.    Settanta.

Cir.    Mi stinnicchiu (si asciuga).

Sal.    Ottantaquattru.

Cir.    (tremando) staiu murenn...u....u.....u murivu (cade).

Sal.   (senza fare caso al padre prende il foglietto, controlla e grida) SEI! SEI!..

         (comincia a ballare a girare, dopo un po') papà chiffà muristi?!..(lo sveglia)

Cir.    Sei.....

Sal.   Sei....

Cir.    Sei...

Sal.    Si, sei!

Cir.    Sei un cretinu?!...Pigliami un pocu d'acqua.

Sal.   Papà ora cumannu iu!

Cir.   Picchissu non vogliu moriri subitu! Vogliu vidiri comu cumanni (bussano)

         silenzio dicci ca non ci semu.

Ste.   Iu sugnu (entra) SEI a mamma SEI! Non c'è bisogni chi lu dicemu ca già

          u sannu tutti i vicini di casa, mi dettiru l'acqua cu zuccaru e iu parlava cu

          a cuntintizza. Ora cumanni tu a mamma.

Cir.   Non essiri chiù tristi u papà. Iu tu dicia di solitu cu si piglia na mugghieri

         ricca u marituparla picca. E tu Stella cerca di campari chiassai possibili

         ca a ma vidiri a to figliu cumannari.

Ste.   Io dopo di tia moru!

Sal.   Allura a chi stura me mugghieri u saprà.

Cir.   Subitu si capisci appena arriva si u sapi.

Ste.   Vogliu vidiri si ti chiama chiù Turiddu (entrano Roberto e Tiziana).

Rob.   Ciao nonni....ciao papà.

Tiz.    Ciao papi, paparino mio, forse non partu chiù dipenni chiddu chi dici tu.

Sal.    Poi videmu, intantu va piglia a to matri e tu caro genero quando devi fare

          pipi, u stimulu fattillu veniri dintra di tia.

Tiz.    A mamma ci vinni un colpu di pressioni forti, u dutturi mentre visitava a

          Mario lassau a iddu e pigliau a mamma.

Sal.   Non putìa ristari sicca!

Rob.   Senti papà.

Sal.    Non sei più moderno!..

Rob.   E' più bello chiamare il suocero papà.

Tiz.    Papà c'ha dugnu na sistimata o bagnu?!

Sal.    Poi c'ha duna to matri e tu poi ci duni a ripassata (escono).

Cir.   Nautri ni nni emu.

Sal.   Papà aspittati ca vi chiamu un taxi. Tantu chissu sei, chiossai di vinti

         miliardi è!

Ste.   Nenti ci fà a mamma risparmiali sti soldi.

Cir.   (avvicinandosi al figlio) giucavu na vita e propio quannu pinsava ca non

          facia chiù nenti fici sei.

Sal.   E non putiatu pinsari prima di non fari chiù nenti.

Cir.   Nna cosa sula vogliu 'u papà.

Sal.   Chi cosa.

Cir.  Nna vasca di bagnu cu nna cosa elettronica chi quannu mi lava i spaddi è

        delicata. To matri mi gratta forti e mi struppia l'haiu tutti rovinati tutti russi.

Sal.   Aspittati un attimu (prende la giacca da camera, giornale, sigaro e si

          siede comodamente) io aspetto mia moglie cosi! (musica ritmata, mentre i genitori

            gli ballano intorno)

Cir.   Cosi mi piaci.

Ste.   Puru a so matri ci passunu l'arii…( entrano Roberto, Tiziana e Serafina ).

S C E N A  X  I I °

(Salv. Ciro, Serafina, Stella, Roberto, Tiziana, Mario, Caterina)

Ser.    (con tono delicato) ciao Salvatore...mamma, papà ma chi faciti all'additta,

           ma Salvo picchi non li fai assittari....passavu da macelleria e accattavu

           tri chila di macinatu di prima scelta senza un pilu di grassu, accussi

           mangiamu ccà.

Sal.   Unnè Mario (disinvolto).

Ser.   A mumenti veni cu me matri. Mamma, papà ancora all'additta siti.

Cir.    Stavamu niscennu, poi vinemu.

Ste.     Stamu ennu pi vidiri si nni putemu accattari qualchi terrenu a unni si

           coltivanu carciofi.

Ser.    Bellu,  accussi ni mangiamu.

Cir.     Iu mi staiu ennu a prenotari na bella vasca di bagnu tutta elettronica.

Rob.  Comunque adesso vi saluto, papà decidi con comodo se Tiziana può

           venire....

Tiz.     Mamma io veramente..

Ser.   Dillo o papà a mamma!

Sal.    Poi videmu!

Rob.   Quasi quasi ci dicissi e mei di non vinillu chiù u terrenu di carciofi...

Cir.    Casomai l'accattamu nautri (Roberto saluta ed esce).

Ser.   Allura mamma chi facemu purpetti.

Ste.   Meglio ca ci fai a to matri i purpetti.

Cir.    Quantu ni nni emu va. Poi ni videmu (salutano ed escono).

Tiz.     Mamma ci dugnu na sistimata a stanza di lettu?

Ser.   Si a mamma vai.

Sal.    A fai fari a to figlia!

Ser.   Lassa stari a mamma a fazzu iu. Tempu ca mi cangiu e facemu tuttu

          (entrano nella stanza).

Sal.   Tuttu sapi gia, e finu a quannu idda non mi dici nenti, iu non ci dicu nenti

         ( entrano Tonina e Mario).

Mar.   Turiddu....Turiddu...

Ton.    Non si chiama Turiddu u papà, si chiama Salvatore…

Mar.   (con la borraccia in mano) Salvato-re.

Sal.   Picchi non c'insigniava prima.

Ton.   Avi chi ci lu dicu. Unnè me figlia Salvatore.

Sal.   Dda dintra chi sistema, si ci voli dari nna manu d'aiutu.

         (intanto Mario aveva posato la borraccia sopra il tavolo poi prende una

         bottiglia d'acqua e gli e la versa chiude ed aspetta).

Ton.   Salvatore sei stanco, si vidi, non ghiri chiù ncampagna, si chiama un

           operaiu e ci bada iddu (la chiama la figlia).

Sal.    Vidissi chi voli (Tonina và).

Mar.   Papà ora nasci veru...ora nasci...me figliu (ride).

Sal.   Si, si però ci voli tempu! (entra Caterina)

Cat.   Bongiorno sig. Salvatore.

Cla.   Mario chi fai

Mar.   Aspetto ca nasci.

Cat.   Sig. Salvatore vinni pi pagarici l'affittu.

Sal.   Stu misi non pagati, anzi pi sei misi nin pagati e dopu o postu di seicentu

          mi dati tricentumilaliri.

Cat.   Ma scherza.

Sal.   Dico veru.

Cat.   Lei è troppu ma troppu generoso.

Sal.   Non si preoccupassi (entra Serafina). Serafina, questo mese a signora

          non paga, pi sei misi non paga.

Ser.   Chissu ci vulia diri signora......

Sal.    E dopo sei misi paga tricentumilaliri in memu.

Ser.   L'avia pinsatu puru iu, sulu ca si non decidiatu tu..... sapi signora si

          collabbora però u maritu è maritu...

Cat.   Giustu, vi ringrazio assai...non ci sunnu parole non ni trovu.

Sal.    Non ni circassi!

Cla.   Mamma puru iu vogliu a borraccia...nasci u figliu....

Cat.   Va beni, va beni.

Cla.   (mentre escono) poi vegnu e ballamu.

Sal.   Senti Mariu acchiana supra e l'aspetti picchi ci voli tempu (Mario và).

S C E N A   X I I I °

(Salvatore, Serafina, Roberto e Tiziana)

                               ( Salvatore si risiede sempre comodamente ).

Ser.   A stanza di lettu è quasi fatta, ora vaiu e fazzu u bagnu.

Sal.    Senti quannu ti fai a doccia non usari u sapuni LUX, picchi chiddu lu vosi mettiri pi bellezza, pi purtari profumu.

Ser.   Ah! Si, u maritu.

Sal.   E quannu t'asciughi non t'asciugari cu dda tovaglia azzurra non ti ricordi

          ca chidda ma regalau me matri! megliu tenilla pi bellezza.

Ser.   Va beni Salvatò.

Sal.   (indicandogli il portafortuna che gli aveva dato il padre) non spustari mai

          stu oggettu, è ppi bellezza, ma regalau me patri.

Ser.   E quannu spolveru?..

Sal.   Ci giri ntunnu 'ntunnu...(entra Roberto).

Rob.   Cioa papà, mamma, allora avete deciso?

Ser.   Parla cu papà e quannu iti in discoteca non faciti tardu assai. Comunque

          parla cu iddu ca iu continuo a fari u bagnu.

Sal.    Fallu bellu asciuttu, non spustari nenti di chiddu chi ti dissi, picchi appena trasu voghhiu vidiri tuttu a postu (Serafina và).

Rob.   Ammazza chi generali!....

Sal.   Generali...non fari accussi cu me figlia picchi ti tiru u coddu..ma mancu

          idda cu ttia: Vedi Roberto io ti voglio far capire che l'amore è qualcosa di

          straordinariamente bello, e siccomu voi vi volete bene, ora chiamu a

          Tiziana e vi li dicu du paruleddi...(la chiama) Tiziana..Tiziana.

Tiz.    (esce dalla stanza) chiccè papà.

Sal.   Mitttitivi vicini..(mano nella mano). Ma iu non vi dissi mano nella mano.

Tiz.    Nautri sempre accussi ni mittemu papà.

Sal.   Bravi, iu cu to matri non mi potti mettiri mai, si ci dava a manu capaci ca

          mi davu u pedi...vautri vi vuliti beni veru?

Tiz. e Rob. Certu papà.

Sal.   A vautri vi pari ca iu sugnu felici , ca prima stava beni cu chiddu c'avia

          purtatu  me  mugghieri.....invece no! Ora ca sugnu riccu sfunnatu vi pari

          ca sugnu felici... no! no!!!

Rob.   Certu ca non guastanu a vita.

Sal.   Ti sbagli caro genero…fussi statu megliu pi mmia ca c'era il necessario e

          tenermi anche io per mano, di solito cu mugghieri ricca, maritu parla picca…

          ma quantu cinnè ca hannu a mugghieri ricca e vonnu beni lu maritu chiassi

          di iddi stissi...Tiziana, to matri avi ‘nna vita chi cumanna chi fa a scontrosa, e

          ci piacia, non si stufava, certu iu eru poviru…ora ca sugnu miliardario, avi

          mezzura ca fazzu comu facia to matri e gia sugnu stancu! (chiama Mario)

          Mario beddu meu veniccà (Mario entra).

Mar.   (con la borraccia in mano) Papà ancora non nasci...

Sal.   Non ti preoccupari! (stringendolo forte) si ponnu aviri tutti i soldi di stu

          munnu, ma la ricchezza chi ti duna un figlio accussi è incredibili...e a

          vuautri vi dicu: ca quannu c'è serenità, comprensione e AMURI si

         AMURI cu tutti li vocali e consonanti maiuscoli… l'amuri ca fa superari tutti

         cosi e quannu non c'è, si po aviri tuttu, ma è u stessu ca non hai nenti.

         Qualcuno (al pubblico) di ccà dintra po pinsari si vincissi iu vinti miliardi,

         facissi a vita d'un RE, m'accatassi tutti cosi, cammareri, palazzi, cristiani,

         ma prima o poi ci si stanca e non c'è richezza cchiù ricchezza: di la saluti

         (avvicinandosi ai fidanzati) e di L'AMURI.

            (elaborata  da Pietro Maurici dallo stesso autore) Tel. Autore. 090/638009

(per ogni rappresentazione, è necessaria l’autorizzazione dell’autore e dell’elaboratore)

 

    Questo copione è stato visto
  • 0 volte nelle ultime 48 ore
  • 0 volte nell' ultima settimana
  • 0 volte nell' ultimo mese
  • 15 volte nell' arco di un'anno