Na bràca de bròche

Stampa questo copione

NA BRÀCA DE BRÒCHE

Di Velise Bonfante

Due amiche, Bice e Marisa si incontrano dopo essere state entrambe al mercato. Tutte e due hanno due borsone enormi piene di roba, poi entra Elvira anche lei con delle borse stracolme.

*****

Bice) (Entra senza fiato, si ferma e depone le borse) I du mànech  de le bursine i me taja le mà, e ghé n’ho amó en bèl tòch per rivà a casa.

Marisa) (Entra anche lei stanchissima) Ciao Bice, (deponendo anche lei le borse) me ferme póch perchè l’è quasi mesdé e g’ho de ‘nda a faga de disnà al me òm, però pólse en bris, só stàda al mercàt e só straca morta a forza de ‘nda sö e zó per véder de spènder de men e ‘nvece  g’ho spindìt lo stès en möcc de sólcc. A propòsit, fam véder (guarda nel borsellino) el sét Bice che a la fi g’ho spindìt en möcc de sólcc e g’ho compràt niènt de mèter en taóla a mesdé.

Bice) Te ócor dei sólcc, vöt che te j-emprèste? (Guardando nel borsellino) Ostiss, el sét che j-ho spindìcc töcc apó mé!

Marisa) Volarà dì che faró en bris de pastasöta en biànch e du öf al ciarighì, tanto el me òm el la sa che andà al mercàt se pèrt töta la matina.

Bice) Faró isé apó me Marisa, en bris de pastasöta en biànch e dü öf al ciarighì: e che la nàghes.

Marisa) Daltronde, el la sa apó lü, a ‘nda al mercàt se pèrt la matina, prima de comprà bisogna vardà bé le ròbe se te vöt fa j-afari.

Bice) Te ghét rizù, mé g’ho troàt de chèle bèle ocaziù mia de schèrz. Pudìe mia lasàmele scapà. E g’ho risparmiàt fis, te ‘l garantése.

Marisa) La dizìa semper la me màma che (al pubblico) el prim risparmio l’è comprà bé.

Bice) Varda Marisa mé cosa g’ho troàt, de le fanèle a póch e gnènt, isé n’ho compràt dùdes, e g’ho compràt apó 24 pér de mödande (li estrae dalla borsa  per farli vedere). El mia risparmio chèsto! L’è mia che le me ocóries nè Marisa, entendómes bé, ghe n’ho za en casèt pié, ma gh’era talmente el prése bu, e po', varda le fanèle le vai de mal.

Marisa) Me ‘nvece g’ho comprat tre bèj majù, (li estrae dalla borsa  per farli vedere) Varda chèsto, el póch bèl? Che te ‘n par Bice?

Bice) Bèl, bèl, pròpe bèl (prendendolo in mano) i me par en pó larch per te.

Marisa) Enfati j-ho töcc per me fiöl, speróm che ghé piaze el culur. I gh’era apena de chèl culur ché. Ma varda, el mia ‘n afare? (facendole vedere il cartellino del prezzo) El m’ha fat l’80 per sènt de scönt se i compràe töcc tre, j-è preciss nè, ma l’80 per sènt de scönt l’è mia na paja, se pöl dì che ‘l me j-ha quasi regalàcc.

 Bice) Te ghé rizù Marisa, a ólte l’è finamai pecàt mia aprofitàn. E dopo cosa ghèt compràt de bèl?

Marisa) Dopo g’ho compràt  du pér de saàte e tre bèle pignate de chèle dopie, per fa la fretada, t’el sét chèle che se taca mia e che se gira (facendo il gesto con le mani) a me la fretada la me piàs mia, magari ghe la fó al me òm. E dopo, varda Bice che bèi, nöf pignatì, apó chei en oferta trè per due.

Bice) Le pignate e i pignatì i va mai del mal.

Marisa) L’è chèl che g’ho pensàt apó me, fa niènt se j-è de la stèsa mizüra, l’è semper bèl vìghei de scorta, e pó j-éra en oferta tre per due come se fa a mia profitàn? (Cercando nelle sporte) Pó varda g’ho compràt en pleid, quàter lensöi, dés fodreghète e òt sügamà.

Bice) Èi per la dòte de la tò tùsa?

Marisa) Ma nò, j-ho compràcc perchè j-éra a bu prése.

Bice) Varda, mé g’ho compràt na tuta dimagrante per el me òm e pó varda anche tre ombrèle.

Marisa) Apó le ombrèle en oferta del tre per due?

Bice) No, se ‘n comprae tre el me faa en bèl scönt, varda j-è de chèle de tègner en borsèta, chèle che se sèra e le sta en póch post, (cerca nella borsa) ostrega j-è zó ‘n font se nò te le fàe véder.

Marisa) Lasa sta, fa niènt, tanto el só come che j-è fade. Te ghét fat bé a comprale, fa semper còmot vighele dre se per caso piöf.

Bice) Le ombrèle j-è compagn de le fanèle e i lensöi, le va mai del mal.

Elvira) (Entrando passa davanti alle due amiche e depone due borsone piene di roba) Oh, bizògn che pólse en bris, ah se só straca!

Marisa) Ciao Elvira, cosa ghét compràt de isé pesante?

Elvira) Varda Marisa, póch e gnènt en töt a dì la verità, sul che g’ho troàt en banchèt de feramenta al mercàt, el m’ha fat en bu prése e isé g’ho compràt na bràca de bròche.

Bice) Na braca de bròche èla isé pesante?

Elvira) Mé per la verità n’ho compràt na bràca de töte le misüre: bròche, ciócc, ciödèi e ciüdilì. Da isé a isé ( indica la misura prima con le dita -pollice ed indice - e poi con i due indici a varia distanza).

Bice) Te öcórele de fa Elvira? Che set dré a fa de bèl? La marengùna?

Elvira)Le me ocór a fa niènt, le tègne de scòrta, le va mai de mal e l’è semper bèl vìghen en casa de ció e ciudilì e pó de bròche de töte le mizüre.

Marisa) Te ghét rizù, quan che le ócor, ghe n’è mai!

Bice) L’è na gran bèla idea. Endó el chèl banchitì lé? Quasi quasi turne ‘ndré e vó apó mé a compràn na bràca de bròche de töte le mizüre.

Elvira) Só mia se te convié ‘ncö, gh’èra  la cùa de le fómne che compràa le bròche perché j-èra en ‘ofèrta speciàl.

Marisa) (Interrompendola) Le bórse le me par piene, èle töte bròche?

Elvira) Töte, però ogni bràca de bròche l’è ‘ncartada en de ‘n fòj dópe de giornàl, per mia fa scunfuziù e apó perchè le bròche j-è de fèr e a pónta.

Marisa) Caspita, te ‘l crède che la pesa la bursa!

Elvira) Però, pinsì che strano,  men a mà che vignìe ensà, isé caminàt, g’ho vit quasi l’impresiù che la bursa la  pésaes semper  de mén.

Marisa) Te garèt fat l’abitudine al peso.

Bice) O saràl mia perchè la bursa la g’ha en büs?

Elvira) En büs la me bursa! (Guardando) Per töcc i sancc del paradìs: la me bursa la g’ha pròpe en büs (alza la borsa e cadono i chiodi, poi lei dalla borsa estrarrà alcuni fogli di giornale accartocciati e vuoti).

Marisa) (Guardando in terra) E che en tèra gh’è de le bròche, varda Elvira.

Bice) (Indicando il terreno) Apó ché.

Marisa) E pó là, varda Elvira.

Bice) Me par pròpe che te j  somenàde. Cosa credèt che vègne sö la pianta?

Marisa) Ma varda! Bròche dapertöt e de töte le misüre.

Elvira) (Guardando nella borsa e togliendo altri fogli di giornale accartocciati) Per töcc i diaói de l’inferno, ma che büs! E chégh’è pö gnà na  bròca, apena carta de giornal. (Guarda in terra e inizia a  raccogliere i chiodi)

(Anche Marisa e Bice li raccolgono)

Bice) Fa niènt Elvira  se te ‘ndarà pèrs en pó de bròche, tanto té jé comprade a bu prése

Marisa) L’è chèsto el vantaggio de comprà a bu prése, pès che la nàghe te ghe guadagnèt semper.

Bice) A comprà a bü prése se ghe rimèt mai.

Elvira) A bu prése? Fi sìto va là, a fi de la sunada g’ho spindìt en möcc de sólcc, àter fat che stórie e  me restà apena na bràca de bròche (sempre raccogliendo i chiodi) e a fa ‘n pó de cöncc, a la fi, j-ho pagade a peso d’òr  (raccogliendo esce di scena).

Marisa) Che siègn dré a dì Bice? (prendendo le sue borse e incamminandosi) A sé, che a ‘nda al mercàt se fa i bèi afari.

Bice) (Raccoglie anche lei le borse ) De j-afari mia de schèrz Marisa. Mrtedé che vé nóm tùrna al mercà.

Fine

UNA MANCIATA DI CHIODI

TRADUZIONE LETTERALE IN ITALIANO

Nella traduzione, la scelta è stata quella di non attenersi ad un italiano corretto ma di rispettare le forme dialettali. Esempio: vo zo per le scale = vado giù per le scale (anziché scendo le scale).

Due amiche, Bice e Marisa s’incontrano dopo essere state entrambe al mercato. Tutte e due hanno due borsone enormi piene di roba, poi entra Elvira anche lei con delle borse stracolme.

*****

Bice) (Entra senza fiato, si ferma e depone le borse) Il manico delle due borsine mi taglia le mani, e ne ho ancora un bel pezzo prima di arrivare a casa.

Marisa) (Entra anche lei stanchissima) Ciao Bice, (deponendo anche lei le borse) mi fermo poco perché è quasi mezzogiorno e devo andare a preparare il pranzo a mio marito, però riposo un poco, sono stata al mercato e sono stanca morta a forza di andare su e giù per vedere di spendere meno ed invece ho speso lo stesso un mucchio di soldi. A proposito, fammi vedere  (guarda nel borsellino) lo sai Bice che alla fine ho speso un sacco di soldi e non ho comprato niente da mettere in tavola per mezzogiorno.

Bice) Ti servono dei soldi? Vuoi che te li presti? (Guardando nel borsellino) Òstis, lo sai che li ho spesi tutti anch’io!

Marisa) Vorrà dire che farò un poco di pastasciutta in bianco e due uova al burro, tanto mio marito lo sa che andando al mercato si perde tutta la mattina.

Bice) Farò così anch’io Marisa, un poco di pastasciutta in bianco e due uova al burro: e via che andare.

Marisa) D’altronde, lo sa anche lui che andando al mercato si perde tutta la mattina. Prima di comprare bisogna guardare bene le cose se vuoi fare gli affari.

Bice) Hai ragione, io ho trovato delle occasioni bellissime. Non potevo certo lasciarmele scappare. E ho risparmiato molto, te lo garantisco.

Marisa) Lo diceva sempre la mia mamma che (al pubblico) il primo risparmio è comprare bene.

Bice) Guarda Marisa io cosa ho trovato, delle magliette intime a poco e niente, così ne ho comprato 12, e ho comprato anche 24 paia di mutande (li estrae dalla borsa  per farli vedere). Non è risparmio questo! Non è che mi servano Marisa, intendiamoci bene, ne ho già un cassetto pieno, ma erano talmente a buon prezzo, inoltre le magliette intime non fanno mai a male.

Marisa) Io invece ho comprato 3 bei maglioni, (li estrae dalla borsa  per farli vedere) Guarda questo, è poco bello? Che te ne pare Bice?

Bice) Bello, bello, proprio bello (prendendolo in mano) mi sembrano un po’ larghi per te.

Marisa) Infatti, li ho presi per mio figlio, speriamo che gli piaccia il colore. C’era solamente questo colore. Ma guarda, non è un affare? (facendole vedere il cartellino del prezzo) E mi ha fatto l’80 per cento di sconto se ne compravo 3, sono precisi, ma l’80 per cento di sconto non è paglia, si può dire che me li ha quasi regalati.

Bice) Hai ragione Marisa, a volte è perfino un peccato non profittarne. E dopo cosa hai comprato di bello?

Marisa) Dopo ho comprato due paia di ciabatte e 3 belle pentole di quelle doppie, per fare la frittata, lo sai, quelle che non si attaccano e si girano (facendo il gesto con le mani) a me la frittata non piace, magari gli e la faccio a mio marito. E dopo, guarda Bice che belli: 9 pentolini, anche quelli in offerta 3 X 2.

Bice) Le pentole e i pentolini non vanno mai a male.

Marisa) È quello che ho pensato anch’io, non fa niente se sono della stessa misura, è sempre bello averli di scorta, inoltre erano in offerta 3 X 2 come si fa a non profittarne? (Cercando nelle sporte) Poi guarda, ho comprato un plaid, 4 lenzuola e 10 federe e 8 asciugamani.

Bice) Sono per il corredo della tua ragazza?

Marisa) Ma no, li ho comprati perché erano a buon prezzo.

Bice) Guarda, io ho comprato una tuta dimagrante per mio marito e inoltre guarda anche 3 ombrelli.

Marisa) Anche gli ombrelli erano in offerta 3 X 2?

Bice) No, se ne compravo 3 mi faceva un bello sconto, guarda, sono quelle da tenere in borsetta, quelle che si chiudono e che stanno in poco posto, (cerca nella borsa) ostrega sono in fondo altrimenti te le avrei fatte vedere.

Marisa) Lascia stare, fa niente, tanto lo so come sono fatte. Hai fatto bene a comprarle, fa sempre comodo averle con se se per caso piove.

Bice) Le ombrelle sono come le magliette intime e le lenzuola, non vanno mai a male.

Elvira) (Entrando passa davanti alle due amiche e depone due borsone piene di roba) Oh, bisogna che riposi un poco, ah se sono stanca!

Marisa) Ciao Elvira, cosa hai comprato di così pesante?

Elvira) Guarda Marisa, poco e niente in tutto a dire la verità, solo che ho trovato un banchetto di ferramenta al mercato, e mi ha fatto un buon prezzo e così ho comprato una manciata di chiodi.

Bice) Una manciata di chiodi è così pesante?

Elvira) Io per  la verità ne ho comprato una manciata di tutte le misure: chiodi e chiodini grandi e piccoli. Da così a così ( indica la misura prima con le dita -pollice ed indice - e poi con i due indici a varia distanza).

Bice) Ti servono da fare cosa Elvira? Che stai facendo di bello? La falegname.

Elvira) Non mi servono a fare nulla, le tengo di scorta, non vanno mai a male ed è sempre bello avere in casa chiodi e chiodini di tutte le misure.

Marisa) Hai ragione, quando servono non ci sono mai.

Bice) È una gran bell’idea. Dov’è quel banchetto lì? Quasi quasi torno indietro e vado anch’io a comprare una manciata di chiodi di tutte le misure.

Elvira) Non so se ti conviene oggi, c’era la coda di donne che compravano i chiodi perché erano in offerta speciale.

Marisa) (Interrompendola) Le borse mi sembrano piene, sono tutti chiodi?

Elvira) Tutti, però ogni manciata di chiodi è incartata con un foglio doppio di giornale, per non fare confusione e anche perché i chiodi sono di ferro e a punta.

Marisa) Caspita, ti credo che la borsa pesa!

Elvira) Però, pensate che strano, mano a mano che venivo in qua, così camminando, ho avuto quasi l’impressione che la borsa pesasse sempre di meno.

Marisa) Avrai fatto l’abitudine al peso.

Bice) O non sarà perché la tua borsa ha un buco?

Elvira) Un buco la mia borsa! (Guardando) Per tutti i santi del paradiso: ma la mia borsa ha proprio un buco (alza la borsa e cadono i chiodi, poi lei dalla borsa estrarrà alcuni fogli di giornale accartocciati e vuoti).

Marisa) (Guardando in terra) E qui in terra ci sono dei chiodi, guarda Elvira.

Bice) (Indicando il terreno) Anche qui.

Marisa) E anche là, guarda Elvira.

Bice) Mi sembra proprio che tu le abbia seminate. Cosa credi che venga su la pianta?

Marisa) Ma guarda! Chiodi da per tutto e di tutte le misure.

Elvira) (Guardando nella borsa e togliendo altri fogli di giornale accartocciati) Per tutti i diavoli dell’inferno, ma che buco E qui non c’è più nessun chiodo, solo carta di giornale. (Guarda in terra e inizia a  raccogliere i chiodi)

(Anche Marisa e Bice li raccolgono)

Bice) Non fa niente Elvira se andranno persi un po’ di chiodi, tanto li hai comprati a buon prezzo.

Marisa) È questo il vantaggio di comprare a buon prezzo, peggio che vada ci guadagni sempre.

Bice) A comprare a buon prezzo non ci si rimette mai.

Elvira) A buon prezzo? State zitte, alla fine della suonata ho speso un sacco di soldi, altro che storie e mi resta solo una manciata di chiodi (sempre raccogliendo i chiodi) che, a fare un poco di conti,  alla fine ho pagato a peso d’oro (raccogliendo esce di scena).

Marisa) Che stavamo dicendo Bice? (prendendo le sue borse e incamminandosi) A sì, che ad andare al mercato si fanno i begli affari.

Bice) (Raccoglie anche lei le borse ) Affari bellissimi Marisa. Martedì prossimo ci torniamo ancora al mercato.

Fine

    Questo copione è stato visto
  • 0 volte nelle ultime 48 ore
  • 0 volte nell' ultima settimana
  • 0 volte nell' ultimo mese
  • 3 volte nell' arco di un'anno