‘Na commedia ‘e tre atte

Stampa questo copione

‘NA COMMEDIA ‘E TRE ATTE

‘NA COMMEDIA ‘E TRE ATTE

Commedia in tre atti

Personaggi

D. Asdrubale Barilotto

Peppeniello, suo figlio

Peppenella

D.a Anastasia

D. Feliciello

Pulcinella

Marietta, figlia di

D. Raffaele

Anselmo

Popa

Ninetta, serva

Renzo, servo

La scena è in Napoli, epoca presente

ATTO PRIMO

Camera. In fondo letto misero. A sinistra porta. A prima quinta a destra finestra; tavolino: poche sedie rustiche.

SCENA PRIMA

Peppeniello, seduto vicino alla finestra e Popa dalla porta in fondo con granata.

PEPPENIELLO (facendo segni dirimpetto): Ajersera? Arrivaje fino a Toledo e pò me tornaje... Comme? Me jette a coccà... Non è lo vero? Pozza morì de subeto si dico na buscia.

POPA: (Gué, chisto stà ccà). Neh, D. Peppenié...

PEPPENIELLO (non badandole): E pecché? Non signora, non voglio, le dice che non te fide.

POPA: D. Peppenié...

PEPPENIELLO (c.s.): E a te che ne preme?... Io pure non aggio abbuscato tanta vote pe causa toja? No, non voglio che nce vaje. Statte bona.

POPA: D. Peppenié...

PEPPENIELLO: Chi è? Uh! D.a Pò, site vuje...

POPA: Songo io. Voglio sapè a vuje chi v’ha aperta la porta?

PEPPENIELLO: L’aggio scassata, e songo trasuto.

POPA: E D. Felice e Pulicenella?

PEPPENIELLO: Non l’aggio trovate. Fuorze non se saranno ritirate stanotte.

POPA: Io l’aggio ditto che chille so’ duje vagabunne; ma si pe la fine de lo mese non me danno tutto chello che avanzo; ne li caccio da la casa.

PEPPENIELLO: No, pe carità! Io l’aggio ditto: no juorno de chisto me piglio miezo litro de scisto e accossì moro e felicenotte.

POPA: Vuje che dicite...

PEPPENIELLO: D.a Popa mia, pe carità non voglia maje lo cielo... Io profittanno de sta fenesta de D. Felice che corrisponne derimpetto a la fenesta de Peppenella, nce parlo no poco. Io me sacrifico, me stongo senza marenna pe stà ccà.

POPA: E pecché?

PEPPENIELLO Pecché papà me dà sei solde a lo juorno pe la marenna, e io li dongo a D. Felice, che me dà lo pizzo e la seggia pe m’assettà; si vuje ne cacciate da isso, io comme faccio, io so’ rovinato, me mettite nella dura condizione che m’accatto miezo litro de scisto...

POPA: E ve lo bevite? Va bene, non avite appaura, non li caccio, ma basta che pavano.

PEPPENIELLO: Non dubitate, ve faccio pagà io. Pe mò lassatemene ire, che si papà se sceta e s’addona che so’ asciuto da la casa, na vertolina non me la leva manco Barbanera. (Via.)

POPA: Povero guaglione, me fa proprio compassione.

SCENA SECONDA

Anselmo e detta.

ANSELMO: Neh scusate... D. Felice nce sta?

POPA: Nonsignore, non s’è ritirato stanotte, né isso, né lo compagno sujo Pulicenella. Ma vuje chi site?

ANSELMO: Songo n’amico de D. Felice, lo quale aunito co chillo vestuto janco m’hanno truffato sette lire. Avite da sapè che doppo dimane è lo nomme de moglierema e io le voleva fa l’attenzione de presentarle no sonetto, e dette l’incombenza a D. Felice, lo quale me dicette: venite dimane a la casa che ve lo faccio trovà fatto. Se pigliaie le primme 5 lire, lo juorno appriesso venette ccà, ma trovaje sulo a chillo vestuto janco, lo quale me dicette: va bene, lo sonetto è fatto, ma s’ha da passà ncoppa a no bello fuoglio de carta ndorata, s’ha da fa de carattere rondo, nzomma me mbrugliaje talmente la capa, che se pigliaje n’autre doje lire, dicennome che la sera me lo mannava a lo cafè addò me la faccio io. Neh, io l’autra sera jette a lo cafè e trovaje no sonetto, ma chino de ciucciarie...

POPA: Uh! Vuje vedite chilli briccune che vanno facenno.

ANSELMO: Io so’ venuto apposta ccà stammatina; o m’acconciano lo sonetto o pure me tornano chello che l’aggio dato. Me dispiace che non pozzo aspettà, io aggio da j ncoppa a lo tribunale pe n’affare de premura: torno verso l’unnece, facite che li trovo?

POPA: Credo de sì.

ANSELMO: Quanno veneno, non le decite che io songo venuto si no chille non se fanno truvà. Stateve bene. (Via.)

POPA: Stateve bene. Che mbrugliune: va trova qua juorno de chiste hanno na brutta mazziata.

SCENA TERZA

Ninetta, poi Feliciello e Pulcinella e detta.

NINETTA: D.a Pò, avite visto a D. Peppeniello lo figlio de D. Asdrubale?

POPA: Sì, poco primma se n’è ghiuto.

NINETTA: è stato ccà e se n’è ghiuto? Bene mio, bene mio, e comme faccio? Io l’aveva da parlà; basta, quanno trase cchiù tarde se ne parla.

POPA: Allora, Niné, famme lo piacere, io vaco no momento ncoppa p’arrecettarme la cammarella mia. Aspetta no momento ccà, fino che scengo, o se retirano Pulicenella e D. Felice, pecché D. Peppeniello pe trasì ha scassata la mascatura de la porta.

NINETTA: Va bene, jate; basta però che scennite priesto, pecché io pure aggio che fa dinto.

POPA: Manco no quarto d’ora e vengo. (Via.)

NINETTA: Io aveva da dà na lettera a D. Peppeniello de la signorina, la quale se fida solamente de me.

FELICIELLO (di dentro): Saglie, piezzo de bestia.

PULCINELLA (c.s.): Sì tù na bestia cauzata e vestuta!

FELICIELLO (c.s.): Mò te dò no schiaffo si lo dice n’autra vota!

PULCINELLA (c.s.): Va, vattenne, mò te rociolejo pe li grade.

NINETTA: Gué, e bì quanta ceremmonie se stanno facenno! Eppure io mò non saccio pecché, ma sto Pulicenella lo compagno de D. Felice me piace assai e, e si me nce potesse mettere a fà l’ammore. Basta vedimmo. (Entrano Feliciello e Pulcinella.)

FELICIELLO: Sta bestia, st’imbecille.

PULCINELLA: Me chiamme muscillo. Isso me pare no gatto maimone.

FELICIELLO: Vattenne, ignorante, stupido! Bella figliò, che state facenno ccà?

NINETTA: M’ha rummasa D.a Popa, pecché siccomme D. Peppeniello pe trasì stammatina ha scassata la porta, pe non restà la casa sola, avenno da ire a fa cierti servizie ncoppa, m’ha ditto che avesse aspettato no poco io.

FELICIELLO: Meglio, ha scassata la porta.

PULCINELLA: E avete aspettato molto?

NINETTA: No, stongo da poco, e mò che site venuto me ne vaco.

PULCINELLA: E così presto ci volete privare della vostra compagnia?

NINETTA: Co tutto lo core io me starria co buje a parlà; ma che volite, me n’aggio da jre a forza, pecché aggio che fa dinto.

FELICIELLO: Bella figliò, jatevenne, non le date retta.

PULCINELLA: Bella figliò, non ve ne andate, si no io l’ammazzo a quello: si ve ne jate, nce lassate sule, e io tengo tutto lo tiempo d’acciderlo.

FELICIELLO: Tu a me? Vattenne che io me sporco li mmane co te. Già tu sei no lazzarone e azione da tale devi fare.

PULCINELLA: Signor Conte, scusate. Chiamme lazzarone a me, e tu sarraje quacche autra cosa.

FELICIELLO: Non me fà vommecà. Tu mò te vorrisse mettere a paragone co me? Già so’ stato io na bestia che ti ho dato tanta confidenza. Ma d’ora in poi t’avviso che quanno vide a me levate lo cappiello nfino a nterra, disperatone, muorto de famma!

PULCINELLA: Uh, muorto de famma! Tu comme staje mò, te magnarrisse pure li prete. Tu staje che non te rieje all’erta.

FELICIELLO: Io... io non desidero niente, caro mio, se me daje na mollica de pane, non me la piglio.

PULCINELLA: Na mollica lo credo, ma na’ palata te la piglie.

FELICIELLO: Mò te menco lo calamaro nfaccia.

PULCINELLA: Me te scasso na seggia ncapo. (Per inveire.)

NINETTA: Stateve sode; (frapponendosi) chesto che cos’è? Site o non site compagne! Ma se pò sapé pecché ve site appiccecate?

PULCINELLA: Non lo saccio manco io, me sta ncojetanno da che me so’ scetato.

FELICIELLO: Da che me so’ scetato. Vedite llà, lo dice comme avesse dormuto dinto a no lietto morbido, m’ha fatto fa la nottata a me poveriello pe causa soja.

NINETTA: Ma pecché, che v’ha fatto?

PULCINELLA: Mò parlo io. Haje da sapé che nuje simmo comme a la terzana, duje juorne magnammo e uno no. Ajere eramo a sto caso. Nce n’ascetteme e quanno fuje ajersere nce ne jetteme cammenanno pe coppa a lo Muolo. Quanno fuje vicino a lo teatro de lo Fondo, trovajeme nterra duje poste de galleria, e siccome non erano intestate, ma erano al latore, pensajemo de nce li vennere... Lo crederesti? Nisciuno se li vulette accattà manco pe tre solde l’uno. Aspettajeme fino a doppo lo primm’atto, e vedenno che era impossibile de vennerle, nce ne saglietteme nuje ncoppa a la piccionara. Non saccio comme cancaro fui e, o pecché steveme diune, o pecché nce moreveme de suonno, nce addormetteme tutte e duje. Fenette l’opera, tutte quante se ne jettero, se nzerraje lo teatro, e nuje stevemo ancora dormenno ncoppa a la piccionaja. Quanno è stato stanotte, sta bestia, verso li 3 s’è scetato, s’è miso a alluccà e voleva sapè addò stevemo. Io me credeva che nc’eramo ritirate, e stevemo dinto a lo lietto, so’ ghiuto pe m’avotà so’ ghiuto nterra e me so’ addormuto n’autra vota.

NINETTA: Ah, ah... E pò?

FELICIELLO: Che aveva da fà? Me so’ stato scetato tutta la nottata e st’animale runfava a meglio a meglio.

PULCINELLA: Questo è lo difetto mio, tengo lo suonno pesante. Na vota me jette a piglià no bagno co cierte amice de li mieje; embè tu mò lo cride? M’addormette dint’a l’acqua.

NINETTA: Vuje che dicite? Che site de suonno pesante, chesto pò essere, pecché è no difetto che lo teneno tutte chille che non hanno che penzà, ma a dormì dinto all’acqua... Ah! (Ride.)

PULCINELLA: Tu mò non puoi credere quanto sì graziosa quanno ride.

NINETTA: E vuje quanto site aggraziato quanno parlate.

PULCINELLA: Sei veramente simpatica... (Lazzi.) Neh, tu pecché non te ne vaje? (a Felice).

FELICIELLO: Mò te scasso na seggia ncapo.

PULCINELLA: Viene ccà, bellezza mia. (Per abbracciarla.)

NINETTA: Oh, scusate, mò non sta bene. Volite dicere la parolehIa, sissignore, me volite chiamà simpatica e sia pure, ma ncunto pò d’afferrà, d’agguantà... questo non signore... de chesta manera vuje si-te adderettura no fiammifero che suloeto v’ahiummate. Si nce fosse quacche cosa... si fàcessemo all’ammore. Eh... tanto quanto... vuje me diciarrisseve quanto sì bella a me, io ve diciarria quanto sì sciscione a vuje!... Vuje fàciarrisseve no carezziello a me, io ve ne fàma n’autro a vuje... ma... senza che nce conoscimmo, senza che avimmo parlato quacche autra vota primma de mò... vuje pigliate e... Oh! Oh! Aggiate pacienzia, chesto non sta bene. Dateme licenza. (Via ridendo pelfondo.)

PULCINELLA: Quant’è bella... (Buttandosi sul letto abbraccia il guanciale.)

FELICIELLO: A la nasceta de mammeta! Chillo s’abbraccia a lo coscino...

PULCINELLA: Che vuoi? Aggio da dare cunto a te?...

FELICIELLO: Benfatto, t’ha fatto n’abblativo assoluto, mò le darria na carta de dieci lire...

PULCINELLA: Vattenne, tu sano sano non vaje diece solde... Gué, io t’avviso de na cosa. Si ajere so’ stato diuno, ogge voglio mangià, e tu nce haje da pensà.

FELICIELLO: Seh! Nce penso io? E pe me chi nce pensa?

PULCINELLA Io a te conosco. Si non era pe causa toja, mò non sarrìa arreddutto a chesto. Ah, mannaggia quanno maje volette sentere a te. Steveme tutte e duje co chillo signore a Salierno, io faceva lo servitore e tu screvive ncoppa a lo studio sujo. Pe via che tenevamo agghiettate quacche mesatella, tu me diciste: jammoncenne a Napole, io col mio talento, e tu col tuo spirito son sicuro che faremo fortuna e ci leveremo da fare i servitori. Simme stato n’anno aunite. Nc’avimmo vennute tutte cose, e siamo ridotti in questo miserabile stato! Chillo strappuntino...

FELICIELLO: Il passato non bisogna richiamano alla memoria. Lo certo è che fino a mò, tranne jere, avimmo mangiato sempe.

PULCINELLA: Va bene, ma jere non mangiajeme, e io stammatina tengo na famma che me magnarria no puorco co tutta la coda.

FELICIELLO: Stammatina mangiammo, non nce pensà; io pure tengo no poco d’appetito, stammo da jere matina co duje solde de pizza pedono ncuorpo. Mò fenesco de copià sto libro, lo vaco a consignà, e co li denare che aggio, magnammo. Aissera si me fosse ritirato, mò sarrìa fenuto.

PULCINELLA: Ma che d’è sto libro, che staje copianno?

FELICIELLO: E lo seguito d’Otello, che m’è venuto no capolavoro: io so’ sicuro che quanno và in iscena s’ha da revotà lo teatro.

PULCINELLA: E quanto te danno?

FELICIELLO: Tengo 5 lire mmano, me promettetteno 8 lire, me traseno n’autre tre lire?

PULCINELLA: E tu faje tanta fatica pe 8 lire?

FELICIELLO: Ma io lo faccio pe l’interesse, io lo faccio per acquistar fama.

PULCINELLA: E buò acquistà cchiù famma de chella che tiene?

FELICIELLO: Nonsignore, io dico fama. E poi se sape; piano piano m’acquisto la nomina di autore, e pò vide che me veneno a pregà lloro a me p’essere scritto quacche cosa. La disgrazia mia è stata che fino a mò so’ state fiscate tutte li dramme che aggio scritto.

PULCINELLA: E se sape, quanno tu scive no dramma pe doje lire, che ha da essere?

FELICIELLO: Eh! Ma ncoppa a chisto ccà stanno fondate tutte le speranze meje. Tiene ccà, detteme, sulo l’urdema scena aggio da copià. (Siede a tavolino.)

PULCINELLA: Io me moro de famma... Tu te n’approfitte che io saccio no poco de leggere e scrivere, pecché quanno steva co chillo signore a Salierno me mparaje...

FELICIELLO: Jammo jà. Scena ultima. Tutti meno Otello. (Lazzi.)

PULCINELLA (detta): «Desdemona morì per tua cagione. Jago per me, per te».

FELICIELLO: Pe me...

PULCINELLA: Che stammo menanno lo tuocco?

SCENA QUARTA

D. Vincenzino e detti, poi Peppeniello.

VINCENZINO: Signori, scusate se mi prendo l’ardimentoseria di incomodarvi.

FELICIELLO: Chi cercate, chi siete?...

VINCENZINO: Io mi chiamo D. Vincenzino Cannone.

PULCINELLA: Ah, voi siete quello che sparate la cannonata a miezo juorno ncoppa S. Ermeno?

VINCENZINO: Io sparo la cannonata?

FELICIELLO: Non signore l’amico scherza.

VINCENZINO: Ah, scherzeggiate? A me mi piacciene li scherzamente, ma si poi m’accorgio che vi volarrestivo divertire col mio individuo, potessimo venire a brutti pericoli, ma quanno avete schirziggiato, datemi il mano, e siamo amichi!

FELICIELLO: (Chisto che se fa scappà da la vocca!).

PULCINELLA: Non signore, ho scherzeggiato e siamo amichi!

FELICIELLO: Ma insomma?

VINCENZINO: Prima di tutto, fatimo sapere chi è fra di voi D. Felice Scioscia... mosca?

PULCINELLA: (No, scopettino).

FELICIELLO: Sciosciammocca, volete dire?

VINCENZINO: Sicuro, bravo? Sciosciammocca.

FELICIELLO: Sono io, per servirvi.

VINCENZINO: Mille crazio. Mi hanno retto che voje scrivete commedie, falze, e la dramma...

PULCINELLA: Sissignore, scrive pure l’onza.

VINCENZINO: Ma non si tratta né di commedie, né di falze né tampoco di tragerie. So’ venuto da vojo per essere fatta na bella composta.

PULCINELLA: Ah, ho capito: dovete andare da lo Genovese, a lo Baglivo: chillo le tene dinto a li vasette, cetrolelle, molignanelle, cetrulille...

VINCENZINO: Ma voi siete troppi, sà! (Lazzi.) Io dico una composta di versamenti amorosi, perché dovete conoscere che io sono il primo negoziante di porci e di corna... So’ de Casoria, e mi debbo sposare la figlia de no certo D. Raffaele Palla...

PULCINELLA: Palla? E già, essendo voi Cannone...

VINCENZINO: Oh, basti mò...

FELICIELLO: D. Vincenzì, quello scherza...

VINCENZINO: Aveto fatto li scherzi, eccovi il mano...

PULCINELLA: E siamo amichi.

VINCENZINO: Dunque sono vinuto per essere fatta una poesia diretta a lei per il giorno del nostro sposarizio.

FELICIELLO: Ah, ho capito... E quando è il giorno del vostro sposarizio?

VINCENZINO: A li 30 di queste mese... con qualunque interesse. Io vi aspetto qua. Quando l’avete fatto, me lo date. Io vi pago e me ne vache.

FELICIELLO: Sissignore. Eccomi qua. (Eh, sorte, me potesse abbuscà quacche cosa.) (Si mette a scrivere. Entra Peppeniello.)

PEPPENIELLO: Buongiorno. (Va alla finestra.)

FELICIELLO: D. Peppenié, io ve ringrazio, m’avito scassata la porta...

PEPPENIELLO (parlando dirimpetto): Non aggio avuto niente.

FELICIELLO: Gué, mò non nce sente. D. Peppenié...

VINCENZINO: Né, scrivete, non perdete tempo.

FELICIELLO: Dunque avete detto che si chiama?

VINCENZINO: D. Marietta Palla.

FELICIELLO: Mò ve faccio n’acrostico.

VINCENZINO: Facite la crosta?

PULCINELLA: D. Peppenié, li sei solde.

PEPPENIELLO: E dalle, non aggio avuto niente (c.s.). Io? No tu sì pazza, aspetta... (Gridando.)

FELICIELLO: Seh, co sti quattro strille io comme scrivo?

VINCENZINO (va da D. Peppeniello): D. Gaetani, non gridate, pecché qua ci fa male il testo.

PEPPENIELLO: Caro signore, io pago e posso fare quello che voglio io.

VINCENZINO: Neh, chillo paga p’alluccà?

FELICIELLO: Nonsignore, l’ha detto apposta.

PULCINELLA: D. Peppenié, io ho bisogno dei sei soldi.

PEPPENIELLO (c.s.): Non ho capito.

PULCINELLA: Li sei solde...

PEPPENIELLO: E tu che le deciste? Allora vaco pur’io (c.s.).

VINCENZINO: Avete finito?

FELICIELLO: Io ancora aggio d’accomincià.

PEPPENIELLO: E comme tu sì e io no... Peppené... (Gridando.)

VINCENZINO: Sapete, mò non ve lo dico più, se date un altro strillamento ve butte da sopra a basso... Avete finito?

FELICIELLO: E si non ve state zitte...

PULCINELLA: (Falle na cosa lesto lesto...).

SCENA QUINTA

D. Anselmo e detti.

ANSELMO: Ccà staje... t’aggio trovato finalmente...

PULCINELLA: (Gué, chillo de lo sonetto).

FELICIELLO: Caro D. Anselmo...

ANSELMO: Caro lo cancaro! Io venette ccà pe essere fatto no piacere, Dommeneca è lo nomme de moglierema me facite fà chisto sonetto da sto mbroglione... Io voglio li sette lire che aggio pagato. Mò m’assetto ccà e vuje me l’avite da fa da capo.

FELICIELLO: Tu l’haje fatto lo sonetto? (Vì che l’ha avuto d’asci da cuorpo.)

ANSELMO: Leggite, e vedite si lo pozzo presentà a moglierema. (Gli dà il sonetto.)

FELICIELLO (legge): «Mia cara moglie, o per dir meglio maglia

Perché la maglia infoca e pur la moglie;

Chi scenne certamente che non saglia,

Se leva li vestite chi se spoglie!

Oggi che è il nome tuo, na capo d’aglia

Io voglio darte; è buona per le doglie...

E se l’anno che vene t’aggio a taglia

Cecare n’uocchio, moglie mia, te voglie.

Intanto te saluto in fretta in fretta;

Il resto che vo’ dirti, già se sape:

Puozze cadere sotto a na carretta,

Te puozze sconquassà tutta la cape,

Tanto spero ed avrò moglie diletta.

E a cuoppo cupo, poco pepe cape».

(Uh! Assassino.., tu che haje scritto?...)

PULCINELLA: No verso l’ultimo, ho sbagliato...

FELICIELLO: D. Ansé, avete ragione. Aspettate che mò ve servo io.

VINCENZINO: Sì, ma vuje m’avite da spiccià primma a me.

FELICIELLO: Sì signore, non dubitate. (Scrive.)

PEPPENIELLO: Te faccio lo fisco, io non saccio si papà esce o no; si esce nce vedimmo a 24 ore da la parte de lo giardino... E pecché? Allora a n’ora de notte... (Parlando c.s.)

ANSELMO (a Vincenzino): Chillo co chi l’have?

VINCENZINO: Io non li sò. A che state?

FELICIELLO: Stongo a la metà.

PULCINELLA: D. Peppenié, li sei soldi li date a me, non li date a D. Felice.

PEPPENIELLO (parlando c.s.): E pecché?

PULCINELLA: Si no chillo se li piglia sulo isso...

PEPPENIELLO (c.s.): Non credo...

PULCINELLA: Parola d’onore.

PEPPENIELLO (c.s.): E giura...

PULCINELLA: Ncoscienzia mia.

PEPPENIELLO: Tu che vuò?...

PULCINELLA: Li sei solde.

PEPPENIELLO: Dalle! T’aggio ditto aspetta... (c.s.) Ché! Io mò me mengo da coppa abbascio.

VINCENZINO: Avete finito?

FELICIELLO: Che aggio da finì, non è cosa... ho perduto l’estro. Venite domani mattina tutt’e due, e ve li faccio trovà fatte.

ANSELMO: D. Felì, io fido su di voi. Dimane nce vedimmo. A rivederce. Te salute, mbrugliò. (Via.)

VINCENZINO: Io pure me ne vache. Vengo dimane verso mezzogiorno pomeridiane. Pensate che io sono come i fanciulli piccirilli, che quanno uno le prommette na cosa, l’hanno d’avere a forza. Datemi il mano e siamo amichi. (Via.)

PEPPENIELLO (c.s.): Io me ne vaco. Statte bona.

FELICIELLO: D. Peppenié, comme t’è venuto ncapo de scassà la mascatura?

PEPPENIELLO: M’è venuto ncapo? Vì comme parlate bello! Peppenella m’aspettava affacciata a la fenesta... io aveva da trasì. Aggio pigliato e aggio scassato la porta. Ma nce penso io pe farla accuncià...

FELICIELLO: Nzomma che facite co la nnammorata vosta, ve la pigliate o no?

PEPPENIELLO: E che saccio. Io la passione la tengo co Peppenella, io penso a Peppenella; non me pozzo scordà de Peppenella.

PULCINELLA: Chisto nce ha fatto na panza de Peppenella.

FELICIELLO: Ma papà non ve vò fa nzorà?

PEPPENIELLO: Niente; io non saccio lo pecché. La sera se mette a ghiocà la bonafficiatella nzieme co D.a Anastasia, Peppenella e n’amico suio chiamato D. Raffaele, lo quale vene co na figliola che se chiama Marietta: a me me nzerna dinto a la cammera mia, e co la scusa de farme studià, non me fa vedè a Peppenella.

PULCINELLA: E tu pecché non le dice: papà, dentro la stanza mia chiudetemi nzieme co Peppenella.

PEPPENIELLO: Sicuro, accossì pò essere che aggio na brutta battarìa. Io aggio deciso; o me danno a Peppenella, si no me faccio nteressere poche solde, m’accatto miezo litro de scisto e me lo bevo.

PULCINELLA: Haje ragione. Damme li sei solde...

PEPPENIELLO: Comme sì seccante. Té. (Glieli dà e via.)

PULCINELLA: Ah! Finalmente!

FELICIELLO: Curre, Pulicené. Co sti sei solde accatta quattro solde de pane e duje d’aulive...

PULCINELLA: Seh, dice buono. (Per andare.) Chillo che ha fatto! M’ha dato na medaglia pe doppio soldo.

FELICIELLO: Se ne so’ ghiute l’aulive pe ll’aria... Curre va lo chiamma.

PULCINELLA: Neh, D. Peppenié... (Per andare.)

SCENA SESTA

D. Raffaele, Marietta e detti.

RAFFAELE: Scusate, qui sta de casa D. Felice Sciosciammocca?

PULCINELLA: Sissignore, favorite.

FELICIELLO: Sono io D. Felice; me dispiace che vi ricevo in questa stanza...

PULCINELLA: La galleria sta in fabbrica...

FELICIELLO: Se volete passare nel salone.

RAFFAELE (piano a Felice): Non spacconiate... Io lo sò vuje state disperate assai.

FELICIELLO: Ah! Lo sapete?

RAFFAELE: Sì, lo sò, per cui dateci due sedie, e fateci riposare no poco che vi debbo parlare di un affare che vi potrà giovare.

FELICIELLO: Pulicené, piglia li sedie. Signorina, accomodatevi.

MARIETTA: Grazie. (Siede e ride.) (Papà, cumme so’ curiuse.)

RAFFAELE: (Zitto). Prima di tutto vi presento mia figlia Mariuccia.

FELICIELLO: Signorina, ho il piacere di fare la vostra conoscenza.

PULCINELLA: Signorina, ho il piacere di fare la vostra sconoscenza.

MARIETTA: Ah, ah! Sconoscenza. (Ridendo forte.)

RAFFAELE: Siete un grand’uomo. Avete fatto ridere a mia figlia! Ch-sta non ride maje. Mò la marito.

FELICIELLO: Ah, vi maritate?

MARIETTA: Sissignore. (Ride.)

FELICIELLO: E pecché ride?

RAFFAELE: è la soggezione! Un bel partito; sapete, un uomo ricchissimo; tiene no 50 mila ducati dei suoi, e con la dote che le do io, possono fare i signori.

FELICIELLO: Per cento anni di salute.

MARIETTA (ride) (c.s.).

FELICIELLO: Mò ha reduto n’autra vota?

RAFFAELE: è la vergogna.

PULCINELLA: (Ha ditto che non redeva maje.)

FELICIELLO: M’immagino che lo sposo sia bello come lei?

RAFFAELE: Eh, non ci è male. Essa quanno lo vedette se mettete a fuì, chiagnette, dicette che non se lo voleva sposà; ma poi l’ho persuasa e le pareno mill’anne de sposaresillo. Non è vero?

MARIETTA: Sicuro.

PULCINELLA: (Comme va che mò non ha reduto).

MARIETTA: (Staje frisco, lo diavolo me sposo, ma a D. Vicenzino maje).

FELICIELLO: Insomma, in che debbo servirvi?

RAFFAELE: Eccomi qua. Dovete sapere che io non ho nessun parente, tengo solo sta figlia che voglio bene più degli occhi miei... Io non faccio niente, perché sono proprietario, e per conseguenza pe passà lo tiempo, pe spassarce no poco insieme a certi amici miei, abbiamo fatto no teatrino in casa mia.

FELICIELLO: Benissimo.

RAFFAELE: Abbiamo fatto molte recite, mia figlia pure recitò, facette la servetta; l’innamorato suo pure recitò. Insomma ci siamo divertiti diverse domeniche. Ora avendo saputo che voi scrivete commedie, vi son venuto a pregare de scrivermene una subito per farla a lo teatrino mio; vi darò io l’argomento.

FELICIELLO: Padronissimo ma...

RAFFAELE: Ecco qua, vi spiego tutto. Dovete sapere che sopra a voi nce sta de casa n’amico mio chiamato Asdrubale Barilotto. Lo conoscete?

FELICIELLO: No, non ci ho parlato mai.

RAFFAELE: è un originale, no carattere proprio de teatro, io lo inquieto sempre, isso se nfoca, e me dice no sacco de male parole, e io tanno me spasso cchiù assaie. La sera venimmo io e Maniuccia, e nce stammo fino all’unnece, no poco jocanno la bonafficiatella, no poco facimmo quattro juoche de penitenza; insomma passammo la serata divertita assaje; ma non nce divertimmo pecché jucammo la bonafficiatella, né pecché facimmo li gioche de penitenza, no, lo divertimento è che D. Asdrubale chiude lo figlio dinto a la cammera soia, pe nun farle vedè a la figlia de na certa D. Anastasia, pecché se nce vommechea isso.

FELICIELLO: Perciò lo chiude dint’a la cammera?

RAFFAELE: Già; ma lo bello non è chesto. D. Anastasia che volarria fa l’ammore co lo figlio de Don Asdnubale, non vò che la figlia nce portasse premura, e tutta la serata vuje autro non vedite che D. Asdrubale joca a fa n’uocchio a zennaniello a la figlia de D. Anastasia la quale figlia joca e le scappano le lagreme dall’uocchie, pecché lo nnammorato sta chiuso dinto a la cammera e non lo pò vedè; abboffa, e ogne tanto se sosa e va a guardà dinto a lo pertuso de la mascatura addò sta lo figlio de D. Asdrubale.

FELICIELLO: Chesto veramente è da ridere. Ah, ah, ah...

RAFFAELE: Ah, ah, ah... (Ridono molto.)

MARIETTA: Ah, ah, ah...

PULCINELLA: (è schiarato juorno, cantano li galle).

RAFFAELE: Non potite credere io comme me spasso. Io mò so’ venuto da vuje, acciò me screvite na commedia ncopp’a chisto argomento, e non appena me la consignate, io la metto in concerto e la sera che la facimmo mmito a D. Asdrubale e D. Anastasia, li quale tutto se ponno aspettà fuorché de sentì li fatte lloro ncopp’a lo teatro. Pensannoce me scappa la risa.

MARIETTA (ride): Ah, ah, ah...

PULCINELLA: (Da paricchio non redeva).

RAFFAELE: Ma intendiamoci; io ve la pago quanno vuje me la consignate la commedia: vi darò 200 franchi.

FELICIELLO: Duecento franchi! Non dubitate. Adesso lascio tutto e ve servo subito subito.

RAFFAELE: Quanno avite fatto lo primmo atto, si me lo volite fa sentere, me facite piacere, si no se ne parla quanno l’avite fenuta tutta quanta.

FELICIELLO: Va benissimo.

RAFFAELE: Già voi pe fa buono, sapite che avarrisseve da fa? Avannisseve da venì a la casa de D. Asdrubale, e co la scusa de volè fa parte dei dilettanti dinto a la compagnia mia, potite ire sempe che volite, così vi studierete quelle belle scene che succederanno e le scriverete tale quale.

FELICIELLO: Sì, accetto il vostro consiglio.

RAFFAELE: Benissimo. Ditemi quando sarà pronta sta commedia?

FELICIELLO: Mi dovete dare di tempo almeno 4 o 5 giorni.

RAFFAELE: Siamo d’accordo. (Si alzano.) Noi ce ne andiamo; ci vedremo in casa di D. Asdrubale.

FELICIELLO: Scusate, quanti atti volete fare?

RAFFAELE: Eh! Non meno di 3 atti, se no è troppo corta.

FELICIELLO: Va bene, ho capito.

RAFFAELE: Lo titolo nce lo mettimmo dopo. Mariù, jammoncenne.

MARIETTA: Son pronta.

FELICIELLO: Signorina, vi saluto.

PULCINELLA: Signorina, i miei dispetti...

MARIETTA (ride): Ah, ah, ah. I miei dispetti! (Via col padre.)

FELICIELLO (passeggia): (Benissimo, lo 1° atto è bello che fatto... D. Peppeniello che parla da la fenesta. Li sei solde che hanno D. Felice e Pulcinella).

PULCINELLA: D. Felì, che è stato?

FELICIELLO: (Lo fatto de lo sonetto de D. Anselmo, chillo palloniere de D. Vincenzino.. Benissimo...).

PULCINELLA: Ma nzomma?...

FELICIELLO: Tiene ccà, pigliate sto lapis e sta carta, astipatella. Io tengo l’altro lapis. Se tratta de 200 franchi. Nuje avimmo da jre dinto da D. Asdrubale, avimmo da vedè de che se tratta, e chello che te dico io, tu chello haje da scrivere.

PULCINELLA: Tu capisci che io me moro de famma?

FELICIELLO: Haje ragione, và accatta lo ppane, nce lo mangiammo... (Gridi di dentro.)

SCENA SETTIMA

Asdrubale di dentro gridando, Peppeniello e detti.

ASDRUBALE (di dentro): Birbante, birbantissimo!

PEPPENIELLO: Ah! Papà. (Gridando esce.) Ajutateme!... Mentre nce stevemo mettenno a tavola, papà m’ha trovata na lettera ncuollo de Peppenella mia, ha pigliata la mazza ha lassato de magnà e me sta secutanno. Annasconniteme. (Si nasconde a sinistra.)

ASDRUBALE (con bastone e salvietta alla gola): Afferratemillo, lo voglio accidere. (Via per la comune.)

PULCINELLA: Ha lassato lo magnà a tavola?... (Sale sulla casa di Asdrubale.)

PEPPENIELLO (uscendo): Si chillo me trova m’accide.

FELICIELLO: Uh! Sta venenno...

PEPPENIELLO Mamma mia! (Si nasconde sotto il letto.)

PULCINELLA (esce con zuppiera di maccheroni e pane): Tiene ccà, magnammo.

FELICIELLO: Chi t’ha dato sti maccarune?

PULCINELLA: Statte zitto, mangia e non te ne ncarricà. (Ponendo i maccheroni sul tavolino, mangia avidamente con Felice.)

ASDRUBALE (uscendo): Neh, scusate, fosse trasuto ccà chillo bricconciello?

FELICIELLO: Chi?

ASDRUBALE: Chillo svergognato de figliemo?

PULCINELLA E FELICIELLO: Auh... (Facendo segno di no, non potendo parlare, a bocca piena.)

ASDRUBALE: Perdonate se son venuto ad incomodarvi mentre stavate mangiando.

PULCINELLA E FELICIELLO: Niente... favorite con noi.

ASDRUBALE: Grazie, salute: io vado a fare lo stesso. Buon appetito.

FELICIELLO E PULCINELLA: Altrettanto, altrettanto! (Seguitano a mangiare.) (Asdrubale via sul suo appartamento.)

(Cala la tela.)

Fine dell’atto primo

ATTO SECONDO

Salotto. Porta in fondo. Mobili dorati; quattro porte laterali. Finestra a prima quinta a sinistra.

SCENA PRIMA

Marietta e Peppenella dalla porta in fondo a braccetto.

MARIETTA: Viene ccà, Peppené, mò che loro stanno abbascio a lo giardino, dimme quacche cosa... Io già me songo accorta de quacche cosa, tu fale l’ammore co D. Peppeniello?

PEPPENELLA: Lo sale! E chi te l’ha ditto?

MARIETTA: Chi me l’aveva da dicere. Te pare, nce voleva la zingara p’annevenà la ventura: so’ duje mise che venimmo io e papà dinto a sta casa, e volive che non me ne addonava?...

PEPPENELLA: Embé, già ch’è chesto, sacce che duje anni fa, quanno papà morette, siccome D. Asdrubale frequentava la casa mia, perché era stretto amico de papà, dicette: embé mò che facite? Potite rommanì doje femmene sole senza n’ommo dinto a la casa? Sarrìa buono d’unirci d’abitazione. Venette subito maggio e nce affittajemo st’appartamento aunite. Io, che vuò che te dico, vedeva a Peppeniello ogne sera, e cchiù lo voleva bene, dàlle ogge, e dàlle dimane, nce allummajemo tutte duje e non nce simmo stutate cchiù. Appena l’ha appurata mammà, ha fatto comm’a na pazza, ha ditto che o me levo a Peppeniello da capo, o pure me nzerra dinto a quatto mura... Ma e me poco me mporta, io voglio morì cchiù priesto, ma non scordarme de Peppeniello mio! (Piange.)

MARIETTA: Eh! State zitta, ciuccia, non chiagnere; accossì faje peggio. Vide io se me n’incarico; papà se pensa che io me sposo a D. Vincenzino, ma io manco si m’accidono me lo piglio.

PEPPENELLA: Tu a D. Vincenzino non lo vuò?

MARIETTA: Peppené, p’ammore de lo Cielo, avisse da dicere quacche cosa a papà?

PEPPENELLA: Che m’haje pigliata addenettura pe peccerella?

MARIETTA: Embé, sacce che duje mise fa papà me dicette che m’aveva trovato no bello partito. Io appena lo sentette n’avette piacere, ma quanno papà me presentaje a D. Vincenzino, che vuò che te dico, me passaje la voglia de me mmarità.

PEPPENELLA: E pecché?

MARIETTA: Pecché non me piacette, accomminciaie a fa casa de lo diavolo, e papà dicette ca chillo era ricco... Peppenella mia, a me che me ne preme ca isso è ricco, quanno m’è antipatico? Vedenno che papà non se persuadeva, aggio fatto vedè che m’era capacitata, ma quanno è lo momento dico che non lo voglio e accossì fenesce.

SCENA SECONDA

Anastasia e dette, poi Peppeniello.

ANASTASIA: Che se fa ccà fora? Ma quanta vote t’aggio da dicere, picceré, che non voglio che viene ccà? Chesta è na cammera de passaggio...

MARIETTA: D. Anastasì, scusate, stevemo parlanno no poco tutte e doje.

ANASTASIA: Non c’è bisogno de parlà ccà, jate a parlà dint’a la cammera soja.

MARIETTA: Perdonatela per sta vota non lo farrà cchiù. Iammoncenne dinto.

PEPPENELLA (andandosene): (Haje visto che vita è la mia?).

MARIETTA: (Non te ne ncarricà). (Viano.)

ANASTASIA: La mozzecutola, vene apposta ccà fora pe vedè a Peppeniello, e io pecchesto nce l’aggio proibito. Chillo guaglione m’è tanto simpatico, ed io farria qualunque cosa pe me lo sposà. Essa è piccerella ancora e n’ha da magnà pane p’addeventà mogliera. Poco primma aggio ntiso no sacco de strille dinto da D. Asdrubale, forse secunno l’accordo che tenimmo fra me e isso avarrà strillato lo figlio pe causa de Peppenella... Ma che veco: Peppeniello vene da chesta parte currenno.

PEPPENIELLO (dal fondo): Uh! D. Anastasia mia, io non saccio papà che ne vò da me! Primma d’assettarse a tavola io e isso, m’ha voluto manià dinto a la sacca, m’ha trovata na lettera de la figlia vosta ncuollo, ha pigliata na mazza e m’ha secutato pe tutte le grade, e si io non m’annasconneva dinta a la casa de D. Felice che sta sotto a nuje, a chest’ora chillo m’avarria sciaccato.

ANASTASIA: Ma, Peppeniello mio, chesto lo buò tu, agge pacienza quanno né io né pateto acconsentimmo a sto matrimonio, me pare che sì tu che tiene la capa tosta. Tu capisce che figliema l’aggio promettuta a no nepote de lo mio, lo quale sta facenno lo soldato, e appena fenesce lo tiempo vene e se la sposa, e essa che passione che nce tene! (Si se l’ammocca stongo a cavallo.)

PEPPENIELLO: D. Anastasì, vuje m’avite acciso! Io me credeva che chella me voleva bene e teneva sto poco de rrobba ncuorpo... Assassina! E comme, io n’aggio avuto mazziate da papà pe causa soja, e doppo, chesta è la ricompensa! Oh, ma io m’aggio da vennecà!

ANASTASIA: Tu te vuò vendicà veramente? Embé, miettete a fa l’ammore co n’autra, comme te pare, e buono lo consiglio?

PEPPENIELLO: Me metto a fà l’ammone co n’autra... E st’autra nnammorata addò la vaco a trovà?

ANASTASIA La nnammonata è bella e trovata. (Mò nce lo dico e felice notte!) Assettete, e sienteme. (Siedono.)

PEPPENIELLO Eccome cca...

ANASTASIA: Haje da sapè, Peppeniello mio, che io fino da lo primmo juorno che te vedette, che saccio, me faciste tale impressione che non te lo saccio dì... Io songo ancora figliola, e vedennote solamente me sentette sbattere lo core, non aggio avuto maje lo momento opportuno pe dirtelo, ma mò che stammo a sule a sule te l’aggio voluto dicere, pecché non me fidava de starme cchiù zitta. Io tengo na rendita vitalizia, l’intera mia dote. Tu sì no guaglione che capitanno mmano a na figliolella de cheste, pe li capricce suoje, te faciarria fruscià tutto chello che te darria pateto, e pò jarrisse mmiezo a na strada; invece sposannete a me, te darria chillo sistema che mò non haje, né potarrisse trovà co n’autra, e sarriame felice pe tutto lo tiempo de la vita nosta. Che te ne pare?

PEPPENIELLO: D. Anastasì, jatevenne. Io me spusava a vuje. (Ride.) Facevamo na bella coppia... Io so’ guaglione che ancora aggio d’ascì dinto a la leva, e vuje che avite servito e avite avuto pure lo congedo assoluto...

ANASTASIA: (Oh, caspita, chisto mò lo va dicenno, e pe chi me fa piglià?... A me na penzata).

PEPPENIELLO: D. Anastasì, vi dico francamente che chiù priesto m’avarria bevuto miezo litro de scisto e non m’avarria sposato a vuje.

ANASTASIA: Oh, basta sà! La pazzia fino a no cierto punto. Io l’aggio fatto pe vedè si tu me rispettave o no! Sicuro me spusava a isso... l’imbecille! Mò sà pe quanto non te piglia a schiaffune? Pecche rispetto troppo tuo padre. Vì quanta confidenza che se piglia questo ragazzo ineducato; io ho scherzato per vedere come la pensavate, voi, se veramente eravate accrianzato e me portavate no poco de rispetto, dicevate: sì signora, accetto la vostra proposta, ed io dopo vi avrei detto: è stato uno scherzo che ho voluto fare: ma siccome siete un ragazzo stupido ed inetto, avete creduto che io l’avessi detto veramente, e mi dite quelle parole. Non vi fate piu vedere da me, non accostate cchiù dinta a sta cammera. Avete capito? (E via.)

PEPPENIELLO: Che ciuccio che so’ io. Vaco a credere che chella veramente se voleva sposà a me, chella ha pazziato pe vedé io comme la pensava, e io comme a na bestia non l’aggio capito... Me vaco a disgustà justo la mamma de la nnammorata mia... E comme faccio?... Aspé, mò le faccio na lettera, e le cerco scusa de chello che l’aggio ditto. (Via a prima quinta.)

SCENA TERZA

Rienzo, Feliciello e Pulcinella.

RIENZO: Trasite. Assettateve ccà, pecché lo patrone sta abbascio a lo giardino nzieme co n’amico sujo.

FELICIELLO: Noi aspettiamo, non abbiamo che fare, abbiamo pure mangiato.

PULCINELLA: Si, abbiamo mangiato certi maccheroni...

FELICIELLO: (Zitto, per carità...).

RIENZO: Allora tanto meglio, assettateve e aspettate. Dateme lo permesso. (Via.)

FELICIELLO: Addio. Dunque mò avimmo da mettere mano a lo 2° atto; pecché lo primmo è bello che fatto. Dinto a lo 1° atto io nce metto tutte le scene che so’ succiese. Vide si te persuade. Faccio alzare la tela co la casa di D. Felice, che sò io...

PULCINELLA: Nzomma, vuò fa chello che nc’è succieso a nuje... Pure l’affare de li maccarune? E lo 2° atto?...

FELICIELLO: E mò, si non siente. Chillo tale che è venuto co la figlia a cercarme la commedia, io nce lo metto pure e faccio camminare l’argomento ncoppa a no viecchio che ha voluto essere scritto na commedia per farla rappresentà a lo teatrino sujo in casa, e dietro chello che m’ha ditto, che D. Anastasia non vò dà la figlia a lo figlio de D. Asdrubale, pecché se lo volarria sposà essa, io mò principio lo 2° atto co la spiegazione amorosa che fa la vecchia a lo guaglione.

PULCINELLA: Seh! Va buono; e io mettarria che lo guaglione dicesse che no.

FELICIELLO: Seh! Me persuade. (Va a scrivere con Pulcinella.) Atto 2° Scena 2°...

PULCINELLA: E la scena 1a?

FELICIELLO: Saje, sempe de prima scena songo servitore, auta gente inutile, diceno quatto chiacchiere, e se ne vanno.

PULCINELLA (scrivendo): Scena 1a Gente inutile...

FELICIELLO (c.s.): «Scena 2a Spiegazione amorosa della vecchia col ragazzo il quale la rifiuta, la vecchia arrabbiata va via a sinistra ed il ragazzo via a destra. Scena 3a: D. Felice e Pulcinella accompagnati da un servo vengono in iscena...». Oh! Mò tutto chello che succede dinto a sta cammera o a qualche auto pizzo de sta casa nce l’avimmo da signà per indi estenderlo e metterlo in iscritto. Non te fa sfuggì niente sa...

PULCINELLA: Non nce pensà.

FELICIELLO: Pensa che se tratta de 200 franche...

PULCINELLA: Dei quali 100 so’ robba mia.

SCENA QUARTA

D. Raffaele ed Asdrubale e detti.

RAFFAELE (di dentro): Va bene, D. Asdrù... aggio capito...

FELICIELLO: Uh, vene D. Raffaele e D. Asdrubale, scrive. «Scena 4a D. Raffaele e D. Asdrubale.»

PULCINELLA Vì che aggio passato... (Scrive.)

RAFFAELE: Uh, che veco, vuje state già ccà? Asdrù, ho l’onore di presentarti questi due amici miei. Il signor Felice Sciosciammocca ed il signor Pulcinella Cetrulo, i quali fanno parte della nostra compagnia.

ASDRUBALE: Ho piacere di fare la vostra conoscenza.

FELICIELLO: Anzi, il piacere è nostro.

PULCINELLA: Io pure vi saluto e sono vostro affezionatissimo amico Pulcinella Cetrulo.

ASDRUBALE: (Ha fatta na chiusura de lettera). Sedete. Se non sbaglio, vuje state de casa sotto a me?...

FELICIELLO: Sissignore, per l’appunto.

PULCINELLA: Siamo coetanei.

ASDRUBALE: E che c’entra coetanei?

RAFFAELE Asdrù, non nce badà, chillo pazzea sempe, non te puo credere come è spiritoso, come è concettoso, come è grazioso...

PULCINELLA: E voi come siete curioso.

ASDRUBALE: Eh, io n’aggio piacere, scherzate pure. Dunque abitate sotto a me? Io voleva dicere che me parevano doje facce conosciute.

PULCINELLA: E io pure mi ricordo d’averve visto a na parte a voi...

ASDRUBALE: Forse dentro a la Borsa?

PULCINELLA: No.

ASDRUBALE: Sopra a lo club?

PULCINELLA: No... non mi ricordo.

ASDRUBALE: E dove? Aspettate, forse dentro a la carrozza a la Riviera di Chiaia, io vado a la passeggiata al giorno.

PULCINELLA: Oh! Mò mi ricordo. Vi ho veduto dentro a quel barraccone, fate lo taglio de la testa, poi fumate la pippa, ballate sopra a la musica.

ASDRUBALE: Voi che dite, quello è lo nano...

PULCINELLA: Scusate ho preso uno sbaglio.

RAFFAELE: Io t’aggio ditto che chillo pazzea.

ASDRUBALE: Io non sapeva che diceva.

FELICIELLO: (Statter zitto, non scombinà).

ASDRUBALE: Ora io mò voglio dirve na cosa pe farve ridere: vuje ve ricordate quanno io stammatina so’ trasuto dinto da vuje e v’aggio addimmannato si aviveve visto a figliemo?

FELICIELLO: Sicuro.

ASDRUBALE: Embé io steva magnanno: lo credereste, quanno so trasuto dinto, non aggio trovato né li maccarune, né lo pane.

PULCINELLA: Ah! Sì lo sappiamo, perché nce l’à detto lo servitore.

ASDRUBALE: Non potite credere che collera m’aggio pigliato, non già per i maccheroni, perché aggio fatto mettere n’autra vota la caudara, e me l’aggio fatte fa...

PULCINELLA: Ma senza lo zuco... (Lazzi.)

ASDRUBALE: Io pagherei 20 franchi per sapere chi è stato.

PULCINELLA: (Venti franchi!). Siamo stati...

FELICIELLO: (Zitto...). Forse qualcuno della famiglia avrà fatto lo scherzo...

ASDRUBALE: Basta, chi è stato è stato. Parliamo d’altro. Quando si va in iscena?

RAFFAELE: Per adesso stiamo concertando un dramma nuovo. Domenica è la prima rappresentazione. Dopo de sto dramma vogliamo vedere de fare una commedia. Asdrù, vuò recità tu pure?

ASDRUBALE: Non ne parlà, per me è impossibile, io lo confesso non so’ buono a fa na parte fora a li scene, me metto scuorno, me piace de vedere, ma ncunto de recità non è cosa.

PULCINELLA: Ah! Ve piace de vedere?

ASDRUBALE: Sì, lo teatro è l’unico divertimento mio, io sono nemico delle feste de ballo, nemico delle campagnate, il chiasso non mi piace.

SCENA QUINTA

Vincenzino, e detti.

VINCENZINO (di dentro): Va buono, ho compresi, da questi parti, mille grazie.

FELICIELLO: (Uh! Chillo de la composta).

PULCINELLA: (Chillo palluniere).

FELICIELLO: (Buono, vene a tiempo, scrive, Scena 5a D. Vincenzino e detti).

PULCINELLA: (Eccome ccà). (Scrive.)

VINCENZINO (fuori): Signori, vi saluto. Oh! Voi state qua?

RAFFAELE: Sì, vonno recitare loro pure a lo teatrino mio.

VINCENZINO: Benissimo, permettete quanto m’assetto io pure.

RAFFAELE: (Io non saccio figliema addò cancaro sta).

VINCENZINO: E che parte verrebbero a fare?

RAFFAELE: D. Felice l’amoroso, che a noi manca, e D. Pulcinella per le parti buffe nelle commedie e nelle farse.

VINCENZINO: Io come Direttore e primo uomo della compagnia debbo saperlo.

FELICIELLO: Domenica me pare che avete detto che recitate.

VINCENZINO: Già, domenica facciamo un drammettino in due atti intitolato: La spada di mio padre.

PULCINELLA: Ed il fotero lo fate voi?

VINCENZINO: Nonsignore, io sono il prim’uomo giovine. Non faccio pe dicere, io recito buono assaje. D. Rafaè, ditelo voi, quanti applausi mi presi domenica passata dentro a la Signora di S. Tropeppe all’ultimo atto quando moro. Oh, sentite, come moro io, non more nisciuno artista.

PULCINELLA: (Morarrà mpiso).

VINCENZINO: D. Felì, vuje sapite fa lo muorto?

FELICIELLO: Non saccio natà.

VINCENZINO: Bona chesta. Che bel catamburro.

ASDRUBALE: (Che d’è lo catamburro?).

RAFFAELE: (Chisto è lo difetto sujo, ogne tanto dice qualche bestialità).

ASDRUBALE: (Ogne tanto? Chillo ogne parola dice no sproposito).

VINCENZINO: Insomma basta dirvi che il pubblico si credeva che io era morto veramente, e incominciò a gridare: fuori, fuori, fui costretto di fare alzare il telo e farmi vedere.

RAFFAELE: Oh, questo è vero! Recitate molto bene, e vi dico francamente che quando recitaste la prima volta, allora mia figlia incominciò ad amarvi.

VINCENZINO: E io vi dico sinceramente che vostra figlia pure me piace quando recita; mi pare un’attrice di professione, e mò che diventeremo marito e moglie sarà una coppia veramente invidiabile, una prima attrice giovane e no prim’ommo giovine.

FELICIELLO: La figlia de D. Raffaele vi sposate?

VINCENZINO: Sì, per la fine del mese si darà la parola.

FELICIELLO: Oh, bravo: nce facite provà li confiette?

VINCENZINO: Oh, vi pare, ho già ordinato no cantaro e miezo de cannellini, all’infuori poi dei confetti col rosolio e col cacavo.

PULCINELLA: (A la faccia de mammeta!).

SCENA SESTA

Rienzo e detti, indi Marietta.

RIENZO: Signò, lo cocchiere ha ditto che la carrozza è pronta.

ASDRUBALE: Eccomi qua: signori, scusate se vi lascio, vado a fare una piccola passeggiata per Chiaia. D. Rafaè, aunito a D. Vincenzino fateli compagnia fino a che vengo io.

RAFFAELE: Va bene, noi ti aspettiamo.

ASDRUBALE: Non mi chiamate scrianzato. Permettete. (Via con Rienzo.)

FELICIELLO: Fate il vostro comodo.

VINCENZINO: Caro suocero, domani sera tengo no palco pei Fiorentini.

RAFFAELE: Uh! E che si fa?

VINCENZINO: Non sò, ma si dice che si rappresenta una rappresentazione mai rappresentata.

RAFFAELE: Che piacere! Mariuccia, Mariuccia...

MARIETTA: Papà...

RAFFAELE: Non saje niente? D. Vincenzino, ha preso no palco ai Fiorentini per domani sera.

MARIETTA: Ne poteva fa lo meno; io me secco, non nce voglio venì.

RAFFAELE: Quanno vieni co me e D. Vincenzino, il tuo prossimo sposo, non ti devi seccare.

MARIETTA: Uh, papà senza che ve nfocate. Io dimane a sera non nce voglio ire ai Fiorentini.

RAFFAELE: E io te dico che nce haje da venì...

VINCENZINO: Basta, D. Rafaè, non ve pigliate collera. Vedete che la ragazza non ha piacere de venire co me al triato! Io me ne songo accorgiuto, a vostra figlia le sono antipatico. La signorina tenarrà qualche altro ncappato, il quale l’ha proibito di andare al triato domani sera.

RAFFAELE: Ma non signore...

VINCENZINO: Io si appuro chi è, me lo mangio a morze, lo distruggo, lo anniento. Aresso me ne vache e non nce accosto cchiù, così la signorina sarà contenta. Ma ricordatevi che Vicenzino Cannone tene core dinto a lo pietto, e se questo signore che vi ha proibito di venire domani sera al triato mi deve dire qualche cosa, ditegli che io so’ pronto a darlo qualunque soddisfazione. (Via.)

RAFFAELE: Ah, che te vorria scamazzà la capo! (Alla figlia.) Aspettate, D. Vicenzì, sentite, venite quà... (Via seguendo D. Vicenzino.)

MARIETTA: Oh! E sì, mò so’ contenta. Si non nce venesse cchiù sarrìa buono...

FELICIELLO: Ma perché non nce avite voluto jre a lo teatro?

MARIETTA: Io nce sarrìa juta... ma caro D. Felice, vuje non sapite niente, perciò parlate... Io a D. Vicenzino non lo voglio m’è antipatico. (Appoggiandosi al braccio di D. Felice.) Nce l’aggio ditto tanta vote a papà, e non m’ha volute dà maje udienza, dice che è ricco; ma io vaco trovanno a uno che non tene niente, pure che mi piace.

FELICIELLO: Ah! Dunque è vero quello che ha detto D. Vicenzino?...

MARIETTA: Si, è cchiù che vero. Avite da sapè... (E viano.)

PULCINELLA (dopo pausa): M’hanno rummaso sulo! (Scrive:) «Scena 6a Contrasto fra D. Vincenzino e la nnammorata. Tutti viano, resta Pulcinella solo».

SCENA SETTIMA

Ninetta, e detta, poi Anastasia.

NINETTA: Che beco! Chillo è D. Pulicenella...

PULCINELLA: Io mò me secco a stà sulo...

NINETTA: Si ve seccate a stà sulo, ve pozzo fa compagnia io.

PULCINELLA (scrive): «Scena 7a La serva e Pulcinella... Non si sa come finisce».

NINETTA: Scusate si so’ ardita, vuje comme ve truvate ccà?

PULCINELLA: Songo venuto assieme coll’amico mio D. Felice, perché vogliamo recitare al teatro di D. Raffaele...

NINETTA: Bravo, n’aggio tanto piacere. Io pure doje dommeneche fa recitaje... vì, na piccola parte; feci la parte de la cammarera dint’all’opera intitolata: Il suppigno di un uomo.

PULCINELLA: Scusate, se dice L’asteco di una donna.

NINETTA: Io pò che saccio. Dommeneca passata pure aveva da recità, e siccome chillo figliulo che faceva la parte co me me persuadeva, accossì avette soggezione de fa la parte.

PULCINELLA: Te persuadeva?...

NINETTA: Sissignore, era no giovene tanto simpatico. Io a isso l’era purzì simpatica. Pe me vedè, se mettette dinto a la compagnia; ma chesta fuje na scusa; lo fatto si è che non se spiegava maje co me. Na sera isso venette, e la combinazione volette che nce ncontrajemo justo dinto a sta cammera. Isso appena me vedette se fece russo comme a nu puparuolo, io peggio d’isso, ma lo fatto si è che nisciuno de li duje nce spiegavemo. Alla fine io vedenno che isso non parlava, fuorze pe scuorno, me facette coraggio, e le dicette: Sapite, non ve mettite scuorno, e giacché vuje non vulite parlà, mò lo dico io a vuje: io ve voglio bene, io da che v’aggio visto non pozzo arreposà. Vuje sulo me potite fà felice: si me sposate io sarraggio la schiavottella vosta affezionata, pecché vuje site simpatico, site accuoncio, site aggraziato... Neh, vuje lo credarrisseve? Chillo manca risponneva. Ma core ne tiene mpietto... sango ne tiene dint’a le vene? Rispunneme, dimme na parola... ma che me vuò fa morì jetteca o che? (Alzandosi e passeggiando.)

PULCINELLA (freddamente): E pò che ne succedette?

NINETTA: E pò chillo silenzio suio me fece capì che isso faceva l’ammore, e non poteva darme retta. Almeno io chesto m’immaginaje...

PULCINELLA: Aveva da essere io...

NINETTA: E che avanisseve fatto? (Subito.)

PULCINELLA: Io l’avarria ditto: Gué, senza che la tira a luongo tu me sì simpatica, te vurria spusà subeto subeto, ma sto disperato.

NINETTA: Non me ne preme niente.

PULCINELLA: Non tengo nisciuno impiego.

NINETTA: Meglio accossì.

PULCINELLA: Me metto a servì pur’io.

NINETTA: Faticammo e magnammo.

PULCINELLA: Allora chesta è la mano.

NINETTA: E chesta è la mia.

PULCINELLA: Bella, acconcia, sciasciona mia. (L’abbraccia.) Così si doveva regolare quel giovine! Oje neh, io t’aggio capito. Tu addavero me vuò spusà?

NINETTA: Sine, core mio. Io parlarraggio con la signora e te faccio piazzà pe cammariere... justo justo nce manca la piazza...

ANASTASIA (di dentro): Ninetta, Ninetta...

NINETTA: Me chiamma la signora.

PULCINELLA: Gué, pe mò non dicere niente a nisciuno.

NINETTA: No, sciasciunciello mio aggraziato. (Entra.)

PULCINELLA: Nennella de sto core. Che bella scena che è chesta. Mò vaco da D. Felice e le conto lo tutto. (Via pel fondo.)

SCENA OTTAVA

Peppeniello, poi Rienzo.

PEPPENIELLO: Aggio fatto la lettera, non aveva cchiù che nce mettere pe calmarla; ma pe chi nce la manno? Aspè: Rienzo.

RIENZO: Commannate.

PEPPENIELLO: Porta sta lettera a D. Anastasia.

RIENZO: Mò non pozzo, pecché aggio da ire a fa no servizio de pressa.

PEPPENIELLO: Allora quanno viene nce la puorte.

RIENZO: Va bene. (Via.)

PEPPENIELLO: Intanto chella briccona de Peppenella teneva lo soldato che sta aspettanno... M’ha fatto mettere chesta passione... ma io aggio deciso. Si essa me lassa, me vevo miezo litro de scisto e addio Peppeniello. (Via.)

SCENA NONA

D. Vincenzino e D. Raffaele, poi Feliciello e Marietta.

VINCENZINO: D. Rafaè, lasciateme stà, D. Rafaè, non me ncojetate. Voi volete pe forza farmi credere quello che non è. Ma che, m’avite pigliate pe quacche fanciullo? Vostra figlia non mi può vedere, vostra figlia quacche autro ncappato tene.

RAFFAELE: Voi v’ingannate, la guagliona và trova comme s’è trovata.

VINCENZINO: D. Rafaé, io non songo no papurchio...

RAFFAELE: Vi cerco scusa io per lei...

VINCENZINO: Che scusa e scusa, io non sono no picchipacchio...

RAFFAELE: Ma se voi.., abbiate pazienza.

VINCENZINO: Non songo no chiachiello...

RAFFAELE: Eh... D. Vicenzì, mò m’haje seccato bastantemente! Chi cancaro t’ha chiammato papurchio..., chi t’ha chiammato chiachiello e picchiapacchio? E che diavolo, mi sono abbassato a cercarte scusa, t’aggio ditto, e agge pacienza, alla fine tu chi sì? Sì no negoziante de puorce, e io so’ no signore, e t’aggio pregato tanto credennome che fusse stato no poco cchiù accrianzato, e pieghevole alle mie preghiere, ma mò che aggio visto che la pienze accossì, te dico va te fa squartà tu, mammeta, pateto e tutte li puorce che tiene a Casoria! Oh!... Aggio sfocato. (Via.)

VINCENZINO: Uh! Sango de Bacco! A me se fa chesta asciuta de quarto, a D. Vicenzino Cannone!... E io me ne stongo? Io mò scasso tutto cose... Che veco! Da chesta parte veneno D. Felice e Mariuccia... Stanno pe sotto a lo vraccio. Mò m’annasconno pe sentì che diceno. (Esegue.)

MARIETTA: Ma sì ve lo torno a ripetere, a me li denare non me fanno specie, io vaco trovanno simpatia...

FELICIELLO: (Ah, sorte, se nnammorasse de me!).

MARIETTA: Io pecché m’aggio da sacrificà co n’ommo che non me piace, Co n’ommo che mé faciarria nfelice pe sempe? Pecché tene denare? E a me che me mporta. Io tengo no patre che è ricco, e non nc’è bisogno de me mmaretà. Quanno trovo a uno che m’è simpatico, allora sposo. Ma a D. Vincenzino non me lo piglio manco si me commigliasse de brillante.

VINCENZINO: (Ah, non m’era ngannato!).

FELICIELLO: Ve dico la verità, a me manco me piace: è no materialone qualunque, senza maniera, senza saperse presentà. Pò dice cchiù bestialità co chella vocca che non tene capille ncapo...

VINCENZINO: (Ah, sfelenzissima creatura!).

FELICIELLO: Voi siete na giovine che avete bisogno de no bello figliulo, uno della vostra età; e ve voliveve piglià a D. Vicenzino, che dopo tutto tenarrà i suoi annetti...

VINCENZINO: (Te voglio annettà io lo stommaco!).

FELICIELLO: Insomma non tiene altro che i denari: e che fa? Se n’accatta puorce, tutto al più può aumentare la razza... ma ncunto de volerse sposà a na figliola comme site vuje... Oh, chesto pò se l’ha da levà da capo. Voi non siete pane per lui. Quante e quante persone se butterebbero pure a mare, basta che voi le fareste una sola guardata amorosa.

MARIETTA: (Eppure, sto D. Felice, per esempio, me piace assaje! Sta disperato, poveniello!).

FELICIELLO: Io vi dico ffancamente che vado pazzo per voi; non tengo i mezzi di D. Vincenzino, ma credo d’essere meglio d’isso de figura.

MARIETTA: Oh, che nc’have che fa. Vuje site aggraziato.

FELICIELLO: Volete scherzare...

MARIETTA: No, vi dico seriamente.

FELICIELLO: Non vi sono antipatico?

MARIETTA: Anzi siete simpatico assai.

FELICIELLO: Veramente?... E se vi dicessi...

MARIETTA (interrompendolo): E pecché no?... Capisco chello che volete dirmi, io forse accettarria, n’avarria piacere, sarrìa fortunatissima de... Screviteme e io ve risponno. (Via.)

FELICIELLO: Uh mamma mia! Io mò moro de la consolazione. Sta scena nce l’aggio da mettere dinto a la commedia. D. Marietta lassa a D. Vicenzino e se mette a fa l’ammore co mme.

SCENA DECIMA

Pulcinella, e detti.

PULCINELLA: Gué, D. Felì...

FELICIELLO: Non saje niente? D. Marietta, la figlia de Don Rafaele, m’ha fatto quasi capì che vò fa l’ammore co me.

PULCINELLA: E D. Vincenzino?

FELICIELLO: L’ha lassato. Comme cammina bello lo 2° atto. Assettete e scrive.

PULCINELLA (esegue).

FELICIELLO. Mò nce vorria lo finale, no bello finale. Pulecené, comme facimmo fenì lo 2° atto?

PULCINELLA: Io lo farria fenì co na bona mazziata che farria D. Vincenzino a D. Felice...

VINCENZINO (accostandosi): E accossì fenesce!

FELICIELLO: D. Vicenzino!

PULCINELLA (scrivendo): E detti.

VINCENZINO: Sì, D. Vincenzino che non te mena da coppa abbascio sai perché? Pe non fa male a quaccheduno sotto. Ridicolo, imbecille! te voglio dare tanta cauce e tante, che t’aggio da fa chiagnere pe tre mise de seguito. (Gli dà vari calci.) Tiene, acchiappa, disperato, muorto de famma! Chesta è la mosta de chille che t’aggio da dà si guarda n’autra vota nfaccia a Maniuccia. Haje capito?... (Via.)

FELICIELLO: Ah! m’ha rovinato.., m’ha acciso. E tu intanto non ti sei mosso. M’haje fatto vattene e zitto... Mamma mia, mamma mia! (Si duole.)

PULCINELLA (scrive): «D. Vicenzino Cannone piglia a cauce a D. Felice, D. Felice piange e cerca ajuto. Pulcinella va via ridendo. Fine dell’atto 2°». (Via pel fondo ridendo.)

(Cala la tela.)

Fine dell’atto secondo

ATTO TERZO

La stessa scena.

SCENA PRIMA

Peppeniello e Rienzo, poi Pulcinella.

PEPPENIELLO: Dunque Riè, che me dice?

RIENZO: Mò proprio aggio consignata la lettera a D. Anastasia.

PEPPENIELLO: Io te la dette ajersera...

RIENZO: Ajersera non potette trovà no momento opportuno pe darincella...

PEPPENIELLO: Basta, nce l’haje data; e che t’ha ditto?

RIENZO: Niente perché io subeto me ne so’ ghiuto.

PEPPENIELLO: Va buono, te ringrazio. (Rienzo via.) Mò stongo cchiù de buono umore. Me parene mill’anne che D. Anastasia me dice: Peppeniello mio, io ho scherzato, non te voglio. Vuje vedite io povero giovene che aggio passato. (Entra Pulcinella.)

PULCINELLA: D. Peppeniè, avite visto a D. Felice?

PEPPENIELLO: No.

PULCINELLA: D. Peppeniè, è lo vero che D. Anastasia se vommechea co vuje?

PEPPENIELLO: Chi ve l’ha detto? Non è vero, quello fu per vedere io come la pensava. Ieri me fece na spiegazione amorosa pe vedere io come le risponneva, e io ciuccio ciuccio me lo credette e le dicette che no; essa se pigliaie collera; ma mò l’aggio mannata na lettera co dicenno che la voglio bene e che me la voglio sposà a qualunque costo.

PULCINELLA: E comme, ve sposate a D. Anastasia?

PEPPENIELLO: Nonsignore. Vuje che dicite! Chella mò me risponne che non me vò, e accossì me trovo io da coppa... Capite, io l’aggio fatto pe tenermela amica.

PULCINELLA: Aggio capito. (Nce vornia che la vecchia mmece de dicere che non dicesse che sì!)

PEPPENIELLO: La vì lloco D. Anastasia non me voglio fa vedé... Neh faciteme sapè che ve dice. (Via.)

PULCINELLA: Lo cunto se l’ha fatto buono; abbasta che la vecchia dice che no, chisto è lo mbruoglio.

SCENA SECONDA

D. Anastasia, e detto.

ANASTASIA: Uh, mamma mia! Io non nce capo dint’a li panne. D. Pulecenè, state ccà?...

PULCINELLA: D. Anastasì, è lo vero che ve maritate?

ANASTASIA: Sissignore, me piglio a Peppeniello lo figlio de D. Asdrubale...

PULCINELLA: (Io l’aggio ditto. Mò siente la risa). E avete parlato co lo patre?

ANASTASIA: No, ma nce voglio parlà e vedè de spiccià lesto lesto...

PULCINELLA: Oh, ma ecco D. Asdrubale, parlateci...

ANASTASIA: D. Pulicenè, si me mbroglio, ajutateme, capite... pò essere che me metto scuorno.

PULCINELLA: (Povera piccerella!...).

SCENA TERZA

Asdrubale, e detti.

ASDRUBALE: Signori, ve saluto.

ANASTASIA: Buongiorno, D. Asdrù: che uscite?

ASDRUBALE: Si, vado no momento dentro la Borsa, voglio vedè si pozzo comprà no poco de renneta turca.

PULCINELLA: D. Asdrù, compratemenne no poco pure a me.

ASDRUBALE: Quanto ne volete comprare?

PULCINELLA: Vedete voi, na meza lira.

ASDRUBALE: La rendita turca l’avite pigliate pe casecavalle?

ANASTASIA: D. Asdrù, scusate, v’avarria da parlà.

ASDRUBALE: Eccomi tutto vostro. (Siedono.)

ANASTASIA: D. Pulecenè, assettateve vuje pure, che potite sentì.

PULCINELLA: Eccomi. (Siede.)

SCENA QUARTA

Peppenella, in osservazione, e detti.

PEPPENELLA: (Che veco! Mammà parla co D. Asdrubale e Pulicenella! Voglio sentì che diceno).

ANASTASIA: Ecco qua... avite da sapè che io..., perché... L’aggio ditto che me metteva scuorno... D. Pulicenè dicitencello vuje.

PULCINELLA: Ecco qua... siccome. (A soggetto fa un discorso interrotto.) Avete capito?

ASDRUBALE: E vuje che avite cumbinato?... De che se tratta?

ANASTASIA: Sacciate che io tutto me poteva immaginare, fuorché che Peppeniello lo figlio vuosto, jeva pazzo per me.

ASDRUBALE: Figliemo?

PEPPENELLA: (Peppenicello?...).

ASDRUBALE: Vuje veramente dicite?

ANASTASIA: Chesto che cos’è mò pazziava! Chillo figneva d’amà figliema pe vedè se io senteva gelosia: co na lettera tutto m’ha ditto.

PEPPENELLA: (Possibile!).

ASDRUBALE: Se è così, per me sarebbe un onore grandissimo.

ANASTASIA: E io lo volarraggio bene assaje, assaje.

PEPPENELLA: (E io che faccio!).

ANASTASIA: Mò avita da fa venì lo figlio vuosto ccà, acciò da la vocca soja sentarrite lo tutto.

ASDRUBALE: Questo’è regolare. Rienzo...

SCENA QUINTA

Rienzo e detti, poi Peppeniello.

RIENZO: Commannate, signò.

ASDRUBALE: Và dinto a la cammera de Peppeniello figliemo, e fallo venì mò cca.

RIENZO: Ve servo subito. (Via poi ritorna.)

ASDRUBALE: Non potete credere che piacere mi ha fatto sta cosa...

ANASTASIA: Mò l’amicizia nostra diventerà parentela...

RIENZO: Ecco ccà lo figlio vuosto. (Via pel fondo.)

PEPPENELLA: (Lo vi ccà lo briccone!).

PEPPENIELLO: (Che sarà sta chiammata, che me vò dicere papà?... Che veco Peppenella sta llà... Briccona, si le potesse fa sentere no popco de corrivo...).

ANASTASIA: (Quanto è bellillo, quanto è aggraziato...).

PULCINELLA: (Quanto è bello, me pare no stenteniello arravogliato alla fronna).

ASDRUBALE: Avanti.., sedete qua... D. Anastasia mi ha detto tutto.

PULCINELLA: D. Anastasia, ci ha detto tutto...

ASDRUBALE: Dunque il tuo trasporto pe Peppenella era una finzione, era per vedere se D. Anastasia ne sentiva gelosia, non e vero?

PEPPENIELLO (Mò è lo momento de farla arraggià no poco). Sì, sì, caro papà, io non la poteva vedere a Peppenella, io a D. Anastasia voleva bene, me metteva scuorno de dircelo e nce l’aggio scritto.

ANASTASIA: (Caro, caro chillo mussillo de zuccaro!...).

PEPPENELLA: (Ah, dunque lo è vero! Ah, birbante assassino).

PULCINELLA: (Io mò perdo la capo! Nzomma se la vò sposà overamente).

PEPPENIELLO: (Che faccia che ha fatto Peppenella. Buono).

ASDRUBALE: E papà te fa contento. Mò proprio vaco da lo notaro D. Giannattasio e combino ogne cosa.

ANASTASIA: E nuje jammo a fa marenna nzieme. Tu haje fatto marenna?

PULCINELLA: Io nonsignore.

ANASTASIA: Non l’ho con voi, l’aggio co Peppeniello.

PEPPENIELLO: Non ancora.

ANASTASIA: Allora justo justo, mò lo farraje co mme.

PEPPENIELLO: Sine, jammo: quanto te voglio bene.

ANASTASIA: Zuccaniello mio. Jammoncenne. (Si appoggia al suo braccio.)

PEPPENIELLO: (Come schiatta Peppenella). (Entrano.)

ASDRUBALE: Caro Pulcinella, sta cosa m’ha fatto assaje piacere; accossì nc’è più probabilità che Peppenella sarrà la mia.

PULCINELLA: Ah! Voi avete qualche intenzione pe D. Peppenella?

ASDRUBALE: Sì, amico mio. A voi lo posso dire. Chella guagliona m’ha spertusato lo core.

PULCINELLA (scrive sulla zucca pelata di Asdrubale; lazzi).

ASDRUBALE: Mò che aggio saputo che figliemo vò a D. Anastasia, mò le faccio subito la dichiarazione amorosa.

PEPPENELLA: (Che bello pensiero pe me vendicà de chello che m’ha fatto chillo briccone!). (Si avanza.) Caro D. Asdrubale.

ASDRUBALE: (Eccola qua, quanto è aggraziata! Sempe che la veco me sento sbattere lo core mpietto.) Cara Peppenella.

PEPPENELLA: Che d’è, ascite?

ASDRUBALE: Sì, esco, vado fino da lo notaro per farle stendere il contratto di matrimonio tra mio figlio e vostra madre D. Anastasia.

PEPPENELLA Oh, finalmente è succieso sto sposarizio.

ASDRUBALE: E che d’è tu n’haje piacere?

PEPPENELLA: Sicuro.

ASDRUBALE: Embé, tu facive l’ammore co Peppeniello?

PEPPENELLA: Io? Ah, non signore: chillo era n’accordo che nce steva fra me e isso. Nuje facevamo a vedè de fa l’ammone, pecché lo figlio vuosto voleva vedè si mammà era gelosa.

ASDRUBALE: Dunque è vero?

PEPPENELLA: Verissimo. Ma ve pare, caro D. Asdrubale, io me metteva a fa l’ammore co Peppeniello. Pe doje ragione chesto non poteva essere. Primma: pecché ve dico la verità non me piaceva tanto: la seconna pò pecché io la penso de tutt’auta manera. Io, caro D. Asdrubale, si m’aggio da mmarità, me voglio piglià a n’ommo, capite... Lo marito non ha da essere figliulo, pecché si no chillo doppo lo primmo anno accommencia a guastarse la capo, accomencia a maltrattarme, e me fa nfelice a me puverella! Caro D. Asdrubale, ve dico francamente, me voglio sposà no viecchio, no bello viecchio ricco.

ASDRUBALE: E faje buono! (Oh, caspita, va trovanno no bello viecchio ricco, e addò lo trova meglio de me?).

PULCINELLA: (Addò lo trova no sconciglio meglio de te?).

PEPPENELLA: E perciò sarrà difficile a mandarmi.

ASDRUBALE: Chi te l’ha ditto. Anzi è facilissimo. Si tu vorrisse.

PEPPENELLA: Si io vorria, ma D. Asdrubale mio, chesto che cos’è, vuje m’addimmannate si io vorria? Vorria sicuro!

ASDRUBALE: Ecco qua... ci sarebbe un partito per te. Tu hai detto che ghiarrisse trovanno no viecchio bello e ricco? Embé lo viecchio bello e ricco, è già trovato, ma basta che te piace.

PEPPENELLA: E si non lo veco, non pozzo dicere si me piace o no.

ASDRUBALE: Egli è a te d’innanzi.

PEPPENELLA: Vuje?... Me volite spusà?

ASDRUBALE: Sì, bellezza mia, io che ti amo quanto Paolo amò Francesca, quanto... quanto... (Ah, n’autro Paolo...)

PULCINELLA: D. Paolo, il figlio de Madama Paula...

ASDRUBALE: (Zitto che l’aggio trovato). Quanto Paolo amò Virginia, quanto Romeo amò Giulietta. Io me senteva corrivo che figliemo faceva l’ammore co te, perché avrei voluto essere io tanto fortunato...

PEPPENELLA: Allora è na fortuna per me. Sì, vuje me piacite, vuje site proprio comme lo jeva trovanno io.

ASDRUBALE: Auh! Eccesso di felicità! Peppenella mia, io te firmo na carta, in dove ti dichiaro padrona di tutto ciò che posseggo. Peppenello sposannose a mammeta non avrà bisogno di niente, perciò col consenso di D. Anastasia, chello che aveva da dare a isso, lo dò pure a te.

PEPPENELLA: Benissimo; allora sapite che volite fa? Iate da lo notaro e invece de fa stennere uno contratto de matrimmonio, ne facite fa duje.

ASDRUBALE: Sine, sine, Peppenella mia cara: tu me mmite a maccarune e carne. Mò zompo lesto lesto da lo notaro e faccio fa tutte cose. Io non nce capo dinto a li panne pe la consolazione. Io vaco, statte bona, pupatella mia aggraziata.

PEPPENELLA: Stateve bene, D. Asdrubale de sto core.

ASDRUBALE: Io torno subito. (Sorte, te ringrazio, aggio fatto lo colpo!) (Via.)

PEPPENELLA: Ah che me vorria magnà l’aria a morze!

PULCINELLA: D. Peppenè...

PEPPENELLA: E comme, Peppeniello che me voleva tanto bene, è stato capace de fa chesto! Ha avuto lo coraggio de lassarme e sposarse a chi pò? A mammà... Briccone! Me fa mettere chesta sorte de passione, e pò me lassa accossì senza na ragione.

PULCINELLA: D. Peppenè...

PEPPENELLA: Lassateme stà, mannaggia la sorte mia. (Via.)

PULCINELLA: Chiste certe sarranno jute mpazzia.

SCENA SESTA

D. Feliciello e detto.

FELICIELLO: Gué, Pulicenè, dimme na cosa, tu da quanto tiempo staje ccà?

PULCINELLA: Da paricchio.

FELICIELLO: Ed è succiesso niente nnante a te?

PULCINELLA: Seh, niente niente... Ccà nce so’ state cose belle.

FELICIELLO: E contame.

PULCINELLA: Nientemeno, siccomme D. Anastasia avea fatta la proposta a D. Peppeniello pe se lo sposà, D. Peppeniello primma le dicette che no; ma vedenno che D. Anastasia s’era pigliata collera, pe calmarla l’ha mannata na lettera amorosa, co dicennole che la vò bene e che se la vò sposà. Mperò chillo l’aveva fatto co la ntenzione che D. Anastasia le risponneva che no, comm’essa l’aveva ditto, che l’aveva fatto pe scherzo. Ora mò che è succiesso? Che D. Anastasia s’ha creduto tutte cose, s’è allummata, ha parlato co D. Asdrubale, hanno chiammato a D. Peppeniello, lo quale ha accettato nfaccia a lo padre che la vò bene: lo padre tutto contento, è ghiuto da lo notaro, e D. Anastasia s’ha portato a Peppeniello a fa marenna co essa.

FELICIELLO: Nientemeno! Oh, che bello 3° atto!

PULCINELLA: E chesto è niente; annevina chi se sposa a D. Peppenella.

FELICIELLO: Chi?

PULCINELLA: D. Asdrubale.

FELICIELLO: Tu che dice?...

PULCINELLA: Chello che aggio ntiso. D. Asdrubale ha ditto nfaccia a Peppenella che se la voleva spusà, e Peppenella subito ha accettato.

FELICIELLO: Forse pe vendicarse de Peppenielio.

PULCINELLA: Accossì credo.

FELICIELLO: Bene, Benone, io te ringrazio tanto tanto. Co chesto che m’haje ditto io faccio la mmità de lo 3° atto, lasseme signà tutto. (Esegue.) Mò sà che haje da fa? Devi portare questa mia lettera amorosa a D. Marietta...

PULCINELLA: Nce la porto a soreta...

FELICIELLO: Meh, che male nce sta. Simme amice alla fine. Te voglio fa sentì sti vierze. (Legge la lettera:)

«Dimmi che m’ami, o donna del mio core,

E allor sarò felice come un Re;

Se il labbro tuo mi parlerà d’amore,

Fanciulla mia, saprò morir per te.

Farò quel che tu vuoi, quello che brami,

Ma dì che m’ami!».

Va famme lo piacere, dancella. (Gli dà la lettera.)

PULCINELLA: Vuje mò vedite che cosa me tocca de fa! Mannaggia l’amicizia!

FELICIELLO: Uh! Zitto, justo, justo, è essa che vene da chesta parte. Io mò m’annasconno, non dì che stongo ccà. Dille D. Felice vi manda questo biglietto. Te raccomanno. (Si nasconde a destra.)

PULCINELLA: Vuje vedite che me succede.

SCENA SETTIMA

Marietta dalla strada, e detto.

MARIETTA: Oh! D. Pulicenè, state ccà?

PULCINELLA: Si, sto qua, e voi state qua?

MARIETTA: Papà m’ha accompagnata, ed è ghiuto a fa no servizio, mò vene.

PULCINELLA: Ho piacere. (Feliciello fa segno a Pulcinella.)

MARIETTA: Permettete, io vaco dinto da Peppenella. (Per partire.)

PULCINELLA: Aspettate... vi debbo dire una cosa.

MARIETTA: A me? Parlate.

PULCINELLA: L’amico mio D. Felice, siccome.., l’ho dovuto fare per forza, perché vedete...

MARIETTA: Ma nzomma...

PULCINELLA: Vedete, non perché io... è l’amicizia... D. Felice vi manda sta lettera.

FELICIELLO: (Puozze schiattà, vì che nce voleva).

MARIETTA: Chesto era tutto? (La legge.) M’avite da dì niente cchiù?

PULCINELLA: Vi dovrei dire che s’è annascuosto da là dereto pe non farse vedè da vuje. Chesto non ve l’aveva da dicere.

MARIETTA: Ah! ah! ah! (Ride.) E vuje me l’avite ditto... Addò sta?

FELICIELLO (si nasconde dietro la sedia): Sto qua, scusate, D. Mariù, quello è una bestia.

PULCINELLA: Chisto è lo ringraziamento.

MARIETTA: Ma perché v’ireve nascosto?

FELICIELLO: Perché mi metteva suggezione, cara D. Mariuccia, voi non potete credere io comme so’ scornuso.

PULCINELLA: (E nce pare...).

MARIETTA: E perché sto scuorno? Io comme femmena m’avarria da mettere scuorno cchiù de vuje, ed invece io ve risponno che sta lettera m’ha consolata; co chesta lettera io sento de volerve bene assaje assaje.

FELICIELLO: Vuje veramente dicite?

MARIETTA: Ma sì, D. Felice mio, vuje site chillo giovene che me pò fa felice pe tutto lo tiempo de la vita mia.

FELICIELLO: Voi che dite. D. Mariuccia mia. (Le bacia la mano.)

PULCINELLA: (Neh gué)...

FELICIELLO: (Scrive non te n’incarricà). Io vi amerò come mai ho amato in via mia... Ma papà vostro che dirà? N’avrà piacere?

MARIETTA: Quanno io so’ contenta, papà è contento isso pure.

FELICIELLO: Ma si chillo dice che sto disperato.

MARIETTA: E che le mporta a papà, sta tanto ricco... Ve darà isso n’impiego...

FELICIELLO: Uh, anima mia... co sti parole me faje diventare tutt’altro uomo: tu sei per me un angelo... (Bacia c.s.)

PULCINELLA: (Gué...).

FELICIELLO: (Scrive, non te ne incaricà).

MARIETTA: Nuje mò sà che facimmo? Quanno vene papà nce presentammo tutte li duje e nce lo dicimmo. Assicurateve che papà non dice che no... Ma lassateme iro dinto, pò essere che se trova trasenno quaccheduno... a n’autro poco nce vedimmo.

FELICIELLO: Addio, core di questo petto, anima dell’anima mia, sangue delle mie vene.., quanto sì cara! (L’accompagna fino alla bussola baciandole la mano.) Tu già t’haje scritto tutte cose?

PULCINELLA (gli dà uno schiaffo): Mall’arma de mammeta, vì che cannela m’ha fatto tenè scrivenno scrivenno.

FELICIELLO Zitto, ciuccione. Aggio fatto lo colpo, me levo da dinto a la miseria... Intanto mò nce vurria n’autra scena pe ghienghere lo 3° atto, si no è curto.

SCENA OTTAVA

Ninetta, con bottiglia di cristallo traversa la scena.

PULCINELLA: Gué, bellezza mia, addò vaje?

NINETTA: Vaco a piglià na botteglia d’acqua.

PULCINELLA: E aspetta, consolame no poco co quatte parole.

NINETTA: Io mò vaco de pressa. Ma che buò che te dico, sciascione mio, che quanto cchiù te veco, cchiù te voglio bene, simpatico, zucchero, aggraziato mio.

PULCINELLA: Ninetta mia, da che te vedette, io me sentette na botta de scoppetta in questo petto: senza dite io songo n’ommo infelice; cianciusella de sto core. (Le bacia la mano.)

FELICIELLO: (Neh gué?...).

PULCINELLA: (Scrive non te ne incarricà). Dimme na cosa, hai parlato co la patrona?...

NINETTA: L’aggio ditto quacche cosa coppa coppa, ma non dubità che io a te me sposo...

PULCINELLA: Me parene mille anne che te so’ marito, bella rosecarella mia. (Bacia c.s.)

FELICIELLO: (Neh, gué...).

PULCINELLA: (Scrive, non te ne incaricà).

NINETTA: Lasseme j a piglià l’acqua si no chella allucca. Statte buono.

PULCINELLA: Addio, cuore di questa pancia, anima dell’anima mia. (Accompagna c.s.) Tu t’è scritto tutte cose?

FELICIELLO: E bravo! T’haje pigliato la rivincita.

PULCINELLA: Tu l’haje fatta a me, io l’aggio fatta a te.

FELICIELLO: Nzomma, tu faje l’ammore co la serva?

PULCINELLA: E se sape.

FELICIELLO: Buono, comme cammina bello l’argomento.

SCENA NONA

Anselmo e detti, poi Peppeniello.

ANSELMO (di dentro): Da questa parte, va bene.

FELICIELLO Uh, sta venenno chillo seccante de D. Anselmo, chillo mò vò trovanno lo sonetto, chi tene capo de nce lo fa? Iammoncenne, non nce facimmo vedè.

PULCINELLA: Seh dice buono. (Entrano a destra.)

ANSELMO: E ccà manco nce sta nisciuno... E addò stanno? Ma io l’aggio da trovà... Stesseno da chesta parte. (Via a prima quinta a sinistra poi ritorna.)

PEPPENIELLO: Chi se fide de mangià: a me non me vò trasì niente ncuorpo! Aggio ditto a D.a Anastasia che ghieva a fa no servizio dinto a la cammera mia e che mò tornava, ma chi nce va cchiù da chella vecchia! Mamma mia, guardannola solamente me vota lo stommaco.

ANSELMO: Neh, avite...

PEPPENIELLO: Mamma mia, chi è?

ANSELMO: Avite visto a D. Felice e Pulicenella?

PEPPENIELLO: No, non me rompite la capo.

ANSELMO: Vì che bella maniera! (Entra dall’altra parte.)

PEPPENIELLO: Papà è ghiuto a chiammà lo notaro... Seh, sta frisco, se la sposa isso a chella brutta vecchia.

SCENA DECIMA

Peppenella e detto, poi D. Anselmo.

PEPPENELLA: (Lo vì ccà lo briccone! Ah che me lo vorria magnà a morze! M’aggio da frenà... voglio appurà pecché m’ha fatto chesto). E accossì avite fatto marenna?

PEPPENIELLO: (La vì ccà la briccona). Sì, ho fatto marenna.

PEPPENELLA: E bravo.., io non me credeva che sapiveve fa tutto chesto. Faciveve vedè pe fa l’ammone co me pe vedè si mammà era gelosa. Bravo, che bello ritrovato.

PEPPENIELLO: Embé, avite visto...

PEPPENELLA: Dunche chelle lettere che me screviveve erano scritte apposta, non erano scritte co ammore.

PEPPENIELLO: Sì... no... apposta... Io scriveva chelle lettere a buje pecché io a te voleva bene, a mammeta... (Torna D. Anselmo in fretta.)

ANSELMO: Avite visto passà a D. Felice e a Pulicenella?

PEPPENIELLO Vuje comme site seccante! Non l’aggio visto.

ANSELMO: E io mò vaco a vedè abbascio a lo giardino. (Via.)

PEPPENIELLO: Jate addò volite vuje. (Seguita.) Pecché si tu m’avarrisse voluto bene non te sarrisse mettuto a fa l’ammore co lo surdato?

PEPPENELLA: Io faceva l’ammore co lo surdato?

PEPPENIELLO: Sì briccona... Ah! te credive ca io non sapeva niente? Io saccio tutto.

PEPPENELLA: Io? Vattenne, non di bestialità! Già mò è inutile ogne sorta de ragionamento, mò tutto è fenuto. Tu te spuse a mammà, e io me sposo a pateto.

PEPPENIELLO: A papà?...

PEPPENELLA Sì, a pateto, e me so’ decisa a sposarlo, pe vendicarme de chello che m’haje fatto tu...

PEPPENIELLO: Oh! Peppenella mia cara cara. Eccome ccà a li piede tuoie. (S’inginocchia.)

SCENA UNDICESIMA

Anastasia e detti.

ANASTASIA: (Mbomma! E chiste che fanno?).

PEPPENIELLO: Si tu te spuse a papà, io comme faccio senza de te?

PEPPENELLA: E che n’haje da fa de me? Va da mammà, chella te pò fa felice.

PEPPENIELLO: Niente, niente, Peppenella bella, io pe tanto aggio fatto chesto, pecché mammeta m’ha ditto che t’aveva prommiso a no surdato.

PEPPENELLA: A me? Quanno maje, non è lo vero...

PEPPENIELLO: Ah, dunche me l’ha ditto apposta per farme lassà a te? Ma io non me pozzo scordà maje de te... Io a chella brutta vecchia non me la piglio manco si me sparano.

ANASTASIA: Ah, bricconi, chesto avite avuto lo coraggio de fa? Ve voglio rompere li gamme. (Per inveire con una sedia.)

I DUE: Ajuto, ajuto...

SCENA ULTIMA

D. Raffaele, poi tutti gli attori secondo l’ordine della scena, Ninetta, Pulcinella, Felice, ecc.

RAFFAELE: Che è succiesso?

ANASTASIA: Sti birbante... Lassateme...

ASDRUBALE: Allegramente! Stasera vene lo notaro... Che d’è st’ammoina?

ANASTASIA: D. Asdrubale mio, simme state tradite, simme state ngannate. Lo figlio vuosto ha ngannato a me, e figliema ha ngannato a vuje.

ASDRUBALE: Comme sarrìa a dicere?

ANASTASIA: Sarria a dicere, che l’aggio trovato parlanno a tutte’e duje, e aggio ntiso co le rrecchie meje che nce hanno cuffiate, che l’hanno fatto per farse le dispettielle nfra de loro.

FELICIELLO (scrive sulla gamba): Bene.

ASDRUBALE: Io aggio combinato tutto pe me sposà a Peppenella.

PULCINELLA: E che fa, scombinate n’autra vota.

ASDRUBALE: Neh, non pazziate... Ma comme, tu m’haje ditto?

PEPPENELLA: V’aveva ditto che ve voleva sposà pe vendecarme de chello che m’aveva fatto Peppeniello.

ANASTASIA: E tu?...

PEPPENIELLO: Io v’aggio ditto che ve voleva sposà pe fa sentere corrivo a Peppenella, credennome chello che m’aviveve ditto vuje, cioè che faceva l’ammore co no soldato.

RAFFAELE: (Io mò crepo da la risa!... D. Felì, vuje ve state signanno tutte cose?).

FELICIELLO: (Tutto non dubitate).

ANSELMO: Chille dinto... Ah! v’aggio ncucciato finalmente.

PULCINELLA: (Uh! D. Anselmo...).

FELICIELLO (ad Anselmo): (Stateve zitto, mò non è momento de pensà a chesto. Aspettate che mò ve servo).

ANSELMO: (Io non me movo da ccà).

ASDRUBALE: Ah, tutto chesto nce sta? Ebbene, esci da la casa mia non ti conosco per figlio.

PEPPENIELLO: Papà. (Piange.)

ANASTASIA: E a te dimane te vaco a chiudere dinto a no monastero.

PEPPENELLA: Mammà...

ANASTASIA: Niente, non nc’è remissione.

ASDRUBALE: Esci mò proprio.

PEPPENIELLO: Papà, e io addò vaco?

ASDRUBALE: Mmiezo a la strada...

PULCINELLA: Eh, eh, D. Asdrù, ma che sì ghiuto mpazzia! Comme! Se mette no figlio miezo a na via, pecché sto figlio vò chella che tu te volarrisse piglià... Miettatenne scuorno, ncondate che si viecchio, si dimane s’appure sto fatto che se diciarrà de te?... E vuje pò D. Anastasia, a chesta età ancona pensate de mmaritarve, e pigliarve a chi pò? A no guaglione, sapenno che sto guaglione fa l’ammore co la figlia vosta? Mettitevenne scuorno!... La vecchia s’ha da sposà lo viecchio, e lo giovene co lo giovene. Spusateve vuje duje, e giacché li guagliune se vonno accossì bene, facitele spusà pure a loro, e felicenotte.

PEPPENIELLO: Papà mio caro caro.

PEPPENELLA: Mammà mia bella bella...

FELICIELLO: D. Asdrù, contentatele.

PULCINELLA: Fatelo per me.

ASDRUBALE: D. Anastasì, che ne dicite?

ANASTASIA: E io che saccio.

ASDRUBALE: Volimmo fa sti duje matremmonie?

ANASTASIA: Sapite che è, vuje site viecchio.

ASDRUBALE: E vuje sarrate quacche autra cosa.

ANASTASIA: Che aggio da fa, m’arremedio... Chesta è la mano.

ASDRUBALE: E chesta è la mia.

PEPPENELLA: E nuje?

PEPPENIELLO: Che avimmo da fa?

ASDRUBALE: Spusate, e lo Cielo ve benedica!

PEPPENIELLO: Ah, finalmente Peppenella è la mia.

RAFFAELE: Bravo, mò sì che te voglio cchiù bene de primma; mò sì che mi sei veramente amico! Tu chill’unico figlio tenive, vuje sulo chella figlia teniveve. è stato buono che l’avite fatte contente. Che non faccio io pe sta figlia pe contentarla, tutto chello che vò le dongo... M’addonaje che a D. Vincenzino non lo voleva, e subito l’aggio licenziato. Trattandosi di matrimonio, essa se l’ha da scegliere, pare che accossì doppo non have co chi se la piglià.

MARIETTA: A proposito de chesto, io lo marito me l’aggio trovato.

RAFFAELE: Te l’hale trovato? (In tuono serio.)

FELICIELLO: (Ah! Comme è ntroppecuso lo finale de sta commedia).

MARIETTA: Sì, me l’aggio trovato, me piace e me lo voglio spusà.

RAFFAELE: E chi è?

MARIETTA: Eccolo ccà, D. Felice.

RAFFAELE: Voi?

FELICIELLO: Io, sissignone, e se me fate sposà la figlia vosta ve giuro che ve scrivo quanta commedie volite vuje.

RAFFAELE: Tu veramente dice? Lo vuò bene?

MARIETTA: Sì, papà.

RAFFAELE: Embé, quanno lo vuò bene... è no buono giovene, è de talento, sposatillo e bona sera.

FELICIELLO: Chesta è la mano.

MARIETTA: E chesta è la mia.

RAFFAELE: (Sto matrimmonio pure nce lo mettite dinto a la commedia?).

FELICIELLO: (Se sa benissimo, chesto è lo meglio).

NINETTA: Signori, mmiezo a tanta matremmonie ve faccio a sapè che nce sta pure lo mio co D. Pulecenella, che aggio parlato co la signorina.

ANASTASIA: Sto matrimonio non me dispiace.

ANSELMO: Neh, non ve scordate de lo sonetto?

RAFFAELE (a Felice): Che sonetto vò chisto?

FELICIELLO: (No sonetto che vò essere fatto pe lo nomme de la mogliera... Chisto pure nce l’aggio miso dinto a la commeia). Aspettate, che mò ve lo faccio.

RIENZO: Signori, a tavola.

RAFFAELE: La commedia l’avete abbozzata tutta quanta?

ASDRUBALE: Quale commedia?

RAFFAELE: Niente, è na commedia che D. Felice ha scritto pe lo teatrino mio.

ASDRUBALE: E qual è l’argomento?

PULCINELLA: Non ve ne incaricate, è meglio che non lo sapite.

FELICIELLO: Tutta, tutta perfettamente: non nce manca che lo finale, e ne ho immaginato uno proprio magnifico; ma quello ci ha chiamato in tavola, andiamo a mangiare.

RAFFAELE: No, lo finale lo voglio sentì...

TUTTI: Sì, lo volimmo sentì...

FELICIELLO: (Oh, cancaro justo mò). Pulicené, andiamo, improvvisiamo no finale... Mò accommencio io...

Finita è la commedia,

Non c’è più niente a fare...

PULCINELLA: Finita è la commedia.

Non c’è più niente a fare...

FELICIELLO: (Haje ditto chello che aggio ditto io!).

Pubblico rispettabile,

Vi prego a perdonare...

PULCINELLA: Pe famma la screvetteme...

FELICIELLO Per fama, per onore,

E ci costò, credetemi,

Grandissimo sudore.

E si v’ha fatto ridere...

Allor contento sono.

PULCINELLA: E non cercammo applause,

Ma schitto no perduono.

(Tutti ridono mentre cala la tela.)

Fine dell’atto terzo

FINE DELLA COMMEDIA

    Questo copione è stato visto
  • 3 volte nelle ultime 48 ore
  • 4 volte nell' ultima settimana
  • 8 volte nell' ultimo mese
  • 48 volte nell' arco di un'anno