‘Na famiglia scumbinata

Stampa questo copione

‘Na famiglia scumbinata

                                         di Vincenzo Rosario PERRELLA ESPOSITO

(detto Ezio)

10/06/2003

Personaggi:   12

Antonio Del Giudice           

Virginia Del Giudice           

Roberto Del Giudice           

Rossella Del Giudice          

Rita Belvedere                          

Fiore Di Loto

Ciro Patana                     

Mario Cainato                     

Paolo Deretano                  

Rino Colcavolo                  

Marilena

Laura Tiamo

Barra, case popolari. A casa Del Giudice non regna l’armonia. La famiglia ha forti squilibri, in quanto nessuno è dotato di buon senso. Antonio Dl Giudice vive di mezzucci e non di un lavoro onorevole. Sua moglie Virginia cerca di trovare la quadratura, ma è prima lei ad essere incapace di inquadrare la propria famiglia. I figli Roberto e Rossella prendono strade sbagliate e non fanno nulla per far riemergere il bilanco familiare. Un giorno però si presenta in casa il professor Paolo Deretano, persona molto perbene, amico di famiglia. L’uomo spiega alla gente del posto che l’ignorana contribuisce alla regressione. Cosicché si offre per inculcare agl abitanti della zona degli erudimenti. Vere e proprie materie scolastiche, più l’educazione sessuale, che naturalmente è la materia preferita dagli improvvisati studenti. Ma l’azione di insegnamento di Paolo non sembra sortire subito i risultati sperati.

Numero posizione SIAE 233047

Per contatti Ezio Perrella 3485514070 ezioperrella@libero.it

 

Barra, case popolari.  Salone di casa Del Giudice (a pian terreno). E’ così composto: un tavolo e quattro sedie, la credenza, e altre sedie negli angoli della stanza. La comune è al centro. A destra c’è la cucina e il bagno; a sinistra le altre stanze. E’ domenica mattina.

ATTO PRIMO

1. [Ciro Patana, Virginia, Rossella e Antonio Del Giudice]

                 Dalla comune entra il fruttivendolo Ciro, con due ceste di frutta. Le posa a terra.

Ciro:        (Gridando) ‘E ppatane, ‘e ccepolle! Uhé, jamme, ch’’a frutta è bella!

                 Dalla cucina (destra), entra Virginia con uno strofinaccio in mano.

Virginia: Uhé, cià, Ciro. 

Ciro:        Donna Virginia carissima.

Virginia: E comme va, mò fatiche pure ‘a dummeneca e matina?

Ciro:        Signò, quanno servene ‘e sorde, se fatica pure a Natale.    

Virginia: E vabbé, ma tu sei un libero professionista!

Ciro:        Eh, e che m’’ite pigliato pe’ ‘n’avvocato?!

Virginia: No, nel senso che tu nun dipiende ‘a nisciuno. Mio marito invece fa l’operaio.

Ciro:        Però lui, ogni mese, riceve il salame!

Virginia: Eh, ‘o prusutto! Ciro, se dice salario. E ‘a fidanzata toja, che dice?

Ciro:        Maria? Io e essa nun ghiamme proprio d’accordo. Quase, quase, ‘a lasso proprio.

Virginia: Uh, guardate! Tu ire accussì cuntento, quanno te si’ fidanzato cu’ essa.

Ciro:        Infatte, pe’ me è stata ‘na gioia incontinente! Vabbuò, cagnamme discorso.

Virginia: E già. Ciro, nun ‘o ttiene ‘nu poco ‘e frutta erotica?

Ciro:       ‘A frutta erotica? E che d’è? ‘A frutta che se spoglia?

Virginia: Ma comme, nun ‘a saje? ‘A frutta che vene ‘a chilli belli poste luntane…

Ciro:        Ah, allora ‘a frutta esotica! No, nun ‘a tengo.  

Virginia: E allora me vulesse magnà ‘n’avvocato.

Ciro:        Signò, ma che ffacite, ‘a cannibale?

Virginia: Ma non un avvocato in carne ed ossa, un avvocato di frutta!

Ciro:        Nun ve prioccupate, v’’e ffaccio capità. (Riprende le ceste) Embé, signò, si me

                 lasso cu’ Maria, me metto cu’ ‘a figlia vosta Rossella! Bonasera.

                 Esce via celermente di casa.

Virginia: Se vo’ spusà cu’ Rossella. Però mica è fessa ‘a penzata?!

                 Da sinistra entra Rossella, che si è vestita, ma è ancora un po’ assonnata.

Rossella: Buongiorno, mammà.

Virginia: Uhé, Rossé, finalmente te si’ scetata.

Rossella: (Si siede) Mammà, ma oggie è dummeneca. Io m’aìzo tutte ‘e mmatine ambresso.

Virginia: No, tu nun t’aize ambresso, caso mai t’aize mez’ora primma! E frateto?

Rossella: Roberto? E’ uscito stamattina alle sette.

Virginia: E piglie esempio ‘a isso: nun fa niente comm’a te, però s’aìza ambresso ‘a matina.

Rossella: Mammà, ma stammatina te si’ scetata nervosa? Allora mò te dongo ‘na bella

                 nutizia, accussì te calme ‘nu poco: mi sono fidanzata. Il mio lui si chiama Rino.

Virginia: (Sorpresa) ‘O vero? (Poi, incalzante) Ma è ‘na cosa seria? E sta buono a ssorde?

Rossella: E’ un ingegnere.

Virginia: (Convinta) Allora sta buono a ssorde!

Rossella: Ma non riesce a trovare lavoro.

Virginia: (Delusa) Allora nun sta buono a ssorde! E chesta fosse ‘a bella nutizia?

Rossella: No, mammà, preparati: tu sarai nonna! Sono incinta di tre mesi! E’ un maschietto.

                 Lo chiameremo Ubaldo! Sei contenta?

Virginia: (Si arrabbia) Disgraziata…!

                 Rossella si alza e le due girano lentamente attorno al tavolo.

Rossella: Mammà, scusa, ma che c’è di male?

Virginia: Che c’è di male? Ca tu nun fatiche, ‘o ‘ngigniere tuojo manco, voglio vedé ch’’o

                 daje a magna a chillu criaturo! Disgraziata che ssi’! Ma io t’aggia accidere!  

Rossella: Ehm… vedo che adesso sei un poco nervosa. Forse è meglio che esco un po’…

                 E esce via di casa celermente, rincorsa da Virginia fino alla comune.

Virginia: E sì, è meglio che te ne fuje. Ma tanto, he’ ‘a turnà ccà! (Torna al centro) Aeh,

                 mò ch’’o ssape Antonio… Menu male ca chillo dorme sempe!                

                 Da sinistra entra Antonio, in pantofole, pantalone… e una camicetta di Virginia!

Antonio: (Assonnato) Cià, Virgì…

Virginia: Ah, te si’ scetato, finalmente. He’ visto chi ore so’? ‘E ll’una! (Lo osserva bene)

                 Néh, ma che t’he’ miso ‘ncuollo? ‘A camicetta mia?

Antonio: (Si guarda) Uh, ch’aggio fatto? Aggio araputo l’armadio, ‘o lato tuojo!

Virginia: ‘Nzallanuto!  

Antonio: Virgì, a proposito, aggio ‘ntiso che tu e Rossella alluccàveve. Ch’è succieso? Virginia: Ah, ‘o vvuo’ sapé? E io t’’o ddico: tua figlia s’è fidanzata cu’ ‘nu ‘ngigniere.

Antonio: Embé? E che ce sta ‘e male? Nostra figlia s’ha scigliuto a ‘nu ‘ngigniere.

Virginia: Disoccupato!

Antonio: E vabbuò, chillo ‘o trova, ‘o lavoro. E ppo’ tu pienze comme stamme mise nuje:

                io so’ ignorante, tu si’ ignorante, Roberto è ignorante, Rossella pure… almeno

                trase ‘nu laureato dint’’a casa nosta!

Virginia: Antò, mò t’’o ddico: tua figlia aspetta un bambino.

Antonio: (Cambia espressione del viso) Che? Mia figlia tene ‘a cinta?

Virginia: No, tene ‘a curréa! E’ incinta ‘e tre mmise.

Antonio: Uh, Marò, tu che staje dicenno? E chi è ‘o pato?

Virginia: ‘O ‘ngigniere disoccupato!

Antonio: No, no, nun me piace! Addò sta Rossella? Amma parlà. (Chiama) Rossella!

Virginia: Nun ce sta, è asciuta.

Antonio: E se n’aésce acussì? Chella disgraziata! Famm’’a ì a cercà mommò. Rossellaaa...!

                E esce di casa in camicetta e pantofole.

Virginia: Antò, addò vaje? Tuorne ccà. Ma vedite a chillo, è asciuto cu’ ‘a camicetta mia

                ‘ncuollo e cu’ ‘e scarpune ‘o pede! Embé, sto’ ‘nmiezo ‘e scieme!

                E va via a destra in cucina.

2. [Roberto, Marilena, Fiore Di Loto e Antonio]

                Dalla comune entra Roberto con uno zainetto. Si siede al tavolo.

Roberto: Ecco qua, oggi ho fatto proprio una bella pesca! Mò me vaco a vennere tutto cose,

                accussì me faccio coccosa ‘e sorde pur’oggie. Ccà fatica nun se ne trova, e allora

                amma arrangià ‘e ‘na manera? A proposito, ma ccà stanne ancora durmenno? ‘A

                dint’‘a cucina se sente addore d’’o rraù. Quant’è bella mammà quanno cucina!                                                            

                  Dalla comune entra Marilena, detta “’a vasciaiola”, in grembiule e pantofole.                   Marilena: (Va da Roberto e grida) Néh, uhé…

Roberto:   (Si spaventa e salta in piedi) Chi è? Ah, è ‘a signurina Marilena. Buongiorno!

Marilena: (Stizzita) Ma che buongiorno? Pe’ me, ‘sta jurnata è accumminciata ‘nu schifo!

Roberto:   E quanno maje!

Marilena: Comme?

Roberto:   No, volevo dire, e come mai?

Marilena: Pe’ colpa vosta. Nun ne pozzo cchiù ‘e truvà ‘a rrobba vosta ‘int’’o barcone mio!

Roberto:   Ma nun po’ essere. Vuje state ‘e casa ‘o piano ‘e coppa, e nuje a pian terreno!

Marilena: E allora comm’è che me trovo sempe ‘e panne vuoste dint’’o barcone mio?

Roberto:   Signò, primma ‘e tutto, comme facite a ddicere che chilli panne so’ ‘e nuoste? 

Marilena: ‘E rriconosco d’’e cazettine scagnate ‘e pateto! E ppo’ aggio truvato pure ‘na

                   mutanda d’’a toja! Chella cu’ ‘o “Canarino Titti” ‘ncoppa!

Roberto:   Ah, perciò nun ‘a truvavo cchiù! E signò, l’avrà menato ‘o viento!

Marilena: E ‘e palline ‘e tennis, ‘int’’o cestino d’’e mullette mio, chi l’ha ittate? ‘O viento?

Roberto:   Sentite, signò, pe’ piacere, nun me facite perdere tiempo appresso a vuje.

Marilena: (Più volgare) Uhé, me ne staje caccianno? E io me ne vaco. Però ‘a prossima

                   vota che torno, voglio parlà cu’ mammeta… e me sa che ce pigliamme a capille!

                  Esce di casa, ripetendo: “A capille, fernesce”. Roberto la osserva allibito.

Roberto:   E chesta è ‘a signurina Marilena! ‘A chiammene tutte quante ‘a “vasciaiola” per

                  ovvi motivi! E chi s’’a spusasse maje? Vabbuò, famm’ì a pusà ‘sta rrobba, va’…

                  Mette lo zainetto in spalla e va via a sinistra. Dalla comune entra Fiore Di Loto,

                  (in giacca e cravatta), effeminato, direttore di banca, innamorato di Roberto.

Fiore:       No, pe’ favore, nun me dicite ca Roberto nun ce sta manch’oggie… se no divento

                  pazza! Quel ragazzo mi farà fare qualche follìa! Il fatto è che io sono disperata!

                  Si siede affranto su una sedia nell’angolo sinistro. Dalla comune entra Antonio.

Antonio:   Nun l’aggio truvata, a Rossella. Ma ha da turnà! (Si guarda la camicetta) Ma tu

                  guarde comme songo asciuto ‘e casa. Speramme che nun m’ha visto nisciuno!

Fiore:       (Lo nota, si alza e va da lui felice) Don Antonio, come siete bello in camicetta!

Antonio:   (Si spaventa) Chi è? Mamma ‘e San Biagio! Ah, siete voi, signor Fiore Di Loto?

Fiore:       Sì. Don Antò, io vi debbo parlare un momento. Posso?

Antonio:   Niente di meno? Venite, accomodiamoci.

                  I due si siedono al tavolo.

                  Allora, di che mi dovete parlare?

Fiore:        Di vostro figlio Roberto.

Antonio:   Sentite, Fiore, già vi ho capito. Però io sono costellato…!

Fiore:        E sì, state chino ‘e stelle! Si dice costernato!

Antonio:   Appunto, io voglio dire che voi, a mio figlio, non ve lo potete sposare. Capite?

Fiore:        Ma siete in equivoco. Io devo parlarvi di altro. Perché non mi lasciate parlare?

Antonio:   E vabbé, io vi ascolto per educazione. Avanti, dite.

Fiore:        Dunque: Roberto esce presto la mattina e la sera rientra tardissimo. Vi siete mai

                  chiesto perché? E pur essendo disoccupato, tiene tanti soldi in tasca. Vi siete mai

                  chiesto perché? E poi conosce tanta, troppa gente. Vi siete mai chiesto perché?

Antonio:   Ma che d’è, me state facenno ‘n’indovinello?

Fiore:       Don Antò, vostro figlio fa un mestiere che lo può portare alla rovina: il ladro.

Antonio:   (Sorpreso) No. Vuje che state dicenno?

Fiore:        La verità. Ve l’ho detta per il suo bene. Io sono la sua unica ancora di salvezza.  

                   Voi lo sapete, io sono direttore di banca. E gli voglio offrire un lavoro onesto.

Antonio:   (Speranzoso) Sì, pe’ piacere, facìtele addiventà direttore! Ma pure vicedirettore!

Fiore:        No, mò ‘o faccio addiventà Governatore d’’a Banca d’Italia! Ma secondo voi...?

                  Quello deve fare gavetta. Io gli faccio fare il promotore finanziario.

Antonio:   E sì, va bene lo stesso. Fategli fare il provolone fidanzato!

Fiore:        Eh, ‘a muzzarella spusata!... Ho detto promotore finanziario.

Antonio:   Appunto, come dite voi.  

Fiore:        Bene, don Antò. Allora io passo più tardi per parlare con lui.

                  I due si alzano in piedi.

                  Ah, e vi raccomando, fatevi trovare sempre con questa camicetta addosso, che

                  siete bellissimo! Non pensavo che pure voi eravate… (Fa il gesto classico…)

Antonio:   Ma che? Vedìte buono che ve sbagliate! Qua c’è stato un errore di armadio!

Fiore:        Non vi preoccupate, fra di noi ci capiamo! Adios, muchacha!

                  Gli lancia un bacio e se ne va. Antonio lo guarda schifato.

Antonio:   Famme levà mommò ‘sta cammisa ‘a cuollo. E famme mettere pure ‘e scarpe!

                  E va via a sinistra.

3. [Virginia, Marilena e il Professor Paolo Deretano]

                   Da destra torna Virginia gridando per avvertire gli altri.

Virginia:   Uhé, venite a magnà, ca se fanne fridde ‘e maccarune! Ma che d’è, addò state?

                  Ma dalla comune compare di nuovo Marilena.

Marilena: Ah, finalmente ce state, signora Virgì.

Virginia:   Ah, buongiorno, signorina Marilena.

Marilena: (Si arrabbia) Ma che buongiorno e buongiorno!

Virginia:   Ma ch’è succieso? Coccosa nun va?

Marilena: E certo. Pe’ colpa vosta, ‘o barcone mio è addiventato ‘nu porcile. Me dispiace

                   sulo che nun tengo a ‘n’ommo dint’’a casa. O si no ve facésse vedé io.

Virginia:   Ma vuje nun ìreve fidanzata cu’ chillu Pascale?

Marilena: No, m’aggio lassata. Me credìte? ‘O schifo proprio, a chillo! E vuje ‘a sapite, ‘a

                   mamma? ‘A schifo proprio! E ‘a sora ‘a sapite? ‘A schifo ancora cchiù assaje! E

                  ‘o pato, ‘a zia e ‘o zio, po’, comme ‘e schifo!

Virginia:   Mamma mia, signurì, ma vuje schifate a tutte quante? 

Marilena: E certamente. Signò, ‘a verità? Io, cierti vvote, ve schifo pure a vuje!

                  Dalla comune entra Paolo Deretano, professore di italiano.

Paolo:       (E’ un uomo sulla cinquantina, distinto. E’ in giacca e cravatta) E’ permesso?

Virginia:   Oh, professore, buongiorno. Entrate, prego.

Paolo:       Grazie.

                  Paolo si avvicina alle due (Marilena se lo squadra dalla testa ai piedi).

Virginia:   Professore, come mai da queste parti?

Paolo:       Beh, io un mese fa ho prestato un libro a Rossella: “La figlia della fortuna”.

Marilena: Eh, è comme dicite vuje: chella, ‘a figlia d’’a signora Virginia, è proprio ‘a figlia

                   d’’a furtuna. Tene ‘na ciorte! E pe’ mezza ‘e ‘stu fatto, comm’’a schifo!

Virginia:   Néh, ma che state dicenno? Quello, “La figlia della fortuna”, è il nome del libro.

Marilena: Ah, ‘o vero? Uh, scusate, prufessò. Continuate, continuate.

Paolo:       Beh, volevo sapere se Rossella ha letto il libro, così potevamo parlarne insieme.

Virginia:   Non lo so se lo ha letto. E purtroppo adesso non ci sta. Non so neppure quando

                  torna… e se torna! A proposito, vi presento la signorina Marilena.

Paolo:       Piacere, professor Paolo Deretano, docente di italiano al liceo classico.

Marilena: Piacere, Marilena Trappana. Pure io lavoro in una scuola, però faccio la bidella!

Virginia:   Professore, vi posso offrire un caffè?

Paolo:       No, vi ringrazio, devo andare a mangiare.

Marilena: Signora Virginia, e se a lui lo aspetta la moglie? Lasciatelo stare.

Paolo:       No, purtroppo non sono sposato.

Marilena: Ma come, un pezzo di uomo come voi, nessuno se l’è alzato… cioè, sposato?

Paolo:       No.

Marilena: Ah, no? Veramente, pure io sono signorina.

Virginia:   (Signurì, lassate sta’, chisto nun è rrobba pe’ vuje!).

Marilena: (Facìteme fa’ a me!). E sentite, professò, quali sono i vostri interessi nel tempo

                   libero? Io, per esempio, so ballare la Porca!

Virginia:   No, ma quala Porca? Vuole dire la Polka!

Paolo:       Signò, ll’’eva capito! Comunque, io non amo il ballo. Non ci sono portato.

                  Preferisco le cose che hanno costrutto!

Marilena: Ah, ate capito, signora Virgì? ‘O prufessore preferisce ‘e ccose cu’ ‘o strutto! 

Paolo:       Eh, cu’ ‘a ‘nzogna!

Virginia:   Ah, prufessò, in quanto a cose cu’ ‘o strutto e cu’ ‘a ‘nzogna, ‘a signurina

                  Marilena è ‘na specialista! Fa ‘nu casatiello…!

Paolo:       (Ma che sta dicenno, chesta?!). Vabbuò, ja’… bene, brava! E ora, scusate, devo

                  andar via. Se la signorina vuole, le offro un passaggio a casa con la macchina.

Marilena: Comme no, grazie.

Virginia:   Ma si vuje staje ‘e casa ‘o piano ‘e coppa!

Marilena: Embé? Me dà ‘nu passaggio fino a chill’atu marciapiede e ppo’ turnamme aréto!

Paolo:       Va bene, allora vi aspetto in macchina. Donna Virginia, buongiorno.

Virginia:   Sempre piacere di vedervi. Buongiorno.

                  E esce di casa. Appena uscito, Virginia si rivolge a Marilena.

                  Sentite, signurina Marilena, ma che vvulìte cumbinà? 

Marilena: Signora Virginia, aggio scuperto ‘na cosa: io, a chisto, nun ‘o schifo!

                  E esce pure lei di casa ancheggiando, sotto gli occhi di Virginia esterrefatta.

Virginia:   Cose ‘e pazze! ‘E comm’è vasciaiola, chesta! (Poi grida) Néh, uhé, a magnà…

                  Ed esce via a sinistra.

4. [Rossella, Antonio, Virginia e Rino Colcavolo]

                  Dalla comune riecco Rossella, alquanto preoccupata.

Rossella: Nun ce sta nisciuno. Marò, ch’aggio cumbinato. Faccio sulo guaje, io. Ma che ce

                 ll’aggio ditto a ffa’ a mammà che sso’ incinta? E mò comme faccio a m’apparà?

                 Esce a destra. Da sinistra, entrano Antonio (ha cambiato la camicia e messo le

                 scarpe) e Virginia. Mentre vanno a sedersi al tavolo, disquisiscono.

Antonio:  He’ capì, Virgì? Tua figlia è incinta e tuo figlio è ‘nu marjuolo.  

Virginia: (Seccata) ‘E che bellezza, Antò. Tenimme duje figli, uno cchiù bello ‘e ‘n’ato! E

                 vabbuò, mò però jamme a magnà. Se fanne fridde ‘e maccarune.  

Antonio:  No, Virgì. Io tengo sempe famme, ma oggie me s’è chiuso ‘o stommeche!

Virginia: Facìmme accussì: mò che torna Rossella, cercamme ‘e truvà ‘na soluzione.

                 E dalla cucina (destra) torna Rossella sconvolta (notata dai due).

Rossella: Uh, mamma mia, chillu pazzo ‘e Rino sta venenno ccà. E pecché, po’?

Virginia: Ah, tu si’ turnata? Stive dint’’a cucina?

Rossella: Ah, ehm... sì. Sentite, mammà, papà, sta venendo Rino.

Antonio:  Rino? E chi è?

Virginia: (Si alza e le si avvicina) L’autore del capolavoro che ha fatto insieme a tua figlia!

Antonio:  (Si alza e le si avvicina) Ah, sì? E allora amma parlà ‘nu poco, io e chisto. Uhé,

                 nun voglio sapé niente, eh! Se l’ha da spusà! He’ capì, Virgì? Se l’ha da spusà!

                 Arriva Rino, con una confezione in mano (è una bottiglia di liquore).

Rino:       Permesso… Salve! (E’ un tipo un po’ fissato: tutto ciò che tocca è sporco)

Rossella: Ciao, Rino…

                 Rossella corre da lui ad accoglierlo e gli parla un attimo all’orecchio. Intanto…

Virginia: Uhé, t’arraccummanno, Antò, stai calmo…!

Antonio:  No, nun voglio sapé niente… se l’ha da spusà…

                 I due vanno da Rossella e Rino, che si staccano, intanto Antonio continua a dire:

                 He’ capito? Se l’ha da spusà!

Rino:       Colcavolo!

Antonio:  Comme? Col cavolo che t’’a spuse? E comme sarebbe a ddicere? Sputa il rospo!

                 E lo afferra per il braccio.  

Rino:        No, ma io nun m’aggio magnato nisciunu rospo! (Tira via il braccio e se lo  

                 pulisce con la mano)

Rossella: Papà, aspetta, lui ti ha detto il suo cognome. Si chiama Rino Colcavolo.

Antonio:  Ah, è ‘o cugnomme? E quanno ‘o ddice?! E allora io sono Antonio Del Giudice.

Rino:       Piacere.  

                 Si stringono la mano. Poi Rino se la pulisce addosso.

Virginia: E io invece sono la mamma di Rossella.

Rino:       Ah, tanto piacere.

                 Le stringe la mano, poi se la pulisce di nuovo addosso (i tre lo guardano stupiti).

                 Che signora deliziosa!

Antonio:  Scuse, e comm’’o ssaje ch’è deliziosa? L’he’ assaggiata?!

Rossella: Ehm… va bene, va bene, allora accomodiamoci, così parliamo meglio…

                 I quattro si siedono.

Rino:       Uh, scusate, quasi dimenticavo. Vi ho portato un regalino… una sciocchezza!

Antonio:  No, e perché ti sei disturbato? (Glielo strappa di mano e lo scarta) Ah, ma questo

                 è Stock ’84. (E lo posa sul tavolo)

Rino:       Sì, non sapevo più che farmene… ehm… cioè, ve l’ho portato perché è buono.

Virginia: Vabbé, ora parliamo di cose più importanti. Senti, Rino, noi lo sappiamo il fatto

                 tuo e di Rossella.

Rino:       ‘O vero? E che ssapite?

Rossella: Ehm… il fatto che io sono in stato interessante.

Rino:       Ah, sì e già. Vostra figlia è veramente una ragazza interessante!

Rossella: No, io dicevo il fatto che sono incinta.

Rino:       (Sorpreso) ‘O vero? Tu che staje dicenno?

Rossella: Ma non ti ricordi, Rino? (Fa dei segni)

Rino:       Ah, sì, è vero. Rossella è incinta. Si tratta di una bella femminuccia!

Virginia: Ma nun era ‘nu maschietto?

Rossella: Ehm… sì, però lui voleva una femminuccia.

Rino:       Infatti. Mannaggia a te, Rossé, ma pecché nun me l’he’ ditto primma? Nuje,

                  invece ‘e fa’ ‘o maschietto, cagnàveme e facéveme ‘a femminuccia!

Antonio:  E mica putite cagnà ‘o sesso d’’o criaturo a vostro piacere? Ma tu sei gineloculo?

Rossella:  Ginecologo. Ehm… Rino, papà vuol sapere che mestiere fai.

Rino:        Chi, io? Vaco a piscà!

Virginia:  Ma non era ingegnere?

Rossella:  Ehm… sì, è “ingegnere pescatore”! Costruisce tutto quello che serve per pescare.

Rino:        E già: le barche, i pescherecci, i moli… e pure i pesci! 

Ant&Vir: Azz!

Rossella:  Però lui tiene solo la laurea, ma non trova lavoro!

Antonio:  ‘O vvedite? Ate fatto ‘a fessarìa. Ma chillu juorno, nun tenìveve niente ‘a fa’?

Virginia:  (Lo richiama)Antò, ma è modo ‘e parlà, chisto? Ora dobbiamo aiutarli a sposarsi.

Rino:        E vabbuò, ce spusamme fra ‘nu paro d’anne! Tanto, fin’a che cresce ‘a panza…!

Antonio:  E che ce vonno duje anne pe’ crescere ‘a panza?

Rino:        Ah, no?

Rossella:  Ehm… lui vuole dire che vuole far nascere prima il bambino e poi ci sposiamo.

Virginia:  Sentite, facite comme vulite vuje. Abbasta ch’apparàmme a ‘stu pasticcio. E  

                  senti Rino, e dicci qualcos’altro di te. Per esempio: di che segno zodiacale sei? 

Rino:        Io sono bilancia.

Antonio:  Io invece sono granchio!

Rossella:  Vuole dire cancro. (Frettolosa) Va bene, basta così! Adesso che vi siete

                  conosciuti, Rino se ne può anche andare.

Virginia:  Accussì ambresso? Rino, non vuoi mangiare con noi?

Rossella:  No, no e no…! Non deve mangiare qua.

Rino:        Sarà per un’altra volta.

                  Tutti si alzano in piedi.

Rossella:  (Frenetica) Va bene, allora io lo accompagno qua fuori, vicino alla macchina.

Rino:        No, ma quala machina? Io tengo ‘o “tre rrote”!

Rossella:  No, vuole dire che ha perso una ruota e mò ne tiene solo tre.

Antonio:  E vuoi una mano a mettere quella di scorta?

Rino:        E addò ‘a metto, chelle nun ce ne vanno cchiù…!

Rossella:  E stattu zitto!... No, non è il caso. Andiamo, Rino…     

Rino:        Arrivederci.

                 Dà la mano ai due, poi se la pulisce addosso. Infine esce con Rossella in fretta.

Antonio:  Ma che tocca, ‘a munnezza, chisto? Se pulezza sempe ‘a mana!

Virginia:  E ppo’ subito se n’è gghiuto. Mah! Comunque, Antò, che ne dice ‘e ‘stu Rino?

Antonio:  Io dico ch’accumminciamme malamente. (Prende la bottiglia dal tavolo) Vide ‘e

                 che razza ‘e regalo m’ha purtato: ‘o Stock ’84. Ma comme, tu vaje a truvà ‘e

                 ggente, e ce puorte ‘o liquore che sape ‘e pesce, scaduto nell’84?! ‘E chi schifo!

                 E i due vanno in cucina a destra (Antonio porta con sé la bottiglia).

5. [Roberto, Fiore Di Loto e Rita Belvedere]

                 Dalla cucina (destra) torna Roberto.

Roberto: Ah, ‘e che bella magnata m’aggio fatto! (E si siede) In questo momento, mi sento

                 al settimo cielo. In questo momento, niente mi può dare fastidio. Niente!

                 Dalla comune entra Fiore Di Loto che va vicino a Roberto e gli siede accanto.

Fiore:      Ciao! Hai visto che bella sorpresa?

Roberto: (No, chisto, invece, me dà fastidio!).

Fiore:      Senti, lo sai perché sono venuto qua? Per farti una bella proposta.

Roberto: Una proposta? E di che si tratta?

Fiore:      Ne ho parlato pure con tuo padre: io ti offro un lavoro di promotore finanziario.

Roberto: A me? No, ma io sono ignorante, non so fare niente.

Fiore:      (Si avvicina a lui in modo provocatorio) Ma tu sarai sotto la mia ala protettrice!

Roberto: (Si scansa, si alza e va un po’ più a destra) Eh, e io ‘o ssapevo che tu vulìve

                 arrivà a ‘stu punto! Ma allora è proprio ‘na fissazione.

Fiore:      (Si alza e si avvicina) Ma tu dovresti essere pieno di scalpore.

Roberto: Si nun ‘a fernisce, t’’o tiro appriesso, ‘nu scarpone!

Fiore:      Robé, la migliore strada è quella che ti offro io. Oppure vuoi rubare a vita?

Roberto: (Sorpreso) Che cosa? Ma allora ce l’he’ ditto tu a papà che vaco arrubbanno?

Fiore:      Precisamente.

Roberto: Ah, e grazie tante! Mò aggio saputo a chi aggia rompere ‘a faccia!

Fiore:      Ma io l’ho fatto per te, perché posso cambiare la tua vita.

Roberto: E chi si’ tu? Pe’ mezza che tiene ‘e sorde? Ma chi ti pensi di essere, un calippo?!

Fiore:      No, ‘nu “Fior di fragola”! Si dice califfo.

Roberto: Senti, Fiore, noi due non potremo mai metterci insieme. Non esiste il flit!

Fiore:      (Ironico) E mò comm’’e ‘ccedimme ‘e zanzare?! Ma non si dice flit. Si dice flirt.

Roberto: Ma che me ne ‘mporta a me? Siente, mò m’he’ scucciato. He’ capì? Ja’, vattenne.

Fiore:      E va bene, me ne vado. Ma sappi che ho perso solo la battaglia, non la guerra!

                Gli lancia un bacio e se ne va.  

Roberto: (Schifato) M’ha fatto avutà ‘e maccarune ‘int’’o stommeche, chisto!

                Dalla comune entra Rita Belvedere, bella e provocante fidanzata di Roberto.

Rita:        Roberto!

Roberto: Uhé, Rita. E tu che si’ venuta a ffa’ ccà?

Rita:        Niente, vulévo sapé sulo si he’ pusato ‘a rrobba ch’amme arrubbato primma.

Roberto: Stattu zitta, nun alluccà.

Rita:        E scusa, quello è l’entusiasmo. Tutti sanno che io sono una agente immobiliare. E

                 invece, con la scusa di vendere le case…

Roberto: Arrivo io e saccheggio!

Rita:        Esatto! E senti, gliel’hai detto quel fatto ai tuoi? 

Roberto: Che vaco arrubbanno? Ma si’ pazza? Sulo che papà l’ha saputo ‘o stesso.

Rita:        No, io dicevo il fatto che io sono incinta.

Roberto: Ma si’ pazza doje vote?! Quelli non sanno nemmeno che tu esisti!

Rita:        Ah, sì? Quanno me cresce ‘a panza, comme m’’a nasconno?

Roberto: E che vulìsse fa’?

Rita:        Mi devi sposare.

Roberto: Rita, ma a te te piace ‘e pazzià? Facciamo così, poi ne riparliamo.

Rita:        Vabbuò, allora famme vedé ‘a rrobba ch’amme arrubbato. Addò ‘a tiene? 

Roberto: Sotto al mio letto. Vieni a vedere… sciàcquete ll’uocchie!

                 I due vanno via a sinistra.

6. [Antonio e Virginia. Poi Roberto e Rita]

                 Da destra tornano Antonio e Virginia.

Antonio:  Ma tu overamente staje dicenno?

Virginia: Sì: ‘a signurina Marilena, accòmme ha visto ‘o prufessore, nun pareva cchiù essa.

Antonio: Ma no, nun ce credo proprio. Secondo te, ‘o prufessore se mette cu’ chella?

Virginia: Pecché, tu dice che no?

Antonio: Ma pe’ piacere. A me, questo fatto, mi sembra una farsa… una parotite! 

Virginia: Vabbé, lass’’a sta’, puverella. Essa nun è giovane comm’a Roberto e Rossella.

                E da sinistra tornano Roberto e Rita (con lo zainetto in mano).

Rita:        Robé, è proprio bella ‘sta rrobba!

Roberto: He’ visto, Rita?

Virginia: (Nota i due e chiama Roberto) Uhé, Robé…

                Roberto e Rita si spaventano (lei lascia cadere lo zainetto).

Roberto: Cretina, ce stanne ‘e bbicchiere ‘e cristallo cca’ ddinto!

Rita:        Scùseme, io me so’ spaventata!

Antonio: Robé, e chi è ‘sta bella signurina?

Roberto: (Imbarazzato, si avvicina) Ah, ehm… è la mia fidanzata Rita. Vieni, Rita.

Rita:       (Si avvicina) Ehm… piacere, Rita Belvedere.

Antonio: Ah, Virgì, ave raggione ‘o cugnomme, chesta è overamente ‘nu bel vedere!

Virginia: Uhé, fa’ ‘a perzona educata e saluta.

Antonio: Ciao, io sono il papà di Roberto. Lui è mio figlio perché vive in casa mia!

Virginia: ‘E che bella presentazione! Comunque, ciao Rita, io sono la mamma di Roberto.

Rita:        Piacere.

Antonio: Néh, Robé, ma che ce sta dint’a chillu zaino? ‘E bbicchiere ‘e cristallo?

Roberto: Che? No, quanno maje? Ce stanne cierti vestite viecchie.

Antonio: Sì, ma io aggio ‘ntiso ‘nu rummore ‘e vetro ca se scassava.

Rita:        No, ehm… c’erano anche i miei occhiali da sole. Ma tanto, li dovevo buttare!

Virginia: Senti, Rita, vuoi mangiare qua con noi?

Rita:        No, con tutto il cuore, ma io me ne devo andare a casa, perché mi aspettano.

Antonio: Vabbuò, è meglio accussì, pecché ‘e maccarune so’ ffernute!

Virginia: E stattu zitto!... No, quello scherza. E senti un po’, che cosa fai di bello nella vita?

Rita:        Ehm... lavoro. Sono agente immobiliare.

Antonio: Ah, he’ capito? Fa l’agente immobiliare, cioè acconcia ‘e mobbile scassate!

Rita:        No, quello è il mobiliere. Io invece metto in contatto chi vuole comprare e chi

                 vuol vendere una casa. Praticamente, io apro le case…

Roberto: E io me piglio tutto cose…!

Rita:        (Dà uno spintone a Roberto) E le faccio visitare alla gente.

Virginia: Ah, mò ho capito. Senti, Rita, penso che tu lo sai che mio figlio non ha un lavoro 

                 fisso. E perciò, volevo chiederti, ma mica già avete fatto progetti di matrimonio?

Rita:        Beh, il fatto è che noi due ci dobbiamo sposare per forza.

Virginia: Ah, sì? E perché?

Rita:        Perché io sono inc…

                 Roberto la interrompe con dei forti colpi di tosse.

Virginia: Ma che d’è, Robé? Tiene ‘a tosse, a mammà?

Roberto: E sì, sono un poco raffreddato.

Rita:        Sì, però io stavo dicendo che sono incin…

                 E Roberto fa colpi di tosse ancora più forti.

Antonio:  Néh, ma che razza ‘e tosse tene chisto?!

Rita:        (Ironica) Tiene la tosse convulsa!

Antonio:  E sì, tene ‘a tosse cu’ ‘a puzza!

Roberto:  Uhé, Rita, jammuncenne, ‘a casa toja stanne ‘npenziero. Mammà, papà, io

                 accumpagno a Rita. Ce vedimme aroppo.

Rita:         No, ma io…                 

Roberto:  (Prende lo zainetto e prende per mano Rita) Nun voglio sapé niente, jamme, ja’.

                 Se la tira via e i due escono via di casa.

Virginia:  E s’è fidanzato pure Roberto.

Antonio:  E amma parlà ‘nu poco io e isso. Nun ha da arrubbà cchiù.

Virginia:  E già, chesta è ‘a primma cosa.

Antonio:  Vabbuò. Io me vaco a ffa’ ‘n’ora ‘e suonno! Ne parlamme cchiù tarde.                 

                 Antonio va via a sinistra.

Virginia:  E va’, va’. Biato a te che tiene ‘o genio ‘e durmì!

                 Va via a destra.

7. [Rossella, Mario Cainato e Antonio]

                  Dalla comune entra Rossella.

Rossella:  Mannaggia a Rino: comme parle, fa guaje! E intanto sono riuscita a far credere a

                  mammà e a papà che io sono incinta.Ma quando mai? Io me lo voglio sposare  

                  per andarmene da Barra. Non lo sopporto più questo posto. Non c’è allegria.

                  Dalla comune arriva Mario Cainato, impresario funebre: è vestito tutto di nero.

Mario:     (Ha il viso emaciato ed una parlata lenta e profonda) Buongiorno. E’ permesso?

Rossella:  Buongiorno. Prego, entrate.

                 Mario entra e le si avvicina lentamente.

                 (Mamma mia, a proposito ‘e allegria, e chi è chisto?!). Scusate, ci conosciamo?

Mario:     Credo di no. Mi chiamo Cainato Mario. Sono lo zio di Rita.

Rossella:  Rita? Ma io non conosco nessuna Rita.

Mario:     Forse ho sbagliato indirizzo? Qua vive il signor Antonio Del Giudice?

Rossella: Sì, è mio padre. Però, vista l’ora, starà riposando. Volete qualcosa da lui?

Mario:     Sono venuto per parlargli di Roberto. Io sono un impresario di pompe funebri.

Rossella: (Preoccupata) Oh, no, non mi dite che è morto mio fratello!

Mario:     Ma quanno maje? Si tratta di un’altra cosa..

Rossella: (Rassicurata) Ah, e la morte non c’entra niente?!

Mario:     No… almeno per adesso!

Rossella: Meno male. Allora accomodatevi. Io vado a chiamare mio padre. Con permesso.

Mario:     Grazie tante. Vai pure.

                 Rossella va a sinistra, mentre Mario si accomoda. Da sinistra, entra Antonio.

Antonio:  Ma chi me vò a me? (Lo nota) Uh, Marò, e chi é? (Lo guarda sorpreso) Salve.

Mario:     Ah, buongiorno. Siete voi il signor Antonio Del Giudice?

Antonio:  (Si avvicina dubbioso) Sì, sono io. E voi chi siete?

Mario:     Cainato Mario.

Antonio:  Ah, vuje site ‘o cainato ‘e Mario?

Mario:     Lo zio di Rita.

Antonio:  Site ‘o cainato ‘e Mario, ‘o zio ‘e Rita? E chi è tutta ‘sta gente?

Mario:     Ma nisciuno, so’ sulamente io. Io sono Cainato Mario.

Antonio:  Aspettate, chianu chiano: vuje site ‘o cainato ‘e Mario. Ma chi è mò ‘stu Mario?

Mario:     Songh’io.

Antonio:  Scusate, ma si vuje site Mario, comme facite a essere ‘o cainato vuosto?

Mario:    Ma io sono Cainato Mario, lo zio di Rita.  

Antonio: Ah, aggio capito, vuje site ‘o zio ‘e Mario, ‘o cainato ‘e Rita!

Mario:    No, tutt’’o cuntrario!

Antonio: Inzomma, se po’ ssapé ‘e chi cacchio site ‘o cainato? 

Mario:    Di nessuno. Io mi chiamo Mario Cainato.

Antonio: Ah, e tanto ce vuleva? Vuje dicite primma ‘o cugnomme e ppo’ ‘o nomme!

Mario:    E comunque sono lo zio di Rita, la fidanzata di Roberto.

Antonio: Ah, mò sto’ avviànno a capì. Allora prego, accomodatevi.

Mario:    No, grazie, posso trattenermi solo per poco tempo. Possiamo parlare?

Antonio: Dite, dite.

Mario:    Vedete, io per Rita sono sia il padre che la madre. Caro signore, io sto qua,

                perché devo fare le veci.

Antonio: Uh, e pecché nun l’ate ditto subito? Venite cu’ me, v’accumpagno ‘int’’o bagno!

Mario:    No, ma addò me vulite accumpagnà? Io le devo fare qua!

Antonio: No, e ppo’ se sporca ‘nterra! Ja’, ventite, accussì ve dongo pure ‘a carta igienica!

Mario:    Ma ch’ate capito? Io dicevo che devo fare le veci dei genitori di Rita, cioé, li

                devo sostituire. Tra l’altro, sono il titolare di un’impresa di pompe funebri.

Antonio: (Preoccupato) Mamma ‘e Ll’Arco! Facite ‘stu lavoro?

Mario:    (Fiero) Da dieci generazioni! Pensate, un mio avo fece il funerale al re Vittorio

                Emanuele! Io, invece, sono vedovo. E il funerale a mia moglie, gliel’ho fatto io!

Antonio: Siente, siente! E a te chi t’’o fa?!

Mario:    Come, scusate?

Antonio: Ehm… no, io dicevo: ma a vostra moglie l’avete portata nella camera al dente?

Mario:    Eh, sì, ‘a vulevo fa’ cocere ‘nu poco! Sentite, quella si chiama “camera ardente”!

Antonio: Ah, eh, già…! E ditemi una cosa, invece il padre e la madre di Rita che fanno?

Mario:    (Non sa che dire) Ehm… il padre sta agli arresti domiciliari e la madre anche!

Antonio: Pure? Ma cu’ chi me sto’ ‘mparentanno, io?

Mario:    Ma voi sapete che vostro figlio ruba? E perciò, io sono venuto qua a reclamare.

Antonio: Cioè, si è rubato qualche bara dal vostro negozio? E pago io! Diciteme quant’è! 

Mario:    Ma no, aspettate. Io volevo dire che lui deve smettere di rubare. Non sta bene.

Antonio: E a chi lo dite? Però po’ essere ca cunuscénno a Rita, ch’è ‘na bona guagliona... in

                tutti i sensi... cagne pur’isso. Quella fa pure un bel lavoro: è agente immobiliare.

Mario:    Accussì v’ha ditto? Ma no. Chella fa pure essa ‘a marjola ‘nzieme a Roberto!

Antonio: (Sorpreso) Che?

Mario:    Ah, ma allora voi non sapete niente? Ma non parlate mai con vostro figlio?

Antonio: No, quello mio figlio non parla mai con noi. E’ un tipo omerdoso!

Mario:    Ah, ho capito. Sentite, vi voglio aiutare. E sapete in che modo? Offrendo lavoro a

                Roberto nelle mie imprese funebri. Siete contento? 

Antonio: Io, sì. Amma vedé si è cuntento isso! In ogni caso, io vi ringrazio.

Mario:    Sentite, Roberto deve accettare e basta, perché io vi ho detto che lui e Rita rubano,

                ma non vi ho detto ancora la cosa più importante: quei due aspettano un bambino.

Antonio: (Non si capacita) No…

Mario:    E invece sì.

Antonio: (Sconvolto) Uh, Marò… mio figlio è incinta! 

                E si mette le mani in faccia in segno di vergogna (Mario lo guarda stupito).

FINE ATTO PRIMO

Salone di casa Del Giudice, il giorno dopo. Virginia ed Antonio si sono vestiti a lutto!

ATTO SECONDO

1. [Antonio, Virginia, Marilena e poi Paolo Deretano]

                  Virginia è seduta al centro a leggere un quotidiano sportivo.

Virginia:   1X1212XXX11111! Buono, ‘sta semmana aggio fatto ‘nu punto ‘e cchiù ‘e ll’ati

                   vvote: duje punte! (Posa il giornale sul tavolo) Aggio migliorato ‘nu poco!  

                  Dalla comune entra Marilena con una busta in mano, come al solito arrabbiata.

Marilena: Néh, uhé, inzomma, signora Virginia, ma mò ha da ì a fernì a “pisce fetiente”?

Virginia:   (Si alza in piedi) Signò, calmateve. Site trasuta senza manco salutà.

Marilena: Ma che me ne ‘mporta ‘e salutà? (Le mostra la busta che ha con sé) ‘A vedite

                  ‘sta busta? Ccà ddinto ce sta ‘a rrobba che vuje m’’ate ittato ‘int’’o barcone mio!

Virginia:   Ma che ddicite? Caso mai, songh’io ca trovo ‘a rrobba vosta ‘int’’o barcone mio.

Marilena: E nun cagnàmme ‘e ccarte in tavola. Guardate ‘int’’a busta che ce sta, guardate.   

                  Marilena consegna la busta a Virginia, che dà una sbirciata dentro.

                  State vedenno? Ve state rendenno conto? Chella è ‘a rrobba ‘e vostro marito.

Virginia:  ‘Nu pupazzo ‘e Topolino, ‘nu Topo Gigio, ‘o cavallo ‘e Barbie e ‘o cubo magico.

                  (Le restituisce la busta) Sentite, chesta nun è rrobba nosta.

Marilena: E si nun è ‘a vosta, ‘e chi è?

Virginia:  Ma mica ce sta scritto ‘o nomme nuosto ‘ncoppa a ‘sta rrobba? E ppo’, si nun ‘o

                  ssapite, in genere… la roba cade da sopra, non dal basso!

Marilena: ‘O vero? E quala legge ‘o ddice?

Virginia:   Eh, pe’ ve spiegà ‘stu fatto, ce vulésse chi sacc’io. Ma mò nun ce sta.

                  Si riferisce al prof. Paolo Deretano, che proprio in quel momento arriva.

Paolo:       E’ permesso? Si può?

Marilena: (Si addolcisce subito) Oh, carissimo professore. Venite, entrate!

Virginia:   Se permettete, io stongo dint’’a casa mia! Venite, prufessò, trasite. Vi aspettavo.

Paolo:       (Si avvicina alle due) Grazie. 

Virginia:   Prufessò, scusate, m’’ita da’ suddisfazione: la signorina qua presente, come

                  sapete, abita al piano di sopra. Mò lei dice che le nostre cose cadono nel suo

                  balcone. Però noi abitiamo sotto a lei. E’ possibile quello che dice la signorina?

Paolo:       Assolutamente no. Per effetto della “Legge della forza di gravità”.

Virginia:   Ate ‘ntiso?

Marilena: (Acida con lei) Sentite, a me nun me ne ‘mporta niente d’’a forza ‘e gravidanza!

                  (Dolce con lui) Comunque ve voglio bene ‘o stesso, anche se mi avete dato torto.

                  (Poi rozza) Signora Virginia, pe’ ‘sta vota avite raggione vuje! Stateve bona!

                  Fa l’occhiolino a Paolo ed esce via, con la busta in mano, a passo deciso.

Paolo:       Non capisco.

Virginia:   Niente, prufessò, nun ce facite caso. Uh, scusate, l’ho detto in napoletano.

                  Volevo dire: non ci fate cacio!...

Paolo:       (No, ce faccio gorgonzola!).

Virginia:   Ma prego, professò, accomodatevi. Posso offrirvi qualcosa?

Paolo:       No, grazie, vado via subito. Sono solo passato a trovare Rossella. E’ un po’ di

                  tempo che non la vedo. Ma sta bene?  

Virginia: No, quella sta benissimo. Solo che ultimamente è uscita leggermente incinta!

Paolo:      Veramente? Allora auguri!

Virginia: Sì, grazie. Solo che io non sono molto contenta, perché lei non è sposata. Ha fatto

                 ‘o guajo, prufessò! Scusate se parlo così, ma io non sono istruita come voi.

Paolo:      Il fatto è che da queste parti manca una cosa fondamentale: la cultura. Senza

                 quella, non si fa niente. Voi, per esempio, sapete leggere e scrivere?

Virginia: No. Né io, né mio marito. Mio figlio un poco poco, e mia figlia ha fatto fino al

                 primo anno di liceo classico. Non lo so se sa ancora leggere e scrivere!

Paolo:      Per la verità, la cultura non è solo saper leggere e scrivere. E’ anche capire e

                 ascoltare chi ne sa più di voi. Avete capito?

Virginia: Prufessò, comme me piace ‘e ve sentì ‘e parlà. Mò aggio capito pecché ‘a

                 signurina Marilena s’è ‘nnammurata ‘e vuje!

Paolo:      Cosa?

Virginia: No, ehm… si è innamorata di come parlate.  

Paolo:      Ah, ecco. Il discorso è che voi dovreste tornare tutti a scuola per imparare.

Virginia: Prufessò, ‘o ssapite ca me piace st’idea? Però ci vorrebbe un professore come voi.

Paolo:      Perché no? La mattina vado a scuola, ma il pomeriggio sono libero.

Virginia: Solo che poi dove le facciamo le lezioni? 

Paolo:      Beh, se non vi è di fastidio, pure qua a casa vostra. Anzi, proprio in questa stanza.

Virginia: Sì, va benissimo.  

Paolo:      Allora, per la prima lezione, va bene domani pomeriggio alle tre?

Virginia: Sì, sì, tanto, io stongo ‘e casa ccà! A proposito, ma le sedie dove le metto?

Paolo:      Basta spostare il tavolo e mettere le sedie a centro stanza. Io invece sto lì a destra.

                 Però non vi ammassate troppo. Voglio vedervi defilati! Mi capite? Defilatevi!

Virginia: Non vi preoccupate.

Paolo:      Perfetto. Domani cominceremo con queste materie: grammatica, un po’ di

                 matematica, un po’ di geografia, e all’ultima ora educazione sessuale.

Virginia: Eh, e io nun veco ll’ora che vene ll’urdima ora!

Paolo:      Bene, allora, a domani, signora Virginia.

Virginia: Arrivederci, arrivederci.

                 Paolo fa il baciamano a Virginia e poi esce via. Lei lo osserva meravigliata.

                 Che uomo galante! Aggia ‘mparà a Antonio a essere accussì.

                 Dalla comune entra Antonio con due buste di spese in mano.

Antonio:  Virgì, io sto’ ccà. (E posa le buste su una sedia)

Virginia:  (Spoetizzata) ‘O vi’ lloco, ‘o vi’! (Va da lui) Tale quale ‘o prufessore Deretano.

Antonio:  E che ce azzecca ‘o prufessore, mò?

Virginia:  Niente, da domani si fa scuola in casa nostra, in questa stanza. E c’’e sta’ pure tu.

Antonio:  Ma comme facite a ve mettere ‘int’a ‘sta ‘stanza?

Virginia:  E lui ha detto: “Non vi ammazzate troppo. Voglio vedervi depilati! Depilatevi”!

Antonio:  Ma pecché, si ce depilamme, ce trasimme? Ohi né, aggie pacienza! Chiuttosto,

                 guarde che bella spesa aggio purtato. Pienze, ce steva ‘a promozione d’’o 3X3!

Virginia:  ‘A promozione d’’o 3X3? E che d’è, ‘na promozione, chesta?

Antonio:  Pecché, nun è bona?

Virginia:  Ma si’ scemo? Tu accatte tre ccose, ‘e ppave tutt’e tre, e addò sta ‘o vantaggio?

                 Marò, nun saje fa’ proprio niente! Famme vedé che he’ accattato, va’…

                 Controlla nella busta, mentre Antonio si siede, rilassandosi, al tavolo.  

Antonio:  Uh, è ‘o vero!A proposito, Virgì, ma pecché ce simme vestute ‘e niro, io e te?

Virginia: (Va a sedersi accanto a lui) Pecché stamme a lutto, Antò! E’ morta la dignità!

Antonio:  E già, dice buono tu. I nostri figli ci deludono sempre. Nonostante tutto i pochi

                 soldi che teniamo, non gli facciamo mancare niente.

Virginia: E intanto, mò l’amma spennere pe’ ffa’ nascere ‘e figli ‘e Roberto e Rossella.

Antonio:  ‘E che bellezza: Rita tene ‘e genitore agli arresti domiciliari, e ‘o ‘ngigniere tene    

                 ‘o pato che ffa’ ‘o piscatore! E picciò, nisciuno ‘e lloro po’ caccià sorde.

Virginia: E intanto, stammatina aggio ‘ntiso a Roberto e a Rossella ‘e parlà ‘int’’o bagno.

                 Io mi sono messa dietro alla porta a orecchiare! Però nun aggio capito niente!

Antonio:  Ma chiste che caspito hanne cumbinato? Tenene tutte ‘sti segrete!

Virginia: E chi ‘e ccapisce? Vabbuò, Antò, mò jamme a purtà chella spesa ‘int’’a cucina.

Antonio:  E certamente. Ma overamente ‘a promozione del 3X3 nun è bona?  

                 Su questo interrogativo, i due prendono le buste ed escono a destra.

2. [Roberto. Poi Antonio, Rossella, Laura Tiamo e Rita Belvedere]

                 Dalla comune entra Roberto. Pare sconvolto.

Roberto: Oh, no, ‘a polizia me sta cercanno. Mannaggia! Coccheduno ha purtato spia.        

                 Torna all’ingresso e guarda fuori.

                 Niente di meno, ce stanne pure ‘e cani poliziotto. Ua’, e chi hanna acchiappà, ‘nu

                 boss criminale? (Poi nota qualcosa di strano) Ma… se ne stanne jenno?

                 Infastidito, esce di casa e grida qualcosa agli agenti.

                 Scié, addò jate? Io stongo ccà!

                 Poi torna in casa, pentito di quel che ha fatto.

                 Ma che stongo facenno? Chille nun stanne ccà pe’ me. E allora m’’a songo 

                 scanzata pure ‘sta vota. Però m’aggia sta’ attiento. Ce ll’aggia dicere pure a Rita.

                 Si calma dallo spavento ed esce a sinistra. Dalla cucina (destra) torna Antonio.

Antonio:  ‘O prufessore ce vo’ ‘mparà a leggere, a scrivere, ‘a geografia, ‘a storia… e pure

                  l’educazione sessuale! Ma si io songo già esperto! (Si siede sul divanetto)

                  Secondo me, chillo nun tene manco ‘a laurea. E ppo’ io so’ nato ignorante e

                 ignorante moro. (Man mano, parlando, parlando, si addormenta) E sì, ho deciso. 

                 Russa appena, appena. Dalla comune entra Rossella che gli va vicino. 

Rossella: Ah, papà sta durmenno. Invece mammà sta sicuramente cucenanno. ‘E ch’allerìa,

                 ‘int’a ‘sta casa! Comunque basta, ora gli dico la verità: io non sono incinta e Rino

                 non è laureato. Noi abbiamo pure deciso che dopo sposati, all’inizio,  veniamo a

                 stare qua. E il mio primo vero figlio, lo avremo in questa casa. Anzi, in questa

                 stanza, e nessuno ci dovrà disturbare! Poi però dopo ce ne andiamo da Barra. Eh,

                 Rossé, si’ proprio ignorante pecché nun saje campà. E invece, ‘e ccose s’hanna  

                 sapé leggere e scrivere. Famme scetà a papà, va’. Papà!... Papà!

Antonio:  (Svegliandosi) No, nun me voglio ‘mparà a leggere e scrivere. ‘Mparateve vuje!

Rossella: Papà, so’ Rossella.

Antonio:  (Si ridesta) Uh, scusami, mi ero un poco assorbito!

Rossella: Mi posso sedere vicino a te?

Antonio:  Sì, sì, comme!

                 Rossella gli siede accanto.

                 E allora? M’he’ ‘a dicere coccosa?

Rossella: Sì, papà. Nella vita, le cose bisogna sapere come si leggono e come si scrivono!

Antonio:  Ah, t’hanne cunvinta pure a te? Ma è meglio ch’’o ssaje, io nun so’ d’accordo.

Rossella: Ma io, anni fa, ho commesso un brutto errore: ho lasciato la scuola al primo anno

                 di liceo. Mi sono persa i migliori anni della mia vita.

Antonio:  Ah, mò l’he’ capito?

Rossella: E già. Io vi ho sempre detto bugie, bugie, solo bugie. Ma ora voglio dire la verità.

Antonio:  Aggio capito tutto cose. Tu e isso ve site mise d’accordo. 

Rossella: (Sorpresa) Ma perché… allora tu hai capito?

Antonio:  E se capisce. Invece, mammeta nun ha capito niente. Anzi, sai che ti dico? Chillo

                 vo’ fa’ tanto ‘o saputo. Ma secondo me, quello non tiene neppure la laurea.

Rossella: E infatti non ce l’ha.

Antonio:  ‘O vi’? Io ll’aggio ditto. Comunque io non vi voglio dire niente. Fate quello che

                 volete, ma a me levàteme ‘a miezo! E se volete, mettetevi pure in questa stanza.

Rossella: (Sorpresa) Vuoi che ci mettiamo dentro a questa stanza?

Antonio:  Sì. Ma si’ sorda?

Rossella: Sì, però poi ce ne andiamo. Papà, a me non mi piace più di stare qua.

Antonio:  Facite comme vulite! Intanto, dal primo giorno, farete l’educazione sessuale!

Rossella: (Vergognata) Papà, ma che dici?

Antonio:  Eh, nun te mettere scuorno! Noi siamo tutti adulti. Anze, quanno ve mettite ccà…

                 io, ogni tanto, passo e ve vengo a controllà!

Rossella: E no, papà, tu non puoi passare e spiare mentre noi stiamo facendo... quel fatto là!

Antonio:  E no, figlia mia, io aggia fa’ ‘o supervisore! Stai tranquilla, non vi darò fastidio!

Rossella: (Felice) E va bene, papà. Io mi pensavo che tu mi odiavi per quello che ho fatto.

Antonio:  No, ma che ddice?

Rossella: E allora adesso mi toccherà dirglielo a mammà.

Antonio:  Ma chella, mammà, è cuntenta pur’essa. Ha detto che quando vi mettete qua, lei

                 si deve mettere con gli occhi da fuori, e non si deve perdere niente!

Rossella: Ma ch’amma fa’, ‘o spettacolo? E che ti devo dire? Ora vado a dirglielo a Rino.

Antonio:  Brava. ‘Nu poco ‘e ripetizione, fa buono pure a isso!

Rossella: (Si alza) Ciao, io vado. Ah, e grazie…

                 Ed esce di casa. Antonio si alza e sistema le sedie al tavolo.

Antonio:  Vide comm’è cuntenta ch’’o prufessore vene ccà a ffa’ lezione. Penzànnece

                 buono, pure a Roberto le po’ sservì! E allora mò ce ‘o ddico pure a isso…

                 Va a sinistra. Dalla comune entra Laura, l’altra ragazza di Roberto (ben vestita).

Laura:     Ah, Roberto vive qua. E che si pensava, quello? Che mi lasciava così, senza che

                 facessi niente? Sai che bella sorpresa, quando mi vede? Lui deve sposarmi,

                 perché io sono incinta!

                 Da sinistra torna Antonio.

Antonio:  Niente, Roberto ha ditto ca nun se vo’ ‘mparà! Oh, ce sta poco ‘a fa’: quello

                 asino è, e asino resta! (Nota Laura e la squadra dalla testa a piedi) Buongiorno.

Laura:     Buongiorno.

Antonio:  Scusate, signorina, ma non ho l’onore di conoscervi.

Laura:     (Dolce) Laura… Tiamo.

Antonio:  (Sorpreso) Come? Non ho capito la seconda cosa che avete detto.

Laura:     Tiamo, Tiamo.

Antonio:  Signorina, vi ringrazio che mi amate, ma io sono già sposato. Ormai ho già dato!

Laura:     Ma io ho detto Tiamo!

Antonio:  E vabbé, se proprio insistete… amatemi pure! Il nostro sarà un amore piattonico!

Laura:     Ma non avete capito. Io mi chiamo Tiamo di cognome. Sono Laura Tiamo.

Antonio:  Ah, è ‘o cugnomme? (Finge d’aver capito) Ma io già l’avevo capito! Permettete?

                 Io me chiammo Antonio!

Laura:     Piacere. Per caso conoscete un certo Roberto Del Giudice?

Antonio:  Niente di meno? E si nun ‘o conosco io!

Laura:     E non ci sta in questo momento?

Antonio:  Sta nella sua stanzetta. Ma perché, è successo qualcosa?

Laura:     E me lo chiedete? Roberto ha rubato la mia verginità!

Antonio:  E chillo s’arrobba sempe tutto cose! Ma comm’aggia fa’?

Laura:     Quel disgraziato tiene uno scheletro nell’armadio!

Antonio:  Pure ‘o scheletro vuosto s’è arrubbato? E se l’è nascosto ‘int’’allarmadio?!

Laura:     Ma che si pensa, che si può rubare anche il mio cuore?

Antonio:  No, anquattatavìllo a cocche parte!

Laura:     Ma che disonesto!

Antonio:  Signurì, jate ‘int’’a stanzetta soja e cazziatelo! V’ha da restituì ‘a rrobba vosta!

Laura:     Va bene. E allora con permesso.

                 E va via a sinistra.

Antonio:  Mannaggia a Roberto. Ma che male aggio fatt’io p’avé ‘nu figlio accussì?

                 Dall’ingresso (al centro) entra Rita con uno zainetto sulle spalle.

Rita:        (Entrando) Roberto…!

Antonio:  Ah, ccà ce sta pure ‘a complice! Vieni, vieni, entra.

Rita:        (Si avvicina) Ah, buonasera, don Antonio.

Antonio:  (Nota lo zainetto) E che ce sta là ddinto? ‘A refurtiva? Ve l’ata spartere tu e isso?

Rita:        No, si tratta di un regalo. E’ per Roberto. Gliel’ha fatto mio zio.

Antonio:  (Di nascosto fa le corna) Chi? ‘O schiattamuor… ehm… volevo dire, il beccaio?

Rita:        Volete dire il becchino!

Antonio:  E va buono, isso. E ‘e che se tratta?

Rita:        E’ la mascotte del suo negozio: una testa di morto a peluche!

Antonio:  Uhé, uhé, vedite addò ‘o jate a mettere ‘stu coso!

Rita:        Sì, sì, va bene, ma adesso dove sta Roberto?

Antonio:  Si ‘o vvuò sapé, sta dint’’a stanzetta soja cu’ ‘na signurina.

Rita:        (Sorpresa) Una signorina? E chi è?

Antonio:  Una derubata! Quello le ha rubato due cose: la verginità e lo scheletro 

                 dell’armadio! E mò se vo’ piglià pure ‘o core!

Rita:         Ma che state dicendo? Che cos’è questa storia?

Antonio:  Ah, tu nun saje niente? Comunque mò basta! Si nun ‘a fernite ‘e arrubbà, a isso

                 ‘o piglio a cavice, mentre a te… (Le guarda il sedere)… a te ti sculaccio!

Rita:         Va bene, io vado da Roberto. Voglio vedere che sta facendo e con chi.

Antonio:  Va’, va’. Io esco un secondo di casa. Ma quando torno, voglio sapere tutto.

                  I due si dividono: lei va a sinistra e lui esce di casa.

3. [Virginia e Rino. Poi Rossella]

 

                 Dalla cucina (destra) torna Virginia. Pare felice.

Virginia: Ah, ‘e che bellezza! Mò ce putìmme mettere ‘o stesso livello d’’o fidanzato ‘e

                 Rossella, Rino, pure si isso è laureato e nuje no!

                 E dalla comune arriva Rino (in giacca e cravatta).

Rino:       Permesso.

Virginia: Ah, viene, Rino, trase.

Rino:       (Avvicinandosi a lei) Buongiorno, signò. Che se dice?

                 Le stringe la mano, poi se la pulisce addosso.

Virginia: (Lo guarda, stupita) Tutto a posto. (E si pulisce anche lei la mano addosso)

Rino:       Ch’è succieso, signò? Tengo ‘e mmane sporche?

Virginia: No. Però faccio comme faje tu! E allora, che se dice ‘e bello?

Rino:       Eh, signò, se va annanzo. Però nun è facile a vénnere ‘e pisce…!

Virginia: Quali pisce?

Rino:       Ehm… quali pisce? No, quello è un modo dire che la vita è difficile. Ate capito?

Virginia: E nun te prioccupà. Primma o poi, ‘o lavoro se trova . Tu tiene chella bella laurea!    

Rino:       (Cambia discorso) Ehm... signora Virginia, nun ce sta Rossella?

Virginia: Nun ‘o ssaccio. Ma mò vide che vene. Anze, ce aggia dicere che dimane, ccà

                 ddinto, ‘o prufessore ce fa scola a tutte quante! E soprattutto, gratis!

Rino:       ‘O vero?

Virginia: Sì. A proposito, tu nun è che te vulìsse ‘mparà coccosa? Ah, già, tu si’ laureato!                  

                 Ma un giorno, io arriverò alla tua cultura!

Rino:       Comme, no?! E che ce vo’ a arrivà ‘a cultura mia? Ce arrivate ‘int’a niente!    

Virginia: Sì, sfutte, sfutte, tu! E dove sta la facoltà dove ti sei laureato?

Rino:       E chi ‘o ssape? Cioè, sta in Africa. E’ l’unica al mondo.

                 Dalla comune entra Rossella che nota i due e si preoccupa un po’.

Rossella: Uh, Marò…

Virginia: Ah, ce sta pure Rossella. Viene ccà, a mammà.

Rossella: (Si avvicina un po’ indecisa) Ehm… ciao a tutti e due.

Rino:       Uhé, ammore mio!              

                 Rossella dà un bacio sulla guancia a Rino, e lui si pulisce con il braccio. 

Virginia: (Ma che d’è? A chisto le fa schifo pure Rossella? E chi ‘o vasàsse maje?).

Rossella: E di che cosa stavate parlando?

Virginia: Del lavoro del tuo fidanzato.

Rossella: Ah, del tuo lavoro? Ma si tratta del lavoro che sappiamo noi?

Rino:       E mica so’ scemo, Rossé? E ppo’ aggio ditto a mammeta, che cocche vvota,

                 m’aggia purtà a piscà pure a pateto! E ‘a varca mia, ce ‘a faccio remà a isso!

                 E, al sentire quelle parole, Rossella ha un mancamento tra le braccia di Rino.

Virginia: (Preoccupata) Uh, Marò, ‘a figlia mia! Facìmmele assettà ‘ncoppa ‘a seggia.

Rino:       Sì, subito!

                 La lascia e lei si inginocchia a terra, e le prende una sedia. Virginia si arrabbia.

Virginia: Cretino, ma che ffaje? ‘A faje assettà ‘nterra?

Rino:       E comme ce ‘a piglio, ‘a seggia?

Virginia: Ma famme ‘o piacere! Aìza a chesta! Mamma mia… Rossella, Rossella, scitete.

                 Rino la fa sedere, poi tenta di svegliarla. 

Rino:       Uhé, Rossé, e scitete! Scitete!

Rossella: (Si sveglia) Non è niente, non è niente.

Virginia: Néh, ma che sarrà stato?

Rossella: Niente, forse sono svenuta perché... sono incinta. Del resto, io sono al terzo mese.

Rino:       Aéh, voglio vedé fra sei mise, a do’ ‘o pigliamme, ‘o criaturo!

                 Rossella gli calpesta un piede (e lui saltella dolorante), e poi lei si alza in piedi.

Rossella: Va bene, allora io sto meglio.

Virginia: Si’ sicura? Nun vulìmme fa’ quatte salte ‘o spitale?

Rossella: Ma ch’amma ì, a abballà? No, non ti preoccupare, io sto bene.

Virginia: E allora miéttete ‘int’’o lietto, che mò chiammamme ‘o duttore!

                 Rossella e Rino si guardano in faccia preoccupati, e poi esclamo insieme.

I due:       ‘O duttore?

Virginia: E nun voglio sapé niente, eh: dimane jamme add’’o ginecologo a ffa’ ll’ecografia! Rossella: (Frenetica) No, mammà, a questo punto è meglio che ti dico la verità.  

Virginia: Nun m’interessa. E mò, viénete a mettere ‘int’’o lietto mio.

Rino:       Ah, Rossé, he’ fatto ‘o guajo!

Rossella: E manco te staje zitto, tu? Nun he’ parlato già troppo?!

Virginia: Uhé, jamme. (La prende per mano e la tira verso sinistra)

Rossella: (Uscendo) No, ma io, veramente…

                 E le due escono a destra. Rino appare molto preoccupato.

Rino:       Uh, Maronna ‘e Pumpei! E mò comme se fa? E’ la fine…!

                 E va pure lui a sinistra.

4. [Rita e Roberto. Poi Laura e Ciro]

                 Dalla stanzetta (a sinistra) ecco uscire Rita e Roberto (che si sta giustificando). 

Roberto: Hai capito, Rita? Le cose stanno così.

Rita:        Sì, ma chi è chella che sta ‘int’’a stanzetta toja?

Roberto: Allora nun he’ capito? E’ come ti ha detto papà: a quella ragazza, l’ho derubata

                 prima. Però lei, niente di meno, mi ha seguito e ha scoperto dove sto di casa.

Rita:        E pecché nun ha chiammato ‘a polizia?

Roberto: E che ne saccio? Vabbuò, ma mò tuornaténne ‘a casa, che cchiù tarde amma ì a

                 ffa’ ‘na visita ‘a villa d’’o conte Di Gennaro.

Rita:        No, io nun me movo ‘a ccà. Chi è chella tizia llà ddinto? Voglio sapé ‘a verità.

Roberto: Ancora? E vabbuò, mò t’’a dico: quella ragazza è la mia amante. Anzi, ti dirò di

                 più: è incinta e il padre del bambino sono io. Contenta?

Rita:        Bravo, chesta è ‘na bucia cchiù convincente! Allora me ne posso andare.  

Roberto: Brava! Anzi, sai che ti dico? Ti accompagno a casa… per sicurezza! E ricordati

                 una cosa: qualsiasi cosa tu pensi di me… io ti voglio bene.

Rita:        E pure io.

                 E così i due escono di casa mano nella mano. Da sinistra esce Laura.

Laura:     Ma dov’è Roberto? Ad un tratto è sparito insieme a quella tipa. Ma chi sarà, poi?

                 Entra in casa Ciro con una cassetta di frutta. La posa a terra.

Ciro:        Che bellezza, me songo lasciato cu’ Maria. Accussì pozzo truvà tutt’’e ffemmene

                 d’’o munn… (Nota Laura) Uh, e chi è chesta? E’ ‘a fine d’’o munno!

Laura:     (Si volta e lo nota) (E chi è chist’ato?).

Ciro:        (Le si aviccina con camminata da playboy) Ciao, bella! Ma lo sai che sei proprio

                 un bel pezzo di Marca Antonia?

Laura:     (Imbarazzata) Ehm... ah, sì? Grazie. Tanto piacere, io sono Laura.

Ciro:        Io invece sono Ciro, il fruttajuolo di fiducia della famiglia Del Giudice! La

                 signora mi cerca sempre la frutta per il figlio Roberto.  

Laura:     Roberto? Ma allora tu lo conosci?

Ciro:        Sì. Ora ti faccio vedere la bella cosa! (Va a prendere la cassetta lasciata a terra)

Laura:     (Ah, questo Ciro è un amico di Roberto. Allora gli chiedo delle cose su di lui!). 

Ciro:        (Torna da lei) Eccola qua: ti presento la frutta!

Laura:    Ah, questa mi piace!

Ciro:       Sì? Ti piace? Brava! (Posa a terra la cesta) E lo sai? Io sono pure un poeta.

Laura:    Davvero?

Ciro:       Sì. Mentre scarto la frutta fracica da quella buona, scrivo versi tipo: “Ammore

                mio, pe’ venì addù te… ho sfidato la foschifa”!

Laura:    (Non convinta) Mamma mia, ho la pelle d’oca!

Ciro:       E potrei andare avanti per ore, giorni, mesi, anni, decenni e secoli…!

Laura:    No, basta così! Adesso devo andarmene perché io abito abbastanza lontano da qui.

Ciro:       Vuoi che ti accompagno?

Laura:    No, non ti disturbare. E poi tu non devi vendere quella frutta?

Ciro:       E la vendo dopo! Ti dò un passaggio col mio furgone. Dove abiti?

Laura:    A Piazza Dante, al Vomero!

Ciro:       ‘A faccia d’’o cacchio…! No, volevo dire, che bel posto! Allora, andiano?

Laura:    Sì, però, strada facendo, dimmi qualcosa su Roberto. Ma così, solo per curiosità.

Ciro:       Come no? A proposito, come hai detto che ti chiami?

Laura:    Laura… Tiamo.

Ciro:       (Stupito) (Uh, Marò, chesta manco me conosce… e già mi ha detto che mi ama?).

Laura:    E allora, mi accompagni?

Ciro:       Sì, sì, come. Però mi ripeti un’altra volta il tuo nome e quello che hai detto dopo?

Laura:    Laura… Tiamo.

Ciro:       Bello, bello...! (Prende la cassetta di frutta) Tiene ‘nu nomme bello comm’a te!

                I due vanno via. Uscendo, Ciro le chiede ancora di ripetere il suo nome.

5. [Antonio. Poi Mario e Fiore Di Loto. Poi Roberto e Ciro. Infine Paolo]

                Da comune entra Antonio. E’ molto preoccupato.

Antonio: Mamma ‘e San Biagio dei Librai! Ccà ffora ce sta ‘a polizia. Sta cercanno a Rita e

                a Roberto. E mò chilli duje se n’hanna fujì. Ma pecché ‘int’’a vita mia nun trovo

                pace? Pecché nun pozzo avé ‘nu poco d’allerìa?

                Dalla comune, entra, mesto mesto, Mario che gli si avvicina da dietro.

Mario:    (Come sempre, parla lentamente) Buonasera.

Antonio: (Ma io aggio ditto che vulévo ‘nu poco d’allerìa, e invece guarde chi è trasuto!).

Mario:    (Serio serio) Don Antò, non lo vedete il mio viso sorridente?!

Antonio: Ah, ma pecché, vuje mò stìsseve sorridénno?

Mario:    Perché, non si vede?

Antonio: Sarrà, ma io veco sempe ‘a stessa faccia! Comunque, perché siete così allegro?  

Mario:    Non avete visto i manifesti per strada?

Antonio: Ah, sì, l’aggio viste: sta arrivanno ‘o circo!

Mario:    Ma qualu circo? Io dicevo i manifesti funebri. E’ morto il conte Di Gennaro.

Antonio: ‘O vero?

Mario:    Sì. Sul giornale c’è pure il suo necrologio. Lo avete visto?

Antonio: No. Però mò ve faccio vedé ‘o mio: io tengo ‘o necrologio al quarzo! (Lo mostra)

Mario:    Non ho detto orologio, bensì necrologio, cioè l’annuncio di morte di una persona.

Antonio: Ah, sì? Sentite, e pecché ve fa piacere ch’è muorto ‘o conte Di Gennaro?

Mario:    ‘On Antò, io v’’o ddico, però… acqua in bocca!

Antonio: Ma ve pare...?

Mario:    Con la scusa che gli devo fare il funerale, ho conosciuto la sua giovane vedova,

                unica ereditiera. Era triste… e io l’ho resa felice! Capite a me!

Antonio: Aspit’oh… e si ‘o conte se n’accorge?!

Mario:    ‘On Antò, ma chillo è muorto!... E grazie a lui, io ho fatto affari d’oro.   

Antonio: Ah, ma allora ‘o mestiere vuosto funziona! E già, e chi è ca oggie nun more?

Mario:    Ed è per questo che voglio che Roberto entra nella mia grande famiglia.

Antonio: V’’o vulite adottà?

Mario:    No, nella grande famiglia delle Pompe funebri Cainato: la passione per la morte!

Antonio: ‘On Ma’, e che v’aggia dicere? A me me facesse piacere ca se sistimasse…

                qualunque cosa è. Aspettate, mò ‘o faccio parlà cu’ vuje. Vedo se sta in cucina.

                Va a destra in cucina.

Mario:    E mò vediamo se ci riesco. Ho bisogno di un aiutante perché io da solo non ce la

                faccio. Il guaio è che questo mestiere non lo vuole fare nessuno!

                Intanto entra Fiore Di Loto, che nota Mario e gli si avvicina. I due si osservano.

Fiore:      Scusate, ma io a voi non vi ho mai visto qua dentro.

Mario:    E neanche io a voi.

Fiore:      Allora, permettete? Fiore Di Loto.

Mario:    Cainato Mario.

Fiore:      E di cosa vi interessate, esattamente?

Mario:    Eh, io mi interesso di casse.

Fiore:      Casseforti?

Mario:    Sì, le mie casse sono forti… anzi, fortissime!

Fiore:     (Entusiasta) Uh, mi interesserebbe. Perché non facciamo un gemellaggio?

Mario:    Ma certamente, poi ci metteremo d’accordo.

Fiore:      Sentite, e don Antonio non ci sta?

Mario:    Sta un momento in cucina. Però è già impegnato con me.

Fiore:      Ah, sì? Eh, lo sapevo che prima o poi, don Antonio, lasciava emergere il lato

                femminile che c’è in lui. Anzi, voi non siete neanche male. Ve la cavate.

Mario:    Ma che? Io non sto qua per don Antonio, ma per suo figlio Roberto.

Fiore:     (Arrabbiato) Ah, questo non si fa! Quello, Roberto, è già impegnato con me.

Mario:    ‘O vero? E vedete bene che vi sbagliate, perché Roberto è roba mia.

Fiore:      Ma che? Vuje me parìte ‘nu cadavere all’erto! Io, invece, sono giovane… fresco!

Mario:    Ma questo, don Antonio non me l’aveva detto. E vabbé, però io non lascerò mai

                vincere la concorrenza! 

Fiore:      Ah, sì? Vulìmme sentì che dice isso?

Mario:    E gghiamme addù isso… Sta lloco ddinto. Prego, dopo di voi.

                Vanno a destra. Dalla comune, entra Roberto, va alla porta di sinistra, si ferma.

Roberto: Rita, via libera. ‘A polizia se n’è gghiut...! (Non la vede) Rita! Rita, addò staje?

                E dalla comune entra Ciro.  

Ciro:       (Cantando) “‘Na sera ‘e maggio...”!

Roberto: Uhé, Ciro.

Ciro:       (Felice) Uhé, Robé. ‘A vuo’ sentì ‘na bella cosa?

Roberto: No, mò tengo ati ccose p’’a capa. Devo accompagnare una ragazza a casa sua.

Ciro:       Ma pe’ caso se chiamma Rita?

Roberto: Eh, sì, bravo! E tu comm’’o ssaje?

Ciro:       (Orgoglioso) ‘O ssaccio pecché l’aggio accumpaganata io.

Roberto: Che cosa? In che senso, Ciro? A Rita l’he’ accumpagnata fin’e fora ‘o palazzo?

Ciro:       No, proprio fino ‘e dint’’a casa! E tu nun saje ‘a cosa cchiù bella: essa ha vuluto

                 sapé ‘nu sacco ‘e cose ‘e te.

Roberto: (Preoccupato) Ah! E tu che l’he’ ditto?

Ciro:       Tutto cose.

Roberto: (Gli afferra il braccio) Che? Ma l’he’ ditto tutto cose, nel senso ‘e tutto cose?

Ciro:       Niente, ce aggio ditto ca io vengo tutt’’e juorne ‘int’a ‘sta casa a purtà ‘a frutta a

                mammeta! Po’ essa te l’ammònna e t’’o ddà a magnà! E Rita s’ha fatta ‘na resàta!

Roberto: (Gli molla il braccio e tira un sospiro di sollievo) M’he’ fatto fa’ ‘e vierme!

Ciro:       Ma pecché, è succieso coccosa?

Roberto: No, niente! (Ancora provato) M’aggia ì a piglià ‘nu bicchiere d’acqua.

                E va via a destra in cucina.

Ciro:       Néh, ma che cacchio ha passato, chillo?

                Dalla comune entra Paolo.

Paolo:     E’ permesso?

Ciro:       Oh, carissimo professore.

Paolo:     Ah, ecco Ciro. Come mai da queste parti?

Ciro:       Professò, vi devo fare una confidenza: io mi sono innamorato di una ragazza.

Paolo:     E la tua fidanzata?

Ciro:       Nun ce sta cchiù. Prufessò, chesta guagliona che me piace mò, se chiamma Laura.

Paolo:     Embé, e vùttete, Ciro. A chi aspiette?

Ciro:       E chisto è ‘o probblema. Io nun ce saccio fà.

Paolo:     Che cosa? Ma che dici? Non conosci a memoria qualche poesia d’amore?

Ciro:       No, l’unica cosa che saccio a memoria so’ ‘e prezze d’’a frutta mia!

Paolo:     Senti, ascolta me: se vuoi attrarre la sua attenzione, falle dei complimenti e poi  

                mettila un po’ sul drammatico. Fai capire che senza di lei non puoi vivere. Con le

                donne queste cose funzionano sempre. E se vuoi, inginocchiati pure.

Ciro:       Uh, sì, mò ve faccio vedé. (Più che inginocchiarsi, piega le ginocchia) Accussì?

Paolo:     Ma tu me pare che staje assettato ‘ncoppa o’ gabinetto! Devi inginocchiarti a terra.

Ciro:      (Mette tutte e due le ginocchia a terra) Accussì?

Paolo:     Eh, mò vulìsse dicere ‘n’Ave Maria?!... Devi stare su un solo ginocchio.

Ciro:       Ah… (Stavolta si mette nella posizione giusta) Accussì?

Paolo:     Oh, finalmente. E adesso fai conto che io sia lei. Che cosa mi diresti?

Ciro:       Buongiorno!

Paolo:     Ma no! Dille una cosa sul tipo: “Laura, cosa vuoi? La mia vita? Tu nun penzà pe’

                te. Pensa al nostro amore. E adesso gettami le tue braccia al collo!”… Fine!

Ciro:      (Si rialza) Bella, prufessò! Site proprio ‘nu prufessore!

Paolo:     Sì, ma tu aggiungi pure qualche cosa di tuo.

Ciro:       E comme no. Sulamente, v’aggia chiedere ‘nu piacere: mò tenìte che ffa’? 

Paolo:     No, veramente ero venuto a trovare un po’ i Del Giudice.

Ciro:       E nun ce putìmme ripetere ‘nu poco ‘sti ffrase poetiche? Si io po’ m’’e scordo?

Paolo:     E va bene. Vieni a casa mia, e facciamo un poco di ripetizione.

Ciro:       Grazie, prufessò, grazie, grazie…

                Ed escono così di casa.

7. [Antonio, Virginia. Poi Mario, Fiore e Roberto]

                Dalla cucina (destra) entra Antonio.

Antonio: Ua’, e che ne faje ‘e cane quanno védene ‘o mmagnà? Appena Fiore e ‘o becchino

                hanne viste a Roberto, l’hanne zumbato ‘ncuollo! ‘E ch’esaggerazione!

                Da sinistra torna Virginia ancora un po’ sconvolta.

Virginia: Ah, Antò, staje ccà? Mamma mia, Antò, e che t’he’ perzo!

Antonio: Che m’aggio perzo?

Virginia: ‘O svenimento ‘e tua figlia! E’ ‘o signale che Rossella è incinta.

Antonio: Ma mò addò sta?

Virginia: Sta ‘ncoppa ‘o lietto.

Antonio: E sta parturénno già?

Virginia: Ma che staje dicenno? Chella sta ancora ‘o terzo mese!

Antonio: Embé, e si succede ‘nu parto prematuro?

Virginia: Ma stattu zitto! Chella se sulo sta riposanno. E vicino a essa ce sta pure Rino.

Antonio: Uhé, cuntruòlle a chilli duje, o si no fanno ‘o bis?!

Virginia: No, nun te prioccupà. E mò famm’ì ‘int’’a cucina a ffa’ ‘nu poco ‘e cammumillo.

Antonio: Pe’ Rossella?

Virginia: No, pe’ nuje: pe’ me e pe’ te.

Antonio: Però mò dint’’a cucina nun se po’ gghì.

Virginia: E pecché?

                Dalla cucina entra Roberto seguito da Mario e Fiore.

Roberto: Uhé, mò basta. Avìte capito? Ma ve ne vulite ì, sì o no?

Mario:    No, fino a quando non mi avrai detto di sì.

Fiore:      Ma che d’è chisto? E’ venuto bellu frisco frisco?

Virginia: (Interviene) Uhé, ma che sta succedenno ccà?

Fiore:      Signora, vostro figlio è mio!

Mario:    Ma vatténne, che chillo se n’ha da venì cu’ me!

Virginia: Sentite, a voi due: se volete a mio figlio, dovete chiedere a me e a mio marito.

Roberto: Aspié, e a me nun m’ha da domandà niente nisciuno?

Virginia: Ma pecché? Che sta succedenno?

Roberto: Mammà, ‘o signor Mario me vo’ afforza a faticà ‘int’all’impresa funebre.

Virginia: Ah, però è buono ‘stu fatto.

Roberto: A chi? Chella già ‘a vita mia è ‘nu murtorio!

Virginia: Embé, e allora vatténne a lavorà cu’ ‘o signor Fiore.

Roberto: Ma chillo, Fiore, me vo’ spusà cu’ ‘a scusa che me da ‘nu lavoro in banca!

Antonio: Embé? E allora?

Virginia: ‘O vero, Robé, a mammà! Papà ave raggione.

Roberto: Néh, ma vuje fùsseve scieme?

Virginia: E pecché? Te fa schifo a lavorà in banca?

Fiore:      E dai, palloncino mio…!

Mario:    Robé, è bello a atterrà ‘e ggente…!

Antonio: Robé, accussì ‘a fernisce pure ‘e arrubbà!

Roberto: No, no e no!

Gli altri: E dai!

Roberto: No, no e no!

                E vanno avanti così con gli altri che insistono e lui che gli risponde di no.

FINE ATTO SECONDO

           

Salone di casa Del Giudice: è il giorno della prima lezione di Paolo. La stanza è preparata così: a destra, Paolo (in piedi) si avvale di una lavagna. Di fronte a lui ci sono cinque sedie (il tavolo è stato spostato in fondo a sinistra). Alle lezioni hanno aderito cinque “alunni”!

ATTO TERZO

1. [Paolo, Virginia, Ciro, Antonio, Rino e Marilena. Infine Rossella]

                   Di fronte a Paolo gli alunni: Antonio, Virginia, Marilena, Rino e Ciro schierati

                   su due file, troppo vicini tra loro. Hanno tutti un foglio per appunti e la penna.

Paolo:        Signore e signori, noto con piacere che ci siete tutti… anche don Antonio… per

                   il nostro primo giorno di scuola casalinga. Però scusate, ieri avevo chiesto le

                   sedie un po’ più larghe. Vi ricordate, signora Virginia? Volevo vedervi defilati.

Virginia:   E che vulìte, prufessò? Noi abbiamo obbedito.

Antonio:   Ci siamo “depilati” tutti quanti!

Ciro:         Prufessò, vulìte vedé? Io m’aggio depilato pure ‘ncoppa ‘e ccosce!

Paolo:       (Si spazientisce) Ma ch’avìte cumbinato? Io non ho detto che vi volevo vedere

                  depilati… ma defilati, con la “effe”! Cioè significa che dovete stare più larghi!

Virginia:   Ah, allora nun amme capito proprio niente!

Antonio:   No, tu nun he’ capito niente! Aiére che c’è vvuluto pe’ me depilà sotto ‘e scelle!

Paolo:       Vabbé, allora defilatevi… cioè allargatevi un po’. Forza!

                  I cinque “alunni” si alzano e spostano un po’ le loro sedie.

                  Oh, così va bene. E ora cominciamo con la nostra prima lezione di grammatica.

Gli altri:   Nooooo!

Paolo:       Aggio capito, passamme direttamente ‘a lezione ‘e educazione sessuale!

Gli altri:   (Entusiasti) Sììììì!

Marilena: Prufessò, si vulite fa’ ‘a dimostrazione pratica… io m’offro volontaria!

Ciro:         Uhé, prufessò, facìmme ‘na lezione ‘e educazione sessuale ultrarapida. Aggia

                  conquistà a chella guagliona ch’aggio cunusciuto aiére!

Paolo:       Ciro, le mie sono solo di prove teoriche, non pratiche! Bene, cominciamo. E per

                  inoltrarci nell’argomento educazione sessuale, vi mostro un cartellone.

                  Lo prende da dietro la sedia. Tutti, pensando chi sa cosa, avanzano con le sedie.

                  Addò jate? State fermi. Adesso apro il cartellone…

                  Lo apre e lo mostra, ma... è la foto di una pianta, e così tutti restano delusi.

Antonio:   Prufessò, e che d’è chella cosa?

Virginia:   E’ ‘na pianta, nun se vede?!

Marilena: Comm’’e schifo, ‘e ppiante!

Antonio:   Scusate, professò, con licenza parlando, ma che c’entra quella pianta con noi?

Ciro:         E ppo’ quant’è brutta, me pare ll’ex fidanzata mia!

Paolo:       (Posa il cartellone sulla sedia) Ma io, prima di spiegarvi come si riproducono gli

                   uomini, voglio parlarvi di come si riproducono le piante e i fiori. E cominciamo

                   dalle piante da frutta. Secondo voi, come si riproduce una pianta di melone?

Marilena: Marò, comm’’o schifo, ‘o mellone! 

Ciro:          Io ‘o ssaccio comme se riproduce: ‘o mellone e ‘a mellona, fanne ammore! Po’,

                   aroppo nove mise, ‘a pianta ‘e mellone parturisce, e nasce ‘o mellone ‘e pane!

Virginia:   Ma che? ‘O mellone nun nasce accussì! Chella, ‘a pianta ‘e mellone, fa ll’ove!

Ciro:          E invece no! ‘Int’’a terra mia, ‘a notte, se sentene cierti lamiénte…! Songhe ‘e

                   ppiante che fanne ammore!

Paolo:        Basta, state dicenno sulo scimmità! E me meraviglio soprattutto ‘e te, Ciro. Tu,

                   ‘sti ccose, ll’issa sapé buono p’’o mestiere che ffaje! Vabbé, ora ve lo spiego io.   

                   Dunque, signori: le piante non si riproducono come gli uomini o gli animali, ma

                   per inseminazione. E i fiori si riproducono per impollinazione. Ecco!

Virginia:   Ah, ma allora, le piante e i fiori, non fanno… si, insomma… quel fatto!

Antonio:   E che sfizio ce sta? Menu male ca nun songo ‘na pianta!

Ciro:         Prufessò, e allora che sso’ chilli lamiénte ca se séntene ‘a notte ‘int’’a terra mia?

Paolo:       Ma che ne saccio? Sarrà ‘na coppietta che vene a ffa’ pratica addù vuje!

Antonio:   Prufessò, ma io nun ce sto’ capenno niente. Virgì, stasera me faje ‘o riassunto!

Virginia:   (Maliziosa) Con vero piacere!

Paolo:       E adesso, facciamo una pausa. Signora Virginia, ce lo fate un bel caffè?

                  Gli altri si alzano tutti in piedi.

Virginia:   Sì, sì, prufessò, mò ce penz’io.

Ciro:         Io me vaco a fummà ‘na sigaretta fora ‘a porta. Signori, con permesso!

                  Ciro va fuori. 

Paolo:       Ingegnere, voi invece venite con me e don Antonio… Ingegné, ate ‘ntiso? 

Antonio:   Rino, te vo’ ‘o prufessore!

Rino:        Ah, ma ce ll’ave cu’ me? Uh, scusate, prufessò, io po’ aggio ‘ntiso ingegnere…!

Antonio:   Vabbé, allora venite, andiamo in cucina… Vi offro un cognac.

                  Così Antonio, Rino e Paolo vanno a destra in cucina.

Marilena: E allora, signora Virginia, che ddicite?

Virginia:   Eh, ‘a lezione è interessante.

Marilena: No, chillo è ‘o prufessore ch’è interessante! ‘O ssapite a chi arrassumiglia? A

                  chillo ‘e ‘int’’o rumanzo “Morire d’amore”.

Virginia:  ‘O vero, signurì. Ma vuje, aiére, l’ate vista ‘a puntata? Mary s’è mmisa cu’ Bill!

Marilena: Comm’’a schifo, a chella! '

Virginia:   Ma comme, chille stanne accussì belle, ‘nzieme!

Marilena: E io picciò ‘e schifo a tutt’e dduje!

                  E da sinistra, entra Rossella... con la pancia! (Si tratta di un cuscino).

Rossella:  (E’ vestita in pantalone e maglia larga) Ciao.

Virginia:  Uhé, e tu che ce faje all’erta? E te si’ pure vestuta?

Marilena: Aspit’oh! Chella è incinta ‘e tre mmise, e già tene ‘sta bella panza? Però è

                  strano: aiére nun ‘a teneva!

Rossella:  (Indisponente) E mò ‘a tengo, vabbuò? Io aiére so’ pure svenuta!

Virginia:  Comunque mò amma ì add’’o ginecologo.

Rossella:  Mi accompagna Rino. Poi ti faccio sapere che ha detto. A proposito, ma perché  

                  i miei vestiti stanno sull’armadio alto? Io, per prenderli, ho preso una caduta!

Virginia:   Uh, Giesù! Tu he’ fatto chesto? E cu’ ‘nu figlio ‘int’’a panza?!

Marilena: E chillo, tuo figlio, quanno nasce, te schifa proprio! 

Virginia:   Rossé, mò venìmme io e ‘a signurina e pigliamme ‘e vestite tuoje.

Marilena: Comme, no? Però t’arraccummanno: mò che nasce ‘o criaturo, dincello che nun

                  ghietta niente ‘int’’o barcone mio. He’ capito?

                  E così le tre vanno via a sinistra. Frattanto, da destra, torna Rino.

Rino:         Ha ditto ‘o prufessore ch’a ‘n’appoco accumméncia ll’educazione sessuale. Mò

                  faccio venì pure a Rossella! Saje comme s’addevérte…!

                 E va via a sinistra.

2. [Roberto e Rita. Poi Antonio. Infine Laura, Mario, Ciro e Paolo]

                Dalla comune entrano, di corsa, Roberto e Rita (che ha una piccola busta).

Roberto: Viene, Rita, fa’ ambresso…

Rita:        Mamma mia, ce vuléva sulo ‘a polizia, mò. Ma comme se truvàva dint’’a villa

                 d’’o conte Di Gennaro?

Roberto: Ma che ne saccio? E muòvete, annascùnne ‘sta busta ‘a cocche parte…!

Rita:        Sì, sì… ci penso io… (Nasconde la busta sotto il giubbotto)

Roberto: E mò viene cu’ me e stattu zitta…

                Si portano alla comune e guardano fuori preoccupati. Da destra, torna Antonio.

Antonio: (Chiamando) Virgìììì!

                Roberto e Rita si spaventano e si voltano di scatto. I tre si guardano un attimo.

                E vuje che state facenno lloco?

Roberto: Ah, ehm… niente, papà…

Antonio: (Si avvicina) Nun è ch’ate cumbinato coccosa?

Rita:        Chi? Noi? No…!

Antonio: (Nota il rigonfiamento sotto il giubbotto) E che d’è, lloco? ‘E che se tratta?

Roberto: Ah, ehm… e mò che d’è, Rita?

Rita:        Ehm… don Antonio, io ve lo dico, ma voi non lo dite a nessuno: è la gravidanza!

Antonio: ‘A gravidanza? Ma pecché, a te, ‘a panza, t’aésce lloco bbascio?

Rita:        Vabbuò, Robé, dicìmmece ‘a verità. Don Antò, siamo inseguiti dalla polizia.

Antonio: (Sorpreso) Ah, e io m’’o ssentévo ‘e scennere! Disgraziate, tutt’e dduje…

Rita:        Don Antò, vi prego, non gridate. Se no ci sente la polizia.

Antonio: E vabbuò. Pe’ mò annascunnìteve ‘int’‘o bagno.

Roberto: ‘Int’’o bagno?

Rita:        E pecché ‘int’’o bagno?

Antonio: E vulìsse ca ve prenotasse ‘na stanza imperiale ‘o Grand Hotel? Jate, muvìteve!

Roberto: Papà, e si dint’’o bagno ce sta coccheduno?

Antonio: Nun te prioccupà.

Rita:       Grazie, don Antonio.

                I tre scappano a destra. Entra in casa Laura (in tailleur). E’ assai contrariata.

Laura:    Roberto è sparito di nuovo. Ma che se penza, ‘e fa’ fessa proprio a me? L’unica

                erede del conte Di Gennaro! M’ha miso incinta, e mò m’ha da spusà, o si no male

                a isso! Anzi, ora lo chiamo sul cellulare, ma non gli dico che sto qua da lui. Gli

                dico che sto venendo qua, così quando lui cerca di scappare, io lo acchiappo!    

                Prende il telefonino dalla borsa e va più a destra a telefonare (rivolta verso il  

                muro). Dalla comune  torna Ciro (non visto da lei). Nota Laura e si meraviglia.

Ciro:       Uh, Marò… uh, Marò… ce sta Laura l’ammore mio che sta telefonanno ccà

                ddinto! E’ turnata… E’ turnata sulo pe’ me! Famm’ì a chiammà ‘o prufessore…! 

                E scappa in cucina a destra. Intanto, dalla comune, arriva Mario preoccupato.

Mario:    Mannaggia a Rita e a Roberto. ‘A polizia ‘e vva cercanno ‘a tutto parte. Li devo

                nascondere nel mio negozio. Fammi chiamare a Rita sul cellulare…

                Prende il telefonino dalla giacca, e va più a sinistra (rivolto verso il muro).

Laura:    Mannaggia, non c’è campo. E come faccio? (Nota Mario) Ah, ora chiedo a quel

                tizio. (Posa il telefonino e va da lui) Ehm… mi scusi, signore, ci vuole tempo?

Mario: (Si volta) Ma che staje aspettanno, ‘o turno annanzo a cabbina telefonica?!

             I due si riconoscono e restano sorpresi.

I due:   (Si riconoscono e rivolgono in contemporanea la stessa domanda) Tu?!

Laura: Ma che sorpresa! (Posa il telefonino in tasca)

Mario: E già. (Posa il telefonino in tasca) Senti, Laura, ti ho cercata molto in questo

             periodo perché volevo dirti che… ti voglio bene. Nonostante la differenza di età.

Laura: Anch’io… no, cioè… ehm… e come mai sei qui? Per caso conosci Roberto?

Mario: Come no? Io sono lo zio della fidanzata di Roberto.

Laura: (Sorpresa) Cosa? La fidanzata di Roberto?

Mario: Sì, e fra poco i due si devono pure sposare. Sai com’è, la ragazza è incinta!

Laura: Pure?

Mario: E così la devono finire di rubare, tutti e due, se no li arrestano.

Laura: Aéh, niente cchiù?

Mario: Sì, però tu fai finta che non ti ho detto niente! Tanto, a te che te ne ‘mporta?!

Laura: No, a me nun me ne ‘mporta proprio niente! Anzi, Mario, facciamo finta che non ci

             conosciamo. Poi ti spiegherò.

Mario: Nun te prioccupà, Laura. Senti, io li vado a cercare un momento.

Laura: Sì, vai. Io intanto aspetto qua. Così, se passano, li fermo io.

Mario: Perfetto. A proposito, ancora condoglianze per la morte del conte. Anzi…

             Prende un bigliettino da visita dalla tasca e glielo dà.

             Tieni, se hai bisogno di qualche altro funerale, chiamami!

             E va via di corsa a sinistra, verso la stanza di Roberto.

Laura: E sì, a chisto ‘o chiammo pe’ ‘n’atu funerale: chillo ‘e Roberto! Mò l’aspetto ccà!

             Va alla porta a sinistra e attende. Da destra, entrano Ciro e Paolo, non notati.

Ciro:    (Emozionato) Prufessò, venìte, facìte ambresso. (La indica) ‘A vi’ lloco, è essa!

Paolo:  Ah, niente male!... E vai, a chi aspetti? Avvicinati e inginocchiati davanti a lei.

Ciro:    Prufessò, io nun m’arricordo cchiù chello ch’aggia dicere!

Paolo:  E vabbé, io resto qua vicino alla porta. Tu ogni tanto ti volti e io ti suggerisco

             qualcosa. Va bene?

Ciro:    Grazie, prufessò, site grande!

             E le si avvicina piano piano. Poi si inginocchia dietro di lei e le dice.

             Ehm... Laura, mi vedi?

Laura: (Si volta) Chi è?... (Ah, è ‘n’ata vota chisto?!)… Ehm... ciao. (E fa finta di niente)

Ciro:    Cara Laura, io sto vicino a te.

Paolo:  Eh, e già t’ha visto, va’ annanzo!

Ciro:    Cara Laura, io soffro d’amore. E che deve fare un uomo che ha soffritto tanto?

Paolo:  Eh, ha da cagnà ll’uoglio!

Ciro:    (Ripete) Ha da cagnà ll’uoglio!

Paolo:  No, va’ annanzo.

Ciro:    Cara mia, oggi il cielo è… è… (Si volta verso Paolo) Prufessò, comm’è ‘o cielo?

Paolo:  (Suggerisce) “Il cielo è terso”!

Ciro:    (A Laura) Ah, il cielo è terzo!

Paolo:  Eh, ha vinciùto ‘a medaglia ‘e bronzo! Ho detto che il cielo è terso…

Ciro:    Ah, il cielo è terso!... Prufessò, e ppò?

Paolo:  (Suggerisce) “Tu nun penzà pe’ te…”!

Ciro:    (A Laura) Tu nun saje fà tetté!

Paolo:  No, saje fa’ sulo cucù!

Ciro:        (A Laura) Saje fa’ sulo cucù!

Paolo:      Tu nun penzà pe’ te… pensa al nostro amore.

Ciro:        (A Laura) Pienze a ffa’ ‘e mmore.

Paolo:      No, ‘e ccerase so’ cchiù bbone! (Suggerisce di petto) “Laura, vuoi la mia vita?”…

Ciro:        (A Laura) Laura, vuo’ ‘a margherita?

Paolo:      No, ‘a sasiccia e frijarielle!

Ciro:        (A Laura) Ah, no, ‘a sasiccia e frijarielle!

Paolo:      Ma qua’ sasiccia e frijarielle?! (Suggerisce) “Lo vuoi sentire il concertino?”.

Ciro:        (A Laura) ‘A vuo’ sentì a Cuncettina?

Paolo:      No siente a Filumena! Ma quala Cuncettina? Vabbé, basta, fai il finale…

Ciro:        (A Laura) Sì, sì. Ehm… Laura, voltati e guardami…

Paolo:      (Suggerisce di petto) “E gettami le tue braccia al collo”!

Ciro:        (A Laura) E spiegami come faccio il pollo!

Laura:     (Si spazientisce e si volta verso lui) Insomma, che vuoi da me? Ti piaccio? Sì?

                 Senti, adesso ho da fare, devo andare qua fuori. Non ho tempo di pensare a te…

                 E esce di casa celermente, mentre Ciro si rialza e Paolo gli si avvicina.

Ciro:        (Deluso) Prufessò, se n’è gghiuta.

Paolo:      Ma no, non hai sentito? Ti ha detto che andava fuori. Quando una donna ti dice il

                 posto in cui va, ti ha detto: “Seguimi”. Hai capito? Forza, vai da lei! E muoviti!

Ciro:        Grazie, prufessò…

                 Ed esce pure lui celermente.

Paolo:      ‘E ch’imbranato! Fammi recuperare i miei alunni, adesso ricomincia la lezione…

                 Esce fuori casa. Dalla destra torna Mario.

Mario:     Mannaggia ‘a miseria, nun l’aggio truvate, a chilli duje. E Laura? Addò è

                 gghiuta? Vabbuò, famme truvà primma a Rita e a Roberto.

                 Va fuori casa.

3. [Antonio, Roberto e Rita. Poi Rossella, Rino e Fiore Di Loto]

                 Da destra riecco Antonio, Roberto e Rita (con la busta che aveva nel giubbotto).

Rita:        Meno male, non ci sta nessuno.

Antonio:  Vuje me facite ì ‘o manicomio, a me! Ma che ce sta ‘int’a chella busta?

Roberto: Papà, ci sono posate in argento e un paio di collane. Questa roba stava a casa del

                 conte Di Gennaro.

Antonio:  Vuje site state a arrubbà ‘a casa d’’o conte? Mannaggia ‘a capa vosta!

Roberto: Papà, per piacere, aiutaci. Ti prometto che non lo facciamo più.

Rita:        Sì, don Antonio, lo prometto pure io.

Antonio: Tanto, è inutile che ffaje: a te, ‘na sculacciata, nun t’’a leva nisciuno!

Rita:        Io direi di scapparcene nel negozio di mio zio. Ci nasconderemo in due bare.

Roberto: Uhé, uhé, p’ammore ‘e Dio!

Antonio: Robé, ma tu staje a guardà ‘a qualità d’’o nascondiglio?  

Rita:        E già. E poi, su quelle due bare ci sono scritti i nostri nomi!

Roberto: Oh, ma tuo zio va ‘e pressa? E almeno ce facésse murì primma!

Rita:        Ma no, cretino, è una sua idea. Dentro a quelle bare, lui ha nascosto tutto quello

                 che noi abbiamo rubato fino a adesso. Hai capito?

Roberto: Ua’, ‘e che genio ch’è tuo zio!

Antonio: (Sospettoso) Aspettate ‘nu mumento. Fermi tutti! Rita, ma nun me dicere che…

Rita:        Sì, don Antonio, mio zio collabora con noi.

Roberto: E’ vero, papà. Il vero capo è lui.

Antonio: He’ capito ‘e ch’organizzazione! Vabbuò, muvìmmece, mò v’accumpagno. Pe’

                 mezza vosta, me sto compromettenno pur’io. Ate capito? E mò jamme, venite.

                 I tre escono di casa. Intanto, da sinistra, entrano Rossella e Rino.

Rossella: T’aggio ditto che nun he’ parlà cu’ ‘e ggente. Tu tiene ‘o vizio, ch’accomme vide

                 a coccheduno, accummiénce a parlà ‘e pisce. Ma nun ne puo’ proprio fa’ a meno?

Rino:       Ma pecché, ch’aggio fatto ‘e male?

Rossella: Nun he’ visto a mammà e ‘a signiruna Marilena comme te guardàvene?

Rino:       E se vede che le so’ simpatico!

Rossella: Ma pe’ favore! E ppo’, t’aggia dicere ‘a verità? M’aggio sfastriata ‘e fa’ ‘sta farsa. 

                 Basta! ‘Sta panza finta nun ‘a supporto cchiù… (Comincia a togliersi il cuscino)

Rino:       Ma che ffaje, t’’a lieve? E si passa coccheduno?

                 E mentre se lo toglie, dalla comune spunta Fiore che gli si avvicina.

Fiore:      (Sorpreso) Oddio! Ha partorito un cuscino!

Rino:       (Spaventato) Uh, Marò, ‘na spia!

Rossella: No, è solo Fiore Di Loto… che ha visto tutto è adesso sa la verità. E’ vero, Fiore?

Fiore:      No, no, io nun saccio niente!

Rossella: E adesso saltano tutti i nostri piani. Mannaggia, e mò come si fa?

Rino:       Facìmme comm’e dint’’e film americane: accedìmmele e facìmmele piezze

                 piezze! Caro Fiore Di Loto, tu non lo sai, ma io sono un assassino sanguinaccio!

Fiore:      Eh, e allora puo’ accidere sulo ‘o jorno ‘e Carnevale!

Rossella: Rino, vuo’ fa’ a ppiezze a Fiore? Ma tu si’ pazzo?

Fiore:      Veramente, ma che sei pazzo?

Rossella: Caso mai, ‘o ‘ccedìmme sulamente!

Fiore:      E allora, ccà site pazze tutt’e dduje!

Rossella: No, ma io l’ho detto così, per dire. Pe’ carità, io me faccio sotto d’’a paura!

Rino:       E io invece me sto’ ffacenno sotto overamente!

Fiore:      E allora aggio vinciuto io, pecché già m’aggio fatto sotto!

Rossella: Adesso basta, dobbiamo fare qualcosa.

Fiore:      Scusate, ma lo dovete fare per forza?

Rino:       E si capisce. Tu, in questa storia, sei il testimone chiavico!

Fiore:      Guarda, che io sono un pezzo grosso. Sono ricco, e per giunta sono un filatelico!

Rino:       ‘O vero? E mò pe’ mezza ca te piace ‘a Filadelfia…?!

Fiore:      Ma qua’ Filadelfia? Io colleziono francobolli. E tu fusse ‘o famoso ‘nnammurato

                ‘e Rossella? ‘O laureato?

Rino:       Eh, pecché, che tiene ‘a dicere?

Rossella: Basta, voi due! Senti, Rino, mi sa che dobbiamo scendere a compromessi con lui.  

Rino:       A chi, Rossé? E io ‘essa fa’ coccosa cu’ chisto?! Ma manco pe’ suonno!

Fiore:      ‘O vero? E chi facésse niente cu’ te…?!

Rossella: Ma no, io dicevo un’altra cosa. (Pietosa) Ti prego, Fiorellino, non parlare! Se

                 vuoi, convinco Roberto a lavorare da te in banca. Lo sai? Lui ascolta solo me.

Fiore:      (Ci fa un pensierino) Veramente? Però, questa idea non è male.

Rossella: Anzi, a questo punto, mi domandavo se non potevi assumere pure Rino.

Rino:       A me?

Fiore:      E va bene. Però lo faccio per te, Rossella… e per Roberto!

Rossella: Però mi raccomando, Fiore: la parola è parola.

Rino:        Fiore: fa’ ll’ommo!

Rossella:  E stattu zitto!

Fiore:       Bene, la parola è parola. Allora io torno più tardi. Tu intanto parla con Roberto.

                 Esce via di casa beatamente.

Rossella:  E ate, Rino, viene cu’ me. Niente di meno, m’è venuta ‘na granda idea.

                 Lo prende per mano ed escono a destra.

Scena Ultima. [Roberto, Rita e Laura. Poi Antonio e Virginia. Infine Rossella e Rino]

                Dalla comune, in fretta e furia, entrano Roberto e Rita, preoccupati.

Roberto: Rita, e menu male ch’’o negozio ‘e zìete è ‘o posto cchiù sicuro d’’o munno!

Rita:        E che t’aggia dicere, Robé?! Me dispiace sulo ch’aggia avuta ittà ‘a busta cu’ ‘a

                 rrobba preziosa ‘int’’a munnezza. ‘E che peccato!

Roberto: Ma che me ne ‘mporta, a me? Io nun voglio fernì carcerato. He’ capì?

Rita:        E intanto vulésse sapé che ce faceva ‘a polizia ‘int’’o negozio ‘e mio zio.

Roberto: Vulésse tanto sapé chi ce l’ha ditto che stéveme lloco.

                Dalla comune (al centro) entra Laura, avvicinandosi lentamente ai due.

Laura:    Sono stata io.

Roberto: (Preoccupato) Bonanotte! E’ fernuta ‘a pacchia!

Rita:       (Sorpresa) Tu? Si’ stata tu? Ma Roberto nun t’’eva restituito ‘a rrobba toja?

Laura:    Quello che Roberto mi ha preso, non me lo potrà restituire mai più.

Rita:       ‘O vero? E pecché?

Roberto: Ehm… pecché già me l’aggio vennùto! Vabbé, Laura, ti risarcirò di tutto quanto.

Laura:    Sì? E come si risarcisce l’arrivo di un figlio? Quello che sto avendo… da te.

Rita:        (Sconvolta) Che?

Roberto: He’ visto? ‘O vvuléva dicere e l’ha ditto! S’ha fatto passà ‘o sfizio!

Laura:    Rita, ora ti dico pure la data in cui lo abbiamo fatto: il giorno 20 di tre mesi fa.

Rita:        (Delusa) Disgraziato, falso, bugiardo, farabutto…

Roberto: No, Rita, lascia che ti spieghi…

Rita:        Ma che mi vuoi spiegare? E bravo! Io non potevo sospettare niente, perché

                 anch’io, guarda caso, grazie a te, sono incinta di tre mesi.

Roberto: Ma che cacchio aggio cumbinato tre mmise fa?

Rita:        E penzà ca io te stevo pure spusànno…

Laura:    E che dovre dire, io? Io sono l’unica erede del conte Vittorio Di Gennaro.

Roberto: (Sorpreso) Che? Tu? (Ci pensa e decide) Ma io ti amo ancora, Laura…!

Laura:    Ma vatténne, Robé!

Rita:        E suppongo che tu sei la figlia del conte.

Laura:    Ma che figlia? Io sono stata l’amante.

Roberto: Che? Ma allora, amménte io facéve ‘e ccorne a Rita… tu m’’e ffacìve a me!

Laura:    Sei molto perspicace.

                Rita si siede in disparte, sconvolta, con gli occhi giù e coi gomiti sulle ginocchia.

                (Roberto fa finta di niente) Ehm… ma che d’è, Rita, coccosa nun va?

Rita:       Stattu zitto, Robé, nun parlà cchiù.

Roberto: E a te, Laura?

Laura:    Pierde ‘a lengua! (E si siede anche lei, però dalla parte opposta della stanza)

Roberto: Siete due ingrate: io vi ho regalato un figlio a testa, e voi invece mi trattate così.                

                Dalla sinistra tornano Antonio e Virginia.

Antonio: He’ capì, Virgì, che cacchio ha cumbinato chillu sciauràto ‘e Roberto?

Roberto: Ah, ce stanne pure mammà e papà. Prego, partecipate pure voi alla festa!

                Prende una sedia, si siede a destra. Antonio e Virginia notano anche le altre due.

Virginia: Néh, ma che d’è ccà ddinto?

Antonio: Ah, ce sta chella Laura. Quei due devono restituirle delle cose che hanno rubato.

Laura:    (Si alza e va dai due) Complimenti, signori Del Giudice, state per diventare nonni.

Virginia: Uh, comm’è gentile ‘sta guagliona. Grazie!

Antonio: E sì, quello mio figlio e Rita ci hanno voluto fare questo gentile omaggio!

Laura:    Sì, ma la cosa bella è che non avrete soltanto un nipotino, ma ben due!

Antonio: Ah, ma allora se tratta ‘e duje gemelli?

Virginia: Embé, e pecché Roberto nun ce ha ditto niente?

Laura:    Ma che gemelli? Io dicevo che un nipotino ve lo da Rita… e uno io!

                 Antonio e Virginia restano senza parole.

Roberto: Ecco qua! Io ‘eva fa’ duje matrimonie, e invece mò faccio sulo ‘nu funerale!

Antonio: He’ visto, Virgì? Tu ce vulìve fà ‘mparà l’educazione sessuale, a Roberto. E

                invece chillo già ‘a sapeva a memoria!

Virginia: Antò, me cride, me sente comme si chisto fosse ‘nu bruttu suonno.

Antonio: No, Virgì. No. Chi sa pecché, ‘a verità, nun è maje ‘nu bruttu suonno!

Laura:    Robé, ora vado a prenderti una persona che mi ama veramente. Al contrario tuo.

                Esce di casa. Virginia ed Antonio si guardano sconvolti.

Virginia: Antò, mannaggia a Roberto! Menu male ch’almeno Rossella se salva.

                Dalla comune ecco Rossella col cuscino in mano, e Rino (notati dagli altri).

Rossella: He’ visto, Rino, ce ll’avìmme fatta!

Rino:       Eh, tu sei una draga! Ma comme he’ fatto a cunvincere a chilu Fiore Di Loto a

                 nun parlà, a non dire ai tuoi che tu hai fatto finta di essere incinta?!

Rossella: Eh, questa è arte! (Nota Roberto) Uhé, Robé, ma ccà hanne fernuto ‘e fa’ lezione?

Roberto:  Comme no. Mò, però, ‘int’a ‘stu mumento, ‘a stamme facenno nuje!

Rossella: Robé, ‘o ssaje? So’ riuscita a ffa’ fessa a mammà e a papà! Io non sono incinta!

Roberto: ‘O vero? E allora dincello a lloro, chille stanne areto a te!

                Rossella e Rino si voltano, e notano Antonio e Virginia che li stanno guardando.

Antonio: Virgì…

Virginia: Che d’è, Antò?

Antonio: Ma mò ce amma mettere ‘n’ata vota ‘o llutto?

Virginia: Me sa ‘e sì. E ‘sta vota, pe’ sempe! (A Roberto e Rita) Sentite, ascoltatemi un

                 secondo, devo parlarvi… Antò, parle tu.

Antonio: E vabbuò. Dunque: guagliù…

Virginia: (Lo interrompe) Ah, aggio capito che vvuo’ dicere: guagliù, mò il guaio è che

                succede una cosa bella. Fra sei mesi nasce vostro figlio.

Antonio: Néh, ma nun ‘eva parlà io?

Virginia: Sì, sì, va’, va’.

Antonio: Molto bene. Il fatto è che…

Virginia: E sì, Antò, he’ raggione tu: il fatto è che questo figlio avrà i genitori carcerati…

                Va’, Antò, concludi!

Antonio: Guagliù, in conclusione…

Virginia: Bravo, Antò, me sì piaciuto: guagliù, qualunqua cosa succede, cumbattite sempe!

Antonio: Aggio parlato buono?

Virginia: Benissimo!

Roberto: Mannaggia, che scalogna! ‘O ssapite che vvulésse dicere io ‘int’’a ‘stu mumento?

                E dalla comune entra Ciro con una cesta in mano.

Ciro:       ‘E ppatane a ‘n’Euro ‘o chilo!

Roberto: (Ripete) ‘E ppatane a ‘n’Euro ‘o chil…! Néh, ma che me staje facenno dicere?

Ciro:       Ehm… salve a tutti! Ci si rivede!

Laura:    Ah, eccolo qua. Robé, lui è la persona di cui ti parlavo prima: un uomo vero,

                dolce, leale… una rarità!

Roberto: Chisto? E che ce azzecca chisto? Tu nun te puo’ piglià a chisto.

Ciro:       Ma pecché, che te ne ‘mporta a te? Tu già ‘a tiene, ‘a femmena toja!

Laura:    E appunto, sono io. E aspetto pure un bambino da lui.

Ciro:       Che? Incinta? Tu si’ ‘a mamma d’’o figlio d’’o pato... cioè, d’’o figlio ‘e Roberto?

Laura:    Sì, sono io. Lo, vedi, Roberto? Lui è più gentile di te, più sognatore, più fine. E io

                aspiro ad un uomo come Ciro. Uguale a lui.

Ciro:       Eh, ma io stongo ccà! Nun puo’ aspirà direttamente a me?!

Laura:    No, no. Anche se, volendo, Roberto, ti posso schiaffeggiare, mettendomi con lui.

Ciro:       (Felice) Sì, schiaffeggiàmmele, schiaffeggiàmmele! Facìmmele ‘na paccheriata!

Laura:    E invece no. Perché dentro di me, Roberto, porto tuo figlio.

Ciro:       Eh, bonanotte ‘e sunature! Vabbé, ho capito, me ne vado. Signori, con permesso.

                E se ne esce di casa con la testa bassa.

Roberto: Inzomma, Laura, pozzo sapé pecché he’ fatto tutto ‘stu raggiunamento?

Laura:    Per farti capire che uomo sei. E soprattutto, come hai rovinato, a me e a Rita.

Rita:       Ma perché mi hai fatto questo, Roberto?

Laura:    E a me?

An&Vi.: E a nuje?

Roberto: Aéh, aggio acciso a tutte ‘sti ggente cu’ unu colpo ‘e pistola?!

Laura:    Me lo ricordo benissimo: il giorno 20 di tre mesi fa.

                Ma improvvisamente, da destra, entra Mario che si avvicina agli altri.

Mario:    E invece non è così, Laura.

Antonio: (Si spaventa) Marò, ‘o zombi!

Mario:    Ti ricordi male. Pecché ‘o figlio tuojo… l’he’ fatto cu’ me!

                Tutti gli altri restano sorpresi. 

Rita:       Zio, ma che stai dicendo?

Mario:    Sì, è così, Rita. Laura, stai confondendo le date. Il giorno 20 tu stavi con me, non

                con Roberto. Il conte stava in fin di vita, e così mi chiedesti di farti compagnia,      

                perché avevi paura. E dopo qualche birra di troppo… è successo tutto.

Roberto: Un momento, e come fate a dire che era proprio il giorno 20?

Mario:    Me lo sono tatuato sul polso. Il tatuaggio porta la data, il nome mio e di Laura.

Virginia: Robé, ma allora… ‘o figlio suojo… nun è ‘o tuojo!

Roberto: (Esulta) E vaiii! Alééé! (Poi realizza) ‘Nu mumento, Laura, allora tu m’he’ miso

                ‘e ccorne cu’ ‘o signor Mario.

Mario:    No, veramente, è tutto ‘o cuntrario! Ma ti perdono perché sei fidanzato con Rita.

Rita:       Zio, ma io sono sorpresa.

Mario:    Hai visto, Rita? Tuo zio, a alla sua età, sa ancora il fatto suo.

Antonio: Aspit’oh, ‘on Ma’… all’età tenite ancora tutta ‘sta forza?

Laura:    Beh, veramente si dovrebbe allenare ancora. Purtroppo ha perso lo smalto.

Antonio: ‘On Mario ha perzo ‘o smalto? Virgì, e priéstece ‘nu poco ‘o smalto russo tuojo!

Virginia: Antò, pe’ piacere, nun me fa’ fa’ ‘sti ffigure!

Mario:    Sentite, signori, ora dobbiamo risolvere un altro problema grave: la polizia.

Roberto: E già. Mò comme facìmme?

Mario:    Io ho già un’idea: mi sacrifico io. In fondo, sono il vostro capo. Essendo

                incensurato, avrò pochi mesi di condanna. E quandò uscirò, sarò diventato padre.

Roberto: Signor Mario, ma…

Antonio:  Robé, stattu zitto. ‘O signor Mario ha ditto che se sacrifica isso! Ringrazialo.

Roberto: E vabbuò, grazie.

Mario:     E di che? Però vi raccomando, Rita e Roberta: non rubate più. Andiamo, Laura.

                 Mario e Laura escono mano nella mano.

Virginia: (Quasi commossa) Antò, ‘o ssaje ca sto’ pe’ chiagnere…?

Antonio: E chiagne, tu che vvuo’ ‘a me?!

Rossella: Mammà, allora io e Rino ce ne andiamo in esilio.

Rino:       ‘O vero? Jamme all’asilo?

Rossella: In esilio.

Rino:       E addò se trova ‘sta città?

Rossella: Ma stattu zitto, Rino.

Virginia:  Aspié, Rossé, t’aggia dicere ‘na cosa. Anze, dincella tu, Antò.

Antonio:  E vabbuò, mò ce penz’io. Dunque… Rossé…

Virginia:  (Interrompe) Vabbé, ho capito il pensiero di tuo padre: noi non siamo arrabbiati

                 con te perché ti vuoi sposare a Rino che non è laureato…! Va’, continua, Antò…

Antonio:  Appunto, io dicevo che…

Virginia:  Tuo padre vuole dire che noi siamo arrabbiati perché tu ci hai detto una bugia!

Antonio:  Infatti, e così…

Virginia:  Tuo padre vuole dire…

Antonio:  Ma inzomma, ma che tengo ‘o portavoce?! ‘A pozzo dicere pur’io ‘na parola?

Virginia: E vai, parla. Tanto, lo so, tu vuoi dire che chiederai al signor Fiore di offrire

                 lavoro a Roberto e a Rino, e tutto si risolverà. Quindi, potete sposarvi. Va bene?

                 E mò, Antò, vai, concludi! 

Antonio: (Non sa che dire e conclude dicendo) Ammén!

Virginia: Ua’, Antò, quanno parle accussì, si’ grande…!

Roberto: E io avéssa faticà cu’ Fiore Di Loto? Ma facìteme ‘o piacere.

                Dalla comune entra Fiore che va diretto da Roberto.

Fiore:      Ah, no, ora tu vieni con me. Tua sorella me lo ha promesso.

Roberto: Che? (Arretra verso la comune) Oh, no, che he’ cumbinato? Disgraziata!

Rita:        Aspetta, dove vai?

Fiore:      Torna qua!

Antonio: Disgraziato, nun te ne fujì!

                Roberto fugge fuori casa, inseguito da tutti gli altri.

FINE DELLA COMMEDIA

    Questo copione è stato visto
  • 0 volte nelle ultime 48 ore
  • 1 volte nell' ultima settimana
  • 2 volte nell' ultimo mese
  • 22 volte nell' arco di un'anno