‘Na moglie… zitella

Stampa questo copione

’NA MOGLIE…

’NA  MOGLIE…..ZITELLA

 

                                       Commedia brillante in 3 atti di Mizo Iachini

Liberamente tratta da “’Na mugliera zetella” di Eduardo Scarpetta

Personaggi

Ninetta, la moglie zitella

Michè,suo padre

Concetta,sua madre

Enrico, suo fidanzato

Felice, il marito della zitella

Bianchina, sua ex spasimante

Achille, suo segretario e confidente

Nicola, suo cameriere

Lauretta, un’ospite dell’albergo

 Alberto,avvocato e amico di famiglia

Pina,proprietaria dell’albergo

                                                                                                                                                             La scena del primo e terzo  atto si svolge in casa di Felice.Il secondo atto è ambientato in un albergo di Castellammare, vicino Napoli,dove i due finti sposini si sono nascosti fingendosi in luna di miele. E’ tradotta per un riferimento agli anni 80. Un matrimonio-finzione con una sposina giovanissima ed esplosiva, che le inventa tutte a catena. La sposina è Ninetta, il marito Felice, già compare ed introdotto nella famiglia di lei. Felice cede alle preghiere di Ninetta che lo induce ad aiutarla a mettere a punto uno stratagemma:un matrimonio-finzione, ossia sposarsi ma senza consumare il matrimonio.Questo è indispensabile perchè lei possa realizzare in seguito la sua ambizione matrimoniale con l'uomo dei suoi sogni e insieme intascare un gruzzolo condizionato da vincoli testamentari. Insomma Felice sposerà Ninetta,nonostante la enorme differenza di età ma saranno come due estranei per sei mesi,il tempo da far trascorrere per poter poi divorziare e poter riscuotere, da parte di Ninetta,la somma lasciatele in eredità. Ma, si capisce, la finzione può anche giocare brutti scherzi ……

Uno scrittore, Mizo Inchini,ha tradotto questo capolavoro di Scarpetta dal napoletano

all’italiano adattandolo alle attuali esigenze del teatro ma anche aggiungendosi del suo per riportarlo ai giorni nostri.Così i quattro atti sono diventati tre ed un personaggio dalla limitata presenza è stato eliminato.Il personaggioPeppino,il cameriere,può essere convertito in donna.

Da ora ogni regista,o chi per lui,ha facolta di adattarselo,se lo volesse,anche nel suo dialetto.

Questo in allegato è stato tradotto per la zona del Fermano-Maceratese-Camerte-Folignate.

Genere:Brillante\Comico

Atti: Tre

Personaggi:Undici (6 uomini e 5 donne)

Durata:h.1,45 più eventuale musica

I diritti S.I.A.E. sono tutelati

‘ NA  MOGLIE  ZITELLA

ATTO PRIMO

Salotto signorile in casa di Felice.A lato una porta che dà nella sala da pranzo. Finestra a sinistra. Mobili da salotto, ritratti di  cantanti e quadri raffiguranti scorci panoramici e cittadini.Mezzo busto di terracotta. Altra porta a sinistra e un altra a destra, sedie,televisore,divano o poltrona ecc.

Scena Prima (Nicola, poi Achille )

1)  Nicola: (che sta aggiustando del salame e del formaggio in un piatto) Ecco qua...quistu adè l'antipastu de salame e formaggio….lla dentro (indica un mobile) ci stà li pollastri e la ‘nzalata e cusci tutto adè pronto per la cena...checcosa ha ditto che sse rportava Felice…duvria vinì una cena co’ li fiocchi per ospità Bianchina…..una cantante de varietà de gridu ‘nnammorata de lu patrò miu (suona il campanello)...addè cumincia lu scassamentu…...prima porto de llà stà robba e po’ apro (esce per poggiare il piatto, risuona il campanello, Nicola rientra) Ohhh!...ma quissu  va de fuga....ma io devo ghji a durmì presto la sera e non pozzo stà svegliu fino a tardi per stà co’ quissi che rria…addè,intanto,la prima cosa che glie dico è quella de parla a bassa voce….oppure de parlà in silenzio che me disturba meno…  (esce )

2)  Achille: (entrando, con un cagnolino in braccio)-CiaoNicò …Felice non ci stà?

3)  Nicola: Signornò...non ci stà…adè scappatu

4)  Achille: E dove adè ghjitu?

5)  Nicola: E che ne saccio io dove stà!..... po’ darsi che dè ghitu a piglia un bigliettu de lu trenu per Asdrubale….

     Achille-Adè vero…m’era ditto che duvia ghji in gita…ma su Asdrubale che paese sarria…sta lontanu?

    Nicola-Ma Asdrubale adè quillu amicu so….coglionacciu

6)  Achille:Spero che rtorni presto…intanto Nicolino  damme nà sedia che staco morenne

7)  Nicola: Che sci fatto...che dè successo?...che vai facenne co’ stù cà in braccio...quistu adè Flick lu cà de la signorina Vianca?

8)  Achille: Sci… quistu adè  Flick...lu cacciulittu de  Bianca....stasera non me glie sò  magnato la testa per un puru miraculu ma glie so’ dato nà tirata de recchie che se la ricorderà finchè campa...quistu….stasera…..ha combinatu un guaiu....ha fatto nà rovina…

9)  Nicola: Ma che dè successo....ha muccicato a quarcuno?

10) Achille: Pegghio...pegghio...quistu pezzu de animale....che non è un’offesa perchè quistu proprio animale ce dè...comme a lo solito statia attaccatu  dentro lu camerinu de Bianca...dopo lu secondu attu sò jitu a fà li complimenti a Bianca per lu successu che stava ottenenne....scemo parlato un pochetto e la so spronata a seguità a fa’ bene come statia facenne…..po’ mentre se stava rizzenne lu sipariu per lu terzu attu Bianca m’ha ditto....no lu fà abbaià…..se lo dovesse  fà dajie na zolletta de zucchero....essa è ghjita in scena e io sò rmastu co issu…..era tuttu contentu...me leccava su le mà...me facia tante cerimonie comme se m’ avesse voluto di… lasciame libberu un pochetto...scioglieme...a m’ ha fatto tanto pena…dico la verità….e quindi  lu sò sciotu...Tuttu un momentu  no lu sò vistu più...adè scappatu in mezzo alla scena e c’ha fatto?...mendre Bianca cantava issu se dè mistu ad abbaià e ghie dè saltatu su lu collu...figurete... lu pubblicu ha cuminciatu a fischià...quilli de la galleria se dè misti a urlà....passa via...passa via....Bianca l’ha pijatu e de corsa adè scappata dietro le quinte...l'impresariu ha cuminciato a urlà tuttu rrabbiatu.....c’è statu lu finimunnu….un cataclisma!!!

11) Nicola: Ma guarda che combinaziò!

12) Achille: Questo sarria stato quasci niente...quistu pezzu d'animale veru figliu de un càgna che ha penzato de fà?...mentre lu rincurrio adè scappatu dall'atra quinta....è ghjitu vicino a lu suggeritore....ha azato la gamma e l'ha bagnatu tuttu quantu...per esse più chiaru la spisciatu per bene….te poi immaginà quello che dè successo !!!....c’è stata la rivoluziò…..lu teatru Modernu non era più lu Modernu ma un veru campu de battaglia....fischi...urli...pernacchie...basta dì che ha dovuto chiude lu sipariu

13) Nicola: Ma che non s’è potuta seguità manco la rappresentaziò?

14) Achille: E' stato impossibile...meno male che dè successo quasci a la metà de lu terzu attu sennò se sarria dovuti restituì pure li sordi

14) Nicola: E dopo comme scete fatto pe’ cchiappallu?

15) Achille: Quanno se dè chiusu lu sipariu a me sò precipitatu come un pazzu e lu so bbrancatu

             ….dopo so cursu ecco  da te perché se me fosse cchiappato Bianca...quella sarria stata capace anche de mmazzamme….ma io che cce devo fa?….quistu adè un ca’ e certe cose no le capisce…certo se fosse statu un cristià  che me facia sso torto io glie sarrio subboto sparato ‘na pallottola su lu pettu pe’ mmazzallu prima possibile….

16) Nicola:  Sci fatto vene...povera vestia… certe cose no le capisce...che ne po’ sapè issu (prende il cane) Flick….Flick…(lo accarezza)

17) Achille: Per furtuna che Felice non è vinutu a lu teatru Modernu sennò pure issu se la pigliava co’me pe avellu slegatu....comunque....caru Nicò miu...stu ca’ merita ‘na  puniziò....rchiudulu fori da lu valcone e facciulu stà tutta la notte

18) Nicola: No..no..Achille....a quistu addè glie faccio magnà che cosa e po’ dopo lu metto a durmi....Flick...Flik...vellu  (comincia ad uscire dal fondo)

19) Achille: L'ha cumbinata grossa ma adè un animale e bisogna perdonallu…in fondo in fondo adè pure vonu…pensa iera ha fatto pace pure co’ lu gattu nostru… (suona il campanello)...quistu sarrà Felice

Scena Seconda (Nicola, Achille e Felice )

20) Nicola: Quasci certamente sarà lu patrò  Felice che rtorna (esce)

21) Achille: (rimasto solo) Quanno Bianca scoprirà lu fattu e saprà che la colpa adè la mia….

                  sentirai li urli che se metterà a fa….comme minino rdarrà a matto…  a quella già ncuminciavo a staglie su lu stomucu ma dopo stu fattu non me guarderà più neanche su la faccia….sempre che non me daca ‘na sconocchiata de osse

22) Felice: (entra con bottiglie ed involucri. E' preceduto da Nicola) Zuccò….piglieme che ccosa da le mà

23) Nicola: Sissignore...scusa...abbi  pazienza...ma sò pensato solo ad apritte e non  so visto quello che portavi su  le mà (prende le due bottiglie)

24) Felice: No...adè inutile....tu con me non ci stai più bene perché da quanno te sci ‘nnammoratu me pare che te sci   rimbambitu…invece duvristi stà più svigliu….prima de lu matrimoniu bisogna tenè l’occhi aperti….adè dopo sposati che  bisogna chiudene armeno unu per non vedè tutto quello che tte combina ‘na moglie….

25) Nicola:Matu non me sci ditto niente e io che ne sapio che ci stava  da pigliatte  le vuttiglie

26) Felice: Non te lo doveo dì io..lo dovei capì da solu tu....ma po’dove guardi quando apri la porta?...e se non fossi statu io?....tena và…porta  ste vuttiglie de llà  e metta stu pacchettu sopra lu tavuli

27) Nicola: (prende il pacchetto e lo posa sul tavolo poi esce recando le bottiglie) Va bene

28) Felice: Achille.....adè finitu lu spettaculu a lu teatru Modernu?

29) Achille: Sci...’na mezz'oretta fa

30) Felice: E Bianca non è ancora rvinuta?

31) Achille: No

32) Felice: E come mai tarda cusci tanto stasera…de solito dopo  un quartu sta ecco

33) Achille: Forse se dè ntrattenuta a parlà con l'impresariu so

34) Felice:  Perché…come adè ghitu lu spettaculu?

35) Achille: Ah! ....’na vellezza veramente (siede)…non te lo immagini comme adè ghjitu?

36) Felice: E che ha ditto Bianchina che stasera non  so statu a vedella?

37) Achille: Bèh....stava veramente arrabbiata!..io comunque Felice...te cunsiglio de lascialla (pausa) ...tu per quella donna te rovini….non è donna che fa per te….cià troppi vizi…l’orari tutti sballati per le esigenze tue e po’ quella se crede anche troppo vella per te…l’atru ghiornu quanno me era dato lu passaggiu co’ la macchina ci-ha fermato un  vigile …signora qui bisogna stare entro i quaranta…invece tu stavi più su li cinquanta…lo sai comme ha risposto essa?...lo sai?...adè ‘stu fazzulittu fantasia che porto che me invecchia da matti…lasciala perde…damme retta….non fa per te

38) Felice: Lo capisco pure io....ma come faccio a finirla sta storia ?...adè ‘na parola....quella va pazza per me...se vo’ per forza sposà  co me…..vole fasse una famiglia co’me ma non sa che a me non me piace a mette ssu famiglia ….se ne pigliasse unu che ce crede…anzi conosco chi ce crede tanto a la famiglia che ce n’ha perfino due…tre….ma ppo’ io non so più un bardasciu…essa me lo ripeta  spesso ma questo non succederà mai....amarsi sempre ma sposarsi mai anche perché Bianca cià veramente un caratteracciu

39) Achille: Ma che sci mattu a sposatte quella donna....no lo devi fa’ mai e poi mai....se lo farrai io non te guarderò più in faccia....comunque cambiemo discursu che dè meglio….stasera dove sci statu?....Bianca m’ha chiesto de te…

40) Felice: So statu a magnà a casa de lu  cumpà Michele...a proposito io devo magnà…stasera non so magnato quasci niente…so rimastu quasci  a digiuno………

41) Achille: E come mai non sci magnato ?...eri ditto che eri statu a magnà a casa de Michè…

42) Felice: Perchè Michè  e la moglie se dè rrabbiati ed ha litigato per tutta la serata co’ la figlia                        Ninetta….quella non vole sposasse co’ un giovanottu che glie vole fa’ piglià  loro...un certu Antonio De Vita...un’avvocatu …..

43) Achille: E perchè no lu vole?….un’avvocatu duvria esse un  partitu vonu

44) Felice: E che ne saccio io...già era pronti li spaghetti e stavamo mettennece a magnà quanno tuttu ad un trattu Ninetta s’ è mista a piagne.....lu patre Michele e la madre Concetta vedenne a piagne a scargatesta la figlia se dè misti a piagne pure loro….io vedenne che piagnia tutti….

45) Achille: Te sci mistu a piagne   pure tu?....

46) Felice: ….Tanto per faglie compagnia.....a questu puntu me sse dè chiusa la vocca de lu stomacu e non so magnato più.....perchè io a quella ragazza glie voglio proprio bene....la sò vista nasce...anzi a lu padre glie sò  pure ditto....cumpà...scusa...ma io qua da vuatri non ce vengo più perchè non posso vede suffrì cuscì a quella povera ragazzetta ….

47) Achille: E se capisce...se quistu giovane a essa non gli piace perchè la deve costringe a sposasselu per forza….ciavrà dirittu de scesciese chi glie pare o no?(lunga scampanellata)

48) Felice: Nicola….Nicò…

Scena terza (Felice, Achille, Nicola e Bianca)

53) Nicola: (entrando) Eccheme qua….dimme pure Felice

54) Felice: Vanne subbito a vedè  chi dè…..non senti comme sona a longo…..se vede che cià parecchia fretta….

55) Nicola: Subboto (esce a sinistra)

56) Felice: Questa putria esse anche  Bianchina…da la sonata agitata quasci la rconoscio

57) Achille: (tra se) Se fosse essa addè la sentiremo!....avoia comme la sentiremo….magari potessi scappà via da ecco in quistu momentu!!!....sarria veramente la fortuna mia…..

58) Bianca: (entra e vedendo Achille) Ah!..tu stai ecco....bravissimu…sci proprio vrau

59) Felice: Mia cara Bianca….io te voleo… (cerca di abbracciarla)

60) Bianca: (si divincola) Lasciame sta.....non me parlà...(poi ad Achille)...quello che sci fatto stasera me lo pagherai caro

61) Achille: Te giuro che so murtificatu….dispiaciutu al massimo…pentitu che non te dico

62) Bianca: Zittu...non parlà....non te voglio manco sentì a  parlà....sci capito?

63) Felice: Ma che dè successo?

64) Bianca: Stupidu...critinu....animale….ma comme fa Felice a tenettese sempre vicino?

65) Achille:(timido) Sissignora….adè probbio cusci…ci-hai probbio ragiò….         

66) Bianca: Che bestia che so stata ad avette dato l'onore de fatte entrà su lu cammerì miu....e allora me sta vene….la colpa adè solo la mia ma tutto adè successo per colpa tua...caru Felice

67) Felice: Per colpa mia?...e io che cce rentro?....non saccio manco che dè successo

68) Bianca:Se capisce che la colpa adè la tua......perchè sci statu tu a presentamme stu bbellu  soprammobile...un uomu inutile in tutto e per tutto…ma non vedi non riesce a troasse manco una cencia de moglie….ma chi ce commatteria co’ quissu

69) Felice: Ma insomma....se pò sapè che dè successo?

70) Bianca: E' successo che per colpa de ‘sta bestia (lo indica)...stasera non s’è pututu finì  tuttu lu spettaculu llà lu teatru

71) Felice: E perchè?

72) Bianca: Perchè Achille ha scioto a Flick e l'ha fattu scappà fori su la scena proprio mentre io cantavo

73) Felice: E questo sarria tutto?...non sapio che era successo…chissa che me cridio

74) Bianca: Dopo adè successa una rivoluziò....l'impresariu miu m ‘ha misto una multa

75) Felice: E la pagheremo…ma che voi che sia…una più una meno

76) Achille: Pagheremo?....ma che dici?....glie dicemo….

77) Bianca: Zittu tu....io so’ disdetto lu camerinu....ecco stu paese non ce voglio cantà più….me vergogno perché addè tutti saprà ssu fattu…..

78) Felice: Benissimo....non ce cantà più…dopo se non lavori non succede niente…vorrà ddi che magnerai solo le grespegne troate llà lu campu….ma rragiona dove lu troi ecco vicino un teatru che  fa spettacoli de varietà…

79) Achille:Va vene….fa la dura....non cantà più ecco lu paese nostru…che tanto ‘sti paesani manco la capisce la tua arte canora  di cantante di avanspettacolo e cabarè!!!!

80) Bianca: Sci….ma l’impresariu su la scrittura cia  scritto che in quistu casu scatta una forte penale.

81) Felice: Pazienza....la pagheremo….tanto dopo ghjiarrai a cantà su un’atru teatru e recuperemo

82) Achille: La pagherai ?....Felice….ma sci decisu ?

83) Bianca:Pagala ma sappi che la colpa non è stata la mia...te la devi piglià co l’ amicu to qui presente….

84) Achille: Ma perché farristi tutto questo?...perchè vurristi da la disdetta?....tu Bianca domani sera devi cantà regolarmente....solo ‘na ventina de perso ha fatto chiassu ma li veri signori….quilli competenti de musica e balletti… gridava tutti quanti (cambia tono)...fuori la prima donna...fuori la prima donna...su non dàmme stu dispiacere…lo sai che io adoro lu lavoru…io rmarrio sempre a guardà quilli che fatiga….atre persò gridava ….bravu Flick…bravu Flik

85) Felice: Ma perchè ha chiamato pure a Flick?

86) Bianca: Ha ditto brau pure a Flick ?....stavo cusci arrabbiata che manco so sentito….

87) Felice: Ma quistu vinidittu cà perchè lu sarristi sciotu?

88) Achille: Me facia pena poru animale...stava attaccatu da le otto

89) Bianca: Io ttaccherio a te…guarda mpò …ma lo farrio per non sciogliete mai più

90) Achille: E io sarrio come Flick….sempre fedele e affezzionatu a te anche se me legaristi …(con comicità)

91) Bianca: Non fa’ lu spiritusu!... sò rmasta d'accordo co’ lu procuratore che ce penserò tutta la notte e domani matina me deciderò se seguità a cantà... oppure no....

92) Felice: Lo devi fa per me…devi seguità a canta ecco lu teatru nostru….un’artista comme te non se riusciria mai a rimpiazzalla…

93) Bianca: Lo devo fa per te un cornu!....se pò sapè….a propositu… stasera dove sarristi statu?

94) Felice: A casa de lu  cumpà Michele...m’ ha invitato a magnà con issu...prima so ghitu a compra due bottiglie de vi quello  vono...un po' de carne macinata....po’ ‘na vintina de ostriche e quattro sfogliatelle calle calle....tutta robba che piace anche a te ma me ero impegnatu a rtornà prima de te cuscì poteamo sta insieme

95) Bianca: Sci pigliato pure le ostriche?

96) Felice: Certamente....ostriche fresche  !!!

97) Bianca: Ma veramente sci statu da Michè….lu  compare to?

98) Felice: Veramente...te lo giuro….me dovea parlà de un certu affare….ma tutto adè ghito a monte e io so rtornatu a casa……

99) Bianca: Se mme lo dici tu ce credo….vedi caru Felice…io  me devo guarda bene attorno…mica so’ più ‘na frica …oramai frequento a te e me fido ciecamente de te…sennò divenatrio matta se staco a sinti le chiacchiere de le persò…..per esempiu….da qualcuno  sò saputo che  Achille….s’amicu to predilettu…  sta cerchenne de fatte allontanà da me perchè adè contrariu ad un  eventuale matrimoniu nostru…..adè vero?…..io so’ sincera a raccontatte quello che so’ sintito a dì ma tu devi fa’ altrettanto…devi esse sinceru co’ me raccontenneme la verita…… daglie dimme se dè vero che te dice che tu non fai per me?

100) Felice: Ma niente affatto....chi te l'ha ditta sta fesseria….e po’ ad Achille che glie mporta ?

101) Achille: Questa adè ‘na bugia...’na menzogna....anzi io glie dico sempre.....Bianchina adè una bravissima donna...gentile...onesta...ma dove la troi una meglio de quella...(a Felice )..è vero?

102) Felice: Sicuro….adè la pura verità e dice anche un giudiziu veru….me devi crede Bianca!!!

103) Bianca:Allora se me lo dici tu te credo e so’ pure contenta ....

104) Felice:Addè,però,la scemo perde ssi discursi epensemo pure  a cenà  perché me sento un certo languore de stomacu… oltre  a cercà de stà tutti mmoccò piu allegri e meno nirvusitti

105) Achille: Bianchina…..me perdoni per quello che dè successo stasera?

106) Bianca: Mai….la sci combinata probbio grossa…sci imperdonabile….anzi te sarvi  a non piglià un saccu de votte solo perché me sci ditto vene davanti a Felice

107) Achille: Fallo per Felice che te vole tanto vene….allora

108) Bianca: No e poi no….prima me sse deve passà tutta ‘sta rabbia che ci-agghio addosso

109) Achille:

110) Felice: Daglie Bianchina cara perdonulu…. adè statu un attu de troppo amore pe’ lu cà tò….daglie….non se  pò gustà le ostriche stando arrabbiati….

111) Bianca: Adè vero…..quesso adè vero….davanti a le ostriche e anche a lo dolce bere   bisogna perdonasse…eccote perdonatu…ma no lo fa più per carità….te lo dico pe’ lo vene tò… non scioglie più a Flik  per nisciù mutivu

112) Felice: Le ostriche adè più  persuasive de me…ma va bene lo stesso….l’importante adè che l’amicu miu non se cchiappi un saccu de votte….perchè quessa sarria capace de scrociallu…daglie ….ringrazia Vianchina che t’ha perdonato

113) Achille: Grazie...grazie...(le bacia la mano)...stu vasciu che  daco su la  mano tua segna lu più bellu ghiornu de la  vita mia…la ero fatta probbio grossa ma llù cà me facia pena….daglie ghiemo de llà a fini a preparà la cena che magnerà pure Felice … (mano nella mano escono in fondo a destra)

 113b) Felice: Per furtuna  che la scimo carmata senno questa sarrria stata capace de sfasciaglie la testa…certo che ssu Achille rispecchia probbio lu proverbiu….”Achille più passa lu tempu e più diventi imbecille”…zaa…zaa… 

Scena Quarta (Felice, Nicola e poi Ninetta )

114) Nicola(entra) Felice.....lla fuori ci sta la commarella tua che vole entrà urgentemente

115) Felice: Ma chi?....Ninetta?

116) Nicola: Certamente....io glie so ditto che eri impegnatu co’ certa ghiente importante  ma essa  vole entra lo stesso...dice che se tratta de un'affare urgente  che non se po’ rmannà

117) Felice: Ninetta a quest'ora...e che vena a fa?...falla entra

118) Nicola: Va bene (esce per la porta di ingresso)

119) Felice: Quando mai  Ninetta ade scappata de casa quasci a mezzanotte….(va alla porta ad accoglierla )....commarella mia...entra...entra

120) Ninetta: (entra, guarda intorno, e poi si getta fra le braccia di Felice) Compare miu Felice....compare miu vellu (piangendo)

121) Felice: Che  voi?....che te dè successo?...ma tu stai piagnenne da stamattina per stu cavulu de avvucatu

122) Ninetta: Salveme...salveme...per carità

123) Felice:Mettete a sedè...(porge una sedia) e non piagne....mammata e tu patre  lo sa che sci venuta qua da me?

124) Ninetta: No….no sa niente....dopo che tu stasera  eri ghitu via… io… dopo un pochettu de tempu so fatto finta che ciaveo sonnu e so’ ghita  a durmì....anche loro ce dè ghjiti....quanno  me so’ accertata che durmia tutti e due.....me so’ rvistita…..so’ calata ghiò lu pianerottulu  e me sò fatta accompagna qua da Rosa....la portiera de lu palazzu nostru

125) Felice: Ma perchè sci fatto t quesso...perchè sci venuta qua da me a quest’ora?

126) Ninetta: Perchè solo tu me voi bene veramente....perchè sopra a questa terra io ci-agghio solo a te...e se tu acconsentirai a quello che te dico...se non te negherai per un piacere che te chiederò...salverai a me ma anche a la famiglia mia….. che te dè pure amica

127) Felice: Io non te capisco proprio…

128) Ninetta:Vabbu vole che io me sposi assolutamente co’ l'avvocatu Antonio De Vita....ma io no lu voglio...no lu voglio….comme glielo devo dì….

129) Felice: E questo ce lo sapio... allora tu ribellate....punta li piedi per terra e non te lu sposà

130) Ninetta: No li posso punta li piedi per terra

130) Felice: Perchè ciai li calli?

131) Ninetta: No...li genitori mii vole che me lu sposi per forza...sennò perdo 300 milioni

132) Felice: Perchè ‘stu avvocatu adè riccu?

133) Ninetta: Ma dove....quillu non ci-ha neanche un sordu....ci-ha solo un bon mestiere… ma non cià tantu lavoru  ....non ci-ha cause da difende e quindi non guadagna quasci niente

134) Felice: E allora de chi sarria  ‘sti sordi che perdi?

135) Ninetta: Adè li mi....adè sordi che spetta a me

136) Felice: Uh!...mamma mia...tu me fai diventà mattu  pe  seguitte su lu discorsu che me fai

137) Ninetta: Ecco qua....allora adè  rriatu lu momentu de spiegatte tutto per bene ….

138) Felice:Ma io…cocca mia….non ci-agghio manco tantu tempu pe’ potette statte a sintì ….me dispiace ma sci  scelto una brutta serata

139) Ninetta: Lo saccio che ci-hai gente a cena ma io...caru compare Felice...me voglio spiega in fretta...devi sapè che zia Marianna…..la sorella de vabbu....quella che ha ricevuto tanti sordi in lascitu da quillu Conte che non ciavia più nisciu parenti….pensò anche a essa  perché gliedè stata per tanti anni fedele collaboratrice e sse dice pure checcosatro…ebbè…quattro anni fa, prima de murì, m’ha lasciato 300 milioni in contanti con lu pattu che sarria diventati per sempre li mii  se  me fossi maritata armeno due mesi prima che compissi 25 anni...se questo non succederà...li 300 milioni dovra esse versati a favore de lu centru sociale…

140) Felice: Lu Mazzini o Garivardi ?

141) Ninetta: Unu de li due….poco  importa…ma te pare che regalo li sordi a lu centru sociale?...anzi a sò saputo che ssi due centri sociali stava a ‘mmazza e curtelli perché unu stà da ‘na parte e quill’atru  dall’atra….ebbè  ha stretto un pattu pe dividese lu malloppu perché cusci nisciuna de li due rimane poveru e delusu….chi piglia li sordi deve dà la metà a quill’atru….a rfatto pace pur de frecasse li sordi….ma loro ha pocciato poco da fichi se crede che glie faccio piglia l’eredità de zia….

142) Felice: Ma tu guarda che capricciu vole togliese ssa zità to

143) Ninetta: Embè...che ce voi fa’....gusti adè gusti…dicia chè essa a 25 anni ha rifiutato un buon matrimoniu....po’ dopo non l’ha cercata mai più nisciu....salvo ssu Conte de lu lascitu…e a 60 anni è morta zitella...per paura che non fosse successo pure a me de rmanè zitella….

144) Felice: ......ha fatto ssu razza de testamentu....ma tu Ninetta quanti anni ci-hai?

 145)Ninetta-Per venticinque anni me manca solo tre mesi

146) Felice: Addè  capisco tutto.....ecco perché  lu compare e la commare cià tutta ssa premura de fatte sposa urgentemente l'avvocatu...Oh!!!...ma tu stu avvocatu perchè no lu vurristi? …non te rendi contu che facenne cusci rischi de perde tutti ssi sordi…

147) Ninetta:Me ne rendo contu… ma prima  de tutto te voglio dì che no lu voglio perchè me sta antipaticu...e po’ anche per un'atra ragiò...(pausa)

!48) Felice: Ci sta pure un'atra ragiò?...e quale sarria quiss’atru mutivu?

149) Ninetta: Perchè...perchè ci sta un’atru ragazzu che me sta  simpaticu.... io già faccio l'amore co’ issu e no lu voglio lascià....ecco tutto...

150) Felice: Eccola la vera ragiò….sennò a non piacette s’avvocatu

151) Ninetta: Quistu de cui te staco parlenne  tu lo dovresti  già conosce....te ricordi quillu francese negoziante de vi?....l'anno scorso adè vinutu a casa nostra per fa’ un contrattu co’ mi padre .... dopo quella visita a mi padre glie spedirono tanto de quello vi’……..

152) Felice: Ma certamente che me lu ricordo quissu francese....era un  vicchittu tanto arzillu e simpaticu....aspetta...comme se chiamava?

153) Ninetta: Carlo Duprè

154) Felice: Carlo Duprè...esatto...me lu ricordo

155) Ninetta: E te ricordi anche de lu figliu?..... se chiama Enrico

156) Felice: No...lu figliu no lu so mai vistu e cunusciutu

157) Ninetta: Che peccatu!...se tratta de un giovane tanto simpaticu....distintu e aggraziatu...lu padre Carlo lu fece restà per un po de tempu ecco le parti nostre  per faglie impara a parla un pò l' italiano… cusci ce scemo conosciuti meglio...stando spesso insieme scimo scoperto che issu vole vene a me....e io voglio vene a issu per cui non ce lascieremo per nessuna ragione

158) Felice: E perchè ve dovreste lascià ?....quale occasiò migliore de questa ve putia capità?...invece dell'avvocatu vorra dì che te sposerai co’ ssu Enrico...

159) Ninetta: Lo saccio vene...ma Enrico non me sse pò sposa perchè doma’ matina parte...rva a casa sua a  Parigi...lu padre la mannatu a chiamà  perchè vole che dopo rparta subbito per Londra e ce resti almeno sei mesi …. a Londra …lu patre ha aperto una succursale de vendita de vini...issu poveracciu...ha ditto e ghiurato che dopo quisti sei mesi tornerà senza meno da me e me se sposerà....ma adè un veru peccatu perde quisti 300 milioni….significa perde un capitale…con questa cifra me ce potrò compra terreni….armeno un palazzu…sposammece e metteme da parte un bellu gruzzulittu de sordi liquidi……

160) Felice: Se capisce…ma tu madre e tu padre lo sa de quistu fattu de ssu francese?

161) Ninetta: No….non sa niente nisciù…ma vabbu non sarria mai daccordo a ‘stu matrimoniu

162) Felice: E perché?

163) Ninetta: Perché lu francese…ossia Carlo Duprè…glie fece causa per certo vi’ che non ricevette mai…mi padre per quistu fattu dovette caccià un saccu de sordi e addè sta tutti e due  arrabbiati a morte…..se potessero se mmazzeria

164) Felice: Pure quistu  ci sta de problema su ssu matrimoniu che vurristi fa co’ ssu francese….

Scena quinta (Achille, Ninetta, Felice)

165) Achille: Oh! Felì….oh! Ninetta vella

166) Ninetta: Buonasera (abbassa la testa)….che volei?

167) Achille:(a Felice) Voleo di che quilli signori de llà,ci-ha un certu appetitu da sazià

168) Felice: Addè  rrio…intanto ncuminciete a magna

169) Achille: No…questo mai….spetteremo a te….commarè…commarè Ninetta voleo ditte…..

170) Felice: Vattene via Achille ….questa non vole esse vista…figurate se ce devi parlà….

171) Achille: Subito (esce)

172) Felice: Ma insomma…Ninetta mia cara….cocca mia…io che  posso fa per aiutatte?

173) Ninetta: Tu poi fa tutto…tutto dipende da te…basta che tu lo voi….tutto dipenderà da te se perderò li 300 milioni oppure no…sempre da te dipenderà se me potrò sposà Enrico fra sei mesi

174)Felice: E in che modu dipende tutto da me ?

175) Ninetta: Un modu semplicissimu…’na pensata che ha fatto Enrico

176) Felice: Chi…lu francese?

177) Ninetta: Sci…probbio issu…ragazzu inteligente comme se ne troa puchi

178) Felice: E quale pensata avria fatto lu francese ?

179):Ninetta: Cumpà miu Felice….tu sci sempre ditto che me volei tanto vene….che per me avristi fatto qualunque cosa…..adè vero?

180) Felice: Verissimo….e allora che duvrio fà?

181) Ninetta: Me dai la parola d’onore che manterrai lu segretu ?

182) Felice: Parola d’onore…data (pausa)

183) Ninetta-(lo abbraccia) Compare Felice….tu per sei mesi devi esse mii maritu

184) Felice: Lu maritu too….ma che dici?...ma che sarria sso stupoto....ma che dè cambiatu cusci lo munno…

185) Ninetta: Sci….tu me duvristi sposa entro quindici ghiorni….sennò non ci stà più tempu….salta tuttu lu pianu architettatu

186) Felice: Ninetta…ma tu stai diventenne matta?....ma comme voi  sposatte co’ me?..e la differenza de età?....e li genitori to che dirranno? ….e lu francese?...e l’amore che deve stacce fra due che se devono sposà…e l’amorosa mia Bianchina che giusto appunto sta de llà che sse cce sente prima scrocia a te per gelosia e a me perché te daco rretta…..

187) Ninetta: Adde te spiego…tu prima che finisca lu mese me sposerai in tutta regola…me sposerai sia su lu cummune che su la chiesa…farrimo stacce tanti soni e tanti canti sacri…ce vesteremo comme due spusi normali…dovemo fa tutto regolare e  nisciù deve avè lu minimu dubbio che sarrà un matrimoniu destinatu a sciogliese presto… cusci io sarrò in regola per piglia li 300 milioni che me spettà dall’eredità…po  fra sei mesi Enrico tornerà…me verrà a piglià …. e dopo  ce ne ghiarremo  in America e llà ce sposeremo ‘natra ota ma co’ lu ritu americanu che non considera per niente quillu fattu ecco da nuatri…sarrà un sacrificiu de sei mesi solamente…per tutte le persò saremo maritu e moglie invece ce comporteremo come un patre co’ la figlia….io non te darrò nisciun fastidiu…basta che mme tte sposi

198) Felice: Ma io non me voglio sposa…adè sempre un matrimoniu quissu e io non ciò mai avuto questa intenziò…e ppo ci sta Bianchina….ma comme faccio a lascialla….ma quella adè capace de scrociacce a tutti co llù fisicu che cià….

199) Ninetta: Ma mica te sposerai veramente...te sposerai per finta…io non te darò nessun scomodu…. me metterò in un angulittu de la casa e da loco non me muoverò…tu devi far finta de ‘na cosa….immagina-te che io resti orfana de  padre e de madre….ossia sola sopra a questa terra…tu che faresti…non me pigliaresti co  te?

200) Felice: Sci…questo sarria certo e sicuro….ma non te pigliarei , però, come moglie

201)Ninetta: E tu considerame come se fossi una povera ragazzetta che non sa dove  sbatte la testa e per sei mesi vivrà con te….comme ‘na nipote rmasta orfana…. (quasi piangendo)

202) Felice: Ma questa adè una cosa tutta mbrogliata….e tu la stai facente come se tutto fosse tanto facile ….bisogna sposasse in tutta regola…combrasse la camera matrimoniale…ma non pensi che se corra parecchi rischi….ma comme te dè vinuto su la testa…un fintu matrimoniu per po’ lasciasse fra sei mesi…ma do la sci visto mai?

203) Ninetta: Vedi cumpà Felice….facimo come se io in quisti sei mesi stessi a pensiò a casa tua….appena saremo sposati…io incasserò li sordi de zia e allora  te pagherò anche lu scommudu….te darrò 50 milioni….che ne dici  de questa proposta? (pausa)… pensi che se possa accettà’?…

204) Felice: (dopo aver pensato) : Ma non è questione de sordi…io non ce nagghjio manco tanto bisognu ….io se tte devo accontentà no lo farrio certo pe’ li sordi (tra se)..certo 50 milioni me risolveria tanto…però….

205) Ninetta: E allora la cosa sarà ancora più fattibile

206) Felice: Ma la cosa resta sempre troppo rischiosa…famme capi meglio…io te tengo cò me e facimo finta de separacce fra sei mesi…ma se quistu francese trascorsi li sei mesi non dovesse rtornà  dopo che faccio…te devo tenè per tutta la vita?

207) Ninetta: Io te garantisco che rtorna….adè troppo innamoratu de me ed è un veru galantomu

      …. semmai non dovesse rtornà io che colpa ne avrò…vorrà dire che me terrai come una nipote che te diventerà utile pe’ lo futuro…in una prossima tua vecchiaia…allora decidete…che fai… acconsenti?...pensace vene ma non ci sta atru  tempo da perde…

208) Felice: Adè inutile che me ripeti sempre quistu fattu che me pagherai e ricompenserai lu sacrificiu che faccio con 50 milioni (si gira)…faccio per ricordaglielo

209) Ninetta: Ma io non so ditto  niente de ssi 50 milioni….la sci rcacciato tu all’impruise…ma comunque se me dici de sci io te prometto che te li darrò

Scena Sesta (Nicola, Enrico, Felice, Ninetta)

210) Nicola: Felice….adè vinutu un signore forestieru e m’ha dato stu vigliettu  (lo dà)

211) Felice: (lo legge):Enrico Duprè

212) Ninetta: Adè issu…adè issu compare…è vinutu per me…stava spettenne ghiò de sotto….io glie ero ditto che dopo un quartu d’ora d’attesa fosse salitu su….te lu vulio fa conosce (a Nicola)…fallu  salì su Nicò…

213) Felice: Accontenta pure Ninetta

214) Nicola: Subito ….so forse sbagliato  a non mannallu via? ( e si avvia ad uscire)

215) Felice: Ma no…anzi

216) Ninetta: Adè  tanto educatu….tanto vonu….cusci ce parli e cumbinete  tutto (ad Enrico, molto allegra, affacciatosi sulla porta)…avanti…senza cerimonie…avanti pure..

217) Felice: E che ne parlimo a fa…ma de che dovemo parlà

218) Enrico (entra, veste elegantemente): Mersi…bonsuar mossiu

219) Felice: Bonsuar

220) Enrico: Ghe vu demand pardon…ghe retardè a montò…me ghe cru bien fer d’attandr chelch minut pur vu lessè le tam de le convener….e ghe bien fè?

221) Ninetta: Oui…mon scer…tu a tre bien fè car d’aberd il set opposò car reman e ne vulè absolimman acconsantir..me mentuant aseil parè il se desidè a fer tuse nu vudron

222) Enrico: Oh!...ghe sui trè contant (le bacia la mano)

223) Ninetta: E mmà ossi….mon scer amì

224) Felice: Oh!...ma …Ninetta… embè… ma che sarria a parlà senza che io ve capisco

225) Ninetta: Scusa cumpà !...ha vuluto sape se tu acconsentivi….Enrico…te presento il mio compare Felice Scioscia….un secondu patre per me

226) Enrico: Je ne connè pàrle fransè?

227) Felice: No….mossiù…parlè solamente lo taliano anzi me stroo meglio se parlo lo dialetto

228) Enrico: (con gorga francese,parla male l’italiano ) Molto assai piacere vostra conoscenza….Enrico Duprè….che dichiara voi tutta sua persona…suo cuore

229) Felice: Grazie mille

230) Enrico: Mia morosa Ninetta…dice che voi state contento e accettate la proposta..

231) Felice: Io ancora non so accettato niente

232) Ninetta: Ma sci….eri ditto de sci….tanto che vulii esse certu che torna fra sei mesi (ad Enrico) Biviandrà…siurman?

233) Enrico: Oh! sertman!...ghe ne mauscerè paje vu donnè ma parol….e tui?

234) Ninetta: Oh!....jamè….je le giure

235) Enrico: Mersi…io non mancare parola data…appresso sei mesi …io fare ritornello….prendere amorosa e portare in America a fare la sposalizio stile americano

236) Felice: Benissimo…meno male che me garantisci ssu fattu che rtornerai

237) Enrico: Essere questa una combinazione strana…nessuno fare mai questa cosa….lasciare per sei mesi propria amorosa affidata ad altra persona….

238) Felice: Ma io per essa….per comme me dè cara…. la proteggerò come un atru padre

239) Enrico: Ah si!!!...con voi posso allontanarmi con piena sicurezza…non c’è nessun pericolo con voi

240) Felice: (tra se )-Cià ‘na bella opinione de me….

240b) Enrico: Dunque…io partire domani 7 ore….vado a Parigi…poi Londra….tutto stabilito

241) Ninetta: Tutto…tutto…(a Felice) adè vero quello che te dice

242) Felice: Va vene per 50 milioni (guardando Ninetta) per 50 milioni…. acconsento de faglie lu fintu maritu ….ma essa deve fa bene la finta moglie…io te garantisco che co’ me rmanerà zitella…ossia resterà illibata perché io non la toccherò mai….per esse ancora più chiari sarà una donna sposata….ma non consumata….

243) Enrico: Va bene…oggi sono due maggio (conta con le dita)…due novembre io bussare

                       vostra porta e venire a riprendere mia amorosa Ninetta

244) Felice: Perfettamente….cusci voglio e cusci dovrai fa’….tutti dovemo rispettà li patti…però

245) Enrico: (stringendogli la mano) Moltissimo piacere

246) Felice:Grazie…pure io ci-ho avuto piacere de conoscete…e buon viaggio

247) Enrico: Molto grazie…(a Ninetta)..Adiè mignonne…mon amour…mavi..

248) Ninetta: Adie…fe bon vuajage e em mua come je t’em

249) Enrico: Ah!..je t’em bocù…orevuà (bacia la mano e si avvia ad uscire)

250) Ninetta: Compare…dimme la verità….te piace ‘ssu ragazzu….sci visto che classe ?

251) Felice: Adè un giovane simpaticu e spigliatu…è vero (Enrico ringrazia con un inchino)

SCENA SETTIMA

(Michele,Concetta, Achille, Bianca, Enrico, Nicola, Ninetta e Felice)

   252) Nicola: (entra) Ma spetteteve un momentu…scusete sa…ma che educazio sarria questa…ma quanno mai io so bboccatu dentro casa vostra de prepotenza….ma che me volete fa’ licenzià da Felice …alt….

253) Concetta:(da fuori) No….non aspetto neanche un minutu

254) Michele:(da fuori) Volemo entra….o co le vone o co le cattive

         Nicola-Alt…stop…ma che no lo capiscete?...allora ve lo dico comme li contadii quanno vole fermà le acche……lleeeeeee…non se po’ entrà

255) Ninetta: Mi padre e mi madre!!!!...compare Felice…nasconna Enrico…per carità

256) Felice: (ad Enrico):Lla …lla…dentro a quella camera (spinge Enrico dentro)

257) Enrico: Oui…oui…nascondere muà

258) Concetta: (furiosa ,entra- Michele  la segue) : Ah!!...eccala ecco ….

259 Michele: Stai qua….lazzarona e faccia tosta

260) Concetta: Sci scappata de nascosto da casa a quest’ora….. mentre nuatri stavamo dormenne e credei che non te putiamo sinti

        Nicola-Felice..scusa..ma gliela so ditto in tutte le maniere….anche cò li segnali stradali che non putia entrà ma comme mà spinto….(gli si avvicina e fa il gesto di dargli uno schiaffo)…so dovuto cede ma mica  me posso compromette       

261) Michele-(a Nicola) Non ce complica le cose…(alla figlia)…parla…dicce perché sci vinuta qua …perche sennòò….(gesto di schiaffo)

262) Felice:(si frappone) Vedi…compare miu Michele….

263) Michele: Che devo vede….questa adè una cosa terribile…. a mezzanotte adè scappata da casa

264) Concetta: So rischiato che me ce pigliasse un gorbu ….se non fosse stato per la cunfidenza che m’ha fatto la portiera che m’ha raccontato tutto…nuatri adde saremo stati a corre  per tutta lu paese  per cerca de  rintraccialla

265) Felice: Per furtuna stava da me…lo doveate pensà subboto data l’amicizia che ci-ò co Ninetta

266) Nicola:Ma po’ che sarria tutte sse voce che glie facete…sentete prima la ragiò per la quale adè venuta ecco da nuatri…po’ esse pure che essa cià ragiò

267) Concetta: (arrabbiata) Che ragiò deve avè…ma che dovemo preoccupacce pure de la ragiò o torto de na ragazza de quessa  età?

268) Felice (a Nicola):Tu non te mpiccià …..quissi non è fatti che deve importà a te!

269) Nicola:Agli ordini sor padrone(girato)meglio scappasse via che ssu Michè adè grossu(esce)

270) Felice:Meglio fai che vai via….però  Concetta facce parla pure a nuatri…se urli e parli sempre tu allora adè inutile cerca de chiarisse

271) Achille: (entra) Felì…dellà lo magnà ….(si interrompe vedendo i due)… oh! sor Michele carissimu….saluti anche a te cara  Concetta….ben venuti

272)Felice: (ad Achille) Che voi?...ma non vedi che stemo parlenne de cose serie…

273) Achille: Non so’ vinutu  per sape li fatti vostri o pegghio de le fresche che ciavete….te voleo solo fa presente che de llà lo magna sta finiscenne e se non te sbrighi....

274) Felice: Un momentu ancora e po’ rrio…. riguardo a Ninetta che dè scappata de casa a quest’ora…dico che ha fatto male…ma ssa povera ragazza adè vinuta solo per sfogasse mocco  con me….io so lu compare  so’ e credo che non ce stia niente di male….

275) Concetta: (arrabbiata)….ma de che  se deve sfoga….che duvria raccontatte?....essa se

                  deve sposa co Antonio…l’avvocatu ... se quistu era l’argomentu de cui te stava parlenne

276)Felice: Adè  proprio quistu  lu motivu per cui adè scappata da casa a quest’ora….Ninetta ad Antonio no lu vole proprio e me pare che anche ogghji te l’abbia ditto e ripetuto..…

277) Ninetta: No…no…non me lu sposerò mai e poi mai

278) Michele: Ma perché…per quale ragiò?...ma te rendi contu che stai rifiutenne un avvocatu

279) Felice: Volete proprio sapè lu perché?....ma non lo scete capito? (pausa)…perché fa l’amore co n’atru (compare Bianca)

280) Michele: Co un atru ?...e chi sarria quissu ?

281) Felice: Adè unu de cui dovete acconsentì per forza…perché adè un galantomu….cià buone possibilità economiche e sopratutto glie vole tanto ma tanto bene

Scena Ottava (Michele, Felice, Concetta, poi Achille)

282 ) Michele: Ma se la sposeria subboto?

283) Felice: All’istante…massimo dentro quindici giorni

284)Concetta: E chi sarria quiss’atru pretendente?

285) Felice: Chi dè?...no lo potete mai immaginà!!!...ebbene so io!!!

286) Michele: Tuuu…..Felice

287) Concetta: Tuuu….Felice nostru

288)Ninetta: Sissignori…adè proprio issu l’ amore mio nascostu…io me lu voglio sposà….

289) Felice: Facimo l’amore dall’anno scorso e me la sposerò co tuttu lu core…perchè glie voglio tanto bene e anche essa  me lo vole (ad Achille)…ade’ vero Achille ?....testimonia stu fattu…

290) Achille: Verissimo …..se vede a occhiu nudu (girato)…ade la prima ota che lo sento….

291) Michele: Ma comme pò esse…tu eri sempre tanto contrariu ad  un tuo eventuale matrimoniu?

292) Concetta: Pure tanto nemicu de li sposalizi che facia l’atri….specie l’amici to…

293) Felice: Che volete da me….adè decaduto tutto perché non so saputo resiste a Ninetta che ha saputo corteggiamme e famme cambia idea  (ad Achille)…è vero Achille ?

294) Achille: Verissimo…ma sai quantu tempu era che sse volea vene… solo che se vergognava a dillo perche Felice cià sempre un certu impegnu co’ quella de llà…. (Bianca che stava a sentire facendo capolino,esce arrabbiata)

295) Michele: Ma figlia mia…. perché ‘sta cosa non me l’avei ditta mai?...io avrio acconsentito subbito e senza discussioni…perché sapimo chi dè lu compare….Oh!...ma perché scete fatto l’amore de nascosto... non potevate apprufittà de la casa nostra?

296) Felice: So’ statu io che cercavo de piglia tempu…ci-aveo qualche ritegnu pe’ la differenza d’età…avè ‘na moglie giovane se rischia….

297)Ninetta: Adè verissimo paparozzu miu…so dovuto faglie capi che quando  fra due persò ci sta l’ amore veru…l’età non conta

298) Michele: Ma che differenza d’età vai cerchenne….l’importante adè che l’omu se sposi prima che smetta di concepi….sennò che omu sarria ?.... la moglie, invece,deve esse giovane e fresca e che faccia li figli…. adè vero maestru?...

299) Achille: Verissimo….posso testimonià che Felice non cià le cose vecchie...per issu non vale ancora lu proverbiu….”le cose vecchie finisce tutte per in ghjiò”

300) Michele: Allora va vene…so’ proprio contentu…domà venne llà casa e cumbinemo l’affare veloce veloce….se ve dovete sposà dentro quindici giorni allora non ci stà tempu da perde

301) Concetta: Ritornemo  a casa …figlia mia…me sci fatto rimette sta grossa paura che ancora staco tremenne tutta

302) Felice: Achille…vanne pure dellà a magnà  che adde rrio pure io

303) Achille: Subboto…con permesso a tutti (esce)

304) Michele: Buona nottata…statti bene amicu Felice

305) Concetta: Buona notte  Felice … futuru generu molto graditu

306) Felice: Io invece ve dico….bona notte mamma…e bona notte vabbu

307) Michele: Ah!!...sicuro che ce devi salutà cuscì….io ce tengo a esse chiamatu ..vabbu

308) Felice: Statte vene Ninè….moglietta  mia cara….finalmente ce scimo leato ‘stu dente

309) Ninetta: Maritu miu caru….statte vene pure tu ….finalmente scimo avuto lu coraggiu de dillo a li genitori mii….sci visto che ha ditto de sci comme pensavo io…certo che cce vulutu lu coraggiu miu per fatte cambià idea

310) Felice-(tra se)….importante anche li 50…(forte) a domà…vona notte  (si abbracciano)

311) Michele: Buona notte…però non me pare lu casu de abbracciasse cusci davanti a nuatri (esce)

312) Concetta:Ma statte zittu…ma se sse deve sposà prima de quindici ghiorni dovrà pure fa’ un po’ de esercizi…..bona notte….bona notte (esce)

313) Ninetta: Bona notte e grazie per avè accettato quella proposta….e ricordete de fa’ scappa quillu gattu…..e ricordete che…. (esce trascinata dalla madre)

314) Felice: Che divertimentu stasera……Oh!...intanto la futura sociara m’ha dato ‘na mano….essa facia la maestra ma un fricu ‘na ota m’ha ditto….la maestra Concetta non è tanto vraa come vurria fa crede e sai perché?...perche scria sempre le cose a la lavagna ma dopo le fa’ sempre legge a nuatri…comunque l’importante adè che sse sia calmata…comunque a scimo saputo faglie una bbella scena…..addè facimo scappà  anche a quest’atru….per non fallo capì a li genitori Ninetta ma ditto….fa scappà quillu gattu… (va alla porta) gattu….gattu…ma quissu manco lo capisce….mussiù…mussiù…..scappa fori che sci sarvu

315) Enrico:(esce) Essere partiti?

316) Felice: Sissignore…partiti e creduto tutto

317) Enrico: Io sono stato molto assai commosso

318) Felice: E io pure…buon viaggiu e ricordete de non manca a la parola  che me sci dato

319) Enrico: Jamè…ti prego dare a Ninetta mio indirizzo di Parigi e Londra (da un biglietto)

320) Felice: Ah!...sicuro…quistu  era  necessariu (Prende il biglietto e lo mette sopra il mobile)

321) Enrico: Buona felice nottata….io scappo

322) Felice: Grazie (si sentono grida, chiasso e rumore di piatti e bottiglie che si rompono)

323) Enrico: Cosa succedere….cosa succedere

324) Felice: Abbi comprensiò….con permesso (esce dal fondo, aumentano i rumori)

325) Nicola: (uscendo) Che dè successo…che cè stato che sento tutti  ssi scocciamenti ? ( esce)

326) Enrico: Monsiè…che se passe til?...oh! no…je preferì ne pa man melè…gran mersì je purrè etre blessè…fuit!...je me soie (Via in fondo a sinistra)

Scena Nona (Bianca, Nicola, poi Felice ed Achille)

327)Bianca: (in disordine, col cagnolino in braccio) Me so’ finalmente sfogata…dopo tutto quello che quissi m’ha combinato a me cià ditto pure…..Vianchina stai grossa…ma che sci incinta per casu ?....e quill’atru…no..no…adè proprio grassa cuscì…io la testa vostra ve cce faccio diventà grossa…ma comme una zucca…però…ma che sse deve sinti….adera da un annu fidanzatu cò quella frica e…. (esce)

328)Nicola: Qua ce vole li carbigneri.…queste adè  cose da pazzi…questa se dè mattita….però un gorbacciu comme mena!!......... (esce)

 

(Contemporaneamente escono Felice ed Achille che si toccano doloranti il corpo-Se non cè sipario attraverseranno la scena per uscire dalla parte opposta.)

(Cala la tela del sipario)

FINE DEL PRIMO ATTO

                                                        ‘NA MOGLIE….. ZITELLA

Atto Secondo

Sala di passaggio di un albergo .In fondo nel mezzo grande apertura che lascia vedere il giardino(oppure foto di giardino appesa ad una tavola posta dietro) con due porte laterali in fondo.Due porte a destra e due a sinistra:quelle a sinistra sono segnate con i numeri 11 e 12,quelle a destra con i numeri 13 e 14,due tavolini uno a destra e l'altro a sinistra.Sedie,portacenere,ecc.

Scena Prima

(Pina, Michele, Concetta)

1)  Pina:(dal fondo di destra con Michele e Concetta) Accomodatevi signori...seguiteme pure

2)  Concetta: Grazie tanto (reca una  valigia)

3)  Pina: Ecco a lu  primu pianu per cumbinazio’ adè rmasta ancora una cammera (indica la numero 14) adè co’ lu lettu matrimoniale...adè bella....grossa...ariata...se volete vedella....

4)  Michele: Un momentu cara patrona....prima  facce ripusà mmoccò che scimo probbio stracchi da lu viaggiu...(si siede) nuatri….signora cara…. voleamo sape’,per prima cosa, se dentro

           a quistu albergu ci sta un certu ospite che se chiama Felice Scioscia e co’ issu ce duvria     sta’anche la moglie….una giovane moglie per la precisiò                                        

5)  Pina: Sissignore...adè almeno 20 ghiorni che sta tutti e due ecco

6)  Michele: Benissimo....allora potemo anche affittà ‘na camera!

7)  Concetta: Finalmente (quasi piangendo)....finalmente...figlia mia....figlia mia

8)  Pina: Quelle adè le cammere loro...guardetele... sia la undici che la dodici (le indica)

9)  Michele: Comme 11 e 12 ?...non sta’ a durmì dentro a ‘na  camera sola ?

10) Pina: No signore....veramente quistu  fattu ha meravigliato a tutti ecco dentro...lu maritu dorme ne la stanza numero undici e la giovane moglie a la dodici

11) Concetta: Figlia mia...figlia mia (triste)

12) Pina: Ma scusete...ma la signora de che sse  rattrista tanto?

13) Michele: (a Concetta) Te stai zitta o no?....(a Pina) nuatri scemo lu padre e la madre de quella figlia che dorme sola a la stanza dodici

14) Pina: Ah!...so capito…tu signora ciai dubbi su lu maritu…

15) Concetta: E allora dimme tu.... quanno mai se era visto che lu maritu…..seppur anzianottu e co’ la panza…. dorma da una parte e la moglie pure giovane e bella ….la faccia durmi su un’atra stanza…..po’ non sai da quando pocu tempu se dè sposati…se po’ di che ancora sta in luna de miele….e pensà che è stata probbio essa a volè ‘stu matrimoniu….che frecata!...che frecata ! che sci pigliato…..figlia mia!...figlia mia!!!!!

16) Michele: E adde....scuseme.... che sta dormenne ?

17) Pina: Eeeh!!!...a quest'ora li vòi  ancora fa’ durmì?...la moglie adè scappata dall’albergu   prima che facesse ghiornu e lu maritu verso le nove....ha ditto che sarebbe ghjitu a Gragnano

18) Michele: Comme adè ghjitu a Gragnano?...e la moglie dove è ghita?....ma che dè scappata da sola dall’albergu ?

19) Pina: Adè ghjita a Sorrento co’ certi villeggianti che pure loro adè ospiti  dell'albergu miu (da fuori suona il campanello)...scuseteme...me sta chiamenne qualcuno perché m’ha sonato lu campanellu...vaco vede che vole ma rvengo subbito (esce a destra)

20) Concetta: Michè…...io te lo ero ditto che stu matrimoniu non me piacia….non ce lu facio lu compare cusci invecchiatu…..non ce dorme manco insieme

21) Michele: Ma che voi da me?....se  vede che a figliata glie sta vene cuscì senno se sarria pigliato  Antonio...l'avvocatu.....io capiscio la fuga de sposasse subbito sennò  pirdia li soldi de  sorama....ma Felice era ditto che glie piacia tanto Ninetta e pure figliata avea ammesso de volè bene a Felice...ma addè non capiscio questa distanza…..me meraviglia anche che Ninetta  no lu segue….anzi va per cuntu so ecco un paese vicino a Napoli…boooh!!!!

22) Concetta: Per non faglie perde li soldi la scimo fatta troa su quistu guaiu....ma essa appena rtorna me dovrà dì lu motivu perchè dorme divisi....voglio sapè lu perché….poesse che Felice abbia perso improvvisamente tutti li stimoli?..

23) Michele: E me deve anche di lu perchè da quanno adè sposati non ci ha mai scritto.....e Felice dovrà chiarimme  perchè ha proibito a Ninetta de facce sapè dove stavano(caccia dalla tasca una lettera)....Ecco ce n’agghjio la proa...(legge)..caru padre ...da Roma scimo passati a Firenze....dopo non ve so’ fatto più sapè dove stavamo perchè  maritumu Felice non vole....adde,però,non ne posso più....vurrio tanto vedevve…sia  a te che  mamma… percui me affretto a mandatte  l’indirizzu nostru...Hotel Quisisana di Castellammare,vicino a Napoli, vi abbraccio....vostra figlia Ninetta

24) Concetta: Figlia mia...figlia mia...

25) Michele: Questo adè quello che me dovrà spiega lu cumpà Felice....perchè non doveamo sapè dove stava a trascorre questa lunga luna de miele ?

26) Concetta: E no la sci capito?....pe’ spenne e sciupà sordi  a loro piacere senza che nisciù li controllasse….tanto li sordi cià quilli de tu sorella …..o ma trecento milioni adè probbio tanti…te cce combri almeno 20 appartamenti….ma comme li avria fatti tutti quissi?

       Michele-Io so fatto lu sordatu in Sicilia e ghjò dicià…l’ha fatti fu-tennu

       Concetta-Aaaah!...sò capito….ha fatto ternu a lu lottu…che fortuna però…….

27) Pina: (entrando) Dunque volete vede la stanza che ve ero proposto?

28) Michele: Sci… ma prima dicce quanto ce costa

29) Pina: La volete co’ ‘na pensione completa?

30) Michele: Facimo cusci…..la pigliemo a pensione completa

31) Pina: Due persone 80 mila lire...

32) Michele: 80 mila lire?.....ma a lu mese?

33) Pina: No all'annu...ma tu ci-hai voglia de  scherza.... se tratta de 80 mila lire a lu  ghiornu….te passimo due colaziò….du pranzi…du  cene…camera vella…talefunu…

34) Michele: 80 mila lire a lu ghiornu .....ma che scete diventati tutti matti?.....no...no...                 faccimo senza pensiò….quella la piglierò più avanti…

35) Pina:Alloramagnerete fori?

36) Michele: Sci…sci….ce arrangeremo magnenne  fori su qualche trattoriola

37) Pina: Allora facemo 50 mila lire a lu ghiornu....la sola camera….sia chiaro

38) Michele: No...no….ssa cifra adè troppo...non ci stà qualche stanza de meno prezzu?

39) Pina: Sci... ci stà….ma dopo non te lamenta se non è bella…ci sta  da 30 mila lire....ma la  finestra se ffaccia dentro a lu  cortile …questo te lo avverto si da addè

40) Concetta: E non glie  fa niente.....nuatri non ci-avemo visognu de lu panorama

41) Pina: Va vene...come volete….vasta che staca vene a vuatri che dopo stà vene a tutti

42) Michele: De ‘na cosa te prego però....de non dì niente a nostra figlia e a lu maritu  che nuatri ce truimo ecco... perchè glie volemo  fa una sorpresa

43) Pina: Non dubitete che non parlo…scemo tutti curiusi  de vedè ‘ssa sorpresa……

44) Michele: Tu…… appena rtornano tutti e due me devi fa’ lu piacere de vvisamme

45) Pina: Sarrai servitu….appena li vedrò te chiamerò

46) Michele: Grazie (regalando una bottiglia presa dalla tasca della valigia)...tena....adè per te…’na vuttiglia de vì de lu paese nostru…questa la duvristi conosce…

47) Pina:Sci fintroppo  gentile….. già me ricompensi pe’ lu favore che te farrò dopo

48) Michele:Non te preoccupà….senti patrona…dove dovemo ghji per stroà lu lettu?

49) Pina: A lu numeru de camera 123...terzu pianu…

50) Michele: Terzu pianu…un gorbu quante scale toccherà a fa’?....ma non me sci visto che fisicu che ciagghjio….                                                                                                                         51) Pina: Non ce l’avemo l’ascensore  caru signore

52) Concetta: E chi ce riesce a salì tutte quelle scale….

53) Michele: Ghiarremo su  piano piano...daglie…cumincemo a partì (escono in fondo a destra)

54) Pina: (guardando la bottiglia) Quillu m’ha regalato ‘na vuttiglia de vì comprata a lu consorziu ....ed io che me la tinio stretta su le ma’ pensenne che fosse de pregiu....(cambia tono di voce-si disimpegna)….dovete muricce lassù prima che io vengo a chiamavve…glie dico che no’ la so visti e se li cercherà da sulu lli due…’na vuttiglia !!

Scena Seconda( Pina e Felice)

55) Felice: (entra dall’ingresso per l’esterno) Signora Pina…vuongiorno

56) Pina:Buongiorno Felice…già de ritornu?

57) Felice: Sci…non ce so statu più a Gragnano…sai  se adè rvinuta mia moglie?

58) Pina: Non è ancora ritornata che io sappi…o magari no la so’ vista

59) Felice: Ma quantu tempu ce impiega a fa’ ssà visita a Sorrento?

60) Pina:Basta a dì che ce vole un’ora e mezza per arrivacce...un'ora e mezza per ritornà e adè già tre ore....po fa la visita a la matre …..pò un discursittu…po….senti …non ce pensà e mettete a sede che te porto  una bella tazza de tè e due briosce che tu giustamente ciai fame (esce )

63) Felice: La moglietta mia adè una femmina tanto allegra...glie piace tanto a cammina ma io non resisto a lu passu so  ed allora essa se secca.... io  la faccio ghji  co’ sti atri villeggianti e essa  adè tutta felice e contenta…ma io so’ mocco gilusittu…non se sa mai….(gesto delle corna)

64) Pina: (entra con cabaret, tazza e brioches) Cornetti…cornetti caldi ….

65) Felice: Grazie...appoggia pure qua sopra (indica un posto a Pina che esegue )

           Adè una cosa impossibile (prende e si avvia a mangiare)...cusci non se po’ ghji  avanti...quella me sta facenne fa le figure de lu cervu ...o più precisamente da ….(fa il gesto delle corna)…sta matina adè vinuta dentro la cammera mia... e m ‘ha ditto …Felice io vaco a Sorrento insieme all’amica Lauretta...insieme all'avvocatu e un  Cavaliere loro amicu e pe’ le dieci dovremmo esse già di ritornu.... ma chi te la dà?...appena ritorna ce parlerò seriamente.....essa davanti a lu pubblicu non è più zitella...non è più libera....per l'opinione pubblica risulta maritata e quindi deve sta’ vicino a lu maritu...... che sarei io…(a Pina)..o

         patrona Pina ma quissi amici  che va co’ mogliama adè ghjiente de cui se sse po’ fidà?

79) Pina-:Felice …cè conoscemo da pocu tempu….ma me confido co’ te  comme se tu me fossi un fratellu….statte attento all’avvocatu…fa troppo lu cascamortu co’ le donne ….tu moglie se fida troppo.... adè ancora troppo ingenua e giovincella… scusame se te so  ditto questo

80) Felice-Te ringrazio….da ora in avanti ce starò più attento….grazie…infatti ieri sera l’avvocatu a quella signora che parla napoletano la chiamava tenda..tenda….se vede che la monta in campeggiu (risatina)

81) Pina: Ah!......finalmente  sento che sta ritornenne sti villeggianti mii e cusci finisci de sta’ in pensieru per tu’ moglie…… (si sentono due squilli di telefono-Felice si allontana)…pronto…..come signor Michele?...sci scoperto che la camera tua adè senza uscita?....impossibile ma se cce sci bboccatu…d’accordo ….d’accordo…tre porte…una adè de lu vagnu…una dell’armadiu e su quell’atra?....no lo sai perché ci sta ttaccatu un cartellu co la scritta…non disturbare?...e allora scappa da quella co’ li vetri e le persiane….

SCENA TERZA

(Ninetta, Lauretta, Alberto,  e Felice)

82) Ninetta: (entra) Ma sci….ma sci…te la sò prumisto e mantengo la parola

83) Alberto: Ma quando?...scusami sa

84) Ninetta: Aveamo ditto appena saremmo rtornati ecco l’albergu perché stavamo più nell’intimità ….. tanto  Lauretta non è gelosa….lu maritu l’ha lasciatu su a casa

85) Alberto: Ed adesso ci siamo ...dunque?

86) Ninetta: Eccome pronta a riceve le vasciu promistu (avvicinandosi con la faccia)

87) Alberto:(con sorpresa) Oh!....sor Felice….buongiorno

88) Felice: Vongiorno a tutti....cara Ninetta….ben tornata…se non rtroavate la strada ce poteate mette un filu come segnale….a lu ritornu lu rpigliavate

89) Ninetta: Carissimu maritu…eccome de ritornu….scusa lu ritardu

90) Felice: Vongiorno anche a te  Lauretta…

91) Lauretta:Sor Felice vongiorno….la strada la conosciamo bene ma il tempo che ci è voluto è questo…..evidentemente abbiamo perso tempo per altre faccende….

92) Felice:Va vene…va vene…piuttosto che sarria su vasciu che deve riceve l’avvocatu?

93) Alberto: No...niente...niente….stavamo scherzando

97) Lauretta: Dopo quello che ha fatto per Ninetta…addirittura duvria esse proprio grossa la riconoscenza…un bacio è troppo poco….

98) Alberto: Ma io non ho fatto niente di particolare .....ho solo fatto il mio dovere  …quello che farebbero tutte le persone  che si dovessero trovare di fronte ad un casu come il nostro

99) Ninetta: Ma no....sci fatto veramente  tanto per me

100) Alberto: Per te quello che si fa è sempre troppo poco perché sei una signora brava e simpatica….

101) Felice: Ma insomma.....se pò sapè quello che ha fatto l’avvocatu Alberto per mi moglie?

102) Ninetta: Ha rischiato de precipità....de muri per me....e solo pe famme un piacere

103) Felice: Allora evviva lu sor avvocatu!....ma se pò sapè comme è successu ssu  fattu che me stete parlenne?

104) Ninetta: Nuatri...dopo ave fatto colaziò a Sorrento scimo deciso de recacce ne la frazione Malta...che non se troa tanto lontano…llà ci sta ‘na montagna....quanno stai llà sopra sembra de esse in paradisu

105) Lauretta: Adè un postu incantevole per quanto è bellu

106) Ninetta: Ce scemo portati  un'atra colaziò e ce la scimo magnata lassù sopra ...ce scimo sdragliati sopra l'erba e scimo stati loco tutti contenti e felici...ma quanno statiamo rcalenne da la montagna.....io me sò ffacciata da un parapettu che se troava lungo stu percorsu e so visto un bellu fiore...ma vellu veramente…..la so’ raccoltu ma so’ perso l'equilibriu e stavo caschenne dentro un precipiziu....però l’avvocatu adè riuscitu ad abbracciamme e glie l’ha fatta a non famme sprefonnà de sotto

109) Felice: Grazie  avvocatu per quello che sci  fatto per mi moglie….ma scusala anche pe lu rischiu che tta fatto corre………

110) Ninetta: Ma issu deve ave la ricompensa come da promessa che glie so’ fatto (lo bacia)

111) Felice: A rpensacce vene…me pare curiusu ssu fattu ....

112) Alberto:Ma è stata ‘na scena graziosissima....anche simpatica si potrebbe dìre…specie ora che tutto è finito bene....anzi Lauretta l’ha pure fotografata questa scena…

113) Felice:(a Lauretta) Ah!...e stu quadru lu sci  anche fotografatu?

114) Lauretta: Sicuro....perchè era troppo interessante...spero che la foto sia riuscita vene

115) Alberto: Speriamo....questo però lo potremmo vedere solo quando la svilupperò

116) Felice: A sci pure dilettante de fotografia ?...

117) Alberto: Appassionato dilettante.....

118) Lauretta:Dai Alberto…sviluppala subito….cosi vediamo come ho fotografato

121) Alberto: Va bene…vado subito a sviluppalla dentro  la camera oscura (si incammina)

122) Lauretta: Vengo pure io….sò curiosa de vedè comme si fà

123) Ninetta: E io pure

124) Felice: No...no...moglie mia...tu rmani co’ me ....te devo dì na cosa....te devo parlà seriamente

125) Lauretta: Tornemo subbito...vuatri intanto parlete mentre noi ce ritiriamo ne la cammera    oscura

126) Alberto: Andiamo Lauretta…con permesso signori…saluti sor Felice (inchino )

127) Felice:Avvocatu….bon sviluppu nell’oscurità (escono a sinistra Alberto e Lauretta)….e addè vinimo a te..tu me fai sempre arrabbià …tu me fai pijà certe incazzature che non te dico.....e voglio ditte anche francamente...cara Ninetta....che ssu modu tò de fa’ a non me piace affatto

133) Ninetta: Ma perchè...che faccio de male? (fa la vittima e lo accarezza)

134) Felice: Non fai gniende de male lo saccio....ma la jiente crede lo contrario....te sembra ‘na bella cosa quello che me sci fatto stamatina?...’na donna maritata  no lo deve fà....ma te pare una cosa normale vascià un’atru cliente de quistu albergu?

135) Ninetta: E che guaiu s’ho cumbinato?....allora Lauretta non è pure essa maritata?...eppure non ha lasciato lu maritu e s’è fatta accompagnà dall'avvocatu...che d’è il suo cavalier servente…anzi spesso li vedo tutti abbracciati….

136) Felice: Le atre donne adè  padrone de fa quello che vole.... specie se glie lo permette li mariti….ma tu no…tu devi fà quello che te dico io....prima de tutto perchè la jiende sà che sò tu maritu e co lu comportamentu che teni io non ce faccio na bella figura....e pò perchè ciagghjio n’ impegnu co lu francese e io sò responsabile de la  condotta tua

139) Ninetta: Mamma mia....solo perchè m’ha abbracciato moccò mentre stavo caschenne ....sò furtunata che non me sci maritu veramente....a la fine quello che dè successo lo devi piglia come un gestu de cavalleria….un scherzu…

140) Felice: Un scherzu?...vurrio vedè se Enrico...lu francese...lu avria permessu ssu scherzu

141) Ninetta: Se lo avesse permesso?....ma quillu ce se facia sopra na bella risata...devi sapè che io ogni jiornu ghjie scrio tutte le pazzie che faccio...e issu me risponne sempre che d’è contentu parecchio...dentro la lettera che so’ricevuto ieri...na lettera tutta appassionata.....

142) Felice: (veloce ed ironico)…. Ha risposto che ghije fà piacere che tu te fai vascià e  abbraccià da tutti quanti?

143) Ninetta: No....questo no....ha ditto che ghije fà piacere legge de tutte le stranezze che faccio

144) Felice: E va vè....quanno diventerai la moglie so...farai quello che vorrai tu...ma addè proprio no….non posso famme ridè dietro le spalle da ‘sti quattro margutti per tutti li ghjiorni che dovemo rmanè ancora ecco l’albergu Quisisana

149) Ninetta:....A ‘sta sempre ecco a stanca pure e lu tempu non passa mai….ma perché non rtornemo a casa tua?

150) Felice: Non te riporto a casa mia anche per evità tante seccature

151) Ninetta: E quali seccature?

152) Felice: Prima di tutto tu madre e tuo padre che stava cumincianno a fà tante domande.....vulia sapè tante cose…. e allora adè meglio a sta’ ecco…lontano da tutti

153) Ninetta: E perché non saprio rispondeglie?

154) Felice:Non sapristi diglie gniende....magari non sai diglie lu  perché non facimo li figli.....a propositu.... ricordete di non faglie mai sapè dove ce troemo nutri in viaggiu de nozze..

155) Ninetta: Quanno statiamo a Firenze oppure a Roma....ma neanche addè?

156) Felice: Niente affatto....perchè glielo sci scritto?

157) Ninetta: No….no….

158) Felice: Per carità....ce mancheria pure quesso.....Ninetta in quisti sei mesi dovemo viaggià sempre....quanno mancherà solo otto jiorni pe  lu ritornu de lu Francese allora ce riavvicineremo a casa…

159) Ninetta: Va vè.....facemo comme voi tu...io però saccio la vera ragiò perchè non voi rtornà subbito a lu paese nostru...dentro la  nostra bella  casa…co’ tutti l’amici nostri

160) Felice: E perchè?…daglie dillo

161) Ninetta: Perchè c’hai paura di pijatte qualche bruttu "cazziatone"...o chècco de pegghio...

162) Felice: E da chi?

163) Ninetta: Da la fiamma tua....da la Bianchina tua che sci lasciato per sta’ con me

164) Felice: E tu… comme la conosci?

165) Ninetta: No la conosco....ma saccio tutto

166) Felice: E chi te lo sarria ditto?

167) Ninetta: Chi me lo sarria ditto?... stu ritrattu che s’ho troato dentro la valigia tua (caccia una foto e legge)...."Al mio amato Felice....la sua Bianchina"

168) Felice: Ah!...la foto mia....(la prende)...povera ragazza....la s'ho lasciata senza manco un motivu.....chissa dove starrà addè? (commosso)....Sci...anche questa adè la ragiò per cui non vogljio tornà a casa per addè...glie voglio fa’ smalti meglio ‘sta delusiò che gljie so dato….

169) Ninetta: Va vene...da ogghi in poi starò più attenta....farò quello che dirrai tu....me comporterò da signora posata….non bascerò l’avvocatu neanche per scherzu… (ride)

170) Felice:Oh!...ragazzina cerca de non ridece troppo ….

171) Ninetta:Sor maritu…allora…  posso ghjì un momentu dentro la camera oscura?

172) Felice: (risentito) Quale camera oscura?....lo vedi che parlavi tanto pe’ pigliamme in giro…

173) Ninetta:Ma che in giro…io so’ convinta de quello che dico…però voglio ghji llà la camera oscura dove sta sviluppenne li negativi

174) Felice: No…non me sta vene...ma non sci capito che te s’ho ditto un momentu fà?

175) Ninetta: Ma perché?....la dentro ci stà pure Lauretta

176) Felice: E appunto per questo non voglio che ce vai...quella compagnia a me non me piace...vedi….mica me sse fanno vedè quanno rtorna….non è  manco educati de passà a saluta e io duvrio mannà mi moglie co loro…tu non la devi frequentà più  quessa compagnia

177) Ninetta: Ma perchè?

178) Felice: Perchè voglio cuscì....e basta!!!....signora moglie ora ritirete nella cammera tua…adè un ordine…vai !!!

179) Ninetta: Subbito....signor maritu (mentre s'incammina ride)

180) Felice: Te prego de non ridè perché me putrio anche arrabbià comme se deve ….io so’ perfino vonu a fa’ le valiscie e rtornarmene a casa…e in cuppolo a te e a li 50 milioni….(tra se)…se fa per di

181) Ninetta: Cumpà...quanto sci curioso quanno fai lu maritu....(poi seria)...Obbedisco e non te arrabbià troppo…(uscendo)… panzò gilusu!!! (esce a sinistra, seconda porta)

182) Felice: Quistu che staco passenne adè proprio un bellu guaiu.......no...no...io scrio subito a lu Francese e ghje dico che  tornesse con la massima urgenza.... perchè cuscì non è possibile ghji avanti

                                              SCENA QUARTA (Felice e Lauretta)

183) Lauretta: (con un negativo) Felice....voi vedè lu negativu....adè vinutu ‘na vellezza

184) Felice: (guardandolo)Ah!!!...è riuscitu proprio vene...caspita.....se vede proprio che l’avvocatu l’ha  bbraccia ...e sta donna che ride sci tu?

185) Lauretta:Esatto….me sci ricunusciuto subbito

186) Felice: E quistu vicino a te chi dè ?

187) Lauretta:Un Cavaliere amicu nostru che spesso ce ccumpagna….glie piace a caminà..

188) Felice: Ah!!!! …..però te tena abbracciata….non me pare che glie piace solo a caminà…

189) Lauretta: Sci...per non famme casca...quella era ‘na discesa e me tinia stretta

190) Felice: So capito...Lauretta riferisci a Alberto che‘sta fotografia non la voglio ne vedè...ne avè

191) Lauretta: E perchè?

192) Felice: Perchè no la voglio.....e ne lu stessu tempu te prego de non invità più mi mojie in nessuna gita

193) Lauretta: (decisa) Te faccio presente  che tu moglie è vinuta co’ gente seria comme scimo nuatri….nuatri ce volemo soli diverti………

194) Felice:Li discorsi  vostri li metto in dubbio… non ce credo…tu dici  le vuscie ….le dici anche a maritutu le vuscie ?...per esempiu quanno fai l’amore glie dici le vuscie oppure ce parli co’ tu maritu?

194 b)Lauretta- Se me telefona sci…mica pretenni che glie neghi anche ‘na telefonata

194 ter)Felice-Ebbene …io non voglio che Ninetta scappi più senza de me

195) Lauretta:Scappà in gita co nuatri era solo un onore sia per essa che per te

196) Felice: Te ringrazio...quest'onore no lu volemo....e riferisci a tutti che non facessero troppo li galletti co’ mi moglie perché io me ne so accortu de che pasta scete fatti…sci capito?

197) Lauretta: Questo glielo dirrai tu a loro….io che ce rentro

198) Felice: E glielo dirrò io....va vene...te saluto signora Lauretta (esce a sinistra

199) Lauretta: Imbecille...ineducatu!!!...ce fa lu gelosu...stu cornutone…me pare rembicillitu…ieri raccontava a Pina che adè preoccupatu… dice che sente parlà ma non vede a nessuno…

Alberto (già entrato)-Per forza non vede a nisciù… sta parlenne co’ lu telefunu…….no..no….la    gelosia non glie fa capi più cosa….l’atru ghiornu stavamo a facce una passeggiata e scemo visto un contadi che tagliava un ramu de un arburu…glià ditto che li metodi de lavoru era troppo antichi e che da ‘sta pianta non ce sarria raccolto manco due chili de mele….lu contadì glià risposto che de questo era sicuru pure issu….. perché quill’arburu non era un melu ma un peru….

 Lauretta-Che figura….se merita proprio quello che glie combina la moglie

SCENA QUINTA

( Alberto, Lauretta, Pina e Achille)

201) Alberto:Senti Lauretta….l’hai fatta vedere a Ninetta quella fotografia?....

202) Lauretta: No...essa non c'era ed io comme na stupita la so’ fatta vedè a lu maritu.....Felice se l'è pigliata parecchio e ha ditto che assolutamente non vole che vaca in giro quella fotografia

203) Alberto:E perchè?...che forse è geloso  di me ?

204) Lauretta: Perchè adè un lazzarò….unu che  non capisce che dè la cortesia che glie volevamo fa’.....m’ ha proibito de frequentà la moglie...io però la so’ richiamatu al dovere.....glje sò ditto che aveamo dato anche troppo onore sia a issu che a la moglie Ninetta a permetteglie de venì insieme a la ghjiente altolocata e seria comme scimo nutri….

205) Alberto: Molto bene…brava…hai saputo proprio parlare

206) Lauretta: (ad Alberto)  Da quello che sso capito penso che se sia ingelusitu de te

207) Alberto: Di me?....forse per  quanto abbiamo combinato stamattina ?

208) Lauretta: Cusci credo….cusci m’ha fatto capì

209) Alberto-Che sciocco questo  Felice…..oddio….veramente siccome per lui  è sprecata….

210) Lauretta: Ha ditto che la moglie...quanno vorrà scappa per qualche mutivu…passeggià…fa le spese eccetera....dovrà sempre scappa solo co issu

211) Alberto: E quando ce l’avrà la voglia di uscire questo Felice ?....ma se non fa altro che mangiare e durmire....io credo che sia stato solo un matrimoniu di interesse...non è stato per niente per amore....ma comme avrà potuto innamorarsi di un tipu simile…sicuramente questo Felice avrà tanti di quei soldi

212) Lauretta: E quesso lo credo pure io.....e credo pure che essa debba avè un "amurittu" segretu

213) Alberto: Possibile?...ma se dava anche tanta confidenza al  Cavaliere?

214) Lauretta: Possibilissimo....del resto glie serve un giovane…io ce n’ho la prova che ce l’ha

215) Alberto: ....e comme fai a saperlo?

216) Lauretta: Stamatina...mentre se stava scherzenne co lu Cavaliere…...glje se dè aperta la borsetta e ghje dè cascata sta lettera....(la mostra) te la voglio fà legge...venne dietro a me che ecco ce po’ sinti qualcuno (ridendo, via a sinistra)...

219) Pina: (dal fondo a destra) Favorisci l’ingressu signore...favorisci....ossia venne pure avanti e accomodate pure….

220) Achille: (con valigia ed ombrello, ha l'aria stanca) Grazie tanto.....avvisa a lu cliente vostru Felice Scioscia che io staco quà...diglie che dè arrivatu l’ amicu sò Achille Scorza.

221) Pina: Scorza ?...va vene...te annuncerò signor scorza…de vrocculu (esce a sinistra)

222) Achille: Io staco morenne....me sento tutti dolori addosso....ciagghio la testa che me sembra un pallò....se non dormo armeno dodici ore de seguito sicuramente morirò.....(pausa) che femmina terribile!!!....anzi quella non è una femmina....quella adè na diavola...è un'ossessa...avia ditto che me dovea distrugge ed infatti me sta distruggenne....

SCENA SESTA

(Achille, Pina e Felice)

223) Felice:(entrando) Do ’sta?...dove sta l’amicu miu caru  Achille?

224) Pina: Ecculu qua....(poi via per il fondo)

225) Felice: Achille.... amicu miu….ben arrivatu!

226) Achille: Felice....mannaggia a lu momentu che te s’ho conosciuto

227) Felice: Ma chè d’ è successo?

228) Achille: Damme na’ sedia...perchè io non posso stà in piedi...me fa’ male le gambe

229) Felice: (porge una sedia) Siedete....prima de tutto dimme che fà Bianchina?

230) Achille: (arrabbiato) Dovreste murì subboto tutti e due....io so’ rovinatu....non saccio come possa essere ancora vivo

231) Felice: Ma che  dè successo?

232) Achille: Come… che dè successo?...tu appena sposatu te ne vai a Roma po a Napoli....non me fai sapè dò stai e me lasci ‘n mezzo a li casì...ma adè cose che se fà queste?....quella Bianchina quanno ha saputo che tu eri partitu ...la stessa sera se d’è appostata all'entrata de lu palazzu e m’ha fatto na scenata nummero uno.....ha cuminciato a menamme a più non posso....un gorbu comme dè dura.... dicja che ero statu io che t'avjo forzato per fatte sposà a Ninetta.....la matina dopo s’ho cambiato subboto casa per non famme troà più....me sò pijato ‘na cammera in affitto ne la zona de la Fornace....llà cridio de stà tranquillu....ma chè....dopo sei ghjiorni gljie l’ha fatta a sapè dò stavo e me dè vinuta a rtroà.....tutta arrabbiata m’ha ditto....”dimme dò stà Felice sennò sarrà atre rogne anche pe te.....parla…sennò te rrespacco la faccia…”(impaurito) ma io no lo saccio...s’ho risposto impauritu....quillu non m’ ha ancora scritto...te lo gjiuro... appena saccio che cosa de Felice te lo faccio subboto sapè....non te preoccupà che te la daco io una mana  per stroallu ....lu jiornu dopo sò rchiamato li facchì e me sò fatto rcargà tutta la robba mia e sò cambiato casa un'atra ota......me sò ‘ffittata na cambra nella zona de li Cappuccì

233) Felice: Bravu Achille….devi cerca de faglie perde le tracce tue

234) Achille: Eh!.....bravu un cornu....quella pure llà dè vinuta a stroamme

235) Felice: Pure llà....ma chi ghjie lo sarria ditto?

236) Achille: E chi lo sa...quella ci-ha lu diavolu in corpu...ier sera adè rriata feroce comme ‘na vipera.......io ero ghjitu a dormì da poco....m’ha ditto (arrabbiata: Imita la voce di Bianchina)..." faccio comme li quattro de magghiu che so sfasciato tutto....te vojio ruinà e se non me dici do stà Felice te rconfio de botte ....dimme dò se troa Felice"...(torna con la sua voce)...".signorì....sai che te dico?.....se non me lasci in pace e non mi fai campà tranquillu...io vaco a chiamà li carbigneri"

237) Felice: Sci ditto proprio vene

238) Achille:Non lo fossi mai ditto....è diventata come ‘na matta!!!....m’ha cacciato fori da lu lettu e ha cuminciato a bbuttà de sotto tante cose....ossia tutto quello che ghje capitava a tiru…..sedie....materassu.... ‘na parte de lettu...tutto ...tutto...per poco non faccio in tempu manco a pijà li pagni che porto...

239) Felice: Ma comme le cose de sotto....in mezzo alla strada?

240) Achille: No...da la finestra che se ffaccia dentro lu cortile....io sò scappatu via de corsa ma essa  m’è corsa appresso...tu lo sai che le zambe mie non è più quelle de prima e essa m’ha rrarriato su lu primu pianerottulu.....’ma pighjiato per un bracciu e m’ ha ditto....(Voce arrabbiata di Bianchina)..."io addè te putrio anche menà del brutto ma non lo faccio perché me fai pena"......e m’ha dato un pugnu su la pancia che m’ha fatto cascà lungo pe terra....e po essa se nè ghijta via...per fortuna mia

241) Felice: Che donna!!!!...e do sci passato la nottata?

242) Achille:Vulio ghji in qualche arbergu...ma è stata tanta la paura che me sò pijato che so avuto paura de sta sulu.....cuscì so ghijtu dentro un caffè e llà sò rmastu fino a le otto...po sò cursu a casa mia per rpijà moccò de roba....me sò troatu davanti ad un disastru...paria che c’erapassatu un uraganu...con lu  tempacciu che ha fatto stanotte lu materassu è diventatu “na spugna...lu portiere l’ha mistu a lu sole pe fallu sciuccà.....a quillu puntu me ne so ghijtu via e so ghjitu a  pighjià lu trenu e sò vinutu  qua da te....ma prima de pigliallu non te dico lo penà….a so’ domandato a un ferroviere….scusa io vurrio piglià lu trenu per Napoli…..dipende da te m’ha risposto…..ma in che senzu?...dipende da comme lu rincorri veloce perché adè passatu cinque minuti fa…..allora so pigliato un taxi e so montatu due staziò dopo….che penà…che sofferenza…(voce triste)Felice...Felice amicu miu…io me sento tuttu a pezzi....sicuramente ci-avrò la febbre perchè dentro lu trenu s’ho sempre tremato per lo freddo.

243) Felice: Pe la miseria....non poi capì quanto me dispiace sta cosa….quella Vianchina non se rassegna probbio ad avemmo perso

244) Achille: Ma io non ghjiela faccio a capì.....io credo che tu eri diventato mattu quando ci-hai avuto lu coraggiu de lascialla....non tesci resu contu de quello che rischiavi.....ma come t’è passato pe la testa de sposate con quella frica?

245) Felice: Era un momentu particolare...la so’ dovuto fà pe forza....per ora non te posso dii ancora lu mutivu….ma presto rmetterò a postu tante cosette…quella me fa sempre arrabbià….

254) Achille: Ora te prego...famme dà na cambra...ciagghijo proprio visognu de dormì......non ne posso proprio più......ciagghjio un sonnu che fra poco casco....

255) Felice: Ci-hai ragiò....addè te faccio subboto ghij a durmì.....chiamo la patrona (chiamando)...Signora Giuseppina....signora Pina

SCENA SETTIMA

(Pina, Ninetta, Alberto, Felice, Achille)

256) Pina:(entra) Agli ordini...sor Felice

257) Felice: Ci stà ‘na cambra per l'amicu miu qua a lu primu pianu?

258) Pina:Certamente….ci stà lu nummeru 13 che dè libberu

259) Ninetta: (entrando) Ma tu guarda chi ci stà.....Achille!!!

260) Felice: Sci....ci-ha vuluto fà na mbruisata

261) Achille:(a Ninetta) Che per casu te dispiace?

262) Ninetta: No....anzi...m’ ha fatto un grossu piacere

263) Achille: Se adè cuscì allora dimme....lu matrimoniu come sta scorrenne?....su a lu paese tutti parla de vuatri…. de la grossa differenza de età….che a Felice glie sci fatto lascia Bianchina…ma se parla anche de lu pranzu de nozze… tutti dice che scimo magnato certe palline nere che a tutti glie paria che era li migliarine de li cacciatu…(al pubblico)…era lu caviale

264) Ninetta:La vita va bene….se dè seccatu mbò l’arburu…ossia qualche cagnaretta…ma va vene…l’amore de Felice  me fa’ sta allegra

265) Achille: Te troo ‘na vellezza...me pari ‘na rosellina de magghiju (sbadiglia)

266) Ninetta: Grazie....ma che ci-hai sonno?

267) Felice: Sci...perchè stanotte non ha durmito...adè statu a ‘na festa da vallu

268) Achille: E' vero...anzi te dico pure che me sò tanto divertitu e sò fatto anche belle conoscenze

269) Ninetta: E pure tu...Achille...sci vallato ?

270) Achille: E se capisce...dovei vedemme quanno facio tutti quilli sarti….ma so sempre vallato co’ la stessa donna…m’ha sfiancato….me facià sardà sopra le sedie…me strignia forte che  quasci quasci me facia male….’na tipa insopportabile tanto che no’ la voglio più vedè e so scappatu via apposta...addè però ...se permettete me ne vaco moccò a riposa’...po ce vedemo stasera magari per cena

271) Ninetta: Vanne....vanne pure e bon riposo!

272) Achille: Grazie tante....patrona (rivolto a Pina)...... dove dovemo ghij?

273) Pina: Da questa parte ....qua a lu numero 13.....segueme (dirigendosi verso la seconda porta a destra-al pubblico)…cusci sta vicino a la sposetta le cui chiacchiere a corre veloce più de la luce elettrica dentro li fili

274) Felice: Allora stai proprio defronde a nuatri.....

275) Achille: Sci...allora meglio cusci (a Ninetta)...scusame Ninetta se te lascio....ma non ghijela faccio proprio più...l’occhi non vole stà più aperti e me trema anche le zambe pe la stanchezza (sbadiglia)…quella madosca de stanotte…..

276) Ninetta:Non te preoccupà per me...te capiscio....vanne tranquillamente a durmì

277) Achille: Spero de faijala....

278) Felice: Eh!.... sbrighemece sennò te sse rfà ghjiornu....ghijamo va (Felice via verso la 11 e Achille via verso il 13 )

279) Ninetta: Ah!!...ah!!! ...che scemenze s’ho sintito dì......come d’è curiosu stù arrivu de Achille

280) Alberto: (entrando)Scusami.... Ninetta cara…siccome sono stato a caccia allora volevo sapere se era ritornato Felice

         Ninetta-Ma certo….anzi non è scappatu per niente

          Alberto-(ironico)-Meno male…meno male che ho sparato a un cervu….e non a lui (gesto).

281) Ninetta: Oh! ...caru avvocatu Alberto….scusa ma non voglio parlacce co’ te…(fa per uscire)

282) Alberto: Un momento...non scappare  via cosi...lo sò che Felice non vuole che tu parli con me....lui su di me ha dei sospetti temerari...ma questa è una proibizione ingiusta però...io lo posso anche capire…quando uno ha la fortuna di avere un gioiellu di moglie come  te se penza  qualche volta a male può essere giustificato…

283) Ninetta: Mii maritu non dubbita affatto de me....ma dice che lu carattere miu… allegru....giovanile...fa penzà a la ghijente quello che in realtà non è

284) Alberto: E dice benissimo....oggi però io parto e cosi lui  starà più tranquillu

285) Ninetta: Parti?...me dispiace…

286)Alberto: Sci...alle quattro.... ma prima di partìre verrò a darvi un consiglio ed a consegnarvi   una cosa importante

287) Ninetta: A me devi consegnalla?

288) Alberto: Si...a voi  due ....ma pe l'avvenìre bada a dove metti qualche  lettera compromettente perchè te la potresti perdere come hai   fatto stamattina con questa (mostra la lettera) e dopo saranno cavoli amari  con questo marito geloso che ti ritrovi ….

289) Ninetta: (la guarda) Ah!...la lettera d’ Enrico....me d’è cascata da dentro la vorsetta...grazie tante….caru avvocatu

290) Alberto: Almeno strappala subbito…tu che sai quello che ce  scritto…

291) Ninetta: E perche?

292) Alberto: Come perche?...potrebbe capitare sulle mani di tuo marito e geloso comm’è  ….se

                    dovesse leggere  quello  scritto ti scoccierebbe tutte le ossa….al minimo.. ..

293) Ninetta: (ridendo) Ah! già....sicuro....se capita su le  mane de matitumu chissà che scenate de gilusia me farrà dopo……

294) Alberto: Ma perchè ridi?

295) Ninetta: Rido perchè capiscio quello che sci creduto e te daco tutta la ragiò .....Vuatri non sapete che lu giovane che m’ ha scritto stà lettera è amicu de maritumu....Felice sa tutto de ‘sta relazione che ci-agghio io

296) Alberto: (meravigliato) Comme....comme?...accidenti come siete  moderni e mi vieni a dìre

                     che ha paura delle chiacchiere della gente?

297) Ninetta: Ah!...ecculu qua lu maritu miu (Felice entra con Pina che prende qualche oggetto ed esce per il fondo)

298) Felice: Che c’è?....Ninetta me pare de avè parlato chiaro e circonciso su ‘na cosa…

299) Ninetta: Maritu miu....senti...Alberto m’ ha rportato stà lettera che sta mattina me s’ho perso....me l'ha portata con tanta premura e tanta segretezza perchè cridia che tu non sapessi niente....me fa  piacere de faglie sapè a l’avvocatu che già la eravamo letta insieme ssa lettera de un corteggiatore che ciagghio all’estero

300) Felice: (guardando la lettera) Sicuro.....questa la scemo già letta insieme e saccio quello che ci stà scritto....però addè rvanne dentro la cambra che fra poco “rrio

301) Ninetta: Ma io....

302) Felice: Vanne dentro..s’ho ditto

303) Ninetta: Subboto… debbo essete ubbidiente e lo metto in pratica.....con permesso…carissimu e premurosu avvocatu Alberto (esce)

304) Alberto: Fai pure…fai pure…brava che sei pure ubbidiente….comunque  io non ci capisco più  niente con voi…

305) Felice: Avvocà…..se dovessi troà quarche atra lettera de queste non te preoccupa....famme stù piacere perchè tu non sai li fatti e non poi capicce niente.... quindi  perdi lu tempu inutilmente

         perché la vita mia cò quessa adè tuttu un misteru…….e 50 milioni !!!

306) Alberto: Ma sicuro....me ne guarderò bene in seguito di trattare certi argomenti... anche quando ritornerò in paese io non racconterò niente a nessuno...non conosco i fatti e non mi interessa neanche saperli (pausa).....ho solo capito che tra te e tua moglie cè  un accordo decisamente perfetto

307) Felice: Proprio....perche te dispiace?

308) Alberto: Niente affatto..... mi meraviglio solo del perchè di tanta severità con  il  nostro gruppo  (pausa)...... perchè  hai voluto toglierci la tua bella e simpatica  compagnia? (con ironia) …non sarai  per caso geloso di noi?

309) Felice: Perchè io so padrò de fà quello che me pare e piace su mogljiama e non devo datte nisciuna giustificaziò su le decisiò che piglio…arrivederci….(esce)

310) Alberto-Te lo puoi permettere…infatti solo l’amanti debbono essere belli…..i mariti te li devi prendere come te li manda Dio…e a Ninetta gli sei capitato tu ma è stato solo perché  hai  tanti sordi (esce)

360) Michele: (entra  dal fondo a sinistra) La cameriera non rria mai... e io me sò stufato de spettà

361)Concetta-Ed io pure….adè dieci minuti che chiamemo….per fortuna che glie scimo dato anche l’omaggiu de lo vì …per ogne le rote de lu carru…….

362) Michele: Jiemo a domannà a quarcuno se dè rriate quelle persone che stimo cerchenne

363) Ninetta: (entra):Uh!...che vedo!!!!...mamma e vabbu….ve so rcunusciuto da la voce

364) Concetta:Finarmente te scemo pututo rvedè....figlia mia….me sembravate dispersi

365) Michele: Core de vabbu ….(l'abbracciano)….finarmente te rvedo

366) Concetta: Perchè maritutu non vulia che ce scrivessi?

367) Ninetta: Ma non pe’ cattiveria…. mamma cara....era solo pe non favve strapazzà co un viaggiu troppu lungu e scommudu

368) Michele: No...io credo che non sia quistu lu mutivu....figlia mia...dimme la verità.....te tratta male maritutu?....io lu squarto vivu se te tratta male.....me lu magnio a muccicate

369) Ninetta: Vabbu caru…..io credo che me vole vene ma non me vò fà scappà....non vole che me trattengo con qualcuno…ve dico la verità…..io non sò troppo contenta de stù matrimoniu miu

370) Concetta: Ma tu guarda!!!!...pora fijia mia....pora creatura!

371) Michele: Io te spaccherio la testa...testona... perchè non te sci vuluta sposà con Antonio l'avvocatu?

402)Ninetta-Sento parlà…tornete dentro la camera che fra poco ve richiamo (i due escono)

403)Felice-(entrando)-Ninetta…me pare de avette sentito parlà…..

404) Ninetta-Felice….indovina chi ci sta  dentro la camera mia?

405) Felice: Chi ci sta?...sicuramente qualche rottura

406) Ninetta: Mamma e babbu !!

407) Felice: Mammata e tu padre ?

408) Ninetta: Sci... non so’ pututu più sta’ senza vedelli....iera glie sò scritto un telegramma e stamattina adè vinuti a troamme

          

SCENA UNDICESIMA (Felice, Michele, Concetta)

409) Felice: Sci fatto male perchè io te avio ditto de non fa’ sapè a nisciù dove stavamo.

410) Michele: (entrando) E perché… famme capì.... perchè no lo doveamo sapè?

411) Concetta:(entrando) Ci-hai forse paura de nutri addè che sci diventatu lu generu nostru ? ....prima  eravamo tanto amici e allora addè che succede ?....

412) Michele:..Oppure scimo ghiente che te facimo pena ?...ma allora perché prima stavi sempre co’ nutri…non vidì l’ora de vinì a casa nostra….

413)Felice-Ma io…

414) Michele: Tu non conosci la vera  educaziò….ecco perché ce neghi una visita a la figlia nostra

415) Concetta: (alterata) Tu non eri degnu de sposà mi figlia....questà adè la verità....sci troppo de mentalità antica se confrontata a la sua che dè semplicemente da giovane….

416) Felice: Sentite....calmateve.... non urlete in questu modu e sopratutto non me offendete!!

417) Concetta: Non devi usci.... non devi trattà co’ nisciù..... non devi parlà troppo..... non devi scrive a tu madre  e a tu  padre..... ma per chi l'ha sci scambiata per una schiava?

418) Felice: Oh basta!! .....io so’ lu maritu..... e quello che dico io se deve fa’….non ammetto che le persò venga a sindacà su questo…..

419) Ninetta: Ma sci....  faccio comme dici tu.....te lo sò prumisto che lo farò......

420) Michele: Tu non devi fa’ niente.... tu non devi faglie la serva.... tu sci portato una dote e addè te la devi gode.... capisci..... e non devi esse maltrattata sennò saranno guai..... saranno guai.....

421) Felice: Michè lascia perde..... senti a me...... scimo d’accordo nutri due su comme dovemo comportacce…li sapemo nuatri tanti perché e percome……

422) Michele: No... da ogghi in poi dove ghjiete vuatri  vengo pure io e voglio vede comme la tratti

423) Concetta: Sci.... e farremo una casa unica per sta’ più vicini a Ninetta e proteggela da li  maltrattamenti che glie fai tu

424) Felice: (tra se) Ce mancheria pure questo....metteseli dentro a casa mia !!!!

425) Michele: E po’ spiegheme ‘na cosa.... perchè durmite divisi?

426) Felice: Dormemo divisi perchè..... (a Ninetta) coraggiu diglielo tu lu perché visto che glie  racconti tante vuscie….(Ninetta abbassa la testa)

427) Michele: Tu me lo dovresti di’ perché non dormi co’ ‘na bella ragazza comme figliama?....io lo voglio sapè da te che sci un omu....da te che sci lu maritu

428) Felice:Io non te lo pozzo di’ perché so’ fatto una promessa.....pò dittolo solo Ninetta

        Concetta-Parla….volemo sapè la verità

        Felice-A te te freca solo l’eco…

        Ninetta-Ma quesso che cce rentra?

         Felice-Adè l’unica cosa de la vita che te impedisce de avè tul’utima parola

SCENA DODICESIMA

( Lauretta, Pina, Achille, Felice)

429) Lauretta (entrando) Che dè successo ancora che ve scimo  sintito litiga?

430) Michele: E' successo che quistu galantomu sta facenne infelice mi figlia.... non vole usci co’ essa ma non vole neanche che parli con nisciù.......e tante atre cose che addè non te dico…

433) Felice:.(suona)..patrona...signora Pina…venne qua….

434) Pina: (entra)-Sempre agli ordini…nonostante lu scocciamentu…dimme pure Felice…tò intanto ecchete un pezzu de corda…te la manna quiss’atri villeggianti

        Felice-E che cce duvrio fa secondo loro?

         Pina-Ha sintito che la sociara  te ce rimprovera pure ….allora se voi evità un animale feroce comme la sociara…ssi amici te consiglia….de  taglia la corda..

 435) Felice:Ma che se stesse zitti …invecesveglia subbito ad Achille e fallu venì ecco da me

436) Pina:Ancora?....ma a la fine quillu me tira che scarpa…..comunque sarai servitu(esce)

437) Felice: E tu.....caru Michè....rpigliete a  figliata e non me secchete più.....non me scocciate  più..... io me so’ stufatu de questa storia e quindi la lascio….me separo…rinuncio anche…

438) Achille: (si ferma sulla porta, mezzo spogliato) Che dè successo ?..... che vurristi da me ?

439) Felice: Ce ne dovemo ghji via subito da ecco e pure senza perdere tempu.....forza ghjiemo....

440) Achille:Oh!...ma proprio non se po’ fa’ un sonnu comme se deve….aspetta un attimu Felice....io staco vistitu in questa maniera e prima de scappà devo aggiustamme per bene....

441) Felice: Non me mporta comme stai vistitu......ghjiemecene subboto via da ‘stu albergu ..... sangue di Bacco....(lo trascina)

442) Achille: Aspettame madoscu....io staco pure scazu….ma che fuga ciai…ma che sarria successo?(Tutti ridono, mentre Felice trascina fuori Achille Ninetta si copre il viso con le mani e Michele e Concetta l'abbraccia

CALA LA TELA

                 

                                                     ‘NA  MOGLIE……ZITELLA

                                                      

                                                                   ATTO TERZO

La stessa scena del primo atto ma con qualche variazione nella scenografia:foto,luce,telefono ecc. tanto per far notare che è trascorso del tempo.Siamo nella casa di Felice.Piccolo stacco musicale. 

                                                        

                                                       SCENA PRIMA (Nicola,Ninetta)

1.Nicola: (guardando alla porta in fondo a destra) Non ce capiscio più niente con ‘ste persone de ogghi (viene avanti) …. Dopo poco più de un mese  de matrimoniu litiga con la moglie e la lascia….quanno se ne dè ghitu via m’ ha ditto… Nicò a chiunque vena diglie che non ci staco…. io lo dicio che Felice non era un omu che se dovea sposa….adè troppo incosciente….ancora immaturu …. a propositu…..(estrae una busta dalla tasca) glie doveo da’ sta lettera espresso che lu pustinu m’ha portato sette ghiorni fa… pazienza…glielà darrò più tardi. (suona il campanello esce e rientra con Ninetta)

2.Ninetta:Salve….carissimu Nicola….. Felice sta a casa?

3.Nicola: Certamente signora Ninetta…..però m’ ha ordinato che a chiunque dovesse rrià glie devo di’ che non ci sta…..

4.Ninetta: Ma questo vale per l’atre persò…. per me no…. io so’ la moglie e faccio eccezzione… dunque dimme….adde dove stà?

5.Nicola: Sta dormenne  sopra il divano…ha ditto che stava tanto arrabbiatu per causa tua a ditte la pura verità….. ma perchè scete litigato?

6.Ninetta:Sci…ma per una cosa de niente…. per una sciocchezza qualunque.

7.Nicola: Ma cerchete de fa’ pace…. ma che modo adè quistu….lu avei sposatu con tanto piacere….con tanto amore

8.Ninetta: Ma non sò stata io…. adè statu issu  che m’ha lasciata…..adesso vedrò de chiari meglio la faccenda

9.Nicola:Ninetta  io te consiglio de aspetta che se svegli…, adè meglio che spetti un pochetto perché se lu chiami adde se rrizzaria  nervosu e non concluderete niente.

10. Ninetta: Dici vene Nicola…. faccio cuscì comme me cunsigli tu…intanto che sse sveglia vaco a porta lu cappellu in camera mia…

11. Nicola: Sci…sci… vanne su in cambora tua perché quillu lettu matrimoniale pare probbio che voglia domanna …. ma la sposa quanno ce  vena a durmicce ?... entra…. Bbocca dentro…..non vedi quando dè bella…che mobili meravigliusi!!!

12. Ninetta: Grazie per quisti complimenti! (entra nella prima porta a destra)

13. Nicola: Povera figlia….. me fa una pena che non ce sse pò crede.. ma perché se l’ha sposata se duvia fini cusci?.... me piaceria  proprio tanto a sapello….

SCENA SECONDA (Bianca, Nicola)

 

14. Bianca: (entra) Io so troato la porta aperta e so’ entrata

15. Nicola: La colpa adè solo la mia…poco fa pe la fretta me so’ dimenticatu de chiude la porta….però addè tu statte accorta perché nell’atra stanza ci sta pure la moglie che lu sta spettenne ….

16. Bianca:Va vene….va vene….senti Nicò so’ saputo  che Felice stasera adè rvinutu  da fuori…..ossia dall’interminabbile viaggiu de nozze…. verso le sette adè statu  vistu insieme ad Achille dentro lu caffè Italia….. tu sai checcosa ?

17. Nicola: No!....so’ all’oscuro de tutto

18. Bianca: Ecco casa non è vinutu ancora?

19. Nicola: No….. signora Bianchina

20. Bianca: Va vene…allora lu spetterò ecco…. devo assolutamente parla co issu e con quillu scrorfanu de Achille che sse lu cchiappo lu faccio a polpette

21. Nicola: Ma vedi…. quillu po’ esse che manco rientra…. magari va a cena co’ l’ amicu so Achille…..se tu sci saputo che adè stati visti insieme non è detto che sia vero… o magari rtornano all’alba

22. Bianca: Io durmirò ecco…. me metto sopra lu divanu lettu che tanto io ce so bbituata

23. Nicola: Non poi…(tra se )….adè già occupatu!...e sse sapisci da chii…..

24. Bianca: Io stasera ce devo parla per forza….glie devo di che non me disturbasse  più co’ le  lettere e li telegrammi perché addè non so’ più libera... so’ fidanzata con un omu  che dè statu due ote in galera e se issu venesse a conoscenza de checcosa de storto sarria un guaiu per tutti e due….ogghi Felice m ‘ha mannato un telegramma (lo estrae dalla tasca e lo legge) “ Domà Achille verrà a farti una grande sorpresa. Baci. Felice”…. non voglia lu cielu che quistu telegramma finisse nelle ma’ de Salvatore miu…dopo dove lu nasconno per salvallu da lu linciaggiu che glie farrà?…..

25. Ninetta: (entrando) Nicò… dimme ‘na cosa…(tra se si gira) madonna… questa dè l’innammorata de Felice

26. Bianca:(tra se si gira per non farsi vedere) La moglie de Felice!

27. Nicola: (tra se si gira) E addè senti che ride

28. Ninetta: Buonasera signora

29. Bianca: Buonasera

30. Ninetta: Tu ti chiami Bianchina ….è vero?

31. Bianca: Si…per servirti

32. Ninetta: Onorata de conoscete

33. Bianca: Scusa… ma comme fai a conosce  lu nome miu ?

34. Ninetta: Lu saccio perché mi maritu Felice pensa sempre a te…. porta sempre co’ issu la fotografia tua…. la so’ vista…..adè un bellu ritrattu con tanto de dedica da parte tua.

35. Bianca: Ah!....sci letto pure la dedica?

36. Ninetta:Certamente…..c’era scritto… “Al mio amato Felice, la sua Bianchina”… adesso accomodate…. prego…. Nicolino portace due sedie e magari anche qualche liquore per poter mungere le labbra

37. Nicola: Te servo subito in tutto…intanto ecco le sedie (da le due sedie)

38. Bianca:Grazie tanto Nicola…tu sci sempre una persona cara e servizievole…però vurrio perdonà anche a quillatru murguttu….acqua passata…io staco vene comme staco

39. Ninetta: (a Nicola) Nico….accomodate pure fuori e lasciace sole

40. Nicola: Subbito…..(tra se) adde so’ curiusu de  vede quello che succederà (esce a sinistra, seconda porta)

41. Ninetta: Signora Bianca….. che fortuna che sci vinuta ecco stasera… perché io te doveo parlà necessariamente….

42. Bianca: E io pure….ma guarda che grossa cumbinaziò se dè creata per tutte e due!!

43. Ninetta: Io saccio che tu vuoi tanto vene a Felice, e issu pure te vole tanto bene…. tu certamente stasera sarrai vinuta per dirglie…. con tutta la rabbia che poi avè dentro… che co’ te adè statu un birbante….. un traditore….ma magari anche pe portattulu via co te…sci ….sci…..non me lo nega Vianca….tu sci vinuta principalmente per questo…. però io te chiedo un piacere….una grazia….adè un sacrificiu che devi fa e  che io te chiedo co’ tuttu lu  core…

44. Bianca: Dimme pure Ninetta….cercherò de accontentatte

45. Ninetta: Me devi fa’ resta co lu compare miu, Felice, solo per atri quattro mesi e po dopo te lu potrai piglia per sempre

46. Bianca: Oh!...sta cosa me piace proprio….(tra se)…questa glie vole probbio bene a lu maritu…...già lu vuole lascia dopo manco due mesi che se l’ha sposatu!!! (forte)… so capito…non te la senti de lasciallu dopo solo poco tempu che ve sciete sposati…. l’occhiu de la ghiente vole la parte sua…

47. Ninetta: No… adè per un ‘atru motivu che per addè non te posso racconta…addè ci-ho paura che Felice possa scappà qua fori e vedecce che ce stimo parlenne…. issu sta arrabbiatu…anzi ngazzatu….ncazzatissimu co’ me e se me vedesse ecco se arrabbierebbe ancora de più….

48. Bianca: Ma perché …. Felice stà lla dentro??

49. Ninetta: Sci…. stà dormenne un pochetto

50.Nicola-(entra con bottiglia,vassoio e due bicchieri) Ve so portato lo mermutte….facete da sole (esce)

51. Bianca: (tra se)…lu tale me era ditto che non ci stava…(alzandosi) ….signora Ninetta…. stai pure tranquilla… io ero venuta per diglie che non me pensasse più ….che me  sse  scordasse per sempre….perché addè io faccio l’amore con un atru e quistu non è tanto malleabile….non è probbio un stinco de santu e dopra le ma’ con parecchia facilità…. perciò tette pure lu  maritu to finchè lo vorrai…. per atri quattro mesi…. per un atru annu….. per sempre…. a me non me interessa più.

52. Ninetta: Veramente?...posso sta’ sicura de quello che me dici?

53. Bianca: Poi sta sicurissima….. anzi sarai proprio tu l’ambasciatrice de la notizia e cioè che me se scordasse e se me dovesse incontra che  faccia finta de non conosceme…. che volesse vene solo a te che sci la moglie e che se rimettesse a postu  co’ la testa

54. Ninetta: Va bene… glie lo riferirò appena lu vedrò

55. Bianca: E tu tenete strettu ss’omu to perché dopo tutto sci avuto anche tu una grossa furtuna…..quissu sta bene in sordi e te farrà fà  la vera signora…. arrivederci e presto volemo figli maschi….

56. Ninetta: Te saluto e grazie (Bianca esce per la seconda porta a sinistra)…. Ah!!...ah!..... che piacere…oh! quanto so’ contenta …e comme li facemo li figli?...ghiusto se stà sotto li cavoli comme se raccuntia ‘na ota a li fichi..(si sente la voce di Felice e di Achille)… Uh !... sta rrienne…non me voglio far vedè che staco ecco. (Esce dalla seconda porta a destra dall’altra parte entrano Felice e Achille).

SCENA TERZA (Felice, Achille e Ninetta)

57. Achille:Sta bbella dormita me ce vulia proprio…allora dimme vene che devo fa

58. Felice: Devi ghii a parlà co’  Vianchina… io glie so fatto anche un telegramma e glie cce so scritto.”domà Achille verrà a fatte una grossa sorpresa”.

59. Achille: Ah!... la sci  già avvisata?

60. Felice: Certo…e tu recordete  de faglie capi bene lu perché me so’ duvutu sposa per forza co’ la commarella Ninetta

61. Achille: Addè che me sci  raccontato lu fattu… glie dirrò tutto per bene appena la vedrò

62. Felice: Se non la dovessi troa a casa…valla a cerca su lu teatru…

63. Achille: Sarria meglio se la vaco a troà direttamente su lu teatru…..se non ce fosse magari la spetterio pure….. perchè llà lu teatru ci starrà sicuramente atre persone e se glie venisse su la testa de fa’ qualche reaziò nervosa ci starria sempre qualcuno prontu a tenella….. Felice…tu no lo sai ma quella adè cattia veramente… adè terribile e mena come ‘na dannata…………

64. Felice: Oh!... lo saccio…. lo saccio…avoglia se lo saccio

65. Achille:Allora glie dico che  tu sci decisu a non pensa più a Ninetta?

66. Felice: Decisissimu!....ma addè vanne non perde tempu…ciao

67. Achille:Allora te saluto pure io…ciao( e canticchiando esce per la seconda porta a sinistra)

68. Felice: Che succederà a casa de  Michè…lo sociuru… co’ la figlia?….quilli farrà sempre cagnara…urli…pianti de Ninetta….ma io no la putio tenè più vicino a me…la condiziò mia era diventata terribile…lascimo perde tutte le stranezze che facia…... ma lo saccio io quello che so’ sofferto in quillu periudu….tutti che me guardava co’ ‘na certa invidia perché ci-avio la moglie cusci giovane….ma llà vita non la poteo fa più…. non poteo ghji più co’ Bianchina che me piace tanto…eppò adè un’artista….m’ha riferito un’amicu che addè se dè fatta pure più bella…no….no…Ninetta adè meglio che se ne staca  co lla saputa de la  madre e co lu padre……..

69. Ninetta: (entrando)…Questo lo dici tu ma io no….sci sorpresu da lu ritornu miu impruvvisu??

70. Felice: Ninetta!!!...e da dove sci scappata ??...comme sci entrata?

71. Ninetta: So’ arrivata pocu tempu fa e  da ecco non me moerò più…Nicolino non me vulia manco fa entrà ma questa adè casa mia ed io bbocco quanno me pare e piace……ecco ce abbita mii maritu come le carte de lu matrimoniu po’ dimostrà sempre…..  e io devo sta’ ad abità ecco….adè la legge de lu matrimoniu…la moglie deve segui lu maritu..

72. Felice: Tu sci ppazza….tu cocca te sci mmattita....domà  vena Bianchina …donna a cui io voglio tanto vene… ma te sci scordata che io per tè ero solo un marito provvisoriu…ossia un fintu maritu tanto che tu eri una moglie che non doveo consumà e fatte rmanè comme se fossi una zitella….le carte de lu Cummune e de la Chiesa non è valide….tanto che tu dopo ghiarrai a sposatte in America e io ritornerò co’ Bianchina….. ecco a casa mia non te voglio e non te posso tenè

73. Ninetta: E do’ voi  che vaco?.... Mamma e babbu m’ha ditto:”vattene a casa de maritutu…ecco  non ce poi più sta’ perché nuatri  non potemo fini su la vocca de la ghiente”…. io non ci-ho manco un parente…. non ci-ho un amico….non conosco nisciu  che po’ ospitamme….duvrio finì in un albergu…oppure cerca una camera ammobiliata…oppure ghji  ad abita in una casa con gente estranea…….tu ci-avresti lu coraggiu de riduceme a fa’ questo?.... Mamma e babbu non lo sa che io so’ comme ‘na zitella…...sennò  non me sarria fatto scappà da sola da la casa loro…ma tu la sai la situaziò mia…. tu lo sai che io staco settenne a Enrico….tu conosci la storia e me vurristi  abbandonà?…ci- avresti lu coraggiu de cacciamme da casa tua?. (quasi piangendo) ….ci-hai un bellu core veramente…compare miu Felice….persona prediletta da me

74. Felice: E non piagne…ma la sci  visti li guai che so passato per te

75. Ninetta: Io te giuro che non te farrò piglià più le arrabbiature…..me metterò in un angulittu  e da loco non me moverò mai

76. Felice: Ah!!!!....ce lo saccio come manteni le promesse

77. Ninetta: Io non me ricordavo mai che me ero  sposata…e non facio casu su  certe cose che non doveo fa’ o su atre che doveo fa’…. ma addè voglio sta solo vicino a te…..eccome qua pronta a comincià sin da ora…(si siede vicino a Felice) fai cuntu de esse veramente lu maritu miu

78. Felice: Questo non lo posso fa’…perché ad essete maritu adè tutta un’atra cosa

 Ninetta: Tu me sci vuluto sempre vene e addè me tratti cusci?... te ricordi quanno ero piccola che                           contentezza quanno te vedeo?....te spettavo fori da lu valcone e poi urlavo per tutta la casa dalla felicità….lu compare…stà rrienne lu compare Felice…po’ aprio la porta e voleo subbito un vascittu…te ricordi? (si accosta)

79. Felice: Ma comme non me lo ricordo

80. Ninetta: E te ricordi quando te so’  assistito perchè  eri mmalatu…quanno vabbu e mamma te venia a troà e se portava anche a me …e io stavo vicino a lu lettu to e te davo a be’…te toccavo la fronte per vede se scottavi…te ricordi?

81. Felice: Sci che me lo ricordo Ninè…ma addè scostate un pochetto più in là

82. Ninetta: Prima sci che me volei veramente vene..

83. Felice: Te lo voglio anche addè…ma te voglio vene comme se vole a una nipote….comunque tu per non sbaglià  allontanate mpochetto più in là!!

84.Ninetta-Te ricordi quanno me compravi li coriandoli de nascosto de vabbu perché issu non me li vulia mai compà?....no..non te li compro perché l’anno scorso la sci vuttati tutti

85.Felice-Sci me lo ricordo….ma io me so stufatu de questa storia

86. Ninetta: Allora facimo cusci…se dovessi commette ancora qualche atru errore…allora potrai fa comme voi tu…me lascierai e non ce se  pensa più..va vene? (gli mette una mano sulla spalla)...daglie…non fa cusci che semmai ce rmetto checcosa su li 50 milioni……

87. Felice: Ma ascoltame vene  Ninetta…tu sci ‘na ragazza  intelligente…certe cose non ci sta  bisognu che qualcuno te le spiega perché le capisci da sola…. e leà ‘sta venedetta  mano da sopra la spalla…(le toglie la mano) tu non poi sta’ più con me per atri quattro mesi come se era ditto all’inizio…adè una cosa impossibile

88. Ninetta:Ma  perché? …

89.Felice: Perché me pare che me piglii in giro e me fai fa le figuracce co’la ghiente…po’ sci pure troppo sbarazzina ….ma anche Vianchina cià la sua importanza…

101.Nicola: (entra) Felice…scusa tanto se me intrometto mentre stete parlenne

102.Felice: Che vuoi Nicò ?

103.Nicola: Te devo consegna ‘na lettera espresso che lu pustinu ha  portato sette giorni fa (la caccia)

104. Felice:Ma comme sarrria? ..co’ tuttu ssu ritardu me la consegni?...le poste carreggia co’ le cucciole ma tu me pari pure pegghjio

105. Nicola: E quanno te lu doveo da’? ..io mica sapio dove stavate in vacanza

106. Felice:E’ vero….ci-hai ragiò…vedemo de chi dè (Nicola esce. Felice legge la lettera, quindi pausa)…ha scrittoEnrico Duprè…lu francese

107. Ninetta: Ancora issu !!!.. E che te scrie?

108. Felice: (legge) Londra 4 luglio millenovecentoottantuno (sessantuno….)

109. Ninetta: (ridendo) Ah ah..ha sbagliato pure l’annu…

110. Felice: Ha sbagliato pure un’atra  piccola cosa!!! (legge) “cara Felice”…addè so’ diventatu pure femmina secondo issu…” io sono molto commosso nella scrittura di questa prima lettera…appena io fatto arrivo a Londra il giorno prossimo dopo…feci litigata con un inglese e con un bastone animatonato”… Ma tu senti che robba…” col bastone animato lo ferì al testo assai profondamente…ora mi trovo in prigione…mio avvocato dice che mia condanna essere di almeno un annata… scusate sono io Enrico Duprè che vi scrivo

111. Ninetta: L’ ha mistu in galera ?...ma so capito vene?

112. Felice: E issu pretennaria che io lu spetti un’atru annu ?...no…no… questo se lo pò toglie da la testa!...io ‘sta vita no la voglio fa probbio più….non ha mantinuto la parola che m’era dato…

119. Ninetta: Eh sci…ma guarda che faravuttulu…me la pozzo scordà l’America…..

120. Felice: Adè un sbarbatellu qualunque…ma stuputu so’ statu io che  so cridutu a tutto…

121. Ninetta: Ma nuatri addè sai che facimo?...non spettemo più li sei mesi pattuiti e ce facemo li fatti nostri….tanto sposati scimo sposati…

120. Felice: (dopo pausa) Sicuro…che?...ma che stai a dì?

121. Ninetta:Bianchina oramai se dè scordata de tutti vuatri  e sta co’ ‘natru omu….tu non ciai atro che me …e io a lu francese no lu penso proprio piu…..io duvrio ghji con quillu pazzu a sposamme in America?…io staco  tanto bene ecco co’ te …..ciagghjio sta bbella casa….e quella bbella camera nostra arredata tanto vene

122. Felice: La camera da lettu che te so fatto te piace veramente?....te ricordo…però..che non se po’ usa perché tu non sci la moglie mia…adè stati solo sordi sprecati per accontentatte…anzi me dè costata quasci un occhiu de la testa e po’ per facce che?

123. Ninetta:Me piace tanto …ma proprio tanto!...daglie che appena piglio li sordi te risarcisco co cinquanta milioni e te cce rpaghi anche la camera….però quanto me piaceria a durmicce pure a me….intanto…che ne dici….(si avvicina) volemo fa’ cusci come sò suggerito io?

124. Felice: E facimo comme sci ditto tu …io seguito a stà a ssu ghjiocu…statemo insieme natri tre o quattro mesi….intanto tu dormirai ne la camera che stà collegata co’ la mia….e cusci nisciù se ne accorghierà che non durmimo insieme..

125. Ninetta: Oh!...grazie…grazie….quanto sci vonu Felice…..allora ce vediamo domà…io vaco a durmì perché adè tardi e te giuro che da ogghi in poi sarrò tutta un’atra ragazza…te farrò vede che cambiamentu che farrò….tutto quello che dirrai tu io lo approverò….tutto quello che vorrai tu io lo farò….ossia sarrò completamente a li piedi to maritu  miu caru ….te lo prometto….io me voglio comportà comme una vera moglie….. e addè vaco (esce nella prima porta a destra)

126. Felice: (pausa)Ssa  Ninetta….mica sa che la paglia vicino lo foco…oddio ma che mme vena su la testa…. Nicò….Nicolino

127. Nicola: (entra): Comanda…patrò Felice

128. Felice: Chiudi la porta d’ingressu …. voglio ghimmene  a durmì pure io….non posso lascia sola la sposina

129. Nicola: Va vene…..felice notte (esce)

130. Felice: (Prende una bottiglia d’acqua, spegne la luce e via nella prima porta a destra) (Breve musica o canzone, dal buio si passa alla luce del giorno  aumentano sempre più il chiarore

Scena Quarta (Nicola, Enrico)

131) Nicola: (con due tazzine di caffè sopra un vassoio-Entra da destra) Signori…signori scusete... Felice adè pronto lo caffè… lo vuoi?...signori guardate  che adè le undici....ma che dè...non risponde nisciu ?....so’ già vinutu tre ote ...a le otto...a le dieci...e po’ addè......ma che diavolu glie sarrà successo?... ma pussibbile che ancora dorme tutti ?.... ma fosse morti? (suonano alla porta Nicola poggia il vassoio sul tavolo e va ad aprire) Bèh!...famme  vede chi dè? (Esce e rientra)

132) Nicola: Entra pure

133) Enrico:Molto grazie...buongiorno signore

134) Nicola: Vongiorno….(tra se)ma comme parla quissu?

135) Enrico: Io essere arrivato questo giorno e venuto qui per parlare subito con donna Felice....ossia Scioscia...

136) Nicola: So capito....vuoi di che voi salutà  Felice?

137) Enrico: Ui...don Felice Scioscia

138) Nicola: Ma addè....in quistu pricisu momentu ...non ce poi parlà

139) Enrico: E perché mai?

140) Nicola: (tra se) Perchè non sapimo se dè mortu o se dè vivu.(forte)….perchè  credo che stia dormenne…..

141) Enrico: Dormendo come....coricato?

142) Nicola: Se capisce.....coricatu dentro lu lettu…iersera era stancu e ancora non dare segni de svegliamentu

143) Enrico: Fate gran piacere svegliarlo

144) Nicola: Non si possono probbio signore....altrimenti io me piglio un bellu cazziatone….me capì l’italiano che te parlo io ?

145) Enrico:Allora vado a fare sdegiunè e poi tornare....ecco mia carta (gli dà il biglietto )...dite che debbo lui parlare di cosa interessante e poiripartire...non posso tenere più in sospensione

146) Nicola: So capito...va bene…quanno se sveglia io riferirò tutta la cosa che me sei detto

147) Enrico:Addio….addiu (esce)…

148) Nicola:Addiu ? lo ero capito che stavi addiu…ossia a digiunu…sennò mica sarristi ghjitu a fa’ colaziò…allora  buon appetito.....ma  tu guarda comme adè curiosu quistu ragazzu (alla porta)....signori....signori...il caffè adè pronto…. lo volete?(si affaccia dentro)

Scena Quinta (Felice, Nicola, Ninetta)

149) Felice: (in veste da camera)-La finisci o no de guardà?...ma che ci stà de tanto importante ?

150) Nicola:(tra se)-Voleo vedè se eri dormito co’ mogliata (forte)…te so’ portato lo caffè...lo voi ? 

151) Felice: Portalo dentro  che fra poco arrio

152) Nicola: Va vene.....a proposito...adè rvinutu quillu forestieru che era già vinutu diversu tempu fa....te lu ricordi ?...quistu adè lu vigliettu da visita so (lo dà)

153) Felice: (legge) "Errico Duprè"....lu francese!!...e che  ha ditto ?

154) Nicola: Vulia per forza parla co te ....io glie so ditto che stavate dormenne e che non ve poteo assolutamente sveglià

155) Felice: Sci  fatto vene

156) Nicola: Issu non ha vuluto aspetta ecco dentro casa

157) Felice: E che ha fatto?

158) Nicola: Adè ghjitu a sdigiunà e po’ ha ditto che ritorna subito ecco

159) Felice: Ma quistu  che vole da me?.... io addè comme la risolvo sta faccenda? (tra se)...ma che  ha combinato quistu per troasse ecco....sarrà fuggiatu da dentro lu carcere? (forte)...Ninè...Ninetta

160) Ninetta:(in camicia da mattina-da una stanza diversa) Che ci stà.....che  dè successo?

161) Felice: Tena....guarda chi dè vinutu...(le dà il biglietto da visita)

162) Ninetta: (legge) "Errico Duprè"...lu francese....e adesso dove stà?

163) Felice: E' ghitu  a fa’ colaziò ma fra poco ritorna...dice che vole per forza parlà co’ me….chissa che me dovrà dì

164) Ninetta:Ma comme....non sta più carceratu ?

165) Felice: E che ne saccio io

166) Nicola:(entra) Signori lo caffè lo porto dentro?

167) Felice: Sci...sci...portalo dentro....ma pure tu Nicò quando sci insistente co’ sso caffè (Nicola esce)....adde comme facimo…...che glie dicemo ?

180) Ninetta: Ma nutri glie facimo dì che scimo partiti e  che non ce statemo

181) Felice: E se capisce che farremo probbio cusci....adde ghiemo a piglià ‘sto benedetto caffè senno quillu ce mette in croce (escono nella prima porta a destra)(Felice toglie la vestaglia ecc.)

Scena Sesta (Concetta, Nicola, Michele)

182) Nicola: (con un gran canestro) Entra...entra pure....signora

183) Concetta (con borsa ed involti )- La appoggio ecco ....questa adè tutta biancheria

184) Nicola: Allora signora.....ma veramente  venete ad abità qua co nutri ?

185) Concetta: Se capisce....mica lo dicieamo pe’ scherzu….venemo io e mi maritu....ce venemo a stabilì dentro a questa casa insieme a la figlia nostra...fra poco arriva pure li mobili trasportati con un camioncinu

186) Nicola: Faciete proprio vene....forse facenne cusci  staranno un pò più carmi e tranquilli anche se me pare un pochetto migliorati

187) Michele: (con due valigie, ombrello, baston e gabbia per uccello)  Per piacere ... Nicò…..pigliame checcosa de  questa robba

188) Nicola: Subito! (toglie qualcosa dalle mani di Michele)

189) Michele: Li facchì de la cooperativa sta trasportenne la cambora da lettu e lu salottu

190) Concetta: Benissimo...addè vedremo se imparerà a fa’ lu maritu comme se deve... vedremo se seguiterà a tratta mi figlia come l'ha trattata fino ad ora…...essa ieri sera adè vinuta  a lamentasse con nuatri per come la tratta lu maritu….nuatri pretennemo che la tenga co’ issu come deve fa’ un veru maritu….la deve rispettà e voleglie vene…e prima pussibbile deve faglie fa’ un figliu….

191) Nicola: E infatti addè la sta tenenne co’ issu…posso confermatte che tu figlia Ninetta sta dentro insieme a lu maritu perchè sta tutti e due piglienne un bellu  caffè....pare che ha fatto pace...signora Concetta

192) Concetta: E quillu  sempre cusci fà...glie fa’ crede che glie vole tanto vene...che va pazzu per essa.....cusci ce racconta Ninetta nostra…ma subboto dopo poesse che senza mutivu la maltratta...glie urla...glie proibisce de fa’ tutte le cose che a essa glie piaceria a fa’

193) Michele: Eh!...ma da ora in avanti deve comportasse  vene lu compare Felice...sennò saranno guai…..ce saranno grossi guai per issu

194) Concetta:Nicò....dimme ‘na cosa....quale camera credi che sia quella adatta pe mettece lu lettu matrimoniale nostru ?

195) Nicola: Guarda se te piace questa (indica la prima porta a sinistra)

196) Concetta: (guardando) Questa ecco ?...veramente me sembra un po’ piccoletta per esse una camera matrimoniale...ma non ce importa....nuatri sapemo contentacce…...Michè te sci  portato lu  metru ?

197)Michele-Certamente…ecculu qua..(lo toglie dalla tasca e glielo fa vedere)

198) Concetta-E allora piglia tutte le misure che te serve

199)Nicola-Volete che avverto Felice de l’arrivu vostru?

200 ) Concetta-No…e perche?...nuatri non ci-avemo probbio visognu de issu…comincia a piglià le misure Michè che dopo ce rregolemo meglio

201) Michele-Non ce serve Felice…nuatri scimo in gradu de fa’ tutto da suli (entra nella prima porta a sinistra

202)Nicola-Io pensavo de avvertì lu patrò…sai comme dè…ma se me ordinate de non fallo io no’ lo faccio…piuttosto ci-avete bisogno de che ccosa?

203) Concetta: Per addè de niente...grazie…stimo a postu cusci

204) Nicola: Allora io  toglio lu disturbu (esce per la seconda porta a sinistra)

205) Concetta: Glie voglio fa’ vede’ a quillu signore chi so’ io.....io so’ una donna  terribbile...quanno me metto in testa una cosa....(esce, prima a sinistra)

Scena Settima (Achille, Concetta)

206) Achille: (elegante, con fiore all'occhiello) Quello che sta succedenne a me...io credo che non sia mai successo a nisciù …..quella Bianchina se dè mista a fa’ l'amore con un "camurrista"....non saccio comme so fatto a evità ‘na curtellata indirizzata verso  la panza  mia ....quillu Felice me li commanna tutti  a me ‘sti  belli servizi

207) Concetta: (entrando) Buon giorno

208) Achille: Oh!...vuon giorno (tra se)...e questa comme mai  se troa ecco? (meravigliato)

209) Concetta: Ah!...capisco la sorpresa che posso avette fatto....tu certamente  non potevi mai immaginà che io me fossi trovata ecco ....ce sci avuto la sorpresa e te posso anche capi....perchè sai benissimo che da ora in avanti sci finito de esse l'amicu fidatu de Felice....lu segretariu...lu confidente...quillu che glie combina mbrogli e glie racconta un saccu de  buscie....da adesso in poi ci staco anche io dentro a questa casa....e farrò tutto io....

210) Achille: Ma....Felice sa…..

211) Concetta:(veloce e decisa)...Oeh !!!!...basta sa......poche chiacchiere co me (esce)

212) Achille: Ma queste adè  cose da pazzi.....quistu adè un affare seriu....me ne riuscisse una vona....ma questa tardona  de la malora comme ce se troaria ecco ‘sta casa  ?....io cumbino mbrogli ?....racconto vuscie ?(alla porta di Felice)....Felice...Felììì…

Scena Ottava (Felice e Achille)

213) Felice: Achille...buongiorno...che te succede che urli tanto ?

214) Achille: Eh!....buongiorno....bongiorno un accidente..se sapisci che ce stato

215) Felice: Che dè successo?...Achille ancora atri guai ?

216) Achille: So’ statu  a lu teatru Modernu dove Bianchina stava facenne la prova.....mentre ci stavo parlenne se dè ccostatu un giovanottu che m ‘ha ditto…..:"oramai sci vinutu perciò  parlace  co’ Bianchina ma che sia l’ultima volta….con essa non ce devi parlà più....altrimenti io te ammazzo come se fa con un poce…un pidocchiu "...io so’ rimastu zittu....impietritu…capirai che paura me so’ pigliato e quindi zittu e mosciu so’ ghirato le spalle e me ne so’ ghitu via senza manco salutalla…non se sa mai se cce rpensava

217) Felice: Sci fatto vene....però io dico che sarrria meglio se cambiassimo aria completamente....volemo scappaccene a Palermo?

218) Achille: Tu dici che sia meglio rifugiasse a Palermo e non fasse vede più da nisciù?

219) Felice: Io dico che sarria meglio de sicuro....ma finisci a raccontà lu fattu…..

220) Achille: Dunque...te stavo dicenne...me ne so’ scappatu  da lu teatru e so’ vinutu qua.....non ero neanche entratu dentro che me sono incontratu co’ la madre de Ninetta.....m’ha fatto una minaccia tanto vrutta...chi sei...che cosa cerchi in questa casa....adè meglio che te vai  co’ le buone....altrimenti te tocca andà via con le cattie maniere....da addè in avanti commannerò io in questa casa....e quindi fai poche chiacchiere..

221) Felice: La madre de Ninetta ?

222) Achille: Sci...sta dentro a quella camera....capirai....se quella sociara rimanesse qua per sempre....tu non sarristi più libberu de fa’ più  niente

Scena Nona (Felice, Achille)

223) Felice: Non putrio  fa’ più niente?...miu caru Achille....la madre non sarria niente...qua ci stà la  figlia che ffa più paura…quella co’ la sua politichetta riesce sempre a fasse perdonà

224) Achille: La figlia?....Ninetta?....adè vinuta ecco ?

225) Felice: Adè vinuta ieri sera...e m’ ha ditto tante cose che tu neanche crederai  ....insomma....dopo tante promesse che m’ha fatto m’ha cunvinto a rfà pace perciò  addè non la posso lasciare più per armeno natri quattro mesi….s’ha portato pure li socieri…figurete

226) Achille: E lu francese che se la deve portà via ?

227) Felice: Ssu francese prima me scrisse che non sarria pututu  più tornà in Italia…...disse che avea cumbinato un guaiu a Londra e che era statu arrestatu...,,, invece stamattina all’improvviso se dè rpresentatu ecco e ha chiesto de potè parla co’ me…sta llà fori la scimo vistu rrià.

228) Achille:Tu che dici?....lo sai lu perché?...e addè come farai ?

229) Felice: Lu riceverai e ce parlerai tu per sapè quello che vole….

Scena Decima (Nicola, Enrico, Achille, Felice)

230) Nicola: (gridando) Ma signore...te dico che dè partitu proprio poco fa

231) Enrico: (parlando in francese) Ne pà...ne pà...questo non poterlo credere....impossibile che sia partito....voi mentite santo cielo...perchè volete dirmi questa bugia?...io non credo....io aspettare qua fino a stasera….domani…

232) Achille: Troa qualche atra scusa sennò quissu non se moa

233) Felice: Io glie aveo fatto dì che ero partitu…. ma issu non ci-ha creduto…lu senti pure tu.

234) Nicola: (entra) Patrò Felice…. quillu francese non se ne vole ghji via… ha ditto che non cè crede che sci  partitu….

235) Felice:  Santo cielo ma addè comme se fa??…ma che me dovrà di’de tanto iportante che non se  smoa ? …Achille parlace tu….fatte di quello che vole….ma cerca de mannallu via!

236) Achille: Io?.... Ma tu sci  pazzu?...già sci visto quello che so’ passato con Bianchina  e che me vorresti rmette in mezzo pure in quest’atra storia?.... quillu Francese quanno capirà che  Ninetta no lu vole più sicuramente se sfogherà  con me…..e magari me toccherà a rpiglià atre botte…

237) Nicola: Allora…che volemo fa’ per sistemà sta cosa ?

238) Felice: Oh!... ma quistu Francese non sarrà mica un leone che fa cusci paura!!!. lu affronterò io e ce parlerò io….. Achille…..Nicò…. metteteve vicino a la porta e non ve movete per nisciù motivu…, statete anche attenti a tutti li movimenti che fa perché adè unu che se perde la testa dopo non sapete quello che pò cumbinà…..scete visto co’ quill’inglese

239) Achille: Non te preoccupà…. se dovesse fa’ una mossa azzardata glie roppo sta statuetta su la  testa. (Da sopra un mobile prende una statuetta pesante)

240) Felice: (prende un libro o altro): E io glie roppo  la testa co’ quistu  

241) Nicola: (prendendo un bastone che ha portato Michele): Io co’ ‘na botta co’ quistu lu stennu per terra tuttu ntuntitu

242) Felice: Daglie Nicò…fallu passa… (Nicola va alla porta) Oh!...ma non facimece vedè che ci-avemo tutta ssa paura.

243) Achille: E se capisce….facemece vede duri e irrigiditi su lu pettu (esegue)

244) Felice:Issu ci-ha torto....se sapia de voler tornà allora perchè m‘ha scritto quella lettera?...quella putria esse statu solo un tranellu che vulia tiracce

245) Achille: Giusto…..tutte giustissime sse cunsideraziò tue

246) Felice: Dimostremocoraggiu e serietà…(si nasconde l’oggetto dietro alle spalle)

247) Nicola: Accomodate pure (si piazza vicino a Felice col bastone nascosto dietro)

248) Enrico: Buongiorno signori

249) Felice: Vuon giorno a te….che volei

250) Enrico: Perchè dire a me che tu essere partito?...perchè questa bugia?

251) Felice: E' statu un ordine che aveo dato per evità de vedè tutti quilli che me avessero cercato.....ogghji non è un giornu adattu per me…staco nirvusu…certamente io staco dentro casa mia e so’  libberu de non riceve a nisciù

252) Achille: Credo che sia anche una cosa regolare

253) Enrico: Chi essere quella signora ? (rivolto ad Achille)

254) Achille:Quella signora?....e che me sci pigliato per una femmina…rencugliunitellu?

255) Felice: Quistu adè un amicu miu....Achille Scorza....maestru de scherma…un signore …se dice

256) Enrico: Scorza?....ah!...molto piacere....e signora Ninetta non essere qui?

257) Felice: No...è uscita da casa poco fa

258) Achille: Sci...adè ghjita a la messa….

259) Enrico: Voi ricevuto mia lettera?

260) Felice: Sissignore....e so’ veramente addoloratu dell'accaduto

261) Enrico: Ah!...tutto aggiustato ...io venuto per dirvi che in Francia quando una persona  manca sua parola....manca obbligo stabilito...paga una penale

262) Felice: Ah! sci.....questo succede anche in Italia

263) Enrico: Molto bene...sessantamila franchi  credete sia una somma regolare?

264) Felice: Sessantamila franchi francesi?....ma scusa....

265) Enrico: ....allora ottantamila mila?

266) Felice: Mah! perchè?...a me sarria meglio….

267) Enrico:Cento mila?...ti bastano cento mila franchi ?

268) Achille: Accetta Feli…accetta..sennò quissu arria a duecento mila…trecento mila…no lu fermi più….che ne sai quanto te offre pe’ liberasse de vuatri……

269) Felice: Va vene....accetto per sessantamila mila franchi…ossia la prima proposta

270) Enrico: Per sessantamila mila?....oh!...tu essere molto gentile...molto galantuomo....Mersi! (dal portafogli prende un blocchetto di assegni e scrive, poi)....vuolà...uno chèque a te girato

271) Felice:  A me?....uno chèque?...ossia un assegnu da cambià…

272) Enrico: Si....sulla Banca Commerciale....io mancato parola data e pagare a te...(da l’assegno a Felice)...l'inglese Boveld che io ho ferito alla fronte non ha fatto querela...ne  pretendere danni....così facendo non mi manderà ancora in prigione….il tutto purchè io sposare sua figlia....io allora subito accettare

273) Felice: So capito....bene….sci visto che bellu matrimoniu d’amore ghjiarrai a fa’? …….brau…..oppure già  sci tutto fatto ad ammogliatte?

274) Enrico: Si....già sposato….tutto andato molto bene

275) Achille: Eh!.... scuseteme...allora sessantamila  franchi francesi de penale adè probbio puchi….Felice ha accettato perché non conosce lu valore de lu cambiu

276) Felice: E se capisce...caru francese Enrico….un piacere cusci grossu che tte so’ fatto merita la ricompensa più grossa……

277) Enrico: Ma tu ti sei accontentato di sessanta mila….altrimenti io stavo offrendo anche di più….devi stare agli accordi….

278) Felice: E già.....sò accettato……daglie Achille deve ghji bene cusci…...su non ne parlemo più quessa adè una manna cascata dal cielo….e chi se li spettava tutti ssi sordi…o ma ssu fintu matrimoniu comincia a fruttamme (chiamando)...Ninè...Ninetta...venne  qua.....venne a sintì ‘na cosa curiosa che ha fatto lu Francese…….(i tre posano gli arnesi)

(Ninetta,Felice,Enrico,Concetta,Michele )

279) Ninetta: (entrando) Che sarrà successo de tanto importante ?....oohhh!!!!...chi vedo?....Errico

280) Felice: Lu  francese adè vinutu  a di’ che se dè sposatu…se dè ammogliatu co’ la figlia de quillu inglese che issu avia firito sotto la gola….

281) Enrico: Si....per evitare danni...spese e prigione

282) Ninetta: Oh!...sci fatto proprio bene….perchè io una persona comme te non saprio che fammene

283) Enrico: Io molto commosso......voi ora siete liberi di sciogliere finto matrimonio…

284) Ninetta: .... allora cerca de smammà subboto perche tu non ce-entri più niente e io da tanti ghjiorni  amo un’atru…un omu maturu comme serva a me

285) Enrico: Molto benissimo…..voi essere sposati?

286) Felice: In tutta regola….ma fra poco ce sciogliemo perché la farsa adè finita….me so guadagnato pure natri 50 milioni e non dovrò manco fa passà quill’atri quattro mesi prumisti perché la faccenda se dè chiarita pure prima………

287) Enrico: Molto buono e buona fortuna....scusatemi….. io fare subito la partenza....tenere molti affari da curare

288) Felice: Buon viaggiu….e non passa troppo a la parte quanno scappi su la strada…sennò putristi cascà dentro lu fossu

289) Enrico: Mersi madame...messiù....bongiur a tut le monde (esce)

290) Achille: Ma guarda che tipu curiusu !

291)Ninetta:Felice… (lo abbraccia) a forza de stà co’ te me so veramente innamorata de te…tu sci veramente l’omu de la vita mia…

292) Felice: Ninetta mia adè  vero che l’amore adè ciecu….ma io non posso commatte per tutta la vita co ‘na sbarazzina comme te….non vurrio che tu me dici questo per risparmia lli 50 milioni

293) Ninetta:Daglie… diventemo veramente maritu e moglie….tu non guardi li difetti mii…e io non guardo…..l’età e la panza tua….

294) Felice: Fino a ecco  facimo finta che sia statu comme un fidanzamentu?.....l’amore non è bellu se non è litigarellu…però me raccommanno …..voglio la massima serietà perché staota  la diceria de le corne….no la voglio….(si abbracciano e non si staccano)

295) Concetta: (entrando,dopo un pò) Ah!... finalmente scete fatto pace ….paria che ve vuliate mazzà

296) Achille:(esplosivo)Mmazzà non se mmazza…..ma se non se stacca quissi mora ffocati…

297) Ninetta:  Sci...e te assicuro mamma che non litigheremo mai più…diventerò ‘na moglie vera e non più zitella e ghiarrò a durmi insieme a Felice su la camera nostra e ssu lu stessu lettu

298) Felice: E non ce lasceremo più……perché addè ce scimo pure ‘nnammorati veramente

299) Concetta: Ma come innamorati?.....ma allora prima?

290) Felice: Le finsioni…certe ote… possono diventà anche realtà…comme cè dé diventata    questa….prima eravamo maritu e moglie solo pe’ piglià l’eredità  e per spettà che tornasse un francese a sposassala veramente…..

291) Concetta:Madonna mia che devo sintì ….apposta non durmiate insieme….allora addè volete che restemo con vuatri e facimo una unica famiglia…oppure ce ne rtornemo a casa nostra?

292) Ninetta: No...rghjiete a casa vostra…..perchè se vuatri rimanete ecco....dopo tre giorni rcuminciemo a fa’ cagnara e ce divideremo veramente….ma staota scemo innamorati sul serio…stasera festeggeremo 

293) Michele….e magari farete finalmente fiamme e focu….anzi ….so sicuru che sparerete pure li mortaletti ....daglie Concetta  adè meglio che stemo da soli llà casa nostra senza daglie fastidiu

294) Concetta: E allora non facete solo chiacchiere..…cerchete de fa’ anche li fatti….me raccommanno facetece subboto un nipote perché la ghjiente mormora…e quanno trona a llàmpa..la sci capita l’antifona Felice? (escono entrambi con Michele che la trascina)

295)Felice-Accidente la fuga e la curiosità de le donne….a ssa socera glie sse sciota  la lingua tuttu d’un bottu…

296)Ninetta-Daglie…domà partimo pe’ lu viaggiu de nozze… ma non fà  più lu gelosu comme in quill’atru….

297)Felice-…Me so pigliato una moglie giovane e bella e voi che non faccio lu gelusu?….anzi la so tinuta a proa per sei mesi e a la fine m’ha ditto che me vole pure vene…che vaco cerchenne?...anzi siccome cià li sordi  farrò solo lu mestiere de ……..maritu de la moglie

298)Ninetta-Ma anche tu te sci meritato de stà bene  perché  me sci fatto vene (ride)…la spalla per famme diventà ricca…(lo abbraccia)

299)Felice-Certo….ma che ero scemu a fa finì tutti ssi milioni a lu centru sociale de zita….daglie ghjiamo…adè un peccatu avè ancora la moglie zitella (la abbraccia e camminano e poi cantano).

Cala la tela

FINE DELLA COMMEDIA

Codice per diritto d’autore Mizo Inchini alla S.I.A.E. nr.866557\A

Finita di aggiornare il 12\12\2004

                                                                                                            MIZO  IACHINI

    Questo copione è stato visto
  • 0 volte nelle ultime 48 ore
  • 1 volte nell' ultima settimana
  • 9 volte nell' ultimo mese
  • 67 volte nell' arco di un'anno