‘Na mugliera zetella

Stampa questo copione

Felice Sciosciammocca

’NA MUGLIERA ZETELLA

da Madamoiselle Josette, ma femme, di Gavaul

Commedia in quattro atti

Personaggi:

Felice Sciosciammocca

D. Achille Scorza

Concetta

Michele, marito di Concetta

Ninetta, loro figlia

Enrico Dupré

Lauretta

D. Ciccio, marito di Lauretta

Cav. Alberto Spito

D. Luigino, avvocato

Bianchina, cameriera d’albergo

Peppino, cameriere d’albergo

Saverio, cameriere d’albergo

La scena del primo, terzo e quarto atto a Napoli, in casa di D. Felice, secondo atto a Castellammare nell’Hôtel Quisisana, epoca presente.

ATTO PRIMO

Camera in casa di Felice. In fondo una porta che dà nella camera da pranzo; finestra a sinistra comme a destra. Mobili da salotto, ritratti di ballerine e cantanti. Mezzi busti di terracotta ed altro, altra porta a sinistra e a destra, sedie ecc.

SCENA PRIMA

Nicola, poi Achille.

NICOLA (che ha finito d’aggiustare del salame e del formaggio in un piatto):Ecco ccà, chesta è la fellata de presutto e pruvulone, dinto stanno li pullastielle e la nzalata, e tutto è pronto. (Campanello d.d..)Mò accuminciammo a ghì e venì... purtammo primma chesto dinto. (Via per il fondo poi torna, d. d.  campanello, Nicola esce.)  Guè, è de pressa... io aggia durmì la sera, nun pozzo sta scetato fino a tarde. (Via a sinistra.)

ACHILLE (uscendo con cagnolino in braccio):Comme Felice nun ce sta?

NICOLA: Nonsignore.

ACHILLE: E addo è ghiuto?...

NICOLA: E che ve pozzo dì.

ACHILLE: Damme na seggia che io mò moro...

NICOLA (esegue):Ch’è stato? Ch’è succieso? Che ghiate facenno cu stu cane... chist’è Flick lo cane de la signorina Bianca?

ACHILLE: Sissignore Flick, lo canillo de la signurina Bianca, che non m’aggio magnate la capa stasera pe nu puro miracolo, ma l’aggio fatto na tirata de recchia che se la ricorda fino a che more... mannaggia l’arma de mammeta mannaggia... chisto stasera ha fatto nu guajo, ha fatto na rovina.

NICOLA: Ma ch’è succieso, ha muzzecato a quaccheduno?

ACHILLE: Peggio, peggio, questo pezzo d’animale, che non è offesa pecché chisto animale è, comme lo solito, stasera steva attaccato dinto a lo camerino de Bianca. Dopo il secondo atto sono andato a fare i complimenti a Bianca per il successo ottenuto, avimmo parlato nu poco pò s’è aizata la tela pe lo terzo atto e Bianca m’ha ditto: Nun lo facite alluccà, si allucca le date na preta de zucchero. Essa è ghiuta in iscena e io so’ rimasto cu isso, tutto m’alleccava, me faceva tanta cerimonie, comme si m’avesse voluto dicere scioglieme nu poco, m’ha fatto pena la verità, e l’aggio sciogliuto. Dinto a nu momento non l’aggio visto cchiù, èscappato miézo a li scene, e ch’ha fatto neh? Mentre Bianca cantava s’è miso allucca e ll’è zumpato ncuollo. Figurete lo pubblico ha accuminciato a siscà... chille bammenielle da coppa a la galleria se so’ mise alluccà: Pasa llà, passa llà! Bianca se n’è trasuta e l’è venuta na mossa, tutte li coriste dinto a lo cammarino, lo mpresario c’alluccava... lo finimondo!

NICOLA: Vedite la cumbinazione!

ACHILLE: Sarria stato niente... questo pezzo d’animale vero figlio de cane ch’ha penzato de fa? Mentre lo secutavano, è asciuto all’ata quinta, è ghiuto vicino a lo suggeritore, ha aizata la gamba e l’ha nfuso tutto quanto. Te può immaginà ch’è succieso! La rivoluzione lo Politeama non era cchiù Politeama, era nu campo de battaglia. Fische, allucche, pernacchie, basta dirte che s’avuta calà la tela!

NICOLA: Un s’è pututo seguità la rappresentazione!

ACHILLE: È stato impossibile... meno male ch’è stato a la mmità de lo terzo atto si no s’avevano restituì pure li denare...

NICOLA: E pò, comme l’avite afferrato vuje?

ACHILLE: Quanno s’è calato la tela, me so’ menato comme a na vipera e l’aggio acchiappato, pò so’ curruto ccà pecché si me vedeva Bianca chella m’accedeva. Tuhai ragione ca sì cane, si fusse stato n’ommo io stasera t’avarria dato na palla mpietto, haje capito? Guè, chillo m’allucca pure...

NICOLA: Povera bestia, chillo pò che ne capisce. (Prende il cane.)Flik, Flik.

ACHILLE: Fortunatamente che D.Felice nun è venuto a lo Politeama, si no pur’isso se la pigliava cu mmico. Questo cane merita un castigo, chiudelo fora a lo balcone e fallo stà tutta la nuttata.

NICOLA: Nonsignore, chillo mò se mangia qualche cosa e po’ s’addorme. Flik, Flik... bellillo. (Via pel fondo.)

ACHILLE: Eh! Bellillo... sì, m’ha combinato chello poco... è animale e tanto basta. (Dal. campanello.)Chisto sarrà Felice.

SCENA SECONDA

Nicola, poi Nicola e Felice p. d. p. f. e detto. _______________________________________________________________________________________________________________________________

NICOLA: Sarrà lo patrone. (Via a sinistra.)

ACHILLE: Mò c’appura lo fatto siente ll’allucche. Chella la nnammurata me tene ncoppa a lo stommaco, mò addirittura nun me guardarrà cchiù nfaccia.

FELICE: Pigliate sta rrobba da mano, animale!

NICOLA: Sissignore, scusate, aggiate pacienza. (Felice esce con bottiglie ed involti.)

FELICE: No, è inutile, tu cu mmico nun ce staje cchiù buono pecché te sì rimbambito.

NICOLA: Vuje nun m’avite ditto niente.

FELICE: Nun l’aveva dicere io, l’aviva capì tu. Porta sti butteglie dinto, e miette sta rrobba a tavola.

NICOLA: Va bene. (Via pel fondo a destra.)

FELICE: D. Achì, lo Politeama è fernuto?

ACHILLE: Si,na mez’ora fa.

FELICE: E Bianca non è venuta ancora?

ACHILLE: No.

FELICE: E pecché?

ACHILLE: Forse s’è trattenuta a parlà cu l’impresario.

FELICE: Comm’è ghiuto lo spettacolo?

ACHILLE: Ah! Na bellezza. (Siedono.)

FELICE: E ch’ha ditto che stasera nun ce so’ ghiuto?

ACHILLE: Uh! Steva arraggiata assaje! Ioperò, Felì, te consiglio de la lascià... tu per quella donna ti rovini.

FELICE: Lo capisco pur’io... finirla? È na parola... chella va pazza pe me... vò essere afforza spusata, e chesto nce mancarria. Matrimonio... mai!

ACHILLE: Ma che sì pazzo, sposare quella donna! Nun te guardarrie cchiù rifaccia... Ma oggi addò sì stato?

FELICE: So’ghiuto a mangià a casa de lo cumpare mio D. Michele... già mangià... io non aggio mangiato affatto... so’ rimasto diuno.

ACHILLE: E pecché?

FELICE: Pecché D. Michele e la mugliera se so’ appiccecate co la figlia Ninetta, pecché nun se vò spusà nu giovane che le vonno dà, un certo D. Antonio De Vita avvocato...

ACHILLE: E pecché nun lo vò?

FELICE: E che ne saccio. Appena so’ asciute li maccarune, Ninetta s’è miso a chiagnere, lo pate e la mamma vedenno de chiagnere la figlia se so’ mise a chiagnere pure lloro, io vedenno de chiagnere a lloro...

ACHILLE: Te sì miso a chiagnere pure tu?

FELICE: Pe la fa compagnia... me s’è chiusa la vocca de lo stommaco, pecché a chella guagliona la voglio bene, l’aggio vista de nascere. Io nce aggio ditto a lo pate: Cumpà scusate, ma io qua non ci vengo più pecché nun pozzo vedé suffrì a chella povera piccerella.

ACHILLE: E se capisce, si stu giovene nun le piace pecché l’hanna sacrificà.

FELICE: È proprio nu peccato, è tanto istruita, è stata sette anne dinto a lo cullegio. Era tanta allegra, tanta pazziarella, mò nun se conosce cchiù, chiagne sempe, sta sempe de malumore, me fa na pena, che non potite credere.

ACHILLE: E se capisce, pò èna bella guagliona, simpatica, attraente.

FELICE: Ve dico la verità me so’ ntussecato, me parevano mill’anne che me ne jeve.

ACHILLE: Ma tu nun l’haje potuto sapé da essa pecché nun lo vò; facesse ammore cu quacchedun’ato?

FELICE: E chi l’ha avuto stu penziero. Chille primma se so’ appiccecate, pò se so’ mise a chiagnere, io me so’ commosso e non aggio pensato cchiù. (Forte scompanellata d.d.)Nicola, Nicola...


SCENA TERZA

Nicola, poi Bianca e detti.

NICOLA: Eccomi qua.

FELICE: Và vide chi è.

NICOLA: Subito. (Via a sinistra.)

FELICE: Chesta certamente sarrà Bianchina.

ACHILLE: (Mò siente! Me ne putesse scappà!).

BIANCA (vedendo Achille):Ah, voi state qua, bravissimo!

FELICE: Mia cara Bianca.

BIANCA: Lasseme stà, nun me parlà. (Poi ad Achille:)Chello che m’avite fatto stasera me la pagherete vì!

ACHILLE: Vi giuro che sono mortificatissimo.

BIANCA: Zitto, non parlate, non ve voglio sentì parlà, avite capito?

FELICE: Ma ch’è succieso?

BIANCA: Stupido, cretino, animale.

ACHILLE: Sissignore.

BIANCA: Già, so’ stat’io na bestia che v’aggio dato l’onore de ve fa trasì la sera dinto a lo cammarino mio... ben mista, e tutto pe causa toja.

FELICE: Pe causa mia?

BIANCA: E se capisce, pecché tu me presentaste stu bello mobile. Un uomo inutile in tutto e per tutto.

FELICE: Ma insomma se pò sapé ch’è succieso?

BIANCA: È succieso ca pe causa de sta bestia, stasera non s’è potuto fernì la rappresentazione.

FELICE: E pecché?

BIANCA: Pecché D. Achille ha sciugliuto a Flik e l’ha fatto ascì fora a la scena mentre io cantavo.

FELICE: E chesto è tutto, non sapevo che era. Cierti vote so’ asciute pure le zoccole.

BIANCA: Llà è succieso na rivoluzione; l’impresario m’ha miso 100 lire de multa.

FELICE: E pagheremo.

ACHILLE: Pagherete?

BIANCA: Zitto voi. Io aggio sfrattato lo cammarino, a Napule nun voglio cantà cchiù!

FELICE: Benissimo, nun cantà.

ACHILLE: Benissimo, nun cantate.

BIANCA: Dinto a la scrittura ce sta na penale de 2 mila lire.

FELICE: La pagheremo.

ACHILLE: La pagherete?

BIANCA: Certo non è stata mia, ve l’avita piglià cu l’amico vuosto.

ACHILLE: Ma nonsignore, pecché tutto chesto. Vuje dimane a ssera avita cantà, na ventina de persone hanno fatto chiasso, ma pò i signori l’aggio vist’io, alluccavano tutti quanti: Fuori la prima donna: bravo Flik.

FELICE: Ma pecché ha cantato pure Flik?

BIANCA: Hanno detto bravo Flik?

FELICE: Ma stu cane pecché l’avite sciogliuto?

ACHILLE: Me faceva pena, steva attaccato dall’otto.

BIANCA: Si v’attacco a vuje, ritenete nun ve scioglio cchiù.

ACHILLE: E io al pari di Flik sarò per voi un cane fedele ed affezionato.

BIANCA: Nun facite lo spiritoso! Va bene, io ci penserò tutta stanotte e dimane matina mi decido si aggia cantà o no.

FELICE: Lo farai per me.

BIANCA: Pe tte niente! Nu cuorno! Se pò sapé stasera addò sì stato?

FELICE: La casa de lo cumpare mio, che m’ha invitato a mangià cu isso, pò so’ ghiuto a piglià due bottiglie di marsala, nu poco de carne rifredda, due dozzine d’ostriche, e quattro sfugliatelle calde calde, tutta robba che piace a te.

BIANCA: Haje pigliate l’ostriche?

FELICE: Ostriche de lo Fusaro de chesta manera.

BIANCA: E veramente addo compare sì stato?

FELICE: Veramente, te lo giuro.

BIANCA: No, pecché aggio saputo che D. Achille cerca de te fa alluntanà da me; che è contrario a questo matrimonio. È overo?

FELICE: Ma niente affatto, chi l’ha ditto chesto?

ACHILLE: È una bugia, una menzogna, anze io le dico sempe. Bianchina è na buonissima giovine, gentile, onesta, addò la truove meglio de chella. (A Felice:)Èvero?

FELICE: Sicuro.

BIANCA: Ah! Chesto le dicite sempe? Allora... va bene. Jammo a vedé a Flik.

FELICE: E penzammo a cenà e a stà allegramente.

ACHILLE: Mi perdonerete?

BIANCA: Mai!

ACHILLE: Fatelo per Felice.

BIANCA: No e no.

ACHILLE: Fatelo per le ostriche.

BIANCA: Per le ostriche vi perdono.

FELICE: L’ostriche teneno cchiù putenza de me.

ACHILLE: Grazie, grazie. (Le bacia la mano.)Questo bacio sulla vostra  mano, segna il più bel giorno della mia vita. (Entrano in fondo a destra, Felice resta ultimo.)

SCENA QUARTA

Nicola, poi Ninetta e detto.

NICOLA: Signò, signò, fore ce sta la cummarella vosta.

FELICE: Chi? Ninetta?

NICOLA: Sissignore. Io nce aggio ditto che mò stiveve cu gente, ma essa afforza vò trasì, dice che se tratta de n’affare de premura.

FELICE: Ninetta a chest’ora, e che vene a fa? Falla trasì!


NICOLA: Va bene. (Via.)

FELICE: Quanno maje Ninetta è asciuta da la casa a mezanotte. (Va alla porta.)Cummarè, trase, trase.

NINETTA: (entra, guarda intorno, e poi si getta fra le braccia di Felice):Cumpare mio, cumpare mio bello. (Piangendo.)

FELICE: Ch’è stato? Ch’è succieso? (Chesta sta chiagnenno da stammatina!).

NINETTA: Salvateme, salvateme pe carità!

FELICE: Assettate, nun chiagnere. (La fa sedere.)Mammà e papà lo sanno che sì venuta ccà?

NINETTA: Nun sanno niente. Quanno stasera vuje ve ne site juto, doppo nu poco aggio fatto vedé che tenevo suonno e me so’ cuccata, lloro hanno fatto lo stesso, io quanno me so’ accertata che durmevano, me so’ vestuta, so’ scesa abbascio a lo palazzo e m’aggio fatto accumpagnà ccà da Rosa la guardaporta nosta.

FELICE: Ma pecché haje fatto chesto, pecché si venuta ccà?

NINETTA: Pecché vuje sulo me vulite bene overamente, pecché sulo a vuje tengo ncopp’a sta terra, e si vuje accunsentite a chello che ve dico, si nun ve negate a nu piacere che ve cerco, salverete a me, e aiutate pure la famiglia mia.

FELICE: Io non te capisco proprio.

NINETTA: Papà vò che io assolutamente me sposo l’avvocato Antonio De Vita, ma io nun lo voglio, e nun lo voglio.

FELICE: E chesto lo saccio. E tu nun te n’incaricà, ntoste li piede nterra e nun te lo spusà.

NINETTA: E nun li pozzo ntustà li piede nterra.

FELICE: Pecché tiene li calle?

NINETTA: No, me l’aggia spusà pe forza, si no perdo 300 mila lire.

FELICE: Pecché st’avvocato è ricco?

NINETTA: Addò, chillo nun tene manco nu soldo, tene la prufessione, ma non tene cause, non guadagna niente.

FELICE: E allora de chi songo sti denare che pierde?

NINETTA: So’ li mieje, so’ denare che spettano a me.

FELICE: Uh! Mamma mia, tu me faje perdere la capa.

NINETTA: Ecco ccà, mò ve spiego io.

FELICE: Me dispiace ch’haje scigliuta na brutta serata.

NINETTA: Lo ssaccio tenite gente a cena, ma io cumpà me spiego lesto lesto. Avita sapè che zi Marianna, la sora de papà, quatte anne fa, murette e me lassaje 300 mila lire in contanti, col patto che io me fosse mmaretata due mesi prima di compiere 25 anni... Si chesto non succede, li 300 mila lire saranno versate nella cassa del Recusorio di Napoli.

FELICE: Lo serraglio?...

NINETTA: Perfettamente.

FELICE: Vedite che capriccio.

NINETTA: Embè, pecché dice ca essa a 25 anne rifiutaje nu buono matrimonio, pò nun fascette nisciuno cchiù, e a 60 anne murette zetella. Pe paura che non fosse succieso lo stesso pure a me...

FELICE: Facette chillo bello testamiento. E tu quant’anne tiene?

NINETTA: Pe 25 anne ce mancano 3 mise.

FELICE: Aggio capito mò, pirciò lo compare e la cummara teneno premura de te fa spusà l’avvocato. Oh! Ma tu st’avvocato pecché nun lo vuò?

NINETTA: Primma de tutto pecché m’è antipatico... e pò pe n’ata ragione. (Pausa.)

FELICE: Nce sta n’ata ragione? E qual è?

NINETTA: Pecché... pecché nce sta n’ato che m’è assaje simpatico... faccio ammore cu n’ato, ecco...

FELICE: Ecco la vera ragione. (Cherché l’ommo).

NINETTA: Nu bello giovene, cumpà vuje l’avita da sapé. Ve ricurdate chillo francese negoziante di vini, che l’anno passato venette la casa nosta pe fa lo cuntratto cu papà... che papà le mannaje tutto chello vino de Barletta?

FELICE: Oh! Sicuro, chillo viecchio chiatto chiatto, aspè comme se chiammava?

NINETTA: Carlo Duprè.

FELICE: Carlo Duprè, si me ricordo.

NINETTA: E ve ricurdate lo figlio, Errico?

FELICE: No, lo figlio non l’aggio maje visto.

NINETTA: Che peccato! Nu giovane simpatico, distinto e aggraziato, lo pate lo rimanette a Napule pe le fa mparà nu poco a parlà italiano. Isso vò bene a me, io voglio bene a isso, e nun ce putimmo lassà.

FELICE: E pecché v’avita lassà? Quale più bella occasione di questa? Invece de l’avvocato te spuse a isso.

NINETTA: Lo ssaccio, ma Errico nun me po’ spusà, pecché dimane matina parte, va a Parigi, lo pate l’ha mannato a chiammà pecché vò che stesse almeno 6 mise a Londra addò ha aperto na piccola succursale. Isso puveriello ha ditto che doppo sti 6 mise torna senza meno e me sposa, ma è nu peccato a perdere 300 mila lire.

FELICE: Se capisce. Ma papà e mammà lo sanno stu fatto?

NINETTA: No, nun sanno niente, ma papà nun accunsente maje a stu matrimonio.

FELICE: E pecché?

NINETTA: Pecché lo francese le facette causa pe ciertu vino che nun avette; papà pe stu fatto cacciaje nu sacco de denare, e stanno appiccecate a morte.

FELICE: Pure chesto?

SCENA QUINTA

D. Achille e detto.

ACHILLE: Neh, Felì... Oh, cummarella bella.

NINETTA: Oh! Buonasera. (Abbassa la testa.)

FELICE: Che volete?

ACHILLE: No, volevo dire... quei signori llà... che sa tenene appetito.

FELICE: Mò vengo, accumminciate a mangià.

ACHILLE: Ah! Questo mai... aspettiamo a te... Cummarella, cummarella.

FELICE: Jatevenne. (Chella nun vò essere vista).

ACHILLE: Subito. (Via.)

FELICE: Ma insomma cummarè, io che te pozzo fa?

NINETTA: Vuje putite fa tutto si vulite. A vuje sta de nun me fa perdere li 300 mila lire, e farme spusà a Errico.

FELICE: E in che modo?

NINETTA: Un modo semplicissimo, na penzata ch’ha fatto Errico.

FELICE: Chi lo francese?

NINETTA: Sissignore.

FELICE: E che penzata?

NINETTA: Cumpà vuje avite ditto sempe che me vulite bene assaje, che pe me faciarrisseve qualunque cosa? È vero?

FELICE: Verissimo... embè?

NINETTA: Parola d’onore?

FELICE: Parola d’onore!...

NINETTA: Embè, cumpà, vuje pe 6 mise avita essere lo marito mio.

FELICE: Lo marito tujo?

NINETTA: Sì, m’avita spusà dinto a 15 juorne, si no nun ce sta cchiù tiempo.

FELICE: Cummarè ma tu stisse ascenne pazza? Ma comme vuò essere spusata da me? E lo francese?

NINETTA: Ecco ccà, vuje primma che fernesce lo mese me spusate in tutta regola, e io sto in diritto de me piglià le 300 mila lire. Doppo 6 mise, Errico torna, me vene a piglià, ce ne jammo in America e llà spusammo.

FELICE: Bravo, molto bene. Io te sposo, doppo 6 mise Errico torna, te vene a piglià, ve ne jate in America e spusate. E sta penzata l’ha fatto isso? Lo francese?

NINETTA: Sissignore.

FELICE: E sulo nu francese puteva fà na penzata de chesta. Vuje ve ne jate in America e io resto a Napule, zetiello, vidovo, e nzurato, cummarè vatté chesto nun pò succedere.

NINETTA: Pecché nun pò succedere? Che male ce sta? Avite ditto che faciveve qualunque cosa, e pò ve ne negate pe nu piacere de niente.

FELICE: Guè, chella lo chiamma piacere de niente, ma tu pazzie, cheste so’ cose serie.

NINETTA: Sarrà nu sacrificio de 6 mise sulamente, per il mondo saremo marito e moglie, mentre in sostanza simme lo cumpare e la cummarella. Io nun ve dò fastidio... vuje seguitate a fa la vita che facite... a me, me mettite a na parte e llà me stongo.

FELICE: E te pare che io posso tené a tté de chesta manera pe 6 mise? Ma sarrà impossibile, levatello de la capo.

NINETTA: Ve negate?

FELICE: Sicuro che me ne nego.

NINETTA: E va bene. Penzate però che papà pe nun me fa perdere na fortuna m’obbliga a farme spusà l’avvocato, io aggia acconsentì. Ma doppo 15 juorne che me l’aggio spusato o avveleno io a isso o m’avveleno io, e chi è che purtarrà lo rimorso eterno? Vuje, vuje sulamente.

FELICE: Io? Ma io nun me voglio spusà pecché non aggio tenuto maje quest’intenzione.

NINETTA: E che spusate veramente? Vuje spusate apposta. Io nun ve darraggio nisciuno incomodo, io me metto a uno pezzetello de la casa e nun me movo. Diciteme na cosa, si io arrassusia rimanesse senza pate e senza mamma, sola ncoppa a la terra, vuje nun me pigliarisseve cu vuje?

FELICE: Oh! Questo è certo... ma no comme a mugliera.

NINETTA: E vuje calcolateme comme a na povera guagliona che nun aggio addò j, e teniteme 6 mise cu vuje. (Quasi piangendo.)

FELICE: Ma chesta è na cosa mbrugliosa. Tu lo faje tanto facile.

NINETTA: Vedite cumpà, facimme comme se io sti 6 mise restasse a pensione a casa vosta. Appena simme spusate, io aggio li denare e a vuje ve dongo 50 mila lire. Che ne dicite? (Pausa.)

FELICE (dopo pausa):Ma non è quistione del denaro... capisce.., 50 mila lire... dunque me darrisse 50 mila lire?

NINETTA: Sissignore.

FELICE: La cosa è discutibile. Ma si stu francese doppo li 6 mise nun torna?

NINETTA: Ah! Pe chesto ne so’ sicura, è un galantuomo... e pò si nun torna c’aggia fa... me tenite comme na nepote de la vosta. Che dicite accunsentite? Penzate che nun ce sta tiempe da perdere.

FELICE: È inutile che mi ripeti stu fatto de li 50 mila lire.

NINETTA: Io nun aggio ditto niente cchiù.

SCENA SESTA

Nicola, poi Errico e detti.

NICOLA: Signò, è venuto nu signore furastiere, e m’ha dato stu biglietto. (Lo dà.)

FELICE (legge):Errico Duprè.

NINETTA: È isso cumpà. È venuto cu mmico, steva aspettanno abbascio, io l’aggio ditto che doppo nu quarto d’ora fosse sagliuto, ve lo voglio fa cunoscere. Facitele trasì.

FELICE: Fate il comodo vostro.

NICOLA: Subito. (Via.)

NINETTA: Ve dispiace forse?

FELICE: Ma no, anzi.

NINETTA: È tanto educato, tanto buono. Accussì ce parlate e combinate. (Ad Errico, molto allegra:)Avanti, senza cerimonie, avanti.

FELICE: E che ne parlammo a ffà.

ENRICO (tipo biondo, con piccoli bue, veste elegantemente):Mersì, bonsuar mossiù.

FELICE: Bonsuar.

ENRICO: Ghe vu demand pardon. Ghè retardè a montè, me ghe cru bien fer d’attandr chelch minut pur vu lesse le tam de le convener.  E ghè bien fè?

NINETTA: Ouì, mon scer, tu a trè bien fè car d’aberd il set opposè carreman e ne vulè absolimman acconsantir, me mentuant aseil parè il se desidè a fer tuse nu vudron.

ENRICO: Oh! Ghe suì trè contant. (Bacia la mano.)

NINETTA: E mmà ossì, mon scer amì!

FELICE: Oh! Ma cummarè embè...

NINETTA: Scusate cumpà! Ha voluto sapè si vuje accunsentite! Enrico, ti presento, il mio compare Felice Sciosciammocca.

ENRICO: Je ne connè pà le fransè?

FELICE: No, mossiù, parlè sulamente l’italianò!

ENRICO (con gorga francese‑parla male l’italiano):Molto assai piacere vostra conoscenza. Enrico Duprè... che dichiara voi tutte sua persona, suo cuore.

FELICE: Grazie mille.

ENRICO: Mia morosa Ninetta, dice che voi state contento e accettabile la bella combinazione.

FELICE: Io vedete, non ho ancora accettato.

NINETTA: Ma sì, avite ditto che sì, tanto che volete essere certo che torna. (Ad Errico:)Biviandrà, siurman?

ENRICO: Oh! Sertman! Ghe ne mauscerè pa, je vu donnè ma parol. E tuì?

NINETTA: Oh, jamè, je le sgiure.

ENRICO: Mersì. Io non mancare parola data. Appresso 6 mesi, io fare ritornello, prendere amorosa portare in America e fare la sposalizia.

FELICE: Bravissimo.

ENRICO: Essere questa un combinazione strano, nessuno fare mai questa cosa... lasciare per 6 mesi proprio amorosa affidata altra persona.

FELICE: Ma io per lei sarò come un’altro pere.

ENRICO: Ah! Sì con voi posso allontanarmi con piena sicurezza... non c’è nessun pericolo con voi.

FELICE: (Teneria bella opinione de me!).

ENRICO: Dunque... io partire domani 7 ore. Vado Parigi, poi Londra, è tutto stabilito?

NINETTA: Tutto, tutto, è vero? (A Felice.)

FELICE: Va bene, ma però vedete, in America vengo pur’io, quando site spusate me ne vaco. (Tu non mi frocoleggi.)

ENRICO: Va bene. Oggi sono 2 Maggio. (Si fa il conto.)Due novembre io bussare vostra porta e prendere mia amorosa.

FELICE: Perfettamente.

ENRICO (stringendogli la mano):Moltissimo piacere...

FELICE: Buon viaggio.

ENRICO: Molto grazie. (A Ninetta:)Adiè mignonne, mon amur, ma vì.

NINETTA: Adiè, fè bon vuajage e em mua come je t’em.

ENRICO: Ah! Je t’em bocù. Orevuà. (Bacia la mano e via.)

NINETTA: Cumpà dicite la verità ve piace?

FELICE: È nu simpatico giovine. (Enrico torna a soggetto.)

SCENA SETTIMA

D. Michele, Concetta, Nicola, poi Achille, poi Bianca, poi Enrico, indi Nicola e detti.

NICOLA (d.d.): Ma aspettate mi mumento scusate...

CONCETTA (c.s.): No, manco nu minuto.

MICHELE (c.s.): Vulimmo trasì.

NINETTA: Papà e mammà! Cumpà annascunniteme Enrico, pe carità.

FELICE: Là, là, dinta chella cammera. (Spinge Enrico seconda porta a destra.)

ENRICO: Ouì, ouì, nascondere muà.

CONCETTA (furiosa ‑ Michele e Nicola la seguono):Ah, eccola ccà.

MICHELE: Staje ccà, lazzarella faccia tosta.

CONCETTA: Ascì de la casa a chest’ora mentre nuje stevene durmenno.

MICHELE: Parla, pecché sì venuta ccà?

FELICE: Vedete cumpà...

MICHELE: C’aggia vedé, cheste so’ cose terribile! A mezanotte ascì de la casa.

CONCETTA: A rischio de me fa venì nu tocco. E si nun era pe la guardaporta ch’ha ditto tutto cose, nuje mò starriemo currenno pe tutta Napule pe la truvà.

FELICE: Ma ecco ccà cummà...

NICOLA: Sentite primma la ragione.

CONCETTA: Che ragione ce pò essere?

FELICE: Vattenne tu.

NICOLA: Eccome ccà. (Via.)

FELICE: Si alluccate e parlate sempe vuje, allora è inutile.

ACHILLE: Felì, llà tutte... Oh! D. Michele bello... cara Donna Concetta

FELICE: Che vulite?...

ACHILLE: Non so’ venuto... pe sapé... llà a la parte de dinto...

FELICE: Nu momento... Pe riguardo che Ninetta è asciuta de la casa a chest’ora, ha fatto male... ma la puverella è venuta addo me pe sfucà nu poco. Io sono il compare credo che non ci sia niente di male.

CONCETTA: Ma c’adda sfucà, c’adda dicere?...

MICHELE: Essa a D. Antonio s’adda spusà...

FELICE: E chisto è lo fatto... Ninetta a D. Antonio nun lo vò.

NINETTA: No, nun me lo spusarraggio maje e pò maje.

MICHELE: Ma pecché, pe quà ragione.

FELICE: Lo vulite sapé, pecché fa ammore cu n’ato... (Comparisce Bianca sotto la porta in fondo.)

MICHELE: Cu n’ato? E chi è?

FELICE: È uno c’avita acconsentì pe forza, pecché è nu galantuomo, tene li mezze e la vò bene assaje.

MICHELE: Ma se la sposa subito?

FELICE: Into a 15 juorne.

CONCETTA: E chi è chist’ato?

FELICE: Chi è? Nun lo putite maje immaginà! Sono io!

MICHELE: Tu?!

CONCETTA: Vuje?!

NINETTA: Sissignore mammà.

FELICE: Facimmo ammore dall’anno passato e me la sposo cu tutto lo core, pecché la voglio bene assaje. (Ad Achille:)Èvero?

ACHILLE: Verissimo.

MICHELE: Ma comme tu ire tanto cuntrario a te nzurà.

CONCETTA: Tanta nemico de lo matrimonio.

FELICE: Embè, che vulite da me, non ho potuto più resiste. (C.s.) È vero?

ACHILLE: Verissimo. (Bianca rientra arrabbiata.)

MICHELE: Ma figlia mia pecché sta cosa nun me l’haje ditto maje? Io avrei acconsentito subito, pecché sapimmo lo cumpare chi è. Oh, ma pecché avite fatte ammore annascuso?

FELICE: So’ stato io che pigliavo tiempo, tenevo nu poco de ritegno pe la differenza d’età.

NINETTA: Sissignore papà.

MICHELE: Ma che differenza d’età jate cuntanno, l’ommo all’età toja s’addà nzurà. (Ad Achille:)Èvero?

ACHILLE: Verissimo.

MICHELE: Allora va bene, dimane viene a casa e combinammo lesto lesto.

CONCETTA: Jammuncenne figlia mia, m’haje fatto mettere chesta paura, sto tremmanno ancora.

FELICE: D. Achì jate dinto che io mò vengo.

ACHILLE: Subito. Con permesso. (Via pel fondo.)

MICHELE: Bona nottata. Statte buono cumpà.

CONCETTA: Bona notte cumpariè.

FELICE: Io invece ve dico: Bona notte mammà, bona notte papà.

MICHELE: Ah! Sicuro.

FELICE: Statte bona Ninè... moglie mia cara!

NINETTA: Marito mio caro, caro!

FELICE: A domani. Buona notte.

MICHELE, CONCETTA, NINETTA: Bona notte. (Viano.)

FELICE: I che divertimento stasera. Mò facimmo ascì a chist’ato. (Va alla porta.)Mussiù, mussiù.

ENRICO: Essere partiti?

FELICE: Sissignore.

ENRICO: Io sono stato molto assai commosso.

FELICE: E io pure. Buon viaggio e non mancate alla parola.

ENRICO: Jamè jamè. Prego dare a Ninetta mio indirizzo Parigi e Londra. (Prende una carta dal portafoglio e gliela dà.)

FELICE: Ah, sicuro, questo è necessario. (Conserva la carta.)

ENRICO: Buona felice nottata.

FELICE: Grazie. (D.d.  si sentono grida, chiasso, e rumore di piatti e bottiglie che si rompono.)

ENRICO: Cosa succedere, cosa accadere.

FELICE: Abbiate bontà, con permesso... (Via pel fondo, aumentano i gridi.)

NICOLA (uscendo):Ch’è succieso, ch’è stato? (Corre in fondo e via.)

ENRICO: Monsiè, che se passe til? Oh là là! Oh là là! Oh, no, je preferè ne pa man melè. Gran mersì je purrè etre blessè. Fuit! Je me soie. (Via fondo a sinistra.)

SCENA OTTAVA

Bianca, Nicola, poi Felice e Achille.

BIANCA (in grande disordine, col cagnolino in braccio):Ah! Aggio sfucata! (Via a sinistra.)

NICOLA: Ccà ce vò na guardia, cheste sò cose de pazze. (Via appresso.)

 (Contemporaneamente escono dal fondo Felice e D. Achille coi nasi e la fronte grondanti sangue. A braccetto traverseranno la scena.)

(Cala la tela.)

Fine dell’atto primo



ATTO SECONDO

Sala di albergo. In fondo nel mezzo grande apertura che lascia vedere il giardino. Due porte laterali infondo. Due porte a destra e a sinistra: quelle a sinistra sono segnate coi numeri 11 e 12, quelle a destra coi numeri 13 e 14, due tavolini uno a destra e l’altro a sinistra. Sedie, ecc. ecc..

SCENA PRIMA

Peppino, Michele, Concetta, poi Saverio.

PEPPINO (dal fondo a destra con Michele e Concetta):Favorite signorì, favorite.

CONCETTA: Grazie tanto. (Con piccola valigia.)

PEPPINO: Qui al primo piano per combinazione è rimasta ancora una camera (indica il n. 14)col letto maritale, bella, grande, ariosa, se volete vederla.

MICHELE: Nu momento bello giò, lassatece ripusà primma nu poco. Nuje vulimmo sapé si dinto a st’albergo nce sta nu certo D. Felice Sciosciammocca co la mugliera.

PEPPINO: Sissignore, so’ 20 giorni che stanno ccà.

MICHELE: Bravissimo.

CONCETTA: Finalmente, figlia mia, figlia mia. (Quasi piangendo.)

PEPPINO: Chelle so’ le cammere lloro, vedete, 11 e 12. (Le indica.)

MICHELE: Comme, 11 e 12, nun stanno dinto a una cammera?

PEPPINO: Nonsignore, e chesto ha fatto meraviglia a tutte quante, lo marito dorme a n. 11 e la mugliera a n. 12.

CONCETTA (c.s.): Figlia mia, figlia mia.

PEPPINO: Ma scusate la signora pecché chiagne?

MICHELE (a Concetta):Te staje zitto o no? Nuje simme lo pate e la mamma de chella figliola che dorme sola al n. 12.

PEPPINO: Ah, ho capito.

CONCETTA: Vedite quanto maje s’è ntiso ca lo marito dorme a na parte, e la mugliera a n’ata.

MICHELE: E mò scusate stanno durmenno?

PEPPINO: Eh! A chest’ora e vuliveve ancora fa durmì? La mugliera è asciuta primma de fa juorno, e lo marito verso l’8 e meze, ha ditto che ghieva a Gragnano.

MICHELE: Comme? È ghiuto a Gragnano, e la mugliera addò è ghiuta?

PEPPINO: È ghiuta a Surriento cu cierti villeggiante che stanno pure ccà. (Dal. campanello.)Permettete me chiammano, mò torno. (Via pel fondo a destra.)

CONCETTA: Io te lo dicette che stu matrimonio nun me piaceva.

MICHELE: E che buò da me? Pecché nun se pigliaje a D. Antonio l’avvocato. Capisco che s’aveva maretà subito si no perdeva li denare de sorema.

CONCETTA: Eh, e pe nun le fa perdere li denare l’avimmo fatto chisto guajo. Isso mò che vene adda dicere pecché dormene divise... pecché!...

MICHELE: E m’ha da dicere pecché da che so’ spusate nun m’ha scritto e ha proibito a Ninetta de fa sapé addò stevene. (Caccia una lettera.)Ccà tengo la prova. (Legge:)«Caro papà, da Roma passammo a Firenze. Non vi ho fatto mai sapere dove stavamo perché mio marito non ha voluto. Adesso però non ne posso più, voglio vedere a voi e a mammà. Mi affretto perciò a mandarvi il nostro indirizzo, Hôtel Quisisana Castellammare. Vi abbraccio ‑ vostra figlia Ninetta».

CONCETTA: Figlia mia, figlia mia.

MICHELE: Chesto è chello che m’ha da spiegà. Pecché nun avevamo sapé addò stevene.

CONCETTA: E nun l’haje capito? Pe spennere e sciupà denare a piacere sujo.

PEPPINO (uscendo):Dunque volete vedere la stanza?

MICHELE: Ma ditemi prima il prezzo quant’è?

PEPPINO: A pensione?

MICHELE: A pensione.

PEPPINO: Due persone 24 lire.

MICHELE: 24 lire? Al mese?

PEPPINO: No all’anno. Voi scherzate, 24 lire al giorno.

MICHELE: Al giorno. E che si asciuto pazzo, 24 lire a lo juorno? No, no, senza pensione.

PEPPINO: Mangiate fuori?

MICHELE: Sì, sì, mangiammo fore.

PEPPINO: Allora 10 lire al giorno, la sola stanza.

MICHELE: No, 10 lire è troppo, nun ce sta quacche camera di meno prezzo?

PEPPINO: Sissignore 5 lire, ma affaccia dinto a lo curtile.

CONCETTA: E nun fa niente, nuje nun ce attaccammo idea.

PEPPINO: Va bene, come volete.

MICHELE: Una cosa vi prego però, di non dire niente a nostra figlia e lo marito ca noi stiamo qua... pecché le vulimmo fa na sorpresa.

PEPPINO: Non dubitate.

MICHELE: Vuje appena veneno m’avita fa lo piacere de m’avvisà.

PEPPINO: Sarete servito.

MICHELE: Grazie. (Regalando una moneta.)Tenete... per voi.

PEPPINO: Troppo buono signore.

MICHELE: Addò avimma j?

PEPPINO: Adesso vi faccio accompagnare. (Chiamando in fondo a sinistra.)Savè, Savè, (Saverio esce.)Accompagna questi signori al n. 123, terzo piano.

MICHELE: Terzo piano?

PEPPINO: E non c’è altro caro signore.

CONCETTA: E chi se fide de saglì.

MICHELE: Saglimmo chiano chiano. Jammuncenne. (Via in fondo a destra, Saverio li segue.)

PEPPINO (guardando la moneta):Neh? Chillo m’ha dato 2 solde! Comme me le tenevo strignuto mmano, me credevo ch’era na doppia lira. Puozze passà nu guajo... e state frische, avite voglia de murì lloco ncoppa ca mò vengo!

SCENA SECONDA

D. Ciccio, poi Peppino, indi Felice.

CICCIO(seconda porta a destra):Cameriere?

PEPPINO: Comandi.

CICCIO: Sapete se mia moglie è tornata?

PEPPINO: Non ancora.

CICCIO: Quanto tempo ce mette lo tram per andare fino a Sorrento?

PEPPINO: Un’ora e mezza.

CICCIO: N’ora e mezza a ghì, e n’ora e mezza a venì, so’ 3 ore, e voglio fa mez’ora pe ghì a casa de la mamma de l’avvocato, e so’ 3 ore e meza, e pure 4 ore. Mò so’ quase li 2, se ne so’ ghiute a li 7, che diavolo hanno fatto fino a mò?... Beh, cameriè sapite che vulite fa? Purtateme na tazza de ciucculata e doje briosce.

PEPPINO: Subito. (Via pel fondo a destra.)

CICCIO: Sti bagne a Castiellammare fanno venì n’appetito ca nun se pò credere, e dire che stammatina m’aggio magnato la colezione mia e chella de muglierema, e se capisce pe corrivo! E comme na femmena che tanto gode, tanto sta allera, quanno va a na parte senza di me. Si capisce è figliola... è friccecarella, io me stanco de cammenà e chella se secca.

PEPPINO (con cabaret, tazza e briosce):Ecco servito.

CICCIO: Grazie, miette ccà. (Peppino esegue e via.)Chillo povero D. Luigino l’avvocato mio se sacrifica tutta la jurnata, sta sempre appriesso a essa. Mò la porta ccà, mo llà, e senza chillo comme se faciarria. (Mangia.)

FELICE (dal fondo a destra):Èimpossibile, accussì nun putimmo j nnanze. Chella me sta facenno fa delle figure infelicissime. Stammatina mentre stevo durmenno saporitamente, non erano ancora le sette, è venuta dinta la cammera mia, tutta scicca vestita: Cumpà, io vaco a Surriento nzieme cu D. Lauretta, l’avvocato, e lo cavaliere, a li 10 turnammo. Chi te la dà? Mò che vene nce parlo seriamente. Essa rifaccia al pubblico non è più zitella, non è più libera, è maritata, e adda stà vicino a lo marito.

CICCIO: Caro D. Felice.

FELICE: Caro D. Ciccio. D. Cì, scusate, la signora vosta pure stammatina s’ha purtato a muglierema cu essa.

CICCIO: Sì, hanno voluto fa na gita a Sorrento!

FELICE: Bravo! E ci è andato pure l’avvocato?

CICCIO: Se capisce, e ce la mannavo sola? L’avvocato ed il cavaliere.

FELICE: Ma chill’avvocato vuosto, scusate, nun tene che fa? Nun tene cause?

CICCIO: Sicuro, ma mò sta in riposo, aveva fa pur’isso li bagne nce l’avimmo purtato cu nnuje.

FELICE: Ho capito.

CICCIO: Siccome la madre sta a Sorrento, stammatina l’ho voluto j a trovà. Ma che giovane d’oro. D. Felì, che amico...

FELICE: Ah, sì me ne so’ accorto.

CICCIO: Tutto al contrario de chillo Cavaliere c’avimmo conosciuto ccà. Anze D. Felì, ve vulevo dì na cosa. È poco tempo che ho avuto l’onore di fare la vostra conoscenza.

FELICE: Per carità l’onore è mio.

CICCIO: Grazie, è poco tempo, e pure sento una grande simpatia per voi. Stateve attiento pe chillo cavaliere, fa troppo lo farenella cu li femmene. Mia moglie l’altra sera lo mettette a dovere, eh, quella è tremenda, è furba, capite è trottata; vostra moglie è sciolta, ha troppa fiducia, insomma è guagliottola, scusate se vi ho detto questo.

FELICE: Oh, anzi ve ne ringrazio, me sto attiento, non dubitate. (Risate d.d.)

CICCIO: Ah! Eccoli ccà.

SCENA TERZA

Ninetta, Lauretta, Luigino, Alberto e detti.

NINETTA: Ma sì, ma sì, ho promesso e mantengo la parola.

ALBERTO: Ma quando scusate?

NINETTA: Avimmo ditto appena traseveme ccà.

ALBERTO: Ed ora ci siamo dunque?

NINETTA: Baciate... (Mostrando la faccia.)

ALBERTO: Oh, D. Felice.

FELICE: Buongiorno, cara Ninetta.

NINETTA: Carissimo marito.

FELICE: Signora Lauretta.

LAURETTA: Signor Felice buongiorno.

FELICE: Che c’è? Che hai promesso al Cavaliere?

ALBERTO: No, niente, uno scherzo.

LUIGINO: Una ricompensa veramente.

LAURETTA: Una ricompensa meritata.

LUIGINO: Oh, meritatissima.

LAURETTA: Dopo quello che ha fatto.

ALBERTO: Ma io non ho fatto nulla sà, ho fatto soltanto il mio dovere sà.

NINETTA: Ma no, avite fatto assai.

ALBERTO: Per lei quello che si fa è sempre poco sà.

FELICE: Ma insomma c’ha fatto lo cavaliere?

NINETTA: S’è miso a rischio de murì precipitato, e per me, pe me fa mi piacere.

FELICE: Bravo, e c’ha fatto?

NINETTA: Nuje doppo fatto colazione a Surriento avimmo voluto j a Malta, addò nce sta na montagna, me pare nu paradiso llà ncoppa.

LUIGINO: È un sito incantevole.

NINETTA: Nce avimmo purtato la colazione, e ce l’avimmo mangiato llà ncoppa assettate miezo a ll’erba, nce simme cunzulate. Quanno è stato a lo scennere io me so’ affacciata da coppa a lo parapetto e aggio visto nu bello fiore. Che peccato aggio ditto, ca nun se pò piglià. Chi ve l’ha ditto, ha risposto lo cavaliere, lo prendo io, vi servo io, dinto a nu momento è zumpato ncoppa a la putturata e s’è stiso tutto quanto pe lo piglià, l’ha arrivato a cogliere, ma pe tené lo fiore mmano nun se potuto appujà e steva cadenno dinto a nu precipizio, io però cu tutta la forza lo tenevo, l’aggio afferrato pe nu pede e l’aggio salvato.

CICCIO: Che cosa curiosa. (Ride.)

NINETTA: Chisto è lo fiore, lo regalo a tte; maritino mio.

FELICE: Grazie tante, e grazie anche a voi cavaliere per quello che avete fatto.

NINETTA: Ma lui deve avere la ricompensa. (Porge la mano.)Baciate.

FELICE: Aviveva paré curiuso, vuje appiso lo muro e mia moglie cu nu pede de lo vuosto mmano.

LUIGINO: Una scena graziosissima, un quadro pittoresco, tanto che la signora Lauretta ha voluta farla fotografare.

FELICE: Ah, stu quadro l’avite pure fotografato?

LAURETTA: Sicuro, perché era troppo interessante, credo sia riuscito bene.

LUIGINO: Speriamo.

FELICE: Siete pure dilettante di fotografia?

CICCIO: Appassionato dilettante, a mia moglie l’ha presa in tutte le pose.

LAURETTA: E la svilupperete subito, non è vero?

LUIGINO: Come volete.

NINETTA: Sì, sì, voglio vedé comm’è venuta.

LUIGINO: Vado nella camera oscura. (Via.)

LAURETTA: Vengo pur’io.

NINETTA: E io pure.

FELICE: No, no, moglie mia, tu resta, t’aggia dicere na cosa.

LAURETTA: Torniamo subito, cavaliè venite.

ALBERTO: Eccomi. Con permesso signora, D. Felice.

FELICE: Cavaliere. (Lauretta, Alberto e Luigi viano pel fondo a sinistra.)

CICCIO: Io arrivo fino a la posta pe vedé si nce stanno lettere. Con permesso, signora non fate piglià collera a vostro marito, vogliatelo bene. Voi siete nu poco pazzarella, nu poco capricciosella, è vero?

FELICE: È l’età, che si deve fare.

CICCIO: Oh, lo capisco, ma ricordatevi quello che vi ho detto, permettete. (Via fondo a destra.)

NINETTA: Ma chillo ch’è pazzo, ched’è ve faccio piglià collera a vuje?

FELICE: Se capisce che me faje piglià collera, e ti dico francamente Ninè, questo tuo modo d’agire a me non me piace.

NINETTA: Ma pecché, che faccio de male?

FELICE: Non faje niente de male, lo sò, ma la gente crede il contrario. Te pare na bella cosa chello ch’haje fatto stammatina? Una donna maritata non lo fa.

NINETTA: Eh... che guajo aggio fatto? D. Lauretta ched’è nun è mmaretata? Eppure nun ha lassato lo marito e s’ha fatto accumpagnà dall’avvocato, ch’è il suo cavalier servente?

FELICE: L’ate so’ patrune de fa chello che vonno lloro, tu devi fare quello che ti dico io, primma pecché la gente sanno che te so’ marito e certamente non faccio na bella figura, e poi perché tengo un impegno col francese e sono io responsabile della tua condotta.

NINETTA: Ma tutto chesto pecché lo cavaliere m’ha cugliuto chillo fiore?

FELICE: Bella cosa, appesa a nu putturata co lo pede de chillo mmano. Poi un bacio per ricompensa, chesto nun l’haje da fa, haje capito?

NINETTA: Mamma mia, vuje che ve facite afferrà. Fortunata che nun me site marito veramente. Alla fine, è stato nu scherzo.

FELICE: Nu scherzo? Vularria vedé si D. Errico lo francese lo permettesse questo scherzo.

NINETTA: Si lo permettesse? Ma chillo se faciarria na resata. Avita da sapé che io ogne ghjuorno lo scrivo tutte le pazzie che faccio, e isso me risponne ch’è cuntento assai, dinto a lettera che ricevette ajere, na lettera appassionatissima...

FELICE: Ha ditto che le fa piacere ca te faje vasà da tutte quante?

NINETTA: No, chesto no, ha ditto che le fa piacere de leggere tutte le stranezze che faccio.

FELICE: E va bene, quanno sì mugliera a isso, fa chello che vuò tu, ma mò no.

NINETTA: Ma insomma m’aggia stà a uno pizzo, nun aggia fa niente?

FELICE: Se capisce, te sì scurdata chello che diciste a casa mia? Sarraggio na cacciuttella, me metto addò vulite vuje e llà me stongo... me metto a uno pezzetiello de la casa e nun me movo. L’aggio visto la verità!

NINETTA: E vuje pecché avite voluto fa stu viaggio a Firenze, a Roma, e mò ccà a Castiellammare pe fa li bagne, pecché m’avite fatto cunoscere a tanta gente?

FELICE: Mò nce vaco io pe sotto!

NINETTA: Pecché appena spusate vulisteve partì?

FELICE: Per evitare tante seccature.

NINETTA: E che seccature?

FELICE: Primma de tutto mammà e papà accuminciavano a fa tanta domande, vulevano sapè tanta cose che tu pò... nun putive risponnere.

NINETTA: E pecché?

FELICE: Pecché... nun sapive niente, nun avive che dicere. A proposito, tu te ricuorde e nun le fa sapé maje addò stamme.

NINETTA: Quanno stevene a Firenze e a Roma. Manco mò l’hanno sapé?

FELICE: Niente affatto. Pecché nce l’haje scritto?

NINETTA: Nonsignore.

FELICE: Pe carità, nun voglia maje lo Cielo, e chesto nce mancarria. Ninè sti 6 mise avimma viaggià sempe, quanno nce vonno 8 juorne p’arrivà lo francese tanno jammo a Napule.

NINETTA: Va bene, comme vulite vuje, io però saccio la vera ragione pecché nun volite j a Napule.

FELICE: E pecché?

NINETTA: Pecché ve mettite paura d’avé quacche brutto paliatone.

FELICE: E da chi?

NINETTA: Dalla vostra fiamma, dalla vostra Bianchina.

FELICE: E comme la cunusce?

NINETTA: Nun la cunosco, ma saccio tutto.

FELICE: E chi te l’ha ditto?

NINETTA: Chi me l’ha ditto? Questo ritratto che truvaje dinta a la valigia vosta. (Caccia un ritratto e legge:)«Almio amato Felice, la sua Bianchina».

FELICE: Ah, lo ritratto mio. (Lo prende.)Povera figliola, la lassaje senza nisciuna ragione, va trove addò sta. (Commosso:)Sì, questa anche è la ragione che non voglio j a Napule pe mò; Ninè ti raccomando de nun fa cchiù la pazza. Pensa che adesso sei una signora maritata.

NINETTA: Va bene, da oggi in poi me stongo attienta, faccio chello che dicite vuje.

FELICE: Bravissimo.

NINETTA: E pozzo j nu mumento dinto a la cammera oscura?

FELICE: Quale cammera oscura?

NINETTA: Addò stanno sviluppando la negativa.

FELICE: Nonsignore non voglio.

NINETTA: Ma pecché, llà nce sta pure Donna Lauretta.

FELICE: E appunto pe chesto nun voglio che ce vaje. Quella compagnia a me nun me piace, e fai buono si nun la tratte cchiù.

NINETTA: Ma pecché?

FELICE: Pecché così voglio, e basta! Signora moglie, ritiratevi nella vostra camera.

NINETTA: Subito. (Mentre s’incammina ride.)

FELICE: Vi prego di non ridere.

NINETTA: Cumpà, quanto site curiuso quanno facite lo marito. (Poi seria.)Obbedisco! (Via seconda porta a sinistra.)

FELICE: E chisto è nu guajo che aggio passato, nu guajo bello e buono. No, ma io scrivo lo francese che turnasse quanto cchiù ambressa putarrà, pecché nun è cosa, nun putimmo j nnanze accussì.

SCENA QUARTA

Lauretta e detto.

LAURETTA: D. Felì, vulite vedé la negativa, è riuscita na bellezza.

FELICE (guardandola):Ah, sicuro, è riuscita bene. Caspita, lo cavaliere ha pigliato nu brutto papariello. Cheste so’ li gamme de lo cavaliere. (Me parene ddoje cannucce de pippa!). E questa donna che ride siete voi?

LAURETTA: Perfettamente.

FELICE: E questo vicino a voi chi è?

LAURETTA: L’avvocato, D. Luigino.

FELICE: Ah, D. Luigino, vi tiene abbracciata?

LAURETTA: Si, pe nun me fa cadé, chell’era na scesa.

FELICE: Ho capito D. Laurè dite a D. Luigino che sta fotografia nun la voglio fa fà.

LAURETTA: E pecché?

FELICE: Pecché nun me fa piacere, e nel medesimo tempo vi prego di non invitare più mia moglie per nessuna gita.

LAURETTA: Vi faccio riflettere però che vostra moglie è venuta con della gente onesta.

FELICE: Questo non lo metto in dubbio, però non voglio che essa esce senza di me.

LAURETTA: Troppo onore era per lei.

FELICE: Vi ringrazio, quest’onore non lo vogliamo. E dite al cavaliere che non facesse troppo lo farenella. Avite capito?

LAURETTA: Questo ce lo dite voi.

FELICE: E ce lo dico io, sissignore. Vi saluto signora. (Via a sinistra.)

LAURETTA: Imbecille ineducato! Fa lo geluso, lo marito onesto, e nun sape che tengo sta lettera de la mugliera che stammatina s’ha fatto cadé da dinto la borsetta. Scostumato, lazzarone, vedete che modi.

SCENA QUINTA

Alberto e Luigino, poi Peppino e Achille.

LUIGINO: Signò, me vulite dà la negativa?

ALBERTO: L’avete fatta vedere alla signora Ninetta?

LAURETTA: No, essa non c’era, comme a na stupida, l’aggio fatta vedé a lo marito, lo quale se l’ha pigliata e ha ditto che assolutamente nun vò che se facesse chella fotografia.

ALBERTO: Ah, e perché?

LAURETTA: Perché è nu lazzarone, e non capisce che significa cortesia, m’ha proibito di trattà la mugliera. Io però l’aggio miso a dovere, l’aggio ditto che l’avimmo dato troppo onore a isso e la mugliera.

ALBERTO: Molto bene.

LAURETTA: Ha pigliato gelusia de vuje.


ALBERTO: Di me? Forse per l’accaduto di stamane?

LAURETTA: Accussì credo.

LUIGINO: Che sciocchezza.

LAURETTA: Ha ditto che la mugliera quanno vò asci, adda ascì sulo cu isso.

ALBERTO: E quando? Se non fa che mangiare e dormire. Io credo che sia stato nu matrimonio d’interesse, non per passione.

LAURETTA: E chesto credo pur’io, e credo pure che essa adda tené nu amoretto segreto.

ALBERTO: Possibile?

LAURETTA: Possibilissimo, ne tengo la prova.

NINETTA: Voi?

LAURETTA: Io, sì. Avita sapé che stammatina, mentre teneva a vuje pe nun ve fa cadé, s’è aperta la bursetta a l’è caduta sta lettera. (La  mostra.)Ve la voglio fa leggere, venite cu me. (Ridendo via pel fondo a sinistra.)

ALBERTO: Avvocà, venite.

LUIGINO: Subito. (Piano appresso a Lauretta.)

PEPPINO (dal fondo a destra):Favorite signore, favorite.

ACHILLE (con valigia ed ombrello, ha il viso pallido):Grazie tanto, avvisate a D. Felice Sciosciammocca che io sto qua. Ditegli è arrivato l’amico vostro D. Achille Scorza.

PEPPINO: Scorza? Va bene. (Entra a sinistra.)

ACHILLE: Mò moro, me sento acciso, me sento tutto dulure. Tengo la capa dinto a nu pallone. Si nun dormo almeno 12 ore so’ muorto. Vì che femmena terribile! Ma già, chella nun è femmena, chella è na diavola, è n’ossessa. Dicette che m’ha da distruggere, e me sta distruggenno.

SCENA SESTA

Felice, Peppino e detto.

FELICE: Dove sta, dove sta?

PEPPINO: Eccolo ccà. (Poi via pel fondo.)

FELICE: D. Achille bello.

ACHILLE: Caro Felice, mannaggia l’arma de mammeta mannaggia! Mannaggia a lo mumento che t’aggio cunusciuto!

FELICE: Ma pecché ch’è succieso?

ACHILLE: Damme na seggia, pecché io nun pozzo stà allerta, me fanno male li gamme.

FELICE: Assettete. (Lo fà sedere.)Prima de tutto diciteme Bianchina che fa?

ACHILLE: Avita murì de subbeto tutte e dduje. Io sto rovinato, nun saccio comme so’ vivo.

FELICE: Ma ch’è stato?

ACHILLE: Comme ch’è stato? Tu appena spusato te ne vaje a Napule, senza farme sapé addò stive, e me lasse a me miezo a li guaje, e sò cose che se fanno cheste? Chella Bianchina quanno appuraje che tu ire partuto la sera m’appustaje abbascio a lo palazzo e me facette nu paliatone nummero uno, pecché dicette ch’era stato io che t’avevo fatto nzurà. La matina appriesso, pe nun me fa truvà cchiù cagnaje casa, me pigliaje na cammera ncoppa a la Salute, me credevo de stà qujeto, addò, doppo 6 juorne sapette addò stevo e me venette a truvà. Diciteme Felice addò sta, pecché si no so’guaje pe vuje. Ma io nun lo ssaccio, chillo nun m’ha scritto ancora ve lo giuro. Appena l’appuro, ve lo faccio sapé non dubitate. Lo juorno appriesso chiammaje li facchine, me pigliaje la rrobba, e cagnaje casa n’ata vota, m’affittaje na stanza a Foregrotta, a lo principio de li Bagnole...

FELICE: Bravissimo.

ACHILLE: Eh, bravissimo. Chella pure llà è venuta.

FELICE: Pure llà, e chi nce l’ha ditto?

ACHILLE: E chi lo ssape, chella tene lo diavolo ncuorpo. Ajere ssera venette comme a na vipera, io tanto m’ero cuccato nu poco. Avite fatto n’ata vota li 4 de maggio? Bravo! Ma fate fujenno? V’aggia distruggere. Susiteve, diciteme Felice addò sta. Oh! Signò, sapete che vi dico? Si nun me facite sta qujeto, io vado a ricorrere.

FELICE: Molto bene.

ACHILLE: A chi, nun l’avesse mai ditto. Addeventaje na pazza! Me tiraje da dinto a lo lietto e accumminciaje a menà tutte cose abbascio, segge, culennette, lietto, matarazze, tutto, tutto, a stiento me putette piglià stu vestito pe me lo mettere.

FELICE: Ma comme tutte cose abbascio, miezo a la strada?

ACHILLE: No, da coppa a la fenesta c’afaccia dinto a la massaria, io me ne fujette e chella se mettette a correre appriesso, tu lo ssaje ca li gamme non m’aiutano m’arrivaje sotto a la rotta, me fermaje e me dicette: Io mò te putarria pure sciaccà, nun mporta me faje pena... e me dette nu paccaro che ghiette luongo, luongo nterra... e pò se ne jette.

FELICE: Ah, che coraggio, che donna... E addò avite passata la nuttata?

ACHILLE: Vulevo j ncoppa a lucanda, ma è stata tale l’impressione ricevuta che me so’ miso paura de sta sulo. Mene so’ ghiuto dinto a nu cafè e llà so’ stato fino all’otto. Pò so’ curruto a la casa a Bagnole pe me fa saglì tutta la rrobba ncoppa, e aggio truvato na rovina, nu precipizio. Co lo temporale c’ha fatto stanotte, li matarazze stevene una spogna, lo guardaporta l’ha miso a lo sole pe li fa asciuttà. Maggio juto a piglià lo treno e mò sto ccà. Me sento tutto spezzato. Aggia tenere la freva, pecché dinto a lo treno m’è venuto nu poco de friddo.

FELICE: Sangue de Bacco! Nun putite credere quanto me dispiace sta cosa.

ACHILLE: Ma io nun me faccio capace, io credo che tu sarraje asciuto pazzo. Ma comme te venette ncapa de te nzurà?

FELICE: Fuje nu mumento di aberrazione, l’avetta fa pe forza, mò nun ve pozzo dicere ancora la ragione.

ACHILLE: Pecché nun m’haje fatto sapé addò stive?

FELICE: E comme non v’aggio scritto che stevo ccà?

ACHILLE: Eh, doppo nu mese. Io chello che te dico Felì, statte attiento, nun te fa ncuccià da Bianchina che tu passe nu brutto guajo.

FELICE: Macché, io so’ sicuro che si Bianchina me vede si calma e mi perdona.

ACHILLE: Non credo.

FELICE: Certamente, pe fa chello che ha fatto, è segno che me vò bene.

ACHILLE: Lo capisco, ma io che c’entro, pecché se l’ha pigliato cu mme?

FELICE: E io laggio lassata, so’ stato n’assassino, nu birbante.

ACHILLE: Ma te prego, famme dà na stanza, pecché voglio durmì, nun ne pozzo cchiù, tengo nu suonno che mò moro.

FELICE: Avite ragione, mò ve faccio cuccà. (Chiamando:)Cameriere?

SCENA SETTIMA

Peppino, poi Ninetta, poi Alberto, poi Felice e Peppino, poi di nuovo Peppino.

PEPPINO: Comandate?

FELICE: Ci sta una stanza per l’amico mio, qua al primo piano?

PEPPINO: Sissignore il n. 13 è pronto.

NINETTA (uscendo):Uh! Chi sta ccà... D. Achille!

FELICE: Sì, nce ha voluto fa na sorpresa.

ACHILLE: V’ha fatto dispiacere forse?

NINETTA: Anzi, m’ha fatto assaje piacere.

ACHILLE: E così il matrimonio come vi porta?

NINETTA: Bene, molto bene.

ACHILLE: Vi trovo una bellezza, mi sembrate una rosella di maggio. (Sbadiglia.)

NINETTA: Grazie, ma che tenite suonno?

FELICE: Sì, pecché stanotte nun ha dormuto, è stato a na festa de ballo.

ACHILLE: Sicuro, me so’ divertito assaje.

NINETTA: E vuje pure avite ballato?

ACHILLE: E se capisce, avita da vedé che zumpe aggio fatto. Se permettete me vado a riposà nu poco... pò ci vediamo stasera.

NINETTA: Jate, jate, e buon sonno!

ACHILLE: Grazie tante, cameriè addò avimma da j?

PEPPINO: Da questa parte, qua n. 13. Favorite. (Entra seconda porta a destra.)

FELICE: State de rimpetto a nuje, mò v’accumpagno io, venite.

ACHILLE: Si, accumpagname tu. D. Ninetta, tanti complimenti. Scusate se vi lascio, ma nun ne pozzo proprio cchiù, l’uocchie nun vonno stà cchiù apierte, li gamme me tremmano sotto. (Sbadiglia.)

NINETTA: Avite ragione, jateve a cuccà.

ACHILLE: Bona notte.

FELICE: Eh, sta schiaranno juorne .... jammuncenne. (Via con Achille al n. 13.)

NINETTA: Ah! Ah! Mò è ghjuorne... comm’è curiuso...

ALBERTO (uscendo):Scusate... signorina...

NINETTA: Oh, cavaliere... permettete?

ALBERTO: Un momento... non fuggite. Lo sò, D. Felice v’ha proibito di parlare con me, ha fatto dei sospetti temerari, è stata una proibizione ingiusta però. Del resto poi vostro marito ha ragione, quando si ha la fortuna di possedere un gioiello di moglie come voi si dubita sempre sà.

NINETTA: Ah, mio marito non dubita affatto di me, ma dice che il mio carattere allegro, fa credere alla gente quello che non è.

ALBERTO: E dice benissimo. Oggi però io parto e così sarà più tranquillo.

NINETTA: Partite?

ALBERTO: Sì, alle 4. Prima di partire però vengo a darvi un consiglio e a consegnarvi una cosa importante e che vi appartiene.

NINETTA: A me?

ALBERTO: Sì, a voi. Per l’avvenire badate dove mettete qualche lettera compromettente, perché potreste smarrirla come avete fatto stamane con questa. (Mostra la lettera.)

NINETTA (la guarda):Ah, la lettera d’Errico, m’è caduta da dinto a la borsetta, grazie tanto.

ALBERTO: Laceratela subito.

NINETTA: E perché?

ALBERTO: Come perché? Potrebbe capitare nelle mani di vostro marito...

NINETTA (ridendo):Ah, già... sicuro, se capita nelle mani di mio marito.

ALBERTO: E perché ridete?

NINETTA: Rido perché... capisco chello c’avite creduto e vi do ragione, perché voi non sapete. II giovane che mi ha scritto questa lettera è amico di mio marito, che sa tutto.

ALBERTO: Come?

NINETTA: Ah, ecco qua. (Felice esce con Peppino il quale va via per il fondo.)

FELICE: Che cos’è?

NINETTA: Marito mio, senti, il cavaliere m’ha purtato sta lettera che stammatina aggio perduta, cu tanta premura cu tanta segretezza, perché se credeva che tu non saje niente... Fammelo piacere dincello che l’avimmo letta nzieme.

FELICE (guardando la lettera):(La lettera de lo francese). Ah, sicuro, questa l’abbiamo letta insieme... Vattenne dinto ca mò nce vedimmo.

NINETTA: Ma io...

FELICE: Vattenne dinto.

NINETTA: Subito, con permesso. (Via a sinistra.)

ALBERTO: Faccia pure.

FELICE: (Vuje vedite chesta che me sta cumbinanno). Cavaliè, se trovate quacc’ata lettera de chesta, nun ve n’incaricate, fateme stu piacere, perché voi non sapete i fatti, non sapete niente, e perdete lo tempo inutilmente.

ALBERTO: Ah, ma sicuro... me ne guarderò bene... io non so’ niente.. non sò i fatti... ed io niente voglio sapere. (Pausa.)Ho capito che fra voi e vostra moglie c’è un accordo perfetto.

FELICE: Proprio, e se fosse così ve ne dispiacerebbe forse?

ALBERTO: Niente affatto, anzi mi fa immenso piacere, ma perché poi tanta severità con noi? (Pausa.)Perché privarci della sua bella compagnia? (Con ironia.)

FELICE: Perché io sono il padrone di fare ciò che mi pare e piace.

ALBERTO: Ah certo, come io sono il padrone di ridere. (Ride.)

FELICE: Ed io vi prego di non ridere, perché si no ve faccio chiagnere.

ALBERTO: Voi? E in che modo?

FELICE: In un modo semplicissimo, ve piglio a cauce.

ALBERTO: A me?

FELICE: Sì, a voi!

ALBERTO: Ritirate la parola!

FELICE: Io non ritiro niente.

ALBERTO: Benissimo, allora me ne renderete stretto conto. Io non  posso perdere tempo, perché alle 4 debbo partire, fra poco vi manderò due amici miei. Vi attendo nel giardino. (Via pel fondo a soggetto.)

FELICE: Sta bene. Te voglio fa na fresella nfronte. Che se crede che metto paura. Io non me metto paura affatto. (Chiamando, suona.)Cameriere?

PEPPINO (uscendo):Comandate?

FELICE: Scetate a D. Achille... che venesse mò proprio ccà.

PEPPINO: Subito. (Via a destra.)

FELICE: Te voglio fa vedé chi songh’io... va bene che sto fuori esercizio, l’ultimo duello lo facette 4 anne fa, ma che vuol dire, anze è meglio. Se dice: lo cielo te scanze de mazzate da cecato. E mò l’aggia fa, pecché mò sto attaccato de nierve, si nce penzo nun lo faccio cchiù. Comme m’è venuto n’capa de venì a Castiellammare, era meglio che stevo a Roma. No, ma chest’è na storia c’adda fernì, io nun me pozzo compromettere continuamente pe causa de chesta pazza.

SCENA OTTAVA

Peppino, Achille e detto, poi Peppino.

PEPPINO: Ecco ccà D. Achille. (Via pel fondo.)

ACHILLE (mezzo vestito con gli abiti in mano):Ch’è succieso?

FELICE: Ho bisogno di voi D. Achì... aggia fa nu duello.

ACHILLE: No duello?! E cu chi?

FELICE: Cu nu farenella che sta ncoppa a st’albergo.

ACHILLE: E pecché?

FELICE: Pecché m’è antipatico, nun lo pozzo vedé.

ACHILLE: Ma io aggia sapé la ragione.

FELICE: Me so’ indisposto pecché poco primma parlanno cu me, ha ditto che l’automobile è la più bella invenzione del mondo, che io non ne capisco niente.

ALBERTO: E chesto è tutto?

FELICE: Io però l’aggio miso a posto.

ACHILLE: All’automobile?

FELICE: A isso, a chillo sbruffone. Allora s’è miso a ridere, io aggio ditto ca lo pigliavo a cauce e s’è offeso, me sta aspettanno fora a lo giardino. Capite, nun pozzo fa vedé che me metto paura d’isso. Vuje site mio secondo, nce vò n’ato, vedite chi pò essere, truvate ddoje spade e venite ambressa, avite capito? Non ammetto accomodamenti. Lo duello s’adda fa, s’adda fa! (Via pel fondo.)

ACHILLE: Pover’ommo, l’aggio ditto, chist’è pazzo, è pazzo! Faccio lo sicondo, io comme stongo mò nun pozzo fa manco lo quarto. E pò ll’ato sicondo chi me lo dà? Io ccà nun cunosco a nisciuno... stevo durmenno accussì bello, chillo m’è venuto a scetà da dinto a lo suonno. Cameriè?

PEPPINO: Comandate?

ACHILLE: Tenite nu sicondo pe duello?

PEPPINO: Un secondo per un duello? E chi me lo dà, caro signore?

ACHILLE: E ma ccà lo duello s’adda fa, non ammetto accomodamenti, s’adda fa.

PEPPINO: E se fa che vulite da me?

ACHILLE: Aspettate, voltatevi, vuje state vestuto buono, facitelo vuje.

PEPPINO: Come volete, purché vi contentate.

ACHILLE: Nce avimma cuntentà afforza mio caro, non c’è altro. Andiamo, facimmo ambressa, pecché doppe me voglio j a cuccà. Aspettate, li doje spade?

PEPPINO: E chi me le dà... spade non ne tengo.

ACHILLE: E allora lo duello non se pò fa. Comme se fa senza li spade? Jammuncello a dicere. (Pa.)

SCENA NONA

D. Ciccio, D. Luigino e detti, poi Michele e Concetta, indi Ninetta.

CONCETTA (ad Achille):Scusate, voi forse siete il testimone del signor Felice Sciosciammocca?

ACHILLE: Sissignore, Achille Scorza.

CONCETTA: E l’altro?

ACHILLE: L’altro è questo signore. Salutate.

LUIGINO: Il cameriere dell’albergo?

ACHILLE: Perfettamente. Ci dobbiamo contentare, caro signore, che volete con questa fretta non ho potuto trovare di meglio.

LUIGINO: Va bene, andiamo.

ACHILLE: Soltanto vi faccio riflettere che il duello non si può fare perché mancano le spade.

LUIGINO: Le ho procurate io. (Le mostra.)Eccole qua.

ACHILLE: Bravissimo. Ma a proposito, e lo medico... Si nun ce sta lo medico lo duello non se pò fa.


CONCETTA: Al medico ho pensato io, sta qui nell’albergo e ci sta aspettando.

ACHILLE: Ah, avete pensato voi al medico, bravissimo, allora andiamo. (Viano pel fondo.)

MICHELE (dal fondo a sinistra):Lo cameriere nun vene, io me so’ seccato d’aspettà.

CONCETTA: E io pure. Che nce facimmo ncoppa.

MICHELE: Addimmannamme si se so’ ritirate.

NINETTA (uscendo):Uh, che veco, mammà, papà!

CONCETTA: Finalmente l’avimmo potuto vedé, figlia mia.

MICHELE: Core de papà tujo. (L’abbracciano.)

CONCETTA: Pecché mariteto ha voluto che non ci avisse scritto?

NINETTA: Pe nisciuna cosa de male mammà, pe nun ve fa trapazzà cu nu viaggio.

MICHELE: No, io credo che nun è stata chesta la ragione; figlia mia dimme la verità, ti tratta malamente, ... io lo squarto vivo, me lo magno a morze.

NINETTA: Che v’aggia dicere, caro papà, io credo ca me vulesse bene, ma nun me vò fa ascì, nun me vo fa trattà cu nisciuno, nun pozzo parlà troppo, pe na cosa de niente è capace c’allucca, se nfuria, me strilla. La verità io non so’ troppa contenta de stu matrimonio.

CONCETTA: Lo vvì? Figlia mia, povera criatura!

MICHELE: T’avarria scamazzà la capa! Pecché nun te vuliste spusà a D. Antonio?

SCENA DECIMA

Lauretta, poi Achille, indi Felice e detti.

LAURETTA: Ninè, sentite na parola... Signori permettete?

NINETTA: I miei genitori. (Presentandoli.)

LAURETTA: Tanto piacere. (Ninè, pe carità currite fore lo giardino, stanno facenno nu duello co lo cavaliere e D. Felice).

NINETTA: (Nu duello? Vuje che dicite?). Papà tratteniteve nu poco dinta a la cammera mia, io mò vengo...

MICHELE: Ma pecché, ch’è stato figlia mia?

CONCETTA: Ch’è succieso? Tu staje tremmanno.

NINETTA: No, no, trasite, mò ce vedimmo. (Li spinge nella prima porta a sinistra.)

CONCETTA: Figlia mia, figlia mia. (Viano a soggetto.)

NINETTA: Priesto, nun perdimmo tiempo. (P.a.)

ACHILLE (uscendo):Addò jate, nun ve mettite paura, lo duello nun s’è fatto.

NINETTA: Ah, nun s’è fatto?

ACHILLE: No, pecché l’avversario appena s’è miso in guardia l’è venuto nu giramento de capa, è ghiuto nterra, allora l’avimmo fatto stregnere la mano e tutto è finito.

FELICE (uscendo):Mò moro, sto tremmanno ancora. Me credevo che l’avevo acciso. Chillo appena m’ha visto in guardia è ghiuto nterra.

ACHILLE: Chella combinazione t’ha salvato, putive passà nu brutto guajo.

FELICE: Embè, che ce vulite fa?

ACHILLE: Basta, l’onore è soddisfatto.

NINETTA: Ma pecché sì ghiuto a fa stu duello?

FELICE: Pe causa toja e te ne ringrazio.

NINETTA: Agge pacienza, so’ stata na bestia, ma da oggi in poi non parlo più, nun arapo cchiù la vocca.

FELICE: Speriamo.

LAURETTA: Ve site calmate? V’è passata la paura?

NINETTA: Sì, sì, grazie.

LAURETTA: Permettete, vado da mio marito. (Via pel fondo.)

ACHILLE: Dunque, me pozzo j a cuccà? Sei contento? Vuò niente cchiù?

FELICE: No, grazie, niente cchiù. Scusami sà?

ACHILLE: Macché, è dovere d’amicizia. Arrivederci, scusate pecché nun ne pozzo cchiù.

FELICE: Avimmo fatto nu bello duello.

ACHILLE: Sì, chillo de l’opera de li pupe. (Via sbadigliando a destra.)

NINETTA: Felì, marito mio, te pozzo dì na cosa?

FELICE: Che cosa?

NINETTA: Ma nun me strillà però!

FELICE: Haje fatto quacc’ato guajo? Parla, mò me trovo. De che se tratta?

NINETTA: Addivina dinta a la cammera mia chi nce sta?

FELICE: Chi nce sta?

NINETTA: Mammà e papà!

FELICE: Mammà e papà?

NINETTA: Sì, nun aggio potuto stà cchiù senza vederle, ajere li screvette e stammatina so’ venute.

SCENA UNDICESIMA

Michele, Concetta e detti.

FELICE: Haje fatto male, pecché io t’avevo ditto che nun l’aviva da fa sapé addò steveme.

MICHELE (uscendo):E pecché famme capì, pecché nun l’avevamo sapé...

CONCETTA: E che t’avive pigliato na cacciuttella?

MICHELE: O fossemo gente che te facimmo scuorno?

FELICE: Ma nonsignore, io .....

MICHELE: Tu non sai l’educazione.

CONCETTA: Tu non ire degno de te spusà a figliema.

FELICE: Ma sentite, nun alluccate...

CONCETTA: Nun adda ascì, nun adda trattà cu nisciuno, nun adda parlà troppo, nun adda scrivere a la mamma e lo pate. E che t’avive pigliato na schiava?


FELICE: Oh, basta... io so’ lo marito, e chello che dico io adda fa.

NINETTA: E sì, lo faccio.

MICHELE: Tu non haje da fa niente, tu nun sì fatta la serva soja, tu haje purtato na dote capisci, e nun haje da essere maltrattata, si no so’ guaje vì, so’ guaje.

FELICE: Cumpà jatevenne, sentite a me.

MICHELE: No, io nun me ne vaco... da oggi in poi addò jate vuje vengo pur’io.

CONCETTA: Sì, facimmo una casa.

FELICE: (E chesto ce mancarria!).

MICHELE: E pò, spiegame na cosa, pecché durmite divise?

FELICE: Durmimmo divise... pecché... (A Ninetta:)Va, dincello tu pecché. (Ninetta abbassa la testa.)

MICHELE: Essa m’adda dicere? Io lo voglio sapé da te capisce, da te!

FELICE: E io nun ve lo pozzo dicere.

SCENA DODICESIMA

Alberto, Luigino e Lauretta, indi Peppino, poi Achille e detti.

I TRE (uscendo):Ch’è successo?

MICHELE: È succieso che stu bello galantomo m’ha infelicitata a na figlia, nun vò ascì cu essa, nun vò che trase, nun adda parlà cu nisciuno... chesto sarrie niente... dormono divise, questo è terribile capite. L’aggio addimannato lo pecché, essa acala la capa e isso ha ditto che nun me lo pò dicere. Che significa chesto?

LUIGINO (ridendo):E non l’avete capito?

TUTTI (c.s.) Ah! Ah! Ah!

MICHELE: Ma allora sta povera figlia ha passato nu guajo?

FELICE: No, lo guajo l’aggio passato io per avere il core magno, pe volerla troppo bene, ma mò me ne vaco, nun me ne fido cchiu (Suona.)Cameriere?

PEPPINO: Comandate.

FELICE: Scetate a D. Achille, subito.

PEPPINO: Sissignore. (Via poi torna.)

FELICE: E voi non ridete sapete, pecché non c’è da ridere. Pigliateve n’ata vota la figlia vosta e nun me seccate cchiù.

ACHILLE (sotto l’uscio, mezzo spogliato):Ch’è stato, che buò?

FELICE: Ce n’avimma j... subito, senza perdere tiempo.

ACHILLE: Aspè... io sto de chesta manera.

FELICE: Nun mporta, jammuncenne sangue de Bacco. (Lo trascina.)

ACHILLE: Aspè... io sto scauzo. (Tutti ridono mentre Felice trascina Achille fuori, solo Ninetta si copre il viso con le mani mentre Michele e Concetta l’abbracciano.)

(Cala la tela.)

Fine dell’atto secondo

ATTO TERZO

La stessa scena del primo atto, però con tappezzeria alle porte e alla finestra. Sedie tappezzate, lampadario acceso.

SCENA PRIMA

Nicola solo, poi Nicola e Ninetta.

NICOLA (guardando alla porta in fondo a destra):Nun ne capisco niente la verità... (Viene avanti.)Guardate llà... se so’ fatte ciuotte, ciuotte, mo’ se so’ menate ncoppa a lo divano a lietto, chille so’ dduje veziuse sfaticate... che purcaria, doppo nu mese spusato s’appicceca co la mugliera e la lassa. Quanno s’è ritirato m’ha ditto: Nicò, chiunque vene dì che nun ce stamme... Io lo ssapevo, chillo nun era ommo de se nzurà. A proposito, io l’aveva dà sta lettera espressa ca lo fattorino la purtaje sette juorne fa... va buò nce la dongo cchiù tarde. (Suona il campanello d.d., via, poi torna con Ninetta.)

NINETTA: Bona sera Nicò, Felice s’è ritirato?

NICOLA: Ma vedite signurì, chillo m’ha ordinato che chiunque vene aggia dicere che nun ce sta.

NINETTA: Ma a ll’ate, no a me, io so’ la mugliera; dunque, dimmi s’è ritirato, addò sta?

NICOLA: La verità all’otto è venuto nzieme cu D. Achille, dice che s’ha pigliato nu sacco de collera pe causa vosta. Mò stanno durmenno nu poco ncoppa a lo divano a lietto, ma pecché ve site appiccecate?

NINETTA: Pe na cosa de niente, pe na sciucchezza qualunque.

NICOLA: Ma vedite de fa pace, chesto che cos’è, ve l’avite spusato cu tanto piacere.

NINETTA: Ma nun so’ stat’io, è stat’isso che m’ha lassata.

NICOLA: Mò avita aspettà che se scetene, pecché se so’ chiuse da dinto, e pò è buono che aspettate nu poco, si lo chiammate mò, chillo se sceta nervuso e non combinate niente.

NINETTA: Sì, dice buono, è meglio accussì mò pe tramente vaco a pusà stu cappiello dinto a la cammera mia.

NICOLA: Eh, vedite comme sta accunciata bella. Chillu lietto pare che diceva proprio ma la sposa quanno vene. Trasite, trasite, vedite che bellezza.

NINETTA: Grazie. (Entra prima porta a destra.)


NICOLA: Povera figliola, me fa na pena che nun se pò credere; ma pecché se l’ha pigliata vurria sapé. (P.a.)

SCENA SECONDA

Bianchina e detto, poi Ninetta.

BIANCA: Io aggio truvato la porta aperta.

NICOLA: (Mbomma, Donna Blanchina! E ccà sta la mugliera...). Sissignore, signurì, poco primma pe la pressa me so’ scurdato de chiudere la porta.

BIANCA: M’hanno ditto che Felice stasera è turnato da fore, verso le 7 l’hanno visto nzieme cu D. Achille dinto a lo cafè d’Italia. Tu nun ne saje niente?

NICOLA: No!

BIANCA: Ccà nun è venuto ancora?

NICOLA: Nonsignore.

BIANCA: E va bene, allora io mò l’aspetto. Io l’aggia parlà assolutamente, a isso e a chillu scorfano de D. Achille.

NICOLA: Ma vedite, chillo pò essere che nun se retire, va a cena cu l’amice e se ne vene a ghjuorne.

BIANCA: E io dormo ccà, me metto ncoppa a lo divano a lietto.

NICOLA: (Eh, e proprio llà s’adda j a mettere). (S’allontana.)

BIANCA: (Io stasera l’aggia parlà, l’aggia dicere che nun me ncuitasse cchiù cu lettere e telegramme, pecché mò nun so’ cchiù libera, faccio ammore cu n’ommó ch’è stato ddoje vote ngalera, e si appura qualche cosa è nu guajo pe me e pe isso. Chillo ogge me manna nu telegramma. (Lo prende e legge:)«Domani D. Achille verrà a darti una grande sorpresa. Baci. Felice». Nun voglia maje lo Cielo e stu telegramma capitava mmano a Salvatore addò me jeva a mettere).

NINETTA (uscendo):Nicò dimme na cosa... (Che!! La nnammurata?)

BIANCA: (La mugliera!).

NICOLA: (Eh, mò siente li rise!).

NINETTA: Buonasera, signora...

BIANCA: Buonasera.

NINETTA: Voi vi chiamate Bianchina, è vero?!

BIANCA: A servirvi.

NINETTA: Favorirmi sempre.

BIANCA: E scusate comme sapite lo nomme mio?

NINETTA: Lo sò, perché mio marito pensa sempe a vuje. Lo ritratto vuosto lo porta sempe cu isso, io l’aggio visto è nu bello ritratto cu na bella dedica.

BIANCA: Ah, avite letto pure la dedica?

NINETTA: Sissignore « Al mio amato Felice, la sua Bianchina». Mò accomodatevi, vi prego. Nicò, sedie.

NICOLA: Vi servo. (Dà le sedie.)

BIANCA: Grazie tanto.

NINETTA: Vattenne fore. (A Nicola.)

NICOLA: Subito. (Mò vide che succede!). (Via a sinistra seconda porta.)

NINETTA: Signora mia, che fortuna che site venuta ccà stasera, pecché io v’aveva parlà necessariamente.

BIANCA: Ed io pure.

NINETTA: Io saccio che vuje vulite bene a Felice, e isso pure ve vò bene assaje. Vuje certamente stasera site venuta pe le dicere ch’è stato nu birbante, nu traditore, e pe ve lo purtà cu vuje... sì... sì... nun ve lo negate, vuje pe chesto site venuta. Embè... m’avita fa nu piacere, na grazia, è nu sacrificio che ve cerco, nu sacrificio grosso assaje.

BIANCA: Dicite.

NINETTA: Me l’avita fa sta cu mmico n’ati 4 mise, e pò ve lo pigliate pe sempe.

BIANCA: (Oh! Me piace. Lo vò bene assaje chesta lo marito!). Ho capito, per l’occhio del mondo, doppo nu mese sposati.

NINETTA: No, pe n’ato fatto che mò nun ve pozzo cuntà, pecché me metto paura che D. Felice esce ccà fora e nce vede, io nun lo pozzo cchiù calmà.

BIANCA: Ma pecché, isso sta dinto?

NINETTA: Sissignore, sta durmenno mi poco.

BIANCA: (E chillo m’ha ditto che nun ce steva). (Alzandosi.)Signò, stateve a pensiero cujeto, io ero venuta pe le dicere che nun me ncuitasse cchiù, pecché mò faccio ammore cu n’ato, che non è tanto doce de sale, perciò teniteve lo marito vuosto pe n’ati 4 mise, pe n’ato anno, pe sempe, a me nun me serve cchiù.

NINETTA: Veramente? E pozzo essere sicura de chesto che me dicite?

BIANCA: Sicurissima. Anze le facite vuje stessa la mmasciata, che si me vede facesse finta de nun me canoscere, che ve vulesse bene, e che pensasse a mettere capa.

NINETTA: Sissignore.

BIANCA: E vuje tenitevello caro caro, pecché poi dopo tutto avete avuto una buona fortuna. Arrivederci, e struitevello co la salute.

NINETTA: Arrivederci e grazie. (Bianchina via per la seconda porta a sinistra.)Ah! Che piacere! Che piacere! Quanto so’ cuntenta! (Voci d.d. di Felice ed Achille.)Uh! Stanno ascenno! Nun me voglio fa vedè ancora. (Entra seconda porta a destra.)

SCENA TERZA

Felice ed Achille..

FELICE (d.d. cantando):

Ah, Pusilleco Pusì

sarrà ll’aria o sarrà che

fosse la femmena cchiù bella

mbraccia a ll’ommo addà cadé.

(Si sente il rumore della chiave che apre la porta in fondo.)

ACHILLE (cantando): Fosse ’a femmena

cchiù bella mbraccia a ll’ommo addà cadé.

Ah, quanto m’ha fatto bene st’oretta de sonno che m’aggio fatto. Starria al caso de mangià n’ata vota, e tu neh Felì?

FELICE: E io pure, se capisce... Ah, io mò aggio respirato nu poco, nun ne potevo cchiù.

ACHILLE: Ma se sape. Noi altri giovanotti nun putimmo stà legati, vogliamo la libertà, l’uomo dev’essere libero.

FELICE: E dimane, a miezjuorno, gran colezione, cinque piatti e champagne a tutta forza.

ACHILLE: Sì, ma mò me vaco a cuccà a casa pecché me sento stanco.

FELICE: Nun ve scurdate de j a piglià a Bianchina, io l’aggio fatto pure nu telegramma, l’aggio scritto: Domani D. Achille verrà a darti grande sorpresa.

ACHILLE: Ah, l’haje prevenuta?

FELICE: E facitele capì pecché m’avette nzurà pe fforza.

ACHILLE: Mò che m’haje cuntato lo fatto, le dico tutte cose.

FELICE: Si nun la truvate a casa, jate a lo teatro.

ACHILLE: È meglio si la trovo a lo teatro, pecché llà stanno gente e si lle vene qualche mossa de nierve la ponno tené. Tu non sai quella è cattiva, è terribile.

FELICE: Oh! Lo saccio!

ACHILLE: Ma tu sei deciso a nun pensà cchiù a Ninetta?

FELICE: Decisissimo.

ACHILLE: E dimme na cosa, mò che steveme ncoppa a lo divano pecché m’haje abbracciato forte forte, e dinto lo suonno haje ditto: Ninetta mia, sciasciuncella mia.

FELICE: Possibile?

ACHILLE: Possibilissimo. Io t’aggio azzeccato pure nu buffo.

FELICE: No, non ricordo niente.

ACHILLE: Me ricordo io però. Basta, io mò me ne vaco... M’haje da dicere niente cchiù?

FELICE: Niente cchiù. Bonanotte.

ACHILLE: Bonanotte. (Accende una sigaretta e cantando: «Pusilleco Pusì» via per la seconda porta a sinistra.)

FELICE: Ma vedite la combinazione, io vaco abbraccià a D. Achille. Forse m’aggio sunnato a Ninetta e aggio pigliato a D. Achille p’essa. Povera Ninetta, va trove che sarrà succieso a casa de lo cumpare. Ma io nun la potevo tené cchiù vicino. La mia condizione era terribile, leviamo tutte le stranezze, ma saccio io che aggio sufferto stu mese. È lo stesso che piglio nu cane de presa affamato, l’attacco e lo metto rimpetto a nu pullastiello a lo fumo, chillo lo vede, sente addore, e nun lo pò afferrà, va a fernì che more arraggiato... e io accussì sarria muorto. No, no, è meglio che se sta co la mamma e lo pate.

SCENA QUARTA

Ninetta e detto.

NINETTA (uscendo e avanzandosi):Chesto lo dicite vuje, ma io no.

FELICE: Che veco? Ninetta! E addò sì asciuta?

NINETTA: So’ venuta poco primma, e da ccà nun me movo cchiù. Questa è la casa mia, ccà sta maritemo e ccà aggia stà.

FELICE: Tu pazzie? (Chella dimane vene Bianchina.) Io sono un marito provvisorio, sono un finto marito, ccà nun te pozzo tené.

NICOLA: E addò vulite che vaco? Mammà e papà hanno ditto: Vattenne a casa de mariteto, ccà nun ce pò stà. Nuje nun ce putimmo mettere mmocca a la gente. Io non tengo nisciun’ato parente, nisciuno amico, nun conosco a nisciuno addò pozzo j. Ncoppa a n’albergo, a na camera mobigliata, dinto a na casa de gente estranee, e me lo putite cunsiglià de fa chesto? Mammà e papà nun sanno che so’ zetella, si no nun m’avarriano fatt’ascì sola de la casa, ma vuje sì, vuje lo ssapite e m’abbandunate, e me ne cacciate? (Quasi piangendo:)Ah! Ah! tenite nu bello core veramente.

FELICE: E nun chiagnere, vuje vedite che guajo c’aggio passato.

NINETTA: Io ve giuro che nun ve faccio piglià cchiù collera, me metto a nu pezzetiello e nun me movo.

FELICE: Ah, lo ssaccio!

NINETTA: Io primma nun penzavo ch’ero maritata, e nun badavo a cierti cose che nun aveva fa, ma mò me stongo sempe vicino a vuje. Ecco ccà accuminciammo da mò. (Siede vicino a Felice.)Faccio cunto comme veramente fusseve lo marito mio.

FELICE: E io chesto nun lo pozzo fa... pecché sto attaccato, me moro de famma, e nun pozzo afferrà lo pullastiello.

NINETTA: Nun capisco.

FELICE: Capisco io.

NINETTA: Vuje m’avite voluto sempe bene, mò pecché me trattate accussì? Ve ricurdate quanno io era piccerella, che priezza quanno vedevo a vuje. V’aspettavo fora a lo balcone, e pò alluccavo pe tutta la casa. Lo cumpare! Sta venenno lo cumpare! Pò arapevo la porta e vulevo subito nu bacio. Ve ricurdate?

FELICE: Comme, nun me lo ricordo.

NINETTA: E ve ricurdate quanno avisteve chella malattia, che mammà e papà ve venettene a truvà e purtajene pure a me. Io pe na jurnata sana nun me movette da vicino a lo lietto vuosto, e ve devo a bevere, ve tuccavo la mano pe vedé si stiveve cucente... ve lo ricurdate?

FELICE: Sì, me lo ricordo Ninè... ma scostate nu poco.

NINETTA: Tanno si che me vuliveve bene assaje.

FELICE: E mò pure te voglio bene... ma scostate nu poco.

NINETTA: Embè facimmo in questo modo. Si faccio n’ata piccola mancanza, regolatevi comme vulite vuje, me lassate e nun me curate cchiù. Va bene?


FELICE: Ma siente ccà Ninè, tu certamente si na guagliona che capisce, cierti cose non haje bisogno che uno te li spieghe, perché tieni molta stoppa. Leva sta mano da ccà. (Le toglie la mano.)Ionun te pozzo tené vicino a me, pe n’ati quatte mise... è na cosa impossibile.

NINETTA: Ma pecché?

FELICE: Pecché tu sì troppo simpatica, sì troppo bona.

SCENA QUINTA

Nicola e detti, poi Nicola al finale.

NICOLA: Signò scusate...

FELICE: Che vuò?

NICOLA: V’aggia dà na lettera espressa ca la purtajene 7 juorne fa. (La piglia dal tavolo.)

FELICE: (È arrivato l’espresso!). E ched’è mò me la daje?

NICOLA: E quanno ve l’aveva dà, io nun sapevo addò stiveve.

FELICE: Hai ragione, vedimmo chi è. (Nicola via. Felice apre la lettera e guarda la firma.)Errico Duprè! Lo francese!?

NINETTA: Isso! E che ve scrive?

FELICE (legge):«Londra 4 luglio diciannovemila e 14».

NINETTA (ridendo):Ah! Ah! Diciannovemila e 14, ha sbagliato.

FELICE: Ha sbagliato na piccola cosa! (Legge:)«Cara donna Felice». Mò so’ addeventato femmena mò! « Io sono molto commosso nella scrittura di questa lettera. Appena io fatto arrivo a Londra il giorno prossimo dopo, feci contrasto con un inglese, e col bastone animatonato». Siente ccà siè! «col bastone animato lo ferì al testo assai profondamente. Ora mi trovo in prigione, mio avvocato dice: che forse mia condanna essere di un’annata. Scusatemi e sono io tanti saluti. Errico Duprè.»

NINETTA: N’anno carcerato?

FELICE: E vulite d’aspetto n’anno? No, chesto ve lo putite levà da capa.

NINETTA: E comme facimmo?

FELICE: E io che ne saccio. Comme lle vene ncapo de s’appiccecà cu chillo, aveva riflettere, aveva pensà che puteva passà nu guajo, e co lo faceva passà pure a me.

NINETTA: Eh!

FELICE: S’aveva ricurdà che m’aveva dato na parola.

NINETTA: Eh!

FELICE: Non è affatto nu giovane serio.

NINETTA: Eh!

FELICE: È nu piccerillo qualunque.

NINETTA: Lo vedite? E accussì avarria ditto isso a vuje si nun me trovate ccà, si nce truvave spartute. Avarrisseve fatto sta bella figura. Invece nuje mò nce truvammo da coppa, e sà che facimmo? Aspettammo che passano li 6 mise comme fuje stabilito, anze aspettammo 6 mise e na settimana, quanno è passato sto tiempo si vulite... si pò me tenite proprio ncoppa a lo stommaco, facite avvedé che v’appiccecate cu me, e me ne torno a casa mia... c’aggia fa, vò dicere c’accussì era destinato. Si nun facimmo chesto, e nce spartimmo mò, chillo tene tutto lo diritto de dicere: Neh, scusate, io aggio mancato la parola pe na disgrazia, ma vuje no, vuje avite mancato pe prugetto, pe capriccio. Non dico buono?

FELICE (dopo pausa):Ah, sicuro, chillo dice: io aggio rutto na cosa, tu ch’haje rutto? Niente.

NINETTA: Vuje v’avita da truvà sempe da coppa. E pò che ne sapimmo si nun è stata na scusa, nu pretesto pe nun turnà cchiù? Quanno nce simme nformato buono, quanno avimmo visto ch’è stato nu busciardo, allora facimmo veramente nu bello viaggio de nozze... jammo a Londra e nce facimmo vedé tutte e duje dinto a na carrozza. Chillo sapite che currivo se sente, e se sape, pecché nun me pò purtà cchiù in America, e che ce jarria a fa in America, io sto tanto bona ccà, tengo sta bella casa... e chella cammera accussì bella.

FELICE: La cammera de lietto te piace?

NINETTA: Assaje, assaje! Che dicite, vulimmo fa accussì?

FELICE: Facimmo accussì.

NINETTA: Oh, grazie, grazie, quanto site buono. Allora nce vedimmo dimane, io me vaco a cuccà pecché è tarde e ve giuro che da oggi in poi sarraggio n’ata femmena, ve faccio a vedé che cambiamento faccio, tutto chello che dicite vuje, tutto chello che vulite vuje. Ossia tutto chello che vuò tu, marito mio caro caro. (Via prima porta a destra.)

FELICE (pausa):Nicola?

NICOLA: Comandate.

FELICE: Chiude la porta, e và te cocca!

NICOLA: Va bene. Felicenotte. (Via.)(Felice prende una bottiglia d’acqua, smorza la luce e via nella prima porta a destra.)

(Cala la tela.)

Fine dell’atto terzo



ATTO QUARTO

La medesima scena. È giorno.

SCENA PRIMA

Nicola, poi Errico e Nicola.

NICOLA (con due tazze di caffè in un cabaret vicino alla prima porta a destra):Signurì, signurì... D. Felì, lo cafè lo vulite? Signurì vedite che so’ l’undici... Ma che d’è, nisciuno risponne?... So’ venuto 3 vote, all’otto, a li diece, e mò... che diavolo sarrà succieso? Possibile che dormono ancora?... Fossero muorte? (Dal campanella della porta, Nicola poggia il cabaret sul tavolo e va ad aprire.)Beh?.. Famme vedé chi è... (Esce.)

NICOLA: Favorite.

ENRICO: Molto grazie. Buongiorno signore.

NICOLA: Buongiorno.

ENRICO: Io essere arrivato questo giorno e venuto qui per parlare subito donna Felice... comme scioscia... no mocca scioscia... sciosciamosca.

NICOLA: E scupettino, Mossiù, io ho capito, volete dire Felice Sciosciammocca?

ENRICO: Uì. D. Felice Sciosciammocca.

NICOLA: Ma mò adesso, in questo momento, non ci potete parlare.

ENRICO: E perché?

NICOLA: (Pecché nun sapimmo si è muorto, o l’è venuto na cosa!). Perché sta durmenno.

ENRICO: Dormendo... coricato?

NICOLA: (No all’erta!). Si capisce, coricato nel letto.

ENRICO: Fate gran piacere svegliarlo?

NICOLA: Non possiamo signore... si no io mi piglio una cancariata.

ENRICO: Allora vado a fare degiunè a poi tornare. Ecco mia carta. (Gliela dà.)Dite che debbo lui parlare di cosa interessante, e poi partire, non posso tenere più sospensione.

NICOLA: Ho capito, va bene.

ENRICO: Addio. (Via.)

NICOLA: Buon appetito. Vì comm’è curiuso chisto! (Alla porta.)Signurì, signurì... lo cafè lo vulite?

SCENA SECONDA

Felice e detto, poi Ninetta, indi Nicola.

FELICE (in veste da camera):Tuche te faje afferrà. La fernisce o no? Che vuò?

NICOLA: V’aggio purtato lo cafè, lo vulite?

FELICE: Portalo dinto io mò vengo.

NICOLA: Va bene. A proposito, è turnato chillo furastiere che venette l’ata vota, ve ricurdate? Chesta è la carta da visita. (La dà.)

FELICE (legge):«Enrico Duprè». Lo francese! E c’ha ditto?

NICOLA: Voleva afforza parlà cu vuje, io i’aggjo ditto che stiveve durmenno e nun ve putiveve scetà.

FELICE: Haje fatto buono.

NICOLA: Nun ha voluto aspettà.

FELICE: E c’ha fatto?

NICOLA: È ghiuto a fa digiunè e pò torna.

FELICE: E chisto che vò da me, e io mò comme la combino? (Ma c’ha fatto, se n’è fujuto da dinto a lo carcere?). Ninè, Ninetta...

NINETTA (in camicia da mattina):Ched’è, ch’è stato?

FELICE: Teh, vide chi è venuto. (Le dà la carta.)

NINETTA(legge):« Enrico Duprè» Lo francese! E addò sta?

FELICE: E ghiuto a fa digiunè e mò torna, dice che vò parlà afforza cu mè.

NINETTA: E comme, nun sta cchiù carcerato?

FELICE: E che ne saccio.

NICOLA: Signurì lo cafè lo porto dinto?

FELICE: Sì, sì, portelo dinto, mall’arma de mammeta. (Nicola via prima a destra.)Comme facimmo, che le dicimmo?

NINETTA: È na cosa brutta assaje.

FELICE: Ma scuse na vota che vuleva turnà, nun aveva mannà chella lettera. Mò a chi vò ncuità?

NINETTA: E se capisce. Jammuncenne, nun ce facimmo truvà.

FELICE: E chillo pò nun torna?

NINETTA: E allora partimmo, jammuncenne da na parte luntano.

FELICE: Nuje simme arrivate ajere, partimmo n’ata vota.

NINETTA: Facimmo vedé.

FELICE: Ah! Facimmo apposta. (A Nicola che esce:)Nicò quanno torna chillo giovane furastiere, le dice: so’ partite... e nun sai addò so’ ghiuto.

NICOLA: Va bene. Jateve a piglià lo cafè.

FELICE: Va bene, vì comme sì seccante tu e lo cafè! Vattenne fore e aspetta che vene lo francese.

NICOLA: Sissignore. (Via seconda porta a sinistra.)

FELICE: Ma so’ cose e pazze, sapete, chillo sta carcerato, e bello esce e vene ccà.

NINETTA: E nuje simme partite e nun nce stammo.


FELICE: E se capisce. Jammoce a piglià lo cafè. (Viano parlando prima porta a destra.)

SCENA TERZA

Concetta e Nicola, poi Michele.

NICOLA (con gran canestro):Trasite, trasite, signò.

CONCETTA (con borsa ed involti):Miette lloco, chesta è tutta biancheria.

NICOLA: Neh, signò, ma overamente ve ne venite ccà?

CONCETTA: Se capisce, io e maritemo, nce venimmo a stabilì dinto a sta casa nzieme co la figlia nosta. Mò venene pure li mobili.

NICOLA: Ah, facite proprio buono, accussì pare che stammo nu poco qujete.

MICHELE (con due valigie, ombrello, bastoni, e gabbia con uccello):Jammo, pigliateve sta rrobba!

NICOLA: Subito! (Toglie tutto dalle mani di Michele.)

MICHELE: Li facchine stanno sfrattanno la cammera de lietto e de lo salotto..

CONCETTA: Bravissimo. Mò vedimmo si le mparo comme se fa lo marito, mò vedimmo si tratta cchiù a figliema comme l’ha trattata fino a mò... Essa ajeressera venette ccà?

NICOLA: Sissignore, mò sta dinto nzieme co lo marito, se stanno piglianno lo cafè... hanno fatto pace signò.

CONCETTA: E chillo accussì fa, pare co la vò bene, che va pazzo p’essa, e pò la maltratta, la strille, le probisce tutto cose.

MICHELE: Eh, ma mò adda fa chello ch’adda fa, si no so’ guaje vì, so’ guaje.

CONCETTA: Nicò, dimme na cosa, quale cammera cride adatta pe nce mettere lo lietto nuosto maritale?

NICOLA: Chesta ccà la vedite. (Indica la prima porta a sinistra.)

CONCETTA (guardando):Chesta ccà? Veramente è nu poco piccerella, ma nun mporta, nuje ce cuntentammo. Michè, tu haje purtato lo metro?

MICHELE: Lo vì ccà. (Lo fa vedere.)

CONCETTA: E va piglie tutte le misure.

NICOLA: Vulite che chiammo a D. Felice?

CONCETTA: Nonsignore, e pecché? Nuje nun avimmo bisogno d’isso. Va, Michè.

MICHELE: Facimmo tutto cose nuje. (Entra prima porta a sinistra.)

NICOLA: Va bene. Cumannate niente cchiù?

CONCETTA: Pe mò niente cchiù, grazie.

NICOLA: Permettete. (Via a sinistra seconda porta.)

CONCETTA: Le voglio fa vedé chi songh’io. Eh, io so’ terribile, quanno me metto na cosa ncapo. (Via prima a sinistra.)

SCENA QUARTA

Achille indi Concetta.

ACHILLE (in smoking, con fiore all’occhiello):Embè, chello che succede a me io dico che non succede a nisciuno. Chella Bianchina s’è miso a fa ammore cu nu cammorrista, nun saccio comm’aggio scanzato na curtellata dinto a la panza. Chillo Felice me li combine tutte a me sti servizie.

CONCETTA (uscendo):Buongiorno.

ACHILLE: Oh, buongiorno. (E chesta comme sta ccà?) (Meravigliato.)

CONCETTA: Ah, capisco la sorpresa... vuje nun ve putiveve mai immaginà che io steve ccà... avete avuto la sorpresa, e se capisce... pecché mò finite di essere l’amico di Felice, il segretario, il confidente... fernite de cumbinà trastule e mbroglie, mò ce stongh’io dinto a sta casa... e faccio tutto io.

ACHILLE: Ma...

CONCETTA: Oh, basta sà, poche chiacchiere cu me. (Via.)

ACHILLE: Ma so’ cose de pazze... chist’è n’affare serio... ma me ne riuscesse una bona. E sta vecchia comme se trova ccà? (Alla porta di  Felice.)Felì, Felì?

SCENA QUINTA

 

Felice e detto.

FELICE: Ah, D. Achì buongiorno.

ACHILLE: Eh, buongiorno, si sapisse c’aggio passato.

FELICE: Ch’è succieso? Ati guaje?

ACHILLE: So’ ghiuto a lo teatro addò Bianchina, steve facenno la prova... neh, mentre ce parlavo, s’è accustato nu giovinotto e m’ha ditto: Comme site venuto mò nun ce venite cchiù, si no io v’accido comme a nu police... io zitto, capirai, non per paura, ma pe na specie de timore, zitto, zitto, aggio avutate de spalle e me ne so’ ghiuto.

FELICE: Avite fatto buono. (Io dico che sarria meglio a partì veramente, ce ne jammo a Palermo.)

ACHILLE: Ce ne jamme a Palermo, neh, Felì?

FELICE: No, non l’aggio cu vuje.

ACHILLE: Dunque te stevo dicenno, me ne so’ ghiuto da lo teatro e me ne so’ venuto ccà, nun so’ arrivato manco a trasì... è asciuta la mamma de Ninetta, m’ha fatto na cancheriata brutta assaje sà: chi site, che vulite, è meglio che ve ne jate co lo buono, si no ve ne fate malamente, mò cumanno io dinto a sta casa, poche chiacchiere.

FELICE: La mamma de Ninetta?

ACHILLE: Seh, sta dinta a chella cammera. Capirai, si chella vecchia sta ccà, tu nun può fa niente cchiù.


FELICE: Niente cchiù? Mio caro D. Achille, la mamma ched’è? La mamma sarria niente. Ccà ce sta la figlia.

ACHILLE: La figlia? Ninetta? È venuta ccà?

FELICE: Venette ajeressera, e me dicette tanta cose ca nun putite credere, e cu na grazia... cu na maniera... che saccio ajeressera me parette cchiù simpatica, cchiù aggraziata e l’ati juorne... insomma avimmo fatto pace, e nun la pozzo cchiù lassà.

ACHILLE: E lo francese?

FELICE: E ca chillo è lo ntuppo serio. Lo francese primma me screvette che nun puteva turnà cchiù, pe nu guajo c’aveva fatto a Londra, e pò stammatina è venuto.

ACHILLE: Tu che, dice? E comme faje mò?

 FELICE: Lo ricevite vuje.

SCENA SESTA

Nicola, Enrico e detti.

NICOLA (d.d.  gridando):Ma sissignore, ve dico ch’è partito mò proprio.

ENRICO (d.d.  parlando in francese):Ne pà, ne pà. Questo non poterlo credere, impossibile che sia partito, voi mentire per Dio, perché volete dire questa bugia. Io non credo... io aspettare qua fino stasera.

ACHILLE: Vedete che altra combinazione.

FELICE: Io aggio fatto dicere ch’ero partito, ma chillo nun s’ha creduto.

NICOLA (fuori): Signò, chillo lo francese nun se ne vò j, ha ditto che nun è overo che site partito.

FELICE: E che me lo viene a dicere a ffà? D. Achì, parlatece vuje!

ACHILLE: A me? E tu si pazzo! Bastantamente chello che aggio passato pe causa toja. Chillo sente che nun pò avè a Ninetta, e se la piglia cu me. (Soggetto.)

NICOLA: Che vulite fa?

FELICE: Oh, ma alla fine stu francese fosse nu lione, mò nce parle io! D. Achi, Nicò, mettiteve vicino a la porta e nun ve muvite, stammece attiento a tutte li movimenti che fa!

ACHILLE: Nun te ne incarricà, si se move le chiavo sta statuetta ncapo.(Da un mobile in fondo prende una statuetta di bronzo.)

FELICE (prende un candeliere):E io l’adderizzo lo canneliere ncapo. (Indica la fronte.)

NICOLA (prendendo il bastone che ha portato Michele):Io cuna mazzata de chesta lo sciacco.

FELICE: Fallo trasì. (Nicola via, p.t.:)Nun facimmo a vedé che ce mettimmo paura.

ACHILLE: E se capisce.

FELICE: Isso have tuorto. Quanno vuleva turnà pecché m’ha scritto chella lettera?

ACHILLE: È giusto!

FELICE: Coraggio e serietà!

NICOLA: Favorite. (Va a piazzarsi vicino a Felice col bastone nascosto dietro.)

ENRICO: Buongiorno signori.

FELICE: Buongiorno.

ENRICO: Perché dire a me che voi essere partito? Perché questa bugia?

FELICE: È stato un ordine che avevo dato per tutti. Certamente io sto in casa mia, e sono libero di non ricevere nessuno.

ACHILLE: Credo che sia cosa regolare!

ENRICO: Chi essere quella signora?

ACHILLE: (Quella signora, e che m’ha pigliato pe femmena?).

FELICE: Il mio amico, Achille Scorza, maestro di scherma.

ENRICO: Scorza? Ah, molto piacere. E signora Ninetta non essere qui?

FELICE: No, è uscita poco fa.

ACHILLE: Sì, è andata a messa.

ENRICO: Voi ricevuto mia lettera?

FELICE: Sissignore, e sono addoloratissimo dell’accaduto.

ENRICO: Ah, tutto aggiustato. Io venuto per dirvi che in Francia quando una persona manca sua parola, manca obbligo stabilito, paga penale.

FELICE: Ah, sì, e anche in Italia. (È meglio che pagammo na cosa.)

ENRICO: Molto bene. Sei mila franchi credete sia somma regolare?

FELICE: Sei mila franchi? Ma scusate...

ENRICO: Allora ottomila?

 FELICE: Ma...

ENRICO: Dieci mila?

ACHILLE: (Accetta si no chisto arriva a 20 mila!).

FELICE: Va bene, accetto per 6 mila.

ENRICO: Per 6 mila? Oh, voi essere molto gentile, molto galantuomo. Mersì! (Dal portafogli prende una carta e scrive, poi.)Vuolà, uno chèque a voi girato.

FELICE: A me? Uno chèque?

ENRICO: Sì, sulla Banca Commerciale. Io mancato parola data e pagare voi. (Dà la carta a Felice.)L’inglese Boiveld che io ferito al fronte, non ho fatto querela, né pretendere danni, perché io sposare sua figlia, io allora subito accettare.

FELICE: Ho capito, e vi siete ammogliato?

ENRICO: Sì, molto bene.

ACHILLE: Eh, scusate, 6 mila lire di penale so’ poche.

FELICE: E si capisce, caro signore.

ENRICO: Ma voi avete accettato.

FELICE: E già, ho accettato. (Pe bia vosta, aggio perzo 4 mila lire a mano a mano!) Non ne parliamo più (Chiamando:)Ninè, Ninè, viene ccà siente na cosa curiosa.

SCENA ULTIMA

Ninetta e detti, poi Concetta, Michele, e Nicola.

NICOLA (uscendo):Ch’è stato? Uh, che veco, Errico!

FELICE: Lo francese m’è venuto a dicere che s’è nzurato, s’ha pigliato la figlia de l’inglese, chillo che isso sciaccaje.

ENRICO: Sì, per evitare danni, spese e prison.

NINETTA: Oh, avete fatto molto bene.

ENRICO: Io molto commosso.

NINETTA: Io niente affatto.

ENRICO: Molto benissimo. Voi essere sposati?

FELICE: In tutta regola.

ENRICO: Molto bravo... e buona fortuna.: Scusatemi, fare subito la partita, tenere molti affari.

FELICE: Buon viaggio.

ENRICO: Mersì madame, messiù. Bujur a tu le mond. (Via.)

ACHILLE: Vì che bello tipo!

FELICE: Ninetta mia! (S’abbracciano.)

CONCETTA (uscendo):Ah, finalmente! Avite fatto pace?

NINETTA: Sì, e vi assicuro che nun nce appiccecammo cchiù.

FELICE: Nun ce lassammo cchiù.

ACHILLE: Molto benissimo!

CONCETTA: E vulite che stammo cu vuje, che facimmo una casa?

FELICE: No, chesto no, pecché si vuje state ccà, doppo tre ghjuorne nce spartimmo n’ata vota.

MICHELE: Dice buono. Concè, è meglio che stammo sule.

CONCETTA: E allora nun facite chiacchiere, nun facite ridere la gente.

FELICE: E chesto manco pò essere, pecché ccà, ritenete, si nun facimmo ridere la gente, è guajo pe nuje! (Al pubblico.)

(Cala la tela.)

Fine dell’atto quarto

Fine della commedia

    Questo copione è stato visto
  • 0 volte nelle ultime 48 ore
  • 3 volte nell' ultima settimana
  • 12 volte nell' ultimo mese
  • 85 volte nell' arco di un'anno