‘Na storia di… nenti

Stampa questo copione

Scheda lavoro Il FILO

‘NA STORIA DI …NENTI

Mario Palermo

SKETCH

Stanza d’ufficio:  scrivania – sedie – telefono – pratiche sparse.

Ai tempi d’oggi.

Personaggi(3):

 

Centamore Biagio – Avventore

Colaianni Andrea – impiegato

Direttore  

Impiegata avvenente

***

IMPIEGATO – Fozza, avanti n’autru. Cu veni? Numiru 741,  7, 4 e 1.

AVVENTORE – TERNU! Cà, cà  sugnu! Bongiorno! Finalmente!Havi di stamatina e sei ca fazzu u turnu. CINQUE ORE! Non ni pozzu chiù! Appoi cu ddu schifiu ca fanu…i ciriveddi, mi stanu scoppiannu! Ppi non diri do fetu da surura…lassamu perdiri.

IMPIEGATO – Và, và, non esageriamo. Il turno dalle sei!

AVVENTORE – Sissignore, dalle sei e già era o numiru 326.

IMPIEGATO – Scusi, ma allura, ppi essiri ccà alle sei, a chi ura si susiu?

AVVENTORE – Alle quattro. Alle cinque partii da casa, ddò paisi, e alle sei fui ccà! In fila! Ccò scuru.

IMPIEGATO – Va bè! In quale ufficio deve andare?

AVVENTORE – Comu? Ccà no?

IMPIEGATO – Si ho capito ma esattamente in quale Ufficio?

AVVENTORE – Senta ci dissi ccà. In questo Ufficio.

IMPIEGATO – Bonu va, e comi ci l’haiu a fari capiri, mi stanu scoppiannu i ciriveddi.

AVVENTORE – Ah! Sta vidennu ca macari a lei ci scoppiunu!E allura pirchi mi dici ‘nta quali ufficio haju a jiri? Non è questo l’ufficio?

IMPIEGATO – Senta ma ci è arrivata una carta ca ci diceva di veniri ccà..

AVVENTORE – E infatti mi è arrivata.

IMPIEGATO – E unn’è?

AVVENTORE  –  A casa. Picchì l’hava a purtari?

IMPIEGATO – Certu ca l’hava a purtari! No!?

AVVENTORE – Noo!!

IMPIEGATO – Ma come no. Là c’è scritto dove deve andare.

AVVENTORE – Si c’è scritto in questo Ufficio. Ma non c’è scrittu ca l’hava a purtari!

IMPIEGATO – Si in questo Ufficio, ma esattamente dove?

AVVENTORE – Si ma…esattammente..ccà!

IMPIEGATO – Bonu và! E chi mu lassanu i morti? E unni u pigghianu a chissu , all’opira ‘e pupi? Senta, vidissi ca ccà intra semu chiassai di ducentu e si lei non mi dici dove deve andare, io non la posso aiutare.

AVVENTORE –  Senta ci dissi ca a mia i ciriveddi già antura mi scoppianu. Ma ora non sacciu chiù mancu unni l’haiu a circari ppi cugghirili.

IMPIEGATO – Oh! Santa Genoveffa! Vidi chi mi nni vinni a mia a stamatina.

AVVENTORE – E a mia stanotti! E quattru mi susii ppi veniri ccà e aspittai cinque ore pi trasiri. Ma poi picchi santa Genoveffa?

 

IMPIEGATO – Chi sacciu? Picchi… chissu mi vinni e.. chissu dissi. Comunque, vediamo se la posso aiutare

AVVENTORE – Oh! chissu si chiama parrari comu i cristiani.

IMPIEGATO – Dunque: Come mai e perché lei è qua?

AVVENTORE – Senta ora m’hanu a ricoverari appidaveru! Chi vo diri come mai

e perché sono qua? Ma pirchì pozzu essiri contemporaneamente a ‘nautra banna si sugnu ccà? Chi haju il dono della BIQUITA’?

IMPIEGATO – Si bonu! Casu mai si dici ABIQUITA’

AVVENTORE – E non lo so e non m’interessa comu schifiu si chiama!

IMPIEGATO – Senta le ho detto ca ju stai circannu in tutti i modi d’aiutarila, ma lei a mia non m’aiuta ppi nenti a aiutarila.

AVVENTORE – I ciriveddi mi stanu scppiannu ‘nautra vota! Perciò, mi facissi capiri, lei ca dici ca mi voli aiutari voli l’aiutu di mia?  Scusi ma allura si jù ci puteva e doveva dari aiutu a lei ppi putirimi aiutari, c’era bisognu ca poi lei mi dici ca puteva aiutari a mia? Ca mi dava aiutu jù stissu.No? Ma vadda che bella! Chista non l’ava sintutu mai! Unu ca dici ca voli aiutari, voli aiutu di chiddu ca ha aiutari! E chi c’è bisognu? Senta,  mi dicissi ‘na cosa:  A lei picchi ci ‘ù tenunu ccà? Accussì i ciriveddi…addiu!

IMPIEGATO –  Senta a sta vidennu a porta di unni trasiu? Se ne vada e non ha succidutu nenti! HA SENTITO(a voce alta)?

AVVENTORE – (a voce alta) HO SENTITO! E è così ca lei mi aiuta? E ppi giunta voli essere aiutatu di mia. Ma se ne vada.

 

IMPIEGATO – Senta se c’è uno che se ne deve andare e proprio lei. Questa è casa mia!

AVVENTORE – Ma u sintiti? I ciriveddi ci scoppianu! Chista è a sò casa! E ogni matina avi tutti sti invitati a so casa? Lei egregio signore ca sta assittatu ddocu arreru u sapi chi fa? U sapi?

IMPIEGATO – No,non lo so e non lo voglio sapere!

AVVENTORE – E io ce lo dico lo stesso. LEI DUNA I NUMIRI! Si facissi vidiri.. ma no di unu accussì…di unu bravu,…di un prufissuri… perché il suo caso è gravi, gravi appidaveru!

IMPIEGATO – (voce alta, alterata) Basta! Se ne vada le ho detto! Esca fuori! ESCAAA…!

AVVENTORE – (voce alta, alterata)ESCA LEI..!

VOCE FEMMINILE FUORI CAMPO .SOTTOVOCE(dietro la porta) :  - Lasciami per ora che ci vedono. Fra un po’ vengo io. Fermo! Vengo subito.

(ENTRA DALL’INTERNO UN SIGNORE DISTINTO, BEN VESTITO, IL DIRETTORE )

AVVENTORE –(fra sé) Min…!

DIRETTORE – Beh! Che succede qui? Che cos’è  successo, che si sentono le voci fino in fondo al corridoio?

IMPIEGATO – Oh! Direttore! Buon giorno! No niente è che il signore è un po’ sordo d’orecchi e così devo alzare il tono della voce per farmi sentire.

 

AVVENTORE – Veramente..(fulminato dallo sguardo dell’impiegato) si! Sono un poco surdu d’aricchi.

DIRETTORE – Ah, bene, bene Colaianni, allora tutto a posto. E poi(a voce un po’ più alta per farsi sentire dal presunto sordo) il pubblico viene prima di ogni cosa!E se è in difficoltà deve essere AIUTATO e mai SDIRUBBATO! Si ricordi la circolare Colaianni.

IMPIEGATO – Certo direttore! Mi ricordo perfettamente, signor direttore!

IMPIEGATA  -  (entrando, con fare e vocina accattivante) Direttore ora sono libera …per quella pratica … che lei sa.

AVVENTORE –(fra sé, guardando l’impiegata) Minchiuni!(presentandosi alla donna). Permette Cent…amore.

IMPIEGATA  -  (sospirando) Ah! Cento…Bravo, bravo!

AVVENTORE – Modestamente…

DIRETTORE -  Scusate ma, come si suol dire,  il dovere mi chiama! Egregio signore lei qui ha trovato il massimo, è stato fortunato!

AVVENTORE –(fra sé) Min…!

DIRETTORE - ….e se qualcosa non va, venga pure da me, nella mia stanza. Ma non ora, fra un po’.  E si faccia  annunciare, che l’aiuteremo. Vero Colaianni? Per prima cosa il pubblico!  Buon giorno! Buon lavoro!

AVVENTORE –  Buon… lavoro a lei!...Ah! Ca c’è nautru ca mi voli aiutari. Tutti mi vonu aiutari a stamatina. E sunu chiassai di  cincu uri  ca sugnu ccà  e mi susii ‘e quattru.

IMPIEGATO – Allora ha sentito il direttore? Tutto bene signor….signor…signor?

 

AVVENTORE – E chi addivintau babaleccu? Chi fu l’effettu do diritturi? Chiddu ppi com’ora… havj chi fari. ‘Na pratica e macari… urgenti! Ca saluti!

IMPIEGATO – No! Eh,eh! Dico…lei cu è?

AVVENTORE – Comu cu sugnu? Che cosa voli diri cu sugnu? Non è ca ora accuminciau ‘nautra vota a farimi scattiari i ciriveddi…… Vidissi ca mi nni vaiu ‘nto diritturi!(fà per alzarsi)

IMPIEGATO – No fermu! Eppoi è occupatu. S’accomodi. Dico va(come per presentarsi)….ju…Colaianni e lei?

AVVENTORE – No jù nenti ancora ppi furtuna! Però alla sua età! Chi schifo! E picchì non usa i pannoloni comu fanu i cristiani? Vdissi ca i passa macari a mutua!

IMPIEGATO – Senta ma chi capiu lei?

AVVENTORE – Comu chi capii? Lei mi ha detto…COLA …IAMMI e jù ci dissi ca per evitare u schifiu la USL ci duna i pannoloni. Ci purtassi a ricetta do medicu e i pigghia ‘nta farmacia. Lo vede che io la sto aiutando? Ci sto dicendo per lei una cosa ca non sapeva e perciò, come vede, la sto aiutando. Non è dicu ca ci l’haiu a diri o diritturi ca… havj chi fari?Veru? 

IMPIEGATO – Ma no. Ma no! Io ho detto il mio nome Colaianni e lei ha sentito cola …iammi. Ma stia tranquillo che la voglio aiutare. Insomma….lei chi voli?

AVVENTORE – Comu chi vogghi jù? Chi voli lei!

IMPIEGATO – Ma se è venuto lei!

AVVENTORE – Ma pirchi lei ppi essiri ccà non vinni? Oppuri(guardando sotto il tavolo) avi i rarichi? Non mi pari!  

IMPIEGATO – Si! Ma io vengo per il mio lavoro. Lei per che cosa viene?

AVVENTORE – Pirchì mi dissuru di veniri ccà.

IMPIEGATO – Si ho capito. Ma ora ju dico a lei….perché e come mai?

- SQUILLA IL TELEFONO -

IMPIEGATO – si pronto….si scendo subito…(chiude) Scusi un attimo torno subito.

AVVENTORE – Ma comu si nni va? Chi mi lassa ccà sulu?

IMPIEGATO – Ma no! Certo che non lo lascio solo. Solo un attimo, se ci permette dopo oltre cinque ore ho diritto a un caffè ccà sutta ‘nta machinetta…chi fa ce lo porto unu?

AVVENTORE – Si grazie. Troppo gentile!

IMPIEGATO – (esce e rientra quasi subito)Mi dispiaci ma non haiu soldi spicci. Ci vonu 30 centesimi e spicci ‘nta machinetta.Non mi nni puttai picchi l’autra vota mi rumpenu …i sacchetti. Lei pe casu nons’attrova….?

AVVENTORE – Ah si ! Ecco però ci ho solo 1 euro.

IMPIEGATO – Va bene. A machinetta ci torna u restu!

 

AVVENTORE – Ah, va bene! Aspettu.

IMPIEGATO – (torna da lì a poco)

AVVENTORE – E u mè cafè?

IMPIEGATO –Ah! Mi  dispiaci ma quanno ci misi i soddi ppò sò cafè a machinetta non funzionau cchiù. E andata fora serviziu.

AVVENTORE – Fora di ciriveddu…

IMPIEGATO – ….serviziu! Tenga il resto e grazie.

AVVENTORE – Grazie a lei….ma comu sulu 10 centesimi?Ci desi 1 euru?

IMPIEGATO –E certu scusi.Il caffè non è 30 centesimi ‘nta machinetta? 

AVVENTORE – Si.

IMPIEGATO – E allora: 30 centesimi ppò mè cafè, 30 ppì chiddu ddò collega e 30 ppi chiddu so. E quanto fanu? 90. Quindi arrestun 10 ca su chiddi ca ci turnai.

 

AVVENTORE – Scusi ma propriu u mè cafè non fici picchì ju fora serviziu!?

IMPIEGATO –Appunto, nò fici pichi ju fora serviziu!

AVVENTORE – E i soddi?

IMPIEGATO – Le ho detto ca s’immuccau e ju fora serviziu!

AVVENTORE – (confuso) Ah! Bene …a postu!

- SQUILLA IL TELEFONO -

IMPIEGATO – Scusi…pronto…..si sono io….no….sono con un gentile signore….si….ho capito……quasi pronto…..va bene …..va bene, va bene ….ciao.

Scusi era mia moglie!

AVVENTORE – Ah! Sua moglie! Dunca unni erumu arrivati ? A machinetta do cafè ca ju fora serviziu!

IMPIEGATO – (si alza, prende la giacca, chiude i cassetti della scrivania) Bene e ora, egregio amico la saluto perché macari jù vaju… fora serviziu!

 

AVVENTORE – Comu fora serviziu? Dopo na matinata ca sugnu ccà, 5 ore a aspittari davanti a sò porta e 1 ora ca sugnu ccà intra e non amu cunchiurutu nenti? E chi si nni po’ jri?

IMPIEGATO – No …mi nni pozzu jri. ME NE DEVO ANDARE. Non posso più restare in ufficio. Non sono più autorizzato. Non haju più assicurazione. A circolare parra chiaro. Ci addumannassi o diritturi si già non si n’ha jutu. Eppoi scusi, si ci permetti, macari ju haju dirittu.

AVVENTORE – Ma comu? E sicuru? Chi dici?

IMPIEGATO – Certu ca sugnu sicuru! Scusi lei non ha detto che di quannu rapiu l’ufficio ha aspettato cincu uri prima di trasiri ‘nta mè stanza? E ora non ha detto ca di quannu trasiu passau ‘nautra ura? E in totale quantu fanu? Non fanu sei ore? E tanto dura a mè jurnata di travagghiu. La saluto e s’ha aiutassi a nesciri prima ca u chiurunu ccà intra. Arrivederci. Po’ turnari dumani, si voli.

AVVENTORE – Ma comu diumani! Scusi, ma allura do’ numiru ca pigghiai a stamatina u 741, dicu 7,4 e 1 chi mi nni fazzu?

IMPIEGATO – SI JUCASSI PPI TUTTI I ROTI E S’AIUTASSI, PRIMA CA     

                          CHIURUNU MACARI U BANCU LOTTU!

AVVENTORE – (guarda esterefatto il pubblico)

                                                       

FINE

    Questo copione è stato visto
  • 1 volte nelle ultime 48 ore
  • 13 volte nell' ultima settimana
  • 49 volte nell' ultimo mese
  • 476 volte nell' arco di un'anno