‘Na storia d’onore

Stampa questo copione

Trama

Siamo a Trastevere, Spartaco esce dal carcere dopo due anni , perché scagionato per l’ omicidio dello Scarparo. L’ aveva trovato, esamine in via del Mattonato, mentre tornava a casa. Era stato arrestato mentre era  inginocchiato accanto all’accoltellato. Lo Scarparo prima di morire gli aveva fatto il nome dell’assassino. Era stato Peppe er cravattaro, che l’aveva colpito per un debito non pagato. Spartaco non era stato creduto dalle forze dell’ordine e nessuno poteva intercedere in suo favore. Invece  al momento del fattaccio era presente Gnappetta, un trasteverino codardo e squattrinato, ma non aveva testimoniato perché ricattato dall’assassino usuraio al quale doveva restituire una somma di denaro. Peppe in seguito viene accoltellato, ma  prima di morire scagiona Spartaco, che viene scarcerato. Appena uscito Spartaco, va alla ricerca di Gnappetta, perché qualcuno in carcere gli ha fatto la soffiata. Ad accoglierlo ci sono, la fidanzata Nina, il delegato Cacace, Ginetta ed Anita. Tutti cercano di dissuaderlo dalla vendetta, ma Spartaco non sente ragioni. L’infame deve pagare. Qualche giorno dopo si trova davanti Gnappetta e lo sfida a duello, ricevendo in risposta un rifiuto. Cosa doveva fare il povero Gnappetta? Se diceva chi era stato a commettere l’omicidio del Panico sarebbe passato da spia ed avrebbe dovuto vedersela con Peppe er cravattaro, ma non avendolo detto sempre spia è rimasto. Ma oramai Spartaco deve salvare l’onore. Fortunatamente arriva il delegato Cacace, avvisato da Ginetta, che blocca il duello e costringe Spartaco a desistere. Per punire Gnappetta e per disonorarlo ci sono  un altri modi……

Personaggi

Nina                   donna Spartaco

Spartaco            pesciarolo

Cacace              delegato

Anita                  meretrice

Gnappetta         trasteverino

Ginetta              trasteverina

N° 10 brani musicali da scegliere nel repertorio delle “Canzoni   romane”.

Scena unica

Musica introduzione. Arie di Roma

Ambientazione. Sullo sfondo del piccolo palco una fune con dei panni stesi. C’è una signora anziana,  vestita di nero che stende i panni prendendoli da una cesta.

Entra Nina . Alle spalle

Canzone Nina

Nina:                A nonnè sempre a stenne li panni, ma nun v’ ariposate mai?

Vecchia:           Che te voi ariposà, fijetta bella, ‘na vorta ciavevo artre cose da fa. Mo’ m’è rimasto solo questo.

Nina:                A nonnè…..e che voi fa!  Ma a li tempi tua dicheno che eri n’na bella donna e che hai stesi parecchi de  ommini.

Vecchia:           Eh….. mo’ invece o vedi? Me tocca stenne i panni.

Nina:                Allora  ve saluto, s’arivedemo nonnè!

Nina esce. Si sente rumore di passi. Entra Spartaco . La nonna continua nel suo lavoro mentre parla.

Vecchia:           Sta’ camminata a conosco e’ sto rumore de passi ce lo  so che nun porteno gnente de’ bono.

Spartaco:          A nonnè? E come fai a riconosce quarcuno da come cammina?!

Vecchia:           A Spartaco io nun me posso sbajà, t’ho visto cresce! A proposito è annata via proprio adesso Nina, ma nun ve sete visti?

Spartaco:          Da mo che l’ho vista!

Vecchia:           Allora è parecchio che sei scito dar gabbio.

Spartaco:          Che saranno, un par de giorni.

Vecchia:           O sai che me fa piacere rivedette!  E conti de’ stacce lontano?

Spartaco:          (Ride) Nonnè, ma che ve do’ impiccio?

Vecchia:           Ma quale impiccio e impiccio! Solo che gira ‘na chiacchiera. Dicheno che stai a cercà Gnappetta?

Spartaco:          Ma chi è che a manna in giro sta’ chiacchiera?

Vecchia:           Aò, così o ‘nteso e così te dico!

Spartaco:          Li cazzi sua dentro sto’ quartiere …..nun si fa proprio nissuno!

Vecchia:           E che nun lo sai?! Te fai notizia!

Spartaco:          Ma davero?

Vecchia:           Certo che io nun ce vorrebbe sta’ ar posto de’ quer cristiano.

Spartaco:          Ancora o chiami cristiano, tacci sua!

Vecchia:           E mo’ che voi fa’?  Te voi aricchì n’artra vorta?

Spartaco:          A nonnè, come se dice: “ Chi nun salisce qui du scalini,  nun è romano”.

Vecchia:           A me pare che ‘n vizio de famija. Ma che te sei già scordato che sei appena scito?

Spartaco:          Vedi nonnè, a me da fa er carcere nun me mette paura, perché chi fa quello che faccio io, lo mette in conto, ma sto’ ggiro nun c’entravo gnente! E’ proprio questo che me  fa ‘ncazzà !

Vecchia:           Lassa corre fijo, che incazzatte te po’ servi solo a fatte riaprì e porte der gabbio.

Spartaco:          Te pare facile lassà corre! Dice che esiste er perdono, ma io nun so er Padreterno…..e solo Lui pò perdonà. Qua stamo in mezza a’ strada e la legge nostra dice che chi fa l’infame la deve da pagà.

Canzone Spartaco

Spartaco:          Hai capito nonnè?

Vecchia:           E  che so scema? Fijetto mio, a zinna che ci ha dato er latte è sempre a stessa.

Spartaco:          Sì’, ma a  me sti du’ anni che me so fatto,  chi mi ripaga?

Vecchia:           E che mo’ dichi a me? La croce l’aregge Iddio.

Spartaco:          Ma questa l’ho aretta io! 

Vecchia:           Io te posso consijà solo de’ nun fa stronzate, poi fa come te pare! Mo te saluto che s’è fatto tardi.

La Vecchia prende la cesta e fa per uscire. In quel momento entra il delegato Cacace

Vecchia:           Ahhhh…echelo tiè, ce mancava la madama! A Spartaco pijateli te sti’ sordi spicci.Ciao core.

Spartaco:          Ve saluto nonnè.

Cacace:           Ah…e bravo u’ guaglione, e quando ti hanno rilasciato, che io n’aggio saputo niente.

Spartaco:          A delegà, se vede che contate poco….

Cacace:           Spartaco, ma tu mo’ sei uscito e già vuoi rientrare? Dimmelo che io non ci metto niente e poi vediamo quanto conto….

Spartaco:          E come pijate subbito d’aceto, ma che nun se po’ nimmanco scherzà?

Cacace:           Scherza con i fanti, ma non scherzare con i santi.

Spartaco:          Ma a delegà, ma io l’aureola nun la vedo, ma che l’ avete lassata a casa?

Cacace:           Ah…. allora mi vuoi sfottere. Guagliò,  ma che te mise ‘n capo. Vo verè che te fazzo passa nu’ vuaglio, mo’mo’.

Spartaco:          Comandà, fateme er favore….nun me fate perde tempo, che devo anna  aprì bottega.

Cacace:           Va và…va aprì bottega, ma attenzione a come ti muovi, che a bottega ti ci rimando io, siente a me.

Spartaco:          Che devo sentì?

Cacace:           Chello can un vuò sentì, fa’ vedè’ ca’ nun ce siente.

Spartaco:          E che vor dì?

Cacace.           Che mi stai nascondendo qualcosa.

Spartaco:          Ma chi, io?

Cacace:           Tu..tu. Casualmente aggio sentito arintra i vicoli , che stai cercando ‘na capo e cazzo comm’ a te.

Spartaco:          Delegà, mo’ me state a offenne?

Cacace:           Perchè che vuoi dire, che no sei ‘na capa e cazzo? Si eri nu guaglione co’ la capa giusta, arintra a galera nun ci trasivi, parliamoci chiaro, Spartaco.

Spartaco:          A delegà o’ sapete pure voi che io con quella storia nun c’entravo gnente, ma ve serviva er corpevole e me l’avete accollata.

Cacace:           Figlio mio, che ti debbo dire, io ho dovuto fare il mio dovere, t’aggio truvato cu’ nu curtiello a mano, tutto sporco e sangue……dimmello tu che avrei dovuto fare?

Spartaco:          Infatti nun avete fatto gnente, du’ anni dentro ce so stato io.

Cacace:           Ma vedo che questi due anni non ti sono bastati. Che hai deciso?

Spartaco:          Intanto vado aprì bottega e me vado a guadagnà ‘sti du sordi, poi chi o po’ sapè?

Cacace:           Non ci vuole molto a capire chell che voi fa! Aricuordete, Spartaco,  che chello che faie t’’o truove. 

Spartaco:          E vabbè vor di…. che m’arischio! Ve saluto delegà.

Cacace:           E va va…..è proprio vero che chi nasce ciuccio…ciuccio se ne more.

Spartaco esce.

Musica introduzione. Entra Gnappetta con un boccale in mano.

Gnappetta:        Bono sto cannellino. Come dicheno: “Vale più un bicchiere de Frascati, che tutta l'acqua der Tevere”.

Cacace:           Vue vuè….vuè, è cann è!  E’ cchiù fesse songo sempe ‘è prime a  farse sentì.

Gnappetta:        Ma che state a parlà commè?

Cacace:           Ma pecchè, sta verenn n’atro fesse, accà? Visto che ci siamo, caro Gnappetta, ti volevo avvisare che sarebbe meglio che non  ti facessi vedere da questi paraggi. Vattinne e facimm ambress….

Gnappetta:        E da quanno er quartiere è vostro?

Cacace:           Jà…nun fa u’ scem Gnappè, hai capito bene di cosa sto parlando. Ma tant accà facite tutti comm cazz vulite vuje. Guagliò , mo’  tò diche, chill te sta cercanne e tu o sai pecchè. Mo’ statte accuorto…. po’ fai come cazz voi tu.

Gnappetta:        A delegà ve ringrazzio d’avemme avvisato. Vorrà dì che “ Starò accuorto”…ho detto bene.

Cacace:           Ma vafanculo! Va a fa del bene agli sciemi va!

Cacace esce imprecando.

Entra Ginetta ancheggiando intonando una canzone a braccio

Gnappetta:        (Fischio) Ammazza Ginè…. c’ hai ‘n culo che te parla.

Ginetta:            Sì, e te dice puro quanto sei stronzo.

Gnappetta:        E così m’offenni.

Ginetta:            A Gnappè e che te voi offenne. Chi pe’ ‘sti mari va, sti pesci pija.

Gnappetta:        E che te paro ‘n pesciarolo!

Ginetta:            No me pari  ‘no stronzo. Ma quann’è che capisci?

Gnappetta:        Allora famo che ho capito. Andò vai de bello? Te posso accompagnà?

Ginetta:                        Lassa perde che a me nun me serve l’accompagno.

Gnappetta:        Invece te po’ servì…che te vedo come ‘na gazzella sperduta che pare che te ponno mozzicà puro le pecore.

Ginetta:            E se vede così tanto tutta ‘sta paura?

Gnappetta:        Eccome,  che nun se vede! Viè qua ‘namo attaccate ar braccio de sto’ mandrillo che te faccio fa ‘n figurone.

Ginetta:            Che me faresti fa te?

Gnappetta:        Quello che ho detto! Ma nun vedi che so’ bello come il sole?

Ginetta:            Seh….ma se vede che ar sole te ce sei avvicinato un po’ troppo!

Gnappetta:        E perché?

Ginetta:            (Ride) T’ha bruciato er cervello…. a scemo!

Gnappetta:        Ma che ci avrai da ride?

Ginetta:            Bello te, ma a casa tua ci avete li specchi foderati de legno?

Gnappetta:        Ginetta mia, ‘ndo’ guardi guardi nun te poi sbajà….io so tutto bello.

Ginetta:            Ahhahahhahah… dicheno che da piccolo eri così brutto che tu madre anziché spigne la carrozzina, la tirava pe’ nun vedette. E  mo’ sei ancora peggio!

Gnappeta:         Seh!  Pija pure per culo, a me le donne me corrono appresso cor materasso. Hai capito Ginè?

Canzone Gnappetta.

Ginetta:            Aahhahh…a Gnappè, ma famme ride!

Gnappetta:        A Ginè, uno mejo de Gnappetta ancora a’ da nasce. Dovessi esse onorata de conoscemme.

Ginetta:            E dimme ‘n po’, che avessi fatto pe’ meritamme st’ onore?

Gnappetta le alza  prima i capelli e poi le tocca il collo.

Gnappetta:        Perché ci hai le labbra carnose, i capelli de’ seta e la pelle liscia come ‘na persica.

Ginetta:                        Bono co’ ‘sta mano…. che te la strancico a mozzichi.

Gnappetta:        Ma che devo dafà cottè!

Ginetta:            E che voi fa. Te poi annà a fa dà nder culo da ‘n frate sordo.

Gnappetta:        E perché proprio sordo?

Ginetta:            Cosi’ quanno dici basta, nun te sente!

Gnappetta:        Ma nun te se strigne er core  a trattà male n’omo che se farebbe ammazza pe’ te?

Ginetta:            Seh, te te farebbi ammazzà pe’ me, pè mi sorella…pe’ mi nonna…...pè n’artra ! A Gnappè te ci hai er core a spicchi come l’ aranci. Lassa perde, nun m’ acciaccà l’ova che commè poi solo che  annà ‘n bianco!

Gnappetta:        A me le donne che se la tireno, m’ arazzano de’ più.

Ginetta:            E tanto come stamio arimanessimo. Ma che me devo da tirà co’ te, che si poco poco te  dovessi fa vedè mezza coscia, me caschi pe’ terra come li cojoni de mi nonno.  Dimme ‘npo’ Gnappè, da le parti tue quer tipo de donne nun ce stanno?

Gnappetta:        E che vado pè mignotte? Ce stai te Ginè…

Ginetta:            Mo stai a cacà fori der vasetto. Chiudi sta bocca de ciavatta e pensa  prima de parlà,  che  si lo dico a chi so io, te faccio aprì come ‘n abbacchio.

Gnappetta:        Sto’ a cazzarà Ginè…..e come piji subbito d’aceto!

Ginetta:            Io mo’ to’o dico ! Vedi da sta ‘n campana Gnappè,  gira voce che Spartaco te sta a cercà.

Gnappetta:        Daje pure te co sta storia? E sti grancazzi che me sta a cercà?

Ginetta:            Si fossi ‘n te io me n’annerebbe e de corsa pure.

Gnappetta:        Io qua abito, mica posso annà a dormì sottofiume? E poi, checciò da spartì co’ Spartaco?

Ginetta:            A Gnappè e come se dice, voce de popolo voce de Dio. Te ne sai gnente?

Gnappetta:        Chi io? Io me so’ sempre fatto l’affari mia!

Ginetta:            E proprio perché te sei fatta l’affari tua che sta a cerca! Mo’ si l’hai capita….

Gnappetta:        Io capisco chemo’ s’è fatta na certa e me ne devo annà. S’arivedemio..a  bella da tutti li pizzi!

Ginetta:            E vattine va…va…e vaaaa….

Gnappetta esce con l’inchino

Canzone Ginetta.

Ginetta esce. Sul finale della canzone entra Spartaco e comincia a sistemare della roba sul carrettino. Passa Anita.

Spartaco:          Annamo venite donne che Spartaco vostro ci ha er pesce fresco a tutte l’ore. E’ bello che pronto, dovete solo da tastallo.

Anita:               A Spartaco se sente che sei scito. A voce tua ariva ‘nfino a San Cosimato.

Spartaco:          Anita mia, a voce l’hai riconosciuta, speriamo che nun te sei scordata tutto er resto.

Anita:               Vedo che er carcere t’ha ringalluzzito.

Spartaco:          E certo, e mo me devo rimette a paro.

Anita:               E pensi sempre a quello…pensi.

Spartaco:          E so du anni che gioco da solo. Ci  ho li calli a le mano!

Anita:               Seh, fa o scemo , che si te sente Nina te sei aripulito. Però devo di che me fa piacere da rivedette.

Spartaco:          Anita, e che me ce volevi fa  arimanè. Ahò, manco so’ scito e m’è toccato rimetteme pure a lavorà…..che sto’arègge er fiato co li  denti.

Anita:               A Spartaco e te la posso dì ‘na cosa.

Spartaco:          Dimme dimme, bella palloccona mia…so’ tutto recchie.

Anita:               Nun sai manco quello che te vojo dì e già te sei ingrifato?

Spartaco:          Quello che dichi dichi, quello che dichi me va bene.

Anita:               E te volevo dì, che te vedo mejo. Sembra come si er carcere t’avesse ringiovanito.

Spartaco:          Ah…venghi bene, famme grattà! Vabbè,  che te posso dà?

Anita:               Sto’ pesce (indica)

Spartaco:          Anita. E daje, che passa gente.

Anita:               Ma che hai capito, a Spartaco?

Spartaco:          E che ne so? Vedo che stai a guardà da ste’ parti, ma famme capì  che voi, er pesce o er pesciarolo?

Anita:               Io vorrebbe er pesce der pesciarolo….. però dico quello.

Spartaco:          Ahhhahhha…Anita… me stai a mannà ar manicomio! Che dovemo da fa?

Anita:               Ma perché nun posso guardà la merce?

Spartaco guarda la scollatura della Anita.

Spartaco:          Allora a guardo pure io la merce.

Anita:               Tiè guarda, tanto nun costa gnente.

Spartaco:          Ammazza che meloni, che dichi si famo a cambio merce?

Anita:               Bisogna vede si sto’ cambio me conviene.

Spartaco:          Famio che io te do er pesce e tu me dai i meloni . Che poi i meloni cor pesce, so’ come er cacio sui maccheroni.

Anita:               Guarda che te sbaji, cor melone ce sta bene er presciutto.

Spartaco:          Ognuno ci ha li gusti sua.

Anita:               Mo te sei fatto capì. Come se dice: “ Chi caca sulla neve poi se scopre”.

Con gli occhi sempre fissi sulla scollatura di Anita.

Spartaco:                     Allora che famo?

Canzone Anita.

Entra Nina

Nina:                Scusate, ve posso disturba?

Anita:               Ciao Nina!

Nina:                A Spartaco, nimmanco sei scito e già vai co’ ste mignotte da du sordi?

Anita:               No te sbaji, io so na mignotta de lusso che,  quanno vole,  ce mette pure er sentimento.

Spartaco:          Ma te devi fa sempre ariconosce?

Nina:                (Risata) Ma na sentite questa, er sentimento! Ma de che parli?

Anita:               A Nina, si cerchi rogna oggi me ce trovi!

Nina:                Aò a cometechiami? Che pensi da metteme paura? Vedi d’annattene sinnò me te metto all’anima.

Anita:               Si, de li mortacci…

Spartaco:          Ahò… bone…

Nina fa per andare addosso ad Anita. Interviene Spartaco.

Spartaco:          …e vedete de piantalla co’ sta tarantella, che stamo ‘n mezzo a na piazza . E che cazzo,  un po’ d’ educazzione.

Nina:                Ha parlato er conte.

Anita:               Aò e mò m’avete rotto li cocommeri. O sapete che ve dico, annatevela a pija ‘n der secchio tutte e due. La signora Anita ve saluta.

Nina:                A Signora! Mo se chiameno così.

Spartaco:          T’ho detto bona!

Anita uscendo.

Anita:               Ma chi se crederà mai da esse, che sa tira tanto! Ma vaff….

Rimane Nina con Spartaco che le va incontro e l’abbraccia.

Nina:                            E bravo Spartaco, come me giro te dai subbito da fa. A schifoso, nun me toccà che te cojo….

Spartaco:                     A ‘sto giro c’ho fatto?

Nina:                E che volevi  fa….sentimo !!?

Spartaco:          Gnente!

Nina:                E com’è che me prude la capoccia?

Spartaco:          Nun sarà che te la sei lavata poco?

Nina:                Nun sarà invece, che appena giro l’occhi, me spunteno ‘n par de corna?

Spartaco:          Ma che stai a di?

Nina:                Sta attento che quarche volta, quella  brutta capoccia che t’ aritrovi,  te la faccio prude puro io!

Spartaco:          E nnamo Nina, ma no’ vedi che sto a lavorà? Io le clienti nun le posso mannà via, che qua si nun se venne, famo la fine de Pietro: “ ‘Na mano davanti e n’artra de’ dietro”.

Nina:                Ah…quella me la chiami cliente? Ma che te credi, che scenno da’a montagna der sapone? E poi nun sarà che sei te, er cliente suo?

Spartaco:          Ma de che stai a parlà? Io stavo a venne er pesce.

Nina:                Seh…famo finta che ce credo. A proposito, stasera che se magnamo?

Spartaco:          Er pesce. O sai che io ci ho er pesce più bono de Roma!

Nina:                Mo’ ho capito perché sei er pesciarolo più ricercato…

Spartaco:          Seh…dalle guardie!

Nina:                A proposito de guardie, stanno a di’ in giro che stai a cerca quello che t’ha mannato in galera.

Spartaco:          So chiacchiere!

Nina:                A chiacchiere? Ma che hai deciso de fatte beve n’artra vorta?

Spartaco:          No sto giro ce sto ‘n campana!

Nina :                           Io t’avviso, ‘sta botta nun t’aspetto bello mio, me so stufata de abbracciamme er cuscino tutte le notti.

Spartaco:          Ma che ma stai a tirà, o sai che su sta cosa nun c’entravo gnente! Secondo te dovreì fa pure pippa?

Nina:                Ma lassalo perde a quer disgraziato!  Tanto stronzo com’è, quarcuno che je fa la festa prima o poi se lo va a capà.

Spartaco:          No! Come se dice: “ Perdonà è da omo, scordassene è da bestia!”.

Nina:                E all’amore nostro nun ce pensi?

Canzone Spartaco

Nina:                Si , ma io ci ho tanta paura che co sto carettere che t’aritrovi  quarcuno prima o poi te coje .

Spartaco:          Sta tranquilla Nina, l’erba cattiva nun more mai.

Nina:                A Spartaco o sai che stavo a pensà?

Spartaco:          Ecca là…ce semo…

Nina:                Ahò, arovini sempre tutto. Mo nun m’escheno più le parole.

Spartaco:          Vabbè…me sto zitto.

Nina:                Ma te lo ricordi quanno m’hai dato er primo bacio.

Spartaco:          E quanno mo’o scordo, ci ho preso pure ‘n pizzone.

Nina:                Te credo, ‘ndo’ l’avevi messa la mano?

Spartaco:          Te stavo a fa ‘na carezza. Quanno c’è l’amore uno mica po sta a guardà ‘ndo uno mette le mani.

Nina:                Te sei uno che ci hai sentimento.

Spartaco:          Ce lo sai si che vorrebbi da fa adesso?

Nina:                Famme sentì.

Spartaco:          Baciatte e strignete forte

Nina:                (Alza il braccio come per dargli uno schiaffo) Ahò, te n’ammmollo n’artro.

Spartaco:          Ma co’ le mani ‘mberta stavorta….to giuro!

Nina:                Ambeh!  Allora c’ aspetti a rimbambito!

Si baciano.

Nina:                Spartaco mio, quanno voi, sai esse più delicato de ‘na piuma.

Spartaco:          E doveresti senti pure ‘sto core mio, come sta’ a scoppianno ‘n petto!

Le prende la mano e se la poggia sul petto.

Nina:                Oddio come te batte.

Spartaco:          E io doverebbe fa la stessa cosa cor tuo.

Fa per mettergli la mano sul petto.

Nina:                Aò….hai appena giurato!

Spartaco:          Nina mia..e  comme te scalli subbito. Dicevo così, tanto pe’ di’.

Nina:                O sai come dicheno? Quanno er diavolo te lecca, è segno che vò l’anima.

Spartaco:          Ce poi giurà che la vojo

Canzone Nina.

Entra Cacace.

Cacace:           Proprio te cercavo Nina.

Nina:                A me delegà? E che ci ho da spartì co’ voi?

Cacace:                       Mi sono espresso male. Cercavo te ……pe’ chist a ca.

Spartaco:          Aricominciamo delegà? Ma che oggi m’avete preso de mira?

Nina:                Bono Spartaco, famme sentì che vole er delegato. Dite…. dite che ve sto’ a sentì.

Cacace:           Nina, voi siete na bella femmena e vi meritate n’omme caaaaa….

Spartaco:          E mo però ve state allargà…delegà…

Nina:                E zittete…fallo parlà…

Cacace:           Grazie Nina. Stavo dicendo,  prima ca’ chist facisse o geloso , e te lo dico col cuore in mano, che dovete stare attenta a quello che l’omme vostro vorrebbe fare.

Spartaco:          Delegà questi so affari mia, lei nun li deve sapè.

Nina:                Invece li so, e pe’ na vorta da retta ar delegato che sto’ giro te potrebbe pure di male.

Spartaco:          Ma co chi? (Risata) Quello…..è regalato.

Cacace:           Ridi ridi, ma vedrai che bel regalo quando ti troverai di nuovo le manette ai polsi. La legge è legge vuagliò…non te lo scordare.

Spartaco:          A legge, voi sempre co’ sta legge ! Ma chi a scritta sta legge…l’avete scritta voi e va girate come ve pare e piace.

Cacace:           Chi l’ ha scitta l’ha scritta, io l’aggio  fa rispettà.

Nina:                E che ie’ voi di che nun c’iavesse ragione? A Spartaco e io me so stufata de fa su e giù pe’ via da Lungara a portatte li pacchi.Hai capito…me so stufata…

Cacace:           La guagliona nun sta pazziann, stalla a sentire Spartaco comme se dice a Napole:” O deritto more pe’ mane d’o’ fesso!”

Spartaco:          A delegà io avevo fatto tanto  pe’ falla stà tranquilla! E poi, famose a capì, qua me state a processà e io nun ho fatto gnente. Che poi magari ce ripenso!

Nina:                A Spartaco, ma che ce voi cojonà. Io te conosco bene.

Cacace:           Io il dovere mio l’ho fatto,  vi ho avvisato, adesso se sei n’omm ca’ capa ‘ngopp o cuoll, o sai chill che devi fare. I miei ossequi Nina.

Il delegato esce. Rientra Ginetta.

Ginetta:            Eccheli l’innammorati più belli de Trastevere. Che bello rivedevve  insieme.

Nina:                A Ginè, ma perché, quanto pensi che po’ durà? O sai che vo fa questo?

Ginetta:            Si che lo so! A Trastevere nun se parla d’artro.

Spartaco:          E che no’ so? Pure er delegato l’è venuto a sapè, che ggira che te riggira po’ esse che a quell’infame quarcuno je da ‘na pungicata e m’accollano a me.

Ginetta:            A Spartaco, te posso dì ‘na cosa?

Spartaco:          Dimme dimme Ginè!

Ginetta:            Io co’ Gnappetta  ci ho parlato e dice che nun ne sa gnente.

Spartaco:          Ah ! Dice che nun ne sa gnente? Già s’è scordato quello che è successo a via der Mattonato a quer poraccio do’ Scarparo?

Nina:                Seh…ma perché Gnappetta ci avrebbe pure er fegato de da na cortellata a quarcuno?

Spartaco:          Infatti nun è stato lui, però quella sera, quer gran cornuto, stava insieme ar Cravattaro,  ha visto tutto, e me l’ha fatta accollà a me

Ginetta:            Ma nissuno  a Trastevere ha pensato che potevi falla te st’infamata.

Spartaco:          La sera che ero scito dall’osteria della Fraschetta, me so trovato lo Scarparo per terra pieno de sangue. Che facevo o lassavo così ? Me so avvicinato pe’ aiutallo e quello prima de stirà le zampe, m’ha detto che a daje la cortellata era stato Peppe er Cravattaro. Io alle guardie che so arivate je l’ho detto, ma quelle m’hanno portato dar delegato che nun m’ha creduto. Tutte le prove erano contro de’ me. Gnappetta nun s’è impicciato e o sai perché? Perchè Peppe je prestava i sordi a strozzo.

Ginetta:            Ma tanto quer boia der Cravattaro ha fatto la stessa fine de quer poraccio de lo Scarparo. Dicheno che un poro Cristo de quelli che fatto piagne, j’ ha chiuso er conto co’ na cortellata.

Nina:                Ha fatto la fine che se meritano tutti i cravattari.

Spartaco:          E io me so fatto du anni ar gabbio senza corpa. E meno male che Peppe prima de morì s’è voluto libberà la coscienza dicenno che  la cortellata allo Scarparo je l’aveva data lui.

Nina:                Allora stamo a posto, a pratica è chiusa!

Spartaco:          E no, e no, c’è rimasto Gnappetta che deve da pagà.

Nina:                Aò, già te sei scordato quello che t’ha detto er delegato? Te la voi proprio annà a cercà !

Spartaco:          A Nina, mo’ famola finita e viè damme ‘na mano a ripone  ‘ste cassette ar magazzino….

Nina:                E che nun lo sapevo! A Spartaco, io ar magazzino t’accompagno pure, ma nun te mette idee strane  ‘n testa.

Spartaco:          Quali idee

Nina:                Se semo capiti a Spartaco, fa er bravo! Ma che ta sei scordata che l’ultima vorta che t’ho accompagnato t’ho dovuto da’ ‘na cassettata in testa pe’ come t’eri ingrifato!

Spartaco:          (Si tocca la testa) E come nun mo’ ricordo? Ancora me dole!

Ginetta:            A Nina, questo er bravo o fa solo quanno dorme…si dorme!

Spartaco:          Ma voi femmine, pensate sempre che noi ommini ci avemo er chiodo fisso dentro ar cervello?!

Ginetta:            Perché nun è vero?

Spartaco:          Mica è corpa mia! Io quanno vedo na donna che m’attizza er sangue me bolle.

Nina:                E pure a me me bolle,  che te credi?

Spartaco:          Che fai te? Sto’ sangue t’ha da’ bolli solo pe’ Spartaco.

Canzone Spartaco&Nina

Nina:                A Spartaco, sta’ tranquillo che ce sarai solo te, ma quanno me sposi.

Spartaco:          E io, prima o poi o faccio.

Nina:                Chi visse speranno, morì tribolanno…

Spartaco:          Ogni cosa ar momento bono!

Nina:                Allora bigna che aspetti er momento.

Ginetta:            A Spartaco, questa te la devi da sposà, si voi mette su famija. Nina, sbrigateve a portà la roba ar magazzino…..t’aspetto qua ‘n piazza !

Spartaco:          (La guarda) A Ginè, ammazzate e nun ci hai gnente da fa?

Spartaco e Nina escono col carrettino. Entra Gnappetta ed Anita.

Ginetta:            Anvedi chi ariva.

Anita&Gnappetta:          Ciao Ginè

Ginetta:            A Gnappè, ma tu nun eri uno de quelli che le donne je correno appresso cor materasso…bello come er sole…..ma no’ vedi coi’ chi stai?

Anita:               E co chi sta? A bella sciacquate la bocca quanno parli de na signora come me.

Ginetta:            Aaahhhh…signora…ma che ci hai er travertino in faccia?

Gnappetta:        A Ginè, ma che stai a fa la gelosa?

Ginetta:            Che faccio io? Gelosa de che? Una dovrebbe esse gelosa de n’omo , ma te de n’omo nun ci hai manco er nome. Te chiami Gnappetta!

Anita:               A Ginetta io ci avrò pure er travertino in faccia, ma te nun è che stai mejo. Che poi se volessi fa er mestiere mio, manco lo potresti fa…ma nun lo vedi che sei? Ma chi te se rimorchia?

Ginetta:            Io er mestiere tuo. Nun te penso proprio.

Anita:               Magari, si ci aripensi quarcosa te posso insegnà!

Ginetta:            Eccala  là, mo ci avemo pure la maestra delle scaje. 

Entra Nina.

Nina:                Ahò, ma che è tutta sta casciara. Ma che è scito fiume?

Ginetta:                        No è arivata a maestrina che me vo ‘mparà er mestiere.

Nina:                A maestrì portate via sto disgraziato,  che si lo vede Spartaco finisce in tragedia.

Anita:                           E’ ndo lo porto?

Ginetta:            ‘Ndo’ porti l’artri.

Anita:               Seh….. ma che te dice er cervello? Questo ci ha le tasche foderate de cipolla. E’ roba che quanno l’apre se mette a piagne.

Nina:                A Gnappè annate fa er favore, che nun vojo rogne.

Entra Spartaco.

Spartaco:          A Nina , che già m’hai ammollato? Anvedi chi ce sta ! Gnappetta!  Ecco perché m’arivava sta puzza!

Gnappetta:        Sarà er pesce che venni.

Spartaco:          Er pesce mio in petto a te sarebbi come un profumo francese. Gnappè, come mai da ste parti?

Gnappetta:        E che te devo chiede er permesso?

Spartaco:          No, però pe’ educazione dovessi perlomeno salutà?

Gnappetta:        E chi o dice?

Spartaco:          To dico io! Perché nun te sta bene?

Nina gli prende la mano e cerca di tirarlo via. Spartaco si divincola. Ginetta scappa via.

Nina:                Ahahha…..Spartaco…nun comincià…

Spartaco:          Sta’ bbona Ninè….sta’ bbona.

Ginetta:                        N’amo Gnappè, sii bravo, saluta e famola finita!

Gnappetta:        E salutamose!

Gnappetta con indolenza si avvicina.

Spartaco:          Che c’è, te pesano li piedi?

Gnapppetta:      Nun me pesa gnente.   

Spartaco:          E com’è che pe’ fa du passi ci hai messo mezz’ora?

Gnappetta:        E che me devo mette pure a corre?!  Manco fossi ‘na bella mora! Che c’è, che nun te sta bene?

Spartaco:          E’ che nun te vedo tanto per la quale……come si nun te facesse piacere.

Gnappetta:        E chi t’ha detto?

Spartaco:          Un sorcetto ! Ogni giorno me veniva a trovà ar gabbio e me raccontava ‘na storiella, come quella de via der Mattonato. Ta ricordi?

Gnappetta:        Mo damo retta pure ai sorci! E  poi’ è passato troppo tempo, mo’ so’ scordato.

Nina:                Spartaco lassalo perde, nun te so bastati du anni de carcere?

Spartaco:          E famme parlà. A Gnappè viè commè che te devo di du parole!

Gnappetta:        E perché, nun me le poi di davanti a loro? Io nun ci ho segreti.

Spartaco:          E sei sicuro de sta cosa? Io so che un segreto te lo sei tenuto dentro pe du anni, che si nun era  per Cravattaro stavo ancora a pija er sole a scacchi. Daje tira fori sto zaccagno e famola finita.

Spartaco tira fuori il coltello e si mette in guardia. Fermo immagine. Solo Nina parla e si muove

Nina:                Allora dimosela tutta: “ Guardate come so’ strane le faccende d’onore. Si  Gnappetta diceva chi era stato a da la cortellata era ‘nfame, s’è fatto l’affari sua e dicheno che n’fame. Sto disgraziato che doveva fa? Io dico che ste questioni nun se risolvono co’ le cortellate e quello che viè appresso, ma stamo a Roma .

Canzone Nina.

Animazione.

Gnappetta:        Mo’ si me la voi da sta cortellata dammela  e chiudemo la questione.

Spartaco:          Ma che stai a fa?

Gnappetta getta via il coltello.

Gnappetta:        Tiè, levete sta’ soddisfazione.

Spartaco:          A Gnappè, pija quer cortello e fa l’omo.

Gnappetta:        Io nun me devo difenne da gnente,  perché gnente ho fatto. L’unica cosa che ho fatto è famme l’affari mia.

Spartaco:          Allora visto che nun te voi difenne, io quarcosa te la devo fa.

Entra Cacace con Ginetta.

Cacace:           Fermi, fermi in nome della legge! Giovanotti, quando arriva la legge i cortelli l’avit a jettà…

I due duellanti buttano i coltelli.

Spartaco:          A delegà, daje e daje ci avete pizzicato!

Cacace:           Signori miei, se non fossi arrivato in tempo, sicuramente adesso ci sarebbe stato un morto  ed un assassino.

Gnappetta:        Allora ve dovemo ringrazià.

Cacace:           Tu si, perché sicuramente o muort eri tu. Ma devi ringraziare soprattutto sta’ brava guagliona che mi è venuta a chiamare.

Ginetta:            A Gnappè t’ha detto bene sto giro.  

Gnappetta:        Allora te ringrazio brava guagliona.

Cacace:           Oè …..Gnappè ma gnente gnente m’ sta piglianno po’ culo.

Gnappetta:        E quanno mai! A voi, delegà? Ma che state a scherzà?

Cacace:           Adesso ve lo dico io quello che succede! Gnappetta e Spartaco venite accà. E’ l’uomo di legge che ve lo ordina.

I due si avvicinano

Spartaco:          A delegà, e mo’ che vo’ sta legge?

Cacace:           Visto che ormai sappiamo come sono andati i fatti, facite ‘na bella cosa! Vi date la mano e chi e chi ha rato a rato e chi  avuto avuto.

Spartaco:          Ho capito, ma qui l’unico che ha dato so’ stato io. Che famo, Gnappetta nun da’ gnente?

Gnappetta:        Magari te potrebbi da quarcosa! Er probleme è che nun ci ho ‘n sordo manco  pe fa canta ‘n cieco.

Cacace:           Spartaco, ma che vuòi fa? Chisto è ‘nu muorto e famme….       

Spartaco:          ‘Na cosa ce sarebbe…se deve abbottà.

Cacace:           Si è solo questo, Gnappè abbottate.

Gnappetta:        No, questo nun me lo potete chiede.

Spartaco:          Ho detto ABBOTTETE.

Anita:               Basta, fatela finita.

Ginetta:            A Gnappè te tocca fallo. Daje abbottete.

Nina:                Ao’ fate come ve pare , sbrigateve che nun ci ho tempo da perde co’ ste stronzate. A Gnappè abbottate e chiudemola qua.

Gnappeta s’abbotta, Spartaco lo sbotta.

Cacace:           E mo iammcenne a beve all’osteria. Lo dice la legge!

Canzone corale

    Questo copione è stato visto
  • 0 volte nelle ultime 48 ore
  • 0 volte nell' ultima settimana
  • 1 volte nell' ultimo mese
  • 26 volte nell' arco di un'anno