Napoletani voraci

Stampa questo copione

Napoletani voraci

di Vincenzo Rosario PERRELLA ESPOSITO

(detto Ezio)

08/04/2005

Personaggi:   11

Carmine Di Martino   vedovo di Paola

Chiara Albuio             nuova compagna Carmine

Luna                            figlia > Carmine

Ciro                             figlio > Carmine

Camillo Benso            cugino Carmine

Alba Di Notte             moglie Camillo

Leyla                           figlia Camillo e Alba

Giorgio Mazinga        marito di Luna

Francesco Cacio         in arte Ciccio Formaggio, cantante neomelodico

Fiorentina Roma        babysitter

Milan Inter                 il macedone

Napoli, casa Di Martino. La passione per il cibo, non come vera e propria arte, ma come oggetto di vere e proprie abbuffate in famiglia, diventa protagonista di questa storia. I protagonisti organizzano veri e propri pranzi luculliani, con tanto di giudizio finale degli invitati. I cugini Carmine e Camillo costringono le rispettive mgli a un tour de force per accontentare i loro palati fini. Ma in casa si presentano anche la babysitter dei suoi 15 figli, Fiorentina. Ella presenta ai due uomini il cuoco macedone Milan, specialista di cucina italiana ed internazionale. In realtà l’uomo è d’accordo con la babysitter. Enrambi ordiranno una tattica per distrarre i commensali e derubarli di tutto quanto è di valore in casa. Il loro piano andrà quasi fino in fondo, fino a che non si imbattono nel poliziotto Gorgio Mazinga, il quale ha una pessima vista, eppure riuscirà a smascherarli lo stesso.

Numero posizione SIAE 233047

Per contatti Ezio Perrella 3485514070 ezioperrella@libero.it

            Napoli, salone di casa Di Martino. Alla stanza si accede da un’entrata comune, che conduce alla porta di ingresso. Sulla destra c’è una porta che conduce nella stanza da letto, in due stanzette e nel bagno di servizio. A sinistra, si va nel bagno grande e in cucina. Al centro c’è in tavolo e quattro sedie. Sulla sinistra c’è un divanetto e a destra una credenza.

ATTO PRIMO

1. [Carmine Di Martino, Ciro e Camillo]

                  Seduti sul divanetto, ci sono Carmine, Ciro e Camillo: hanno appena pranzato.

Carmine: Ua’, ‘e che bella magnata ce amme fatto!

Camillo:  Carmine, Ciro, vostra sorella Luna sape cucenà troppo bello!

Ciro:        Ma po’ comme ha fatte a ce fa’ cape’ ‘int’a chilli cannellùne: ricotta, furmaggio,

                 raù, prusutto, muzzarella, provola e funghe!

Camillo:  Io me n’aggio magnato addirittura quinnice, però me so’ cunzulato cu’ ‘o sicondo

                 piatto: chella carne in brodo, era speciale. Ma che ce steva ‘int’a chillu brodo?

Ciro:        ‘A carota, ‘o prutusino, ‘e finocchie, ‘o cerasiello e ‘o ppepe. Tutto macinato!

Carmine: Bello, bello! E ‘a porchetta nun v’è piaciuta? Che peccato che subito è fernùta!

Camillo:  Io me n’aggio magnate ddoje.

Ciro:        No, Carmenié, Camì, a me m’è piaciuta assaje ‘a parmigiana ‘e mulignane.  

Carmine: E io pe’ sbaglio m’aggio magnato peffìno ‘a furchetta! S’è scardato pure ‘nu

                 dente. Ma nun fa niente: p’’a parmigiana, chesto e altro!

Camillo:  Ma po’ comme filava bello chella muzzarella! Me pareva ‘a corda ‘e ‘nu viulino!

Carmine: Bravo a Camillo, bellu paragone! Però ‘a frittura ‘e pesce era ‘a fine d’’o munno!

Ciro:        E pecche’, ‘e gambere no? Parévene che dicevene: “Ciro, màgneme, màgneme”!

Camillo:  Sì, ma ‘e crocche’ érene ‘na meraviglia. Ce stévene chelli ppatane ‘a dinto, che ce

                 dévene chillu sapore ‘e rosticceria! Carmine, ma addò l’he’ accattate? 

Carmine: ‘Int‘a Duchesca! L’aggio pavate a 3 Euro ‘o chilo.

Camillo:  Sì, ma io m’aggio cunzulato assaje quanno è arrivata ‘a macedonia ‘e frutta. 

Ciro:        Io aggio fatto ‘o bis. Carmenié, ma addò l’he’ pigliata chella frutta?

Carmine: A Porta Nolana. L’aggio pavata pure cara. Però ne valeva ‘a pena.

Camillo:  Sì, ma ‘o tocco ‘e classe è stato ‘o dolce: Luna ha fatto ‘na Caprese mondiale!

Ciro:        Ha fatto Luna Caprese!

Carmine: Però a me m’hanne piaciute cchiù assaje ‘o babà e ‘o cannuolo siciliano.

Camillo:  E pecche’, nun v’hanne piaciute ‘e polistirole?

Ciro:        Camì, se chiàmmene “profiterole”!

Carmine: Io me n’aggio magnate otto! Comunque, ‘a verità? A me m’è piaciuto tutto cose.  

Camillo:  E pure a me. Senza preferenze, tutto cose è stato buono. Parola di Camillo Benso!

Ciro:        Però mò basta, io forse me fermo ccà.

Camillo:  E comme, Ciro, t’arriénne proprio mò? Ce sta ancora ‘o ccafé e ‘o Limoncello.

Ciro:        (Un po’ sofferente) No, no, basta accussì. Tengo ‘na pesantezza ‘e stommeche…!

Camillo:  E se capisce, tu t’he’ bevuto tutta chell’acqua! Chella, ll’acqua, è pesante!

Ciro:        E sì, sarrà stata sicuramente ll’acqua!

Carmine: E vabbuò, vatte a piglià ‘nu digestivo ‘int’’a cucina. Chillo mò te passa.

Ciro:        (Si alza) Mannaggia, comme me dispiace ch’aggia diggerì tutto cose! E pacienza.

                 Esce via a sinistra.

Camillo:  ‘O ssaje, Carmenié? Io e te ce amme fatte ‘nu sacco ‘e magnate ‘nzieme. Però

                 comm’aggio magnato oggie, è ‘na rarità. Tua sorella Luna in cucina è una draga!

Carmine: Ma pecché? Tua figlia Leyla nun sape cucenà?

Camillo:  Ma che? Nun le piace. Vo’ sulo ascì a ffa’ ‘o shopping! E mugliérema Alba è

                 ancora peggio! I miei figli maschi, poi, sono ancora piccoli.

Carmine: A proposito, ma tu quanta figli maschie tiene? ‘O ssaje ch’aggio perzo ‘o cunto?

Camillo:  E pur’io! Pe’ furtuna, ‘a casa, tengo ‘o pallottoliere. Comunque ne so’ quìnnice.   

Carmine: ‘A faccia! Camì, e comme ce trasìte, ‘a casa toja?!

Camillo:  Eh, beh! Quando è nata Leyla, io e Alba amme pruvato a ffa’ ‘n’ata femmena.

                 Amme fatto quìnnice tentative, ma so’ nate quìnnice maschie. Se li assommiamo  

                 a Leyla, fanno 16 figli! Ma io non mi arrendo. Ce voglio pruvà ‘n’ata vota.

Carmine: Ancora? E falla arrepusà, a chella povera mugliéra d’’a toja! Chella s’esaurisce!

Camillo:  No, no e no. E’ meglio che se fa capace, muglierema!

Carmine: Ma ringrazia a Dio ch’’a tiene, ‘na mugliera. (Amaro) Io invece so’ rimasto

                 vedovo. E ormai già so’ passate cinch’anne ch’è morta Paola.

Camillo:  Però hai trovato una nuova compagna, Chiara, che è una brava donna.

Carmine: Sì, però nun me vo’ spusà. Ha ditto ca io tengo ancora a Paola ‘int’’e ccerevelle.

Camillo:  E nun te prioccupà, lasse fa’ ‘o tiempo. (Si alza pure lui) Ascolta tuo cugino.

Carmine: (Si alza in piedi) Vabbuò, cagnàmme discorso. Io vaco a ffa’ duje passe. Fuori al

                 giardino ci sta un tavolino pieno di rustici, patatine, pop corn, arachidi e

                 tramezzini! Ne vuo’ assaggià duje?!

Camillo:  Azz, ‘o ddice pure? Jamme a magnà, jamme.

                 I due si danno il cinque. Ed escono di casa.

2. [Chiara e Alba. Poi Leyla, Luna e Giorgio]

                 Da sinistra entrano Chiara (con un libro di cucina in mano) e Alba. Discutono.

Chiara:    No, Alba, no. Mò te staje sbaglianno.

Alba:        No, te staje sbaglianno tu. ‘Int’’e ppurpette nun ce vo’ ‘a mullica ‘e pane!

Chiara:    Ma che staje dicénno? ‘Int’’e ppurpette, ce vo’ ‘a mullica ‘e pane! Vuo’ vedé? E

                 mò t’accuntento. (Apre il libro e sfoglia) Ecco qua. Liegge, liegge!

Alba:       (Legge) Ce sta scritto ch’’a mullica se po’ mettere e se po’ pure nun mettere.

Chiara:    Ah, ma allora tiene proprio ‘a capa tosta. ‘A purpetta origginale tene ‘a mullica ‘e

                 pane ‘a dinto. Si nun ce ‘a miette, s’arrògna tutta ‘a purpetta. He’ capito mò?

Alba:        E vabbuò, tu falle comme vuo’ tu. Io, ‘e ppurpette, ‘e ffaccio comme dich’io.

Chiara:    Povero marito tuo. Ma comme fa cu’ te? Chillo è ‘na bona furchetta!

Alba:        Veramente, è soprattutto ‘nu buonu lietto! M’ha fatto avé sidice figli! Menu male  

                 che tengo ‘a babysitter che me guarda almeno ‘e quinnice maschie.

Chiara:    ‘A babysitter? E chi è? Chella filippina?

Alba:        No, ‘a filippina se n’è fujuta. Mò me n’aggio pigliata una italiana: se chiamma

                 Fiorentina Roma. Aggia dicere ‘a verità? Nun c’è male.

Chiara:    ‘O vero? Cocche vvota me l’he’ prestà p’’a fa’ guardà a Carmine!

Alba:        Ma chella guarda sulo ‘e ccriature!

Chiara:    E pecché, Carmine nun è criaturo? Chillo s’è fissato ca me vo’ spusà.

Alba:        Embé? Va’, spusatìllo. Nun me fa’ pentì che te l’aggio presentato io.

Chiara:    E tu nun me fa’ pentì ‘e essere amica toja.

Alba:        Ah, sì? Ah, sì? E allora ‘a mullica ‘int’’e ppurpette, nun ce vo’!

Chiara:   E invece sì! Nun he’ liggiuto? Ce sta scritto ccà ‘ncoppa? (Indica il libro)

Alba:       Nun me ne ‘mporta niente. ‘A mullica ‘int’’e ppurpette nun ce vo’.

Chiara:   E invece sì!

Alba:       E invece no!

                Vanno fuori casa discutendo. Da sinistra ecco Leyla e Luna (sfinita, tutta

                spettinata e trasandata, che gira a vuoto un cucchiaio che tiene in mano).

Leyla:     Brava, Luna, he’ cucinato troppo bello. Anze, te voglio dicere che... (La osserva)

                Ma che d’è, Luna? Che staje facenno?

Luna:      Nun riesco cchiù a smettere e girà ‘o cucchiaio. Fìrmeme, pe’ favore! Fìrmeme!

Leyla:     Sì, sì. (Esegue)

Luna:      Ah, grazie, Leyla. Mamma mia, sto’ cucenanno d’aiére!

Leyla:     E vabbuò, ogni tanto nun fa niente.

Luna:      Ogni tanto? Ccà è tutt’’e juorne ‘a stessa storia. Mi invitano a pranzo, sai perché? 

Leyla:     ‘O ssaccio: pe’ te fa venì a cucenà! Oggi è stato il turno di tuo fratello Carmine.  

Luna:      ‘O fatto è ca io stongo ‘e casa troppo vicino. Ma mò basta, me ne vaco ‘a Napule!

Leyla:     E pecche’, marìtete Giorgio nun è ‘na bona furchetta?

Luna:      Pe’ furtuna no! Chillo sta sempe a dieta! Infatte oggie nun ha magnato proprio!

                Da sinistra ecco Giorgio (un tipo che calcola tutto!) con una confezione di carne.

Giorgio: (Ha lenti spesse per la forte miopia. Legge molto da vicino) Dunque, questa carne

                contiene 300 calorie, che sommate alle 1100 dei cannelloni, fanno 1400 calorie!

Luna:     Néh, ma che staje liggenno?

Giorgio: Le calorie, Luna. Menu male che nun m’aggio magnato quase niente, o si no me

                zucàvo millequattuciento calorie sulo cu’ ‘e cannellùne e cu’ ‘a carne!

Luna:     Appunto! T’aggio avuta cucenà ‘a pastina in brodo e ‘o petto ‘e pollo, a parte!

Leyla:     Giorgio, e quando l’hai cominciata questa dieta?

Giorgio: Da sempre! Io so’ sempe stato a dieta. Pienze ca io, quann’ero in fasce, nun me  

                pigliavo ‘o llatte normale ‘int’’a buttigliella, ma chillu llà dietetico!  

Leyla:     A proposito, ma chelli llente so’ nuove? Che fine hanno fatto le lenti al titanio?

Giorgio: Le mie lenti al titanio... hanne fatto ‘a fine d’’o Titanic!

Leyla:     Non ti preoccupare, ci sono dei modelli resistentissimi. Te li porto a vedere io?

Giorgio: Ma io non è che non ci vedo proprio. Ci vedo fino a dieci centimetri di distanza!

                Calcolato il fatto che ci può essere poca luce, allora vedo fino a sette centimetri.

                Però se poi calcoli il vento...!

Luna:      Vabbuò, basta, amme capito!   

Leyla:     (Nota la camicia di Giorgio) Néh, Giorgio, te si’ mmiso chesta cammisa?

Giorgio: Te piace?

Leyla:     Me pare ‘a tovaglia ‘e ‘na tavola!

Giorgio: E chi l’ha vista? Io m’’a trovo ‘ncuollo, ma po’ essere pure che nun è ‘a mia! 

Luna:     Aggio capito, va’! Siente, pecche’ nun me daje ‘na mana a ffa’ ‘a cucina?

Giorgio: E io nun ‘e vveco, ‘e piatte!

Leyla:     E t’’e dongh’io! Mò nun cercà scuse, una cosa. Così vengo con voi.

Giorgio: Facciamo così: io insapono i piatti, Luna li sciacqua e Leyla li posa. E mò jamme!

                I tre si avviano a sinistra.

3. [Carmine e Chiara. Poi Fiorentina, Alba e Camillo]

                Dalla comune entrano Carmine e Chiara.

Carmine:    Ma che d’è, Chiara? Oggie tiene ‘na faccia...! Ma t’aggio fatto coccosa?  

Chiara:       E m’’o ddimànne pure? Tu vaje dicenno in giro ca io nun te voglio spusà. Ma 

                     pecché he’ ‘a cuntà ‘e fatte nuoste ‘e ggente?

Carmine:    Chiara, ma se tratta ‘e gente ‘e famiglia. Che ce sta ‘e male?

Chiara:       Niente. Però tu, aiére, mentre facéveme ammore, invece ‘e me chiammà cu’ ‘o

                    nomme mio, m’he’ chiammata Paola. Ma a chi stive penzanno? A essa?

Carmine:    E pecché, tu nun t’he’ sbagliata? Bell’e buono, m’he’ chiammato Pippo! Ma a

                    chi stive penzanno? A Pippo Baudo?

Chiara:       E vabbuò, me so’ distratta! Comunque io te voglio spusà, chesto è ufficiale.

                    Però prima dobbiamo scendere a patti! He’ capì?  

Carmine:    E patteggiàmme! Ja’, che vaje truvànno?

Chiara:       Prima di tutto, he’ magnà cchiù poco. Ma l’he’ capito che tiene ‘o colesterolo?

Carmine:    Ma si io oggie aggio magnato ‘a mmità d’aiére!

Chiara:       ‘A mmità? Vuo’ dicere ‘o ddoppio! Oggie he’ fatto cucinà ‘n’ata vota a tua

                     sorella Luna. Ma chella tene ‘nu marito, Giorgio. Ha da penzà a isso.

Carmine:    Siente, nun m’’o nnummenà proprio, a chillu Giorgio! Io ‘o tengo ‘ncanna!

Chiara:       Ma comme, chillo è ispettore ‘e polizia!

Carmine:    E con ciò? Chillu Giorgio è inutile comm’’a mullica ‘e pane ‘int’’e ppurpette!

Chiara:       No, ma chella ce vo’, ‘a mullica ‘e pane ‘int’’e ppurpette!

Carmine:    Ma stattu zitta!

Chiara:       Guarde che te sbaglie. ‘A mullica ce vo’.

Carmine:    E invece no. Vulìmme domandà a Luna? E viene cu’ me ‘int’’a cucina.

Chiara:       Sì, ma comunque ce vo’.  

Carmine:    E invece no.

                     Escono a sinistra continuando a litigare. Dalla comune entrano Alba, Camillo,

                    (che ha pesantezza di stomaco) e Fiorentina (vestita sportiva): è indisponente.

Alba:           Néh, Fiorentì, ma tu che ssi’ venuta a ffa’ ccà? A chi l’he’ lassate, ‘e figli mie?

Fiorentina: Nun ve prioccupate, l’aggio attaccate a tutt’e quinnice ‘ncoppa ‘e sseggie!

Alba:           Uh, Marò, ma tu che staje dicenno? Néh, Camì, ma tu nun parle proprio?

Camillo:      (Sofferente) E ch’aggia dicere? Io m’aggio magnato duje rustiche ccà ffora:

                     érene buone, però mò tengo ‘na pesantezza ‘e stommeche!

Alba:           E ti sta bene! ‘N’ata vota te ‘mpare a magnà cchiù poco. He’ capito?

Camillo:      Alba, ma tu che vvuo’ ‘a me?

Alba:           Voglio che richiami a Fiorentina. Noi la paghiamo per guardare i nostri figli.

Camillo:      E vabbuò. (Blando) Senti, Fiorentina, non lo fare mai più. Hai capito?

Alba:           E chisto te pare ‘o modo d’’a richiamà? Forza, caccie ‘a voce!

Camillo:      E vabbuò. (Voce più severa) Senti, Fiorentina, ma perché hai fatto questo?

Alba:           Camì, he’ alluccà. Comme te l’aggia dicere?

Camillo:      Ma chella sta vicino a nuje. Che bisogno ce sta ‘e alluccà?

Alba:           Nun voglio sapé niente.

Camillo:      E vabbuò. (Voce arrabbiata) Senti, Fiorentina...

Fiorentina: (Voce di sfida) Che d’è? Coccosa nun va?

Camillo:      (Intimorito) No, no, tutto bene!

Fiorentina: Ah, me penzavo!

Alba:           Ma che figura ‘e niente: t’ha misa a posto essa a te!

Camillo:     Alba, ma io tengo ‘na pesantezza ‘e stommeche maje vista.

Fiorentina: Aspettate, ora vi dò una bustina di digestivo! La tengo nella borsa. (La prende)

Camillo:     He’ visto, Alba? Ma comm’’a faccio a caccià? Chella tene pure ‘o digestivo! E

                    ppo’ se chiamma Fiorentina: tene ‘o nomme d’’a bistecca!

Fiorentina: (Gli offre la bustina) Ecco a voi. Questa la dovete prendere sciolta nell’acqua.

Camillo:     (La prende) Grazie, Fiorentì. Quase quase t’aggia da’ ‘nu bellu aumento!

Alba:          Guardate, chillo ce vo’ da’ pure ll’aumento!

Camillo:     Siente, ma invece ‘e alluccà sulamente, sentìmme pecche’ è venuta ccà.

Fiorentina: Sono venuta qui perché devo parlare un attimo coi signori Di Martino. Ci sono?

Camillo:     Sì, ce stanne. Però nun ‘o ssaccio addò so’ gghiute. Forse stanne ‘int’’a cucina.

Fiorentina: E non possiamo raggiungerli un momento?

Camillo:     Comme no? Accussì n’apprufìtto pure pe’ me piglià sta’ bustina. Viene cu’ me.

Fiorentina: Ah, grazie, signor Benso. Anzi, Camillo! Lo so che io posso contare solo su di

                    voi. (Poi guarda perfida Alba) E sì, mi fido di voi e di nessuno più.

Camillo:     Embé, Fiorentì, cierti vvote te magnàsse overamente comm’a ‘na Fiorentina!

                    Si mettono sottobraccio ed escono a sinistra sotto lo sguardo di Alba.

Alba:           ‘E che marito scemo che tengo. Cose ‘e ll’atu munno!

                    Esce pure lei a sinistra.

4. [Ciccio, Ciro, Luna e Leyla]

                   Dalla comune entrano Ciccio Cacio, cantante neomelodico, e Ciro.

Ciro:          Francé, che se dice? ‘A carriera ‘e cantante neomelodico comme sta jenno?

Ciccio:       ‘Na bellezza! Pensa, mi ricordo ancora quando io nascetti! Niente di meno,

                   quando uscii dalla pancia di mammà, non piangevo. Ascette cantanno!

Ciro:          Azz, addirittura t’arricuorde chesto?  

Ciccio:       Hai voglia! A proposito, questo è il mio ultimo CD. (Lo estrae dal marsupio che

                   ha con sé) Eccolo qua: si chiama “Chiamatemi Ciccio”. E’ uscito ieri.

Ciro:          E’ asciuto aiére? E addò è gghiuto?

Ciccio:       A nisciuna parte! E’ uscito nei migliori negozi di dischi. Vabbuò, mò t’’o firmo.

                   Tiene ‘na penna azzurra?!

Ciro:          ‘A penna azzurra? Caso mai, blu! Comunque nun me firmà niente, lasse sta’.

                   (Poi legge sulla copertina del CD) Ma che d’è ‘sta canzone, “Donnaccia”?

Ciccio:       E’ ‘a traduzione in italiano ‘e “Malafemmena” ‘e Totò. Mò t’’a canto a fronna

                   ‘e limone. Però nun t’emozionà: (Canta) “Se avessi fatto a un altro / quello che

                   hai fatto a me / quell’uomo ti avesse uccisa / e vuoi saper perché? / perché su

                   questa terra / femmine come te / non fanno per un uomo /onesto come me...!

Ciro:          (Lo applaude) Bravo, Francé! Si’ grande.

Ciccio:       T’è piaciuto?

Ciro:          No.

Ciccio:       E allora pecche’ dice che so’ grande.

Ciro:          Per amicizia! ‘Sta canzona, in italiano, me pare troppo volgare!  

Ciccio:       E allora t’aggia fa’ sentì ‘o capolavoro mio. ‘Na canzone che mette ‘n’allerìa 

                   ‘ncuollo che te fa sorridere. Se chiamma “’A ‘pucundria”!

Ciro:          ‘O vero? E è bella?

Ciccio:       Aggio ditto ch’è ‘nu capolavoro! Chesta è ‘na canzona che saglie e che scenne!

Ciro:          Ah, sì? Piglia ‘a ‘scenzore?

Ciccio:       ‘O scé! Sono le note che salgono e scendono. Vuo’ sentì? E mò t’accuntento. (Si

                   schiarisce la voce e canta) “’A ‘pucundria... ‘a malincunia... ‘a nostalgia...

                    voglia ‘e murì...”! E ppo’ ce sta ‘o ritornello che ffa: (Uguale) “Voglia ‘e

                    murì... ‘a nostalgia... ‘a malincunia... ‘a ‘pucundria...”!

Ciro:           Siente, Francé, ma ‘sta canzone nun dice sempe ‘a stessa cosa?

Ciccio:        Sembra!

Ciro:           E invece aggio ragione io: il ritornello è tale e quale alla scrofa?

Ciccio:        Ma quala scrofa? Si dice strofa. Cirù, ma tu che capisce ‘e musica?  

Ciro:           E che significa? Io tengo orecchio!  

Ciccio:        E invece te sbaglie.

Ciro:           E invece te sbaglie tu.

                    Ma ad un tratto, da sinistra, entrano Luna e Leyla.

Leyla:         Luna, te dico ch’aggio ‘ntiso a Ciccio Formaggio ‘e cantà ccà ddinto!

Luna:         (Lo nota) Uh, ma chillo overamente ce sta!

                    Le due accorrono festanti accanto a lui (Luna spinge via Ciro).

                    Liévete ‘a nanzo, tu!

Leyla:         Ammore mio, sei bellissimo. E comm’è che staje ccà? Io non ci posso credere!

Luna:          E manch’io!  

Ciccio:        Cirù, he’ visto si ‘o ritornello e ‘a strofa so’ tale e quale? Dincéllo pure a loro!

Ciro:           Guagliò, e mò calmateve. Il nostro artista del cuore sta qua dentro solo per noi.

Leyla:         Caso mai, sulo pe’ me!

Luna:          No, pe’ me. Ciccio, comm’è bella chella canzona che ddice… (Recita le

                     parole) “Ammore mio, sto’ partenno pe’ murì ‘nmziezo ‘o mare. ‘Nu masso

                     m’è caruto ‘ncapa e m’ha schiattato ‘e ccerevelle”!

Ciro:            ‘Nu masso ‘nmiezo ‘o mare?

Luna:          Ma che capisce tu? Senti che frase poetica e piena di gioia di vivere.

Leyla:          E pecché, “’A ‘puncundria” nun te piace? ‘A parta cchiù bella è chella che ffa:

                    (Canta) “’A ‘pucundria... ‘a malincunia... ‘a nostalgia... voglia ‘e murì”!

Luna:          E invece a me me piace soprattutto chella parte che ffa accussì: (Canta) “’A

                    ‘pucundria... ‘a malincunia... ‘a nostalgia... voglia ‘e murì”!

Ciccio:        Brave, ma allora voi già avete comperato il mio CD nel negozio?

Leyla:         No, io l’aggio accattato add’’o marucchino! L’aggio pavato cinche Euro!

Leyla:         E pur’io. Veramente, io vulévo arrivva’ a duje Euro, però nun è stata cosa!

Ciccio:        (Ironico) No, è troppo assaje duje Euro! Tu c’’iva da’ cinquanta centesimi! E

                    allora picciò io nun riesco a guaragnà maje niente!

Ciro:           Vabbuò, guagliò, ce ‘o vulìmme ì a sentì ‘stu CD ‘int’’a stanzetta mia?

Le due:       Sì!

                    Si mettono sottobraccio a Ciccio, lo conducono via a destra, cantando:

                    “’A ‘pucundria... ‘a malincunia... ‘a nostalgia... voglia ‘e murì...”!

                    Escono via sotto gli occhi di Ciro, perplesso.

Ciro:           Ma comme se scemulìscene ambresso ‘e ffemmene! Embé, si Francesco nun

                    fosse amico mio fraterno, dicésse ch’’e canzone soje fanne proprio schifo!

                    Esce pure lui a destra.

5. [Camillo, Carmine, e Fiorentina. Poi Chiara, Alba e Giorgio]

 

                    Da sinistra riecco Camillo, Carmine e Fiorentina: lei ha ricevuto uno schiaffo.

Camillo:     Fiorentì, ascìmme accà ffora, o si no mugliérema te fa ‘na faccia ‘e pacchere!

Fiorentina: E comme se permette? Guardate ccà che pacchero che m’ha dato.  

Carmine:    E già, guarde ccà, guarde! L’ha lassata tutt’’e cinche dete ‘nfaccia! (Le conta)

                     Uno, doje, tre, quatte, cinche... (Poi, stupito) ...e seie?!

Camillo:     (Verifica) Uh, è ‘o vero! E comm’è, mugliérema tene seie dete?!

Carmine:    E se vede che chillo è stato ‘o spostamento d’aria!

Fiorentina: A proposito, signor Carmine, ve pozzo parlà ‘nu mumento?

Carmine:    Ma certamente. Assettàmmece duje minute.

                     I tre si accomodano al tavolo.

                     Che mi devi dire?

Fiorentina: Vedete, il signor Camillo mi ha sempre detto che vi piace assai mangiare.

Camillo:      Fiorentì, ma pe’ caso vulìsse venì a magnà pure tu ccà?

Fiorentina: No, ma che? Io tengo un amico che fa il cuoco. Una volta cucinava per il

                     principe cinese Nun-Magn Kiù!

Camillo:      Embé, e allora?

Fiorentina: Purtroppo, ‘o principe Nun-Magn Kiù ha ditto overamente “Nun magno cchiù”,

                     e accussì l’ha cacciato. E ora il mio amico sta in mezzo alla strada.

Carmine:    E fall’’o venì ccà. Comme se chiamma?

Fiorentina: Milan Inter.

Camillo:      Ah, e allora nun è cosa.

I due:           E pecche’?

Camillo:      E pecche’ nuje tifàmme p’’o Napule!

Fiorentina: Ma no,chillo se chiamma accussì pecché è macedone. Viene dalla Macedonia.

Carmine:    ‘A macedonia?

Fiorentina: Sì, è uno stato europeo.

Carmine:    Ah, chest’è? Siente, scusa ‘a domanda, ma quanto se piglia?

Camillo:      Ma che d’è, ‘na prostituta? Non si chiede così. Si dice: qual è il suo onorario?  

Carmine:    E che d’è, ‘nu miéreco? Chillo ha da sulo cucenà! Inzomma, quanta solde vo’?

Fiorentina: Beh, il signor Camillo ha detto che voi tenete i soldi. E così potete spendere.

Carmine:    (A Camillo) Nun te faje maje ‘e fatte tuoje, tu!

Fiorentina: E non fa niente, fate così: dategli solo 800 Euro al mese, va bene anche a nero.

Carmine:    E vabbuò. Fa’ venì a ‘stu Milan Juventus!

Fiorentina: No, Milan Inter.

Carmine:    Vabbuò, sempe ‘a maglia a strisce verticale tene!

Fiorentina: Grazie, signor Carmine.

                     I tre si alzano in piedi.

                     E adesso, scusatemi, nun pozz’ì ‘nu sicondo ‘int’’o bagno?

Carmine:    Sì, però va’ ‘int’’o bagno ‘e servizio, là a destra.   

Fiorentina: Sì, grazie. Vorrei spogliarmi un secondo, così mi lavo un po’. Con permesso.

                    Esce a destra. I due, silenti, contano fino a cinque con le dita delle mani, poi…

Camillo:     Carmenié, s’ha da spuglià. Viene ‘nzieme a me!

                    Vanno anche loro a destra. Da sinistra tornano Alba (nervosa) e Chiara.

Alba:           Io, a chella, ‘a rompo ‘a capa! Ha azzeccato ‘e figli mie ‘ncoppa ‘e sseggie!

                    (Poi realizza) Beh, però nun è male ll’idea! L’aggia fa’ pur’io!

Chiara:       Vabbuò, mò però càlmete e assiéttete. Io intanto ti porto un poco di camomilla.

Alba:          (Si calma) E vabbuò, grazie. (Si siede sul divanetto) Puortamméllo, pe’ piacere.

Chiara:       Mò t’’o pporto subito. ‘E che pacienza che ce vo’!

                    Chiara esce via a sinistra. Alba si rilassa.

Alba:           Forse ha ragione Chiara. M’aggia calmà ‘nu poco. Niente rumori. Ecco, così.

                Da sinistra entra Giorgio che inciampa e cade.

Giorgio: Mamma bella!

Alba:      (Si spaventa) Aiuto!

Giorgio: No, no, nun ve spaventate. (Si rialza) So’ sulamente io.

Alba:      Ah, Giorgio, si’ tu? Mamma mia, aggio fatto ‘e vierme!

Giorgio: Sentite, ma addò state?

Alba:      Assettata ‘ncoppa ‘o divanetto.

Giorgio: Ah, e vabbuò. E allora mò m’assétto vicino a vuje.  

               Va da lei, inciampa e le cade addosso, abbracciandola.

               Uh, mamma mia! Signò, addò state?

Alba:      Sto’ sotto a te!

Giorgio: E che state facenno?

Alba:      (Ironica) Stongo piglianno ‘na boccata d’aria! (Si arrabbia) Aìzete mommò!

Giorgio: (Si alza subito) Scusatemi. (Le siede accanto) Vi ho fatta male, signora Chiara?

Alba:      Ma io nun so’ Chiara. So’ Alba. Chiara sta ‘int’’a cucina.

                E da sinistra torna Chiara con un bicchiere di camomilla in mano.

Chiara:  Alba, ‘o cammumillo. 

Alba:      Ah, grazie. Dammìllo.

Chiara:  Tié. (Glielo da, poi si siede al tavolo)

Giorgio: Scusate, signora Alba, ma chi ve l’ha purtato, ‘o cammumillo?

Alba:      Chiara. (E comincia a bere)

Chiara:  Inzomma, Giorgio, ‘sta vista toja è peggiorata assaje. Voglio capì tu comme faje a

                ffa’ ll’ispettore ‘e polizia. E comme faje a acchiappà ‘e marjuole?

Giorgio: Niente, io piglio ‘a pistola e sparo a chi coglio, coglio! E arresto a coccheduno,

                metto ‘e mmanette a casaccio! Spisso arresto pure ‘e poliziotti che stanne cu’ me!

Alba:      Ma quanno he’ fatto ‘o cuncorso in polizia, comme t’hanne pigliato?

Giorgio: ‘O vvulìte sape’? ‘O presidente d’’a commissione steva cchiù ‘nguajato ‘e me!

Chiara:   A proposito, ma pecché he’ lassato ‘a pistola toja ‘ncoppa ‘o tavolo d’’a cucina?

Giorgio: Pecche’ l’aggio sgrassata. Anzi, ho lasciato il bicchiere sul tavolo.

Chiara:   (Dubbiosa) Ma pecché, chillu bicchiere ‘ncoppa ‘o tavule nun era cammumillo?

Giorgio: No, è acqua sporca!

Alba:      (Beve e sputa) Uh, Marò! Chiara, ma che m’he’ fatto vevere?

Chiara:   E che vvuo’ ‘a me? Me so’ sbagliata.  

Alba:      Néh, purtàteme ‘int’’o bagno. Chell’acqua sporca m’ha fatto avutà ‘o stommeche.

Chiara:   Sì, sì, ‘nu mumento. Giorgio, damme ‘na mana. Su, forza, amma ì a sinistra.

                Lui si alza e i due le si mettono sottobraccio: lui alla sinistra e Chiara a destra.               

Giorgio: Nun ve prioccupate: guido io.

                I tre vanno a sinistra, ma vanno a sbattere contro la porta.

                Néh, ma ch’è stato?

Chiara:  Cretino, e ‘a vuo’ arapì ‘a porta?

Giorgio: Ah, ma pecche’, ce sta pure ‘a porta? E io che ne sapevo?

                Giorgio la apre e i tre escono via.

6. [Leyla, Ciro, Ciccio e Luna. Poi Milan]

 

               Da destra tornano Leyla e Ciro.

Leyla:    Ciro, ma tu ‘a quant’anne cunùsce a Ciccio Formaggio?

Ciro:      A Francesco? ‘O cunosco ‘a quann’era piccerillo.

Leyla:    Siente, e nun è che me putìsse fa’ fa’ coccosa cu’ isso!

Ciro:      E vabbuò, ce parl’io. Te faccio ‘nu poco ‘e pubblicità. Però tu saje cucenà?

Leyla:    No. Saccio fa’ sulo ‘a maccarune alla milanese e ‘a cutaletta alla bolognese!

Ciro:      No, è tutto ‘o cuntrario! Siente a me, ‘mparete primma a cucenà e ppo’ t’’o spuse!

               E da destra tornano Ciccio (ha recuperato un po’ la voce) e Luna.

Ciccio:   He’ capì, Luna? Io vaco truvànno a ‘na femmena che sape cucenà comm’a te.

Ciro:      (He’ ‘ntiso, Leyla?).

Leyla:    (Sì, sì...).

Luna:     Francé, vuoi una donna che cucini come me? Ehm... ma allora tu vuoi a Leyla!

Ciccio:   Leyla? Ma pecche’, sape cucenà?

Luna:     Ma certo. Eccola qua. (Va da lei)

Ciccio:   (Fa altrettanto) E allora, Leyla, t’è piaciuto ‘e sentì ‘o disco mio ‘nzieme a me?

Leyla:    Sì. E m’’o sentésse ati quattuordice vote!

Ciro:      Aeh, nun t’è bastato ancora?

Leyla:    No, io tengo ancora voglia d’’o sentì, ‘o CD.

Luna:     E allora turnate ‘int’’a stanzetta sule tutt’e dduje e sentitavìllo.

Ciccio:   Sulo tutt’e dduje?

Cir-Lu.: E che ffa?

Ciccio:   Ma sì, Leyla, jammece a divertì ‘n’appoco a sentì “’A ‘pucundria”!

Leyla:    (Felice) Nun veco ll’ora. Però aggia comunicà primma ‘na cosa a cuggìneme: 

               Ciro, nun te prioccupà, aroppo t’’o metto io a posto, ‘o lietto!

Ciccio:   ‘O lietto? Néh, ma nuje amma sentì sulamente ‘o CD mio. 

Leyla:    Nun te prioccupà, famme fa’ a me, ammore mio! Sentite, Ciro e Luna, si io e

               Ciccio facìmme ‘nu figlio, ‘o faccio battezzà ‘a vuje!

Ciccio:   ‘Nu figlio? Ma qualu figlio? Nuje amma sentì sulamente ‘o CD mio!

Leyla:    Nun te prioccupà, ammore mio! E ppo’, si invece avìmme duje gemelle, maschio e

               femmina, ‘e cchiammàmme Ciro e Luna.

Ciro:      Ovviamente, Ciro sarrà ‘o maschio!

Ciccio:   Aspié, ma qua’ gemelle? Nuje amma sentì sulamente ‘o CD mio.

Leyla:    Nun te prioccupà, ammore mio, famme fa’ a me.

Ciccio:   Nénné, ma mò pe’ sentì ‘nu CD, avessa fa’ cocche figlio, ‘e spiccio, ‘e spiccio?!

Leyla:    Nun te prioccupà, famme fa’ tutto cose a me! Evviva Ciccio Formaggio!

               Gli si mette sottobraccio e se lo porta a destra. Luna sembra felice.

Luna:    Comme so’ cuntenta! Mò se méttene ‘nzieme!

Ciro:      Eh, accussì se méttene a cantà tutt’e dduje! Fanne Albano e Romina napulitane!

Luna:    Ciro, siente, t’aggia dicere ‘na cosa. Viene cu’ me, appartàmmece ‘nu sicondo.

Ciro:      E vabbuò.

               Si appartano verso la parte di destra. In casa entra Milan (vestito malissimo).

Milan:   Néh, addò è gghiuta Fiorentina? Ha ditto che se faceva truvva’ ccà! E vabbuò,

               allora aggia fa’ ‘o macedone? E io faccio ‘o macedone. Che s’ha da fa’ pe’ campà!

               (Nota i due) Mò provo a domandà a chilli duje. (Gli si avvicina) Ehm... voi due.

               I due non gli prestano proprio attenzione.

               Ehi, voi due.

               I due continuano a parlare tra di loro senza curarsi di lui. Milan si arrabbia.

               Oh!

Ciro:      Néh, ma che d’è?

Milan:     (Parla un italiano-straniero!) Scusare, voi essere di casa?

Ciro:        Sì. Ja’, che vvuo’? Luna, dance ‘na cosa ‘e spiccie e càcciele fora, a chisto!

Luna:      E chi ‘e ttene? Io aggia cagnà.

Milan:     No, ma io non volere soldi. Io volere vedere Fiorentina Roma.

Ciro:        Vuo’ vedé ‘a partita? E appìcciete ‘a televisione!

Milan:     No, Fiorentina Roma essere persona umana. Essere pure bona!

Ciro:        E’ bona? Mannaggia, purtroppo nun l’amme vista.  

Luna:      Aspetta, ma perché dovrebbe essere venuta qua, questa Fiorentina Roma?

Milan:     Lei parlare con un certo Carmine Di Martino.

Ciro:       Ma tu non avere visto Carmeniello fuori al ciardiniello?

Milan:     No. Io dovere parlare con lui, perché dovere cucinare da voi. Tu piacere magnare?

Ciro:       E comme, no? E allora viene cu’ me. Comme te chiamme?

Milan:     Milan.

Ciro:       Milan? Vabbuò, ‘o nomme è brutto, però si saje cucenà…!

Luna:      Aspié, ma addò ‘o puorte a chisto accussì cumbinato? Chillo pare ‘nu straccione.

Ciro:       Ma pecché, ce vo’ ‘a giacca e ‘a cravatta, pe’ cucenà? Ja’, viene cu’ me, Milan.

                (Gli rifà il verso) Molto piacere, io mi chiamare Ciro. Io essere pizzaiolo!

Luna:      Néh, ma pecche’ parle accussì?

Ciro:       Pecche’ chillo è straniero! E si po’ nun me capisce? Ja’, andare, fratello!

                I due vanno a sinistra. Luna allarga le braccia sospirando. Poi esce anche lei lì.

7. [Camillo e Carmine. Poi Ciccio, Alba, Chiara, Milan e Leyla]

                 Da destra entrano Camillo e Carmine. Sembrano meravigliati.

Camillo:  Carmenié, he’ visto? Chella s’è spugliata overamente!

Carmine: Però ha miso ‘a gonna annanzo ‘o buco d’’a serratura e nun putìmme spià cchiù.

Camillo:  Ce vulésse ‘nu fierro fino fino, ‘o ‘nfilamme ‘int’’a serratura, e il gioco è fatto!

Carmine: E già, accussì libberàmme ‘a visuale. Camì, aspiette ccà. Prendo il ferro e torno.    

                 E scappa fuori casa come un forsennato.

Camillo:  (Si frega le mani) Mamma mia, nun veco ll’ora ‘e vedé, nun veco ll’ora ‘e vedé!

                 Da destra torna Ciccio. Ha la camicia fuori ai pantaloni ed è trasandato.

Ciccio:     Mamma bella, e che ce tene chella Leyla!

Camillo:  (Lo nota) Uhé, e ch’è stato?

Ciccio:     Uh, scusatemi per le mie condizioni. 

Camillo:  (Lo guarda bene) Aspié, ma tu si’... tu si’...

Ciccio:     (Avvicinandosi) Sì, sono proprio io. Dicetelo, dicetelo!

Camillo:  Tu si’ chillo che ddice ‘e previsione del tempo pe’ televisione! Aggio ‘ncarrato?  

Ciccio:     No. Io so’ Ciccio Formaggio, cantante neomelodico. ‘A sapite “’A ‘pucundria”?

Camillo:  No, saccio “Buongiorno tristezza” ‘e Claudio Villa!

Ciccio:     E io so’ meglio ‘e Claudio Villa. Sono Francesco Cacio in arte Ciccio Formaggio.

                 Ma voi ci pensate? Io ho venduto 288 dischi! Dico: 288! Le mie fans vonno fare

                 tutte l’amore con me. E una di queste mi sta aspettando per fare il bis!  

Camillo:  E vva’ addù essa. Comm’è fatta? E’ bellella?

Ciccio:     Azz’oh! E’ bona. Allora, con permesso. Io vaco a ffa’ ‘o riesto. (S’avvia a destra

                 cantando) “’A ‘pucundria... ‘a malincunia... ‘a nostalgia... voglia ‘e murì...!

                 E va via a destra.

Camillo:  Ma ‘a do’ è asciuto, ‘stu personaggio? Si mia figlia Leyla se mettésse cu’ ‘nu  

                 deficiente ‘e chiste, io ‘a cacciasse ‘e casa! Nun ‘o voglio, ‘a casa mia!

                 Dalla comune torna Carmine con un fil di ferro in mano.

Carmine: Camì, aggio truvato sulo ‘stu filo ‘e fierro. Che ddice, abbasta?

Camillo:  E nuje mica amma ittà ‘a porta ‘nterra? (Lo prende e lo guarda) Sì, è sufficiente.

Carmine: E allora currìmme. Si chella se veste, è fernùto ‘o spettacolo!

Camillo:  Nun ce facìmme scuprì ‘a Alba e Chiara. Muvìmmece, jamme a spià, jamme.

                 I due escono velocemente a destra. Da sinistra entrano Alba, Chiara e Milan.                  

Alba:       Aggio capito, tu si’ ‘o famoso amico ‘e Fiorentina.

Milan:     Sì, essere io: Milan Inter.

Chiara:   Senti, Milan, ma forse c’è un sbaglio. A noi non ci serve un cuoco.

Milan:     Cosa dire? Ma non ci è signor Carmine? Signora, chiamare vostro marito.

Chiara:   No, ma non è mio marito.

Milan:     No? Non essere vostro marito? Però voi abitare insieme a lui, in casa sua!

Chiara:   Embé? E che sso’ fatte d’’e tuoje?

Milan:     Ah, va bene, io avere capito!

Chiara:   No, tu nun he’ capito proprio niente. E picciò, aìza ‘ncuollo e vatténne. 

Milan:     Ma no, io volere sentire pure parere di signor Carmine. Non vi parere?!

Chiara:   Vabbuò, lasse sta’. Milan, seguici. Forse Carmine sta ‘int’’o bagno ‘e servizio.  

Milan:     Grazia! 

Chiara:   Prega!

                Vanno a destra. Da lì poco dopo ecco Carmine e Camillo rincorsi dalle due.  

Alba:       Disgraziate, ma che state facenno?

Camillo:  Ehm… no, niente. ‘Int’’o bagno ce sta Fiorentina che se sta cagnanno.

Alba:       Ma allora state spianno a Fiorentina ‘int’’o bagno?

I due:       No, ma noi, veramente…!

Chiara:    Ma mettìteve scuorno, rattùse!

Carmine: Aspié, e fance parlà ‘nu mumento. Ce putìmme discolpà?

Le due:    Sentiamo.

Carmine: Dunque, Fiorentina è rimasta chiusa dentro, e allora noi, con quel ferro, e poi...

Camillo:  Carmenié, ma comme te staje spieganno brutto! Staje parlanno comm’a chillu

                 Ciccio Formaggio ‘e primma!

Le due:    Ciccio Formaggio?

Carmine: E chi è ‘stu Ciccio Formaggio?

Camillo:  E’ ‘nu cantante neomelodico. Ha detto che sta facendo l’amore con una fans in

                 casa tua. Chi sa chi è ‘sta piezza ‘e malamente! 

                 E da destra tornano Ciccio e Leyla abbracciati. 

Ciccio:     (Cantando una canzone spagnola) “Bésame… bésame il mucco…”!

Camillo:  ‘O vi’ lloco, è isso!

Ciccio:     (A Leyla) Ammore mio, comme so’ cuntento ch’aggio fatto ammore cu’ te!

Leyla:      Che bello! Avremo tanti piccoli “neomelodicini”!

Alba:       (Sorpresa) Uh, Marò, Leyla! Ma che he’ fatto?

Camillo:  (Gli si avvicina minaccioso) Néh, ma allora è chesta ‘a fans che te stive...?

Ciccio:     Sì. Ma pecché? Che ve ne ‘mporta a vuje? Levàteve ‘a miezo!

Camillo:  Uhe’, chesta è ‘a figlia mia!

Ciccio:     ‘O vero? Tu si’ ‘a figlia ‘e chisto?

Leyla:      Purtroppo!

Camillo:  Disgraziate, v’aggia ciaccà a tutt’e dduje!

                    I due vengono rincorsi da Camillo che vuol menarli, a sua volta riconrso dagli

                    altri quattro che vogliono fermarlo, ed escono tutti fuori casa.

8. [Fiorentina e Milan]

                    Da destra entrano Fiorentina e Milan.

Fiorentina: E allora m’he’ capito buono, Giggì?

Milan:         Ma qua’ Giggì? Nun he’ ditto ca io me chiammo Milan?

Fiorentina: Ah, già. E allora he’ capito, Milan? Tu he’ parlà macedone. Nun te scurdà.

Milan:         Sì, ma io nun saccio cucenà. Che me ‘nvento, quanno chille vonno magnà?

Fiorentina: Ma si tu he’ cucenato pure p’’o principe cinese.

Milan:         Ma chille, in Cina, se màgnene sulo schifezze. E allora pareva ch’’a cucina mia

                     era bona! E invece ce facevo magnà cierti ccose schifose: ‘e maccarune cu’ ‘o

                     zucchero, ‘a carne cu’ ‘o pesto, ‘e puparuole cu’ ‘a ciucculata…!

Fiorentina: Nun te prioccupà, pe’ t’aiutà a cucenà, t’aggio priparato ‘nu libro ‘e geografia.

Milan:         ‘O vero? E che ce azzecca ‘a geografia cu’ ‘o mmagnà?  

Fiorentina: Cretino, ‘nmiezo ‘e ppaggine d’’o libro ce stanne cierti rricette e ‘a spiegazione

                     ‘e comme l’he’ ‘a cucenà. Ma t’aggia spiegà sempe tutto cose?

Milan:         Siente, ma si’ sicura che chiste so’ ricche?

Fiorentina: Uff! Sono più ricchi dei signori Benso dove lavoro io. A proposito, dall’altra

                     casa già mi sono rubata qualcosa. Mò tocca a te ‘a parte ‘e ccà.

Milan:         Siente, ma ‘a signora Benso nun t’’eva cacciato?

Fiorentina: Ma no. Io tengo ‘o marito in pugno! Chillo cummanna isso. He’ capito? Picciò

                     nun te prioccupà, facimme chello ch’amma fa’. E quanno amme arrubbate ‘nu

                     poco ‘e rrobba, aizàmme ‘ncuollo e ce ne jamme ‘e Caraibi a ffa’ ‘a bella vita!

Milan:         Sì, sì, so’ d’accordo. E allora accumpagneme ‘int’’a cucina, Fiorentì.

Fiorentina: Sì, jamme, Giggì... cioè, voglio dicere, Milan!

                    Escono via a sinistra.

9. [Camillo, Ciro e Alba. Poi Chiara, Ciccio e Leyla]

                     Dalla comune entrano Camillo e Ciro.

Camillo:      No, Ciro, nun è cosa. Leyla se l’ha da scurdà proprio ‘o cantante neomelodico.

                     M’aggio sfastriato ‘e sentì tutt’’e juorne chella lagna.‘A ‘pucundria, ‘a

                     malincunia, ‘a nostalgia, ‘a voglia ‘e murì…! Chillo, ‘a ‘pucundria e ‘a voglia

                     ‘e murì, m’’e sta facénno venì a me! M’ha fatto addiventà nevraestetico!

Ciro:            Se dice “nevrastenico”! Però chillo è ‘nu bravu gioven...!

Camillo:      (Lo interrompe) No, nun voglio sape’ niente.

Ciro:            Sì, ma chillo canta buon...!

Camillo:      (Lo interrompe) Nun voglio sape’ niente.

Ciro:            Sì, ma chillo tene ‘o disco ‘e platin...!

Camillo:      (Lo interrompe) T’aggio ditto che nun voglio sape’ niente.

Ciro:            Sì, ma chillo sta chino ‘e sord...!

Camillo:      (Lo interrompe) Nun voglio sape’ nient...! Comme he’ ditto?

Ciro:            Che sta chino ‘e sorde.

Camillo:      E allora voglio sape’ coccosa! ‘A mamma ‘e ‘o pato ‘e chiste stanne buono?

Ciro:            Sì, Camì, so’ potentissimi!

Camillo: E che me ne ‘mporta che vénene ‘a Potenza! Io voglio sape’ si ténene ‘e sorde.

Ciro:       Azz! Chillo tene ‘o pato chef.

Camillo: Tene ‘o pato scemo?

Ciro:       No, è chef. Fa ‘o cuoco ‘int’’e ristorante cchiù famose ‘e Napule.  

Camillo: E allora io e Alba amma parlà ‘nu poco. Me sta avvianno a piacé, ‘o guaglione!

Ciro:       A proposito, ma Alba addò sta? Nun steva cu’ nuje?

Camillo: E già, è ‘o vero. Però bell’e buono l’aggio perza ‘e vista!

                Dalla comune entra Alba acciaccata, spettinata, dolorante al ginocchio destro.

Alba:      Ah, mamma bella, ‘o marito mio s’è scurdata ‘e me!

Ciro:       Camì, ‘a vi’ lloco. Ma che l’è succiesa?

Camillo: Niente. Pecche’?

Alba:      (Va dai due) Ma comme, niente? Quanno Camillo ha corzo appriesso a Ciccio e a

                Leyla, io so’ caduta ‘int’’o tombino ccà ffora!  

Ciro:       Alba, vuo’ che te purtàmme ‘o spitale? Accussì te staje ‘nu paro ‘e semmane!

Alba:      No, no, purtàteme ‘int’’o bagno, accussì me sciacquo ‘nu poco ‘o ginocchio.

Camillo: E tu si’ troppo distratta, mugliera mia. Jamme, Ciro, purtàmme a ‘sta passaguaje

                ‘int’’o bagno! Uff!

                La portano sottobraccio a sinistra. Dal centro riecco Leyla, Chiara e Ciccio.

Ciccio:    No signora Chiara, secondo me l’idea vosta nun funziona. Nun po’ funziunà!

Chiara:   Ma pecche’?

Ciccio:    E io ‘essa ì add’’e signure Benso e ce avéssa fa’ ‘na serenata?  

Leyla:     Ah, sì? E allora chesto vo’ dicere che nun me vuo’ cchiù bene! (Si volta offesa)

Ciccio:    Ma no, Leyla, nun dicere accussì. Però a me st’idea me pare ‘na fessarìa!

Chiara:   Ah, sì? Allora io dico ‘e ffessarìe? (E si volta offesa)

Ciccio:    Ma io me metto scuorno ‘e cantà.

Leyla:     E pecche’, nun vaje facenno chesto pe’ mestiere?

Ciccio:    Ma io aggia cantà annanzo a tuo padre “Munastero ‘e Santa Chiatta”.

Chiara:   Ma che Santa Chiatta? Santa Chiara, come me. E allora canta un’altra canzone.

                Ecco, per esempio: “’A pizza”.

Ciccio:    Ma pecché l’aggia cantà?

Chiara:   Perché Camillo è amante delle canzoni classiche napoletane.

Leyla:     Picciò, o te magne ‘sta menésta, o te mine p’’a fenésta. Che ffaje?

Ciccio:    E vabbuò, accetto. Però m’ata arricurdà comme fa. Io nun m’’a ricordo buono.

Leyla:     (Canta) “Ma tu vulìve ‘a pizza, ‘a pizza, ‘a pizza / cu’ ‘a pummarola ‘ncoppa”!

Ciccio:    Ah, è chesta?

Leyla:     Ecerto, adesso te la insegno io. Viene ‘nzieme a me.

Ciccio:    E vabbuò.

Leyla:     (Canta) “Ma tu vulìve ‘a pizza, ‘a pizza, ‘a pizza / cu’ ‘a pummarola ‘ncoppa”!

                Ed escono via con Leyla che canta la canzone a Ciccio. Chiara pare perplessa.

Chiara:   Marò, comm’è stunata! (Poi canta pure lei) “Ma tu vulìve ‘a pizza, ‘a pizza…”!         

                Esce via a sinistra.

10. [Carmine, Fiorentina e Milan. Poi Camillo. Infine Luna e Giorgio]

                 Dalla comune torna Carmine. E’ perlesso.

Carmine: Néh, ma ch’è stato? M’hanne lassato a me sulo fora ‘o giardino!

                 Da sinistra torna Camillo, sottobraccio tra Fiorentina e Milan.

Camillo:      Venite, venite. Andiamo a recuperare a Carmine. Così parliamo con lui.

Carmine:    Ma io stongo ccà.

Fiorentina: Oh, finalmente. Signor Carmine, parliamo due minuti, perché devo tornare dai

                    figli del signor Benso. O si no chella papera d’’a mugliera s’arraggia.

Carmine:    E nun te prioccupà, chella papera... ehm... cioè, Alba nun te piglia maje cchiù a

                    pàcchere. ‘O marito ce ha fatto ‘nu bellu discorso “frijenno e magnanno”!

Fiorentina: E voi le avete parlato?

Carmine:    Io? E chi ce parla? Chella, Alba, sta sempe cu ‘a “cucchiarella ‘nmana”!

Fiorentina: E gliel’avete detto alla vostra futura moglie il fatto di Milan?

Carmine:    Sì, io devo dire tutto a Chiara, pecché chella ha da fa “prutusino ogni menesta”!

Fiorentina: Ed è stata contenta?

Carmine:    Sì. Comm’e quanno uno se magna ‘nu “piatto ‘e lasagne”!

Fiorentina: Bravo. E allora Milan, io me ne vaco. He’ ‘ntiso? Ccà ddinto se parle sulo ‘e

                    magnà. Picciò cucina buono a da’ suddisfazione ‘o signor Carmine. He’ capito?

Milan:         Cià, ‘a Maronna t’accumpagna!

Camillo:     (Sorpreso) Comme?

Fiorentina: Ehm... non fateci caso. Lui ama tantissimo i modi di dire napoletani. Però poi

                    parla solo macedone. Hai capito? Nun t’’o scurdà, Milan! E allora a dopo.

Carmine:    E già te ne vaje? Nun t’’a vuo’ fa’ ‘n’ata doccia?

Fiorentina: Pe’ carità! Chella d’aiére m’è abbassata e m’è avanzata pure! Arrivederci.

                    Esce via freneticamente.

Carmine:    E allora ascoltami bene, Milan: ‘int’a ‘sta casa, nuje vulìmme magnà!

Camillo:     Milan, tu sei della Macedonia?

Milan:         Sì. Skopje!

I due:          Comme?

Milan:         Skopje!

Camillo:     Aggia scupà? Ma io nun voglio scupà. Voglio sape’ ‘e do’ sì!

Milan:         Io avere detto che essere di Skopje: essere capitale di Macedonia.

Camillo:     Ho capito. E che facevi in Macedonia prima di venire in Italia?

Carmine:    Camì, ‘e che domanda scema! Ma che se po’ ffa’ in Macedonia? ‘A frutta! No?

Milan:         Appunto, io ho lavorato in negozio frutta.

Carmine:    Azz, aggio ‘ncarrato! E senti, Milan, da quanto tempo stai in Italia?

Milan:         Due anni. Io, appena essere arrivato in Italia, avere chiesto asilo politico.

Camillo:      Ah, ecco: appena si’ arrivato in Italia, ‘nu politico t’ha mannato all’asilo!

Carmine:    Ma che me ne ‘mporta? Io voglio sape’ sulo si chisto sape cucenà overamente!

Milan:         Sì, io cucinare bene. Io avere cucinato per sceicchi e pure per principe cinese.

Camillo:      (Si sfrega le mani) E che saje cucenà, che saje cucenà?

Milan:         Un po’ di tutto, ma soprattutto ricette macedoni.

Camillo:      (Lo imita) No, noi volere solo ricette italiane. A noi, ricette macedoni, bleacht!

Carmine:    Per l’appunto. A me me piace ‘a pasta.

Camillo:      E a me invece me piace ‘a carne.  

Milan:         Io capire tutto: a signor Carmine piacere pasta e a signor Camillo piace carne.       

                     Signor Carmine essere “pastuto” e signor Camillo essere “carnuto”!

Carmine:    Però a me me piace pure ‘a nzalata. E allora io fosse ‘nu “”nzalanuto”?!

Milan:         Esatto! Voi mettere in mie mani. Io vi fare alliccare baffi e pure naso!

Carmine:    Siente, a proposito ‘e alliccà: ma tu, comme sorde, quante t’allìcche?

Milan:         Beh, io direi... andare bene 10.000 Euri?

I due:       (Sorpresi) Diecemila Euro?

Carmine: Ma chella Fiorentina ha ditto che tu te piglie uttuciento Euro ‘o mese!

Milan:      ‘O vero? Ehm... ah, sì? Uh, scusate, io avere detto male. Volevo dire 800 Euri!

I due:        Ah, mò sì!

Carmine: E ora mettiti all’opera: stasera grande cena in casa mia.

Milan:      (Preoccupato, si alza in piedi) Uh, Marò! Subito?

Carmine: E se capisce, io voglio magnà!

Camillo:   Prego, vulìmme magnà! Voglio pruvà pur’io ‘o cuoco tuojo!

Carmine: E se capisce, Camì.

Milan:      Meno male che io avere portato libro di geografia!  

Carmine: E a che te serve? Va’, va’ a cucenà. Camì, accompagnalo tu!

Camillo:   Con vero piacere!

Milan:      (Con una risata nervosa) E va bene, io andare, io andare.

                  Escono a sinistra. Carmine si sfrega le mani.

Carmine: Ua’, bello! Tengo pur’io ‘o cuoco comm’’e grande signure! E solo per 800 Euri

                  al mese! A proposito: vulésse mettere ‘ncoppa ‘a tavola ‘o mesale mio preferito.

                 Però nun so’ stato capace d’’o truvva’ a nisicuna parte. Chi sa si Luna l’ha visto?

                 Da sinistra riecco Luna e Giorgio.

Luna:       Giorgio, ma che ffaje? Vaje a sbattere pe’ tutta ‘a cucina?

Carmine: E tu che vvuo’ ‘a me?

Luna:       Ah, ccà ce sta pure Carmine.

Carmine: Già.

Giorgio:   Senti, Carmine, io ti sto antipatico, e questo lo so. Però tu devi calcolare che...

Luna:       Giorgio, nun accummincià a calcolà, una cosa!

Giorgio:   E invece sì. Non mi giudicate male se io calcolo tutto. E non mi giudicate male  

                  se non mangio molto. Il cibo fa male. ‘O colesterolo saglie! ‘O diabete saglie!

Carmine: Però pure ‘a famme saglie! E quanno saglie ‘a famme, che ffaje? Te staje dijuno?

Giorgio:   Sì, però non mi devi giudicare male se non ci vedo bene. Sono miope. E con ciò?

Carmine: Ma tu vaje a sbattere n’faccia a tutto parte! E già m’he’ scassato troppi llastre!

Luna:       E tutte ‘sti ccose te pàrene ‘nu mutivo buono pe’ purtà odio a Giorgio?

Carmine: E allora non ti odio più. Va bene? E ora pensiamo a mangiare. A proposito, mi

                  è sparita quella bella tovaglia a quadri che mi piace tanto. Saje addò sta, Luna?

Luna:       No.

Carmine: E tu, Giorgio?

Giorgio:   E io saccio ‘a tuvaglia vosta addò sta?

Carmine: (Guarda la camicia di Giorgio) Aspiétte ‘nu poco! Famme vedé ‘a cammisa toja!

Giorgio:   Ti piace? L’ho comprata ai grandi magazzini!

Carmine: Ma... ma chesta è ‘a tuvaglia mia!

Luna:       Ma che staje dicenno?

Carmine: Sì, sì, io ‘a riconosco! Marjuò, t’he’ arrubbato ‘a tuvaglia mia!

Giorgio:   Ma io sono un ispettore di polizia.

Carmine: E ‘a chi ‘o vvuo? ‘Sta tuvaglia, l’aggio accattata io! Guarde ccà, ce sta pure ‘a

                 macchia ‘e vino ch’aggio fatto io. Uhe’, damme mommò ‘a tuvaglia mia!

Luna:       Carmine, ‘a vuo’ fernì?

Carmine: Vatténne, Luna. Tu t’he’ pigliato ‘a tuvaglia mia e ce he’ fatto ‘a cammisa a

                  chisto!  Traditrice!

Giorgio:   Non ti permetto di offendere mia moglie. He’ capito?

Carmine: Uhe’, damme ‘a tuvaglia mia! (Gli tira la camicia) Voglio ‘a tuvaglia mia!

Luna:       Noooo.

Giorgio:   Làsseme sta’, làsseme sta’.

Carmine: No, damme ‘a tuvaglia mia!

                  Giorgio si libera e scappa via di casa inseguito da Carmine e da Luna.

11. [Chiara, Alba e Ciro. Poi Carmine e Camillo. Infine Ciccio e Leyla]

                 Da sinistra tornano Alba (zoppicante) e Chiara.

Chiara:    E allora, Alba, te siente ‘nu poco meglio?

Alba:        Sì, grazie, Chiara. Mò m’assetto ‘nu poco. (Si siede sul divanetto)

Chiara:    Siente, vulìmme vedé si Milan me fa ‘nu poco ‘e cammumillo.

Alba:        Sì, sì. Però io penso che quello fa la camomilla come si fa in Macedonia.

Chiara:    Aspié, famme capì: Milan fa ‘o cammummillo cu’ ‘a macedonia?

Alba:        No, Chiara, no. ‘A Macedonia è ‘na località d’’a ex Jugoslavia.

Chiara:    Ah, ecco. 

                 Le siede accanto. Da sinistra entra Ciro.

Ciro:        Alba, tu staje ccà?

Alba:        Eh, sì.

Ciro:        Cioè, nel senso che nun te si’ proprio muvùta ‘a ccà?

Alba:        No, me so’ muvùta, però po’ so’ turnata ‘n’ata vota ccà. Pecché?

Ciro:        No, niente. (Si siede al tavolo) Te vulévo parlà ‘e Ciccio Formaggio e Leyla.  

Chiara:    E già. Pur’io te vulévo dicere ‘a stessa cosa.

Alba:        No, no. Chillu tizio nun me cunvince manco si canta in ginocchio annanzo a me.

                 Dalla comune entra Giorgio con la camicia di Giorgio in mano.

Carmine: Ecco qua, ce l’ho fatta! M’aggio pigliato ‘n’ata vota ‘a tovaglia mia.

Chiara:    Carmine, ma che staje facénno? Chella è ‘a cammisa ‘e Giorgio.

Carmine: No, no e no. Chesta è ‘a tovaglia. Giorgio se l’ha misa ‘ncuollo comme cammisa!

                  Da sinistra torna Camillo che inveisce contro Milan.

Camillo:   Disgraziato, ma che staje cucenànno?

Milan:      Ehm... niente, quella essere cucina macedone.

Carmine: Che sta succedénno?

Camillo:   ‘O vvuo’ sape’? Chillo sta cucenanno ‘a pasta cu’ ‘o rraù e ‘a carne ‘e maiale.

Alba:        Embé? E mò nun te piàcene cchiù?

Camillo:   Ma chisto ha miso a vòllere ‘a carne ‘into all’acqua d’’a pasta e ‘a pasta ‘int’’a

                  padella cu’ ll’uoglio d’’a carne! (Gli afferra il braccio) Ma tu ce vuo’ avvelenà?!

                  Milan si divincola e finisce sul divanetto, addosso ad Alba e Chiara.

Le due:     Aiuto!

Camillo:   Disgraziato!

                  Dalla comune entra Ciccio (con Leyla). Va da Camillo e Alba, si inginocchia…

Ciccio:     (Canta) “Ma tu vulìve ‘a pizza, ‘a pizza, ‘a pizza, cu’ ‘a pummarola ‘ncoppa, cu’

                 ‘a pummarola ‘ncoppa…”!

                 Comincia a cantare pure Camillo che si mette sottobraccio a Ciccio:

I due:       “Ma tu vulìve ‘a pizza… cu’ pummarola ‘ncoppa. / ‘A pizza e niente cchiùùù.”!

FINE ATTO PRIMO

Salone di casa Di Martino, l’indomani. C’è qualche festone con su scritto: “W gli sposi”!

ATTO SECONDO

1. [Carmine e Chiara. Poi Alba e Ciccio]

                  Al centro ecco Carmine e Chiara (ben vestiti). Sul tavolo c’è una busta di spese.

Chiara:    Carmenié, comme so’ cuntenta ca ce spusàmme.

Carmine: E pur’io, pur’io!

Chiara:    Me cride? ‘O vveco e nun ce credo.

Carmine: E pur’io, pur’io!

Chiara:    Vulésse che ‘stu mumento nun passasse maje.

Carmine: E pur’io, pur’io!

Chiara:    (Spazientita) Néh, ma ‘a vuo’ fernì ‘e dicere “Pur’io, pur’io”!

Carmine: E ch’aggia dicere?

Chiara:    Dice coccosa pure tu.

Carmine: Aggia dicere coccosa? E vabbuò. Viene ‘nzieme a me.

                  I due si avvicinano al tavolo. Carmine apre la busta di spese.

                  Dunque, chesta è ‘a pasta che ce amma magnà oggie pe’ festeggià ‘a data d’’o

                  matrimonio nuosto. Ascolta bene! (Dalla busta prende un pacco di pasta) Questi

                  sono spaghetti: vanno fatti alla Carbonara! (Prende un altro pacco) Queste sono

                  penne: vanno fatte all’arrabbiata! (Prende un altro pacco) Queste invece sono

                  orecchiette: vanno fatte con le cime di rapa!

Chiara:    Néh, he’ fernuto?

Carmine: No, ce stanne ati ddiece pacche ‘e pasta! L’aggio accattate pe’ c’’e mmagnà mò!

Chiara:    ‘O vero? E chi l’avessa cucenà tutta ‘sta rrobba?

Carmine: ‘O macedone.

Chiara:    Ma tu nun l’’ive cacciato?

Carmine: Ma no, chillo fuje sulo ‘n’incidente. Invece Milan sape cucenà buono! Pienze,

                  stammatina m’ha fatto truvà ‘na colazione a base ‘e latte, bacon e zabaglione!   

Chiara:    Carmine, ma ‘a vuo’ fernì ‘e magnà accussì assaje? Tu tiene ‘o colesterolo alto.

Carmine: Ma pecché, quanta metre è?

Chiara:    Vatte a ffa’ ll’analese e ‘o ssaje!

Carmine: Ce so’ gghiuto già aiére pe’ te fa’ cuntenta. Tanto, io già saccio ca sto’ buono. E

                  mò famme purtà ‘sta pasta a Milan: l’ha da cucenà tutta quanta! Cià, teso’!

                 Prende la busta di spese e va a sinistra. Chiara resta sorpresa.

Chiara:    Ecco, chiusa ‘a conversazione. Cu’ chisto se parle sulo ‘e magnà. E che pacienza!

                 Esce via a destra. Dalla comune entrano Alba e Ciccio che entra cantando.

Ciccio:     (Canta) “Sì, quest’amore splentito...”!

Alba:        Francé, ma ‘a vuo’ fernì ‘e cantà sempe? A me m’avòta ‘a capa!

Ciccio:     Signora Alba, vi dovete abituare. Io, con vostra figlia, tengo intenzioni serie!

Alba:        Siente, Francé, mò t’’o ddico ‘na vota e pe’ sempe: io tengo a ‘na sola figlia

                 femmena. E accussì ‘a vulésse vedé sestimata cu’ ‘na perzona a posto.

Ciccio:     Ma pecche’, io comme songo?

Alba:        Tu staje fuori posto!

Ciccio:     Signò, ma che m’ate pigliato pe’ ‘nu telefono?

Alba:    No, ma io, a mia figlia, ce vulésse fa’ spusà a ‘nu cantante.

Ciccio: Ma pecche’, io faccio ‘o garacista? Nun songo ‘nu cantante?

Alba:    Ma io dico ‘nu cantante ‘o vero. Per esempio, a Leyla, ce facésse spusà ‘e Pooh!

Ciccio: A tutt’e quatte?!

Alba:    Francé, ma tu me stisse sfuttenno?

Ciccio: No, signò. Però ancora aggia capì che tengo io ca nun va buono.

Alba:    ‘O tiene ‘nu stipendio pe’ mantené a te, a mia figlia e a mio nipote Camillo?

Ciccio: (Sorpreso) Azz, già ate miso ‘o nomme all’eventuale figlio mio?! 

Alba:    E se capisce, uno ce ha da penzà primma, a ‘sti ccose!

Ciccio: E vabbuò, signò, ‘o vvulìte sape’? Io nun guaragno assaje, cu’ ‘o mestiere mio. Però

              mammà e papà so’ ricche assaje. Io tengo doje case astipate ‘ncoppa ‘o Vommero.

Alba:    (Interessata) ‘O vero? E pe’ mia figlia, eventualmente, ce stesse cocche casarella?!

Ciccio: Comme no? Io ce regalo ‘a casa discografica mia!

Alba:    No, io parle ‘e ‘na casa ‘o vera.

Ciccio: Sì, signò: si ce spusàmme, se ne vene cu’ me ‘ncoppa ‘o Vommero. A Via Petrarca.

Alba:    Ah, però! E allora se ne po’ parlà! In fondo tu sì ‘nu bravu giovene! E ppo’ saje

             cantà tantu bello! Anze, tu he’ fatto chillu bellu disco. Aspié, comme se chiamma?

Ciccio: “Chiamatemi Ciccio”!

Alba:    Ah, già. E comme fa chella bella canzona? (Canta) “’A ‘pucundria...”!

I due:    “...‘A malincunia... ‘a nostalgia... voglia ‘e murì”!

Alba:    Bella, bella assaje! E mò jamme a cercà a Leyla. E ppo’ cercamme a mio marito.

Ciccio: Va buono, facìte tutto cose vuje.

Alba:    Viene cu’ me. (Canta) “’A pucundria, ‘a malincunia, ‘a nostalgia, voglia ‘e murì!”.

             Lo prende sottobraccio, escono via a sinistra.

2. [Milan e Ciro. Poi Leyla e Giorgio]

              Dalla comune entrano Milan (vestito da cuoco) e Ciro, parlando di calcio.

Ciro:     Siente, pure si te chiamme Milan, nun t’attiggià proprio, pecche’ è facile a vencere

              ‘o scudetto cu’ ‘o Milan o cu ‘a Juve! Ma ‘o Napule è ‘n’ata cosa!

Milan:   Ma io dovere solo cucinare, no tifare.  

Ciro:     Ecco, bravo. A proposito, oggie che se magna ‘e buono?

Milan:   (Preoccupato) Ah, e mò?

Ciro:     Ch’è succieso?

Milan:   No, no, niente. E allora... per primo, io cucinare... per primo, io cucinare… primo!

Ciro:     Sì, ma che tipo ‘e primmo he’ ‘a cucenà?

Milan:   (Preoccupato) Azz, aggio fatto ‘a frittata...!

Ciro:     ‘A frittata?

Milan:   Ehm... io avere detto frittata? Sì, io cucinare frittata… frittata maccheroni!

Ciro:     Ah, sì? E bravo, me piace.

Milan:   Meno male, allora io andare.

Ciro:     Addò vaje? Pe’ sicondo che se magna?

Milan:   Ah, già, ‘o sicondo! Cazzarola...

Ciro:     Cazzarola? E che d’è?

Milan:   Ehm... no, io volere dire: casseruola! Sì, sì, io cucinare carne alla “casseruola”!

Ciro:     Buona, buona!

Milan:   Buona? E allora io andare.

Ciro:        Aspié, addò vaje? E pe’ dolce che ffaje?

Milan:     Ma si’ proprio ‘na sacchetta!

Ciro:        Sacchetta?

Milan:     No... sacche… sacche… Sacker torte! Va bene? Allora io andare.

Ciro:        Aspié, addò vaje?

Milan:     (Spazientito) Oh, e mò basta! He’ capì? M’he’ fatto venì’o schifo ‘e cucenà!

                 Picciò màgnete chello che truove e stattu zitto! ‘E quanta vizie tene chisto!

                 Ed esce via a sinistra incavolato. Ciro resta esterrefatto.

Ciro:        Certo ch’’a lingua macedone assumiglia assaje ‘o napulitano! Mah!

                 Esce a destra perplesso. Dalla comune entrano Leyla (che è triste) e Giorgio.

Leyla:      He’ visto, Giorgio?

Giorgio:  No, nun aggio visto proprio niente!

Leyla:      No, voglio dicere: he’ capito?

Giorgio:  E ch’aggia capì?

Leyla:      ‘O fatto mio e ‘e Francesco.

Giorgio:  Embé, e che ffa?

Leyla:      Comme che ffa? Giorgio, ma tu, oltre a nun ce vedé, nun ce siente manco cchiù?

                 Te sto’ ddicenno ‘a tre ore ca papà e mammà nun m’’o vonno fa’ spusà. 

Giorgio:  E vabbuò, ma tu in fondo l’he’ visto buono a ‘stu Francesco?

Leyla:      Tu, sicuramente, no!

Giorgio:  Tu comme ‘o vide a uno che se chiamma Francesco, in arte Ciccio Formaggio?

Leyla:      Giorgio, io ti propongo un affare: nun è che tu putìsse parlà cu’ mamma e papà,

                 mentre io parlo ‘e te cu’ zio Carmine? Così gli faccio passare l’antipaia per te.

Giorgio:  A chi? Ieri con lui ci ho litigato. Si nun fosse pe’ mia moglie, io nun ‘a vedesse

                 mai cchiù ‘sta casa! Che ppo’ io nun l’aggio maje vista! A proposito, ma è bella?

Leyla:      Giorgio, ma io sto’ dicenno ‘na cosa seria. Allora, vuo’ parlà cu’ mammà e papà?

Giorgio:  E vabbuò, mò ce parl’io. A chello che me vene, me vene! Senza guardà niente!

Leyla:      Grazie, Giorgio, si’ proprio ‘n’amico. Mò però viene cu’ me ‘int’’a cucina.

Giorgio:  A ffa’ che?

Leyla:      A salutà a mio zio.

Giorgio:  E io avéssa salutà a Carmine? E tu mò ‘o vide, ‘stu juorno!

Leyla:      No, e allora nun he’ capito: si tu ‘o salùte, isso t’ha da risponnere pe’ forza, o si

                 no passa d’’a parte d’’o tuorto! E’ ‘na strategia.

Giorgio:  E allora, faccio comme dice tu. Però t’arraccummanno: nuje nun amme parlato.

Leyla:      No, no, nun te prioccupà.

Giorgio:  No, no, Leyla, tu me l’he’ ‘a giurà: io e te, nun ce amme viste proprio!

Leyla:      Ma io t’’o ppozzo pure giurà! Tanto, chella è ‘a verità!

                 E così i due escono a sinistra.

 

3. [Camillo, Fiorentina e Chiara. Poi Carmine e Ciccio]

                     Dalla comune entramo Camillo e Fiorentina.

Camillo:      Fiorentì, ma che ssi’ venuta a ffa’ ccà? Tu he’ sta’ ‘a casa a guardà ‘e figli mie.

Fiorentina: Sentite, stàteme a sentì: io aggia da’ ‘na mana a Milan, pecche’ sta in pericolo!

Camillo:     ‘O vero? E pecche’, che ha da fa’?

Fiorentina: Ha da cucenà.

Camillo:     Sta in pericolo pecche’ ha da cucenà?

Fiorentina: Sì. M’ha telefonato e m’ha ditto che ha da fa’ ‘a Puttanesca.

Camillo:     E ‘a Puttanesca è pericolosa?

Fiorentina: Uff, pericolosissima!

Camillo:     Fiorentì, ma che ha da cucenà chisto, ‘na bomba a mano?!  

Fiorentina: E no, vuje parlate buono pecché ata sulamente magnà. Ma chillu puveriello,

                    isso sulo, nun ce ‘a fa’ a cucenà pe’ tanta gente.

Camillo:     E vabbuò, viene ‘int’’a cucina e dance ‘na mana.

Fiorentina: Grazie, signor Camì.

                    I due si avviano a sinistra e Fiorentina si ferma e ferma pure Camillo.

                    Aspettate, signor Camì, e si po’ ce sta ‘a mugliera vosta? ‘A fermate vuje?

Camillo:     E comme, no? Nun te prioccupà, ce penz’io. E mò jamme.

                    Si riavviano, ma stavolta è Camillo a fermare Fiorentina.

                    Ehm... aspiette ‘nu mumento, Fiorentì, e si po’ mugliérema vo’ vattere a me,

                    po’ a me chi me difende? Tu?

Fiorentina: Io? E a me chi me difende?

Camillo:     E picciò, nun me pare ‘o caso ‘e ì a sfottere ‘a mazzarella ‘e don Giuseppe!

Fiorentina: Embé, e mò comme facìmme?

Camillo:     Ma tanto, ‘int’’a cucina ce sta certamente Chiara! Ci difende lei. Allora jamme.

                    Si avviano a sinistra, poi si fermano entrambi. Camillo ha un altro dubbio.

                    Aspié, e si po’ nun ce sta?

Fiorentina: E già. Ma chella addò putésse sta, a chest’ora?

Camillo:     Jamme a vedé si sta ‘int’’a stanza ‘e lietto? Poi si va in cucina scortati da lei.

                    I due vanno alla porta a destra e Camillo chiama timidamente Chiara.

                    Juhu...! Chiara! Ce staje? Pe’ piacere, rispunne ‘e sì!

Fiorentina: Ha risposto?

Camillo:     E che ne saccio, io? Jamme a vedé, va’!

                    Ed escono via a destra. Da sinistra tornano Carmine e Ciccio.

Ciccio:        Signor Carmine, me credite? So’ talmente cuntento, che mò me metto a cantà!

Carmine:   No, pe’ piacere! Mò nun è ‘o mumento. Aggia ascì.

Ciccio:        Aspettate, signor Carmine, io v’aggia parlà ‘nu sicondo.

Carmine:   Francé, ma io aggia ì a piglià ll’analese.

Ciccio:       E che ce vo’? Mica se ne fujene ‘a ‘int’’o laboratorio?

Carmine:   E vabbuò. Ja’, che m’he’ ‘a dicere?

Ciccio:       Sto’ priparanno ‘o programma d’’e ccanzone ch’aggia cantà ‘o matrimonio

                   vuosto. Che ve piacesse ‘e sentì?

Carmine:   Ma ce manca ancora ‘nu mese. E vabbuò. Appripara ‘nu repertorio ‘e canzone

                   napulitane. Però no chelli llà che cante tu. Nun sia mai, mentre stamme facenno

                   ‘o pranzo in allegria, t’appresiénte tu cu’ chella lagna: (Canta) “’A ‘pucundria...

                   ‘a malincunia... ‘a nostalgia...”! E ‘o riesto nun m’’o ricordo cchiù!

Ciccio:       “Voglia ‘e murì...”!

Carmine:   Ah, già, alla fine ce sta ‘a frase cchiù alléra d’’a canzone! Allora io vaco. Cià!

Ciccio:       Aspettate, signor Carmine, ‘n’urdima cosa. Vuje ‘o ssapite, io m’aggio miso cu’

                   Leyla. Però ‘a mamma e ‘o pato nun vonno proprio. E comm’aggia fa’?

Carmine:   E ‘o vvuo’ sape’ ‘a me? Va’ addù isso e càntece... (Cantando) “Ancora ti

                   chiamerò trottolino amoroso e du du, da da da...”!

Ciccio:       E nun è che me sputa ‘nfaccia?!

Carmine:   E’ probabile! Tu dince che te l’aggio ditto io. Vabbuò? E mò fammenn’ì. Cià!

Ciccio:         Aspettate, ancora ‘nu sicondo. E si po’ nun abbàsta ‘a canzone?

Carmine:    Francé, si t’’o vuo’ fa’ amico, a Camillo, l’he’ ‘a cuffià. He’ capì?

Ciccio:         L’aggia cuffià? In che senso? L’aggia mettere ‘e ccuffie?!

Carmine:    Ohi ni’, ma nun me fa’ perdere ‘o tiempo ‘nzieme a te.

                     Cerca di avviarsi fuori ma viene fermato a stento da Ciccio che lo tira.

Ciccio:         No, aspettate. (Cantando) “Statte cu’ me / famme murì / statte cu’ me...”!

                     Carmine tira fuori Ciccio. Da destra tornano Fiorentina, Camillo e Chiara.

Chiara:       Néh, ma che sso’ ‘sti facce ‘e paura?

Fiorentina: Ehm... ce ‘o ddicìte vuje, signor Camillo?

Camillo:     Dunque, Chiara, stamme a sentì: io e Fiorentina stamme rischianno ‘e abbuscà!

Chiara:       E da chi? Da Alba?

Camillo:     E secondo te chi ce avéssa vattere? Giorgio? E quanno ce acchiappa, chillo?

Chiara:       Néh, ma pecche’ v’avéssa vattere, Alba?

Fiorentina: Pecche’ io...

Camillo:     Aspié, ma nun he’ ditto che ce l’aggia spiegà io?

Fiorentina: Prego!

Camillo:     Allora, Chiara: Fiorentina ha azzeccato ‘n’ata vota ‘e figli miei ‘ncoppa ‘e

                    sseggie! E accussì è venuta ccà pe’ dda’ ‘na mana a Milan, pecche’ isso sulo

                    nun ce ‘a fa’. Chillo ha da cucenà ‘na bomba a mano!

Chiara:       ‘Na bomba a mano?

Camillo:     No, ha da fa’ ‘a Puttanesca!

Chiara:       Embé, e Fiorentina che ha da fa’?

Camillo:     Ha da partecipà! Senza Fiorentina, ‘a Puttanesca nun se po’ ffa’!

Chiara:       Néh, ma sape cucenà overamente, ‘stu Milan, oppure no? Dicìteme ‘a verità.

Fiorentina: E comme, no? Però il fatto è che alcuni piatti italiani non li conosce bene.

Chiara:       Perfetto, ho capito. Ma mò pecche’ m’ate venute a chiammà a me?

Camillo:     Pecché tu ce avìssa accumpagnà ‘int’’a cucina.

Chiara:       A ffa’ che?

Camillo:     Marò, tu ci devi fare da scudo! Quella, Alba, appena vedrà a Fiorentina qua

                    dentro, ci vorrà aggredire. Accussì, accòmme accummencia a menà mazzate...!

Chiara:       ...Me metto io annazo e abbosco ‘o posto vuosto! E’ accussì?

Camillo:     Ua’, ma comm’è intelligente ‘sta Chiara! Jammuncenne, jamme!

                    Così fanno ed escono a sinistra, timidamente.

4. [Ciro, Luna e Leyla. Poi Giorgio, Chiara e Milan]

 

                   Da destra entra Ciro con una busta sospetta in mano. Vi guarda dentro.

Ciro:          Ma comm’è disordinato, Milan. ‘A notte sta durmenno ‘int’’a ex stanzetta ‘e

                   Luna. Ha lassato ‘sta busta sotto ‘o lietto. Chi sa che ce sta?

                   E vi guarda dentro. Da sinistra entrano Luna e Leyla.

Leyla:        Luna, songo ‘a femmena cchiù felice d’’o munno!

Luna:        Brava, biata a te! (Nota Ciro) Luna, guarde, ce sta Ciro. Ma che sta facenno?

Leyla:        Boh! Jamme a vedé.

                   Le due gli si avvicinano. 

                   Ciro, ma che staje facenno?

Ciro:         Niente, ‘int’’a ex stanzetta ‘e Luna ce steva ‘sta busta sotto all’ex lettino tuojo!

Luna:        Ma ‘e chi è ‘sta busta?

Ciro:      E’ ‘e Milan. E vvuo’ sape’ che ce sta ccà ddinto? Roba sospetta!

Leyla:    Vabbuò, che ce po’ sta’? Magliette intime, cazune, cammise, cazettine, scarpe…!

Ciro:      Leyla, ma chesta è ‘na busta, no ‘na valiggia. Ce stanne ‘nu paro ‘e guante, ‘nu

               passamontagna, ‘e ppinze, ‘o pero ‘e puorco, ‘e ccesoie e pure ‘nu grimaldino!

Luna:    ‘Nu grimaldino? E che d’è?

Leyla:    Ma forse staje parlanno d’’o grimaldello.

Ciro:      Ah, già, brava, è chistu ccà.

Luna:    Ma chesta rrobba a che serve?

Leyla:    P’arrubbà.

Luna:    E tu comm’’o ssaje? Nun me dicere che vaje arrubbanno pure tu!

Leyla:    No, ‘o ssaccio pecche’ ‘a casa mia, ‘int’’a stanzetta addò dorme Fiorentina, ce sta

               ‘na busta tale e quale a chesta, cu’ ‘a stessa rrobba dinto. Vulìte venì a vedé?

Luna:    E vabbuò, mò venìmme a vedé. 

Ciro:     Ma ccà sta succedenno coccosa ‘e strano.

Luna:    Secondo me, ‘stu Milan e ‘sta Fiorentina nun fanne né ‘o cuoco e né ‘a babysitter.

Leyla:   Ah, no? E che fanne, allora?

Ciro:     Giesù, Leyla, ma allora si’ scema? L’he’ ditto tu stessa: ‘sta rrobba ‘int’a ‘sta busta

              serve p’arrubbà. E allora mò te faccio ‘na domanda: in genere, chi va a arrubbà?

Leyla:   ‘E marjuole!

Ciro:     ‘O vi’, ce si’ arrivata!

Leyla:    Uh, Marò… ma allora… ma allora…

Luna:     Vabbuò, mò basta a parlà. Leyla, jamme addù te.

               I tre escono via. Da sinistra entrano Chiara e Milan.

Chiara:  Liéveme ‘na curiosità, Milan: ma tu, ‘int’’e ppurpette, ce ‘a miette ‘a mullica ‘e

               pane, oppure no?

Milan:   Ehm... potere ripetere domanda? Non essere chiara!

Chiara:  Ripeto: ‘int’’e ppurpette, ce ‘a miette o nun ce ‘a miette ‘a  mullica ‘e pane?

Milan:   (Indeciso) Ehm… no?

Chiara:  No? Guarda, che ti licenzio!

Milan:    Sì, io ci mettere mollica. Anzi, io ci mettere tutto il pane!

Chiara:  Vabbuò, nun esaggerà mò, o si no po’ faje ‘o purpettone! A proposito, ma comm’è

               che Fiorentina t’è venuta a dda’ ‘na mana?

Milan:    Ehm… perche’ io da solo non ce la fare a portare via la rob… cioè, a cucinare!

Chiara:  E allora muòvete. Cucina bene, così facciamo una bella sorpresa a Carmeniello.

Milan:    Ma io me n’aggia fujì… ehm… cioè, io scappare subito di qua!

Chiara:  Pecché, addò vaje?

Milan:    Ehm… in cucina. Allora con permesso, io andare.

               Lui esce a sinistra frettolosamente. Chiara lo guarda circospetta.  

Chiara:  Secondo me, chisto, ‘a mullica ‘e pane ‘int’’e ppurpette, nun ce ‘a mette propio!

                Da sinistra entra Giorgio con un paco di pasta (comprato da Carmine).

Giorgio: (Legge da vicino sul retro) Mah! Eppure me pare strano! 

                Le va quasi addosso e lei lo ferma.

Chiara:   Eh, ma vuo’ guardà chi ce sta annanzo a te… si ce riesce?

Giorgio: Chi ce sta? Sei tu, Chiara?

Chiara:   E chi ha da essere? Songh’io. Siente, a proposito: ma che cosa, te pare strano?

Giorgio: Chiara, io su questi pacchi di pasta, non ci vedo chiaro!

Chiara:   E se capisce! 

Giorgio: Se leggo bene, questa pasta scade oggi.

Chiara:  Uh, Marò! E a chi ora?

Giorgio: Eh, vulìte sape’ pure ‘e minute e ‘e siconde? Scade entro oggi. E allora ce l’amma

                magnà tutta quanta mò.

Chiara:  E ce ‘a facìmme, ce ‘a facìmme.

Giorgio: E non è possibile. Io ho visto pure gli altri 15 pacchi di pasta: scadono tutti oggi.

Chiara:  Pure? E che t’aggia dicere? Allora vo’ dicere che ce ‘e mmagnamme mò.

Giorgio: E allora ce ‘e ffacìmme ascì pe’ ll’uocchie?

Chiara:  E che ffa? Ce ‘e ffacìmme ascì pe’ ll’uocchie! Tanto, a te a che te sérvene?!

Giorgio: E vabbé, allora stasera m’aggia abbuffà alla grande! Mi credete? Nun veco ll’ora!

Chiara:  Ah, finalmente Carmine t’ha convertito! E bravo. Anze, si vuo’ fa ‘na cosa bona,  

                te cunziglio ‘e ce fa ‘na surpresa dolciaria!

Giorgio: E allora vado a comprare dolci a volontà. Veco ‘e fa’ ambresso. Io vado. Ciao.

                Si avvia ad uscire… ma va a destra. Chiara lo richiama.

Chiara:  Addò vaje? ‘A porta sta ‘nmiezo!

Giorgio: Ah, già! Néh, ma ‘a vulìte mettere ‘n’indicazione?!

                E così esce dalla parte giusta.

Chiara:  Ma comme se l’ha pigliato Luna, a chisto? Ma l’ha visto buono?! E fammi tornare

               in cucina, va’. Ho deciso: tutti devono partecipare alla sorpresa per Carmine.

               Esce a sinistra.

5. [Carmine, Ciccio, Camillo, Alba, Chiara e poi Luna]

                  Dalla comune entra Carmine (coi risultati delle analisi) seguito da Ciccio. 

Ciccio:     (Canta) “Vulà, oh oh... / Cantà, oh oh oh... / Nel blu ‘nguacchiato ‘e blu / felice

                 ‘e sta’ ‘ncoppa a tutt’!”…

Carmine: (Seccato) Francé, Francé, e mò m’he’ ammusciato! 

Ciccio:     Ma pecche’, nun ve piace?

Carmine: Sì, me piace, ma tu staje cantanno ‘a quanno simme asciùte ‘a ccà ddinto! Niente

                 di meno che dint’’o laboratorio d’analese, amme fatto ‘o Festival ‘e Napule!

Ciccio:     Dicìte ‘a verità! Aggio fatto cantà pure all’analista!

Carmine: Appunto: pe’ via toja, chillo s’è distratto, e invece ‘e tirà ‘o sango ‘a vicchiarella

                  vicino a me, ce l’ha tirato ‘o cane suojo!

Ciccio:     Ah, allora picciò ‘a vicchiarella teneva ‘a rabbia! Ll’analese nun érene ‘e ssoje!

Carmine: E per la strada hai fatto il resto. T’he’ miso vicino ‘o barbone a cantà “Felicità”!

Ciccio:     Ma quello era un mio fansfegato!

Carmine: E che vvo’ dicere?

Ciccio:      Appassionato.

Carmine: Allora sfegatato!

Ciccio:      Appunto! Io songo ‘nu cantante ‘e successo. Io regno tutti gli stadi di Napoli!

                  Ma voi ci pensate? Al concerto che ho fatto sabato al “Collana”, aggio fatto

                  sittantacinche spettatore!

Carmine: E ‘a me che vvuo’?

Ciccio:      Nun me putìte fa’ ‘nu poco ‘e pubblicità cu’ ‘a mamma e ‘o pato Leyla? E   

                  soprattutto cu’ ‘a mamma. Ce ‘o ddicìte vuje? (Cantando) “Dicitincéllo a ‘sta

                  cumpagna vosta / ch’aggio perduto ‘o suonno e ‘a fantasia.”!

Carmine: Néh, ma che ll’aggia dicere?

Ciccio:     (Cantando) “Ch’’a penzo sempe / è tutta ‘a vita mia...”!

Carmine: Embé, e dincello tu.

Ciccio:     (Cantando) “Io nce ‘o vvulésse dicere, ma nun ce ‘o ssaccio di’...”!

Carmine: Ma io nun tengo ‘o curaggio ‘e parlà ‘e te cu’ Alba e Camillo. Me vuo’ fa’ fa’  

                  ‘nu duello rustico!

Ciccio:     Vulìte dicere “duello rusticano”!

Carmine: Appunto! Siente, mò aggia ì add’’o duttore ccà ffora. C’aggia fa vedé ‘e risultate

                  ‘e ll’analese. Però tu aspiette ccà. E speràmme che st’analese so’ asciute bbone.

Ciccio:      E quanno buono buono nun so’ asciute bbone, ‘o vulìte ‘nu cunziglio?

Carmine: (Interessato) Sì, sì, famme sentì, famme sentì”

Ciccio:     (Cantando) “Pìgliete ‘na pastiglia / pìgliete ‘na pastiglia siente a me…”!

Carmine: Ma va’ fa’…!

                 E se ne esce seccato di casa. Ciccio resta esterrefatto.

Ciccio:     Néh, ma ch’aggio ditto ‘e male?

                 Dalla sinistra torna Camillo.

Camillo:  Ma che stanne cumbinànno, Milan e Fiorentina? 

Ciccio:     (Lo nota) Oh, signor Camillo! (Gli si avvicina) Cioè, quasi papà!

Camillo:  Uhé, ma che quasi papà? Va’ chiano! E sappi che io non sono ancora d’accordo!

Ciccio:     E lo sarete. Io sto preparando una cosa che mi farà diventare miliardario. Ma che

                 dico? Milionario: ‘o disco cchiù bello d’’a vita mia! Sapete come si chiama?

Camillo:  No, nun ‘o vvoglio sapé.

Ciccio:     E io v’’o ddico ‘o stesso! Il mio disco si chiama: “Applausi fragolosi”!

Camillo:  Siente, siente!

Ciccio:     E volete sapere la canzone più importante come si chiama?

Camillo:  No, nun ‘o vvoglio sape’.

Ciccio:     E io v’’o ddico ‘o stesso! Si chiama: “Tu mi hai appicciato la luce nel cuore”!

Camillo:  Fa schifo già d’’o titolo. Figuràmmece ‘o riesto, po’! Siente, aggio avuto ‘n’idea:

                 stasera, doppo ‘a cena, fa’ ‘na surpresa a Leyla. Càntece ‘na canzone d’amore.

Ciccio:     Sì, sì, bello, bello! Anze, aggio penzato pure ‘a canzone d’amore che l’aggia  

                 cantà. Sentite ccà: (Cantando) “Ole lé, ola là, faccela vedé, faccela toccà”!

Camillo:  (Lo segue col ritmo, poi si placa) Disgraziato, aggio ditto ‘na canzone d’amore!

Ciccio:     Nun ve prioccupate, quasi papà, facìte fa’ a me!  

Camillo:  E adesso torno in cucina. Voglio sape’ che stanne facénno Fiorentina e Milan.

Ciccio:     Ah, e mò v’’o ddich’io: mò che so’ asciuto ccà ffora, me l’ha ditto ‘o benzinaio.

Camillo:  ‘O benzinaio? E isso comm’’o ssape?

Ciccio:     E chillo se steva senténno ‘a radio.

Camillo:  Ma pecché, già è asciuta ‘a nutizia pe’ radio?

Ciccio:     E se capisce.

Camillo:  E famme sentì: che stanne facénno Fiorentina e Milan?  

Ciccio:     Venite cu’ me, jamme add’’o benzinaio e v’’o ffaccio dicere ‘a isso!

Camillo:  (Incuriosito) Sì, sì, jamme.

                 Escono via di casa. Da sinistra entrano Chiara e Alba.

Chiara:    E io ‘o ssapévo. Milan sta facénno ‘e ppurpette senza ‘a mullica ‘e pane!

Alba:        E ave raggione. Ha fatto buono.

Chiara:    Alba, ma mò accummiénce ‘n’ata vota a dda’ ‘e nummere?

Alba:        Io dongo ‘e nummere? Ma si’ tu che ddaje ‘e nummere.

Chiara:    Ma arraggiunàmme ‘nu sicondo: si tu nun ce miette ‘a mullica ‘e pane ‘int’’e

                   ppurpette, ‘e ppurpette ‘e che ssanne?

Alba:         ‘E purpette!

Chiara:     Ma il tuo ragionamento non fila.

Alba:         E invece te sbaglie: ‘o raggiunamento mio è comm’e ‘a muzzarella: fila!

Chiara:     Vabbuò, basta, è inutile che gghiamme annanzo. Accumpàgneme dinto. Aggia

                   piglià doje tuvaglie pulite. ‘Int’’e ppurpette ce vo’ ‘a mullica ‘e pane.

Alba:         No e no. T’aggia cunvincere che dint’’e ppurpette nun ce vo’ ‘a mullica ‘e pane.

Chiara:     Ce vo’!

Alba:         Nun ce vo’!

Chiara:     Ce vo’!

                  E continuano a controbattersi uscendo verso destra.

6. [Milan, Fiorentina e Giorgio. Poi Ciro, Luna e Leyla. Poi Camillo, Ciccio e Carmine]

                     Da sinistra entrano Milan e Fiorentina.

Milan:         Basta, Fiorentì, è arrivato ‘o mumento ‘e piglià capra e cavoli e ce n’amma ì. Fiorentina: Capra e cavoli? Ma io voglio ‘e gioielli!

Milan:         Cretina, io proprio ‘e chille stevo parlanno. Pigliammancìlle e fujimmencénne.

Fiorentina: E nun ‘e vvuo’ fa’ cchiù ‘e ppurpette?

Milan:         Ma qua’ purpette? E poi non si fanno come le stavi facendo tu.

Fiorentina: Ah, no? E allora comme se fanne?

Milan:         Se mette ‘a mullica ‘e pane ‘a dinto.

Fiorentina: ‘O vero?

Milan:         ‘A signora Chiara ha ditto che se fanne accussì, o si no me licenzia.

Fiorentina: E con ciò? Nuje mò ce ne fujìmme cu’ tutto chello che ce arrubbàmme!

Milan:         Sì, però ‘nu poco me dispiace. Stavo cucinando bene. Mancavano solo i dolci.

                    Dalla comune entra Giorgio con una busta in mano.  

Giorgio:      Ecco i dolci. Tra poco vado a ritirare pure la torta!

Fiorentina: (A Milan) Uhe’, uhe’, mò nun parlà cchiù!

Giorgio:      Nun aggia parlà cchiù? E pecche’?

Milan:         Ehm… no, niente!

Giorgio:      (Viene avanti) Scusate, ma c’è qualcuno qua dentro, in questo momento?

Milan:         Ehm… essere io, Milan. E ci essere pure Fiorentina.

Giorgio:      Ah, ce state vuje? (Li guarda bene da vicino) Ma… ma…

Fiorentina: Ehm… ispettore, che cosa vi succede?

Giorgio:      No, niente, le vostre facce non mi sono nuove.

Milan:         ‘O vero? E tu che ne saje? Mica ce he’ visto?!

Giorgio:      Chi ha parlato?

Fiorentina: Ehm… io, ho parlato io.

Giorgio:      Ma io aggio ‘ntiso ‘na voce ‘e ommo che parlava napulitano.

Fiorentina: Ma no, ero io. Mica può essere stato Milan? Quello parla solo macedone.

Giorgio:      E’ sicuro? Nun è che me state facenno fesso?

Fiorentina: Ma no, ispettore, vedete bene!

Giorgio:      Eh, è ‘na parola! (Poi li guarda di nuovo da vicino) Eppure io già vi ho visti.  

                    (Poi realizza) Aspettate, ma voi siete… siete…

Milan:         (Preoccupato) Uh, Giesù!

Fiorentina: (Preoccupata) Uh, Maronna!

Giorgio:      No, nun site Giesù e ‘a Maronna! Vuje site… No, nun site vuje!

I due:          (Tirano un sospiro di sollievo) Uff!

Giorgio:      E vabbuò, io vaco a pusà ‘sti dolce ‘int’’a cucina. Aroppo vaco a piglià ‘a torta.

                    Stasera amma magnà ‘a faccia ‘e chi nun ‘o ppo’ vedé!

                    Esce via a sinistra. I due si tranquillizzano.

Fiorentina: Néh, Milan, ma che ce fa chisto ccà ddinto?

Milan:        ‘O vvuo’ sape’? E’ ‘o marito d’’a sora d’’o signor Carmine.

Fiorentina: E intanto pe’ poco nun ce scupreva. Nuje nun ce amma fa’ sentì ‘a chisto.

Milan:         E comme ce sente? Nun ‘o vi’ ca nun ce vede?

Fiorentina: Vabbuò, basta, muvìmmece, arrubbàmme cchiù che putìmme. Viene cu’ me.

                     I due escono a destra. Dalla comune entrano Ciro, Luna e Leyla.

Leyla:          Ate visto, guagliù? Oppure nun ate visto niente?

Ciro:            E che ce he’ pigliate pe’ Giorgio?

Luna:          (Lo riprende) Ciro!

Ciro:            E scuse, m’è scappato!

Luna:          Intanto, ormai è chiaro: Milan e Fiorentina… so’ duje marjuole.

Leyla:          E penzà che mammà lassàve ‘e quinnice frate mie sule cu’ chella tizia. A

                     proposito, mò aggio capito pecche’ ogni tanto sparisce coccosa ‘a casa mia.

Ciro:            E allora chesto vo’ dicere che mò pure ccà ddinto sparisce ‘a rrobba.

Luna:           Questo non succederà. Mò saje che facìmme? Jamme a chiammà a Giorgio.

Leyla:          Vuo’ chiammà a Giorgio? E nun è meglio che chiammàmme ‘a polizia?

Luna:           E pecche’, Giorgio che d’è? Nun è ‘n’ispettore ‘e polizia?

Ciro:            Beh, pe’ ffa’ cuntenta a te, dicìmme ‘e sì! Sulo ca nun vede niente!

Luna:           E allora lo aiutiamo noi. Ce damme ‘na mana. Sulo che mò addò sta?

Leyla:          Starrà pulezzàanno ‘a pistola ‘int’’a cucina. E allora, jamme. Svelti!

                     I tre corrono a sinistra in cucina. Dalla comune entrano Ciccio e Camillo.

Ciccio:         Ate visto, quasi papà? Fiorentina e Milan stanne facenno zero e zero!

Camillo:      (Si arrabbia) Cretino, ma che me ne ‘mporta a me d’’o campionato ‘e calcio?

Ciccio:         No, ma chillo nun è ‘o campionato, è ‘a Coppa Italia!

Camillo:      E nun me ne ‘mporta ‘o stesso! Io stò parlanno ‘e Fiorentina ‘a babysitter e ‘e

                     Milan ‘o cuoco. Ma tu he’ capito? Stanno cucinando tutti e due in cucina.

Ciccio:         Ma pecché, addò ‘evena cucenà? Fora ‘o barcone?!

Camillo:      Deficiente, io voglio dicere che stanne facénno sulo ‘nguacchie!

Ciccio:         A proposito, quasi papà, stasera canterò a Leyla il mio ultimo brano inedito: si

                     chiama: “Ma tu te miette ‘o Rimmél? Dimméllo”!    (Leggi: Ma tu t’ miett ‘o Rimmél? Rimméll)

Camillo:      Meglio che me ne vaco ‘int’’a cucina! Voglio vedere quei due che combinano.

Ciccio:         Vulìte che ce vaco io? Accussì ce canto pure ‘na canzone!

Camillo:      Bravo, renditi utile. E si vuo’ cantà, cante ‘na canzone che parle ‘e magnà!

Ciccio:         Ce penz’io. Con permesso. (Canta) “E’ bello ‘o magnà / è bello ‘o magnà…”!

                     Ed esce a sinistra, sempre canticchiando questo motivetto. Camillo è dubbioso.

Camillo:      A proposito, sto’ penzanno ‘na cosa: aggia accattà coccosa pur’io. Che saccio?

                     ‘Nu dolce o ‘na torta. Saje comme fosse cuntento, Carmeniello?                  

                     Dalla comune entra Carmine coi risultati delle analisi. E’ sconvolto. 

Carmine:     Io ‘o ssapévo! (Si siede al tavolo) Nun po’ essere! Nun po’ essere!

Camillo:      (Lo nota) Carmine? E che l’è succieso? (Va da lui) Carmenié, ma ch’è stato? Carmine:     Camì, ‘na cosa sconvolgente: m’aggio fatto ll’analese.

Camillo:      Embé?

Carmine:      L’aggio purtate a vedé ‘o duttore.

Camillo:       E allora?

Carmine:      Ha ditto che tengo ‘o colesterolo alto e ‘na goccia ‘e diabete!

Camillo:       ‘Na goccia ‘e diabete? Ma pecche’, ‘o diabete s’ammesùra cu’ ‘o contagocce?

Carmine:      Camì, ‘o duttore ha ditto che nun pozzo magnà cchiù comme magno io.  

Camillo:       E nun te piglià collera: chello che nun te puo’ magnà tu, m’’o magno io!

Carmine:      E grazie tante! E intanto m’aggia vévere sulo zuccheri naturali. E vvuo’ vedé?

                      (Dalla tasca estrae una confezione di bottigline di succo di frutta) Eccoli.

Camillo:       ‘O succo ‘e frutta?

Carmine:      Sì. Ha ditto che contengono ‘e vvitamine.

Camillo:       (Prende le bottigline e ci guarda da vicino) Carmenié, ma io nun veco niente!

Carmine:      Deficiente! Ma che vvuo’ vedé? (Si alza stizzito) Miette ccà! (Gliele tira via)

                      E intanto mò comme faccio? Nun pozzo magnà cchiù comm’a primma.

Camillo:       Nun te prioccupà, tu magne ‘o stesso. ‘Nu paro ‘e vote all’anno, nun fa niente.

Carmine:      ‘Nu paro ‘e vote all’anno? Per esempio?

Camillo:       A Natale e doppo Pasca: nel periodo della Pentecoste.

Carmine:      E io, pe’ magnà, aggia aspettà ‘a “Petto e coscia”?!

Camillo:       Ma quala “Petto e coscia”?! Ho detto Pentecoste.       

Carmine:      A chi? Io magno ‘o stesso e nun dico niente a nisciuno. Anze, saje che te

                      dico? Jamme a nasconnere st’analese ‘int’’o ciardino sotto all’albero ‘e abete.

Camillo:       E chillo è ‘o posto lloro.

Carmine:      E pecche’?

Camillo:       Pecche’ pure l’albero è comm’a te: è di… abete!

Carmine:      Ma famme ‘o piacere!

                      I due escono di casa.

Scena Ultima. [Fiorentina, Milan, Giorgio, Alba, Chiara, poi gli altri]

                    Da destra entrano Fiorentina e Milan con una busta a testa in mano.

Fiorentina: Fiorentì, guarde quanta bella rrobba aggio arrubbato. Se tratta perlomeno ‘e  

                    dujmila Euro ‘e rrobba. E tu?

Fiorentina: Io ho rubato dell’altro a casa del signor Camillo. Picciò, stamme a posto.

Milan:         E nun è fernuta ancora: aggio visto cierta argenteria ch’è ‘a fine d’’o munno.

Fiorentina: Ma si’ pazzo? Amma ì ‘int’’a cucina?

Milan:         No, ‘int’’o bagno.

Fiorentina: E che ce azzecca ‘o bagno?

Milan:         Sta nascosta llà ddinto. E chi ‘e ccapisce? Chiste so’ strane! Viene, jamme.

                     I due escono a sinistra quatti quatti. Da destra riecco Chiara e Alba.

Alba:           Siente, Chiara, si tu ce ‘a vuo’ mettere ‘a mullica ‘e pane ‘int’’e ppurpette, va’,    

                     miettancélla. Io però nun ce ’a metto. (La nota dubbiosa) Ma che d’è, Chiara?

Chiara:       Strano: ‘ncoppa ‘o comò specchio, so’ scumparse duje candelabbre d’argiento.

Alba:           Embé, e se vede che Carmine l’ha levàte ‘a lloco p’’e ppulezzà.

Chiara:       Sì, ma nun è sulo chesto: quanno aggio arapùto ‘o cassetto, nun aggio truvato

                     cchiù cierti gioielle che m’ha regalato Carmine. Li teneva lui qua a casa sua.

Alba:           Effettivamente, pure ‘a casa mia, ultimamente, sta sparénno ‘nu poco ‘e rrobba.

Chiara:       Pure a te? Ccà sta succedenno coccosa ‘e strano. Vulimm’ì ‘a casa toja?

Alba:           E sì. Speramme che s’hanne arrubbate pure ‘e quinnice figli mie!

                    Escono di casa. Da sinistra tornano Fiorentina e Milan (con un’altra busta).

Milan:         He’ visto, Fiorentì, quanta bella rrobba ce sta ccà ddinto? Argento puro!

Fiorentina: Vabbuò, ma mò che ce sta ‘a arrubbà cchiù?

Milan:         Amma ì ‘int’’a stanzetta ‘e Ciro.

Fiorentina: E che ppo’ ttené, chillo?

Milan:         Dint’’e scarpe ‘e ginnastica soje, tene astipato ‘nu portafogli cu’ mille Euro.

Fiorentina: ‘Int’’e scarpe ‘e ginnastica? Chi schifo! E chi ce ‘e mmette ‘e mmane ‘a dinto?

Milan:         Io.

Fiorentina: Tu?

Milan:         Sì. Fiorentì, io, p’’e sorde, ‘e mmane ‘e mmetto pure ‘int’’o gabinetto!  

                     I due vanno a destra. Da sinistra tornano Leyla, Luna, Ciro e Giorgio.                

Giorgio:      Un attimo, fatemi capire: chi è entrato qui in casa? Due topi d’appartamento?

Ciro:           Ma che? Nun se tratta ‘e bestie, ma ‘e crestiane!

Giorgio:      Cretino, ‘e topi d’appartamento so’ ‘e marjuole. Questo è gergo poliziesco.

Luna:          Vabbuò, comunque chilli duje già hanne arrubbato pure ‘a casa ‘e Leyla.

Giorgio:      Overamente?

Leyla:          Sì. Pensa che io non ho trovato più il mio phon!

Ciro:            E secondo te, chille vénene pe’ s’arrubbà ‘o phon tuojo?  

Giorgio:       Sentite, ma almeno li avete visti in faccia, i ladri? Che aspetto avevano?

Ciro:            Beh, isso è brutto, invece essa è proprio bona!

Giorgio:       Néh, ma se po’ ssape’ ‘e chi staje parlanno?

Ciro:            ‘E Milan e Fiorentina.

Giorgio:       Ma che me ne ‘mporta d’’o pallone? Io voglio sape’ ‘e nomme d’’e marjuole!

Ciro:            E chille se chiàmmene accussì: Milan Inter e Fiorentina Roma.

Luna:           Si tratta di Milan, il cuoco di Carmine e di Fiorentina, la babysitter di Camillo.

Giorgio:      (Realizza) Ora ho capito: lei è Fiorentina Roma, detta “la fata” per la sua abilità

                     a far sparire le cose. Lui invece si identifica in Milan Inter il macedone, ma in

                     realtà è un nome d’arte. Quello si chiama Luigi Moscio, detto “il rapido”!

Leyla:          Che cosa? Ma allora quello è italiano e tiene un nome d’arte?

Ciro:            E pecche’, Francesco nun tene ‘o nomme d’arte? Ciccio Formaggio!

Leyla:          E che ce azzecca? Mica Francesco è ‘nu marjuolo?! Chillo fa ‘o cantante.

Luna:           Basta, voi due! Siente, Giorgio, e mò che facìmme?

Giorgio:       Andiamo a chiamare rinforzi. Però muvìmmece. E vi raccomando: occhio!

Ciro:            Eh, tu ‘e ttiene sulo pe’ chiagnere!

Giorgio:      Avanti, andiamo.

                     I quattro escono di casa. Da destra tornano Fiorentina e Milan.

Milan:         Mamma bella, e comme fétene chilli sorde!

Fiorentina: E pe’ forza, stévene ‘int’a chelli scarpe. A proposito, addò l’he’ astipate, mò?

Milan:         ‘Int’’e scarpe mie!

Fiorentina: Aéh, mò overamente nun se ponno tuccà cchiù!

Milan:         E addò l’avévema mettere? ‘Int’’e scarpe toje?

Fiorentina: Bello, guarde che dint’’e scarpe mie ce puo’ magnà!

Milan:         Sì, ce faje ll’ultima cena!

Fiorentina: Siente, cretino, ma mò che ce sta ‘a arrubbà cchiù?

Milan:         I pacchi di pasta che ha comprato il signor Carmine. Ce ‘e mmagnàmme nuje!

                    Escono a sinistra, sghignazzando. Dal centro riecco Camillo e Carmine, triste.

Carmine:    Camì, nun ce pozzo penzà. Dopo tanti anni di onorata carriera di mangiatore…

                     mò nun pozzo magnà cchiù! Voglio murì, Camì! (E si siede sul divanetto)

Camillo:     (Gli siede vicino) Carmenié, ma nun fa’ accussì. (Poi, sognatore) E penzà che

                    Milan sta cucenanno tutta chella bella rrobba! Primmo, sicondo, frutta e dolce!

Carmine:    (Ironico) Camì, grazie che m’’o staje arricurdanno! ‘E chi t’è vvivo!

                    Da sinistra tornano Fiorentina e Milan con due buste a testa.

Milan:        Viene, viene. (Poi nota i due) No, no, trase ‘n’ata vota dint’’a cucina!

                    Scappano di nuovo a sinistra. Carmine pensa abbia parlato Camillo.

Carmine:    Che he’ ditto, Camì? Aggia trasì ‘int’’a cucina? No, nun ce voglio trasì maje

                    cchiù, llà ddinto. Quella stanza ha troppi ricordi, per me! Picciò nun insistere!

Camillo:     Néh, ma chi ha parlato?

Carmine:    Vabbuò, va’. (Si alza in piedi) Io vaco ‘int’’o bagno.

Camillo:     Io t’aspetto ccà.

Carmine:    Allora io vaco e vengo. Almeno spero!   

                    E va a destra. Camillo si alza interdetto.  

Camillo:     Almeno spero? Ma che vvo’ fa’ chisto? Nun è che se vo’ suicidà? (Allarmato,

                    gli grida) No, Carmenié nun ‘o ffa’. ‘O cchiù bello d’’a vita è ‘o magnà!   

                    Lo rincorre a destra. Da sinistra tornano Fiorentina e Milan. 

Fiorentina: Giggì, basta, mò amma taglià ‘a corda.

Milan:         Sì, sì, certo. Fujìmmencenne ‘e Carabi!

                    I due vanno alla comune, guardano fuori e si spaventano.

                    Oddio, ‘a polizia! Ato che Caraibi, mò jamme a fernì a Poggioreale!

Fiorentina: E chi l’ha chiammata ‘a polizia?

Milan:         E che ne saccio? Nun ce facìmme piglià dal panico. Però mò che se fa?

Firoentina: Viene, fujìmmencenne a destra.

                    Così fanno. Dalla comune entrano Ciro, Leyla e Luna.

Ciro:           Venite, Leyla, Luna. Dobbiamo fare da esca. Avete capito?

Luna:          Nuje? Ma pecché l’amma fa’ nuje? Io me metto appaura.

Ciro:           E che ce ponno fa’?

Luna:          E se sono armati?

Ciro:           Ma chi? Chille so’ duje disperate! Jamme, venite areto a me. Io non ho paura!

                    I tre si avvicinano alla porta a sinistra. E da sinistra entra Ciccio cantando.

Ciccio:        “Pop corn e patatine pe’ ce arricurdà…”!

                    I tre si spaventano.

Ciro:           Disgraziato, ma si’ tu?

Ciccio:        Pecché, a chi aspettave, a Nino D’angelo?!

Luna:          Stattu zitto, nun alluccà. Nuje amma fa’ arrestà a Fiorentina e a Milan.

Ciccio:        E pecché? Chille so’ accussì gentile: primma aggio cantato e lloro m’hanne

                    fatto ‘n’applauso! Me pareva ‘e sta’ ‘o stadio!

Ciro:           E t’hanne sfuttuto, chille so’ duje marjuole. Mò fance passà, l’amma acchiappà.

Ciccio:        Ma no, aspettate.

Ciro:           Francé, ma mò, pe’ mezza che t’hanne fatte l’applauso, t’’e vvulìsse difendere?

Ciccio:        No, io voglio dicere che chilli duje…

Ciro:           E basta! Liévete ‘a nanzo!

                    I tre lo scansano ed entrano a sinistra.

Ciccio:        Aspettate, io ve voglio dicere che chilli duje nun ce stanne cchiù ‘int’’a cucina.

                    Li rincorre a sinistra. Da destra tornano Fiorentina e Milan.

Fiorentina: Basta, Giggì, chisto è ‘o mumento ‘e ce ne fujì.

Milan:         E muvìmmece, ch’’a polizia ha circondato tutta ‘a casa.

                    Vanno per uscire di casa, ma si scontrano con Giorgio che in quel momento sta

                    entrando: i tre cadono a terra (anche le buste!).

Giorgio:      Uh, scusate, non vi ho visto! (Si alza e li aiuta ad alzarsi) Non mi dite niente.

                    Queste buste sono vostre? (Le raccoglie)

Milan:         Sì, sì, so’ ‘e nnoste. Vabbuò? (Gliele tira via)

Fiorentina: E mò jamme, Giggì.

Milan:         Sì, Fiorentì.

Giorgio:      Giggì? Fiorentì? Ma allora vuje site…! In nome della legge…!

Milan:         Ma liévete ‘a nanzo!

                     Lo scansano e fuggono via. Poi Giorgio grida dalla comune.

Giorgio:      Agenti, i ladri sono quelli con le buste in mano. Prendeteli! Bene, li avete presi.

                     Tornano, da sinistra, pure Ciccio, Leyla, Luna e Ciro.

Ciro:            Mannaggia, nun ce stanne.

Ciccio:         E io v’’o stevo dicenno. (Nota Giorgio) Uh, guardate lloco chi ce sta.

Leyla:          Giorgio? E che sta facenno?

Ciccio:         Aspettate, mò ce faccio ‘na surpresa. (Gli va dietro e canta) “’O sole mio…”!

Giorgio:      (Si spaventa) Mamma ‘e Muntuvergine!

                     Leyla, Luna e Ciro vi si avvicinano.

Luna:          Giorgio, purtroppo quei due non ci stanno, in cucina.

Leyla:          Forse stanno dall’altra parte.

Giorgio:      E invece no. Ormai è tutto fatto.

Luna:          L’he’ fatte arrestà?

Giorgio:      Sì.

Leyla:          L’he’ fatte arrestà?

Giorgio:      Sì, sì.

Ciccio:         L’he’ fatte arrestà?

Giorgio:      Sì, sì, sì.

Ciro:            L’he’ fatte arrestà?

Giorgio:      (Spazientito) Oh, e basta! Aggio ditto ‘e “sì”! E quanta vote ve l’aggia dicere?

Luna:          E adesso che ne farete di loro?

Giorgio:      Recuperiamo la refurtiva e poi li portiamo al fresco.

Ciccio:        Ma comme, invece d’’e ppurta in carcere, ‘e mmettite ‘int’’o frigorifero?

Giorgio:      Cretino, ‘e ppurtamme ‘ncarcere! E adesso li volete vedere? Stanno qua fuori.

Ciro:           Sì, sì, jammele a vedé, jammele a vedé.

Giorgio:      Così vado pure a comprare una sorpresa per Carmine: una torta.

Luna:          E pure noi dobbiamo fargli una sorpresa. E allora usciamo. 

                     I cinque escono, e Ciccio canta:

Ciccio:        “Fratelli d’Italia / l’Italia s’è desta…”!

                    Escono. Da destra riecco Camillo. Tira a sé Carmine che si tiene i pantaloni.

Camillo:     No, Carmenié, nun ‘o ffa’!

Carmine:    Camì, làsseme stà!

Camillo:     T’aggio ditto nun ‘o ffa’. Nun t’he’ suicidà.

Carmine:    Ma pecche’, io me vulévo suicidà?

Camillo:     Sì, io aggio capito tutto cose: tu si’ gghiuto ‘int’’o bagno pe’ te sfilà ‘a currea e

                    pe’ ‘mpiccà sotto ‘o discarico! Ma io aggio sfurnato ‘a porta e t’aggio salvato!

Carmine: Ma chi? A me me faceva male sulo ‘a panza! Anze, liéveme ‘e mmane ‘a cuollo.

Camillo:   E pecché?

Carmine: Pecché se ne scenne ‘o cazone e pure ‘a mutanda! (Si libera e chiude i pantaloni)

Camillo:   Carmenié, ma overamente nun te vulìve suicidà?

Carmine: Camì, ma si’ scemo? (Si siede sul divanetto) Anche se non ti nascondo che io…

Camillo:  (Va da lui) Ma no, chi t’’o ffa’ fa’? Tu mò t’he’ spusà pure cu’ Chiara.  

                 Dalla comune entrano Chiara e Alba (con due buste da dolci a testa).

Chiara:    Eccoci qua.

                 Si avvicinano ai due e posano le buste sul tavolo.

Alba:        Uhé, Carmine, Camillo.

Carmine: Ah, state ccà? (Siente, Camì, nun dicere niente a Chiara d’’o fatto mio. Capito?).

Camillo:  (Nun te prioccupà!).  

Chiara:    Sentite, v’amma da’ ‘na nutizia: Milan è stato arrestato ‘nzieme a Fiorentina. Li

                  ha arrestati Giorgio.

Carmine: E pecché?

Alba:        Perche’ sono due ladri. Hanne fatto apposta ‘e essere ‘nu cuoco e ‘na babysitter.

Camillo:   E l’ha arrestate Giorgio?

Carmine: Ma che? Sicuramente, chillu scemo ha pigliato a uno pe’ ‘n’ato!

Chiara:     No, no, ‘sta vota ha visto buono! Quelli hanno rubato a noi e pure a Camillo.

Alba:        E infatti, ecco perché a casa nostra spariva un sacco di roba.

Camillo:   Che? Carmine, jamme ‘a casa mia, accussì te faccio vedé ‘a rrobba ch’è sparita.

Carmine: (Ironico) ‘O vero? E si è sparita, comme m’’a faje vedé?

Camillo:   Ah, già.

Chiara:    Ma nun te prioccupà. Chillo mò Giorgio recupera tutto cose e ce ‘o pporta.

Carmine: Embé, Chiara, Alba, ma che ce ‘int’a ‘sti buste ‘ncoppa ‘o tavule?

Chiara:    Una sorpresa per te: stasera amma festeggià e allora amma magnà malamente!

Alba:        E accussì t’amme priparato ‘nu sacco ‘e dolce.

Carmine: (Fa una pessima faccia) Ah, sì?

Camillo:   Carmenié, mannaggia a te. Ma pecché t’he’ fatto venì ‘o colesterolo e ‘o diabete?

Le due:     (Sorprese) Eh?

                  Dalla comune ecco Ciccio, Leyla, Luna e Ciro con pacchi di dolci e rustici.

Luna:        Eccoci qua.

Ciccio:      Oh, ce stanne pure ‘a signora Alba e ‘a signora Chiara. Tutte ‘e ddoje ‘nzieme

                  fanne ‘a canzone ‘e Vasco Rossi: “Alba Chiara”!

Luna:        Abbiamo portato tanta roba da mangiare.

Ciro:         Io aggio accattato cierti rustiche cu’ ‘o wurstel ‘nmiezo.

Leyla:       Io invece aggio accattato ‘e zeppole ‘e San Giuseppe.

Ciccio:      Io aggio accattato ‘e ccode ‘e “lacerta”!

Leyla:       No, di rospo!

Luna:        E io ho portato un rustico pieno di uova, salame e formaggio. Solo per Carmine!

Carmine: (Si alza in piedi) Ma io… nun pozzo accettà. O si no me ne vaco all’atu munno.

                  Dalla comune entra Giorgio con una confezione contenente una torta.

Giorgio:   Addò sta Carmine? (Lo nota) Ah, sta lloco? (Gli va vicino) Carmine, eccoti una

                  sorpresa. Ora non mi odierai mai più. Ti ho comprato una bella torta piena di

                  panna, cioccolato, crema Chantilly e rum! Sei contento?

Carmine: Disgraziato! Ma che me vuo’ accidere? Viene ccà, mò t’’a faccio magnà a te.

Giorgio:   (Spaventato) No, Marò! Io sto’ a dietaaa!

                Giorgio scappa via di casa. Carmine gli tira dietro la torta e poi lo insegue.

FINE DELLA COMMEDIA

    Questo copione è stato visto
  • 0 volte nelle ultime 48 ore
  • 0 volte nell' ultima settimana
  • 2 volte nell' ultimo mese
  • 12 volte nell' arco di un'anno