Napoli-tudine… pizza, pezzi e pazzi

Stampa questo copione

Il Dono

NAPOLI-tudine

…..pizza, pezzi e pazzi.

commedia tragi-comica in 2 atti di

Thomas Mugnano

CONTRASTARE CHE PASSIONE!!

Da bambino mi sono sempre divertito                                                        Roccarainola 12/07/2011

...non ricordo mai di essermi pentito...

nonostante la voce di mio padre mi atterriva,

facevo sempre e solo ciò che lui mi proibiva.

Che percezione… era affascinante…

col cuore in gola… incredibilmente divertente!

E quando poi conseguivo nel mio intento,

provavo gioie strane…era tutto un incanto!

Ricordando la mia fanciullezza

saggio una leggera ma palpabile tristezza

che paragono ad una donna disonesta

che ti circuisce e ti fa perdere la testa.

No, no, non devo!! Non posso frequentarla!!

Via, va via! Ma è inutile, come fare a surrogarla??

…Sei nervoso, confuso, combattuto, appannato...

e cadi nel tranello: <<sei innamorato>>!!

La gente, perfida, intanto, esprime giudizi denigranti …

ella è <<un’arpia>>, ma ti appare la regina dei “santi”,

la tua mente è intorbidata, confusa,  offuscata

prigioniera di una donna losca, equivoca e spietata.

Poi, come per incanto, la ragione ritorna sovrastante.

E’ vivo!! E' vivo! E' ritornato il buon senso!!! Finalmente!!

Ed ecco che ti senti più ilare e più sollevato

con l’anima più leggera perché casta dal peccato.

Solo ora, ahimè, capisco che mio padre mi “amava”

quando, da despota e austeramente, qualcosa mi vietava…

però le giocondità di aver infranto …violato... disubbidito …

erano grandi!!! Ma chi mi avrà mai capito??

                            [Thomas Mugnano]

Personaggi

NINUCCIO…………………………………………………………
LILINA……………………………………………………………..

LELLA……………………………………………………………...
TOMMASINO……………………………………………………..

CICCIOTTO……………………………………………………….

ENZA……………………………………………………………….
CIRO………………………………………………………………..
ON. LA STALLA…………………………………………………..

PRIMO ATTO

Siamo nei vicoli di Napoli negli anni 80.  Scenario classico con case fatiscenti agglomerate una sull’altra. Si nota, come di consuetudine in questi rioni, un andirivieni di persone di ogni tipo, anche se ci soffermeremo non esclusivamente, ma principalmente su venditori ambulanti, barboni, dissennati, scugnizzi che giocano tra i vicoli e signore molto eccentriche e sguaiate, che danno vita a siparietti spontanei e senza copione alcuno, degne delle migliori interpretazioni teatrali. Non manca, ovviamente, il colore e la tradizione, così come non mancano problematiche sociali, etniche e ambientali che caratterizzano la città partenopea. Lo spettacolo inizia con una poesia declamata da Masaniello, poi una serie di “quadretti” che vogliono sintetizzare, in un modo o nell’altro,  alcune delle scene quotidiane e salienti che la città del Vesuvio ci offre. Subito dopo c’è una canzone del cantautore Daniel Diletto che si intitola <<NAPOLITUDINE>> e che praticamente in pochi minuti ripercorre Napoli in tutte le sue sfaccettature…inizia, così, poi la parte recitata ove troviamo due fanciulli che hanno diversi interessi e che parlano delle loro imminenti priorità.

MASANIELLO: Quanta bella gente, quanta gente bella. Nun avite paura,  song’io, so

Masaniello! Guardateve attuorne…è tutto pronte, ma gli attori …a ccà dderete…proprio dint a chist istante, che stanne pensanne? Che stanne facenne?Ma soprattutto, mentre io parlo e vuje me guardate: che stanne pruvanne? (parte il sottofondo musicale)

 (‘O TEATRO!!)    'E luce se sò stutate...                              

'o core che va 'a viento...

na pacca ngopp 'a spalla...                                                                 

...che è peggio 'e nu turmiento!!

'O pubblico ormai freme...

è in attesa a chiù 'e n'ora...

tu staje ferme llà 'dderete...

e 'o regista... “guagliù è ora”!!

Uh Madonna...se sta aizanne,

‘o sipario s'è levate...

e mentre 'o pubblico applaude...

te siente 'e cosce congelate.

Pò arriva 'o mumento...

tocca a me...'o Dio, che pena...

...san Gennà...damme ‘a forza

...ecco 'o palco... sò 'e "scena" !!

Pò te 'mpuoste...ti concentri...

'e nun penzi chiù a nisciuno...

e mentre reciti 'a battuta...

senti 'e respiri a uno a uno!!

E chiste è ‘o  mumento

che te siente n'istrione...

sì 'o padrone 'e tutta 'a scena...

ma cher'è...sò nu' lione??

E ‘a paura che sentive...

mentre 'o core te sbatteva...

mò è musica dinto 'o pietto...

è armonia che t'arrecrea!!

                                                                              E accummencia sta cummedia…

                                                                              se parla ‘e Napule, sì, ‘e Napule verace

                                                                              Napule che soffre, ch’ allucca ...arrobba,

ma pure ‘e na’ Napule che piace!!

‘Na Napule fatta ‘a scene…a quadretti,
               ecco qua!! Cheste succede ‘a Furcella

a Sanità e pure dint ‘o Pallunetto!!       

[di Thomas Mugnano]

      

QUADRETTI

------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------

1° Quadretto

VENDITORE DI FRUTTA= e banane , e percoche…e banane e percoche…signò pigliate

pigliate…tengo pure e pere e i mandarini …comme so belle…e banane … ì che perzechelle…signò pigliate…pigliate…

SCUGNIZZO= (dal vicoletto) fruttajuòò…’o citrulo ‘o tiene??

VENDITORE DI FRUTTA= ‘o citrulo??? Ciò dai a chill buattone ‘e sorete!!

SCUGNIZZO= Io sore nun ne tengo….e cù mammate me ne vengo!!

VENDITORE DI FRUTTA=Bravo!Pe sta vota m’è fatte fesso, ma si veco ‘a sorete e romp a…

SORELLA SCUGNIZZO= (
ENTRANDO) uhè uhè!! Piscitieèèè!! A sora song’io… sentimme

 nu’ poco…che me rump tu a me??

VENDITORE DI FRUTTA=A noce ‘e cocco, te piace a noce ‘e cocco? Tà romp io(ESCONO)

------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------

2° Quadretto

VENDITORE DI BIBITE= Aranciate, coca cola, caffè Borghetti…aranciate coca cola…caffè

Borghetti…
CITTADINA= Giovanotto…giovanotto,  come sono  queste bibite? Fredde o calde??

VENDITORE DI BIBITE= So bone, signurì!! A vulite…costa 1500 lire a lattina!!

CITTADINA= ( paga  e ritira la bibita) Caspita...è buona?? Ma è calda come il brodo!!

VENDITORE DI BIBITE=E nun ‘è meglio signurì? Sì state sudate ‘a roba ghiacciate fa male!

CITTADINA=  Sudata?  Chi è sudata ?? Io mi sono appena fatta un bagno caldo e rilassante!

VENDITORE DI BIBITE=Overo?? E allora ve putite ì a fa a ceretta sott ‘e scell...nun fetite!!

Sapite comm’è …quando ‘e pile crescene e uno n’ce sude dint …fetene comm a che!!

CITTADINA= (
schifata)Ma come vi permettete?? Ma voi siete un cafone!! E giusto per vostra

 norma e regola io i peli sotto le ascelle non li lascio mai crescere…ma comunque non trovo il “nesso” tra questo  e la bibita calda …

VENDITORE DI BIBITE=comm’è?? (ride)Vulite truvà ‘o cesso… dinte ‘a  bibita calda??

CITTADINA= Nesso…nesso…significa l’esatto collegamento tra le due cose….

VENDITORE DI BIBITE=(passando dal voi al tu) Siente, ma tu a me mò che vaje truvanne??

 Nun a vuò…damme ccà, ma torne a piglià!! (la ritira e fa per andarsene)

CITTADINA= scusa?? E i miei soldi??

VENDITORE DI BIBITE= E soldi?? E quali soldi??

CITTADINA= I miei….quelli che ti ho appena dato!!

VENDITORE DI BIBITE= Ahhh…e facite cunte che avite fatte n’opere ‘e bene…. chill ‘o

Pataterno v’ò rende ngopp a salute!! E fresca l’anima ‘e tutte e muorte vuoste!! (manda un bacio con la mano)Aranciate, coca cola, caffè Borghetti…aranciate, coca cola…caffè Borghetti…(ESCONO)

----------------------------------------------------------------------------------------------------------------------

3° Quadretto

UOMO-MALOCCHIO = Aglio …fravaglio…fattura che nun quaglia…uocchie maluocchie ‘e

furticielle dint ‘a ll’uocchie. Schiatta la 'mmidia e crepano 'e maluocchie.

Una ne fa cente ne penza…va fa mocca a chi t’è muorte dicette zì Vicenza!!

Zi Vicenza votte ‘o cienzo…tene ‘o cienze sott ‘a credenza ….votto ‘o cienze dint ‘a casa…me vuò male?? Jà schiattà primma ca trase!! Aglio fravaglio…fattura che nun quaglia. Sciò sciò ciucciuvè…jescetenne d’à casa mia… Pappavalle,  barbagianne,  cuorve,  taccule e curnacchie….levatece a miezz a tutti sti guacchie.

Palle, chiuove, cape e' pazze,ce hanno già scassato …(pausa) …’o razze!!  Alluntanate a nuje tutt’e disgrazie.….corne bicorne faccio ‘e corne longa longa Signorì…facite n’offerta contro ‘o malocchio…

CITTADINA= ma che stupidaggine!!

UOMO-MALOCCHIO = stupidaggine?? Signurì…o maluocchie è peggio d’è scuppettate!!

CITTADINA= si si…nella metà degli anni 80 crediamo  ancora al malocchio…(lo scaccia via)

UOMO-MALOCCHIO = Nun credete alle jettature??

CITTADINA= No!! Penso che questo sia un modo come un altro, per voi fannulloni e

 lestofanti,  di fare soldi senza lavorare…altro che “malocchio”….

UOMO-MALOCCHIO = Allora sì vò Dio t’è ruciulià sotto a nu camion a rimorchio(ESCE

Aglio fravaglio …fattura che nun quaglia, uocchie maluocchie prezzemolo e finocchio…(alla cittadina)

----------------------------------------------------------------------------------------------------------------------
4° Quadretto

ZINGARELLA= (ENTRANDO  vede una turista) Signurì, datemi ‘a mano…datami a

                mano…che io ve leggo o passate…o presento e pure ‘o futuro…

CITTADINA=… spiacente a me interessa solo il gerundio e il participio passato!!

ZINGARELLA= e me dispiace… sti cose che dicite vuje…l’aggio lasciate ‘a casa ….

CITTADINA= ma che dite?? Il gerundio è un verbo e poi io non credo a queste baggianate!!

ZINGARELLA= E puttanate? Io dico ‘e puttanate?? (
tra se) Mò a spute nfaccia a sta

 lumera!!(le afferra la mano) Tiene mente tiè… Azz…e vuje state inguaiate??

CITTADINA= (incuriosita) uhmm…davvero?? E perché??

ZINGARELLA= (
dispettosa) e che vò dico ‘a fa…vuje neanche n’ce credete…

CITTADINA= (
ride) infatti non ci credo…mi incuriosisce solo vedere che fesserie raccontate..

ZINGARELLA=Fesserie?? Site spusate? (
la cittadina annuisce) E a vedite sta linea ccà?? Sta

linea è ‘a linea della felicità….e sta indicando che vuje dint a stu mumento site infelice.

CITTADINA= (ride) Ma quando mai??

ZINGARELLA=Signò…sta linea dice che ‘o marito vuoste ve fa ‘e corne!!

CITTADINA= Ma che state dicendo???

ZINGARELLA= Ce sta na bionda …na bella bionda …che frequenta ‘o marito vuoste…

CITTADINA= (
ci pensa) ah si, vero…la sua collega di studio….

ZINGARELLA= Avite viste?? ‘E o marito vuoste s’à fa cà collega…

CITTADINA= non è possibile…sono troppo amici e poi lei è più vecchia di lui…

ZINGARELLA=Ah no?? E ccà a mano dice che vuje coccose già ‘o sospettate…

CITTADINA= Oh mio Dio…io davvero ogni tanto ci penso…ma ci penso così…sa, mio

 marito è un gran bell’uomo…a chi non verrebbe un innocente dubbio…e  c’è altro??

ZINGARELLA= Si…certo!!

CITTADINA= e allora???

ZINGARELLA= e allora a zingarella voste senza soldi nun sape leggere niente cchiù…

CITTADINA= (
prende 5 mila lire) eccovi i soldi…

ZINGARELLA=e c’aggia fa cu 5000 lire? Ve sto salvann ‘o matrimonio e me date 5000 lire?

CITTADINA= quanto vi devo??

ZINGARELLA= Almeno 30.000 lire!!

CITTADINA= 30.000 ? (
tentenna)Ecco qua… i vostri soldi…allora fate presto, ditemi il resto!

ZINGARELLA=’o marito vuoste però vò bene a vuje (si legge la contentezza sul viso della

                turista)…ma attenzione…‘o pericolo è sempe arreta a porta…

CITTADINA= E come devo fare?

ZINGARELLA= (
tentenna un altro po’…) e po’ sapè…n’ce vulesse nata 20.000 lire…

CITTADINA= (
contrariata versa altre 20.000 lire) ecco qua!! Forza…parlate..

ZINGARELLA=vuje state sempe che recchie aperte…nun ve facite maje truvà comme a na

gallina spennata quando torne a casa…quanno ‘o marite vuoste vò ascì, assecondatelo…e quanno vo fa chella cosa llà…nun facite a preziosa…che chill subito trove comme s’addà spassà…

CITTADINA= E’ vero!! Io a volte rifiuto le sue richieste di fare l’amore …e vedevo che

 ci rimaneva male…

ZINGARELLA= ‘o vedite?? E po’ jeve addà bionda e se jeve arrefrescà…

CITTADINA= Si, ma lui vorrebbe farlo in continuazione… io non sempre sono pronta…

ZINGARELLA=Ah nun site pronte?? (
mima) E teniteve ‘e corne nfronte!!

CITTADINA=(
dispiaciuta) ma allora mi ha già tradito??

ZINGARELLA=Sissignore!!

CITTADINA= Oh mio Dio!! Che infame!! Che vigliacco….Oh Dio…che dolore!!

ZINGARELLA=E mò che ve pigliate collere a fa? Signurì, metteteve na cosa ngape…e corne

 so come ‘e pare e scarpe…ognuno e nuje ne tene almeno nu paio!!

CITTADINA= ma io conosco delle persone che dicono di non essere stati mai traditi…

ZINGARELLA=  Ah si?? E chille nun sulo so curnuti…so pure strunze!!! (
ESCONO)

------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------

5° Quadretto

CONTRABBANDIERE= Sigarette…sigarette chi fuma??  Merit, Marlboro, Ms, Camel!!

                Forza, jamme ‘a movere,  so rimaste altri 3-4pacchetti…jamme belle, accattativelle

                primma che passane ‘e guardie!!

GUAGLIONE= Ahò…amico…nu poco ‘e fumm ‘o tiene??

CONTRABBANDIERE=  E allora sì surde?...io e sigarette venne…

GUAGLIONE= ma qua sigarette??...nun me servene e sigarette…

CONTRABBANDIERE= E me dispiace…nun te pozz accuntentà…io venne sulo tabacco…

GUAGLIONE= Sì sicuro?M’hanno ditto che tu vinne pure ‘o fumme a squaglià ‘o tiene, si

o no?

CONTRABBANDIERE= No!!

GUAGLIONE= e vabbuò, statt buone…’o vaco accattà n’gopp Materdei…(
se ne sta andando)

CONTRABBANDIERE= (lo chiama) Guagliò!!  (quando e vicino a lui)E solde ‘e tieni??

GUAGLIONE= (glieli mostra) abbastano chiste?? 

CONTRABBANDIERE= (
prende i soldi) Chi tè muò….puorte ccà movete…che staje

                aspettanne che passa ‘o tram!! (e consegna la cannabis)

GUAGLIONE= e tu hè ditte che nun ‘o tenive??

CONTRABBANDIERE= guagliò io saccio chi cazz sì…e si era na soffiata…e mò movete

                lievete a ccà nnanze…(continuando) Merit, Marlboro, Ms…….chi fuma??

------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------
6
° Quadretto

PARCHEGGIATORE= Dottò…addò  l’avite mise a macchina??

NOTAIO= Lì sotto!! Vicino al cartello del divieto di sosta…ma siete sicuro che non succede

 nulla??

PARCHEGGIATORE= durmite tranquille ‘a 4 cuscine….dottò sto io ccà!!

NOTAIO= ma c’è il divieto!! Se vengono i vigili??

PARCHEGGIATORE=E io che nce sto a fa?? Vuje lasciate ‘e chiavi e nun ve preoccupate…

NOTAIO= Pago dopo??

PARCHEGGIATORE= Dottò e meglio anticipate… sapite comme se dice??’A meglia morte

è chell ‘e subito!!

 
NOTAIO= Quanto vi devo??

PARCHEGGIATORE= Dottò fate a piacere vuoste….

NOTAIO= ecco qua…500 lire!!

PARCHEGGIATORE=500 lire?? Uhàà dottò…e che cacchio…manc nu cafè??

NOTAIO= Scusate, ma non avete detto una cosa a piacere??

PARCHEGGIATORE=eh…ma adda essere nù piacere…accussì diventa nù dispiacere…

NOTAIO= Mi dispiace ma  questo ho di spiccioli….

PARCHEGGIATORE= Dottò…senza offesa…se vulite io ve pozzo pure cagnà!!

 NOTAIO= (acido) Sentite, ma questo non è un parcheggio autorizzato…se volete le 500 lire

 va bene altrimenti ridatemele…ok??

PARCHEGGIATORE= No, ma p’ammore e Dio dottò…e qual è ‘o problema? Vabbuone

 accussì…

NOTAIO=Ecco qua!! (consegna i soldi) Arrivederci!! (ESCE)

PARCHEGGIATORE= Stu figlio e cantere!!Ah nun song autorizzate?(
chiamando) Gennarìììì,

Salvatòòò….

GENNARINO= (
Entrando con il fratello) Cher’è papà!!

PARCHEGGIATORE= Hè viste chella bmw grigia che mò ha pargheggiato??

GENNARINO= E comme no!!

SALVATORE:= Papà, addò è sceso ‘o chillu strunze ca’ borze ‘e pelle mmano??

PARCHEGGIATORE= Bravo chillu llà! Nù nutaio che me da 500 lire, sciùù pà faccia

toje!! Ogni atto che firma se piglie e miliune ca pala…e a me me pisci mmano!! (ai

figli) Jate  llà ‘e facitele nu belle servizio….cusute e ribattute!!

GENNARINO= papà(mostrando lo scatto del coltello) mò ’e sguarre tutte ‘e 4 rote…

SALVATORE= (
mostra un chiodo da 10 cm) e io mò ncià scippo pure sana sana?

PARCHEGGIATORE= lassa sta…sguarrale sule e 4 rote…’o puricchiuse 500 lire m’ha date!!

 Se nun me deve manco nà lira allora ncià putive pure scippà!!

SALVATORE= Vabbuò papà, faccio comme dice tu…nun cià scippe….però mò vaco llà, me

 calo ‘o cazone e le faccio na frizziate ‘e pipì nfaccia a maniglia d‘o spurtielle ‘o lato guida!! (ESCONO)

------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------

PULCINELLA: Masanièèè…ma Napule nun è chella e sti quadretti, nun è sulo chesta ccà…
                                    a città sporca addò ‘o arruobbo ‘o te faje arrubbà…

                                    Napule è Michele…’o re d’à pizza e tutte ‘e sere…

                                    Napoli è ‘o mercato…a voce grosse e a gente viva…
                                    Napoli è ‘o burdello…è rivoluzione…a voce toje, a voce ‘e Masaniello
                                    Napoli è a regina abbracciata cù me…cu Pullecenella...

                                     e mò jammuncenne…jammece a ce assettà

                                    che cu sti quadretti c’avimme viste fino a mmò, l’autore a vulute sule pazzià                                  dopp a sta canzone che mò sentimme… tra na cose ‘e nata…

     a cummedia putimme dicere che over è accumminciata!!             

------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------

(parte la canzone del Cantautore Daniel Diletto: NAPOLITUDINE)

------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------
                               NINUCCIO, LILINA e CICCIOTTO

NINUCCIO: (ragazzo di 16 anni…classico “guaglione” sveglio ma incolto dei bassi di Napoli che

ha come obiettivo primario delle sue giornate il Napoli calcio e nient’altro.)Donna Lilì…donna Lilì…l’avite n’tiso???? ‘

LILINA: (donna sui 55-60 anni…che per prendere la pensione di invalidità si finge

all’occorrenza sordomuta entra sulla scena e non sapendo chi c’è in strada fa la sua parte…si agita con le mani…fa delle smorfie con il viso, con la mani e con la bocca classiche dei sordomuti )

NINUCCIO:  Donna Lilì…ma che facite a fa ‘a muta cu me?? Sto sul’io…parlate normale…


LILINA: Pozz parlà?? (
si guarda intorno sospettosa) Sicuro neh guagliò?? Chiste …sì

                s’accorgene che nun so sordomute me levene ‘a pensione…

NINUCCIO: State tranquilla…ccà attuorne stanne sule gente d’ò quartiere…faccia sospette

nun ce ne stanne…e sì pure ce stesse qualcuno che vò fa ‘o scemo, basta che chiammate ‘o figlio vuoste don Salvatore…(ride)…e chille e liscie ‘o pile….

LILINA: Lass sta ‘a figlieme…io e isso nun tenimm niente a nce spartere! Dici: che vuò??

NINUCCIO: l’avite n’tiso a canzona che ‘e asciuta n’gopp ‘o re d’ ò pallone???

LILINA: ‘O re d’ò pallone?? Ma chi …Pelè???

LELLA: (ENTRA) (30enne  di bella presenza, ignorantissima, parla con un accento strano e vive

                nei bassi di Napoli)

NINUCCIO: Ma qua Pelè e Pelè?? Ma chi è stu Pelè ?? Ma che vò stu Pelè?? Donna Lilì,

embè? Me dispiace pe’ vuje che site Napulitana verace…arapite bone ‘e recchie: ci vogliono 2 “chiandole cenitali sferighe masculine appese”  ‘e Maradona pe’ fa ‘a Pelè!!

LELLA: Ma chè ditte?

LILINA: ’O scè...parla potabile!!

NINUCCIO: Potabilissimo!! Tranquille…mò parlo comme all’acqua: Fuje, che nun me pigli!!

LELLA: Fuje, che nun me pigli ??? E che acqua è???

NINUCCIO: Nun ‘a cunusci?? Se chiamma “acqua Fuggi!!

LELLA: Acqua Fuggi??? (correggendolo) Ah…aggio capito...acqua Fiuggi??

NINUCCIO: eh brava!! Chesta lloco!!

LILINA: Che puozz passà nu guaio!!

NINUCCIO:Fuggi, Fiuggi, mò jate a vedè sti piccolezze,comunque avite capite ‘o fatt e primm

LILINA: A verità??  Io nun aggio capito manco na parola…

NINUCCIO: No?? Aspettate, mò ve faccio a “traddizione”

LELLA: Embè, l’hè purtate a calcolatrice??

NINUCCIO: e c’avimme fa cà calcolatrice???

LELLA: e comme e faje a mente le tre-addizioni??

NINUCCIO: Ma qua 3 addizioni…Lellù…io dicevo chella cosa che uno parla e nata fa

capì chelle che ‘o primm sta dicenn…..

LILINA: Ah, puozz fa schifo….a traduzione???

NINUCCIO: Eh sta cosa lloco, azz Donna Lilì comm site zellose vuje e Lelluccia, oggi eh?In 2

parole: aggio ditto in italiano… chiandole cenitali sferighe masculine appese, si nun avite capite sferighe, perché chest è alto taliano… significo tonteggiante, … in 2 parole Pelè è la “guallera scesa“ ‘e  Maradona!!

LELLA: Uhmm…overe??? E tu che ne saje??

LILINA: Statte zitte…chill ogni tanto va llà…palpeggia e controlla…ovè Ninù??

NINUCCIO: Si, palpeggio! (
prima annuisce poi…) Ma che me facite dicere Donna Lilì? Ma che

 palpeggio?? Al mondo uno “re” n’ce sta….ed è: <<il pibe de’ oro>>!!

LILINA:Cose ‘e pazze! Chelle fa male e ‘o poste dè levà a miezz mò se metten a fa pure ‘e oro.

NINUCCIO: (non capendo) Ma cher’è che fa male??

LELLA: ‘o fumo!!

NINUCCIO: ‘o fumo??? E che c’azzecca ‘o fumo mo’???

LELLA: (evidenziando) E tu hè ditte: << a pippa d’e oro>>!!

NINUCCIO: (sbuffando) Ma qua pippa ‘e oro??? Donna Lilì, v’aggio già ditte: a finite e fa ‘a

sorda? In questo istante nun c’è sta nisciuno cuntrollo sanitario (marcando) Il pibe!! Il pibe d’e oro…l’unico…il solo…il “grando”  maestro….Dieguito!!

LELLA: Mò faje nu piacere? Ma vottete carcerate tu ‘e isso!!

LILINA: Brava Lellù!! Sì chill piecuro ‘e Ferlaino, che ha speso 13 miliardi pe’ purtà a

Napoli stu miezz omm…m’avesse dato nù miliardo a mmè….ad ora ‘e mò m’avesse accunciato io e figli mieje pe tutta a vita…ed invece ohjjj, tengo a figlieme e 30 anni, senza né arte e nè parte…e va facenne chelle che nun adda fa!

NINUCCIO: Azz!! Ve lamentate?

LELLA: e chill  don Salvatore  va facenne chell lusso…femmene, soldi,  macchine e vestite!!

LILINA:‘E solde e figlieme nun ‘e voglio…so solde spuorche…preferisco e me puzzà e famm!

NINUCCIO: E io ero venuto a vedè se mi prestavate 20 mila lire pè m’accattà nu

 bello bigliette dà curva “b”…

LILINA: Io te d’ò 20 mila lire a te po’ bigliette d’ò Napule?? Ma tu sì cadute cà capa nterra?

NINUCCIO: No, quann maje?E po’ io quanno vaco facenne ‘e scippe me mette semp ‘o

                casco che pure sì sbatte nun me faccio niente…(pausa)Donna Lilì, chelle è Napoli-Juve!

LELLA: e a nuje che ce ne mporte??

LILINA: Va a faticà…iesce, cammina!! Jammuncenne Lellù
(ESCONO)


NINUCCIO: evvilloco…che brutta bestia è la vecchiaia scuffata e a gnuranza “caloppante”!

Sta cosa Ninuccio ‘o “scannapelle” se l’hè legata al dito…e primma ‘o poi st’affronto mò pagate cò nteresse….

CICCIOTTO: (Figura particolare. E’ un folle!! Ma nella sua pazzìa sciorina verità scomode                             miscelandole a demenze spicciole e senza nesso il tutto muovendosi  in modo goffo.)

(ENTRANDO) (fa una sonora pernacchia)

NINUCCIO: (
va vicino a Cicciotto, minaccioso) Si state tu?? Sì stat tu a fa ‘a pernacchia??

CICCIOTTO: Io?? No!!

NINUCCIO: Ma comme no? Io t’aggio n’tiso!!

CICCIOTTO: No, e fasule!! E fasule so tutti mariuoli!! E spullecarielle?=mariuoli!!

E curnicielle?=Mariuoli!! E cicere?=Mariuoli!! E lenticchie?=Mariole!! E pisielle??

mariuoli!! ….in Italia so tutti mariuoli!!

NINUCCIO: so mariuoli? (da un ceffone a Cicciotto) Nun te permettere cchù che te struppeo!

CICCIOTTO: Mai tenersi le scorregge dentro…

NINUCCIO: Uhmmm….e pecchè?

CICCIOTTO: pecchè sagliono pe’ dinte a spina dorsale…attraversano ‘o cuollo, arrivano

 dint ‘o cerviello…e pò te venene le idee ‘e merde!!

NINUCCIO: (
guarda l’orario)Madò, pure Cicciotto ‘o pazzo nce mancava…fra poco

accummincia a partita e io sto ancora senza soldi, e comme faccio mò?? Aggia ì sotto a metropolitana e vedè e fa qualche scippo…( poi cantando) eh oh eh oh ale ah oh eh oh eh oh ale ah oh
Chi s'ha accattato a chist', chi s'ha accattato a chill', chist' e' nu diavulillo, e ce ne vonn ciento p' 'o ferma'... Maradona e' meglio 'e Pele' ci hanno fatto 'o mazz' tant pe 'll ave'! Maradona facce sunna', stu scudetto puortancill' 'a parte 'e cca'... Maradona 'o ttene e t' 'o dda', te scamazza te mbriaca e va a signa' ... Maradona si' Napule gia', tu si' 'a chiave 'e ll'acqua pe ce fa campa'
. eh oh eh oh ale ah oh eh oh eh oh ale ah oh
Maradona, mo' ca stai cca', levancillo 'o scuorno 'a faccia a sta citta'... Maradona, nun puo' sbaglia', tu pe nnuje si frat', pate e si' mamma'... Maradona piensace tu, si mo' nun succere nun succere cchiu'... l'Argentina toja sta cca', nun putimme cchiu' aspetta', finalmente ce putimmo vendica'...
eh oh eh oh ale ah oh eh oh eh oh ale ah oh
Maradona piensace tu, si mo' nun succere nun succere cchiu'... l'Argentina toja sta cca', nun putimme cchiu' aspetta',
finalmente ce putimmo vendica'...(mentre sta uscendoci ripensa...si avvicina a Cicciotto e...) Cicciò...famme vedè dint ‘e sacche si tiene coccose e solde che m’aggia ì a vedè a partita….

CICCIOTTO: No…No…Noooo…chiste so ‘e soldi mieje…lasseme  sta…Mariuoleee….

Mariuoleee..(viene picchiatoe per rabbia…declama la poesia DECLINO e poi…)Mariuoleee, Mariuoli…in Italia sò tutti mariuoli.

GLI ARBITRI??= Curnuti e Mariuoli!!
A FIGC? =Farabutti e Mariuoli!!
ALLODI?? =Ricchione e Mariuole!!
MARADONA?? =Drogato e Mariuole!!
FERLAINO?? (
pausa) =  Muzzone e mariuole!!
BAGARINI?? Mariuoli!! Tutti mariuoli….in italia so tutti mariuoli!! …(
sta per uscire)

NINUCCIO: (ride) Cicciò?? Cicciò….ed io??

CICCIOTTO:Tu?Tu sì omm e merde, ribusciato e merdaiuolo!(
un attimo prima di USCIRE) e

 mariuole! Mò vaco addè guardie e ciò dico:Ninuccio ‘o scannapelle è Mariuolo (ESCE)

TOMMASINO E DETTI

NINUCCIO: (ride sonoramente)

TOMMASINO:(entrando) (Tommasino è un ragazzo di 16 anni molto sveglio, anche lui legato

alla sua terra natia,  ma con una visione del futuro ben delineata nella sua mente) uhè, uhè…Ninù staje ccà!! Ma cher’è?? Cicciotto pecchè sta chiagnenne??

NINUCCIO: (Mostra ridendo il sacchetto con le monete) Chiagne perché e mancano cheste!!

TOMMASINO: Ninù, ma che t’è pigliate e solde ‘e Cicciotto???

NINUCCIO: (
ride)ahò, si vide comme alluccanne se lamentave dicenne: Mariuoli…mariuoli..

TOMMASINO: Uhààà, Ma sì scemo?? Chille è nu povere Dio…e tu te vai a piglià e solde e

 l’elemosina soje??

NINUCCIO: ‘O saccio che faccio schifo…ma stasera sti solde me servene….

TOMMASINO: comunque mammà m’ha ditt che si venuto a casa a me chiammà?? Cher’è??

NINUCCIO: Eh! So venuto primma a te chiammà pecchè stasera cè sta a partita e copp Italia

 … contro a chille piecure d’à Juventus….avimm ì…è na partita importante!!

TOMMASINO: ‘o saccio che n’ce sta a partita stasera…ma nun pozzo venì Ninù…

NINUCCIO: Nooo!! Nun esiste!! Tommasì, hè a venì!! Ma staje pazzianne?? Nuje avimme

                abballà e avimme fa sentì ‘e voce nostre da fuorigrotta fino a Torino!!

TOMMASINO: ahahhah….’o saccio!! Tropp bell quando tremme ‘o San Paolo!!

NINUCCIO: E perciò vatt a preparà…che ce avviamme!! A proposito, hè viste che a copp a

                bandiera Juventina mò comme simbolo levene a zebra??

TOMMASINO: Overe?? Ma sì sicuro?? E che ce mettene??...

NINUCCIO: (ridendo)A faccia e Arsenio Lupin….ca mane ‘e chest (mima il gesto di rubare)

TOMMASINO: (ride divertito) Azz!! E parli propri tu? Tu mò te fernute ‘e rubà e solde e

                Cicciotto

NINUCCIO: Io? Ma quanno maje! io nun m’aggio arrubbate proprio niente…m’aggio sulo

                pigliate in prestito…

TOMMASINO: pecchè, me vulisse fa credere che tu sti soldi a Cicciotto n’ce tuorne ‘a da???

NINUCCIO: Comme no!! Nfronte!! (
ride) E sì nun e vò siente!!

TOMMASINO: che figlio e zoccola che sì…comunque ma me dispiace Ninù, stavolta overe

                nun pozzo venì…

NINUCCIO: Ahò, ma allora sì scem Tummà?? Muoviti!! Non si accettano rifiuti!!

TOMMASINO: No!! Tengo che fa!!

NINUCCIO: Tiene che fa??? E che ce sta cchiù importante d’à partita d’ò Napule!!

TOMMASINO: Sabato prossimo m’aggio scritto a nu’ concorso e poesia napulitane …

                parteciperò pur’io…l’aggia fenuto ‘e scrivere…e soprattutto me l’aggia imparata a

                memoria…ma mò me l’aggia imparà a recità….e llà sta ‘o difficile??

NINUCCIO: Guagliò?? Ma che hè cambiato spacciatore?? Ma comme tu nun te viene a vedè

 a Maradona pe’ na cacchio ‘e poesie??Movete, che ce stanne pure ‘e figlie ‘e don Ciro!

TOMMASINO: Overe?? Uhààà bellissimo, ma Ninù, me dispiace nun è cose…nun vengo!!

NINUCCIO: Guagliò….Ma te stisse arricchiunenne??

 

TOMMASINO: Io?? (ride)  Se, se!! Sempre fan delle belle chiappe!! A proposito, ‘o saje che

ieri sera a Materdei aggio viste nata vota chella bionda d’à sanità…Ninù, ma chelle veramente è tropp tosta ….appena la incrociai e dicette…uhààà sorè……che bel culo armonioso che tieni!!

NINUCCIO: Over?? Uhà,  cià ditte overamente? Tu ‘o dicesti che ‘o facive!! (complice)Embè,

 essa che t’à rispost ??

TOMMASINO: Lei si è girata, mi ha sorriso e m’ha ditte?? Ah si?? Ti piace il mio culo

                armonioso? Ed io: << me piace?? Io n’ce esco pazzo>>!!!

NINUCCIO: Uhaààààà……e  essa??

TOMMASINO: e lei:<<nessun problema! Sì viene a casa, pateme te ne fa uno tale e quale>>!

NINUCCIO: (ride a crepapelle) Ja’ sbrigate, che se fa tardi!!

TOMMASINO: No!! Ninù, t’aggio ditto, nun pozzo venì!!

NINUCCIO: Ma allora tu overe faje???...Uhàààààà, ma tu hè capite che te staje perdenn???

TOMMASINO: ‘o saccio, ma aggia studià!!

NINUCCIO: (serio) jà sturià??? Tu nun viene a vedè comme Platini, Boniek e compagnia

                belle pigliano 3-4 pappine d’ò Napule ….pecchè tè è imparà a recità ‘a poesia?

TOMMASINO: Me dispiace Ninù, ma è accussi!!

NINUCCIO: (
facendo il rito degli scongiuri) Aglio…fravaglio…fattura cà nun quaglia…

                uocchie, maluocchie prezzemolo e finocchio….

TOMMASINO: Ma che staje facenne??? Ma a fernisce e fa ‘o scemo??

NINUCCIO: ‘O scemo??? io sto facenno ‘o scemo?? Tummasì, ma sentiti….chiste qualcuno

t’è fatt ‘a fattura…tu ‘a nu poco e venì ccà sì strano…nun po’ essere che sì cambiato dint accussì poco tiempo!

TOMMASINO: nun so cambiato….Ninù…accummincio ‘a penzà…ma lass sta nun può capì!!

NINUCCIO: (
facendo finta di capire) ok…ok…te capisco!! Tommasì, te voglio bene, o saje!!

T’aggio sempre vuluto bene, e sì sempe stato ‘o meglio amico mio. Pe’ me è comme sì fusse frateme!! Ogni tuo desiderio io ‘o rispetto…perché è ‘o desiderio tuoje, e sì pure nun può venì a vedè a chille spuorche juventini…nun te preoccupà, nun fa niente!! Sì sempe ‘o Tummaso ficcanaso (tocca il naso affettuosamente) che voglio bene: però na cosa permettimela, tà pozzo dicere?? Ma  nun te a piglià collera….

TOMMASINO: tranquillo, dimmi pure!!

NINUCCIO: Tummà….ma “VAFFANCULO”  a te e a poesia!!

TOMMASINO: Ovilloco!! Accussì dimostri che parli, parli, ma faje sulo chiacchiere…ma

                ch’è fatt nun me vuò bene…

NINUCCIO: Io nun te voglio bene?? E tu accussì staje dimostrando ‘o bene che vuò a

                squadra toje?? Tummasì ‘o Napule è ‘o Napule…è a squadra d’à città nostra…

TOMMASINO: Ninù, io so tifoso d’ò Napule quant ‘a te….ma ricuordati che è sempe ‘e sulo

                na squadra ‘e pallone…a Napule ce stanne altri problemi, altre cose cchiù importante..

NINUCCIO: Statte zitte!! Statte zitte che staje dicenne nu’ cuofane ‘e strunzate…

TOMMASINO: Sto dicenne ‘e strunzate??? No!! E strunzate e staje dicennu tu!! Ma capisci

che ce stanne vuttanne dinte a nu’ futuro senza speranza?? Che mentre nuje parlamm ‘e pallone …’e scudetto…’e Maradona…ce sta chi sta pigliann ‘o futuro nuoste , l’ha chiuso dint a  nù tavute ‘e zinco…sì, bravo,  hè capite buone…nu’ tavute ‘e zinco pecchè ‘o futuro nuoste s’adda nfracetà….ma nun adda emanà nisciuna puzza che d’à fastidio all’esterno…‘e ‘o stann atterranne dint a na fosse ‘e campusante…e nuje stamm ccà a ridere ‘e ‘a pazzià!!

NINUCCIO: (lo guarda fisso…poi)…guagliò….ma staje buone?? Tu te vidi troppi

                trasmissione e Gigi Marzullo!!

TOMMASINO: (ride) io?? Io si, sto benissimo…sì tu che ormai tè sì scimunuto….

NINUCCIO:Tummasì, io tengo una colpa: amo Napoli, la mia squadra, a pizza, a sfugliatella!

TOMMASINO: e pecchè io no??

NINUCCIO: No!! Tu no!! Ovilloco, scusami ma mò te l’aggio ditto: io amo “A TERRA

                MIA” in modo morboso …chelle che nun vuò tu!!

TOMMASINO: (gli mette una mano sulla spalla) Ninù te sbagli! A terra toje è pure a terra mia

NINUCCIO: E allora viene cù me a Fuorigrotta!!

TOMMASINO: No!! Nun pozz venì!!

NINUCCIO: (svincolandosi in modo acido) No!! Ti sbagli tu!! A chi a cunte sta storia?? A

terra mia…è a terra mia, ma nun è a terra e tutte ‘e napulitane!! (USCENDO  canta) Maradona è meglio ‘e Pelè…c’hamm fatt ‘o mazz tanto pè l’avè…(contando)

TOMMASINO: (si siede a terra…mette le mani in faccia…poi le toglie, alza lo sguardo al

cielo e….mentre parte un sottofondo musicale)…a terra mia…a terra mia…che ne saje tu d’è pensiere, d’è preoccupazioni e d’è chiante che me fa fa chesta terra mia??

“A TERRA MIA”: Vurria cunta na storia:

                                                   na storia vecchia ca s „è sentuta e ripetuta.

    Parla ra terra mia, na terra povera

    ca nun ha maje chiesto niente e maje niente ha avuto;

    na terra fatta „e promesse nun mantenute,

    e tradimente , e gente can un tene „o curaggio

    e t guarda int„a lluocchia , ma ca se va a cuccà felice e serena,

    comme si tenesse „ a cuscienz netta.

   Gente ca arrobba chillu poco „innocenza re creature

   ca è tutto chello ca resta a chesta umanità.

   Gente ca nu tene scuorno.

   Gente ca te dice guardanno nterra:

   “Ne „ue tu… vuò sta tranquillo? Ce penzammo nuje”.

   Gente ca tarrobba e uagliune cu nu veleno

   ca nun saje e ca nu aia sapè.

   Gente ca continua a dicere:

   “Faie chesto…, faie chestato…”

   e poi sparla „e llate.

   Perzone ca se sentono cchiu uommine

   si tarrobbano chillu poco „e felicità

   ca te ra „a fatica.

   Gente ca cu na pistola se sente nu re,

   e gente ca tene sulo na fatica

   e cu „o pizzo pava o cunto pe camapà.

   Gente can un parla, nun dice „a verità pe nun murì accisa.

   Na terra „e cammuria e lacreme amare.

   Ma chesta è pure „a terra mia;

   „a terra ra gente mia ca nun è chellla gente llà.

   Io nun voglio penà cchiù;

   „a gente mia nunadda suffrì cchiu!

   Nun me pozzo arrendere, laggia cagnà sti cose!

   Si „a sperànza mia è sulo nu suonno…

   Scetateme…jamma „a scetà chille ca dormono

   e sarrà realtà!! [di Antonio  Avilio] (ESCE lateralmente)

 CICCIOTTO, CIRO, LELLA ED ENZA

CICCIOTTO: (ENTRANDO) Mariuoli….in Italia so tutti mariuoli!!

AVVOCATI?? = Avvoltoi e mariuoli!!
NOTAI?? = Accattoni e mariuoli!!
ARCHITETTI ??= Incompetenti e mariuoli!!
PROFESSORI??= Raccomandati e mariuoli!!
COMMERCIALISTI??= Ntrallazzieri e mariuoli!!
Site tutti mariuoli…povera Italia…è jute a fernì cà pettola ‘a sotto!! (
Si siede a terra sul ciglio della strada)

ENZA:  ( Enza è una 25enne molto carina…la classica ragazza “scugnizza” napoletana,

                sveglia e vivace…e che sa bene il fatto suo) (ENTRANDO) Donnà Lilì…donna Lilìììì….

                donna Liliiiiiinnnaaaa, facite ambressa!!

LELLA: Enzì…ma nun sente??? Ma fa che s’è n’surduta overamente???

ENZA: Ma chi?Donna Lilina? Ma quann maje? Chelle tene e recchie e lepre, pare nu’ radar!

LELLA: A proposito, t’ò vuleve sempe addomantà…ma pecchè Donna Lilina ogni tanto

                mentre sta belle e bona, all’improvviso, se mette a fa ‘a sordomuta??

CIRO: (uomo di 35 anni, svogliato e pigro e con un vistoso tic si arrangia come può per vivere)

Ma pecchè nun ‘o saje?(tra se) Tanti anni fa pe’ piglià ‘a pensione ‘e invalidità, donna Lilina, se fece passà pe’ sordomuta….

LELLA: Nientedimeno?

ENZA: E mò ogni vote che se trove annanze alle autorità, siccome ‘e cose se so fatte brutte e

                stanne facenne ‘e controllo a tappeto…

LELLA: Overe? Stanne facenne e controlle d’è tappete? Madòòò, io ‘o mio aggio accattato ‘o

                mercate d’è pulci…era nu tappete persiano arrubbate, mica m’avessere fa qualcosa???

CIRO: (acido) Ma comme?? Fanno ‘o cuntrollo d’è tappeti???

ENZA: Ma possibile che a parlà cu te …e a parlà cò ciuccio è a stessa cosa???

LELLA: (risentita) Ahò, ma tu accussì hè ditte!!

ENZA: Io accussì aggio ditto?? Tu sì na “gnurante” con la “gn” maiuscola!!

CIRO: Enzina ha ditte che stanne facenne e cuntrolle a tappete nel senso che cuntrollane a

 tutti quanti…

LELLA: Ah, aggio capite…cuntrollane pure a chi tene ‘e tappete accattate dint ‘e negozie??

CIRO: Noo!! Io nun cià faccia…a parlà cù cheste è ciato perzo!!!

ENZA: (
a  Lella) Siente, ma pe me mettere in contatto con il tuo cervello…ce stanne ‘e fascie

                orarie ‘o aggia fa direttamente ‘o numere verde??

LELLA: Pe parlà cu me??? No, nisciuno nummere verde…siccome a Sip è tropp cara…papà

ha fatt a disdetta…mò ‘o telefono a casa nun ‘o tenimm cchiù…sì vuò parla cù me l’hè a fa ‘e persona….(riflettendo)…ma po’ dimme na cosa…sì state tutte e 2 vicino a me… pecchè me vulite telefonà….che avite spennere ‘e solde pe senza niente??? (ridendo) Ma site proprio duje gniurante?

ENZA: (la guarda sbigottita…e guardando Ciro) Azz!! mò vuò vedè che ‘e “gnurante” simme

                nuje??

CIRO: Enzì lassa perdere…chelle ‘è talmente ignorante che ha preso a bottiglia d’ò LIP e s’è

 fatt ‘o shampoo…

ENZA: Over??? E pecchè??

CIRO: perché dice che ha letto ngopp all’edichetta che ‘o LIP è solo per “capi delicati”!!

CICCIOTTO: mariuole….mariuoli….in Italia site tutte mariuoli!!

E VIECCHIE??= mariuoli!!

E GIOVANI?? = mariuoli!!
E CREATURE?? = mariuoli!!

E MASCULE?? = mariuoli!!
E FEMMENE?? = Zoccole, baldracche e mariole!!
…in Italia so tutti mariuoli!!

               

LELLA: ahè, guagliù…io nun me n’ero accorto…ccà ce sta pure Cicciotto ‘o scemo!!

CIRO: ‘o scemo?? Guarda che Cicciotto nun è scemo!!

LELLA: Azz, nun è scemo?? (
ridendo) E che ‘o faje buono a chillo???

CIRO: Senti, io nun ‘o saccio pecchè quann è succieso ero troppo giovane  rispetto a

jsso…però aggio n’tiso e dicere che Cicciotto quann’era giovane era sicco…era nu bello guaglione…e soprattutto era nà persona intelligentissima e che aveva pure studiato…

ENZA: E’ Overo!! Papà mio, che tene l’età soje, so ricordo buono…dice che era ‘o meglio d’à

                scola…educato, perbene e colto…

LELLA: Eh dai…mica è corto!! E’ chiatto…ma curte nun è, sarrà alto nu metro e 77-78 cm!

ENZA: Chelle ‘o diceva a nonna mia: ‘O cerviello è na sfoglia ‘e cipolla!! Cicciotto che ha

 studiato è asciuto pazzo…e chesta ch’è na ciuccia cà capezza sta fresce ‘e tosta!!

LELLA: Gesù…tu hè ditte che è corto!!

CIRO: (
con ira) Colto…colto…coltoooo!!!! No…curto!!

LELLA: Ahò…ma che vulite?Aggio sbagliato…e comm a facite longa! Embè…stavi dicendo?

ENZA: Niente …steve dicenne che Cicciotto era uno buono…po’ saccio che facette un

                bruttissimo investimento immobiliare e a tante nun s’è n’è capite niente cchiù…

LELLA: Embè steve sul’isso dinte a macchina quando iette ‘a fernì dint ‘o mobilificio??

CIRO: Chi è fernuto ca macchina dint ‘ mobilificio??

LELLA: Cicciotto!!

ENZA: Cicciotto?? Ma quann maje??

LELLA: Tu hè ditte che ha fatto un “investimento immobiliare”…comme ‘a vuttate sotte sti

                mobili…miezze ‘a via???

ENZA: eh già…hai ragione!! Tu mò hè pensate: è maje possibile che nu’ segretè se mette a

braccetto cu’ nu cummò e se ne vanno a fa na bella passeggiata pe via Caracciolo?? E magari se pigliano na bella limunata fresca vicino a banca e ll’acqua?? No!! E allora sicuramente Cicciotto cà macchina a tutta velocità è ghiuto a fernì dint ‘a vetrina e nu mobilificio e ha fatto nu cacchio e “investimento immobiliare”…. ha sbattuto a capa e s’è mpazzuto…ovè?

LELLA: Brava a Enzina!! Comme hè fatto addò sapè?? Io overe  cheste aggio penzate!!

CIRO: (
tra se) Gesù Crì….damme a forza sennò a cheste ‘a ncataste ca capà dinte ‘a saittelle!!

Ma comme, investimento immobiliare pè te significa che è juto a fernì ca macchina dint ‘ mobilificio???

ENZA:( a Lellairosa) Jolla mbalzamate…significa che Cicciotto, nun putenn cchiù pavà se

                sarrà arravugliate mani e piedi….hè capite mò??

LELLA: E pecchè aveva pagà??

CIRO: Comme perchè?? Pecche s’era accattate e palazzi e ville, terreni, case e cavalli …

LELLA: e casecavalle?? ‘O saje che forse hai ragione?? Chille Cicciotto quann te passe pè

                vicino veramente fete ‘e casecavallo….

ENZA: Sì, fete e casecavalle, e di pecorino…

LELLA: e pure e cotene pilose…

CIRO: ...eh, cià facimme ch’è fasulo!!

LELLA: uhà Cirù, comme fa ‘e fasule a nonna mia,..uhmmm…. t’è fa allecca ‘ baffe!!

CIRO: ma che me ne fotte a me e comme fa ‘e fasuli a nonna toje?? Mò a chest a struppeo!!

ENZA!! Lassamm sta!! Lassamm sta…io mo chiamm a donna Lilina…tu va a chiammà ‘o

 guaglione tuoje!! Muovete fa ambresse che sta quasi pè arrivà l’onorevole

LELLA: vabboò…mò vaco….(passa davanti a Cicciotto) !! (ESCE)

CICCIOTTO: mariuoli…in Italia so tutti mariuoli!!

LELLA: Cicciò, ma tutti quanti?? Nun scartanne a faccia e nisciuno??

CICCIOTTO: No…tutti mariuoli!!

LELLA: ed Enzina??

CICCIOTTO: Figlia e ndrocchia e mariola!!

LELLA: e donna Lilina

CICCIOTTO: furbacchiona e mariola!!

LELLA: e Ciruzzo?

CICCIOTTO: sfalenze e mariuole!!

LELLA: (volendolo prendere in giro) ed io?? Io comme so..cicciò??

CICCIOTTO: Tu?? Tu si rimbambita!!

LELLA: Ah neh?? So rimbambita? (
ride) E so sulo rimbambita?

CICCIOTTO: No, si pure fetaciata, pesciamoscia e mariola!!! (
ESCE Lella)

ENZA: (ride) Tiè…nun stive bona comme stive?? (poi ricomincia a chiamare Lilina)

                 Donna Lilììì, facite ambresse…donna Lilìììììì….

CIRO: Aspè…nun a chiammà ancora…allora?(
prendendo le mani in mano) Ma vuò da chella

                risposta?? C’è penzat? Che dice??(il tic aumenta)  Enzì…io te voglio bene

 tropp assai… penso a te…sule a te… sempe a te….

ENZA: ..e se vede che nun tiene a che penzà!!

CIRO: Nun ‘o dicere…Enzì…tu sì tropp bella…si a vita mia…io nun dorme cchiù…nun

                mangio cchiù…nun beve cchiù?? (il tic aumenta vistosamente

ENZA: Overe?E comm’è che te veco sempe chiù abbuffate?Te fai l’aerosol co’ compressore?

CIRO: No!! E’ ‘o tuosseche che me fai piglià tu… ‘o tuosseche Enzì, nun è commestibile, e se

                ndorze tutto quanto dint ‘a panza…(tenta di abbracciarla) jà viene ccà…

ENZA: (risoluta) Ahò, lieve sti mane a cuolle…(svincolandosi) Azz, ‘e comme sì chiatte…ma

l’hè maje fatta a prova costume??

CIRO: No, però aggio fatto ‘a prova del cuoco!! (
dolcemente) Jààà, Enzì, fatte da nu’ vasillo...

ENZA: (
facendo finta di non capire)…’o vacillo?? No, te dongo ‘o pappagallo!!

CIRO: (
solenne) ma pecchè…ma pecchè …..

ENZA: (
scimmiottando la canzone di Peppino di Capri “E mò e mò”…cantando) …perde ‘o

tiempo e perde ‘a capa pe te…ma pecchè, ma pecchè…sì è fernuto nun ‘o voglio sapè…

CIRO: (continuando)..e mò e mò…te voglio bene…e chesta notte sunnà senza ‘e

 te, me fa paura….(ride sonoramente)

CICCIOTTO, LILINA E DETTI

CICCIOTTO:(ENTRANDO) Mariuolo…mò ‘o faccio arrestà sano sano…mariuolo…grande

                farabutto mariuolo.’O faccio mannà a Poggioreale a chillo ladro scannapelle mariuolo!

ENZA: Cicciò, ch’è stato? Chi t’è fatt piglià collera?

CICCIOTTO: (
la guarda) Tu ‘e 32 mila e 550 lire che tenevo dint ‘o “maccaturo”

 arravugliate ??? Me può turnà a da?

ENZA: 32 mila 55° lire?? Nientedimeno? E addò ‘e piglio??

CICCIOTTO: E allora fatte ‘e fatti tuoje…mariola!! (
si siede a terra sul ciglio della strada)

LILINA: (uscendo sulla strada) Ma cher’è? M’hè chiammate?

ENZA: Azz!! Aggio chiammate?? Chille m’hanno n’tiso fino abbascio porta Capuana…

LILINA: e che vuò?? Nun puteve lassà…steve frienne ‘e mulignane!!

ENZA: Muovetevi che fra poco vene l’onorevole La Stalla…che se vò fa nà parlata cà gente e

                dinte ‘o rione…

LILINA: E che me ne fotte a me?? Tanto ccà rape ‘e rapeste è una menesta…ogni tanto vene

 qualche sfrattapelle…ce prumettene mari ‘e monti…e se ne va!!

CICCIOTTO: mari e monti??…chiste manche na pizza semplice ce porta…mariuolo!!

CIRO: (tic evidente) Bravo a Cicciotto!!

ENZA: (
dandogli un colpo nel fianco) e 2 Buffati!! E vire sì nun penzate semp ‘o magnà…

                che po’ io e na cosa nun me faccio capace…addò s’è maje visto nu barbone chiatt??
                ‘E barbune so sempe pelle ‘e ossa…sulo a Napule se vedene e barbune ‘ndufate!!

                Continuate donna Lilì…allora stavate dicendo…doppo all’elezione…

LILINA:…po’ doppo l’elezione scumparene tutti quanti e nun ‘e vire cchiù!! Loro s’apparane

 ‘e cacchie lloro…e nuje rimanimme ch’è cicere che ce abballano pè dint ‘e cervelle!!

ENZA: Sì, avite ragione, ma stavolta nun è accussì!! Ha detto La Stalla che sì ‘o

                vutamme tutti quanti …sapite che fa quann saglie ngopp ‘o parlamento???

CICCIOTTO: (intervenendo tra se)Comme no! O metto a chillu servizio a tutto ‘o firmamento.

LILINA: Ave ragione!!

ENZA: Ma che ha ragione e ragione?? Chille sì saglie …vota Napule sott ‘e ngopp!!

CICCIOTTO: Ma che se penza che sta frivenne  ‘e cutulette”??

LILINA:E chill accussì sadda fa! Nuje stamme accussì disperate che pe ce fa ascì qualcosa ‘e

solde a dint ‘e  sacche ormai c’hanno sulo girà sotto ‘e ngopp…po c’hanno  scutulià buono buono (mima il gesto)…e può darsi che qualche centesimo esce ancora…

ENZA: Ma quanno maje!!

CIRO: A carne ‘e piecuro è fatto ‘o brodo??

ENZA: ‘O mangià…nguttate…ma ‘o vire che tu pienze semp e sulo ‘o mangià!!

LILINA: (riprendendo il discorso) Enzì, è comme te dico io!! Ormai dopp

tanti anni che pè me fa dà na piccola penzione aggia avute caccià soldi…aggia avute fa mbruoglie e fregature, m’aggia fa passà ogni tanto pè sordomuta pe’ paura d’è controlli e mò e sti mangioni  che te venene a fa promesse ne tengo na panza chiena…

CICCIOTTO: (intervenendo tra se)…tu?? Hè a vedè io a panza comme a tengo  abbuffata!!

ENZA: Nossignore!! So tutte buscie.  L’onorevole è ‘na persona onesta!!

CICCIOTTO: (interrompendolo)Va venneve ‘o brode ‘e purpe miezze ‘e feste??

LILINA: A me non mi interessa niente!! Senza che vene ccà…io nun ‘o voglio manco vedè!!

ENZA: Madò…state sbaglianno…chille avite capite buono chi è?? E’ l’onorevole La Stalla…

CICCIOTTO: Avimm capite!! La Stalla, e chille comme vede ‘e solde se penza ‘e sta dint

‘a stalla….ngasa ‘a capa dinta ‘a cupellina e magna comme ‘o dannato…(mimando con le mani) : tutto a me…tutto a me!!

ENZA: (infastidita) Ahò!! Ma tu stai sempe in tredici??

CICCIOTTO: no, e vote sto pure a quattordici!!

LILINA: Enzì…lass sta a Cicciotto …chill ave ragione! Dimme na cosa: addo staje ‘e case tu?

ENZA: Uh Gesù!! (a Ciro) Ma cheste se stesse scimunenne!! (a Lilina) Ma perché vuje nun ‘o

 sapite? Dint’o vico “Parisi” n’gopp Santa Teresa degli Scalzi!!

CIRO: Degli Scalzi? (ridendo) Ah, ecco perché se sente sempe na puzza ‘e pecorino pè dinte a

 chilli vascie….pecchè state scalzi!! ( fa il tice continua a ridere)

LILINA: (lo guarda con fare acido…poi ad Enza)…e chist se vulisse fidanzà  cù te???

CIRO: azz ‘o dicite sulo?? (
tic) Me piacesse assaje!!

ENZA: Si…isso ce ‘o vo’ cu me? Ma mò nun ‘ ‘o mumento!!
 

CIRO: …’e quando vene stu mumento??

ENZA: Dinte ‘a nata vita!! (risoluta) Strunzo!!

CIRO: (offeso)Uhààà, m’à chiammate strunzo??? (a Cicciotto) Cicciò, m’ha chiammat strunz!

CICCIOTTO: Overe?? E se vede che t’à riconosciuto!!

CIRO: Cicciò…e mò te ce mitte pure tu???
LILINA: (
ad Enza) Tu hai ragione…ma ragiona Enzì… essere strunzo è un suo diritto…

CICCIOTTO: Eh, è overe… ma chist ‘e vote se ne approfitta!

CIRO: (lo fissa…poi tra se) ‘A chist e vote ‘o schif proprio! (ad Enza) Ma io stavo pazzianno!!

ENZA: (ostentando un sorriso finto) ah si??? (seria) Ed io faccio overo!!

CIRO: Mi stai offendendo…ed io questo nun t’ò permette hè capito? (alzando il tono della

voce e mostrando un tic all’eccesso)Cù l’ex guagliona mia quann m’appiccicavo era semp’essa che veneva vicino a me…se metteva in ginocchio e me rivolgeva  per prima ‘a parola…

LILINA: ah si??? E che te riceva???

CICCIOTTO: Jesce a sotto ‘o lietto omme ‘e merda!!

ENZA : (con Lilina ridono a crepapelle)

CIRO:Enza io te voglio bene e tu me staje facenne piglià collera…. Donna Lilì, io cheste aggio

                sempe ditte alle donne: faciteme tutto cose… qualsiasi cosa …ma nun me facite cheste!!

CICCIOTTO: Comme stanne ‘e cose…allora a chiste ‘o putimme pure sputà nfaccia??

LILINA: (riprendendo il discorso) Guagliù fernitele mò!! Allora te steve dicenne…tu staje ‘e

 case ngopp santa Teresa degli Scalzi…’o saje stu La Stalla addò sta ‘e case??

CICCIOTTO: Dint ‘a fattoria!! Addò po’ sta?

LILINA: Sta’o Vomero, a via Petrarca e tene na casa ‘e Patatern che coste n’uocchie a fronte!

CICCIOTTO: a faccia soje!!!

LILINA: Mò diciteme ‘a me…ma stu onorevole fino a mò , pè Napule, e pè nuje che stamme

‘e case dint a sti vascie e chè ‘o sole nun ‘o vedimme manco ngopp ‘e cartuline, che ncià fatte??

TOTORE, JESSICA, LUANA E DETTI

TOTORE: (entrato sulla scena da qualche secondo) (Tatore è un uomo sui 35 anni, elegantissimo

con vestito gessato ed è il fratello di Lilina che  praticamente vive  soprattutto con lo sfruttamento alla prostituzione…entra abbracciato a 2 prostitute, facile da intuire considerando il loro inequivocabile abbigliamento) Niente nun cià fatte niente!! Ma nun te preoccupà…mò vec’io!!

LILINA: Uhmm, tiene mente chi se vede… cher’è…sì passate pe fuorigrotta primma e venì??

TOTORE: (
sorpreso) pè Fuorigrotta?? No….pecché??

LILINA: Ah no?? Strano…Me pensave che ire state ‘o zoo,  veco che staje cu sti doje scigne!!

JESSICA:(la prostituta giovanissima e di bellissima presenza insorge) azz!! A nuje scigne….ma

                tiene mente nu poco…

LUANA: (
altra prostituta di circa 30 anni, anch’essa molto bella) Mò a sta pruase scuffate a

                piglia pè zimmere e a ruciulea pè tutte ‘o quartiere…

JESSICA: Ma chi è sta vecchia Totò?

LUANA: Jessicù…(
mostra le unghie affilate) facimmele vedè comme so st’ogne ngopp a faccia..

                (stanno per scaraventarsi quando ….)

TOTORE: Addò jate???

JESSICA: Totò…sta vrenzola adda abbuscà!!

TOTORE: Mettetive ccà e stateve zitte!!


LUANA: Ma comm’è??? Totò…ce avimme tenè a “scigne” ‘e sta n’zevate??

TOTORE: (con tono alto e deciso) Aggio ditte mettiteve ccà e stateve zitte!!

JESSICA: (
agitata) Nossignore…me dispiace, Totò, io l’aggia ndurzà, l’aggia fa ‘o strascino..

TOTORE: (strattonandola) t’aggio ditte che tè a fermà??? Nce simme spiegate?? (con violenza

mostruosa) ‘O vuò che te mette doje dete ngann e t’affoche?? (la scaraventa vicino al muro…avvicina il suo viso al suo quasi a toccarle il naso col suo naso…la fissa minacciosa e poi dopo una lungapausa…con uno strattone)A signora che vuò ndurzà è soreme!(le due prostitute si calmano all’istante)E mo prepareteve che ce n’avimme ì a faticà!

ENZA: (a Ciro) Maccarò…’o vire?? (molla un ceffone dietro la nuca) Chist so uommene!!

CIRO: Chist so uommenne?? E allora io che so??

CICCIOTTO: Tu?? Sì ‘a scumma d’è fasule curnicielle!!

LILINA: A fatica?? (ride sonoramente) A te ‘a fatica te piace comme ‘e cipolle ‘o cane!!

TOTORE: (acido)e ch’avess fa? N’omme comm a me a fa ‘o sciaquett pe 800.000 lire ‘o mese?

LILINA: Embè??? E che so malamente??

TOTORE: (con fare da guappo) A so tu sì carute ca capa nterra!!Dint ‘o bar …(ride) me

vulevene a faticà dint ‘o bar!! Ma tu me n’ce vide a me, dint a nu bar,  cò mantesine annanze a fa ‘o cafè a gente che trase??

ENZA: Uh Gesù, e che nce sta e male??

TOTORE: (
si gira di scatto) Chi ha parlato??


ENZA: (
tempestiva…indica Ciro) Isso!!

TOTORE: (molla un ceffone violento) Statte zitte quando parla Totore ‘o biondo!!

CIRO: Mamma ‘e ll’Arco ..e che pacchere…

LILINA: A fatica nun è scuorne pè nisciuno!!

TOTORE: a fatica nun è scuorno…ma a faticà pè 4 purucchie nun è pè me…po’ magari trase

nù sceme ‘e chiste (indica Ciro) e me dice: famme ‘o cafè!! Fammè ‘o cappuccine!! Po’ magari se lamenta…m’ha fatte doce…m’ha fatte amare…e tu fussi in grade e me cummannà a me?? Vuò vedè comme te faccio cadè e diente a vocca? (mima il gesto dello schiaffo mentre Ciro si protegge)

ENZA: Don Salvatò…scusate…scusate assai assai se vi disturbo ma ve faccio na domanda…

TOTORE: Dici…dici…

ENZA: Ma sì ve vulevane fa ì a faticà dint ‘o bar…vuol dire che a Napule ce sta nu bar che

 cerca na persona…embè nun me putite dicere quale bar è????

TOTORE: e comme nun tò pozzo dicere, ma chill vuleva nu barista omm..nun e serveva na

 femmena…

ENZA: ma infatti io nun steve parlanne pè me…

TOTORE: a no?? E pè chi stive parlanne??

ENZA: (
indicando Ciro) Pè isso!!

TOTORE: (
molla un altro ceffone) Nientedimeno?? E che omme  sì?? Na cosa e cheste ma faje

                chiedere pà guaglione toje??

LILINA: Ma guarda che Ciro non è ‘o guaglione  e Enza…Enza nun è fidanzata!!

TOTORE: ah no?? (
pensa…la guarda…si avvicina…mette le mani sulla spalla)…Nennè…io e

                te avimm parlà nu poco, tu sì giovane, sì secca, sì bella. Putesseme fa cose ‘e pazze!!!

CIRO: Don Salvatò…che vulite fa fa??

CICCIOTTO: a Signurina delle “ENTRATE” e delle “USCITE”!!

LILINA: Lassa sta ad Enzina!! Enzina nun è guaglione pe’ te!! (gliela sottrae dal braccio)

ENZA: Ovilloco…ovilloco…sta arrivanne l’onorevole…veco che ha pargheggiato già a

                macchina…donna Lilì…m’arraccumann…cercamme e fa bella figura…

LILINA: No, io me ne trase dinte…nun ‘o voglio manco vedè a stu pagliaccio…

TOTORE: E pecchè?? Chelle mò accommencia ‘o bello!! Sta venenne l’onorevole?? Buono!!

(a Ciro) Piglià na seggia che mò ce facimme 4 risate (ESCE Ciro esegue)

(alle 2 prostitute)…assettateve ccà (le fa sedere sulle 2 gambe una a dx e una a sx) vedimme stu buffone che ne votte fore!!

LA STALLA E DETTI

LA STALLA: (uomo di 50 anni…elegantissimo, con occhiali e modo di fare classico dei politici

quando sono in piena campagna elettorale…e cioè, accomodanti, disponibili, gentili, garbati e disposti ad ascoltare tutti) Buongiorno a tutti!! Grazie Enza, vedo che hai raggruppato un po’ di questi mei vecchi amici…

TOTORE: Overe?? Site amici a tutte quante ccà??

CICCIOTTO: Ma quann maje?? Ma chi ‘o sape??

LA STALLA: (ridendo forzatamente) No, dicevo amici nel senso che tutti gli amici di Enza

 sono anche miei amici….comunque piacere… sono l’onorevole La Stalla…

CICCIOTTO: parlanne  cù crianza!!

LA STALLA: Beh io direi di presentarci tutti che ne dite??

TOTORE: (sotto sotto alle prostitute) chiste è ‘o mumente che molla coccose e solde…jateve a

 presentà…e nun facite ‘e sguaiate…

JESSICA:(facendo moine)Ciao La Stalla, sono Jessica…ma tu nella stalla salti anche in

 groppa (imitando il suono del galoppo..ptpò …ptpo) alla cavalla?

LUANA: Eh si…che maschio, che Stallone (gli mette le mani nei capelli, lo spettina tutto, lo

 circuisce girandogli intorno e tenendogli le braccia sulle spalle) il nostro La Stalla…

LA STALLA: (svincolandosi ma ostentando un sorriso) Ragazze vi prego, mi state dimostrando

 troppo affetto…ma siate pure meno esplicite… non vorrei mettervi in imbarazzo…

ENZA: (a Lilina) Azz!! Cu chesti doje va truvanne l’imbarazzo…

LILINA: (
ad Enza) Chelle stanne dint ‘loro quann stann pe piglià ‘o…..

TOTORE: (interrompendola) ‘o bigliettino!! Stanne pe se piglià ‘o bigliettino!!

CICCIOTTO: Overe?? Mò accussì se chiamma??

TOTORE:Uhè Uhè… mò basta venite ccà!(le ragazze eseguono e si risiedono sulle sue gambe).

ENZA: (dandogli un colpo nel fianco)…vatte ‘a presentà!! Chille può darsi che te dà ‘o posto!

CIRO: (ad Enza) Me vaco a presentà?? Ma io me metto scuorne!!

LILINA: Va va…che ce sta a mettere scuorne??

CIRO: Onorè…ciao…io songo “Ciruzzo ‘o pulezzamerluzzo”…me chiammano accussì

pecchè siccome sto senza fatica m’arrangio  dint ‘a pescheria a pulezzà ‘o pesce…e sì nun me credite (mette le mani sotto al naso dell’onorevole) addorate ccà!! Che dicete…mo date nù bello posto accussì me pozzo spusà cu Enzina mia?????

LA STALLA: Non ti preoccupare…ora vediamo che possiamo fare…

LUANA: pulezzamerluzzo?? Hè visto Jessica?? Io ‘o dicevo che senteva puzza ‘e pesce!!

JESSICA: Madòòò, che schifo…. pur’io a sento?? E’ insopportabile!!

CICCIOTTO: nientedimeno?? A tanto tiempo e ancora nun ve site abituate???

LA STALLA: E la signora come si chiama??

LILINA: (facendo di nuovo la muta fa dei segni vistosi mimando di non aver capito)

ENZA: Onorè…chella a signora è sordomuta!! Sì e vulite dicere qualche cosa, dicetemmelle

 a me che io n’ciò spiego a modo mio…  chell a me me capisce!!

LA STALLA: è sordomuta?? Ah mi dispiace…e percepisce la pensione? Altrimenti provvedo

                subito io a chiamare il Caf  e farle fare i documenti necessari per la pratica…

ENZA: si si…Onorè, tutto a posto! Lilina sono 25 anni che piglia a pensione ‘e sordomuta!!

LUANA: (a Jessica sottovoce) tu hè capite a sta granda piezze ‘e stuppola??

JESSICA: e nuje pè ce abbusca coccose ‘e solde ce avimme fa nù mazzo tanto (mima il gesto)!!

CICCIOTTO: Neh…overe??  Allora ve l’hanno strignuto??

TOTORE: Uhè?? E chi vo’ da ‘o permesse ‘e parlà?? Stateve zitte!

LA STALLA: (a Lilina) Signora…ma voi pure se non parlate e non sentite…sapete scrivere??

                (fa segno a Enza di spiegare)

ENZA: (
esegue parlando e mimando i gesti ovviamente inventati dell’alfabeto dei sordomuti)

                Lilì..ma tu saje scrivere?? (Lilina fa capire di si…poi fa degli altri gesti incomprensibili)

LA STALLA: cosa ha detto??

ENZA: (
continuando) Sta dicendo che sa scrivere…ma non sa leggere!!

LA STALLA: Ma come non sa leggere??E’ impossibile!! Se si sa scrivere si sa anche leggere!

ENZA: (
c.s.) Dice l’on. La Stalla che se sai scrivere devi per forza sapere pure leggere…

(osserva le mimiche che Lilina le fa)…ah aggio capito, vuò sapè che ne vò fa l’on. se tu sai leggere o sai scrivere….onorè avite n’tise?? M’ha ditte:   che v’interesse a vuje si sape leggere o sape scrivere??

LA STALLA: Come che mi interessa?? Se va a votare e non sa leggere la scheda elettorale

 come vota??

ENZA: Ah, giusto!! Nun ce avevo penzato!! Allora (a Lilina continuando la farsa) L’onorevole

dice: se nun saje leggere…comme faje addò vutà ngopp a schede elettorale??(fa segno a La Stalla di aspettare) Ah ecco…ha ditte che quanno vede ‘e solde pè dinte ‘e mane …s’arricorde comme se scrive e comme se legge….

LA STALLA: (tira fuori un mazzo di banconote da 50 mila lire e ne da un bel po’ a Lilina) Vedi

                un po’…così sa leggere??


ENZA: (
consegna il denaro) Donna Lilì…sapite leggere mò?? (Lilina mima)…ha ditte che si!!

LA STALLA: ah bene!! (estrae un bigliettino) Questo è il mio partito, il nome lo conoscete…

JESSICA: Luà?? ma tu hè capite a chesta??

LUANA: e comme nun aggio capite??

JESSICA: Azz e cià fatt pure a morale…sta vecchia rimbambite…

LUANA: (vede Cicciotto a terra) Chiattò e tu nun dici niente??

CICCIOTTO: e che t’aggia dicere? Vuje site zoccole? Ma cheste a vuje nun ve vede proprio!!

TOTORE: (strattonandole di nuovo) V’aggio ditte che ve avite sta zitte!! (all’on.) Onorè..ma sì

                saglite che programma tenite??Qual è a primma cosa che facite??

CIRO: me adda dà ‘o posto a me!!

TOTORE: (
molla un ceffone) Statte zitte tu…scemo!!

CIRO: Uhàà a stammatina chiste è ‘o 5° schiaffo che colleziono!!

CICCIOTTO: e nun te preoccupà…a 25 piglie a borza!!

LA STALLA: il programma?? Allora il mio programma è questo: se ho il piacere di essere

 rieletto…la prima cosa che farò a Napoli…

CICCIOTTO: me roseche pure ‘e tonneche a faccia ‘e mure!!

CIRO: Bravo!!

ENZA:(
ceffone dietro la nuca)Ma che Bravo…scèè, statt zitte sennò quann tò dà ‘o poste chist?

CIRO: aggio pacienza m’hè scappate!!

LA STALLA: sarò uno dei politici migliori e farò quello che non ha mai fatto nessuno e cioè…

CICCIOTTO: …e soldi che piglie me dai a me???

LA STALLA: (risentito) Signori, vi prego siate seri!!

JESSICA : Stalloncino, dancelli a nuje!!

LUANA: Nuje nun te facimme piglià collera!! Anzi…dint a stalle te facimme addeventà nu

                purcellucce…e nuje facimme ‘e maialone toje… 

LA STALLA: Miss, per favore!( le da un n° di telefono e con tono diverso)chiamatemi dopo!! Io

ergerò una piazza con una scultura di grande spessore artistico…una statua di bronzo… meglio di quelli di Riace

TUTTI: Ce piace… ce piace!!

LA STALLA:E creerò una neo Cinecittà dove si possono fare film più belli di Guerra e Pace!!

TUTTI: Ce piace… ce piace!!

LA STALLA: E creerò un ospedale all’avanguardia che farà della sanità  napoletana una

capitale della medicina. E ogni primario nel suo reparto sarà in Italia il più capace…

TUTTI : Ce piace…ce piace!!

LA STALLA: e i pronto soccorsi saranno dotati di autoambulanze per dare assistenza

 immediata ed adeguata in modo professionale…anche se sarà un ricovero fugace…

TUTTI: Ce piace…ce piace!!

LA STALLA: Ma me state sfuttenne???

CICCIOTTO: onorè…ma quann maje, e sulo impressione…

LILINA: (
mimando sempre fa un gesto per dire…e poi???? l’onorevole la guarda ma non capisce)

ENZA: onorè…ha ditte…e poi???

LA STALLA: …e sfaterò tutte le dicerie sui politici…sopprimerò ogni vostro lontano dubbio

riguardante le vostre paure e le vostre ansie sul futuro dei vostri figli…(nel frattempo …si abbassano pian piano le luci… la musica parte in sottofondo mentre l’onorevole continua imperterrito  il suo discorso)…vi farò ricredere…vi dimostrerò che in Italia ci sono politici corrotti ma anche politici come me…persone perbene ed oneste…persone serie e meticolose…persone che non credono solo al Dio danaro…. (escono pian piano tutti tranne Cicciotto che si va a sedere al solito posto sul ciglio della strada)

------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------

Canzone di DANIEL DILETTO: “UOCCHIE CHINE ‘E MANE VACANTE”

------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------

                                            FINE 1° ATTO

  2° ATTO

(Si apre il sipario e la scenografia resta immutata. In scena ci sono delle  prostitute che stanno apprestandosi a fare il loro lavoro!)

LUANA, JESSICA E MARIA

LUANA: (si sta guardando allo specchietto) Ma cher’è oggi mi vedo bruttissima (a Maria) Uhè, e nun

                guardà cù sta faccia schifata… ià, famme nù complimento!! codardo

MARIA: (prostituta bella sui 30  anni…vistosamente truccata) Tesò, ‘o saje …. tiene nà vista eccezionale!!

JESSICA:(ride)Uhè, a proposito hè visto, Pascale, chillu cliente d’ò tuoje che vene sempe…o ssaje che

sta ‘o spitale male cumbinate??

MARIA: Ma che staje dicenne?? Io L’altro ieri l’aggio visto…e venuto addò me e steve fresco e tosto!!

JESSICA: ma l’hè visto proprio tu??

MARIA: e certo!!

LUANA: (ridendo) Eh, ma l’hè visto pure a mugliere!!! (ridono) E speriamo che oggi va meglio

                d’ajere….che pare che l’uommene nun so cchiù uommene.

JESSICA: hai ragione…oggi m’aggia abbuscà ‘o doppio d’ajere e pò ce ne putemme ì!!

MARIA: Si pur’io. Io sì nun appare 500 mila lire a casa nun me ritiro!! Forza, e verimme c’avimme fa!!

LUANA: Marì, tu che ce sai fa buone cu l’uommene….me vuò dicere comme fai a fa impazzì n’omme

                quanno sta dint ‘a stanze e liette??

MARIA: Semplice: e nasconne ‘o telecomando!! Uhè me ne vaco, tengo, n’appuntamento all’hotel

                Venere cu nu tipo che secondo me sta chine e solde…io vaco ce verimme cchiù tardi!(ESCE)

MARCUZZIELLO,  JESSICA, LUANA , CICCIOTTO E TOTORE

MARCUZZIELLO 🙁E’ un ragazzo sveglio e vispo , forse anche troppo, tipico dei quartieri

napoletani che, non avendo lavoro, arrangia qualcosa di soldi facendo i riti di scongiuro per le strade di Napoli …. ha un piccolo vizio però…tutti i soldi che guadagna li spende per le donne di facili costumi….) Aglio …fravaglio…fattura che nun quaglia…uocchie maluocchie ‘e

furticielle dint ‘a ll’uocchie.

JESSICA:(a Luana) Ovilloco sta arrivanno Marcuzziello contro ‘o maluocchie…

LUANA: uhè, uhè…Marcuzziè…viene  nu poco cca…votte nu poco ‘e cienze a chesta parte che

ccà a stammatina nun avimme fatte ‘o rieste ‘e niente!!

MARCUZZIELLO: mò subito vengo…addò ‘o vuò essere vuttate??

LUANA: E vire tu!! Vottele ‘a destra….vottele a sinistra…addò piace  a te!!

MARCUZZIELLO: A me?? A me piace do’ menà juste mmiezze!!

JESSICA: (ride) Hè capite?? E bravo a Marcuzziello…e piace d’ò  menà juste mmiezze…

MARCUZZIELLO: Gnursì…me piace d’ò menà juste mmiezzo e pure in modo continuato…accussì

                ohj…Aglio…fravaglio…fattura che nun quaglia…

LUANA: E ave ragione Jessicù…chille doppe tant’anne  s’è imparate buone  addò  menà…

               

JESSICA: (pausa) ‘o che???

LUANA: ‘o buattielle cò cienze!!! (ridono a crepapelle)

MARCUZZIELLO: ‘O buattielle cò cienze?? Uhè..Uhè..verite d’à fernì che ve zompe  nguolle e ve

                faccio nova nova a tutte ‘e doje??

JESSICA: Ah si?? (ridendo) N’ce faje nova nova??? Nuje sì te mettimme sotte te spuntecamme

 comme a n’uossicciullo ‘e pullastrielle allo spiedo!!

MARCUZZIELLO: Ohj neh…vuje me state provocanne…(alzando il tono) io ve violento….

LUANA: (ridendo)N’ce violenti??? E n’ce ne sta bisogno?? Vieni ccà..facce vedè che te fire e fa!!

MARCUZZIELLO: Ah si?? (lascia cadere a terra il barattolo con l’incenso…e comincia a correre

dietro le due prostitute. Quest’ultime divertite a più non posso si svincolano ripetutamente dai vari approcci di Marcuzziello e continuando a ridere fanno inevitabilmente chiasso in tutto il quartiere) venite ccà…nun fujete…embè si v’acchiappe ve faccio vedè chi è Marcuzziello ‘o leva-maluocchie….venite, venite….ah cher’è mò ve mettite paura ‘e ve fa acchiappà?? (alla fine riesce ad acchiappare Jessica…la circuisce con le braccia) oviccante…t’aggio acchiappate…’è mò comme te scanze???Mò tò faccio sentì io ..chi è Marcuzzielle…

LUANA: Jessica t’è fatte acchiappà??(ride a più non posso)Ahè, mò te fa sentì comm’è ‘o buattiello.

(Marcuzziello intanto  scaraventa a terra Jessica…si siede su di lei intanto Jessica si dimena

per liberarsi mentre Luana prende il barattolo dell’incenso e comincia a sua volta ridendo a

fare il rituale …Aglio fravaglio…ecc ecc) mò te dà l’aglio e pure ‘o fravaglio…(ride)…

CICCIOTTO: (ENTRANDO) Depravati!! In Italia so tutti depravati e mariuoli!!
                Le attrici?? Zoccole e mariole!!

E cantanti?? Rattusi e mariuole!!
Cicciolina ngopp ‘o parlamento?? : Depravata e mariola!!
…in Italia site tutte mariuoli…….(
le ragazze stuzzicano Cicciotto poi ridono)

LUANA: Cicciò, e tu…tu che sì??

JESSICA: (
buttandosi entrambe addosso) …sì nun sì depravato? (italianizzando)  Sei  bigotto??

CICCIOTTO: No, ma songo  allergico ‘e mignotte??

MARCUZZIELLO: Azz, si allergico? Pe me so comme ‘e stufe…

LUANA: in che senso??

MARCUZZIELLO: Nel senso che chiù azzecco ‘e mani e chiù me vottene calore (
le ragazze ridono)…
               

LUANA: guagliò vire d’à fernì che sì vene Totore all’improvviso s’ò guai….

MARCUZZIELLO: Totore?? (sbruffone) E chi è stu Totore??

LUANA: chi è?? ‘O protettore nuoste, ed è meglio che nun ‘o cunusci…sennò te scanne vivo vivo!!

MARCUZZIELLO: A me??

JESSICA: e sissignore a te!! Chille uno pacchere che te dà te fa fa ‘a trottola fino a domani mattina!!

MARCUZZIELLO: (ride) Overe?? Si vene ccà stu Totore io a primma cosa che faccio le d’ò na

capate dinte a panza e le faccio manca ‘o sciate….quando s’accascia nterra le dò nu cavece mmocca e le faccio cadè tutte e diente a vocca e mentre scummate ‘e sanghe ‘e sta aunanne ad uno ad uno… le d’ò nà dunucchiate adderet ‘o cervellette cca ohj! Quanne ha perse ‘e sensi, po’ doje dete ncè mette sotto ‘o nase…e doje mmocca e ‘o squarto sane sane, nce simm capite?

TOTORE: (da fuori si sente la voce di Totore) Ma ch’erè stu casino?? uhè, ma che

 succere?? ‘(entrando) O posto e penzà a faticà ve mettite a fa ‘e pazzielle??

LUANA: (Marcuzziello si va a nascondere nell’osteriae le 2giustificandosi) Totò, ma qua pazzielle??

TOTORE: Io aggio n’tiso sulo nu sacco ‘e casino e vuje che ridevate comme a doje pullere….

Voglio sapè chi ce steve ccà???

LUANA: Nisciuno Totò…

TOTORE: Sentite, verite e nun me fa perdere a pacienza…(
alzando il tono) chi nce steve????

LUANA: Cicciotto….. ‘o mbriacone pazzo!!

TOTORE: (
guarda Cicciotto…estrae un coltello dalla tasca) Aggio ditto chi n’ce steve??

JESSICA: Ma no…nuje ce simme sulo impressionate…n’cè parute e vedè ‘o Munaciello!!

LUANA: (
assecondando) Eh, brava a Jessica…ave  ragione, ce simme mise paura d’ò munaciello.

TOTORE: Ah si?? ‘O munaciello?? Eh già, pecchè vuje mò a me me vulesse fa credere che esiste

‘o Munaciello??

JESSICA: E comme no?? Nuje l’avimme viste cu l’uocchie nuoste!!

TOTORE: (
minaccioso) Ma comm’è , io m’aggia credere che esiste ‘o munaciello?? Ma pè chi

m’avite pigliate pe nù pullecenelle??

LUANA: Ma esiste overamente Totò….addomanda pure a Cicciotto!! (si avvicina a Cicciotto)

     Cicciò, è overe che primma ccà nce steve nu’  munaciello??

CICCIOTTO : (ubriaco) ‘O munaciello?? E io che ne saccio sì era nu munaciello!! Io aggio sulo

visto che era nu cusariello tantillo (mima) che se allargava…e ha ditte che si vereva a Totore ‘o scummave ‘e sanghe, e deve na capata dinta ‘a panza e le faceva cadè tutte e diente ‘a vocca??

TOTORE: (serio) Ma tu overe faje??

CICCIOTTO: E che pazzeo? Io sto mbriaco, ma nun me so sciumunuto ancora… anzi sì ‘o vuò sapè

ha ditto pure che sì te vedeva te metteva doje dete dint ‘o naso…doje mmocca e te squartave sano sano….chest’è…ma mò a me che vuò??

TOTORE: E addò  s’è annascuse??

LUANA: a llà dderete!! (
indicano dove sta la fontanella…Totore va a vedere) A llà derete nun ce sta

nisciuno!!

JESSICA: E vire stesse arrete all’arco??

TOTORE: (
controlla) Nun ce sta!!

LUANA: E  se vere che se sarrà spustato!!

TOTORE: (
infastidito) s’è spustato??? Overe??

CICCIOTTO: E se vede che era nu’ munaciello irrequieto!!

(all’improvviso si sentono delle urla di una donna da dentro all’osteria….poi Marcuzziello esce per un attimo….la donna lo insegue…vedeno  Totore e rientrano  subito)

LILINA, CIRO, ENZA, MONICA E DETTI

TOTORE: …’o munaciello?? (annuendo) Secondo me aggio capito addò s’è annascuso ‘o

munaciello…(prende la pistola e controlla se ci sono i  colpi in canna e va verso l’osteria…) Munaciello….te dongo 10 secondi ‘e tiempo...se nun jesce ‘a dinte a st’osteria vengo e te sparo n’fronte….è  Uno…(trovandosi ad uscire dalla casa di Lella con Ciro)… è due…

ENZA: Venite signurì, fra poco vene l’onorevole(a Ciro)Oh Dio, Cirù, Totore sta cà pistola mano.

MONICA: Oh Vergine Santa…che paura ….e  a  chi vuole sparare??

CIRO: Mamma ‘e ll’Arco mia….mò assistimm a n’omicidio!!

TOTORE: (
contando) ……e tre!!!!!!

ENZA: (Urlando) Donna Lilinaaaa, donna Lilina…(A Monica)...è la sorella d’ò guappo…

TOTORE: ….e quattro!!

MONICA: (
chiamando ad alta voce)Donna Lilinaaa…donna Lilinaaaaaa….(ad  Enza) Ma non sente?

ENZA: Nun sente??(
A Monica) Sì vò Dio l’adda perdere overe ‘e recchie!!

TOTORE: (
si avvicina a Enza)….belli guagliòòò…me dispiace e ve fa vedè stu spettacolo e sangue,

ma quanno ‘e necessario ‘e necessario(pausa)…e cinque….e sei....e sette…(Enza fa segno a Ciro di chiamare Lilina).

CIRO: Donna lilinaaaaa

TOTORE: (Totore, si gira…ferma la conta….si avvicina a Ciro e gli molla uno  schiaffo sonoro)E cazzi

tuoje…tè a fa ‘e cazzi tuoje…ce simme spiegate? Muto e rispettoso! (continua)E otto…e nove..


LILINA: (affacciandosi dal balcone).Uhè, uhè…ma cher’è????

MONICA: Donna Lilina, vostro fratello sta con la pistola in mano…secondo me vuole commettere

una sciocchezza…

LILINA: (vede il fratello con la pistola in mano) Ahòò, ma sì pazzo?? Che ‘a fa cù sta pistola

mmano??? E’ a vedè comme t’hann purtà ‘a  Poggioriale ‘e hanno squaglià a chiave???? A chi vuò accidere???

CICCIOTTO: ‘O Munaciello!!

LILINA: Cicciò, statte zitte…qua munacielle e munaciello??

TOTORE: No, Cicciotto ‘o mbriacone  ave ragione…aggio fa zumpà ‘a capà ‘o munaciello…

LILINA: Ma chi?? Fra Pascale??

ENZA: E che v’à fatte chillu vicchiarielle che va pè viche e Napule pà cerca? Chille già sta pe cacchi

                suoje cò fegato malate….e le fete ‘o ciate comm a che…vuje mò ‘o vulite accidere proprio?

TOTORE: Ma tu qua fra Pascale e fra Pascale??


LILINA: E  chi allora???

TOTORE: ‘O munaciello!! Ma Allora overe sì sorda???

LILINA: ‘O munaciello? Ma comme tu vuò fa ‘o guappo…vuò sparà e te credi ancora ‘o

munaciello? (seccata) Guagliò io tengo ‘o che fa …tengo ancora ‘o liette senza fa, na seggia ‘e panne ‘a stirà…. aggia mettere ancora a cucinà, e chille penza (mima) a sparà. (tra se) Ma chiste è scemo proprio, frate e buone??? (chiude ed ESCE)

TOTORE: a quanto steveme???

LUANA E JESSICA: A sette!!

CIRO:  Ma quanno maje , steve a nove!!

ENZA: (
molla un ceffone) Statte zitte….scemo!! (dolorante) ahjjj…’o scè, m’e fatte spezzà l’ognia!!

MONICA: Che si è spezzato???

ENZA: L’o-g-n-i-a…signurì…(
mostrandola) l’ognia della mano…mò che l’aggio dato ‘o pacchero

arrete ‘a capa…s’è tirato ‘o cuollo e me l’ha fatta schioccoleare…l’ognia!!

MARCUZZIELLO: all’improvviso esce con un saio addosso e cerca di allontanarsi)

TOTORE: …Totore lo osserva un po’…e  poi lo rincorre…mette il piede sul saio bloccandone il

proseguimento…si gira verso le ragazze e…) Mò vedimm chi è stù munaciello! Ovvilloco...chiste è ‘o Munaciello!! (nel frattempo Marcuzziello è uscito da sotto il saio e cerca di scappare….Totore se ne accorge, punta la pistola alla testa e…)…. e chiste è ‘o cenziere? (a Luana) E tu non sapive ‘o cenziere??

JESSICA: Si, comme no….ma steveme facenno sulo ‘o rito contro ‘o maluocchie?

TOTORE: Ah si?? (
indicando Marcuzziello) Mò immagino !! (lo afferra per la parte posteriore

del collo della giacca e trascinandolo lontano da Jessica) Mettete ccà e nun te movere che t’aggia fa zumpà ‘a capa!!

MARCUZZIELLO: Mamma mia bella…mamma e ll’Arco mia…aiutami tu…chist mò me cancella

                a copp ‘a faccia d’à terra…

TOTORE: (Mentre sta sparando) Ma cher’è sta puzza??

MARCUZZIELLO: Songh’io….

CICCIOTTO: secondo me …d’à paura s’è  fatte sotto!!

MARCUZZIELLO: ma quanno maje??…Chelle è ‘o cienze??

CICCIOTTO: e quanno maje ‘o cienze ha ‘ddurate  ‘e merda??

TOTORE: (
a Marcuzziello) Mettete ccà e nun te movere sennò cù uno cazzotte n’gape che te donco te

 ‘nchiove  nterra!! (con ira)Ce simme spiegate??

MARCUZZIELLO: Don Salvatò…e chi se move  cchiù?? ‘O verite stu posto addò me avite mise
                vuje??? Pe me è comme si me avesseve ngullate ccà nterra!!

TOTORE: (
minaccioso) Me staje sfuttenne??

MARCUZZIELLO: Io?? Ma quanno maje??? E io songo in grado e ve sfottere a vuje??? A faccia

mia sotto ‘e piede vuoste ( si avvicina a Totore)anzi  don Salvatò…se ve vulite fa fa na passate ‘e cienze contro ‘o maluocchie io subito v’à faccio e ‘a vuje  nun voglio manco ‘e soldi!

CIRO:  Cher’è ti si scullate già???…(Marcuzziello ritorna a marcia indietro al suo posto…)

TOTORE: (molla un ceffone) chi tà ditte ‘e parlà??(facendo segno di tacere)Psssttt, muto e rispettoso!!

ENZINA:(molla un altro ceffone)Ahò ma vire che pigli sulo paccher e manche tè faje e cazzi tuoje eh?

TOTORE: poi  Totore  prende una sedia, si siede al centro della scena e…) Stabbene!! Vaje ca’ vuttate

‘e ‘cienze e vire e te movere che vaco ‘e presse!!

MARCUZZIELLO: (da dietro a Totore  girandogli  intorno) Aglio …fravaglio…fattura che nun

                quaglia…uocchie maluocchie ‘e furticielle dint ‘a ll’uocchie. A mmiria forte nun tene calore …addà passà nu’ guaio chì vuò male a don Totore!!(mentre sta dietro alla spalle di don Totore si avvicina a Jessica e le dà una pacca sul sedere)

JESSICA: Ahi!! Ma si scemo??

TOTORE: (
girandosi di scatto) Che stato??

MARCUZZIELLO: (mentendo immediatamente) Niente…don Salvatò…so ‘e maluocchie che stanne

                ascenne ‘a dinte  ‘o fronte…e quando escene fanno nù poco male…

MONICA:I malocchi?? Ma io non lo so, ma possibile che a Napoli un’intera città crede ai malocchi?

MARCUZZIELLO: E certo ‘e maluocchie so comme ‘e curtellate….

TOTORE: (
a Ciro) Hè viste coccose tu??

CIRO: (fa segno con la testa di no)

TOTORE: (molla l’ennesimo schiaffo a Ciro) E parla quanno te faccio na domanda!!

CIRO: Ma vuje avevate detto: muto e rispettoso!!

ENZINA: (
molla un ceffone) Statte zitte scemo!!

CIRO: (
arrabbiato) Uhè uhè, ma che vulite a me??? Chille primma dice parlà e me vatte…po’ dice

nun parla e me torne a vattere….pò dice parla …e me vatta nata vota….tu metti ‘a jonta…ma che chivemmuort vulite a me??’ Vuò vedè che mò faccio succedere ‘o burdello?? (mentre si sta agitando…Totore  gli mostra la pistola e Ciro si doma all’istante…


TOTORE: Vuje jatevenne!! (
a Ciro ed Enzina)

ENZA: Vabbuò, allora don Totò nuje n’ce  ne jamme!

MONICA: vado via anch’io…

MARCUZZIELLO: (
toccando il fondo schiena) e vai va!!

MONICA: Uhè, insolente e villano, ma come ti permetti di toccare il mio sedere??

MARCUZZIELLO: io mica l’aggio tuccato?? Io aggio sulo ditto: vai va…(
e lo ritocca)!!

MONICA: ancora?? Ma allora vuoi che ti suono la borsetta in faccia?? (guarda Totore con occhi

maliziosi e facendo la gattamorta) L’avesse fatto don Totore…passi pure, ma tu,  come ti permetti e che speranze hai con me facendo la manomorta sul mio “deretano”.??

MARCUZZIELLO: (tra se) Ha date l’uosso ‘o cane!!!

CIRO:(
uscendo)Signorì, va pozzo fa na domanda…comme avite ditte che si chiama ‘o “culo” vuoste?

ENZA: (Molla un ceffone) Statt zitte!! (Enza prende sottobraccio Ciro e Monica e stanno per uscire)

 (ESCONO  Enza, Ciro e Monica)

TOTORE: A te…viene ccà e continua a menà ‘o cienze!!

MARCUZZIELLO: (
continuando si avvicina a Luana) Sciò sciò ciucciuvè…jescetenne d’à casa mia.              (allunga la mano e sculaccia anche Luana)

LUANA: Uhèèè ma allora è vizio??

MARCUZZIELLO: Vizio che te sfizio…sfizio che te vizie…porto ‘o cienze dinto ‘ospizio…dint ‘o

 spizio e dint ‘o cazone….s’arrefresca pure ‘o “fratellone”…           

TOTORE: (afferra per un orecchio Marcuzziello) Ohj neh?? Ma che rituale è chiste??? Io nun

                l’aggio maje n’tise!!

MARCUZZIELLO: No?? E se vere che avite avute a che fa sempre cu cenziere e serie  “B”…senza

offesa io songo ‘o maste e tutte ‘e cenziere ‘e Napule!!

TOTORE: (Totore gli mette la mano in testa) Psstt! (alle ragazze…caccia un fazzoletto dal taschino)

Luà, va sotto ‘a funtana e  bagna stu coso. (Luana esegue)

MARCUZZIELLO: Don Totò…ma che vulite fa…mò??

TOTORE: T’aggio ditto “pssttt” ma nun capisce?? Quando dico “Pssttt”….”Psssttt” adda essere??

CICCIOTTO: Munacièèèè, statt zitte che don Totore  sta facenne  ‘a pipì!!

TOTORE: Chi a sta facenna sta pipì?? Io a pipì nun a faccio??

CICCIOTTO: Overe?? E che schiatte nguorpe??

TOTORE: Statte zitte che senno faccio nu “buco” nfronte …m’hè capite???

CICCIOTTO: e comme no??

TOTORE: Ah si?? E famme sentì ch’è capite???

CICCIOTTO: Aggio capito che la vita è tutto nù buco: si nasce da un buco…si vive per un

 buco… e si muore finendo dint a’ ‘nu ‘bbuco….

LUANA: (
arriva con il fazzoletto bagnato) ‘o fazzuletto bagnato sta ccà!!

TOTORE: (prende il fazzoletto bagnatissimo, prima lo strizza in faccia a Marcuzziello, poi glielo lega

intorno alla fronte di Marcuzziello) Cenziè staje nfucate??? E mo accussì vire che te scenne a freve…e t’arrifrische sano sano!!

MARCUZZIELLO: Don Totò…Ma io accussì me piglio nà pulmunite!!

TOTORE: Embè?? Nun è meglio ‘a pulmunite che ‘a pulmunoscia…

MARCUZZIELLO: E cher’è sta pulmunoscia??

TOTORE: (
mostra la pistola) Quatte palle miezze e coscie!! Jammuncenne mò…jamme  ‘a movere

….venite cu mè…che tenimme che fa?? E pure tu…ad oggi in poi tu vieni appriesso a me…e faje chelle te te dico io…ce simme spiegate???

MARCUZIELLO: Pozzo scegliere se… si  o no??

TOTORE: Certo che può scegliere: sì vieni campi, se nun vieni (
punta la pistola) muori…che scegli?

MARCUZZIELLO:  More!!

TOTORE: Ah si?? E mò subito t’accontento….(
carica la pistola e spara un colpo in aria)

MARCUZZIELLO: No, more da voglia ‘e venì cù vuje!(
ESCONO Totore, Luana, Jessica e Marcuz.)

CICCIOTTO: Mariuoli, in Italia so tutti mariuoli

I putecare …evasori fiscali e mariuoli
Le banche …usuraje e mariuoli
I gioiellieri…’mbrugliuni e mariuoli
in Italia so tutti mariuoli…… (
ESCE)

*************************************************************************************                                 

                               TRAPANARELLA    (CANZONE CON FISARMONICA)              

*************************************************************************************

CICCIOTTO, LILINA e MADDALENA

CICCIOTTO: (Entrando)    Mariuoli, in Italia so tutti mariuoli

E  POLITICI?? = Mangioni e mariuoli!…
SINDACALISTI??= Sfaticati e mariuoli!!
DOTTORI??= Assassini e mariuoli!!
in Italia so tutti mariuoli

LILINA: Cicciò, Cicciò, guarda ccà…aggio truvata sta lettera n’gopp ‘a tavula…m’à scritta mia

figlia….sta scritt in napulitane…io nun saccio leggere manco ‘o taliano, figurate ‘o napulitano …a sto pruvann a leggere ma nun ce capisco niente…jà, m’à vuò leggere tu??

CICCIOTTO: (seccato) Vattenne!! Nun ‘a saccio leggere manch’io! Fattela leggere a fratete…

LILINA: Ma chi??? Allora nun è capite che io cù frateme nun ce voglio avè a che fa?? E dai,  tu sai

leggere buono e sai pure parlà buono!! Cicciò…pè favore!! (supplicandolo) Dint ‘o quartiere ‘o sanno tutt quante che tu nun sì nu barbone …barbone…..sì  diverso a chill’ati llà…

CICCIOTTO: Lilì…me votene ‘e cervelle…vattenne!!

LILINA: (
insistendo)…pè favore!! Tu sì nu barbone intelligente…e quando vuò tu sai pure

 parlà belle belle…comme agli avvocati…

CICCIOTTO: (ride sarcasticamente) Uhm…saccio parlà belle?? Cheste so cose che

                appartenene ‘o passate…mò so sulo n’omm e niente…miezze pazzo …

LILINA: eh,è overe chelle che dici tu!! Ma si mò sì puricchiuso è sulo pecchè muglierete te facett  ‘e

corne ….ma se non era pe’ chest mica ad ora e mò eri nu barbone fetente e puzzulente??

CICCIOTTO: (la guarda come per fulminarla) Lilì…vuò vedè comme te schiaffa na cosa nfaccia??

LILINA: (
incartandosi)No..scusami..io nun vuleve dicere che sì curnute…cioè…sì…cioè

no…uhmmm… insomma Cicciò io vuleve dicere che tu sì uno buono…però tiene ‘e corne e tenenne e corne, sì malamente…ma sì malamente sulo pecchè tiene e corne…pecchè si nun tenive e corne…nun jeri curnuto e nemmeno barbone….m’hè capite mò???

CICCIOTTO: (la guarda male…)

LILINA: Cicciò, jà leggila…che te pago na birra.

CICCIOTTO: (timidamente Lilina porge la lettera a Cicciotto per farsela leggere…Cicciotto la 

guarda un po’…poi gliela strappa di mano e…chiamando) Matalè, porta na birra, tà pava donna Lilina….(dando un occhiata alla lettera) damme cca!!


MADDALENA:(uscendo con la birra)A birra? Donna Lilì, overe cìà pagate vuje? ( Lilina annuisce)

 Tiè Cicciò!!Donna Lilì, dateme ‘e solde…..(Lilina paga e Maddalena ESCE)

CICCIOTTO: (cominciando a leggere) Ciao mammà…song Annarella…a figlia toje!!

LILINA: Ohj…’o sapevo che era essa…chelle manca d’à casa d’à duje-tra juorne….

CICCIOTTO: Tre juorne?? E pecchè nun avite chiammate e carabinieri??

LILINA: L’aggio chiammate…ma nun so venuto!!

CICCIOTTO: Ma comme l’hè chiammate??

LILINA: accussì ohj…..(facendo la sordomuta) Carabinieriiiiiiiiiiiiiii

CICCIOTTO: scusa, ma accussì t’hanno capito???

LILINA: No, nun hanno capito manche na parola!!

CICCIOTTO: (c.s) e comme te capevene sì l’hè chiammat accussì???

LILINA: eh si, mò e chiammava cà voce normale, accussì me facevo levà ‘a pensione…

CICCIOTTO: Lilì, ma tu sì sicuro che s’ nate a Napule???

LILINA: sicurissima!! So nata dint ‘a Matalena!!...Pecchè??

CICCIOTTO: Perché ‘e vote me pare una ‘e chell perete e nate a Verona che se mettene a pelliccia

 nguoll e po’ parlano e Giulietta e Romeo…

LILINA: Ma tu qua Giulietta e Alfa Romeo…io tengo na 600 beige tutta scassate…

CICCIOTTO: (
fa finta di mollare un ceffone)!! Jamm annanze, allora:  Ciao mammà…song
                Annarella…a figliarella toje!! Me dispiace assaie, ma t’o’ ggiuro assaie assaie ca’ me n’aggia

avuta fui’ co’ ‘nnamurat’ nuovo mio!

LILINA: ‘O nammurato suoje?? Uh mamma ‘e ll’Arco mia…(disperandosi) chelle è na

creatura…tene appena 14 anni…me pare jeri che l’hè deve  a carne e dicevo: Annarè, tiè, mangia ‘a mammà cheste è “a ceccella”… po’ ‘e imboccavo  ‘a pasta e le dicevo tiè chiste so ‘e “cuccuni”...

CICCIOTTO: hè viste??? E mò le piace ‘o cefalo e i capituni!! (leggendo) Ho trovato finalmente il

vero amore, e po’…l’avissa vere’ è accussi ‘ddoce e bellillo cu’ tutte chilli tatuagge ca’ s’ha fatt’ pe tutte parte!

LILINA: S’è fatte ‘e tatuaggi???

CICCIOTTO: Pe nun parlà re’ piercing n’copp’ e’ zizze e d’anielle dint’ o naso!

LILINA: (
commentando)Uhaàààà!!L’anielledint’ ‘o naso??

CICCIOTTO: E manca sulo l’uosso dinte e capille e sta apposto!! Ma che s’è mise a ffa

ammore cù ‘nu cannibale?? (leggendo) Mammà ‘o guaglione mio…me fa m’pazzì! E si o’ virisse quant’è frisco quanno m’penne  n’copp’ a chella motocicletta a 230 km all’ora dint’ e bosche quanno jamme pe ce n’frattà!

LILINA: Madòòòòòòò…e ch’è succiese?? Cicciò, tu hè capite comm’è??

CICCIOTTO: (
ironico) No!! Nun aggio capite comm’è?? Che dice mò vuò spiegà??

LILINA: (spiegando veramente) Mò to spiego…allora… mia figlia s’è ne fujute c’ò nnammurate ….

CICCIOTTO: Lilì, ma tu overe faje?? Aggio capito che se na va dint ‘o bosco a se n’frattà!!

LILINA: Chi è che se n’fratte??

CICCIOTTO: Comme chi?? Figliate!!

LILINA: Figliame?? Cicciò…vire e nun abbuscà…figliame  è “allibita”!!

CICCIOTTO: Allibita??? Ma comme parla???….Illibata???

LILINA: Ma che ne saccio ì….insomma è ancora comme l’aggio fatto io…

CICCIOTTO:
(Cicciotto continua a leggere) A proposito mammà, dopo tanti e tanti tentativi, almeno 3 o 4 al giorno,  finalmente song’ rimasta incinta!!(a Lilina‘O fatt e chest ‘è proprio Illibata sta figlia d’à toje eh??

LILINA: Incinta?? Noo!! Figlia mia…figlia mia….si incinta?? E addò ‘a tenive ‘a capa dint ‘a chill

mumento??

CICCIOTTO: A teneve appoggiata n’gopp ‘ ‘o manubrio  d’à motocicletta!!

LILINA: (contrariato) Cicciò…nun t’allargà….’e capite nun t’allargà….continua a leggere…

CICCIOTTO: (legge) dicevo: so incinta e Mustafà , chist’ è o’ nomm’ suoie,  ha ditto che comme

appena riesce a piazzà tutto ‘o carico ‘e cocaina che s’è purtato d’à Colombia …n’ce accattamme na bella casa…mò po’ mumento stamme e case dint e ciesse d’a stazione…

LILINA: Dint ‘e ciesse??? Allora sta a piazza Garibalidi??? Mò subito corro….

CICCIOTTO:
Addò vaje?? Aspè…(contin.) ma non a stazione a Napule…’o fatt e chest Mustafà è uno

che n’ce tene a me…ha ditt che ogni sera me fa cambià na stazione…e me fa fa ‘o giro e tutto ‘o munno!! Mustafà ha ritt’ pure ca’ vo’ nu sacc’ e’ figlie pecchè addò jsso accussì si usa….ma nun te preoccupà…sti figli nun ce l’aggia fa tutti io….chille tene già 6 mugliere….io sarò la settima….mammà, tranquillizzati, io quanno aggio fatto 8-9 figli al massimo me fermo e nun ne faccio cchìù!! Però Mustafà ave ragione mammà! A solitudine è na’ brutta brutta bestia, è  comm’ a stà n’galera e iss’ ca’ n’ce state o’ ‘ssape troppo ‘bbuono!

LILINA: N’galera?? (piange goffamente)E’ stato n’galera??

CICCIOTTO: Dice a verità……‘e vulive purtà ‘e purtualle??

LILINA: ma qua purtualle e purtualle….ma tu hè capite?? (ripiange goffamente)


CICCIOTTO: Cirè...quann faje schifo quante chiagni!! (
continua a leggere) Ma non è tutto mammà

LILINA: azz n’ce sta pure ‘o riesto??

CICCIOTTO:O riesto?? Chelle ‘o meglio mò accumminciaallora…visto che a vita s’è fatta

cara, pè cercà e arrotondà…l’ammore mio Mustafà… ha deciso che, oltre a cocaina,  mò se vò piglià nu piezze e terra pe’ se  mettere a coltivà nu’ poco e’ mariuana.

LILINA: Ah finalmente na bona nutizia….se mette a fa o coltivatore diretto!!

CICCIOTTO: Coltivatore diretto?? Cà  marjuana??

LILINA: Ma pecchè, cher’è sta marjuana???

CICCIOTTO: Cher’è?? ‘O fumm a squaglià….

LILINA: (fa la sordomuta)

CICCIOTTO: Uhè e mò fai a sordomuta cù me??

LILINA: addò…chelle overe se n’è scesa a lengua ‘nganne!!

CICCIOTTO:Aspè…fammi continuà a leggere <<pecchè dice ca’ ‘ll’eroina e l’ecstasy fann’ male a’

salute…mentre a cocaina è fatta  con i materiali ‘e primissima scelta…e la marijuana è genuina, nutriente e salutare>>….S’hanno mise a fa ‘e fetta biscottate!! <<Mammà…Mustafà è da

apprezzare tantissimo pecchè  ultimamente nu steve tant’ ‘bbuono, una e chelli cesse d’è mugliere soje l’avrà  ammiscate’ l’Aids! Ma nonostante tutto iss’ nun s’avvilisce e nun ‘ll’e manc’ o’ buonumore  pecchè dice ca’ mentre ‘ll’ate so’ malate terminale… iss’ è furtunate pecchè mo sta accumminciann’!

LILINA: So furtunata??  E allora pozzo sparà pure e tricchi tracche??

CICCIOTTO: Comme no!!  Giusto n’fronte  te l’he ‘a sparà!! Jamme annanze.

 Mammà…Mustafà è anche molto ospitale e tene nu’ sacc’ d’amìce! Ultimamente

m’ha ritt’ c’avessem’ je a’ piglià n’amico d’ò  suoio c’arriva ca’ varca a Lampedusa! Ohj mà,  ma tu n’haie  idea! N’amico ca’ varca! E quando gli ho chiesto perché con la barca e non con l’aereo iss’ ca tene nu’ sacc’ ‘e saggezza m’ha ditte: “Amo’ ma non si dice sempre….siamo tutti sulla stessa barca?” E aveva ragione! 

LILINA: Ave ragione?? Addà passà nu guaje  essa e Mustafà!!

CICCIOTTO:
(continuando a leggere)<<E po’ stann’ vicino a me Mustafà ha miso a capa a ‘ffa’

‘bbene e ha ditto che po’ mumento senza casa nun è cosa e fa figli e  perciò me vò fa abortì!!
Mo’ c’agg’ aburtito, t’avviso accussì me vieni a truvà….. po’ mumente sto o’ spitale!

LILINA: Aburtì??? Addà aburti??? (strattona Cicciotto)Giesu Cristo mio…e a panza?? Io a

                panza nun l’aggio maje visto…addò teneva stu figlio cheste si nun teneve a panze???

CICCIOTTO: (ironico) E che ne saccio…abbascio ‘a cantina???

LILINA: (
pensandoci) Abbascio ‘a cantina??

CICCIOTTO: (come sopra)Eh si…chelle se preparava?? Po’ a sera primme e ascì, scenneva

dint ‘a cantina…aumm aumm se metteve ‘o creature dint a tripp annascuse e tutte quante.. ….e a sera primma e turnà ‘a casa ‘o turnava ‘a pusà….

 LILINA: (ci pensa su…ripetendo) Dici tu?? (poi di scatto) Scèèè!! Ma che è fatto nu fiasco e

                vino che ‘o piglia e ‘o pose??


CICCIOTTO: e perciò che domanda faje??? Addò ‘o teneve??? Addò ‘o puteve tenè??

LILINA: Continua a leggere….

CICCIOTTO: Mà?.....Màà?....Mammààà?....Ueeee! Stò’ pazziaaann’!!! Nun è overo tutt’ chell’

ca t’agg’ scritto!

LILINA: Nun è overe????

CICCIOTTO: ( leggendo) Nun so scappate! Stong a casa e donna Catarina  affianco! Perché ti ho

fatto questo scherzo? Noooo, era sule pe te fa capì ca’ dint a vita ce stanne prublieme cchiù grave perciò ‘a prossima vota che viene a scola e truove na’ pagella e’ merda cu tutte doje e tre cerca e nun me ammuscià cchiù ‘a zampogna…è chiaro??? La tua adorata bambina!!

LILINA:  La tua adorata bambina??? Che puozze passa nu guaio …tu m’hè fatte squaglià tutto cose

 a cuorpe…io mo ca acchiappa minimo minimo l’aggia scuscinààà e mazzate!!(ESCE)

************************************************************************************

FILASTROCCA A RIME


Mamma mia che jurnata
stammatina s’è schiarata
nù calore esagerate
aggio fatto nà sudata
mà sto tutta accatarrata
ma aspettate…aspettate…aspettate…
mentre me faccia sta rattata…(
pausa)
Neh signò!! E cher’è chesta guardata??
Ma allora site scustumate?
Nun me facite scennere pe scalinate
che ve faccio na’ paliata…
io già sto tutta n’grippate
pè mezzo ‘e mia cognata…
mia cognata ‘Mmaculate…
chelle è a regina d’è ‘nguacchiate
se mette essa ‘e Nunziata
quanno vanno ‘a fa ‘a culate
cà scusa d’à parlate…
una avize ‘e panne e chell’ata fa ‘a culata
una fa ‘a culata, e chell’ata fa ‘a ‘nciuciata
…e  ‘e siente ‘e fa……(
scimmiottando da sola  il dialogo tra le due)


1°) Neh, ma Cuncette s’è spusate??
 2°) Comme!! ‘O marite mette ‘e llummate
1°) Nun me dicere che s’è pigliate
     a chillu tipo tutto nguttate??
2°) E nun ‘ dicere che ‘è peccato
     chille è accussì pecchè è malate!!
1°) Ma na casa s’hanno accattato??
2°) Addò, chillo ‘o marito s’ha jucate!!
1°) S’ha jucate? E Cuncette nun s’hè ncazzate?
2°) S’hè ncazzate?? Chille stann mano all’avvocato!!
1°) neh, ma nu figlio se l’hè accattate??
2°) E’ stata sfortunata…..
      ‘e murette ‘o mumente ch’è sgravate!!

1°) E Filumena? Filumena tene ‘o frate
      che jè sempe nù sciarmate?
2°) Ma chi? Chillu llà handicappate??
1°) Ahèèèè, chillu llà handicappate??
      Chille che sta ngopp ‘o senato!!
2°) E chille sta carcerate!!
1°) Tu che dici??? L’hanno arrestate??
2°) Eh, pè tangente che s’hè pigliate
      Po’ ‘a finanza l’ha acchiappate
      e nun saccio quanti beni l’ha confiscate!!

1°) E Ddulurate? Ddulurate s’hè diplomate???
2°) Uhmm…chelle è quasi laureata…
1°) Over? E comme ha fatte?? Chelle è na mbranata??
2°) E se vede che nà notate
      quanno va ‘a scola che gonne appezzottate!!
1°) Neh, neh…va che cosce scumigliate???
2°) Quanno vene interrogate….
       …..a svergognata……
      e nun ha studiate….
      mette ‘e coscie accavallate!!
1°) E ‘o prufussore ‘e fa a guardate???
2°) Prime ‘e fa ‘a guardate…
      po’ ‘e fa ‘a zenniate
      po’ allonga ‘a mane e le fa pure ‘a maniata
1°) E chiste è nu malate??
2°) No, chelle ‘e essa che è na depravata
1°) uhè, ma chest è na cosa accertata??
2°) ……..Accertata???
      Chell ‘o sape pure ‘o provveditorate !!

Vuje avite capite a sti doje nguacchiate????
Chella ca scusa d’à culata
fanne e nciuci ngopp a tutt ‘o vicinato!!
Ma sì pare ‘a me faccio uno racciate
e votte pà balconate
a sti doje locine nzivate…..
…..che jurnate…
che jurnate stammatina s’è schierata!! (
ESCE)

********************************************************************************

           UNO ‘MPONTE A LUNA (I QUATTRO SCUGNIZZI CHE GIOCANO)

************************************************************************

                        ON. LA STALLA, ENZINA, LILINA e CICCIOTTO

ENZA: eccoci qua onorè, auguri, auguri di vero cuore, prego accomodatevi, comme so contenta che

 site sagliute….mò però avite fa tutto ciò che avite prumesso…

LA STALLA: Certo, tutto ciò che ho promesso …lo farò!! (tra se) Se se…e io sì vulesse fa tutto chelle

 c’aggio prumesso, ce vulesse ‘a lampada ‘e Aladino!!!

ENZA: Aspettate onorè…mò facimme purtà na cosa fresca….(chiamando) Matalèèè….porta na cosa

 fresca pè l’onorevole!!

MADDALENA: (uscendo) Onorè…che vulite????

LA STALLA: Nà cosa fresca….vedi tu!!

MADDALENA: Fresca??? Vulite na cosa fresca….mò vec’io!!! (ESCE Maddalena)

LILINA: (Comincia a fare la “sordomuta” cercando di far capire all’onorevole che lei lo ha votato)

LA STALLA: Enzina, ma che sta dicendo???

ENZA: (spiega ciò che ha detto Lilina all’onorevole scimmiottandola)

LA STALLA: Enza, me lo fai un favore?? Vai in macchina, vedi che l’ho lasciata aperta….

ENZA: Aperta??? Onorè, ma site pazzo??

LA STALLA: Tranquilla…a me nessuno tocca niente!! Dicevo, vai lì, apri il cofano e vedi che c’è una

pacco…prendimelo per favore e vai a consegnarlo a questo indirizzo….nel pacco ci sta na cosa che me serve per far dare il posto al tuo ragazzo….aspè, come si chiama???!!

ENZA: Ciro!!

LA STALLA: Ah è verò…Ciro….

ENZA: Onorè, subito vado!! Onorè….e comme fa sta persona addò ‘o posto a Ciro sì vuje nun

v’arricurdavate nemmeno comme se chiamava??

LA STALLA: E comme non me lo ricordavo??? E’ stato solo un lapsus….ma io me lo ricordavo bene…

ENZA: Onorè…scusate se vi sembro invadente….ma v’arricurdate pure ‘o cugnomme??

LA STALLA: (
visibilmente in difficoltà) Ahè, Enza, tu perdi tempo con le domande….vai a portare sto

pacco che se la persona che lo deve ricevere va via prima….abbiamo perso tutto ciò che abbiamo

fatto fino ad ora.
ENZA: No, no, nun sia mai a Dio!! (
ESCE)

MADDALENA:(
Entra con un cestello di ghiaccio)Ecco qua! Onorè,chiù fresco e cheste nun tengo niente.

LA STALLA: il ghiaccio?? E che devo fare con il ghiaccio?? Che tengo un ematoma sul polpaccio??

MADDALENA: Vulite ‘o polpo dinte ‘o ghiaccio??? (
tra se) Uhàà, che schifo, a tant’anni che fatica

dinte a st’osteria nun l’aggio mai n’tise e chiedere nu piatto accussì….(ESCE)

LILINA: (
ENTRANDO) (fingendosi  spudoratamente sordomuta parla all’onorevole )

LA STALLA: (sforza un sorriso…)Allora voi siete sorda?? (poi convinto che Lilina non sente …)Quante sì

brutta che puozza passà nù guaio…

LILINA: (che ovviamente sente tutto…sforza a sua volta un sorriso …e poi appena l’onorevole si gira mostra

 il suo disappunto)

LA STALLA: (sempreconvinto che Lilina non sente …) Sei più brutta dell’unghia incarnita che ho qui

sul piede sinistro e che mi sta dando tortura di morte da due anni)

LILINA: (fa segno di non capire…

LA STALLA: Non capisci?? …(mima)…il piede…il piede…

LILINA: ( fa segno di capire e lo calpesta con vigore)

LA STALLA: All’anima e chi te sone ‘e campane ‘a muorte!! Sta rimbambita deficiente….e tu mi hai

fatto vedere le stelle


LILINA: (
fingendo di parlare sempre da sordomuta) E caramelle? (estrae dalla tasca delle caramelle e

le porge all’onorevole)

LA STALLA: Ma che devo fare con queste caramelle??

LILINA: (fa segno di mangiarle e succhiarle ….)

LA STALLA: Ah, allora mi hai sentito bene???


LILINA: (
da sordomuta)No, no, no!! Quanno mai?? Io nun aggio sentuto niente!!

LA STALLA: Ma se tu mi stai rispondendo??? Allora vuol dire che mi capisci???

LILINA: (
da sordomuta)Si …si!! Io capiscio!!

LA STALLA: Ah, allora non sei sorda??? Mi capisci???

LILINA: (
fa segno di aspettare..esce dalla scena per un istante, rientra dopo pochi secondi con un vasino

 della pipì ….)
LA STALLA: e che devo fare con il vasino???

LILINA: (
da sordomuta)Io capiscio cca dinte….hè capite mò???

LA STALLA: Vabbè…vabbè….ho capito, ho capito…sei davvero sorda….(
la guarda e poi) e sì pure

vecchia e racchia …..

LILINA: (
parlando bene) Onorèèè….e tu sì strunzo e muscio!!

LA STALLA: Chi ha parlato??? (
strattonandola) Chi ha parlato?

LILINA: (
da sordomuta) E io che ne saccio??

LA STALLA: Io ho sentito dire: Onorè… si strunzo ‘e muscio!!

CICCIOTTO: (
ENTRANDO) Embè e che vò?? L’hanno chiammate pè nomme e cugnomme!!

LILINA: (
fa segno di farsi male)

LA STALLA: Ah ti fai male? E non mi interessa…voglio sapere chi ha detto: sì strunzo e muscio!!

LILINA: (
fa segno : io)

LA STALLA: Sei stata tu …è vero???

LILINA: (
da sordomuta) Io nun aggio ditto strunzo e muscio….io aggio ditte << ‘a panza

moscia>>….. ì vaco dint’ ‘o bagno a fa ‘a pipì….e quanno faccio a pipì a panza che primma era chiena chiena …s’ammoscia….avitecapite mò?? (facendo segno di uscire)…io mò me n’aggia ì….arrivederci….(lo va a salutare con il bacio….e volutamente lo ricalpesta sull’unghia incarnita)(ESCE)

CICCIOTTO: MARIUOLI….in Italia so tutti mariuoli!!
                                 E MARINAI?? Puttanieri e Mariuoli!!
                                 e PULIZIOTTI? Carogne e mariuoli!!
                                 e FINANZIERI? Approfittanti e mariuoli!!
                               povera Italia….è ghiut a fernì cà pettola sotta!!! (
ESCE)

GRAZIELLA, MONICA, BODYGUARD E LA STALLA

LA STALLA:  (Sedendosi) Mamma mia che manicomio….in questi quartieri c’è un’ignoranza

mostruosa…senza parlare dei barboni di turno…

BODYGUARD: (Entrando insieme a tre ragazze…fatica a tenerle a bada…poi alle ragazze) Ferme!!

Dove andate?? Aspettate qui e non vi muovete!! Ora parlo con l’onorevole e vedo se vipuò dedicare un minuto…..(si avvicina a La Stalla) Onorevole…ci sono delle donne che vogliono parlare con lei….che dice le faccio avvicinare o le allontano??

LA STALLA: (si gira, le guarda…..poi…) sono quelle???

BODYGUARD: si sono loro!!

LA STALLA: Le faccia avvicinare, ma una alla volta e tenga le altre ben lontane!!

BODYGUARD: Come desidera!! (va dalle ragazze e ne fa avvicinare una) Voi restate qui e non vi

muovete!!

LA STALLA: Oh che bella signorina!! Complimenti alla mamma!! Come ti chiami??

GRAZIELLA: (ragazza di bella presenza con minigonna e molto ben preparata) Io mi chiamo

Graziella!! Capece Graziella….comme so bella…..comme so bella!!! (ride)

LA STALLA: e dimmi come mai sei venuta da me???

GRAZIELLA: pecchè voglio fare l’attrice e la modella!! Comme so bella….comme so bella!! (ride)

LA STALLA: (La guarda dalla testa ai piedi)…effettivamente sì bella…e dimmi, hai già esperienze

 nel campo del cinema o della moda??

GRAZIELLA: Si si….ho girato uno spot pubblicitario per lo shampoo: “Libera & Bella”

….comme so bella…comme so bella….

LA STALLA: (al bodyguard) Chest sarrà pure belle….ma me pare nu’ poco “ritardatella”!! (poi) E

 dimmi: Sei maggiorenne, vero???
 

GRAZIELLA: Si si…sono maggiorenne da 4 anni e quando feci la festa dei 18 anni con i miei amici

abbiamo festeggiato in un locale stile messicano-spagnolo e abbiamo bevuto la sangria!!!

LA STALLA: e scommetto che avete mangiato anche la paella???

GRAZIELLA: (ride) si… si …si… si …anche la paella…..comme so bella….comme so bella!!

LA STALLA: (tra se) Ahò, ma chest è scema overe??? (a Graziella) E dimmi cosa posso fare per te??

GRAZIELLA: Io vorrei che lei mi mettesse una raccomandazione per farmi lavorare…sa in questi

ambienti se non c’è la mano del politico che ti aiuta….

LA STALLA: La mano?? E che facciamo solo con la mano??? Qua ci vuole tutto il resto!!

GRAZIELLA: Che ci vuole??

LA STALLA: E ci vuole determinazione…forza…astuzia…c’è bisogno che lei mi convinca ad essere

 risoluto con i miei interlocutori…solo così può trovare qualche regista che la interpella….

GRAZIELLA: Un regista che mi interpella??? Si si si si (sospira) Comme so bella…comme so bella!!

LA STALLA: (tra se) Uh Gesù…ma questa così combinata vuole fare l’attrice?? (poi) Senti, siccome

sei alle prime armi è più difficile che possa inserirti sia come attrice che come modella…..inizialmente devi fare una scelta…dimmi preferisci di puù fare l’attrice o la modella???

GRAZIELLA:la modella!!

LA STALLA:Ah bene, la modella!! E come mai??

GRAZIELLA: Perché quando mi chiederanno: che mestiere fai??? Io dirò: la modella…comme so

bella…comme so bella!! Se dico che faccio l’attrice doppo che dico???

LA STALLA: Dirai: faccio la massaggiatrice o l’accompagnatrice!!

GRAZIELLA: Uhè uhè….onorè…embè?? E per chi mi avete preso??

LA STALLA: No, ma stavo scherzando!! (serio) sentimi bene Graziella…se vogliamo mettere una

raccomandazione ci vogliono dei soldi per far si che ai casting i produttori possano favorirti…

GRAZIELLA: E quanti soldi ci vorrebbero??

LA STALLA: 8 milioni di lire anticipati e 7 milioni alla conferma del ruolo.

GRAZIELLA: e se poi non mi chiamano più??

LA STALLA: Ti chiamano…ti chiamano…sta tranquilla…se ci parlo io ti chiamano. Domani vieni

allo studio…portami l’assegno e il posto sarà tuo!!

GRAZIELLA: (diventando seria) Onorè…stamme buone a sentì...arape bbone e recchie. Io nun te

dong manche ‘na lira…domani sera quanno vengo addo  te…trovate pronte e fa in modo che dinte o studio nun ce sta nisciuno!! Te dong n’assaggio e chelle te t’aspette si me fai piglià dint ‘o film e Natale….e cheste tutte e vote che vuò tu….ce simme spiegate???

LA STALLA: Azz!! E tu tenive chest poco nguorp??  E tu me parive ‘na criaturella???

GRAZIELLA: (fingendo di nuovo di essere una sciocchina) Onorèèè, Ma io song na creaturella….

comme so bella…comme so bella!! (ESCE)

MONICA:(entrando, bella signora giovane vestita di nero)Salve onorevole… posso disturbarla?

LA STALLA: Ditemi signora…in cosa posso esservi utile??

MONICA: Io ho bisogno del vostro aiuto….vi prego…non dovete dirmi di no!!

LA STALLA: (guarda anche lei dalla testa ai piedi) Prego signora, ditemi tutto!!

MONICA: Onorevole, io sono rimasta senza lavoro…

LA STALLA: (
tra se) e chest è nata!! (alla signora) Mi spiace signora…questo è un brutto periodo…

MONICA: Lo so, ma aiutatemi, vi prego!!

LA STALLA: (
le prende le mani in mano) signora bella…voi lo sapete che per mettere una

                 raccomandazione ci vogliono delle regalie da fare alle persone giuste nei posti giusti??

MONICA: e certo che lo so!! Ma io sono disposta a versarvi ciò che mi chiedete se il posto è sicuro!!

                Ma credetemi,ne ho davvero bisogno…bisogno assai(piangeappoggiandosi sulla spalla dell’on.)

LA STALLA: (
accarezzandole il capo) Non pianga signora…non sono questi i guai…

MONICA:No?Non lavoro, ”E fosse niente”!Ho tre figli e devo pagare l’affitto di casa, la luce, il gas,

                la spazzatura, poi devo fare la spesa per mangiare, ho l’auto rotta…insomma, sto rovinata e

                 voi…solo voi…mi potete aiutare.

LA STALLA: …e vostro marito???

MONICA: Mio marito?? Non ne parliamo proprio!! E’ un puttaniere!!

LA STALLA: Un puttaniere??

MONICA: <<E fosse niente>> A 16 anni quel bastardo maledetto mi ha messo incinta, mi ha sposato

                 solo perché mio padre lo ha costretto a farlo, e mi ha fatto fare tre figli e un aborto in 4 anni...

LA STALLA: (
tra se) azz!! E chest è na cuneglia??? (poi) mi dispiace signora…certo 3 figli so 3 figli..


MONICA: <<e fosse niente>>…un giorno uscì di casa per andare a fare un servizio e non mai più

                rientrato!!

LA STALLA: Ecco qua!! Un classico!!

MONICA: Capite? Arrestato per sfruttamento alla prostituzione….<<e fosse niente>>!!

LA STALLA: Mamma mia, signò….e vuje v’avite fa benedicere ‘a nù prevete ricchione!!

MONICA: L’ho fatto!! Onorevole, l’ho fatto!! Un giorno mandai mia mamma a Materdei perché lì

                c’è don Attilio…un prete che è dichiaratamente gay…lo chiamammo per una benedizione,            mentre stavano venendo da me,  mia mamma fu investita da un taxi e dovemmo correre           all’ospedale….

LA STALLA: (grattandosi) Ratta rààààà!! (poi) certo che la sfortuna si è accanita con voi…

 

MONICA: accanita?? Magari onorè! “E fosse niente”!! Quando mia mamma fu dimessa

                tornammo da don Attilio e non lo trovammo più!!

LA STALLA: Ah si?? E come mai??

MONICA: Perchè ci dissero che la sera stessa che mia mamma fu ricoverata al reparto ortopedia del

                Policlinico…Don Attilio avendo assistito all’incidente ed impauritosi della cosa ebbe un infarto e morì all’istante!!

LA STALLA: (rigrattandosi) Mamma ‘e ll’Arco!! E cheste è na seccia!!

MONICA: (toccando il braccio dell’onorevole) Onorevole…vi prego, aiutatemi…

LA STALLA: (deciso e con tono sprezzante) Lieve sti mane a cuolle…nun me tuccà!!!

MONICA: Onorevole….io ho bisogno di lavorare…io non ho pretese…per me va bene un posto

                qualsiasi…voi più o meno che pensate di farmi fare???

LA STALLA: A schiattamorte!!

MONICA: Ma come a schiattamorte??

LA STALLA: E ‘a fore a chest che putite fa??

MONICA: Ma io vorrei fare la commessa…

LA STALLA: Nun è cosa…chiude ‘o negozio!!

MONICA: e va bene…potrei fare la ragioniera??

LA STALLA: Nun è cosa…fallisce l’azienda!!

MONICA: potrei fare l’infermiera…

LA STALLA: nossignore…more ‘o malate!!

MONICA: Onorevole, ma sta forse insinuando che io porto jella??

LA STALLA: Jella? Noo! Non jella…tu puorte sfiga, scarogne, sfurtune…sciò…sciò(ESCONO tutti)

MADDALENA E CICCIOTTO

MADDALENA: (Cameriera dell’osteria) Cicciò…tìè…primma è passate nù signore che te jeve

truvanne, ma tu nun ce stive….è trasute dinte all’osteria è a chieste e te…io l’aggio ditte che si aspettave nù poco tu primmo ‘o poi arrivave  e te mettive ngopp a panchina comme a sempe…..ma m’ha rispuse che jeve ‘e presse ….e mi ha chiesto ‘o favore e te dà sta busta…

CICCIOTTO: Embè e nun tè fatte dicere chi era???

MADDALENA: …..io l’aggio ditto: scusate, e a Cicciotto che l’aggia dicere che chi ce l’ha lasciata

sta busta??? E jsso: <<Chi song io nun è importante, ma dille che n’amico l’ha mannate sta fotografia….isso capirà…>>.nun mà vulute dicere…io che puteve fa??

CICCIOTTO: (Apre la busta, la vede…sorride)  e c’aggia fa cu sta fotografia??

MADDALENA: E io che ne saccio??

CICCIOTTO: A me sta fotografia nun me dice niente…..

MADDALENA: Ma sì sicuro? Vire buone! Chille ha ditte….Cicciotto quann ‘a vere capirà…..

CICCIOTTO: Boh…

MADDALENA: Vire buone che ti interessa…t’adda interessà pe forze!! Ha ditto pure che  sì nun

 capive subito t’aveva dicere sta cosa: “Riccioli d’oro”

CICCIOTTO:Riccioli d’oro?? Oh Dio mio!! (e sobbalza…si sente male) No! No! Cheste no!! Chesto

 nooo! Chi tà date?? (la afferra per un braccio) Comme si chiamma?? Addò sta mo??

MADDALENA: Cicciò…ma che te vene??? Lasseme sta che me faccio male, ma che ne saccio ì addò

                sta…io a chillo signore nun l’aggio maje visto ( Cicciotto molla il braccio e Maddalena ESCE


CICCIOTTO: No..nun po’ essere…nun po’ essere…dimme o nomm e chi tà mannate addò

 me! Patatèèè pure cheste nun me l’avive fa… nun me l’avive fa (Si mette sulla panchina si

copre con una coperta e piange disperatamente mentre i bambini lo prendono in giro finchè lui si alza e corre dietro i ragazzi per picchiarli e per un attimo esce fuori dalla scena…un secondo dopo rientra e si riposiziona a dormire…e si sente il suo pianto da sotto alla coperta).

LA VOCE DI NAPOLI E CICCIOTTO

Oh, Madonna…Madonna mia!! Vedo la tua luce…sento il tuo calore…avverto la tua presenza…parlami,

dimmi ciò che vuoi…dimmi dove sbaglio…dimmi qualcosa, mostrati a me!! Fammi capire cosa vuoi che

io faccia???...San Gennà, rispondimi tu allora…

(si accendono le luci dietro la “scena velatina” e in trasparenza appare  una donna tutta vestita di bianco che viene illuminata ad ogni strofa con luci di un colore diverso)!

LA RETE

LA VOCE DI NAPOLI :

Le morti e gli alterchi

nelle persone scavano solchi

profondi, indelebili e cristallizzati

da innumerevoli reati.

CICCIOTTO:          

San Gennà, e tu? Tu che faje? Ma nun ‘e siente?

St’ allucche…chisti chianti…chisti turmiente!!

E’ la voce “amara” …amara e “cinica” della tua città…

è ‘a voce triste ‘e Cicciotto!! Ccà nun se pò cchiù campà!!

LA VOCE DI NAPOLI :

Con l’otite ormai non sente

l’onestà di tanta gente

intimidita con orrore

dal “guappo” con l’onore!

CICCIOTTO:

E allora?? Rispunne!! C’avimme fa??  San Gennà rispunn…

A fatica è poca…e ce sta carenn nguoll ‘o munno!!

…io…io nun me preoccupo pe me ma p‘e figlie mieje che ormai se so fatt gruosse

‘e ‘o penziere che hanno pigliato na storta via, me perseguita apriesse appriesse…

LA VOCE DI NAPOLI :

Alla malavita legalizzata,

echeggia una politica incantata

pronta solo a penalizzare

gli onesti intenti ad operare.

CICCIOTTO:

e po’ c’avimme sentì ‘e dicere: E’ successo a Napoli? E ti pareva,  i soliti delinquenti…

…ma ‘o Stato, ’e Politici, ’e Forza e l’Ordine …addò stanno dint ‘a sti mumenti??

San Gennà, mò me faje n’cazzà, io te sto parlann…ma comme fai a te ne  sta accussì tranquillo…

…vieni ccà…allucca…sbraita…fatte sentì…e si è ‘o caso a sti “fitiente” acchiappali pè capille!!

LA VOCE DI NAPOLI :

E’ utopia, a tratti addirittur pazzia

creder d’essere in democrazia

“cosa nostra” è ormai il partito

che ci regna…che ci ha atterrito.

CICCIOTTO:

Sulo pecchè dint ‘a sta città nun tenimm na radio, ma soprattutto nun tenimm ‘na televisione ‘e stato

ogni  minima <<strunzata>> vene pe tutto ‘o munno 10…100…pure 1000 vote amplificato??…

e nun dicene che a “munnezza”, no ‘a nosta, chella scema, ma chell cancerogena che overe ce fa murì

ce stann mannan  lloro d’ò  nord…d’accordo cà Camorra…pecchè ce vonne troppi soldi pà  smaltì!!

LA VOCE DI NAPOLI :

Al circo, ieri sera, ho assistito

ad un salto mortale…ho applaudito;

ecco, noi siamo come eccelsi trapezisti

ma senza “rete”, temerari ma poveri cristi.

Noi, però, bramiamo quella “RETE”.

E’ vita!! Come l’acqua per la sete.

E’ la nostra unica e sola protezione

contro tanto vituperio e putrida corruzione.

CICCIOTTO:

Napule  nun è sulo ‘na partita ‘e pallone… nun è sulo ‘na sfugliatella ‘o pizza Margherita…

Napule nun è ‘nu scippo fore ‘a na stazione…nun è  prostituzione o ‘na città <<appassita>>

…Napoli è cultura… è tradizione….Napoli è forza….Napoli  è “VITA”

si, si, Vita e tutte ‘e juorne..e dint ‘a scola, fore ‘e case, dint ‘e puteche…vita in diretta e mai in differita!!

a Napule chest è vita…CHEST E’ VITA!!

VOCE ETERNA: E tu?? Tu che accusi San Gennaro di accidia, di essere distratto al pianto dei suoi

 figli….tu che esempio stai dando ai tuoi figli?? Tu che ti sei così ridotto …che ne è della tua vita??
Dimmelo ora, la vita…il mio dono più prezioso: cos’è per te la vita??

LA VITA”:                                                      Costa cara ed è preziosa
non è un fiore, non è una rosa

è da tutti molto amata

nonostante sia sacrificata.                        

Io non sono più un bambino,

ma vorrei esser ancor piccino,

sessant’’anni son già passati…

mi volto indietro, son già volati!!

E mentre il tempo, inamovibile, trascorre

la vita, silenziosamente, “corre”, “corre”…

ed è inutile piangere o disperare…

il tempo nessuno mai lo potrà fermare.

Senza tristezza e senza indugio

non penso al sepolcro come ad un rifugio,

una tana che ospita tutta l’umanità

o una tetra casa che ti toglie la libertà.

Spero in un viaggio con l’anima immortale,

certo, una vita ancor più sensazionale,

perché la vita “falsa”, ossia quella terrena

è un gran dono…ma non è serena!!

“SCAVA BECCHINO, SCAVA”:Scava becchino nell’umida terra                                

che ogni lingua è mossa per guerra,                           

che ogni mente ha un fine già noto,

tra  perfidia , ira , e  milite ignoto.

Scava becchino in questo terreno

che da tempo è passato il sereno,

un sereno che, forse, non è “mai” arrivato…

…ma che da secoli è da tutti aspettato.

Attento becchino che nel cimitero

bisogna essere con tutti sincero,

il tuo è il  ritrovo del corpo “ peccante”

ove non c’è distinzione tra ricco e ignorante.

E tu, becchino, odi parenti, sulla bara, disperare

ed “ imperterrito”  continui a scavare,

non pensando che questo “tetro” evento

avrà anche per te un triste momento.

E c’è una freddura che da tempo m’assale,

come una mania violenta, ma certamente reale:

<<uomo cenere eri e cenere diverrai>>…

…ma nella vita, la tue breve vita,  quanto male fai?           

*************************************************************************************

Canzone di Daniel Diletto <<Cheste è Vita>>

*************************************************************************************

MADDALENA, 1° SCUGNIZZO, 2° SCUGNIZZO, 3° SCUGNIZZO E 4° SCUGNIZZO

1° SCUGNIZZO: guagliù…venite ccà…(chiamando) Matalè…. Matalèèè

MADDALENA: cher’è guagliù??

1° SCUGNIZZO: Matalè….comme se chiamma ‘o guaglione tuoje??

MADDALENA: Neh , ma tu che ne vuò fa??

2° SCUGNIZZO: Matalè dincelle che stamme facenne nu gioco che rime….

MADDALENA: Si chiamma  Giggetto!!

1° SCUGNIZZO: Gigetto?? Allora….<<’o guaglione ‘e Matalene si chiamma Gigetto ‘e tene ‘e corne e

nù capretto>>!!

MADDALENA: mò te votte na cosa appriesse stu scurnacchiate…( i ragazzi scappano) (ESCE)

1° SCUGNIZZO: (
rientrano)guagliù io aggio truvat a rima, mò tocca a vuje, e chi sbaglia paga ‘o pegno!!

2° SCUGNIZZO: (
ci pensa un attimo) A mio fratello Pasqualino…iere sera l’hè muort ‘o canarino!!!

3° SCUGNIZZO: Ok…allora mò a faccio pur’io: <<mia mamma Maculata, tutte e sere fa ‘a culata>>

4° SCUGNIZZO: Mia sorella Carmela domenica è andata alla “diga” e si è bagnata ….le ginocchia…

1° SCUGNIZZO: e ‘a Rima???

4° SCUGNIZZO: e mica è colpa mia se l’acqua era vascie!!

MARIA E CICCIOTTO

CICCIOTTO: (Sulla scena c’è Cicciotto che sotto una fontana si sta lavando la faccia)

 (Tra se) Eccola là!! E’ lei!! (si avvicina a Maria).  Buonasera!! Disturbo?

MARIA: (
sguaiata) ma qua disturbo bellì….30 mila lire e te passa ‘a paura…

CICCIOTTO: Vedi tu…questi bastano??

MARIA: Uhàà, l’he mise dinte ‘o maccaturo??? Che sì ghiuto a svaligià ‘a chiesa ‘o Carmine?

CICCIOTTO: Beh, sono quelli che sono riuscito a racimolare per pagare la tua prestazione!!

MARIA: (
si gira e sorpresa ed imbarazzata) Oh Dio!! Oh Dio mio!! E tu qua che ci fai??

CICCIOTTO: Quello che ci fai più o meno tu…motivi diversi ma analoghi, tu vendi

prestazioni di sesso…io le compro.

MARIA: Vattene….vattene immediatamente altrimenti chiamo la polizia!!

CICCIOTTO: (ride) La Polizia? E per quale motivo?? Io mica ti sto importunando?? Tu fai

la prostituta per professione?? Ed io ti sto solo chiedendo di fare il tuo lavoro con me!!

MARIA: (risoluta) Ti ho detto: vattene!!! Io i clienti me li scelgo, e con te nun ci voglio stare, ok??

CICCIOTTO: Ah si?? Forse i miei soldi sono falsi?? Hanno un valore minore?? O forse con i

vecchi decrepiti come me non ci vuoi avere nulla a che fare??


MARIA: Vattene prima che tu possa pentirti delle cose che stai dicendo e di quelle che stai facendo.


CICCIOTTO: Pentirmi?? Chi io?? (
sorride ironicamente) Sapessi di quante cose mi son

pentito io nella mia vita…che vuoi che sia un pentimento in più…o uno in meno!!


MARIA: Vattene…vattene altrimenti comincio ad urlare e dico che mi stai infastidendo…

CICCIOTTO: Infastidendo?? E perché?? Io ti pago!!

MARIA: Ma tu overe faje?? E allora ecco qua(
risoluta, si scopre un po’ le cosce e si apre la camicetta)
                ecco qua!! So pronta (
si prende i soldi dalle mani di Cicciotto) famme vedè che te fire ‘e fa!!!

CICCIOTTO: (Si inginocchia a terra e comincia a toccarle le gambe coperte da calze autoreggenti…poi

sale sui fianchi…il momento in cui sta per arrivare al seno si stacca dal corpo di Maria, trema vistosamente e comincia a piangere) Nun cià faccio…nun cià faccio???

MARIA: Che vigliacco….so passate 20 anni, e sì sempe nù vigliacco!!

CICCIOTTO: Vigliacco?? Tu sei mia figlia….mia f-i-g-l-i-a…a carne mia….comme faccio a fa na

                cosa e cheste??

MARIA: Tua figlia?? Na vota!! Mò è scaduto ‘o tiempo!! Te l’aggio ditte centinaia e vote!! Io nun so

                a pazzielle ‘e nisciuno!!

CICCIOTTO: Ma quale “pazziella”?? Ragiona!! (la copre abbassandole la gonna e chiudendole la

 camicetta) Copriti, copri queste gambe!! E usa la testa! Ti rendi conto che stai facendo?? Ti

                stai svendendo…ti stai regalando a chi non conosci…svendi il tuo corpo… il tuo corpo!!

MARIA: (volutamente eccessiva) Papààà…parla …dille comme a tutte quante: <<fai ‘a puttana>>!!

 CICCIOTTO: (gli mette le mani sulla bocca) No!! Nun ‘o dicere!! Non ce  la faccio a sentirlo!!

MARIA: (ride) ah no?? Nun te fire d’ò sentì…ma te firate  e me cià fa fa …è overe??

CICCIOTTO: Io? Quando mai ? Quando mai  ti ho indotto a comportarti  come una poco di buono?

MARIA: Ah no? (ride ancora) E mò ti “rinfresco la memoria”!! T’arricuorde quanne  quella signora,

chella signora che te sì spusate se ne jette da casa??

CICCIOTTO: Tua madre??

MARIA: ma quale madre??? Io nun tengo nisciuna mamma …nà mamma, degna di questo nome,

nun abbandona  ‘e figlie suoje e se ne va da casa senza se fa sentì e se fa verè  cchiù da 20 anni…lascianne a me e a frateme sulo comme a dduje cani abbandunate…

CICCIOTTO: embè??

MARIA: Azz… e me chiedi pure embè??

CICCIOTTO: certo che te lo chiedo…guarda che anche io sono stato lasciato da tua madre…io che

ero un uomo di successo…un uomo che aveva un’azienda solida e che incrementava il suo fatturato anno per anno….poi un giorno, un maledetto giorno,  tua madre, (ride sarcasticamente) quell’arpia di tua madre, al quale io stesso avevo provveduto a farla cointestataria del mio conto corrente,  che ha fatto?? E’ andata in banca, ha prelevato tutto il capitale di liquido che avevo e scappò via con un altro uomo….e io che dovevo fare??? Ero rovinato!! Capisci?? Rovinato!! Finanziariamente e moralmente!!! Io che avevo fatto grossissimi investimenti immobiliari mi trovai in pochi mesi …sul lastrico ….sai che significa Maria?? Per un uomo come me, sentirsi “Cornuto e Fallito”… lo capisci come mi sentivo???

MARIA: papà…ma che dovevo capire??? Io e mio fratello allora avevamo 16 anni io e 12 anni lui….

e ci siamo trovati soli al mondo….si papà soli…con una madre svergognata ed un padre ubriacone…si papà, perché tu da quel momento ti cominciasti ad ubriacare….non tornavi più a casa, ti piangevi addosso, e ci picchiavi…ci picchiavi sempre più forte e sempre più spesso, fino a quando io e mio fratello scappammo via….in cerca di lavoro…

CICCIOTTO: Il lavoro….e per lavoro c’era bisogno di metterti a fare la prostituta??

MARIA: Ma quale prostituta?? Io cominciai a chiedere aiuto …e di lavori ne ho fatti

tantissimi…commessa, barista, cameriera…..ma il lavoro che offrono qui a Napoli era sempre sottopagato…sempre a nero e con quei soldi non riuscivo nemmeno a pagare l’affitto del basso che avevamo fittato …fino a quando conobbi un onorevole che mi promise un buon posto di lavoro….mi disse: devi pazientare un poco, ma ti accontenterò….mi avevano detto che era una persona a posto…n’omme onesto…io vivevo un periodo della vita mia particolare…sola e abbandonata da tutti quanti…”aveva faticà”, tenevo a frateme cù me,  e mi servivano i soldi…

CICCIOTTO: ma non capisco il nesso tra questo e prostituirsi…

MARIA: Al primo appuntamento dall’ onorevole Lorusso  ricordo che mi squadrò  da capa ‘o

pere…e me mise in mano un bigliettino…con l’indirizzo del suo studio e mi disse: viene a chiste indirizzo verse e 9 stasera…vire che ce sta signate pure ‘o nummero mio… t’aspetto, nun fa tardi!!

CICCIOTTO: Lorusso??? Si ricordo di lui… mi ricordo molto bene!!

MARIA: T’arricuorde??

CICCIOTTO: Certo che mi  ricordo!! Ricordo pure quello che si raccontava sul suo conto!! Persona           scaltra, disonesta e venale!!

MARIA:E quella sera quanne andai dint ‘o studio suoje là,miezze Santa Lucia,

me facette truvà na butteglie ‘e champagne fredda, e tartine cò caviale…e quando io, guagliuncella comm’ero, un poco contenta e un poco imbarazzata  stavo incominciando a dirgli perchè ero lì…chelle che me serveve e pecchè me serveve… lui mi disse (mettendo il dito sul naso per mimare il silenzio):<<Psstt!! Nun parlà…nun parlà, sì accussì bella che tutto chelle che te serve fa cunto che ‘o tiene già>>!!

CICCIOTTO: E allora perché oggi ti trovi qua?? Cosa ti ha fatto mancare da allora ad oggi??

MARIA: (
immediata)A dignità!! M’hè fatte mancà l’onore  e ‘a dignità!! Mi diceva che ero troppo

bella…mi faceva i complimenti e i regali tutti i giorni…ma io dicevo sempre: Non li voglio!! Sti regali … “nun ‘e voglio”!! Voglio che mi trovi un lavoro che mi permette <<‘e campà>> onestamente…un lavoro che mi può far crescere mio fratello in grazia ‘e Dio…

CICCIOTTO: Ma non è colpa mia se tua madre ci ha abbandonato e tuo fratello ha frequentato

cattive compagnie.

MARIA: Ah si?? E comme ‘o saje???

CICCIOTTO: Sta busta! E’ arrivata questa busta anonima dove ci sono le tue foto mentre fai questo

 mestiere vergognoso e c’è scritto tutto sulle bravate di  tuo fratello che sta in galera…


MARIA: …sì, in galera,  a Poggioreale come a un delinquente!!

CICCIOTTO: Maria, ragiona, tuo fratello è stato beccato con 15 bustine di cocaina addosso!!

MARIA: E tu?? Comme te permitte e parlà tu??? Tu che appriesse a chella svergognata e muglierete

te ne sei andato abbandonadoci per sempre??? Tu che staje ubriaco già dalla mattina!! Vuò parlà e frateme…Mio fratello sì fosse stato guidato a na mamma e a nù pate, oggi nun se truvasse in carcere…a fa ‘e cunte cà giustizia...

CICCIOTTO: Maria  con la cocaina non si scherza!!

MARIA: Già, ma perché l’onorevole nun s’à sniffe?? Quanta vote pe sta cù mme…per avere

prestazioni eccellenti se l’hè fatte??? Eppure isso avesse dà l’esempio…invece è ‘o primmo che contraddice e legge che isso stesse fa!!

CICCIOTTO: Maria, il discorso è molto più lungo e complesso di come lo poni tu….

MARIA: Ma mò che vuò?? Ok…frateme ha sbagliate…ed io n’ciò dicevo sempe, ma isso sapeva

                pure che senza solde a casa mia annanze nun se jeve!!

CICCIOTTO: eh no!! Questo non è una buona….

MARIA: (
interrompendolo) ‘O saccio..’o saccio buono…tu mò me vuò dicere che nun se po’

giustificà uno che siccome sta senza lavoro se mette a spaccià a cocaina. E’  overo, hai ragione…ha torto, torto marcio…ma tu hè maje pruvate a vedè che significa ‘a te truvà solo e abbandunato a chiste munno a 15-16 anni??? Io a chest’età addò e cumpagne meje se mettevene a parià che guagliuncielle, se ne jevene a vedè e concerti, andavano in pizzeria o a vedè a partita d’ò Napule…io ch’aveva fa??? T’ò dic’io!! Me aveva mettere a cercà ‘a fatica…sola ed abbandonata da tutti…comme a na figlia e nisciuna!! Addò stive tu quanno a notte chiuveve e frateme se metteve paure d’è tuoni e tutta a notte me diceva: Marì, vulimme durmì abbracciati?? E addò stive quanno se facette male giocando ‘a pallone e avette correre o Santobono a pronto soccorso pè fa mettere 12 punti vicino a coscia??? Chiagneve!! Papà, mio fratello piangeva…e tu nun ce stive!! Così comme quanno veneve Natale, Pasqua…tutti quanti mettevene e luci fore e barcuni, dint a casa facevano l’albero…o presepe….ed io chelli feste e vivevo comme ‘a nà turtura….quanno senteveme ll’ate gente che rideva e se divertiva…quanno a notte e l’urdime e l’anno sparavano ‘e botte…frateme attaccate speruto vicino e vetri…avesse vuluto sparà pur’isso nu tricchi tracche…e io nun tenevo manca na lira pe ciò accattà…..ed io…io che cu l’uocchie lucido pensavo….e speravo…Papà, arape chella porta…papà arape chella porta e portaci cu te….quanti  pizzicotti me so dato ngopp a stu braccio, fino a me fa fa tutte mulignane,  speranno che me avesse scetate ed era sulo nu brutto suonno, …ma quale suonno….quale suonno?? Era tutto vero!! Maledettamente vero!! E ….mai…mai…nun sì venuto M-A-I!!! (piange)

CICCIOTTO: E che dovevo fare?? Che potevo fare??? Io avrei voluto vivere con voi in modo

tranquillo, sereno, vivere come una famiglia onesta e rispettata…avrei voluto portarvi al cinema, fare le vacanze insieme,  magari facendo delle nuotate insieme, nei week end uscire tutti magari per andarci a mangiare una pizza e avevamo tutte le carte in tavola per farlo…non ci mancava nulla, invece, tua madre…tua madre… ha rovinato tutto…tutto!!
Maria, io non voglio, ne posso giustificarmi…ma tu non sai che macigno mi era caduto addosso….l’umiliazione, la vergogna,  il mio onore messo in un torchio…pressato, schiacciato, disintegrato!! Per un uomo del sud sai che significa essere tradito e abbandonato dalla propria moglie?? Moglie che adoravo?? Tradito nel rispetto e nell’amore. La colpa non è mia….è solo sua!!

MARIA: No, non lei…tu papà!! Lei per me non esiste più…ma tu quando lei se ne è andata avevi il

dovere di prenderti cura di noi…anche a costo di andare a fare l’operaio in una qualsiasi azienda, ma non dovevi lasciarci…non era questo il futuro che avevo sempre sognato…papà, io ti adoravo, ti volevo un bene dell’anima,  tu eri il mio faro, il mio punto di riferimento… volevo essere con te ogni giorno …. tutti i giorni….tu eri mio padre…tu dovevi proteggerci, tu dovevi curarci…rasserenare le nostre paure, indirizzarci…e correggere i nostri errori…. io avevo in mente un padre diverso…un padre che doveva farci anche da madre…..un padre che vive per i figli ….ma se è il caso “muore” …si hai sentito bene….muore per i figli”…papà…

*************************************************************************************

Abbraccio finale tra Maria e Cicciotto mentre si intona <<‘O PATE>>
Canzone di Nino D’angelo

*************************************************************************************

                                                                            FINE

    Questo copione è stato visto
  • 0 volte nelle ultime 48 ore
  • 1 volte nell' ultima settimana
  • 3 volte nell' ultimo mese
  • 16 volte nell' arco di un'anno