Natale è…

Stampa questo copione

L’ARCANGELO GABRIELE CHE DEVE ANNUNCIARE LA NATIVITA’ A MARIA, SBAGLIA MARIA

NATALE E’….                                                                                           Testo teatrale brillante e in musica per bambini di                                                                                                     Oreste De Santis                                                                    http://www.orestedesantis.com                                                                                                             ***

( Attenzione di questo copione esiste una stesura con 11 personaggi   in più ( Natale è 2009) , se hai la necessità di  coinvolgere più bambini e ne vuoi sapere di più , vai sul sito dell’autore).

Racconto sulla natività di Gesù in chiave comica ma fedele alla storia,  il testo teatrale                                                è strutturato in modo da essere diviso in scene ( se si vuole e c’è la necessità)  in modo da coinvolgere più bambini.

Trama/  L’Arcangelo Gabriele incaricato da Dio di annunciare  a Maria  che sarà la madre di Gesù, sbaglia paese e anche  Maria  , dopo varie peripezie però , riuscirà nel suo intento.  Il testo teatrale narra fedelmente la storia della nascita di Gesù a  partire dall’annunciazione. 

Scena/ Fondale che rappresenta il Natale  - e ripercorre la fasi della nascita di Gesù.

Personaggi/ Maria / 2 Bambini / Arc. Gabriele/ Michele/ San Pietro/ Dio/ Madonna/ Giuseppe/ Isaia/ Angelo/ 3 Soldati Romani/ 3 Donne/  3 Pastori/ Tot. 20

Scena 1 – Maria e 2 bambini -

MARIA/  (  pulisce e canta)  ROMAGNA MIA , ROMAGNA IN FIORE , TU SEI LA STELLA, TU SEI L’AMORE ( la canzone può essere cambiata a piacimento)

( due bambini seduti mangiano il gelato, mentre maria spazza per terra )

BAMBINO / ZIA MARIA  QUESTA CASA E’ TUTTA SPORCA

MARIA/ LO SO

BAMBINO / E’ TALMENTE SPORCA CHE SI VEDE DA UN MIGLIO DI DISTANZA

MARIA/ STATE CERCANDO UNA PUNIZIONE PER CASO?

BAMBINO/ NO, DICIAMO SOLO LA VERITA’

MARIA/ INVECE DI CRITICARE  PERCHE’ NON MI AIUTATE?

BAMBINO/ ZIA MA CHE POSSIAMO FARE?

BAMBINO/ NON DOBBIAMO FARE NIENTE ,  NOI SIAMO BAMBINI E POI NON SIAMO NOI A SPORCARE

BAMBINI/  GIUSTO,  CHI   SPORCA ASSAI IN QUESTA CASA,  E’ ZIO MICHELE

MARIA/  IO A ZIO MICHELE  GLIEL’HO DETTO E ADESSO VE LO DICO PURE A VOI, SE NON LA FINISCE DI FARE QUESTE FESTE CON I SUOI AMICI,  IO UN BEL GIORNO LO SAPETE CHE FACCIO?

BAMBINI/ CHE FAI?

MARIA/ PRENDO LE MIE COSE E ME NE VADO….. PER UN PO’, 

BAMBINI/ E DOVE VAI?

MARIA/ DOVE VADO NON LO SO, MA UN POSTO MIGLIORE DI QUESTO, PURE UNA CAVERNA,  LO TROVO, BASTA CHE ME NE VADO , COSI’ LO LASCIO SOLO,  A LUI E I SUOI AMICI,  SARÒ PURE SUA MOGLIE,   LO VOGLIO BENE MA QUANDO SI TIRA TROPPO LA CORDA….   

BAMBINI/  SI SPEZZA

MARIA/ ESATTO, COMUNQUE  PURE VOI SPORCATE QUANDO MI VENITE A TROVARE,

BAMBINO/ ALLORA NON  DOBBIAMO VENIRE   PIU’?

MARIA/ NO, NON L’HO DETTO PER QUESTO ,  LO SAPETE CHE A ME FA PIACERE PERÒ, DOVETE STARE PIU’ ATTENTI E METTERE LE COSE A POSTO, E NO, CHE LASCIATE TUTTO IN DISORDINE , UNO POI SI SCOCCIA E LO SAPETE CHE FA?

BAMBINI/  SE NE VA

MARIA/ PROPRIO COSI’  

BAMBINO/   ZIA   NON TE NE ANDARE, A ZIO MICHELE GLIELO DICIAMO   NOI  CHE NON DEVE FARE PIU’ LE FESTE

BAMBINO/ SE TE NE VAI   A NOI CI DISPIACE , NOI TI VOGLIAMO BENE

MARIA/ LO SO CHE MI VOLETE BENE, NON VI PREOCCUPATE NON ME NE VADO, SOLO CHE A VOLTE MI ARRABBIO,  E QUANDO CI SI ARABBIA SI DICONO TANTE COSE,

BAMBINI/ SOPRATTUTTO QUELLE CHE NON SI FARANNO MAI ,  

MARIA/ PROPRIO COSI, ADESSO FATE I BRAVI   E ANDATE A GIOCARE FUORI , CHE TENGO ANCORA UN SACCO DI COSE   DA FARE

BAMBINO/  SE TENEVI UN FIGLIO ERA ANCORA PEGGIO, DOVEVI LAVORARE GIORNO E NOTTE

BAMBINO/ PROPRIO COME FA MIA MADRE,  MIA MADRE DICE CHE DA QUANDO SIAMO NATI  NOI,  STA SEMPRE A FARE I SERVIZI

MARIA/ E PERCHE VOI BAMBINI SPORCATE ASSAI, MA E’ NORMALE , TUTTI I BAMBINI SPORCANO, PERO’ DANNO PURE UN SACCO DI GIOIE, 

BAMBINO/  ZIA,   TU FIGLI NON NE HAI, PERO’ LAVORI LO STESSO TANTO

MARIA/ E PERCHE’ ZIO MICHELE A VOLTE E’ PEGGIO DI UN BAMBINO E SPORCA PIU’ DI LORO,  MA SE TENESSI UN FIGLIO VI GARANTISCO CHE  IL LAVORO MI PESEREBBE DI MENO, MA FINO AD ADESSO NON E’ ARRIVATO

BAMBINO/ MIA MADRE DICE CHE  SE CREDI IN DIO, DIO TI AIUTA SEMPRE

MARIA/  LO SO, QUESTO LO DICO PURE IO ,

BAMBINO/  E ALLORA  DEVI AVERE UN PO’ DI PAZIENZA E VEDRAI CHE ANCHE TU AVRAI UN BAMBINO

MARIA/ SPERIAMO, ADESSO PERO’  SE NON VE NE ANDATE DI CORSA  ,  VI DO’ LA SCOPA IN TESTA, AVETE CAPITO?

BAMBINI/ SI, SI CE NE ANDIAMO ( di corsa escono)

( arrivano  i bambini vestiti da Santi per il balletto)

LA FESTA PIU’ BELLA                                                                                                                    Testo e musica di Oreste De Santis

***

SE CREDI IN DIO TI AIUTERA’

SE CREDI IN DIO TI AIUTERA’E’ LA VERITA’

DENTRO DI TE LO SENTIRAI

DENTRO DI TE LO SENTIRAI E TU CAMBIERAI

RIT/ C’E TANTA GENTE CHE SOFFRE NEL MONDO

E CHE  CERCA UN AIUTO

TU NON VOLTARE LA FACCIA A CHI

TI  CHIEDE SOLO UN MINUTO

C’E’ SEMPRE TEMPO PER FARE  INSIEME

UN GESTO D’AMORE

E BASTA POCO LO SAI  PER AVERE

UN MONDO MIGLIORE

NATALE GIOIA TI  PORTERA’

NATALE GIOIA TI PORTERA’E’ LA VERITA’

DENTRO DI TE LA SENTI GIA’

DENTRO DI TE LA SENTI  GIA’ LA FELICITA’

( ripete il rit)

BELLA BELLA BELLA  CHE BELLA FESTA

NATALE  E’ DAVVERO E’  LA FESTA PIU’ BELLA

BELLA BELLA BELLA  CHE BELLA FESTA

NATALE  E’ DAVVERO E’  LA FESTA PIU’ BELLA

( musica)

C’E’ SEMPRE TEMPO PER FARE  INSIEME

……………………………………………………..

SE CREDI IN DIO TI AIUTERA’

( DOPO LA CANZONE)

Scena 2 – Maria - Gabriele - Michele

MARIA /  ( dopo il balletto Maria riprende a spazzare e a cantare)  ROMAGNA MIA, ROMAGNA IN FIORE, TU SEI LA STELLA…

( mentre lei spazza, appare L’Arc. Gabriele e si pone alle sue spalle, Maria non lo vede e continua a spazzare per terra )

GABRIELE/ ( chiamando con voce grossa e solenne) MARIA, MARIA

MARIA/  ( impaurita si blocca) MAMMA MIA CHI E’?

GABRIELE/ MARIA , MARIA , VOLTATI E GUARDAMI

MARIA/ ( alza le mani , velocemente senza voltarsi  sempre impaurita) NON HO FATTO NIENTE, NON HO VISTO NIENTE,  NON TENGO NIENTE, MA CHE VOLETE DA ME?

GABRIELE/ MARIA , MARIA , HO DETTO VOLTATI E GUARDAMI

MARIA/ ( uguale a prima) NON HO FATTO NIENTE, NON HO VISTO NIENTE,  NON TENGO NIENTE, MA CHE VOLETE DA ME?

GABRIELE/ MA CHE DICI SEMPRE LA STESSA COSA ?

MARIA / PERCHE’ CHE DEVO DIRE?

GABRIELE/ NON DEVI DIRE NIENTE, NON TEMERE VENGO IN PACE E SONO QUI PER DARTI UNA BELLA NOTIZIA

MARIA/ UNA BELLA NOTIZIA?  ( si gira e abbassa le mani) HO VINTO UN TERNO AL LOTTO PER CASO?

GABRIELE/ NO, MA CHE DICI, UNA COSA MOLTO PIU’ GRANDE

MARIA/  PIU’ GRANDE? ALLORA HO VINTO ALLA LOTTERIA NAZIONALE , SONO RICCA’?

GABRIELE/ MA NO, NON SI TRATTA DI QUESTO, , E POI COME VINCI SE NON GIOCHI, TU NON HAI COMPRATO NEMMENO IL BIGLIETTO

MARIA/ AVETE RAGIONE , IO IL BIGLIETTO NON L’HO COMPRATO… UN MOMENTO! MA VOI CHE NE SAPETE?

GABRIELE/  MARIA IO SO MOLTE COSE CHE TI RIGUARDANO, E COMUNQUE HAI FATTO BENE A NON GIOCARE CON I SOLDI, PERCHE’ QUESTA NON E’ COSA GRADITA AL SIGNORE 

MARIA/ MA VOI QUALI COSE  SAPETE DI ME?

GABRIELE/  SE MI FAI PARLARE TE LE DICO TUTTE, SON VENUTO A POSTA

MARIA/ VA BENE, PERO’ SOLO SE SONO COSE BELLE, PERCHE’ QUA’,  DI BRUTTE NOTIZIE , GIA’ CE NE SONO IN ABBONDANZA, AVETE CAPITO?

GABRIELE/ SI, HO CAPITO

MARIA/  ADESSO POTETE PARLARE

GABRIELE/ ( solenne con voce grossa, dandosi un tono) MARIA , IL SIGNORE NOSTRO DIO,  TI HA COLMATO DI GRAZIA,  TU TI SPOSERAI, AVRAI UN FIGLIO,  LO DARAI ALLA LUCE E GLI METTERAI NOME GESÙ

MARIA/ IO VI RINGRAZIO PER IL PENSIIERO, SIETE  MOLTO GENTILE, MA QUESTA COSA NON E’ POSSIBILE

GABRIELE/  COME SAREBBE?

MARIA/  SAREBBE CHE  IO  SONO GIA’SPOSATA DA DIECI ANNI, E IL MIO DESIDERIO PIU’ GRANDE È SEMPRE STATO QUELLO DI AVERE UN FIGLIO, MA PURTROPPO, NON E’ MAI ARRIVATO , E ALLORA MI ACCONTENTO DEI NIPOTI

GABRIELE/ MARIA MA CHE DICI, TU NON SEI SPOSATA

MARIA/ E INVECE SI,  SONO SPOSATA DA DIECI ANNI CON UN DISGRAZIATO CHE VOGLIO BENE, PERO’ A VOLTE MI FA ARRABIARE , MA SU QUESTO POTETE STARE SICURO, SONO SPOSATA, SONO SPOSATA

GABRIELE/ MARIA TU NON SEI SPOSATA, SEI FIDANZATA CON UN UOMO DI NOME GIUSEPPE

MARIA/ AH MA ALLORA TENETE A CAPA TOSTA? ( la testa dura)  VI HO DETTO CHE SONO SPOSATA, VUOI VEDERE CHE ADESSO IO VENGO DAL MORTO E VOI DITE CHE E’ VIVO?

GABRIELE/ QUALE MORTO?

MARIA/ E VABBE’ E’ UN MODO DI DIRE, PER DIRE CHE E’ LA VERITA’, IO SONO GIA’ SPOSATA 

GABRIELE/ FIDANZATA

MARIA/  SPOSATA CON MICHELE

GABRIELE/  FIDANZATA CON GIUSEPPE

MARIA/ SENTI , IO A QUESTO GIUSEPPE NON LO CONOSCO, COMUNQUE  SE VI TRATTENETE ALTRI CINQUE MINUTI,  A MICHELE LO VEDETE ARRIVARE, PERCHE’ E’ QUASI ORA DI PRANZO, E QUANDO SI TRATTA DI MANGIARE , MIO MARITO  E’ SEMPRE PUNTUALE

MICHELE/  ( arriva Michele, con un pacco di dolci in mano, tutto contento) MARIA, MARIA, SONO ARRIVATO , 

MARIA/ AVETE  VISTO CHE VI DICEVO, PARLI DEL DIAVOLO E SPUNTANO LE CORNA

ARC GABRILE/ ( impaurito, guardandosi in giro)  PER FAVORE NON NOMIAMO IL DIAVOLO CHE QUELLO STA SEMPRE IN AGGUATO…

MICHELE/ MARIA QUEST’UOMO CHI E’?  E  SOPRATTUTTO CHE CI FA IN CASA MIA?

ARC. GABRIELE/ SCUSATE  VOI VI CHIAMATE MICHELE?

MICHELE/ SI MI CHIAMO MICHELE ,  PERCHE’ NON VI PIACE? ERA  IL NOME DI MIO NONNO ALFREDO

ARC. GABRIELE/  COME SAREBBE…SE SUO NONNO SI CHIAMAVA ALFREDO, CHE C’ENTRA MICHELE?

MICHELE /  ALFREDO ERA IL SUO SECONDO NOME,   SI CHIAMAVA MICHELE ALFREDO PUZZETTA, IO ERO L’UNICO A CHIAMARLO ALFREDO PERCHE’ MI PIACEVA DI PIU’  AVETE CAPITO?

ARC.GABRIELE/  NON TANTO,  MA NON FA NIENTE ,  SIGNOR  MICHELE  SCUSATE, MA VOI  SIETE SPOSATO  A QUESTA DONNA?

MICHELE/ SI DA DIECI ANNI DUE MESI E UN GIORNO E OGGI È IL NOSTRO ANNIVERSARIO ,  ( dolce a Maria) MARIA  T’AGGIO PURTATE E SFUGLIATELLE  ( ti ho portato le paste ( dolci)

MARIA/ MICHE’ TE NE SEI RICORDATO, COMME SO CUNTENTA, ( come sono contenta) AVETE VISTO COME MI VUOLE BENE MIO MARITO….

 MICHELE/ E CERTO CHE  TI VOGLIO BENE , PERCHE’ NON LO SAI?

ARC. GABRIELE/ E ADESSO LO SO ANCH’IO

MICHELE/ ADESSO MI VOLETE DIRE CHE VOLETE E CHE CI FATE IN CASA MIA ?

GABRIELE/ MI DOVETE SCUSARE MA CI DEVE ESSERE UN ERRORE, LA MARIA CHE CERCO IO , NON TIENE FIGLIE E NON È SPOSATA, È FIDANZATA CON GIUSEPPE, MI SARO’ SBAGLIATO ( guarda una mappa)  SCUSATE, MA QUI SIAMO A NAZARETH DICO BENE?

MARIA/ MA CHE  NAZARETH, QUI STIAMO A GIAFFA, AVETE SBAGLIATO CITTA’

GABRIELE/ COME  SAREBBE GIAFFA?

MICHELE/ MA SI GIAFFA, VUOI VEDERE CHE ADESSO NON SO NEMMENO PIU’ DOVE SONO NATO E CRESCIUTO , SE CERCATE NAZARETH,  DOVETE ANDARE IN GALILEA , QUI SIAMO IN GIUDEA,  AVETE  SBAGLIATO REGIONE E CITTA’

MARIA / E  ANCHE PERSONA,

GABRIELE/ AVETE RAGIONE, HO SBAGLIATO TUTTO,  TU NON SEI LA MARIA CHE CERCO IO,   E QUESTO NON E’ IL POSTO DOVE DOVEVO ANDARE, PERDONATEMI,   CHE ERRORE, CHE ERRORE, SCUSATEMI NON VOLEVO TURBARVI,

MARIA/ NON FA NIENTE, SIETE VENUTO IN PACE, E AVETE PARLATO SENZA OFFENDERE

MICHELE/ SI PERO’ ADESSO E’ MEGLIO SE TE NE VAI, CHE NOI DOBBIAMO FESTEGGIARE …

GABRIELE/ HA RAGIONE, , ME NE VADO SUBITO,  SAPETE,  LA MARIA CHE CERCO IO  AVRA’ UN FIGLIO, NASCERA’ A BETLEMME E SI CHIAMERA’ GESU’ ,

MARIA/  ( dispiaciuta) BEATA A ESSE… (   a lei )   AVRA’ UN FIGLIO …

ARC. GABRIELE/  ABBIATE FEDE  IN DIO, CHE UN FIGLIO LO AVRETE ANCHE VOI

MICHELE/ FOSSE O’ CIELO, MA FINO ADESSO NON  È ANCORA ARRIVATO  

GABRIELE/  FIDATEVI, PER FARMI PERDONARE DI QUESTO ERRORE,  INTERCEDERÒ AFFINCHE’ VOI POSSIATE VIVERE QUESTA GIOIA E COSTRUIRE UNA VERA FAMIGLIA

MARIA/  GRAZIE,   E SE DAVVERO  QUEL CHE DITE  SUCCEDERA’ LO CHIAMEREMO GABRIELE  E’ VERO’ MICHELE?  

MICHELE/ GIUSTO GABRIELE, COME SI CHIAMAVA MIO PADRE  NICOLA

GABRIELE/ MA COME SAREBBE?

MICHELE/  MA E’ SEMPLICE,  MIO PADRE ….

GABRIELE/  VABBE’, VABBE’,  NON MI DITE NIENTE  , ADESSO  E’ TARDI E DEVO ANDARE, E NON VI PREOCCUPATE, VI GARANTISCO CHE  SIA IO CHE SAN MICHELE,  E SONO SICURO ANCHE  SAN NICOLA SARA’ CONTENTO DI QUESTA SCELTA,  ADESSO   PERO’ DEVO  PROPRIO SCAPPARE,  ARRIVEDERCI ( esce)

MICHELE/  ARRIVEDERCI, MA QUANTI TIPI STRANI ESISTONO E’ VERO MARIA?    

MARIA/  MICHELE LASCIAMO STARE E   VIENI IN CUCINA , CHE PER IL NOSTRO ANNIVERSARIO HO CUCINATO UNA COSA CHE TI PIACE ASSAI

MICHELE/  ( al pubblico) E IO LO SO E LO DICO SEMPRE A TUTTI , TENGO UNA MOGLIE  D’ORO, D’ORO   ( escono)

Stacchetto Musicale Che Introduce Il Paradiso Con Breve Balletto Degli Angeli

Scena 3 - DIO – San Pietro – balletto Angeli

DIO/ ( entrando seguito da Pietro, arrabbiato si lamenta ad alta voce, andando avanti indietro) MA COME SI FA, COME SI FA, IO NON LO SO, NON LO SO

SAN PIETRO/ E INVECE  IO LO SAPEVO,  E VE L’AVEVO PURE DETTO,, MIO SIGNOR NON E’ PER CATTIVERIA  MA ERO SICURO CHE  GABRIELE AVREBBE SBAGLIATO,  ERO TALMENTE SICURO CHE ERO PRONTO A METTERE LA MANO SUL FUOCO COME FECE QUEL TAL ROMANO… COME SI CHIAMAVA?

DIO/ MUNZIO SCEVOLO 

SAN PIETRO/ ESATTO QUELLO LA’

DIO/  MA COME E’ POSSIBILE…, MA COME SI FA A SBAGLIARE   UNA COSA COSI’ SEMPLICE, GLIEL’AVEVO SPIEGATO COSI’ BENE

SAN PIETRO/  LA VERITA’ VE LA DICO IO QUAL’E , GABRIELE  E’ GIOVANE   E TENE A CAPA FRESCHE ( ha la testa tra le nuvole),  MIO SIGNORE IO VE L’HO DETTO, CON QUESTI GIOVANI  DI OGGI  BISOGNA STARE ATTENTI, PENZANO  SEMPRE A TANTA COSE,

DIO/ PERCHE’ GABRIELE A CHE PENSA?

PIETRO/ NON LO SO CHE PENSA , MA SO QUELLO CHE FA

DIO / PERCHE’ CHE FA?

PIETRO/ CHE FA’?  SI METTE DAVANTI  ALLO SPECCHIO PER ORE E ORE   A CURARSI I CAPELLI ,  SE LI LISCIA E SE LI STIRA , DICE CHE LUI HA I BOCCOLI PIU’ BELLI DEL PARADISO,

DIO/ BE’ QUESTO NON LO SI PUO’ PROPRIO NEGARE

PIETRO/   MAMMA MIA ISSE E CHILLE  ( lui e quei) BOCCOLI E   CHE ANTIPATIA

DIO/  HO CAPITO, SEI GELOSO

PIETRO/  GELOSO? MA CHE DITE? E IO POI DOVREI ESSERE GELOSO DI GABRIELE? MA SCHERZIAMO… IO SONO SAN PIETRO , NON SO SE MI SPIEGO…              ( dandosi delle arie) 

DIO/ VA BE’ , VA BE’ LASCIAMO PERDERE   ADESSO , PERO’  ANDIAMO A VEDERE CHE STA COMBINANDO  ( escono tutti , gli Angeli rifanno il balletto sullo stacchetto musicale paradiso e poi escono )

  ( dopo la musica,  la Madonna arriva con una bacinella con dei panni ,  in silenzio a centro palco finge  di lavare )

SCENA 4 – Madonna – Gabriele -

MADONNA/  ( entrando) AH, MA QUANTE COSE TENGO DA FARE STAMATTINA

ARC. GABRIELE/ ( entra, la madonna non lo vede)ECCOCI QUA, INTERNO 24 CITTA DI NAZARETH, LA CASA E’ QUESTA,  CI SIAMO ( controlla sulla mappa)     

ANGELO GABRIELE/  ( solenne) TI SALUTO O MARIA! IL SIGNORE È CON TE. EGLI TI HA COLMATA DI GRAZIA

MADONNA/  ( si volta e lo vede)  UH MAMMA MIA CHE PAURA,  BUONGIORNO

ARC. GABRIELE/ BUONGIORNO ANCHE A TE MARIA

MADONNA/ SCUSATE MA NON VI HO SENTITO, AVETE DETTO QUALCOSA?   IO NON VI CONOSCO  

ANGELO GABRIELE/ NON TEMERE, MARIA! TU HAI TROVATO GRAZIA PRESSO DIO.

MADONNA/ VI PREGO NON CAPISCO, PARLATE CHIARO  COSA VOLETE DIRMI?

ARC. GABRIELE/  ASPETTA UN MOMENTO  MI E’ VENUTO UN DUBBIO, TU TI CHIAMI  MARIA GIUSTO?

MARIA/ SI,  SI MI CHIAMO MARIA

ARC. GABRIELE/ E SEI FIDANZATA CON UN UOMO CHE SI CHIAMA GIUSEPPE , DICO BENE?

MADONNA/ SI,  SI, E’ APPENA USCITO SE VOLETE VE LO CHIAMO

ARC. GABRIELE/ NO, NON C’E’ BISOGNO CON LUI CI PARLERA’ QUALCUN ALTRO, MICA POSSO FARE TUTTO IO

MADONNA/ MA VOI CHI SIETE E  PERCHE’ MI FATE TUTTE QUESTE DOMANDE ? 

ARC. GABRIELE/ MI DEVI SCUSARE MA HO GIA SBAGLIATO UNA VOLTA E NON POSSO SBAGLIARE DI NUOVO, MARIA ADESSO  ASCOLTAMI BENE , ( solenne) QUELLO CHE TI DICO E’ LA VERITA’, MARIA   TUA AVRAI UN FIGLIO,

MADONNA/ / UH MAMMA MIA COME SONO CONTENTA ,  DIVENTERO’ MADRE, UNA GIOIA TROPPO GRANDE , CHE BELLA NOTIZIA,  GRAZIE E ARRIVEDERCI  ( fa un inchino, poi fa per andarsene)

ARC. GABRIELE/ MARIA ASPETTA…

MADONNA/ NON AVETE ANCORA FINITO?

ARC. GABRIELE/ ( al pubblico) COME SAREBBE? , IO HO APPENA INIZIATO …

MADONNA/  SCUSATE , ALLORA CONTINUATE  PURE , VI ASCOLTO

ARC. GABRIELE/ DUNQUE DICEVAMO ,  ( solenne) MARIA TU DARAI ALLA LUCE UN FIGLIO E GLI METTERAI IL NOME GESU’

MADONNA/ / UH MAMMA MIA GESU’,. MA DOVE L’AVETE PRESO QUESTO NOME, NON L’HO MAI SENTITO, PERO’ MI PIACE ASSAI

ARC. GABRIELE/ ( al pubblico) DEVO DIRE LA VERITA?  PENSAVO CHE ERA PIU’ SEMPLICE, ( si asciuga il sudore) MARIA  TI PREGO FAMMI PARLARE  NON MI INTERROMPERE SEMPRE, SENNO’ MI DIMENTICO QUALCOSA E CAMBIA TUTTA LA STORIA , E POI CHI LO SENTE IL MIO SIGNORE LASSU’,  IL NOME GESU’ VIENE DA GIOSUE’

MADONNA/ VA BENE SCUSATE, SCUSATE, PROMETTO CHE NON VI  INTERROMPERO’ PIU’

ARC. GABRIELE/  ( può anche leggere) GRAZIE, DUNQUE,  TU AVRAI UN FIGLIO E GLI METTERAI IL NOME GESU’  QUESTO L’ABBIAMO DETTO,  ( solenne) EGLI SARÀ GRANDE,  E DIO, L’ONNIPOTENTE, LO CHIAMERÀ SUO FIGLIO. IL SIGNORE LO FARÀ RE, LO PORRÀ SUL TRONO DI DAVIDE, SUO PADRE, ED EGLI REGNERÀ PER SEMPRE SUL POPOLO D’ISRAELE. IL SUO REGNO NON FINIRÀ MAI.

MADONNA/ QUINDI MIO FIGLIO SARA’ UN RE ?

ARC. GABRIELE/ SI PRECISAMENTE, IL RE DEI RE

MADONNA/ MA TUTTO QUESTO COM’È POSSIBILE,  COME MAI POTRA’ SUCCEDERE ? , IO NON SONO ANCORA SPOSATA

ARC.  GABRIELE/ MARIA STAI TRANQUILLA SO’ COSA VUOI DIRE,  SAPPI CHE TU RIMMARRAI PURA E INTATTA COME QUANDO SEI NATA,  LO SPIRITO SANTO    VERRÀ SU DI TE, E L’ ONNIPOTENTE DIO, COME UNA NUBE, TI AVVOLGERÀ,  PER QUESTO,  IL BAMBINO CHE AVRAI SARÀ SANTO, FIGLIO DI DIO.

MADONNA/ GRAZIE, GRAZIE,  CHE BELLA NOTIZIA, TANTE PERSONE DESIDERANO AVERE UN BAMBINO, MA NON SEMPRE QUESTO SUCCEDE, AD ESEMPIO ANCHE UNA MIA PARENTE ELISABETTA… , 

ARC. GABRIELE/ NON TEMERE,  DIO GRANDE E MISERICORDIOSO  HA GIA’ PROVVEDUTO,  ANCHE ELISABETTA TUA PARENTE, NONOSTANTE LA SUA ETÀ ASPETTA UN FIGLIO.  È GIÀ AL SESTO MESE,  MARIA NULLA È IMPOSSIBILE A DIO.,

MADONNA/ ( si inginocchia) ECCOMI, SONO LA SERVA DEL SIGNORE. DIO FACCIA CON ME COME HAI DETTO.

ARC. GABRIELE/ BRAVA , PROPRIO QUESTO DOVEVI DIRE,  ECCO FATTO, CI SONO RIUSCITO, ADESSO POSSO FINALMENTE  RITORNARE A CASA, MAMMA MIA E CHE FATICATA  ( esce, asciugandosi il sudore)

MADONNA/  MIO SIGNORE  TI RINGRAZIO DI AVERMI SCELTA  (  si fa il segno della croce, poi prende la cesta con i panni ed esce)

ANNUNCIAZIONE                                                                                                                         Testo e musica di Oreste De Santis                                                                                                            ***                                                                                                                                                            E’ VENUTO DA LONTANO UN ANGELO PER TE                                                                           LE PAROLE DEL SIGNORE HA DETTO LUI A TE                                                          NASCERA’ UN BAMBINO E DIO HA SCELTO PROPRIO TE                                                        SI CHIAMERA’ GESU’ E DI TUTTI SARA’ IL RE

( MUSICA)

REGNERA’ SUL MONDO E ALLA FINE VINCERA’                                                                  TUTTO IL MALE DELLA TERRA LUI CANCELLERA’                                                      NASCERA’ IN UNA GROTTA E POVERO SARA’                                                            PREGHERA’ PER TUTTI E LE TUE PENE ATTENUERA’

( MUSICA)

( ripete 3 volte)                                                                                                                                                      E LA MUSICA NELLA ‘ARIA SI SENTE GIA’                                                                                 UNA ORCHESTRA DI VIOLINI TUTTI INSIEME SUONERA’

( dopo la canzone - arriva  ISAIA    -  poi Giuseppe e Madonna )

scena 5 – ISAIA – Giuseppe  - Madonna

ISAIA /  ( ad alta voce) POPOLO DI ISRALE , POPOLO DI ISRAELE ASCOLTAMI  E’ ISAIA CHE TI PARLA , ( nessuno risponde) POPOLO DI ISRAELE  ESCI DALLE CASE,  ASCOLTATEMI, CHIUDETE LA TELEVISIONE, SPEGNETE LA RADIO,  E VENITE IN STRADA  ,  DEVO FARVI UNA PROFEZIA ( nessuno arriva) NON VIENE NESSUNO, E VA BENE ,  VOI NON VENITE MA IO LA PROFEZIA VE LA DICO LO STESSO, TANTO LO SO CHE MI SENTITE

(può anche leggere) “VERRA’ UN GIORNO UIN CUI UNA VERGINE  SARA’ INCINTA, PARTORIRÀ UN FIGLIO,  ED EGLI SARÀ CHIAMATO EMMANUELE,  CHE SIGNIFICA DIO È CON NOI.,  ECCO  QUESTA E’ LA MIA PROFEZIA,  ( mentre esce) IO VE L’HO DETTO, DOPO NON DITE CHE NON LO SAPEVATE

GIUSEPPE/ ( entrando di corsa contento)  MARIA, MARIA, SONO TORNATO, MARIA SONO GIUSEPPE

MADONNA/  ( in scena) GIUSEPPE

GIUSEPPE/ MARIA ASCOLTA E’ QUASI TUTTO PRONTO, FINALMENTE  CI SPOSEREMO , SEI CONTENTA?

MADONNA / CERTO,  E’ IL MIO DESIDERIO PIU’ GRANDE  ….  SENTI GIUSEPPE DEVO DIRTI UNA COSA….

GIUSEPPE/ CHE C’E MARIA CHE MI DEVI DIRE ?

MADONNA / ECCO, GIUSEPPE ….E’ VENUTO UN ANGELO MANDATO DAL SIGNORE E MI HA DETTO CHE… SONO INCINTA DEL FIGLIO DI DIO

GIUSEPPE/ MA COSA DICI  MARIA’?

MADONNA / MA NON LO DICO IO,  E’ LA VOLONTA’ DEL SIGNORE, SONO INCINTA E  IL FIGLIO CHE AVRO’ SARÀ IL MESSIA MANDATO PER LIBERARE IL POPOLO

GIUSEPPE/ MARIA  LA LEGGE DI MOSÈ DICE CHE DOVREI DENUNZIARTI DI FRONTE A TUTTI,

MADONNA / LO SO,  E SE LO FARAI IO VERRO’ LAPIDATA

GIUSEPPE/ MARIA IO VOGLIO FARE CIÒ CHE È GIUSTO. PERCIÒ HO DECISO:   ROMPERÒ IL FIDANZAMENTO MA NON LO DIRÒ A NESSUNO, SOLO TU LO SAPRAI

MADONNA / SI, MA SONO SICURO, CHE L’ANGELO DEL SIGNORE  PARLERA’ ANCHE CON TE  PER SPIEGARTI E  GUARIRE IL TUO DOLORE

GIUSEPPE/ SE QUEL CHE MI DICI E’ VERO, IL MIO DOLORE SI TRASFORMERA’ IN GIOIA ,

MADONNA/  GIUSEPPE ABBI FEDE, DIO  MANDERA’ UN ANGELO PER SPIEGARTI TUTTO  ( esce) 

GIUSEPPE/ SPERIAMO CHE LO FA IN FRETTA, ADESSO PERO’ SONO STANCO  E VOGLIO  DORMIRE (Giuseppe rimane steso a dormire al centro del palco, nel mentre  la scena prosegue)  

( stacchetto musicale  Paradiso  - prima gli angeli con un breve balletto)

Scena 6 – Dio -  San Pietro – Balletto Angeli – Jezael – Giuseppe - Madonna

DIO/ LO SAPEVO,  GIUSEPPE SI E’ ARRABBIATO

PIETRO/  MA TIENE RAGIONE CHE STA ARRABBIATO,  QUEL POVERINO SI DEVE SPOSARE,  TORNA A CASA E LA  FUTURA MOGLIE GLI DICE CHE ASPETTA UN BAMBINO,  COME DOVREBBE STARE?

DIO/  HAI RAGIONE,  E VA BENE HO DECISO,  PIETRO MANDA  UN ANGELO ANCHE PER  GIUSEPPE , FAGLI SPIEGARE QUELLO CHE  E’ SUCCESSO, IL FIGLIO DI MARIA E’ MIO FIGLIO ED E’ OPERA DELLO SPIRITO SANTO, E CHE QUINDI LUI  PUO’ SPOSARE MARIA SENZA NESSUN TIMORE , HAI CAPITO?

SAN PIETRO/ E CHE SO’ SCEMO ?  CERTO CHE HO CAPITO , NON PER DIRE MA A QUESTA EVENTUALITA’ GIA’ CI AVEVO PENSATO,  IN FONDO GIUSEPPE E’ UN ESSERE UMANO , E QUINDI HO GIA ISTRUITO  UN ANGELO A CUI AVEVO SPIEGATO TUTTO

DIO/ E ALLORA FAI  QUELLO CHE HO DETTO ( esce)

PIETRO/ PROVVEDO SUBITO, ( chiamando) ANGELO JEZAEL

ANGELO/  ECCOMI PIETRO CHE C’E’  

PIETRO/ JEZAEL E’ ARRIVATO IL MOMENTO DI ANDARE DA GIUSEPPE, E MI RACCOMANDO FAI TUTTO COME TI HO DETTO

ANGELO/ CERTAMENTE, POTETE STARE TRANQUILLO

PIETRO/ E ALLORA VAI  E  MI RACCOMANDO …NON FARMI FARE BRUTTE FIGURE  ( Pietro esce)

ANGELO/  STATE SENZA PENSIERO,   VADO , VENGO, DICO E TORNO ( si avvicina a passi lenti a Giuseppe che dorme a centro palco )

ANGELO/   ( solenne, si porta sul lato destro) GIUSEPPE, DISCENDETE DI DAVIDE, SVEGLIATI

GIUSEPPE/ ( incomincia a russare)

ANGELO/   ( solenne, si porta sul lato sinistro) GIUSEPPE, DISCENDETE DI DAVIDE,  HO DETTO SVEGLIATI

GIUSEPPE/ ( russa)

ANGELO/ MAMMA MIA  QUESTO NON SI SVEGLIA NEMMENO CON LE CANNONATE,  GIUSEPPE, DISCENDETE DI DAVIDE,  MI ASCOLTI?

GIUSEPPE/ NO, NO,  FAMMI DORMIRE, SONO STANCO ( parla steso con gli occhi chiusi)

ANGELO/ COME SAREBBE? GIUSEPPE SVEGLIATI , MI DEVI ASCOLTARE  E’ IMPORTANTE

GIUSEPPE/ E VABBE’ TI ASCOLTO, BASTA CHE DOPO TE NE VAI E MI FAI DORMIRE , AVANTI PARLA  ( sempre con gli occhi chiusi)

ANGELO/ GIUSEPPE,  SONO VENUTO PER PARLARTI DI MARIA LA TUA FIDANZATA,  NONCHE’ FUTURA SPOSA

GIUSEPPE/ E CHE MI DEVI  DIRE DI MARIA?

ANGELO/ QUELLO CHE TI TURBA E CHE TANTO TI PREOCCUPA DI MARIA, QUELLA COSA  CHE SAI SOLO TU E LEI,  IN REALTA’ LA SO ANCH’IO

GIUSEPPE/  AH SI , E CHE BELLA COSA, TEMPO UN’ORA E LO SAPRA’ TUTTO IL PAESE  ,  MA COME E’ POSSIBILE IO NON L’HO DETTO A NESSUNO , MANNAGGIA A MISERIA ( accidenti -  parla sempre con gli occhi chiusi)

ANGELO / NON TEMERE GIUSEPPE , SULLA TERRA  NON LO SA NESSUNO, IO LO SO PERCHE’ SONO UN ANGELO  ,  SONO VENUTO A DIRTI, CHE  IL BAMBINO CHE ASPETTA MARIA SI CHIAMERA’ GESU’ , ED  E’ OPERA DELLO SPIRITO SANTO E NON DI UN TRADIMENTO

GIUSEPPE/ MA ALLORA E’ VERO, E’ PROPRIO COME DICE MARIA, IL BAMBINO E’ IL FIGLIO DI DIO ?

ANGELO/ SI , IO SONO MANDATO DAL SIGNORE, E IL BAMBINO CHE PORTA IN GREMBO  E’ SUO FIGLIO,  E OGNI ANNO  IN TUTTO IL MONDO,  IN OCCASIONE DELLA SUA NASCITA SI FARA’ UNA GRANDE FESTA

GIUSEPPE/ GRAZIE  SONO PROPRIO CONTENTO , MI AVETE DATO PROPRIO UNA BELLA NOTIZIA

ANGELO/ LO SO,  EADESSO  CHE TI HO DETTO TUTTO, PUOI CONTINUARE A DORMIRE (se ne va)

GIUSEPPE/  DORMIRE? E’ NA PAROLA , E  MO’ CHI DORMI CHIU’ ( e adesso chi dorme più…) ( si alza di scatto e chiama maria) MARIA, MARIA

MADONNA/ SI GIUSEPPE CHE C’E

GIUSEPPE/ MARIA AVEVI RAGIONE, UN ANGELO MI E’ VENUTO IN SOGNO E  MI HA PARLATO,  MARIA SI  E’ REALIZZATO  QUELLO CHE IL SIGNORE AVEVA DETTO PER MEZZO DEL PROFETA ISAIA, MARIA PERDONAMI SE HO DUBITATO

MADONNA/ NON TEMERE GIUSEPPE , ERA TUTTO SCRITTO

GIUSEPPE/ L’ANGELO MI HA DETTO CHE  IN ONORE DI GESU’ SI FARA’ UNA GRANDE FESTA   

MADONNA/ LO SO, E QUESTA FESTA SI CHIAMERA’ NATALE 

GIUSEPPE/ QUESTO IN VERITA’ L’ ANGELO  NON L’HA  DETTO

MADONNA/  QUESTO TE LO DICO IO, DAI ADESSO VIENI CON ME  ( escono)

( balletto Samba -   su canzone E’ GIA’ NATALE )

E’ GIA’ NATALE

Testo e musica di Oreste De Santis

***

E’ GIA’ NATAL

LA NEVE CADE E I TETTI COPRIRA’

SENZA BUSSAR

ANCHE DA TE NATALE  ARRIVERA’

ED  OGNI BIMBO UN SORRISO AVRA’

E LA SUA  GIOIA A TUTTI GRIDERA’

PERCHE  A NATALE  OGNUNO  VIVRA’

UN GIORNO  DI FELICITA’

RIT/ FESTA CHE BELLA  FESTA

SIAMO CONTENTI DI STARE TUTTI QUA

FESTA CHE GRANDE FESTA

E DI BALLARE CON  VOI  ADESSO CI VA

FESTA  NATALE E’  FESTA

UN’EMOZIONE CI PRENDE ALLA GOLA PERO’

QUESTA CANZONE E’ SOLO PER VOI

CANTATE TUTTI INSIEME A NOI

E’ GIA’ NATAL

SENTO NELL’ARIA VOGLIA DI CANTAR

SENZA BUSSAR

ANCHE DA TE NATALE  ARRIVERA’

E SE L’AMORE CHE SENTI NEL CUOR

ANCHE A CHI SOFFRE TU LO SAPRAI DONAR

UN GIORNO NUOVO DOMANI SORGERA’

NATALE SEMPRE SARA’

RIT

( finita la musica i 2 bambini della 1 scena entrano agitati  gridando a quelli che ballano )

BAMBINI/ STANNO ARRIVANDO , STANNO ARRIVANDO

BAMBINO/ PRESTO  PRESTO ,  ANDATE VIA  ( ai bambini del balletto)

BAMBINO/ SU SU, FATE PRESTO, FATE PRESTO

BAMBINO/ STANNO ARRIVANDO ECCOLI , ECCOLI ,

I BAMBINI DEL BALLETTO/ MA CHI STA ARRIVANDO?

BAMBINI/  STANNO ARRIVANDO I ROMANI ( tutti escono, gridando via, via, scappiamo)

 ( stacchetto musicale del  romano ( mentre scorre la musica  arrivano tre soldati romani dall’aria minacciosa,  parlata alla romana o nel proprio dialetto)  

Scena 7  -  3 Soldati Romani   - ISAIA –

ROMANO/A, O’,  MO’ STAVANO TUTTI QUA , MA D’O SO’ ANDATI?

ROMANO/ SO SCAPPATI, NOI GLIE FEMO PAURA

ROMANO/ MA CHE SCAPPATI, QUESTI STANNO ANCORA A DORMI’ ,  ( gridato guardando in alto come se ci fossero delle finestre; a destra e a sinistra) A’ POPOLO SCETATE,  CHE NON TENEMO TEMPO DA PERDERE, TI DOBBIAMO DI’ DELLE COSE

ROMANI/ AVANTI DORMIGLIONI  USCITE DALLE CASE , CE VOLEMO SBRIGA’? MA COME E’ POSSIBILE CHE A QUEST’ORA STATE ANCORA A  DORMI’

TUTTI I ROMANI/ SFATICATI

ROMANO/  A O’  RAGA’ , E QUESTI SE NON FANNO IN FRETTA   CI FANNO PERDERE LA PARTITA DELLE SETTE

ROMANO/ STI DISGRAZIATI, MA TU VEDI SE DEVE TOCCA’ SEMPRE A NOI  DE LAVORA’ … QUANDO C’E UNA PARTITA DA GUARDA’

ROMANO/   AH BELLI E DAMOCE NA  MOSSA, SCENDETE , CHE IO LA ROMA IN FINALE DI COPPA CAMPIONI NON ME LA  VOGLIO PERDERE ,

 ROMANO/ A O’ MA QUA NON VIENE NESSUNO

ROMANO/  MA SI, FACEMO STA ANNUNCIO, DICIAMOCI QUELLO CHE GLI DOVEMO DI,  E POI DI CORSA ALLO  STADIO

ROMANO/ SI, SI FAMO PRESTO CHE, HO SCOMMESSO 100 SESTERZI SUL 2 A ZERO PER LA ROMA

ROMANO/ HAI FATTO BENE,   DUE GOL DI TOTTI A STI INGLESI NON GLIELI LEVA NESSUNO

ROMANO/ MA CHE TOTTI , CI PENSA  DE ROSSI  GIA’ ME LO VEDO CHE GLI TIRA  DUE  BOMBE

 ROANO/ SENTI FAMO STA ANNUNCIO,  E LEVIAMO LE TENDE FORZA

ROMANO / GIUSTO, ( solenne al pubblico) POPOLO DELLA GIUDEA TUTTA INTIERA , ASCOLTATE

ROMANO/ UDITE, UDITE  LE PAROLE DELL’IMPERATORE AUGUSTO

ROMANO/ PER ORDINE DELL’IMPERATORE, TUTTI I CAPIFAMIGLIA DOVRANNO RECARSI NEL PROPRIO LUOGO D’ORIGINE

ROMANO/ UNA VOLTA LI’, I CAPI FAMIGLIA  DOVRANNO FAR  REGISTRARE IL PROPRIO NOME

ROMANO/ IL NOME LORO INSIEME A  QUELLO DEI  PROPRI FAMIGLIARI NEI REGISTRI DELL’IMPERO, AVETE SENTITO?  ( silenzio)

TUTTI I ROMANI/  SE AVETE SENTITO RISPONDETE SI  ( silenzio)

ROMANO/ E MO’ STO SILENZIO CHE VORDI’, HANNO CAPITO SI O NO?

ROMANO/ E A NOI CHE CE FREGA,  SE NON L’HANNO CAPITO SARANNO AFFARACCI LORO, NOI LO DEVEVAMO  SOLO DIRE

TUTTI I ROMANI/ E L’ABBIAMO DETTO,

ROMANO/ DAI ANDEMO A VEDERCI LA ROMA TANTO A NOI…. ( escono cantando)  MA CHE CE FREGA , MA CE IMPORTA SE  L’OSTE  AL VINO CI HA MESSO L’ACQUA

( CHIUSURA STACCHETTO DEI  ROMANI)

ISAIA (spiega al pubblico  leggendo da un librocome escono i romani e finisce la musicaPOPOLO, POPOLO, ASCOLTAMI  E’ STATO  FATTO  UN  CENSIMENTO DA QUIRINO  GOVERNATORE DELLA SIRIA. ANCHE GIUSEPPE E’ PARTITO DA NAZARET IN GALILEA, E’  SALITO A BETLEMME, LA CITTÀ DEL RE DAVIDE, IN GIUDEA. E’ ANDATO LA PERCHÉ E’ UN DISCENDENTE DIRETTO DEL RE DAVIDE, E MARIA SUA SPOSA, CHE ERA INCINTA, E’ ANDATA  CON LUI. , MI AVETE SENTITO?  POPOLO ASCOLTATEMI , IO SONO IL PROFETA ISAIA            

FUORI SCENA ( gridato corale )  E A NUI CHE CE NE MPORTA? ( e a noi che ce ne importa?)

ISAIA/ MISCREDENTI ( esce)  

Scena 8 –- Madonna – Giuseppe -  3 donne  -    

GIUSEPPE/  ( arriva Giuseppe con Maria, tre donne  disposte sulla scena, di cui due parlano tra di loro ) CORAGGIO MARIA ECCOCI ARRIVATI A BETLEMME ORA CERCHERÒ ALLA LOCANDA UN POSTO DOVE PASSARE LA NOTTE….SCUSI BUONA DONNA

DONNA1/ DITE, CHE VOLETE?  VOLETE MANGIARE , VOLETE BERE? AVANTI PARLATE CHE VADO DI FRETTA

GIUSEPPE/ ECCO IO E MIA MOGLIE  STIAMO CERCANDO UN POSTO DOVE PASSARE LA NOTTE , 

DONNA 1 / E MI DISPIACE MA NELLA MIA LOCANDA NON C’È PIÙ POSTO,  TUTTO STRAPIENO,  SE VOLETE VI POSSO SOLO FAR MANGIARE E DARVI QUALCOSA DA BERE, MA PER DORMIRE DOVETE CERCARE ALTROVE, QUI NON C’E NEMMENO UN BUCO ( esce)

GIUSEPPE/ VI RINGRAZIO LO STESSO

MARIA/ GIUSEPPE HAI TROVATO QUALCOSA?

GIUSEPPE/ ( si avvicina   ) NON ANCORA, DICE CHE QUI E’ TUTTO PIENO , MA ADESSO PROVIAMO AD ANDARE AD UN'ALTRA LOCANDA, VEDRAI QUALCOSA TROVEREMO

MADONNA/ GIUSEPPE FACCIAMO PRESTO , IO NON MI SENTO TANTO BENE

GIUSEPPE/ SIGNORA, LA PREGO ,  SA’ INDICARMI DOVE POTREI TROVARE UN POSTO PER LA NOTTE,

DONNA 2 / ANCORA UN ALTRO! MA NON SE NE PUÒ PIÙ DI TUTTI QUESTI IMMIGRATI,

DONNA 3  / MA TUTTI QUA VENGONO? BETLEMME STA SCOPPIANDO, ANDATEVENE

GIUSEPPE/ VI PREGO, MIA MOGLIE ASPETTA UN BAMBINO, QUALSIASI POSTO ANDRA’ BENE

DONNA2/ SENTITE ANDATE VERSO LA MONTAGNA ,  LI TROVERETE ALCUNE STALLE CHE I PASTORI UTILIZZANO PER RIPARARE LE BESTIE, SE VI ACCONTENTATE …,

DONNA 3/ MA SI  MEGLIO DI NIENTE NON È UN GRAN CHE MA ALMENO NON PASSERETE LA NOTTE ALL’APERTO,  E POI E’ INUTILE CHE CERCATE UN POSTO IN UNA LOCANDA, E TUTTO PIENO, NON LO TROVERETE,   

MADONNA/ GRAZIE, IL SIGNORE VI RENDA MERITO DEL VOSTRO BUON CUORE

DONNA2/ / E FATE PRESTO, CHE VA A FINIRE CHE  SE NON VI SBRIGATE

DONNA /2/3 PURE LE STALLE TROVERETE OCCUPATE    

GIUSEPPE/ AVETE RAGIONE, CI ANDIAMO SUBITO  ( escono)

DONNA3/ MA PERCHE’ VENGONO TUTTI A BETLEMME TU LO SAI?

DONNA2/ E CERTO CHE LO SO, DICONO CHE QUI DEVE NASCERE IL FIGLIO DI DIO

DONNA 3/ MA SI NE HO SENTITO PARLARE ANCH’IO,  DICONO ANCHE,  CHE OGNI VOLTA , LA SUA NASCITA SARA’ RICORDATA,  E IN TUTTO IL MONDO  E SI FARA UNA FESTA DAL NOME NATALE

DONNA2/ E CHE  COS’E’ QUESTO NATALE  TU LO SAI?

DONNA3/  NO, NO LO SO,  PERO’ ADESSO  ANDIAMO A CASA CHE QUI  SI STA FACENDO NOTTE  ED E’ PERICOLOSO

DONNA 2/ HAI RAGIONE,  ANDIAMO ,

SCENAMichele – Maria  -  TRE PASTORI – 1 ANGELO

MARIA/  ( in scena solo lei dopo la sua  battuta arriva Michele) MICHELE E TI VUOI MUOVERE, SE NON TI SBRIGHI NON ARRIVIAMO MAI

MICHELE/ ( arriva stanco e  col fiatone)  MARIA MA TU SEI PROPRIO SICURO, SI ?

MARIA/ SICURISSIMA,

MICHELE/ NO, PERCHE’ IO QUALCHE DUBBIO CE L’HO

MARIA/  MA CHE DUBBIO, L’ANGELO AVEVA DETTO A BETLEMME,  NON TE LO RICORDI?

MICHELE/ MARIA STO’ TALMENTE STANCO CHE NON MI RICORDO NIENTE,

MARIA/ GABRIELE  AVEVA DETTO CHE LA MARIA CHE AVEVA SCELTO DIO, DOVEVA PARTORIRE SUO FIGLIO A BETLEMME

MICHELE/  E SE POI NON NASCE? E SE TUTTA STA STORIA DEL FIGLIO DI DIO  NON E’ VERA?

MARIA/ MA COME NON E’ VERA, ALLORA NON L’HAI CAPITO ANCORA, MICHELE IO SONO INCINTA, SE NON E’ UN MIRACOLO QUESTO CHE COS’E’?

MICHELE/ HAI RAGIONE, NONOSTANTE LA STANCHEZZA SONO CONTENTO, UN FIGLIO E’ UNA GIOIA TROPPO GRANDE, VERAMENTE UN MIRACOLO

MARIA/ BRAVO , NOI DOBBIAMO RINGRAZIARE GESU’ DI QUESTO REGALO,  PERCIO’ FACCIAMO PRESTO , SBRIGATI,

MICHELE/ VENGO, VENGO….. ( escono)

PASTORE 1/  ( entrano 3 pastoriECCO RAGAZZI  SECONDO ME QUESTO E’ SICURAMENTE UN BUON POSTO PER PASSARE LA NOTTE

PASTORE 3/  SEMBRA ANCHE A ME,   DA QUI LE NOSTRE PECORE LE VEDIAMO MEGLIO

PASTORE 2/ E ALLORA  SEDIAMOCI A RIPOSARE SONO PROPRIO STANCO ( si siedono)

PASTORE 1/ AVETE SENTITO COSA  SI DICE IN GIRO?

TUTTI/ CHE SI DICE?

PASTORE 3/  SI DICE CHE A BETEMME E’ NATO UN BAMBINO

PASTORE 2/ E CON QUESTO? TUTTI I GIORNI NASCONO BAMBINI,

PASTORE 1/ GIUSTO, PERCHE’ TI MERAVIGLI TANTO, DOVE E’ LA NOVITA?

PASTORE 3/ SI,  MA QUESTO,  E’ UN BAMBINO SPECIALE,  DICONO CHE E’ IL FIGLIO DI DIO

PASTORE 1/ SONO ANNI CHE  DICONO CHE DEVE ARRIVARE

PASTORE 2/ GIA’,  MA FINO AD ADESSO, NON E’ ARRIVATO ANCORA NESSUNO            ( appare un angelo)

TUTTI /  ( impauriti) EHI MA QUELLO LUCE CHE COS’E’  ?

ANGELO/ NON TEMETE SONO UN ANGELO DEL SIGNORE !  VI PORTO UNA BELLA NOTIZIA CHE PROCURERÀ UNA GRANDE GIOIA A TUTTO IL POPOLO: OGGI NELLA CITTÀ DI DAVIDE, È NATO IL VOSTRO SALVATORE, IL CRISTO, IL SIGNORE

PASTORE 3/ AVETE VISTO? CHE VI DICEVO  ERA COME DICEVO IO ,

ANGELO/ IL BAMBINO CHE STAVATE ASPETTANDO ORA E’ ARRIVATO,  E’AVVOLTO IN FASCE E GIACE IN UNA MANGIATOIA., ECCO QUEL BAMBINO E’ GESU’,  IL FIGLIO DI DIO  (l’angelo esce)

PASTORE 3/ AVETE SENTITO,  IL FIGLIO DI DIO E’ NATO ANDIAMO FINO A BETLEMME PER VEDERE QUEL CHE È ACCADUTO E CHE IL SIGNORE CI HA FATTO SAPERE ATTRAVERSO GLI ANGELI

PASTORE 2/  SI ANDIAMO,  MA PRIMA ASCOLTATEMI, SE IL BAMBINO  È NATO IN UNA STALLA SARÀ PIÙ POVERO DI NOI, PORTIAMOGLI QUALCOSA

PASTORE 1/  MA SI, FACCIAMO PRESTO  E PORTIAMOCI DEL CIBO E DELLE COPERTE ,  SONO TANTI ANNI CHE ATTENDIAMO QUESTO MOMENTO, E FINALMENTE E’ ARRIVATO ,

PASTORE/ E QUANDO SAREMO A BETLEMME E VEDREMO GESU’  INSIEME A MARIA E GIUSEPPE   IN UNA MANGIATOIA.  , LO DIREMO A TUTTI,  

TUTTI/ SI A TUTTI  (escono)  - BALLETTO SU CANZONE ( angeli e Santi)

NATALE E’

Testo e musica di Oreste De Santis

***

NATALE E’ UNA FESTA DI VALORI

NATALE E’ UNA FESTA DI COLORI

NATALE E’ PER TUTTI  NOI

UN GIORNO  DI GIOIA

SI APRONO I CUORI  ALL’AMORE

TU SEI NATO MIO SIGNORE

NATALE  E’ UN MESSAGGIO DI PACE

A  TUTTO IL MONDO

NATALE  E’ UN MESSAGGIO DI PACE

A  TUTTO IL MONDO

RIT/ ANCHE SE LE TANTE GUERRE NON FINISCONO MAI

ANCHE SE  LA FAME CRESCE E  CI SONO SEMPRE  TANTI  GUAI

ANCHE SE CI SONO UOMINI CHE ANCORA SBAGLIANO PERO’

SIGNORE  TU AIUTALI  A STAR LONTANO DAL MALE , AIUTALI

( RIPETE LE DUE STROFA)

PREGHERO’ PER  QUELLI CHE NON CE LA FANNO PIU’

PREGHERO’ PER CHI E’ DELUSO E ORMAI IN TE NON  CREDE PIU’

PREGHERO’ PER TUTTI GLI UOMINI CHE ANCORA SBAGLIANO PERO’

SIGNORE TU AIUTALI A STAR LONTANO DAL MALE , AIUTALI

( ripete le due strofe)

NATALE  E’ UN MESSAGGIO DI PACE

A  TUTTO IL MONDO

A  TUTTO IL MONDO

A TUTTO IL MONDO

 ( durante il balletto si comporrà il presepe – poi arrivano i pastori)

Scena 9 –  - Madonna – Giuseppe – Gesu’ – 3 Pastori –

MARIA/ GIUSEPPE GUARDA COME E’ BELLO

GIUSEPPE/ MARIA NON POTEVA ESSERE ALTRIMENTI,

PASTORE/ ECCOLI, ECCOLI, MARIA GIUSEPPE E GESU’ NELLA MANGIATOIA

PASTORE/ LO DOBBIAMO DIRE A TUTTI

PASTORE/ ( gridato al pubblico , sul proscenio , uno a destra ; uno al centro e uno a sinistra,  ) LO ABBIAMO VEDUTO IL MESSIA MANDATO DA DIO, È UN BAMBINO PIÙ POVERO DI NOI

PASTORE/ GLI ANGELI DAL CIELO CI HANNO DATO LA NOTIZIA

PASTORE/ PROPRIO COME AVEVANO DETTO I PROFETI, DIO È CON NOI

PASTORE/ SIA BENEDETTO IL SIGNORE NOSTRO DIO,

PASTORE/ SIA LODATO IL SUO NOME PERCHÉ HA FATTO GRANDI COSE PER NOI

PASTORE/ RIPETIAMO CON GLI ANGELI GLORIA A DIO NELL’ALTO DEI CIELI  

PASTORE/ E PACE IN TERRA AGLI UOMINI DI BUONA VOLONTA’

TUTTI I PASTORI/  GENTE ASCOLTATE, L’ONNIPOTENTE SI È FATTO BAMBINO (escono)

Scena Finale  -  DIO – SAN PIETRO – GABRIELE – ANGELO – La Sacra Famiglia

( Stacchetto musicale Paradiso , La Sacra famiglia rimane sullo sfondo)

DIO/ TUTTO  E’ ANDATO NEL MIGLIORE DEI MODI, PROPRIO COME DOVEVA ANDARE

PIETRO/ GIA’, NONOSTANTE GABRIELE E I SUOI BOCCOLI

ARC. GABRIELE/  ( preoccupato) PERCHE’ CHE HANNO I MIEI BOCCOLI, C’E QUALCOSA CHE NON VA, DATEMI UNO SPECCHIO, DATEMI UNO SPECCHIO

ANGELO/ MA NO, SONO A POSTO STAI TRANQUILLO, CON IL TEMPO CHE PASSI A LISCIARTELI  VORREI VEDERE….

ARC. GABRIELE/  E ALLORA?  LA VERITA’ E’ CHE IO TENGO I BOCCOLI PIU’ BELLI DEL PARADISO

TUTTI/ LO SAPPIAMO

PIETRO /  MIO SIGNORE   ADESSO CHE E’ NATO , A GIUSEPPE E MARIA   LI ATTENDE UN COMPITO DIFFICILE

DIO/ SI , ADESSO HANNO UN FIGLIO A CUI BADARE,   E FARE I  GENITORI E’  UNA GROSSA RESPONSABILITA’

ANGELO/  SONO D’ACCORDO, LO DEVONO  EDUCARE NEL NOME DEL SIGNORE ,  DEVE IMPARARE A RISPETTARE TUTTI, SENZA DISTINZIONE DI RAZZA DI SESSO  E RELIGIONE

SAN PIETRO/ DEVE IMPARARE AD AIUTARE GLI ALTRI  E AD AMARE IL PROSSIMO

ARC: GABRIELE/  SI MA ANCHE SE STESSO, AVERE CURA DEL SUO FISICO,  FARE SPORT, GINNASTICA E QUANDO SARA’ GRANDE NON DEVE  BERE ALCOLICI, NON  DEVE FUMARE ,  E DEVE SEMPRE GUARDARSI ALLO SPECCHIO COSI’….

DIO/ GABRIELE LASCIAMO PERDERE  LO SPECCHIO CHE E’ MEGLIO

PIETRO/  LA COSA IMPORTANTE E’ CHE DEVE  CREDERE NELLA FAMIGLIA, NELLA VITA  E NELL’AMORE DI DIO,   ,

ANGELO/  COMUNQUE E’ PROPRIO VERO, CRESCERE UN FIGLIO OGGI E’  UN COMPITO DIFFICILE

DIO/  E’ PROPRIO QUELLO CHE GLI STA DICENDO GIUSEPPE A MARIA , SENTITE

TUTTI/  SI, SI  SENTIAMO  (  si posizionano tutti dietro a Giuseppe, la madonna e Gesù)

GIUSEPPE/  MARIA,   TU CHE  DICI ?   CE LA FAREMO ?

MARIA/   GIUSEPPE SE NOI  CI AMEREMO COME ADESSO AMIAMO LUI, , NELLA NOSTRA CASA REGNERA’  SOLO L’AMORE,  E CHI VIVRA’ CON NOI LO RESPIRERA’ OGNI GIORNO E DI QUESTO AMORE SI NUTRIRA’  

DIO / PIETRO/ ANGELO/ GABRIELE /  GIUSTO

GIUSEPPE/ E DALL’ AMORE CHE NOI PROVIAMO PER LUI E CHE GLI REGALEREMO OGNI  GIORNO  NE POTRA’ VENIRE SOLO DEL BENE ,

DIO / PIETRO/ ANGELO/ GABRIELE /  PROPRIO COSI’

GIUSEPPE/ MARIA PROMETTO DI VOLERTI SEMPRE BENE,  NELLA BUONA E NELLA CATTIVA SORTE,  E DI DARE A GESU’ NOSTRO FIGLIO, TUTTO L’AMORE DI CUI HA BISOGNO

PIETRO/ COMME PARLE BELLE ( come parla bene)

MARIA/ GIUSEPPE TU SEI UN UOMO BUONO, MA NON TEMERE,  NON AVERE PAURA ,  NOI NON SIAMO SOLI ,  DIO CI AIUTERA’

DIO/  QUESTO SICURAMENTE

GIUSEPPE/ SI ,  HAI RAGIONE  NON SIAMO SOLI , DIO CI AIUTERA’

MARIA/ E ADESSO CHE  GESU’ FINALMENTE E’ NATO, LO POSSIAMO DIRE A TUTTI

GIUSEPPE/ MARIA CHE DOBBIAMO DIRE?

TUTTI/  ( al pubblico)  BUON  NATALE A TUTTI

( canzone finale tutti in scena LA FESTA PIU’ BELLA )

F I N E

Puoi ascoltare le canzoni inserite nel CD dello spettacolo direttamente sul sito dell’autore vai su  - http://www.orestedesantis.com                                                    oppure scrivi a orestedesantis@libero.it

    Questo copione è stato visto
  • 0 volte nelle ultime 48 ore
  • 1 volte nell' ultima settimana
  • 13 volte nell' ultimo mese
  • 40 volte nell' arco di un'anno