Natale in casa Bongiorno

Stampa questo copione

1

*NATALE

IN

CASA BONGIORNO

COMMEDIA IN TRE ATTI DI:

Claudio Natili e Carlo Giustini

© Copyright by C. Natili

Tel. Fax 06 - 4503337

Cell. 339-6473425


1


2

PRIMO ATTO

01 – M7 - FAMIGLIA BONGIORNO

Si apre il sipario. La stanza è semibuia. Entra Maria Bongiorno ed apre le imposte. Fa freddo...

MARIA         (urlando mentre apre le imposte)…Antonio?… Antonio!!!…

SFUMA LA MUSICA

MARIA             Ma che stai a fa qua sur divano…quando ho visto che a letto nun c’eri, m’hai fatto pijà un corpo, m’hai fatto…forza arzete che devo spiccià.

ANTONIO     A Marì…se strilli così, sei te che me fai pijà un corpo. Stanotte me stavi a pijà a carci e così so’ venuto a domì su ‘sto divano…ci ho tutte le ossa rotte…aspetta

un attimo…damme er tempo…no?…Mo me arzo.

MARIA              (togliendogli le coperte da sopra) No mo!...Prima de mo! Forza su, che i tempi

tuoi li conosco e poi…mai che la matina t’annassi a fa’ un giretto pe’ Roma pe’ cercatte da lavorà…

ANTONIO   (Alzandosi dal letto e infilandosi le ciabatte)   E perché ieri che ho fatto?…

(sbadiglia) De giri pe’ Roma ne avrò fatti armeno ‘na ventina dalle tre der

pomeriggio, fino alle otto de sera…(stiracchiandosi si avvia verso il tavolo)

MARIA             …‘na ventina de giri pe’ Roma?…Non ce credo neanche se te chiamavi Mennea.

E come li avresti fatti ‘sti giri?….A passo o de corsa?

ANTONIO     A sede…su ‘a circolare!….(comincia a spillucchiare le rare molliche di pane

sparse sul tavolo)…la gente così…come le sardine.

MARIA             (bonariamente rassegnata)  Sì, sott’olio!

ANTONIO     Ma quale sott’olio…sotto sudore!…(cerca di scolarsi, se per caso ci fosse

rimasta dalla sera prima, una goccia di vino da una bottiglia ancora sul

tavolo) Ero capitato sotto l’ascella de uno arto du’ metri…questo se rivorta e me

fa: “Che ci hai da spigne?” E io: “No…è che volevo sapè che deodorante usi!”

Dice: “Biancaneve e i sette nani!”…E allora io: “Mesà che nel tubetto c’era un

nano morto!” M’ha sarvato la fermata…appena la porta s’è aperta…zacchete!

Come ‘na saetta già stavo sur marciapiede…altrimenti, quello…lo sai le botte?!

MARIA             Un po’ de botte non è che t’avrebbero fatto male….

ANTONIO     …A chi, a me?…Se ce provava lo gonfiavo come ‘na zampogna.

MARIA             E già…ci avemo Carnera.

ANTONIO     Ammazza  che  fusto!…(Sopra  al  tavolo  c’è  un  piccolo  bricco.  Sempre

parlando, Antonio dopo avervi dato una distratta occhiata cerca una

tazzina)…manco ‘na tazzina? (apre lo sportello della credenza prende una

tazzina)…senza un goccio de caffè e chi gliela fa a svejasse? (Prende il bricco e

versa il liquido nero nella tazzina. Dopo un piccolo sorso risputa disgustato

il nero liquido) Oddio…che è!

MARIA             Ma che te sei bevuto…Antò!


2


3

ANTONIO

Che schifezza…(risputa disgustato)…che robba era!!!

MARIA

La tintura che se prepara tu’ nonno pe’ passassela sui capelli la matina

ANTONIO

(disperato) Oddio…Marì…e mo che me po’ succede?

MARIA

L’hai mannata giù?

ANTONIO

Forse…du’ gocce!…(risputa) Marì…forse!

MARIA

Oddio Anto’…che vor’ di’ ‘sto forse…che vor di’!

ANTONIO

(sputa ancora) Sta tranquilla…Mesà che l’ho risputata tutta.

MARIA

Disgraziato…me fai pijà li corpi de mattina a bon’ora.

ANTONIO

E perché, io no, Marì?…Già me vedevo tra li dottori che me facevano ‘na

lavanda “drastica”

MARIA

(sempre con rassegnazione) Gastrica, Antò!…Se dice gastrica.

ANTONIO

(rincuorandosi) E vabbè…drastica…gastrica, come se dice se dice… importante

è che nun l’ho mannata giù (si avvicina a sua moglie abbracciandola)

Brrr…che freddo Marì, perché nun se rimettemo a letto a riscaldasse un

pochetto?

MARIA

Ma lasseme perde…(si divincola con garbo) che sei matto?…Non te ricordi che

deve  arrivà  tu’  cugino?…E  quanno  arriva  nun  vojo  che  te  trova  così.

(riprendendo a rassettare) Vedi piuttosto de damme ‘na mano…c’è d’anna’ a

fa’ la spesa…da spiccia’ casa…

ANTONIO

Beh…ci hai du’ fije…fatte aiuta’ da loro, no?

01 – M7 - FAMIGLIA BONGIORNO

ANNA

(entra in scena stropicciandosi gli occhi e ancora assonnata) Buon giorno,

(sbadiglia)…Buon giorno ma’?!

SFUMA LA MUSICA

ANTONIO

Nomini er diavolo e spuntano le corna…

ANNA

Ma’!…Che erano quegli strilli?…Stavate a litiga’?

MARIA

No!…Niente!…Era tu’ padre che s’è bevuto la tintura dei capelli de nonno!

ANNA

Poraccio!

MARIA

Ma no, sta’ tranquilla…nun è successo niente!

ANNA

Come….quel poraccio de nonno mo che s’arza non si può tingere i capelli…e tu

mi dici che non è successo niente?!

ANTONIO

Hai capito?…Io rischio de annà all’ospedale…e nonno sarebbe er poraccio….ber

capolavoro de fija che hai fatto.

MARIA

E già…quanno li fij non te stanno bene, so’ della madre…poi…quanno pijeno un

ber voto a scola…oppure je fanno un complimento…allora  “hanno preso tutto

der padre”

ANNA

A me ogni tanto qualcuno me lo dice che un pochetto somiglio pure a te.


3


4

ANTONIO                                                                                                                                                                            Ah, grazie der pochetto!…Dico…quarcosetta de mio ce l’avrò pure messa, nun

te pare?

MARIA             Bravo hai detto bene!…Giusto quarcosetta (fa il segno del pollice su metà

indice)…Piuttosto vedi de damme ‘na mano, che tra un po’ arriva tu’ cugino darpaese e…

ANTONIO     (entrando in battuta) Eee…mai ‘na vorta che se riesce a passà le feste in santa

pace…a Natale ci avemo ospiti…a Capodanno ci avemo ospiti….a la Befana ci

avemo tu’ madre…t’ho detto tutto.

ANNA                 Papà…te sei scordato Pasqua!

ANTONIO     Non è che me lo so’ scordato…(Da sopra una sedia prende i pantaloni e

mentre comincia a vestirsi) è che il proverbio dice: “Natale con i tuoi e Pasqua

con chi vuoi!” Quindi…quel giorno…de li parenti ne puoi fa’ a meno!

MARIA             Tu’ padre non c’ha tutti i torti…a Pasqua puoi annà ‘n do’ te pare…a fare una

gita in campagna…a visità i musei…

ANTONIONon parliamo de musei che ci ho solo brutti ricordi.

ANNA                 Perché, che t’è successo papà?

ANTONIO     Te e tu’ sorella neanche eravate nate…io e tu’ madre eravamo sposetti. Che

tempi….(mentre si mette le scarpe) all’epoca du’ sòrdi ce giravano….diglielo

un po’ Marì?

MARIA             Eh! Ce giravano…alla larga…a noi i sòrdi sempre alla larga ce so’ girati.

ANTONIO     No…je volevo raccontà de quando semo annati a Londra coi sòrdi de la liquidazione de tu’ padre. (mentre si mette la camicia) Eravamo, io…tu madre, e  i  tu’  nonni…  annamo  a  visità  er  museo  delle  cere  nella  stanza  degli

orrori….nun famo in tempo a entrà che…nun se so’ tenuti tu’ nonna?…Ahò…e

mica ce la volevano ridà…già l’avevano messa in mostra…hai da vede pe’ riavella!

MARIA             (sarcastica, accennando un applauso) Bravo…che famo…Dovemo ride?

ANTONIO     Embè…

MARIA             E no che non rido!…Perché mo m’hai stufato!…Ce l’hai sempre co’ mi’ madre!

ANTONIO     Ho capito va…È mejo che vado a fa’ la spesa…qui tira ‘na brutta aria…. io me

vado a mette ‘a giacca!

01 – M7 - FAMIGLIA BONGIORNO

Entra MARINA in pigiama e sbadigliando. Antonio rimane in scena.

MARINA         Buon giorno….

SFUMA LA MUSICA

ANTONIO     (indicando le due figlie) Eccole qui…i capolavori della vita tua…

ANNA                 Marina non ce fa caso…( si mette seduta alla tastiera e accenna ad alcuni esercizi)…stamattina papà è un po’ agitato.


4


5

ANTONIO

A Marì…e mo’ questa che fa?…Comincia a rompe de matina a bon’ora?

MARIA

Lasciala suonare…tra un mese ha gli esami al conservatorio.

MARINA

Papà…ti vedo nervoso o mi sbaglio?

MARIA

E’ nervoso sì…invece del caffè, ‘n artro po’ se beveva la tintura dei capelli de tu’

nonno!?

MARINA

Poraccio!!!

ANTONIO

Ecco là…pure te, come tu’ sorella…poraccio nonno che dopo non sapeva come

fa pe’ tignese i capelli.

MARINA

Ma che scherzi?…Er poraccio mica era nonno!

ANTONIO

Meno male che armeno a una delle due je preme la salute mia.

MARINA

Ma no…dicevo poraccio er sor Giovanni!

ANTONIO

Giovanni?…E mo chi è ‘sto Giovanni!

MARINA

L’amico de nonno che je prepara la tintura….pensa che pe’ preparalla, tra la posa

de un ingrediente e l’immischiata de ‘n artro…je ce vòle almeno mezza giornata

de lavoro…porello…se te la bevevi…pensa quanta fatica aveva sprecato quer

poveraccio!

ANTONIO

De Giovanni!…Beh mo’ la volete sapè la novità?…Da oggi, io, nun me chiamo

più Antonio…

MARIA

Ah, no?…E come te dovrebbimo da chiamare?

ANTONIO

Spirito…me dovressivo da chiamare!…Spirito!…Che tanto io, in questa casa,

non esisto…so’ ‘na cosa…come se po’ dì…effervescente.

MARINA

A  papà  se  dice  “evanescente”….Se  dici  effervescente,  te  scambieno  pe’

l’idrolitina.

ANTONIO

E me ce scambiassero!…Armeno l’idrolitina è ‘na cosa che esiste.

ANNA

(voltandosi verso il padre, mentre continua a suonare) Papà…l’idrolitina non

la fanno più!

ANTONIO

(a Maria) Vedi?…Non esisto neanche effervescente!…Non conto niente manco

come spirito!

MARIA

E vabbè visto che ce tieni tanto a contà qualche cosa…conta ‘sti sordi…pe’ fa la

spesa te dovrebbero basta’! (prende dal borsellino delle monete e le dà ad

Antonio)

ANTONIO

(Soppesandole) Pe sfonnatte le saccocce solo l’Euro se dovevano inventà!…Ieri

ho visto uno che camminava tutto da ‘na parte…je faccio: “artrosi?”…dice ”No,

Euro!”

MARIA

Che dovemo ri-ride?.

ANTONIO

Ho capito va…io me vado a mette la giacca e esco. Ma vado a mette a

giacca….esco…esco….mah….

02 – SUONA IL CAMPANELLO


5


6

MARINA (correndo verso l’uscita) Deve essere Renato…il mio fidanzato! (esce) ANTONIO Ma il ragazzo di tua figlia non si chiamava Giancarlo?

MARIA              Co’ Giancarlo ce s’è lasciata ieri!

ANTONIO     Ieri!!!…E adesso già?….E io ‘sti giovani de oggi mica li capisco!…’Na vorta

prima che te mettevi co’ uno ce pensavi e ripensavi…mo…

ANNA                 Papà…ma tu sei rimasto ai tempi de Checco e Nina, (si alza dal piano

smettendo di suonare) oggi te metti co’ uno, e se non te sta bene te metti co ‘n

altro…e se n’ te sta bene te metti co’ ‘n altro ancora…e se non te sta bene….

ANTONIO     (entrando in battuta)…Ahò…ahò…ahò fermate!…Ma poi così una ‘n se sposa

mai!

ANNA                 Lo so…ma vòi mette quanta gente conosce?

MARIA              Guarda che è un bravo ragazzo…e poi…Lo conosci pure te…è er fijo de Fausto

er fruttarolo…Antò…ci ha tanti de quei sòrdi che j’escono dall’orecchia…se chiama Renato…

ANTONIO     Ma chi…Renato quello strano, che quanno te ‘ncontra…te s’attacca appresso come ‘na cimicia?…No…ci avrà pure li sòrdi, ma quello proprio no!…E poi a

Marì…a te t’ho posso dì…a me, me sembra pure un po’ frò….

MARIA              (entra in battuta) Antò…ma che vai a pensà…ste cose neanche le vojo sentì.

ANTONIO       Fròllo volevo dì…fròllo. È un frolloccone…sempre lemme, lemme! E poi

Marì…ma tu’ fija nun se poteva sceje un ragazzo co’n cognome diverso?

ANNA                 Certo papà, che quando uno ti sta antipatico…ora pure il cognome ti dà fastidio!

ANTONIO     Beh!…Uno che se chiama Tristezza se va a imparenta’ co’ ‘na famija che se

chiama Bongiorno…Te lo figuri che bello?…Bongiorno Tristezza!!! (entrano

Renato e Marina)

RENATO        Bongiorno  e   Buon   Natale  a   tutti…(sia    Anna  che  Maria  lo  salutano

calorosamente)

ANTONIO     (Si     alza   cantando)  Bongiorno  tristezza…amica  della  mia  malinconia…

(alludendo)…la strada la sai…(mentre esce con movenze gay)…io mi vado a

mettere la giacca!…Oggi mi sento tanto fro-lloccone!

(i presenti lo guardano stupiti mentre si avvia all’uscita)

RENATO        Scoliosi?

ANTONIO     No!…Fròllosi!…Ciao Renà!?…Ciao sorcine! (Esce)

RENATO        Scusi se mi sono presentato alla buon’ora…ma ieri con Marina, ci siamo messi

d’accordo per andare a Messa insieme…ci siamo messi…e allora..

MARINA         Scusa  Renato,  la   Messa?!…Già  me   n’ero  dimenticata…vado a   vestirmi

e…Anna, perché non vieni anche tu?

ANNA                 Ma, veramente dovrei studiare…a Gennaio ho un esame….

RENATO        Ma dai…oggi è la vigilia di Natale…non si studia!…è la vigilia…


6


7

MARIA               E’ vero queste sono giornate dedicate al Signore…vai…vai a Messa anche tu…

ANNA                 E va bene…se non altro esco un pochino…

MARINA Brava…andiamo a vestirci (poi a Renato) Tu caro aspettami qui, veniamo subito.

RENATO        Vi aiuto a spogliarv….a vestirvi?

ANNA                 No…facciamo da sole, grazie! (Escono. Entra Antonio quasi scontrandosi con

le figlie)

ANTONIO     Dove vanno quelle?

MARIA              Beh…Visto che oggi è la festa der Signore…

ANTONIO     Je vanno a comprà il regalo.

MARIA              Ma a chi?!

ANTONIO     A Renato…ahò…me l’hai detto te ch’è un signore co’ li sòrdi che j’escono

dall’orecchie.

RENATO        (meravigliato, timidamente) State parlando di me…state parlando?

MARIA              (cercando di non farsi vedere da Renato, col capo fa cenno di no mentre

ammiccando con l’indice indica in alto) Ma no…la festa del Signore…

ANTONIO     No…non ce l’avevo co’ lei…ma…cor signore che…abita…al piano sopra al

nostro…ci ha un sacco de sordi.

MARIA              Ma no, caro…non abita sopra al nostro… (cercando di non essere vista da

Renato indica ancora più su)

ANTONIO     Ecco sì…è andato abità all’ultimo piano…e c’ha un sacco de sor….

MARIA              (puntualizzando e sempre cercando di farsi capire con i segni) no…non ha i

soldi…a lui i soldi non servono.

ANTONIO     (a Renato) Ma certo…mo che me ricordo…ce l’aveva i soldi…poi, dato che non

je servivano…l’ha buttati…

RENATO        Ma chi l’ha buttati…ma di chi state parlando, di chi?

ANTONIO Del signore che…

MARIA              (cerca di far capire che sta parlando del Padreterno facendo segno che ha l’aureola in testa)

ANTONIO     …che va sempre in giro con un cappello in testa.

MARIA             (insiste coi segni mimando uno imponente con la barba)

ANTONIO     No…il cappello non ce l’ha perché…ci ha la barba….(Maria continua a far

segni mentre Antonio continua a buttarsi a indovinare) No! Non ce l’ha più

se l’è tagliata…e è andato abita’ su un grattacielo… no…più su…in montagna

(Maria fa il segno delle mani giunte)…è andato in montagna a pregà che je

vendessero un appartamento…no? …A Marì, ma insomma se po’ sapè sto

signore in do’ cacchio è andato abità?

MARINA         (Entrando in scena insieme ad Anna) Renato andiamo?…Se non ci sbrighiamo

arriviamo a Messa iniziata


7


8

RENATO        …e oggi non è proprio il caso, perché non c’è festa del Signore più grande di quella del giorno di Natale, non c’è festa...

MARIA              Mo hai capito de quale signore se parlava?

ANTONIO     Ahhhh!…Ehhh…da mo che l’avevo capito!…Solo una cosa non ho ancora capito…me piacerebbe sapè come mai il signor Renato doveva da venì proprio stamattina a rompece li….

ANNA e MARINA (interrompendolo) Papà!!!!

ANTONIO     Calma…fateme finì…dicevo…a rompece li…momenti più intimi della nostra famiglia, nell’attesa del Santo Natale. (le donne tirano un sospiro di sollievo)… che è la festa der Signoreeee….

MARIA              Ma il signor Renato è proprio per questo che è venuto qua!…Essendo ormai

entrato a far parte della nostra famiglia, lui ha voluto condividere questi momenti con noi!

RENATO        Infatti i miei volevano che andassi a Cortina con loro, che andassi…ma poi mi

sono detto: “Renato…quest’anno il Natale lo devi passare in casa della tua

“futura” famiglia, e così, sono rimasto. Ho fatto bene, signor Antonio…ho fatto

bene?

ANTONIO     Ehhh!!!…’N’idea migliore nun ce la potevi ave’!

RENATO        In che senso signor Antonio?…In che senso?

MARIA              (anticipando il marito) Nel senso che hai avuto un’idea luminosa…vero Anto’

che volevi dì così?

ANTONIO     Non solo, ma se de ‘st’idee luminose Renato ne avesse di più…. Lo attaccamo

all’arbero de Natale…un par de sgrullate de capoccia e…te parteno tutte ste idee luminose…così risparmiamo pure i sòrdi de’ le lucette.

MARIA              (spazientita, rivolta al marito per cacciarlo) Allora ce vai o non ce vai a fa’ la

spesa per il pranzo di domani?

ANTONIO     Domani?!….E…oggi?

ANNA                 Papà…oggi è la vigilia di Natale…

MARINA …e per tradizione, abbiamo sempre fatto il digiuno… ANTONIO Sì…ma pure quest’anno?

MARIA              Embèh?…Perché quest’anno che ci ha de speciale?

ANTONIO     (mettendogli bonariamente una mano sulla spalla) A Renà…damme retta,

rispegni l’arbero de Natale perché nun è stata un’idea luminosa, la tua. Meijo a

Cortina co’ la panza piena che a Roma co’ la panza vota. T’ho detto tutto!!!

(Esce)

MARIA              Lei ci capirà signor Renato…non vogliamo che muoiano certe tradizioni che

fanno parte della nostra cultura contadina…

RENATO        Lei signora Maria…è una donna molto saggia…è una donna…

MARIA              E tu…un bravo ragazzo.


8


9

RENATO

Azzo…

MARINA

Renato, allora…vogliamo andare?

RENATO

Ma certo, cara.

MARIA

Non fate tardi…che in questi giorni di festa c’è sempre un sacco da fare…e un

aiuto non è che mi farebbe male.

03 – SUONA IL CAMPANELLO GAETANO

ANNA

Vado ad aprire io…(esce)

MARIA

E mo chi è….

GENNARO

(voci fuori campo) Buon Natale, Anna!

ANNA

(V.F.C.) Zio Gennaro…

04 – M6 - L’ALLEGRA FAMIGLIA

GENNARO (Entra in scena con l’irruzione di un elefante. Ha un valigione legato con lo spago è burino e il suo abbigliamento lo caratterizza ad hoc. Anna lo segue) Bon Natale a tutti!!!!!

MARIA              Gennaro…che piacere rivedette.

MARINA         (andandogli incontro) Gennaro…che sorpresa….(lo saluta con un paio di

bacetti sulle guance)…vieni, ti faccio conoscere il mio fidanzato… (lo accompagna da Renato)…Renato…ti presento zio Gennaro.

SFUMA LA MUSICA

RENATO        Piacere…Renato…Tristezza.

GENNARO   Ma su…te devi fa’ coraggio, fijo mio…non devi esse’ triste…prima o poi tocca a tutti….

RENATO        Cosa? Scusi…veramente non capisco…veramente…

GENNARO   Questo ce lo avevo anduito…se capivi e quanno te la pigghievi Marina? … Comunque tiè…(gli offre un fazzoletto prendendolo con anulare, medio e

pollice in modo di mettere in risalto il mignolo e l’indice tesi a mo’ di corna)

RENATO        Che ci devo fare? Checci….

GENNARO  Beh, visto che sei triste…te po’ scappa’ pure da piagne…

MARINA         Gennaro…guarda che c’è stato un equivoco…

GENNARO  Aoh…guarda che se qui c’è stato un equino io nun lo so’ portato…io lu meo lo

tengo nella stalla.

ANNA                 Ma no, Genna’!…No, equino…equivoco.

GENNARO  Equivoco?!…E che dè lu fiju dell’equino?

MARINA         Ma no, equivoco vuol dire che c’è stato uno sbaglio…Renato non è triste

GENNARO  Ah, no?


9


10

RENATO        Ma no caro! Tristezza è il mio cognome. Mi chiamo Renato Tristezza….

GENNARO  Poro fijo…certo che ce l’hai tutte le disgrazie (mimando il suo atteggiamento

un po’ effeminato)

MARIA              Genna’…ma  che  dici…Renato,  invece,  è  un  uomo  fortunato…è  fijo  der

commendator Tristezza…il re delle verdure a Roma.

GENNARO  Che verdure?

MARINA         Tutte le verdure.

GENNARO  Pure li finocchi?

RENATO        Ma certo caro…

GENNARO  Me pareva…(a Renato) mesà che da ragazzino te né sì magnati parecchi, eh?

MARIA              Gennaro!!!

GENNARO A Marì e cadè!…Aòh, mo me dimenticavo…t’ho portato nu pollastro e un po’d’ova…so’ fresche, fresche…appena uscite da lu culo.

MARIA              Ma non dovevi disturbatte…

GENNARO  Ma che disturbo…lu culo mica e lu meo…è de le galline.

MARIA              (ridendo) No…volevo dì…che potevi fanne a meno…tu sei sempre il benvenuto

GENNARO   Sì, ma mica so’ solo io lu benvenuto!…Perché mo quanno ve diche chi me so’ portato a eccheme…farete li sarti ca se nin ve chiappo pe’ li piedi sfonnate lu soffitto.

LE DONNE (guardandosi sconsolate)       Chi?

GENNARO Me so’ portato fijemo…Natalino…ca proprio domani compie lu compleannoe…dulcise in fungo….indovinate chi me so portato puro?

LE DONNE (si guardano con sconsolata apprensione) Chi?

GENNARO Mo ve fò lo quizze sciò!….(a Renato)…e tu mettete qui ca cusì fai un altro

concorrente.

RENATO

Ma certo signor Gennaro…lei mi sembra proprio Pippo Baudo, Pippo…

GENNARO

Mammeta… soremà…o mojemà?

LE DONNE

Porca vacca!!!

GENNARO

Ma no…mi’ moje ninn’è potuta venì…me so portato sorema.

LE DONNE

(Lasciandosi cadere sconsolate sul divano) Oh…No!!!

GENNARO

(a Renato)

So’ svenute da la contentezza!

RENATO

Signor Gennaro…presto…un po’ d’aceto…un po’ di profumo…

GANNARO Ma nin te preoccupà…io le conosco…du’ minuti e se ripieno….je succede ogni

vorda che faccio l’annunciazione c’ariva sorema….(lo prende per un braccio

portandolo da una parte e confidenzialmente)….piuttosto Renà…anche se a

te, te piace la verdura…te pozzo dà nu consijo…mo ca Marina nin ge sende? RENATO Ma certo…da lei sono pronto ad accettare tutto!…Sono pronto…


10


11

GENNARO A tutto?!…Solu no consiijo te pozzo dà…quello e basta…famo a capisse!...Meraccomando…quanno te sposi…fa’ comma a me…dacce sotto!

RENATO        Scusi…ma non capisco…non ca…

GENNARO E te credo ca nin capisci…co’ le abitudini alimentari che t’aritrovi…comme faiporello…Renà…mesà che tu ci hai bisogno de ‘n po’ de scola…io modestamente…ci ho tredici fij!?

RENATO        (incredulo) Tredici fij?…No, no…mi dispiace, midi…ma io farò proprio come mio padre che di figlio ne ha avuto solo uno…il sotto… scritto…sotto!

GENNARO Eh lo so…a te lì sotto te c’hanno proprio scritto…hanno cominciato daragazzino…co’ li bastoncelli!

RENATO Ah, ah…simpatico…Signor Gennaro…lei è veramente simpatico, è vera GENNARO E così tu’ padre ha riuscito a fa’ solo a tune?…Beato lui…ma quanno che aijeva

a letto co’ la tu’ mammeta come faceva!?

RENATO        E’ semplice…usava la testa, usava…

GENNARO  Usava la testa? (ci pensa) E nin je facevano male le orecchie?

RENATO     (verso le donne) Simpatico…simpatico…

MARIA              (le donne danno cenni di ripresa) Mamma mia…che è successo!!!

ANNA                 Non lo so…è stata come una bomba!

MARINA         Sì…(rialzandosi)…la bomba della notizia che tra un po’ arriva quel terremoto di

nostra zia Carolina.

MARIA              (alzandosi stizzita) Marina…Anna…andate a messa che è meglio.

RENATO        Arrivederci signora Maria…arrivederci

MARIA              Mi raccomando…non fate tardi.

ANNA                 Ciao ma?

MARINA         Ciao?! (Escono);

MARIA              (a Gennaro) Dimmi di Natalino…come sta?

GENNARO Male Marì…male!…Songo venuto a ecco…ortre ca pe’ passa lu Natale a

quane…pure pe’ portallo da lu dottore.

MARIA              Dal dottore…e cos’ha?

GENNARO              Ci ha la fiacca e lu verme solitario e cusì lu veterinario de lu paese meo m’ha detto…Gennà…se lo vuoi guarì subito, lo tenghi da portà a Roma.

05 – SUONA IL CAMPANELLO

MARIA              Aspetta…vado a vede’ chi è…

GENNARO E ‘n do’ vòi che vado…io qui stone…(esce Maria). Speramo de magnàpresto…tengo ‘na fame che me magnerei un’inzalatiera senza la robba dentro…(voci fuori campo tra Maria e Natalino)

MARIA              Piccolo de zia…come stai?…(Entrano)


11


12

NATALINO (è un adulto vestito da bambino) Tengo fame..zì…Tengo fame!

MARIA             A Gennà…ma che j’avete fatto a ‘sto ragazzino che lo vedo così sciupato?…Guarda che occhiaie.

GENNARO Pensa troppo a le femmene Marì…questo è nu sporcaccione. Je devo da cioncà lemani.

NATALINO Ninn’è vero zì…Me tengheno a stecchetto…nun me fanno mai magnà, e tengopure lu vermine solitario.

MARIA             Ho capito va…ce penso io…ora zia ritorna con un bel panino…(esce)

NATALINO (agitatissimo) A papane!…(gira intorno al tavolo)…Me porta lu panino…Apapane!… (Sale sulle sedie)…A papane…

GENNARO Natalì…te stai fermo?!…E poi quante vorde t’aggio dittu ca nin se dicepapane…vieni quane!…Tua zia Carolina ‘n do’ la sì lasciata?

NATALINO L’ho lasciata ca steva a discute co li viggili perché dicevano ca nin ciaveva lu permesso de circolazione.

GENNARO  De la machina?

NATALINO No…de lei stessa…dicevano ca se per caso incontrava de notte uno debole decòre, quello ce poteva pure rimanè secco.

GENNARO   Se a sorema ‘n ge fanno la murta…je ce sta bene!…Accusì se ‘mpara a nun girà cor burca.

NATALINO E che dè lu burca?

GENNARO   Come te pozzo dì?…E’ que’lu coso ca le donne se metteno accussì, come ‘na tenda de campeggio no?…Inzomma…lu burca.

NATALINO (salta per la stanza come un indemoniato) Cor burca…cor burca…

GENNARO Natà…nun cure ca te viè la febbre!

NATALINO Io curo…io curo…io curo…

06 – M3 - CONTENTEZZA

ANTONIO     (Entra con una busta della spesa) Aòh…e che è tutto ‘sto casino?

GENNARO Cugino Antonio…

NATALINO Zio Antonio…

ANTONIO     Pianoooo!!!…(Lo abbracciano con tanta irruenza che cadono tutti e tre sul divano a gambe all’aria) Ahhh!!!… Ma che siete matti?

MARIA             (Entra correndo con un panino in mano) Che è successo?…Che fate là sul divano?

ANTONIO     Che faccio?!…Me ci hanno buttato loro…

GENNARO (mentre si rialza) Ma perché semo contenti de vedette… NATALINO Sì…de vedette….zì Antò…da vedette.


12


13

SFUMA LA MUSICA

ANTONIO     Alla faccia!…E se v’ero antipatico ‘n do’ me buttavate…dalla finestra?

MARIA              (Aiutando Antonio a alzarsi) Te vonno bene…e t’hanno salutato con foga

NATALINO (Tirando i pantaloni al padre) A papane…dove la sì messa la foca?

GENNARO  E che ne saccio io…la foca sarà scappata…

MARIA Gennà…non foca, ma foga…con la G! GENNARO Ho capitu…co’ la G come…come…(pensa)… NATALINO (rialzandosi) Co’ la G come Gatania, papane….

ANTONIO     Se…buonanotte!!!…Catania…no…Gatania!…Ma Gennà, levame ‘na curiosità…ma che classe fa tu’ fijo?

GENNARO  La prima alimentare.

MARIA              Gennà…se dice…prima e-lementare!!

GENNARO   Lo so!…Ma questo co’ quello ca ce costa pe’ magnà la vòi ancora chiamà prima elementare?

ANTONIO     (A Natalino) A Natà…’n te vergogni?…Così giuggiolone e ancora fai la prima preparola!?!… E quanno passi in seconda?

NATALINO A zì, che sì matto?…Vedessi quant’è bona la maestra!?!

GENNARO   (Dà uno scappellotto sulla nuca di Natalino) Somarone…e pure zozzo…vergognate!

MARIA              E non je menà…porello!…E aiutateme piuttosto a sistemà ‘sto divano!

GENNARO (Mentre tirano su il divano)  Mica  lo  capisce  ca  si  nin  studia  rimanearfabbetico?!…Nin sa nemmanco in do’ sta Catania!….(Accenna a dargli un

altro schiaffo, ma Natalino si fa scudo di Maria che lo protegge. Poi al figlio)Fortuna che ci hai un padre che è strutto… Catania è nu paesetto ‘n de la provincia de Sgurgola!

ANTONIO     Gennà…ma che dici…Catania è ‘na città della Sicilia…alle pendici dell’Etna….

GENNARO   E io quello so dittu…(rivolto al figlio) hai capito Natalì?… Impara!… Catania è la città di Cecilia che ci ha l’appendicite sull’ernia…

MARIA Beh…lassamo perde và…E tu Natalì, viè qua…Tieni…t’ho preparato un panino. NATALINO Che ci sì messo dendro?

MARIA              Due fette di lingua di bue.

NATALINO A zì…a me, le cose che escono dalla bocca dell’animali me fanno schifo.

MARIA              Ah, sì?…Perché…cosa avresti voluto?

NATALINO Le ova!

MARIA              Su, da bravo…mangia questo….e non fare capricci…

GENNARO A proposito de magnà, se questo tiè lu vermine solitario er panino se lo magna luvermine e a sto punto…sai ca vedico?…E’ meijo ca me lo magno io. Guarda


13


14

l’uccellino? (Natalino si guarda la patta dei pantaloni. Gennaro dandogli uno schiaffo sul collo)…Ma ‘n do’ guardi scemo…l’uccellino sta lassù! (Natalino guarda in alto e Gennaro gli toglie il panino dalla mano)

ANTONIO     Alla faccia dell’amore paterno!

NATALINO (piagnucolando saltella capriccioso ) Aridamme lu panino…Io nun voijodiggiunà…lu vermine solitario se mòre de fame e io pure…tengo fame!

07 – M4 - NONNO BERSAGLIERE

Entra correndo e suonando la marcetta dei bersaglieri con una trombetta, GAETANO: un arzillo vecchietto ottantenne padre di Maria. Usa il bastone (che in seguito adopererà per appoggiarsi) come fosse una sciabola. Ha una vecchia divisa da bersagliere con tanto di cappello.

GENNARO e NATALINO Nonno Gaetanoooo!

GAETANO   Avanti miei prodi…all’attacco! (continua a suonare la marcetta mentre Gennaro e Natalino gli si accodano dietro tenendo il passo e cantando)

GAETANO (dopo un paio di giri della stanza il nonno si ferma improvvisamente provocando un tamponamento a catena) Aaaaaalllt!….

PAUSA MUSICA

(un paio di secondi di silenzio)

ANTONIO     Oddio nò…(breve pausa)…che te senti male?

GAETANO  No!…Me so’ cacato sotto!…Ma non fa niente…ci ho er pannoloneeee!

RIPRENDE LA MUSICA

(Il nonno riprende a correre e suonare la marcetta)

MARIA              Mamma mia!…Ma questa nun è ‘na casa…è un manicomio!…Falli fermà Antò…falli fermà!

ANTONIO     E te pare facile?…L’urtima volta, pe’ fermallo j’ho dovuto sparà?!… (Prende lo scolapasta che sta sul tavolo, se lo mette in testa parandosi davanti al nonno)Aaallttt!…La guerra è finita…Sciogliete le righe!…Il generale mi manda a dire che i nemici so’ tutti morti!

GAETANO Nun ce credo….voijo vedè la lista dei morti!…Possin’ammazzà!?

ANTONIO     (alla moglie) Crocerossina Maria…mi passi la lista!

MARIA              (sconsolata) Antò…e mo pure te, te ce metti?…E ‘n do la dovrebbe da pijà ‘sta lista?

ANTONIO     Lì!…Sotto ar telefono!

MARIA              Ma che!?…L’elenco telefonico?

ANTONIO     Eh! (Maria prende l’elenco e lo lancia al marito che dopo averlo preso al volo lo mette nelle mani del nonno) Questo è l’elenco signor colonnello!


14


15

GAETANO   (dopo aver messo sul braccio il bastone e aver dato la trombetta al nipote, aprendolo) Anvedi quanti ne avemo ammazzatiii!

PAUSA MUSICA

( Maria va a posare l’elenco. Antonio si toglie lo scolapasta e si asciuga la fronte)

08 – SUONA IL CAMPANELLO

MARIA

Vado io (va ad aprire)

GENNARO

A no’…che dici saranno arrivati i nemici?

GAETANO

Chi so’ arrivate, le pernici?

GENNARO

Sì, vabbè!…I nemici…no, le pernici.

GAETANO

Lo so, lo so…Pure a me, me piaceno le alici.

MARIA

(rientra con ROSA, una vecchietta arzilla e vestita vistosamente, con

borsetta in una mano e bastone nell’altra) Papà…guarda chi è venuta a

trovarti…Rosa….

ANTONIO

Ahhh…annamo bene!…Mo avemo proprio completato l’opera.

ROSA

Gaetanuccio! (Va ad abbracciarlo)

GAETANO

Rosetta mia! (E mentre i due vecchi si abbracciano con qualche difficoltà,

per via di bastoni e gli oggetti che hanno in mano, Gennaro in piedi sul

tavolo:

09 – METRO GOLWIN MAYER

GENNARO

(dopo aver fatto tre volte

il ruggito del leone)   La Metro corta maija

presenta….anno duemila e sei

Odissea nell’ospizio!

MARIA

(a Natalino) Vieni co’ zia che questa è una gabbia di matti…(prende per mano

Natalino ed esce)…annamo così m’aiuti in cucina. Signora Rosa…restate pure a

fa’ compagnia ar sor Gaetano!…(A Natalino) Andiamo su! (Escono)

ANTONIO

(a Gennaro) Capirai…nonno è rincoijonito…la sora Rosa è sorda come ‘na

campana…lo sai che coppia?

GAETANO

Rosetta bella, viè qua…viè a damme ‘na mano a mette a posto l’arbume dei

franco-bolli che quattro occhi so’ meijo de due!

ROSA

Che dovemo mette a posto?…Li polli co’ quattr’occhi?…

ANTONIO

Pensa a che punto stamo quella ha capito polli invece de francobolli, t’ho detto

tutto!

GENNARO   Piuttosto Antò…co’ tutto sto casino me stavo a scordà ca devo fa’ visità Natalino da lu dottore…ortre a lu vermine solitario ce fa male pure lu gargarozzu.

ANTONIO E allora bisognerebbe andare da un otorinolaringoiatra. GENNARO ‘N do’ bisogna annà cor motorino?…A Pietralata? ANTONIO (Interrompendolo) Otorino…Otorinolaringoiatra!


15


16

GENNARO  E io che sì detto….motorino…

ANTONIO     Ma no, ripeti con me. Oto…(Gennaro ripete)…Otorì…(Gennaro ripete)

…Otorino…

GENNARO  Otorino!

ANTONIO     Bravo! (Allarga le braccia sconsolato)

GENNARO  Grazie…siente nu poche…ma er motorino de Pietralata…

ANTONIO     No…basta! (Tirandolo per un braccio)…Andiamo a fa’ du’ passi. Se famo un

pezzetto de pizza…ce l’hai i soldi?

GENNARO  I soldi no!…Ci ho l’Euro!…La moneta unica!...infatti eccola qua …(Tirando

fuori un euro) c’ho proprio, l’unica moneta.

ANTONIO     E vabbè famo buffo…je dimo che dopo passa nonno e…

GENNARO  Nin paga pe’ niente! (Mentre escono)…Si ninn’è motorino…Come sì detto ca lo

dovemo chiamà?…dottorino…dottorino ANTONIO Otorino Gennà…Otorino!!! (Escono)

GAETANO  Meno male che se ne so’ iti…me stavano a fa’ du’ cosi….

ROSA                  Che pace…finalmente semo rimasti soli.

GAETANO  Avete sentito stanotte sora Ro’?…Faceva un freddo!!!

ROSA                  Ve battevano i denti?

GAETANO  E che ne so…stavano sur comodino?!

ROSA                  A  sor  Gaetà  (si alza)  in  dove  l’avete  messo  er  giornale?…Je  voijo  da’

un’occhiata.

GAETANO  Che vòi fa’?…Vòi da’ ‘n’occhiata all’orinale?

ROSA                  Mo che c’entra il Quirinale. Io quello neanche lo posso senti’ nominà da quando

nun ce sta più Ciampi.

GAETANO  C’hai proprio ragione….se non stai attento, qui neanche te movi, inciampi. (Si

alza e inciampa ad una sedia)

ROSA                  Ma quale campi…polli alla diossina…pomodori manipolati… se va avanti così

morimo tutti co’ li tumori.

GAETANO  Li rumori?…E’ vero sora Ro’…è corpa dei rumori….e dell’inquinamento…’sto

mondo ormai è troppo zozzo.

ROSA                  Pure er mare è zozzo e li pesci quanno li magni non sanno più de niente.…non

c’è sostanza…e pensare che ai tempi nostri qualsiasi cibo era vitaminico. GAETANO Al Policlinico?…Nun c’annà m’ariccomanno!…

ROSA                  Però, Gaetà…semo proprio ridotti male!

GAETANO  Daje sa’ co sto Quirinale…Come ve lo devo dì che a me della politica non me ne

frega niente?…Io la vita me la voijo gode!…Ieri sera so’ stato co’ Giovanni a

magnà a ‘na trattoria all’aperto…come semo stati bene!


16


17

ROSA

‘Na trattoria all’aperto?…Ma che dite sor Gaetà…ma se ieri sera pioveva a

dirotto.

GAETANO

Davero?!…Mo ho capito perché er brodo nun finiva mai!?…

ROSA

Più magnavate e più ce l’avevate nella scodella.

GAETANO

E mò che c’entra mi’ sorella!!! (si va a mettere seduto sul divano)

ROSA

(mentre si accinge a raggiungerlo) Ve ricordate Gaetà quanno eravamo giovani

che annavamo a ballà?

GAETANO

E come nun me lo ricordo?…Ero er meijo tacco de Roma.

ROSA

(si mette seduta vicino a Gaetano) E  io  ero  orgogliosa  de  esse  la  dama

vostra….ancora me ricordo come facevamo bene er tippe tappe.

GAETANO

E  no?…Te  lo  ricordi?…Se  mo  c’era  la  musica  me  sarebbe  piaciuto

aribballallo!…Se ce ripenso…che bellezza!

ROSA

Eh no?...Te ricordi come facevamo?

GAETANO

Certo (i due si alzando e fanno il doppio passetto e la mano tesa in avanti

come a chiedere l’applauso.) …one, two e tree (Ed è proprio in questa posa

che li vede Maria rientrando in scena.)

10 – VECCHIA AMERICA

MARIA

(Entra seguita da Natalino che sta mordendo un’intera pagnotta casereccia

farcita) Ma che state a fa’?

GAETANO

Co’ la pensione de fame che se ritrovamo…stavamo a fa’ le prove pe’ chiede

l’elemosina. (I due si ricompongono)

ROSA

Signora Maria…posso rimanere a cena con voi?

MARIA

Volentieri!…Solo che questa sera non ceniamo…è vigilia…e noi per rispettare la

tradizione…digiuniamo.

ROSA

Sì…però Natalino…mangia!

MARIA

E che sarà mai…’na pagnottella…la tradizione è per gli adulti, non per i piccini

come lui…questa è carne che cresce!

GAETANO   Possin’ammazzà!?…Fallo cresce ‘n artro po’!?…Se nun stamo attenti questo ce se magna pure a noi!….(Cerca di togliergli la pagnotta)

NATALINO Io ci ho fame!…Io ci ho fame!…Ci ho lu vermine….(Natalino lo morde sulla

mano)

GAETANO Aioh!…Disgraziato!…(a Maria)...T’ho detto che ce se vòle magnà?!…possin’ammazzà!?…

11 – SUONA IL CAMPANELLO

MARIA             Vado io!…(Mentre va ad aprire)…E’ da stamattina che non faccio artro che annà a’prì porte! (Esce)


17


Vergognate…co’ la scusa der bacetto stavi a levà er pane dalla bocca a ‘sta pora creatura…(accarezza la testa del nipote)

18

GAETANO (avvicinandosi alla porta)…Venite sora Rosa…Famo l’indovinello a chi entraadesso!

CAROLINA (voce fuori campo un urlo isterico di gioia) Aaaahhhh!!!!

MARIA             (fuori campo)   Piano…piano…mi fai male!

GAETANO     Indovina chi viene adesso?

CAROLINA (Irrompe in scena con un urlo.)Aaaahhh!!!! ( E mentre la signora Rosa spaventata va a nascondersi dietro il divano, Carolina abbracciando il nonno che le sta davanti)…Nonno Gaetaaaanoooo!!!

Nonno Gaetano, nonno Gaetano…nonno Gaetano!

MARIA             Carolina…piano…piano…questo se rompe.

CAROLINA (Lascia il nonno, che rimane impietrito, e va dal nipote che è voracemente attaccato alla pagnotta) Natalino…damme nu bacetto! (A braccia larghe va dal nipote e dà un morso alla pagnotta nella parte opposta di quella mangiata dal ragazzo, che per sottrarsi comincia a girare con la zia attaccata con i denti alla pagnotta)

MARIA             (Tira Carolina fino a farla staccare)        Ma che ci hai ‘na morsa ar posto della

bocca?

CAROLINA (a bocca piena) Je stavo a da’ un bacetto pe’ corrispondenza!

MARIA

CAROLINA (Guardando il nonno)…E mo a questo che je presa ‘na paralisi?…A nonné!…Anonné!…Nun m’hai riconosciuta?…So’ Carolina!


GAETANO  E’  proprio  perché  t’ho  riconosciutacorpo…Possin’ammazzà?!….(Si guarda

annata a fini, la sora Rosa?!?!


che   ‘n    antro   po’   me   pija   un

a fianco)…E la sora Rosa? Dov’è


CAROLINA (Con espressione furbetta) Io lo sacciu!!!!….(Guarda verso il divano dove

Rosa che faceva capolino mette subito giù la testa)…Acqua…(gira per la

stanza guardando nei posti più impensati: un cassetto…sotto una brocca

ecc…)…acqua…(mano

a

mano

che

si

avvicina

al

divano)…Acquetta…focherello….foco…. focone…focone…(scansa il divano

scoprendo una Rosa rannicchiata e tremante)…Ecchete qua!

ROSA

(emette un urlo di paura)

Ahhhh!

MARIA

Oddio…che je sarà successo?!

CAROLINA Un urlo de contentezza perché ha visto a me

ROSA

(esce allo scoperto per correre da Gaetano) Gaetà… stateme vicino Gaetà!

CAROLINA E vieni alloco…e famo conoscenza….e fammete abbraccicà….

ROSA

Non fa gnente…conoscemose da lontano….


18


Dai, non scherzare e raccontami le tue novità.

19

GAETANO   (Al fine di tenere alla lontana Carolina, prova, senza riuscirci a colpirla col bastone)…Lasciala perde…ma la vòi lascià sta’?!…Ha detto che te vòle conosceda lontano!?

CAROLINA (Si allontana e accompagnando il saluto con il gesto) Ciao?...

ROSA Meno male!…Che te ne vai? CAROLINA No!…Se semo conosciuti da lontano!

MARIA             A papà…riannate a mette a posto i francobolli che è meijo!

ROSA                  E’ meijo…è meijo!

CAROLINA Vengo pure io?

ROSA (Facendosi scudo con Gaetano) No, no…io nun ci’a vòijo…nun ci’a vòijo! GAETANO Sta tranquilla…sta tranquilla! Annamo de là! (Rosa e Gaetano prendono gli

album ed escono)

MARIA             Carolina, vieni qua…lascia stare Rosa e raccontami piuttosto cosa hai fatto ultimamente al paese tuo. (Rosa e Gaetano escono)

NATALINO Raccontace…raccontace.

MARIA             Ma no, tu bello de zia mettete bono qui a fa’ du’ compiti mentre mangi…fa’ er bravo, su!

CAROLINA Ora te racconto ‘na cosa ca te faccie rimanè a bocca aperta ar punto ca so’ più lemosche ca te magni ca l’aria che respiri.

MARIA             Carolì…le mosche in bocca?!…Che schifo!!!

CAROLINA Ma qua schifo Marì…so’ tutte proteine.

MARIA

CAROLINA Sì…però famme mette a sede…(si mette seduta)…Mamma mia che stanchezzache ci’ho, che stanchezza…ci’ho le scarpe piene de piedi…

MARIA             Beh non mi dirai che è una novità avere le scarpe piene di piedi.

CAROLINA E certo…di solito le tengo piene de gorgonzola….ah,ah,ah, (dà una manata

sulla spalla di Maria che la fa andare quasi a sbattere la faccia sul tavolo.)La novità ca te voijo raccontà…è che Domenica, so’ annata pe’ la prima vorte a vedè la partita a lu stadie Limpido.

MARIA             Limpido?…Sei sicura che si chiama così?

CAROLINA E come lo vòi chiamà?!…E’ tutto bianco!? ….Allora sta a sentì com’è annata.

Domenica matina…t’ariva Concetta, l’amica mia, ca me fa: Pija 20 euri ca te porto a vedere la partita de lu pallone…Inzomma pe’ fattela breve….annemo a lu stadie.

MARIA             Stadie!...Co’ la e!

CAROLINA E certo e co’ ché sinnò?...Insomma arivati a lu stadie, io ce do li euri a Cuncettache doppo nu sacco de tempo aritorna co nu pezzetto de carta…(indica con il


19


20

pollice sull’indice) io ce faccio…ma come io te sì date 20 euri e tu me riporti stopezzetto de carta?

MARIA             Era il biglietto…

CAROLINA Si era nu biglietto nin lo so…comunque era fatto proprie de nu pezzetto decarta.….A nu certo punto, mentre stavamo a fa’ la fila per entrà, nun me sento

mette la mano in saccoccia…A Marì…(si rialza in piedi) e ninn’era nu regazzino che me voleva rubbà li soldi?!…Ce dico: Ma nin te vergogni così piccolo annà a rubbà?…E lui: e tu nun te vergogni così grande a nun avecce un euro in saccoccia?…Sì capito?….

MARIA             Eh…ho capito sì…oggi devi stare con cent’occhi…poi che è successo?

CAROLINA E’ successo che arivati a lu cancellu dell’entrata, nu giovinotto me pija lupezzetto de carta e me lo strappa a metà….oh! Ci dico, ma che sì matto? Io lo si’

pagato 20 euri e tu me lo rompi?

MARIA             Beh, per entrare ….bisognava fa’ così…

CAROLINA E è così che aveme fatto!…Solo che a ‘n certo punto te spuntano fori nu sacco degendarmi co’ bastoni e fucili, e non me so’ messi a smucinà tutto, pure lu cule!…A sto punte m’ha pijate ‘na nervatura ca me so’ grattata la testa e chillo me fa: “Che te gratti la testa co tutto lu fazzolettu?” E io ce rispondo: “Perché tu quando te rode lu culu te levi le mutande?”

MARIA             Carolina…guarda che questo…qui…si chiama sedere…

CAROLINA Aòh…eio mica so’ studiato le lingue…a lu paese meo se dice cule….Inzomma…finarmente abbiamo entrati a lu stadio…in fondo ce steveno

due reti da pescatori e nu praticello verde dove nin ce pascolava nimmanco ‘na pecora…stavo bona bona a vedè che succede, quanno me sento arivà no schiaffo in de la crapa ca ma rindrona tutta. M’arigiro e tutti ca fanno: Cafù…Cafù…Cafù…dico…a Cuncetta…ma co’ tutta ‘sta gente come faccio a ‘ndovinà ca fù…semo venuti a vedè la partita o a giocà a lu schiaffo de lu sordato?…. Dice statte zitta ca mo entreno. Infatti da nu buchetto in fonno a lu

prato escono fori 22 matti in mutande….11 co’ la majetta a strisce rosse e nere e

11 co’ la majetta gialla e rossa…ma uno che m’ha fatto proprio pena, Marì… induvina chi è stato….induina….

MARIA             Non lo so….chi è stato?….

CAROLINA Chi m’ha fatto veramente pena è state nu povero orfanello vestito de nero cafischiava tutto ingazzate….

MARIA             (entrando in battuta)…Carolì…non dì le parolacce eh?

CAROLINA E mica è ‘na parolaccia…(con la mimica indica dietro, poi con una risata da una manata sulla spalla di Maria, facendola quasi cadere per terra con tutta la sedia)…ma che sì matta?

MARIA             Io so’ matta…(ricomponendosi)…e già la matta sarei io….

CAROLINA A ‘n certo punto, li 22 matti…pijeno lu pallone e lo metteno al centro de luprato…l’orfanello fischia, e quelli co’ la majetta a strisce danno lu carcio….ma


20


21

quell’artri nun lo volevano, e ci hanno ridato nu carcio e dice: Pijatevelo voi, e quell’antri, no, pijatevelo voi, inzomma…dopo un po’ ca nin sapevano la palla a chi se la doveva da portà a casa…uno co’ la maglietta cu le strisce rossonere, nun t’ammolla nu carcio in de li stinchi de uno co’ la majetta giallorossa?!….

Embè…tutti li cristiani nun se la pijeno co lu povero orfanello…ca mica era stato quello a daje lu carcio…ma tutti je diceveno Cornuto?! Specialmente 'na signora che steva a sede dietro a me e che strillava: a cornuteee...i’ mo, so’ detto: scusa signò, ma come fai a sapere che quello ci’ha le corna?….e lei: E lo so sì, quello è

mio marito?!…. Intanto, comm’è come ninnè, lu pallone ha entrato ne la rete de

lu pescatore co’ la maglia rossa e nera….hai da vede c’ha successo, nu casino,

strilli, baci, abbracci, lingua in bocca… tutte froce Marì!…Uno dietro, me da ‘n’ardra botta in testa…dico, ca ricomincemo co lu schiaffo de lu sordato?… M’arivorto e me fa: ascusa…ha stato entusiasmo! E vabbè…Ma questo è niente…nin te dico ca macello quanno tutto lu pubblico s’è messo a strillà: Rigoro!!!…Rigoro!

MARIA             Sei sicura?…Proprio, Rigoro…con la o?!?

CAROLINA E sì!…Se vede che Rigoro era lu cognome dell’orfanello perché ce l’avevanoproprio co’ isso…e jé strilleveno: “cornuto, cornuto” Beh, Marì… l’orfanello me sì fatto tarmente pena, ca nun ce l’ho fatta più. Me so’ rigirata a la donna de prima e: “Certo signò che se tu’ marito è cornuto e ce lo sanno in centomila, devi esse proprio ‘na bella mignotta eh?”…Marì, ma la cosa ca più m’ha impietrolite ha stato che a nu cerdo pundo tutte se so’ messi a strillà: “Volemo Cacà…voleme cacà!” Mò diche io, ma possibile ca fai nu stadio da ciendomila persone e nin ce fai nimmanco li cessi?...Ma se a uno jé scappa ‘n do’ va a falla in mezzo a lu prate sotto all’occhi dell’orfanello?....Nin finisco de dì ‘sta cosa, ca nin me sendo

arivà ‘n’artra botta in testa… m’arivorto e quello de dietre me fa: ascusa è stato entusiasmo…e no cumpà…hai stato tu, pozzi schiattà te e entusiasmo…si abbiamo appiccicati, abbiamo arrotolati e semo cascati abbascio.

MARIA             Oddio e ch’è successo!!!

CAROLINA E’ successo ca dopo ca quello m’ha corcato de botte io m’ariarzo e fò a Cuncetta:“A Cuncè…sai che te dico? Affanculo te, entusiasmo, i 22 matti in mutande…que la porca de la moje de l’orfanello…e tutti li aspettatori ca se potessero pure cacà sotto perché a me si nin ci hanno fatto li cessi nin me frega proprio niende! (sospirone)…ahhhh!!!!…Sì capito Marì?….

12 – SUONA IL CAMPANELLO

CAROLINA ….Vado ad oprine?

MARIA              (bloccandola) Fermate sa…Vado io!

CAROLINA (si avvicina alla porta da dove sono usciti Rosa e Gaetano) Rosa… Rosa….’n

dove   sei?….   Famo   lu   giochetto?….  Acquetta…  (apre     un     cassetto)…

focherello… (più sta e più si avvicina alla porta)

MARIA             (rientra con Antonio e Gennaro) Carolina! Indovina chi c’è?


21


22

CAROLINA (che è ancora spalle al pubblico per il fatto che in punta di piedi vuole cercare i due vecchi, grida) Zì Antoniooo!

ANTONIO     (sconsolato) Ha indovinato!

CAROLINA (si gira e a braccia spalancate con irruenza corre verso lo zio e Gennaro) GENNARO e ANTONIO (evitando l’abbraccio all’ultimo momento) OLE’! (Carolina esce di scena correndo.)

13 – M20 - CRASH

MARIA             (preoccupatissima) Oddio Antò, va a vede’ ch’è successo…dev’esse cascata Carolina!

GENNARO (blocca Antonio che sta per uscire) Bono…bono! State boni!… Capitaspesso!…S’è sfranta addosso a la porta!…(poi a Natalino, impegnato a mangiare la pagnotta)

MARIA              Natalì…va a vede che è successo a tu’ zia!

NATALINO (a bocca piena) No…quella me se magna lu panino!

GENNARO  Tu’ zia ha detto de annalla a raccoije!

NATALINO A papane…ma tanto nun s’è fatta gnente…zia ci ha la crapa dura!

GENNARO   Va a vede e nin discute! (Quando gli passa accanto, gli toglie la pagnotta) Questa lasciala quine….ca se tu zia è svenuta e la devi da tirà su….voijo vede

come fai, co’ le mani occupate!

NATALINO (piagnucolando) Ma io tenghe fame a papane…tenghe fame!

GENNARO  Doppo te la ripiji…la metto a ecco! (La mette sul tavolo)

NATALINO (esce controvoglia piagnucolando e battendo i piedi)

GENNARO   A Marì…io e Antonio ninn a’mo trovato nemmanco nu pezzo de pizza…ci avemo ‘na fame?!

ANTONIO     Ma davvero te sei messa in testa de facce digiunà?

MARIA              E che pe’ scherzo?!…Come ve lo devo dì in cinese?!

V.F.C. DI ANNA E MARINA -  Ma è zia Carolina!….Oddio!

14 – M6 - L’ALLEGRA FAMIGLIA

V.F.C. RENATO               Datemi una mano…portiamola dentro.

Entrano Anna, Marina, Renato e Natalino. E mentre quest’ultimo tiene la zia sollevata per i piedi, le due donne la portano in scena sollevandola da sotto le ascelle. Carolina è svenuta. Renato dirige le operazioni.

MARIA             Ahhh…mamma mia bella!

RENATO        Una sedia, presto…una sedia!

(Maria prende una sedia)

NATALINO (mettendosi seduto) Grazie!


22


23

RENATO        Ma non è per te!

NATALINO Ammazza quanto pesa

(gli altri cercano, con qualche difficoltà, di metterci seduta Carolina)

ANNA                 Forza tiriamola su…

GENNARO  Natalì…ma vòi tiràije più su li piedi?!

NATALINO (allontanando il viso) Je puzzeno le fette, papà…je puzzeno le fette!

RENATO        Prendila per le ascelle.

NATALINO Jè puzzeno pure quelle.

RENATO Mettici un Arbre-Magique…un Arbre-Magique! NATALINO (arrabbiato e lasciando il gruppetto) Ma che vo’ stu frocie! ANTONIO (non visto, prende la pagnotta e se la infila sotto la maglietta) RENATO Ecco così sta bene…prendete dei sali.

SFUMA LA MUSICA

MARIA             No…fermi tutti…non prendete niente…se volemo sta’ in pace du’ minuti…lasciamola così…

MARINA         ….e speriamo che si svegli il più tardi possibile

ANNA                 Brava mamma…un’idea geniale.

(Carolina, quasi sdraiata, mento sul petto, braccia ciondoloni e gambe larghe, viene lasciata svenuta sulla sedia)

MARIA             (al marito) E tu Antonio…bravo!…Il solito nullafacente…la tua cuginetta svenuta e tu, avessi alzato un dito…

ANTONIO     la chiama cuginetta…

GENNARO Si sta bene a braccia accunsentite eh?

ANTONIO     (Che tiene le braccia incrociate davanti per nascondere la pagnotta) Si sta bene…si sta bene!

MARINA         Mamma…papà…ve lo ricordate Frank cinque meno cinque? (Con la mano fa la mossa di chi ruba).

MARIA             Quello che dieci anni fa è annato in america a cercà…fortuna? (Ripete il gesto di Marina)

MARINA         Sì quello!…E’ tornato impaccato di dollari!

ANTONIO     (Stringendo le braccia sulla pagnotta) A essere onesti ci si rimette sempre.

RENATO        Fuori della chiesa ha messo il seguente avviso: “Un milione di euro alla famiglia del rione che fa il presepe più bello, che fa.”

GENNARO   Nu mijone…di euro?…Sì fai la conversazione in lire so’ du’ mijardi de lu vecchio cognac de prima!?

ANNA, MARINA e RENATO Eh!


23


24

ANNA                 Due miliardi tondi tondi….solo che…

MARIA             Solo che?

RENATO        Non avendo fatto il presepe…non avendo...

ANNA e MARINA    Non abbiamo potuto iscriverci.

GENNARO  A Marì ma chisti so’ matte…(poi ai tre)…Quando scade l’iscrizione?

RENATO        Alle   due   del   pomeriggio   della   vigilia…quindi…mancano  dieci      minuti,

mancano….

GENNARO Curi Natà…curi a scrive a lu concorso la famija Bongiorno… RENATO Tristezza…

TUTTI                (cantano) Amica della mia malinconia!!!

GENNARO E vabbè…Bongiorno Tristezza…ma fa presto…curi Natà…curi… NATALINO Nin ce voijo annà papà…nin ce voijo annà!

GENNARO Natalì…se fai a tempo a fa l’isgrizione ta prometto che alla sera de laBefana…quanne che da lu camino scegne tu’ matre, te faccio portà nu sacco de dorci pieno accussi. (fa il segno di un regalo piccolo)

NATALINO Come?

GENNARO Accussì! (fa il segno di un regalo più grande)

NATALINO Come?

GENNARO Accussì! (fa il segno di un regalo ancora più grande)

NATALINO Curo papà…io curo….io curo…io curo…(Esce correndo)

GENNARO Questo è nu dottore nato!

ANNA                 Ma…zio Gennaro…anche se volessimo improntare un presepe così…su due piedi…non potremmo….

MARINA         …non abbiamo le statuine…come lo facciamo….mancano i pupazzi.

ANTONIO     …Gennà, l’unico pupazzo in questa casa sono io…e con un pupazzo solo…me lo sai dire come facciamo a fare il Presepe!?

GENNARO Vivente lo faremo Antò…vivente.

TUTTI                Vivente!?!

MARIA             ….E chi lo fa vive?

GENNARO  Noi…tutti noi! Ognuno farà un personaggio….e lu mijone sarà nostro!

ANTONIO     Gennà…ma tu sei grande…fammete abbraccià! (Così dicendo allarga le braccia. La pagnotta cade a terra)

GENNARO   T’ho chiappato co lu sorcio in bocca!…Te volevi magnà la pagnotta da solo eh?….Damme qua.

15 – M10 - NONNO BERSAGLIERE 1


24


25

(I due si tuffano sulla pagnotta litigandosela con frasi a soggetto)

MARIA              (mani al cielo) I milioni…faremo i milioni….(continua con frasi inerenti ai

soldi e a quello che ci farà, fino a chiusura di sipario)

ANNA                 Io voglio fare l’angelo che suona la nenia….che bello essere angeli…si può

volare facendo gli angeli (danza muovendo le braccia a mo’ di ali)

MARINA         Io voglio fare la spagnola che balla il flamenco (accenna dei movimenti di Flamenco poi si ferma ripensandoci)…ma c’era nel presepe la spagnola cheballa il flamenco?…Bah…però a me piacerebbe fare la spagnola che balla il flamenco…(accenna a ballare poi si ferma, poi balla di nuovo e questa indecisione la esterna fino a chiusura sipario)

CAROLINA (alzandosi improvvisamente dalla sedia grida) Io so’ ‘a Madonna!

PAUSA MUSICA

…Io so’ a Madonna! ’A Madonna!…’A Madonna!!!

RIPRENDE LA MUSICA

GAETANO (entra in scena seguito da ROSA)Do’ sta a Madonna…a chi è apparsa la Madonna…pure io voijo vedè la Madonna…(e così fino a chiusura sipario)

ROSA                  (andando dietro a Gaetano)  Gaetà…proteggeme  da’  Madonna,  Gaetà….

Proteggeme da’ Madonna….(fino a chiusura sipario)

RENATO        In che famiglia so’ capitato…questa è una gabbia di matti…questa è una gabbia di matti…Qui so’ tutti matti…(fino a chiusura sipario)

NATALINO (irrompe in scena saltando e sventolando un foglio, gira e grida ) Aggiu fattol’isgrizione papane…aggiu fatte l’isgrizione (fino a quando si accorge che

Gennaro e Antonio si stanno litigando la pagnotta; si avventa su di loro per addentare la pagnotta, ma addenta la testa di Antonio che comincia a gridare)

ANTONIO Ahio..la capoccia!…Lasceme disgraziato…lasceme…ahio!!!!! Il caos è indescrivibile

FINE PRIMO ATTO


25


26

SECONDO ATTO

16 – M7 - FAMIGLIA BONGIORNO

Il sipario si apre a scena vuota. Entrano Marina, Anna e Maria

SFUMA LA MUSICA

MARINA

Che figura con Renato! Chissà cosa racconterà di noi alla sua famiglia.

MARIA

Ma no…dirà che siamo una famiglia allegra e piena di iniziative; è talmente

entusiasta dell’idea di fare il presepe…che sta già scegliendo i costumi da

affittare….

ANNA

Sarà…però…non credo proprio che si sia entusiasmato nel vedere quei tre che si

litigavano la pagnotta.

MARINA

Come minimo avrà pensato che siamo una famiglia di morti di fame.

MARIA

Ma no…avrà pensato che stavano scherzando!

ANNA

Ah, questo proprio no!…Se Renato non prendeva il crick dalla sua auto…e

quando riuscivamo a staccare Natalino dalla testa di papà?

MARIA

Poverino…credeva fosse la pagnotta.

MARINA

E già…tu, poi…basta che gli prendi le parti….e intanto papà è da ieri sera che va

in giro con la testa fasciata.

ANNA

Ma  no…lo  sai  come  sono  fatti  gli  uomini  no?…Per  farsi  compatire

drammatizzano sempre tutto…(entrano Antonio e Gennaro)

ANTONIO

(Toccandosi la testa) Ohi…Ohi…

MARIA

(Sorridendo) Cos’hai?…Ancora ti fa male?

ANTONIO

Certo che mi fa male…stamattina quando mi sono toccato in testa… (dalla

tasca)…guarda che me so’ trovato (mostra la mano) Due incisivi di Natalino

tuo nipote!…un altro po’ e me fa veni’ la commozione….

GENNARO È vero…me so commosso pure io.

MARIA

Tu è meijo che te stai zitto, ve ce sta bene…così un’altra volta ve ‘mparate!

ANTONIO

Ho capito va!…Quando c’è da imparasse se ‘mparamo in due…quando però c’è

da pijà er mozzico, lo pijo solo io…

GENNARO  Se te chiedemo scusa…se la potemo fa’ ‘na bella magnata?

MARIA

Ma sempre a quello state a pensà?…Oggi, non c’è tempo pe’ magnà. Ci

dobbiamo preparare per il presepe vivente di questa sera…

ANTONIO

Ma se qui non se magna mai, arriva che il presepe invece de vivente… lo famo

morente.

MARINA

Papà, ma è mai possibile che non riesci a fare un piccolo sacrificio.

MARIA

Pensa piuttosto al presepe Antò…pensa che già sei mijonario!


26


27

ANTONIO     È meglio di no, Marì…che se penso che so milionario e non ci ho niente da

magnà…mo   che    so’   un    poveraccio…che   devo   fa’?…Andà   a   chiede

l’elemosina?!

MARINA         Mamma…esco…vado da Renato…così lo aiuto nella scelta dei costumi.

MARIA             Mi raccomando Marina…tra due ore tutti qui…per la prova generale.

MARINA         Va bene!…Ciao Anna…ciao mà…ciao zì Gennà? (Esce)

ANTONIO     Gennà…ma tu ci credi agli Spiriti!

GENNARO Io…non li sì visti mai!

ANTONIO     Eccolo qua!…Ce ne hai uno in carne ed ossa!…Hai visto quella?…E’ uscita…ha

salutato tutti, e a me…come se non esistessi.

MARIA             Quanto stufi co’ ‘sta storia dello spirito!!!…Gennà, piuttosto, tu…l’hai chiamato

l’otorino per Natalino?

GENNARO No!…

MARIA             E allora chiamalo.

GENNARO  Ottorinooo!!!

ANNA                 Ma no…è al telefono che bisogna chiamarlo…(prende il telefono)…Dai va, ci

penso io (pigia i tasti accennando i numeri) 45..04..95….. Pronto?…Vorrei

parlare con il dottor Scamorza….

NATALINO (Entra piagnucolando e mettendo bene in mostra i denti con i due incisivi mancanti, a voce alta)…A zi’ Marì…ci ho fameeee!

ANTONIO     Ahò!…Questo quando sente nominà ‘na cosa che se magna?!… Zacchete…c’ha proprio er verme solitario!!!

NATALINO (sempre piagnucolando)…no, nun ne tengo uno solooooo….

ANTONIO     Perché ce ne hai tanti?

NATALINO (piagnucolando) ….sìììì……ha fatto li fij.

ANNA                 (facendo segno di fare silenzio) Sssttt…Ora me lo passano!…Pronto?…È lei dottor Scamorza?…Buon giorno….senta…la chiamo per una visita …sì…a

domicilio…(mette la mano sul microfono e rivolta ai presenti) …che voce maschia ‘sto dottore…(toglie la mano e parla al telefono con voce suadente)…sì…per il mio cuginetto…forse una tonsillite….questo non lo

so…aspetti che le passo il padre…(dà la cornetta a Gennaro)…Tieni…parlaci tu!…(ai presenti)…Come m’attizza ‘sto dottore!

ANTONIO     Aò, ma che parla inglese questa?

GENNARO Pronto?…Sète voi lu dottore Caciocavallo?

ANNA                 No, Caciocavallo…Scamorza…

GENNARO   scusate…volevo dì Scamorza…(verso Anna)…Co’ tutti ‘sti formaggi …uno se po’ pure sbaijà…(al telefono)…Che si ditto?…Dove je fa male?…Natalì vieni quine…dottò…je fa male quane!…(Tocca la gola di Natalino) e ci ha pure lu vermine solitario.


27


28

NATALINO (piagnucolando) Nun me voijo fa visità…nun me voijo fa visità!

GENNARO   Statte zitto!…Come sì ditto?…Non vedete niente? (Prende la cornetta e la poggia sulla gola del figlio il quale urla che non vuole farsi visitare, poi riprende la cornetta) Mo sì visto dove je fa male? … Manco adesso!…Seaspettate che je tiro giù li carzoni e tenete la pazienza de aspettà che s’affaccia, ve fo’ vedè pure lu vermine solitario!

ANNA                 Ma cosa dici, zio! (Toglie dalle mani di Gennaro la cornetta) Dottor Scamorza…(con voce civettuola )…chiedo scusa…mio zio viene dal paese…sì…ha ragione, ma purtroppo sa…l’ignoranza…bene…sì grazie!

ANTONIO     (rivolto alla moglie) A Marì…certo che ci hai proprio du’ fije mignotte!

ANNA                 (al telefono)…ci vediamo tra un po’. (Attacca la cornetta) Viene tra cinque minuti…(sospiro)…ahhh…

NATALINO (Piagnucolando) Nun me voijo fa’ visità…

MARIA Su bello de zia…ma di che hai paura…è una semplice visita… NATALINO E che me fa?

MARIA Ti fa aprire la bocca per vedere se hai una tonsillite. NATALINO Ah, sì?…E pe’ vedè lu vermine solitario, che me fa aprì?…

ANNA Natalino…non essere volgare… NATALINO E che sì detto?…(piagnucolando)…Ahhhh….

ANTONIO     Marì…visto che viè er dottore…io quasi quasi…me faccio visità la testa

MARIA             Pe’ fatte guardà la testa, nun te devi fa’ visità dal dottore…ma dal falegname…visto che lì dentro ci hai la segatura!…Io vado a finire di mettere a posto…che a combatte con voi si diventa matti. (Maria esce)

GENNARO               Mo che Maria se n’è annata…famme vedè in do’ che te sì fatto    male?…’N dov’è?…(si avvicina ad Antonio e gli prende la testa tra le mani)

ANTONIO     (alzandosi in piedi)    T’ho detto de sta’ bono, t’ho detto!!!…A momenti me

sfonnavi la scatola cranica…

GENNARO  Pure!…Oltre alla segatura…nella capoccia ci hai pure le scatole?

ANNA                 Zio…questa parte qui (indica la testa) in termini medici…si chiama scatola

cranica…

GENNARO  Ah…so capito. Quindi pure io ci ho le scatole in testa?

ANNA                 E già….

GENNARO   Ma guarda che stranezza!…Io me credevo che le scatole ce le avevo tutte da ‘n’andra parte!

17 – SUONA IL CAMPANELLO

ANNA                 Vado ad aprire la porta al dottor Scamorsa…è arrivato l’otorinolaringoiatra… (Esce)


28


29

GENNARO Antò…mo ariva il dottore che porta le scamorze cor motorino de Pietralata…

ANTONIO     è da ieri che co’ ‘sto motorino me stai a fa’ ‘na capoccia così….ohi, la testa…

ohi…

NATALINO A papane…io nun me voijo fa’ visità!

GENNARO  Statte nu poco zitto!…(dandogli uno schiaffo sul collo) e statte zitto!

ANNA                 (Entrando con il dottore)… Prego dottore…

DOTTORE  (parla con accento torinese) È permesso?…

ANNA                 Venga dottore, venga….si accomodi pure…

NATALINO Nun me voijo fa’ visità…nun me voijo fa’ visità…

ANTONIO     (seduto su una sedia e la testa tra le mani si lamenta) Ohi…Ohi…

DOTTORE  (guardando Natalino e Antonio) Ma chi è il paziente?

ANTONIO     Io!…

GENNARO (indicando Natalino) Lui!…

DOTTORE Ma…lui chi?

ANTONIO     Lui…io!

GENNARO  (Indicando Natalino) Lui…Lui!…

DOTTORE  Non riesco a capire…

ANNA                 Scusi dottor Scamorza…ma il malato è il bambino…

DOTTORE  E allora perché si lamenta anche questo?

GENNARO Perché ci ha le scatole rotte!

DOTTORE  (ad Anna) Cosa ha?…

ANNA Niente, niente…poi le spiego…Vieni Natalino… NATALINO Nun me voijo fa’ visità…

GENNARO (Lo prende per il braccio) Vieni quane (Natalino cerca di divincolarsi) NATALINO Aaaah!

GENNARO Statte fermo!!

ANNA                 (Prende la sedia) Siedi qui…

DOTTORE  Stai fermo, che hai paura che ti mangi?

NATALINO (con la forza si siede) Aiutooo!!…Me se magna!…

DOTTORE  Se non stai fermo ti faccio un’iniezione!

NATALINO (serio) Che me fai?

DOTTORE  Una iniezione!

NATALINO Nooo!…L’iniezione, no…

DOTTORE  Ma dai che stavo scherzando!…Devi soltanto aprire la bocca e poi…


29


Dottò…Te fa male lu gargarozzo pure a tene?…(Anna sta vicina al dottore cercando di calmarlo)

Ma quale gargarozzo!…Mi ha dato un morso che a momenti mi staccava un dito. Questo non è un bambino, ma un cannibale…

Deve scusarci dottore, ma è Natale che…

(entrando in battuta, arrabbiandosi sempre più) È Natale?…e se è Natale si mangiasse il panettone, no la mano mia…

Ma cosa stai dicendo….forza apri la bocca…e fa AAAAA…(Natalino apre la

bocca) Avanti…fa AAA (il dottore si avvicina a Natalino che gli da un morso sul dito) AAAA!!!! (Urlando e saltando per la stanza)

30

NATALINO E poi solo quella, perché io…mica te vojo fa’ vedè lu vermine, eh? DOTTORE

GENNARO

DOTTORE

ANNA

DOTTORE

GENNARO Ma  no  dottor  Fontina  cosa  ha  capito?…Qui  c’è

stato

proprio  lu  fratello

dell’equino!

DOTTORE

Cosa c’è stato?

ANTONIO

(alzando  la  testa  che  teneva  tra  le  mani)

Niente

dottò…voleva  dì

equivoco…lui ci ha tutta ‘na parlata sua!

DOTTORE

(Alterato)  Comunque  equivoco  o  non  equivoco  questooo…(accenna  al

bambino)…Natale….

GENNARO Facemo lu presepio vivente dottò…

DOTTORE  Cosa?

ANTONIO

Un altro…equivoco.

GENNARO Equino dottò…un altro equino…

ANTONIO

Sì…’na mandria de cavalli…

DOTTORE

Ma…di  cosa  mi  state  parlando…ora  vi  divertite  pure  a  prendermi  in

giro?…Volevo dire che questo…bambino qui…

ANNA

Natalino…Dottore…il bambino si chiama Natale…ecco il perché di tutti questi

equivoci…

DOTTORE

Ecco!…Natalino…è un cannibale e…non dovrebbe vivere in un consorzio civile

ma in una capanna.

ANTONIO

Parole sante….

DOTTORE

(a Gennaro) Suo figlio lo dovrebbe portare nel tukul!

GENNARO

(Rimane perplesso) Dove tengo da portallo?

DOTTORE

nel tukul!!!

GENNARO  Ma ce mettetece lu fijo vostro nel tucul…

ANNA

(intervenendo prontamente) Ma no, zio…i tukul sono capanne…

GENNARO E se poteva spiegà meijo no?


30


31

DOTTORE   Comunque, ho capito…suo figlio ha una tonsillite e dopo le feste dovete pensare a una tonsillectomia…

ANNA (Interviene turando la bocca a Gennaro) Si deve togliere le tonsille!… NATALINO Io non me voijo toglie gnente! GENNARO Scusate dottor Gruviera…

DOTTORE  Scamorza!

GENNARO La scamorza nun me piace!

DOTTORE   E chi se né importa se la scamorza non gli piace. Io mi chiamo Scamorza…dottor Scamorza…

GENNARO  Ma è meijo la gruviera…

DOTTORE  Basta…sono      stufo!…E     prima    caciocavallo…e     poi        mozzarella…poi

fontina…adesso gruviera…Vengo qui e suo figlio prima scalcia come un…

GENNARO Equivoco…

ANTONIO     (ad Anna) Mo che non c’entra niente lo ha detto bene.

DOTTORE  …scalcia come un…equino…poi, con un morso, mi stacca un dito…Io me ne

vado…questa non è una casa…è un manicomio!

ANNA                 (Anna interviene per calmarlo) No, no…dottore aspetti un momento che le

spiego tutto quanto…che fa, va via?

ANTONIO     Dottò…e io?

GENNARO  (dando uno schiaffo sul capo di Antonio)E mo ca c’entri te!…Te stai sempre

a lamentà!?

ANTONIO     (Urlando) Aaaaah!…Che dolore!

DOTTORE  Pazzo!…Lei è un pazzo!

GENNARO E cadè!…Tanto le scatole ce l’aveva rotte già da prima…

DOTTORE  Va bene…calmiamoci….(conciliante)…senta…signor Gennaro…anzi …posso

darle del tu per un momento?

GENNARO Certo dottor Pecorino…

DOTTORE  (su tutte le furie) Mmmmmmm…Gennaro, lo sa che le dico?…Lei è un

picio!….(esce arrabbiato)

ANNA                 (uscendo dietro di lui con l’intento di calmarlo) Dottore…dottore…

GENNARO (Scuotendo Antonio) Antò…che dici s’è arrabbiato?

ANTONIO     E che ne so…quello parla straniero…

GENNARO Sì, ma a ‘n gerdo pundo lui m’ha detto: lei è un picio…ma che vordì?

NATALINO strunze papane!...A scola so’ somare, ma le lingue le conosco!

ANTONIO     Gennà?…Alla sedia elettrica te mannerei…alla sedia elettrica….ohi…ohi…

GENNARO Statte carmo…mo te passa!


31


32

ANTONIO     Me passa quando te ne sarai annato.

GENNARO Ma chi se ne va!?!…Ma te pare ca ve lascio soli proprio adesso ca dovemo fa’ lupresepe vivente?…’N do lo trovate nu pastore autentico come ajecchime?…Io so nu burino vero mica no…

ANTONIO     Di questo non avevamo dubbi…non te preoccupà.

NATALINO Papane…tengo fame!

GENNARO  Nun me parlà de fame…tu armeno te sei magnato lu dito de lu dottore…

ANTONIO     (cercando di trattenere una risata)…Nun me fate ride che me rintrona la testa.

GENNARO (Dandogli uno schiaffo in testa)  E ridi daije…ridi ca te passa.

ANTONIO     Aaaaaah!!!….Proprio sulla ferita mi hai preso…proprio sulla ferita!

18 – M4 - NONNO IL BERSAGLIERE

(Entra di corsa Gaetano suonando la solita marcetta dei bersaglieri dopo un giretto di stanza viene interrotto da Antonio)

ANTONIO     Nonno…fermate de girà…che già me fa male la testa.

MUSICA A BASSO LIVELLO

GAETANO  Portaferiti…portaferiti…il caporale Antonio Bongiorno è stato corpito….è stato

corpito…(a Gennaro)…in dov’è che è stato corpito?

NATALINO Nella crapa nonnè…j’hanno rotto le scatole….e mo tocca aggiustalle.

GAETANO   J’hanno rotto le palle?…(grida)…Crocerossina presto…dovemo da sarvà Antonio!…Possin’ammazzà?!

SFUMA LA MUSICA

(Entra Rosa con indosso alcuni elementi che la caratterizzano da crocerossina: fascia al braccio con croce rossa, copricapo tipico o altro.)

ROSA                  (entrando) Agli ordini signor colonnello!…Cosa è successo?

GAETANO  Chi è annato ar cesso?

ANTONIO     Mo so’ arivati ‘sti due…annamo proprio bene!…

GENNARO No, sor Gaetà…è che sète venuto de corsa perché c’è nu ferito!

GAETANO  Chi se n’è ito?

ROSA                  Sor Gaetà…ma se po’ sapè perché m’avete fatto venì qui de corsa.

GAETANO   E che né so?…Se me lo ricordavo…da mo che te lo avevo detto!… Possin’ammazzà!

ANTONIO Ohi…che mal di testa…bisogna che me vado a prende un Cachet GENNARO Viè…t’accompagno (cerca di sorreggerlo)

ANTONIO     Statte fermo co’ ‘ste manacce…

GENNARO  E chi te tocca! T’accompagno perché te pòi sentì male( lo sorregge)


32


33

ANTONIO     Non me toccà!….

GENNARO  E chi te tocca…

NATALINO Zio Anto’…Te tocco io…

ANTONIO     Manco tu me devi toccà….m’accompagnano nonno Gaetano e la sora Rosa…

ecco fate piano…prendeteme qua…metteteme sottobraccio…(i due vecchi lo prendono, ma rimangono fermi)….Allora che fate?…Non m’accompagnate?

GAETANO  Noi te vorremmo pure accompagnà…ma a noi due….

GAETANO E ROSA    Chi ci accompagna?

GENNARO e NATALINOV’accompagnamo noi! (prendono sottobraccio i due vecchi che a loro volta tengono sottobraccio Antonio)

19 – M9 - FATE BENE FRATELLI

ANTONIO   (mentre escono) Ecco qua adesso il Fate Bene Fratelli è al completo!

QUANDO SONO USCITI SFUMARE LA MUSICA

(Entrano Marina, Renato e Anna. I tre sono carichi di vestiti adatti per i personaggi del presepe)

RENATO

…allora facciamo vedere i costumi alla signora Maria…facciamo vedere

MARINA

Ma certo!…Mamma…Mamma?….

MARIA

(entrando)

Avete   preso   i   costumi?!….Oddio….che   bello!…Poi,

ovviamente, Renato…ci farai sapere quello che hai speso e…..

RENATO

Niente, signora Maria…niente!…Si figuri…offre la ditta…offre…

ANNA

Mamma…guarda quanto è bello l’angelo.

MARINA

È bellissimo!…Ma portiamoli di là…una sistematina gli va data. Qualcuno è un

po’ sciatto.

RENATO

Sì, portiamoli di là…portiamo…

ANNA

Mamma…tu intanto per favore metti questa nella credenza…è una medicina che

mi ha dato il dottor Scamorza. (le dà un barattolo che Maria guarda

leggendone l’etichetta)

MARIA

Ma questa è…una marmellata purgativa.

ANNA

Sì…è per un amico…sai…ha dei problemi…speriamo che con questa purga

riesca a risolverli. (Maria mette il barattolo della purga nella credenza) Ti

aspettiamo di là.

MARIA

Andate pure…intanto che ne dite se vi preparo un bel caffè?…

RENATO

Io dico che ci vorrebbe proprio…ci vorrebbe…grazie (Escono con i costumi)

ANTONIO

(entrando con Gennaro e Natalino) Ohi…ohi…

MARIA

Ti fa ancora male la testa?


33


34

ANTONIO     E per forza…Gennaro da stamattina che non fa altro che damme schiaffi sulla capoccia?!…Sono dovuto andare a prendermi un cascè…

GENNARO Nin se dice cascè…l’ho sì letto su la scatola…se dice Caché…

MARIA             No…se scrive così…ma se legge cascè…piuttosto nonno dov’è annato che non lo vedo?…Non è che je sarà successa qualche cosa?

ANTONIO     Non te preoccupà Marì…è uscito co’ noi…poi se n’è annato a casa de Rosa…che je voleva fa vedè er vestito der personaggio che vòle fa’ stasera nel presepe.

MARIA             E che personaggio vòle fa?!

GENNARO   Nun ge lo sì detto!…Però dice che sarà ‘na sorbresa ca lascerà tutti…come sì detto ca ‘n ge lascerà?

NATALINO Ha detto impietroliti papà…impietroliti!

MARIA             Impietriti…ho capito!…Ce pijerà ‘na paralise!…Beh…io stavo andando in cucina a fa’ un po’ di caffè…Antonio vieni pure tu che ti voglio disinfettare la ferita.

GENNARO  Sì, sì Antò…vatte a fa’ la disinfestazione che è mejo va!

ANTONIO     La disinfestazione…sì mo in testa c’ho i sorci!!!...Quanto sei ignorante!

MARIA             Gennaro, ti ricordo che tra una ventina di minuti ci dobbiamo riunire per stabilire i personaggi…i costumi già li hanno portati. (Esce con Antonio)

NATALINO Sendi papà mo che semo rimasdi soli…stavo a penzà, no?

GENNARO Meno male che ‘na vorda pensi…stai sempre a magnà?!

NATALINO Volevo scrive la letterina de Natale a zia Maria e zì Antonio…che po’ esse chearimedio quarcosa. Che ne dichi papà?

GENNARO  (raggiunge il figlio) Sì, ma famo a capisse…quello c’arimedi femo a li mezzieh?...Daje…strappa nu fojo da lu quaderne e scrivi.

Natalino strappa un foglio dal quaderno e scrive quello che gli detta Gennaro GENNARO Caro ziete e cara zieta!

NATALINO A papane, perché nin ge scrivemo pure a tutte li parenti ca così arimediemo depiù?

GENNARO   Bravo Natalì…tutti meno che lu nonno ca quello è tarmente tirghio ca nun ge tiremo fora un euro.

NATALINO E che nun ge lo so? ...E’ tarmende tirghio ca ieri lui se beveva la Coca Cola e ame, me faceva fa’ li rutti?!

GENNARO   Allora ‘ngomingemo…sgrivi. Cari zieti e tutti li parenti compresi li cugini de campagna.

NATALINO A papane, ma li cugini de campagna nin zò un complesso musicale?

GENNARO   Me sa che ci hai ragione so’ tipo i Ricchi e Poveri…(pensa) Mmmm!…(contento indica il tavolo) Ho trovato!...

NATALINO (guardando sotto il tavolo) Ch’hai trovato, papane?


34


35

GENNARO   Ma che stai a guarda’!…Volevo di’…ch’ho trovato la soluzione …ce scrivemo che date che te, nun voi rimanè somaro, pe’ studià non te basteno li sordi.

NATALINO (scrive)Cari zieti e cugini de campagna ca nun so ne ricchi ne poveri. Datosi ca nun m’abbasteno li sordi pe’ mantenè lu somare…(si ferma)…A papane?...Datosi se scrive co’ la di de dado…o co’ la di de dido?

GENNARO   E me lo chiedi a mene?...Qui stamo in Italia…mica a lu paese nostre! Scrivilo come te pare…Se è sbaijato capiranno che a lu somaro pe’ fallo più strutto…ce vonno più sòrdi…

NATALINO Ciai raggione a papane…nun ciavevo pensato… (continuando a scrivere) Allora scrivo da..do… virgola…

GENNARO  (continuando a dettare ad alta voce) Dado… chenunmi abbasteno li sordi

(puntualizza a NATALINO) chenummi tutt’attaccato…anzino…chenummia…poi staccato abbasteno.

NATALINO A papane…Abbasteno co’ due o co tre bi? GENNARO Quattro! Più B ce metti e più vordì che nun t’abbasteno!

NATALINO Lo sai che faccio?...Ce ne butto dentro Cinque e moriammazzata l’avarizia.

GENNARO  Bravo!...’N do’ eravamo arimasti?

NATALINO A moriammazzata l’avarizia.

GENNARO   Ecco sì…(con enfasi)…l’avarizia che nun zia mai deve…(con più entusiasmo)…senti che frase te sto pe’ dì!...Nun zia mai deve albergare nelnostro cuore.

NATALINO Ammazza che frase…a papane…e mica te ce facevo così strutto …è tua?

GENNARO   Se!...S’era mia da mò che l’avevo depositata. L’ho presa da ‘na canzone de Pippino di Caprio

NATALINO Ma come, mo l’attore…s’è messo pure a cantane?

GENNARO Ma      quale   attore…quello  sa   chiama   Lionardo….io   diceve   Pippino   di

Caprio…quello che canta…(canta sulle note di “Champagne”) “Cia ‘n tram…pe’ annare a ‘no scontro”…

NATALINO Aaaah!…di Caprio…come no…Quello che abbitava sull’isola de Ponza… GENNARO Se…de panza!

NATALINO ( meravigliato) Pensa!

GENNARO  ‘N do’ eravamo rimasti? (indica il foglio)

NATALINO All’avarizia.

GENNARO Lo so…lo so…ma quello che viè appresso che dice?

NATALINO (legge) Che Nunzia…mai deve annà in albergo….

GENNARO Ecco sì…che…(ripensandoci)…Nunzia? E mo chi è sta Nunzia! NATALINO E che ne so…me lo sì detto tene…

GENNARO Ma io te sì detto che nun zia mai….staccato e no che nunzia mai… tutt’attaccato.


35


36

NATALINO A papane…Ma che c’era pure la zia che aveva staccato?

GENNARO Sì… e che nun lavorava più?!

NATALINO (scrive ripetendo) Nunzia ci aveva la zia che nun lavorava…più!

GENNARO Se po’ sapé che robba stai a scrive?

NATALINO Quello che me detti tu!

GENNARO Damme qui….famme vede. (prende la lettera e legge)…Cari ziete e cara zieta,

cumbresi li cugini de campagna che nin zo né ricchi né poveri e pe’ questo nummia…abbasteno li sordi… (pausetta)…co’ quattro bì che così avendoci più bisogno...cu lu somare ce famo più strutto…(pausetta)...Dido e dado hanno mannato ammoriammazzata l’avarizia de Pippino di Caprio… che era ‘n cantante ch’abbitava a Ponza e che ogni vorta che pijava er tranve…je veniva er mal de panza…pensa! (Gennaro si ferma e guardando NATALINO)…ma chi te l’ha dette tutte ‘ste strunzate?

NATALINO Tu!… Me sì detto pure che so’ stati Dido e Dado.

GENNARO Sì???

NATALINO Eh!…E che quanno hanno saputo che Nunzia, mai, riusciva a trovà ‘nalbergo….è stata licenziata dalla zia.

GENNARO (rassegnato) La zia de Dido e de Dado.

NATALINO No…de lu somare.

GENNARO   Che nin sei artre! A Natalì, (arrotola il foglio che ha tra le mani e glielo tira addosso). Nin sei bono nimmanco a scrive ‘na lettera de Natale…e pe’ fortunache te chiami Natalino…penza se ta chiamavi Pasqualino ca me combinavi!…Sumare!!!

MARIA Ecco Gennaro…ti ho portato il caffè! GENNARO Grazie Marì…me ce voleva proprio. (Beve)

ANNA                 (entrando) Antonio…Renato e Marina…si stanno provando i vestiti. Gennaro perché non vai anche tu?

GENNARO  Subito Marì…vado subito. Nin vedo l’ora da vestimme da burino.

MARINA         Beh, se era pe’ quello non c’era bisogno che te vestivi. Piuttosto…tua sorella Carolina è da questa mattina che non la vedo…sai che fine ha fatto?

GENNARO   …ha detto che andava a cercarsi un vestito per il presepe. S’è messa in testa de fa’ la Madonna.

MARIA             Forse è proprio il modo per farla stare buona. Si mette lì… tra il bue e l’asinello…zitta, zitta, in adorazione … …

GENNARO Sembre ca quelle bestie lì, nin fanno le puzze Marì, perché sinnò anche se ci hailu naso abituate mica resiste a quell’odorazione…io a lu paese meo tengo nu somare ca quanno ne ammolla una sembra come da voi quanno spara lu cannone allu Gianicolo.


36


37

MARIA             …adorazione ho detto, no “odorazione”…adorazione vuol dire preghiera …

raccoglimento….ma adesso va su…vai a misurarti il costume…

GENNARO  (a Natalino) E tu viè cu me somarone.

MARIA             Ma perché lo tratti sempre male.

GENNARO (lo prende per un orecchio ed mentre escono) Lo so io perché…lo so io!...E

pure lui lo sa!...Ts…i cugini di campagna….namo sumare!

ANNA                 (entrando) Ce ne è un goccino anche per me?

MARIA:            Ma certo!

Maria versa il caffè nella tazzina per la figlia.

MARIA             Che ne dici se nel frattempo facessimo l’elenco dei personaggi del presepio?…Il tempo stringe...

ANNA                 (sorseggiando il caffè)     Va bene…dammi un foglio e una penna!

Maria prende un foglio dal quaderno di Natalino e la penna che è ancora sul tavolo e porge il tutto ad Anna che scrive, mentre lei armeggia in cucina.

MARIA

Dunque….vediamo…cominciamo da tu’ padre…..Ce lo vedi nella parte di San

Giuseppe?

ANNA

Ma sì che va bene…se calcoliamo che San Giuseppe era il capo famiglia, papà

che è capo….

MARIA

(mettendole una mano davanti alla bocca la fa zittire) Bona…non annà oltre,

altrimenti San Giuseppe lo devo fa io!….Piuttosto a tu’ nonno che je famo

fa?….(si mette seduta vicino alla figlia) Che ne dici se fa il Re Magio che porta

l’oro a Gesù Bambino?

ANNA

(scoppia a ridere) Ah, ah, ah….nonno che porta l’oro?

MARIA

Embè…che c’è da ridere…

ANNA

A ma’…ma te rendi conto de quello che stai a dì?…Quello è tirchio peggio de

‘no scozzese….e quando glielo porta l’oro….

MARIA

Ma è pe’ finta!

ANNA

Ma quello manco pe’ finta!…E’ tarmente tirchio che s’è comprato la dentiera a

mezzi cor Sor Giovanni?!...Fanno un giorno per uno?!...Senti ma’, se proprio je

vòi fa fa’ il Re Magio…je devi fa fa’ quello che s’è scordato il regalo a casa….

Solo così ce sta!

MARIA

e chi glielo spiega a quelli che un Re Magio…dopo che ha attraversato tutto er

deserto  s’accorge  d’avè  lasciato  il  regalo  a  casa…

Annarè…e  ‘namo

su….(Maria si alza per continuare a sfaccendare)

ANNA

nonno glielo spiega…nonno si presenta davanti al Bambinello… s’inginocchia e

legge queste parole che ho preparato per lui. leggi e dimmi se ti piacciono.

(Anna porge il biglietto a Maria)

MARIA

(legge) ”Oggi è il Santo Natale…si come di note uno sciame avvolgente di

armonio…io  ignaro…come  un  semplice  pellegrino,

dal  mio  sito,  non


37


38

invano…dopo tanta camminata…fino a te sono arrivato…ora sento l’importanza di questo momento, che la mia persona è prostata ai tuoi piè!…Ed io che ero venuto qui, per portarti l’oro o Salvatore…ho combinato un inguacchio…(ci pensa un attimo)…Inquacchio?…Ma no.. dopo che gli abbiamo fatto recitarequasi un poema…lo facciamo finire con un vocabolo…dialettale?…E no…così…Non mi sembra bello!

ANNA                 Ma dai…serve per dare un tocco di…simpatia.

MARIA             E vabbè…se lo dici te!…Mo che abbiamo sistemato il Re Magio smemorato….a

Carolina che je famo fa?…Co’ quella dovemo sta attenti

ANNA                 Ha detto che vo’ fa’ la Madonna?…E noi gliela famo fa’…la mettiamo in ginocchio buona, buona, così non combina guai….Il somaro glielo facciamo fa’ a

Natalino….(si rimette seduta vicino alla madre) che quella parte lì…meglio di

lui non la fa nessuno….il bove a….a…Renato.

MARIA             A Renato?…Sì ma le corna?

ANNA                 Ci penserà Marina non ti preoccupare (fa il segno delle corna)

MARIA             Ma…si sono fidanzati da due giorni?!

ANNA                 Lo so, ma per Marina sono anche troppi.

MARIA             I zampognari…ecco che mancano…i zampognari…non se po’ fa’ un presepe senza gli zampognari!

ANNA                 Mamma, per i zampognari già c’ho pensato io…ho telefonato ad Oreste che mi ha promesso che porterà anche un suo amico che suona con lui al piano bar….sai

questi strumenti…sax, tromba…

MARIA             Ma a quei tempi mica c’erano quegli strumenti….

ANNA                 Lo so che non ci stavano…ma in mancanza d’altro?!…Uno strumento vale l’altro…Dai mamma, non ti formalizzare…altrimenti…il presepe mica riusciamo a farlo. Gli ho detto di venire al più presto con indosso quattro stracci…e…il gioco è fatto

MARIA             Boh…e vabbè…se lo dici tu…Allora… come d’accordo tu fai l’Angelo, magari, con la tastiera, dai anche una mano ai tuoi amici e gli altri…chi la massaia…chi il caldarrostaio…

ANNA                 …chi la lavandaia…

MARIA             Ma certo…la lavandaia…Ora però (alzandosi) Bisogna darsi da fare e incominciare ad allestire la scena

20 – M7 - FAMIGLIA BONGIORNO

(entrano in quel momento Antonio, Gennaro, Natalino, Marina e Renato… confusione… tutti parlano a soggetto)… Aòh… (batte le mani per richiamarli all’ordine)

STOP ALLA MUSICA


38


39

boni… boni…che è ‘sto casino?…Cerchiamo di fare le cose per bene… altrimenti co’ sta baraonda non si capisce niente. La regìa di questa cosa la faccio io…gli altri tutti zitti…così forse ce se capisce qualcosa.

GENNARO (passeggiando come in passerella con il vestito da presepe) Anto’, che te paro?

ANTONIO     (vestito da San Giuseppe con un camicione bianco fino ai piedi ed in testa un

asciugamano bianco tenuto sulla fronte da un cordone da tenda alla maniera degli arabi) Un burino rivestito.

GENNARO E sì bello tune!?…Che me pari ‘nu cremino crema e cioccolato.

MARIA             Non cominciamo a litigà sennò non se fa mai giorno…tu Anna vatti a vestire da

angelo…(Anna esce per vestirsi da angelo)…il  tempo  che  ci  rimane  è

poco…avanti…Renato… Antonio…Gennaro…improntate         una      grotta                                         là                                                 in

fondo…

GENNARO Dovemo sfonnà lu muro?

ANTONIO     La testa tua, dovemo sfonnà…questa è casa mia a scemo!…

RENATO        Dai…forza…poche parole e diamoci da fare, diamoci…

MARIA             Ah…dimenticavo…con  Anna    abbiamo   deciso    che    personaggi      dovete

interpretare…Antonio…tu farai San Giuseppe…il falegname…

ANTONIO     Ma perché proprio er falegname, Mari?…A fa’ er falegname non se guadagna un

euro…non ce sarebbe ‘n artro mestiere?…Che ne so…er dottore…er Presidente de qualche ditta…

MARIA             Antò…sai che te dico?…Basta che fai San Giuseppe e te metti vicino alla

Madonna zitto, zitto…poi, se invece de fallo esse falegname…lo vuoi fa’ esse

‘no scienziato…un ingegnere nucleare fa lo stesso…basta che quello che sei lo

sai solo te e non lo dici a nessuno.…

GENNARO  E io Marì, che faccio?

MARIA             Tu fai…il caldarrostaio….

GENNARO  Marì…nin me piace lu callarrostaro…pozzo fa’ l’ombrellaro?

MARIA             E vabbè…fa un po’ quello che te pare…tanto caldarrostaio…ombrellaio, sono la

stessa cosa.

GENNARO   E no…Marì…mica so’ uguali…che vòi paragonà quello che venne le callaroste cu l’ombrellaro? Quello oggi è nu signore, gira co’ camioncino …ma che nin l’hai sentito co’ quell’artoparlante ca te combina (prende l’imbuto e grida

mettendo paura a Natalino che sta dormendo)

NATALINO (svegliandosi) Strunzo!

GENNARO   ”Signore…se il vostro ombrello è rotto…noi ve lo aggiustiamo …se la vostra macchina del gas non funziona e fa fumo…noi ve la facciamo funzionare e vi togliamo il fumo…

ANNA                 Ma zio…tu non devi fare l’ombrellaio di oggi…ma quello dei tempi antichi…che stava in Palestina.


39


40

GENNARO  A Palestrina?

ANTONIO     …In Palestina…

RENATO        Io che parte faccio signora Maria?…Che parte faccio?

MARIA             …a te…te lo dico dopo quello che devi fa!…Adesso non perdiamo altro tempo.

ANNA                 (rientrando vestita da angelo) E voilà…ecco l’angelo.

GENNARO  Ma che voli?

ANNA                 Dai, Dai!…A fare la grotta vi do una mano anch’io…

MARIA             Brava  Anna…così  fate   prima…Inventateve qualche   cosa…un  telone…’n

anfratto….

RENATO        Io ci ho un’idea signora Maria…ci ho un’idea!…L’armadio e l’ombrellone sono

sicuro che vanno bene, sono sicuro….poi per la mangiatoia ci arrangiamo e il

gioco è fatto.

MARIA             Bravo Renato…stavolta hai avuto proprio una buona illuminazione.

RENATO        Grazie signora Maria!…E allora forza ragazzi diamoci da fare…diamoci…

21 – SUONA IL CAMPANELLO

SI COMINCIA A FARE LA GROTTA. Anna svuotando la credenza metterà il barattolo di marmellata nel cesto della lavandaia)

ANTONIO

…Ci vado io. (Esce)

MARIA

Quello pur de non lavorà andrebbe a cercà i Re Magi veri ner deserto.

GENNARO

(a Natalino) Aò, ma te voi svejà te?

ANTONIO

(rientra poco dopo con il nonno ed entrando)….Eccotelo tiè!

GAETANO

(suona la trombetta) Compagnia…scavate le trincee…che er nemico po’ arrivà

da un momento all’altro!

ANNA

Nonno…ancora così stai?…Tra un po’, non arriva il nemico, ma la commissione

che decide a chi dare il milione.

MARIA

Marina…Se vai a prende’ il costume di Baldassarre…glielo mettiamo. (Marina

esce)

GAETANO

(suona la tromba) Compagnia…siete pronti al combattimento?… Armiamoci e

partite. (suona ancora)… quanno se magna?

MARIA

(Togliendo  dalle  mani  la  trombetta  al  nonno)   E  mo  basta  co’  ‘sto

ciufolo…oggi non se magna.

22 – M3 - CONTENTEZZA

Entra Marina con il vestito da Magio

MARIA             Avanti spogliati! (Gaetano viene fatto alzare. La vestizione del nonno ad opera di Maria, Marina e Anna è alquanto comica. Il nonno tra pantaloni mutandoni e pannoloni si dimena come un ossesso)


40


41

GAETANO  (urlando) Camerati…aiutateme…il nemico me vò prende prigioniero!

MARIA             E statte fermo…ce stai a fa’ fa’ ‘na sudata.

Recita a soggetto tra i tre.

MARIA             Finalmente ijel’avemo fatta.

SFUMA LA MUSICA

MARINA

Mamma mia che fatica!

ANNA

(guardando il nonno) Beh…però vestito da Baldassarre è proprio forte!…

MARIA

L’unica cosa che non mi quadra è il fatto che alla commissione dovremo dire che

questo è un Re Magio che s’è scordato il regalo a casa.

ANNA

E vabbè…sai che facciamo…diremo che lui è il fratello di Baldassarre… un vice

Re  Magio  di  nome  Baldacchino,  e  che  è  venuto  ad  adorare  il  Signore,

anticipando il fratello…

GAETANO

Aòh,  ma  che  state  a  dì…me  ce  volete  fa’  capì  qualche  cosa  pure  a

me?…Insomma se po’ sapè che devo fa?

MARINA

(gli grida all’orecchio) Devi anticipare Baldassarre….

GAETANO

Io nun anticipo un cazzo a nessuno…

23 – SUONA IL CAMPANELLO

GAETANO  ma che ve sète messe in testa. Possin’ammazzà…..

ANNA

Vado io…dovrebbe essere Oreste (esce)

MARIA

(A Gaetano mettendogli in tasca il biglietto scritto con Anna) Ecco papà…te

metto in tasca sto biglietto…

GAETANO

Chi è che deve annà ar gabinetto?

MARINA

Ma no…nonno…un biglietto…biglietto…

GAETANO  e che ce devo fa’?…

MARIA

Niente…quando te lo dico io…lo leggi… Adesso non te preoccupà… tiello qui

in tasca, e non te lo perde…io vado di là a vestirmi per il presepe.

NATALINO (a Maria) Zia…Va bene così? (mostrando la grotta)

MARIA             Va bene…va bene!…Tanto co’ le luci soffuse se c’è qualche magagna non se vede. Faccio presto (Maria esce, si va a togliere la vestaglia e a mettersi il vestito per il presepe.)

ANNA                 (Rientrando in scena con Oreste e il suo amico Agamennone.) Ecco i musici.

ORESTE          Bongiorno e buon Natale a tutti.

ANNA (al nonno che s’è fatto loro incontro) Nonno…Questo è Oreste… ORESTE Piacere e questo è un mio amico…Agamennone! AGAMENNONE Piacere…Agamennone.


41


42

GAETANO Ah…er nemico de Priamo. ANTONIO Sì…stamo a fa’ la guerra de Troia. GAETANO (girandosi verso Antonio) La sorella de chi?

ANNA                 Venite…non ci fate caso…nonno è un po’ sordo…vi presento gli altri….mia

sorella con il fidanzato…Natalino, mio cugino…il nonno e per ultimo mio zio Gennaro.

ANTONIO     (facendosi avanti)…Scusate…Io sono il padre…(stringendo la mano ai due)

Antonio…piacere…non ce fate caso…io so’ ‘no spirito.

ORESTE          Ah…lei nel presepe fa lo Spirito Santo?

ANTONIO     Beh…Santo me ce faranno…ma dicevo spirito perché in questa casa non

esisto...avete visto…v’avevano presentato tutti meno che me.

GENNARO  (avvicinandosi) Gennaro…Piacere!

ORESTE          Signor Gennaro... (poi presentandosi) Piacere…Oreste Bagnomaria.

GENNARO  …Aòh, mo ca ritorna….nin t’azzardà a bagnà Maria ca se je fai prenne ‘na

polmonite, ta denuncio mica no!….

ORESTE          Guardi che c’è un equivoco.

GENNARO  Un altro equino?

ANTONIO     Gennà, da quando sei arrivato te, sta casa è diventata ‘na stalla.

ANNA                 No…Gennaro hai capito male.

GENNARO  No, no! So’ capito bene…ha detto proprio che vo’ bagnà Maria

MARINA         No…lui si chiama Bagnomaria…Oreste Bagnomaria.

GENNARO  Ah…so’ capito!…Ammazza quante cose sto a ‘mparà da quanno so arrivato a

Roma.

ANTONIO     E’ meijo che te ne vai presto, sinnò me diventi Zichichi.

NATALINO Lo zio de chi?

ANTONIO     De quer somaro che sei!

Tutti si dispongono per il presepe

MARINA         un momento ragazzi…manca il personaggio più importante…il bambinello

ANNA                 Potremmo prendere il bambolotto che c’è sul letto di mamma.

MARINA         Buon’idea….lo vado a prendere. (esce)

MARIA             (Rientrando vestita da mugnaia) Tutti ai vostri posti (tutti si ridispongono.

Entra Marina con il bambolotto e lo mette nella mangiatoia) RENATO Insomma si può sapere io cosa devo fare…si può sapere?

MARIA              E…tu fai il bue e Natalino fa l’asinello.

RENATO        Io il bue?…Originale…signora Maria…veramente originale…speriamo però che

la parte del bue non mi rimanga troppo difficile, non mi rimanga.


42


43

ANNA Se è per quello, difficoltà non ce ne saranno…ci penserà Marina NATALINO A me l’asino me piace zì…a scola me lo fanno fa’ sempre?!

MARIA              Allora…tutti  pronti?  (urlando)…No…Fermi  tutti.…c’è  manca  Carolina,  la

Madonna!?…

24 – SUONA IL CAMPANELLO

MARIA              (uscendo) Vado io!

ANNA                 Io dico che è Carolina

NATALINO Io intanto scaldo il pupo!

V.F.C. di MARIA – Finalmente sei arrivata…ci mancavi solo te.

Entrano in scena: Carolina si ferma sulla porta a guardare il presepe CAROLINA (estasiata) Che bello!!!

GENNARO   (preso da una crisi mistica nel vedere Carolina)…La Madonna! …Ho visto la Madonna.

ANTONIO     Ma statte zitto a deficiente…ma no’o vedi che è tu’ sorella?!

MARIA               (Prende Carolina per mano) Vieni qui…mettiti in ginocchio al tuo posto….(Carolina attraversa il presepe creando confusione)…Ora ci siamo

tutti…siamo pronti?…Via con la musica!…

25 – M11 - BIANCO NATALE - CANTATA

La scena è a luci soffuse. Lo spettacolo allestito da Maria è stupendo. La musica di “Bianco Natale” da un tocco di spiritualità ad una scena molto commovente. (suonano alla porta)

MARIA             Bellissimo…fermi così…siete da Oscar…io vado ad aprire…(Anna inizia a cantare mentre Maria esce per rientrare subito dopo con Frank l’americano)

FRANK             (ammirato per circa 15 secondi) Is fantastic…very, very fantastic.

MARIA             E questo è niente...si metta pure comodo a vedere come ci siamo organizzati….(con un battito di mani)… Forza…

26 – M14 - BIANCO NATALE – BASE

arrivi il Re Magio …(Avanza Gaetano)…Il biglietto papà…leggi il biglietto.

GAETANO   (tira fuori dalla tasca il biglietto, ma prima di leggere)…A Marì…posso salì sulla sedia?

MARIA             Fa’ un po’ come te pare!

VOLUME BASSO

GAETANO   (Aiutato da Maria sale su una sedia e come se leggesse una poesia)…”Oggi è il Santo Natale…si come di note uno sciame avvolgente di armonio….io ignaro…come un semplice pellegrino…dal mio sito, non invano…dopo tanta


43


44

camminata…fino a te sono arrivato…ora sento l’importanza di questo momento,

che la mia persona è prostrata ai tuoi piè!…Ed io che ero venuto qui, per portarti

l’oro o Salvatore…ho combinato un inguacchio….

FRANK

(quasi sussurrato, a Maria)  Beautiful…very...very beautiful....ma…togli me

una curiosità…che inquacchio ha combinato?

MARIA

(sussurrato) No…è che per fare una cosa simpatica…abbiamo pensato che…il

Re Magio s’è dimenticato il regalo a casa.

MUSICA FINO AL TERMINE DEL BRANO

FRANK

Originale…very,  very  original  story…(alla  fine  di  “Bianco  Natale”  si

riaccendono le luci…Frank batte le mani)...Wonderful…voi essere wonderful.

Poi musica te prende qui…in to còre!

ANTONIO

Scusi, ma lei chi è?

FRANK

Come chi essere…Antonio…tu non riconoscere me?…Sono Frank cinque meno

cinque di Broccolino.

ANTONIO

Frank…come  so’  contento  di  rivederti…so’  passati  tanti  anni  che  non  ti

riconoscevo più. Sei vestito così strano?!

GENNARO  Sì, perché secondo te, tu sei vestito normale.

FRANK

Eh…sì…essere passati tanti anni!…Io fatto tanti dollàri…e venuto a vedere tutti

presepi di famiglie che avere partecipato ‘o concorso: “Un Presepe da un

Milione”. E voi…Your are Fantastic…io essere certo che…voi vincitori….io

visto tutti presepi…ma vostro essere bello più…di tutto mondo…sicuramente voi

vincitori….e poi, Madonna…che bella Madonna.

ANTONIO

(Incredulo) Frank, ma che dici…davvero?

FRANK

Io dice sempre verità…e tra un’ora venire vescovo da voi per ufficializzare

vittoria…se  disce  così?...Ufficializzare?…Perché  scusi…io  tanti  anni  a

Broccolino e quasi dimenticato italiano…ora vado (uscendo) Wonderful…very

wonderful…e Madonna che bella…io innamorato Madonna…(canta) Oh mia

bella Madunaina…ca brillette in de Milan….(esce con Maria)…

TUTTI

Hurrah!…(Grida di gioia, parole e complimenti a soggetto)

27 – CONTENTEZZA

ANTONIO

(Sedendosi) Oddio me sento male…

ANNA

Che ci hai papà?

ANTONIO

Come che ci ho!…Semo diventati miijonari e tu me dici che ci ho?

MARIA

(rientra con entusiasmo) Antò semo ricchi! (si abbracciano)… Ricchi! (Tutti

si abbracciano, ridono, scherzano e progettano gridando a soggetto che sono

diventati milionari)

FINE SECONDO ATTO


44


45

TERZO ATTO

28 – M7 - FAMIGLIA BONGIORNO

Si apre il sipario Gennaro, Antonio e Gaetano sono seduti al tavolo della cucina e stanno giocando a carte Nonno Gaetano prende ogni volta.

GENNARO  (ad Antonio) Questo è nato proprio co’ la camicia…pija sempre lui.

ANTONIO     E vabbè, che te frega…ormai semo diventati mijonari?!

GAETANO  (Tiene i conti con la matita scrivendo su un foglio di carta) Allora tu me devi

dà duemila Euro…e tu quattromila.

GENNARO E scrivi…che ci hai paura che nun te li do?

ANTONIO     Che ce frega nonnè…segna…quanno viè er vescovo e ce dice che avemo vinto,

oltre a questi te damo pure la mancia.

GAETANO  Stavorta faccio un viaggetto co’ la sora Rosa in Thailandia e fra dieci anni….

GENNARO E ANTONIO:     fra dieci anni?

GAETANO  la vado a ripijà

GENNARO   (prende le carte, ma proprio quando sta per iniziare un nuovo giro, i suoi occhi vanno sul cesto dove sta il barattolo di marmellata) Antò…mischia unpo’ le carte? (prende il barattolo) Qui ce sta un barattolo…( Antonio prende le carte poi insospettito dall’atteggiamento di gennaro le dà al nonno) Mischiale carte e fatte un tresette cor morto!…Mischia le carte.

GAETANO  Fischia a le porte?!…Perché devo fischià a le porte?

ANTONIO     Mischia le carte! (facendogli il verso) Devi mischià le carte.

GAETANO  Ah…ho capito…me dici de fischià alle porte…te possin’ammazzà?!

ANTONIO     Gennà…che stai a fa’, co’ quel barattolo in mano?

GENNARO  (Apre il barattolo ci infila un dito e se lo mette in bocca) Antò, e che sto fando

èmarmellata…che ne dici se se ne famo un cucchiaio per uno ANTONIO Non ricominciamo…che me vòi fa’ litigà co’ Maria.

GENNARO Ma nin se ne accorge…Se magnano tutto il barattolo e poi lo buttamo! ANTONIO Fa’ come te pare…io non voijo sape’ niente…

GENNARO Giusto un cucchiaio pe’ fermamme lo stommico (prende un cucchiaio, apre il barattolo e mangia)

29 – M2 - IL BURINO

ANTONIO     Com’è?…Com’è?

GENNARO Mmmmmm…quanto è bona Antò…è marmellata de prugne…co’ sta fame che ciho…me magnerei pure lu vetro…daije…prenni lu cucchiaro e assaggia…

ANTONIO     E vabbè, però parla piano che se te sente er nonno jelo dice a Maria


45


46

GENNARO

(nascondendo sotto il tavolo il barattolo) E io piano faccio!

GAETANO

Ho sentito, ho sentito…ma se me la fai magnà un po’ pure a me…farò finta de

non avè sentito niente…

ANTONIO

Vabbè, facciamo un cucchiaio per uno. Tu guarda se viè Maria.

GENNARO

Mi affaccio alla porta…così vedo se viè…(fa capolino alla porta) Magnate che

Maria nin se vede…magnate! (Antonio mangia)

ANTONIO

Ammazza quant’è bona!

GAETANO

E a me?…Guarda che fo la spia eh?

ANTONIO

Magna…nonnè…magna….

GENNARO Ahò…nun  te

la  finì tutta  eh?  (E così dandosi il cambio, un cucchiaio

Antonio…un

cucchiaio

Gaetano  e  uno  Gennaro…la  marmellata

finisce)….Antò…ecco Maria…

ANTONIO

E mo ‘n do’ lo mettemo ‘sto barattolo?

GENNARO

Mettemolo  in  qualche  posto  che…poi  lo  buttemo!…(I  due  rimettono  il

barattolo  nel

cesto  e

si  precipitano  a  mettersi  seduti  intorno  al

tavolo)…Famo finta de giocà a carte…

SFUMA LA MUSICA

ANTONIO

A nonno…statte zitto sinnò je dico che l’hai magnata pure te.

GAETANO

Nun parlo!…Faccio finta de mette a posto la grotta (Entra Maria)

MARIA

(porta il vassoio con il caffè, lo poggia sul tavolo) Finalmente avete trovato

qualche cosa da fa’ ….chi vince?

ANTONIO e GENNARO

IO!!! (si guardano stupiti)

ANTONIO e GENNARO (indicandosi)

LUI!

MARIA

Non è che state a combinà un altro guaio, eh?

ANTONIO

Ma che dici…stamo a giocà…a carte…boni boni…

MARIA

Vabbèh…prendeteve il caffè…

30 – SUONA IL CAMPANELLO

….dopo questa

partita smettete…dobbiamo cominciare a prepararci …(esce per

andare ad aprire)

ANTONIO     Pe’ fortuna se l’è bevuta…

GENNARO E noi se la semo magnata….ah, ah, ah!!!

MARIA             (Rientra con il dottor Scamorza) Prego si accomodi…ha dimenticato qualcosa?

DOTTORE  Chiedo scusa…ma ho fatto un po’ di confusione…potrei parlare con la signorina

Anna, per favore?

MARIA             Ma certo…Anna…Anna? (Entra Anna)…Il dottore vorrebbe parlarti

ANNA                 Oh…che piacere…dica pure!


46


47

DOTTORE   Già…ma non è facile parlare ad un…Angelo…lei era già carina prima, ma ora….

ANNA                 Grazie del complimento…ma…stavo provando il costume che dovrò indossare tra poco.

MARIA             Vede…abbiamo deciso di partecipare a quel concorso lanciato da mister Frank cinque meno cinque…

DOTTORE  Sì…ne parla tutto il rione…un presepe da un milione…

MARIA             E già…E noi abbiamo deciso di parteciparvi allestendo un presepe vivente.

DOTTORE   Ah…ora capisco il perché di questi vestiti. Piuttosto volevo dirle che prima, a sua figlia, ho dato una marmellata purgativa sbagliata…

ANTONIO e GENNARO (alzandosi in piedi) Eeeeeh!

ANTONIO     Marme…che?

DOTTORE  Quella marmellata, anche se fa effetto dopo una decina di minuti… è una purga

potentissima…e non va bene per l’uomo!…Viene data come purga ai gorilla dello zoo, vede…lo dice anche il giornale.

GENNARO  Ahhh!…(toccandosi la pancia si avvicina al dottore) Famme vedé un po’

quello che dice er giornale? (strappa dalle mani del dottore una pagina di

giornale ed esce di scena correndo)

DOTTORE  Che è successo?

ANTONIO     (preoccupato) Niente, niente!…Ogni tanto je pija de fa’ così!

DOTTORE  Beh…sono venuto a riprendermi quel barattolo e cambiarlo con questo.

ANNA                 Certo! (si guarda intorno ma non lo trova) Mamma…dov’e sarà finito il

barattolo della marmellata?

MARIA             Lo avevo messo nella credenza…poi…non l’ho più toccato!…Antò…tu non ne

sai niente?

ANTONIO     Io?…Io la marmellata di prugne non l’ho mai toccata.

MARIA             De prugne? Dottò…s’è magnato la marmellata.

ANTONIO     Te giuro…io manco l’ho visto il barattolo…(urla) Ah…(corre dal dottore) A

proposito de quall’articolo…fammelo legge pure a me. (strappa dalle mani del

dottore una pagina di giornale ed esce di scena correndo esce di corsa

toccandosi la pancia)

MARIA             Che jè dicevo? (guarda nel cesto e vede il barattolo) Eccolo qua! (apre il

barattolo)…Vuoto!…Che vi dicevo?

DOTTORE  Ma sono dei pazzi!….Per almeno cinque giorni dovranno correre continuamente

al bagno.

GAETANO  (Correndo) Possin’ammazzà!....Io c’ho er pannolone! (esce)

ANNA                 (stupita) Pure il nonno!?

MARIA             Che possiamo fare per loro?


47


48

DOTTORE  E che vuol fare? Purtroppo non esistono rimedi….li faccia bere molto…devono

reintegrare i liquidi.

MARIA             Solo questo?

DOTTORE  Purtroppo sì…comunque se ci sono problemi chiamatemi…va bene? Auguri per

il presepe.

MARIA             Grazie!

DOTTORE  E auguri per il presepe.

ANNA                 Venga dottore l’accompagno! (Anna e il dottore uscendo)

DOTTORE  Signorina, mi raccomando…mi telefoni comunque.

ANNA                 E te credo!

MARIA             Che incoscienti!…Pure quel po’ro vecchio hanno traviato. (a mani giunte con

gli occhi rivolti al cielo)…Speriamo che ci aiuti la Madonna.

CAROLINA (Entrando)…V’aiuto io…v’aiuto io!…Marì…io vado dentro casa…(Entra nella grotta e si va a mettere in ginocchio al suo posto)

MARIA             Dentro casa?…

CAROLINA Eh…io faccio la madonna!

MARIA             Ma questa è ‘na casa de matti!…

ANNA                 (rientra) Affacciandomi in strada ho visto che la processione con il vescovo sta per arrivare qui.

31 – M13 - PROCESSIONE

MARIA             E mo che famo?

ANNA E che facciamo?…Non resta che raccomandarci alla Madonna. CAROLINA Venite pure…venite!…Ci penso io….(Entra Antonio)

MARIA             (inviperita contro il marito) Guarda come te sei ridotto!…A fa la staffetta al gabinetto co’ quel burino de tu’ cugino.

ANTONIO     Nun è stata colpa mia…che ne potevo sapè che quella marmellata era ‘na purga?

MARIA             Almeno statte zitto!…Pure quel povero vecchio avete purgato. (Entrano Marina

eNatalino)

MARINA   Ma che è successo?…

NATALINO C’è il nonno che è impietrolito davanti alla porta de lu cesso, nin se move de là. MARINA Se lo chiami non te risponde…si lamenta soltanto toccandosi la pancia.

SFUMA LA MUSICA

MARIA             E’ inutile a sta’ qui a discute…tra un po’ arriva il vescovo…prepariamo nuovamente la scena…Anna vai a prendere il nonno e dì a Gennaro di uscire dal bagno…dobbiamo essere pronti…prendi pure il cappello per Renato e quello che ho preparato per Natalino.


48


49

ANNA                 Vado! (Esce)

32 – SUONA IL CAMPANELLO

MARINA         Vado io… (Esce)

MARIA              (ad Antonio) Vatte a da’ una sciacquata in faccia che me pari ‘no straccio e speriamo…

CAROLINA (Misticaalzando le braccia verso il cielo, dalla tenda entra in battuta)….nella Madonna!

ANTONIO     Quella s’è già montata la testa (esce ed entrano, Marina, Oreste, Agamennone e Renato)

RENATO        Quella pizza oh quant’era buona…oh quant’era buona quella pizza…

MARIA              Avanti sbrighiamoci è quasi l’ora…(chiama) Anna…Anna!

ANNA                 (entrando insieme al nonno, con un cappello con le corna e uno con la scritta

“asino”)…Eccomi…Renato…Natalino…mettetevi questi.

RENATO        Che dici Marina, queste corna mi stanno bene?

MARINA         Non ti preoccupare Renato, che tu sei nato per fare la parte del bue.

MARIA              Tutti ai vostri posti…Nonno…come ti senti?

GAETANO  Insomma…si cachicchia…

MARIA              Ti ricordi quello che devi fare?

GAETANO  Non  so’  mica  rincitrullito!  (Si avvia sicuro al presepe)…Devo  legge  er

bijetto…solo che nun lo trovo più…possin’ammazzà…me dev’esse cascato per

terra. (guarda in terra attorno, senza trovarlo)

MARIA              Mo non te preoccupà e pensa a fare bene l’entrata del Re Magio…il biglietto

vedo di trovarlo io. (interdetta) A questo la purga l’ha guarito…mo ce sente

bene (entra Gennaro)…Gennà…e tu sbrigate… mettete al posto tuo che sta pe’

arrivà il vescovo.

33 – M13 – PROCESSIONE

GENNARO Io non so se ce la faccio.

MARIA

Se te movi te do una scopata in testa. (rientra Antonio) E tu…vatte a mette

vicino a Carolina

CAROLINA La Madonna…prego!

MARIA

sì vabbè!

ANTONIO

Se nun se sbrigamo…quella se convince pure de fa i miracoli... comunque

Marì…io  San  Giuseppe  lo  faccio…però  sia  chiara  ‘na  cosa…io  nun  so’

falegname eh?

MARIA

Ma sì…essi quello che te pare!

GENNARO

(urlando) Ah! (esce di corsa)

MARINA

E mo che gli prende?


49


50

MARIA              Anna va a vedere come sta! (Anna esce bofonchiando)

ANTONIO     (urlando) Aiuto!

MARINA         che è successo?

ANTONIO     Ah (esce di corsa ed entra Gennaro con Anna)

GENNARO  Mamma mea che dolori de panza.

MARIA              mettete a posto…Anna va pijà quell’altro impiastro.

ANNA                 A Ma’…vabbè che devo fa’ l’angelo…ma io me so’ stufata de fa’ avanti e ‘ndietro…(Anna esce)

GAETANO   Mamma la panza!…Possin’ammazzalli (urla uscendo di corsa ed entrano Antonio ed Anna)

MARIA              Mo ce mancava pure il nonno.

ANNA                 Non mi dire niente…ho capito (rassegnata)...Vado a prende anche il nonno.

CAROLINA (battendo le mani) Che bello…che bello!…Il presepe vivente è diventatosemovente.

MARIA              Carolina…te vòi sta’ zitta?…Invece de batte le mani dì quattro Ave Marie (con Anna rientrano: Gaetano e Antonio)…avanti rimetteteve a posto…

34 – SUONA IL CAMPANELLO

…Eccoli, ci siamo!…Vado ad aprire… incominciate a suonare io abbasso le luci (esce.)

ANTONIO     Qui invece de abbassà le luci….bisognerebbe arzà i ventilatori!

35 – M14 - BIANCO NATALE – BASE … RIPETUTA …

PRIMA NORMALE POI SUBITO A BASSO VOLUME

I musici cominciano a suonare un “Bianco Natale” molto soft. Tutto sta andando per il meglio. Pomposamente fa il suo ingresso sulla scena il vescovo e Frank cinque meno cinque.

FRANK             Ecco Eminenza…io credo che questo è il presepe più bello (non fa in tempo a terminare la frase che con un urlo di dolore Antonio lascia il suo posto per uscire di scena, mani sulla pancia.)

ANTONIO     Ah! (esce correndo)

FRANK             (a Maria) Cosa successo a Antonio?

MARIA             Siccome lui è San Giuseppe falegname….s’è scordato la sega e…l’è andata a

prendere.

FRANK             (al        Vescovo)…Ha       visto    Sua    Eminenza?…Anche    la    sega….this…è

organizzescion…very beautiful GENNARO Vado a collaborà co’ Antonio a pijà la sega.


50


51

GAETANO (Entra avanzando verso il presepe…rivolto a Maria)…Che devo dìMarì?…Me so perso il biglietto. Possin’ammazzà!

MARIA             Dì…qualcosa…dì qualcosa…(Maria guarda a terra e trova il biglietto che era caduto a Gaetano)

GAETANO  Nun so che devo dì…so solo che me la sto a fa ner pannolone!

MARIA             Ecco il biglietto…l’ho trovato. Leggi papà…leggi.

GAETANO  Me so’ perso pure l’occhiali, me so’ cascati dentro ar cesso. Possin’ammazzà!

MARIA             (apre il foglietto gli va vicino e seminascosta da una pianta comincia a suggerire le frasi che il nonno deve ripetere) Ripeti quello che dico io…”oggi

èil Santo Natale…si come di note uno sciame avvolgente GAETANO Oggi me sento male…e siccome di notte la fame se sente…

MARIA             di armonio io ignaro… come un semplice pellegrino… dal mio sito, non invano…

GAETANO  Che stai a dì?

MARIA

di armonio io ignaro… come un semplice pellegrino… dal mio sito, non

invano…

GAETANO

zì Antonio, io e Gennaro…con un semplice cucchiaino…o cor dito della mano…

MARIA

dopo tanta camminata… fino a te sono arrivato

GAETANO

…mamma quanta marmellata tutti e tre a’mo magnato

VESCOVO

(rivolgendosi a Frank)

Cosa sta dicendo?…Non capisco….

FRANK

Niente…niente…essere come una preghiera…

VESCOVO

Ah….

MARIA

ora sento l’importanza

GAETANO

ora sento er mal de panza…

MARIA

di questo momento che la mia persona è prostata ai tuoi piè!…

GAETANO

e in questo momento che ci ho la prostata e me fanno male i piedi

MARIA

Ed io che ero venuto qui, per portarti l’oro o Salvatore…ho combinato un

inguacchio

GAETANO Io che ero venuto qui per portarti l’oro di Salvatore…te lo do cor cacchio! (fa il

segno dell’ombrello)

VESCOVO    (a Frank) Ma cosa significa quel segno che ha fatto?…

FRANK             Ma  niente…Come  dire  voi?…Essere  una  cosa…di  fantasia…questi  essere

personaggi…(rientra trafelato Gennaro facendosi largo tra Frank e il Vescovo)… estemporanei…

GENNARO (mentre passa tra loro) Eh…hai da vede li temporali…certi botti…

VESCOVO    Ma cosa dice…e perché tutto questo movimento….

MARIA             (al Vescovo) Perché e’ vivente…sua eminenza…è vivente.


51


52

VESCOVO    (con meraviglia) Ah!…Ora capisco.

36 – SUONA IL CAMPANELLO

37 – MARCIA TRIONFALE “AIDA”

Con portamento angelico Anna va ad aprire, rientrando subito dopo con la signora Rosa vestita da Cleopatra, accolta dalla marcia dell’Aida

ABBASSARE IL VOLUME

VESCOVO

E questa chi è?!

MARIA

(imbarazzata) E’ Cleopatra monsignore…Cleopatra!

VESCOVO

Sì, ma Cleopatra stava in Egitto, mica in Palestina.

GENNARO

Lo so zì prè…ma oggi cu l’aereo nin ge si mette niente….

STOP ALLA MUSICA

ANTONIO

(Entra di corsa con un martello in mano)…Permesso…permesso… fatemi

passare…Carolì…ecchime Carolì…(per fare scena al cospetto del Vescovo)

non fare prendere freddo al Bambinello!

MARIA

E’ un padre premuroso….

VESCOVO

Vedo, vedo!…Ma non era andato a prendere la sega?…Sa…un falegname…col

martello…

FRANK

Essere per battere chiodi su legno…pe aggiustare culla.

VESCOVO

Ah…..

38 – M16 - IN THE MOOD

ANTONIO     (Comincia a battere il martello sul cassetto che fa da mangiatoia a tempo di quattro, come fosse la cassa di una batteria e partendo dal levare dell’ultimo quarto dice cantilenando e cadenzando ogni misura)….Me fa

male a pà…me fa male a pà…

MARINA dopo le prime quattro misure, comincia a spazzolare una pentola come fosse il rullante di una batteria che porta il tempo di swing

GENNARO  (attacca cadenzando a tempo la frase)    Ombrellààà….(nel clou del caos dirà

anche) Macchine a gas…

A questo punto Gaetano prende il bastone, lo infila in un bagnapiede di lamiera, ci attacca una cordicella e comincia a suonare a tempo a mo’ di contrabbasso che accompagna uno swing con Renato che anche lui va a tempo imitando il verso del bue

ORESTE         (ad Agamennone) Daije Agamè…’n senti che swing…attacca che je famo sentì come se sòna (I due attaccano le note del “Bolgie Woogie”. Frank nel sentire questa musica comincia a muoversi a tempo…viene raggiunto da Marina che inizia a ballare con lui. Tutti sono coinvolti dal ritmo)


52


53

Il Vescovo in un primo momento comincia a muoversi a tempo di musica, poi si riprende e fugge gridando: NO….NO! Con tutto questo pandemonio si chiude il sipario.)

SI CHIUDE IL SIPARIO

EPILOGO

A sipario chiuso entra Natalino.

NATALINO (al pubblico) Immagino che ora sarete curiosi di sapere come è andata a finirequesta storia. E ora ve la racconto. C’è voluto un po’ di tempo per fare svanire l’effetto della purga su Antonio, Gennaro e su Nonno Gaetano. Adesso stanno bene…ma hanno passato dei giorni e delle notti tremende. Andavano al gabinetto ogni minuto…Antonio sembrava uno stoccafisso…a nonno gli avranno cambiato una ventina di pannoloni… tanto che ultimamente invece de dì “carica” diceva “Scarica!” Gennaro poi…come mangiava un pezzo di pane, via di corsa al bagno. Io me sì divertito a contare quante volte sono andati al gabinetto. Dunque…zì Antonio, in questi giorni è andato al bagno 156 volte….nonno c’è

annato 40 volte, ma lui ci aveva i pannoloni che lo hanno salvato…. Gennaro ha

battuto tutti i record, c’è annato 171 volte… Io so’ tutto contento perché lu padre meo mò lo sì messo nello Guinness dei Privati. Lu saccio ca se dice Primati, ma lui s’è fatto mette ne li privati perché se vergognava a fa’ sapè a tutti che se la faceva sotto. Il concorso “Il presepe da un milione”, naturalmente non lo abbiamo vinto noi… anzi…c’è mancato poco che il Vescovo non ci scomunicasse…per fortuna c’è stato l’intervento di Frank e del dottor Scamorsa che con un lauto lascito hanno calmato le acque...lo lauto lascito nin lo so che vordì, …però che a portaje li sordi ce so’ annati co’ l’auto sicuro. Carolina, per il suo smisurato coinvolgimento nell’ impersonificare il ruolo della Madonna stava ancora inginocchiata al confessionale a dire 350 Padre Ave Gloria. Ah…a proposito…Carolina ha fatto colpo su Frank che le ha proposto di andare con lui in America. Lei ci andrà solo se il suo futuro consorte gli comprerà una fattoria dove, oltre a produrre caciotte, mozzarelle e ricottine, ogni anno a Natale gli permetterà di mettere su un presepe vivente, nel quale lei, ovviamente, farà la parte della Madonna. Ma la vera novità di questi ultimi giorni è che il dottor Scamorza…anzi no…non ve lo dico…ve lo faccio vedere! Oggi è il 31 Dicembre e per la cena di Capodanno, ci siamo ritrovati tutti in casa Bongiorno…Vediamo cosa succede: Prego signori… accomodatevi pure in casa.

39 – M19 - 31 DICEMBRE

Entra e si apre il sipario. Tutti festeggiano intorno alla tavola imbandita) ANTONIO Auguri!!!…Auguri a tutti…

MUSICA A BASSO LIVELLO

e un brindisi particolare al dottor Scamorza e ad Anna che per merito di una purga se so’ fidanzati ed hanno deciso de sposasse a Maggio insieme a Marina e Renato...e ci sarà anche Frank che per l’occasione tornerà dall’America


53


54

con…Carolina (Anna abbraccia il dottor Scamorza. Frank e Carolina si abbracciano e la stessa cosa fanno Marina e Renato che, dando le spalle all’orchestra, non si accorge che la sua ragazza mentre abbraccia lui, tira bacini ad Oreste. Tutti alzano i bicchieri)

SFUMARE LA MUSICA

GENNARO Boni…boni…io voglio ringrazià il dottor provolone… DOTTORE Scamorza

GENNARO   E vabbè…Scamorza…per avè salvato fiemo da lu male de lu gargarozzo e Antonio dalle scatole rotte…e poi voglio ringrazià…(si alza e va verso il pubblico) voi signori pe esse venuti a casa Bongiorno e pe’ esseve impicciatidell’affari nostri…(man mano viene raggiunto dagli altri che si schierano)…perciò, brindamo a tutti quanti… facennose ‘na bella cantata. (tutti cantano)

40 – M17 - SEMO QUELLI - CANTATA

SEMO QUELLI

Gli auguri più sinceri vi facciamo

E l’anno nuovo che se sta a’ ‘ffaccià.

Ce porti insieme ai soldi tanto amore

E ‘na salute da facce scoppià.

Buttiamoci alle spalle ogni rancore

Se ci hanno fatto un torto che je fa

Nun è così difficile vedrai che se pò fa’

Basta ‘n’anticchia in più de volontà.

E perciò tutti brindiamo

col bicchiere nella mano

e lo possino ‘ncarcallo a chi ‘n ce sta co’ chitarra e mandolino cor sassofono e violino

noi sta vita la pijamo come va

C’è chi corre dietro ar sòrdo

chi s’ammazza come un tordo

pe’ du’ lire notte e giorno a faticà

noi che invece semo quelli

rozzi e fini de cervelli

s’agganciamo ar cielo e nun ce pòi fregà.


54


55

41 – M18 - SEMO QUELLI - STRUMENTALE

FINE


55


56

PERSONAGGI ED INTERPRETI IN ORDINE DI ENTRATA

MARIA :.........................................PINA ROSSETTI

ANTONIO :....................................CLAUDIO NATILI

ANNA :...........................................VIVIANA SARDELLA

MARINA :......................................FRANCESCA GALLONE

RENATO :......................................ROCCO AVERSANO

GENNARO : ..................................MARCELLO GALLETTI

NATALINO : .................................NATALINO FANELLI

GAETANO :...................................MIMMO FILOCAMO

ROSA : ...........................................MARIA RITA CALISTI

CAROLINA : .................................ROSELLA CARDUCCI

DOTTORE : ...................................SALVATORE LAMBIASI

ORESTE : ......................................MAURIZIO PEDINI

AGAMENNONE : .........................MAURIZIO COMPAGNONE

FRANK : ........................................GIORGIO BELLAZZECCA

VESCOVO : ...................................CLAUDIO DEL RIO

Regia : ............................................CLAUDIO NATILI & CARLO GIUSTINI

Musiche :........................................CLAUDIO NATILI & P. MONTANARI

Scenografie : ..................................ANTONIO MADDALENI

Dir. Di scena : ................................GIANNI SARDELLA

Luci : ..............................................PAVEL VERZIERI

Fonico : ..........................................FABIO MASSIMO FORZATO

Costumi : ........................................QUELLI DEL PIANO DI SOPRA

Org.ne e ottimizzazione : ...............GABRIELLA GALLI & RITA PUCCI

Assistente alla regia :.....................MARIA D’ALESSANDRO


56


57

ELENCO DEI BRANI IN ORDINE DI ESECUZIONE

01 - FAMIGLIA BONGIORNO

02 – SUONA IL CAMPANELLO

03 – SUONA IL CAMPANELLO

04 – L’ALLEGRA FAMIGLIA

05 – SUONA IL CAMPANELLO

06 – CONTENTEZZA

07 – NONNO BERSAGLIERE 1

08 – SUONA IL CAMPANELLO

09 – NONNO BERSAGLIERE 2

10 – METRO GOLDWIN MAYER

11 – VECCHIA AMERICA

12 – SUONA IL CAMPANELLO

13 – SUONA IL CAMPANELLO

14 – CRASH

15 – NONNO BERSAGLIERE 1

FINE PRIMO ATTO PAG. 25

16 – FAMIGLIA BONGIORNO

17 – SUONA IL CAMPANELLO

18 – NONNO IL BERSAGLIERE

19 – FATE BENE FRATELLI

20 – FAMIGLIA BONGIORNO

21 – SUONA IL CAMPANELLO

22 – CONTENTEZZA

23 – SUONA IL CAMPANELLO

24 – SUONA IL CAMPANELLO

25 – BIANCO NATALE - CANTATA

26 – BIANCO NATALE - BASE

27 – FAMIGLIA BONGIORNO CON VOLUME BASSO

FINE SECONDO ATTO  PAG. 44

28 – FAMIGLIA BONGIORNO

29 – IL BURINO

30 – SUONA IL CAMPANELLO

31 – SUONA IL CAMPANELLO

32 – PROCESSIONE

33 – SUONA IL CAMPANELLO

34 – BIANCO NATALE - BASE

35 – SUONA IL CAMPANELLO

36 – MARCIA TRIONFALE “AIDA”

37 – IN THE MOOD

FINE TERZO ATTO  PAG. 52

38 – 31 DICEMBRE

39 – SEMO QUELLI - CANTATA

40 – SEMO QUELLI – STRUMENTALE


57


58

Dal 12 al 17 dicembre 2006

TEATRO DELLE MUSE

Roma, via Forlì 43

PRESENTA

"NataleInCasaBongiorno"

"Natale in casa Bongiorno" 2006

di Claudio Natili e Carlo Giustini


58


59

"Natale In Casa Bongiorno"

"Natale in casa Bongiorno" 2006

di Claudio Natili e Carlo Giustini

La famiglia Bongiorno, composta da Madre, Padre, due Figlie e Nonno Gaetano nostalgico ex Bersagliere,

èuna di quelle famiglie dove è sempre difficile riuscire a mettere insieme il pranzo con la cena, anche perchè Antonio il padre è un disoccupato a tempo pieno.

Maria la madre, è il vero capofamiglia. E' colei che energicamete manda avanti la baracca.

Le figlie dei Bongiorno sono due belle ragazze: la prima, Anna, studia al Conservatorio, la seconda, Marina..... è sempre innamorata!

Gennaro e Natalino sono i coloratissimi e rumorosissimi parenti che irrompono per passare insieme le Feste di Natale.

La Sora Rosa, il Dottor Scamorza e Renato Tristezza sono il dolce, romantico ed allegro contorno di questa bella famiglia.

E Carolina? beh, Carolina è ..... celestiale!

Proprio in occasione della Natività si viene a sapere che un amico miliardario, un certo Frank Cinque Meno Cinque, tornato dall'America, ha messo in palio un premio per chi costruirà il presepe più bello.

Sarebbe un sogno vincere quel premio per la famiglia Bongiorno ma....

ANTONIO

MARIA

ANNA

MARINA

RENATO

CLAUDIO  NATILI

PINA ROSSETTI

VIVIANA SARDELLA

STEFANIA

ROCCO AVERSANO

GALLONE

GENNARO

NATALINO

GAETANO

ROSA

CAROLINA

MARCELLO GALLETTI

VALENTINI FANELLI

MIMMO FILOCAMO

MARIA RITA

ROSELLA

CALISTI

CARDUCCI

DOTTORE

ORESTE

AGAMENNONE

FRANK

VESCOVO

SALVATORE LAMBIASI

? ?

? ?

GIORGIO

? ?

BELLAZZECCA


59


60


60

    Questo copione è stato visto
  • 0 volte nelle ultime 48 ore
  • 0 volte nell' ultima settimana
  • 2 volte nell' ultimo mese
  • 8 volte nell' arco di un'anno