Natale vene sempre

Stampa questo copione

Disteso sul divano , in sottofondo mozart, luce soffusa, tavolino con liquore , ambiente abbastanza elegante

"NATALE VENE SEMPE"

Commedia Comica musicale  in due tempi di

Oreste De Santis

***

N.B. Il presente copione è disponibile anche non musicale e con

 5 personaggi  uomini + 4 donne +1 bambina/o di 8/10

la Trama in breve

Amalia e Giovanni ( Madre e figlio)  sono due Maghi. Grazie alla loro attività vivono agiatamente  in una casa  antica molto grande dai lunghi corridoi.  Ma un bel mattino un evento imprevedibile sconvolgerà la loro vita, e metterà in luce la loro filosofia di vita.

SCHEDA TECNICA

NUMERO PERSONAGGI

DIECI  (6 u + 3 d + una bambina/o di (8/10 anni) – oppure -  5 u + 4 d +  una bambina/o di 8/10 anni)

SCENA

UNICA

DURATA

90  CIRCA

GENERE COMMEDIA

COMICO MUSICALE

LINGUA

ITALIANO E NAPOLETANO (traduz. in italiano)

TEMPI

DUE

MUSICHE   

SALE UN’ARIA ( di Oreste De Santis)

UN SIGARO CUBANO (di Oreste De Santis)

LEOPOLDO ( di Oreste De Santis)

DICE CHELLE CHE SIENTE (di O.De Santis)

CALDA ( di Oreste De Santis)

NIENTE RIMANE ( di Oreste De Santis)

N.B.   E’ possibile richiedere il copione con  5 uomini + 4 donne + 1 bambina/o di 8/10 anni   cosi come il copione senza le musiche direttamente all’autore.  Potrai scaricare o semplicemente ascoltare le canzoni  della commedia direttamente dal sito dell’autore    http://www.orestedesantis.com/  -  per qualsiasi esigenza ai fini della messa in scena

 Dell’opera. Scrivi senza problemi a orestedesantis@libero.it

"NATALE VENE SEMPE"

Commedia Comica Musicale in due tempi di

Oreste De Santis

La Commedia è ambientata nel soggiorno di una casa molto antica dai lunghi corridoi. La scena  dovrà contenere, un grosso arco centrale ed uno laterale (a sinistra del proscenio, che indica il lato nord della casa) all’opposto del lato nord un'apertura indica un giardino. Sono indispensabili alla scena: un divano, un tavolino con  scacchiera e scacchi, un tavolo con tre sedie ( nel finale ne occorreranno altre 6), una stampa di un quadro di Van Gogh posta sopra al tavolino col presepe e uno di Picasso sul lato opposto  , un attaccapanni , un  porta-ombrelli con ombrello, un tavolino con un presepe in costruzione in gran Parte coperto con un telo, sul presepe il camice bianco di don Raffaele). Il servo ANTONIO sta spolverando, vistosamente gay, canta;  nell'angolo seduto e assorto RICCARDO  gioca a scacchi da  solo. (Il Presepe finito sarà visibile solo alla fine)

(Riccardo gioca a scacchi, Antonio ( cameriere gay spolvera e canta)

ANTONIO/ (cantato- famosa canzone napoletana  PASSIONE di Bovio –Tagliaferri -Valente –  E CAMMINA, CAMMINA,  MA NUN SACCIO ADDO' VACHE  IO STO SEMPE SCETATE  

RICCARDO/ (sottolineato - lo corregge)  ANTO’ …MBRIACHE.. (cantato) IO STO SEMPE MBRIACHE

ANTONIO/ E NUN BEVO MAI VINO…. DON RICCA’ STAMATTINA DOVE VE NE ANDATE?

RICCARDO/ E CHI LO SA , IERI  A SIGNORA SI E' FATTA PORTARE A POSILLIPO,

OGGI NON  LO SO 

ANTONIO/ ( continua a cantare) TU M'HAI MISE  IND'O' CORE

RICCARDO/ (Come Prima.) E' VENE

ANTONIO/ NA PASSIONE CHE  E' DOCE . SI ME MAGNE NA NOCE, 

RICCARDO/ (arrabbiandosi) MA QUALE NOCE?   ( cantato) COMME PESA STA CROCE, 

( parlato) IL DOLORE DELL'AMORE  NON LO SENTI?....CHE C'ENTRA LA NOCE?

ANTONIO/ DON RICCA' IO LA MUSICA LA CONOSCO, SO E' PAROLE CA ME SCORDE  E ALLORA CE LE METTO IO…DON RICCA''   VI DEVO DIRE UNA COSA

RICCARDO/ (si siede) ANTO' NUN ME DICERE NIENTE , TENGO A FA NA MOSSA IMPORTANTE (antonio non mi dire niente che devo fare una mossa importante)

ANTONIO/ DON RICCA' … E' NA COSA BREVE.,..A   DONNA AMALIA  STAMATTINA ACCOMPAGNATELA A MONTEVERGINE, LA' CI STA QUEL BEL MONASTERO, CE SO'  GHIUTE ( andato) NA VOTA SOLA MA NUN M'HO SCORDE CHIU,  (Più)

RICCARDO/ ANTO' IO FACCIO L'AUTISTA,  E TU IL SERVITORE,  NON SIAMO NOI A DECIDERE CHE VOGLIAMO FARE  E POI DONNA AMALIA E' ATEA  ,  TE LO SEI SCORDATO?

ANTONIO/ E IO PERCIO' LO DICEVO,  PUO' DARSI CHE VEDENNE CHELLA BELLA  MADONNA     SI PENTE…, PERCHE' DON RICCA'  RICORDATEVI…(profetico) LA FINE E' VICINA

RICCARDO/ AH TU E STA FINE CHE E' VICINA,  (infastidito) E CHE  TURMIENTO

ANTONIODON RICCA'  IO VI HO AVVISATO… STATEMI A SENTIRE / (lo strattona) DON RICCA', DON RICCA’

RICCARDO/ (scocciato) E M'A' VUO' FA FA STA MOSSA? GLI SCACCHI  SONO UNA COSA SERIA

ANTONIO/ FATE, FATE…..(ricomincia a cantare) TE CHIAMME ,  TE CERCHE, TE SPOGLIO…

RICCARDO/ TE VOGLIO

ANTONIO/ TE TOCCHE… TE BACIA. …

RICCARDO/  (cantato-ironico) FACIMME AMMORE…

ANTONIO/ E' NU MESE (rivolto a Riccardo)

RICCARDO/ MA QUALE MESE ? (Cantato)  E' N'ANNO

ANTONIO/RICCARDO ( gridato)    CE PIENSE CHE E' N'ANNO

RAFFAELE/ ( entrando dal giardino) E' PERMESSO

ANTONIO/RICCARDO/ (continuando) CA ST'UOCCHIE

RAFFAELE/ BUONGIORNO A TUTTI

ANTONIO/RICCARDO  ( cantato) NUN PONNE

RAFFAELE/ANTONIO/RICCARDO ( cantato)  CHIU' PACE TRUVA'.

ANTONIO/ (veloce) DON RAFE'  DON GIGGI’

TUTTI/ BUONGIORNO

RAFFAELE/ ANTO' NUN T'O' SCURDA' .  IO ME CHIAMME RAFFAELLE DONGIGGI,

 E NON , DON RAFE' E DON GIGGI’   

ANTONIO/ E NUN E' A STESSA COSA?

RAFFAELE/ NO, PERCHE' COME DICI  TU "  DON RAFE'  DON GIGGI", SEMBRANO DUE NOMI

RICCARDO/ E PERCHE' QUELLO METTE IL DON  PURE VICINO A RAFFAELE

RAFFAELE/ PRECISAMENTE,  ANTO'  FAMME STA  CORTESIA LIEVE   O' DON PE O' MIEZE.  ( da mezzo)

ANTONIO/ DON RAFE' QUELLO MI ESCE AUTOMATICO.. COMUNQUE CERCHE E ME STA CHIU’ ATTIENTE …DON RAFE’  LO GRADITE UN CAFFE' L’HO APPENA FATTO?

RAFFAELE/ SI GRAZIE  (antonio prende il caffe' in scena, raffaele indossa un camice bianco già in scena poggiato sul presepe) )

RICCARDO/  DONGIGGI  DON GIOVANNI STA ASSAI PREOCCUPATO...DICE CHE VOI  NON LO FINITE  IL PRESEPE PER NATALE

RAFFAELE/ DON RICCA'' E' VERO  , SONO UN PO' INDIETRO CON IL LAVORO MA  QUESTA E' UN OPERA D'ARTE..MICA NA PAZZIELLA

ANTONIO/ DON RAFE' PREGO

RAFFAELE/ GRAZIE  (Beve il caffe')

AMALIA/  (entrando) BUONGIORNO

RAFFAELE/ (sputa il caffe') …DONNA AMA' SCUSATE  MA… COME VI HO VISTO MI E’ ANDATO IL CAFFE’ DI TRAVERSO

AMALIA/  E SI VEDE CHE VI FACCIO UN BRUTTO EFFETTO ,  CHE VI DEVO DIRE, COMUNQUE NON VI PREOCCUPATE…ANTO'  PULISCI

ANTONIO/ SUBITO (esce e rientra subito con straccio)

RICCARDO/ ( si mette il cappello da autista e si alza di scatto e butta la sedia a terra)  DONNA AMA'  LA MACCHINA E' PRONTA , QUANDO VOLETE POSSIAMO ANDARE  

AMALIA/ DON RICCA'  STATE COMODO, STAMATTINA NON SI VA DA NESSUNA

 PARTE  TENGO STU DULORE ALLA SPALLA  DA TRE GIORNI CHE NON MI SPIEGO,

VOGLIO VEDERE LE CARTE CHE MI DICONO ( si siede al tavolo)

RICCARDO/ E VA BHE'…ALLORA IO M'ASSETTE NATAVOTO  ( io mi risiedo)

GIOVANNI/ BUONGIORNO A TUTTI

TUTTI/ BUONGIORNO

ANTONIO/ DON GIOVA' PREGO( vassoio con caffe' e giornale già pronto in scena, aspetta che si  beve il caffè poi gli dà il giornale)

GIOVANNI/ ANTO' A CHE ORA TENGO LA PRIMA VISITA?

ANTONIO/ DON GIOVA' ALLE DIECI E TRENTA  CON LA SIGNORINA LUDOVICA

GIOVANNI/ BENISSIMO COSI' TENGO O' TIEMPO  E ME LEGGERE O' GIORNALE 

IN SANTA PACE ( si siede al tavolo)

ANTONIO/ (cantato ripende a spolverare) SE CANTANE E CANZONE….

AMALIA/ ( preoccupata)  OTTO E DENARE , DIECE E SPADE  E ASSE E COPPE..MANNAGGIA A MISERIA

ANTONIO/ TE CHIAMME AMMORE, AMMORE

GIOVANNI/  ( leggendo) MAMMA' STA PER SCOPPIARE UN'ALTRA GUERRA

AMALIA/ (presa dalle carte) CINQUE E COPPE  , DIECE DENARE….E  NATAVOTE   (stizzita) ASSE E COPPE, MA VAFFANCULO

ANTONIO/ (gridato) MA QUANNE CARE  ( cade) O' MURO

RICCARDO) TU TE FAI MALE (cantato) E NUN TE SUSE CHIU',

AMALIA/ UE' STATE ZITTI

GIOVANNI/ (preoccupato) SIENTE CHE SUCCEDE, … UCCIDE L'AMANTE CON 24 COLTELLATE

RAFFAELE/ E POI SI SPARA?

GIOVANNI/  NO, NO, LUI NON E' MORTO…

RAFFAELE/ DON GIOVA'  TUTTE  E IUORNO SEMPE BRUTTE NOTIZIE,    

ANTONIO/ … DON RAFE'' TENETE RAGIONE ,   GUAIE PE TUTTO O' MUNNE, MA IO NON MI MERAVIGLIO, PERCHE' E' TUTTO SCRITTO, TUTTO SCRITTO…(mostra la piccola bibbia sempre con se’)  STA VENENDO LA FINE DEL MONDO

AMALIA/ E QUANNE VENE NUI CA STAMME ANTO' ( e quando viene , qui ci trova)

ANTONIO/ DONNA AMA' NON VI ARRABBIATE, E' LA VERITA', MA SIETE ANCORA IN TEMPO PENTITEVI E VI SALVATE PURE VOI

GIOVANNI/ MA DI CHE COSA CI DOBBIAMO PENTIRE '? NUI NU FACIMME MALE A NISCIUNO  … E PO' I PROBLEMI NEL MONDO CI SONO SEMPRE STATI    SOLO CHE ADESSO  SIMME GLOBAL, COMME SI DICE… , SIAMO UN' UNICA FAMIGLIA

E ALLORA SAPIMME E GUAIE E TUTTE O' MUNNO ( mondo)

 RAFFAELE/ NUN ABBASTAVENE E GUAI NUOSTE…

ANTONIO/  E IO INVECE VI DICO CHE   MANCA POCO,  PENTITEVI,  ( al pubblico)  ASCOLTATE LE   PAROLE DI UN UMILE DEVOTO SERVITORE, ORFANO E GAY.

( risata)

GIOVANNI/  ( alzandosi) ANTO'  PERO' A ME QUESTO FATTO CHE TU SEI CONTENTO,   MI FA INNERVOSIRE

AMALIA/  (ironica) SI, SI A ISSE CE FA  PIACERE CHE DEVE VENIRE LA FINE DEL  MONDO, PERCHE' LUI E' UN'ANIMA ELETTA…  LUI SI SALVA

GIOVANNI/   INTANTO SE NON LO SALVAVO IO  QUELLA DOMENICA D'AGOSTO   A QUEST 'ORA  ERA GIA' MORTO ,   TI RICORDI?

ANTONIO/ DON GIOVA' IO QUEL GIORNO NON ME  LO SCORDO MAI,  PERCHE'  SE MORIVO QUEL GIORNO,   ANDAVO DRITTO ALL'INFERNO, STEVE CHINE ( pieno) E PECCATE, DON GIOVA'   VOI, CON QUELLA GRANDE AZIONE D'AMORE  … AVETE GUADAGNATO 20 PUNTI

GIOVANNI/ SECONDO ME CI SO' IUTE  APERDERE

RAFFAELE/ ( mentre lavora al presepe) MA QUALI PUNTI ANTONIO'?

AMALIA/ E PUNTE DA MUCCA CAROLINA…

ANTONIO/ ( stizzito) MA QUALE MUCCA CAROLINAI PUNTI SONO QUELLI PER IL PARADISO, OGNI OPERA BUONA UN PUNTO, PIU' OPERE BUONE FATE, PIU' PUNTI GUADAGNATE 

GIOVANNI/ … ANTO' …LA VERITA' E' CHE TU STAI TROPPO CONCENTRATO  SU QUESTA   RELIGIONE , IO LO DICO PER TE PER IL TUO BENE ,  TU NON DEVI SENTIRE SEMPRE QUELLO CHE DICE LA BIBBIA , LA PAROLA DI DIO,

ANTONIO/(dispettoso) E CHE AGGIO SENTI’ A PAROLA VOSTA?

GIOVANNI/ ANTO' NOI NON POSSIAMO  PIU' DIRE UNA PAROLA CHE TU SUBITO MIETTE A BIBBIA  A MIEZE,  TI METTI A PARLARE E NON LA FINISCI PIU',  PIGLIAME NU WHISKY VA

ANTONIO/ A PRIMMA MATINA? (come una lezione a memoria  profetico), DON GIOVA'  

 LA  I° LETTERA AI CORINTI VERSETTI NOVE E DIECI CITA CHE GLI UBRIACONI 

NON ENTRERANNO NEL REGNO DI DIO 

AMALIA/  ( stessa tono di voce di Antonio) E MANCHE E STRUNZE ENTRANO NEL REGNO DI  DIO

RAFFAELE/  DONNA AMA' COMPLIMENTI ' SITE STATE PERFETTA

RICCARDO/ COME UN ACCORDO IN FA

AMALIA/ AH NUN CE A FACEVA CHIU'

GIOVANNI/ ANTO' PRIMA NON ERA COSI', PRIMA IO E TE PARLAVEME  DI TANTE COSE, QUESTO VOGLIO DIRE,…DAMME NU  BICCHIERE D'ACQUA  VA, 

RICCARDO/ MADONNA ? ( tutti si allarmano, alzandosi butta la sedia a terra)

GIOVANNI/ DON RICCA'   CHE E ' STATO?

RICCARDO/  DON GIOVA' S'HA MAGNATO O CAVALLO? E MO’ COMME  FACCIO?

RAFFAELE/  E FACIVETAVELLE APPERE DON RICCA'  (TUTTI RIDONO )

RICCARDO/ (arrabbiandosi) UE', E CHE CI STA A RIDERE NON HO CAPITO, CHILLA S'HA MAGNATO A CAVALLO E VOI RIDETE?  

RAFFAELE/ DON RICCA' SCUSATE, MA...MI E' VENUTO SPONTANEO

GIOVANNI/ DON RICCA NUN VE PIGLIATE COLLERA, DOMANI E' DOMENICA

TUTTI/ E GHIAMME A BALLA' (cantato velocemente)

RICCARDO/ (minaccioso) C'AVITE RITTE? ( che avete detto?)

TUTTI/ E GHIAMME A BALLA' (Come .Prima)

AMALIA/ DON RICCA , SAPETE CHE COS'E', E' CHE NOI NON CONOSCIAMO IL GIOCO DEGLI SCACCHI

RICCARDO/  AH NON LO CONOSCETE…..PERO'  A' CANTA (stesso motivo di e ghiamme a balla) SAPITE CANTA' 

TUTTI/  ( cantato) TRALLALEROLALA

RICCARDO/  (cantato) MA VIDITE NU POCO   (si risiede al suo posto)

ANTONIO/ NE’  (gridato ironico con mossa scenica)

RAFFAELE/ (ad alta voce) DONNA AMA' SCUSATE , I RE MAGI VOLETE CHE VE LI METTO  LONTANI DALLA GROTTA, CIOE' CHE STANNO PER ARRIVARE, O' FACCIAMO  CHE SONO GIA' ARRIVATI?

AMALIA/  DON RAFE' CHIEDETE A MIO FIGLIO,  VOI  LO SAPETE. IO SONGO ATEA

GIOVANNI/ MAMMA' SI DICE ATE’A, DON RAFE' I RE MAGI METTETELI DISTANTI, … …DON RAFE'  COMUNQUE IO STO MOLTO  PREOCCUPATO CON QUESTO PRESEPE STIAMO LONTANI  SE ANDIAMO DI QUESTO PASSO , IL PRESEPE NON LO FINIAMO PER NATALE   

RAFFAELE/ DON GIOVA' STATE TRANQUILLO,    E VOI LO SAPETE, IO PARTO LENTO MA POI RECUPERO IN FINALE , 

GIOVANNI/ E SPERIAMO, SPERIAMO

ANTONIO/ E ALLORA LO VOLETE SAPERE QUANTI PUNTI CI VOGLIONO PER RIEMPIRE LA CARTELLA? 

TUTTI/ NO

ANTONIO/  AH NO? E IO V'HO DICO O' STESSO…CI  VOGLIONO 100 PUNTI

RICCARDO/ IO NUN TENGO MANCHE NU PUNTO

 

ANTONIO/  E  RICORDATEVI….SOLO  UNA VOLTARIEMPITA LA CARTELLA  VEDRETE LA LUCE

RICCARDO/ MA ADDO’ SE PIGLIA STA CARTELLA?

AMALIA/.. E NATAVOTE ASSE E COPPE....GIOVA' QUESTO DOLORE ALLA SCHIENA  E' NA COSA SERIA

GIOVANNI/ MAMMA'  MA NON TI  FISSARE, ,  

ANTONIO/ DONNA AMA' TENE RAGIONE DON GIOVANNI…  , VUI VE STATE ALLARMANNE TROPPO,  SULE PERCHE' VE ESCE SEMPE ST'ASSE E COPPE …VULITE PE FORZA DICERE…

AMALIA/ TU STAI ZITTO HAI CAPITO?  IO E' UNA VITA CHE FACCIO LE CARTE, E POI TU SEI UN SERVO E NON TI DEVI PIGLIARE TROPPA CONFIDENZA, PULISCI E FATTE E FATTI TUOI, …  E VAI ARAPI A PORTA CHE STANNO PER BUSSARE

ANTONIO/ AH DAVVERO, E VOI COME LO SAPETE?

AMALIA/ A ME LE CARTE MI DICONO TUTTO E' ASCIUTE NOVE E MAZZE, (mostra la carta)

ANTONIO/ E ALLORA CHE VO DICERE ?…CHE  STA PERSONA VIENE A CAVALLO?

 AMALIA/ ( arrabbiata) UE' NON SCHERZARE, LE CARTE SONO UNA COSA SERIA, QUELLE SI OFFENDONO

ANTONIO/ ( dispettoso) DONNA AMA'  PURE E PUNTE PO' O PARAVISO SO' NA COSA SERIA, DIO PURE S'OFFENDE CHE VI CREDETE?

AMALIA/ VAI AD  APRIRE MUOVITI, CHE IL CORRIDOIO E' LUNGO, 

ANTONIO/ VADO, VADO (esce col monopattino)

RICCARDO/ DONNA AMA' ..TENETE RAGIONE (si alza e butta la sedia a terra)

AMALIA / DON RICCA’ GRAZIE , MA STATEVE ASSETTATE    ( ma rimanete seduto)

(bussano  la  porta)

GIOVANNI/ MAMMA HANNO BUSSATO VERAMENTE

RAFFAELE / DONNA AMA' SAPISSEVE  PURE CHI E' PE CASO?

AMALIA/ E COME NON LO SO, E' IL DOTTORE , TENGO APPUNTAMENTO

GIOVANNI/ AH FINALMENTE , COSI ADESSO SAPREMO UNA VOLTA E PER SEMPRE , CHE TIENI

RAFFAELE/ DON GIOVA ALLORA IO ME NE VADO?

GIOVANNI/ DON RAFE'  SI…MA SOLO PER UN  QUARTO D'ORA,   POI RITORNATE PERCHE’ QUA ( indicando il presepe) SIAMO LONTANI…

RAFFAELE/  COME VOLETE VOI, ME VACHE A PIGLIA NU CAFE' O' BAR E POI RITORNO..ARRIVEDERCI ( esce dal giardino)

GIOVANNI/ DON RAFE’ GRAZIE…MAMMA MI RACCOMANDO STAI CALMA  E NON TI AGITARE

AMALIA/ GIOVA' MA CHI SI STA' AGITANNE ?….

DOTTORE/( entrando di corsa molto formale e pomposo)  E' PERMESSO

AMALIA/ DOTTO'  

TUTTI/ BUONGIORNO..

DOTTORE/ SCUSATE IL FIATONE MA…IL CORRIDOIO E' MOLTO LUNGO,  E SE LO FACCIO A PIEDI MI VIENE L'ANGOSCIA, PARE CHE NON SI ARRIVA MAI, E COSI' HO VOLUTO FARLO DI CORSA, MA COME POTETE BEN VEDERE… NUN  TENGO CHIU' VENT'ANNE, (finale con risata secca che è un  tic ma sembra una risata)

GIOVANNI/ DOTTORE FINALMENTE,   SONO PROPRIO CONTENTO DI VEDERVI

AMALIA/ DOTTO'  , AVETE AVUTO IL RISULTATO DELLE ANALISI?

DOTTORE/ NATURALMENTE, ECCOLE QUA (le mostra)

GIOVANNI/  E CHE DICONO, CHE DICONO? (come se volesse leggerle)

DOTTORE/ DON GIOVA' VOI SIETE IL FIGLIO E' VERO,  MA IO HO L'ABITUDINE DI RISPETTARE LA PRIVACY DEI MIEI CLIENTI, E QUINDI NON SO SE DONNA AMALIA GRADISCE CHE IO LO DICA DAVANTI A VOI E A DON RICCARDO CHE SEBBENE E’ IL VOSTRO AUTISTA DA TANTI ANNI E’ PUR SEMPRE UNA PERSONA ESTRANEA  DICO BENE’ ?

AMALIA/ SI, SI  DOTTO'  DITE BENE IO NON GRADISCO  ,  GIOVA', GENTILMENTE, TU E DON RICCARDO ANDATE DI LA'   CHE QUESTE SONO COSE MIE

GIOVANNI/ E VA BENE, CE NE ANDIAMO ,  ( avvicinandosi) DON RICCA' VENITE, RISPETTIAMO LA PRIVACY E MAMMA'   

RICCARDO/ DON GIOVA' ISSE S'HA MAGNATO O’ CAVALLO MA IO MO CE AGGIO FATTE NA MOSSA CA O' FA' PENSA' PARECCHIE

GIOVANNI/ ( uscendo) DON RICCA'  QUESTO GIOCO MI INTRIGA, QUALCHE VOLTA ME LO DOVETE INSEGNARE PURE A ME   ,  … ( escono porta centrale) 

AMALIA/ DOTTO' PREGO ACCOMODATEVI

DOTTORE/ GRAZIE, ( si siede)

AMALIA/ DOTTO’ VI TROVO IN OTTIMA FORMA

DOTTORE/GRAZIE, SONO APPENA RIENTRATO DA UN VIAGGIO DI PIACERE  A SORRENTO

AMALIA/ DOTTO' CHE VI POSSO OFFRIRE?

DOTTORE/ DONNA AMA' CE L'AVETE ANCORA QUELLE CERASELLE SOTTO LO SPIRITO CHE MI AVETE FATTO ASSAGGIARE L'ULTIMA VOLTA  CHE SONO VENUTO A TROVARVI?

AMALIA/ DITE QUELLE CHE HO FATTO IO?

DOTTORE/ PER L'APPUNTO QUELLE LA' …NON LE PORTATE, NON LE VOGLIO

AMALIA/ E NON V'E MAGNATE DOTTO'

DOTTORE/ NON VI OFFENDETE, MA SAPETE  BENE CHE DEL PARLAR FRANCO NE FACCIO UN MIO CULTO PERSONALE ,  E QUINDI   VI DIRO'… SONO BUONE E' VERO,  MA SE METTENE NGOPPO O' STOMMECO ( sullo stomaco)

AMALIA/ E SE CAPISCE L'ULTIMA VOLTA   V'E MAGNASSEVE TUTTE QUANTE  DOTTO'…PIGLIATEVE NATA COSA …

DOTTORE/ DONNA AMA' , SE NON VI DISPIACE GRADIREI ASSAGGIARE QUEL LIQUORE GIALLO , DI CUI ADESSO, NON MI SOVVIENE IL NOME , MA CHE  RICORDO CHE LA PENULTIMA VOLTA CHE VENNI DA VOI,  MI PIACQUE MOLTO

AMALIA/  GIALLO? AH, HO CAPITO, VOI DITE IL VOV 

DOTTORE/ SI, SI, O'  VOV., VOGLIO O' VOV , VOGLIO O' VOV

AMALIA/ …IO INVECE VOGLIO O' CAFE'… ANTONIO (chiamandolo col cellulare)

SO’, DONNA AMALIA, ANTO’ PORTA UN BICCHIERINO DI VOV E UN CAFFE' 

DOTTORE/  DONNA AMALIA, MI SCUSI, DELLE ANALISI VUOLE CHE NE PARLIAMO PRIMA, O' DOPO CHE ABBIAMO CONSUMATO?

AMALIA/ (risoluta)  ….. DOTTO'   MIO FIGLIO NON LO DEVE SAPERE,

DOTTORE/  MA IO NON HO DETTO ANCORA NIENTE , 

AMALIA/ DOTTO' , TANTO IO SO' GIA TUTTO,  E' DA STAMMATINA  CA ME ESCE SEMPE  ASSE E COPPE

DOTTORE/ E CHE C'ENTRA ASSO DI COPPE CON LE ANALISI?

AMALIA/ LASCIAMO PERDERE ….DOTTO DITEMI SOLO UNA COSA…   E'  GRAVE  ?

DOTTORE/ BHE'  (dice si con la testa)

AMALIA/ GRAVE ASSAI?

DOTTORE/ PURTROPPO''(ancora si con la testa)

AMALIA/ DOTTO' MA SE PO FA COCCOSO?

DOTTORE/ BHE' ' (dice no con la testa)

AMALIA/ DOTTO' MA ALLORA  STO NGUAIATO? 

DOTTORE/ EBBENE SI , LA VOSTRA SITUAZIONE E' VERAMENTE MOLTO GRAVE, MA.. (figurato maniacale ) CON UNA CURA AGRRESSIVA APPROPRIATA POTREMMO TENTARE DI AGGREDIRE IL MALE  E DISTRUGGERLO PRIMA CHE LUI DISTRUGGA VOI 

AMALIA/ DOTTO E IN CHE CONSISTEREBBE LA CURA?

DOTTORE/ ( molto plateale)  SEMPLICE, PER UN PAIO DI MESI BOMBARDEREMO A DAL CELO  CON RAGGI ULTRAVIOLETTI TUTTA L’AREA INTERESSATA, CERCANDO DI FARE PIU’ VITTIME POSSIBILE,   UNA VOLTA CIRCOSCRITTA L’AREA INTERVENIAMO CON LA FANTERIA 

AMALIA/ DOTTO’ MA CHE DOBBIAMO FARE UNA GUERRA?

DOTTORE/  BHE’ IN UN CERTO  SENSO …IN PRATICA FAREMO UN PAIO DI MESI DI CHEMIO E POI OPEREREMO, ANCHE SE, E QUESTO GLIELO DEVO DIRE , L’OPERAZIONE  NON GARANTIRA’ LA GUARIGIONE , ANZI POTREMMO ANCHE PEGGIORARE LE COSE, MA QUESTA E’ L’UNICA STRADA PURTROPPO  E VOI LA DOVETE TENTARE

AMALIA/ DOTTO'  DITEMI SOLO UNA COSA , MA QUANTO TEMPO MI RIMANE?

DOTTORE/ DONNA AMALIA' ….VI RESTANO SOLO TRE MESI ,

AMALIA/  SOLO TRE MESI? UH MAMMA MIA COSI’ POCO ?

DOTTORE/ TRE MESI E UNA SETTIMANA…MA NON DI PIU'… (figurato maniacale) MA SE FACCIAMO QUESTA CURA AGGRESSIVA  CHE DICO IO…POTREMMO ARRIVARE ANCHE A 9 MESI, MA IO SONO OTTIMISTA E ALLORA VI DICO UN ANNO, UN ANNO , DONNA AMA' CI PENSATE? DA TRE MESI A UN ANNO, NOVE MESI IN PIU' DI VITA,

AMALIA/ DI VITA? E A CHE PREZZO DOTTO?,   IO  GIA' MI VECO O' QUADRO

DOTTORE/ VI CAPISCO….NON VOLETE PERDERE I CAPELLI , MA NON VI PREOCCUPATE , VOI VI METTETE LA PARRUCCA, OPPURE  ANCORA MEGLIO  VI METTETE UNA BELLA BANDANA OGGI VA ANCHE DI MODA , CHE NE DITE?

AMALIA/ LA BANDANA DOTTO’?

DOTTORE/ SI LA BANDANA

AMALIA/ MA QUALE BANDANA DOTTO' , MA MI VEDETE A ME CON LA BANDANA?  BHE' SE TENESSE 20 ANNI ALLORA  SAREBBE DIVERSO , AVREI TUTTA UNA VITA DAVANTI A ME E SAREBBE GIUSTO, IO   LOTTEREI CON TUTTE LE MIE FORZE,  MA ADESSO E’ DIVERSO,   MA MO' CHI CE A FA?

DOTTORE/ DONNA AMA NON AVETE 20 ANNI  E’ VERO,  MA 59 NON SONO  POI, TANTI

AMALIA/ TANTI NO,  MA SO' ABBASTANZA, IN FONDO, PENSANDOLA IN POSITIVO, MI POSSO ANCHE RITENERE FORTUNATA

DOTTORE/ NON CAPISCO

AMALIA/   E ADESSO VE LO SPIEGO..DOTTO' VOI QUANTI ANNI AVETE?

DOTTORE/ A LUGLIO GIUSTO 39

AMALIA/ E VEDETE? IN EFFETTI , SE CI PENSATE , IO HO GIA' CAMPATO 20 ANNI PIU' DI VOI, ALTRO CHE NOVE MESI  DOTTO',  … IN VENTANNI CHISSA' QUANTE COSE VI POSSONO SUCCEDERE,

DOTTORE/ ( grattandosi)   DONNA AMA' NON MI SUCCEDE NIENTE…. COMUNQUE SIETE STATA MOLTO CHIARA…  ANCHE SE TROVO MOLTO STRANO IL VOSTRO MODO DI RAGIONARE  CHE VI POSSO DIRE? RISPETTO LA VOSTRA VOLONTA' DI FUTURA DEFUNTA (fa il segno della croce)

AMALIA/ GRAZIE

DOTTORE/ D'ALTRONDE CHI PUO' SAPERLO…MAGARI  POTRESTE STARE MEGLIO PIU' DI LA' CHE DI QUA  O SBAGLIO?

AMALIA/  E  NON LO SO VE LO DICO TRA TRE MESI, 

DOTTTORE/ DONNA AMA'  MA VOI… QUANTI PUNTI TENETE?

AMALIA/ I PUNTI? DOTTO PERCHE' PURE VOI CREDETE ….

DOTTORE/ NO, NO PER CARITA'… ME NE HA PARLATO ANTONIO PRIMA  NEL CORRIDOIO….MA POTREBBE ANCHE AVVENIRE UN MIRACOLO, VOI CREDETE NEI MIRACOLI?

ANTONIO/  EH (entrando ) MIRACOLI? MA QUALI MIRACOLI DOTTO'  DONNA AMALIA NUN CREDE A NISCIUNO E' ATEA , E QUINDI NIENTE MIRACOLI...E POI RICORDATEVI SEMPRE, "CHI NON SI PENTE  NON SI SALVA"

DOTTORE/ SIGNORE ANTONIO  VOI VI SALVATE?   

ANTONIO/ E CERTAMENTE CHE MI SALVO,  E SE NON MI SALVO IO CHI SI SALVA? IO TENGO 88 PUNTE…

DOTTORE/ 88 PUNTI ? (ride), MA LO SAPETE CHE MI SIETE MOLTO SIMPATICO?

ANTONIO/ DAVVERO?  DOTTO'..IN CONFIDENZA .(eccitato). PURE VUI ME PIACITE ASSAI… ...DOTTO' PIGLIATE O' VOV,  E RICORDATEVI,  CHE GLI UBRIACONI …

 AMALIA/ ANTO',  MO’ ACCUMINCIA NATAVOTO….VAI VAI

ANTONIO/ VADO, VADO , (esce col monopattino)

AMALIA/ DOTTO’ S'E FISSATO ISSE E STA RELIGIONE

DOTTORE/ MA DI QUALE RELIGIONE E'?

AMALIA/ E CHE IMPORTANZA TENE? IN FONDO.. TUTTE E RELIGIONE  VONNE O'   BENE,  O' PROBLEMA   E' QUANDO SI FISSANO TROPPO, NUN PUTETE DICERE CHIU' NA PAROLA, CA SUBITE ESCENE E CORINTI ..A BIBBIA , LETTERA 1, LETTERA 2,  IO INVECE NA MATINA ME SO’ SCETATE ( svegliato) E NUN AGGIO VULUTE CREDERE CHIU’ A NISCIUNO,   QUANDO ARRIVERA’ IL MIO MOMENTO

DOTTORE/   TRA TRE MESI

AMALIA/ ( arrabbiata)   E TRA TRE MESI   AMALIA FA E VALIGIE SALUTE A TUTTE QUANTE E  SE NE VA..  PERCHE' DOTTO'  SO' SICURO CHE LA MORTE E' UN ALTRO VIAGGIO… NATA AVVENTURA  PROPRIO COME LA VITA, PERCIO' LO SAPETE CHE VI DICO? NONOSTANTE TUTTO QUELLO CHE MI AVETE DETTO, IO NUN STONGHE TRISTE

DOTTORE/ E' NATURALE,  VOI  COMUNQUE GIA' AVETE CAMPATO 59 ANNI..…E DONNA  AMALIA SCUSATE LA MIA CURIOSITA' , E IN QUESTI TRE MESI CHE VI RIMANGONO SU QUESTA TERRA , COSA PENSATE DI FARE?

AMALIA/  DOTTO' , SESSO, VIAGGI E ROCK E RONLL'   

DOTTORE/  DONNA AMA’ SONO D'ACCORDO CON VOI  ( Ballano e cantano un rock)

SALE UN ARIA

DOTTORE/ (cantato)  SE  NON HAI' PIU' TEMPO   PER PENSARE

COSA FARE, COSA DIRE,  CHE SOGNARE  O COSA CHIEDERE

CERCA IN UN MINUTO , UN'ORA , UN GIORNO, UN MESE UN ANNO

UN'EMOZIONE DA DIVIDERE

E SE TROVI  UN NUOVO AMORE CHIUDI IL CONTO COL DOLORE   "CHE C'E'"

LASCIA STARE  IL MALUMORE  LA TRISTEZZA , E LA RAGIONE , 

SCACCIA L'ODIO E LA PERFIDIA

METTI OLIO AL TUO MOTORE E BENZINA AL  SERBATOIO DELLA TUA ANIMA

ACCAREZZA IL NUOVO GIORNO , E FAI  CIAO CON UN SORRISO

ALLA VITA " PERCHE'"

AMALIA/  SAI CHE  C'E',  SENTO CHE , SALE UN'ARIA, UN'ARIA, UN'ARIA

CHE MI PRENDE, MI TIRA MI PORTA, LONTANO

DOTTORE/(cantato)  SE  NON HAI' PIU' TEMPO   PER PENSARE

COSA FARE, COSA DIRE,  CHE SOGNARE  O COSA CHIEDERE

CERCA IN UN MINUTO , UN'ORA , UN GIORNO, UN MESE UN ANNO

UN'EMOZIONE DA DIVIDERE

E SE TROVI  UN NUOVO AMORE CHIUDI IL CONTO COL DOLORE   "PERCHE'"

AMALIA/  SAI CHE  C'E ,

DOTTORE/(parlato) COSA C'E COSA C'E

AMALIA/ SENTO CHE

DOTTORE/ MA CHE R'E' MA CHE R'E'

AMALIA/DOTTORE / SALE UN'ARIA, UN'ARIA, UN'ARIA, 

CHE  MI PRENDE MI TIRA  MI PORTA …..LONTANO

TUTTI

SAI CHE  C'E SENTO CHE  SALE UN'ARIA  UN'ARIA  UN'ARIA

CHE MI PRENDE MI TIRA MI PORTA LONTANO

GIOVANNI/ ( finita la musica - entrano arco centrale Giovanni e Riccardo , uno a destra e un altro a sinistra)  DOTTORE  E ALLORA  COSA DICONO LE ANALISI?

DOTTORE/   NULLA DI PREOCCUPANTE  STIA TRANQUILLO

GIOVANNI/ MAMMA' HAI VISTO CHE AVEVO RAGIONE? … E IL DOLORE ALLA SPALLA ?

DOTTORE/ ( inventando) BHE QUELLO E' … UN SEMPLICE LIPOMA…   …CHE SI E' FORMATO DIETRO LA SCHIENA,

RICCARDO/ UN LIPOMA? E CHE SAREBBE?

AMALIA/ ( è rimasta seduta)  NA PALLA E GRASSSO

GIOVANNI/RICCARDO - UNA PALLA DI GRASSO?

DOTTORE/ BHE' NON SO SE E' PROPRIO UNA PALLA …PERCHE' CI VORREBBE UNA RADIOGRAFIA…MA  CHE SI TRATTI DI GRASSO QUESTO E' SICURO

GIOVANNI/ DOTTO' E CHE POSSIAMO FARE PER ELIMINARE QUESTA PALLA?

DOTTORE/ BHE' DICIAMO CHE POTREBBE ANCHE ESSERE ASPORTATA, MA NEL CASO DI SUA MADRE , LA PALLA ANDRA' VIA    CON  FARMACI E DELLE SALUTARI …SPREMUTE DI …ARANCE SICILIANE

GIOVANNI/ ARANCE SICILIANE?

AMALIA/ SI GIOVA'  …CE VO' A VITAMINA C

DOTTORE/ ( In imbarazzo)  PRECISAMENTE…

RICCARDO/ A VITAMINA C SQUAGLIA ( scioglie)  A PALLA ..DICO BENE DOTTO'

DOTTORE/ ESATTAMENTE

 

GIOVANNI/ DOTTO' E DITE  CHE QUESTA CURA  FUNZIONERA'?

DOTTORE/ SICURAMENTE

RICCARDO/ CHIU'  SI PIGLIA A VITAMINA C,  E CHIU SI RIDUCE A PALLA

DOTTORE/ … DON GIOVA' STATE TRANQUILLO  TEMPO TRE MESI E A SUA MADRE GLI PASSERA' TUTTO..(starnuto del dottore)….ACCIDENTI…

RICCARDO/ DOTTO'   TINITE  NA  PALLE.. CHINE E CATARRO

GIOVANNI/ DON RICCA' E BASTA CON QUESTE PALLE…

(molto rumorosa)

ANTONIO/  (fuori scena) SIGNORI' CALMATEVI CALMATEVI , PER FAVORE

NANCY/ LASCIAMI, LASCIAMI , E TIENI GIU' LE MANI 

GIOVANNI/ ANTONIO, MA CHE STA SUCCEDENDO?

NANCY/  ( in scena) ( donna giovane, molto sexy , entrando trattenuta da antonio)   E LASCIAMI LASCIAMI ( ..lo picchia con una borsetta piccola)

ANTONIO/ DON GIOVA' A SIGNURINE E' VULUTE TRASI' (entrare) PE FORZA, SIGNORI VENITE ( la tira)

NANCY/  LASCIAMI , LASCIAMI STUPIDO SERVITORE ITALIANO RICCHIONE,  (si libera, va spedita da Riccardo lo picchia con la borsetta) E A TE  BRUTTO SPORCACCIONE DI MAGO ITALIANO DA QUATTRO SOLDI,  BECCATI QUESTO 

RICCARDO/  STATEVE FERME , MA CHI VI CONOSCE…

ANTONIO/ SIGNORI MA CHE FATE ? QUELLO E' DON RICCARDO

NANCY/ E ALLORA SEI TU (dal dottore) BRUTTO VILLANO BUGIARDO E STRONZO DI MAGO ITALIANO,

GIOVANNI/  SIGNORI’ MA CHE  FATE ….ANTONIO 

ANTONIO/ SIGNORI' NUN ME TUCCATE  O' DOTTORE…

 

 GIOVANNI/ SIGNORI'  …. IL MAGO  SONO IO, 

NANCY/ AH SEI TU?,  MIO MARITO VUOLE LASCIARMI, E TUTTO PER COLPA TUA, STUPIDO (picchia anche lui trattenuta da antonio) MAGO ITALIANO,   TU  DIRE UN MUCCHIO DI STUPIDAGGINI A MIO  MARITO,

GIOVANNI/ SIGNORI'  CALMATEVI, CALMATEVI

NANCY/ E TU STAI FERMO…( picchia anche  antonio) MAGO DA QUATTRO SOLDI,  TU FAI SPARIRE LUI E, IO CALMARE…MA LUI SPARIRE ADESSO, SUBITO

GIOVANNI/ SI, SUBITO ANTONIO….. GUARDAMI, ANTO' GUARDAMI NEGLI OCCHI….ANTONIO  ADESSO SPARISCI, VAI, VAI …ANTONIO ADESSO TE NE PUOI ANDARE

NANCY/ GO. GO…SCERAP

ANTONIO/ A' SCIARAPPE E SORETE (esce come in trans)

GIOVANNI/  SIGNORI’ MA CHI E' VOSTRO MARITO?

NANCY/ MIO MARITO ESSERE ALFONSO CUCCUGLIA, CAPITO? LUI CREDERE A TE E ADESSO VUOLE LASCIARMI, (piangendo) PERCHE'?  PERCHE' TU DIRE A LUI CHE  IO TENERE AMANTE, PERCHE' TU AVERE DETTO  A LUI  QUESTA COSA?

GIOVANNI/  AH SI,  HO CAPITO DON ALFONSO CUCCUGLIA  SI, SI MI RICORDO ..SIGNORI MA IO FACCIO IL MAGO , QUELLO E’ IL MIO MESTIERE, MICA E’ COLPA MIA SE POI FACENDO LE CARTE A VOSTRO MARITO E’ USCITA LA BEFANA  

RICCARDO/ DONNA AMA' MA SE USCIVA BABBO NATALE CHE VOLEVA DIRE?

AMALIA/ AH NON LO SO'.. IO USO E CARTE NAPULITANE

GIOVANNI/ SIGNORI'MA VOI CE L'AVETE L'AMANTE?

AMERICANA/ YES , MA SOLO PER FARE SESSO, 

DOTTORE/ TUTTE EGUALI LE DONNE

GIOVANNI/   SIGNORI' MA  PERCHE' IL SESSO, NON LO FATE CON VOSTRO MARITO ..E LASCIATE PERDERE L'AMANTE? (breve commozione di nancy si siede)

NANCY/ MIO MARITO  DA QUANDO NOI SPOSATI ...FARE SEMPRE STESSE COSE…(commossa)

AMALIA/ POVERA PECCERELLE

NANCY/ ULTIMI TEMPI…LUI  NON FARE PIU' NIENTE CON ME 

RICCARDO/ E TENE A CUMMARE  ( e tiene l’amante)

NANCY/ ADESSO TU ASCOLTA MIA PROPOSTA   ….  TU   TELEFONARE AD  ALFONSO E DIRE  CHE  , IO AMARE SOLO LUI  ….E CHE NUN TENGO NESSUNO AMANTE ,  

GIOVANNI/ VA BENE ,  DOPO VEDO SE  LO POSSO  TELEFONARE MA…., 

NANCY/ ( sensuale) SE TU FAI QUESTO PER ME , IO GIURO DI FARE  GOOD REGALO SPECIALE A TE, (accarezzandolo)   YOU ARE UNDERSTAND?

GIOVANNI/ …MA  DI CHE  REGALO PARLATE…?

NANCY/ QUESTO TE GUSTA?  (prende il perizoma rosso dalla borsetta mostrandolo)  

RICCARDO/ DONNA AMA'  MA E' NA …

AMALIA/DOTTORE  (gridato indicando) ROSSA

RICCARDO/ AVEVE VISTE BUONO

NANCY/ E ALLORA? ( sventolando il perizoma)

GIOVANNI/ SPIACENTE, MA NON SONO UN FETICISTA

RICCARDO/ DONNA AMA' FETE E CHE…?

AMALIA/ DON RICCA' NUN AGGIO CAPITO

DOTTORE/ C'E POCO DA CAPIRE , FETISCH..FETICH

GIOVANNI/  SIGNORI’SPIACENTE , MA DELLE VOSTRE MUTANDE NON SO CHE FARMENE

NANCY/ MA COME?  TU NON  AVERE  CAPITO?  ( ballano e cantano il brano un sigaro cubano)

UN SIGARO CUBANO

Testo e musica di Oreste De Santis

NANCY/ (cantato) UN REGALO DOLCE E SENSUALE TENGO PRONTO PER TE

C'E POCO DA PENSARE DAVVERO PER CAPIRE COS'E'

SE TU FARE CIO' CHE CHIEDO , IO STANOTTE STARE CON TE

UNA SOLA VOLTA  INSIEME A TET A TET

GIOVANNI/  ADESSO IO CAPIRE BENE COSA VOLER TU DA ME

IO RISPONDO SUBITO YES SENZA MA NE' UN PERCHE'

COMPRARE UNA BOTTIGLIA DI CHAMPAGNE

FUMARE  UN GROSSO SIGARO CUBANO

TUTTA LA NOTTE INSIEME A SOSPIRAR

DOTTORE/ (cantato) COME E' DELIZIOSO ANDAR

DOTTORE/ AMALIA/ RICCARDO          SULLA CARROZZELLA

AMALIA/ DOTTORE/RICCARDO           FARE L'AMORE AL SOLE DI PRIMAVERA

GIOVANNI/ COMPRARE UNA BOTTIGLIA DI CHAMPAGNE

NANCY/ FUMARE UN GROSSO SIGARO CUBANO

GIOVANNI/NANCY/ TUTTA LA NOTTE INSIEME A SOSPIRAR (breve balletto Giovanni e Nancy)

( MUSICA)

NANCY/ COMPRARE UNA BOTTIGLIA DI CHAMPAGNE

GIOVANNI/ FUMARE UN GROSSO SIGARO CUBANO

NANCY/GIOVANNI TUTTA LA NOTTE INSIEME A SOSPIRAR

DOTTORE/ (cantato) COME E' DELIZIOSO ANDAR

DOTTORE/ AMALIA/ RICCARDO          SULLA CARROZZELLA

AMALIA/ DOTTORE/RICCARDO           FARE L'AMORE AL SOLE DI PRIMAVERA

NANCY / COMPRARE UNA BOTTIGLIA DI CHAMPAGNE

DOTTORE/AMALIA/RICCARDO / FUMARE UN GROSSO SIGARO CUBANO

GIOVANNI/NANCY/ TUTTA LA NOTTE INSIEME A SOSPIRAR (3 volte)

DOTTORE/ COME  E' DELIZIOSO ANDAR

AMALIA/DOTTORE/RICCARDO SULLA CARROZZELLA

NANCY/ ECCO QUESTO (perizoma rosso … glielo mette  in testa a mo' di cappello …) ESSERE PEGNO DEL MIO GURAMENTO…    ..BY...BY... (uscendo, butta via i fogli degli appunti di Giovanni posti sul tavolo)

RICCARDO/ BA, BA , BA BA, (saluta con la mano)

DOTTORE/ ARRIVEDERCI

AMALIA/ ASSA FA DIO SE NE GHIUTE

RICCARDO/ DONNA AMA’ E CHISTE E' O REGALO ..NA MUTANDA?, ME PENZAVO PURE …( va al tavolino degli scacchi mentre Giovanni si guarda il perizoma e poi raccoglierà i foglie)  …

DOTTORE/ SE VOGLIAMO ESSERE PRECISI, SI TRATTA DI UN PERIZOMA 

AMALIA/ E VA BUO' DOTTO' E' A STESSA COSA

DOTTORE/ SA' IO SONO UN APPASSIONATO DI BIANCHERIA INTIMA..PERO' AL ROSSO PREFIRISCO IL NERO

AMALIA/ DOTTO' MA LI  PORTATE PURE VOI?

DOTTORE/ RARAMENTE   , MA SOLO PERCHE’ MI DANNO UN PO' FASTIDIO DIETRO  ( un po' Gay, toccandosi)

GIOVANNI/ DOTTO' SCUSATE …MA…NON SO COSA DIRE

DOTTORE/ NON PREOCCUPATEVI, CERTO NON SI DIREBBE, MA DONNA AMA'  IL LAVORO DI VOSTRO FIGLIO  E' UN LAVORO DELICATO,

AMALIA/ DOTTO' NON ERA MAI SUCCESSO

DOTTORE/ BHE'  ADESSO PERO'   E' MEGLIO CHE VADO , HO IL FUNERALE DEL MIO CANE E VOGLIO DARGLI, L’ULTIMO SALUTO..DON GIOVANNI ARRIVEDERCI.. ( lo saluta con la mano)

RICCARDO/ DOTTO’  CONDOGLIANZE

 

AMALIA/ DOTTO' GRAZIE DI TUTTO ( si appartano verso l'uscita)

DOTTORE/ DOVERE, DOVERE E NON SI PREOCCUPI DONNA AMA'  SOLENNAMENTE LE GIURO   CHE  DOPO IL TRAPASSO, SULLA VOSTRA TOMBA  NON MANCHERA' MAI UNA ROSA ROSSA, ... E COME PEGNO DEL MIO GIURAMENTO VI LASCIO...

AMALIA/ DOTTO' NUN ME LASCIATE NISCIUNA MUTANDA..

DOTTORE/ NO…NESSUNA MUTANDA…SOLO UN SEMPLICE BACIO…(sulla mano) I MIEI PIU' CORDIALI SALUTI  ...  (esce – Giovanni sta tentando d telefonare con il cellulare) 

RICCARDO/ DONNA' AMA' SCUSATE, MA A  ME STA CURA E STE PREMUTE DI ARANCE SICILIANE PE' FA SCUMPARI A' PALLA  E GRASSO…NUN ME CONVINCE

AMALIA/ DON RICCA' VOI FATE L'AUTISTA , CHE NE VOLETE CAPIRE DI PALLE DI GRASSO 

GIOVANNI/ PRONTO…FINALMENTE , MA DOVE STAVI?  ADESSO ASCOLTAMI BENE , ANTO'    PREPARA SUBITO UNA SPREMUTA DI ARANCE SICILIANE PER MIA MADRE, NUN FA DOMANDE OBBEDISCI E BASTA,    (gridato) E LIEVE STI CORINTI  A MIEZE  

AMALIA/  GIOVA' SIENTE A MAMMA' IO  LA SPREMUTA ME LA  VORREI PRENDERE AL BAR 

RICCARDO/ (voglioso -veloce) VI ACCOMPAGNO… VI ACCOMPAGNO…?

GIOVANNA/ MAMMA E PERCHE' AL BAR?

AMALIA/ ANTO' TENGHE BISOGNO E PIGLIA NU POCO D'ARIA FRESCA … E PO' AGGIA' PENSA' COMME M' AGGIA ORGANIZZA QUESTI TRE MESI…DI CURA GIOVA'    

GIOVANNI/ E VA BHE’ BASTA CHE TE LA PRENDI

RICCARDO / DONNA AMA’ ALLORA VI ACCOMPAGNO…VI ACCOMPAGNO?

AMALIA / DON RICCA'  PERO' ANDIAMO A PIEDI, SE VI FA PIACERE…O' STESSO

RICCARDO/ ASSAI… PERO' PURTAMMECE O' MBRELLO, PERCHE SECONDO ME TRA POCO CHIOVE ASPETTATE NU MUMENTO (prende l'ombrello in scena)

ANTONIO/  ( entrando arco centrale) DON GIOVA' ECCO QUA LA SPREMUTA DI ARANCE SICILIANE….COME MI AVETE ORDINATO

GIOVANNI/ ANTO'..  GRAZIE, MA MIA MADRE '  LA SPREMUTA SE LA PRENDE AL BAR…

ANTONIO/  AH AL BAR? E IO MO ' CHE FACCIO CU STA SPREMUTA?

AMALIA/ ANTO' …BIVATELLA ( Bevila) TU

ANTONIO/ IO? NO…NO…IO NUN TENGO VOGLIO..DON RICCA' LA VOLETE VOI?

RICCARDO/ NO…IO ME LA PRENDO AL BAR INSIEME A DONNA AMALIA

ANTONIO/ DON GIOVA' …NON E' CHE….( va avanti e indietro con la spremuta)

GIOVANNI/ ANTO' …PUARTATELLE A DERETE…VA

ANTONIO/ E VA BUO' (esce)

AMALIA/ DON RICCA''  USCIAMO DAL GIARDINO COSI CI TROVIAMO GIA’ SULLA STRADA, VENITE

RICCARDO/ DOPO DI VOI  ( escono lato giardino)

GIOVANNI/  (telefona con cellulare)   PRONTO…PRONTO…    SIGNOR CUCCUGLIA.,.. SONO GIOVANNI  IL MAGO, SIGNOR CUCCUGLIA,   HO DA DARVI UNA GRANDE NOTIZIA,   SIGNOR CUCCUGLIA   HO RIFATTO LE CARTE  SIGNOR CUCCUGLIA E' USCITO BABBO NATALE, COME CHE VUOL DIRE?  VUOL DIRE  CHE VOI  SIETE CORNUTO  CONTENTO.. (col perizoma in mano) NO  CHE AVETE CAPITO? HO DETTO    NON SIETE CORNUTO,  SIETE CONTENTO?  IN PRATICA VOSTRA MOGLIE NON LO TIENE L'AMANTE  …  NO,   NON VENITE ,  ADESSO TENGO DA FARE UN’'ALTRA VISITA   ,  TRA 10 MINUTI, NO…SIGOR CUCCUGLIA VENITE DOMANI …SIGNOR CUCCUGLIA…., E DALLE CHISTE VO’ VENI’ PE FORZA , (telefona ad antonio) ANTONIO VIENI SUBITO QUA

(rientra  Raffaele   dal giardino  Giovanni è di spalle)

RAFFAELE/ (gridato) … DON GIOVA?

GIOVANNI/ (impaurito butta l'agenda per l'aria) MADONNA CHI E?   DON RAFE'  SIETE VOI?

RAFFAELE/  POSSO ENTRARE? CAMPO LIBERO?

GIOVANNI/ SI, POTETE  ENTRARE, E RIPRENDETE VELOCE, VELOCE CHE CON QUESTO PRRESEPE STIAMO IN RITARDO

ANTONIO/ (ancora col bicchiere di aranciata in mano) DON GIOVA DITEMI…SONO' ARRIVATO

GIOVANNI/ (girandosi) ANTO' ASCOLTAMI BENE…LIEVE STU BICCHIERE A NANZE,  MA STAI ANCORA CON QUESTO BICCHIERE IN MANO?

ANTONIO/  E LO STAVO PORTANDO IN CUCINA A PIEDI E STAVO A MEZZA STRADA QUANDO VOI MI AVETE CHIAMATO  …LO SAPETE NO..I CORRIDOI IN QUESTA CASA NON FINISCONO MAI…

GIOVANNI/   ANTO' SIENTE.. SE VIENE DON ALFONSO CUCCUGLIA, DI' CHE IO NON CI SONO

ANTONIO/ E DOVE SIETE ANDATO?

GIOVANNI/  E A TE CHE TE NE IMPORTA? DICI SOLO CHE NON CI STO E BASTA

ANTONIO/ DON GIOVA' ....IO LE BUGIE NON LE POSSO DIRE, NELLA QUARTA LETTERA AI CORINTI

GIOVANNI/ AH ANTO’… ma quante lettere hanno scritto questi corinti?

ANTONIO/ DON GIOVA’ NON ME LO RICORDO

GIOVANNI/ ANTO’ FAI UNA BELLA COSA , PRENDI TUTTE QUESTE LETTERE  E APPICCE TUTTE COSO , FA NU BELLE  FUOCARAZZE,  (  brucia tutto) SIENTE A ME

ANTONIO/  DON GIOVA’ MA CHE DITE?

GIOVANNI/ E VA BENE ,  ALLORA FAI COSI’ , DICI CHE SONO OCCUPATO , E SE INSISTE DI PASSARE DOMANI, VA BENE?  ( va a sedersi , finge di scrivere)

ANTONIO/   SI, QUESTO LO POSSO DIRE  ....DON RAFE'  GRADITE UNA SPREMUTA D'ARANCIA SICILIANE  APPENA FATTA,  VI GARANTISCO SQUISITA?

RAFFAELE/ VOLENTIERI GRAZIE ,  L'AVETE ZUCCHERATA?

ANTONIO/  CERTAMENTE

RAFFAELE/ E ALLORA   NON VI POSSO ACCONTENTARE    IO PRENDO TUTTO AMARO, ANTO’ TENGO O' DIABETE

ANTONIO/ AH TENETE IL DIABETE?  E VA BENE ,  VORRA’ DIRE CHE VE LA PORTO AMARA

RAFFAELE/ GRAZIE   ( gli dà il bicchiere) ( bussano la porta)

ANTONIO/ UH AH PORTA, SCUSATE….( esce)

RAFFAELE/ DON GIOVA'   (del presepe finito nemmeno l'ombra) AVETE VISTO IL PRESEPE  COME STA VENENDO BELLO?     

GIOVANNI/  DON RAFE' DICIAMO CHE AL MOMENTO ME LO POSSO SOLO IMMAGINARE,

RAFFAELE/  ADESSO NON LO VEDETE PERCHE' NON C'E,

GIOVANNI/ APPUNTO

RAFFAELE/ MA NON VI PREOCCUPATE , DON GIOVA’ IO TENGO TUTTO NCAPA… 

( dandosi due schiaffi sulla testa)

GIOVANNI/ AH SI?, DON RAFE’  PERO’ QUELLO CHE TENETE IN TESTA,  SI DEVE TRASFERIRE SUL TAVOLINO  SENNO’ IL PRESEPE PER NATALE NON SARA’ PRONTO , CI SIAMO SPIEGATI? ( indicando)  

RAFFAELE/  E’ NORMALE, DON GIOVA’ VEDETE QUA', IN QUESTO PUNTO (indicando)    CI SARANNO LE MONTAGNE…

GIOVANNI/ LE MONTAGNE, GIUSTO

RAFFAELE/  QUI …  INVECE CI FACCIO SCORRERE  UNA CASCATA

GIOVANNI/ DON RAFE’ MEGLIO UN RUSCELLO

RAFFAELE/  MA CERTO,  UN RUSCELLO ABBONDANTE

GIOVANNI/ DON RAFE’ LA GROTTA DOVE LA METTETE?

RAFFAELE/  QUI,  ESATTAMENTE IN QUESTO PUNTO

GIOVANNI/ BELLISSIMO, LI E’ PROPRIO  AL POSTO GIUSTO

RAFFAELE/ DON GIOVA’ INFINE LA CILIEGINA SULLA TORTA

GIOVANNI/ E SAREBBE?

RAFFAELE/ DON GIOVA’ SOTTO LA GROTTA, ESATTAMENTE IN QUESTO PUNTO  CI FACCIO  PASSARE UNA BELLA  FERROVIA, CHE NE DITE?

GIOVANNI/ LA FERROVIA? DON RAFE’ MA CHE STATE DICENDO?

RAFFELE/ SI, SI LA FERROVIA , UNA BELLA  FERROVIA

GIOVANNI/ DON RAFE’ MA DOVE SI E’ VISTO MAI UN PRESEPE CON LA FERROVIA?

RAFFAELE/ DON GIOVA’ IO VOLEVO FARE  UNA COSA MODERNA

GIOVANNI/  DON RAFE’ A MIO FIGLIO IL PRESEPE PIACE CLASSICO, E CLASSICO DEVE ESSERE CI SIAMO SPIEGATI ? TOGLIETE QUESTA FERROVIA  DA MEZZO, NEL MIO PRESEPE NON DEVE PASSARE NESSUN PENDOLINO E’ CHIARO?  

RAFFAELE/ DON GIOVA’ COME VOLETE VOI ( riprende a lavorare)

DOTTORE/  (entrando dal giardino con tuta da ginnastica) DISTURBO?

GIOVANNI / (sorpreso) DOTTORE,   PREGO ACCOMODATEVI

DOTTORE/   DON RAFE’ SALVE’ , DON GIOVA’ BUONGIORNO,   FACEVO FUTTING DA QUESTE PARTI, E HO PENSATO DI VENIRVI A SALUTARE

GIOVANNI/  E AVETE FATTO BENE, E’ SEMPRE UN PIACERE VEDERVI,    CHE VI POSSO OFFRIRE ?

DOTTORE/ NINETE PER CARITA’ ( lo prende sotto braccio) DON GIOVA’ IN CONFIDENZA  SONO VENUTO PERCHE'  MI HA COLTO DI SORPRESA  UN PICCOLO BISOGNINO CHE PUR VOLENDO,  NON RIESCO PIU’ A TRATTENERE, ( contorcendosi)

GIOVANNI/ LE SERVE IL BAGNO?

DOTTORE/ SE E’ POSSIBILE , DOVE STA?

GIOVANNI/  SUBITO, DOTTO’ ANDATE  A QUELLO IMPERIALE, E’ UN PO’ LONTANO,  MA VALE LA PENA,   VADA PER IL LATO NORD, ( indicando)

DOTTORE/  DON GIOVA’,…CI VADO  DI CORSA ( esce lato nord)

GIOVANNI/ E’ L’ULTIMA STANZA  SULLA DESTRA ( gridato)

ANTONIO/( entrando arco centrale)  DON GIOVA' CI STA LA SIGNORINA  LUDOVICA   DICE CHE TIENE UNA VISITA PRENOTATA.. LA FACCIO ENTRARE?

GIOVANNI/   SI FALLA ENTRARE, LA RICEVO QUA,   (si prepara in modo pomposo da mago.. per la visita -  indossa un mantello scintillante e si mette una striscia in fronte,)

ANTONIO/ DON RAFE' PRENDETEVI IL SUCCO D'ARANCIA

RAFFAELE/  GRAZIE ( antonio attende che gli ridà il bicchiere poi esce)

GIOVANNI/ DON RAFE' '  MI DOVETE SCUSARE MA IO DEVO FARE UNA VISITA

RAFFAELE/ DON GIOVA' MO'  SUBITO  ME NE VADO

GIOVANNI/ DON RAFE' IO QUESTA VISITA LA RISOLVO IN CINQUE MINUTI

RAFFAELE/  E SI CAPISCE, ALTRIMENTI CHE MAGO SARESTE,  E VA BUO’ ALLORA TORNO TRA DIECI MINUTI , E STATE TRANQUILLO , COL PRESEPE STO A BUON PUNTO , A TRA POCO, (esce)

GIOVANNI/  ( ironico) STO A BUON PUNTO  (da solo vicino al presepe)  DICE SEMPE CHE STA A BUON  PUNTO … …MA QUA NON CI STA NIENTE ,  IO VECHE SULE LEGNAME…. 

(….donna giovane molto chic e provocante )

LUDOVICA/ BUONGIORNO..E' LEI IL FAMOSO MAGO GIOVANNI…TIBERTINI  DI CUI TUTTI PARLANO? ( ferma sull’arco centrale)

GIOVANNI/  SI… SONO IO   PREGO SI ACCOMODI

LUDOVICA/ GRAZIE  .. STA FACENDO  IL PRESEPE?

GIOVANNI/ SI, E' PER MIO FIGLIO

LUDOVICA/  (sorpresa si avvicina al presepe) GESU'

GIOVANNI (di spalle vicino al presepe) PER GESU' E' ANCORA PRESTO  N'AVIMME FATTE MANCHE A CAPANNA… ( non c’è nemmeno la capanna)

LUDOVICA/  ( sorpresa) MADONNA

GIOVANNI/ LA MADONNA   E  SAN GIUSEPPE, LI METTIAMO  PER ULTIMO QUANDO SARA’ FINITO TUTTO, MA CHISSA’  SE MAI ARRIVERA’ QUESTO MOMENTO

LUDOVICA/ E' BELLISSIMO

GIOVANNI/ ( girandosi) BELLISSIMO?   SIGNORI’  MA CHE BELLISSIMO,   QUA NON CI STA ANCORA   NIENTE

LUDOVICA/  MI SCUSI, MA OGNI VOLTA CHE VEDO UN QUADRO DI VAN GOGH  SEBBENE   SI TRATTI DI UNA COPIA , MI EMOZIONO SEMPRE ALLO STESSO MODO

GIOVANNI/ AH PARLAVATE DEL QUADRO…… CE L'HO DA MOLTI ANNI..A MIA MOGLIE PIACEVA MOLTO VAN GOGH... MA IO AMO ANCHE PICASSO ( indicando),   MA PREGO SI ACCOMODI E   MI DICA PURE, QUAL’E’ IL PROBLEMA? 

LUDOVICA/ BHE' VEDE, LA COSA E' MOLTO SEMPLICE.. MA MOLTO IMBARAZZANTE DA DIRE, SONO VENUTA DA LEI , DOPO IL FALLIMENTO DELLA MEDICINA  TRADIZIONALE ,  SA’ IL MIO  FIDANZATO E’ UN DOTTORE, E NON CREDE A QUESTE COSE, MA IO NON SO PIU’ COSA FARE, COMUNQUE GRADIREI IL MASSIMO RISERVO DA PARTE SUA

GIOVANNI/ NON SI PREOCCUPI ,  LE ASSICURO CHE TUTTO QUELLO CHE DIRA' QUI, QUI RESTERA' , E' IL MOTTO DELLA CASA…VADA PURE AVANTI

 

LUDOVICA/ BHE  VEDE …SI TRATTA DEL  MIO FIDANZATO., ECCO STIAMO INSIEME  DA DUE ANNI, MA DAL RITORNO DA UN  VIAGGIO DI PIACERE  A SORRENTO…LUI NON MI  COCCOLA PIU'

GIOVANNI/ IN CHE SENSO…NON COMPRENDO

LUDOVICA/.INSOMMA .NON MI STRINGE, NON MI TOCCA, NON MI BACIA…IN  PRATICA …IL SUO STRUMENTO NON SUONA PIU'

GIOVANNI/  ADESSO HO  COMPRENDUTO…

LUDOVICA/ ABBIAMO PROVATO MOLTE CURE..MA NONOSTANTE TUTTE QUESTE CURE …LA MUSICA E' SEMPRE LA STESSA.. LUI DICE CHE NON DIPENDE DA ME ….LE SCOCCIA SE  FUMO? ( dopo che l'accesa e gli ha buttato il fumo in faccia)

GIOVANNI/  SE POSSIAMO EVITARE E’ MEGLIO, ( Ludovica spegne la sigaretta)

 ( GIOVANNI si alza) ..MA MI DICA  SE NON DIPENDE DA LEI…QUALE E' STATO PER INTENDERCI LA CANZONE   SCATENANTE   CHE HA CAUSATO L'EVENTO

LUDOVICA/ TORNA A SURRIENTO

GIOVANNI/ TORNA A SURRIENTO?

LUDOVICA/ MA SI, DOPO UN VIAGGIO DI PIACERE A SORRENTO E' MORTO STRIUNZ

GIOVANNI/ STRIUNZ?  E CHI E' QUESTO STRIUNZ? UN SUO PARENTE FORSE?

LUDOVICA/  NO..ERA IL SUO CANE   ….

GIOVANNI/ STRANO NOME PER UN CANE

LUDOVICA/ LUI  LO CHIAMAVA  COSI'   PERCHE' QUANDO GLI BUTTAVA LA PALLA DA TENNIS, STRIUNZ NON GLIELA PORTAVA MAI INDIETRO..  MA ERA TALMENTE AFFEZIONATO A STRIUNZ  CHE   DOPO LA SUA MORTE …  

GIOVANNI/ E' ADDIVENTATE STRUNZE PURE ISSE

LUDOVICA/ (isterica) MI MANCA , MI MANCA, MI MANCA …ADESSO HA CAPITO?

GIOVANNI/ CHE LE MANCA , L’HANNO CAPITO TUTTI

LUDOVICA/  ( con foga)  LEI CI DEVE AIUTARE, NON SO' PIU' COSA FARE…  ..INVENTI QUALCOSA LA PREGO ..  SO..CHE LEI PREPARA DEGLI INFUSI MIRACOLOSI

GIOVANNI/  E' VERO,   NON SI PREOCCUPI, IN EFFETTINON E' LA PRIMA VOLTA CHE MI CAPITA UN CASO DEL GENERE…   E  IN TUTT I CASI …HO SEMPRE DATO   LA STESSA CURA, UN PO' COSTOSA CERTO,  MA LE DIRO' NON PER PRESUNZIONE, MA PER DATO DI FATTO, DOPO LA MIA CURA LO STRUMENTO HA SEMPRE RIPRESO A SUONARE , 

LUDOVICA/ (tutto di un fiato eccitata) LA PREGO MI DIA LA CURA  IL PREZZO NON HA IMPORTANZA..DI CHE CURA SI TRATTA? MI DICA, MI DICA

GIOVANNI/  ( inventando) BHE' SI TRATTA PER L'APPUNTO DI UN INFUSO D'ERBE SPECIALI  MOLTO RARE, CHE LEI GLI FARA' BERE IN UNA SPREMUTA DI ARANCE SICILIANE…DOPO CHE LE AVRO' FATTE FILTRARE IN SUO INDUMENTO… INTIMO  ..  CHE  PUO’ PORTARMI ANCHE DOMANI SE VUOLE

LUDOVICA/ FANTASTICO,  L'INDUMENTO GLIELO POSSO DARE   ANCHE SUBITO ..  , SA’ HO FRETTA DI RISOLVERE, QUESTO VA BENE?( gli fa vedere il perizoma nero che prende dalla borsetta)

GIOVANNI/ BHE PIU' INTIMO DI COSI'…

LUDOVICA/  SAPEVO CHE PER I SUOI INFUSI  SAREBBE STATO NECESSARIO, ANCHE SE IN VERITA’ IO  NE PORTO SEMPRE UNO DI RISERVA...

GIOVANNI/ COMME A ROTE E SCORTE  ( la ruota di scorta)

LUDOVICA/ PERFETTO SONO COSI' ANSIOSA DI PROVARE QUESTA CURA…PERCHE'  SA, SE LUI NON RISOLVE QUESTO PROBLEMA..   NON MI SPOSA PIU'

GIOVANNI/ E SI CAPISCE SE LO STRUMENTO NON FUNZIONA CHE MUSICA PUO' FARE?

LUDOVICA/ GIA' ECCO QUI..  COSI' NON LO DIMENTICA…L'INFUSO DOVRA' ESSERE IL SUO PRIMO PENSIERO .. (glielo mette in testa a mò di cappello) 

GIOVANNI/ E CHI SO’ SCORDE  ( indicando)

LUDOVICA/ GRAZIE …E ARRIVEDERCI VERRO' DOMANI A RITIRARLO… (esce )

GIOVANNI/ NON SI PREOCCUPI LO LASCERO’ AD ANTONIO, ARRIVEDERCI.. E SO' DUIE (toccandolo e mostrandolo)  ..STU FATTE PERO'  E METTERE E PERIZOMA NCAPA NUN L'AGGIO ANCORA..CAPITO, IO MI DEVO COMPRARE UN BEL CAPPELLO  (mette il perizoma in tasca )

RAFFELE/ E' PERMESSO

GIOVANNI/ DON RAFE' ACCOMODATEVI,

RAFFELE/ DON GIOVA'  AVETE FINITO?

GIOVANNI/ DON RAFE' , IO SONO UN TIPO VELOCE..LE COSE… ,  SUBITO LE FACCIO…

RAFFAELE/ DON GIOVA' NON VI PREOCCUPATE, PAROLA D'ONORE,  ( solenne) IL PRESEPE SARA' PRONTO A NATALE 

(rientrano don Riccardo e Amalia insieme ad un bel giovanotto che entrerà dopo di loro)

RICCARDO/ (arco centrale cantato ) MO VENE NATALE NUN TENGHE DENARE ME FUME NA PIPPA E ME VACHE A CUCCA…( mo’ viene natale non tengo denari , mi fumo una pipa e vado a dormir’) DONNA AMA’ MIO PADRE MA CANTAVA SEMPE STA CANZONE

AMALIA/DON RAFE'

RICCARDO/ DONGIGGI'

RAFFAELE/AMALIA/RICCARDO/BUONGIORNO

AMALIA/ GIOVA' CHE BELLA PASSEGGIATA

GIOVANNI/ MAMMA COME TI SENTI?

RICCARDO/ DON GIOVA' , VE LO DICO IO, UNA BELLEZZA,  GUARDATE' CA CHE COLORITO, ALTRO CHE MEDICINE ,  ..

GIOVANNI/ L'HAI PRESA LA SPREMUTA D'ARANCIA?

AMALIA/ NO..GIOVA'   

RICCARDO/ MA QUALE SPREMUTA D'ARANCIA?, DONNA AMALIA NON SI E' PRESO PROPRIO NIENTE. GLI E' BASTATA FA NA PASSEGGIATA AL SOLE  E DUE CHIACCHIERE CON UN AMICO PE’ STA SUBITO MEGLIO

GIOVANNI/  …(col cellulare) ANTO'  PREPARA SUBITO NA SPREMUTA  DI ARANCE PER MAMMA' 

AMALIA/ GIOVA'  SIENTE IO HO DECISO CHE   LA CURA L'INIZIO DOMANI, E LE SPREMUTE DI ARANCE SICILIANE,  ME LI FA LEOPOLDO

GIOVANNI/ LEOPOLDO? E CHI E' 

LEOPOLDO/  (entrando molto elegante)   MA COME CHI  E' …MA SONO IO CHERI'  

(  leopoldo prende l’ombrello di Riccardo e si pone a  centro palco , due passi dietro di lui a coppie due a destra e due a sinistra, tutti gli altri, quando tocca a loro cantare, Leopoldo indietro e loro avanti ) 

CANZONE DI LEOPOLDO 

Testo e musica di Oreste De Santis

***

SONO LEOPOLDO UN GRANDE GIGOLO'

A TUTTI QUELLI CHE LO CHIEDONO LO DO'

UN PO' D'AMORE , UN SORRISO UNA CANSION

SONO LEOPOLDO UN GRANDE GIGOLO'

QUANDO MI SVEGLIO LA MATIN

TUTTI/  LA MATIN

FACCIO SUBITO PIPIN

TUTTI/ LA PIPIN, LA PIPIN

E POI MI BEVO ZABAIONE

TUTTI / ZABAION

 SONO PRONTO PER L'AZION

TUTTI / PER L'AZION

 DOPO MI BUTTO TRA LA GENTE CHE NON SA

TUTTI / CHE NON SA

CHE GUARDA E DICE CHI SARA' MAI  QUELLO LA'

RICCARDO / UN COMMERCIANTE

RAFFAELE / UN RAGIONIERE

GIOVANNI/ UN CAMERIERE

AMALIA/ UN BEL BANCHIERE

SONO LEOPOLDO UN GRANDE GIGOLO'

TUTTI / GIGOLO’, GIGOLO’

SONO IL PIU' BELLO

RICCARDO/ E SA PIGLIATE O' MBRELLO ( indicando)

E A TUTTI QUELLI CHE LO CHIEDONO LO DO

QUANDO MI SVEGLIO LA MATIN

TUTTI/  LA MATIN

FACCIO SUBITO PIPIN

TUTTI/ LA PIPIN, LA PIPIN

E POI  MI  BEVO  ZABAIONE

TUTTI / ZABAION

 SONO PRONTO PER L'AZION

TUTTI / PER L'AZION

DOPO MI BUTTO TRA LA GENTE CHE NON SA

TUTTI / CHE NON SA

CHE GUARDA E DICE CHI SARA' MAI  QUELLO LA'

RICCARDO / UN GRAN DOTTORE

RAFFELE/ UN  SOGNATORE

GIOVANNI/ UN ROMANZIERE

AMALIA/ UN BEL BANCHIERE

SONO LEOPOLDO UN GRANDE GIGOLO'

TUTTI / GIGOLO’, GIGOLO’

E A TUTTI QUELLI CHE LO CHIEDONO LO DO'.

LEOPOLDO/  ( da’ la mano a giovanni) SALVE .. .. SONO LEOPOLDO

GIOVANNI/ MAMMA MA CHISTE CHI E'?

AMALIA/ GIOVA' E' IL MIO CAMERIERE PERSONALE… TI PIACE?

RICCARDO/ PARLA PURE INGLESE

LEOPOLDO/ ME QUI,  MES AMI' JE PARLE PURE INGLESE..

GIOVANNI/  MA SEI FRANCESE? (chiedendo a Leopoldo)

RICCARDO/ DON GIOVA'E' NATO A NAPOLI

GIOVANNI/ E PERCHE' PARLA FRANCESE?

AMALIA/ HA VISSUTO L'INFANZIA A PARIGI, MA HA STUDIATO IN INGHILTERRA

RICCARDO/ IL PADRE E' EGIZIANO E LA MADRE SOMALA

GIOVANNI/    TENETE IL  NONNO AFRICANO?

LEOPOLDO/ MA NO, MES AMI, MIO NONNO ERA ITALIEN EMIGRATO IN ARGENTINA,

GIOVANNI/ AFRICANO, ITALIANO COMUNQUE SONO SPIACENTE SIGNOR LEOPOLDO MA NOI UN CAMERIERE GIA' CE L'ABBIAMO SE CHIAMME ANTONIO 

     

AMALIA/ ….GIOVA' ANTONIO NUN ME SERVE…E PO' MICHE POZZE BERE SOLO SPREMUTE DI ARANCE SICILIANE, LA CURA DEVE FAR BENE A TUTTO, AL CUORE ALLA MENTE E AL CORPO…QUESTA E' LA CURA MIA…

RICCARDO/ PURE A MIA

LEOPOLDO/ SIGNOR  GIOVANNI ,  COME VEDE IO PER SUA MADRE SONO SOLO UNA MEDICINA  E NE SONO MOLTO CONTENTO..PERCHE TROVO SUA MADRE UNA DONNA ANCORA MOLTO... ATTRAENTE  ( le bacia la mano)

AMALIA/ UH COMME E' DOCE , PERCIO' ME PIACE …LEOPOLDO' VIENI CHE TI FACCIO VEDERE LA CAMERA..FACCIAMOCI QUESTA PASSEGGIATA,  CHE DOBBIAMO RAGGIUNGERE  IL LATO NORD  DELLA CASA,   

LEOPOLDO/ SI, COCCA  MIA  ANDIAMO CHE NON VEDO L'ORA DI VEDERE LA NOSTRA ALCOVA CUSCINO DI RASO E…LENZUOLA DI LINO MI RACCOMANDO , MAMMA' MI HA ABITUATO TROPPO BENE

AMALIA/  DAVVERO? E IO SO' MEGLIO E MAMMA', VIENI MIO DOLCE BABA' (escono a braccetto – lato nord)  AVVIAMOCI , CA PE' ARRIVA' O LATO NORD,  CE VO  NU POCHE E TIEMPO…

GIOVANNI/ DON RICCA' MA E' TUTTO VERO O' STO SOGNANDO? VOI AVETE VISTO?

RICCARDO/ DON GIOVA'   E' STATO UN COCCO DI FULMINE,  CIOE' UN COLPO DI FULMINE SI  SONO SUBITO PIACIUTI…DON GIOVA'…SE NON VI DISPIACE MI RITIRO PUR'IO  ..O' VI SERVE LA MACCHINA? ( esce porta centrale)

GIOVANNI/ ANDATE DON RICCA' NON VI PREOCCUPATE, SE MI SERVITE VI TELEFONO

RICCARDO/ DONGIGGI ( esce lato centrale)

RICCARDO/ GIOVANNI/ /RAFFAELE/ ARRIVEDERCI

DOTTORE/ ( rientra molto stanco lato nord) FINALMENTE  CE L’HO FATTA

GIOVANNI/ DOTTORE,  M'ERO QUASI DIMENTICATO DI VOI

DOTTORE/ NON AVETE TUTTI I TORTI,   IL BAGNO SARA' PURE IMPERIALE, MA LONTANISSIMO…PER ARRIVARCI …COMUNQUE LA RINGRAZIO MOLTO

GIOVANNI/ DOTTO’  ACCOMODATEVI, RIPOSATEVI PURE

DOTTORE/ VI RINGRAZIO , MA NON POSSO TRATTENERMI UN MINUTO DI PIU’  DON GIOVA’  VI RINGRAZIO TANTISSIMO ARRIVEDERCI,   (esce dal giardino)

RAFFAELE/ DOTTO’  PER ESSERE UNO SPORTIVO, VI VEDO ALQUANTO ROVINATO

DOTTORE/ DON RAFE’ LAVORATE, LAVORATE

ANTONIO/ ( entrando arco centrale)   DON GIOVA'ECCO LA SPREMUTA PER DONNA AMALIA

GIOVANNI/  ANTO'MIA MADRE HA DETTO CHE LA CURA L'INIZIA DOMANIE ASSUNTO PURE UN ALTRO CAMERIERE

RAFFAELE/  LEOPOLDO

ANTONIO/  …DON RAFE' GRADITE UN'ALTRA ARANCIATA PE CASO?

RAFFAELE/ VOLENTIERI GRAZIE…L’AVETE ZUCCHERATA?

ANTONIO/ DON RAFE’ E’ AMARA COMME O’ VELENO  ( raffaele  la beve tutto d'un fiato)

GIOVANNI/  ( chiamando) ANTONIO

ANTONIO/ DON GIOVA' DITEMI

GIOVANNI/ ANTO'  DEVO' PREPARARE  UN' INFUSO D'ERBE RARE (pensoso)

ANTONIO/ AH SI..E  CHE VI DEVO PORTARE?

GIOVANNI/ E CHISTO E' O PROBLEMA . MA ADDO' E PIGLIE ST'ERBE RARE, E VA BUO' ANTONIO FA' NA COSA PORTAMI UNA BELLA INSALATA FRESCA

ANTONIO/ SUBITO ( fa per uscire)

GIOVANNI/ ANTO’ ASPETTA NON HO ANCORA FINITO

ANTONIO/ DON GIOVA’ CHE DEVO FARE PIU’?

GIOVANNI/ ANTO’ OLTRE L’INSALATA, PREPARA PURE UNA BELLA SPREMUTA DI ARANCE SICILIANE

ANTONIO/ ARANCE SICILIANE?

GIOVANNI/ SI , SI ARANCE SICILIANE

ANTONIO/ NATAVOTO?  UH MAMMA MIA…  IO NUN ME SENTE BUONO… ( fa per svenire poi si siede) DON GIOVA' MI GIRA A CAPA…

GIOVANNI/ ANTO’ MA CHE TI SENTI, UH MAMMA MIA

ANTONIO/ DON GIOVA’ NON MI SENTO BENE, VEDO SULE ARANCE ANNANZE ALL’UOCCHIE  ( davanti agli occhi)  MI GIRA A CAPA COME UN PALLONE

RAFFAELE/ DON GIOVA’ NUN VE PREOCCUPATE    E' O'  DIABETE, PURE A ME, MI GIRA SEMPE A CAPA

GIOVANNI/ ANTO', ANTO' RIPRENDITI... ANTONIO NON MORIRE, NON MORIRE  CHE MI SERVI..ANTONIO…ANTONIO (sipario mentre giovanni e Raffaele fanno aria intorno ad antonio seduto a centro palco)                                 

(FINE PRIMO TEMPO)

II TEMPO

(La Scena si apre con Leopoldo che sta seduto al tavolo come se fosse in un ristorante impaziente perche’ il cameriere non arriva è vestito con pantalone e pantofole, camicia  tutto coperto da una  vestaglia elegante)

ANTONIO/ ECCOMI QUA  (con vassoio) IL SIGNORE E' SERVITO

LEOPOLDO/ AH  FINALMENTE,  HAI PORTATO TUTTO SI,

ANTONIO/ V'AGGIO PURTATE TUTTE COSE, COME AVETE ORDINATO, SERVITEVI PURE

RAFFAELE/ ( entrando dal giardino)  BUONGIORNO

ANTONIO/  DON RAFE' BUONGIORNO… 

RAFFAELE/ ANTO' AGGIO FATTO NU POCO TARDE…MA TENGHE CIERTE  GIRAMIENTE E CAPE  CA QUANNE ME PIGLIANE, ME SENTE E SVENI'…( dei forti giramenti di testa che quando mi prendono mi sento svenire) ( fa per cadere, appoggiandosi ad Antonio)    

ANTONIO/  DON  RAFE’  MA SE STATE MALE CHE SIETE VENUTO A FARE?

RAFFAELE/  NO, QUELLO MI PASSA NON TI PREOCCUPARE, IO GIA’ STO’ MEGLIO

ANTONIO/  E ALLORA SE STATE MEGLIO METTETEVI SUBITO AL LAVORO,  CHE DON GIOVANNI NON E' ANCORA SCESO ..ANDATE..ANDATE

RAFFAELE/ MENO MALE  ( si mette il camice)

LEOPOLDO/   ANTO' QUA  CI MANCA QUALCOSA (intendendo la colazione)

ANTONIO/ NO, NO.. VI HO PORTATO TUTTO NON CI MANCA NIENTE , BRIOCHE, UOVA ALLA COQUE E LA BANANA CON CREMA D'AMARENA

LEOPOLDO/ E   IL SUCCO D'ARANCIA DOVE STA?

ANTONIO/ LE ARANCE SON FINITE  , VI HO PORTATO  LA SPREMUTA DI POMPELMO, VA BENE LO STESSO?

LEOPOLDO/ NO, NON VA BENE , PERCHE' A ME IL SUCCO DI POMPELMO NUN ME PIACE

ANTONIO/  PERO' LO ZABAIONE VE L'HO PORTATO

LEOPOLDO/  BRAVO, QUELLO NON TE LO POTEVI PROPRIO SCORDARE , …THO'  PORTATI QUESTO SUCCO DI POMPELMO DI LA' CHE SOLO L'ODORE MI FA VOMITARE..VAI VAI , PER STAVOLTA TI PERDONO… ( scena solo mimica   domanda a gesti a Raffaele se   vuole il pompelmo,  ma Raffaele dice no con la testa poi esce)

RICCARDO/ ( con cappello d' autista..scontento  entrando dal lato nord)  AH E CHE SCUCCIAMIENTE, STAMMATINA  SI ESCE NATAVOTO, PRIMA NON SI USCIVA MAI ..E MO INVECE,  SI ESCE TUTTE E IUORNO  

LEOPOLDO/ DON RICCARDO BUONGIORNO

RICCARDO/  (sorpreso) BUONGIORNO…MA COMME STATE ANCORA IN PIGIAMA,? QUELLA DONNA AMALIA E GIA' PRONTA…

LEOPOLDO/ ( arrabbiato) E VORRA' DIRE CHE ASPETTERA' PERCHE SE IO NON FACCIO COLAZIONE, E MI BEVO LO ZABAIONE… IO DA QUA NON MI ALZO E' CHIARO?

RICCARDO/ E COME NO.. BEVETEVI LO ZABAIONE…(di scatto) DONGIGGI

AMALIA(entrando)/ RAFFAELE /RICCARDO/LEOPOLDO   BUONGIORNO

AMALIA/ (in grande forma) LEOPO', MA COME?… STAI ANCORA IN PIGIAMA? MA LO SAPEVI CHE  STAMMATINA VOLEVO FARE  SHOPPING

RICCARDO/ SHOPPI’NG

LEOPOLDO/  NON PREOCCUPARTI  TESORO' ,  HO GIA' FATTO LA DOCCIA,   IL TEMPO DI BERE   QUESTO ZABAION   E  DOPO  TI DO’ UN BEL BACION E POI….

AMALIA/ (sensuale) E POI…

LEOPOLDO/  E POI FACCIO TUTTO QUELLO CHE VUOI  TU 

AMALIA/ MAMMA MIA, ME PIACE SEMPE CHIU' ASSAI ..LEOPO’ SI PROPRIO  NU BELLU GUAION ( un bel giovane (gli dà un bacio)

RICCARDO/   E COME NO, NU GUAION GRUOSSE  (  un Guaio Grosso)

LEOPOLDO/ SENTI CARA, ANTONIO DICE CHE LE ARANCE SO' FINITE

AMALIA/ COME FINITE?   LE  HO COMPRATE IO PERSONALMENTE, QUL CRETINO LE HA LASCIATE IN MACCHINA  MA NON TI PREOCCUPARE ADESSO SUBITO TE LE FACCIO PORTARE , SENTI CARO…ALLORA IO MI AVVIO,  MA  SI GENTILE,  NON FARMI ASPETTARE MOLTO ….  LO SAI QUANTO MI  SCOCCIA…DON RICCARDO ANDIAMO

RICCARDO/ ( molto galante con cappello e  giacca  da autista  ) DOPO DI VOI

AMALIA/ GRAZIE… … (escono dal giardino )

LEOPOLDO/  IO NON CI POSSO FARE NIENTE SARA' UN MIO DIFETTO MA  IO

( autoritario chiamando) DON RAFE' 

RAFFAELLE/ (scatta come ad un ordine, fa cadere un pezzo di legname) SI DITEMI

LEOPOLDO/   DON RAFE’IO LA MATTINASE NON FACCIO LA COLAZIONE COME SI DEVE , MI ROVINO  LA GIORNATA, ( poetico)  QUESTO E’ IL MIO MOTTO

RAFFAELE/  (smette di lavorareE SI CAPISCE,   BEVETEVI LO ZABAIOTTO

LEOPOLDO/ DON RAFE'  MA LO FATE  TUTTI GLI ANNI   QUESTO PRESEPE?

RAFFAELE/ SI, DON GIOVANNI  MO FA FA' SEMPE, A ME, IO SO' NU POCO LENTO,

E VERO, MA SONO IL MIGLIORE DI TUTTI

LEOPOLDO/  CON UNA MADRE ATEA,  NON ME LO SAREI MAI ASPETTATO

RAFFAELE/ DONNA AMALIA,   E' DIVENTATA ATEA DOPO LA MORTE DEL MARITO , PREGAVA TUTTI I GIORNI, VOLEVA UN MIRACOLO, INVECE..

       

LEOPOLDO/ NIENTE MIRACOLO

RAFFAELE/ PURTROPPO NO, POI SI AMMALO'  ANCHE SUO FRATELLO, E  PURE PER IL FRATELLO PREGAVA TUTTI I GIORNI,

LEOPOLDO/ VOLEVA UN MIRACOLO ANCHE PER IL FRATELLO?

RAFFAELE/ SI, ED  ERA SICURA CHE DIO QUESTA VOLTA L'AVREBBE ACCONTENTATA, INVECE … … 

LEOPOLDO/  NIENTE MIRACOLO

 RAFFAELE/ MA IL COLPO DI GRAZIA  DONNA AMALIA L'HA AVUTO QUANDO SI E' AMMALATA  LA MOGLIE DI DON GIOVANNI

LEOPOLDO/ MAMMA DO CARMINE, (si gratta)

RAFFAELE/ CI RIMASE COSI' MALE CHE DOPO LA SUA MORTE NON HA VOLUTO SAPERE PIU’ NIENTE DI DIO E DEL MONDO, SI E' CHIUSA IN CASA E NON E' USCITA PIU', TRANNE CHE PER ANDARE QUALCHE VOLTA DALLA SORELLA CHE TIENE A  POSILLIPO

LEOPOLDO/ LA SORELLA E' VIVA?

RAFFAELE/ DICIAMO,  CHE NON E' ANCORA MORTA

LEOPOLDO/ DON RAFE'  A PARLARE DI TUTTI QUESTI MORTI , AVETE  FATTO LA FACCIA  BIANCA COME UN CADAVERE

RAFFAELE/  NO,  E' CHE IN VERITA'  NON MI SENTO TANTO BENE

RICCARDO/ (entrando dal giardino con cassetta di arance, lamentandosi)  UH MAMMA MIA E COMME PESA,   .. MANNAGGIA A PALLA E DONNA AMALIA,  E A’ CHILLU SFATICATE D'ANTONIO ,  ( entra  giardino esce lato nord attraversando tutta la scena)

LEOPOLDO/ AH  ECCO LE ARANCE,  DON RICCA’ SCUSATE…

RICCARDO/ DON LEOPO'... HA DETTO DONNA AMALIA  .....FACITE AMBRESSE (esce e poi rientra senza cassetta)

LEOPOLDO/  (alzandosi) HA  RAGIONE , MEGLIO CHE VADO ,        EXSCUSE MOI  MA  LEOPOLDO'  , DEVE LASCIARVI,  (telefona ad antonioANTONIO,  IO HO FINITO PUOI VENIRE , SIGNOR RAFE' …..BUON LAVORO  (esce)

RAFFAELE /  (ironio) ARRIVEDERCI

RICCARDO/ (rientra lato nord) GUARDATE CA',  STONGHE TUTTE SUDATE….

RAFFAELE/ DON  RICCA' O VECHE NU TIPO CURIUSO A QUESTO LEOPOLDO

RICCARDO/ DON RAFE' PUR'IO, 

RAFFAELE/ DON RICCA' MA IO   NON HO CAPITO , MA CHE DEVE FARE DI PRECISO  QUESTO LEOPOLDO  IN QUESTA CASA?

RICCARDO/ DONGIGGI'  CREDO DI AVER CAPITO CA QUELLA CHE FA,  FA,  NUN FA NIENTE,  BASTA CHE FA, 

RAFFAELE/ MA LO FA?

ANTONIO/  (entrando con vassoio ingresso centrale) LO FA, LO FA, PERO'   QUANDO LA NOTTATA GLI VA STORTA  ME ROMPE E SCATOLE A ME,   NUN E' MANCO ARRIVATO CA GIA' FA O' PADRONE..

RAFFAELE/ E' NU POCO PESANTE E' VERO?

ANTONIO/ ALTRO CHE'…  DON RAFE' SE  VOLETE  VI PORTO DUE  SPREMUTE DI ARANCE SICILIANE….  HO CAPITO   CHE A VOI LE  SPREMUTE  DI ARANCE VI PIACCIONO ASSAI.

RAFFAELE/ SI, E' VERO

RICCARDO/ (tra se') IO NUN E' SUPPORTO PROPRIO

RAFFAELE/  ANTO' PERO'  '  STAMATTINA E' MEGLIO DI NO.. IERI SONO STATO TUTTA LA NOTTATA IN BAGNO,  TRA SUCCHI DI ARANCE E CAFFE' … UNA DIARREA CHE NON TI DICO ..

ANTONIO/ INFATTI TINITE A FACCIA IANCA IANCA,  VOLETE CHE VI PORTO QUALCHE ALTRA COSA?  NU BELLE THE' , SE NU SBAGLIO O' THE' STREGNE

RAFFAELE/ NIENTE GRAZIE …STONGO   ANCORA DISTURBATO

ANTONIO/ DON RICCA LA VOLETE VOI UNA BELLA …

RICCARDO/ (gridato) NUN VOGLIO NIENTE

ANTONIO/ EH E CHE MODI…MA CHE HO DETTO?

RAFFAELE/ ANTONIO NON TE LA  PRENDERE…. A VOLTE CAPITANO DELLE GIORNATE STORTE EUNO STA NERVOSO

ANTONIO/ AH SI? LE GIORNATE STORTE…MA IO CHE C’AZZECCHE?

LEOPOLDO/ (entrando vestito) AH ECCO  SPIEGATO PERCHE' NON LO FINITE MAI QUESTO PRESEPE DON RAFE?  VOI VI METTETE A CHIACCHIERARE, E IL TEMPO PASSA,  DON GIOVANNI A QUESTO  PRESEPE, ANCHE SE NON SO' BENE  IL  PERCHE' , CI TIENE ASSAI , ALLORA NON L'AVETE CAPITO?   

 

RICCARDO/   …DON GIOVANNI LO FA FARE  PER IL FIGLIO…   

LEOPOLDO/ AH NON SAPEVO CHE DON GIOVANNI AVESSE UN FIGLIO

ANTONIO/ CE L'HA  , O' CREATURE QUANDO VENE  NATALE  VA' TROVANDO IL PRESEPE ,   POI  S'ADDA METTERE N'COPPE E COSCE DA NONNA E DEVE GIOCARE LA TOMBOLA CHE TIRA DON RICCARDO FINO A TARDI, ORMAI E' DIVENTATO UN RITO

RICCARDO/ SI, SI O' CREATURE CI PIACE ASSAI COMME TIRO IO A TOMBOLA

ANTONIO/ SIGNOR LEOPO' VOI LO TENITE UN FIGLIO?

LEOPOLDO/ IO? UN FIGLIO? MA CHE STAI SCHERZANDO?

RAFFAELE/ DON LEOPO' IO TENGO QUATTE FIGLIE

RICCARDO/ E IO NE TENGO TRE

ANTONIO/ TRE PER QUATTRO ?

TUTTI/   DODICI  ( tutti cantano DICE CHELLE CHE SIENTE  e TENIMME RAGIONE)

DICE CHELLE CHE SIENTE

Testo e Musica di Oreste De Santis

ANTONIO/  (cantato) STATE CHINE E FIGLIE ,

RICCARDO/ E PURE CHINE E PROBLEME

RAFFAELE/ NUN SAI MAI SI FAI BUONO

LEOPOLDO/ O' MALAMENTE

ANTONIO/ DICE CA SI

RAFFAELE/RICCARDO/ DICE CA NO

LEOPOLDO/ DICE CHELLE CHE VUO

TUTTI/ DICE CHELLE CHE SIENTE

ANTONIO/ DICE CA SI

RAFFAELE/RICCARDO/ DICE CA NO

LEOPOLDO/ DICE CHELLE CHE VUO

TUTTI/ DICE CHELLE CHE SIENTE

ANTONIO/ STAMME CHIENE E PROBLEME

RAFFAELE/ E PURE CHINE E FIGLIE

RICCARDO/ E PENSIERE SO' ASSAI

RAFFAELE/ E SORDE SO' SEMPE POCHE

LEOPOLDO/ DICE CA SI

RAFFAELE/RICCARDO DICE CA NO

ANTONIO/ DICE CHELLE CHE VUO'

TUTTI/ DICE CHELLE CHE SIENTE

ANTONIO/ DICE CA SI

RAFFAELE/RICCARDO/ DICE CA NO

LEOPOLDO/ DICE CHELLE CHE VUO

TUTTI/ MA IO A NOTTE NUN DORMO

TENIMME RAGIONE

Testo e musica di Oreste De Santis

LEOPOLDO/  (cantato cambia ritmo) TU TIENE  RAGIONE, TU TIENE RAGIONE

 STU MUNNE E NA ROTA CHE GIRA E CHE VA

TU TIENE RAGIONE ,  TU TIENE RAGIONE,  QUANNE PENSIERE A NOTTE UNO FA

ANTONIO/ PERCHE DIMANE NUN SAI

TUTTI/ …. CHE SUCCERE

LEOPOLDO/ PERCHE DIMANE NUN SAI  CHE SUCCEDERA' …

TUTTI/  (cantato cambia ritmo) TINIMME RAGIONE, TINIMME RAGIONE, STU MUNNE E NA ROTA CHE GIRA E CHE VA ,  TINIMME RAGIONE, TINIMME RAGIONE,  QUANNE PENSIERE A NOTTE UNO FA

ANTONIO/ PERCHE DIMANE NUN SAI

TUTTI/ …. CHE SUCCEDE

LEOPOLDO/ PERCHE DIMANE NUN SAI  CHE SUCCEDERA'

ANTONIO/ TUO PUO' BALLA'

LEOPOLDO/ TU PUO' CANTA'

RICCARDO/ TU PUO' ALLUCCA'

RAFFELE/ TE  PUO' M'BRIACA'

ANTONIO/ TU PO' FA AMORE  PURE   CU  ALI  BABA'

TUTTI/ MA NUN SAI MAI  DIMANE CHE SUCCEDERA'

ANTONIO/ TE PUO' SCETA'

LEOPOLDO/ MA NUN TE PUO' AIZA'

RAFFAELE/ TU PUO' SENTI'

RICCARDO/ MA NUN PUO' PARLA'

ANTONIO/ TU PO' FA AMORE  PURE   CU   ALI  BABA'

TUTTI/ MA NUN SAI MAI  DIMANE CHE SUCCEDERA'   MA NUN SAI MAI DIMANE CHE SUCCEDERA'

(clacson forte fuori scena)

LEOPOLDO/ VENGO…VENGO…DON RICCA' ANDIAMO…ANTONIO PULISCI TUTTO IN FRETTA MI RACCOMANDO…E  VOI DON RAFE'   LAVORATE… LAVORATE , BOJOUR  A TUTTE QUANTE (escono lato giardino)

ANTONIO/ DON RAFE' TENITE RAGIONE, E' PROPRIO PESANTE

ANTONIO/ DON RAFE' SCUSATE HANNO BUSSATO

RAFFAELE/  ANTO' MA TENGO ANCORA A FACCIA IANCA,

ANTONIO/ SI DON RAFE' COMME A CIUCCULATA 

RAFFAELE/  A CIUCCULATA?

ANTONIO/ SI,  QUELLA BIANCA , DOPO VE LA FACCIO ASSAGGIARE..

RAFFAELE/ NO, NO PE CARITA'…(alludendo alla diarrea)

 (Bussano la porta)

ANTONIO/ DON RAFE', SCUSATE  VACHE A VEDERE CHI E' A PORTA (esce)

RAFFAELE/  SULE A’ CIUCCULATE CE MANCA, MAMMA MIA GUARDATE QUA  CHE FACCIA ( mirandosi in uno specchio piccolo che porta in tasca insieme al pettinino)  …MANNAGGIA A MISERIA    ( si schiaffeggia per dare colorito alla faccia)  

GIOVANNI/ (entrando lato centrale) ANTONIO , ANTONIO

RAFFAELE/ UH  STA ARRIVANDO DON GIOVANNI…MANNAGGIA A’ MISERIA…

( riprende a schiaffeggiarsi )

GIOVANNI/ ANTO'…DON RAFE' MA CHE STATE FACENDO?

RAFFAELE/  NO, E' CHE  TENEVO LA FACCIA BIANCA COMME A CIUCCULATA  E DATO CHE MI DA’ FASTIDIO, MI SCHIAFFEGGIAVO PER FARLA DIVENTARE ROSSA , ..DON GIOVA' MO’ E’ ROSSA?

GIOVANNI/ DON RAFE'  IO NON SO' SE E' PIU' STRANO QUELLO CHE DITE O' QUELLO CHE FATE, INTANTO SIAMO ARRIVATI ALLA VIGILIA DI NATALE   STASERA ARRIVA MIO FIGLIO E IL PRESEPE NON E' ANCORA PRONTO

RAFFAELE/ DON GIOVA'  E' CHE NON MI SENTO TANTO BENE.. MI GIRA A CAPA

GIOVANNI/  E SARA' LA PRESSIONE BASSA

RAFFAELE/ FORSE TENETE RAGIONE

GIOVANNI/ DON RAFE' SE NON CE LA FATE ANDATE  A CASA

RAFFAELE/ NO, NO,     DEVO FINIRE IL PRESEPE, VI HO DATO LA MIA PAROLA, DON GIOVA'   NON VI PREOCCUPATE  QUELLO NON E’ NIENTE,  IO MI DEVO SOLO STENDERE 10 MINUTI, E POI MI PASSA , GIA LO SO’   

GIOVANNI/    DON RAFE'  E ALLORA METTETEVI SUL DIVANO  , SE FRA DIECI MINUTI VI SENTITE MEGLIO , RIPRENDETE, SENNO' LASCIATE STARE, VORRA’ DIRE CHE AL PRESEPE CI RINUNCIO

RAFFAELE/  GRAZIE,  BRR CHE  FRIDDO … DON GIOVA' NON VI IMPRESSIONATE   E’ UN FATTO NERVOSO,  DON GIOVA’ VI DISPIACE SE MI ACCOMPAGNATE FINO AL DIVANO?

GIOVANNI/  PERCHE’ NON CE LA FATE A CAMMINARE?

RAFFELE/ SI,  MA METTE PAURE E CADE’, PERCHE’ QUANDO STO COSI    , DOPO UN PO'    SI BLOCCANO TUTTI I MUSCOLI   E NON POSSO PIU’ CAMMINARE  …MA E’ NORMALE, GIA LO SO

GIOVANNI/ DON RAFE’   SARA’ PURE NORMALE,  MA  FACIMME AMBRESSE, PERCHE’ IO IN BRACCIO NON VI PORTO , CAMMINATE, CAMMINATE… (  lo spinge per farlo  andare molto piu’ veloce sempre camminando a robot)

GIOVANNI/  ( dopo averlo aiutato a mettersi sul divano,  Raffaele rimane   molto rigido) DON RAFE'   ALLORA IO VI LASCIO RIPOSARE, 10 MINUTI ADESSO VI SPENGO ANCHE LA LUCE, COMUNQUE   VEDO SE IL DOTTORE PUO' VENIRE A  VISITARVI (  gli mette il suo mantello addosso mo' di coperta, spegne la luce ed esce lato nord), ADESSO RIPOSATEVI

RAFFAELE/ MAMMA MIA CHE FREDDO…..IO NUN ME SENTO BUONE , 

 ( fuori scena)

ANTONIO/ ( fuori scena) SIGNORI' ASPETTATE,  DOVE ANDATE, DON GIOVANNI, NON E' ANCORA SCESO, 

NANCY/ ( fuori scena) MEGLIO COSI ', GLI FARO' UNA  BELLA SORPRESA GO, GO,  SCIARAP, SCIARAP

ANTONIO/ MA VAFFANCULO TU E A'  SCIARAPPE

(IN SCENA)

NANCY/ ( in scena)   GIOVANNI, DOVE ESSERE  GIOVANNI? HAI GIA' SPENTO LA LUCE?  AH SEI SUL DIVANO... GIOVANNI SONO NANCY.. MI SENTI?

RAFFAELE/  IO NUN ME SENTO BUONO

NANCY/  SONO  VENUTA PER PAGARE MIO DEBITO,  RICORDI, DOVE VUOI CHE LO FACCIAMO? LO FACCIAMO SUL DIVANO?

RAFFAELE/ (lamentoso)  IO NUN ME SENTO BUONO

NANCY/  AH IO CAPIRE, TU VUOI FARE GIOCO DEL DOTTORE, E VA BENE ,  TI FACCIO CONTENTO, TU PAZIENTE E IO DOTTORE, OK,   ADESSO TU DIRE  AL DOTTORE , COSA FA MALE  A TE?

RAFFAELE/  MI GIRA A CAPA

NANCY/  TU NON PREOCCUPE, ADESSO IO FARE PASSARE TUTTO  A TE… 

RAFFAELE/ TENGO O' DIABETE

NANCY/ OH POVERINO TU TENERE DIABETE ,

RAFFAELE/ A PRESSIONE E' BASSA

NANCY/ A QUELLA CI PENSO IO  ,  TU NON PREOCCUPE , ADESSO IO SPOGLIARE,  E A TE  SUBITO   SALIRE   PRESSIONE 

( cantato e ballato  molto  sensuale, , mentre accenna a spogliarsi; solo,  guanti ,  scarpe e cappotto - 

IO SONO CALDA

Testo e Musica di Oreste De Santis

NANCY/ IO SONO CALDA,  MOLTO CALDA,  NON COME TE

CHE SEI   FREDDO, SEMPRE  FREDDO , NON SO'   IL PERCHE'

IO MI SPOGLIO  PIAN PIANO , PIAN PIANO,  E POI TOCCA A TE

E UNA VOLTA SPOGLIATI IO E TE  , LO SAI CHE C'E

RAFFAELE/ ( parlato)  IO  ME PIGLIE A' MBRUNCHITA

NANCY/ QUANDO SON TRISTE , MOLTO TRISTE IO  SO'  GIA' CHE

C'E' SOLO UN MODO CHE   FA  FELICE    ME

UN FUOCO  LENTO DI UN GRANDE CAMINO CHE QUI NON C'E'

UN LETTO IMMENSO ED UN VERO  STALLONE COME TE

RAFFAELE/ ( nitrisce) IHHHH,

ME MORE E FRIDDO,

NU STONGO BUONO NUN SACCIO CHE D'E'

MI GIRA A CAPA, TENGA A DIARREA

MO' ME PIGLIE NU THE

NANCY/ IO MI SPOGLIO  PIAN PIANO , PIAN PIANO,  E POI TOCCA A TE

E UNA VOLTA SPOGLIATI IO E TE  , LO SAI CHE C'E

(musica)

NANCY/ IO MI SPOGLIO  PIAN PIANO , PIAN PIANO,  E POI TOCCA A TE

E UNA VOLTA SPOGLIATI IO E TE  , LO SAI CHE C'E

RAFFAELE/ IO MI RICOVERO

GIOVANNI/ ( entrando dal lato nord accende la luce) DON RAFE'  VI SIETE RIPRESO? .....SIGNORINA NANCY MA CHE STATE FACENDO?

NANCY/  GIOVANNI ?  MA SE TU ESSERE LI?  CHI ESSERE LA'  ?  ( indicando) 

RAFFAELE/ (gridato)  NUN VOGLIO  BALLA', NUN VOGLIO BALLA'

GIOVANNI/ QUELLO.. E' DON RAFFAELE,  NON SI SENTE BENE LASCIATELO RIPOSARE , MA VOI PERCHE SIETE VENUTA? 

NANCY/  ( sensuale) GIOVANNI,  DOPO TUA TELEFONATA,   CUCCUGLIA PERDONARE ME,   E ALLORA  IO SUBITO VENUTA QUI,   PER PAGARE DEBITO COME PROMESSO,  YOU REMEMBER?

GIOVANNI/  SI IO REMEMBER, MA NUN FA NIENTE  ,   LASCIATE  PERDERE    VE L’HO FATTO  GRATIS 

NANCY/ MA PERCHE'?  IO  ESSERE FELICE DI PAGARE DEBITO CON TE

GIOVANNI/....E CI DOVETE RINUNCIARE , ANCHE  PERCHE'   MIA MOGLIE  ,  E’ MORTA DA POCO  E IO…VI SEMBRERA’ STRANO,  MA  LA SENTO ANCORA VICINO A ME , A TENGO SEMPE ANNANZE ALL'UOCCHIE

 

NANCY/  ...ESSERE  PRIMA VOLTA CHE UOMO DIRE NO A ME ,

GIOVANNI/ E CHE  CI VOLETE FARE,   ( solenne) CI SONO UOMINI FEDELI, E DONNE

RAFFAELE/  ( gridato) ZOCCOLE , VECHE E ZOCCOLE, ZOCCOLE PE TUTTE PARTE , IATEVENNE, IATEVENNE

GIOVANNI/ SIGNORI’ ADESSO E’ MEGLIO SE ANDATE, LO VEDETE   PURE VOI,  DON RAFFAELE STA MALE , STA ADIRITTURA  DELIRANDO

NANCY/ GIOVANNI , IO CAPIRE TUTTO , GIOVANNI TU NON  ESSERE  FEDELE ,   GIOVANNI...TU ESSERE RICCHIONE COME TUO CAMERIERE ANTONIO, QUESTA ESSERE  VERITA' ...BY, BY (esce)

GIOVANNI/ MA QUALE RICCHIONE,  MA GUARDATE UN PO’, ADESSO CI MANCA SOLO CHE PASSO PER RICCHIONE, ...(lo sveglia) DON RAFE'  SVEGLIATEVI, SVEGLIATEVI

RAFFAELE/ (gridato) IATEVENNE, IATEVENNE..

GIOVANNI/  CHISTE  STA PROPRIO MALE  …M' AVESSA MURI' DINTA A CASA ? , DON RAFE' HO CHIAMATO IL DOTTORE, DON RAFE' ....

RAFFAELE/ ( cantato)  IO SONO CALDO, SEMPRE CALDO , LO SAI PERCHE'

GIOVANNI/  ( con la mano sulla fronte) OVERO STA CAVERE E COMME COCE…..DON RAFE' SCETATEVE, SONO DON GIOVANNI MI SENTITE..PRONTO

RAFFAELE/ (cantato) ACCENDO IL CAMINO, E MI METTO, VICINO A TE

GIOVANNI/  MA QUALE CAMINO DON RAFE' ,  MA CHE STATE DICENDO,    

RAFFAELE/ (cantato)  IO SONO CALDO, SEMPRE  PIU' CALDO,  LO SAI PERCHE'

GIOVANNI/  E DALLE,  A MISE NATAVOTO O' DISCO

RICCARDO/ ( entrando  dal giardino, con una cassetta d'arancia, molto pesante) MANNAGGIA A MISERIA,  NUN CE A FACCIO  CHIU' CU CHISTE ARANCE, DON GIOVANNI BUONGIORNO ( Riccardo non vede a don Raffaele sul divano)

GIOVANNI/ DON RICCA'   BUONGIORNO, FINALMENTE SIETE TORNATI … E MIA MADRE E IL SUO CAMERIERE DOVE STANNO?

 RICCARDO/  SI, SO' TRATTENUTI  IN GIARDINO  ,  

GIOVANNI/  MA DOVE SIETE STATI TUTTO QUESTO TEMPO ?

RAFFAELE/ ( gridato) DINTO O’ CESSO , DINTO O’ CESSO

RICCARDO/ IN BAGNO CI VADO PIU’ TARDI…DON GIOVA’ MA VOI CHE NE SAPETE CHE DEVO ANDARE IN BAGNO?

GIOVANNI/ DON RICCA’ VERAMENTE….

RICCARDO/ AH IO POI MI SCORDO CHE VOI SIETE UN MAGO..COMUNQUE SIAMO STATI A UN SACCO DI PARTI..POSILLIPO, MERGELLINA , VIA CARACCIOLO

E INFINE  AL MERCATO , DOVE LEOPOLDO HA SCELTO LE ARANCE, UNA PER UNA, E CHIU’ PESANTE  , DON GIOVA' MI DOVETE DIRE QUALCHE ALTRA COSA?

 

GIOVANNI/  DON RAFELE NON SI E' SENTITO BENE, HO CHIAMATO IL DOTTORE MA NON E’ ANCORA ARRIVATO

RICCARDO/ DON GIOVA'  MI DISPIACE PE DON RAFELE MA SE NON  MI  FATE POSARE QUESTE ARANCE , VI GARANTISCO CHE IO  FACCIO LA STESSA FINE   IO…  NUN CE A FACCIO CHIU'

 

GIOVANNI/    AVETE RAGIONE, VI POTETE RITIRARE   E DON RICCA'  DOPO CHE AVETE FINITO CON LE ARANCE, GENTILMENTE  ANDATE ALLA STAZIONE A PRENDERE MIO FIGLIO

RICCARDO/  SENZ'ALTRO,  CON PERMESSO ( esce lato nord affaticato)

GIOVANNI/  …DON RAFE', DON RAFE,  SVEGLIATEVI ..

RAFFALE/ (gridato) STATTE ZITTE

GIOVANNI/ DON RAFE'

RAFFAELE/ ZITTE

GIOVANNI/  DON RAFE’

RAFFAELE/ ALLORA SI STRUNZE?

GIOVANNI/ MA GUARDATE UN POCO COSA MI TOCCA SOPPORTARE

DOTTORE/ (entrando dalla porta centrale)  E' PERMESSO

GIOVANNI/ AH DOTTO' MENO MALE CHE SIETE ARRIVATO, NON SO' PIU' COSA FARE

DOTTORE/  HO FATTO PIU' PRESTO CHE HO POTUTO, (col fiatone) DON GIOVA'  MA QUANDO VENGO DA VOI , LO SAPETE, E' COME SE ANDASSI A NAPOLI  

GIOVANNI/ E PERCHE' ?

DOTTORE/ TENETE UN CORRIDOIO  CHE ME PARE VIA ROMA,  NUN FERNESCE MAI ,  …( si asciuga il sudore) CHE E' SUCCESSO?

GIOVANNI/ DOTTO' DON RAFFAELE NON SI SENTE BENE,  PRIMA STAVA DELIRANDO

DOTTORE/ ADESSO SUBITO LO VISITIAMO … DON RAFE' ADESSO VI TOCCO  LA PANCIA  NON VI IMPRESSIONATE

RAFFAELE/ SI, TUOCCHEME, TUOCCHEME PE TUTTE PARTE

DOTTORE/ DON RAFE’,   SONO IL DOTTORE

RAFFAELE/  E IO O' PAZIENTE , M'ARRICORDO ,  DOTTO' SPOGLIATEVI, SPOGLIATEVI

DOTTORE/ ( a giovanni) MA CHE STA DICENDO?

GIOVANNI/ DOTTO’ E’ UN’ORA CHE DICE SOLO STRUNZATE

DOTTORE/  CAPISCO SARA’ LA FREBBE ( toccandolo la fronte)  E INFATTI DON GIOVA' LO SENTO MOLTO CALDO

RAFFAELE/ ( cantato) IO SONO CALDO , SEMPRE CALDO NON COME TE

GIOVANNI/  DOTTO' CANTA SEMPE STA' CANZONE

DOTTORE/ ADESSO GLI MISURO IL BATTITO

RAFFAELE/ (cantato) ANNANZE O' CAMINO FACIMMO AMMORE  , SULI IO E TE

DOTTORE/  TUTTO COME PENSAVO, NON  E' NIENTE DI SERIO, STIA TRANQUILLO  HA SOLO UNA FEBBRE DA CAVALLO..   

RAFFAELE/  SI SONO IL TUO STALLONE, (nitrisce)

DOTTORE/ ADESSO GLI FACCIO UNA SIRINGA PER FARGLI ABBASSARE LA FEBBRE…TEMPO  10 MINUTI  E RITORNERA’ IN FORMA,  DON GIOVA' AIUTATEMI A SPOGLIARLO

GIOVANNI/ SI SUBITO

RAFFAELE/ (cantato)  IO MI SPOGLIO,  PIAN, PIANO  POI TOCCA TE

GIOVANNI/ DOTTO'  LO VEDO ASSAI  ECCITATO

DOTTORE/ STARA' FACENDO UN SOGNO EROTICO …ECCO FATTO  ADESSO SUBITO  SI RIPRENDERA' (gli fa una siringa)

GIOVANNI/ GRAZIE DOTTO'

DOTTORE/ NON C'E' DI CHE… DON GIOVA' , PERDONATEMI, DOVE POSSO LAVARMI LE MANI?

GIOVANNI/ DOTTO'   DOVE VOLETE,   IN QUESTA CASA L’UNICA COSA CHE NON MANCA E’ IL BAGNO , CE NE ABBIAMO OTTO, LEI A QUALE  VUOLE ANDARE  ?

DOTTORE/  A QUELLO PIU' VICINO 

GIOVANNI/ BENISSIMO,  QUELLO PIU' VICINO E' A 500 METRI   VENITE VI MOSTRO LA STRADA  ( indicando lato nord)   VEDETE QUEL LAMPIONE GIU' IN FONDO,  DOPO IL LAMPIONE ALL'INCROCIO A DESTRA ANDATE SEMPRE DRITTO  C’E  LA STATUA DI GIULIO CESARE A UN METRO DALLA STATUA  C’E LA PORTA ROSSA   QUELLO E’ IL BAGNO , NON VI POTETE SBAGLIARE, HO FATTO METTERE LE INDICAZIONI

DOTTORE/ COME IN  AUTOSTRADA,  DON GIOVA' E MENO MALE CHE NON SI TRATTA DI UNA  COSA URGENTE ,    VI GARANTISCO CHE ME  LA SAREI  FATTA SICURAMENTE ADDOSSO

GIOVANNI/ AH BHE',  IN QUEL CASO VI DAVO IL MOTORINO .. MA  PER QUESTO BASTA IL MONOPATTINO, VOLETE IL MONOPATTINO?

DOTTORE/ LA RINGRAZIO MA NON FA NIENTE, MI FACCIO UNA  BELLA PASSEGGIATA

GIOVANNI/ BHE’, ALLORA BUONA PASSEGGIATA

DOTTORE/  GRAZIE ,    (esce lato nord )

GIOVANNI/ DON RAFE’, DON RAFE’….MAMMA MIA  SPERAMME CA S'ARRIPIGLIA AMBRESSE ,

LEOPOLDO/ (entrando) DON GIOVA'

AMALIA/ LEOPOLDO BUONGIORNO

GIOVANNI/  BUONGIORNO…MAMMA COME TI SENTI?

LEOPOLDO/ MO' STA BENE , MA PRIMMA DON GIOVA' , MALISSIMO

AMALIA/  GIOVA' STO BONE, STO BONE,

LEOPOLDO/ AMALIA.. MA NON SAREBBE IL CASO DI CAMBIARE CURA ?

AMALIA/ (ironica)  SI, MO' ME PIGLIA NA LIMONATA FORSE ME FA CHIU' BENE

GIOVA' MA CHI STA DURMENNO NCOPPE O' DIVANO?

GIOVANNI/ E' DON RAFELE ,  NON SI E’ SENTITO BENE, E’ VENUTO IL DOTTORE E GLI HA FATTO UNA SIRINGA  TRA POCO DOVREBBE RIPRENDERSI

LEOPOLDO/ IN EFFETTI, GIA' STAMATTINA AVEVO NOTATO  CHE NON STAVA BENE…DON GIOVA' E ROBERTO QUANDO VIENE… SONO PROPRIO CURIOSO DI VEDERLO, E  VOSTRO FIGLIO NO?

GIOVANNI/ SI  E' MIO FIGLIO, MA  A ME NUN ME PENSE PROPRIO, VA CERCANNE SULE A NONNA , 

AMALIA/ MA IO MO' SO' CRESCIUTO E' NORMALE,  SIENTE GIOVA'  PRIMA CHE VIENE ROBERTO,  TI DEVO DIRE UNA COSA IMPORTANTE…LEOPO' TI DISPIACE LASCIARCI SOLI

LEOPOLDO/  SOLI?  MA CERTAMENTE… A PIU’ TARDI ( esce lato centrale)

GIOVANNI/  MAMMA CHE C’E’ CHE MI DEVI DIRE

AMALIA/   GIOVA' ASSIETTETE ( siediti) ,  SIENTE GIOVA'  IO NON SO COMME TE L’AGGIO DICERE,  TANTE , SO SICURO,  CA COME T’HO DICO, T’HO DICO, TU CE RIMANE MALE O’ STESSO ,  ( senti giovanni io non so come te lo devo dire, tanto  in qualsiasi modo te lo dico  sono sicura che lo tesso ci rimani male)

GIOVANNI/ MAMMA' NON MI DIRE CHE  VUOI SPOSARE  LEOPOLDO?

AMALIA/ NO GIOVA’ NON SI TRATTA DI UN MATRIMONIO, MA DI UN FUNERALE

RAFFAELE/ UN FUNERALE? MA CHE STAI DICENDO?

 

AMALIA/ GIOVA' QUESTO DOLORE ALLA  SPALLA CHE TENGO   NUN E' NESSUNA PALLA DI   GRASSO, SI TRATTA DI UN MALE INCURABILE,

GIOVANNI/ COME INCURABILE? MA CHE DICI?

AMALIA/ SI GIOVA' , NUN SE PO' FA NIENTE …    O MEGLIO MI POTEVO OPERARE, MA IL DOTTORE NON MI HA DATO NESSUNA GARANZIA ANZI MI HA DETTO CHE POTEVA ESSERE ANCHE PEGGIO  

GIOVANNI/  COME PEGGIO?

AMALIA/  SI GIOVA’, PEGGIO, PURTROPPO  LA  VITA  CI METTE DIFRONTE A GRANDI SOFFERENZE ED OGNUNO HA IL SUO DESTINO, MA NOI QUESTA VITA, QUANDO ARRIVA O' MUMENTO  LA DOBBIAMO LASCIARE CON DIGNITA', GIOVA'    IL MIO MOMENTO... E' ARRIVATO

GIOVANNI/ MAMMA’ MA NON E' POSSIBILE, DIMMI  CHE MALATTIA TIENE,  FAREMO UNA CURA APPROPRIATA , ANDREMO DAI MIGLIORI DOTTORI,  TI RICOVERO IN UNA BELLA CLINICA.., FAREMO TUTTE LE ANALISI CHE SERVONO E..POI…

 

AMALIA/  LASCIA PERDERE GIOVA' IO PERCIO' NON TI HO DETTO NIENTE E HO VOLUTO CHE ANCHE IL DOTTORE NON TE NE FACESSE PAROLA,  

GIOVANNI/ MA  PERCHE'? PERCHE?

AMALIA/ E PERCHE' SE TE LO DICEVO TU AVRESTI FATTO ESATTAMENTE QUELLO CHE STAI DICENDO, CLINICHE, CURE TERAPIE, OSPEDALI, , TAC, ,      SOFFERENZE SU SOFFERENZE,   E PO'   GIOVA',  SARA' ASSURDO  MA

QUEST' ULTIMO PERIODO E' STATO IL MIGLIORE DELLA MIA VITA, LEOPOLDO   E' UN RAGAZZO MERAVIGLIOSO

GIOVANNI/ MAMMA'..MA ALLORA E’ TUTTO VERO…NUN CE POZZE CREDERE (l'abbraccia commosso)    

AMALIA/ GIOVA' ' NUN CHIAGNERE,   IO NUN VOGLIO CHE STAI TRISTE,  CHESTA SODDISFAZIONE ALLA  SIGNORA NON GLIELA DOBBIAMO DARE  ,  A ME ,  ME DISPIACE SULE PE' ROBERTO

GIOVANNI/  ROBERTO ? E COMME FACCIO A' CE 'O' DICERE …?

AMALIA/ GIOVA'  ASCOLTAMI TU A ROBERTO GLI DEVI DIRE CHE SONO PARTITA  PER UN LUNGO VIAGGIO , MANNECE NA CARTOLINA OGNI TANTO, E QUANDE VENE O' NOMME SUO FACCE TRUVA' NUN BELLU REGALO DA PARTE DA NONNA  QUANDO  CAPIRA' LA VERITA' , VORRA' DIRE CHE ERA PRONTO, E GLI FARA' MENO MALE, A LUI , E  PURE A ME., ME LO PROMETTI?

GIOVANNI/  SI , TE LO PROMETTO

AMALIA/ GIOVA'  STAI SU , IL MIO ULTIMO NATALE LO VOGLIO PASSARE  A RIDERE E A DIVERTIRMI,  E PO'  ROBERTO NON TI DEVE VEDERE TRISTE, CHILLE  E’ NU GUAIONE SCETATE ( sveglio) , CAPISCE TUTTE COSE, GIOVA’  PURE TU DEVI STARE ALLEGRO…

GIOVANNI/ E' NA PAROLA…

 

AMALIA/    FAI PREPARA'  'A TAVOLA  PER  STASERA COME TUTTI GLI ANNI ,   ….IO RAGGIUNGO LEOPOLDO NELLA MIA STANZA

GIOVANNI/ VA BUO'  ( si siede )

 

RAFFAELE/ ( risvegliandosi)  UH MAMMA MIA ME SENTE A CAPA NU QUINTALE, DON GIOVA'  BUONGIORNO

GIOVANNI BUONGIORNO

RAFFAELE/  DON GIOVA'   ME SENTE TUTTO STUNATE 

GIOVANNI/ DON RAFE' PUR'IO

RAFFAELE/ COMME SI COCCURUNE MA FUSSE FATTE NA GRANDA MAZZIATE

GIOVANNI/ DON RAFE'   ME SENTE TALE QUALE A VUI

RAFFAELE/  DON GIOVA' MA TENISSEVE  O' DIABETE PURE VUI … ?

GIOVANNI/ NO,  NON E'  O DIABETE , E ' CHE CERTE NOTIZIE FANNE MALE CHIU' D'E' MAZZATE

RAFFAELE/  E' VERO,  DON GIOVA' MA  CHE IUORNE E' OGGI?

GIOVANNI/ GIOVEDI'

RAFFAELE/ E CHE ORE SO'?

GIOVANNI/ LE SEI IN PUNTO

RAFFAELE/  E DI QUALE  ANNO?

GIOVANNI/ NATALE 2003 ..E CHI SU SCORDE ?

RAFFAELE/ (corre verso il presepe se ne cade il pantaloneUH MAMMA MIA NATALE, O' PRESEPE , O' PRESEPE

GIOVANNI/ ORMAI NON CE LA FATE PIU',  DON RAFE, LASCIATE STA'

RAFFAELE/ MA CHE DITE ? QUELLO E' FINITO ,  DEVO FARE SOLO QUALCHE RITOCCO  

GIOVANNI/ E VA BENE FATE IL RITOCCO, MA AIAZATEVE O’ CAZONE ( alzatevi il pantalone)

DOTTORE/  (entrando lato nord)    FINALMENTE, SONO ARRIVATO AL  TRAGUARDO , AH VEDO CON PIACERE  CHE  IL NOSTRO MALATO SI E' RIPRESO,  DON RAFE' COME VI SENTITE ? ( si avvicina)

RAFFAELE/ DOTTO'   ' ME SENTE  TUTTE STRUPPIATE, ( dolorante)  MA NON SO’ IL PERCHE’, STONGO TUTTO ECCITATO  ( gli salta addosso)

DOTTORE/ ANCORA…, DON RAFE’..MA CHE FATE… LAVORATE, LAVORATE , DON GIOVA', SCUSATEMI  VISTO CHE LA MIA PRESENZA NON E'  PIU' NECESSARIA VI LASCIO,   MA    PRIMA VI DEVO RINGRAZIARE    PER AVERMI RIDATO  LA GIOIA DI VIVERE

 

GIOVANNI/ IO? PERCHE’ CHE HO FATTO?

DOTTORE/   L’INFUSO … DON GIOVA’

GIOVANNI/ L’INFUSO?

DOTTORE/ MA SI QUELLO CHE AVETE PREPARATO PER LA SIGNORINA LUDOVICA,  NON L’AVETE ANCORA CAPITO?  LUDOVICA E’ LA MIA  FIDANZATA  

GIOVANNI/ AH QUINDI ‘L’INFUSO ERA PER VOI,

DOTTORE/ SI, DON GIOVA' ADESSO  IL MIO STRUMENTO  CANTA CHE E' UNA BELLEZZA

GIOVANNI/ CANTA?

DOTTORE/ ALTRO CHE' , FA CERTE SERENATE

GIOVANNI/  …MA E’ NATURALE,  ’ L'INSALATA ERA DI PRIMA QUALITA’

DOTTORE/ L’INSALATA? QUALE INSALATA?

GIOVANNI/ NON CI FATE CASO  E’ UN TERMINE TECNICO CHE USO IO ,  DOTTO'  ADESSO PERDONATEMI MA HO DA CHIEDERVI UNA GROSSA CORTESIA   

DOTTORE/ TUTTO QUELLO CHE POSSO FARE, FARO’, ..DITE PURE

GIOVANNI/ DOTTO' GRADIREI CHE  STASERA  RIMANESTE A CENA CON NOI,  SAPPIAMO ENTRAMBI .. ANCHE SE CHI PRIMA E CHI DOPO… CHE  MIA MADRE NON STA BENE,  E IO DA SOLO IN CASO DI NECESSITA'  NON SAPREI CHE FARE

DOTTORE/ MA CERTAMENTE,  NON CI SONO PROBLEMI, ,  , SEMPRECHE' ,  IO POSSA INVITARE ANCHE LA MIA FIDANZATA... 

GIOVANNI/  DOTTO' ... NON CI SONO PROBLEMI   POTETE INVITARE CHI VOLETE

 

DOTTORE/ ALLORA IO VADO,  A PIU' TARDI, (esce)

GIOVANNI/   VOLETE IL MONOPATTINO?

DOTTORE/ NON VI DISTURBATE, IN GENERE A QUEST''ORA FACCIO SEMPRE UN PO' DI FUTTING ( esce di corsa lato centrale)

RAFFAELE/ DON GIOVA' CHE VI AVEVO DETTO?, SOLO UN RITOCCO, DON GIOVA' 

( scopre il lenzuolo) E VOILA'   IL PRESEPE E' FINITO

GIOVANNI/   NUN CE POZZE CREDERE AVETE  FINITO?  DON RAFE’ COMPLIMENTI  E' VENUTO  VERAMENTE BELLO,    VI CONFESSO CHE  IO STAVO PREOCCUPATO, MA HO SEMPRE CREDUTO  IN VOI , …  DON RAFE’ ADESSO’ PERO’ ANDATE A CASA, CHE SIAMO ALLA VIGILIA DI NATALE  E VI STARANNO SICURAMENTE ASPETTANDO

RAFFAELE/  DON GIOVA’  A ME NON MI ASPETTA NESSUNO, IO SONO ANNI CHE IL NATALE LO PASSO DA SOLO  

GIOVANNI/ DA SOLO?, MA NON TENETE FIGLI

RAFFAELE/ E FIGLI ?  COMME NO,    MA  ..QUANDO NON CI SONO PIU'  LE MOGLIE ..LE MADRI..,  I  PADRI,  NUN ESISTENE CHIU'  ,    E FIGLIE VE FANNO  NA TELEFONATA.. VI FANNO GLI AUGURUI E SI METTONO L'ANIMA IN PACE …COSI VA' LA VITA CHE CE VULITE FA'?

ANTONIO/ ( entrando col monopattino) E DICITANCELLE A CHISTE QUATTE FIGLIE VUOSTE CHE SI DEVONO PENTIRE , PERCHE LA FINE

ANTONIO/ RAFFAELE/ GIOVANNI   E’ VICINA

 GIOVANNI/ ANTO’ MA TU CHE SEI VENUTO A FARE CHI TI HA CHIAMATO?

ANTONIO/ DON GIOVA’ VI VOLEVO   AVVISARE,  CHE   DON RICCARDO E  VOSTRO FIGLIO SONO ARRIVATI HO VISTO LA  MACCHINA DAL TERRAZZO

GIOVANNI/   BENISSIMO…DON RAFE'  ,  SENTITE A ME , ANDATE A CASA , METTETEVI  IL VESTITO  DELLA FESTA,   SE VI FA PIACERE IL NATALE LO PASSATE  INSIEME  A  NOI,

RAFFALE/ DON GIOVA' GRAZIE,  SONO ONORATO,

GIOVANNI/ ALLE OTTO IN PUNTO ( gli da’ la mano)

RAFFAELE/ SARO' PUNTUALISSIMO, A TRA POCO ( esce lato giardino)

 

GIOVANNI/ ANTO',  PREPARA LA TAVOLA  PER STASERA COME TUTTI GLI ANNI,  AGGIUNGI UN POSTO PER DON RAFELE E DUE  PER IL DOTTORE 

 ANTONIO/ PERCHE' VENE PURE O' DOTTORE?

GIOVANNI/ SI

ANTONIO/ UH MAMMA MIA,  ALLORA MI DEVO APPREPARARE,  M'AGGIA ACCUNCIA' NU POCO E CAPILLE,  DON GIOVA' M'AGGIA FA BELLA

GIOVANNI/ ANTO'  IL DOTTORE VIENE CON LA FIDANZATA

ANTONIO/  E CHE ME MPORTA?  QUANNE ME APPREPARE ,  IO NON TEMO CONFRONTI ,  (tornerà nel finale vestita da donna esce lato centrale )

GIOVANNI/ VAI, VAI…  MA GUARDATE NU POCO COSA MI DEVO TENERE IN CASA...

ROBERTO/  ( fuori scena)  NONNA, NONNA, (in scena di corsa) SONO ARRIVATO NONNA

GIOVANNI/  ROBE' FINALMENTE,

ROBERTO/ ( si abbracciano) PAPA' LA NONNA DOV'E' ?

GIOVANNI/ E ' NELLA SUA STANZA A PAPA',   TI HA COMPRATO DEI REGALI FAVOLOSI

ROBERTO/ DAVVERO?  ALLORA CI VADO SUBITO..

GIOVANNI/ ROBE'  ASPE'TTA, MA TI E' PIACIUTA LA VACANZA?

ROBERTO/  SI, MOLTISSIMO,  ABBIAMO FATTO UN SACCO DI ESCURSIONI,  HO CONOSCIUTO UN SACCO DI NUOVI AMICI ,  

GIOVANNI/ L'HAI VISTO O' PRESEPE? ( indicando)

ROBERTO/ BELLO,  GLI AMICI CHE HO CONOSCIUTO IN VACANZA , FANNO TUTTI L'ALBERO, MA  GUARDA LA' (indica il presepe) COME E' BELLO, PAPA' COL PRESEPE  NUN C'E STA  PARAGONE ( vanno vicino al presepe)

GIOVANNI/ ROBE’  AL BUIO E' ANCORA PIU' BELLO, GUARDA  ( spegne la luce)  EH CHE DICE?

ROBERTO/ HAI RAGIONE, PAPA' AL BUIO E' UNA FAVOLA , MA ADESSO VOGLIO VEDERE LA NONNA, DOPO TORNO E TI RACCONTO TUTTO

GIOVANNI/ E VAI A PAPA’ VA A’ DA NONNA

ROBERTO/ NONNA, NONNA, (esce, lato nord)

GIOVANNI/ NUN ME PENZE PROPRIO

RICCARDO/(entrando dal giardino)  GUARDATE QUANTA ROBA' PE NA SEMMANA E VACANZA, E CHE ESAGERAZIONE DON GIOVA’ MA COME MAI STATE AL BUIO?

GIOVANNI/ DON RICCA’ DEVO FARE UNA PREGHIERA SPECIALE, NON VI PREOCCUPATE ANDATE PURE  ( Riccardo esce lato nord – parte la canzone NIENTE RIMANE  la base musicale o la canzone cantata èscaricabile dal sito dell’autore – scrivi a orestedesantis@libero.it)

 

(  mentre Giovanni fa la preghiera davanti al presepe ,  dopo la prima strofa  entra antonio lato centrale, prepara la tavola, occorreranno 9 sedie , poi arriva Leopoldo ( lato nord) che aiuta antonio a sistemare il tavolo e le sedie, antonio deve uscire prima che finisce la canzone successivamente arriva  il Dottore e Ludovica che si siede al tavolo, il dottore  parla  brevemente con giovanni  se non canta dal vivo, e poi esce lato nord) ), don rafe’ entra dal giardino, arrivano tutti tranne Amalia e Nancy) tutti quelli che arrivano si siedono al tavolo, quando tutto è pronto e la musica è finita , giovanni riaccende le luci, amalia si siederà a capotavola del   lato nord  Roberto si siederà  sulle sue ginocchia )  

“NIENTE  RIMANE”
Testi e Musiche di Oreste De Santis

***
 TUTTE E IUORNE SUCCEDENE FATTE CA NUN RIESCE A CAPI'                        QUANNE COSE CHE SIENTE E CHE VIDE CA TE FANNE SUFFRI                        QUANTA TRISTEZZA E MALINCUNIA                                                                       QUANTE BUGIE TROPPA NUSTALGIA                                                                                                                  CA ME PIGLIE OGNI VOTE CHE PENZA A STA VITA MIA

QUANT’ E VOTE HAI PENZATE PERCHE' NUI AVIMMA  MURI'                               TUTTE E VOTE HAI RISPOSTO  NUN  E' GIUSTO CHE FERNESCE ACCUSSI                                                  N'COPPA A STA TERRA NIENTE RIMANE                                                                                E CHESTA VITA SPISSE TE FA MALE
E' NU VIAGGIO CONTINUO CA NUN SE FERME MAI

E ALLORA CURRE CURRE CURRE
ADDO' COCE O' SOLE
SIENTE SIENTE SIENTE
COMM'ADDORE O' MARE
E ALLORE CURRE CURRE CURRE
FINE E DIMANE
E CHESTA VITA N'COPPA A STA TERRA
NIENTE RIMANE


VOGLIO CANTA' E TU NUN ME FERMA'
VOGLIO SUNNA' ' E TU NUN ME SCETA'
VOGLIO CAPI' PERCHE' ME SBATTE O' CORE
E STU DULORE CHE SENTE MO' ME FA MURI'

(MUSICA)

VOGLIO CANTA' E TU NUN ME FERMA'
VOGLIO SUNNA' ' E TU NUN ME SCETA'
VOGLIO CAPI' PERCHE' ME SBATTE O' CORE
E STU DULORE CHE SENTE MO' ME FA MURI'

E ALLORA CURRE CURRE CURRE
ADDO' COCE O' SOLE
SIENTE SIENTE SIENTE COMM'ADDORE O' MARE
E ALLORA CURRE CURRE CURRE 
CURRE LUNTANE
E CHESTA VITA N'COPPA A STA TERRA
NIENTE RIMANE

ROBERTO/  PAPA’ NONNA  DICE CHE NON CE LA FA A CAMMINARE

LEOPOLDO/ DON GIOVA’ IL DOTTORE E’ ANDATO DI LA’ A VISITARLA 

ROBERTO/ PAPA’ FAI UNA MAGIA FAI, GUARIRE LA NONNA

GIOVANNI/  SI A PAPA', CI VORREBBE UNA MAGIA, MA NON LA DEVO FARE IO QUESTA MAGIA, IO POSSO FARE SOLO UNA PREGHIERA, E QUESTA GIA’ L’HO FATTA

RICCARDO/ DON GIOVA'  ECCO  IL DOTTORE

GIOVANNI/  ( gli va incontro) DOTTO' , MIA MADRE COME STA?

DOTTORE/ () DON GIOVA' PURTROPPO , LA SITUAZIONE E' PRECIPITATA, IL MALE GLI HA BLOCCATO LE GAMBE SUA MADRE NON PUO' CAMMINARE,  MI   HA DETTO DI INIZIARE SENZA DI LEI

GIOVANNI/  GRAZIE  DOTTO',  ACCOMODATETEVI PURE

ROBERTO/ PAPA' SE NON VIENE NONNA, IO  NON MANGIO

ANTONIO/  ( fuori scena) SIGNORI' MA DOVE ANDATE, MA OGGI E' NATALE, DON GIOVANNI NON RICEVE

NANCY/ E STAI ZITTO TU, PARLARE SEMPRE TROPPO,  (in scena)

GIOVANNI/ MA CHE STA SUCCEDENDO?

RICCARDO/ NATAVOTO L' AMERICANA?

GIOVANNI/  NANCY, MA COSA CI FATE QUI?  (Nancy piange e lo abbraccia)

LUDOVICA/ MA CHE GLI E' SUCCESSO PERCHE' PIANGE?

DOTTORE/  E' UNA DONNA CON TANTI PROBLEMI

NANCY/ GIOVANNI TU PERDONARE ME SE IO VENIRAE A CASA TUA , MA…

( piangendo) MIO MARITO CACCIATO DI CASA 

RICCARDO/ HA  FATTE BUONE

GIOVANNI/  CUCCUGLIA?  E PERCHE’ VI HA CACCIATO DI CASA' ?

RICCARDO/ E SE SAPE O' PERCHE' …

NANCY/  LUI TROVATO ME  NEL LETTO CON MIO AMICO AMERICANO

RICCARDO /  ERO SICURO, CE METTEVE A  MANO INTO O’  FUOCO COME  FACETTE MUZIO SCEVOLA , O' ROMANO   

GIOVANNI/ E  VA BHE' SIGNORI’,  VI CAPISCO, MA  IO CHE POSSO FARE?

NANCY/ GIOVANNI TU OSPITARE ME PER DUE TRE GIORNI, IO NON SO DOVE ANDARE..TU AVERE CASA MOLTO GRANDE, IO NO DARE FASTIDIO A TE, SOLO TEMPO DI TROVARE  NUOVA CASA GIURO, E COME PEGNO DEL MIO GIURAMENTO..

GIOVANNI/ SIGNORI NUN PIGNORATE NIENTE LASCIATE STA, E SOPRATTUTTO NUN MI LASCIATE  NISCIUNA MUTANDA,  

RAFFAELE/ ( alzandosi)SIGNORI'  SE VOLETE   VI POSSO OSPITARE IO,  IO VIVO DA SOLO,  E SE VI FA PIACERE  POTETE  RIMANERE  TUTTO IL TEMPO CHE VOLETE 

NANCY/  DAVVERO ?  GRAZIE , LEI UOMO MOLTO GENTILE ,  MA IO ADESSO DOVE ANDARE?

GIOVANNI/   E DOVE VOLETE ANDARE? OGGI E NATALE STANNO TUTTI A CASA LORO , ADESSO   SEDETEVI VORRA’ DIRE CHE FARETE IL NATALE INSIEME A NOI, E DOMANI  VI TRASFERITE A CASA DI DON RAFFAELE… PREGO ACCOMODATEVI

 NANCY/ GRAZIE (va a sedersi ) 

AMALIA/ ENTRANDO (lato nord)  GIOVA’

ROBERTO/ NONNA, NONNA, ( corre ad abbracciarla)

GIOVANNI/ MAMMA' COME TI SENTI?

AMALIA/ GIOVA’, NUN SACCIO CHE E SUCCIESO, MA  S’E’ LEVATE TUTTE COSE , E COSCE A SPALLE , NUN ME FA MALE CHIU’ NIENTE  

DOTTORE/  DON GIOVA’ MA NON E’ POSSIBILE,  QUESTO E’ UN MIRACOLO

GIOVANNI/ DOTTO’ IO NON LO SO CHE COS’E’,  MA S’E’ UN MIRACOLO E’ QUELLO DI NATALE, 

LUDOVICA/ MA CERTO A NATALE SUCCEDE SEMPRE UN MIRACOLO 

GIOVANNI/ E QUESTA VOLTA E TOCCATO  A MIA MADRE, DIO TI RINGRAZIO ( si fa il segno della croce)  ADESSO POSSIAMO INIZIARE , CI SIAMO TUTTI?

LEOPOLDO/ DON GIOVA’  CI MANCA SOLO ANTONIO

GIOVANNI/ ANTONIO? E DOVE STA?

( breve musica sexy entra antonio vestito da donna;breve passerella fino a raggiungere il dottore)

ANTONIO/ IO M’AGGIA ASSETTA’ VICINO O’ DOTTORE. , SIGNORI’ FACITEVE CHIU A LA’ ( a Ludovica che si sposta sulla sedia successiva) DOTTO’ VI VADO BENE COSI’?

DOTTORE/ IN CHE SENSO?

ANTONIO/ MO' VE LO' SPIEGO ( si siede)

ROBERTO/ NONNA NONNA, MA QUANDO GIOCHIAMO A TOMBOLA?

AMALIA/  A TOMBOLA,  MA SUBITO A NONNA , DON RICCA',  TIRATE LA TOMBOLA

RICCARDO/   E IO QUESTO STAVO ASPETTANDO ( a nancy) SIGNORINA NANCY SAPITE GIOCA' A TOMBOLA?

NANCY/ NO IO GIOCARE SOLO A BACARA'

RICCARDO/ AH IO CO' BACCALA' NUN  TENGHE NIENTE A CHE CE FA , DIAMO INIZIO ALLA TOMBOLA CHESTE E’ A MANE E CHISTE E’ O CULO D’O PANARO  

( questa è la mano e questa il culo del panaro)

(  è possibile far durare la tombola finale a proprio piacimento facendo uscire  e i numeri significativi delle  proprie tradizioni)

RICCARDO/  PRIMO NUMERO 23 ,

TUTTI/ O’ SCEMO

RICCARDO/ DON RAFELE

RAFFAELE/ E IO CHE C’ENTRO ?

RICCARDO/ SECONDO NUMERO 29, 

TUTTI/ O’ PATE D’E’ CRIATURE ( il papa’ Dei bambini)

RICCARDO/ … DON RAFELE 

RAFFAELE/  ANCORA, DON RICCARDO MA IO….

GIOVANNI/  SILENZIO, CHE POI NON CAPITE E SBAGLIATE A PUNTARE

RICCARDO/  TERZO NUMERO ….71

TUTTI/ L’OMME E MERDE

RAFFAELE/  ( alzandosi) DON RICCARDO ( tutti ridono)

RICCARDO/ UN MOMENTO IO NON L’HO DETTO

RAFFAELE/ E LO DICO IO … DON RICCA’ ANDATE AVANTI

ROBERTO/ NONNA, NONNA HO FATTO IL TERNO,

AMALIA/ DON RICCA’ UN MOMENTO , MIO NIPOTE HA FATTO IL TERNO

RICCARDO/ E BRAVO O’ GUAIUNCIELLO, ADESSO  DIMMI I NUMERI

ROBERTO/ 23, 29, E 71

RICCARDO/ GIUSTO

AMALIA/ BRAVO A’ NONNA , PONTA, PONTA CHE VINCIAMO TUTTO  NOI…

RICCARDO/  ANDIAMO AVANTI….QUARTO NUMERO….78 , A FEMMENE CA CE VOLLE…. ( la donna facile)

TUTTI / L’ AMERICANA

RICCARDO/  QUINTO NUMERO   25   NATALE

TUTTI/  VENE SEMPE   ( al pubblico  - SIPARIO alla riapertura tutti in scena cantano)

NATALE VENE SEMPE

Testo e Musica di Oreste De Santis

NATALE VENE SEMPE

PURE SI TU NUN SI CUNTENTE

NATALE VENE SEMPE

PURE SE A TE NUN TE NE MPORTA NIENTE

NATALE VENE SEMPE

PURI SI TU MO’ STAI CHIAGNENNNE

NATALE VENE SEMPE

 PE’ RICCHE E PE PEZZIENTE

NATALE VENE SEMPE  

PE E BUONE E I MALAMENTE.

F I N E

****

dello stesso autore

http://www.orestedesantis.com/teatro.htm

    Questo copione è stato visto
  • 0 volte nelle ultime 48 ore
  • 0 volte nell' ultima settimana
  • 3 volte nell' ultimo mese
  • 3 volte nell' arco di un'anno