Nina Boné

Stampa questo copione

NINA BONÉ

nina boné

Da Clara Soleil, di Gondinet e P. Civrac

Commedia in tre atti

Personaggi

Felice Sciosciammocca

Rosina, sua moglie

Luisella, serva di casa

Pasquale, giardiniere

Errico, cugino di Rosina

Achille, architetto

Virginia, sua moglie

Nina Boné

Paolo, albergatore

Ciccillo, servitore

Vincenzo, maestro di scuola

Teodoro, impresario

D. Orazio, zio di Nina

Eleuterio, sindaco

La scena è ambientata a Portici nel primo atto, a Cava dei Tirreni nel secondo, in teatro il terzo.

ATTO PRIMO

Giardino, apertura in fondo, alberi e piante. Sediolini e tavolino da campagna. A sinistra porta dell’appartamento. A destra altra porta.

SCENA PRIMA

Rosina e Luisella.

ROSINA (dalla sinistra):Luisè, saje Felice addò sta?

LUISELLA: Signurì, sta pe dinto a lo ciardino, ve sta facenno n’ato bello buchè.

ROSINA: Ah, ah! Me l’avevo immaginato, doje vote lo juorno m’ha da fà nu buchè e me l’ha da purtà, va a fenì ca nun fà rummanè manco nu fiore dinto a lo ciardino.

LUISELLA: E nun avite piacere? È segno ca ve vò bene, ca pensa sempe a buje, io pe ve dicere la verità, nun aggio visto ancora nu marito tanto buono, tanto affezionato comme a D. Felice, viata a buje signurì, site stata proprio fortunata. A lo juorno d’ogge si sapisseve quanto è difficile a truvà nu marito accussì. Fanno li santarielle, fanno vedé che moreno, che squagliano pe na figliola, e doppo spusate vanno truvanno chi l’accide. Se seccano de stà dinto a la casa, escene sempe, e na povera figliola è cundannata a sta sempe sola... chisto no, chisto ve vularria stà sempe vicino... è proprio nu giovene d’oro.

ROSINA: Ah! Sicuro! (Ma che chiacchiarona ch’è chesta, quanno accummencia nun la fernesce cchiù.) Pascale lo ciardiniere che sta facenno? Pecché non adacqua nu poco sti teste, lo turreno è addeventato cenere addirittura... Pascale... Pascale! (Via fondo sinistra.)

LUISELLA: Ah, sulamente io avetta truvà nu mpiso, nu scellarato che me faceva na mazziata la matina e n’ata la sera. Neh, pecché? Pecché a me me piaceva la musica, me piaceva de cantà. Vedite che animale, facette buono che murette. Ah! Si teneva pur’io la voce e la grazia che tene Nina Boné la canzunettista ch’è venuta a cantà ccà a Puortece, ne vurria fà zumpe! Che bella cosa! La settimana passata la jette a sentì. Ma che zucchero, cantaje Napule bello... Napule è comme la femmena, te fà venì lo gulio. Apprimma core mio, e doppo frusta llà!

SCENA SECONDA

Pasquale e detta poi Rosina.

PASQUALE (da giardiniere con inaffiatoio):Luisè statte zitto famme stu piacere si no me faje venì na cosa. Napole bello... che canzona... la sentette pur’io... E li tre terature. (Canta.) Ma chi tene, ma chi tene la chiavetella...

LUISELLA: Nun alluccà, nun voglia maje lo cielo e te sente la signurina, faje marenna.

PASQUALE: Haje ragione chella quanno sente annummenà a Nina Boné, comme si sentesse lo diavolo. Ma che l’ha fatto chella povera fìgliola ca nce l’have tanto?

LUISELLA: Nun la pò vedé pecché tutte quante ne parlano bene, tutti li villeggiante de Puortece nce vanno pazze, e tutte li giuvinotte le fanno la corte.

PASQUALE: E se capisce, pecché chella se lo mmereta, è bona assai.

LUISELLA: Aracqua nu poco sti piante, fà ampressa, la signurina pe chesto te va truvanno.

PASQUALE: Eccome ccà.

LUISELLA: Ah! Nu poco de voce, avarria fatto cose de pazze. (Via a sinistra.)

PASQUALE: L’hanna fà la corte pe forza, pecché chella è na sciasciona, appena essa canta se magna tutta la platea, e quanno s’aiza chello poco la vesta... (Canticchia la canzonetta.) Jamme piglia, jammo piglia la chiavetella... (Vedendo Rosina.) Buongiorno oscellenza signurì.

ROSINA: N’ata vota che te sento cantà sta canzone, te piglio primma a cauce e pò te ne caccio... Haje capito?

PASQUALE: Va bene.

ROSINA: Vattenne fora mò.

PASQUALE: Vuleva aracquà li teste...

ROSINA: Nun fà niente, vattenne!

PASQUALE: Eccome ccà!

ROSINA: Haje capito mò! Primma te piglio a cauce e pò te ne caccio.

PASQUALE: Sissignore! (Vì che guajo ch’aggio fatto!). ( Via fondo a destra.)

ROSINA: E tutte cu sta canzone, e tutte cu sta Nina Boné, me fanno attaccà li nierve.

SCENA TERZA

Errico e detta.

ERRICO: Buongiorno cuginetta mia.

ROSINA: Oh! Caro Errico, che d’è stammatina l’haje fatto cchiù priesto.

ERRICO: Si, me so’ spicciato lesto lesto ncoppa a lo tribunale, aggio fatto differì na causulella che teneva, me so’ miso dinto a lo tram e so’ venuto ccà, ch’aggia fà, io nun pozzo stà nu mumento senza vederve. Felice mariteto addò sta?

ROSINA Sta pe dinto a lo ciardino, me sta facenno il solito buché.

ERRICO Ah! Nun è ghiuto a Napole stammatina?

ROSINA: No, è restato ccà.

ERRICO: E bravo, me fà cchiù piacere... E chell’amica toja da poco maritata, è venuta?

ROSINA: Ah! Virginia? No, non ancora, ma poco putarranno tricà.

ERRICO: La vuò bene assaje credo, pecché ne parle sempe cu tanta premura.

ROSINA: È l’unica amica che tengo, simme state a lu cullegio nzieme nce vulimmo bene comme a doje sore. Essa fà tutto chello che dico io, e io faccio tutto chello che dice essa, figurate che tanno s’è mmaretata quanno ha truvato a n’ommo che piaceva a me, e se pò dì c’ha fatto nu vero sacrificio.

ERRICO: Pecché?

ROSINA: Pecché lo marito nun è nu giuvinotto, è n’ommo ca pò tene 46, 47anne.

ERRICO: Scusa! E essa?

ROSINA: Essa ne tene 25.

ERRICO: Quasi il doppio.

ROSINA: Sì, ma è nu galantomo, è ricco e la vò bene assaje. Mio caro Errico, questo è l’interessante, chesto ha da j truvanno na figliola, ricchezza e affezione. Che una se piglia a nu giuvinuttiello, bello, simpatico, ma però stravagante e libertino, che ne fà, passa nu guajo ca nun se pò riparà de nisciuna manera.

ERRICO: Oh, chesto è certo. Ma tu però si t’avisse spusato a me, avarrisse fatto nu gran colpo, pecché io t’avarria vuluto troppo bene.

ROSINA: Io pe me so’ cuntenta de quanto me ne vò Felice.

ERRICO: Eh! Felice... che paragone fai.

ROSINA: Pecché, che vuò dicere? Nun me fà mancà niente, nun se move maje da vicino a me, fà tutto chello che voglio io, è buscia forse?

ERRICO: No, ma fra me e isso nce sta na gran differenza mia cara... basta nun ne parlammo cchiù... io pure stongo pe me nzurà.

ROSINA: Ah, bravo! Chesto me fà veramente piacere... e a chi te piglie?

ERRICO: Nun l’aggio vista ancora, ma lo zio m’ha assicurato ch’è nu vero bisciù.

ROSINA: Bravo! E tene dote?

ERRICO: Sicuro! 300 mila lire in contanti.

ROSINA: Ah! È nu bello affare, bravo! Allora nun perdere tiempo.

ERRICO: È inutile che faje caricatura sà, pecché veramente piglio 300 mila lire, me le dà lo zio ch’è stato in America e ha fatto fortuna.

ROSINA: Va bene, allora aspetteremo questi confetti. (Ride.)

ERRICO: E ride, ma nun capisco che c’è da ridere, ma pecché, nun sto al caso de me nzurà?

ROSINA: Ah! sicuro! Solamente me pare difficile che na figliola cu 300 mila lire de dote, se piglia a te che nun tiene niente.

ERRICO: Nun tengo niente? E la professione che d’è, nun ce sta? Nun faccio l’avvocato?

ROSINA: Ah, me n’ero scurdato, faje l’avvocato stando sempe a Puortece, giranno società, feste da ballo, e facenno la notte juorno. Vattenne Errì famme stu piacere, nun parlà cu me pecché io te cunosco troppo.

ERRICO: Che c’entra, doppo faticato na jurnata sana, la sera me diverto nu poco, se sape, so’ giovene alla fine, e che d’è, mariteto nun va pure a li feste de ballo?

ROSINA: Sì, ma ce va cu me, sempe cu me.

ERRICO: Comme, sere da nun ghiette a sentì isso sulo la celebre canzonettista Nina Boné. E comme sbatteva li mmane.

ROSINA: Felice?

ERRICO: Felice, sì!

ROSINA: Quanno?

ERRICO: Sere fà... me pare ll’ata sera.

ROSINA: E nun pò essere, pecché ll’ata sera stetteme a Napoli.

ERRICO: No, dico male, la sera primma, già, giovedì.

ROSINA: Giovedì nun ascetteme.

ERRICO: Allora avetta essere venerdì.

ROSINA: O pure mercoledì, ricordate buono! Felice pe regola toja, da che è venuta a cantà a Puortece sta signorina Nina Boné, cioè da 15 giorni, nun è asciuto mai sulo, sempe cu me, quindi è inutile che dice buscie.

ERRICO: Io nun te dico buscie, te pozzo giurà che l’aggio visto.

ROSINA: E avarraje pigliato nu sbaglio siente a me, te pozzo dicere che Felice, sapenno che io a sta signorina nun la pozzo vedé, ha levato da coppa a lo pianoforte tutte li canzone che essa canta.

ERRICO: Ah! Te l’avive accattate?

ROSINA: Io? E steva fresca, me l’hanno regalate.

ERRICO: E l’haje lette tutte quante?

ROSINA: Sì, bella cosa veramente.

ERRICO: Eh! Capisco, a leggere parene niente, s’hanna sentì cantà da essa, che sciccheria, che grazia, e comme canta Napole bello Rosì, nun hai idea.

ROSINA: E nun ne voglio avé idea.

ERRICO: È dinto a tre ghiuorne?

ROSINA: Pe parte mia dinto a tre ghiuorne ha da murì.

ERRICO: Tanto che t’è antipatica?

ROSINA: È l’odio mio, che t’aggia dicere.

ERRICO: Pecché nun l’haje ntisa.

ROSINA: Nun l’aggia ntisa e nun la voglio sentì.

ERRICO: Per esempio, come canta: Le tre teratore.

ROSINA: Che c’entra, quella è na canzona che chiunque la canta fà effetto perché è graziosissima.

ERRICO: E la Sciampagnona?

ROSINA: Oh, nun me parlà de la Sciampagnona perché quella è l’eccelso della immoralità. Io nun saccio come s’è permessa.

ERRICO: Sì, chesto è overo! La Sciampagnona è nu poco spinta, ma essa la canta divinamente. Tu però Rosì, nun ne haje j parlanno cchiù male pecché nun sta; chella puverella so’ quatte sere che sta cantanno a li segge, e per causa tua.

ROSINA: Proprio? Ah! Mò m’haje fatto nu gruosso piacere. Nce so’ riuscita finalmente.

ERRICO: Tanto riuscita che forse domani se ne va.

ROSINA Ah! Mo so’ cuntenta! Nun me fidavo de la sentere cchiù annummenà. Non c’erano riunioni, non c’era festa da ballo che nun se parlava de sta Nina Boné: e come canta, e che voce, e che grazia. Uh! M’era proprio seccata, e che diavolo! Ma ch’è Adelina Patti?

ERRICO: Nel suo genere è grande.

ROSINA: Ma jatevenne faciteme stu piacere. E pò era insopportabile che la sera uommene nun se ne vedevano cchiù, steveno tutte llà addò cantava essa. Na sera, la casa della Marchesa Piperno avettema fà la quatriglia tutte femmene... era n’affare serio. La matina appriesso io jette pe tutte li famiglie, pe tutte li villeggiante e facette cose de pazze. Signore mie, ma li marite vuoste, li figlie vuoste, che hanno perzo la capa, ma ccà overo vulimmo fà ridere la gente, se fà tanta ammuina pe chi, pe na canzonettista qualunque, pe una che a la matina mette in caricatura a tutte quante. E poi canta delle canzoni immoralissime, delle canzoni che ci fanno vergogna. Allora, tutte quante: avete ragione, avete ragione, dite benissimo.

ERRICO: E avite l’abilità de nun nce fà j cchiù a nisciuno.

ROSINA: Ma si capisce! Era na cosa insoffribile.

ERRICO: Essa lo sape però che tu l’haje fatto la guerra.

ROSINA: Lo sape! E che me ne mporta!

SCENA QUARTA

Achille, Virginia e detti, poi Felice.

ACHILLE (di dentro):Va bene, va bene, abbiamo capito, da questa parte.

ROSINA: Chi è? Ah! eccola ccà la mia cara amica. Favorite...

ACHILLE: Grazie. Signora rispettabile...

VIRGINIA: Cara Rosina. (Si baciano.)

ACHILLE: Dovete scusare se ci presentiamo così in abiti da viaggio.

ROSINA: Forse ve trattenite poco?

VIRGINIA: Un’ora solamente, aspettammo che arriva lo treno.

ROSINA: E che diavolo, nun putiveve partì co lo treno appriesso?

ACHILLE: Impossibile cara signora, tenimmo tante cose da sbrigà.

ROSINA: Assettateve, assettateve. (Dà le sedie.)

ERRICO: Accomodatevi, prego.

ACHILLE: Grazie. Il signore è forse suo marito?

ROSINA: No, è mio cugino, Errico Fiore.

ERRICO: Avvocato, a servirvi.

ACHILLE: Favorirmi sempre. Achille Capone, architetto.

ERRICO: Tanto piacere. Ma la vostra fisionomia non mi è nuova, non ricordo dove vi ho veduto... Achille Capone? Aspettate... vi vidi l’anno scorso nello studio del notaio Capone.

ACHILLE: Papà... quello è papà mio.

ERRICO: Ah! Il notaio Capone è papà vostro?

ACHILLE: Sissignore, lo conoscete?

ERRICO: Sicuro, era tanto amico della felice memoria di mio padre. E come sta, come sta?

ACHILLE: Bene, grazie, solamente è qualche mese che l’ha pigliato na specie di malinconia sta sempre di cattivo umore, non vò ricevere nisciuno... Veramente la colpa è stata mia perché papà non voleva che mi fossi ammogliato, figlio unico, capite... se l’ha pigliato nu poco a duro. Eh, ma non c’è che fà, io avevo dato parola alla signora Rosina, e l’ho dovuto fare per forza.

ROSINA: Site stato a Salierno?

VIRGINIA: Sì, mò proprio venimmo da llà.

ROSINA: E mò che pensate de fà?

VIRGINIA: Mò nce fermammo sta jurnata a Cava pe ghì a truvà na sora d’Achille, e pò nce ne jammo a Napole?

ACHILLE: Che nce jammo a fà a sta Cava?

VIRGINIA: Ma pecché? Si stato tu ca l’haje ditto, mò tutto nzieme haje cambiato pensiero?

ACHILLE: Pe nun te fà trapazzà, bella mia.

VIRGINIA: Ma che trapazzà, io quanno viaggio sto sempe bona.

ROSINA: E io pure me piace tanto de viaggia.

FELICE (di dentro):Neh, statte zitto, famme stu piacere, nun te piglià confidenza ca te siente nu brutto paccaro.

ACHILLE: Chi è?

ROSINA: È maritemo Felice.

FELICE (fuori con buchè di fiori):Sia fatta la volontà de lo cielo, mò me mpara isso comme se fà lo buchè. Oh, signori!

ROSINA: La mia amica Virginia, suo marito Achille Capone.

FELICE: Cafone! Tanto piacere. Felice Sciosciammocca.

ACHILLE: Fortunatissimo!

FELICE: Caro Errico!

ERRICO: Carissimo Felice.

ACHILLE: Con chi stavate contrastando?

FELICE: Con quella bestia del giardiniere. Io mò domando a voi, pe fà nu buono mazzetto che nce vò?

ACHILLE: Tre cose. Acce, petrosino e pastenaca.

FELICE: E questo è lo mazzetto pe lo bullito, io dico, per fare nu buchè odoroso, che ci vuole? Il gelsomino, l’erba cedra, la violetta, la cardenia... chillo se n’è venuto ca ce vò pure la rosa.

ACHILLE: Eh! Me pare, la rosa è necessaria.

FELICE: Niente affatto, io la rosa qua non ce la posso mettere.

ACHILLE: E perché?

FELICE: Perché questo buchè è fatto per mia moglie, e quando essa lo tiene in mano, la rosa ci fà una cattiva figura.

ACHILLE: Bravissimo.

ERRICO: È stata di spirito.

FELICE: Siete venuti da Napoli?

VIRGINIA: No, da Salerno, addò simme state venti giorni in casa de na zia mia.

ACHILLE: Che seccatura, senza teatre, senza divertimente, la sera a li nove into a lo lietto.

VIRGINIA: Ma le primme sere nun te sì cuccato a li nove, te ritirave all’una dopo mezzanotte.

ERRICO: E che ve ne facevate fino a quell’ora?

ACHILLE: Vi dirò. Quanno jettemo a Salierno, truvajeme che la celebre canzonettista Nina Boné, dava le ultime rappresentazioni e poi partiva. Eh! Allora dicette, questa occasione nun me la perdo... mentre mia moglie stava dalla zia, io mi andavo a divertire nu poco, non c’era niente di male.

VIRGINIA: Tutto il male possibile, pe na vota sta bene, ma non già tutte le sere.

ERRICO: Ma voi non sapete che Nina Boné sta qua a Portici.

ACHILLE: Sta qua?

ERRICO: Sissignore, da 15 giorni, ha fatto nu fanatismo.

ACHILLE: E dite la verità, come canta?

FELICE: Io non l’ho intesa.

ACHILLE: Avete torto, quelle sono artiste che si debbono sentire. E voi l’avete intesa?

ERRICO: Oh, molte volte.

ACHILLE: Sicuro!

ACHILLE: E Napoli bello? lo canta angelicamente.

ERRICO: E li tre teratore?

ACHILLE: Ah! Li tre teratore... Quella è rrobba che fà zumpà da coppa a seggia... E la sciampagnona?

ERRICO: Ah! magnifica!

ACHILLE: Quanno aiza la gonna, chella gonna nnfusa. Tutte le canzonettiste aizano la gonna, ma quella lo fà con una grazia che non si puo credere. Fa così... vide tutto, e nun vide niente.

ROSINA: Virgì, vuò venì a vedé la casa?

VIRGINIA: Sì, me fà piacere.

ROSINA: E viene, jammo. ( Viano a sinistra.)

ACHILLE: Pare che D.a Rosina se fosse pigliato collera.

FELICE: Basta che sente parlà de Nina Boné, diventa na furia.

ACHILLE: Come mia moglie. Da una parte hanno ragione, perché quella è troppo cara. Ma voi veramente non l’avete intesa mai?

FELICE: Mai.

ERRICO: Nun dì buscie, t’aggio visto io, e sbattive li mmane...

FELICE: Una sola volta quando fece il matinè.

ACHILLE: Ve facette nu matinè?

FELICE: No, nu suprabitino, quando cantò di giorno.

ERRICO: Diceva buono io che t’aggio visto.

ACHILLE: Ah! Mannaggia ca me so’ nzurato... Non capisco perché noi altri giovanotti appena ascimmo de tutela, nce vulimmo nzurà.

FELICE: Putiveve aspettà n’ato poco.

ACHILLE: Eh! Che volete, non ne potevo più, il fuoco era arrivato alla i testa, io pe li femmene aggio passato belli guaje!

FELICE: E che guaje?

ACHILLE: Duelli, quistioni, appicceche... e mò a curto a curto, si sapisseve che m’è succieso.

ERRICO: Qualche avventura? Sentiamo, sentiamo!

ACHILLE: Avita sapé che nel venire da Salerno, dinto a lo treno teneva na sete terribile. A Nocera nce steveno due minuti di fermata, aio apierto lo spurtiello, me so’ menato e so’ trasuto dinto a lo cafè de la stazione. Neh dateme nu bicchiere d’acqua. Llà nce steva nu viecchio surdo. Ch’avite ditto? Nu bicchiere d’acqua, me moro de sete... Mentre facevamo chesto, tutto assieme aggio ntiso che lo treno s’era miso in movimento... Uh! mò perdo lo treno, so’ curruto, ma nun sapenno la carrozza mia addò avevo lassato muglierema, me so’ afferrato a nu spurtiello qualunque, e trasenno de pressa aggio scarpesato lo pede a nu viaggiatore, lo quale m’ha ditto: ma che siete cecato, animale. Io zitto! aveva tuorto, e me so’ ghiuto assettà vicino a na signora bruna che steva assettata into a n’angolo de la carrozza... ma v’assicuro, na cosa scicca assaj, nu pezzo de burro... Mentre cammenavamo l’aggio ntuppato nu poco lo pede, essa s’è stata. Quanno simme trasute sotto lo traforo, m’aggio fatto anema e coraggio e l’aggio vasata.

FELICE: E essa?

ACHILLE: Nun ha ditto niente, solamente, appena simme asciute a lo lustro, m’ha dato nu paccaro nnumero uno!

ERRICO: E vuje?

ACHILLE: Zitto! Ma chesto sarria niente. Chillo signore ca io l’aveva scarpesato, s’è miso alluccà: Voi siete un insolente, un’imbecille. Io non conosco quella signora, ma ho il dovere di difenderla... e se ti sei offeso questa è la mia carta da visita, domani sarò a Cava. Hotel Vittoria.

ERRICO (prende il biglietto e legge):«Orazio Penna, negoziante di vini». Sangue de bacco! Orazio Penna, n’ommo de nu 57, 58 anne, chiatto?

ACHILLE: Chisto è isso.

ERRICO: Io lo conosco, era amico intimo di mio padre. Chillo da poco tornato dall’America addò s’ha fatto na fortuna, ed è venuto in Italia pe me fà spusà na nepota soja.

ACHILLE: E l’aveva truvà justo io.

ERRICO: Ah, ah, chesta è bella!

ACHILLE: Ma mò avita sentere lo finale. Doppo che ha sfocato ad alluccà sempe, s’è addurmuto. Allora la signora m’ha ditto: Mi di spiace che per causa mia deve succedere un duello. Io abito a Napoli, vico Pertusillo n. 38. Sarò fortunatissima se mi farete una visita.

FELICE: E ci andate?

ACHILLE: Ci vorrei andare, ma comme faccio cu muglierema, chella nun me lassa mai.

FELICE: Rinmanitela ccà cu na scusa.

ACHILLE E che cosa? Piuttosto, facite venì pe sette otto juorne la mugliera vosta cu nuje, accussì essa nun restarria sola e io putarria fà na scappata.

FELICE: E accussì starria libero nu poco pur’io, ma è impossibile, Rosina non parte senza de me.

ERRICO: E mò vedimmo, aspettate!

SCENA QUINTA

Virginia, Rosina e detti.

VIRGINIA: Ma so’ belle assaje, so’ proprio na rarità.

ACHILLE: Che cosa?

VIRGINIA: La collezione de farfalle che tene Rosina.

ROSINA: Felì, fancelle vedé pure a D. Achille.

FELICE: Subito. Favorite.

ACHILLE (ad Errico):E voi non venite?

ROSINA: No, mio cugino le sa, jate vuje.

ACHILLE: Jammo! Ma io dico che non ci potranno essere farfalle più belle di voi.

ROSINA: Come, e non ci sta Nina Boné.

ACHILLE: Che c’entra, quello è un altro genere di farfalle. (Via con Felice.)

ROSINA: Errì, nuje t’avimma parlà seriamente. Virginia vularria sapé comme s’ha da regolà pe nu fatto che l’è succieso.

ERRICO: Che fatto?

VIRGINIA: Avita sapé che stammatina a Nocera, lo treno s’è fermato pe duje minute, mio marito teneva sete, è sciso pe se fà dà nu bicchiere d’acqua dinto a lo cafè de la stazione, immediatamente è sagliuto n’ommo accussì curiuso che nun putite credere, m’ha salutata e s’è assettato addò steva maritemo. Tutto nzieme lo treno s’è miso a cammenà, e io me so’ truvata sola cu isso.

ERRICO (ride):Ah! Magnifica questa.

VIRGINIA: Vuje redite, sacc’io la paura che m’aggio miso.

ERRICO: E pecché sta paura?

VIRGINIA: E si nun sentite. Mentre cammenaveme chisto nun me luvava ll’uocchie da faccia, e chiano chiano s’accustava vicino a me. Quanno è stato sotto a lo traforo, tutto nzieme m’ha abbracciata e m’ha vasata.

ERRICO: Ah! Bona chesta. E voi che avete fatto?

VIRGINIA: Ch’aveva fà, steva sola... Zitto!... Aggio ditto: Ma che maniera è chesta, per chi m’avete presa, io so’ na signora. Allora isso ha risposto: Scusate, non mi sono potuto tenere, ho voluto sfocare. E aspettaveve a me pe sfucà? Bastonatemi, bastonate un povero pazzo.

ERRICO: E veramente pazzo aveva essere.

ROSINA: Essa mò vurria sapé si stu fatto lo pò cuntà a lo marito.

ERRICO: Ma no lasciate stare. Si sa, sotto i trafori succedono sempre queste pazzie. Ma ditemi na cosa, vostro marito rimase a terra?

VIRGINIA: No, lo puveriello nun truvaje la carrozza e se mpizzaje a n’ata parte.

ERRICO: Nulla sapendo quello che succedeva sotto al traforo.

VIRGINIA: E si capisce.

ERRICO: E voi nemmeno sapiveve chello che succedeva a isso?

VIRGINIA: Niente! M’affacciaje a lo fenestiello ma nun lo vedette.

ERRICO: E se sape, pecché chillo già s’era mpezzato.

SCENA SESTA

Achille e detti, poi Felice.

ACHILLE: Ma belle, belle veramente, nce stanno cierte ca parene pittate.

VIRGINIA: Achì, nce ne vulimmo j?

ACHILLE: Sicuro. A proposito... mi viene un’idea: pecché D.a Rosina nun vene nu poco cu nuje?

ROSINA: Sarria nu gran piacere, ma nun pò essere, Felice ha da j a Torre del Greco a ttruvà nu zio sujo canonico che sta malato.

ACHILLE: E venite vuje sola, che male nce sta?

ROSINA: Io sola? E comme è possibile?

VIRGINIA: Ma se sape, chella lo marito nun lo lassa.

ROSINA: No, nun so’ io ca nun lasso a isso, è isso che nun me fà partì sola.

ACHILLE: E se pregato da me acconsentisse?

ROSINA: So’ sicura che Felice nun acconsente.

ACHILLE: E mò vedimmo. D. Felì scusate, venite ccà.

FELICE: Che c’è?

ACHILLE: Io e mia moglie dobbiamo chiedervi nu gran favore, una vera grazia.

FELICE: Una grazia? E di che si tratta?

ACHILLE: Io voleva ca fusseve partite cu nuje, ma D.a Rosina ha ditto ch’avita j da nu zio vuosto canonico, e quindi per voi nun pò essere, ma nc’avita da lo permesso che nce purtammo la mugliera vosta.

FELICE: Essa? Sola?

ACHILLE: Non credo che dubitate di noi.

FELICE: Oh! Questo no!

ACHILLE: La facite divertì nu poco, e nello stesso tempo facite stà di j buon’umore anche mia moglie.

FELICE: Tu che dici?

ROSINA: Ma io faccio chello che vuò tu.

FELICE: Va bene, purtatevella. Ma però badiamo, per quanto tiempo?

ACHILLE: Nu paro de giorne, tre al massimo.

FELICE: Io resto cu Errico.

ERRICO: Resta affidato a me!

ROSINA: Allora vengo cu buje. Luisella?

SCENA SETTIMA

Luisella e detti, poi Pasquale, poi di nuovo Pasquale.

LUISELLA: Comandate.

ROSINA: Fa piglià a Pascale chillo bauglio into a la camera mia e portarne lo cappiello.

LUISELLA: Va bene. (Chiama.) Pascale, Pascale...

PASQUALE: Eccome cca.

LUISELLA: Viene cu me. ( Viano a sinistra poi ritornano.)

ACHILLE (piano a Felice):Nce simmo riuscite, vuje site libero, e io pozzo j a truvà chella signora.

FELICE: (Avimmo fatto lo colpo!).

ROSINA: (Comme è stato lesto a darme lo permesso, veramente nun me l’aspettavo!).

ERRICO: (E chiste sarriano le marite buone e affezionate! Ah! Non c’è dire, la. donna sempre al peggior s’appiglia).

PASQUALE (col baule):Ecco ccà lo bauglio. (Esce con Luisella la quale porta il cappello di Rosina e glielo dà.)

ACHILLE: Miettelo a cascetta da la carrozza.

PASQUALE: Va bene. (Via poi torna.)

LUISELLA: Signurì che partite?

ROSINA: Sì, me vaco a spassà nu poco.

LUISELLA: E facite buono, site figliola, spassateve, divertiteve e venite ampressa, pecché io nun pozzo stà senza de vuje, me pare nu malaurio, pare che manca tutto, lo sistema, la pace, l’allegria, tutto, tutto.

ROSINA: Va bene, va bene, aggio capito.

ACHILLE: Neh, jammoncenne ch’è tardi.

FELICE: Aspettate, me vaco a piglià lo cappiello, v’accumpagno. (Via a sinistra.)

ROSINA: Errì, te raccomanno Felice, nun te dico ato.

ERRICO: Non pensarce, te pare, e pò chillo te vò tanto bene, io so sicuro ca sti tre ghiuorne, nun se muvarrà de la casa.

ROSINA: Oh, chesto ne so’ certa.

ERRICO: E allora vattenne e statte a pensiero quieto.

PASQUALE: Lo cucchiere ha ditto ca ce vonno 10 minute pe partì lo treno. (Via.)

ACHILLE: Diece minute, e ghiammo!... E D. Felice?

ROSINA: Nun ve n’incaricate, si tene premura de me salutà corre a la Stazione.

VIRGINIA: Dice buono, jammo! (Via con Rosina e Luisella.)

ACHILLE: Arrivederci signor avvocato. (Via correndo.)

ERRICO (ridendo):Che tipo! Sì ma io ccà tre ghjuorne nun ce stongo, che me ne faccio, e pò io aggia che fà, voglio cumbinà subito il matrimonio, se tratta de 300 mila lire, nun se pazzea. Ogge aggia cercà de truvà a D. Orazio e stregno lesto lesto l’affare.

SCENA OTTAVA

Felice e detto, poi Luisella.

FELICE (col cappello):So’ partite?

ERRICO: Mò proprio.

FELICE: E che diavolo, putevano aspettà nu minuto. Mò veco si pozzo arrivà a la carrozza. (Via.)

ERRICO: Comme sta ammuinato, chillo pe isso è stata na fortuna a nmane sulo.

LUISELLA: Signurì, ha ditto la patrona mia, che fino a che nun torna essa nun v’avita movere da ccà.

ERRICO: Ah! Sicuro! (E sta fresca). Tu intanto prepara lo pranzo e nun te n’incaricà.

LUISELLA: Lo pranzo è pronto, quanno vulite io subeto ve servo. Ma signurì scusate, D. Felice non è ghiuto cu lloro?

ERRICO: No, è rimasto ccà, lo tengo io cumpagnia.

LUISELLA: Me fà meraviglia, quanno maje D. Felice ha lassato la mugliera, chillo nun se fidava de stà cinche minute senza vederla.

ERRICO: Ah! Cinche minute lo saccio, ma si avarria sta cinche mise senza vederla, nce starria cu piacere.

LUISELLA: È overo, è overo, vuje ate uommene site n’affare serio, nisciuno ve pò capì. Basta, io stongo dinto, quanno me vulite me chiammate. (Via.)

ERRICO: Io mò sto penzanno, va trova sta nepote de D. Orazio com’è, si fosse na bella figliola, sarria veramente na fortuna pe me. Bella, cu na bona dote, che vularria cchiù. (Guarda in fondo.) Che veco!, Nina Boné la canzonettista! E che vene a fà ccà?

SCENA NONA

Nina e detto.

NINA: Scusate signore, questa è la casa di D. Felice Sciosciammocca?

ERRICO: Proprio questa, ma adesso non c’è, è andato alla stazione ad accompagnare la moglie ch’è partita.

NINA: Partita? Che peccato! Mi faceva tanto piacere vederla.

ERRICO: E potrei sapere perché?

NINA: Per niente, per conoscerla personalmente, pe ce parlà nu poco!... Voi mi avete conosciuta?

ERRICO: Ma vi pare, la celebre, l’esimia, la grande Nina Boné, la diva di tutte le canzonettiste. Accomodatevi, prego...

NINA: No, io non posso perdere tempo, una volta che la signora non c’è, è inutile che mi trattenga.

ERRICO (Ah, comme sta neh!). Ma quello che dovete dire a lei, lo potete dire a me, perché io sono suo cugino.

NINA: Bravo! Ma cugino largo o stretto?

ERRICO: Vi prego di non offendere.

NINA: Se vi dovete offendere è meglio ca ve ne jate, perché sto in uno stato di nervatura che nun saccio io stessa chello che dico e chello che faccio. Io aggio ragione assaj!

ERRICO: Lo sò, ma calmatevi.

NINA: Io nun capisco pecché sta signora se permette de j parlanno tanto male de me.

ERRICO: Ma chi ve l’ha detto che va parlando di voi?

NINA: Tutte quante, tutti i signori, tutto Puortece.

ERRICO: Ma sono maldicenti, calunniatori, diceno chesto pe ve fà piglià collera.

NINA: A me? No io collera nun me ne piglio. Nce vuleva parlà la vuleva conoscere, pecché io pò, si voglio, tengo lo mezzo pe vendicarme. Ditemi una cosa, è una bella giovane vostra cugina?

ERRICO: Piuttosto.

NINA: E lo marito la vò bene?

ERRICO: Oh! L’adora.

NINA: E essa è gelosa de lo marito?

ERRICO: Gelosissima.

NINA: Va bene... chesto vuleva sapé.

ERRICO: Ma che vulite fà?

NINA: Niente... nun lo saccio... sono idee che mi vengono! Io cu chello ch’è ghiuto dicenno de me le putria fà na querela, ma no... sarria na viltà, saccio io chello che aggia fà.

SCENA DECIMA

Felice e detti.

FELICE: So’ partite finalmente! Mò pozzo respirà nu poco.

NINA: Il signor Felice Sciosciammocca?

ERRICO: Lui proprio.

NINA: Bravo! Tanto piacere!

FELICE: Fortunatissimo. (Nina Boné!).

ERRICO: La signorina era venuta per parlare con tua moglie, ma dal momento ch’è partita...

FELICE: Mi dispiace.

NINA: Oh, non fà niente, parlerò con voi, è lo stesso.

ERRICO: (Chesta mò se la sconta co lo marito, è meglio ca me ne vaco). Signori permettete, io me ne vado, ho tanto da fare, ci vedremo domani.

FELICE: Come vuoi tu!

ERRICO: Signora, arrivederci. (Via per illbndo.)

FELICE: Accomodatevi, prego.

NINA: Grazie. (Siede.)

FELICE: Io ho avuto l’onore di sentirvi due volte, la prima sera del debutto e all’ultimo matinée che faceste. Che chiasso! Il pubblico non si stancava mai di applaudire, e aveva ragione, perché voi avete toccato l’apice della grazia e della simpatia.

NINA: Troppo buono! E intanto sono sei sere che il povero impresario rifonde sulle spese, il pubblico, si può dire, mi ha abbandonata. Ed è giusto, dopo la guerra che mi sta facendo vostra moglie...

FELICE: Ma che, non state a sentire chiacchiere. Sì capisco... essa non  può sentirvi nominare, non le siete troppo simpatica, ma che vuol dire, mia moglie non’arrivera mai a demolire una fortezza inespugnabile come siete voi.

NINA: Del resto non ha torto, crede che Nina Boné sia una canzonettista qualunque. Ah, no signore, io sono una giovane onesta e di buona famiglia. Perdetti mio padre, perdetti mia madre, e per vivere mi trovai sulle scene. Sono un’artista, ecco tutto, piaccio al pubblico più di un’altra, che male ci sta?

FELICE: Ma si capisce! (Da vicino è cchiù bona).

NINA: Se la vostra signora sapesse chi è mio zio, se sapesse che è venuto dall’America appunto per me, per farmi una dote di 300 mila lire, sono sicura che non mi tratterebbe così.

FELICE: Ma cosa può farvi mia moglie con le sue chiacchiere... non ci pensate nemmeno. E domenica darete l’ultimo matinée?

NINA: No, io non posso più cantare.

FELICE: E perché?

NINA: Perché se mio zio sapesse che sono una canzonettista sarei rovinata. Oggi parto, giro nu pochino, così per divertimento, e poi mi presento da lui.

FELICE: Partite oggi? Sola?

NINA: Sola.

FELICE: Se posso aver l’onore di accompagnarvi.

NINA: Oh! Viaggiare sola con voi? È impossibile!

FELICE: E che male ci sta? Sono un galantuomo e saprò rispettarvi. Mia moglie è partita, sono libero e ci potremo divertire, senza nessun pensiero sinistro. Sarò un vostro fratello, un fratello che accompagna la sorella.

NINA: Me lo giurate?

FELICE: Ve lo giuro!

NINA: Ecco quello che non posso dire io, io non posso giurare di trattarvi come una sorella... Oh, no, non posso giurare... perché forse, non potrei mantenere il giuramento, il mio cuore è tanto sensibile che voi non potete credere, io mi attacco facilmente ad una persona, specialmente quando questa persona mi è simpatica, io non saprei più dividermi da quell’uomo che avesse dimostrato per me una premura, un affetto, anche di amicizia... Ah, no!... lasciatemi partire sola.

FELICE: Ah no Nina, no, voi siete un angelo, ed io voglio accompagnarvi assolutamente. Se il vostro cuore si attacca al cuore dell’uomo che vì è simpatico, e allora attaccatelo al mio, e potete essere sicura che mai si scioglierà. Che ne dite?

NINA: Ma che debbo dire, avete certi modi, avete un parlare che francamente innammora.

FELICE: Proprio?

NINA: Proprio.

FELICE: Dunque partiremo insieme?

NINA: Ebbene sì, partiremo.

FELICE: Oh, grazie, grazie! (Le bacia la mano.) Voi mi avete aperto il cuore che stava chiuso da tanto tempo, e quando la prima volta, al debutto, voi cantaste: Li tre terature, mi ricordo che voi nel dire: Jammo piglià la chiavetella, guardaste me, e io vi guardai e vi dissi sottovoce: E comme te la dongo sta chiavetella... (Nina ride.) Quella canzone l’abbiamo cantata io e mia moglie a duetto.

NINA: A duetto?

FELICE: Sissignore, ed io la canto per ricordarmi di voi. (Canta.)

Si stu core io tengo nchiuso

e arapì nisciuno lo po’

vuje chiammateme scontruso

ma stu core è nu cummò.

NINA: Co tre bene mascature

sta nzerrato impietto a te

e nzerrate ’e terature

stanno pure tutte ’e tre!

FELICE: Ma chi tene ma chi tene ’a chiavetella.

NINA: Ma chi tene ’a chiavetella.

FELICE: Mò v’o dico è Peppeneila.

essa arape.

NINA: Chillo ’e coppa, chillo ’e miezo.

FELICE: E chillo ’e sotto.

A DUE: Essa è stata che m’ha cuotto

Essa ’a tene ’a chiavetella

Tarantella, tarantella

Seconda parte

FELICE: Spisso spisso dint’ ’o scuro

io me sento tastià

e into’ ’o primmo teraturo

na manella traficà

NINA: E pe dint’ ’a squase ’e vase

che llà stanno in quantità

sta manella sciulia e trase

ne piglia una e se ne va.

FELICE: Ma chi tene ecc.

Terza parte

NINA: Chillo ’e sotto è ’o teraturo

cchiù azzeccuso de lo cumò

nce sta scritto, io te lo giuro

mai di fede mancherò.

FELICE: Peppenè si pe mezz’ora

tu stasera può venì.

NINA: Chillo ’e sotto è chiuso ancora

FELICE: Ma speresce ’e s’arapì

Jammo piglia

Jammo piglia

’a chiavetella.

NINA: Tiene piglia

tiene piglia

’a chiavetella.

FELICE: ’A vì lloco a Peppenella essa ha apierto

chillo ’e coppa

chillo ’e miezo

e chillo ’e sotto.

A DUE: Essa è stata

che m’ha cuotto

essa ’a tene a chiavetella

Tarentella Tarentella!

(Cala la tela.)

Fine dell’atto primo

ATTO SECONDO

Salotto con 2 porte in fondo, 3 laterali e finestra prima quinta a destra. Pianoforte, tavolino, sedie ecc.

SCENA PRIMA

Paolo, Ciccillo, poi Vincenzo.

PAOLO: Lasciateme sta, lasciateme sta... Mannaggia l’albergo e quanno maje l’arapette. Ma insomma, stu cuoco che cancaro vò?

CICCILLO: Ha ditte che so’ seje mise che lo state cuffianno, ca le state dicenno che l’avanzaveve la mesata, e mai ha pututo avé niente.

PAOLO: E niente have. Io le dicette, se gli affari vanno bene, te dongo n’ata cusarella, gli affari so’ ghiuto malissimo. Cava non è cchiù chella de na vota, villeggiante nun se ne vedono cchiù.

CICCILLO: Nce l’aggio ditto chesto, ma nun lo vò capì.

PAOLO: E l’ha da capì, se nun le cunviene de stà cu sta mesata se ne va.

CICCILLO: Nce lo pozzo dicere?

PAOLO: Se capisce, e che d’è nce mettimmo paura. Mò statte a vedé che dinto Cava nce sta sulo isso.

CICCILLO: Oh, chesto è certo, ma pe ogge comme se fà, primma de tutto ce sta la festa, e pò ce stanno paricchie furastiere pe causa de lo cuncierto che s’ha da dà. A n’ato poco è l’ora de la colazione, chillo perciò s’approfitta.

PAOLO: Ah, perciò se n’approfitta? E nun te n’incaricà, ce penzo io, tu falle la mmasciata, si se ne vò j se ne jesse, me metto io dinta a la cucina.

CICCILLO: Vuje? Vuje site lo patrone!

PAOLO: Nun me mporta niente. Chi si governa il suo cavallo non è chiamato mozzo di stalla. Che se crede ca io nun saccio cucenà. Và dincello e famme sapé che vò fà.

CICCILLO: Va bene. (Via fondo sinistra.)

PAOLO: Io vurria sta a nu pizzo quieto e chille me fanno piglià collera. Nun avevo male fatto ammore, nun avevo mai pensato a femmene, e mò nce so’ caduto, cu una ca nun saccio chi è, e che non vedrò mai più! Oh! Amore amore, e che cosa mi hai fatto.

VINCENZO: Buongiorno signore. (Con carta di musica.)

PAOLO: Buongiorno! Chi volete?

VINCENZO: Io sono D. Vicenzino Zucarola, dillettante drammatico, maestro di musica e direttore d’orchestra.

PAOLO: Tanto piacere.

VINCENZO: Voi siete il padrone di questo albergo?

PAOLO: Sissignore.

VINCENZO: D. Paolo Crocco?

PAOLO: A servirvi.

VINCENZO: Vengo a mettermi a disposizione della signorina Purè, la celebre canzonettista che deve cantare stasera.

PAOLO: È inutile, ve ne potete andare, perché la Purè non è venuta e stasera non canta. Ecco qua il telegramma che ho ricevuto poco fà da Napoli. (Glielo dà.)

VINCENZO (legge ):Disponete mie camere. Sono ammalata, non posso venire. Purè». E come si fà? Il teatro è tutto venduto, e questa è una rovina.

PAOLO: Eh, lo capisco!

VINCENZO: Tutti i signori di Cava stanno ammuinate pe sta canzonettista, e ccà stasera succede nu guajo.

PAOLO: D. Vicenzì, a me nun me preme.

VINCENZO: E a me nemmeno. D. Teodoro si compromette, farà una figura infelicissima, perché lui ha organizzato il concerto, la faccia addò la và a mettere?

PAOLO: Addò vò isso, che vulite da me?

SCENA SECONDA

Teodoro e detti.

TEODORO (con telegramma):Dateme na seggia, lassateme assettà, so’ rovinato. (Siede.) La celebre canzonettista, la Purè stasera non canta.

PAOLO: Chesto stammo dicenno. Cu stu telegramma m’ha fatto sapé ca pozzo affittà li cammere.

TEODORO: E chist’auto l’ha mannato a me! Comme faccio? Lo teatro è pieno, nisciuno ha pagato ancora. Io aggio aumentato pure li prezze al doppio! nu guajo, nu guajo ch’aggio passato.

PAOLO: E nun ve pigliate collera, so’ combinazione ca se danno.

TEODORO: Dateme na tazza de cafè, nu bicchiere d’acqua cu nu poco de sceruppo, tengo la vocca manco lo fele.

PAOLO: Jate a lo riposto, faciteve dà tutto chello che vulite.

TEODORO: Grazie. Maestro scusate, jate a lo teatro, vedite si so’ venute gente a pagà bigliette. Mamma mia la capa, la capa! (Via fondo sinistra.)

VINCENZO: Questo è un guajo, na rovina. (Via fondo a destra.)

PAOLO: A me nun me preme, che me ne mporta a me de la Purè. Io penso all’incognita del traforo, quella sola mi preme.

SCENA TERZA

Errico, poi Ciccillo, poi Teodoro.

ERRICO: Pss! Scusate, voi siete il cameriere?

PAOLO: Nonsignore, sono il padrone dell’albergo.

ERRICO: Bravo! Volevo sapere se ha preso alloggio qui il signor Orazio Penna.

PAOLO: Sissignore, da tre giorni, ma mò non c’è è uscito.

ERRICO: E trica assai?

PAOLO: Questo non lo sò.

ERRICO: Lo posso aspettare?

PAOLO: Accomodatevi!

ERRICO: Grazie!

CICCILLO: Patrò, monzù Peppino lo cuoco, ha ditte che nun le conviene, s’ha levato la giacchetta, lo mantesino, ha rimasto tutte le cassarole ncoppa a lo fuoco e se ne vò j.

PAOLO: E se ne jesse, stammatina ha avuto la mesata, e stammo pace.

CICCILLO: E chi cucina pò?

PAOLO: Nun te n’incaricà, ce penz’io p’ogge, dimane pò faccio venì quatte cuoche, dieci cuoche, ciente cuoche. ( Viano fondo a destra.)

ERRICO: Quanto so’ curiuse sti paise quanno teneno na festa, che importanza ca se danno.

TEODORO: Che beco! D. Errico Fiore l’avvocato.

ERRICO: Oh, carissimo D. Teodoro.

TEODORO: Nun ce vedimmo da n’anno, dal giorno che uscì la sentenza contro di me.

ERRICO: Sicuro mi ricordo, che bella causa fu quella.

TEODORO: E comme me la facisteve perdere bella.

ERRICO: Così doveva andare.

PAOLO: Oh, si capisce! E chill’amico vuosto, D. Felice, come sta?

ERRICO: Sta bene, s’è nzurato, ha sposato mia cugina.

TEODORO: Che spassuso era chillo. Tutto lo tiempo che io stette a Napole isso veneva ogni sera a la casa mia, e quanta resate faceva fà a muglierema. Eh! altri tempi, allora era n’ommo allegro pur’io, da che me ne turnaje ccà e me facette socio del Circolo dei Cicciatori, aggio perza la pace. Mò per esempio tengo la freva ncuollo.

ERRICO: E perché?

TEODORO: Pecché me prudette la capa di organizzare una gran serata di beneficenza al teatro, anzi, posso offrirvi dei biglietti. (Gli dà un biglietto.)

ERRICO: Quanto costa?

TEODORO: Cinque lire, ma datemenne tre, nun mporta.

ERRICO: Perché?

TEODORO: Pecché doveva cantà la celebre canzonettista Purè, e invece non canta più pecché sta malata.

ERRICO: Ma allora scusate, se non canta la Purè, lo biglietto non lo voglio nemmeno pe doje lire.

TEODORO: E accussì diciaranno tutte quante! Che rovina!

ERRICO: Putiveve fà venì a Nina Boné, superiore dieci volte alla Purè.

TEODORO: E addò sta?

ERRICO: L’avimmo tenuta a Puortece quinnece juorne.

TEODORO: E che ne sapevo! E mò nce sta?

ERRICO: No, se n’è ghiuta.

TEODORO: Sono proprio disgraziato.

SCENA QUARTA

Orazio, Ciccillo e detti

ORAZIO (di dentro):Lo patrone tujo è n’animale, e nun me risponnere ca te dongo na mazzata nfaccia.

ERRICO: Ah! Ecco ccà D. Orazio. Le voglio fà na sorpresa, nun dicite niente. (Si nasconde.)

ORAZIO (fuori):Vedete che imbecille...

CICCILLO: Ma vi assicuro...

ORAZIO: Statte zitto, nun parlà. Aveva ditte a chill’animale de l’albergatore che nun vuleva fà sapé che alloggiavo qua, invece tutti sanno lo nomme mio.

CICCILLO: Ma nonsignore eccellenza, il patrone non ha detto niente, chi sa comme l’avranno saputo.

ORAZIO: Mò che so’ venutò aggio truvato na busta cu sei biglietti da dinto, che saccio, na festa de beneficenza, li solete buscie pe fà denare. Me l’ha mannate nu certo Teodoro Sanguetta. Chi è stu Sanguetta, chi lo cunosce.

TEODORO: Sono io signore. La serata è a scopo di beneficenza, è stata organizzata da me. Mi sono informato chi abitava in quest’albergo, e ho creduto, ho azzardato.

ORAZIO: Va bene, come siete lungo. Quanto costano li bigliette?

TEODORO: 30 lire.

ORAZIO: 30 lire? Favorite. (Gliele dà.) E che se fà a sta serata, che se sente, che se vede?

TEODORO: Si canta, ci sono diversi cantanti, e fra i cantanti e il canto... si sente cantare!

ORAZIO: Va bene, aggio capito.

TEODORO: Grazie. Arrivederci. (Via.)

ORAZIO: Ricordateve, chiunque vene io nun ce stongo.

CICCILLO: Va bene! (Via.)

ERRICO: Pure si venesse io?

ORAZIO: Che vece! Errico! Damme n’abbraccio.

ERRICO: Cu tutto lo core. (Eseguono.)

ORAZIO: Tu riceviste la lettera mia?

ERRICO: Aggio ricevuto lettere, telegramma, tutto.

ORAZIO: Bravissimo. Io nun me so’ scurdato dell’amicizia che aggio tenuto cu papà tujo. Isso me consigliaje de j in America, isso me prestaje le primme 2 mila lire pe partì e io a isso aggio obbligazione si ogge tengo na fortuna. Tu haje pigliato la laura?

ERRICO: Da duje anne.

PAOLO: E faje affare?

ERRICO: Così, non c’è male.

PAOLO: Aggio capito, stai disperatiello, mò t’acconcio io. Tu haje piacere de te nzurà?

ERRICO: E ve pare.

ORAZIO: Embè, io comme te screvette, tengo na nepote ch’è nu zucchero, aggio perzo frate, sore, tutte, sul’essa m’è rimasto, e sapenno a chi appartiene, la dongo a te.

ERRICO: E io ve ringrazio.

ORAZIO: L’aggio purtato dall’America 300 mila lire, credo che te bastano.

ERRICO: Ma è na fortuna.

ORAZIO Povera guagliona, nun tene nisciuno pe essa. Seje mise fà me screvette na lettera ca me facette chiagnere, dice che tira avanti la vita facendo merletti e ricamando... istruita poi all’eccesso. Io l’aggio fatto sapé ca so’ arrivato e doppo dimane la jammo a truvà a Napole. Se chiamma Cuncettella, tu la vide, si te piace cumbinammo lesto lesto lo matrimonio.

ERRICO: Come volete voi.

ORAZIO: E te dico na cosa, forse forse me nzoro pur’io. Nun l’aveva fatto ancora, ma mò lo voglio fà, per la mia pace, per la sicurezza della mia vita. Io te dico la verità, so’ nu poco viziuso Co li femmene, quanno ne veco una bella, che me piace, nun bado a niente cchiù, e me so’ mise a brutti rischi, perciò appena trovo na figliola ca me persuade, me la sposo.

ERRICO: E facite buono.

ORAZIO: Jammo a fà marenna mò, nun t’haje da muovere da vicino a me. Te voglio fà fà la vita de lo signore.

ERRICO: Quanto site buono. (Viano.)

SCENA QUINTA

Paolo, poi Felice e Nina, indi Teodoro.

PAOLO (di dentro):Me lo beco io, statte buono, nun aggio bisogno de te, haje capito? (Fuori con giacca, coppola e grembiule da cuoco.) Eh! La camorra a me nun me piace. Stammatina cucino io, faccio lo cuoco e lo patrone.

FELICE: Favorite! Munzù aggiate pacienza, chiamate l’albergatore.

PAOLO: L’albergatore sono io, io faccio tutto, che comandate?

FELICE: Vorrei sapere se avete due camere vicine.

PAOLO: Sissignore, il 14 e il 15.

FELICE: Benissimo, restano per noi.

PAOLO: Sta bene. Ditemi i vostri riveriti nomi.

FELICE: (E che dicimmo mò?).

NINA: (Dicite duje nomme qualunque).

FELICE: (Mò facc’io!). Scrivete, io mi chiamo...

TEODORO: Aggio fatto na penzata, dateme li duje telegramme de la Purè, li faccio azzeccà vicino a lo teatro pe fà vedé la verità.

PAOLO: Eccoli ccà.

TEODORO: Che beco! D. Felice Sciosciammocca?

FELICE: (D. Teodoro Sanguetta!).

TEODORO: Questa sarà la bella sposa? Vi faccio i miei complimenti, avete saputo scegliere, signora. Vostro marito è amico mio strettissimo, m’ha fatto piacere che v’aggio visto.

FELICE: E a me pure.

TEODORO: Scrivete, il signore e la signora Sciosciammocca proprietari a Portici. Nuje mò vulimmo fà nu regalo a Mariannina muglierema? L’avita venì a truvà nzieme co la signora.

FELICE: Ma ecco qua, siccome andiamo di fretta.

TEODORO: E che nce vò, io abito in mezzo alla piazza, vicino lo cafè. Mò vaco a lo teatro pe n’affare urgente, quanto faccio azzeccà sti duje telegramme e ve vengo a piglià.

FELICE: Ma nonsignore, perché dovete incomodarvi.

TEODORO: Ma che incomodo, per carità. Permettete. (Via.)

PAOLO: Se volete visitare le camere.

NINA: (Jate, jate, io v’aspetto ccà!).

FELICE: (Mò ca vene D. Teodoro comme facimmo?).

PAOLO: Favorite! (Via con Felice a prima sinistra.)

NINA: Ah, ah, che tipo curiuso, comme me fà ridere. Se mette paura de tutte cose. Ogni femmena ca vede la piglia pe la mugliera. Ma ce so’ riuscita, me so’ vendicata come diceva io, e chesto è niente ancora, chello che l’aggia fà spennere!

SCENA SESTA

Orazio e detta e poi Paolo.

ORAZIO: Primma de fà marenna le voglio fà vedé lo ritratto de Cuncettella, l’aggia tenere dinta a la cammera mia! Che beco! Essa! Nepotema Cuncettella...

NINA: (Zi zio!). Zio mio caro caro!

ORAZIO: Oh, che bella sorpresa. E comme, io t’aggio scritto ca te veneva a truvà a Napule doppo dimane, e tu invece sì venuta ccà.

NINA: Pe ve vedé chiù ampressa zio mio.

ORAZIO: E bravo, bravo veramente. Comme te sì fatta bella.

NINA: Vuje pure state buono.

ORAZIO: Eh! Non c’è male. L’America me fà bene come denare e come salute. Mò bella mia so’ fenute le pene toje, zieto ha pensato pe te.

NINA: E io ve ringrazio. Ma zì zì. ve restate sempe a Napole.

ORAZIO: No, bella mia, mò che t’aggio vista, cumbino lesto na cosa, te sistemo e parto n’ata vota pe l’America. Oh, a proposito tu ccà nun sì venuta sola, chi t’ha accompagnata?

PAOLO: Il signore aspetta la signora nel n. 15.

NINA: Va bene.

PAOLO: Se volete qualche cosa, bussate il campanello. Permettete. (Sento na puzza abbrusciato, starrà piglianno sotto a la genovese!). (Via.)

ORAZIO: Aggio ntiso dicere: Il signore aspetta la signora nel n. 15,e chi è stu signore? Che te fusse mmaretata, dì la verità?

NINA: Sissignore, e me vedeva nu poco mbrugliata pe ve lo dicere.

ORAZIO: E pecché, anze me fà piacere, basta ch’è nu buono giovine. Che arte fà?

NINA: È... meccanico.

ORAZIO: Bravissimo! E comm’è, è nu bello giovine?

NINA: Nun c’è male, simpatico.

ORAZIO: E allora presentame, lo voglio conoscere.

NINA: Se sta facenno la barba, a n’ato poco ve lo faccio vedé.

SCENA SETTIMA

Errico e detti, poi Felice.

ERRICO: D. Orà, m’avite rimasto sulo.

ORAZIO: Sì, pecché era venuto a piglià lo ritratto de nepotema pe te la fà vedé. Ma nun c’è cchiù bisogno pecché eccola ccà!

ERRICO: (Che! Nina Boné). Chesta è la nepote vosta?

ORAZIO: Sissignore...

NINA: Concettina Penna a servirvi.

ERRICO: Favorirmi sempre. (Strette di mano.)

NINA: (Zitto pe carità!).

ORAZIO: Comme te pare, te piace?

ERRICO: Graziosissima.

ORAZIO: Intanto me dispiace che t’aggia dà na brutta nutizia. Nun putimmo cumbinà niente de chello ca te screvette, nun te la pozzo dà cchiù pecché s’è maritata.

ERRICO: S’è maretata?

NINA: Sì, e appena aggio saputo che zi zio steva ccà, so’ curruta pe le fà vedé mio marito.

ORAZIO: E nun l’aggio visto ancora pecché se sta facenno la barba. Errì scusa si t’aggio procurata na falsa gioia.

ERRICO: Non c’è che fare, pazienza.

FELICE (uscendo):Neh! Io sto aspettanno... (Errico!).

ERRICO: (Felice!).

ORAZIO: È chisto ccà forse?

NINA: Sissignore.

ORAZIO: E presentame.

NINA: Mio zio, Orazio Penna.

FELICE: Tanto piacere.

NINA: Felice Sciosciammocca mio marito.

ORAZIO: Fortunatissimo. Il mio avvocato Errico Fiore.

FELICE: Piacere.

ERRICO: Sono lieto di conoscervi. (Ride fra sé.)

ORAZIO: Signore, voi avete sposata mia nipote senza fortuna, la vostra azione è nobile, è generosa, ed io farò per voi più di quello che volevo fare.

FELICE: Fate tutto quello che credete.

ORAZIO: Invece di dare a mia nipote 300 mila lire, ce ne dò 350 mila. Siete contento?

FELICE: Ma vi pare, contentissimo.

ORAZIO: Pò avimma parlà nu poco tutte e duje, v’aggia fà vedé nu progetto de na machina che voglio fare per la stritolazione dell’uva. Nce sta la macchina ma è ad acqua, io la voglio fare a vento e a moto perpetuo. Voi siete meccanico e mi dovete dare delle idee.

FELICE: Ah! Se si tratta di macchine a vento, vi posso servire.

SCENA OTTAVA

Teodoro e detti, poi Achille.

TEODORO: Eccomi qua, D. Felì ci volete onorare?

FELICE: (Ncasa la mano!).

ORAZIO: Signor Sanguetta, vi presento mia nipote e mio nipote.

TEODORO: Oh! Noi siamo. vecchie conoscenze. Io sono venuto a prendere la bella coppia e condurla da mia moglie che n’ avarrà nu piacere pazzo!

NINA: Vuje permettete zì zì?

ORAZIO: Ma se sape, i doveri sociali primma di tutto.

FELICE: (Va trova comma fernesce!).

NINA: Ho piacere anch’io di conoscere la vostra signora. Andiamo!

FELICE: (Ma io nun pozzo venì).

NINA: (Stateve zitto pe carità. Si zì zio appura ca nun me site marito, accide a tutte e duje).

FELICE: (Aggio passato lo guajo!).

NINA: (E pò me facite perdere 350 mila lire). Vogliamo andare?

TEODORO: Prego signora. (Le offre il braccio.)

FELICE: Caro zio!

TEODORO: Signori. (Via con Nina e Felice. Errico ride.)

ORAZIO: Errì pecché ride?

ERRICO: Chillo D. Teodoro Sanguetta è na figura accussì curiosa che me fà scappà la risa.

ORAZIO: No, tu ride pe lo marito de nepotema, e hai ragione, pecché è nu tipo che fà ridere pure a me. Ma tu veramente nun te sì pigliate collera che Concetta è maritata?

ERRICO: Ma niente affatto.

ORAZIO: Bravo! Oh, io mò comme a zio l’aggia fà nu regalo, è vero?

ERRICO: Sicuro, viconviene.

ORAZIO: Mò vaco a piglià li denare e scennimmo nzieme, me daje nu cunsiglio pure tu. Mò vengo. (Via seconda sinistra.)

ERRICO: Io mò moro de la risa. Felice, l’affezionato Felice si è fatto sedurre da Nina Boné. E la nepote de D. Orazio era appunto Nina Boné, e me la vuleva cunsignà a me, e steva frisco. (Ride.)

ACHILLE: È permesso?

ERRICO: Che veco! D. Achille!

ACHILLE: D. Errico!

ERRICO: E vuje che facite ccà?

ACHILLE: So’ vnuto a truvà na sorella mia che resta qua a villeggiare.

ERRICO: E la mugliera vosta, mia cugina, che n’avete fatte?

ACHILLE: Stanno aspettanno abbascio.

ERRICO: (Roina sta ccà?).

ACHILLE: So’ sagliuto pe dimandà all’albergatore si tene doje belle stanze.

ERRICO: Ccà? Ma che site pazzo, chisto nun è albergo pe vuje... si sta male... i letti sono cattivi... non c’è aria...

ACHILLE: Ccà sta sole pe tutte parte, na bella scala, pulita.

ERRICO: Oh, insomma D. Achì, ccà ce sta Felice.

ACHILLE: Ha fatto quacche scappatella... Ah, ah! La mugliera se crede che sta a Puortece... Io pure dimane vaco a lo vico Pertusillo.

ERRICO: E pò, mò che ce penzo, D. Achì vuje mò proprio ve n’avita j da coppa a st’albergo.

ACHILLE: Io? E pecché?

ERRICO: Pecché ccà sapite chi ce sta? Chillo tale da dinto a lo vapore, sotto lo traforo, e ca ve dette la carta de visita...

ACHILLE: Orazio Penna? Chillo pazzo sta ccà?

SCENA NONA

Orazio e detti, poi Virginia e Rosina.

ORAZIO: Eccome ccà... Che beco! Chillo de sotto a lo traforo!

ACHILLE: (Stateve bene!).

ORAZIO: Buongiorno!

ACHILLE: Vi saluto.

ORAZIO: Volete a me?

ACHILLE: Io? No!

ORAZIO: M’avita dicere quacche cosa?

ACHILLE: Io? No!

ORAZIO: Me credeva che ireve venuto pe me sfidà.

ACHILLE: Niente affatto, io sono venuto per affari miei, io. (Ad Errico.) È vero?

ERRICO: Sissignore, è venuto per affari suoi, è nu galantuomo, io lo conosco.

ORAZIO: Lo canusce tu? È nu galantuomo? Allora va bene, qua la mano. Io la verità facette chell’ammuina pecché chella signora me piaceva, e vuleva fà vedé ca pigliava li parte soje... del resto che me ne mporta... era na simpaticona però...

ACHILLE: Altro che simpaticona.

ORAZIO: Nera... ve piacene li nere?

ACHILLE: La mia passione.

ORAZIO: Posso offrirvi. (Donandogli un sigaro.)

ACHILLE: Grazie! (Lo prende poi a Errico.) (Io non fumo!).

ERRICO: (E dicitencello).

ACHILLE: (E mò me l’aggio pigliato).

ERRICO: (E allora fumate). (Achille accende e fuma.)

ROSINA: Nun lo vide, se sta informando! Che veco! Errico sta ccà! (Avvicinandosi.) Errì, haje lassato a Felice?

ERRICO: Sì, pe na jurnata solamente.

ROSINA: E bravo, bella amicizia.

ORAZIO: Ma diteme na cosa, quanno vasasteve chella signora bruna sotto a lo traforo, stiveve nu poco vippeto. È vero?

ACHILLE: Io? Sicuro, nu poco.

ERRICO: D. Orà... (Fa segno di zittire.)

ORAZIO: Ma avisteve ragione, pecché chella era bona assaje.

ERRICO: D. Orà, badate che ci sono delle signore.

ORAZIO: Oh! Perdonate signore, io scherzavo con un amico a proposito di un’avventura che le capitaje sotto a lo traforo a Vietri. Le signore sono arrivate adesso?

ERRICO: Sì, volevano alloggiare qua, ma siccome qua camere non ce ne sono più, andranno in un altro albergo.

ORAZIO: Oh! Perché? Se permettete vi cedo le mie stanze.

ROSINA: Ma perché incomodarvi.

ORAZIO: Ma nessun’incomodo, anzi mi tengo fortunato di potervi servire. Vado a dì a lo cammariere che mettesse subito in ordine le stanze. Errì jammo. (Via con Errico fondo destra.)

VIRGINIA: E bravo D. Achille, andate facendo conquiste sotto i trafori.

ACHILLE: Virginia mia, ti assicuro...

VIRGINIA: Zitto... miettatenne scuorno...

ACHILLE: Statte zitto sà? Si no me faje fà la pazza.

ROSINA: Virgì, ma calmati.

VIRGINIA: Me calmo? Vularria vedé tu che faciarrisse al caso mio. Certamente io nun me l’aggio spusato pe bellezza, ma pe tené nu marito buono, fedele. Tu me diciste, chillo è n’ommo fatto, te farrà felice, te ricuorde? Invece nun e stato accussì. Dice che nun fumava, e lo trovo cu nu sicarro mmocca e me fà sentire sti belli cose.

ACHILLE: Ma fammi discolpare almeno.

ROSINA: D. Achì, dicite comme jette lo fatto.

ACHILLE: Ecco qua. Io teneva sete, a Nocera lo treno se fermaje, io scennette pe bevere, e nun facette a tiempo a turnà dinta a la carrozza mia, de pressa me mpezzaje dinta a n’ata carrozza addò stevana signora bruna, trabballaje e le cadette ncuollo, chella se mettette alluccà credendo ch’io l’aveva fatto apposta pe le dà nu vaso.

ROSINA: Veramente?

ACHILLE: Credetemi... io trabballaje!

VIRGINIA: Embè avita sapé ca mentre vuje trabballaveve ncuollo a chella signora, nu giovine vasaje a me...

ACHILLE: Che!

VIRGINIA: Proprio sotto lo stesso traforo, nu bello giovine biondo.

ROSINA: Virgì...

ACHILLE: E tu te faciste vasà?

VIRGINIA: E io che ne sapeva... chillo trabballaje.

ACHILLE: Silenzio signora! Dov’è quell’uomo... Chi è?

VIRGINIA: Ah! Vulesse lo cielo e sapesse addò stà.

ACHILLE: Avite ditte ch’era bello?

VIRGINIA: Bellissimo!

SCENA DECIMA

Ciccillo, Paolo e detti, poi Teodoro.

CICCILLO (indicando le donne):Eccole là!

PAOLO: Il signor Orazio vi cede le sue camere... (Che veco! Essa!).

VIRGINIA: (Chill’ommo de lo traforo! Nu sguattero!).

ROSINA: Vediamo queste camere...

VIRGINIA: (No, no!).

ROSINA: (Pecché?).

VIRGINIA: (Fu chesto che me vasaje dinto a lo vapore).

ROSINA: (Chisto?). (Ride.)

VIRGINIA: (Tu ride? Jammuncenne, nun ce voglio stà).

ROSINA: (Ma nun fà scimità, chillo nun è ommo ca pò compromettere na femmena).

PAOLO: (Essa abiterà qua, nel mio albergo! Oh! Gioia!).

ROSINA: Dunque andiamo a vedere queste camere.

PAOLO: Ciccillo, accompagnate le signore.

CICCILLO: Subito. Favorite!

ROSINA: Jammo Virgì. (Viano.)

PAOLO: (Essa si chiama e io Paolo).

ACHILLE: (Ma che have stu lavapiatte). Tu chi sì?

PAOLO: Sono il padrone dell’albergo.

ACHILLE: E ghiate vestuto de chesta manera?

PAOLO: Solo per oggi perché ho licenziato il cuoco. E voi, scusate, a quella giovine più alta, che le siete padre, forse?

ACHILLE: No, sono il marito.

PAOLO: Il marito? (Sospirando.) Ah!

ACHILLE: (Aggio capito, chisto ha da essere pazzo). (Via seconda a sinistra.)

PAOLO: Lo marito! Sì, ma chella certo nun lo pò vulé bene. Me dispiace ca stevo vestuto da cuoco, ma che fà? È un’abito... candido e bianco come lei.

TEODORO: Aggiate pacienza, preparate nu decotto di tiglio.

PAOLO: Mò nun pozzo penzà a niente, lassateme stà.

TEODORO: Serve pe chillo povero D. Felice che s’è ntiso male e ha voluto turnà ccà. (Via fondo.)

SCENA UNDICESIMA

Ciccillo e detto poi Teodoro, Felice e Nina.

CICCILLO: Chelli signore hanno pigliato possesso de le cammere e se so’ chiuse da dinto a chiave.

PAOLO: E pecché?

CICCILLO: E che ne saccio. Vaco a ordinà la biancheria pulita. (Via.)

PAOLO: Forse se starrà spuglianno... mò vaco a fà la spia da dinta a la mascatura. (Via.)

TEODORO: Comme ve sentite?

FELICE: Lo stesso, lo stesso!

TEODORO: Addò sta l’albergatore? D. Paolo? D. Paolo? ( Via fondo sinistra.)

NINA: D. Felì fenitela, comme site curiuso. Vuje pare fusseve into a morte a casa de chillo. Ccà se tratta de là vedé che site maritemo pe nu pare de juorne.

FELICE: Pe lo zio vuosto ca nun ce cunosce, che parte va bene, ma cu Sanguetta e la mugliera ca me sanno, passo nu guajo. (Nina ride.) Vi prego di non ridere, perché la mia posizione non è bella. Io me ne vaco dinta a la cammera mia, mò ca vene Teodoro dicite che sto peggio.

NINA: Va bene! (Ride.)

FELICE: Eppure quanno ridete siete più bella!... (Bacia la mano.)

SCENA DODICESIMA

Teodoro, Ciccillo e detti.

TEODORO (a Ciccillo):Famme lo piacere, va dinta a la cucina, pe fà nu bella decotto de tiglio.

NINA: No, no, il decotto l’indebolisce, conosco io una pozione che gli farà bene, ma bisogna che lo prepari io stessa. (A Ciccillo.) Datemi una macchinetta a spirito, dell’acqua, dello zucchero, un po’ di cognac e due limoni.

CICCILLO: Vi servo subito. (Via poi torna.)

TEODORO: Comme ve sentite?

FELICE: Lo stesso. Ma volarria riposà nu poco.

NINA: Allora mentre io preparo lo calmante, tu và dinto.

FELICE: Chesto voglio fà. D. Teodò stateve bene... salutateme a D. Mariannina.

TEODORO: Grazie, ma mò v’accumpagno io, appoggiatevi.

FELICE: Ma pecché tanto incomodo.

TEODORO: Ma è nu piacere pe me! Appoggiatevi.

FELICE: (Puozze passà nu guajo!). (Viano a soggetto a prima destra.)

NINA (ride):A tené nu marito vicino comme a chisto non è na bella cosa veramente, ma intanto è stata na bella cumbinazione pe zì zio.

CICCILLO: Ecco qua la macchinetta, l’acqua e lo zucchero, adesso vi porto il cognac. (Via.)

NINA: Fate presto.

SCENA TREDICESIMA

Achille, Paolo e detta, poi Ciccillo, poi Rosina.

ACHILLE: Oh! Ma fateme capì, pecché ve mettite a fà la spia da dinta a la mascatura addò sta muglierema!

PAOLO: Vi sbagliate, aggio guardato na macchia che steva vicino a la porta.

ACHILLE: Nu va n’incaricate, lassate stà li macchie, si no aizammo cuollo e nce ne jammo.

PAOLO: No, questo no! Uccidimi se vuoi ma non partir da qui. (Via.)

ACHILLE: È pazzo, è pazzo.

CICCILLO: Ecco qua il cognac.

NINA: Grazie.

ACHILLE: (Ma che veco! Chella è Nina Boné!...).

NINA: (Va trova chillo chi è ca me guarda).

ACHILLE: (Ma si è essa! E comme se trova ccà? Quanto è bona).

NINA: E i limoni dove stanno?

CICCILLO: È vero signora, me n’ero dimenticato. Vì servo subito. (Via poi torna.)

ACHILLE: (Se n’è ghiuto lo cameriere, mò la saluto). (Per avvicinarsi, ma vedendo venire Rosina.) Che! D.a Rosina. ( Via fondo sinistra.)

ROSINA (con lettera):Mentre Virginia s’appiccecava ce lo marito aggio scritto na bella lettera a Felice. (A Nina.) Scusate, fatemi imbucare questa lettera.

NINA: Io? Ma chiamate il cameriere, la donna...

ROSINA: Abbiate pazienza signora, ho preso uno sbaglio.

NINA: Ho capito, vedendomi occupata a fare un poncio come fossi in casa mia. (Esce Ciccillo con i limoni.) Ecco qua, vi potete servire di questo giovine.

CICCILLO: Che comanda la signora?

ROSINA: Voglio essere imbucata questa lettera. (La dà.)

CICCILLO: Subito. (A Nina.) Come sta quel signore?

NINA: Lo stesso.

CICCILLO: Speriamo che si rimettesse presto. Permettete. (Via.)

ROSINA: Avete un ammalato?

NINA: Sì, mio marito è nu poco indisposto.

ROSINA: Gli state facendo un decotto?

NINA: No, un poncio caldo. Gli fà tanto bene.

SCENA QUATTORDICESIMA

Errico, Orazio e dette, poi Virginia.

ERRICO: (Nun m’ha vuluto lassà nu mumento. Che! Rosina cu Nina Boné!).

ORAZIO: (Oh, guarda chella figliola de poco primma, sta nzieme cu nepotema). Signora!

NINA: Mio zio, Orazio Penna.

ORAZIO: Ho già avuto l’onore di vedervi. E tu che staje facenno cu sta machinetta.

ROSINA: Sta facenno nu poncio caldo per il marito che non si sente bene.

ORAZIO: Me dispiace. E che tiene?

NINA: Cosa da niente, una piccola indisposizione.

ORAZIO: Voi non conoscete il marito di mia nipote?

ROSINA: No!

ORAZIO: Ve l’aggia fà vedé.

ERRICO: (Mò s’ammaturano le palate).

ORAZIO: Mò vaco a vede comme sta. Permettete. ( Via prima sinistra.)

NINA: Vengo con voi zio. (Nun li voglio lassà sule). Con permesso.

ROSINA: Fate! (Nina via.)

ERRICO: (E mò n’aggia fà j a Rosina a qualunque costo).

VIRGINIA (uscendo):Comm’aggia fà, so’ ghiuta pe m’affaccià a la fenesta de la cammera mia, e aggio visto fora a lo balcone appriesso chillo cancaro de sguattero, e quanta mosse ca me fà.

ERRICO: Sapite, vuje ve n’avita mò proprio.

VIRGINIA: E se capisce, pecché chillo sguattero è n’affare serio.

ERRICO: Ma che sguattere, nun se tratta solamente de lo sguattero, questo non è albergo per voi.

ROSINA: Pecché?

ERRICO: Chella figliola ca steva ccà facenno lo poncio, sapite chi è?

ROSINA: Chi è?

ERRICO: La canzonettista Nina Boné.

ROSINA: Nun è la nepote de chillo signore?

ERRICO: Ma che, tutt’altro.

ROSINA: Nun è mmaretata?

ERRICO: Ma che! È nu finto marito!

ROSINA: E io nc’aggio parlato cu tanta confidenza. Addò sta D. Achille, jammuncenne.

ERRICO: Nun ve cunviene de stà cca.

SCENA QUINDICESIMA

Nina, poi Vincenzo, poi Orazio, Felice, Teodoro e detti.

NINA: Se si potesse avere nu buon bistech!

VINCENZO: Scusate, sapete dove sta Teodoro? Chiste sò i due biglietti che m’ha dato pe D. Felice Sciosciammocca e la mugliera.

NINA (prende la busta):Grazie!

ERRICO: (È fatto lo guajo!).

ROSINA (ad Errico):Che vò dicere chesto? D. Felice Sciosciammocca e la mugliera?

ERRICO: Niente, è nu sbaglio! Jatevenne!

ROSINA: No, mò nun me ne vaco cchiù!

ORAZIO: Statte allegramente, maritete sta buono, eccolo cca.

FELICE: Sì, sto meglio... (Che! Rosina!)

VIRGINIA: (D. Felice!). (Quadro.)

NINA (con soddisfazione):(Chesta è la mugliera!).

ROSINA: Voi dunque siete la signora Sciosciammocca?

NINA: A servirvi!

ROSINA: Brava! Avete sposato D. Felice il nipote del canonico?

NINA: Perfettamente!

FELICE: (So’ muorto!).

NINA: E voi signora scusate, chi siete?

ROSINA: Ah, io?... Io chi sono? Io sono la canzonettista Nina Boné!

NINA: Voi?

ROSINA: Perfettamente!

ERRICO: (È asciuta pazza Rosina!).

TEODORO: Possibile? Ma è overo?

VINCENZO: Fosse nu suonno?

TEODORO: Voi la celebre Boné?

VINCENZO: Boné? Boné?

TEODORO: Allora signorina, voi solamente mi potete salvare. Stasera c’è nu concerto al teatro, una serata di beneficienza, ma ci manca l’attrattiva principale. Voi solamente potete salvare l’incasso.

VINCENZO: Voi dovete cantare signorina, è nu bene che fate ai poveri.

ROSINA: Debbo cantare? Ebbene, canterò!

TEODORO: Oh, grazie, grazie!

ORAZIO: Allora non parte più!

ROSINA: Sì, canto, canto tutto, tutto quello che volete: Napole bello... Dinto a tre ghjuorne... Montevergene... ‘O tramme elettrico... ‘E nenne belle... e pure la Sciampagnona!

TEODORO: Pure la Sciampagnona?

ROSINA: Sicuro! E che fà? E na canzona nu poco spinta, e che vò dicere? Mò è l’epoca che chella rrobba venne, e io chello le dongo.

VINCENZO: Eccola qua, la tengo io!

ROSINA: Bravissimo! Allora maestre, suonate! (Vincenzo siede al pianoforte e lei canta.)

Chelli femmene che sanno

Veramente fà l’ammore

Tanta smorfie nun li fanno

Fra ’o scuorno e ’e rossore

A stu munno nuje venimmo

Pe là l’uommene scialà

E gnorsì, gnorsì sapimme

Che nce vò p’è contentà!

Chelle ca se cummogliano

La gamba fino al piè...

Chello so’ cchiù terribile...

Te fanno stravedé!

Faccio ammore, sì, pur’io,

Ma nun songo avara, no,

A Totonno belle mio

Io le dongo zò che bò!

Mò nu pizzeco, n’abbraccio,

Nu vasillo pecché no?

E me chiammano, ’o saccio...

Sciampagnona, Sciampagnò!

(Tutti la guardano stupiti. Felice è svenuto sopra una sedia.)

(Cala la tela.)

Fine dell’atto secondo

ATTO TERZO

La scena è divisa in due. Il lato sinistro il camerino del teatro, una porta a sinistra ed una a destra. A sinistra toletta montata a merletto bianco con sopra occorrente per il trucco. Quattro buchè di fiori sparsi per la cameretta. Il lato destro rappresenta il dietro del palcoscenico del teatro, tele a metà, quinte di traverso, porta.

SCENA PRIMA rossana

Vincenzino, poi Teodoro.

VINCENZO (in frack esagerato sorte dal lato sinistro):Non ci pensate signorina, state bene, state una bellezza, voi farete nu chiasso. Ma quanto è bona, che uocchie, che bucchella.

TEODORO (in frack con in mano un buchè, si dirige alla porta):Si può?

VINCENZO: Avanti. (Apre.) Oh! D. Teodò site vuje?

TEODORO: Nina che fà?

VINCENZO: S’è vestuta, ma nun è pronta ancora.

TEODORO: E comme avite fatto cu l’abite?

VINCENZO: Chella nun teneva niente, ha ditto c’ha rimasto tutta la rrobba a Napole. Fortunatamente dinto a li cammarine ce stevano li casce de vestiario ca rimanetteno mpigno l’ultima cumpagnia che stette ccà, io l’aggio aperte e l’aggio dato tutte cose.

TEODORO: Meno male! Che Purè e Purè, questa tiene un nome colossale. Lo Sinnaco, la Giunta stanno tutte quante cuntente. Le vorria dà stu buchè.

SCENA SECONDA

Errico e detti, poi Rosina.

ERRICO (dirigendosi alla porta di divisione):È permesso? (Apre ed entra.)

TEODORO: Avvocà scusate, vuje ccà nun nce putite venì.

ERRICO: Voglio salutare la signorina Boné.

TEODORO: Ma mò nun pò essere, sta nervosa e se sta vestenno.

ERRICO: Non fà niente, io aspetto.

TEODORO: Nun vularria ca se pigliasse collera.

ERRICO: Non dubitate, cu me nun se piglia collera.

TEODORO: (Vì comme è tuosto). E va bene. Lo buchè mio nce lo mette ccà cu nu biglietto de visita. (Lo mette sulla toletta.) Voglio j a vedé fora che se fà.

VINCENZO: L’orchestra è venuta?

TEODORO: Nun saccio, jammo a vedé. Permettete. Ve raccumanno nun la facite piglià collera.

VINCENZO: Nun trasite, aspettate! (Viano.)

ERRICO: Io nun ne capisco niente cchiù. Ma che vò fà Rosina, veramente vò canta stasera? Oh, nun lo pozzo mai credere. (Chiamando.) Rosì, Rosì! Uh! Chella c’ha cumbinato?

ROSINA (in abito da canzonettista):Che c’è?

ERRICO: Ma tu c’haje pErza la capa? Ma che buò fà?

ROSINA: Aggia cantà, sono compromessa col pubblico.

ERRICO: Ma nonsignore, truvammo nu mezzo, tu che figura faje, ma addò stà cchiù lo scuorno tujo, rifliette buono.

ROSINA: Oh! Errì lassame stà, voglio fà chello ca me dice la capa. Io vuleva essere na bona figliola, na bona mugliera, nun ce so’ riuscita, pacienza. Lasseme truccà e vattenne. (Va alla toletta e mette la cipria.) Lo scuorno? E ne tenimmo cchiù doppo chello ch’è succieso? Nu marito che io credeva n’angelo, che credevo fedele, se ne scappa cu n’ata femmena, e pò che femmena. Svergognato, assassino! L’aggia mettere ncoppa a nu puorco, nun l’aggia fà cumpari cchiù pe Napole..

ERRICO: Haje ragione, ma calmate e cerca de riflettere buono a chello che staje facenno.

ROSINA: Aggio riflettuto buono e so’ decisa, aggia cantà, aggia essere canzonettista, e lasseme stà.

ERRICO: Ma io te dico che fai male.

ROSINA: Voglio fà male, nun aggia dà cunto a nisciuno.

ERRICO: E fà chello che vuò fà tu ca nun me mporta niente. Io pe me a Puortece nun ce torno cchiù, e tu avarrissa fà lo stesso, pecché nun capisco cu che faccia dimane te putarrisse presentà a casa de tutte le famiglie che cunusce tu e che te purtavano nchianta de mano. Rosina, Rosina Fiore, che come carattere, come modo di pensare se puteva veramente chiammà nu fiore, Rosina che era il modello della virtù, ha pigliato nientemeno lo nomme de na canzonettista e ha cantato in pubblico teatro. Ah! Io si fosse a te m’accedarria cchiù priesto. E pecché? Pecché lo marito ha fatto na scappatella qualunque, pecché ha ncucciate lo marito cu n’ata femmena. E che novità è chesta? Nun succede forse tutte li juorne, e forse li mugliere fanno chello che vuò tu? E pò, nun te ricuorde c’haje ditte tantu male de Nina Boné, che l’haje fatta la guerra, che l’haje atterrata addirittura per la sua condotta, e mò piglie lo nomme sujo, e cante le canzone soje? Oh, agge pacienza, chesto significa d’avé perza la capa! E pò, che ne saje tu comm’è ghiute lo fatto? E si Felice nun ce vuleva j? E si chella l’ha trascinato cu chiacchiere? E si è stata na vendetta che s’ha vuluto piglià cu te pe chello che l’haje fatto? Ma comme? Accussì s’agisce, accussì agisce na figliola piena di moralità comme a te? Io te dico francamente che nun te conosco cchiù.

SCENA TERZA

Nina e detti.

NINA (si dirige alla porta di divisione):Si può?

ROSINA: Chi è?

NINA: È Nina la canzonettista.

ROSINA: E che vene a fà ccà? Stasera fenesce malamente!

ERRICO: Vattenne dinto. (La spinge a sinistra. Rosina via.) Favorite.

NINA: È permesso di salutare la celebre Nina Boné?

ERRICO: Ma questo mi pare che non stà, che vulite fà succedere nu chiasso?

NINA: E pecché ha da succedere nu chiasso? Nuje simme doje figliole cuntente. Essa s’ha pigliato lo nomme mio, e io me piglio lo marito. Tenco nu palco de prima fila vicino a li scene, llà mi sento le canzonette.

ERRICO: Ma insomma, ccà che site venuta a fà?

NINA: So’ venuta per le dicere quacche cosa che fà bene a essa e fà bene a me. Quanno canta «Li tre terature» nun ha da fà troppe mosse, quella è una canzone che io la canto a fior di labbro, e quanno meno se move meglio fà... Quanno canta la «Sciampagnona» nun ha d’aizà troppo la gonna pecché nun s’usa cchiù, appena appena nu piccolo movimento, quando il pubblico vede poco, si entusiasma, vò vedé cchiù assaje e applaudisce, sono i segreti dell’arte, e poi non si sforzasse a cacciare molta voce, perché per le canzonette voce nun ce ne vò, tutto dipende dalla grazia.

ERRICO: Ma ve pare che vuje le venite a dicere sti cose e ccà nun succede lo trentuno? Finitela sentite a me, ritornate vuje chella che ireve e essa chella che era.

NINA: No, mò ha da cantà, l’aggia sentì, voglio vedé che fà. Si è femmena de carattere ha da cantà, ha da mantené la parola.

ERRICO: Ma capite che si ccà stasera succede nu scandalo, lo zio vuosto D. Orazio appure ca site na canzonettista e perdite 350mila lire.

NINA: E chesto l’ha salvata, si no nce facevamo nu paliatone nummero uno.

ERRICO: Perciò evitiamo di fare uno scandalo. Felice addò sta?

NINA: Se n’è scappato e nun l’aggio visto cchiù.

ERRICO: E chillo certo ne piglia na malattia. Vedete che rovina!

NINA: Uh! E chesto è niente ancora, avite voglia de vedé!

SCENA QUARTA

Felice e detti, poi Vincenzo, indi Teodoro, Eleuterio e servo.

FELICE (da destra travestito da giovane di caffè, una lunga visiera del berretto gli copre gli occhi, in mano tiene un cabaret con tazza e caffettiera):Succede chello che pò succedere, ma io aggia vedé muglierema! Mannaggia a la capa mia mannaggia! Chillo è lo cammarino sujo, va trova che sta facenno.

VINCENZO (dirigendosi alla porta della divisione):Signorina, è permesso?

ERRICO: Avanti, chi è?

VINCENZO: Sono io il direttore d’orchestra. (Entra.) La signorina Boné?

ERRICO: È dentro, che cosa le dovete dire?

VINCENZO: C’è fuori il Sindaco che verrebbe salutarla.

ERRICO: Ma io non sò se adesso può ricevere.

VINCENZO: Ma io credo di sì. Sapete, si tratta del Sindaco, la prima autorità del paese, sembra brutto. (Felice entra a sinistra e si mette in fondo col cabaret in mano.)

NINA: Oh, ma si sa, bisogna riceverlo.

ERRICO: La vado ad avvisare. (Entra.)

VINCENZO (a Felice):Ohè! E tirati indietro tu, che faje lloco? Questo caffè è della canzonettista? (Felice abbassa la testa.) L’ha mannate a ordinà essa? (Felice c.s.). E lo sape che staje ccà? (Felice c.s.). Aggio capito, chisto ha da essere muto.

TEODORO (dal fondo seguito da Eleuterio e da un servo con un grosso buchè):Favorite, favorite signor sindaco.

ELEUTERIO (in frack):Grazie, io non la voglio incomodare, quando la saluto, le offro un fiore e me ne vado.

TEODORO: Ma che incommodo, n’avarrà piacere. D. Vicenzì, addò sta?

VINCENZO: Sta dinto, è stata avvisata.

TEODORO: Sindaco, favorite.

ELEUTERIO (al servo):Aspetta lloco fora. (Entra.) Rispettabilissima signorina, io vengo solamente per salutarvi.

TEODORO: Ma questa non è essa, non è la Boné.

NINA: No, io sono una carissima amica.

VINCENZO: Eccola qua signor Sindaco.

SCENA QUINTA

Errico, Rosina e detti.

ERRICO: Ecco la signorina Boné!

ROSINA: Signor Sindaco.

ELEUTERIO: Madamigella, tanto piacere. Eleuterio Montagna ai vostri comandi.

ROSINA: Fortunatissima!

ELEUTERIO: Noi ricorderemo sempre quello che avete fatto in questo piccolo paese, i poveri benediranno e i ricchi vi ammireranno. Solamente con questa occasione potevamo avere il piacere di sentire la vostra bella voce, ad applaudire anche noi la grande, la celebre Nina Boné.

ROSINA: Oh! Per carità! Io non sono né celebre né grande, sono una semplice canzonettista, ce ne sono tante come me, e forse meglio di me. Quel poco di nome che mi son fatto, lo debbo alle canzoni, diciamo... dell’epoca, alle canzonette che... piacciono agli uomini, ma che fanno arrossire le donne, ma purtroppo questa roba non va più, il pubblico è stanco! Ed infatti, io, debbo dirlo mio malgrado, per il pubblico non sono più quella di una volta.

NINA: Ed io vi posso assicurare che Nina Boné è sempre la stessa, che delle Nine Boné non ce n’è che una, capite, una.

ELEUTERIO: Permettetemi intanto che anch’io vi offra qualche fiore del mio giardino. A te, vieni avanti. (Al servo che entra.)

ROSINA: Oh! Una bellezza!

ELEUTERIO: È degno di voi. (Le bacia la mano. Felicefa cadere il cabaret.)

VINCENZO: (Haje fatto stu guajo, e mò va piglia ll’ato!). (Felice attraversa la scena e via dal fondo. Di dentro suona l’orchestra.)

ELEUTERIO: Ci siamo, maestro suonano senza voi.

VINCENZO: Prego signor Sindaco, io dirigo solamente gli artisti.

ELEUTERIO: Allora, permettete madamigella, vado ad applaudirvi.

ROSINA: Mi compatirete. (Eleuterio le bacia la mano e via col servo.)

NINA: (Si me vene ncape, me scordo de zì zio, de la fortuna, de tutte e faccio chello che dico io!). Arrivederci amica mia, e ricordati che di Nina Boné c’è n’è una sola, una! (Via fondo.)

TEODORO: Una... una! Quanto site bona, me parite na fata. (Via.)

VINCENZO: Permettete signorina. Avete detto che cantate: Napole bello, Li tre teratore, e la Sciampagnona?

ROSINA: Perfettamente!

VINCENZO: Va bene! (Chill’animale ha fatte cadé tutto lo cafè nterra, mò faccio venì ll’ato!). (Via fondo.) (Di dentro fischi ed urli.)

ROSINA: Che d’è neh?

ERRICO (va a guardare da un foro che sta sul fondale a destra):Niente, niente, è il pubblico che aspetta la canzonettista, aspetta a te e nun vò sentì ato.

ROSINA: Nce sta assaje gente?

ERRICO: È tutto pieno.

ROSINA (va a guardare):Mamma mia che folla! (E chi esce llà fora). (Ritorna a sinistra.)

ERRICO: (Voglio j a vedé si stesse Felice pe ccà fora). Io mò torno, pensa a chello che faje. (Via a destra.)

ROSINA: Chi esce llà fora? Chi tene lo curaggio de cantà... Oh! Lo curaggio m’ha da venì e me venarrà! Aggia dimostrà a maritemo che so’ na femmena de carattere, e chello che aggio ditte aggia fà!

SCENA SESTA

D. Michelino e detta.

MICHELINO (di dentro a destra):Fuori le scene... il segnale. (Di dentro campanello elettrico, Michelino esce.) È inutile, è inutile, il pubblico non sentirà nulla stasera, tutta l’aspettativa è per la Boné. (Va al camerino.) Signorina buona sera.

ROSINA: Buona sera. Voi chi siete?

MICHELINO: Sono il Direttore del palcoscenico Michele Palletti, sono venute a dirvi che vi prepariate perché il pubblico non vuol sentire nessuno. Tutti aspettano la diva, tutti aspettano voi, la regina della serata.

ROSINA: Quand’è che debbo uscire?

MICHELINO: Sareste il quarto numero, ma non si arriva, non si arriva. (Di dentro musica pianissimo.)

ROSINA: E per dove debbo uscire?

MICHELINO: Di là... vi vengo a prendere io, se credete.

ROSINA: Sì, mi fate piacere.

MICHELINO (esce va a guardare nel foro della tela a destra):Adesso sta lavorando un prestigiatore... meno male, il pubblico sta zitto, ma non dura, non lo faranno finire, ne son certo.

ROSINA: Voglio vedere. (Va a guardare nel foro.)

MICHELINO: Venite con me signorina, vi faccio vedere meglio dalle quinte. Ma che cos’è, vi sentite male?

ROSINA: No, niente, niente.

MICHELINO: Venite con me. ( Viano fondo a destra.)

SCENA SETTIMA

Biasiello, poi Felice, poi Achille e Virginia.

BIASIELLO (giovane di caffè con grembiule, ha in mano un cabarè con tazza e caffettiera, esce dal fondo ed entra a sinistra, si ferma nel fondo. Pausa. Esce Felice anche da giovane di caffè come alla prima scena, e fa lo stesso. Pausa).

FELICE: Tu che vuò a ccà?

BIASIELLO: Aggio purtato lo cafè.

FELICE: A chi?

BIASIELLO A la Boné.

FELICE: E chi te l’ha ordinato?

BIASIELLO: E che te ne preme a te?

FELICE: Me preme, me preme.

BIASIELLO: Io non te lo voglio dicere. Si te vedelo patrone abbusche, lo saje? Pecché ccà cafettiere nun nce ponno trasì dinto Lo teatro, tenimmo nuje la privativa.

FELICE: Va llà, vattenne!

ACHILLE (dal fondo) Io pe me ritengo ch’è nu bello scherzo e non c’è niente di male.

VIRGINIA: Ah! Comme la pienze tu non c’è niente de male, mò comme la penzo io c’è tutto il male possibile! Mò nce lo dico pe l’ultima vota, si me vò sentere bene, sino me ne vaco a Napole e l’uocchie mieje nun li vede cchiù.

ACHILLE: E fà comme vuò tu! (Entrano a sinistra.)

VIRGINIA: La signorina addò sta? (Felice e Biasiello si guardano.) La canzonettista? La Boné insomma, addò sta?

BIASIELLO (a Felice):Addò sta Boné?

FELICE: (Ncapo a lo sargente). (Fa segno che non lo sa.)

VIRGINIA: Animale tutte e duje! (Fischi ed urli di dentro.)

ACHILLE: Ch’è stato neh?

VIRGINIA: Starranno fiscanno a essa, ha fatto lo guajo. (Escono a destra.)

BIASIELLO: Io pe me aggio che fà, me ne vaco, quanno vene lo trova ccà. (Mette il cabarè sulla toletta e via a destra.)

SCENA OTTAVA

Rosina, Michelino e detto.

ROSINA: È impossibile! La folla è troppa, io nun pozzo ascì llà fora... Virginia mia! (L’abbraccia.)

MICHELINO: Voi scherzate, non volete uscire a cantare, e come si fà col pubblico?

VIRGINIA: Il pubblico saprà che la signorina non canta, e non canterà. Viene Rosì, viene te spoglia, tu nun staje bona cu stu vestito. (Trascinandola nel camerino.)

MICHELINO: Ma questo è un guajo! Questo è un precipizio!

ACHILLE: Che v’aggia dicere, se volete canto io. (Entra anche lui.)

MICHELINO: Vado ad avvisare il sindaco, D. Teodoro, tutti quanti! Che rovina... che rovina! (Via fondo.)

ROSINA: Virginia mia, vedenno tutta chella folla, chillo chiasso, m’è venuto lo friddo ncuollo, e pensanno ch’io aveva ascì llà fora, me so ntiso svenì e me ne so’ scappata.

VIRGINIA: Haje ragione... pigliate nu poco de cafè. (Felice si avvicina, versa il caffè nella tazza e Rosina beve.)

ROSINA: Grazie! Pare niente ascì llà fora, pare niente a fà l’artista, ma è brutto, è brutto te l’assicuro.

ACHILLE: Ma se capisce cara signora.

ROSINA: E io me trovo a chesto pe chi? Pe nu nfame de marito.

SCENA NONA

Nina e detti.

(Nina esce dal fondo e si mette a spiare vicino alla porta della divisione.)

FELICE (scoprendosi):No Rosina mia, io non aggio fatto niente, io so innocente. (S’inginocchia.)

ACHILLE: D. Felice!

ROSINA: (Isso!).

VIRGINIA: Da cafettiete. (Ride.) Ah, ah, ah!

FELICE: Sì, sono innocente, te lo giuro. Quella donna per vendicarsi cu te, m’ha fatto truvà dinta a stu mbruoglio, perdonami.

ROSINA: Perdonarti? Mai. (Via a sinistra.)

ACHILLE: Va buono, jammo dinto, venite cu me!

FELICE: Pensateci voi, aiutatemi.

ACHILLE: Mò vedimmo che se pò fà. Ma comme, vestuto da cafettiere? (Ride sconciamente.)

FELICE: Quanto è bello, me pare nu pupazziello. (Viano a sinistra. Voci di dentro. La Boné, la Boné, applausi.)

NINA: Ah! È impossibile, nun pozzo resistere. (Via di fretta nel camerino a sinistra, chiude a chiave e via per la porticina del fondo.)

SCENA DECIMA

Orazio, Errico, poi Vincenzino, Michelino e Teodoro.

ORAZIO: Ma io nun capisco, na vota che il pubblico vò la Boné, pecché nun la fanno ascì?

ERRICO: Pecché nun spetta ancora a essa.

ORAZIO: Ma quanno nun venne sentì a nisciuno, che nce vulite fà? Accummincianno a me, sto frienno pe sentì sti canzone da essa. Dicimmo a lo direttore ca la facesse cantà, si no lo pubblico nun se calma.

VINCENZO (dal fondo seguito da Michelino e da Teodoro):Ma non èpossibile! Questa sarebbe un’infamia.

TEODORO: Un’assassinio!

MICHELINO: Non canta, ve l’assicuro io!

TEODORO: Ma pecché?

MICHELINO: Vedendo il teatro pieno si è avvilita.

TEODORO: E come, na celebrità, n’artista di quella forza, si avvilisce pecché vede lo teatro pieno?

VINCENZO: Ma nun pò essere.

ORAZIO: È na scusa pe nun cantà.

VINCENZO: Ma ha da cantà sangue de Bacco, si no stasera fenesce brutto. Io povero giovane, per dire al pubblico solamente: pazientate un altro poco, nu signore da dinto a nu palco m’ha menato nu purtuallo nfronte.

ERRICO: (Rosina s’è fatta capace. Meglio che succede st’ammuina che si avesse cantato). (Di dentro urli e fischi e voci del pubblico: La Bonè, la Boné.)

SCENA ULTIMA

Eleuterio e detti, poi Nina, indi Felice, Rosina, Achille e Virginia.

ELEUTERIO:Neh, Teodò, ma è overo che la Boné nun vò cantà?

TEODORO: È verissimo signor Sindaco.

ELEUTERIO: E perché?

TEODORO: Pecché ha ditto che c’è troppa folla e s’avvilisce.

ELEUTERIO: E già, comme fosse na principiante, chisto è nu pretesto, nun è overo niente. Primma la Puré, pò la Boné... pò s’avvilisce... Ccà s’è capito tutte cose Teodò, tu haje fatte chesto pe nce fà fà na cattiva figura dinto a lo paese, pe fà cadé lo Sinneco e la Giunta... ma nuje nun cadimmo vì, e te dico che stavota nce vaje male assaje, cheste so’ lazzarate, so’ purcarie.

TEODORO: Signor Sindaco, badate come parlate, pecché io so’ nu galantomo, e nun so’ capace de fà sti cose.

ELEUTERIO: Tu sì nu chiacchierone, nu mbruglione qualunque.

TEODORO: A me mbruglione! Signor Sindaco, ritirate la parola, pecché si no Sinneco e buono ve faccio na querela.

ELEUTERIO: A me faje na querela? Vattenne, và fà lo sapunaro.

TEODORO: Pure sapunaro? Vuje avite ntiso? Va bene, me ne darraje cunte de sti parole.

ELEUTERIO: Comme vuò tu, de qualunque manera.

ERRICO: Ma calma, calma!

ORAZIO: Signori miei, voglio fà nu tentativo, voglio pregà io la Boné che cantasse, voglio vedé si nce riesco. Permettete! (Va alla porta di divisione.) Signorina, signorina?

NINA (che è uscita un momento prima da canzonettista e si è messa a spiare vicino alla porta della divisione):Eh? (Senza aprire.)

ORAZIO: Fatemi il piacere, uscite a cantare, il pubblico vi desidera, il Sindaco è dispiaciuto, il povero D. Teodoro è compromesso seriamente, cantate, ve ne prego io...

NINA: Voi proprio?

ORAZIO: Io proprio!

NINA: Ebbene, allora dite a tutti che Nina Boné è pronta e canterà.

VINCENZO-ACHILLE-TEODORO: Che!

NINA (aprendo la porticina della divisione):Si, canterò. (Esce dal Camerino.)

ORAZIO: Che! Concettella nepotema?

ELEUTERIO: Concettella? Ma chesta non è essa, pe carità.

NINA: Sì, so’ io, proprio io, so’ Concettella Penna col soprannome di Nina Boné. Teneva na bella vece zì zì, e quanno vuje partisteve me n’avetta servì.

ORAZIO: Possibile! E maritete?

NINA: Io nun so’ mmaretata zì zì, facette chella finzione p’avé la dote cchiù ampressa.

ORAZIO: Ah! Birbanta birbanta! Haje ragione che staje tanto simpatica accussì vestuta... e quasi quasi... (Ad Errico.) Tu la vuò?

ERRICO: Io nun me voglio nzurà ancora D. Orà.

ORAZIO: Embè, giacché sei stata tanto chiara cu mmico, io ti perdono, ma ad una condizione però.

NINA: E quale?

ORAZIO: Che viene cu me in America.

NINA: Accetto!

ELEUTERIO: Ma chell’ata scusate, chi è?

ERRICO: È na signorina che pe fà dispietto a essa, s’ha pigliato lo nomme sujo.

ELEUTERIO: Aggio capito. Teodò, agge pacienza, me so’ ngannato.

TEODORO: Nun ne parlammo cchiù.

ELEUTERIO: Ma allora jammencenne, venite a cantà.

NINA: Eccomi qua! (Via con Vincenzo, Orazio, Teodoro, Michelino seguiti da Achille, Virginia, Rosina coperta da una lunga mantella, poi ritornano.)

FELICE: Signor Sindaco, io sono il marito di quella donna che per una combinazione doveva questa sera presentarsi al pubblico, ma essendo una signora, si è avvilita... non so se mi capite... ha il diritto di dire: Mia moglie non può cantare.

ELEUTERIO: Benissimo, e io come Sindaco del paese, vi dico che vostra moglie, una volta venuta qua, doveva cantare. Adesso sarete gentile di uscire fuori il sipario e quello che avete detto a me, lo direte al pubblico.

FELICE: Io? Ma io non sono artista signor Sindaco, io pure mi avvilisco. (Grandi applausi di dentro.)

ERRICO: Ma non c’è bisogno... sentite che applausi.

ELEUTERIO: Jammo, jammo! (Via con Errico pel fondo.)

ACHILLE (esce dal lato destro seguito da Rosina e Virginia):Che v’ha ditto lo Sinneco?

FELICE: Niente, niente, l’aggio persuaso.

VIRGINIA: Meno male!

FELICE: Rosina mia! (L’abbraccia.)

ROSINA: Lo faje cchiù?

FELICE: Maje cchiù!

ACHILLE: Ma che te diceva zitto zitto? Nun aggio pututo capì!

FELICE: Vuleva che avesse fatto na parlata al pubblico fora lo sipario. Nun voglia maje lo cielo, io sarria muorto de lo scuorno. Io al pubblico potrei dire al massimo una parola... Perdonateci! (Al pubblico.)

(Cala la tela.)

Fine dell’atto terzo

Fine della commedia

    Questo copione è stato visto
  • 0 volte nelle ultime 48 ore
  • 0 volte nell' ultima settimana
  • 1 volte nell' ultimo mese
  • 11 volte nell' arco di un'anno