Nò, in trèdes nò!

Stampa questo copione

Nò,

Lionello Turrini

NÒ,

IN TRÈDES

NÒ!

Commedia in due atti

L'idea l'è quèlla del Sauvajon.

Sì, pròppi lù, el Marc Gilbert, quèll che l'è nassuu

a Valence, in Francia in del 1909.

Lù l'ha pensaa de ambientalla

in d'ona cà borghesa

cont i personagg che parlen "forbito".

Second mì a parlà "forbito" se rid pòcch.

Allora l'è mèj se i personagg parlen in meneghin.

Inscì se po' dì anca ona quaj stravaccada

che l'è pussee divertenta.

Ben, mì hoo ciappaa la commedia in frances,

hoo faa la traduzion in dialètt milanes

e l'è vegnuda foeura ona ròba

che la mantègn i situazion original,

ma come battud

l'è come se la fuss ona commedia tutta diversa,

tutta noeuva.

Second mì, adèss se rid.

Personaggi

Gregorio

Francesca,          sua moglie

Battista,             maggiordomo

Conchita Esperanza d'Escobar

Dottor Montagna

Elvira

Arturo                suo marito

Fausto Cattaneo

ATTO PRIMO

Scena I

Casa borghese. Sono in scena Gregorio e Francesca.

E' come se si continuasse, un anno dopo, lo spettacolo,

NATAL SE NE PÒ PÙ.

GREGORIO      (entra assieme a Francesca) E inscì, sèmm chi ancamò cont el cenone de Natal. Guarda, voeuri nò vèss noios, ma seconda mì l'idea de l'ann passaa de minga fà el Natal, l'era on'idea…

FRANCESCA   Oh, piantala lì Gregorio . Dòpo on ann te seet ancamò chì a romp i scatol cont el Natal che l'è mèj fall nò. T'hee vist, 'se t'è succèss l'ann passaa? Te vouerevet abolì el Natal e per pòcch te ghe lasset la pèll.

GREGORIO      Ma se gh'entra, Francesca? Stavo sistemando il Babbo Natale sul tetto, pròppi perchè se podeva pù fann a men. Se andavom in crociera, invece…

FRANCESCA   Basta Gregorio . Te l'hoo dii : non bisogna andare contro le tradizioni, altrimenti il destino te la fa pagare.

GREGORIO      Ma te seet anmò superstiziosa? Credevi che la t'era passada.

FRANCESCA   No, la m'è nò passada.

GREGORIO      E se ti dicessi che ho appena versato il sale?

FRANCESCA   Dai, fa nò el bamba come al solit… Ma te l'hee stravaccaa debon?

GREGORIO      Scherzavo, Francesca, volevo vedere la tua reazione (si avvicina per farle una coccola) perché sei bella quando ti arrabbi.

FRANCESCA   (si ritrae) Te see pròppi matt.

GREGORIO      El saa nò… però hoo ròtt el spègg.

FRANCESCA  Eh? (preoccupata) 'S t'hee faa?

GREGORIO      Me pareva ch'el spègg el se fuss ròtt, invece… è ancora sano come mamma l'ha fatto.

FRANCESCA   El spègg? Come mamma l'ha fatto… Adèss anca i spègg gh'hann ona mamma?

GREGORIO      (canta) Tutti abbiamo una mamma… Te se ricordet pù? Luciano Tajoli, ''La canzone degli emigranti…''

FRANCESCA   Te foo emigrà tì, Gregorio , se te la piantet nò.

GREGORIO      Va bene, signora Francesca. Allora, se gh'è de fà, prima che riven - tanto per cambiare - gli invitati?

FRANCESCA   Fa nò el polèmich… tanto per cambiare… L'è vera, anche quest'anno si festeggia Natale in casa nostra, ma nò come i alter ann con pussee de cinquanta personn. Quest'ann sarèmm domà ona donzèna.

GREGORIO      Semper cont on regal a tèsta.

FRANCESCA   Logico, no? Dai, damm ona man a controllà. Mì te leggi i nòmm e tì te controllet se gh'è el regal.

GREGORIO      Agli ordini, signora Francesca.

FRANCESCA   Gregorio .

GREGORIO      Son chì, se gh'è?

FRANCESCA   Hoo dii: Gregorio .

GREGORIO      Hoo capii. T’hee dii Gregorio. E allora ?

FRANCESCA   Ho detto Gregorio  perché sei il primo della lista, no? Vuoi che non pensi a te per il regalo di Natale?

GREGORIO      Che amore, Francesca. E se l'è che gh'è denter? Posso saperlo in anteprima?

FRANCESCA   C'è una pipa in radica.

GREGORIO      Ona pipa? Ma se mì fumi nò? Se me 'n foo de ona pipa?

FRANCESCA   Appunto! E' un regalo per sottolineare la tua virtù di non fumatore. (quasi seccata) E poeu, se la te pias nò, te pòdet semper regalala a on quaivun, che la gradisce più di te.

GREGORIO      Francesca… ma sei diventata un sacerdote?

FRANCESCA   Perchè?

GREGORIO      Perchè te feet i scherz de pret. Non c'è un regalo di riserva?

FRANCESCA   E va ben. L'avevi giamò compraa per el tò compleann. Voeur dì che te daroo i gemèi d'or che gh'è in 'sta scatolètta? Va ben?

GREGORIO      Grazie. (come se chiamasse) Francesca.

FRANCESCA   Son chì, se gh'è?

GREGORIO      Ho detto Francesca, perché immagino che sei la seconda nella lista.

FRANCESCA   (guarda la lista) Sì, son seconda e allora?… Ah, te voeuret dì che te m'hee faa on regal?

GREGORIO      Naturale. (prende una busta) Un biglietto per una crociera.

FRANCESCA   Gregorio  mocchela de fà el giavan. Basta con le crociere.

GREGORIO      Com'è basta? Non ci siamo mai andati e ti sei già stancata? Va ben, hoo scherzaa: l'è nò on bigliètt per la crociera, è un invito all'opera.

FRANCESCA   All'opera? Alla Scala?

GREGORIO      No, all'Opera Maternità e Infanzia.

FRANCESCA   Sii serio, una buona volta.

GREGORIO      E va ben: ecco qua (estrae dalla tasca una scatoletta) Orecchini con zaffiri.

FRANCESCA   Ma te see matt? E' un regalo bellissimo. Ma è proprio per me?

GREGORIO      Verament i avevi compraa per la mia amante, ma poeu èmm taccà lit e allora tì doo a tì.

FRANCESCA   Matt d'on matt (lo abbraccia). Dai andèmm avanti con la lista. Fausto Cattaneo .

GREGORIO      (controlla) Ecco qua: el Cattaneo el vègn de per lù?

FRANCESCA   Sì, da solo. El seguita a dì che l'è pien de moros, ma al dunque l'è semper el sòlit marellòtt. Solo.

GREGORIO      Che imbranaa. E per el Cattaneo s'te gh'hee compraa?

FRANCESCA   Cornice d'argento… per mèttegh denter la foto de la prossima morosa.

GREGORIO      Cornice che resterà sempre vuota.

FRANCESCA   Mah, se sa nò. Mì hoo invidaa anca la Serafina, e magari…

GREGORIO      La Serafina quèlla sècca sècca che la par on stècch? Te penset che el Cattaneo…? Però… (cerca) Ecco qua, Serafina. Se l'è? El liber de mèssa?

FRANCESCA   Spiritos! E' un romanzo, ma me ricòrdi pù el titol. Dai, 'ndèmm avanti. Brambilla, con moglie e figlia.

GREGORIO      (controlla) Chì ghe n'è trii. Vun a tèsta.

FRANCESCA   Esatto. Gh'è on liber de cusina per lee, on  portacipria per la tosa…

GREGORIO      Ma i tosann de adèss, se mètten sù la cipria? Me par nò.

FRANCESCA   Oh quanti stòri Gregorio. La faga quèll che la voeur!

GREGORIO      E per lù? El Brambilla? (prende il pacchetto) Se gh'è denter chì? Lungo è stretto… diseria che gh'è ona cravatta.

FRANCESCA   Ma va!? Che intuito, 'ndèmm avanti.

GREGORIO      Come vuoi, andiamo pure avanti, però… ona cravatta me par nò on regal original.

FRANCESCA   Perchè te see nò che cravatta gh'è denter. Viene direttamente da Londra.

GREGORIO      Da Londra? Debon?

FRANCESCA   Da Londra, certo. Me l'ha confermaa quèll de la bancarèlla dove l'hoo comprada.

GREGORIO      E anca la bancarèlla l'è originale di Londra?

FRANCESCA   Non divagare Gregorio. (legge) Giacomelli Elvira.

GREGORIO      Giacomelli… Giacomelli… Ma l'Elvira l'è in de per lee?

FRANCESCA   El sò marì, l'Arturo, l'è a lètt con la fever. E ha rinunciato. Lui. Lee invece la vègn istèss.

GREGORIO      Questo è amore! (cerca il regalo)… quadrato, piatto… gh'è denter on CD?

FRANCESCA   Indovinato. L'è on CD de Zucchero ch'el canta insema al coro dei piantatori di caffè.

GREGORIO      Me par giusta, el caffè senza lo Zucchero, l'è minga bon. Ottimo, Francesca. Va avanti.

FRANCESCA   El dottor Montagna.

GREGORIO      Ecco qua. El pararia on portafoeuj.

FRANCESCA   Bravo Gregorio. Ti becchett tutti.

GREGORIO      E' la confezione Francesca, che non lascia dubbi… lung e strètt: ona cravatta… piatt e quadraa un CD. Per la sorpresa te dovevet ciappà i scatol tutt’istess, de la stèssa misura.

FRANCESCA   Grazie del suggerimento, te dovevet dammel prima. Sarà per l'ann che vègn.

GREGORIO      (a bassa voce) Se non andremo in crociera.

FRANCESCA   El Vincenz con la miee.

GREGORIO      E la tosètta? La porten nò?

FRANCESCA   Si è fatta grande… e la va pù con la mamma e el papà.

GREGORIO      (cerca tra in pacchetti) Vincenzo… se gh'è denter?

FRANCESCA   Una sciarpa tricolore

GREGORIO      Ma lù l'è nò el sindich!

FRANCESCA   E' un augurio, no? Dai cerca el pacchett de la miee.

GREGORIO      Eccolo. Per mì l'è on foulard.

FRANCESCA   L'è nò per tì, l'è per lee.

GREGORIO      Francesca, fai la spiritosa?

FRANCESCA   Seguo le tue orme Gregorio . Dai ch'èmm finii. Amilcare e Clotilde Moretti

GREGORIO      Ecco il pacco. 'Me l'è gròss!… e mòrbid…

FRANCESCA   L'è on plaid, ona covèrta de mett su i gamb per quand guarden la television.

GREGORIO      Ohella, gh'è anca i plaid con la specializzazion: adatto per guardare la Tv. Perchè se vun el va al stadi a vedè la partida, dal vivo, el gh'ha de portà el plaid da stadio? E se vun el va… eh?.. gh'è anca el plaid versione camporella?

FRANCESCA   Gregorio . Questi discorsi a Natale?

GREGORIO      L'era domà per vèss precis.

FRANCESCA   E adèss fèmm el riepilogo… Mì e tì: du… trii cont el Cattaneo, quatter con la Serafina, duu Vincenzo con la miee, che fa ses, duu i Moretti, vòtt, l'Elvira noeuv, el dottor Montagna des e i duu Brambilla dodes. Perfetto.

GREGORIO      Ma i Brambilla hinn  minga in trii? Gh'è anca la tosa, quèlla de la cipria. Sèmm in tredes, Francesca.

FRANCESCA   No, no, ti sbagli (poi agitata) Trèdes? Trèdes? L'è nò possibil. In tredici non si può!

GREGORIO      Perchè? Gh'è de là tanta de quèlla ròba che podarium mangià in vint, e te se preoccupet per vun in pù?

FRANCESCA   Ma non capisci Gregorio? El sò anca mì che de mangià ghe n'è assee. L'è el numer… trèdes, Gregorio (si avvicina e sotto il naso ripete) trèdes.

GREGORIO      Allora l'è vera che te see superstiziosa. Ma guarda che trèdes pòrta fortuna. Anca al totocalcio te vincet cont el trèdes.

FRANCESCA   Al gioco Gregorio, al gioco. Ma non a tavola. A tavola porta rogna.

GREGORIO      Ma dai Francesca. Come te fee a cred anmò a 'sti cialad? Sei grande e, in apparenza, matura.

FRANCESCA   Cossa gh'entra? Anca el Papa Giovanni, che l'era on sant, l'era superstizios.

GREGORIO      El Papa Giovanni? Ma Francesca, 'ste vègn in ment?

FRANCESCA   Sì, Gregorio . El Papa Giovanni l'era minga el successor de Pio dodicesimo? Eh, l'era minga el sò successor?

GREGORIO      Sì, e allora?

FRANCESCA   E allora perchè el s'è minga faa ciamà Pio tredicesimo? Perchè l'era superstizios! L'ha preferì cambià nòmm… Mi chiamerò Papa Giovanni ventitreesimo. T'hee capii? Pio tredici portava rògna.

GREGORIO      Ma dai. Te voeuret dì che gh'è staa nanca on papa ch'el se ciamava tredicesimo.

FRANCESCA   Ghe n'è staa vun, ma per distrazion.

GREGORIO      Per distrazion? Francesca, me par che te siet adree a dà i numer. On papa tredicesimo per distrazion…

FRANCESCA   Sì, el papa Leone, che quand el s'è accort che l'era tredicesimo l'ha cambiaa el nòmm e el s'è faa ciamà decimo terzo.

GREGORIO      Questi sono discorsi blasfemi.

FRANCESCA   Soo nò se voeur dì blasfemi, ma la verità l'è che  el trèdes, specialmente a tavola, el mèna gramm. E poeu lù, el papa, le saveva ben perchè tredici a tavola el mena gramm: perchè el sò capo, el sò superior…

GREGORIO      El sò superior? Ma chi l'è el superior del papa?

FRANCESCA   El Cristo, nò?

GREGORIO      Ah, sì l’è vera.

FRANCESCA   E lù l'ha minga partecipaa a l'ultima cena? Eh, eren minga in trèdes? Lù e i alter dodes, gli  apostoli. Eren in trèdes e lù l'è finii in sù la crus. Ecco cosa succede.

GREGORIO      Non mi sembra che la crocifissione sia ancora in auge.

FRANCESCA   Insòmma, mèna gramm e basta!

Scena II

Suona il campanello.

GREGORIO      Ma che ora l'è? Sarann minga giamò chì? Và a vedè Francesca.

FRANCESCA   Sarà el Battista. Sont inscì agitada che me ricordavi pù.

GREGORIO      Battista?

FRANCESCA   Sì, el maggiordomo.

GREGORIO      Maggiordomo? Da quand gh'èmm el maggiordomo?

FRANCESCA   Da stasera e solo per stasera.

GREGORIO      Hai assunto il maggiordomo? Te voeuret fa vedè che te seet ona sciora? Da quando ti senti blasonata?

FRANCESCA   Io non mi sento bastonata.

GREGORIO      Blasonata, Francesca, blasonata voeur dì nobile. Va ben, hoo capii se non sai cosa vuol dire non puoi essere blasonata. Dai và a dervì.

FRANCESCA   Se l'è el Battista, l'è on òmm. Allora l'è mèj che te vaghet tì.

GREGORIO      Ma el se ciama pròppi Battista?

FRANCESCA   (sempre più agitata) Soo nò come el se ciama, ma tutti i maggiordomi se ciamen Battista. Và!Mi voo de là a vestiss e intant tì pensa come vegnì foeura da 'st'imbroj (esce).

GREGORIO      Vado e penso (esce - si sente da fuori) Buonasera, lù el saria…?

BATTISTA        (entrando) Buonasera, io sono Battista.

GREGORIO      (entra) E nun s'èmm cattòlich.

BATTISTA        No, non di religione, Io sono Battista di nome.

GREGORIO      Allora lù l'è el maggiordomo (verso il pubblico) Perfetto.

BATTISTA        Cosa devo fare?

GREGORIO      El gh'ha de andà in cusina: quand sòna el campanèll lù el va a dervì, el compagna i ospit in sala pranzo e poeu el vègn chì de nun ad annuncià el nòmm dell'invitato ò degli invitati se hinn pussee de vun.

BATTISTA        Logico. Vado di là?

GREGORIO      Sì, bravo.

BATTISTA        (esce)

Scena III

GREGORIO      El me par on maggiordomo sveli. (cambia) E intant però sèmm in trèdes. La me dis: E tu pensa, mi pensi… ma nessun sa che nun gh'èmm el maggiordomo. Invidom lù, sèmm in quattòrdes e la Francesca l'è contenta. (chiama la moglie) Francesca.

FRANCESCA   (da fuori) Se gh'è? Parla. Pòdi nò vegnì foeura, sont ancamò adree a vestimm, son mezza biòtta.

GREGORIO      Allora rèsta pur de là:  se sei mèzza biòtta, non voglio fare cattivi pensieri proprio la notte di Natale.

FRANCESCA   (sempre da fuori) Se l'è che te vourevet dimm?

GREGORIO      El maggiordom… nessun le cognoss. Podarium nò fall passà per on invitato?

FRANCESCA   (sempre da fuori) Dinn pù de asnad. E' una cena di gala e ci vuole il maggiordomo.

GREGORIO      Ma l'è mèj ona cena senza maggiordomo ò ona cena sfigada? Perché tu mi insegni che in tredici…

FRANCESCA   (sempre da fuori) Se te fee lavorà el cervell sarèmm nò in trèdes. Pensa Gregorio, fatti venire un'idea.

GREGORIO      Telefoni a l’ Elisabetta.

FRANCESCA   (sempre da fuori) Quèlla nò! L'è bòna de fatt el fil.

GREGORIO      (tra sé) L'è andada mal. (guarda la foto) Però, che bèll fiolètt che seri. (alla moglie) Ciappil'agenda (sfoglia) Ghe saria el Menich, el marì, cioè l'ex marì de la Rosa. Se s'hinn divis, magari l'è sol poverètt. (alla moglie) Ciami el Menich?

FRANCESCA   (da fuori) El Menich l'è in Egitto con la soa noeuva morosa. Ona specie de viagg de nozze.

GREGORIO      T'hee capii el Menich: el s'è consolaa a la svelta. Va ben, 'ndèmm avanti (legge). Bi, bi, bi, co co, co, di, di, di… Lamberti Ambrogio. (chiama) Francesca, st'en diset de l'Ambroeus?

FRANCESCA   (entrando) L'Ambroeus? Quèll che l'è semper malaa? Se l'è minga a lètt con la fever, l'è in gir a spand i microbi in depertutt. Te voeuret stà in lètt per trii dì de fila?

GREGORIO      Con tì? (toccandole i fianchi)

FRANCESCA   Nò con mì, cont i microbi.

GREGORIO      No grazie, meglio in tredici a tavola.

Scena IV

Bussano

BATTISTA        Posso? Sono arrivati  i signori Brambilla.

FRANCESCA   Ai des e mèzza? L'invito l'era per on quart a mezzanòtt. Se voeuren? Ghe la fann nò a spettà?

BATTISTA        Volevano prima andare al cinema o a teatro, ma era tutto esaurito. Tutto pieno anche in chiesa.

GREGORIO      Va ben, Battista, je faga accomodà in del salon e magari el ghe daga de bev.

BATTISTA        Cosa offro? Champagne come aperitivo?

FRANCESCA   Perfetto. Inscì stann tranquill. Grazie Battista.

BATTISTA        Dovere, madame (esce).

Scena V

GREGORIO      Madame? A tì, Madame? Ma damm a trà: s'el te costa un

           maggiordomo ch'el te dis "madame"?

FRANCESCA   Fingo di non sentire! Dai Gregorio, iuttom. Sent, gh'è la Palmira…

GREGORIO      La Palmira, quèlla che se la tira?

FRANCESCA   La Palmira Avanzi.

GREGORIO      Ma l'è on cess! Nò, mèj in trèdes.

FRANCESCA   Cèss ò nò sarà la quattordicesima (fa il numero) Palmira… Palmira son la Francesca. Sì, sì Lupini, la Francesca Lupini. Me la va? Eh?.. ma dai… (a Gregorio) La telefonada l'ha salvada dal suicidio…

GREGORIO      Peccaa! L'era on cèss in meno.

FRANCESCA   Palmira, lee la gh'ha bisogn de compagnia, de stà insèma a la gent. Pròppi on minut fa el Gregorio  el me domandava de lee… sì, el Gregorio, el me marì, el diseva: Sarebbe un bel Natale se venisse con noi anche la Palmira. Ciamela… Eh? Se la dis Palmira? Ma nò, nun ghe badom nò al suo stato pietoso, basta che si unisca alla nostra compagnia (a Gregorio ) Ti ringrazia e ti abbraccia…

GREGORIO      Che schivi!

FRANCESCA   Doman? Doman a mezzdì? La voeur vegnì doman? Ma noi domani… Sì, el Gregorio  el va via. Sì, ragioni di lavoro. Eh, sì anca el dì de Natal. Sì… se gh'entra? E' in pensione, ma ha ancora tanti interessi. Va ben, se la po' nò, stasera sarà per on'altra vòlta. Se sentom, Palmira (posa il ricevitore). Ma va all'inferno… mi stavo suicidando, sono in uno stato pietoso, vengo domani. (alzando la voce) L'è adèss che semm in trèdes, nò doman. Gh'è gent che la capiss pròppi nient.

Scena VI

Si affaccia alla porta Battista

BATTISTA        Signori, c'è il…

MONTAGNA    (molto estroverso) Eccomi qua. Sono in ritardo? No, non ditemelo, scommetto che sono in anticipo. Quando vado a fare le visite, chissà perché dico che vado - diciamo - alle sette e non arrivo mai prima delle otto. Quando c'è da far festa e da mangiare, invece, sono sempre puntuale, anzi arrivo addirittura prima.

GREGORIO      E' il richiamo primordiale della sopravvivenza. Mangiare per vivere (si avvicina, gli stringe la mano) E allora, dottor? Semper in forma, eh?

MONTAGNA    Sempre. E' l'allegria che fa star bene. Baciamo la padrona di casa. Vieni qui, Francesca (la bacia).

FRANCESCA   Ma come te fee a vèss allegher, quand te vedet tanta gent che sta mal?

MONTAGNA    Appunto. Se c'è gente che sta male, vuol dire che il lavoro non manca. E poi… stanno male loro, mica io.

GREGORIO      Saggia filosofia. Te voeuret bev on quaicòss ?

MONTAGNA    Naturalmente. Francesca, ti vedo bene. Hai fatto la cura che ti ho prescritto?

FRANCESCA   Verament… nò. L'hoo minga fada.

MONTAGNA    Brava! Così si fa: mai dar retta ai dottori. Ecco perché ti vedo bene. E tu, Gregorio?

GREGORIO      Non mi lamento.

MONTAGNA    E fai bene. Alla tua età sei ancora una roccia. Per mandarti all’altro mondo, bisognerebbe ammazzarti. (vede i pacchetti). Oh, non saranno mica i regali di Natale?

GREGORIO      Nò, hinn quèi de Pasqua. Te see… nun se tirom  semper avanti. Ci prepariamo in anticipo.

FRANCESCA   Dagh minga a trà. Sì, hinn i regai per gli invitati, e anca per tì, ovviamente.

MONTAGNA    Che bello. Mi piacciono i regali. A Natale divento come un bambino: mi piace scartare i pacchetti. Guardate qua… (mette la mano in tasca e ne toglie un portafogli) Eh, non è un bijou? Pura pelle di rinoceronte. Me l'hanno appena regalato. E… il mio, posso averlo subito?

FRANCESCA   Perchè nò dòpo, insèma a tutt'i alter?

MONTAGNA    Perché penso di abbandonarmi alle gozzoviglie. E quando sono ubriaco, non capisco più niente. E non mi gusterei il… il… eh, cosa c’è per me?

GREGORIO      Eh... un portafoglio!

MONTAGNA    Un altro?

FRANCESCA   El Gregorio el gh'ha semper voeuia de scherzà.Va ben, mèttes lì e sara sù i oeucc (lo sposta in avanti).

MONTAGNA    Devo anche contare?

GREGORIO      Sì, cunta fin a trèdes, che pòrta fortuna.

FRANCESCA   (prende un pacchetto)

GREGORIO      (sottovoce a Francesca, toccandosi i polsi) Ma ch'el lì, l'è el mè! Sono… anzi no, eren i miei gemelli d'oro.

FRANCESCA   (sempre sottovoce) Puoi scegliere: o la pipa o il portafogli del dottore. (a Montagna) Se pròppi t'el voeuret subit… toh (gli dà il pacchetto destinato a Gregorio).

MONTAGNA    (ha scartato il pacchetto ed è entusiasta) Cosa sono orecchini?

GREGORIO      Dottor, hinn gemèi, gemelli. Gemelli… d'oro!

MONTAGNA    Gemelli. Che belli. Non li ho mai avuti. Adesso mi tocca comprare una camicia apposta con i buchi nei polsini.

GREGORIO      La camicia non è prevista, gh'è domà i gemèi. L'è come quand te compret ona macchinètta elettrica e i pil te gh'hee de toeui a part.

MONTAGNA    Ho capito: la camicia l'è un optional. (se ne va cantando) Belli, belli. Vado a bere per festeggiare (esce).

Scena VII

GREGORIO      Francesca, non ci crederai, ma ho avuto un'idea.

FRANCESCA   E infatti, ghe credi nò. Dai forza…

GREGORIO      Il nuovo vicino, quel che l'ha appena traslocaa. Voo a vedè se l'è in cà (esce, portandosi via le cravatte).

FRANCESCA   (verso l'esterno) Chiamami subito. Te l'è ciappaa el telefonino? (rientra) Mah, sperèmm.

Gregorio, con il paltò, si incrocia con Battista che sta per annunciare l'arrivo di altre persone.

Scena VIII

BATTISTA        Sono arrivati i signori Moretti. Li ho fatti accomodare con gli altri.

FRANCESCA   Bravo Battista.

BATTISTA        E poi c'è una signora che non figura tra gli invitati. L'ho fatta attendere nella saletta della biblioteca. Ha l'accento straniero. Dice che ha premura perché deve ripartire subito domani mattina per il suo paese. Cosa faccio?

FRANCESCA   La faccia entrare. Io intanto vado a salutare i Moretti. Le dica che torno subito (esce).

BATTISTA        (esce e rientra subito con Conchita). Prego, si accomodi, la signora viene subito.

CONCHITA      La segnora? Porqué el segnor non es in casa?

BATTISTA        Torna tra poco.

CONCHITA      Muchas gracias.

BATTISTA        Mi scusi, forse non ho capito bene, lei è…?

CONCHITA      Conchita.

BATTISTA        (si guarda intorno) Non la vedo.

CONCHITA      Chi?

BATTISTA        Cita. Lei ha detto che è con Cita. Cita, non è la scimmietta di Tarzan?

CONCHITA      (offesa) Oh, segnor. Te gira la cabeza? Tienes segadura nel crapon? Conchita soy mi. El mio nome es Conchita, toda una palabra: tutta una parola. Compriende?… Con Cita… Pfffiu…

BATTISTA        Pardon, madame. I signori vengono subito (esce in fretta)

CONCHITA      (sola, si aggira per la stanza - vede la fotografia di Gregorio) Manolo, eccoti qua. Tra poco ti rivedo, vivo… ma non per molto (estrae una rivoltella dalla borsetta, la punta verso la  foto).

FRANCESCA   (da fuori) Vègni subit.

CONCHITA      (sente la voce e ripone in fretta la rivoltella).

Scena IX

Entra Francesca

FRANCESCA   Buongiorno signora, mi scusi se l'ho lasciata sola in de per lee. Sono la Francesca.

CONCHITA      Muy feliz, segnora: yo soy Conchita de Santa Rosolina.

FRANCESCA   Rosolina a mare? Sì sèmm staa… mi scusi, siamo stati un anno a fare le vacanze. Bel posto, bello l'Abruzzo.

CONCHITA      Abruzzo? Santa Rosolina es una pequegna repubblica sudamericana, tra Paraguay e Uruguay.

FRANCESCA   Urca… Para-guay, Uru-guay… ma siete proprio in mezzo ai guai.

CONCHITA      L'ha detto, segnora. Sempre in mezzo ai guai. Pero es un paese stupendo: indiani, miniere d'oro, pistoleros che fan l'amore con la pistola aquì (indica il fianco).

FRANCESCA   (come pensando, mentre guarda la fotografia di Gregorio) Anca mì foo l'amor con quèll pistòla lì (cambia). E la me disa, pardon, mi dica: lei viene da così lontano per passare la notte di Natale in Italia?

CONCHITA      Natale? Oh, sì, anche a Santa Rosolina si festeggia il Natale, ma yo soy aquì porqué devo scrivere un romanzo.

FRANCESCA   Che bèll! Un romanzo! Ambientato in Italia?

CONCHITA      No, a Santa Rosolina.

FRANCESCA   E allora cossa la fa chì in Italia?

CONCHITA      Yo soy aquì, porqué es un romanzo d'amore.

FRANCESCA   Ah, d'amore! Allora l'ha faa ben a vegnì chi in Italia. L'Italia è il paradiso dell'amore… Romeo e Giulietta… Paolo e Francesca. Francesca, come mì. Ma lù, el me marì, il mio marito, non si chiama Paolo, si chiama…

CONCHITA      Manolo.

FRANCESCA   Manolo? Cossa la dis? Mio marito non è un torero. Lui si chiama Gregorio .

CONCHITA      Gregorio? Come i canti gregoriani?

FRANCESCA   Sì, ma non li ha inventati lui. Anche se lui inventa un sacco di storie. Sa come se dis, chì a Milan? Che l'è on casciaball.

CONCHITA      (si tocca la coscia) Coscia…?

FRANCESCA   No, non coscia: cascia, caccia, racconta frottole. Ma mi dica: perché è venuta qui da noi?

CONCHITA      Per fare un'intervista a suo marito. Ma no lo…

FRANCESCA   Gregorio, no Manolo. El se ciama Gregorio.

CONCHITA      Capito, segnora: se ciama Gregorio. Dicevo: devo intervistare suo marito, ma no lo vedo.

FRANCESCA   Ah, lo vedrà subito. Tra pòcch el riva. Si accomodi (si siedono) Ma intanto non mi può contare su un po' la storia. Mì me piasen i romanzi d'amore… (sorge un dubbio) Ma che la me                                   scusa: perché vuole intervistare mio marito? On pelabròcch come lù, come può ispirarla per un romanzo d'amore.

CONCHITA      Non per l'amore, ma por l'ambientasion. Porqué lui conosce bene Santa Rosolina: lui è stato in sudamerica tanti anni fa.

FRANCESCA   Ah, sì quand l'era giovin. Sì, me l'ha detto. Faceva il camionista. Mi scusi, ma perché ha scelto la Notte di Natale per l'intervista? E' più romantico?

CONCHITA      No, è che magnana, domani, parto. E devo tornare con l'intervista.

FRANCESCA   La faga lee (suona il telefono) Che la me scusa. (prende il ricevitore) Sì… ah, sei tè? Cosa? Ricoverato in clinica? Che rogna, ragazzi. Il tredici comincia a colpire. E allora sèmm ancamò in di pèttol? Eh, sì "pensa a qualche soluzione" come s'el fuss facil (depone il ricevitore, guarda Conchita). Ma lei signora nonfarà tardi con i suoi amici? Perché immaginoche festeggerà il Natale con gli amici, no?

CONCHITA      Ninguno, non està ningun amigo. Yo soy sola esta noche.

FRANCESCA   Sola, la notte di Natale? Nò, mì la lassi nò in de per lee. Signora (solenne) anche se ci conosciamo da poco, mi permetto di invitarla al cenone, per passare con noi la Notte di Natale. Eh, se la dis? Ci sta?

CONCHITA      Yo soy turbada… No tiengo el vestido adatto:dovaria cambiarme.

FRANCESCA   Va ben, tant fin'a mezzanòtt andèmm minga a tavola. Ha tutto il tempo che vuole. Spero che l'albergo in dove la stà non sia troppo lontano.

CONCHITA      No, està a dos passos. Es vicino.

FRANCESCA   Bene, e allora intant ch'el riva el Manolo… quasi quasi el ciami Manolo, chissà che non gli venga el sangre caliente. Disevi, intanto che aspettiamo mio marito, mi racconti la storia. E' il suo primo romanzo?

CONCHITA      El primo y l’ultimo.

FRANCESCA   Perchè la dis inscì. Che pessimismo. Magari el sarà on succèss.

CONCHITA      No me impuerta el successo. Esto sarà el libro de l'amor e de la muerte.

FRANCESCA   Semper inscì vann a finì, come la Giulietta cont el Romeo e la Francesca cont el Paolo. E  lù, il protagonista voglio dire, chi l'è?

CONCHITA      El mejor - e anche el pejor - hombre del mundo. Un hombre che ha incantado una segnorita  che non tenìa neanche venti anni. Diciannove, ne tenìa. E se innamorò de un caballero che todos credevan un bravo giovane. Comprende "bravo giovane".

FRANCESCA   Sì comprendo: l'è come in italian. E poeu? E poi?

CONCHITA      Manolo, el caballero sparì, lasciando contemporaneamente Dolores e Santa Rosolina.

FRANCESCA   Dolores, la sarìa l'eroina del romanzo.

CONCHITA      Sì. Ma Dolores ha deciso che lo matarà - Pum, pum: entiende "matarà"? -

FRANCESCA   Se "matarà" voeur dì pum pum, allora hoo capii. Le mazza? Ma perchè? Se l'ha faa de mal?

CONCHITA      El caballero Manolo lasciò nel dolor Dolores e toda Santa Rosolina. Ma Manolo è riapparido dopo trenta annos e la su ennamorada, de una volta, se vendicherà (guarda la foto di Gregorio) Capito? Se vendicherà!

FRANCESCA   Ma perchè ghe le dis al Gregorio?

CONCHITA      Porque todos los hombres se somiglien.

FRANCESCA   Sì, on poo, ma el Gregorio l'è on lacciòtt, on pampaluga ch'el merita nò de vèss mazzaa. Basta vosagh on poo adree, ch'el se stremiss.

Scena X

Entra Elvira

ELVIRA            Ciao Francesca… Oh, disturbo?

FRANCESCA   Ciao Elvira! No, non disturbi. Ti presento la

           signora Conchita…

CONCHITA      (dà la mano a Elvira) Mucho gusto, segnora. Yo soy Conchita Esperanza d'Escobar.

FRANCESCA   D'Escobar? Ma non viene da Santa Rosolina?

CONCHITA      Escobar es el casato de mi nonno.

ELVIRA            Ha detto Rosolina? Noi siamo andate al mare, ti ricordi Francesca? Bello l'Abruzzo.

FRANCESCA   (in disparte) Dighel, nò. Santa Rosolina l'è nò in Abruzzo, ma in sudamerica. Digh on quaicòss in spagnolo.

ELVIRA            Buena tarde.

FRANCESCA   (sorpresa) Te gh'hee reson, s'è fatto tardi. Le conviene andare a indossare il vestito per la festa. L'aspèttom, eh. La manca nò, per piasè.

CONCHITA      El piasè sarà todo mio, segnora. Spesialmente quando potrò encontrare el su ganzo: su marito! Hasta la vista. (fa per uscire).

ELVIRA            (vede i pacchetti) Oh, i pacchetti. (a Conchita) Ha visto? Magari ci sono i regali. Eh, Francesca, ci sono i regali? Ce n'è uno anche per la signora Conchita?

FRANCESCA   Che domande! Te voeuret che la lassi foeura? C'è il pacchetto anche per lei.

CONCHITA      Oh, no, gracias. Pero un regalo lo porterò io quando . Hasta la vista (esce).

FRANCESCA   Se vedom (a Elvira). Se vedom l'è la traduzion de hasta la vista. Me l'ha dii el Gregorio che de giovin l'è staa in sudamerica. (cambia) E allora? Come el stà el tò marì?

ELVIRA            E' a letto con la febbre: 37 e 6. Lo so, non è alta, ma sai lui che com'è.

FRANCESCA   Sì, el cognossum. El gh'ha la pecondria. (ironica) Ma non ti ha voluto vicino al capezzale?

ELVIRA            No, povera stella: ha insistito tanto perché almeno io venissi alla vostra festa.

FRANCESCA   Brava! Va bene assistere gli ammalati, ma se vun l'è on piagnon, on misereri come el tò marì, l'è mèj lassal in del sò broeud. Vai, vai a raggiungere gli altri.

ELVIRA            Vado. Ho una fame (esce)

FRANCESCA   (guarda i pacchetti) E mì, adèss, se ghe doo?

Scena XI

Rientra Gregorio

GREGORIO      Francesca son chì. Sent, pensavi che podarium invidà el fioeu de la Mafalda.

FRANCESCA   Non c'è più bisogno di nessuno. Ho invitato una scrittrice.

GREGORIO      Ah, sì? E come t'hee faa? Aspetta: t'hee dervii la finestra (mima) e te l'hee vista passà. Signora scrittrice vuole venire alla nostra festa? E lee subit: se c'è il Gregorio vengo senz'altro.

FRANCESCA   Come hai fatto a indovinare? L'è andada pròppi inscì.

GREGORIO      Ma dai: hai aperto la finestra e…

FRANCESCA   Beh, la finèstra nò, ma l'è voeuna che l'è vegnuda chì proppi per tì. Deve scrivere un romanzo ambientato a Santa Rosolina.

GREGORIO      (fingendo) Rosolina a mare? In Abruzzo?

FRANCESCA   Nò, in sudamerica. E la voeur parlà con tì. La se ciama Conchita… spetta… Conchita Esperanza d'Escobar.

GREGORIO      Quèlla l'è ona speranza che gh'hann tutti.

FRANCESCA   Cossa? Ma… 'ste diset?

GREGORIO      Niente, niente. E adèss in dove l'è?

FRANCESCA   E' andata in albergo a mettersi l'abito per la festa. La metterò al tuo fianco. Te see content?

GREGORIO      Se non fosse Natale, direi che sono contento come una Pasqua.

Scena XII

Arriva di corsa il dott. Montagna con il telefono cellulare

MONTAGNA    Amici devo andare via di corsa.

FRANCESCA   Cosa? Proprio adesso che siamo in quattordici?

MONTAGNA    Conoscete i Masini?

FRANCESCA   Sì, e allora?

MONTAGNA    Sapete che la moglie è incinta.

FRANCESCA   Va ben, e allora?

MONTAGNA    Le acque. Mi hanno telefonato adesso che le acque si sono rotte, devo correre.

GREGORIO      E cosa gh'entra on dottor? Poden minga ciamà on trombè?

FRANCESCA   Le acque del parto. Tas, Gregorio che l'è mèj. Ma scusa, te pòdet minga mandà on collega, ona levatrice. Pròppi tì?

MONTAGNA    Li ho fatti nascere tutti io i piccoli Masini e non posso abbandonare proprio il quinto.

FRANCESCA   Ma noi restiamo in tredici. Capisci? Tredici a tavola.

MONTAGNA    Vi autorizzo a mangiare anche la mia parte.

FRANCESCA   Ma chi se ne frega del mangià. Trèdes pòrta rogna.

MONTAGNA    Tutte stupide superstizioni. Ah, scusate, visto che me ne devo andare, potreste darmi il mio regalo?

FRANCESCA   On alter? Guarda che te l'abbiamo già dato.

MONTAGNA    Ah, sì. I gemelli d'oro (guarda Gregorio) senza la camicia che è un optional (ride). Vado. (esce cantando - aria Casachov) - Mi dispiace se vi lascio soli - acque rotte eppur bisogna andar - a tirar fuori il piccolo Masini... (la voce si perde...)

FRANCESCA   (triste) El s'è portaa via i gemei d'or e el ne lassa chì in trèdes. (verso l'esterno) Va all'inferno, dottor Montagna.

FINE PRIMO TEMPO

SECONDO TEMPO

Scena I

Sono passati dieci minuti. Francesca è al telefono.

FRANCESCA   Pronto? E' l'hotel Gazzarra? Mi scusi tra i vostri clienti, c'è la signorina Conchita Esperanza d'Escobar? Si attendo… (a Gregorio) Madòna che casin che se sent.

GREGORIO      Sarà per quèll ch'el ciamen hotel Gazzarra.

FRANCESCA   No? Grazie (depone il ricevitore) Nanca chì. L'ha dii che la stà a dos passos de nun, e hoo giamò telefonaa a tutti i alberghi de la zona, anca a quèi pussee lontan de dos passos. Se fèmm? Pòdom nò andà a tavola in trèdes.

GREGORIO      Ma non puoi neanche invitare una persona e poi telefonarle di starsene a casa. Me par ona villanada.

FRANCESCA   Me ne frega nient de la villanada. E poeu l'hoo appena conossuda e doman la va via.

GREGORIO      Fa 'na ròba: ciama l'Arturo. Magari la fever l'è andada giò e t'el convincet a vegnì, a ricongiungersi con la cara mogliettina.

FRANCESCA   E l'Elvira, se la dis? Idea! Ghe disom a l'Elvira che saria mèj che l'andass a cà soa a curà el marì. Ciama el Battista e digh de fala vegnì chì.

GREGORIO      Subito (esce).

FRANCESCA   (tra sé) Occorre instillarle il senso di colpa.

GREGORIO      (rientra) Fatto: la ciama subit. Però me dispiass pèrd la regina de la fèsta. Perchè l'Elvira quand la se scatèna, te la tègnet pù.

FRANCESCA   L'è la numer trèdes! E anche se l'è la regina, come te diset tì, il suo dovere è di stare accanto al coniuge infermo. Tu raggiungi gli ospiti, che a l'Elvira ghe pensi mì.

GREGORIO      Va ben… però me dispiass (esce)

Scena II

ELVIRA            (entra con una bottiglia in mano) Sono qua, agli ordini! Mi avete fatto chiamare? Mi sto divertendo…

FRANCESCA   Sono felice che tu ti stia divertendo. Sai perché ti ho fatto chiamare?

ELVIRA            Per darmi il regalo. Non vuoi che gli altri vedano che a me hai fatto il regalo più bello. E' così?

FRANCESCA   Sì, ti darò anche il regalo, ma…

ELVIRA            Forza, cos'è?

FRANCESCA   Gregorio aveva pensato a un CD…

ELVIRA            E chi ha il tempo di sentirlo?

FRANCESCA   E' quello che gli ho detto io, allora…

ELVIRA            Hai pensato che la tua migliore amica si merita un gioiello. Magari un ninnolo, un braccialetto, degli orecchini…

FRANCESCA   Orecchini?

ELVIRA            Sì! Orecchini! Non dirmi che sono proprio orecchini? Mi piacciono da morire (abbraccia Francesca) Grazie, sei un'amica. (guarda tra i pacchetti) Sono… quelli?

FRANCESCA   (rassegnata) Sì, sono quelli.

ELVIRA            Oh, grazie. (le passa la bottiglia) Brinda con me.

FRANCESCA   (beve - verso il pubblico) Sì, ghe n'hoo bisògn.

ELVIRA            Dimmi, cosa posso fare per te?

FRANCESCA   Niente, figurati. Piuttosto mi chiedevo…  ma non pensi a tuo marito?

ELVIRA            Perché? Dici che ci dovrei pensare?

FRANCESCA   Beh, con la febbre… a casa da solo… e poi il regalo l'hai avuto, quindi…

ELVIRA            Ma io mi sto divertendo qui… mi sento molto... molto… forse sto bevendo troppo.

FRANCESCA   Ecco, sì. Magari ti fa male.

ELVIRA            Ma va! La sbronza è allegria. E voglio stare allegra. Dai venite anche voi, vi stanno aspettando tutti (esce).

Scena III

Rientra Gregorio

GREGORIO      E allora?

FRANCESCA   Allora, nient. La s'è portada via i oreggin…

GREGORIO      I oreggin… quèi cont i…                  

FRANCESCA   Sì, quèi, quèi. Pròppi quèi cont i zaffiri… E invece de andà a cà in del sò marì, l'è de là che la scisa el vin ‘me on tranatt.

GREGORIO      E sèmm semper in trèdes…        

FRANCESCA   Sì, o almen, per adèss dodes, ma gh'ha de rivà el Cattaneo e sarèmm in trèdes.

Suona il telefono 

FRANCESCA   Pronto? Chi?… Il pronto soccorso di via Mecenate? Se gh'è succèss? Sì, sì me le passa… Pronto, sì Cattaneo, ma se gh'è succèss? L'è andaa a sbatt contra on platano. E adèss? El po' nò vegnì. Me dispiass… L'ha piccaa el coo. Fòrt? Inscì, inscì. Ma el rièss nò a vegnì al cenone? Ch'el se preoccupa nò, mèj curass. Va ben, auguri. El me staga ben, nò, el pensa nò a nun. Buon Natale. (depone il ricevitore) L'è fada, Gregorio, tredici meno Cattaneo: dodici. Siamo salvi.

Scena IV

Rientra il Dottor Montagna

MONTAGNA    (euforico) Eccomi qua!

FRANCESCA e GREGORIO     El dottor Montagna?

FRANCESCA   Ma s'te fee chì? Che scherzi sono?

GREGORIO      Te dovevet minga tirà foeura el pinèlla dei Masini?

MONTAGNA    Nessun problema per adesso. Acque rotte, ma nessuna spinta. Quindi posso tornare di là, nel salone, dove mi stavo divertendo moltissimo.

FRANCESCA   Ma adesso siamo di nuovo in tredici!

MONTAGNA    Scemate, scemate. Non c'è nessuna rivista medica che parli di questo caso. Non se ne parla nemmeno nei trattati di psichiatria.

FRANCESCA   Non se ne parla, perchè porta rògna anca a parlan!

MONTAGNA    Metti lì due piatti e io mangerò per quattordici. Piuttosto, sentite qua, cosa mi è capitato. Mentre scendevo dalla macchina, dopo aver posteggiato, ho sentito una voce da una cabina telefonica. "Posso venire? Siamo sicuri che l’Elvira non torna?"

FRANCESCA   Ha detto proprio "Elvira"?

GREGORIO      Solita malfidente. Chissà quante Elvire gh'è in gir.

MONTAGNA    Aspettate. Mi nascondo e vedo uscire dalla cabina un pezzo di ragazza, formosa, capelli biondi che si incammina verso il numero 12 di via dei Fontanili.

GREGORIO      Dei Fontanili? Dodes? Ma l'è la cà del…

FRANCESCA   Dell'Arturo e dell'Elvira. Oh, signor, ma te see sicur?

MONTAGNA    Sicurissimo. Adesso vado di là a tener su di morale l'Elvira. Mi raccomando, io non vi ho detto niente (esce).

FRANCESCA   Ho la febbre… non vengo… t'hee capii,l'Arturo! Son chì tutta agitada. Vado di là a mettermi un po' di cipria (esce).

Scena V

Torna Conchita

GREGORIO      L'è minga stupid, però, l'Arturo. Ghe n'ha de temp per…

CONCHITA      (entrando) Buenas tardes, Manolo!

GREGORIO      Manolo? (si gira) Dolores!

CONCHITA      Sì, Dolores. E la tua Dolores è aqui por matarte  (estrae la pistola).

GREGORIO      No, Dolores, fa no inscì, mi… (sviene).

Entra Francesca

FRANCESCA   Gregorio. Oh, signor l'è mòrt.

CONCHITA      No, segnora è solo svenido.

FRANCESCA   Ah, buonasera Conchita. Vada a chiamare il dottor Montagna, di là.

CONCHITA      (esce e si sente chiamare) El dottor Montagna, por favor.

Scena VI

Arrivano il Dottor Montagna, Conchita, Elvira e Battista.

MONTAGNA    Cosa è successo?

FRANCESCA   Gh'è chì el Gregorio ch'el par mòrt.

MONTAGNA    (guarda Gregorio, ascolta il cuore) Non è morto: è solo svenuto. Presto i sali.

FRANCESCA   Di là, Battista, sulla tavola. Prenda tutto sale e pepe.

BATTISTA        Certo, anche l'aceto. L'aceto fa bene.

ELVIRA            (brandendo una bottiglia) Anche il vino fa bene.

MONTAGNA    (verso Elvira) Fammi resuscitare il morto e poi torniamo di là a bere.

ELVIRA            Vado. (inciampa e cade) Ohi, che male.

MONTAGNA    (accorre verso Elvira) Ti sei fatta male?

FRANCESCA   Dottor, gh'era prima el Gregorio.

MONTAGNA    (lascia Elvira e torna verso Gregorio)

ELVIRA            Non riesco ad alzarmi.

MONTAGNA    Vengo.

FRANCESCA   (lo trattiene) Nò, tì te rèstet chì.

BATTISTA        (rientra) Ecco sale, pepe, aceto e già che c'era anche l'olio (vede Elvira a terra, depone l'oliera) Posso essere utile?

FRANCESCA   Lo porti qui, il sale! Se vuole essere utile, si porti via l'Elvira.

BATTISTA        Subito, con piacere (prende in braccio Elvira ed esce).

MONTAGNA    (geloso) Ehi, che fa?

FRANCESCA   Dottor, prima rimètt in pee el Gregorio e poeu te andaret a consolà l'Elvira. Oh gent, che gibilè! (verso Conchita) Ma lee, l'era chì? Scusi: lei era qui. Ha visto cosa è stato a farlo svenire?

CONCHITA      Yo soy entrada, Manolo, cioè el segnor Gregorio, me ha visto e subito è borlado a terra svenido. Credo che sia stato un colpo de fulmine.

FRANCESCA   (la guarda con sufficienza) Sì, colpo de fulmine, andèmm!

MONTAGNA    (nel frattempo ha fatto rinvenire Gregorio) Ecco qua, Francesca, il tuo maritino è vispo come un passerotto. Posso tornare di là? Viene anche lei, signora?

CONCHITA      Muchas gracias. Vengo porqué devo prender el regalito che ho lasciato nella pelliccia (escono).

GREGORIO      Francesca, ci credi se ti dico che ti amo?

FRANCESCA   Eh? Mi sa che dovresti svenire più spesso, Gregorio .

GREGORIO      No, Francesca, ricordati che ti amo, qualunque cosa accada.

FRANCESCA   Accada? (come svegliandosi). Eh, già sèmm anmò in trèdes. Mì telefoni al pronto soccorso (fa il numero) Pronto? E' il pronto soccorso? Mi scusi, è ancora lì il signor Fausto Cattaneo? Sì, me lo può passare? Ciao Faustino, me te stee? Meglio? E allora te pòdet vegni chì… Ma sì che ti rilasciano: te fee 'na firmètta. La macchina l'è rotta e la va pù? Ciappa on taxi… eh, già l'è lontan e el taxi el costa tròpp. Ciappa el treno… La stazion l'è lontana. Ciappa el taxi e fatt portà al treno… Oh, ma come te la fee difficil! Stai cercando di dirci che non vuoi venire da noi? Ah, mi pareva… eh, sì ti sei sempre trovato bene qui. Allora te spèttom. (depone il ricevitore) Fatto. Sèmm in quattordes. Possiamo dare l'ordine di preparare.

GREGORIO      Francesca, ti devo parlare.

FRANCESCA   Dopo Gregorio , intant va in camera a pettenass. Guarda lì che ciuff che te gh'hee!

GREGORIO      (esce) Agli ordini.

Scena VII

Rientra Conchita

CONCHITA      (porge un pacchetto a Francesca) Esto es el mi regalito por usted.

FRANCESCA   Usted? Chi l'è?

CONCHITA      Usted, voi. Un regalito por dos amigos che me hann invitada al cenone de Natal.

FRANCESCA   Oh, un regalito. Chissà se gh'è denter. Posso aprire?

CONCHITA      No, non subito: es un regalito especial che se apre da solo a mezzanotte e mezzo.

FRANCESCA   Ma ti guarda, anca i regai che se derven in de per lor. L'è bèll, l'è ona bomba. Chissà che sorpresa a mezzanòtt e mèzz.

CONCHITA      El gioco sta nel nasconder el pacchetino e desmentegar el posto dove està. Ce pensa lui a farse trovar.

FRANCESCA   Ma se nun sèmm de là e fèmm on poo de casin, riessum a sentil?

CONCHITA      Como?

FRANCESCA   Mi scusi. Mi parli semper in dialett. Se noi siamo di là e facciamo un po' di baccano (guarda Conchita che non capisce) di chiasso…

CONCHITA      Chiasso? In Svizzera?

FRANCESCA   Ma no Chiasso, in Svizzera. Se di là facciamo fracasso, rumore, frastuono…

CONCHITA      Entiende che fate casott?

FRANCESCA   Pròppi quèl. Ma baccano, in sudamerica se dis casòtt?

CONCHITA      Anche. Ma comunque no se preocupe: quando se apre el regalito, lo se siente anche se de là c'è bordell, c'è casòtt.

FRANCESCA   Allora non mi preoccupo (lo nasconde dietro un mobile).

CONCHITA      (tra sé) Contenta lei.

Rientra Gregorio

GREGORIO      Eccomi pettinato. Son bèll?

FRANCESCA   Bellissimo. Allora vi lascio all'intervista. Mì voo de là (esce).

ScenaVIII

Gregorio è solo con Conchita

CONCHITA      Manolo, mi querido… el mundo es pequegno, il mondo è piccolo, non credi?

GREGORIO      E'… una constatazione geografica?

CONCHITA      Geografica, certo. E' così piccolo che se puede incontrarse ancora, como una volta. Recuerde, Manolo?

GREGORIO      Eh, mi ricordo sì. Sai come sono felice di vederti? Ma come hai fatto a trovarmi?

CONCHITA      Por la tua mania de raccontar sempre estoriellas, barzelletas. Tu as sentido el fascino de la television e non hai resistido ad andare alla trasmission "La sai l'ultima". E te ho visto. Allora, non es muerto - ho pensato - Manolo està ancora vivo.

GREGORIO      Eh, s't'en diset? L'è bèll, nò? Vèss anmò viv. Ma tì, scusa, come mai te guardet…

CONCHITA      Te guardet, te guardet… Si non quiere hablar espagnol, habla almeno italiano. Non parlar quello stupido dialetto milanese, che non compriendo nada.

GREGORIO      Te gh'hee… pardon… hai ragione Conchita cara… ma non ti chiamavi Dolores?

CONCHITA      Nella vita todo cambia, cambia l'umor, cambia el nome, cambia… l'amor. Non es vero, Manolo? Anche tu adesso te chiami Gregorio , como i canti gregoriani, ma non impuerta el nome... tu as cambiado mi vida.

GREGORIO      Sai com'è! Oggi qui, domani là… il destino ti porta dove vuole lui.

CONCHITA      El destino… Me addormento tra le tue braccia, tra le braccia de un focoso amador e la mattina dopo me sveglio e non ci sei. Donde esta el mi amor? Sparido. Urlo desperada, penso che te hanno matado. Tu eres el tredicesimo governator de Santa Rosolina. Tredici porta male, penso.

GREGORIO      Anca tì? Il tredici è un numero come un altro.

CONCHITA      Eh, no Manolo, todos los altros governatores eran stati assassinadi. E porqué, tì no?

GREGORIO      Perchè hoo menaa i tòll a la svèlta.

CONCHITA      Ma yo non sapevo che tu avevi menaa i toll. Yo te credevo muerto. E come me, toda la Repubblica de Santa Rosolina estava preoccupada. Suonan las campanas, las trombas, la policia es mobilitada, se baten le campagne, se domanda a las battonas che estaban lungo los marciapedos. Ninguno, ninguno te ha visto. Dos pescatores puertan una barca trovada al largo: la tua barca. Vuota. Vuota, Manolo. Entiende? Riesci a immaginar la mia desperacion? La desperacion de toda la nazion? Si no lo hann matado, lo hann de seguro sgagnado i pescecani. Por tre mesi Santa Rosolina ha portado el lutto.

GREGORIO      El lutto? Trii mes de lutto per mì? Me paren pochi.

CONCHITA      Tienes questo coragghio de dir che son pochi… per uno che aveva menaa i toll?

GREGORIO      Ma questo non lo sapevate… dopotutto era morto il governatore e trii mes - ripeto - me paren pòchi.

CONCHITA      Vedremo per quanti mesi porterà el lutto la tua mujer.

GREGORIO      Cosa c'entra la Francesca?

CONCHITA      Ma tu credi che yo son venuda aqui por dirte che sei bravo a raccontar barzelletas? O pensi che non sapevo dove passar la noche de Natal e me son dicida "Andiamo a trovar un vecchio amigo". Yo soy aquì porqué… (mette la mano nella borsetta) sai cosa tiengo nella borsetta?

GREGORIO      Facile: cipria, rossetto e una pistola.

CONCHITA      Bravo Manolo, te recuerde ancora. Ma yo esta noche non userò né la cipria, né il rossetto.

GREGORIO      E infatti, stai bene così.

CONCHITA      Porqué yo userò la pistola (la estrae).

GREGORIO      A mezzanotte, per festeggiare Natale. Hai sempre avuto idee brillanti Conchita, per quello ti amavo.

CONCHITA      Anch'io te amavo, Manolo, e me despiase coparte.

GREGORIO      E ti mazzom nò. Non uccidermi.

CONCHITA      Ma yo devo, mi querido… devo…

GREGORIO      E va ben: spara!

CONCHITA      Como lo hai detto bene! Retrovo lo istesso coragghio che tu tenias quando eres giovane e meno ciccion.

GREGORIO      Perché? Ti sembro ingrassato?

CONCHITA      Beh, questo me facilita: es più difficile sbagliar la mira. Ma prima de matarte, voglio ancora un beso, Manolo. Dimme che tu me amava de vero amor.

GREGORIO      Ah, quèll sì. E ti bacio volentieri Conchita. Amici

               come prima (passo di tango).

CONCHITA      Oh, Manolo, mi querido… (bacio appassionato)

Entra Battista    

BATTISTA        Uhm… chiedo scusa.

GREGORIO      Ma non si usa bussare?

BATTISTA        Sì, si usa. Ma la signora… mi scusi (esce in fretta).

GREGORIO      Sorpresi dalla servitù. Adèss me toccarà dagh la mancia per fall tasè.

CONCHITA      Oh, Manolo, che beso. Proprio como una volta.

GREGORIO      Bello, sì. Ma se quèll bamba de on maggiordomo el parla, la mia miee la voeur el divorzio.

CONCHITA      No puede divorziar, porqué sarà già vedova.

GREGORIO      Allora insisti!

CONCHITA      Sì, Manolo, anche se el corazon se sta deslenguando, yo te devo matar. Ma prima dime: porqué espariste quella noche, lasciandome nella disperacion?

GREGORIO      Porqué io te amavo, Conchita, e me son riempido così tanto del tuo amor che son s'ciopado!

CONCHITA      Te faccio s'ciopar yo, maldido (punta la pistola)

GREGORIO      Conchita ti prego (alla Buscaglione) non scherzar con la pistola, se mi ammazzi resti sola, ma lascia andar.

CONCHITA      Scherzare? Ma qui non siamo su "Scherzi a parte" e nemmeno a "La sai l'ultima". Io sparo.

GREGORIO      (veloce si abbassa, nascondendosi dietro un mobile)

Entra Francesca

FRANCESCA   Gregorio , hai visto il mio… (lo scorge) Ma s'te fee lì?

CONCHITA      Me stava mostrando come se prepara el leon a saltar addosso alla gazzella.

FRANCESCA   E lù el saria on leon? Gregorio, alzati e fa il serio. Se trovi il mio braccialetto, portamelo. (a Conchita) Ci tengo, sa, me l'ha portato lui dal sudamerica (esce).

GREGORIO      (la segue con lo sguardo) Ma dove vai? Rèsta chì.

CONCHITA      Oh, resta chì. El caballero mas coragghioso del mundo ha bisogno de su mujer, della sua mogliera rompiscatole. Es una rompiscatole, vero Manolo?  

GREGORIO      Beh, come rompiscatole si difende. Ma io come faccio a difendermi da te? (trema).

CONCHITA      Tu tienes paura?

GREGORIO      Eh, beh, sai com'è: davanti a una pistola… è carica, vero?

CONCHITA      E' carica, sì. Ma come? Tu che hai fatto saltare in aria con il tuo coragghio el deposito de munizion, tu tienes paura?

GREGORIO      Sì,… il deposito…

CONCHITA      Porqué? Non es vero?

GREGORIO      Sì, son staa mì. Ma… vedi Conchita…

CONCHITA      E sono state proprio quelle esplosiones che hanno dato el coragghio al mio popolo de ribellarse. E tu da quel momento sei stato il nuestro capo. Da ninguno che eri, sei diventato subito el nostro (gli alza il braccio e scandisce) eroe nazional.

GREGORIO      E dopo un mese, governatore. Avete fatto tutto voi.

CONCHITA      No, non toglierti i meriti, Manolo. Tu es nato por fare l'eroe… ma cosa ci fai con quella sciacquetta di tua moglie?

GREGORIO      Te voeuret dì che te see gelosa?

CONCHITA      Gelosa, sì. Yo speravo de ritrovarte e de ritrovare con te anche l'amor de un tempo. Ma ora che tu stai con la sciacquetta yo te devo dir che soy aqui en mission ufficial. Ascolta (estrae un rotolo dalla borsetta) Esta es la sentenzia de muerte del Tribunal Supremo de Santa Rosolina. Sentenzia presa all'unanimitad più un voto.

GREGORIO      El tò?

CONCHITA      El mè! E ora esprimi l'ultimo desiderio. Vuoi fumar?

GREGORIO      Non fumo più. Però vorrei… magari vado di là a prendere la bottiglia, per un ultimo bicchiere di champagne.

FRANCESCA   (entrando vivacemente) Champagne! Ecco ragazzi, ho pensato a voi!

GREGORIO      Tempestiva, Francesca. Non perdi un colpo.

FRANCESCA   Anche lei Conchita vuole bere?

CONCHITA      No, gracias, yo non devo morir.

FRANCESCA   Ma beva. Il vino fa bene. Basta un bicchiere e dimentica tutto, la manda in estasi: è come se si sentisse in un altro mondo.

GREGORIO      (respinge il bicchiere) E allora non bevo, non voglio andare all'altro mondo.

FRANCESCA   Sentite, stiamo aspettando il Cattaneo per andare a tavola. Di là fanno un casino, a cominciare dal dottore… e per non  parlare poi dell' Elvira. Posso stare un po' con voi, per sentire come va il romanzo?

GREGORIO      (veloce) Sì, puoi stare!

FRANCESCA   E come procede?

CONCHITA      Dolores incontra Manolo e decide de matarlo.

FRANCESCA   Ma se voreven minga ben? Non si amavano?

CONCHITA      Sì, ma lui l'ha piantada senza una palabra, una parola, senza un biglietto de scuse, e soprattutto se ha fregado un braccialetto (guarda quello di Francesca). Lo ha trovado?

FRANCESCA   Sì, era sul comò, in camera.

CONCHITA      Dicevo che se ha fregado un braccialetto esattamente como el suo (guarda Gregorio con intenzione) e se ha sgraffignado el tesoro de la nacion. Un hombre magnifico, temerario, coragghioso, (con malizia) un grande amador, segnora, se ha comportado come l'ultimo de los hombres. Deve morir.

Scena IX

Entra Elvira

ELVIRA            Ah, Francesca, sei qui. Senti, anche se non sembra perché forse ho bevuto troppo, ho riflettuto su quello che mi hai detto. E' giusto che vada a casa da mio marito, poverino. Magari la febbre si è alzata.

FRANCESCA   Ma no, non preoccuparti. Disevi inscì per dì, ma son sicura che l'Arturo in questo momento starà benone.

GREGORIO      Sì, Elvira. Mì le lassaria stà tranquill.

ELIVIRA                                                                Magari si sta agitando.

GREGORIO      Direi che è normale… che si agiti.

ELIVIRA                                                                Perché, normale?

GREGORIO      Per la febbre, no?

FRANCESCA   E poeu… Elvira se te ve via rèstum in trèdes.

ELVIRA            E allora?

FRANCESCA   Tredici a tavola. Te capisset nò? Ma tì te se nò superstiziosa? Il sale versato, il gatto nero, passà sotta i scal…

ELVIRA La preoccupazione per il marito è più importante delle superstizioni. Vado (esce).

FRANCESCA   Elvira (le grida dalla porta) Le mèj se te stee chì.

               (rientra) Adèss la va a cà e la troeuva el sò marì con la  bionda.                                                                                         Bisogna impedirlo. Vado (esce).

CONCHITA      Bella casinista, la tua mujer. Senti Manolo, yo te amo sempre. Vuoi che te faccio un favor?

GREGORIO      Sì, grazie.

CONCHITA      Ammazzo la casinista e tu torni con me a Santa Rosolina. Ti aspettano tutti. (brandendo la pistola) Sarai de nuevo el governator.

FRANCESCA   (rientra, vede Conchita con la pistola) Dopo,dopo signora faremo i botti per il Natale. Adesso Gregorio  serve tutta la tua autorità per frenare gli invitati. Sono tutti ubriachi e stan-no sfasciando la casa. Speremm ch'el Cattaneo el riva nò. Magari qualche difficoltà, se sa mai (a Conchita) Lei rimane, vero?

CONCHITA      Porqué? No me vuole più?

FRANCESCA Nò, 'se l'ha capii? Dicevo, se ne vanno tutti, ma lei rimane, spero.

CONCHITA      Oh, sì, ma non me fermo molto. Prima de mezzanotte e mezzo devo esser fora de esta casa.

FRANCESCA   Quando il suo regalo si farà sentire?

CONCHITA      Appunto.

FRANCESCA   Ma non vuole vedere che faccia faremo per la sorpresa?

CONCHITA      Yo no soy così curiosa.

Scena X

Entra trafelato Arturo.

GREGORIO      Arturo! Sei guarito?

FRANCESCA   Tiii? E l'Elivira indove te l'hee lassada?

ARTURO          Non so dove sia. Cioè, sì… (vede Conchita) Buonasera signora.

FRANCESCA   (fa le presentazioni) Arturo, il marito dell'Elvira, la signora Conchita Esperanza… Esperanza de che ròba, Gregorio?

GREGORIO      Lassa pèrd, Francesca.

CONCHITA      Usted està el segnor malado che se fa guarir dalla bionda?

ARTURO          Ma lo sanno fino in Spagna?

FRANCESCA   Tutti lo sanno. Arturo, ma te se vergògnet nò, pròppi a la vigilia de Natal?

ARTURO          Ma non è vero niente.

FRANCESCA   T'hann vist.

ARTURO          Impossibile, ero a letto.

GREGORIO      E' vero, Arturo, ma hanno visto una bionda entrare al numero dodici di via dei Fontanili.

ARTURO          E cosa prova?

FRANCESCA   Hanno anche sentito la telefonata… "Posso venire? Siamo sicuri che l'Elvira non torna?"

ARTURO          Oh, ma che gente che c'è in giro. Impiccioni, perché ascoltano e pettegoli, perché riferiscono.

FRANCESCA   Lassa stà gli impiccioni. L’Elvira la t'ha vist?

ARTURO          Non so, arrivava un taxi mentre io salivo in macchina con… la bionda. Forse non m'ha visto, ma in casa non mi ha trovato e chissà che casino farà. Se arriva qui, cosa le dico?

CONCHITA      Buon Natale, mi querida.

ARTURO          Grazie. E' vero, le dico "Buon Natale". E poi?

GREGORIO      Le diremo che ti sei sentito meglio, che la febbre è scesa e che hai pensato di raggiungerla.

FRANCESCA   E così saremo quattordici, anzi: quindici se torna l'Elvira. E se el Cattaneo el vègn nò, chi se ne frega. Tutto perfetto.

CONCHITA      Perfetto, solo se la mujer del segnor Arturo non l'ha visto con la bionda.

GREGORIO      La pareva bionda, ma l'era bianca. L'era ona veggètta che la doveva attraversà la strada e lù, l'Arturo, el g'ha daa ona man.

Suona il telefono

FRANCESCA   Pronto? Ah, Cattaneo l'è lù? Come la va? Ghe la fa nò a vegnì chi? Oh, come me dispias. Beh, Buon Natale. Eh, sì sarà per l'ann che vègn.

GREGORIO      Se non andiamo in crociera (guarda Conchita, che lo guarda) E se sarò ancora vivo!

Scena XI

Entra come una furia Elvira

ARTURO          Elvira, amore. Sono qua: hai visto che sorpresa?

FRANCESCA   Il tuo maritino si è sentito meglio e ti ha raggiunto qui.

GREGORIO      Una guarigione quasi miracolosa.

ELVIRA            Certo. Se ti cura un'infermiera bionda, con la pelliccia di visone, guarisci subito.

ARTURO          Un'infermiera bionda? Ma cosa dici, Elvira?

FRANCESCA   Sì, Elvira, l'Arturo ce la stava raccontando proprio adesso: una signora con le scarpe con il tacco alto stava per scarligare e lui l'ha aiutata a tenersi in piedi, per traversare la strada.

ELVIRA            Oh, allora scusa Arturo la mia gelosia e scusa anche se ho trovato nel nostro bagno un rossetto - questo! - che non è mio (lo dà al marito).

ARTURO          (restituisce) Nemmeno il mio.

ELVIRA            Forse è di una signora che doveva attraversare il bagno. (urla) Arturo, tu hai distrutto tutto, sei un essere spregevole.

ARTURO          Amore, ti giuro che io…

ELVIRA            E non giurare, falso, ipocrita, bugiardo, infingardo.

CONCHITA      Complimenti por su vocabolario, segnora.

ELVIRA            (sorridendo) Grazie.

ARTURO          Ti ripeto che non è vero, e poi, Elvira, fare queste scenate in casa d'altri…

CONCHITA      Al mi paese, un hombre così se saria già mettido en ginocchio a domandar perdono.

ELVIRA            Se avessi una pistola tra le mani, ti sparerei.

CONCHITA      Vuole favorir? (fa per estrarre la pistola)

GREGORIO      (basso, a Conchita) Bòna. Ferma lì. Fà nò anmò pussee casin de quèll che gh'è giamò. (a Elvira) Considera Elvira l'ampiezza dell'amore, il suo gridare al vento le frasi che fanno sognare, il rincorrersi gioioso delle parole che nascono dai baci amorosi e si perdono e si dissolvono nell'infinito, mentre i cuori battono assieme e gridano "ti amo, ti amo".

FRANCESCA   Oh, signor! Gregorio , ma tè sei un poeta, non mi avevi mai parlato così. Voglio sentire ancora, dai, ripeti.

ELVIRA            Ripeti cosa? Sono tutte bambanate. Credete di inciucchirmi con le parole? Anche se sono già mezza ciucca per il vino, i miei pensieri sono chiari: Arturo va foeura di scattol! Vattene fedifrago! Anzi, no: me ne vado io (esce).

FRANCESCA   Elvira, no. Adesso che non viene il Cattaneo restiamo in tredici. (all'Arturo) E tì, vaggh adree a la toa miee, nò? Fotografo. Cosa aspetti?

ARTURO          Aspetto che torni.

FRANCESCA   Ma non hai visto com'era sconvolta? Quella si ammazza. Raggiungila e andate a casa a far la pace.

ARTURO          Hai ragione (uscendo) Elvira, Elvira!

FRANCESCA   (sospiro) Dodici! Possiamo metterci a tavola.

Rientra Elvira

GREGORIO      Elvira! Francesca, l'Elvira non è andata ad ammazzarsi.

ELVIRA            Ho finto di andarmene, ma mi sono nascosta dietro la tenda. Ho sentito tutto. Se teme che mi ammazzi vuole dire che mi ama.

FRANCESCA   (affranta) Trèdes! (a Elvira) Ma sei matta a lasciarlo così spaventato? Magari mette in allarme la polizia, farà il giro dei pronto soccorsi, degli ospedali.

CONCHITA      Dove ci sono le infermiere bionde.

FRANCESCA   Con che coraggio stai qui a divertirti, mentre lui soffre e teme per la tua vita.

ELVIRA            Anche lui mi ha fatto soffrire. Siamo pari (uscendo) Dottore, vengo. Mi riempia un bicchiere.

FRANCESCA   Ancora tredici. Ma cosa può accadermi, ancora? (si lascia andare su una poltrona).

GREGORIO      Adesso che sei lì rilassata, ascoltami Franceschina cara. Questa signora non si chiama Conchita, ma Dolores. Non deve scrivere un romanzo perché il suo romanzo d'amore l'ha già scritto con me tanti anni fa. Io allora mi facevo chiamare Manolo: sono stato un eroe e sono diventato Governatore di Santa Rosolina     

FRANCESCA   Oh, santa Maria…

GREGORIO      No, Santa Rosolina, non santa Maria. Francesca non ti ho mai detto niente perché temevoche tu non mi capissi.

FRANCESCA   Come te parlet ben, quand te parlet minga in dialètt ! E così tu eri un terrorista, un caballero, un eroe. E mì che te credevi on pistolòtt. Vègn chì, eroe, che te brasci sù (si alza e lo abbraccia). Sono la donna di un governatore.

CONCHITA      No, signora: yo soy la donna del govenator. Tu es

soltanto la miee del Gregorio. Anzi, l'ex mujer: porqué Manolo sarà matado.

FRANCESCA   Matado?

CONCHITA      Sì, signora sciacquetta. Manolo è stato condannato a muerte dal suo popolo. O lo mato aquì o lo porto a Santa Rosolina, dove vivrà e tornerà a far el Governator. Cosa sceglie?

FRANCESCA   Scelgo che viva. Va bene, se lo porti a quel paese… ma lì

               ghe vègni anca mì: voeuri nò lassal in de per lù, el mè eroe.

GREGORIO      Eroe, sì… ma che eroe! Cercavo un minerale e ho messo una piccola carica di dinamite nella roccia. Ma chi l'è che va a savè che sotta gh'era el depòsito di munizion. L'è saltà tutt per aria, mì son restaa soo nò quanti dì senza capì pù nient. Quand me sveli, tutti a vosà: eroe, eroe, el caballero sarà el nuestro governator. E mì se dovevi fà?

CONCHITA      Non è vero, Manolo. Tu l'hai fatto per el popolo.

GREGORIO      Nò, Dolores, ò Conchita come te preferisset, non è stato

               un atto eroico, l'è staa on sbali. Un errore.

CONCHITA      Che tristezza, Manolo. Diecimila chilometri por venir fin aquì e sentir che tu non es l'hombre che toda Santa Rosolina ha amato. Pensa che c'è anche una estrada a tuo nome. E' crollado un mito, non te mato, porqué tu sei già morto, Manolo o Gregorio  come te preferisset. Ciappa la tua sciacquetta. Adios (far per uscire). Vado, segnora: sarete in dodici adesso. Contenta? (esce).

FRANCESCA   Bravo Gregorio . Te ghe l'hee cuntada sù ben: (come se imitasse) l'ho fatto per sbaglio!

GREGORIO      Ma l'è vera.

FRANCESCA   Dai fà nò inscì con mì. Ormai la finzione non è più necessaria. Vieni, mio eroe (lo abbraccia)

Entra trafelata Conchita

CONCHITA      La bomba, ridateme la bomba, non es più necessaria.

FRANCESCA   Quale bomba?

CONCHITA      El regalito che ve ho fatto.

FRANCESCA   Oh, Madòna: in dove l'hoo miss? L'era pròppi ona bomba?

GREGORIO      Cerca Francesca, cerca. Quèlla lì la schèrza nò. Fai lavorare il cervello. Indove te le missa?

FRANCESCA   Soo nò, quand me l'ha dada gh'era on casin (gira a vuoto in vari angoli, apre cassetti, mobili - scena a soggetto)

CONCHITA      Restano solo sette minuti, poi… patapum.

FRANCESCA   Patapum? Oh, signor (sviene, lasciandosi andare su una poltrona).

CONCHITA      Che donna, la tua mujer. Coragghiosa! (cerca e vede il pacchetto) Ah, eccolo (lo sistema sul tavolo e chiede a Gregorio) Tronchesino.

GREGORIO      Eh, tronchesino, in dove l’è ch’el troeuvi?

CONCHITA      Forbici.

GREGORIO      (trova le forbici nel beauty di Francesca) Ecco.

CONCHITA        (guarda i fili colorati) Rosso o blu?

GREGORIO      Blu.

CONCHITA      Era il nostro colore (disinnesca). Fatto, Manolo. Adios.

GREGORIO      Dolores, ti devo dire una cosa… io, io vicino a te ho

               passato momenti meravigliosi, in quei giorni ti amavo, ti amavo

               davvero e vicino a te sono stato molto felice e anche molto… coraggioso. Sì, tu mi davi la carica. Adios, mi querida.

CONCHITA      Es todo vero, Manolo?

GREGORIO      Sì, todo vero.

CONCHITA      Gracias, adios (lo bacia ed esce).

GREGORIO      (va vicino a Francesca) Ceschina, è tutto finito,

               sveglia.

FRANCESCA   La bomba?

GREGORIO      Disinnescata, Francesca. Adèss pòdom verament andà de

               là insèma ai alter.                                         

Entra Cattaneo, all'improvviso

CATTANEO     Ehi, amici, ce l'ho fatta. Non potevo passare Natale senza di voi. Ho fatto l'impossibile, vi racconterò tutto. Che avventura, ma ce l'ho fatta. Contenti?

FRANCESCA e GREGORIO      Trèdes!

CATTANEO     Ma non siete contenti?

SI CHIUDE IL SIPARIO

FINE

    Questo copione è stato visto
  • 0 volte nelle ultime 48 ore
  • 0 volte nell' ultima settimana
  • 1 volte nell' ultimo mese
  • 2 volte nell' arco di un'anno