No l’è tutt’ou quelloche luxe

Stampa questo copione

 


                                                      (OVVERO­: CUAE DE MOGGÈ)

TRE ATTI BRILLANTI DI

ENRICO SCARAVELLI

E

BATTISTINA RAMBELLI 

PERSONAGGI:

BRUNO BRANCALEÒN                      direttò de Banca

MENEGO STACCHETTA                   rappresentante da ditta

NINO MARCHI                                      ragioniere

SABINA CHIESA                                  impiegà

GRAZIA CASALE                                 impiegà

UGO BEDIN                                           fattûrin

FRANCA OGNIBENE                          impiegà

Dott. RATTI                                            amministratò

N te 'n scagno vixin a-o porto in ti anni ottanta

ATTO PRIMO

Ufficio di rappresentanza in Piccapietra o vicino al porto, per la vendita di materiali siderurgici ed attrezzature da carpentiere. Una paratia con porta divide l'ufficio del direttore dalla sala impiegati. Alcune scrivanie, scaffali, ecc. arredano l'ambiente con pratiche varie, macchina da scrivere, telefoni nei due uffici. Stessa scena per i tre atti.

SCENA I

(Nino – Sabina – Franca)

NINO        : - (a Sabina che sta scrivendo a macchina) "Comme se sta ben in scagno senza o Prinçipà. Quande o se ghe mette o riesce a ëse ciù angoscioso de 'na partìa persa a-e bocce. S'o no sente do bordello o no se fa vedde…Te diggo francamente Sabina che vorriae che no mettessan nisciûn a-o posto da Rosa ch'a l'è andata in pensciòn.. Ma me sa tanto però che primma o poi o piggià 'n'ätra segretäia"

SABINA     :- "Ne so quarcösa  mi de quante o me n'ha faeto cuà primma de piggiäme. O n'aveiva zà provòu 'na ventenn-a, ma no ghe n'andava ben nisciûnn-a. E véi? Ghe n'éa o doppio e tante gh'aveivan anche de raccomandazioìn.. Ma lé, ninte! Doveivan savei o mesté e basta, e chì ghe daggo raxòn" (sorridendo) "Me vegne ancon da rïe se penso a quella befana con o muro inciastròu de marròn, con 'na raccomandaziòn de quelle… potenti. Ah, ah, ah.. o l'ha faeta corrì comme 'na lippa"

NINO          :- "O nostro fattûrin, Ugo, o l'ha dïto che o Sciò Brancaleòn o l'ha daeto 'n'appuntamento a 'n'ätra aspirante. Speremmo ca no segge 'na scorpena"

FRANCA   :- (con sufficienza mentre si acconcia) "S'a l'è bella a no l'avià cuae de travaggià.. Comunque lé o l'ammïa solo se san travaggià e rende pe' a ditta, se donca…vira de bordo!"

NINO          :- "Se gh'è 'na neuva entrée o Menego o faià sûbito o cascamorto. Belle o brûtte.. ghe piaxan tûtte.." (a Sabina) "Tanto l'è véa ch'o se finn-a incallòu con ti.."

SABINA     :- (impermalita) "E comme saieiva a dï..? Madûcòu!"

NINO          :- "Scûsa, no voeivo offendite.. dixeivo solo che.."

SABINA     :- "T'hae zà dïto anche troppo" (si alza e chiama il fattorino) "Ugo!"

SCENA II

(Nino – Sabina – Ugo – Franca)

UGO           :- (entra con passo ..sfaticato e semiaddormentato. Indossa un grembiule grigio ed un berretto da fattorino. Sbadiglia) "Se gh'è?"

SABINA     :- "Ti l'hae piaggiae e schedinn-e?"

UGO           :- (estrae alcune schedine dalla tasca) "N'ho piggiòu 'na magnà"

NINO          :- "Adreitûa.. Ciù che 'na schedinn-a da séi colonne no femmo, ti o sae"

SABINA     :- "Dài, intanto che gh'è 'n po' de queto.."

NINO          :- ".. e che no gh'è o Prinçipà.."

SABINA     :- "..speremmo de agguantà 'n bello trezze"

UGO           :- "Pe' fa 'n bello trezze gh'è veu 'n bello…sezze" (mima con eloquenza)

FRANCA   :-  (redarguendolo) "Ma Ugo!"

UGO           :- (ridacchia soddisfatto e mostrando la schedina) "Con Ugo c'è più sugo"

NINO          :- "A ti o sûgo te l'han spremûo primma che ti nascessi"

UGO           :- (impermalito) "Comme saieiva a dï?"

NINO          :- "Saieiva a dì.." (ammiccando ai colleghi) "Ma no ti sae a stöia da distribûzion de l'intelligenza?"

UGO           :- "Mi no.. quande a l'è sciortïa?"

SABINA     : "Intanto che fae da filosofa, mì e a Franca caccemmo zù 'na colonna e poi voiätri faiei e varianti" (si accingono a scrivere)

FRANCA   :- "Ma mi no me n'accapiscio"

SABINA     :- "Se l'è pe' quello, manco mì"

NINO          :- (a Ugo) "Alloa te a conto e no te a conto a stöia de l'intelligenza?"

UGO           :- "Scià me conte"

NINO          :- "Quande o Segnò o l'ha distribuio in sce-a taera l'intelligenza, o l'ha faeto impì di grossi paggeu de saeximo e tutta a gente ch'a l'éa in fila, passandoghe davanti, a se scoverciava o cranio"

UGO           :- "O cranio? E comme l'éa poscibile?"

NINO          :- (con aria da dotto) "Oua no saieiva poscibile, ma a quelli tempi scì.. e no interròmpime che perdo o fì"

UGO           :- "Se mai, doppo, ghe daggo 'naman"

NINO          :- "A fa cöse?!

UGO           :- "A çercà o fì"

NINO          :- "O bello Segnò cäo… lascime andà avanti. Dond'eivimo arrestae?"

SABINA     :- (meditando sulla schedina) "A Genoa-Sampdoria"

UGO           :- (voltandosi verso le donne) "Icchese"

NINO          :- (a Ugo) " Intendo di dond'eimo arrestae con o mae racconto"

UGO           :- "Ai fì e ai crani scoverciae"

NINO          :- "Ah, ecco. Dixeivo che passando davanti a-o Segnò se scoverciavan.."

UGO           :- "O cranio"

NINO          :- "Perfetto e l'è o ghe versava drento 'na cassà de intelligenza.. L'éa za passòu 'na mûggià de gente quande o Segnò o s'accorze che o contegnûo di paggeu o no l'abbastava pe' tûtti e coscì.."

UGO           :- (interessato) "Coscì.. ?"

NINO          :- "..o gh'ha dovûo azzunze de l'aegua!

SABINA     :- (che ha terminato di compilare la colonna principale, rivolgendosi ai due) "Ecco faeto..e varianti a voiätri" (le due donne parlottano fra loro)

NINO          :- "E varianti son staete quelle che o saeximo o s'è faeto sempre ciù raeo"

UGO           :- (grattandosi la testa) "Scià me fasse accappì; e varianti da schedinn-a son quelle ch'han faeto vegnì o saeximo ciù raeo?"

NINO          :- (che si sforza di mantenersi calmo) "Ma cöse gh'intra a schedinn-a! O liquido con o saeximo o s'è faeto ciù raeo, perché a colonna a no finiva mai e in ti ûrtimi.. gh'éan i teu antenati"

UGO           :- "I mae antenati? E Voscià comme scià fa a saveilo?"

NINO          :- (con aria di commiserazione) "Poi te-o spiego..intanto se vedde a primma vista. Faeto sta, cäo Ugo, che i ûrtimi han riçevûo solo aegua scc-etta, Capio?"

FRANCA   :- "E così, caro Ugo, sei rimasto senza sugo"

UGO           :- "Sidoro.. questa no a saveiva. Ghe scommetto che i seu antenati invece ean fra i primmi"

NINO          :- "Ti peu ben dïlo" (si avvicina al tavolo delle donne per guardare la schedina)

UGO           :- "Che affortûnòu!"

NINO          :- (mette alcune varianti sulla schedina) "Ugo, te lascio due partïe da mettighe e varianti. Tegni 'na colonna pe' o Menego se no o ghe patisce"

UGO           :- "Scià fasse püre voscià, scià e mette anche abbrettio.. tanto o seu çervello o l'ha sciorbìo ciù intelligenza che o mae"

SABINA     :- "E bravo Ugo; foscia i teu antenati no ean proprio i ûrtimi"

NINO          :- "Va ben, fasso mi" (esegue) "Ecco faeto. Tegni Ugo vanni a zûgala"

UGO           :- "A credito?"

SABINA     :- "Ah.. e palanche" (ognuno porge la propria quota)

NINO          :- (a Ugo) "Quelle do Menego mettighele ti, poi ti t'è fae dà da lé"

UGO           :- "Torna? O me deve dà ancon quelle de l'ätra settemann-a"

SCENA III

(Nino – Sabina – Ugo – Franca – Brancaleòn – Menego – Grazia)

BRANCALEON:-(entra. Cappello, cartella. Vede gli impiegati sfaccendati anche se cercano di assumere un contegno adeguato) "Veddo che quande o gatto o no gh'è i ratti ballan!.. Me sa tanto che quarchedûn de voiätri o l'agge cuae de lascià o posto a'n disoccupòu" (a Ugo) "E ti perché no t'è in ta teu guardiola?"

UGO           :- "Ma Sciò direttò, tanto se intra quarchedûn o deve ben passà da quella porta e mi, in ta guardiola o chi drento, o veddo o maeximo"

BRANCAL.         :- "Descorsci. No l'è dïto che devan passà tûtti. A proposito, deve vegnì a fa'n colloquio 'n'ätra personn-a. Falla intrà. E voiätri travaggiae, pelandroìn!" (entra nel proprio ufficio)

FRANCA   :- (a Ugo) "Se ti fisci staeto a-o teu posto ti poeivi avvertïne ch'arriava o lô"

UGO           :- (scimmiottando) "Se fïsse stato a-o mae posto no aviescimo faeto a schedinn-a" (suonano alla porta) "Han seunnòu!"

NINO          :- "E alloa?"

UGO           :- "Alloa?.. Ah!. Vaddo a-arvì" (esce di scena) "Scignorìa.. cöse scià veu?"

GRAZIA     :- "Vorrieva parlà con o direttò.. gh'ho 'n'appuntamento"

UGO           :- "Scià l'aspëte 'n momento.. vaddo a vedde se o a peu riçeive" (rientra e prevedendo le domande degli altri) "A 'è 'n'ätra aspirante a-o posto"

NINO          :- "A l'è graziosa?"

UGO           :- (con eloquenza) "Me n'incannello"

SABINA     :- (ironica) "Stanni a vedde che oua intra a Venere di Milo"

UGO           :- "Scià-a conosce?"

MENEGO   :- (entra in scena con un borsone e lancia un fischio) "Che bello tocco de.." (posa il borsone e a Sabina) "Voeivo dì.." (apre il borsone)

FRANCA   :- "Emmo accappio ö maeximo"

NINO          :- "Ugo.. no saià mëgio che t'avvisi o Prinçipà?"

UGO           :- "E de cöse?"

SABINA     :- "Ma no gh'è de de là 'na neuva aspirante?"

UGO           :- "Uh, zà.. m'ascordavo" (bussa alla porta del direttore)

BRANCAL.         :- (con voce autoritaria) "Avanti!"

UGO           :- (entra, si toglie il copricapo e con fare dimesso) "Signor direttore principale.. c'è di là una ragassa che dice di avere un appuntamento"

BRANCAL.         :- (incuriosito) "Che tipo a l'è?"

UGO           :- "Sciò direttò… è uno schiantassimo. Le darei subito la patente di Miss Bassa Valbisagno"

BRANCAL.         :- (ritornando burbero) "Basta coscì.. ninte commenti"

UGO           :- "Scusi.. ma lei mi ha fatto l'interrogasione e io ciò risposto"

BRANCAL.         :- "Va ben, va ben.. falla intrà"

UGO           :- "Comme scià comanda" (esce rientrando nella sala degli impiegati brontolando. Poi sull'uscio..) "Signorina, si accomoddi " (sottovoce agli impiegati) "..in ta tann-a do liòn"

GRAZIA     :- (giovane ed appariscente ragazza, entra. Tutti la guardano interessati. Gli uomini con ammirazione, le donne solo incuriosite. Saluta e tutti rispondono a soggetto. Si avvicina a Nino, porgendogli la mano) "È lei il dirett…"

UGO           :- (interrompendola) "No, no.. oh, a lé ghe saieiva cäo.."

NINO          :- "Cöse t'orriesci dì?"

UGO           :- (accompagnando la ragazza dal direttore) "O l'è in to seu stûddio. Scià no se spavente se a-o Sciò Brancaleòn ghe ven i scc-iûmassi.. veu dïsse solo ch'o l'è 'n pittin arragiòu" (bussa alla porta del direttore)

BRANCAL.           :- (sempre brusco) "Avanti"

UGO           :- (precedendo la ragazza) "Signor direttore.. ci sarebbe la ragassa"

BRANCAL.         :- "Ci sarebbe o c'è?"

UGO           :- "A lé chì"

BRANCAL.         :- (alterato) "E cöse t'aspëti?.. Falla intrà!"

UGO           :-  (alla signorina, sussurrando) "Ancheu o l'è allegro.." (con tono professionale) "Si accomodisca" (esce richiudendo l'uscio ed esce dalla sala)

                   (dalla sala degli impiegati si può fare semibuio illuminando a turno, a seconda dei colloqui, un ufficio o l'altro. Gli impiegati lanciano aeroplanini di carta o fanno parole crociate. La sala del Principale è illuminata)

BRANCAL.:- (ringalluzzito alla vista della signorina, indicando la sedia davanti alla scrivania) "Si accomodi"

GRAZIA     :- "Grazie" (siede)

BRANCAL .:- "Così, come mi ha detto al telefono, ha letto l'inserzione sul giornale ed ha chiesto un colloquio con me"

GRAZIA     :- "Infatti. L'inserzione diceva che era gradito il diploma.. Eccolo" (porge)

BRANCAL.         :- (leggendo) "Veddo, veddo.. e scià l'ha piggiòu anche di belli voti.. nata a Genova.. beniscimo"

GRAZIA     :- (sorridendo) "Autoctona"

BRANCAL.         :- "Ah; non genovese?"

GRAZIA     :- "Zeneize de Zena"

BRANCAL.         :- "Ottimo" (continuando a leggere) "Dattilografia e anche stenografia..Che metodo?"

GRAZIA     :- "Gabesper-Noe"(intanto gli impiegati fanno scena, commentano)

NINO          :- "Ghe scommetto co-a piggia"

SABINA     :- "Dipende da l'axillo che gh'acciappa"

BRANCAL.         :- "Me servieiva ûnn-a ca parla quarche lingua.. Cöse scià sa?"

GRAZIA     :- "O zeneize!"

BRANCAL.         :- "L'è za quarcösa!...Veramente no scrivemmo in zeneize.. " (bonario) "Comunque o nostro traffego pe' o de ciù o l'è solo locale o regionale quindi anche o zeneize o porrieiva andà ben. Dunque, abbiamo parlato di stenografia.. Si sente di fare una piccola prova?"

SABINA     :- "Chissà comme va a finì o colloquio"

NINO          :- "Bella o brutta sa no sa fa ninte o no a piggia de segûo"

MENEGO   :- (quatto, quatto, si avvicina alla porta del direttore per ascoltare)

GRAZIA     :- "Una prova?.." (imbarazzata) "Veramente.. sono un po' fuori esercizio"

SABINA     :- (a Menego, sottovoce) "No se va a cuiusà"

NINO          :- "T'hae raxon" (si avvicina anche lui alla porta del Capo)

BRANCAL.         :- "Ah!.." (accomodante) "Beh.. no l'è poi che a stenografia a segge coscì importante..Tanto gh'è son da compilà anche di moduli, fa di conti, risponde a-o telefono.."

GRAZIA     :- (rapida) "Quello so fällo beniscimo!"

FRANCA   :- "Alloa.. cöse dixan?"

MENEGO   :- (ironico e comico) "Pensae che brava.. a sa finn-a risponde a-o telefono"

SABINA     :- "T'accapiae che stûddi ghe veu"

BRANCAL.         :- "S'intende che chi no son ammisse telefonate personali.. " (quasi per sapere) "..magara pe' parlà con o galante.."

GRAZIA     :- "Scià stagghe tranquillo"

BRANCAL.         :- (interessato) "Tranquillo..perché scià no l'ha o galante?"

NINO          :- (ai colleghi) "O no l'è o baccan..o l'è troppo gentile"

FRANCA   :- "Alloa o-a piggia"

NINO          :- (che sta sempre origliando, mima ai colleghi le smancerie di Brancaleone. Inavvertitamente fa rumore e corre alla sua scrivania seguito da Menego, giusto in tempo mentre il principale, in allarme, apre la porta per controllare. Le luci si alzano mentre Nino sta rumorosamente timbrando degli inutili fogli mentre Sabina batte a macchina. Franca controlla apparentemente un registro mentre Domenico sistema uno scaffale)

BRANCAL.:- (sospettoso) "Se peu savei cös'o l'è 'sto bordello?"

MENEGO   :- "Bordello?.. Ah.. m'è cheito 'n classeur pe' taera" (le luci si abbassano per ravvivarsi nello studio del principale)

BRANCAL.         :- (rientrando nel suo studio, a Grazia con gentilezza) "Dond'éivimo restae?"

GRAZIA     :- "A-o telefono"

BRANCAL.         :- (mieloso) "Birichinn-a…Stavimo parlando do galante"

MENEGO   :- (sottovoce avvicinandosi alla porta del principale) "Vaddo mi"

GRAZIA     :- (titubando) "Ninte galante a-o momento"

BRANCAL:         :- "Poscibile?.. Diggo questo pe' fäghe 'n complimento perché 'na bella zovena comme voscià.. manco 'n corteggiatò.. quarche FLIRT" (pronunciare come scritto)

GRAZIA     :- "No diggo che no ghe segge quarche corteggiatò.. saiae böxarda.. ma pe' oua devo pensà solo a travaggià"

SABINA     :- "Cöse dïxan?" (intanto si trucca un po')

MENEGO   :- "Ch'a no l'ha o galante e ch'a pensa solo a-o travaggio"

FRANCA   :- "Scì.. a risponde a-o telefono!"

BRANCAL.         :- "Beniscimo! Alloa o posto o l'è o so e pe' quante riguarda o stipendio, pe' o momento scià saià inquadrà.. doppo 'n periodo de preuva s'intende, con a paga sindacale comme apprendista"

GRAZIA     :- "Sciò Brancaleon, no so comme ringrassiälo"

BRANCAL.         :- (con galanteria esagerata) "Ma no l'è o caxo.. pe' o momento… Se ne son presentae tante ma Voscià, scià me pä ciù adatta. Spero che no scià me delûdde. Oua ghe presento i so colleghi" (si alzano e si avviano alla porta)

MENEGO   :- (precipitandosi al suo posto) "Bossa.. o l'arrïa!"

                   (tutti si danno un contegno. Sabina ripone il <necessaire>, Nino fa altrettanto con Tuttosport e così via gli altri. Appare nell'ufficio il Principale con Grazia)

BRANCAL.         :- "Scià s'accomode" (vede Domenico e s'innervosisce) "E ti comme mai chì? No t'aveivo dïto d'andà a Lavagna?"

MENEGO   :- "Eh? A Lavagna?.. Ah, zà.. Gh'è o sciopero di benzinà e coscì ho pensòu de andaghe doman"

BRANCAL.         :- (poco garbato) "Gh'éa anche o sciopero di treni e de corriere?"

MENEGO   :- "Scûsime ma no poeivo andaghe con a borsa do campionäio ca peiza ciù de dëxe chili"

BRANCAL:         :- "Belle scûse! Doman, sciopero o no sciopero, bezeugna andà; gh'è da screuve de fattûe.. piggià de grosse ordinazioìn, ci siamo intesi signor Domenico Stacchetta?"

MENEGO   :- "Stanni tranquillo.. Domani sarà fatto"

BRANCAL.         :- "Questa a l'è a neuva impiegà ca piggia o posto da Rosa.. a scignorinn-a.." (a Grazia) "..scignorinn-a?.."

GRAZIA     :- "Grazia Casale"

BRANCAL.         :- (con aria da viveur) "Grazia di nome e.. di fatto…Le presento i suoi colleghi" (indicando Domenico) "Questo.. giovanotto è il nostro addetto alle vendite ed alla ricerca di nuovi clienti.." (con sfottò) "..scioperi a parte"

MERIGO    :- "Piacere: Domenico Stacchetta, Menego pe' i amixi. Piazzamento di chiodi, profilati, lamiere e giù di lì"

BRANCAL:         :- "Il ragioniere Nino Marchi.. la signorina Sabina Chiesa, la signorina Franca Ognibene e di là, l'ha già visto, il nostro fattorino, guardiano ecc. Ugo Fontana. C'è anche una tuttofare che viene di tanto in tanto a dare.. come si dice.. a dare recatto agli uffici" (a Nino) "Alloa ragioniere, scià spieghe ä scignorinn-a quello ch'a deve fa.. poco pe' votta fin ch'a l'ha compreiso o travaggio. Se semmo accapìi?"

NINO          :- "Senz'ätro.. e cöse a sa fa?"

SABINA     :- "Risponde a-o telefono!" (accorgendosi della gaffe e dello sguardo feroce del Principale, si tappa la bocca)

MENEGO   :- "Ninte puïa scignorinn-a, ghe daiò 'na man anche mi"

BRANCAL.         :- "Tì pensa a vende ciòi, anchizze, vïe e fî de rammo.. Ben scignorinn-a, a lascio in te bonn-e moen. Scià çerche de imparà fïto"

GRAZIA     :- "Ghe a mettiòu tûtta; grassie"

BRANCAL.         :- "Ragioniere, scià a mette in regola e scià ghe fasse firmà o contratto"

NINO          :- "A-o posto da Rosa?"

BRANCAL.         :- "A-o posto mae no de segûo..A-o posto da Rosa comme apprendista in preuva" (agli impiegati) "E ninte scemmaie e spiritosate, inteixi? Mi vaddo a l'Ansaldo a vedde se veuan do frecciamme pe' i altiforni" (esce)

SCENA IV

(Nino – Sabina – Menego – Franca – Grazia)

NINO          :- (alla ragazza) "Comme scià l'ha faeto a convisilo coscì fïto?"

SABINA     :- (tirandole una frecciatina) "Ti devi ëse proprio brava!"

MENEGO   :- "E chance no ghe mancan"

FRANCA   :- "No commençà a dì e teu scemmaie"

MENEGO   :- (squadrandola) "Io constato!"

NINO          :- (alla ragazza) "Scià no ghe fasse cäxo; o no piggia mai ninte in sciò serio"

SABINA     :- "Specialmente e donne. Ma ti, Grazia, no dagghe a mente"

GRAZIA     :- "Grazie. Saià mëgio pensà a-o travaggio..no veuggio perdilo..e con questi ciae de lûnn-a..no l'è façile trovane in gïo"

MENEGO   :- "No sta a sentì queste miodinn-e.. scûsa se te daggo do ti.. ma t'è coscì zovena.. semmo .. ciù o meno da stessa etae"

FRANCA   :- "O s'è faeto o sconto do trenta pe' çento"

NINO                   :- "Porriescimo dässe do<ti> tûtti, te pä?"

GRAZIA    :- "Pe' mi va benissimo"

MENEGO   :- "Ghe l'han con mi perché pensan che staggo appreuvo a tûtte e fädette.. ma no l'è coscì. Son sempre in çerca de quella faeta pe' mi.. aspëto sempre a mae donna ideale pe' fermä o balin e sposame"

GRAZIA     :- "A mi invece no me piaxan quelli che se pösan in scé tûtti i fiori"

SABINA     :-  (a Merigo) "Piggia, péisa, incarta e porta a casa!"

MENEGO   :- "Staiëmo a vedde. Io ho l'arma segreta!"

FRANCA   :- "Martelli e stacchette!"

NINO          :- "Menego, finiscila e mettite a travaggià che s'arrïa o baccàn o ne dà lé l'arma segreta: licenziamento pe' scarso rendimento"

MENEGO   :- "L'ho sempre dïto che i contabili son teste de citrato. Mì rendo e comme. Orriae veddite tì a vende ciöi senza punte a-e fabbriche da Rivëa, a-e bûtteghe de ferramenta e lamée che invece d'ëse drïte pä ghe gh'aggian faeto a permanente. Se gh'andesse mai o Brancaleòn, con a diplomazia co s'attreuva, o porrieiva serrà a Ditta e noiätri saiescimo tutti a vende pendalocchi ä fëa de Sant'Agà"

NINO          :- "Tì, ti peu ringrassià teu barba l'onorevole se t'è ancon chi.. lotti, appalti..e magara anche tangenti"

MENEGO   :- "No te permetto de dì de siottàie in scé mae barba. O l'è 'na personn-a corretta. O l'ha e moen pulìte, lé"

FRANCA   ;. "O se ë lava con a poligrinn-a"

GRAZIA     :- "Scûsae se me intrometto, son l'ûrtima arrivà e saieiva bello andà tûtti d'accordio, collaborà pe' fa andà avanti a Ditta, diggo mä?"

SABINA     :- "A l'è adescia a figgetta"

MENEGO   :- "A noiätri o travaggio e a-o Cappo e palanche.. N'accapiscio comme aggiàn posciûo fällo commendatò"

SABINA     :- "Te brûxa eh?.. Ti ghe l'è con lé perché quande sei andaeti a Pariggi o t'ha fregou a françesinn-a"

MENEGO   :- "Semmai quella l'ho mollà mì… E poi o l'è lé co ghe patisce perché.." (atteggiandosi con esagerazione) ".. son ciù zoveno e modestamente ciù bello.."

NINO          :- ".. e ti gh'è o barba a Romma"

MENEGO   :- "Ti stanni sitto perché tì no ti gh'è bon.. Con quella marescialla de teu moggé no t'è manco padron de 'na nichelinn-a. Véa Sabina?"

SABINA     :- "Mi no so ninte..  me ciammo Gëxa"

FRANCA   :- "Sabina Chiesa, di nome e di fatto"

MENEGO   :- "Però ti a conosci.."

SABINA     :- "No veuggio intrà in te vostre rattelle. E poi dixan de donne. Bello quaddro pe' a neuva collega"

NINO          :- "A l'ha raxòn. Oua basta e travaggiae. Grazia, scià vegne chì che ghe fasso vedde i conti da controllà e ghe fasso firma i papè pe' l'assunsion"

GRAZIA     :- "Ma o me peu dà do <tì>"

MENEGO   :- "Giûsto, t'è vëgio mentre lé a te peu dà do Voscià"

FRANCA   :- "Menego, t'attacchi torna?!"

SCENA V

(Nino – Sabina – Menego – Franca – Brancaleòn – Ugo)

BRANCAL.         :- (fuori scena, a Ugo) "Ugo, piggia quella spassetta e damme 'na pulita a-o mae paltò" (entra seguito da Ugo che ha in mano la spazzola)

UGO           :- "Scià veu che ghe leve anche duì pelûcchi?"

BRANCAL.         :- (volgendogli le spalle per farsi pulire) "Solo 'na nettezzà. Me son appogiòu da o fornà e me son inciastròu de faenna"

UGO           :- (esegue con comicità pulendogli anche il..didietro. Brancaleone si sposta osservandolo attentamente) "Scià l'agge pazienza ma.. gh'è do gianco anche in to pané"

SABINA     :- (sottovoce a Franca) "O se saià incastròu con a Scià Ansaldo, a fornarinn-a..ätro che frecciamme a o stabilimento Ansaldo.."

BRANCAL.         : "Cös'éi da malignà?"

SABINA     :- "Mi, malignà.. ma Cappo mi.."

BRANCAL:         :- "Comme se no ve conoscesse tûtti quanti.." (voltandosi) "Ragioniere, comm'a va a neuva impiegà?"

UGO           :- "Sciò Prinçipà.. se scià se mescia de longo..

NINO          :- "A sta controllando i conti"

BRANCAL.         :- "Scià ghe mostre l'archivio, i cartellin di clienti, o releuio da timbrà, o funzionamento do telefono. Ah, no, quello a-o sa. Daeghe 'na man senza fa di casin. Se vegne l'avvocato Ribotta pe' quella causa de fallimento, Scià ghe dïgghe che no ghe son e co vegne a çinq'òe"

NINO          :- "Beniscimo"

BRANCAL.         :- (a Ugo, spazientito) "T'hae fnïo de tocchettäme con quella spassetta?"

UGO           :- "Ma Sciò Baccan.. scià se mescia de longo e poi.. ghe n'éa da faenna addosso. Ecco.. ho finîo" (esce)

BRANCAL:         :- "Meno male. Mi vaddo ä Camera de Commercio"

MENEGO   :- (sornione) "E.. l'Ansaldo.."

BRANCAL.         :- (innervosito) "L'Ansaldo cöse?"

MENEGO   :- "Me riferivo a-o stabilimento Ansaldo..pe' o frecciamme"

BRANCAL.         :- "Son cöse che no te riguardan.. Travaggiae che l'è mëgio" (esce)

MENEGO  :- "Oh, o se n'è andaeto… Cöse ne diesci d'un bon caffè?"

GRAZIA    :- "Poei fave 'n caffè?"

MENEGO  :- "Gh'emmo a macchinetta. Se ti vegni de de là con mi, te mostro"

SABINA     :- (diffidente) "Saià mëgio ca stagghe de sà a controllà i conti" (a Grazia) "Chì t'è ciù segûa"

NINO          :- (a Menego) "A deve imparà o mesté"

MENEGO   :- "Ho accappìo.. gh'andiò da solo.. Pä imposcibile ma gh'è sempre quarchedûn co te rompe e euve in to cavagno!" (esce brontolando)

FRANCA   :- "Stanni attenta perché quello o tìa l'arpettà a tûtte.. Oh, intendemmose, a mì o Menego o no me interessa; mì o galante ghe l'ho. Te metto in guarda da quello sciätafadette"

GRAZIA     :- "Grassie pe' l'avvertimento ma, con mì, no gh'è ninte da fa"

NINO          :- "Ben dïto. Ti me pàggi 'na figgia con do saeximo… Eh.. se no fisse perché son sposòu.."

SABINA     :- "Ma Nino, ti te ghe metti ti ascì?"

MENEGO   :- (entra con un vassoio e cinque bicchierini di carta con dentro il caffè) "Ecco o 
caffè; gh'è za o sûccào drento"

FRANCA   :- (prima a servirsi ed a berlo) "Beh… o l'è lungo"

SABINA     :- "Manco bon de fa 'n caffè"

MENEGO   :- (sornione) "Se ghe fïsse staeta 'na donna vicin, o saieiva vegnûo ciù ben"

NINO          :- "Alé.. a solita stöia.. Bevemmose o caffè primma ch'arrive o Baccàn"

                   (bevono)

MENEGO   :- (a Grazia) "Stellin, o te piäxe o mae caffè?"

GRAZIA     : "A caval donato non si guarda in bocca. O ringrassio. Però no me ciammo stellin, me ciammo Grazia"

SABINA     :- "Ben dïto!"

MENEGO   :- "Tì täxi, arbanella pinn-a de dexidëi" (a Grazia) "Gh'ho duì biggetti pe' o teatro.. posso invitate?"

NINO          :- "E beivite quella specie de brodo de trippa e lascila quetà.. teatro"

SCENA VI

(Nino – Sabina – Franca – Grazia – Brancaleòn)

BRANCAL.         :- (entra, guarda e apostrofa tutti in malo modo) "Belli anghaezi che séi.. Lavoratori della mente, che però no dan a mente a'n beliscimo. Cös'éi averto? Ûnn-a succursale do bar in scagno?.. E Voscià, ragioniere, m'aspëttavo che comme ommo de fidûccia, scià savesse tegnì l'uffizio comme se deve.. Me ne ricordiò a Natale con a gratifica. Se no m'ascordavo a pratica de Officinn-e Meccaniche Imperiesi no me ne saieiva accorto de quante sûè a travaggià.. Daeve 'na regolà!" (etra nel suo ufficio, prende una pratica sul tavolo e la mette in borsa. Nel frattempo tutti gli impiegati lavorano in silenzio. Rientra nella sala e si rivolge a Nino) "Ragioniere, parlemmose ciaeo.. Voscià scià l'è o responsabile, quande mi no ghe son e o primmo che sghinda o sa dovve gh'è a porta! Inteixi?.. De impiegae comme voiätri se n'attreuva de longo" (esce)

MENEGO   :- " A mi o no me scöre..Saià poi véa co s'è ascordòu a pratica?.. "

SABINA     :- "Perché ti gh'hae o barba a Romma?"

NINO          :- "Travaggiae!"

MENEGO   :- "Subito Cappo!" (accende una radiolina con dei ballabili)

NINO          :- (adirato) "Ma insomma! Asmorta quell'arneize.. no veuggio perde o posto pe' tì!

FRANCA   :- "E manco mì veuggio perdilo"

MENEGO   :- (si alza, fa alcuni passi di tango, prende Grazia, che fa resistenza e l'abbraccia per ballare. Entra Brancaleone ed a Menego scappa un'imprecazione)"Ma porco mondo.. t'è sempre a mëzo!"

SI CHIUDE IL SIPARIO

FINE DEL PRIMO ATTO

SECONDO ATTO

SCENA I

(Menego – Nino – Sabina – Grazia - Brancaleone)

SABINA     :- (entra e va alla scrivania) "Salve a tûtti.. Quanta gente ä posta pe' pagà e bollette. O Cappo o gh'è?

NINO          :- "Stamattin o l'è vegnûo ciù fïto do solito, poi o l'è sciortîo"

MENEGO   :- (entra in scena agitando festosamente un giornale sportivo. I colleghi stanno lavorando) "Lavoratoriiii!.." (indirizzando un gestaccio con l'avambraccio verso l'ufficio del Principale accenna al motivo di <ammazza la vecchia, col flit>)

NINO          :- "T'è za imbriaego ä mattin fïto?"

MENEGO   :- "No l'éi ammiae i risûltati?.. ABBIAMO FATTO TREDICI!"

SABINA     :- "O l'è proppio imbriaego"

FRANCA   :- "Fanni vedde a schedinn-a"

MENEGO   :- "Ghe l'ha quello scansafadighe do Ugo. Mi gh'ho 'na copia… Ammiae, ammiae ben.. In te questa colonna emmo faeto trezze e in te queste quattro, dozze!" (pone la schedina copiata su un tavolo e tutti si precipitano a controllare col giornale. Menego saltella a passo di danza)

NINO          :- "Belan!.. L'è véa… Ûn trezze e quattro dozze. Milioni..Yuhuu" (si avvicina a Menego saltellando anche lui)

SABINA     :- "L'arrïvo dä Grazia… a n'ha faeto a grassia. Me pä finn-a imposcibile.. L'è 'na vitta che travaggio senza mai riuscì a mette via 'na palanca e finarmente.. o momento o l'è arrivòu"

MENEGO   :- "Gh'è 'n proverbio co dïxe:<chi veu avéi 'na gran fortûnn-a, gïe o cû pe' contra a lûnn-a> (tutti girano comicamente il deretano tranne Grazia che sorride)

GRAZIA     :- "Ah, ah. Se ve vedde o sciò Brancaleòn.. stemmo freschi"

MENEGO   :- "Ma chi se ne frega!"

SABINA     :- (romantica, come in estasi) "Finarmente doppo dëx'anni de fidanzamento con o mae Rosario, posso mette sciù casa e sposame"

MENEGO   :- (ironico) "Ghe scommetto che òua o Rosario o te vorrià ancon ciù ben"

SABINA     :- (indispettita) "Cöse t'orriesci dì? S'emmo aspettòu l'è perché no s'attrovava 'na casa con 'n'affitto abbordabile e con o mae stipendo.. t'accappiae.."

GRAZIA     :- "O teu stipendio? Ma lé.. o no travaggia?"

SABINA     :- (imbarazzata)"Beh.. De votte o fa di tappulli e quelli pochi ch'o guagna o-i manda a seu mamma.."

NINO          :- "Stanni attenta ch'o no ghe spedisce anche a teu quota de vincita"

GRAZIA     :- "Son contenta pe' ti e quande ti te sposi te faiò 'n bello regallo, ti te o meriti pe' aveime aggiûttòu a districäme in to travaggio"

MENEGO   :- "Ma scì.. anche mi son contento pe tì" (ironico) "Dieci anni di.. Rosario per la Chiesa. Intendo dì: Sabina Chiesa"

SABINA     :- "Mädûcòu"

MENEGO   :- "Mi invece, appena-a poscibile, me metto in pensciòn e arvo 'na bûtteghetta"

NINO          :- "Mì, con questi dinae, me scistemo in te 'n rûsteghetto in campagna. Mae moggé a l'ha sempre dexideròu 'n casetta con ûn tocchettin d'orto, quarche ërbo de brignoìn.." (si siede mettendo i piedi sul tavolo) "Me veddo za assetòu in sce 'na carega, de quelle che dindann-an comme in ti film de cavalli e püa.. donde gh'è scrïto: SALOON.." (pronunciare con due <o>)

SABINA     :- "Ammia che se dïxe SALUN"

MENEGO   :- "Che nesci; 'naccapiscio perché scrivan a 'na mainéa pe' lëze diverso. Perché no ghe mettan 'na <U> invece de due <O>?"

NINO          :- "Ben.. continuando, veuggio famme de belle pisaggiae doppo disnà.. e ghe saià posto anche pe' o Vergingetorige"

GRAZIA     :- "E comme mai a-o seu can o gh'ha misso 'n nomme coscì strano?"

MENEGO   :- (ironico) "Perché o l'è 'n mascc-io se donca o ciammavan CALPURNIA ..Gh'è piaxe a stöia di antighi romani"

SABINA     :- "Nomme ancon ciù bello.. Ma oua allegri perché.. con questa vincita i nostri sogni diverranno realtà. M'accattiòu 'na cinqueçento.. E o nostro Menego?"

MENEGO   :- "Ve l'ho dïto. Arviò 'na bûtteghetta, coscì quande son in pensciòn.."

NINO          :- "Ti cangiae mesté e ti vendiae .. ciòi, stacchette varie, martelli e tenagge"

MENEGO   :- "Oh, basta con quella röba. Sarò un artigiano, l'artista delle cornici; cornici di classe, di valore, anche per specchi e poi.. finalmente me demuiòu anche a dipinze"

SABINA     :- "Gh'aveivimo 'n Raffaello e no o saveivimo!"

MENEGO   :- "O saveivo ghe doveivo stà sitto.. Anche i amixi e parenti me piggian in gïo pe' questo ballin de dipinze"

GRAZIA     :- "Sûccede anche in te bonn-e famigge. Ammiae o Ligabue"

SABINA     :- "Chi o l'è?"

GRAZIA     :- "O pittò naif de Guastalla.. o l'ha visciûo in miséia e doppo morto.."

MENEGO   :- (si agita e tocca ferro) "Mi saieiva contento anche s'arrestesse vivo… Comunque no l'ho posciûo fa primma perché.. perché gh'ho o vizio de mangià tûtti i giorni e alloa l'è staeto mëgio avei attrovòu 'sto posto .. Se fïsse staeto ciù fûrbo saieiva nasciûo figgio de 'n'industriale, invece son nasciûo figgio de 'n'operaio.. ma oua.. con 'sta bella vincita.."

NINO          :- "Vorrià dî che se i teu spegassi no son proprio de croste, t'accattiòu 'n pä de quaddri da mette in to rûsteghetto in campagna" (si ode il Principale raschiarsi la gola. Tutti scattano per sistemarsi)

BRANCAL.:- (entra, si ferma, scruta e si avvia rapidamente al proprio ufficio chiamando la ragazza) "Scignorinn-a Casale, da mì con o block notes"

GRAZIA     :- "Sûbito" (ai colleghi mentre prende l'occorrente) "O me pä ciù negro do solito.. Chissà comm'a l'andià.. quande o detta fasso fadiga a mette insemme o seu italian"

MENEGO   :- "Se vedde ch'o s'è diplomòu a l'estero"

NINO          :- "Vanni, no fällo aspëttà e no digghe ninte do trezze e.. s'o me çerca… che son andaeto in banca a pagà de traete" (esce)

GRAZIA     :- (si alza e si avvia nell'ufficio del principale)

SABINA     :- "Sitta eh.. S'o sa mai da vincita o l'è bon de diminuïne o stipendio"

                        (si abbassano le luci degli impiegati e si accende quella di Brancaleone)

SCENA II

(Brancaleone – Grazia)

BRANCAL.:- "Scià s'assette"

GRAZIA    :- "Ai seu ordini"

BRANCAL.:- "Devo scrïve 'na léttia a 'na ditta de Milan, poi scià ghe mettià a daeta, protocollo, ecc.. Pronta?"

GRAZIA     :- "Pronta"

BRANCAL.         : (con aria professionale, camminando avanti e indietro) "<Spettabile ditta Costruzioni Edili Lombarde – Casella Postale 412 – Milano. Oggetto: Tubi per ponteggi. Testo..>"

GRAZA      :- ..testo.."

BRANCAL.         :- "No. Scià no scrive 'testo', quello ghe o staggo dettando.. Alloa: <Nei nostri magazzini abbiamo giacenti dei tubi..> No, no me piäxe.. scià cancelle"

GRAZIA     :- (con referenza) "Se scià me permette no mettieiva che ghe'mmo in giacenza, se no pare che scià no sa cösse fäne. Segondo mi mettieiva, se scià l'è d'accordio, <Abbiamo il piacere di segnalarvi la nostra disponibilità di.. ecc, ecc.>"

BRANCAL.         :- (annuisce e poi, mielosamente compiaciuto) "Scià l'è 'n'aggiûtante preziosa… Che bello <'abbiamo il piacere di>..scì, sci, coscì va ben" (riassumendo l'aria da direttore). <Abbiamo il piacere di segnalarvi la disponibilità di una grossa partita di tubi per ponteggi rimasta invenduta a causa della situazione libanese..>"

GRAZIA     :- Saià mëgio no digghelo questo.."

BRANCAL.         :- "No eh?. Alloa: tubi per ponteggi ad un prezzo eccezionalmente favorevole>..Punto. Scià l'ha scrïto?"

GRAZIA     :- "Scì"

BRANCAL.         :- "<Nel caso foste interessati potremmo farvi accompagnare da un nostro incaricato alle vendite a visitare il magazzino con la merce >; gh'è mandemmo o Menego, <il quale vi fornirà nel dettaglio, i costi, i termini della consegna, ecc. Grati per un vostro cenno di riscontro, porgiamo i nostri migliori saluti, ecc, ecc.> Scià me a rilëze"

GRAZIA     :- "Abbiamo il piacere di segnalarvi la disponibilità di una grossa partita di tubi per ponteggi ad un prezzo eccezionalmente favorevole, punto. Nel caso foste interessati potremmo farvi accompagnare da un nostro  incaricato alle vendite.. ghe mandemmo o Menego.."

BRANCAL.         :-"Ma cöse scià l'ha scrïto?.<Punto> e <ghe mandemmo o Menego> son cöse da fa e no da dì"

GRAZIA     :- "Scià me scûse.. l'avieiva poi corretta in to battila a macchina. Posso andà?"

BRANCAL.         :- "Ûn momento, stessa léttia paegia pë e atre ditte.. " (piegandosi su di lei e severo) "Ma no cö stesso indirizzo"

GRAZIA     :- "Tranquillo Sciò Brancaleòn. Scià verifichià natûralmente primma de firmäle" (si avvia alla porta e Brancaleone gli si pone davanti)

BRANCAL.         :- (galante) "Scià l'ha coscì sprescia de lasciäme?"

GRAZIA     :- (sorpresa e sulla difensiva) "No, ma.. devo scrive tutte e léttie."

BRANCAL.         :- "Peuan äspëtta quarche menûto.. Scià me stagghe a sentì.." (si raschia un po' la voce) "Vorriae fäghe 'na proposta.. Gh'ho duì biggetti pe' o Circo Americano ch'o l'ha ciantòu e tende ä Föxe.. son pe' staséia.. Posso invitäla?"

GRAZIA     :- "Mì?"

BRANCAL.         :- "No veddo nisciûn ätro chì.. Cöse gh'è che no va? No ghe faiòu mïga soggezion, véa?"

GRAZIA     :- (con sottigliezza) "Gh'è saià anche a so signòa, immagino"

BRANCAL.:- (contrariato) "A mae scignoa a no gh'intra!"

GRAZIA     :- "Ma.. a no me pä 'na bella aziòn"

BRANCAL.         :- (con aria gentile) "No femmo mïga ninte de mâ. A-o massimo quarchedûn o porria pensà.." (cercando di essere spiritoso) "Ma ammiae quello brûtto scimmiòn con quella bella zovena.. Poi, ä fin do spettacolo l'accompagno a casa.. Tûtto chì e.. amïxi comme primma"

GRAZIA     :- (tergiversa, un po' per non offenderlo, un po' per cercare una scusa) "O ringrassio ma.. vorrieiva pensäghe.. domandälo primma a mae mamma pe' avéi o permesso de intrà a casa tardi"

BRANCAL.:- (gesticola scocciato, poi, recitando) "Ehm.. ma s'accapisce.. Scià l'è proppio n'eccezion" (con un gesto di stizza, tra sé) "Mi che credevo.." (a Grazia) "Se contan in scié punte de dïe e figge che domandan o permisso de sciortì ai genitori. Comunque scià m'ou fasse savéi pe' tempo coscì.." (baciandole la mano con galanteria) "..prenotto 'na çenetta in te 'n ristorantin dovve.. no gh'è troppa gente"

GRAZIA     :- "Ehm.. grassie de l'attenziòn.. posso andà?"

BRANCAL.         :- (scocciato, si sforza di apparire gentile) "E scià vadde.. S'accapisce. Prima il dovere"

GRAZIA     :- (rientra seria nella sala; le luci si alzano e si abbassano quelle dell'ufficio del Principale)

SCENA III

(Menego – Grazia – Sabina - Ratti – Brancaleone)

MENEGO   :- "Quarcösa no va?"

GRAZIA     :- "Tûtto ben, grassie" (si mette alla macchina da scrivere) "Oua che son sciortìi i computer o porrieiva piggiäne armeno ûn"

SABINA     :- "S'o poesse o vendieiva anche e macchine da scrïve"

MENEGO   :- "S'o me çerca son in gïo pë vendite" (sta per uscire quando impatta sull'uscio il dottor Ratti) "Scignorìa dottor Ratti"

RATTI        :- (entra con una cartella. Amministratore del caseggiato nei cui fondi hanno sede gli uffici della ditta di Brancaleone. Tipo dall'aspetto militaresco, saluta battendo i tacchi) "Buongiorno sciò Stacchetta.. Sempre in gïo pe' ferramenta?"

MENEGO   :- "O faero o fa ben ä salûtte.. Scignorìa" (esce)

SABINA     :- "Dottor Ratti.. sempre in forma eh?"

RATTI        :- "Comme a-o solito.. Scià sta ben?"

SABINA     :- "Ciù o meno.. "

RATTI        :- "Gh'è o sciò Brancaleòn?"

SABINA     :- "Scì.. L'accompagno" (si alza e bussa alla porta del Principale)

BRANCAL.         :- "Avanti"

SABINA     :- (entra e viene subito apostrofata)

BRANCAL.         :- "No l'ho vista in scagno stamattin, scià l'è andata a-o mercòu pe' i faeti seu?"

SABINA     :- (mortificata) "Veramente éo a fa a cöa ä posta pe' pagà e nostre bollette da lûxe e do telefono"

BRANCAL.         : - "Bezeugna che me decidde a falle pagà dä banca.. Cöse scia veu?"

SABINA     :- "Voeivo annunziaghe o dottor Ratti. L'amministratò do condominio.. O dexidera conferì con Voscià"

BRANCAL.         :- "Proppio oua? Cöse o veu o specialista di ratti?.. E va ben.. co l'intre"

RATTI        :- (entra con disappunto e saluta battendo i tacchi) "Scignorìa.. destûrbo?"

BRANCAL.         :- (con facciatosta, gli va’incontro giulivo) "Ma cose scià dïxe mai.. Voscià scià no destûrba mai.. a mae porta a l'è sempre averta. Scià s'accomode"

RATTI        :- (serio, sedendosi) "Veramente no me pàiva.."

BRANCAL.         :- "Ma scià se figûre.. Aveivo accappio co fïsse o dottor GATTI e no RATTI.. ûn rompiballe.. ma Voscià no de segûo" (a Sabina) "Alloa? Scià no gh'ha ninte da fa?"

SABINA     :- "Vaddo, vaddo" (esce)

SCENA IV

(Brancaleone – Ratti)

BRANCAL.         :- (siede) "Alloa, dottore, a cöse devo l'onore da so visita?..Posso offrighe 'n sigàro?" (apre una scatola porgendogliela)

RATTI        :- "Grassie, ma no fummo ciù.. ho dovûo smette pe' via de coronarie.. cose scià veu.. son staeto castigòu. Foscia gh'ho daeto drento quand'éa uffiziale in te l'esercito.. ma comme gh'ho dïto.. ho smisso"

BRANCAL.         :- (scherzando) "Ghe rimettià o Stato. Scià me digghe.. Oh, gh'è mïga torna da pagà.. O scià l'è vegnûo pe' o problema di ratti?"

RATTI        :- "Quae ratti?"

BRANCAL.         :- "No intendevo dî a voscià, dottor Ratti , ma quelli che scoràttan chì in gïo.. I TOPI insomma"

RATTI        :- "Eh, capiscio, o problema di ratti o l'è 'n dramma.. Manco con a derattizzazion semmo riûscìi a desentegäli. Ghe ne son tanti che se riûscissimo a trasformali in sordatti, vinçiescimo tûtte e guaere"

BRANCAL.         :- "Alloa l'è mëgio ch'arrestan ratti..Ma scià sa che l'ätro giorno me n'è accapittòu duì in sce-a mae scrivanìa?"

RATTI        :- "Ma no!"

BRANCAL.         :- "Ma scì!"

RATTI        :- "Poffarbacco!"

BRANCAL.         :- "PoffarRATTO altro che BACCO.. Ghe conto.. Aveivo domandòu a 'na mae impiegà 'na pratica molto importante, che a tegnimmo in te 'n classeur speciale. Arvo o contenitò e scià l'indovinn-e cöse gh'éa drento?"

RATTI        :- "Me pä ovvio.. scià me l'ha antiççipòu: duì ratti"

BRANCAL.         :- "Duì rattin da coppi..'na cubbia ca leppegava. O ciù grosso, fregandosene de mi, o lisciava a testa a lätro, che immagino a fïsse 'na rattinn-a"

RATTI        :- "E.. scià no l'ha ammassae?"

BRANCAL.         :- "Ho exitòu 'n' attimo e poi m'è scappòu 'n crïo. I duì leppegoìn se son spaventae e se son infiae sotta a scrivania. Natûralmente se semmo tûtti mobilitae. O fattûrin con a spassuia, i mae impiegae con di bacchi.. Emmo tiò zû tûtta a scaffalatûa, spostòu mobili.. paivimo di terremotae"

RATTI        :- "E i ratti?"

BRANCAL.         :- "De ratti, all'infeua de voscià, manco l'ombra"

RATTI        :- "Son scappae!"

BRANCAL.         :- "Bravo! Comme scià l'ha faeto a indovinà?"

RATTI        :- "Intuiziòn"

BRANCAL.         :- "E oa, magara, son in te quarche ätro classeur a rosiggiame e pratiche"

RATTI        :- "Me despiäxe, ma comme amministraziòn emmo faeto a derattizzaziòn ciù de 'na votta con ditte specializzae… Scià sa cöse l'è sûccesso?"

BRANCAL.         :- "Son segûo che scià me o conta"

RATTI        :- "Comme scià savià, i ratti s'annîan in ti fondi di caseggiati e quarche votta finn-a ai ciaen bassi; ma dopo o trattamento, i fûrbi, se son trasferìi sotta o teito e cianin, cianin, vegnan zù a fa rifornimento. A maexima cösa sûccede anche in ti offizi do Comune, in Region, dovve rosiggian.."

BRANCAL.         :- "Rosiggian, rosiggian.." (sornione) "Anche Voscià?"

RATTI        - (stizzito) "Ma cöse scià dixe.. Cösse gh'intro mì?"

BRANCAL.         :- "Dottor Ratti.. daeto che se parla de ratti pensavo…"

RATTI        :- "Scià no fasse o spiritoso..alloa quelli che se ciamman Gatti, cöse fan?"

BRANCAL:         :- "Se mangieivan i ratti e se faieiva senza speize de derattizzaziòn .. perché me sa che i mantegnimmo a penscion"

RATTI        :- "Se son faeti fûrbi.. son de vorpi"

BRANCAL.         :- "I ratti.. son diventae vorpi?"

RATTI        :- "In to senso che son diventae scaltri"

BRANCAL.         :- "Sciò Ratti, immagino che a so presenza a no segge dovûa solo ai ratti. Se scià veu dïme.."

RATTI        :- "Primma ghe veuggio dì che e esche ch'han misso ormai no servan ciù a ninte"

BRANCAL.         :- "E alloa perché scià ne fa spende de palanche?"

RATTI        :- "Ghe spiego. Quande mettan e esche, van a mangià solo i ratti vëgi, quelli che no gh'han ciù e zampette leste pe' andäse a çercà o mangià da 'n'ätra parte. Do resto, pe' lezze de natüa, gh'han ciù poco da vive o maeximo. I ratti ciù zoveni invece aspëtan l'effetto e se quelli vëgi tian o sampin .. capiscian e se trasferiscian in te 'n posto ciù seguo.

BRANCAL :- "Drento a-e mae pratiche; coscì i ratti han risolto o problema di anzién.. Speremmo che l'INPS a no copie"

RATTI        :- "Morale della favola.."

BRANCAL.         :-".. me tegno i ratti. Spero che quest'argomento pe' ancheu o segge finîo"

RATTI        :- "Eo vegnûo a portaghe a notta de speize d'amministraziòn" (porge un foglio. Si alza) "Avieiva ûrgenza de incascià perché tanti.. no pagan mai in tempo e ghe son de speize.."

BRANCAL.         :- (si alza) "Poi ghe daggo n'euggià. Sciorto mi ascì e.. Dottor Ratti, m'araccomando.. attento a-e esche.." (escono dalla sala impiegati, mentre la luce dell'ufficio del Principale, cala)

SCENA V

(Ugo – Grazia – Nino – Sabina – Franca)

NINO          :- "O Cappo o l'andià a l'Ansaldo"

SABINA     :- (indossa un capo elegante) "Dä Scià Ansaldo"

NINO          :- "Che sciccheria.. no g'aveivo faeto cäxo"

GRAZIA     :- "Cösse n'è da Franca?"

SABINA     :- "Doppo o sciocche da vincita a se sta accattando i mobili neuvi.. gh'han faeto credito"

FRANCA   :- (entra con abito elegante, cappellino, ecc.) "Buongiorno a tûtti"

NINO          :- "Lupus in fabula" (accennando al vestito) "Veddo che anche ti, comme a Sabina, ti spendi e palanche ancon primma de piggäle.. Però.. t'è graziosa vestîa coscì.. "

FRANCA   ;. "A l'è 'n'offeiza o ûn complimento?"

UGO           :- (entra e non saluta nessuno. E' pensieroso)

NINO          :- "Bongiorno, eh?"

FRANCA  e GRAZIA:- "Bongiorno Ugo"

UGO           :- (col capo chino ) "Bongiorno anche mi.. Comme mai sei tûtti sciattae?"

FRANCA   :- "Perché con a vincita o giorno o l'è ciù bello"

UGO           :- "Scià l'ha guägno a-o semenäio?"

NINO          :- "Ma no ti l'hae accattòu o giornale?"

SABINA     :- "Lè, accattà o giornale?"

UGO           :- "Perché?.Cösse gh'è in to giornale.. 'n'aumentan o stipendio?"

GRAZIA     :- "E che aumento.."

UGO           :- "Se l'è véa a l'è 'na gran balla"

SABINA     :- "E dài.. no fa finta de ninte.. Emmo za ordinòu champagne, pastissin e (accennando al proprio vestito) "..faeto quarche speiza extra"

UGO           :- "Beleu.. scià se sposa?"

SABINA     :- "Chissà!"

FRANCA   :- "Dài Ugo, no fa o nescio e tîa feua a schedinn-a"

UGO           :- (imbarazzatissimo) "A sche… schedinn-a.. quae schedinn-a?"

NINO          :- "E no fänne sospià.. emmo za faeto de speize e.."

UGO           :- (mette mano in una tasca, poi un'altra. Lemme, lemme estrae una schedina NON GIOCATA) "Questa?" (la porge a Nino)

NINO          :-(la prende, la guarda) "No questa.. quella zûgà, co a matrice de convalida. Quella che t'hae zûgòu"

UGO           :- "A.. a l'è questa.. me son solo ascordòu de zûgäla, tûtto chi"

FRANCA   :- (colta da malore sviene sulla sedia confortata da Grazia)

SABINA     :- "Nooo!" (si accascia sulla sedia e Grazia va comicamente un po' da una un po' dall'altra)

NINO          :- (si avvicina lentamente puntando un dito accusatore contro Ugo. Questi arretra comicamente con lo stesso passo finché resta bloccato da una scrivania. Esasperato, con voce alterata) "Comme saieiva a dî?

UGO           :- (con faccia angelica) "Che me son ascordòu de zûgala.. semplice no? Però e palanche ve e daggo inderé"

NINO          :- (esasperato rincorre Ugo che glissa tra una scrivania e l'altra) "Ma mi te scavenn-o o collo!"

GRAZIA     :- (che ha rianimato le colleghe che sono affrante, cerca di calmare Nino) "Fermo.. scià no fasse de siòttaie.. oramai quello che l'è faeto l'è faeto.. "

UGO           :- (a Grazia, tenendo d'occhio Nino che si è fermato) "T'è'na brava figgia ti"

SCENA VI

(Nino – Grazia – Franca – Sabina – Ugo – Menego – Brancaleòn)

MENEGO   :- (ben vestito, con papillon vistoso, entra spavaldo in scena. E' allegro) "Colleghi benestanti, salûtte a tûtti.." (guarda le due donne piangenti, Ugo, impaurito e Nino che trattiene la furia) "Che facce allegre.. L'è morto quarchedun?"

GRAZIA     :- (seria) "L'è morta a schedinn-a"

MENEGO   :- "A schedinn-a?.. Comme saieiva a dï?"

NINO          :- (additando Ugo e balbettando) "Quest'anghëzo o no l'ha.. o no l'ha.."

MENEGO   :- (prendendo Ugo per il bavero e scrollandolo) "No stamme a dî che no ti l'hae zûgà.."

UGO           :- "Me son scordòu.. Ma ve daggo e palanche inderé"

SABINA     :- "T'accappiae che bella soddisfaziòn.. tûtto a rotoli!"

MENEGO   :- (lascia il bavero di Ugo e con tristezza) "E mi ch'aveivo za attrovòu a bûtteghetta e daeto a capära.." (comico pur col magone) "Me son finn-a misso o papillon" (guarda Ugo, va su di giri e gli si avventa contro)  "Ti m'hae arruinòu, balordo!" (viene allontanato da Nino)

UGO           :- "Ma anche Voscià tempo fa scià s'è ascordòu de zûgäla.. e nisciûn ha dïto ninte"

MENEGO   :- "Ma quella votta aviescimo faeto tréi.. oua invece o l'éa 'n trezze da milioni"

UGO           :- "Tre.. trezze?.. Ma.. ma l'è véa?"

NINO          :- "E anche quattro dozze..Perché no ti controlli?"

UGO           :- "Preferiscio de no"

FRANCA   :- (immagonata) "O mae Carmelo.. o gh'arrestià mä anche lé.."

NINO          :- (salace) "De quello son segûo"

GRAZIA     :- "E' la prova del fuoco. Se-o te veu veramente ben, no ghe importià"

FRANCA   :- (piagnucolando) "Magara con a vincita o me ne voeiva de ciù"

BRANCAL :- (entra in scena. Resta un attimo in silenzio e poi sbotta) "Se peu savei cösse sûccede? Banda de mangiapan a tradimento. Stae dando 'na festa invece de travaggià?. E comme mai tûtti vestìi dä domenega"

UGO           :- "Mi no sciò Prinçipà"

BRANCAL.         : - "Ti taxi che t'è nescio"

UGO           :- "Questo me l'han za dïto" (mima lo scoperchiamento del cranio)"Question de cranio"

BRANCAL:         : "Ti cranio no ti n'è mai avûo.." (agli altri) "Alloa?"

MENEGO   :- "L'è che.. aveivimo faeto 'n scistemin a-o totocalcio.. o Ugo o s'e ascordòu de zûga a schedinn-a e.."

BRANCAL:         :- "Tûtto chi?. E rattelavi pe' questo?"

SABINA     :- "Ma aveivimo faeto trezze"

NINO          :- "E quattro dozze"

FRANCA   :- "Çentoçinquantamilioni"

BRANCAL .:- "Çentoçinquanta.. " (con malcelato piacere) "A ve sta ben.. coscì imparè a fiäve do fattûrin e a no aveime invitòu a sta in societae con voiätri"

GRAZIA     :- (che era rimasta presso la propria scrivania, lancia un urlo e si scosta con rapidità. Tutti sobbalzano all'improvviso grido) "Che schifo!"

BRANCAL.         :- "Ehi, diggo.. figgetta.. comme scià se permette de dimme 'ste cöse a mi?"

GRAZIA     :- "A Voscià?.. Ma.. no gh'èa ûn ratto co m'ha sfioròu e gambe!" (tutti si scostano, guardano a terra, saltellano mentre il sipario si chiude)

FINE DEL SECONDO ATTO

ATTO TERZO

QUADRO PRIMO

SCENA I

(Nino – Sabina – Grazia)

NINO          :- "Tanto crìà pe' ninte.. tante speize antiçipae pe' ninte.."

SABINA     :- "Ancon da sé che me son limità in te speize.. a Franca invece.. no ghe veuan piggià inderré i mobili e o Menego o l'ha perso a capära da bûtteghetta"

GRAZIA     :- "O poeiva fa comme mì; primma e palanche da vincita e poi e speize"

SABINA     :- "T'è staeta ciù in gamba de noiätri.."

NINO          :- "Emmo festezzòu pe' ninte.. pe' scrovì poi che o Menego o s'è sbagliòu in to fa o duplicato da schedinn-a.."

SABINA     :- "Pövio Ugo, quante ghe n'emmo dïte.. a schedinn-a da zûga a l'aveiva faeto ûnze, mentre o Menego, in to copiäla o l'ha invertio duì risûltati.."

GRAZIA     :- "Saieiva staeto ûn trezze con a seu schedinn-a. e no con quella ch'em- mo faeto noiätri"

NINO          :- "Saieiva, saieiva.. bezeugnava ammiaghe ben primma, controllà.. no l'è tutt'öu quello che lûxe" (guarda l'orologio) "L'è za quattr'òe. Notissie do Menego?"

GRAZIA     :- "Doppo quella rattella pe' e fotografie, o Sciò Brancaleòn o te l'ha spedîo a fa de consegne, con ûn crîo co pàiva quello de Tarzan"

SABINA     :- "Ma ..oMenego o ghe l'ha sempre quella tedesca?"

NINO          :- "Lé o dïxe de scì.. Stavo pensando che pe' pûnïlo d'aveine dïto ch'aveivimo guägno.. se porrieiva inandiäghe 'n bello scherzetto"

SABINA     :- "In che moddo?"

NINO          :- "Avieiva pensòu de fägghe attrovà, in sce-a seu scrivania.. 'na finta léttia da krûkka.. O l'ha dïto ca se ciamma Helène, véa?"

GRAZIA     :- "Scì"

NINO          :- "O l'ha anche dïto ca l'éa a Milan e noiätri porriescimo fägghe attrovà n seu.. dimmoghe.. biggetto con l'invito de andà a Milan"

SABINA     :- "Ciù che 'n scherzo.. saieiva 'n bello tîo!"

GRAZIA     :- "Però o dovià pagäse o biggetto de stacca seu.. poi, 'na votta a Milan.. o dovià affrontà ätre speize.. No ve pä ûn brûtto scherzo?"

NINO          :- "Coscì o l'impara a copià ben a schedinn-a. Forza Sabina. Attacca a scrïve.. Mettighe di verbi all'infinîo, con di sbagli grammaticali.. coscì a parrià ciù veroscimile"

SABINA     :- (prende foglio e penna e si accinge a scrivere. Poi apre la borsetta, versa o spruzza alcune gocce di profumo sul foglio) "Gh'ho misso anche 'n po' de profûmmo de röse de Bulgaria..no se sa mai..Alloa?"

NINO          :- "Scrivi" (va avanti e indietro dettando) "<Caro Mennico>, con duì enne, <doppo>, con duì 'p' <nostro incontro io sempre pensato te e afere nostalgia di italiano simpattico>, con duì 't'. <Se folere fenire Milano, io essere albergo Moderno>, piggia l'indirizzo dä guida do Touring, stacca quello francobollo in sce-a bûsta che l'è arriva da Milan, e ti ghe l'attacchi in scià seu, no se sa mai. Metti l'indirizzo de chi e ti ghe a lasci in scià scrivania. Scrivi: <Non usare telephòn, meglio segreto> E oua travaggemmo e femmo finta de ninte"

SCENA II

(Nino – Sabina – Grazia – Menego)

BRANCAL.         :- (entra dall'esterno e squadra tutti) "Comme a-o solito, veddo che travaggiae da matti.. No abbastià 'n mandillo pe' asciûgäve o sûo"

NINO          :- "Ma Sciò Prinçipà.. stavimo controllando o portafeuggio di ordini"

BRANCAL.         :- "Ah, scì? E con chi?"

NINO          :- "Con.. con a scignorinn-a Grazia"

BRANCAL.         :- "Ma s'a no l'ha manco 'n papé davanti.." (alzando il tono della voce) "Quante votte ve devo ricordà che in scagno no se vegne pe' ascädà e careghe.. Oua me son proprio rotto e.."

SABINA     :- (interrompendolo) "Scià s'è speigòu beniscimo"

BRANCAL.         :- "E quello ceigadonne do Domenico Stacchetta?"

NINO          :- "No l'emmo ancon visto"

BRANCAL.         :- "No me mäveggio.. Digghe pure che, amïgo o no amïgo, o tegno d'euggio e che se o pesco a leppegà pe' telefono, anche s'o l'ha o barba onorevole, o mando a vende lûmasse" (nel frattempo alza il posacarte della scrivania e prende una fotografia) "Ecco chi.. fotografie de donne mëze nûe.. 'na léttia da Milan.." (la odora) "..ca spûssa de profûmmo.. A fotografia a piggio mì.. s'o a veu o vegne a piaggäsela de de là" (va nel suo ufficio)

SABINA     :- "Stavotta o l'è proppio do diäo"

GRAZIA     :- "Nö o faxeivo coscì o Menego"

SABINA     :- "O no cangia mai"

MENEGO   :- (dall'esterno) "Ciao Ugo, tûtto ben?" (entra con una valigetta 24 ore, che posa sul tavolo. Ha in mano due rose) "Salve a tûtti" (si avvicina alle due donne porgendo loro la rosa) "Ûnn-a pe' a Sabina e ûnn-a pe' a Grazia"

NINO          :- "E pe' a Franca, ninte?"

MENEGO   :- "A l'è sempre a casa marotta.. semmai ghe a faiò avei quande a rientra"

SABINA     :- (odorando la rosa) "Grassie"

GRAZIA     :- "A cösse dovemmo questo <exploit?>"

MENEGO   :-"Omaggio al gentil sesso".M'ha çercòu o barban?"(accenna a Brancaleone)

NINO          :- "E comme s'o t'ha çercòu!"

MENEGO   :- "O l'è arraggiòu?"

GRAZIA     :- No, no. O gh'aveiva solo o scc-iûmmasso"

MENEGO   :- "O so, ho faeto tardi ma.. savei cösse m'è sûccesso?" 

NINO          :- (ironico) "No veddo l'òa de saveilo"

MENEGO   :- "Ûnn-a neuva conquista… 'na svedeise che.. ve lascio dì.."

GRAZIA     :- "Ûnn'ätra?"

MENEGO   :- "No basta perché finìo o gïo de vendite a Rapallo, in te 'n bar ho rivisto quello tronco de tedesca de l'ätra votta.. A se ciàmma.."

TUTTI        :- (in coro come a dire <ce l'ha già detto>) "A se ciamma Helèn"

NINO          :- "Bello nomme. Ma ti ne l'aveivi dïto"

MENEGO   :- "Emmo attaccòu discorso.. a se ricordava de mi.."

SABINA     :- "Ti saiae stato in to seu curriculum "

MENEGO   :- ".. a m'è costà 'na bottiggia de champagne"

NINO          :- ".. 'na settemann-a de stipendio"

GRAZIA     :- "Scià parla tedesco?"

MENEGO   :- "M'arrangio.. comunque se semmo inteixi e gh'ò daeto o mae nûmero de telefono e l'indirizzo de chi e lé a m'ha ricordòu che ghe l'aveivo za daeto.. Poi ha l'ha piggiòu o treno perché a doveva ritornà a Milan de sprescia"

SABINA     :- "Che mesté a fa?"

MENEGO   :- "A  modella. A m'ha promisso ca me ciammià o-a me scrivià e alloa.. so mi dovve portäla.."

NINO          :- "Bon pe' ti"

SABINA     :- "Se no me sbaglio ti gh'è da posta proppio da Milan"

MENEGO   :- (ringalluzzito) "Da Milan pe' mi?" (va alla sua scrivania quando entra il sala, dal proprio ufficio, il Principale. Mette la lettera in tasca)

SCENA III

(Nino – Grazia – Sabina – Menego – Brancaleòn)

BRANCAL.         :- "Giûsto tì.. za che finalmente te veddo.. vegni de de là che de devo parlà"

MENEGO   :- "Sûbito" (guarda i colleghi come a dire< chissà cosa vuole>. Escono dalla sala)

GRAZIA     :- "Oua o ghe seunna l'archetto"

NINO          :- "Ma lé o se a sa cavà.. O gh'ha sempre o barba a Romma"

SABINA     :- (va ad origliare. Solito gioco di luci)

BRANCAL.         :- "Questo o l'è l'ûrtimo avvertimento"

SABINA     :- "Sitti!.. O ghe sta dando 'na lavà de testa"

BRANCAL.         :- "A primma votta che te pesco a fa de telefonate privae o attreuvo in ta teu scrivania de foto osè.. amïgo o no.. te mando a spigoà.. Se semmo accappìi, Don Giovanni della Darsena?"

MENEGO   :- "Tranquillo Bruno.. no sûccedià ciù"

BRANCAL:         :- "Speremmo. Oua vanni e fanni quarcösa de utile pe' a Ditta. Tegni a teu fotografia e no mosträla ai teu colleghi.. Ûn po' de onorabilitae a no guasta"

MENEGO   :- (tirandogli una frecciata e guardando la foto) "Son d'accordio.. anche se voeivo invitäla.. a-o Circo Americano. Magara se incontravimo con ti e-a Grazia"

BRANCAL.         :- (adirato) "Feua de chi!"

NINO          :- "Bossa! Tûtti a posto!" (vanno sveltamente al loro posto)

MENEGO   :- (rientra serio. Luci in sala impiegati)

SABINA     :- (fingendo di nulla) "Allòa, comm'a l'è andaeta?"

MENEGO   :- (con faccia tosta) "O credeiva de imbroggiäme ma.. te ghe n'ho dïte quattro e o l'è staeto sûbito sitto" (va al proprio posto mentre gli altri si guardano ammiccando. Scimmiottando il Principale ) "<Se te pesco a fa de telefonate privae..> Giûsto, ne fasso subito ûnn-a" (compone un numero. Intando che attende, prende la busta la odora e ai colleghi) "Eh, e donne.. cöse ghe fasso a-e donne.. Pronto, Fiammetta?"

BRANCAL.         :- (appare sull'uscio e squadra in malo moto Menego)

MENEGO   :- (pronto) "Ma no.. me despiaxe ma i tondin de faero do dozze pe' o cemento armou, l'emmo finìi!"

BUIO PER LA FINE DEL PRIMO QUADRO

--

QUADRO SECONDO

SCENA IV

(Nino – Sabina – Grazia – Franca -  Menego)

NINO          :- "Ben tornà Franca. A va mëgio?"

FRANCA   :- "Scì, me son rimissa, grassie"

SABINA     :- "Eh, i ommi. Anche o mae Rosario, comme o teu Carmelo.. quande han sacciûo che no emmo faeto trezze, chissà perché.. han cangiòu binäio"

FRANCA   :- "Ma no creddo che segge pe' quello."

NINO          :- (guardando l'orologio) "Se sa ninte do Menego?"

GRAZIA     :- "..e da léttia da tedesca?"

FRANCA   :- "Che léttia?"

SABINA     :- "O se dà tante aïe che gh'emmo faeto 'n scherzetto.. Poi te diò"

MENEGO   :- (entra in scena trionfante, ben vestito, agitando la busta di..Milano) "Ecco chi, uomini e uomine di poca fede!"

NINO          :- "E cöse a saià mai.. Ti vae a fa o portaborse a Romma?"

MENEGO   :- "A Romma no ma.. a Milan senz'ätro!"

FRANCA   :- "T'hae di clienti a Milan?"

MENEGO   :- (passa sotto il naso di Sabina la busta) "Che profûmmo!"

SABINA     :- "Profûmmo de donna, complimenti.. A mì o me dà 'n po' ä testa"

MENEGO   :- (con teatralità) "E chi l'è che me scrïve?"

NINO          :- "Mi no de segûo"

MENEGO   :- "A l'è a tedeschinn-a!"

SABINA     :- "Helène?"

GRAZIA     :- "O saià 'n scherzo?"

MENEGO   :- "Scherzo? Gh'è anche o francobollo con o timbro de Milan e poi.. o profûmmo.." (odora con voluttà) "Se no ghe credéi, lezzei.. Tegni Nino, lëzila tì" (porge la busta)

NINO          :- (prendendo la busta) "Mì? Ma Menego, son cöse privae.."

MENEGO   :- "Lëzi, coscì vediei che no ve conto de micce"

SABINA     :- "Ma no l'è o caxo.. semmo zà.." (zittisce di colpo)

MENEGO   :- "E comme faiesci a saveilo?.. No l'è poscibile"

SABINA     :- (cercando di controllarsi) "In to senso che.. ciù o meno.. se peu immaginälo.."

MENEGO   :- (a Nino) "Dài, lëzi"

NINO          :- "Alloa.. lëzo..<Caro Mennego..> "Ma no.. tegni Menego, no l'è o cäxo.. tegnitela pe' ti.. te credemmo" (riprende la lettera) "A veu che vadde a troväla a Milan"

FRANCA   :- "A Milan? E cöse ti ghe dixi a-o Prinçipà?"

NINO          :- "Ma vannighe de corsa primma ca vadde in Germania"

MENEGO   :- "Ma comme fasso con o scagno, con i clienti?

SABINA     :- "Ti ghe dixe che teu barba l'onorevole, o l'è marotto e che o te veu a Romma pe' n pä de giorni"

MENEGO   :- "L'idea a l'è bonn-a ma gh'ho do travaggio da finì"

SABINA     :- "Te daiëmo 'na man quande ti ritorni"

MENEGO   :- "Alloa, telefono in staziòn"

NINO          :- (sottovoce a Sabina) "O nasello o l'ha abbuccòu"

GRAZIA     :- "Dimmoghe co l'è 'n scherzo"

NINO          :- "No! Bezeugna ridimensionälo"

MENEGO   :- (al telefono) "Stazione Principe?. Vorrei sapere se per questa sera c'è il direttissmo delle 17,30 per Milano… Grazie" (posa il ricevitore)

NINO          :- "Alloa?"

MENEGO   :- "Alloa vaddo.. dimmoghe..a Romma.. via Milano, eh, eh" (prende la borsa 24 ore, saluta e scappa fuori) "Ciao, ciao.. no veuggio perde o treno"

NINO          :- "Aspëta.. fermite!" (nella fretta di rincorrerlo, inciampa e cade. Viene aiutato ad alzarsi da Sabina e Franca)

GRAZIA     :-  (corre lei uscendo) "Menegoo.. o l'è 'n scherzo..!"

SABINA     :- "Che rapido.. Speremmo che a Grazia a l'arriesce a bloccälo"

SCENA V

(Nino – Sabina – Brancaleone – Franca – Grazia)

BRANCAL.         :- (entra in scena) "Se son daeti ä fûga?.. O fattûrin o l'è marotto, o Menego e a Grazia son sparìi .. ancon da sae che l'è rientròu ä Franca"

NINO          :- "O Menego o l'ha dïto che.."

SABINA     :- "Che l'ha ciammòu d'ûrgenza da Romma seu barba, dixendoghe ch'o no sta ben e o vorrieva parläghe.. o l'è andaeto de corsa in stazion"

FRANCA   :- "A Grazia a l'éa chi.. a saià in toilette"

BRANCAL :- "Mandaemela de là appena-a libera" (nota le rose) "I fiori in scagno portan mä.. faeli sparì" (entra nel suo ufficio)

FRANCA   :- "Speremmo ca torne fïto.. maniman o commença a sospettà"

SABINA     :- "Emmo esageròu con o Menego…"

NINO          :- "A ghe sta ben.. O s'aqueta 'n po' e poi.. o se fa 'n viägio senza dovei travaggià"

GRAZIA     :-  (rientra trafelata) "Ninte da fa.. O l'ha piggiòu sûbito ûn taxi e o l'è sparìo.. Me despiäxe"

NINO          :- "No te a piggià..Ti vediae che quande o vegne o dijà che l'è andaeto tûtto ben.. pe' no fa a figûa do nescio"

BRANCAL.         :- (apre l'uscio) "A scignorinn-a Casale.. a gh'è?"

GRAZIA     :- "Son chi sciò Prinçipà"

BRANCAL.         :- "Lapi, blocchetto e sûbito da mì" (agli altri) "No veuggio ësse destûrbòu da nisciûn, manco da o telefono, inteixi?"

SABINA     :- "Senz'ätro"

NINO          :- "Ti dïxi che o tentià torna tiandoghe n'ätra arpettà?"

SABINA     :- "Se mai ghe mandiëmo 'na léttia da Milan anche a lè!"

BUIO, MUSICA E FINE DEL SECONDO QUADRO

---

QUADRO TERZO

SCENA VI

(Nino – Grazia – Sabina – Menego – Brancaleone – Franca)

NINO          :- "Véi o Menego o no l'ha averto bocca"

FRANCA   :- "O l'éa neigro comme 'n cappello da praeve"

GRAZIA     :- "A mi, o no m'ha manco salûòu.. S'accappisce, con o scherzo che gh'emmo combinòu.."

SABINA     :- "Emmo esageròu"

NINO          :- "Però o poeiva primma telefonà all'albergo pe' vedde s'a gh'éa, invece de partì comme 'na lippa"

FRANCA   :- "Meno male che mi no gh'intro"

MENEGO   :- (entra accigliato, posa la sua 24 ore sul tavolo e si mette a lavorare in silenzio)

GRAZIA     :- (si avvicina con un foglio) "Ecco a verifica de vendite con e fattüe paghè"

MENEGO   :- (prende il foglio e lo posa) "Grassie, poi l'ammìo"

SABINA     :- "Ti stae poco ben?"

MENEGO   :- "Staggo beniscimo"

NINO          :- "Comme a l'è andata a Milan?"

MENEGO   :- "Mëgio de coscì a no poeiva andà.. Ma oua lasciaeme travaggià che son inderré con e consegne"

FRANCA   :- "Gh'éa da nebbia?"

MENEGO   :- "Dovve?"

FRANCA   :- "A Milan"

MENEGO   :- " S'a gh'éa no me ne son accorto"

BRANCAL .:- (entra dall'esterno e a Menego) "Oh, t'è chì?.. Passòu o mä de pansa a teu barba de Romma?"

MENEGO   :- "Eh?.. Mae barba?" (guarda i colleghi per cercare di capire)

NINO          :- "Quande t'è partîo o stava poco ben"

SABINA     : "T'è andaeto finn-a de corsa a piggià o treno pe' Romma.."

MENEGO   :- "Ah, scì.. gh'è passou tûtto.. Indigestion de penne all'amatriciana"

BRANCAL.         :- "Alloa, visto ch'o l'è in salûtte, quëta e vanni da o spedizioné a controllà o campionäio de novitae do materiale primma de mandäle in magazin. Ti stûddi i cataloghi tedeschi.. " (sornione) "..visto che con o tedesco ti t'arrangi.. coscì ti peu illûstrà e novitae ai clienti"

MENEGO   :- "O tedesco?. Ma mi, veramente.."

BRANCAL.         .:- "O so.. con e donne no se ûsa parlà in tedesco de stacchette, de martelli, e bulluìn.. Arrangite e vanni!"

MENEGO   :- "Sûbito" (si alza ed esce seguito dallo sguardo di Brancaleone)

BRANCAL.         :-  (squadra i suoi impiegati) "Ghe n'è anche pe' voiätri, che a-o lûnedì no fae ätro che parlà de ballòn intanto che o Menego o l'aççende a radiolinn-a pe' sentì i ballabili. Credeivi che no me ne fisse accorto?.. Anche mi, primma de mette sciù questa ditta, son staeto sotto padron.. Ma chì se fan e osse, se diventa lö in te 'na foresta de lö.. Ma se sa ësse anche gente de cheu, quande l'è necessäio e quande se peu.."

NINO          :- "Noiätri parlemmo ma travaggemmo. Ognidûn fa a so parte con diligenza.. anche o Ugo, co pä stondäio, o l'è prezioso"

BRANCAL:         :- "O Ugo.. o m'ha sarvòu a vitta in tempo de guaera in ta galleria de Grasse. O m'ha piggiòu pe' 'n brasso streppandome d'in mëzo ä gente ch'a criàva e a s'ammuggiäva insimma a ätra gente.. ea 'n figgeu alloa e no me l'ho mai ascordòu.. e pe' riconoscenza ghe fasso fa quarche öa chi da mi"

GRAZIA     :- "O no l'ha mai dïto ninte"

NINO          :- "E noiätri l'emmo 'n po'..snobbòu.."

BRANCAL.         :- "O l'ha perso 'n po' a memöia.. a quante o dïxe, e gh'ammancòu poco che, sotto ä seu apparente indifferenza, ghe vegnisse n'infarto doppo che l'éi aggredìo a malle parole pe' a schedinn-a ch'o s'è ascordòu de zûgà.. "

SABINA     :- "Che poi no aviescimo guägno comunque"

FRANCA   :- "Aviescimo faeto ûnze e no trezze"

GRAZIA     :- "Però paiva véa, segondo a sciò Stacchetta"

BRANCAL.         :- "No l'è tûtt'öu quello che lûxe" (con aria di chi sa tutte le loro marachelle) "E poi gh'è 'nätra cösa ch'éi combinòu.. razza de mariöli.."

NINO          :- "Noiätri?"

BRANCAL.         :- "Scià no fasse a faccia da santificetum.. Cöse gh'éi combinòu a-o Menego?"

NINO          :- "Ni-ninte, perché?"

BRANCAL.:- "A parte che a seu barba gh'ho telefunòu e-o sta beniscimo… O Ugo, o m'ha dïto d'avei scì visto o Menego in stazion, e ch'o l'è montòu in sciò treno pe' Milan e no pe' Romma.."

GRAZIA     :- "Ma.. o no l'éa marotto o Ugo?"

BRANCAL.         :- "O rientra doman"

FRANCA   :- "Mi no ne saveivo ninte de st'inghippo"

BRANCAL.         - "A l'è staeta 'na bonn-a lession pe' lé, coscì o l'impara a valûtà a vitta, ma no me son piaxûe e micce che m'éi contòu. Preferiscio savei a veitae… semmai poi a contà de balle a-o posto vostro, ghe penso mì" (si avvia al suo ufficio)

SCENA VII

(Nino – Grazia – Sabina – Menego - Franca)

MENEGO   :- (entra con un catalogo merci) "O Cappo?"

NINO          :- "O l'è de de là"

MENEGO   :- (bussa)

BRANCAL.           :- (si alza ed appare sulla porta) "Za de ritorno?" (entra in sala e prende il catalogo, lo scorre e glielo restituisce) "Controllòu o campionäio?"

MENEGO   :- "L'éa l'òa de sciortì pe' i spedizioné.. gh'andiò doman mattin"

BRANCAL.         :- (guarda l'orologio poia Menego) "Ti, se ti n'hae cuae, ti t'affermi a controllà o catalogo, coscì doman mattin no ti perdi do tempo. E Voscià, scignorinn-a Casale scià me dovieiva batte a macchina quello che gh'ho dettòu.. gh'è quarche problema?"

GRAZIA     :- "No.. a l'è röba de 'n'oétta"

SABINA     :- "Cäxo mai l'aggiûtto mì"

BRANCAL.         :- "Scignorinn-a Franca, ho bezeugno de voscià. Fra poco andemmo a 'na riûnion in Darsena, coscì scià scrive a relaziòn da o momento che a Casale a l'è za impegnà. Oua scià vegne de de là da mi che piggemmo di appunti e aggiornemmo a rûbrica di neuvi clienti"

FRANCA   :- "Comme scià comanda" (si alza)

BRANCAL.         :- "M'arraccomando, ninte siòttàie"

NINO          :- "Tranquillo, semmo tûtti da brava gente "

MENEGO   :- (sta consultando il catalogo e mugugna sottovoce) "Ghe faieiva na xatta de menestron de ciòi.. o no quëta mai e o no fa quëta"

GRAZIA     :- (mette un foglio in macchina e si accinge a scrivere) "E va ben.. intanto scià gh'ha a percentuale in sce-e vendite, no?"

MENEGO   :- "Però son sempre miscio comme 'n ciòu"

SCENA VIII

(Grazia – Menego – Nino – Sabina - Ugo – Brancaleone - Franca)

MENEGO   :- "Doman devo andà a Ciàvai con o neuvo campionäio.. Ti porriesci vegnì con mì"

GRAZIA     :- "Torna? Scià no gh'e n'ha abbastanza de donne?"

MENEGO   :- "E comme no"

NINO          :- "Ma ti veu lasciäla sta? Ti gh'hae a svedeise, a tedesca, te telefonan de longo.. Fatte 'na doccia freida che l'è mëgio"

UGO           :- (entra eretto nella persona. Non è più dinoccolato e finto tonto di prima. Va direttamente da Menego e lo minaccia) "Giûsto ti! Gh'ho 'n regallo da parte do Questò!"

GRAZIA     :- "Ma barba!"

NINO – SABINA:- "Barba?"

GRAZIA     :- "Proprio coscì"

BRANCAL.         :- (rientra con Franca) "Torna do bordello?"

UGO           :- "Gh'ho 'n regallo pe' o Menego. Questo!" (prende i polsi del malcapitato e lo ammanetta)

BRANCAL :- "Ma Ugo.. che ti fïsci 'n po'stondàio o saveivo ma oua t'è tûtto matto"

MENEGO   :- (a Ugo) "Questa ti me a paghi, t'arroinn-o.. Chi ti te creddi d'ësse?"

GRAZIA     :- "Mae barba, comme mi, o l'è dä Polizia"

SABINA     :- "Ti.. 'na poliziotta?"

BRANCAL.         :- "Mi no gh'accapiscio 'n berettin… cösse a l'è 'sta stöia, se peu savei?"

UGO           :- "Molto semplice cäo Bruno.. Ti me permetti che te ciamme coscì, comme quande t'éi fuento.. Ho piggiòu travaggio da ti e de questo te ringrazio da teu involontäia collaboraziòn, finzendome, dimmoghe.. 'n po' abellinòu.."

NINO          :- "Se l'è pe' quello.. ti gh'è riûscìo beniscimo"

MENEGO   :- "E con quali accûse ti me metti e manette?"

UGO           :- "Con ûn mandato d'arresto cäo o mae spacciatò de droga"

SABINA     :- "Spacciatò de droga, lé?"

FRANCA   :- "Se mai spacciatò de donne"

MENEGO   :- "No l'è véa.. veuggio vedde e preuve"

UGO           :- "E preuve? Te e mostriàn, proppio.. e teu donne"

FRANCA   :- "Meschinetto"

BRANCAL.         :- "A scignorinn-a Casale.. 'na poliziotta.. e mì che gh'ho dïto.."

UGO           :- "Mae nessa a l'è 'n tenente da Polizia e a l'ha attrovòu in ti cascetti de questo bell'anghaezo di indirizzi ûtili"

NINO          :- "Ma cöse gh'intran e seu donne?"

UGO           :- "A svedeise e a tedeschinn-a?"

MENEGO   :- "Quelle belle donne me stavan appreuvo perché mi piäxo e voiätri ghe patì, barudda!"

UGO           :- "A tedeschinn-a a te ûsava comme corriere senza che ti te n'accorsesci, anghaezo! E a svedeise.. o l'éa 'n travestîo, ûn'ommo…bello ceigadonne che t'è!"

SABINA     :- (stupita) "Ûnn'ommo?"

MENEGO   :- "Ûn ommo?"

FRANCA   :- "T'hae accappio a svedeise?

GRAZIA     :- "Helène, approfittando di spostamenti do Menego pe' o travaggio a ghe dava di pacchetti da dà ai seu <amïxi> e lé, invedròu, o no se n'éa mai accorto do contegnûo

MENEGO   :- (balbettando)"No! No peu ëse! "

BRANCAL.         :- "Droga?"

UGO           :- "L'han anche fotografòu mentre o faxeiva e consegne"

NINO          :- "No peu ëse, o s'è sempre lamentòu do stipendio scarso, l'è ben pe' quello che ogni settemann-a tentavimo a fortûnn-a con a schedinn-a                   

UGO           :- "Vegni Grazia, portemmolo in Questûa" (tutti fanno scena mentre portano fuori Menego che oppone resistenza)

FRANCA   :-"O Ugo.. 'n poliziotto.."

NINO          :- "A Grazia 'na poliziotta?"

BRANCAL :- (stupito) "O Menego.. ûn spacciatò de droga..? Ma s'o no sa vende manco 'na stacchetta"

UGO           :- "Beh.. oua ciantemmola li.." (gli tolgono le manette) "Vanni, vanni.. primma che ti te a fassi in te braghe.. O semmo che no ti gh'intri. Però 'na lession ti te a meitavi.. Speremmo che a te segge servìa.. Ricordite ben.. Donne e buoi dei paesi tuoi"

FRANCA   :- "Eivimo za delûsi pe' a mancata vincita e oua anche o Menego.."

BRANCAL :- (interrompendo, sornione e lieto) "Mancata vincita?.. A schedinn-a vostra.." (guarda tutti con soddisfazione e tira una frecciatina) "faeta da ascöso...senza aveime invitòu.. l'ho zûga mì e o trezze l'ho faeto mì!"

TUTTI        :- (stupiti) "A nostra schedinn-a?!"

BRANCAL:- "A vostra?.. No l'éi mïga zûgà"

MENEGO   :- "Ma .. l'emmo partorìa noiätri"

BRANCAL.:- "Tì taxi ch'a t'è andaeta za ben che no ti vae in galea.." (sibillino) "Pe' oua!.. E voiätri scansafadighe, no ve o meritiesci anche perché, sotto sotto, so che me ciammè <o lô> ma.. dividiemo a vincita.. però.. però me rimborsè a speiza da schedinn-a, quella no ve a lascio.. E da doman.. tûtti testa a cheuxe.."

GRAZIA     - (sorridendo) "Anche noiätri?"

BRANCAL.:- "Grazia e Ugo..me rincresce de perdive.."

UGO           :- "Veniemo a troväve.. Menego, presentite doman in Questûa pe' a deposisciòn, poi ti saiè libero de gödite e palanche da.. schedinn-a, grassie a o Sciò Brancaleon"

TUTTI        :- (liberamente ringraziano, si congratulano)

SABINA     :- "Aveiva raxòn mae nonna quande a me dixeiva che:

                        NO L'È TÛTT' ÖU QUELLO CHE LÛXE!"

Si chiude il sipario

F I N E

    Questo copione è stato visto
  • 0 volte nelle ultime 48 ore
  • 0 volte nell' ultima settimana
  • 0 volte nell' ultimo mese
  • 5 volte nell' arco di un'anno