Non andiamo d’accordo

Stampa questo copione

Non andiamo d’accordo

di Vincenzo Rosario PERRELLA ESPOSITO

(detto Ezio)

06/10/2016

Personaggi: 8

Gabriele

Maria

Bartolomeo  

Il giudice di pace Guerra

Sabina

Donatello

Caterina

Vincenzo

Il matrimonio non è solo un giorno di festa con parenti e amici, ma il completamento nei rapporti tra un uomo e una donna. Alla base di questo completamento, ci deve essere una perfetta sintonia. Quando l’accordo non è perfetto, il matrimonio è destinato ad esser difficile fino a naufragare. E’ quanto accade anche tra Gabriele e Maria. Nella gran parte dei casi, una situazione del genere finisce per condurre i coniugi davanti ad un giudice. Ma dividersi diventa una soluzione oppure è una grave sconfitta?Mettiamoci poi l’intervento di persone esterne alla coppia, magari anche a fin di bene, perché c’è sempre qualcuno di animo buono che ha voglia di aiutare i coniugi in crisi. Ma come si fa a sapere chi lo fa realmente a fin di bene e chi a fin di male? E si finisce col ripetere a sé stessi che i panni sporchi si lavano in famiglia. Anche quando non si va d’accordo.     

Numero posizione SIAE 233047

Per contatti Ezio Perrella 3485514070 ezioperrella@libero.it

            Casa a pian terreno di Gabriele e Maria, salone. Vi si accede da una comune centrale. Ai due lati della stanza vi sono altrettante porte: quella di sinistra conduce in cucina e bagno. Quella di destra conduce a camera da letto e studio. In stanza vi sono un tavolo contornato da quattro sedie a sinistra e due sedie trono con tavolino davanti, a destra (e cordless). Infine, una credenza a destra, un appendiabiti e quadri alle pareti.

ATTO PRIMO

1. [Gabriele e Maria]

                  Gironzolando avanti e indietro per la stanza (ben vestito) Gabriele è nervoso.

Gabriele: Ma quanto ce mette, chesta, a se priparà? (Chiama verso sinistra) Marì, e

                 gghiamme bello, ma si’ pronta?

Maria:     (Parla dal bagno, destra) Gabrié, stongo ‘int’’o bagno.

Gabriele: (Guarda verso destra) Staje ‘a chest’ata parte? E comm’è? Poco fa stive ‘int’’a

                 stanza ‘e lietto. Comme he’ fatto a passà ‘int’’o bagno? Si’ asciuta p’’a fenesta?          

                 Da destra entra Maria.

Maria:     Sì, songo asciuta p’’a fenesta. Pecché?

                 E torna a destra.

Gabriele: Marì, tu ti devi muovere. (Guarda l’orologio) Tra mezz’ora lo spettacolo

                 comincia. Il teatro non aspetta a noi. Amma i’ a vedé “Le nozze di Figaro”. Va a      

                 fernì che se sposa Figaro e fernìmme ‘e fa’!

                 Da sinistra torna Maria (che tiene un bigodone grande fra i capelli).

Maria:     Ecco qua, aggio fernuto.

Gabriele: (Sorpreso di trovarsela a sinistra) Ma che ffaje?Vaje annanzo e areto?

Maria:     Jamme bello, nun vuo’ i’ cchiù ‘o tiatro?

Gabriele: Si, però stongo penzanno ‘na cosa: noi stiamo andando a vedere “Le nozze di

                 Figaro”, però nun ce avìmme fatto ‘o regalo.

Maria:     Ma che staje dicenno?Nuje amma i’ ‘n’opera tiatrale e tu vuo’ fa’ ‘o regalo?

Gabriele: Puozz’i’ sotto a ‘na machina, nun ce aggio penzato!

Maria:     Puozze passà ‘nu guajo! Jamme ‘o tiatro, jamme.

Gabriele: (Le osserva il bigodone sulla testa) Addo’ vuo’ i’ accussì cumbinata? Te si’

                 scurdata ‘e te levà ‘nu bigodone d’’a capa.

Maria:     Uh, allora m’’o vaco a levà ‘int’’o bagno.

Gabriele: No, no, lasse sta’, o si no facìmme tarde. Esci così, col bigodone in testa!

Maria:     Ma io…

Gabriele: Nun discutere. Jammuncenne.

                 Maria prende la borda e la giacca dall’appendiabiti e così i due escono di casa.

                 Ma poco dopo, rientrano.

Maria:     (Dubbiosa) ‘Nu mumento, Gabrié, ma ‘o spettacolo teatrale nun era stasera. Era

                  aiére e sera!

Gabriele: Che cosa? E tu mò t’’o ffaje ascì?

Maria:     E io m’ero scurdata.

Gabriele: E va bene, allora vorrà dire che ci andremo ieri!

Maria:     No, nun è possibile. Ieri è passato.

Gabriele: Ah, già. Mannaggia ‘a morte, pe’ colpa toja, amme ittato ‘e sorde d’’e bigliette!

                 (Va a sedersi al divanetto, imbronciato)

Maria:     Pe’ colpa mia?(Gli si avvicina) Vabbuò, vabbuò, è meglio che me stongo zitta.

                 Chiuttosto, pecché nun ascìmme ‘o stesso. Andiamo al cinema.

Gabriele: Amma i’ ‘o cinema? (Si alza in piedi) E gghiamme. Che film fanno?

Maria:     Un film molto antico, restaurato: “Dumbo l’elefante volante”!

Gabriele: ‘Nu cartone animato? E vabbuò, torniamo per un paio di ore bambini. Jamme.

                  I due escono di casa, ma poco dopo ritornano.

Maria:     Aspiette ‘nu mumento, stammatina s’è appicciato ‘o cinema.

Gabriele: Ua’, niente di meno? E mò che ffacìmme?

Maria:     Andiamo a mangiare una pizza quaggiù.

Gabriele: Buona idea! Però facìmme ambresso, o si no truvàmme folla.

                  I due escono di casa, ma poco dopo ritornano.

Maria:     Aspiette ‘nu mumento, oggie pomeriggio è muorto ‘o pizzaiuolo!

Gabriele: Embé, e gghiamme ‘int’a ‘n’ata pizzeria. Pigliàmme ‘a machina.

Maria:     Sta add’’o meccanico.

Gabriele: Pigliàmme ‘a machina toja.

Maria:     Se l’ha purtata ‘o carrattrezzi!

Gabriele: Allora andiamo a casa degli amici.

Maria:     Giusto! Andiamoci subito.

                  I due escono di casa, ma poco dopo ritornano.

                 Aspiette ‘nu mumento, gli amici sono partiti per la Spagna. E l’aereo è pure

                 caduto abbascio, accussì tutt’e dduje risultano dispersi!

Gabriele: Uh, Mamma ‘e ll’Arco! M’è venuto ‘o schifo ‘e ascì!

                 Si siede sul divanetto.

Maria:     E pur’a me.

                 Gli siede accanto. I due tengono le braccia conserte, imbronciati.

2. [Gabriele e Maria (e voce operatrice call center)]

                 Gabriele ad un tratto rompe il silenzio.   

Gabriele: Cu’ te nun se riesce a ffa’ maje niente ‘e buono.

Maria:     Siente chi parle. Ogni vvota ch’aggio organizzato coccosa cu’ te, è gghiuta sempe

                 a fernì malamente.

Gabriele: Ma allora mò te vuo’ appiccecà?

Maria:     E appiccecammece! 

Gabriele: Molto bene, allora mettìmme ‘e ccose in chiaro: da quando ci siamo conosciuti,

                 fino a oggi, non siamo mai andati d’accordo. E tutt’oggi, non andiamo d’accordo.

Maria:     Ma che ce simme spusate a ffa’?

Gabriele: E chella è stata mammeta: ci ha promesso mari e monti, e ppo’ è sparita.

Maria:     Ma pecché, mammeta nun ha promesso niente?

Gabriele: Mammà, quanno ha visto che mammeta s’ha fatto ‘e fatte suoje, se l’ha fatte

                 pur’essa. E mica è fessa?

Maria:     Sì, sì, vabbuò. S’ha fatta ‘e fatte suoje pur’essa.

                 I due tengono le braccia conserte, imbronciati. Squilla il telefono di casa.

Gabriele: Rispunne!

Maria:     Rispunne tu!

Gabriele:     E che songo fatto, ‘o schiavo tuojo?

Maria:         E che songo fatta, ‘a schiava toja?

Gabriele:     E si è mammeta? Nun ‘a voglio proprio sentì.

Maria:         No, nun è mammà. Non è orario suo.

Gabriele:     E vabbuò. (Prende il cordless dal tavolino e risponde) Pronto!

Call center: Buonasera, sono blablablàdella “blablablà e company”. Posso sapere quale

                     operatore telefonico ha?Va bene, non importa.Le propongo il nostro operatore

                     telefonico: “Blablablà”! E’ lei che paga le bollette in casa?    

Gabriele:     Signurì, e chi l’ha da pavà? Certamente che le pago io. E sono pure salate. Per

                     colpa di mia moglie!

Call center: Quanto pagate di telefono?

Gabriele:     E fosse sulo p’’o telefono…! Qua è una continuazione. Mia moglie consuma!

Call center: Ho capito, ma quanto pagate di telefono?

Gabriele:     Ma non è questo il problema. Dovete sapere che io e mia moglie non andiamo

                     d’accordo. Io e lei non abbiamo mai consumato il matrimonio, né prima e né

                     dopo! Ogni tanto, la notte, ci provo, ma chella tene sempe suonno!

Maria:         Che cosa? Miette ccà ‘o telefono! (Glielo tira di mano) Pronto, sono la moglie

                     di mio marito!

Call center: Piacere!

Gabriele:     Signorina, non date retta a mio marito. Dovete sapere che quello vuole fare

                     l’amore alle 5 del mattino. Ma io mi devo alzare alle 7 per andare a lavorare.

Gabriele:     Che cosa? Miette ccà ‘o telefono! (Glielo tira di mano) Signurì, se è per

                     questo, io mi devo alzare mezz’ora prima di lei per andare a lavoro. Ma non mi

                     lamento. E sapete perché? Perché per me viene prima l’amore. La verità è che

                     mia moglie non sa fare l’amore e allora inventa scuse.

Maria:         Che cosa? Miette ccà ‘o telefono! (Glielo tira di mano) Signorì, io sono una

                     maga nel fare l’amore. Posso insegnare pure a voi. Se volete qualche lezione,

                     venite a trovarmi a Piazza Garibaldi 7, a Napoli. E portate pure un bel maschio.

Gabriele:     Che cosa? Miette ccà ‘o telefono! (Glielo tira di mano) Signorì, portate pure

                     una bella femmina, così faccio vedere io come si fanno certe cose! Mia moglie 

                     invece fa sulo chiacchiere.

Maria:         Io? No, tu!

Gabriele:     No, tu!

Maria:         No, tu!

Gabriele:     No, tu!

Call center: Uh, Marò, chiste so’ pazzi!

                     Si sente “tu tu tu tu tu…” in quanto l’addetta al call center ha riagganciato.

Gabriele:     He’ visto? Ha attaccato. (Posa il cordless sul tavolino) Pe’ colpa toja!

Maria:         Pe’ colpa mia? Tu te si’ miso a cuntà tutt’’e fatte nuoste. E almeno avìsse

                     cuntato ‘a verità. He’ cuntato ‘na marea ‘e palle!

Gabriele:     Io? E tu no? Hai perfino chiesto che ti portasse un bel maschio.

Maria:         E tu hai ordinato una bella femmina! 

Gabriele:     Ma ch’aggio ordinato? ‘E ppizze?

Maria:         Insomma, basta. Io non ti sopporto più.

Gabriele:     E nemmeno io a te.

Maria:         E salutame a Ciccio!

Gabriele:     E salutame a soreta!

                     I due tengono le braccia conserte, imbronciati.

3. [Gabriele e Maria]

                 Maria ad un tratto rompe il silenzio.   

Maria:     Sai cosa faccio, adesso? Un bel cruciverba. Alla faccia tua!

                 Si alza e lo va a prendere nel mobile alle spalle.

Gabriele: Sempe ‘a faccia toja!

                 Torna con cruciverba e penna e siede accanto a Gabriele.

Maria:     Uno orizzontale: “Lo fa la mucca”. 

Gabriele: Mu!

Maria:     Sono cinque lettere.

Gabriele: Muuuu!

Maria:     (Conta le caselle) Ci va! (E scrive. Poi…) “La parte passiva del bilancio”.

Gabriele: Moglie!

Maria:     (Conta le caselle) No, non ci va! (Poi…) “Elemento negativo della chimica”.

Gabriele: Moglie!

Maria:     (Conta le caselle) No, non ci va! (Poi…) “Sinonimo di malvagia, criminale,

                 maligna”.

Gabriele: Moglie!

Maria:     (Lo guarda male) Ma che ce ll’haje cu’ me?

Gabriele: Io? No, stongo rispunnenno ‘o cruciverba.

Maria:     (Furba)E vabbé. Allora rispondi a questa: “La moglie lo caccia di casa”.

Gabriele: Marit…! (Poi ci pensa e cambia risposta) Amante!

Maria:     ‘O scemo che ssi’! (Riprende a leggere le domande del cruciverba) “Il marito la

                 promette alla moglie”.

Gabriele: Capata ‘nmocca!

Maria:     (Infastidita, chiude il cruciverba)Basta, cu’ te nun se po’ ffa’ ‘na cosa seria.

Gabriele: E manco cu’ te. E allora sai che ti dico? (Si alza in piedi) Io vado a cenare.

Maria:     Nun ce sta niente ‘a magnà.

Gabriele: Ecco, questo dimostra che tu sei una casalinga disattenta. Chi te l’ha ditto che

                 nun ce sta niente ‘a magnà? Io mi sono conservato una bella coscia di pollo.E

                 mò m’’a vaco a priparà ‘a faccia toja!

Maria:     Ma pecché, tu sapìsse cucenà?

Gabriele: Ma pecché, pe’ caso sapìsse cucenà tu? L’altro giorno hai cucinato certi

                 maccaroni, tuoste tuoste, che m’aggio spaccato duje molare!

Maria:     E sì capisce, quella era pasta al dente!

Gabriele: E vulìmme parlà d’’o sicondo piatto?

Maria:     Perché, ti vorresti lamentare del merluzzo che ti ho cucinato?

Gabriele: E certamente. Chillu merluzzo sapeva ‘e pesce!

Maria:     Ma perché, di che cosa doveva sapere? Di parmigiano reggiano?

Gabriele: Se si chiama merluzzo, deve sapere di merluzzo!

Maria:     Embé, tu si’ peggio ‘e tuo fratello Bartolomeo. 

Gabriele: Ma pecché, che tiene ‘a dicere ‘e fràteme?!

Maria:     Sta carcerato.  

Gabriele: E con ciò?

Maria:     Pecché nun te ne vaje ‘nzieme a isso ‘int’’o carcere?

Gabriele:        Ma pecché nun ce vaje tu? Una trentina d’anni di carcere e torni dritta, come  

                        dovresti essere!

Maria:            Siente, è meglio che te ne vaje a magnà!

Gabriele:        Ecco, brava, sempe ‘a faccia toja! (Si avvia a sinistra, poi si ferma e le dice

                        ancora qualcosa) Mio fratello esce dal carcere tra due mesi. E’ un bravo

                        ragazzo, ma è finito in carcere per sbaglio.

                        Ed esce via a sinistra. Maria allora fa considerazioni da sola.

Maria:            Per sbaglio? Chillo s’arrobba tre machine ‘o juorno! Ma po’ è pure

                        spacciatore, rapinatore e scassambrello! (Prende la propria borsa e la apre)

                        Mò saje che te dico? Me fummo ‘na bella sigaretta. (Estrae un pacchetto di

                        sigarette, ne mette una in bocca a la accende con l’accendino) Alla faccia di

                        mio marito!

                        Dopo alcune boccate di fumo, da sinistra torna Gabriele con una confezione

                        di pollo acquistata al supermercato. Infastidito dal fumo, va dalla moglie.

Gabriele:        Quanta vote t’aggia dicere che tu nun he’ fumma ‘int’’a casa. Me da fastidio.

Maria:            Eh, mamma mia, comme si’ aggressivo!

Gabriele:        Le sigarette fanno male. 

Maria:            E fa male pure a magnà assaje. Perciò, statte attiento.

Gabriele:        No, no, no, le sigarette fanno più male. E fanno male a maggior ragione

                        quelle che fumi tu.

Maria:            E pure il pollastrello che tieni in mano fa male. E’ roba surgelata trenta volte.

Gabriele:        Ma le sigarette che fumi tu sono di contrabbando.

Maria:            No, no, le mie sigarette sono Monopolio dello stato.

Gabriele:        (Esibisce la confezione con il pollo) E questo è un monopollo dello stato!

Maria:            (Si alza in piedi, infastidita) Aggio capito, me ne vaco a fummà fora ‘o

                        barcone. Qua dentro l’aria è viziata.

                        Esce via al centro. Gabriele osserva la confezione con il pollo, dubbioso.

Gabriele:        Ma ‘stu pullasto sarrà overamente malamente? Mò saje che faccio? Me

                        priparo ‘nu panino cu’ ‘o galbanino!

                        Esce via a sinistra.

4. [Gabriele e Bartolomeo]

                        Dalla comune, si nota entrare Bartolomeo, fratello di Gabriele, con colletto

                        della giacca alzato, occhiali da sole, fare misterioso. Si nasconde dietro il

                        divanetto, in modo che non lo si veda. Da sinistra torna Gabriele con una

                        pentolina in mano.

Gabriele:       Aggio cagnato idea: ‘o posto d’’o panino cu’ ‘o galbanino, me faccio ‘o

                       spaghettiello aglio e uoglio. Alla faccia di Maria!

Bartolomeo: Etciù!

Gabriele:       (Inconsapevolmente risponde al fratello, senza guardare verso la sua

                       direzione) Salute, Bartolomé!

Bartolomeo: Grazie!

Gabriele:      (Sgranando gli occhi, sorpreso) Bartolomé?    

Bartolomeo: (Si alza e va da lui) Uhé, Gabrié!

Gabriele:      (Spaventato, gli cade la pentolina sul piede) Aaaah!

Bartolomeo: Niente di meno, he’ riconosciuto ‘o starnuto mio!

Gabriele:       Disgraziato, m’he’ fatto cadé ‘a pentolina cu’ ll’aglio e ll’uoglio pe’ terra!

Bartolomeo: Ma tu, invece ‘e penzà che ccà ce sta tuo fratello, te miette a penzà ‘a

                       pentolina cu’ ll’aglio e ll’uoglio?

Gabriele:       He’ raggione, comme so’ cuntento ‘e te vedé. (Poi realizza) Ma tu nun t’’iva

                       fa’ ancora duje mise ‘e carcere?

Bartolomeo: Vabbuò, so’ dettaglie!

Gabriele:       No, ‘nu mumento, quali dettaglie?   

Bartolomeo: Ma che te ne ‘mporta? Songo asciuto primma. (E siede al tavolo, sedia destra)

Gabriele:       Ma nel senso che t’hanne fatto ascì primma, oppure si’ asciuto primma tu

                       sulo, indipendentemente?

Bartolomeo: Aggio truvato ‘a porta d’’o carcere araputa e songo asciuto!

Gabriele:       Aggio capito, si’ evaso.Mannaggia ‘a capa toja! Aspiette ‘nu mumento, vaco

                       a piglià ‘o straccio, accussì mentre pulezzo pe’ terra, tu mi racconti tutto.

Bartolomeo: Vabbuò.

Gabriele:       Aspiette ccà.

                       Corre via a sinistra. Bartolomeo si guarda intorno la casa.

Bartolomeo: Però! Si tratta bene, il damerino! (Nota un posacenere piatto sul tavolo) Che

                       bellu posacenere. Ma sarrà d’argiento?

                       Lo mette nella tasca del giubbotto. Torna di corsa Gabriele con mazza e

                       straccio e va a pulire sul luogo dov’è caduto l’olio.

Gabriele:      E allora, me vuo’ fa sentì tutto ‘o fatto? Insomma, tu si’ evaso e te ne si’

                       venuto proprio ‘a casa mia? 

Bartolomeo: E se capisce, pecché si ‘a polizia vene ‘a casa mia, me trova!

Gabriele:       Speramme che nun te trova ccà.

Bartolomeo: No, nun te prioccupà. Nun fa niente che quanno m’hanne arrestato, aggio ditto

                       vicino ‘a polizia l’indirizzo d’’a casa toja! 

Gabriele:       Pure? E menu male che nun ce he’ ditto ‘o nomme mio.

Bartolomeo: Infatte, nun ce ll’aggio ditto. Tanto, abbascio ‘o palazzo tuojo, ll’unico

                       citofono senza nomme è ‘o tuojo.

Gabriele:       Gli hai detto pure questo alla polizia? Ma si’ scemo?

Bartolomeo: E chille m’hanne costretto. Maje comm’e chesta vota, io nun avevo fatto

                        niente ‘e male. Però ce steva ‘nu commissario ‘e polizia infame che,

                        qualunque cosa dicevo, me deva ‘nu pacchero. (Lo imita) “E’ vero che tu hai

                        rubato una macchina a piazza Municipio?”… Io aggio risposto no, ma

                        chillo… paaam… m’ha azzeccato ‘nu buffo e allora io aggio ditto: “Sì, sì,

                        me l’aggio arrubbata”! E ppo’ ha continuato: (Imita il commissario) “E

                        ammetti che hai spacciato la cocacola fuori alle scuole?”

Gabriele:       Ma quala cocacola? Si chiama cocaina.

Bartolomeo: Appunto! Io aggio risposto no, ma chillo… paaam… m’ha azzeccato ‘n’atu

                        buffo e allora io aggio ditto: “Sì, sì, l’aggio spacciata”! E ppo’ ha continuato:

                        (Imita il commissario) “E ammetti che hai rapinato una vecchierella che

                        aveva perduto la dentiera per strada?” 

Gabriele:       Chi schifo!

Bartolomeo: Io ho risposto no, ma chillo… paaam… m’ha azzeccato ‘n’atu buffo ancora e

                        allora io aggio ditto: “Sì, sì, l’aggio rapinata. Signor commissà, e primma che

                        me date ‘n’atu buffo, aggio scippato pure ‘na borza ‘e ‘na guagliona e pure

                        ‘o cellulare ‘e ‘nu criaturo”. E isso ha ditto che io sono un reo confesso.

Gabriele:       No, tu si’ ‘nu reo “fesso”, senza “con”!E fammi sentire, come sei evaso?   

Bartolomeo: Gabrié, ‘o carcere ‘e Poggioreale se ne sta cadenno a piezze. Bell’e buono,

                        mentre stevo facénno ‘o pipì, se n’hanne carute ‘e sbarre vicino ‘a fenesta.

                        Così io mi sono acalato con delle corde fatte con le lenzuola del mio letto…

                        e mi sono calato… mi sono calato… mi sono calato… mi sono calato… mi

                        sono calato…

Gabriele:       Néh, ma a che piano stive?

Bartolomeo: ‘O primmo piano!

Gabriele:       E ce vo’ tantu tiempo pe’ scennere? 

Bartolomeo: E io faccio le cose piano piano. Così, quando sono arrivato giù, ho cominciato

                       a correre velocemente.

Gabriele:      Ma nun he’ ditto che tu faje ‘e ccose chianu chiano?

Bartolomeo: Sì, ma in questo caso ho dovuto correre di fretta, perché i poliziotti se ne sono

                       accorti che io stavo scappando. E così per strada ho corruto, ho corruto, ho

                       corruto…

Gabriele:      E basta!

Bartolomeo: E così sono arrivato sul tetto di un palazzo.

Gabriele:      E che, he’ vulato?

Bartolomeo: No, stongo spieganno in breve. A ‘nu ciertu punto m’aggio truvato ‘ncoppa a

                       ‘nu palazzo. E là sono accomparuti dei cani.

Gabriele:      Cani fantasma?

Bartolomeo: No, cani poliziotto. E così, per non farmi acchiappare da loro, mi sono menato

                       abbascio, però non sono morto, perché sono atterrato sul cazzebo di un Bar.

Gabriele:      Ma che cazzebo? Si chiama gazebo.

Bartolomeo: Appunto! E così sono andato a finire su una tazza di caffè che stava

                       parcheggiata su un tavolino del Bar. Mi ha salvato la vita. Ed eccomi qua.

Gabriele:      E questi vestiti addosso come te li trovi?

Bartolomeo: Stévene spase fora a ‘nu vascio.

Gabriele:      Che cosa? Stavano stesi fuori ad un basso? Ho capito, li hai rubati.

Bartolomeo: Sì, e in quel momento, stavano girando pure una scena di “Gomorra”!

Gabriele:      Pure? Bartolomé, tu te ne devi andare. Hai capito? Se Maria ti trova qua,

                       succede ‘o burdello.

Bartolomeo: No, no, nun me ne vaco. (Si aggrappa alla spalliera della sedia)

Gabriele:      Ti ho detto che te ne devi andare.

Bartolomeo: Nun me ne vaco. (Resta aggrappato alla spalliera della sedia)

Gabriele:      E invece sì.

                       Cerca di smuoverlo, ma lui fa resistenza.

Bartolomeo: Nun me ne vogl’ì!

Gabriele:      Bartolomé, vatténne!

                       All’improvviso Gabriele scivola.

                       Uh, mannaggia ‘a miseria. Mò ccà ‘nterra se sciulia, pecché aggio fatto cadé

                       ll’uoglio.

Bartolomeo: Statte accorto.

Gabriele:      Bisogna prendere qualche prodotto per sgrassare a terra.

Bartolomeo: Dov’è caduto l’olio bisogna metterci il limone.

Gabriele:      Ma che ffacìmme ‘a ‘nzalata pe’ terra?

Bartolomeo: Ignorante, il limone annulla il potere insevatorio dell’olio!

Gabriele:       Dici?

Bartolomeo: L’ho imparato in carcere.

Gabriele:       E alloravieni con me.

Bartolomeo: No, ma io nun voglio pulezzà ‘nterra ‘a casa toja.

Gabriele:       Cretino, alzati! Andiamo dentro.

                       Bartolomeo si alza in piedi. I due si avviano a sinistra, ma poi Gabriele ha

                       uno scatto repentino e gli afferra il braccio, spingendolo verso l’uscita.

                       Tu te ne devi andare.

Bartolomeo: No!

                       Bartolomeo si libera e torna a sedersi alla sedia di prima, aggrappato alla

                       spalliera. Gabriele gli si avvicina, con fare tranquillo.

Gabriele:      E va bene, ci ho provato. Però adesso andiamo dentro.

                       Bartolomeo si alza in piedi, così i due escono a sinistra (Bartolomeo tiene

                       d’occhio Gabriele, perché non si fida di lui).

5. [Maria e Donatello]

                      Suonano alla porta. Da destra torna Maria, con tre sigarette in mano.

Maria:          Sta sunanno ‘a porta e chillo nun va a arapì. Mò ce vaco io.

                      Esce al centro e torna seguita da Donatello, suo migliore amico, sconvolto.

Donatello:    Marì, Marì tu si’ ancora viva?

Maria:          Sì!

Donatello:    Ma staje buono?

Maria:          E certo.

Donatello:    Ma ‘o ddice accussì pe’ nun me fa’ prioccupà, oppure staje overamente bona?

Maria:          Stongo bona. Ma me vuo’ fa’ capì?

Donatello:    Aspiette, assettàmme ‘ncoppa ‘o divanetto e t’’o cconto. Non vorrei scivolare

                      sugli equivoci.

                      I due giungono verso il divanetto ma cominciano a camminare a vuoto,

                      scivolando sull’alone di olio gettato in terra in precedenza da Gabriele.

Maria:          Uh, mamma mia, ma che ce sta ccà ‘nterra? Ll’uoglio?

Donatello:    Aiuto! Nun me riesco cchiù a fermà!

                      Così lui blocca lei e lui blocca lui, e si fermano.

Maria:          Finalmente ci siamo fermati. Vieni, sediamoci piano piano.

                      I due si avvicinano al divanetto come ballando un Tango. Poi vi si siedono.

Donatello:    (Affannato) Marì, ma comme ‘o lave ‘stu pavimento? Cu’ ll’uoglio?

Maria:          (Affannata) Ma che ne saccio? Evidentemente l’aggio fatto cadé io ‘nterra e

                      nun me ne songo accorta.(Si calma) E allora, mi vuoi dire perché sei entrato

                      dalla porta tutto preoccupato? E per giunta, a quest’ora della sera?

Donatello:    Marì, tu stavi tra le fiamme di un incendio enorme.

Maria:          Che?

Donatello:    Sì, dentro un cinema.

Maria:          Io?

Donatello:    E certamente. A proposito, condoglianze per tuo marito Gabriele!

Maria:          Ma pecché, è muorto?

Donatello:   E certamente.

Maria:          Ma si fin’e a cicnhe minute fa ce simme appiccicate!

Donatello: Sicuramente gli hai parlato con il cuore. Ma lui è morto nel rogo del cinema.

Maria:       Donaté, ma tu te l’avìsse sunnato?

Donatello: Io?

Maria:       E mica fosse ‘a primma vota?

Donatello: (Perplesso) ‘O ssaje che nun ‘o ssaccio? Come sai, io faccio sogni premonitori.

Maria:       Ma nun dicere scemenze.Queste cose non esistono.

Donatello: Ah, sì? E quando l’altro giorno ti ho detto che tuo marito ha la prostata?!

Maria:       Ma quella è stata una casualità.

Donatello: Ah, sì? E quando ieri ti ho detto che tuo marito aveva perso due denti?!

Maria:       Donaté, ma tu purtàsse ‘nu poco sfurtuna?

Donatello: Ah, sì? Ah, sì? E ti sei dimenticata che stamattina è morta la signora Pignatelli?

Maria:       ‘O ssaccio, dimane e matina aggia i’ ‘o funerale suojo. Infatte aggia passà

                    primma add’’o parrucchiere a me fa’ ‘e capille!

Donatello: Ma che staje jenno, ‘a ballà? Tu a un funerale devi andare!

Maria:       Senti, Donatello, per favore, tu te ne devi andare. E’ tardi e io voglio riposare.

Donatello: Certamente. (Si alza in piedi)

Maria:       Vieni, ti accompagno alla porta. (Si alza in piedi)

Donatello: (La osserva con fare misterioso) Eppure…

Maria:       (Impressionata) Ch’è stato? 

Donatello: Io mi ricordo la mia precedente vita. Tu ed io eravamo sposati.

Maria:       (Dolce) Donaté, io e te siamo solo grandi amici da quando eravamo piccoli.

                   Forse è questo che ti sei dimenticato. (Rozza) E mò jamme a ascì.

Donatello: E va bene.

Maria:       Però passiamo da quest’altra parte, lì si scivola.

                   Così fanno, si dirigono al centro, ma Donatello si ferma ed indica alla propria

                   sinistra (alla destra di chi entra dalla comune).

Donatello: Ecco, lì dentro c’è la prova di quel che dico.

Maria:       Uhé, addò vaje?

                   Donatello va a destra, seguito da Maria che lo vuol fermare.

6. [Gabriele e Sabina. Poi Vincenzo]

                   Da sinistra torna Gabriele con un limone in mano ed un coltello da cucina.

Gabriele:  E te pareva che mio fratello nun se chiudeva ‘int’’o bagno? Ha ditto: “Doppo tre

                  anne ‘e carcere…”! Ma pecché, ‘int’a tre anne ‘e carcere, nun si’ maje juto

                  ‘int’’o bagno?! Cose ‘e pazzi!... E allora proviamo questo limone. (Lo posa sul

                  tavolo, lo ne taglia uno col coltello e poi va sul punto dove ha versato l’olio)

                  Ecco qua, adesso vediamo.    

                  Preme il mezzo limone e lascia cadere le gocce in terra.

                  Mah!

                  Suonano alla porta.

                  Uffa’, justo mò ha da sunà ‘sta porta? E gghiamme a arapì, va’.

                  Esce al centro e torna seguita dalla sua vicina Sabina, ragazza pepata. I due si

                  fermano nei pressi della comune, appena entrati.

Sabina:    (Frenetica nel parlare) No, Gabry, non è possibile, non è possibile e non è

                  possibile!

Gabriele: Ma ch’è stato, Sabì?

Sabina:     (Indica verso le sedie e il tavolino) Sediamoci là e te lo spiego.

Gabriele: Addò vaje? Là è meglio non andare. Ci stanno aglio e limone!

Sabina:     Eh?

Gabriele: Non importa, sediamoci al tavolo.

                  I due si siedono al tavolo e Sabina continua a parlare freneticamente.

Sabina:    Mio padre vuole candidarsi un’altra volta come sindaco.

Gabriele: Che cosa? Ma pàteto nun tene niente che ffa’?

Sabina:    E pensare che il suo mandato non è nemmeno ancora scaduto.

Gabriele: Cioè, lo hanno mandato?

Sabina:    No, il mandato politico è l’incarico che uno svolge in un determinato tempo.

Gabriele: Ah, ecco.

Sabina:    Ma io lo vorrei far cadere.

Gabriele: ‘O vuo’ fa’ cadé?

Sabina:    Sì. Lui mi ignora sempre come figlia a causa dei suoi impegni. E allora è meglio

                 se cade. (Lo osserva e lo addita) Tu mi aiuteresti a farlo cadere?

Gabriele: Io? Ma chillo po’ se fa male.

Sabina:    Ecco, lo sapevo. Sei un vigliacco. Se almeno ci fosse tuo fratello.

Gabriele: Mio fratello ce sta. Chillo a tuo padre ‘o schifa proprio. Sarebbe capace di farlo

                 cadere malamente proprio!

Sabina:    E allora lo faccia pure.

Gabriele: (Sorpreso) L’ha da fa’?

Sabina:    E certo. Io lo ripagherò, se sarà il caso.

Gabriele: E io ce ‘o ddico, tanto chillo che ce mette?! Mio fratello fosse capace ‘e fa’ cadé

                 pure ‘a torre ‘e Pisa!

Sabina:    Bravo! Questi sono uomini, non come mio padre.

                 Suonano alla porta.

                 La porta. Aspettavi qualcuno?

Gabriele: No.

Sabina:    Gabriele, se fosse mio padre, ti raccomando: incollati la bocca!

Gabriele: Va bene.

                 Gabriele, perplesso, esce al centro. Sabina allora trama qualcosa.

Sabina:     Hai capito niente? Il fratello di Gabriele sarebbe capace di far perdere il ruolo di 

                  sindaco a mio padre, così lui si accorgerebbe di me. Speriamo bene!

                  Torna Gabriele seguito da Vincenzo, con fascia da sindaco indossata.

Vincenzo: (Ha un sacco di tic in tutto il corpo) Buonasera, signor Gabriele.

Gabriele:  (Gli imita i tic)Buonasera, signor sindaco. Quale onore! Qua ci sta vostra figlia.

Vincenzo: (Fa i tic) Ah, tu sei qua?

Sabina:     Ti sei interessata a me? Sei venuto a prendermi?

Vincenzo: No, mi mancano le chiavi di casa. Me le puoi dare, per favore?

Sabina:     (Delusa, si alza e va da lui) No, non te le dò. Vado a casa e ti aspetto lì. Tanto,

                  almeno ti ricorderai dove abitiamo. Siamo i vicini di casa di Gabriele.

Vincenzo: Ma…

Sabina:     Niente ma. Ciao Gabriele, e grazie delle quattro chiacchiere. (Guarda male suo

                   padre) Se vuoi le chiavi di casa, te le devi meritare! E pure il mio affetto.

                  E poi esce via al centro.

Vincenzo: Avete sentito, signor Gabriele? Venite, sediamoci e vi spiego.

                  Lo prende sottobraccio e si avviano alle due sedie con tavolino.

Gabriele:     No, qua no. Si sciv…

                      I due cominciano a camminare a vuoto, scivolando, sembra ballino il tip tap.

Vincenzo:    Uaaaa’, comme se sciulia!

Gabriele:     Fermo!

                      I due si bloccano e poi si siedono sulle due sedie, camminando piano sulle

                      punte dei piedi.

Vincenzo:     (Fa i tic) Ma che ci avete passato, qua a terra?

Gabriele:      (Imita i tic) Niente, niente. Dunque, dicevate?

Vincenzo:     Volevo parlarvi del difficile rapporto tra me e mia figlia Sabina. Da quando

                      non c’è più sua madre, ha assunto una sorta di odio nei miei confronti. 

Gabriele:      Eh, beh, quando una mamma se ne va di casa, può succedere così.

Vincenzo:     No, ma non è andata via di casa. Mia moglie è morta.

Gabriele:      Ah, ma allora stiamo parlando di vostra moglie, non della mamma di Sabina?

Vincenzo:     E certo che stiamo parlando della mamma di Sabina.

Gabriele:      E vostra moglie che c’entra?

Vincenzo:     Mia moglie è la mamma di Sabina.

Gabriele:      Uh, scusate, sto tutto rimbambito per colpa di mio fratello. Allora, dicevate?

Vincenzo:     Niente. Dicevo che si è logorato il rapporto con Sabina.

Gabriele:      (Confuso) Sabina vostra moglie?

Vincenzo:     (Confuso) No, Sabina è mia mamma!

Gabriele:      (Confuso) Vostra mamma?

Vincenzo:     (Confuso) No, è la mamma di mia figlia!

Gabriele:      (Confuso) No, è la figlia di vostra mamma!

Vincenzo:     (Seccato) Ma inzomma, me state ‘nzallanenno!

Gabriele:      Néh, e che v’arraggiate  a ffa’? Ma che me ne ‘mporta a me d’’e fatte vuoste?

Vincenzo:     (Si alza in piedi) E allora vado da lei. Speriamo che mi apra la porta di casa.

Gabriele:      (Si alza in piedi) Aspettate, passiamo da quest’altra parte. Là a terra si scivola.

                      Così fanno, si dirigono al centro, ma Vincenzo si ferma e lo abbraccia.

Vincenzo:     (Piangente) Non mi abbandonate!

Gabriele:      (Imbarazzato)Ma… che è successo?

Vincenzo:     (Smette l’abbraccio e il pianto) Ho bisogno di una cosa molto importante.

Gabriele:      Dite, dite pure.

Vincenzo:     Posso andare in bagno?

Gabriele:      (Imbarazzato) Ehm… e… e va bene. Questo vi serviva? Venite con me.

Vincenzo:     (Piangente, fa i tic) Grazie, grazie di cuore.

                      Escono via a sinistra (Gabriele ha un viso perplesso).

7. [Maria e Bartolomeo. Poi Donatello]

                       Da sinistra torna Maria, perplessa.

Maria:           Io nun riesco a capì che sta cumbinanno Donatello: ha deciso ‘e mettere a

                       posto ‘int’’o ripostiglio mio. Ma pecché? Chi ce l’ha domandato?   

                       Da sinistra torna Bartolomeo con un piatto ed una forchetta, masticando.

Bartolomeo: (Compiaciuto) Mmm, sta venendo proprio bene, questo pollastro!

Maria:           (Lo nota e resta sconvolta) Tu? E che ce faje ccà?

Bartolomeo: Niente, sono andato in bagno. Quando sono uscito, sono andato in cucina, ho

                       trovato questo pollastro sul lavello e adesso lo sto cucinando. Vuo’ assaggià?

Maria:           Ma ch’aggia assaggià? Mannaggia ‘a morte, mò ce mancave sulo tu.

Bartolomeo: (Va verso le due sedie e il tavolino) Cognata mia… (Poi ci ripensa) No, lloco

                       se sciulia. (Si siede al tavolo) Cognata mia, nun te fa piacere ‘e me rivedé?

Maria:           (Va da lui) Ma famme capì ‘nu poco, tu nun ‘issa sta’ carcerato?

Bartolomeo: E mica aggio avuto l’ergastolo? (Poi riferito al pollo) Manca ‘nu poco ‘e sale,

                       ‘int’a ‘stu pullasto. Vall’a piglià ‘nu mumento.

Maria:           Io nun voglio piglià niente. Voglio sultanto che tu te ne vaje ‘a ccà ddinto.  

Bartolomeo: E si me ne vaco, chi ‘o cucina ‘stu pullasto?

Maria:           Ma qualu pullasto e pullasto? Ma pecché, tu fusse capace ‘e cucenà?  

Bartolomeo: Nenné, e se capisce. In carcere si imparano un sacco di cose.

Maria:           Sì? Ma pecché, chi ce steva ‘int’a ‘stu carcere? Antonio Cannavacciuolo?

Bartolomeo: Che ce azzecca? ‘Int’’o carcere ce sta ‘o cuoco d’’o carcere che però cucina

                       manco ‘a chiavica! E allora uno capisce come non si deve cucinare.

Maria:           E tuo fratello ‘o ssape che tu staje ccà?

Bartolomeo: Sì, e sape pure che stanotte dormo ccà addù vuje. Del resto io nun me ne

                       pozz’i’ pecché ‘a polizia me sta cercanno.

Maria:           Uh, mamma mia!   

Bartolomeo: E mò nun accummincià a ffa’ ‘a lagna. Anze, Marì, t’aggia domandà ‘na cosa.

Maria:           Che vvuo’?   

Bartolomeo: Tenìsse ‘nu poco ‘e rosmarino? L’aggia mettere ‘ncoppa ‘o pullasto!

Maria:           Ma va’ fa’ ‘ng…! A te e ‘o pullasto! Mò che me facìve dicere?!

Bartolomeo: Non capisci proprio niente. (Si alza in piedi) Ora finisco di preparare questo

                       pollastro. Marì, ci stanno pure due peperoni?

Maria:           Vatténne!

                       Bartolomeo esce a sinistra, contrariato. Maria fa considerazioni da sola.

                       E mò ce mancava sulo chisto, stasera!

                       Da destra torna Donatello con uno scrigno.

Donatello:     Maria, guarda che cosa ho trovato: un forziere segreto!

Maria:           Ma qualu forziere? Chillo è ‘nu scrigno.Sulo che nun m’arricordo che ce sta,

                       lloco ddinto.

Donatello:     E’ chiuso con un catenaccio. Mi ci vorrebbe un coltellaccio da cucina.

Maria:           Ma che vvuo’ fa’? Stattu fermo.

Donatello:     No, Marì, ti dimostrerò che mi ricordo della mia e tua precedente vita.

                       Aspettami qua, io vado a prendere il coltellaccio.

                       Donatello va a sinistra e si ritrova Bartolomeo davanti. I due si osservano.

Bartolomeo: Marì, e chi è ‘stu tizio?

Maria:           Ehm… è Donatello.

Bartolomeo: Scusa, Donatello, pe’ caso tenìsse ‘na capa d’aglio? L’aggia mettere ‘ncoppa

                       ‘o pullasto!

Donatello:     Néh, Marì, ma chi è chisto?

Maria:           Ehm… è Bartolomeo.

Donatello:     E che va truvanno ‘a me? ‘Na capa d’aglio?

Maria:           Nun’o da’ retta.

Donatello:     Vabbuò, io vaco a cercà ‘o curtellaccio.

                       Esce via a sinistra.

Bartolomeo: Marì, ma chisto è ll’amante tuojo? E fràteme Gabriele ‘o ssape?

Maria:           Ma qual’amante? Basta, vedìmme d’’a fernì, stasera!

                       E si siede affranta al tavolo. Torna Donatello con un coltellaccio da cucina.

Donatello:     Ecco qua il coltellaccio. (Scansa Bartolomeo) Liévete ‘nu poco ‘a nanzo, tu!

                       (Prende lo scrigno dal tavolo, lo mette in terra e cerca di forarlo col

                       coltellaccio) E’ duro!

Bartolomeo: Ma che l’he’ pigliato, pe’ ‘na cozzeca?

Maria:           Donatello, lascia stare. Non lo rompere. 

Bartolomeo: Aspetta, lascialo aprire a me. Io sono stato in carcere, e in carcere si

                       imparano un sacco di cose.

Donatello:     Va bene, fai tu. (Gli cede il posto)

Bartolomeo: (Cerca di forzare lo scrigno col coltellaccio) Sembra facile, ma non lo è.

Maria:           (Seccata, si alza in piedi) Vabbuò, aggio capito, damme ‘nu poco ‘stu coso.

                       (Si fa consegnare lo scrigno e apre il lucchetto con una chiavetta) Aperto!

Bartolomeo: Ma… è vacante!

Donatello:     E’ vuoto.

Bartolomeo: E io ch’aggio ditto? E’ vacante.

Donatello:     Allora, sai che ti dico? In quel ripostiglio c’è altra roba interessante. A noi!

                       Esce via a destra.

Maria:           Ma che vvo’ cumbinà, ancora? Famm’i’ a vedé, va’.

                       Esce anche lei a destra, portandosi via lo scrigno.

Bartolomeo: Mmmh, ccà ‘o fatto se sta facenno divertente! Famme vedé pur’a me!   

                       Esce pure lui a destra, fregandosi le mani.

8. [Sabina e Gabriele. Poi Maria. Infine Vincenzo]

                       Suonano alla porta. Da sinistra giunge Gabriele.

Gabriele:      Ma che d’è stasera? (Sente un profumo nell’aria) Tié tié, siente ch’addore ‘e

                      pullasto! ‘Nu mumento, ma chi ‘o sta cucenànno? Maria? Finalmente ha

                      capito che ‘na femmena ha da sapé pure cucenà!

                      Va ad aprire al centro e torna seguito da Sabina che ha una pentolina in

                      mano. Sta girando il sugo.

Sabina:         Mio padre sta ancora qui? 

Gabriele:      No, sta ‘int’’o bagno!

Sabina:         Allora sta ancora qui.

Gabriele:      Ma t’aggio ditto che sta ‘int’’o bagno.

Sabina:         Insomma, sta ancora in questa casa.(Va al tavolo e vi posa la pentolina)

Gabriele:      E non vuoi sapere che cosa sta facendo nel bagno?

Sabina:         Che cosa si può fare in un bagno?

Gabriele:      Piange.

Sabina:         Sì, si, va bene. Intanto io ti ho portato un po’ di sugo. Tu sei l’unico uomo

                      che mi capisce e mi sa consigliare bene. Peccato non sia tu mio padre.

Gabriele:      Sabì, nun te fa’ sentere ‘a muglierema. Quella dice che come padre sarei una

                      frana. E infatti non mi ha mai voluto dare un figlio.

Sabina:         E allora considera me come figlia.    

Gabriele:      E tu considera me come padre.

                      Da destra entra Maria che si ferma sulla porta e osserva i due, sorpresa.     

Sabina:         Allora, papà… 

Gabriele:      Figlia mia!

                       I due si abbracciano. Maria va da loro e fa una scenata.

Maria:           Néh, maniata ‘e fetiente!

I due:            (Si spaventano e si lasciano) Aaaah!

Maria:          Bene bene, mò aggio capito pecché nun m’he’ maje vuluto da’ ‘nu figlio.

Gabriele:      Siente chi parle!

Sabina:         No, un momento, ma c’è un equivoco.

Gabriele:      Infatti.

Maria:          Ma qual’equivoco e equivoco?M’he’ pigliata pe’ scema?   

Gabriele:      Sì… cioè no!

Maria:          Embé, saje che te dico? T’aggia mettere ‘e ccorne sotto all’uocchie tuoje.

Gabriele:      ‘O vero? E cu’ chi?

                      Da sinistra torna Vincenzo, ancora piangente, che si asciuga le lacrime.

Vincenzo:     Come sono triste!

Maria:          (Lo nota) Signor sindaco, voi? Lévateve ‘a tuorno! (Li scansa e gli si mette a

                      fianco) Quale onore abitare a fianco ad una celebrità come voi!

Gabriele:      Ma chi è? L’attore ‘e Hollywood?

Vincenzo:     Vuje facìteve ‘e fatte vuoste. Se la signora ritiene che io sono una celebrità,

                      vuol dire che è vero. Cara signora, cosa posso fare per voi?

Maria:          L’amore!

Vincenzo:     Porterò la proposta alla giunta comunale!

Maria:          Ma nun facìte ‘o scemo. Io voglio fare una cosa con voi, tanto mio marito non

                      mi serve più, adesso che ha confessato di essere il padre di vostra figlia.

Vincenzo:     Che?

Sabina:         No, un momento.

Vincenzo:     Ah, adesso capisco tutto. E allora, cara signora, andiamo in camera da letto.

Maria:          No, preferisco ‘a cucina!

                      I due si prendono per mano ed escono a sinistra.

Sabina:         Presto, Gabriele, dobbiamo fermarli.

Gabriele:      No, e pecché? Se mia moglie ha scelto tuo padre… io m’’a levo ‘a tuorno!

Sabina:         Ma fammi il piacere!

                      Gli prende la mano e lo porta via a sinistra con sé.

9. [Gabriele, Vincenzo, Bartolomeo e Sabina. Poi Maria e Donatello. Infine Caterina]

                       Da destra torna Bartolomeo, dubbioso.

Bartolomeo: Ma che cacchio sta cumbinànno chillu Donatello? Sta metténno sotto e

                       ‘ncoppa ‘o ripostiglio. Boh!

                       Suonano alla porta.   

                       Ma… chesta è ‘a porta? ‘Int’’o carcere nun ce stanne ‘e campanielle.

                       (Chiama) Gabriéééé… Marììììì….! Nun rispònnene. Mò vaco a arapì io.

                       Speràmme sulo che nun è ‘a polizia!

                       Si avvicina alla comune e modifica la voce: la fa femminile.

                       Chi è?

Caterina:      (Da fuori) ‘A singora d’’o piano ‘e coppa!

Bartolomeo: Menu male, nun è ‘a polizia! Allora pozzo arapì.

                      Va ad aprire e torna seguito da Caterina (in vestaglia, bigodini, pantofole).

Caterina:      Bonasera! Scusate ‘o disturbo, ma mentre stevo spannénno ‘e panne, è caruta

                       ‘na mulletta ‘int’’o barcone vuosto. 

Bartolomeo: Ma pecché, scusate, vuje spannìte ‘e panne ‘e nnove ‘a sera?

Caterina:       E certamente, tutta ‘a jurnata ce stanne ‘a signora d’’o quarto piano, d’’o

                        quinto paino e d’’o sesto piano che spànnene a tutta forza.

Bartolomeo: Ho capito. Comunque, signora, qua non è casa mia. Abita mio fratello. Io

                       sono appena uscito dal carcere.

Caterina:       Uh, mamma mia,ma che razza ‘e ggente ce stasotto ‘a casa mia!

Bartolomeo: Signò, jateve a piglià ‘a mulletta e gghiatevenne.

                       Da sinistra tornano Gabriele e Sabina.

Gabriele:       Chella pazza ‘e mugliérema me sta facénno ‘o dispietto cu’ pàteto.

Sabina:          E allora che cosa intendi fare, tu?

Gabriele:       Ce voglio fa’ ‘o dispietto cu’ ‘n’ata femmena.

Sabina:          E a quest’ora dove la trovi?

Caterina:       Scusate, signor Gabrié, m’è caruta ‘na mulletta ‘int’’o barcone vuosto.

Gabriele:       ‘A vi’ ccanno, ‘a vi’? Signò, venite cu’ me. Amma fa’ ‘nu mumento l’amore

                       io e vuje?

Sabina:          Che cosa?

Caterina:       Nenné, l’aggia domandà io: che cosa?

Gabriele:       Signò, nun facìte domande. Forza, jamme.

Caterina:       Aspettate, io vaco ‘nu mumento ‘a casa mia e torno cchiù presentabile.

Gabriele:       No, state bella accussì. Venite!

Caterina:       (Felice) Mamma mia, vedìte pe’ ‘na mulletta caduta abbascio, che mazzo

                       ch’aggio avuto! Songo pronta!

                       I due escono a sinistra. Bartolomeo e Sabina restano perplessi.

Bartolomeo: Néh, ma che cacchio sta facénno, mio fratello?

Sabina:          Eh… beh…

                       Si sentono parole gridate confusamente di Maria, Gabriele, Vincenzo e

                       Caterina da sinistra.

Bartolomeo: Embé, mò me ne torno ‘n’ata vota ‘int’’o carcere ‘e Poggioreale!

                       Si siede al tavolo. Da sinistra giungono Maria, Gabriele, Vincenzo e

                       Caterina, litigando.

Maria:           (A Caterina) ‘Sta piezza ‘e disgraziata!

Caterina:      (A Gabriele) ‘Stu piezzo ‘e disgraziato!

Gabriele:      (A Vincenzo) ‘Stu piezzo ‘e disgraziato!

Vincenzo:     Néh, e mò che ce azzecco io? Ma mò vuo’ vedé ch’’a colpa fosse ‘a mia?

Maria:          Insomma basta! Io sono una donna tutta d’un pezzo. Hai capito, Gabriele?

Gabriele:      E io songo ‘n’ommo tutto ‘e ‘nu piezzo.

Maria:          Ma a differenza tua, io non ti ho nascosto mai niente. Io non tengo scheletri

                      nell’armadio. Con nessun uomo ho una storia segreta. Né ora, né mai!

                      Da destra entra Donatello, tutto felice, con un quadro in mano.

Donatello:    Marì, questa è la prova: io e te siamo stati amanti nel 1800 e sposati nel 1900!

Gabriele:      (Spalanca gli occhi) Azz!

FINE ATTO PRIMO

Casa di Gabriele e Maria, salone: il giorno dopo.

ATTO SECONDO

1. [Sabina e Bartolomeo]

                        Entra dal centro, con fare sospetto, Sabina (ha occhiali da sole). Parla con

                        qualcuno al cellulare.   

Sabina:          Via libera, non c’è nessuno! (Entra più a centro stanza) Cara mamma, il mio

                       piano è perfetto. Ho trovato il modo di far cadere papà dal suo ruolo di

                       sindaco, senza alcuna possibilità che lui si possa candidare di nuovo. E questo

                       grazie ad una persona che lo farà cadere in ogni scandalo possibile. (Pian

                       piano va a sedersi su una delle due sedie col tavolino) Se ci riuscirà? Questo

                       tizio è da poco scappato dal carcere, pensa un poco. Vedrai, finalmente la

                       smetterà di pensare solo alla politica!

                       Se la ride. Intanto da sinistra entra Bartolomeo con una ciotola di latte.

Bartolomeo: Mò ce facimme ‘na bella zuppa ‘e latte, ‘a faccia d’’o direttore d’’o carcere!

                       Si siede al tavolo e fa colazione. Sabina lo nota e parla al telefono.

Sabina:          Uh, ‘o vi’ lloco. Adesso vado da lui e lo pago. Ciao, a più tardi, ciao. (Si alza

                       in piedi, va da lui e gli parla freneticamente) Senta, adesso non c’è tempo per

                       fare colazione. (Gli leva davanti la ciotola di latte) Questo è il suo compenso.

                       (Prende una busta per lettere e la posa sul tavolo davanti a lui) E’ un

                       assegno da 5.000 Euro.    

Bartolomeo: E pe’ chi è?

Sabina:          Per lei.

Bartolomeo: Ah, io me penzave ch’era pe’ me.

Sabina:          Sì, è per lei, lei. Insomma, tu.   

Bartolomeo: Overamente?

Sabina:          E certo. E ora venga con me. (Lo afferra per un braccio e lo costringe ad

                       andare con lei a centro stanza) Ed ora mi ascolti bene: lui deve cadere

                       assolutamente prima delle prossime elezioni.

Bartolomeo: Lui chi?

Sabina:          Il sindaco. 

Bartolomeo: ‘O sinneche ha da cadé?

Sabina:          Non ricorda più? Ho accennato qualcosa ieri. 

Bartolomeo: Ah, già. Ma l’aggia fa’ cadé io?

Sabina:          E certamente. Occorre sicuramente uno scandalo. Appena si verifica uno

                       scandalo, lui cadrà sicuramente. E tutto questo spetta a lei.

Bartolomeo: Ah, ma allora nun l’aggia fa’ cadé io?

Sabina:          Certo.    

Bartolomeo: E lei che ha da fa’? Niente?

Sabina:          Ma lei chi?

Bartolomeo: Che ne saccio? Vuje state nummenanno “lei” ‘a mez’ora!

Sabina:          Ma lei, tu!

Bartolomeo: Ah, aggio capito. Embé, e pe’ ffa’ cadé ‘o sinneche, vuje m’avite dato

                       cinchemila Euro?

Sabina:          Perché, per lei sono poche?

Bartolomeo: Per lei nun ‘o ssaccio, ma pe’ me so’ ‘na bella cifra.

Sabina:          E allora le raccomando: il sindaco deve cadere. Ha capito? Lo scandalo e poi

                       deve cadere.

Bartolomeo: E comme faccio?

Sabina:          Io le ho dato 5.000 Euro. Se la sbrighi da solo.E le raccomando, silenzio

                       assoluto. Arrivederci. 

                       Sabina esce via di casa.

Bartolomeo: Cinchemila Euro? (Va a recuperare la busta per lettere sul tavolo) Pe’ ffa’

                       cadé ‘o sinneche? Ma io ‘o faccio i’ cu’ ‘a capa ‘nterra!

                       Ed esce via a sinistra frettolosamente.

2. [Maria e Caterina]

                      Dal centro entrano e si siedono sulle due sedie col tavolino, ci sono Maria e

                      Caterina (in nuova vestaglia, bigodini, orecchini e scarpe con leggero tacco).

Caterina:     Signora, mi dovete scusare per tutto il casino che è successo ieri sera, ma io

                      ero venuta qua per riprendermi la molletta che era caduta nel vostro balcone.

Maria:          Lo so, lo so. E poi vi siete imbattuta in mio marito che s’è miso a ffa’ ‘o

                      scemo pe’ me fa’ accusà a me.

Caterina:     Signò, io nun ‘o vulévo chiammà scemo pe’ nun ve fa’ piglià collera.

Maria:          Veramente, vuje me facìte sulo ‘nu piacere!

Caterina:     Ah, sì? E allora aggiungo pure ch’’o marito vuosto è cretino e imbecille!

Maria:          Brava!

Caterina:     Grazie!

Maria:          Signò, ma po’ ve l’ate pigliata ‘a mulletta?

Caterina:     No, sta ancora lloco.

Maria:          E venite cu’ me, accussì v’’a dongo io.

Caterina:     Signò, lassàte sta’ ‘a mulletta. Mò ce sta ‘na cosa cchiù importante.

Maria:          E cioè?

Caterina:     Io saccio tutto cose. Anche se non abito in questa casa, io so perfettamente che

                      cosa succede qua dentro tra voi e vostro marito.

Maria:          Niente di meno?  

Caterina:     Sì, a casa mia si sente tutto. Vuje alluccate comm’a duje forsennati.

Maria:          E che cosa ne pensate?

Caterina:     Signò, resistete. ‘O marito vuosto nun ha da vencere.

Maria:          Cioè? 

Caterina:     Io sono una grande femminista. Sono la presidenta di una associazione contro

                      l’uomo maschio!

Maria:          Veramente?

Caterina:     Vi volete iscrivere pure voi?

Maria:          Ma io non sono una femminista.

Caterina:     E allora siete maschilista? E non va bene.

Maria:          No, non dico questo. Solo che io non sono per questi estremismi.

Caterina:     E allora tenìteve ‘o marito vuosto e nun ve lamentate.

Maria:          Embé, sapete che vi dico? Mi avete convinta. Mi voglio iscrivere.

Caterina:   (Si alza in piedi) E mò jamme a piglià ‘a mulletta fora ‘o barcone.

Maria:        (Si alza in piedi) Certamente. Venite di qua.

                    Mentre si avviano a destra, Maria chiede qualcos’altro a Caterina.

                    E come si chiama questa associazione?   

Caterina:   Uefa!

Maria:        Ma la Uefa non è quella del calcio?

Caterina:   Ma qualu calcio? Chi schifo!

Maria:        E allora che cosa vuol dire Uefa?

Caterina:   Unione Europea Femministe Associate!

Maria:        Ua’, me piace!

                    Le due escono a destra, ridendosela.

3. [Gabriele e Donatello. Poi Vincenzo e Bartolomeo]

                   Da destra entrano Gabriele  Donatello.

Donatello: Gabriele, ma tu mi devi credere, io non mi sto sbagliando: tu sei morto!

Gabriele:  (Lo guarda male) E allora io chi fosse? ‘A fotografia mia?

Donatello: No, nun voglio dicere chesto. Però sono convinto di quello che dico.

Gabriele:  Donaté, tu l’he’ fernì ‘e te fa’ ‘sti brutti suonne. Fai una cosa, non dormire più!

Donatello: Perché, tu pensi che siano solo dei sogni?

Gabriele:  Dei sogni? Li chiami solo sogni? Quelli sono dei colossal da premio Oscar!

Donatello: E allora il cinema dove dovevate andare voi? Ieri ho sognato che si incendiasse.

                   Ebbene… s’è appicciato overamente!

Gabriele:  E lo so, lo so.

Donatello: E lo sai perché si è incendiato?

Gabriele:  Pecché tu puorte sfurtuna!

Donatello: Ancora cu’ ‘sta storia? Ma allora ti sei dimenticato di quando io ho sognato i

                   tuoi pantaloni nuovi? E che cosa è successo? 

Gabriele:  S’hanne sguarrate areto! S’è fatto ‘nu buco tanto!

Donatello: E ti sei dimenticato di quando ho sognato la tua macchina? Che fine ha fatto?

Gabriele:  Se ne so’ fujute doje rote: una annanzo e ll’ata arreto! E pure ‘a rota ‘e scorta!

Donatello: Bravo! E ti sei dimenticato di quando ho sognato delle macchie in faccia a te? E

                   che cosa ti è successo?

Gabriele:  M’è venuto ‘o murbillo!

Donatello: Hai visto?

Gabriele:  Donaté, ma tu pecché te suonne sempe a me? Sognati al mio padrone di casa,

                   così passa un guaio e non mi cerca più soldi!

Donatello: E ch’è colpa mia si me sonno a te?

Gabriele:  Senti Donatello, mettiamo le carte in tavola.

Donatello: Certamente. Io però saccio jucà sulo ‘a Scopa!

Gabriele:  No, io dico mettiamo le carte in tavola, nel senso diciamo la verità. Tu dici di    

                   sognare che con mia moglie vi siete sposati nella precedente vita.

Donatello: E con ciò?

Gabriele:  Pecché nun te l’he’ pigliata pure ‘nt’’a chesta vita?

Donatello: E pecché s’ha spusato a te. Però devo ammettere che una certa attrazione per lei

                   la tengo sempre. Quasi, quasi, divento il suo amante.

Gabriele:  Embé, in questo momento si’ ommo!

Donatello:      Grazie!

Gabriele:       Prego! Senti, ma che ti piace di mia moglie?

Donatello:      Quella, tua moglie, è una donna alla moda. E’ trendy!

Gabriele:       E’ trenta? Chella è una sola!

Donatello:      No, trendy è una parola inglese. Gli inglesi usano delle parole alla moda per

                        descrivere le cose. E ti dirò che tua moglie è come me, amante della

                        tecnologia. Gli inglesi dicono che è una nerd.

Gabriele:        Nerd?

Donatello:      Esatto, nerd. Come donna è una nerd. E’ ‘na femmena nerd.

Gabriele:       E infatte è accussì: mia moglie è ‘na femmena ‘e nerd!

Donatello:      Bene, caro Gabriele, io me ne vado. Ce vedìmme ‘o funerale tuojo!

                        Donatello si avvia all’uscita e Gabriele gli sputa dietro.

Gabriele:       Pù! Puozze passà ‘nu guajo! (E si siede sul divanetto) Embé, chisto me sta

                        antipatico a me. ‘O schifo cu’ tutto ‘o core!

                       E si mette a braccia conserte, imbronciato. Intanto dal centro entrano

                       Vincenzo e Bartolomeo.

Bartolomeo: Signor sindaco, io non tengo lavoro perché sono da poco uscito dal carcere.

                       Però sono una persona perbene.

Vincenzo:     (Ironico) E se vede!

Bartolomeo: Pure mio fratello è una brava persona, solo che tiene un carattere strano.

                       Cambia spesso umore: è volatile!

Vincenzo:      Ma che d’è, ‘n’auciello? Si dice è volubile.

Bartolomeo: Appunto!

                       Vincenzo va a sedersi al tavolo e Bartolomeo tenta invano di sgambettarlo.

Vincenzo:      (Ignaro, continua a parlare) Preparatemi un bel caffè, invece di parlare.

Gabriele:       (Nota tutta la scena, poi si alza e va a redarguire Bartolomeo) Ma che ffaje?

                       Miette ‘o sgambetto a chillo?

Bartolomeo: E nun l’aggia fa’ cadé cchiù?

Gabriele:       Non è il momento!

Vincenzo:      (Nota Gabriele) Oh, caro signor Gabriele, finalmente vi fate vedere.

Gabriele:       Ehm… buongiorno, signor sindaco. Adesso ve lo preparo io, il caffè.

Bartolomeo: Ecco, bravo. Io intanto mi vado a mangiare un pezzo di cioccolatofetente!

Gabriele:       Fondente! Mica tengo ‘a ciucculata fetente, io?!

Bartolomeo: Vabbuò, comme si’ pesante. L’ha ditto pure ‘o signor sindaco qui presente!

Vincenzo:      Ma chi? Io nun aggio parlato proprio!

Bartolomeo: Però l’avìte penzato! E in questo momento, mio fratello non vede l’ora che

                       voi ve ne andate.

Vincenzo:      Veramente?

Gabriele:       Signor sindaco, ma nun ‘o data retta, a chisto. Io nun aggio ditto niente.

                       Casomai l’ho pensato!

Bartolomeo: Visto? Perciò io me ne vado, così non sento più le brutte cose che mio fratello

                       dice di voi e non sento più le vostre risposte contro di lui.

                       Esce a sinistra. Vincenzo allora si alza e si mette a brutto muso con Gabriele.

Vincenzo:      Insomma, come vi permettete di pensare male di me?

Gabriele:       Oh, e calmateve! Chi ve sta penzanno? Chiuttosto site vuje che state parlanno

                       malamente ‘e me.

Vincenzo:      Io? Nun tenésse niente che ffa’.

Gabriele:  E allora è meglio che vaco a ffa’ ‘o ccafé, pecché nun aggio capito pecché ce

                   stamme appicecanne! Con permesso.

Vincenzo: Prego!

                   Esce a sinistra. Vincenzo, rimasto solo, commenta.

                   Questi sono pazzi! (Poi guarda verso la porta di sinistra) Bene, adesso posso

                   approfittarne per…

                   Non aggiunge altro ed esce via a destra, quatto, quatto.

4. [Maria e Sabina. Poi Gabriele]

                   Dal centro entra Sabina, parlando al cellulare.

Sabina:      E’ inutile che insisti, mamma. Papà non lo sa che io e te ci sentiamo ancora. Lui

                   non ti vede da vent’anni, cioè da quando te ne sei andata. Ormai è convinto che

                   tu sia morta. E io continuerò a farglielo credere. Non voglio che ti faccia soffrire

                   ancora, come ha sempre fatto. Va bene? Allora baci, a presto. (Chiude la

                   telefonata) Che vita incredibile, la mia. Sembra un film!

                   Da destra entra Maria.

Maria:       Me serve ‘na penna. (Nota Sabina) Uhé, Sabì!

Sabina:      Maria!

Maria:       E tu che ce faje ccà? Ti serve qualcosa? 

Sabina:      Un alibi.

Maria:       Me dispiace, cu’ tutto ‘o core, ma nun ‘o tengo.

Sabina:      Che cosa?

Maria:       Chesta cosa che he’ ditto tu.

Sabina:      Ma un alibi è una scusa per dimostrare che non mi trovavo in un posto in un

                   dato momento. Per cui dovete dire che io e te abbiamo dormito insieme ieri.

Maria:       E a chi ce ll’aggia dicere?

Sabina:      Ad un giudice in tribunale.

Maria:       Aspiette, ma chesta è ‘na falsa testimonianza.

Sabina:      E certo. Si va pure in galera.

Maria:       E secondo te, io avéssa i’ ‘ngalera?

Sabina:      No, no. Tu dici al giudice che non ci vuoi andare e così lui non ti ci manda!

Maria:       Ohi né, ma tu fusse scema?

Sabina:      Ma non ti preoccupare, non ti scopre nessuno. Come faceva a sapere il giudice

                   che io e te non dormivamo insieme?

Maria:       Ma pecché avéssema avuta durmì ‘nzieme?

Sabina:      Perché siamo amiche e tu mi hai convinta a dormire con te.

Maria:       Ma posso sapere almeno perché devo fare tutto questo marchingegno?

Sabina:      (Va a sedersi, serafica, sul divanetto) Vedi Maria, ieri ho fatto qualche piccolo

                   reato.La polizia mi ha individuata e così rischio l’arresto.

Maria:       (Le si avvicina) Ma tu si’ scema?

Sabina:      Parli bene tu. Io mi sento sola e mi annoio. Beata te che hai qualcuno che ti

                   vuole bene: tuo marito.

Maria:       Mio marito? Me vo’ bene? A me? Allora nun he’ capito proprio niente.

                   Da sinistra torna Gabriele con un vassoietto con una tazzina di caffè.

Gabriele:  Ecco il caffè. (Guarda verso il tavolo e non nota più Vincenzo) E addo’ sta?

Sabina:     Hai visto, Maria? Gabriele ti ha portato il caffè.

Maria:     A me? (Si avvicina a lui) Grazie. (Prende la tazza di caffè e beve)

Gabriele: (La osserva, sorpreso) Ma… che ffaje?

Maria:     Me piglio ‘o ccafè.

Gabriele: Ma chisto nun ‘o tuojo. Io l’aggio fatto p’’o signor sindaco.

Sabina:    (Si alza in piedi, allarmata) Che cosa? Ma pecché, allora sta ccà? No, me n’aggia

                 i’, me n’aggia i’ assolutamente. E ti raccomando, Maria: io e te abbiamo dormito

                 insieme. Ieri. Capito?

Maria:     Certo.

Sabina:    Grazie. Arrivederci.

                  Sabina esce via di casa celermente.

Gabriele: (Sorpreso, si rivolge a Maria)Cioè, essa ha durmuto ‘a casa nosta vicino a te?

Maria:      E certo.

Gabriele: ‘Int’’o lietto nuosto?

Maria:      E certo.

Gabriele: Ma si io nun l’aggio vista proprio. Nun è ch’aggio durmuto ‘ncuollo a essa?

Maria:      Ma nun dicere fessarie. Adesso non ti posso spiegare, il fatto è un altro.

Gabriele: Questo deve essere un altro dei tuoi segreti, come il fatto tuo e di quel tale

                  Donatello. Io vi denuncio perché siete stati sposati nella precedente vita!

Maria:      (Se la ride per la cosa divertente detta da Gabriele) Ahahahah!

Gabriele: Tu ridi? Ma come, tu ridi? Embé, saje che te dico? Mò me vaco a ffa’ ‘a valiggia.

Maria:      (Smette di ridere) E perché?

Gabriele: Ho deciso: voglio partorire!

Maria:      Ma pecché, si’ incinta?

Gabriele: No, me ne voglio i’.

Maria:      E allora vuoi partire.

Gabriele: Inzomma, nun te voglio vedé cchiù! (Va a sedersi al divanetto, amareggiato) Me

                  lo potevi pure dire che Donatello ti rendeva più felice di me.

Maria:      E tu me lo potevi pure dire che la signora Caterina ti rendeva più felice di me. (Si

                  siede al tavolo) Hai visto? Siamo pari!

Gabriele: (Dispettoso, tra sé e sé) Embé, adesso glielo faccio credere. (Poi a lei) Sì, la

                  signora di sopra mi rende più felice di te.

Maria:     (Dispettosa, tra sé e sé) Embé, adesso glielo faccio credere. (Poi a lui) Sì,

                  Donatello mi rende più felice di te.

Gabriele: E tiritittittì!

Maria:      E tiritittittì!

                  I due si mettono braccia conserte, imbronciati, ignorandosi.

5. [il giudice di pace Guerra, Gabriele e Maria]

                  Entra in casa il giudice di pace Guerra, donna molto severa. E’ abbigliata in

                  tailleur ed ha una ventiquattrore. Osserva i due senza parlare. Poi…

Giudice:   E’ permesso?

Maria:      Sì?

Giudice:   I coniugi Rossi?

Maria:      Siamo noi.(Si alza in piedi e va da lei) Scusate, ma… voi chi siete?

Giudice:   Sono la dottoressa Guerra, giudice di pace.

Gabriele: (Si alza in piedi e vi si avvicina) Ah, e brava a Maria, he’ chiammato pure ‘o

                 giudice. E pe’ ffa’ che?

Maria:     Io nun aggio chiammato a nisciuno.

Giudice:  Effettivamente, non mi ha chiamato nessuno di voi. Sono molto amica del signor

                 Donatello Esposito. Lui mi ha esposto i vostri problemi ed ho deciso in modo

                 Spontaneo di venire a dare un’occhiata. Prego, prendete due sedie e sedetevi al

                 centro. Io mi accomodo su una delle due sedie davanti al tavolino.

                 Così fa, mentre i due, interdetti, prendono ognuno la sua sedia e si siedono al

                 centro. Alla fine, la giudice parla loro.

                 Coniugi Rossi, sono oggi convenuta qui da voi per ascoltarvi. Ebbene, se la

                 migliore soluzione finale sarà il divorzio o la separazione, io la ufficializzerò. 

                 Non abbiate timore: esponetemi il vostro pensiero dell’uno verso l’altro.

                 I due coniugi si alzano in piedi e cominciano ad offendersi e a spintonarsi.

Gabriele: Femmena ‘e niente, prostituta!

Maria:     Ommo ‘e tre sorde, prostituto!

Gabriele: Ma io te ciacco!

Maria:     E io te struppeo!

                 Al che la giudice si alza in piedi e corre tra i due a separarli.

Giudice:  Calmi, calmi, calmi, calmi! Sedetevi!

                 I due si siedono. La giudice torna al suo posto.

                 Allora, tanto per cominciare, signora mi spieghi lei come stanno le cose.

Gabriele: Dunque, tanto per cominciare…

Giudice:  Ho detto “signora”. Lei è signora?

Gabriele: No.

Giudice:  E allora lasci parlare sua moglie. Penso che anche lei sappia tutto.

Gabriele: Ma che ha da sapé, chesta?

Giudice:  Senta, il giudice sono io. Chiaro? Avanti, signora, parli pure.

Maria:     Dunque…

Gabriele: (La interrompe) No, nun è ‘o vero, nun è ‘o vero!

Giudice:  Ma si chella nun ha parlato proprio!

Gabriele: Ah, nun ha parlato? E te vuo’ mòvere a parlà?

Maria:     E ‘nu mumento. Allora…

Gabriele: (La interrompe ancora) No, no, nun so’ d’accordo, mi oppongo, mi oppongo!

Giudice:  Ma la vuole far parlare, sì o no?

Gabriele: E nun sta parlanno?

Giudice:  No, fin’e mò ha ditto sulo “dunque” e “allora”!

Gabriele: E va’, va’, te dongo ‘o permesso ‘e parlà!

Maria:     Signora giudicessa, mio marito me tratta com’’a ‘na schiava. Me fa pulezzà, me

                 fa’lavà ‘e piatte, me fa stirà…!

Gabriele: E pe’ forza, tu si’ casalinga.

Maria:     Ma le casalinghe moderne tengono le cameriere e le donne delle pulizie.

Gabriele: E allora che casalinga si’?

Maria:     ‘Na casalinga disperata! Pe’ colpa toja!

Gabriele: No, ‘a colpa è ‘a toja!

                 I due si alzano in piedi e cominciano ad offendersi e a spintonarsi.

Gabriele: Femmena ‘e niente, prostituta!

Maria:     Ommo ‘e tre sorde, prostituto!

Gabriele: Ma io te ciacco!

Maria:     E io te struppeo!

                 Al che la giudice si alza in piedi e corre tra i due a separarli.

Giudice:  Uhé, uhé, mò accumminciate ‘n’ata vota?! Basta! Sedetevi!

                 I due si siedono. La giudice torna al suo posto.

                 Insomma, signora, il suo problema è solo questo? Mi sembra un po’ poco.

Maria:     Aspettate, signora giudicessa, io non ho finito. Vuje avita sapé che mio marito   

                 nun m’accuntenta maje. Nun me regala maje ‘n’aniello, manco ‘nu ricchino!

Gabriele: Nenné, ‘e gioielle ‘ncuollo a te so’ sorde ittate!

Maria:     Ma pecché, che tenisse ‘a dicere?

Gabriele: Che si’ brutta!

Maria:     E tu si’ cchiù brutto ‘e me!

Gabriele: No, tu si’ cchiù brutta!

Maria:     No, tu!

                 I due si alzano in piedi e cominciano ad offendersi e a spintonarsi.

Gabriele: Femmena ‘e niente, prostituta!

Maria:      Ommo ‘e tre sorde, prostituto!

Gabriele: Ma io te ciacco!

Maria:      E io te struppeo!

                 Al che la giudice si alza in piedi e corre tra i due a separarli.

Giudice:  Uhé, uhé, basta! Embé, si nun ‘a fernìte, non vi ascolto più. OK? Sedetevi!

                 I due si siedono. La giudice torna al suo posto.

                 Insomma, signora, lei non va d’accordo con suo marito per cose così futili?

Maria:     (A Gabriele) Che d’è ‘stu “futili”?

Gabriele: E ‘o vvuo’ sapé ‘a me?

Giudice:  Inutili.

Maria:     Ma io nun è che nun vaco d’accordo cu’ marìteme, voglio divorzià direttamente.

Gabriele: E se capisce, accussì t’aggia mantené pure. Mò aggio capito pecché he’ vuluto fa’

                 ‘a divisione dei beni! Te vuo’ magnà tutt’’e pproprietà mie!

Maria:     Ma pecché, tu tiene ‘e pproprietà? ‘A casa nosta è ‘a mia, ‘a machina toja l’aggio

                  purtata io…! Ma quali pproprietà tiene tu?

Gabriele: Ma va’ muore ‘e subito!

Maria:      Ma va’ muore ‘e subito tu!

                  I due si alzano in piedi e cominciano ad offendersi e a spintonarsi.

Gabriele: Femmena ‘e niente, prostituta!

Maria:     Ommo ‘e tre sorde, prostituto!

Gabriele: Ma io te ciacco!

Maria:     E io te struppeo!

                 Al che la giudice si alza in piedi e corre tra i due a separarli.

Giudice:  Aggio capito, mò nun m’assetto cchiù. Resto vicina a voi. Va bene? Seduti!

                 I due si siedono, mentre la giudice gironzola intorno a loro.

                 Sentite, ma voi due avete figli?

Maria:     Sì, uno solo. Però nascerà fra tre anni!

Giudice:  Signora, ma che dice? Non esiste una gravidanza così lunga!

Maria:    Ma quala gravidanza? Pe’ carità! Nuje ce ll’adottàmme fra tre anne, a ‘nu figlio!

Giudice:  Ma perché, non potete farlo voi?

Maria:    A chi? Io me sfastidio ‘e sta’ nove mise cu’ ‘a panza annanzo. E ppo’ vulìmme

                parlà d’’e ddoglie? Chelle fanne male! E figuràmmece quanno avessa parturì

                 ‘int’’o spitale: io me metto scuorno ‘e parturì annanzo ‘e ggente estranee!

Giudice:  Signora, ma il medico non è un estraneo. 

Maria:     Però è ommo! 

Giudice:  No, non è nemmeno uomo.

Maria:     Che cosa? E io avessa parturì annanzo a ‘nu miereco frocio? Aroppo va’ a fernì  

                 cu’ ‘o criaturo piglia ‘e mmovenze a effeminato! No, no, nun è cosa!

Giudice:  (A lui) Scusi, ma lei non dice niente a sua moglie? Non la sgrida?

Gabriele: L’aggia sgridà? ‘Na vota tanto ch’ave raggione?!

Maria:     Grazie.

Gabriele: Prego!

Giudice:  Scusate, ma allora voi due non avete consumato il matrimonio?

Maria:     No, nun amme fatto niente. Mio marito nun m’ha maje tuccata. E ‘o ssapite

                 pecché? Dice ch’è troppo religioso!

Giudice:  E che c’entra?

Gabriele: Ma vuje nun ‘a sentite ‘a televisione? E’ peccato mortale toccare le donne!

Giudice:  Ma quella è sua moglie.

Gabriele: Embé, e nun è donna?

Giudice:  (Lo osserva sbigottito, poi cambia discorso) Signora, suo marito la picchia mai?

Maria:     Sempre, tutte le sante domeniche!

Giudice:  Le domeniche? E perché proprio le domeniche?

Gabriele: E pecché quanno ‘o Napule sta perdenno, io me piglio ‘e nierve!

Giudice:  E se la prende con sua moglie? Non sta bene picchiare la propria donna.

Maria:     E pecché? A me me piacene assaje ‘e mazzate. Io so’ sadomasochista!

Giudice:  Ma io nun ‘e ccapisco proprio, a ‘sti duje! Sentite, insomma io vorrei capire come

                 posso aiutarvi. Volete divorziare?

Gabriele: E certamente. Nuje nun ghiamme d’accordo.

Maria:     Ce vo’ assaje a capì?

Gabriele: Però attenzione: io nun voglio caccià manco ‘nu sordo. Non la voglio mantenere,  

                 a mia moglie.

Giudice:  E no, lei sa benissimo che le leggi parlano chiaro: il coniuge più svantaggiato

                 economicamente va sostenuto da quello più avvantaggiato. Lei lavora?

Gabriele: Sì. Faccio ‘o parcheggiatore abusivo!

Giudice:  Pure? E allora le conviene divorziare?

Gabriele: Sentite, si se po’ divorzià gratis, allora io ce stongo, o si no nun fa niente.

Maria:     E allora devi lasciare la tua amante. Chella granda…

Giudice:  (La interrompe) Signora, niente offese in mia presenza! (Poi a lui) E lei, invece,

                 mi dica una cosa: ma allora possiede una amante?

Gabriele: No.

Giudice:  E allora di quale amante sta parlando la signora?

Maria:     Di quella che un giorno lui si troverà.

Giudice:  Insomma, vostro figlio un giorno nascerà, suo marito l’amante un giorno se la

                 troverà. State facenno tutto cose al futuro. Allora sapìte che ve dico? Ripasso in

                 futuro e io ve dongo ‘o divorzio.

Gabriele: Ma io…

Maria:     Ma io…

Giudice:  Su, su, in piedi!

                 I due si alzano perplessi.

                         E ora vi saluto.

Gabriele:        Ma nuje vulìmme divorzià.

Maria:            Nun vedìmme ll’ora.

Giudice:         E nun fa niente. Vogliatevi bene per sempre.

Gabriele:        He’ visto? Pe’ mezza toja!

Maria:            No, è pe’ mezza d’’o giudice.

Giudice:         No, è pe’ mezza vosta!

Gabriele:        Femmena ‘e niente!

Maria:            Ommo ‘e niente!

Giudice:         Gente ‘e niente!

                        I tre si strattonano e si spintonano fino all’uscita. Escono via.

6. [Vincenzo e Caterina. Poi Bartolomeo. Infine Donatello]

                       Da destra torna Bartolomeo (ha un album di foto sotto il braccio). Sta

                       litigando con Caterina (intanto munitasi di una borsa a tracolla di Maria).

Vincenzo:      Signora, ma cosa ci facevate voi nel ripostiglio di questa casa?

Caterina:      Ehm… stevo aspettanno ‘a signora Maria. E vuje?

Vincenzo:      Ehm… stavo aspettando che mi portavano il caffè.

Caterina:      Ma pecché, vuje ve bevite ‘o ccafé ‘int’’o ripostiglio?

Vincenzo:      E si capisce, io sono il sindaco della città e mi prendo il caffè dove voglio! E

                       voi, invece, aspettate la gente dentro i ripostigli?

Caterina:      E si capisce, io sono la presidenta della Uefa!

Vincenzo:      La Uefa? Avete a che fare col calcio?

Caterina:      No, la Uefa è l’Unione Europea Femministe Associate.

Vincenzo:      Ah, capisco.

Caterina:      E che cos’è quell’album di fotografie che tenete sotto l’ascella?

Vincenzo:      Sotto il braccio, volete dire. No, niente, sono foto dei signori Rossi. Mi

                       servono per… mi servono per… Un momento, signora, ma voi perché avete

                       preso questa borsa della signora Maria?

Caterina:      No, niente, quella mi serve per… mi serve per…

                       Dalla sinistra torna Bartolomeo. Ha una tovaglia da tavola tipo fardello.

Bartolomeo: Ecco qua! (Poi nota i due) Signor sindaco.

Vincenzo:      Che volete?

Bartolomeo: Ma il caffè non ve lo siete preso più?

Vincenzo:      Certamente. Sta pure la tazzina sul tavolo.

Bartolomeo: Ah, bene. (La osserva e poi la prende) Un momento, ma su questa tazzina ci

                       sta una macchia di rossetto.

Vincenzo:      Embé?

Bartolomeo: E vuje ve mettite ‘o russetto?

Vincenzo:      Perché no?

Caterina:      Un momento, signor sindaco, ma voi non avete detto che aspettavate il caffè

                       nel ripostiglio?

Vincenzo:     Certo, ne aspettavo un altro perché in questa casa lo fanno molto buono.

Bartolomeo: (Osserva la borsa a tracolla che porta Caterina) Signò, scusate, ma voi uscite

                      di casa in pantofole, bigodini, grembiule… e ‘a borza sotto ‘o raccio? E’ un

                      abbigliamento che non ci azzecca proprio!

Caterina:      Ma pecché, ve da fastidio?

Vincenzo:     No, ma la borsa è della signora Maria.

Caterina:      Sì, ma la signora Maria me la vuole far provare perché a lei non gli piace più.

Vincenzo:     (Nota il fardello che tiene Bartolomeo) E vuje pecché ve site fatto ‘a mappata?

Bartolomeo: Ah, no, queste sono cose così, che servono per me. Sapete com’è, io devo

                       scappare via. E così qualcosa da mangiare mi servirà sempre.

Caterina:      Ma allora state rubando.

Bartolomeo: No, ma che dite? Queste cose appartengono a mio fratello. Lui lo sa che me le

                       sto prendendo. (Nota l’album fotografico sottobraccio a Vincenzo) E voi che

                       ci dovete fare con quell’album fotografico?

Vincenzo:      Ah, no, niente, sono delle foto dei signori Rossi. Quasi, quasi, ci faccio fare

                       dei poster giganti. Ormai si approssimano le elezioni comunali ed io mi

                       ricandido a sindaco.

Bartolomeo: E a che servono le foto di Gabriele e Maria?

Vincenzo:      Voglio che loro due siano da esempio per il popolo napoletano: due persone

                       che si amano e si rispettano. Non ce ne sono più così.

Caterina:       Vuje dicite?

Vincenzo:      Io dico. Ed ora lasciatemi andare via.

Bartolomeo: Pure a me.

Caterina:      E pure a me.

                       I tre si avviano all’uscita ma si imbattono in Donatello che sta entrando (ha

                       uno scatolone in mano. I quattro si bloccano e si osservano. Poi Donatello

                       posa lo scatolone a terra e rompe il ghiaccio.

Donatello:     Ehm… ehm… buongiorno a voi tutti.

Vincenzo:      Signor Donatello, ho preso le foto dei signori Rossi, così come mi avete

                       chiesto voi.

Bartolomeo: Donatello, io invece ho preso pentole e posate, così come mi hai chiesto tu.

Caterina:       Signor Granatello…

Donatello:     Donatello!

Caterina:       Signor Donatello, io aggio pigliato ‘a borza d’’a signora Maria, comme m’ate

                       ditto vuje. E mò che s’ha da fa’?

Vincenzo:      Un momento, ma voi due non avevate detto che…?

Bartolomeo: No, voi due avevate detto che…

Caterina:       E invece tutt’e dduje avìte ditto che…

Donatello:     E invece alla fine avete raccolto ciò che vi ho chiesto, per i motivi che vi dirò.

Bartolomeo: Ma se vence coccosa?

Donatello:     E mica è ‘nu gioco a premi?

Bartolomeo: E chillu scatolone a che te serve?

Donatello:     Sono scatoloni che non ti riguardano ancora!

Vincenzo:      Signor Donatello, ma siete sicuro di quello che stiamo facendo?

Donatello:     Pecché?

Vincenzo:      Io ho paura di perdere le elezioni.

Donatello:     Ora ho capito perché, nella vostra precedente vita, siete stato impiccato!

Caterina:      Io ‘o faceese impiccà ‘n’ata vota!

Vincenzo:     (La guarda male) Grazie, signora!

Donatello:      Sentite, adesso venite con me e prepariamoci. Si va nel bagno.

Vincenzo:      Facciamo presto, però. Il bagno non è un posto che si addice ad un sindaco.

Bartolomeo: Ma perché, non esiste il gabinetto del sindaco?

Vincenzo:      Chella è ‘n’ata cosa.

Donatello:     Su forza, facciamo presto a preparaci. I coniugi Rossi, quando vedranno cosa

                       abbiamo preparato per loro… moriranno di meraviglia!

Bartolomeo: E va bene. Andiamo.

                       I quattro escono a sinistra (Donatello ha recuperato lo scatolone).

7. [Sabina, Gabriele e Maria]

                       Dalla comune entra Sabina che separa Gabriele e Maria, litiganti.

Sabina:          No, no, non litigate.

Gabriele:       Ma io, a chesta ‘a voglio rompere ‘a capa!

Maria:           E io, a chisto, ‘o voglio scippà tutta ‘a faccia!

Gabriele:       E famme vedé.

Maria:           No, famme vedé tu.

Gabriele:       No, tu.

Maria:           No, tu.

Sabina:          Bastaaaaaa!

                       I due si fermano. Sabina continua a richiamarli.

                       Per favore, smettetela di litigare. Non è il caso.

Gabriele:       (Si siede al tavolo) Menu male che tra poco divorziamme.

Maria:           (Si siede ad una delle due sedie dietro il tavolino) E già, menu male. Nun te

                       voglio maje cchiù vedé.

Sabina:          Ma perché vi state dicendo queste brutte cose?

Gabriele:       Sabì, tu nun puo’ capì. 

Maria:           Pe’ furtuna.

Sabina:          E invece vi posso capire.I non ho potuto godermi i miei genitori insieme,

                       nella mia vita. E sapete chi ci ha rimesso? Io. I figli ci mettono sempre.

Gabriele:       Ma nuje, fortunatamente, nun amme avuto figli.

Maria:           E io avessa avuta fa’ ‘nu figlio cu’ te? Ma vatte a menà a mare!

Gabriele:       Si nasceva ‘nu figlio, era sicuramente tale e quale a te. Picciò, è meglio che

                       nun è nato.

Maria:           E salute a me.

Gabriele:       Salute a me, ‘a faccia toja!

Sabina:          Ma non vi vergognate? Scusatemi se vi dico così, ma chi vi parla è una figlia

                       che tiene un padre snaturato, che si occupa solo di politica, ed una madre che  

                       è fuggita via non si sa dove. Mio padre non lo sa, ma io e lei ci sentiamo al         

                       telefono ogni giorno.

Maria:           E… perché non torna a casa?

Sabina:          Tornerà al momento giusto, quando mio padre avrà messo giudizio.

Gabriele:       Tuo padre mette giudizio? E’ ‘na parola. Quello è un politico sindaco!

Maria:           E che ce azzecca?

Gabriele:       Ce azzecca, ce azzecca! Io ne capisco di persone che non mettono giudizio.

                       Ne tengo uno in casa. E’ mio fratello.

Sabina:          Vostro fratello Bartolomeo?       

Gabriele:       Esatto. Quello è peggio di Giuda.

Maria:           Giuda chi?

Gabriele:      Giuda il carota!

Maria:          Ah, quello che viveva ai tempi di Gesù Cristo? Allora Giuda Iscariota.

Sabina:         Senti, Gabriele, non mi toccare tuo fratello Bartolomeo. Quello deve far

                      scoppiarlo scandalo che farà cadere il sindaco mio padre.

Gabriele:      Eh?

Maria:          Sabì, ma pure ‘a capa toja nun è bona?

Sabina:         Maria, io sono una figlia disperata. Pure di riportare mio padre a me, sarei

                      disposta a qualunque cosa.

Gabriele:      E se tuo padre diventa di nuovo sindaco?

Maria:          E già, no lo hai pensato, Sabì?

Sabina:         Se diventa di nuovo sindaco, non lo voglio vedere mai più. La sua rielezione,

                      per me sarebbe una cosa troppo rumorosa. Sì, farebbe il rumore di qualcosa

                      che cade fortemente sul pavimento.

                      Dalla cucina (a sinistra) si sente una pentola che cade rovinosamente a terra.

                      Ecco, un rumore come quello che viene dalla cucina.

Gabriele:      Ma che cacchio sta cumbinanno mio fratello?

Maria:          Ma quanno se ne va?

Gabriele:      Embé, è arrivato il momento di farmi giustizia.

                      Esce via a destra. Sabina e Maria si guardano, perplesse.

Maria:          Ma che vvo’ fa’?

Sabina:         Boh!

                      Da destra torna Gabriele con una pantofola in mano.

Gabriele:      Aggia piglià a mio fratello cu’ ‘o scarpone! Sì, ‘o voglio caccià ‘e casa!

Mar&Sa:      Noooo!

                      Gabriele va a sinistra deciso, con brutte intenzioni, mentre le due che provano          

                      a fermarlo.

8. [Gabriele, Maria, Bartolomeo, Sabina, Donatello, Caterina, Vincenzo]

                       Dalla cucina (a sinistra) si sente Bartolomeo gridare dal dolore mentre

                       Gabriele lo picchia con la pantofola.             

Bartolomeo: Aaah, me faje male! Aaah ma si’ scemo?

                       Da sinistra tornano Bartolomeo, che si tocca il sedere dolorante, Gabriele

                       con la pantofola in mano e Maria, Sabina, Donatello, Caterina e Vincenzo

                       che tentano di fermarlo.

Gabriele:       Vai fuori da questa casa. O si no te stuppeo!

Vincenzo:      (Gli si para davanti) Ma no, calmatevi. E’ il vostro sindaco che ve lo chiede.

Gabriele:       Levàteve ‘a nanzo, o si no abbuscate pure vuje!

Vincenzo:      No, no, pe’ carità! (Si scansa subito, mettendosi da parte)

Bartolomeo: E tu saresti un fratello? Ma tu lo sai chi sei veramente? Sei un canino!

Gabriele:       (Si calma, perplesso) E che vvo’ dicere?

Bartolomeo: Caninoè il fratello di Abello!

Gabriele:       Ma chi so’ ‘sti ggente?

Donatello:     Forse sta parlando di Caino e Abele.

Maria:           (Caterina) Uh, e chi so’?

Caterina:       Sarranne ‘e personaggie ‘e cocche rumanzo! Secondo me, se tratta ‘e Biutiful!

Sabina:          Asine, Caino e Abele erano due personaggi storici. 

Gabriele:       Ma che me ne ‘mporta chi so’ ‘sti duje? Io voglio sapé che stiveve

                       cumbinanno dint’’a cucina.

Donatello:     In realtà è colpa mia.

Gabriele:       Ah, sì? E allora… (Lo colpisce sul sedere con la pantofola)

Donatello:     (Si fa male) Ah! (E si mette in disparte, dolorante)

Caterina:      Signor Gabrié, ma site impazzito?

Gabriele:       Ah, sì? E allora… (La colpisce sul sedere con la pantofola)

Caterina:      (Si fa male) Ah! (E si mette in disparte, dolorante)

Maria:           Ma comme, Gabrié, piglie ‘a signora Caterina cu’ ‘o scarpone?

Gabriele:       E certamente. Mò piglio pure a te!(La colpisce sul sedere con la pantofola)

Maria:           (Si fa male) Ah! (E si mette in disparte, dolorante)

Sabina:          (Si para davanti a Gabriele) Avanti, picchia pure a me con la pantofola. Su!

Gabriele:       (Fa il gesto di picchiarla, poi lancia via la pantofola in un punto imprecisato)

                       No, a te nun te vatto.

Sabina:          Gabriele, tu non sai esattamente quello che sta succedendo. Perché non lasci

                       che Donatello glielo spieghi?

Donatello:     Io? Avessa abbuscà ‘n’ata vota?

Gabriele:       No, famme sentì, nun te vatto.

Bartolomeo: Nun te prioccupà. He’ visto? Nun tene cchiù ‘o scarpone, è disarmato!

Donatello:     E va bene. (Si avvicina a Gabriele, con fare indeciso) Gabriele, io e gli altri

                       qui presenti, tranne la signora Maria, vi dobbiamo far vedere una cosa.

Bartolomeo: Dopodiché, tu e lei… morirete!

Gabriele:       Amma murì?

Donatello:     Ma chi l’ha ditto ch’ata murì?

Gabriele:       L’ha ditto chillo.

Bartolomeo: E a me me l’ha ditto Donatello.

Donatello:     Ma io dicevo che moriranno di meraviglia. Forza, Gabriele e Maria, mettetevi

                       dall’altro lato, mentre noi andiamo dentro. Signora Caterina, signor Sindaco,

                       Sabina, Bartolomeo, venite con me.

                       Donatello e gli altri cinque chiamati in causa escono a sinistra. Gabriele e

                       Maria, perplessi, si mettono dalla parte opposta e aspettano.

Maria:           Secondo me, ce vonno fa’ cocche scherzo.

Gabriele:       Ah, sì? E io ‘e ppiglio a tutte quante cu’ ‘o scarpone! (Va a recuperare la

                       pantofola e torna da Maria) Eccolo qua.

                       Da sinistra tornano i cinque: Donatello con lo scatolone, Sabina con uno

                       scatolo di torta, Caterina con la borsa di Maria, Vincenzo con l’album di foto

                       del matrimonio di Gabriele e Maria, Bartolomeo con una caffettiera in mano.

I cinque:        Auguri!

Sabina:          Buon anniversario di matrimonio!

                       I cinque vanno a baciare sulle guance i due coniugi, stupiti per la sorpresa.

Vincenzo:      Auguri per 100 anni!

Caterina:      Comme so’ cuntenta!

Donatello:     Nella vostra precedente vita, non lo avreste mai festeggiato il vostro

                       anniversario, perché non esisteva questa cosa.

Bartolomeo: Ma diteci qualcosa, non restate senza parole. Vabbuò, nun fa niente, è meglio

                       che passiamo direttamente ai regali.

Donatello:     No, prima passiamo a degli oggetti che hanno un significato preciso nella vita

                       dei due festeggianti. Comincia la signora Caterina.

Caterina:      Signora Maria, questa è la prima borsa che vi ha regalato vostro marito

                       quando eravate fidanzati. (E la posa su una delle due sedie al tavolino)

Donatello:     Ora tocca al signor sindaco.

Vincenzo:      Queste sono le foto del vostro matrimonio. (E posa l’album su una delle due

                       sedie al tavolino)

Donatello:     Ora tocca a Bartolomeo.

Bartolomeo: Questa è la prima macchina per il caffè che vi hanno regalato al matrimonio.

                       (Cerca di metterla in tasca)

Donatello:     No, posala sul tavolino.

Bartolomeo: (Rassegnato, esegue) E vabbuò.

Donatello:     E adesso tocca ai regali. Comincia Sabina.

Sabina:          In questo scatolo c’è una bellissima torta fatta tutta di sale, con fragole fatte

                       di sale e ornamenti di sale.

Maria:           (Prende lo scatolo con la torta, perplessa) Ah, grazie.

Donatello:     Ora tocca alla signora Caterina. (Mette giù lo scatolone) Prego, prendetelo

                       pure dallo scatolone.

Caterina:      (Prende dallo scatolone due padelle) Queste sono pentole.

Gabriele:      Di alluminio?

Caterina:      No, di amianto!

Gabriele:      (Prende le due padelle, perplesso) Ah, grazie.

Donatello:     Ora tocca a Bartolomeo.

Bartolomeo: (Prende dallo scatolone una sveglia) Questa è una sveglia fatta di uranio 235.

Maria:           (Prende la sveglia, perplessa) Ah, grazie.

Donatello:     E adesso tocca al signor sindaco.

Vincenzo:     (Prende dallo scatolone una bottiglia di spumante) Questo è spumante al

                       sapore di cianuro di potassio.

Gabriele:      (Prende la bottiglia, perplesso) Ah, grazie.

Donatello:     E infine tocca a me. (Prende dallo scatolone una busta per lettere) Questo è

                       un viaggio per due persone. Sapete per dove? Un posto meraviglioso: Iraq!

Gabriele:      (Prende la busta, perplesso) Ah, grazie.

Donatello:     E adesso andate a posare i regali.

                      I due vanno a posare i regali a destra, perplessi. Gli altri invece tramano.

Caterina:      Finalmente, coi nostri regali, quei due… jéttene ‘o sango!

Vincenzo:     Effettivamente, non si potevano sopportare più.

Donatello:     Litigano sempre. Certo, mi dispiace solo per Maria, ma nun fa niente.

Bartolomeo: Pure a me m’hanne scucciato. Eppure tra i due ci sta mio fratello.

Sabina:         A me invece mi dispiace per tutti e due.Però non fa niente.

                      I cinque escono di casa confabulando.

Scena Ultima. [Gabriele, Maria e Guerra. Infine Vincenzo, Bartolomeo e Sabina]

                      Da sinistra tornano Gabriele e Maria che pian piano vanno a sedersi sulle

                      due sedie davanti al tavolino.

Gabriele:     Marì, hai visto quanti regali ci hanno regalato?!

Maria:         Già, però nessuno di quei regali è buono.

Gabriele:     E se capisce: ‘e ppadelle ‘e amianto, ‘a torta ‘e sale, ‘a sveglia ‘e uranio, ‘o

                   spumante al cianuro…

Maria:       Ma perché ci hanno fatto questo tipo di regali così brutto?

Gabriele:  (Si alza e gironzola in stanza) E si capisce, Marì. Si capisce. Non tutte le persone

                   vogliono il nostro bene. E sai perché? Perché noi due ci dobbiamo volere bene.

                   Ci dobbiamo difendere. Siamo una famiglia.

Maria:       E già. E invece litighiamo sempre e non andiamo d’accordo. Abbiamo perfino

                   deciso di divorziare. Allora dobbiamo fermare subito il giudice Guerra.

                   Dalla comune entra il giudice Guerra sventolando una sentenza in mano.

Guerra:    Cari coniugi Rossi, siete divorziati! Ho appena firmato la sentenza.

I due:        Oh, no!

Guerra:    Ma che c’è? Non siete felici?

Gabriele:  Non proprio, caro giudice. Non si può annullare la sentenza di divorzio?

Guerra:    Bisogna fare un’altra causa e ci vogliono non pochi soldi. Io direi, risposatevi!

I due:        A chi?

Gabriele:  Costa troppi soldi, il matrimonio.

Guerra:    E allora, mi dispiace. Ora scusatemi tanto, ma devo correre. Ho lasciato la mia

                  tabaccheria aperta.

Maria:      La tabaccheria? E che c’entra la tabaccheria? Voi siete un giudice.

Guerra:    Nient’affatto, io ho una tabaccheria. Solo che una persona mi ha chiesto di farvi

                  divorziare, perché ha detto che nella mia precedente vita ero un giudice di pace.

I due:        (Arrabbiati) Donatello!

Guerra:    Bravi, si chiama proprio Donatello. Allora vi lascio la sentenza del divorzio. (La

                  cede a Gabriele) Tanti auguri e buona vita. Arrivederci!

                  Ed esce via beatamente.

Gabriele:  Ma allora questo vuol dire che se la giudice è falsa… pure la sentenza è falsa!

Maria:      E vaiii!

                  Maria si alza in piedi ed abbraccia Gabriele. Dopodiché…

Gabriele:  Saje che te dico? Jamme a gghittà tutte chilli regale. Non sono buoni.

Maria:      So’ d’accordo cu’ te.

Gabriele:  Sei d’accordo con me? Questo vuol dire che… andiamo d’acordo!

                  Escono via celermente a sinistra. Dal centro entrano Vincenzo e Sabina,

                  litigando. Alla comune rimane a spiare i due Bartolomeo.

Vincenzo: Tu devi smetterla di mettermi i bastoni tra le ruote. Hai capito? Io sono il

                  sindaco della città e non ho nessuna intenzione di lasciare la politica.

Sabina:     E allora non andiamo d’accordo. Bene, farò come la mamma che ti ha lasciato.

Vincenzo: Tua madre non mi ha lasciata. E’ morta! Devi convincertene.

Sabina:     Non è morta. Io e lei ci sentiamo regolarmente tutti i giorni. Lei si è nascosta in

                  un posto per non farsi trovare più da te. Tu le fai solo del male.

Vincenzo: E’ la tua mente che crede ancora di parlare con lei.

Sabina:     E invece la chiamo al cellulare. E lei mi risponde. E pure lei mi chiama al

                  cellulare. Invece, quando chiamo te, tu non mi rispondi mai.

Vincenzo: (Dolce) Sabina, tu devi capire la mia posizione. Non è facile essere sindaco.

Sabina:     Meno male che un giorno cadrai!

                  Al sentire “cadrai”, Bartolomeo, con sguardo semi-furbo, con la lingua di fuori

                  su un lato della bocca, si avvicina lento da dietro a Vincenzo, non notato.

Vincenzo: Io cadrò? E chi dovrebbe farmi cadere?

Sabina:     Te ne accorgerai.

Vincenzo:      Va bene, basta. Io vado via. (Si volta e nota Bartolomeo dietro di lui) E tu

                       cosa vuoi?

Bartolomeo: (Fa finta di nulla) No, niente. Mi sto nascondendo perché io sono un evaso!

Vincenzo:      E dovrei nascondermi pure io, visto i guai che ho combinato.

                        Ad un tratto si sente la sirena della polizia in lontananza. Vincenzo e

                       Bartolomeo vanno nel panico.

Bartolomeo: Signor sindaco, ma ‘sta machina d’’a polizia è pe’ me o è pe’ vuje?

Vincenzo:      Che ne saccio? Io devo stare attento, altrimenti finisco in uno scandalo.

Bartolomeo: Scusate, che parola avete detto?

Vincenzo:      Scandalo.

Bartolomeo: E allora dovete cadere! (Lo spinge a terra) Ecco fatto, signorina Sabina!

Vincenzo:      Oh, ma che ssi’ scemo?

Bartolomeo: Statevi zitto, signor sindaco, io per 5.000 Euro vi butto pure dal terzo piano!

Vincenzo:      Che cosa? (Si rialza) Hai dato 5.000 Euro a questo idiota? 

Sabina:          Sì, sì e sì. Ma questo imbecille non doveva farti cadere a terra, ma farti cadere

                       dalla carica di sindaco con uno scandalo. E invece non ha capito niente.

Vincenzo:      Tesoro, perdonami, io non mi rendevo conto dell’errore. Non voglio mai più

                       farti soffrire. Ti prometto che sarò più presente nella tua vita, da oggi in poi.

                       Vieni, abbracciami.

                       Stanno per abbracciarsi, ma la sirena della polizia si fa sempre più vicina.

Bartolomeo: ‘A polizia!

Vincenzo:      Uh, mamma mia, me n’aggia fujì!

Bartolomeo: Signor sindaco, per di qua a destra. Scapperemo dalla finestra!

                       I due fuggono via a destra, a gambe levate. Sabina la prende con filosofia.

Sabina:          Quando mio padre fa le promesse, è proprio un politico! (Si volta verso

                       sinistra) Gabriele, Maria! Stasera posso restare a cena da voi?

                       Ed esce a sinistra.

FINE DELLA COMMEDIA

    Questo copione è stato visto
  • 0 volte nelle ultime 48 ore
  • 0 volte nell' ultima settimana
  • 0 volte nell' ultimo mese
  • 8 volte nell' arco di un'anno