Non ci sfrattate

Stampa questo copione

Non ci sfrattate

di Vincenzo Rosario PERRELLA ESPOSITO

(detto Ezio)

30/08/2004

Personaggi:   11

Agostino Santoro                                                                        

Annamaria Santoro                                                                   

Saverio Santoro                                                                        

Natascia Santoro                                                                       

Ciro Dinamite                                                                          

Nunzia                                                                                     

Otello                                                                       

Lucilla                                                                                          

l’Ufficiale Giudiziario Enzo Librone                                                         

il padrone di casa Ubaldo Giovane                                            

Mena Pasta       

San Giovanni a Teduccio (NA), casa in affitto di Agostino Santoro. La famiglia, composta da lui sua moglie Annamaria, e dai figli Saverio e Natascia, conducono una vita di indigenza e malaffare. Natascia torna dal carcere e trova scompiglio e disorganizzazione nella propria famiglia. Ma la vita scorreliscia, fino a che il padrone di casa Ubaldo Giovane non decide di chiedere lo sfratto alla famiglia, morosa fino all’inverosimile e per nulla pervasa di pagare le spettanze che le consentono di restare nella casa. In aiuto di Ubaldo accorre Enzo Librone, ufficiale giudiziario severo. Dal canto suo, Agostino chiede invece consigli al suo migliore amico Ciro Dinamite, il quale offre suggerimenti mai veramente vincenti. Tra le altre cose c’è una leggenda chealeggia sulla casa: una maledizone che colpisce chi vi abita e non vive facendo del bene. Strani avvenimenti ne certificano la veridicità. Alla fine succede che né più Ubaldo vuol rientrare della sua vecchia casa e nemmeno più la famiglia Santoro vuol rimanervi. Ma la sorpresa è dietro l’angolo.

Numero posizione SIAE 233047

Per contatti Ezio Perrella 3485514070 ezioperrella@libero.it

                                                                 

            San Giovanni a Teduccio, salone di casa Santoro (in affitto). L’ambiente, un po’ misero, è composto da ingresso centrale. Due porte conducono ad altre stanze: a sinistra la camera da letto e le altre stanze. A destra c’è la cucina. Al centro del salone c’è un tavolo con quattro sedie. Un mobile a sinistra e una sedia al muro completano l’arredamento.  

ATTO PRIMO

1. [Saverio e Ciro Dinamite. Poi Nunzia]

               Saverio e Ciro sono seduti al tavolo a giocare a scopa.

Ciro:      Scopa! E con questa fanno undici a zero per me. Guagliò, arretìrete!

Saverio: ‘On Ciro, ma vuje tenite ‘na ciorta maje vista! 

Ciro:      No, nun voglio sapé niente. Ho vinto e mi devi pagare. 

Saverio: E che ve pozzo da’, ‘on Cì? Io nun tengo ‘nu fetente ‘e centesimo.

Ciro:      Aggio capito, va’, me sa che t’aggia offrì io coccosa a te.

Saverio: Bravo! A proposito, diciteme ‘na cosa: ma chella bella guagliona, Lucilla, ch’ate

               cunusciuto aiére a Piazza Garibaldi...?

Ciro:      Stattu zitto, Savé! Nun sia maje se trova a passà ccà muglierema, chi sa che se

               penza! E comunque nun l’aggio cunusciuta a Piazza Garibaldi, ma ‘a ferrovia!

Saverio: E pecché, nun è ‘a stessa cosa?

Ciro:      E già, nun c’’eva penzato. Comunque l’ho seguita, l’ho fermata e l’ho conosciuta.

Saverio: E le avete parlato di me?

Ciro:      Sì, le ho parlato. Ha detto che è contenta di conoscerti.

Saverio: (Felice) Ua’, ‘on Ci’, vuje site ‘o meglio cumpare d’’o munno!

Ciro:      E sapisse quant’è bella. E’ proprio ‘a guagliona che fa pe’ te.

Saverio: Però tiene solo un piccolo difetto: tiene le lenticchie in faccia.

Ciro:      (Sorpreso) ‘E llenticchie? Comme sarebbe a ddicere?

Saverio: Eh, ‘e llenticchie! Fossene chelli mmacchie rosse ca uno tene ‘nfaccia! 

Ciro:      Ah, ma allora tu vuoi dire le lentiggini! Però è strano, io non gliele ho viste. E

               quelle poi le donne si truccano. Anzi, tutte, tranne una: mia moglie Nunzia!

               E dalla comune ecco proprio Nunzia (una assai curiosa) che si avvicina ai due.

Nunzia:  Néh, che staje dicenno ‘e me?!

Ciro:      (Si alza) Puozze passà niente, ma ch’allucche a ffa’? Chi steva parlanno ‘e te?!

Nunzia:  Uhé, Ciro, jesce ‘a casa. S’ha da ittà ‘a lavatrice vecchia. Io sola nun ce ‘a faccio.

Saverio: (Si alza) Buongiorno, cummara Nunzia. E nun me salutate?

Nunzia:  Buongiorno, Savé! Che se dice? He’ truvato ‘o lavoro?

Saverio: Chi, io? Ma che? Io non sono tagliato per lavorare. Al militare, mi hanno pure

               scartato per una malformazione alle zone... alle zone... ah, alle zone lombarde!

Ciro:      Lombari! Siente, ma pateto è riuscito almeno isso a truvà fatica?

Saverio: No, niente. Chillo è stato licenziato sei mise fa. Mò fa ‘o parcheggiatore abusivo.

Ciro:      Ma chillo nun po’ campà tutta ‘a vita facenno ‘o parcheggiatore abusivo.

Saverio: E che v’aggia dicere, ‘on Ci’?

Nunzia:  Vabbuò, Ciro, stattu zitto. Ccà, ‘e ddomande, ‘e ffaccio sulamente io!

Saverio: (Eh, è arrivato ‘o commissario ‘e polizia!).

Nunzia:  Siente, Savé, e mammeta che ddice?

Saverio: Niente! S’appicceca sempe cu’ papà, pecché nun ce stanne sorde!

Nunzia:        Uh, guardate! E siente ‘n’ata cosa, ma soreta quanno aésce ‘a carcerata?

Saverio:       Aésce oggie. Cchiù ttarde ‘a vedite ‘e venì.

Nunzia:        E siente ‘n’ata cosa, ma quant’anne s’ha fatte?

Saverio:       Duje anne.

Nunzia:        E siente ‘n’ata cosa...

Ciro:            (Spazientito) Ua’, Nunzia, ma ce l’he’ ‘a fa’ tutte quante mò ‘e ddomande?!

Nunzia:        Uhé, a te t’aggio ditto jesce a casa a gghittà ‘a lavatrice. He’ capì? Io aggia fa’

                      ‘n’ata domanda a Saverio! Savé, ma vuje comme facite a campà accussì?

Saverio:        E che v’aggia dicere, donna Nunzia?! Possiamo solo sperare che cambiano le

                      cose. Per fortuna che noi siamo creditori di San Gennaro!     

Ciro:             ‘O vero? Nel senso che San Gennaro v’ha da pavà coccosa ‘e sorde?

Saverio:        No, creditori, nel senso di devoti.

Ciro:             E allora vuo’ dicere “credenti”!

Saverio:        Appunto!

Ciro:             Siente, fa’ ‘na cosa: viene cu’ me, aiùteme a ittà ‘a lavatrice. Accussì, aroppo,

                       te regalo vint’Euro! Ce staje?

Saverio:        Aspit’oh, ‘o ddicite pure? Vint’Euro! Jamme, jamme.

Nunzia:         A proposito, io nun aggio fernuto cu’ ‘e ddomande!

I due:            Oh, no!

                      E così i tre escono, e uscendo uscendo, Nunzia tartassa di domande Saverio

Nunzia:        Savé, ma oggie che ve magnate? E che ve bevite? E ppo’ siente ‘n’ata cosa...

              

2. [Agostino e Annamaria. Infine Natascia]

                      Dalla cucina (a destra) entrano di corsa Agostino e Annamaria (che ha una

                      scopa in mano). Stanno inseguendo un topo per tutta la casa.

Agostino:     Annamarì, ‘o suricio è trasuto ccà ddinto. Muòvete, dance ‘a scopa ‘ncapa!

Annamaria: Aspié, m’’o vvech’io!

                      Rincorrono il topo intorno al tavolo,

Agostino:      Forza, Annamarì, schiàttele ‘e ccerevelle! Forza!

                      Ma correndo, lei colpisce solo le gambe di Agostino, che si scoccia e la ferma.

                      Alt! Aspiette ‘nu poco, ma tu staje accedenno ‘o suricio o staje vattenno a me?

Annamaria: Stongo accedenno ‘o suricio!

Agostino:     No, tu staje vattenno a me! Si vuo’ accidere ‘o suricio, passe tu annanzo a me e

                      ‘o piglie cu’ ‘a scopa ‘ncapa! 

Annamaria: E mò addò ‘o vaco piscanno? Chillo chi sa addò se n’è fujuto!

Agostino:     Ma tanto, lo ritroveremo. Penso che ha capito che siamo più forti di lui! O no?!

Annamaria: Secondo me, è cchiù forte isso!

Agostino:     Ma si torna ccà, chella fella ‘e furmaggio che s’ha arrubbato, ce ‘a faccio

                      rimané ‘ncanna!

Annamaria: E intanto, mò, ce l’ha fatta rimané ‘ncanna a nuje. E mò che ce magnamme?

Agostino:     E che ne saccio? Vabbuò, ma mò ‘o problema cchiù importante è ‘n’ato: oggie

                      ha da venì ‘o padrone ‘e casa... aspié, comme se chiamma, chillo?

Annamaria: Ubaldo Giovane!

Agostino:     Appunto! Chillo ha da avé ‘n’anno ‘e piggione.

Annamaria: E comme pavamme? Me sa che chisto ce votta fora!

Agostino:     A proposito ‘e vuttà fora, ma oggie nun ha da ascì Natascia ‘a ‘int’’o carcere?

Annamaria: Sì, è accussì. Anze, a me me pare ca chella già ‘eva sta’ ccà.

Agostino:      Ma ch’aésce a ffa’? Chella sta tantu bella a magnà e durmì a spese d’’o stato!

Annamaria: E intanto, cierti vvote, me facesse arrestà pur’io pe’ tené ‘na bella cella tutta

                      pe’ me. Embé, me cride? Io te sparasse a te e me facesse da’ l’ergastolo!

Agostino:     Aspiette ‘nu mumento, e pecché vuo’ sparà proprio a me?

Annamaria: Pecché si stamme accussì, è pe’ colpa toja.

Agostino:     (Si innervosisce) Ah, ma mò te vuo’ appiccecà ‘n’ata vota?

                      Intanto dal centro entra Natascia (con una valigia), e osserva i due litigare:

Annamaria: Sì, me voglio appiccecà, pecché tu si’ proprio ‘n’ommo ‘e niente!

Agostino:      Femmena ‘e quatte sorde!

Natascia:      (Posa la valigia a terra, va dai due, li interrompe) Eh, m’è passato ‘o genio ‘e

                      turnà ‘a casa. Comme me dispiace che nun so’ rimasta carcerata ati tre anne!

Annamaria: Uh, Natascia, a mammà, cià. Comme staje, fatte vedé.

Agostino:     Uhé, Natascia, a papà, comme se steva lloco ddinto?

Natascia:      ‘Na pace! Tengo un sacco di cose da raccontarvi.

Annamaria: Uh, voglio sentì, voglio sentì. Avvìa a raccuntà, a mammà. Assettammece.

                      I tre si siedono al tavolo e Agostino si punge e salta in piedi dolorante.

Agostino:     Aaah, puozze passà ‘nu guajo, ma che ce sta ccà ‘ncoppa?

Annamaria: E sarrà ‘nu chiuovo! Agostì, ‘sti sseggie l’amma ittà.

Agostino:     ‘O vero? E si ‘e gghittamme, addò ce assettamme? ‘Nterra?

Annamaria: Vabbuò, ja’, cagne seggia.

Agostino:      Uffa! (Prende la sua sedia e la sostituisce con quella appoggiata al muro) E

                      vedimme si ‘a quagliamme! (Si siede pian piano) Va’, Natascia, puo’ parlà.

Natascia:      Dunque: noi carcerate avevamo un’ora d’aria verso l’una. E così io scavalcavo

                      il muretto senza farmene accorgere e andavo dalla parte dove stanno i maschi.

                      E così ho fatto amicizia con un uomo che, guarda caso, usciva pure lui oggi.

Annamaria: Overamente? E no, nun sta bene, Natà! Nun se fa amicizia cu’ ‘e carcerate!

Agostino:      Scuse, ma pecché, essa nun era ‘na carcerata?

Annamaria: E che ce azzecca? Essa è differente. Mica è ‘na delinquente?

Agostino:      No, però è stata arrestata pecché ha arrubbato ‘int’a ‘nu supermercato.

Annamaria: E allora che tenìsse ‘a dicere, che nostra figlia è ‘na marjola?

Natascia:      Vabbuò, ja’, mò nun v’appiccecate. Ascoltatemi. Dunque, come vi stavo

                      dicendo, ho fatto amicizia con questo tizio. Si chiama Otello Vesuvio!

Agostino:      Oh, tene ‘o nomme ‘e ‘n’albergo, chisto! Ma almeno ‘e ttene ‘e sorde?

Natascia:      No, non li tiene. Però, papà, sapessi com’è “fresco”!

Agostino:      E’ fresco? E ‘a do’ è asciuto, ‘a ‘int’’o frigorifero?

Annamaria: Agostì, e fernìscele! Siente, Natà, ma si chisto nun tene sorde, nun ‘o da’ retta.

                      Nuje amme bisogno ‘e ‘n’ommo che mantene a te, a me, a pateto e a frateto!

Natascia:      Aspettate, non ho finito. Otello non tiene soldi, ma ha una moglie molto ricca.

Agostino:      Ah, ora va molto meglio.

Annamaria: Agostì, ma si’ scemo? Nun he’ ‘ntiso che chisto è spusato?

Natascia:      Sì, però forse si divide dalla moglie.

Agostino:     ‘O vi’, he’ ‘ntiso, mò se sparte cu’ ‘a mugliera!

Annamaria: Sì, ma si se sparte cu’ ‘a mugliera, isso rimane sempe senza ‘nu sordo. Chella  

                       è ‘a mugliera che tene ‘e sorde.

Agostino:      Ah, sì? E a ‘stu punto, io me pigliasse ‘a mugliera!

Annamaria: Ma nun dicere scimmità cu’ chella lengua!

Natascia:      Vabbé, comunque più tardi Otello viene qua e ve lo faccio conoscere.  

Agostino:      E che ce ‘o faje cunoscere a ffa’?

Annamaria: Vabbuò, ne parlamme aroppo. Agostì, puorte a valiggia ‘e Natascia. Chella sta

                      stanca, ‘a povera guagliona. Jamme, a mammà.

                      Le due si alzano in piedi e vanno a sinistra. Lui si alza e prende la valigia.

Agostino:     ‘E che pacienza che ce vo’! Embé, quase quase, a Annamaria ‘a lasso e me

                      vaco a spusà ‘a mugliera ‘e Otello! E chi stesse meglio ‘e me!

                      E esce via a sinistra.

3. [Saverio, il padrone di casa Ubaldo Giovane e Mena Pasta]

                     Dalla comune (al centro) entra Saverio dubbioso, con venti centesimi in mano.

Saverio:       Strano, ‘o cumpare m’ha dato vinte centesimi! Ma nun ha ditto che me deva

                     vint’Euro? E’ sempe ‘o solito taccagno, chillo! Trova sempe ‘na scusa pe’ nun

                     caccià sorde! E famme pusà ‘sti vinte centesimi. L’avessa perdere?!

                     Li mette in tasca. Dalla comune entra Ubaldo Giovane: ha un occhio bendato.

Ubaldo:       E’ permesso?

Saverio:      (Preoccupato) Ah, ‘o padrone ‘e casa! Ehm... signor padrone... cioè, signor

                     Ubaldo, mio padre non ci sta. E’ partito per il Canada!

Ubaldo:       (Si avvicina a Saverio, ironico) ‘O vero? S’è gghiuto a accattà “la casetta

                     piccolina in Canada”?!

Saverio:      (Finge di ridere) Ah, buona questa! Vabbé, allora ci vediamo. Arrivederci.

Ubaldo:       E’ inutile che me ne caccie. Io lo so che tuo padre è in casa. Mi sono appostato

                     qua fuori dalle 5 stamattina e ho notato che oggi non è sceso a lavorare.

Saverio:      Ma perché vi siete scomodato? Papà veniva a casa vostra e vi portava i soldi!

Ubaldo:       Guagliò, ma tu me vulisse sfottere? (Poi si tocca la benda sull’occhio,

                     dolorante) Ah, comme me fa male chist’uocchio. Ieri stavo tagliando un pezzo

                     di legno e mi è andata una scheggia giusto sulla pupilla.

Saverio:       Uh, vi è andata una scheggia in un solo occhio? E quell’altro?

Ubaldo:        Siente, inzomma, ma comm’aggia fa’ pe’ parlà cu’ pateto? 

Saverio:       (Eh, e io comm’aggia fa’ pe’ te levà ‘a tuorno?!).

                     Dalla comune entra Mena, donna delle pulizie di Ubaldo (vestita malissimo).

Mena:          Don Ubaldo.

Ubaldo:       Uhé, Mena, tu staje ccà?

Saverio:       Scusate, signor Ubaldo, chi è lei?

Ubaldo:        E’ la mia donna delle pulizie.

Mena:          Mena Pasta.

Saverio:       Comme?

Mena:          Mena Pasta.

Saverio:       Aggia menà ‘a pasta? Fosse ‘o Dio. Ma ccà nun se magna manco oggie!

Ubaldo:       Ma no, lei si chiama Mena Pasta. Siente, Mena, che vvuo’, pecché staje ccà?

Mena:          Sto qua per ricordarvi una cosa: oggi ne abbiamo 27.

Saverio:       Aspit’oh, e tu si’ venuta fin’e ccà pe’ ddicere chesto?! E chi si’, ‘o calendario?!

Mena:          Signor Ubaldo, io, ogni 27 del mese devo prendere il mio stipendio.

Ubaldo:       E aspiette ‘nu mumento, io stongo ccà pecché ‘o signor Santoro m’ha da pavà.

                     Accomme me dà ‘e sorde, io t’’e ddongo a te.

Mena:          E io comme faccio? Io aggia pavà ‘o padrone ‘e casa mio, ch’a sua volta ha

                      da pavà ‘o padrone ‘e casa suojo!

Saverio:        Ua’, ‘e che catena ‘e Sant’Antonio! 

Ubaldo:        Appunto: pateto ha da pavà a me, ch’aggia pavà a Mena, che ha da pavà ‘o

                      padrone ‘e casa suojo, ch’a sua volta ha da pavà ‘o padrone ‘e casa suojo!

Saverio:        E ‘o ll’urdimo che ha da avé ‘e sorde, nun ha da pavà a nisciuno?!

Mena:           E io che ne saccio? Che me ne ‘mporta, a me? Comunque, don Ubaldo, vuje

                      ata essere cchiù preciso quanno m’ata pavà. Se no io da domani sciopero!

                      Si gira sdegnata e se ne va.

Ubaldo:        He’ ‘ntiso? Dincello a pateto ca se move a me pavà. Io intanto aggia

                      cunvincere a Mena a nun scioperà, o si no chella me fa truvà ‘a casa tutta

                      sporca. A più tardi. (Chiama) Mena! (Canta) “Torna, ‘sta casa aspetta a te…”!

                      Esce via pure lui di casa.

Saverio:        E io invece aggia avvisà subito a papà. Ccà è mal’acqua!

                      Esce via a destra di corsa.

4. [Agostino, Annamaria e Natascia. Poi Otello]

                      Da sinistra torna Agostino abbastanza seccato.

Agostino:     ‘A figlia e ‘a mamma, quanno accumméncene a ‘nciucià, nun ‘a fernescene

                      cchiù. E intanto ccà s’avessa magnà ma nun se trova ‘a via. E gghiamme bello,

                      ja’. (Chiama le due) Uhé, Annamarì, Natascia, ascite ‘nu poco ccà ffora.

                      Da sinistra ecco Annamaria e Natascia. Stanno parlando... anzi, inciuciando!

Annamaria: He’ capì, Natà, a mammà? ‘A figlia d’’a purtiera è incinta. Ha fatto ‘o guajo.

Natascia:      Uh, ha fatto ‘o guajo? ‘E che cretina. Ma chi ce l’ha fatte fa’?

Annamaria: Eh, e tu nun saje niente? ‘O figlio d’’o Generale ha fatto pur’isso ‘o guajo!

Natascia:      ‘O vero? Mammà, ma chillo è ommo. Comme fa a ascì incinta?

Annamaria: Ma mica è asciuto incinta isso? E’ asciuta incinta ‘a ‘nnammurata soja!

Agostino:     (Seccato) Uhé, uhé, amme fernuto ‘e fa’ ‘o telegiornale d’’e guaje d’’e ggente?

Annamaria: Agostì, e fance parlà ‘nu poco. Io e Natascia tenimme duje anne ‘e arretrato!

Agostino:     Ma inzomma, vulìmme vedé comm’amma magnà, oggie?

Natascia:      Ma pecché, nun ce sta niente ‘a magnà?

Annamaria: No, a mammà! Chillo, pateto, è stato licenziato ‘a chella specie ‘e lavoro che

                      faceva isso. Mò s’è mmiso a ffa’ ‘o parcheggiatore abusivo e chello che

                      guadagna serve justo justo pe’ pavà ll’acqua e ‘a luce.

Agostino:     E ‘o guajo è che nun pavàmme l’affitto d’’a casa ‘a ‘n’anno.

Natascia:     (Contrariata) Aspit’oh, v’aggio lassato duje anne fa “quase ‘nguajate” e mò ve

                      trovo doppo duje anne “praticamente ‘nguajate”! Ma allora che ci mangiamo?

Annamaria: Noi teniamo quattro panini freschi, conservati gelosamente in cucina!

Agostino:     Quattro panini freschi? Ma si nuje ‘e ttenimme ‘a ‘nu mese!

Annamaria: No, io dico che sono freschi, pecché ‘e ttenimme astipate ‘int’’o frigorifero!

Natascia:      Vabbé, ma già è qualcosa. Solo, però, che cosa ci mettiamo in mezzo?

Annamaria: E che ce vuo’ mettere? Nuje nun tenimme niente.

Agostino:     M’è venuta ‘n’idea: ‘ncoppa ‘a tavule d’’a cucina ce stanne astipate cierti

                      caramelle a frutta. Miettammelle ‘nmiezo ‘o panino!

Annamaria: Ma comme, te magne ‘o pane cu’ ‘e ccaramelle? (Ci pensa) Eh, beh, è ‘na   

                      nuvità. Allora vi preparo quattro panini con le caramelle a frutta. Va bene?

Natascia:      E se capisce, io me moro ‘e famme. Jamme dinto, ti do una mano a prepararli.

Annamaria: A proposito, a mammà, ‘o ssaje? ‘A figlia d’’o pisciavinnele ha fatto ‘o guajo!                  

Natascia:     ‘O vero?

Annamaria: Sì, e pure ‘a figlia d’’o stagnaro...!

                      E escono così a destra continuando a inciuciare.

Agostino:     Giesù, ma ccà ‘o fanne tutte quante ‘o guajo?!

                      Dalla comune entra Otello (mal vestito e barbuto): è un tipo molto geloso. 

Otello:          E’ permesso? Si può? (Si spazientisce) E rispondete, una cosa.

Agostino:     Eh, e ‘nu mumento. M’’o vuo’ da’ ‘o tiempo ‘e risponnere?! Avanti, prego.

Otello:          Grazie. (E viene avanti)

Agostino:     (Lo guarda bene) (E chi è chisto?). Siente, si si’ venuto a cercà ‘a carità, è

                      meglio ca te ne vaje, pecché va a fernì ca me l’he’ ‘a fa’ tu a me!  

Otello:          Ma quala carità? Io sono venuto per altri motivi. Scusate, per caso conoscete il

                      padre di una certa Natascia Santoro, il signor Agostino Santoro?

Agostino:     Ah, sì, lo conosco.

Otello:          E nun ‘o putite chiammà ‘nu mumento?

Agostino:     E ch’’o chiammo a ffa’? Quello sono io.

Otello:          Ah, tanto piacere: Otello Vesuvio, il fidanzato di vostra figlia.

Agostino:     Piacere. Scusate, ma mia figlia ha detto che voi due non siete fidanzati.

Otello:         (Sospettoso) ‘O vero? Chella piezza ‘e disgraziata! E pecché ha ditto accussì?

                     Nun è che ha cagnato idea? Embé, ma si ‘a veco, l’aggia da’ ‘nu paccarone!

Agostino:    (Ironico) Scusate, senza complimenti, si ‘a vulite spaccà pure ‘a capa...!

Otello:         Senz’altro, col vostro permesso!

Agostino:    Ma qua’ permesso e permesso? Vuje nun spaccate ‘a capa a nisciuno.  

Otello:         E già, mi dovete scusare, ma io sono un poco geloso. Il guaio è che mi sono da

                     poco lasciato con mia moglie Lucilla. Embé, sapete che vi dico? Io mi voglio

                     sposare a vostra figlia. Però vi avverto, io me la sposo per interesse! 

Agostino:    Niente di meno?! Ma scusate, nun ate visto comme stamme cumbinate, nuje?

Otello:         Ho visto, ho visto. Però sempe meglio ‘e me state!

Agostino:    No, ve sbagliate. E ppo’ io vaco truvanno ‘nu matrimonio ‘e ‘nteresse pe’ mia

                     figlia p’’a fa’ migliorà, e invece v’appresentate vuje che state peggio ‘e nuje?!

Otello:         E non vi preoccupate. Adesso che sono uscito dal carcere, troverò sicuramente

                     un bel lavoretto per Natascia. Ha da faticà e ha da purtà ‘e sorde ‘a casa!

Agostino:    Ma faciteme ‘o piacere, ascite mommò ‘a parte ‘e fora!

Otello:         Va bene, allora ci vediamo al nostro matrimonio?

Agostino:    Ma qua’ matrimonio? Ccà, si nun s’appresenta comme minimo ‘nu principe

                     chino ‘e denare, nun se fa nisciunu matrimonio! E’ chiaro? E mò ascite fora.

Otello:         Ho capito. Stateve buono. Alla prossima.

                     E se ne va contrariato.

Agostino:    Ma che personaggio! (Chiama) Uhe’ Natascia, ‘stu Otello è ‘nu parassita!

                    Esce a destra contrariato.

5. [Ubaldo, Saverio e Agostino]

                   Dalla comune torna Ubaldo.

Ubaldo:     Niente, nun l’aggio cunvinta, a Mena. Ha ditto che vo’ scioperà afforza. Embé,

                   accomme acchiappo ‘o signor Santoro, si nun me pava, m’’o magno vivo!

                   Si siede sulla sedia al muro (a sinistra, quella col chiodo sporgente) e si punge. 

                 (Salta in piedi gridando) Aaah, puozz’ittà ‘o sango! Ma che ce sta ccà ‘ncoppa?!

                 Mannaggia a ‘stuSantoro. (Va alla comune, vi si ferma e si massaggia il sedere)

                 Da destra tornano Agostino e Saverio mangiando un panino.

Saverio:   Mamma bella, e comm’è tuosto ‘stu panino!

Agostino: Nun saccio si è cchiù tuosto ‘o panino o ‘e ccaramelle che ce stanne ‘a dinto!

Saverio:   Secondo me, è cchiù tuosto ‘o padrone ‘e casa. Prima è venuto qua e ti cercava.

Agostino: (Preoccupato) Ah! Embé, e tu che he’ fatto?

Saverio:   Gli ho detto che non ci stavi e lui se n’é andato. Però po’ torna a venì ‘n’ata vota.

Agostino: Saje che te dico? Mò sparisco pe’ ‘nu poco ‘e tiempo, accussì nun me faccio

                  truvà cchiù. Sulo che ce sta ‘nu problema: addò me ne vaco?

Ubaldo:    (Va da loro) Beh, io suggerirei la Groenlandia. Là io non verrei mai a cercarvi!

Saverio:   Ah, e già, ave raggione ‘o signor Ubaldo. Papà, fa’ comme t’ha ditto isso!

Agostino: Cretino, ma te vuo’ sta’ zitto? (Imbarazzato) Ehm... buongiorno, signor Ubaldo,

                  come state? Tutto bene? (Nota l’occhio bendato) E che avete fatto all’occhio?

Ubaldo:    Niente, un piccolo incidente con una scheggia di legno.

Agostino: Ah, come mi dispiace. Allora è per questo che non vi ho visto più, ultimamente.

Ubaldo:    E già. Però vi ho pensato tanto. Ma tanto, tanto, tanto. E ho pensato: “Speriamo

                  che il signor Santoro mi paga un anno di affitto arretrato”!

Saverio:   E chisto è ‘nu suonno che v’ate fatto stanotte!

Agostino: E te vuo’ sta’ zitto, deficiente? Vatt’a magnà ‘stu panino ‘int’’a cucina, e

                  speramme che t’affuoghe cu’ ‘e ccaramelle ca ce stanne ‘a dinto!

Saverio:   Papà, mamma mia. Con permesso.

                 Esce via a destra tentando di addentare il panino duro che ha in mano.

Agostino: Ehm... signor Giovane, preferisco chiamarvi così. Vi volete accomodare?

Ubaldo:    Meglio di no. Preferisco prendere subito i soldi dell’affitto e andarmene.

Agostino: Sentite, signor Giovane mi dovete scusare, ma io non sono in grado di pagarvi.

Ubaldo:    E io lo sospettavo. Ma lo sapete che voi siete in mora?

Agostino: (Non capisce e si arrabbia) No, ccà nun more nisciuno! E specialmente io!

Ubaldo:    No, ma io mi riferivo agli interessi che mi dovete pagare, oltre agli altri soldi.

Agostino: Ma io ho perso il lavoro. Mò sto arrangiando a fare il parcheggiatore abusivo. Ma

                  voi lo sapete cosa mangiamo oggi a casa mia? Panino con le caramelle a frutta!

Ubaldo:    Signor Santoro, la vostra difficile situazione, umanamente mi dispiace. Però

                  dovete capire una cosa: nella vita c’è chi ha e chi dispone. In questo caso, io ho.

                  Voi, invece, state disponendo. E chi dispone, deve pagare qualcosa a chi la offre.

Agostino: E già, ‘sta poesia è bella! Però, secondo voi, io non vi vorrei pagare?

Ubaldo:    E allora, visto che non potete pagare, non potete disporre.

Agostino: Aggio capito tutto cose: me ne state caccianno. E vabbé. Allora facciamo così: io

                  me ne vado. Però voi datemi qualcosa di soldi, così vi pago l’affitto arretrato.

Ubaldo:    Certamente. (Mette mano alla tasca, poi realizza) Ma che me facìte fa’? Mica me

                  pozzo pavà l’affitto io sulo?

Agostino: E allora nun ate capito ca io nun tengo ‘n’Euro?!

Ubaldo:    Signor Santoro, vi parlo francamente: ho gente che vuole comprare questa casa.

                  Gente che paga. E io gli ho dovuto rispondere: “Mi dispiace, la casa è occupata”.

Agostino: ‘O vero? E chi ce sta ccà ddinto?

Ubaldo:    (Si alza in piedi) Vuje!

Agostino: (Si alza in piedi) Ah, già.

Ubaldo:    Bene, ho capito. Se lo volete sapere, già mi sono attivato per far valere i miei

                      diritti. Mi dispiace. Signor Santoro, godetevi la casa. Finchè potete. A presto.    

                      Gli stringe la mano e poi va via. Agostino resta turbato.

Agostino:     Ma ce vo’ sfrattà? Ah, e mò? Chi ce ‘o ddice a Annamaria? Famme telefonà ‘o

                      cumpare Ciro. Vedìmme che cunziglio me da. Mò vaco ‘int’’a stanza ‘e lietto.

                      Tira fuori il telefonino dalla tasca del pantalone e esce zitto zitto a sinistra.

6. [Annamaria, Natascia e Otello. Poi l’Ufficiale Giudiziario Enzo Librone]

                      Da destra tornano Annamaria e Natascia doloranti ai denti.

Natascia:      Comm’era tuosto chillu panino. ‘O bello è che m’è rimasto pure ‘ncanna!

Annamaria: (Spazientita) Nun si’ cagnata proprio, figlia mia. T’allamiénte sempe. Pienze

                      ca oggie, ‘int’’o munno, ce sta gente ca nun po’ magnà!

Natascia:      E pecché, nuje amme magnato?

Annamaria: Beh, però, con un poco di fantasia, diciamo che abbiamo mangiato.

Natascia:      E vabbuò, dicimme accussì!

Annamaria: A proposito, ‘o ssaje ch’’a figlia d’’a sora d’’a cummara Nunzia ha fatto ‘o

                      guajo cu’ ‘n’ommo ‘e Potenza?  

Natascia:      Pure? Embé, mammà, me sta venenno voglia pure a me ‘e fa’ ‘nu guajo cu’

                      ‘n’ommo. Almeno me ne jesse ‘a ccà ‘ncoppa.

Annamaria: Embé, si sta chino ‘e sorde, te dongo ‘o permesso, a mammà!

Natascia:      A proposito, oggi doveva venire il mio quasi fidanzato Otello.

Annamaria: ‘O carcerato sfasulato? No, lass’’o sta, a mammà, nun è partito buono pe’ te.

Natascia:      Forse hai ragione. Allora quando vedo Otello, gli dico che non se ne fa niente.

                      Dalla comune entra proprio Otello che nota le due.

Otello:          Uhé, Natà, io sto’ ccà! (E va da lei)

Natascia:      Amore mio, quando ci sposiamo?

Annamaria: Ua’, ‘e che coerenza tiene tu, figlia mia!

Otello:          Vuje site ‘a mamma ‘e Natascia? Tanto piacere, suocera! Io songo Otello!

Annamaria: Uhé, ma qua’ suocera e suocera? Ma chi te sape?

Otello:          Natà, ma pecché mammeta me sta trattanno accussì? Che mi nascondi?

Annamaria: Ehm... vi lascio soli. Natascia deve dirti una cosa molto triste. Natà, dincello!                    

                      Annamaria scappa via a destra.

Otello:          Che m’he’ dicere, Natà?

Natascia:      Ehm, Otello… vedi… io… a volte nella vita…! E’ tutto a posto. Niente!

Otello:          E allora so’ cuntento, aggio cunusciuto a mammeta. Anzi, io sono venuto

                      prima e aggio cunosciuto pure a pateto. Ha ditto che tu nun me vuo’ spusà.  

Natascia:      Sì... beh... vedi, senti, Otello, io direi: perché non ci pensiamo bene?

Otello:          Natà, ma dimme ‘a verità: ce sta ‘n’at’ommo ‘int’’a vita toja?  

Natascia:      No, nun ce sta.

Otello:          E vabbuò. Te voglio credere. Allora facimme accussì: rimaniamo amici. Però

                      poi mi devi dare una risposta. E questa risposta deve essere sicuramente “sì”.

Natascia:      E se poi è “no”?

Otello:          (Tira fuori un coltellino e lo accarezza) Io songo ‘na perzona democratica.

Natascia:      (Un po’ preoccupata) Ecco!

Otello:          Allora mò torno ‘a casa mia, sotto ‘e ponte. Ce vedìmme ambresso. Cià, Natà.

                      E esce via di casa.

Natascia:      Aspetta, Otello. Mannaggia, si è offeso. Torna qua, parliamone.

                      E lo segue fuori casa. Da destra torna Annamaria che ha sentito tutto.

Annamaria: Ma che ffa Natascia? Va appriesso a chillo? Ma è scema? E ‘a chi ‘o vvo’? Io

                      aggia penzà ‘a vita mia. E soprattutto ‘a casa mia: nisciuno m’’a po’ levà!

                      Entra Enzo Librone, Ufficiale Giudiziario (uno permaloso). Ha una valigetta.

Uffic. G.:      E’ permesso? (Nota Annamaria, viene avanti e le chiede) C’è nessuno in casa?

Annamaria: E pecché, io nun so’ nisciuno?

Uffic. G.:      Una cosa, non ci alteriamo. Avete capito?

Annamaria: (Intimorita) E vabbuò, nun v’arraggiate.

Uffic. G.:      E nun me stongo arraggianno. Ate capito?

Annamaria: E vabbuò, nun parlo cchiù. Scusate, ma vuje chi site?

Uffic. G.:      Sentite, ma nun avite ditto che nun parlate cchiù?

Annamaria: Scusate, ma nun tengo ‘o diritto ‘e sapé chi è trasuto ‘int’’a casa mia?

Uffic. G.:      Io sono Enzo Librone, Ufficiale Giudiziario. E questa non è casa vostra.

Annamaria: (Spaventata) Uh, Marò, l’Ufficiale Giudiziario? E chi v’ha mannato ccà, ‘o

                      padrone ‘e casa? Il signor Ubaldo Giovane?

Uffic. G.:      Precisamente. (S’impressiona) Sentite, ma pecché me state guardanno stuorto?

Annamaria: No, ma chi ve sta guardanno stuorto? Io voglio capire qual è il problema.

Uffic. G.:      Il signor Ubaldo non vi vuole più qua dentro. Perciò, ve n’ata ì. Questa è la

                      sentenza di sfratto. (La tira fuori dalla valigetta e la mette in mostra) Leggete.

Annamaria: Uh, mamma mia. Scusate, ma mi sento male.

Uffic. G.:      (Ripone la sentenza nella valigetta) Sì, sì, va bene. Avete dieci giorni di

                      tempo, dopodiché, se state ancora qua, avvertirò i carabinieri. Mi dispiace.  

Annamaria: E che vi debbo dire? Fate il vostro lavoro.

Uffic. G.:      (S’impressiona) E fernìtele ‘e me guardà stuorto, me da fastidio! Vabbuò?

                      Si volta e va via. Annamaria resta attonita.

Annamaria: Marò, famme assettà ‘nu poco ‘ncoppa a chella seggia.

                      Va a sedersi sulla sedia al muro (quella col chiodo sporgente) e si punge.

                      (Salta in piedi gridando) Aaah... ma che d’è? Ah, già, ‘a seggia scassata.                    

                      E va a sedersi al tavolo, riflettendo.

                      E mò comme se fa? Embé, io ce ll’aggio sempe ditto a chillu cretino ‘e mio

                      marito: “Agostì, pava ‘o piggione, o si no ‘o signor Ubaldo s’’a piglia ‘n’ata

                      vota, ‘a casa”. E accussì è stato. Marò, ‘nu poco d’acqua e zucchero.  

                      Si alza e va a destra tenendosi la fronte e con passo indeciso.

7. [Agostino e Saverio. Poi Ciro Dinamite. In fine Annamaria]

                      Da sinistra torna Agostino.

Agostino:     Ecco qua. Ciro sta venenno sùbito ccà addù me. Speramme ch’’o padrone ‘e

                     casa, quanno ha ditto che me ne vo’ caccià, steva sulamente pazzianno!

                     Da destra torna Saverio. Nota Agostino.

Saverio:       Papà, ma che ha passato mammà?

Agostino:     Nun ‘o ssaccio. Ma pecché, che ha passato?

Saverio:       E che ne saccio? Io ‘o vvoglio sapé ‘a te.

Agostino:     E lass’’a stà, chella mammeta ogni tanto tene ‘e mumente ‘e sbandamento.

Saverio:       A proposito, che t’ha ditto ‘o padrone ‘e casa?

Agostino:     Siente, nun ce ‘o ddicere a mammeta, però.

Saverio:       No, nun te prioccupà.

Agostino: Ha ditto che ce ne vò caccia ‘e casa.

Saverio:   (Sorpreso) No. Ua’, pienze mò che ce ‘o ddico a mammà!

Agostino: ‘O scemo che ssi’! T’aggio ditto che nun ce l’he’ ‘a dicere.

Saverio:   E pecché, secondo te nun ‘o vvene a ssapé ‘o stesso?

Agostino: E già. Embé, quasi, quasi, me ne scappo dall’Italia. Voglio superare l’Alto Anice!

Saverio:   Papà, tu nun ‘e ttiene ‘e sorde pe’ viaggià. Però puoi viaggiare come clandestino!

Agostino: Comunque mò s’ha da truvà ‘na soluzione. Già, ma quale?

                 I due restano a riflettere. Dalla comune arriva Ciro.

Ciro:        E’ permesso? Si può?

Agostino: Ah, ‘o vi’ ccanno, ‘o vi’! Trase, cumpà.

Ciro:        (Si avvicina ai due) Ho fatto una corsa e sono venuto qua. 

Saverio:   Sentite, io mi vado a spendere i venti centesimi che mi ha dato prima il compare.

                 A proposito, compà, voi mi dovete dare ancora 19 Euro e 80 centesimi. O si no,

                 ‘a lavatrice, v’’a porto ‘n’ata vota ‘ncoppa ‘a casa vosta! Chiaro?! Con permesso!

                 Ed esce via.

Agostino: Tu he’ ‘a da’ ‘e sorde a mio figlio?

Ciro:        No, ma chillo steva pazzianno. Ja’, m’he’ ‘a parlà?

Agostino: Viene, assettammece.

                  I due si siedono.

Ciro:        Allora, compare Agostino, se ho capito bene, vi vogliono cacciare da qua.

Agostino: Appunto, he’ capito buono. E allora, carissimo compare Ciro Dinamite, io mi

                 aspetto come sempre un consiglio da te: ch’aggia fa’?

Ciro:        E che vvuo’ fa’? Ubaldo Giovane, quando si tratta di soldi, non guarda in faccia a

                 nessuno. Tu gli hai chiesto di farti pagare tutti gli gli arretrati un po’ per volta?

Agostino: Veramente... no.

Ciro:        E dovevi farlo. Gli dovevi promettere un anticipo.

Agostino: Ah, ho capito, gli dovevo dare la capata!

Ciro:        Ma si’ pazzo? Ce vuo’ da’ ‘na capata ‘nfaccia?

Agostino: No, io dicevo la capata di soldi!

Ciro:        Ah, la caparra! Sì, esattamente. E intanto, adesso Ubaldo Giovane ha il coltello

                 dalla parte del manico.

Agostino: Ah, ma è armato?

Ciro:        Ma qua’ armato? Io dicevo per dire che adesso ha ragione lui.

Agostino: Siente, cumpà, io nun voglio ì ‘nmiezo ‘a via. 

Ciro:        Compà, mò ti racconto una breve storia. Il padrone di casa, Ubaldo Giovane,

                 tiene tre case: questa, quella nel palazzo a fianco e una a Piazza Borsa. E lui ha

                 abitato in tutte e tre. Embé, nun ha fatto bene a nisciuna ‘e tutte e tre parte. Ha

                 perso tre mogli, e mò sta jenno sotto e ‘ncoppa economicamente.

Agostino: Uh, Giesù, e comm’è ‘stu fatto?

Ciro:        Si dice che queste tre case, tenessero una maledizione.

Agostino: Chesta casa tene ‘na maledizione? Ah, mò aggio capito pecché io so’ gghiuto a

                 ffernì ‘int’’a munnezza: aggio perzo ‘o lavoro, figliema Natascia è gghiuta

                 carcerata e mò sto’ gghienno ‘nmiezo ‘a via. E’ pe’ colpa ‘e ‘sta casa.

Ciro:        Sì, ma ora non ti fissare. Si tratta solamente di una leggenda.

Agostino: E invece no. Ma tu ci hai fatto caso? Quando è maltempo, sul palazzo mio piove

                 e su quello di fronte no. Ma ‘o cielo nun è ‘o stesso accà e allà?

Ciro:        E che t’aggia dicere? Allora jatevenne.

Agostino: No, nun me ne vogl’ì. Truòveme ‘na manera pe’ me fa’ sta’ ccà.

Ciro:        Allora adesso ti dico una cosa: tu lo sai che cos’è l’usucapione?

Agostino:      No, però me piacesse d’’o ssapé.

Ciro:              E’ l’acquisto della proprietà di un bene attraverso il suo possesso per il

                       periodo di tempo richiesto dalla legge. Da quanti anni abitate in questa casa?

Agostino:      Stiamo in affitto da poco più di vent’anni.

Ciro:             Già, però il padrone non vi ha mai fatto nessun contratto d’affitto. E’ così?

Agostino:      Per l’esattezza.

Ciro:             E tu hai pagato l’affitto in nero fino all’anno scorso. Non è così?

Agostino:      Sì, è così. Scusa, ma che c’entra?

Ciro:             C’entra, c’entra. Abitando in questa casa per vent’anni, senza contratto e senza

                       pagare continuamente l’affitto, è come se il bene fosse diventato vostro. In

                       pratica, voi, questo bene, lo avete usucapito.

Agostino:      Siente, io nun aggio “usucapito” manco ‘na parola. Ma che d’’è ‘stu fatto?

Ciro:             Agostì, ‘sta casa è ‘a toja!

Agostino:      (Entusiasta) Ua’, compare Dinamite, ma tu sei proprio una bomba! (Si alza in

                       piedi) E allora tutto è risolto.

Ciro:             (Si alza) No, non ancora. Devi chiedere di rinviare il giorno dello sfratto.

Agostino:      Ah, devo chiedere una provola?

Ciro:             (Ironico) No, ‘a muzzarella! Si dice proroga.

Agostino:      E sì, aggio capito tutto cose. Cumpà, schia ‘o cinco!

                      I due si danno il cinque. Agostino è raggiante.

                      Compà, mò ce ‘o vvaco a dicere a Annamaria!

                      Va verso destra e se la ritrova di faccia con due buste in mano.

Annamaria: Ah, tu staje ccà?               

Agostino:     Sì, son qua tutto per te! Annamarì, piglia ‘na bella butteglia ‘a “sciampagna”!

Annamaria: Sì, ‘a vulesse ‘int’’e mmane pe’ t’’a sunà ‘ncapa!

Agostino:     Ma nuje amma festeggià!

Annamaria: Ah, sì? E ch’amma festeggià? Poco fa è venuto l’Ufficiale Giudiziario. Amme

                      avuto ‘o sfratto. Ha ditto che tenimme diece juorne ‘e tiempo. E mò festeggia!

Agostino:     (Tranquillo) Embé? E che ce sta ‘e male? ‘A ccà ddinto nisciuno ce ne po’

                     caccià cchiù. L’ha ditto ‘o cumpare Ciro.

Annamaria: Ah, ma vuje me vulite sfottere tutt’e dduje?

Agostino:     Annamarì, ma che sso’ ‘sti bbuste?

Annamaria: Che sso’? Aggio penzato ca primma che ce vottene fora, me ne vaco io.  Agostino:     Annamarì, ma nun fa’ ‘a scema.

Annamaria: Ma lievete ‘a nanzo! (Lo scansa)

Ciro:            (Le si avvicina) Cummà, ma pusate ‘sti bbuste!

Annamaria: E vuje che vvulite? Levàteve ‘a nanzo o si no ve votto ‘a sotto!

                      Scansa Ciro e se ne va fuori casa con passo deciso.

Agostino:     Ma vedite vuje a chesta. (Chiama) Annamarì, aspiette, tuorne ccà.

Ciro:            Cummà, turnate areto.

                      I due escono di casa per cercare di convincerla a cambiare idea.

FINE ATTO PRIMO

            Salone di casa Santoro, dieci giorni dopo. Tavolo e sedie sono stati sequestrati dai carabinieri. C’è solo la solita sedia col chiodo sporgente, al muro, e tre sedie di plastica.

ATTO SECONDO

1. [Agostino e Annamaria. Poi Natascia e Saverio]

                      Agostino è seduto al centro. Vicino a lui, in piedi, sua moglie, supplichevole.

Annamaria: Agostì, pe’ piacere, nun fa’ accussì. So’ ddiece juorne che staje arraggiato cu’

                      me. Però m’he’ scusà, ma io nun ‘o ssapevo ch’’o cumpare te steva aiutanno a

                      nun ce ne fa’ ì ‘a ccà.

Agostino:      Annamarì, lasseme sta’ ‘npace. He’ capì?

Annamaria: E gghia’, nun me fa’ sentì in colpa. Io non lo faccio più.

Agostino:      E ce mancasse pure!

Annamaria: E pe’ piacere. Te sto’ cercanno scusa ‘a diece juorne.

Agostino:      (Si calma) Va’, pigliete ‘a seggia e assiettete vicino a me.

Annamaria: (Risollevata) Ua’, bravo, grazie!

                      Va verso la sedia col chiodo sporgente che sta al muro. Agostino la avvisa.

Agostino:      Addò vaje? Lass’’a sta’ lloco chella seggia. T’he’ scurdato che nun è bona?

Annamaria: Ah, già. (Si prende un’altra sedia e si accomoda vicino a lui)

Agostino:      Guarde ccà. Ce hanne sequestrato ‘o tavule e ‘e tutt’’e sseggie, tranne chella

                      tutta scassata. Vide comme ce amme ridotte.   

Annamaria: E se capisce, Agostì. ‘E diece juorne so’ passate. Oggie ce n’amma ascì.

Agostino:      E invece no. T’he’ scurdato? ‘O cumpare m’ha ditto che nun amma ascì,

                      pecché aggia fa’ chillu fatto ‘e ll’usucaprone... lloco... comme se chiamma?

Annamaria: Ma nun ‘o da’ retta, a chillo. T’he’ scurdato ch’’o giudice ce ha dato tuorto?

Agostino:      E già. ‘O bello è che nuje avimme tuorto pure quanno avimme raggione!

                      Da sinistra entrano Saverio e Natascia con un borsone ciascuno in mano.

Saverio:        Ecco qua. Abbiamo sistemato tutto in questi borsoni. (Posa il suo a terra)

Natascia:      (Fa altrettanto) ‘E che bellezza! M’hanne cacciato ‘a ‘int’’o carcere e me ne

                      so’ venuta ccà. E doppo diece juorne, me n’hanne sfrattato pure ‘a ‘sta casa!

Annamaria: E che vvuo’ fa’, a mammà?

Saverio:        Papà, vaco a sistimà ‘sti borsone ‘int’’a machina?

Natascia:      No, e si po’ s’’e rrobbene?

Agostino:      E che s’hanna arrubbà? Lloco ddinto ce stanne sulo quatte straccie viecchie!

Saverio:        Papà, ma nun se puteva fa’ proprio niente pe’ rimané ‘int’a ‘sta casa?

Agostino:      Savé, ma quanta vote te ll’aggia dicere? No, nun s’è pututo fa’ niente. Punto!

Annamaria: Niente di meno, pe’ ffa’ ricorso annanzo ‘o giudice in tribunale, amme perzo

                      ‘a causa e amma avuta pavà pure ‘e spese!

Agostino:      E pe’ pavà, aggia avuta fa’ ‘na semmana ‘e parcheggiatore abusivo annanzo

                      ‘o tribunale! Peggio ‘e accussì nun puteva ì.

Saverio:        E vabbuò, io accummencio a purtà ‘sti duje borsone ‘nt’’a machina.

Natascia:      Sì, va’, va’. Io intanto veco si ce sta cocc’ata cosa ‘a piglià.

                      Saverio prende i due borsoni ed esce di casa mentre Natascia esce a sinistra.

Annamaria: Agostì, pecché nun ghiamme a sistimà pure nuje ‘int’’a cucina?

Agostino:      E già. Aggia scassà ancora ‘o frigorifero, ‘e mmattunelle ‘nfaccia ‘o muro ‘e

                      ‘o lampiéro. Nun se n’ha da vedé bene ‘e niente, ‘o padrone ‘e casa!

                      I due si alzano e Agostino ha ancora una raccomandazione per Annamaria.

                      Annamarì, si truove coccosa in giro che nun è ancora scassato, scassalo tu.

Annamaria: Nun te prioccupà, Agostì!

                      E vanno via a destra.

2. [Ciro Dinamite e Ubaldo Giovane. Poi Nunzia]

                      Dalla comune (al centro) entrano Ciro e Ubaldo che conversano.

Ubaldo:        Don Ciro, io devo cacciar i signori Santoro. Chiste fanne schiattà ‘ncuorpo.

                      Sapìsseve che ce vo’ p’’e ffa’ pavà! E’ da un anno che non pagavano più.

Ciro:             E non potete perdonarli per me?                    

Ubaldo:        No, ‘on Cì. Nun se po’. Me dispiace. Io sono stato fin troppo buono e paziente.

Ciro:             E va bene. In fondo avete ragione voi. La legge sta dalla vostra parte. E ora

                      statemi a sentire: io e voi, la settimana scorsa, abbiamo fatto cinque partite a

                      scopa, ma voi non mi avete ancora pagato. E come la mettiamo?

Ubaldo:        E già, me ne ero dimenticato.

Ciro:             E io no. E guarda caso, chi ha da pavà, se scorda sempe... e chi ha da essere

                      pavato, nun se scorda maje!

Ubaldo:        Sentite, facciamo così: i nuovi inquilini che verranno in questa casa mi

                      pagheranno la pigione, e così i primi soldi che ricevo, vi pago quanto vi devo.

Ciro:             E va bene, fate voi.   

Ubaldo:        E ora scusate, ma devo completare alcune faccende.

Ciro:             E io vengo con voi. Me scoccio ‘e turnà ‘a casa pecché ce sta muglierema!

                      E arriva proprio Nunzia molto seccata e si avvicina ai due.

Nunzia:        Néh, Ciro, disgraziato, ma tu t’he’ scurdato che tiene ‘na casa e ‘na mugliera?

Ciro:            Purtroppo me l’he’ arricurdato tu!

Nunzia:        Siente, jesce ‘a casa. Ce sta a ittà ‘o frigorifero e ‘a lavastoviglie!

Ciro:            Pure? ‘A stamme ittanno sana sana, ‘sta casa!

Ubaldo:        Ah, state cambiando l’arredamento?

Nunzia:        Néh, ma a vuje che ve ne ‘mporta? Penzate ‘e fatte vuoste!

Ciro:            Nunzia, ma ‘a vuo’ fernì, o no?

Nunzia:        A te, t’aggio ditto jesce ‘a casa mommò. Immediatamente!

Ubaldo:        Vabbé, vedo che c’è un po’ di discussione in famiglia. Volete che me ne vado?

Nunzia:        No, restate, restate.

Ubaldo:        Sentite, per curiosità: ma il frigorifero e la lavastoviglie, li buttate perché sono

                      rotti o perché non vi servono più? 

Nunzia:        Uh, Giesù, ‘e che domanda scema! Li buttiamo perché non ci servono più.

Ubaldo:        E non è che me li potete dare a me? Così li metto in questa casa.

Ciro:             E venitaville a piglià.

Ubaldo:        E va bene allora me li vengo a prendere. Però devo fare presto presto perché

                      devo tornare a controllare che i signori Santoro se ne vanno.

Nunzia:        Ah, ma li avete sfrattati voi? Allora siete stato voi che avete fatto schifo?!

Ciro:            E vide si ‘a perde, ‘a lengua!

Nunzia:        Comunque volevo chiedervi una cosa: io tengo a mia nipote che si è appena

                      sposata. Non è che gliela potete dare a lei, questa casa?

Ubaldo:        Poi ne riparliamo. Ora, col vostro permesso, ho da fare.

Ciro:         Vi accompagno.

Nunzia:    Jate, jate. Io invece vaco a truvà ‘nu poco a Annamaria. Ce aggia dicere che ‘na

                  nipote d’’a mia ha fatto ‘o guajo cu’ ‘n’ommo ‘nzurato!

                  E esce via a destra mentre i due escono di casa.

3. [Natascia. Poi Lucilla e Saverio. Poi Otello Vesuvio e Nunzia]

                  Da sinistra torna Natascia con una bambola in mano.

Natascia: Uh, guarde ccà. Questa è la mia prima e unica bambola che ho ricevuto nella mia

                 vita. Mi ricordo ancora quando la lavavo, la pettinavo, la facevo mangiare... e

                 ppo’ ‘a ittavo abbascio p’’a fenesta! Forse questo gesto significava la voglia di

                 evadere, di uscire di casa. E ora, invece, non vorrei lasciarla mai più. 

                 Dalla comune entra Lucilla, assistente sociale (ha una busta in mano).

Lucilla:    Chiedo scusa, è casa Santoro?

Natascia: Ah, ehm... sì, sì, è qua. (Lascia la bambola su una sedia e si ricompone)

Lucilla:    (Viene avanti) Piacere, io sono Lucilla Esposito, assistente sociale. Io sono

                 venuta qua perché mi hanno avvisata del degrado in cui versa la tua famiglia.

                 Anzi, pare che una certa Natascia sia stata pure due anni in carcere.   

Natascia: Ma Natascia sono io.

Lucilla:    L’avevo immaginato!

Natascia: E che tengo ‘a faccia d’’a carcerata, io?!

Lucilla:    Certo! Tra l’altro, ho saputo che vi hanno sfrattato perché non pagavate.

Natascia: Scusa, ma tu come le sai tutte queste cose?

Lucilla:    Ho parlato con una certa signora... come si chiama? Ah, ecco: Nunzia Dinamite!

Natascia: Ah, e quella è la “commarella” di mammà. Senti, ma come puoi aiutarci?

Lucilla:    Per ora vi ho procurato qualcosa da mangiare. Più tardi un bambino verrà qua. E’

                  mio nipote. Vi porterà delle cose buone in un due buste.

Natascia: (Felice) Alé, si mangia!

Lucilla:    A proposito, un’ultima cosa: ma tu hai pure un fratello che si chiama Saverio?

Natascia: Sì, ma non puoi fidanzarti con lui, non tiene nemmeno un centesimo!

Lucilla:    Ma chi se vo’ fidanzà cu’ frateto? Io domandavo per sapere quanti siete in questa

                 famiglia. Ma tu che he’ capito?

                 E dalla comune entra Saverio.

Saverio:   Natascia, ho portato le borse nella... (Nota Lucilla) ...macchina!

Natascia: Ah, bravo. Senti, Lucilla, ecco mio fratello Saverio.

Lucilla:    Sì, piacere.

Saverio:  (Emozionato, la guarda negli occhi) Ehm... tutto mio! (Va per la stretta di mano,

                 ma le prende la busta) Che manina fredda che hai! Sembra di plastica!

Lucilla:   (Se la riprende) E miette ccà! Quelle sono un paio di scarpe vecchie.

Saverio:  (Ah, ma allora chesta ha da essere chella Lucilla che m’ha fa’ cunoscere ‘o

                 cumpare! E sì, ha purtato ‘nu paro ‘e scarpe pe’ mammà!). Ehm... senti, io ti

                 conosco di vista. Una curiosità: ma nun non ce l’hai più le lenticchie in faccia?

Lucilla:   ‘E llenticchie?

Natascia: Ah, aggio capito. Quello vuole dire le lenticchie della pelle!

Lucilla:    Eh, ‘e fasule! Si chiamano lentiggini! E comunque non le ho mai tenute.

Saverio:   E si vede che mi ricordo male. E va bene, allora mò devo andare un attimo da

                 mia madre. Ah, a proposito, se mi vuoi dare le scarpe, io gliele porto.

                 Cerca di tirargliele di mano ma lei fa resistenza.

Lucilla:    Uhé, ma che vvuo’? Ce vuo’ da’ ‘e scarpe mie a mammeta?

Saverio:   E dai, molla la presa.

Lucilla:    No, nun t’’e voglio da’!

Natascia: Savé, ma che staje facenno? Lassa sta’ mommò ‘sti scarpe. Quelle sono sue.

Saverio:   (Desiste) Ah, ma nun ce ll’’eva purtate a mammà? Strano, a me ‘o cumpare Ciro

                  m’’eva ditto accussì. (Poi si “atteggia”!) E va bene, comunque, pupa, adesso

                  vado a fare una comunicazione importante alla mia mamy e poi torno. Tieniti  

                  pronta per sabato sera: ti porto dove finisce il mondo, baby!

                  E esce a destra camminando “atteggiandosi”! Le due restano esterrefatte.

Lucilla:    Ma che tene, frateto?

Natascia: Non ci fare caso. Lui quando vede una bella ragazza, non capisce più niente.

Lucilla:    Va bene, allora torno un’altra volta. E ti raccomando, aspetta mio nipote che

                  viene a portarvi da mangiare. State tranquilli, a voi vi concio io per le feste. Ciao.

                 Ed esce via di casa celermente.

Natascia: Ce vo’ accuncià p’’e ffeste? E cchiù ‘e chesto?! Uh, m’aggio scurdato che nuje ce  

                 n’amma ì ‘a ‘sta casa. E si chesta torna, nun ce trova cchiù. E spicialmente si

                 vene ‘o nipote che ce ha da purtà ‘o mmagnà! L’aggia avvertì. Lucilla, aspetta...

                 Esce via. Da destra torna Nunzia. Appena uscita dalla porta, saluta Annamaria. 

Nunzia:   (Gridando) Allora cià, Annamarì. E arricuordete, nun ce ‘o ddicere a nisciuno che

                 mia nipote ha fatto ‘o guajo. Nisciuno l’ha da sentì! Sulo tu! He’ capì? Cià! (Va  

                 per uscire, si ferma) Ah, comm’è bello quanno uno se fa ‘e fatte suoje!    

                 Va per uscire di casa, si trova di faccia Otello che sta entrando. I due si fermano.

                 Dovete entrare?

Otello:     Sì. E voi dovete uscire?

Nunzia:   Sì, devo uscire. E allora entrate.

Otello:     E voi uscite.

                 Lui entra e lei esce. Poi, però, i due si bloccano e si guardano.

Nunzia:   Scusate, ma voi chi siete? (E gli si avvicina)

Otello:     Permettete? Otello Vesuvio. E voi?

Nunzia:   Nunzia Botticella. Però, da quando mi sono sposata, faccio Nunzia Dinamite!

Otello:     Eh, è crisciuta ‘a botta!

Nunzia:   Scusate, signor Otello Excelsior...!

Otello:     No, io sono Vesuvio!

Nunzia:   Appunto! Ditemi una cosa, ma voi state cercando a qualcuno?

Otello:     Sì, una certa Natascia. Sono il suo aspirante fidanzato. La conoscete?

Nunzia:   (Interessata) E certo che la conosco. Dunque voi vi volete fidanzare con lei.

Otello:     Sì, però essa, purtroppo, nun vo’ fa’ carte!

Nunzia:   Ah, sì? Interessante. (Interessatissima) Raccontate, raccontate, io vi ascolto!

Otello:     Signò, per caso sapete se Natascia ha qualche storia nascosta con qualcuno?

Nunzia:   No, chella è stata carcerata pe’ duje anne. ‘O ssapite?

Otello:     E certo, io so’ stato ‘int’’o stesso carcere suojo, però io stavo nel lato maschile.

Nunzia:   Beh,finché stava fuori, nun ha fatto nisciunu guajo cu’ nisciuno. E vuje, invece?

Otello:     Io sono stato sposato con una certa Lucilla, assistente sociale.

Nunzia:   ‘O vero? Me pare ‘nu nomme cunusciuto. E perché vi siete lasciati?

Otello:     Beh, perché... (Poi realizza) Néh, ma pecché aggia cuntà ‘e fatte mie a vvuje?

                 Invece ‘e fa’ domande inutile, aiutateme a ffa’ ccoccosa cu’ Natascia!

Nunzia:    D’accordo. Però dobbiamo fare un patto: io vi aiuto, e voi mi dite per filo e per

                  segno tutto quello che Natascia faceva nel carcere!

Otello:      Azz’oh, ma vuje site peggio ‘e Novella 2000! E va bene, ci sto.

Nunzia:    Sì? E allora venite con me. Io vi do qualcosa per fare colpo su di lei. Seguitemi.

                 Otello e Nunzia escono di casa.     

4. [Agostino e Ciro. Poi Ubaldo e l’Uff. G. Enzo. Poi Annamaria, Saverio e Natascia]

                  Da destra entra Agostino con un fagotto in mano. Lo posa a terra e riflette.    

Agostino: Ecco qua. In questo sacco ci stanno tutte le mie cose: ‘nu cazone, ‘na cammisa e

                 tre cazettine: uno blu, uno niro e uno giallo! Gli altri due, quello verde e quello  

                 viola li ho indossati! E ppo’ ce sta pure ll’unica mutanda che tengo: invece ‘e

                 m’’a mettere ‘ncuollo, l’aggio misa ccà ddinto pe’ ffa’ spessore! Tutte ‘e vestite

                 mie ‘e ttengo ‘ncuollo! Allora io ho finito. E chest’è!                  

                 Dalla comune entra Ciro.

Ciro:        Ah, ‘o vi’ lloco. Uhé, cumpare Agustì, ma che ffacite, ve ne jate?

Agostino: Sì, cumpà. Nun ha funzionato ‘o fatto ‘e ll’ususcarpone...

Ciro:        Usucapione.

Agostino: Appunto! Pe’ mezza ‘e ‘sta cosa, aggio rischiato pure ‘na denuncia. Picciò è

                 meglio ca me ne vaco e nun ne parlamme cchiù.

Ciro:        Aspié, ma addò vaje? Puose ‘sta rrobba. Io ho un’altra idea: tu devi telefonare a

                 una persona al comune di Napoli. Si chiama Giangianni Pinocchio.

Agostino: Giangianni? E che razza ‘e nomme è?

Ciro:        E quelli, il nonno materno e il nonno paterno, si chiamavano tutti e due Gianni. E

                 così i genitori, per non far torto a nessuno, gli hanno messo il nome di tutti e due!

Agostino: Ma pecché, si ‘o chiammavene sulo ‘na vota Gianni, nun era ‘a stessa cosa?

Ciro:        E che ne saccio, io?

Agostino: Vabbé, comunque che gli devo dire?

Ciro:        No, ma non devi parlare con lui. Devi parlare con suo padre che si chiama... si

                 chiama... Aspé, ma come si chiama il padre di Pinocchio?

Agostino: Mastro Geppetto!

Ciro:        Eh, e ‘a mamma chi è, ‘a fatina? No, quello si chiama Mario. (Ricorda) Uh,

                 aspetta, ma che sto dicendo? Quello è morto l’altro ieri.

Agostino: Eh, ‘e che ciorte che tengo! He’ visto? Nun è destino! E allora me n’aggia ì!

                 E dalla comune entrano Ubaldo e l’ufficiale giudiziario Enzo Librone.

Ubaldo:   Allora, finalmente è arrivata l’ora, signor Santoro?

Agostino: Sì, sì, ce ne stiamo andando.

Uffic. G.: Hai visto, Ubaldo, il signor Santoro si sta comportando bene.

Ciro:        Néh, ma che tenite, tutt’e dduje ‘n’uocchio bendato?

Ubaldo:   E ve l’ho detto, io ho avuto un problemino con una scheggia di legno.

Uffic. G.: Caso strano, ho avuto pure io la stessa disavventura. (Si adombra) Scusate, ma

                 pecché vulite sapé si nuje tenimme ‘n’uocchio bendato? Ce vulisseve sfottere?

Ciro:        No, no, pe’ carità.

Uffic. G.: Ah, me penzavo. E vuje, signor Santoro, pecché me state guardanno stuorto?

Agostino: Néh, ma chi ve sta guardanno?

Ciro:        Va bene, basta, basta, calmiamoci.

Ubaldo:    Signor Santoro, ma vostra moglie e i vostri figli sono pronti? Jamme bello, ja’!

Agostino:     Nun ve prioccupate, mò ascimme. (Chiama) Annamarì, jamme a ce movere.

                      Da destra torna Annamaria con le sue cose avvolte in una tovaglia.

Annamaria: Uhé, ce ne putimm’ì. (Nota anche gli altri) Ah, ci sta pure il signor Ubaldo,

                      l’ufficiale giudiziario e il compare Ciro. Amme miso ‘o comitato ‘e addio!

Ciro:             Cummà, me dispiace che nun aggio pututo fa’ propio niente.

Annamaria: No, e che ve rammaricate a ffa’? Jammuncenne, Agostì. (Chiama) Savé, Natà!

                      Da destra entra Saverio (con uno zainetto).

Saverio:        Sto’ ccà. M’aggio arrubbato ‘a tenda comme he’ ditto tu. Sta ‘int’’o zainetto!

Agostino:     (Imbarazzato) No, ma che sta dicenno chillu fesso?!

Annamaria: Ma quello sta scherzando! Siente, Savé, addò sta Natascia?

                      Dalla comune entra Natascia.

Natascia:      Chi mi vuole?

Annamaria: Niente, te voglio io. Siente, a mammà, t’he’ pigliato tutto cose? Ce n’amma ì.

Natascia:      Sì, ho finito. Ecco qua. Sono pronta.

Uffic. G.:      Signor Ubaldo, non dite niente ai signori Santoro per salutarli?

Ubaldo:        Cià!

Ciro:            (Eh, ha fatto ‘o sfuorzo!).

Agostino:     Sì, ma non è il caso di dirci qualcosa. Tanto, a nuje nun ce ne ‘mporta niente.

Annamaria: Vabbuò, basta, levamme ‘o disturbo. Arrivederci, compare Ciro.  

Agostino:     Arrivederci, compare Ciro.

Ciro:            Arrivederci.

                      I quattro escono mestamente di casa. Ubaldo sembra soddisfatto.

Ubaldo:        Oh, anche questa è fatta. E io devo ringraziarti tanto, Enzo.

Uffic. G.:      E di che? Non è stato un piacere mettere quelle persone alla porta. Il fatto è  

                      che il mio mestiere è il più infame che ci sia. Arrivederci, don Ciro. Cià, Ubà!

                      E esce di casa senza aggiungere altro.

Ubaldo:        Bene, adesso vado a chiamare la mia donna delle pulizie, così mi faccio pulire

                      la casa. Col vostro pemersso, don Ciro.

Ciro:             Fate pure. Prego, prego.                  

                      Ubaldo esce, e Ciro resta solo e deluso. Poi riflette ad alta voce camminando.

                      He’ visto? E chesta è ‘a vita. Sapessi come mi sento in questo momento.

                      Va verso la solita sedia rotta al muro.

                      Per me è un grande dolore. (Si siede, si punge e salta in piedi gridando) Aaah,

                      ma che tene ‘sta seggia? (E va a sedersi su un’altra sedia) Ma che miseria!

5. [Ciro e Nunzia. Poi Otello]

                      Dalla comune entra Nunzia che nota Ciro seduto e pensieroso.

Nunzia:        E allora, Ciro, se ne so’ gghiute?

Ciro:            (Amareggiato) Sì, se ne so’ gghiute. Purtroppo!

Nunzia:        Almeno c’è la soddisfazione che qua dentro verrà ad abitare mia nipote.

Ciro:            E nun è ‘a stessa cosa, Nunzia.

Nunzia:        E già, ti capisco. Pure a me mi dispiace. Specialmente per i ragazzi. E

                      soprattutto per quella povera Natascia. Ora che si poteva pure fidanzare.

Ciro:             ‘O vero? E cu’ chi?                

                      E dalla comune entra Otello vestito elegante e con un fascio di fiori in mano.

Otello:          Si può?

Nunzia:    ‘O vi’ ccanno, Ciro, chisto è ‘o spasimante ‘e Natascia. Venite, Otello.

Otello:      Grazie. (Si avvicina ai due)

Ciro:         (Si alza) Chisto è ‘o spasimante ‘e Natascia? Strano, tene ‘na faccia cunusciuta.

                  Me pare che l’aggio visto ‘ncoppa ‘o giurnale alla voce “detenuti”!

Otello:      No, vi sbagliate. Forse mi avete scambiato per qualcun altro.

Ciro:         Può essere pure.

Otello:      Va bene, comunque, signora Nunzia, che ne dite? Mi sono vestito bene?

Nunzia:    Aspit’oh, benissimo.

Otello:      M’aggio arrubbato pure ‘e ciure. E allora mò ‘a pozzo vedé a Natascia?

Nunzia:    No, nun ‘a puo’ vedé.

Otello:      E pecché?

Ciro:         Se n’è gghiuta. E’stata sfrattata.  

Otello:      E io aggio fatto tutto chesto pe’ senza niente?

Nunzia:    No aspettate. Adesso vivono nella macchina di Agostino, suo apdre.  

Otello:      E va bene. Allora io vaco all’avventura!

Nunzia:    Tanti auguri!

Otello:      Grazie!

                  Otello odora i fiori e poi esce via. Nunzia nota Ciro pensieroso.

Nunzia:    Ciro, a che staje penzanno?

Ciro:         No, niente. Voglio aiutà ‘a famiglia Santoro.

Nunzia:    Che cosa? Uhé, nun ce prestà sorde, o si no aroppo faje ‘e cunte cu’ me!

Ciro:         No, no, ‘e sorde nun se prestene! Ho deciso di parlare con un mio amico

                  assessore al Comune di Napoli: Lino Casadio.

Nunzia:    (Disturbata) Uh, chillu tizio antipatico? Mamma mia, chillo, quanno ‘o ‘ncuntre

                  ‘nmiezo ‘a via, pare ca se sfastidia pure ‘e te salutà! E che ppo’ ffà, chillo?

Ciro:         Nun ‘o ssaccio. Po’ essere che po’ ffa’ coccosa pé lloro. Magari può farli anche

                  ritornare in questa casa. Che ne dici? Mi accompagni da lui?

Nunzia:    Aspié, dimme ‘na cosa: ma mica l’amma pavà, a chisto?

Ciro:         No, e che ce sta ‘a pavà?

Nunzia:    Ah, va bene, questo è l’importante! Però che peccato! Si ‘e Santoro tornene a

                  sta’ ccà, facimme perdere ‘sta casa a mia nipote.

Ciro:         Ma che ce ne ‘mporta ‘e tua nipote? L’amicizia è ‘a cosa cchiù importante.

                  Forse me ne sto rendendo conto solo adesso.

Nunzia:    E già, he’ raggione tu. E allora facimme ambresso.

                  I due escono di casa.

6. [Agostino, Natascia, Annamaria e Saverio. Poi Otello]

                      Dopo alcuni secondi, dalla comune si scorge Agostino. Controlla che non ci                   

                      sia nessuno in stanza. Entra quatto quatto, poi chiama gli altri fuori.

Agostino:     Uhé, me pare ca se ne so’ asciute tutte quante. Putimme trasì!

                      E così entrano pure Annamaria, Saverio e Natascia con le loro cose.

Saverio:        Papà, he’ avuto proprio ‘na bella idea!

Natascia:      Il bello è che nessuno si è accorto della nostra finzione!

Annamaria: Sulo speramme che  nun scoprene che stamme ‘n’ata vota ccà!

Saverio:        Beh, ‘o fatto ‘e ce scuprì, ce scoprene sicuramente.

Agostino:     E che ffa? Pecché, quanno faccio ‘o parcheggiatore abusivo, coccheduno

                      dice coccosa? No! E allora, in questa casa, farò l’abitante abusivo!

Annamaria: Oh, accussì me piace ‘e te sentì ‘e parlà!

Agostino:      Anze, mò saje che ffaccio? Me vaco a piglià chillu surzo ‘e café che sta

                      dint’’o frigorifero! ‘A faccia d’’o padrone ‘e casa!

                      Va a destra in cucina.

Natascia:      Mammà, e allora possiamo andare a posare la nostra roba?

Annamaria: Sì, jate, jate. Però nun mettite ‘a rrobba comme va, va. Mettetela ordinata.

Saverio:        E che vvo’ dicere “ordinata”?

Annamaria: Vabbuò, mettitele comme ve pare e piace a vvuje!

Natascia:      Viene, Savé, accumpagneme.

                      I due vanno a sinistra. Annamaria si siede su una sedia e chiama Agostino.

Annamaria: Agostì, sto’ penzanno ‘na cosa: ma nun è che mò ce arrestene?

                      Da destra torna Agostino con un bicchierino di carta con del caffè.

Agostino:     (Beve il caffè ma non gli piace) Annamarì, fa proprio schifo, ‘stu café! Sape ‘e

                      puparuolo. Maquanta vote te ll’aggia dicere? Quanno faje ‘e puparuole, nun

                      ‘e lassà‘int’’o frigorifero. O si no, tutto cose piglia ‘o sapore d’’e puparuole. 

Annamaria: Agostì, ma chi l’ha fatte ‘sti puparuole? So’ cinch’anne che nun ‘e ffaccio!

                      Chillo è proprio ‘o frigorifero che fete ‘e puparuolo!

Agostino:     (Posa il bicchiere su una sedia) Vabbuò, comunque mò sistimammece pure

                      nuje. Da oggi comincia la nuova vita della famiglia Santoro!

Annamaria: Che peccato che nun tenimme ‘a sciampagna pe’ festeggià!

                      Dalla comune entra Otello (sempre ben vestito e coi fiori in mano)

Otello:          Felicissima sera!

Agostino:     Eh, è arrivato ‘o zappatore!

Otello:          (Si avvicina ai due) Sentite, ma nun ve ne jate più?

Annamaria: No, nun ce ne jamme. E vuje però nun ‘o gghiate a dicere a nisciuno.

Otello:          E pecché?

Agostino:     Perché tutti quanti sanno noi ce ne siamo andati. Comunque, signor “Motel”...!

Otello:          Otello!

Agostino:      Sì, vabbé. Insomma, che volete, vestito così elegante e con i fiori in mano?

                      Dovete andare a un matrimonio?

Otello:          No. Aspettate, aggia cercà ‘e parlare in italiano. Dunque: io so’ venuto ccà pe’

                      vedé ‘a figlia vosta. ‘Sti ciure so’ pì essa! E ppo’ voglio parlà pure cu’ vuje!

Agostino:     E chesto fosse italiano? Sentite a me: è meglio che parlate napulitano!

Annamaria: E comunque, lassata sta’ a mia figlia. Cu’ tutto ‘o core, ma nun è pe’ vuje.

Otello:          Nun è pe’ me? Sentite, ma vuje nun vedite che m’aggio fatto pure ‘a barba?

Agostino:     ‘O vero? E allora si ognuno che vulesse a mia figlia se facesse ‘a barba, ccà

                      ffora ce stesse ‘na fila ‘e ggente senza ‘a barba!

Annamaria: (Si alza) Vedete, signor Otello, il problema non siete voi. Probabilmente voi

                      siete una persona seria e perbene, anche se non si vede! Però il problema è che

                      nostra figlia ha bisogno di un sostegno economico. Avete capito?

Otello:          (Si arrabbia) Ah, sì? Ma pecché nun dicite ‘a verità? Pecché nun dicite ca

                      sapite tutto cose e nun m’’o vvulite dicere?

Agostino:     Néh, ma che ssapimme, Annamarì?

Annamaria: E che ne saccio?

Otello:          Nun ‘o ssapite? Allora v’’o ddico io: vostra figlia è incinta. Vabbuò? Ve

                      l’aggio ditto. Me so’ sfugato! E mò me ne pozzo pur’ì! Bona jurnata.

                      Esce di casa sotto lo sguardo dei due che si guardano esterrefatti.

Agostino:     Incinta?

Annamaria: Accussì ha ditto.

Agostino:     Ma pecché, tu nun sapive niente?

Annamaria: No, t’’o giuro. 

Agostino:     Ma comme, tu saje ‘e guaje ‘e tutte quante, e nun saje ‘o guajo ‘e tua figlia?!

Annamaria: E che t’aggia dicere? Jamme addù essa e facimmencélle dicere.

Agostino:     Mannaggia ‘a miseria. Te rumpesse a capa a te e a essa.

Annamaria: E che ce azzecco io? ‘O guajo l’ha fatto essa, mica io?!

                      E così escono via a sinistra.

7. [Lucilla e Saverio. Poi Ubaldo e Mena]

                     Dalla comune (al centro) entra Lucilla frettolosamente.

Lucilla:        Mi hanno detto che i Santoro non abitano più qua perché sono stati sfrattati.                     

                     Devo aiutarli a tornare qua. Già, ma come? Ecco: dobbiamo far finta che

                     qualcuno si è fatto male. Sì, ma ora dove li vado a pescare? A proposito, mio

                     nipote doveva portare da mangiare a quei poveretti. Chi sa se è   

                     Va alla porta della cucina, guarda dentro. Da sinistra entra Saverio sorpreso.

Saverio:       Natascia aspetta un bambino! E mò comme se fa?

                     I due si notano e Saverio resta piacevolmente sorpreso.

                     Uh, Lucilla?

Lucilla:        Ah, sei tu? Ma voi non eravate stati sfrattati?

Saverio:       Sì, però siamo tornati un’altra volta qua. E’ stata un’idea di mio padre.

Lucilla:        Ma siete pazzi? Questo è contro la legge.

Saverio:       E che ce ponno fa’? Ci mandano in galera? E allora ci fanno un piacere!

Lucilla:        Senti, non ci stanno i tuoi genitori?

Saverio:       Ehm... no, in questo momento non ci stanno. (Comincia a fare il play-boy)

                     Però ci sono io. Non vuoi parlare con me... d’amore?

Lucilla:        Ma fammi il piacere! Io ho da fare. Sono qui per aiutarvi.   

Saverio:       Lucilla, ma perché stai facendo tutto questo per me?

Lucilla:        E mica lo sto facendo solo per te? Lo sto facendo per tutta la tua famiglia.

Saverio:       Grazie, i tuoi futuri suoceri, cioè papà e mammà, ti ringrazieranno per sempre!

Lucilla:        Saverio, non scherzare. Qua la situazione è grave. Io vi sto aiutando perché è il

                      mio lavoro e perché mi fate pena.  

Saverio:       (Incantato) Lucì, comme parle bello!

Lucilla:        E scitete! Pensiamo a voi. Dobbiamo fare assolutamente qualcosa.  

Saverio:       Sì, ma noi che dobbiamo fare?

Lucilla:        Hai detto che già vi hanno cacciato? Bene, potete avere la possibilità di restare

                     ancora un po’ di tempo se qualcuno di voi si fa male. Per esempio... tu!

Saverio:       Io? E pecché proprio io? E ppo’ ccà nun se po’ ffa’ male nisciuno. Noi già

                     teniamo un po’ di guai per colpa di mia sorella.

Lucilla:        Natascia? Ma stai tranquillo, io e lei già abbiamo parlato. Allora ti svelo la

                     sorpresa che voleva farvi: fra poco in questa casa… arriverà un bambino.

Saverio:       (Seccato) Ah, tu già ‘o ssapive? E brava.

Lucilla:        E perché ti alteri tanto? Che c’è di male?

Saverio:       Voglio sapé sorema comme ‘o da a magnà, a chillu puveriello?!

Lucilla:       Ma stai tranquillo. Sarà lui che darà da mangiare a voi!

Saverio:      (Non capisce) Isso ce da a magnà a nuje? In che senso?

Lucilla:       Nel senso che si presenterà a casa vostra con una busta piena di crocché, frittate

                    di maccheroni, patatine fritte e un pollo arrosto.

Saverio:      (Cioè, quanno Natascia parturisce, aésce ‘o criaturo cu’ ‘o magnà nmana?!).

Lucilla:       Natascia già lo sa, gliel’ho detto io. Allora ci vediamo più tardi. Stammi bene.

                    Esce via di casa. Saverio pare confuso.

Saverio:      Nun ce sto’ capenno cchiù niente! Io mi arrendo!

                    Esce di casa. Da sinistra entra Natascia di corsa. E’ preoccupata.

Natascia:    Ma che hanne passato mammà e papà? Pecché s’hanne arraggiate? E pecché

                    mammà m’ha menato ‘o scarpone appriesso? In fondo io gli ho detto solo che

                    aspetto un bambino. Chillo ce ha da purtà ‘o mmagnà! Mah!

                    E esce via a destra, perplessa. Dalla comune entrano Ubaldo e Mena.

Ubaldo:      Vieni, Mena. Finalmente possiamo fare un poco di pulizia in questa casa.

Mena:         Però, signor Ubà, v’aggia dicere ‘na cosa: voi siete moroso con le banche e col

                    vecchio proprietario. Se qualcuno paga i soldi al posto vostro, se piglia ‘a casa.

Ubaldo:      (Sorpreso) E tu comm’’e ssaje tutte ‘sti ccose?

Mena:         Beh, io songo ignorante, ma quanno se tratta ‘e sorde, nun me veco a nisciuno.

Ubaldo:      Vabbuò, ma tu nun dice niente a nisciuno. E’ accussì?

Mena:         No, e tanto don Ubaldo, ‘sta casa, me l’avita da affittà a me. E’ ‘o vero?

Ubaldo:      Pure tu ‘a vaje truvanno? E ccà, chanu chiamo, me trovo ‘a fila fora ‘a porta.

Mena:         Signor Ubaldo, io vi ricordo che ancora mi dovete pagare. Facciamo così, non

                    mi pagate, però mi promettete la casa. Che ne dite?

Ubaldo:      Nun te prioccupà, figlia mia, tu si’ giovene! Facciamo così: se io te l’affitto a te,

                    questa casa, coi soldi che mi dai, io ti pago! Sei contenta?

Mena:         (Dubbiosa) Va bene. Però, stranamente, ‘sta cosa me puzza ‘nu poco!

Ubaldo:      E ora vediamo in che condizioni sta la casa. Cominciamo proprio dalla cucina.

                    E escono via a destra.

8. [Natascia. Agostino e Annamaria. Poi Ubaldo. Poi Mena e Ciro]

                      Da sinistra tornano Agostino e Annamaria, seccati.

Agostino:      Annamarì ‘a colpa è ‘a toja si Natascia è incinta. Tu l’’iva controllà.

Annamaria: (Ironica) ‘O vero? E comme facevo? ‘Eva sta’ pur’io carcerata? 

Agostino:      E intanto mò chi sarrà stato? Forse chillu “Hotel Jolly”!  

Annamaria: Otello Vesuvio

Agostino:      Appunto! Embé, nun ce vuleva proprio ‘stu guajo. E penzà ch’ero tantu felice

                       pecché simme turnate ‘a casa nosta. Ma mò che ce ha da succedere cchiù?!

                      E da destra torna Ubaldo (arrabbiato).

Ubaldo:        Ma che ce faceva ‘a figlia ‘e Santoro cu’ chella tizia ‘int’’a cucina mia?!

                      E così i tre si notano e restano senza parole per un pò. Dopodiché...  

                      Voi?

Agostino:     (Non sa che dire) Ah, ehm... Annamarì, ma che simme turnate a ffa’ ccà?

Annamaria: (Confusa) Ehm... e già. Ma nuje nun ‘evema ì casa addù sòreta?

Agostino:     Uh, che deficienti! Amme sbagliato casa! Chesta nun è ‘a casa ‘e sòrema!

Annamaria: Ah, e allora jammuncenne.

Ubaldo:        No, sono io che me ne vado.

Agostino:     Ah, he’ ‘ntiso, Annamarì, se ne va isso.

Annamaria: ‘O vero? Scusate, signor Ubaldo, dove andate?

Ubaldo:        A chiamare i carabinieri.

Agostino:     No, ma quali Carabbiniere? Nun pazziate, ja’!

Ubaldo:        Nun pazziate? Voi siete stti sfrattati. Questa è violazione di domicilio.

                      Da sinistra torna Mena, tutta arrabbiata.

Mena:          Uhé, ma come vi siete permessi? Voi siete tornati di nascosto in casa mia.

Ubaldo:        Aspié, ma io nun te l’aggio data ancora!

Agostino:     Néh, ma chi è chesta?

Mena:          Mena Pasta.

Ag.&Ann.:  Comme?

Mena:          Mena Pasta.

Agostino:     Guagliò, ma quala pasta vuo’ menà? Ccà ce abballene ‘e ccerevelle!

Mena:          Sentite, io sogno ‘a femmena d’’e pulizie d’’o signor Ubaldo. Pe’ caso tenìte

                     ‘nu sicchio e ‘nu straccio? Aggia lavà ‘nterra!

Ag.&Ann.:  (Spazientiti, la cacciano via) Ma vattenne, va’!

Ubaldo:        Signori Santoro: fra poco aspettate i carabinieri che vi vengono a sparare...!

Mena:          (Lo corregge) No, a cacciare.

Ubaldo:        Appunto, a sparare e a cacciare.

Mena:          (Lo corregge) No, ad arrestare.

Ubaldo:        (Spazientito) Néh, ma se po’ ssapé che venene a ffa’ ‘sti carabbiniere?

Mena:           Don Ubà, ‘e carabbiniere s’’e ppigliene e s’’e pportene!

Ubaldo:        E giustizia sia fatta. Jammuncenne!

                      I due escono frettolosamente sotto lo sguardo sorpreso dei due.

Agostino:     Ma a chi vo’ sfottere, ‘stu scemo d’’o padrone ‘e casa?

Annamaria: E intanto ce n’amma ì, Agostì. Chillo a ‘n’appoco torna cu’ ‘e carabbiniere.

Agostino:      E che me ne ‘mporta? Da questa casa mi devono portare via con la forza!

                      Dalla comune entra Ciro tutto flemmatico.

Ciro:             Compare e comparella, ma voi state ancora qua?

Agostino:      Eh, nun ce ne jamme cchiù.

Annamaria: (Preoccupata) No, Agostì...

Agostino:      Stattu zitta, Annamarì. Nun ce ne jamme cchiù.

Ciro :            A proposito, cumpà, aggio visto ‘o padrone ‘e casa ch’asceva ‘a ccà ddinto.

Agostino:      Ah, sì? Nun me ne ‘mporta proprio.

Ciro:             Ma chillo s’è mmiso ‘int’’a machina e sta currenno comm’a ‘nu pazzo.

Agostino:      Compà, t’aggio ditto che nun me ne ‘mporta.

Ciro:             Aspié, famme fernì: chillo s’ha truvato a Saverio ‘e faccia e l’ha ittato sotto.

Agostino:      T’aggio ditto nun me ne ‘mpo... (Fa mente locale) Che cosa?

Annamaria: (Preoccupata) Uh, Marò, cumpà, vuje che state dicenno?  

Ciro:             ‘A verità. E voi dovete esserne felici.

Agostino:      Uff, ‘e che felicità! Annamarì, jamme a vedé....

                      I due escono di casa celermente. Ciro resta sorpreso dalla reazione dei due.

Ciro:             Ma che correne a ffa’ ‘sti duje scieme? Chillo mica Saverio è muorto? Sta

                      sulamente ‘o spitale! Mah!

                      E esce pure lui.

FINE ATTO SECONDO

            Salone di casa Santoro: un mese dopo. La stanza è stata messa a nuovo: un tavolo nuovo, sedie nuove, ma c’è ancora quella col chiodo sporgente. Poi quadri alle pareti, un appendiabiti, un divanetto. Non è venuto a viverci Ubaldo Giovane, bensì... i Santoro.

ATTO TERZO

1. [Saverio, Ciro e Mena Pasta. Poi Natascia e Otello]

                 Saverio (tiene la gamba dritta perché è ancora fasciata) e Ciro sono seduti.

Saverio:   Avete capito, compare Ciro? Ieri, dopo un mese, mi hanno tolto il gesso dalla

                 gamba. Però, grazie al mio incidente, la nostra vita è cambiata da così a così!               

Ciro:        E già. Il giudice vi ha dato ragione. E così Ubaldo Giovane vi ha dovuto risarcire.

Saverio:   Appunto. Solo che non capisco come mai ci siamo presi pure la sua casa.

Ciro:        Perché Ubaldo non ha finito di pagare il mutuo, così la banca gliel’ha portata via.   

                 E allora è intervenuto tuo padre, che ha pagato tutto coi soldi del risarcimento.

Saverio:   Ho capito. Ma allora Ubaldo Giovane quanti Euro ci ha dato?

Ciro:        100.000, ma siccome non li teneva, s’è dovuto vendere la casa dove abitava per

                 pochi soldi. E poi ha perso pure la terza casa per debiti verso un’altra banca.

Saverio:   Inzomma, è gghiuto sotto e ‘ncoppa! Ah, comme so’ cuntento!

Ciro:        A proposito, è vero che vi siete presi pure la sua donna delle pulizie?

                 E da destra entra proprio Mena che spazza per terra. Ha una divisa nuova.

Mena:      Savé, dicci a tuo padre che se oggi non mi paga, io sciopero!

Ciro:        Eccola qua. Mena, non ti preoccupare. Sono gente precisa, i tuoi nuovi padroni.

Mena:      Ma che padroni? Io non ho padrone. E mò ascitevénne! Fra cinche minute aggia

                 lavà ccà ‘nterra, e nun voglio a nisciuno annanzo ‘e piede!

Saverio:   E va bene. (Si alza) Compare Ciro, andiamo a giocare a carte a casa vostra?

Ciro:        (Si alza) Buona idea! Embé, t’aggia spennà comm’a ‘nu pullasto! Viene cu’ me.

                 E escono di casa (Saverio cammina zoppicando un po’).

Mena:      Assa fa’ Dio. (Si sposta verso destra) Mò nun m’ha da scuccià cchiù nisciuno.

                 E spazza. Dalla comune ecco Natascia e Otello (ben vestiti).

Otello:     He’ visto, Natà? Aspié, aggia parlà in italiano: hai visto, Natascia... m’aggio  

                 accattato ‘stu vestito nuovo. Nun te pozzo dicere ancora pecché, è ‘na surpresa.

Natascia: Bravo, mi fa tanto piacere.

Otello:     (Nota Mena) Azz, ma tu he’ fatta ‘e sorde! Tiene pure ‘a femmena d’’e ppulizie.

Natascia: E già. Io l’aggia fa’ faticà comm’a ‘na schiava!

Mena:      (Le si avvicina arrabbiata) Cominciamo a mettere i puntini sulle “a”: io nun

                 songo ‘a schiava ‘e nisciuno! Io voglio essere pavata. E’ chiaro?

Natascia: Eh, e vabbuò, nun t’arraggià accussì.

Mena:      E ppo’, a ‘n’appoco, aggia lavà ccà ‘nterra. Picciò “aria”! Ascite fora!

                 E va a spazzare sull’estrema sinistra della stanza. I due la guardano. Poi...

Otello:     Vabbuò, Natà, turnamme a nuje. Allora, adesso che ci conosciamo meglio, ci

                 possiamo fidanzare... e volendo, pure sposare.

Natascia: Beh… vedi, Otello, questa mia nuova vita mi ha cambiato le idee: io prima mi 

                 accontentavo di poco. Adesso invece pretendo il meglio. io aggio capito pecché Otello:     No, io ‘o ssaccio pecché nun me vuo’ spusà. Tu aspetti un bambino. Confessa!

Natascia: Ma che staje dicenno?   

Otello:          Io saccio tutto cose. Gliel’ho detto pure ai tuoi genitori.

Natascia:      E m’he’ fatto ‘stu bellu regalo. E che c’è vuluto pe’ ffa’ passà st’equivoco.

Otello:          ‘N’equivoco? In che senso? Ma allora nun è ‘o vero che ssi’ incinta?

Natascia:      Ma qua’ incinta? Io dicevo che stavo aspettando un bambino, perché davvero   

                      doveva venire un bambino che mi doveva portare delle cose da mangiare.

Otello:          Ah, ecco. Vabbé, e allora tutto è risolto: possiamo stare insieme.

Natascia:      Come amici, sì. Anzi, come amica, ti consiglio di metterti con Mena. Non la

                      vedi che brava donna di casa che è? Te fa ‘na casa pulita pulita!

Mena:           (Si riavvicina ai due) Cominciamo a mettere i puntini sulle “erre”: io pulisco

                      solo la casa di chi paga! Perciò, pure se mi sposo, mio marito m’ha da pavà! E

                      mò, jamme, state ancora ccà? Io aggia lavà ‘nterra. Jà, forza, ascitevenne fora.

Natascia:      Eh, che maniere!

Mena:           Nun voglio sapé niente. Ascite fora!

                      Li caccia via e i due escono di casa, protestando. Poi Mena torna al centro.

                      Oh, finalmente se ne so’ gghiute. E mò vaco a piglià ‘o sicchio e ‘o straccio.

                      E esce via a sinistra.

2. [Annamaria e Nunzia. Poi Mena. Infine Agostino e Lucilla]

                      Dalla comune entrano Annamaria (elegantissima) e Nunzia (che pare stupita). 

Nunzia:        Cummara Annamaria, ‘e che cambiamento he’ fatto! Comme staje elegante! 

Annamaria: He’ visto? Io l’aggio sempe ditto: sono una bella donna. Solo che non si è mai

                      visto, perché ho sempre vivuto nella pezzenteria! Viene, assettammece.

                      Le due si accomodano al tavolo e Annamaria stende le gambe. Poi spiega.

Nunzia:        Nun ce pozzo penzà ancora ‘o fatto d’’o signor Ubaldo. Vi ha dato assai soldi.

Annamaria: E non solo: quello ci deve dare pure un vitalizio di 1.000 Euro al mese. Sulo

                      che nun aggio capito pecché! Però nun ‘o vvoglio sapé, abbasta ca ce ‘o dà!

Nunzia:        A proposito, ma mò Agostino sta facenno ancora ‘o parcheggiatore abusivo?

Annamaria: No, ‘o giudice l’ha miso a posto. Mò fa ‘o parcheggiatore annanzo ‘o comune.

Nunzia:        E ringrazia a Dio. Mò tenite pure ‘a femmena d’’e pulizie.  

Annamaria: (Guarda a terra) Uhé, ma Mena ancora ha da lavà ‘nterra? E quanno se move?

                      E da sinistra torna proprio Mena con un secchio, uno straccio e una mazza.

Mena:           Jamme a lavà, jamme. (Nota le due, posa la roba a terra, seccata) E che d’è,

                      mò ce state vuje? Ma allora nun me vulite proprio fa’ lavà ‘nterra? Ve n’ata ì.

Nunzia:        Oh, ma comm’è scustumata chesta!

Annamaria: Nunzia, jammuncenne a parlà ‘int’’a cucina. (Si alza in piedi)

Nunzia:        E vabbuò. (Si alza pure lei)

Annamaria: Uhé, a te, Mena, fa ‘na bella lavata... come comanda Dio.

Mena:          Ma che tenite? ‘E vizie? Vuje ate sempe tenuto ‘o pavimento spuorco!

                      E va verso il secchio a preparare lo straccio e la mazza.

Annamaria: Ma vedite ‘nu poco a chesta! E meglio che ce ne jamme, o si no ‘a vatto!

Nunzia:        Vabbuò, lasse sta’. Siente, ma tu ‘o ssaje che tua nipote ha fatto ‘o guajo?

Annamaria: (Interessata) Uh, è ‘o vero. Famme sentì, famme sentì!

                      E le due escono a destra. Mena intanto si rende conto di qualcosa.

Mena:          Uh, m’aggio scurdato ‘e mettere ‘o detersivo ‘int’’o sicchio. E che capa!

                     Accosta secchio e mazza al muro, va a sinistra. Dalla comune entra Agostino.

Agostino:    (E’ elegantissimo. Si sistema la cravatta) Oh, e comme so’ addiventato bello!

                  Niente di meno songo ‘a fine d’’o munno! Guarda che vestito. E guarda pure che

                  cazone! (Si siedersi sulla sedia rotta, si punge e salta gridando) Aaaaah! Ma sta

                  ancora ccà, ‘sta seggia? Speramme che nun s’è sguarrato ‘o cazone!

                  Si controlla le terga. Dalla comune entra Lucilla. Gli si avvicina non notata.

                  Menu male, nun è succieso niente. Il mio sedere è rimasto intatto!

Lucilla:     (Tossisce per farsi notare) Uhm… uhm…!

Agostino: (Si volta e la nota. Si imbarazza) Ah, ehm... buongiorno, signorina Lucilla. Mi

                  sto guardando il lato B! Ma lo sapete che io tengo proprio un bel sedere?

Lucilla:    Sì, è vero! Caspita, come state elegante!

Agostino: E guardate qua che orologio: è di oro zucchino!

Lucilla:     Ah, bello, bello. Signor Santoro, scusate, mi dovete regalare un quarto d’ora.

Agostino: (Non capisce) Che v’aggia regalà?

Lucilla:     Un quarto d’ora.

Agostino: Signurì, mò nun ve n’apprufittate ca tengo ‘e sorde pe’ me cercà ‘e regale!  

Lucilla:     No, ma che avete capito? Io dicevo che mi dovete ascoltare quindici minuti.

Agostino: Ah, e accomodiamoci.

                  I due si accomodano al tavolo.

                  Scusate se non vi offro il caffè, ma è finito. Però non vi perdete niente, perché il

                  nostro caffè sa di peperone!  

Lucilla:    Non fa niente, già l’ho preso. Dunque, signor Santoro, io sono tanto contenta per

                  voi e per la vostra famiglia. Grazie al vostro caso, sto facendo pure carriera.

Agostino: E voi siete una ragazza svelta. Una peperina. Invece mia moglie è una peperona!                 

Lucilla:    Grazie. Vedete, ormai mi occupo di casi molto difficili, tra cui uno in particolare

                  di una persona che ha perso tutto: la casa, i soldi... e sopratutto la speranza. 

Agostino: Uh, mi dispiace. E sì, avete ragione, aiutatelo. E per curiosita: di chi si tratta?

Lucilla:    Di un uomo smuto e magro che dorme sotto i ponti: il signor Ubaldo Giovane.

Agostino: (Sorpreso) Che?

Lucilla:    Quello era diventato ricco grazie alla madre, un’usuraia che succhiava soldi come

                 sangue. Sapete come la chiamavano? La “sanguisuga”. Anzi, no: “la mignatta”!

Agostino: Eh, e quello è un figlio di mignatta!

Lucilla:    Signor Santoro, io mi rivolgo a voi, perché voi siete una persona posata.

Agostino: Diciamo che sono come una forchetta!

Lucilla:    Io conto sul vostro buon cuore. Voi avete avuto un colpo di fortuna, nella vostra

                  vita. Ma adesso occorre aiutare il signor Ubaldo Giovane. Ne ha tanto bisogno.

Agostino: E io avessa aiutà a chillo? Ma che? Chillo m’ha miso fora ‘a porta cu’ ‘a famiglia  

                  mia. Ma la ruota gira, e ‘na vota tanto, ha girato ‘nu poco d’’a parta mia!  

Lucilla:    Già. Però ricordatevi che la fortuna è dispettosa: così come viene, poi se ne va.

Agostino: Signurì, sentite, si site venuta ccà pe’ ve fa’ ringrazià, io ve ringrazio cu’ ‘a

                 faccia ‘nterra. Anzi, se volete, disponete di me... pure fisicamente! Ma nun me

                 dicite ‘e avé pietà ‘e chillu tizio, aggiate pacienza. E ora scusatemi, tengo da fare.

                 Si alza alterato e esce via a sinistra. Si alza pure Lucilla, sospirando.

Lucilla:    Eh, comm’è difficile a gghi’ d’accordo ‘int’a ‘stu munno!

                 Allarga le braccia e poi se ne esce di casa.

3. [Mena. Poi Ubaldo, l’U.G. Enzo Librone e Agostino]

                 Da sinistra, quatta quatta, esce Mena con una bottiglia di detersivo in mano.

Mena:       (Scruta l’ambiente) Ah, nun ce sta nisciuno. Allora finalmente posso lavare!

                  Versa del detersivo nel secchio. Dalla comune entra Ubaldo. E’ mal vestito e

                  tutto infreddolito. Ha sempre la benda sull’occhio.

Ubaldo:    Marò, e comme fa friddo! ‘O bello è che fa cchiù friddo ccà ddinto che fora!

Mena:       (Lo nota, lascia tutto come sta e gli si avvicina) Don Ubaldo. Voi state qua?

Ubaldo:    E ‘o Papa sta a Roma! E nun me vide che sto’ ccà? Che m’’o ddimanne a ffa’?

Mena:       E come mai? Ma soprattutto, come state combinato! Voi sembrate un barbone.

Ubaldo:    Sembro? Mena, chesta è ‘a fine ch’aggio fatto. Mannaggia a Agostino Santoro!

Mena:       Nun m’’o ddicite a me. Chillo nun me sta manco pavanno! Site tutte quante

                  eguale, ‘e ggente: vulite essere servite e riverite, però nun vulite pavà.   

Ubaldo:    E si nun te pava, tu spuorche ‘n’ata vota! Io invece ‘e ccacciasse fora a cavicie!

                  Dalla comune entra l’U. G. Enzo Librone (sempre con la benda sull’occhio).

Uff. G.:     Eccomi qua. (Si avvicina a Ubaldo)

Ubaldo:    Ah, Enzo, finalmente si’ venuto?

Uff. G.:     E scuseme, ma ccà a San Giuanne è ‘n’impresa a parchiggià ‘a machina.  

Mena:       Aspettate, ma vuje nun putite sta’ ccà ddinto. Io aggia lavà ‘nterra.

Ubaldo:    E lave aroppo. Che ce ne ‘mporta a nuje? Ja’, muovete, va’ a chiammà a Santoro.

Mena:       Eh, mamma mia, chianu chiano. E vabbuò, aggio capito, oggie nun se lava!

                  E esce via a sinistra.

Uff. G.:     E allora, Ubaldo, mi hai chiamato per parlare con Santoro. E di che?

Ubaldo:    Di che? Guarda comme sto’ cumbinato. Ma è maje possibile che ‘stu giudice ha

                  truvato tutte ‘sti llegge contro a me?  

Uff. G.:     E che t’aggia dicere? In ogni caso, vediamo di apparare un po’ la tua situazione.

Ubaldo:    E vediamo. Mò vedimme che vvo’ fa’ ‘stu Santoro.

                  Da sinistra entra Agostino.

Agostino: Ha ditto Mena ca ce sta ‘na surpresa pe’ me! (Nota i due, poi freddo) Ah, ce sta

                  l’ufficiale giudiziario. E ce sta pure ‘o signor Ubaldo Giovane. (Ironico) Signor

                  Ubà, avite cagnato ‘e vestite, ma ‘a benda ‘ncoppa ll’uocchio è sempe ‘a stessa!

Ubaldo:    Lasciate stare la benda sull’occhio. Sentite, io devo parlarvi.

Agostino: Ah, ho capito: dobbiamo parlare a quattr’occhi. 

Uff. G.:     A quattr’occhi? Nel senso che volete parlare solo tutti e due? 

Agostino: No, nel senso che tutt’e tre ‘nzieme apparamme a quatt’uocchie! Vuje tenite

                 ‘n’uocchio a testa e io ne tengo duje!

Uff. G.:    Signor Santoro, col vostro permesso, io direi di accomodarci.

Agostino: E accomodiamoci.

                  I tre si siedono al tavolo.

Ubaldo:    E allora, signor Santoro, guardate che fine ho fatto io. Non ho più niente.

Agostino: E che volete? Voi vi ricordate una volta che cosa mi avete insegnato? Nella vita

                  c’è chi ha e chi dispone. In questo caso, io ho.                 

Ubaldo:    Sì, però io non dispongo.

Agostino: E pacienza! Questa casa l’avete persa perché non avete finito di pagare il mutuo,

                  e l’ho pagato io al vostro posto.

Ubaldo:    Con i soldi miei.

Agostino: E vuje ate ittato sotto ‘o figlio mio.  

Ubaldo:    Sentite, ma non esageriamo. L’ho appena colpito di striscio.

Agostino: Di striscio? E allora vulite vedé ‘e rradiografie? Voi gli avete rotto la fibia.

Ubaldo:    Si dice tibia! E vuje m’avite prosciugato comm’a ‘na spugna sulo pe’ chesto?

Agostino:    No, ci sono pure i danni molari!

Uff. G.:       Volete dire danni morali.

Agostino:    No, io dicevo proprio danni molari, pecché mio figlio, quanno è gghiuto sotto

                    ‘a machina, ha perzo pure duje molare!  

Uff. G.:       Vabbé, diciamo la verità, signor Santoro: è successo quel che è successo, ma

                    voi ci avete un po’ marciato sopra! . 

Agostino:    E diciamola fino in fondo, la verità: a voi vi interessava questa casa, e visto che

                     non l’avete potuta avere, mò state facenno ‘o spirito ‘e cuntraddizione cu’ me!

Uff. G.:       Ma come vi permettete? Ubaldo, parlaci tu con lui. E’ inutile che io intervenga.

Ubaldo:       Signor Santoro, io vorrei smuovere la vostra coscienza, se ne avete una: la

                     lezione mi è bastata. Ora però basta. Veniamoci incontro: tenetevi pure la casa

                     e i soldi, ma almeno cercate di rinunciare al vitalizio di 1.000 Euro al mese.

Agostino:    A proposito dei 1.000 Euro, vi ricordo che questo mese ancora me l’avita da’.

Ubaldo:       E chi ‘e ttene? Io ho speso ciò che avevo per pagare multe e interessi di mora.

Agostino:    Ah, stamme a posto! E io mò comme faccio?!

Ubaldo:       Come fate? Vuje tenite ancora tutte ‘e sorde che v’aggio dato pe’ vostro figlio.

Agostino:    Ho speso tutto pure io. Ho la sensazione che me stongo indebbitanno!

Ubaldo:       (Si alza soddisfatto) E vi sta bene. Accussì facite ‘a stessa fine ch’aggio fatto  

                     io! (Va alla sedia col chiodo sporgente) E si succede chesto, m’aggia fa’ tanta  

                     resate! (Si siede, si punge, salta in piedi gridando) Aaah, ma ch’è stato?

Agostino:    (Si alza e lo prende in giro) Signor Giovane, ate visto? Le cattiverie si pagano!

Ubaldo:       (Irritato) Embé, io vado via. Ma prima vi racconto una storia: in questa casa

                     hanno vissuto i miei genitori, i quali prestavano soldi con l’interesse del 200%.

                     Ma un giorno persero tutto e morirono di dolore. Così ho proseguito io il loro    

                     lavoro di usuraio. Ma sono stato punito. E sapete perché? Dincello tu, Enzo.

Uff. G.:        Questa casa… tiene una maledizione. E molto presto… colpirà pure voi.

Ubaldo:       Arrivederci, signor Santoro. Veditavenne bene, finché putite.

                     E così i due escono di casa lasciando Agostino nel dubbio.

Agostino:    ‘Na maledizione? Aspié, me pare che ‘stu fatto me l’ha ditto pure ‘o cumpare

                     Ciro. (Poi sorride) ‘E che scimmità! (Poi diventa serio) Aspié, e si po’ è ‘o

                     vero? (Chiama) Annamarì! Addò staje? Famme vedé ‘int’’o bagno! Annamarì!

                     Esce via a sinistra di corsa spaventato.

4. [Annamaria, Nunzia e Mena. Infine Agostino]

                      Da destra tornano Annamaria e Nunzia.

Annamaria: He’ capì, Nunzia, mia figlia Natascia nun ha fatto nisciuno guajo cu’ nisciuno.

Nunzia:        E quella ha detto che aspettava un bambino.

Annamaria: No, ma si trattava di un bambino che doveva portarci un po’ di leccorne!

Nunzia:        ‘E ccorne? Ah, le leccornie! Cioè roba da mangiare. E allora è meglio accussì.   

                      A proposito, Annamarì, ma mò comme te truove cu’ ‘stu bellu cambiamento

                      che he’ fatto ‘int’’a vita toja?

Annamaria: Aggia dicere ‘a verità? Buono. Io nun putevo fa’ ‘a pezzente pe’ tutta ‘a vita.

Nunzia:        E già, forse è stato il fato!

Annamaria: (Non capisce) ‘O pato? Néh, Nunzia, ma ‘o pato ‘e chi?

Nunzia:        ‘O pato ‘e nisciuno.

Annamaria: E tu he’ ditto che forse è stato ‘o pato!

Nunzia:        Ma no, io dicevo il “fato”, con la “effe”, cioè il destino.

Annamaria: Ah, e chi t’’eva capito?! Siente, allora cchiù tarde me passe a chiammà?

Nunzia:        Sì, accussì t’accumpagno a ffa’ shopping. Cià, Annamarì.

                      E esce via di casa.

Annamaria: Menu male, me l’aggio levata ‘a tuorno. Uffa, vo’ sempe ‘nciucià, chesta! E

                      mò vaco a cucenà ll’unico piatto che cunosco: ‘a pasta cu’ ‘o furmaggino! 

                      E esce via a destra. Da destra torna Mena che sembra assonnata.

Mena:           Mamma mia, che suonno. M’aggio proprio addurmuta. Mò m’assetto cinche

                      minute e cerco ‘e me scetà chianu chiano.

                      Va a sedersi sulla solita sedia col chiodo sporgente, si punge e salta in piedi.

                      Mannaggia ‘a me, m’aggio scurdato che ‘sta seggia è scassata. Mò ‘a cagno.

                      Cambia la sedia rotta con la prima sedia che sta al tavolo (alla sua destra).

                      Ecco qua. Mò è meglio che me metto a faticà.

                      Da sinistra entra Agostino tutto affannato.

Agostino:     Ma addò sta muglierema? Che fine ha fatto?

Mena:          (Lo nota) No, signor Agostino, io sto per lavare a terra.

Agostino:     Ma che me ne ‘mporta a me? Fa’ chello che vvuo’ tu! Io aggia cercà subito a

                      muglierema! Però primma m’aggia assettà ‘nu poco, pecché stongo affannato!

                      Va per sedersi sulla sedia al muro, crede che sia quella col chiodo sporgente.

                      Ah, ‘sta vota nun me faje fesso. Tu si’ ‘a seggia cu’ ‘o chiuovo ‘a fora! E io

                      invece m’assetto a ‘n’ata parte. Ecco qua!

                      Va per sedersi al tavolo, e va proprio sulla sedia rotta. Si punge e salta via.

                      (Grida) Aaah... puozze passà ‘nu guajo! Ma chi l’ha misa ccà, ‘sta seggia?

Mena:           L’ho messa io.

Agostino:      T’hanna accidere! (Sostituisce la sedia) Ma inzomma, addò sta muglierema?

                      Torna Annamaria, piutosto contrariata.

Annamaria: Néh, ma che cacchio allucche a ffa’, Agostì?

Agostino:     Mena, vatténne, io e ‘a signora amma parlà ‘nu mumento.

Mena:           Embé,basta. Nun ‘o voglio lavà cchiù ‘o pavimento. Vabbuò? Stateve buono!

                      Esce via di casa.

Annamaria: E allora?

Agostino:     Annamarì, dint’a ‘sta casa ce sta ‘na maledizione: chi è ricco addiventa

                      povero e chi è povero addiventa ricco.

Annamaria: Ma chi te l’ha ditta ‘sta scemenza?  

Agostino:     ‘O signor Ubaldo Giovane e pure Ciro. 

Annamaria: Agostì, ma t’è turnata ‘n’ata vota ‘a voglia ‘e pazzià?

Agostino:     Ma io nun stongo pazzianno. Si ‘a maledizione s’accorge che nuje stamme

                      addiventanno egoisti, ce fa turnà ‘n’ata vota poveri comm’a primma.

Annamaria: (Si preoccupa) Oddio, Agostì! Ma tu che staje dicenno? E mò comem se fa?

Agostino:      Dobbiamo fare del bene al prossimo. Ci serve un povero.

Annamaria: E a qualu povero cunusce, tu?

Agostino:      Conosco… conosco… ‘o signor Ubaldo.

Annamaria: Proprio isso?

Agostino:     E pe’ forza, chillo è addiventato povero pe’ colpa nosta!

Annamaria: E allora fa’ ‘na cosa: tu ‘o vaje a cercà e io cucino p’isso.

Agostino:     Ecco, finalmente he’ ditto ‘na cosa bona. Uhé, io vaco e torno. He’ capì? Cià.

                      Esce via frettolosamente.

Annamaria: Uh, mamma mia, mò ce mancava sulo ‘a maledizione!

                      Esce via a destra.

Scena Ultima. [Tutti tranne Mena]

                      Dalla comune entrano Saverio ed Otello.

Saverio:        Nun capisco, tu stive ccà ffora pecché aspettave a me? Ma pecché? Tu chi si’?

Otello:          Me chiammo Otello Vesuvio. E tu si’Saverio, ‘o frato ‘e Natascia.

Saverio:        Embé?

Otello:          Savé, io me songo ‘nnammurato ‘e soreta, ma essa nun me vo’. E allora

                      m’avvissa aiutà tu.

Saverio:        A chi? Ma che me ne ‘mporta a me? Io nun ‘e ffaccio ‘sti ccose.

Otello:          Ma pecché?

Saverio:        Pur’io me songo ‘nnammurato ‘e ‘na femmena. Se chiamma Lucilla Esposito.

                      Però nun vaco a sfottere a nisciuno. Sulo ‘o cumpare mio, Ciro Dinamite.

Otello:          Aspiette ‘nu sicondo. He’ ditto Lucilla Esposito? T’’a vaco a cercà io.

Saverio:        E tu ‘a cunusce?

Otello:          ‘A cunosco, ‘a cunosco. Nun te pozzo dicere pecché, ma ‘a cunosco.

Saverio:        Sì, ma io nun tengo lavoro. E manco tu. Comme ce spusamme?

Otello:          Savé, io aggio truvato lavoro comme parchiggiatore fora ‘o stadio San Paolo.

                      Guadagno buono e scavalco ‘o canciello, accussì me veco tutt’’e partite gratis.

                      E quanno fernesce ‘a partita, faccio apposta che torno a guardà ‘e mmachine.   

Saverio:        Eh, comme me piacesse ‘e fa’ ‘stu tipo ‘e lavoro.

Otello:          E io te porto a faticà ‘nzieme a me. Ce staje? 

Saverio:        (Subito si convince) Azz!

Otello:          E allora io te vaco a cercà a Lucilla Esposito, mentre tu vaje addù Natascia!

Saverio:        Schia ‘o cinco!

                      Si danno il cinque, poi Otello esce di casa, mentre Saverio fa dei programmi.

                      ‘E che colpo ‘e furtuna aggio avuto! ‘A quanno ‘o giudice ce ha date raggione,

                      songo addiventato ricco e mò me sposo pure. (Chiama) Natascia, addò staje?

                      Corre subito a sinistra. Dalla comune entra Natascia.

Natascia:      Comme songo sfurtunata. Nun riesco a truvà a ‘nu fidanzato comme dico io!

                      Torna Saverio, chiamando sua sorella.

Saverio:        Natasc.. Ah, sta ccà. (Va da lei) Natascia, ho trovato l’uomo giusto per te.

Natascia:      (Speranzosa) Veramente? 

Saverio:        Sì, l’aggio cunusciuto mommò. Se chiamma Otello Vesuvio.

Natascia:      (Delusa) Ma tu me vulisse sfottere? Io già ‘o cunosco. Chillo è ‘nu sfasulato.  

Saverio:        No, non è più uno sfasulato. Mò ‘e ttene ‘e fasule... cioè, ‘e sorde!

Natascia:      Ah, sì? E comm’’e ttene? Ha svaliggiato ‘na banca?

Saverio:        Cretina, famme parlà, una cosa! Io e lui faremo i parcheggiatori fuori allo   

                      stadio San Paolo. E te garantisco che lloco se guadagnene sorde a palate!

Natascia:      E io me spusasse a ‘nu parcheggiatore abusivo? Savé, ma vattenne tu e isso.

                      Esce a sinistra.

Saverio:        E no, sora mia, tu nun me puo’ ‘nguajà accussì. (Chiama) Natasciaaa!

                      Le corre dietro. Dalla comune torna Agostino sottobraccio a Ubaldo, stupito.

Agostino:     (Gentile) Venite, signor Ubaldo! Ma che ci fate, solo, solo, sotto i ponti?!

Ubaldo:        Io ce stongo ‘e casa, sotto ‘e ponte. Ma mò pecché m’ate purtato ccà?

Agostino:      Perché passerete una bella giornata a casa mia. (Chiama) Annamarì!

                      Da destra torna Annamaria.

Annamaria: Agostì, l’he’ truvato a chillu sce…? (Nota Ubaldo) Carissimo signor Ubaldo!

                      State bene? E’ quasi pronto da mangiare. Siete contento?

Ubaldo:        (Sorpreso) Mangiare? (Perplesso) Scusate, ma chisto è ‘nu scherzo?

Annamaria: Ma che vvo’, chisto? Qualu scherzo?

Agostino:      Si nun fosse p’’a maledizione…!

Annamaria: Stattu zitto! Ehm… no, mio marito diceva: “Maledizione, povero signor

                      Ubaldo. Perché lo lasciamo solo?”!

Ubaldo:        (Furbo) Ah, ora capisco tutto. A proposito della maledizione che c’è in questa

                      casa: quella risparmia solo chi fa del bene ed è altruista verso il prossimo.

Annamaria: Ma perché, questa maledizione come fa a sapere se uno è altruista o no?

Ubaldo:        Ve lo dico subito: quella ci vede e ci sente benissimo.

Annamaria: (Impressionata) ‘O vero? Sentite, venite in cucina con me. Vi offro un bel

                      piatto di pasta col formaggino. Lo volete?

Ubaldo:        Ma certo, come no? E ci sta solo il primo piatto?

Agostino:     No, pure il secondo e la frutta. Allora, venite. Anzi, aspettate un attimo. (Si

                      guarda intorno come per parlare a qualcuno) Signora maledizione, noi siamo

                      altruisti. Voi state guardando? Bene, adesso possiamo andare, signor Ubaldo.

                      I tre escono a destra. Da sinistra tornano Saverio e Natascia.

Natascia:      Savé, mi hai convinta: Otello è l’uomo della mia vita!

Saverio:        Brava, si’ grande, sorellì! Te voglio bene. Amma fa’ ‘nu matrimonio fiabesco!

Natascia:      Sì, ma addò sta Otello? Io nun ‘o veco.

Saverio:        Jammele a cercà. Vieni, andiamo verso la felicità: a te Otello, a me Lucilla!

                      Dalla comune entrano Otello e Lucilla abbracciati. Si dicono parole dolci.

Lucilla:        Amore mio, ma allora abbiamo fatto pace?

Otello:          Sì, “ciù ciù”! Abbiamo fatto pace.

Lucilla:        Allora scusami se ti ho lasciato in quella maniera. Però adesso ho capito tutto.

                      E anche se il tuo nuovo lavoro è una vera schifezza, va bene lo stesso.

Otello:          Brava. (Nota Saverio e Natascia) Uh, guarda chi ci sta.

Lucilla:         Ciao ragazzi, come va la vita? A noi benissimo! Abbiamo fatto pace.

Saverio:        (Con un fil di voce) Amme visto, amme visto.

Natascia:      (Con voce tremante) Già, purtroppo.

Lucilla:         Prendete il nostro esempio: io e Otello, dopo esserci separati, volevamo

                      un’altra persona, e invece ci siamo ritrovati e ci siamo rimessi insieme.

Saverio:        Ah, sì? E io cu’ chi me metto? Cu’ sòrema?

Natascia:      E io cu’ chi me metto, cu’ fràteme?

Lucilla:         Vabbé, fate come volete voi. Noi intanto andiamo a festeggiare.

Otello:           A proposito, Lucilla, aggio notato ‘na cosa: noi non abbiamo ancora figli!

Lucilla:         E’ vero. Andiamo subito a riparare. Ciao ragazzi. Buona fortuna.

                       I due escono felici di casa sotto lo sguardo perlesso di Saverio e Natascia.

Saverio:        Natà, saje che sto’ penzanno? Ma ce stesse cocche maledizione?

Natascia:      E tu ‘o vvuo’ sapé che sto’ penzanno io? Ca vuless’ì carcerata ‘n’ata vota!

Saverio:        Aspié, Natà, me ne vengo cu’ te.

                      E escono di casa, mestamente. Da destra torna Annamaria.

Annamaria: ‘O signor Giovane se sta magnanno ‘a pasta cu’ ‘o furmaggino. Pe’ sicondo

                      ce aggio fatto ‘a carne cu’ ‘o furmaggino e pe’ frutta ‘na banana tagliata a fette

                      cu’ ‘nu furmaggino vicino! Speramme ca le piace tutto cose! (Poi invoca)

                      Néh, maledizione, tu staje vedenno buono? Aroppo nun voglio sentì reclami!

                      Da destra torna Agostino.                     

Agostino:     Annamarì, ‘o signor Ubaldo se sta piglianno ‘o liquore al formaggino!

Annamaria: Menu male, va’! Allora me pozzo assettà ‘nu poco.  

                      Si siedono al tavolo. Dalla comune entra Ciro.

Ciro:             Cumpare Agostì, cummara Annamarì, amma ittà tutta ‘a rrobba d’oro e tutte

                      ‘e sorde che tenite. Siete troppo ricchi e la maledizione non vuole.

Annamaria: Oh, no!

Agostino:      Ssst, zitta, nun protestà. (Si alza in piedi) Ciro, jamme a ffa’ ‘o duvere nuosto!

Ciro:             Cumpà, e si nun fosse niente ‘o vero ‘e ‘sta maledizione?

Agostino:      Stattu zitto, me l’ha ditto pure ‘o signor Ubaldo. He’ visto che fine ha fatto?

Ciro:             E certamente.

Agostino:      E allora basta! Annamarì, nuje jamme in missione.

                      Ciro ed Agostino escono a sinistra. Da destra torna Ubaldo (sazio e felice).

Ubaldo:        Ah, che bella magnata!

Annamaria: Allora, signor Ubaldo, adesso vi sentite meglio?

Ubaldo:        Sì, benissimo. (Si siede sul divanetto, beatamente) E vostro marito dove sta?

Annamaria: E’ andato a prendere una boccata d’aria col compare Ciro Dinamite.

                      Da sinistra tornano Ciro ed Agostino. Hanno un sacco a testa.

Agostino:     Annamarì, amme arricettato ‘e gioielle e ‘e sorde: tutto cose ‘int’’a munnezza!

                     Mò, chi va scavanno ‘int’’a munnezza nosta, va ‘nParaviso pe’ scagno.

Ciro:            (Nota Ubaldo) Ma… qua ci sta pure il signor Ubaldo.  

Ubaldo:        E perché vi sorprendete? Oggi sono ospite dei signori Santoro.

Agostino:     Compare Ciro, non disturbare il signor Ubaldo. E mò jamme a ittà ‘sta rrobba.

Annamaria: ‘Nu mumento, ‘nu mumento. (Si alza e va vicino al sacco in mano a Agostino)

                      Addio, cullana ‘e perle! Addio, aniello d’oro. Va’, Agostì, mò puo’ gghi’!

                      Agostino e Ciro escono di casa. Annamaria si siede al proprio posto.

Ubaldo:        Ma come? Gettate via i gioielli e i soldi nella spazzatura? E chi v’’o ffa’ fa’?

Annamaria: Signor Ubà, noi siamo gente ricca dentro. Il resto non ci serve.

                      Dalla comune, tornano Agostino e Ciro e si fermano a fianco ad Annamaria.

Agostino:      Ecco qua. Amme fernuto. Mò ‘a maledizione nun ce po’ proprio tuccà! 

                      Dalla comune entra Natascia, con una borsa, e Saverio, con un borsone.

Natascia:      Ah, mammà, papà, vuje state ccà?

Annamaria: Ciao, Natascia, a mammà! Non vuoi mangiare un po’ di pasta col formaggino?

Natascia:      No, mammà. E mò stateme a sentì. (Mette in mostra la borsa) ‘A vedìte ‘sta  

                      borza? E’ ‘nu scippo che mommò aggio fatto ccà ffora.

Agostino:     Néh, ma tu fusse scema? Ma che vvuo’ fa’, mò?

Natascia:      Mi costituisco alla polizia, accussì m’arrestene e me ne torno in carcere!

Annamaria: Natà, puose mommò chella borza.

Natascia:      No. Anze, si ‘o vvuo’ sapé, pure Saverio s’è arrubbato coccosa.

Agostino:     Ma che s’ha da arrubbà? Saverio nun ‘e ffa ‘sti ccose!

Saverio:        E invece sì, m’aggio arrubbato ‘a rota ‘e ‘na Punto blu che sta ccà ffora. Sta

                      dint’a ‘stu borsone.

Ciro:             Uh, Marò, ‘a machina mia? E pecché?

Saverio:        E pecché mò me vaco a costituì ‘a polizia, accussì vaco carcerato pure io!

Annamaria: E pecché state facenno chesto? Nuje nun v’amme fatto mancà maje niente!

Saverio:        E invece sì, ‘na cosa ce l’avite fatta rimané sempe ‘ncanna.

Ann.&Ago.: E quale?

Sav.&Nat.:   ‘A pace!

                      I due escono di casa (Saverio sempre zoppicando).

Agostino:     Annamarì, he’ visto? 

Annamaria: (Avvilita) Uh, Marò!

Ubaldo:        (Si alza in piedi) Questi sono gli effetti della maledizione. Dovete sapere che

                      la maledizione fa impazzire la gente. Funge da miraggio! Ebbene sì, funge!

Agostino:     He’ capito, Annamarì? Ha ditto ch’’a maledizione fa ‘e funge!

Annamaria: Sentite, signor Ubà, mò ce avìte scucciato. Ate capito? Mò basta cu’ ‘sta farsa.

Agostino:     Esattamente. Ascìte mommò ‘a ccà ddinto. Turnate a scavà ‘int’’a munnezza!

Ubaldo:        E va bene. Aggia ì a scavà ‘int’’a munnezza? E io ce vaco. (Cu’ tutte chilli

                      gioielle che ce stanne!). Stateve buono!

                      E esce di casa, felice.

Annamaria: Uh, Giesù, Agostì, jammuncenne pure nuje. Io me metto appaura!

Agostino:      E pecché, Annamarì? A nuje nun c’è succieso ancora niente.

                      Dalla comune entra l’U.G. Enzo Librone con la sua valigetta.

Enzo:            E’ permesso?

Ciro:            (Sorpreso) Uh, l’ufficiale giudiziario Enzo Librone.

Agostino:     E che vvo’ ‘a ccà, Annamarì?

Annamaria: E che ne saccio? Addimannancello a isso.

Enzo:            Signori cari, mi dispiace di informarvi che sono sorti problemi su questa casa.

Agostino:     Scusate, e perché?

Enzo:            Perché non avete pagato il mutuo di questa casa e non lo state pagando.

Agostino:     Ma comme, io aggio pavato tutta ‘a cifra. ‘A banca m’ha dato pure ‘a carta!

Enzo:            E invece la banca ci assicura che non c’è stato nessun versamento.

Annamaria: (Preoccupata) Uh, Marò, Agostì, e comm’è?

Agostino:      (Preoccupato) Forse ‘a maledizione ha fatto sparì ‘e sorde ‘a coppa ‘a banca!

Annamaria: (Terrorizzata) Marò, basta, fujìmmencenne!

                      Annamaria e Agostino escono di casa a gambe levate.

Enzo:            E che fanno? Scappano? Io non gli ho ancora detto che, stranamente, c’è stato

                      qualcun altro che ha pagato il mutuo e gli interessi di mora, ma non si sa chi è.

Ciro:             Ah, sì?

Enzo:            Don Ciro, io scappo. Va a finire che la maledizione colpisce pure me. Addio!

                      Anche l’U. G. Enzo Librone scappa via velocemente.

Ciro:             E allora speriamo che la maledizione non colpisca pure me. (Chiama) Nunzia!

                      Dalla comune entra Nunzia.

Nunzia:        Che vvuo’, Ciro?  

Ciro:             No, niente, volevo informarti solo che sono stato in banca a pagare il mutuo di

                      questa casa. Adesso è tutta nostra.

Nunzia:         Ah, bravo, meno male.

Ciro:             Siente, Nunzia, me moro ‘e famme. Che ce sta ‘e buono? ‘A pasta cu’ ‘o

                      furmaggino? Nun me piace, però nun fa niente! Jamme a magnà!

                      Si mettono sotto braccio e vanno via a destra.

FINE DELLA COMMEDIA

    Questo copione è stato visto
  • 0 volte nelle ultime 48 ore
  • 0 volte nell' ultima settimana
  • 0 volte nell' ultimo mese
  • 4 volte nell' arco di un'anno